Page 1

fabio nucatolo


me myself & I


fabio nucatolo


Informazioni personali

.........Fabio Nucatolo ..................Palermo ...........02-05-1985 ..............Italiana ......Via Elia Crisafulli n° 5 .......................90128, Palermo, Italia cellulare ................3803817324 email ..................fabionucatolo@email.it skype ..................fabiochaps nome e cognome nato a data di nascita nazionalità indirizzo di residenza

Settore professionale Industrial designer

Istruzione e formazione

....... ................. ..... ............... .......

qualifica conseguita Dottore in disegno industriale presso L’università degli studi di Palermo nell’anno accademico 2008/2009 votazione 110/110 con lode materie e abilità professionali oggetto dello studio Design del prodotto, graphic design, comunicazione visiva, design di interni, modellazione 3D, tecniche di rappresentazione e modellazione CAD 2D e CAD 3D, sketching, allestimento.

....... ................. ..... ............... .......

qualifica conseguita Diploma integrativo presso Liceo artistico statale “E. Catalano” Palermo nell’anno accademico 2004/ 2005 votazione Idoneo materie e abilità professionali oggetto dello studio Integrazione delle materie umanistiche e scientifiche per il proseguio degli studi.

....... ................. ..... ............... .......

qualifica conseguita Licenza artistica presso Liceo artistico statale “E. Catalano” Palermo nell’anno accademico 2000/ 2004 votazione 88/100 materie e abilità professionali oggetto dello studio Figura e ornato disegnato, figura e ornato modellato, progettazione architettonica, disegno tecnico manuale, tecniche di rappresentazione pittoriche, anatomia per il disegno.

Me Myself & I


Esperienze lavorative

.......................Settembre-Ottobre 2010

Tirocinio di tre settimane presso “Lema” spa, per ComOn Design Contest. Studio della produzione aziendale,progettazione e realizzazione del prototipo del tavolo denominato “Comera”.

.......................Giugno-Luglio 2010

Modellazione 3d e rendering di una residenza turistico alberghiera, consulenza progettuale per banco hall e bar, con Simona La Torre, per la società Mediterranea Engineering S.r.l – largo Montalto n°7 - Palermo .

.......................Ottobre 2007

Allestimento della mostra “Design dal Mediterraneo” per ICOD - International Community Of Designers. Evento principale della manifestazione PALERMO DESIGN WEEK dal 16 al 21 Ottobre 2007 sotto Art direction di Luca Dal Bò.

.......................Maggio 2007

“Cavolo, che idea!”, la seconda delle quattro feste ideate da Philippe Daverio in collaborazione con il Dipartimento di Design della Facoltà di Architettura di Palermo. Ideazione e realizzazione di due cortometraggi a carattere ludico, denominati “3 mele Smith” e “Pom Splash”.

.......................Marzo 2007

“Voglio fare il designer”, allestimento per Livedesign. Conferenza ed esposizione di prodotti Kartell, Lorenzo Boni, Philippe Starck Network, Palermo.

.......................Novembre 2006

“Palincromie” , allestimento di prodotti di Ceramica di Treviso, per Livedesign, Biblioteca Comunale di Casa Professa, Palermo.

.......................Maggio 2006

“Where are you from?”, allestimento per Livedesign. Esposizione di prodotti Magis presso la Biblioteca di Casa Professa, Palermo.

.......................Aprile 2006

Progettazione e realizzazione di una mostra itinerante con il gruppo “qq-tunci”, Milano Design Week 2006.

.......................Maggio 2003

“In Vino Veritas”, concorso nazionale di arte grafica e umoristica, finalista nella sezione design pubblicitario.

.......................Giugno 2000

Realizzazione cd-rom e sito internet, manifestazione “med‘in Rap” – “Fete de la musique”, Palermo.

Me Myself & I


Workshops:

.......................“Il Design per Nutella”, ideazione e pro-

duzione di un oggetto in grado di allargare e migliorare l’esperienza di consumo di NUTELLA coniugando stile e funzionalità, integrando l’innovatività del progetto con la tradizione e la storia del marchio. Interni e Ferrero s.r.l. Aprile-Giugno 2008

.......................“Bag-pack / nuovi stili di vita e consumo”,

diretto dal designer Giulio Iacchetti in collaborazione con Slow Food e Scia imballaggi. 5-11 Novembre 2007

.......................“Ricioc Design in Sicily – nuove forme per il cioccolato di Modica” diretto dal designer Giulio Iacchetti. 15-17 Novembre 2006

.......................Workshop tenuto dal grafico Leonardo

Sonnoli sul tema della progettazione dell’immagine coordinata di musei e luoghi culturali. Tema specifico del corso la progettazione di logotipo e lettering per i luoghi della cultura. 2005.


Capacità e competenze personali

.............Italiano ..............Inglese Capacità di lettura ........buono Capacità di scrittura .......buono Capacità di espressione orale ...................Buono

Madrelingua Altra lingua

Capacità e competenze relazionali

Progettazione in team nel settore del prodotto e dell’allestimento durante il corso degli studi universitari. Progettazione in team nel settore nautico, presso lo studio Acom s.r.l in ambiente multi disciplinare. Progettazione e realizzazione in team di eventi a carattere espositivo.

Capacità e competenze organizzative

Coordinamento e amministrazione di persone per la realizzazione di eventi espostivi.

Capacità e competenze tecniche

Ottima capacità di realizzazione di modelli 3D tramite software CAD, rappresentazione 2D CAD e Vettoriale, realizzazione di immagini fotorealistiche con programmi di rendering, competenze acquisite presso il corso di laurea in Disegno Industriale della facoltà di architettura di Palermo. Disegno tecnico manuale per la rappresentazione, presso il liceo artistico E. Catalano.

Capacità e competenze artistiche

Alto livello di rappresentazione tramite il disegno a matita a mano libera, modellazione plastica, e padronanza di tecniche pittoriche accademiche ed extra accademiche.

Altre capacità e competenze

Capacità di intraprendere una progettazione tesa al globale, affrontando gli aspetti correlati di: Progetto della Forma e Progetto della Funzione.


Conferenze

....................... Originality and graphic design today, Majid Abbasi, 22-03-2005.

Vanni Pasca, Marinella Ferrara, Ernesto Gismondi, Italo Rota, Planeta, 12-19-2006.

.......................

.......................

.......................

.......................

.......................

.......................

Industrial designer, Makio Hasuike, 11-042005

Experimenta, Cinzia Ferrara, 16 -11-2005 Experimenta, Antonio Giancontieri, 04-12-2005

....................... Experimenta, Paolo Di Vita, 11-12-2005

....................... Experimenta, Cinzia Ferrara,Stella Lo Sciuto e Leonardo Vaccaro, 16-12-2005

....................... Design e altri piaceri, Michele De Lucchi, 14-12-2005.

....................... Lettere dal confine, Leonardo Sonnoli, 13-04-2006.

