__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

Poste Italiane S.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46) Art. 1 comma 1 LO/MI - N. 6 giugno 2018

BORDER TERRIER DOBERMANN MASTER • ABBANDONI

Mila n

“organo ufficiale ENCI”

giugno 2018

INTERNAZIONALE ENCI WINNER • RADUNI ENCI WINNER • RADUNI

no ug

5•16•17 g i o1

ITALY 2018


Bracco italiano. Foto Giulia Del Buono.

Nei giorni del sole... Labrador retriever. Foto Vittorio Dubini.


SOMMARIO ENCI e Carabinieri insieme per antibracconaggio e antiveleni Serena Donnini Border terrier, felice ovunque Mary Anne Stanford Dobermann al Trofeo Caliandro Stefania Bondanelli Master allevatore cinofilo La salute in bocca Lorenzo Tagliabue Non coprite il cane di fango... Rodolfo Grassi Azzurri bravi ma non basta Daniele Peres Genitori... ma non per caso Rodolfo Grassi - Abele Barbati La storia di Arturo Lia Zanoli

6

32 Ritornano i grandi predatori Valter Grossi

8

33 Expo Siena. 757 in passerella Carlotta Palazzesi

12 16 18 20 22 24 26

34 Expo Ravenna. Il cane e la città Roberto Aguzzoni 36 Expo Montichiari. Le molte sorprese raddoppiano il successo Francesca Bertelli 41 Expo Seveso. I cani al tempo delle donne Rodolfo Grassi 42 Spinoni. Un week-end fra belli e bravi Roberto Aguzzoni 44 Collacchioni, paradiso delle starne Giorgio Bellotti 45 Cinquant’anni insieme e sembra ieri... Rodolfo Grassi

Cheriè, la Maltese che medita alla luna... 26 Donatella Ambrosini La travolgente allegria di Tobia Silvia Brustia L’intrepido Haramis Milena Garuti Crescere insieme R.F.

27 27 28

CHI E DOVE

47

I successi

57

I club

64

Gli allevatori

PER I GRUPPI CINOFILI

TEMPI DI CONSEGNA DI TESTI E FOTO

Si informano i Gruppi Cinofili ENCI che all’in­ terno de “I Nostri Cani” sono disponibili gra­ tuitamente pagine dedicate ai resoconti delle Esposizioni Internazionali e Nazionali. Per avere informazioni riguardanti gli aspetti tecnici e le modalità d’invio, contattare la redazione: redazione@enci.it - tel. 0270020358

Pubblicità expo con giuria: entro il giorno 3 del mese precedente l’uscita (es. 3 novembre per pubblicazione in dicembre) Pubblicità expo senza giuria: entro il giorno 5 del mese precedente l’uscita Articoli: previo accordi con la redazione Rubrica club: entro il giorno 5 del mese precedente l’uscita, in merito allo spazio disponibile Successi: in ordine di ricevimento, in merito allo spazio disponibile inviare a redazione@enci.it Si ringrazia per la collaborazione


6 • 1 1 • 7g 5 1 i o

no ug

Mila n

VENERDÌ 15 GIUGNO 2018

ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE DI MILANO in collaborazione con il Gruppo Cinofilo Milanese

SABATO 16 GIUGNO 2018

ENCI WINNER Gruppi 3, 6, 7, 8, 10

RADUNI

Gruppi 1, 2, 4, 5, 9

INTERNAZIONALE ENCI WINNER • RADUNI ENCI WINNER • RADUNI

ITALY 2018

DOMENICA 17 GIUGNO 2018

ENCI WINNER Gruppi 1, 2, 4, 5, 9

RADUNI

Gruppi 3, 6, 7, 8, 10

FINALE DEL TOP DOG SABATO 16 GIUGNO 2018 Selezioni

DOMENICA 17 GIUGNO 2018 Finali

Cinofilia Italiana Organizzati da Ente Nazionale della

FIERA MILANO ROHO CENTRO ESPOSITIV

ISCRIZIONI SUL SITO

www.encishow.it www.enciwinner.it


Mila n

INTERNAZIONALE ENCI WINNER • RADUNI ENCI WINNER • RADUNI

no ug

5•16•17 g 1 i o

ITALY 2018

VISITA LO STAND ENCI La Belle Époque

FILMATI D’EPOCA DELL’ISTITUTO LUCE E RASSEGNA FOTOGRAFICA Il Racconto di una Italia Cinofila attravero i Secoli

Dog Dancing

Agility

IL CANE: SPORT, UTILITÀ SOCIALE E DIVERTIMENTO AGILITY DOG Campionato Italiano Assoluto. Il vincitore rappresenterà l’Italia al CRUFTS 2019 PARAGILITY Dimostrazione di agility persone diversamente abili SPLASH DOG Gara di tuffi (nelle tre giornate) e dimostrazioni di sport cinofili acquatici FLY BALL Campionato Italiano DOG DANCE Prove di Selezione della nazionale italiana per i mondiali 2018 DIMOSTRAZIONE UNITÀ CINOFILE DI SOCCORSO JUNIOR HANDLING

Fly Ball

Splash Dog


Notizie ENCI

ENCI e Carabinieri insieme per antibracconaggio e antiveleni

Serena Donnini e Nino Morabito

Lo scorso aprile presso il Comando Generale Unità Forestali Ambientali Agroalimentari Arma dei Carabinieri (Cufaa) di Roma, si è tenuto un incontro con la stampa, per pre­ sentare ufficialmente la Scuola di Alta Formazione Anti Bracconaggio (Safa), di cui ENCI è partner attiva. Presenti anche tre unità cinofile dei Carabinieri Forestali del nucleo Anti veleno, che hanno effettuato

una piccola dimostrazione pratica sulle tec­ niche addestrative utilizzate. Il presidente dell’ENCI Dino Muto, nel suo intervento, ha ribadito come ENCI negli ultimi anni abbia allargato il ventaglio delle proprie azioni per la valorizzazione ed impiego del cane di razza anche e soprattutto in contesti di utili­ tà sociale. Questo è avvenuto attraverso un percorso di confronto internazionale con

POINTER Il Consiglio Direttivo del 19/20 aprile 2018, su proposta della Commissione Tecnica Centrale del 13 febbraio 2018 ha delibe­ rato per la razza POINTER la chiusura del Registro Supplementare Riconosciuti (RSR) a partire dal 1 luglio 2018.

AUSTRALIAN CATTLEDOG Limitazione accesso RSR nei RADUNI e MOSTRE SPECIALI

Il Consiglio Direttivo del 19/20 aprile 2018, su proposta della Commissione Tecnica Centrale del 18 ottobre 2017 ha delibera­ to per la razza AUSTRALIAN CATTLEDOG di limitare l’accesso dei capostipiti al Registro Supplementare Riconosciuti (RSR) nei raduni e mostre speciali a partire dal 1 gennaio 2019.

6

L’intervento di Dino Muto

alcuni fra i migliori professionisti dei vari settori operativi e che procede di pari passo con la partecipazione a diversi tavoli istitu­ zionali che ENCI ha aperto con gli istituti e gli enti che operano nel settore della gestio­ ne e conservazione della fauna. Il progetto è in collaborazione con Legam­ biente. Serena Donnini

Recensione Francesca Frigerio STORIE DI CANI Giulio Einaudi Editore A sentirli abbaiare durante un temporale, o a vederli che mordono l’aria per acchiappare una mosca al volo, non penseremmo mai che anche loro, i cani, abbiano tante storie da raccontarci. E invece è proprio cosí. Se alcuni sembrano avere addirittura il coraggio di rubare la penna ai piú grandi scrittori di ogni tempo, per aprirci gli occhi su un mondo fatto di visioni ad altezza di ginocchio, altri sono semplici protagonisti, eroicamente fedeli al padrone, cosí ingenui da lasciarsi comprare con una carezza o teneri e simpatici come solo alcune canaglie sanno essere. Ma sono tutti, sempre e comunque, a loro modo irresistibili.


Notizie ENCI DONA AI TUOI CUCCIOLI UNA CRESCITA EQUILIBRATA E FISIOLOGICA Forza10 Puppy Condro Active è l’alimento ideale per cuccioli di taglia grande e per le razze predisposte allo sviluppo di disturbi legati al sistema muscoloscheletrico. Forza10 Puppy Junior è un alimento con ingredienti di elevata qualità, che previene l’insorgenza di intolleranze alimentari e garantisce al cucciolo una curva di crescita armonica.

Anche gli Amici dell’allevamento Deigini vincono con Forza10 “Miriamo alla perfezione per essere certi di raggiungere l’eccellenza. Puppy Condro Active è un ottimo prodotto che coadiuvato con Puppy Junior mi consente di far crescere forti e sani i miei piccoli campioni.”

Allevamento Deigini di Besati Laura e Cellamare Biagio Sant’Angelo Lomellina (Pavia)

www.deigini.it

Entra anche tu a far parte del PROGRAMMA di SERVIZI Forza10

www.forza10.com 7


Piccolo, vivace, agile e cacciatore di volpi

Border terrier, felice ovunque Un terrier molto simile al Border terrier che conosciamo oggi veniva chiamato Coquetdale Terrier o Redesdale Terrier in riferi­ mento all’area compresa tra Inghilterra e Scozia in cui la razza si sviluppò sin dal XVII secolo. Verso la fine del 1800 fu adottato in maniera definitiva il nome “Border Terrier”, per via della sua lunga storia “lavorativa” asso­ ciata ai “Border hunt foxhounds” del Northumberland (la più famosa muta di foxhound della zona di proprietà della famiglia Robson). Come affermato anche dal Border terrier Club, alcuni amatori della razza sostengono che la sua origine sia ascrivibile a quella del Bedlington Terrier e del Dandie Dinmont Terrier (che furono selezionati nella medesima zona), ma diversi esperti e storici della razza non sono convinti da questa teoria di discendenza comune. La razza è stata riconosciuta come tale dal Kennel Club nel 1920, lo stesso anno in cui fu fondato il Border Terrier Club.

8

Foto by Emblehope

Storicamente il veniva utilizzato da contadini e pastori della zona per contenere la popolazione locale di volpi che minacciavano le greggi al pascolo relativamente libere sulle molte migliaia di et­ tari di territorio ricoperti di brughiera ed erica. Nel XIX secolo, quando la caccia alla volpe si sviluppò come lo sport che oggi conosciamo, la razza cominciò ad essere impie­ gata in associazione al lavoro dei Foxhound. Il suo scopo era es­ senzialmente quello di stanare le volpi dopo che i Foxhound, seguiti dai cavalieri, le avevano inseguite e costrette a rifugiarsi sottoterra. La sua funzione è ben dettagliata nello standard inglese che sot­ tolinea come questa razza sia stata selezionata robusta e scat­ tante. Poiché le volpi di questa zona di confine tra Inghilterra e Scozia sono piuttosto piccole e possono entrare in spazi abbastanza stretti, ecco l’utilità di impiegare un cane di taglia ridotta in grado di inseguire la preda anche in piccole tane sotterranee.


i nostri

Cani

Anno 64 num. 6 giugno 2018

Foto Belletti

Nessun luogo gli è nemico. Utilizzato un tempo per stanare i carnivori ha conquistato le abitazioni. Il carattere ed il comportamento

CARATTERE I Border Terrier possono vivere felicemente in qualsiasi ambiente, sia esso un appartamento, una casa con molti bambini o una fattoria. Non hanno bisogno di molto esercizio fisico, ma dovrebbero avere la possibilità di cammi­ nare più volte al giorno, correre in giardino e fare escursioni col padrone per soddisfare la loro curiosità. I giardini dovrebbero essere recintati perché i Border terrier sono portati ad inseguire uccelli, scoiattoli e gatti. Sono intelligenti a molto attivi, imparano velocemente e sono sempre pronti a nuovi giochi. Utilizzare giochi di attivazione mentale potrebbe essere molto utile per tenerli impegnati e soddisfare la loro naturale curiosità e vivacità. EDUCAZIONE Sono più facili da addestrare rispetto ad altri terrier. Possono essere testardi, ma si concentre­ ranno intensamente sul compito richiesto purché la ricompensa sia a portata di mano. Generalmente mostrano una certa indipendenza e una buona dose di coraggio. Un addestramento troppo duro ed esigente non è consigliabile perché produrrebbe solo ef­

PAESE D’ORIGINE La razza è originaria di una zona di confine compresa tra Inghilterra e Scozia denominata Redesdale. The Kennel Club 1-5 Clarges Street Piccadilly London W1J 8AB - UK www.the-kennel-club.org.uk

9


Foto by Emblehope

MANTELLO Pelo duro, compatto, con fitto sottopelo

COLORE Rosso, grano, brizzolato e tan, blu e tan

PESO Maschi 5,9-7,1 kg Femmine 5,1-6,4 kg

10

fetti contrari a quelli desiderati. Coerenza, leadership e fiducia uniti a dei rinforzi positivi sono la migliore formula per adde­ strare un Border. Se lasciati soli in casa per lunghi periodi, potrebbero diventare distruttivi, masticando mobili e divani. L’addestramento al guinzaglio è necessario sin dalla tenera età dato che i Border terrier hanno la tendenza, se lasciati liberi, ad occuparsi di raggiungere qualsiasi stimolo attragga la loro vivida attenzione. La loro naturale abilità di scavare è ben nota. Sarebbe utile la­ sciare loro una zona dove poterlo fare, si eviterà così di avere danni in tutto il giardino. Nonostante la piccola taglia ha un carattere molto fiero e non è consigliabile trattarlo come fosse un cane da grembo poiché esa­ gerando in questo senso potrebbe mostrare fastidio e nervo­ sismo. Sono generalmente dei buoni abbaiatori, poiché questa è una


i nostri

Cani

Anno 64 num. 6 giugno 2018

caratteristica fondamentale del lavoro che svolgevano: in situa­ zioni legate alla vita da cane da compagnia, l’abbaiare è il loro modo per dimostrare eccitamento o interesse per eventuali sti­ moli. Sono anche abili saltatori, pertanto i recinti dovranno essere posti ad una certa altezza per evitare eventuali fughe. Generalmente i Border vanno d’accordo con gli altri cani a patto che la socializzazione sia praticata già in età precoce; di solito non ci sono problemi con cani del sesso opposto, e il fatto di es­ sere aperti fin dalla più tenera età a nuove situazioni, in genere inibisce l’aggressione verso cani dello stesso sesso. I Border terrier non sono comunque cani aggressivi e sono con­ siderati i più educati tra tutti i terrier, ma è importante ricordare che sono stati allevati per la caccia, prima di diventare cani da compagnia.

AMICO DEI BAMBINI I bambini troveranno nel vivace Border terrier un grande com­ pagno di giochi con un sacco di energia per stare al passo con loro. Con i bambini molto piccoli è necessario fare attenzione ai giochi sfrenati ed alla capacità di saltare che la razza possiede e che potrebbe spaventare o graffiare i più piccoli. Come con altre razze, il gioco tra i bambini e gli animali deve essere controllato in ogni momento da persone adulte poiché entrambi devono essere educati al rispetto e alla condivisione dello spazio reciproco. TOELETTATURA A prima vista, potrebbe sembrare un cagnolino trasandato. Presenta un mantello a doppia tessitura (formato dal pelo di co­ pertura ruvido al tatto ed un sottopelo più corto e soffice) resi­ stente alle intemperie e allo sporco, tipico del cane rustico sele­ zionato un tempo per la caccia. Il sottopelo è denso e corto, rendendolo adatto a qualsiasi condi­ zione atmosferica, il pelo di copertura è asciutto, corto e repel­ lente allo sporco. Si consiglia di spazzolare una volta alla settimana e di strippare almeno quattro volte l’anno per ridurre la perdita eccessiva di pelo. Alcuni proprietari preferiscono erroneamente tosarlo, ma bi­ sogna tenere in considerazione che in questo modo il mantello di copertura ricrescerà più morbido e meno resistente agli agenti atmosferici, perdendo la caratteristica tessitura. SALUTE Generalmente una razza molto sana e robusta. Un importante fattore da tenere in considerazione è che essendo stati allevati per la caccia, hanno una soglia piuttosto alta del dolore. Il Border terrier potrebbe nascondere il suo disagio molto bene e l’unico modo per capire un eventuale stato di malessere po­ trebbe essere fare attenzione a conseguenti cambiamenti com­ portamentali. • Controllo del peso: i Border terrier sono per natura piuttosto golosi e sarebbe bene tenere sempre e adeguatamente sotto controllo il peso del cane per evitare incrementi indesiderati. Si consiglia di utilizzare cibo per cani di alta qualità in dosi sufficienti per un corretto esercizio fisico • Controlli veterinari regolari assicureranno una adeguata pre­ venzione e gli consentiranno una vita lunga e serena. Mary Anne Stanford

11


Dobermann, cane fiero, dall’apparenza se­ vera, attento, elegante e forte allo stesso momento. Amico fedele dalle forti doti caratteriali e fisiche. Ma dove vederlo e chi lo tutela? Da oltre 40 anni esiste il Club di Razza AIAD (Associazione Italiana Amatori Dobermann) che, insieme ad ENCI ne segue lo sviluppo con attenzione alla sa­ lute e al corretto allevamento. L’ AIAD organizza ogni anno alcuni impor­ tanti Raduni Nazionali in cui allevatori italiani ed esteri presentano i loro migliori soggetti a giurie specialistiche di rilievo mondiale. Gli appuntamenti “di Razza” imperdibili per gli appassionati sono certamente il “Trofeo Caliandro”, che si tiene ogni anno tra Gennaio e Febbraio e il “Campionato Sociale di Allevamento” che quest’anno vedrà la seconda Edizione del Trofeo inti­ tolato al compianto Presidente dott. Pietrogino Pezzano. Importanti i numeri di questi eventi. Lo scorso 25 Febbraio, a pochi passi da Firenze, il XX Trofeo Caliandro, Raduno Nazionale, ha visto ben 244 soggetti a cata­ logo, provenienti da tutto il mondo. Giudici Internazionali hanno presenziato alla manifestazione: Attilio Polifrone (Giudice Specialista di Razza e Presidente Nazionale del Club AIAD), Rada Istvan (Giudice Specialista di Razza Ungherese), Josè Maria Bulò (Giudice Specialista di Razza Spagnolo). La presenza di un così alto numero di sog­ getti e la qualità di essi, evidenzia il costante lavoro di selezione del Club e dei suoi Allevatori e posiziona l’Italia come punto di riferimento importante anche per gli amici esteri che ci danno costante fiducia. La grande partecipazione all’evento ha confermato la volontà di crescita della razza anche alla luce del nuovo standard approvato da FCI e acquisito da ENCI.

Dobermann al Trofeo Caliandro 12

Il giorno precedente al Raduno di Firenze si è tenuto, come di consueto, la prova di Selezione ZTP cui hanno partecipato 15 soggetti (numero massimo giornaliero consentito per questo tipo di prova). Lo ZTP è lo strumento strategico per la se­ lezione e il raggiungimento degli obiettivi fin dal 1980. L’ammissione alla prova di ZTP è riservata soltanto ai soggetti che siano risultati A o B al controllo della di­ splasia dell’anca. Il regolamento di ZTP prevede la verifica morfologica, attitudinale e del carattere di ogni singolo soggetto. Questo è lo schema di selezione dell’AIAD per definire quali soggetti hanno le caratteristiche per essere i migliori riproduttori della futura genera­


i nostri

Cani

Anno 64 num. 6 giugno 2018

QUARZ DE ANDREOLI Prop. Claudio Andreoli

SIGFRID Prop. Mauro Calabrese

A Firenze 244 esemplari e giuria internazionale QUANTICO DI PRISCONTE Prop. Aldo D’Anna

zione, per spostare verso il miglioramento la media della popolazione e non per pro­ durre soltanto qualche soggetto fuori classe. L’AIAD è stata riconosciuta come Associazione Specializza dall’ENCI nel 1977. Lo sviluppo della razza in Italia ebbe un notevole impulso, sul piano del migliora­ mento genetico, dai primi anni ‘80. In quel periodo, infatti, il Dobermann di alleva­ mento italiano iniziò a essere apprezzato all’estero e soprattutto in Germania, perché buona parte degli allevatori italiani aveva incominciato a produrre soggetti di pregio, in conformità a precisi criteri di al­ levamento che, nell’attività di selezione, davano pari importanza tanto al tipo, quanto al carattere e alle attitudini. Tali criteri, perseguiti nel tempo, oggi ga­ rantiscono all’Allevamento Italiano di avere una buona parte della popolazione di Dobermann omogenea per salute, ca­ rattere, attitudini e tipo. Il punto di forza fondamentale degli Allevatori italiani di Dobermann è, infatti, aver compreso che lo Standard è uno e che

13


DELL’ARCO AZZURRO ANITA Prop. Jessica D’Ippolito

occorre allevare una razza sana e unica nella morfologia, nelle attitudini e nel ca­ rattere. Il prevalere dell’allevamento di due “non razze”, allevate nell’ambito del medesimo Standard (diffusissimo in tutta Europa nell’ambito dei cani da impiego), una per lo show, l’altra per lo sport col cane, lad­

JODEEFAYE VOM LEHMANNSFELSEN Prop. Holger Lehamann

dove nella prima non si tengono in conto le attitudini e il carattere e nella seconda si trascura completamente il tipo, è, per for­ tuna, assai lontano dalla cultura della stra­ grande maggioranza degli allevatori ita­ liani di Dobermann. L’AIAD organizza e promuove almeno 5

raduni nazionali all’anno oltre il Campionato Sociale di Allevamento e il Campionato Sociale di Addestramento, appuntamenti che hanno sempre grande partecipazione e attenzione. Stefania Bondanelli

CLASSIFICA INTERMEDIA MASCHI NERI 1 QUARZ DE’ANDREOLI PR.CLAUDIO ANDREOLI CAC LIBERA MASCHI MARRONI 1 ELVIS DE LANCES PR. ALL. DE LANCES CAC LAVORO MASCHI MARRONI 1 AL CAPONESELVIATA PR. FILIPPO CARACAPPA CAC LIBERA FEMMINE NERE 1 GALTHOR IRINA PR. ORTIZ CADAVID MARIO YEISON CAC LAVORO FEMMINE NERE 1 RUHOLFIA GAVRIELLA PR. DOROTHEE LEBLOND TRIONA NI SHÈ CAC LAVORO FEMMINE MARRONI 1 ARYLIN AMBER PR. CAPPELLARI ELISA CAC LAVORO MASCHI NERI 1 EUTAY DEL NASI PR. BARANJA SIMON CAC MIGLIOR MASCHIO NERO LIBERA FEMMINA MARRONI 1 SHILA DEL COLLE DELLA GUARDIA PR. DOMENICO MINNITI CAC MIGLIOR FEMMINA MARRONE

14

BABY FEMMINE MARRONI 1 XIRJA DEL CESENATE PR. MAIORANI MICHELE MP MIGLIOR BABY CAMPIONI FEMMINE NERE 1 PENELOPE DI PRISCONTE PR. ALDO D’ANNA ECC MIGLIOR FEMMINA NERA GIOVANI FEMMINE NERE 1 NIKITA DEL NASI PR. BARANJA SIMON MB MIGLIOR GIOVANE FEMMINA GIOVANI MASCHI NERI 1 FREAK BRUTUS OF DJARMATI PR. SASA DJARMATI MAJA KLEMENCIC MB MIGLIOR GIOVANE MASCHIO JUNIORES FEMMINE NERE 1 JAMILA DEI BORBONI PR. GIUSEPPE IORIO MP MIGLIOR JUNIORES CAMPIONI MASCHI MARRONI 1 SIGFRID PR. CALABRESE MAURO ECC MIGLIOR MASCHIO MARRONE

INTERMEDIA MASCHI NERI 2 PAXX VAN ROYAERT PR. CLAES SVEN R/CAC LAVORO MASCHI NERI 2 QUANTICO DI PRISCONTE PR. ALDO D’ANNA R/CAC LIBERA MASCHI MARRONI 2 SIRIUS DORIAN DEL COLLE DELLA GUARDIA PR. MASSIMO MONTANARI R/CAC LAVORO MASCHI MARRONI 2 DADDY BROWN DELL’ORGOGLIONERO PR. ADRIANO CALABRESE R/CAC LIBERA FEMMINE NERE 2 JODEEFAYE VOM LEHMANNSFELSEN PR. HOLGER LEHMANN R/CAC LAVORO FEMMINE NERE 2 EVITA FOR MADE IN SICILY D’ISLAMORADA PR. GIUSEPPE D’AGOSTINO R/CAC LIBERA FEMMINA MARRONI 2 BAGHERA PR. MONDININI ETTORE R/CAC LAVORO FEMMINE MARRONI 2 MEDEA DEL BOSCO DELLE PIANE PR. RENATO CITTERIO R/CAC


i nostri

Cani

Allevamento bracco italiano

Anno 64 num. 6 giugno 2018

Polcevera's

Il Pet food per l’allevatore professionista Monge Natural Superpremium è molto più di una linea di prodotti specifici per gli allevatori professionisti. Come azienda italiana leader nel settore pet food e con ben 50 anni di esperienza, Monge è il miglior alleato per nutrire e far crescere forti e sani i cani fin dalla prima delicata fase dello svezzamento, un partner ideale perché propone un prodotto formulato appositamente per le esigenze degli allevatori. Ricette gustose con nutrienti essenziali per il benessere quotidiano dei nostri campioni.

www.mongebreeders.it M A D E

I N

I T A LY

MONGE e C. S.p.A. Via Savigliano, 31 - Monasterolo di Savigliano (CN) - Tel. 0172 747111 Allevamento Polcevera’s • Genova - allevamentopolcevera@gmail.com - www.allevamentopolcevera.com

15


Il 29 e 30 maggio si è svolto il secondo mo­ dulo formativo del Master Allevatore Cinofilo 2018, organizzato dall’ENCI con la collaborazione dell’Associazione Nazio­ nale Medici Veterinari Italiani (ANMVI), che ha registrato anche in questa occa­ sione notevole gradimento. Gli argomenti trattati hanno fornito infor­ mazioni importanti e prospettive future dalla genetica alla selezione in alleva­ mento, dalla displasia alle patologie der­ matologiche, dalle malattie oculari e ner­ vose a quelle cardiologiche. Si ringraziano i relatori Claudio Bussadori, Alberto Cauduro, Natalia Fanton, Stefano Paolo Marelli, Mirko Radice e Aldo Vezzoni. L’ultimo modulo che concluderà il Master Allevatore 2018, percorso formativo che ha l’obiettivo di fornire una solida base per un allevamento professionale garantendo il benessere dei cani allevati, si terrà nei giorni 3 e 4 luglio 2018 sempre presso Palazzo Trecchi a Cremona e riguarderà i temi della gestione professionale dell’alle­ vamento canino del comportamento, edu­ cazione ed addestramento. L’allevatore che abbia partecipato all’in­

4ª edizione Master allevatore cinofilo Iscrizioni per il terzo modulo entro il 6 giugno 2018

1

PRIMO GIORNO: MARTEDÌ 3 LUGLIO 2018 8.45 Registrazione dei partecipanti 9.15 Saluto, presentazione dei relatori e apertura lavori 9.30 Aspetti normativi dell’allevamento - Luigi Gili 10.15 Impostazione fiscale e attività cinotecnica - Natale Tortora 11.00 Pausa 11.30 Un sistema di qualità per l’allevamento cinofilo - Paola Daffunchio 12.15 Responsabilità legali dell’allevatore (prima parte) - Luigi Gili 13.00 14.30 15.15

tero percorso avrà diritto anche alla men­ zione del conseguimento del Master sul Libro genealogico online. La partecipazione a ciascun modulo for­ mativo sarà certificata da un diploma si­ glato dai Presidenti di ENCI e ANMVI. Le iscrizioni al terzo e ultimo modulo sa­ ranno aperte fino al 6 giugno 2018 al se­ guente link: http://registration.evsrl.it/1152.

Pausa light lunch Responsabilità legali dell’allevatore (seconda parte) - Luigi Gili Relazione commerciale a cura di Frontline Protezione del cucciolo dal Parvovirus: i criteri di riferimento - Luca Gandini La protezione antiparassitaria “ALL in ONE” unita alla forza della repellenza spot-on - Elena Centaro

15.45 Pausa 16.15 Igiene dell’allevamento e controllo delle malattie infettive - Andrea Corbari 17.15 Discussione e termine della giornata

2

SECONDO GIORNO: MERCOLEDÌ 4 LUGLIO 2018 9.00 Dal cucciolo all’adulto: come integrarsi nella società? - Raimondo Colangeli 10.00 Comportamento ed educazione: dal condizionamento operante alle scienze cognitive - Sabrina Giussani 11.00 Pausa 11.30 Educazione e addestramento: quali differenze? - Sabrina Giussani 12.30 Pausa light lunch 14.00 Come riconoscere i sintomi delle principali malattie del comportamento? Raimondo Colangeli 14.45 Attività cino-sportive e rispetto del benessere animale - Raimondo Colangeli 15.45 Le razze: vocazioni e motivazioni - Clemente Grosso 16.30 Discussione 17.00 Termine del corso

16

TERZO MODULO FORMATIVO

GESTIONE PROFESSIONALE DELL’ALLEVAMENTO CANINO. COMPORTAMENTO, EDUCAZIONE ED ADDESTRAMENTO CREMONA - Palazzo Trecchi 3-4 luglio 2018


i nostri

Cani

Anno 64 num. 6 giugno 2018

PRENDITENE CURA FIN DALLA NASCITA

UN’IMPORTANTE NOVITÀ A SUPPORTO DEI CUCCIOLI NEONATI

PUPPY PRO TECH

Una grande innovazione in attesa di brevetto, creata per aiutare a sostenere la crescita di ogni cucciolo. Particolarmente raccomandato per neonati ad elevato rischio.

P

ER

INC ALL A TTAMENTO

LU

KIT

Creato da esperti nutrizionisti Royal Canin, PUPPY PRO TECH offre agli allevatori un modo nuovo per sostenere ogni cucciolo, anche quelli più a rischio.

SO

Con la sua formula scientificamente provata, è un alimento pensato sia per essere il supplemento al colostro materno entro le prime 24 ore, che per contribuire alla crescita e allo sviluppo del cucciolo fino allo svezzamento.

Confezioni da 300 g (6x50 g) • 1,2 kg (12x100 g)

Linea riservata Allevatori

lunedì al venerdì 02 39431625 Dal Orario: dalle 10.30 alle 12.30

allevatori.ita@royalcanin.com

17


L’importanza della pulizia dei denti

Dobermann. Foto Elena Corselli

La salute in bocca La necessità di visite periodiche Il termine “pulizia dei denti” non rappre­ senta davvero ne il significato ne come deve essere eseguita la procedura medica della “detartrase professionale in medicina veterinaria”. La detartrase è un atto medico, e il veteri­ nario che la esegue ha il compito di valu­ tare la intera salute della bocca dei cani e non limitarsi alla asportazione del tartaro sulle corone dei denti. Si può sostenere che la sola pulizia delle corone dentali, non valutando per esempio lo stato di salute di gengive, radici dentali e ossa alveolari, è come tinteggiare un pa­ lazzo che può avere gravi problemi alle fondamenta, il risultato estetico imme­ diato sarà seguito da problemi strutturali e quindi gravi pericoli per chi ci abita. La procedura definita “detartrase”, ha come scopo la prevenzione della insor­ genza o della evoluzione della malattia paradontale. Questa patologia infettiva, molto diffusa nelle persone e negli animali da compa­ gnia, è provocata dalla placca batterica e dal tartaro (placca batterica che si tra­ sforma in una sostanza mineralizzata e dura) che provocano la alterazione dei

18

tessuti che hanno il compito di mantenere nella posizione corretta e assicurare una stabilità meccanica ai denti. Questa pato­ logia, in una fase avanzata, determina nelle persone e nei cani, in assenza di una prevenzione corretta, la perdita dei denti. La gestione della salute della bocca e la igiene orale è nell’uomo una materia spe­ cialistica svolta esclusivamente da Igienisti Orali, professionisti che ad oggi, grazie ad un percorso di studi si laureano in questa materia. La laurea necessaria per svolgere questa professione in campo umano, da certa­ mente una misura della importanza di questa figura professionale. Questa materia è di centrale importanza nella prevenzione di patologie e si dedica al mantenimento dello stato di salute della nostra cavità orale. La relazione diretta tra infezioni croniche della bocca e malattie sistemiche, cioè problemi a organi “lontani” come fegato, reni e cuore sono ad oggi nell’uomo e negli animali ampiamente dimostrate. Nel cane la paradontite è davvero estrema­ mente diffusa. È forse tra le patologie che i veterinari generici riscontrano con più fre­

quenza alla visita Clinica dei nostri ani­ mali anche in età giovanile. La presenza di questa patologia è nel cane davvero alta e si aggira secondo alcune statistiche intorno al 70%. Complici sono certamente le caratteriste di razza. In particolare la taglia dei cani è un fattore che gioca grande rilevanza sull’accumulo di placca e tartaro. Le dimensioni dei denti dei cani di taglia piccola e toy, in proporzione più grandi di quelle dei soggetti di taglia media e grande, determina certamente un “affollamento” dentale in grado di predisporre accumulo di placca e tartaro che poi determina, gen­ givite, retrazione gengivale, riassorbi­ mento osseo, che corrisponde alla fase iniziale della paradontite. In medicina veterinaria questa procedura svolta dal medico veterinario, deve essere eseguita in anestesia generale gassosa, grazie alla collaborazione con un aneste­ sista veterinario. Il lavoro del medico veterinario dentista, necessita di alcuni step imprescindibili per ottenere un risultato efficace. Durante una visita medica preoperatoria si eseguono, in base alle esigenze del pa­ ziente, esami del sangue preoperatori e altri accertamenti che riguardano gli appa­ rati cardiocircolatorio e respiratorio. Quando in nostro paziente é in anestesia generale gassosa, è possibile eseguire vi­ sita paradontale, la valutazione cioè di ogni singolo dente e una studio radiogra­ fico intraorale. Si esegue quindi una detartrase sopra e sottogengivale che può essere eseguita con strumenti manuali e piezoelettrici, poi una lucidatura dentale eseguita con una pasta leggermente abrasiva e coppette in gomma montate su un manipolo a bassa velocità, questo assicura una maggiore durata e ef­ ficacia e un risultato estetico migliore. I nostri pazienti non ci informano dove e quando hanno dolore, questo ci obbliga a essere molto precisi nella parte diagno­ stica per evitare di tralasciare patologie. La radiografia intraorale è certamente ad oggi anche nel cane come per noi il mezzo diagnostico centrale nella diagnosi di pa­ tologie orali. Perché va considerato un atto chirurgico? Perché senza le attenzioni e le competenze necessarie non è possibile eseguirlo in modo corretto. Perché in molti casi durante la esecuzione di questa procedura si scoprono proble­ matiche che richiedono un trattamento chirurgico e che solo grazie a procedure diagnostiche corrette vengono eviden­ ziate. Lorenzo Tagliabue Medico veterinario


i nostri

Cani

Anno 64 num. 6 giugno 2018

19


Sta per ripetersi il triste fenomeno dell’abbandono

Non coprite il cane di fango... L’impegno dei cinofili per evitare una strage silenziosa. Ogni anno centinaia di migliaia di animali da affezione muoiono... per ferie La riconoscenza è una malattia del cane non trasmissibile all’uomo. (Antoine Bernheim)

La legge dice che…. In Italia l’abbandono è vietato dal primo comma dell’art. 727 del codice penale. “Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro”.

Puntuale come un anniversario, ogni anno giunge il giorno dell’abbandono e migliaia di cani sono costretti a celebrarlo una sola volta. Immobili ai lati delle strade o lungo le vie di campagna a far da immagine ad un amore tradito. Perché anche loro insieme a tartarughe, canarini, gatti ed altri “animali da compa­ gnia”, come vorrebbe far credere una defi­ nizione bugiarda, vanno in vacanza. Per sempre. Le loro vicende sono definitive e terribili e ciascuno diventa l’anello di una catena che imprigiona la pietà. E’ accaduto negli scorsi anni fra l’indigna­ zione pubblica di tanti e la crudeltà privata di molti di più. Perché quello che un tempo veniva definito solo un fenomeno da co­ prire con un lembo di compassione e contro cui indignarsi per un attimo sta ac­

20

quistando il valore terribile di fatto di co­ stume. Significa che accade e ci si rassegna perché continua a verificarsi. E niente è più desolante che l’imitazione di un cat­ tivo esempio L’ENCI, la cinofilia ufficiale che estende l’affetto ben oltre il confine del cane puro, prende parte anche quest’anno con pietà convinta e desiderio di limitare il feno­ meno, alla campagna contro il randagismo generato dal desiderio di vacanza e dall’er­ rata convinzione che l’animale non serve se non nei giorni di tristezza o per gioco. Ma a senso unico. Così il suo affetto, i giorni e gli attimi di gioia condivisi non hanno più significato per chi crede che l’amicizia e la tenerezza che giungono da cani, gatti, uccelli, tartarughe ed altri ani­ mali siano fatti in serie e per natura. Come una condanna genetica.

Il legislatore è intervenuto opportuna­ mente con norme che puniscono l’abban­ dono ma nessuna legge ha mai né mai riu­ scirà ad insegnare ed imporre la pietà. Rinnovare l’appello ad evitare che il cane avuto in dono, acquistato o preso in ado­ zione partecipi quest’anno all’anniversario della partenza dei padroni è già un atto d’amore. Un invito a rinunciare a far co­ prire di fango il cane o un altro animale abbandonato per ferie (del padrone). Mai inutile se farà germogliare anche un solo seme in una sola delle persone in cui, chi sta per soffrirne l’addio ha creduto, che ha amato ed a cui anche nel momento dell’ab­ bandono e magari un attimo prima di morire sotto un’auto, in un fosso o per stenti continua a voler bene. Rodolfo Grassi


i nostri

Cani

Anno 64 num. 6 giugno 2018

21 e 22 LUGLIO 2018

PARCO COMMERCIALE MONDOVICINO - MONDOVÌ (CUNEO)

Sabato 21 LUGLIO

Domenica 22 LUGLIO

NATIONAL DOG SHOW ESPOSIZIONE NAZIONALE CANINA

INTERNATIONAL DOG SHOW ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE CANINA

Domenica 22 LUGLIO

CLUB CANI COMPAGNIA - Mostra Speciale per tutte le razze Tappa obbligatoria per il Campione dell'Anno CCC 2018 MOSTRA SPECIALE DALMATA Iscrizioni on line, programma e giuria sul sito: www.encishow.it

Prima chiusura 22/6/2018 - Seconda chiusura 2/7/2018 Informazioni: Gruppo Cinofilo Monregalese - Contatti: 348.9149429 - mail: gcinofilomonregalese@libero.it La manifestazione si svolge al coperto su un area di 13.000 mq., all’interno del Parco Commerciale Mondovicino, con parcheggio gratuito (3.000 posti auto) e ingresso libero.

GRUPPO CINOFILO MONREGALESE Amici di Solaro

PARCO COMMERCIALE MONDOVICINO - MONDOVÌ (CN) A6 TORINO-SAVONA, USCITA MONDOVÌ

21


Il Campionato del Mondo su Pista

1° (D) Grit Oberländer con il cane Chuck vom Reinholdsberg 2° (D) Michael Tomczak con il cane Aik vom Rio Negro 3° (I) Florian Stampfer con il cane Ria vom Timmelsjoch

In campo 26 squadre e 56 partecipanti. La cronaca dei confronti ed i concorrenti italiani Alla Selezione per il Campionato del Mondo svoltasi a Vicenza, valevole anche come Campionato Italiano di Pista, con la parteci­ pazione di 17 unità cinofile, si sono distinti i primi tre classificati: 1° Greco Giovanni Campione Italiano, 2° Florian Stampfer, 3° Scandaglia Giovanni, senza dimenticare tutti gli altri conduttori che hanno parteci­ pato con grande impegno e spirito sportivo. I selezionati sono quindi partiti alla volta della Slovacchia che quest’anno ha ospitato nella cittadina di Vranov Toplou il XXIV Campionato del Mondo IPO FH che, visto il numero elevato di partecipanti, per la prima volta si è svolto in 5 giorni. Va detto che la disciplina IPO F-H è una delle prove più impegnative perché oltre alle doti caratte­ riali, nel cane conta molto la preparazione atletica, psicologica e fisica in quanto per 45 minuti è chiamato a dare tutte le risorse. I giudici designati dalla FCI per questo mon­ diale sono stati Guevel Gilbert, Sašo Cvek e come Supervisore Jiří Lasík. Hanno parteci­ pato 26 squadre e 56 unità cinofile; qualifi­ cati per le squadre solo la Germania e nell’individuale 13 binomi. Questo fa capire quanto il Campionato sia stato impegnativo sia per la tipicità dei terreni che, in modo particolare, per la temperatura che ha rag­ giunto i 28 gradi incidendo molto sulle per­ formance dei cani. Va segnalata anche le dimensioni delle piste particolarmente lunghe, tracciate con passi di 0,70 cm e che per 1800 passi raggiungono una lunghezza totale di 1260 metri. Al mattino le prime piste iniziavano alle 9.00 con una tempera­ tura relativamente bassa ed accompagnate da una leggera brezza, alle 9.40 le seconde

22

piste con il sole che iniziava a riscaldare e dalle 10.20 le successive con un clima quasi estivo. Le prime due piste comportavano quasi sempre dei buoni risultati, poi, con il passare delle ore, iniziavano i problemi in particolare nella tenuta. La nostra squadra con molta determinazione ha iniziato mer­ coledì con Florian Stampfer con il cane Ria Vom Timmelsjoch, alle ore 11.00, quarta pista sotto un sole battente; la ricerca è stata perfetta dalla partenza alla fine ed il tempo impiegato è stato di 38 minuti ottenendo un punteggio finale di 96, Eccellente, secondo solo al 97 della campionessa del mondo ed unici due Eccellenti del campionato.

PISTA DIFFICILE Molto motivati alle 11.40 siamo andati a se­ guire la pista di Giovanni Greco con il cane Fato z Elisu con il numero cinque di sor­ teggio. Il sole era fortissimo, la temperatura molto alta e l’inizio della pista si trovava circa a 600 metri dal punto di ritrovo, il ter­ reno risultava molto duro e con erba rada e bassa. Giovanni Greco prima di partire ha fatto il possibile per preparare il cane al me­ glio portando con sé una spugna bagnata, come previsto dal regolamento; la partenza è stata durissima ed il cane ha avuto una grande dispersione di energia per trovare la traccia, poi è partito con qualche difficoltà e non con la sua tipica forma di lavoro. La ri­ cerca procede fino all’angolo acuto e dopo aver lavorato per circa 30 minuti ininterrot­ tamente, con una temperatura di 28 gradi (la giornata più calda in assoluto), si è do­ vuto arrendere. Alla fine della giornata pochi cani hanno superato la prova e c’era un po’

Azzurri bravi ma non basta di malumore da parte di tutti. Il sabato alle ore 12.40, sempre sotto un sole battente e con temperatura di circa 26 gradi, Fato, dopo una partenza corretta, proseguiva si­ curo fino al quinto lato, poi manifestava un calo fisico, continuando comunque a cer­ care con tenacia ma non riuscendo a risol­ vere il problema per poter concludere il la­ voro; il giudice a questo punto interrompeva la prova. Alle ore 14.00 arrivava il turno di Florian Stampfer con Ria, la tensione era alle stelle, la partenza non era immediata ma poi si avviava con la solita andatura forse un po’ più lenta, visto le difficoltà climatiche, però precisissima. Il lavoro era perfetto ma dopo il secondo angolo si notava una fer­ mata, Ria aveva segnalato l’oggetto in piedi e Florian l’aveva fatta proseguire pensando ad una falsa segnalazione in quanto solita­ mente segnala a terra. Il tempo passava, il cane proseguiva con andatura lenta ma precisa, facendo qualche accertamento all’angolo del semicerchio. L’ultimo tratto era da infarto perché ci si giocava il mon­ diale, Ria purtroppo arrivava stremata dalla fatica all’ultimo oggetto e non lo segnalava correttamente concludendo con 86 punti Buono che premiava la concentrazione e la costante andatura durante tutto il lavoro di pista. Con questo ottimo risultato l’Italia nella classifica individuale sale anche quest’anno sul podio con il binomio Stampfer Florian e Ria vom Timmelsjoch che ripaga tutti i sacrifici fatti per la prepara­ zione. La squadra italiana conclude questo mondiale con soddisfazione per il risultato ma anche per lo spirito che c’è stato nel gruppo durante i sei giorni passati insieme. Al primo posto si è classificato Grit Oberländer con il cane Chuck vom Reinholdsberg, Pastore svizzero che ha otte­ nuto punti 191 e che ha fatto vedere un pia­ cevolissimo lavoro calmo e sicuro per tutta la pista. Io ed i componenti della squadra ringraziamo il Consiglio Direttivo dell’ENCI per averci dato questa opportunità. Daniele Peres


DOPPIA ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE DOPPIO CACIB TRIESTE E GRADISCA D’ISONZO

anno si svolger ca i n io iz s o le esp i Gradis Entrambe arco Comunale d P ) presso il ’Isonzo (GORIZIA d talia3 I ’ d à t i n U 8 PiazzaMlaep: 45.89279,13.499 Google

LUNEDI’ 13 AGOSTO e MARTEDI’ 14 AGOSTO 2018 Inizio Giudizi ore 10.00

Organizzazione: GRUPPO CINOFILO ISONTINO www.gruppocinofiloisontino.com

GIURIA E INFO WWW.EXPOCANI.COM ISCRIZIONI: 1° chiusura: 15 Luglio 2018 2° chiusura: 25 luglio 2018 (con maggiorazione) Tutte le iscrizioni accompagnate dal relativo pagamento sono da inviare a: TRATTO di Aldrovandi Lorenzo via J.B. Tito 11/C 42123 Reggio Emilia Fax: (++39) 0522 015353 Tel: (++39) 0522 382145 - E-mail: iscrizioni@expocani.com Modalità di pagamento: carta di credito per iscrizioni ON-LINE www.expocani.com oppure con Bonifico Bancario a TRATTO S.r.l.s. di Aldrovandi Lorenzo Via J.B Tito 11/c 42123 Reggio Emilia - IBAN: IT29 E 03032 12811 01000000 2627 - SWIFT/BIC BACRIT 21061 (Solo per l’estero) VAGLIA POSTALE ORDINARIO (NO Vaglia veloce - NO Bollettino Postale) Le domande di iscrizione complete della copia del pagamento devono essere inviate a TRATTO di Aldrovandi Lorenzo si prega di telefonare per accertarsi dell’avvenuta ricezione dell’iscrizione.


Genitori... ma non per caso Un grande esperto ENCI spiega agli allevatori come l’intuizione venga in aiuto alla scienza nella scelta dei riproduttori. I caratteri distintivi di “femminilità e mascolinità”. Come individuare i migliori

La scienza non è che la spiegazione di un miracolo che non riusciamo mai a chiarire e l’arte è un’interpretazione di quel miracolo. (Ray Bradbury, 1920-2012)

Le esposizioni diventano sempre più com­ petizione tecnica e se ne avvantaggia lo spettacolo nel confronto di tanti cani puri, ciascuno unico e con il solo riferimento alle caratteristiche di razza. È una recita a soggetto a cui ciascuno e tutti insieme danno vita e che attrae, fa conoscere ed accende il desiderio di avere un fuoriclasse od un figlio di campioni e si genera quindi un circuito virtuoso che in­ centiva lo sviluppo degli allevamenti. Ecco sorgere... generata dalle domande di mercato e dalla passione degli allevatori l’opportunità di migliorare le razze ed ap­ profondire la genetica perchè in cinofilia come in ogni altro settore niente accade per caso. Ne è convinto anche il dottor Paolo Brianzi un veterinario geniale e intu­ itivo: molte delle sue osservazioni avranno solo in seguito, con il progredire delle sco­ perte, una valenza scientifica. Eppure la verità, o se si vuole, un altro passo in avanti nella genetica, era lì, a portata di cono­ scenze. Sarebbe stato sufficiente accorger­ sene. Ma non sempre è facile ed è la diffe­ renza che contraddistingue la genialità e l’intuizione purchè si sia convinti che, come affermava Arthur Schopenhauer “il genio abita semplicemente al piano di sopra della follia”. Gli esempi sono tanti ed uno, forse il più noto è quello riferito a Isaac Newton, (1642-1727) considerato fra i più grandi scienziati e uno dei pochi fra i milioni di persone che vedendo cadere una mela si chiese perché...

24

Paolo Brianzi

Ma non accadde solo a lui. La storia è piena di episodi cominciati per caso e che coinvolsero uomini e donne di genio tan­ tochè lo stesso Einstein ebbe a dire che “la più bella e profonda emozione, nella scienza, è il senso del mistero”... Paolo Brianzi, veterinario tra i più stimati, fondatore nel 1947 de “La famiglia dello spinone” si dedicò dapprima all’alleva­ mento dei cavalli pesanti giunti dal Nord e ne divenne tecnico e selezionatore stimato in tutta Europa e successivamente allo spi­ none. Titolare dell’affisso della Cingia (abitava a Cingia dei Botti nel Cremonese) diede im­ portanti contributi allo sviluppo della ci­ nofilia. A proposito dei riproduttori affer­ mava - ed il successo ottenuto nella sele­ zione dei cavalli prima e degli spinoni poi gli dava e continua a dargli ragione - che era necessario guardare ai caratteri di fem­ minilità e mascolinità. A tal proposito è indicativo un suo testo pubblicato su Rassegna cinofila (1960, pag.

33, n. 119) in cui afferma fra l’altro: “La conoscenza del valore della femminilità e della mascolinità negli allevamenti, è uno dei principali pilastri delle conoscenze, basilari, indispensabili assieme alla cono­ scenza del valore di uno stallone o di un razzatore,e dell’importanza che ha la pri­ mitività del ceppo sul quale si lavora. La zootecnia è tutta qui, e se pure va comple­ tata da tante altre conoscenze secondarie, per combinare qualcosa di buono in alle­ vamento bisogna per forza passare per quelle tre strade. Se vogliamo fermarci un tantino a ripensarci, queste tre enuncia­ zioni sono legate ad altrettante leggi natu­ rali. Prima la legge del più forte stallone e raz­ zatore, voluto dal Creatore a dominare il gruppo per la buona continuazione della specie. Seconda la legge dei caratteri spiccati di femminilità e di mascolinità... massima espressione della tipicità conservata attra­ verso i secoli. Terza, la primitività quale apporto domina la trasmissione dei caratteri su tutte le cor­ renti da essa derivate (razze primitive e razze derivate). Quando si pensi che ogni selezione ci al­ lontana dalla primitività e che porta ad una diminuzione della resistenza organica di ogni singolo individuo, si può capire quanto valore sia legato alla primitività stessa. Vediamo ora che cosa avviene in natura a proposito dei caratteri di femminilità e di


i nostri

Cani

Anno 64 num. 6 giugno 2018

mascolinità. L’animale, uomo compreso, alla vista di quegli spiccati caratteri, ha la manifestazione pronta ed immediata dell’istinto della simpatia connaturato in ognuno di noi perché uomo o animali siano guidati nella miglior scelta nell’ac­ coppiamento che dovrà continuare nei secoli la salute e la tipicità della razza”. Subito dopo l’autore fa l’esempio di un al­ lora notissimo allevatore di Napoli che nel 1904 portò in Inghilterra una propria fat­ trice, pluricampionessa, perché fosse ac­ coppiata col più grande stallone di tutti i tempi. Durante il breve tragitto per raggiungere lo stallone nella scuderia la campionessa in­ contra due cavalli che stavano rientrando ai box “e scalpita, s’impenna, rincula e non vuole più proseguire. La stessa cosa fa uno dei due stalloni. Non c’è verso di persua­ derli a proseguire. Cosa fa il cavalier Ginestrelli che aveva pagato in anticipo la monta del grande purosangue? Per un at­ timo resta interdetto, misura il pro ed il contro e dice “ebbene lasciamo che si compia il rito”. Dopo undici mesi nasceva una bellissima femmina, fu chiamata Signorinetta e a tre anni diventò una delle più celebri eroine di tutti i tempi vincendo nello stesso anno il Derby e le Oaks, pro­ digio che dal 1780 al 1940 solo quattro femmine erano riuscite a compiere”. Una femmina spiccatamente femmina si deve vedere chiaramente da dieci, venti metri di distanza sosteneva Paolo Brianzi e ricorre alla magia delle parole per creare la suggestione di un ritratto coinvolgente tant’è limpido. “Già ferma sul terreno scrive riferendosi alla ferma di una fem­ mina di spinone su un selvatico ma l’e­ sempio è estensibile anche alle razze non da caccia considerando la diversità dei comportamenti fra maschio e femmina una femmina non deve mai prendere la posa di un prepotente, ma presentarsi con grazia di pose e di atteggiamenti, il giro della sua testa deve essere grazioso, lo sguardo dolce, buono e remissivo. La sua mole non deve mai eccedere sulla media, meglio se ne è leggermente infe­ riore. Le forme del suo corpo devono es­ sere un raccordo di belle linee succeden­ tesi nelle varie regioni senza contrasti. L’andatura deve essere facile, naturale, gra­ ziosa. plastica. La sua testa più piccola che nel maschio dev’essere molto cesellata, espressiva, por­ tata con grazia di atteggiamenti, inserita sopra un collo esile, lungo, dall’attacco grazioso. La grandi femmine nascono di rado. Si calcola al 5-6% il loro numero. La stessa percentuale si verifica fra i cavalli e i bovini”.

Una domanda sorge spontanea: quale im­ portanza hanno ai fini dell’allevamento i maschi mascolini? I maschi, afferma Paolo Brianzi, hanno più importanza che non le femmine dato il numero dei figli che possono generare; mentre la femmina genera un prodotto all’anno o poco più nelle pluripare. Però alla stregua dell’apporto sul nuovo nato vale tanto il maschio, come la femmina, non solo ma può comandare più uno dell’altro in rapporto alla fissità dei carat­ teri, alla eredità genetica dell’uno più dell’altro. Una femmina che per dieci ge­ nerazioni di ascendenti dal lato paterno e materno è stata plasmata su un modello, avrà grande predominanza nella trasmis­ sione dei suoi caratteri sopra un maschio che da sole due generazioni è entrato in

quella data tipicità, e viceversa. Vi sono i maschi omozigoti, cioè quelli a nemaspermi omogenei, essi sono i mi­ gliori. Ma nascono di rado e sono sempre frutto di un lungo lavoro di selezione sullo stesso tipo, lavoro che viene regolato e co­ mandato dall’uomo. È chiaro che se si potesse arrivare ad unire in matrimonio una superlativa femmina da molte generazioni plasmata su di un unico modello, con un maschio altrettanto superlativo come maschio e pure lui per molte generazioni plasmato sul modello della femmina si arriverebbe al massimo desiderabile”. (Da “Gente dell’ENCI”. Una storia che ha fatto la storia) Rodolfo Grassi - Abele Barbati

S C U O L A DI F O R M A Z I O N E C I N O F I L A

Campo Scuola ENCI

Diventa un professionista al Biancospino CORSO PER ADDESTRATORI ENCI sez. 1 Difesa, Agility, Obedience, compagnia

dal 7 settembre al 2 dicembre CORSO PER HANDLER ENCI Conduttori cinofili di esposizione

Dal 12 novembre al 7 dicembre Contatta la segreteria per info, costi e programmi: Via San Biagio 32 - 27045 Casteggio PV - Tel. 0383 83000/335 6357789 info@ilbiancospino.it - www.ilbiancospino.it

25


La mia razza in

40

righe

La storia di Arturo …mi hanno scelto. Era giugno, il mese in cui normalmente si programmano le va­ canze, il mese in cui il cane di famiglia può essere una bella rogna… ed invece mi hanno preso. E d’improvviso mi sono ritrovato con una famiglia nuova ed incredibilmente grande. Una famiglia composta da un paese intero! Ora, vivo a Travacò. Corro per i prati, leggo un sacco di libri e ho talmente tante per­ sone che mi fanno i grattini che ormai le

… ma non mi sono sempre chiamato così, mi pare. Prima che accadesse una cosa davvero strana… I miei padroni, durante una giornata di pioggia battente, mi hanno fatto scendere dalla macchina e mi hanno abbandonato in una piazzola dell’auto­ strada dei laghi. Pensavo, si saranno di­ menticati di me. Del resto, fino a pochi minuti prima stavano programmando fe­ lici, tutti insieme, la partenza per le va­ canze. Tutti insieme ma senza di me, evi­ dentemente. E così mi sono ritrovato da solo, sotto gli scrosci di un temporale, ad aspettare che tornassero a prendermi. Io, del resto, sono sempre stato un cane buono, ubbidiente, gentile. Ad un certo punto si accorgeranno che non sono più accucciato sul tappetino della macchina e torneranno a prendermi. E ho aspettato. Finché ero così fradicio che mi si poteva strizzare…E non sono tornati. Da quel momento tutto è cambiato. Prima in peggio… automobili che suonavano il clacson, gente sconosciuta, il freddo e, a dirla tutta, anche una bella fame. Ed ero soprattutto da solo. Io che passerei tutta la vita aggrappato alla gamba del mio pa­ drone – o anche solo di chi abbia voglia di farmi qualche grattino dietro le orecchie – o acciambellato ad osservare quello che mi capita attorno! Beh, da solo sono rimasto per poco. E qui arriva il meglio. Credo di aver conquistato la mia nuova famiglia con uno sguardo… li ho guardati e l’ho desiderato fortissima­ mente. Devo averlo pensato talmente forte da farmi sentire perché, nonostante non fossi proprio una gran bellezza…

orecchie non bastano per tutti! E, mentre me ne sto acciambellato all’ombra di qualche albero o scorrazzo felice da un amico all’altro, faccio una piccola silen­ ziosa preghiera: che la mia storia possa essere quella di tanti altri cani come me… meglio ancora senza la prima parte, quella dell’abbandono. P.S. Se volete passare a trovarmi sono in Biblioteca... Lia Zanoli

Cheriè, la Maltese che medita alla luna...

Fece il suo ingresso trionfale in casa come una reginetta. Sesta della cucciolata, appa­ rentemente la più tranquilla dei fratelli, Cheriè dimostrò fin da subito forte perso­ nalità e grande sicurezza di sé, tuffandosi nella cesta riservatale senza esitazioni. Cheriè innanzitutto è una consigliera: saggia, equilibrata, una roccia. È consola­ toria, orgogliosa ed ha un senso spiccato della dignità che esprime di fronte ad un “no”, al dolore fisico e morale. Presenta un’intelligenza fuori dal comune, è intui­ tiva, fortemente intrigante, portata per le sfide durante il gioco da cui deve sempre uscire vittoriosa. Il suo preferito rimane “scappa che ti prendo” ma ormai, ahimè, si scoraggia presto per la mia scarsa pre­ stanza fisica. Un altro gioco che ama, è l’essere nascosta sotto una coperta fa­ cendo finta di cercarla ed esprimendo en­ tusiasmo nello scoprirla. Per non parlare del senso materno ereditato dalla sua mamma biologica che trova sfogo con mio

figlio affetto da grave disabilità, passando intere ore a donargli baci che lui apprezza e ricambia. Arriva persino a crucciarsi nel sentirsi impotente di fronte alle evidenti difficoltà del ragazzo supplicandomi nel qui ed ora per “fare qualcosa”. L’espressione gioiosa nei suoi occhi par­ lanti di quando le cose funzionano un po’ meglio, è indescrivibile. Prudente, tant’è che teme un po’ il buio ed il vuoto sotto di sé. Non abbassa mai la guardia sull’am­ biente circostante ed anche sui nostri stati d’animo; astuta, indipendente ma anche affettuosa tanto è vero che ama essere stretta in un abbraccio dove riesce a rifu­ giarsi anche per ore. Quando medita, perché medita, osser­ vando la luna nelle sere luminose, è un’e­ sperienza che merita di essere vissuta. È una insostituibile amica, compagna di passeggiate e compagna di vita. Donatella Ambrosini


La mia razza in

40

righe

La travolgente allegria di Tobia

Ho avuto cani sin da bambina; i miei geni­ tori li adoravano e mi hanno trasmesso un profondo amore e rispetto nei confronti di questi fantastici amici pelosi di cui non saprei più fare a meno. Ho avuto meticci e cani di razza e da ognuno di loro ho imparato qualcosa. Alcuni sono stati compagni di giochi, altri di viaggi e di avventure. Ognuno di loro, però, è stato soprattutto un grande com­ pagno di vita. Un giorno, due anni fa, ho visto la foto di un cane originario dell’Olanda che appar­ teneva ad una razza che non conoscevo: “lo Schapendoes”. Mi colpì e mi conquistò il suo aspetto sba­ razzino, la sua taglia contenuta ed assai facilmente gestibile, il suo mantello lungo e fluente dalle meravigliose sfumature dal nero al grigio perla e, sotto quel lungo ciuffo, lo sguardo vispo e dolcissimo di grandi occhi scuri dai quali traspariva una affascinante saggezza che, di solito, ci ar­ riva quando ci troviamo dinnanzi solo ad essere viventi di grande carisma. Dopo poco tempo, uno Schapendoes entrò nella mia vita: Tobia, il mio più grande te­ soro, un amico insostituibile che colora le mie giornate con il suo fare spensierato, dolcissimo, sempre allegro, con la sua stra­ ordinaria energia ed il suo innato amore

per la vita. Tobia è il mio amico ideale, sempre pre­ sente, adorante, giocoso. Attento ad ogni particolare, capace di ricordare persone, luoghi e situazioni vissute mesi prima con una memoria Oxfordiana, prerogativa di pochi, persino tra esseri umani. Con i suoi modi invitanti, coinvolgenti, così allegri da stupire ogni volta, Tobia sa comunicare con me come nessun altro. La sua espressività non può lasciare indif­ ferenti. La sua dolcezza non può non com­ muovere. La sua immensa allegria non può non coinvolgere perché trascina in un vortice di grandi e bellissime emozioni. Eppure, quando mi vede stanca, non in­ siste, non implora, non pretende. Sceglie spontaneamente di adattarsi ai miei tempi, calmo e rilassato come un vecchio saggio. Si accoccola vicino a me per ore senza chiedermi nulla: nessun umano saprebbe fare altrettanto. Quando qualcuno mi ferma per strada di­ cendomi: “Che bel cane... cammina con una gioia che traspare da ogni movi­ mento... deve proprio essere un cane spe­ ciale!...”. Felice e fiera rispondo: “Certo!... Lui è uno Schapendoes !!!”. Silvia Brustia

L’intrepido Haramis

Mi ricordo ancora il primo giorno che sono andata a vedere il mio cucciolo di Borzoi, aveva tre mesi, l’allevatrice lo chiamava e lui non l’ascoltava: era concentrato a man­ giare le sue rose che aveva in giardino… e già da lì… si vedeva il suo carattere forte. Una volta portato a casa, qualche danno lo ha fatto, ma una volta cresciuto ha dimo­ strato di avere un’intelligenza spaventosa, rispetto agli altri cani della famiglia… for­ tunatamente in bene, perché sa aprire le porte… e le sa chiudere; apre i rubinetti, ovviamente per bere l’acqua fresca. Ti osserva quando passi dei momenti della vita difficili, quindi arriva, ti mette il suo te­ stone sulla spalla e con le sue zampe ti branca le gambe, per farti sentire che lui c’è. Protegge le sue femmine, visto che nel branco ci sono due femmine di Borzoi e due Piccoli levrieri e adesso anche una Podenca con due gioca; con l’altra che è la più vecchia, ha un rispetto assoluto. Mi piace sedermi in giardino o sul letto a osservarli, e interagire con loro. Sono inna­ morata di questa razza, amo i cani che non hanno paura di affrontare la vita. Sono abituati al gatto agli uccellini…ma se qualche cane si avvicina alla recinzione, inizia il putiferio! Questa è la storia di un branco di sei cani grandi e piccoli, e di una persona felice di condividere la sua avventura con altre per­ sone che amano gli animali. Milena Garuti


AUTOSTIMA Prendersi cura degli animali aumenta l’au­ tostima perché svolgere semplici ma im­ portanti compiti dà al bambino un senso di realizzazione e lo aiuta a sentirsi indi­ pendente e competente. Avere un cane o un gatto può essere dunque un’ottima so­ luzione per chi ha una bassa autostima, una ricerca ha ad esempio riscontrato che i punteggi relativi all’autostima dei bam­ bini aumentavano in modo significativo nell’arco di nove mesi se si tenevano ani­ mali domestici a scuola. SVILUPPO COGNITIVO I bambini che vivono con animali dome­ stici giocano con loro, parlano con loro e persino gli leggono libri. I dati confermano l’ipotesi che tutto questo comporti van­ taggi per le doti comunicative e verbali dei più piccoli.

La relazione fra bambini e cani

Crescere insieme A partire dagli anni ’70 gli studi sulla giusta relazione tra bambini e animali è stata in­ dagata da numerosi ricercatori. Ad aprire la strada, Poresky ed Hendrix che in uno studio degli anni ’90 scrivevano: “ È stato dimostrato che gli animali influenzano lo sviluppo umano, ma se l’effetto è dovuto alla presenza di un animale o alla rela­ zione della persona con un animale dome­ stico è incerto. Le madri hanno valutato il legame animale del compagno (relazione) e la competenza sociale dei figli piccoli in un questionario genitoriale, e un ricerca­ tore ha valutato l’empatia, la cooperazione e l’intelligenza dei bambini durante le vi­ site a domicilio. Sono state rilevate correla­ zioni significative tra i legami dei bambini con i loro animali da compagnia e i loro punteggi sulle scale delle competenze so­ ciali, nonché i loro punteggi di empatia. Ciò supporta l’idea che le relazioni dei bambini con i loro animali domestici siano più importanti della semplice presenza di uno o più animali domestici nelle loro case.” Le moderne ricerche hanno confermato questa teoria, come si evince dal libro “The Waltham Book of Human-Animal Interaction”, scritto da Nienke Endenburg e Ben Baarda. Avere un cane, un gatto, un coniglio, un

28

criceto o altri animali domestici può av­ vantaggiare i nostri figli anche nel campo della cosiddetta “Emotional Intelligence” (EQ) che sembra essere collegata ai suc­ cessi accademici ancor di più del tradizio­ nale quoziente intellettivo QI. Tra l’altro a differenza del QI, l’EQ può migliorare nel tempo con la pratica e in questo senso i nostri amici animali possono essere di grande aiuto. Gli autori, pongo attenzione su alcuni sen­ timenti che determinano la sfera emozio­ nale, producendo di conseguenza delle abilità a livello cognitivo e relazionale.

COMPASSIONE “Se ci sono animali domestici in casa, i genitori e i bambini spesso si prendono cura insieme dell’animale e ciò suggerisce che i giovani imparino in tenera età come prendersi cura e allevare un animale d’af­ fezione”. Uno studio condotto su bambini dai 3 ai 6 anni ha scoperto che quelli che vivevano con animali domestici avevano più em­ patia nei confronti di altri animali e degli esseri umani, mentre un altro studio ha ri­ levato che anche il solo fatto di avere un animale nella propria classe scolastica rendeva i bambini più compassionevoli.

Scrivono sempre Endenburg e Baarda nel loro libro: “Gli animali domestici potrebbero facili­ tare l’acquisizione del linguaggio e miglio­ rare le abilità verbali nei bambini. Ciò si verifica a seguito del ruolo dell’animale sia come colui che riceve il parlato del bam­ bino sia come stimolo verbale attraente, favorendo la comunicazione sotto forma di lode, ordini, incoraggiamento o puni­ zione”.

RIDUZIONE DELLO STRESS Nei sondaggi fatti su bambini a cui viene chiesto con chi parlerebbero di un pro­ blema, i piccoli menzionano regolarmente gli animali domestici mostrando così che in molti casi cani, gatti, ecc. possono for­ nire supporto emotivo e un ulteriore modo per mitigare le emozioni negative quando i piccoli si sentono stressati. Il sostegno dato dagli animali domestici ha indubbiamente alcuni vantaggi rispetto al supporto dato dagli esseri umani: pos­ sono far sentire le persone incondizionata­ mente accettate e sanno ascoltare mentre gli uomini troppo spesso criticano e giudi­ cano. CAPIRE IL CICLO DELLA VITA Parlare di nascita e morte con i bambini può essere difficile per i genitori. Imparare a conoscere il ciclo della vita attraverso quello che accade agli animali è invece un modo semplice per apprendere le basi della nostra esistenza. Anche se sperimen­ tare la morte di un animale domestico può essere difficile e doloroso può anche rive­ larsi un’importante esperienza di appren­ dimento e insegnare ai bambini a gestire tristezza ed emozioni negative. R.F.


TOP DOG 2018

Un nuovo anno da Campioni.

Vincitore TOP DOG 2016 Giovani

1° RACHELZOE DEL BORGHINO ALLEVAMENTO DEL BORGHINO

Le sfide che ci emozionano, tutti.


TOP DOG E TOP DOG GIOVANI

IL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO TOP DOG Tutti i punteggi inerenti il TOP DOG vengono conteggiati in base ai risultati aggiornati nel sistema informatico che pervengono dai comitati organizzatori. Il TOP DOG ed il TOP DOG GIOVANE verrà assegnato solo ai soggetti iscritti al Libro genealogico italiano. Eventuali contestazioni sui punteggi del TOP DOG e del TOP GIOVANE dovranno pervenire entro il 31 gennaio all’indirizzo di posta elettronica eventi@enci.it Trascorso questo termine non saranno accettate ulteriori comunicazioni e saranno proclamati i risultati definitivi. Se nel corso dell’anno venissero apportate delle modifiche alle razze tali modifiche entreranno in vigore a partire dalla data di introduzione della modifica riportata sulla circolare ENCI. Al termine del concorso, nel caso risultassero più soggetti nella stessa razza a parità di punteggio, verranno applicati i seguenti criteri di valutazione: - Risulterà Top Dog il soggetto che ha partecipato al minor numero di esposizione (fatti salvi requisiti previsti dal regolamento). - In caso di ulteriore parità il titolo verrà assegnato a pari merito. Per quanto inerente il Top Giovane, al termine del concorso, nel caso risultassero più soggetti nella stessa razza a parità di punteggio, risulterà Top Giovane il soggetto che ha partecipato al minor numero di esposizioni. In caso di ulteriore parità il titolo verrà assegnato a pari merito.

TOP DOG Il punteggio viene calcolato in base ai risultati ottenuti nelle Esposizioni Internazionali Italiane dal 1° gennaio al 31 dicembre di ogni anno. Le Esposizioni Nazionali e i Raduni non sono conteggiati. Le mostre speciali valgono doppio sia che si svolgano in expo Internazionale che in expo Nazionale. La partecipazione (cioè iscrizione) minima richiesta è ad almeno 4 esposizioni ed è necessario ottenere punteggio in almeno 2 esposizioni. Qualora il primo classificato non fosse in possesso di questi requisiti nella razza in questione il titolo di Top Dog non verrà assegnato.

PUNTEGGI CAC 1

PUNTO

CACIB

3

PUNTI

BOB

(vedi tabella)

Da N.SOGGETTI 1 2 6 11 21 31 41 51 Oltre 100

A N.SOGGETTI 1 5 10 20 30 40 50 100

Punti 1 3 5 7 9 11 13 15 20

Valgono esclusivamente le esposizioni aventi luogo in Italia

TOP GIOVANE Riservato ai soggetti iscritti in classe GIOVANE in base ai risultati ottenuti nelle sole esposizioni Internazionali Italiane PUNTEGGI QUALIFICA MB 1° ECC 1° ECC 1° ECC 1° ECC 1° ECC 1° ECC 1°

N.SOGGETTI

Punti 1 1 iscritto nella classe 3 2 a 5 iscritti nella classe 5 6 a 10 iscritti nella classe 6 7 11 a 15 iscritti nella classe 16 a 20 iscritti nella 8 classe Oltre 21 iscritti nella 9 classe

A questi punteggi vanno eventualmente aggiunti 3 punti se il soggetto ottiene anche il BOB (minimo 5 iscritti nella razza). Il numero dei soggetti iscritti in classe giovani non è cumulabile fra maschi e femmine ai fini del calcolo del punteggio.


INFORMAZIONI SULL’EVENTO Anche quest’anno, l’attesa finale del Top Dog vivrà all’interno di una splendida cornice: il “Enci Winner” presso Fiera MilanoRho. L’appuntamento è per sabato 16 giugno con le preselezioni e domenica 17 giugno per la finalissima. Non perderti l’emozione di assistere alla grande kermesse, vi aspettiamo tutti.

Emozioni da Campioni.


TRENTO Conferenza del LIFE WOLF ALPS

La dott.ssa Silvia Dalmasso con il responsabile del settore lavoro CPMA Valter Grossi

Ritornano i grandi predatori

Riconosciuta l’importanza del Cane da Pastore Maremmano Abruzzese come guardiano delle greggi. “La razza ritrova le sue origini nel futuro” Come responsabile del Settore Lavoro del CPMA (Club Pastore Maremmano Abruzzese) ho partecipato alla Conferenza Conclusiva del LIFE WOLF ALPS, tenutasi a Trento, evento che ha visto la partecipa­ zione dei maggiori esperti europei, nel quale è stato fatto il punto sui risultati del progetto e più in generale sulla situazione dei gradi carnivori in Europa. La conferenza è stata preceduta da una giornata a carattere divulgativo rivolta al pubblico, ospitata nella magica atmosfera del MUSE (il modernissimo Museo delle Scienze progettato da Renzo Piano), che ne ha anticipato i temi, con numerosi stand, una piazza virtuale, dove si sono svolti eventi e dibattiti e dimostrazioni pra­ tiche negli ampi spazi esterni. Tra questi incontri segnalo quello avve­ nuto dei soci Bruno Viola e Ivan Zanoni, entrambi allevatori di bestiame, che anche grazie all’aiuto dei nostri cani hanno scom­ messo sulla convivenza e qui potuto rac­ contare le loro esperienze, annunciando la costituzione dell’Associazione per la Difesa del Patrimonio zootecnico dai Grandi Predatori (in corso di affiliazione al CPMA), presieduta dallo stesso Bruno Viola. All’esterno in una recinzione elettrificata stazionava una coppia di PMA a guardia di un gruppo di pecore, provenienti da Malga Rondera, agriturismo sito nei Monti Lessini, condotto dalla socia Alice Del Monego. Durante tutta la giornata i cani hanno dimostrato efficacia ed eccellente equilibrio, dosando perfettamente la loro attenzione e reattività verso persone ed

32

altri cani, in un contesto per altro molto caotico per la vicinanza con la stadio e il grande afflusso di pubblico. Nella stessa giornata la dottoressa Silvia Dalmasso, veterinaria del parco Alpi Cozie, l’ente che ha coordinato il settore cani da guardiania per tutto il progetto LIFE WOLF ALPS, ha presentato un filmato inedito sui cani da guardiania, che sarà replicato in occasione del Grande Raduno d’Abruzzo il 12 maggio a Santa Iona. Tornando invece alla Conferenza vera e propria, coordinata da Francesca Marucco (Presidente del LIFE WOLF ALPS), gli esperti hanno illustrato come in tutta Europa si stia registrando un positivo in­ cremento di tutti i grandi predatori, con il lupo che oltre che in tutte le nazioni tran­ sfrontaliere delle Alpi sta recuperando areali in Spagna, Francia, Germania, Scandinavia, Paesi Baltici e persino ne Paesi Bassi. In Italia la popolazione è in crescita, con una presenza ormai stabile in Appennino e una continua espansione sull’arco alpino stimata tra 1500/2000 esemplari. Ciò sta avvenendo in virtù di un cambia­ mento in atto dell’habitat continentale, che vede la ripresa delle foreste, una mag­ gior concentrazione antropica negli ambiti urbani, con un forte aumento degli ungu­ lati. Tale situazione, che ha permesso il recen­ tissimo fenomeno dell’arrivo da est di un nuovo canide, lo sciacallo dorato (dato in forte crescita nei prossimi anni), accen­ tuerà sul piano sociale i problemi di convi­ venza, per i quali debbono essere messe in

campo opportune strategie di gestione, comunicazione e monitoring, che si carat­ terizzino per un più elevato grado di inte­ grazione internazionale e tra le stesse or­ ganizzazioni nazionali e locali. Nella sua relazione il professor Luigi Boitani, in ordine ai tradizionali conflitti con le attività umane, ha citato anche il contributo dei cani da guardiania, che “tra le misure preventive dei danni da preda­ zione, per quanto non applicabile in tutti i contesti, si dimostra la più efficace”. Più nel dettaglio Silvia Dalmasso ha svolto una relazione sui 42 cani inseriti sulle Alpi Italiane con il Progetto LIFE WOLF ALPS (di cui 38 provenienti da allevatori del CPMA), soggetti sui quali è in corso un costante monitoraggio, che ne sta pro­ vando la validità, sia nello svolgimento della funzione, che nella concreta diminu­ zione dei danni, inoltre ha evidenziato come i cani siano stati adottati con suc­ cesso, oltre che su ovini e caprini anche a protezione dei bovini. Grazie a questa positiva esperienza nelle due giornate di studio il CPMA ha avuto occasione di confrontare ed acquisire ulte­ riori esperienze, stabilendo nuove rela­ zioni con istituzioni e addetti ai lavori dell’Alto Adige, del Friuli Venezia Giulia e dell’Austria, territori interessati più recen­ temente dal ritorno del lupo, dove sono allo studio le prime misure di prevenzione. Senza enfasi si può dire che questa antica e magnifica razza italiana ritrova oggi nelle origini il suo futuro, al servizio dell’uomo e del mantenimento della biodiversità. Valter Grossi


E X P O

Best in Show 2° classificato Bracco italiano POLCEVRA’S AMOS di Maurizio Turci

CAC

SIENA

757 IN PASSERELLA Un pubblico affezionato ha seguito la manifestazione con applausi e apprezzamenti per l’organizzazione

U

na giornata tiepida di sole ha fatto da cornice ai 757 sog­ getti che si sono presentati sui ring di Ponte a Tressa in occasione della 58° Esposizione Nazionale di Siena dell’8 aprile 2018. Un altro traguardo per il Gruppo Cinofilo Senese. Oltre al nutrito numero di cani ed espositori una folla appassio­ nata ha seguito l’evolversi della manifestazione fino al clou del Best in Show commentato e condotto con la consueta maestria di Claudia Palazzuoli, fino alla proclamazione del miglior soggetto dell’esposizione. Il Best in Show ha visto salire sul primo gradino il Cane Corso Renegade della Valle dei Corsi, sul secondo il Bracco Italiano Polcevera’s e sul terzo il Barbone nero media mole Definitive Cherish Starman-n. È doveroso ringraziare tutti i partecipanti, i signori giudici, il de­ legato ENCI Massimo Bertoli, la Farmina nostro sponsor, e tutti gli amici che ci vogliono bene. Carlotta Palazzesi

Best in Show 3° classificato Barbone media mole DEFINITIVE CHERISH STARMAN-N di Nicola Pace

RAGGRUPPAMENTI CAC SIENA GRUPPO Ê 1° Bearded Collie CH IT UNFORGETTABLE DEL CUORE IMPAVIDO prop. Ripoli Filippo GRUPPO Ë 1° Cane Corso RENEGADE DELLA VALLE DEI CORSI prop Vanni Giulia GRUPPO Ì 1° West Highland White Terrier WILD BLIZZARD JOLLY ROGER prop Lotzniker Lorena GRUPPO Í 1° Bassotto Standard p/d CASPAR DEL LAGO PRILE S/D prop Baldi Rudi GRUPPO Î 1° Shiba RED NICHY SHIBA DI POGGIO PETROIO prop. Paribelli Carolina GRUPPO Ï 1° Bracco Italiano POLCEVERA’S AMOS prop Turci Maurizio GRUPPO Ð 1° Barbone media mole nero DEFINITIVE CHERISH STARMAN-N prop. Pace Nicola GRUPPO Ñ 1° Piccolo levriero Italiano FRANZISKA DEL BARONE RAMPANTE prop Calabrese Rosalba BIS R. ITALIANE 1° Piccolo levriero Italiano FRANZISKA DEL BARONE RAMPANTE prop Calabrese Rosalba BIS GIOVANI 1° Bracco italiano SOLE di Turci Maurizio BIS COPPIE 1° CAIRUS SURIAC+MOONLIGHT SHADOW DREAM POLAR Samoiedo prop Nieto Silvia BIS GRUPPI 1° Samoiedo MOONLIGHT SHADOW DREAM POLAR+ICE PONGO DREAM POLAR+MOKI DREAM POLAR+DAFNE DREAM POLAR All. Silvia Nieto

BEST IN SHOW 1° Cane Corso RENEGADE DELLA VALLE DEI CORSI di Giulia Vanni 2° Bracco Italiano POLCEVERA’S AMOS di Maurizio Turci 3° Barbone media mole DEFINITIVE CHERISH STARMAN-N di Nicola Pace

33


E X P O

RAVENNA BEST IN SHOW 1° POLCEVERA’S PONENTE Bracco Italiano bianco arancio di Gabriella Segato 2° KUMATANI NO MIZUCHI AT NIPPON SUN Akita di Mattia Cappelli 3° LELLO ROMANO-PL DI RIO GALERIA Chihuahua a pelo lungo di Nuzzo Francesco Di Paola

CACIB RAVENNA

delle coppie. Manifestazione che si è svolta con ritmo sciolto e puntuale sulla pista del Pala De Andrè, palazzo dello sport raven­ nate, grazie al lavoro della segreteria, dei collaboratori di ring e della sportività dei concorrenti. Momento di grande emozione è stato il ricordare due allevatrici,

IL CANE E LA CITTÀ L’evento rappresenta ormai un appuntamento cittadino atteso. Partecipazione, “rosa” dei giudici, disponibilità di servizi hanno creato anche quest’anno la base per un riconfermato successo

L

’expò canina di Ravenna è uno degli appuntamenti fissi della città. Un appuntamento tradizionale in una data che peraltro già rappresenta un motivo di festa cittadina spe­ ciale. Aspetti che l’Assessore comunale allo sviluppo economico, Massimo Cameliani, ha sottolineato nel suo saluto all’inizio del Ring d’Onore, al quale ha anche partecipato premiando il podio

34

BIS Giovani 1° ARIMMINUM IRYS L’ESPRIT DU LOUP Cane lupo cecoslovacco di Laura Scaglia 2° AIMONE AUDACE GANDAMAK SLOVAKIA Levriero afgano di Maria Cristina Leonardi 3° PAOLINO PAPERINO-PL DI RIO GALERIA Chihuahua a pelo lungo di Riccardo Palazzini


E X P O GRUPPO Ê GRUPPO Ë GRUPPO Ì GRUPPO Í GRUPPO Î GRUPPO Ï GRUPPO Ð GRUPPO Ñ GRUPPO Ò GRUPPO Ó BIS R. ITALIANE BIS JUNIORES BIS GIOVANI BIS VETERANI BIS COPPIE BIS GRUPPI

RAGGRUPPAMENTI CACIB RAVENNA 25/4/2018 1° DRAGONJOY SUN CATCHER Welsh Corgi Pembroke pr. Allev. Dragonjoy 1° GREAT SOUL-F DEL PICCOLO JIGO Alano fulvo pr. Allev. del Piccolo Jigo 1° ASHGROVE TIME LADY Fox terrier p/r pr. Anne-Christine Christ 1° IRON MAN DEL WANHELSING Bassotto nano p/d pr. Pierre Paul Camilleri 1° KUMATANI NO MIZUCHI AT NIPPON SUN Akita pr. Mattia Cappelli 1° ZANARDI’S INDIO Rhodesian Ridgebach pr. Laura Valdenassi 1° POLCEVERA’S PONENTE Bracco Italiano b/a pr. Gabriella Segato 1° FRANCINI’S ENIGMA Cocker spaniel inglese pr. Angela Francini 1° LELLO ROMANO-PL di Rio Galeria Chihuahua p/l pr. Nuzzo Francesco Di Paola 1° WAY UP ALTER EGO Levriero afgano pr. Manuel Ferri 1° POLCEVERA’S PONENTE Bracco Italiano b/a pr. Gabriella Segato 1° WINDMERE PALLADIUM Pastore australiano pr. Simone Sponta 1° ARIMMINUM IRYS L’ESPRIT DU LOUP Cane lupo cecoslovacco pr. Laura Scaglia 1° DAISY DEL PRIMO CAVALIERE Boston terrier pr. Liliana Carta 1° PASTORI AUSTRALIANI pr. Monica Serenari 1° CARLINI pr. Allev. Soffientini

socie cinofile, di grande valore, purtroppo prematuramente scomparse. Premio speciale alla memoria di Stefania Savini con il Trofeo offerto dalla famiglia per il Miglior Terrier, e premio speciale alla memoria di Angela Conforti con il Trofeo offerto da Domenico Leo e Anna Tritto per il miglior giovane Golden Retriever, due razze che Stefania Savini e Angela Conforti porta­ rono tante volte al successo. Come piccole note di cronaca, sulle pedane finali dell’expo ra­

L’Assessore Massimo Cameliani e Domenico Leo premiano il podio delle Coppie. 1° Pastori australiani di Monica Serenari 2° Pechinesi di Claudia Brocchi 3° Shiba dell’Allev. I Giadini di Meiji

vennate hanno riconfer­ mato il proprio valore guadagnando nuove af­ fermazioni alcuni sog­ getti, “vecchie” cono­ scenze, da un po’ di tempo sulla cresta dell’onda e reduci, parlando del solo ambito romagnolo, di varie posizioni di podio al Romagna Winner dello scorso gennaio. Il Bracco Italiano bianco-arancio Polcevera’s Ponente calca la scena con un porta­ mento e una disinvoltura che non sfuggirebbero nemmeno ad un profano. Primo al gruppo 7 (cani da ferma), primo fra le Razze Italiane e primo al BIS finale. Sul podio dei propri gruppi o delle cate­ gorie d’età le “vecchie co­ noscenze”, il Cocker spa­ niel inglese nero Francini’s Enigma, l’ele­ gante Greyhound Sobers Xtravaganza, il Cane Domenico Leo, consegna a Corso dell’Impero Maya. Tiziana Farabegoli il premio alla A Ravenna la cinofilia ha memoria di Angela Conforti per il un buon seguito, e miglior giovane Golden Retriever Ravenna è una città che dimostra una cura parti­ colare verso il cane. Domenico Leo, a nome del Gruppo Cinofilo Ravennate, ringrazia il Comune di Ravenna, la ditta Metrò che gestisce il Pala De Andrè, lo sponsor Monge per il prezioso supporto, tutti coloro che hanno collaborato per la gestione delle manifestazioni cino­ file ravennati e per la conduzione del Gruppo, salutando caloro­ samente e augurando nuovi successi. Roberto Aguzzoni

BIS Veterani 1° DAISY DEL PRIMO CAVALIERE Boston terrier di Liliana Carta 2° GIOTTO DI LUCUS ANGITIAE Pastore Maremmano Abruzzese di Gabriella Segato 3° MISSMATILDA DEL PALAZZO IMPERIALE Pechinese di Irma Barducci

35


E X P O

Supreme Best in Show: 1° Alaskan Malamute STARLIGHT EXPRESS DEL BIAGIO CH di GIUSEPPE BIAGIOTTI 2° Levriero Irlandese KARISHMA DELLA BASSA PAVESE di ANTONIA TURINI

DOPPIO CACIB MONTICHIARI

LE MOLTE SORPRESE RADDOPPIANO IL SUCCESSO La grande partecipazione ha premiato il lavoro svolto dal Gruppo Cinofilo Bresciano ed il Kennel Club Giulio Colombo

36

D

opo il grande successo della scorsa edizione, la 56esima esposizione organizzata dal Gruppo Cinofilo Bresciano «Leonessa» ha avuto la grande possibilità di ospitare un doppio CACIB, coinvolgendo gli amici del Kennel Club Giulio Colombo con cui va condiviso il merito dell’eccellente riuscita dell’evento. L’appuntamento ha rappresentato senz’altro un’importante veri­ fica zootecnica per oltre 2500 cani iscritti, sottoposti all’attenta analisi di importanti giudici di caratura internazionale, ma ha anche cercato di coinvolgere il più possibile il territorio circo­ stante. Parte del successo è dovuta infatti alla partecipazione attiva di realtà cinofile, per lo più locali, ma accompagnate anche da per­ sonaggi di spicco, che hanno saputo coinvolgere un pubblico eterogeneo di grandi e piccini, accomunati dall’amore per gli animali. L’obiettivo che impegna quotidianamente il Gruppo Cinofilo e che si intende continuare a perseguire, per il quale sono state gettate basi solide negli ultimi anni e anche durante l’esposi­ zione, è quello di diffondere su larga scala la cultura del cane in generale e del cane di razza in particolare. A tal fine, e per guidare i meno esperti all’interno dei padiglioni fieristici, il team organiz­ zativo di Garda Winner ha contribuito alla formazione di “guide cinofile” che hanno offerto gratuitamente ai neofiti il loro tempo e la loro conoscenza, accompagnandoli a scoprire il perché della manifestazione ed il significato profondo della parola “selezione”, cercando di ricondurre ciascun cane alla funzione per cui è stato, è e sarà selezionato. Il livello molto alto di soggetti in gara ha permesso di vedere due podi di Best in Show altamente competitivi, sul cui gradino più alto sono stati classificati da Gianni Fulgenzi, il sabato, un


E X P O

BEST IN SHOW MONTICHIARI CACIB KENNEL CLUB GIULIO COLOMBO 7 APRILE 2018 1° STARLIGHT EXPRESS DEL BIAGIO CH Alaskan Malamute di GIUSEPPE BIAGIOTTI 2° ALEKSANDR NEVSKY EDERLEZI Terrier nero russo di SVIETLIKAUSKAITE JELENA 3° HUNTERN Barbone media mole, nero di MARCO EVANGELISTA

GRUPPO Ê GRUPPO Ë GRUPPO Ì GRUPPO Í GRUPPO Î GRUPPO Ï GRUPPO Ð GRUPPO Ñ GRUPPO Ò GRUPPO Ó BIS R. ITALIANE BIS GIOVANI BIS GRUPPI BIS VETERANI

RAGGRUPPAMENTI CACIB MONTICHIARI KENNEL CLUB GIULIO COLOMBO 7 APRILE 2018 1° WALLFUGH INK TO NIRENO PICTURE Welsh Corgi Pembroke Pr. VALSECCHI VITTORIA 1° ALEKSANDR NEVSKY EDERLEZI Terrier nero russo Pr. SVIETLIKAUSKAITE JELENA 1° FANTASY’S MR. TIBBS AT BLACK IDOL English Toy Terrier Black and Tan Pr. BRENCIANI PATRIZIA 1° KAZURI PRIDE INDIETRO TUTTA Bassotto, kaninchen a pelo duro Pr. ALLEVAMENTO KAZURI PRIDE 1° STARLIGHT EXPRESS DEL BIAGIO CH Alaskan Malamute Pr. BIAGIOTTI GIUSEPPE 1° MORO DI POMPIANO Segugio italiano a p/f Pr. ZANARDI PIETRO 1° FULL DI CASA BERTOLINI Setter irlandese Pr. BERTOLINI VITTORIO 1° UDINI’ DELLA TAPARINA Lagotto romagnolo Pr. BENATTI MASSIMO 1° HUNTERN Barbone media mole, nero Pr. EVANGELISTA MARCO 1° GLORIA AL ZAHRA Saluki Pr. SARKA NEMCOVA 1° UDINI’ DELLA TAPARINA Lagotto romagnolo Pr. BENATTI MASSIMO 1° WHITE HISTORY DEL BAFFIN Samoiedo Pr. SACCANI GIUSEPPE 1° SEGUGIO ITALIANO A PELO FORTE Pr. All.to Di Pompiano 1° WIZALAND SOUL CATCHER Border Collie Pr. SHIRLEY SWEETLOVE

BIS VETERANI CACIB 7 APRILE 2018 1° WIZALAND SOUL CATCHER Border Collie di SHIRLEY SWEETLOVE 2° THE WAVES’ SONS NEWFONDLANDS KNICKERBOCKERS Terranova di ELISA CORNA 3° QUATTRO VOM LEHHOF S/L Bassotto, standard a pelo lungo dell’ Allev. del TOCAI

37


E X P O

BEST IN SHOW CACIB GRUPPO CINOFILO BRESCIANO 8 APRILE 2018 1° KARISHMA DELLA BASSA PAVESE Levriero Irlandese di ANTONIA TURINI 2° ASH GROVE PETER PIPER Fox Terrier a pelo ruvido di EDOARDO MASSIRONI 3° CLASS LINE A MILLION REASONSB Barbone grande mole dell’ Allev. CLASS LINE

GRUPPO Ê GRUPPO Ë GRUPPO Ì GRUPPO Í GRUPPO Î GRUPPO Ï GRUPPO Ð GRUPPO Ñ GRUPPO Ò GRUPPO Ó BIS R. ITALIANE BIS GIOVANI

38

RAGGRUPPAMENTI CACIB GRUPPO CINOFILO BRESCIANO 8 APRILE 2018 1° RIPICCA D’AMORE AGENT PROVOCATEUR Bearded Collie Pr. GALANO ROBERTO 1° GREAT SOULF DEL PICCOLO JIGO Alano fulvo Pr. ALLEV. DEL PICCOLO JIGO 1° ASH GROVE PETER PIPER Fox Terrier p/r Pr. MASSIRONI EDOARDO 1° QUEENLORD SWEET PRINCE MATHIESEN Bassotto nano p/d Pr. SODERBERG ANNA CHARLOTTE 1° STARLIGHT EXPRESS DEL BIAGIO CH Alaskan Malamute Pr. BIAGIOTTI GIUSEPPE 1° BIANCA Segugio italiano p/r Pr. MATTIELLO GILBERTO 1° HELFER DI MANTUA Kurzhaar Pr. POLISCHI CESARE 1° NORTHERNSTAR THE RED DRAGON Welsh Springer Spaniel Pr. TIANI MICHELE 1° CLASS LINE A MILLION REASONSB Barbone grande mole, bianco Pr. ALLEV. CLASS LINE 1° KARISHMA DELLA BASSA PAVESE Levriero Irlandese Pr. TURINI ANTONIA 1° UDINI’ DELLA TAPARINA Lagotto romagnolo Pr. BENATTI MASSIMO 1° MOSE’ DO LUSIADAS Cão de Agua Português Pr. VANGELISTI PAOLO

TROFEO MARIO QUADRI CACIB 8 APRILE 2018 1° BIANCA Segugio italiano a pelo raso di GILBERTO MATTIELLO 2° MORO DI POMPIANO Segugio italiano a pelo forte di PIETRO ZANARDI


E X P O

BIS GRUPPI SABATO 7 MAGGIO 2018 1° SEGUGIO ITALIANO A PELO FORTE di All.to Di Pompiano 2° ALASKAN MALAMUTE di Allevamento Del Biagio 3° SCHNAUZER, PEPE SALE di All.to Vom Silbernen Strahl

BIS RAZZE ITALIANE CACIB 7 APRILE 2018 1° UDINI’ DELLA TAPARINA Lagotto romagnolo di MASSIMO BENATTI 2° CINECITTA’ ANDY GARCIA Maltese di ANGIE DI NUNNO 3° TEODORA LA SIGNORA DEI 100 CANI Bolognese di ANTONELLA BERTO

Gruppo 8 sabato 7 APRILE 2018 1° UDINI’ DELLA TAPARINA Lagotto Romagnolo di Massimo Benati 2° NORTHERNSTAR THE RED DRAGON Welsh Springer Spaniel di Michele Tiani 3° DUCKVILLE E-FLIES FOR US Labrador Retriever di Enrico Benzi

39


E X P O Alaskan Malamute (Starlight Express del Biagio) e da Nina Karlsdotter, la domenica, una Irish Wolfhound (Karishma della Bassa Pavese). Starlight e Karishma si sono poi sfidati nel Supreme Best in Show istituito in memoria dell’avv. Chiarini, che ha guidato per 40 anni il Gruppo Leonessa, che lo ricorderà sempre con estrema ricono­ scenza. Per creare un collegamento forte tra alcune delle razze maggior­ mente rappresentate all’interno dell’area di competenza del

Gruppo Cinofilo e gli espositori, sono stati messi in palio altri trofei e premi speciali, assegnati da giudici specialisti. A chiusura dei lavori, sembra che la soddisfazione sia comune espositori ed organizzatori, pronti a ricaricarsi di energie e di idee nuove in vista del prossimo anno, con la speranza che la strada intrapresa porti a risultati sempre migliori e continui ad alimentare tutte le passioni che hanno come denominatore co­ mune il cane. Francesca Bertelli

Gruppo 2 domenica 8 APRILE 2018 1° GREAT SOULF DEL PICCOLO JIGO Alano fulvo di ALLEV. DEL PICCOLO JIGO 2° TIFFANY S OZERA RAZLIV Terrier nero russo di SVIETLIKAUSKAITE JELENA 3° Y’ GRECQUE-N DI MONTE GENTILE Zwergschnauzer, nero di PIUZZI OSVALDO

BIS RAZZE ITALIANE DOMENICA 8 APRILE 2018 1° UDINI’ DELLA TAPARINA Lagotto romagnolo di MASSIMO BENATTI 2° NEBBIA Segugio italiano a pelo forte di ANRICO BERTOLINI 3° POLCEVERA’S LINDA Bracco italiano bianco-arancio di GIUSEPPE BALLARINI

40


E X P O

BEST IN SHOW SEVESO 1° Cane da pastore bergamasco Yogini dei Lupercali di Maria Mariani Carnelli 2° Kerry blue terrier Balboa Sugar Spoon di Elena Massironi 3° Alano fulvo Tolomeo Strapo Varenk’A-F di Salvatore Domenico Malaponti

CAC

SEVESO

I CANI AL TEMPO DELLE DONNE Una giuria tutta al femminile ha strappato applausi al folto pubblico. La manifestazione promossa dal Gruppo Cinofilo delle Groane presieduto da Luigi Consonni

L

uigi Consonni, presidente del Gruppo Cinofilo delle Graone ha inaugurato con l’Esposizione di Seveso il tempo delle donne. Una giuria composta da sette ladies ha infatti occu­ pato i ring e giudicato poco meno di settecento concorrenti. Tutto come nelle previsioni perché il Parco delle Querce, uno stupendo mosaico di alberi e cespugli, sentieri e prati nella Brianza verde, non delude mai. Proprio come le fiabe che ritor­ nano puntuali a bisbigliare una favola che più l’ascolti più ti sembra nuova. A margine dei ring un pubblico attento ed interes­ sato alle razze e ad una cinofilia che continua a stupire per cre­ scita nelle simpatie e numero di esemplari. Fra un giudizio e l’altro il tempo è scivolato in fretta perché nel Parco delle Querce, ore e minuti paiono scivolare insieme.

Proprio come accade con le gioie improvvise simili ad inattesi sussurri dell’ultimo vento d’estate. Ha vintolo stupendo Cane da pastore bergamasco di Maria Mariani Cornelli di Fino Mornasco,al secondo posto il Kerry blue terrier di Elena Massironi di Busnago ed infine a completare il podio l’Alano fulvo di Salvatore Malaponti. Perfetta come accade oramai da decenni l’organizzazione curata dal volontariato meraviglioso dei soci del Gruppo Cinofilo coor­ dinati dal cavalier Luigi Consonni e Renato Fratus. Commosso, a fine giornata come tutte le componenti della giuria ed il sindaco Paolo Butti: a loro il pubblico ha tributato elogi ed applausi. Meritati. Rodolfo Grassi RAGGRUPPAMENTI CAC SEVESO GRUPPO Ê 1° YOGINI DEI LUPERCALI CANE DA PASTORE BERGAMASCO PR. MARIANI CARNELLI MARIA GRUPPO Ë 1° TOLOMEO SATRAPO VERENK’A-F ALANO FULVO PR. MALAPINTI SALVATORE DOMENICO GRUPPO Ì 1° BALBOA SUGAR SPOON KERRY BLUE TERRIER PR. MASSIRONI ELENA GRUPPO Í 1° LEYLA SPIRITO LIBERO BASSOTTO STANDARD PL PR. PEREGO MORENA GRUPPO Î 1° ROCKET QUEEN CHOW CHOW PR. REZZI VALENTINA GRUPPO Ï 1° UNA MERAVIGLIA DEI MAGNIFICI GRIGI WEIMARANER PC PR. MERLO ALESSANDRO GRUPPO Ð 1° KEJSERRIGE ODESSA BOSTON TERRIER PR. BORSATTI CRISTINA GRUPPO Ñ 1° ELEVATEURGAMECYNERGY OF MEADOW VALLEY LEVRIERO AFGANO PR. BONGIOVANNI ROBERTO BIS R. ITALIANE 1° YOGINI DEI LUPERCALI CANE DA PASTORE BERGAMASCO PR.MARIANI CARNELLI MARIA BIS GIOVANI 1° HADRANENSIS HETTY CIRNECO DELL’ETNA PR. ALLEV. HADRANENSIS BIS JUNIORES 1° MONTECOLLE’S DIAMONDS CHOCOLATE KING BASSOTTO NANO PC PR. MONTECOLLE ANDREA BIS VETERANI 1° EVELYN TENTIONS GOLDEN RETRIEVER PR. SANTINO CRISTINA

41


Il grande successo di partecipazione degli Spinoni a Piandispino

Fase di un turno. Il periodo primaverile tende a fare arroccare soprattutto i fagiani, impegnati dal momento riproduttivo. Si mostrano meno inclini al volo anche se incalzati e non facili da trattare, creando ulteriori difficoltà ai cani

Un week-end fra belli e bravi La speciale spinoni organizzata dal club di razza (CISP) a Piandispino domenica 8 aprile si è aperta con un momento di com­ mozione nel ricordo di Emidio Rusticali, appassionato spinonista forlivese scom­ parso un anno fa, Vice-Presidente del club, referente della Delegazione CISP EmiliaRomagna, socio del Gruppo Cinofilo Forlivese e capace organizzatore. Alla sua memoria il CISP ha intitolato un trofeo “Bello e Bravo” messo in palio per la prima volta in occasione della combina­ zione raduno-prova di lavoro del 7 e 8 aprile, evento svoltosi fra la frazione di Casemurate (Ravenna) e la zona cinofila di Piandispino (Forlì/Cesena), organizzato dalla Delegazione Emilia-Romagna del CISP con la collaborazione del Gruppo

42

Cinofilo Forlivese. Da sottolineare in prima battuta la grande partecipazione, caratteristica pressoché costante delle manifestazioni del club, sin­ tomo dell’amore che la razza suscita fra gli appassionati. Quarantacinque i soggetti iscritti alla prova di lavoro, con la presenza di soggetti provenienti dall’estero. La prova si è svolta nel corso di una splendida gior­ nata, durante la quale Piandispino ha messo in campo il suo carattere e le sue ben note carte, dolce agli occhi e ruvido all’abbraccio, cioè terreni da caccia pratica reale e selvatici nati sul posto. Il periodo primaverile, peraltro, tende a fare arroc­ care soprattutto i fagiani (che si sentivano cantare in più punti della zona), impegnati dal momento riproduttivo, che quindi si

mostrano meno inclini al volo anche se incalzati e non facili da trattare. Non è mancato l’appuntamento con le starne, selvatico osservato speciale sul posto, e con le pernici rosse. Quattro le batterie, giudicate dagli Esperti Giudici Enci Mario Di Pinto, Libero Asioli, Piero Frangini, Luca Massimino. La giornata ha promosso cinque soggetti, due dei quali con il cartellino e altri tre che si sono fermati al Molto Buono (due di questi esteri). Doveroso però evidenziare che fra i non classificati, e questo vale per soggetti italiani che stranieri, sono co­ munque stati osservati cani con buone doti venatorie che possono aspirare a qua­ lifiche certamente onorevoli (in alcuni casi già conquistate). I CAC sono andati a


i nostri

Cani

Anno 64 num. 6 giugno 2018

Tancredi di Morghengo condotto da Pino Giancotti, e a Natalina di Morghengo (ris. CAC nella stessa bat­ teria) condotta da Giampiero Giroldi. In virtù dell’Eccellente acquisito in raduno il giorno prima, Natalina si è aggiudicata i punti per l’assegnazione del Primo Trofeo Emidio Rusticali. Il Trofeo è stato consegnato dalla famiglia, che ha presenziato sia alla prova che al raduno del giorno precedente. Per quanto riguarda il Raduno del giorno prece­ dente (ottanta erano i sog­ getti iscritti), si ringrazia la struttura di Equilandia di Mensa Matellica (RA) messa gentilmente a di­ sposizione. La struttura è nota in zona anche per la sua attività di ippoterapia e riabilitazione equestre. Giudizio delle femmine af­ fidato all’Esperto Giudice Nanzio Mari, e dei maschi all’Esperto Giudice Luca Massimino che ha avuto il

WEEK END CINOFILO A LA SPEZIA sabato 25 agosto 2018 expo nazionale di la spezia

domenica 26 agosto 2018 39° Expo internazionale di rapallo

per informazioni, iscrizioni, consultazione giuria:

www.bremadog.it presso expo fiere di la spezia via Carducci 140 (10 minuti dal casello)

BOB Epithelium Minotauro

Raduno con ottanta soggetti e speciale di lavoro hanno impegnato il 7 e 8 aprile, week end scelto dal Club Italiano Spinoni per l’evento fra Ravenna e Piandispino compito di designare anche il migliore di razza (BOB). Qualifica andata ad Epithelium Minotauro di Alessandro Maluccelli, presentato poi anche in prova la domenica. Sul ring anche il campione mondiale 2017, Epithelium Dinamo, di proprietà della di Irina Zemtsova (cimen­ tatosi la domenica anche in prova). Dettaglio da sottolineare, le femmine iscritte in classe lavoro hanno guadagnato quasi tutte l’Eccellente, aspetto sicura­ mente importante ai fini dell’allevamento. Fra i due giorni, cena sociale in atmosfera di grande convivialità all’azienda Palazzo Manzoni della vicina frazione di S. Zaccaria. Cani, amici e sport, per il piacere di stare insieme. Complimenti e auguri allo spinone e agli spinonisti italiani e di tutto il mondo. Roberto Aguzzoni Le classifiche complete nella rubrica Club a pag. 63.

CAC e R/CAC rispettivamente a Tancredi di Morghengo (a sx.) condotto da Pino Giancotti, e a dx. Natalina di Morghengo condotta dal proprietario Giampiero Giroldi. Al centro della foto l’Esperto Giudice Piero Frangini, a destra della foto l’allevatore dei Morghengo, Franco Fusi

43


I vincitori da dx Goffi con Gephore de Keranlouan, Boschi con Jago, Tureddi con Atina, accompagnati da Bovicelli, Acerbi e il cav. Coradeschi

Campionato italiano FIDASC Setter e Pointer

Collacchioni, paradiso delle starne Due giorni di confronti su selvaggina autentica. Grande partecipazione e agonismo

Ancora una volta, la zona Federale di Collacchioni, gestita magistralmente dal Cav. Domenico Coradeschi e dalla sua equipe, ha dato lustro a questa importante manifestazione cinofila, con starne di ec­ cellente qualità e con una organizzazione impeccabile.

Il primo giorno di prove riservato alle razze da ferma continentali, che correvano in coppia, due batterie, con una decina di coppie ciascuna, la prima batteria giudi­ cata da Riccardo Acerbi e Amedeo Bovicelli, la seconda dal sottoscritto, che aveva come guida Giovanni, perfetto co­

noscitore della zona e Leo che con il suo potente fuori strada, ha facilitato la pre­ senza dei concorrenti, sempre pronti alla chiamata del giudice. Starne già accoppiate, numerose e ben di­ stribuite, quasi tutti i soggetti hanno esple­ tato una cerca idonea e nella piena nota, la giornata era buona e soleggiata e le tempe­ rature miti, nonostante fino a pochi giorni prima non fossero mancate le abbondanti piogge e anche le nevicate. Un ringrazia­ mento particolare va fatto al Cavaliere Domenico Coradeschi, al Presidente na­ zionale della FIDASC Felice Buglione, all’organizzazione, alle guide ed ai concor­ renti che con la loro educazione e sporti­ vità hanno permesso di dare lustro a un campionato importante.

CLASSIFICA MISTA CONTINENTALI 7/4/18 1° Batteria Giudici Bovicelli Amedeo e Acerbi Riccardo 1° CAC Gephore de Keranlouan E. Breton, cond. Goffi Giuliano 2° ECC Joko De Keranlouan E. Breton cond. Baiguera Narciso 2° Batteria Giudice Giorgio Bellotti 1° CAC Jago E. Breton cond. Boschi Stefano 2° R/CAC Atina E. Breton cond. Tureddi Andrea Il campionato FIDASC 2018, per la cate­ goria continentali, è stato vinto da Gephore de Keranlouan condotto da Goffi Giuliano, al secondo posto, Jago condotto da Boschi e al terzo posto Atina condotta da Tureddi. Per quanto riguarda le squadre regionali. Sale sul podio la Lombardia, seguita dalla Toscana e al terzo posto della classifica la Liguria.

CLASSIFICHE MISTA INGLESI 8/4/18 1° Batteria Giudici Berlingozzi Paolo, Bovicelli Amedeo 1° CAC R/CACIT Sigaro Setter I. cond. Ortolani Enzo 2° Ecc. Pianegiani’s Ford Setter I. cond. Pianegiani Stefano 2° Batteria Giudici Valerio Ronchi e Ceccanti 1° CAC/CACIT Billy Setter I. cond. Magionami Paolo 2° R/CAC Piandema Della Pointer I. cond. Scarpecci Simone La vittoria individuale per quanto riguarda la classifica finale del campionato FIDASC 2018, è stata assegnata a Billy condotto da Magionami, al secondo posto Sigaro con­ dotto da Ortolani, e al terzo posto Piandema Della condotta da Scarpecci.

La squadra della Lombardia vincitrice della prova

44

Testo e foto di Giorgio Bellotti


i nostri

Cani

Anno 64 num. 6 giugno 2018

Cinquant’anni insieme e sembra ieri... Accadde proprio mezzo secolo fa quando i coniugi Dolci si incontrarono e decisero che…. Anna e Franco Dolci, la loro vita è un racconto insieme. E ad ascoltarli t’accorgi che non potrebbe essere diversamente. Perché lui dice di lei con il medesimo affetto con cui la moglie si rivolge al marito ed insieme ai figli. Anna e Franco in un calendario di giorni sempre accolti con un sorriso oppure, se non lieti, con una speranza. Così di anno in anno fino a giungere ai cinquanta che celebrano il loro incontro e l’allevamento di pastori tedeschi. Lo ricordano con le parole, senza voltarsi indietro per non svelare in una lacrima la nostalgia adesso che sono prigionieri del tempo come accade per ogni anniversario Ed anche il nome del gran casato di una cinofilia che continua a vederli protagonisti sa di ricordi e di futuro legata com’è alla loro vita: lo scelsero insieme suggerito dall’insegna del rifugio sulle Valli Orobiche. Portava proprio scritto cosi’: “Ca’ San Marco” E ricordava l’evangelista che testimoniò Cristo, prese a simbolo il Leone e fu seguace prediletto di San Pietro. “Lassù era bello. Lassù eravamo giovani. Lassù abbiamo creato un progetto… e siamo cresciuti insieme al nostro allevamento” dicono Anna e Franco “insieme ai nostri campioni del mondo, nazionali o te­ nuti come amici della casa e di chi li ha per compagnia o guar­ diani”. “Gli anni, dice Anna, sono passati in fretta: se ci guar­ diamo indietro hanno la rapidità di un lampo e sono tenui come un soffio ma Dio ce li ha dati perché potessimo avere i fiori anche d’inverno. Rodolfo Grassi

Recensione Susan Wilson LA FELICITÀ ARRIVA IN PUNTA DI PIEDI Casa editrice Piemme Mack, uno Shetland con occhi di colore diverso, è il punto di riferimento di Justine e la sola costante della sua vita. Lei, orfana di madre ancora bambina, ha vissuto con il padre e la matrigna senza mai ricevere amore, per poi fuggire di casa appena maggiorenne. A 43 anni, con un figlio adolescente pieno di risentimento nei suoi confronti, non ha ancora trovato un luogo sicuro in cui mettere radici. Sempre in fuga, come se ogni volta la sua fortuna fosse rintanata in un posto ancora da scoprire. Eppure, quando riceve la telefonata che le annuncia che suo padre sta morendo, e ci si aspetta che gli sia accanto, in fondo al cuore sente di non poter voltare del tutto le spalle al passato. Nel viaggio che intraprende verso casa, Mack è suo alleato, l’unico che con la sua presenza discreta e rassicurante, le orecchie sempre rivolte verso di lei in vigile attesa, possa darle il coraggio di affrontare i suoi fantasmi. Durante una sosta all’area di servizio, però, in un attimo di distrazione, Mack sparisce. Justine non si dà pace e intraprende una lunga e avventurosa ricerca che la condurrà su strade inaspettate. Ma se è vero che bisogna perdere qualcosa per ricevere un dono ancora più grande, per lei potrebbe essere l’occasione di ritrovare se stessa e rimettere finalmente ordine nella propria vita.

45


y r e l l a g ! i n o i g ot a

F3000 imm

er per av risultato. i t n a ante tecip i i par sto import t t u t o re que aziam Ringr raggiunge oa tribuit

con

INIZIATIVA PROMOSSA DALL’ENCI PER VALORIZZARE IL CANE DI RAZZA Se sei interessato, segui il percorso indicato.

Cerchiamo foto che ritraggano cani, con le seguenti caratteristiche:

- Cani adulti. Cuccioli. - Cani in movimento, in stazione, seduti, a terra. - Cani negli sport cinofili.

-

Teste in primo piano. Cani singoli, in gruppo. Cani di razze diverse nella stessa foto. Cani ambientati nelle diverse stagioni.

-

Foto a colori e bianco/nero. NO PERSONE NO BAMBINI Dimensioni: minimo 2MB

È possibile inviare più foto ma per evitare problemi con il server, si prega di INVIARE 1 FOTO PER VOLTA a: foto@enci.it Ogni foto dovrà essere accompagnata dalla seguente didascalia: razza, sesso e autore della foto. Per la pubblicazione gratuita delle foto su I Nostri Cani a corredo degli articoli che nel tempo potrebbero essere pubblicati e poi riversati anche sul sito ENCI, ognuna di esse dovrà essere accompagnata dalla seguente liberatoria. Il sottoscritto ……………………………………………………… autore della foto in oggetto che ritrae il cane di razza …………………………………… sesso ……………………………… autorizza l’ENCI alla pubblicazione gratuita sulla rivista “I Nostri Cani”, sul sito www.enci.it e su qualsiasi altra pubblicazione dell’ENCI. Dichiara inoltre che la foto è libera da copyright. L’iniziativa terminerà il 31 dicembre 2018 Si ringraziano con anticipo tutti gli appassionati che vorranno aderire all’iniziativa.

La mia razza in 40 righe “Racconti brevi. Storie di vita quotidiana. Aneddoti divertenti. Una razza: che passione! Dalla città alla campagna… … E tutto ciò che racconta la vita condivisa con la scelta di un cane.” I RACCONTI SARANNO PUBBLICATI SULLA RIVISTA “I NOSTRI CANI” E SUL SITO DELL’ENCI INFORMAZIONI TESTO: in formato di scrittura (Word o similari - NO pdf). Lunghezza massima: 4.000 battute (spazi esclusi). FOTO: è possibile allegare 1 foto in formato Jpg o Tif in alta risoluzione. Avvertenze: non impaginare. Testo e foto, separati. INVIARE racconti, foto e liberatoria a: racconti@enci.it. Avvertenze: ad ogni e mail, allegare solo 1 racconto ed 1 foto. È possibile inviare più racconti dello stesso autore con e mail distinte. LIBERATORIA Per la pubblicazione gratuita sulla rivista “I Nostri Cani”, sul sito www.enci.it e su qualsiasi altra pubblicazione dell’ENCI si deve allegare all’invio la seguente dichiarazione: Il sottoscritto: nome, cognome, indirizzo, recapito telefonico. Autorizza la pubblicazione, sulla rivista I Nostri Cani, sul sito www.enci.it e su qualsiasi altra pubblicazione dell’ENCI, del racconto e della foto allegati alla presente e mail. Dichiara altresì che gli stessi sono gratuiti e liberi da copyright. L’iniziativa terminerà il 31 dicembre 2018 Si ringraziano con anticipo tutti gli appassionati che vorranno aderire all’iniziativa.


RUBRICA GRATUITA RISERVATA AI SOCI ENCI ACCESSO ALLA RUBRICA BEST IN SHOW: 1°, 2°, 3° classificato (compresi Coppie, Gruppi, Giovani, Veterani) RAGGRUPPAMENTO: 1°, 2°, 3° classificato RADUNI E SPECIALI DI RAZZA: BIS: 1°, 2°, 3° - BOB-BOS

successi all’estero 2018

1° classe campioni, libera, intermedia, lavoro, giovani, veterani

INDICARE nome del cane, razza, luogo e data expo, classifica, giudice, allevatore, proprietario. Le inserzioni incomplete, verranno cestinate Inviare a redazione@enci.it I NOME DEI CANI, ALLEVATORI E PROPRIETARI DEVONO CORRISPONDERE AL LIBRO GENEALOGICO. LA REDAZIONE NON È RESPONSABILE DI EVENTUALI ERRORI DAL NUMERO DI GIUGNO SOLO SUCCESSI OTTENUTI NELL’ANNO 2018

ANTARES DI CASA GHINI Lagotto Romagnolo Speciale di Budapest (H)18/2/18 BOB

Giudice Márkus Anita Allevatore e propr. Maurizio Ghini

IKUMI GO DI BORDAKITAINU KENSHA CRUFTS 2018 Akita Inu Accesso alla rubrica per i soggetti CRUFTS di Birmingham (UK) 10/3/2018 di allevamento e/o proprietà BOS italiana che abbiano ottenuto il 1° posto nella classe d’appartenenza, oltre a BOB-BOS e risultati nel Ring d’Onore

ELFIN Welsh Springer Spaniel National D’ Elevage di Montlucon (F) 17/3/18 1° ECC Cl. Lavoro

Giudice Dominique Cornet-Gougon Allevatore Barbara Cavagna Proprietario Davide Mori

Giudice S. Rann Allevatore e propr. Luigi Caccavaro

DAMMI UN DADO DEL SACRO FIUME Bovaro del Bernese CRUFTS Birmingham (UK) 8/3/18 1° Cl. Post Graduate

Giudice A. Haden Allevatore Allev. del Sacro Fiume Proprietario Valeria Sozzi

SONNETEND INDIANA JONES Field Spaniel National d’ Elevage Montlucon (F) 17/3/18 1° ECC Cl. Lavoro Giudice Dominique Cornet-Gougon Allevatore Deborah e Martin Stone Proprietario Davide Mori

47


successi all’estero

BLUESTARYORKY FATAL BEAUTY Yorkshire Terrier Expo Rijeka (HR) 24/2/18 3° classificato gruppo 3

Giudice Otto Krcal Allevatore e proprietario Milena Frizzi

PUSSYCAT DE POMPADOUR Papillon Club Show Egnach (CH) 1/4/18 2° BIS Veterani Giudice P. Stanton Allevatore Zuzana Nouzakova Proprietario Barbara Mascherpa 48

BANDITO ARES HUANG DI Shar Pei Raduno di Celje (SLO) 17/2/18 1° ECC Miglior Giovane Giudice Viera Staviarsk Allevatore Silvia Vannucci Proprietario Susanna Taddei

VANITY FAIR’S AXEL ROSE Bouledogue Francese Expo di Banja Luka (BIH) 11/3/18 2° classificato Best in Show

Giudice Viktor Shiyan Allevatore e propr. Aleksandra Stranic

SHIRA VICTORY NEVER MIND Shar Pei Raduno di Celje (SLO) 17/2/18 BOS Giudice Viera Staviarska Allevatore Victoria Matrai Proprietario Silvia Vannucci

ARTAIGAS QUIET WARRIOR & BABY SNOWFLAKE Samoiedo Expo di Graz (A) 3/3/18 2° BIS Coppie

Giudice Collette Muldoon All. Stefania Amicucci, Andrea Benati Proprietario Andrea Benati


successi all’estero

ARIMMINUM IRYS L’ESPRIT DU LOUP Cane Lupo Cecoslovacco Expo di Rimini 27/1/18 1° classificato gruppo 1 Giudice Korozs Andras Allevatore Sarka Matrasova Proprietario Laura Scaglia

ISCO Boxer fulvo Speciale di Salzburg (A) 8/4/18 1° ECC cl. Giovani

Gudice Ingeborg Sonnweber Allevatore Stefano Pellicanò Proprietario Alex Cagnin

SHINING STAR’S HEART’S HUNTER American Staffordshire Terrier Club Show di Salzburg (A) 8/4/18 BOB Giudice Vladimir Mihajlicic

Expo di di Maribor (SLO) 21/4/18 2° classificata gruppo 3

Giudice Vlado Piskay Allevatore e propr. Marco Fantinel

ATENA MY BEAUTY QUEEN HUANG DI Shar Pei Raduno di Celje (SLO) 17/2/18 CAC Cl. Intermedia Giudice Viera Staviarska Allevatore e propr. Vannucci Silvia

DAHABI FLAMINIA Saluki frangiato Expo di Rijeka 24/2/18 2° classificato gruppo 10 Giudice Sanchez Delrue

Expo di Rijeka 25/2/18 3° classificato gruppo 10 Giudice Maija Lehtonen Allevatore Raffauf Lipp Utta Proprietario Nicoletta Bonza

BALBOA NEMBO KID Kerry Blue Terrier National Terrier di Stafford (UK) 7/4/18 1° classificato Best in Show Giudice P. Eardley Allevatori Roberto Tasselli Proprietario Davies Philip Russul

49


successi all’estero

RED VELVET CUPCAKES Bloodhound - Chien De Saint Hubert Expo di Rijeka (HR) 24/2/18 3° classificato Best in Show

Giudice Irina Poletaeva Allevatore e proprietario Matteo Arena

JOSEPHINE DELLA ROCCA DEI PATOUS Cane da Montagna dei Pirenei Speciale di Lyon (F) 22/4/18 BOS

Giudice M. Procureur Allevatore Allev. della Rocca dei Patous Proprietario Lucia Giraldi

SEDUCEME BAILANDO SUMMER DEL TEMPIO DEGLI SHAR PEI Shar Pei Expo di Lamia (GR) 21/1/18 BOB Giudice Lila Leventaki Allevatore e propr. Deborah Caruso

PANDEMONIUM DI MONTE TONICO Australian Cattle Dog Expo di Celje (SLO) 7/1/18 3° Junior BIS Giudice Paul Stenton Allevatore Francesco Bianchi Proprietario Maja Ignazzi 50

KOUGAR KING SPECIALE PIPERITA VIOLETTA JRT Jack Russell Terrier Speciale di Maribor (SLO) 21/4/8 CAC cl. Intermedia

Giudice Andela Ban Allevatore e propr. Monica Bottigelli

W-ANGELINE OF IMPERIAL GRACE Alano nero Expo di Maribor (SLO) 21/4/18 1° classificata gruppo 2 Giudice Milovan Mrdak Allevatore Diana Minaeva Proprietario Susanna Cavazza


successi all’estero

IL GRANAIO DEI MALATESTA COOKIE MONSTER Lagotto Romagnolo Expo di Madrid (E) 28-29/4/18 3° Junior BIS DRAGONJOY DREAM OF THE STARS Welsh Corgi Pembroke Expo di Pohorje (SLO) 22/4/18 1° classificato Best in Show

Giudice Razza Ana Mesto Allevatore Benelli Monica Proprietario Palma Rodler

PARADIZ RONADO FLOWER OF PEPE Carlino Raduno di Maribor (SLO) 21/4/18 CAC cl. Intermedia Giudice Željko Gajic Allevatore Irina Revyakina Ciuti Proprietario Giovanni Mandoliti

Giudice S. Løvenkjær Allevatore e propr. Allev. Dragonjoy

FANTASY GIN SHEN TE CHOWS PARADIZ RONADO VALENTINO Chow-Chow IL VINCITORE Expo di Salisburgo (A) 7/4/18 Carlino 1° classificato Best in Show Raduno di Maribor (SLO) 21/4/18 Giudice Marja Talvitie Allevatore e proprietario Andrea Jurcan BOS Giudice Željko Gajic Allev. e prop. Irina Revyakina Ciuti

NUR-AL-NAR DEL COLLE OMBROSO & BLACK-DHARMA DEL COLLE OMBROSO Pastore Belga Groenendael World Championship di razza a Ajdovscina (SLO) 29/4/18 1° BIS Coppie Giudice Marie-France Varlet Allev. e pr. Allev. del Colle Ombroso

51


successi all’estero

MAGARI DEI BACI DI DAMA Pastore Belga Malinois Club Show di Ajdovscina (SLO) 29/4/18 BOB

Giudice Marie France Varlet Allev. e propr. Alleva. dei Baci di Dama

JUS DE FRUIT DEI BACI DI DAMA Pastore Belga Malinois Club Show di Ajdovscina (SLO) 29/4/18 Cl. Campioni F 1° Ecc. Giudice Marie France Varlet Allevatore Allev. dei Baci di Dama Proprietario Natassa Kost

MOWGLI DEI BACI DI DAMA Pastore Belga Malinois Club Show Ajdovscina (SLO) 28 /4/18 2° classificato Best in Show Giudice Marie France Varlet Allevatore Allev. dei Baci di Dama Proprietario Massimo Marsilli

LIRIEL DELLE NEBBIE DI AVALON Pastore della Brie Speciale di Valence (F) 3/3/18 Cl. Libera CAC

Giudice M. Pecoult Allevatore e proprietario Luigino Chiea

DEFINITIVE CHERISH STARMAN Barbone media mole Expo di Zadar (HR) 29/4/18 1° classificato gruppo 9 Giudice Francisco Ruiz

Expo di Zadar (HR) 30/4/18 2°classificato gruppo 9 Giudice Victor Lobakin Allevatore Donatella Liurni Proprietario Nicola Pace

52

GIPSY Papillon Raduno di Maribor (SLO 21/4/18 BOS

Giudice Åge Gjetnes Allevatore e proprietario Anna Valle


successi all’estero

UNITED SPOTS YULEE Dalmata Expo di Montecarlo (PM) 6/5/18 1° classificato gruppo 6

Giudice J.H.De Mello Allevatore Lucia Fiorella Colombo Proprietario Lidia Valenti

PIGOT STACEE JAXX Yorkshire Terrier Speciale di Saxsonia (D) 5/5/18 1° classificato Best in Show

Giudice Malgorzata Zakrzewska Allevatore e propr. Patrizia Casadei

ARISTOTELE DEL PARNASO Dalmata Speciale di Alès (FR) 1/4/18 1° classificato gruppo 6 Giudice C. Masuez Allevatore Manola Poggesi Proprietario D. Soldati

ELFIN Welsh Springer Spaniel Speciale di Montlucon (F) 18/3/18 CAC Cl. Lavoro SONNETEND INDIANA JONES Field Spaniel Speciale di Montlucon (F) 18/3/18 R/CAC Cl. Lavoro

Giudice Catherine Jacquier-Graveleau Allevatore D. e M. Stone Proprietario Davide Mori

Giudice Catherine Jacquier-Graveleau Allevatore Barbara Cavagna Proprietario Davide Mori

JERMANN - WHERE THE DREAMS HAVE NO END Bovaro del Bernese Expo di Salzburg (A) 7-8 /4/18 1° classificato Best in Show

Giudice Lisbeth Mach Allevatore Letizia Virgili Proprietario Sara Giulia Copercini 53


successi Italia

RUBRICA GRATUITA RISERVATA AI SOCI ENCI

ACCESSO ALLA RUBRICA A PARTIRE DAL 1° GENNAIO 2017 1° classificato del Raggruppamento, compresi Coppie, Gruppi, Giovani e Juniores in Esposizioni Internazionali in Italia. 1°, 2°, 3° classificato del Best in Show generale INDICARE nome del cane, razza, luogo e data expo, classifica, giudice, allevatore, proprietario. Le inserzioni incomplete, verranno cestinate Inviare a redazione@enci.it I NOME DEI CANI, ALLEVATORI E PROPRIETARI DEVONO CORRISPONDERE AL LIBRO GENEALOGICO. LA REDAZIONE NON È RESPONSABILE DI EVENTUALI ERRORI DAL NUMERO DI GIUGNO SOLO SUCCESSI OTTENUTI NELL’ANNO 2018

HADA REINA Labrador Retriever Expo di Sassari 1/5/18 1° classificato gruppo 8

Giudice Maria Ceccarelli Allevatore Manuel Mutzu Proprietario Maria Antonella Nardelli

SEASIGHT DERRING-DO Siberian Husky Expo di Arezzo 11/2/18 2° classificato Best in Show

Giudice Pizzorno Allevatore e proprietario Patrizia Butera

I BRAVI RAGAZZI NOTHING ELSE & I BRAVI RAGAZZI EASY RIDER Bullmastiff Expo di Pistoia 10/2/18 1° BIS Coppie Giudice Pietro Marino Allevatore Nadia Furlon Proprietario Paola Montemurro 54

LUPO, FAUSTOLO, LICIO, FAUNO E IZABEL DI SANTAMARIA Pastore Maremmano Abruzzese

Expo di Pisotia 10/2/18 1° BIS Gruppi

Giudice Gianni Fulgenzi Allevatore e propr. Alfonso Cosentino


successi in italia

IKUMI GO DI BORDAKITAINU KENSHA Akita Expo di Catanzaro 25/3/18 1° classificato gruppo 5 Giudice Francesco di Paola Nuzzo Allevatore Gianfranco Caccavaro Proprietario Luigi Caccavaro

WALLFUGH INK TO NIRENO PICTURE Welsh Corgi Pembroke Expo Montichiari 7/4/18 1°classificato gruppo 1 Giudice Petru Muntean Allevatore e propr. Allev. Wallfugh

BALBOA CADILLAC Kerry Blue Terrier Expo di Montichiari 7/4/18 1° classificato gruppo 3 Giudice Baic Boris

Expo di Montichiari 8/4/18 1° classificato gruppo 3

MOONLIGHT SHADOW DREAM POLAR Samoiedo Expo di Massa Carrara 7/1/18 1° BIS Juniores Giudice Giorgi Arianna Allevatore e proprietario Silvia Nieto

Giudice Nina Karlsdotter Allevatore Roberto Tasselli Proprietario Selene Virzì

BLU EMPEROR OF NEWFOUNDLAND HILLS Terranova Expo di Livorno 14/4/18 2° classificato Best in Show

Giudice Frank Kane Allevatore e propr. Domenico De Vitto

SENICHI GO & YUKA GO DEL BIAGIO Shiba Expo di Montichiari 8/4/18 1° BIS Coppie

Giudice Orietta Zilli Allevatore e propr. Giuseppe Biagiotti 55


successi in italia

CRIXUS EMPEROR OF NEWFOUNDLAND HILLS Terranova Expo di Novara 29/4/18 1° classificato gruppo 2 Giudice Rita Kadica Skadina Allevatore Domenico De Vitto Proprietario Luciana Aulicino

ISABEL Piccolo Levriero Italiano Expo di Marsala 22/4/18 1° classificato gruppo 10

Giudice Antonino La Barbera Allevatore e propr. Filippo Battaglia

GREAT SOUL DEL PICCOLO JIGO Alano fulvo Expo di Montichiari 8/4/18 1° classificato gruppo 2 Giudice A. La Barbera

Expo di Ravenna 25/4/18 1° classificato gruppo 2

Giudice Eytan Hendel Allev. e propr. Allev. del Piccolo Gigo

SHUBENACADIE TIFFANY Siberian Husky Expo di Forlì 28 /1/ 18 1° classificato gruppo 5 Giudice Orietta Zilli Allevatore Sonia Lomi Proprietario Davide Capanni

MARYLAND BEATRICE Kerry Blue Terrier Expo di Marsala 22/4/18 1° classificato Best in Show Giudice Giulio Bezzecchi Allevatore Filippo Russo Proprietario Simona Caltabiano

BOKLAWOOD DI GREYS BETH Weimaraner p/c Expo di Marsala 22/4/18 1° classificato gruppo 7 Giudice Antonino La Barbera

KAJ KAVALIER+BOKLAWOOD +IMA DI GREYSBETH Weimaraner p/c Expo di Marsala 22/4/18 1° BIS GRUPPI Giudice Bezzecchi G. Allevatore e propr. Allev. GreysBeth

56


C L U B ASSOCIAZIONE ITALIANA ALPENLAENDISCHE DACHSBRACKE Con la consueta e numerosa partecipazione di conduttori ed appassionati si è svolta il 29 aprile scorso la prova per cani da traccia di sangue,riservata agli Alpenlaendische dachsbracke, organizzata dall’associazione Italiana alpenlaendische dachsbracke in collaborazione con il Gruppo Cinofilo Spezzino, Ferdercaccia Sez. di Migliarina e Urca La Spezia. La prova, svolta come di consueto negli splendidi boschi di Casoni di Suvero (SP) e favoriti da una splendida giornata di sole, ha raccolto il favore dei partecipanti e dei giudici sia per la locazione ambientale sia per la competenza con cui sono state preparate le tracce dagli organizzatori Stefano Conte e Paolo Salvemini. Tutti i partecipanti hanno dimostrato forte affiatamento con gli ausiliari e grande serietà nell’approccio a questa particolare e difficile disciplina. Un particolare e sentito ringraziamento va ai giudici Stelio Oliastro e Amedeo Serraino che hanno fornito graditi consigli e

SOCIETA’ ITALIANA BASSET HOUND PROVA DI LAVORO A REGGIO EMILIA In data 14 e 15 aprile 2018 si è tenuto a Reggio Emilia presso il Centro Cinofilo La Capanna, il 1°STAGE DI PROVA DI LAVORO SU TRACCIA DI SANGUE E SEGUITA DELLA LEPRE ESCLUSIVAMENTE PER CANI DI RAZZA BASSET HOUND. In questo stage, i relatori Costantino Martinelli (segugista), Lugli Giuseppe (segugista), Nironi Franco (addestratore), Zeni Cristina (educatore cinofilo) e Candian Marco (esperto giudice), hanno trattato con teoria in aula e pratica sul campo, le tematiche dell’addestramento e delle prove per i cani della nostra amatissima razza. Come primo stage abbiamo riscontrato una buona affluenza, sia da parte degli allevatori che da parte di privati, che hanno portato in totale ben 18 Bassethound tra cuccioloni e adulti. I partecipanti hanno potuto “rispolverare” la parola “segugio” dai loro cani e molti sono rimasti piacevolmente stupiti nel vedere i loro amici a 4 zampe divertirsi nel seguire la traccia di sangue e soprattutto nel correre tra i prati alla ricerca della lepre, (che qualcuno ha poi scovato e braccato). Si è trascorso un piacevole week end, sia per i proprietari ma soprattutto per i cani che hanno riscoperto la loro natura di cani da caccia. Con l’appoggio della Società Italiana Basset Hound, verranno organizzati altri incontri come questo, auspicando sempre una maggiore partecipazione sia da parte degli allevatori che dei privati, che potranno così testare di persona quanto e bello vedere un Basset Hound lavorare sul campo. Probabilmente entro l’anno, si potrà preparare una prima prova inizialmente su traccia di sangue per chi ha partecipato a questo stage, per poi passare nel 2019 alla preparazione della prova su lepre. Ringrazio tutti

1° Lola della Valle degli Oscar CAC considerazioni durante la premiazione. La prova si è conclusa con la seguente classifica:

Reggio Emilia. Il seminario

Reggio Emilia. Cena sociale

Reggio Emilia. Prova di lavoro i partecipanti e i relatori che hanno reso questo week end speciale e divertente.” Greta Badodi RADUNO di MONTICHIARI (BS) 8/4/2018 GIUDICE: CLAUDIO DE GIULIANI RISULTATI MASCHI LIBERA 1° CARBONCOPY NAME OF THE GAME CAC-BOS PR.TREMUL FRANCESCO ALL. FEDERICO SANGUINETTI 2° DANTE DEI TRENTAROSSI ECC PR. ABBIATI ALESSANDRA ALL. TRENTAROSSI FRANCESCO INTERMEDIA 1° BUFFOBASS SKY HIGH R/CAC PR. SCHEMBARI CARMELO ALL. MARIA AKINDINOVA 2° KUORII LIME ECC PR. E ALL. TRANCHINA MADDALENA GIOVANI 1° BASSSCOTT SPARTACO MB MIGLIOR GIOVANE PR. CINZIA DE VINCENZO ALL. GILIOLA NEGRO JUNIORES 1° PERDINDIRINDINA DELLA TERRA DEI TEMPLARI MP MIGLIOR JUNIOR PR. TREMUL FRANCESCO ALL. DELLA TERRA DEI TEMPLARI BABY 1° GOFFREDO REAL BAGHETTE MP

Classe Libera 1° Lola della Valle degli Oscar 64,00 ECC/CAC 2° Lamù degli Alma Orlandi 62,50 ECC 3° Baldo du Tugnin du 49,50 49,60 MB ASSOCIAZIONE ITALIANA ALPENLAENDISCHE DACHSBRACKE C/O GR. CIN. SAVONESE VIA SABAZIA 42 R 17047 VADO LIGURE (SV) Tel. 019 881139 Fax 019 884282 dachsbrackeitalia@gmail.com http://www.dachsbrackeitalia.it

Reggio Emilia. Il giudice osserva il lavoro del cane

57


C L U B

BOB e BOS Montichiari 2018 MIGLIOR BABY PR. E ALL. MUGAVERO FRANCESCO FEMMINE LIBERA 1° DROVERSTALIA R/CAC PR. FLORINDA MORETTI ALL. GRETA BADODI 2° AMELIE ECC PROPR. CASCETTI ARMANDO

Basset Hound. Miglior giovane

SOCIETÀ ITALIANA BASSET HOUND C/O ANDREIS NICOLA VIA SAN CESARIO 12/A 25075 NAVE (BS) Tel. 338-7474629 Alt. 329-6734779 Fax 030-2535392 bassethoundclub@tiscali.it http://www.bassethoundclubitalia.org

RADUNO ANNUALE DEL CLUB ITALIANO DEL BEAGLE, BEAGLE-HARRIER, HARRIER Colle di Val d’Elsa 15 aprile 2018

Basset Hound. Miglior juniores

BEAGLE GIUDICE SIMONE PANERAI MASCHI CAMPIONI 1ECC. CIAKO DELL’ETRURIA 2000 Allev. e Pr. Pieracci Paolo 2 ECC. AMMIRABEL ERIC AT MOONLIGHTSKY Allev. e Pr. Allev. Ammirabel

Basset Hound. Foto di gruppo a Montichiari 2018

58

BEAGLE BOB e BOS

BEAGLE HARRIER BOB e BOS LAVORO 1 CAC - PERRY DELL’ISOLA DI IOS Allev. e Pr. Allev. dell’Isola di Ios 2 B LEO - Pr. Barone Giuseppe LIBERA 1 R/CAC - SALGA ZEUS Allev. Salga Pr. Fassone Mattia 2 ECC. MISTYC Allev. e Pr. Campacci Gianluca


C L U B INTERMEDIA 1 CAC BOS TINIO DELL’ETRURIA 2000 Allev. Pieracci Paolo Pr. Di Pietro Patrizia 2 MB SNOOPY DEL MONTE SORATTE Allev. Botel Cristina Pr. Ilaria Palmieri GIOVANI 1 ECC SALGA JOLLY ROGER Allev. e Pr. Allev. Salga JUNIORESI 1 MP NEMO Allev. Ascani Rita Pr. Campacci Gianluca FEMMINE CAMPIONI 1 ECC. BOB BIS ALOTORIUS OLD GLORY JUST IN TIME Allev. Szwalek M Pr. Allev. Salga 2 ECC. FALERI DELL’ETRURIA 2000 Allev. e Pr. Pieracci Paolo LAVORO 1 CAC HEY JUDE DELL’ISOLA DI IOS Allev. e Pr. Allewv. dell’Isola di Ios 2 R/CAC AMMIRABEL BERYL Allev. e Pr. Allev. Ammirabel LIBERA 1 CAC SALINA DELL’ETRURIA 2000 Allev. e Pr. Pieracci Paolo 2 R/CAC LADY RAY OF SUNSHINE Allev. Alessio Panci Pr. Ascani Rita INTERMEDIA 1 ECC. PENEOLPE ANN MILLE IS GAIL DELL’ISOLA DI IOS Allev. e Pr. Allev. dell’Isola di Ios GIOVANI 1 ECC. MIGLIOR GIOVANE - AMMIRABEL FLEA Allev. e Pr. Allev. Ammirabel 2 E CC. SALGA SKYFALL Allev. e Pr. Allev. Salga VETERANI 1 ECC. RHIANNA Allev. e Pr. Allev. Ammirabel JUNIORES 1 P FERONIA DELL’ETRURIA 2000 Allev. e Pr. Pieracci Paolo

CAO DE AGUA CLUB ITALIA ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE DI MONTICHIARI 8 aprile 2018 MOSTRA SPECIALE CAO DE AGUA Iscrizioni in aumento e bellissimo spirito di gruppo: questa in sintesi la giornata della speciale Cao di Montichiari, di cui riportiamo i risultati. BOB, BOB GIOVANI: Mosè do Lusiadas (M) CAC, R/CACIB: Leonetto Leon Balkis do Lusiadas (M)

Montichiari. CAC

CACIB Terra de Setubal (M) R/CAC Leao Bamboo do Lusiadas (M) Un ringraziamento speciale e doveroso a Orietta Zilli che ha giudicato, come sempre, con professionalità e competenza e al presidente Dino Muto che ha seguito con noi i giudizi a bordo ring e ha partecipato con simpatia alle foto finali di rito. CAO DE AGUA CLUB VIA MAZZINI 27 50050 GAMBASSI TERME (FI) Regione: TOS Tel. 349-5789127 Fax 049-8717269 info@caodeaguaclub.it http://www.caodeaguaclub.it/

Montichiari. CACIB e BOB

BEAGLE HARRIER GIUDICE SIMONE PANERAI MASCHI CAMPIONI 1 ECC. BOB Riserva di BIS ETTORE Allev. Bertocci Mario - Pr. Barone Giuseppe LAVORO 1 CAC FARUK Allev. e Pr. Bertocci Mario 2 R/CAC Allev. e Pr. Allev. della Rondinina LIBERA 1 CAC REN Allev. e Pr. Bertocci Mario GIOVANI 1 MB NESQUIK DU PLATEAU DU CAURE Allev. M. Bonnet Stephane Pr. Allev. della Rondinina LAVORO 1 CAC HALTE DU PECH DE BRENZY - Allev. Tuffal Gerard - Pr. Allev. della Rondinina 2 MB HELKA DU PECH DE BRENZY - Allev. Tuffal Gerardo - Pr. Allev. della Rondinina LIBERA 1 CAC PALLINA Allev. e Pr. Bertocci Mario 2 R/CAC LEA DELLA RONDININA Allev. e Pr. Allev. della Rondinina MIGLIOR COPPIA ASSOLUTA DEL RADUNO EUGENIO DI MONTE ERICE – MYDEA DI MONTE ERICE MIGLIOR GRUPPO ASSOLUTO DEL RADUNO AMMIRABEL ERCI – AMMIRABEL FLEA – AMMIRABEL BERYL SOCIETA’ ITALIANA PRO SEGUGIO SEZIONE CLUB BEAGLE, BEAGLE-HARRIER e HARRIER Vincenzo Todaro monteerice@libero.it www.beagleclub.it

Montichiari. Foto di gruppo con il presidente Dino Muto

59


C L U B SOCIETÀ ITALIANA COLLIES Speciale Collies Internazionale di Reggio Emilia 18 marzo 2018 Giudice Pietro Bottagisio COLLIE ROUGH MASCHI Campioni 1 MB MOPAVA POLAR SUN GOLD All. Mopava Pr.. Prandstraller Libera 1 CAC CACIB BOS STEADWYN BLUE LEGEND All. .Ejerstad Pr. Falletto 2 R/ CAC - R/CACIB DOPPIO ORGOGLIO DI CAMBIANO All. Garabelli Pr. Canigiani Intermedia 1 MB BOHUN ACTIS POLAND All. Zasun Pr. Cozza 2 MB ZODIACO DELL’ISOLA DEI COLLIES All. e Pr..Benaglia

Campioni Maschi Giovani 1 ECC NOT IN MY NAME DI CAMBIANO All. di Cambiano Pr.Rota FEMMINE Campioni 1 ECC CACIB WICANI POSHLY DRESSED All Harvey Pr. Lombardi Libera 1 CAC R/CACIB GIULY’S DREAM J’ADORE LE BLEU All. Cuccu Pr. Celestini 2 ECC GIULY’S DREAM LA VITA E’ BELLA All. e Pr. Cuccu Intermedia 1 ECC BRIGHT BRIGITTE Al.l e Pr. Masetto 2 ECC JOLLY BLUE DAY DI CAMBIANO All. Di Cambiano Pr. Falletto Giovani 1 ECC MIGLIOR GIOVANE BOB GIUL’S DREAM MADE IN ITALY All. e Pr. Cuccu 2 ECC NEW WAVE DI CAMBIANO All. Garabelli Pr. Gizzi

Collie Rough. BOB

Collie Smooth BOB

60

COLLIES SMOOTH FEMMINE Veterani 1 ECC Miglior Veterano BOB 2° BOG ONEW AY’S WORKING FOR PEANUTS All. Savlund Pr. Gallini Libera 1 CAC CACIB MIGHTY’S SPRING MEADOW NIA NEALA All. Semianova Pr. Pacini Giovani 1 MB VITTORIA CASABOCCI All. e Pr. Gallini Juniores 1 P ZARINA CASABOCCI All. l e Pr. Gallini

Libera Maschi

RELAZIONE DEL GIUDICE Come prima cosa vorrei ringraziare il Collie Club per avermi invitato a giudicare la Speciale Collie in seno all’Esposizione Internazionale Canina di Reggio Emilia. E’ stato per me un reale piacere. Mi sono approcciato al giudizio di questa Speciale di Razza con lo spirito di sempre, con il medesimo rigore, rispetto e serietà che la mia passione mi impone. Il Collie è una razza da lavoro, selezionata fin dalle sue origini per il lavoro su gregge pertanto deve possedere quella che amo definire “bellezza funzionale”. Ciò significa che qualità fondamentali quali la costruzione, la solidità, i giusti volumi della cassa toracica, il pelo oltre all’equilibrio delle sue andature unite ad un carattere stabile ed energico devono potergli permettere di lavorare per l’intera giornata. Il carattere è, senza ombra di dubbio, un aspetto essenziale. !n buona sostanza, soprattutto per un cane da pastore, il corpo deve seguire lo spirito! Tutto ciò deve essere poi completato da una bella testa, espressione di quelle caratteristiche perfettamente contemplate dallo Standard di Razza. Il Collie è un cane che deve immediatamente distinguersi per la sua incredibile bellezza, dignità e distinzione, fatta di linee pulite, mai rozzo o grossolano. La testa ovviamente dovrà essere coerente con il resto del corpo. Ecco quindi che a farla da padrone saranno i giusti rapporti tra cranio e muso, il comportamento degli assi cranio-facciali superiori, l’occhio e la sua espressione e ovviamente l’inserzione ed il portamento delle orecchie. Per non parlare poi dei giusti profili. Ho ritenuto opportuno illustrare a voi tutti la mia personale visione del Collie al fine di permettervi di capire meglio la logica dei miei giudizi. Ho posto molta attenzione al movimento, chiedendo agli espositori alcuni giri di ring, in modo da poter cogliere all’istante quei soggetti che, grazie ad una corretta costruzione, esprimevano delle andature tipiche, elastiche, efficaci, andature appunto “funzionali”. Purtroppo ho riscontato molti soggetti mancanti di tono muscolare, di brio e della giusta copertura di terreno che, dopo un solo giro di ring, apparivano affaticati. Non bisogna dimenticare che il movimento è una caratteristica distintiva della Razza. Estremamente ricorrenti i difetti a carico degli appiombi posteriori, con inevitabili ripercussioni nel meccanismo di marcia. Gli appiombi anteriori erano mediamente più corretti tuttavia ho riscontrato in taluni soggetti avambracci un po’ corti ma soprattutto angolazioni scapolo-omerali mancanti della giusta angolazione. Attenzione alle linee dorsali, spesso mancanti della giusta tensione, ed alle code, sovente troppo corte e con un portamento non ideale. Vorrei soffermarmi un istante anche sulla tessitura del pelo.


C L U B

Intermedia Maschi

Libera Femmine

Intermedia Femmine (foto F. Ghetti)

Campioni Femmine La corretta qualità del pelo è fondamentale per un cane da pastore il quale, lavorando tutto il giorno all’aperto e quindi esposto alla variabilità climatica (pioggia, vento, neve….) deve poter essere dotato di un mantello che eserciti la giusta protezione al corpo, mantenendolo caldo ed asciutto. Come può un pelo di copertura lanoso, elastico e soffice al tatto, esageratamente profuso ed abbondante essere funzionale al lavoro che il cane da pastore deve svolgere? Come può quel tipo di pelo risultare repellente alla pioggia proteggendo il sottopelo del cane permettendogli di mantenerne la corretta temperatura nei mesi freddi? Non può! Ecco perché in una fase di verifica zootecnica come lo è una Speciale di Razza, tutti questi aspetti indesiderati vanno segnalati e penalizzati. Ho volutamente lasciato per ultime le considerazioni sulla testa. La testa, in ogni Razza, identifica il “tipo”. Ogni Razza ha un solo tipo, quello conforme allo Standard. Sono assolutamente in disaccordo con coloro che, parlando di Collie, parlano di “tipi diversi” - quello classico, quello scandinavo, quello moderno, ecc… - senza rendersi conto che in realtà, proprio

riferendosi allo Standard, esistono solo Collie corretti e pertanto belli e Collie scorretti. A mio avviso si deve fare molta attenzione a non andare verso derive del tipo: attenzione agli occhi piccoli ed infossati privi di espressione o peggio ancora con espressioni dure, attenzione a musi un filo corti, attenzione alle teste tendenti al grossolano

prive della classe, dell’eleganza e della raffinatezza che da sempre contraddistinguono un Collie, attenzione alle orecchie inserite basse, attenzione agli stop marcati!!! Molto interessanti i vincitori delle rispettive classi ed alcuni dei soggetti classificati entro i primi quattro. Tipo impeccabile, costruzioni adeguate e buoni movimenti. Il miglior maschio, un bell’esemplare Blue Merle, si imponeva con una certa facilità grazie alla sua tipicità, classe, distinzione, colore e presenza, dovendosi poi inclinare per il migliore di Razza dinnanzi ad una giovane dal futuro certo che mi ha letteralmente rapito non soltanto per la tipicità, la presentazione e la costruzione ma soprattutto per un movimento elastico, facile, coprente, razionale insomma, un vero cane da pastore! Pietro Bottagisio SOCIETÀ ITALIANA COLLIES C/O CAZZANIGA - VIA PIETRO BIANCHI 28 27049 STRADELLA (PV) Tel. 0385-245615 segreteriacollies@virgilio.it http://www.societaitalianacollies.com/

Giovani Maschi

61


C L U B CLUB ITALIANO LEONBERGER XXXI CAMPIONATO SOCIALE E RADUNO INTERNAZIONALE BORGO PRIOLO (PV) 21 e 22 APRILE 2018 Il 21 e 22 Aprile si è svolto in un clima più estivo che primaverile il XXXI Campionato Sociale del Club Italiano del Leonberger, l’appuntamento più importante dell’anno per gli amanti della razza. Nello splendido scenario dell’Agriturismo Trorrazzetta, immerso nelle colline della campagna lombarda, numerosa è stata la partecipazione ai due appuntamenti del sabato pomeriggio: il Seminario sul linguaggio dei cani e sui meccanismi della comunicazione nel binomio uomo-cane, e lo Stage di Handling che ha visto cimentarsi anche i meno avvezzi al ring (a due e quattro zampe)! L’entusiasmo è culminato nel momento conviviale

CAMPIONESSA SOCIALE 2018, CAC, BOS, Miglior Movimento. MAMMA MIA CHE GNOCCA DELL’IRTA FAVOLA – All. e Pr. Stefania Bonati

Campione sociale 2018, CAC, BOB, Trofeo Lucio Migni (Miglior testa ed espressione): APOCALYPSE NOW XXX – All. e Pr. Francesca Molinari

della cena sociale, con le premiazioni del concorso fotografico, e con la consegna dei Trofei Leonberger 2018, degli attestati ai Campioni Sociali 2017 e ovviamente dell’importante “Millenium Leonberger Award”, assegnato a Evelyne Pambou-Makaya, che ha poi giudicato con massima professionalità, il giorno successivo, gli oltre cinquanta cani iscritti. Grande è stata la soddisfazione di tutti nel vedere concorrere soggetti per ogni classe dai cuccioli ai veterani, passando per una classe libera molto affollata e competitiva.

Il Direttivo del Club Italiano del Leonberger

GIOVANE CAMPIONESSA SOCIALE. PETITE JOLIE DELL’IRTA FAVOLA All. Stefania Bonati Pr. Olga Vangelisti

62

A margine della competizione, si sono svolte le importanti Prove di Attitudine all’ allevamento, sotto l’attenta e competente valutazione (morfologica e comportamentale) del giudice Guido Vandoni. L’augurio è che l’entusiasmo percepito in questa occasione sia filo conduttore per tutte le iniziative organizzate dal club che seguiranno, da quelle più ludiche e amicali quali passeggiate e incontri conviviali, a quelle più tecniche ed istituzionali quali seminari e mostre speciali, nell’ottica di un costante miglioramento e di una consapevole salvaguardia di questa meravigliosa razza. Sulla pagina Facebook del Club Italiano del Leonberger potrete trovare tutte le foto e i risultati completi.

GIOVANE CAMPIONE SOCIALE, MIGLIOR GIOVANE. NUMBER ONE ANAT DU TIGRE DES BLACONNES All. Fabienne Vesin Pr. Patrick Vesin CAMPIONE SOCIALE CAC BOB APOCALYPSE NOW XXX All. e Pr. Molinari Francesca CAMPIONESSA SOCIALE CAC BOS MAMMA MIA CHE GNOCCA DELL’IRTA FAVOLA All. e Pr. Bonati Stefania GIOVANE CAMPIONE SOCIALE - MIGLIOR GIOVANE NUMBER ONE ANAT DU TIGRE DES BLACONNES All. Fabienne Vesin Pr. Vesin Patrick GIOVANE CAMPIONESSA SOCIALE PETITE JOLIE DELL’IRTA FAVOLA All. Bonati Stefania Pr. Vangelisti Olga MIGLIOR PUPPY QUESTO E’ SNOOPY DELL’IRTA FAVOLA All. Bonati Stefania Pr. Basagni Iacopo MIGLIOR JUNIORES EASY PASSPARTOUT DETTO BYRON All. Piccolo Luigi Pr. Premi Gianmaria MIGLIOR VETERANO ALONG WITH YOU VOM VIETINGSHOF All. Alesya & Volker Oettle Pr. Seles Laura TROFEO LUCIO MIGNI - MIGLIOR TESTA ED ESPRESSIONE APOCALYPSE NOW XXX All. e Pr. Molinari F. MIGLIOR MOVIMENTO MAMMA MIA CHE GNOCCA DELL’IRTA FAVOLA All. e Pr. Bonati Stefania MIGLIOR COPPIA EURASIA VIKTOR (Pr. Piccolo Luigi) con ERACLEA FOR WAN KENOBY (pr. Prosperini Barbara) All. Piccolo Luigi MIGLIOR GRUPPO DI ALLEVAMENTO MAMMA MIA CHE GNOCCA DELL’IRTA FAVOLA, OLIVIA DELL’IRTA FAVOLA, PETITE JOLIE DELL’IRTA FAVOLA All. Dell’Irta Favola di Bonati Stefania CLUB ITALIANO LEONBERGER C/O PALUMBO VIA APPIANO ALESSANDRINO 43 86079 VENAFRO (IS) Tel. 0865-903937 - Alt. 338-4239728 - Fax 0865-903937 cil@leonberger.it - http://www.leonberger.it


C L U B SOCIETÀ ITALIANA AMATORI SCHAPENDOES 8° RADUNO NAZIONALE SCHAPENDOES VOLTA MANTOVANA 21/4/2018 GIUDICE: MARZIO SANTOPIETRO I MASCHI CAMPIONI Hector de la Vallée du Doux ECC 1 Gibson Van Amon De La Vallé du Doux ECC 2 LIBERA Ugo Malone Des Uns et Des Autres CAC BOS Un’Avventura Des Uns et Des Autres R/CAC GIOVANI Very Charming Mr. Bojangles Des Uns et Des Autres ECC 1

BOB e BOS

JUNIORES Nelwyn Du Bousquet Des Elfes 1 MP Noah Zane Du Bosquet Des Elfes 2 MP CUCCIOLI Whenever Whrever Des Uns et Des Autres 1 MP Best Puppy VETERANI Brami Vien Bien A Moi ECC 1 Best Veteran FEMMINE CAMPIONI Pixi Wings Des Uns et Des Autres ECC 1 BOB Fibby Caatje Tequila Slomart Tuft ECC 2 LIBERA Endless Love Affairs Autumn Dreams CAC Rubis Mon Amour Des Uns et Des Autres R/CAC GIOVANI Mein Racker Bailey trinity ECC 1 Best Young Valentine Moon Des Uns et Des Autres ECC 2 JUNIORES N’Arwen Du Royaume De Fanelia 1 MP Best Juniores

CUCCIOLI Schap Ovcji Koder My Bear Aria 1 MP VETERANI Ziquita Banana Des Uns et Des Autres ECC 1 Blue Moon’s Elfie des Uns et Des Autres ECC 2 1° Miglior Gruppo di Allevamento: Des Uns et Des Autres 2° Miglior Gruppo di Allevamento: Du Bosquet Des Elfes Fotografo: Annalisa Serroni SOCIETÀ ITALIANA AMATORI SCHAPENDOES VIA MOSCATELLO 8 46040 MONZAMBANO (MN) Tel. 0376-809235 info@schapendoesclub.it http://www.schapendoesclub.it

Prova conduzione su oche

CLUB ITALIANO SPINONI RADUNO SPINONI MENSA MATELLICA (RA) 7 APRILE 2018 Giudici Nanzio Mari: Femmine Luca Massimino: Maschi MASCHI BIANCO ARANCIO Campioni Sanjika Tiberius 1° Ecc. prop. R. Griffin Lavoro Leone di Cappella Reale 1°CAC prop. Luciano Salvatore Libera Aron 1° R/ CAC prop. Missiroli Elio Intermedia Epithelium Minotauro 1° CAC – Miglior maschio e BOB – prop. Malucelli Alessandro Giovani Epithelium Nuvolari 1° Ecc. – prop. Radice Fossati Cristina Juniores Mose’ 1° MP Miglior Juniores prop. Del Vecchio Francesco

Baby Stella Nord’s Paolo From Russia With Love 1° P Miglior Baby prop. Zemtsova Irina Veterani Inno del Buon Santo 1° Ecc. prop. Randi Nerino FEMMINE BIANCO ARANCIO Campioni Gaia dell’Adige 1° Ecc. prop. All.to dell’Adige Lavoro Colpo di Fulmine Bice 1° CAC Prop. Susanne Pankalla Libera Timba 1° CAC prop. Zemtsova Irina Giovani Imma del Buonvento 1° MB prop. Mencio Ottavio Veterani Davidensi’s Vera 1° Ecc. Miglior femmina – prop. All.to Epithelium MASCHI ROANO MARRONE Campioni Epithelium Dinamo 1° Ecc. prop. Zemtsova Irina Lavoro Nerone II 1° CAC prop. Moioli Mauro Libera Dado dell’Adige 1° Ecc. prop. All.to dell’Adige Intermedia Sanjika Scirocco 1° CAC prop. R. Griffin

Giovani Ferentum Baltazar 1° MB prop. Polacci Pier Paolo FEMMINE ROANO MARRONE Campioni Ambra dell’Adige 1° Ecc. prop. All.to dell’Adige Lavoro Fiore del Subasio 1° CAC prop. D’Antoni Pietro Libera Dora 1° R/ CAC prop. Boccaccio Giovanni Intermedia Lady 1° CAC prop. Frizza Stefano Giovani Teresa Nencia dell’Adige 1° Ecc. Miglior giovane prop. All.to dell’Adige SPECIALE DI LAVORO PIANDISPINO 8 APRILE 2018 Giudici: Mario Di Pinto, Libero Asioli, Piero Frangini, Luca Massimino • CAC Tancredi di Morghengo, cond. Giancotti • R/CAC Natalina di Morghengo, cond. Giroldi • MB Epithelium Erinna, cond. Comini • MB Sanjica Majoca, cond. Griffin • MB Timba, cond. Zemtsova CLUB ITALIANO SPINONI VIA TOCE 13 - 21100 VARESE (VA) - Tel. 0332285189 clubitalianospinoni@tiscalinet.it www.spinoneitaliano.it

63


ORGANO UFFICIALE DELL’ENCI Ente Nazionale della Cinofilia Italiana n. 6 giugno 2018 – Anno 64° DIRETTORE RESPONSABILE: Fabrizio Crivellari UFFICIO STAMPA E PUBBLICHE RELAZIONI: Rodolfo Grassi REDAZIONE: Renata Fossati PROPRIETÀ ED EDITORE: ENCI Milano HANNO COLLABORATO: Roberto Aguzzoni, Donatella Ambrosini, Abele Barbati, Giorgio Bellotti, Francesca Bertelli, Stefania Bondanelli, Silvia Brustia, Serena Donnini, Milena Garuti, Rodolfo Grassi, Valter Grossi, Carlotta Palazzesi, Daniele Peres, Mary Anne Stanford, Lorenzo Tagliabue, Lia Zanoli ENCI IN INTERNET: www.enci.it informazioni: info@enci.it soci: soci@enci.it segreteria: segreteria@enci.it libro genealogico: lg@enci.it expo: expo@enci.it prove: prove@enci.it redazione: redazione@enci.it biblioteca: biblioteca@enci.it REDAZIONE, PUBBLICITÀ: 20137 Milano - Viale Corsica 20 Tel. 02/7002031 Fax 02/70020323 IMPAGINAZIONE GRAFICA: Studio DOD design - Massa Lombarda (RA) STAMPA: ELCOGRAF S.p.A. Via Mondadori 15 37131 Verona SPEDIZIONE PER L’ITALIA E PER L’ESTERO: ELCOGRAF S.p.A. Via Mondadori 15 37131 Verona PUBBLICITÀ: Greentime S.p.A. Via San Gervasio 1 40121 Bologna Tel. 051/223327 info@greentime.it - www.greentime.it La quota associativa dei Soci Allevatori è pari a euro 51,65 e dei Soci Aggregati a euro 5,00; ai soli fini postali, euro 2,00, sono da considerarsi quale quota di abbonamento alla rivista.

La Direzione non si assume alcuna responsabilità sulle inserzioni pubblicitarie inoltrate senza bozzetto, sulle quali, peraltro, si riserva di operare eventuali tagli al testo, compatibilmente con lo spazio prenotato. Articoli e fotografie, anche se non pubblicati, non si restituiscono. La responsabilità per i contenuti e le opinioni espresse negli articoli pubblicati è esclusivamente degli autori

ARIZONA - GIRO DEL MONDO CON DUE AMICI SPECIALI Zeus e Sedona sono stati salvati dal ciglio di una strada, abbandonati in mezzo al deserto dell’Arizona. Ma il destino ha voluto che su quella stessa strada, a qualche chilometro di distanza, ci fosse anche Jordan Kahana, un giovanotto partito da Los Angeles e diretto in Colorado, che non ha esitato a fermarsi. I cuccioli erano gravemente disidratati: sono stati visitati dal veterinario e ci hanno messo qualche giorno per tornare in forze. Era il dicembre del 2016. Ad oggi il trio ha visitato 35 Stati americani, il Canada e 12 parchi nazionali, percorrendo oltre 48.000 miglia, più della circonferenza della Terra. Un viaggio straordinario in cui il giovane film maker si è fatto accompagnare dai suoi amati cuccioli. Per viaggiare insieme ai cani, Jordan ha equipaggiato il suo furgone in base alle loro esigenze. «Sono fortunato -dice - perché ho un lavoro autonomo che mi permette di girare il mondo. Sono sempre stato abituato a spostarmi da solo. Ma ora che ho la loro compagnia, non tornerei ma più indietro».

Recensione Lucy Dillon Piccoli passi di felicità Garzanti Editore Seduta sul divano, Juliet ha un solo desiderio: nascondersi. Dalla sua famiglia, dagli amici, da sua madre. E fare finta che suo marito Ben non se ne sia andato per sempre. Ma c’è qualcuno che non ha la minima intenzione di permetterglielo: ha le orecchie spettinate, la coda che scodinzola di continuo e due occhi color nocciola che non smettono di fissarla un momento. Si tratta di Minton, il cane di Ben. Ha bisogno di lei, ora più che mai. Ma non c’è solo lui. C’è anche Coco, il labrador che sua madre ha ben pensato di affidarle per il weekend. Juliet non ha alternative e a malincuore decide di occuparsi di entrambi. Trascinata da questa strana coppia, al parco scopre un mondo nuovo fatto di codici, linguaggi, luoghi suoi propri, dove le persone si chiamano con i nomi dei loro cani: il mondo dei dogsitter. Un mondo che la aiuta a riprendere possesso della sua vita.

In copertina: Border terrier. Foto Belletti

Autorizzazione del Tribunale di Milano n. 3639 Pubblicazione riservata ai Soci dell’Ente Associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

66

ERRATA CORRIGE INC APRILE 2018 pag. 23. La didascalia corretta della foto che ritrae Aurora De Poli è: “Rappresentante Italiana alla Finalissima del Campionato Europeo di Junior Handler all’Europea di Kiev 2017”.


Lagotto romagnolo. Foto Tina Sandberg.

... torniamo a giocare Pastore Belga Groenendael. Foto Pierangelo Ferrari.


IN SPONSOR MA

ALLEVATORE? PASSA A ROYAL CANIN! Sei un

Contattaci e scopri l’iniziativa dedicata ai NUOVI CLIENTI*

oppure

CONTATTACI allevatori.ita@royalcanin.com 02 39431625 dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 12.30

*

o clienti che NON hanno acquistato nel 2017

VISITA IL NOSTRO STAND al pad. 13

Profile for ENCI - Ente Nazionale Cinofilia Italiana

Inc201806  

I Nostri cani - giugno 2018

Inc201806  

I Nostri cani - giugno 2018

Profile for enci

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded