Page 1

PERCORSI LIBRARI INTEGRATI Tra persone, Biblioteche e progetti - Gruppo 7 e DICAAR di Cagliari Ideazione, progettazione e realizzazione Guida di Rossana Corti


Percorsi Librari Integrati I “Percorsi Librari Integrati” sono un esempio di legami tra gli specifici interessi degli operatori culturali che si stanno proponendo ai residenti dei quartieri di Santa Teresa, San Giuseppe e Barracca Manna e il patrimonio di materiali conservato, non solo dalla Biblioteca Comunale di Pirri ( in via Santa Maria Goretti 63 ), naturale punto di riferimento culturale di questo vasto territorio della Municipalità, ma anche da altre Biblioteche dell’area urbana di Cagliari. L’idea alla base della Guida è quella di mostrare le connessioni tra i saperi e di invogliare a scoprire i “mondi” che le Biblioteche offrono, nella certezza che non si tratta di luoghi riservati solo alle persone colte e dove non si possono trovare soluzioni ai problemi concreti, ma autentici presidi di conoscenze in cui tante idee e progetti possono essere stimolati e supportati, dai bibliotecari per primi. Questa Guida vuole presentare gli operatori del progetto “Linea di Faglia” ( Gruppo 7 di Cagliari 2019 ) e del progetto laboratoriale “cantiere aperto al pubblico # 01 santa teresa” ( a cura degli Architetti Cesarina Siddi e Fiammetta Sau del DICAAR di Cagliari ) attraverso i loro interessi specifici, descrivendoli con i libri, gli articoli dei periodici, i film, le opere d’arte contemporanea e le musiche che rimandano ai temi a loro cari. Il progetto del “Team Mano” si sviluppa totalmente dal colloquio con i residenti, non da una base documentaria e per questo, su richiesta dei suoi membri, è assente dalla presente Guida. Ogni operatore che si sta proponendo, da estraneo, ai residenti dei quartieri “nuovi” e “antichi” di Pirri, può solo presentarsi attraverso la verità del suo lavoro, della sua formazione culturale e delle sue motivazioni. Perché a testimoniare per “lui”, nel corso del tempo che condividerà con i residenti, saranno i fatti concreti, ciò che saprà dare e in che modo lo metterà a disposizione degli abitanti. Il Gruppo 7 ( formato, in questa prima fase, da: Urban Center Cagliari, Agriculture, Theandric TeatroNonviolento e Rossana Corti ) è nato all’interno dei Forum per gli operatori culturali del Comune di Cagliari, in occasione di “Cagliari Capitale Europea della Cultura 2019”, una serie di incontri che si sono rivelati un crogiuolo di idee e di tessiture di relazioni professionali. Il Gruppo 7 ha incrociato sia il Team Mano ( costituito dal collettivo Sardarch e dai vincitori di Startup Tiscali ) sia gli architetti Cesarina Siddi e Fiammetta Sau del DICAAR di Cagliari, nel momento in cui ha scelto, come luogo di una sua residenza operativa, il territorio di Pirri intersecato dalla via Santa Maria Goretti. Tutte queste forze sono poi confluite all’interno del macro-gruppo “ Santa Teresa Laboratorio Aperto” che si presenta attraverso l’evento festoso di sabato 13 dicembre 2014, tra la Biblioteca Comunale di Pirri e l’ex scuola di via Santa Maria Goretti 2.


Sopra: locandina dell’evento realizzata da Riccardo Atzeni del “Team Mano”.

PROGRAMMA DEL 13 DICEMBRE 2014

Ore 8.30 Allestimento delle foto dei residenti e degli scorci di Santa Teresa realizzate dal “Gruppo Mano” sulle pareti del muro di cinta dell’ex scuola di via Goretti 2, anche sul prospetto di via Toti

Ore 16.00 “Percorsi Librari Integrati” di Rossana Corti, la Guida Ore 16.10 “Memorie storiche dell’evoluzione urbana di Pirri” di Federico Matta - Urban Center Cagliari Ore 16.20 “Progetto per gli orti urbani di tipo sinergico” di Tore Porta – Agriculture Ore 16.30 “cantiere aperto al pubblico # 01 santa teresa” di Cesarina Siddi e Fiammetta Sau - DICAAR Ore 18.00

Presentazione della app Mano e dell’esposizione fotografica, proiezione del documentario “Santa Teresa – una mano tira l’altra” a cura del Collettivo Sardarch e del team Mano

Ore 19.00 “Addìa” lettura in lingua sarda di Maria Virginia Siriu – Theandric TeatroNonviolento Ore 20.30

Cena offerta dalle donne di Santa Teresa dentro l’ex scuola di via Goretti 2 a cura del Team Mano e dei Volontari di Cagliari 2019, con lo sponsor del pastificio “Pasta di Sardegna” di proprietà di Massimo Cellino e Fratelli e dei piccoli commercianti di Quartiere.


Qui sopra: la Biblioteca Comunale di Pirri, ancora senza un “nome proprio” e, a lato, la MEM – Mediateca del Mediterraneo e il Bibliobus.

Le Biblioteche menzionate nella bibliografia La presente Guida Bibliografica nasce anche con lo scopo di incuriosire i residenti di Santa Teresa, San Giuseppe e Barracca Manna,ma non soltanto loro, affinché scoprano le “possibilità” delle varie Biblioteche presenti a Cagliari, a partire dai testi, dai film, dalle opere d’arte e musicali consigliati dai vari Gruppi, in quanto descrittivi delle loro professionalità e interessi. La Guida riporta i dati, con l’esatta collocazione spaziale dei materiali all’interno delle Biblioteche, dei documenti letterari, filmici e musicali e dei link web – se presenti - da cui poterli leggere e scaricare da casa propria. Il sistema di ricerca inter-bibliotecario online è l’Opac Sebina Sardegna: http://opac.regione.sardegna.it/SebinaOpac/Opac Purtroppo nessuna Biblioteca racchiude in sé tutti i tipi di materiali esistenti… E molte opere non sono presenti nel territorio della Municipalità, ma in un’area urbana piuttosto vasta di Cagliari, in quartieri diversi. Per questo motivo, oltre alle Biblioteche Comunali, vengono citate anche la Provinciale e la Provinciale Ragazzi ( entrambe situate dentro il parco di Monte Claro, via Cadello 9, https://bibliotecaprovincialecagliari.wordpress.com/ ), quella del Dipartimento di Architettura ( in via Corte d’Appello 87, http://sba.unica.it/biblioteche/distretto-tecnologico/sezioni/architettura ), quella della Facoltà di Ingegneria ( in via Marengo 2, http://sba.unica.it/biblioteche/distretto-tecnologico ), quella del Centro di Documentazione Passaparola – Cedidoc Educazione ai Rapporti, all’Ecologia e alla Nonviolenza ( in via Doberdò 31, http://www.cooperativapassaparola.it/it/330/Cedidoc.html ), quella del Centro Documentazione delle Donne ( in trasferimento dalla storica sede di via Lanusei 15/ 19 a, http://www.cdsdonnecagliari.it/ ), quella dell’ Universitaria ( in via Università 32, http://www.comune.cagliari.it/portale/it/scheda_sito.wp?contentId=SIT866 ), la Giordano Bruno e la Dante Alighieri ( entrambe situate dentro il Polo Umanistico a “Sa Duchessa”, tra via Trentino e piazza d’Armi , http://www.biblioteca-distretto-umanistico.it/ ) e Scienze Politiche ( viale Sant’Ignazio 80 http://sba.unica.it/biblioteche/Distretto-SSEG/sezioni/scienze-politiche ). Tuttavia molti documenti sono reperibili e scaricabili dalla rete, senza difficoltà, anche all’interno dell’archivio multimediale della Regione: “Sardegna Digital Library” http://www.sardegnadigitallibrary.it/ . Tutte le Biblioteche citate sono ad accesso gratuito e con una specifica vocazione culturale. In questa sede vengono evidenziate la Biblioteca Comunale di Pirri e la MEM- Mediateca del Mediterraneo di Cagliari con un accenno all’iniziativa del Bibliobus.


Qui sopra, da sinistra: la Biblioteca Comunale di Pirri nella sede originaria di Is Bingias e nella nuova di Santa Teresa.

La Biblioteca Comunale di Pirri nacque nel 1973 nel quartiere di Is Bingias, in via dei Partigiani 6 e divenne operativa nel 1983, rimanendo in quella sede fino al 2011, quando venne trasferita nei nuovi spazi di via Santa Maria Goretti 63, all’interno dell’ex scuola elementare del quartiere popolare di Santa Teresa. Lo spazio a disposizione degli utenti è raddoppiato, sia per l’esposizione dei beni documentari ( libri, periodici, film, cd musicali…) sia per quanto riguarda la zona studio e le postazioni per la navigazione internet gratuita. E l’area è soggetta a copertura di rete wi-fi gratuita (“Cagliari free wi-fi”). La Biblioteca di Pirri fa capo alla direzione della MEM - Mediateca del Mediterraneo di Cagliari, un centro polivalente ( dotato di Centro Orientamento Lavorativo, Archivi Storici, Biblioteca, emeroteca, postazioni di navigazione gratuita e di studio, offerta di corsi individuali per imparare a usare il computer, Cineteca, barristorante e auditorium in costruzione ), ricavato nell’ex mercato civico sito in via Mameli 164, su un terreno che ospitò anche uno dei primi campi di gioco della squadra del Cagliari Calcio. La MEM dirige l’intera rete delle Biblioteche Comunali di Cagliari, di cui fanno parte quelle di Quartiere, inserite all’interno di strutture scolastiche ( la “Don Milani”, la “Vittorino da Feltre”, la “GianBattista Tuveri”, “la “Regina Elena” ), la Biblioteca della Galleria Comunale ( votata alla Storia dell’Arte, con saggi, monografie e enciclopedie ) e, dal 7 agosto 2014, la realtà itinerante del Bibliobus ( dotato di libri, quotidiani. riviste, film, cd musicali e possibilità di navigazione internet gratuita ). La Biblioteca Comunale di Pirri è nata con lo scopo di fornire un presidio culturale aperto a tutte le fasce di età dei residenti e per connettere la realtà periferica con il resto della popolazione di Cagliari, attiratavi dalla ricchezza del patrimonio dei materiali librari - e non solo - conservati nella sede. Qui sotto i link Istituzionali che ne descrivono il patrimonio e forniscono orari e giorni di apertura. http://www.comune.cagliari.it/portale/it/scheda_sito.wp?contentId=SIT681 http://www.comune.cagliari.it/portale/it/is_bingias.wp;jsessionid?l=it http://www.sardegnabiblioteche.it/index.php?xsl=839&s=2&v=9&c=5670&codice=IT-CA0240 La Guida dei Percorsi Librari Integrati è, di fatto, una piccola mappa di percorsi intrecciati tra loro. Perché come diceva già Plutarco nel II secolo d.C. : “il destino è nient’altro che connessione” e tutte le cose e le persone – anche se non se ne rendono conto – sono interdipendenti le une con le altre.


Le immagini delle Biblioteche Urbane citate nella Guida

A sinistra l’ingresso della Dante Alighieri e a destra il corpo centrale del Polo Umanistico, dove al 2° piano si trova la Giordano Bruno.

A sinistra il chiostro centrale del Dipartimento di Architettura su cui si affaccia la Biblioteca. A destra: la struttura di Ingegneria.

A sinistra: veduta dall’alto del luogo dove si trova la Provinciale Ragazzi ai piedi del colle di monte Claro, mentre la Provinciale sta proprio in cima, nell’ex villa Clara. Immerse entrambe nel verde con un panorama splendido.

A sinistra l’interno del Centro di Documentazione Passaparola e a destra l’interno del Centro di Documentazione delle Donne con la luce proveniente dall’ingresso.

L’ingresso della Biblioteca Universitaria di Cagliari, la più antica

Qui sopra la struttura che

Biblioteca di Cagliari, istituita nel 1764 e aperta al pubblico nel

ospita sia la Biblioteca che la

1792. Dipende direttamente dai Beni Culturali e ha in deposito

Facoltà di Scienze Politiche.

beni di grande valore documentario a livello internazionale . Ma ha anche un vasto patrimonio di libri, documenti e enciclopedie a disposizione di chiunque e la Sala Sarda offre un alto numero di testi anche di storia dell’arte della Sardegna, mappandone praticamente tutte le realtà.


Urban Center Cagliari http://www.urbancenter.eu/ https://www.facebook.com/urbancentercagliari?fref=ts

L’associazione Urban Center Cagliari nasce nel luglio del 2012 dall’esperienza del Comitato pro Urban Center, nato nel 2009, il cui fine era la realizzazione anche nella nostra città di una struttura di supporto al governo dell’area metropolitana di Cagliari, creando uno spazio fisico e virtuale dove promuovere la partecipazione civica ed incentivare il dialogo tra pubblico e privato sulle principali tematiche e problematiche emerse. Fra le attività realizzate dal 2009 al 2012, per esigenza di sintesi, riportiamo la rubrica settimanale “Idee per la città” su L’Unione Sarda primo evento organizzato è stato Studi Aperti Cagliari, nel settembre 2012 Nel febbraio 2013, in occasione del settantesimo anniversario dei bombardamenti sulla città di Cagliari, l’associazione ha organizzato una giornata commemorativa nel quartiere di Castello ”Castello Ricorda”, il 17 febbraio, giorno dell’anniversario del primo bombardamento anglo-americano sulla città Nel maggio 2013 abbiamo realizzato, struttura compresa, la prima stazione fissa di bookcrossing della città di Cagliari, sita in via Stretta, nel quartiere Castello. In occasione della campagna nazionale “Il maggio del libro”, dopo aver realizzato la struttura, si è fatto un evento pubblico nel quale si invitavano i cittadini a portare libri da condividere. Nella sola serata inaugurale sono stati raccolti più di settanta libri che sono stati etichettati con il BCID, il codice che permette di seguire nello specifico il libro a cui è legato attraverso il sito internazionale Bookcrossing.com. Al fine di promuovere la mobilità non motorizzata in città, Urban Center Cagliari ha ideato e realizzato Metrominuto Cagliari. In occasione della stagione estiva 2013, con patrocini e collaborazioni di peso, ha organizzato un ciclo di sei appuntamenti artistico-musicali dal nome Stearika nel contesto del Giardino Siotto, in via dei Genovesi 118 in Castello, con cadenza settimanale, e vi si sono alternati musicisti e artisti del panorama cagliaritano e sardo. Poi nell’estate 2014 ha curato il progetto di arte contemporanea a cielo aperto “Galleria del Sale”, che ha visto coinvolti street-artists sardi, italiani e stranieri ( Federico Carta- Crisa, Tellas, ManInvisible, La Fille Berta, Daniele Gregorini, Conan, Neeva, Enea, Ufoe, Marcello Marinelli, Bof, Skan, Zed1, Eisenauer e Billyandalex ) che hanno prodotto opere del tipo murales-graffiti ispirati alla natura e al suo rapporto con l’uomo, tra i sette portanti sotto i due cavalcavia pedonali, che collegano l’area sportiva sulle vie Pessagno, Rockfeller, via Vespucci e del Ponte Vittorio in rapporto con la pista ciclabile tra lo stadio Sant’Elia e l’ingresso del Parco di Molentargius. E ha realizzato anche l’evento “Smart Cities” sulle città sostenibili del futuro, in cui sono state presentate soluzioni per il risparmio delle risorse, all’urbanistica e alla mobilità sostenibile e per il miglioramento della qualità di vita urbana con relatori qualificati di eccezione. Gli interessi del collettivo di Urban Center Cagliari ruotano intorno alla sharing economy (economia dello scambio ), all’arte contemporanea e post-moderna, alla sostenibilità e rigenerazione urbana per tramite di azioni partecipate con i residenti e con le Istituzioni e con le attività commerciali di quartiere.

A lato: l’opera di Zed1 nella Galleria del Sale e un momento dagli incontri della “Smart Cities” a Cagliari.

Bibliografia consigliata:


Riviste consigliate:

Sulla rivista sarda bimestrale “éco – Ambiente onlus”: n. 02, Sett/ Ott 2012, p. 12 “Riprendiamoci la città” di Benedetta Baracchi Disponibile in MEM in emeroteca n. 03,Marzo/ aprile 2013, pp. 6-7, “Scart: l’arte del riciclo” di Maria Letizia Mereu Disponibile in MEM in emeroteca La rivista è sfogliabile online a questo indirizzo :

http://www.fondazionesesco.org/editoria/eco/

Sulla rivista mensile “Wired- Make in Italy ”: n. 59 , Febbraio 2014, pp.50-63, “Fab-Lab . Sfida finale all’industria italiana” Autori Vari, introduzione di Stefano Micelli Solo MEM, Riv.Wir. 59/ 2014 n. 67, Novembre 2014, pp.70-75 “Vivere 15 giorni senza niente. La sharing economy vissuta sulla mia pelle” di Gianni Miraglia Solo MEM, Riv.Wir. 67/2014, Ge 56478/ 67 La rivista ha un sito con continui aggiornamenti : http://www.wired.it/

Sulla rivista mendile BBC Science World: n. 23, dicembre 2014, pp.. 21-29 “Ecco come vivremo nel 2053” di Paul Graham Roven, Justin Pickard e Frank Swain Solo MEM, Riviste BBC 2014, Ge 56554

Sulla rivista mensile “Natural Geographic Italia” : n.6 del Dicembre 2014, pp. 74 -89, “ Premi solo Print” fonte Michael McAlpine, sui molteplici usi delle stampanti 3D: dalla creazioni di orecchi “bionici”, alla replicazione di mummie egizie, alla realizzazione di vestiti, creazioni di parti sostitutive di motori, di computer, di macchine intere, ecc. ecc. PIRRI, senza classificazione, nella zona emeroteca

A lato: foto di stampante 3D per la realizzazione di piccoli oggetti di design.


Monografie e Saggi

Maria Rosaria Lai, Pirri. Paese Antico, Zonza Editore, Cagliari, 2006 MEM, 945 LAI S.H.444, Ge

Sull’annuario “Almanacco di Cagliari” : 1986, senza numerazione di pagine : “L’area urbana di Cagliari: un obiettivo cui sono legate le possibilità di crescita della città e del suo hinterland” di Giulio Angioni MEM, Periodici B.319.S, Z01.6384 UNIVERSITARIA, 8.F.0682/0021.1986, 266346 Dante Alighieri, Per.Sard.045 – 4-5, Z01.14940

Film :

I film si riferiscono sia alla città del futuro ( nella configurazione più pessimistica, con robot usati per dominare gli umani ) sia alla creatività umana applicata alla scienza e alla produzione artigianale per portare il “sogno” nella realtà. Hugo Cabret Regia di Martin Scorsese (USA, 2011, Colore, 122’ e 127’ )

Metropolis Regia di Fritz Lang ( Germania,, B/N, muto, 1927, 117 minuti )

PIRRI, DVD Fantastico HUG, 99010

Solo MEM, DVD Cinema Fantascienza

MEM,DVD cinema fantastico HUG, Ge 53559

MET, Ge 35935

Dante Alighieri, Multimedia DVD.SCO HUG, DSU.8454 Provinciale Ragazzi: MED.BAM.HUGO CABRET SCO, 19463

< Arte Contemporanea Casa Saldarini detta anche la Balena o il Dinosauro, progettata da Vittorio Giorgini nel 1962: esempio di

Musica ˇ

>

architettura radicale che coniuga innovazione tecnologica, arte e integrazione con la natura. A Baratti frazione di Piombino ( Livorno ).

e “Homogenic” “The House of The Blaue Light” dei Deep Purple

di Björk


Agriculture COLTIVIAMO RELAZIONI https://www.facebook.com/pages/Agriculture/472834879434451?fref=ts

L’Organizzazione “Agriculture – Coltiviamo relazioni” nasce con il fine di recuperare la terra incolta alla vita, sottraendola all’incuria umana e alla realtà disumanizzante del cemento urbano. La sua base culturale è la pratica degli orti sinergici e della permacultura, sistemi di coltivazione etici e sostenibili che prevedono pochissime manodopera e acqua, sistemi che rigenerano qualsiasi terreno anche in condizioni di aridità desertica. È la produzione alimentare biologica per la popolazione di quartiere a interessarli: il loro primo orto urbano fruttuoso è nato su terreno privato, nell’ex cava di monte Urpinu, usando anche le radici del vetiver ( fino a oltre 5 metri infitte ) per ancorare le zolle di terreno lungo i crinali.

Libri

Bill Mollison - Relly Mia Slay ,

di

Introduzione alla permacultura,

riferimento

AAM Terra Nuova, Firenze, 2007 Solo PIRRI, Gen. 631.584 MOL, 91686

David Holmgren, Permacultura. Dallo sfruttamento all’integrazione. Progettare modelli di vita etici, stabili e sostenibili, Arianna, Bologna, 2010 MEM, 631.584 HOL, Ge 45123 PROVINCIALE, Gen. 631.5 HOLMD, 86513

Michele Trasi – Andrea Zabiello, Guerrilla Gardening . Manuale di giardinaggio e resistenza contro il degrado urbano, Kowalski, Milano, 2009

Jean Giono, L’uomo che piantava gli alberi, Salani, Milano, dal 1996 in poi

Solo PIRRI, Gen. 635.962, 93032

È presente in un gran numero di Biblioteche dell’area urbana, ne cito solo alcune: PIRRI, Deposito R.GV. 808.899 GIO, 43790 MEM, Bambini RAC1.NFB.GIO, Ge 56756 PROVINCIALE RAGAZZI, MED.RAG.UOMO.CHE.PIA.BAC, 20642 con il film di animazione ( Francia, 2008, col., 42’ ) di Frederic Back.


Vandana Shiva, Fare pace con la terra,

Sergio Campus- Emanuela Campus,

Feltrinelli, Milano, 2011

Arbures Matas Erbas. Piante tra natura e

PIRRI, Gen. 333.72 SHI, 98389

tradizione nella civiltà agropastorale

MEM, 333.72 SHI, Ge 54260

della Sardegna, Editrice Archivio Fotografico, Nuoro, 2008 MEM, Sardegna 581.9459 CAM, Ge 40390 UNIVERSITARIA, 8.6.0203/0018, 352883 Scaricabile in pdf da Sardegna Digital Library :

Gilles Clement, Il giardino in

http://www.sardegnadigitallibrary.it/inde

movimento, Quodlibet, 2011

x.php?xsl=602&s=17&v=9&c=4459&n=24&

Solo PROVINCIALE, Gen. 712.6

c1=Arbures+Matas+Erbas&ric=1

CLEMG, 97355

Ignazio Camarda – Franca Valsecchi, Piccoli arbusti, liane e suffrutici, Carlo Delfino, Sassari, 1990 È presente in molte Biblioteche, ne cito solo alcune: MEM, SARDEGNA 582.1709459 CAM, 25914

Ninni Marras, Flora Sarda. Piante Endemiche, Zonza,

UNIVERSITARIA, 1.H.0168, 275576

Sestu- Monastir (CA), 2000

Scaricabile in pdf da Sardegna Digital Library:

È presente in un gran numero di Biblioteche dell’area urbana, ne cito alcune::

http://www.sardegnadigitallibrary.it/index.php?xsl=602&s=17&v=9 &c=4459&n=24&c1=Piccoli+arbusti%2C+liane+e+suffrutici&ric=1

MEM, SARDEGNA 581.9459 MAR, Ge 5580 UNIVERSITARIA, 8.I.0367, 317512

Cortometraggio di animazione “Le silence sous l’écorce” di

< Film

Joanna Lurie visibile su Youtube https://www.youtube.com/watc h?v=YXWc3aFrxCo

Gli Orti Sinergici creati da Agriculture nell’ex cava di Monte

Arte collegabile NON

Urpinu dal 2013 a

Contemporanea ˇ

Cagliari > < A lato: graffiti rupestri in una grotta sacra, esempio di arte aborigena australiana nel Parco Nazionale del Kakadu nel Territorio del Nord. Sono le creature, uomini e animali insieme, viste come a raggi X, dalla Madreterra che, nel Tempo del Sogno, immagina e dà vita a ogni cosa e all’armonia del topocosmo. > Carl Orff, Carmina Burana, cantata scenica basata su 25 poemi medievali considerati quasi stregoneschi e certamente peccaminosi per la Chiesa: sono inni alla vita e alla natura.

Musica


Theandric TeatroNonviolento https://www.facebook.com/teatrononviolento.theandric?fref=ts

THEANDRIC Teatro Nonviolento nasce nel 2001 dall'incontro dell'attore e regista Gary Brackett e dell'attrice, regista e studiosa di filosofia Maria Virginia Siriu. L'esperienza intorno alla quale si concretizza il progetto teatrale di THEANDRIC è la ricerca condotta dai fondatori sul rinnovamento del linguaggio teatrale in relazione al ruolo sociale del teatro come veicolo capace di canalizzare e divulgare una riflessione critica sull'essere dell'uomo contemporaneo. L’Associazione Culturale Theandric svolge fin dalla sua fondazione un attività di ricerca nell’ambito del teatro “politico”, inteso come teatro totale, un teatro che non ammette frattura tra spazio scenico e spazio sociale e intende riflettere insieme allo spettatore sui temi più urgenti del vivere contemporaneo e cercare insieme a “lui” di generare un’azione nella vita quotidiana. Questa ricerca si è focalizzata ben presto sulla Nonviolenza come pratica per la soluzione dei conflitti a livello personale, sociale e politico, ponendola al centro del lavoro del Theandric che persegue la sua diffusione attraverso due momenti: gli spettacoli e le manifestazioni culturali e i laboratori di teatro, nei quali si lavora allo sviluppo della personalità nonviolenta attraverso le tecniche teatrali. Il percorso artistico e sociale del Theandric per anni si è svolto nel teatro della scuola “Dante Alighieri” in via Cantore, nel quartiere San Giuseppe di Pirri, interagendo con psichiatri, insegnanti, educatori, genitori. Alcuni titoli di corsi realizzati, indicativi delle modalità di attuazione del progetto Nonviolento sono: “Percorso di autoeducazione alla nonviolenza”, “Frattali, costruire la pace con azioni pacifiche”, “L’arte del teatro nonviolento”, “Progettiamo insieme i Corpi Civili di Pace”. Gli spettacoli sono stati rappresentati nelle scuole medie inferiori e superiori, accompagnati da iniziative di sostegno come dibattiti e incontri di approfondimento, la proiezione del video “Una forza più potente” ( prodotto dalla York Zimmerman ), con la presentazione dei principali casi storici di lotta nonviolenta nel mondo, attraverso filmati originali e interviste ai protagonisti. Tra le ultime produzioni si annoverano “Antigone on Antigone” rielaborazione in inglese della tragedia di Sofocle e la lettura di alcuni passi di “Addìa” di Paola Alcioni.

Foto di scena dalle azionidel Theandric, protagonista Maria Virginia Siriu.


Riviste:

Rivista Bimestrale “Azione nonviolenta”: n. 604, Luglio/ Agosto 2014, in totale: “Storie di ordinaria violenza”

LA rivista di riferimento del

Sulla violenza di genere sulle Donne

movimento Nonviolento in

PIRRI, Riviste Azi.

Italia, fondata da Aldo Capitani nel 1964:

Libri:

Pat Patfoort. Difendersi senza aggredire: la potenza della nonviolenza, EGA, Torino, 2006

Giovanna Providenti, La nonviolenza delle donne, Libreria Editrice Fiorentina, Firenze, 2006

Giuliano Pontara, Antigone o Creonte:

Solo Centro di Documentazione

Etica e Politica,violenza e

Passaparola:

nonviolenza, Editori dell’Asino,

Generale 303.61 PATFP, 373

Roma,2011 Solo Dante Alighieri, DIDATTICA FILOS.MOD PONTARA, DSU 7889

Arte Contemporanea

Solo Centro di Documentazione delle Donne, PERIODICI QUADERNI SAT QUAS 10, 5185

Musica Film

Lorena McKennitt, Kirikù e la strega Karabà ( Francia- BelgioLussemburgo, 1998, Col.,74’) di Michel Ocelot con le musiche di Youssou N’Dur. Solo PROVINCIALE RAGAZZI. MED RAG KIRIKU E LA OCE, 9433

The mask and the

Nato dalle storie narrate da Beatrice Calamari, ecco

mirror

la Foresta dei Draghi di Latemar in Val di Fiemme, a quota 1600 m, ci si arriva con le telecabine PredazzoGardoné, trovando nidi di drago con uova sospesi in una radura tra gli abeti secolari ( un’opera di land art di Marco Nones ), tane di drago e molti altri incanti. Per bambini e adulti un percorso tra i sogni ad occhi aperti e le meraviglie della natura. https://www.pinterest.com/calamaridibosco/laforesta-dei-draghi-land-art-made-in-trentino/


Rossana Corti https://www.facebook.com/rossanac 1

Iscrittasi ai Forum di “Cagliari 2019” come rappresentante del gruppo “Halfway Project”, ha poi deciso, in accordo con i propri soci che, in questa prima fase, avrebbe continuato ad operare come singola all’interno del progetto “Linea di Faglia” del Gruppo 7. È pittrice ( tra le numerose mostre collettive e personali si citano: “In nome della Privacy”, “Paesaggi di guerra”, “Contemporary Self Portrait”, “Nymniel”, “40x40= 75”, “Topocosmo”, “Niente mi pettina meglio del vento” e l’attuale partecipazione al progetto “Inadeguato” e la selezione nel 2009 per il Premio Dependtendency collaterale alla 53 ᵃ Biennale d’Arte di Venezia ) e organizzatrice di eventi culturali : “Le realtà artistiche in Sardegna” nel 2005 ( da studentessa all’interno del Liceo Artistico Statale di Cagliari nella sede di Pirri in via Melis ), “MonsterTrain - Percorsi nel Fantastico” nel 2013 ( un mese di eventi nel quartiere Marina a Cagliari ) e i “Percorsi Librari Integrati” tra il Festival “Marina Café Noir” 2014 e la Mediateca MEM ( Guida e Allestimenti ). Il suo interesse principale, che tutti gli altri comprende, è la ricerca di forme espressive e di mezzi attuativi per offrire una possibile via di salvezza e di opposizione alle dinamiche disumanizzanti della società contemporanea. E crede che l’arte e i libri siano strumenti imprescindibili per creare varchi e mutamenti nella quotidianità di chiunque, perché sono contenitori di sentimenti, speranze, paure, dubbi e strategie di azione concretizzabili.

Libri consigliati

Giardini da coltivare per rinascere, mondi propri in cui rifugiarsi per non perdere di vista la “propria via”, giusta anche se diversa da quella della maggioranza umana.

Frances Hodgson Burnett, Il giardino segreto, Einaudi, Torino, 2010, con la prefazione di Alice “Amabili resti”

David Almond, La storia di Mina,

Sebold. Questa edizione mi è particolarmente cara.

Salani, Milano, 2011

Solo PIRRI, Gen. 813.5 BUR, 95968

PROVINCIALE, GEN. 823.914 ALMOD,

Il romanzo è presente in altre edizioni diverse, in più

90201

copie, e ne citerò solo quella conservata nel Bibliobus:

PROVINCIALE RAGAZZI, RAG R ALM

Edizione giunti, Firenze, 2011

STO, 18109

BIBLIOBUSR RAR1 NFB BUR, BB 600


Un mitico viaggio alla ricerca di un re che insegni la via giusta che porta a scoprire chi si è davvero… Un altro viaggio, tra città sognate e reali insieme, che parlano di umanità smarrita e di ricerca di senso della vita per poi trovarlo nel riconoscere e proteggere ciò che non è inferno da ciò che lo è, facendogli spazio.

Peter Sis, La conferenza degli uccelli, Adelphi, 2013, in gran parte illustrato è tratto da un mito persiano tramandato da Farid ad-din ‘Attᾱr. PIRRI, RAGAZZI RAC1 SIS, 101562 MEM, BAMBINI RAC1 NFB SIS, Ge 57532

Italo Calvino, Le città invisibili, Mondadori, Milano, 2011, con presentazione dell’Autore e uno scritto di Pier Paolo Pasolini

Ernst H. Gombrich, L’uso delle immagini. Studi sulla funzione sociale dell’arte e sulla

MEM, GENERALE 853.914 CAL, Ge 58133

comunicazione visiva, Leonardo Arte, Milano, 1999 MEM, 700.103 GOM, Ge 6805 ARCHITETTURA,DIS Perc. Visiva 003, IDA 267 UNIVERSITARIA, 3.F.0570, 312134

Arte Contemporanea

Film Claudio Widmann, Sul destino, MaGi, Roma, 2006 Solo MEM, 123 WID, Ge 34486

Musica

1973, Trieste : il cavallo azzurro di cartapesta e legno “Marco Cavallo” realizzato dagli artisti dello Studio Azzurro mentre i malati di mente del manicomio di Trieste lo riempivano con le loro storie e i loro sogni, per poi uscire per le strade insieme al dottore Franco Basaglia come una guida che rassicurasse i normali e permettesse l’incontro con i diversi. E nei manicomi NON entravano solo i pazzi… erano un luogo dove le donne e i parenti scomodi venivano sepolti vivi e sottoposti a torture inumane. L’arte si pose al servizio dei Senza Voce e aprì per loro un futuro possibile.

Azur e Asmar / Belgio, 2006, Col, 99’ ) di Michel Ocelot. PIRRI, DVD RAG ANIMAZIONE AZU, 94833

Evanescence, Fallen. Queen, Greatist Hits II


https://www.facebook.com/pages/cantiere-aperto-santateresa/1511482709104284?fref=ts

<<cantiere aperto al pubblico # 01 santa teresa>> A cura di Cesarina Siddi e Fiammetta Sau

Cesarina Siddi (coordinatore scientifico) Laureata in Ingegneria Civile Edile e in Architettura del Paesaggio, si è perfezionata in “Urbanistica Ambiente e Territorio” e specializzata in “Architettura dei giardini e progettazione del paesaggio”. È ricercatore confermato in Composizione Architettonica e Urbana e docente del Corso di Laurea Magistrale in Architettura dell’Università di Cagliari. La sua attività si è sviluppata nel campo del progetto della città e del paesaggio, con un’impostazione fortemente orientata agli scambi internazionali. Membro della Commissione Erasmus da 2008 al 2013, ha attivato scambi e promosso numerose iniziative (laboratori di progetto, mostre e seminari) con docenti e ricercatori di diverse università europee. Nel 2009 ha fondato con Ruth Baumeister CreativeCity ZeroNove, una piattaforma internazionale e sperimentale per la ricerca e la didattica in Architettura, Architettura del Paesaggio e Urbanistica. Dal 2012 al 2014 è stata componente della Commissione Regionale per il Paesaggio e la Qualità Architettonica. Dal 2012 è responsabile del Gruppo di Lavoro “Spazio Pubblico” – INU Sardegna.

Fiammetta Sau (coordinatore operativo) Dottore Europeo di Ricerca in Architettura, attualmente è Assegnista di ricerca post doc presso il Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale ed Architettura dell’Università degli Studi di Cagliari presso il quale svolge attività scientifica e di ricerca con il ruolo di assistenza alla didattica per diversi corsi universitari e workshop di progettazione (ICAR 14 Composizione urbana e architettonica).

<<cantiere aperto al pubblico # 01 santa teresa>>

Qui sopra: gli idea-box fotografati da Silvana Carbone.

