Page 1

Poste Italiane S.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46) Art. 1 comma 1 LO/MI - N. 7 luglio 2013

“organo ufficiale ENCI”

luglio 2013

ENCI, PROGETTI E MONDIALE PASTORE DEI PIRENEI CHIN - CAO DE CASTRO NO ALL’ABBANDONO SCOLARI E CANI


SOMMARIO

ENCI, vincere insieme Rodolfo Grassi

Il Pastore che dice sì Roberta Lazzeri Cardini Il Chin che si fa amare Grazia Guadagno Master Allevatore Cinofilo 2012/2013 Fabrizio Crivellari Cao de Castro Laboreiro Luigi Lasso Notizie ENCI Randagi per ferie Rodolfo Grassi

10 in cinofilia Maria Grazia Miglietta

10

38

12

41

14

42

16 17

44

29

Ravenna ama il cane Roberto Aguzzoni Il CACIB più prezioso al Bassethound Gianedoardo Giordanino

I campioni sono sul sito ENCI in questo modo si avrà un'informazione più diffusa.

36

45 46 48

Mediterranean Toy Cup Grazia Guadagno Expo e solidarietà Modena Nadia Maffei Vesuvio Winner 2013 Titti Ceccarelli Seveso un altro successo Giorgio Antonelli Breton, 213 fanno record Giorgio Bellotti Beccaccinisti alla prova Mario Agosteo Pista, Italia quarta Carlo Mezzetti A Ravenna dominano Setter e Breton Roberto Aguzzoni La Molinara e i campioni Gian Carlo Trivellato

28

Cani in fiera e in Chiesa Paola Daffunchio

Campioni in www.enci.it

6

26

Erak, un soffio di sfortuna Giancarlo De Martini

Le classifiche del TOP DOG sono visibili sul sito dell’ENCI

34

19 22

Stelle italiane, Mondiale Budapest

Junior Club

4

30 32

CHI E DOVE

50 I successi 57 I club 62 Gli allevatori TEMPI DI CONSEGNA DI TESTI E FOTO

Pubblicità expo con giuria: entro il giorno 3 del mese precedente l’uscita (es. 3 novembre per pubblicazione in dicembre) Pubblicità expo senza giuria: entro il giorno 5 del mese precedente l’uscita Articoli: previo accordi con la redazione Rubrica club: entro il giorno 5 del mese precedente l’uscita, in merito allo spazio disponibile Successi all’estero: in ordine di ricevimento, in merito allo spazio disponibile inviare a redazione@enci.it Si ringrazia per la collaborazione

Calendario esposizioni e prove in www.enci.it 3


NOTIZIE ENCI

Dino Muto delinea il programma di lavoro e le prospettive

ENCI, vincere insieme “Stiamo accentuando l’impegno per dar concretezza ai molti progetti”. Più servizi ai Soci, maggior informatizzazione. L’impegno per la mondiale

Il vicepresidente Dino Muto: “Grande impegno per la mondiale”

“Immagino un ente ancor più e meglio al servizio dei Soci, legato al territorio e fedele al suo prestigio internazionale perché…”. L’accento napoletano dà alle parole un fruscio lieve, come la lontana voce del mare. O la brezza d’estate capace solo d’accarezzar la sabbia. “Non si possono tradire le aspettative né ritardare i progetti. È vero, l’allevamento italiano è ai vertici nel mondo ma ci deve rimanere. Ed è questa la sfida più difficile e che non finisce mai”. Dino Muto è preciso come chi ha fretta, vuol far bene ed evitare che tante speranze vengano assassinate restando solo parole.

4

Fuori brilla il sole di un’estate che fiorisce da una primavera bagnata. Solo le piante l’hanno accolta come una benedizione ed ora vestono un verde intenso, insolito per la Milano di viale Corsica, dove respira l’ENCI, sempre assetato perché allagato di luce. “Dobbiamo potenziare ancor più l’ente come erogatore di servizi, ed in questo comprendo prove, esposizioni ed altre attività, attento alle esigenze dei Soci che significa anticipar le loro attese e le aspettative di un mondo che è in rapida evoluzione. Abbiamo conseguito alcuni traguardi che solo una decina di mesi fa apparivano lontani ma non possiamo fer-

marci sui successi: chi lo fa è destinato a smarrirsi.” Le parole si spengono nell’accelerata di un autobus che riprende la litania d’un incolonnamento. Dino Muto ha gli occhi vividi come la maggior parte dei Campani, lo sguardo buono e acuto insieme di chi conosce la vita e non ha fantasmi che gli tendano agguati. I dalmata sono “insieme ad altre razze” precisa subito lui, la sua razza preferita: hanno il fascino della memoria che ritorna. Come accade forse per la stragrande maggioranza dei cinofili. O di chi ha avuto il primo cane e per non dimenticarlo lo fa vivere in sembianze di tanti altri mai destinati ad essere di lui più belli. “Bisogna guardare avanti perché oggi gli allevatori ci chiedono, ancor più che in passato, un ente erogatore di servizi, capace di rispondere in tempo reale alle esigenze. Il lavoro che viene compiuto ogni anno è forse sottostimato: nel 2012 sono stati iscritti 132961 esemplari, si sono condotte a termine con successo 482 manifestazioni di cui 52 esposizioni internazionali, vi sono state 1619 prove… Sono numeri che nascondono fatica, lavoro, impegno da parte di appassionati, gruppi cinofili, personale ENCI. Richiedono una professionalità unica in Italia, che si è formata negli anni e di cui occorre andar fieri”. Fuori l’estate di Milano inonda la via di luce. “Bisogna rivisitare l’intero sistema informatico, renderlo ancor più rapido perché lo richiedono i nostri giorni e non possiamo conquistare i più importanti titoli nel mondo e non rispondere con egual qualità nei servizi”. Significa? Negli occhi gli si legge lo stupore per la domanda: accade sempre a chi sa di essere stato chiaro ma gli chiedono di esserlo ancor più… “Significa che il Libro dev’essere ancor più attualizzato, cioè diffondere in tempo reale


i nostri

NOTIZIE ENCI

Cani

Anno 59 num. luglio 2013

7

tutti i dati che affluiscono. E’ chiaro che l’informazione ha un punto di partenza e l’altro di arrivo e più sono vicini più è attuale. Sembra un’affermazione degna del generale Lapalisse, quel famoso condottiero francese del Cinquecento che morì nella battaglia di Pavia e i suoi soldati nel celebrarlo cantavano che prima di morire era ancora vivo ma non sto dicendo cose ovvie: mi limito a registrare una realtà. L’ENCI ha fatto molto - ed onestamente credo proprio, considerando tempi e circostanze, non potesse fare di più e gli elettori nella recente assemblea lo hanno riconosciuto - ma adesso occorre un salto di qualità. Credo proprio che sia necessario riscoprire il valore degli antichi saperi e vestirli di nuovo soprattutto nei contenuti: significa far riferimento alla scienza ed alla tecnologia, alle esigenze ed ai sentimenti del mondo che ci circonda. In parte è accaduto con i ripetuti e lodevoli incontri di aggiornamento professionale per gli allevatori, come dovrà avvenire anche nei prossimi mesi con un programma preciso e mirato. Faremo sempre più riferimento alle professionalità ed alla passione”. Riguarda anche la mondiale? “Certamente. Se ne parla poco ma si sta facendo molto. È chiaro che l’azione preparatoria è sempre difficile e silenziosa. Due anni fa - e sembra ieri - abbiamo presentato la candidatura e grazie all’impegno di molti fra cui Guido Perosino, siamo riusciti ad ottenere il plauso unanime, un’attestazione di stima all’ENCI ed un riconoscimento agli allevatori italiani. Vogliamo porre il cane come cittadino del mondo facendo delle razze un motivo di unione, un ponte fra i popoli. Consideri che la passione fa da collante molto più di grandi discorsi. Giulio Colombo e pochi altri cinofili italiani, appena dopo la fine della guerra proposero la Coppa Europa per cani da ferma inglesi. Con l’Expo questo concetto viene allargato. Vorrei che la cinofilia cominciasse riprendendo quel messaggio ad avere per confine il mondo”. Il sole proietta sulla parete una ragnatela di immagini… “Un progetto grande - continua la voce che si allarga dalla progettazione tecnica, ai partner commerciali, dall’informazione alla creazione delle giurie ed alla logistica. È chiaro che più trascorre il tempo più tutto diventa complesso perché c’è anche l’attività dell’ENCI che dev’essere potenziata. Sono traguardi importanti ed ambiziosi. In Inghilterra anche in una mia recente visita con i dirigenti della cinofilia, ho constatato che c’è una cinofilia attenta a portare il cane all’attenzione di tutti. Noi guardiamo al cane nel sociale e non potrebbe essere altrimenti essendo l’Italia - e lo vediamo anche con la grande attività dei Gruppi cinofili - la patria del volontariato”. Rodolfo Grassi

5


Dai selvaggi Pirenei alla conquista delle case

Il Pastore che dice sì Selezionato come guardiano delle greggi conquista per il carattere eccezionale e l’aspetto gradevole. L’indole, le varietà ed i mantelli Il Berger des Pyrenées o Cane da Pastore dei Pirenei, chiamato semplicemente Piccolo Pastore o Pastorino, è il più piccolo fra i cani conduttori di bestiame. Tradizionalmente, questo soggetto lavorava in coppia con il suo “alterego” il grande Cane da Montagna dei Pirenei, nei luoghi compresi da Nord a Sud della catena montagnosa dei Pirenei del versante francese. Il piccolo Pastore, seppur molto diverso psicologicamente oltre che per tipo e taglia,è sempre stato complementare nelle mansioni del lavoro montanaro al “Grande Pireneo”. Gli studiosi ed amanti sella razza, ricordano che nel passato, ovunque si trovasse un Pastorino, era immancabile la presenza di un grande guardiano bianco che tradizionalmente si univa a lui per difendere il bestiame contro i predatori, fossero essi animali o estranei. Sebbene di mole contenuta, il Pastore dei Pirenei non difetta nel coraggio. Con la sua inesauribile e mai doma energia, identifi-

6

cava per primo il pericolo e metteva in allerta sia i grandi Montagna che i proprietari del bestiame. Queste caratteristiche innate della razza, sono ancor oggi presenti in questo cane dal carattere eccezionale. Il Cane da Pastore dei Pirenei è anche uno dei cani maggiormente utilizzati nelle fattorie dislocate su tutto l’arco Pirenaico ed è molto diffuso anche nei territori che vanno dal Massiccio Centrale della Francia fino alle zone alpine confinanti con l’Italia. Si narra che i vecchi pastori lo definissero come “il piccolo-grande cane che non dice mai di no”nel senso che in ogni occasione dimostrava la sua completa devozione, lealtà e consacrazione al suo padrone ed al suo lavoro.

ORIGINI E STORIA DELLA RAZZA La vita ufficiale della razza ha inizio attorno al 1914, sebbene sia noto che la loro effettiva presenza sui Pirenei si perda nella

nebbia dei tempi. Molti cinofili studiosi della razza, affermano che questi cani giunsero nell’arco Pirenaico unitamente al grande Cane da Montagna, al seguito di popolazioni migranti provenienti dall’Asia e che scelsero dopo tanto peregrinare di stabilirsi con le loro greggi nelle varie vallate dei Pirenei simili, ma ben più sicure e certamente più ricche di pascoli, di quelle di loro provenienza. Da alcuni anni, per esempio,è stata adottata falla FCI la decisione di non consentire più il taglio della punta delle orecchie e della coda che adesso sono conservate naturali: il taglio della punta delle orecchie, secondo l’opinione di molti allevatori ed appassionati della razza, contribuiva a dare all’espressione del Pastorino un’immagine di maggiore vivacità, ma è bene sottolineare che queste due mutilazioni, venivano effettuate in passato non per meri fattori estetici, ma solo per evitare che i cani subissero lacerazioni durante i


molti e violenti combattimenti con i predatori. A causa dell’antico isolamento fra le valli dovuto alle impervie zone in cui si erano stabilite le popolazioni e che restavano inaccessibili per lunghi periodi dell’anno, si verificò un massiccio e naturale “Inbreeding” fra i cani, che contribuì a modificare il fisico della razza. Tutto ciò, dette luogo ad una diversità dei soggetti a seconda delle loro valli di origine. Molti appassionati osservatori cinofili, presero atto della situazione reale che si era creata nel corso degli anni e decisero inizialmente di classificare questi soggetti con il nome del luogo di provenienza, e cioè cani da pastor della Valle di Bagnerés, della Valle di Azun, della Valle di Lesponne, della Valle di Lavedan, Labeda (C/° Argelés) e cani da pastori di Arbazie (nome dato dai pastori locali alle loro capannerifugio sul Colle di Souler). Tutti i soggetti delle molte varietà vennero suddivisi secondo l’altezza, il mantello ed il colore, in quanto, nonostante essi presentassero pelo lungo o corto, avevano un’identica morfologia di base.

L’ASPETTO MORFOLOGICO La testa del Pastorino è piuttosto minuta, caratterizzata da un muso piuttosto corto in proporzione al cranio (7:10) Nel tipo a muso normale,il pelo della testa deve essere “a colpo di vento” cioè dal davanti all’indietro. Il collo è ben staccato dalla spalla. Il torace è profondo. I quarti posteriori moderatamente angolati alla congiunzione del garretto ed appaiono talvolta leggermente chiusi. Tutti questi dettagli strutturali, producono un tipo di cane che si adatta perfettamente alle montagne a causa del suo centro di gravità vicino al terreno dovuto alla sua piccola taglia nei confronti della lunghezza. Le zampe hanno piante strette, sottili e leggere che non permettono di tenere una stabile presa sulle rocce sdrucciolevoli, ed i garretti, di conseguenza, sono un po’ chiusi per facilitare il movimento sugli sbalzi inclinati. Gli occhi di color marrone con rime palpebrali nere, devono avere uno sguardo vivo ed attento. Gli occhi bicolori, sono ammessi solo nei soggetti color arlecchino o grigio ardesia dei quali sono quasi sempre una caratteristica. Al fine di descrivere un ritratto completo della razza, si deve mettere in risalto e non dimenticare mai l’espressione, perché gli occhi del Pastorino devono riflettere indiscutibilmente il suo carattere di base. Nel tipo a pelo lungo, la tessitura è una via di mezzo tra il pelo di capra e la lana di pecora. La mescolanza di pelo secco ed il pelo la-

noso può a volte dar luogo in alcuni soggetti, a delle ciocche o corde chiamate “cadenettes” o a placche chiamate “matelots” che ricoprono la groppa e la coscia ed a volte il petto e gli arti inferiori a livello del gomito. La varietà a Faccia Rasa che è leggermente diversa, è caratterizzata da un muso relativamente più lungo ed è più alta dell’altra, con pelo corto e piuttosto liscio su buona parte del corpo. Il colore del mantello del tipo a Muso Normale, può presentare una miscellanea di sfumature che vanno dal fulvo, al rame scuro e si estendono dal color platino alla tonalità che va dal grigio perla all’antracite e ardesia. Il nero, non è molto comune, ma abbastanza diffuso. Il mantello definito arlecchino, può presentare tonalità con macchie di colore grigio e nero. Il chiazzato, appare sempre di colore grigio-fulvo, come nel Faccia Rasa. Tutti i colori possono essere accompagnati da un misto di pelo nero ed a volte può essere presente una macchia bianca sul petto, sulla punta delle dita delle zampe o sulla testa. Il Pastore dei Pirenei è come un camaleonte perché spesso cambia di colore con l’età. Da tener presente che il colore completamente chiaro (color stoppa) non è ammesso.

IL CARATTERE E LE ATTITUDINI Se la sua vita dovrebbe svolgersi preferibilmente il campagna, perché il Pastorino è un soggetto quasi autosufficiente, esso si adatta molto bene ad una vita in appartamento perché di non grande mole. È un cane dal carattere forte e caparbio, diffidente con gli estranei, mentre con il suo proprietario e la sua famiglia, vive in completa adorazione e devozione. Soffrirebbe molto se si dovesse verificare una separazione forzata. Condurre le greggi, è sempre stata ed è ancora ai nostri giorni, la sua primaria oc-

LE VARIETA’ Il Cane da Pastore dei Pirenei, malgrado una comune struttura, è caratterizzato da due tipi diversi di mantello, uno, (Muso Normale) con pelo lungo o semilungo e l’altro, (Faccia Rasa) con pelo corto sulla testa, sulla parte anteriore delle gambe e, con pelo semilungo sul resto del corpo.


DIFFUSIONE DELLA RAZZA

IL PRIMO STANDARD La razza venne riconosciuta definitivamente ed ufficialmente dalla Société Centrale Canine (SCC) di Francia nel 1926: Si deve, infatti, alle grandi profonde osservazioni e conoscenze specifiche di questa razza di Bernard SenacLagrange, la stesura del primo Standard Ufficiale, che salvo alcune piccolissime modifiche avvenute nel corso degli anni, è ancora quello attualmente in vigore.

cupazione ed a questo scopo, la sua efficienza è immensa, ma, per la sua taglia contenuta, è anche un cane che ben si adatta ad una vita cittadina purché lo si mantenga in attività. Nell’utilizzo in gare di Agility può ottenere eccellenti risultati perché è molto ricettivo ed intelligente e può dare il meglio di sé potendo sfogare durante gli esercizi tutta la sua inesauribile vitalità. Per smorzare un po’ il livello della sua personalità e convivere con un cane rustico ma più civilizzato, sarà necessario usare mano ferma per arrivare attraverso un’educazione un po’ spartana, all’obbedienza ed al rispetto verso gli altri.

E’ sicuro che fra i primi Pastorini a lasciare la Francia, ci furono quelli del prestigioso allevamento “de l’Estaubé” del Signor Guy Mansencal, già Segretario e poi Presidente per molti anni della R.A.C.P. (Reunion des Amateurs des chiens des Pyrenées), nonché noto specialista delle razze pirenaiche e Giudice Internazionale, che li introdusse in molti Paesi Europei e nel NordAmerica. In Italia, i primi eccellenti esemplari furono importati nel 1972 dall’Allevamento “de l’Estaubé” dalla D.ssa Etta Candiani (ex Presidentessa storica del Club Italiano A.C.P.-Amatori Cani dei Pirenei) già allevatrice in passato di Pastori Tedeschi e Cani da Montagna dei Pirenei con l’affisso “dell’Anty”. Ciò contribuì a far conoscere questa razza anche nel nostro Paese e promuoverne la diffusione. Dal suo allevamento, sono usciti nel corso degli anni, innumerevoli Campioni, le cui linee di sangue sono ancor oggi presenti in molti soggetti. Dopo un periodo di buon successo (19802000) relativamente al numero di esemplari che è sempre stato modesto rispetto ad altre razze più conosciute e pubblicizzate, si è andati incontro ad un declino dell’interesse per questi cani ed attualmente si contano solo pochi soggetti allevati amatorialmente o importati dalla Francia dai due/tre allevatori ufficiali iscritti al nostro Club, che sono i soli a rappresentarli. Il Cane da Pastore dei Pirenei, il più piccolo ma non per questo inferiore ad altri tipi di razze da pastore, meriterebbe più ampia considerazione e valorizzazione da parte dei cinofili, perché è un cane sano, rustico, longevo e fedele, quindi, un cane con la “C” maiuscola adatto a tutti gli usi. Roberta Lazzeri Cardini

ULTIMO STANDARD F.C.I. N° 141/2006 TAGLIA Pastore dei Pirenei muso normale o pelo lungo Maschio da cm. 42 a cm. 48 Femmina da cm. 40 a cm. 46 Ultimo Standard F.C.I. N° 138/2001 TAGLIA Pastore dei Pirenei a faccia rasa Maschio da cm. 40 a cm. 54 Femmina da cm. 40 a cm. 52


Il successo dello Spaniel giapponese

Il Chin che si fa amare Ha un carattere socievole e brillante. Le sue origini risalgono al 1600

BRILLANTE E SOCIEVOLE Lo Spaniel del Giappone presenta un carattere brillante e socievole che rende facile il suo inserimento nei contesti più diversi, purché questi gli forniscano situazioni di confort e considerazione ed è facile da educare alla vita domestica, grazie alle piccole dimensioni. Tra i numerosi cani da affezione sono presenti molte razze ancora tutte da scoprire, focalizzando l’attenzione sul gruppo nove ne emergono alcune davvero seducenti sia per le loro caratteristiche attuali sia per il passato che, tra realtà e leggenda, conferisce un fascino tutto particolare. Tra queste razze c’è il Japan Chin. È un cane minuto dal carattere socievole, che nelle sue forme contenute racchiude tutta l’attrattiva del Paese del Sol Levante. Prove certe testimoniano che alcuni piccoli spaniel, che possono considerarsi i precursori del Chin attuale, vennero offerti in dono, ai templi della dinastia Silla, dagli imperiali Coreani ai sovrani del Giappone. Quel gesto diede un impulso alla razza e da quel momento, per decenni, vennero importati in Giappone molti altri soggetti. Successivamente, nel periodo che va dal 600 al 900, soggetti sempre più simili agli attuali vennero importati nuovamente in Corea e in Cina, anche perché, attraverso i diplomatici di allora, tra questi Paesi c’erano numerosi scambi, in particolare sotto al dinastia Tung e Po H’ai. A partire dal 1680 la razza cominciò ad es-

10

sere allevata concretamente come cane da compagnia nel castello di Edo, una fortezza gigantesca che richiese 50 anni di lavori per essere portata a termine e situata dove oggi sorge la moderna Tokio. In quel contesto la razza progredì fino a quando, nel 1963, un capitano inglese esportò i primi soggetti portandoli in Inghilterra, la razza acquisì così una crescente popolarità fino ad approdare in America. Oggi il Chin è un cane diffuso in tutto il mondo ed eccellentemente allevato anche in Italia, nel nostro Paese ha preso parte al Campionato europeo per le razze

Giapponesi insieme a razze di altri gruppi. Non è molto rappresentato numericamente ma costantemente presente nelle expo Italiane grazie a un gruppo di ferventi appassionati; sicuramente l’occasione per poterne ammirare un discreto numero è rappresentata dall’annuale Special Premier, il Raduno nazionale del Club Cani Compagnia, l’associazione deputata alla tutela di questa razza da grembo. Se già ben educato dall’allevatore sarà agevole insegnargli a trascorrere le sue giornate anche senza necessariamente uscire regolarmente, un’esperienza comunque


da fargli vivere tutte le volte che sia possibile per l’esercizio sia fisico che mentale. La razza, con qualche eccezione, in genere non si riproduce per parto naturale, i cuccioli che vengono alla luce nella media vanno da due a quattro. Se di sana costituzione, per quanto alla nascita il loro peso sia inferiore ai cento grammi, crescono velocemente vigorosi e battaglieri. È consigliabile comunque aspettare i tre mesi prima di accoglierli nella nuova casa, dopo lo svezzamento.

IL CHIN E LA REGINA Anche la regina Vittoria ne fu una grande estimatrice dove averne ricevuto una coppia in dono, una pratica e un’usanza che attraverso i reali Inglesi ha portato molte razze alla notorietà.

Lo standard richiede un’altezza entro 25 centimetri e il tronco quadrato, anche se le femmine possono essere leggermente più lunghe. La testa ha un cranio ampio e arrotondato, lo stop incassato, la canna nasale cortissima e il muso molto largo. Gli occhi devono presentare una importante caratteristica di razza, due “lunette date dalla visibilità della tunica” che gli conferiscono un leggero strabismo, una peculiarità di tipo non solo ricercata, ma considerata essenziale se del Chin si vuole cogliere la giusta espressione data dall’insieme delle caratteristiche della sua faccia. Il mento è pieno, il margine superiore del tartufo allineato con la linea orizzontale che taglia gli occhi, grandi e tondi, al livello dei canti esterni, le orecchie sono pendenti, la chiusura degli incisivi è accettata nelle tre definizioni, ma la ricercata è quella a tenaglia. La struttura nell’insieme generale deve dare l’impressione di un cane leggero, ben lontano dalle forme di un piccolo molosso. I piedi sono di lepre, guarniti di ciuffi di pelo (caratteristica degli spaniel da compagnia in generale), stando alla leggenda perché con i loro piccoli piedi “inguantati” potevano accarezzare il viso delle dame senza ferirle, nella realtà ancora oggi il piede, se non toelettato, si presenta naturalmente così. Frange sugli arti e sulla coda portata sul dorso. L’andatura è leggera, quella di un piccolo cane fiero, elegante nell’insieme; talvolta durante il suo incedere sul ring può esibirsi in una particolare piroetta, che non va considerato un difetto, quanto un’altra nota positiva da ascrivere alla razza e che gli intenditori amano definire la “danza della ballerina”. Nell’allevamento molta attenzione va posta nella taglia eccessiva e che non si verifichino forme di nanismo, alla deviazione della mascella e alla “fontanella aperta”. Molti cuccioli che nascono con fontanella aperta in ogni caso recuperano nei primi mesi di vita. E’ essenziale per gli allevatori di questa razza porre molta attenzione alle malattie genetiche come la displasia della rotula ed a patologie legate alla sfera cardiaca. Grazia Guadagno

IL MANTO DI SETA È bellissimo con il suo manto sericeo bianco con pezzature di nero o rosso limone, ma è ancora più bello se presenterà macchie simmetriche intorno agli occhi, gli orecchi e nella distribuzione sul tronco. Si potrà ammirare un’ ampia stella bianca che va dal muso alla sommità del capo.


Master Allevatore Cinofilo 2012/2013 Si è concluso il terzo modulo formativo del Master Allevatore Cinofilo 2012/2013 organizzato dall’ENCI in collaborazione con l’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (ANMVI). Il primo modulo formativo, che si è svolto a novembre, ha trattato le tematiche della riproduzione, della genetica e del Libro genealogico. Il programma del secondo modulo, che si è svolto nel mese di febbraio, ha riguardato la pediatria e le malattie dell’accrescimento, oltre all’attività sportiva in relazione alla salute dei cani. La terza serie di relazioni ha consentito invece di approfondire i temi delle re-

sponsabilità legali dell’allevatore, dell’igiene dell’allevamento, delle principali malattie del comportamento, delle attività cino-sportive in relazione al benessere animale, per concludersi con le più alte motivazioni che devono spingere gli allevatori cinofili. Il Master per l’allevatore cinofilo, caratterizzato da un‘alta partecipazione di persone, ha senz’altro favorito, grazie alla sua articolata organizzazione, la crescita tecnico-professionale e l’aggiornamento dei partecipanti, permettendo di prendere nella dovuta considerazione gli aspetti genetici, sanitari, morfologici, attitudinali,

comportamentali e la loro corretta armonizzazione al fine del benessere animale e del miglioramento delle razze canine. L’ENCI organizzerà una prossima edizione del Master per consentire anche a coloro i quali non hanno potuto partecipare al completo iter formativo di completare il percorso e per coinvolgere nel processo formativo un numero ancora più elevato di allevatori. Hanno partecipato a tutti e tre i moduli formativi, e pertanto hanno ottenuto il Master, le persone sotto elencate. Il Direttore Generale Fabrizio Crivellari

Laura Borzelli Stefano Braccini Tommaso Brembilla Silvia Caldarera Elisabetta Callegari Arianna Canetto Fabrizia Canzi Dario Adolfo Capogrosso Martina Capri Matteo Airaghi Ermanno Alviggi Marisa Archetti Silvia Bagni Davide Baiocchi Stefano Baldi Giovanni Barbaria Alice Barbieri Maddalena Battaglia Fabiana Bazzani Leonardo Becchi Fabio Belli Alessandro Biondi Vincenzo Bompadre Giovanni Bonifacio 12

Marta Casini Mira Emanuela Castaldo Marzia Cavazza Roberto Cerbello Pia Rosalia Colombani Manuela Convertini Susanna Cori Marina Cornaglia Francesco Corona Francesco Cucinotta Paola Cuppini Paola Daffunchio Stefano Dall’Oglio Giovanni Damiano Emiliano Dante


i nostri

Cani

Anno 59 num. luglio 2013

Francesca De Bartolomeis Fabio De Felice Guido Maria Di Fazio Ubaldo Di Massa Simone Drovandi Irma Elena Valentina Faggionato Sabina Favaro Barbara Ferramosca Tatiana Ferro Cesare Filippelli Vincenzo Alberto Fiorelli Ferdinanda Frangipane Fabio Fumagalli Jessica Gecchelin Silvia Giacometti Antonio Giannangeli Nicoletta Giudici Marzenna Golebiewska Pietro Lio Sebastiano Lio Claudia Longobardi

Stefano Lovati Paola Lucchi Alberto Malaguti Roberta Mandelli Gisella Maraschio Enzo Maraviglia Benedetta Maria Grazia Martina Sarah Massironi Maddalena Massone Mauro Mattiello Maurizio Mauro Demetrio Medici Cristina Merla Eliana Merlino Lorella Montanelli Marino Alessandro Morosini Veronica Murrau Soccorso Napoli Emilio Napolitano Salvatore Nappi

7

Liana Schievano Patrizia Seletti Barbara Severin Teodoro Squatriti Silvana Tedeschi Vogel Irene Teppa Gerardo Testa Tiziana Tola Sara Tonini Andrea Rugantino Tonnini Ermanno Valentini Francesca Valletta Simona Veronesi Marco Villani Eva Vincenzi Valerio Vitali Elzbieta Krystyna Wisniewska Oksana Zahorulko Maria Zanandrea Francesco Zanghi Antonia Zappaterra Colpi Ilaria Zappi

Flavio Noro Maurizio Orlandi Martina Pagnin Francesco Pascarelli Fabio Pasquini Antonella Patruno Alessandro Poggini Roberto Pozzi Ylenia Pravato Loredana Pregnolato Elisa Puglia Riccardo Quartiglia Laura Ranza Giuseppe Renella Tomas Saliola Valentina Sanesi Denise Santesso Andrea Sassone Jenny Scanu Stefano Scarna Casaccio Marisa Scatto 13


Cao de Castro Laboreiro Sconosciuto in Italia, è un guardiano attento e fedele

ORIGINI

CARATTERISTICHE

Il Cao de Castro Laboreiro è un cane portoghese, più precisamente è originario dell’omonimo villaggio ubicato a nord del Portogallo, ad una altitudine di 1400 m sul livello del mare. Il territorio di “Castro Laboreiro” è impervio e poco popolato e sino a non troppo tempo addietro era difficilmente raggiungibile con i consueti mezzi di locomozione. Grazie all’intervento delle popolazioni autoctone, costituite perlopiù da pastori, la razza è stata salvaguardata mantenendo intatte le sue peculiarità ed attitudini. A seguito dello spopolarsi delle aree montane, in favore dei territori di pianura meglio collegati e sviluppati, anche gli allevamenti di razze canine, che hanno caratterizzato per molto tempo alcuni luoghi, si sono diffusi sull’intero territorio nazionale. Al di fuori del Paese d’origine la razza è scarsamente diffusa.

Si tratta di un cane di taglia medio-grande, Gruppo 2 della classificazione ufficiale FCI, Sezione 2.2 cani molossoidi da montagna. Tipo elegante e longilineo, inserito nel rettangolo, con assi cranio facciali superiori leggermente divergenti e muso poco più corto del cranio. Di aspetto rustico ed arcaico, non sono pochi i soggetti muniti di speroni posteriori singoli o plurimi. La conformazione è una via di mezzo tra molossoide e lupoide con pelo corto di struttura corposa. Le orecchie, inserite alte e cadenti naturalmente e parallelamente ai lati della testa, arrotondate ai margini e di media grandezza, si girano in avanti in stato di attenzione. Gli occhi, di media grandezza ed a forma di mandorla, presentano una colorazione

14

dell’iride che va dal marrone chiaro a quello scuro in base alla tonalità del mantello, con palpebre nere; dentatura a forbice, consentita la tenaglia.

IL MANTELLO Il colore di questi cani comprende diverse tonalità di fulvo scuro con presenza di tigrature nero brune. I più diffusi sono definiti in Portogallo “Fulvo Raiado” e “Lobeiro Cumum”, particolarmente affine al nostro “Nero Tigrato” il primo e “Grigio Lupo Tigrato” il secondo. Il più ricercato, invece è il “Cor do Monte”, ovvero, il “Colore della Montagna”, simile al “Tigrato Chiaro”. La coda, più grossa alla radice e di lunghezza pari al garretto, assume una forma di scimitarra. Caratteristica in questa razza è la groppa, che può essere leggermente più alta del


LE ATTITUDINI Nella culla d’origine la razza è ancora utilizzata a guardia degli armenti e delle case dei pastori, pur non mancando, ormai, impieghi pratici quale cane da guardia, difesa e compagnia. Un periodo è stato, altresì, utilizzato come ausiliario della polizia portoghese. garrese, conferendo al cane una linea dorsale leggermente insellata. L’andatura è il passo normale, che a volte confluisce in un ambio facile. Nel Paese d’origine esistono due Associazioni a tutela della Razza, en-

L’INDOLE Vigile ed indipendente, manifesta attaccamento al territorio senza, però, mostrare eccessiva aggressività. Una particolare caratteristica è il suo spirito di branco e non è difficile veder convivere pacificamente numerosi soggetti di età e sesso diversi. Ovviamente non è un cane da appartamento, necessitando di spazi in cui potersi muovere, utili al suo sviluppo fisico e psichico. trambe riconosciute dal Club Portoghese di Canicultura: l’APCCL ed il CCL. In Italia i primi due esemplari iscritti al ROI risalgono al 2009 e sono stati Balli e Ribeira De Noroeste Suevo(Campione Italiano ed Estero il primo, GPE la seconda). I primi due soggetti, invece, nati nel nostro paese e che hanno conseguito i titoli di Giovane Promessa ENCI e Campione Italiano di Bellezza sono stati Amarante

CURIOSITÀ Una curiosità della razza è il tipico modo di abbaiare, costituito da un latrato acuto che si fa sentire soprattutto durante la notte, quasi a voler evidenziare la propria presenza sul territorio. dell’Antica Sibari ed Alcobaca dell’Antica Sibari, quest’ultima proclamata anche Campione del Mondo 2013. Nel 2012 al ROI sono stati iscritti solo tre esemplari e nessuno all’RSR. Luigi Lasso


Notizie ENCI ALLEVAMENTO CINOFILO Profili fiscali e contabili - 3° Edizione A cura di: dott. Cesare Bianchetti e dott. Antonio Gigliotti

ine

l onALLEVAMENTO CINOFILO

E’ uscita la terza edizione della dispensa “Allevamento cinofilo - Profili fiscali e contabili” del Dr. Cesare Bianchetti, commercialiProfili fiscali e contabili sta. La prima edizione era stata pubblicata nel 2008 e la seconda nel 2011. Il Dott. Bianchetti, oltre ad essere un appassionato cinofilo, è componente del Collegio a cura di dei Sindaci dell’ENCI. Gravitando nell’amDott. CESARE BIANCHETTI biente, ha percepito l’esigenza degli allevaDott. ANTONIO GIGLIOTTI tori di acquisire una maggiore sicurezza nel definire il proprio inquadramento fiscale. Ciò in quanto l’attività di allevatore cinofilo, nella maggior parte dei casi, non è un’attiMilano, aprile 2013 vità esercitata in via esclusiva ai fini reddituali, ma spesse volte si affianca ad attività Aggiornamento a cura di Dott. Cesare Bianchetti 3ª edizione di altro tipo (di natura autonoma e/o dipendente). Questo testo è divenuto un prezioso alleato per tutti gli allevatori che, in proprio o avvalendosi del consulente, devono orientarsi nell’applicazione della regolamentazione dell’allevamento canino in ambito amministrativo e fiscale, materie in costante mutamento. Da qui, avvalendosi anche della collaborazione del Dr. AntonioGigliotti, la necessità di mantenere aggiornato il testo che riunisce gli adempimenti da percorrere e le normative fiscali di riferimento per regolamentare l’attività di allevatore cinofilo. Trattasi di uno studio completo nel quale nessun argomento viene tralasciato. Dall’apertura dell’attività di ”allevatore cinofilo”, agli uffici competenti, alla compilazione dei documenti fiscali; dal calcolo delle imposte da versare mensilmente e/o annualmente alla redazione delle dichiarazioni dei redditi; e molto altro. L’aggiornamento è stato particolarmente curato. Ne scaturisce un lavoro puntiglioso, per certi aspetti, unico nel suo genere, chiaro ed efficace. Vengono infine illustrate le agevolazioni ed i limiti introdotti dal nuovo “Regime dei Minimi” che si pone l’obbiettivo di facilitare l’ingresso dei giovani nell’attività di allevatore cinofilo. L’ENCI ringrazia il Dott. Cesare Bianchetti per la terza edizione della dispensa “Profili Fiscali e contabili”, supporto sostanziale per la risoluzione dei molti quesiti che quotidianamente gli allevatori cinofili pongono anche agli uffici dell’ENCI. La dispensa è reperibile esclusivamente sul sito ufficiale dell’ENCI www.enci.it ed è scaricabile gratuitamente.

AVVISO Si avvisa che, essendo ritornate con motivazione trasferito le raccomandate a.r. spedite, in applicazione dell’art. 39.3 del Regolamento d’attuazione dello Statuto Sociale ENCI, presso la Segreteria della Commissione di Disciplina di 2° Istanza è stata depositata la decisione n. 13/12-2a emessa in data 19.12.12 relativa ai procedimenti disciplinari riuniti al n. 10/11 nei confronti di PARISI SONIA ed altri. Il Presidente avv. Maria Grazia Poli

16

HANDLER, DOMANDE NORMA TRANSITORIA Si ricorda che entro 6 mesi dall’entrata in vigore del D.M. n. 847 del 17.1.2013 che dispone l’istituzione del Registro dei conduttori cinofili di esposizione, potranno chiedere l’iscrizione a detto Registro coloro che svolgono con continuità attività di conduttore per cani da esposizione (handler) da almeno 3 anni. La richiesta dovrà essere accompagnata da: copia delle qualifiche ottenute con almeno 10 soggetti propri o con soggetti di proprietà di altri. Nel caso di qualifiche ottenute con cani di altra proprietà, unitamente alla copia del libretto delle qualifiche, si dovrà produrre obbligatoriamente una certificazione redatta ai sensi del D.P.R. 8.12.2000 n. 445, nella quale il proprietario del cane attesti che la presentazione del cane è avvenuta da parte del conduttore cinofilo di esposizione (handler) che chiede l’iscrizione al Registro. La modulistica potrà essere scaricata dal sito www.enci.it alla sezione addestratori e centri cinofili. In ottemperanza al disciplinare, le domande verranno accettate entro e non oltre il 17 Luglio 2013.

PROVE INTERNAZIONALI CACCIA/FIELD TRIALS A mezzo della circolare FCI n.14/2013, la Federazione Cinologica Internazionale, relativamente alle prove internazionali di caccia/field trials con rilascio di CACIT, ha deliberato di posticipare al 1° gennaio 2015 la data di applicazione delle decisioni stabilite nella precedente circolare 106/2010. La procedura per la richiesta di omologazione di prove di caccia/field trials con rilascio di CACIT rimane invariata sino alla nuova data indicata. Contestualmente all’invio di ogni richiesta, così come già evidenziato nella precedente circolare, i Paesi membri e partner su contratto della FCI devono inviare alla segreteria della FCI stessa i relativi regolamenti nazionali in lingua inglese o tedesca.


i nostri

Cani

Anno 59 num. luglio 2013

7

La campagna contro l’abbandono

Randagi per ferie L’ENCI con i gruppi cinofili e gli appassionati accentua l’impegno contro la “strage d’estate”. L’intervento di Edoardo Raspelli conduttore TV e giornalista di fama internazionale

Ad ogni partenza per ferie migliaia di cani superano il casello dell’autostrada…. Ad ogni esodo per vacanze decine di migliaia di cani salgono in auto… Ma né gli uni né gli altri giungeranno mai a destinazione. Fra loro c’è chi conclude il viaggio in un’altra abitazione. E sono pochi. Chi sopravvive qualche giorno di obbligata e finta libertà chiamata randagismo… E non sono molti. Eppoi tutti gli altri - ed è la maggioranza che vivono qualche ora e destinati a finire sotto un’auto, uccisi da sadici o da stenti. Stampa e Tv lo raccontano ad ogni inizio d’estate e diventano la fotografia scontata e tragica di un animalismo a singhiozzo dove l’amore per gli animali evapora nel solleone per riaffacciarsi nell’imminenza del Natale. Le cronache, destinate alle novità di ogni giorno o costrette ad inseguirle, mettono anche in luce qualche episodio ripetitivo tantoché si ha l’impressione che siano pochi oramai a leggerle, scontate come le

locali previsioni del tempo in tv, mentre fuori splende il sole o il cielo è pieno di nuvoloni. L’ENCI, anche quest’anno, tramite Gruppi cinofili, allevatori e quanti hanno a cuore la cinofilia autentica, ha avviato una campagna capillare - e proprio per questo ancor più efficace - contro l’abbandono. Fa parte di quelle grandi iniziative - che già hanno cominciato a dare risultati - promosse dal Consiglio, realizzate da numerosi appassionati e da Gruppi cinofili e delegazioni. Sono interventi che fanno parte del programma “Il cane nel sociale”. Perché sensibilizzare la gente nel corso dell’anno con incontri, manifestazioni all’aperto, lezioni di appassionati nelle scuole significa estendere la sensibilità verso un mondo ancora in parte sconosciuto. Lo hanno confermato anche il presidente Francesco Balducci ed il vicepresidente Dino Muto. “E’ importante - ha detto a questo proposito Francesco Balducci - che la sensibilizzazione contro il tristissimo fenomeno

dell’abbandono non avvenga solo nell’imminenza degli esodi per vacanze quando oramai è quasi sempre troppo tardi per intervenire ma faccia parte di un impegno continuativo in modo da creare un’effettiva coscienza animalista e cinofila”. Quest’anno ha rinnovato il suo impegno anche un giornalista fra i più noti sia ai lettori di quotidiani e periodici che in Tv. E’ Edoardo Raspelli, il gastronomo più famoso in Italia, nato professionalmente come cronista di punta nel Corriere d’Informazione, il quotidiano del pomeriggio del Corriere della sera e più diffuso in Italia e collega in redazione, in quei giorni, di Vittorio Feltri, Ferruccio De Bortoli, Massimo Donelli, Gian Antonio Stella e molti altri giornalisti. Edoardo Raspelli firma di punta della gastronomia anche sulle pagine de La Stampa - ha profondamente innovato l’informazione del settore ed è personaggio di primo piano nella conduzione della trasmissione record per ascolti “Melaverde”. I molti impegni professionali non lo hanno distolto da una campagna contro il randagismo ed è motivo di vanto annoverarlo fra gli estimatori di quanto fatto a questo proposito dall’ENCI dal suo Consiglio e dai Gruppi cinofili. Nella sua campagna ha coinvolto artisti e sportivi fra cui Marco Melandri campione di motociclismo e Radio Virgin con il suo dj di punta Ringo. “E’ importante - dice Edoardo Raspelli dare continuità ad un impegno che non può né deve essere calendarizzato: ha una notevole valenza civile, fa parte dell’educazione di un popolo e ne diventa anche la cartina di tornasole per misurarne la sensibilità. Voglio sperare che un’azione congiunta lo limiti ancor più tanto da renderlo scarsamente significativo e quindi ancor più aggredibile da parte di chi ha una effettiva disponibilità verso il mondo animale. Forse è un traguardo ambizioso ma credo sia proprio opportuno porcelo come meta.” Rodolfo Grassi

17


Stelle italiane Volpino Italiano - Figaro Del Colle Degli Ulivi M CACIB BOB & Irina Del Colle Degli Ulivi F CACIB BOS Allevatore: Roberto Francini Proprietario: Elena Klitina

Pastore Bergamasco – Rukmini dei Lupercali F CACIB BOB All. e Pr. Carla Mariani

Pastore Maremmano Abruzzese Giotto di Lucus Angitiae M CACIB BOS All. Agostino di Cola Pr. Gabriella Segato

Segugio Italiano p/f - Macù del Faegolo M CACIB BOB All. e Pr. Mario Pegoraro

Bolognese - Seuch Dkuch M CACIB BOS All. Carina Johansson Pr. Pia Sundqvist

Pastore Maremmano Abruzzese TORMENTA F CACIB BOB All. e Pr. Michele Sacchetti

18

Maltese - Mississ White Bollinger F CACIB BOS All. e Pr. Barbara Vezzani

Pastore Bergamasco – Nha dei Lupercali M CACIB BOS All. e Pr. Carla Mariani


i nostri

Cani

Mondiale Budapest Anno 59 num. luglio 2013

ESPOSIZIONE MONDIALE DI BUDAPEST 2013 * CACIB ITALIANI

FOX TERRIER SMOOTH M BELFOX JFUBELFOX All. Luc Detry Pr. Stefania Savini LAKELAND TERRIER F SWEET FAIRIE KISS All. Giovanni Gravante Pr. G. Gravante BASSOTTO STANDARD pelo corto F HALLEY DEL CONTEVERDE All. Allevamento Del Conteverde Pr. Allevamento Del Conteverde BASSOTTO NANO pelo corto F ROYAL PRINT UNFORGETTABLE All. Gaetano Caramico Pr. G. Caramico

Segugio Italiano p/r - Trento M CACIB BOB All. Matteo Ghidinelli Pr. Diego Lucchini

Segugio Italiano p/r – Timba F CACIB BOS All. Matteo Ghidinelli Pr. Giuseppe Ghidinelli

ALPENLANDISCHE DACHSBRACKE SAMSON VON DER GANZERIN M All. Alois Mattersberger Pr. M. Orlandi DILETTA F All. Maurizio Orlandi Pr. M. Orlandi BRACCO FRANCESE tipo GASCOGNES M ETORKY DU VALLON DE BEAUDINI All. M. Munini Daniel Pr. All. Del Guardengo di Gianni Fulgenzi BRACCO FRANCESE tipo PIRENEI FLASH DE CHANTOIZEAU M All. M. Fournier Jacky Pr. All. Del Guardengo di Gianni Fulgenz ETOILE DE CANTE PARDIGAU F All. Grenier Jean Marie Pr. All. Del Guardengo di Gianni Fulgenzi

BRACCO ITALIANO BASSOTTO KANINCHEN pelo corto M SOBERS ATTICUS M MAGIK RAINBOW PRESIDENT All. Bitte Ahrens Primavera P. Primavera All. Victoria Ivanova Pr. G. Caramico Pr. Bitte Ahrens Primavera P. Primavera BASSOTTO KANINCHEN pelo duro M PRAIA DEI SANCHI F All. Francesco Sanchi Pr. M. Salvi DRAGONNEKAPITOL DEL WANHELSING BRACCO SLOVACCO a pelo duro F All. Wanhelsing Pr.Gabriel Pascarella J. S. SEMPER ADAMAS Z MILHOSTOVSKYCH POLI ICELANDIC SHEEPDOGS F All. Michal Urban Pr. M. Zegna Baruffa SURTSEY`S ÖGGVA All. Wilfred and Ulrikke Olsen Pr. SPINONE ITALIANO M Valentina Faggionato TARO DELL’ ADIGE All. Allevamento Dell’Adige DOBERMANN marrone focato F Pr. All. dell’Adige di Poli Maria Grazia HAVANA DEI DUE INTENTI All. Boris Berletti Pr. Boris Berletti SETTER IRLANDESE ROSSO M GARDEN STAR`S JOHNNIE WALKER SCHNAUZER pepe e sale F All. Tóth László Pr. Eleonora Illuzzi NINA DI CASA GIUFFRIDA All. Giuffrida Giuseppe Pr. G. Giuseppe BOSTON TERRIER M WASHINGTON D.C. DEL PONS AUREOLI FILA BRASILEIRO M All. Bellomi Emanuela Pr. Anne S. VITO DE EL SILEDIN All. Jose Salvador Martinez Pr. G. Manzoni Petersen BICHON A POIL FRISE M ALANO blue M AMILCARE DEL REGNO DI FANTASIA APHRODITE’S REFLECTION I’M MASON All. Demetris Moyseos All. Regno di Fantásia Pr. Bice Aprile Pr. Claudia Campanella DOGUE DE BORDEAUX M COTON DE TULEAR IMK CASSIUS CLAY MDM COTONBRIE CAVALLI JUST CAVALLI M All. Mirko Leto Pr. Mirko Leto All. Franco De Luca Pr. K. Daszkiewicz TERRANOVA F COTONBRIE EVITA F POUCH COVE`S SOUTHWIND I LOVE All. Franco De Luca Pr. Franco De Luca LUCY AT CAYUGA PICCOLO CANE LEONE M All. Peggy Robin Helming Seaman GWAIHIR`S RIO ROYALE Pr. Riccardo Quartiglia All. Joanna Lemberg Pr. Corti Dimitri CAO DE CASTRO LABOREIRO F BARBONE STANDARD nero ALCOBACA DELL’ANTICA SIBARI HUFFISH AMERICAN GIGOLO M All. Lasso Luigi Pr. Lasso Luigi All. Charlotte Sandell Pr. R. Vigorita BOVARO DELL’APPENZELL M SAXON BLACK TO BASICS F BRUNO All. Rosalba Vigorita Pr. R. Vigorita All. Ritter Amadeus Christian BARBONE STANDARD grigio M Pr. Ca Del Corsi Kennel SAMARCANDA STERLING COW BOY SEGUGIO ITALIANO pelo raso All. Lorena Merati Pr. Salvatore Iozzia TRENTO M BARBONE MINIATURA nero F All. Ghidinelli Matteo Pr. D. Lucchini HEIDI KLUM DEIGINI TIMBA F Allò. Matteo Ghidinelli Pr. M. Ghidinelli All. Allevamento dei Gini Pr. all. dei Gini GRIFFON BRUXELLOIS SEGUGIO ITALIANO pelo forte M UNION GRIF ANGEL M MACU DEL FAEGOLO M All. Mario Pegoraro Pr. Mario Pegoraro All. Natalia Gryaznova Pr. Liudmila Serova SLOVENSKY KOPOV RUTILLA DI CASA CORSINI F IBIS SPOD CERINKOVA M All. Rossana Corsini Pr. Prayer Donata All. Spisak Jozef Pr. L. Guidarelli SHIH-TZU ORA SPOD KUNOVEJ F OPIUM DI CASA CORSINI M All. Matta Stefan e Josef Mudr All. Rossana Corsini Pr. Leonardo Guidarelli Pr. Maria Antonia Falcier HANNOVERISCHER SCHWEISSHUND ESMERALDA SOLO PER I TUOI OCCHI F All. Filogrosso Marilena BLONDI M Pr. Filogrosso Marilena All. Cadamuro Andrea Pr. Marsilli M.

7

CAVALIER KING CHARLES SPANIEL M BOATSWAIN CAMILLO CIEUFUEGOS All. Ferrari Stefano Pr. Bindelli Marco MALTESE F MISSIS WHITE BOLLINGER All. Barbara Vezzani Pr. B. Vezzani VOLPINO ITALIANO FIGARO DEL COLLE DEGLI ULIVI M All. Francini Roberto Pr. E. Klitina IRINA DEL COLLE DEGLI ULIVI F All. Francini Roberto Pr. E. Klitina PASTORE DEI PIRENEI A PELO LUNGO CANOUX DELL’ANTY M All. Maria Antonietta Candiani Pr. Laura Taramasco BORDER COLLIE TONKORY INCOGNITO M All. J K Gregory Pr. Sabrina Vitali PUKAWIDGEE BUSH ROMANCE F All. L M Houlden Pr. Natalie Ballardini PASTORE BERGAMASCO NHA DEI LUPERCALI M All. Mariani Carla All.dei Lupercali Pr. Mariani Carla All.dei Lupercali RUKMINI DEI LUPERCALI F All. Mariani Carla All.dei Lupercali Pr. Mariani Carla All.dei Lupercali PASTORE MAREMMANO ABRUZZESE GIOTTO DI LUCUS ANGITIAE M All. Agostino di Cola Pr. Segato Gabriella TORMENTA F All. Sacchetti Michele Pr. Sacchetti M. LUPO DI SAARLOOS M BRISINGR DI FOSSOMBRONE All. Allevamento Di Fossombrone Pr. Allevamento Di Fossombrone AUSTRALIAN CATTLE DOG M QUEBLUE AUSSIE ICON All. F Mc Keown Pr. F. Bianchi NOVA SCOTIA DUCK TOLLING RETRIEVER F MANITOU’S GLITTER IN THE AIR All. Lindemer Pr. Semenzato Roberta LABRADOR RETRIEVER M LOCH MOR ROMEO All. Barberi Franco Pr. Barberi Franco LEVRIERO AFGANO M WAY UP ENUFF`Z ENUFF All. Agnese della Rocca Pr. Lara Rigato SALUKI DEL BORGHINO OSCARDELARENTA M All. Galliano Leonardo All.to Del Borghino Pr. Leonardo Galliano VIVIENNEWESTWOOD DEL BORGHINO F All. Galliano Leonardo All.to Del Borghino Pr. Leonardo Galliano GALGO ESPANOL BARIBAL DE BOSCOLO M All. Boscolo Pelo Elisa Pr. Dal Cero R. BUFERA II F All. Boscolo Pelo Elisa Pr. Boscolo Pelo Elisa WHIPPET M VALERIO DEI RAGGI DI LUNA All. Anconetti Sergio Caldarone Gaetano Pr. Gaetano Caldarone AZAWAKH M AZAMOUR WAHID All. Francesca Zampini Pr. Jari-pekka Kahelin Jussi Lindholm

• fonte www.wds2013.hg • inviare eventuali altri CACIB italiani a redazione@enci.it per la pubblicazione sul prossimo numero.

19


C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K


EMOZIONI CHE NON FINISCONO MAI

art&copy_g. de sarno

La manifestazione che si conferma.

M

Y

Y

Y

La competizione che non si ferma mai, è già cominciata l’edizione del TopDog 2013.

Le sfide che ci emozionano, tutti.


AMASENO Premiati gli alunni dell’Istituto Comprensivo

10

in cinofilia La vincitrice : Valentina Avdiu con il Vice Presidente dell’ENCI Dino Muto

Amaseno, è una ridente cittadina della Ciociaria al confine con la provincia di Latina, la sua collocazione la rende unica nel suo genere, incastonata proprio al centro della valle del fiume Amaseno, in provincia di Frosinone, è nota per l’allevamento bufalino e la conseguente produzione di latte per l’industria casearia. Ebbene da qualche tempo, i bambini del Paese hanno uno strano virus… fanno Bau… si avete capito bene fanno Bau, perché come dice Valentina, vincitrice del Concorso Di Te mi “Fido”, l’abbaiare è come il nostro parlare e questo progetto serve proprio a far capire che il cane ha lo stesso valore dell’uomo. Abbiamo iniziato presso l’Istituto Comprensivo di Amaseno il 5 Aprile e con cadenza settimanale ci siamo visti con i bambini per 5 incontri di un’ora così come previsto dal programma didattico del Progetto. Gli incontri si sono svolti con le classi IV° e V° divisi in due turni, per un totale di circa 90 bambini che sono stati tutti iscritti all’ENCI Junior Club. Di te mi “Fido” compie 2 anni e torna ad Amaseno dove ha visto il suo debutto, ora è più maturo, torna con me e la prima lezione sulle razze canine, torna con un ormai pilastro dello Staff, Serena Fiorilli (educatrice Cinofila) nonché referente per il Progetto per la Regione Toscana, ideatrice di una interes-

22

Incontri con esperti per conoscere meglio i cani

sante tecnica di apprendimento che la vede travestita da cane interagire con i bambini come reagirebbe un cane, e che, supportata da strumenti multimediali insegna a comprendere i segnali che il nostro amico ci manda, torna con l’incontro con i NOS di Terracina Il Nucleo operativo

Soccorso della Associazione Nazionale dei Carabinieri, con i Cani poliziotto e la Questura di Frosinone ed infine con Luigi Cortina, amabile cacciatore, che racconta e spiega ai ragazzi la nascita di questo legame indissolubile fra l’uomo e il cane che dura da trentaseimila anni… e di tutto

Da sx: il Parroco Don Italo Cardarilli , La Vicepreside Alessandra Zomparelli, Maria Grazia Miglietta, il Sindaco di Amaseno Antonio Como, Dino Muto, Ivano e Fabiana Miglietta


i nostri

Cani

Anno 59 num. luglio 2013

questo sono fiera. La cerimonia finale è stata emozionante, allegra, presenti tutti i bambini delle classi IV° E V° delle sezioni A e B, la palestra era gremita di mamme, nonni, il Sindaco di Amaseno Antonio Como, entusiasta, ha ringraziato per questa meravigliosa iniziativa che porta i bambini ad una crescita sana per prevenire il randagismo e gli abbandoni, la Vice Preside Alessandra Zomparelli, ha invece reso partecipi tutti noi della sensazione delle insegnanti che sono state a contatto con i bambini dopo i nostri incontri, dicendo che i piccoli si sono mostrati entusiasti, contavano i giorni che dividevano un incontro con l’altro. il Parroco Don Italo Cardarilli ha ricordato quanto è bello partire dal cane per insegnare ai bambini la “responsabilizzazione” verso gli altri esseri viventi. L’ENCI rappresentato dal vice Presidente Dino Muto, che ringrazio a nome mio e del CIRN per la partecipazione, nel suo intervento ha sottolineato quanto queste iniziative siano importanti per avvicinare l’Ente alla collettività e di quanto questo sia uno degli obiettivi principali dell’attuale Consiglio Direttivo ed io aggiungo dovrebbe essere anche di ogni persona che si intende “cinofilo”. Bellissima ed emozionante la consegna al Vice Presidente dell’ENCI da parte degli alunni, di alcuni cartoncini Post-it, con le più belle frasi estrapolate dai 90 elaborati partecipanti al concorso, in modo che nella memoria di tutti noi rimanga cosa provano i bambini dopo aver vissuto un percorso come quello di Di Te mi “Fido”. Devo anche ringraziare infinitamente e con riconoscenza il Capo di Gabinetto della Questura di Frosinone, il Vicequestore D.ssa Stefania Marrazzo che ha inviato un messaggio, che è stato letto ai ragazzi, pieno di rispetto e di amore verso il cane., ed il Questore di Frosinone il Dott. Giuseppe De Matteis, per il Comunicato Stampa apparso sul sito della Polizia Di Stato, siamo onorati della sua attenzione. È stato difficile scegliere gli elaborati finalisti, la commissione era così composta: Serena Donnini (Presidente del G.C. Fiorentino), Stefano Assirelli (giornalista cinofilo), Serena Fiorilli (educatrice cinofila) e la sottoscritta, ha vinto Valentina Avdiu (V° B), una bimba bionda che dietro ai suoi occhialoni rosa, nasconde una sensibilità unica e percepibile quando si incrocia il suo sguardo: “Questo progetto ci ha insegnato a tutti che cos’è veramente il cane. Il cane per me è un compagno, un amico e l’unica cosa che ha al mondo è il suo padrone, gli dona affetto e amore. Ma nel Mondo ci sono anche persone che maltrattano i cani e li abbandonano senza pensare alle conseguenze che potrebbe avere questa azione, ed alla tristezza del cane sentendosi tradito dalla persona che lui ama di più al mondo: il suo

7

Classe IV A con al Centro Chiara Rotondi, 4° classificata

Classe V A con il terzo da sx in ginocchio Brian Conizares Martinez, Aspirante cinotecnico

IL COMMENTO DEI DOCENTI Il progetto “Di te mi fido” promosso dall’ENCI è stato ampiamente gradito da tutta la popolazione scolastica e considerato ampiamente formativo dal corpo docente. Si è registrata una grande professionalità da parte degli operatori preposti, ognuno nel loro settore specifico, unita ad una inaspettata capacità di approcciare i bambini nei vari momenti dell’esperienza. Durante le esercitazioni pratiche, massima è stata l’attenzione e la cura dei bambini nel rapporto e nel contatto con gli animali e le dimostrazioni pratiche unite alle simulazioni sono risultate di grande stimolo, catturando completamente l’attenzione dei piccoli. A loro richiesta è stata sollecitata, in sede di manifestazione finale, la possibilità di poter di nuovo frequentare un ulteriore corso di approfondimento su argomenti relativi a quello definito dai bambini “l’Amico peloso”.

23


IL MESSAGGIO DEL VICE QUESTORE STEFANIA MARRAZZO (CAPOGABINETTO QUESTURA DI FROSINONE) Ho avuto modo di leggere l’elaborato realizzato dalla bravissima Valentina e non vi nascondo quanta è stata la mia gioia, ma ancora di più la mia ammirazione nel verificare quanto rispetto voi giovani abbiate nei confronti degli animali e quale e tanta considerazione nei confronti dell’amico “cane”. E già perché proprio di un amico stiamo parlando di quello che offre tutta la sua fedeltà senza chiedere nulla in cambio. Tanti sono gli esempi di animali coraggiosi protagonisti non solo di serie televisive o fumetti come Pippo, Pluto, Zanna Bianca, Scooby Doo, Rintintin, Lassie, Snoopy e Rex, ma di fatti di cronaca che raccontano del legame indissolubile tra il cane ed il suo padrone, che porta il primo a rischiare la sua vita per la salvezza del secondo. Chi usa violenza nei confronti degli animali, chi li maltratta o li abbandona in strada o nei cassonetti, al di là degli aspetti penali, non sarà mai capace di scegliere tra il bene ed il male. Voi, cari ragazzi, invece ci siete già riusciti mostrando una spontanea sensibilità e non comune maturità che sono sicura riuscirete a trasmettere anche a chi è meno giovane di voi. Bravi e grazie per questo grande insegnamento. P.S. Dimenticavo un grazie anche al mio cane Ciro, poliziotto a quattro zampe. Dott.ssa Stefania Marrazzo Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato padrone.” Secondo posto per Umberto La Valle (V° B): “ L’Uomo non si accorge di molte cose che sono sulla Terra e va a cercarle nello Spazio e nel Mare. Non si è accorto dell’Intelligenza degli animali intorno a Lui, io ne voglio prendere uno ad esempio il cane, fedele e capace amico”. Terzo posto per Benedetta Esposito (IV B): “Questo progetto mi ha aiutato a capire di più cosa è il cane e come viene trattato. Mi ha aiutato a capire che il cane va trattato bene perché non significa che noi siamo meglio del cane perché possediamo più intelligenza. Il Cane ha una cosa in più:

24

Classe IV° B con Benedetta Esposito 3° Classificata

Classe V° B con la vincitrice Valentina Avdiu e Umberto La Valle 2° Classificato

“L’amore per noi”. Quarto posto per Chiara Rotondi (IV A) che dice: “Durante questi giorni ho sentito tante belle cose che possono fare i cani per gli uomini, dall’aiuto materiale a quello affettivo. Troppo spesso l’uomo si dimentica di queste cose, maltrattandoli e abbandonandoli per strada”. Durante la cerimonia è stato anche attribuito il diploma di “Aspirante Cinotecnico” a Brian Coñizares Martinez (V° A), un bambino eccezionale con un elaborato molto tecnico e che mostra una naturale propensione alla cinofilia applicata. Anche questa volta, i bambini ci hanno

dato tanto, un ringraziamento speciale al “mio” Club, il Club Italiano Razze Nordiche, al Presidente Pierluigi Buratti ed a tutti gli altri membri del C.d., che hanno immediatamente sposato la mia “follia” come se fosse la loro. Ed al meraviglioso corpo insegnante che ci ha coadiuvato nel colloquiare con i piccoli, ed infine l’ENCI che sta dimostrando con l’appoggio al mio progetto una grandissima sensibilità verso tutte quelle attività che ci aiutano a sentirci davvero Cinofili… perché insegnando ad un bambino ad amare un cane si pianta il seme per una società migliore. Maria Grazia Miglietta


ADDESTRATORE CINOFILO

Corsi riconosciuti ENCI Validi ai fini dell’iscrizione nel Registro Nazionale

MILANO - ROMA OTTOBRE 2013

Sono aperte le iscrizioni Contattare l’Accademia Europea di Cinologia: e-mail: info@accademiacinologia.it Cell. 346-5165600 Fax: 0364-456700 Web: www.accademiacinologia.it

DOPPIA ESPOSIZIONE


Mondiali Obedience, podio sfumato per 2 cm

Erak, un soffio di sfortuna Grande prestazione dei tricolori che meritano gli applausi

I proverbi non sbagliano: Bene a Parigi, meglio a Salisburgo ottimamente a Budapest, non c’è mai due senza tre. Infatti il risultato finale dice: sei i partecipanti della squadra italiana; praticamente cinque gli eccellenti, un molto buono alto, con Silvia Cacciatore e Valentina Balli in finalissima a giocarsi il podio, (e Valentina con una bellissima prova finale ci poteva anche arrivare ma i giudici pur senza volerlo sono sempre un po’ influenzati dai grandi nomi) Quinti a squadre su venti partecipanti subito dietro alle imbattibili vichinghe ma davanti a squadroni come Danimarca, Russia, Germania e giù fino al decimo posto della Francia che lo scorso anno ci era davanti. Tendendo l’orecchio ai commenti dei con-

26

correnti della top list, ed ascoltando il discorso di chiusura della giudice capo la finlandese Carina Savander-Ranne ci si accorge che anche i nordici, da sempre dominatori di questa disciplina, cominciano a guardare con interesse questa Italia che ormai è li quasi a contatto con loro e a domandarsi le ragioni di questi progressi ormai consolidati. Anche i quattro giudici sempre corretti ed imparziali ci hanno notati assegnandoci due premi straordinari: uno ad Alli con Stefano Bertocchi come unico cane ultradecenne arrivato all’eccellente. Brava Alli, ci hai ampiamente ripagati con un grande risultato dal rischio che abbiamo voluto correre portandoti ancora con noi sfidando la tua età; dopo i tanti

successi passati sei stata ancora pienamente all’altezza anche su un ring internazionale. Cosa c’è dietro questi progressi? Sicuramente grande impegno e voglia di investire in stages e continui contatti con i maestri nordici, grande lavoro col cane seguendo le tecniche di addestramento più moderne ma non utopistiche, grande collaborazione con scambi reciproci di notizie e senza rivalità fra le scuole più valide di diverse regioni italiane, grande amore per questa disciplina che dopo un giro di orizzonte, ritengo la più valida per migliorare i moderni criteri di addestramento. Non scendo volutamente in particolari delle singole prove, gli addetti ai lavori


i nostri

Cani

Anno 59 num. luglio 2013

La squadra azzurra: da sx: Giancarlo De Martini selezionatore, Renate Tribus con Roy, Silvia Cacciatore con Pepper, Valentina Balli con Kaos, Stefano Bertocchi con Alli, Annamaria Cini con Erak, Denis Beonicon Bigbacon

hanno già potuto trovare su internet intere pagine di fotografie e racconti, e sul sito ENCI ogni tipo di classifica, voglio invece raccontare a grandi e piccini una favola che mette bene a fuoco tutte le difficoltà dell’Obedience. Dice la favola che Erak un grande esuberante ed incontenibile Malinois, e Annamaria la sua minuta conduttrice che lo guida con pugno di ferro, erano arrivati come ogni coppia al mondiale con la segreta speranza di un grande risultato. Si presentano in gara ed il primo esercizio è un invio in avanti di trentacinque metri con messa a terra in un quadrato, Erak si lancia velocissimo con tutta la carica che ha accumulato e al comando si schiaccia a terra, ma il troppo slancio lo ha tradito: il suo posteriore esce dal limite del quadrato di qualche centimetro!!

