__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

Poste Italiane S.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46) Art. 1 comma 1 LO/MI - N. 10 novembre 2019

“organo ufficiale ENCI”

novembre 2019

CAMPIONATO DEL MONDO CANI DA UTILITÀ E DIFESA


Border Collie. Foto Emilio Mazza.

... che voglia di stare insieme... Bloodhound. Foto Laura Vascia.


SOMMARIO MONDIALE UTILITÀ E DIFESA Clamorosa vittoria italiana Giorgio Pasetto KELPIE. Una vita tutta di corsa Elisabeth S. Thomas RACING. L’Italia è superstar Mario Santoni e Massimo Errante Notizie ENCI Standard in pillole

4 10 16 20 25

RADUNO SPANIEL Due giorni per la storia Elaine Narduzzo

28

LABRADOODLE Lacrime di coccodrillo… R.F.

31

CIRNECO DELL’ETNA “Memorial” per un pioniere Gaetano Toscano BERGAMO E LECCO. Doppia vittoria Sergio Scarpellini IVREA. Gran festa al parco Malgrà Ornella Terzi GRADISCA D’ISONZO In 1200 davanti ai giudici Sergio Boldrin I continentali alzano la Coppa Marco Ragatzu Standard in pillole

CHI E DOVE

I successi I club Gli allevatori

32 34 38 40 44 47

48 56 64

PER LE ASSOCIAZIONI SPECIALIZZATE DI RAZZA RAZZE: LE PAGINE DELLA RIVISTA SONO A DISPOSIZIONE PER ARTICOLI RIGUARDANTI LE RAZZE TUTELATE SU TEMI A SCELTA QUALI: STORIA, DIF­ FUSIONE SUL TERRIOTRIO, CARATTE­ RE, EDUCAZIONE, ADDESTRAMENTO, ATTIVITA SOCIALI, SPORT, SALUTE, VITA IN FAMIGLIA. CONVEGNI E SEMINARI SULLE RAZZE TUTELATE RUBRICA “CLUB”: SONO A DISPO­ SIZIONE PER SPECIALI E RADUNI. CORREDATE DA FOTO, CLASSIFICHE E BREVI TESTI SUGLI EVENTI. SI PREGA DI CONTATTARE PREVENTIVAMENTE LA REDAZIONE redazione@enci.it tel. 0270020358 dalle 8,30 alle 12,30 dalle 13,30 alle 17,30

PER I GRUPPI CINOFILI Si informano i Gruppi Cinofili ENCI che all’interno de “I Nostri Cani” sono disponibili gratuitamente pagine dedi­ cate ai resoconti delle Esposizioni Internazionali e Nazionali. Per avere informazioni riguardanti gli aspetti tecnici e le modalità d’invio, contattare la redazione: redazione@enci.it - tel. 0270020358

TEMPI DI CONSEGNA DI TESTI E FOTO

Pubblicità expo: entro il giorno 5 del mese precedente l’uscita (es. 5 novem­ bre per pubblicazione in dicembre) Articoli: previo accordi con la redazione Rubrica club: entro il giorno 5 del mese precedente l’uscita, in merito allo spazio disponibile Successi: in ordine di ricevimento, in merito allo spazio disponibile inviare a redazione@enci.it TUTTE LE RUBRICHE SONO GRATUITE Si ringrazia per la collaborazione

FORMATO TESTI E FOTO Testi in WORD o similari di scrittura (NO pdf) Foto in formato jpg o tif NON impaginare


UTILITÀ E DIFESA Il Campionato del Mondo cani da utilità e difesa

Gianpaolo Dazzi vincitore titolo mondiale individuale con Clemente Grosso e a sx Carlo Fretta

Clamorosa vittoria italiana Giornata di chiusura del campionato del mondo FCI IGP al “Rudolf Tonn Stadion” di Schwechat in Austria con tribune gremite in ogni ordine di posto. Dalla gradinata di accesso al campo, in controluce, appare sempre più nitida la sagoma del pettorale IT-R1, un binomio “osservato speciale” dopo i 100 punti in pista e i 94 nella prova di difesa e attacco: l’unico binomio che può ancora insidiare il dominio germanico che al momento occupa i primi tre posti del podio provvisorio. A Gianpaolo Danzi e al suo Gibson Mysic Megane (cane da pastore tedesco) servono novantuno punti per affiancare Sina Bosch a quota 265 e superarla grazie a un miglior punteggio in C. Impresa difficile, soprattutto in considerazione della tensione e della responsabilità che gravano sul conduttore, difficile ma non

4

impossibile. Il pubblico segue con simpatia le evoluzioni della sagoma nera di Gibson nella recondita speranza che si avveri la favola di vedere sul gradino più alto del podio il binomio arrivato in Austria come riserva. Gianpaolo sa il fatto suo, grazie a una competenza maturata negli anni con umiltà e impegno, e Gibson non è il brutto anatroccolo, è già un cigno capace di volare con le proprie ali, e vola, vola. Novantuno punti dividono Gianpaolo e Gibson dal risultato che per la prima volta nella storia porterebbe il Tricolore in cima al mondo nella prova individuale, e quando il giudice sloveno Miran Mars, terminato l’elenco delle valutazioni parziali, pronuncia l’atteso “ninety one”, lo stadio esplode. La favola si è avverata, ma non per caso. Come sempre accade, ci


UTILITĂ€ E DIFESA

i nostri

Cani

Anno 65 num. 10 novembre 2019

La premiazione con il presidente FCI Tamas Jakkel

Gibson Mysic Megane di Gianpaolo Danzi sovverte i pronostici e vince la corona iridata

Presentazione delle squadre

5


UTILITÀ E DIFESA

Festa e bandiere tricolori per la squadra italiana

possono essere una serie di favorevoli circostanze che contribuiscono al lieto fine, ma alla base di tutto c’è una meticolosa preparazione, un infinito numero di sedute d’allenamento sotto gli occhi attenti del trainer Angelo Taddei, per migliorare, affinare, correggere. Una crescita continua, quella di Gianpaolo Danzi e Gibson Mysic Megane, programmata per poter dare il meglio proprio in occasione del più importante appuntamento della stagione, passando per il trofeo ENCI e il quarto posto nella prova di selezione a Cumiana. Prestazioni convincenti a testimonianza di una condizione in crescita, che hanno portato il selezionatore Clemente Grosso a inserire il binomio nella rosa azzurra per i mondiali di Schwechat. E mai scelta si rivelò più azzeccata. Doverosa citazione anche per gli altri componenti la squadra azzurra, che si sono fatti onore e apprezzare nelle prove portate a termine, ma dove, purtroppo, per una serie di circostanze sfavorevoli, tre su quattro hanno rimediato un NQ che li ha messi fuori classifica. Va detto però che la vittoria di Gianpaolo Danzi è anche la vittoria di tutta la squadra, perché raramente si è visto un gruppo così unito nel sostenersi a vicenda. Uno per tutti e tutti per uno, col campione coccolato dai compagni d’avventura fino alla vigilia della grande prova per attenuare il comprensibile stato di tensione: quella medaglia d’oro è un po’ anche loro. Onore quindi anche a Marco Mannara, Fabio Ruffini, Roberta Michelon e Alessandro Dalvit. Last but not least un giusto riconoscimento in primo luogo al prezioso operato del team leader Carlo Fretta, che ha saputo gestire al meglio la trasferta supportando con competenza i protagonisti in ogni momento di quelle intense giornate, ai dirigenti e ai giudici ENCI, ai trainer e ai numerosi tifosi italiani che dagli spalti non hanno fatto mancare il loro caloroso incitamento. Giorgio Pasetto (Si ringrazia per le fotografie Yakir Hajaj di Israele )

6

Gianpaolo Danzi vincitore del titolo mondiale


UTILITĂ€ E DIFESA

i nostri

Cani

Anno 65 num. 10 novembre 2019

ti n a m s a i s u t En attimi

ver so la vittoria!

Un istante prima della prova di Gianpaolo Danzi che vince il Campionato del Mondo

7


UTILITÀ E DIFESA UNA VITTORIA MEMORABILE Il neo Campione del mondo si racconta A distanza di un mese Gianpaolo Danzi appare ancora incredulo difronte all’impresa che l’ha laureato, primo italiano nella storia, Campione del Mondo FCI e tenta di azzardare una spiegazione ricorrendo a improbabili congiunzioni astrali che avrebbero pro­ piziato la felice conclusione del Campionato di utilità e difesa ad Schwechat. Gianpaolo Danzi, partito come riserva e tornato Campione del Mondo. “Sono partito da riserva, quindi senza un particolare stress, poi, una volta ritrovatomi a dover difendere in gara i colori azzurri, mi sono presentato in campo soprattutto con l’idea di fare bella figura, di dare il massimo per non deludere chi mi ha seleziona­ to per far parte della squadra e chi mi ha seguito in questi anni di attività cinofila”. Quando ha saputo che sarebbe sceso in campo da titolare? “Mi è stato comunicato pochi giorni prima della partenza per l’Austria, ma devo dire che la notizia non mi ha provocato parti­ colari agitazioni, probabilmente avrei subito una pressione mag­ giore se fossi partito da titolare fin dall’inizio; nei mesi antece­ denti il campionato ho condotto una preparazione accurata, conscio del fatto che avrei anche potuto dover sostituire qualche compagno d’avventura, ma il fatto che questa potesse essere un’eventualità remota mi ha permesso di vivere la vigilia con maggiore tranquillità”. Cento punti in pista, dopo la prima prova ha fatto un pensierino all’alta classifica? “No, non ho mi pensato di poter salire in alto, nemmeno dopo la seconda prova, quella di attacco e difesa conclusa con 94 punti, forse non volevo pensarci, non volevo crederci, volevo estraniar­ mi completamente, non ho mai controllato i punteggi degli altri concorrenti”. Alla prova di obbedienza servivano 91 punti e 91 ne sono arrivati. “Per la verità mi ero prefissato di arrivare a 93, 94, sinceramen­ te; mi sono detto che dovevo cercare di dare il massimo, però non sentivo lo stress di doverlo fare e sono entrato sul campo di gara molto rilassato. Certo, tutti dicevano che mi sarebbero ser­ viti 91 punti per balzare in testa alla classifica, ma c’erano ancora altri concorrenti che avrebbero potuto fare meglio, e poi, mentre già mi festeggiavano come campione, tutti si erano dimenticati della concorrente giapponese che con un 97 ottenu­ to in pista si sarebbe presentata per ultima nelle altre due sezio­ ni a causa del cane in calore. Ecco perché non potevo e non volevo credere di essere arrivato al gradino più alto del podio”. Dopo l’accurata preparazione, la tranquillità dei mesi antecedenti, la serenità nelle prime gare e, se vogliamo, la favorevole congiunzione astrale, sembra che anche le tecniche di rilassamento abbiano avuto un ruolo fondamentale nella conquista del titolo. “Sì, da qualche tempo pratico una tecnica yoga basata sulla concentrazione e soprattutto sulla respirazione, che mi permet­ te di entrare in campo rilassato; in tutte tre le sezioni ho utilizza­ to questa tecnica non solo nel “pre­partenza”, ma anche duran­ te il giorno e nel tragitto in auto per arrivare sul campo di gara:

8

nel mese antecedente la partenza non ho lavorato solo sul cane, ma tanto, tanto su me stesso raggiungendo una serenità che probabilmente ho trasmesso anche a Gybson, il mio pastore tedesco”. Ecco, altro ruolo importante nella scalata al titolo è stato l’affiatamento col cane. “Ritengo sia stato fondamentale. La sintonia col cane è uno degli aspetti che maggiormente viene valutato in base al nuovo regolamento; l’affiatamento reciproco è frutto di un lavoro lungo e meticoloso, sul campo col preparatore ma anche in ogni momento della giornata”. Gianpaolo Danzi è il primo Campione del mondo italiano in questa specialità, un risultato destinato a passare alla storia. “Così mi dicono, almeno (ride), anche se io ancora non riesco a crederci. Al termine della gara ho telefonato a mia figlia che mi ha chiesto com’era andata. ‘Sono campione del mondo ­ le ho risposto con voce incredula ­ pensa te, campione del mondo’. Penso che mi ci vorrà ancora del tempo prima di realizzare appieno la portata di questo risultato”. È cambiato qualcosa da quel giorno nella vita cinofila di Gianpaolo Danzi? “Niente, nulla è cambiato. Fossi stato un professionista certa­ mente avrei monetizzato questa vittoria, anche se, per la verità (e torna a ridere) ho vinto dodici sacchi da dodici chili di mangi­ me che mi sono stati recapitati a casa. Scherzi a parte, ho vis­ suto momenti commoventi, come l’incontro con un ragazzino che mi si è avvicinato con timore reverenziale chiedendomi di poter fare una fotografia con lui: non mi vergogno a dire che abbracciandolo mi si sono inumiditi gli occhi, sono queste le belle sensazioni che ti gratificano per il lavoro svolto, mi com­ muovo ancora adesso a raccontarle”. Sappiamo che c’è stato anche qualche invito dall’estero. “Sì, mi hanno invitato in Thailandia a partecipare come ospite al Campionato nazionale. L’offerta mi è arrivata all’indomani della vittoria ma ho cordialmente declinato l’invito. Pochi giorni fa sono tornati alla carica e allora mi sono sentito di dover giustifi­ care il forfait inviando una mia foto da convalescente a causa di un intervento alla spalla programmato da tempo, al quale mi sono sottoposto dopo ripetuti rinvii proprio a causa della parte­ cipazione ai mondiali”. In conclusione, la domanda di rito: chi ritiene di dover ringraziare per questa vittoria? “In primo luogo la famiglia e soprattutto mia moglie che mi ha sempre incoraggiato e seguito in questa attività, il preparatore Angelo Taddei che ha costruito il binomio con grande competen­ za, gli amici cinofili che mi hanno seguito fino in Austria e quelli che mi hanno festeggiato al rientro, il team dell’ENCI che ha supportato tutta la squadra azzurra nella trasferta austriaca e, permettetemi, un pensiero speciale al mio fantastico compagno d’avventura Gybson Mysic Megane”. Giorgio Pasetto


Cane da Pastore Australiano Kelpie

Una vita tutta di corsa Rinomato per la sua illimitata energia, velocità, tenacia e suprema capacità di accudire e spostare il bestiame, il cane da lavoro più famoso dell’Australia deve alcune delle sue qualità al cane nativo australiano e, secondo le ultime scoperte sul DNA, anche ai dingo. Durante il boom dei migranti in Australia nel 1800, vi fu un’affannosa ricerca di un cane adatto a lavorare con l’immensa popolazione di pecore Merino che era in forte sviluppo. Questa esigenza spinse l’importazione di cani dal Regno Unito, terra d’origine dei migranti, specialmente di Collie da lavoro a pelo corto. La pecora Merino è passata alla storia come fattore indispensabile per lo sviluppo dell’Australia durante il XIX e l’inizio del XX secolo. La popolazione ovina australiana si espanse dopo l’arrivo della Prima Flotta (1788), fino a un picco di 180 milioni di capi entro il 1970, di gran lunga la popolazione più alta del mondo al momento. Questa razza da pastore si affermò quando un soggetto di nome “Kelpie II” vinse il primo ufficiale Sheepdog Trial in Australia, a Forbes intorno al 1870-1875, da questo soggetto la razza prese il nome: “Kelpie” che in Celtico significa “Spirito Acquatico”. I Kelpie furono mostrati al pubblico per la prima volta al Royal Show di Melbourne nel 1908, con i Barbs (I kelpie di colore nero)

10

esposti assieme ai Kelpie di colore marrone. In Australia ci sono 2 differenti registri per i Kelpie: Working Kelpie e Show Kelpie. Il primo standard fu redatto nel 1903 da Robert Kaleski che descrive il Kelpie come un cane che preferisce lavorare anziché mangiare, cosa che sembra rispecchiare lo spirito della razza anche ai giorni nostri. Il Kelpie è ampiamente riconosciuto come derivato da Collie scozzesi allevati alla Warrock Station vicino a Casterton nella parte occidentale di Victoria, alla fine del 1870. In Australia, oggi la razza è diffusa ovunque nei vasti pascoli dell’entroterra sino alle zone dell’Artico dove è usata per allevare le renne. Alcuni storici arrivano al punto di dire che senza il Kelpie, le greggi di pecore non avrebbero mai potuto abitare vasti tratti del

TAGLIA La taglia al garrese: per i maschi da 46 a 51 cm per le femmine da 43 a 48 cm


i nostri

Cani

Anno 65 num. 10 novembre 2019

Nessuno è piÚ esuberante di lui

11


PELO È un doppio pelo con un sottopelo denso e corto. Il pelo esterno è fitto, con ogni pelo diritto, duro e appiattito, tale da essere impermeabile. Sotto il corpo, dietro le gambe, il pelo è più lungo e forma vicino alla coscia una specie di calzone. Sulla testa, (incluso l’interno degli orecchi), sul davanti degli arti e piedi, il pelo è corto. Lungo il collo il pelo è più lungo e più spesso e forma un collare. La coda dovrebbe essere fornita di una buona spazzola. Un pelo troppo lungo o troppo corto è un difetto. In media, il pelo sul corpo dovrebbe essere lungo da 2 a 3 cm.

duro entroterra australiano e la corsa della nazione alla prosperità attraverso il commercio della lana Merino non si sarebbe mai potuta verificare senza l’aiuto di questi cani . L’origine del Kelpie accende da sempre vivaci dibattiti ed ora un libro di Bill Robertson (famoso campione di rugby, ora in veste di scrittore) riavvia la discussione poiché egli afferma di aver scoperto le vere origini del cane da lavoro australiano. Robertson nel suo libro “Origins of the Australian Kelpie” racconta che c’erano 26 differenti versioni sulla nascita della razza che sono state da lui vagliate attraverso un lavoro durato 12 anni. Poiché la teoria più diffusa ritiene che l’origine del Kelpie discenda da un accoppiamento tra Collie e dingo, Robertson si è rivolto all’Università del Nuovo Galles del Sud affinché svolgesse test del DNA su alcune linee di sangue, sostenendo egli stesso le spese. L’analisi finale ha mostrato marcatori di dingo tra il 3 e il 4% nei

12

Kelpie, specificando che quei dingo provenivano entrambi dall’isola di Fraser e dall’Australia continentale. Robertson ritiene che l’immissione di geni di dingo sia iniziata alla Warrock Station alla fine del 1870, quando un dingo o un dingo-cross fu accoppiato con un Collie. Ma perché, si chiede lo stesso Robertson, il ruolo cardine del dingo è rimasto nascosto nelle ombre del passato? Con tutta probabilità la risposta sta nel fatto che i dingo sono sempre stati cacciati e ritenuti dannosi al punto che in passato c’erano anche sanzioni per che deteneva incroci di cani con i dingo. Non tutti sono d’accordo con la conclusione di Robertson. Tony Parsons, un’autorità in materia, ritiene che i geni del dingo siano stati immessi nella razza più tardi, diversi decenni dopo. Sfortunatamente i test del DNA che confermano la presenza del dingo negli antenati dei Kelpie non sono in grado di determinare quando questi geni di dingo siano stati immessi nella razza. Dall’inizio del secolo la maggior parte dei cani “simili a Kelpie” sono stati descritti come Kelpie indipendentemente dal fatto che fossero direttamente riconducibili all’origine. Non c’è dubbio che il Kelpie sia una versione australiana del “Working Collie” a pelo corto dovuto al fatto che il mantello presenta un fondo principalmente nero e marrone chiaro o neri con pochissimi peli bianchi. Allo stesso tempo, invece, il Border Collie era di solito indicato come il “Working Collie bianco e nero” con mantello lungo e ruvido. La mescolanza molto limitata del ceppo originario del Kelpie ha determinato la fissazione dei caratteri principali che sono rimasti inalterati anche in presenza di incroci. La selezione fin dall’inizio era mirata ad ottenere un cane pastore che potesse far fronte alle difficili condizioni ambientali e questi caratteri sono stati mantenuti ancora oggi.


i nostri

Cani

Anno 65 num. 10 novembre 2019

COLORE Nero, nero e fuoco, rosso, rosso e fuoco, fulvo, cioccolato e blu cenere.

