Page 1

Comune di Civitanova Marche Assessorato alla Cultura e al Turismo Teatri di Civitanova

RASSEGNA STAMPA EDIZIONE 2015 Carlo Scheggia - responsabile comunicazione istituzionale - 3398775717 - carlo@essercicomunicazione.it Teatri di Civitanova - Azienda Speciale Servizi Cultura e Spettacolo | Via B. Buozzi 1 - 62012 Civitanova Marche email: info@teatridicivitanova.com | www.tdci.it | Tel +39.0733.812936 | Fax +39.0733.811536


31 Luglio 2015 - Corriere della Sera (ed. Nazionale)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 41

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


26 Luglio 2015 - La Gazzetta del Mezzogiorno (ed. Lecce)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 21

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


04 Agosto 2015 - La Provincia (ed. Cremona)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 46

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


03 Agosto 2015 - La Repubblica (ed. Nazionale)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 29

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


04 Agosto 2015 - Giornale di Brescia

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 32

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


26 Luglio 2015 - Il Sole 24 Ore

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 24

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


28 Luglio 2015 - Gazzetta del Sud (ed. Messina - Sicilia)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 07

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


26 Luglio 2015 - La Repubblica (ed. Nazionale)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 42

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


04 Agosto 2015 - Il Giornale di Vicenza

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 41

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


04 Agosto 2015 - L'Arena

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 50

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


04 Agosto 2015 - Il Quotidiano del Sud (ed. Reggio Calabria)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 34

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


24 Luglio 2015 - LibertĂ

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 28

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Seguici... Cerca Veneto

Italia

Mondo

Economia

Sport

Cultura

Spettacoli

Foto

Video

Spazio Lettori +

Altri +

28 luglio 2015

Spettacoli Vicenz@NetMusic Gruppi locali Gossip Dischi Concerti Cinema Teatro Agenda Home

Spettacoli

OGGI IN SPETTACOLI

AGENDA OGGI

DOMANI

SETTIMANA

CERCA

CULTURA

Federico Bonaldi. Con la Bottega il soldato Svejk fugge dalla Guerra

In Memoriam La Grande Guerra tra danza e corale

Nuova Luce lancia segnali di pace con Fresu e Rotelli

Momix e cabaret nel calendario del Comunale

Più di ogni altro, tra i ceramisti scultori, Federico ... CULTURA

Aldo Manuzio Aldo Manuzio: umanista, tipografo ed editore nelle ...

27.07.2015

CULTURA

Tags: , Grossman, no occupazione Palestina

Federico Bonaldi. La magia del racconto. Sculture ceramica grafica

Grossman, no occupazione Palestina

È aperta fino al 18 ottobre la prima mostra esaustiva ... TUTTI GLI EVENTI IN AGENDA

IL METEO

Vicenza

MULTIMEDIA

CANALI

Radiovicenza

Seguici

Lettura di

Sezioni

SPETTACOLI

Grossman, no occupazione Palestina

1 di 2

Diminuisci Stampa Commenta

0

Servizi

Vai alla notizia

Tutto Schermo

Aumenta

Dai lettori

ANSA)- CIVITANOVA MARCHE (MACERATA),27 LUG - "Israele ha occupato la Palestina 48 anni fa, per me da israeliano questa è una cosa inconcepibile". Così lo scrittore David Grossman, al Futura Festival di Civitanova Marche. "Non c'è stata una singola trattativa negli ultimi sei anni con in mente il raggiungimento della pace, ha detto. I due popoli e i rispettivi leader sono in posizioni sempre più fondamentaliste, e dimenticano che l'immobilismo attuale non è una condanna divina, ma c'è un'alternativa".

PRECEDENTE

Cerca

PROSSIMA

TVA Vicenza

I nostri video

I VIDEO SCELTI DA NOI VIDEO / IL MEGLIO DEL GDV

La cucina di Yoji Tokuyoshi VIDEO / IL MEGLIO DEL GDV 2

ME

Valdagno, il corteo dei lavoratori. ALBERTO MASSIGNAN VIDEO / SPORT

Calciomercato, Marotta: "Nessuna fretta per Draxler"


Data:

L'Arena.it

27/07/2015

Grossman, no occupazione Palestina Grossman, no occupazione Palestina Aumenta Diminuisci Stampa Invia Tweet @Seguici ANSA)- CIVITANOVA MARCHE (MACERATA),27 LUG - "Israele ha occupato la Palestina 48 anni fa, per me da israeliano questa è una cosa inconcepibile". Così lo scrittore David Grossman, al Futura Festival di Civitanova Marche. "Non c'è stata una singola trattativa negli ultimi sei anni con in mente il raggiungimento della pace, ha detto. I due popoli e i rispettivi leader sono in posizioni sempre più fondamentaliste, e dimenticano che l'immobilismo attuale non è una condanna divina, ma c'è un'alternativa". ME

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Data:

CinemaItaliano.info

31/07/2015

Italo Moscati e Matteo Garrone ospiti del Futura Festival Italo Moscati e Matteo Garrone ospiti del Futura Festival Tra gli ospiti dell'ultima edizione del Futura Festival, il 2 agosto a Civitanova Alta Marche sarà di scena Italo Moscati, che interverrà nell'incontro "Anna & Greta, star per sempre" presentando i suoi volumi "Anna Magnani un urlo senza fine" e "Greta Garbo star per sempre". Nel corso della serata Moscati incontrerà poi Matteo Garrone in Piazza della Libertà per una chiacchierata sul suo cinema. 31/07/2015, 14:39

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


3/8/2015

CIVITANOVA MARCHE. Erri De Luca su Tav: "mi piace il verbo sabotare"12alle12

BLOG

CHI SIAMO

CONTATTACI

PER LA TUA PUBBLICITA’

VOCEA

GIRA LA VOCE

TUTTO LO SPORT

EXPO 2015

CERCA IL TUO COMUNE

IL SITO PIÙ VISITATO A NORD DI TORINO

PRIMA PAGINA

CINEMA

ITALIA

PIEMONTE

L’AVVOCATO RISPONDE

CASTELLAMONTE. Ma che bel castello... TEMPO REALE

IN PROVINCIA DI TORINO

DAL RESTO DEL MONDO

TURISMO GRANDI EVENTI

CUORGNE'. Portati un pennello

SPORT

CALCIO ITALIA

TURISMO

CUCINA

EVENTI

LETTERE AL DIRETTORE

STORIE DI SPORT

TERZA PAGINA

SPETTACOLO

VIAGGI

CUORGNE'. Saitta riapra l'ostetricia-ginecologia

HOME / ITALIA / CIVITANOVA MARCHE. ERRI DE LUCA SU TAV: “MI PIACE IL VERBO SABOTARE”

SCARICA LA NOSTRA APP

CIVITANOVA MARCHE. ERRI DE LUCA SU TAV: “MI PIACE IL VERBO SABOTARE” 02 AGO 2015 

0 COMMENTI

Erri De Luca

”A me piace il verbo sabotare. Ricorda una lotta operaia francese, quando gli operai gettarono degli zoccoli per inceppare le macchine a difesa dei colleghi licenziati. Lo sciopero è un sabotaggio e io dico che la Tav come pure le trivellazioni in Adriatico vanno sabotate. Esiste una differenza nel nostro Paese fra legalità e giustizia”. Lo ha detto lo scrittore Erri De Luca, dal palco di Futura Festival, a Civitanova Marche. De Luca, riferisce una nota, ha parlato anche della sua vicenda giudiziaria, di “imputato di un reato previsto dal codice fascista e che va contro la libertà di espressione” per la posizione contro l’alta velocità in Val Di Susa. ”Sono indagato per istigazione a commettere reati. È una possibilità lusinghiera che le mie parole avessero spronato qualcuno, una sorta di mandato a compiere delle azioni”, ha aggiunto citando l’ultimo suo libro, ‘La parola contraria’. Condividi su 4

2

http://12alle12.it/civitanova-marche-erri-de-luca-su-tav-mi-piace-il-verbo-sabotare-161736

1/4


5/8/2015

Garrone al Futura Festival: per ora nessun progetto

luce cinecittà

home

news

interviste

articoli

box office

focus

news

Mercoledì 5 Agosto 19:27

home  >  news  >  news 0

0

Scrivi alla redazione

Stampa

Garrone al Futura Festival: per ora nessun progetto Ang

03/08/2015

"Dipingevo, non leggevo e volevo fare il tennista, mio padre era disperato".     Così il regista Matteo Garrone al Futura Festival. Garrone ha parlato del suo ultimo film, il Racconto dei racconti, e dell'abitudine a 'scrivere per immagini', che gli deriva dalla sua formazione pittorica. I progetti?: "Nessuno, lo giuro, proprio prima di venire qui stavo rileggendo i miei appunti per farmi venire in mente qualcosa".   

VEDI ANCHE FLASH NEWS La grande arte al cinema con Nexo Premio Gian Maria Volontè a Jasmine Trinca

Premio Raf Vallone a Ricky Tognazzi e Michele Alhaique Premio Solinas Documentario: scadenza bando il 21 settembre

ALTRI CONTENUTI La grande arte al cinema con Nexo Premio Gian Maria Volontè a Jasmine Trinca Premio Raf Vallone a Ricky Tognazzi e Michele Alhaique A Salina CineCocktail con Castellitto e Guzzanti

CERCA NEL DATABASE Seleziona un'area di ricerca:  

Tutti

  

Ricerca

CINECITTÀ NEWS

ARCHIVIO STORICO

PROMOZIONE INTERNAZIONALE CINEMA CONTEMPORANEO

PROMOZIONE INTERNAZIONALE CINEMA CLASSICO

FILM E DOCUMENTARI

CHI SIAMO

news

archivio cinematografico

news

promozione

film

contatti

interviste

archivio fotografico

film

cineteca

documentari

articoli

archivio partner

industry

eventi

news

box office

percorsi

festival

attività

filmografie

editoria

focus

http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1906&url=http://news.cinecitta.com/IT/it-it/news/53/64444/garrone-al-futura-festival-per-ora-nessun-progetto.aspx

1/2


Dagospia (/)

(http://www.dago‑ art.it)

(http://www.dago‑ art.it)

DAGOBEST

3 AGO 2015 11:04

LA LOTTA CONTINUA DI ERRI ‑ DE LUCA SEMPRE PIU' "CATTIVO MAESTRO": "MI PIACE IL VERBO SABOTARE, RICORDA UNA LOTTA OPERAIA FRANCESE. E IO DICO CHE LA TAV E LE TRIVELLAZIONI IN ADRIATICO VANNO SABOTATE" Dal palco del Futura Festival di Civitanova Marche Erri De Luca è tornato a parlare della Tav e della relativa vicenda giudiziaria che lo vede imputato: "Sabotare" ricorda una lotta operaia francese, quando gli operai gettarono degli zoccoli per inceppare le macchine a difesa dei colleghi licenziati ‑ Esiste una differenza nel nostro Paese fra legalità e giustizia..."

1. I CRETINI D'ASSALTO GIOISCONO PER LA CHIUSURA DEL... (/rubrica‑ 29/cronache/cretini‑assalto‑gioiscono‑

1

2

3

4

5

6

7

I PIÙ LETTI QUESTO MESE

(/)

CIUF CIUF! PASSA IL TRENINO DEI MEDIA E TV (/RUBRICA-2/MEDIA E TV.HTM) POLITICA (/RUBRICA-3/POLITICA.HTM) POMPINI A MAGALUF! È IL 'MAMADING', FELLATIO BUSINESS (/RUBRICA-4/BUSINESS.HTM) CAFONAL (/RUBRICA-5/CAFONAL.HTM) PRATICATE A... (/rubrica‑ 2/media_e_tv/ciuf‑ciuf‑passa‑ CRONACHE (/RUBRICA-29/CRONACHE.HTM) SPORT (/RUBRICA-30/SPORT.HTM) trenino‑pompini‑magaluf‑ mamading‑fellatio‑104697.htm) (/SCRIVI_DAGOSPIA) (http://adv.ilsole24ore.it/RealMedia/ads/click_lx.ads/www.dagospia.it/13/politica/577970002/Ticker_01/default/empty.gif/5757466f5a6c555a654

Condividi questo articolo

ANCHE QUEST'ESTATE ABBONDANO LE COPPIE CHE TROMBANO PER STRADA SENZA PUDORE: DALLA BALLERINA...

(/mediagallery/Dago_fotogallery‑

(/rubrica‑29/cronache/anche‑ quest‑estate‑abbondano‑ coppie‑che‑trombano‑strada‑ senza‑pudore‑105347.htm)

VACANZA SELVAGGIA: "AVVERTIMENTO PER LE DONNE CHE ANDRANNO IN GRECIA: SE GLI UOMINI IN COSTUME...

142614/669955.htm) ERRI DE LUCA PROCESSO

Da “la Repubblica” (http://www.repubblica.it) «A me piace il verbo sabotare». Dal palco del Futura Festival di Civitanova Marche Erri De Luca è tornato a parlare della Tav e della relativa vicenda giudiziaria che lo vede imputato, al quale ha dedicato il pamphlet La parola contraria .   “Sabotare”, ha detto lo scrittore, «ricorda una lotta operaia francese, quando gli operai gettarono degli zoccoli per inceppare le macchine a difesa dei colleghi licenziati. ERRI DE LUCA Lo

(/rubrica‑ 2/media_e_tv/vacanza‑ selvaggia‑avvertimento‑donne‑ che‑andranno‑grecia‑se‑ 105004.htm) BENTORNATA "LADYLIKE"! SELVAGGIA: "LA MORETTI PIÙ BELLA, BRAVA E INTELLIGENTE CHE MAI È... (/rubrica‑

3/politica/bentornata‑ladylike‑ selvaggia‑moretti‑pi‑bella‑ brava‑105543.htm) SCOPACI, NONNINO! - A MESTRE DUE RAGAZZINE NOMADI SI SONO PRESENTATE ALLA PORTA DI UN ANZIANO... (/rubrica‑

29/cronache/scopaci‑nonnino‑ mestre‑due‑ragazzine‑nomadi‑ si‑sono‑presentate‑ 103375.htm) MILANOSPIA! LA POCO AVVENENTE MOGLIE


Appartamento in vendita a Macerata

Appartamento in vendita a Macerata

Appartamento in vendita a Macerata

€ 130 000

€ 100 000

€ 70 000

Clicca qui

Clicca qui

Clicca qui

Appartamento in vendita a Macerata

Appartamento in vendita a Macerata

Appartamento in vendita a Macerata

€ 115 000

€ 60 000

€ 59 000

Clicca qui

Clicca qui

Clicca qui

Seguici... Cerca Veneto

Italia

Mondo

Economia

Sport

Cultura

Spettacoli

Foto

Video

Spazio Lettori +

Altri +

03 agosto 2015

Spettacoli Vicenz@NetMusic Gruppi locali Gossip Dischi Concerti Cinema Teatro Agenda Home

Spettacoli

OGGI IN SPETTACOLI

SCRIVICI PARTECIPA ANCHE TU

manda le tue segnalazioni a culturaspettacoli@ ilgiornaledivicenza.it A Campo MarzoMario Venuti canta30 anni di musica

«Nordest da ridereSartana, dispostoa tutto per i Schei»

Musica: i "2Cellos" alla conquista di Roma

House of Cards, torna la serie Tvche ha stregato anche Obama

AGENDA OGGI

DOMANI

SETTIMANA

CERCA

CULTURA

03.08.2015

Tags: CIVITANOVA MARCHE (MACERATA) , Garrone, scrivo per immagini

Federico Bonaldi.

Garrone, scrivo per immagini SPETTACOLI Seguici

Lettura di

Sezioni

Più di ogni altro, tra i ceramisti scultori, Federico ... CULTURA

Servizi

Cerca

Aldo Manuzio Aldo Manuzio: umanista, tipografo ed editore nelle ... Vai alla notizia PRECEDENTE PROSSIMA

Garrone, scrivo per immagini

CULTURA

Federico Bonaldi. La magia del racconto. Sculture ceramica grafica È aperta fino al 18 ottobre la prima mostra esaustiva ... TUTTI GLI EVENTI IN AGENDA

IL METEO

Vicenza

1 di 2

Tutto Schermo

MULTIMEDIA Aumenta Diminuisci Stampa Commenta

0 Mi piace Condividi

(ANSA) - CIVITANOVA MARCHE (MACERATA), 3 AGO "Dipingevo, non leggevo e volevo fare il tennista, mio padre era disperato". Così il regista Matteo Garrone al Futura Festival. Garrone ha parlato del suo ultimo film, il Racconto dei racconti, e dell'abitudine a 'scrivere per immagini', che gli deriva dalla sua formazione pittorica. I progetti?: "Nessuno, lo giuro, proprio prima di venire qui stavo rileggendo i miei appunti per farmi venire in mente qualcosa".

CANALI

Radiovicenza

Dai lettori

I nostri video

TVA Vicenza


5/8/2015

Garrone, scrivo per immagini | La Gazzetta del Mezzogiorno.it

Mercoledì, 05 Agosto 2015, ore 19:33

 Cerca nel sito

••••••••

 Email

>>

Registrati | Recupera password

SPETTACOLO

GdM Edicola   Archivio Storico   GdM Multimedia   Gazzettaffari   Battaglia Treni   Newspapergame   Cucina   Quadretti Selvaggi   Programmi Tv   Contatti

HOME BARI   BAT   BRINDISI   FOGGIA   LECCE   TARANTO   MATERA   POTENZA   SPORT   ITALIA   MONDO   ECONOMIA   SPETTACOLO   ENGLISH

Legale Servizi   Vivi Città   LaGazzetta.TV   Meteo   Oroscopo   Analisi   Blog   Forum   Sondaggi   Foto   Crociere  

Ascolta

0

TRADUCI

0

SPETTACOLO N­24

56

16:16 | CORTINA | Cortina: in scena i Grandi Film di Hollywood con l'Orchestra Filarmonia Veneta

Mi piace

Garrone, scrivo per immagini

18:01 | RHO | Beni culturali: ministro Nepal, non abbiamo mezzi per contribuire a tutela

Il regista al Futura Festival, nuovi progetti? per ora nessuno

16:49 | RHO | Beni culturali: Renzi a Expo per conferenza internazionale

(ANSA) ­ CIVITANOVA MARCHE (MACERATA), 3 AGO ­ "Dipingevo, non leggevo e volevo fare il tennista, mio padre era disperato". Così il regista Matteo Garrone al Futura Festival.  Garrone ha parlato del suo ultimo film, il Racconto dei racconti, e dell'abitudine a 'scrivere per immagini', che gli deriva dalla sua formazione pittorica.  I progetti?: "Nessuno, lo giuro, proprio prima di venire qui stavo rileggendo i miei appunti per farmi venire in mente qualcosa". 03 Agosto 2015  © RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA

Vai alla sezione

20

Vai alla sezione

8

INVIA A UN AMICO

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI (4WNet)

In mostra costumi da storia del cinema

^

Garrone, mio kolossal ha cuore italiano

Il racconto dei racconti a Castel del Monte Oggi il primo ciak

Gioca e vinci con mytop11. Scegli la squadra Segui il calciomercato Crea la formazione

^

http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/spettacolo/garrone-scrivo-per-immagini-no838323

1/3


Seguici... Cerca Italia

Mondo

Economia

Sport

Cultura

Spettacoli

Foto

Video

Spazio Lettori +

Altri +

03 agosto 2015

Spettacoli Fai di questa pagina la tua homepage Appuntamenti Cinema Musica Teatro - Danza Personaggi TV Artisti cercansi Agenda Band veronesi Schermi d'amore 2010 A tutto volume Stagione Lirica 2009 Festival del Garda 2009 Concerti Festival del cinema africano 2009 Home

Spettacoli

OGGI IN SPETTACOLI IL METEO

Verona 2Cellos, 15mila fan per tappe italiane

03.08.2015

Moretti, pregiudizi verso film italiani

Morto in Brasile a 95 anni Orlando Orfei

Il Porretta Soul Festival alle Canarie

Garrone, scrivo per immagini

MULTIMEDIA

1 di 2

Garrone, scrivo per immagini

Aumenta Diminuisci Stampa Invia

0

IN DIRETTA

CANALI

TG

News

RadioVerona

Italia

Tutto Schermo

CIVITANOVA MARCHE (MACERATA), 3 AGO - "Dipingevo, non leggevo e volevo fare il tennista, mio padre era disperato". Così il regista Matteo Garrone al Futura Festival. Garrone ha parlato del suo ultimo film, il Racconto dei racconti, e dell'abitudine a 'scrivere per immagini', che gli deriva dalla sua formazione pittorica. I progetti?: "Nessuno, lo giuro, proprio prima di venire qui stavo rileggendo i miei appunti per farmi venire in mente qualcosa".

I VIDEO SCELTI DA NOI VIDEO / NEWS

Trapianto di mani per un bambino di 8 anni

Mi piace

MOR

Condividi Tweet

VIDEO / SERVIZI

Body painting, i premiati

0

Segui VIDEO / CALCIO

0

CORRELATI

Calcio: 1/a vittoria per Lugano di Zeman

ARTICOLI DA LEGGERE


Il Fatto Quotidiano 06 Dicembre 2014

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 18

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Corriere della Sera (ed. Nazionale) 18 Gennaio 2015

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 33

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


25 OTTOBRE 2014 | NUMERO 41 | SETTIMANALE

€ 2,00 | 84 PAGINE

LIBIA

L’incubo di un califfato sull’altra sponda

SOCIETÀ

Ecco i nababbi che governano il mondo

FUMETTO

La storia di Selma. Disegni di Ugo Bertotti

SETTIMANALE LEFT AVVENIMENTI POSTE ITALIANE SPA SPED. ABB. POST. D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1, COMMA 1 DCB ROMA ANNO XXVI - ISSN 1594-123X

IL MIO LAVORO È LA MIA DIGNITÀ

L’Italia torna in piazza. Parlano Maurizio Landini e Stefano Rodotà DI SOFIA BASSO, ILARIA BONACCORSI, DONATELLA COCCOLI E ROCCO VAZZANA CON I CONTRIBUTI DI SUSANNA CAMUSSO E SERGIO COFFERATI E L’EDITORIALE DI ADRIANO PROSPERI

La festa di Left 25/26 ottobre Ex Cartiera Latina Roma DRESS CODE: camicia rossa

#camiciarossa

all’interno un inserto speciale


EDITORIA

6 L’installazione Flying books a North Beach nella città di San Francisco

66

25 ottobre 2014


left.it

LEGGETEVI FORTE © GAZERONLY/FLICKR

Nel Belpaese in cui i festival letterari sono presi d’assalto mentre le librerie languono, c’è uno zoccolo duro di fedelissimi della pagina scritta. Per capire chi sono e cosa amano sono nate le primarie della lettura DI FILIPPO LA PORTA

25 ottobre 2014

67


EDITORIA

P

ossibile che quando si parla di promozione della lettura non ci si riferisce mai alla qualità? Eppure si parla di qualità in occasione del cibo, come dimostra Eataly. La lettura non è un valore in sé, specie se bulimica. Può anche diventare un surrogato dell’esperienza e uno status symbol, può persino sostituire il pensiero. Come scriveva nel ’700 Lichtenberg «Credo che alcuni dei nostri più grandi spiriti che siano mai vissuti avevano letto la metà e sapevano assai minor numero di cose dei nostri dotti di mediocre cultura. Qualcuno di costoro sarebbe potuto diventare migliore se non avesse letto tanto». E come sappiamo Hitler leggeva un libro a notte, in compagnia della sua tazza di tè, e la sua biblioteca nel 1940 ne contava oltre 16mila! È un valore, e dunque uno strumento di crescita e di emancipazione per le persone, solo a certe condizioni: dipende da cosa si legge e da come si legge. Credo inoltre che ci sia una segreta complicità tra lettori bulimici e non lettori. Entrambi fuggono la lettura come qualcosa che può trasformarli e, entro certi limiti, disturbarli. È legittimo acquistare un libro solo per informarsi su qualcosa o per intrattenimento. Ma la cultura non coincide tout court con l’informazione, né va usata come autoconferma (come, presumo, amava fare Hitler). È capacità di scegliere e di valutare. Altrimenti la lettura non arriva neanche a essere, propriamente, un’esperienza. Ora, chi decide la qualità della lettura? Non certo un comitato ministeriale di garanti o una super élite di esperti. Qualsiasi indicazione al riguardo deve partire dal basso. Ho pensato allora a una proposta che ha avuto una prima sperimentazione-pilota nel recente Futura Festival a Civitanova Marche. Organizzare le primarie dei lettori forti (6 per cento della popolazione: leggono almeno 12 libri all’anno e comprano quasi la metà dei libri venduti), chiamati a votare gli scrittori che intendono avere come ospiti nei prossimi festival. Anche perché i festival letterari sparsi per la penisola dovrebbero opporsi con maggiore convinzione alla logica sempre più pervasiva del mercato e al dispotismo delle classifiche. E possono farlo in un solo modo: non tanto invitando scrittori che già hanno una sovraesposizione mediatica ma dando spazio a libri di qualità, per qualche ragione negletti o emarginati dal mercato. Ho in mente quei lettori forti che nelle parole di Ezio Raimondi appena scomparso, ricordate da Romano Montroni (presidente del Cepell), sono «uomini liberi che cercano un senso più profondo del reale». Ed è “lettore forte”, in questo caso, chi semplicemente sceglie di spostarsi da casa per andare a votare, dimostrando così la propria cittadinanza attiva. 68

0 Lo scrittore cileno Roberto Bolaño e l’americano David Foster Wallace sono in cima alla classifica delle preferenze del popolo della rete

Se anche gli elettori forti rivolgessero le loro preferenze a libri di più facile consumo e a star televisive, se votassero in massa per Fabio Volo allora nessuno potrebbe obiettare più nulla. Ma confesso il mio pregiudizio illuministico: se le persone riescono a ragionare e, informarsi passano dallo status di consumatori acritici a quello di cittadini consapevoli. Infatti nel “canone” spontaneo di blog e social network gli scrittori più citati sono autori più di “nicchia” come Bolano e Foster Wallace, o come Franco Arminio e Michele Mari. Ora, dico subito che i risultati delle primarie marchigiane potrebbero essere in parte deludenti, dal punto di vista della qualità, ma proverò a interpretarli. Le schede riempite a Futura Festival (e anche in librerie di Ancona e San Benedetto) sono circa 200, con una rilevante “dispersione” del voto, forse espressione di una estrema frammentazione, della mancanza di un gusto, di un orizzonte culturale davvero comune. Scorriamo l’alta classifica. Al primo posto Baricco (10 voti), a seguire Camilleri (9), De Giovanni e Rowling (8), Donna Tartt (7), Gramellini e Gamberale (6). Colpiscono alcune assenze: non c’è 25 ottobre 2014


left.it

GLI APPUNTAMENTI

Il futuro del libro è il tema di cui si discute alla sesta edizione delle Giornate del libro politico a Montecitorio. Il 25 ottobre, in particolare, si segnala un appuntamento dedicato a Riccardo Lombardi nel socialismo italiano, ma anche la presentazione del libro È facile cambiare l’Italia, se sai come farlo di Alessandro Rimassa (Hoepli). Ma c’è grande attesa anche per Il Pisa Book festival, dal 7 al 9 novembre, al Palazzo dei Congressi di Pisa e per Bookcity Milano che si svolgerà dal 13 al 16 novembre. In questo ambito prende vita I mestieri del libro che raccolgono sempre una grande partecipazione da parte di studenti e giovani. Ma da non perdere è anche il Milano Book Party un evento organizzato da Iperborea con le case editrici indipendenti Instar Libri, La Nuova frontiera, Minimum fax, Nottetempo e Voland. Quest’anno tutti gli appuntamenti si svolgeranno nella sede del Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci. il premio Strega Piccolo (nessun voto), né il famigerato Fabio Volo (4), da me assunto come simbolo della bieca letteratura di consumo (nonostante la innegabile simpatia del personaggio), né Margaret Mazzantini (2), né Sepulveda (nessun voto) e Coelho (2), e né il nostro Coelho partenopeo, ovvero Erri De Luca (1 voto). Stravince Baricco perché è l’autore che meglio di tutti incarna un modello di letteratura insieme colta e di intrattenimento, furbescamente intensa e spettacolare (miscela da lui teorizzata), perfettamente in sintonia con la middle class culturale, con un certo tipo di lettore forte, che ha bisogno di sentirsi più intelligente e al passo con i tempi (il principale frequentatore dei festival). Al secondo posto Camilleri, migliore artigiano del giallo, quasi “genere unico” nel nostro Paese, poi l’altro giallista De Giovanni e l’autrice di Harry Potter, Donna Tartt per il suo bestseller, due volti televisivi come Gramellini e Gamberale. E qui però occorre fare una considerazione. Va bene, il lettore forte è un lettore esigente e la democrazia stessa ha bisogno di cittadini capaci di giudizio critico, però questo giudizio si forma attraverso momenti di confronto e dibattito. Altrimenti qualsiasi consul25 ottobre 2014

0 Gli autori italiani Alessandro Baricco e Andrea Camilleri guidano la classifica del Futura Festival

I lettori forti sono il 6% della popolazione. Leggono almeno 12 libri all’anno. Chi sono? «Uomini liberi che cercano un senso più profondo del reale». Per dirlo con le parole di Ezio Raimondi

tazione somiglia a un sondaggio, che raccoglie solo gli umori estemporanei, più “emotivi” della gente. In futuro le primarie dei lettori forti dovranno essere accompagnate da questi momenti in cui si è chiamati a deliberare dopo una discussione “informata, argomentata, bilanciata”, come si legge nel progetto di ricerca del Cnr delle “doparie” (vedi doparie.it, recentemente attivatosi sui referendum sull’articolo 18). Inoltre, e questa è l’indicazione più preziosa emersa dalle primarie di Civitanova, a metà classifica si affollano i libri di saggistica, o “di confine”: Andreoli, Varzi, Casati, Bauman, Calabresi, Enzo Bianchi, Severino, Caramore, Natoli, Fusaro... Nelle “valutazioni” troviamo spesso l’aggettivo “stimolante”. Il bisogno di lettura si rivolge ad autori che non tanto ci raccontano storie(quelle le troviamo soprattutto al cinema o in tv), quanto ci aiutano a interpretare le idee che oggi muovono il mondo, a decifrare la spaesante complessità del presente. Non a caso i romanzi migliori della passata stagione, ad esempio quelli di Pecoraro e Pascale, sono fortemente imbevuti di idee, di pensiero critico sul mondo. I lettori forti vogliono oggi capire più che essere intrattenuti. Non so se in questo modo un libro può essere come un’ascia per il mare ghiacciato dentro di noi (secondo l’auspicio di Kafka) , ma ad esso ci rivolgiamo per cercare delle ragioni di vita, un senso più profondo del reale. s 69


Ansa

Marche

Grossman e Vattimo a Futura Festival 'Todo cambia', crisi e mutamento il tema di quest'anno ­ Redazione ANSA ­ CIVITANOVA MARCHE (MACERATA)  ­ 22 giugno 2015 18:51

David Grossman, Cristina Comencini, Vinicio Capossela, Piergiorgio Odifreddi e Gianni Vattimo. Ecco i primi grandi ospiti dell'edizione 2015 di Futura Festival, in programma a Civitanova Marche dal 24 luglio al 2 agosto. Il tema scelto dal direttore artistico Gino Troli è "Todo Cambia", crisi e mutamento, il futuro oltre la paura. "Futura è un progetto che ha un forte senso etico ­ ha detto Troli presentando l'edizione 2015 ­: cioè un festival deve avere una componente educativa e pedagogica marcata. Bisogna, anche in un momento di vacanza e svago, nutrire l'anima con scelte qualificative. Il tema scelto in questa terza edizione vuole sviscerare il processo del cambiamento, indagando sul cosa significa cambiare e come si cambia".   Grossman, considerato tra i più importanti scrittori a livello mondiale, attivista e sostenitore della sinistra israeliana, porta la sua esperienza a Civitanova. Ha perso il figlio ventenne durante la guerra israelo­libanese del 2006 e il suo impegno in favore della pace e del dialogo con arabi e musulmani è di conseguenza aumentato durante gli anni recenti. Futura apre anche ai temi dell'arte e della cultura italiana, discutendo con la cineasta Comencini, figlia di Luigi, e con il musicista Capossela che presenta il suo lavoro "Il paese dei coppoloni", candidato tra i 12 semifinalisti del Premio Strega 2015.  RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


€ 10,20 Compra

Il cucchiaino scomparso e altre storie della tavol...

Termini e Condizioni per utenti 3 Italia


anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi ehQuesto craMsito utilizza cookie, l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Ok Informativa estesa

MENU

Futura Festival punta sulla scienza Si potrà anche costruire un vero e proprio robot Lego Redazione ANSA CIVITANOVA MARCHE (MACERATA) 20 luglio 201513:26

(ANSA) - CIVITANOVA MARCHE (MACERATA), 18 LUG - Futura Festival, la rassegna che si propone di diventare 'laboratorio dell'avvenire' spaziando dalla musica al cinema, dalla filosofia alla scienza, è anche partecipazione attiva e in questa terza edizione potenzia l'offerta dei laboratori dedicati alla scoperta delle scienze. Dal 24 luglio al 2 agosto, gli spazi del centro di Civitanova Alta ospitano gli appuntamenti all'insegna dell'investigazione scientifica, organizzati in collaborazione con l'Università di Camerino, l'Associazione Alpha Gemini e l'Istituto Sant'Agostino, la Festa di scienza e filosofia di Foligno e Talent. Nel cortile ex Liceo, i laboratori Unicam preparano un viaggio tra esperimenti chimici, passeggiate 3d, droni e mini-robot, indagando il mondo dei numeri. Venerdì 24 luglio, si inizia con il workshop di medicina veterinaria, proseguendo il giorno successivo con quello di informatica e architettura. La chimica e la matematica sono protagoniste dei laboratori del 29 e 30 luglio. Si continua il 31 luglio con la fisica, concludendo con astronomia e architettura l'1 e il 2 agosto. Il Giardino della scienza anima lo spazio verde della Pinacoteca Mario Moretti, sabato e domenica, grazie all'Alpha Gemini e l'Istituto Sant'Agostino. Organizzati in tre momenti, gli appuntamenti sviluppano diverse tematiche scientifiche: la luce, le illusioni, la linguistica e le scienze naturali, con la narrazione di Claudio Bernacchia. Nel Chiostro di San Francesco, tutti i giorni, è aperto il laboratorio di chimica, fisica e matematica per grandi e piccini 'Nutriamo la mente'. Il workshop vuole essere una riflessione interdisciplinare tra cultura umanistica e scientifica. Sempre al Chiostro, sabato e domenica, laboratorio di robotica educativa e creativa, una visita guidata nel mondo della tecnologia e della programmazione ingegneristica a misura di adulti e bambini, che saranno affiancati da professionisti in ogni passaggio nella costruzione di un vero e proprio robot Lego. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

converted by W eb2PDFConvert.com


Data:

Aise - Agenzia Internazionale Stampa Estero

23/07/2015

FUTURA FESTIVAL: DA DOMANI A CIVITANOVA ALTA Sei in: Home / Cultura / Cultura FUTURA FESTIVAL: DA DOMANI A CIVITANOVA ALTA 23/07/2015 - 17:38 EmailStampaPDF CIVITANOVA\ aise\ - Centoventi appuntamenti, 27 laboratori, 25 sponsor, 3 mostre, 70 ospiti e la direzione artistica di Gino Troli. Ecco in numeri il Festival che anima Civitanova Alta, nelle Marche, da domani 24 luglio al 2 agosto e che domenica 26 ha in programma un evento unico: David Grossman che interviene su "letterature e verità", insieme a Filippo La Porta. L'autore israeliano di prende il testimone dal sociologo anglo-polacco Zygmunt Bauman e dal etnologo e antropologo francese Marc Augé, invitati speciali delle edizioni 2014 e 2013. Domani, Civitanova Alta apre le sue porte al cantautore e polistrumentista Vinicio Capossela, uno degli artisti più completi nel panorama italiano, e a Cristina Comencini, regista, sceneggiatrice e attrice, figlia del famoso cineasta Luigi. Nella sezione "Grande Cinema di Futura" troviamo i registi Matteo Garrone, pluripremiato per la sua trasposizione cinematografica di Gomorra e Giuseppe Piccioni, uno degli artisti italiani che più ha riflettuto sugli amori infelici delle figure al margine della società. I due film maker impreziosiscono il dibattito del Festival rispettivamente il 2 agosto e il 29 luglio. Sabato primo agosto, invece, lo scrittore Erri De Luca, uno tra gli intellettuali considerati testimoni del nostro tempo ed esploratori del futuro, arriva a Civitanova per riflettere sull'avvenire delle parole e con lui c'è anche Donatella Di Cesare, docente di Filosofia Teoretica e del Linguaggio all'Università La Sapienza. Nell'ambito della scienza, importanti figure come il genetista Edoardo Boncinelli, professore Fondamenti biologici della conoscenza all'Università Vita-Salute San Raffaele; il fisico Ferdinando Boero, ordinario di Zoologia all'Università del Salento; e Fernando Ferroni, presidente dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Più di 70 gli ospiti che si avvicendano negli spazi di Civitanova Alta durante Futura, un festival che continua ad essere un'occasione per riflettere su temi di impellente importanza da diversi punti di vista. (aise)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Data:

ANSA.it

27/07/2015

Grossman, no occupazione Palestina ANSA.it Cultura Libri Grossman, no occupazione Palestina Grossman, no occupazione Palestina Scrittore a Futura Festival,c'è alternativa a immobilismo FOTO © ANSA/EPA +CLICCA PER INGRANDIRE Redazione ANSA 27 luglio 201514:24 News Suggerisci Facebook Twitter Google+ Altri Stampa Scrivi alla redazione Archiviato in ANSA)CIVITANOVA MARCHE (MACERATA),27 LUG - "Israele ha occupato la Palestina 48 anni fa, per me da israeliano questa è una cosa inconcepibile". Così lo scrittore David Grossman, al Futura Festival di Civitanova Marche. "Non c'è stata una singola trattativa negli ultimi sei anni con in mente il raggiungimento della pace, ha detto. I due popoli e i rispettivi leader sono in posizioni sempre più fondamentaliste, e dimenticano che l'immobilismo attuale non è una condanna divina, ma c'è un'alternativa". RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Ansa

Marche

Grecia, Rampini, Europa come Shylock Giornalista a Festival Futura,economia religione fondamentalista

­ Redazione ANSA  ­ MACERATA 14:54 27 luglio 2015­  NEWS

Il debito greco? Perfino il Fondo monetario internazionale l'ha dichiarato inesigibile nella sua totalità, pena la morte del debitore, ma l'Europa è andata avanti lo stesso sostituendo l'ideologia al pragmatismo. E' la 'lezione' dello scrittore e giornalista Federico Rampini, corrispondente di Repubblica a New York, tenuta nella seconda giornata del Festival Futura a Civitanova Marche. "Come l'ebreo Shylock del Mercante di Venezia che chiede al suo debitore una libbra di carne ­ ha detto Rampini ­ così l'Europa alla Grecia, mettendo in campo una medicina che al pari di un salasso medievale uccide il malato. Perché se è vero che la Apple di Steve Jobs nasce come una start up, è altrettanto vero che tanti non ce la fanno, ma non per questo vengono bollati con un marchio d'infamia e non possono riprovarci". Se questo succede è perché l'economia "è diventata una sorta di religione fondamentalista in mano a una casta sacerdotale di tecnocrati che hanno tutto l'interesse a non farsi capire. Il rimedio è dunque quello di conoscerne le regole (gli italiani sono in questo settore all'ultimo posto in una ricerca Ocse) attraverso un'alfabetizzazione economica dei cittadini che non li renda impotenti di fronte a scelte fatte da altri". Rampini ci prova con le canzoni dei Beatles, un argomento per ogni titolo, e portando ad esempio la politica neokeynesiana americana degli ultimi sei anni, che attraverso un forte intervento dello Stato e mettendo da parte il debito pubblico ha rilanciato sviluppo e occupazione. Passando da All you need is love, titolo del suo libro dedicato a questo argomento, a Eleanor Rigby, che evoca le nuove povertà. Da Taxman, che prefigura le rivolte fiscali, a Get Back, che ironizza sui movimenti xenofobi e anti­immigrati fino a Yesterday, che calca sulla nostalgia dei tempi passati, Rampini ricorda che la globalizzazione e la robotizzazione del lavoro che toglie occupazione agli individui non sono calamità naturali, ma scelte fatte dall'uomo su cui possiamo intervenire. Insomma, per dirla con John Lennon (All you need is love): non c'è niente che tu possa fare che non può essere fatto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Termini e Condizioni per utenti 3 Italia


Data:

ANSA.it

02/08/2015

Tav: De Luca, mi piace verbo sabotare ANSA.it Marche Tav: De Luca, mi piace verbo sabotare Tav: De Luca, mi piace verbo sabotare Lusinghiero che mie parole spronino ad azione FOTO © ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE Redazione ANSA CIVITANOVA MARCHE (MACERATA) 02 agosto 201518:21 News Suggerisci Facebook Twitter Google+ Altri Stampa Scrivi alla redazione Archiviato in ''A me piace il verbo sabotare. Ricorda una lotta operaia francese, quando gli operai gettarono degli zoccoli per inceppare le macchine a difesa dei colleghi licenziati. Lo sciopero è un sabotaggio e io dico che la Tav come pure le trivellazioni in Adriatico vanno sabotate. Esiste una differenza nel nostro Paese fra legalità e giustizia". Lo ha detto lo scrittore Erri De Luca, dal palco di Futura Festival, a Civitanova Marche. De Luca ha parlato anche della sua vicenda giudiziaria, di "imputato di un reato previsto dal codice fascista e che va contro la libertà di espressione" per la posizione contro l'alta velocità in Val Di Susa. ''Sono indagato per istigazione a commettere reati. È una possibilità lusinghiera che le mie parole avessero spronato qualcuno, una sorta di mandato a compiere delle azioni'', ha aggiunto citando l'ultimo suo libro, 'La parola contraria'. RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Ansa

Cultura

Garrone, scrivo per immagini Il regista al Futura Festival, nuovi progetti? per ora nessuno

­ Redazione ANSA  ­ CIVITANOVA MARCHE (MACERATA) 03 agosto 2015 14:04 ­  NEWS

(ANSA) ­ CIVITANOVA MARCHE (MACERATA), 3 AGO ­ "Dipingevo, non leggevo e volevo fare il tennista, mio padre era disperato".     Così il regista Matteo Garrone al Futura Festival. Garrone ha parlato del suo ultimo film, il Racconto dei racconti, e dell'abitudine a 'scrivere per immagini', che gli deriva dalla sua formazione pittorica. I progetti?: "Nessuno, lo giuro, proprio prima di venire qui stavo rileggendo i miei appunti per farmi venire in mente qualcosa".    

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Termini e Condizioni per utenti 3 Italia

tml>


23 Giugno 2015 - Corriere Adriatico (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 14

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


23 Giugno 2015 - Il Messaggero (ed. Marche)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 46

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


23 Giugno 2015 - Il Resto del Carlino (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 55

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


01 Luglio 2015 - Corriere Adriatico (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 14

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


01 Luglio 2015 - Il Resto del Carlino (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 53

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


15 Luglio 2015 - Corriere Adriatico (ed. Ascoli)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 27

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


15 Luglio 2015 - Il Resto del Carlino (ed. Fermo)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 47

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


15 Luglio 2015 - Il Messaggero (ed. Marche)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 47

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


20 Luglio 2015 - Il Messaggero (ed. Marche)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 34

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


20 Luglio 2015 - Il Messaggero (ed. Marche)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 39

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


20 Luglio 2015 - Il Resto del Carlino (ed. Ancona)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 46

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


21 Luglio 2015 - Corriere Adriatico (ed. Ascoli)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 35

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


22 Luglio 2015 - Corriere Adriatico (ed. Ancona)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 09

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


22 Luglio 2015 - Il Resto del Carlino (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 47

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


23 Luglio 2015 - Il Messaggero (ed. Marche)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 45

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


24 Luglio 2015 - Il Messaggero (ed. Marche)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 41

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


24 Luglio 2015 - Il Messaggero (ed. Marche)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 42

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


24 Luglio 2015 - Il Resto del Carlino (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 50

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


25 Luglio 2015 - Corriere Adriatico (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 31

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


25 Luglio 2015 - Il Resto del Carlino (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 51

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


26 Luglio 2015 - Corriere Adriatico (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 35

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


26 Luglio 2015 - Corriere Adriatico (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 35

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


26 Luglio 2015 - Il Messaggero (ed. Marche)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 48

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


26 Luglio 2015 - Il Resto del Carlino (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 59

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


27 Luglio 2015 - Corriere Adriatico (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 28

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


27 Luglio 2015 - Il Messaggero (ed. Marche)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 17

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


27 Luglio 2015 - Il Resto del Carlino (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 42

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


28 Luglio 2015 - Corriere Adriatico (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 36

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


28 Luglio 2015 - Il Messaggero (ed. Marche)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 44

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


28 Luglio 2015 - Il Resto del Carlino (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 48

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


29 Luglio 2015 - Il Messaggero (ed. Marche)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 43

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


29 Luglio 2015 - Il Resto del Carlino (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 48

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


29 Luglio 2015 - Il Resto del Carlino (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 48

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


30 Luglio 2015 - Corriere Adriatico (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 36

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


30 Luglio 2015 - Il Messaggero (ed. Marche)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 50

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


30 Luglio 2015 - Il Resto del Carlino (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 48

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


31 Luglio 2015 - Corriere Adriatico (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 32

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


31 Luglio 2015 - Il Messaggero (ed. Umbria)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 49

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


31 Luglio 2015 - Il Resto del Carlino (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 52

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


01 Agosto 2015 - Corriere Adriatico (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 31

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


01 Agosto 2015 - Il Messaggero (ed. Marche)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 38

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


01 Agosto 2015 - Il Messaggero (ed. Marche)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 46

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


01 Agosto 2015 - Il Resto del Carlino (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 54

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


02 Agosto 2015 - Corriere Adriatico (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 48

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


02 Agosto 2015 - Il Messaggero (ed. Marche)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 48

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


02 Agosto 2015 - Il Resto del Carlino (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 47

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


03 Agosto 2015 - Corriere Adriatico (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 29

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


03 Agosto 2015 - Il Messaggero (ed. Marche)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 19

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


03 Agosto 2015 - Il Messaggero (ed. Marche)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 38

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


03 Agosto 2015 - Il Resto del Carlino (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 42

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


04 Agosto 2015 - Corriere Adriatico (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 08

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


04 Agosto 2015 - Il Messaggero (ed. Marche)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 38

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


04 Agosto 2015 - Il Resto del Carlino (ed. Macerata)

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

pag. 46

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


24/6/2015

FUTURA FESTIVAL LANCIA I PRIMI GRANDI OSPITI - CivitanovaLive

Home attualità cronaca cultura economia famiglie giovani CULTURA

News dalla Regione

0

CIVITANOVA, WONDERFUL LIFE DI DOPPIERI

FUTURA FESTIVAL LANCIA I PRIMI GRANDI OSPITI CERCA NEL SITO

LUNEDÌ 22 GIUGNO 2015

cerca...

David Grossman, Cristina Comencini, Vinicio Capossela,

PUBBLICITA’

Piergiorgio Odifreddi e Gianni Vattimo. Poi ancora Piero Boitani, Lucia Votano, Federico Rampini, Giulio Ferroni, Alessandro Fo, Marco Grimaldi, Eugenio Coccia. Ecco i primi grandi ospiti http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1441&url=http://www.civitanovalive.it/futura-festival-lancia-i-primi-grandi-ospiti/

1/6


24/6/2015

FUTURA FESTIVAL LANCIA I PRIMI GRANDI OSPITI - CivitanovaLive

dell'edizione 2015 di Futura Festival, diretta da Gino Troli. Il tema scelto dal direttore artistico è "Todo Cambia", crisi e mutamento, il futuro oltre la paura; la cosa che non si cambia invece è la squadra. Ed ecco che la formula dei dieci giorni di Festival rimane, dal 24 luglio al 2 agosto, come i sette coordinatori di sezione -Massimo Arcangeli, Edoardo Boncinelli, Valentina Conti, Paolo Di Paolo, Diego Fusaro, Filippo La Porta e Italo Moscati – e l'official sponsor, Gleam Bijoux. Dopo i prestigiosi ospiti dello scorso anno, da Bauman a Bergonzoni, da Augè a Virzì solo per citarne alcuni, la manifestazione civitanovese si ripete, proponendo un altro ventaglio di ospiti internazionali. Grossman, considerato tra i più importanti scrittori a livello mondiale, attivista e sostenitore della sinistra israeliana, porta la sua esperienza a Civitanova. Ha perso il figlio ventenne durante la guerra israelo-libanese del 2006 e il suo impegno in favore della pace e del dialogo con arabi e musulmani è di conseguenza aumentato durante gli anni recenti. http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1441&url=http://www.civitanovalive.it/futura-festival-lancia-i-primi-grandi-ospiti/

2/6


24/6/2015

FUTURA FESTIVAL LANCIA I PRIMI GRANDI OSPITI - CivitanovaLive

Dagli importanti temi internazionali, Futura apre ai temi dell'arte e della cultura italiana, discutendo con la cineasta Comencini, figlia di Luigi, e con il musicista Capossela che presenta il suo lavoro "Il paese dei coppoloni", candidato tra i 12 semifinalisti del Premio Strega 2015. Odifreddi, uomo di scienza, affronta le tappe salienti del pensiero di Charles Darwin, mentre la fisica Votano discute sulla dicotomia tra cultura e scienza. Le stelle sono il tema ispiratore dell'incontro del prof. Boitani che attraverso gli astri ricorda Dante, a 750 anni dalla nascita. Anche il ricercatore Grimaldi e il critico Ferroni ricordano l'autore della "Divina Commedia", mentre Ferroni e lo studioso Fo guardano al prossimo anno in cui cade il 450 anno dalla morte di Annibal Caro. I filosofi Gianni Vattimo e Diego Fusaro riscoprono la figura di Martin Heidegger, forse liquidato troppo frettolosamente dopo il periodo nazista, mentre il giornalista Rampini promette un appuntamento scoppietante, spiegando l'economia attraverso le canzoni dei Beatles. http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1441&url=http://www.civitanovalive.it/futura-festival-lancia-i-primi-grandi-ospiti/

3/6


24/6/2015

FUTURA FESTIVAL LANCIA I PRIMI GRANDI OSPITI - CivitanovaLive

Tutti questi protagonisti ed altri ancora, dal 24 luglio al 2 agosto a Civitanova Marche, condurranno gli spettatori e gli ospiti di Futura in un spazio senza confini, come diceva Albert Einstein, "L'immaginazione vi porterà dappertutto". Immaginazione, creatività e tecnologia sono gli ingredienti dei partner culturali del Festival: Unicam e la Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, gemellata dallo scorso anno. Condividi Tweet Condividi Tweet

Ti potrebbe interessare anche

AUTO IN FIAMME NEL BORGO MARINARO. SI CERCA DI CAPIRE LE CAUSE “A 34 ANNI, SENZA UN LAVORO, NON È GIUSTO CHE MARITO SI SENTA UN FALLITO”. APPELLO ACCORATO DI UNA CIVITANOVESE

NUMERI UTILI ASSOCIAZIONI CIVITANOVESI FARMACIE IN CITTA’ Casa e lavoro

PREVISIONI METEO

News 23.10: VINCE IL PARTITO DELL’ASTENSIONISMO. HA VOTATO MENO DEL 50% http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1441&url=http://www.civitanovalive.it/futura-festival-lancia-i-primi-grandi-ospiti/

4/6


Futura Festival, parterre di ospiti: da Comencini a Capossela cronachemaceratesi.it /2015/06/22/futura-festival-parterre-di-ospiti-da-comencini-acapossela/672672/ di Laura Boccanera E’ il cambiamento la chiave di lettura della nuova edizione di Futura Festival in programma dal 24 luglio al 2 agosto a Civitanova. L’evento diretto da Gino Troli e gemellato con la festa di scienza e filosofia di Foligno compie 3 anni e guarda al mutamento come tema da cui partire per declinare arte, letteratura, poesia, linguistica, cinema e naturalmente materie scientifiche. E lo farà con grandi nomi di ospiti, ma anche con sezioni didattiche e focus su Dante e Annibal Caro. E ad aprire il 24 luglio con una lectio sul darwinismo sarà il matematico e filosofo Piergiorgio Odifreddi, mentre si attende un grande nome della letteratura come David Grossman, scrittore israeliano, attivista e sostenitore del dialogo con arabi e musulmani. Ma saranno in buona compagnia visto che fra i primi nomi rivelati dall’ampio staff scientifico e tecnico composto da Massimo Arcangeli, Filippo La Porta, Pierluigi Mingarelli ci sono anche Cristina Comencini, Vinicio Capossela in versione scrittore col suo libro “Il paese dei coppoloni” candidato al premio Strega, Gianni Vattimo, Eugenio Coccia e la direttrice del laboratorio del Gran Sasso Lucia Votano e Federico Rampini. Soddisfatto il direttore artistico Gino Troli che con una metafora si paragona ad un allenatore: «Futura è un gioco di squadra, si vince se ci sono elementi validi, centrocampisti e attaccanti e anche quest’anno il programma è frutto di tante scelte qualitative legate tutte assieme dall’etica e dal cambiamento. Un festival è tale se ha un’etica, se ad esso corrispondono valori morali, pedagogici e un otium che nutre l’anima».

Piergiorgio Odifreddi

David Grossman

Tra le prestigiose nuove collaborazioni entra l’Università di Camerino che curerà una sezione scientifica ed elaborerà il cambiamento dal punto di vista dell’innovazione. Ma “Todo cambia” significa anche che la lingua cambia, e così con gli spettatori di Futura Arcangeli si divertirà a costruire un nuovo Twittabolario, il vocabolario con nuovi lemmi a metà fra inventiva e sintesi e velocità di Twitter. Musica ed economia con Federico Rampini che tenterà di spiegare alcuni fenomeni macroeconomici a partire dalle canzoni dei Beatles. Insomma una terza edizione che invita ad


abbandonare le sponde sicure dell’agio e dell’abitudine per tentare di “adattare” se stessi ad un mondo in cambiamento senza dimenticare gli insegnamenti del passato, perché in fondo la meta è partire.

Vinicio Capossella venerdì sera sul palco dello Sferisterio per Musicultura


La presentazione del festival oggi al Miramare


24/6/2015

Futura Festival, Capossela e Grossman guidano la squadra dei primi grandi ospiti - Civitanova Marche - il Resto del Carlino - Notizie di Bologna e dell’E…

NEWS SPORT MOTORI DONNA FASHION LIFESTYLE SPETTACOLO TECH HD SERVIZI 23°

Bologna

23° Vento da W a 9.26km/h SEARCH

Altre Città

CIVITANOVA MARCHE CULTURA

Futura Festival, Capossela e Grossman guidano la squadra dei primi grandi ospiti Civitanova Marche (Macerata), 22 giugno 2015 – David Grossman, Cristina Comencini, Vinicio Capossela, Piergiorgio Odifreddi e Gianni Vattimo. Poi ancora Piero Boitani, Lucia Votano, Federico Rampini, Giulio Ferroni, Alessandro Fo, Marco Grimaldi, Eugenio Coccia. Ecco i primi grandi ospiti dell’edizione 2015 di Futura Festival, diretta da Gino Troli. Il tema scelto dal direttore artistico è “Todo Cambia”, crisi e mutamento, il futuro oltre la paura; la cosa che non si cambia invece è la squadra. Ed ecco che la formula dei dieci giorni di Festival rimane, dal 24 luglio al 2 agosto, come i sette coordinatori di sezione Massimo Arcangeli, Edoardo Boncinelli, Valentina Conti, Paolo Di Paolo, Diego Fusaro, Filippo La Porta e Italo Moscati - e l’official sponsor, Gleam Bijoux. “Futura è un progetto che ha un forte senso etico - ha affermato in conferenza stampa Gino Troli -: cioè un festival deve avere una componente educativa e pedagogica marcata. Bisogna, anche in un momento di vacanza e svago, nutrire l’anima con scelte http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1247&url=http://www.ilrestodelcarlino.it/civitanova-marche/futura-festival-ospiti-2015-1.1084066

1/3


24/6/2015

Futura Festival, Capossela e Grossman guidano la squadra dei primi grandi ospiti - Civitanova Marche - il Resto del Carlino - Notizie di Bologna e dell’E…

qualificative. Il tema scelto in questa terza edizione vuole sviscerare il processo del cambiamento, indagando sul cosa significa cambiare e come si cambia”. Dopo i prestigiosi ospiti dello scorso anno, da Bauman a Bergonzoni, da Augè a Virzì solo per citarne alcuni, la manifestazione civitanovese si ripete, proponendo un altro ventaglio di ospiti internazionali. “Un programma davvero interessate per un Festival che vogliamo far affermare sempre di più nel panorama nazionale - ha affermato l’assessore alla Cultura e al turismo Giulio Silenzi -. Una manifestazione che rappresenta il tratto più robusto della nostra proposta culturale cittadina. Civitanova infatti ha vinto la scommessa e si sta affacciando con la sua identità culturale”. Stesso pensiero per il sindaco Tommaso Corvatta: “Futura ha nella sua essenza il continuo movimento. Dopo le ottime interazioni con la Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, con Unicam e con l’accessibilità Lis, la scommessa del 2015 è quella di strutturare una forte azione culturale, un volano che sia caratterizzante per Civitanova”.

Video consigliati

Cosa ne pensano i greci di Grexit?

Lady Gaga e Jessie J. si sfidano a colpi di scatti sexy

Vi raccomandiamo (Sponsored)

1000 punti Payback, quota gratuita e supplementare inclusa Arriva Carta PAYBACK Amex

Ascolta il mercato e ottieni risultati velocemente con Microsoft Dynamics CRM.

“Officine a Porta Romana” di Umberto Boccioni: vieni a scoprirlo a The Waterstone

Vendere Oggi

Intesa Sanpaolo

Prestiti INPDAP 2015 Esclusiva Dipendenti Pubblici. Preventivo Gratis in 1 Minuto!

×

ALTRE NOTIZIE

Giovane mamma in attesa di sfratto si uccide a Ponte Ronca - il Resto del Carlino http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1247&url=http://www.ilrestodelcarlino.it/civitanova-marche/futura-festival-ospiti-2015-1.1084066

2/3


Futura Festival lancia i primi grandi ospiti ilmascalzone.it /2015/06/futura-festival-lancia-i-primi-grandi-ospiti/ Redazione A Civitanova arrivano David Grossman, Cristina Comencini, Vinicio Capossela, Piergiorgio Odifreddi, Gianni Vattimo, Piero Boitani, Lucia Votano, Federico Rampini, Giulio Ferroni, Alessandro Fo, Marco Grimaldi, Eugenio Coccia

Futura Festival

Civitanova Marche, 22/06/2015 – David Grossman, Cristina Comencini, Vinicio Capossela, Piergiorgio Odifreddi e Gianni Vattimo. Poi ancora Piero Boitani, Lucia Votano, Federico Rampini, Giulio Ferroni, Alessandro Fo, Marco Grimaldi, Eugenio Coccia. Ecco i primi grandi ospiti dell’edizione 2015 di Futura Festival, diretta da Gino Troli. Il tema scelto dal direttore artistico è “Todo Cambia”, crisi e mutamento, il futuro oltre la paura; la cosa che non si cambia invece è la squadra. Ed ecco che la formula dei dieci giorni di Festival rimane, dal 24 luglio al 2 agosto, come i sette coordinatori di sezione – Massimo Arcangeli, Edoardo Boncinelli, Valentina Conti, Paolo Di Paolo, Diego Fusaro, Filippo La Porta e Italo Moscati – e l’official sponsor, Gleam Bijoux. “Futura è un progetto che ha un forte senso etico – ha affermato in conferenza stampa Gino Troli -: cioè un festival deve avere una componente educativa e pedagogica marcata. Bisogna, anche in un momento di vacanza e svago, nutrire l’anima con scelte qualificative. Il tema scelto in questa terza edizione vuole sviscerare il processo del cambiamento, indagando sul cosa significa cambiare e come si cambia”.

Dopo i prestigiosi ospiti dello scorso anno, da Bauman a Bergonzoni, da Augè a Virzì solo per citarne alcuni, la manifestazione civitanovese si ripete, proponendo un altro ventaglio di ospiti internazionali. “Un programma davvero interessate per un Festival che vogliamo far affermare sempre di più nel panorama nazionale – ha affermato l’assessore alla Cultura e al turismo Giulio Silenzi -. Una manifestazione che rappresenta il tratto più robusto della nostra proposta culturale cittadina. Civitanova infatti ha vinto la scommessa e si sta affacciando con la sua identità culturale”. Stesso pensiero per il sindaco Tommaso Corvatta: “Futura ha nella sua essenza il continuo movimento. Dopo le ottime interazioni con la Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, con Unicam e con l’accessibilità Lis, la scommessa del 2015 è quella di strutturare una forte azione culturale, un volano che sia caratterizzante per Civitanova”. Ecco i primi ospiti presentati questa mattina, a cui se ne aggiungeranno ancora tanti e che verranno presentati nelle prossime settimane. Grossman, considerato tra i più importanti scrittori a livello mondiale, attivista e sostenitore della sinistra israeliana, porta la sua esperienza a Civitanova. Ha perso il figlio ventenne durante la guerra israelo-libanese del 2006 e il suo impegno in favore della pace e del dialogo con arabi e musulmani è di conseguenza aumentato durante gli anni recenti. Dagli importanti temi internazionali, Futura apre ai temi dell’arte e della cultura italiana, discutendo con la cineasta Comencini, figlia di Luigi, e con il musicista Capossela che presenta il suo lavoro “Il paese dei coppoloni”, candidato tra i 12 semifinalisti del Premio Strega 2015. Odifreddi, uomo di scienza, affronta le tappe salienti del pensiero di Charles Darwin, mentre la fisica Votano discute sulla dicotomia tra cultura e scienza. Le stelle sono il tema ispiratore dell’incontro del prof. Boitani che attraverso gli astri ricorda Dante, a


750 anni dalla nascita. Anche il ricercatore Grimaldi e il critico Ferroni ricordano l’autore della “Divina Commedia”, mentre Ferroni e lo studioso Fo guardano al prossimo anno in cui cade il 450° anno dalla morte di Annibal Caro. I filosofi Gianni Vattimo e Diego Fusaro riscoprono la figura di Martin Heidegger, forse liquidato troppo frettolosamente dopo il periodo nazista, mentre il giornalista Rampini promette un appuntamento scoppietante, spiegando l’economia attraverso le canzoni dei Beatles. Tutti questi protagonisti ed altri ancora, dal 24 luglio al 2 agosto a Civitanova Marche, condurranno gli spettatori e gli ospiti di Futura in un spazio senza confini, come diceva Albert Einstein, “L’immaginazione vi porterà dappertutto”. Immaginazione, creatività e tecnologia sono gli ingredienti dei partner culturali del Festival: Unicam e la Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, gemellata dallo scorso anno. Le due realtà confermano e rafforzano il suo rapporto con la manifestazione civitanovese con laboratori di “conoScIenza”, “passeggiate scientifiche” e tante attività per grandi e piccoli da lasciare a bocca aperta. Futura Festival viene realizzato dall’Azienda dei Teatri e dal Comune di Civitanova Marche, con il contributo della Regione Marche, della Provincia di Macerata e degli sponsor: Gleam Bijoux, Coop Adriatica, Miramare, Adriatica Pubblicità e Auto Club Marche. Tutti gli aggiornamenti sul sito www.futurafestival.it.


24/6/2015

Futura Festival lancia i primi grandi ospiti - Notizie Marche e provincia

Futura Festival lancia i primi grandi ospiti

David Grossman, Cristina Comencini, Vinicio Capossela, Piergiorgio Odifreddi e Gianni Vattimo. Poi ancora Piero Boitani, Lucia Votano, Federico Rampini, Giulio Ferroni, Alessandro Fo, Marco Grimaldi, Eugenio Coccia. Ecco i primi grandi ospiti dell'edizione 2015 di Futura Festival, diretta da Gino Troli. Il tema scelto dal direttore artistico è "Todo Cambia", crisi e mutamento, il futuro oltre la paura; la cosa che non si cambia invece è la squadra. Ed ecco che la formula dei dieci giorni di Festival rimane, dal 24 luglio al 2 agosto, come i sette coordinatori di sezione – Massimo Arcangeli, Edoardo Boncinelli, Valentina Conti, Paolo Di Paolo, Diego Fusaro, Filippo La Porta e Italo Moscati – e l'official sponsor, Gleam Bijoux. "Futura è un progetto che ha un forte senso etico – ha affermato in conferenza stampa Gino Troli -: cioè un festival deve avere una componente educativa e pedagogica marcata. Bisogna, anche in un momento di vacanza e svago, nutrire l’anima con scelte qualificative. Il tema scelto in questa terza edizione vuole sviscerare il processo del cambiamento, indagando sul cosa significa cambiare e come si cambia". Dopo i prestigiosi ospiti dello scorso anno, da Bauman a Bergonzoni, da Augè a Virzì solo per citarne alcuni, la manifestazione civitanovese si ripete, proponendo un altro ventaglio di ospiti internazionali. "Un programma davvero interessate per un Festival che vogliamo far affermare sempre di più nel panorama nazionale – ha affermato l'assessore alla Cultura e al turismo Giulio Silenzi -. Una manifestazione che rappresenta il tratto più robusto della nostra proposta culturale cittadina.

http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1447&url=http://lascansione.net/cultura/futura-festival-lancia-i-primi-grandi-ospiti/23896

1/3


24/6/2015

Futura Festival lancia i primi grandi ospiti - Notizie Marche e provincia

Civitanova infatti ha vinto la scommessa e si sta affacciando con la sua identità culturale". Stesso pensiero per il sindaco Tommaso Corvatta: "Futura ha nella sua essenza il continuo movimento. Dopo le ottime interazioni con la Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, con Unicam e con l’accessibilità Lis, la scommessa del 2015 è quella di strutturare una forte azione culturale, un volano che sia caratterizzante per Civitanova". Ecco i primi ospiti presentati questa mattina, a cui se ne aggiungeranno ancora tanti e che verranno presentati nelle prossime settimane. Grossman, considerato tra i più importanti scrittori a livello mondiale, attivista e sostenitore della sinistra israeliana, porta la sua esperienza a Civitanova. Ha perso il figlio ventenne durante la guerra israelo-libanese del 2006 e il suo impegno in favore della pace e del dialogo con arabi e musulmani è di conseguenza aumentato durante gli anni recenti. Dagli importanti temi internazionali, Futura apre ai temi dell'arte e della cultura italiana, discutendo con la cineasta Comencini, figlia di Luigi, e con il musicista Capossela che presenta il suo lavoro "Il paese dei coppoloni", candidato tra i 12 semifinalisti del Premio Strega 2015. Odifreddi, uomo di scienza, affronta le tappe salienti del pensiero di Charles Darwin, mentre la fisica Votano discute sulla dicotomia tra cultura e scienza. Le  stelle sono il tema ispiratore dell'incontro del prof. Boitani che attraverso gli astri ricorda Dante, a 750 anni dalla nascita. Anche il ricercatore Grimaldi e il critico Ferroni ricordano l'autore della "Divina Commedia", mentre Ferroni e lo studioso Fo guardano al prossimo anno in cui cade il 450 anno dalla morte di Annibal Caro. I filosofi Gianni Vattimo e Diego Fusaro riscoprono la figura di Martin Heidegger, forse liquidato troppo frettolosamente dopo il periodo nazista, mentre il giornalista Rampini promette un appuntamento scoppietante, spiegando l'economia attraverso le canzoni dei Beatles. Tutti questi protagonisti ed altri ancora, dal 24 luglio al 2 agosto a Civitanova Marche, condurranno gli spettatori e gli ospiti di Futura in un spazio senza confini, come diceva Albert Einstein, "L'immaginazione vi porterà dappertutto". Immaginazione, creatività e tecnologia sono gli ingredienti dei partner culturali del Festival: Unicam e la Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, gemellata dallo scorso anno. Le due realtà confermano e rafforzano il suo rapporto con la manifestazione civitanovese con laboratori di "conoScIenza", "passeggiate scientifiche" e tante attività per grandi e piccoli da lasciare a bocca aperta. Futura  Festival viene realizzato dall'Azienda dei Teatri e dal Comune di Civitanova Marche, con il contributo della Regione http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1447&url=http://lascansione.net/cultura/futura-festival-lancia-i-primi-grandi-ospiti/23896

2/3


24/6/2015

Futura Festival lancia i primi grandi ospiti - Notizie Marche e provincia

Marche, della Provincia di Macerata e degli sponsor: Gleam Bijoux, Coop Adriatica, Miramare, Adriatica Pubblicità e Auto Club Marche. Tutti gli aggiornamenti sul sito www.futurafestival.it. Carlo Scheggia Condividi : Google

Facebook 2

Twitter 1

LinkedIn 1

Articoli Correlati: 1. Futura Festival si presenta a Perugia Futura si presenta a

2.

3.

4.

Perugia. Grazie al gemellaggio con la Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, il Festival (civitanovese ha goduto di una preziosa vetrina, questa mattina al Salone d'Oro di Palazzo Donini, sede... Ospiti internazionali per il Futura Festival Serata dei grandi ospiti internazionali a Futura Festival. In arrivo, già da questo pomeriggio, Jacqueline Risset, Derrick De Kerckhove e Marc Augè. Dopo un intenso pomeriggio di eventi, alle ore 19 Roma, con la sua... Oltre 100 ospiti in 10 giorni a Futura Oltre 100 ospiti, 10 giorni di appuntamenti dalle cinque del pomeriggio fino a notte fonda. Futura si svela completamente e presenta il suo programma di eventi, laboratori e mostre. Ieri mattina presso la sala giunta... Futura Festival si promuove a Foligno Tutto pronto per la trasferta di Foligno. Da oggi 10 aprile, Futura Festival parteciperà alla Festa di Scienza e Filosofia che animerà la città umbra fino al 13, con grandi ospiti: da Vito Mancuso a...

age generated by WP-Super-Cache on 2015-06-23 09:08:22 -->

http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1447&url=http://lascansione.net/cultura/futura-festival-lancia-i-primi-grandi-ospiti/23896

3/3


23/6/2015

Da Grossman a Capossela, Futura Festival lancia i primi 'super'ospiti - L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

Logo

Da Grossman a Capossela, Futura Festival lancia i primi 'super'ospiti Pubblicato Lunedì, 22 Giugno 2015 18:30

Visite: 338 CIVITANOVA – David Grossman, Cristina Comencini, Vinicio Capossela, Piergiorgio Odifreddi e Gianni Vattimo. Poi ancora Piero Boitani, Lucia Votano, Federico Rampini, Giulio Ferroni, Alessandro Fo, Marco Grimaldi, Eugenio Coccia. Ecco i primi grandi ospiti dell’edizione 2015 di Futura Festival, diretta da Gino Troli. Il tema scelto dal direttore artistico è “Todo Cambia”, crisi e mutamento, il futuro oltre la paura; la cosa che non si cambia invece è la squadra. Ed ecco che la formula dei dieci giorni di Festival rimane, dal 24 luglio al 2 agosto, come i sette coordinatori di sezione - Massimo Arcangeli, Edoardo Boncinelli, Valentina Conti, Paolo Di Paolo, Diego Fusaro, Filippo La Porta e Italo Moscati - e l’official sponsor, Gleam Bijoux.

“Futura è un progetto che ha un forte senso etico - ha affermato in conferenza stampa Gino Troli -: cioè un festival deve avere una componente educativa e pedagogica marcata. Bisogna, anche in un momento di vacanza e svago, nutrire l'anima con scelte qualificative. Il tema scelto in questa terza edizione vuole sviscerare il processo del cambiamento, indagando sul cosa significa cambiare e come si cambia”. Dopo i prestigiosi ospiti dello scorso anno, da Bauman a Bergonzoni, da Augè a Virzì solo per citarne alcuni, la manifestazione civitanovese si ripete, proponendo un altro ventaglio di ospiti internazionali. “Un programma davvero interessate per un Festival che vogliamo far affermare sempre di più nel panorama nazionale - ha affermato l’assessore alla Cultura e al turismo Giulio Silenzi -. Una manifestazione che rappresenta il tratto più robusto della nostra proposta culturale cittadina. Civitanova infatti ha vinto la scommessa e si sta affacciando con la sua identità culturale”. Stesso pensiero per il sindaco Tommaso Corvatta: “Futura ha nella sua essenza il continuo movimento. Dopo le ottime interazioni con la Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, con Unicam e con l'accessibilità Lis, la scommessa del 2015 è quella di strutturare una forte azione culturale, un volano che sia caratterizzante per Civitanova”. Ecco i primi ospiti presentati questa mattina, a cui se ne aggiungeranno ancora tanti e che verranno presentati nelle prossime settimane. Grossman, considerato tra i più importanti scrittori a livello mondiale, attivista e sostenitore della sinistra israeliana, porta la sua esperienza a Civitanova. Ha perso il figlio ventenne durante la guerra israelo-libanese del 2006 e il suo impegno in favore della pace e del dialogo con arabi e musulmani è di conseguenza aumentato durante gli anni recenti. Dagli importanti temi internazionali, Futura apre ai temi dell’arte e della cultura italiana, discutendo con la cineasta Comencini, figlia di Luigi, e con il musicista Capossela che presenta il suo lavoro “Il paese dei coppoloni”, candidato tra i 12 semifinalisti del Premio Strega 2015. Odifreddi, uomo di scienza, affronta le tappe salienti del pensiero di Charles Darwin, mentre la fisica Votano discute sulla dicotomia tra cultura e scienza. Le stelle sono il tema ispiratore dell’incontro del prof. Boitani che attraverso gli astri ricorda Dante, a 750 anni dalla nascita. Anche il ricercatore Grimaldi e il critico Ferroni ricordano l’autore della “Divina Commedia”, mentre Ferroni e lo studioso Fo guardano al prossimo anno in cui cade il 450° anno dalla morte di Annibal Caro. I filosofi Gianni Vattimo e Diego Fusaro riscoprono la figura di Martin Heidegger, forse liquidato troppo frettolosamente dopo il periodo nazista, mentre il giornalista Rampini promette un appuntamento scoppietante, spiegando l’economia attraverso le canzoni dei Beatles. Tutti questi protagonisti ed altri ancora, dal 24 luglio al 2 agosto a Civitanova Marche, condurranno gli spettatori e gli ospiti di Futura in un spazio senza confini, come diceva Albert Einstein, “L’immaginazione vi porterà dappertutto”. Immaginazione, creatività e tecnologia sono gli ingredienti dei partner culturali del Festival: Unicam e la Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, gemellata dallo scorso anno. Le due realtà confermano e rafforzano il suo rapporto con la manifestazione civitanovese con laboratori di “conoScIenza”, “passeggiate scientifiche” e tante attività per grandi e piccoli da lasciare a bocca aperta. Futura Festival viene realizzato dall’Azienda dei Teatri e dal Comune di Civitanova Marche, con il contributo della Regione Marche, della Provincia di Macerata e degli sponsor: Gleam Bijoux, Coop Adriatica, Miramare, Adriatica Pubblicità e Auto Club Marche. Tutti gli aggiornamenti sul sito www.futurafestival.it. Foto Federico di Marco http://www.lindiscreto.it/civitanova/notizie/32179-da-grossman-a-capossela,-futura-festival-lancia-i-primi-super-ospiti?tmpl=component&print=1&layout=defa…

1/2


24/6/2015

Futura Festival lancia i primi grandi ospiti • Vivere Civitanova

Futura Festival lancia i primi grandi ospiti A Civitanova arrivano David Grossman, Cristina Comencini, Vinicio Capossela, Piergiorgio Odifreddi, Gianni Vattimo, Piero Boitani, Lucia Votano, Federico Rampini, Giulio Ferroni, Alessandro Fo, Marco Grimaldi, Eugenio Coccia. Ecco i primi grandi ospiti dell'edizione 2015 di Futura Festival, diretta da Gino Troli. Il tema scelto dal direttore artistico è "Todo Cambia", crisi e mutamento, il futuro oltre la paura; la cosa che non si cambia invece è la squadra. Ed ecco che la formula dei dieci giorni di Festival rimane, dal 24 luglio al 2 agosto, come i sette coordinatori di sezione - Massimo Arcangeli, Edoardo Boncinelli, Valentina Conti, Paolo Di Paolo, Diego Fusaro, Filippo La Porta e Italo Moscati. "Futura è un progetto che ha un forte senso etico - ha affermato in conferenza stampa Gino Troli -: cioè un festival deve avere una componente educativa e pedagogica marcata. Bisogna, anche in un momento di vacanza e svago, nutrire l'anima con scelte qualificative. Il tema scelto in questa terza edizione vuole sviscerare il processo del cambiamento, indagando sul cosa significa cambiare e come si cambia". Dopo i prestigiosi ospiti dello scorso anno, da Bauman a Bergonzoni, da Augè a Virzì solo per citarne alcuni, la manifestazione civitanovese si ripete, proponendo un altro ventaglio di ospiti internazionali. "Un programma davvero interessate per un Festival che vogliamo far affermare sempre di più nel panorama nazionale - ha affermato l'assessore alla Cultura e al turismo Giulio Silenzi -. Una manifestazione che rappresenta il tratto più robusto della nostra proposta culturale cittadina. Civitanova infatti ha vinto la scommessa e si sta affacciando con la sua identità culturale". Stesso pensiero per il sindaco Tommaso Corvatta: "Futura ha nella sua essenza il continuo movimento. Dopo le ottime interazioni con la Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, con Unicam e con l'accessibilità Lis, la scommessa del 2015 è quella di strutturare una forte azione culturale, un volano che sia caratterizzante per Civitanova". Ecco i primi ospiti presentati questa mattina, a cui se ne aggiungeranno ancora tanti e che verranno presentati nelle prossime settimane. Grossman, considerato tra i più importanti scrittori a livello mondiale, attivista e sostenitore della sinistra israeliana, porta la sua esperienza a Civitanova. Ha perso il figlio ventenne durante la guerra israelo-libanese del 2006 e il suo impegno in favore della pace e del dialogo con arabi e musulmani è di conseguenza aumentato durante gli anni recenti. Dagli importanti temi internazionali, Futura apre ai temi dell'arte e della cultura italiana, discutendo con la cineasta Comencini, figlia di Luigi, e con il musicista Capossela che presenta il suo lavoro "Il paese dei coppoloni", candidato tra i 12 semifinalisti del Premio Strega 2015. Odifreddi, uomo di scienza, affronta le tappe salienti del pensiero di Charles Darwin, mentre la fisica Votano discute sulla dicotomia tra cultura e scienza. Le stelle sono il tema ispiratore dell'incontro del prof. Boitani che attraverso gli astri ricorda Dante, a 750 anni dalla nascita. Anche il ricercatore Grimaldi e il critico Ferroni ricordano l'autore della "Divina Commedia", mentre Ferroni e lo studioso Fo guardano al prossimo anno in cui cade il 450 anno dalla morte di Annibal Caro. I filosofi Gianni Vattimo e Diego Fusaro riscoprono la figura di Martin Heidegger, forse liquidato troppo frettolosamente dopo il periodo nazista, mentre il giornalista Rampini promette un appuntamento scoppietante, spiegando l'economia attraverso le canzoni dei Beatles. http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1440&url=http://www.viverecivitanova.it/index.php?page=articolo&articolo_id=542151

1/3


24/6/2015

Futura Festival lancia i primi grandi ospiti • Vivere Civitanova

Tutti questi protagonisti ed altri ancora, dal 24 luglio al 2 agosto a Civitanova Marche, condurranno gli spettatori e gli ospiti di Futura in un spazio senza confini, come diceva Albert Einstein, "L'immaginazione vi porterà dappertutto". Immaginazione, creatività e tecnologia sono gli ingredienti dei partner culturali del Festival: Unicam e la Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, gemellata dallo scorso anno. Le due realtà confermano e rafforzano il suo rapporto con la manifestazione civitanovese con laboratori di "conoScIenza", "passeggiate scientifiche" e tante attività per grandi e piccoli da lasciare a bocca aperta.  

da Futura Festival

Tweet Mi piace

0

 

 

0 0

Condividi

 

Questo è un comunicato stampa inviato il 22/06/2015 pubblicato sul giornale del 23/06/2015 - 282 letture - 0 commenti In questo articolo si parla di attualità, civitanova marche, futura festival. L'indirizzo breve di questo articolo è

http://vivere.biz/ak2R

http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1440&url=http://www.viverecivitanova.it/index.php?page=articolo&articolo_id=542151

Rilasciato con licenza Creative Commons. Maggiori info: vivere.biz/gkW

2/3


28/6/2015

OPPORTUNITÀ DI LAVORO CON FUTURA FESTIVAL - CivitanovaLive

Home attualità cronaca cultura economia famiglie giovani ATTUALITÀ / NEWS News dalla Regione

0

CIVITANOVA, WONDERFUL LIFE DI DOPPIERI

OPPORTUNITÀ DI LAVORO CON FUTURA FESTIVAL SABATO 27 GIUGNO 2015

Diverse possibilità di lavoro con Futura Festival, la kermesse civitanovese diretta da Gino Troli e giunta alla terza edizione.

CERCA NEL SITO cerca...

Tramite Openjobmetis SpA Agenzia per il Lavoro Filiale di Civitanova Marche, Futura è alla

PUBBLICITA’

ricerca di 20 persone tra hostess e stewards, da inserire con contratto di lavoro somministrato. Per poter partecipare alla http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1441&url=http://www.civitanovalive.it/opportunita-di-lavoro-con-futura-festival/

1/6


28/6/2015

OPPORTUNITÀ DI LAVORO CON FUTURA FESTIVAL - CivitanovaLive

selezione sono richieste alcune caratteristiche: stato di disoccupazione e pronta disponibilità all'impiego (attestato di disoccupazione da richiedere al Centro per l'Impiego) l'incarico è incompatibile con altre attività lavorative; insussistenza di cause ostative dal lavorare nella Pubblica Amministrazione; diploma o laurea in materie umanistiche o scientifiche; avere la patente B ed essere automunito. È preferibile aver conoscenza dell'inglese e precedenti esperienze in attività simili. Il lavoratore verrà inserito con contratti di lavoro giornalieri aventi orario di lavoro variabili, specificati di volta in volta, essendo subordinati alla durata dei singoli eventi culturali; sarà inquadrato al livello 6 del CCNL TEATRI-IMPIEGATI E OPERAI. Per candidarsi è necessario presentare curriculum vitae in formato europeo e dichiarazione di pronta disponibilità al lavoro rilasciata dal Centro per l'Impiego competente. La ricerca ha carattere di urgenza, verranno quindi http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1441&url=http://www.civitanovalive.it/opportunita-di-lavoro-con-futura-festival/

2/6


28/6/2015

OPPORTUNITÀ DI LAVORO CON FUTURA FESTIVAL - CivitanovaLive

accettate esclusivamente le candidature che saranno presentate di persona alla filiale Openjobmetis di Civitanova Marche (telefonare per appuntamento al numero 0733/817133 dalle 09.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00 dal lunedì al venerdì, entro il 06/07/2015). Candidature pervenute attraverso altri canali o dopo il summenzionato termine non potranno in alcun caso essere considerate valide. Le possibilità di collaborare con Futura però non finiscono qui. Anche per questa edizione, è possibile aderire come volontario all'organizzazione del Festival svolgendo numerose esperienze tra segreteria, promozione, comunicazione, logistica, allestimenti, assistenza agli ospiti, realizzazione foto e video, supporto all'ufficio stampa. Chi ha più di 18 anni ed è interessato, può scaricare il modulo dal sito www.futurafestival.it, compilarlo e inviarlo via email all'indirizzo info@futurafestival.it entro il 17 luglio. Importante è indicare, tra http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1441&url=http://www.civitanovalive.it/opportunita-di-lavoro-con-futura-festival/

3/6


28/6/2015

OPPORTUNITÀ DI LAVORO CON FUTURA FESTIVAL - CivitanovaLive

quelle proposte, l'attività in cui farebbe piacere essere coinvolti. Condividi Tweet

LASCIA UNA RISPOSTA Nome *

Email *

Sito web

Commento

Invia commento

Condividi Tweet

http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1441&url=http://www.civitanovalive.it/opportunita-di-lavoro-con-futura-festival/

4/6


Opportunità di lavoro con Futura Festival ilmascalzone.it /2015/06/opportunita-di-lavoro-con-futura-festival/ Redazione Selezioni per 20 tra hostess e stewards. Aperto anche il bando volontari Futura Festival

CIVITANOVA 27/06/2015 – Diverse possibilità di lavoro con Futura Festival, la kermesse civitanovese diretta da Gino Troli e giunta alla terza edizione. Tramite Openjobmetis SpA Agenzia per il Lavoro Filiale di Civitanova Marche, Futura è alla ricerca di 20 persone tra hostess e stewards, da inserire con contratto di lavoro somministrato. Per poter partecipare alla selezione sono richieste alcune caratteristiche: stato di disoccupazione e pronta disponibilità all’impiego (attestato di disoccupazione da richiedere al Centro per l’Impiego) l’incarico è incompatibile con altre attività lavorative; insussistenza di cause ostative dal lavorare nella Pubblica Amministrazione; diploma o laurea in materie umanistiche o scientifiche; avere la patente B ed essere automunito. È preferibile aver conoscenza dell’inglese e precedenti esperienze in attività simili. Il lavoratore verrà inserito con contratti di lavoro giornalieri aventi orario di lavoro variabili, specificati di volta in volta, essendo subordinati alla durata dei singoli eventi culturali; sarà inquadrato al livello 6 del CCNL TEATRI-IMPIEGATI E OPERAI. Per candidarsi è necessario presentare curriculum vitae in formato europeo e dichiarazione di pronta disponibilità al lavoro rilasciata dal Centro per l’Impiego competente. La ricerca ha carattere di urgenza, verranno quindi accettate esclusivamente le candidature che saranno presentate di persona alla filiale Openjobmetis di Civitanova Marche (telefonare per appuntamento al numero 0733/817133 dalle 09.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00 dal lunedì al venerdì, entro il 06/07/2015). Candidature pervenute attraverso altri canali o dopo il summenzionato termine non potranno in alcun caso essere considerate valide. Le possibilità di collaborare con Futura però non finiscono qui. Anche per questa edizione, è possibile aderire come volontario all’organizzazione del Festival svolgendo numerose esperienze tra segreteria, promozione, comunicazione, logistica, allestimenti, assistenza agli ospiti, realizzazione foto e video, supporto all’ufficio stampa. Chi ha più di 18 anni ed è interessato, può scaricare il modulo dal sito www.futurafestival.it, compilarlo e inviarlo via email all’indirizzo info@futurafestival.it entro il 17 luglio. Importante è indicare, tra quelle proposte, l’attività in cui farebbe piacere essere coinvolti.


28/6/2015

Futura Festival cerca hostess e stewards Aperto anche il bando volontari - L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

Logo

Futura Festival cerca hostess e stewards Aperto anche il bando volontari Pubblicato Sabato, 27 Giugno 2015 13:33

Visite: 264 CIVITANOVA – Diverse possibilità di lavoro con Futura Festival, la kermesse civitanovese diretta da Gino Troli e giunta alla terza edizione. Tramite Openjobmetis SpA Agenzia per il Lavoro Filiale di Civitanova Marche, Futura è alla ricerca di 20 persone tra hostess e stewards, da inserire con contratto di lavoro somministrato. Per poter partecipare alla selezione sono richieste alcune caratteristiche: stato di disoccupazione e pronta disponibilità all’impiego (attestato di disoccupazione da richiedere al Centro per l’Impiego) l’incarico è incompatibile con altre attività lavorative; insussistenza di cause ostative dal lavorare nella Pubblica Amministrazione; diploma o laurea in materie umanistiche o scientifiche; avere la patente B ed essere automunito. È preferibile aver conoscenza dell’inglese e precedenti esperienze in attività simili.

Il lavoratore verrà inserito con contratti di lavoro giornalieri aventi orario di lavoro variabili, specificati di volta in volta, essendo subordinati alla durata dei singoli eventi culturali; sarà inquadrato al livello 6 del CCNL TEATRI-IMPIEGATI E OPERAI. Per candidarsi è necessario presentare curriculum vitae in formato europeo e dichiarazione di pronta disponibilità al lavoro rilasciata dal Centro per l’Impiego competente. La ricerca ha carattere di urgenza, verranno quindi accettate esclusivamente le candidature che saranno presentate di persona alla filiale Openjobmetis di Civitanova Marche (telefonare per appuntamento al numero 0733/817133 dalle 09.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00 dal lunedì al venerdì, entro il 06/07/2015). Candidature pervenute attraverso altri canali o dopo il summenzionato termine non potranno in alcun caso essere considerate valide. Le possibilità di collaborare con Futura però non finiscono qui. Anche per questa edizione, è possibile aderire come volontario all’organizzazione del Festival svolgendo numerose esperienze tra segreteria, promozione, comunicazione, logistica, allestimenti, assistenza agli ospiti, realizzazione foto e video, supporto all’ufficio stampa. Chi ha più di 18 anni ed è interessato, può scaricare il modulo dal sito www.futurafestival.it, compilarlo e inviarlo via email all’indirizzo info@futurafestival.it entro il 17 luglio. Importante è indicare, tra quelle proposte, l’attività in cui farebbe piacere essere coinvolti.

Commenti: Facebook Aggiungi un commento...

Pubblica anche su Facebook Stai pubblicando come Vittorio Macerata ▾

Commenta

Plug-in sociale di Facebook

© Quotidiano online L'Indiscreto ­ P.I. 01737070431 ­ Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 ­ Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti ­ Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons. http://www.lindiscreto.it/civitanova/notizie/32313-futura-festival-2015-civitanova-marche-lavoro?tmpl=component&print=1&layout=default&page=

1/2


Conto alla rovescia per Futura Festival Attesi Matteo Garrone ed Erri De Luca cronachemaceratesi.it /2015/07/14/conto-alla-rovescia-per-futura-festival-attesi-matteo-garroneed-erri-de-luca/681522/ E’ Matteo Garrone il regista di punta che brilla alla terza edizione di Futura Festival e che compone la terna dei grandi nomi del cinema assieme a Cristina Comencini e Giuseppe Piccioni. Inizia il conto alla rovescia per il festival del pensiero civitanovese che al motto di “Todo da sinistra Mosè Ambrosi della locanda Fontezoppa, Rosetta Martellini presidente TdC, il direttore Cambia” indagherà artistico Gino Troli, Lucilio Santoni collaboratore del festival e Alfredo Di Lupidio direttore dei TdC con diverse sezioni e ospiti argomenti che spaziano da filosofia e letteratura al cibo, dalla scienza al cinema, dall’arte alla tecnologia. Ottanta ospiti e 7 coordinatori di sezione e alcuni nuovi nomi presentati questa mattina in anteprima in attesa del programma definitivo che sarà online nei prossimi giorni. Ci saranno ad esempio lo scrittore Erri De Luca e lo storico Paolo Flores D’Arcais, Gianni Vattimo, Pierluigi Oddifreddi, Luciano Canfora, Michele Mirabella, Achille Varzi. Gli appuntamenti più attesi restano quelli con lo scrittore David Grossman (a Futura domenica 26 luglio alle 21.30), con la regista Cristina Comencini (venerdì 24 luglio alle 21.30) e col musicista Vinicio Capossela (sempre venerdì 24, alle 23). «Oggi vi presentiamo tutti i protagonisti, che seguono la logica dell’interazione tra discipline non isolate – afferma il direttore artistico Gino Troli – sono contenitori che parlano tra loro. C’è un incontro tra la cultura scientifica e quella umanistica che diventa essenziale per il futuro. Senza questo rapporto, questa loro unione, non avverrà mai in Italia e nel mondo il cambiamento». I registi Matteo Garrone e Giuseppe Piccioni impreziosiscono la già nutrita sezione del “Grande Cinema di Futura” rispettivamente domenica 2 agosto alle 21.30 e mercoledì 29 luglio alle 21.30, lo scrittore Erri De Luca, a Civitanova sabato primo agosto alle 23 per riflettere sul futuro

Erri De Luca


delle parole, il filosofo Paolo Flores D’Arcais, con la sua lectio magistralis tra etica e neuroscienze domenica 26 luglio alle 18, lo storico e saggista Luciano Canfora, venerdì 31 luglio alle 23 per la sezione “Altri continenti, necessari cambiamenti”. Quindi il conduttore televisivo e autore Michele Mirabella (sabato 25 luglio alle 23), il filosofo e giornalista Armando Massarenti (domenica 2 agosto alle 18 e alle 19), il filosofo e matematico Giulio Giorello (giovedì 30 luglio alle 18) e l’attore Giorgio Colangeli noto per la sua carriera e per i recital danteschi. «Il Festival, di rilievo internazionale, cresce e quest’anno vanta ospiti sempre più prestigiosi – dichiara la presidente TDiC Rosetta Martellini – grazie alla sensibilità del suo direttore artistico, Gino Troli, Futura riesce a legare insieme l’attualità e il pensiero, mettendoli in connessione con la realtà. Futura diventa così luogo di condivisione e crescita». Presenti anche quest’anno le mostre del festival: una dal carattere innovativo, scientifico, completamente interattiva che ha lo scopo di spiegare e dimostrare la complessità delle leggi matematiche e della fisica attraverso esperimenti e giochi semplici. “Semplice e complesso” è ideata e realizzata dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, presentata in anteprima al gemellato festival di Foligno approda ora a Civitanova. La seconda esposizione, dal titolo “RiScattiamo la scienza” racconta per immagini le attività del Cnr stesso, per un viaggio appassionante. Infine si parla di “Santi ed eroi” nella pittura sacra e profana di Civitanova, in una mostra curata da Enrica Bruni, direttrice della pinacoteca che raccoglie tutto il patrimonio artistico civitanovese sparso in chiese, luoghi pubblici e privati e lo riconsegna al percorso museografico. (l.b.)


Futura pronta ancora a sorprendere con i suoi grandi ospiti ilmascalzone.it /2015/07/futura-pronta-ancora-a-sorprendere-con-i-suoi-grandi-ospiti/ Redazione Edizione memorabile: dopo Grossman, Comencini, Vattimo, Odifreddi e Capossela arrivano a Civitanova Alta anche Matteo Garrone, Giuseppe Piccioni, Erri De Luca, Paolo Flores D’Arcais, Michele Mirabella, Donatella Di Cesare, Achille Varzi

Futura Festival

Civitanova 14/07/2015 – Civitanova Alta si prepara ad ospitare la terza edizione di Futura. A dieci giorni dal taglio del nastro fervono i preparativi per un Festival, ideato e diretto da Gino Troli, che quest’anno indaga tra crisi e mutamento, seguendo il motto-guida di “Todo Cambia”. Lo fa ragionando con le più brillanti e autorevoli figure scientifiche e artistiche del panorama nazionale e internazionale. Oltre allo scrittore David Grossman (a Futura domenica 26 luglio alle 21.30), alla regista Cristina Comencini (venerdì 24 luglio alle 21.30) e al musicista Vinicio Capossela (sempre venerdì 24, alle 23), arrivano numerosi altri importanti ospiti. “Oggi vi presentiamo tutti i protagonisti, che seguono la logica dell’interazione tra discipline non isolate – afferma il direttore artistico -. Sono contenitori che parlano tra loro. C’è un incontro tra la cultura scientifica e quella umanistica che diventa essenziale per il futuro. Senza questo rapporto, questa loro unione, non avverrà mai in Italia e nel mondo il cambiamento”. I registi Matteo Garrone e Giuseppe Piccioni impreziosiscono la già nutrita sezione del “Grande Cinema di Futura” rispettivamente domenica 2 agosto alle 21.30 e mercoledì 29 luglio alle 21.30, lo scrittore Erri De Luca, a Civitanova sabato primo agosto alle 23 per riflettere sul futuro delle parole, il filosofo Paolo Flores D’Arcais, con la sua lectio magistralis tra etica e neuroscienze domenica 26 luglio alle 18, lo storico e saggista Luciano Canfora, venerdì 31 luglio alle 23 per la sezione “Altri continenti, necessari cambiamenti”. Quindi il conduttore televisivo e autore Michele Mirabella (sabato 25 luglio alle 23), il filosofo e giornalista Armando Massarenti (domenica 2 agosto alle 18 e alle 19), il filosofo e matematico Giulio Giorello (giovedì 30 luglio alle 18) e l’attore Giorgio Colangeli noto per la sua carriera e per i recital danteschi. “Il Festival, di rilievo internazionale, cresce e quest’anno vanta ospiti sempre più prestigiosi – dichiara la presidente TDiC Rosetta Martellini -. Grazie alla sensibilità del suo direttore artistico, Gino Troli, Futura riesce a legare insieme l’attualità e il pensiero, mettendoli in connessione con la realtà. Futura diventa così luogo di condivisione e crescita”. La sezione legata alla filosofia vanta dei nomi di primo rilievo, con studiosi quali Donatella Di Cesare, Achille Varzi, Marco Vozza e Gianni Vattimo, così come quella scientifica, con un contenitore, chiamato “Il teatro della scienza”, che tutti i pomeriggi alle 17.30 mette il pubblico in contatto con otto dei più grandi scienziati del nostro tempo. Da Piergiorgio Odifreddi a Ferdinando Boero, da Eugenio Coccia a Lucia Votano. Esperti scelti dal genetista Edoardo Boncinelli, coordinatore di sezione del Festival, che tiene una lectio il 31 luglio, alle 21.30, dal titolo “La Scienza come motore del cambiamento”. Oltre a Boncinelli gli altri coordinatori sono


Massimo Arcangeli, Valentina Conti, Paolo Di Paolo, Diego Fusaro, Filippo La Porta e Italo Moscati . Nutrita poi è la sezione dedicata a Dante, a 750 anni dalla nascita, così come quella ad Annibal Caro, che anticipa la ricorrenza del 450° anno dalla morte, che ricadrà nel 2016. Grande finale il 2 agosto con il concerto di Beppe Barra, mito e realtà della grande tradizione napoletana del canto e della recitazione. Futura Festival ha anche una sezione mostre, che quest’anno si struttura in tre esposizioni. La prima “Semplice e complesso”, ideata e realizzata dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, spazia tra argomenti di rilevanza scientifica con divertenti esperimenti realizzati con materiali di uso comune e la seconda, dal titolo “RiScattiamo la scienza” racconta per immagini le attività del Cnr stesso, per un viaggio appassionante. Infine si parla di “Santi ed eroi” nella pittura sacra e profana di Civitanova, in una mostra curata da Enrica Bruni, direttrice della pinacoteca civica “Marco Moretti” e dal professor Stefano Papetti. Futura Festival viene realizzato dall’Azienda dei Teatri e dal Comune di Civitanova Marche, con il contributo della Regione Marche, della Provincia di Macerata e degli sponsor: Gleam Bijoux, Coop Adriatica, Miramare, Adriatica Pubblicità, Locanda Fontezoppa e Auto Club Marche. Tutti gli aggiornamenti sul sito www.futurafestival.it.


Data:

L'Indiscreto

14/07/2015

Futura pronta ancora a sorprendere con i suoi grandi ospiti Futura pronta ancora a sorprendere con i suoi grandi ospiti Dettagli Pubblicato Martedì, 14 Luglio 2015 18:20 Visite: 102 CIVITANOVA - Civitanova Alta si prepara ad ospitare la terza edizione di Futura. A dieci giorni dal taglio del nastro fervono i preparativi per un Festival, ideato e diretto da Gino Troli, che quest'anno indaga tra crisi e mutamento, seguendo il motto-guida di "Todo Cambia". Lo fa ragionando con le più brillanti e autorevoli figure scientifiche e artistiche del panorama nazionale e internazionale. Oltre allo scrittore David Grossman (a Futura domenica 26 luglio alle 21.30), alla regista Cristina Comencini (venerdì 24 luglio alle 21.30) e al musicista Vinicio Capossela (sempre venerdì 24, alle 23), arrivano numerosi altri importanti ospiti. "Oggi vi presentiamo tutti i protagonisti, che seguono la logica dell'interazione tra discipline non isolate - afferma il direttore artistico -. Sono contenitori che parlano tra loro. C'è un incontro tra la cultura scientifica e quella umanistica che diventa essenziale per il futuro. Senza questo rapporto, questa loro unione, non avverrà mai in Italia e nel mondo il cambiamento". I registi Matteo Garrone e Giuseppe Piccioni impreziosiscono la già nutrita sezione del "Grande Cinema di Futura" rispettivamente domenica 2 agosto alle 21.30 e mercoledì 29 luglio alle 21.30, lo scrittore Erri De Luca, a Civitanova sabato primo agosto alle 23 per riflettere sul futuro delle parole, il filosofo Paolo Flores D'Arcais, con la sua lectio magistralis tra etica e neuroscienze domenica 26 luglio alle 18, lo storico e saggista Luciano Canfora, venerdì 31 luglio alle 23 per la sezione "Altri continenti, necessari cambiamenti". Quindi il conduttore televisivo e autore Michele Mirabella (sabato 25 luglio alle 23), il filosofo e giornalista Armando Massarenti (domenica 2 agosto alle 18 e alle 19), il filosofo e matematico Giulio Giorello (giovedì 30 luglio alle 18) e l’attore Giorgio Colangeli noto per la sua carriera e per i recital danteschi. "Il Festival, di rilievo internazionale, cresce e quest'anno vanta ospiti sempre più prestigiosi - dichiara la presidente TDiC Rosetta Martellini -. Grazie alla sensibilità del suo direttore artistico, Gino Troli, Futura riesce a legare insieme l'attualità e il pensiero, mettendoli in connessione con la realtà. Futura diventa così luogo di condivisione e crescita". La sezione legata alla filosofia vanta dei nomi di primo rilievo, con studiosi quali Donatella Di Cesare, Achille Varzi, Marco Vozza e Gianni Vattimo, così come quella scientifica, con un contenitore, chiamato "Il teatro della scienza", che tutti i pomeriggi alle 17.30 mette il pubblico in contatto con otto dei più grandi scienziati del nostro tempo. Da Piergiorgio Odifreddi a Ferdinando Boero, da Eugenio Coccia a Lucia Votano. Esperti scelti dal genetista Edoardo Boncinelli, coordinatore di sezione del Festival, che tiene una lectio il 31 luglio, alle 21.30, dal titolo "La Scienza come motore del cambiamento". Oltre a Boncinelli gli altri coordinatori sono Massimo Arcangeli, Valentina Conti, Paolo Di Paolo, Diego Fusaro, Filippo La Porta e Italo Moscati. Nutrita poi è la sezione dedicata a Dante, a 750 anni dalla nascita, così come quella ad Annibal Caro, che anticipa la ricorrenza del 450° anno dalla morte, che ricadrà nel 2016. Grande finale il 2 agosto con il concerto di Beppe Barra, mito e realtà della grande tradizione napoletana del canto e della recitazione. Futura Festival ha anche una sezione mostre, che quest'anno si struttura in tre esposizioni. La prima "Semplice e complesso", ideata e realizzata dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, spazia tra argomenti di rilevanza scientifica con divertenti esperimenti realizzati con materiali di uso comune e la seconda, dal titolo "RiScattiamo la scienza" racconta per immagini le attività del Cnr stesso, per un viaggio appassionante. Infine si parla di "Santi ed eroi" nella pittura sacra e profana di Civitanova, in una mostra curata da Enrica Bruni, direttrice della pinacoteca civica "Marco Moretti" e dal professor Stefano Papetti. Futura Festival viene realizzato dall’Azienda dei Teatri e dal Comune di Civitanova Marche, con il contributo della Regione Marche, della Provincia di Macerata e degli sponsor: Gleam Bijoux, Coop Adriatica, Miramare, Adriatica Pubblicità, Locanda Fontezoppa e Auto Club Marche. Tutti gli aggiornamenti sul sito www.futurafestival.it.

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Data:

La Scansione.net

15/07/2015

Futura pronta ancora a sorprendere con i suoi grandi ospiti Futura pronta ancora a sorprendere con i suoi grandi ospiti Civitanova Alta si prepara ad ospitare la terza edizione di Futura. A dieci giorni dal taglio del nastro fervono i preparativi per un Festival, ideato e diretto da Gino Troli, che quest'anno indaga tra crisi e mutamento, seguendo il motto-guida di "Todo Cambia". Lo fa ragionando con le più brillanti e autorevoli figure scientifiche e artistiche del panorama nazionale e internazionale. Oltre allo scrittore David Grossman (a Futura domenica 26 luglio alle 21.30), alla regista Cristina Comencini (venerdì 24 luglio alle 21.30) e al musicista Vinicio Capossela (sempre venerdì 24, alle 23), arrivano numerosi altri importanti ospiti. "Oggi vi presentiamo tutti i protagonisti, che seguono la logica dell'interazione tra discipline non isolate - afferma il direttore artistico -. Sono contenitori che parlano tra loro. C'è un incontro tra la cultura scientifica e quella umanistica che diventa essenziale per il futuro. Senza questo rapporto, questa loro unione, non avverrà mai in Italia e nel mondo il cambiamento". I registi Matteo Garrone e Giuseppe Piccioni impreziosiscono la già nutrita sezione del "Grande Cinema di Futura" rispettivamente domenica 2 agosto alle 21.30 e mercoledì 29 luglio alle 21.30, lo scrittore Erri De Luca, a Civitanova sabato primo agosto alle 23 per riflettere sul futuro delle parole, il filosofo Paolo Flores D'Arcais, con la sua lectio magistralis tra etica e neuroscienze domenica 26 luglio alle 18, lo storico e saggista Luciano Canfora, venerdì 31 luglio alle 23 per la sezione "Altri continenti, necessari cambiamenti". Quindi il conduttore televisivo e autore Michele Mirabella (sabato 25 luglio alle 23), il filosofo e giornalista Armando Massarenti (domenica 2 agosto alle 18 e alle 19), il filosofo e matematico Giulio Giorello (giovedì 30 luglio alle 18) e l'attore Giorgio Colangeli noto per la sua carriera e per i recital danteschi. "Il Festival, di rilievo internazionale, cresce e quest'anno vanta ospiti sempre più prestigiosi - dichiara la presidente TDiC Rosetta Martellini -. Grazie alla sensibilità del suo direttore artistico, Gino Troli, Futura riesce a legare insieme l'attualità e il pensiero, mettendoli in connessione con la realtà. Futura diventa così luogo di condivisione e crescita". La sezione legata alla filosofia vanta dei nomi di primo rilievo, con studiosi quali Donatella Di Cesare, Achille Varzi, Marco Vozza e Gianni Vattimo, così come quella scientifica, con un contenitore, chiamato "Il teatro della scienza", che tutti i pomeriggi alle 17.30 mette il pubblico in contatto con otto dei più grandi scienziati del nostro tempo. Da Piergiorgio Odifreddi a Ferdinando Boero, da Eugenio Coccia a Lucia Votano. Esperti scelti dal genetista Edoardo Boncinelli, coordinatore di sezione del Festival, che tiene una lectio il 31 luglio, alle 21.30, dal titolo "La Scienza come motore del cambiamento". Oltre a Boncinelli gli altri coordinatori sono Massimo Arcangeli, Valentina Conti, Paolo Di Paolo, Diego Fusaro, Filippo La Porta e Italo Moscati. Nutrita poi è la sezione dedicata a Dante, a 750 anni dalla nascita, così come quella ad Annibal Caro, che anticipa la ricorrenza del 450 anno dalla morte, che ricadrà nel 2016. Grande finale il 2 agosto con il concerto di Beppe Barra, mito e realtà della grande tradizione napoletana del canto e della recitazione. Futura Festival ha anche una sezione mostre, che quest'anno si struttura in tre esposizioni. La prima "Semplice e complesso", ideata e realizzata dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, spazia tra argomenti di rilevanza scientifica con divertenti esperimenti realizzati con materiali di uso comune e la seconda, dal titolo "RiScattiamo la scienza" racconta per immagini le attività del Cnr stesso, per un viaggio appassionante. Infine si parla di "Santi ed eroi" nella pittura sacra e profana di Civitanova, in una mostra curata da Enrica Bruni, direttrice della pinacoteca civica "Marco Moretti" e dal professor Stefano Papetti. Futura Festival viene realizzato dall'Azienda dei Teatri e dal Comune di Civitanova Marche, con il contributo della Regione Marche, della Provincia di Macerata e degli sponsor: Gleam Bijoux, Coop Adriatica, Miramare, Adriatica Pubblicità, Locanda Fontezoppa e Auto Club Marche. Tutti gli aggiornamenti sul sito www.futurafestival.it. Carlo Scheggia Condividi : Google Facebook Twitter LinkedIn Articoli correlati: Futura Festival lancia i primi grandi ospiti David Grossman, Cristina Comencini, Vinicio Capossela, Piergiorgio Odifreddi e Gianni Vattimo. Poi ancora Piero Boitani, Lucia Votano, Federico Rampini, Giulio Ferroni, Alessandro Fo, Marco Grimaldi, Eugenio Coccia. Ecco i primi grandi ospiti dell'edizione 2015 di... Oltre 100 ospiti in 10 giorni a Futura Oltre 100 ospiti, 10 giorni di appuntamenti dalle cinque del pomeriggio fino a notte fonda. Futura si svela completamente e presenta il suo programma di eventi, laboratori e mostre. Ieri mattina presso la sala giunta... Anteprima per il Futura Festival Anteprima di Futura, mostre e cerimonia inaugurale alla vigilia dell'apertura della seconda edizione del Festival, tre appuntamenti che danno il via alle danze. Venerdì 25 luglio Futura Festival apre i battenti, ma già da oggi... Al via il contest di Futura 'Twittabolario' Al via oggi, lunedì 15 giugno, la nuova fase di "Twittabolario", il contest social di Futura Festival 2015. Dopo la grande partecipazione di "M'è dolce il cinguettar " e "Leopardi per sempre: il visibile poetare", quest'anno...

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Data:

Vivere Civitanova

15/07/2015

Futura pronta ancora a sorprendere con i suoi grandi ospiti --> Futura pronta ancora a sorprendere con i suoi grandi ospiti Civitanova Alta si prepara ad ospitare la terza edizione di Futura. A dieci giorni dal taglio del nastro fervono i preparativi per un Festival, ideato e diretto da Gino Troli, che quest'anno indaga tra crisi e mutamento, seguendo il motto-guida di "Todo Cambia". Lo fa ragionando con le più brillanti e autorevoli figure scientifiche e artistiche del panorama nazionale e internazionale. Oltre allo scrittore David Grossman (a Futura domenica 26 luglio alle 21.30), alla regista Cristina Comencini (venerdì 24 luglio alle 21.30) e al musicista Vinicio Capossela (sempre venerdì 24, alle 23), arrivano numerosi altri importanti ospiti. "Oggi vi presentiamo tutti i protagonisti, che seguono la logica dell'interazione tra discipline non isolate - afferma il direttore artistico -. Sono contenitori che parlano tra loro. C'è un incontro tra la cultura scientifica e quella umanistica che diventa essenziale per il futuro. Senza questo rapporto, questa loro unione, non avverrà mai in Italia e nel mondo il cambiamento". I registi Matteo Garrone e Giuseppe Piccioni impreziosiscono la già nutrita sezione del "Grande Cinema di Futura" rispettivamente domenica 2 agosto alle 21.30 e mercoledì 29 luglio alle 21.30, lo scrittore Erri De Luca, a Civitanova sabato primo agosto alle 23 per riflettere sul futuro delle parole, il filosofo Paolo Flores D'Arcais, con la sua lectio magistralis tra etica e neuroscienze domenica 26 luglio alle 18, lo storico e saggista Luciano Canfora, venerdì 31 luglio alle 23 per la sezione "Altri continenti, necessari cambiamenti". Quindi il conduttore televisivo e autore Michele Mirabella (sabato 25 luglio alle 23), il filosofo e giornalista Armando Massarenti (domenica 2 agosto alle 18 e alle 19), il filosofo e matematico Giulio Giorello (giovedì 30 luglio alle 18) e l'attore Giorgio Colangeli noto per la sua carriera e per i recital danteschi. "Il Festival, di rilievo internazionale, cresce e quest'anno vanta ospiti sempre più prestigiosi - dichiara la presidente TDiC Rosetta Martellini -. Grazie alla sensibilità del suo direttore artistico, Gino Troli, Futura riesce a legare insieme l'attualità e il pensiero, mettendoli in connessione con la realtà. Futura diventa così luogo di condivisione e crescita". La sezione legata alla filosofia vanta dei nomi di primo rilievo, con studiosi quali Donatella Di Cesare, Achille Varzi, Marco Vozza e Gianni Vattimo , così come quella scientifica, con un contenitore, chiamato "Il teatro della scienza", che tutti i pomeriggi alle 17.30 mette il pubblico in contatto con otto dei più grandi scienziati del nostro tempo. Da Piergiorgio Odifreddi a Ferdinando Boero, da Eugenio Coccia a Lucia Votano. Esperti scelti dal genetista Edoardo Boncinelli, coordinatore di sezione del Festival, che tiene una lectio il 31 luglio, alle 21.30, dal titolo "La Scienza come motore del cambiamento". Oltre a Boncinelli gli altri coordinatori sono Massimo Arcangeli, Valentina Conti, Paolo Di Paolo, Diego Fusaro, Filippo La Porta e Italo Moscati . Nutrita poi è la sezione dedicata a Dante, a 750 anni dalla nascita, così come quella ad Annibal Caro, che anticipa la ricorrenza del 450 anno dalla morte, che ricadrà nel 2016. Grande finale il 2 agosto con il concerto di Beppe Barra, mito e realtà della grande tradizione napoletana del canto e della recitazione. Futura Festival ha anche una sezione mostre , che quest'anno si struttura in tre esposizioni. La prima "Semplice e complesso", ideata e realizzata dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, spazia tra argomenti di rilevanza scientifica con divertenti esperimenti realizzati con materiali di uso comune e la seconda, dal titolo "RiScattiamo la scienza" racconta per immagini le attività del Cnr stesso, per un viaggio appassionante. Infine si parla di "Santi ed eroi" nella pittura sacra e profana di Civitanova, in una mostra curata da Enrica Bruni, direttrice della pinacoteca civica "Marco Moretti" e dal professor Stefano Papetti. Futura Festival viene realizzato dall'Azienda dei Teatri e dal Comune di Civitanova Marche, con il contributo della Regione Marche, della Provincia di Macerata e degli sponsor: Gleam Bijoux, Coop Adriatica, Miramare, Adriatica Pubblicità, Locanda Fontezoppa e Auto Club Marche. Tutti gli aggiornamenti sul sito www.futurafestival.it. --> da Futura Festival Tweet Questo è un comunicato stampa inviato il 14/07/2015 pubblicato sul giornale del 15/07/2015 - 34 letture - 0 commenti In questo articolo si parla di attualità, civitanova marche, futura festival. L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/alWF Rilasciato con licenza Creative Commons. Maggiori info: vivere.biz/gkW

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


15 luglio 2015 / comment 0

TODO CAMBIA, Futura Festival domenica si presenta all’evento milanese di Luci dal Porto Attraversare il passato, il presente e poi, come è giusto approdare al futuro. Domenica 19, il pubblico del Fuori Expo del Salone Elica di Milano, completerà il proprio viaggio nelle Marche e nella città di Civitanova e lo farà incontrando una delle tre realtà che maggiormente incarnano la cifra dotta della cittadina marinara. Si tratta di Futura Festival e noi di Marche Best Way abbiamo fatto due chiacchiere proprio con il direttore artistico Gino Troli, per capire un po’ quello che ci spetta dalla nuova edizione di scena a Civitanova dal 24 luglio al 2 agosto.

converted by Web2PDFConvert.com


Uno sguardo al domani e si entra subito in Futura Festival, il contenitore culturale che Civitanova Marche ha messo in piedi per raccontare quello che verrà e indagare il domani con più consapevolezza grazie all’intervento di veri e propri big del pensiero. Noi di Marche Best Way abbiamo fatto due chiacchiere proprio con Gino Troli, direttore artistico di Futura per capire un po’ quello che ci spetta dalla nuova edizione di scena a Civitanova dal 24 luglio al 2 agosto.

Che novità dobbiamo attenderci da questa nuova edizione ormai alle porte? Sarà un’edizione di grandi nomi chiamati a discutere quest’anno sul tema del cambiamento. Con “Todo cambia” ci chiederemo cosa sta avvenendo e come? Quali sono gli strumenti per interpretarne il senso? Varie discipline come sempre concorreranno a costruire una visione dialogica e completa del nostro presente e del futuro che ci attende. Scienza e umanesimo entreranno in dialogo come ormai sempre accade qui a Futura. Gli ospiti che interverranno sono veri e propri testimonial del nostro tempo. Avremo uno dei più grandi scrittori del nostro tempo, David Grossman, poi Matteo Garrone e Cristina Comencini, Vattimo e Fusaro per la filosofia, e ancora Erri de Luca, Vinicio Capossela, Paolo Flores D’Arcais, Luciano Canfora, Michele Mirabella e tantissimi altri. (ndr. Tutto il programma su www.futurafestival.it)

converted by Web2PDFConvert.com


Proprio per carezzare il tema del cambiamento, vorrei sottoporle due citazioni opposte che forse un po’ incarnano la dicotomia dell’opinione pubblica sul concetto di futuro. “Sii il cambiamento che vuoi vedere nel Mondo”, come sosteneva Gandhi, oppure la terribile frase tratta da V per Vendetta: “Ogni volta che ho visto cambiare il Mondo è stato in peggio”. Come si pone Futura? [Sospira] Noi vogliamo essere ottimisti, alla paura per il domani rispondere con la concretezza dei fatti, essere noi stessi il cambiamento auspicato e poter scacciare i timori derivanti dal futuro con la speranza che quel futuro possa essere un passaggio verso la positività. Per fare questo bisogna però esercitare la capacità critica dell’uomo, e Futura intende fare questo, essere strumento di crescita pedagogica, di consapevolezza e deve nutrire l’anima. Futura va quindi a Milano a presentarsi e a rappresentare uno dei volti culturali di Civitanova Marche… che immagine dare ad una città così viva culturalmente come Milano? Siamo ormai una parte costitutiva consolidata dell’offerta turistico-culturale cittadina. A Milano presenteremo il nostro volto autentico che è già balzato all’attenzione mediatica nazionale e che ci auguriamo possa farlo ancora. Inoltre ci sentiamo parte di una città unica nel suo genere. Non dobbiamo dimenticare infatti che Civitanova conta 43mila abitanti e in Italia non esiste un’altra città capace di offrire ai suoi cittadini ben tre festival di così alto livello, Futura, Civitanova Danza e Rive Festival.

converted by Web2PDFConvert.com


Luci dal Porto. Il porto, luogo simbolico per eccellenza di arrivi e di partenze, le luci che schiariscono quello che altrimenti rimarrebbe al buio. Mai metafora più azzeccata della cultura, luogo unico di scambio, arrivo e dipartita di pensieri, dove l’obiettivo è quello di far luce sul mondo per cercare di capirci qualcosa in più. Appuntamento a domenica 19 allora, presso lo Spazio Elica per scoprire ancora di più il futuro e il cambiamento, in una parola per entrare nel mondo di Futura Festival.

Filed under: Senza categoria Tagged: Civitanova Marche, Filosofia, Futura Festival, Futura Festival 2015, Gino Troli, Intervista Troli, Luci dal Porto, Milano, Popsophia

« P

P O

S

R E T

V

I

O

U

S

N »

E

X

T

Leave a Reply Nome *

Email *

Sito web

converted by Web2PDFConvert.com

P


Futura rende protagonista il pubblico con tanti laboratori ilmascalzone.it /2015/07/futura-rende-protagonista-il-pubblico-con-tanti-laboratori/ Redazione Numeri, giochi, scienza, chimica e fisica Il Festival di Gino Troli promuove l’attivismo degli spettatori con numerose attività organizzate con l’Università di Camerino, l’Associazione Alpha Gemini e l’Istituto Sant’Agostino, la “Festa di Scienza di Filosofia” di Foligno e Talent.

Futura Festival

Civitanova 18/07/2015 – Futura Festival è partecipazione attiva e in questa terza edizione potenzia l’offerta dei laboratori dedicati alla scoperta delle scienze. Dal 24 luglio al 2 agosto, gli spazi del centro di Civitanova Alta ospitano gli appuntamenti all’insegna dell’investigazione scientifica, organizzati in collaborazione con l’Università di Camerino, l’Associazione Alpha Gemini e l’Istituto Sant’Agostino di Civitanova Alta, la “Festa di Scienza di Filosofia” di Foligno e Talent.

Nel cortile ex Liceo, i laboratori Unicam preparano un viaggio tra esperimenti chimici, passeggiate 3d, droni e mini-robot, indagando il mondo dei numeri. Venerdì 24 luglio, alle ore 18:30 e alle 21:30, si inizia con il workshop di medicina veterinaria, proseguendo il giorno successivo con quello di informatica ed architettura. La chimica e la matematica sono rispettivamente le protagoniste dei laboratori del 29 e 30 luglio. Si continua venerdì 31 luglio con la fisica, concludendo con astronomia ed architettura l’1 e il 2 agosto. Il Giardino della scienza anima lo spazio verde della Pinacoteca Mario Moretti, nelle giornate di sabato e domenica, grazie all’Alpha Gemini e l’Istituto Sant’Agostino. Organizzati in 3 momenti – alle 21:15, alle 22:15 e alle 23:30 – gli appuntamenti sviluppano diverse tematiche scientifiche: la luce, le illusioni, la linguistica e le scienze naturali, con la narrazione di Claudio Bernacchia.

Dalle 18:30 alle 19:30 e dalle 21:30 alle 22:30, tutti i giorni, si sviluppa nel Chiostro di San Francesco il laboratorio di chimica, fisica e matematica per grandi e piccini Nutriamo la mente, a cura della “Festa di Scienza e Filosofia” di Foligno. Il workshop vuole essere una riflessione interdisciplinare tra cultura umanistica e scientifica: data l’alta partecipazione dello scorso anno, con quasi mille persone coinvolte, si consiglia la prenotazione (Tel. 0733/893518, cell. 331/3015374).

Talent propone sempre al Chiostro di San Francesco alle ore 18:00 e alle 21:30 del venerdì, sabato e domenica il laboratorio di robotica educativa e creativa. È una visita guidata nel mondo della tecnologia e della programmazione ingegneristica a misura dei più piccoli e dei più grandi. I professionisti affiancano in ogni passaggio bambini e adulti nella costruzione di un vero e proprio robot Lego. Anche in questo caso è


consigliata la prenotazione (Tel. 0733/893518, cell. 331/3015374). Il programma dettagliato della manifestazione diretta da Gino Troli è su www.futurafestival.it.


ATTUALITÀ

0

LA SCIENZA PROTAGONISTA AGLI APERIFESTIVAL

DOMENICA 19 LUGLIO 2015

Quinto e ultimo appuntamento degli Aperifestival, organizzati dalla Biblioteca Comunale Zavatti in collaborazione co. n Futura e Civitanova Danza, con il contributo dello sponsor ufficiale Gleam Bijoux. Domani 20 luglio, alle 18.30 nella pineta adiacente la biblioteca comunale, i protagonisti sono Claudio Bernacchia, socio fondatore e vice-presidente dell’associazione culturale Alpha Gemini, e il professor Pierluigi Mingarelli, direttore del Laboratorio di Scienze sperimentali (LabScienze) e della Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, manifestazione gemellata con Futura. Il tema dell'intervento è La scienza si fa gioco. I due relatori, che animano i laboratori in programma durante l'imminente edizione di Futura Festival, mostrano l'aspetto più ludico della formazione e dell'insegnamento. A conclusione degli incontro il pubblico potrà fermarsi per gustare l'aperitivo offerto ed organizzato dalla cantina Fontezoppa. Condividi

Ti potrebbe interessare anche

CIVITANOVESE: È FALLIMENTO. IL CURATORE È IL DOTT. BENIGNI.

“A 34 ANNI, SENZA UN LAVORO, NON È GIUSTO CHE MARITO SI SENTA UN FALLITO”. APPELLO ACCORATO DI UNA CIVITANOVESE converted by Web2PDFConvert.com


Nell’ultimo Aperifestival si parla di scienza cronachemaceratesi.it /2015/07/19/nellultimo-aperifestival-si-parla-di-scienza/683308/ Quinto e ultimo appuntamento degli Aperifestival, organizzati dalla Biblioteca Comunale Zavatti in collaborazione con Futura e Civitanova Danza, con il contributo dello sponsor ufficiale Gleam Bijoux. Domani 20 luglio, alle 18.30 nella pineta adiacente la biblioteca comunale, i protagonisti sono Claudio Bernacchia, socio fondatore e vice-presidente dell’associazione culturale Alpha Gemini, e il professor Pierluigi Mingarelli, direttore del Laboratorio di Scienze sperimentali (LabScienze) e della Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, manifestazione gemellata con Futura. Il tema dell’intervento è La scienza si fa gioco. I due relatori, che animano i laboratori in programma durante l’imminente edizione di Futura Festival, mostrano l’aspetto più ludico della formazione e dell’insegnamento. A conclusione degli incontro il pubblico potrà fermarsi per gustare l’aperitivo offerto ed organizzato dalla cantina Fontezoppa.


Nell’ultimo Aperifestival domani si parla di scienza ilmascalzone.it /2015/07/nellultimo-aperifestival-domani-si-parla-di-scienza/ Redazione di Redazione | in: Cultura e Spettacoli

Gli ospiti sono Claudio Bernacchia e Pierluigi Mingarelli, protagonisti pure a Futura Futura Festival

Civitanova Marche, 19/07/2015 – Quinto e ultimo appuntamento degli Aperifestival, organizzati dalla Biblioteca Comunale Zavatti in collaborazione con Futura e Civitanova Danza, con il contributo dello sponsor ufficiale Gleam Bijoux.

Domani 20 luglio, alle 18.30 nella pineta adiacente la biblioteca comunale, i protagonisti sono Claudio Bernacchia, socio fondatore e vice-presidente dell’associazione culturale Alpha Gemini, e il professor Pierluigi Mingarelli, direttore del Laboratorio di Scienze sperimentali (LabScienze) e della Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, manifestazione gemellata con Futura. Il tema dell’intervento è La scienza si fa gioco. I due relatori, che animano i laboratori in programma durante l’imminente edizione di Futura Festival, mostrano l’aspetto più ludico della formazione e dell’insegnamento. A conclusione degli incontro il pubblico potrà fermarsi per gustare l’aperitivo offerto ed organizzato dalla cantina Fontezoppa. Ricerca personalizzata


Futura pronta a sorprendere con i suoi grandi ospiti ilmascalzone.it /2015/07/futura-pronta-a-sorprendere-con-i-suoi-grandi-ospiti/ Redazione Edizione memorabile con David Grossman, Cristina Comencini, Vinicio Capossela, Matteo Garrone, Erri De Luca e Donatella Di Cesare

Civitanova 20/07/2015 – Dopo lo straordinario successo della scorsa estate, Futura anima di nuovo le vie di Civitanova Alta. Dal 24 al 2 agosto il Festival, ideato e organizzato dal direttore artistico Gino Troli, investiga sulle tematiche della crisi e del cambiamento in un dibattito che si snoda tra filosofia, arte, cinema e scienza, all’insegna del nuovo motto: Todo cambia. Ospite d’onore di questa edizione, uno degli scrittori più importanti a livello mondiale: David Grossman. L’autore israeliano di prende il testimone dal sociologo anglopolacco Zygmunt Bauman e dal etnologo e antropologo francese Marc Augé, invitati speciali delle edizioni 2014 e 2013. L’incontro con il romanziere è fissato per il 26 luglio, alle ore 21:30, in Piazza della Libertà.

Futura Festival inaugurazione

Il 24 luglio Civitanova Alta apre le sue porte al cantautore e polistrumentista Vinicio Capossela, uno degli artisti più completi nel panorama italiano, e a Cristina Comencini, regista, sceneggiatrice e attrice, figlia del famoso cineasta Luigi.

Nella sezione “Grande Cinema di Futura” troviamo i registi Matteo Garrone – pluripremiato per la sua trasposizione cinematografica di Gomorra – e Giuseppe Piccioni, uno degli artisti italiani che più ha riflettuto sugli amori infelici delle figure al margine della società. I due film maker impreziosiscono il dibattito del Festival rispettivamente il 2 agosto e il 29 luglio . Sabato primo agosto, invece, lo scrittore Erri De Luca, uno tra gli intellettuali considerati testimoni del nostro tempo ed esploratori del futuro, arriva a Civitanova per riflettere sull’avvenire delle parole e con lui c’è anche Donatella Di Cesare, docente di Filosofia Teoretica e del Linguaggio all’Università La Sapienza. Nell’ambito della scienza siamo coinvolti da importanti figure come il genetista Edoardo Boncinelli, professore Fondamenti biologici della conoscenza all’Università Vita-Salute San Raffaele; il fisico Ferdinando Boero, ordinario di Zoologia all’Università del Salento; e Fernando Ferroni, presidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Più di 70 gli ospiti che si avvicendano negli spazi di Civitanova Alta durante Futura, un festival che continua ad essere un’occasione per riflettere su temi di impellente importanza da diversi punti di vista.


Data:

Vivere Civitanova

20/07/2015

Nell'ultimo Aperifestival si parla di scienza con Claudio Bernacchia e Pierluigi Mingarelli --> Nell'ultimo Aperifestival si parla di scienza con Claudio Bernacchia e Pierluigi Mingarelli Quinto e ultimo appuntamento degli Aperifestival, organizzati dalla Biblioteca Comunale Zavatti in collaborazione con Futura e Civitanova Danza, con il contributo dello sponsor ufficiale Gleam Bijoux. Lunedì 20 luglio, alle 18.30 nella pineta adiacente la biblioteca comunale, i protagonisti sono Claudio Bernacchia, socio fondatore e vice-presidente dell'associazione culturale Alpha Gemini, e il professor Pierluigi Mingarelli, direttore del Laboratorio di Scienze sperimentali (LabScienze) e della Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, manifestazione gemellata con Futura. Il tema dell'intervento è La scienza si fa gioco. I due relatori, che animano i laboratori in programma durante l'imminente edizione di Futura Festival, mostrano l'aspetto più ludico della formazione e dell'insegnamento. A conclusione degli incontro il pubblico potrà fermarsi per gustare l'aperitivo offerto ed organizzato dalla cantina Fontezoppa. --> da Futura Festival Tweet Questo è un comunicato stampa inviato il 19/07/2015 pubblicato sul giornale del 20/07/2015 - 22 letture 0 commenti In questo articolo si parla di aperifestival, civitanova marche, futura festival, spettacoli. L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/al9Y Rilasciato con licenza Creative Commons. Maggiori info: vivere.biz/gkW

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


CULTURA

1

FUTURA: 120 EVENTI E 70 OSPITI PER CIVITANOVA ALTA

MARTEDÌ 21 LUGLIO 2015

Centoventi appuntamenti, 27 laboratori, 25 sponsor, 3 mostre, 70 ospiti e la direzione artistica di Gino Troli. Ecco in numeri il Festival che anima Civitanova Alta dal 24 luglio al 2 agosto e che domenica 26 ha in programma un evento unico: David Grossman che interviene su “letterature e verità”, insieme a Filippo La Porta. “Grazie agli sponsor che ci sostengono riusciamo a dare qualità alla nostra manifestazione – ha dichiarato Troli nella conferenza stampa ospitata dalla Locanda Fontezoppa -. Iniziamo con il botto: Piergiorgio Odifreddi, con un intervento su Darwin, Cristina Comencini che in piazza della Libertà discute sull’illusione del bene e riceve il premio Esploratori del futuro, e Vinicio Capossela, uno degli artisti più completi del panorama italiano che presenta il suol ultimo lavoro, Il paese dei coppoloni”. Il Festival miscela grandi nomi ad attività e progetti rilevanti sia per Civitanova che per il panorama nazionale. “Penso ai 74 studenti della scuola media Ungaretti – ha affermato la presidente TDiC Rosetta Martellini – che partecipano attivamente con un spettacolo ispirato alla Grande Guerra, il 31 luglio: un seme germogliato dopo l’incontro dello scorso anno con lo storico Gentile. I bambini sono protagonisti anche nella cerimonia d’apertura che vedrà presente il presidente della Regione Luca Ceriscioli: il Piccolo Coro di Sant’Agostino, costituito da pochi mesi, si esibisce per dare il via al Festival con alcuni brani dedicati alla scienza e al sogno. Altra esperienza da segnalare è quella di Mauro Malatini, profumiere artigianale, con un workshop olfattivo per capire il legame tra essenze e stati d’animo”. Importantissimo il servizio di sottotitolazione simultanea e interpretariato in Lis, in collaborazione con l’assessorato ai Servizi Sociali e con Uici (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti). Dopo la significativa e riuscita esperienza dello scorso anno, Futura, con l’Amministrazione comunale, rinnova il suo impegno verso l’abbattimento delle barriere comunicative, con sette eventi sottotitolati e con interprete Lis. Inoltre ha programmato la visita alle mostre, i laboratori e il percorso olfattivo per ciechi e ipovedenti. “Crediamo in questo Festival – ha detto il sindaco Tommaso Corvatta – e siamo certi che questo modo di fare cultura lascerà un segno converted by Web2PDFConvert.com


a Civitanova”. Entusiasta anche l’assessore alla cultura e turismo Giulio Silenzi. “L’obiettivo è volare alto, intercettare nuove tendenze e anticipare il futuro: questo è il progetto ambizioso di Futura”. Il Festival è sostenuto dall’official sponsor Gleam Bijoux, al secondo anno di presenza, come ricordato dal titolare Salvatore Lattanzi che ha sottolineato: “ci piace sostenere la città e la cultura: siamo certi che Futura porti benefici a Civitanova”. Altro sponsor è Coop Adriatica, gli sponsor tecnici sono Hotel Miramare, Adriatica Pubblicità, Il Resto del Carlino, Auto Club Marche, Cantine Fontezoppa, Arredamenti Maurizi, Pellegrini Garden, Cerolini e Varnelli. Importante l’apporto dei partner culturali UnicamUniversità di Camerino, Cnr (Consiglio Nazionale delle Ricerche), pinacoteca civica Marco Moretti, biblioteca comunale Silvio Zavatti, Civitanova Danza, Crisi (Centro di ricerca interdisciplinare di storia delle idee), Mondadori education, Le Monnier, Sotto gli auspici del Centro per il libro e la cultura. Il tutto anche grazie al contributo del Comune di Civitanova e dell’Azienda dei Teatri, della Regione Marche, della Provincia di Macerata e della Camera di Commercio. Il programma dettagliato è su www.futurafestival.it. Condividi

Ti potrebbe interessare anche

AUTO IN FIAMME NEL BORGO MARINARO. SI CERCA DI CAPIRE LE CAUSE

“A 34 ANNI, SENZA UN LAVORO, NON È GIUSTO CHE MARITO SI SENTA UN FALLITO”. APPELLO ACCORATO DI UNA CIVITANOVESE CIVITANOVESE: È FALLIMENTO. IL CURATORE È IL DOTT. BENIGNI.

1 RESPONSE Commenti1 Commenti1 Tiziano R mercoledì 22 luglio 2015 alle 10:02 Con i parcheggi come ci regoliamo..? Perché questo ultradecennale problema NON è mai stato risolto..? Perché chi lavora e torna a casa (stanco) dopo le 20, deve parcheggiare in campagna..?

LASCIA UNA RISPOSTA Nome *

Email *

Sito web

Commento

Invia commento

converted by Web2PDFConvert.com


Tutto pronto per Futura Festival Su il sipario da venerdì cronachemaceratesi.it /2015/07/21/tutto-pronto-per-futura-festival-su-il-sipario-da-venerdi/684027/ Comincia il conto alla rovescia per Futura Festival che venerdì prossimo alza il sipario sulla terza edizione con un primo week end che da solo vale tutto il festival. Una tre giorni che vedrà protagonisti lo scrittore internazionale David Grossman, Piergiorgio Odifreddi, Michele Mirabella, Cristina Comencini, Vinicio Capossela, Federico Rampini e Paolo Flores D’Arcais. Nomi di grande appeal culturale, alcuni in La presentazione di Futura Festival esclusiva per il festival come Grossman che sarà protagonista domenica. Questa mattina si è svelato il programma completo, fatto oltre che da grandi nomi da una serie di rassegne e “attori” del territorio, laboratori, incontri e novità al moto di “Todo Cambia”. Sono 120 gli appuntamenti totali distribuiti nelle due settimane di festival, fino al 2 agosto a Civitanova Alta, 27 laboratori, 25 sponsor, 3 mostre e 80 ospiti. Ma oltre ai numeri le novità sono rappresentate dal coinvolgimento dei bambini fin dall’inaugurazione, e poi il cibo protagonista con alcuni chef e studiosi, il sudamerica con scrittori cubani, il futuro visto dalla scienza, ma anche Dante e due focus filosofici su Kant e Heidegger. «Grazie agli sponsor che ci sostengono riusciamo a dare qualità alla nostra manifestazione – ha dichiarato Troli nella conferenza stampa ospitata dalla Locanda Fontezoppa – iniziamo con il botto: Piergiorgio Odifreddi, con un intervento su Darwin, Cristina Comencini che in piazza della Libertà discute sull’illusione del bene e riceve il premio Esploratori del futuro, e Vinicio Capossela, uno degli artisti più completi del panorama italiano che presenta il suol ultimo lavoro, Il paese dei coppoloni». Il Festival miscela grandi nomi ad attività e progetti rilevanti sia per Civitanova che per il panorama nazionale. «Penso ai 74 studenti della scuola media Ungaretti – ha affermato la presidente TdC Rosetta Martellini – che partecipano attivamente con un spettacolo ispirato alla Grande Guerra, il 31 luglio: un seme germogliato dopo l’incontro dello scorso anno con lo storico Gentile. I bambini sono protagonisti anche nella cerimonia d’apertura che vedrà presente il presidente della Regione Luca Ceriscioli: il Piccolo Coro di Sant’Agostino, costituito da pochi mesi, si esibisce per dare il via al Festival con alcuni brani dedicati alla scienza e al sogno. Altra esperienza da segnalare è quella di Mauro Malatini, profumiere artigianale, con un workshop olfattivo per capire il legame tra essenze e stati d’animo». Torna anche il servizio di sottotitolazione simultanea e interpretariato in Lis, in collaborazione con l’assessorato ai Servizi Sociali e con l’unione italiana ciechi e ipovedenti. Dopo l’ esperienza dello scorso anno, Futura, con l’amministrazione comunale, rinnova il suo impegno verso l’abbattimento delle barriere comunicative, con sette eventi sottotitolati e con interprete Lis. Inoltre è prevista la visita alle mostre, i laboratori e il percorso


olfattivo per ciechi e ipovedenti. Novità che sarà apprezzata dai residenti e resa possibile grazie ad alcuni sponsor è il rifacimento dei teloni di protezione di Palazzo Ducale. La struttura privata, da tempo in stato di abbandono in piazza della Libertà, sarà infatti utilizzata per la proiezione di alcuni video e filmati, con il rifacimento completo dei teli della facciata. (Redazione Cm)


Futura: 120 eventi e settanta ospiti per Civitanova Alta ilmascalzone.it /2015/07/futura-120-eventi-e-settanta-ospiti-per-civitanova-alta/ Redazione Dieci giorni tra incontri, spettacoli, mostre e laboratori. Prosegue il progetto LIS. Official sponsor Gleam Bijoux Futura Festival

Civitanova, 21/07/2015 – Centoventi appuntamenti, 27 laboratori, 25 sponsor, 3 mostre, 70 ospiti e la direzione artistica di Gino Troli. Ecco in numeri il Festival che anima Civitanova Alta dal 24 luglio al 2 agosto e che domenica 26 ha in programma un evento unico: David Grossman che interviene su “letterature e verità”, insieme a Filippo La Porta.

“Grazie agli sponsor che ci sostengono riusciamo a dare qualità alla nostra manifestazione – ha dichiarato Troli nella conferenza stampa ospitata dalla Locanda Fontezoppa -. Iniziamo con il botto: Piergiorgio Odifreddi, con un intervento su Darwin, Cristina Comencini che in piazza della Libertà discute sull’illusione del bene e riceve il premio Esploratori del futuro, e Vinicio Capossela, uno degli artisti più completi del panorama italiano che presenta il suol ultimo lavoro, Il paese dei coppoloni”.

Il Festival miscela grandi nomi ad attività e progetti rilevanti sia per Civitanova che per il panorama nazionale. “Penso ai 74 studenti della scuola media Ungaretti – ha affermato la presidente TDiC Rosetta Martellini – che partecipano attivamente con un spettacolo ispirato alla Grande Guerra, il 31 luglio: un seme germogliato dopo l’incontro dello scorso anno con lo storico Gentile. I bambini sono protagonisti anche nella cerimonia d’apertura che vedrà presente il presidente della Regione Luca Ceriscioli: il Piccolo Coro di Sant’Agostino, costituito da pochi mesi, si esibisce per dare il via al Festival con alcuni brani dedicati alla scienza e al sogno. Altra esperienza da segnalare è quella di Mauro Malatini, profumiere artigianale, con un workshop olfattivo per capire il legame tra essenze e stati d’animo”.

Importantissimo il servizio di sottotitolazione simultanea e interpretariato in Lis, in collaborazione con l’assessorato ai Servizi Sociali e con Uici (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti). Dopo la significativa e riuscita esperienza dello scorso anno, Futura, con l’Amministrazione comunale, rinnova il suo impegno verso l’abbattimento delle barriere comunicative, con sette eventi sottotitolati e con interprete Lis. Inoltre ha programmato la visita alle mostre, i laboratori e il percorso olfattivo per ciechi e ipovedenti.

“Crediamo in questo Festival – ha detto il sindaco Tommaso Corvatta – e siamo certi che questo modo di fare cultura lascerà un segno a Civitanova”. Entusiasta anche l’assessore alla cultura e turismo Giulio Silenzi. “L’obiettivo è volare alto, intercettare nuove tendenze e anticipare il futuro: questo è il progetto ambizioso di Futura”.


Il Festival è sostenuto dall’official sponsor Gleam Bijoux, al secondo anno di presenza, come ricordato dal titolare Salvatore Lattanzi che ha sottolineato: “ci piace sostenere la città e la cultura: siamo certi che Futura porti benefici a Civitanova”.

Altro sponsor è Coop Adriatica, gli sponsor tecnici sono Hotel Miramare, Adriatica Pubblicità, Il Resto del Carlino, Auto Club Marche, Cantine Fontezoppa, Arredamenti Maurizi, Pellegrini Garden, Cerolini e Varnelli. Importante l’apporto dei partner culturali Unicam-Università di Camerino, Cnr (Consiglio Nazionale delle Ricerche), pinacoteca civica Marco Moretti, biblioteca comunale Silvio Zavatti, Civitanova Danza, Crisi (Centro di ricerca interdisciplinare di storia delle idee), Mondadori education, Le Monnier, Sotto gli auspici del Centro per il libro e la cultura. Il tutto anche grazie al contributo del Comune di Civitanova e dell’Azienda dei Teatri, della Regione Marche, della Provincia di Macerata e della Camera di Commercio. Il programma dettagliato è su www.futurafestival.it.


Cerca

cerca!

Prima pagina Notizie locali Rubriche Servizi mercoledì 22/07/2015

| Ultimo aggiornamento ore 12:41

| Lavora con noi

Futura pronta a sorprendere con i suoi grandi ospiti

|

Passa con il mouse sulle icone per conoscere la funzionalità

Civitanova Marche | Edizione memorabile con David Grossman, Cristina Comencini, Vinicio Capossela, Matteo Garrone, Erri De Luca e Donatella Di Cesare.

Gino Troli, presidente dell'Amat

Altri articoli di... Like

6.7k

Civitanova– Dopo lo straordinario successo della scorsa estate, Futura anima di nuovo le vie di Civitanova Alta. Dal 24 al 2 agosto il Festival, ideato e organizzato dal direttore artistico Gino Troli, investiga sulle tematiche della crisi e del cambiamento in un dibattito che si snoda tra filosofia, arte, cinema e scienza, all’insegna del nuovo motto: Todo cambia. Ospite d’onore di questa edizione, uno degli scrittori più importanti a livello mondiale: David Grossman. L’autore israeliano di prende il testimone dal sociologo anglo-polacco Zygmunt Bauman e dal etnologo e antropologo francese Marc Augé, invitati speciali delle edizioni 2014 e 2013. L’incontro con il romanziere è fissato per il 26 luglio, alle ore 21:30, in Piazza della Libertà. Il 24 luglio Civitanova Alta apre le sue porte al cantautore e polistrumentista Vinicio Capossela, uno degli artisti più

Fuori provincia 21/07/2015 FIRMATO UN ACCORDO TRA REGIONE, UFFICI GIUDIZIARI E UNIVERSITA’ PER IL TIROCINIO DI 240 GIOVANI (segue) 21/07/2015 Futura pronta a sorprendere con i suoi grandi ospiti (segue) 17/07/2015 Un'altra Vittoria per la Scuola Nura Danza di Civitanova Marche (segue) 16/07/2015 Musical "C'era una volta il mare" (segue)

converted by W eb2PDFConvert.com


completi nel panorama italiano, e a Cristina Comencini, regista, sceneggiatrice e attrice, figlia del famoso cineasta Luigi. Nella sezione “Grande Cinema di Futura” troviamo i registi Matteo Garrone – pluripremiato per la sua trasposizione cinematografica di Gomorra - e Giuseppe Piccioni, uno degli artisti italiani che più ha riflettuto sugli amori infelici delle figure al margine della società. I due film maker impreziosiscono il dibattito del Festival rispettivamente il 2 agosto e il 29 luglio. Sabato primo agosto, invece, lo scrittore Erri De Luca, uno tra gli intellettuali considerati testimoni del nostro tempo ed esploratori del futuro, arriva a Civitanova per riflettere sull’avvenire delle parole e con lui c’è anche Donatella Di Cesare, docente di Filosofia Teoretica e del Linguaggio all’Università La Sapienza. Nell’ambito della scienza siamo coinvolti da importanti figure come il genetista Edoardo Boncinelli, professore Fondamenti biologici della conoscenza all’Università Vita-Salute San Raffaele; il fisico Ferdinando Boero, ordinario di Zoologia all’Università del Salento; e Fernando Ferroni, presidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Più di 7 0 gli ospiti che si avvicendano negli spazi di Civitanova Alta durante Futura, un festival che continua ad essere un’occasione per riflettere su temi di impellente importanza da diversi punti di vista. Per maggiori informazioni: www.futurafestival.it Like

15/07/2015 Atri e Roseto insieme per promuovere le tipicità (segue)

zaj htgninoillbeletC sa

14/07/2015 Il caldo non fa dimenticare l'arte (segue) 13/07/2015 Le iniziative promozionali in occasione di Expo 2015 (segue) 13/07/2015 All’Azienda ospedaliera Marche Nord, le prestazioni sanitarie si pagano online (segue)

Cultura e Spettacolo

Una serata con il grande jazz Andrea Carnevali

auolcsdiadeiUn' Si è trattato sicuramente di un interessante fuori programma il lungo intervento del Senatore Miguel Gotor sulla riforma della Scuola, in agenda al Senato da lunedì prossimo, in coda all'incontro organizzato dal Club degli Incorreggibili Ottimisti Antonella Roncarolo

6.7k

ANNUNCI IMMOBILIARI

21/07/2015

Vendita case Ascoli Affitti case Ascoli Trova casa Ascoli

snopser e erot idE

i ttatnoc e enoizadeR

Tibisco S.r.l. - Editore per le prov . AP e FM Direttore Responsabile Domenico Minuto Registrazione Tribunale di Fermo n.1 3 del 1 1 /1 2/2002 R.O.C. n. 1 81 05 P. Iva 01 7 27 35 0447

thgirypoc e i tt ir iD

Sede Legale Via Ischia I, 34 Grottammare Fax 02.7 00.442.81 6 Mail redazione.ap@ilquotidiano.it

' at ic i lbbuP Mail promozione@ilquotidiano.it

ilQuotidiano.it by Tibisco S.r.l. adotta la licenza Creativ e Commons Attribuzione Non Commerciale Condiv idi allo stesso modo 2.5

oloncet srentraP

converted by W eb2PDFConvert.com


Mercoledi, Luglio 22, 2015

HOME

Cerca nel sito ...

Rimani connesso

REGIONE MARCHE

ANCONA

ASCOLI PICENO

FERMO

MACERATA

PESARO/URBINO CULTURA

SOCIETÀ

SPORT

CONTATTI

POLITICA

PUBBLICITÀ

yrel lG aaM ide

aznediveni i loci trA

enzascdialparsialviestfm A ipoertul’N lel

Quinto e ultimo appuntamento degli Aperifestival, organizzati dalla Biblioteca Comunale Zavatti in collaborazione con Futura e Civitanova Danza, con il contributo dello sponsor ufficiale Gleam Bijoux. Oggi 20 luglio, alle 18.30 nella pineta adiacente la biblioteca comunale, i protagonisti sono Claudio Bernacchia, socio fondatore e vice-presidente dell’associazione culturale Alpha Gemini, e il professor Pierluigi Mingarelli, direttore del Laboratorio di Scienze sperimentali (LabScienze) e della Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, manifestazione gemellata con Futura. Il tema dell’intervento è La scienza si fa gioco. I due relatori, che animano i laboratori in programma durante l’imminente edizione di Futura Festival, mostrano l’aspetto più ludico della formazione e dell’insegnamento. A conclusione degli incontro il pubblico potrà fermarsi per gustare l’aperitivo offerto ed organizzato dalla cantina Fontezoppa. Carlo Scheggia

Ultimi

I più visti

Commenti

Dal Pescara arriva il difensore centrale Altobelli, per Sarr è biennale by Direttore - No Comment

A Macerata l’Emporio della Solidarietà

Macerata Jazz Estate. Giovedì la chiusura con il Brasile di Roberto Mazzoli by Direttore - No Comment

Accolto il ricorso al TAR dall’Amministrazione Provinciale di Macerata contro la Regione Marche

FermanaAmiternina 3-0

by Direttore - No Comment

Passaggio delle consegne Rotaract Club di Jesi by Direttore - No Comment

Spot. Io non rischio

Nella foto il Giardino della scienza nel 2014 Condividi : Google

Facebook 2

Twitter 1

Fermana Pescara 7 ago 2014

LinkedIn 1

Articoli Correlati: 1. Al via gli Aperifestival Prende il via oggi 9 luglio la nuova edizione di Aperifestival, gli appunti culturali che precedono due dei festival più acclamati di Civitanova: Futura e Civitanova Danza. Dal 9 al 20 luglio, cinque conferenze insieme... 2. Civitanova.Gino Troli agli Aperifestival Gino Troli e ‘l’etica di un festival’, per il terzo appuntamento degli Aperifestival, organizzati dalla Biblioteca Comunale Zavatti in collaborazione con Futura e Civitanova Danza. Domani 14 luglio, alle 18.30, nella pineta adiacente la biblioteca...

3. ‘Identità migratorie’ per la seconda giornata di Aperifestival Secondo appuntamento degli Aperifestival 2015 all’insegna di Futura, il festival diretto da Gino Troli. Oggi 10 luglio, alle ore 18.30 negli spazi della pineta circostante la Biblioteca Zavatti di Civitanova Marche, viene presentato il progetto...

“BACK TO FRONT” PETER GABRIEL LIVE IN LONDON

4. Michele Fofi, Peppe Barbera e Giulio Troli ospiti di Aperifestival Futura Festival e Festival del cinema Civitanova sono i temi della quarta giornata di Aperifestival. Oggi, alle 18.30, nei giardini della biblioteca comunale Zavatti, intervengono Michele Fofi e Peppe Barbera, registi sceneggiatori della FangoAssami, e...

Juventus – Fiorentina 1-0 (24.05.1981) 15a Ritorno Serie A

Rispondi

oivihcrAni acreC converted by Web2PDFConvert.com


Futura celebra il Sommo poeta con “Il tesoro di Dante” cronachemaceratesi.it /2015/07/22/futura-celebra-il-sommo-poeta-con-il-tesoro-di-dante/684309/ Si conclude allo scoccare della mezzanotte tra giovedì 23 e venerdì 24 luglio il Twittabolario di Futura, il primo contest della terza edizione del Festival, pensato da Massimo Arcangeli per rendere omaggio a Dante Alighieri nel 750° anniversario dalla sua nascita, proponendo un gioco sui neologismi. Ma le sorprese per celebrare il Sommo Poeta non finiscono qui. Oltre a una serie di incontri, la manifestazione diretta da Gino Troli ha pensato di proporre di giorno in giorno un pensiero di Dante, che possa fare da guida durante i lavori della manifestazione. Otto terzine dal 24 luglio per tutto il periodo di Futura che permetteranno di partecipare ad un nuovo gioco pensato per i social. Una specie di caccia al tesoro seguendo i luoghi, gli ospiti, gli incontri, le emozioni del Festival, usando fantasia e immaginazione. Sul profilo Facebook di Futura e su Twitter verrà aggiunta di volta in volta la terzina, invitando tutti a “ricercare” tra gli scorci di Civitanova Alta, tra gli interventi dei relatori o in qualsiasi altro luogo o momento di Futura un rimando che possa essere ispirato alla strofa del giorno, utilizzando foto, citazioni, pensieri. La somma di tutti i commenti descriveranno così, al termine della giornata, le sensazioni provate dal pubblico durante il Festival. Ogni sera sarà come una scoperta, come in una caccia al tesoro. Un resoconto avvincente, nel segno di Dante. Il commento che otterrà più “Mi piace” su Facebook e sarà menzionato con più “Preferiti” su Twitter verrà premiato durante il Futura Festival. Il regolamento è su www.futurafestival.it


Luci dal Porto, successo per la due giorni milanese che ha presentato Civitanova Marche al mondo ilmascalzone.it /2015/07/luci-dal-porto-successo-per-la-due-giorni-milanese-che-ha-presentatocivitanova-marche-al-mondo/ Redazione L’evento organizzato da Marche Best Way ha raccontato il borgo marinaro in modo inedito e innovativo

CIVITANOVA MARCHE – Un ottimo risultato, grande interesse riscosso e una buona partecipazione di pubblico. Con questo bottino torna a casa Civitanova Marche che si è presentata a Milano sabato 18 e domenica 19, presso il Salone Elica del Fuori Expo grazie all’evento promosso e organizzato da Marche Best Way, portale che racconta le eccellenze regionali.

Luci dal Porto

“Luci dal Porto” è stata una due giorni ricca di eventi, uno spaccato della realtà cittadina, delle sue eccellenze culturali, enogastronomiche e artistiche, un momento per mettere insieme tutto il meglio offerto dal territorio e farlo al cospetto del Mondo. Grande adesione e tanti commenti positivi provenienti anche dal mondo del web milanese, sempre attento a tutte le proposte più interessanti.

E allora Giorgio Felicetti con il suo Rive Festival e un assaggio del suo applauditissimo spettacolo Fisso Armonikos, Rosetta Martellini che introduce Civitanova Danza e presenta Futura Festival, le Cantine Fontezoppa, la frutta secca di Gemme di Bontà, le prelibatezze degli chef di Mescola e di Fatta e Mangiata, le marmellate home made di Sigi, la mostra di Renzo Tortelli, le bici Trubbiani, Dimorae, le autrici civitanovesi della casa editrice Giaconi sono tutte tessere di uno stesso puzzle che racconta il territorio. Il fil rouge di questo racconto è certamente quello tessuto da Marche Best Way che si pone come officina di nuove storie in grado di narrare le Marche in un modo inedito. “Le Marche come non le avete mai viste” è il nuovo claim che sottende questa nuova filosofia di narrazione. “Luci dal Porto” è infatti, oltre che il nome dell’evento milanese, anche e soprattutto una clip video targata Marche Best Way che, partendo dal porto di Civitanova, presenta la città dei festival sotto una luce nuova, in grado di illuminare sia il tratto promozionale di un territorio che quello culturale. Un video che mette insieme fare artistico e documentario, un tratto distintivo della proposta promozionale di Marche Best Way. Soddisfazione anche da parte dell’amministrazione di Civitanova che attraverso “Luci dal Porto” ha potuto fare sfoggio delle sue qualità e, in piena estate, raccogliere da un più ampio bacino d’utenza, quello milanese di Expo, l’interesse turistico di tutti gli intervenuti ad approfondire la conoscenza con una terra ricca di magia e di poesia. Info www.marchebestway.com I

FB /Marche Best Way


Futura celebra il Sommo poeta con “Il tesoro di Dante” ilmascalzone.it /2015/07/futura-celebra-il-sommo-poeta-con-il-tesoro-di-dante/ Redazione di Redazione | in: Cultura e Spettacoli

Nuovo gioco sui social da venerdì, una caccia al tesoro all’insegna di Alighieri Futura Festival

Civitanova 22/07/2015 – Si conclude allo scoccare della mezzanotte tra giovedì 23 e venerdì 24 luglio il Twittabolario di Futura, il primo contest della terza edizione del Festival, pensato da Massimo Arcangeli per rendere omaggio a Dante Alighieri nel 750° anniversario dalla sua nascita, proponendo un gioco sui neologismi. Ma le sorprese per celebrare il Sommo Poeta non finiscono qui. Oltre a una serie di incontri, la manifestazione diretta da Gino Troli ha pensato di proporre di giorno in giorno un pensiero di Dante, che possa fare da guida durante i lavori della manifestazione.

Otto terzine dal 24 luglio per tutto il periodo di Futura che permetteranno di partecipare ad un nuovo gioco pensato per i social. Una specie di caccia al tesoro seguendo i luoghi, gli ospiti, gli incontri, le emozioni del Festival, usando fantasia e immaginazione. Sul profilo Facebook di Futura e su Twitter verrà aggiunta di volta in volta la terzina, invitando tutti a “ricercare” tra gli scorci di Civitanova Alta, tra gli interventi dei relatori o in qualsiasi altro luogo o momento di Futura un rimando che possa essere ispirato alla strofa del giorno, utilizzando foto, citazioni, pensieri. La somma di tutti i commenti descriveranno così, al termine della giornata, le sensazioni provate dal pubblico durante il Festival. Ogni sera sarà come una scoperta, come in una caccia al tesoro. Un resoconto avvincente, nel segno di Dante. Il commento che otterrà più “Mi piace” su Facebook e sarà menzionato con più “Preferiti” su Twitter verrà premiato durante il Futura Festival. Il regolamento è su www.futurafestival.it. Ricerca personalizzata


Notizie

Annunci

Eventi

Cinema

Regali

Meteo

AAA

Accedi

Contatti

A A

cerca

Urbino / Pesaro / Fano / Senigallia / Jesi / Fabriano / Ancona / Osimo / Camerino / Macerata / Civitanova / Fermo / Ascoli / San Benedetto / Marche / Italia / Altri Attualità Cronaca

Cultura

Economia

Lavoro Politica

Spettacoli

Sport

Vivere consiglia

Le tue notizie sui quotidiani Vivere

Futura: 120 eventi e settanta ospiti per Civitanova Alta

Vivere Civitanova

Centoventi appuntamenti, 27 laboratori, 25 sponsor, 3 mostre, 70 ospiti e la direzione artistica di Gino Troli. Ecco in numeri il Festival che anima Civitanova Alta dal 24 luglio al 2 agosto e che domenica 26 ha in programma un evento unico: David Grossman che interviene su “letterature e verità”, insieme a Filippo La Porta.

Racconta la tua storia a VC! Diamo voce alle storie del territorio. Sei indignato per qualcosa che ti è successo? Pensi che la tua città meriti di più? E' successo qualcosa...

“Grazie agli sponsor che ci sostengono riusciamo a dare qualità alla nostra manifestazione - ha dichiarato Troli nella conferenza stampa ospitata dalla Locanda Fontezoppa -. Iniziamo con il botto: Piergiorgio Odifreddi, con un intervento su Darwin, Cristina Comencini che in piazza della Libertà discute sull’illusione del bene e riceve il premio Esploratori del futuro, e Vinicio Capossela, uno degli artisti più completi del panorama italiano che presenta il suol ultimo lavoro, Il paese dei coppoloni”. Il Festival miscela grandi nomi ad attività e progetti rilevanti sia per Civitanova che per il panorama nazionale. “Penso ai 74 studenti della scuola media Ungaretti - ha affermato la presidente TDiC Rosetta Martellini - che partecipano attivamente con un spettacolo ispirato alla Grande Guerra, il 31 luglio: un seme germogliato dopo l’incontro dello scorso anno con lo storico Gentile. I bambini sono protagonisti anche nella cerimonia d’apertura che vedrà presente il presidente della Regione Luca Ceriscioli: il Piccolo Coro di Sant’Agostino, costituito da pochi mesi, si esibisce per dare il via al Festival con alcuni brani dedicati alla scienza e al sogno. Altra esperienza da segnalare è quella di Mauro Malatini, profumiere artigianale, con un workshop olfattivo per capire il legame tra essenze e stati d’animo”.

COMUNI

Importantissimo il servizio di sottotitolazione simultanea e interpretariato in Lis, in collaborazione con l'assessorato ai Servizi Sociali e con Uici (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti). Dopo la significativa e riuscita esperienza dello scorso anno, Futura, con l'Amministrazione comunale, rinnova il suo impegno verso l'abbattimento delle barriere comunicative, con sette eventi sottotitolati e con interprete Lis. Inoltre ha programmato la visita alle mostre, i laboratori e il percorso olfattivo per ciechi e ipovedenti. “Crediamo in questo Festival - ha detto il sindaco Tommaso Corvatta - e siamo certi che questo modo di fare cultura lascerà un segno a Civitanova”. Entusiasta anche l’assessore alla cultura e turismo Giulio Silenzi. “L’obiettivo è volare alto, intercettare nuove tendenze e anticipare il futuro: questo è il progetto ambizioso di Futura”. Il Festival è sostenuto dall'official sponsor Gleam Bijoux, al secondo anno di presenza, come ricordato dal titolare Salvatore Lattanzi che ha sottolineato: “ci piace sostenere la città e la cultura: siamo certi che Futura porti benefici a Civitanova”. Altro sponsor è Coop Adriatica, gli sponsor tecnici sono Hotel Miramare, Adriatica Pubblicità, Il Resto del Carlino, Auto Club Marche, Cantine Fontezoppa, Arredamenti Maurizi, Pellegrini Garden, Cerolini e Varnelli. Importante l'apporto dei partner culturali Unicam-Università di Camerino, Cnr (Consiglio Nazionale delle Ricerche), pinacoteca civica Marco Moretti, biblioteca comunale Silvio Zavatti, Civitanova Danza, Crisi (Centro di ricerca interdisciplinare di storia delle idee), Mondadori education, Le Monnier, Sotto gli auspici del Centro per il libro e la cultura. Il tutto anche grazie al contributo del Comune di Civitanova e dell’Azienda dei Teatri, della Regione Marche, della Provincia di Macerata e della Camera di Commercio. Il programma dettagliato è su www.futurafestival.it.

METEO Civitanova... > Italia > Marche

da Futura Festival Tweet

0

Vuoi scoprire il meteo per la tua località?

Cerca...

Vai

mer 22

gio 23

ven 24

25°C 32°C

26°C 32°C

24°C 30°C

sab 25

dom 26

lun 27

26°C 32°C

23°C 32°C

22°C 29°C

stampa PDF

3BMeteo.com

Meteo Civitanova+Marche

RUBRICHE

converted by Web2PDFConvert.com


Odifreddi, Comencini e Capossela per il debutto di Futura cronachemaceratesi.it /2015/07/23/odifreddi-comencini-e-capossela-per-il-debutto-di-futura/684611/ Piergiorgio Odifreddi, Cristina Comencini e Vinicio Capossela: tre protagonisti della scena culturale italiana arrivano a Civitanova per inaugurare domani 24 luglio Futura Festival. La manifestazione diretta da Gino Troli, alla sua terza edizione, inizia l’avventura con tre big che si misureranno sul tema dell’anno “Todo Cambia”, indagando tra crisi e cambiamento. Dopo la cerimonia di apertura delle 17 con l’esibizione del Piccolo Coro di Sant’Agostino, al Teatro Annibal Caro, il palcoscenico viene lasciato a Piergiorgio Odifreddi, matematico saggista e collaboratore di alcune delle maggiori testate nazionali. La sua lectio magistralis, dal titolo “In principio era Darwin“, ripercorre le tappe salienti del pensiero dell’evoluzionista, le sue ripercussioni nella cultura moderna e le reazioni che ha scatenato. Le scienze sono al centro dei laboratori, aperti a tutti, che dalle 18 animano il chiostro di San Francesco e il cortile ex Liceo. Organizzati in collaborazione con l’Università di Camerino, la “Festa di Scienza di Filosofia” di Foligno e Talent portano bambini e adulti alla scoperta della tecnologia, della fisica, della chimica, della medicina e della matematica. Sempre di scienza si parla in due delle tre mostre che tagliano il nastro alle 19: il Consiglio Nazionale delle Ricerche ha ideato e realizzato “Semplice e complesso” (premiata come “Best Exhibition” allo Shanghai Science and Technology Festival) e “RiScattiamo la scienza”. La terza esposizione, curata da Enrica Bruni e Stefano Papetti, è “Santi ed eroi”, pittura sacra e profana a Civitanova, che riunisce il ricco patrimonio pittorico disseminato nei vari palazzi pubblici. Alle 21.30 spazio al secondo ospite della giornata. In piazza della Libertà, Cristina Comencini, figlia del regista Luigi, uno dei padri della commedia italiana, dialoga assieme al docente di linguistica italiana presso l’Università di Cagliari, Massimo Arcangeli, su L’illusione del bene. La regista è reduce dal suo film uscito nelle sale lo scorso marzo, che vede come interprete in una delle sue ultime apparizioni l’attrice Virna Lisi. Nel corso della serata, la Comencini sarà premiata con il riconoscimento “Esploratori del futuro”. Per questo incontro è previsto il servizio di sottotitolazione simultanea e interpretariato in Lis, realizzato in collaborazione con l’assessorato ai Servizi Sociali e con Uici (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti), con il sostegno di A.S.P. Paolo Ricci. Compito di chiudere la prima giornata di Festival spetta a un’artista poliedrico molto atteso. Sempre in Piazza della Libertà, alle 23, arriva il cantautore Vinicio Capossela, questa volta nelle vesti di scrittore per presentare al pubblico il suo ultimo romanzo: Il paese dei coppoloni. Chissà che il suo intervento non riservi qualche sorpresa canora. Tutti gli incontri sono a ingresso libero e per agevolare gli spostamenti da Civitanova alla Città Alta è stato messo a disposizione ogni trenta minuti un servizio navetta gratuito attivo dalle 20 alle 00:30. Futura è il Festival di Civitanova Marche organizzato con l’Azienda dei Teatri e con il sostegno dell’official sponsor


Gleam Bijoux, dello sponsor Coop adriatica, degli sponsor tecnici e dei partner culturali. Informazioni su www.futurafestival.it.

Piergiorgio Odifreddi


24/7/2015

A Civitanova Alta un’edizione del Futura Festival con grandi ospiti - Macerata Notizie

MacerataNotizie.it Versione ottimizzata per la stampa

A Civitanova Alta un’edizione del Futura Festival con grandi ospiti Dopo Grossman, Comencini, Vattimo, Odifreddi e Capossela arrivano anche Garrone, Erri De Luca, Paolo Flores D'Arcais 433 Letture

0 commenti

Cultura e Spettacoli Civitanova  Alta  si  prepara  ad  ospitare  la  terza edizione di Futura.  A  pochi  giorni  dal  taglio  del nastro  fervono  i  preparativi  per  un  Festival, ideato  e  diretto  da  Gino  Troli,  che  quest’anno indaga tra crisi e mutamento, seguendo il motto­ guida di “Todo Cambia”.

Lo fa  ragionando  con  le  più  brillanti  e  autorevoli figure  scientifiche  e  artistiche  del  panorama nazionale  e  internazionale.  Oltre  allo  scrittore David  Grossman  (a  Futura  domenica  26  luglio alle  21.30),  alla  regista  Cristina  Comencini (venerdì 24 luglio alle 21.30) e al musicista Vinicio Capossela (sempre venerdì 24, alle 23), arrivano numerosi altri importanti ospiti. “Oggi vi presentiamo tutti i protagonisti, che seguono la logica dell’interazione tra discipline non isolate –  afferma  il  direttore  artistico  –.  Sono  contenitori  che  parlano  tra  loro.  C’è  un  incontro  tra  la  cultura scientifica e quella umanistica che diventa essenziale per il futuro. Senza questo rapporto, questa loro unione, non avverrà mai in Italia e nel mondo il cambiamento“. I  registi  Matteo  Garrone  e  Giuseppe  Piccioni  impreziosiscono  la  già  nutrita  sezione  del  “Grande Cinema  di  Futura”  rispettivamente  domenica  2  agosto  alle  21.30  e  mercoledì  29  luglio  alle  21.30,  lo scrittore Erri De Luca, a Civitanova sabato primo agosto alle 23 per riflettere sul futuro delle parole, il filosofo Paolo Flores D’Arcais, con la sua lectio magistralis tra etica e neuroscienze domenica 26 luglio alle 18, lo storico e saggista Luciano Canfora, venerdì 31 luglio alle 23 per la sezione “Altri continenti, necessari cambiamenti”. Quindi  il  conduttore  televisivo  e  autore  Michele  Mirabella  (sabato  25  luglio  alle  23),  il  filosofo  e giornalista Armando Massarenti (domenica 2 agosto alle 18 e alle 19), il filosofo e matematico Giulio Giorello  (giovedì  30  luglio  alle  18)  e  l’attore  Giorgio  Colangeli  noto  per  la  sua  carriera  e  per  i  recital danteschi. “Il Festival, di rilievo internazionale, cresce e quest’anno vanta ospiti sempre più prestigiosi – dichiara la  presidente  TDiC  Rosetta  Martellini  –.  Grazie  alla  sensibilità  del  suo  direttore  artistico,  Gino  Troli, Futura riesce a legare insieme l’attualità e il pensiero, mettendoli in connessione con la realtà. Futura diventa così luogo di condivisione e crescita“. La sezione legata alla filosofia vanta dei nomi di primo rilievo, con studiosi quali Donatella Di Cesare, Achille  Varzi,  Marco  Vozza  e  Gianni  Vattimo,  così  come  quella  scientifica,  con  un  contenitore, chiamato “Il teatro della scienza”, che tutti i pomeriggi alle 17.30 mette il pubblico in contatto con otto dei  più  grandi  scienziati  del  nostro  tempo.  Da  Piergiorgio  Odifreddi  a  Ferdinando  Boero,  da  Eugenio Coccia  a  Lucia  Votano.  Esperti  scelti  dal  genetista  Edoardo  Boncinelli,  coordinatore  di  sezione  del Festival,  che  tiene  una  lectio  il  31  luglio,  alle  21.30,  dal  titolo  “La  Scienza  come  motore  del cambiamento”. Oltre  a  Boncinelli  gli  altri  coordinatori  sono  Massimo  Arcangeli,  Valentina  Conti,  Paolo  Di  Paolo, Diego Fusaro, Filippo La Porta e Italo Moscati. Nutrita poi è la sezione dedicata a Dante, a 750 anni dalla nascita, così come quella ad Annibal Caro, che anticipa la ricorrenza del 450° anno dalla morte, che  ricadrà  nel  2016.  Grande  finale  il  2  agosto  con  il  concerto  di  Beppe  Barra,  mito  e  realtà  della grande tradizione napoletana del canto e della recitazione. Futura Festival ha anche una sezione mostre, che quest’anno si struttura in tre esposizioni. La prima “Semplice  e  complesso”,  ideata  e  realizzata  dal  Consiglio  Nazionale  delle  Ricerche,  spazia  tra argomenti di rilevanza scientifica con divertenti esperimenti realizzati con materiali di uso comune e la seconda,  dal  titolo  “RiScattiamo  la  scienza”  racconta  per  immagini  le  attività  del  Cnr  stesso,  per  un viaggio appassionante. Infine si parla di “Santi ed eroi” nella pittura sacra e profana di Civitanova, in una  mostra  curata  da  Enrica  Bruni,  direttrice  della  pinacoteca  civica  “Marco  Moretti”  e  dal  professor Stefano Papetti.

http://www.maceratanotizie.it/19171/a-civitanova-alta-unedizione-del-futura-festival-con-grandi-ospiti

1/2


24/7/2015

A Civitanova Alta un’edizione del Futura Festival con grandi ospiti - Macerata Notizie Futura Festival viene realizzato  dall’Azienda  dei  Teatri  e  dal  Comune  di  Civitanova  Marche,  con  il contributo della Regione Marche, della Provincia di Macerata e degli sponsor. Tutti gli aggiornamenti su www.futurafestival.it.

Tags Civitanova Marche

Cristina Comencini

Futura Festival 2015 Luciano Canfora

Gino Troli

Matteo Garrone

Erri De Luca

Giuseppe Piccioni Vinicio Capossela

Redazione Macerata Notizie Pubblicato Lunedì 20 luglio, 2015 alle ore 15:45

Ti potrebbe interessare

Mostra di Pietro Tedeschi a Civitanova Marche Alta ­ Macerata Notizie

Angelina ha appena compiuto 40 anni e perso 16kg e racconta come ha fatto (famous­stars.info)

Camerino Music Festival, al via la 29esima edizione ­ Macerata Notizie

Soffri di Alluce Valgo? Ora si può curare e ritrovare il piacere di camminare (promedblog.com)

Commenti Ancora nessun commento. Diventa il primo!

ATTENZIONE! Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Macerata Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password Già registrato? Effettua l'accesso

... oppure 

Registrati!

http://www.maceratanotizie.it/19171/a-civitanova-alta-unedizione-del-futura-festival-con-grandi-ospiti

2/2


24/7/2015 Home

Da domani al via a Civitanova Alta il "Futura Festival", centoventi gli appuntamenti in programma - Radio Nuova Macerata La radio

Contatti

News

Programmi

Pubblicità

Frequenze

Palinsesto

Cerca...

Podcast

Archivio audio

Siti consigliati

Home / News / Da domani al via a Civitanova Alta il “Futura Festival”, centoventi gli appuntamenti in programma

ULTIMA EDIZIONE GR LOCALE radionuova...inBlu

GR 24 LUGLIO

Da domani al via a Civitanova Alta il “Futura Festival”, centoventi gli appuntamenti in programma Scritto da: Redazione

23 luglio 2015

in News

Centoventi appuntamenti, 27 laboratori, 25 sponsor, 3 mostre, 70 ospiti e la direzione artistica di Gino Troli. Ecco in numeri il Festival che anima Civitanova Alta da domani al 2 agosto e che domenica 26 ha in programma un evento unico: David Grossman che interviene su “letterature e verità”, insieme a Filippo La Porta. Il Festival miscela grandi nomi ad attività e progetti rilevanti sia per Civitanova che per il panorama nazionale. La manifestazione diretta da Gino Troli, alla sua terza edizione, inizia l’avventura con dei big che si misureranno sul tema dell’anno “Todo Cambia”, indagando tra crisi e cambiamento. Dopo la cerimonia di apertura delle 17 al Teatro Annibal Caro, il palcoscenico viene lasciato a Piergiorgio Odifreddi, matematico saggista e collaboratore di alcune delle maggiori testate nazionali. Le scienze sono al centro dei laboratori, aperti a tutti, che dalle 18 animano il chiostro di San Francesco e il cortile ex Liceo e sempre di scienza si parla in due delle tre mostre che tagliano il nastro alle 19, Alle 21.30 spazio al secondo ospite della giornata. In piazza della Libertà, Cristina Comencini, figlia del regista Luigi, uno dei padri della commedia italiana, dialoga assieme al docente di linguistica italiana presso l’Università di Cagliari, Massimo Arcangeli, su L’illusione del bene

Condividi! Tag dell'articolo:

«

Tweet

0

2

Cookie policy

Like

0

0

MUSICA

ASCOLTA LE PLAYLIST VINICIO CAPOSSELA

CULTURA

PLAYLIST DE ANG…

Precedente:

Successivo:

Domani e sabato la taranta sbarca a Monte San Giusto

La generazione Erasmus si incontra a Macerata

»

by pippi273

FOLLOW

PLAYLIST DE ANGELIS by Pippi273 on Mixcloud

PLAYLIST ROSSI

Articoli interessanti

by pippi273

FOLLOW

PLAYLIST ROSSI by Pippi273 on Mixcloud

PLAYLIST HUTCHE… by pippi273

FOLLOW

PLAYLIST HUTCHEON by Pippi273 on Mixcloud

Torna questa sera con il dittico Cavalleria rusticana/Pagliacci il Macerata Opera Festival

Macerata: Paola Ottaviani e Alessia Scoccianti elette presidenti delle III e IV Commisisioni consiliari

24 luglio 2015

24 luglio 2015

Nuova area camper a Macerata al parcheggio Sferisterio 24 luglio 2015

PLAYLIST CINASKY by pippi273

FOLLOW

PLAYLIST CINASKY by Pippi273 on Mixcloud

http://www.radionuova.com/2015/07/23/da-domani-al-via-a-civitanova-alta-il-futura-festival-centoventi-gli-appuntamenti-in-programma/

1/4


Data:

Vivere Civitanova

23/07/2015

Futura celebra il Sommo poeta con "Il tesoro di Dante" --> Futura celebra il Sommo poeta con "Il tesoro di Dante" Si conclude allo scoccare della mezzanotte tra giovedì 23 e venerdì 24 luglio il Twittabolario di Futura, il primo contest della terza edizione del Festival, pensato da Massimo Arcangeli per rendere omaggio a Dante Alighieri nel 750 anniversario dalla sua nascita, proponendo un gioco sui neologismi. Ma le sorprese per celebrare il Sommo Poeta non finiscono qui. Oltre a una serie di incontri, la manifestazione diretta da Gino Troli ha pensato di proporre di giorno in giorno un pensiero di Dante, che possa fare da guida durante i lavori della manifestazione. Otto terzine dal 24 luglio per tutto il periodo di Futura che permetteranno di partecipare ad un nuovo gioco pensato per i social. Una specie di caccia al tesoro seguendo i luoghi, gli ospiti, gli incontri, le emozioni del Festival, usando fantasia e immaginazione. Sul profilo Facebook di Futura e su Twitter verrà aggiunta di volta in volta la terzina, invitando tutti a "ricercare" tra gli scorci di Civitanova Alta, tra gli interventi dei relatori o in qualsiasi altro luogo o momento di Futura un rimando che possa essere ispirato alla strofa del giorno, utilizzando foto, citazioni, pensieri. La somma di tutti i commenti descriveranno così, al termine della giornata, le sensazioni provate dal pubblico durante il Festival. Ogni sera sarà come una scoperta, come in una caccia al tesoro. Un resoconto avvincente, nel segno di Dante. Il commento che otterrà più "Mi piace" su Facebook e sarà menzionato con più "Preferiti" su Twitter verrà premiato durante il Futura Festival. Il regolamento è su www.futurafestival.it. --> da Futura Festival Tweet Questo è un comunicato stampa inviato il 22/07/2015 pubblicato sul giornale del 23/07/2015 - 45 letture 0 commenti In questo articolo si parla di civitanova marche, futura festival, spettacoli. L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/amjz Rilasciato con licenza Creative Commons. Maggiori info: vivere.biz/gkW

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Prende il via Futura Festival Un coro di bambini fa partire l’evento cronachemaceratesi.it /2015/07/24/prende-il-via-futura-festival-un-coro-di-bambini-fa-partirelevento/685248/

Futura Festival

di Laura Boccanera Futura parte dal futuro. È stato affidato al coro dei piccoli cantanti della Sant’agostino l’apertura ufficiale della terza edizione di Futura Festival. Un teatro Annibal Caro gremito ha accolto la cerimonia di apertura del primo week end della manifestazione alla presenza del presidente della regione Luca Ceriscioli, del sindaco Tommaso Corvatta, del vice Giulio Silenzi, del rettore Flavio Corradini e della presidente dei Tdc Rosetta Martellini. “Questo non è solo un festival ma la festa di una città che con tutte le sue forze vuole cambiare” – ha detto il sindaco. “Il coro dei bimbi ha dato sensazioni positive – ha detto Ceriscioli – se l’ obiettivo del festival è accettare ciò che cambia l’avvio è senza dubbio positivo”. Nel pomeriggio, dopo i saluti istituzionali è stata la volta del primo ospite della giornata, il matematico Piergiorgio Odifreddi che ha aperto il suo intervento con una boutade: “Avevano tenuto nascosta l’esistenza di un


nuovo pianeta appositamente per l’apertura del festival “- scherza il matematico che ha tenuto una lectio sulla scienza a partire da Darwin. Ma il primo week end vedrà anche la presenza di altri ospiti illustri da Cristina Comencini e Vinicio Capossela ( alle 21.30 e alle 23.00) Federico Rampini e Michele Mirabella domani insieme a Paolo Cacciari e Giulio Ferroni, Paolo Flores d’Arcais e David Grossman. Ma la scienza ha un’ampia parte quest’anno anche nelle mostre inaugurate oggi pomeriggio. Affascinante il percorso fra gli esperimenti scientifici proposti da “Semplice e complesso”, l’esposizione curata dal centro nazionale della ricerca e che attraverso alcuni giochi spiega anche ai bambini i principi della fisica e la teoria del La mostra caos. Dalla geometria alla materia, fino al moto tutti gli esperimenti mostrano le proprietà fisiche dei materiali e le loro interazioni in un percorso così affascinante da sembrare magico più che razionale. Di tutt’altro registro l’altra mostra, Santi ed eroi, inaugurata a Sant’Agostino dove si restituisce alla dignità museale alcune delle opere settecentesche sparse per il territorio civitanovese.


Futura parte dai bambini. Teatro gremito per l’inaugurazione ilmascalzone.it /2015/07/futura-parte-dai-bambini-teatro-gremito-per-linaugurazione/ Redazione A Civitanova parte il festival del cambiamento. Taglio del nastro per le mostre e tante attività per i più piccoli. Domani arrivano Giulio e Fernando Ferroni, Michele Mirabella e Federico Rampini

Futura Festival

Civitanova 24/07/2015 – Futura parte dai bambini. È il Piccolo Coro di Sant’Agostino ad inaugurare il Festival curato da Gino Troli, in un teatro gremito di persone. Non c’è avvio migliore, come ha sottolineato anche il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, per una manifestazione che “crea momenti di svago per esercitare la mente”, guardando al futuro attraverso il cambiamento, all’insegna del tema “Todo Cambia”. Cambiamento e mutamento sono i temi del primo incontro della giornata, con Piergiorgio Odifreddi, matematico e saggista, che ha introdotto la sua lectio magistralis con una battuta: “Oggi i giornali riportano in prima pagina la notizia della scoperta di una seconda Terra, secondo me l’hanno tenuta nel cassetto fino all’apertura del Festival”. Domani 25 luglio si inizia al Teatro Annibal Caro alle 17.30, con il fisico Fernando Ferroni che parla dei “Cambiamenti della scienza, tra verità e balle”, smontando tutti i luoghi comuni che sono stati presentati nel corso della storia. Alle 18, al Chiostro Sant’Agostino, omaggio a Dante Alighieri nel 750° anniversario dalla sua nascita. Giulio Ferroni e Marco Grimaldi, intervistati da Filippo La Porta, puntano il loro intervento sul messaggio del Sommo Poeta e sulla sua strepitosa contemporanietà, proiettandolo nel futuro. Alle 18.30, al cortile Ex Liceo, Paolo Cacciari, Alessandro Pertosa e Lucilio Santoni dialogano sul lavoro. Per i più piccoli, l’appuntamento da non perdere è quello con i laboratori. Alle 18 e alle 21.30, al Chiostro San Francesco, i Lego prendono vita, con “Robot… che mania!”, robotica creativa per grandi e piccini a cura di Talent. Alle 18.30 e alle 21.30 ci sono rispettivamente, al Chiostro San Francesco e al cortile Ex Liceo, laboratori di fisica, chimica e matematica della Festa di Scienza e Filosofia di Foligno e Byte Droni & Co di Unicam. Al giardino della Pinacoteca, alle 18.30, è in programma un percorso olfattivo sul come il profumo cambia la vita con Mauro Malatini, dottore in tecniche erboristiche e profumiere artigianale. Alle 19 si torna al Teatro Annibal Caro con Massimo Arcangeli che presenta “Tre affascinanti avventure nel nome di Dante”, tra le quali un progetto degli studenti di Foligno. Al Chiostro Sant’Agostino, Gilberto Corbellini e Filippo La Porta si confrontano sull’etica della scienza. Alle 21 convegno al Teatro Annibal Caro promosso dall’Ordine degli Avvocati di Macerata su famiglia, lavoro e impresa e alle 21.15 “Giochiamo insieme” al giardino della Pinacoteca. Alle 21.30 in piazza della Liberta, il giornalista Federico Rampini mostra con occhi diversi un argomento complesso come l’economia, raccontando, in modo originale e coinvolgente le sue regole attraverso le canzoni dei Beatles. Il Caffè scientifico delle 22.15 invece è affidato a David Vitali. Alle 23, in piazza della Libertà, arriva Michele Mirabella, introdotto da Massimo Arcangeli . La giornata si chiude al giardino della Pinacoteca con il naso all’insù, pronti ad ammirare il cielo con le osservazioni astronomiche guidate


dall’associazione Alpha Gemini. Inaugurate oggi pomeriggio le mostre di Futura Festival Semplice e Complesso, RiScattiamo la scienza e Santi ed eroi accompagnano il pubblico in tre sorprendenti viaggi, dal 24 luglio al 6 settembre Futura, il Festival diretto da Gino Troli, ha inaugurato oggi pomeriggio le tre mostre che arricchiscono il programma dell’edizione 2015. La scienza e l’arte si mescolano nel centro di Civitanova Alta per dar vita ad appassionanti percorsi visivi, alla scoperta degli aspetti più intimi ed umani delle due discipline. Dal 24 luglio al 6 settembre, Semplice e Complesso, RiScattiamo la scienza e Santi ed eroi guidano il pubblico in un affascinante e sorprendente viaggio estetico all’insegna della conoscenza. Premio “Best Exhibition” allo Shanghai Science and Technology Festival, con oltre 70.000 visitatori in 8 giorni, Semplice e Complesso introduce al pubblico argomenti di attualità nella speculazione scientifica – come la teoria del caos – attraverso una collezione di finestre aperte sul vastissimo mondo della complessità e del disordine. La mostra vuole far vedere come la scienza, per riuscire a comprendere il sistema complesso del tutto, si stia concentrando sullo studio delle parti che lo compongono e delle relazioni reciproche esistenti tra di esse. Il progetto è stato ideato e realizzato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche – Ufficio Comunicazione, Informazione e URP. L’esposizione è allestita all’interno dello Spazio Multimediale San Francesco. Al Chiostro di San Francesco, la mostra di fotografia RiScattiamo la scienza racconta per immagini le attività scientifiche del più importante Ente pubblico di ricerca nazionale, portando in primo piano la passione che anima coloro che vi lavorano e mostrando al contempo la bellezza della scienza, dalla forza dell’idrovolante al momento del decollo allo spettacolo di luci di un raggio laser, dal momento di riposo di un ricercatore durante una battuta di pesca ai nanopetali di ossido di titanio. A cura del Consiglio Nazionale delle Ricerche, la collezione di immagini racconta il lato più sorprendente e quotidiano della ricerca, rendendo più accessibili i suoi luoghi e momenti. Queste due prime esposizioni sono ad ingresso gratuito e sono aperte dal 24 luglio al 2 agosto, dalle 18 alle 24. Santi ed eroi. Pittura sacra e profana a Civitanova, curata da Enrica Bruni e Stefano Papetti, nasce invece da un’attenta indagine dell’ingente patrimonio pittorico disseminato tra i palazzi, le chiese e i conventi di Civitanova Alta. Databili fra il XV secolo e primi anni dell’Ottocento, le tele di soggetto sacro e profano portano alla ribalta sorprendenti pitture, alla riscoperta del patrimonio culturale locale. Tra le varie opere di grande spessore artistico troviamo la “Madonna del Soccorso” del pittore perugino Baldo De’ Serofini. La mostra è allestita presso la Pinacoteca civica “Marco Moretti”. Il costo dell’ingresso è di 2 euro ed il ricavato sarà utilizzato per il restauro della tela settecentesca “Estasi di S. Giuseppe da Copertino”.


Notizie

Annunci

Eventi

I cookie aiutano www.viverecivitanova.it a fornire i propri servizi. Navigando sul sito accetti il loro utilizzo. Cinema Regali Meteo Contatti Accetto Informazioni

Accedi

AAA

A A

cerca

Urbino / Pesaro / Fano / Senigallia / Jesi / Fabriano / Ancona / Osimo / Camerino / Macerata / Civitanova / Fermo / Ascoli / San Benedetto / Marche / Italia / Altri Attualità Cronaca

Cultura

Economia

Lavoro Politica

Spettacoli

Sport

Vivere consiglia

Le tue notizie sui quotidiani Vivere

Odifreddi, Comencini e Capossela per il debutto di Futura

Edizioni Vivere

Piergiorgio Odifreddi, Cristina Comencini e Vinicio Capossela: tre protagonisti della scena culturale italiana arrivano a Civitanova per inaugurare venerdi 24 luglio Futura Festival. La manifestazione diretta da Gino Troli, alla sua terza edizione, inizia l’avventura con tre big che si misureranno sul tema dell’anno “Todo Cambia”, indagando tra crisi e cambiamento.

Accesso universale Con il tuo username e la tua password puoi accedere e commentare su tutti i quotidiani "Vivere"!

Dopo la cerimonia di apertura delle 17 con l’esibizione del Piccolo Coro di Sant’Agostino, al Teatro Annibal Caro, il palcoscenico viene lasciato a Piergiorgio Odifreddi, matematico saggista e collaboratore di alcune delle maggiori testate nazionali. La sua lectio magistralis, dal titolo “In principio era Darwin“, ripercorre le tappe salienti del pensiero dell’evoluzionista, le sue ripercussioni nella cultura moderna e le reazioni che ha scatenato. Le scienze sono al centro dei laboratori, aperti a tutti, che dalle 18 animano il chiostro di San Francesco e il cortile ex Liceo. Organizzati in collaborazione con l’Università di Camerino, la “Festa di Scienza di Filosofia” di Foligno e Talent portano bambini e adulti alla scoperta della tecnologia, della fisica, della chimica, della medicina e della matematica. Sempre di scienza si parla in due delle tre mostre che tagliano il nastro alle 19: il Consiglio Nazionale delle Ricerche ha ideato e realizzato “Semplice e complesso” (premiata come “Best Exhibition” allo Shanghai Science and Technology Festival) e “RiScattiamo la scienza”. La terza esposizione, curata da Enrica Bruni e Stefano Papetti, è “Santi ed eroi”, pittura sacra e profana a Civitanova, che riunisce il ricco patrimonio pittorico disseminato nei vari palazzi pubblici.

COMUNI

Alle 21.30 spazio al secondo ospite della giornata. In piazza della Libertà, Cristina Comencini, figlia del regista Luigi, uno dei padri della commedia italiana, dialoga assieme al docente di linguistica italiana presso l’Università di Cagliari, Massimo Arcangeli, su L’illusione del bene. La regista è reduce dal suo film uscito nelle sale lo scorso marzo, che vede come interprete in una delle sue ultime apparizioni l’attrice Virna Lisi. Nel corso della serata, la Comencini sarà premiata con il riconoscimento “Esploratori del futuro”. Per questo incontro è previsto il servizio di sottotitolazione simultanea e interpretariato in Lis, realizzato in collaborazione con l'assessorato ai Servizi Sociali e con Uici (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti), con il sostegno di A.S.P. Paolo Ricci. Compito di chiudere la prima giornata di Festival spetta a un’artista poliedrico molto atteso. Sempre in Piazza della Libertà, alle 23, arriva il cantautore Vinicio Capossela, questa volta nelle vesti di scrittore per presentare al pubblico il suo ultimo romanzo: Il paese dei coppoloni. Chissà che il suo intervento non riservi qualche sorpresa canora. Tutti gli incontri sono a ingresso libero e per agevolare gli spostamenti da Civitanova alla Città Alta è stato messo a disposizione ogni trenta minuti un servizio navetta gratuito attivo dalle 20 alle 00:30. Futura è il Festival di Civitanova Marche organizzato con l’Azienda dei Teatri e con il sostegno dell’official sponsor Gleam Bijoux, dello sponsor Coop adriatica, degli sponsor tecnici e dei partner culturali. Informazioni su www.futurafestival.it. da Futura Festival Tweet

0

METEO Civitanova... > Italia > Marche Vuoi scoprire il meteo per la tua località?

Cerca...

Concealed Carry Guide Do You Know Your Rights? Get Your Free Concealed Carry Guide Today!

Vai

ven 24

sab 25

dom 26

24°C 30°C

25°C 32°C

24°C 30°C

lun 27

mar 28

mer 29

26°C 33°C

25°C 34°C

26°C 31°C

stampa PDF

3BMeteo.com

Meteo Civitanova+Marche

RUBRICHE

converted by Web2PDFConvert.com


Data:

CivitanovaLive.it

25/07/2015

TEATRO GREMITO A CIVITANOVA PER L'INAUGURAZIONE DI FUTURAFES TIVAL TEATRO GREMITO A CIVITANOVA PER L'INAUGURAZIONE DI FUTURAFESTIVAL sabato 25 luglio 2015 Futura parte dai bambini. È il Piccolo Coro di Sant'Agostino ad inaugurare il Festival curato da Gino Troli, in un teatro gremito di persone. Non c'è avvio migliore, come ha sottolineato anche il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, per una manifestazione che "crea momenti di svago per esercitare la mente", guardando al futuro attraverso il cambiamento, all'insegna del tema "Todo Cambia". Cambiamento e mutamento sono i temi del primo incontro della giornata, con Piergiorgio Odifreddi, matematico e saggista, che ha introdotto la sua lectio magistralis con una battuta: "Oggi i giornali riportano in prima pagina la notizia della scoperta di una seconda Terra, secondo me l'hanno tenuta nel cassetto fino all'apertura del Festival". Oggi 25 luglio si inizia al Teatro Annibal Caro alle 17.30, con il fisico Fernando Ferroni che parla dei "Cambiamenti della scienza, tra verità e balle", smontando tutti i luoghi comuni che sono stati presentati nel corso della storia. Alle 18, al Chiostro Sant'Agostino, omaggio a Dante Alighieri nel 750 anniversario dalla sua nascita. Giulio Ferroni e Marco Grimaldi, intervistati da Filippo La Porta, puntano il loro intervento sul messaggio del Sommo Poeta e sulla sua strepitosa contemporanietà, proiettandolo nel futuro. Alle 18.30, al cortile Ex Liceo, Paolo Cacciari, Alessandro Pertosa e Lucilio Santoni dialogano sul lavoro. Per i più piccoli, l'appuntamento da non perdere è quello con i laboratori. Alle 18 e alle 21.30, al Chiostro San Francesco, i Lego prendono vita, con "Robot. che mania!", robotica creativa per grandi e piccini a cura di Talent. Alle 18.30 e alle 21.30 ci sono rispettivamente, al Chiostro San Francesco e al cortile Ex Liceo, laboratori di fisica, chimica e matematica della Festa di Scienza e Filosofia di Foligno e Byte Droni & Co di Unicam. Al giardino della Pinacoteca, alle 18.30, è in programma un percorso olfattivo sul come il profumo cambia la vita con Mauro Malatini, dottore in tecniche erboristiche e profumiere artigianale. Alle 19 si torna al Teatro Annibal Caro con Massimo Arcangeli che presenta "Tre affascinanti avventure nel nome di Dante", tra le quali un progetto degli studenti di Foligno. Al Chiostro Sant'Agostino, Gilberto Corbellini e Filippo La Porta si confrontano sull'etica della scienza. Alle 21 convegno al Teatro Annibal Caro promosso dall'Ordine degli Avvocati di Macerata su famiglia, lavoro e impresa e alle 21.15 "Giochiamo insieme" al giardino della Pinacoteca. Alle 21.30 in piazza della Liberta, il giornalista Federico Rampini mostra con occhi diversi un argomento complesso come l'economia, raccontando, in modo originale e coinvolgente le sue regole attraverso le canzoni dei Beatles. Il Caffè scientifico delle 22.15 invece è affidato a David Vitali. Alle 23, in piazza della Libertà, arriva Michele Mirabella, introdotto da Massimo Arcangeli. La giornata si chiude al giardino della Pinacoteca con il naso all'insù, pronti ad ammirare il cielo con le osservazioni astronomiche guidate dall'associazione Alpha Gemini. Inaugurate ieri pomeriggio le mostre di Futura Festival Semplice e Complesso, RiScattiamo la scienza e Santi ed eroi accompagnano il pubblico in tre sorprendenti viaggi, dal 24 luglio al 6 settembre Futura, il Festival diretto da Gino Troli, ha inaugurato oggi pomeriggio le tre mostre che arricchiscono il programma dell'edizione 2015. La scienza e l'arte si mescolano nel centro di Civitanova Alta per dar vita ad appassionanti percorsi visivi, alla scoperta degli aspetti più intimi ed umani delle due discipline. Dal 24 luglio al 6 settembre, Semplice e Complesso, RiScattiamo la scienza e Santi ed eroi guidano il pubblico in un affascinante e sorprendente viaggio estetico all'insegna della conoscenza. Premio "Best Exhibition" allo Shanghai Science and Technology Festival, con oltre 70.000 visitatori in 8 giorni, Semplice e Complesso introduce al pubblico argomenti di attualità nella speculazione scientifica come la teoria del caos attraverso una collezione di finestre aperte sul vastissimo mondo della complessità e del disordine. La mostra vuole far vedere come la scienza, per riuscire a comprendere il sistema complesso del tutto, si stia concentrando sullo studio delle parti che lo compongono e delle relazioni reciproche esistenti tra di esse. Il progetto è stato ideato e realizzato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Comunicazione, Informazione e URP. L'esposizione è allestita all'interno dello Spazio Multimediale San Francesco. Al Chiostro di San Francesco, la mostra di fotografia RiScattiamo la scienza racconta per immagini le attività scientifiche del più importante Ente pubblico di ricerca nazionale, portando in primo piano la passione che anima coloro che vi lavorano e mostrando al contempo la bellezza della scienza, dalla forza dell'idrovolante al momento del decollo allo spettacolo di luci di un raggio laser, dal momento di riposo di un ricercatore durante una battuta di pesca ai nanopetali di ossido di titanio. A cura del Consiglio Nazionale delle Ricerche, la collezione di immagini racconta il lato più sorprendente e quotidiano della ricerca, rendendo più accessibili i suoi luoghi e momenti. Queste due prime esposizioni sono ad ingresso gratuito e sono aperte dal 24 luglio al 2 agosto, dalle 18 alle 24. Santi ed eroi. Pittura sacra e profana a Civitanova, curata da Enrica Bruni e Stefano Papetti, nasce invece da un'attenta indagine dell'ingente patrimonio pittorico disseminato tra i palazzi, le chiese e i conventi di Civitanova Alta. Databili fra il XV secolo e primi anni dell'Ottocento, le tele di soggetto sacro e profano

1


Data:

CivitanovaLive.it

25/07/2015

TEATRO GREMITO A CIVITANOVA PER L'INAUGURAZIONE DI FUTURAFES TIVAL portano alla ribalta sorprendenti pitture, alla riscoperta del patrimonio culturale locale. Tra le varie opere di grande spessore artistico troviamo la "Madonna del Soccorso" del pittore perugino Baldo De' Serofini. La mostra è allestita presso la Pinacoteca civica "Marco Moretti". Il costo dell'ingresso è di 2 euro ed il ricavato sarà utilizzato per il restauro della tela settecentesca "Estasi di S. Giuseppe da Copertino". T

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

2

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


26/7/2015

Aperto Futura Festival Conferenze tra i Beatles e l'economia

Dal 1860 il quotidiano delle Marche

CHI SIAMO ­ LA STORIA ­ CONTATTI

Domenica 26 Luglio 2015   ­   ultimo aggiornamento 16:03

FLASH NEWS Home

15:41 Sedicenne scomparsa nel milanese, appello della madre

Marche

Ancona

Macerata

Fermo

Ascoli

Pesaro

CERCA     cerca nel sito Sport

Spettacoli

Gossip

Attualità

Economia

Motori

Viaggi

Salute

Civitanova, Odifreddi ha aperto Futura Festival Conferenze tra i Beatles, le stelle e l'economia PER APPROFONDIRE: Civitanova, Futura

Consiglia

Condividi

0

Tweet

0

0

CIVITANOVA ­ Futura parte dai bambini. E' stato il Piccolo Coro di Sant’Agostino ad inaugurare il Festival curato da Gino Troli, in un teatro gremito di persone Non c’è avvio migliore, come ha sottolineato anche il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, per una manifestazione che “crea momenti di svago per esercitare la mente”, guardando al futuro attraverso il cambiamento, all’insegna del tema “Todo Cambia”. Cambiamento e mutamento sono stati ieri i temi del primo incontro della giornata, con Piergiorgio Odifreddi, matematico e saggista, che ha introdotto la sua lectio magistralis con una battuta: “Oggi i giornali riportano in prima pagina la notizia della scoperta di una seconda Terra, secondo me l’hanno tenuta nel cassetto fino all’apertura del Festival”.Oggi si inizia al Teatro Annibal Caro alle 17.30, con il fisico Fernando Ferroni che parla dei “Cambiamenti della scienza, tra verità e balle”, smontando tutti i luoghi comuni che sono stati presentati nel corso della storia. Alle 18, al Chiostro Sant'Agostino, omaggio a Dante Alighieri nel 750° anniversario dalla sua nascita, con Giulio Ferroni e Marco Grimaldi, intervistati da Filippo La Porta. Alle 18.30, al cortile Ex Liceo, Paolo Cacciari, Alessandro Pertosa e Lucilio Santoni dialogano sul lavoro. Per i più piccoli, l’appuntamento da non perdere è quello con i laboratori. Alle 18 e alle 21.30, al Chiostro San Francesco, i Lego prendono vita, con “Robot... che mania!”, robotica creativa per grandi e piccini a cura di Talent. Alle 18.30 e alle 21.30 ci sono rispettivamente, al Chiostro San Francesco e al cortile Ex Liceo, laboratori di fisica, chimica e matematica della Festa di Scienza e Filosofia di Foligno e Byte Droni & Co di Unicam. Al giardino della Pinacoteca, alle 18.30, è in programma un percorso olfattivo sul come il profumo cambia la vita con Mauro Malatini, profumiere artigianale.Alle 19 si torna al Teatro Annibal Caro con Massimo Arcangeli che presenta “Tre affascinanti avventure nel nome di Dante”, tra le quali un progetto degli studenti di Foligno. Al Chiostro Sant'Agostino, Gilberto Corbellini e Filippo La Porta si confrontano sull'etica della scienza. Il dopo cena si apre con un convegno dell'Ordine degli Avvocati di Macerata e “Giochiamo insieme”

Civitanova, sexy ladre derubano un giovane Bloccate, una si taglia le vene. Poi scappano

SEGUI IL  CORRIERE ADRIATICO

Porto Recanati, giovane mamma e due bambini investiti mentre attraversano sul lungomare

Estate dal clima pazzo: nubifragio ad Ancona

Ussita, rientrati i tre giovani riminesi Si erano rifugiati in un casale

http://www.corriereadriatico.it/MACERATA/civitanova_futura_festival_odifreddi_beatlesi/notizie/1482586.shtml

1/3


26/7/2015

Aperto Futura Festival Conferenze tra i Beatles e l'economia

convegno dell'Ordine degli Avvocati di Macerata e “Giochiamo insieme” al giardino della Pinacoteca. Alle 21.30 in piazza della Liberta, il giornalista Federico Rampini mostra con occhi diversi un argomento complesso come l'economia, raccontando, in modo originale e coinvolgente le sue regole attraverso le canzoni dei Beatles. Il Caffè scientifico delle 22.15 è affidato a David Vitali. Alle 23, in piazza della Libertà, arriva Michele Mirabella. La giornata si chiude con il naso all'insù, pronti ad ammirare il cielo con le osservazioni astronomiche guidate dall'associazione Alpha Gemini.

Civitanova, quattro intossicati dal tonno dopo il pranzo in un ristorante cittadino

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 25 Luglio 2015 ­ Ultimo aggiornamento: 11:13

Civitanova, barca in avaria soccorsi quattro ragazzi

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO

Corriere Adriatico.it Like Page

Incidente mortale, perde la vita giovane padre

32k likes

NOTIZIOMETRO

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

L'arresto della Dama Bianca in aeroporto

Partner

Partner

Clap your hands... Stomp your feet

Le 10 donne più belle del mondo

(Redbull)

(Donna Moderna)

Partner

Civitanova Marche, letteratura e verità A Futura è il giorno di David Grossman

SFOGO SOCIAL

Marco Baldini, altre difficoltà economiche. E la frecciata a Fiorello: "Mai più in coppia" Baldini e Fiorello, altri veleni/GUARDA LE FOTO

Civitanova, rischiano di finire sugli scogli Quattro giovani soccorsi dalla Capitaneria

LA DEA BENDATA

Lotto e Superenalotto Le estrazioni di oggi e i numeri vincenti

Partner

Visitare la Svizzera: ecco l'itinerario Engadina–St. Moritz

Cammina con le scarpe di ferro da 400 chili: "Toccasana…

Il villaggio che madre natura si è ripreso (Blog.casa.it)

AMORE FELICE

Sesso, ecco cosa succede se siete sempre connessi su Internet (anche a letto)

(itinerari.svizzera.it) Raccomandato da

Prestiti INPDAP 2015 Condizioni Speciali per Pensionati. Preventivo Gratis in 1 Minuto!

L'INCONTRO

Dopo 48 anni si ritrovano i calciatori del Gruppo M

FORMULA 1

GP Ungheria, vince la Ferrari di Vettel, 2° Kvyat con la Red Bull, Raikkonen ritirato

LA TOP 12

La piscina? Meglio naturale. Ecco le più belle del mondo

AMORE FELICE

Sesso, sempre connessi (anche a letto) e la coppia fa tilt

http://www.corriereadriatico.it/MACERATA/civitanova_futura_festival_odifreddi_beatlesi/notizie/1482586.shtml

2/3


Futura premia Comencini e Capossela si cimenta nel dialetto civitanovese cronachemaceratesi.it /2015/07/25/futura-premia-cristina-comencini-e-capossela-si-cimenta-neldialetto-civitanovese/685404/

«Citanò, la vedo sempre dal porto, stavolta sono asceso». Rompe così il ghiaccio Vinicio Capossela, il cantautore e scrittore ieri ha chiuso in tarda serata la prima giornata di festival partendo proprio dal dialetto e dalla città. Dialetto e linguaggio sono stati anche i protagonisti del suo intervento guidato da Massimo Arcangeli e Vinicio Capossela che è seguito a quello più colloquiale e intimo con la regista Cristina Comencini che ha dispensato addirittura consigli. «Come si diventa un bravo attore?» chiede un bimbetto di massimo 7 anni sotto al palco: «Studia molto, finisci il liceo, la


cultura è importante, e poi vieni a Roma, ma non smettere mai di studiare hai capito?».

Una partenza insomma familiare ma complice quella del festival che oggi pomeriggio vedrà come ospiti principali Fernando Ferroni, Giulio Ferroni, Marco Grimaldi, Paolo Cacciari. Nel pomeriggio domina il tema dantesco, il passato e il futuro della letteratura, poi in serata economia e classicità con Federico Rampini che inquadra l’economia attraverso i Beatles e Michele Mirabella che si domanda dove siano finiti gli antichi eroi. Ma ieri, dopo i tradizionali tagli del nastro è in serata che il festival appalesa le sue potenzialità: si mette a nudo Cristina Comencini, la regista figlia del compianto Luigi intervistata da Massimo Arcangeli racconta di sé, dei suoi libri, della sua narrazione, del cinema, ma anche di politica. Dalle illusioni della sinistra ad una nuova forma di femminismo che la porta a rigettare Sibilla Aleramo (un riferimento non casuale considerato che la scrittrice proprio a Civitanova visse una parte importante della sua vita) e Simone de Beauvoir: «La società verso la donna deve cambiare, le donne creative oggi cercano di avere dei figli, la La regista Cristina Comencini maternità è di un’attualità assoluta. Siamo il paese con la più bassa maternità e occupazione femminile. Secondo me è importante nel processo del femminile diventare madre, non condivido più chi pensa che significa perdita della propria libertà. Qui parliamo di futuro a Futura, ma questo è un paese di vecchi» – ha detto la regista. E poi anche i suoi successi, ma anche le delusioni, come dopo “Quando la notte” stroncato dalla critica decise di lasciare il cinema per 3 anni, salvo poi tornare, proprio nel 2015 con Latin lover, l’ultimo film girato da Virna Lisi. E proprio alla Comencini Futura ha dedicato la novità di quest’anno il premio Futura festival, primo riconoscimento che ogni anno il festival assegnerà ad uno degli ospiti protagonisti. Si cambia registro con Vinicio Capossela che presenta il Paese dei coppoloni e si cimenta col dialetto: «Sono finalmente asceso a Citanò, di solito ho sempre visto solo il porto. Ho sempre odiato le “griffe” ma adoro le Marche». E proprio il dialetto, ma anche i classici della letteratura, la tradizione orale, i greci, il romanzo picaresco sono alla base del nuovo lavoro letterario candidato al premio Strega. E la prima serata si chiude così fra le note di Capossela. E’ tutto pronto invece per accogliere l’ospite più atteso di questa edizione. Domani (domenica) arriva David Grossman, un testimone del nostro tempo, letterato, intellettuale, ma anche scrittore per bambini. Sarà intervistato da Filippo La Porta sul tema Letteratura e verità alle 21.30 in piazza della libertà. Ma la domenica comincia già dal pomeriggio con la scienza e Giorgio Vallortigara, professore di neuroscienze che illustra uno dei suoi ultimi studi: “Cervelli che contano” alle 17.30 al teatro Annibal Caro. Alle 18 al chiostro di Sant’Agostino arriva Paolo Flores d’Arcais su Darwin, etica e biologia. Si cambia sponda del mondo alle 18,30 nell’ex liceo dove Futura approda a Cuba per andare a sbirciare cosa sta accadendo in questa parte del mondo supportati dallo sguardo dei poeti Oscar Cruz e Marcelo Morales, a seguire la performance di Milagros Teresa Pardo Espinosa sull’abbraccio.


Dalle 18 alle 23,30 nel cortile dell’ex liceo, nel chiostro di san Francesco e nel giardino della pinacoteca proseguono i laboratori per bambini dedicati alla fisica, alla matematica a cura di Unicam, istituto sant’agostino e festa della scienza di Foligno. In pinacoteca occhi chiusi e spazio al percorso olfattivo con Mauro Malatini. La letteratura trova il suo habitat alle 19 nel chiostro di Sant’Agostino per l’omaggio ad Annibal Caro con Giulio Ferroni, Alessandro Fo e Filippo La Porta. A due passi da dove il traduttore dell’Eneide nacque si ricerca l’eredità di quel mondo umanista. Per i tiratardi dopo la lectio di Grossman prevista alle 21.30 in piazza della Libertà alle 23 nel chiostro Guido Mazzoni interpreta il presente e in contemporanea in piazza proiezione dell’ultimo film della Comencini Latin Lover.

Cristina Comencini riceve il premio Futura


Data:

Il Mascalzone.it

25/07/2015

David Grossman domani in Italia, ospite di Futura Festival David Grossman domani in Italia, ospite di Futura Festival Posted By Redazione On 25 luglio 2015 @ 14:26 In Cultura e Spettacoli | Comments Disabled L'autore israeliano arriva a Civitanova Alta, nelle Marche, per un incontro su "Letteratura e verità". In programma anche Paolo Flores D'Arcais, Giulio Ferroni e Alessandro Fo Civitanova 25/07/2015 David Grossman è l'ospite internazionale di Futura, il Festival curato da Gino Troli che fino al 2 agosto anima il borgo di Civitanova Alta (Mc), nelle Marche. L'autore israeliano arriva in Italia domani 26 luglio per l'incontro con Filippo La Porta su "Letteratura e verità". Grossman è un attivista e sostenitore della sinistra israeliana, in particolare del Partito Laburista, dai tempi di Yitzhak Rabin, ed è un critico della politica governativa nei confronti dei palestinesi di Gaza e Cisgiordania. Queste posizioni gli attirano da sempre le critiche e le ostilità della destra. Come gran parte degli israeliani, ha però sostenuto Israele durante la guerra israelo-libanese del 2006, condotta contro le milizie del partito islamico Hezbollah, ma il 10 agosto 2006, insieme agli autori Amos Oz e Abraham Yehoshua, ha parlato durante una conferenza stampa chiedendo al governo di trovare un accordo per un cessate il fuoco come base per negoziati che portassero a una soluzione concordata, definendo ulteriori azioni militari come "pericolose e controproducenti" ed esprimendo preoccupazione per il governo libanese. Due giorni dopo, suo figlio Uri, di 20 anni, militare di leva nella guerra in questione, è stato ucciso da un missile anticarro durante un'operazione delle Forze di Difesa Israeliane nel sud del Libano volta a massimizzare quanto ottenuto contro Hezbollah poco prima del cessate il fuoco, imposto dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. L'impegno di Grossman in favore della pace e del dialogo con arabi e musulmani è di conseguenza aumentato durante gli anni recenti. Prima del suo incontro delle 21.30, a Civitanova, è in programma la lectio magistralis di Paolo Flores D'Arcais su "La morale di Homo sapiens. Cosa insegnano sull'etica la biologia darwiniana e le neuroscienze" e il dialogo tra il critico letterario Giulio Ferroni e l studioso Alessandro Fo sull'eredità di Annibal Caro e dell'Eneide. Tutti gli incontri sono ad ingresso gratuito. Articoli Correlati: Domani al via gli AperiFestival Cristiani e anarchici, incontro o scontro? I lettori forti vogliono Alessandro Baricco a Futura Chiusura con il botto per la seconda edizione di Futura Domani è il giorno della Bandabardò Futura, oltre 800 visitatori ai laboratori del LabScienze e visita dell'ex ministro Carrozza Arrivano i robot a Futura, tra immaginazione e ingegneria Arrivano ospiti internazionali a Futura: Derrick De Kerckhove e Marc Augè Fusaro, Cozzolino, Giallini, Varzi, Di Paolo, altra giornata ricca di eventi a Futura Anteprima di Futura, mostre e cerimonia inaugurale Article printed from Il Mascalzone - San Benedetto del Tronto - l'informazione della riviera adriatica a portata di mouse: http://www.ilmascalzone.it URL to article: http://www.ilmascalzone.it/2015/07/david-grossman-domani-in-italia-ospite-di-futura-festival/ Click here to print. Copyright © 2008 Il Mascalzone - l'informazione a portata di mouse. All rights reserved.

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Data:

La Scansione.net

25/07/2015

Futura parte dai bambini. Teatro gremito per l'inaugurazione Futura parte dai bambini. Teatro gremito per l'inaugurazione Futura parte dai bambini. È il Piccolo Coro di Sant'Agostino ad inaugurare il Festival curato da Gino Troli, in un teatro gremito di persone. Non c'è avvio migliore, come ha sottolineato anche il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, per una manifestazione che "crea momenti di svago per esercitare la mente", guardando al futuro attraverso il cambiamento, all'insegna del tema "Todo Cambia". Cambiamento e mutamento sono i temi del primo incontro della giornata, con Piergiorgio Odifreddi, matematico e saggista, che ha introdotto la sua lectio magistralis con una battuta: "Oggi i giornali riportano in prima pagina la notizia della scoperta di una seconda Terra, secondo me l'hanno tenuta nel cassetto fino all'apertura del Festival". Oggi 25 luglio si inizia al Teatro Annibal Caro alle 17.30, con il fisico Fernando Ferroni che parla dei "Cambiamenti della scienza, tra verità e balle", smontando tutti i luoghi comuni che sono stati presentati nel corso della storia. Alle 18, al Chiostro Sant'Agostino, omaggio a Dante Alighieri nel 750 anniversario dalla sua nascita. Giulio Ferroni e Marco Grimaldi, intervistati da Filippo La Porta, puntano il loro intervento sul messaggio del Sommo Poeta e sulla sua strepitosa contemporanietà, proiettandolo nel futuro. Alle 18.30, al cortile Ex Liceo, Paolo Cacciari, Alessandro Pertosa e Lucilio Santoni dialogano sul lavoro. Per i più piccoli, l'appuntamento da non perdere è quello con i laboratori. Alle 18 e alle 21.30, al Chiostro San Francesco, i Lego prendono vita, con "Robot. che mania!", robotica creativa per grandi e piccini a cura di Talent. Alle 18.30 e alle 21.30 ci sono rispettivamente, al Chiostro San Francesco e al cortile Ex Liceo, laboratori di fisica, chimica e matematica della Festa di Scienza e Filosofia di Foligno e Byte Droni & Co di Unicam. Al giardino della Pinacoteca, alle 18.30, è in programma un percorso olfattivo sul come il profumo cambia la vita con Mauro Malatini, dottore in tecniche erboristiche e profumiere artigianale. Alle 19 si torna al Teatro Annibal Caro con Massimo Arcangeli che presenta "Tre affascinanti avventure nel nome di Dante", tra le quali un progetto degli studenti di Foligno. Al Chiostro Sant'Agostino, Gilberto Corbellini e Filippo La Porta si confrontano sull'etica della scienza. Alle 21 convegno al Teatro Annibal Caro promosso dall'Ordine degli Avvocati di Macerata su famiglia, lavoro e impresa e alle 21.15 "Giochiamo insieme" al giardino della Pinacoteca. Alle 21.30 in piazza della Liberta, il giornalista Federico Rampini mostra con occhi diversi un argomento complesso come l'economia, raccontando, in modo originale e coinvolgente le sue regole attraverso le canzoni dei Beatles. Il Caffè scientifico delle 22.15 invece è affidato a David Vitali. Alle 23, in piazza della Libertà, arriva Michele Mirabella, introdotto da Massimo Arcangeli. La giornata si chiude al giardino della Pinacoteca con il naso all'insù, pronti ad ammirare il cielo con le osservazioni astronomiche guidate dall'associazione Alpha Gemini. Carlo Scheggia Condividi : Google Facebook Twitter LinkedIn Articoli correlati: Teatro gremito per l'inaugurazione con Vito Mancuso Teatro gremito in ogni posto per Vito Mancuso, ospite d'apertura della 51 stagione lirica del Macerata Opera Festival. Purtroppo, a causa dell'incrocio di tre diversi sistemi di prenotazione, sono state accettate alcune richieste in eccesso... Futura Festival. Domani Alessandro Bergonzoni Il primo week end di Futura Festival si apre all'insegna del linguaggio con un ospite di punta come Alessandro Bergonzoni, chirurgo della parola che assieme al linguista Massimo Arcangeli dialoga proprio sulle nuove frontiere della... Nell' ultimo Aperifestival si parla di scienza Quinto e ultimo appuntamento degli Aperifestival, organizzati dalla Biblioteca Comunale Zavatti in collaborazione con Futura e Civitanova Danza, con il contributo dello sponsor ufficiale Gleam Bijoux. Oggi 20 luglio, alle 18.30 nella pineta adiacente la... Parte dal Lauro Rossi il tour nazionale Fabrizio De André in teatro Le donne e gli uomini, i personaggi, le storie, le fantasie e gli amori di Fabrizio De André prenderanno di nuovo vita nello spettacolo Fabrizio De André in teatro, la cui prima nazionale è in...

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Data:

La Scansione.net

25/07/2015

Inaugurate ieri pomeriggio le mostre di Futura Festival Inaugurate ieri pomeriggio le mostre di Futura Festival Semplice e Complesso, RiScattiamo la scienza e Santi ed eroi accompagnano il pubblico in tre sorprendenti viaggi, dal 24 luglio al 6 settembreFutura, il Festival diretto da Gino Troli, ha inaugurato ieri pomeriggio le tre mostre che arricchiscono il programma dell'edizione 2015. La scienza e l'arte si mescolano nel centro di Civitanova Alta per dar vita ad appassionanti percorsi visivi, alla scoperta degli aspetti più intimi ed umani delle due discipline. Dal 24 luglio al 6 settembre, Semplice e Complesso, RiScattiamo la scienza e Santi ed eroi guidano il pubblico in un affascinante e sorprendente viaggio estetico all'insegna della conoscenza. Premio "Best Exhibition" allo Shanghai Science and Technology Festival, con oltre 70.000 visitatori in 8 giorni, Semplice e Complesso introduce al pubblico argomenti di attualità nella speculazione scientifica come la teoria del caos attraverso una collezione di finestre aperte sul vastissimo mondo della complessità e del disordine. La mostra vuole far vedere come la scienza, per riuscire a comprendere il sistema complesso del tutto, si stia concentrando sullo studio delle parti che lo compongono e delle relazioni reciproche esistenti tra di esse. Il progetto è stato ideato e realizzato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Comunicazione, Informazione e URP. L'esposizione è allestita all'interno dello Spazio Multimediale San Francesco. Al Chiostro di San Francesco, la mostra di fotografia RiScattiamo la scienza racconta per immagini le attività scientifiche del più importante Ente pubblico di ricerca nazionale, portando in primo piano la passione che anima coloro che vi lavorano e mostrando al contempo la bellezza della scienza, dalla forza dell'idrovolante al momento del decollo allo spettacolo di luci di un raggio laser, dal momento di riposo di un ricercatore durante una battuta di pesca ai nanopetali di ossido di titanio. A cura del Consiglio Nazionale delle Ricerche, la collezione di immagini racconta il lato più sorprendente e quotidiano della ricerca, rendendo più accessibili i suoi luoghi e momenti. Queste due prime esposizioni sono ad ingresso gratuito e sono aperte dal 24 luglio al 2 agosto, dalle 18 alle 24. Santi ed eroi. Pittura sacra e profana a Civitanova, curata da Enrica Bruni e Stefano Papetti, nasce invece da un'attenta indagine dell'ingente patrimonio pittorico disseminato tra i palazzi, le chiese e i conventi di Civitanova Alta. Databili fra il XV secolo e primi anni dell'Ottocento, le tele di soggetto sacro e profano portano alla ribalta sorprendenti pitture, alla riscoperta del patrimonio culturale locale. Tra le varie opere di grande spessore artistico troviamo la "Madonna del Soccorso" del pittore perugino Baldo De' Serofini. La mostra è allestita presso la Pinacoteca civica "Marco Moretti". Il costo dell'ingresso è di 2 euro ed il ricavato sarà utilizzato per il restauro della tela settecentesca "Estasi di S. Giuseppe da Copertino". Carlo Scheggia Condividi : Google Facebook Twitter LinkedIn Articoli correlati: Futura Festival si presenta a Perugia Futura si presenta a Perugia. Grazie al gemellaggio con la Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, il Festival (civitanovese ha goduto di una preziosa vetrina, questa mattina al Salone d'Oro di Palazzo Donini, sede... Futura Festival e Civitanova Danza. Un nuovo sponsor Un nuovo sponsor per Futura Festival e Civitanova Danza. Gleam Bijoux, produttore di rilievo nel settore di accessori moda, sceglie di entrare al fianco di due delle realtà più stimolanti nell'universo culturale marchigiano e nazionale:... Cibo e cinema. Ecco le mostre di Futura Iconiche e suggestive le mostre che quest'anno Futura Festival presenta a Civitanova Marche, I due contenitori culturali, la Chiesa di San Francesco e Sant'Agostino, sono pronti ad aprire le porte a due grandi esposizioni 'da ... Futura pronta ancora a sorprendere con i suoi grandi ospiti Civitanova Alta si prepara ad ospitare la terza edizione di Futura. A dieci giorni dal taglio del nastro fervono i preparativi per un Festival, ideato e diretto da Gino Troli, che quest'anno indaga tra crisi...

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Data:

Vivere Civitanova

25/07/2015

Futura parte dai bambini. Teatro gremito per l'inaugurazione --> Futura parte dai bambini. Teatro gremito per l'inaugurazione Futura parte dai bambini. È il Piccolo Coro di Sant'Agostino ad inaugurare il Festival curato da Gino Troli, in un teatro gremito di persone. Non c'è avvio migliore, come ha sottolineato anche il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, per una manifestazione che "crea momenti di svago per esercitare la mente", guardando al futuro attraverso il cambiamento, all'insegna del tema "Todo Cambia". Cambiamento e mutamento sono i temi del primo incontro della giornata, con Piergiorgio Odifreddi , matematico e saggista, che ha introdotto la sua lectio magistralis con una battuta: "Oggi i giornali riportano in prima pagina la notizia della scoperta di una seconda Terra, secondo me l'hanno tenuta nel cassetto fino all'apertura del Festival". Domani 25 luglio si inizia al Teatro Annibal Caro alle 17.30, con il fisico Fernando Ferroni che parla dei "Cambiamenti della scienza, tra verità e balle", smontando tutti i luoghi comuni che sono stati presentati nel corso della storia. Alle 18, al Chiostro Sant'Agostino, omaggio a Dante Alighieri nel 750 anniversario dalla sua nascita. Giulio Ferroni e Marco Grimaldi, intervistati da Filippo La Porta, puntano il loro intervento sul messaggio del Sommo Poeta e sulla sua strepitosa contemporanietà, proiettandolo nel futuro. Alle 18.30, al cortile Ex Liceo, Paolo Cacciari, Alessandro Pertosa e Lucilio Santoni dialogano sul lavoro. Per i più piccoli, l'appuntamento da non perdere è quello con i laboratori. Alle 18 e alle 21.30, al Chiostro San Francesco, i Lego prendono vita, con "Robot... che mania!", robotica creativa per grandi e piccini a cura di Talent. Alle 18.30 e alle 21.30 ci sono rispettivamente, al Chiostro San Francesco e al cortile Ex Liceo, laboratori di fisica, chimica e matematica della Festa di Scienza e Filosofia di Foligno e Byte Droni & Co di Unicam. Al giardino della Pinacoteca, alle 18.30, è in programma un percorso olfattivo sul come il profumo cambia la vita con Mauro Malatini, dottore in tecniche erboristiche e profumiere artigianale. Alle 19 si torna al Teatro Annibal Caro con Massimo Arcangeli che presenta "Tre affascinanti avventure nel nome di Dante", tra le quali un progetto degli studenti di Foligno. Al Chiostro Sant'Agostino, Gilberto Corbellini e Filippo La Porta si confrontano sull'etica della scienza. Alle 21 convegno al Teatro Annibal Caro promosso dall'Ordine degli Avvocati di Macerata su famiglia, lavoro e impresa e alle 21.15 "Giochiamo insieme" al giardino della Pinacoteca. Alle 21.30 in piazza della Liberta, il giornalista Federico Rampini mostra con occhi diversi un argomento complesso come l'economia, raccontando, in modo originale e coinvolgente le sue regole attraverso le canzoni dei Beatles. Il Caffè scientifico delle 22.15 invece è affidato a David Vitali. Alle 23, in piazza della Libertà, arriva Michele Mirabella, introdotto da Massimo Arcangeli. La giornata si chiude al giardino della Pinacoteca con il naso all'insù, pronti ad ammirare il cielo con le osservazioni astronomiche guidate dall'associazione Alpha Gemini. Inaugurate venerdi pomeriggio le mostre di Futura Festival Semplice e Complesso, RiScattiamo la scienza e Santi ed eroi accompagnano il pubblico in tre sorprendenti viaggi, dal 24 luglio al 6 settembre Futura, il Festival diretto da Gino Troli, ha inaugurato oggi pomeriggio le tre mostre che arricchiscono il programma dell'edizione 2015. La scienza e l'arte si mescolano nel centro di Civitanova Alta per dar vita ad appassionanti percorsi visivi, alla scoperta degli aspetti più intimi ed umani delle due discipline. Dal 24 luglio al 6 settembre, Semplice e Complesso, RiScattiamo la scienza e Santi ed eroi guidano il pubblico in un affascinante e sorprendente viaggio estetico all'insegna della conoscenza. Premio "Best Exhibition" allo Shanghai Science and Technology Festival, con oltre 70.000 visitatori in 8 giorni, Semplice e Complesso introduce al pubblico argomenti di attualità nella speculazione scientifica come la teoria del caos attraverso una collezione di finestre aperte sul vastissimo mondo della complessità e del disordine. La mostra vuole far vedere come la scienza, per riuscire a comprendere il sistema complesso del tutto, si stia concentrando sullo studio delle parti che lo compongono e delle relazioni reciproche esistenti tra di esse. Il progetto è stato ideato e realizzato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Comunicazione, Informazione e URP. L'esposizione è allestita all'interno dello Spazio Multimediale San Francesco. Al Chiostro di San Francesco, la mostra di fotografia RiScattiamo la scienza racconta per immagini le attività scientifiche del più importante Ente pubblico di ricerca nazionale, portando in primo piano la passione che anima coloro che vi lavorano e mostrando al contempo la bellezza della scienza, dalla forza dell'idrovolante al momento del decollo allo spettacolo di luci di un raggio laser, dal momento di riposo di un ricercatore durante una battuta di pesca ai nanopetali di ossido di titanio. A cura del Consiglio Nazionale delle Ricerche, la collezione di immagini racconta il lato più sorprendente e quotidiano della ricerca, rendendo più accessibili i suoi luoghi e momenti. Queste due prime esposizioni sono ad ingresso gratuito e sono aperte dal 24 luglio al 2 agosto, dalle 18 alle 24. Santi ed eroi. Pittura sacra e profana a Civitanova , curata da Enrica Bruni e Stefano Papetti, nasce invece da un'attenta indagine dell'ingente patrimonio pittorico disseminato tra i palazzi, le chiese e i conventi di Civitanova Alta. Databili fra il XV secolo e primi anni dell'Ottocento, le tele di soggetto sacro e profano portano alla

1


Data:

Vivere Civitanova

25/07/2015

Futura parte dai bambini. Teatro gremito per l'inaugurazione ribalta sorprendenti pitture, alla riscoperta del patrimonio culturale locale. Tra le varie opere di grande spessore artistico troviamo la "Madonna del Soccorso" del pittore perugino Baldo De' Serofini. La mostra è allestita presso la Pinacoteca civica "Marco Moretti". Il costo dell'ingresso è di 2 euro ed il ricavato sarà utilizzato per il restauro della tela settecentesca "Estasi di S. Giuseppe da Copertino". --> da Futura Festival Tweet Questo è un comunicato stampa inviato il 24/07/2015 pubblicato sul giornale del 25/07/2015 - 38 letture - 0 commenti In questo articolo si parla di attualità, civitanova marche, futura festival. L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/amqC Rilasciato con licenza Creative Commons. Maggiori info: vivere.biz/gkW

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

2

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Data:

Corriere Adriatico.it

26/07/2015

Futura Festival fa il pieno da Rampini a Mirabella Civitanova, Futura Festival fa il pieno da Rampini a Mirabella passando per i Beatles PER APPROFONDIRE: Civitanova, Futura CIVITANOVA - Avete mai pensato di spiegare l’economia attraverso le canzoni dei Beatles? A Futura accade anche questo,. Così Federico Rampini tiene incollato il pubblico in piazza della Libertà per due ore, spiegando crisi e recessione in modo accessibile a tutti. "Stanno cercando di far diventare l’economia una religione esoterica solo per sciamani - ha affermato il giornalista - , usare i Beatles è tentare un approccio di spiegazione attraverso l’arte e la musica, è un atto d’amore verso questa disciplina". Lo scrittore, che ormai da numerosi anni vive a New York, porta sul palco civitanovese un dibattito articolato che cattura l’ascoltatore, spaziando dal mondo delle start up americane all’analfabetismo scientifico italiano, dalle grandi rivoluzioni della globalizzazione e della tecnologia fino a sfiorare tematiche sociali come l’immigrazione. E se i Beatles vengono sdoganati per parlare di economia, un istrionico Michele Mirabella dispensa risate intelligenti con quell’ironia che affascina e diverte. Che l’appuntamento sia da non perdere lo si capisce fin da subito: "Abbassate le luci su di me. Non sono una bella soubrette e alzatele sul pubblico, così sono certo che non si addormentino". Il conduttore poi difende la lingua italiana dall’ignoranza: "i congiuntivi sono rimasti in 11, li teniamo in una teca per farli riprodurre".E se la lingua italiana è stata protagonista nel primo week end che ha ospitato, fra gli altri, anche lo storico e critico letterario Giulio Ferroni, autore di manuali di letteratura che hanno formato generazioni e generazioni di studenti, non è mancato l’apprezzamento per i laboratori scientifici, tutti sempre partecipatissimi con bambini e genitori alla scoperta di tecnologia ed esperimenti. © RIPRODUZIONE RISERVATA

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Data:

CivitanovaLive.it

26/07/2015

GRANDE ATTESA A FUTURAFESTIVAL PER DAVID GROSSMAN GRANDE ATTESA A FUTURAFESTIVAL PER DAVID GROSSMAN domenica 26 luglio 2015 È tutto pronto a Civitanova per accogliere l'ospite più atteso di questa edizione di FuturaFestival. Oggi 26 luglio arriva David Grossman, un testimone del nostro tempo, letterato, intellettuale, e scrittore per bambini. Viene intervistato da Filippo La Porta sul tema "Letteratura e verità", alle 21.30 in piazza della Libertà. Ma la domenica comincia già dal pomeriggio con la scienza e Giorgio Vallortigara, professore di neuroscienze che illustra uno dei suoi ultimi studi: "Cervelli che contano" alle 17.30 al Teatro Annibal Caro. Alle 18 al chiostro di Sant'Agostino arriva Paolo Flores d'Arcais su Darwin, etica e biologia. Si cambia sponda del mondo alle 18.30 nell'ex liceo dove Futura approda a Cuba, per andare a sbirciare cosa sta accadendo in questa parte del mondo, supportati dallo sguardo dei poeti Oscar Cruz e Marcelo Morales, a seguire la performance di Milagros Teresa Pardo Espinosa sull'abbraccio. Dalle 18 alle 23.30 nel cortile dell'ex liceo, nel chiostro di San Francesco e nel giardino della pinacoteca proseguono i laboratori per bambini dedicati alla fisica, alla matematica a cura di Unicam, istituto Sant'Agostino e Festa di Scienza e Filosofia di Foligno. In pinacoteca occhi chiusi e spazio al percorso olfattivo con Mauro Malatini. La letteratura trova il suo habitat alle 19 nel chiostro di Sant'Agostino per l'omaggio ad Annibal Caro con Giulio Ferroni, Alessandro Fo e Filippo La Porta. A due passi da dove il traduttore dell'Eneide nacque si ricerca l'eredità di quel mondo umanista. Per i tiratardi dopo la lectio di Grossman prevista alle 21.30 in piazza della Libertà alle 23 nel chiostro Guido Mazzoni interpreta il presente e, in contemporanea, in piazza proiezione dell'ultimo film della Comencini "Latin Lover".

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


26/7/2015

Letteratura e verità A Futura è il giorno di David Grossman

Dal 1860 il quotidiano delle Marche

CHI SIAMO ­ LA STORIA ­ CONTATTI

Domenica 26 Luglio 2015   ­   ultimo aggiornamento 16:04

FLASH NEWS Home

14:21 Mondiali 2018: calendario Italia, esordio in Israele 5/9/16

Marche

Ancona

Macerata

Fermo

Ascoli

Pesaro

CERCA     cerca nel sito Sport

Spettacoli

Gossip

Attualità

Economia

Motori

Viaggi

Salute

Civitanova Marche, letteratura e verità A Futura è il giorno di David Grossman PER APPROFONDIRE: civitanova marche, futura, david grossman

Letteratura e verità A Futura è il giorno di David Grossman

Consiglia

Condividi

5

Tweet

0

1

Gli ospiti della prima serata/FOTO

CIVITANOVA ­ Al festival Futura è il giorno di David Grossman. 

SEGUI IL  CORRIERE ADRIATICO

Civitanova, sexy ladre derubano un giovane Bloccate, una si taglia le vene. Poi scappano

Porto Recanati, giovane mamma e due bambini investiti mentre attraversano sul lungomare

Estate dal clima pazzo: nubifragio ad Ancona

Civitanova Marche, gli ospiti della prima serata di Futura

Ussita, rientrati i tre giovani riminesi Si erano rifugiati in un casale

http://www.corriereadriatico.it/MACERATA/civitanova_marche_david_grossman_festival_futura/notizie/1483597.shtml

1/3


26/7/2015

Letteratura e verità A Futura è il giorno di David Grossman

È tutto pronto per accogliere l’ospite più atteso di questa edizione del festival. Oggi 26 luglio arriva David Grossman, un testimone del nostro tempo, letterato, intellettuale, e scrittore per bambini. Viene intervistato da Filippo La Porta sul tema “Letteratura e verità”, alle 21.30 in piazza della Libertà. Ma la domenica comincia già dal pomeriggio con la scienza e Giorgio Vallortigara, professore di neuroscienze che illustra uno dei suoi ultimi studi: “Cervelli che contano” alle 17.30 al Teatro Annibal Caro. Alle 18 al chiostro di Sant’Agostino arriva Paolo Flores d’Arcais su Darwin, etica e biologia. Si cambia sponda del mondo alle 18.30 nell’ex liceo dove Futura approda a Cuba, per andare a sbirciare cosa sta accadendo in questa parte del mondo, supportati dallo sguardo dei poeti Oscar Cruz e Marcelo Morales, a seguire la performance di Milagros Teresa Pardo Espinosa sull’abbraccio. Dalle 18 alle 23.30 nel cortile dell’ex liceo, nel chiostro di San Francesco e nel giardino della pinacoteca proseguono i laboratori per bambini dedicati alla fisica, alla matematica a cura di Unicam, istituto Sant’Agostino e Festa di Scienza e Filosofia di Foligno.

Civitanova, quattro intossicati dal tonno dopo il pranzo in un ristorante cittadino

Incidente mortale, perde la vita giovane padre

NOTIZIOMETRO SFOGO SOCIAL

Marco Baldini, altre difficoltà economiche. E la frecciata a Fiorello: "Mai più in coppia"

In pinacoteca occhi chiusi e spazio al percorso olfattivo con Mauro Malatini. La letteratura trova il suo habitat alle 19 nel chiostro di Sant’Agostino per l’omaggio ad Annibal Caro con Giulio Ferroni, Alessandro Fo e Filippo La Porta. A due passi da dove il traduttore dell’Eneide nacque si ricerca l’eredità di quel mondo umanista.

Baldini e Fiorello, altri veleni/GUARDA LE FOTO

Per i tiratardi dopo la lectio di Grossman prevista alle 21.30 in piazza della Libertà alle 23 nel chiostro Guido Mazzoni interpreta il presente e, in contemporanea, in piazza proiezione dell’ultimo film della Comencini “Latin Lover”.

LA DEA BENDATA

Lotto e Superenalotto Le estrazioni di oggi e i numeri vincenti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 26 Luglio 2015 ­ Ultimo aggiornamento: 05:55

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO

AMORE FELICE

Sesso, ecco cosa succede se siete sempre connessi su Internet (anche a letto)

Corriere Adriatico.it Like Page

32k likes

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE L'INCONTRO

Partner

Dopo 48 anni si ritrovano i calciatori del Gruppo M

Partner

Jeff Bridges: in vendita Nuova emergenza Incubo al distributore .. la villa da sogno targhe ­ Allarme Cosa succede se non ispirata allo stile… Unasca: "A rischio le… vai a colpo sicuro… FORMULA 1

(Il blog di Casa.it: architettura, design, lifestyle e altro ancora)

(Quattroruote)

Giornalista di Sky sviene in diretta

Mamme, ecco la verità Da Lucerna a sulla paraffina liquida Einsiedeln, nel cuore (quimamme.it) della Svizzera

GP Ungheria, vince la Ferrari di Vettel, 2° Kvyat con la Red Bull, Raikkonen ritirato Partner

Partner

LA TOP 12

La piscina? Meglio naturale. Ecco le più belle del mondo

(itinerari.svizzera.it) Raccomandato da

Prestiti INPDAP 2015 Condizioni Speciali per Pensionati. Preventivo Gratis in 1 Minuto!

AMORE FELICE

http://www.corriereadriatico.it/MACERATA/civitanova_marche_david_grossman_festival_futura/notizie/1483597.shtml

Sesso, sempre connessi (anche a letto) e la coppia fa tilt

2/3


I Beatles per spiegare l’economia Rampini fa amare i numeri cronachemaceratesi.it /2015/07/26/i-beatles-per-spiegare-leconomia-rampini-fa-amare-inumeri/685945/ L’economia e la matematica non sono più noiose se spiegate da Federico Rampini che sabato sera ha tenuto a battesimo la seconda delle serate di Futura Festival, con una lectio accessibile anche a coloro che odiano numeri e teorie. Perché di economia si può parlare anche in modo meno astruso e noioso di quanto non si senta nei tg o si legga sui giornali: «Stanno cercando Federico Rampini di far diventare l’economia una religione esoterica solo per sciamani – ha detto Rampini – usare i Beatles è tentare un approccio di spiegazione attraverso l’arte e la musica, è un atto d’amore verso questa disciplina». Lo scrittore, studioso e giornalista che ormai da numerosi anni vive a New York porta sul palco di Futura un dibattito articolato che lascia incollato l’ascoltatore sulla sedia per quasi due ore, spaziando dal mondo delle start up americane all’analfabetismo scientifico italiano, dalle grandi rivoluzioni della globalizzazione e della tecnologia fino a sfiorare tematiche sociali come l’immigrazione. E se i Beatles vengono sdoganati per parlare di economia, un istrionico Michele Mirabella dispensa risate intelligenti con quell’ironia un po’ caustica, un po’ vecchio stile che affascina e diverte. Già nell’esordio: «Abbassate le luci su di me. Non sono una bella soubrette e alzatele sul pubblico, così sono certo che non si addormentino». Scherza il professore che, partendo da “Cantami o Michele Mirabella mouse”, elabora sempre sul filo del doppio senso un percorso inedito di smitizzazione, denso però di amore verso il mito greco e gli dei. Un modo per


riavvicinare con divagazioni accademiche, espedienti retorici e leggerezza dell’eloquio il pubblico ad un mondo che tende a scomparire, sommerso da innovazione e perché no, anche ignoranza: «i congiuntivi sono rimasti in 11, li teniamo in una teca per farli riprodurre» afferma ironizzando sull’ignoranza della classe dirigente. E poi aneddoti, come quella volta che Woody Allen gli rubò una battuta a casa di Renzo Arbore o il monologo sul turpiloquio, non tanto la parolaccia in sé che potrebbe anche venir sdoganata, quanto piuttosto la violenza verso la lingua italiana. E se la lingua italiana è stata protagonista nel primo week end che ha ospitato, fra gli altri, anche lo storico e critico letterario Giulio Ferroni, autore di manuali di letteratura che hanno Il pubblico durante l’incontro con Michele Mirabella formato generazioni e generazioni di studenti, non è mancato l’apprezzamento per i laboratori scientifici, tutti sempre partecipatissimi con bambini e genitori alla scoperta di tecnologia ed esperimenti. Dai droni fino ai percorsi in 3D, i collaboratori scientifici del festival (Unicam, istituto scolastico Sant’Agostino, Alpha Gemini e Festival di Foligno) hanno contribuito ad incrementare la curiosità di grandi e piccini e ridurre il gap scientifico con pillole di lezioni molto coinvolgenti.


A Futura accade l’incredibile ilmascalzone.it /2015/07/a-futura-accade-lincredibile/ Redazione Rampini spiega l’economia con le canzoni dei Beatles e Mirabella vuole salvare il congiuntivo dall’estinzione A Civitanova Alta, nuovo successo per la seconda serata del Festival diretto da Troli

Futura Festival

Civitanova 26/07/2015 – Cosa c’entrano Yesterday, Here comes the sun e Eleanor Rigby con la crisi e la recessione? L’economia e la matematica non sono più noiose se spiegate da Federico Rampini che sabato sera ha tenuto a battesimo la seconda delle serate di Futura Festival, con una lectio accessibile anche a coloro che odiano numeri e teorie. Perché di economia si può parlare anche in modo meno astruso e noioso di quanto non si senta nei tg o si legga sui giornali: “Stanno cercando di far diventare l’economia una religione esoterica solo per sciamani, usare i Beatles è tentare un approccio di spiegazione attraverso l’arte e la musica, è un atto d’amore verso questa disciplina”.

Lo scrittore, studioso e giornalista che ormai da numerosi anni vive a New York porta sul palco di Futura un dibattito articolato che lascia incollato l’ascoltatore sulla sedia per quasi due ore, spaziando dal mondo delle start up americane all’analfabetismo scientifico italiano, dalle grandi rivoluzioni della globalizzazione e della tecnologia fino a sfiorare tematiche sociali come l’immigrazione. E se i Beatles vengono sdoganati per parlare di economia, un istrionico Michele Mirabella dispensa risate intelligenti con quell’ironia un po’ caustica, un po’ vecchio stile che affascina e diverte. Già nell’esordio: “Abbassate le luci su di me. Non sono una bella soubrette e alzatele sul pubblico, così sono certo che non si addormentino”. Scherza il professore che, partendo da “Cantami o mouse”, elabora sempre sul filo del doppio senso un percorso inedito di smitizzazione, denso però di amore verso il mito greco e gli dei. Un modo per riavvicinare con divagazioni accademiche, espedienti retorici e leggerezza dell’eloquio il pubblico ad un mondo che tende a scomparire, sommerso da innovazione e perché no, anche ignoranza: “i congiuntivi sono rimasti in 11, li teniamo in una teca per farli riprodurre” – afferma ironizzando sull’ignoranza della classe dirigente. E poi aneddoti, come quella volta che Woody Allen gli rubò una battuta a casa di Renzo Arbore o il monologo sul turpiloquio, non tanto la parolaccia in sé che potrebbe anche venir sdoganata, quanto piuttosto la violenza verso la lingua italiana.

E se la lingua italiana è stata protagonista nel primo week end che ha ospitato, fra gli altri, anche lo storico e critico letterario Giulio Ferroni, autore di manuali di letteratura che hanno formato generazioni e generazioni di studenti, non è mancato l’apprezzamento per i laboratori scientifici, tutti sempre partecipatissimi con bambini e genitori alla scoperta di tecnologia ed esperimenti. Dai droni fino ai percorsi in 3D, i collaboratori scientifici del festival ( Unicam, istituto scolastico Sant’Agostino, Alpha Gemini e Festival di Foligno) hanno contribuito ad incrementare la curiosità di grandi e piccini e ridurre il gap scientifico con pillole di lezioni molto coinvolgenti.


Data:

La Scansione.net

26/07/2015

Dopo il gran debutto, a Futura arriva David Grossman Dopo il gran debutto, a Futura arriva David Grossman Ottima partenza per Futura che venerdì sera, complice un piacevole vento, ha debuttato con i grandi ospiti per un tutto esaurito con Piergiorgio Odifreddi, Cristina Comencini e Vinicio Capossela. Si fa fino a notte tarda per ascoltare il mantra dell'aedo viandante del "Paese dei coppoloni". Dopo il pomeriggio di tagli del nastro è con la notte che Futura ha aperto le porte al dibattito e all'approfondimento. Si è messa a nudo Cristina Comencini, la regista figlia del compianto Luigi, intervistata da Massimo Arcangeli. Ha raccontato di sé, dei suoi libri, della sua narrazione, del cinema e di politica. Dalle illusioni della sinistra ad una nuova forma di femminismo che l'ha portata a rigettare Sibilla Aleramo (un riferimento non casuale considerato che la scrittrice proprio a Civitanova visse una parte importante della sua vita) e Simone de Beauvoir: "La società verso la donna deve cambiare, le donne creative oggi cercano di avere dei figli, la maternità è di un'attualità assoluta. Siamo il paese con la più bassa maternità e occupazione femminile. Secondo me è importante nel processo del femminile diventare madre, non condivido più chi pensa che significa perdita della propria libertà. Qui parliamo di futuro a Futura, ma questo è un paese di vecchi" ha detto la regista. E poi i suoi successi e le delusioni. Dopo il film "Quando la notte", stroncato dalla critica, Comencini decise di lasciare il cinema per 3 anni, salvo poi tornare, proprio nel 2015 con "Latin lover", l'ultima pellicola girata con Virna Lisi. E proprio alla regista, Futura ha dedicato la novità di quest'anno: il premio Espolatori del futuro. Si cambia registro con Vinicio Capossela che ha presentato il "Paese dei coppoloni" e si è cimentato con il dialetto: "sono finalmente asceso a Citanò, di solito ho sempre visto solo il porto. Ho sempre odiato le griffe, ma adoro le Marche". E proprio il dialetto e i classici della letteratura, la tradizione orale, i greci, il romanzo picaresco sono alla base del nuovo lavoro letterario, giunto tra i finalisti del premio Strega. E la prima serata si è chiusa così fra le note di Capossela. È tutto pronto per accogliere l'ospite più atteso di questa edizione. Oggi 26 luglio arriva David Grossman, un testimone del nostro tempo, letterato, intellettuale, e scrittore per bambini. Viene intervistato da Filippo La Porta sul tema "Letteratura e verità", alle 21.30 in piazza della Libertà. Ma la domenica comincia già dal pomeriggio con la scienza e Giorgio Vallortigara, professore di neuroscienze che illustra uno dei suoi ultimi studi: "Cervelli che contano" alle 17.30 al Teatro Annibal Caro. Alle 18 al chiostro di Sant'Agostino arriva Paolo Flores d'Arcais su Darwin, etica e biologia. Si cambia sponda del mondo alle 18.30 nell'ex liceo dove Futura approda a Cuba, per andare a sbirciare cosa sta accadendo in questa parte del mondo, supportati dallo sguardo dei poeti Oscar Cruz e Marcelo Morales, a seguire la performance di Milagros Teresa Pardo Espinosa sull'abbraccio. Dalle 18 alle 23.30 nel cortile dell'ex liceo, nel chiostro di San Francesco e nel giardino della pinacoteca proseguono i laboratori per bambini dedicati alla fisica, alla matematica a cura di Unicam, istituto Sant'Agostino e Festa di Scienza e Filosofia di Foligno. In pinacoteca occhi chiusi e spazio al percorso olfattivo con Mauro Malatini. La letteratura trova il suo habitat alle 19 nel chiostro di Sant'Agostino per l'omaggio ad Annibal Caro con Giulio Ferroni, Alessandro Fo e Filippo La Porta. A due passi da dove il traduttore dell'Eneide nacque si ricerca l'eredità di quel mondo umanista. Per i tiratardi dopo la lectio di Grossman prevista alle 21.30 in piazza della Libertà alle 23 nel chiostro Guido Mazzoni interpreta il presente e, in contemporanea, in piazza proiezione dell'ultimo film della Comencini "Latin Lover". Carlo Scheggia Condividi : Google Facebook Twitter LinkedIn Articoli correlati: A Futura arriva il decalogo di Zygmunt Bauman Dalla A di azione, passando per scelta, informazione, lavoro e collaborazione. Sono alcune delle parole che lo studioso di fama mondiale, Zygmunt Bauman, per la prima volta nelle Marche, ha scelto per la sua lectio... Futura. Grande chiusura con la Bandabardò Grande chiusura per Futura con la Bandabardò Folla da rockstar per Zygmunt Bauman. Il sociologo della modernità liquida, venerdì sera, ha entusiasmato la piazza di Civitanova Alta e attirato una partecipazione straordinaria di spettatori, come... Impronta scientifica oggi al Futura Festival Un'impronta prettamente scientifica nel primo sabato di Futura Festival. Dieci ospiti per 5 appuntamenti di rilievo da seguire senza interruzione dalle 17.30 alle 23. Nel pomeriggio di oggi si parlerà di energia, Civitanova divemterà una... Futura Festival. Domani Alessandro Bergonzoni Il primo week end di Futura Festival si apre all'insegna del linguaggio con un ospite di punta come Alessandro Bergonzoni, chirurgo della parola che assieme al linguista Massimo Arcangeli dialoga proprio sulle nuove frontiere della...

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Data:

CivitanovaLive.it

27/07/2015

DAVID GROSSMAN ENTUSIASMA IL PUBBLICO DI FUTURAFESTIVA L DAVID GROSSMAN ENTUSIASMA IL PUBBLICO DI FUTURAFESTIVAL lunedì 27 luglio 2015 Una piazza strapiena a FuturaFestival dove David Grossman ha letteralmente entusiasmato il pubblico presente. Una presenza attesa la sua che tra l'altro è l'unica in Europa nel periodo estivo. Numerosi gli spunti di riflessione offerti dallo scrittore. "Israele ha occupato la Palestina 48 anni fa, per me da israeliano questa è una cosa inconcepibile" ha detto Grossman che poi ha aggiunto: "Non c'è stata una singola trattativa negli ultimi sei anni con in mente il raggiungimento della pace, ha detto. I due popoli e i rispettivi leader sono in posizioni sempre più fondamentaliste, e dimenticano che l'immobilismo attuale non è una condanna divina, ma c'è un'alternativa".

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Grossman sceglie la lingua ebraica per raccontarsi a Futura cronachemaceratesi.it /2015/07/27/grossman-sceglie-la-lingua-ebraica-per-raccontarsi-afutura/686331/

Suona come una nènia, una melodia antica che fa rabbrividire, un suono dolce e al tempo stesso magico. E’ l’ebraico di David Grossman in piazza dell Libertà a Civitanova che regala una parte di quel suo mondo, letterario, sociale e civile usando la lingua madre. Lo scrittore e giornalista israeliano è arrivato a Civitanova da Tel Aviv David Grossman appositamente per Futura festival, unica data in Europa e non si è risparmiato, raccontando di sè con pacatezza e gusto, misura, ma anche


determinazione. Questione palestinese, ma soprattutto letteratura, lettura, libri, questi i temi principali dell’incontro diretto da Filippo La Porta. Un pubblico eterogeneo da tutta la Regione è accorso per ascoltare la saggezza, l’ironia e la profondità di un uomo, testimone del suo tempo, capace di raccontare e raccontarsi attraverso le parole. Tradotto magistralmente da Paolo Maria Noseda, interprete di “Che tempo che fa”, Grossman si è dimostrato generoso nel donarsi al pubblico, regalando anche un momento lirico di grande atmosfera, leggendo in ebraico una parte del suo libro: «Non credo che in questa piazza si abbia avuto spesso l’occasione di una lettura in ebraico». E la platea ascolta in un silenzio quasi religioso. Due ore di racconto con l’intervista di Filippo La Porta che porta l’autore a parlare del legame fra comico e tragico, della situazione politica fra Israele e Palestina «ci vuole coraggio per cambiare le cose, ma non lo vedo nei nostri governatori», sulla lingua ebraica, sulla lettura e perfino sulle barzellette. “C’è sempre un legame fra comico e tragico – commenta Grossman chiamato a parlare del suo ultimo libro che ha come protagonista un comico di stand up comedy – è quel qualcosa che ci tocca e che ci fa capire della nostra vita ciò che ci era rimasto nascosto fino a quel momento. Nella maggior parte dei casi capita di vivere una tragedia, lo è certamente la Shoa, ma anche situazione più private. Tuttavia gli esseri umani, pure in situazioni tragiche riescono a ritrovare la capacità di sorridere. Non si lasciano soggiogare dalla tragedia e non lasciano che la tragedia li definisca come esseri umani”. Profondo anche il suo legame con la lingua ebraica: “Sono felice di leggere in questa piazza la lingua ebraica, suppongo sia raro che riecheggi per queste vie. È una lingua antica più di 4000 anni”. E infine il rapporto con la lettura: “quando mi piace un libro è come se trovassi un luogo dove ho sempre voglia di tornarci. Sospendere la lettura è come aver lasciato un luogo verso il quale vuoi tornare, come se i personaggi chiedessero a te di ricondurli alla vita. Un buon libro ti legge e riesce a dare un nome a quelle intime cellule di noi che sono mute”. Un invito alla lettura che è stato colto dai presenti, in fila per un’ora per acquistare una copia dell’ultimo romanzo o per farsi un autografo e una foto con lo scrittore. Gli appuntamenti di Futura riprendono mercoledì 29 luglio, restano aperte tutti i giorni, dalle 18, le tre mostre a San Francesco e Sant’Agostino.


La fila al bookshop


Visita con sorpresa per Mirabella Scopre un parente civitanovese cronachemaceratesi.it /2015/07/27/visita-con-sorpresa-per-mirabella-scopre-un-parentecivitanovese/686305/ Viene come ospite a Civitanova e ritrova un parente della Puglia. Succede anche questo al Futura Festival dove per una serie di coincidenze Michele Mirabella ha conosciuto per la prima volta un lontano parente da parte materna. Lui è Mimmo Sicolo, medico del pronto soccorso civitanovese che con il professore di Elisir non condivide solo la passione e l’amore per la medicina, ma anche un rapporto “di sangue”. E forse Michele Mirabella tutto poteva immaginare Mirabella meno che ritrovarsi faccia a faccia con il consanguineo proprio l’indomani del suo intervento sul palco di Futura (leggi l’articolo) . Una “carrambata” davvero inaspettata: il professore è arrivato ieri sera in pronto soccorso per un lieve disturbo (ora sta bene, nulla di serio) e di turno c’era proprio Sicolo. “Ma lo sa che i miei genitori sono originari di Bitonto?” – ha detto il gastroenterologo che sapeva tramite la madre di una lontana parentela. “Anche mia madre” – ha raccontato Mirabella. E così si è scoperto che le rispettive madri, che di cognome fanno Garofalo in realtà erano cugine e che entrambe da giovani si frequentavano e vivevano vicine. “Sapevo di questa storia – ha proseguito il medico – e infatti subito dopo ho chiamato mia madre che l’ha confermata ma non avevo mai avuto l’occasione di incontrarmi con Michele Mirabella”. “Proprio un medico parente mi doveva capitare” pare abbia commentato con la solita tagliente ironia il professore. (l. b.)


Data:

Vivere Civitanova

27/07/2015

A Futura accade l'incredibile: Rampini spiega l'economia con le canzoni dei Beatles --> A Futura accade l'incredibile: Rampini spiega l'economia con le canzoni dei Beatles Cosa c'entrano Yesterday, Here comes the sun e Eleanor Rigby con la crisi e la recessione? L'economia e la matematica non sono più noiose se spiegate da Federico Rampini che sabato sera ha tenuto a battesimo la seconda delle serate di Futura Festival, con una lectio accessibile anche a coloro che odiano numeri e teorie. Perché di economia si può parlare anche in modo meno astruso e noioso di quanto non si senta nei tg o si legga sui giornali: "Stanno cercando di far diventare l'economia una religione esoterica solo per sciamani, usare i Beatles è tentare un approccio di spiegazione attraverso l'arte e la musica, è un atto d'amore verso questa disciplina". Lo scrittore, studioso e giornalista che ormai da numerosi anni vive a New York porta sul palco di Futura un dibattito articolato che lascia incollato l'ascoltatore sulla sedia per quasi due ore, spaziando dal mondo delle start up americane all'analfabetismo scientifico italiano, dalle grandi rivoluzioni della globalizzazione e della tecnologia fino a sfiorare tematiche sociali come l'immigrazione. E se i Beatles vengono sdoganati per parlare di economia, un istrionico Michele Mirabella dispensa risate intelligenti con quell'ironia un po' caustica, un po' vecchio stile che affascina e diverte. Già nell'esordio: "Abbassate le luci su di me. Non sono una bella soubrette e alzatele sul pubblico, così sono certo che non si addormentino". Scherza il professore che, partendo da "Cantami o mouse", elabora sempre sul filo del doppio senso un percorso inedito di smitizzazione, denso però di amore verso il mito greco e gli dei. Un modo per riavvicinare con divagazioni accademiche, espedienti retorici e leggerezza dell'eloquio il pubblico ad un mondo che tende a scomparire, sommerso da innovazione e perché no, anche ignoranza: "i congiuntivi sono rimasti in 11, li teniamo in una teca per farli riprodurre" afferma ironizzando sull'ignoranza della classe dirigente. E poi aneddoti, come quella volta che Woody Allen gli rubò una battuta a casa di Renzo Arbore o il monologo sul turpiloquio, non tanto la parolaccia in sé che potrebbe anche venir sdoganata, quanto piuttosto la violenza verso la lingua italiana. E se la lingua italiana è stata protagonista nel primo week end che ha ospitato, fra gli altri, anche lo storico e critico letterario Giulio Ferroni , autore di manuali di letteratura che hanno formato generazioni e generazioni di studenti, non è mancato l'apprezzamento per i laboratori scientifici, tutti sempre partecipatissimi con bambini e genitori alla scoperta di tecnologia ed esperimenti. Dai droni fino ai percorsi in 3D, i collaboratori scientifici del festival (Unicam, istituto scolastico Sant'Agostino, Alpha Gemini e Festival di Foligno) hanno contribuito ad incrementare la curiosità di grandi e piccini e ridurre il gap scientifico con pillole di lezioni molto coinvolgenti. --> da Futura Festival Tweet Questo è un comunicato stampa inviato il 26/07/2015 pubblicato sul giornale del 27/07/2015 - 77 letture - 0 commenti In questo articolo si parla di civitanova marche, cultura, federico rampini, futura festival, michele mirabella. L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/amtO Rilasciato con licenza Creative Commons. Maggiori info: vivere.biz/gkW

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Civitanova ascolta la lezione di David Grossman ilmascalzone.it /2015/07/civitanova-ascolta-la-lezione-di-david-grossman/ Redazione di Redazione | in: Cultura e Spettacoli

L’autore israeliano sorprende il pubblico di Futura e legge in ebraico un pezzo del suo ultimo libro. Chiusura del suo intervento con una riflessione su Israele e la Palestina: “Manca il coraggio”

Futura Festival

Civitanova 27/07/2015 – “È il libro che sceglie di leggerti, non sei tu che leggi il libro”. Pacato, paziente, profondo. Con David Grossman, la grande letteratura internazionale fa tappa a Futura. È l’autore israeliano che ha chiuso fra “applausi a scena piena” e non “vuota” (il titolo del suo ultimo romanzo) il primo week end del Festival diretto da Gino Troli. Lo scrittore è giunto da Tel Aviv appositamente per la manifestazione civitanovese, unica presenza in Europa durante l’estate. Un pubblico eterogeneo da tutta la Regione è accorso per ascoltare la saggezza, l’ironia e la profondità di un uomo, testimone del suo tempo, capace di raccontare e raccontarsi attraverso le parole.

Tradotto magistralmente da Paolo Maria Noseda, interprete di “Che tempo che fa”, Grossman si è dimostrato generoso nel donarsi al pubblico, regalando anche un momento lirico di grande atmosfera, leggendo in ebraico una parte del suo libro: “non credo che in questa piazza si abbia avuto spesso l’occasione di una lettura in ebraico”. E la platea ascolta in un silenzio quasi religioso. Due ore di racconto con l’intervista di Filippo La Porta che porta l’autore a parlare del legame fra comico e tragico, della situazione politica fra Israele e Palestina (“Ci vuole coraggio per cambiare le cose, ma non lo vedo nei nostri governatori”), sulla lingua ebraica, sulla lettura e perfino sulle barzellete. “C’è sempre un legame fra comico e tragico – commenta Grossman chiamato a parlare del suo ultimo libro che ha come protagonista un comico di stand up comedy – è quel qualcosa che ci tocca e che ci fa capire della nostra vita ciò che ci era rimasto nascosto fino a quel momento. Nella maggior parte dei casi capita di vivere una tragedia, lo è certamente la Shoa, ma anche situazione più private. Tuttavia gli esseri umani, pure in situazioni tragiche riescono a ritrovare la capacità di sorridere. Non si lasciano soggiogare dalla tragedia e non lasciano che la tragedia li definisca come esseri umani”. Profondo anche il suo legame con la lingua ebraica: “sono felice di leggere in questa piazza la lingua ebraica, suppongo sia raro che riecheggi per queste vie. È una lingua antica più di 4000 anni”. E infine il rapporto con la lettura: “quando mi piace un libro è come se trovassi un luogo dove ho sempre voglia di tornarci. Sospendere la lettura è come aver lasciato un luogo verso il quale vuoi tornare, come se i personaggi chiedessero a te di ricondurli alla vita. Un buon libro ti legge e riesce a dare un nome a quelle intime cellule di noi che sono mute”. Un invito alla lettura che è stato colto dai presenti, in fila per un’ora per acquistare una copia dell’ultimo romanzo o per farsi un autografo e una foto con lo scrittore. Gli appuntamenti di Futura riprendono mercoledì 29 luglio, restano aperte tutti i giorni, dalle 18, le tre mostre a San Francesco e Sant’Agostino. Ricerca personalizzata


Data:

Corriere Adriatico.it

27/07/2015

David Grossman incanta la platea di "Futura" con ironia e saggezza Civitanova Marche, Grossman incanta "E' il libro che sceglie di leggerti" PER APPROFONDIRE: civitanova marche, futura, david grossman CIVITANOVA - "è il libro che sceglie di leggerti, non sei tu che leggi il libro". Pacato, paziente, profondo. Con David Grossman, la grande letteratura internazionale fa tappa a Futura. È l’autore israeliano che ha chiuso fra "applausi a scena piena" e non "vuota" (il titolo del suo ultimo romanzo) il primo week end del Festival diretto da Gino Troli. Lo scrittore è giunto da Tel Aviv appositamente per la manifestazione civitanovese, unica presenza in Europa durante l’estate. Un pubblico eterogeneo da tutta la regione è accorso per ascoltare la saggezza, l’ironia e la profondità di un uomo, testimone del suo tempo, capace di raccontare e raccontarsi attraverso le parole. Tradotto magistralmente da Paolo Maria Noseda, interprete di "Che tempo che fa", Grossman si è dimostrato generoso nel donarsi al pubblico, regalando anche un momento lirico di grande atmosfera, leggendo in ebraico una parte del suo libro: "non credo che in questa piazza si abbia avuto spesso l’occasione di una lettura in ebraico". E la platea ascolta in un silenzio quasi religioso. Due ore di racconto con l’intervista di Filippo La Porta che porta l’autore a parlare del legame fra comico e tragico, della situazione politica fra Israele e Palestina ("Ci vuole coraggio per cambiare le cose, ma non lo vedo nei nostri governatori"), sulla lingua ebraica, sulla lettura e perfino sulle barzellete. "C'è sempre un legame fra comico e tragico commenta Grossman chiamato a parlare del suo ultimo libro che ha come protagonista un comico di stand up comedy - è quel qualcosa che ci tocca e che ci fa capire della nostra vita ciò che ci era rimasto nascosto fino a quel momento. Nella maggior parte dei casi capita di vivere una tragedia, lo è certamente la Shoa, ma anche situazione più private. Tuttavia gli esseri umani, pure in situazioni tragiche riescono a ritrovare la capacità di sorridere. Non si lasciano soggiogare dalla tragedia e non lasciano che la tragedia li definisca come esseri umani". Profondo anche il suo legame con la lingua ebraica: "sono felice di leggere in questa piazza la lingua ebraica, suppongo sia raro che riecheggi per queste vie. È una lingua antica più di 4000 anni". E infine il rapporto con la lettura: "quando mi piace un libro è come se trovassi un luogo dove ho sempre voglia di tornarci. Sospendere la lettura è come aver lasciato un luogo verso il quale vuoi tornare, come se i personaggi chiedessero a te di ricondurli alla vita. Un buon libro ti legge e riesce a dare un nome a quelle intime cellule di noi che sono mute". Un invito alla lettura che è stato colto dai presenti, in fila per un’ora per acquistare una copia dell’ultimo romanzo o per farsi un autografo e una foto con lo scrittore. Gli appuntamenti di Futura riprendono mercoledì 29 luglio, restano aperte tutti i giorni, dalle 18, le tre mostre a San Francesco e Sant’Agostino. © RIPRODUZIONE RISERVATA

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


REGISTRATI LOGIN

[ Today is Tuesday, 28 July 2015 ]

HOME

NOTIZIE

CHI SIAMO SCRIVICI ABBONAMENTI NEWSLETTER SEGNALA

SPORT

DALLA COMUNITÀ

APPROFONDIMENTI

RUBRICHE

CLASSIFIED

DAL MONDO Cerca

Racchiudere le frasi fra virgolette (""). Sono supportati gli operatori 'google-style' più comuni.

Gerusalemme. Blitz israeliano nella moschea 27-07-2015

Obama in Africa. "Il destino è nelle vostre mani" 27-07-2015

Israele. Venti di una nuova intifada

Obama torna in Kenya da presidente

28-07-2015

24-07-2015

TEL AVIV. Una nuova intifada palestinese rischia di essere dietro l'angolo dopo i gravi incidenti di ieri sulla Spianata delle Moschee di Gerusalemme e le nuove violenze in Cisgiordania, dove oggi un 18enne palestinese ha perso la vita cercando di sfuggire all'arresto da parte dell'esercito israeliano. Il mondo arabo segue con crescente attenzione questi sviluppi. Su esplicita richiesta del presidente palestinese Abu Mazen, è stato fissato per il 5 agosto un vertice urgente al Cairo dei ministri di 15 Paesi arabi. In agenda ci sarà "l'escalation israeliana", nonché "la colonizzazione, gli arresti, e gli esodi forzati" di palestinesi nei Territori. Gerusalemme era ieri presidiata in modo massiccio da reparti di polizia, incaricati di impedire nuovi incidenti fra fedeli islamici ed ebrei nella zona della contesa Spianata delle Moschee. Ieri nella moschea al-Aqsa - uno dei Luoghi sacri all'Islam - è esplosa la violenza quando la polizia ha cercato di rimuovere barricate erette al suo interno da dimostranti palestinesi armati di pietre, spranghe e bottiglie incendiarie. Il loro intento era di impedire con la forza le visite nella Spianata di ebrei religiosi che intendevano ricordare ieri la distruzione del Tempio di Gerusalemme. Quelle visite sono proseguite, ma in tono minore e fra strette misure di sicurezza. L'emissario dell'Onu Nikolay Mladenov ha espresso preoccupazione per questi incidenti e ha fatto appello a tutte le parti affinché mantengano la calma. "Ciascuno rispetti i Luoghi santi del prossimo", ha esortato. "Il rispetto dello status quo è essenziale per il mantenimento della stabilità". Nel frattempo però la febbre sale anche in Cisgiordania. Nel campo profughi di Kalandya (Ramallah) un ragazzo di 18 anni, Muhammed Abu Latifa, ha trovato la morte mentre cercava di sfuggire all'arresto dell'esercito israeliano. La versione ufficiale dice che ha cercato di scappare dal tetto di una casa: ferito ad una gamba, è però precipitato nel vuoto ed è morto. Ma i parenti, citati da un'agenzia di stampa palestinese, accusano l'esercito israeliano di averlo ucciso a freddo. I suoi funerali si sono trasformati in una manifestazione di collera e sono stati seguiti da scontri. A conferma della crescita del livello di violenza nei Territori vi è la constatazione che Abu Latifa è il quarto adolescente palestinese rimasto ucciso questo mese in Cisgiordania nel corso di incidenti con l'esercito israeliano. Da Gaza il braccio armato di Hamas fa peraltro sentire la sua voce. "Il nemico ha detto il suo portavoce, Abu Obeida - comprende solo il linguaggio della violenza. Presto gli impartiremo una lezione". In questo clima di tensione è giunta però una notizia di segno opposto: quella di un incontro segreto, ad Amman, fra il negoziatore palestinese Saeb Erekat e Silvan Shalom, il vicepremier israeliano incaricato di riallacciare contatti con l'Autorità nazionale palestinese. Sul contenuto di quel colloquio entrambe le parti mantengono per ora il massimo riserbo.

Libia. Gli italiani rapiti per ottenere il riscatto 24-07-2015

Libia. Silenzio sugli italiani rapiti 22-07-2015

Renzi a Gerusalemme. "Tutelare Israele" 22-07-2015

IL PALINSESTO DI OGGI

Libia. Rapiti quattro italiani 20-07-2015

SONDAGGI Facebook e Twitter. Pensi che i 'social network' siano utili per gli italiani all'estero?: Si No Non lo so Non li conosco Vota

Grossman Inconcepibile l'occupazione della Palestina di Federica Acqua CIVITANOVA MARCHE (MACERATA). "Israele ha occupato la Palestina 48 anni fa, per me da israeliano questa è una cosa inconcepibile". Così lo scrittore David Grossman, intervenuto a Futura Festival di Civitanova Marche. "Non c'è

converted by W eb2PDFConvert.com


stata una singola trattativa negli ultimi sei anni - ha aggiunto - con in mente il raggiungimento della pace. I due popoli e i rispettivi leader sono in posizioni sempre più fondamentaliste, e dimenticano che l'immobilismo attuale non è una condanna divina, ma c'è un'alternativa". Grossman ha parlato della sua particolare condizione di autore: "la letteratura ha bisogno di conflitti, ma questi devono essere all'interno dello scrittore. Ma per gli autori israeliani è diverso, siamo sempre di fronte ad un dramma esterno così potente che tocca amici e fratelli, da esserne influenzati per forza". Intervistato dal critico letterario, Filippo La Porta, Grossman ha regalato al pubblico che gremiva la piazza una lettura in ebraico di brani del suo ultimo libro 'Applausi a scena vuota'. 'Non abbiamo usato questa lingua, considerata sacra, per 1.800 anni - ha detto - e nel XX secolo abbiamo dovuto reinventarla introducendo termini come pomodoro o elicottero che i nostri bambini non avevano mai pronunciato. Perché la lettura - ha spiegato - è come trovare un luogo che non vedi l'ora di rivedere e personaggi che ti chiedono di riportarli in vita. Un buon libro ti legge, perché è in grado di dare un nome a quelle particelle di noi che non sapevamo di possedere riportandole in vita. Mentre la televisione accentua l'anonimo senso di appartenenza ad una comunità, la lettura accentua le differenze individuali e sfata le false immagini collettive". Così 'Applausi a scena vuota', è un libro di vite parallele, quella del cabarettista Dovàle che recita nella piccola cittadina di Netaya, a nord di Tel Aviv, e del magistrato in pensione Lazar, conosciutisi da giovani e poi ritrovatisi per caso. Entrambi hanno sofferto, patimenti esistenziali pesanti: Dovàle era un ragazzo povero, vittima di prepotenze da parte dei coetanei, che ha perso presto un genitore, Lazar un vedovo inconsolabile e chiuso in se stesso, che a suo tempo ha abbandonato l'amico quando ne aveva più bisogno. Ma il libro, secondo La Porta, è tutt'altro che triste, giocato sul doppio binario della vita e del cabaret dove il protagonista racconta barzellette. "Alcune le ho inventate - ha scherzato Grossman -, altre le ho rubate, ma la cosa singolare è che la gente non smette di inviarmi storielle chiedendomi di inserirle nella prossima edizione".

Powered by Digitalians Corporation CHI SIAMO SCRIVICI

ABBONAMENTI

NEWSLETTER SEGNALA

converted by W eb2PDFConvert.com


30/7/2015

FUTURA TRA IL GRANDE CINEMA DI PICCIONI E UNA MINI EXPO MARCHIGIANA - CivitanovaLive

Home attualità cronaca cultura economia famiglie giovani CULTURA

News dalla Regione

0

FUTURA TRA IL GRANDE CINEMA DI PICCIONI E UNA MINI EXPO MARCHIGIANA

CIVITANOVA, WONDERFUL LIFE DI DOPPIERI

NUTRIAMO L'ANIMA A FUTURAFESTIVAL

MARTEDÌ 28 LUGLIO 2015

Futura si prepara ad altre cinque giornate ricche di appuntamenti

CIVITANOVA MARCHE: NELLA CITTA' ALTA TORNA FUTURAFESTIVAL

a Civitanova Alta. In attesa ancora di grandi ospiti come Gianni http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1441&url=http://www.civitanovalive.it/futura-tra-il-grande-cinema-di-piccioni-e-una-mini-expo-marchigiana/

1/6


30/7/2015

FUTURA TRA IL GRANDE CINEMA DI PICCIONI E UNA MINI EXPO MARCHIGIANA - CivitanovaLive

Vattimo, Diego Fusaro, Erri De Luca, Matteo Garrone, Piero Boitani, Peppe Barra e Donatella di Cesare, domani, mercoledì 29 luglio, si riparte dalla scienza. Corrado Sinigaglia, professore di Logica e Filosofia della Scienza all'Università di Milano, alle 17.30 al Teatro Annibal Caro, interviene su Il cervello che agisce e i

GLI ARTIGIANI IN PASSERELLA A CIVITANOVA CON 100% VOGUE

neuroni specchio. Alle 18 si apre la sezione Futura di Marca – in vino veritas, dove il Festival affronta temi enogastronomici, pensando a un modello di sviluppo rispettoso di natura e paesaggio e come possibile fattore di crescita per l'economia regionale. Spazio alle novità che interessano le Marche, un territorio che si evolve senza mai allontanarsi troppo dalle

CERCA NEL SITO cerca...

proprie radici e che parte dalla tradizione per un rinnovamento che sia segno di crescita.

PUBBLICITA’

Valentina Conti, fondatrice della casa editrice Affinità Elettive di Ancona, presiede i tre incontri previsti nel Chiostro di Sant'Agostino. Si parte con Ketty Magni, autrice del libro Arcibaldo, gustose passioni. L'opera racconta l'attenzione per il cibo che il pittore trasfondeva nelle sue tele, dando vita a quei ritratti http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1441&url=http://www.civitanovalive.it/futura-tra-il-grande-cinema-di-piccioni-e-una-mini-expo-marchigiana/

2/6


30/7/2015

FUTURA TRA IL GRANDE CINEMA DI PICCIONI E UNA MINI EXPO MARCHIGIANA - CivitanovaLive

conosciuti in tutto il mondo composti dall'accostamento di frutta e verdura. L'autrice dedica anche alcune pagine del romanzo ad una sorta di ricettario dell'epoca, proponendo in versione semplificata alcune ricette rinascimentali. Alle 18.30 è la volta di Michele Biagiola, capocuoco innamorato della tradizione culinaria della sua terra, un amore che riesce a trasmettere in ogni suo piatto. Lo chef stellato del ristorante "Enoteca Le Case" di Macerata presenta il suo primo libro dal titolo Spaghetti. La sezione Futura di Marca conclude alle 19 con in vino veritas, una chiacchierata con tre imprenditori vinicoli marchigiani, Mosè Ambrosi, amministratore delegato delle Cantine Fontezoppa; Stefano Antonucci, proprietario dell'azienda Santa Barbara di Ancona e Angela Velenosi, amministratrice e fondatrice dell'azienda vitivinicola Velenosi. "Condiscono" gli incontri le dissertazioni giocose del giornalista Carlo Cambi e del filosofo e musicista Massimo Donà . A seguire Fontezoppa, Santa Barbara e Velenosi offrono gratuitamente al pubblico di http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1441&url=http://www.civitanovalive.it/futura-tra-il-grande-cinema-di-piccioni-e-una-mini-expo-marchigiana/

3/6


30/7/2015

FUTURA TRA IL GRANDE CINEMA DI PICCIONI E UNA MINI EXPO MARCHIGIANA - CivitanovaLive

Futura la possibilità di degustare i prodotti vinicoli delle loro aziende. Provocatorio l'incontro delle 18.30 al cortile ex-liceo, dal titolo Con la cultura non si mangia, che prevede la presentazione di due libri: L'Amalassunta di Pier Franco Brandimarte e Il metrò del piccione di Piero Travaglini. Alle 19 Mauro Peroni, al Teatro Annibal Caro, parla de Il futuro degli italiani. Identità e trasformazione di un popolo senza nazione, mentre alle 21.30 arriva il regista Giuseppe Piccioni che dialoga con Valentina Conti su Il cinema che vorrei….. La serata si conclude con la proiezione gratuita del film Giulia non esce la sera. Dalle 18 alle 24 sono aperte le tre mostre del Festival – Semplice e Complesso, RiScattiamo la scienza e Santi ed eroi – e sono attivi i laboratori di

Condividi Tweet

fisica e chimica realizzati da Unicam e dalla Festa di Scienza e Filosofia di Foligno. NUMERI UTILI

Condividi Tweet

ASSOCIAZIONI CIVITANOVESI FARMACIE IN CITTA’

Ti potrebbe interessare anche

Casa e lavoro

http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1441&url=http://www.civitanovalive.it/futura-tra-il-grande-cinema-di-piccioni-e-una-mini-expo-marchigiana/

4/6


Data:

CivitanovaLive.it

27/07/2015

DAVID GROSSMAN ENTUSIASMA IL PUBBLICO DI FUTURAFESTIVA L DAVID GROSSMAN ENTUSIASMA IL PUBBLICO DI FUTURAFESTIVAL lunedì 27 luglio 2015 Una piazza strapiena a FuturaFestival dove David Grossman ha letteralmente entusiasmato il pubblico presente. Una presenza attesa la sua che tra l'altro è l'unica in Europa nel periodo estivo. Numerosi gli spunti di riflessione offerti dallo scrittore. "Israele ha occupato la Palestina 48 anni fa, per me da israeliano questa è una cosa inconcepibile" ha detto Grossman che poi ha aggiunto: "Non c'è stata una singola trattativa negli ultimi sei anni con in mente il raggiungimento della pace, ha detto. I due popoli e i rispettivi leader sono in posizioni sempre più fondamentaliste, e dimenticano che l'immobilismo attuale non è una condanna divina, ma c'è un'alternativa".

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Futura tra il grande cinema di Piccioni e una mini Expo marchigiana cronachemaceratesi.it /2015/07/28/futura-tra-il-grande-cinema-di-piccioni-e-una-mini-expomarchigiana/686624/

Futura si prepara ad altre cinque giornate ricche di appuntamenti a Civitanova Alta. In attesa ancora di grandi ospiti come Gianni Vattimo, Diego Fusaro, Erri De Luca, Matteo Garrone, Piero Boitani, Peppe Barra e Donatella di Cesare, domani, mercoledì 29 luglio, si riparte dalla Lo staff dei laboratori di fisica e chimica della Festa di Scienza e Filosofia di Foligno scienza. Corrado Sinigaglia, professore di Logica e Filosofia della Scienza all’Università di Milano, alle 17.30 al Teatro Annibal Caro, interviene su Il cervello che agisce e i neuroni specchio. Alle 18 si apre la sezione Futura di Marca – in vino veritas, dove il Festival affronta temi enogastronomici, pensando a un modello di sviluppo rispettoso della natura e del paesaggio e come possibile fattore di crescita per l’economia regionale. Spazio alle novità che interessano le Marche, un territorio che si evolve senza mai allontanarsi troppo dalle proprie radici e che parte dalla tradizione per un rinnovamento che sia segno di crescita. Valentina Conti, fondatrice della casa editrice Affinità Elettive di Ancona, presiede i tre incontri previsti nel Chiostro di Sant’Agostino. Si parte con Ketty Magni, autrice del libro Arcibaldo, gustose passioni. L’opera racconta l’attenzione per il cibo che il pittore trasfondeva nelle sue tele, dando vita a quei ritratti conosciuti in tutto il mondo composti dall’accostamento di frutta e verdura. L’autrice dedica anche alcune pagine del romanzo ad una sorta di ricettario dell’epoca, proponendo in versione semplificata alcune ricette rinascimentali. Alle 18.30 è la volta di Michele Biagiola, capocuoco innamorato della tradizione culinaria della sua terra, un amore che riesce a trasmettere in ogni suo piatto. Lo chef stellato del ristorante “Enoteca Le Case” di Macerata presenta il suo primo libro dal titolo Spaghetti. La sezione Futura di Marca conclude alle 19 con in vino veritas, una chiacchierata con tre imprenditori vinicoli marchigiani, Mosè Ambrosi, amministratore delegato delle Cantine Fontezoppa; Stefano Antonucci, proprietario dell’azienda Santa Barbara di Ancona e Angela Velenosi, amministratrice e fondatrice dell’azienda vitivinicola Velenosi. “Condiscono” gli incontri le dissertazioni giocose del giornalista Carlo Cambi e del filosofo e musicista Massimo Donà. A seguire


Fontezoppa, Santa Barbara e Velenosi offrono gratuitamente al pubblico di Futura la possibilità di degustare i prodotti vinicoli delle loro aziende. Provocatorio l’incontro delle 18.30 al cortile exliceo, dal titolo Con la cultura non si mangia, che prevede la presentazione di due libri: L’Amalassunta di Pier Franco Brandimarte e Il metrò del piccione di Piero Travaglini. Alle 19 Mauro Peroni, al Teatro Annibal Caro, parla de Il futuro degli italiani. Identità e trasformazione di un popolo senza nazione, mentre alle 21.30 arriva il regista Giuseppe Piccioni che dialoga con Valentina Conti su Il cinema che vorrei….. La serata si conclude con la proiezione gratuita del film Giulia non esce la sera. Dalle 18 alle 24 sono aperte le tre mostre del Festival – Semplice e Complesso, RiScattiamo la scienza e Santi ed eroi – e sono attivi i laboratori di fisica e chimica realizzati da Unicam e dalla Festa di Scienza e Filosofia di Foligno.

La mostra del Cnr


Data:

Il Resto del Carlino.it (ed. Civitanova Marche)

27/07/2015

Viaggio tra commedia e tragedia, David Grossman strega Civitanova Viaggio tra commedia e tragedia, David Grossman strega Civitanova 27 luglio 2015 Futura: un successo l’incontro con lo scrittore israeliano David Grossman sul palco di Futura Diventa fan di Civitanova Marche Civitanova Marche, 27 luglio 2015 – “? il libro che sceglie di leggerti, non sei tu che leggi il libro”. Pacato, paziente, profondo. Con David Grossman, la grande letteratura internazionale fa tappa a Futura. ? l’autore israeliano che ha chiuso fra “applausi a scena piena” e non “vuota” (il titolo del suo ultimo romanzo) il primo week end del Festival diretto da Gino Troli. Lo scrittore è¨ giunto da Tel Aviv appositamente per la manifestazione civitanovese, unica presenza in Europa durante l’estate. Un pubblico eterogeneo da tutta la regione è¨ accorso per ascoltare la saggezza, l’ironia e la profondità di un uomo, testimone del suo tempo, capace di raccontare e raccontarsi attraverso le parole. Tradotto magistralmente da Paolo Maria Noseda, interprete di “Che tempo che fa”, Grossman si è¨ dimostrato generoso nel donarsi al pubblico, regalando anche un momento lirico di grande atmosfera, leggendo in ebraico una parte del suo libro: “Non credo che in questa piazza si abbia avuto spesso l’occasione di una lettura in ebraico”. E la platea ascolta in un silenzio quasi religioso. Due ore di racconto con l’intervista di Filippo La Porta che porta l’autore a parlare del legame fra comico e tragico, della situazione politica fra Israele e Palestina (“Ci vuole coraggio per cambiare le cose, ma non lo vedo nei nostri governatori”), sulla lingua ebraica, sulla lettura e perfino sulle barzellete. “C’è¨ sempre un legame fra comico e tragico – commenta Grossman chiamato a parlare del suo ultimo libro che ha come protagonista un comico di stand up comedy – è¨ quel qualcosa che ci tocca e che ci fa capire della nostra vita ciò² che ci era rimasto nascosto fino a quel momento. Nella maggior parte dei casi capita di vivere una tragedia, lo è¨ certamente la Shoa, ma anche situazione più¹ private. Tuttavia gli esseri umani, pure in situazioni tragiche riescono a ritrovare la capacità di sorridere. Non si lasciano soggiogare dalla tragedia e non lasciano che la tragedia li definisca come esseri umani”. Profondo anche il suo legame con la lingua ebraica: “Sono felice di leggere in questa piazza la lingua ebraica, suppongo sia raro che riecheggi per queste vie. ? una lingua antica più¹ di 4000 anni”. E infine il rapporto con la lettura: “quando mi piace un libro è¨ come se trovassi un luogo dove ho sempre voglia di tornarci. Sospendere la lettura è¨ come aver lasciato un luogo verso il quale vuoi tornare, come se i personaggi chiedessero a te di ricondurli alla vita. Un buon libro ti legge e riesce a dare un nome a quelle intime cellule di noi che sono mute”. Un invito alla lettura che è¨ stato colto dai presenti, in fila per un’ora per acquistare una copia dell’ultimo romanzo o per farsi un autografo e una foto con lo scrittore. Gli appuntamenti di Futura riprendono mercoledì¬ 29 luglio, restano aperte tutti i giorni, dalle 18, le tre mostre a San Francesco e Sant’Agostino.

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Futura tra il grande cinema di Piccioni e una mini Expo marchigiana ilmascalzone.it /2015/07/futura-tra-il-grande-cinema-di-piccioni-e-una-mini-expo-marchigiana/ Redazione Approfondimento domani sull’agricoltura come modello di sviluppo. In serata un grande ospite: il regista Giuseppe Piccioni Futura Festival

Civitanova 28/07/2015 – Futura si prepara ad altre cinque giornate ricche di appuntamenti a Civitanova Alta. In attesa ancora di grandi ospiti come Gianni Vattimo, Diego Fusaro, Erri De Luca, Matteo Garrone, Piero Boitani, Peppe Barra e Donatella di Cesare, domani, mercoledì 29 luglio, si riparte dalla scienza. Corrado Sinigaglia, professore di Logica e Filosofia della Scienza all’Università di Milano, alle 17.30 al Teatro Annibal Caro, interviene su Il cervello che agisce e i neuroni specchio.

Alle 18 si apre la sezione Futura di Marca – in vino veritas, dove il Festival affronta temi enogastronomici, pensando a un modello di sviluppo rispettoso della natura e del paesaggio e come possibile fattore di crescita per l’economia regionale. Spazio alle novità che interessano le Marche, un territorio che si evolve senza mai allontanarsi troppo dalle proprie radici e che parte dalla tradizione per un rinnovamento che sia segno di crescita. Valentina Conti, fondatrice della casa editrice Affinità Elettive di Ancona, presiede i tre incontri previsti nel Chiostro di Sant’Agostino. Si parte con Ketty Magni, autrice del libro Arcibaldo, gustose passioni. L’opera racconta l’attenzione per il cibo che il pittore trasfondeva nelle sue tele, dando vita a quei ritratti conosciuti in tutto il mondo composti dall’accostamento di frutta e verdura. L’autrice dedica anche alcune pagine del romanzo ad una sorta di ricettario dell’epoca, proponendo in versione semplificata alcune ricette rinascimentali. Alle 18.30 è la volta di Michele Biagiola, capocuoco innamorato della tradizione culinaria della sua terra, un amore che riesce a trasmettere in ogni suo piatto. Lo chef stellato del ristorante “Enoteca Le Case” di Macerata presenta il suo primo libro dal titolo Spaghetti. La sezione Futura di Marca conclude alle 19 con in vino veritas, una chiacchierata con tre imprenditori vinicoli marchigiani, Mosè Ambrosi, amministratore delegato delle Cantine Fontezoppa; Stefano Antonucci, proprietario dell’azienda Santa Barbara di Ancona e Angela Velenosi, amministratrice e fondatrice dell’azienda vitivinicola Velenosi. “Condiscono” gli incontri le dissertazioni giocose del giornalista Carlo Cambi e del filosofo e musicista Massimo Donà. A seguire Fontezoppa, Santa Barbara e Velenosi offrono gratuitamente al pubblico di Futura la possibilità di degustare i prodotti vinicoli delle loro aziende. Provocatorio l’incontro delle 18.30 al cortile ex-liceo, dal titolo Con la cultura non si mangia, che prevede la presentazione di due libri: L’Amalassunta di Pier Franco Brandimarte e Il metrò del piccione di Piero Travaglini. Alle 19 Mauro Peroni, al Teatro Annibal Caro, parla de Il futuro degli italiani. Identità e trasformazione di un popolo senza nazione, mentre alle 21.30 arriva il regista Giuseppe Piccioni che dialoga con Valentina Conti su Il cinema che vorrei….. La serata si conclude con la proiezione gratuita del film Giulia non esce la sera. Dalle 18 alle 24 sono aperte le tre mostre del Festival – Semplice e Complesso, RiScattiamo la scienza e Santi ed eroi – e sono attivi i laboratori di fisica e chimica realizzati da Unicam e dalla Festa di Scienza e Filosofia di Foligno.


Data:

La Scansione.net

28/07/2015

Civitanova ascolta la lezione di David Grossman Civitanova ascolta la lezione di David Grossman "È il libro che sceglie di leggerti, non sei tu che leggi il libro". Pacato, paziente, profondo. Con David Grossman, la grande letteratura internazionale fa tappa a Futura. È l'autore israeliano che ha chiuso fra "applausi a scena piena" e non "vuota" (il titolo del suo ultimo romanzo) il primo week end del Festival diretto da Gino Troli. Lo scrittore è giunto da Tel Aviv appositamente per la manifestazione civitanovese, unica presenza in Europa durante l'estate. Un pubblico eterogeneo da tutta la Regione è accorso per ascoltare la saggezza, l'ironia e la profondità di un uomo, testimone del suo tempo, capace di raccontare e raccontarsi attraverso le parole. Tradotto magistralmente da Paolo Maria Noseda, interprete di "Che tempo che fa", Grossman si è dimostrato generoso nel donarsi al pubblico, regalando anche un momento lirico di grande atmosfera, leggendo in ebraico una parte del suo libro: "non credo che in questa piazza si abbia avuto spesso l'occasione di una lettura in ebraico". E la platea ascolta in un silenzio quasi religioso. Due ore di racconto con l'intervista di Filippo La Porta che porta l'autore a parlare del legame fra comico e tragico, della situazione politica fra Israele e Palestina ("Ci vuole coraggio per cambiare le cose, ma non lo vedo nei nostri governatori"), sulla lingua ebraica, sulla lettura e perfino sulle barzellete. "C'è sempre un legame fra comico e tragico commenta Grossman chiamato a parlare del suo ultimo libro che ha come protagonista un comico di stand up comedy è quel qualcosa che ci tocca e che ci fa capire della nostra vita ciò che ci era rimasto nascosto fino a quel momento. Nella maggior parte dei casi capita di vivere una tragedia, lo è certamente la Shoa, ma anche situazione più private. Tuttavia gli esseri umani, pure in situazioni tragiche riescono a ritrovare la capacità di sorridere. Non si lasciano soggiogare dalla tragedia e non lasciano che la tragedia li definisca come esseri umani". Profondo anche il suo legame con la lingua ebraica: "sono felice di leggere in questa piazza la lingua ebraica, suppongo sia raro che riecheggi per queste vie. È una lingua antica più di 4000 anni". E infine il rapporto con la lettura: "quando mi piace un libro è come se trovassi un luogo dove ho sempre voglia di tornarci. Sospendere la lettura è come aver lasciato un luogo verso il quale vuoi tornare, come se i personaggi chiedessero a te di ricondurli alla vita. Un buon libro ti legge e riesce a dare un nome a quelle intime cellule di noi che sono mute". Un invito alla lettura che è stato colto dai presenti, in fila per un'ora per acquistare una copia dell'ultimo romanzo o per farsi un autografo e una foto con lo scrittore. Gli appuntamenti di Futura riprendono mercoledì 29 luglio, restano aperte tutti i giorni, dalle 18, le tre mostre a San Francesco e Sant'Agostino. Redazione - la Scansione.net Condividi : Google Facebook Twitter LinkedIn Articoli correlati: Dopo il gran debutto, a Futura arriva David Grossman Ottima partenza per Futura che venerdì sera, complice un piacevole vento, ha debuttato con i grandi ospiti per un tutto esaurito con Piergiorgio Odifreddi, Cristina Comencini e Vinicio Capossela. Si fa fino a notte tarda... Civitanova. Prende il via la mostra Vita da strega Di scena la letteratura e la parola a Futura festival. Alle ore 17 si inaugura la seconda delle mostre, dopo quella di Crali: "Vita da Strega" con introduzione di Roberto Ippolito. Un'esposizione che raccoglie gli... Macerata. A lezione di legalità all'Agraria A lezione di legalità. Gli studenti dell'Istituto agrario di Macerata, hanno incontrato il sacerdote guanelliano Don Aniello Manganiello a conferma dell'attenzione dell'istituto verso i temi delle devianze giovanili e della legalità. Dopo gli incontri con gli... Italia. La dura lezione della storia Italia. La dura lezione della storia - La sola parola che mi viene in mente è desolazione. Se davvero è valido l'aforisma secondo il quale ogni Paese ha la classe politica che si merita, allora...

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Data:

Vivere Civitanova

28/07/2015

Grossman: "Ci vuole coraggio per cambiare le cose, ma non lo vedo in questi leader" --> Grossman: "Ci vuole coraggio per cambiare le cose, ma non lo vedo in questi leader" "Ci vuole coraggio per cambiare le cose, ma non lo vedo in questi leader". David Grossman, dalla piazza di Civitanova Alta (Mc), nelle Marche, parla anche della situazione politica tra la Palestina e Israele. "Sono 48 anni che uno stato ha occupato l'altro e tra 2 anni saranno 50. Per me, da israeliano, è inconcepibile questa situazione e in più da sei anni manca ogni forma di trattativa con l'obiettivo di raggiungere la pace". L'autore israeliano interviene a Futura, festival diretto da Gino Troli, parlando del domani, del futuro, del cambiamento. "Si fanno errori tragici, i cambiamenti ci sono, solo che in questa terra sono sempre peggiorativi. C'è sempre più chiusura, fondamentalismo e razzismo e sempre meno interesse a trovare vie di uscita. Ogni giorno noto che sempre più persone entrano in questo circolo vizioso e diventano agenti di odio e belligeranza. Non siamo vittime di una condanna di Dio all'immobilità, ma sempre meno individui insistono nel pensare che ci sia una strada diversa". Grossman afferma di non riuscire a vedere una soluzione nel breve termine, perché i leader attuali non sono così coraggiosi da intraprendere un cambiamento, ma una possibilità di pace esiste. "I due popoli lo devono riconoscere e non sentirsi condannati dalla legge del chi di spada colpisce, di spada perisce. Dobbiamo fare in modo che i giovani possano andare avanti. Vedo due nazioni che da 100 anni hanno vissuto una vita parallela". Dopo questo intenso appuntamento, Futura prosegue e va avanti fino al 2 agosto. Tra gli interventi attesi quello con Gianni Vattimo, Diego Fusaro e Donatella di Cesare che l'uno agosto faranno discutere gli intellettuali e i pensatori, con l'incontro che vuole riscattare la figura di Heidegger, oltre i "Quaderni Neri". Tutti gli incontri sono a ingresso libero. Informazioni su www.futurafestival.it. --> da Futura Festival Tweet Questo è un comunicato stampa inviato il 27/07/2015 pubblicato sul giornale del 28/07/2015 - 13 letture - 0 commenti In questo articolo si parla di attualità, civitanova marche, futura festival. L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/amwF Rilasciato con licenza Creative Commons. Maggiori info: vivere.biz/gkW

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


30/7/2015

Futura tra il grande cinema di Piccioni e una mini Expo marchigiana • Vivere Civitanova

Futura tra il grande cinema di Piccioni e una mini Expo marchigiana Futura si prepara ad altre cinque giornate ricche di appuntamenti a Civitanova Alta. In attesa ancora di grandi ospiti come Gianni Vattimo, Diego Fusaro, Erri De Luca, Matteo Garrone, Piero Boitani, Peppe Barra e Donatella di Cesare, mercoledì 29 luglio, si riparte dalla scienza. Corrado Sinigaglia, professore di Logica e Filosofia della Scienza all'Università di Milano, alle 17.30 al Teatro Annibal Caro, interviene su Il cervello che agisce e i neuroni specchio. Alle 18 si apre la sezione Futura di Marca - in vino veritas , dove il Festival affronta temi enogastronomici, pensando a un modello di sviluppo rispettoso della natura e del paesaggio e come possibile fattore di crescita per l'economia regionale. Spazio alle novità che interessano le Marche, un territorio che si evolve senza mai allontanarsi troppo dalle proprie radici e che parte dalla tradizione per un rinnovamento che sia segno di crescita. Valentina Conti, fondatrice della casa editrice Affinità Elettive di Ancona, presiede i tre incontri previsti nel Chiostro di Sant'Agostino. Si parte con Ketty Magni, autrice del libro Arcibaldo, gustose passioni. L'opera racconta l'attenzione per il cibo che il pittore trasfondeva nelle sue tele, dando vita a quei ritratti conosciuti in tutto il mondo composti dall'accostamento di frutta e verdura. L'autrice dedica anche alcune pagine del romanzo ad una sorta di ricettario dell'epoca, proponendo in versione semplificata alcune ricette rinascimentali. Alle 18.30 è la volta di Michele Biagiola, capocuoco innamorato della tradizione culinaria della sua terra, un amore che riesce a trasmettere in ogni suo piatto. Lo chef stellato del ristorante "Enoteca Le Case" di Macerata presenta il suo primo libro dal titolo Spaghetti. La sezione Futura di Marca conclude alle 19 con in vino veritas, una chiacchierata con tre imprenditori vinicoli marchigiani, Mosè Ambrosi, amministratore delegato delle Cantine Fontezoppa; Stefano Antonucci, proprietario dell'azienda Santa Barbara di Ancona e Angela Velenosi, amministratrice e fondatrice dell'azienda vitivinicola Velenosi. "Condiscono" gli incontri le dissertazioni giocose del giornalista Carlo Cambi e del filosofo e musicista Massimo Donà. A seguire Fontezoppa, Santa Barbara e Velenosi offrono gratuitamente al pubblico di Futura la possibilità di degustare i prodotti vinicoli delle loro aziende. Provocatorio l'incontro delle 18.30 al cortile ex-liceo, dal titolo Con la cultura non si mangia , che prevede la presentazione di due libri: L'Amalassunta di Pier Franco Brandimarte e Il metrò del piccione di Piero Travaglini. Alle 19 Mauro Peroni, al Teatro Annibal Caro, parla de Il futuro degli italiani. Identità e trasformazione di un popolo senza nazione , mentre alle 21.30 arriva il regista Giuseppe Piccioni che dialoga con Valentina Conti su Il cinema che vorrei.... . La serata si conclude con la proiezione gratuita del film Giulia non esce la sera . Dalle 18 alle 24 sono aperte le tre mostre del Festival - Semplice e Complesso, RiScattiamo la scienza e Santi ed eroi - e sono attivi i laboratori di fisica e chimica realizzati da Unicam e dalla Festa di Scienza e Filosofia di Foligno.  

da Futura Festival

Tweet Mi piace

http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1440&url=http://www.viverecivitanova.it/index.php?page=articolo&articolo_id=548201

0

 

 

0 0

Condividi

1/2


Futura tra il grande cinema di Piccioni e una mini Expo marchigiana cronachemaceratesi.it /2015/07/28/futura-tra-il-grande-cinema-di-piccioni-e-una-mini-expomarchigiana/686624/

Futura si prepara ad altre cinque giornate ricche di appuntamenti a Civitanova Alta. In attesa ancora di grandi ospiti come Gianni Vattimo, Diego Fusaro, Erri De Luca, Matteo Garrone, Piero Boitani, Peppe Barra e Donatella di Cesare, domani, mercoledì 29 luglio, si riparte dalla Lo staff dei laboratori di fisica e chimica della Festa di Scienza e Filosofia di Foligno scienza. Corrado Sinigaglia, professore di Logica e Filosofia della Scienza all’Università di Milano, alle 17.30 al Teatro Annibal Caro, interviene su Il cervello che agisce e i neuroni specchio. Alle 18 si apre la sezione Futura di Marca – in vino veritas, dove il Festival affronta temi enogastronomici, pensando a un modello di sviluppo rispettoso della natura e del paesaggio e come possibile fattore di crescita per l’economia regionale. Spazio alle novità che interessano le Marche, un territorio che si evolve senza mai allontanarsi troppo dalle proprie radici e che parte dalla tradizione per un rinnovamento che sia segno di crescita. Valentina Conti, fondatrice della casa editrice Affinità Elettive di Ancona, presiede i tre incontri previsti nel Chiostro di Sant’Agostino. Si parte con Ketty Magni, autrice del libro Arcibaldo, gustose passioni. L’opera racconta l’attenzione per il cibo che il pittore trasfondeva nelle sue tele, dando vita a quei ritratti conosciuti in tutto il mondo composti dall’accostamento di frutta e verdura. L’autrice dedica anche alcune pagine del romanzo ad una sorta di ricettario dell’epoca, proponendo in versione semplificata alcune ricette rinascimentali. Alle 18.30 è la volta di Michele Biagiola, capocuoco innamorato della tradizione culinaria della sua terra, un amore che riesce a trasmettere in ogni suo piatto. Lo chef stellato del ristorante “Enoteca Le Case” di Macerata presenta il suo primo libro dal titolo Spaghetti. La sezione Futura di Marca conclude alle 19 con in vino veritas, una chiacchierata con tre imprenditori vinicoli marchigiani, Mosè Ambrosi, amministratore delegato delle Cantine Fontezoppa; Stefano Antonucci, proprietario dell’azienda Santa Barbara di Ancona e Angela Velenosi, amministratrice e fondatrice dell’azienda vitivinicola Velenosi. “Condiscono” gli incontri le dissertazioni giocose del giornalista Carlo Cambi e del filosofo e musicista Massimo Donà. A seguire


Fontezoppa, Santa Barbara e Velenosi offrono gratuitamente al pubblico di Futura la possibilità di degustare i prodotti vinicoli delle loro aziende. Provocatorio l’incontro delle 18.30 al cortile exliceo, dal titolo Con la cultura non si mangia, che prevede la presentazione di due libri: L’Amalassunta di Pier Franco Brandimarte e Il metrò del piccione di Piero Travaglini. Alle 19 Mauro Peroni, al Teatro Annibal Caro, parla de Il futuro degli italiani. Identità e trasformazione di un popolo senza nazione, mentre alle 21.30 arriva il regista Giuseppe Piccioni che dialoga con Valentina Conti su Il cinema che vorrei….. La serata si conclude con la proiezione gratuita del film Giulia non esce la sera. Dalle 18 alle 24 sono aperte le tre mostre del Festival – Semplice e Complesso, RiScattiamo la scienza e Santi ed eroi – e sono attivi i laboratori di fisica e chimica realizzati da Unicam e dalla Festa di Scienza e Filosofia di Foligno.

La mostra del Cnr


Futura tra il grande cinema di Piccioni e una mini Expo marchigiana ilmascalzone.it /2015/07/futura-tra-il-grande-cinema-di-piccioni-e-una-mini-expo-marchigiana/ Redazione Approfondimento domani sull’agricoltura come modello di sviluppo. In serata un grande ospite: il regista Giuseppe Piccioni Futura Festival

Civitanova 28/07/2015 – Futura si prepara ad altre cinque giornate ricche di appuntamenti a Civitanova Alta. In attesa ancora di grandi ospiti come Gianni Vattimo, Diego Fusaro, Erri De Luca, Matteo Garrone, Piero Boitani, Peppe Barra e Donatella di Cesare, domani, mercoledì 29 luglio, si riparte dalla scienza. Corrado Sinigaglia, professore di Logica e Filosofia della Scienza all’Università di Milano, alle 17.30 al Teatro Annibal Caro, interviene su Il cervello che agisce e i neuroni specchio.

Alle 18 si apre la sezione Futura di Marca – in vino veritas, dove il Festival affronta temi enogastronomici, pensando a un modello di sviluppo rispettoso della natura e del paesaggio e come possibile fattore di crescita per l’economia regionale. Spazio alle novità che interessano le Marche, un territorio che si evolve senza mai allontanarsi troppo dalle proprie radici e che parte dalla tradizione per un rinnovamento che sia segno di crescita. Valentina Conti, fondatrice della casa editrice Affinità Elettive di Ancona, presiede i tre incontri previsti nel Chiostro di Sant’Agostino. Si parte con Ketty Magni, autrice del libro Arcibaldo, gustose passioni. L’opera racconta l’attenzione per il cibo che il pittore trasfondeva nelle sue tele, dando vita a quei ritratti conosciuti in tutto il mondo composti dall’accostamento di frutta e verdura. L’autrice dedica anche alcune pagine del romanzo ad una sorta di ricettario dell’epoca, proponendo in versione semplificata alcune ricette rinascimentali. Alle 18.30 è la volta di Michele Biagiola, capocuoco innamorato della tradizione culinaria della sua terra, un amore che riesce a trasmettere in ogni suo piatto. Lo chef stellato del ristorante “Enoteca Le Case” di Macerata presenta il suo primo libro dal titolo Spaghetti. La sezione Futura di Marca conclude alle 19 con in vino veritas, una chiacchierata con tre imprenditori vinicoli marchigiani, Mosè Ambrosi, amministratore delegato delle Cantine Fontezoppa; Stefano Antonucci, proprietario dell’azienda Santa Barbara di Ancona e Angela Velenosi, amministratrice e fondatrice dell’azienda vitivinicola Velenosi. “Condiscono” gli incontri le dissertazioni giocose del giornalista Carlo Cambi e del filosofo e musicista Massimo Donà. A seguire Fontezoppa, Santa Barbara e Velenosi offrono gratuitamente al pubblico di Futura la possibilità di degustare i prodotti vinicoli delle loro aziende. Provocatorio l’incontro delle 18.30 al cortile ex-liceo, dal titolo Con la cultura non si mangia, che prevede la presentazione di due libri: L’Amalassunta di Pier Franco Brandimarte e Il metrò del piccione di Piero Travaglini. Alle 19 Mauro Peroni, al Teatro Annibal Caro, parla de Il futuro degli italiani. Identità e trasformazione di un popolo senza nazione, mentre alle 21.30 arriva il regista Giuseppe Piccioni che dialoga con Valentina Conti su Il cinema che vorrei….. La serata si conclude con la proiezione gratuita del film Giulia non esce la sera. Dalle 18 alle 24 sono aperte le tre mostre del Festival – Semplice e Complesso, RiScattiamo la scienza e Santi ed eroi – e sono attivi i laboratori di fisica e chimica realizzati da Unicam e dalla Festa di Scienza e Filosofia di Foligno.


Data:

CivitanovaLive.it

29/07/2015

A FUTURA È TEMPO DI RIVOLUZIONE CON UN OMAGGIO ALLA TEORIA D ELLA RELATIVITÀ A FUTURA È TEMPO DI RIVOLUZIONE CON UN OMAGGIO ALLA TEORIA DELLA RELATIVITÀ mercoledì 29 luglio 2015 Ripreso a pieno ritmo il vortice di Futura Festival con una nuova settimana ricca di grandi ospiti a Civitanova Alta. Dopo Corrado Sinigaglia, Giorgio Vallortigara, Piergiorgio Odifreddi e Fernando Ferroni, la scienza è sempre protagonista. Domani 30 luglio, Eugenio Coccia apre il pomeriggio con un omaggio alla teoria della relatività che compie quest'anno 100 anni. Il direttore del Gran Sasso Science Institute e docente di fisica generale anima il Teatro Annibal Caro alle 17.30 affrontando la scoperta di Albert Einstein, una delle cinque più importanti idee dello scienziato tedesco che hanno rivoluzionato il mondo della fisica. Cambio di programma invece alle 18, dove era atteso Giulio Giorello assente per un problema personale. Al suo posto Massimo Donà che, al Chiostro di Sant'Agostino, parla di una necessaria utopia del nostro tempo, tra speranza e cambiamento. Alle 18.30 al giardino della pinacoteca si aprono i vocabolari per scrivere un nuovo dizionario filosofico del cambiamento, incontri curati dal giovane filosofo Diego Fusaro ed organizzati dal Crisi Centro di Ricerca Interdisciplinare di Storia delle Idee, diretto da Andrea Tagliapietra. Cinque appuntamenti in cui giovani relatori, studiosi, dottorandi si cimentano attraverso delle parole chiave a interpretare storicamente il concetto proposto e a declinarlo nelle sue possibili potenzialità future. Alle 18.30 è la volta del "coraggio" con Mario Carparelli e la lectio su Giulio Cesare Vanini, martire della filosofia e a seguire la parola "conflitto" viene analizzata da Corrado Claverini attraverso Il Principe di Machiavelli. Alle 18.30 la "palla" passa alla filosofia dove il giornalista Marco Vozza e il prof. Cesare Catà, dopo il clamore mediatico dei compiti per le vacanze alternativi, rivestono i panni degli studiosi per guardare a Nietzsche dalla prospettiva dionisiaca della danza, per aprire un nuovo concetto di infinito. Sempre alle 18.30 il prof. di Storia dell'industria e dei consumi presso la Facoltà di Economia dell'Università Politecnica delle Marche nonché attivista dei diritti umani Giorgio Cingolani presenta all'interno della sezione Futura di Marca il suo ultimo libro Adriatico. Storie di mare e di costa, dieci racconti che testimoniano la profonda connessione tra le due sponde di questo mare. Proseguono i workshop scientifici curati dalla Festa di Scienza e Filosofia di Foligno. Temi dei laboratori di domani sono la fisica e la chimica con L'acqua che sale Eureka!!! e Collane di Vita/nel laCo di taVi nel pomeriggio, mentre la sera si lavora in profondità Un vulcano nell'acqua e con Principi e princìpi: zuccheri, grassi, proteine. Altri due i laboratori in programma, proposti questa volta dall'Università di Camerino. Alle 18.30 si gioca con La magia dei numeri, mentre alle 21.30 approfondimento sulla Matematica per il futuro. Slitta alle 21.30 il provocatorio incontro con Maurizio Maggiani e Paolo di Paolo su Rileggere e riscrivere Leopardi al Chiostro di Sant'Agostino, che sostituisce quello di Edoardo Boncinelli, amico e padrino del Festival fin dalla prima edizione, assente per problemi personali. La serata si conclude nel segno del cinema, un cineforum propedeutico all'arrivo nel week end di Matteo Garrone. Alle 23 in piazza della Libertà viene proiettato Gomorra capolavoro del regista romano.

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


30/7/2015

A FUTURA È TEMPO DI RIVOLUZIONE CON UN OMAGGIO ALLA TEORIA DELLA RELATIVITÀ - CivitanovaLive

Home attualità cronaca cultura economia famiglie giovani ATTUALITÀ

News dalla Regione

0

A FUTURA È TEMPO DI RIVOLUZIONE CON UN OMAGGIO ALLA TEORIA DELLA RELATIVITÀ

MERCOLEDÌ 29 LUGLIO 2015

CIVITANOVA, WONDERFUL LIFE DI DOPPIERI

NUTRIAMO L'ANIMA A FUTURAFESTIVAL

CIVITANOVA MARCHE: NELLA CITTA' ALTA TORNA FUTURAFESTIVAL

Ripreso a pieno ritmo il vortice di Futura Festival con una nuova settimana ricca di grandi ospiti a http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1441&url=http://www.civitanovalive.it/a-futura-e-tempo-di-rivoluzione-con-un-omaggio-alla-teoria-della-relativita/

1/6


30/7/2015

A FUTURA È TEMPO DI RIVOLUZIONE CON UN OMAGGIO ALLA TEORIA DELLA RELATIVITÀ - CivitanovaLive

Civitanova Alta. Dopo Corrado Sinigaglia, Giorgio Vallortigara, Piergiorgio Odifreddi e Fernando Ferroni, la scienza è sempre protagonista. Domani 30 luglio, Eugenio Coccia apre il pomeriggio con un omaggio alla teoria della relatività che compie

GLI ARTIGIANI IN PASSERELLA A

quest’anno 100 anni. Il direttore

CIVITANOVA CON 100% VOGUE

del Gran Sasso Science Institute e docente di fisica generale anima il Teatro Annibal Caro alle 17.30 affrontando la scoperta di Albert Einstein, una delle cinque più importanti idee dello scienziato tedesco che hanno rivoluzionato il mondo della fisica. Cambio di programma invece alle 18, dove era atteso Giulio Giorello assente per un problema personale. Al suo posto Massimo

CERCA NEL SITO cerca...

Donà che, al Chiostro di Sant’Agostino, parla di una necessaria utopia del nostro

PUBBLICITA’

tempo, tra speranza e cambiamento. Alle 18.30 al giardino della pinacoteca si aprono i vocabolari per scrivere un nuovo dizionario filosofico del cambiamento, incontri curati dal giovane filosofo Diego Fusaro ed organizzati dal Crisi Centro di Ricerca http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1441&url=http://www.civitanovalive.it/a-futura-e-tempo-di-rivoluzione-con-un-omaggio-alla-teoria-della-relativita/

2/6


30/7/2015

A FUTURA È TEMPO DI RIVOLUZIONE CON UN OMAGGIO ALLA TEORIA DELLA RELATIVITÀ - CivitanovaLive

Interdisciplinare di Storia delle Idee, diretto da Andrea Tagliapietra. Cinque appuntamenti in cui giovani relatori, studiosi, dottorandi si cimentano attraverso delle parole chiave a interpretare storicamente il concetto proposto e a declinarlo nelle sue possibili potenzialità future. Alle 18.30 è la volta del "coraggio" con Mario Carparelli e la lectio su Giulio Cesare Vanini, martire della filosofia e a seguire la parola "conflitto" viene analizzata da Corrado Claverini attraverso Il Principe di Machiavelli. Alle 18.30 la "palla" passa alla filosofia dove il giornalista Marco Vozza e il prof. Cesare Catà, dopo il clamore mediatico dei compiti per le vacanze alternativi, rivestono i panni degli studiosi per guardare a Nietzsche dalla prospettiva dionisiaca della danza, per aprire un nuovo concetto di infinito. Sempre alle 18.30 il prof. di Storia dell'industria e dei consumi presso la Facoltà di Economia dell'Università Politecnica delle Marche nonché attivista dei diritti umani Giorgio Cingolani presenta http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1441&url=http://www.civitanovalive.it/a-futura-e-tempo-di-rivoluzione-con-un-omaggio-alla-teoria-della-relativita/

3/6


30/7/2015

A FUTURA È TEMPO DI RIVOLUZIONE CON UN OMAGGIO ALLA TEORIA DELLA RELATIVITÀ - CivitanovaLive

all'interno della sezione Futura di Marca il suo ultimo libro Adriatico. Storie di mare e di costa, dieci racconti che testimoniano la profonda connessione tra le due sponde di questo mare. Proseguono i workshop scientifici curati dalla Festa di Scienza e Filosofia di Foligno. Temi dei laboratori di domani sono la fisica e la chimica con L'acqua che sale Eureka!!! e Collane di Vita/nel laCo di taVi nel pomeriggio, mentre la sera si lavora in profondità Un vulcano nell'acqua e con Principi e princìpi: zuccheri, grassi, proteine. Altri due i laboratori in programma, proposti questa volta dall'Università di Camerino. Alle 18.30 si gioca con La magia dei numeri, mentre alle 21.30 approfondimento sulla Matematica per il futuro.

Condividi Tweet

Slitta alle 21.30 il provocatorio incontro con Maurizio Maggiani e Paolo di Paolo su Rileggere e riscrivere Leopardi al Chiostro di Sant’Agostino, che sostituisce quello di Edoardo Boncinelli, amico e padrino del Festival fin dalla prima edizione, assente per problemi personali.

NUMERI UTILI ASSOCIAZIONI CIVITANOVESI FARMACIE IN CITTA’ Casa e lavoro

http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1441&url=http://www.civitanovalive.it/a-futura-e-tempo-di-rivoluzione-con-un-omaggio-alla-teoria-della-relativita/

4/6


30/7/2015

A FUTURA È TEMPO DI RIVOLUZIONE CON UN OMAGGIO ALLA TEORIA DELLA RELATIVITÀ - CivitanovaLive

La serata si conclude nel segno del cinema, un cineforum propedeutico all’arrivo nel week end di Matteo Garrone. Alle 23 in piazza della Libertà viene

PREVISIONI METEO Civitanova... > Italia   >   Marche

gio 30

ven 31

sab 01

24°C

23°C

23°C

29°C

26°C

28°C

dom 02

lun 03

mar 04

24°C 29°C

25°C 30°C

24°C 30°C

proiettato Gomorra capolavoro del regista romano. Condividi Tweet

Ti potrebbe interessare anche

“A 34 ANNI, SENZA UN LAVORO, NON È GIUSTO CHE MARITO SI SENTA UN FALLITO”. APPELLO ACCORATO DI UNA CIVITANOVESE News 23.10: VINCE IL PARTITO DELL’ASTENSIONISMO. HA VOTATO MENO DEL 50% GALA’ DELLA MODA, BREGOVIC, LUNGOMARE. A CIVITANOVA UN SABATO SPECIALE

stampa PDF

3BMeteo.com

Vai al meteo

ARTICOLI PIÙ LETTI

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER Inserisci il tuo indirizzo e-mail:

Subscribe

LASCIA UNA RISPOSTA Nome *

Email *

Sito web http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1441&url=http://www.civitanovalive.it/a-futura-e-tempo-di-rivoluzione-con-un-omaggio-alla-teoria-della-relativita/

5/6


Futura: omaggio alla cucina e alla teoria della relatività cronachemaceratesi.it /2015/07/29/futura-omaggio-alla-cucina-e-alla-teoria-della-relativita/687233/

Lo chef Michele Biagiola assieme a Valentina Conti

Di solito aggiunge fiori ai suoi piatti, oggi invece è a Civitanova Alta a parlare di cibo e spaghetti: “Adoro lo spaghetto con verdure cotte, crude, erbe e fiori. Uno dei miei primi piatti. È bello mettere i vegetali insieme: hanno la magia di rispettarsi tra di loro”. Lo chef Michele Biagiola apre le porte della sua cucina a Futura Festival che nel pomeriggio ha tirato su il sipario sul secondo lungo week end che inizia coccolando il pubblico con gustose dissertazioni su arte, cibo, vino e filosofia. Assieme allo chef anche Massimo Donà e Carlo Cambi. Un pomeriggio all’insegna del gusto dunque e che anticipa la fitta giornata di domani dove il programma mostra alcune modifiche sulle presenze. Dopo Corrado Sinigaglia, Giorgio Vallortigara, Piergiorgio Odifreddi e Fernando Ferroni, la scienza è sempre protagonista. Domani 30 luglio, Eugenio Coccia apre il pomeriggio con un omaggio alla teoria della relatività che compie quest’anno 100 anni. Il direttore del Gran Sasso Science Institute e docente di fisica generale anima il Teatro Annibal Caro alle 17,30 affrontando la scoperta di Albert Einstein, una delle cinque più importanti idee dello scienziato tedesco che hanno rivoluzionato il mondo della


fisica. Cambio di programma invece alle 18, dove era atteso Giulio Giorello assente per un problema personale. Al suo posto Massimo Donà che, al Chiostro di Sant’Agostino, parla di una necessaria utopia del nostro tempo, tra speranza e cambiamento. Alle 18,30 al giardino della pinacoteca si aprono i vocabolari per scrivere un nuovo dizionario filosofico del cambiamento, incontri curati dal giovane filosofo Diego Fusaro ed organizzati dal Crisi Centro di Ricerca Interdisciplinare di Storia delle Idee, diretto da Andrea Tagliapietra. Cinque appuntamenti in cui giovani relatori, studiosi, dottorandi si cimentano attraverso delle parole chiave a Laboratorio Unicam a Futura interpretare storicamente il concetto proposto e a declinarlo nelle sue possibili potenzialità future. Alle 18,30 è la volta del “coraggio” con Mario Carparelli e la lectio su Giulio Cesare Vanini, martire della filosofia e a seguire la parola “conflitto” viene analizzata da Corrado Claverini attraverso Il Principe di Machiavelli. Alle 18,30 la “palla” passa alla filosofia dove il filosofo Marco Vozza e il prof. Cesare Catà, dopo il clamore mediatico dei compiti per le vacanze alternativi, rivestono i panni degli studiosi per guardare a Nietzsche dalla prospettiva dionisiaca della danza, per aprire un nuovo concetto di infinito. Sempre alle 18,30 il prof. di Storia dell’industria e dei consumi presso la Facoltà di Economia dell’Università Politecnica delle Marche nonché attivista dei diritti umani Giorgio Cingolani presenta all’interno della sezione Futura di Marca il suo ultimo libro Adriatico. Storie di mare e di costa, dieci racconti che testimoniano la profonda connessione tra le due sponde di questo mare. Proseguono i workshop scientifici curati dalla Festa di Scienza e Filosofia di Foligno. Temi dei laboratori di domani sono la fisica e la chimica con L’acqua che sale – Eureka mentre la sera si lavora in profondità – Un vulcano nell’acqua e con Principi e princìpi: zuccheri, grassi, proteine. Altri due i laboratori in programma, proposti questa volta dall’Università di Camerino. Alle 18.30 si gioca con La magia dei numeri, mentre alle 21.30 approfondimento sulla Matematica per il futuro. Slitta alle 21.30 il provocatorio incontro con Maurizio Maggiani e Paolo di Paolo su Rileggere e riscrivere Leopardi al Chiostro di Sant’Agostino, che sostituisce quello di Edoardo Boncinelli, amico e padrino del Festival fin dalla prima edizione, assente per problemi personali. La serata si conclude nel segno del cinema, un cineforum propedeutico all’arrivo nel week end di Matteo Garrone. Alle 23 in piazza della Libertà viene proiettato Gomorra capolavoro del regista romano.


Futura Festival: è tempo di rivoluzione, con un omaggio alla teoria della relatività ilmascalzone.it /2015/07/futura-festival-e-tempo-di-rivoluzione-con-un-omaggio-alla-teoria-dellarelativita/ Redazione A Futura Eugenio Coccia, direttore del Gran Sasso, ricorda la scoperta che ha cambiato la fisica. In serata i provocatori Maggiani e Di Paolo per la rilettura di Leopardi

Civitanova 29/07/2015 – Ripreso a pieno ritmo il vortice di Futura Festival con una nuova settimana ricca di grandi ospiti a Civitanova Alta. il Laboratorio UniCam Dopo Corrado Sinigaglia, Giorgio Vallortigara, Piergiorgio Odifreddi e Fernando Ferroni, la scienza è sempre protagonista. Domani 30 luglio, Eugenio Coccia apre il pomeriggio con un omaggio alla teoria della relatività che compie quest’anno 100 anni. Il direttore del Gran Sasso Science Institute e docente di fisica generale anima il Teatro Annibal Caro alle 17.30 affrontando la scoperta di Albert Einstein, una delle cinque più importanti idee dello scienziato tedesco che hanno rivoluzionato il mondo della fisica.

Cambio di programma invece alle 18, dove era atteso Giulio Giorello assente per un problema personale. Al suo posto Massimo Donà che, al Chiostro di Sant’Agostino, parla di una necessaria utopia del nostro tempo, tra speranza e cambiamento. Alle 18.30 al giardino della pinacoteca si aprono i vocabolari per scrivere un nuovo dizionario filosofico del cambiamento, incontri curati dal giovane filosofo Diego Fusaro ed organizzati dal Crisi Centro di Ricerca Interdisciplinare di Storia delle Idee, diretto da Andrea Tagliapietra. Cinque appuntamenti in cui giovani relatori, studiosi, dottorandi si cimentano attraverso delle parole chiave a interpretare storicamente il concetto proposto e a declinarlo nelle sue possibili potenzialità future. Alle 18.30 è la volta del “coraggio” con Mario Carparelli e la lectio su Giulio Cesare Vanini, martire della filosofia e a seguire la parola “conflitto” viene analizzata da Corrado Claverini attraverso Il Principe di Machiavelli. Alle 18.30 la “palla” passa alla filosofia dove il filosofo Marco Vozza e il prof. Cesare Catà, dopo il clamore mediatico dei compiti per le vacanze alternativi, rivestono i panni degli studiosi per guardare a Nietzsche dalla prospettiva dionisiaca della danza, per aprire un nuovo concetto di infinito. Sempre alle 18.30 il prof. di Storia dell’industria e dei consumi presso la Facoltà di Economia dell’Università Politecnica delle Marche nonché attivista dei diritti umani Giorgio Cingolani presenta all’interno della sezione Futura di Marca il suo ultimo libro Adriatico. Storie di mare e di costa, dieci racconti che testimoniano la profonda connessione tra le due sponde di questo mare. Proseguono i workshop scientifici curati dalla Festa di Scienza e Filosofia di Foligno . Temi dei laboratori di domani sono la fisica e la chimica con L’acqua che sale – Eureka!!! e Collane di Vita/nel laCo di taVi nel


pomeriggio, mentre la sera si lavora in profondita? – Un vulcano nell’acqua e con Principi e princi?pi: zuccheri, grassi, proteine. Altri due i laboratori in programma, proposti questa volta dall’Università di Camerino. Alle 18.30 si gioca con La magia dei numeri, mentre alle 21.30 approfondimento sulla Matematica per il futuro. Slitta alle 21.30 il provocatorio incontro con Maurizio Maggiani e Paolo di Paolo su Rileggere e riscrivere Leopardi al Chiostro di Sant’Agostino, che sostituisce quello di Edoardo Boncinelli, amico e padrino del Festival fin dalla prima edizione, assente per problemi personali. La serata si conclude nel segno del cinema, un cineforum propedeutico all’arrivo nel week end di Matteo Garrone. Alle 23 in piazza della Libertà viene proiettato Gomorra capolavoro del regista romano.


30/7/2015

È tempo di rivoluzione, con un omaggio alla teoria della relatività: a Futura Eugenio Coccia • Vivere Civitanova

È tempo di rivoluzione, con un omaggio alla teoria della relatività: a Futura Eugenio Coccia Ripreso a pieno ritmo il vortice di Futura Festival con una nuova settimana ricca di grandi ospiti a Civitanova Alta. Dopo Corrado Sinigaglia, Giorgio Vallortigara, Piergiorgio Odifreddi e Fernando Ferroni, la scienza è sempre protagonista. Domani 30 luglio, Eugenio Coccia apre il pomeriggio con un omaggio alla teoria della relatività che compie quest'anno 100 anni. Il direttore del Gran Sasso Science Institute e docente di fisica generale anima il Teatro Annibal Caro alle 17.30 affrontando la scoperta di Albert Einstein, una delle cinque più importanti idee dello scienziato tedesco che hanno rivoluzionato il mondo della fisica. Cambio di programma invece alle 18, dove era atteso Giulio Giorello assente per un problema personale. Al suo posto Massimo Donà che, al Chiostro di Sant'Agostino, parla di una necessaria utopia del nostro tempo, tra speranza e cambiamento. Alle 18.30 al giardino della pinacoteca si aprono i vocabolari per scrivere un nuovo dizionario filosofico del cambiamento, incontri curati dal giovane filosofo Diego Fusaro ed organizzati dal Crisi Centro di Ricerca Interdisciplinare di Storia delle Idee, diretto da Andrea Tagliapietra. Cinque appuntamenti in cui giovani relatori, studiosi, dottorandi si cimentano attraverso delle parole chiave a interpretare storicamente il concetto proposto e a declinarlo nelle sue possibili potenzialità future. Alle 18.30 è la volta del "coraggio" con Mario Carparelli e la lectio su Giulio Cesare Vanini, martire della filosofia e a seguire la parola "conflitto" viene analizzata da Corrado Claverini attraverso Il Principe di Machiavelli. Alle 18.30 la "palla" passa alla filosofia dove il giornalista Marco Vozza e il prof. Cesare Catà, dopo il clamore mediatico dei compiti per le vacanze alternativi, rivestono i panni degli studiosi per guardare a Nietzsche dalla prospettiva dionisiaca della danza, per aprire un nuovo concetto di infinito. Sempre alle 18.30 il prof. di Storia dell'industria e dei consumi presso la Facoltà di Economia dell'Università Politecnica delle Marche nonché attivista dei diritti umani Giorgio Cingolani presenta all'interno della sezione Futura di Marca il suo ultimo libro Adriatico. Storie di mare e di costa, dieci racconti che testimoniano la profonda connessione tra le due sponde di questo mare. Proseguono i workshop scientifici curati dalla Festa di Scienza e Filosofia di Foligno . Temi dei laboratori di domani sono la fisica e la chimica con L'acqua che sale Eureka!!! e Collane di Vita/nel laCo di taVi nel pomeriggio, mentre la sera si lavora in profonditaÌ€ Un vulcano nell'acqua e con Principi e princiÌ€pi: zuccheri, grassi, proteine. Altri due i laboratori in programma, proposti questa volta dall'Università di Camerino. Alle 18.30 si gioca con La magia dei numeri, mentre alle 21.30 approfondimento sulla Matematica per il futuro. Slitta alle 21.30 il provocatorio incontro con Maurizio Maggiani e Paolo di Paolo su Rileggere e riscrivere Leopardi al Chiostro di Sant'Agostino, che sostituisce quello di Edoardo Boncinelli, amico e padrino del Festival fin dalla prima edizione, assente per problemi personali. La serata si conclude nel segno del cinema, un cineforum propedeutico all'arrivo nel week end di Matteo Garrone. Alle 23 in piazza della Libertà viene proiettato Gomorra capolavoro del regista romano.   

da Futura Festival

Tweet Mi piace

0

 

 

0 0

Condividi

Questo è un comunicato stampa inviato il 29/07/2015 pubblicato sul giornale del 30/07/2015 - 11 letture - 0 commenti In questo articolo si parla di attualità, civitanova marche, eugenio coccia, futura festival. L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/amCg

Rilasciato con licenza Creative Commons. Maggiori info: vivere.biz/gkW

Commenti

http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1440&url=http://www.viverecivitanova.it/index.php?page=articolo&articolo_id=548380

1/2


Futura cala il tris d’assi: Colangeli, Canfora e Boitani cronachemaceratesi.it /2015/07/30/futura-cala-il-tris-dassi-colangeli-canfora-e-boitani/687515/ Colangeli, Canfora, Boitani. Venerdì dantesco a Futura, ricco di ospiti e di spettacoli, compresa musica e teatro. Il week end ricomincia alla grande a Civitanova Alta dopo le incursioni gastronomiche con lo chef Michele Biagiola e con Carlo Cambi e Massimo Donà a parlare di vino e lato dionisiaco della vita. Protagonista della La tavola rotonda sull’expo marchigiana con Carlo Cambi, Massimo Donà, Mosè Ambrosi, Stefano Antonucci e Angela Velenosi giornata di domani 31 luglio è la letteratura che vede alternarsi negli spazi del festival ben 8 ospiti, dalle 17,30 alle 23 e due spettacoli, uno musicale e uno teatrale. Tre gli appuntamenti da non perdere: quello con Piero Boitani, docente di Letterature comparate, studioso del mito, della Bibbia e delle sue ri-scritture che parla di Dante e le stelle, quello con Giorgio Colangeli, in tasca una laurea in Fisica, ma attore di cinema e teatro tra i più raffinati (ha interpretato Salvo Lima ne Il Divo e tra i protagonisti dell’ultima fiction Rai Braccialetti rossi). Alla sua voce è affidato il recital su Dante, in occasione del 750° anniversario della nascita del poeta, E quindi uscimmo a riveder le stelle. Bisogna attendere le 23 per il terzo atteso incontro: quello con Luciano Canfora, filologo accurato dei grandi classici che dall’unificazione del Mediterraneo in età romana cerca di anticipare e capire il futuro del cambiamento politico nell’epoca delle nuove immigrazioni. Oltre ai tre super ospiti, alle 17,30 l’appuntamento con Ilaria Capua, la virologa inserita dalla rivista Seed fra le 50 menti rivoluzionarie di questi anni, nota per aver reso accessibili a tutti e open, la sequenza genetica dell’aviaria. Presenta il libro I virus non aspettano. Avventure, disavventure, riflessioni di una ricercatrice globetrotter. Alle 18,30, nel cortile dell’ex liceo, atmosfera latina: una riflessione di Lucilio Santoni su Josè “Pepe” Mujica con La felicità al potere e Oscar Romero. “Ho udito il grido del mio popolo” assieme agli autori Cristina Guarnieri e Anselmo Palini. Alle 19 due nuovi incontri con il dizionario filosofico del cambiamento assieme a Erminio Maglione e Federico Nicolaci, una riflessione sulle parole massa e tecnica. Nel pomeriggio e in serata proseguono anche i laboratori di chimica, fisica, matematica e robotica presso il Chiostro di San Francesco organizzati grazie alla collaborazione del festival con UniCam, Festa di Scienza e Filosofia di Foligno e Talent (Technological Applications for Learning Empowerment and Thoughts). Alle 21,30 al Chiostro la voce di Colangeli su Dante (che sostituisce la lectio di Edoardo Boncinelli, assente per problemi personali), mentre al Teatro Annibal Caro debutta uno spettacolo scritto, costruito e sceneggiato dalle classi seconde della scuola media Ungaretti di Civitanova Alta, in collaborazione con Andrea Grosso: 1915-2015 Ho scritto lettere piene di amore. Il celebre verso del poeta che dà anche il nome all’istituto scolastico diventa il titolo di una rappresentazione che ha al centro i ragazzi di oggi che, attraverso l’escamotage narrativo del ritrovamento di alcuni bauli con delle lettere di soldati, si confrontano con i giovani di ieri, pronti a


partire per la guerra. Alle 23, in contemporanea con la lectio di Luciano Canfora a Sant’Agostino in piazza della Libertà, si balla con il soul afrobeat dei Colin Samurai in concerto. Band londinese con l’anima civitanovese di Stefano Ancora, trasferitosi nella City ormai sei anni fa e ora leader del gruppo che per la prima volta si esibisce in città. Tra le novità, l’exhibit degli studenti della facoltà di Architettura di Ascoli Piceno. Futura infatti diventa “oggetto” di studio e i laureandi hanno scelto di riprogettare “i luoghi” del festival attraverso strutture mobili. In mostra fino a domenica le tavole dei progetti inseriti nell’ambito di Civitanovissima, un lavoro svolto in collaborazione con la facoltà e Unicam per riprogettare luoghi, esperienze e spazi della città e che è stato recentemente presentato ad Ascoli. I progetti, a cui hanno lavorato Marta Cognigni, Elisa Corradetti, Simona De Carlo, Francesca Lucenti, Floriana Palestini, Roberta Saracco e Samuele Severini, sono caratterizzati da scelte ben precise, relative ai concetti base di modularità (nella progettazione della micro-architettura), sistema (insieme di micro-architetture che creano uno spazio), temporaneità (inserimento temporaneo e reversibile nel contesto urbano), flessibilità (utilizzo non finalizzato ad un “unicum”, ma a molteplici attività). Da vedere nel Chiostro di San Francesco.

Luciano Canfora

Giorgio Colangeli


Futura cala il tris d’assi: Colangeli, Canfora e Boitani ilmascalzone.it /2015/07/futura-cala-il-tris-dassi-colangeli-canfora-e-boitani/ Redazione L’attore di Braccialetti rossi celebra Dante. Da non perdere anche la virologa Capua, “mente rivoluzionaria” che ha pubblicato la sequenza genetica dell’aviaria

Civitanova 30/07/2015 – Colangeli, Canfora, Boitani. Venerdì dantesco a Futura, ricco di ospiti e di spettacoli, compresa musica e teatro. Il week end ricomincia alla grande a Civitanova Alta, dopo le incursioni gastronomiche con lo chef Michele Biagiola e con Carlo Cambi e Massimo Donà a parlare di vino e lato dionisiaco della vita.

Valentina Conti e Giuseppe Piccioni

Giuseppe Piccioni, intervistato da Valentina Conti sul futuro del cinema, non ha mancato di esprimere con rammarico la necessità di girare in Puglia il suo ultimo lavoro: “Perché giro in Puglia e non nelle Marche? Lo dico con amarezza, ma non ho avuto le attenzioni giuste. C’è una griglia di mediazioni che non incoraggiano” – ha detto in modo sibillino il regista, durante il suo incontro serale. Protagonista della giornata di domani 31 luglio è la letteratura che vede alternarsi negli spazi del festival ben 8 ospiti, dalle 17.30 alle 23 e due spettacoli, uno musicale e uno teatrale.

Tre gli appuntamenti da non perdere: quello con Piero Boitani, docente di Letterature comparate, studioso del mito, della Bibbia e delle sue ri-scritture che parla di Dante e le stelle, quello con Giorgio Colangeli, in tasca una laurea in Fisica, ma attore di cinema e teatro tra i più raffinati (ha interpretato Salvo Lima ne Il Divo e tra i protagonisti dell’ultima fiction Rai Braccialetti rossi). Alla sua voce è affidato il recital su Dante, in occasione del 750° anniversario della nascita del poeta, E quindi uscimmo a riveder le stelle. Bisogna attendere le 23 per il terzo atteso incontro: quello con Luciano Canfora, filologo accurato dei grandi classici che dall’unificazione del Mediterraneo in età romana cerca di anticipare e capire il futuro del cambiamento politico nell’epoca delle nuove immigrazioni. Oltre ai tre super ospiti, alle 17.30 l’appuntamento con Ilaria Capua, la virologa inserita dalla rivista Seed fra le 50 menti rivoluzionarie di questi anni, nota per aver reso accessibili a tutti e open, la sequenza genetica dell’aviaria. Presenta il libro I virus non aspettano. Avventure, disavventure, riflessioni di una ricercatrice globetrotter. Alle 18.30, nel cortile dell’ex liceo, atmosfera latina: una riflessione di Lucilio Santoni su Josè “Pepe” Mujica con La felicità al potere e Oscar Romero. “Ho udito il grido del mio popolo” assieme agli autori Cristina Guarnieri e Anselmo Palini. Alle 19 due nuovi incontri con il dizionario filosofico del cambiamento assieme a Erminio Maglione e Federico Nicolaci, una riflessione sulle parole massa e tecnica. Nel pomeriggio e in serata proseguono anche i laboratori di chimica, fisica, matematica e robotica presso il Chiostro di San Francesco organizzati grazie alla collaborazione del festival con UniCam, Festa di Scienza e Filosofia di Foligno e Talent (Technological Applications for Learning Empowerment and Thoughts).


tavola rotonda sull’expo marchigiana con Carlo Cambi, Massimo Donà, Mosè Ambrosi, Stefano Antonucci e Angela Velenosi

Alle 21.30 al Chiostro la voce di Colangeli su Dante (che sostituisce la lectio di Edoardo Boncinelli, assente per problemi personali), mentre al Teatro Annibal Caro debutta uno spettacolo scritto, costruito e sceneggiato dalle classi seconde della scuola media Ungaretti di Civitanova Alta, in collaborazione con Andrea Grosso: 1915-2015 Ho scritto lettere piene di amore. Il celebre verso del poeta che dà anche il nome all’istituto scolastico diventa il titolo di una rappresentazione che ha al centro i ragazzi di oggi che, attraverso l’escamotage narrativo del ritrovamento di alcuni bauli con delle lettere di soldati, si confrontano con i giovani di ieri, pronti a partire per la guerra. Alle 23, in contemporanea con la lectio di Luciano Canfora a Sant’Agostino in piazza della Libertà, si balla con il soul afrobeat dei Colin Samurai in concerto. Band londinese con l’anima civitanovese di Stefano Ancora, trasferitosi nella City ormai sei anni fa e ora leader del gruppo che per la prima volta si esibisce in città. Tra le novità, l’exhibit degli studenti della facoltà di Architettura di Ascoli Piceno. Futura infatti diventa “oggetto” di studio e i laureandi hanno scelto di riprogettare “i luoghi” del festival attraverso strutture mobili. In mostra fino a domenica le tavole dei progetti inseriti nell’ambito di Civitanovissima, un lavoro svolto in collaborazione con la facoltà e Unicam per riprogettare luoghi, esperienze e spazi della città e che è stato recentemente presentato ad Ascoli. I progetti, a cui hanno lavorato Marta Cognigni, Elisa Corradetti, Simona De Carlo, Francesca Lucenti, Floriana Palestini, Roberta Saracco e Samuele Severini, sono caratterizzati da scelte ben precise, relative ai concetti base di modularità (nella progettazione della micro-architettura), sistema (insieme di micro-architetture che creano uno spazio), temporaneità (inserimento temporaneo e reversibile nel contesto urbano), flessibilità (utilizzo non finalizzato ad un “unicum”, ma a molteplici attività). Da vedere nel Chiostro di San Francesco.


Data:

Vivere Civitanova

30/07/2015

È tempo di rivoluzione, con un omaggio alla teoria della relatività: a Futura Eugenio Coccia --> È tempo di rivoluzione, con un omaggio alla teoria della relatività: a Futura Eugenio Coccia Ripreso a pieno ritmo il vortice di Futura Festival con una nuova settimana ricca di grandi ospiti a Civitanova Alta. Dopo Corrado Sinigaglia, Giorgio Vallortigara, Piergiorgio Odifreddi e Fernando Ferroni, la scienza è sempre protagonista. Domani 30 luglio, Eugenio Coccia apre il pomeriggio con un omaggio alla teoria della relatività che compie quest'anno 100 anni. Il direttore del Gran Sasso Science Institute e docente di fisica generale anima il Teatro Annibal Caro alle 17.30 affrontando la scoperta di Albert Einstein, una delle cinque più importanti idee dello scienziato tedesco che hanno rivoluzionato il mondo della fisica. Cambio di programma invece alle 18, dove era atteso Giulio Giorello assente per un problema personale. Al suo posto Massimo Donà che, al Chiostro di Sant'Agostino, parla di una necessaria utopia del nostro tempo, tra speranza e cambiamento. Alle 18.30 al giardino della pinacoteca si aprono i vocabolari per scrivere un nuovo dizionario filosofico del cambiamento, incontri curati dal giovane filosofo Diego Fusaro ed organizzati dal Crisi Centro di Ricerca Interdisciplinare di Storia delle Idee, diretto da Andrea Tagliapietra. Cinque appuntamenti in cui giovani relatori, studiosi, dottorandi si cimentano attraverso delle parole chiave a interpretare storicamente il concetto proposto e a declinarlo nelle sue possibili potenzialità future. Alle 18.30 è la volta del "coraggio" con Mario Carparelli e la lectio su Giulio Cesare Vanini, martire della filosofia e a seguire la parola "conflitto" viene analizzata da Corrado Claverini attraverso Il Principe di Machiavelli. Alle 18.30 la "palla" passa alla filosofia dove il giornalista Marco Vozza e il prof. Cesare Catà, dopo il clamore mediatico dei compiti per le vacanze alternativi, rivestono i panni degli studiosi per guardare a Nietzsche dalla prospettiva dionisiaca della danza, per aprire un nuovo concetto di infinito. Sempre alle 18.30 il prof. di Storia dell'industria e dei consumi presso la Facoltà di Economia dell'Università Politecnica delle Marche nonché attivista dei diritti umani Giorgio Cingolani presenta all'interno della sezione Futura di Marca il suo ultimo libro Adriatico. Storie di mare e di costa, dieci racconti che testimoniano la profonda connessione tra le due sponde di questo mare. Proseguono i workshop scientifici curati dalla Festa di Scienza e Filosofia di Foligno . Temi dei laboratori di domani sono la fisica e la chimica con L'acqua che sale Eureka!!! e Collane di Vita/nel laCo di taVi nel pomeriggio, mentre la sera si lavora in profondita? Un vulcano nell'acqua e con Principi e princi?pi: zuccheri, grassi, proteine. Altri due i laboratori in programma, proposti questa volta dall'Università di Camerino. Alle 18.30 si gioca con La magia dei numeri, mentre alle 21.30 approfondimento sulla Matematica per il futuro. Slitta alle 21.30 il provocatorio incontro con Maurizio Maggiani e Paolo di Paolo su Rileggere e riscrivere Leopardi al Chiostro di Sant'Agostino, che sostituisce quello di Edoardo Boncinelli, amico e padrino del Festival fin dalla prima edizione, assente per problemi personali. La serata si conclude nel segno del cinema, un cineforum propedeutico all'arrivo nel week end di Matteo Garrone. Alle 23 in piazza della Libertà viene proiettato Gomorra capolavoro del regista romano. --> da Futura Festival Tweet Questo è un comunicato stampa inviato il 29/07/2015 pubblicato sul giornale del 30/07/2015 - 11 letture - 0 commenti In questo articolo si parla di attualità, civitanova marche, eugenio coccia, futura festival. L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/amCg Rilasciato con licenza Creative Commons. Maggiori info: vivere.biz/gkW

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Data:

CivitanovaLive.it

31/07/2015

GLI APPUNTAMENTI DEL FINE SETTIMANA A CIVITANOVA MARCH E GLI APPUNTAMENTI DEL FINE SETTIMANA A CIVITANOVA MARCHE venerdì 31 luglio 2015 VENERDI' 31 LUGLIO FUTURA FESTIVAL Ore 17:30 TEATRO ANNIBAL CARO IL TEATRO DELLA SCIENZA I virus non aspettano. Avventure, disavventure e riflessioni di una ricercatrice globetrotter Con ILARIA CAPUA Ore 18:00 CHIOSTRO SANT'AGOSTINO DANTE 750 SAETTA PREVISA VIEN PIÙ LENTA Dante e le stelle PIERO BOITANI Introduce Massimo Arcangeli ore 18:00 e ore 21:30 CHIOSTRO SAN FRANCESCO Robot che mania! Laboratori di robotica creativa ore 18:30 e ore 21:30 CHIOSTRO SAN FRANCESCO Nutriamo la mente Laboratori di fisica e chimica ore 18:30 e ore 21:30 CHIOSTRO SAN FRANCESCO Luce, robot e trenini volanti Laboratorio Unicam Ore 18:30 CORTILE EX LICEO ALTRI CONTINENTI, NECESSARI CAMBIAMENTI José "Pepe" Mujica. La felicità al potere Oscar Romero "Ho udito il grido del mio popolo" Dialogano gli autori CRISTINA GUARNIERI e ANSELMO PALINI Conduce Lucilio Santoni Ore 19:00 GIARDINO DELLA PINACOTECA DIZIONARIO FILOSOFICO DEL CAMBIAMENTO Massa ERMINIO MAGLIONE Tecnica PAOLO ERCOLANI Ore 21.30 CHIOSTRO SANT'AGOSTINO DANTE 750 SAETTA PREVISA VIEN PIÙ LENTA E quindi uscimmo a riveder le stelle Recital di GIORGIO COLANGELI Ore 21:30 TEATRO ANNIBAL CARO 1915-2015 Ho scritto lettere piene di amore Spettacolo teatrale della Scuola media "Ungaretti" di Civitanova Alta Ore 23:00 PIAZZA DELLA LIBERTÀ COLIN SAMURAI in concerto Ore 23:00 CHIOSTRO SANT'AGOSTINO ALTRI CONTINENTI, NECESSARI CAMBIAMENTI "Della difficile unificazione politica del Mediterraneo in età classica (e oggi?)" Lectio di LUCIANO CANFORA Introduce Massimo Arcangeli ALTRE INIZIATIVE SHADA BERACH CLUB ANDREA CARDILLO IN CONCERTO - DALLE 20.30 CHALET GIGETTA GLAM O RAMA IN CONCERTO ORE 22.30 SABATO 1 AGOSTO FUTURA FESTIVAL Ore 17:30 TEATRO ANNIBAL CARO IL TEATRO DELLA SCIENZA Il fantasma dell'universo. Che cos'è il neutrino? Con LUCIA VOTANO Ore 18:00 CHIOSTRO SANT'AGOSTINO DIZIONARIO FILOSOFICO DEL CAMBIAMENTO La lezione di Kant: quale eredità? DONATELLA DI CESARE. Introduce Diego Fusaro ore 18:00 e ore 21:30 CHIOSTRO SAN FRANCESCO Robot che mania! Laboratori di robotica creativa ore 18:30 e ore 21:30 CHIOSTRO SAN FRANCESCO Nutriamo la mente Laboratori di fisica e chimica ore 18:30 CHIOSTRO SAN FRANCESCO Come nasce una cometa? Laboratorio Unicam ore 18:30 GIARDINO DELLA PINACOTECA Percorso olfattivo Il profumo cambia la vita Ore 18:30 CORTILE EX LICEO "CON LA CULTURA NON SI MANGIA" Cultura e scienza: oltre le separazioni per una nuova prospettiva Dialogano PIETRO GRECO e LUCIA VOTANO Ore 19:00 CHIOSTRO SANT'AGOSTINO DIZIONARIO FILOSOFICO DEL CAMBIAMENTO Maturità FILIPPO LA PORTA Ore 19:00 TEATRO ANNIBAL CARO DANTE 750 SAETTA PREVISA VIEN PIÙ LENTA. Poesia in forma di note: Liszt "ricanta" Dante Al piano LORENZO DI BELLA conversa MASSIMO ARCANGELI Ore 21:30 PIAZZA DELLA LIBERTÀ TESTIMONI DEL NOSTRO TEMPO, ESPLORATORI DEL FUTURO Il futuro delle parole ERRI DE LUCA incontra Paolo Di Paolo ore 21:15 GIARDINO DELLA PINACOTECA Giochiamo insieme ore 21:30 CHIOSTRO SAN FRANCESCO I segreti delle opere d'arte svelati dalla scienza Laboratorio Unicam ore 22:15 GIARDINO DELLA PINACOTECA Caffè scientifico con Ennio Monachesi ore 23:30 GIARDINO DELLA PINACOTECA Osservazioni astronomiche Ore 23:00 PIAZZA DELLA LIBERTÀ TESTIMONI DEL NOSTRO TEMPO, ESPLORATORI DEL FUTURO Bentornato Heidegger! Oltre i "Quaderni Neri" GIANNI VATTIMO conversa con Diego Fusaro. Parteciperà DONATELLA DI CESARE ALTRE INIZIATIVE CHALET LA BUSSOLA BABEFACE U2 TRIBUTE ORE 23.00 VERDE IV MARINE FOOD&SOUND FESTIVAL DALLE 17.30 DOMENICA 2 AGOSTO FUTURA FESTIVAL Ore 17:30 TEATRO ANNIBAL CARO IL TEATRO DELLA SCIENZA Il mare che cambia: una rete di protezione sul Mediterraneo Con FERDINANDO BOERO Ore 18:00 CHIOSTRO SANT'AGOSTINO OLTRE LA PAURA Che significa filosofare oggi? ARMANDO MASSARENTI, PAOLO MORELLI, ACHILLE VARZI dialogano con Filippo La Porta ore 18:00 e ore 21:30 CHIOSTRO SAN FRANCESCO Robot che mania! Laboratori di robotica creativa ore 18:30 e ore 21:30 CHIOSTRO SAN FRANCESCO Nutriamo la mente Laboratori di fisica e chimica ore 18:30 e ore 21:30 CHIOSTRO SAN FRANCESCO Passeggiata nel futuro percorsi 3d tra castelli e montagne russe Laboratorio Unicam ore 18:30 GIARDINO DELLA PINACOTECA Percorso olfattivo Il profumo cambia la vita Ore 18:30 CORTILE EX LICEO IL GRANDE CINEMA DI FUTURA Anna & Greta. Oltre il tempo, star per sempre Conversazione con ITALO MOSCATI Ore 19:00 TEATRO ANNIBAL CARO DIZIONARIO FILOSOFICO DEL CAMBIAMENTO Tutto è tremendo, ma non irrimediabile. Con e oltre Hegel Lectio magistralis di DIEGO FUSARO Ore 19:00 CHIOSTRO SANT'AGOSTINO "CON LA CULTURA NON SI

1


Data:

CivitanovaLive.it

31/07/2015

GLI APPUNTAMENTI DEL FINE SETTIMANA A CIVITANOVA MARCH E MANGIA" Come si fa un inserto culturale? ARMANDO MASSARENTI intervistato da Filippo La Porta Ore 21:30 PIAZZA DELLA LIBERTÀ IL GRANDE CINEMA DI FUTURA MATTEO GARRONE dialoga con Italo Moscati ore 21:15 GIARDINO DELLA PINACOTECA Giochiamo insieme ore 22:15 GIARDINO DELLA PINACOTECA Caffè scientifico con Piero Farabollini ore 23:30 GIARDINO DELLA PINACOTECA Osservazioni astronomiche Ore 23:00 PIAZZA DELLA LIBERTÀ TESTIMONI DEL NOSTRO TEMPO, ESPLORATORI DEL FUTURO Peppe Barra "Canti e Racco ALTRE INIZIATIVE VERDE IV MARINE FOOD&SOUND FESTIVAL DALLE 17.30

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

2

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Un sabato con Erri De Luca e l’antisemitismo di Heidegger cronachemaceratesi.it /2015/07/31/un-sabato-con-erri-de-luca-e-lantisemitismo-di-heidegger/688026/ Parole scandalose, provocatorie, imbarazzanti. A Futura arrivano pensieri nazisti, antisemiti. Sono quelli di Heidegger e degli inediti “Quaderni neri” che hanno diviso il mondo dei pensatori attorno alla figura del filosofo del ‘900. Chi da vicino ha vissuto questo choc filosofico è Donatella Di Cesare protagonista assieme a Gianni Vattimo e Diego Fusaro dell’atteso Troli, Fusaro, Di Lupidio incontro di domani alle 23. Ed è proprio la prof.ssa di Filosofia teoretica alla Sapienza che dalle colonne del Corsera di oggi ha anticipato il suo intervento a Futura Festival, abbattendo un tabù: Heidegger era antisemita. La Di Cesare però non dà un giudizio etico alla questione e non rimane imbarazzata dalle idee del pensatore tedesco. Lontana dal riabilitarle parla di un antisemitismo “metafisico” a cui è attribuito un rango filosofico. “Heidegger si interroga con la scrupolosa radicalità con cui i tedeschi compiono anche gli errori più eclatanti. Ma questo non implica una critica o un ripensamento. Heidegger fa corpo con il popolo tedesco. Non c’è traccia di distanza neppure di fronte alle prove dei crimini”, scrive la Di Cesare. Lo scandalo per Heidegger non fu lo sterminio, ma “quello di cui è vittima la Germania, alla quale è stato impedito di compiere la sua missione nella storia”. Sicuramente un incontro da non perdere, come immancabile è pure l’appuntamento delle 21,30 con scrittore Erri De Luca, per la seconda volta a Civitanova, stavolta come pensatore e come critico della parola. L’autore, napoletano di origine e con l’amore per la montagna, capace di un lessico sferzante e tenero, viene intervistato da Paolo Di Paolo proprio sul futuro delle parole. E chi meglio di lui che, proprio per una parola, si trova imputato per la vicenda Tav, un caso giudiziario diventato il pamphlet La parola contraria. Il programma di domani primo agosto parte come sempre con la scienza: alle 17,30 al Teatro Annibal Caro il fisico Lucia Votano spiega cosa sia il fantasma dell’universo, ovvero il neutrino, elemento camaleontico che viaggia indenne attraverso la materia da prima del Big Bang ad oggi. Alle 18 Donatella Di Cesare assieme al filosofo Diego Fusaro, gradito ritorno al Festival cerca di spiegare dove trovare e in chi, l’eredità illuministica kantiana. Alle 18,30 al cortile dell’ex liceo, Pietro Greco, giornalista scientifico e autore di programmi tv dialoga con Lucia Votano su cultura e scienza. Alle 19, al chiostro di Sant’Agostino Filippo La Porta, coordinatore di sezione, si cimenta nelle vesti inedite di pensatore con la lectio dedicata alle parole del cambiamento e, dopo i giovani laureandi e dottorandi, a lui è affidato il concetto di “maturità”. È uno spettacolo di musica e parole, da lasciare senza fiato, quello previsto alle 19 al Teatro Annibal Caro, dove il linguista Massimo


Arcangeli incontra Lorenzo Di Bella. Ne nasce un recital dedicato a Dante, con la poesia della Divina Commedia che incontra le note di Liszt. Lo spettatore può successivamente assistere ad una sorta di traduzione in musica del mito di Ero e Leandro. I laboratori per bambini offrono in questo sabato grande varietà di attività: alle 18 e alle 21 al chiostro di San Francesco costruzione e programmazione di robot a cura di Talent, alle 18,30 e alle 21,30 sempre nel chiostro i laboratori di chimica e fisica del Festival di Foligno. Alle 18,30 al cortile ex liceo Unicam spiega come nasce una cometa e torna alle 18,30 nel giardino della pinacoteca il percorso olfattivo di Mauro Malatini. Alle 21,15 sempre nel giardino “giochiamo insieme”, con giochi linguistici e logico matematici animati da Ennio Monachesi, un recital spettacolo sull’umorismo che rivela il lato sciocco delle cose serie, e alle 23 con le parole alle stesse per l’osservazione al telescopio.


L’ombra del nazismo a Futura ilmascalzone.it /2015/07/lombra-del-nazismo-a-futura/ Redazione È il giorno di Erri De Luca e dell’antisemitismo di Heidegger Nazismo e Quaderni neri. Domani Vattimo, Fusaro e Di Cesare dialogano sul più controverso filosofo del ‘900. Alle 21.30 l’atteso incontro con Erri De Luca

Futura Festival

Civitanova 31/07/2015 – Parole scandalose, provocatorie, imbarazzanti. A Futura arrivano pensieri nazisti, antisemiti. Sono quelli di Heidegger e degli inediti “Quaderni neri” che hanno diviso il mondo dei pensatori attorno alla figura del filosofo del ‘900. Chi da vicino ha vissuto questo choc filosofico è Donatella Di Cesare protagonista assieme a Gianni Vattimo e Diego Fusaro dell’atteso incontro di domani alle 23. Ed è proprio la prof.ssa di Filosofia Teoretica alla Sapienza che dalle colonne del Corsera di oggi ha anticipato il suo intervento a Futura Festival, abbattendo un tabù: Heidegger era antisemita. La Di Cesare però non dà un giudizio etico alla questione e non rimane imbarazzata dalle idee del pensatore tedesco. Lontana dal riabilitarle parla di un antisemitismo “metafisico” a cui è attribuito un rango filosofico. “Heidegger si interroga con la scrupolosa radicalità con cui i tedeschi compiono anche gli errori più eclatanti. Ma questo non implica una critica o un ripensamento. Heidegger fa corpo con il popolo tedesco. Non c’è traccia di distanza neppure di fronte alle prove dei crimini”, scrive la Di Cesare. Lo scandalo per Heidegger non fu lo sterminio, ma “quello di cui è vittima la Germania, alla quale è stato impedito di compiere la sua missione nella storia”. Sicuramente un incontro da non perdere, come immancabile è pure l’appuntamento delle 21.30 con scrittore Erri De Luca, per la seconda volta a Civitanova, stavolta come pensatore e come critico della parola. L’autore, napoletano di origine e con l’amore per la montagna, capace di un lessico sferzante e tenero, viene intervistato da Paolo Di Paolo proprio sul futuro delle parole. E chi meglio di lui che, proprio per una parola, si trova imputato per la vicenda Tav, un caso giudiziario diventato il pamphlet La parola contraria. Il programma di domani primo agosto parte come sempre con la scienza: alle 17.30 al Teatro Annibal Caro il fisico Lucia Votano spiega cosa sia il fantasma dell’universo, ovvero il neutrino, elemento camaleontico che viaggia indenne attraverso la materia da prima del Big Bang ad oggi. Alle 18 Donatella Di Cesare assieme al filosofo Diego Fusaro, gradito ritorno al Festival cerca di spiegare dove trovare e in chi, l’eredità illuministica kantiana. Alle 18.30 al cortile dell’ex liceo, Pietro Greco, giornalista scientifico e autore di programmi tv dialoga con Lucia Votano su cultura e scienza. Alle 19, al chiostro di Sant’Agostino Filippo La Porta, coordinatore di sezione, si cimenta nelle vesti inedite di pensatore con la lectio dedicata alle parole del cambiamento e, dopo i giovani laureandi e dottorandi, a lui è affidato il concetto di “maturità”. È uno spettacolo di musica e parole, da lasciare senza fiato, quello previsto alle 19 al Teatro Annibal Caro, dove il linguista Massimo Arcangeli incontra Lorenzo Di Bella. Ne nasce un recital dedicato a Dante, con la poesia della Divina Commedia che incontra le note di Liszt. Lo spettatore può successivamente


assistere ad una sorta di traduzione in musica del mito di Ero e Leandro. I laboratori per bambini offrono in questo sabato grande varietà di attività: alle 18 e alle 21 al chiostro di San Francesco costruzione e programmazione di robot a cura di Talent, alle 18.30 e alle 21.30 sempre nel chiostro i laboratori di chimica e fisica del Festival di Foligno. Alle 18.30 al cortile ex liceo Unicam spiega come nasce una cometa e torna alle 18.30 nel giardino della pinacoteca il percorso olfattivo di Mauro Malatini. Alle 21.15 sempre nel giardino “giochiamo insieme”, con giochi linguistici e logico matematici animati da Ennio Monachesi, un recital spettacolo sull’umorismo che rivela il lato sciocco delle cose serie, e alle 23 con le parole alle stesse per l’osservazione al telescopio.


Data:

Vivere Civitanova

31/07/2015

Futura cala il tris d'assi: Colangeli, Canfora e Boitani --> Futura cala il tris d'assi: Colangeli, Canfora e Boitani Colangeli, Canfora, Boitani. Venerdì dantesco a Futura, ricco di ospiti e di spettacoli, compresa musica e teatro. Il week end ricomincia alla grande a Civitanova Alta, dopo le incursioni gastronomiche con lo chef Michele Biagiola e con Carlo Cambi e Massimo Donà a parlare di vino e lato dionisiaco della vita. Giuseppe Piccioni, intervistato da Valentina Conti sul futuro del cinema, non ha mancato di esprimere con rammarico la necessità di girare in Puglia il suo ultimo lavoro: "Perché giro in Puglia e non nelle Marche? Lo dico con amarezza, ma non ho avuto le attenzioni giuste. C'è una griglia di mediazioni che non incoraggiano" ha detto in modo sibillino il regista, durante il suo incontro serale. Protagonista della giornata di domani 31 luglio è la letteratura che vede alternarsi negli spazi del festival ben 8 ospiti, dalle 17.30 alle 23 e due spettacoli, uno musicale e uno teatrale. Tre gli appuntamenti da non perdere: quello con Piero Boitani, docente di Letterature comparate, studioso del mito, della Bibbia e delle sue ri-scritture che parla di Dante e le stelle, quello con Giorgio Colangeli, in tasca una laurea in Fisica, ma attore di cinema e teatro tra i più raffinati (ha interpretato Salvo Lima ne Il Divo e tra i protagonisti dell'ultima fiction Rai Braccialetti rossi). Alla sua voce è affidato il recital su Dante, in occasione del 750 anniversario della nascita del poeta, E quindi uscimmo a riveder le stelle. Bisogna attendere le 23 per il terzo atteso incontro: quello con Luciano Canfora, filologo accurato dei grandi classici che dall'unificazione del Mediterraneo in età romana cerca di anticipare e capire il futuro del cambiamento politico nell'epoca delle nuove immigrazioni. Oltre ai tre super ospiti, alle 17.30 l'appuntamento con Ilaria Capua, la virologa inserita dalla rivista Seed fra le 50 menti rivoluzionarie di questi anni, nota per aver reso accessibili a tutti e open, la sequenza genetica dell'aviaria. Presenta il libro I virus non aspettano. Avventure, disavventure, riflessioni di una ricercatrice globetrotter. Alle 18.30, nel cortile dell'ex liceo, atmosfera latina: una riflessione di Lucilio Santoni su Josè "Pepe" Mujica con La felicità al potere e Oscar Romero. "Ho udito il grido del mio popolo" assieme agli autori Cristina Guarnieri e Anselmo Palini. Alle 19 due nuovi incontri con il dizionario filosofico del cambiamento assieme a Erminio Maglione e Federico Nicolaci, una riflessione sulle parole massa e tecnica. Nel pomeriggio e in serata proseguono anche i laboratori di chimica, fisica, matematica e robotica presso il Chiostro di San Francesco organizzati grazie alla collaborazione del festival con UniCam, Festa di Scienza e Filosofia di Foligno e Talent (Technological Applications for Learning Empowerment and Thoughts). Alle 21.30 al Chiostro la voce di Colangeli su Dante (che sostituisce la lectio di Edoardo Boncinelli, assente per problemi personali), mentre al Teatro Annibal Caro debutta uno spettacolo scritto, costruito e sceneggiato dalle classi seconde della scuola media Ungaretti di Civitanova Alta, in collaborazione con Andrea Grosso: 1915-2015 Ho scritto lettere piene di amore. Il celebre verso del poeta che dà anche il nome all'istituto scolastico diventa il titolo di una rappresentazione che ha al centro i ragazzi di oggi che, attraverso l'escamotage narrativo del ritrovamento di alcuni bauli con delle lettere di soldati, si confrontano con i giovani di ieri, pronti a partire per la guerra. Alle 23, in contemporanea con la lectio di Luciano Canfora a Sant'Agostino in piazza della Libertà, si balla con il soul afrobeat dei Colin Samurai in concerto. Band londinese con l'anima civitanovese di Stefano Ancora, trasferitosi nella City ormai sei anni fa e ora leader del gruppo che per la prima volta si esibisce in città. Tra le novità, l'exhibit degli studenti della facoltà di Architettura di Ascoli Piceno. Futura infatti diventa "oggetto" di studio e i laureandi hanno scelto di riprogettare "i luoghi" del festival attraverso strutture mobili. In mostra fino a domenica le tavole dei progetti inseriti nell'ambito di Civitanovissima, un lavoro svolto in collaborazione con la facoltà e Unicam per riprogettare luoghi, esperienze e spazi della città e che è stato recentemente presentato ad Ascoli. I progetti, a cui hanno lavorato Marta Cognigni, Elisa Corradetti, Simona De Carlo, Francesca Lucenti, Floriana Palestini, Roberta Saracco e Samuele Severini, sono caratterizzati da scelte ben precise, relative ai concetti base di modularità (nella progettazione della micro-architettura), sistema (insieme di micro-architetture che creano uno spazio), temporaneità (inserimento temporaneo e reversibile nel contesto urbano), flessibilità (utilizzo non finalizzato ad un "unicum", ma a molteplici attività). Da vedere nel Chiostro di San Francesco. --> da Futura Festival Tweet Questo è un comunicato stampa inviato il 30/07/2015 pubblicato sul giornale del 31/07/2015 - 11 letture - 0 commenti In questo articolo si parla di civitanova marche, futura festival, spettacoli. L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/amFL Rilasciato con licenza Creative Commons. Maggiori info: vivere.biz/gkW

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Dal 1860 il quotidiano delle Marche

CHI SIAMO - LA STORIA - CONTATTI

Domenica 2 Agosto 2015 - ultimo aggiornamento 20:31

FLASH NEWS Home

19:45 Calcio: Juve verso Shanghai, tra i convocati c'è Barzagli

Arresti preventivi contro terrorismo Marche 19:10 Ancona Macerata Fermo ebraico Ascoli

Pesaro

CERCA cerca nel sito Sport

Spettacoli

Gossip

Attualità

Economia

Motori

Viaggi

Salute

18:56 Cinema: Mission Impossible al primo posto in box office Usa

Civitanova, Futura chiude alla grande 18:55 Famiglia 16enne morto, bene chiusura Cocoricò con Matteo Garrone e Beppe Barra 19:47 Tennis: 'mi hai rotto le p...',ad Amburgo lite Fognini-Nadal

SEGUI IL CORRIERE ADRIATICO

PER APPROFONDIRE: Civitanova, Futura, programma

Allatta dopo seduta di spray abbronzante: ecco gli effetti sul bebè

0

CIVITANOVA - Futura chiude in grande. Dopo dieci giorni di incontri, lectio, laboratori e spettacoli, il Festival lancia ancora due grandi ospiti: Matteo Garrone, il regista de Il racconto dei racconti e Gomorra e il musicista e attore Peppe Barra per il concerto finale. Garrone, il nome che Futura ha scelto quest'anno dopo Paolo Sorrentino e Paolo Virzì, è ospite domani alle 21.30 in piazza della Libertà, intervistato da Italo Moscati, sul suo ultimo film con il quale ha concorso al Festival di Cannes ispirato alla raccolta di fiabe Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile.

Summer Jamboree a tutto ritmo Colori, allegria e tanta grinta

Le favole popolari napoletane al centro di un lavoro dell'altro grande ospite dell'ultima serata: Peppe Barra, con lo spettacolo Canti e Racconti. Un’esibizione che sintetizza le qualità di attore e cantante di Barra, che racconta e si racconta con semplicità, avvalendosi di un immenso bagaglio artistico e culturale. L’artista, che firma anche la regia, fa di questo spettacolo un tributo alla sua carriera, alla sua famiglia e ai grandi autori di Napoli, da Eduardo a Totò, da Di Giacomo a Basile. L'ultimo pomeriggio di Futura è ricco di appuntamenti: si comincia alle 17.30 con il teatro della scienza dove il biologo marino, Ferdinando Boero, parla del mare, dei suoi cambiamenti e di quale rete di protezione è possibile applicare al Mediterraneo. Dalle colonne della pagina culturale del Sole 24 Ore arriva una delle penne del giornalismo culturale più autorevoli in Italia: Armando Massarenti. Il filosofo ed epistemologo, direttore del Domenicale della rivista economica, si confronta al chiostro di Sant'Agostino con lo scrittore e autore Paolo Morelli e con il filosofo Achille Varzi sul “filosofare” oggi. Alle 18.30 l'aperitivo col cinema è offerto da Italo Moscati, che traccia la vita e la carriera di due eroine del cinema, molto diverse, ma icone di un'epoca come Anna Magnani e Greta Garbo nel cortile dell'ex liceo. Alle 19, Diego Fusaro, dopo gli interventi di questi ultimi giorni di Festival, sfodera la sua natura di filosofo pieno nella lectio su Hegel al Teatro Annibal Caro. Uno tra i pensatori più complessi del ‘900 tedesco viene analizzato sul tema: tutto è tremendo, ma non irrimediabile. Alle 19 al chiostro di Sant'Agostino per la rassegna con la cultura non si mangia torna

Summer Jamboree, l'edizione 2015 parte alla grande

NOTIZIOMETRO Pippo Franco, danza e Violetta Mania Tre appuntamenti alle Cave di Sirolo

TRASPORTO DI LUSSO

Adotta un cane su Facebook, gli arriva in Mercedes con l'autista Il cane Bruno, adottato a Venezia/GUARDA LE FOTO

Oro e preziosi, in mostra a Matelica i capolavori del pittore Luca di Paolo

CORAGGIO DA VENDERE

Gli dicono: "Ti sei meritato il tuo handicap". Il giovane paralizzato risponde così

Isabella Falasconi

Henry Fraser, rimasto paralizzato dopo un tuffo/GUARDA Temptation, Isabella choc: "Marta fuori controllo, è intervenuta la redazione"

LA FOTOSTORY

Esposizioni Universali converted by Web2PDFConvert.com


Massarenti e spiega come si costruisce un prodotto editoriale culturale di qualità, intervistato da Filippo La Porta. Ultimo giorno infine per i laboratori per i bambini: alle 18 e 21.30 tuffo nella robotica al chiostro di San Francesco, dove si svolgono anche i laboratori di fisica e chimica. Viaggio al futuro invece con Unicam nel cortile con i percorsi 3D tra castelli e montagne russe. A partire dalle 21.15 nel giardino della Pinacoteca i giochi scientifici con il geologo Paolo Giannoni, excursus sui rischi della natura con Piero Farabolini e dalle 22.30 osservazione di comete e asteroidi. Futura contro le barriere comunicative Anche in questa terza edizione, Futura, insieme all'Amministrazione comunale, rinnova il suo impegno verso l'abbattimento delle barriere comunicative. Lo fa con una serie di servizi, resi possibili grazie al sostegno dell'Asp Paolo Ricci e in collaborazione con l'Assessorato ai Servizi Sociali, con l'Uici Marche e Macerata (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti) e l'associazione Anios Marche (Associazione Nazionale Interpreti Lingua dei Segni), che ha curato il servizio Lis. Tra le novità, per il pubblico con disabilità visiva sono state preparate delle audio descrizioni con lettori Mp3 per le mostre Semplice e Complesso e RiScattiamo la scienza e i bimbi con disabilità sensoriali possono partecipare a diversi laboratori curati dalla Festa di Scienza e Filosofia di Foligno. Inoltre, è possibile prendere parte al percorso olfattivo che si tiene al Chiostro San Francesco. Per la comunità sorda e ipoacusia sono stati messi in programma sette incontri, predisposti con la lingua dei segni italiana con due interpreti Lis e con il servizio di respeaking (sottotitolazione simultanea), a cura dell'associazione OnA.I.R. Tali incontri sono anche in diretta streaming. “Abbiamo avuto riscontri positivi - spiega Francesca Cicconi, coordinatrice dei servizi – Ci sono persone che a causa di queste barriere comunicative non hanno mai potuto godere eventi culturali del genere. Il compito di queste azioni è andare verso una reale inclusione”. Aggiunge la dottoressa Mirella Franco, logopedista e consigliere comunale, tra i primi ad adoperarsi per la realizzazione dell'importante progetto: “Sono servizi che danno un senso di civiltà importante. Il nostro impegno è quello di migliorarli sempre di più, allargandone le possibilità. Nella terza edizione del Festival abbiamo lanciato tante sperimentazioni. Dedichiamo l'impegno di quest'anno sull'accessibilità al professor Renato Pigliacampo, ad un mese dalla sua scomparsa, e lo ringraziamo per averci sempre spronato ad intervenire per abbattere le barriere della comunicazione”. E proprio domani due gruppi della Lega del Filo d'Oro e dell'Uici si stanno organizzando per prendere parte alle giornate conclusive del Festival.

Ecco come sono cambiate le città in 150 anni

Torna la Disfida del Bracciale e Treia si tuffa nella storia

Esposizioni Universali, una mostra per spiegare le città/GUARDA LE FOTO

LA DEA BENDATA

Lotto e Superenalotto Le estrazioni di oggi e i numeri vincenti Il ritorno di Noa nelle Marche per il Sant’Elpidio Jazz Festival

MONDIALE A SEPANG

Max Biaggi fenomeno: si vive solo due volte, a 44 anni sul podio in Superbike Snoop Dogg fermato all'aeroporto di Lamezia con 422mila dollari

CACCIA AI TESORI DELLA CAPITALE

Viaggio senza confini nell'oltre Roma

Katy Perry, scatti sexy in intimo su Vogue con il nuovo taglio sbarazzino

L'EPIDEMIA SCONFITTA

Ebola, l'annuncio dell'Oms: «Il vaccino ha il 100% di efficacia»

​Torna la ribalta di Marche in Vetrina Pieroni: "Cultura e turismo insieme"

IL VIDEO PIÙ VISTO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 1 Agosto 2015 - Ultimo aggiornamento: 19:08

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO

Corriere Adriatico.it

Arriva Mariottini da Amici sul palco di Numana Canta

Like Page 32k likes

Allatta dopo seduta di spray abbronzante: ecco gli effetti sul bebè

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE Bivio Cascinare, sabato sera il concerto ad ingresso gratuito di Luca Barbarossa

METEO Marche Nord Centro Sud Isole Ancona

Pesaro Ascoli P Macerata Fermo

Dom 2 Partner

Per Justin Mattera selfie con mutandine 'alla frutta'

Santanchè-Landini, lite in tv: quel dito sa dove deve…

Lun 3

8 parole che non si possono tradurre in italiano

Mar 4 Tutte le previsioni

(Babbel)

Grey's Anatomy, dopo Derek muore anche Meredith? La paura dei fan invade il web

converted by Web2PDFConvert.com


Futura, grande finale con Matteo Garrone e Beppe Barra ilmascalzone.it /2015/08/futura-grande-finale-con-matteo-garrone-e-beppe-barra/ Redazione Dopo Paolo Sorrentino e Paolo Virzì, quest’anno arriva Matteo Garrone, incontro con servizio Lis. Futura chiude l’edizione 2015 con il concerto del mito della tradizione napoletana.

Civitanova 01/08/2015 – Futura chiude in grande. Dopo dieci giorni di incontri, lectio, laboratori e spettacoli, il Festival lancia ancora due grandi ospiti: Matteo Garrone, il regista de Il racconto dei racconti e Gomorra e il musicista e attore Peppe Barra per il concerto finale.

il concerto dei Colin Samurai

Garrone, il nome che Futura ha scelto quest’anno dopo Paolo Sorrentino e Paolo Virzì, è ospite domani 2 agosto, alle 21.30 in piazza della Libertà, intervistato da Italo Moscati, sul suo ultimo film con il quale ha concorso al Festival di Cannes ispirato alla raccolta di fiabe Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile. Le favole popolari napoletane al centro di un lavoro dell’altro grande ospite dell’ultima serata: Peppe Barra, con lo spettacolo Canti e Racconti. Un’esibizione che sintetizza le qualità di attore e cantante di Barra, che racconta e si racconta con semplicità, avvalendosi di un immenso bagaglio artistico e culturale. L’artista, che firma anche la regia, fa di questo spettacolo un tributo alla sua carriera, alla sua famiglia e ai grandi autori di Napoli, da Eduardo a Totò, da Di Giacomo a Basile. L’ultimo pomeriggio di Futura è ricco di appuntamenti: si comincia alle 17.30 con il teatro della scienza dove il biologo marino, Ferdinando Boero, parla del mare, dei suoi cambiamenti e di quale rete di protezione è possibile applicare al Mediterraneo. Dalle colonne della pagina culturale del Sole 24 Ore arriva una delle penne del giornalismo culturale più autorevoli in Italia: Armando Massarenti. Il filosofo ed epistemologo, direttore del Domenicale della rivista economica, si confronta al chiostro di Sant’Agostino con lo scrittore e autore Paolo Morelli e con il filosofo Achille Varzi sul “filosofare” oggi. Alle 18.30 l’aperitivo col cinema è offerto da Italo Moscati, che traccia la vita e la carriera di due eroine del cinema, molto diverse, ma icone di un’epoca come Anna Magnani e Greta Garbo nel cortile dell’ex liceo. Alle 19, Diego Fusaro, dopo gli interventi di questi ultimi giorni di Festival, sfodera la sua natura di filosofo pieno nella lectio su Hegel al Teatro Annibal Caro. Uno tra i pensatori più complessi del ‘900 tedesco viene analizzato sul tema: tutto è tremendo, ma non irrimediabile. Alle 19 al chiostro di Sant’Agostino per la rassegna con la cultura non si mangia torna Massarenti e spiega come si costruisce un prodotto editoriale culturale di qualità, intervistato da Filippo La Porta. Ultimo giorno infine per i laboratori per i bambini: alle 18 e 21.30 tuffo nella robotica al chiostro di San


Francesco, dove si svolgono anche i laboratori di fisica e chimica. Viaggio al futuro invece con Unicam nel cortile con i percorsi 3D tra castelli e montagne russe. A partire dalle 21.15 nel giardino della Pinacoteca i giochi scientifici con il geologo Paolo Giannoni, excursus sui rischi della natura con Piero Farabolini e dalle 22.30 osservazione di comete e asteroidi.

Futura contro le barriere comunicative Anche in questa terza edizione, Futura, insieme all’Amministrazione comunale, rinnova il suo impegno verso l’abbattimento delle barriere comunicative. Lo fa con una serie di servizi, resi possibili grazie al sostegno dell’Asp Paolo Ricci e in collaborazione con l’Assessorato ai Servizi Sociali, con l’Uici Marche e Macerata (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti) e l’associazione Anios Marche (Associazione Nazionale Interpreti Lingua dei Segni), che ha curato il servizio Lis. Tra le novità, per il pubblico con disabilità visiva sono state preparate delle audio descrizioni con lettori Mp3 per le mostre Semplice e Complesso e RiScattiamo la scienza e i bimbi con disabilità sensoriali possono partecipare a diversi laboratori curati dalla Festa di Scienza e Filosofia di Foligno. Inoltre, è possibile prendere parte al percorso olfattivo che si tiene al Chiostro San Francesco. Per la comunità sorda e ipoacusia sono stati messi in programma sette incontri, predisposti con la

i ragazzi della scuola media “Ungaretti” di Civitanova Alta

lingua dei segni italiana con due interpreti Lis e con il servizio di respeaking (sottotitolazione simultanea), a cura dell’associazione OnA.I.R. Tali incontri sono anche in diretta streaming. “Abbiamo


avuto riscontri positivi – spiega Francesca Cicconi, coordinatrice dei servizi – Ci sono persone che a causa di queste barriere comunicative non hanno mai potuto godere eventi culturali del genere. Il compito di queste azioni è andare verso una reale inclusione”. Aggiunge la dottoressa Mirella Franco, logopedista e consigliere comunale, tra i primi ad adoperarsi per la realizzazione dell’importante progetto: “Sono servizi che danno un senso di civiltà importante. Il nostro impegno è quello di migliorarli sempre di più, allargandone le possibilità. Nella terza edizione del Festival abbiamo lanciato tante sperimentazioni. Dedichiamo l’impegno di quest’anno sull’accessibilità al professor Renato Pigliacampo, ad un mese dalla sua scomparsa, e lo ringraziamo per averci sempre spronato ad intervenire per abbattere le barriere della comunicazione”. E proprio domani due gruppi della Lega del Filo d’Oro e dell’Uici si stanno organizzando per prendere parte alle giornate conclusive del Festival.


Data:

Vivere Civitanova

01/08/2015

Futura Festival: è il giorno di Erri De Luca e dell'antisemitismo di Heidegger --> Futura Festival: è il giorno di Erri De Luca e dell'antisemitismo di Heidegger Parole scandalose, provocatorie, imbarazzanti. A Futura arrivano pensieri nazisti, antisemiti. Sono quelli di Heidegger e degli inediti "Quaderni neri" che hanno diviso il mondo dei pensatori attorno alla figura del filosofo del 900. Chi da vicino ha vissuto questo choc filosofico è Donatella Di Cesare protagonista assieme a Gianni Vattimo e Diego Fusaro dell'atteso incontro di domani alle 23. Ed è proprio la prof.ssa di Filosofia Teoretica alla Sapienza che dalle colonne del Corsera di oggi ha anticipato il suo intervento a Futura Festival, abbattendo un tabù: Heidegger era antisemita. La Di Cesare però non dà un giudizio etico alla questione e non rimane imbarazzata dalle idee del pensatore tedesco. Lontana dal riabilitarle parla di un antisemitismo "metafisico" a cui è attribuito un rango filosofico. "Heidegger si interroga con la scrupolosa radicalità con cui i tedeschi compiono anche gli errori più eclatanti. Ma questo non implica una critica o un ripensamento. Heidegger fa corpo con il popolo tedesco. Non c'è traccia di distanza neppure di fronte alle prove dei crimini", scrive la Di Cesare. Lo scandalo per Heidegger non fu lo sterminio, ma "quello di cui è vittima la Germania, alla quale è stato impedito di compiere la sua missione nella storia". Sicuramente un incontro da non perdere, come immancabile è pure l'appuntamento delle 21.30 con scrittore Erri De Luca, per la seconda volta a Civitanova, stavolta come pensatore e come critico della parola. L'autore, napoletano di origine e con l'amore per la montagna, capace di un lessico sferzante e tenero, viene intervistato da Paolo Di Paolo proprio sul futuro delle parole. E chi meglio di lui che, proprio per una parola, si trova imputato per la vicenda Tav, un caso giudiziario diventato il pamphlet La parola contraria. I l programma di domani primo agosto parte come sempre con la scienza: alle 17.30 al Teatro Annibal Caro il fisico Lucia Votano spiega cosa sia il fantasma dell'universo, ovvero il neutrino, elemento camaleontico che viaggia indenne attraverso la materia da prima del Big Bang ad oggi. Alle 18 Donatella Di Cesare assieme al filosofo Diego Fusaro, gradito ritorno al Festival cerca di spiegare dove trovare e in chi, l'eredità illuministica kantiana. Alle 18.30 al cortile dell'ex liceo, Pietro Greco, giornalista scientifico e autore di programmi tv dialoga con Lucia Votano su cultura e scienza. Alle 19, al chiostro di Sant'Agostino Filippo La Porta, coordinatore di sezione, si cimenta nelle vesti inedite di pensatore con la lectio dedicata alle parole del cambiamento e, dopo i giovani laureandi e dottorandi, a lui è affidato il concetto di "maturità". È uno spettacolo di musica e parole, da lasciare senza fiato, quello previsto alle 19 al Teatro Annibal Caro, dove il linguista Massimo Arcangeli incontra Lorenzo Di Bella. Ne nasce un recital dedicato a Dante, con la poesia della Divina Commedia che incontra le note di Liszt. Lo spettatore può successivamente assistere ad una sorta di traduzione in musica del mito di Ero e Leandro. I laboratori per bambini offrono in questo sabato grande varietà di attività: alle 18 e alle 21 al chiostro di San Francesco costruzione e programmazione di robot a cura di Talent, alle 18.30 e alle 21.30 sempre nel chiostro i laboratori di chimica e fisica del Festival di Foligno. Alle 18.30 al cortile ex liceo Unicam spiega come nasce una cometa e torna alle 18.30 nel giardino della pinacoteca il percorso olfattivo di Mauro Malatini. Alle 21.15 sempre nel giardino "giochiamo insieme", con giochi linguistici e logico matematici animati da Ennio Monachesi, un recital spettacolo sull'umorismo che rivela il lato sciocco delle cose serie, e alle 23 con le parole alle stesse per l'osservazione al telescopio. --> da Futura Festival Tweet Questo è un comunicato stampa inviato il 31/07/2015 pubblicato sul giornale del 01/08/2015 - 58 letture - 0 commenti In questo articolo si parla di civitanova marche, futura festival, spettacoli. L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/amI6 Rilasciato con licenza Creative Commons. Maggiori info: vivere.biz/gkW

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

Iscriviti |

N. 7 - 22 lug 2015

Quindicinale a cura dell’Ufficio Stampa del Consiglio Nazionale delle Ricerche Prima pagina | Editoriale | Focus | Vita CNR | L'altra ricerca | Faccia a faccia | Libreria | Scienza in scena | Appuntamenti | Opportunità | Video del mese

Appuntamenti In questo numero Nanoforum 2015, il Cnr è media partner Parlare oggi del nostro futuro Natura urbana Quando mangiare era un lusso Andar per agrumi Dal culto alla salvaguardia La diplomazia italiana nel XXI secolo

a cura di Sandra Fiore

Parlare oggi del nostro futuro Condividi

Festival

dal: 24/07/2015 al: 02/08/2015

Dal 24 luglio al 2 agosto, gli edifici storici dell'antico incasato di Civitanova Marche (Mc), nella parte alta della città, ospiteranno per il terzo anno consecutivo le attività del 'Futura festival', manifestazione rivolta alla divulgazione della cultura nei suoi vari aspetti: dalla scienza alla filosofia, dalla pittura al cinema, dalla scrittura ai moderni strumenti di comunicazione digitale. Il programma di 'Futura' 2015, dedicato al 'cambiamento dopo la crisi’, offre una calendario denso di eventi: incontri, mostre e laboratori andranno a comporre le sezioni tematiche del Festival. Uno spazio importante sarà dedicato alla ricerca scientifica e al suo fondamentale ruolo nel favorire il progresso umano, con le due mostre curate dal Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), 'Semplice e complesso' e 'Riscattiamo la scienza'. E con una serie di appuntamenti dal titolo 'Il teatro della scienza', in cui interverranno nomi della ricerca italiana come Fernando Ferroni, presidente dell'Istituto nazionale di fisica nucleare, Ilaria Capua, nota per aver reso pubblica la sequenza genetica del virus dell'aviaria, e Ferdinando Boero, zoologo e biologo marino dell'università del Salento e dell'Istituto di scienze marine del Cnr.

Altri Appuntamenti non scaduti Paesaggi in riva al Lago Officina Expo, lezioni sul futuro Vacanze milanesi A spasso con Cesare Come mangiavamo Da dove viene il cibo? Tutti pazzi per i fiori Dalla penicillina alla teoria del colore Per fare l’Italia

n°6 - 2015 n°6 - 2015 n°6 - 2015 n°5 - 2015 n°5 - 2015 n°5 - 2015 n°4 - 2015 n°1 - 2015 n°1 - 2015

Archivio Tematico Salute Informatica Cultura Tecnologia Agroalimentare Socio-economico Ambiente apri archivio

Inizio, venerdì 24 luglio, alle ore 17.00, con il saluto delle autorità, la presentazione delle due mostre e la lectio magistralis del matematico Piergiorgio Odifreddi presso il teatro Annibal Caro. Matteo Massicci Informazioni: Che cosa: 'Futura festival' Quando: dal 24 luglio al 2 settembre 2015, dalle 17:00 alle 24:00 Dove: Civitanova Marche (Mc) Info: http://www.futurafestival.it/programma_futura_2015.pdf, http://www.futurafestival.it/

converted by W eb2PDFConvert.com


CULTURA

0

PIAZZA STRAPIENA A CIVITANOVA PER LO SCRITTORE ERRI DE LUCA

DOMENICA 2 AGOSTO 2015

È stato accolto da una piazza strapiena lo scrittore Erri De Luca, per la seconda volta a Civitanova, ospite di FUTURAFESTIVAL, stavolta come pensatore e come critico della parola. L’autore, napoletano di origine e con l’amore per la montagna, capace di un lessico sferzante e tenero, è stato intervistato da Paolo Di Paolo proprio sul futuro delle parole.

converted by Web2PDFConvert.com


converted by Web2PDFConvert.com


converted by Web2PDFConvert.com


converted by Web2PDFConvert.com


converted by Web2PDFConvert.com


converted by Web2PDFConvert.com


converted by Web2PDFConvert.com


Condividi

Ti potrebbe interessare anche

AUTO IN FIAMME NEL BORGO MARINARO. SI CERCA DI CAPIRE LE CAUSE

“A 34 ANNI, SENZA UN LAVORO, NON È GIUSTO CHE MARITO SI SENTA UN FALLITO”. APPELLO ACCORATO DI UNA CIVITANOVESE CIVITANOVESE: È FALLIMENTO. IL CURATORE È IL DOTT. BENIGNI.

LASCIA UNA RISPOSTA Nome *

Email *

Sito web

Commento

Invia commento

converted by Web2PDFConvert.com


Erri De Luca a Futura: “Tav e trivellazioni sono da sabotare” cronachemaceratesi.it /2015/08/02/erri-de-luca-a-futura-tav-e-trivellazioni-sono-dasabotare/688780/ «A me piace il verbo

Lo scrittore Erri De Luca ospite di Futura Festival

sabotare, ricorda una lotta operaia francese quando gli operai gettarono degli zoccoli per inceppare le macchine a difesa dei colleghi licenziati, lo sciopero è un sabotaggio e io dico che la Tav come pure le trivellazioni in Adriatico vanno sabotate. Esiste una differenza nel nostro Paese fra legalità e giustizia». Erri De Erri De Luca intervistato da Paolo Di Paolo a Futura Luca dal palco di Futura emerge come combattente, rispolvera lo spirito civile e riscuote applausi a scena aperta. È stato il grande protagonista della serata di ieri, quando intervistato da Paolo Di Paolo, ha urlato la sua rabbia contro le ingiustizie sociali e parlato delle vicenda legale che lo vede imputato: «Di un reato previsto dal codice


fascista e che va contro la libertà di espressione» per la sua posizione contro la Val Di Susa. Prima dell’incontro alcuni ragazzi del collettivo Jolly Rogers, assieme all’assessore all’ambiente Cristiana Cecchetti, hanno salutato l’autore con uno striscione di solidarietà con scritto «La lotta non si processa». Lo scrittore ha ringraziato i ragazzi e la loro solidarietà per poi passare sul palco a raccontare di sé e di I ragazzi del collettivo Jolly Rogers espongono uno striscione a sostegno di De Luca come nasce il suo bisogno di scrittura. «La parola è lo strumento di comunicazione migliore che abbiamo ricevuto in dote – afferma Erri De Luca – le parole sono la mia patria. Sono patriota dell’italiano, pur provenendo da un’altra lingua che è il napoletano. La parola è una difesa immunitaria». Quindi torna al suo processo narrato nel pamphlet La parola contraria. «Sono indagato per istigazione a commettere reati. È una possibilità lusinghiera che le mie parole avessero spronato qualcuno, una sorta di mandato a compiere delle azioni». Futura ha concluso il sabato con l’atteso appuntamento sui Quaderni neri di Heidegger. A parlare dello “scandaloso” elaborato, una delle studiose più autorevoli del pensatore tedesco, Donatella Di Cesare, che assieme a Diego Fusaro, ha aperto una via allo studio di questi inediti, che presto saranno pubblicati anche in Italia. «Lo scandalo Donatella Di Cesare e Diego Fusaro hanno trattato i “Quaderni Neri” di Heidegger più grosso dei Quaderni neri riguarda l’antisemitismo metafisico presente nell’ultimo libro – afferma la Di Cesare – che offre uno spaccato sulla filosofia di Heidegger e sulla Germania di quel periodo. Il problema è che sono uno choc nel mondo della cultura e a ragion veduta perché presentano prospettive diverse e ci costringono a ripensare e rivedere molti luoghi comuni. I Quaderni neri rappresentano un nuovo capitolo che si apre per un confronto critico dell’opera di Heidegger e dal periodo che va dagli anni 30 in poi. Heidegger ipotizza non un quarto reich ma un predominio della Germania in Europa (“Lo scandalo non è lo


sterminio, ma avere impedito alla Germania di compiere la sua missione nella storia�) che alla luce della recente politica economica risulta quanto mai attuale.


Futura chiude con Matteo Garrone e Peppe Barra cronachemaceratesi.it /2015/08/01/futura-chiude-con-matteo-garrone-e-peppe-barra/688454/

Gran finale per Futura che domani saluta il pubblico e dà appuntamento al 2016 con Peppe Barra e Matteo Garrone. Dopo dieci giorni di incontri, lectio, laboratori e spettacoli, il Festival lancia il regista de Il racconto dei racconti e Gomorra e il musicista e attore Peppe Barra per il concerto finale. Garrone, il nome che Futura ha scelto Matteo Garrone ospite domani a Futura alle 21.30 quest’anno dopo Paolo Sorrentino e Paolo Virzì, è ospite domani 2 agosto, alle 21,30 in piazza della Libertà, intervistato da Italo Moscati, sul suo ultimo film con il quale ha concorso al Festival di Cannes ispirato alla raccolta di fiabe Lo cunto


de li cunti di Giambattista Basile. Ma le favole popolari napoletane sono al centro anche di un lavoro dell’altro grande ospite dell’ultima serata: Peppe Barra, con lo spettacolo Canti e Racconti. Un’esibizione che sintetizza le qualità di attore e cantante di Barra, che racconta e si racconta con semplicità, avvalendosi di un immenso bagaglio artistico e culturale. L’artista, che firma anche la regia, fa di questo spettacolo un tributo alla sua carriera, alla sua famiglia e ai grandi autori di Napoli, da Eduardo a Totò, da Di Giacomo a Basile. L’ultimo pomeriggio di Futura è ricco di appuntamenti: si comincia alle 17.30 con il teatro della scienza dove il biologo marino, Ferdinando Boero, parla del mare, dei suoi cambiamenti e di quale rete di protezione è possibile applicare al Mediterraneo. Dalle colonne della pagina culturale del Sole 24 Ore arriva una delle penne del giornalismo culturale più autorevoli in Italia: Armando Massarenti. Il filosofo ed epistemologo, direttore del Domenicale della peppe barra 2006 – auditorium rai napoli rivista economica, si confronta al chiostro di Sant’Agostino con lo scrittore e autore Paolo Morelli e con il filosofo Achille Varzi sul “filosofare” oggi. Alle 18.30 l’aperitivo col cinema è offerto da Italo Moscati, che traccia la vita e la carriera di due eroine del cinema, molto diverse, ma icone di un’epoca come Anna Magnani e Greta Garbo nel cortile dell’ex liceo. Alle 19, Diego Fusaro, dopo gli interventi di questi ultimi giorni di Festival, sfodera la sua natura di filosofo pieno nella lectio su Hegel al Teatro Annibal Caro. Uno tra i pensatori più complessi del ‘900 tedesco viene analizzato sul tema: tutto è tremendo, ma non irrimediabile. Alle 19 al chiostro di Sant’Agostino per la rassegna con la cultura non si mangia torna Massarenti e spiega come si costruisce un prodotto editoriale culturale di qualità, intervistato da Filippo La Porta. Ultimo giorno infine per i laboratori per i bambini: alle 18 e 21.30 tuffo nella robotica al chiostro di San Francesco, dove si svolgono anche i laboratori di fisica e chimica. Viaggio al futuro invece con Unicam nel cortile con i percorsi 3D tra castelli e montagne russe. A partire dalle 21.15 nel giardino della Pinacoteca i giochi scientifici con il geologo Paolo Giannoni, excursus sui rischi della natura con Piero Farabolini e dalle 22.30 osservazione di comete e asteroidi.


Futura Festival, Erri De Luca: “Tav e trivellazioni sono da sabotare” ilmascalzone.it /2015/08/futura-festival-erri-de-luca-tav-e-trivellazioni-sono-da-sabotare/ Redazione Decisa posizione dello scrittore napoletano sulla differenza tra legalità e giustizia. Piazza con più di mille persone. Ieri chiusura di giornata con lo choccante incontro su Heidegger: “Lo scandalo non è lo sterminio, ma avere impedito alla Germania di compiere la sua missione nella storia”.

Civitanova 02/08/2015 – “A me piace il verbo sabotare, ricorda una lotta operaia francese quando gli operai Erri De Luca gettarono degli zoccoli per inceppare le macchine a difesa dei colleghi licenziati, lo sciopero è un sabotaggio e io dico che la Tav come pure le trivellazioni in Adriatico vanno sabotate. Esiste una differenza nel nostro Paese fra legalità e giustizia”. Erri De Luca dal palco di Futura emerge come combattente, rispolvera lo spirito civile e riscuote applausi a scena aperta. È stato il grande protagonista della serata di sabato, quando intervistato da Paolo Di Paolo, ha urlato la sua rabbia contro le ingiustizie sociali e parlato delle vicenda legale che lo vede imputato “di un reato previsto dal codice fascista e che va contro la libertà di espressione” per la sua posizione contro la Val Di Susa. Prima dell’incontro alcuni ragazzi del collettivo Jolly Rogers, assieme all’assessore all’ambiente Cristiana Cecchetti, hanno salutato l’autore con uno striscione di solidarietà con scritto “La lotta non si processa”. Lo scrittore ha ringraziato i ragazzi e la loro solidarietà per poi passare sul palco a raccontare di sé e di come nasce il suo bisogno di scrittura. De Luca è un autore “operaio” arrivato alla letteratura quasi per caso, ma soppesa, cuce, incastona ogni parola con consapevolezza e attenzione. Ne escono opere che sono al tempo stesso pesanti come macigni e leggere, come solo la grande letteratura sa essere. “La parola è lo strumento di comunicazione migliore che abbiamo ricevuto in dote – afferma Erri De Luca – le parole sono la mia patria. Sono patriota dell’italiano, pur provenendo da un’altra lingua che è il napoletano. La parola è una difesa immunitaria”. E poi torna sulla vicenda giudiziaria che lo vede imputato e che viene narrata nel pamphlet La parola contraria. “Sono indagato per istigazione a commettere reati. È una possibilità lusinghiera che le mie parole avessero spronato qualcuno, una sorta di mandato a compiere delle azioni”. Molto più civile e impegnato rispetto all’ultima volta in cui De Luca è stato ospite a Civitanova, dove ha portato in scena uno spettacolo di musica e parole con Gian Maria Testa, l’autore è stato tra i più ascoltati nei 10 giorni del Festival. Futura ha concluso il sabato con l’atteso appuntamento sui Quaderni neri di Heidegger. A parlare dello “scandaloso” elaborato, una delle studiose più autorevoli del pensatore tedesco, Donatella Di Cesare, che assieme a Diego Fusaro, ha aperto una via allo studio di questi inediti, che presto saranno pubblicati anche in Italia.


“Lo scandalo più grosso dei Quaderni neri riguarda l’antisemitismo metafisico presente nell’ultimo libro – afferma la Di Cesare – che offre uno spaccato sulla filosofia di Heidegger e sulla Germania di quel periodo. Il problema è che sono uno choc nel mondo della cultura e a ragion veduta perché presentano prospettive diverse e ci costringono a ripensare e rivedere molti luoghi comuni. I Quaderni neri rappresentano un nuovo capitolo che si apre per un confronto critico dell’opera di Heidegger e dal periodo che va dagli anni 30 in poi”. Heidegger ipotizza non un quarto reich ma un predominio della Germania in Europa (“Lo scandalo non è lo sterminio, ma avere impedito alla Germania di compiere la sua missione nella storia”) che alla luce della recente politica economica risulta quanto mai attuale.

Erri De Luca a Futura


Data:

CivitanovaLive.it

02/08/2015

PIAZZA STRAPIENA A CIVITANOVA PER LO SCRITTORE ERRI DE LUC A PIAZZA STRAPIENA A CIVITANOVA PER LO SCRITTORE ERRI DE LUCA domenica 2 agosto 2015 È stato accolto da una piazza strapiena lo scrittore Erri De Luca, per la seconda volta a Civitanova, ospite di FUTURAFESTIVAL, stavolta come pensatore e come critico della parola. L'autore, napoletano di origine e con l'amore per la montagna, capace di un lessico sferzante e tenero, è stato intervistato da Paolo Di Paolo proprio sul futuro delle parole.

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Data:

Vivere Civitanova

03/08/2015

Erri De Luca dal palco di Futura: 'Tav e trivellazioni sono da sabotare' --> Erri De Luca dal palco di Futura: 'Tav e trivellazioni sono da sabotare' A me piace il verbo sabotare, ricorda una lotta operaia francese quando gli operai gettarono degli zoccoli per inceppare le macchine a difesa dei colleghi licenziati, lo sciopero è un sabotaggio e io dico che la Tav come pure le trivellazioni in Adriatico vanno sabotate. Esiste una differenza nel nostro Paese fra legalità e giustizia". Erri De Luca dal palco di Futura emerge come combattente, rispolvera lo spirito civile e riscuote applausi a scena aperta. È stato il grande protagonista della serata di sabato, quando intervistato da Paolo Di Paolo, ha urlato la sua rabbia contro le ingiustizie sociali e parlato delle vicenda legale che lo vede imputato "di un reato previsto dal codice fascista e che va contro la libertà di espressione" per la sua posizione contro la Val Di Susa. Prima dell'incontro alcuni ragazzi del collettivo Jolly Rogers, assieme all'assessore all'ambiente Cristiana Cecchetti, hanno salutato l'autore con uno striscione di solidarietà con scritto "La lotta non si processa". Lo scrittore ha ringraziato i ragazzi e la loro solidarietà per poi passare sul palco a raccontare di sé e di come nasce il suo bisogno di scrittura. De Luca è un autore "operaio" arrivato alla letteratura quasi per caso, ma soppesa, cuce, incastona ogni parola con consapevolezza e attenzione. Ne escono opere che sono al tempo stesso pesanti come macigni e leggere, come solo la grande letteratura sa essere. "La parola è lo strumento di comunicazione migliore che abbiamo ricevuto in dote afferma Erri De Luca - le parole sono la mia patria. Sono patriota dell'italiano, pur provenendo da un'altra lingua che è il napoletano. La parola è una difesa immunitaria". E poi torna sulla vicenda giudiziaria che lo vede imputato e che viene narrata nel pamphlet La parola contraria . "Sono indagato per istigazione a commettere reati. È una possibilità lusinghiera che le mie parole avessero spronato qualcuno, una sorta di mandato a compiere delle azioni". Molto più civile e impegnato rispetto all'ultima volta in cui De Luca è stato ospite a Civitanova, dove ha portato in scena uno spettacolo di musica e parole con Gian Maria Testa, l'autore è stato tra i più ascoltati nei 10 giorni del Festival. Futura ha concluso il sabato con l'atteso appuntamento sui Quaderni neri di Heidegger. A parlare dello "scandaloso" elaborato, una delle studiose più autorevoli del pensatore tedesco, Donatella Di Cesare, che assieme a Diego Fusaro, ha aperto una via allo studio di questi inediti, che presto saranno pubblicati anche in Italia. "Lo scandalo più grosso dei Quaderni neri riguarda l'antisemitismo metafisico presente nell'ultimo libro afferma la Di Cesare - che offre uno spaccato sulla filosofia di Heidegger e sulla Germania di quel periodo. Il problema è che sono uno choc nel mondo della cultura e a ragion veduta perché presentano prospettive diverse e ci costringono a ripensare e rivedere molti luoghi comuni. I Quaderni neri rappresentano un nuovo capitolo che si apre per un confronto critico dell'opera di Heidegger e dal periodo che va dagli anni 30 in poi". Heidegger ipotizza non un quarto reich ma un predominio della Germania in Europa ("Lo scandalo non è lo sterminio, ma avere impedito alla Germania di compiere la sua missione nella storia") che alla luce della recente politica economica risulta quanto mai attuale. --> da Futura Festival Tweet Questo è un comunicato stampa inviato il 02/08/2015 pubblicato sul giornale del 03/08/2015 - 72 letture - 0 commenti In questo articolo si parla di attualità, civitanova marche, futura festival. L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/amLo Rilasciato con licenza Creative Commons. Maggiori info: vivere.biz/gkW

PRESSToday (carlo@essercicomunicazione.it)

1

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


5/8/2015

FUTURA È GIÀ GRANDE E LANCIA IL 2016 CON VITA NOVA - CivitanovaLive

Home attualità cronaca cultura economia famiglie giovani News dalla Regione

CULTURA

0

FUTURA È GIÀ GRANDE E LANCIA IL 2016 CON VITA NOVA

LUNEDÌ 3 AGOSTO 2015

È stato l’anno della maturità. Futura incassa alla sua terza edizione un successo che va al di là delle presenze in piazza e dei numeri degli appuntamenti. http://www.civitanovalive.it/futura-e-gia-grande-e-lancia-il-2016-con-vita-nova/

1/12


5/8/2015

FUTURA È GIÀ GRANDE E LANCIA IL 2016 CON VITA NOVA - CivitanovaLive

Il Festival diretto da Gino Troli è diventato uno spazio di discussione, dibattito e confronto di respiro nazionale e aperto anche a questioni attuali internazionali. “Un festival identitario per Civitanova – afferma il direttore artistico – che ha già preso la sua forma in questi tre anni. Lanciamo fin da ora il tema della prossima edizione, Vita Nova, un omaggio ad Annibal Caro a 450 anni dalla sua scomparsa. Tra l’altro nel 2016 ricorrono 50 anni dalla prima regia di Luca Ronconi, una commedia allestita proprio in questa città”. Sicuramente da incorniciare la serata con David Grossman, l’autore israeliano che, dopo aver parlato del suo ultimo lavoro editoriale, ha affrontato la questione tra Israele e la Palestina, etichettando come inconcepibile ciò che sta accadendo. “Ci vuole coraggio per cambiare le cose, ma non lo vedo nei nostri leader” ha detto dal palco di piazza della Libertà. Attualità anche nell’incontro con Erri De Luca che lancia una provocazione ripresa dai quotidiani nazionali “Tav e http://www.civitanovalive.it/futura-e-gia-grande-e-lancia-il-2016-con-vita-nova/

2/12


5/8/2015

FUTURA È GIÀ GRANDE E LANCIA IL 2016 CON VITA NOVA - CivitanovaLive

trivellazioni in Adriatico sono da sabotare”. La scienza ha goduto di appuntamenti straordinari, con la presenza di otto studiosi tra i più importanti in Italia: Fernando Ferroni, Eugenio Coccia, Ilaria Capua, Lucia Votano, Giorgio Vallortigara, Piergiorgio Odifreddi, Corrado Sinigaglia e Ferdinando Boero. Anche i più piccoli hanno potuto scoprire “i misteri” della scienza con i tanti laboratori organizzati in questi dieci giorni dai partner culturali: l’Università di Camerino, l’Associazione Alpha Gemini e l’Istituto Sant’Agostino di Civitanova Alta, la “Festa di Scienza di Filosofia” di Foligno e Talent. Mille le presenze registrate in queste attività, di cui 800 proprio bambini. E soprattutto a loro sono rivolte la mostre, ancora allestite, Semplice e Complesso e RiScattiamo la scienza, a cura del Consiglio Nazionale delle Ricerche, un viaggio attraverso le “magie” dei liquidi, della materia, dei moti e della geometria della natura. “Emozionante la partecipazione della città, dei ragazzi, delle http://www.civitanovalive.it/futura-e-gia-grande-e-lancia-il-2016-con-vita-nova/

3/12


5/8/2015

FUTURA È GIÀ GRANDE E LANCIA IL 2016 CON VITA NOVA - CivitanovaLive

scuole – dichiara il sindaco Tommaso Corvatta – che sono stati veri attori del Festival”. Il cinema ha visto alternarsi sul palco tre registi di assoluto valore, da Cristina Comencini che ha criticato il Paese per la bassa percentuale di occupazione femminile e maternità, a Giuseppe Piccioni che con rammarico ha dichiarato di non essere riuscito mai a girare un film nella sua regione – le Marche – fino alla conclusione di ieri con Matteo Garrone. “Futura è caratterizzato dalla curiosità di ascoltare da parte del pubblico, desideroso di arricchirsi da questi incontri – dichiara l’assessore alla Cultura Giulio Silenzi – . Si viene a Civitanova per pensare e di questi tempi è un fatto rivoluzionario, sicuramente in controtendenza. La città con questo Festival si interroga sulle nuove tendenze”. E poi la filosofia che ha visto dibattere tanti protagonisti tra cui Donatella Di Cesare e Diego Fusaro sui Quaderni Neri di Martin Heidegger. Un tema talmente choccante da valere una intera pagina del Corriere http://www.civitanovalive.it/futura-e-gia-grande-e-lancia-il-2016-con-vita-nova/

4/12


5/8/2015

FUTURA È GIÀ GRANDE E LANCIA IL 2016 CON VITA NOVA - CivitanovaLive

della Sera, che ha anticipato l’intervento della professoressa di Filosofia teoretica alla Sapienza. Le parole antisemite del filosofo tedesco non si faranno dimenticare: “Lo scandalo non è lo sterminio, ma avere impedito alla Germania di compiere la sua missione nella storia”. “Futura si è distinta anche per il suo impegno verso l’abbattimento delle barriere comunicative – ricorda la presidente TDiC Rosetta Martellini – . Grazie al sostegno dell’Asp Paolo Ricci e in collaborazione con l’Assessorato ai Servizi Sociali, con l’Uici Marche e Macerata (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti) e l’associazione Anios Marche (Associazione Nazionale Interpreti Lingua dei Segni), che ha curato il servizio Lis, sono stati messi in programma sette incontri, predisposti con la lingua dei segni italiana con due interpreti e con il servizio di respeaking (sottotitolazione simultanea), a cura dell’associazione OnA.I.R”. Tra le novità, per il pubblico con disabilità visiva sono state http://www.civitanovalive.it/futura-e-gia-grande-e-lancia-il-2016-con-vita-nova/

5/12


5/8/2015

FUTURA È GIÀ GRANDE E LANCIA IL 2016 CON VITA NOVA - CivitanovaLive

preparate delle audio descrizioni con lettori Mp3 per le mostre Semplice e Complesso e RiScattiamo la scienza e i bimbi con disabilità sensoriali hanno potuto partecipare a diversi laboratori, da quello olfattivo a quelli curati dalla Festa di Scienza e Filosofia di Foligno. Il servizio è stato talmente apprezzato che alla segreteria del Festival sono arrivati i complimenti dalla Lega del Filo d’Oro che ha partecipato agli appuntamenti dell’ultimo fine settimana. Il Festival, che ha visto la programmazione di 120 eventi con quasi 70 ospiti e dal costo complessivo di 160mila euro (tra fondi pubblici e privati), è sostenuto dall’official sponsor Gleam Bijoux. Altro sponsor è Coop Adriatica, gli sponsor tecnici sono Hotel Miramare, Adriatica Pubblicità, Il Resto del Carlino, Auto Club Marche, Cantine Fontezoppa, Arredamenti Maurizi, Pellegrini Garden, Cerolini e Varnelli. Importante l’apporto dei partner culturali Unicam-Università di Camerino, Cnr (Consiglio Nazionale delle Ricerche), http://www.civitanovalive.it/futura-e-gia-grande-e-lancia-il-2016-con-vita-nova/

6/12


5/8/2015

FUTURA È GIÀ GRANDE E LANCIA IL 2016 CON VITA NOVA - CivitanovaLive

pinacoteca civica Marco Moretti, biblioteca comunale Silvio Zavatti, Civitanova Danza, Crisi (Centro di ricerca interdisciplinare di storia delle idee), Mondadori education, Le Monnier, Sotto gli auspici del Centro per il libro e la cultura. Il tutto anche grazie al contributo del Comune di Civitanova e dell’Azienda dei Teatri, della Regione Marche, della Provincia di Macerata e della Camera di Commercio.

http://www.civitanovalive.it/futura-e-gia-grande-e-lancia-il-2016-con-vita-nova/

7/12


5/8/2015

FUTURA È GIÀ GRANDE E LANCIA IL 2016 CON VITA NOVA - CivitanovaLive

http://www.civitanovalive.it/futura-e-gia-grande-e-lancia-il-2016-con-vita-nova/

8/12


5/8/2015

FUTURA È GIÀ GRANDE E LANCIA IL 2016 CON VITA NOVA - CivitanovaLive

http://www.civitanovalive.it/futura-e-gia-grande-e-lancia-il-2016-con-vita-nova/

9/12


5/8/2015

FUTURA È GIÀ GRANDE E LANCIA IL 2016 CON VITA NOVA - CivitanovaLive

http://www.civitanovalive.it/futura-e-gia-grande-e-lancia-il-2016-con-vita-nova/

10/12


5/8/2015

FUTURA È GIÀ GRANDE E LANCIA IL 2016 CON VITA NOVA - CivitanovaLive

http://www.civitanovalive.it/futura-e-gia-grande-e-lancia-il-2016-con-vita-nova/

11/12


5/8/2015

FUTURA È GIÀ GRANDE E LANCIA IL 2016 CON VITA NOVA - CivitanovaLive

http://www.civitanovalive.it/futura-e-gia-grande-e-lancia-il-2016-con-vita-nova/

12/12


Futura saluta i suoi 16mila spettatori e lancia il 2016 con Vita Nova cronachemaceratesi.it /2015/08/03/futura-saluta-i-suoi-16mila-spettatori-e-lancia-il-2016-con-vitanova/689099/

La piazza di Civitanova Alta durante Futura

di Laura Boccanera Dopo “Todo cambia” sarà “Vita nova” il tema dell’edizione 2016 di Futura. Mandata in archivio la terza edizione, quella della maturità, come l’hanno definita gli organizzatori, il festival civitanovese svela alcune anticipazioni per il prossimo anno, dai titoli alle tematiche. Futura ha chiuso ieri

Peppe Barra e Matteo Garrone ieri sera per la serata conclusiva di Futura


sera con il regista Matteo Garrone le due settimane di appuntamenti ed incontri. Superiori a 16mila le presenze secondo gli organizzatori, con una media di 2 mila spettatori a serata per i 10 giorni di festival. Ieri sera piazza della Libertà ha accolto prima il regista di Gomorra e di Il Racconto dei racconti e poi la grinta e la sfrontatezza di Peppe Barra, continuando con un fil rouge la saga dei racconti di Basile, cantati come novelle da Barra in dialetto e accompagnate a classici della musica napoletana Tammurriata nera su tutte, ma anche sperimentazioni ardite come la versione napoletana di “No women no cry” diventata “Non chiagnere chiù”. Soddisfazione questa mattina nel resoconto stilato dagli organizzatori in particolare dal direttore artistico Gino Troli che ha anche anticipato alcune importanti novità: «Abbiamo visto che la sezione scientifica è molto apprezzata e a grande richiesta insisteremo su quella nella prossima edizione. In una fascia oraria non facile come il pomeriggio alle 17,30 abbiamo notato un pubblico attento e costante. In tre anni abbiamo cercato di riuscire nel compito che ci era stato affidato di creare un festival identitario tanto che dagli input emersi in questa edizione abbiamo potuto anche già formulare i temi del prossimo anno». Prendendo in prestito l’opera dantesca con Vita Nova il festival si rivolgerà al futuro appena nato, quindi largo spazio ai giovani e ai temi del mondo giovanile, più spazio a relatrici donne e in occasione dei 450 anni dalla morte di Annibal Caro un incontro dedicato al futuro della traduzione e sulla scia delle celebrazioni anche un omaggio alla prima regia teatrale di Luca Ronconi tenuto a battesimo proprio a Civitanova con “Gli straccioni” nel 1966. Da Grossman a Erri De Luca, da Piergiorgio Odifreddi a Eugenio Coccia, Michele Mirabella, Luciano Canfora, ma anche tanti laboratori sempre pieni per chimica, fisica e matematica e l’iniziativa apprezzatissima della traduzione nella lingua dei segni e sottotitoli con re speaking. «Emozionante la partecipazione della Barra sul palco città, dei ragazzi, delle scuole – dichiara il sindaco Tommaso Corvatta – che sono stati veri attori del Festival». «Il pubblico di Futura è un pubblico che non vaga, viene appositamente per ascoltare, motivato anche in incontri di altissimo livello – spiega la presidente dei TdC Rosetta Martellini – e si è distinta anche per il suo impegno verso l’abbattimento delle barriere comunicative. Grazie al sostegno dell’Asp Paolo Ricci e in collaborazione con l’Assessorato ai Servizi Sociali, con l’Uici Marche e Macerata (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti) e l’associazione Anios Marche (Associazione Nazionale Interpreti Lingua dei Segni), che ha curato il servizio Lis, sono stati messi in programma sette incontri, predisposti con la lingua dei segni italiana con due interpreti e con il servizio di sottotitolazione simultanea». Un servizio che è stato talmente apprezzato da ricevere i complimenti dalla Lega del Filo d’Oro che ha partecipato agli appuntamenti dell’ultimo fine settimana. Il festival chiude così una maratona di 120 eventi con quasi 70 ospiti e dal costo complessivo di 160mila euro (tra fondi pubblici e privati), e circa 90 collaboratori al lavoro full time per le due settimane.


La conferenza di chiusura del festival con Alfredo Di Lupidio, Rosetta Martellini, Matteo Massucci, Gino Troli, il sindaco Tommaso Corvatta e Giulio Silenzi


Futura Festival è già grande e lancia il 2016 con Vita Nova ilmascalzone.it /2015/08/futura-festival-e-gia-grande-e-lancia-il-2016-con-vita-nova/ Redazione Il Festival diretto da Gino Troli è diventato uno spazio di discussione, dibattito e confronto di respiro nazionale e aperto anche a questioni attuali internazionali

Civitanova 03/08/2015 – È stato l’anno della maturità. Futura incassa alla sua terza edizione un successo che va al di là delle presenze in piazza e dei numeri degli appuntamenti. concerto Il Festival diretto da Gino Troli è diventato uno spazio di discussione, dibattito e confronto di respiro nazionale e aperto anche a questioni attuali internazionali. “Un festival identitario per Civitanova – afferma il direttore artistico – che ha già preso la sua forma in questi tre anni. Lanciamo fin da ora il tema della prossima edizione, Vita Nova, un omaggio ad Annibal Caro a 450 anni dalla sua scomparsa. Tra l’altro nel 2016 ricorrono 50 anni dalla prima regia di Luca Ronconi, una commedia allestita proprio in questa città”.

Sicuramente da incorniciare la serata con David Grossman, l’autore israeliano che, dopo aver parlato del suo ultimo lavoro editoriale, ha affrontato la questione tra Israele e la Palestina, etichettando come inconcepibile ciò che sta accadendo. “Ci vuole coraggio per cambiare le cose, ma non lo vedo nei nostri leader” ha detto dal palco di piazza della Libertà. Attualità anche nell’incontro con Erri De Luca che lancia una provocazione ripresa dai quotidiani nazionali “Tav e trivellazioni in Adriatico sono da sabotare”. La scienza ha goduto di appuntamenti straordinari, con la presenza di otto studiosi tra i più importanti in Italia: Fernando Ferroni, Eugenio Coccia, Ilaria Capua, Lucia Votano, Giorgio Vallortigara, Piergiorgio Odifreddi, Corrado Sinigaglia e Ferdinando Boero. Anche i più piccoli hanno potuto scoprire “i misteri” della scienza con i tanti laboratori organizzati in questi dieci giorni dai partner culturali: l’Università di Camerino, l’Associazione Alpha Gemini e l’Istituto Sant’Agostino di Civitanova Alta, la “Festa di Scienza di Filosofia” di Foligno e Talent. Mille le presenze registrate in queste attività, di cui 800 proprio bambini. E soprattutto a loro sono rivolte la mostre, ancora allestite, Semplice e Complesso e RiScattiamo la scienza, a cura del Consiglio Nazionale delle Ricerche, un viaggio attraverso le “magie” dei liquidi, della materia, dei moti e della geometria della natura. “Emozionante la partecipazione della città, dei ragazzi, delle scuole – dichiara il sindaco Tommaso Corvatta – che sono stati veri attori del Festival”. Il cinema ha visto alternarsi sul palco tre registi di assoluto valore, da Cristina Comencini che ha criticato il Paese per la bassa percentuale di occupazione femminile e maternità, a Giuseppe Piccioni che con rammarico ha dichiarato di non essere riuscito mai a girare un film nella sua regione – le Marche – fino alla conclusione di ieri con Matteo Garrone. “Futura è caratterizzato dalla curiosità di ascoltare da parte del pubblico, desideroso di arricchirsi da questi


incontri – dichiara l’assessore alla Cultura Giulio Silenzi – . Si viene a Civitanova per pensare e di questi

Peppe Barra

tempi è un fatto rivoluzionario, sicuramente in controtendenza. La città con questo Festival si interroga sulle nuove tendenze”. E poi la filosofia che ha visto dibattere tanti protagonisti tra cui Donatella Di Cesare e Diego Fusaro sui Quaderni Neri di Martin Heidegger. Un tema talmente choccante da valere una intera pagina del Corriere della Sera, che ha anticipato l’intervento della professoressa di Filosofia teoretica alla Sapienza. Le parole antisemite del filosofo tedesco non si faranno dimenticare: “Lo scandalo non è lo sterminio, ma avere impedito alla Germania di compiere la sua missione nella storia”. “Futura si è distinta anche per il suo impegno verso l’abbattimento delle barriere comunicative – ricorda la presidente TDiC Rosetta Martellini – . Grazie al sostegno dell’Asp Paolo Ricci e in collaborazione con l’Assessorato ai Servizi Sociali, con l’Uici Marche e Macerata (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti) e l’associazione Anios Marche (Associazione Nazionale Interpreti Lingua dei Segni), che ha curato il servizio Lis, sono stati messi in programma sette incontri, predisposti con la lingua dei segni italiana con due interpreti e con il servizio di respeaking (sottotitolazione simultanea), a cura dell’associazione OnA.I.R”. Tra le novità, per il pubblico con disabilità visiva sono state preparate delle audio descrizioni con lettori Mp3 per le mostre Semplice e Complesso e RiScattiamo la scienza e i bimbi con disabilità sensoriali hanno potuto partecipare a diversi laboratori, da quello olfattivo a quelli curati dalla Festa di Scienza e Filosofia di Foligno. Il servizio è stato talmente apprezzato che alla segreteria del Festival sono arrivati i complimenti dalla Lega del Filo d’Oro che ha partecipato agli appuntamenti dell’ultimo fine settimana. (nelle foto la serata di ieri e la conferenza odierna)


Garrone

Il Festival, che ha visto la programmazione di 120 eventi con quasi 70 ospiti e dal costo complessivo di 160mila euro (tra fondi pubblici e privati), è sostenuto dall’official sponsor Gleam Bijoux. Altro sponsor è Coop Adriatica, gli sponsor tecnici sono Hotel Miramare, Adriatica Pubblicità, Il Resto del Carlino, Auto Club Marche, Cantine Fontezoppa, Arredamenti Maurizi, Pellegrini Garden, Cerolini e Varnelli. Importante l’apporto dei partner culturali Unicam-Università di Camerino, Cnr (Consiglio Nazionale delle Ricerche), pinacoteca civica Marco Moretti, biblioteca comunale Silvio Zavatti, Civitanova Danza, Crisi (Centro di ricerca interdisciplinare di storia delle idee), Mondadori education, Le Monnier, Sotto gli auspici del Centro per il libro e la cultura. Il tutto anche grazie al contributo del Comune di Civitanova e dell’Azienda dei Teatri, della Regione Marche, della Provincia di Macerata e della Camera di Commercio.


FDM


Informativa

x

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Altre Città

CIVITANOVA MARCHE CULTURA

Futura, De Luca arringa il pubblico: “Mi piace la parola sabotare’’ Lo scrittore protagonista a Civitanova. Striscione di solidarietà del Jolly Rogers

Erri De Luca: "Sabotate le trivelle". Striscione di solidarietà del Jolly Rogers

Civitanova Marche, 3 agosto 2015 - “A me piace il verbo sabotare, ricorda una lotta operaia francese quando gli operai gettarono degli zoccoli per inceppare le macchine a difesa dei colleghi licenziati, lo sciopero è un sabotaggio e io dico che la Tav come pure le trivellazioni in Adriatico vanno sabotate. Esiste una differenza nel nostro Paese fra legalità e giustizia”. Così Erri De Luca dal palco di Futura Festival a Civitanova. Lo scrittore è stato il protagonista della serata di sabato, quando intervistato da Paolo Di Paolo, ha urlato la sua rabbia contro le ingiustizie sociali e parlato delle vicenda legale che lo vede imputato “di un reato previsto dal codice fascista e che va contro la libertà di espressione” per la sua posizione contro la Val Di Susa. Prima dell’incontro alcuni ragazzi del collettivo Jolly Rogers, assieme all’assessore all’ambiente Cristiana Cecchetti, hanno salutato l’autore con uno striscione di solidarietà con scritto “La lotta non si processa”. Lo scrittore ha ringraziato i ragazzi e la loro solidarietà per poi passare sul palco a raccontare di sé e di come nasce il suo bisogno di scrittura. De Luca è un autore “operaio” arrivato alla letteratura quasi per caso. Ne escono opere che sono al tempo stesso pesanti come macigni e leggere, come solo la grande letteratura sa essere. “La parola è lo strumento di comunicazione migliore che abbiamo ricevuto in dote – afferma Erri De Luca - le parole sono la mia patria. Sono patriota dell’italiano, pur provenendo da un’altra lingua che è il napoletano. La parola è una difesa immunitaria”. E poi torna sulla vicenda giudiziaria che lo vede imputato e che viene narrata nel pamphlet La parola contraria. “Sono indagato per istigazione a commettere reati. È una possibilità lusinghiera che le mie parole avessero spronato qualcuno, una sorta di mandato a compiere delle azioni”.

converted by Web2PDFConvert.com


5/8/2015

Futura è già grande e lancia il 2016 con Vita Nova - Notizie Marche e provincia

Futura è già grande e lancia il 2016 con Vita Nova È stato l'anno della maturità. Futura incassa alla sua terza edizione un successo che va al di là delle presenze in piazza e dei numeri degli appuntamenti. Il Festival diretto da Gino Troli è diventato uno spazio di discussione, dibattito e confronto di respiro nazionale e aperto anche a questioni attuali internazionali. "Un festival identitario per Civitanova – afferma il direttore artistico – che ha già preso la sua forma in questi tre anni. Lanciamo fin da ora il tema della prossima edizione, Vita Nova, un omaggio ad Annibal Caro a 450 anni dalla sua scomparsa. Tra l'altro nel 2016 ricorrono 50 anni dalla prima regia di Luca Ronconi, una commedia allestita proprio in questa città". Sicuramente da incorniciare la serata con David Grossman, l'autore israeliano che, dopo aver parlato del suo ultimo lavoro editoriale, ha affrontato la questione tra Israele e la Palestina, etichettando come inconcepibile ciò che sta accadendo. "Ci vuole coraggio per cambiare le cose, ma non lo vedo nei nostri leader" ha detto dal palco di piazza della Libertà. Attualità anche nell'incontro con Erri De Luca che lancia una provocazione ripresa dai quotidiani nazionali "Tav e trivellazioni in Adriatico sono da sabotare". La  scienza ha goduto di appuntamenti straordinari, con la presenza di otto studiosi tra i più importanti in Italia: Fernando Ferroni, Eugenio Coccia, Ilaria Capua, Lucia Votano, Giorgio Vallortigara, Piergiorgio Odifreddi, Corrado Sinigaglia e Ferdinando Boero. Anche i più piccoli hanno potuto scoprire "i misteri" della scienza con i tanti laboratori organizzati in questi dieci giorni dai partner culturali: l'Università di Camerino, l'Associazione Alpha Gemini e l'Istituto Sant'Agostino di Civitanova Alta, la "Festa di Scienza di Filosofia" di Foligno e Talent. Mille le presenze registrate in queste attività, di cui 800 proprio bambini. E soprattutto a loro sono rivolte la mostre, ancora allestite, Semplice e Complesso e RiScattiamo la scienza, a cura del Consiglio Nazionale delle Ricerche, un viaggio attraverso le "magie" dei liquidi, della materia, dei moti e della geometria della natura. "Emozionante la partecipazione della città, dei ragazzi, delle scuole – dichiara il sindaco Tommaso Corvatta – che sono stati veri attori del http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1447&url=http://lascansione.net/macerata/futura-e-gia-grande-e-lancia-il-2016-con-vita-nova/24960

1/3


5/8/2015

Futura è già grande e lancia il 2016 con Vita Nova - Notizie Marche e provincia

Festival". Il cinema ha visto alternarsi sul palco tre registi di assoluto valore, da Cristina Comencini che ha criticato il Paese per la bassa percentuale di occupazione femminile e maternità, a Giuseppe Piccioni che con rammarico ha dichiarato di non essere riuscito mai a girare un film nella sua regione – le Marche – fino alla conclusione di ieri con Matteo Garrone. "Futura è caratterizzato dalla curiosità di ascoltare da parte del pubblico, desideroso di arricchirsi da questi incontri – dichiara l'assessore alla Cultura Giulio Silenzi – . Si viene a Civitanova per pensare e di questi tempi è un fatto rivoluzionario, sicuramente in controtendenza. La città con questo Festival si interroga sulle nuove tendenze". E poi la filosofia che ha visto dibattere tanti protagonisti tra cui Donatella Di Cesare e Diego Fusaro sui Quaderni Neri di Martin Heidegger. Un tema talmente choccante da valere una intera pagina del Corriere della Sera, che ha anticipato l'intervento della professoressa di Filosofia teoretica alla Sapienza. Le parole antisemite del filosofo tedesco non si faranno dimenticare: "Lo scandalo non è lo sterminio, ma avere impedito alla Germania di compiere la sua missione nella storia". "Futura si è distinta anche per il suo impegno verso l'abbattimento delle barriere comunicative – ricorda la presidente TDiC Rosetta Martellini – . Grazie al sostegno dell’Asp Paolo Ricci e in collaborazione con l’Assessorato ai Servizi Sociali, con l’Uici Marche e Macerata (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti) e l’associazione Anios Marche (Associazione Nazionale Interpreti Lingua dei Segni), che ha curato il servizio Lis, sono stati messi in programma sette incontri, predisposti con la lingua dei segni italiana con due interpreti e con il servizio di respeaking (sottotitolazione simultanea), a cura dell’associazione OnA.I.R". Tra  le  novità, per il pubblico con disabilità visiva sono state preparate delle audio descrizioni con lettori Mp3 per le mostre Semplice e Complesso e RiScattiamo la scienza e i bimbi con disabilità sensoriali hanno potuto partecipare a diversi laboratori, da quello olfattivo a quelli curati dalla Festa di Scienza e Filosofia di Foligno. Il servizio è stato talmente apprezzato che alla segreteria del Festival sono arrivati i complimenti dalla Lega del Filo d’Oro che ha partecipato agli appuntamenti dell'ultimo fine settimana. Il  Festival, che ha visto la programmazione di 120 eventi con quasi 70 ospiti e dal costo complessivo di 160mila euro (tra fondi pubblici e privati), è sostenuto dall’official sponsor Gleam Bijoux. Altro sponsor è Coop Adriatica, gli sponsor tecnici sono Hotel Miramare, Adriatica Pubblicità, Il Resto del Carlino, Auto Club Marche, Cantine Fontezoppa, Arredamenti Maurizi, Pellegrini http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1447&url=http://lascansione.net/macerata/futura-e-gia-grande-e-lancia-il-2016-con-vita-nova/24960

2/3


5/8/2015

Futura è già grande e lancia il 2016 con Vita Nova - Notizie Marche e provincia

Garden, Cerolini e Varnelli. Importante l’apporto dei partner culturali Unicam-Università di Camerino, Cnr (Consiglio Nazionale delle Ricerche), pinacoteca civica Marco Moretti, biblioteca comunale Silvio Zavatti, Civitanova Danza, Crisi (Centro di ricerca interdisciplinare di storia delle idee), Mondadori education, Le Monnier, Sotto gli auspici del Centro per il libro e la cultura. Il tutto anche grazie al contributo del Comune di Civitanova e dell'Azienda dei Teatri, della Regione Marche, della Provincia di Macerata e della Camera di Commercio. Carlo Scheggia Condividi : Google

Facebook 2

Twitter 1

LinkedIn 1

Articoli Correlati: 1. Futura Festival lancia i primi grandi ospiti David

2.

3.

4.

Grossman, Cristina Comencini, Vinicio Capossela, Piergiorgio Odifreddi e Gianni Vattimo. Poi ancora Piero Boitani, Lucia Votano, Federico Rampini, Giulio Ferroni, Alessandro Fo, Marco Grimaldi, Eugenio Coccia. Ecco i primi grandi ospiti dell'edizione 2015 di... Futura Festival si presenta a Perugia Futura si presenta a Perugia. Grazie al gemellaggio con la Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, il Festival (civitanovese ha goduto di una preziosa vetrina, questa mattina al Salone d'Oro di Palazzo Donini, sede... Festa di Scienza e Filosofia e Futura Festival Da ieri mattina la Festa di Scienza e Filosofia di Foligno e Futura Festival sono gemellati. Firmato il protocollo di intesa, nella sala consiliare del Comune di Foligno, tra il primo cittadino Nando Mismetti, e... Futura. Grande chiusura con la Bandabardò Grande chiusura per Futura con la Bandabardò Folla da rockstar per Zygmunt Bauman. Il sociologo della modernità liquida, venerdì sera, ha entusiasmato la piazza di Civitanova Alta e attirato una partecipazione straordinaria di spettatori, come...

generated in 0.903 seconds. -->

http://red.presstoday.com/pt_pdf.php?pid=1447&url=http://lascansione.net/macerata/futura-e-gia-grande-e-lancia-il-2016-con-vita-nova/24960

3/3

Futura Festival 2015  

Rassegna stampa nazionale e locale della terza edizione di Futura Festival, Civitanova Marche (24 luglio - 2 agosto 2015). Direzione artisti...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you