Peccato veniale direte voi, e invece no, per le leggi ferree dell’Obedience quell’esercizio pur molto bello, non è valido e porta alla perdita di quaranta punti! Il sogno è già infranto! Annamaria ed Erak non si perdono d’animo, con una serie di prove brillanti riescono ancora ad arrivare ad un punto dall’eccellente ma il risultato non è quello sperato. Anche i giudici che necessariamente hanno dovuto essere inflessibili, vogliono premiare la bontà della prestazione ed assegnano alla coppia italiana il premio per il binomio più armonico della giornata. Tutto bello? Per niente! Quei pochi centimetri di sedere fuoriuscente hanno tolto alla squadra italiana un podio quasi sicuro! Ma tu piccola Italia, appena arrivata a respirare l’aria del settimo cielo e con un numero di binomi competitivi che può essere tranquillamente contato sulle dita delle mani, cosa volevi pretendere? Giusto, lassù in alto niente, ma in basso si: poter contare su una o due nuove classi facili e progressive che ci permettano di moltiplicare in modo esponenziali il numero di chi fa Obedience Solo una forte

7

spinta dal basso può farci salire ancora più in alto. Non ci resta che passare a tutti i doverosi ringraziamenti: all’ENCI che ha avuto fiducia in noi,alla Royal Canin che ci ha sponsorizzati, a tutti i supporter, veramente molti vista la lunghezza della trasferta che ci hanno saputo dare entusiasmo e fiducia, e in fine a tutti i ragazzi della squadra: alla bravissima Valentina Balli che quest’anno ha saputo lottare testa a testa e sino alla fine con i più forti antagonisti, con Silvia Cacciatore, altrettanto brava e la più forte italiana nella prima parte di gara, a Renate Tribus che con il suo alto eccellente ha contribuito in maniera determinante al risultato di squadra, a Stefano Bertocchi e alla sua Alli sempre sulla cresta dell’onda malgrado la diversamente giovane età, a Denis Beoni sui livelli dello scorso anno anche se la battaglia si fa sempre più dura, e in fine ad Annamaria Cini protagonista della favola semiseria che vi abbiamo narrato. Non ci resta che salutarvi e lo facciamo come ci ha insegnato Papa Francesco “Buonasera a tutti”. Giancarlo De Martini

IL GRUPPO CINOFILO TREVIGIANO IN COLLABORAZIONE CON IL GRUPPO CINOFILO BELLUNESE organizza

DOPPIA ESPOSIZIONE NAZIONALE DI TREVISO E BELLUNO doppio CAC

SABATO 7 E DOMENICA 8 SETTEMBRE 2013 presso il PARCO DI SANT’ARTEMIO (sede della Provincia) in via Cal di Breda, a Treviso

SABATO 7 SETTEMBRE

RADUNI LABRADOR RETRIEVER E GOLDEN RETRIEVER Con l’organizzazione delle sezioni Labrador e Golden del RETRIEVERS CLUB ITALIANO

DOMENICA 8 SETTEMBRE MOSTRA SPECIALE CHOW CHOW

Informazioni e Iscrizioni KALLISTE’ CASA EDITRICE - 011 9242660 - kallistecasaeditrice@virgilio.it - www.miglioredirazzareport.it Per info: Gruppo Cinofilo Trevigiano: encitrevisoprogetti@libero.it 348 9851431 www.gruppocinofilotrevigiano.com


& filo diretto

gruppi cinofili

Due importanti iniziative del Gruppo Cinofilo Genovese

Cani in fiera e in Chiesa Incontri alla Campionaria per calamitare l’attenzione dei visitatori e visita turistica ai Caruggi con gran finale nella Chiesa di Santa Zita

Il gruppo Cinofilo Genovese, ha dato vita a una kermesse di manifestazioni cinofile nell’ambito dell’evento Fiera di Primavera di Genova. La fiera campionaria genovese per eccellenza ha richiamato un pubblico enorme, più di 150.000 visitatori nelle dieci giornate di apertura. Grane interesse ha suscitato la serata di avvicinamento al cane di razza, durante la quale il pubblico poteva apprezzare la morfologia e il carattere dei cani presenti divisi per categorie e gruppi di allevamento. Un momento di consapevolezza gestito da una competente consulenza pre-acquisto in merito alle esigenze che ogni razza presenta. Durante tutta la durata della fiera, tanti i momenti di autentica cinofilia: si è parlato di educazione del cane, di sport con manifestazioni di agility, retrieving, utilità e mondioring.

Ogni giorno è stata presentata al pubblico un’attività e i partecipanti potevano poi provarla con il loro cane. Inoltre, consulenze educative in collaborazione col Dog Training Purina ProPlan e gli istruttori cinofili del Biancospino, e consigli per tutti sulla serena convivenza in famiglia e una corretta alimentazione.

CANI IN CHIESA Domenica 28 aprile abbiamo proseguito organizzando una divertente uscita in città per i proprietari dei cani di Genova. Il Consigliere Luigi Durando ha ideato un itinerario turistico all’interno del Centro Storico della città, in Giro per i Caruggi, con un commento sui monumenti che incontravamo nel cammino. Così, siamo partiti in gruppo: appuntamento alle 10.00

Don Franco, parroco della Chiesa di Santa Zita a Genova ha celebrato la Santa Messa per i 52 cani e i loro proprietari

all’Acquario di Genova e già il nostro assembramento canino destava curiosità tra i passanti. Si sono uniti così a noi altri cittadini che stavano portando a spasso il cane. E così passando per Via San Luca, abbiamo raggiunto la vecchia Piazza Banchi, salendo per via degli Orefici, Piazza San Matteo, confluendo in Piazza San Lorenzo. Ordinatamente, sotto la guida degli istruttori cinofili che gestivano in buon ordine il gran numero di cani del gruppo, abbiamo raggiunto Piazza De Ferrari e dopo la foto di rito, siamo discesi per Via XX Settembre alla volta della Chiesa di Santa Zita. Qui ci spettava Don Franco, parroco moderno che ha accettato in chiesa tutta la nostra banda di cani e proprietari e ha detto messa per noi, con la Santa Benedizione finale. Tutti ordinati in chiesa i 52 cani partecipanti alla bella giornata, a dimostrazione che con il cane si può andar dappertutto. Paola Daffunchio

28


Nella foto Best in Show: Gruppo di giudici e organizzatori con il vice-Sindaco Mingozzi al BIS (1° il Border Collie Jumping River dell’allev. Jumping River di P. Cerchione, 2° lo Shih-tzu Kasino from Audrey Paradis di A. Baccarini, 3° il Bracco Italiano b.a. Praia dei Sanchi di M. Salvi).

Successo della 52ª esposizione nazionale

RAVENNA ama il cane Bel tempo e numerose iscrizioni premiano il lavoro del Gruppo Cinofilo Ravennate

“A Ravenna la cinofilia ha un buon seguito, e Ravenna è una città che dimostra una cura particolare verso il cane. Aumentano i parchi attrezzati per le passeggiate e le sgambature, e l’amore dei ravennati per i cani si vede anche dalle adozioni che vengono effettuate presso il canile municipale. L’esposizione nazionale di Ravenna è naturalmente un evento di elite, ma sono questi momenti che promuovono la cinofilia e quindi il rapporto generale fra l’uomo e il cane”. Queste, in sintesi, le parole del vice-Sindaco di Ravenna, Giannantonio Mingozzi, intervistato poco prima che si accingesse a premiare i tre soggetti saliti sul podio del Best in Show della 52.ma esposizione nazionale ravennate. Il 25 aprile a Ravenna 620 i soggetti iscritti e un pubblico costantemente presente, se si pensa ad una giornata come quella dell’anniversario della Liberazione che a Ravenna, Medaglia d’Oro al Valore Militare, è fitta di manifestazioni e ricorrenze legate alla particolare festività nazionale. 145 le razze presenti, fra le quali alcune non comunemente visibili in pedana (Xololtzcuintle standard, Lapinkoira, Tosa, Bichon Havanais, Chesapeake Bay retriever, Sealyham terrier). Tra le più numerose i Labrador retriever con 52 soggetti, seguiti a una

certa distanza dagli American Staffordshire terrier, Border Collie, Chow-Chow, Golden retriever. Ben rappresentati i Lagotti Romagnoli, razza di casa. A proposito di romagnoli, giusto i maggiori allori quest’anno sono stati appannaggio dei concorrenti locali. Al BIS infatti, dopo aver primeggiato nei rispettivi gruppi, sono saliti: 1° il Border Collie Jumping River di P. Cerchione, 2° lo Shih-tzu Kasino from Audrey Paradis di A. Baccarini, 3° il Bracco Italiano b.a. Praia dei Sanchi di M. Salvi. Un 1° anche nelle coppie con i Pointer della Rivazza di Alvaro Maretti. L’esposizione ravennate ha peraltro fatto da tramite anche ad alcuni momenti di cinofilia sociale con la presenza dell’Associazione “Cosmo Help”, dedita all’aiuto dei bimbi nel mondo, l’Associazione “Realizza il Tuo Sogno”, attiva verso le persone affette da malattie terminali, e la prova di CAE1 con la collaborazione del Centro Cinofilo Dog Paradise. E anche la cinofilia sportiva ha avuto il proprio raggio d’azione con una prova interregionale di Disc Dog a cura del Centro Cinofilo Asd Disc Dog Italia. Il Gruppo Cinofilo Ravennate ringrazia le Autorità locali che con la loro disponibilità hanno consentito lo svolgimento della tradizionale manifestazione cittadina, la ditta Badiali per il supporto dato all’evento. Roberto Aguzzoni

ER L. FROM JUMPING RIV TI RAGGRUPPAMEN RDER COLLIE, JUMPINGRIVER, PR. ALTHE GRUPPO 1 1° BO AR PEI, GOOD FORTUNE YOU’RE NOT GRUPPO 2 1° SH OF ME, PR. ZARO GABRIELLA BOSS PRISCILLA DEI RKSHIRE TERRIER, LDI MADDALENA YO 1° 3 PO UP GR BARA FIOCCHI ROSSI, PR. DARD P/C, STAN TO OT SS BA NTINA 1° 4 GRUPPO PR. VERGNANI VALE RINA WILLIAM WALLACE, GGIO CIONDOLO, PR. FALCINELLI CATE ELLO RC MA , MA I ITZ LV SP SA LF HI, GRUPPO 5 1° WOACCO ITALIANO B/A, PRAIA DEI SANC DIS, BACCARINI ANGELO GRUPPO 6 1° BR IH TZU, KASINO FROM AUDREYS PARA ANDI GILBERTO GRUPPO 7 1° SH EYHOUND, TURIBIO AT CAVEJA, PR. GR GRUPPO 8 1° GR I MASSIMILIANO CASA KALY, PR. LATIN DI I AM SW O, IED MO BIS GIOVANI 1° SA E COLLINE DI BIS VETERANI UCASO, LINUS DELL 1° PASTORE DEL CAL. LE COLLINE DI MARANELLO MARANELLO, PR. AL . SALVI MARCELLO NE BIS RAZZE ITALIA CO ITALIANO B/A, PRAIA DEI SANCHI, PR AC BR 1° RRARI GIUDICE: FRANCO FE OM JUMPING RIVER RISULTATI DEL BIS COLLIE, JUMPINGRIVER, PR. ALL. FR, PR. BACCARINI ANGELO RADIS 1. BORDER RCELLO O FROM AUDREYS PA 2. SHIH TZU, KASIN B/A, PRAIA DEI SANCHI, PR. SALVI MA NO LIA ITA CO AC 3. BR


BEST IN SHOW 1° NHABIRA KICKOFF, Bassethound, Pr. Morganti Michele 2° CHANTIQUE RUPERT BEAR, Cane da Pastore Scozzese a pelo lungo, Pr. Pompeo Mattia 3° ROSARIO DEI COMTE D’EAU, Cavalier King Charles Spaniel, Pr. Ranger Peter

Record di presenze all’Expo di Alessandria

Il CACIB più prezioso al BASSETHOUND Un brillante al vincitore. Oltre 1200 esemplari. Pubblico entusiasta

Niente meglio dei numeri rende l’idea del successo organizzativo conseguito dal Gruppo Cinofilo Alessandrino per quanto riguarda il settore espositivo nell’anno 2013. L’edizione di quest’anno dell’expo internazionale canina di Alessandria, svoltasi come da tradizione mercoledì 1° maggio, infatti, ha visto la partecipazione di poco meno di 1200 soggetti in rappresentanza di 192 razze riconosciute dalla FCI. Due le Mostre Speciali, riservate ai bovari svizzeri ed ai pastori belgi, concesse dalle rispettive società specializzate, CIABS e CAPB, che attraverso queste note ringraziamo. Teatro della kermesse, i padiglioni dell’Expo Piemonte a Valenza, sede di una delle più importanti rassegne del settore orafo. Qui, in un proscenio elegante e prestigioso, una qualificata giuria composta da tredici esperti-giudici italiani e quattro stranieri (fra cui due francesi, un portoghese ed una 30

finlandese) ha esaminato con estrema competenza, in un clima rilassato, un lotto di soggetti di notevole tipicità morfologica, sotto gli occhi di un folto pubblico di appassionati cinofili e di semplici curiosi che ha gremito l’area fin dalle prime ore del mattino. I timori che attanagliavano gli organizzatori alla vigilia – vale a dire che la risposta dei Valenzani ad un evento per loro del tutto inedito potesse essere relativamente “tiepida” – si sono rivelati del tutto infondati. E’ stato bello, fra l’altro, vedere interi nuclei familiari varcare i cancelli dell’Expo e percorrere la lunga passerella coperta che porta alla hall per dirigersi poi nella zona destinata ai ring. La decisione di lasciare gratuito l’ingresso per i visitatori ha senz’altro favorito l’afflusso a bordo ring di un cospicuo pubblico, attento a seguire nei dettagli le diverse fasi dei giudizi. Applausi a


i nostri

Cani

Anno 59 num. luglio 2013

BIS GRUPPI DI ALLEVAMENTO 1° CANE DA PASTORE MAREMMANO ABRUZZESE, Pr. Mastroianni Pasquilino 2° AKITA, Pr. Prochilo Riccardo 3° TIBETAN TERRIER, Pr. Coquan Christophe

tratti scroscianti hanno sottolineato gli esiti dei vari spareggi necessari a designare i migliori soggetti di ogni razza in concorso. Questi si sarebbero poi disputato nei raggruppamenti pomeridiani un posto nel Best In Show, giudicato dal francese Jean Jacques Dupas. A maggior ragione in questa circostanza, dal momento che per il miglior soggetto della manifestazione era in palio un brillante, mentre al secondo ed al terzo classificato spettava un oggetto in oro, oltre alle tradizionali coccarde offerte dallo sponsor Royal Canin. Alla luce dei risultati conseguiti, senz’altro soddisfacenti

BIS RAZZE ITALIANE 1° MISSIS WHITE BELLE EPOQUE, Maltese, Pr. Vezzani Barbara 2° VALERIO DEI RAGGI DI LUNA, Piccolo Levriero Italiano, Pr. All. Dei Raggi di Luna 3° IL GRANAIO DEI MALATESTA SAURO, Lagotto, Pr. Benelli Monica

7

BIS COPPIE 1° PASTORE SCOZZESE PELO LUNGO, Pr. Fontanelli Marco 2° SETTER INGLESE, Pr. Sleegers Hans 3° PICCOLO LEVRIERO ITALIANO, Pr. All. Dei Raggi Di Luna

TI RAGGRUPPAMEN

RUPERT BEAR, 1° CHANTIQUE ozzese, Pr. Pompeo Mattia Sc e or st Cane Pa EY BOGART, SCEDIR HUMPR Pr. Ferrari Fabio GRUPPO 2 1° ergschnauzer nero argento, Zw BIG BANG, LUCIFERS BULL a Tamara GRUPPO 3 1° ll Terrier Standard, Pr. Lucifor Bu A, UNNA DEL GOTH rruzzi Lucia GRUPPO 4 1° ssotto Kaninchen p.d., Pr. Te WAR, Ba OF K EA SP I ’S TSARSHADOW Dawne Deeley GRUPPO 5 1°ne da orso della Carelia, Pr. Ca , NHABIRA KICKOF ele GRUPPO 6 1° ssethound, Pr. Morganti Mich AND, AM Ba T IN SA L UI BR GAUGUIN DU iguel Angel GRUPPO 7 1°acco D’Auverne, Pr. Dilena M Br Y, DA Y BA FRANCINI’S DAY cini Angela GRUPPO 8 1°cker Spaniel Inglese, Pr. Fran Co U, MTE D’EA ROSARIO DEI CO . Ranger Peter GRUPPO 9 1°valier King Charles Spaniel, Pr, Ca GGI DI LUNA i Raggi di Luna VALERIO DEI RA De GRUPPO 10 1°ccolo Levriero Italiano, Pr. All. Pi

GRUPPO 1

sotto tutti i punti di vista, il Consiglio Direttivo del Gruppo Cinofilo Alessandrino intende ringraziare il Sindaco e l’Amministrazione Comunale di Valenza che hanno dato prestigio alla manifestazione concedendo il patrocinio, la società Expo Piemonte, l’Associazione Orafa Valenzana, i giudici, il delegato ENCI, gli sponsor, gli espositori e tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita dell’evento. A tutti rinnoviamo un arrivederci al prossimo anno, con l’impegno di mettercela tutta per fare ancora e sempre meglio! Gianedoardo Giordanino

31


7 cani giganti

... e una razza misteriosa 4T

ENCI JUNIOR CLUB

3B

5A

7L

indovina chi sono!

1B

6I

2-O

la razza misteriosa*


L

a n i v o d in ! o n o s chi 7L

ENCI JUNIOR CLUB

Vengo dalla Russia e corro veloce come il vento. Ho una vista acuta per la caccia. Nella foto mi vedi con un Bassotto. Ho vissuto alla corte degli Zar e di molti poeti illustri. La mia altezza raggiunge gli 85 cm al garrese (spalla).

2-O Il mio antenato Barry è famoso in tutto il mondo. Soccorro la gente dispersa nelle tor-

mente di neve, la mia botticella di brandy è salutare quando fa molto freddo… sono un gigante che può pesare anche 100 kg!

6I 1B 3B 5A 4T

L’Inghilterra è la mia patria d’origine. Ho coraggio da vendere ma sono saggio e calmo, anche con i gatti. Faccio la guardia, senza agitarmi, ma sono molto attento. Posso superare il quintale di peso. Il mio mantello è fulvo, o albicocca o tigrato. Sono tedesco e un tempo ero impiegato nella caccia al cinghiale. Ora, sono un ottimo cane da guardia, affettuoso con la mia famiglia. Il mio mantello ha tanti colori, anche “arlecchino”. Poso raggiungere i 90 cm. di altezza al garrese. Nella foto mi vedi con un Chihuahua… Sono il più grande dei cani e vengo dall’Irlanda, alcuni miei cugini hanno superato il metro di altezza al garrese. In casa sono calmo e paziente ma quando corro è difficile starmi dietro… Nella foto sono con un amico, molto piccolo… Il mio nome deriva da un’isola che si trova di fronte al Canada. Sono buono, affettuoso, intraprendente e giocherellone. Ho le zampe palmate e in acqua sono un fenomeno. Nella foto sto insegnando ad un mio amico a non avere paura dell’acqua… Sono francese, faccio il pastore ed il guardiano delle greggi. Con il mio amico Sebastien ci siamo divertiti molto a correre su e giù per le montagne. Posso arrivare a 80 cm di altezza al garrese. Mi piace stare in famiglia e farmi coccolare…

*la razza misteriosa

te esatte Le rispos sul sito i le trovera uniorclub

i.it/j

www.enc

indizi: sono inglese, antico e faccio il pastore ma poiché ho un carattere sempre allegro, tutti mi vogliono per la compagnia…

Per scoprire chi sono, associa i numeri alle lettere corrispondenti in questa sequenza. Ad esempio:

1

2

3

4

5

6

B All’ENCI JUNIOR CLUB le iscrizioni sono gratuite. Sul sito www.enci.it/juniorclub è possibile scaricare la scheda di adesione. Info ENCI JUNIOR CLUB: 0270020325 - 0270020374

7


BEST IN SHOW Rende Raduno Mediterranean Winner Coast Toy Cup CCC 2013

A Rende un grande Raduno del Club Cani da Compagnia

Mediterranean Toy Cup La finale del prestigioso Trofeo si è svolta tra il sole ed il mare della Calabria. Organizzazione perfetta ad opera del Gruppo Cinofilo Rendese Si è svolto a Rende, in data 25-26 maggio 2013, un prestigioso, atteso, triplice evento della cinofilia italiana. La città calabrese ha infatti ospitato l’International Dog Show di Vibo Valentia, l’International Dog Show di Rende, più Raduni e tra questi quello del Club Club Cani Compagnia che quest’anno festeggia i suoi 50 anni di esistenza. Nonostante l’improvvisa variazione della location, comunicata la settimana antecedente le manifestazioni, non si sono rilevati disagi o carenze nell’impeccabile organizzazione in virtù delle riconosciute capacità del Gruppo Cinofilo Rendese. Una vasta, accogliente, naturalisticamente curata area espositiva ha accolto i numerosissimi espositori e visitatori ed ha consentito loro di fruire appieno degli Show in una piacevole atmosfera. Davvero rilevante il numero dei soggetti iscritti a catalogo. Esemplari blasonati e di gran pregio sono stati presentati in ampi ring disposti con rigoroso ordine ed arricchiti da raffinate composizione floreali di gradevolissimo effetto scenico. Accurata l’assegnazione delle svariate razze ai giudici che ha annullato i lunghi tempi di attesa tanto temuti dagli espositori. Ampissimo e allestito con innegabile

34

classe il ring d’onore. Si è tuttavia avvertita con disagio una penalizzante mancanza. Era assente un grande protagonista: il sole. Sia sabato che domenica mattina Rende, senza fare eccezione ad una situazione generalizzata a tutta l’Italia, è stata interessata da un’ondata di maltempo. Non si ravvisavano le condizioni ottimali per go-

BIS sezione 1

dere nella sua interezza dell’atteso Raduno del CCC beneficiando di una splendida giornata primaverile. Ma nel momento stesso in cui venivano allestiti i ring per l’evento pomeridiano del CCC ha cominciato a fare capolino il sole. Le condizioni meteorologiche sono mutate come per incanto regalando il tanto sperato, mite clima tipico di questa stagione. Pietro Paolo Condò, il nostro amato Presidente ci ha onorati con la sua rassicurante, impagabile presenza. Spontaneo pensare che il sole lo abbia condotto con se dalla meravigliosa riviera ligure in cui vive ed opera. Numerosissimi gli esemplari presentati, molti dei quali ambivano al non semplice conseguimento del titolo della Mediterranean Toy Cup di cui Rende ha rappresentato il terzo e conclusivo evento. Un riconoscimento di grande prestigio, un’attentissima selezione che ha visto sul podio soggetti di acclarata bellezza e di indubbio valore cinofilo. Tutti i vincitori sono stati premiati con una raffinatissima, preziosa cornice in argento in attesa di ricevere, in quanto Best di sezione, una medaglia d’oro in occasione della cena del Club organizzata per fine anno. Un’expo che ha superato di gran lunga


i nostri

Cani

Anno 59 num. luglio 2013

molti eventi organizzati al Nord. Una manifestazione da annoverare tra le più riuscite quella di Rende grazie allo scenario in cui si è svolta, alla curatissima organizzazione, alla scelta di premi originali e pregiati ma soprattutto, ed in primis, grazie al calore tipicamente meridionale con cui ha accolto giudici, espositori e visitatori. Al Gruppo Cinofilo Rendese ed al CCC vanno pertanto le nostre sentite congratulazioni. Grazia Guadagno

