__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

Vero na

Poste Italiane S.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46) Art. 1 comma 1 LO/MI - N. 1 gennaio 2020

“organo ufficiale ENCI”

gennaio 2020

ENCI WINNER

INTERNAZIONALE ENCI WINNER • RADUNI ENCI WINNER • RADUNI

bre em

14•15 d • 3 ic 1

ITALY 2019


Bobtail. Foto Laura Donat.

giochi d’inverno...

Samoiedo. Foto Jessica Piombo.

Cane da pastore tedesco. Foto Angela Cardone.


SOMMARIO ENCI WINNER 2019 Rodolfo Grassi, Renata Fossati BRIARD. Un cuore avvolto dal pelo Vito Zambelli, Roberto Fiscon MASTER allevatore cinofilo IRISH WATER SPANIEL Il cane col ciuffo Elaine Narduzzo UCIS. A Padova tre giorni per l’impegno sociale Daniele Ceschia In compagnia di un cane la vita è migliore Renata Fossati Dogor l’amico ritrovato R.F. “Il mio piccolo campione” Michela Tognon Un Bernese è per sempre Simona Novello Vacanze possibili in perfetta armonia Martina Bossi Due insoliti amici Angela Bianchi Pastori Belgi, I love you Ivano Bernini Fido non fa dispetti R.F. ROMA. Cani da tutto il mondo Pietro Bottagisio ERBA. Como e la Valtellina per il “Trofeo di Natale” Piera Corsini Croce CIEB. Brescia sul podio Giorgio Bellotti

CHI E DOVE

4 16 20 22 28 30 33 34 34 35 36 36 37 38 42 46

52 I successi 57 Gli allevatori 64 I club

PER LE ASSOCIAZIONI SPECIALIZZATE DI RAZZA RAZZE: LE PAGINE DELLA RIVISTA SONO A DISPOSIZIONE PER ARTICOLI RIGUARDANTI LE RAZZE TUTELATE SU TEMI A SCELTA QUALI: STORIA, DIF­ FUSIONE SUL TERRIOTRIO, CARATTE­ RE, EDUCAZIONE, ADDESTRAMENTO, ATTIVITA SOCIALI, SPORT, SALUTE, VITA IN FAMIGLIA. CONVEGNI E SEMINARI SULLE RAZZE TUTELATE RUBRICA “CLUB”: SONO A DISPO­ SIZIONE PER SPECIALI E RADUNI. CORREDATE DA FOTO, CLASSIFICHE E BREVI TESTI SUGLI EVENTI. SI PREGA DI CONTATTARE PREVENTI­ VAMENTE LA REDAZIONE redazione@enci.it - tel. 0270020358 dalle 8,30 alle 12,30 dalle 13,30 alle 17,30

PER I GRUPPI CINOFILI Si informano i Gruppi Cinofili ENCI che all’interno de “I Nostri Cani” sono disponibili gratuitamente pagine dedi­ cate ai resoconti delle Esposizioni Internazionali e Nazionali. Per avere informazioni riguardanti gli aspetti tecnici e le modalità d’invio, contattare la redazione: redazione@enci.it - tel. 0270020358

TEMPI DI CONSEGNA DI TESTI E FOTO

Pubblicità expo: entro il giorno 5 del mese precedente l’uscita (es. 5 novem­ bre per pubblicazione in dicembre) Articoli: previo accordi con la redazione Rubrica club: entro il giorno 5 del mese precedente l’uscita, in merito allo spazio disponibile Successi: in ordine di ricevimento, in merito allo spazio disponibile inviare a redazione@enci.it TUTTE LE RUBRICHE SONO GRATUITE Si ringrazia per la collaborazione

FORMATO TESTI E FOTO Testi in WORD o similari di scrittura (NO pdf) Foto in formato jpg o tif NON impaginare


VERONA 13•14•15 DICEMBRE

BEST IN SHOW CACIB ENCI WINNER

14•15 d ic 13•

bre em

Vero na

1° CINECITTA’ ZERO MOSTEL Maltese di FRANCO PROSPERI 2° PETRO-PRESTIGE DZHIYA Tibetan mastiff di A. KASHIN 3° CLAIRCREEK FARO DO ATLANTICO Cão de agua Português di BRITO PEDRO MIGUEL SILVA

Il grande successo tecnico e di partecipazione a Verona

ENCI WINNER DIECIMILA PER UN RECORD INTERNAZIONALE ENCI WINNER • RADUNI ENCI WINNER • RADUNI

ITALY 2019

Entusiasmante risposta alla terza edizione del “trofeo”. L’alta qualità dei concorrenti ed i giudizi lusinghieri confermano il valore dell’allevamento nazionale e gli indirizzi dell’ENCI “Tutti i nostri sogni possono diventare realtà se solo abbiamo il coraggio di perseguirli” (Walt Disney)

Da domenica 15 dicembre l’Adige ha una storia in più. La sussurra a chi sa ascoltarne il fruscio, l’acqua che percorre gli oltre duecento chilometri prima di andare a confondersi con le onde dell’Adriatico. La accomuna ai racconti che dagli anni di Dante ed ai giorni di Shakeaspeare continuano a far sospirare il mondo nella vicenda mai finita ed a tutti nota dell’amore fra i due veronesi più noti, Giulietta dei Capuleti e Romeo dei Montecchi che avevano le loro dimore a pochi chilometri dai padiglioni dell’Ente Fiera. Il fiume aggiunge ai remoti sospiri dei due innamorati una vicenda inusuale, e per questo ancor più degna di esser raccontata, di uomini e cani. A dir così e basta sembra subito dissacrante perché parrebbe avvicinare alla più sospirosa e sospirata vicenda d’amore un confronto

4

Pagine a cura di Rodolfo Grassi e Renata Fossati Fotoservizio di Guillermo Fiorenza e Tommaso Urciuolo

tecnico che presuppone misure esatte e genealogie documentate mentre sentimenti e poeti non sono obbligati al rispetto dell’ottavo comandamento (“non dire false testimonianze…”). Ma oltre l’apparente ostacolo delle parole – sempre incomplete quando si descrivono le passioni e sentimenti - si incontra un’entusiastica partecipazione di allevatori capaci di raggiungere nuove frontiere nella selezione e gente venuta da lontano per condurre il cane ad un confronto tecnico che non rinuncia allo spettacolo. Protagonista per tre giorni - e nel mormorio delle acque dell’Adige ancor oggi - lo spettacolo nuovo e tecnicamente elevato di una cinofilia egregia capace di stupire ancora in un universo che accoglie molte novità come usuali vicende del quotidiano. Negli oltre 40 mila metri quadri dei quattro stupendi padiglioni dell’Ente Fiera (ottimi gli allestimenti, bellissimo il ring d’onore, fun-


VERONA 13•14•15 DICEMBRE DINO MUTO: “UN SUCCESSO DI TUTTI” L’impegno è stato grande ed i risultati ne sono conferma

La terza edizione di ENCI Winner ha cancellato ogni dubbio e reso vere le più belle speranze. Dai tre giorni di Verona, dalla grande partecipazione e dai risultati tecnici è giunta la conferma di un successo che tutti ci auguravamo ma che, nei concitati preparativi della vigilia, alcuni temevano non si avverasse compiutamente. Ed invece ancora una volta la Gente dell’ENCI ha saputo rispondere positivamente e con grande concretezza com’è suo costume in ogni avvenimento che abbia un significato per la cinofilia confermando che la stima conquistata in ambito internazionale è meritata e destinata ad accrescersi ancor più nel tempo. Tutto nei tre giorni si è svolto come da programma secondo una scala di valori concordata fra i tecnici ENCI, il direttore generale, i dirigenti, il personale degli uffici, ed i volontari del Gruppo Cinofilo Veronese. L’avvenimento era troppo importante e troppo atteso l’appuntamento per lasciare spazio a personalismi o soluzioni d’emergenza. Puntuale l’organizzazione, puntigliosa – ed è un indubbio merito – la giuria di livello internazionale che ha visto Carla Molinari, dal Portogallo, premiare il Best in Show finale. Tutto lo staff ENCI, i delegati e squadre di volontari hanno esaltato gli spazi funzionali di Fiera Verona. Infine il fascino di una città che è nell’immaginario del mondo per suggestive vicende storiche e appuntamenti culturali ha reso ancor più prestigiosa l’edizione di un ENCI Winner 2019 che ha superato ogni speranza e conquistato il record di diecimila iscrizioni e confermato la validità dell’Alleanza Latina costituita dalla sinergia fra Italia, Francia, Spagna e Portogallo testimoniata da uno stand che ha calamitato le attenzioni. Infine un grazie a tutti per la partecipazione, la disponibilità e l’impegno per far grande una cinofilia che appartiene sempre più a tutti. zionali tutti gli altri e precisa e puntuale l’assistenza ai giudici ed al personale dei ring), si sono confrontati diecimila esemplari delle numerose razze riconosciute. In palio il trofeo ENCI Winner che giunto alla terza edizione ha già superato l’asticella di molti record e si avvia ad essere un incontro della cinofilia più egregia nel mondo. Nato da un’idea del presidente nazionale Dino Muto, discusso ed approvato unanimemente dal Consiglio ed entrato nella realtà in tempi rapidissimi l’ENCI Winner ebbe il suo esordio a Milano nel 2017 con un successo inatteso - replicato l’anno successivo sempre a Milano che lo ha proiettato nella terza edizione a Verona dove la professionalità dei tecnici ENCI ha riscosso un successo grande. A rilegger la storia dell’Ente non si ha memoria di altra iniziativa che in così breve tempo e considerando la partecipazione possa eguagliarlo. È stato - e lo confermano le dichiarazioni dei Consiglieri tutti e degli esperti ed osservatori non solo italiani - un confronto che ha posto una volta ancora in primo piano il valore progettuale dei tecnici, l’efficienza degli uffici dell’ENCI, l’alta professionalità degli allevatori e l’opera dei molti volontari coinvolti. Quest’anno, ad aprire le danze è stata l’Esposizione Internazionale di

Monica Sarno descrive l’importanza del cane attore sociale nelle carceri italiane

5


VERONA 13•14•15 DICEMBRE

BEST IN SHOW CACIB VERONA 1° FAT PUPPYS REGAL Bulldog di ANDREA RIBAS 2° CINECITTA’ZERO MOSTEL Maltese di FRANCO PROSPERI 3° PLUMERIA’S SEVEN SEAS Bedlington Terrier di ALICE VARCHI Verona al cui Gruppo Cinofilo va il merito di una preziosa collaborazione sul campo. In definitiva - come ha riconosciuto il presidente nazionale Dino Muto - è stata una vittoria collettiva esaltata dalla grande partecipazione e dalla qualità degli esemplari esposti. Vi è stata inoltre un’attenzione particolare per i visitatori che hanno avuto dalle guide cinofile messe a disposizione dall’ENCI, persone preparate e disponibili che hanno guidato a piccoli gruppi i visitatori a conoscere le numerose razze presenti.

Il catalogo conferma, nel numero record dei partecipanti - la dimensione di un successo quantitativo e qualitativo - considerando anche la concomitanza di esposizioni oltrefrontiera - in cui molti riponevano speranze rimaste fino alla vigilia silenziose. La risposta, non solo italiana, è stata invece entusiasmante: giorno dopo giorno mentre si assottigliavano i tempi dell’attesa aumentavano le iscrizioni e si delineava quel successo che il presidente Dino Muto, il Consiglio tutto ed il direttore generale ritenevano avrebbe confermato - com’è avvenuto - le speranze.

ALLEANZA CINOFILA LATINA. Dino Muto con i rappresentanti di Portogallo, Francia e Spagna

6


VERONA 13•14•15 DICEMBRE

Il catalogo con i nomi degli esemplari e quant’altro porta a riconoscerli, diventa quindi la carta d’identità di un successo importante, un documento destinato ad una storia, fino ad oggi solo in parte inedita, di una cinofilia creata dalle grandi idee e da altrettanto puntuali realizzazioni. Proprio com’è avvenuto nella tre giorni di una Verona cinofila destinata ad avere un posto (meritatissimo) nella storia. Sfogliando le pagine si incontrano razze note nei diversi gruppi sia da guardia che difesa, compagnia, utilità, caccia, ed altri che tutti

insieme formano la galassia delle razze in continua evoluzione. Proprio come un incredibile cielo di stelle. E in quel firmamento sono presenti le galassie degli allevatori più qualificati ma anche dei molti che aspirano a nuovi e prestigiosi traguardi ed infine – ed il dato è incoraggiante - la partecipazione di tantissimi “privati”, cinofili che scoprono l’entusiasmo ed i benefici dello stare insieme, del ritrovarsi, dell’avere un linguaggio comune e quindi di scoprirsi amici.

7


VERONA 13•14•15 DICEMBRE

Il successo arriva quando l’opportunità incontra la preparazione. (Zig Ziglar) Il ritratto non potrebbe essere più autentico e partecipato. Si delinea - parola dopo parola- con le dichiarazioni dei Consiglieri ENCI ed è la sintesi di un successo che la cronaca racconta in tre giorni da ricordare. Perché a Verona ha vinto. confermando il primato dell’Allevamento italiano – la cinofilia più vera che poi altro non è se non l’unica autentica come confermano da oltre cent’anni i Libri genealogici. Opinioni e pareri dei Consiglieri nazionali presenti diventano quindi un originale caleidoscopio in cui si percepiscono sensibilità differenti ma, in tutti ed unanimemente, anche l’orgoglio di aver partecipato ad un evento degno di essere ricordato come parte irrinunciabile di una storia da poco cominciata e destinata ad andare lontano. Silvio Marelli vicepresidente ENCI – “Tre giorni di confronti che hanno rappresentato una delle più difficili sfide per l’allevamento italiano risultato una volta ancora vincitore. I risultati di Verona quindi non possono non essere catalogati, in una cinofilia dei grandi eventi come un altro positivo traguardo a cui non potranno non seguirne altri dove l’Italia ha conquistato, proprio come accade nelle

INTERNAZIONALE ENCI WINNER • RADUNI ENCI WINNER • RADUNI

ITALY 2019

esposizioni internazionali, unanimi consensi. Merito di un’attiva e sapiente politica dell’ENCI attenta alla selezione e capace di dar vita ad iniziative, qual è stata la terza edizione di ENCI Winner, che calamitano l’attenzione di tutto il mondo cinofilo. Il successo di Verona, a cui non potranno non seguirne altri, va equamente diviso fra gli allevatori e l’ENCI capace di scelte di qualità precise ed esigibili. Una sinergia destinata ad altri importanti successi. Alla stagione delle esposizioni sta per affiancarsi fra breve quella delle prove nazionali ed internazionali fra cui la Coppa Europa ed il Derby: due appuntamenti in cui l’allevamento italiano si è sempre fatto onore. Il dopo-Verona non può quindi che indurre ad un ragionevole ottimismo per altri successi”. Francesco Gaudiano – “All’Italia mancava una manifestazione di questo tipo, a scadenza annuale e di qualità. Bisogna dar atto al presidente Dino Muto di aver creduto e perseguito questa idea. I numeri della manifestazione danno ragione a questo Consiglio na-

La squadra Juniores di Agility composta anche da giovanissimi atleti animati da autentico spirito sportivo

8

14•15 d ic 13•

bre em

TUTTI I PERCHÉ DI UN SUCCESSO

Vero na

Valutazioni tecniche e pareri dei consiglieri nazionali


VERONA 13•14•15 DICEMBRE

La giudice portoghese Carla Molinari esamina i finalisti del Best in Show

zionale che ha approvato e collaborato alla realizzazione dell’idea. Anche la location e la città con tutte le sue suggestioni e la cultura dell’ospitalità propria dei Veneti dimostra l’ottima scelta. Logico quindi che i risultati, vista l’eccellente risposta dei cinofili, non possano essere che notevoli sia dal punto di vista tecnico che dello spettacolo e diventino quindi un ulteriore ed importante incentivo per una diffusione della cinofilia autentica e qualificata”. Carolina Toia - “Trovo sia una manifestazione unica e coinvolgente e solo il parteciparvi fa sentire orgogliosi. In appena tre edizioni ENCI Winner è diventata un punto di riferimento internazionale ed è un obiettivo e legittimo motivo di orgoglio di tutta la cinofilia italiana. La conferma di un successo tanto importante la si ha proprio da questa rassegna caratterizzata da molteplici partecipazioni internazionali e da un libello tecnico fra i più elevati. È intuitivo che certi risultati, qual è quello della terza edizione di ENCI Winner, si ottengono solo con un lavoro lungo ed intelligente”. Gianluca Di Giannantonio - “È diventata - e già questo è motivo di orgoglio- in appena tre edizioni una delle manifestazioni espositive più importanti nel vastissimo panorama internazionale. Certifica senza alcun dubbio la capacità organizzativa dell’ENCI, la professionalità dei dipendenti, la qualità dell’allevamento italiano e, complessivamente, la stima che l’Ente ha saputo meritarsi anche a livello internazionale. Da non trascurare anche la parte sportiva legata alla rassegna. Si sono svolti infatti i Campionati assoluti italiani di Agility il cui vincitore parteciperà per l’Italia a Cruft’s 2020, il Campionato italiano juniores e il Campionato nazionale di Fly Ball. Se è vero che ogni esposizione è una sfida con il passato ed un’apertura di credito alla sua continuità ENCI Winner ha vinto ancora una volta per merito degli allevatori, del presidente Dino Muto, e di uno

staff dirigenziale pronto ad accogliere le sfide ed altrettanto preparato ad affrontarle e, come nel caso di Verona, a vincerle”. Domenico Attimonelli - “È una manifestazione bella e partecipata, ricca di contenuti tecnici e di novità che significano ben più di sole speranze in un futuro che vedo ancor più propizio per l’Allevamento italiano. Fondamentali i confronti tecnici e gli incontri fra allevatori ma egualmente significativa la partecipazione del pubblico che, proprio tramite queste manifestazioni si avvicina ancor più ad una cinofilia qualificata e ne comprende i valori. Credo che con Verona si sia raggiunto un altro traguardo importante e sia ulteriormente aumentata a livello internazionale la già alta credibilità dell’Italia”. Clemente Grosso – “C’era bisogno di questa manifestazione. Negli ultimi anni l’ENCI è divenuta leader nel mondo non solo per gli allevatori ma anche punto politico e di organizzazione. Il mondo guarda a noi per il sistema informatico, per la fantasia e la professionalità dei nostri allevatori, ed oggi viene anche a vedere una manifestazione di 10 mila cani che si pone a livello di poche altre internazionali.” Marcello Poli – “ENCI Winner è un’altra importantissima scommessa vinta ed il catalogo ne è la documentazione precisa e dettagliata destinato a rimanere nel tempo a conferma del grande risultato raggiunto. Le motivazioni di tale traguardo superato con lode sono evidenti: la grande stima anche a livello internazionale acquisita dall’Ente e, qui a Verona, un ambiente che non ha confronti ed una giuria molto qualificata, gli ampi spazi, un bellissimo ring d’onore, la diretta su facebook e infine l’attrattiva per una esposizione che in un così brevissimo tempo è riuscita a calamitare l’attenzione non solo nazionale. Verona quindi rappresenta un ulteriore esempio delle grandi potenzialità dell’ENCI e delle capacità degli allevatori italiani che si stanno imponendo ai vertici della cinofilia internazionale”.

9


VERONA 13•14•15 DICEMBRE Angela Francini - “ENCI Winner da pochi anni istituito grazie alla volontà ed alla passione del presidente Dino Muto è la massima partecipazione italiana che vede la più massiccia partecipazione di espositori stranieri. Per noi italiani è un fiore all’occhiello, un’occasione di ritrovo di noi cinofili, un appuntamento imperdibile che sono sicura crescerà di anno in anno e che viene “sentita” esattamente alla stregua di un grande evento internazionale ai livelli di una europea o di un mondiale. In questa esposizione trovano spazio moltissime discipline che riguardano non solo le verifiche morfologiche ma anche Dogdance, Agility, Fly ball, dimostrazioni dei retrivier, CAE ed altre”. Giancarlo Passini - “Ancora una grande conferma con ENCI Winner che al di la dei numeri - pur notevolissimi - rinsalda il suo prestigio allargandolo ed ulteriormente qualificandolo anche a livello internazionale. Oltre a tutte le iniziative di carattere sociale messe in atto e che allargano l’orizzonte già ampio della cinofilia qualificata, dalle carceri (in cui il cane svolge una preziosa opera di mediazione nel recupero alla società civile) alla pet therapy alle unità cinofile anti veleno ed a quelle di soccorso nelle loro molteplici specialità, conferma di avere chiari i valori da perseguire e preservare nel tempo per la elezione zootecnica intesa non solo come bene per l’utilizzazione ottimale delle doti del cane non solo nello sport ma anche nella vita sociale”. Sandro Pacioni – “Una volta ancora – ed accade a Verona città dal fascino suggestivo e di riferimenti storici importanti - ENCI Winner ha centrato tutti i bersagli collocandosi come punto di riferimento internazionale. Notevoli le qualità dei concorrenti, evidenti i progressi fatti dalla selezione e, in primo piano, occorre sottolinearlo con una punta di orgoglio- gli allevatori italiani. Il luogo – lo spazio espositivo dell’Ente Fiera – non poteva essere migliore. Il successo, indubbio di ENCI Winner è meritato così come occorre dar atto al presidente Dino Muto di aver avuto una grande intuizione e saputo condurla a questi risultati notevolissimi”. Monica Sarno – “È un’iniziativa ammirevole ed importante. Emergono subito i grandi pregi di un evento che ha calamitato – e continuerà ad essere oggetto di partecipazione – l’attenzione degli allevatori non solo italiani e contribuisce a rinsaldare la stima che l’Italia cinofila ha saputo conquistarsi nel mondo. Verona si è confermata città ospitale ed è stupenda nella sua bellezza inimitabile e discreta come lo sono tutte le testimonianze autentiche d’arte e di storia. La squadra dell’organizzazione si è dimostrata all’altezza – meritando una lode – l’ENCI si consolida come punto di riferimento internazionale, la cinofilia ha certamente acquisito nuovi ammiratori e, c’è da augurarselo, partecipanti”.

14•15 d ic 13•

INTERNAZIONALE ENCI WINNER • RADUNI ENCI WINNER • RADUNI

10

bre em

Vero na

Marina Montedoro - “Oramai giunta alla sua terza edizione ENCI Winner conferma di essere un appuntamento sempre più importante per la cinofilia italiana sia come momento di verifica zootecnica sia come intrattenimento di tutto il mondo che ruota attorno agli amici a 4 zampe. Si afferma oggi nel panorama internazionale con una significativa partecipazione di soggetti esteri che qualifica ulteriormente la nostra esposizione. È grande quindi la nostra soddisfazione”.

ITALY 2019


VERONA 13•14•15 DICEMBRE

14•15 d ic 13•

INTERNAZIONALE ENCI WINNER • RADUNI ENCI WINNER • RADUNI

bre em

Vero na

L’area stampa che ha accolto numerose testate giornalistiche di cinofilia

ITALY 2019 Foto di gruppo per la rappresentativa dell’UCIS

11


VERONA 13•14•15 DICEMBRE Lo staff ENCI festeggia la piena riuscita di ENCI WINNER 2019

12


14•15 d ic 13•

INTERNAZIONALE ENCI WINNER • RADUNI ENCI WINNER • RADUNI

bre em

Vero na

VERONA 13•14•15 DICEMBRE

ITALY 2019

13


Notizie ENCI QUOTA 2020 PER ADDESTRATORI E CONDUTTORI DI ESPOSIZIONE RICONOSCIUTI ENCI Il Consiglio Direttivo dell’ENCI in ottemperanza a quanto disposto dall’art. 10 del Disciplinare degli addestratori cinofili e dei conduttori cinofili di esposizione, approvato con D.M. n. 847 del 17.1.2013, ha stabilito per l’anno 2020 l’entità delle quote di iscrizione al Registro degli addestratori cinofili e al Registro dei conduttori di esposizione in € 50,00 (+ IVA per i non soci ENCI). La permanenza al Registro degli addestratori cinofili e al Registro dei conduttori di esposizione sarà subordinata al versamento della quota di cui sopra, che dovrà essere effettuato entro il 31.3.2020 mediante l’utilizzo del pagamento tracciato tramite carta di credito. Il versamento dovrà essere eseguito, previa registrazione, nell’area dedicata agli addestratori cinofili e agli handler nel portale ENCI. Il servizio sarà disponibile a partire dal 1.1.2020. Il mancato versamento della quota di iscrizione comporterà la sospensione dal registro e la conseguente impossibilità di utilizzo del logo ENCI. L’ENCI è a disposizione per ogni informazione ai seguenti recapiti: info@enci.it oppure tel. 02-70020324. Il Direttore Generale Fabrizio Crivellari

VINCITORE TROFEO RENAI DELLA RENA EDIZ. 2019 SOGGETTO DECOY SUPERSONIC

RAZZA Whippet

LIBRO GENEALOGICO LO1728089

PROPRIETARIO Anna Vigorelli

DERBY RAZZE DA FERMA INGLESI 2020 Il Consiglio Direttivo del 21 novembre 2019, per quanto attiene al derby per le razze da ferma inglesi, ha deliberato lo svolgimento in località Altamura (Ba) nelle giornate del 28/29 febbraio - 1 marzo 2020. iscrizioni da inviare all’ENCI entro lunedì 17 febbraio 2020 Il programma contenente il modulo di iscrizione è scaricabile dal portale dell’ENCI. R R R R R

DERBY RAZZE DA FERMA CONTINENTALI 2020 Il Consiglio Direttivo del 21 novembre 2019, per quanto attiene al derby per le razze da ferma continentali, ha deliberato lo svolgimento in località Altamura (Ba) nelle giornate del 7/8 marzo 2020. iscrizioni da inviare all’ENCI entro lunedì 24 febbraio 2020 Il programma contenente il modulo di iscrizione è scaricabile dal portale dell’ENCI.

14


5ª edizione del Master allevatore cinofilo Termine del primo modulo ed iscrizioni al secondo modulo entro il 25 gennaio 2020 Il 22 e 23 ottobre 2019 si è svolto con successo il primo modulo formativo del Master Allevatore Cinofilo, organizzato dall’ENCI con la collaborazione dell’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (ANMVI). Si ringraziano i relatori

per l’alto profilo delle relazioni che hanno pienamente soddisfatto i numerosi allevatori partecipanti. Il prossimo modulo formativo si terrà nei giorni 25 e 26 febbraio 2020 presso Palazzo Trecchi a Cremona e riguarderà i

PRIMO GIORNO: MARTEDÌ 25 FEBBRAIO 2020 MALATTIE OCULARI E NEUROLOGICHE EREDITARIE. ORTOPEDIA PEDIATRICA E MALATTIE DELL’ACCRESCIMENTO 8:45 9:15 9:30 11.00 11.30 12.00 13.00 14.30 15.00 15.30 16.00 16.30 17.15 18:00

Registrazione Saluto, presentazione del modulo formativo Genetica, principi base da applicare all’allevamento cinofilo con particolare riferimento alle patologie ereditarie Stefano Paolo Marelli Coffee Break Selezione, obiettivi e strumenti Stefano Paolo Marelli Allevamento: tipi estremi e benessere Stefano Paolo Marelli Light lunch Displasia dell’anca e displasia del gomito, come si sviluppano, cosa provocano e come si controllano nei riproduttori Aldo Vezzoni Altre patologie scheletriche dell’accrescimento da conoscere Aldo Vezzoni La lussazione della rotula sia nei cani toy che in quelli di taglia grande, incidenza, conseguenze e controllo dei riproduttori Aldo Vezzoni Coffee Break Malattie oculari a base ereditaria Domenico Multari Patologie dermatologiche: gestione in allevamento Natalia Fanton Discussione e termine del primo giorno

SECONDO GIORNO: MERCOLEDÌ 26 FEBBRAIO 2020 ALTRE MALATTIE EREDITARIE. DIFETTI DENTARI. MALATTIE NEUROLOGICHE 9.00 10.30 11.00 13.00 14.00 15.30 16.00 17.15

20

Genetica, comportamento e attitudini Stefano Paolo Marelli Coffe Break Prevenzione, controllo e gestione delle malattie cardiovascolari ereditarie Claudio Bussadori Light lunch Malattie neurologiche a base ereditaria Alberto Cauduro Relazione commerciale Monge L’importanza degli omega-3 nella gestione nutrizionale del paziente ortopedico Elena Pagani Difetti dentari e malocclusione dentale Mirko Radice Discussione e termine del Corso

temi della pediatria e le malattie dell’accrescimento, le malattie ereditarie e la salute. Il terzo ed ultimo modulo, previsto nei giorni 5 e 6 maggio 2020, tratterà i temi della gestione professionale dell’allevamento canino, il comportamento, l’educazione e l’addestramento. Si ricorda che la partecipazione a ciascun modulo formativo sarà certificata da un diploma siglato dai Presidenti di ENCI e ANMVI. L’allevatore che abbia partecipato all’intero percorso avrà diritto alla menzione del conseguimento del Master sul Libro genealogico online. Le iscrizioni al secondo modulo si concluderanno il 25 gennaio e potranno essere effettuate all’indirizzo https://registration. evsrl.it/1428. Il Direttore Generale Fabrizio Crivellari

SECONDO MODULO FORMATIVO

PEDIATRIA E MALATTIE DELL’ACCRESCIMENTO MALATTIE EREDITARIE E SALUTE CREMONA Palazzo Trecchi 25-26 febbraio 2020


Partecipanti al campionato ENCI 2019 per cani da soccorso

Primo Trofeo ENCI per Cani da Soccorso

A Padova tre giorni per l’impegno sociale Si è svolto a Padova nei giorni 15/16/17 novembre il primo Trofeo ENCI per Cani da Soccorso nelle specialità Superficie e Macerie secondo il nuovo Regolamento Internazionale FCI/IRO. La complessa manifestazione che vedeva tre località distinte per le prove ha impegnato per più giorni sotto un cielo impietoso i numerosi volontari dell’UCIS coordinati dal Gruppo locale degli Steel Dogs. Le prove di ricerca si sono svolte nella località boscosa e impervia sui Colli Euganei giudicate da Daniele Peres che ha avuto il suo bel da fare a seguire i concorrenti nel bosco sotto un autentico diluvio. Le prove su macerie giudicate dal belga José Buggenhout presidente della Commissione FCI cani soccorso, autorità FCI nel mondo della cinofilia da soccorso, si sono svolte nel campo degli Steeel Dogs di Padova. Infine la sezione obbedienza e destrezza ha avuto la splendida cornice del Velodromo Monti di Padova. I numerosi Team partecipanti nei livelli A e B delle specialità superficie e macerie hanno dato prova di ottima preparazione con punte di autentica eccellenza comprovate dai punteggi ottenuti dalla giuria che

28

ha concesso anche il prestigioso riconoscimento del CACIT al cane Daffj condotto da Gabriele Morni, a parità di punteggio con il primo classificato. Il Trofeo ENCI è stato conquistato da una

autentica leggenda dello sport da soccorso FCI/IRO lo sloveno Starman Roman che con la sua presenza ha dato un tocco di internazionalità alla manifestazione. Durante tutte le tre giornatei conduttori

Ottimo test per cani e conduttori A Padova per questo primo Trofeo ENCI Cani da Soccorso sono stati tre giorni di prove sotto il diluvio ma questo non ha fermato la determinazione dei binomi in campo. Prevista l’assegnazione del CAC E CACIT, a certificare che il giudizio degli esperti giudici è molto complesso perché deve tenere in considerazione tre importanti fattori: il carattere del cane, le qualità naturali e un grado di addestramento che rispetti il piacere al lavoro nel rispetto del benessere animale. Tutto questo darà una qualifica e un punteggio adeguato per poter fare una classifica. Un semplice piccolo esempio. Al ritrovamento della persona un cane si esprime con un abbaio forte ben mantenuto, non disturba, rimane alla giusta distanza, viene richiamato in posizione base con un solo comando, e il conduttore è in perfetta posizione. Se invece, un altro cane compie lo stesso lavoro ma necessita di un doppio comando e magari anche di un aiuto con il corpo, tra i due lavori bisogna fare la differenza. Sono sicuro che questa bellissima e sacrificata esperienza farà crescere il livello di preparazione di tutti coloro vogliono lavorare seriamente. Desidero ringraziare l’ENCI e il Comitato organizzatore UCIS per avermi dato fiducia a giudicare questa importante manifestazione, ringrazio il gruppo Steel Dogs Padova, in particolare il direttore delle ricerche in superficie Luigino Lambranzi che, dove io ho giudicato le classi FL-A e B., ha saputo mettere a disposizione un’area veramente tecnica dove i binomi hanno potuto mettere in evidenza il grado di addestramento, la resistenza fisica e psichica del cane, nonché la gestione della zona da parte del conduttore.

Daniele Peres


i nostri

Cani

Anno 66 num. 1 gennaio 2020

Nonostante l’inclemenza del tempo ottimi risultati per i numerosi concorrenti e grande impegno per i volontari dell’UCIS Podio superficie nella categoria FL/B 1° Starman Roman con Think twice Pump, Golden Retriever 2° Morni Gabriele con Daffj di Casa Simo, Pastore Tedesco 3° Ghilotti Giulio con Triller Thunder, Labrador

Podio macerie nella categoria T/B 1° D’Alò Sandro con Leila, Past. Belga Malinois 2° Bonzanni Erika con Iama, Past. Belga Malinois 3° Borsato Mirko con Camilla, Border Collie

Podio superficie nella categoria FL/A 1° Spina Gianluca con Mr. Dangerous’-T, Labrador 2° Landi Simone con Nitro Velvetgun, Past. Belga Malinois 3° Erba Fabio con Wimea Ballacoilupi, Past. Belga Malinois

I° Trofeo ENCI cani da soccorso Dal 2019 l’Ente Nazionale della Cinofilia Italiana - ENCI - ha istituito il trofeo per i cani da soccorso delle specialità ricerca in superficie e macerie. Per questa prima edizione l’organizzazione del trofeo è stata assegnata all’associazione Unità Cinofile Italiane da Soccorso che, per il lavoro sul campo, si è affidata al gruppo padovano Steel Dogs Padova. Hanno collaborato i gruppi Ucis del Veneto e Lombardia: San Marco, Aiauucs, PVC Ghedi, Luni e le Tose, Alpha rescue dog, Discovery Dogs. La cinofilia da soccorso italiana negli ultimi anni è cresciuta moltissimo sia in termini numerici che qualitativi (lo testimoniano i risultati delle ultime edizioni dei mondiali F.C.I. a squadre) e molti appassionati si dedicano alle varie discipline sportive di riferimento. Per questo motivo ENCI ha ritenuto importante supportare il mondo della cinofilia da soccorso istituendo questo trofeo. Nonostante il tempo inclemente che ha messo a dura prova i 40 concorrenti iscritti nelle prove FL-A, FL-B, T-A e T-B, le gare sono state onorate dal lavoro di splendidi binomi che hanno dimostrato ottime doti sia nelle prove di ricerca che di obbedienza. Gli impegnativi scenari predisposti per la ricerca in superficie (Monte Vendevolo nei Colli Euganei) e macerie (campo Steel Dogs di Padova) sono stati completati da una splendida area di condotta predisposta all’interno dello storico Velodromo Monti di Padova. I giudici intervenuti sono stati: BUGGENHOUT José per i giudizi della ricerca su macerie, PERES Daniele per i giudizi della ricerca in superficie, CESCHIA Daniele per i giudizi delle obbedienze e condotte. UCIS ritiene doveroso ringraziare ENCI per la fiducia accordata assegnandole l’incarico di organizzare il primo evento del genere in Italia. UCIS ringrazia anche il gruppo Steel Dogs di Padova per la splendida organizzazione dell’evento.

Luigino Lambranzi

hanno dato prova di professionalità e sportività in un clima sereno di amichevole confronto. Ed è proprio su questo punto che è necessario soffermarsi alla fine di questo primo Trofeo ENCI per trarre le considerazioni sulla opportunità di svolgere un’autentica competizione sportiva nell’ambito della cinofilia da soccorso da sempre caratteriz-

zata dal volontariato, dalla dedizione e dalla mancanza diqualsiasi ambizione personale nello svolgimento di quella che è a tutti gli effetti una vera missione sociale. Ebbene proprio questo Trofeo ENCI ha dimostrato che un tale tipo di manifestazione, fortemente voluta dall’UCIS nella persona del suo Presidente Bruno

Piccinelli, può diventare un momento di aggregazione per i numerosi volontari partecipanti, luogo dove nascono amicizie, conoscenze e confronto tecnico, al fine di ottenere una maggiore efficienza operativa al servizio della collettività. Daniele Ceschia

29


Nostro alleato da sempre è in grado di migliorare la qualità della nostra esistenza

In compagnia di un cane la vita è migliore Sono innumerevoli gli studi che indicano come la presenza di un cane in famiglia possa rendere migliore la nostra quotidianità. Gli scienziati hanno dimostrato che la compagnia di un cane è in grado di aumentare i nostri livelli di ossitocina. Conosciuto anche come “ormone del benessere “ o “ormone delle coccole”, l’ossitocina migliora le capacità sociali, diminuisce la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, aumenta la funzione immunitaria e aumenta la tolleranza al dolore. Riduce anche lo stress, la rabbia e la depressione. Non sorprende quindi che la compagnia un cane possa offrire tutti questi stessi benefici e altro ancora. Per esempio, secondo uno studio che ha monitorato 3,4 milioni di persone in Svezia, avere un cane è associato a un

30

minor rischio di morte per malattie cardiovascolari o altre cause. I ricercatori hanno studiato uomini e donne di età compresa tra 40 e 80 anni e hanno seguito le loro cartelle cliniche (e se possedevano un cane) per circa una dozzina di anni. Lo studio ha scoperto che per le persone che vivevano da sole, possedere un cane può ridurre il rischio di morte del 33% e il rischio di morte per malattie cardiovascolari del 36%, rispetto alle persone singole senza animale domestico. Anche le probabilità di avere un infarto sono diminuite dell’11%. Una revisione del 2019 di quasi 70 anni di ricerca ha scoperto che possedere un cane riduce del 24% il rischio di morire per qualsiasi causa. Per le persone che hanno già avuto un ictus o un infarto, il loro rischio diminuisce del 31% quando hanno un cane.

Il risultati sono stati pubblicati su “Circulation”, il giornale dell’American Heart Association.

ALLERGIE FASTIDIOSE Nel campo delle allergie , anche i cani svolgono un ruolo importante poiché alleviano le allergie e aumentano la funzione immunitaria. Uno dei compiti del nostro sistema immunitario è identificare sostanze potenzialmente dannose e scatenare anticorpi per scongiurare la minaccia. Ma a volte il nostro sistema immunitario reagisce in modo eccessivo e identifica erroneamente sostanze innocue come pericolose, causando una reazione allergica , per es. occhi rossi, prurito, naso che cola e al respiro affannoso. Si potrebbe pensare che avere animali domestici possa scatenare allergie e invece si


i nostri

Cani

Anno 66 num. 1 gennaio 2020

Amico, compagno di giochi, complice in molteplici situazioni è in grado di renderci persone più felici e in buona salute

scopre che vivere con un cane o un gatto durante il primo anno di vita non solo riduce le possibilità di avere allergie agli animali domestici durante l’infanzia e in seguito, ma riduce anche il rischio di asma. Uno studio pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology ha scoperto che i neonati che vivono con i gatti hanno un minor rischio di asma, polmonite e bronchiolite infantili. Se ne deduce che vivere con un animale domestico da bambino aumenta le nostre difese immunitarie. Addirittura, uno studio recente ha dimostrato che accarezzare un cane per soli 18 minuti ha aumentato i livelli di immunoglobulina A (IgA) nella saliva degli studenti universitari: un segnale interessante per la funzione immunitaria. Ci sono anche alcune nuove ricerche che suggeriscono collegamenti tra i microbi

che gli animali domestici portano nella nostra casa e quelli benefici che vivono nel nostro tratto digestivo.

IN OTTIMA FORMA FISICA I cani ci supportano anche nel mantenimento di una buona forma fisica. Uno studio finanziato dal National Institutes of Health su oltre 2.000 adulti ha scoperto che le persone che passeggiano regolarmente con i propri cani, i cosiddetti “dogwalking”, facevano più esercizio fisico e avevano meno probabilità di essere obesi rispetto a quelli che non camminavano con un cane. In un altro studio, i dog – wlaking (di età compresa tra 71 e 82 anni) camminavano più velocemente e più a lungo rispetto ai non-camminatori, inoltre erano più agili e attivi anche a casa. Sul fronte dello stress, sono molte le ri-

cerche effettuate, dato che la società attuale comporta un ritmo frenetico di vita soprattutto sul lavoro ma anche nella nostra quotidianità familiare. Un fisico stressato produce cortisolo chiamato per l’appunto “l’ormone dello stress”, con il rischio di indurre malattie cardiache e altre condizioni pericolose. Il contatto con i cani sembra contrastare questa risposta allo stress abbassando il cortisolo e la frequenza cardiaca. Inoltre, abbassa i livelli di ansia e paura (risposte psicologiche allo stress) inducendo sentimenti di calma . Gli studi hanno scoperto che i cani possono aiutare ad alleviare lo stress e la solitudine degli anziani, oltre a calmare lo stress pre-esame per gli studenti universitari. Uno studio ha scoperto che solo 10 minuti di coccole di un cane possono abbassare i livelli di cortisolo negli studenti universitari.

31


AMORE INCONDIZIONATO I cani sono fonte di affetto, ci inondano di amore, quindi non sorprende che abbiano un grande impatto sul nostro cuore. Si scopre che il tempo trascorso con il nostro amato cane è legato a una migliore salute cardiovascolare, probabilmente a causa dell’effetto frenante del cortisolo, sopra menzionato. Gli studi dimostrano che i proprietari di cani hanno un minor rischio di malattie cardiache, inclusa la pressione sanguigna più bassa e il colesterolo. I cani danno benefici anche ai pazienti che hanno già malattie cardiovascolari. Non solo hanno quattro volte più probabilità di essere vivi dopo un anno se possiedono un cane, ma hanno anche maggiori probabilità di sopravvivere a un attacco di cuore. Gli studi longitudinali di Erika Friedmann (pubblicati anche sulla rivista Science)

32

hanno dimostrato una sopravvivenza del 40% in un gruppo di anziani che possedevano un cane, operati alle coronarie, rispetto ad un gruppo di controllo con le stesse caratteristiche che però non possedevano animali. Prendersi cura di un cane comporta azioni quotidiane legate a processi di relazione, socializzazione e benessere emotivo, anche di scambio tra le due parti in causa. Un altro nuovo studio che ha seguito oltre 1.700 persone nella Repubblica Ceca ha scoperto che i proprietari di cani hanno maggiori probabilità di avere una migliore salute generale del cuore, una maggiore attività fisica, una dieta migliore e livelli ideali di zucchero nel sangue.

OTTIMI MEDIATORI AMBIENTALI I cani aiutano le relazioni sociali. In un recente studio, effettuato negli USA, le persone su sedia a rotelle che avevano un

cane hanno ricevuto più sorrisi e hanno avuto più conversazioni con i passanti rispetto a quelle senza un cane. In un altro studio, gli studenti universitari cui è stato chiesto di guardare video di due psicoterapeuti (raffigurati una volta con un cane e una volta senza) hanno dichiarato di sentirsi più positivi nei loro confronti quando avevano un cane e più propensi a divulgare informazioni personali. Un esperimento che potremmo fare tutti, consiste nell’andare in un parco senza un cane e passeggiare per una ventina di minuti: sarà difficile che qualcuno spontaneamente vi rivolga la parola. Poi, fare la stessa cosa ma portando un cane al guinzaglio: è matematico che prima della scadenza dei venti minuti qualcuno vi avrà rivolto la parola, foss’anche solo per chiedervi come si chiama. Renata Fossati


i nostri

Cani

Anno 66 num. 1 gennaio 2020

Dogor l’amico ritrovato Il cucciolo perfettamente conservato per 18.000 anni è stato scoperto tra i ghiacci della Siberia È morto quando aveva circa due mesi, ed è successo 18.000 anni fa. Gli studiosi non sanno ancora se si tratti di un cane o di un lupo, ma le condizioni nelle quali è giunto fino a noi sono stupefacenti.

È un maschio, a cui è stato dato il nome di “Dogor”: che nella lingua jakuta significa “amico”. Due scienziati svedesi del Center of Palaeogenetics di Stoccolma, Love Dalén e Dave Stanton, lo hanno trovato nell’estate del 2018. Era custodito da un blocco di terra ghiacciata nei pressi del fiume Indigirka, a nord-est di Yakutsk, in Siberia. Il permafrost (o permagelo, tipico terreno congelato delle regioni artiche) ha preservato l’intero corpo del cucciolo, la folta peluria, il muso e persino i baffi e le ciglia. La gabbia toracica è invece più esposta, ma non è ancora chiaro cosa abbia ucciso il cucciolo o di cosa sia morto. La datazione al carbonio-14 ha fatto risalire il corpo a 18.000 anni, e potrebbe trattarsi del “cane più vecchio” mai ritrovato e confermato della storia. Tuttavia, dopo averlo studiato, gli scienziati non sono sicuri se Dagor sia un cane o un lupo. Ad alimentare il dubbio, è anche il luogo del ritrovamento: un’area in cui l’uomo ha iniziato ad addomesticare i cani. “Quando abbiamo scoperto che il corpo del cucciolo aveva 18.000 anni, è stato incredibile. È un periodo interessante, in cui pensiamo stessero avendo luogo modi-

fiche genetiche tra lupi e cani” ha spiegato Love Dalén. Dagor potrebbe essere uno dei primi cani “Non possiamo distinguerlo da un moderno lupo o da un lupo o un cane del Pleistocene. Perché il periodo del ritrovamento corrisponde a quello di divergenza delle due famiglie di canidi” ha aggiunto Dalén. Sono diversi gli studi svolti sull’origine della domesticazione dei cani. Per esempio, uno studio pubblicato nel 2017 da Nature Communication ha dedotto che il cane moderno fu addomesticato da una singola popolazione di lupi tra i 20.000 e i 40.000 anni fa. L’Università di Oxford, invece, nel 2016 ha ritenuto che i cani siano stati addomesticati, indipendentemente, in Asia e in Europa, come sembrerebbe più logico pensare. Dogor potrebbe essere l’emblema dell’inizio della domesticazione dei cani in quella determinata parte del mondo. Gli scienziati continueranno il lavoro di ricerca considerando che Dogor è un inestimabile punto di partenza alla scoperta di nuove realtà appartenenti a un passato lontanissimo da noi. R.F.

33


La mia razza in

40

righe

“Il mio piccolo campione” Caro Babà, come iniziare questa storia, la nostra storia… sei arrivato a casa a tre mesi, un batuffolo di pelo lanoso. Ora hai quasi un anno e il tuo bellissimo lungo mantello bianco e fulvo carbonato fa la sua figura non indifferente (se solo ti lasciassi spazzolare senza dimenarti come un’anguilla!). Il tuo nome dice tutto: dolce ma forte alla stesso tempo! Sei cresciuto è vero, ma ancora oggi è difficile portarti a passeggio e non essere fermati dalla gente: “Che bello! Cos’è?”, “Sembra un piccolo Collie”, “Ma è un Lassie in miniatura!”, “Ma è in incrocio?” spiego a tutti che è uno Sheltie adulto (per la precisione un Cane da Pastore Scozzese Shetland); e no… non è un incrocio ma è una vera e propria razza selezionata nelle isole Shetland a nord della Scozia… e che lassù alle isole Shetland… non è l’unico ad essere in scala ridotta! Un giorno finalmente incontriamo una signora che sa: “Ma che amore, che cagnolino adorabile. Io ne ho due a casa della stessa razza!”, “Davvero? Che combinazione qui nessuno sembra conoscerla!”, “Ma si certo io ho due volpini. È un volpino anche lui vero??”. Ops…. “Ehm no, vera-

Un Bernese è per sempre

Dopo anni di attesa e di ricerche, nel luglio del 2013 portiamo a casa Rock e la nostra vita si riempie di emozioni nuove, di ansie e di soddisfazioni indicibili, anche alle expo, dove abbiamo cominciato quasi per gioco. Lui ama qualsiasi cosa che respiri. Gli altri

34

cani, i gatti, gli amici e i parenti.. La sua sensibilità è sbalorditiva, quegli occhi ti penetrano e sentono tutto, anche quei dolori che tu nascondi al mondo. Io soffro di emicranie, negli attacchi lui non mi molla mai, mi rimane vicino finché non sto meglio; non so come faccia a capirlo, ma lo capisce. Poi è arrivata Nanà (figlia della stessa madre di Rock, scomparsa prematuramente). Lui, ha reagito con un po’ di gelosia ma alla fine, data l’indole così buona, è diventato assolutamente protettivo con lei e si è adattato ai nuovi ritmi di casa. Ecco il più grande insegnamento che ti dà un Bovaro del Bernese: l’amore. Quello vero, incondizionato. Non è un cane per tutti. No, assolutamente no, per avere un Bernese devi essere pronto a sopportare una richiesta h24 di cibo e coccole. Non potrai più fare lo schizzinoso, perché ti “baceranno con la lingua” e i tuoi vestiti saranno pieni di peli e sbavati. Devi

mente è un Pastore delle Shetland”, forse inganna il colore del pelo, o forse le orecchie a punta (il bordo dovrebbe ricadere in avanti come nei Collie ma le tue son rimaste dritte come antenne), però no, di sicuro non è un volpino! Poi finalmente arriva la domenica e si va in campo agility, dove il tuo fratellone più grande, Ronas, già gareggia. Qui non hai bisogno di presentazioni, nessuno ti scambia per qualcun altro, tutti ti conoscono! Quando la folta schiera dei Border è terminata, si abbassano le stecche e arrivano loro. Gli Sheltie. Veloci, precisi, concentrati, sempre sul pezzo. Un salto, uno slalom, una bascula… che bello vederli girare, hanno l’aria di divertirsi. Quando la sera torniamo a casa sul nostro divano dove Ronas giustamente si gode il meritato riposo, io e te, Babà, ci guardiamo. Per ora sei ancora giovane e devi accontentarti degli allenamenti settimanali ma un giorno ci sarai anche tu su quel campo. Diventerai un campione? Ti guardo negli occhi e capisco che è una domanda sciocca: tu sei già il mio campione e io ho già vinto, perché tu sei qui con me. Michela Tognon

rinunciare a guardare un film la sera in pace senza esser costretta a fargli i “grattini”. Occorre sapere che non è detto che faccia la guardia, ma sarà sempre pronto a difenderti, a modo suo… Giocherà e salterà come un cucciolo anche quando il suo peso sarà superiore ai 50 kg e con la stessa “leggiadria” ti piomberà addosso ogni volta che rientrerai, anche se sei uscita 3 minuti per buttare l’immondizia… La casa non sarà mai più pulita, perché anche se hai 1000 metri quadrati di giardino lui vorrà stare in casa con te, o in giardino con te o in bagno con te, ma mai non da solo… Specialmente quando son cuccioli devi stare attento a tutto, che non trovino nulla da ingurgitare in giro per casa, non per forza commestibile (tipo calzini, occhiali, telecomandi, mutande e coperte…); Non è pensabile lavorare 10 ore al giorno e lasciarlo da solo in giardino: non esiste, ne soffrirebbe immensamente. I Bovari del Bernese ti scelgono sin da cuccioli, si, perché sono loro che scelgono te, niente illusioni! E lì sei “fregato” per sempre, non lascerai più questa razza ma soprattutto ci lascerai il cuore… per sempre Simona Novello


La mia razza in

40

Vacanze possibili in perfetta armonia righe

La piccola Giorgia con il branco di famiglia

Molti dei miei conoscenti mi manifestano - con grande desolazione - le grosse difficoltà che incontrano nell’ andare in vacanza accompagnati dai loro cani. È vero che richiede un po’ di pianificazione ma non è un’impresa impossibile. Sono Martina, ho 5 cani, una bambina di 5 anni e un compagno esigente; quindi sono una mamma, una pseudo moglie, una dipendente part-time e sono un’educatrice cinofila. I miei cani sono di taglie diverse (piccole, medie e grandi) e il mio branco è comporto da 4 maschi e 1 femmina. Premesso che i cani devono essere educati e ben inseriti nel contesto familiare, per me è naturale andare in vacanza con tutti loro. Questa premessa può sembrare superflua ma vi assicuro che molte strutture recettive hanno vietato l’accesso ai cani dopo esperienze sgradevoli, quindi è importante (non solo per noi stessi ma anche per gli altri) andare in vacanza con cani che sappiano comportarsi bene e con proprietari coscienziosi. Non credo di aver scoperto nulla di nuovo ma forse condividendo le mie esperienze alcuni di voi saranno spinti a pianificare le prossime vacanze seguendo il mio criterio: • Scegliere una meta che rispetti le esigenze di tutti = che sia mare o montagna, le vacanze, devono tener conto non solo delle aspettative di relax dell’essere umano ma anche delle esigenze dei nostri amici cani. Questa considerazione non preclude il piacere di passare del prezioso tempo in splendidi

posti, anzi! L’importante è accertarsi che ci siano i giusti spazi per dedicare al cane i suoi momenti di svago. Ricordiamoci che un cane appagato è un cane sereno e sicuramente più gestibile. • Valutare il periodo più opportuno: partendo dal presupposto che ogni momento è buono per andare in vacanza sconsiglierei il periodo più torrido (come agosto) e più glaciali (come dicembre). I prezzi sono alle stelle e spesso le strutture vengono sommerse da richieste; inoltre il clima ci limita e non aiuta i cani a godersi appieno la vacanza, quindi anche noi saremo in apprensione. • Pianificare per tempo: ora, mi rendo conto che non sono in molti a voler andare in vacanza con 5 cani ma, anche se ne hai 1 o 2 il concetto è lo stesso: organizzatevi per tempo! Voi non immaginate nemmeno quante occasioni ci sono se riuscite a decidere di andare in vacanza con 3 o 4 mesi in anticipo. Specialmente per le ferie estive… • Passaparola e siti dedicati: di solito chi ha cani frequenta gente con cani, fate tesoro delle esperienze altrui e tenete sempre d’occhio i siti delle “vacanze coi cani”, resterete stupiti di quante strutture (italiane e non) offrono pacchetti interessanti. Vi racconto la nostra ultima esperienza estiva dello scorso anno. Il mio compagno aveva fissato dei paletti

ben precisi: una località di mare; distante da casa non più di 2 ore di macchina; che accetti i nostri 5 cani; ovviamente, che non svuoti il contro corrente. Ed io ho aggiunto: attrezzata per i bambini. Eh… sì, perché oltre a noi - e i nostri 5 cani - si sarebbero aggiunti una coppia di nostri amici (con bimbo e cane appresso). Secondo alcuni (compreso il mio compagno) era un’impresa impossibile! Così, già a gennaio dello scorso anno, ho iniziato a spulciare i siti e le offerte… Aggiungo che noi siamo piuttosto fortunati perché abitando in Friuli Venezia Giulia abbiamo diverse opportunità senza dover macinare numerosi chilometri. Ed ecco - finalmente - che incappo in questa offerta in Croazia: una struttura di recente costruzione con 2 appartamenti separati ma uniti da uno spazioso giardino tutto recintato con piscina e giochi per bambini. Vicino a supermercati, ristoranti, mare e - cosa molto importante - un boschetto ombroso per le passeggiate dei 5 - anzi 6 - cani. Scegliendo il periodo di inizi luglio il costo è stato contenuto alla grande. Il risultato? Una vacanza che non dimenticheremo mai!! Con tutti i requisiti che - secondo noi - deve avere: risate, buon cibo e relax per tutti (bipedi e quadrupedi). Non so ancora dove ci porteranno le vacanze estive 2020 ma so solo che a breve inizierò a guardare le offerte per non farci scappare qualche buona opportunità. Martina Bossi

35


La mia razza in

40

righe

Due insoliti amici Pepe era già diventato un Lagotto robusto e allegro. Ma si sentiva un po’ solo, lui che cercava sempre la compagnia di altri cani. Un giorno nonna Omi, in un negozio di animali aveva visto, in gabbia, una coniglietta color lepre con lunghi orecchi pendenti; pensò che poteva essere lei l’amica di Pepe. Certo non sarebbe stato facile; lui, oltre che da tartufo, era anche un cane cacciatore. Valeva però la pena di provarci; non sono forse tutti, uomini e gli animali creature di Dio, come diceva San Francesco? Quando Pepe vide quella strana cosa viva nella gabbia, pensò subito che si sarebbe divertito molto a rincorrerla e mordicchiarla un po’. Le cose si mettevano male. Invece, pian piano, si abituò a vederla muovere libera e,

Una volta, Pepe, come un bravo “cane – pastore” riuscì a raggiungerla al cancello e riportarla in cucina! Ma l’ultima volta non ci riuscì e la coniglietta ribelle, trovato un buco nella rete del campo, fuggì proprio come una lepre. Subito l’ abbiamo cercata dappertutto con Pepe, ma lei era davvero sparita nel nulla; chissà dove era arrivata con le sue lunghe zampette robuste! Di sicuro il suo amico era triste; sapeva che non l’avrebbe rivista più. Ma era anche contento nel pensare che ora lei era felice di vivere libera, senza mai più gabbie. in poco tempo erano già grandi amici! Ma la coniglietta era selvatica e fuori della gabbia, oltre a rosicchiare le gambe dei tavoli, cercava sempre di scappare in giardino.

Pepe non è più qui. Ma ci vede da là, dove lo pensiamo. È ancora con noi nel ricordo dell’affetto e dell’allegria che ci ha dato. Angela Bianchi

Pastori Belgi, I love you Mi sono innamorato di voi, casualmente, tutto è successo quando mi lasciò la mia adorata Zara, era uno splendido Pastore Tedesco. Una carissima amica veterinaria, che tanto aveva seguito le nostre vicissitudini, mi chiamò una sera dicendo che aveva un cucciolo di pastore belga groenendael femmina di tre mesi da adottare. Conoscevo la razza ma avevo sempre avuto Pastori Tedeschi, fui estremamente titubante, alla fine cedetti alla sua caparbia e simpatica insistenza e andai con mia moglie e mio figlio a vedere questa cucciolina. Luna era un orsacchiotto nero come la pece, con gli occhietti da cinesina che si fiondò in braccio a mio figlio:ovviamente se ne venne a casa con noi! In quel periodo casa nostra era il caos più totale, eravamo nel pieno marasma di un imminente trasloco, avevamo deciso di fare un drastico cambio di vita trasferendoci dalla città alla campagna. Nonostante ciò Luna si adattò perfettamente e quando ci trasferimmo aveva sei mesi. La nuova casa era molto grande e con molto terreno intorno, cominciammo a pensare di prendere un secondo cane per darle una compagnia, la

36

scelta cadde su un maschio Groenendael, così arrivò Thor che aveva tre mesi. Thor e Luna sono cresciuti in simbiosi. Nel 2015 ricevetti una segnalazione riguardante un cucciolo di sei mesi di Terveuren vittima di maltrattamenti. La sua foto legato alla catena mi colpì al cuore e, dopo un breve consulto con mia moglie e un giro di telefonate, caricai sul camper Luna e Thor e partimmo per Fiumicino, dove si trovava il piccolo. Argo era uno scricciolo, spaurito, ferito nel corpo e nell’anima. Temevamo un’eventuale reazione negativa di Thor e Luna, ma l’intelligenza dei Pastori Belgi è stellare, lo accolsero con una semplicità disarmante. Argo si riprese velocemente e diventò un meraviglioso esemplare sabbia carbonato. Ormai eravamo “belgi dipendenti” e quindi arrivò anche una cucciola Terveuren, Milly, una splendida rossa col muso da furbetta, andammo a prenderla vicino a Rimini, col camper. Il trio si comportò meravigliosamente e Milly venne a casa viaggiando tranquillamente con gli altri. Nel 2018 arrivò Lothar uno splendido e intelligentissimo Malinos che ci sta

dando grandi soddisfazioni. Due Groenen­ dael, due Terveuren, un Malinois, ci manca il Laekeinois per avere le quattro varietà di pastori belgi… mai dire mai! Ivano Bernini


i nostri

Cani

Anno 66 num. 1 gennaio 2020

Fido non fa dispetti Uno nuovo studio portoghese conferma l’importanza di un addestramento positivo Spesso, anche tra i cinofili, il concetto che un cane possa mettere in atto atteggiamenti dispettosi è abbastanza diffuso. Il “dispetto” è un atteggiamento poco benevolo teso ad infastidire di proposito qualcuno, oppure, un atto scherzoso che, anche nelle migliori intenzioni, non sempre è gradito. Negli umani adulti, il concetto di dispetto è ben diffuso e consapevole; nei bambini, invece, spesso è frutto di incomprensioni, per es. nel ritenere di essere stati ingiustamente sgridati e agire di conseguenza, come un atto immediato di “giustizia riparatrice” al torto subito. Nei cani, tutto questo complesso ragionamento è difficile da elaborare e, come spesso accade, le nostre deduzioni sono ragionevolmente lontane dalla realtà. Comportamenti definiti “dispettosi”, sono il frutto di una serie di reazioni messe in atto dal cane che tendono a gestire l’ansia, la paura, la solitudine, la propria stessa incolumità e, sono il culmine di una serie di incomprensioni che l’umano non ha sapute né leggere né tantomeno gestire. Per es. fare pipì o defecare in casa al rientro da una lunga passeggiata, non è un dispetto ma un sintomo che il cane al di fuori dalle mura domestiche non si sente sicuro e “si porta a casa” le sue tracce per depositarle in un luogo famigliare, affidabile. E ancora, mordicchiare o distruggere oggetti

all’arrivo di un secondo cucciolo non è un dispetto ma è sintomo di trascuratezza o più semplicemente di un nuovo equilibrio famigliare che il primo cane non è in grado di sopportare e manifesta le sue fragilità, dominando l’ansia con atteggiamenti sostitutivi. Anche durante il percorso educativo, pensare che il cane non voglia obbedire per una presa di posizione, è semplicemente assurdo. All’origine, c’è sempre una mancata comunicazione, una nostra incapacità di leggere lo stato d’animo del cane e di non saper trovare alternative ortodosse al raggiungimento delle nostre richieste. È interessante apprendere di come la scienza si stia occupando costantemente di questo fenomeno. Un recente studio fatto dall’Università di Porto in Portogallo ha dimostrato che l’addestramento autoritario rischia di rendere il cane più stressato e pessimista, con effetti che persistono nel tempo. Lo studio pubblicato su BioRxiv, il sito che traccia gli articoli di biologia prima della revisione prevista per la pubblicazione ufficiale sulle riviste scientifiche, riporta i risultati ottenuti dal team di Ana Catarina Vieira de Castro. Gli scienziati, hanno filmato 42 cani addestrati con rinforzi positivi (ovvero usando giochi e cibo come ricompense per pre-

miare i comportamenti corretti) e li hanno confrontati con 50 cani addestrati con rinforzo negativo (ovvero con richiami a voce alta, strattonamenti al guinzaglio e pressioni sulla groppa per indurre la seduta). Nei video, i cani educati con rinforzi negativi hanno mostrato evidenti segnali di stress, leccandosi più volte le labbra e sbadigliando. Questi comportamenti ‘spia’ hanno trovato conferma anche nel test della saliva: eseguito prima e dopo l’addestramento, ha svelato un innalzamento dell’ormone dello stress, il cortisolo. Per verificare se questi effetti si potessero protrarre nel tempo, a distanza di un mese i ricercatori hanno fatto un secondo esperimento su 79 cani per vedere come rispondevano a una potenziale ricompensa. Innanzitutto li hanno messi in una stanza dove, da un lato, li attendeva una ciotola con una salsiccia, e dell’altro lato una ciotola vuota. Dopo averli abituati a questa situazione, hanno posto una terza ciotola vuota tra le due, misurando quanto i cani si avvicinassero velocemente. I cani addestrati con rinforzi positivi si sono fiondati sulla ciotola, fiduciosi di trovare anche lì una salsiccia, mentre i cani addestrati con rinforzi negativi hanno tentennato più a lungo con un atteggiamento più pessimista. R.F.

37


E X P O

BEST IN SHOW CACIB ERBA 1° DEEP IMPACT TO TWJ BY THE LAKE Border Collie di LARA SEGHEZZI 2° MINGRAND’S FROZEN FLAKES Grand Basset griffon vendéen di GABRIELLA SEGATO 3° GIO.DO.GIO CHICCAFV Carlino di SERGIO SOFFIENTINI

ERBA

COMO E LA VALTELLINA PER IL “TROFEO DI NATALE”

Luci e colori nella tradizionale expo in una atmosfera amichevole e serena

L

’8 dicembre alle 18:00 è calato il sipario dell’Expo di Natale 44a edizione. Tra un tripudio di luci e colori ed il calore del folto pubblico, l’esperto giudice irlandese Toni Moran designato per il Supreme Best in Show, dopo aver valutato in movimento ed in stazione i vincitori dei Best in Show, Valtellinese edi Erba, ha assegnato il “Trofeo di Natale 2019” al Border Collie di Lara Seghezzi, all’esuberante e simpatico Lakeland Terrier di Gianpaolo Vignola , secondo classificato, una bellissima ciotola

42

variopinta di stelle di Natale. Ringrazio di cuore il Presidente Gino Dazio del Valtellinese per la fiducia accordata al GCC, grazie infinite a tutti i componenti del Consiglio Direttivodel Gruppo Cinofilo Comasco che a vario titolo si sono adoperati per la riuscita della manifestazione, alla Delegata ENCI Roberta Mauri per il prezioso supportoe alla Tratto per l’egregio lavoro. A tutti l’augurio di un Sereno Anno Nuovo. Piera Corsini Croce


E X P O

BEST IN SHOW CAC VALTELLINA 1°JAMES DEAN DEL BENACO Lakeland Terrier di GIANPAOLO VIGNOLA 2° MINGRAND’S FROZEN FLAKES Grand Basset griffon vendéen di GABRIELLA SEGATO 3°QUEEN BEE O’BAZ FRA DET GAMLE KEJSERRIEGE Boston Terrier di LORIS SENO

RAGGRUPPAMENTI CACIB ERBA GRUPPO Ê 1° DEEP IMPACT TO TWJ BY THE LAKE Border Collie Pr. SEGHEZZI LARA GRUPPO Ë 1° ANGEL’S PHOENIX HEART ATTACK Bullmastiff Pr. PAVESI FRANCESCA GRUPPO Ì 1° DIAVEL Staffordshire Bull Terrier Pr. DI MICHELE RICCARDO GRUPPO Í 1° DARGON BOY DEL WANHELSING Bassotto kaninchen p/d Pr. PASCARELLA GABRIEL MARIO GRUPPO Î 1° FIRE’S SON DEI LEONI IMPERIALI Chow Chow Pr. BETTINI STEFANIA GRUPPO Ï 1° MINGRAND’S FROZEN FLAKES Grand Basset griffon vendéen Pr. SEGATO GABRIELLA GRUPPO Ð 1° UBOLD Kurzhaar Pr. MORETTI MAURO GRUPPO Ñ 1° DUCKVILLE ENERGY FULL RIVER Labrador Retriever Pr. POLLARI PIETRO ALESSIO GRUPPO Ò 1° GIO.DO.GIO CHICCAFV Carlino Pr. SOFFIENTINI SERGIO GRUPPO Ó 1° SOBERS CASSIUS Greyhound Pr. SALMISTRARO PAOLO BIS COPPIE 1° Kurzhaar Pr. MALAGUTI DINO BIS GRUPPI 1° Bullmastiff Allev. BE MY KEEPER BIS GIOVANI 1° MAINSTREAM JACK GRETA GARBO Jack Russell Terrier Pr. RUDISH ELENA BIS R. ITALIANE 1° ISHTARAN DEI LUPERCALI Cane da pastore bergamasco Pr. MARIANI CARNELLI MARIA ADELE EMY

RAGGRUPPAMENTI CAC VALTELLINA GRUPPO Ê 1° LUAVJAN’S NIAGARA NINEMILET Cane da pastore belga Tervueren Pr. TEBALDI DOROTEA GRUPPO Ë 1° NACHOS FROM THE BULLDOG GLAMOUR FACTORY Bulldog Pr. ORSINI CLAUDIO GRUPPO Ì 1° JAMES DEAN DEL BENACO Lakeland Terrier Pr. VIGNOLA GIANPAOLO GRUPPO Í 1° MINGRAND’S FROZEN FLAKES Grand Basset griffon vendéen Pr. SEGATO GABRIELLA GRUPPO Î 1° THEMAGICIAN PHILIPPE COURT CHATRIER Alaskan Malamute Pr. Allev. THEMAGICIAN GRUPPO Ð 1° ECTOR OF ARTHUR’SCOURT Labrador Retriever Pr. CREMONESI MASSIMO GRUPPO Ò 1° QUEEN BEE O’BAZ FRA DET GAMLE KEJSERRIEGE Boston Terrier Pr. SENO LORIS GRUPPO Ó 1° SOBERS CASSIUS Greyhound Pr. SALMISTRARO PAOLO BIS R. ITALIANE 1° IZANAGI DEI LUPERCALI Cane da pastore bergamasco Pr. VALENTI BARBARA BIS COPPIE 1° Cane lupo Cecoslovacco Pr. SALSI TIZIANA BIS VETERANI 1° CRY OUT THE LONG RUN Siberian Husky Pr. INTROZZI KATIA

43


E X P O

SUPREME BEST IN SHOW TROFEO DI NATALE 1° BORDER COLLIE DEEP IMACT TO TWJ BY THE LAKE di LARA SEGHEZZI 2° LAKELAND TERRIER JAMES DEAN DEL BENACO di GIANPAOLO VIGNOLA

V

44

GRUPPO 2 CACIB ERBA 1° ANGEL’S PHOENIX HEART ATTACK BULLMASTIFF di FRANCESCA PAVESI 2° CRISTALMAR NEWFY YOU TUBE AT URSINUS VELUTUS TERRANOVA di MURA MARCELLO EFISIO PIERO 3° AMIS D’UN REVE GUERNICA-F ALANO FULVO di NICOLETTA BETTOLINI

BIS RAZZE ITALIANE CACIB ERBA 1° ISHTARAN DEI LUPERCALI CANE DA PASTORE BERGAMASCO di MARIANI CARNELLI MARIA ADELE EMY 2° LA LA LAND DEI RAGGI DI LUNA PICCOLO LEVRIERO ITALIANO di ALLEVAMENTO DEI RAGGI DI LUNA 3° TEODORA LA SIGNORA DEI 100 CANI BOLOGNESE di ANTONELLA BERTO

GRUPPO 5 CACIB ERBA 1° FIRE’S SON DEI LEONI IMPERIALI CHOW-CHOW di STEFANIA BETTINI 2° ASTRA BRAMA ARMANDO DIAZ SIBERIAN HUSKY di BORIS ESCHENKO 3° DALZEN GO DARUMA KENSHA AKITA di ALIN OPREAN

GRUPPO 8 CACIB ERBA 1° DUCKVILLE ENERGY FULL RIVER LABRADOR RETRIEVER di POLLARI PIETRO ALESSIO 2° ASSOLO DELLE BUCHE FONDE LAGOTTO ROMAGNOLO di DANIELE TOMEI 3° TERRA DE SETUBAL CAO DE AGUA PORTOGUES di MARCO VENTURINO

CO M ga

S

PE tu PE se


COMPORTAMENTO E CARATTERE: Molto attaccato al suo ambiente ed i suoi familiari, d’un temperamento molto esuberante, vivace, gaio e gioioso.Colore: Unicolore bianco o rosso.

SEGUGIO DELL’APPENNINO (I)

PELO RASO: pelo corto (massimo 2 cm), con tessitura vitrea densa, uniformemente distribuito su tutto il corpo. PELO FORTE: pelo da 2 a 5 cm di lunghezza, mediamente ruvido al tatto, bene aderente al corpo senza formare mai riccioli o boccoli, con sottopelo denso. Segugio dell’Appennino. Foto Marco Leonardi.

gli standard in pillole

VOLPINO ITALIANO (I)

(Il testo completo per tutte le razze è disponibile sul sito www.enci.it/standard)

Volpino Italiano. Foto Lella Corradi.

45


La mia razza in 40 righe “Racconti brevi. Storie di vita quotidiana. Aneddoti divertenti. Una razza: che passione! Dalla città alla campagna… … E tutto ciò che racconta la vita condivisa con la scelta di un cane.”

I RACCONTI SARANNO PUBBLICATI SULLA RIVISTA “I NOSTRI CANI” E SUL SITO DELL’ENCI INFORMAZIONI TESTO: in formato di scrittura (Word o similari - NO pdf). Lunghezza massima: 4.000 battute (spazi esclusi). FOTO: è possibile allegare 1 foto in formato Jpg o Tif in alta risoluzione. Avvertenze: non impaginare. Testo e foto, separati. INVIARE racconti, foto e liberatoria a: racconti@enci.it Avvertenze: ad ogni e mail, allegare solo 1 racconto ed 1 foto. È possibile inviare più racconti dello stesso autore con e mail distinte. LIBERATORIA Per la pubblicazione gratuita sulla rivista “I Nostri Cani”, sul sito www.enci.it e su qualsiasi altra pubblicazione dell’ENCI si deve allegare all’invio la seguente dichiarazione: Il sottoscritto: nome, cognome, indirizzo, recapito telefonico. Autorizza la pubblicazione, sulla rivista I Nostri Cani, sul sito www.enci.it e su qualsiasi altra pubblicazione dell’ENCI, del racconto e della foto allegati alla presente e mail. Dichiara altresì che gli stessi sono gratuiti e liberi da copyright. L’iniziativa terminerà il 31 dicembre 2020 Si ringraziano con anticipo tutti gli appassionati che vorranno aderire all’iniziativa.

B

CO Di TA

C

CO e pr


COMPORTAMENTO - CARATTERE. Vivace, pieno di temperamento, sicuro di sé, senza paura. Diffidente con gli estranei; incorruttibile guardiano; allegro e recettivo. TAGLIA. Altezza al garrese Maschi 52-56 Femmine 50-54

CANE DA PASTORE BELGA MALINOIS (B)

COMPORTAMENTO - CARATTERE. Il Pastore Belga è un cane vigile e attivo, che trabocca di vitalità, e sempre pronto a passare all’azione. All’attitudine innata di guardiano del gregge, aggiunge le preziose qualità del miglior cane da guardia per la proprietà. Cane da pastore belga Malinois. Foto Caludia Scatizza.

gli standard in pillole

BOVARO DELL’APPENZELL (CH)

(Il testo completo per tutte le razze è disponibile sul sito www.enci.it/standard)

Bovaro dell’Appenzell. Foto Leonardo di Marino.

49


Affissi approvati dal Consiglio direttivo e ratificati dalla FCI

Aiesi Giuseppe Via Badia 8 21040 Origgio (VA) Akita “Hokuto Kensha”

Bonzi Gessica Via Don Mazzolari 3 24031 Almenno San Salvatore (BG) Golden retriever “Oasi del Cucciolo”

Comandatore Giuseppe Via Margi 10 93012 Gela (CL) Labrador retriever “Around My Tails”

Baldizzi Francesco Via P. Borsellino 97 90045 Cinisi (PA) Cocker spaniel inglese “be a Dragonfly”

Buzzi Elisa Strada Campo gallo 01017 Tuscania (VT) Welsh Corgi Pembroke “Vanth”

Curatella Anna Via Migliaro 79 84016 Pagani (SA) Bulldog “Malcanbull”

Bardella Federica Via pergolesi 1 10025 Pino Torinese (TO) Flat coated retriever “Revenoss”

Camprestrin Patrizia Via dei Viegri 6 38051 Borgo Valsugana (TN) Hovawart “della Cima XII”

Dal Grande Sonia Via degli Alpini 1 36070 Castelgomberto (VI) Jack russell terrier “Corgi Grancast”

Bargazzi Davide Via Oreste Labò 30 29122 Piacenza (PC) Epagneul Breton “del Bargazzi”

Cavallero Diego & Pasut Mara Via Maestra Vecchia 11 33080 Porcia (PN) Bulldog “Wishmadi”

De Donatis Graziella Via della Tifa 45 B 48123 Ravenna Bassotti “Dachsnam”

Bernardelli Luca Via Rossi 7 45035 Castelmassa (RO) Segugio italiano a pelo raso “dell’Ariola Eridano”

Chieppa Alberto Via Sant’Agata 2C 13048 Santhià (VC) Alano “dell’Ortensia Blu”

De Pompeis Ludovica Piazza G. Sordini 2 06049 Spoleto (PG) Bassotti “del Casale Poggio del Brocco”

Bizzotto Dante Via Castion 36 36028 Rossano Veneto (VI) Setter inglese “del Brintesis”

Ciaramitaro Antonino Via Vestone 21 Int. 1 36100 Vicenza (VI) Cane da ferma tedesco a pelo corto “di Casa del Falco”

De Vincentiis Laura II° traversa Follicara 2 80071 Anacapri (NA) Riesenschnauzer “di Casa De Vincentiis”

Bonelli Ilaria Std. Statale Appia km 107 600 04019 Terracina (LT) Bulldog “Love & Noise”

Ciocchetti Valentina Via Macchiavelli 41 13100 Vercelli (VC) Cane da pastore scozzese shetland “del Venere Nero”

Della Brenda Milito Arcangelo Via G. Vitale 42 84013 Cava de’ Tirreni (SA) Pastore tedesco “dell’Antico Portico”

50


Derman Paola Loc. Acquabona di sotto 32 32043 Cortina d’Ampezzo (BL) Golden retriever “i the Seven – Paola Derman”

Lanuara Eugenio Piazza Giovanni Grossi 50 87021 Belvedere Marittimo (CS) Jack russell terrier “Belviderium”

Rao Vincenzo Traversa Fornello 1 04020 Spigno Saturnia (LT) American staffordshire terrier “Rao’s Ast”

Dirova Lenka Via della Repubblica 39 55023 Borgo a Mozzano (LU) Bouledogue francese “Boulenridge”

Liberatore Antonio Via Pietra 5 66054 Vasto (CH) Chihuahua “Vasto Marina”

Ravagli Luca Corso Saffi 53 Int. 1 48018 Faenza (RA) Rottweiler “von Lucarott”

Ferratini Barbara Via Domenico Ragnini 8 Int. 1 00062 Bracciano (RM) Bouledogue francese “Mousse le Debut”

Licciardello Alessandro Via Salvo D’Acquisto 15 95025 Aci Sant’Antonio (CT) Cocker spaniel inglese “Gerini’s Truelife”

Roccia Paolo Regione Turina 21 10060Macello (TO) Pastore tedesco “Blue Rock Ranch”

Fioretti Sara Via Giarratana 125 00133 Roma Cavalier king Charles spaniel “Edenstrasse”

Lisi Sofia Via dell’uso 5601 47822 Sant’Arcangelo di Romagna (RN) Australian shepherd “Steeltime”

Santonocito Antonella Via di Campo Vecchio 47 00046 Grottaferrata (RM) Alano “del borgo del Cacchione”

Gratton Irene Via Noli 16 35010 Gazzo (PD) Pastore Tedesco “Von Jadehaus”

Loria Valeria Via Orchidee 40 Int. 1 74122 Taranto Akita “Fujiko No Kensha”

Sasso Giuseppe Via Vito Santoro 18 72029 Villa Castelli (BR) Dobermann “del Canale Reale”

Grilli Francesco Via della Libertà IV 81043 Capua (CE) Labrador retriever “dello Chalet dei Grilli”

Lucchini Monica Via Bernardo Davanzati 1 00137 Roma Piccolo levriero italiano “del Gianicolo”

Segatori Azzurra Vicolo Fontana Maggiore 17 00079 Rocca Priora (RM) Boxer “del Colle dei Guardiani”

Gueli Daniele Via de Gasperi 11 90020 Roccapalumba (PA) Setter inglese “di Terra Sicula”

Mansueto Lorenzo Via Cigliano 32 A 13040 Moncrivello (VC) Setter inglese “di Casaloreman”

Società Agricola F.lli Cecchin Via Arnaldo Fusinato 26 C 32032 Feltre (BL) Maltese “de il Principe delle Dolomiti”

Isidori Kabir C.da Mazzagallo 3° 62010 Montelupone (MC) Labrador retriever “del Sole e della Luna Labs”

Meloni Alberto Via Ezio Vanoni 1 Int. 12 20871 Vimercate (MB) Cane da ferma tedesco a pelo corto “Vetar del Melo”

Spigarelli Luana Strada Fosso Arcese 19 00019 Tivoli (RM) Dogue de bordeaux “di Villa d’Este”

Kalanaviciute Indre Via Bobbio Norberto 9 20096 Pioltello (MI) Barboni “Kashmir Touch”

Meminaj Eneo Via Dogali 1 B 26013 Crema (CR) Rottweiler “Rott in Black”

Ventrucci Lino Traversa Tempon Primo 67 84022 Campagna (SA) Setter inglese “Livent”

La Palma Andrea & Arigliano Alessandra Via Toscana 16 72100 Brindisi Yorkshire terrier “Brundisium”

Minuti Michela & Pagani Aronne Via De Amicis 18 E 25027 Quinzano d’Oglio (BS) Golden retriever “dei Cuori Ribelli”

Vinci Gloria Via del Sambuco 32 00030 San Cesareo (RM) Bassotti “dell’Allegra Corte”

Lamagna Pasqualina Via Pasch 226 B 33084 Cordenons (PN) Golden retriever “Nefer Golden”

Orsenigo Manuela Via Michelangelo 13 22063 Cantù (CO) Bouledogue francese “delle Maledette Capoccione”

Lancetti Susanna Via C. Bartolomeo Piazza 8 Int. 22 00161 Roma Spitz tedeschi “della Regina di Spade”

Papetti Antonia Cascina Molino Torchio 1 26833 Merlino (LO) Barboni “della Terra di Merlino”

51


y r e l l a g ! i o n t i o g a F imm 0 0 0 4

er per av risultato. i t n a p e arteci important p i i t t to tu iamo ngere ques z a r g Rin raggiu oa tribuit

INIZIATIVA PROMOSSA DALL’ENCI PER VALORIZZARE IL CANE DI RAZZA con

Se sei interessato, segui il percorso indicato. Cerchiamo foto che ritraggano cani, con le seguenti caratteristiche: - Cani adulti. Cuccioli. - Cani in movimento, in stazione, seduti, a terra. - Cani negli sport cinofili. - Teste in primo piano. - Cani singoli, in gruppo. - Cani di razze diverse nella stessa foto.

- Cani ambientati nelle diverse stagioni. - Foto a colori e bianco/nero. - NO PERSONE - NO BAMBINI - Dimensioni: minimo 2MB

È possibile inviare più foto ma per evitare problemi con il server, si prega di INVIARE 1 FOTO PER VOLTA a: foto@enci.it Ogni foto dovrà essere accompagnata dalla seguente didascalia: razza, sesso e autore della foto. Per la pubblicazione gratuita delle foto su I Nostri Cani a corredo degli articoli che nel tempo potrebbero essere pubblicati e poi riversati anche sul sito ENCI, ognuna di esse dovrà essere accompagnata dalla seguente liberatoria. Il sottoscritto ……………………………………………………… autore della foto in oggetto che ritrae il cane di razza …………………………………… sesso ……………………………… autorizza l’ENCI alla pubblicazione gratuita sulla rivista “I Nostri Cani”, sul sito www.enci.it e su qualsiasi altra pubblicazione dell’ENCI. Dichiara inoltre che la foto è libera da copyright. L’iniziativa terminerà il 31 dicembre 2020 Si ringraziano con anticipo tutti gli appassionati che vorranno aderire all’iniziativa.


RUBRICA GRATUITA RISERVATA AI SOCI ENCI ACCESSO ALLA RUBRICA BEST IN SHOW: 1°, 2°, 3° classificato (compresi Coppie, Gruppi, Giovani, Veterani) RAGGRUPPAMENTO: 1°, 2°, 3° classificato RADUNI E SPECIALI DI RAZZA: BIS: 1°, 2°, 3° - BOB-BOS

1° classe campioni, libera, intermedia, lavoro, giovani, veterani

successi all’estero

DAL NUMERO DI DICEMBRE 2019 SOLO RISULTATI OTTENUTI DOPO IL 31 MAGGIO 2019

CRUFTS 2019 Accesso alla rubrica per i soggetti di allevamento e/o proprietà italiana che abbiano ottenuto il 1° posto nella classe d’appartenenza, oltre a BOB-BOS e risultati nel Ring d’Onore

PER L’INSERIMENTO NELLA RUBRICA SUCCESSI ALL’ESTERO, SONO INDISPENSABILI I SEGUENTI DATI: NOME DEL CANE - RAZZA - CITTÀ, NAZIONE E DATA DELL’EXPO - RISULTATO MASSIMO OTTENUTO - NOME E COGNOME DEL GIUDICE - NOME E COGNOME DELL’ALLEVATORE - NOME E COGNOME DEL PROPRIETARIO - MICROCHIP I NOMI DEI CANI, ALLEVATORI E PROPRIETARI DEVONO CORRISPONDERE AL LIBRO GENEALOGICO. LA REDAZIONE NON È RESPONSABILE DI EVENTUALI ERRORI ENCI PUÒ VERIFICARE LO STATO DEI CANI AL LIBRO

FRANCINI’S NEGRAMARO Cocker spaniel inglese Speciale di Celije (SLO) 19/10/19 CAC Giudice Luis Catalan Allevatore Angela Francini Proprietario Massimo Fiorentino

IN TIME POMS CUTTING EDGE Spitz Pomerania Expo di Mostar (BIH) 29/9/19 3° classificato gruppo 5 Giudice Georgiy Onishchenko Allevatore Alexander Alexandrov Proprietario Mattia Alessandro

PETRA Bassotto Nano p/d Expo di Komàrom (HR) 6/10/19 2° classificato gruppo 4

Giudice Rosa Agostini Allevatore Cristina Giuriolo Proprietario Allev. del Clan Bassotti

FIRST QUEEN’S AMERICA Chihuahua p/c Expo di Mostar (BIH) 27/9/19 1° classificato gruppo 9 Giudice Georgiy Onishchenko Allevatore Perna Riccardo Proprietaria Pucci Emilia

AMAZZONIA FIRE FLOWER & LUNGORESINA CRIMSON STAR Pastore Svizzero Bianco Expo di Gradiska (BIH) 7/9/19 1° BIS Coppie Giudice Otto Schimpf Allavatori Glenda Alberti Patrizia Martinelli Proprietario Glenda Alberti

TIERIS VIVALDI Piccolo Levriero Italiano Speciale di Dolsko (SLO) 14/9/19 2° classificato Best in Show Giudice Katrin Raie Allevatore Zotova G.V Prorietario Maura Brochetta

57


successi all’estero

ADELFA RAMITA Podenco ibicenco Speciale di Sempeter (SLO) 9/11/19 BOB Giudice Markku Kipina Allevatore Panteleeva T.N. Proprietario Sonia Medolago

STARRY TOWN NABUCODONASOR Bovaro del Bernese Expo di Albert Lea Minnesota (USA) 10/10/19 3° classificato gruppo 2 PUSSYCAT DE POMPADOUR Papillon Expo di Karlsruhe (D) 10/11/19 1° BIS Veterani

Giudice Patricia Trotter Allevatore e propr. Maurizio Mauro

Giudice Lisbeth Mach Allevatore Nouzakova Zuzana Proprietario Barbara Mascherpa

NEW ANGELS PS AT STARRY TOWN Terranova Expo di Lipica (SLO) 6/10/19 2° classificato gruppo 2 I BRAVI RAGAZZI PRETTY WOMAN Bullmastiff Speciale diVrtoiba (SLO) 9/11/19 BOB Giudice Peter Van Montfort Allevatore Nadia Furlon Proprietario Simone Corvini 58

Giudice Vladimir Mihaljcic

THE NEVERENDING STORY Bullmastiff Expo di Šempeter/Vrtojba (SLO) 09/11/19 1° BIS Giovani Giudice Marie Petersen Allevatore Alessandra Orlando Proprietario Francesco Rossi

Expo di Vrtojba (SLO) 10/11/19 3° classificato gruppo 2 Giudice Peter Van Monfort

Raduno Molossi di Vrtojba (SLO) 9/11/19 2° classificato BIS Giudice Peter Van Monfort Alllevatore Didier Haeck Proprietario Maurizio Mauro


successi all’estero

BUAKAW POR PRAMUK LUPI SI NASCE Cane Lupo Cecoslovacco Expo di Celije (SLO) 18/10/19 2° classificato gruppo 1 Giudice Zlato Kralji Allevatore Ettore Sergio Proprietario Laura Scaglia

SMASH JP DOFLAMINGO Barbone toy Speciale di Palma di Majorca (E) 19/10/19 1° classificato gruppo nove

JOSEPH DEL BIAGIO Alaskan Malamute Expo di Sempeter Vrtojba (SLO) 9/11/19 2° classificato gruppo 2

Giudice Angel Sotoca Santos Allevatore Yukiko Omura Proprietario Tiziano Gargano

Giudice Omura Toshimori

Speciale Gruppo 5 di Vrtojba (SLO) 1° BIS Veterani Giudice Bruno Nodalli

Expo di Vrtojba (SLO) 10/11/19 2° BIS Veterani Giudice Nikola Smolic

Expo di Vrtojba (SLO) 10/11/19 3° classificato gruppo 5

Giudice Bruno Nodalli Allevatore Giuseppe Biagiotti Proprietario Maurizio Pizzolato

NABUCCO DI TURBOLAND & TURBODACH OSEL ZIVA Bassotti standard p/c Expo di Ginevra (CH) 16/11/19 3° BIS Coppie Giudice Alpay Özkan

Expo di Ginevra (CH) 17/11/2019 3° BIS Coppie

Giudice Tamás Jakkel Allevatore Niccolini Antonella Pr. Lorenza Cerutti e Allev. Turbodach

NABUCCO DI TURBOLAND Bassotto standard p/c Expo di Ginevra (CH) 16/11/19 1° classificato gruppo 4 ALEKOS ACHILLE West Highland White Terrier Expo di Šempeter-Vrtojba (SLO) 9/11/19 2° classificato gruppo 3

Giudice Jasna Matejčić Allevatore e propr. Alessandra Bisordi

Giudice Gaby Syz Allevatore Antonella Niccolini Proprietario Lorenza Cerutti

TURBODACH OSEL ZIVA Bassotto standard p/c Expo di Ginevra 17/11/19 3° classificato gruppo 4

Giudice Michael Harms Allevatore e propr. Allev. Turbodach

AMOREVOLE ORSO ROSSO DEL NORD Cairn Terrier Expo di Molodechno (BY) 28/9/19 1° classificato Best in Show Giudice S. Zaretski Allevatore Malinina Veronika Proprietario Malinina Veronika

59


successi all’estero

SWAN SENSATION GANGSTER Barbone nano Expo di Belgrado 17/11/19 BOB Giudice Lisbeth Mach Allevatore Yulia Degtyarova Proprietario Luigi Palmiotti

SOBERS VIBER Whippet Speciale Levrieri di Zagabria (HR) 22/11/19 BOS Giudice Lea Gudelj Allevatore Allev. Sobers Proprietario Maria Teresa Tannozzini

HOWLING HOUNDS JOHNNY ROTTEN & HOWLING HOUNDS NORAH Petit Basset Griffon Vendèen Expo di Sempeter (SLO) 9/11/19 2° BIS Coppie Giudice Tomas Kucera Allevatore e propr. Sofia Dunckley

Giudice Georgiy Onishchenko Allenatore Zsofia Pecseri Proprietario Giorgio Baldo

STAFFILAND’S EACH OTHER American Staffordshire Terrier Raduno di Zagabria (HR) 22/11/19 Miglior Veterano ALL ABOUT MOLIÈRE FULFILLED MY SOUL Barbone grande mole grigio Club Show di Zagabria (HR) 22/11/19 BOB Giudice S. Kukic Allevatore A. Veitova Proprietaria Francesca Ioghà

60

FAVORITO DI BRUNO DU TCHIBO D’EBENE Pastore di Brie Club Show di Zagabria (HR) 22/11/19 BOB

Giudice Olaf Verhorevoort Allevatore Allev. Staffiland’s Proprietario Fantinel Marco


successi all’estero

VENETIAN MOONLIGHT PEGASUS Bichon À Poil Frisé Speciale di Zagreb (HR) 23/11/19 1° classificato Gruppo 9

BECLAU BLUE BEAUTY QUEEN Kerry Blue Terrier Club Show di Kortrijk (B) 16/11/19 3° classificato gruppo 3

Giudice Hans Almgren Allevatore Arturo Gabbi Proprietario Valentina Furlan

CALIFORNIA GOLD RUSH & VICAMAR EVENING STAR Beagle Expo di Vrtojba (SLO) 10/11/19 1° BIS Coppie

Giudice Bruno Nodalli Allevatore Asunis Francesca Propr. Francesca Asunis - Stefania Piazzo

Giudice Corish Jeoffr Allevatore e proprietario Allev. Beclau

INVICTUS GANNICUS SALTO DEL LUPO Cane Lupo Cecoslovacco Expo di Lipizza (SLO) 05/10/19 BOB Giudice Alex Zee Allevatore Andrea Santoni Proprietario Costanza Guasconi

APPLE’S ANGEL EMILY DICKINSON Bobtail Speciale Bobtail di Celije (SLO) 19/10/19 BOS Giudice Tadej Nagode

Speciale Pastori Britannici di Zagabria (SLO) 22/11/19 BOS

APPLE’S ANGEL ERNEST HEMINGWAY Bobtail Speciale di Celije (SLO) 19/10/19 BOB Giudice Tadej Nagode Allevatore Allev. Apple’s Angel Proprietario Gianfranco Grabar

Giudice Frank Kane Allevatore e propr. Allev. Apple’s Angel 61


successi Italia

RUBRICA GRATUITA RISERVATA AI SOCI ENCI

ACCESSO ALLA RUBRICA 1° classificato del Raggruppamento, compresi Coppie, Gruppi, Giovani e Juniores in Esposizioni Internazionali in Italia. 1°, 2°, 3° classificato del Best in Show generale

DAL NUMERO DI DICEMBRE 2019 SOLO RISULTATI OTTENUTI DOPO IL 31 MAGGIO 2019

PER L’INSERIMENTO NELLA RUBRICA SUCCESSI IN ITALIA, SONO INDISPENSABILI I SEGUENTI DATI: NOME DEL CANE - RAZZA - CITTÀ E DATA DELL’EXPO - RISULTATO MASSIMO OTTENUTO - NOME E COGNOME DEL GIUDICE - NOME E COGNOME DELL’ALLEVATORE - NOME E COGNOME DEL PROPRIETARIO - MICROCHIP I NOMI DEI CANI, ALLEVATORI E PROPRIETARI DEVONO CORRISPONDERE AL LIBRO GENEALOGICO. LA REDAZIONE NON È RESPONSABILE DI EVENTUALI ERRORI ENCI PUÒ VERIFICARE LO STATO DEI CANI AL LIBRO

GIULY’S DREAMS MADE IN ITALY Cane da Pastore Scozzese p/l Expo di Pescara 12/10/19 1° classificato gruppo 1

Giudice Franco Gatti Allevatore e proprietario Giulia Cuccu

EWAN CERNE ESO Black and Tan Coonhound Expo di Frosinone 15/9/19 3° classificato Best in Show Giudice Valerio Nataletti

Expo di Busto Arsizio 3/11/19 1° classificato gruppo 6

Giudice Eddi Patterson Allevatore Pavla květoňová Proprietario Jessika Marchetti 62

DIK Alpenlaendische Dachsbracke Expo di Lecco 28/9/19 1° classificato gruppo 6 Giudice Eva Nielsen Allevatore Icic Aleksandar Proprietario Giorgio Navone

POLVERE DI STELLE ELLIOT & PEABAR HONKY TONK WOMAN Scottish Terrier Expo di Gradisca d’Isonzo 14/8/19 1° BIS Coppie Giudice Antonino La Barbera Allevatore Allev. Polvere di Stelle Fegus Siroka Masa In Matej Fegus Proprietario Allev. Polvere di Stelle

HEROE’S DREAMS PICASSO Zwergschnauzer bianco Expo di Bastia Umbra 6/10/19 1° classificato gruppo 2

Giudice Stefan Sinko Allevatore e propr. Romano Salvatore

ASH GROVE ROB ROY Fox Terrier a pelo ruvido Expo di Campobasso 30/6/19 1° classificato gruppo 3° Giudice Olga Kisliakova Allevatore Roberto Eleuteri Proprietario Francesco Senatore


successi in italia

GANIMEDE COPPIERE DEGLI DEI DEL PARNASO Dalmata Expo di Bergamo 29/9/19 1° classificato gruppo 6 Giudice Nenad Maric Allevatore Manola Poggesi Proprietario Martina Chieppi

ADORABEL TIME MAGAZINE Norfolk Terrier Expo di Genova 16/11/19 1° classificato gruppo 3 Giudice A. Bottero Allevatore Anne Johnsen Proprietario Luca Giannatempo

NEW ANGELS PS AT STARRY TOWN Terranova Expo di Udine 31/8/19 1° classificato Best in Show Giudice Petru Munteanu

Expo di Busto Arsizio 3/11/19 1° classificato gruppo 2

ECLISSE Cane Lupo Cecoslovacco Expo di Foggia 10/11/19 3° classificato Best in Show Giudice Claudio De Giuliani Allevatore Paolo Savi Proprietario Giulio De Carolis

Giudice Gianfranco Bauchal Allevatore Didier Haeck Proprietario Maurizio Mauro

POLOJACK YOU’RE THE BEST THING ABOUT ME Jack Russell Terrier Expo di Chieti 13/10/19 3° classificato Best in Show

I BRAVI RAGAZZI BARCELONA MONTSERRAT Bullmastiff Expo di Frosinone 15/9/19 1° BIS Veterani Giudice Marabotto Allevatore Nadia Furlon Proprietario Paola Montemurro

Giudice Claudio De Giuliani Allevatore e propr. Allev. Polojack

63


ORGANO UFFICIALE DELL’ENCI Ente Nazionale della Cinofilia Italiana n. 1 gennaio 2020 – Anno 66°

RECENSIONI

DIRETTORE RESPONSABILE: Fabrizio Crivellari UFFICIO STAMPA E PUBBLICHE RELAZIONI: Rodolfo Grassi REDAZIONE: Renata Fossati PROPRIETÀ ED EDITORE: ENCI Milano HANNO COLLABORATO: Giorgio Bellotti, Ivano Bernini, Angela Bianchi, Martina Bossi, Pietro Bottagisio, Daniele Ceschia, Piera Corsini Croce, Roberto Fiscon, Renata Fossati, Rodolfo Grassi, Elaine Narduzzo, Simona Novello, Michela Tognon, Vito Zambelli. ENCI IN INTERNET: www.enci.it informazioni: info@enci.it soci: soci@enci.it segreteria: segreteria@enci.it libro genealogico: lg@enci.it expo: expo@enci.it prove: prove@enci.it redazione: redazione@enci.it biblioteca: biblioteca@enci.it REDAZIONE, PUBBLICITÀ: 20137 Milano - Viale Corsica 20 Tel. 02/7002031 Fax 02/70020323 IMPAGINAZIONE GRAFICA: DOD artegrafica - Massa Lombarda (RA) STAMPA: ELCOGRAF S.p.A. Via Mondadori 15 37131 Verona SPEDIZIONE PER L’ITALIA E PER L’ESTERO: ELCOGRAF S.p.A. Via Mondadori 15 37131 Verona La quota associativa dei Soci Allevatori è pari a euro 51,65 e dei Soci Aggregati a euro 5,00; ai soli fini postali, euro 2,00, sono da considerarsi quale quota di abbonamento alla rivista.

La Direzione non si assume alcuna responsabilità sulle inserzioni pubblicitarie inoltrate senza bozzetto, sulle quali, peraltro, si riserva di operare eventuali tagli al testo, compatibilmente con lo spazio prenotato. Articoli e fotografie, anche se non pubblicati, non si restituiscono. La responsabilità per i contenuti e le opinioni espresse negli articoli pubblicati è esclusivamente degli autori In copertina: ENCI WINNER 2019 Autorizzazione del Tribunale di Milano n. 3639 Pubblicazione riservata ai Soci dell’Ente

Associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

66

Julie Tottman KEEP CALM E GIOCA CON IL TUO CANE Semplici trucchi per costruire con lui un bellissimo legame Editore: Il Castello L’addestramento è un modo fantastico per legare col vostro cane, intrattenerlo e mantenerlo attivo, e per divertirvi. In questo manualetto di Julie Tottman l’addestratrice di animali di «Harry Potter» e «Game of Thrones» - scoprirete: • come insegnare al cane i comportamenti essenziali per cominciare; • esercizi facili e di grande effetto per cani di tutte le taglie, le forme e la capacità di concentrazione(!): tra cui il saluto militare e l’inchino; • domande frequenti e istruzioni passo passo per rendere le sessioni di addestramento semplici e divertenti.

Bo Söderström NELLA MENTE DEL TUO CANE Espress Edizioni Chi pensa di sapere tutto sui cani, dovrà ricredersi leggendo questo libro. I nostri fidi compagni a quattro zampe riservano ancora molte sorprese, che Bo Söderström svela al grande pubblico con un linguaggio accessibile, immediato e divertente. Esistono cani mancini e cani destri? È vero che sono più ostili con chi non si comporta bene con il loro padrone? Quanto del loro comportamento è innato? Quant’è importante il periodo dell’infanzia nello sviluppo del cane? È vero che il carlino ha un olfatto meno sviluppato del pastore tedesco? È possibile addestrare da soli un cane? A queste e a tante altre domande risponde il libro di Bo Söderström, con l’aiuto di consigli pratici, approfondimenti e infografiche. Per imparare a vedere il mondo come il nostro migliore amico.

Hannah Coates UN CANE TI STA SEMPRE VICINO Garzanti editore «La vita è bella, perché non sai mai quando qualcuno di speciale sta per rientrare di corsa nella tua vita per cambiare tutto.» Questa è la storia di Bertie un cane tenero e imprevedibile, pronto a insegnare agli umani come non dimenticare le cose che contano davvero. Bertie sa che non esistono problemi insormontabili, ma c’è sempre una soluzione a tutto, e ha intenzione di insegnarlo anche agli amici umani.


Bassotto. Foto Silvia Bagni.

... complice la neve

Drahthaar. Foto Ilaria Sirio.


Profile for ENCI - Ente Nazionale Cinofilia Italiana

I Nostri Cani - gennaio 2020  

Numero di gennaio 2020 della rivista ufficiale ENCI - I Nostri Cani

I Nostri Cani - gennaio 2020  

Numero di gennaio 2020 della rivista ufficiale ENCI - I Nostri Cani

Profile for enci

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded