Page 1

PORTFOLIO

FEDERICA SCIACCA interior e set designer


CV

FEDERICA SCIACCA interior e set designer

ERICE, 26.07.1989 FEDERICASCIACCADESIGNER@GMAIL.COM + 39 345 2565795


EDUCATION Al l ieva de gli A rc h i t e t t i M i c h e l e D e L u c c h i e Pi e r l u i g i N i c ol i n

S ET T EMB R E 2015 - D I CE M B R E 2015 Cor so P o st Laure a d i A l t a F o r m a zi on e i n S c e n og r a fi a A.S. C . As s oci az i o n e I t a l i a n a S c e n o g ra fi , C os t umi s t i e Ar r ed a t o ri , Ci n e c i t t à S t u d i o s

O T T OB R E 2011 - LU G LI O 2014 Laure a M agis t r a l e i n I n t e r i or d e s i g n Te s i :“ V iv e r e ai m ar g i n i . I l r u o l o de l d e sig n ne l l’a l le st i m e n t o di u n cam p o r o m” R el at o re : P ro f . Lu c i a n o Cre s p i Vo t o : 110/ 110 P oli t ecn i co di Mi la n o , S c u o l a d e l D e s i gn

S ET T EM B R E 2 013 - G E N N A I O 2014 C or so di A lt a Fo r m a zi o n e i n W i n e De s i g n Pol i . d e s i g n , Co n s o rz i o d e l Politecnico di Milano

F EB B R AI O 2012 - LU G LI O 2012 ERASM U S - U n i v e r s i d a d e Te c n i c a d e L i s b o a C or s o di L aur ea i n A rc h i t e t t u ra d ’ I n t e r n i F a c o l t à d i A rc h i t e t t u ra

S ET T EMB R E 2008 - LU G LI O 2011 La ure a Tri e n n ale i n D e s i g n d e g l i I n t e r n i Te s i :“Yo u r s e t . S e t yo u r s p ace” R el a t o re : P ro f . D a v i d e F a s s i Vo t o : 99/ 110 P oli t ecn i co di Mi la n o , S c u o l a d e l D e s i gn

S ET T EMB R E 2003 - LU G LI O 2008 D i plom a M a t u r i t à S c i e n t ifi c a Vo t o : 92/ 100 Liceo Sc i en t i fico Pi et r o R u g gi e ri , M a rs a l a ( TP )

WORK EXPERIENCE M ARZO 2 0 1 6 - L UGL I O 2 0 1 6 , Rom a - Trapani aiuto sc en ogr afo - ser ie T V Rai “ M alt e se - I l Rom anz o de l Com m i ssario” Regia Gianluca Tavarelli Sc en ogr afi a Emita Fr igato Ar r edamen to P aol a P er ar o M AGGI O 2 0 1 5 - L UGL I O 2 0 1 5 , M i lano set design er assistan t - Bruno Tarsia Studio se t de sign pe r M ari e Claire M aison e O DDA M agaz ine M ARZO 2 0 1 5 - M AGGI O 2 0 1 5 , M ilano assiten te - Lab. di Teorie e Pratiche del Progetto P olit e cnico di M ilano, Scu ola de l De si gn M ARZO 2 0 1 5 - AP RI L E 2 0 1 5 , M i lano collaboraz i one - in ter ior design er A. Ar ic ò Design er al l estimen to Fuor i Sal on e 2015 SE TTE M B RE 2 0 1 4 - F E B B RAI O 2 0 1 5 , M arsala collaboraz ione - in ter ior e pr oduc t design er AE Ar c h itec tur e&En gin eer in g, Arch. A. M au ro

AWARDS 1° PREMIO - CONCORSO HOSTHINKING 2015 progetto: “Fuori Pasto”

POLI.design, ADI, AIAP, AIMAT, AIPI

CANDIDATURA - PREMIO NEOLAUREATI 2014 Tesi: “Vivere ai margini. Il ruolo del design nell’allestimento di un campo rom” O rdine de gli Archi t e tt i de lla P rov. di M ilano

VINTI - LOGO CONTEST logo: “The Vape Life” logo: “Vir tufi n” pre sso 9 9 de sign.com


EDUCATIONAL EXPERIENCE SE T T EM B R E 2 0 1 4, M a z a ra d e l Va l l o ( TP ) works h o p “Per i f er i c a ” : “ Re b u i l d i n g Id e n t i t y” alle st i m e n t o e m i c r o a r c h i t e t t u r a

D I CE M B R E 2013, M i l a n o w o rk s h o p “ B o r m i o l i Lu i g i ” : “L’e x p e r i e n ce atto r n o al vi n o : s t r at e g i e e str ume nt i p e r co m u n i car e i val o r i de l b r an d ” C or s o di Al t a F o r m a z i o n e i n W i n e D e s i g Poli.design

PUBLICATIONS 2015 DE SI GN E R - proge t to "F u ori P ast o", 1 ° classi fi cat o al concorso HO STHI N K I N G 2 0 1 5 , e d e spost o a HO ST 2 0 1 5 , Rho F i e ra M ilano - “H OST h in kin g 2015: Fuor i P asto” , su adi-design .or g - “ H OST H INK ING 2015”, su pol idesign .n et

O TTO B R E 2013, M i l a n o w o rk s h o p “ Le S i n c e t t e ” : “Nuovi s e r vi zi e n u ovi s ce n ar i co m un i ca t iv i p e r l’a z i e n d a “ L e S i n cette” ” C ors o di Al t a F o r m a z i o n e i n W i n e D e s i gn , Poli.design

LU G LI O 2013, P a ri g i i n t er n at i on al w o rk s h o p m e d i t e rra n e o : “ We ow n t h e n i g h t” i n s t a l l a zi on e r e a l i zza t a N ui t B l a n c h e d i Pa r i g i 2 0 1 3 E SA , É c ole C am o n do , U n i v esidad San Pabl o, Pol it ecnico di Mil ano

N O V E M B R E 2011, M i l a n o w orksh op cur r i cul ar e: “A l t e r a z i o n i a t m o s fe r i c h e/ Tr a s fo r m a z i o n i u r b a n e”, r iq u a l ific az io n e A rea Ga r i b a l d i - Po r t a N u o v a É c ole d es b e au x ar ts Bo rdeau x, É col e Camondo, Pol it ecnico di Mil ano

N O V E M B R E 2009, M i l a n o w o rk s h o p c u rri c u l a re : “E x H i B – Ene r g y fo r H i s to r y i n B as i l i cata" riquali fi c a zi on e V i l l a R o m a n a d i M a r s i c ov e t e r e ( PZ ) Politecnico di Milano

SE T DE SI GN E R ASSI STAN T - shoot i ng con Rosse lla J ardini , di re tt ore cre ativ o di M oschi no

- “A NEW BEG INNING ”, ODDA M agaz in e , issu e 9

2014 P u bblicaz i one fotogra fi a “ Capo Gallo” , da ri ce rca fot ogra fica pe rsonale - “M on day mor n in g spec ial / 61” , su iso400.it

2010 DE SI GN STUDE N T - “ I l cor tile . L’u f fi cio di condom ini o” , L ab. di De sign de gli I nte r ni, P rof. M . De L u cchi - “No-of fi c e”, su l ivin g24.it , di Re nat a Sias


LANGUAGES Italiano

English Por tuguês

SKILLS Research

Concept

Drawing

Styling

Graphic

Layout

Photography

Cooperation Organizing

SOFTWARE Adobe AI

Adobe PS

Adobe ID

Autocad

3DS Max

Sketchup

INTERESTS


set design


SCENOGRAFIA PER IL CINEMA, Roma, 2015 PROF. L. BARALDI, L. BORGOGNONI, C. POSSENTI, M. TASCIOTTI

TRILUSSA. STORIA D’AMORE E DI POESIA scenografia dell’ambiente sartoria

Lavoro di progettazione svolto durante il Master in Scenografia per il cinema. Partendo dallo spoglio della sceneggiatura ambientata nella Roma degli anni '30 del poeta Trilussa, si è scelto uno degli ambienti narrati, la sartoria, per la quale si sono progettati i vicoli e gli esterni e gli interni del negozio, dal disegno tecnico alla scelta degli arredi, alle viste assonometriche e prospettiche.


SARTORIA casa - bottega

ATELIER

MAGAZZINO

planimetria

La configurazione dello spazio si ispira all’idea della “casa-bottega”, con le scale a che portano all’abitazione al piano superiore. Lo spazio del negozio si suddivide in due parti, l’atelier, spazio vendita con vetrina, e magazzino, deposito tessuti e laboratorio.