I VINCITORI DELLA MEDITERRANEAN CCC TOY CUP COTON DE TULEAR DORAQUEENJOLIE All.to Zanco Michele Propr. Casarin Monica BARBONE NANO ROSSO FULVO PRINCESSA RACIBORSKI PUCH All.to Dariusz Glowka Propr. Pucci Milena CHIHUAHUA A PELO CORTO DIXIE DANCER DI RIO GALERIA All.to Rio Galeria-Tartaro Propr. All.to Rio Galeria DANDY DAIMOND DRUSILLA All.to Pelini Alessandra Propr. Pelini Alessandra CHIHUAHUA A PELO LUNGO ORLANDO BLOOM DI RIO GALERIA All.to di Rio Galeria-Tartaro Propr. Multineddu Gabriella DONNA FUGATA DI RIO GALERIA All.to Rio Galeria-Tartaro Propr. Gozzi Raffaella PAPILLON LABELLACI SUPER SWEET All.to Labellaci Kennel Propr. Samarelli Lori BOULEDOGUE FRANCESE BOULE DE VOYANCE VALERIA All.to Boule de Voyance Propr. All.to Boule de Voyance CARLINO FULVO VOGUE’S MADE LAINE All.to Vogue’s Made Propr. Papi Dalila BIS RADUNO RENDE 1° Chihuahua pelo corto Dixiedancer di Rio Galeria Pr. Paolo Tartaro 2° Barbone Shantaram Hands Off Pr. Alessandra Giuliani 3° Carlino Vm I’m Many Happy della Valle delle Streghette Pr. Dalila Papi

BIS sezione 2

BIS sezione 5

BIS sezione 4

BIS sezione 7

7


BEST IN SHOW 1° Chow Chow DRUID DEI LEONI IMPERIALI Prop. Marcello Castelli 2° Setter Inglese ORSO DELLA BASSANA Prop. All. della Bassana 3° Schnauzer (medio) pepe sale AMOR DI SCHNAUZER VA PENSIERO-PS Prop.Chiara Scapin

Folla e cani all’Ente Fiera

Expo e solidarietà MODENA Il ricavato per aiutare zone terremotate

Si è svolta, nella prestigiosa cornice dell’Ente Fiere di Bologna, la 22° Esposizione Internazionale di Modena. E’ stata la “prima volta” del Gruppo Cinofilo Modenese, la prima internazionale organizzata in prima persona. Non è stato facile, in particolare non avendo potuto contare sull’assegnazione delle mostre speciali straordinariamente decise per aiutare le popolazioni colpite dal sisma 2012, nonostante la provincia di Modena sia stata, purtroppo, la più colpita. Perciò, autonomamente, si è deciso di scegliere un obiettivo e di devolvere tutto il possibile a chi, in questa provincia è ancora in difficoltà. La solidarietà, a Modena, l’hanno dimostrata centinaia di iscritti, giudici e commissari di ring a cui vanno tutti i ringraziamenti del Gruppo Cinofilo Modenese. Un particolare ringraziamento a coloro che hanno prestato la loro opera, giudici e commissari e che hanno rinunciato al loro compenso, per contribuire ad aiutare la provincia di Modena. 36

BIS VETERANI: 1° Bolognese RANIERO Prop.Monica Olivieri 2° Alaskan Malamute TARCO DELLA CORTE DEL CIJARA Prop. francesco Ciodaro 3° Labrador Retriever BERILLO DI CURTIS CANAVA Prop.Andrea Alessandro Mestrinaro


i nostri

Cani

Anno 59 num. luglio 2013

BIS GRUPPI DI ALLEVAMENTO 1° Shetland Sheepdog: Allevamento Enfy’s 2° Golden Retriever: Allevamento Evermagic

Più di 900 iscritti: un grande successo, considerando il ritardo che ha dovuto subire l’organizzazione, la nuova “location” ed il fatto che molti espositori erano ancora certi che l’internazionale di Modena si tenesse a Reggio Emilia, come gli scorsi anni. Due mostre speciali ed una massiccia presenza di alcune razze come i Bassotti ed i Retrievers. Cinque esperti giudici provenienti dall’estero, competenti ed apprezzati esperti giudici italiani.

BIS RAZZE ITALIANE 1° Maltese CINECITTA’ SASHA BARON COLEN Prop. Franco Prosperi 2° Piccolo Levriero Italiano HONEY DEI RAGGI DI LUNA Prop. Anconetti Calderone 3° Bolognese ZANY DENAJWEN Prop.Gabriele Toselli

7

BIS JUNIORES: 1° Welsh Corgi Pembroke EVERYBODY CLAP YOUR HANDS Prop. Maria Vittoria Da Pian 2° Chinese Crested Dog SOLINO’S CRUELLA DE VIL Prop. Iris Shultz 3° Springer Spaniel ADAMANTI’S RED LETTER DAY Prop. Simonin Laurent

ENTI RAGGRUPPAM NNY DRAGONJOY SO Corgi Pembroke redi sh el W 1° 1 GRUPPO . Chiara Ce CORLEONE Prop edio) pepe sale (m r ze au hn Sc RO-PS GRUPPO 2 1° OR DI SCHNAUZER VA PENSIE AM in Prop.Chiara Scaper EXPRESSION FACTOR X Terri le da re Ai 1° TTA .Nicola Pisani GRUPPO 3 OF MALTON Propno pelo duro AMAONORAERISPE na to ng ot lsi ss Ba anhe GRUPPO 4 1° L WANHELSING Prop.All.del WI IMPERIALI DE I LEON DE D UI DR ow Chow Ch GRUPPO 5 1°op. Marcello Castelli Pr ABIRA KICKOF sset Hound NH i Ba 1° 6 PO GRUP organt Prop. Michele Me ORSO DELLA BASSANA gles In r tte Se 1° ssana GRUPPO 7 Prop. All. della Baiel CLUSSEX KANGAROO JACK an Sp r be um Cl GRUPPO 8 1°op. Jonhson Vismara Pr A BARON COLEN CINECITTA’ SASH se te al M 1° GRUPPO 9 osperi Prop. Franco Pr BERS PORTIA GRANCRU SO d un ho ey Gr GRUPPO 10 1°op.Sobers Vismara Pr

Una buona presenza nello Junior Handling ma, più di tutto, un’atmosfera rilassata ed amichevole, apprezzata da tutti i presenti.. Una bella cinofilia, insomma.. Grazie a tutti ed arrivederci al prossimo anno. Nadia Maffei 37


BEST IN SHOW di Caserta 4 maggio 2013 1° Maltese, FUNNY LADIES RISING SUN, Pr. All. Ayako Ito 2° Clumber Spaniel, CLUSSEXX KANGAROO JACK, Pr. Lorella Vismara 3° Alaskan Malamute, ROHAN DEL BIAGIO, Pr. All. del Biagio

Due giorni di grade cinofilia nel napoletano

VESUVIO Winner 2013

Grande successo di pubblico e concorrenti per i Gruppi Cinofili di Napoli e Caserta “Comm’è bella ‘a muntagna stanotte, bella accussí, nun ll’aggio vista maje!” recita una bella e antica canzone napoletana del 1917 scritta da Bovio e De Curtis, in cui è poeticamente descritta la montagna di Napoli: il Vesuvio. Che è parso bellissimo anche nelle due mattinate del Vesuvio Winner a chi in auto e furgoni pieni di cani si avvicinava nelle strade strette e ripide al Complesso Zeno. E dopo aver sistemato i cani per un attimo di pausa, girandosi verso il Golfo si restava nuovamente senza fiato a mirare Sorrento di fronte, Punta Campanella che si allunga verso Capri e poi ancora più a destra Posillipo, Capo Miseno e Ischia. Anche questa edizione del 2013 si conferma un evento di successo nel panorama cinofilo italiano e, soprattutto, con i due CACIB delle Internazionali di Caserta ed Ercolano organizzati dal Gruppo Cinofilo Partenopeo in sinergica collaborazione con il Gruppo Cinofilo Casertano, ha fatto registrare oltre 1800 iscritti nei due giorni, con un aumento, nonostante la crisi, di ben il 20% in più rispetto allo scorso anno. Successo che è senz’altro da ascrivere oltre che alla scenografia, 38

Junior Handling di Caserta 4 maggio 2013


Best in Show di Ercolano 5 maggio 2013 1° Pastore Australiano, QUICK JOEY SMALL DEL WHYMPER DELLE G. JORASSES, Pr. Linda Carioni 2° Alaskan Malamute, ROHAN DEL BIAGIO, Pr. All. del Biagio 3° Bracco Italiano b/a, NICUZZA DEL TAVULIDDARO, Pr. Carla Zanetti

4/5/2013 RUPPAMENTI CASERTA RAGG i Barbara BIS JUNIORESsky, VANAVARA UNUK, Pr. Blas Hu n ria be Si 1° I, Pr. Arena BIS GIOVANI amute, STARRING MAAT KENA 1° Alaskan Mal Giuseppe Di Pr. All. La Selva BIS VETERANI triever, MALOMKOZI X’TREME, 1° Labrador Re Circe Ayako Ito IANE NG SUN, Pr. All. BIS RAZZE ITAL NNY LADIES RISI FU , se te al M 1° BIS COPPIE l. del Biagio 1° Shiba, , Pr. Al PI i Demoni Neri PASSO DEL BIS GRUP zer Nero, All. de ITA 1° RiesenschnauCane Lupo Cecoslovacco, EV 1° a 1 lis PO na UP An ni GR LUPO, Pr. Rubbiahino, ADOLF DI SHAKIR LAPO, o arlecc an Al 1° 2 GRUPPO , Giovanni Pr. Bencivenga er, RAGLAN READE REACTION rri Te h tis ot Sc GRUPPO 3 1°. Del Vasto Pasquale RTE DI Pr ISABEL DELLA CO otto Nano p/c, lla Corte dei Barbagrigia ss Ba 1° 4 . All. de GRUPPO BARBAGRIGIA, Pramute, ROHAN DEL BIAGIO, al M n ka as Al GRUPPO 5 1°. All. del Biagio , Pr k, DEMI MOORE esian Ridgebac od Rh 1° 6 EN Silvia GRUPPO Pr. Di Domenico se, TOO LITTLE PART OF HEAV de an Irl r o tte m Se im M GRUPPO 7 1° LLA MAGNASILA, Pr. Presta KANGAROO JACK, DE l, CLUSSEXX Clumber Spanie GRUPPO 8 1°. Vismara Lorella SUN, Pr LADIES RISING Maltese, FUNNY 1° 9 PO UP GR , Pr. All. Ayako Ito dese, NUNI MUNI OF LAHROB iero Irlan vr Le 1° 10 GRUPPO sia Pr. Vaccaro Ales

alla ormai collaudata esperienza di un team che cura nei dettagli l’organizzazione, e alla collaborazione dei 14 Club di razza che hanno concesso le Speciali. I 754 cani del primo giorno e i 1072 del secondo, sono stati giudicati da una giuria di esperti giudici italiani e stranieri, in ampi ring situati sia nei due panoramici padiglioni che sul campo in erba, allestiti tutti in bianco e rosso dalla Royal Canin. Nell’assolato e grande ring d’onore in erba hanno trovato posto anche i bambini ed i ragazzi del Junior Handling, competizione sempre più richiesta e affollata, che vede prin-

BEST IN SHOW Juniores Ercolano 5 maggio 2013 1° Siberian Husky - Vanavara Unuk - prop. Barbara Blasi 2° Samoiedo - Artaiga’s Nicest Giovanna d’Arco prop. Stefania Amicucci 3° Bullmastiff - Margot - prop. Salvatore Iaccarino

39


BIS Razze Italiane Caserta 4 maggio 2013 1° Maltese - Funny Ladies Rising Star - Prop. all.to Ayako Ito 2° Mastino Napoletano - Claus del Nolano Prop. all.to del Nolano 3° Piccolo levriero Italiano - Dervisch Very Versace Prop. Angelo Boatta

BIS Razze Italiane Ercolano 5 maggio 2013 1° Maltese - Cinecittà Sasha Baron Colen Prop. Franco Prosperi 2° Mastino Napoletano - Claus del Nolano Prop. all.to del Nolano 3° Bracco Italiano - Nicuzza del Tavuliddaro - Prop. Carla Zanetti

cipianti e quasi professionisti contendersi con grande impegno il podio con up and down, triangoli e standing. Ha giudicato il Best in Show dell’Internazionale di Caserta Claudio De Giuliani, che tra i 10 migliori di gruppo ha selezionato il Maltese FUNNY LADIES RISING SUN quale BIS, il Clumber Spaniel CLUSSEXX KANGAROO JACK riserva BIS e l’Alaskan Malamute ROHAN DEL BIAGIO al terzo posto, soggetti già visti vincitori sul podio di altre manifestazioni e che

TI 5/5/2013 GGRUPPAMEN ERCOLANO RA i Barbara BIS JUNIORESsky, VANAVARA UNUK, Pr. Blas Hu n ria be Si 1° AV HISELFOSS, BIS GIOVANI rnese, LUCKY STRIKE LINUS Be 1° Bovaro del Pr. Virgili Letizia BIS VETERANI triever, MALOMKOZI X’TREME, 1° Labrador Re Di Circe Pr. All. La Selva co IANE Pr. Prosperi Fran BIS RAZZE ITAL CITTA’ SASHA BARON COLEN, 1° Maltese, CINE BIS COPPIE iel Inglese, , Pr. Pesce Ines 1° Cocker Span BIS GRUPPI amute, Pr. All. del Biagio EY SMALL DEL 1° Alaskan Mal Pastore Australiano, QUICK JO . Carioni Linda Pr , GRUPPO 1 1°HYMPER DELLE G. JORASSES DEL NOLANO, W tano, CLAUS Mastino Napole GRUPPO 2 1°. All. del Nolano E REACTION, Pr er, RAGLAN READ rri Te h tis ot Sc GRUPPO 3 1°. Del Vasto Pasquale NEKAPITOL Pr n p/d, DARGON ng he nc ni Ka to ot Bass anhelsi GRUPPO 4 1° L WANHELSING, Pr. All. del W L BIAGIO, DE N DE HA RO e, ut am al Alaskan M GRUPPO 5 1°. All. del Biagio Pr HARLOCK, Beagle, CAPTAIN GRUPPO 6 1°. All. Fonteposca’s L Pr b/a, NICUZZA DE Bracco Italiano netti Carla 1° 7 PO UP Za . GR TAVULIDDARO, Prtriever, MIDNIGHT SUN DI CASA 1° Labrador Re io Fabio 8 GRUPPO BIAGINI, Pr. Muz CITTA’ SASHA BARON COLEN, Maltese, CINE GRUPPO 9 1°. Prosperi Franco MONTA Pr ALTO QUANNTRA hippet, SOBRES assimo W 1° 10 PO GRUP illo M O’ SOLE, Pr. Fior

Best in Show Coppie Ercolano 5 maggio 2013 1° Cocker Spaniel Inglese - Paco di Casa Buono e Francini’s Dolce Vita - Prop. Ines Pesce 2° Volpino Italiano - Limoncello del Colle degli Ulivi e Ilda del Colle degli Ulivi - Prop. all.to del Colle degli Ulivi 3° Bullmastiff - Nightfallking Ivano e Nightfallking Isabella Prop. all.to Nightfallking

quindi confermano il loro valore. La domenica, per l’Internazionale di Ercolano, al centro del ring scendeva lo svedese Ake Cronander che si trovava davanti una line up di tutto rispetto con soggetti di ottimo valore cinotecnico e tutti con eccellente movimento, e che sceglieva quale BIS l’Australian Sheperd QUICK JOEY SMALL DEL WHYMPER DELLE GRANDES JORASSES, riserva BIS l’Alaskan Malamute ROHAN DEL BIAGIO e al terzo posto il Bracco Italiano NICUZZA DEL TAVULIDDARO. Chiudiamo con i ringraziamenti alle autorità locali ed a tutti gli intervenuti che hanno collaborato alla riuscita dell’evento. Titti Ceccarelli


BEST IN SHOW 1° JACO DELLA BASSANA SETTER INGLESE pr. All.to della Bassana 2° CONCHOBAR NELSON LEVRIERO IRLANDESE pr. Stefano Pianezzola 3° NEWSTARWOOD RUSSIAN RULETTE AKITA AMERICANO pr. Ana Stefanovic

Folla e tanti concorrenti alla 57ª esposizione

SEVESO un altro successo

La manifestazione nello stupendo Parco delle Querce. Organizzazione perfetta diretta da Luigi Consonni. Ha vinto Jaco della Bassana di Stefano Lui All’appuntamento c’erano tutti, cinofili, espositori, autorità e così l’Esposizione nazionale di Seveso ha assunto il significato di una promessa mantenuta. Anche nel successo. Merito di un Gruppo Cinofilo, quello delle Groane, che ha fatto la storia della più alta cinofilia agonistica, merito di Luigi Consonni che ne è il guru da oltre mezzo secolo. Merito di un’equipe meravigliosa che ha lavorato in sinergia con la Federcaccia di Milano, Monza e Brianza organizzatrice insieme al gruppo della importante rassegna. La categoria – nazionale - può apparire limitativa ma nessuno a Seveso, città assurta alla cupa notorietà per oramai lontane drammatiche vicende e nota per il suo artigianato d’arte nell’arredamento, si formalizza. Il luogo prescelto è meraviglioso: il “Parco delle querce” sorto all’indomani del disastro della diossina e diventato un autentico gioiello verde con piante d’alto fusto ed un tappeto d’erba che sembra smeraldo. I ring fra gli alberi in un itinera-

rio delle meraviglie che ha trasformato l’expo in un autentico spettacolo di cinofilia e di natura. Al vertice dell’organizzazione Luigi Consonni che una volta ancora ha confermato come “la rassegna pone nuove prospettive nelle expo proprio per la sua ubicazione, la presenza di esemplari di qualità, la giuria sempre qualificata, uniti all’entusiasmo e la circonda e la anima tanto da farla essere un vanto per l’amministrazione comunale e far oramai parte della storia della città. Giunge, ha concluso Luigi Consonni, a far da staffetta alla settimana cino venatorio ornitologica, sette giorni di feste, sagre, incontri a Seveso in preparazione della grande fiera della seconda domenica in cui i cani hanno una loro precisa collocazione. Ha vinto Jaco della Bassana uno stupendo Setter a cui sul podio hanno fatto compagnia il Levriero irlandese Conchobar Nelson seguito dall’Akita Americano Newstarwood Russian Rulette. Applausi anche alla giuria composta da Anna Albrigo, Renata Fossati,Lorena Merati, Barbara Gallicchio, Luigi Corna, Domenico Tricomi, Alessandro Braga, Domenico Di Matteo, Franco Ferrari e Guido Vandoni. Stefano Marelli è stato uno stupendo speaker che ha coinvolto tutti gli spettatori descrivendo le singole razze e spiegando le varie fasi della premiazione. Ospiti d’onore Domenico Attimonelli consigliere nazionale ENCI e Mirella Gritti, direttore amministrativo al cui la Federazione della caccia ha consegnato la quaglia d’oro, una statuetta in metallo ambito riconoscimento nazionale a chi si distingue per cinofilia ed intelligenza nel proprio lavoro. Giorgio Antonelli

sco TI RAGGRUPPAMEN INI DEI LUPERCALI Pastore Bergama Gruppo 1 1° RUKMdei Lupercali varo del Bernese Pr. Allev. DEL MOLINASCO Bo ON Y RR CA SE RO K AC Gruppo 2 1° BI-BL del Molinasco r Staffordshire Terrie Pr. Allev. AUTY 4 U American BE 2 WN TO BO LO Gruppo 3 1° Pr. Corrada Ermanno NORAS Bassotto standard p/d 1° NELSON DELL’ON 4 po Grup Pr. Origoni Marinella RUSSIAN RULETTE AKITA AMERICANO TARWOOD Gruppo 5 1° NEWS ovic Ana fan Pr. Ste TTER INGLESE DELLA BASSANA SE Gruppo 6 1° JACO della Bassana i nero Pr. All. Dei Gin Pr. all.to IGINI BARBONE nanoANDESE DE UM KL I ID HE VRIERO IRL Gruppo 7 1° HOBAR NELSON LE Gruppo 8 1° CONCzzola Stefano Pr. Piane


Clamoroso successo dell’esposizione nazionale di allevamento

Arna della Torre Antica con Christian Gunther, Carlo Marin e a dx Gianluca Pasqualetti

Breton, 213 fanno record

Mai tante presenze e con esemplari di così alta qualità. La giuria ed i vincitori della storica manifestazione a Conselice di Ravenna Il 18 maggio, nella bellissima azienda Massari in quel di Conselice provincia di Ravenna, si è svola la quarta edizione dell’esposizione nazionale di allevamento, questa manifestazione, voluta dal direttivo del CIEB e riuscita perfettamente, nonostante il fallimento delle due edizioni precedenti. Organizzata in modo impeccabile, dai due Deus ex machina, Merighi Valeria e Riverso Domenico, e dalla loro equipe, sotto un tipico sole di maggio, ben 213 soggetti sono stati presentati e giudicati da una giuria di alto livello: Christian Gunther, presidente francese dell’Epagneul Breton e presidente del Club internazionale dell’Epagneul Breton, il Nostro Gianluca Pasqualetti, Presidente del Club Italiano dell’Epagneul Breton, e Luigi Cremonesi, decano dei giudici e presidente del gruppo cinofilo di Parma. Gli epagneul Breton presenti a catalogo, prima di iniziare i giudizi, suddivisi in quattro categorie: giovani maschi, giovani femmine, libera femmine e libera maschi, sono stati controllati in un pre ring. da giudici esperti che ne hanno valutato l’altezza al garrese, il microchip, la tavola dentaria e la presenza nei maschi dei testicoli. Il ring più numeroso è stato quello dei maschi dove giudicava Christian Gunther, con ben 102 soggetti di altissima qualità. Una manifestazione di tale importanza almeno nel nostro sodalizio non si è mai verificata nella storia della razza, la prima rassegna di allevamento, organizzata sapientemente con un buon numero di soggetti, 134 a catalogo (e sembravano già molti) è stata organizzata e voluta dal com-

42

pianto avvocato Ascanio Banchelli a Parma il 24 marzo 1989. Quello che ha colpito in questa manifestazione oltre al numero elevato dei concorrenti e stata la presenza di facce di giovani, un bel lotto di cinofili con tanto entusiasmo, oltre ai vecchi decani che ormai conosco da almeno mezzo secolo. Tutta la manifestazione si è svolta un clima di amicizia, di cordialità e di sportività che ancora di più ha contribuito a

Gli organizzatori dell’evento

questa che non è stata solo la festa del Breton, ma anche una grande manifestazione zootecnica. I soggetti presentati, a differenza di quello che accade in alcuni raduni nazionali, erano nella media alta per qualità, con ossature importanti, bei pigmenti, ed una altezza al garrese ben rispettata, inoltre sono stati presentati bel 17 Gruppi di Allevamento fra italiani e stranieri. Visti i soggetti presentati si può affer-


i nostri

Cani

Anno 59 num. luglio 2013

Gruppo di Riproduzione di Silvano Marchetti

mare che l’Epagneul Breton sia una delle razze più in salute, almeno per quanto riguarda i cani da caccia. Il lotto degli Epagneul Breton stranieri, presentati dall’allevamento De Keranlouan di Patrick Morin è stato eccezionale, soggetti con una omogeneità incredibile è raro potere vedere in un lotto di 13 soggetti una così spiccata qualità di razza, (sono stati presentati tre gruppi, uno per i bianco neri, uno per i tricolore e uno per i bianco arancio). Veramente una bella manifestazione, curata anche nei minimi particolari, con un catalogo che rimarrà un documento prezioso, la nostra società specializzata può vantarsi di non essere seconda a nessuno, spero che questo strepitoso successo continui negli anni, perché il Breton che noi amiamo tanto è il nostro cane e deve essere valorizzato per quello che veramente vale.

7

Triss di Luca Lancini Miglior Maschio in classe libera

Queste le classifiche dei vincitori: Miglior maschio giovane Halan, allevatore Giuseppe Baragotto, proprietario Antonino di Dio. Miglior femmina giovane Hora di val Grossa, allevatore di Val Grossa prop. Daniele Amici. Miglior femmina in classe libera Arna della Torre Antica, allevatore della Torre Antica, prop. Marin Carlo. Miglior maschio in classe libera Triss, allevatore Maria Teresa Monfredini, prop. Luca Lancini. Miglior soggetto assoluto dell’esposizione Arna della Torre Antica, allevatore allevamento della torre Antica, prop. Marin Carlo.

Gruppo di Riproduzione della Torre Antica

Miglior gruppo di riproduzione italiano (Per gruppo di allevamento si intendono tre o più soggetti allevati dalla solita persona anche senza affisso, mentre in quelli di riproduzione, veniva presentato il padre capostipite con la progenie). Tanguy di Marchetti Silvano con la sua progenie: Fumo, Argo, Kigea, Ribò, Gill. Uma. Miglior Gruppo di allevamento italiano (riservati solo ai titolari di affisso). Allevamento della Torre Antica di Marco Piva e Andrighetti Olindo con: Arna della Torre Antica, Ari della Torre Antica, Curt della Torre Antica, C-Marco della Torre Antica. Miglio gruppo di allevamento estero Allevamento de Keranlouan di Patric Morin con: Eliote de Keranlouan, Filou de Keranlouan, Glia de Keranlouan, Azou de Keranlouan. Miglior gruppo di riproduzione estero Allevamento De Keranlouan con Alpha De Keranlouan e la sua progenie: Eliote de Keranloua, Flou de Keranlouan, Falco. Lo stesso Presidente internazionale e francese dell’Epagneul Breton Christian Gunther, con una mail, ha elogiato il CIEB italiano e gli organizzatori per questa manifestazione tutta italiana, per il modo in cui si è svolta e per la quantità e soprattutto la qualità e dei soggetti presentati. Giorgio Bellotti (foto G. Bellotti)

43


AGONISMO - Criteri di giudizio per una valutazione corretta

Beccaccinisti alla prova

Una specializzazione antica, sempre più difficile ma ancor più affascinante. Il vero specialista si riconosce perché… La cinofilia beccaccinistica ha una notevole tradizione ed è nata parallelamente alla cinofilia venatoria generale; le prime prove si corsero nel 1923 in Toscana a Staffoli e in Lomellina a Valeggio, nel 1925 l’allora Kennel Club riconobbe ufficialmente le gare a beccaccini con il patrocinio della rivista “Il cacciatore italiano”, queste manifestazioni si svolgevano nella bassa milanese, specialmente in Lomellina e raramente anche in Toscana. Due grandi uomini furono gli animatori di questo storico e ineguagliato periodo di cinofilia: Giulio Colombo e l’avv. Giacomo Griziotti, amici e rivali, in continuo dissenso su concetti che animavano le discussioni ma che alla fine li facevano trovare perfettamente d’accordo. Il primo, rappresentante dei più

44

prestigiosi e nobili cinofili milanesi, fu più sognatore e teorico ed è ricordato anche per celebri frasi come: “La caccia al beccaccino è la massima espressione della sportività venatoria”, “Su cento cani uno è buono, su mille uno è l’asso, il fuoriclasse indipendentemente dalla razza”, e “Il cane da beccaccini deve essere un maestro”; il secondo più concreto e praticante di risaie e marcite scriveva: “Lo spettacolo più bello è partecipare o assistere ad una prova a beccaccini con un cane di classe”. Tanto fecero e scrissero che coinvolsero un gruppo di cinofili lombardi, i quali nel 1928 al ristorante Savini fondarono il Club del Beccaccino. Le prove, che fino allora erano a livello pionieristico, divennero interesse per le più prestigiose figure del

mondo venatorio del tempo, assistevano e dotavano di ricchi premi personaggi come i Visconti di Modrone, i Crespi del Corriere della Sera, ed erano presenti nei ritrovi delle grandi cascine i più bei nomi della caccia e della cinofilia. La seconda guerra mondiale interruppe questo mondo quasi fatato, ma come sempre succede dopo un periodo buio, iniziava la rinascita e la seconda fase delle prove cinofile; Giulio Colombo, riconfermato Presidente, dava nuovo lustro organizzando prove a beccaccini in località che divennero famose come: la Galliavola, Mede, Robbio, Valeggio Lomellina, Castellaro e coinvolgendo nomi che fecero la storia della cinofilia nazionale come: Ernesto Coppaloni, Giovanni Radice, Antonio Ridella, Don


i nostri

Cani

Anno 59 num. luglio 2013

Rino Dossena, Antonio Tonali quest’ultimo alla veneranda età di novanta anni partecipò ad una prova a beccaccini nella palude della Diaccia Botrona a quattrocento chilometri da casa sua a Pavia. Sicuro di dimenticare qualche personaggio importante, mi fermo ricordando la persona che ha traghettato la cinofilia beccaccinistica nei tempi moderni: Adelio Ponce De Leon giornalista, scrittore di libri non solo di caccia, ha saputo mantenere viva quell’atmosfera poetica che fa dei cinofili beccaccinisti dei grandi sognatori. Dato per letto il regolamento che va ad integrare quello generale delle prove di caccia, provo ad illustrare brevemente su questa materia, le mie conoscenze ed impressioni che sono frutto ormai di tanti anni di vita in risaia essendo, oltre che cacciatore anche produttore di riso. La caccia, e di conseguenza le prove a beccaccini, si svolgono quindi quasi esclusivamente in risaia, un tempo, prima che la moderna agricoltura le eliminasse, anche in marcita e prati marcitori, paradisi della fauna acquatica; (apro una parentesi nel spiegare brevemente la differenza: la prima è una superficie di terreno adibito a prato perenne, abbastanza inclinata che viene mantenuta allagata, nei mesi invernali, per far sì che l’acqua in continuo movimento faccia da isolante termico e permetta una precoce crescita dell’erba, i se-

condi in genere sono prati stabili, soggetti a rotazione anche loro sommersi per preservarli dal gelo invernale). In risaia, primo requisito per il cane e il cacciatore è l’intesa, il beccaccino lo si avvicina con il silenzio, al primo rumore di fischio, richiamo o voce fugge fuori portata ed è inutile recriminare che è partito lungo. Anche il cane intelligente cercherà di fare meno rumore possibile nella sua ampia cerca, interrogando l’aria e perlustrando, deciso ma prudente, senza mai lasciarsi trascinare dalla foga, il galoppo sfrenato sull’acqua fa frullare il selvatico anzitempo. Quindi: iniziativa, naso, collegamento, resistenza alla fatica, all’acqua, al gelo, per questo il cane beccaccinista è una rarità difficile da possedere. Le moderne tecniche agricole hanno modificato le camere di risaia aumentandone la superficie, di conseguenza in questi terreni omogenei e ben livellati la cerca necessita di più ordine che nel passato, il cane comunque deve distinguersi per la sicura noncuranza del terreno privo di selvatici, per la costante interrogazione del vento e il discernimento sulle vecchie pasture, in risaia le emanazioni sono intense e di vari uccelli e animali (anitre, aironi,allodole, pispole e ultimamente nutrie), per cui deve riuscire ad ignorarle e concentrarsi solo su quelle del beccaccino. Anche per questa caccia quindi fondamentale è il metodo che è

7

determinato dal terreno, dal vento e dal selvatico. L’esperienza è necessaria ma a volte, e sembra un paradosso, si incontrano cani che, dopo qualche anno in risaia, diventano troppo prudenti, limitando eccessivamente l’azione e fermando a vuoto con difficoltà a risolvere, e di rimando soggetti di giovane età affrontare con sicurezza terreno e emanazioni. Esistono cani che hanno la passione sviluppata naturalmente per questo selvatico ed altri che, pur dimostrando tutte le caratteristiche del bravo cane su altri animali, sono indifferenti al beccaccino, ciò non vuol dire che si debba usare in riproduzione solo cani che praticano questa forma di caccia, in quanto tanti grandi beccaccinisti di ieri e di oggi sono figli di trialer. L’importante è non dimenticare che queste sono comunque verifiche zootecniche , di conseguenza anche un cane da beccaccini deve essere un degno rappresentante delle sua razza, ma anche, essendo minima la differenza tra prova e caccia vera e propria, che il lavoro deve essere finalizzato sempre al servizio di un ipotetico fucile. Mi fermo, consapevole che non basterebbe un intera giornata e un fiume di parole per trattare un argomento così coinvolgente e pieno di aspetti tecnici, augurando a tutti noi di poter godere ancora a lungo di questa affascinante passione. Mario Agosteo

Il Campionato del mondo IPO-FH in Danimarca

Pista, Italia quarta Buona la prova della rappresentativa nazionale. Qualche disagio per i terreni poco idonei Ancora una volta “quarti” al 19° Campionato del Mondo di pista IPO-FH, che si è svolto dal 11 al 14 Aprile 2013, nel nord della Danimarca nella cittadina di Knebel in una zona collinare, con numerose insenature sul mare del nord, prettamente agricola con grossi allevamenti di maiali. I terreni di gara posti tra il mare e boschi di pini erano coltivati ad orzo, ancora ghiacciati, ma concimati con il liquame dei maiali che ha prodotto su diversi cani grossi problemi di respirazione, con l’aggravante di un vento teso che a volte si intensificava in sferzanti refoli, che li ha trasformati da belli alla vista in molto difficili per il lavoro di fiuto; tanto è vero che dei 38 cani parte-

cipanti in rappresentanza di 20 nazioni, ben 28 cani non hanno superato la prova, qualificandosi solo in dieci. Nonostante questa situazione negativa la Squadra Italiana “grazie ai suoi rappresentanti” riusciva a conquistareil 4° posto nella classifica generale. Mentre nella classifica individuale Pietro De Piccoli con Ex, Pastore tedesco otteneva la quinta posizione con un punteggio finale di 182 (molto buono), e Pier Luigi Torri con Viks, Pastore di Brie si piazzava 36mo con punti 36 (insufficente), risultato condizionato come per altri 27 cani, dall’aver iniziato la prima pista sui terreni inquinati dal liquame dei suini. Un grosso rammarico viene dal fatto che

gli organizzatori non hanno saputo concordare con i locali contadini come programmare la concimazione dei terreni, così evitando di aumentare le difficoltà in cui si sono trovati i concorrenti con i loro cani, non lasciandoli affrontare solo quanto proponeva il tempo ed i terreni! È grande soddisfazione per il quinto posto di De Piccoli e del conseguente quarto posto della squadra. Ancora una volta ringrazio i nostri “ragazzi” che hanno saputo affrontare lo stress di un lunghissimo viaggio, aver accettato di aver buttato al vento un’intero anno di allenamenti e le tante difficoltà organizzative, dimostrandosi, come in passato, dei veri sportivi...! Carlo Mezzetti

45


A Ravenna dominano Setter e Breton Classiche a quaglie in pianura. Soddisfazione per le iscrizioni, che hanno superato quelle dell’anno precedente. Rudi Lombardi il dresseur più presente nelle classifiche A Ravenna i numeri han dato dispari. 381 iscrizioni totali, 149 iscritti in una sola giornata, 5 CAC, 3 riserve, 15 qualifiche per il conduttore più premiato, 5 cani dello stesso conduttore ai primi cinque posti nella Libera Setter della domenica. Hanno derogato, con onore, solamente i Breton, mattatori fra i Continentali, con sedici qualifiche (anche un CAC) complessive nei tre giorni. I terreni dell’Azienda Faunistica Massari di Conselice sono stati nuovamente il teatro dell’agone ravennate, al quale partecipano e concorrono tutti i Gruppi e i Club Cinofili dell’Emilia-Romagna. La disponibilità di terreno e la presenza di ristorazione e servizi fanno dell’azienda un punto di riferimento logistico importante e facilmente accessibile, ma la collaborazione fra i Gruppi è la materia prima che alimenta l’organizzazione indispensabile per manifestazioni di livello. Sono dunque stati Setter e Breton a fare il bottino maggiore. I primi con tre libere dalle classifiche lunghe, coronate da tre CAC che sono stati tutti appannaggio di Rapace del Sole, i secondi con un CAC di Baron dei Maranensis e otto Eccellente complessivi. I Pointer hanno avuto un valido rappresentante in Picenum Zafir che ha ottenuto il CAC nella libera del sabato. Meno performanti le gesta dei Kurzhaar, nessuno dei quali è andato oltre il MB. Il pubblico ha fatto come sempre copioso contorno non-stop alle prove, attrezzato di ombrelloni e saporiti pic-nic casarecci. Soddisfatto il comitato organizzatore non solo per il risultato tecnico complessivo ma anche per il segnale di solidità dato dal numero di iscrizioni, superiori di circa novanta unità a quelle dello scorso anno. Il Gruppo Cinofilo Ravennate, ringrazia l’Azienda Massari per la disponibilità, la ditta Badiali di Faenza per il supporto dato alla manifestazione e tutti i collaboratori che hanno generosamente contribuito a condurre in porto la manifestazione. Roberto Aguzzoni

46

I RISULTATI 10/05/13 Continentali Italiani GIUDICI: EVANGELISTI ALESSANDRO - GRASSO GIUSEPPE 1° M.B. MORGANA DI CASCINA CROCE, b.i. cond. BOLCATO Giovani Continentali GIUDICI: EVANGELISTI ALESSANDRO - GRASSO GIUSEPPE 1° M.B. RUFFO, eb cond. TIEGHI Libera Continentali GIUDICI: EVANGELISTI ALESSANDRO - GRASSO GIUSEPPE 1° ECC. ZERO, eb cond. CORTESI Giovani Setter GIUDICI: EVANGELISTI ALESSANDRO - GEMINIANI IVO 1° ECC. NITRO DEL ZAGNIS cond. SIMEONS Libera Pointer GIUDICI: BERNABE’ GIOVANNI - GEMINIANI IVO - ZURLINI FRANCO 1° M.B. UCRAINA DEL VOLTURNO cond. IAZZETTA Libera Setter GIUDICI: BERNABE’ GIOVANNI - FRANGINI PIERO - RONCHI VALERIO 1° ECC. CAC RAPACE DEL SOLE cond. LOMBARDI 11/05/13 Giovani Continentali Giudici: CREMONESI LUIGI - PASSINI GIANCARLO 1° M.B. PRADELLINENSIS ARNOLD, k cond. BEGO Libera Continentali GIUDICI: CREMONESI LUIGI - PASSINI GIANCARLO 1° ECC. CAC BARON DEI MARANENSIS, eb cond. LAZZARONI Giovani Setter GIUDICI: EVANGELISTI ALESSANDRO - RONCHI VALERIO - SPEZIA ARTEMIO 1° ECC. BUK cond. LOMBARDI Libera Pointer GIUDICI: DELLATORRE GIUSEPPE - GRASSO GIUSEPPE - MONTI PIERO 1° ECC. CAC PICENUM ZAFIR cond. BRUNI Libera Setter GIUDICI: BONACINA GIUSEPPE - EVANGELISTI ALESSANDRO - NOBILE OLIVIANO - SPEZIA ARTEMIO 1° ECC. CAC RAPACE DEL SOLE cond. LOMBARDI 12/05/13 Libera Continentali GIUDICI: EVANGELISTI ALESSANDRO - FRANGINI PIERO - GRASSO GIUSEPPE 1° ECC. ZERO, eb cond. CORTESI Libera Setter GIUDICI: DELLATORRE GIUSEPPE - GEMINIANI IVO - MARELLI SILVIO 1° ECC. CAC RAPACE DEL SOLE cond. LOMBARDI Libera Pointer GIUDICI: CUCCAROLO GUGLIELMO - MARELLI SILVIO - SPEZIA ARTEMIO 1° ECC. DEVIL DOS POTINOS cond. LOMBARDI Mista Inglesi Dilettanti GIUDICI: EVANGELISTI ALESSANDRO - FRANGINI PIERO - SPEZIA ARTEMIO 1° ECC. DZERI, st cond. MEZZADRI


MONZA

19ª ESPOSIZIONE CANINA con CAC 22 SETTEMBRE 2013 Campo scuola cinofila di via Ippolito Nievo a Monza Gruppo Cinofilo Monzese “CORONA FERREA” Ampio parcheggio e ristorazione interna

CHALLENGE LABRADOR RETRIEVER, GOLDEN RETRIEVER, BORDER COLLIE PREMIO SPECIALE PER IL MIGLIOR JUNIORES IN OCCASIONE DEL XX ANNO DEL GRUPPO CINOFILO MONZESE Il programma, la giuria, le informazioni, modulo di iscrizione e modalità di pagamento sul nostro sito www.gruppocinofilomonzese.it Email: info@gruppocinofilomonzese.it oppure su www.bremadog.it Email info@bremadog.it Le iscrizioni si ricevono presso BREMADOG SNC - FAX. 0332.610646 TEL 346 2480808 Oppure direttamente on line sul sito www.bremadog.it 1° chiusura 2 settembre 2013 - 2° chiusura 12 settembre 2013

BASTIA UMBRA (PERUGIA) GRUPPO CINOFILO PERUGINO “ALDO CAVICCHI”

Via Settevalli, 133/R 06129 Perugia -Tel. e fax : 075/505.6986 - fax : 075/5000434 e-mail: g.cinofiloperugino@tiscali.it web: www.gruppocinofiloperugino.org

12-13 OTTOBRE 2013

ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE CANINA CAC-CACIB

La manifestazione si svolgerà, come di consueto, nei padiglioni del Centro Fieristico UMBRIAFIERE di Bastia Umbra (Perugia) AMPIO PARCHEGGIO DAVANTI AI PADIGLIONI, BAR, RISTORANTE E SERVIZI VARI

Giurie, iscrizioni ed informazioni sui siti internet: www.miglioredirazzareport.it - www.canitalia.it - www.gruppocinofiloperugino.org - www.enci.it TERMINE ISCRIZIONI: 1^ chiusura 12.09.2013 - 2^ chiusura (con maggiorazione 30%) 22.09.2013 Le iscrizioni ed i relativi pagamenti devono essere inviate unicamente a: Kalliste’ Casa Editrice - Via Tommaso Ferreri 73G - 10070 Barbania (TO) Tel. 011/9242660 – Fax 011/9243916 e 011/9243855 E-mail: kallistecasaeditrice@virgilio.it I pagamenti dovranno pervenire a mezzo vaglia postale intestati a: Kalliste’ Casa Editrice - Via Tommaso Ferreri 73G - 10070 Barbania (TO), oppure con assegno circolare intestato a Gruppo Cinofilo Perugino da inviare a Kallistè Casa Editrice. Iscrizioni On-line e pagamento con carta di credito su: www.miglioredirazzareport.it - www.canitalia.it Per le iscrizioni a mezzo fax si consiglia di chiedere conferma della regolare ricezione DIRETTAMENTE a Kalliste’ Casa Editrice. LE ISCRIZIONI INCOMPLETE E/O NON ACCOMPAGNATE DALLA PROVA DI AVVENUTO PAGAMENTO SARANNO CESTINATE SENZA ULTERIORE PREAVVISO. Le iscrizioni dovranno essere corredate della dichiarazione di iscrizione all’ANAGRAFE CANINA REGIONALE con l’indicazione del codice identificativo denunciato presso la stessa anagrafe. Per essere ammessi all’Esposizione i cani devono essere muniti del certificato attestante l’avvenuta vaccinazione antirabbica, cimurro, epatite infettiva, parvovirosi e leptospirosi, di data non inferiore a 30 giorni e non superiore a 12 mesi dalla data dell’Esposizione. N.B.: I cani con caudectomia e/o conchectomia non previsti dal relativo standard di razza FCI in vigore non potranno essere iscritti e, in ogni caso, se a catalogo, non potranno essere giudicati indipendentemente dal Paese/Nazione di origine/provenienza. PER TUTTO CIO’ NON SPECIFICATAMENTE RIPORTATO, VIGONO I REGOLAMENTI E.N.C.I. E F.C.I.