è un laboratorio sperimentale che focalizza l’attenzione sui processi trasformativi che interessano la città contemporanea in termini di spazio pubblico, con specifica attenzione alla capacità del progetto di ricostruire e/o migliorare le relazioni tra comunità e luoghi. Il principio su cui si basa la sperimentazione è costruire gli strumenti per dare ai cittadini un ruolo di primo piano nella vita della comunità. Come? Attraverso l’azione concreta e collettiva, impostata in modo che sia capace di generare dinamiche sociali. Il laboratorio cerca di migliorare l’efficacia dell’approccio partecipativo: lavora sul concetto di «cantiere aperto» come mezzo d’incontro atto a sviluppare e mettere in pratica le capacità creative di ciascuno. >


>

Tutta la comunità è coinvolta attraverso diversi strumenti: laboratori tematici di discussione, un’applicazione per

smartphone, una pagina FB, un indirizzo mail dedicato e, soprattutto, l’ideaBOX. Le cassette colorate depositate alla Biblioteca Comunale di Pirri e in altri luoghi pubblici, servono e sono già serviti a monitorare i desideri e i bisogni dei residenti che possono esprimersi attraverso un set di cartoline da compilare e imbucare. Nel 2015 il progetto passerà alla fase attuativa: «cantiere aperto al pubblico # 01 santa teresa: pronti, partenza, via!»: Pronti: i desideri e le urgenze condivise daranno vita a progetti di spazio pubblico che potranno essere realizzati attraverso procedure straordinarie, collettivamente e con un budget minimo. Partenza: i progetti si realizzeranno attraverso cantieri collettivi di auto-costruzione, in cui tutti i cittadini potranno avere un ruolo attivo. I materiali utilizzati saranno economici e/o di riciclo. Via: dopo ogni cantiere sarà predisposto un “libretto d’istruzioni”. È prevista, infatti, la creazione della collana editoriale «quaderni di cantiere aperto al pubblico»: agili opuscoli che daranno ai cittadini le istruzioni per adottare i propri spazi pubblici, dal progetto alla gestione.

Libri

Michel Foucault, Spazi altri: luoghi delle eterotopie, Mimesis, Milano, 2001

Consigliati

ARCHITETTURA, 2 copie: GEN Sociologia 033, BTE 383 e GEN Sociologia 034, BTE 384 Giordano Bruno, Dewey 304.23 FOU.SPA, ISG 6443

Marc Augé, Nonluoghi. Introduzione a una antropologia della surmodernità, Elèuthera, Milano, 1993 PIRRI, Deposito 301 AUG, 35725 è anche presente in altre 5 Biblioteche alias URBANISTICA – Universitaria – Dante Alighieri – Giordano BrunoScienze Politiche.

Charles Landry, City Making: l’arte di fare la città. Codice, Torino, 2009

Marc Augé, Tra i confini: città,

UNIVERSITARIA,

luoghi, interazioni, Bruno

3.E.0561, 356985 e anche

Mondadori, Milano, 2008

2 copie in

Solo Architettura, 2 copie Urbanistic

ARCHITETTURA:

Citta 148, BTE 60 e Urbanistic 149,

Urbanistic Citta 089, DTE

BTE 61

1697 e Urbanistic Citta 090, DTE 1698 > Gisella Bassanini, Per amore della > Autori Vari, a cura di Franco Martinelli, La città. I classici della sociologia, Liguori, Napoli, 2001 Solo Scienze Politiche, S.S. B.08. 0154, DRE 6496

città: donne, partecipazione, progetto, Franco Angeli, Milano, 2008 Solo Centro di Documentazione delle Donne, Gen. 307.760 BASSG, 4700


Aldo Aymonino- Valerio Paolo Mosco, Spazi pubblici contemporanei: architettura a volume zero, Skira, Milano, 2006-2008 - ARCHITETTURA, Architett. MOD. Cont. 097, IDA 1334 e 3 copie in INGEGNERIA: LIBRO ARTI DO 3003050

Zygmunt Bauman, Modernità liquida, GLF Laterza, Roma-Bari, 2011 Centro di Documentazione Passaparola, GENERALE 303.4 BAUMZ, 2760 e ARCHITETTURA GEN Sociologia 030, BTE 76

Georges Perec, Specie di spazi, Bollati Boringhieri, Torino, 1989 Solo Giordano Bruno, Dewey843,914 PER, IDF 11353 Gilles Clèment, Manifesto del Terzo Paesaggio,

Arte Contemporanea

Quodlibet, Macerata, 2005 URBANISTICA

2 copie MON.712.2 CLE DIT

4016 e DIT 4066 e UNIVERSITARRIA, 4. C 0382/ 0040, 340689

Film

Musica

“La Jetée” ( Francia, 1962 ) di Chris Marker, cortometraggio fotografico muto, sottotitolato, che ha ispirato anche il film

Sigur Ros, Volturi

di Terry Gilliam “L’esercito delle 12

Ai Weiwei, Sgabelli di legno,

scimmie”.

Installazione rizomatica, 55ᵃ Biennale di

Visibile per intero su Youtube:

Venezia, 2013, inseriti come progetto

https://www.youtube.com/watch?v=yqME

aperto nel Padiglione della Germania.

c0oe4yc Gli 886 antichi sgabelli di legno, rappresentano le perdute tradizioni famigliari cinesi, disposti a formare una sorta di vortice – nebulosa attraversabile.


Profile for Fabrizio Astrofilosofo Melodia

GUIDA PERCORSI LIBRARI INTEGRATI A PIRRI di Rossana Corti  

La Guida dei Percorsi Librari Integrati, ideata, progettata e realiazzata da Rossana Corti per il macro-evento "Santa Teresa Laboratorio Ape...

GUIDA PERCORSI LIBRARI INTEGRATI A PIRRI di Rossana Corti  

La Guida dei Percorsi Librari Integrati, ideata, progettata e realiazzata da Rossana Corti per il macro-evento "Santa Teresa Laboratorio Ape...

Advertisement