....................... Where are you from, Riccardo Perazza, 05-2006.

....................... Materiali ed innovazione, dalla formazione al progetto,

Palincromie, Luca dal bò, Mario Dolfato, 12-2006.

Voglio fare il designer, Lorenzo Boni, Luca dal Bò, 03-2007.

Il seme del design ha bisogno di un vaso, Prof. Can Özcan, 20-11-2009.

....................... aboutDesign - L’editoria del design a Palermo, Agnese Giglia, Vanni Pasca, Marinella Ferrara, Cinzia Ferrara, Rodolfo Drago, Daniele Manno, 20-05-2010.

....................... aboutDesign - FILESdESIGN, attività, azioni e personaggi di design, Agnese Giglia, Vanni Pasca, Giovanni Levanti, Vincenzo Castellana, 27-05-2010.

....................... aboutDesign - Il valore della comunicazione visiva, Agnese Giglia, Cinzia Ferrara, Paolo Di Vita, Antonio Giancontieri, Francesco Monterosso, 17-06-2010.

Me Myself & I


Me Myself & I


skills di prodotto


fabio nucatolo


alma

2006 antropologia degli artefatti

Realizzata in plastica, Alma è una bottiglia da mezzo litro per acqua. È formata da tre parti, due che compongono il tappo e una che costituisce la bottiglia. Alma ripropone le forme ed i signicati allegorici della sala della fontana. Il solco sulla pancia, realizzato per irrigidire la forma e per migliorare la presa, fa riferimento alle muqarnas arabe. Sulla linguetta sono presenti le stesse geometrie applicate alle lastre marmoree del Palazzo della Zisa.

progetto conclusivo del corso. Menzione per l’originalità al concorso di idee “Luogo e Forma”, indetto dalla Federico Musei e dalla cattedra di antropologia degli artefatti di Palermo.


Le decorazioni a spiga che sui marmi, posti nelle fontane, servono a simulare la vivacitĂ di una fonte naturale, qui vengono posizionati a favore della pendenza ed elevati rispetto al piano d’appoggio quel poco che basta per far apparire la componente grafica ma non disturbare il flusso dell‘acqua.

Skills di prodotto


A

A’

205 mm

70 mm

Skills di prodotto


parco

acqua

fonte

segno


blood blood

2006 per qqtunci

BLOOD BLOOD è stato pensato per coloro che hanno voglia di mangiare con calma e con i tempi necessari un’arancia ovunque si trovino. È formato da un involucro in neoprene di forma sferica ottenuto dalla cucitura di sei spicchi, al quale vengono cuciti internamente dei corpi di taglio, non necessariamente affilati come un coltello ma quanto basta per riuscire a tagliare la buccia di un’arancia. Applicando la giusta pressione, dall’alto verso il basso, uno spicchio alla volta, alle aree

progetto personale in mostra per qq-t-unci


marcate dalle cuciture che uniscono i corpi di taglio agli spicchi dello sferoide, si otterranno i solchi che faciliteranno lo strappo della buccia. Lo scopo dei BLOOD BLOOD è quello di costringere le persone a fermarsi e a scoprire e ritrovare i gesti che compongono un rito smarrito ormai tra le campagne siciliane. Il nome deriva da una varietà di arance le doppio sanguigno tra le quali si distinguono le sicilianissime sanguinelle.

Skills di prodotto


senza nome

2008 Design d’interni

Analisi di un oggetto domestico. Durante il corso non è stata fornita nessuna indicazione ulteriore, poiché il fine ultimo dell’esercizio era comprendere sotto quale aspetto ogni allievo avrebbe affrontato l’analisi dell’oggetto scelto.

Skills di prodotto

esercitazione


123 maison

2008 Design d’interni

piano terra zona giorno piano primo cucina piano secondo studio e camera ospiti piano terzo zona notte

Il progetto nasce dal tentativo di sfruttare gli ostacoli appartenenti alla struttura presa in considerazione. L’elevato numero di ingressi e balconi con conseguente perdita di spazio, duvuta al passaggio necessario per accedere a questi, le grandi altezze da affrontare per mettere in comunicazione quelli che erano il piano terra e il primo piano, mi hanno spinto a scandire nuovi percorsi verticali sia nel senso piÚ autentico del percorso, legato alla deambulazione, sia nel senso di percorso visivo legato alla profondità di campo.

elaborato finale del corso, sviluppato durante un workshop di tre giorni.


0,25 m

0m

4,70 m

3,15 m

A’

B’

4,70 m

5,90 m

A

B

Skills di prodotto


sezione A-A’

sezione B-B’ 0.5

scala 1:50

Skills di prodotto

1.5

2.5


18

no

26


natural troopers

2007 laboratorio disegno industriale 2

Il progetto “naturals troopers” è una squadra d’invasione della casa. Composta da un unità centrale, “La Cuore D’oro”, e da una piccola unità di controllo, “Marvin”. La Cuore D’oro è un astrovaso che accoglie delle zolle di terra delle dimensioni adatte a far crescere delle piantine da seme.


Durante la crescita verranno accudite grazie all’uso di Marvin trasportatore di riserve giornaliere d’acqua fornito di contagocce per la somministrazione. La Cuore D’oro è un mezzo di trasporto per l’invasione, le dimensioni dei fori che accolgono le zolle di terra non consentono il completo sviluppo delle piante, dopo che le piantine avranno occupato tutto lo spazio disponibile con le loro radici, dovranno essere travasate in nuovi spazi e lasciare posto a nuove piantine. Skills di prodotto


Skills di prodotto


404


134

134

O

N

P

Ø

sottrazione delle parti comprese tra O-Ø e P-Ø

sezione O-Ø sezione N-Ø

Skills di prodotto


2

25

25

50

125

100

50

25

3

E F D 50

G

56

45 60

F’

G’

B

15

I

25

14.5

20°

H’

C 4

25 19

15.5 23.5

6.5

25

40

H I

R11

B’

D’ C’

E’

Sezione A-A’

A

A’

VISTA SUPERIORE DELLA CUORE D’ORO

10

10 15

34.55

15

3

60

45

33

28

25

12.5

25

25

25

18.5

15.5

13

10

15

Ø15

23.5

6

50

20

55

50

10

51 0

Sezione B-B’

52 15

.5

25

6.5

10

15

25

25 12.5

5 Sezione F-F’

Skills di prodotto

Sezione E-E’

35

40

30

Sezione D-D’

15.5

27.5

35

7.5

Sezione C-C’

2.5 Sezione G-G’ Sezione F-F’

2.5 Sezione H-H’ Sezione G-G’

Sezione I-I’ Sezione H-H’


50

40

30

30

LACRIMA DI MARVIN

R7.5

10

65

R7.5

16

40

R7.5

2

R17.5

5

5

5

13

13

13 R2

72

20

2 20

20

2

R17.5

째 70

째 65

60

R17.5


3 4 7 8

2 3

4

5 5

2 1 1

6

9

6

proiezione 7

L

M

M’

R10

12

L’

proiezione 9

45°

proiezione 8

sezione M-M’

6

R2

sezione M-M’

META’ INFERIORE

META’ ISUPERIORE

alloggio “y” per le zolle di terra

20

70

°

45

1

1

5

alloggio ottenuto dalla compenetrazione della Cuore D’oro ed il volume “x”

10 15

alloggio ottenuto dalla compenetrazione della Cuore D’oro ed il volume “x”


proiezione 6

proiezione 5

proiezione 4

proiezione 3

proiezione 2

proiezione 1

Skills di prodotto


Skills di prodotto


In alto e a sinistra le fotografie del prototipo ricavato da sezioni di multistrato di pioppo.


cypraea

2008 metodi e sistemi produttivi in sicilia

CYPRAEA trae spunto dalla voglia di libertà individuale insita in ognuno di noi, la volontà di lasciare la terra ferma e viaggiare per mare, vivere un pò di tempo nel proprio mondo. Da qui nasce il progetto di creare un mezzo capace di essere sia totalmente chiuso verso l’esterno che totalmente aperto e fruibile al suo interno. Compatta e impenetrabile, l’imbarcazione, nasconde e protegge un mondo interiore complesso e dinamico, pensato come un

progetto sviluppato con Antonio Potenzano


organismo naturale in cui tutte le funzioni interne modellano la forma e la struttura esterna. La grande cupola in vetro che racchiude in sĂŠ il sovracoperta è sorretto da un esoscheletro in fibre composite che risolvendo le questioni strutturali caratterizza con la sua presenza l‘ambiente circostante. Dentro Cypreae si ha la sensazione di trovarsi in un unico ambiente luminosissimo annullando la separazione fra sovracoperta e sottocoperta. Skills di prodotto


Skills di prodotto


Skills di prodotto


room zoo

2008 laboratorio disegno industriale 3

Cinque sedute zoomorfe che esplorano le potenzialità del feltro di fibra animale spaziando dalla dimensione ludica a quella educativa. Attraverso le forme dei velli, gli interventi di finitura e gli innesti di materiale grezzo, ogni seduta porta il ricordo dell’animale da cui è stata ricavata la lana, sottolineando il rapporto tra materia prima e oggetto finito.

Skills di prodotto

a destra: esempi di lavorazioni e colori di lana da feltro.


innesti con ago di

cm

spessore vello base 1cm

spessore vello base 1cm

1

5

3

1

innesti con ago di lana cardata

3 5

3

3 1 1 1

5

3

5

1

cm

5

1

spessore vello base 1cm

1 3

5

3

1

innesti con ago di lana cardata

5

feltro raso con

spessore vello base 1cm

infeltrito con aghi

Skills di prodotto


sniff-mo sniff-aroma

15/17 Novembre 2006 Ricioc. Design in Sicily. Nuove forme per il cioccolato di Modica Tutor Giulio Iacchetti

II progetto adotta una linea di comunicazione essenziale, consentendo al consumatore di apprezzare la fragranza e le qualità del prodotto in maniera diretta. La grafica e il packaging, riducono al minimo le informazioni visive al fine di privilegiare la sfera olfattiva. L’idea è stata sviluppata in due possibili varianti: Sniff-MO - il packaging, è realizzato in cartone riciclato per uso alimentare.Dei fori su di esso praticati permettono di annusare la fragranza Skills di prodotto

Progetto sviluppato con: Antonio Potenzano, Diego La Vecchia e Roberto Castagna.


del contenuto. Questo aspetto è sottolineato attraverso la forma della scatola e da un apposito pittogramma, su di essa applicata. Sniff-Aroma - In questa packaging le informazioni sono tutte sintetizzate dalla scritta AROMA presente sulla faccia laterale della scatola. La scritta composta dai fori stessi permette di sostituire il precedente pittogramma, in quanto indica I’azione di annusare e il punto in cui farlo.


Jamming

Aprile - Giugno 2008 workshop Design per Nutella Concorso Ferrero-Interni

Un oggetto leggero e traslucido rispecchia il proprio contenuto: ostie inodore e insapore che permettono alla coppia Nutella e Frutta di legarsi in modo semplice e intuitivo. Partendo dalla considerazione che Nutella è per tradizione e storia una crema spalmabile, la nostra attenzione si è soffermata su alcuni punti cardine: _rendere la frutta fresca un supporto sul quale spalmare Nutella. _non alterare in nessun modo i sapori, le consistenze e gli odori di Nutella e frutta.

Progetto sviluppato con Andrea Valenti.


_utilizzare materiali e forme che riescono a dialogare senza imporsi con quelli giĂ presenti sulla tavola al momento della colazione o del pasto.

Skills di prodotto


Nutella e frutta come olio e acqua; ci serviva un “legante” che non aggiungesse sapori e odori propri e che, allo stesso tempo, rendesse lo “spalmare” un gesto semplice ed intuitivo.

ostia

l’ostia di farina con spessore inferiore al millimetro si comporta da legante effimero, “assente” non aggiunge sapori, odori o consistenze diverse da quelle presenti in Nutella e Frutta

la cialda, in quanto alimento con sapore, odore e consistenza proprie, modifica il gusto della Nutella e della frutta.

Skills 56 di prodotto

al c l’os sup


ci siamo serviti di materiali e forme che riescono a dialogare con quelli già presenti sulla tavola al momento della colazione o di uno spuntino

a acqua e farina, legante impalpabile

Nutella, per storia e tradizione, è una crema spalmabile.

contatto con la superficie acquosa della frutta tagliata, stia aderisce, stabilizzandosi e aumentando il grip perficiale, preparando la frutta ad accogliere la Nutella quattro piccole forme di ostia, disegnate affinchè si adattino bene a tutte le ”forme” della frutta


ostia

X20 tot.80

farina

acqua

inodore

insapore

PP

liscio opaco


H 12 mm

L 84 mm

P 264 mm

PP

traslucido ruvido

Skills di prodotto


Skills di prodotto


ote dilauraie

tesi di laurea in disegno industriale

Anno Accademico 2008 / 2009 RELATORE Prof. Arch. Benedetto Inzerillo

L’interesse personale e la pratica delle attività outdoor legate principalmente all’ambiente marino e costiero, mi hanno più volte portato ad intraprendere escursioni in luoghi dove il contatto con la natura e l’ambiente circostante fossero autentici e mai mediati da servizi turistici invasivi ed estranianti. Questo distacco dalle strutture del turismo di massa in molte occasioni ha evidenziato come una concezione di vacanza fatta esclusivamente di servizi sia largamente diffusa e spesso invasiva proprio a partire dai comportamenti del turista. È in base alle esigenze del visitatore infatti che i luoghi turistici o di potenziale interesse turistico prendono coscienza del proprio valore. Accade sovente che i luoghi di interesse naturalistico vengano a piccoli passi trasformati per essere dotati di tutti i servizi necessari per soddisfare le esigenze della grande massa, perdendo così la caratterizzazione iniziale. Su questo tema anche ricerche superficiali mettono in luce che un movimento di responsabilizzazione del turismo è già in atto. In Italia la AITR (Associazione Italiana per il Turismo Responsabile) e aziende del settore formano il turista nell’acquisizione di una coscienza totale dell’attività vacanziera che si appresta ad intraprendere. Un esempio concreto a tal scopo è dato dall’azienda Ferrino, azienda italiana di attrezzature per il campeggio, la quale propone un vero e proprio decalogo da rispettare per intraprendere fino in fondo un turismo responsabile e fare in modo che l’attività turistica sia: “un modo di viaggiare etico e consapevole che va incontro al territorio, alla gente e alla natura con rispetto e disponibilità. Un turismo che si fa alfiere di principi universali di equità, sostenibilità e tolleranza.”


La realtà di aziende come Ferrino e Quechua, così come la Coleman e la Trangia, e potremmo proseguire ancora a lungo questa lista, ci danno tutti gli elementi per poter scegliere questo modo di fare turismo. Veniamo forniti di regole da rispettare ma anche di strumenti che ci aiutano a far ciò. Se non possedessimo attrezzature leggere materiali adatti, pratiche come il campeggio e le esplorazioni in bicicletta ed altre attività sane e pulite il più delle volte sarebbero insostenibili e la fatica fisica e lo stress causati da strumenti inadatti e difficilmente adattabili avrebbe la meglio sulla volontà di intraprendere tali pratiche. Ponendo uno sguardo al settore nautico ci si accorge come ad oggi manchino gli strumenti per intraprendere fino in fondo i comportamenti responsabili paragonabili a quelli del turismo terrestre. Di contro, invece, esistono tante piccole comunità che autonomamente utilizzano in maniera impropria dei mezzi esistenti in commercio per svolgere un turismo di tipo naturalistico. Analizzando queste comunità gli scenari delineati sono principalmente due:

• •

i casi in cui i mezzi di trasporto utilizzati non permettono che l’attività possa essere definita naturalistica fino in fondo perché spinti da motori a carburante i casi in cui i mezzi di trasporto necessitano di una conoscenza tecnica e di una preparazione fisica tale da essere considerate pratiche prettamente sportive o estreme.

Mentre il primo aspetto nega la dimensione “Responsabile” quindi a priori scartata come via di indagine, la seconda ha alcune possibilità di sviluppo. È ipotizzabile, ad esempio, di abbassare la soglia di tecnicismo e la richiesta di preparazione sportiva del turista.


Creare un mezzo acquatico che permetta una pratica turistica che possa essere paragonata al campeggio escursionistico, dove le prestazioni richieste sono minime e dove ci si muove con le proprie forze senza per questo essere degli sportivi. Questi sono i motivi che mi hanno spinto ad intraprendere la progettazione di un mezzo turistico di tipo nautico. In particolare un mezzo capace di non lasciare alcuna scia di consumo in natura sfruttando la forza muscolare come mezzo propulsivo senza però richiedere una preparazione sportiva all’utilizzatore.

63 di prodotto Skills


Dumbo il kayak per

il campeggio-crociera

Anno Accademico 2008 / 2009 tesi di laurea in disegno industriale

Dumbo è un kayak monoposto da turismo della tipologia “sit on top”, concepito per essere utilizzato in corsi d’acqua interni e in acque marine e lagunari. Pensato per un turismo attento alle caratteristiche locali, culturali e nel rispetto dell’ambiente visitato. È formato da: una pagaia, un corpo principale, uno stabilizzatore laterale e da un vano richiudibile predisposto per il pernottamento e lo stivaggio. Skills di prodotto

in alto i render del kayak denominato Dumbo, nelle configurazioni principali di apertura e chiusura


La conformazione del Dumbo rende possibile: l’esplorazione del sottocosta marino e delle acque interne, lo svolgimento di attività basilari legate all’alimentazione e all’igiene, nonchè il pernottamento a bordo. La provata stabilità permette la risalita anche in acque alte, gli spazi sul ponte e il trampolino permettono lo svolgimento di attività all’asciutto, come pesca e cucina, mentre il vano posteriore aprendosi assume l’assetto di tenda permettendo


all’escursionista di dormire in kayak. La pagaia a pale piatte e senza angoli di sfasatura, rende intuitiva la pagaiata e suggerisce un tipo di andatura piÚ lento e meno legata alla dimensione performante. Dove l’aspetto campeggistico e crocieristico assumono la medesima importanza.


Queste caratteristiche rendono Dumbo il mezzo ideale per la completa fruizione di tutte le conformazioni costiere, slegando il fruitore dalla necessitĂ di tornare a terra per tutte le attivitĂ  che su un comune kayak non potrebbero svolgersi.

Skills di prodotto


200

985

915 1900

AA

G BB

2440

CC

DD

EE

FF

SEZIONE G-G

A-AB

-B

h

12

17

l8

68

Skills di prodotto

88

C-CD 23 14

-D 30 82

E-EF

-F

42

41

92

6


4800

G

140

530 670


G

255

430

G

SEZIONE H-H

SEZIONE G-G


860 140

1000

H

310

H

1135 2200

Skills di prodotto


Skills di prodotto


01 20 15 13

20

19

18

17

16

15

14

13

12

11

10

09

08

07

06

05

04

03

02

01

00

05

10


skills di grafica


fabio nucatolo


corporate me

2006 laboratorio di disegno industriale uno

Gli elaborati autobiografici richiesti comprendevano: carta intestata, biglietto da visita e logotipo. Le soluzioni da me proposte trovano caratterizzazione e riconoscibilitĂ nella forma del marchio. Questo è dato dalla composizione delle iniziali di nome e cognome, scelta imposta dal docente, alla quale ho risposto con un elaborato “ribelleâ€?. Le iniziali compongono una figura che esprime il mio logotipo personale.


Skills di grafica


senza nome

2006 laboratorio di disegno industriale uno

Questa esercitazione prevedeva l’individuazione di un colore e un materiale e la realizzazione di un carattere tipografico capaci di rappresentare al meglio una delle istituzioni storiche del territorio. L’istituzione scelta è stata l’Orto botanico di Palermo.

Skills di grafica

modulo LeonardoSonnoli 25 ore


Caratteri di tipo lapidario e di tipo calligrafico sono quelli maggiormente utilizzati nella storia dell’ Orto botanico. Gli studi proposti sono il tentativo di composizione di queste due tipologie, secondo vie differenti. Dall’alfabeto tra i rovi, dato dalla sovrapposizione dei font Trajan pro e Amazon bt, alla creazione di lettere e marchio secondo delle direttive di crescita esponenziale, per arrivare alla costruzione di un font che ha come griglia la geometria desunta dal più caratteristico degli elemeti dell’orto botanico, l’Acquarium.

l’esercitazione è stata svolta in gruppo. In alto esercizio svolto con Antonio Potenzano e Diego La Vecchia. Nelle pagine precedenti elaborati personali.

Skills di grafica


Liebig

2006 disegno e rappresentazione informatica 2

Questa esercitazione prevede la progettazione e la modellazione di un portasapone avendo come vincolo di forma la realizzazione di geometrie attinenti alle procedure di modellazione CAD studiate durante il corso. Progetto presentato: LieBig, portasapone da un litro. Concept: “Il sapone è una misura del benessere e della civilà degli Stati” cit. Justus von Liebig.

Skills di grafica

esercitazione finale


zenith 787

2009 disegno automatico

Questa esercitazione prevede il rilievo e la rappresentazione della bucatrice zenith 787. Con una particolare cura dei disegni a mano libera come mezzo esplicativo della fase di rilievo.

schizzi personali dell’ esercitazione finale 1.1.


Skills di grafica


rasoio

2009 disegno automatico

Il docente ha proposto il rilievo e la modellazione di un oggetto dalle forme complesse, che desse la possibilità di cimentarsi nella creazione delle geometrie studiate durante il corso. L’esercitazione è stata affrontata in gruppo dagli allievi: Andra Valenti, Diego La Vecchia e Fabio Nucatolo.

Skills di grafica

esercitazione finale 1.2


computer grafica

Nit veros atue consectet, vullaorem inim inim nostin ute feugiam iustisl ipsusci bla aciduipit laorem quatuercilla facin heniat ullamconsent irit aciduis nos aut euguer suscips ustrud tie min vullam quat velestio diam, quam del el erosto cons amet, commy nulpute min ulput irilit nos

2008 prof G. Gristina

Icaet fue pra? Cupicaperis intis firius hum publicaudem ine facio vivid num tem perratravo, quis, publicaecris escient emusulu delibus los reorebefacre cultora citimoere clerfec maximilicas l

pieghevolemio.indd 1

Realizzare la progettazione grafica di una locandina formato ISO A3 argomento riguarderà l’illustrazione di uno dei diritti elencati nella carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea. Costruire un pieghevole formato 21x10 cm chiuso, 20x 21 cm aperto, utilizzando per la definizione della gabbia la costruzione della diagonale.

02/02/2008 22.06.47

esercitazioni


5.6.pdf

02/02/2008

19.56.27

Articolo 5 Proibizione della schiavitù e del lavoro forzato

1. Nessuno può essere tenuto in condizioni di schiavitù o di servitù. 2. Nessuno può essere costretto a compiere un lavoro forzato o obbligatorio. 3. È proibita la tratta degli esseri umani.

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

Skills di grafica


comunicazione visiva

2008 prof Paolo Di Vita

po

ty

Configurare la parola 6 volte TYPO applicando i seguenti parametri (anche combinati, anche parziali): contrasto positivo-negativo, dettaglio, variazione dimensionale, contrasto stilistico, destrutturazione, spazializzazione.

Skills di grafica


ypo


TI PO G RA CO FI RR A PU ET TA Ò ES M E CO SE NT RE N E UN IL DE M O FI AT SC NI E TA RI O PO AL CO E SP M DA E EC L’ S IF T AR A IC M TE O PA ;Q DI IN UE PO AC LL RR O CO E DI RD O RG O AN IZ ZA RE LE

LETTERE, DI DISTRIBUIRE LO SPAZIO E DI CONTROLLARE I CARATTERI

IN MODO DA AGEVOLARE AL MASSIMO LA COMPRENSIONE DEL

LA

TESTO DA PARTE DEL LETTORE. STANLEY MORISON.

Comporre il testo in modo da sviluppare con le lettere superfici e segni. Configurare le soluzioni utilizzando le possibilità tecniche della tipografia elementare.


LA TIPOGRAFIA PUÒ ESSERE DEFINITA COME L’ARTE DI PORRE CORRETTAMENTE IL MATERIALE DA STAMPA IN ACCORDO CON UNO SCOPO SPECIFICO; QUELLO DI ORGANIZZARE LE LETTERE, DI DISTRIBUIRE LO SPAZIO E DI CONTROLLARE I CARATTERI IN MODO DA AGEVOLARE AL MASSIMO LA COMPRENSIONE DEL TESTO DA PARTE DEL LETTORE. STANLEY MORISON.

la tipografia definita di porre il materiale accordo specifico; organizzare distribuire controllare modo da massimo la del testo dellet tore.

può essere come l’arte correttamente da stampa in con uno scopo quello di le lettere, di lo spazio e di i caratteri in agevolare al comprensione da parte stanley morison.

a definit La tipografia può essere e come l’arte di porre correttament do il materiale da stampa in accor con uno scopo specifico; quello di organizzare le lettere, di distribuire lo spazio e di controllare i carat in modo da agevolare al mas teri simo la comprensione del te sto del lettore. Stanle da parte y Moris on.

La tipografia può essere definita lo spazio e di controllare i caratteri come l’arte di porre correttamente in modo da agevolare al massimo il materiale da stampa in accordo la comprensione del testo da parte con uno scopo specifico; quello di del lettore. Stanley Morison. organizzare le lettere, di distribuire

la tipografia può essere definita come l’arte di porre correttamente il materiale da stampa in accordo con uno scopo specifico; quello di organizzare le lettere, di distribuire lo spazio e di controllare i caratteri in modo da agevolare al massimo la comprensione del testo da parte del lettore. stanley morison.

tipogr afia può essere definita come La l’arte di porre correttamente il materiale da stampa in accordo con uno scopo specifico; quello di organizzare le lettere, d i d i s t r i b u i r e lo spazio e d i contro l l a r e i caratteri in modo da agevolare al massimo la

c o m p r e n s i o n e del testo da parte del lettore. on. Stanley Moris

Skills di grafica


font #01

2008 comunicazione visiva

Il compito prevede la progettazione di un font a partire da elementi minimi disposti all’interno di una griglia.

Skills di grafica


3mele smith

2007 sociologia dei processi artistici

“3 mele Smith” uno dei due cortometraggi a carattere ludico realizzato per l’evento: “Cavolo, che idea!”, la seconda delle quattro feste disegnate ideate da Philippe Daverio in collaborazione con il Dipartimento di Design della Facoltà di Architettura di Palermo.


Skills di grafica


urban attack

17-24 aprile 2007 livedesign

Progetto grafico del sito e degli stickers, per il gioco urban attack, promosso da livedesign, in occasione del Milano design Week 2007.

Skills di grafica

realizzato con: Daniele Savasta.


EDES IGN. CC .LIV WWW WWW.LIVEDESIGN.CC

WWW.LIVEDESIGN.CC


moltepli cità

2007 scenari del cinema contemporaneo

Ogni processo di disgregazione dell’ordine del mondo è irreversibile, ma gli effetti vengono nascosti e ritardati dal pulviscolo dei grandi numeri che contiene possibilità praticamente illimitate di nuove simmetrie combinazioni, appaiamenti. Ma se il suo errore non avesse fatto che cancellare un errore precedente? Se la sua distrazione fosse stata apportatrice non di disordine ma d’ordine?

Palomar Italo Calvino

modulo giovanni massa


Skills di grafica


adotta un designer

2008 laboratorio disegno industriale 3

Durante la prima parte del corso ogni studente ha affrontato una ricerca verso il designer scelto, al termine della ricerca è stato chiesto un elaborato capace di mettere in luce le caratteristiche del professionista scelto.

Skills di grafica

esercitazione 1


||Richard sapper|

IIIIII II IIII II II II II

5 00 00

IIIIII II IIII II II II II

III III II IIII II II II II

II

II

II

3Kg II

5 00 00

IIIIII II IIII II II II II

IIIIIIIII

IIIIII IIIIII

500

IIII

IIIII IIII IIIIIIIII IIIIIIIIIIII IIIII

IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII IIII IIIII

II II

I II IIII II III II II

II IIIIII III II II II II I

I I II I I II III II II II II

II IIIII III II II II I II

I II IIII II III II II

II

IIII III III II II II II I

II IIIIII III II II II II I

IIIIIIIIIII IIIII II IIIII III II II II I II

II I I I IIII II II II II I

II IIIIII III II II II II I

III IIIII II III II II II

II

I IIII III II III II II I II

I I II I I II III II II II

II

II IIIIII III II II II II

II II

II II II

II II II II II II II II II

II II

II I I

IIII III III II II II II I

I III I IIIIII II II II I

II II IIII II III II II II

III IIIIIIII II II II I

I III I III II III II II I II

II II IIII II III II II II

I I II I III III II II II

II I I

II

II II

II IIIIII III II II II II

II

II II III III II II II I II

II II II II II II II II II

III IIIII II III II II

II I I I IIII II II II II I

II IIIIII III II II II II I

II II II

IIII IIIII III II II II II

I II IIII II III II II II

II II

II II IIII II III II II II

III IIIIIIII II II II I

I III I III II III II II I II

II II

I I I II II II III II II

IIII III III II II II II I

II I I I IIII II II II II I

IIIII IIII II II II II I

II II IIII II III II II II

III IIIII II III II II II

II II

IIIII IIII II II II II I

II IIIIII III II II II II

II II

II II

IIII III III II II II II I

II II II II II II II II II

II II

IIII IIIIIII II II II I

II II II

II II II II II II II II II

IIIIIIII IIIII

II II

II

II II

II IIIIII III II II II II I

II I IIII III II II II II I

III IIIII III II II II II

II II II

I I I II II II III II II

II I I I I I I I II II II II I

II II

II

II IIIIII III II II II II I

II II

II IIIIII III II II II II I

II II IIII II III II II

III IIIII III II II II II

II IIIII III II II II II I

II

II II IIIII III II II II II

IIIII IIII II II II II I

IIII IIIIIII II II II I

IIII IIIII III II II II I I I II II II III II II II

II

II IIIIII III II II II II I

II I IIII III II II II II I

II II IIIII III II II II II

III IIIII III II II II II

III I III III II II II II I

II I I I I I I I II II II II I

II II IIIII III II II II

IIII IIIIIII II II II I

II II IIII II III II II

IIII III III II II II II I

II

II I I I I I I I II II II II I II

II IIIIII III II II II II I

I

IIII

IIII

IIII

IIII IIII IIII

IIII


skills manuali


fabio nucatolo


Skills manuali


Skills manuali


Skills manuali


Skills manuali


Skills manuali


Skills manuali


Skills manuali


Skills manuali


Skills manuali


focus on dumbo


ote dilauraie

tesi di laurea in disegno industriale

Anno Accademico 2008 / 2009 RELATORE Prof. Arch. Benedetto Inzerillo

L’interesse personale e la pratica delle attività outdoor legate principalmente all’ambiente marino e costiero, mi hanno più volte portato ad intraprendere escursioni in luoghi dove il contatto con la natura e l’ambiente circostante fossero autentici e mai mediati da servizi turistici invasivi ed estranianti. Questo distacco dalle strutture del turismo di massa in molte occasioni ha evidenziato come una concezione di vacanza fatta esclusivamente di servizi sia largamente diffusa e spesso invasiva proprio a partire dai comportamenti del turista. È in base alle esigenze del visitatore infatti che i luoghi turistici o di potenziale interesse turistico prendono coscienza del proprio valore. Accade sovente che i luoghi di interesse naturalistico vengano a piccoli passi trasformati per essere dotati di tutti i servizi necessari per soddisfare le esigenze della grande massa, perdendo così la caratterizzazione iniziale. Su questo tema anche ricerche superficiali mettono in luce che un movimento di responsabilizzazione del turismo è già in atto. In Italia la AITR (Associazione Italiana per il Turismo Responsabile) e aziende del settore formano il turista nell’acquisizione di una coscienza totale dell’attività vacanziera che si appresta ad intraprendere. Un esempio concreto a tal scopo è dato dall’azienda Ferrino, azienda italiana di attrezzature per il campeggio, la quale propone un vero e proprio decalogo da rispettare per intraprendere fino in fondo un turismo responsabile e fare in modo che l’attività turistica sia: “un modo di viaggiare etico e consapevole che va incontro al territorio, alla gente e alla natura con rispetto e disponibilità. Un turismo che si fa alfiere di principi universali di equità, sostenibilità e tolleranza.”


La realtà di aziende come Ferrino e Quechua, così come la Coleman e la Trangia, e potremmo proseguire ancora a lungo questa lista, ci danno tutti gli elementi per poter scegliere questo modo di fare turismo. Veniamo forniti di regole da rispettare ma anche di strumenti che ci aiutano a far ciò. Se non possedessimo attrezzature leggere materiali adatti, pratiche come il campeggio e le esplorazioni in bicicletta ed altre attività sane e pulite il più delle volte sarebbero insostenibili e la fatica fisica e lo stress causati da strumenti inadatti e difficilmente adattabili avrebbe la meglio sulla volontà di intraprendere tali pratiche. Ponendo uno sguardo al settore nautico ci si accorge come ad oggi manchino gli strumenti per intraprendere fino in fondo i comportamenti responsabili paragonabili a quelli del turismo terrestre. Di contro, invece, esistono tante piccole comunità che autonomamente utilizzano in maniera impropria dei mezzi esistenti in commercio per svolgere un turismo di tipo naturalistico. Analizzando queste comunità gli scenari delineati sono principalmente due:

• •

i casi in cui i mezzi di trasporto utilizzati non permettono che l’attività possa essere definita naturalistica fino in fondo perché spinti da motori a carburante i casi in cui i mezzi di trasporto necessitano di una conoscenza tecnica e di una preparazione fisica tale da essere considerate pratiche prettamente sportive o estreme.

Mentre il primo aspetto nega la dimensione “Responsabile” quindi a priori scartata come via di indagine, la seconda ha alcune possibilità di sviluppo. È ipotizzabile, ad esempio, di abbassare la soglia di tecnicismo e la richiesta di preparazione sportiva del turista.


Creare un mezzo acquatico che permetta una pratica turistica che possa essere paragonata al campeggio escursionistico, dove le prestazioni richieste sono minime e dove ci si muove con le proprie forze senza per questo essere degli sportivi. Questi sono i motivi che mi hanno spinto ad intraprendere la progettazione di un mezzo turistico di tipo nautico. In particolare un mezzo capace di non lasciare alcuna scia di consumo in natura sfruttando la forza muscolare come mezzo propulsivo senza però richiedere una preparazione sportiva all’utilizzatore.

135 on dumbo focus


Dumbo il kayak per

il campeggio-crociera

Anno Accademico 2008 / 2009 tesi di laurea in disegno industriale

Dumbo è un kayak monoposto da turismo della tipologia “sit on top”, concepito per essere utilizzato in corsi d’acqua interni e in acque marine e lagunari. Pensato per un turismo attento alle caratteristiche locali, culturali e nel rispetto dell’ambiente visitato. È formato da: una pagaia, un corpo principale, uno stabilizzatore laterale e da un vano richiudibile predisposto per il pernottamento e lo stivaggio. focus on dumbo

in alto i render del kayak denominato Dumbo, nelle configurazioni principali di apertura e chiusura


La conformazione del Dumbo rende possibile: l’esplorazione del sottocosta marino e delle acque interne, lo svolgimento di attività basilari legate all’alimentazione e all’igiene, nonchè il pernottamento a bordo. La provata stabilità permette la risalita anche in acque alte, gli spazi sul ponte e il trampolino permettono lo svolgimento di attività all’asciutto, come pesca e cucina, mentre il vano posteriore aprendosi assume l’assetto di tenda permettendo


all’escursionista di dormire in kayak. La pagaia a pale piatte e senza angoli di sfasatura, rende intuitiva la pagaiata e suggerisce un tipo di andatura piÚ lento e meno legata alla dimensione performante. Dove l’aspetto campeggistico e crocieristico assumono la medesima importanza.


Queste caratteristiche rendono Dumbo il mezzo ideale per la completa fruizione di tutte le conformazioni costiere, slegando il fruitore dalla necessitĂ di tornare a terra per tutte le attivitĂ  che su un comune kayak non potrebbero svolgersi.

focus on dumbo


200

985

915 1900

AA

G BB

2440

CC

DD

EE

FF

SEZIONE G-G

A-AB

-B

h

12

17

l8

68

focus on dumbo

88

C-CD 23 14

-D 30 82

E-EF

-F

42

41

92

6


4800

G

140

530 670


G

255

430

G

SEZIONE H-H

SEZIONE G-G


860 140

1000

H

310

H

1135 2200

focus on dumbo


focus on dumbo


01 20 15 13

20

19

18

17

16

15

14

13

12

11

10

09

08

07

06

05

04

03

02

01

00

05

10


Product Brief

Dumbo il kayak per il campeggio-crociera

Project name Dumbo

Date 25-02-2010

Project n° -----------

Revised name --------------------

Revised data ------------------

Sku# -------

Brand ---------

Category Kayak

Introduction Year --------------------

Market reference kayak touring, Outdoor Positioning Competitors Bic sport , Hobie Kayak, kahuna kayak, rez-Q Consumer profile\target segment amanti dell’autdoor, kayakers che praticano il kayak touring Product Description Dumbo è un kayak monoposto da turismo della tipologia “sit on top”, concepito per essere utilizzato in mare e in acque piatte. È formato da: una pagaia, un corpo principale, uno stabilizzatore laterale e da un vano richiudibile predisposto per il pernottamento e lo stivaggio. Desires Product Features/Product Declination Sviluppo del contesto turistico, con creazione di aree campeggio marine anche in zone protette. Creazione di una rete di percorsi con servizi dedicati, all’interno di circuiti eco friendly.


Swot Analysis

Dumbo il kayak per il campeggio-crociera

Internal origin

Helpful • • • • •

External origin

• • • •

Harmful

elevata stabilità capienza per lo stivaggio possibilità di pernottare e sostare in acque alte e in rada in qualsiasi condizione di conformazione costiera risalita facilitata sul kayak in acque alte pagaia inuit che permette la navigazione lenta ma costante tipica del kayak touring

• •

diffusione del concetto di turismo sostenibile a basso impatto ambientale diffusione della concezione sportiva della vacanza abbassamento della soglia di preparazione atletica richiesta ai praticanti di outdoor aumento delle aree naturalistiche marine e costiere

basse prestazioni di velocità prodotto multimaterico composto da materie plastiche termoformate, espanse, stampate e da materiali tessili. il maggior numero di elementi che compongono il kayak richiedono un maggior tempo per l’assemblaggio

diffidenza relativa alla sicurezza nel dormire in mare su un piccolo mezzo

focus on dumbo


Competitive Analysis

focus on dumbo

Dumbo il kayak per il campeggio-crociera

prezzo di vendita

marca

modello

2000€

Hobie kayak

Kahuna (TESI)

ve

1700€

Sea kayak design

526

ve

1000/1300 €

no brand

Dumbo (TESI)

po

850 €

Bic Kayaks

Kalao

po

n.p

no brand

Rez-Q (PROGETTO)


scocca

carico massimo

peso

caratteristiche

dimensioni

etroresina

n.p

n.p

kayak da turismo per escursioni brevi

430x70

non autosvuotante

etroresina

120 kg

25 kg

kayak da turismo per escursioni lunghe

430x180 con outrigger

526x53

non autosvuotante

olietilene

olietilene

310 kg

310 kg

50 kg ipotesi

kayak da turismo per escursioni lunghe autosvuotante

41 kg

sit on top per escursioni brevi e pesca.

480x98.5 480x190 con outrigger

435x88

autosvuotante n.p

200 kg

n.p

kayak da soccorso per inondazioni

250x60 250x190 con outrigger


Mappe di posizionamento

Dumbo il kayak per il campeggio-crociera

sportivo

economico

caro

amatoriale

veloce

instabile

stabile

lento


Competitors

Dumbo il kayak per il campeggio-crociera

Kahuna

512

Dumbo

Lorpercidunt lut wismod er iustisim duis nostrud modolt, sum illut lut erillum sandiam zzrit lam vel ullaor alissit alit aut iure verit lut nos ea core faciliquatem do er iustion sendit adiatet, quat, volut laore facipis sequa sequatet, si eugait vel ea

modulo Kalao giovanni massa

Rez-Q

focus on dumbo


Analisi di fattibilità

Dumbo il kayak per il campeggio-crociera

Fattibilità commerciale: Nel marcato esistono kayak con determinate caratteristiche di prestazioni che consentono il kayak touring. Anche se la pratica è ad oggi diffusa, non esiste ancora un prodotto ad hoc per il campeggio nautico in kayak, ma soltanto prodotti le cui caratteristiche permettono di customizzarlo per affrontare il campeggio nautico. Nel settore del campeggio terrestre sono presenti prodotti il cui livello di utilizzo e di prestazioni offerte e richieste sono paragonabili alle capacità del Dumbo. Fattibilità economica: Il Dumbo è stato progettato ponendo come base la tecnologia ed i metodi produttivi bickayak, il prezzo è rapportabile al kayak kalao della serie bickayak, quindi generare adeguati margini di guadagno. Con questo prodotto, inoltre, si potrebbe soddisfare una parte di utilizzatori di kayak touring e crearne una nuova schiera, così come la serie 2seconds della quechua ha fatto nel mondo del campeggio. La tecnologie per la produzione sono già in mano all’azienda, una partnership con quechua per la fornitura di prodotti adeguati al campeggio, andrebbe a completare la proposta e creare una nuova richiesta anche da parte degli utilizzatori di prodotti quechua, che in questi anni hanno soddisfatto la loro domanda nel settore del campeggio terrestre. Fattibilità tecnica: Bickayak è già inserita nel mercato del prodotto kayak, ma non ha l’esperienza necessaria nel gestire i prodotti da campeggio.

focus on dumbo


Fattibilità tecnologica: Bic produce già kayak e la carena del Dumbo e tutte le sue parti sono state progettate e disegnate per essere prodotte con le tecniche e tecnologie che la divisione BicKayak ha già a disposizione. Le parti relative al campeggio,invece , andrebbbero a richiedere uno sviluppo dell’azienda verso questo settore specifico o a far si che Bickayak sviluppi una partnership con quechua colmando così le mancanze relative al settore camping. Fattibilità approvigionamenti: Le materie prime e i semilavorati sono di uso comune e non necessitano di particolari trattamenti tecnologici. Lo scafo e la cappottina sono in polietilene mentre gli imbottiti e i tessuti sono a base poliuretanica rivestita poliestere e vinile rivestito poliestere. Fattibilità di utilizzo: Oggi nel mercato sono presenti molte tipologie di oggetti che richiedono un concreto sforzo fisico all’utilizatore in cambio di divertimento. Prodotti come la nintendo wii, la campagnia di gare sportive nike + apple, la nascita di sport di strada come il parcure e lo sviluppo di vecchie tipologie di giochi come lo skate trasformato in surfing skate, potrebbero aver preparato il terreno per l’utilizo di un oggetto come Dumbo. Fattibilità operativa: La bickayak opera già nel settore del kayaking offrendo una gamma ampia di prodotti e accessori, dumbo andrebbe ad ampliare l’offerta e proponendo un modo nuovo per affrontare il campeggio nautico. La bic ha già dimostrato questa apertura verso gli ibridi tipologici proponendo imbarcazioni con caratteristiche originali.


|118|

|118|

focus on dumbo


Analisi del valore

Dumbo il kayak per il campeggio-crociera

1) Un materiale meno costoso può svolgere le stesse funzioni? Il materiale utilizzato per lo scafo è il polietilene, a paragone con gli altri materiali utilizzati per la produzione dei kayak è il più economico. I materiali alternativi presi in esame per la realizzazione del corpo centrale del kayak sono: il compensato marino, la vetroresina e il polipropilene. Le componenti secondarie sono componenti normalizzate, il materiale sul quale intervenire è il tessuto che forma la tenda: il texit, una membrana tecnica a base poliuretanica utilizzata anche per le tende Ferrino. Si potrebbe realizzare questo elemento con tessuti meno performanti indicandone i limiti di utilizzo, come il grado isolamento termico in un range di temperature. Consentendo così di mantenere la funzione, ma con livelli prestazionali differenti. 2) Si può ridurre lo sfrido generato dalle dimensioni del materiale Per lo scafo: Un piano di stampo più accurato andrebbe a ridurre lo sfrido da rimacinare, così da non utilizzare altra energia. Non ci sono scarti effettivi, poiché al momento è possibile rimettere in circolo quasi tutto il materiale non utilizzato nella stampata con macinatrici di piccole dimensioni inserite nella catena produttiva. Per la tenda: Questo è l’elemento sul quale implementare il piano di taglio e se il caso cambiare il disegno stesso dell’elemento. 3) Si può ridurre il numero dei materiali impiegati? si, sostituendo gli elementi multimaterici con elementi monomaterici. La conseguente perdita di prestazione andrebbe a spostare il prodotto in una fascia di prezzo differente.

focus on dumbo


meccanismo di sollevamento

tetto rigido

tenda monoposto

alloggi tetto rigido

cuscini estraibili

materassino

chiusura della presa d’aria

timone

tappi dei gavoni di coda

rete

tappo del gavone di punta

trampolino

deriva

puntapiedi

kayak

vinile rivestito in poliestere

schiuma di poliuretano rivestita in poliestere

texit - membrana a base poliuretanica

polietilene


4) Un materiale più costoso o meno costoso farebbe cambiare la tecnologia produttiva? Dipende dalle caratteristiche tecniche ed estetiche del materiale. Materiali dalle stesse caratteristiche strutturali e produttive ma differenti rese estetiche, non farebbero cambiare le tecnologie produttive iniziali ma comporterebbero un ulteriore fase di finitura ed eventuali passaggi industriali. Se i materiali in questione presentano caratteristiche prestazionali migliori ma con differenti metodi produttivi, il disegno del progetto andrebbe sicuramente cambiato poiché questo stato realizzato per la produzione dei materiali indicati rispettando le caratteristiche e i limiti delle materiale e delle tecnologie adoperate dalla Bic per quanto riguarda lo scafo della Quechua per i materassini e dalla Frizza s.p.s per quanto riguarda la tenda. 5) La tecnologia produttiva è adatta alla produzione di piccoli lotti? No, i costi fissi non verrebbero ammortizzati dalle piccole quantità. 6) Modificando il disegno del manufatto si possono ridurre i costi? Uno studio ingegneristico delle sezioni e dei carichi applicati farebbe sicuramente sorgere possibilità di ottimizzazione delle sezioni e delle disposizioni dei carichi. Ciò comporterebbe una riduzione della quantità di materiale utilizzato e la conseguente riduzione dei costi. 7) Alcuni componenti possono essere sostituiti con componenti normalizzati? Si, il meccanismo di apertura della cappottina può essere ulteriormente studiato e ridisegnato in base a componenti normalizzate. 8) Il disegno del manufatto consente un montaggio senza utensili? No, ma gli utensili utilizzati sono pochi e reperibili. L’unione tra scafo e trampolino e tra kayak e minuteria avviene per avvitamento, la tenda viene assemblata senza l’ausilio di utensili ma tramite ganci ed anelli. Gli imbottiti non vengono agganciati allo scafo, ne viene unita l’imbottitura al rivestimento.


focus on dumbo


fabio nucatolo old portfolio  

New portfolio http://fabionucatolo.com

Advertisement