Premiazione Setter Inglesi protagonisti alle prove svoltesi in collaborazione con la Societá Italiana Setters

Benevento, prove per Inglesi e Continentali

La Molinara e i campioni Ottima organizzazione del Gruppo Cinofilo Sannita. Chi sono i vincitori Prove di lavoro per cani da ferma, in una collocazione di merito nell’ambito della cinofilia di facciata. Tutto questo c’è l’ha confermato, una volta di più, i due giorni di prove di caccia, per cani da ferma, in quel di Molinara (Benevento), nelle date 27-28 aprile scorso. Concorsi organizzati dagli uomini del Gruppo Cinofilo Sannitico, in combinata con le delegazioni campane del Pointer Club e della Società Italiana Setter. L’anima di quella regia: Di Leone, presidente dei cinofili del Sannio, e Di Pinto, eccellente stratega di quella cinofilia del Sud. Due personaggi che ancora “giovanottelli” furono adottati da Oscar Monaco. Che di lui hanno raccolto quel testimone onde condurre “verso il sole” la cinofilia pratica di quelle contrade. Ben consapevoli che non era e non sarà cosa facile, però già la vivono e la fanno vivere in una specie di tacita ebbrezza e perciò vale loro l’ansia di sognare Una prova, quella di Molinara, sempre più d’una certa tradizione; che fa pulsare il collettivo prove a un valido richiamo.“Sfide” cinovenatorie tra uomini e cani. Con giurie abituate a portare sul podio nel rispetto dei codici e delle qualità e mezzi, non di certo attori grami. Anche nell’ultima edizione un bel numero di presenze. Nomi noti di cani e anche di conduttori: loro i Pardini con il pointer Eraora, il Caramanti con i pointer, Marena

48

e Gui de Monfort e i setter Uragano e Aslan. Il Burresi con i vari setter: Iascin e Aramis del Titerno, il Damos, e il pointer Tibet. Il Petrella con i noti: Andrea, Aramis, Suma, pointer e i setter Zico e India. Il Tognetti di Firenze e i suoi setter, con Santhon a capofila. Con Magherini, altro tosco con il dna del pointer. Così pure, un nutrito numero di conduttori gentleman del meridione, con i loro validi ausiliari, anche se in qualcuno, a evidenziare qualche pecca alle regole di metodo e collegamento. Tanto motivati però e con la voglia di inseguire un successo. Piacere l’aver riscontrato come, nessuna pseudo cassandra tra quei conduttori, a lamentarsi al suonare delle “trombette” prima del tempo canonico…! Sempre così pronto e piacevole lo zucchero del rispetto. Grazie tante amici: Marsullo, Colistra, Jervolino, Di Maio, Marena, Zotto, Malizia e a tutti gli altri conduttori, che erano presenti a quelle prove e non teniamo il nome. Validissimi i terreni in quei falsopiani dell’Alto Sannio. Non proprio benevola la stagione, nel primo giorno: pioggia e folate di nebbia, durante i turni della libera continentali e la speciale setter. Appunto: tra i continentali, alcune difficoltà rimarcate, se pure dei validi impegni, con tante briglie sciolte..! Mentre in altri turni più consoni per qualità di razza e rispetto della nota, contemplato tanti debiti

con la fortuna…! Nessun qualificato. Note più positive nella Speciale Setter, ventisette presenze, divise in due batterie. Tante conferme di validità su soggetti noti, ma anche interesse per alcuni altri, giovani ai primi confronti e ben promettenti. Nelle mani giuste di Petrella, di Burresi, del Caramanti e di Dimaio. La classifica della 1° batteria ha due classificati con eccellente: Ungano del Binario e Aslan di Caramanti. La 2° batteria elenca cinque Setter qualificati: quattro eccellenti e un molto buono. Aramis del Titerno di L. Burresi. A seguire due allievi di Petrella, lo Zico di Vallurbana e la India, eccellenti entrambi. Un eccellente pure a Vamos, sempre del fiorentino Burresi. Chiude al molto buono il giovane Boss, ancora di Burresi. Risultati di soddisfazione per soggetti dalle valide qualità di razza e di cinovenatorietà, dentro turni nella piena nota, sottointeso con ferme utili sulle starne. Alcuni altri setter in evidenza, nelle mani di conduttori locali ma che non sono entrati nel totalizzatore dei qualificati. Piacevole la presenza a questa Speciale Setter, del vice presidente della SIS Lillino Piazza. Alle prove del giorno dopo, condizioni meteo più favorevoli, bellissimo colpo d’occhio da godersi, di quel paesaggio sannitico. Tanta gente a seguire i turni. Due batterie di continentali, per un totale


i nostri

Cani

Anno 59 num. luglio 2013

di ventitre soggetti, al giudizio di Montervino ed Persi. Dalle relazioni orali dei colleghi, sui turni dei cani, una bella realtà e positività in diverse prestazioni. Al tirar di conto: tre cani qualificati eccellente nella prima batteria, il breton Baldo di M. Aldovardi, la kurzhaar Lisa di Zotto e il breton Paco di B. Marenna. Mentre due i qualificati nell’altra batteria: i kurzhaar Bruno di C. Deangelis e Brina di M. Malizia, entrambi con eccellente. Prova di tanto interesse la Speciale Pointer, che siamo stati invitati a giudicare assieme l’amico Di Pinto. Venticinque cani divisi in due batterie. Impegno e soddisfazione a braccetto, e noi, coinvolti ad osservare e valutare un magnifico “materiale della razza pointer”. A tale merito si potrebbe confezionare un certo stereotipo di realtà piacevolissime. Valore in tanti galoppi di ritmo, giuste adattabilità ai terreni, a servizio di utile funzionalità, con ben valido contatto al selvatico. Due qualificati nella prima batteria: Ecc. con il CAC Era Ora di Pardini, seguito con R/CAC Elacensis Malena, 3° con eccellente Elacensis Guy di M. Caramanti. Nella nostra batteria due i cani in classifica: con il CAC Tibé di L.Burresi e Ecc. al giovane Astor di Valiversi di Colistra. Nella mista inglesi, un altro atto di profitti cinofili positivi, anche se con solo due cani

nel totalizzatore delle qualifiche: Ecc. a Santhon setter di Tognetti, Ecc.Gaetano setter condotto da Di Maio. A volte la speranza si trasforma in fede e

7

muove a carità gli Dei. Non pretendiamo nessuna regalia, ma il sognare che la Cinofilia del Sud sia sempre più una realtà. Gian Carlo Trivellato

Gruppo di Pointer alle prove organizzate in collaborazione con il Pointer Club

Comune di San Benedetto del Tr.

Provincia di Ascoli Piceno

1° ESPOSIZIONE NAZIONALE CINOFILA SABATO 24 AGOSTO 2013 IN NOTTURNA

I C.

IN NOTTURNA A. C. Zona di svolgimento: Area portuale di San Benedetto del Tr. (AP) O RGANIZZA

GRUPPO CINOFILO PICENO Viale della Repubblica, 29 - 63100 ASCOLI PICENO Tel.Fax: 0736-403319 e-mail: gruppocinofilopiceno@libero.it

ISCRIZIONI E PAGAMENTI Le iscrizioni complete di tutti i dati, chiaramente leggibili, e i relativi pagamenti dovranno essere inviati esclusivamente a: KALLISTE’ CASA EDITRICE Via T. Ferreri 73/g 10070 BARBANIA (TO) Tel: 011/9242660 Fax 011/9243916 - 9243855 www.miglioredirazzareport.it E-mail: info@miglioredirazzareport.it


RUBRICA GRATUITA RISERVATA AI SOCI ENCI

successi estero

Inviare a redazione@enci.it Per essere inseriti nella rubrica SUCCESSI ALL’ESTERO occorre aver conseguito questi risultati: ESPOSIZIONI INTERNAZIONALI Best in show: 1°, 2°, 3° classificato Raggruppamento: 1°, 2°, 3° classificato RADUNI E SPECIALI DI RAZZA: BIS: 1°, 2°, 3° - BOB-BOS 1° classe campioni, libera, intermedia, lavoro, giovani, veterani DAL NUMERO DI APRILE VERRANNO PUBBLICATI SOLO I RISULTATI OTTENUTI NELL’ANNO 2013 Indicare: nome del cane, razza, luogo e data expo, classifica, giudice, allevatore, proprietario. Le inserzioni incomplete, verranno cestinate.

MUSIC VELVET FRANCISCO DUVAL Chihuahua p/r National d’Elevage di Brouge (F) 15/2/13 2° classificato del Best in Show

ANEESH OH LA FOR PRINCESS GRACE Barbone toy Expo di Bar Adriatic Cup (MNE) 11/5/13 3° classificato BIS Giovani

Giudice Martin Baskaran All. e propr. Francesco di Paola Nuzzo

Giudice S.Andric

Expo di Bar (MNE) 12/5/13 1° classificato BIS Giovani Giudice:N.Savicic (Srb) Allevatore Aneesh Poodles Proprietario Grazia M. A. Guadagno

DARUMA DELLE CIME BIANCHE Rhodesian Ridgeback Expo St. Gallen (CH) 5/5/13 1° classificato gruppo 6 Giudice H. Mueller All. e propr. Giovanna Bacchini Carr

BOLT DEL PICCOLO TEMPO Zwergpinscher Raduno ISPU Budapest 18/5/13 Giudice Parooi Pal Junior Winner BOB Allevatore e propr. Antonio Tempesta 50

NOTREDAME DEI BACI DI DAMA Pastore Belga Malinois Expo Speciale di Zwolle 11/5/13 1° Ecc cl. Libera Giudice Emanuele Boriero Allevatore Allev. Dei Baci di Dama Proprietario Piero Sacco


i successi all’estero

LAZULLI DU HAMEAU ST. BLAISE Pastore Belga Malinois

Expo Speciale di Zwolle 11/5/13 R/CAC cl. Intermedia Giudice Emanuele Boriero, Allevatore Allev. Du Hameau St.Blaise Proprietario Allev. Dei Baci di Dama

ONE NIGHT WITH YOU Welsh Corgi Pembroke Expo di Pohorje 21/4/13 2° classificato gruppo 1 TOTÒ Zwergpinscher Expo di San Marino 16/3/13 1° Best in Show Mostre Speciali Cipro, Georgia, San Marino

Giudice O. Sinko Kupriyanova Allevatore e propr. Emanuela Scarponi

A-IDEALLYICE SHINE ON ME Siberian Husky Expo di Timisoara 27/4/13 2° classificato gruppo 5

Giudici Savicic - Zak - Alessandro Allevatore Alessandro Biondi Proprietari M. Buondonno e M. Gallo

Giudice Robert Blumel Allevatore Alessandra Carlevaro Proprietario Marco Liburdi

HEIDI OF TREBONS BERGER BLANC Pastore Svizzero Bianco Expo di San Marino Georgia 17/3/13 1° BIS Giovani

ORLANDO BLOOM DI RIO GALERIA Chihuahua p/l National d’Elevage di Brouge (F) 15/2/13 CAC e BOS

Giudice Salvatore Tripoli Allevatore Ulla Warden Proprietario Francesca Cionchetti

Giudice Martin Baskaran Allevatore Paolo Tartaro Proprietario Francesco di Paola Nuzzo

MACIAROT DAVID LIVINGSONE Golden Retriever Expo di Monaco di Baviera (D) 31/3/13 1° classificato gruppo 8 Giudice Erwin Deutscher Allevatore e propr. Allev. Maciarot 51


i successi all’estero

LARGOWYNCH DU HAMEAU ST.BLAISE Pastore Belga Malinois Expo Speciale di Zwolle 11/5/13 1° Ecc cl. Intermedia BALTHAZAR’S DARK SIDE FOR ANEESH OF LEI TING Barbone toy Expo di Bar (MNE) 12/5/13 1° classificato gruppo 9 Grand Champion Adriatic Cup

Giudice Emanuele Boriero, Allevatore Allev. Du Hameau St.Blaise Proprietario Allev. Dei Baci di Dama

Giudice Nemanja Jovanovic Allevatore Katia Morel Proprietario Mariagrazia Balestra

Giudice M.Polivanov Allevatore Yu He Kao Proprietario Tiziano Gargano

EDELWEISS DEGLI ANTICHI MULINI Bovaro del Bernese CACIB Varazdin (Hr) 25/5/13 1° classificata Best in Show LUX-LIUREX FATA MORGANA Yorkshire Terrier Raduno Maribor (SLO) 20/4/13 CAC, BOS Giudice O. Sinko Kupriyanova Allevatore e propr. Liliana Cheroglo 52

DIFIORDALISO DU JARDIN DES LUTINS Klein Spitz Raduno mondiale Spitz Budapest 15/5/13 CAC BOB

Giudici Bojan Matakovic e Erwin Deutscher Allevatore e proprietario Laura Bernetti

PRAIA DEI SANCHI Bracco Italiano Raduno Nèmet Vizsla Godollo (H) 17/5/13 CAC BOB 3° Best in Show

Giudice Zeljko Rogulja Allevatore e propr. Laura Bernetti

Giudice Guy Spagnolo Allevatore Francesco Sanchi Proprietario Marcello Salvi

CACIB Varazdin (Hr) 26/5/13 3° classificata gruppo 2


i successi all’estero

WAY UP ENUFF’Z ENUFF Levriero Afghano Mondiale Budapest 19/5/13 4° classificato Giudice Kenneth Edh Allevatore Agnese Della Rocca Proprietario Laura Rigato

OLIVERDACHS DEL WANHELSING & ETOILE DEL WANHELSING Bassotto nano p/c Expo di St.Gallen 4/5/13 2° Classificati BIC Coppie Giudice Frau B.Svarstad Allevatore Allev. del Wanhewlsing Proprietaria Ortensia Jaci

DIAMANTE DELLA BAIA AZZURRA Alano fulvo Mondiale Budapest 19/5/13 1° BIS Giovani (Finale domenica) Giudice Andras Korozs Allevatore Patrizio Donati Proprietario Fabio Ottaviani

MACERATA

21º ESPOSIZIONE NAZIONALE

CAC

29 SETTEMBRE 2013 GRUPPO CINOFILO MACERATESE

Via de Nicola 35 62010 Villa Potenza (MC) - Tel 0733/493020 fax 0733/492755-493180 - segreteria@gruppocinofilomc.it - www. gruppocinofilomc.it

GARAA.C.L.A NAZIONALE DI AGILITY DOG Associazione Cinofila “Lupo Alberto”

Via della Croce 6 - 62022 Castelraimondo MC Tel 327/6511180 info@aclupoalberto.it

BREVETTO CAE 1 - DOG TRAINING CLUB LOVE YOUR DOG C/da Fiastra Passo Colmurano T. 3317487350-3883695221 SHEEP DOG GIURIA: WWW.GRUPPOCINOFILOMC.IT ISCRIZIONI: GRUPPO CINOFILO MACERATESE Via Enrico de Nicola 35-62010 Villa Potenza (MC) Tel 0733/493020 fax 0733/492755-493180 per ulteriori informazioni consultare il nostro sito www.gruppocinofilomc.it. ISCRIZIONI: CANITALIA info@canitalia.it www.canitalia.it (iscrizioni e pagamenti on-line) Sono accettate le iscrizioni complete e accompagnate dal relativo importo che potrà essere versato sul nostro ccp n. 10725620 intestato a Gruppo Cinofilo Maceratese o con bonifico bancario presso la banca Popolare di Spoleto ag. Villa Potenza (MC) IBAN IT45 E057 0413 4000 0000 0000 412 le iscrizioni via fax devono essere accompagnate dalla ricevuta dell’avvenuto pagamento e dovrà essere richiesta conferma. Si raccomanda di scrivere sul ccp, sui vaglia postali e sui moduli d’iscrizione in modo chiaro e leggibile, particolarmente il numero telefonico. 1° chiusura iscrizioni 16/09/2012 – 2° chiusura iscrizioni 20/09/2012 con maggiorazione


i successi all’estero

OSMANTHUS HYPNOTIC POISON Barbone toy nero Raduno Western Tiers (AUS) 26/1/13 Best Intermediate in Show (BIS) Giudice M. Hoy

Raduno Western Tiers (AUS) 27/1/13 2° Best in Group

ETICHETTA NERA NO SLEEP TILL BROOKLYN Bobtail Expo di Bar (Montenegro)12/5/13 3° classificata gruppo 1 Giudice Sergej Slukin Allevatore Laura Grassi Proprietario Claudia Cascioli

Giudice E Joseph Allevatore Bruno Nodalli Proprietario S. Budd & R. Schipp

AMOR DI SCHNAUZER XOTERIC EXPERIENCE NETTL GREIT Schnauzer medio pepe sale Speciale di Nizhny Novgorod (RUS) 26/5/13 1° Ecc. Cl. Giovani - BOB Junior

STARRY TOWN EXOTIQUE PASSION, madre, e i suoi 3 figli: STARRY TOWN HILLARY CLINTON, HILTON PARIS & HULK HOGAN Bovaro del Bernese Mondiale Budapest 17 /5/13 2° classificato Progeny Group

WHATAJACK BORN TO BE QUEEN Jack Russell Terrier Raduno INTERRA Budapest 2013 1° cl. intermedia CAC Giudice Ken Campbell Allevamento Whatajack Proprietario Vladimira Boselli

CARBONCOPY MERYL STREEP Bassethound Expo di Monaco 12/5/13 1° classificato gruppo 6 Giudice: Jean Paul Kerihuel Allev. e propr. Federico Sanguinetti

Giudice Hans Wiblishauser Allev. e propr. Starry Town Kennel

Giudice A.Z. Titz

Speciale di Moscow (RUS) 1/6/13 1° Ecc. Cl. Giovani Giudice Patricia A. McDermott Allevatore Alessandro Schmid Proprietario E. Bataeva – A. Uchaev

EMILY’S EXALTACION DELLA COSTA D’AMALFI Bassotto kaninchen p/c Expo di Klagenfurt 2/6/13 1° classificato gruppo 4 Giudice Jadranka Mijatovic Allevatore e propr. Mauro Scarlato 54

SOBERS APPIA ANTICA Bracco Italiano Expo di Monaco 12/5/13 1 classificato gruppo 7 Giudice Claudio De Giuliani Allevamento Sobers Proprietario Irene Castelli


RUBRICA GRATUITA RISERVATA AI SOCI ENCI Inviare a redazione@enci.it Per essere inseriti nella rubrica SUCCESSI IN ITALIA occorre aver conseguito questi risultati:

DRAGONNEKAPITOL DEL WANHELSING Bassotto p/d Expo di Vibo Valentia 25/5/13 1° classificato gruppo 4 Giudice Sonia Falletti

Expo di Rende 26/5/13 1°classificato gruppo 4

GWENSTEFANI DELLE NEBBIE DI AVALON Pastore di Brie Expo di Lucca 27/4/13 1° classificato Gruppo 1 Giudice Vincent O’ Briel All. e pr. Allev. Delle Nebbie di Avalon

Giudice Francesco Balducci Allevatore e propr. All. del Wanhelsing

DISTRUZIONE FINALE BLUE Pastore scozzese p/l Expo di Malta 23/3/13 2° classificato gruppo 1

FRANCINI’S DAY BY DAY Cocker Spaniel Inglese Expo di Pisa 8/6/13 1° classificato gruppo 8

Giudice Attila A. Czegledi Allevatore e propr. Marco A. Miccichè

Giudice Asensi Peinado Allevatore e propr. Angela Francini

successi italia

1° classificato del Raggruppamento, compresi Coppie e Gruppi, in Esposizioni Internazionali in Italia. 1°, 2°, 3° classificato del Best in Show generale DAL NUMERO DI APRILE VERRANNO PUBBLICATI SOLO I RISULTATI OTTENUTI NELL’ANNO 2013 Indicare: nome del cane, razza, luogo e data expo, classifica, giudice, allevatore, proprietario. Le inserzioni incomplete, verranno cestinate.

FRANCINI’S MASCALZONE LATINO Cocker Spaniel Inglese Expo di Rende 26/5/13 1° classificato gruppo 8 Giudice S. Momčilović Bognič Allevatore e propr. Angela Francini

FEELING AND DREAMING BLUE DELLA CAMBIANELLA Pastore Scozzese p/l Expo di Bologna 7/4/13 1° classificato gruppo 1 Giudice Enrico Adinolfi Allevatore All.to della Cambianella Prop. Claudio Ciaravalle 55


i successi in italia

LAVEE RICH RACH Rhodesian Ridgeback Expo di Palermo - 8 /6/13 1° classificato gruppo 6 OKLAHOMA FASHION DI GREYSBETH Weimaraner Expo di Rende-Vibo Valenzia 25/5/13 1° classificato gruppo 7

DIVA, EUFROSINE, ELENA, ETTORE Pastore Marem. Abruzzese Expo di Rende 26 /5/13 1° BIS Gruppi

Giudice Antonino La Barbera

Giudice Francesco Balducci Allev. e propr. Allev. di Santamaria

O’JOSÈ FASHION, OKLAHOMA FASHION, O’LENA FASHION, QUEEN DA’NIGA DI GREYSBETH Expo di Rende-Vibo Valenzia 25/5/13 1° BIS Gruppi

Giudice Nicola Imbimbo – Allevatore Orit Nevo Proprietario V. Clara Franceschetti

Giudice Nicola Imbimbo Allevatore e propr. Allev. di Greysbeth

CEO DEGLI ANTICHI DEI Whippet Expo di Palermo 9/6/13 1° classificato gruppo 10 Giudice Petr Rehanek Allev. e propr. Allev. Degli Antichi Dei

GINGER WOLF LUPI DI MONTEMORELLO Cane Lupo Cecoslovacco Expo di Firenze 12/5/13 1° classificato gruppo 1 BALBOA RAY BAN Kerry blue Terrier Expo di Montichiari 14/4/13 1° classificato gruppo 3 Giudice Shuan Watson

Expo di Ferrara 7/4/13 3° classificato Best in Show Giudice Giambattista Guffanti Allevatore Roberto Tasselli Proprietario Filippo Meda 56

Giudice Sonia Falletti Allevatore e proprietario Mario Noce

DEMI EL VALOR Zwergschnauzer bianco Expo di Vibo valentia 25/5/13 1° classificato gruppo 2 Giudice Nicola Imbimbo Allevatore M. Fabbro Proprietario Salvatore Romano


CLUB ITALIANO AMATORI BOVARI SVIZZERI

i club

MOSTRA SPECIALE DI ALESSANDRIA – 1/5/2013 Giudice Rautala Eeva (FIN) Totale Bovari Svizzeri iscritti: 69 BOVARO DELL’APPENZELL LIBERA MASCHI 1° Ecc CAC CACIB BOB CA’ DEL CORSI TOTO’ (propr.All.to Ca del Corsi)

Bovaro del Bernese-campioni femmine

BOB Bovaro dell’Appenzell

BOS e BOB Bovaro del Bernese

GIOVANI MASCHI 1°Ecc VASCO DA GAMA DELL’ALBALLEGRA (propr.E.DeBenedetti) BOVARO DEL BERNESE CAMPIONI MASCHI 1° Ecc CACIB BOS CUSTOM BERSETT (propr. A.Dorelli) 2° Ecc R/CACIB BERNERDALENS JOVANOTTI (propr. All.to Della Torre Gentile) LIBERA MASCHI 1° Ecc CAC HIGH OAKS X-TREME MAKEOVER (propr. M.Manciani) 2° Ecc R/CAC JESSIE JAMES (propr. C.Niccoli) INTERMEDIA MASCHI 1° Ecc COSTANTINO DEL SACRO FIUME (propr. All.to Del Sacro Fiume) 2° MB PRINCETON UNIVERSITY (propr. L. Cogliati)

GIOVANI MASCHI 1° Ecc JERMAN-WHERE THE DREAMS HAVE NO END (propr. S.G.Copercini) 2° Ecc ARTU’ (propr. D.Laura) JUNIORES MASCHI MP ETTORE FIERAMOSCA DEI VECCHI CONDOTTI (propr.S.Tomiato) VETERANI MASCHI 1° Ecc HERMANGRUVER (propr.S.G.Copercini) 2° Ecc CA’DEL CORSI NAPOLEON I (propr. All. to Ca Del Corsi) CAMPIONI FEMMINE 1° Ecc MISS ITALIA VON DE WILDENHAYN (propr.B.Monteggia) 2° Ecc BEAUTIFUL ELECTRA TO INFINITY DEL MOLINASCO (propr. All. del Molinasco) LIBERA FEMMINE 1° Ecc CAC CACIB BOB JOBETH DELL’ALBALLEGRA (propr. R.Scita) 2° Ecc R/CAC - R/CACIB NICE SOPHIE VON DE WILDENHAYN(propr. E.Busso)

BOB Grande Bovaro Svizzero

57


i club CLUB ITALIANO TERRANOVA Expo Internazionale di GONZAGA (MN) SPECIALE TERRANOVA 3 MARZO 2013 GIUDICE: LISBETH MACH LAUBLI (CH) Soggetti Iscritti Nr. 25 LIBERA Maschi URSINUS VELUTUS NEVER ENDING STORY - nero 1° Ecc - CAC - CACIB – BOB All.re e Prop. Fantun Oton

Bovaro del Bernese-campioni maschi

BOB MAST HIGH TYPHOON KICKAPOO BEARS nero 2° Ecc - RisCAC - RisCACIB All.re e Prop. Zaghini Federica INTERMEDIA Maschi VERYFAIRWEATHER’S YOU’RE STILL THE ONE – nero 1° Ecc - Allev. e Propr. Salina Borello Adolfo GIOVANI Maschi THICKISH NEWFOUNDLAND TWILIGHT – nero 1° Ecc Miglior Giovane Allev. e Propr. Allevamento Thickish Newfoundland YELLOWSTONE FIREWORKS KICKAPOO BEARS - nero 2°Ecc - All.re e Prop. Zaghini Federica

Bovaro del Bernese-libera femmine

Bovaro del Bernese-libera maschi INTERMEDIA FEMMINE 1°Ecc. DOROTHEA DAY DREAMER DI RICASSO’ (propr. A. Lonati) 2° Ecc STARRY TOWN HILLARY CLINTON (propr. M. Mauro) GIOVANI FEMMINE 1° Ecc BARONESSA BERENICE BJOUX DEL MOLINO DELLE GORGE (propr. E. Busso) 2° Ecc CHARLIZE (prop. R. Scita) JUNIORES FEMMINE 1° MP miglior juniores CA’ DEL CORSI VELIA (propr. A. Amerio)

58

2° P ZOEY DEL SACRO FIUME (pr. M. Stuccillo) VETERANI FEMMINE 1° Ecc miglior veterano ALPENLIEBE (propr. A. Pietrini) GRANDE BOVARO SVIZZERO GIOVANI FEMMINE 1° Ecc BOB LUCIA (propr. S. Cavina) CLUB ITALIANO AMATORI BOVARI SVIZZERI C/O PATRIZIA SPECIALE VIA CARDINAL MASSAIA 43 – 30172 MESTRE (VE) CELL 348.9830876 – FAX 041.940194

Miglior Giovane


i club

BOS FEMMINE GIOVANI STARRY TOWNIN-NULAT-DI COLF - nero 1° Ecc - Allev. e Propr. Mauro Maurizio VERTIGO EASTER LILLY – Bianco/nero 2° MB - All.re e Propr. Schiatti Beatrice LIBERA Femmine TWELFT NIGHT BLACK MOON - nero 1° Ecc. CAC – CACIB - BOS All.re: Turra Valentina - Propr: Di Stefano Letterio INDIAN BAY NO ONE LIKE YOU - nero 2° Ecc. RisCAC – RisCACIB All.re e Propr. Allev. Indian Bay di Ugolotti Morena VETERANI Femmine THICKISH NEWFOUNDLAND QUIQUOQUA - nero - 1° Ecc. Miglior Veterano Allev. e Propr. Allevamento Thickish Newfoundland RADUNO DI PRIMAVERA 13 APRILE 2013 - Montichiari (MN) GIUDICE: VAN PETER MONFOORT (NL) Soggetti Iscritti N. 35 CAMPIONI MASCHI 1° Ecc. Miglior Maschio – BOS KING OF HELLULAND JUST IN TIME - nero Allev. Krocko Sonia & Vladimir – Pr. Fantur Oton LIBERA MASCHI 1° Ecc. - VERTIGO DONNIE DARKO - nero Allev. Beatrice Schiatti – Propr. Sergio Gioffreda 2° Ecc. - BLU EMPEROR OF NEWFOUNDLAND HILLS - nero - Allev. e Propr. De Vitto Domenico INTERMEDIA MASCHI 1° Ecc. - CAC VERY FAIRWEATHER’S YOU’RE STILL THE ONE - nero Allev. Salina propr. Giorgio e Loredana Salina 2° Ecc. - THE HAVES ‘ SONS NEWFOUNDLANDS RUN TO MY SIDE - nero Allev. e Propr. The Haves’ Sons Newfoundlands GIOVANI MASCHI 1° Ecc. - Miglior Giovane THICKISH NEWFOUNDLAND TWIGTH - nero Allev. e Propr. Thickish Newfoundland 2° Ecc. - GREY’S ANATOMY - nero Allev. e Propr. Salvan Loreta JUNIORES MASCHI 1° MP - Miglior Juniores STARRY TOWN GOLARINE - nero Allev. Mauro Maurizio - Pr. Battistuzzi Gianfranco PUPPY MASCHI 1° MP – Miglior Puppy THE HAVES’ SONS NEWFOUNDLANDS YOU’I SSE YOU IN MY DREAM - Bianco/Nero Allev. e Propr. The Haves’ Sons Newfoundlands 2° MP – BOWATER’S ACROSS THE SKY – Nero Allev. e Pr. Deb & Carl Sylvester Bowater’s Kennel LIBERA FEMMINE 1° Ecc. R/CAC CH. INDIAN BAY NO ONE LIKE YOU - nero Allev. e Propr. Ugolotti Morena

2° Ecc. – POUCH COVE’S SOUTHWIND I LOVE LUCY AT CAYUGA – nero - Allev. Peggy Helming & Robin Seaman – Propr. Quartiglia Riccardo INTERMEDIA FEMMINE 1° Ecc. CAC – Miglior Femmina - BOB MIDNIGTH LADY’S TOP OF THE LINE AT CAYUGA - nero Allev. Soos Attila – Propr. Quartiglia Riccardo 2° MB – URSINUS VELUTUS PLAY THE GAME - nero - Allev. Fantur Oton-Velutus Ursinus – Propr. Fantun Ferrero Mura Oton Alessandra Marcello JUNIORES FEMMINE 1° MP – STARRY TOWN INTHINGENA - nero Allev. Maurizio Mauro – Propr. Carozzarino Andrea PUPPY FEMMINE 1° MP - POSEIDON GIOIA DELLA PROVEDA nero - All. e Pr. Allev. della Proveda di Scaioli Stefania Miglior Testa POUCH COVE’S SOUTHWIND I LOVE LUCY AT CAYUGA - nero - Allev. Peggy Helming & Robin Seaman – Propr. Quartiglia Riccardo Miglior Movimento THE HAVES’ SONS NEWFOUNDLANDS KNICKERBOCKERS - Bianco/Nero Allev. The Haves’ Sons Newfoundlands - Propr. Corna Elisa CLUB ITALIANO DEL TERRANOVA Segreteria: c/o Cristina Dal Mas Via Manzoni, 10 - 33079 SESTO AL REGHENA PN segreteria@clubitalianodelterranova.it cell. 339-1123236 - fax 0434/691282

CLUB AMATORI CANI DEI PIRENEI RISULTATI 38° RADUNO INTERNAZIONALE A.C.P. PISA 21 APRILE 2013 In una bella giornata di sole, si è svolto a Pisa lo scorso 21 aprile il 38° Raduno Internazionale del Club Amatori Cani dei Pirenei. Giudice unico il Sig. Alain Pécoult, Presidente della R.A.C.P., Réunion des Amateurs Chiens des Pyrenées, e grande conoscitore delle razze. GIUDICE UNICO: ALAIN PECOULT BEST IN SHOW RAFALE DI LUNGOMONTE All. G. e R. Cardini - Propr. R. Muraca CANE DA PASTORE DEI PIRENEI A PELO LUNGO B.O.B. CANE DA PASTORE DEI PIRENEI GABAS DU PICOURLET All. O. Matz - Propr. N. Monzio Compagnoni MASCHI CLASSE INTERMEDIA 1 ECC. C.A.C. B.O.B. MIGLIOR ANDATURA MIGLIOR TESSITURA DI PELO GABAS DU PICOURLET (FEBUS DU MEYA X DECHA DISE DU PICOURLET) CLASSE LIBERA 1 ECC. - COLONNELLO BERNACCA (CASCADET DU PIC D’ARBIZON X Mch. BERTILLA DELLA CANDUSSINA) All. e Propr. C. Candussi CLASSE CAMPIONI 1 ECC. MIGLIOR ESPRESSIONE CANOUX DELL’ANTY All. M.A. Candiani - Propr. L. Taramasco FEMMINE CLASSE CAMPIONI 1 ECC. B.O.S. BERTILLA DELLA CANDUSSINA All. e Propr. C. Candussi CANE DA MONTAGNA DEI PIRENEI B.O.B. CANE DA MONTAGNA DEI PIRENEI RAFALE DI LUNGOMONTE All. Di Lungomonte - Propr. R. Muraca

Rafale BOB BIS MASCHI CLASSE BABY M.P. - HERMES DES BRUMES DE LA COMTEE All. A. Lecomte - Propr. P. Ronzoni M.P. - ICE BLUE DES BRUMES DE LA COMTEE All. A. Maggiore - Propr. N. Moro CLASSE GIOVANI 1 ECC. B.O.S. - HABANOU DELLA ROCCA DEI PATOUS 2 ECC. - VALMORE All. e Propr. A. Cangianiello CLASSE LIBERA 1 ECC. - FEU D’ARROUYE DES BRUMES DE LA COMTEE All. A. Lecomte - Propr. L. Giraldi 2 ECC. - FRIEDERICH All. e Propr. P. Capobasso FEMMINE CLASSE BABY M.P. - HAVANA DES BRUMES DE LA COMTEE All. A. Lecomte - Propr. I. Lorenzi M.P. - BIANCAZOE M.P. MIGLIOR CUCCIOLO KILAGO’S ABHA ACROBAT All. G. Tveit - Propr. N. Moro CLASSE JUNIORES 1 M.P. - HARMONIE DE LA VALLE DU GIROU All. E. Galiana - Propr. A. Cangianiello 2 M.P. - HELEN All. P. Capobasso - Propr. A. Cangianiello CLASSE GIOVANI 1 ECC. B.O.B. B.I.S. MIGLIOR ESPRESSIONE RAFALE DI LUNGOMONTE 2 ECC. MIGLIOR TESSITURA DI PELO FRANCINE All. e Propr. C. Trada CLASSE INTERMEDIA 1 ECC. RIS. C.A.C. HABANERA DELLA ROCCA DEI PATOUS All. e Propr. L. Giraldi 2 ECC. MIGLIOR ARROUNDERA ARIEL All. E. Codazzi - Propr. P. Tozzi CLASSE LIBERA 1 ECC. C.A.C. - FUNNY All. e Propr. P. L. Capobasso 2 ECC. - FLEUR CALINE DELLA ROCCA DEI PATOUS All. e Propr. L. Giraldi CLASSE CAMPIONI 1 ECC. - Mch. QUELINE DI LUNGOMONTE All. e Propr. G. e R. Cardini CLASSE VETERANI 1 ECC. - USIANE All. e Propr. L. Giraldi COPPIA FRIEDERICH All. e Propr. P. Capobasso & FUNNY All. G. Massimello - Propr. P. L. Capobasso GRUPPO 1 DELLA ROCCA DEI PATOUS 2 PIERLUIGI CAPOBASSO CLUB AMATORI CANI DEI PIRENEI C/O CARDINI LAZZERI - VIA LUNGOMONTE 3 56011 CALCI Tel. 050-936017 Fax. 050-936017

59


i club ASSOCIAZIONE NAZIONALE ITALIANA CHOW CHOW XXVI RADUNO NAZIONALE e CAMPIONATO SOCIALE ANICC Anche quest’anno ben 159 Chow Chow, di cui 78 maschi e 81 femmine, erano presenti al XXVI Raduno Nazionale e Campionato Sociale svoltosi nella splendida cornice dell’Agriturismo “Cascina Boschi” all’interno del verdeggiante Parco del Mincio in località Volta Mantovana. Un numero sempre impressionate di chow chow, anche se si vuol rapportarlo a manifestazioni del calibro dell’European Dog Show o del World Dog Show. Grazie alla pacatezza e alla sobrietà che accomuna questa razza e i suoi proprietari, l’atmosfera è stata come sempre distesa ed amichevole, grazie anche alla professionalità di giudici, assistenti di ring ed organizzatori, senza tralasciare l’assoluta idoneità del luogo, particolarmente atto ad accogliere manifestazioni di tale portata. Un particolare ringraziamento va al dott. Zeffirino Riccardi, consigliere di collegamento Enci, per la sua gradita presenza in occasione di questo giorno così importante per la vita del Club. Gli espositori e i visitatori, provenienti da svariati Paesi europei quali Spagna, Francia, Svizzera, Danimarca, Slovenia, Russia, Belgio, Germania, Bielorussia, Serbia, Ungheria, Lithuania e naturalmente Italia hanno contribuito come ogni anno a riunire su questo prestigioso palcoscenico soggetti di Ecc qualità che hanno ben rappresentato la razza chow chow. I giudici, specialisti di razza nonché allevatori, Mona K. Selbach (Norvegia) e sig. Paolo Gusberti (Svizzera), si sono divisi rispettivamente i giudizi dei maschi e delle femmine. Alla giudice sig.ra Mona K. Selbach andava l’onere di assegnare il Best in Show che quest’anno è andato al maschio nero in classe campioni “Ch. BON TRIUMPH JACK”. Al termine della manifestazione l’ambito titolo del Trofeo Challange “Carmen Sylva Serandrei” come miglior chow assoluto veniva assegnato alla femmina nera in classe juniores “CANDELA LIUTO GUOLIS”, alla quale il giudice sig. Paolo Gusberti aveva attribuito in precedenza il Best in Show Puppy.

Miglior Gruppo

60

Coppie

Ch. sociale maschio - Bon Triumph Jack

RISULTATI XXVI Raduno Nazionale e Campionato Sociale 2013 Giudici: Mona K. Selbach (Norvegia) maschi tutte le classi + BIS, Paolo Gusberti (Svizzera) femmine tutte le classi + BIS Puppy BABY MASCHI 1° MP MASTER SHOW FROM SIBERIA AT DREMO All. – H. Szamohobkina Prop. – Veronika Eros Raabne BABY FEMMINE 1° MP ESCADA LIETUVOS LIUTAS All. – L. Tamaseviciene Prop. – Miroljub Kostadinovic JUNIORES MASCHI 1° MP LEGEND OF THE BLACK DIAMOND DEI LEONI IMPERIALI All. – All.to dei Leoni Imperiali Prop. – Svetlana Erinova JUNIORES FEMMINE 1° MP CANDELA LIUTO GUOLIS All. – Elena Miliauskiene Prop. – Elena Miliauskiene GIOVANI MASCHI 1° Ecc CHECKMATE IN BLACK DEL FIUME GIALLO All. – All.to del Fiume Giallo di E. Farinella Prop. – Viola Fumagalli GIOVANI FEMMINE

1° Ecc ATLANTA LIETUVOS LIUTAS All. – Loreta Tamaseviciene Prop. – Loreta Tamaseviciene VETERANI MASCHI 1° Ecc QUAIPIRIGNA DEI LEONI IMPERIALI All. – All.to dei Leoni Imperiali Prop. – W.& A. De Keuster-Cools/S. De Keuster VETERANI FEMMINE 1° Ecc FROM DAY TO DAY DEL FIUME GIALLO All. – All.to del Fiume Giallo di Enzo Farinella Prop. – All.to del Fiume Giallo di Enzo Farinella CAMPIONI MASCHI 1° Ecc – BOB BON TRIUMPH JACK All. – Marina Vekovishcheva Prop. – Marina Vekovishcheva CAMPIONI FEMMINE 1° Ecc – BOS LIUSU AI-LIN All. – All.to Liusu di Lise-lotte Adler Prop. – All.to Liusu di Lise-lotte Adler INTERMEDIA MASCHI 1° Ecc HEART MIND FIRE DEI LEONI IMPERIALI All. – All.to dei Leoni Imperiali Prop. – Stefania Bettini INTERMEDIA FEMMINE 1° Ecc - CAC HERMIONE DEI LEONI IMPERIALI All. - All.to dei Leoni Imperiali di Campi & Carinelli Prop. - All.to dei Leoni Imperiali di Campi & Carinelli LIBERA MASCHI 1° Ecc - CAC KLONDAIK DLJA DGULIDEIL All. – S. Astrakhan Prop. – Julia Hutoryanskaya LIBERA FEMMINE

Miglior Chow Assoluto - Candela Liuto Goulis


i club 1° Ecc DAMA DE LOS PERROS DE BIGO All. – All.to Los Perros del Bigo di N. Vigo Prop. – All.to Los Perros del Bigo di N. Vigo MIGLIOR COPPIA Ch. DRUID DEI LEONI IMPERIALI Ch. UPPER CLASS DEI LEONI IMPERIALI All. – All.to dei Leoni Imperiali Prop. – Marcello Castelli MIGLIOR GRUPPO D’ALLEVAMENTO IN PAN ALLEY CAN CAN CHARLIE TIN PAN ALLEY EASY RIDER FOR TIMANG TIN PAN ALLEY CASINO ROYALE TIN PAN ALLEY ETHAN HAWKE Ch. TIN PAN ALLEY CHOOZ ME All.to Tin Pan Alley di Gordana Zupanc GIOVANE CAMPIONE SOCIALE MASCHIO CHECKMATE IN BLACK DEL FIUME GIALLO All. – All.to del Fiume Giallo di E. Farinella Prop. – Viola Fumagalli GIOVANE CAMPIONE SOCIALE FEMMINA ATLANTA LIETUVOS LIUTAS All. – Loreta Tamaseviciene Prop. – Loreta Tamaseviciene

CAMPIONE SOCIALE MASCHIO BON TRIUMPH JACK All./Prop. – Marina Vekovishcheva CAMPIONE SOCIALE FEMMINA LIUSU AI-LIN All./Prop. – All.to Liusu di Lise-lotte Adler BEST IN SHOW BON TRIUMPH JACK All./Prop. – Marina Vekovishcheva BEST IN SHOW PUPPY TROFEO CHALLANGE “CARMEN SYLVA SERANDREI” CANDELA LIUTO GUOLIS All./Prop. – Elena Miliauskiene Foto: Foto Planet di Torri Massimiliano

Ch. sociale femmina- Liusu Ai-lin

ASSOCIAZIONE NAZIONALE ITALIANA CHOW CHOW (A.N.I.C.C.) Via E. De Amicis, 20 - 20816 Ceriano Laghetto (MB) Tel/fax 02.966.0308 segreteria@clubitalianochowchow.com www.clubitalianochowchow.com

CLUB AMATORI PASTORI BELGI Risultati prova di Candiolo 13/14 aprile 2013 CAPB SEZ. PIEMONTE

Superamento della palizzata CLUB AMATORI PASTORI BELGI - C/O TROTTI ROSA VIA DEI VIGNO’ 22 - 21100 VARESE Tel. 335-405128

Malinois alla premiazione

61


ERRATA CORRIGE ORGANO UFFICIALE DELL’ENCI Ente Nazionale della Cinofilia Italiana n. 7 luglio 2013 – Anno 59° DIRETTORE RESPONSABILE: Fabrizio Crivellari UFFICIO STAMPA E PUBBLICHE RELAZIONI: Rodolfo Grassi

INC giugno p. 15 Mondiale Budapest Raggruppamenti l’Alano Diamante della Baia azzurra è di colore fulvo. INC giugno p. 28 Expo Montichiari BIS Razze Italiane, 3° classificato Bracco Italiano NUSCA pr. Marco Roffia INC giugno p. 33 Expo di Saremo l’autore dell’articolo è Grazia Guadagno.

REDAZIONE: Renata Fossati PROPRIETÀ ED EDITORE: ENCI Milano HANNO COLLABORATO: Mario Agosteo, Roberto Aguzzoni, Giorgio Antonelli, Giorgio Bellotti, Titti Ceccarelli, Paola Daffunchio, Giancarlo De Martini, Gianedoardo Giordanino, Rodolfo Grassi, Grazia Guadagno, Luigi Lasso, Roberta Lazzeri Cardini, Nadia Maffei, Carlo Mezzetti, Maria Grazia Miglietta, Gian Carlo Trivellato ENCI IN INTERNET: www.enci.it informazioni: info@enci.it soci: soci@enci.it segreteria: segreteria@enci.it libro genealogico: lg@enci.it expo: expo@enci.it prove: prove@enci.it redazione: redazione@enci.it biblioteca: biblioteca@enci.it REDAZIONE, PUBBLICITÀ: 20137 Milano - Viale Corsica 20 Tel. 02/7002031 Fax 02/70020323 IMPAGINAZIONE GRAFICA: Studio DOD design - Massa Lombarda (RA) STAMPA: Rotolito Lombarda Via Sondrio n° 3 20096 - Seggiano di Pioltello (MI) SPEDIZIONE PER L’ITALIA E PER L’ESTERO: Rotolito Lombarda Via Sondrio n° 3 20096 - Seggiano di Pioltello (MI) La quota associativa dei Soci Allevatori è pari a euro 51,65 e dei Soci Aggregati a euro 5,00; ai soli fini postali, euro 2,00, sono da considerarsi quale quota di abbonamento alla rivista.

La Direzione non si assume alcuna responsabilità sulle inserzioni pubblicitarie inoltrate senza bozzetto, sulle quali, peraltro, si riserva di operare eventuali tagli al testo, compatibilmente con lo spazio prenotato. Articoli e fotografie, anche se non pubblicati, non si restituiscono. La responsabilità per i contenuti e le opinioni espresse negli articoli pubblicati è esclusivamente degli autori In copertina: Chin, Bombastic Love del Passo del Turchino. Allevamento Allev. del Passo del Turchino Proprietario Valentina Leardi Autorizzazione del Tribunale di Milano n. 3639 Pubblicazione riservata ai Soci dell’Ente

Associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

66

IL CANE IN GUERRA E IN PACE PALAZZO COMUNALE DI KÖTSCHACH-MAUTHEN (CARINZIA - AUSTRIA) La mostra presenta la molteplicità di impieghi dei cani dall’antichità ad oggi con numerose immagini, documenti, oggetti e diorami in scala 1:1. Il punto centrale è il periodo della Guerra 1915-1918. Visitabile con gli orari di apertura del museo: dal 15/5/2013 al 15/10/2013 lunedì - venerdì 10 - 13 / 15 - 18 sabato, domenica e giorni festivi 14 - 18 http://www.dolomitenfreunde.at/index

Recensione Cesare Ricciarelli A CACCIA COL MIO CANE Editrice Innocenti Un’altra piacevole fatica... Anzi, una scusa per parlare di caccia, una volta di più. Ma… serenamente, al di fuori delle sciocche critiche di chi non la conosce o non vuol sapere di cosa veramente si tratti. Queste poche pagine, sono anche un piccolo omaggio per il mio cane. Un animale fuori del comune che, come tutti i suoi simili, meriterebbe più affetto di quello, pur grande, che ho per lui. Pedro, che è il mio migliore amico, mi ha spesso aiutato a vivere in serenità qualche ora del mio tempo, anche quando cacciando insieme, non abbiamo trovato niente ma ci siamo divertiti lo stesso… In cambio, guardandomi con quei suoi occhi dolcissimi, non ha mai chiesto nulla. Gli è bastata solo una carezza.

Recensione Enrico Gallina COME ADDESTRARE IL CANE DA TARTUFO e accorgimenti vari per la raccolta, la conservazione e il consumo del tubero Editore Suva S 1 Un manuale prezioso per tutti gli appassionati, che svela i segreti di un esperto cinofilo nell’addestrare i cani da tartufo. L’autore è un preparatissimo “tartufaro”, da anni si occupa di educazione cinofila alla ricerca dei tartufi.


I Nostri Cani - luglio agosto 2013-  

I Nostri Cani - luglio agosto 2013