SARTORIA esterni - i vicoli


SARTORIA prospetti e sezioni


SARTORIA atelier


SARTORIA magazzino


SARTORIA maquette


SCENOGRAFIA PER LA TELEVISIONE, Roma, 2015 PROF.SSA ALIDA CAPPELLINI

CHIAMBRETTI NIGHT scenografia di uno studio televisivo

Progettazione di uno studio televisivo destinato alle riprese del programma Chiambretti Night. Il progetto prende ispirazione dagli scenari notturni della cittĂ di Milano, dove viene registrato il programma, e dove si scorgono stralci di archeologia industriale. Tuttavia nel progetto questi elementi decadenti vengono rielaborati in chiave "magica", ispirata ai dipinti dell'artista contemporaneo Gian Paolo Dulbecco.


CONCEPT paesaggi decadenti e realismo magico

Esempi di archeologia industriale

Opere di Gian Paolo Dulbecco


STUDIO ELEMENTI composing space


PROGETTO primo step

planimetria


PROGETTO FINALE magazzino

planimetria


Studio ciclorama


SCENOGRAFIA PER L’EVENTO, Roma, 2015 PROF. GIOVANNI LICHERI

JACQUEMUS scenografia per l’evento sfilata

Progettazione dell'allestimento per un'ipotetica sfilata del giovane ed irriverente stilista francese Jacquemus.


STUDIO DEL PERSONAGGIO


RICERCA stile e influenze


BRIEF


CONCEPT

RIBELLIONE

NATURALEZZA

DECOMPOSIZIONE DEI VOLUMI E DELLE LINEE

COLORI

PATTERN

MATERICITÁ

ATMOSFERA SURREALE


PROGETTO

teatro di posa

La location dell’allestimento è il teatro di posa a vista.


planimetria


sezione A-A’

sezione B-B’

sezione C-C’


studio grafiaca per l’evento


ODDA MAGAZINE, ISSUE 9: ICONs, Settembre, 2015 Photographer L. GIACANI, Set Designer B. TARSIA, Fashion Editor A. MELENDO

A NEW BEGINNING Special Shooting with Rossella Jardini - Creative Director for MOSCHINO

Lavoro svolto durante la collaborazione con lo Studio Bruno Tarsia, nel ruolo di Set Design Assistant.


interior exhibition installation


TESI DI LAUREA MAGISTRALE, Milano, 2014 REL. PROF. LUCIANO CRESPI

VIVERE AI MARGINI Il ruolo del design nell’allestimento di un villaggio rom

La tesi indaga sul popolo rom che, vivendo in una condizione di forte segregazione sociale, occupa spazi di indeterminazione. Da un’approfondita ricerca su questo popolo, sulle sue origini, sulla sua identità, sulla sua cultura, sulle condizioni abitative in cui vive, l’obiettivo è quello di progettare spazi appropriati che ospitino questo tipo di utenza. Il progetto ha inizio proprio dall’analisi sul nuovo campo di via Martirano 71 ad opera del Comune di Milano, che non rispecchia le esigenze abitative.dei rom.


LA SOCIETÁ DEI MARGINI dal confine geografico a quello umano

dai CAMPI NOMADI

strutture e servizi degradati lontananza dal centro

promiscuità e sovraffollamento

ostilità dei territori limitrofi

segregazione sociale

a SOLUZIONI DIFFERENZIATE

EDILIZIA PUBBLICA

MICROAREE

VILLAGGIO

accesso a case convenzionate

autocostruzione

recupero edifici in disuso

miglioramento campi attuali

sostegno nell’acquisto di soluzioni private

“Estrapolare quei principi che ”fanno una casa”” Tosi A., Favelas in Lombardia, Fondazione ISMU, Milano, 2009


ANALISI DELLO SPAZIO DELL’ABITARE la casa come riflesso culturale

altamente sociopetali DISPOSIZIONE KAMPINE

tendenzialmente sociopetali

altamente sociofugali

LO SPAZIO INTORNO

luoghi d’incontro preparazione pasti

lavanderia

LO SPAZIO INTERNO

contaminazione delle funzioni

uso di tutte le superfici

condivisione

LA NATURA ALL’INTERNO

tappeti

decorazioni

tessuti

L’UTILIZZO DELLE RISORSE

infissi

tessuti

arredi e oggetti

riposo


Abitare non è conoscere, è sentirsi a casa, ospitati da uno spazio che non ci ignora, tra cose che dicono il nostro vissuto (...). Abitare è trasfigurare le cose, è caricarle di sensi che trascendono dalla pure oggettività, è sottrarle all’anonimia che le trattiene nella loro “inseità”, per restituirle ai nostri gesti abituali che consentono al nostro corpo di sentirsi tra le sue cose, presso di sè” Galimberti U., Il gioco delle opinioni, Feltrinelli, Milano, 1983


IL CASO DI MILANO la cittĂ invisibile

1990.1994

2003.2004

PROGETTO ROM, SINTI E CAMINANTI 2012-2015 a cura del Comune di Milano allontanamento dai campi irregolari gestione della prima accoglienza accompagnamento sociale, abitativo e lavorativo gestione dei campi esistenti messa in sicurezza delle aree

DAL CAMPO AL VILLAGGIO via Martirano 71


VIA MARTIRANO 71 progetto comunale e punti di debolezza Quartiere di Muggiano area: 7000 mq

15 km

linea 63

80 abitanti

20 famiglie

DISTRIBUZIONE UNITÁ NELL’AREA

la collocazione delle unità nell’area non rispecchia l’esigenza degli utenti di disporsi secondo criteri di sociopetalità e sociofugalità

20 unità


PROGETTO COMUNALE unità abitativa

prospetto A

prospetto B

prospetto C

prospetto D

planimetria

0

1

2

5

la configurazione degli spazi rispecchia il modo di abitare dei non rom e non tiene conto della specificità dell’utenza


IL PROGETTO la partecipazione e le possibilitĂ abitative

prospetto A

prospetto B

prospetto C

prospetto D

privacy totale

condivisione familiare

condivisione parziale

condivisione totale 0

1

2

5


guardaroba bagno camera

lavanderia

cucina living

studio

divisione spaziale flessibile data dall’utilizzo di tende ricavate dall’assemblaggio di tessuti di recupero

disposizione durante il giorno: le tende chiuse creano un ampio spazio living

disposizione durante la notte: le tende aperte garantiscono la privacy


ABACO ARREDI

living/pranzo

guardaroba

camere

studio

lavanderia

modelli tipo per l’autocostruzione con materiali di scarto: gli arredi sono movibili nello spazio grazie all’ausilio di ruote; i letti sono ribaltabili, cosÏ da essere spostati quando non vengono utilizzati

0

1

2

5


spazio durante il giorno

spazio durante la notte


guardaroba e studio - camera - materiali e oggetti di riuso

spazio all’esterno


LAB. DI SINTESI FINALE, Politecnico di Milano, 2013 PROF. PIERLUIGI NICOLIN

DOMESTIC SCAPES Allestimento al PAC

Durante il laboratorio il tema trattato è quello della decorazione, affrontato con l’ausilio di tre microtemi: arredare, aver cura e dare forma. Il progetto ha previsto la “messa in mostra” al Padiglione d’Arte Contemporanea (PAC) di quattro ambienti - cucina, soggiorno, deposito ed esterno - che evocano la Sicilia. Nella prima fase del progetto si sono disegnati gli elementi decorativi per rivestire le pareti; nella seconda fase, si è curatala scelta degli arredi e dei complementi d’arredo.


PIASTRELLE elementi decorativi


SOGGIORNO concept

Tavolo LIGHTWOOD, Jasper Morrison, 2012

Vasi METAMORPHOSE_Alexa Lixfeld, 2010


CUCINA concept

Tavolo LIGHTWOOD, Jasper Morrison, 2012

Vasi AUTARCHY_Formafantasma, 2010


DEPOSITO concept


ESTERNO concept


CUCINA


DEPOSITO


ESTERNO


WE OWN THE NIGHT, ESA, Parigi, 2013 INTERNATIONAL WORKSHOP MEDITERRANEO

THE FOURTH COLUMN Installazione per la Nuit Blanche 2013

La colonna è un elemento architettonico emblematico: ornamentale e razionale. è il simbolo dell’architettura classica. Le tre colonne di stili differenti, installate nel giardino della Ecole Special d’Architechture, vi sono state portate dal Palais des Tuilieres. In occasione della Nuit Blanche 2013 una quarta colonna luminosa si aggiunge alle esistenti, gioca con la gravità e si oppone alle colonne di pietra. La quarta colonna arriva dalla storia e incarna l’innovazione dell’architettura, una materialità reale e virtuale.


THE FOURTH COLUMN costruzione e montaggio


THE FOURTH COLUMN lo studio della colonna

i molteplici layers rimandano alle scanalature della colonna classica


PROGETTAZIONE SPAZI E ARREDI, Marsala, 2014-15 FEDERICA SCIACCA

CASA ANGILERI interior design

Lavoro svolto durante la collaborazione con AE Architecture&Engineering di Arch. Antonio Mauro.


CASA ANGILERI mobile scultura per esterni in corten

prospetto A

prospetto B

planimetria

L’idea del mobile da esterno nasce dall’esigenza di posizionare due depuratori per l’acqua. Il mobile contenitore è nascosto da una grande scultura in acciaio corten che riprende la silhouette di un albero e sulla quale si possono scorgere le sagome di due sedie e di un tavolo estraibili, e quelle dei riposti, una delle quali diventa taglio di luce.


CASA ANGILERI progettazione bagno

SEZIONE A-A’ SCALA 1:20


SEZIONE B-B’ SCALA 1:20


CASA ANGILERI progettazione studio

La libreria progettata per lo studio garantisce maggiore versatilità e privacy nella gestione degli oggetti riposti. Su ogni ripiano vi sono dei binari dove scorrono dei setti di vetro opaco che possono essere posizionati dove si desidera. In questo modo si può decidere cosa mostrare e cosa nascondere con maggiore flessibilità.


planimetria studio


YOUR-

CONCEPT

UNIT

TESI DI LAUREA TRIENNALE, Milano, MEETING2011INTERIOR LAYOUT ILI

SET YOUR

VARIAB

REL. PROF. DAVIDE FASSI

YOUR SET set your space

La tesi indaga sui nuovi riti del cittadino errante che si muove all’interno della città destrutturata. La progettazione prevede una unit adattabile, modificabile e reversibile, da inserire in punti strategici con l’obiettivo di offrire dei servizi all’individuo, e tiene conto dei tempi d’assemblaggio impiegati. Il progetto di interior design si è focalizzato sui servizi dedicati alla ristorazione veloce.


DAL BRIEF AL CONCEPT

elemento di riconoscimento

interno-esterno

vuoto-pieno

più spazio

unità a doppia altezza

pareti mobili

volumi differenti

composizione/ scomposizione degli spazi

fuoriscala e sproporzioni rispetto all’uomo

dal macrocosmo al microcosmo

rapporti matematici

moduli compositivi

volume a doppia altezza

superfici piane e ortogonali

pareti rotanti a 180°

volume opaco e volume trasparente


IL PROGETTO

prospetto Nord

prospetto Sud

prospetto Ovest

prospetto Est


YOUR-SET

RICERCA

BRIEF

CONCEPT

UNIT

VARIABILI

LAYOUT

MEETING

INTERIOR

SET YOUR SPACE

RENDER SCENARIO LAB. SINTESI FINALE - sez. I5 - A.A. 2010/11 Docenti: Piccinno, Calvi, Fassi, Pogliani, Rossi

YOUR

RICERCA

UNIT ESAME DI LAUREA IN DESIGN DEGLI INTERNI

BRIEF

CONCEPT

VARIABILI

LAYOUT

MEETING

INTERIOR

SET YOUR

Federica Sciacca, Maria Letizia Tedeschi YOUR-SET

ESAME DI LAUREA IN DESIGN DEGLI LAB. SINTESI FINALE - sez. I5 - A.A. 2010/11 Docenti: Piccinno, Calvi, Fassi, Pogliani, Rossi

Federica Sciacca, Maria Letizia Te YOU


VARIABILI AGGREGATIVE E SPAZIALI

CONFIGURAZIONI SCENARIO

RICERCA

YOUR-SET

BRIEF

UNIT

CONCEPT

VARIABILI

LAYOUT

MEETING

INTERIOR

SET YOUR SPACE

LINEA

BLOCCO

ARTICOLATA

CONFIGURAZIONI SCENARIO

RICERCA

YOUR-SET

BRIEF

CONCEPT

UNIT

LINEA

VARIABILI

LAYOUT

MEETING

INTERIOR

SET YOUR SPACE

ESAME DI LAUREA IN DESIGN DEGLI INTERNI LAB. SINTESI FINALE - sez. I5 - A.A. 2010/11 Docenti: Piccinno, Calvi, Fassi, Pogliani, Rossi

Federica Sciacca, Maria Letizia Tedeschi YOUR-SET

BLOCCO

ARTICOLATA

ESAME DI LAUREA IN DESIGN DEGLI INTERNI LAB. SINTESI FINALE - sez. I5 - A.A. 2010/11 Docenti: Piccinno, Calvi, Fassi, Pogliani, Rossi

Federica Sciacca, Maria Letizia Tedeschi YOUR-SET


O

YOUR-SET

BRIEF

CONCEPT

AB. SINTESI FINALE - sez. I5 - A.A. 2010/11 ocenti: Piccinno, Calvi, Fassi, Pogliani, Rossi

UNIT

VARIABILI

LAYOUT

MEETING

INTERIOR

SET YOUR SPACE

ESAME DI LAUREA IN DESIGN DEGLI INTERNI

Federica Sciacca, Maria Letizia Tedeschi YOUR-SET


DO IT YOURSELF focus servizio

DO IT YOURSELF_BRIEF SCENARIO

RICERCA

BRIEF

YOUR-SET

CONCEPT

UNIT

VARIABILI

LAYOUT

MEETING

INTERIOR

SET YOUR SPACE

SPAZIO DA CONDIVIDERE

AMBIENTE FAMILIARE SOCIALIZZAZIONE

LAVORO INDIVIDUALE

DO IT YOURSELF

FREELANCE CIBO DA CASA VELOCE ECONOMICO

CONSUMAZIONE PASTO

GRAB AND GO

CIBO IN LOCO

ESAME DI LAUREA IN DESIGN DEGLI INTERNI LAB. SINTESI FINALE - sez. I5 - A.A. 2010/11 Docenti: Piccinno, Calvi, Fassi, Pogliani, Rossi

Federica Sciacca YOUR-SET


stoviglie e bibite

0 50

150

cibi

300

scaldavivande

consumazione

cafè

600 cm

Coffee

0

50

150

300

600 cm


YOURSELF_VISTE

O

RICERCA

BRIEF

YO

CONCEPT

UNIT

VARIABILI

LAYOUT

MEETING

INTERIOR

SET Y

ESAME DI LAUREA IN DESIGN DE LAB. SINTESI FINALE - sez. I5 - A.A. 2010/11 Docenti: Piccinno, Calvi, Fassi, Pogliani, Rossi

Federic Y


furniture


PERIFERICA, Mazara del Vallo, 2014 WORKSHOP DI RIGENERAZIONE URBANA

REBUILDING IDENTITY allestimento e microarchitettura

Svoltosi all’interno delle cave di calcarinite, tipiche del territorio siciliano, il workshop ha innanzitutto l’obiettivo di generare partecipazione sociale e mira alla riqualificazione urbana delle periferie della città.. Durante le attività di laboratorio si sono progettati e costruiti 25 sgabelli da donare alla scuola materna del quartiere “Macello” di Mazara del Vallo e nuove attrezzature - coperture , tavoli e sgabelli - per la cava, sede del progetto “Periferica”.


WORKSHOP DESIGN team di costruttori


DA DONARE ALLA SCUOLA MATERNA sgabelli


ATTREZZATURE PER LA CAVA coperture


ATTREZZATURE PER LA CAVA tavoli e sgabelli


SISTEMA D’ARREDO, Milano, 2014 F. SCIACCA M. L. TEDESCHI M. TAGLIALAVORO

YELLABLE E YELLAMP gruppo lapalab per stylezato.com

Yellamp e Yellable possono essere utilizzati singolarmente o come sistema. La lampada, che richiama la silhouette di un ombrello, può essere inserita nell’apposita base, diventando la piantana Yellamp, oppure può essere integrata ad uno dei quattro piedi del tavolo, diventando Yellable, tavolo da studio o da pranzo. Realizzati in abete e tondino metallico, Yellamp e Yellable si adattano ad ogni tipo di ambiente con eleganza e originalità.