CARATTERE Il Kelpie australiano, muscoloso e forte può lavorare sul terreno per molte ore e coprire lunghe distanze in condizioni non favorevoli dovute al caldo e alla polvere. Pur essendo una delle razze più intelligenti, l’australian Kelpie può anche essere una delle più difficili da gestire. La sua grande intelligenza combinata con la sua indipendenza e passione per il lavoro rappresentano la sua indole e, allo stesso tempo, lo rendo poco adatto ad una vita in famiglia dove non ci sia la possibilità di soddisfare queste sue caratteristiche. Per concedergli una vita soddisfacente, sarà necessario fare moto sport, lavoro su bestiame, agility, lunghe corse in mezzo alla natura, giochi col frisbee ecc. ecc. Senza stimoli fisici e mentali, i Kelpie australiani si annoiano, mostrano segni di iperattività e comportamenti che possono diventare distruttivi mentre cercano di dare sfogo alla loro energia. L’educazione e la socializzazione sono indispensabili e dovranno comprendere diverse attività interessanti. Imparano rapidamente… incluso come fare qualsiasi cosa decidano in piena autonomia. Sono maestri di fuga e zelanti inseguitori di macchine, biciclette, jogger, gatti, altri cani, bestiame e bambini che corrono, e lo fanno girando, colpendo, spingendo e pizzicando se la persona o l’animale o l’oggetto non sono collaborativi… L’appassionato che deciderà di condividere la vita con un Kelpie, dovrà stare sempre un passo avanti a lui e condividere con lui molto del suo tempo. IL LAVORO Le maggiori qualità richieste in un Kelpie riguardano l’abilità nella gestione del gregge, su lunghe distanze con temperatore torride. È necessario considerare che le pecore non richiedono sempre una spinta costante da parte del cane, soprattutto se viaggiano per settimane su terreni polverosi con grade calura. Un Kelpie deve avere la capacità di mantenere una certa distanza dal gregge in modo che le pecore possano camminare con costanza. Cani che istintivamente sanno quando applicare la pressione per spingere il gregge in avanti, oppure, quando è il caso di allentare la sorveglianza e mantenere la distanza, sono fortemente apprezzati; così come l’abilità di saltare sulla schiena delle pecore quando si concentrano tutte nello stesso punto di carico dello scivolo, per sollecitarle a proseguire. Si dice che un cane abbia un “buon occhio” se è in grado di stabilizzare il suo approccio e osservare attentamente ogni mossa del gregge, controllando le pecore con i suoi occhi, assumendo spesso un movimento di sollecitazione continuo. Un cane che possiede un “occhio flessibile” è in grado di guardare e gestire molte pecore, “tenendole” sotto controllo con il suo sguardo. Il Kelpie è una razza sana e longeva, non soffre di particolari malattie genetiche e presenta un mantello di facile gestione. Un compagno di vita indicato per cinofili appassionati e sportivi che siano in grado di concedergli una vita adatta a soddisfare la sua grance energia, intelligenza e indipendenza, caratteristiche queste che definiscono l’essenza della razza stessa. Elisabeth S. Thomas Servizio fotografico di Maria Urro

13


ENCI CENTRO ESPOSITIVO VERONAFIERE

TITOLO “LATIN CHAMPION”

Il titolo di Latin Champion, sarà assegnato al cane che ottiene 3 CACIB in esposizioni “Latin Winner” in tre differenti nazioni con 3 esperti giudici differenti, senza limiti di tempo.

VERONA

NOVITÀ ALL’ENCI WINNER 2019 GRUPPO 11 • Anche alle manifestazioni dell’ENCI WINNER, come già in Francia, Portogallo e Spagna, sarà possibile iscrivere i cani appartenenti alle razze Nazionali in via di riconoscimento dei Kennel Club dell’Alleanza Cinofila Latina inserite nel 11°gruppo. Per informazioni: www.enciwinner.it. • È possibile iscrivere all’ENCI WINNER anche i soggetti iscritti all’Registro Supplementare Aperto, soggetti appartenenti a popolazioni tipiche italiane in fase di recupero come razze: Pastore della Sila, Cane da Pastore d’Oropa, Spino degli Iblei, Cane del Fonnese e Cane di Mannara. Iscrizioni sul sito: www.encishow.it.

Organizzati da

ENTE NAZIONALE DELLA CINOFILIA ITALIANA PER INFORMAZIONI info@enciwinner.it • www.enciwinner.it


WINNER 2019 ASSEGNAZIONI CAC “ENCI WINNER”

14 E 15 DICEMBREiona2le019

All’Esposizione Internaz Verona potranno “ENCI WINNER 2019” di ognuna delle classi: essere assegnati i CAC in

14•15 d • 3 ic 1

INTERNAZIONALE ENCI WINNER • RADUNI ENCI WINNER • RADUNI

bre em

Vero na

CAMPIONI - LIBERA INTERMEDIA - LAVORO

ITALY 2019

VENERDÌ 13 DICEMBRE

ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE di VERONA

in collaborazione con il Gruppo Cinofilo Veronese Esposizione valida

SABATO 14 DICEMBRE

ENCI WINNER LATIN WINNER Gruppi 3, 6, 7, 8, 10 Esposizione valida

RADUNI

Gruppi 1, 2, 4, 5, 9

DOMENICA 15 DICEMBRE

ENCI WINNER LATIN WINNER Gruppi 1, 2, 4, 5, 9 Esposizione valida

RADUNI

Gruppi 3, 6, 7, 8, 10

FINALE TOP DOG SABATO 14 DOMENICA 15 DICEMBRE

CAMPIONATO ASSOLUTO DI AGILITY Presentazione della squadra nazionale

ISCRIZIONI SUL SITO www.encishow.it


ALMA di Farbizio Nicolini Campionessa Europea

Il Campionato d’EUROPA di Racing in Germania anche se provocato, mentre Olmo, con una splendida seconda batteria, si qualifica per la finale con un ottimo tempo. Purtroppo, non è riuscito a ripetere la performance della seconda batteria, ma ha chiuso con uno splendido 4° posto: primo podio di giornata e grande gioia per un così importante risultato, vista l’esiguità del numero di soggetti presenti in Italia. Proseguiamo poi con la gara che alla fine è risultata la più ricca di soddisfazioni per la squadra: Piccoli Levrieri Femmine Standard. Il contenuto tecnico-agonistico in questa gara è stato incredibile: 38 iscritti, ma “solo” 32 partecipanti, prima volta in assoluto, mai si era visto un numero così alto. Tutte le migliori alla partenza, a parte la nostra Bena, a casa per il “calore”. Tre soggetti andavano però tenuti d’occhio, la fenomenale campionessa in carica e mondiale Galya Mraja (Ungheria), la velocissima Kersee Annaperla (Repubblica Ceca) e la nostra inarrestabile Alma, che nell’edizione precedente aveva sfiorato di poco la vittoria; outsiders di lusso la tricolore Cloe, che alla fine ha ben figurato, e l’italiana Adelchi Ginevra, però non al top della forma. Fin dalla prima batteria si è capito che chi ne aveva di più era Alma (prop. Fabrizio Nicolini), che abbassa subito il record di

L’Italia è superstar Quest’anno alla rassegna europea, svoltasi al cinodromo di Gelsenkirchen dal 6 al 8 settembre, la squadra italiana si è presentata in numero ridotto: 32 soggetti selezionati ma, per vari infortuni o calori, in definitiva i partecipanti sono stati 20, su un totale di partecipanti all’evento all breeds di almeno 450, da 13 nazioni diverse. Questa situazione non ha però impedito ai nostri soggetti di ben figurare. Nella prima giornata, venerdì 6 settembre,

16

eravamo impegnati in quattro gare riguardanti tre razze, Deerhound Mix, Piccoli Levrieri Femmine Standard, Piccoli Levrieri Maschi Standard, Piccoli Levrieri Sprinter. Partiamo dai Deerhounds. 11 alla partenza, gara mista (8 maschi + 3 femmine), vede i nostri, Cunamara’s Olmo e Cunamara’S Nial (prop. Paolo Gagno e Chiara Finotto), alle prese con i migliori europei. Nial è incorso in una squalifica,

pista; Galya non era la stessa degli anni precedenti, mentre Kersee Annaperla si propone come principale rivale della nostra Alma; un po’ più attardate nei tempi le nostre Cloe (prop. Angelo Tassiello) ed Adelchi Ginevra (prop. Francesca Quaini). A seguire la seconda batteria: tempo stratosferico di Alma, che domina la manche e fissa il record di pista a 29,46, oltre tre decimi inferiore a quello che resisteva da alcuni anni. Galya migliora nella sua bat-


i nostri

Cani

Anno 65 num. 10 novembre 2019

teria, ma è ancora lontana, e anche Kersee si migliora, confermandosi il pericolo maggiore; ottime notizie da Cloe, che vince la sua batteria con un ottimo 30,52 e vola in finale con il 4° miglior tempo; fuori dalla finale, Adelchi Ginevra chiude il suo europeo con un buon 11° tempo che, rapportato al numero degli iscritti, è comunque un ottimo risultato. Siamo alla finale: Alma scatta dalla gabbia uno e prende in brevissimo tempo la testa, inseguita da vicino da Kersee e subito dietro da Galya, la nostra Cloe purtroppo resta intruppata e deve rincorrere. Sul rettilineo opposto Alma prende un buon margine e, nonostante i tentativi di rimonta di Kersee, si affaccia sul rettilineo Podio Deerhound

Gli azzurri hanno conquistato un titolo europeo

Podio Piccoli levrieri italiani con Alma e Cloe

Podio Whippet femmine con Mystica

d’arrivo con il margine mantenuto. E giunge la vittoria, Alma Campionessa d’Europa, Kersee a quattro decimi e Galya terza. La nostra Cloe rimonta una posizione e si piazza al quinto posto! Grande podio, primo e quinto posto, ma non ci si sente di festeggiare come si dovrebbe in quanto, pochi minuti prima, il nostro favorito Adelchi Lionello, già vincitore di due europei e di due mondiali consecutivi, era stato escluso dalla finale Piccoli Levrieri Maschi Standard da un’insolita, superficiale e contestabile decisione del veterinario di servizio per una presunta zoppia. Siamo certi che tale decisione non sia stata presa con la dovuta professionalità e che le modalità ed il tempismo applicate in tale decisione non rispettino le regole internazionali. Pertanto, seguiranno ulteriori iniziative. Ma non è questa la sede per discuterne oltre. Prima di questo episodio, la gara dei Piccoli Levrieri Maschi Standard vedeva 24 soggetti iscritti. Schierati nella squadra italiana il campionissimo Adelchi Lionello del dott. Angelo Anselmi, il promettente Essenziale Assetto Corse (prop. Ingrid Siantovà), l’altrettanto promettente Batwings Benito (prop. Mario Santoni) ed il tenace Mr Kiwi (prop. Andrea Pitto). Nella prima batteria solo due si distinguono per i tempi, il favorito di casa Lovely Bellini, che nella sua batteria eguaglia il record di pista, ed il nostro Adelchi Lionello, tutti gli altri sono un po’ più lenti. Ben figurano sia Essenziale Assetto Corse,

17


che Batwings Benito, che vincono le rispettive batterie; tra l’altro Essenziale, con il tempo di 31,03, sembra già potenzialmente in finale; si difende coi denti Mr Kiwi, che giunge secondo nella sua batteria. La seconda corsa vede Adelchi Lionello vincere la sua batteria, avvicinandosi al tempo del rivale Lovely Bellini; Essenziale, urtato, giungere secondo nella sua batteria e non migliorare il tempo; Batwings Benito vincere un’altra batteria migliorando il tempo, ma non abbastanza, e Mr Kiwi giungere terzo nella batteria di Benito con un tempo migliorato, ma non sufficiente per la finale: insomma, Lionello in finale con il secondo tempo, Essenziale Assetto Corse settimo tempo, a soli due centesimi dalla finale, e Benito decimo tempo, a 15 centesimi dalla finale. Comunque, splendida prova di squadra di tutti i nostri PLI, femmine e maschi. Con la discussa esclusione di Adelchi Lionello la finale Piccoli Levrieri Maschi Standard è stata vinta dal tedesco e cane di casa Lovely Bellini. Si può facilmente immaginare che ci aspettassimo una finale ed un esito diverso! Nell’ultima la gara, dei Piccoli Levrieri Sprinter Mix (20 soggetti), i nostri, il veterano Harry Faro del Lago (prop. Luigi Soldati) ed Adelchi Paco (prop. Francesca Quaini), hanno corso correttamente ed hanno terminato rispettivamente al 15° e 16° posto. Alla seconda giornata di competizioni, la squadra Nazionale Italiana ci arrivava con

Whippet Sprinter Wolverine

18

Whippet Mistyca

animi contrastanti. Se da una parte gioiva e brindava per Alma, Campionessa Europea, dall’altra e di riflesso, era provata dall’esclusione di un competitor connazionale, su cui si erano convogliate davvero grandi speranze. Gli animi del sabato erano quelli di un team che andava risollevato, a cui si doveva infondere nuova forza e rigenerata motivazione. Il bello di questo Europeo, a parere dei Team Leader scriventi, oltre agli importanti successi ottenuti, è stata la meravigliosa capacità di un questo gruppo di persone di fare squadra nell’animo. L’impresa di ben figurare nella seconda giornata non era sicuramente delle più facili, il Whippet è una delle razze più rappresentate nelle corse e, sicuramente, una delle più competitive, con un livello di selezione e prestanza che non lascia margine a molti errori. Basti pensare, ad esempio, quanti pochi decimi di secondo intercorrono tra il 6° e il 20° posto. Le manche sono state combattute fino all’ultimo granello di sabbia e sicuramente, oltre a cani giovani alla prima esperienza, non sono mancati i momenti di sfortuna, che devono essere messi in conto in ogni gara e che valorizzano o pregiudicano una manche. In questo palcoscenico di suspense, ecco che arriva nella categoria Whippet, il tanto sperato podio italiano, che tutti sognavamo e che davvero

meritavamo. Entra in finale Mystica (Firebomb Blizzard X Kentfield Freedom), una giovanissima Whippet femmina di 23 mesi, con alle spalle solo 3 gare con 3 vittorie. Alla sua quarta gara e con una grinta che resterà indimenticabile, si esprime in 2 prime manche di grande livello, dominandole entrambe indiscussa ed incontrastata, per poi entrare prepotentemente in finale, regalando all’ Italia un ambito 6° posto. Nei Whippet Maschi Sprinter, Wolverine (Firebomb Blizzard X Kentfield Freedom), fratello di Mystica, si classifica appena all’11° posto, con un tempo di 23,19, a 21 millesimi dal sesto classificato. Da ricordare, per il Team Italiano, Amelia Whippet Femmine Sprinter, Stella, Magyar Agar Femmine, Firebomb Deedle Dee Dee, Firebomb Blizzard, Lady Hawk BSD e Laten BSD, che hanno cercato di difendersi con onore, nonostante la giovane età di alcuni e le sfortune in manche di altri. Un grazie infinito va a tutti i proprietari italiani di ogni razza, che hanno profuso sacrifici, hanno offerto spirito di collaborazione, hanno dimostrato capacità di fare squadra e coraggio di mettersi in gioco con cuore e passione, sempre con l’obiettivo di onorare il Tricolore. Meravigliosa esperienza che ci si impegnerà a ripetere nei prossimi anni. Mario Santoni e Massimo Errante


Notizie ENCI IL PROGETTO ENCI PRAP PRESENTATO AL CONVEGNO

“Carceri e animali: il modello italiano” Lo scorso 4 ottobre, a Padova, a Palazzo Moroni, nella storica cornice della Sala Paladin, si è svolto il convegno «Carceri e animali: il modello italiano», organizzato dal Centro di referenza nazionale per gli interventi assistiti con gli animali (IAA) dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie (IZSVe), con il patrocinio del Ministero della Salute e del Ministero della Giustizia. È stata un’occasione per fare un po’ il punto su come, negli ultimi anni, si siano evolute queste attività nel contesto penitenziario e su quali possano essere i possibili sviluppi futuri. ENCI e PRAP erano presenti nelle relazioni del pomeriggio, grazie alla testimonianza di Simona Di Buduo, che ha potuto raccontare, ai numerosi uditori in sala, la propria esperienza dal carcere femminile di Sollicciano, con il progetto “Vi presento Oscar”, che rappresenta uno degli ambiti più significativi attraverso i quali si sviluppa da qualche anno la progettualità di ENCI con i PRAP di Toscana, Umbria, Puglia, Basilicata e Campania. “Vi presento Oscar” si configura come un progetto che vede impegnati i coadiutori del cane nell’accompagnamento dei figli dei reclusi al colloquio con il genitore, all’interno delle strutture detentive, con unità cinofile formate e di supporto agli operatori degli istituti ma anche alla genitorialità. Ormai da qualche anno ENCI collabora attivamente con i Dipartimenti dell’Amministrazione Penitenziaria, attraverso Protocolli di Collaborazione che hanno istituzionalizzato il reciproco impegno per la specializzazione ed impiego delle unità cinofile nel contesto penitenziario. Gli Istituti di pena, infatti, rappresentano contesti molto particolari, all’interno dei quali gli incontri con gli animali possono contribuire fortemente ad attenuare la costrizione della sfera affettiva indotta dalla privazione della libertà ed a mitigare ansia e stress. La testimonianza di Simona di Buduo al convegno ha rappresentato un viaggio forte, reale e toccante attraverso la reclusione; un viaggio che ha consentito ai presenti di poter guardare con gli occhi di una mamma, prima ancora che di una detenuta, la difficoltà di vivere il proprio ruolo di genitore all’interno di un Istituto di pena, perché lo stesso colloquio con il

20

Il Presidente ENCI Dino Muto

figlio, che per una mamma rappresenta il momento di maggiore felicità, può essere vissuto con molta difficoltà da parte del bambino. Le attese davanti ai cancelli, i controlli, le perquisizioni, possono rappresentare, infatti, per il bambino, esperienze così frustranti da condizionare l’incontro con il genitore. La presenza del cane nell’accompagnamento ai colloqui, sta registrando risultati

importanti e grandi benefici, non solo per il minore, ma anche per il genitore detenuto che, spesso, trova nel cane un aiuto nel dialogo con il figlio. Simona di Buduo ha potuto raccontare come, proprio grazie alla presenza del cane, il momento del colloquio con il figlio Patrick ha ritrovato la serenità che merita di avere l’incontro di una madre con il suo bambino. Nel ringraziare ENCI e PRAP per l’opportunità avuta quando era detenuta al carcere femminile di Solliciano, e gli educatori del carcere che in questi progetti hanno creduto, Simona di Buduo ha anche rivolto un pensiero a tutte le mamme ancora recluse ed a tutte le difficoltà che quotidianamente affrontano per vivere la propria genitorialità, perché, come ha detto in conclusione del suo intervento, “sicuramente le persone sbagliano ed è giusto che rispondano per i loro errori, ma non devono mai essere i figli a pagare” Al Convegno era presente il Presidente ENCI Dino Muto, che segue personalmente con grande attenzione le progettualità di ENCI nei contesti penitenziari ed i rapporti con i Dipartimenti per l’Amministrazione Penitenziaria, e Lucia Rizzato, neo componente del Comitato Tecnico Scientifico Cane nel Sociale ENCI. Serena Donnini

Da sx Serena Donnini, Simona di Buduo, Dino Muto e Lucia Rizzato


Notizie ENCI Siglato l’Accordo tra ENCI E PRAP Lazio-Abruzzo-Molise È stato firmato ieri, a Roma, presso la sede del provveditorato per l’Amministrazione Penitenziaria, il Protocollo tra ENCI e PRAP, per la “formazione ed impiego di unità cinofile in ambito penitenziario”. A poco meno di tre mesi dal suo insediamento in questo PRAP, il nuovo Provveditore Carmelo Cantone ha confermato la fiducia nell’ENCI, creando l’opportunità, attraverso la firma di questo Protocollo, di poter coordinare, negli Istituti di Pena di queste tre Regioni, un insieme di progetti che spaziano dagli Interventi Assistiti con gli Animali, alle attività didattiche e formative per i detenuti, fino alle attività cinofile informative e ludiche per il personale di Polizia Penitenziaria. L’incontro di ieri tra il Presidente ENCI Dino Muto ed il Provveditore Carmelo Cantone è stato caratterizzato dall’entusiasmo che infiamma le grandi sfide. Nel panorama penitenziario, infatti, Lazio, Abruzzo e Molise, rappresentano una realtà corposa, per numero di Istituti presenti, e proprio per questo motivo le sinergie più efficaci non possono che svilupparsi in ambiti istituzionali, attraverso la condivisione di strategie ed il coordinamento degli interventi. In questo crescente impegno di ENCI al fianco dei Dipartimenti per l’Amministrazione Penitenziaria, forte ed indispensabi-

le è il supporto delle strutture territoriali, Gruppi Cinofili ed Associazioni Specializzate, ma anche di Allevatori ed Addestratori, che stanno svolgendo un ruolo insostituibile nei numerosi progetti che sono nati e che stanno nascendo da questi Protocolli. Un supporto che il Presidente ENCI ha illustrato ieri al Provveditore Cantone e che avrà presto

RHODESIAN RIDGEBACK La Commissione Tecnica Centrale, per quanto attiene alla chiusura del RSR - come richiesto nel corso della riunione del 17 gennaio 2019 riscontrati i dati dei cani di razza Rhodesian Ridgeback iscritti al Libro genealogico negli ultimi 5 anni, (ultimo dato anno 2018 n. 493 iscritti), esprime parere favorevole alla chiusura del Registro Supplementare Riconosciuti dal 1 gennaio 2020.