YELLABLE E YELLAMP sistema d’arredo

Wallpaper SCRAPWOODS, P. Van Eek


Poltrona PAPER PLANES, Doshi, Levien, Moroso, 2010

Tappeto GOLRAN


COMPLEMENTO D’ARREDO, Milano, 2013 FEDERICA SCIACCA

SILUETTA l’archetipo del vaso

Il progetto "Siluetta" nasce dall'indagine sul vaso tipico e arriva alla definizione della sua sagoma. La struttura in legno e il contenitore in vetro conferiscono al vaso un'immagine elegante e versatile. Concorso du formabilio.com.


product service system


1° PREMIO CONCORSO HOSTHINKING, Milano, 2015 FEDERICA SCIACCA, MARIA LETIZIA TEDESCHI

FUORI PASTO la buona cucina sul marciapiede

“Fuori Pasto” è un prodotto-servizio ideato per necessità di una risposta ristorativa in occasione di grandi eventi come EXPO 2015, in modo da offrire maggiori opportunità di “contaminazione culturale”. Lo scambio avviene invitando metaforicamente l’utente all’interno del ristorante che aderisce all’iniziativa. Aprendo la finestra del proprio locale, infatti, si apre un secondo canale di distribuzione, più veloce ed economico, che partendo dalla cucina arriva in modo diretto al consumatore sulla strada.


La riconoscibilità del servizio è affidata all’utilizzo di un elemento mensola che viene installata all’esterno della finestra.


All’iniziativa verrà affiancata un’App così da localizzare i ristoranti sulla mappa della città, verificandone i piatti, il loro costo, la valutazione degli utenti.


event & communication


DESIGN DEGLI EVENTI, Politecnico di Milano, 2013 PROF. LUCA FOIS

TUTOY

Design degli eventi Federica Sciacca 783133; Maria Letizia Tedeschi 783320; Hamit Cockaim Prof. Luca Fois; Cultore della materia Federico Cauro Politecnico di Milano

studiootreotto e

laboratorio del giocottolo per bambini

La formula dell’evento propone l’unione di un campus estivo per bambini con un workshop per studenti di design, al fine di realizzare una mostra diffusa in vari punti strategici della città. I lavori esposti saranno valutati da una giuria di esperti. Si mettono così a confronto varie tipologie di utenti, ognuno con una propria peculiarità.


co

partecip

azione

diff usi one

collaborazi one

ro nt o nf co

+

campus estivo

bambini

20 fantasia

t

es nt

design

azione g iocatto

divulg

workshop

lo idea le

+

studenti

+

20 innovazione

mostra diffusa

professonisti

+

5 esperienza


banner dal 12 maggio al 13 luglio 2014

may 2014

june 2014

comunicazione

flyer

evento

votazione

banner

locandine social network

july 2014

premiazione

mostra

app


weekly 5 giorni 5 temi

dayly a.m.

guest

p.m.

2 settimane

5 temi

1 vincitore

5 punti strategici

5 padiglioni

1 padiglione


parco sempione accademia di brera giardini pubblici universitĂ statale colonne s.lorenzo

TO

NA

Roma

PA

MI Londra Parigi

Tokyo New York


TUTOY documentazione per promozione evento e ufficio stampa

book

flayer

locandina


WINE DESIGN, Poli.design, 2013 WORKSHOP BORMIOLI LUIGI

DEGUSTARE NATURALE ciclo di degustazioni stagionale

Il workshop è finalizzato all’ideazione di nuove strategie comunicative e di marketing per l’’azienda “Bormioli Luigi”, tra i leader italiani per la produzione di calici da vino, e mira anche all’intensificazione delle vendite. Il progetto prevede un ciclo di eventi staglionali in cui il bicchere è usato come contenitore non di un vino specifico ma di quelle essenze che lo compongono, allo scopo di esaltare la qualità dei calici nella trasmissione dei profumi.


COMUNICARE L’EVENTO ruota del ciclo di degustazioni


DEGUSTARE LE ESSENZE percepire il vino attraverso la natura

PROFUMO DI

MORA

PROFUMO DI

PROFUMO DI

PROFUMO DI

MANDORLA

ROSA

VANIGLIA


PROGETTO GRAFICO PER L’EVENTO, Marsala, 2016 FEDERICA SCIACCA

TUTTO IN UN PUNTO la notte delle stelle

Locandina per l'evento "TUTTO IN UN PUNTO", osservazioni live al telescopio e letture delle Cosmicomiche di Italo Calvino, durante la notte delle stelle cadenti di San Lorenzo. Organizzato dall'Associazione Vivere Marsala.


LOGHI FEDERICA SCIACCA

CONTEST 99designs.it


NOTE


NOTE


Interior e set design portfolio  

Interior e set design portfolio

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you