VACCINAZIONE ANTIRABBICA Sul sito ENCI nella news “Obbligo vaccinazione antirabbica per i cani partecipanti alle manifestazioni ufficiali”, sono indicate in dettaglio le disposizioni ministeriali per la prevenzione dalla rabbia.

modo di essere calato anche in queste nuove Regioni, che si aggiungono alle altre dove ENCI è già presente con le attività in ambito penitenziario. All’incontro era presente anche Monica Sarno, consigliere ENCI e membro del comitato tecnico scientifico cane nel sociale ENCI. Il Presidente ENCI Dino Muto

REGISTRO ADDESTRATORI CINOFILI RICONOSCIUTI: QUOTA ANNUALE Il Consiglio Direttivo dell’ENCI in ottemperanza a quanto disposto dall’art. 10 del Disciplinare degli addestratori cinofili e dei conduttori cinofili di esposizione, approvato con D.M. n. 847 del 17.1.2013, ha stabilito per l’anno 2020 l’entità della quota di iscrizione al Registro degli addestratori cinofili riconosciuti in € 50,00 (+ IVA per i non soci ENCI). La permanenza al Registro degli addestratori cinofili sarà subordinata al versamento della quota di cui sopra, che dovrà essere effettuato entro il 31.3.2020 mediante l’utilizzo del pagamento tracciato tramite carta di credito. Il versamento dovrà essere eseguito, previa registrazione, nell’area dedicata agli addestratori cinofili nel portale ENCI. Il servizio sarà disponibile a partire dal 1.1.2020. Il mancato versamento della quota di iscrizione comporterà la sospensione dal registro e la conseguente impossibilità di utilizzo del logo ENCI. L’ENCI è a disposizione per ogni informazione ai seguenti recapiti: info@enci.it oppure tel. 02-70020324. Il Direttore Generale Fabrizio Crivellari

21


Notizie ENCI TROFEO ANNUALE DI ALLEVAMENTO

Articolo 31 del Regolamento generale delle manifestazioni canine Possono concorrere tutti gli allevatori italiani titolari di affisso. L’allevatore può conteggiare le qualifiche conseguite in manifestazioni riconosciute dall’ENCI ed organizzate in Italia, e le qualifiche italiane ottenute all’estero. Le stesse, ottenute contemporaneamente dal soggetto (es. Ecc. Cac, Cacib o Ecc. Cac, Cacit), non sono cumulabili. L’allevatore non può concorrere con soggetti di razze diverse. I risultati, comprensivi delle fotocopie dei libretti delle qualifiche e della pagina riepilogativa dei dati del soggetto (frontespizio), dovranno essere inviati all’ENCI entro e non oltre il 31 dicembre p.v. Non saranno presi in considerazione i risultati di soggetti privi della documentazione probatoria. Il Trofeo sarà consegnato ogni anno in occasione dell’Assemblea Generale dei Soci. L’allevatore sospeso dalla Commissione di disciplina non potrà concorrere sino al termine della sanzione.

ESPOSIZIONE (Internazionali, Nazionali, Raduni) 1) Cani da pastore e bovari (esclusi bovari svizzeri); 2) Cani di tipo pinscher e schnauzer, molossoidi e bovari svizzeri; 3) Terrier; 4) Bassotti; 5) Cani di tipo spitz e di tipo primitivo; 6) Segugi e cani per pista di sangue; 7) Cani da ferma; 8) Cani da riporto, da cerca e da acqua; 9) Cani da compagnia; 10) Levrieri. Vengono premiati i primi due allevatori che con un minimo di cinque soggetti col proprio affisso, anche se di altrui proprietà, hanno conseguito il maggior punteggio in base alla seguente tabella: Ecc. Cac, Cacib punti 6 Ecc. Cac punti 4 1° Ecc. in raduno (libera o lavoro per razze sottoposte a prove) punti 4 Ecc. Ris. Cac, Ris. Cacib punti 3 Ecc. 1° campioni punti 2 Ecc. punti 1 Ogni allevatore può conteggiare per ogni soggetto soltanto il miglior risultato rilasciato da ogni giudice. A parità di punteggio il Trofeo viene assegnato all’allevamento che lo ha conseguito con il minor numero di cani.

PROVE (Cac in palio) 1) Cani da pastore: a. militari - b. civili; 2) Cani di tipo pinscher e schnauzer; 3) Terrier; 4) Bassotti; 5) Segugi e cani per pista di sangue; 6) Cani da ferma continentali italiani; 7) Cani da ferma continentali esteri; 8) Cani da ferma britannici; 9) Cani da riporto e spaniels; 10) Levrieri. Vengono premiati i primi due allevatori che con un minimo di tre soggetti col proprio affisso, anche se di altrui proprietà, hanno conseguito il maggior punteggio in base alla seguente tabella: Ecc. Cac, Cacit punti 6 Ecc. Cac punti 4 Ecc. Ris. Cac, Ris Cacit punti 3 Ecc. punti 2 Mb e Cqn punti 1 Per i cani da pastore e di tipo pinscher e schnauzer, l’allevatore può conteggiare le qualifiche ottenute in Ipo 1, 2, 3 e nei brevetti 1, 2, 3. A parità di punteggio il Trofeo viene assegnato all’allevamento che lo ha conseguito con il minor numero di cani.

TROFEO ANNUALE “LA REGINA DEL BOSCO” CHALLANGE “UN RE PER LA REGINA DEL BOSCO” Articolo 32 del Regolamento generale delle manifestazioni canine

Il Consiglio Direttivo ha istituito un Trofeo annuale denominato “La Regina del Bosco” destinato al miglior cane di razza da ferma inglese e continentale con migliori risultati ottenuti nelle prove con Cac su beccacce. Vengono ritenute valide un minimo di due prove a calendario: a parità di risultato valgono qualifica e classifica superiore, l’ulte-

riore parità porta alla proclamazione ex-equo. Il premio consiste in una corona con beccaccia in argento. Al proprietario vincitore del Trofeo “La Regina del Bosco” per due anni anche non consecutivi con il medesimo cane verrà attribuito il Challange “Un Re per la Regina del Bosco” il cui premio consiste in una corona con beccaccia

d’oro. I risultati, comprensivi delle fotocopie dei libretti delle qualifiche, dovranno essere inviati all’ENCI entro e non oltre il 31 dicembre p.v. Non saranno presi in considerazione i risultati di soggetti privi della documentazione probatoria. I Premi verranno consegnati ogni anno in occasione dell’assemblea generale dei soci.

TROFEO OSCAR MONACO Il Consiglio Direttivo nel corso della riunione del 26.7.2011, per ricordare l’illustre figura di Oscar Monaco ha deliberato l’istituzione di un Trofeo annuale in memoria, con il seguente regolamento: • è prevista l’assegnazione del Trofeo, al setter o al pointer che nelle prove a grande cerca con CACIT italiani nel periodo 1 gennaio/31 dicembre di ogni anno, abbia conseguito il miglior

22

punteggio in base alla seguente tabella: Eccellente, CAC - CACIT 12 punti Eccellente, Riserva CAC, Riserva CACIT 11 punti Eccellente 1° 10 punti Eccellente 2° 9 punti Eccellente 3° 8 punti Eccellente dopo il 3° 7 punti Molto Buono, senza classifica 4 punti Buono 2 punti

I risultati, comprensivi delle fotocopie dei libretti delle qualifiche, dovranno essere inviati all’ENCI entro e non oltre il 31 dicembre p.v. Non saranno presi in considerazione i risultati di soggetti privi della documentazione probatoria. La premiazione avverrà nel corso dell’assemblea dei soci ENCI, con l’assegnazione di una scultura.


Notizie ENCI TARIFFE ISTITUZIONALI ENCI Tariffe deliberate dal Consiglio Direttivo ENCI soggette a indicizzazione ISTAT biennale In vigore dal 1 ottobre 2019

* è OBBLIGATORIO, oltre al pagamento della maggiorazione, anche il controllo parentale (DNA fattrice, stallone e cuccioli), da effettuarsi presso uno dei laboratori riconosciuti dall’ENCI. Tale possibilità ha carattere d’eccezionalità.

Il Gruppo Cinofilo applica, per ciascuna pratica, € 10,00, a titolo di diritto di segreteria. Per l’inserimento diretto delle pratiche on-line, riservato ai Soci Allevatori, il diritto di segreteria è di € 8,50 (in vigore dal 1º gennaio 2015). 23


Notizie ENCI AVVISO

AVVISO

AVVISO

Si avvisa che, essendo la racco-

Si avvisa che, essendo la racco-

Si avvisa che, essendo la racco-

manda a.r. ritornata con moti-

manda a.r. ritornata con moti-

manda a.r. ritornata con moti-

vazione “compiuta giacenza”,

vazione “compiuta giacenza”,

vazione “compiuta giacenza”,

in applicazione dell’art. 39.3

in applicazione dell’art. 39.3

in applicazione dell’art. 39.3

del Regolamento di attuazione

del Regolamento di attuazione

del Regolamento di attuazione

dello Statuto Sociale ENCI pres-

dello Statuto Sociale ENCI pres-

dello Statuto Sociale ENCI pres-

so

so

so

la

Segreteria

della

la

Segreteria

della

la

Segreteria

della

Commissione di Disciplina di

Commissione di Disciplina di

Commissione di Disciplina di

1a Istanza è stata depositata

1a Istanza è stata depositata

1a Istanza è stata depositata

lettera di contestazione relativa

lettera di contestazione relativa

lettera di contestazione relativa

al procedimento disciplinare n.

al procedimento disciplinare n.

al procedimento disciplinare n.

69/19 nei confronti di AGNESE

19/19 nei confronti del Sig.

65/19 nei confronti del Sig.

DELLA ROCCA.

RUDY CARRARO.

RENATO DI GENNARO.

Il Segretario Istruttore

Il Segretario Istruttore

AVVISO

Il Segretario Istruttore

AVVISO

Si avvisa che, essendo la raccomanda a.r. ritornata con motivazione “compiuta giacenza”, in applicazione dell’art. 39.3 del Regolamento di attuazione dello Statuto Sociale ENCI presso la Segreteria della Commissione di Disciplina di 1a Istanza è stata depositata lettera di contestazione relativa al procedimento disciplinare n. 39/19 nei confronti del Sig. TULLIO PALMERI. Il Segretario Istruttore

Si avvisa che, essendo la raccomanda a.r. ritornata con motivazione “compiuta giacenza”, in applicazione dell’art. 39.3 del Regolamento di attuazione dello Statuto Sociale ENCI presso la Segreteria della Commissione di Disciplina di 1a Istanza

AVVISO

è stata depositata lettera di

Si avvisa che, essendo la raccomanda a.r. ritornata con motivazione “compiuta giacenza”, in applicazione dell’art. 39.3 del Regolamento di attuazione dello Statuto Sociale ENCI presso la Segreteria della Commissione di Disciplina di 1a Istanza è stata depositata lettera di contestazione relativa al procedimento disciplinare n. 28/19 nei confronti della Sig. MAURIZIO TURCI.

contestazione relativa al proce-

Il Segretario Istruttore

Il Segretario Istruttore

24

dimento disciplinare n. 40/19 nei confronti della Sig.ra OLGA LA SPESA MARTINENGO.


CHIHUAHUA (MESSICO) COMPORTAMENTO - CARATTERE Svelto, sveglio, vivace e molto coraggioso TAGLIA E PESO In questa razza non si tiene conto della taglia, ma solo del peso: ideale fra 1,5 Kg e 3 Kg. MANTELLO Pelo lungo o pelo corto.

RHODESIAN RIDGEBACK (SUDAFRICA) COMPORTAMENTO CARATTERE Dignitoso, intelligente, distaccato con gli estranei, ma senza aggressività e timidezza. TAGLIA Altezza al garrese: maschi: 63-69 cm femmine 61-66 cm

gli standard in pillole

Rhodesian Ridgeback. Foto Federica Cattaneo.

(Il testo completo per tutte le razze è disponibile sul sito www.enci.it/standard)

Chihuahua a pelo lungo. Foto Daniele Tulli.

25


TOP DOG 2018, Centro Espositivo Verona Fiere

Enci Winner 2019


e

TOP DOG 2018, L’EVENTO

L’attesa finale del Top Dog si svolgerà all’interno della splendida cornice del Centro Espositivo Veronafiere. L’appuntamento è per Sabato 14 dicembre con le selezioni e Domenica 15 dicembre 2019 per la finalissima. Non perderti l’emozione di assistere alla grande kermesse, vi aspettiamo tutti.

Emozioni da Campioni.


Raduno “Spaniel Days” 7/8 Settembre Castagneto Carducci

Il presidente CIS Maria Pia Pasquali con Valeria Milana 1° classificata della prova di lavoro

Spaniel, due giorni per la storia Per il sessantesimo anniversario del Club Italiano Spaniel, differito, visto che lo scorso anno non è stato possibile organizzare, la presidente dottoressa Maria Pia Pasquali ha trovato nello splendido sito del Hoel Sport Campastrello a Castagneto Carducci il luogo ideale per lo svolgimento degli eventi del weekend dedicato agli Spaniel. I prati perfettamente rasati all’inglese, le strutture sportive disponibili agli ospiti, l’ampia tensostruttura sotto il quale si è svolto il Raduno giudicato da Sylvia Bunting e da Riccardo Di Carlo hanno reso il lavoro dei giudici e l’opera degli espositori piacevole nonostante il breve acquazzone di mezza mattina. Il sabato si è svolta una prova attitudinale di tipo A seguita anche da soci, alcuni venuti per l’occasione fin dalla Sardegna, che volevano imparare i rudimenti delle prove di lavoro. Il giudice Franco Abati ha potuto spiegare lo svolgimento delle prove e la preparazione dei cani.

28

Nel pomeriggio la dottoressa Ughetta Bertini esperta di agopuntura, ha illustrato la storia di questa pratica e le sue applica-

zioni moderne negli animali come trattamento alternativo e coadiuvante di indubbio valore.

Il BIS da sx 1°Silver Pine I’ll Fly Away Cocker Americano di Leonardo Gussoni. 2° Francini’s Innuendo Cocker Spaniel Inglese di Angela Francini. 3° Blue Jewel’s Burberry It’s My Life Irish Water Spaniel di Lilian Zanoni


i nostri

Cani

Anno 65 num. 10 novembre 2019

Domenica, giorno del Raduno, ha visto un tempo variabile come spesso accade vicino al mare. I primi giudizi si sono susseguiti regolarmente poi il vento si è alzato ed un forte acquazzone si è abbattuto sulla provvidenziale tensostruttura che ha ci protetti. Erano presenti ai giudizi 76 soggetti, un numero buono, ma per sostenere l’attività del club ed un maggiore confronto cinologico serve sicuramente una maggiore partecipazione dei soci e non. Ringraziamo le aziende Monge, BeLove, ed altri insieme ai

I partecipanti alla prova di lavoro

Entusiasmo di giudici ed espositori

soci che generosamente hanno offerto premi per i vincitori. La signora Bunting ha commentato poi i giudizi dei Cocker Inglesi: “Il Raduno è stato gestito molto bene e mi ha fatto gran piacere potervi esserci. C’erano alcune classi in cui è stato difficile scegliere il migliore in quanto i soggetti erano tutti di gran qualità. Mi sembra che l’altezza di alcuni soggetti sia al limite di grandezza, attenzione. Mi ha però colpito particolarmente il BOB dei Cocker Inglesi, un cane tipico di buon movimento e struttura che poi ho saputo essere un nipote del famoso Ch.Francini’s Day By Day. Anche il BIS Cocker Americano è un soggetto di qualità che sicuramente andrà a vincere molti altri titoli. I soggetti delle altre razze erano davvero buoni esemplari.” Parallelamente Riccardo DiCarlo ha giudicato le altre razze e dice: “Ho avuto il piacere di giudicare lo Spaniel Day presso lo Sporting Hotel Campastrello a Castagneto Carducci. Bellissima la location che ci ha ospitati con grandi spazi verdi molto curati ed ambienti comuni accoglienti e ricercati. La sera del sabato si è tenuta la cena sociale del Club presso il ristorante dell’Hotel, molto piacevole con ottime pietanze. Andando alla valutazione delle razze che mi sono state affidate, ho riscontrato una più che buona qualità nei Cocker Americani, razza a me infinitamente cara. Durante i giudizi ricerco teste dai giusti volumi, con occhi grandi e rotondeggianti, orecchie di giusta inserzione, muso quadrato in corretta proporzione con il cranio e sguardo dolce ed adorante. È auspicabile

Il taglio della torta alla cena sociale, a dx Angela Francini

Barbet. BOB e BOS Canova Della Corte Dei Berberi e Isadora Duncan Della Corte Dei Berberi di Ezia Carrodena

29


accettato sportivamente i miei giudizi.” Il trofeo Challenge “Shenanigans” per il migliore Cocker Americano nato ed allevato in Italia, offerto anni fa dalla giudice americana Gyn Gerhardt per mettere in risalto i prodotti dell’allevamento tricolore, è andato all’allevamento “DEIGINI” con la femmina giovane Selene DeiGini. Sulla pagine facebook del Club Italiano Spaniel e sil sito www.clubitalianospaniel. com potete trovare altre foto ed i risultati completi.

un corpo compatto con marcati diametri trasversali nel torace e tronco, la linea superiore deve essere rampante sia in stazione quanto in movimento e naturalmente è essenziale quel tipico incessante ed allegro movimento della coda che caratterizza i nostri Spaniels. Il mio BOB è andato ad un maschio nero dalle eccellenti proporzioni, mascolino, con una testa da incanto per volumi ed espressione, che alla fine della giornata si è aggiudicato il Best in Show sotto il giudice Sylvia Bunting, La femmina che si è aggiudicata il BOS è una particolor molto tipica, di taglia ben

contenuta con testa ben tipica e con ottima dolce espressione di razza, tronco compatto con eccellente linea superiore ed inserzione della coda. Un movimento allegro con buona dorsale completava la sua figura elegante. Ho poi giudicato due eccellenti Irish Water Spaniel, un paio di Spaniel Tedeschi con grande temperamento ed un Perro de Agua. Una allegra banda di Barbet molto tipici dal carattere esuberante hanno completato la mia giornata che è stata piacevole. Ringrazio chi si è occupato in maniera meticolosa della esposizione e tutti gli espositori che hanno

Perro de Agua. BOB De Los Cerros San Pedros Carambolo di Paola Cecchi

Spaniel Tedeschi BOB Kasha Any-Bon BOS Gorch

Cocker Spaniel Inglesi. BOB Francini’s Innuendo BOS Manureva of Merrily

30

Cocker Spaniel Inglesi. Giovani: BOB Gerini’s Nothing Better BOS Bencleuch Book Of Secrets

Elaine Narduzzo


i nostri

Cani

Anno 65 num. 10 novembre 2019

Lacrime di coccodrillo… A distanza di anni Wally Conron, papà del «labradoodle» va in TV per fare outing. Nel frattempo la fabbrica di “design dog” ha creato migliaia di incroci tra cani di razze differenti tra loro a rischio di gravi malattie genetiche Poiché non gli bastavano tutte le razze canine esistenti, Wally Conron (allevatore della Royal Guide Dogs Association of Australia) negli anni Ottanta col pretesto che una sua conoscente non vedente non poteva possedere uno dei cani guida tradizionalmente addestrati (suo marito era allergico al pelo dei cani), pensò di iniziare una serie incredibile di sperimentazioni incrociando tra loro cani di razze differenti sino ad arrivare al cosiddetto “labraoodle”. Purtroppo, la sua idea contagiò molti sperimentatori che nel tempo hanno creato altri incroci come per es.: il puggle (incrocio tra un Carlino e un Beagle), il maltipoo (Maltese + Yorkshire), il goberian (Golden Retriever + Siberian Husky), il beabull (Beagle + Pitbull), l’horgi (Husky + Welsh Corgi), il pomsky (Volpino di Pomerania + Siberian Husky), tanto per citarne alcuni. Oggi, Conron si dice pentito. Ha preso le distanze dalla sua «creatura», che è poi diventata molto popolare sia nel suo Paese sia negli Usa, arrivando a definirla in un’intervista alla tv pubblica australiana il suo «più grande rammarico». «Ho aperto un vaso di Pandora - ha detto - e ne è uscito un mostro alla Frankenstein». «Le patologie genetiche sono diventate un grave problema… incrociare tra di loro cani di razze differenti… non è stata una buona idea…». C’ha messo diversi anni, davvero troppi, a ravvedersi.

zione delle razze canine oggi deve puntare alla salute degli animali e al loro più completo utilizzo nella società contemporanea».

L’ONNIPOTENZA SFATATA Le parole di Conron hanno fatto il giro del mondo rilanciando il dibattito sui confini della manipolazione genetica.

«È interessante il paragone con Frankenstein - sottolinea Elena Garoni, veterinaria e docente universitaria, autrice di Piacere di conoscerti (Tea), incentrato sulle caratteristiche delle diverse razze canine - perché sfata l’idea dell’onnipotenza che come genere umano a volte tendiamo ad avere». R.F.

UNA RELAZIONE VINCENTE In una intervista rilasciata sull’argomento per il Corriere della Sera, Dino Muto, presidente dell’ENCI, commenta: «Lo scopo della cinofilia è innanzitutto la conservazione della biodiversità attraverso la valorizzazione delle razze canine e della loro funzione. Le attitudini sono state infatti determinanti nel costruire una relazione vincente con l’uomo. Una cosa è cercare di valorizzare le razze autoctone presenti sul territorio, altro è crearne continuamente di nuove per soddisfare le esigenze effimere del consumismo globale. La sele-

31


Arezzo, cerimonia al Raduno nazionale delle razze italiane

Foto di gruppo per i partecipanti alla manifestazione

“Memorial” per un pioniere Il Raduno delle Razze Italiane del 21 settembre di Arezzo è stata la manifestazione cinofila ideale per poter dedicare a Franco Tellini, aretino di Chiusi della Verna, prematuramente scomparso, il 1°Memorial

allo stesso intitolato, grazie all’amico Riccardo Benedetti, fattivo ideatore e promotore dell’iniziativa, ed al Gruppo Cinofilo Fiorentino che ha sostenuto e reso possibile l’evento.

Stampa su base lignea di Antonino Cuffari alla moglie Mara Tellini con figlio

Teti di Flora Monopoli premiata quale Miglior Testa giudice Antonino La Barbera

32

Franco Tellini, che s’innamora a fine anni ‘70 di un cane, dal nome misterioso di Cirneco dell’Etna, visto per la prima volta nello studio di un giovane artista a Castiglione della Pescaia. Quando, finalmente, dopo tanti anni, decide insieme alla moglie Mara di allevare in famiglia una cucciola, si ricorda di questa antica e nobile razza siciliana, e così arriva dall’allevamento Tyndaris di Giovanni La Scala la piccola Betty, che sarà poi la mamma di Zoe, la nonna di Rocco, la bisnonna di Yolanda, tutti Campioni Italiani di Bellezza, e antenata di innumerevoli nipoti e pronipoti, tutti soggetti di primissimo piano per bellezza e attitudine al lavoro. E Rocco si è fregiato anche del titolo di Campione Assoluto (Bellezza + Lavoro), una rarità nell’intera storia del Cirneco sino ad oggi. Per rendergli omaggio, non poteva mancare una partecipazione numerosa e qualificata come nelle grandi occasioni: 22 soggetti iscritti al Raduno, esaminati con attenzione dall’esperto giudice siciliano Antonino La Barbera. Dal punto di vista tecnico, tutte le classi


i nostri

Cani

Anno 65 num. 10 novembre 2019

Istituito il riconoscimento a ricordo di Franco Tellini tecnico ed allevatore del Cirneco dell’Etna

sono state ben rappresentate, con soggetti importanti che fanno ben sperare in un futuro più roseo per la razza, ancora sofferente in termini numerici. Cirnechi quasi tutti in perfetta taglia, teste straordinarie in alcuni soggetti, tronchi corretti, belle code, e movimenti armoniosi. Il materiale per poter migliorare la morfologia ed i caratteri di tipicità non manca; agli allevatori il compito di omogeneizzare ed alzare ancora di più il livello ai fini espositivi e di attitudine al lavoro. Il Maestro Scultore Antonino Cuffari ha creato per l’occasione dei piccoli doni a ricordo per tutti gli espositori partecipanti, raffiguranti il profilo di un Cirneco su marmorina; a Mara Tellini ed alla famiglia un manifesto stampato su base lignea raffigurante il marito Franco con i suoi Cirnechi Zoe, Rocco e Jolanda. Al Cirneco Ziggy, di Cristina Toni, risultato Migliore di Razza, il trofeo Memorial Franco Tellini, la scultura del profilo di Cirneco su pietra di ardesia. Alla Cirneca Teti di Flora Monopoli è stata assegnato il trofeo e la coppa per la testa più bella. Eccellenti risultanti e premi nel confronto con le altre razze Italiane: 2° posto al Raggruppamento per Ziggy – 2° posto Raggruppamento Veterani per

Hadranensis Uliva – 2° posto Raggruppamento Puppy per Hadranensis Tellina. Una giornata da ricordare ed un ringrazia-

MASCHI Giovani Lavoro

mento finale a tutti i partecipanti ed a coloro che hanno contribuito al buon esito della manifestazione. Gaetano Toscano

Galileo dei Vignazzi di Emanuele Palagiano ECC 1° BOB Giovani Fripp di Riccardo Benedetti MB 2° Niky Argo

di Riccardo Benedetti di Antonia Pappacena

ECC 1° ECC 2°

Libera Banderas della Baia delle Sirene di Fabio Palisi Campioni Ziggy di Cristina Toni

MB 1° ECC 1° BOB

FEMMINE Baby Hadranensis Tellina Giovani Aretha Lavoro Rumba del Gelso Bianco Intermedia Teti Libera Fanny Raja del Borgo Chica

di Cristina Toni di Denise Cecchetti di Stefano Bongiorno di Flora Monopoli di Roberto Nardini di Pratica di Stefano Bongiorno

MP BOB PUP ECC 1° BOS Giovani 1° CAC 1° CAC 1° R/CAC MB 2° MB 3°

Campioni Hadranensis Hetty Ash Veterani Hadranensis Uliva Kalian

di Allev. Hadranensis di Antonino Cuffari di Allev. Hadranensis di Antongiulio Campioni

ECC 1° BOS ECC 2° ECC 1° BOB VET ECC° 2

Ziggy di Cristina Toni BOB e 2° Raggruppamento Razze Italiane con il giudice La Barbera

Hadranensis Uliva Allev. Hadranensis BOB Veterani e 2° Raggruppamento Veterani

Hadranensis Tellina BOB Puppy e 2° Raggruppamento Puppy

33


E X P O

BEST IN SHOW LECCO 1° FOX TERRIER A PELO RUVIDO ASH GROVE TIME LORD di KENNETH QUINNEY 2° COCKER SPANIEL INGLESE FRANCINI’S MOONLIGHT SERENADE di VALERIA MILANA 3° BASSOTTO NANO PELO CORTO JAGUAR XKE DI SILVALLEGRA di CRISTINA MARIA FRIGOLI

ORNAGO

BERGAMO E LECCO DOPPIA VITTORIA

Cinofilia d’élite nello splendido parco delle scuderie Malaspina

A

nche quest’anno il Gruppo Cinofilo Bergamasco in collaborazione con il gruppo Cinofilo Lecchese il 28 e 29 settembre ha organizzato la doppia Esposizione Internazionale canina, un grande appuntamento per tutti i cinofili che per il terzo anno si sono ritrovati ad Ornago presso il centro Ippico “La Malaspina”. Oltre ai bellissimi cani ed ad una giuria di caratura internazionale anche il tempo ci ha aiutato ed ha fatto da cornice all’evento; la bellezza del centro La Malaspina con i suoi luminosi padiglioni coperti ed i suoi spazi esterni ha contribuito a far sì che il nostro impegno per realizzare una bella manifestazione degna di nota non sia stato vano, un lavoro notevole che ci ha visti impegnati per preparare al meglio il tutto.

34

Espositori e pubblico hanno potuto trascorrere un piacevole weekend ammirando sia i padiglioni interni che hanno ospitato i ring che il parco esterno dove pascolavano stupendi cavalli in un’atmosfera piacevole e rilassante. L’alta qualità dei circa 2150 cani di varie nazionalità che si son messi in competizione ha reso impegnativo il lavoro della giuria di indubbia esperienza, proveniente da Italia, Spagna, Danimarca, Finlandia, Serbia, Svezia, Slovenia, Olanda e Russia. L’imprevisto afflusso di concorrenti ha messo alla prova le nostre capacità organizzative, subito affrontate con efficace tempismo allestendo due ring esterni. Il nostro obiettivo per le prossime edizioni sarà quello di ampliare l’area espositiva per garantire a tutti il massimo confort.


E X P O

BEST IN SHOW BERGAMO 1° MALTESE CINECITTA’ ZERO MOSTEL di FRANCO PROSPERI 2° COCKER SPANIEL INGLESE FRANCINI’S MOONLIGHT SERENADE di VALERIA MILANA 3° SCOTTISH TERRIER BEAMEUPS TIMES SQUARE di CRISTIANA CAPECE MINUTOLO

RAGGRUPPAMENTI CACIB LECCO GRUPPO Ê 1° BLUE JEANS BOY DI SELVASPINA CANE DA PASTORE SCOZZESE SHETLAND PR. ALBRIGO ANNA GRUPPO Ë 1° SCIUSCIU-PS DEL GUIDANTE ZWERGSCHNAUZER PEPE SALE PR. KUNDERFRANCO LEONARDO GRUPPO Ì 1° ASH GROVE TIME LORD FOX TERRIER P/R PR. QUINNEY KENNETH GRUPPO Í 1° JAGUAR XKE DI SILVALLEGRA BASSOTTO NANO PC PR. FRIGOLI CRISTINA MARIA 1° MINDA QUANTUM THE RANSOM OF RED CHIEF GRUPPO Î AKITA AMERICANO PR. HELLMAN RICHARD LAWRENCE GRUPPO Ï 1° DIK ALPENLÄENDISCHE DACHSBRACKE PR. NAVONE GIORGIO GRUPPO Ð 1° UNA VAN DE FLOR BRACCO ITALIANO BIANCO-ARANCIO PR. FLORENZI DARIA GRUPPO Ñ 1° FRANCINI’S MOONLIGHT SERENADE COCKER SPANIEL INGLESE PR. MILANA VALERIA 1° CINECITTÀ ZERO MOSTEL MALTESE GRUPPO Ò PR. PROSPERI FRANCO GRUPPO Ó 1° RUSSIAN SPELLBOUND WHY NOT LEVRIERO AFGANO PR. ARANCIO SIMONA 1° CINECITTÀ ZERO MOSTEL MALTESE BIS R. ITALIANE PR. PROSPERI FRANCO BIS JUNIORES 1° I AM THE TROUBLEMAKER BASSOTTO NANO PD PR. ABETTI CRISTINA BIS GIOVANI 1° WEBB SRDCOVE ESO PASTORE AUSTRALIANO PR. CICI ISABELLA BIS VETERANI 1° THE WAVES’ SONS NEWFONDLANDS KNICKERBOCKERS TERRANOVA PR. CORNA ELISA BIS COPPIE 1° WEIMARANER P/C PR. DEMURO MARIA ANTONIA BIS GRUPPI 1° ALASKAN MALAMUTE PR. ALLEV. THEMAGICIAN

RAGGRUPPAMENTI CACIB BERGAMO GRUPPO Ê 1° BE & BE BRIGHT SOUL BEARDED COLLIE PR. ALLEV. BE & BE GRUPPO Ë 1° GREAT SOUL-F DEL PICCOLO JIGO ALANO FULVO PR. ALLEV. DEL PICCOLO JIGO GRUPPO Ì 1° BEAMEUPS TIMES SQUARE SCOTTISH TERRIER PR. CAPECE MINUTOLO CRISTIANA GRUPPO Í 1° MONTECOLLE’S DIAMONDS HARIT ROUGE N/C BASSOTTO NANO P/C PR. MONTECOLLE ANDREA GRUPPO Î 1° REEDLY ROAD QOSMOS QUEST PHARAON HOUND PR. FORESTI ALEXANDER GRUPPO Ï 1° GANIMEDE COPPIERE DEGLI DEI DEL PARNASO DALMATA PR. CHIEPPI MARTINA GRUPPO Ð 1° ROYAL WEIM BACK ON TOP WEIMARANER PC PR. RAIMONDI COMINESI DARIO GRUPPO Ñ 1° FRANCINI’S MOONLIGHT SERENADE COCKER SPANIEL INGLESE PR. MILANA VALERIA GRUPPO Ò 1° CINECITTÀ ZERO MOSTEL MALTESE PR. PROSPERI FRANCO GRUPPO Ó 1° ALMAGLO ZORAIDE WHIPPET PR. CARPONE MAURO BIS R. ITALIANE 1° CINECITTÀ ZERO MOSTEL MALTESE PR. PROSPERI FRANCO BIS JUNIORES 1° JACKERSON’S JR CALVADOS JACK RUSSELL TERRIER PR. BOSELLI AKSAMITOVA VLADIMIRA BIS GIOVANI 1° PARADIZ RONADO TINKER BELL-FV CARLINO PR. REVYAKINA IRINA BIS VETERANI 1° BIGBAD VOODOO KOOLER BEAGLE PR. ASUNIS FRANCESCA BIS COPPIE 1° NOVA SCOTIA DUCK TOLLING RETRIEVER PR. ALLEV. WHYMARK’S BIS GRUPPI 1° BASSOTTO NANO P/C PR. MONTECOLLE ANDREA

35


E X P O

BIS GIOVANI LECCO 1° Pastore Australiano WEBB SRDCOVE ESO di ISABELLA CICI 2° Bassotto standard a pelo duro ARISTOTELES SOKRATES HOMER ONASSIS di IVAN DUCLY 3° Jack Russell Terrier TOTGREE’S MELANY di SALVATORE SGURA

BIS GIOVANI BERGAMO 1° Carlino PARADIZ RONADO TINKER BELL-FV di IRINA REVYAKINA 2° Bassotto standard pelo duro ARISTOTELES SOKRATES HOMER ONASSIS di IVAN DUCLY 3° Dalmata GANIMEDE COPPIERE DEGLI DEI DEL PARNASO di MARTINA CHIEPPI

Nel CACIB di Bergamo ha vinto un Maltese mentre il quello di Lecco un Fox terrier e pelo ruvido: congratulazioni a tutti i vincitori per la grande qualità dei loro soggetti. Nonostante le piccole criticità che una doppia esposizione comporta, molti sono stati i complimenti che abbiamo ricevuto sia da parte dei giudici che da parte degli espositori; questo ci rende davvero felici per un successo che ci da sempre più la forza e la voglia di organizzare consapevoli che solo la qualità viene premiata. Per finire vogliamo ringraziare chi insieme a noi ha fatto si che questo weekend sia stato di grande qualità:

Piera Corsini Croce, Delegata ENCI, per la grande professionalità dimostrata nel risolvere i piccoli problemi che in una manifestazione come questa non mancano; la competenza di Bremadog e dei loro commissari di Ring, gli amici di Lecco per la loro preziosa collaborazione, l’amico Alfonso Montefusco con il suo gruppo delle Guide Cinofile per il bel lavoro svolto con il pubblico. Un ringraziamento particolare a tutto lo staff del centro Malaspina per la loro disponibilità, ad Adriana Foti grande appassionata cinofila e all’instancabile Andrea Latorraca direttore generale delle scuderia Malaspina. Un sentito e particolare ringraziamento da parte nostra va alla delegazione ENCI di Monza per la gentile concessione. Sergio Scarpellini

BIS RAZZE ITALIANE BERGAMO 1° Maltese CINECITTÀ ZERO MOSTEL di FRANCO POSPERI 2° Cane Da Pastore Bergamasco ISHTARAN DEI LUPERCALI di MARIA ADELE EMY MARIANI CARNELLI 3° Lagotto Romagnolo BLIXTRA ALBERTA di LOVISA BJORKMAN

GRUPPO 5 BERGAMO 1° Pharaon Hound REEDLY ROAD QOSMOS QUEST di ALEXANDER FORESTI 2° Akita americano MINDA QUANTUM THE RANSOM OF RED CHIEF di RICHARD LAWRENCE HELLMAN 3° Spitz nano OF POMS FOREVER BEAUTIFUL GIULY di CLAUDIO MASI

36


E X P O

BIS JUNIORES LECCO 1° Bassotto nano pelo duro I AM THE TROUBLEMAKER di CRISTINA ABETTI 2° Staffordshire Bull Terrier FIRECROSS KNOW WOT U MEAN di LISA GARAVAGLIA 3° Cocker spaniel inglese BLACK MIRTILLA’S TELL ME YOUR NAME di LUCA CARMINATI

GRUPPO 3 LECCO 1° Fox terrier pelo ruvido ASH GROVE TIME LORD di KENNETH QUINNEY 2° Welsh terrier CUNNINGS ETERNAL RULER di GIUSEPPE AVVEDUTI 3° Jack Russell terrier JACKANDFISH LEISURE SEEKER di OLGA KLIMOVA

BERGAMO GRUPPO 9 1° Maltese CINECITTA’ ZERO MOSTEL di RANCO PROSPERI 2° Pechinese ZAKA-ZAKA IZ ZHASMINOVOGO DVORTSA di NICOLA SALIERNO 3° Shih tzu EPSYLON - WAN - QIANG - DE - KOU di ILARIA PILETTA MASSARO

Panoramica expo

37


E X P O

BEST IN SHOW CACIB IVREA 1° THEMAGICIAN PHILIPPE COURT CHATRIER Alaskan Malamute, dell’ALLEV. THEMAGICIAN 2° BALBOA CADILLAC Kerry Blue Terrier Proprietario di SELENE VIRZI’ 3° DARGON BOY DEL WANHELSING Bassotto kaninchen a pelo duro di GABRIEL MARIO PASCARELLA

IVREA

GRAN FESTA AL PARCO MALGRÀ Il sole alleato degli espositori

L

’otto di settembre, nella splendida cornice del parco Malgrà di Rivarolo Canavese, si è svolta la 5ª expo internazionale di Ivrea (TO), la giornata inizialmente prometteva un tempo uggioso con una leggera pioggerella fastidiosa, ma a dispetto delle condizioni avverse il sole è spuntato e miracolosamente ci ha graziato fino alla fine della manifestazione. Nonostante il numero dei partecipanti non fosse cospicuo, a detta dei giudici la qualità è stata molto alta ed i partecipanti si sono contesi fino all’ultimo l’ambito Best in Show che è stato vinto da l’Alaskan Malamute Themagician Philippe Court Chatrier dell’allevamento

38

Themagician, al secondo posto il Kerry blue terrier Balboa Cadillac di Selene Virzì, al terzo il Bassotto kaninchen a pelo duro Dargon Boy Del Wanhelsing di Gabriel Mario Pascarella. Un doveroso ringraziamento a tutti coloro che come ogni anno ci supportano e sopportano a tutti gli amici che si rendono sempre disponibili, ai commissari di ring ed ai giudici che svolgono il loro lavoro con competenza in qualsiasi circostanza e a tutti coloro che partecipano con i loro cani, perché senza di loro il nostro lavoro sarebbe inutile. Ornella Terzi


E X P O

GRUPPO 7 CACIB IVREA 1° UBOLD Kurzhaar di MAURO MORETTI 2° GRIJS Weimaraner p/c di MARIA ANTONIA DEMURO 3° GORDON HALL ZAVIER Gordon setter di ANASTASIA SEVRUK

GRUPPO 5 CACIB IVREA 1° THEMAGICIAN PHILIPPE COURT CHATRIER Alaskan Malamute dell’ALLEV. THEMAGICIAN 2° ANTONIO FLORO FLORES Wolfspitz di SERGIO GEMMI 3° FIRE’S SON DEI LEONI IMPERIALI Chow Chow di STEFANIA BETTINI

RAGGRUPPAMENTI CACIB IVREA GRUPPO Ê 1° GIULY’S DREAMS MADE IN ITALY Cane da pastore scozzese p/l PR. CUCCU GIULIA GRUPPO Ë 1° NICHI RACHMANINOV-PS Schnauzer p/s PR. CESANA FABIO CARLO MARIA GRUPPO Ì 1° BALBOA CADILLAC Kerry Blue Terrier PR. VIRZI’ SELENE

GRUPPO 8 CACIB IVREA 1° TERRA DE SETUBAL Cão de agua Português di MARCO VENTURINO 2° CARLO DEL CARPINO NERO Lagotto romagnolo di GIUSEPPE BUGLIANI 3° GERVASONI REVENANT OF AFRICAN ROSES Cocker americano di ALDA DE MATTEI

GRUPPO Í 1° DARGON BOY DEL WANHELSING Bassotto kaninchen p/d PR. PASCARELLA GABRIEL MARIO GRUPPO Î 1° THEMAGICIAN PHILIPPE COURT CHATRIER Alaskan Malamute PR. ALLEV. THEMAGICIAN GRUPPO Ï 1° WHITE AND RED ROBIN VANALI Basset Hound PR, VANALI MARCO GRUPPO Ð 1° UBOLD Kurzhaar PR. MORETTI MAURO GRUPPO Ñ 1° TERRA DE SETUBAL Cão de agua Português PR. VENTURINO MARCO GRUPPO Ò 1° TOUCHE’S ALLRIGHT ALLRIGHT ALLRIGHT GCHS CH Chin PR. GIRALDI TOMMASO GRUPPO Ó 1° BRUNELLOCUCINELLI DEL BORGHINO Saluki PR. GALLIANO LEONARDO BIS COPPIE 1° Pastore Svizzero Bianco PR. CORINNE TURRIER BIS GRUPPI 1° Cane da pastore bergamasco PR. ALLEV. DEI LUPERCALI

GRUPPO 10 CACIB IVREA 1° BRUNELLOCUCINELLI DEL BORGHINO Saluki di LEONARDO GALLIANO 2° LUNA LOVEGOOD DEL GRAN PAMIR Levriero Afgano di TIZIANA BOTTIROLI 3° PENDRAGON DELLA BASSA PAVESE Irish Wolfhound di ANTONIA TURINI

39


E X P O

BEST IN SHOW GRADISCA D’ISONZO 1° Terranova URSINUS VELUTUS C’EST LA VIE di Sabina Fantur Oton - Strinisa 2° Setter Irlandese LYNWOOD ADDICTED TO LOVE di Spela Likosar Susnik 3° Greyhound SOBERS APPIUS KARKATI di Alex Marschall Civettini

GRADISCA D’ISONZO

IN 1200 DAVANTI AI GIUDICI

Il benessere animale al centro dell’attenzione

A

nche quest’anno il 13 e 14 agosto si sono svolte le due esposizioni internazionali “Città di Trieste” e “Gradisca d’Isonzo” alla sua 16° edizione. Entrambi gli eventi hanno avuto luogo nel bel parco della Città di Gradisca d’Isonzo che come sempre offre buoni spazi ombrosi e posti di ristoro. Come ogni anno un buon numero di espositori sia Italiani che esteri, più di 1200 i soggetti iscritti nelle due giornate considerando che i due Cacib si svolgono quasi sempre in giornate infrasettimanali con soggetti di alto livello giudicati da una giuria internazionale altamente qualificata. Il comitato organizzatore ha ricevuto molti consensi da parte

40

degli espositori e del pubblico per l’organizzazione e l’attenzione al benessere animale, con la presenza di grandi vasche d’acqua e nebulizzatori e presenza continua del Veterinario designato. Il giorno 14 si è svolta anche la tappa del TOP Italian British Sheperds 2019. Il Gruppo Cinofilo Isontino ringrazia di cuore tutti gli espositori, il Comune di Gradisca d’Isonzo, l’Associazione ornitologica Giuliana, i giudici, il delegato ENCI, i commissari di ring, lo speaker, il veterinario, lo sponsor. Sergio Boldrin


E X P O

BEST IN SHOW CACIB TRIESTE 1° RADAMANTINO DANTE Bolognese di Maria Luisa Friggi 2° OF POMS FOREVER BEAUTIFUL GIULY Spitz nano Pomerania di Claudio Masi 3° BIG BOOM’S JOKER DONKEY Clumber Spaniel di Lana Levai

BIS GIOVANI GRADISCA D’ISONZO 1° LA TERRA BLANCA GALACTICA Bichon a Poil Frisè Pr. Drewitt Barlow Barrie 2° DISC JOCKEY DI SELVASPINA Cane da pastore scozzese Shetland. Pr. Albrigo Anna 3° CANDY PERFUME GIRL Labrador Retriever Pr. Gaiardo Susanna

BIS GIOVANI TRIESTE 1° THE NEVERENDING STORY Bullmastiff Pr. Rossi Francesco 2° BENJI A TRUE GENTLEMEN Dalmata Pr. Posillipo Dario 3° LA TERRA BLANCA GALACTICA Bichon a Poil Frisè Pr. Drewitt Barlow Barrie

41


E X P O RAGGRUPPAMENTI CACIB TRIESTE 13/8/2019 GRUPPO Ê 1° MOONFELLOW HEARTBEAT WITH CUORE IMPAVIDO Bearded collie Pr. Ripoli Filippo GRUPPO Ë 1° URSINUS VELUTUS C’EST LA VIE Terranova Pr. Fantur O. Strnisa S. GRUPPO Ì 1° STORM FROM SUPERBIA West Higland White Terrier Pr. Sartori Maria GRUPPO Í 1° VULCANO DI PONTECAPELLO Bassotto standard p/d Pr. Saletti Annaluce GRUPPO Î 1° OF POMS FOREVER BEAUTIFUL GIULY Spitz Nano Pomerania Pr. Masi Claudio GRUPPO Ï 1° MITTELEUROPA WIENER WALZER Black an Tan Coonhound Pr. Montenuovo Michela GRUPPO Ð 1° LYNWOOD ADDICTED TO LOVE Setter Irlandese Pr. Likosar Susnik Spela GRUPPO Ñ 1° BIG BOOM’S JOKERDONKEY Clumber Spaniel Pr. Levai Lana GRUPPO Ò 1° RADAMANTINO DANTE Bolognese Pr. Friggi Maria L. GRUPPO Ó 1° ENJOY THE SILENCE AMELIA Piccolo Levriero Italiano Pr. Giovannelli Cinzia BIS JUNIORES 1° TIN A STAR Boston Terrier Pr. Baubuin Andrea BIS GIOVANI 1° THE NEVERENDING STORY Bulmastiff Pr. Rossi Francesco BIS VETERANI 1° ALMANZA SWEET HOME ALABAMA Flat Coated Retriever Pr. Wehrli Angelika BIS R. ITALIANE 1° RADAMANTINO DANTE Bolognese Pr. Friggi Maria Luisa BIS COPPIE 1° Zwergschnauzer pepe sale Pr. Kunderfranco Leonardo BIS GRUPPI 1° Dalmata Pr. Allevamento Del Parnaso

BIS VETERANI GRADISCA D’ISONZO 1° ALMANZA SWEET HOME ALABAMA Flat Coated Retriever Pr. Wehrli Angelika 2° ALGA DI SUSANNA Cocker Spaniel Inglese Pr. Pellizzari Patrizia 3° DORLY Z WHITE Z CERNOBILEHO SNU Barbone nano bianco Pr. Ryznarova Miluse

42

GRUPPO Ê GRUPPO Ë GRUPPO Ì GRUPPO Í GRUPPO Î GRUPPO Ï GRUPPO Ð GRUPPO Ñ GRUPPO Ò GRUPPO Ó BIS JUNIORES BIS GIOVANI BIS VETERANI BIS R. ITALIANE BIS COPPIE BIS GRUPPI

RAGGRUPPAMENTI CACIB GRADISCA D’ISONZO 14/8/2019 1° MOON SHINE BLUE FREECLIMBER Cane da pastore australiano Pr. Allev. Moon Shine Blue 1° URSINUS VELUTUS C’EST LA VIE Terranova Pr. Fantur Oton Strinisa Sabina 1° TELCHINES A CLASH OF KINGS Staffordshire Bull Terrier Pr. Corbatto Valentina 1° ALPHERATZ ALCAPONE Bassotto nano a pelo duro Pr. Frigoli Cristina Maria 1° WHITE HISTORY DEL BAFFIN Samoiedo Pr. Saccani Giuseppe 1° EKSCES BEHU ODSZUKAC WIATR Gonczy Polski Pr. Szczepaniak Marcin 1° LYNWOOD ADDICTED TO LOVE Setter Irlandese Pr. Likosar Susnik Spela 1° BIG BOOM’S JOKERDONKEY Cluber Spaniel Pr. Levai Lana 1° RADAMANTINO DANTE Bolognese Pr. Friggi Maria Luisa 1° SOBERS APPIUS KARKATI Greyhound Pr. Marschall Civettini Alex 1° GABRIELLE Labrador Retriever Pr. Artioli Rossana 1° LA TERRA BLANCA GALACTICA Bichon a Poil Frisè Pr.Drewitt Barlow Barrie 1° ALMANZA SWEET HOME ALABAMA Flat Coated Retriever Pr. Wehrli Angelika 1° RADAMANTINO DANTE Bolognese Pr. Friggi Maria Luisa 1° Scottish Terrier Pr. All.to Polvere di Stelle 1° Bolognesi Pr.Allev. Olivieri Monica

BIS VETERANI TRIESTE 1° ALMANZA SWEET HOME ALABAMA Flat Coated Retriver Pr. Wehrlj Angelika 2° ASSENZIO DELLA TERRA FATATA Cane da pastore scozzese Shetland Pr. Onofri Luisa 3° ALGA DI SUSANNA Cocker Spaniel Inglese Pr. Pellizzari Patrizia


E X P O

DOPPIO CACIB GRADISCA D’ISONZO BIS TOP Italian British Shepherds 2019 1° BLUE JEANS BOY DI SELVASPINA Cane da pastore scozzese Shetland di Albrigo Anna 2° VOICI COILA DEI NOBILPAZZI Bobtail di Malacrida Susanna 3° MOONFELLOW HEARTBEAT WITH CUORE IMPAVIDO Bearded Collie di Ripoli Filippo

NOTIZIE DAL MONDO QUESTIONI DI NASO E ALTRO ANCORA Un nuovo studio presentato all‘American Society for Biochemistry and Molecular Biology, il meeting annuale che si tiene a Orlando, Florida e raccoglie migliaia di studiosi, dimostra che i cani, annusando il sangue dei pazienti, riescono a rilevare la presenza di cellule cancerose con una attendibilità pari al 97 % Una ricerca della London School of Hygiene & Tropical Medicine (UK) ha utilizzato i cani per diagnosticare le infezioni di malaria, una malattia endemica nei bambini dell’Africa occidentale. In questo caso è bastato mettergli sotto il naso i calzini sporchi, perché chi è malato ha un diverso odore. I cani hanno identificato il 70% dei malati e il 90% di quelli sani. È risaputo che il naso dei cani è un organo molto sviluppato, ma anche il cervello è differente: la corteccia olfattiva canina, che elabora le informazioni, occupa il 12,5 % della massa totale del cervello, quella umana ne ricopre appe-

na l’1%. Non a caso vengono impiegati per rintracciare droghe, esplosivi, tartufi, persone scomparse e molte altre sostanze chimiche. In uno studio pubblicato sul Journal of Comparative Psychology, si è anche cercato di capire se l’odore viene solo rilevato dai cani o se li aiuta anche a creare una rappresentazione mentale di qualche elemento. È venuto fuori che se i cani sentono qualcosa che non corrisponde con quello che si aspettavano, hanno una reazione di esitazione. Questi studi tendono alla creazione di un naso elettronico di nuova generazione che un team della Duke University di Durham, Carolina del Nord (USA) sta per mettere a punto per utilizzarlo al posto dei cani, anche se al momento i numerosi tentativi effettuati in passato non hanno dato esiti positivi. Come a dire… che il naso dei cani è insostituibile. R.F.

43


A Pian di Spino due giorni di confronti

La squadra vincitrice della Coppa Italia 2019 il KCI

I continentali alzano la Coppa Il weimaraner vincitore dell’individuale alla Coppa Italia 2019

44

La Coppa Italia delle razze continentali si manifesta nel 2019 con evidenti sviluppi e piacevoli conferme, in virtù dei risultati ottenuti che mettono in evidenza l’avvicinarsi sempre più prossimo degli scopi per i quali questo evento ha trovato, ben diciannove anno or sono, i suoi natali. Ancora una volta Pian di Spino il teatro d’azione durante i giorni di 28 e 29 settembre scorsi, quando dieci razze, tutelate nel nostro Paese dalle rispettive Associazioni affiliate all’ENCI, si sono mostrate nelle loro concretezze funzionali e morfologiche per rendere note le loro qualità, frutto del serio lavoro di selezione zootecnica in Italia. Sessantadue cani in concorso suddivisi in cinque batterie per entrambe le giornate che hanno visto imporsi la razza Kurzhaar con i migliori risultati, la quale si aggiudica la Coppa Italia razze continentali 2019, seguita dai Bracchi francesi al secondo posto e gli Epagneul breton al terzo. Il titolo individuale è stato assegnato al Weimaraner Semper Adamas the Revenge condotto da Giulio Rigamonti, mentre l’unico a guada-

Da sinistra Loredana Aureli, Alfio Guarnieri e Giancarlo Passini, la macchina organizzatrice della Coppa Italia 2019


i nostri

Cani

Anno 65 num. 10 novembre 2019

Il podio della Coppa Italia 2019, 1° Kurzhaar, 2° Bracchi francesi e 3° Epagneul breton

Molti concorrenti e agonismo acceso. Presenti il presidente Dino Muto e i consiglieri Giancarlo Passini e Antonino La Barbera

gnare la certificazione internazionale, (CACIT) è il Bracco francese Spino di Apollo condotto da Maurizio Musso. È trascorso quasi un ventennio da quando le Associazioni di razza hanno ideato questo appuntamento annuale, voluto senza spirito competitivo ma con l’intenzione di stimolare la selezione zootecnica e mostrarne i risultati qualitativi, nel rispetto della conservazione delle razze e del benessere animale. Il riferimento, in questo caso, è indirizzato ai continentali, che trovano nell’evento la manifestazione italiana più importante dell’anno loro dedicata. Dall’ideazione e le prime edizioni molte modifiche e progressi sono stati attuati, più rilevante tra tutti l’acquisizione da parte dell’ENCI dell’avvenimento in quanto proprio e da questi direttamente organizzato. Pian di Spino, (utilizzato anche durante altre edizioni del passato), da quando la Coppa è di “casa ENCI” è diventato il solo teatro d’azione, grazie soprattutto alla qualità dei suoi terreni ed alla selvaggina che li popola, ma anche alla fattiva collaborazione del Gruppo Cinofilo Forlivese. Presente alla Coppa il presidente ENCI Dino Muto che non ha mancato di rimarcare la vicinanza da parte dell’Ente a questo gruppo di razze ed al loro utilizzo venatorio, definendo la nostra selezione quale punto di riferimento globale e ribadendo l’importanza dell’evento, ritenuta tale al punto di aver condotto ENCI ad acquisirne la conduzione diretta.

Il presidente Dino Muto

Chiaramente non sono mancati altri rappresentanti dell’ENCI: Giancarlo Passini, impeccabile organizzatore e l’altro consigliere nazionale Antonino La Barbera che così si esprime “Sono contento per la manifestazione che cresce di anno in anno e la cosa che apprezzo maggiormente è la partecipazione di volti nuovi che ci garantisce un futuro sempre più roseo”. Quasi tutti i presidenti delle varie associazioni di razza al fianco delle loro rappresentative, composte da Bracchi italiani, Spinoni italiani, Kurzhaar, Bracchi francesi, Drahthaar, Epagneul breton, Vizsla, Weimaraner, Griffoni korthals e Borbonesi. Dieci razze in prova per dieci Esperti: corpo giudicante composto da Riccardo Acerbi, Giovanni De Noia, Mario Di Pinto, Alessandro Evangelisti, Francesco

Francaviglia, Oliviano Nobile, Antonio Pietro Nurra, Marco Piva, Marco Rigatelli e Francesco Storto, i quali hanno assegnato nelle due giornate diciotto Eccellenti, (dei quali un solo CAC/CACIT) otto MB e un CQN, (oltre il 40% dei presenti in classifica). Oltre alle due prove di lavoro, (quella della domenica completata con la verifica di riporto a freddo) anche il test morfologico - giudicato da Antonio Pietro Nurra e la prova di riporto dall’acqua profonda. Il miglior risultato è quello guadagnato dalla razza Kurzhaar che con cinque cani all’Eccellente e uno al MB in prova, oltre agli esiti della verifica morfologica e della prova di riporto dall’acqua profonda, guadagna la Coppa Italia 2019. Secondi classificati i Bracchi francesi, (reduci negli ultimi tre anni con due vittorie ed un altro se-

45


Gli Esperti Giudici della Coppa Italia 2019

COPPA ITALIA CONTINENTALI 2019 - PIAN DI SPINO condo posto). Quasi tutte le razze hanno avuto modo di piazzare in classifica alcuni dei loro rappresentanti, (eccezion fatta per gli Spinoni detentori della vittoria dello scorso anno e i Borbonesi) a dimostrazione che molto si è guadagnato nella selezione di queste razze in chiave funzionale, comprovata da una verifica particolarmente articolata quale è la Coppa Italia. A Giancarlo Passini abbiamo voluto, doverosamente per duplice merito, chiedere opinione sulla Coppa del 2019. Dice Passini: “Pur essendo soddisfatto per i Kurzhaar che rappresento ed essendo felice di questa ennesima conferma, mi sento appagato per il risultato che ha ottenuto la manifestazione. Non mi riferisco agli aspetti logistici, non ai terreni ed alla loro preziosità, ne tantomeno all’ineccepibile organizzazione e conduzione da parte di Loredana da noi incaricata per la Coppa, situazioni e fattori indubbiamente di grande valore e tangibile resa finale, ma a chi, guardando a largo spettro, ha vinto: la cinofilia, quella che ci spinge a tanti impegni e sacrifici e che oggi più che mai vedo emergere. Oggi abbiamo il piacere e la soddisfazione di ammirare ottime prestazioni da parte di tutti, di constatare la concretezza di tanti nelle classifiche e di ogni razza. È stata una Coppa combattuta come non mai, se vogliamo pensare all’aspetto agonistico che è motivo di incitamento e che io preferisco definire, appunto, il confronto, non per evidenziare i migliori ma bensì per attestare dove si sta lavorando bene. L’ENCI ha dato il suo importante contributo: questa manifestazione si è sviluppata positivamente negli ultimi tre anni, grazie a questo coordinamento diretto, anche collaborando con i club di razza”. Queste parole riassumono chiaramente il sapore e l’armonia vissuta alla Coppa Italia 2019. Marco Ragatzu

46

28 SETTEMBRE 2019 BATTERIA 1 GIUDICI FRANCAVIGLIA-PIVA 1 ECC EUSCADY EB COND. ALESSANDRO ROSI 2 ECC SHUGGY BF COND. ROBERTO RENZI 3 MB BORA GK COND. GIACOMO GHIRARDO BATTERIA 2. GIUDICI RIGATELLI-STORTO 1 ECC ORANGE EB COND.. CRISTIAN TEBALDI 2 ECC AMAMI ALFREDO DEI SANCHI BI COND. ADRIANO TURCI BATTERIA 3 GIUDICI ACERBI-NOBILE 1 MB RACHEL BF COND. FEDERICO ASSANTI 2 MB TIMBERDOODLE ICARUS W COND. GIUSEPPE GIANCOTTI BATTERIA 4 GIUDICI EVANGELISTI-NURRA 1 ECC DIXI LIETOCOLLE DH COND. ALDO MANCINI 2 ECC IMAGE EB COND. MAURIZIO ALDOVARDI 3 ECC SEMPER ADAMAS THE REVENG W COND. GIULIO RIGAMONTI BATTERIA 5 GIUDICI DE NOIA-DI PINTO 1 ECC ARDRUBER QUARTERBAK K COND. BETTINO SICILIANI 2 ECC ERIN GK COND. GINO TROYSI 3 MB J AME DE L’OREE DE LA MEILL W COND. MASSIMILIANO SCOTTI 29 SETTEMBRE 2019 BATTERIA 1 GIUDICI RIGATELLI-STORTO 1 ECC ARDRUBER DELFO K COND. PAOLO MARCASSA 2 ECC BORA GK COND. GIACOMO GHIRARDO 3 MB QUESTA DEL FATALBECCO VZ COND. LUCA ZERBINI BATTERIA 2 GIUDICI ACERBI-NOBILE 1 ECC GRAHAM DEI SETTE DUCATI K COND. ADRIANO TURCI BATTERIA 3 GIUDICI EVANGELISTI-NURRA 1 ECC MINA K COND. STEFANO LITTAME BATTERIA 4 GIUDICI DE NOIA-DI PINTO 1 ECC CAC/CACIT SPINO DI APOLLO BF COND. MAURIZIO MUSSO 2 ECC COKY DI APOLLO BF COND MAURIZIO MUSSO 3 ECC SEMPER ADAMAS THE REVENG W COND. GIULIO RIGAMONTI BATTERIA 5 GIUDICI FRANCAVIGLIA-PIVA 1 ECC ARCHIMEDE DI CASCINA CROCE BI COND. SERGIO CIOLI 2 ECC ARDRUBER CARLA K COND BETTINO SICILIANI

Momento del turno alla Coppa Italia nei terreni di Pian di Spino

B IN TA

CO CA Co viv am Di pr An pa le

TA No o


BOLOGNESE COMPORTAMENTO E CARATTERE Molto quieto, generalmente poco vivace. Creativo ma calmo molto fedele al suo padrone ed il suo ambito. TAGLIA Altezza al garrese: maschi 27-30 cm. femmine da 25 a 28 cm.

BULL TERRIER INGLESE TAGLIA NORMALE COMPORTAMENTO CARATTERE Coraggioso, pieno di vivacità, con un carattere amabile e gioioso. Di temperamento calmo e propenso alla disciplina. Anche se ostinato, è particolarmente buono con le persone. TAGLIA E PESO Non vi sono limiti di peso o di taglia.

gli standard in pillole

Bull Terrier Inglese t.n. Foto Angelo Zucchelli.

(Il testo completo per tutte le razze è disponibile sul sito www.enci.it/standard)

Bolognese. Foto Lorena Elli.

47


successi all’estero ACCESSO ALLA RUBRICA BEST IN SHOW: 1°, 2°, 3° classificato (compresi Coppie, Gruppi, Giovani, Veterani) RAGGRUPPAMENTO: 1°, 2°, 3° classificato RADUNI E SPECIALI DI RAZZA: BIS: 1°, 2°, 3° - BOB-BOS

1° classe campioni, libera, intermedia, lavoro, giovani, veterani

RUBRICA GRATUITA RISERVATA AI SOCI ENCI

DAL NUMERO DI DICEMBRE 2019 SOLO RISULTATI OTTENUTI DOPO IL 31 MAGGIO 2019

CRUFTS 2019 Accesso alla rubrica per i soggetti di allevamento e/o proprietà italiana che abbiano ottenuto il 1° posto nella classe d’appartenenza, oltre a BOB-BOS e risultati nel Ring d’Onore

PER L’INSERIMENTO NELLA RUBRICA SUCCESSI ALL’ESTERO, SONO INDISPENSABILI I SEGUENTI DATI: NOME DEL CANE - RAZZA - MICROCHIP - NOME E COGNOME ALLEVATORE - NOME E COGNOME PROPRIETARIO - CITTÀ, NAZIONE E DATA DELL’EXPO - RISULTATO MASSIMO OTTENUTO - NOME DEL GIUDICE I NOMI DEI CANI, ALLEVATORI E PROPRIETARI DEVONO CORRISPONDERE AL LIBRO GENEALOGICO. LA REDAZIONE NON È RESPONSABILE DI EVENTUALI ERRORI ENCI PUÒ VERIFICARE LO STATO DEI CANI AL LIBRO

DRAGONJOY FREE SPIRIT Welsh Corgi Pembroke Speciale razze inglesi di Bled (SLO) 23/6/19 BOB Giudice Marija Kavcic Allevatore Allev. Dragonjoy Proprietario Bruna Bottacin

LSA RAMSES II Akita Americano Expo di Arad (RO) 2/9/19 3° classificato gruppo 5

Giudice Refet Hadzic Allevatore Khromov V. Proprietario Loris Stefano Sartori 48

BREAK A LEG Labrador Retriever Raduno di Lubiana (SLO)31/8/19 2° classificato Best in Show

Giudice Ania Verbeek Proprietario e allev. Susanna Gaiardo

BANANA BENDER COCK A DOODLE DO Australian Cattle Dog Raduno di Parnu (EST) 5/7/19 1° classificato Best in Show

Giudice Connie Redhead Allev. e propr. Allev. Banana Bender

YUKIO LO SPIRITO DEL LUPO Cane lupo cecoslovacco Expo di Umag (HR) 8/6/19 2° classificato gruppo 1 Giudice Nives Medunjanin Allevatore Alessandro Fresia Proprietario Donatella Cappelletti

PICCOLI BASSARDI KALARIS HADELINE Bassotto nano p/c Expo di Niksic (MNE) 29/9/19 1° classificato gruppo 4

Giudice Vojislav Brajovic Allevatore e propr. Antonella Racugno


successi all’estero

AIKIWA FRESH NIGHT ATENA Jack Russell Terrier Expo di Gradiska (SLO) 7/9/19 1° classificato gruppo 3

Giudice Zeliko Gajic Allevatore e propr. Vittorio Ambrosone

SAMARCANDA PLATINA QUEEN Barbone grande mole Championat de France di Parigi 2/6/19 BOB Giudice Ilaria Biondi de Ciabatti

ONLY ONE DREAMBLACK Terranova Expo di Karlovac (HR) 21/9/19 2° classificato gruppo 2 Giudice Sarah Burns Allevatore Allev. Dreamblack Proprietario Eleonora Basso

Speciale RSCE di Madrid (E) 29/4/19 BOB

Giudice Anatoli Zhuk Allevatore Allev. Samarcanda Proprietario Alessia Maria Raspagni

LATIN LOVER - T DELLA BAIA AZZURRA Alano Raduno di Neuvic (F) 15/9/19 CACS Giudice Jean Francois Martin Allevatore Patrizio Donati Proprietario Rina Solimeno

DUFFY DUCK DI RIO GALERIA Chihuahua p/l Expo di Niksic (MNE) 29/9/19 1° classificata gruppo 9 Giudice Dragana Vlahovic Allevatore Paolo Tartaro Proprietaria Daniela Fanari

STROZZAVOLPE SORA LELLA Fox Terrier p/r Speciale di Gradiska (BIH) 7/9/19 BOB Giudice Francesco Cochetti Allevatore Marco Calonaci Proprietario Fabiana De Francesco

49


successi all’estero

PARADIZ RONADO SMILLA’S SENSE OF SNOW Carlino Raduno di S. Pietroburgo (RU) 28/9/19 BOB Giudice Paolo Lovaglio Allevatore Irina Revyakina Ciuti Proprietario Irina Zimina

IULIA DELLA BAIA AZZURRA Alano blu National D’Elevage di Neuvic (F) 15/9/19 Cl. Libera CAC Giudice M. C. Juanchicot Allevatore Patrizio Donati Proprietario Sara D’Alessandro 50

PARADIZ RONADO BONAVENTURA Carlino Raduno di S. Pietroburgo (RU) 28/9/19 BOB Veterani

AGATAOFNATANLUPUS CHIEDERE A SELENE Cane lupo cecoslovacco Expo di Dolny Kubín (SLO) 9/8/19 1° Cl. giovani Giudice Janka Brussova Allevatore Gennaro Commone Proprietario Loris Tabacchi

Giudice Paolo Lovaglio Allevatore Irina Revyakina Ciuti Proprietario Irina Zimina

UGULA DEL GUARDENGO Pointer inglese Expo di Karlovac (HR) 21/9/19 1° classificato gruppo 7 Giudice Kornelija Butrimova Allevatore Gianni Fulgenzi Proprietario Maurizio Moretti

HOLGUIN DELLA BAIA AZZURRA Alano blu National d’Elevage di Neuvic (F) 15/9/19 Cl. Libera CAC Giudice M. C. Juanchicot Allevatore e propr. Patrizio Donati


successi all’estero

AIKIWA SUPER MARKUS DE BARNET Jack Russell Terrier Expo di Gradisca (SLO) 8/9/19 3° classificato gruppo 3 Giudice Vedran Bozickovic Allevatore Vittorio Ambrosone Proprietario Mattia Signoretti

FARAÓN RAMSÉS I DE DALMARAN Dalmata Expo di Ales (F) 31/3/19 2° classificato gruppo 6 Giudice Christian Sallet

Allev. e propr. Arantxa Bozal Diago

FARAÓN RAMSÉS I DE DALMARAN Dalmata Expo di Monclar de Quercy (F) 21/4/19 3° classificato gruppo 6 Giudice Jacques Goubie Allev. e propr. Arantxa Bozal Diago

BABY GEORGE Alpenlaendische Dachsbracke Raduno di Saint Moritz (CH) 14/9/19 1° classificato Best in Show Giudice Ekkehard Stockinger Allevatore e proprietario Sonia Soncini

ALL JACKS BE SPECIAL CH Jack Russell Terrier Expo di Montgomery County (USA) 6/10/19 BOB Giudice Karl Sterns Allevatore Allev. All Jacks Proprietario Monica Fonzo

ZLATO’A KING OF ZION Alano fulvo Speciale di Lipica (SLO) 5/10/19 1° classificato Best in Show Giudice Bojan Mataković

Expo di Lipica (SLO) 6/10/19 1° classificato gruppo 2

Giudice Vladimir Mihaljcic Allevatore Anna Popova Propr. Alessandro Bellizzi De Marco

JOSEPH DEL BIAGIO Alaskan Malamute Expo di Vrtojba (SLO) 6/10/19 1° BIS Veterani

Giudice Davor Javor Allevatore Giuseppe Biagiotti Proprietario Maurizio Pizzolato

51


successi all’estero

CALL ME DREAMER IN BLUE FOR ILEYDA DELLA VERDE SCOZIA Cane da pastore scozzese p/l Expo di York (UK) 21/7/19 1° Av Pastoral Open Giudice Richard Kinsey

Expo di Harrogate(UK) 10/8/19 1° Open Junior

FAMOUSE LIKE A STAR VOM SUTUMER GRUND Pastore svizzero bianco Expo di Lipica (SLO) 6/10/19 1° classificata gruppo 1 Giudice Davor Javor Allevatore Manuela Bortel Proprietario Giovanna Moro

CRUDELIA DEMON DEL CAESANUM Boxer Bundessieger di Tulln (A) 29/9/19 BOB Veterani

Giudice Ingeborg Sonnweber Allevatore e propr. Allev. del Cesanum

Giudice Ann Turner

Expo di Wolsingham (UK) 8/9/19 BOB Open Post Graduate Giudice Chrissy Pelligrini

Expo di Stanhope (UK) 15/9/19 1° Open Post Graduate Giudice Barbara Rose Allevatore Davide Lassini Proprietario Daphne Iley

CUNNINGS HAPPY HOOLIGAN Welsh Terrier Nationale d’E’levage di CharvieuChavagneux (F) 12/10/19 BOS Giudice Dodo Sandahl Allevatore e propr Giuseppe Avveduti 52

NOI DUE NEL MONDO E NELL’ANIMA DELLA TERRA DEL FALCO Australian Shepherd Expo di Osijek (HR) 15/9/19 2° classificato gruppo 1 Giudice Johan Wulteputte Allevatore e propr. Albano Rossetti

NIGHTDREAM HEIDI KLUM Petit Basset Griffon Vendeen Expo di Lipica(SLO ) 5/10/19 3° classificata gruppo 6 Giudice Pier Luigi Buratti

Expo di Lipica (SLO) 6/10/19 2° classificata gruppo 6

Giudice Boris Baič Allevatore Sundström Sirkka Vampula Proprietario Chiara De Roia


successi all’estero

MORANI + ISABEAU + NIGHTWISH + OBIONEKENOBI + LANZAROTE + NAIRA + NIRVANA DEL CASTELLO DELLE ROCCHE Alani

Campionato di Club di Orbe (CH) 8/9/19 1° BIS Gruppi

BONNIE Zwergpinscher Bundessieger di Dortmund (D) 12/10/19 2° BIS Veterani

SARABI DELLA BASSA PAVESE Irish Wolfhound Club Show di Belfast (IRL) 27/9/19 R/CC

Giudice Ivo Ingraffia Allevatore Alberto Malaguti Proprietari Alberto Malaguti, Tiziana Busato, Sabrina Botto, Ivo Ingraffia, Diego Casarini, Simonetta Magli

DABKA’S SALAA EL DINE Saluki Speciale di Bermatingen (D) 5/10/19 1° classificato Best in Show

Giudice Erich Zimmermann Allevatore Liz-Marie Seiholm Persson Proprietario Paolo Paltrinieri

Giudice Petru Muntean Allevatore Rossana Montaldo Proprietario Allev. Du DeMon Dog

Giudice A Van der Broek

Club Show di Belfast (IRL) 28/9/19 Best Bitch Giudice C. Ashmore

Club Show Coventry (UK) 29/9/19 Best Puppy in Show

Giudice Crane Allevatore e proprietà Antonia Turini

RUNA DEL MOLPO Bassotto standard p/d Expo di Trbovlje (SLO) 25/8/19 1° classificata gruppo 4 1° BIS Veterani

Giudice Janez Nahtigal Allevatrice Stefania Parodi Proprietaria Marina Rondini

ERRATA CORRIGE INC settembre Successi Estero pag. 42 Welsh Corgi Cardigan Speciale razze inglesi di Bled (SLO) 23/6/19 “A Song of Ice And Fire” ha conseguito anche il BOB. Pag. 43 Wesh Cogi Pembroke Speciale razze inglesi di Bled (SLO) 23/6/19 “Shook Me All Night Long” non ha conseguito il BOB. Entrambe i soggetti sono di proprietà di Emanuela Scarponi.

53


successi Italia

RUBRICA GRATUITA RISERVATA AI SOCI ENCI

ACCESSO ALLA RUBRICA 1° classificato del Raggruppamento, compresi Coppie, Gruppi, Giovani e Juniores in Esposizioni Internazionali in Italia. 1°, 2°, 3° classificato del Best in Show generale

DAL NUMERO DI DICEMBRE 2019 SOLO RISULTATI OTTENUTI DOPO IL 31 MAGGIO 2019

PER L’INSERIMENTO NELLA RUBRICA SUCCESSI IN ITALIA, SONO INDISPENSABILI I SEGUENTI DATI: NOME DEL CANE - RAZZA - MICROCHIP - NOME E COGNOME ALLEVATORE - NOME E COGNOME PROPRIETARIO - CITTÀ E DATA DELL’EXPO - RISULTATO MASSIMO OTTENUTO - NOME DEL GIUDICE I NOMI DEI CANI, ALLEVATORI E PROPRIETARI DEVONO CORRISPONDERE AL LIBRO GENEALOGICO. LA REDAZIONE NON È RESPONSABILE DI EVENTUALI ERRORI ENCI PUÒ VERIFICARE LO STATO DEI CANI AL LIBRO

CLASS LINE BLACK SWAN Barbone grande mole Expo di Campobasso 30/6/19 3° classificato Best in Show Giudice Stefica Lazic Allevatore Allev. Class Line Proprietario Angela Di Bari

KHARASAHNSKY ALMOST LIKE THE BLUES Levriero Afgano Expo di Roma 14/9/19 1° classificato Best in Show

Giudice Miguel Angel Martinez Allevatore e propr. Allev. Kharasahnsky 54

GABRIELLE Labrador retriever Expo di Gorizia 14/8/19 1° BIS Juniores

Giudice Oliver Simon Allevatore e propr. Rossana Artioli

DREAMLEGACY ICARO Bouledogue Francese Expo di Firenze 21/9/19 1° classificato gruppo 9

Giudice Alberto Cuccillato Allevatore Neves Celestina Marques Proprietario Allev. dei Bulli Invincibili

ANTIOCO English Springer Spaniel Expo di Sassari, 8/9/19 1° classificato gruppo 8

Giudice A. Almente de Castillo Allevatore e propr. Gabriella Turco

BLACK IDOL’S GLEN GRANT Cairn Terrier Expo di Firenze 21/9/19 1° classificato gruppo 3 Giudice Liam Moran Allevatore Patrizia Brenciani Proprietario Silvia Malfatti


successi in italia

DAKOTA ROSE BLACK SURPRISE Chinese Crested Dog s/p Expo di Roma 14/9/19 1° classificato gruppo 9

PEPPERMINT PATTY LUPI DI MONTEMORELLO Cane lupo cecoslovacco Expo di Prato 1/9/19 2° classificato Best in Show

Giudice Sonia Kelveri Philippou Allevatore e proprietario Mario Noce

Giudice Marie Petersen Allevatore Valeria Elena Maria Milanesi Proprietario Alessio Mocchi

CALL ME CAVALIER BWILD’S Siberian Husky Expo di Caltanisetta 22/9/19 1° classificato gruppo 5

Giudice Gianni Vullo Allevatore e propr. Francesca Brunettini

GANIMEDE COPPIERE DEGLI DEI DEL PARNASO Dalmata Expo di Arezzo 21/9/19 3° classificato Best in Show

Giudice Liliane De Ridder Onghena Allevatore Manola Poggesi Proprietario Martina Chieppi

PARADIZ RONADO TINKER BELL Carlino Expo di Bergamo 29/9/19 1° BIS Giovani

Giudice Kresten Scheel Allev. e propr. Irina Revyakina Ciuti

LOUD NEVER AFRAID Kerry blue terrier Expo di Roma 14/9/1919 2° classificato Best in Show

Giudice Martinez Miguel Angel Allevatore Caltabiano Simona Proprietario Bettinelli Annunziata

55


C L U B SOCIETÀ ITALIANA COLLIES

Francolino. Best Veteran

RADUNO DI FRANCOLINO 5/5/19 Giudice Didier Dupont (F) MASCHI Baby 1° VP Miglior Baby Dominik Sly dell’Incantamonte All. e Prop.Romelli Giovani 1° ECC Very Nice Day di Cambiano All.Garabelli Prop.Pirazzini 2° ECC Boris Becker dell’Isola dei Collies All e Prop Benaglia 3° ECC Casina Fo Chiedimi se sono felice All e Prop Faccio Intermedia 1° R/CAC Beldones Azzaro All Foy Prop Romelli 2° ECC Adam of the Eden Valley All e Prop Cagnano Libera 1° CAC BOS What a Feeling della Collina dei Ciliegi All Galdelli Prop Cesoni 2° ECC Keyline Quasar all e prop Licini 3° ECC Biondo Assoluto della Buca delle Fate All e Prop Ricciardi

Francolino. BOB

Francolino. Miglior Giovane Campioni 1° ECC Wow Factor della Buca delle Fate All Ricciardi Prop FazziniC 2° ECC Everybody Needs Somebody nero della Buca delle Fate All e Prop Cambianella 3° ECC Papillon Flight nero della Cambianella All Cambianella Prop GHetti FEMMINE Baby 1° MP Beverly Blonde della Collina dei Ciliegi All Galdelli Prop Tomagé Juniores 1° MP Miglior Juniores Eva del Bramante All e Prop Pretelli Giovani 1° ECC Miglior Giovane Casina Fo Chanel at Isola dei Collies All Faccio Prop Benaglia 2° ECC Obsession in blue Collies of the Lario Lake All Saviori Prop Fazzini 3° ECC Mopava Madama Dorée All Morosini Prop Zavattaro Intermedia 1° ECC Angel of Love All e Prop Cagnano Libera 1° CAC BOB Luce d’Autunno du Bois des Amazon All Veyrunes Prop Ricciardi 2° R/CAC Bydand Black ScarlettAll e Prop Fontanelli 3° ECC Symphony Sophie in Black della Verde Scozia All Lassini Prop Romelli Campioni 1° ECC Giuly’s Dreams Made in Italy All e Prop Cuccu

Francolino. BOS

56

Raduno Francolino Collies Day Ringrazio la Società Italiana Collies (SIC) per la fiducia dimostratami nell’invitarmi a giudicare il raduno al Collies Day di Francolino. Un grande grazie a

Giovanna Pascale per l’organizzazione perfetta ,per la sua accoglienza e la sua gentilezza e anche a tutti i membri della SIC presenti. Tornare a giudicare in Italia dopo tanti anni é stato per me un grande momento di emozione. Tutti sanno quanto Johnny Be Good at Brilyn nato in Italia da Paola Borsetti,sia stato un cane importante per me, ma dei legami solidi di amicizia,creati molto tempo fa,mi legano all’Italia e fanno sì che questo Paese sia caro al mio cuore tanto nel mio percorso cinofilo che nella mia vita personale.E questo week end del 4-5 maggio ed i giorni seguenti me l’hanno ricordato ancora. Il posto Agriturismo “Delizia d’Este”è il posto perfetto per questo genere di manifestazioni e mi dispiace che in Francia non abbiamo le stesse possibilità a nostra disposizione. Per quanto riguarda il raduno stesso e la qualità dei soggetti presenti, io faccio la stessa constatazione che si fa in molti altri Paesi, il Collie è molto cambiato in questi ultimi anni ed è diventato difficile quando si giudica trovare cani vicini all’ideale dello standard, questo sia per quanto riguarda la testa che per quanto riguarda il movimento. Bisogna comporre e provare di trovare i soggetti il più possibile equilibrati per metterli al primo posto. Questo è quello che io cerco di fare ogni volta e so che nel caso del raduno alcune delle mie scelte sono sembrate strane, ma la ricerca di questo equilibrio rimane un esercizio complesso. Io penso, malgrado tutto ,che i migliori della giornata siano dei bei soggetti nello standard, il miglior maschio e CAC What a Feeling della Collina dei Ciliegi, soggetto carino con una bella testa, molto pulita e ben in tipo, un pò più di taglia mi avrebbe fatto piacere ma la perfezione non esiste... anche la miglior giovane femmina Casina Fo Chanel at Isola dei Collies, tricolore molto bella con molte qualità, e finirei con il mio BOB, miglior femmina e CAC Luce d’autunno du Bois des Amazon, splendido soggetto, perfettamente presentato e molto armoniosa nel suo insieme, con un bel tipo di testa. Ancora un immenso grazie a tutti gli espositori per la loro partecipazione e gentilezza. Grazie alla mia segretaria di ring Anastasia per il suo aiuto prezioso. Auguro a tutti voi tanta felicità e successo con i vostri cari Collies. Sperando di tornare presto in Italia, con amicizia Didier Dupont. RADUNO DI PISA 1/6/19 Giudice Barbara Muller MASCHI Campioni 1° ECC Sunny Day di Cambiano All Cambiano Prop Pirazzini 2° ECC Everybody Needs Somebody nero della Cambianella All e Prop Caqmbianella 3° ECC Vicani Frozen Fire All Harvey Prop Gangemi Libera 1° CAC BOB Doppio Orgoglio di Cambiano All Cambiano Prop Canigiani

Pisa. BIS e Riserva BIS


C L U B Libera 1° ECC BOS Hope Blue Diamond delle Antiche Janas All e Prop Soddu 2° ECC Giuly’s Dream J’adore le Blue All Cuccu Prop Celestini 3° ECC Symphony Sophie in Black della Verde Scozia Intermedia 1° ECC Angel of Love All e Prop Cagnano Giovani 1° ECC Blondie Girl for Casina Fo dell’Isoladei Collies All Benaglia Prop Faccio 2° ECC Bring Me Sunshine All e Prop Celestini 3° ECC Bydanding Christalle Brushes All e Prop Fontanelli Juniores 1° MP Bluebelle Casabocci All e Prop Gallini Baby 1° MP Miglior Baby Opera Prima nera della Cambianella All Cambianella Prop Siddi SMOOTH Libera Maschi 1° CAC BOS Dexter All Mussi Prop Venturelli Juniores Maschi 1° MP Miglior Juniores Adone Casabocci All e Prop Gallini Libera Femmine 1° CAC BOB Vittoria Casabocci All e Prop Gallini

Pisa. Libera Femmine

Pisa. Libera Maschi

SOCIETÀ ITALIANA COLLIES c/o Benaglia Erminia Via Mirabello 45 22100 COMO (CO) Tel. 3495611795 segreteriacollies@virgilio.it http://www.societaitalianacollies.com/

ASSOCIAZIONE ITALIANA ALPENLAENDISCHE DACHSBRACKE

Pisa. Smooth Libera Maschi

2° R/CAC Feeling Happy fulvo della Cambianella All Cambianella Prop Siddi 3° ECC Dear Boy della Buca delle Fate All Ricciardi Prop Cagnano Intermedia 1° ECC Beldones Azzaro All Foy Prop Romelli 2° ECC Swarowsky di Cambiano All Cambiano Prop Del Sere 3° ECC Adam of the Eden Valley All e Prop Cagnano Giovani 1° ECC Verynice Day di Cambiano All Cambiano Prop Pirazzini 2° ECC Boris Becker dell’Isola dei Collies All e Prop Benaglia 3° ECC Skyrider’s Oliver Limited Edition All e Prop Gangemi Juniores 1° MP Miglior Juniores Dominik Sly dell’Incantamonte All e Prop Romelli FEMMINE Campioni 1° ECC Giuly’s Dreams Made in Italy All e Prop Cuccu

CAMPIONATO SOCIALE È diventata una realtà consolidata il Campionato sociale dell’associazione che anche quest’anno si è tenuto nella z.a.c. Madonna della Cima nei giorni 6-7-8-9 giugno 2019. Il Campionato sociale vede premiati quei soggetti che tramite una sommatoria di punti dovuta alla partecipazione a delle prove ed al Raduno domenicale raggiungono un punteggio tale da essere proclamati Campioni sociali. Alle prove

BOB e BOS con i giudici Martinovic e Bandelj

57


C L U B Foto di gruppo dei partecipanti al raduno

della settimana quella su traccia di sangue e quella a singolo su cinghiale ha fatto seguito il Raduno della domenica dove si sono registrati 126 cani a catalogo. Le conclusioni di questo evento sono da ritenersi importanti è nell’intenzione dell’associazione migliorare la qualità morfologica dei soggetti allevati in Italia avendo raggiunto un ottimo risultato a livello lavorativo. La doppia strada dell’allevamento lavoro/ bellezza non è semplice né breve ma intenzione seria e fattibile di chi vuole mantenere e migliorare il patrimonio nazionale ormai diventato importante. RISULTATI PROVE DI LAVORO CAMPIONATO SOCIALE GUBBIO 2019 6/6/19 Batteria 2 Giudice Martinovic 1° MB Zeus di Navone 7/6/19 Batteria 1 Giudice Martinovic 1° CAC 182 Mosè di Bonapace

Foto di gruppo dei partecipanti al raduno

58

L’esperto giudice Elena Casolari con un cane del suo allevamento

Batteria 2 Giudice Dodino 1° Ecc 167 Bach di Pianura OPEN Batteria 1 Giudice Zuffi 1 2° R/CAC Nalan dei Casolari di Sinkuviene OPEN Batteria 2 Giudice Bandelij 1° CAC Yack di Angeletti 2° R/CAC Lola della Valle degli Oscar 8/6/19 Batteria 1 Giudice Martinovic 1° Ecc Leonardo di Tranzillo Batteria 2 Giudice Dodino 1° CAC Mikado di Bello OPEN Batteria 1 Giudice Zuffi Antonio MB Nebbia di Bernucci OPEN Batteria 2 Giudice Bandelij Robert MB Balù di Nacci CAMPIONATO SOCIALE 2019 GUBBIO RISULTATI RADUNO CAC BOB DIK PR. NAVONE GIORGIO

CAC BOS DIAMANTE PR. DELLOLIO LUCIA CAC BAGGIO PR. LANDI GIULIO CAC ZARA PR. MACCHIA MIRKO BOB GIOVANI ZAR DI CREVALCORE TPR. ROMBI E. BOB VETERANI KETY MAJERKA PR. NAVONE GIORGIO BOS VETERANI HIAS VOM GAMSFELD PR. PENNONI G. BOB PUPPY HATHENA PR. SANTI LEONARDO BOB M-PUPPY RUDY PR. MAGI ALBERTO BOS M-PUPPY MAYA DI CREVALCORE PR. TORDI M. MASCHI GIUDICE GIOVANI BANDELJ ROBERT BABY RUDY MP 1° BOB M-PUP GIOVANI ZAR DI CREVALCORE ECC. 1° BOB GIOV. AIACE TELAMONIO MB 2° ARTU’ MB 3° LAVORO BAGGIO 1° CAC ROCCO 2° R/CAC LIDO NERONE MB 3°. LIBERA DIK 1° CAC BOB CER OD LABOVICA 2° R/CAC IAGO DEL PASSO DELLA FUTA ECC 3° CAMPIONI ZUIS ECC. 1° ZEUS ECC. 2° M - CEDA ECC. 3° VETERANI HIAS VOM GAMSFELD ECC. 1° BOS VET FRED KANCI RAJ MB 2° RSR 1 GIUDICE SALINAS LUISA BRIKI APP. 1° STALIN APP. 2° FEMMINE GIUDICE MARTINOVIC DARKO BABY MAYA DI CREVALCORE MP 1° BOS M-PUP LUNA MP 2° SAMBA P 3° JUNIORES HATHENA MP 1° BOB PUP ARIA MP 2° GILDA P 3° GIOVANI MUNT DEI CASOLARI ECC. 1°


C L U B LAMU’ Z KANCI HORY ECC. 2° ELLA VOM HOISLER ECC. 3° LAVORO DIAMANTE 1° CAC BOS RUMBA 2° R/CAC R-LEA DEL GLOBODER ECC. 3° LIBERA ZARA 1° CAC LORETTA 2° R/ CAC FIONA ECC. 3° CAMPIONI LOLA DELLA VALLE DEGLI OSCAR ECC. 1° MAYA ECC. 2° MIA ECC. 3° VETERANI KETY MAJERKA ECC. 1° BOB VET RSR 1 GIUDICE SALINAS LUISA CASTAGNA APP. 1° ORSETTA APP. 2°

Prinsesse Skadhi della Stirpe di Fengur

CAMPIONI SOCIALI 2019 1. JORGE Z KANCI HORY DI NAVONE G. 2. M-CEDA DI LANDI G. 3. BAGGIO DI LANDI G. 4. HAIS VOM GAMSFELD DI PENNONI G. 5. NERINA DI CREVALCORE DI BEVILACQUA S. 6. MAYA DI BEVILACQUA S. 7. LERI DI BEVILACQUA S. 8. BRIO DI CREVALCORE DI FIORE A. 9. NERONE DI TRANQUILLI 10. ZUISS DI GIGLIONI P. 11. RUMBA DI BONAPACE L. 12. MOSÈ DI BONAPACE L. 13. ACHILLE DI MONACI L. 14. ALA DI ROSSI R. 15. ZEUS DI NAVONE G. 16. GAS DI FANI F. 17. LOLA DELLA VALLE DEGLI OSCARDI SIMKUVIENE G 18. MALAN DEI CASOLARI DI VIDESOTT ELENA 19. ZARA DI MACCHIA MIRKO Un particolare grazie va ai giudici alcuni venuti da lontano che ci hanno supportato in questo importante momento della vita sociale: Martinovic, Bandelj, Dodino, Zuffi e Salinas. Agli organizzatori: Pennoni, Mortolini, Tordi, Angeletti e Giglioni e gli altri che hanno contribuito al successo della manifestazione.

Prinsesse Skadhi della Stirpe di Fengur

ASSOCIAZIONE ITALIANA ALPENLAENDISCHE DACHSBRACKE C/O GR. CIN. SAVONESE VIA SABAZIA 42 R 17047 VADO LIGURE (SV) Tel. 019 881139 - - Fax 019 884282 dachsbrackeitalia@gmail.com http://www.dachsbrackeitalia.it

Fenris

CLUB ITALIANO DEL MOLOSSO

SEZIONE BROHOLMER RADUNO MONDIALE DEI BROHOLMER 2019 Come ormai consuetudine da parecchio tempo, il 24 agosto scorso si è tenuto in Danimarca il Raduno Mondiale dei Broholmer. Il più importante evento annuale dedicato esclusivamente a questo straordinario molosso, con quasi 200 iscritti provenienti da tutta Europa. Quest’anno c’era una ragione in più per essere presenti. Il Dkk infatti, unitamente al Broholmerselska-

bet, ha festeggiato proprio in questa occasione il 40° anniversario dall’inizio della “ricostruzione” della razza. E anche se oltre alla nostra altre 3 sono le razze nazionali danesi, lo Svensk Gardhund, il Dansk Spids e l’Hertha Pointe, è il Broholmer quello che viene considerato il “il Cane Bandiera Danese”. Quando si parla di creare e/o ricreare una razza canina, quarant’anni rappresentano un periodo di tempo relativamente breve ma il lavoro incessante e determinato di due persone, Jytte Weiss e Ole Stanskjaer, che hanno intrapreso questo pionieristico progetto fin dalla fine degli anni ’70, hanno permesso di raggiungere gli straordinari livelli morfologico/caratteriali che oggi tutti possono ammirare. In occasione

Saga della prima cucciolata fulva, nata il 22 ottobre del 1976 e composta di tre maschi e una femmina (X-1 Bjorn, X-2 Dana, X-3 Sam e X-4 Thor) il DKK coniò una medaglia per segnare l’inizio della ricostruzione. La numerazione è poi proseguita ininterrottamente con la lettera Y che ha sostituito la X quando la razza è stata riconosciuta dalla FCI nel 1982. Siamo oggi al nr. Y3100, significando questo che nei 37 anni di “ufficialità” sono nati/registrati ben 3100 Broholmer. Quale occasione migliore quindi per festeggiare questo importante traguardo se non in concomitanza con il Raduno Mondiale della razza 2019 nella tenuta di Broholm, che ha fatto nel contempo da cornice all’incontro annuale con i vertici del Broholmerselskabet, Chiristian Ravn e David Levy, per delineare insieme il programma degli intenti per il l’anno prossimo. Come di consuetudine, anche quest’anno la delegazione italiana è partita ben corazzata “alla conquista” di importanti risultati nella terra d’origine della razza, e non è certo rimasta delusa. Tre gli esemplari italiani iscritti quest’anno, tre gli esemplari italiani sul podio! Testimonianza concreta di un serio lavoro selettivo/ sportivo che l’Italia sta portando avanti ormai da diversi anni tramite l’organismo di tutela rappresentato dal C.I.M. attraverso la “Sezione Broholmer Italia” di cui è parte integrante.

59


C L U B All. e Prop. All. I Guardiani di Huang 2 MP FUTURLAND DANDONGPEI All. e Prop. All. Dandongpei GIOVANI 1 ECC NAOMI All. Sanzogni Gianpaolo Prop. Bencivegna Raffaele 2 ECC CHANEL All. Sanzogni Gianpaolo Prop. Bencivegna Raffaele 3 ECC AKIRA SISSY All. Dominici Giuliangelo Prop. Bencivegna Raffaele LIBERA 1 CAC BOB BLU DIAMOND FOR BLACK MUSCK All. Marson Elisa Prop. All. Black Musck 2 R/ CAC JULINE WANTS ONLU HAVE FUN DELLA VALLE DI BACCO All. Della Valle di Bacco Prop. Bonanno Gandolfo CAMPIONI 1 ECC BLACK MUSCK SPLENDIDA FOLLIA All. Black Musck Prop. Nelita Tognetti

Foto di Paul de Greef

Foto di Paul de Greef

Danimarca, sarà l’Italia a lasciare una sua “indelebile impronta” a perenne testimonianza. Lunga vita ai nostri Broholmer! Vanda Baldaccini CLUB ITALIANO DEL MOLOSSO Sezione Broholmer VANDA BALDACCINI Via Paradiso 1130 - 40053 Valsamoggia (Bo) Cell. +39 3473710795 presidente@sezionebroholmer.it

SHAR PEI CLUB ITALIANO RADUNO MODENA 8/9/2019 FEMMINE BABY 1 MP I GUARDIANI DI HUANG DI ETHIOPIA I risultati nel dettaglio vedono: Prinsesse Skadhi della Stirpe di Fengur, di proprietà della nostra socia Raffaella, che è salita sul podio aggiudicandosi il 4° posto in classe Intermedia con il Giudice Bo Lasthein; poi, Fenris, di proprietà della nostra socia Inge, che è salito sul podio aggiudicandosi il 2° posto nella classe cuccioli maschi con il Giudice Birgitte Schjoth (la Giudice che nel 2018 ha giudicato il Raduno dei Broholmer in Italia) e infine Saga, della nostra socia Maria Rubina, che si è aggiudicata il 1° posto nella classe Cuccioli Femmine di nuovo con la Giudice Birgitte Schjoth e, “bissando” il successo, ha poi vinto lo spareggio di classe con il miglior maschio. Una vittoria che ha decretato Saga come “Miglior Cucciolo” della manifestazione ed è accaduto così che, per la prima volta nella storia, è stato inciso il nome di un esemplare italiano, Saga appunto, su una delle storiche coppe che, di anno in anno, vengono per tradizione affidate ai vincitori per essere custodite e riportate al raduno dell’anno successivo. Un po’ come lo scettro di Miss Italia per il nostro Paese. E con questa “prima assoluta” l’evento di “Broholm 2019” resterà dunque e inevitabilmente impresso nei cuori dei presenti. Ma, proprio nel 40° della ricostruzione partita dalla

60

Raduno Modena BOB e BOS

MASCHI BABY 1 MP THE FUTURE IS NOW DANDONGPEI All.e Prop. All. Dandongpei GIOVANI 1 ECC BOS I GUARDIANI DI HUANG DI DATE JUST All. e Prop. All. I Guardiani di Huang 2 ECC KHAMBALIQ AVERLASTING All. Khambaliq Prop. Stefanini Maurizio INTERMEDIA 1 CAC BLACK MUSCK HOHN TRAVOLTA All. Black Musck Prop. Colombo Stefano CAMPIONI 1 ECC JADE EAST WHAIT IF I AM FAR FROM HOME All. Loretta Anders Prop. Anders/Esmae 2 ECC BLACK MUSCK SHAKESPEARE All. Black Musck Prop. Daveri Gabriele 3 ECC DANNY ROSE I DRAGONI ORIENTALI All. I Dragoni Orientali Prop. Salvador Edward SHAR PEI CLUB ITALIANO C/O DAL ZOTTO LAURA VIA NORCEN 31 32034 PEDAVENA (BL) Tel. 0439-303270 - Alt. 329-2117313 Fax 049-3006989 segreteria@sharpeiclub.it http://www.sharpeiclub.it


C L U B

Momenti del raduno col giudice Bonanno

CLUB ITALIANO TCHIORNY TERRIER TEST CARATTERIALE 2019 LE IMPRESSIONI DEL GIUDICE Per la selezione che si attua in allevamento i test caratteriali rivestono una importanza nota a tutti. E’ però utile sottolineare che quello posto in essere per la nostra razza è stato molto ben studiato e consente una valutazione ottimale delle peculiarità atti-

tudinali. Il Terrier Nero Russo (della “famiglia terrier” e della caratteristica “indole terrier” non possiede proprio nulla !) è un eccellente cane da difesa e come tale ha uno strettissimo rapporto affettivo con i familiari e con il padrone in particolare. Occorre coltivare questo rapporto affettivo tenendo il nostro cane il più possibile a contatto con noi ma deve essere vantaggiosa la “qualità” del tempo che gli dedichiamo per ottimizzare e rinsaldare quel rappor-

to di intesa che ci consente in ogni circostanza di gestirlo al meglio. In Italia la diffusione numerica di questa meravigliosa razza è limitata anche perché il Terrier Nero Russo è un cane impegnativo sotto molti profili, non ultimi la grande mole e la toelettatura che necessita. Ma questi fattori sono ampiamente compensati dalla “meravigliosità” - anche in termini di dedizione- che questo cane sa darci. La limitata diffusione numerica può rappresentare per l’allevatore uno svantaggio selettivo perché è difficile conoscere il valore riproduttivo del tal soggetto stante il numero forzatamente limitato di accoppiamenti. In compenso è più agevole monitorare un’alta percentuale di soggetti attraverso le usuali verifiche zootecniche che nel nostro caso si concretizzano nelle esposizioni di bellezza e nel test caratteriale. In merito rinnovo ancora una volta l’invito ai dirigenti del CITT di voler considerare l’opportunità di completare il test ampliandolo a livello morfo-caratteriale, cioè sottoponendo i cani nella stessa occasione al duplice esame caratteriale e morfologico. Mi è stato chiesto un parere tecnico sul test che ho giudicato il 1° settembre 2019 a Pizzighettone e che esprimo nella globalità senza entrare nei dettagli dei singoli soggetti perché così giustamente impone il Codice Deontologico dei Giudici dell’ENCI di ogni specializzazione. Ho giudicato i test caratteriali anche nelle precedenti edizioni e quindi posso dire che la qualità caratteriale è sempre valida ed è anche migliorata mantenendosi nei parametri desiderati. Oltre all’indifferenza allo sparo e al passaggio in mezzo al gruppo di estranei inoffensivi anche quando provocano qualche rumore o viene aperto l’ombrello, altri importanti fattori di valutazione sono dati dalle fasi di difesa del padrone e del successivo accompagnamento verso il Giudice. La reazione alla minaccia del figurante, in ossequio alle caratteristiche del nostro, può non essere necessariamente immediata ma è talvolta preceduta da un momento di riflessiva attenzione nei confronti del figurante. Questa fase che definisco “fisiologica” precede una difesa efficace ed energica che si può concretizzare con il morso che anche se non è richiesto costituisce comunque un valore aggiunto nella valutazione. La fase successiva - quella della sorveglianza spontanea- è importantissima perché deve essere assolutamente insita nel corredo genetico di una razza specializzata nella difesa personale. Questa particolarità è prerogativa solo dello “specialista” e non del “generico”. Come tale si deve intendere, ad esempio, un cane

61


C L U B appartenente alle razze conduttrici del gregge dove nei compiti fattoria figurano anche la guardia dei beni e la difesa del padrone. Il tutto viene effettuato anche accettabilmente ma senza quei toni specialistici tra cui figura appunto la fase di vigilanza che è molto meno connaturata in questi cani e deve essere stimolata in fase di addestramento specifico. Nelle razze da difesa la mancanza o la insufficienza di questa tipica caratteristica equivale a un grave deficit genetico. La fase immediatamente successiva (e conclusiva) del test prevede che conduttore e cane si avvicinino al giudice. Subito dopo le fasi offensiva e di vigilanza, un autentico cane da difesa -in una temporalità ragionevoleriprende la sua usuale tranquillità. L’immediata successione di queste ultime tre fasi racchiudono notevole importanza. Questo criterio ha dettato la mia scelta sul soggetto proclamato “miglior test 2019”. Fabrizio Bonanno

Lisander Omammamia All. Lisander Prop.Mondini Chiara Funny Girl Ederlezi All. Ederlezi Prop. Franchetti Riccardo

TEST CARATTERE E DELLA SOCIALIZZAZIONE DEL TNR GIORNATA TCHIORNY TERRIER 1/9/2019

All’Unione Mondiale Associazioni Volpino Italiano (fondata nel 2011) aderiscono 17 Nazioni e la sede è in Italia dove l’Associazione Specializzata di razza nomina il Senior President, mentre nelle rispettive Nazioni aderenti operano gli Junior President. Oltre agli scopi istituzionali di rito volti a favorire la valorizzazione e la diffusione della razza mediante criteri zootecnici di allevamento improntati agli usuali canoni di una corretta selezione, figura anche l’organizzazione di convegni tecnici e Raduni nell’àmbito di importanti manifestazioni. Nell’occasione viene posto in palio il titolo -onorifico ancorché prestigioso- di “Campione Mondiale UMAVI e ogni Nazione aderente ha libera facoltà di organizzare l’evento. La prima edizione si svolse nel 2014 a Rszeszow, in Polonia, sotto l’impeccabile regia dell’Junior President Stefano Gandini e venne invitato a giudicare lo specialista Antonio Crepaldi. Il giorno antecedente la manifestazione (si trattava di un Raduno Nazionale riservato alle razze del Quinto Gruppo) un attento e numeroso pubblico intervenne a un convegno dove si alternarono vari relatori tra cui lo stesso Crepaldi, che ricordò i cardini del tipo del

Il 1° settembre 2019,si è svolta presso l’Agriturismo “Isola Gerre” di Pizzighettone (CR) la prova annuale attitudinale /Test del Carattere del Terrier Nero Russo,con la preziosa collaborazione del Giudice Fabrizio Bonanno e del Figurante Renzo Morelli. Il Test caratteriale consente una valutazione ottimale delle peculiarità attitudinali dei TNR. Il superamento della prova, oltre che utile per verificare le doti di carattere e di difesa naturali dei soggetti, è necessario e indispensabile per ottenere il titolo di CH.Sociale, abbinato al BOB/BOS Maschio/ Femmina ottenuti nel Raduno di Campionato che si svolge una volta all’anno. Tutti i 13 soggetti iscritti hanno superato bene la prova dimostrando equilibrio caratteriale, buona socializzazione, indifferenza allo sparo, saldezza di nervi in varie situazioni ed impulso alla difesa del proprietario/ conduttore. Il maschio TNR Deti Arbata Cerbero di F. Martinelli è risultato il Miglior TNR del Test dimostrando peculiari doti in tutte le fasi della prova, ed in particolare nella difesa efficace ed energica, nella sorveglianza spontanea e nel riprendere la sua usuale tranquillità subito dopo le fasi di offensiva e di vigilanza. Iscritti Maschi Franco Valada’s Challenger at Lisander All. Lisander Prop. Dossi Marina Rubens’s Pride All. G&K Duke Prop. Anna Kopeyko Gennaolievna Deti Arbata Cerbero All. Babula Oksana Prop. Martinelli Francesco Otvazhny Voin Du Soleil All. Svetlana Perovich Prop. Dovile Seskaite Lisander Man In Black All. Lisander Prop.Buccolini Cesare Lisander Over The Moon All. Lisander Prop. Marconi Roberto Favorit Of Victory Ederlezi All. Ederlezi Prop. Contarin Maurizio Lisander Power Of Lowe All. Lisander Propo Longa Elisa Iscritte Femmine Baba Jaga Ederlezi All. e Prop. All. Ederlezi Calinecza Ederlezi All. Ederlezi Prop. Santagiuliana Laura Sofiya Velikaya Iz Russkoi Dinastii All. Olga Vorobyeva Prop. Turchetti Daniela

62

CLUB ITALIANO TCHIORNY TERRIER c//o Bognanni M.G.- C.so Firenze 10/4 - 16136 Genova - cell. 335 6074175 www.tchiornyterrier.com magiobotchiorny@gmail.com ofelia.dogs@yahoo.it

ASSOCIAZIONE TECNICA AMATORI VOLPINO ITALIANO IN FINLANDIA IL QUARTO CAMPIONATO UMAVI

Volpino Italiano, ed io che illustrai lo standard caratteriale con accenno al nostro Cae1, test semplice ma non banale, che suscitò molto interesse al punto che mi fu chiesto di descriverlo nei dettagli. L’anno successivo a Milano, nell’àmbito della esposizione mondiale, furono ospitati sia il secondo Campionato UMAVI (giudicato da Gianercole Mentasti) che un convegno sulla razza cui parteciparono anche numerosi allevatori esteri. Nel 2018 il Coordinatore dell’UMAVI Antonio Crepaldi, ottimamente coadiuvato dalla locale Amministrazione Comunale, organizzò a Porto Viro il terzo Campionato e fu invitato il giudice francese Roger Barenne, per lunghi anni Presidente del club transalpino degli Spitz. Il giorno precedente ebbe luogo una riunione dei President cui seguì un convegno tecnico incentrato sul momento epocale della razza e sulla istanza di riconoscimento ufficiale della varietà nera. Alcuni esemplari di questo colore vennero esaminati da una apposita Commissione e per ciascuno di essi fu redatta una scheda identificativa. Nel settembre 2019 a Lahti, in Finlandia, si è svolto il quarto Campionato UMAVI giudicato da Gianni Vullo e ottimamente organizzato dalla giovanissima Iunior President Siiri Seesvaara. I risultati, come di consueto, sono stati pubblicati in tempo reale sul sito www.volpinoatavi.it al cui interno si trova anche la prima rivista on line (in italiano e in inglese) dedicata alla nostra razza. Questa importante iniziativa è stata ideata e viene curata da Cinzia Vicini, Consigliere e componente del Comitato Tecnico dell’Atavi. Considerando i quattro Campionati Umavi fin qui svolti, è confortante il dato statistico che vede sempre una numerosa partecipazione di soggetti e anche il livello qualitativo si mantiene piuttosto elevato come si evince dalle qualifiche assegnate. Fabrizio Bonanno ASSOCIAZIONE TECNICA AMATORI VOLPINO ITALIANO C/O BONANNO F. VIA GERBIASCO 58/2 21020 Mercallo dei Sassi (VA) Tel. 0331-968894 - Alt. 348-5802899 bonanno@triplaw.it http://volpinoatavi.it/

Campionato UMAVI in Finlandia. Il Giudice John Vullo con i partecipanti


C L U B CLUB ITALIANO DRAHTHAAR

Libera 1° CAC - BOB Ramà Lavoro 1° Eccellente Erin 2° Eccellente Bora 3° Molto buono Acaulis Zelda

Giovani 1° Eccellente Acaulis Bruna Miglior soggetto del Raduno: Ramà Vincitore del Trofeo Bello&Bravo: Brigante

RADUNO NAZIONALE Piana Crixia (SV) 9 agosto 2019 MASCHI Campioni 1° Eccellente Brigante Libera 1° Cac/BOS Ronco 2° Eccellente Eko Lavoro 1° CAC Galan dell’Oltrepò 2° Eccellente Gaio dell’Oltrepò Giovani 1° MB Acaulis Bullo FEMMINE Campioni 1° Eccellente Helvire des Grandes Origines 2° Eccellente Genna dell’Oltrepò

Trofeo Bello & Bravo. Da sx: Ragatzu, Brigante con Troysi, Sormaz e Bixio BOB Ramà con Germano

RECENSIONE Bruce Goldstein Un cane è meglio del Prozac Edizioni Pickwick

BOS Ronco

Bruce vive sul tetto del mondo, a New York, guadagna ottocento dollari al giorno con il suo lavoro da pubblicitario, ha tanti amici e una donna che ama. Però, all’improvviso, tutto si spegne e il buio si impadronisce di lui. Sbalzi di umore, attacchi di panico seguiti da euforia… Poco alla volta perde tutto quello che aveva… nemmeno i farmaci lo aiutano. Finché un giorno, dopo l’ennesima grave crisi, per salvarsi, decide di adottare una palla di pelo nero sprizzante vitalità, amore e saggezza. Un cucciolo di labrador che chiamerà Ozzy. Sarà lui, con il suo amore incondizionato e la sua bellezza, che cattura tutte le attenzioni a Central Park, a tirare fuori Bruce dall’isolamento e dalla solitudine e a salvarlo dai suoi demoni, meglio di qualunque antidepressivo.

63


ORGANO UFFICIALE DELL’ENCI Ente Nazionale della Cinofilia Italiana n. 10 novembre 2019 – Anno 65° DIRETTORE RESPONSABILE: Fabrizio Crivellari UFFICIO STAMPA E PUBBLICHE RELAZIONI: Rodolfo Grassi REDAZIONE: Renata Fossati PROPRIETÀ ED EDITORE: ENCI Milano HANNO COLLABORATO: Sergio Boldrin, Massimo Errante, Elaine Narduzzo, Giorgio Pasetto, Marco Ragatzu, Mario Santoni, Sergio Scarpellini, Elisabeth S. Thomas, Ornella Terzi, Gaetano Toscano.

ENCI IN INTERNET: www.enci.it informazioni: info@enci.it soci: soci@enci.it segreteria: segreteria@enci.it libro genealogico: lg@enci.it expo: expo@enci.it prove: prove@enci.it redazione: redazione@enci.it biblioteca: biblioteca@enci.it REDAZIONE, PUBBLICITÀ: 20137 Milano - Viale Corsica 20 Tel. 02/7002031 Fax 02/70020323 IMPAGINAZIONE GRAFICA: Studio DOD design - Massa Lombarda (RA) STAMPA: ELCOGRAF S.p.A. Via Mondadori 15 37131 Verona SPEDIZIONE PER L’ITALIA E PER L’ESTERO: ELCOGRAF S.p.A. Via Mondadori 15 37131 Verona La quota associativa dei Soci Allevatori è pari a euro 51,65 e dei Soci Aggregati a euro 5,00; ai soli fini postali, euro 2,00, sono da considerarsi quale quota di abbonamento alla rivista.

La Direzione non si assume alcuna responsabilità sulle inserzioni pubblicitarie inoltrate senza bozzetto, sulle quali, peraltro, si riserva di operare eventuali tagli al testo, compatibilmente con lo spazio prenotato. Articoli e fotografie, anche se non pubblicati, non si restituiscono. La responsabilità per i contenuti e le opinioni espresse negli articoli pubblicati è esclusivamente degli autori In copertina: Campionato Mondiale Utilità e Difesa. La premiazione di Gianpaolo Danzi, con lui al centro il presidente FCI Tamas Jakkel, a dx Clemente Grosso e a sx Carlo Fretta

RECENSIONI Garth Stein L’ARTE DI CORRERE SOTTO LA PIOGGIA Edizioni Pickwick La storia che lega un cane e il suo padrone raccontata però dal punto di vista del cane. Enzo, un cagnolone saggio e divertente, ci parla del suo padrone Denny e un po’ ci racconta di tutti noi uomini, delle nostre abitudini e debolezze. Questa è un po’ la storia che ogni padrone di cani vorrebbe leggere, non tanto per le vicissitudini narrate, quanto per sapere che cosa il suo amico a quattro zampe pensa di lui.

Ted Kerasote LA PORTA DI MERLE Edizioni Corbaccio Deserto dello Utah. Merle è un cane di dieci mesi, abbandonato. Ted un quarantenne che per lavoro scrive saggi sugli animali e in quel momento è in cerca di un amico a quattro zampe. Il loro rapporto, basato sulla libertà reciproca, è fonte di ispirazione e insegnamento per Ted. Appena portato nella sua casa, infatti, Ted ha fatto installare per Merle una porticina, in modo che il cane sia libero di andare e venire a suo piacimento.

Harold Cobert UN INVERNO CON BAUDELAIRE Edizioni Elliot La storia di una rinascita che passa anche attraverso l’amore canino. Philippe perde il lavoro e la moglie. La sola cosa che lo tiene in vita è l’amore per la figlia Claire, per la quale si ostina a conservare un briciolo di decorosa apparenza. Ma neanche questo sembra più possibile per lui, finché un giorno incontra Baudelaire. Non lo scrittore defunto, ma un cane randagio che lo adotta e passo dopo passo, lo aiuta a rialzarsi. Questo grazie anche a un simpatico mosaico di bislacchi personaggi che aiuteranno Philippe a ritrovare il proprio posto nel mondo.

Autorizzazione del Tribunale di Milano n. 3639 Pubblicazione riservata ai Soci dell’Ente Associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

66

ERRATA CORRIGE INC ottobre 2019. Pag. 42 “Trofeo Passatore”: il 2° classificato Setter inglese Boris era condotto da Andrea de Santis.


Cane lupo di Saarloos e Cane da pastore maremmano abruzzese. Foto Alessia Poncina.

... qualunque tempo sia Cane da pastore tedesco e Dalmata. Foto Elena Corselli.


Profile for ENCI - Ente Nazionale Cinofilia Italiana

I Nostri Cani - novembre 2019  

Numero di novembre 2019 della rivista ufficiale ENCI

I Nostri Cani - novembre 2019  

Numero di novembre 2019 della rivista ufficiale ENCI

Profile for enci

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded