Midas InfoLetter 1

Page 1

!"

!"

!"

!"

"## !"

!"

2 Neo patentati-consiglio 2 Piccole curiosità 2 Glossario 3 Midas dove tutto inizia 3 Nozze e nascite 3 Le interviste

Questa news letter al suo primo numero nasce da una esigenza primordiale: abbiamo qualcosa da dirvi! Spesso e volentieri la conoscenza del proprio lavoro viene custodita gelosamente. Noi del gruppo Motorshop, in qualità di professionisti della meccanica la pensiamo diversamente. Il cliente deve sapere come meglio tenere la propria vettura, quali sono i piccoli consigli che possono diminuire le spese di manutenzione straordinaria del proprio veicolo e come sentirsi più a proprio agio con la vettura durante qualsiasi viaggio, sia esso breve o lungo. Noi del gruppo crediamo nella fidelizzazione del cliente ottenuta dai risultati piuttosto che in un immediato guadagno. In macchina si passa quasi una giornata alla settimana se la si usa per lavoro durante i giorni feriali e per divertimento nel week end. Quindi queste informazioni sono per voi.

4 Dicono di noi... 4 Scadenze

E se la mattina siamo ancora contenti di recarci al lavoro, significa che siamo sulla strada corretta

Siamo Luca e Nicola e siamo i titolari della Motorshop Holding, la società che crea questa news letter e la fa distribuire dai centri Midas del nostro gruppo. Siamo nel settore delle riparazioni auto da oltre 40 anni avendo cominciato veramente molto giovani a smontare, rimontare motori e ad avere la faccia sporca di grasso. Venti anni fa abbiamo incrociato Midas e ne abbiamo sposato i principi etici che essa promuove: trasparenza nei preventivi, fatturazione chiara e dettagliata, ricambi omologati e supervisionati nello standard e tanto altro. Gli stessi principi che noi avevamo, ma grazie alla chiara organizzazione siamo riusciti ad aprire fino ad ora ben sei officine nell’area di Milano, tra cui la prima in ordine di fatturato per l’intera Midas Italia. Siamo cresciuti ma non abbiamo perso la nostra voglia di comunicare con il cliente e ancora oggi ci potete vedere indaffarati a guardare un motore o a spiegare dettagli ai nostri preziosi collaboratori con cui formiamo una squadra invidiabile.

Crediamo in ciò che facciamo e crediamo anche nel messaggio che questa news letter vuole mandare!

Nicola e Luca


Sono più di utilizzati nel 2018 dal nostro gruppo.

Arriva quel momento in cui vostro figlio o figlia sta preparandosi per la prova di guida della sua patente. Questo, specialmente in genitori protettivi, può essere una boa importante per la preoccupazione e la sicurezza dei propri figli. Ci sono una serie di attività che potreste compiere guadagnando la simpatia di vostro figlio, ma soprattutto aiutarlo nel raggiungere un maggior controllo della vettura. Una molto semplice è chiedere al futuro autista di indicare tutti i componenti della seduta di guida compresi i vari indicatori del cruscotto. Es. indica il segnalatore delle frecce, indica il clacson , tocca l’asticella del tergi… Lo si può fare come un gioco in cui si cronometrano i tempi di una lista preparata in precedenza. Il risultato sarà sorprendente: la persona distoglierà la propria attenzione dai componenti - che ora non sono più un ammasso sconosciuto - e la dirigerà verso la guida sentendosi più rilassata. La cosa potrebbe prendere anche una trentina di minuti, ma saranno ben spesi.

glo ssario Turbocompressore: dispositivo motrice a rotazione, costituito da una ruota a palette messa in movimento dai gas di scarico, il quale spinge l’aria nelle camere di scoppio del motore. Pinza freno: è l’insieme delle componenti che stringendosi al disco rallentano la velocità nel sistema frenante.

▼ Tutti i motori diesel funzionano con turbocompressore. Questa può arrivare a 200.000 giri al minuto in alcune vetture. Il circuito dell’olio copre anche questa indispensabile parte del motore per il mantenimento della corretta lubrificazione. In caso di fermata soprattutto dopo tratti veloci – esempio una sosta in autogrill - è bene aspettare e non spegnere il motore velocemente. La turbina infatti, non essendo rallentata o fermata da nulla, spesso continua a girare raggiungendo temperature elevate. Fermando però il motore, il circuito dell’olio viene bloccato e la turbina si trova a bruciare e cristallizzare quello presente e fermo nelle sue vicinanze. Questo crea danno ai cuscinetti della turbina e cristalli tenaci dell’olio non dissimili dalle macchie di olio presenti in un forno di cucina. L’olio dei freni andrebbe cambiato ogni due anni. Esiste una ragione tecnica per tale consiglio. Il circuito idraulico che comanda le pinze dei freni potrebbe essere riempito da qualsiasi liquido che risponde alle leggi della pressione (acqua, latte, succo di frutta..). La limitazione dell’uso dell’olio ha risposta nella temperatura che il sistema di frenata può raggiungere. L’olio raggiunge l’ebollizione alla temperatura di 273 gradi rimanendo ben al di fuori delle temperature che vengono raggiunte dal sistema frenante. Però l’olio dei freni è un liquido idroscopico, ovvero un liquido che con il tempo è in grado di assorbire l’acqua presente nell’atmosfera sotto forma di umidità. Così a lungo andare la percentuale di acqua presente nell’olio del sistema frenante modifica la temperatura dell’ebollizione rendendo il sistema frenante meno sicuro nei momenti di bisogno. Questo lo si può riconoscere in un pedale freno “floscio”, ma consigliamo di non avere questa esperienza.


L’acronimo MIDAS che in inglese significa MIDA ovvero la persona che ha successo finanziario (calcando le orme del famoso Re della mitologia Greca), viene dalle parole Muffler Installation Dealer Association Sealer. (Associazione servizio vendita e installazione marmitte). Fondata nel 1956 da Nate H. Sherman si specializzò nel servizio cambio marmitte senza appuntamento. Il veloce successo con l’apertura di 100 centri in meno di un anno confermò la formula e questa venne ampliata a tutte le attività meccaniche di routine. Motorshop holding ha sposato la filosofia e l’organizzazione della MIDAS nel 2.000 e da allora ha portato le sue officine sul territorio milanese da una a sei. Partendo dalla sede di Cermenate proseguendo con l’apertura nel 2008 di Cassala, nel 2011 di Rozzano, nel 2013 di Lorenteggio e infine nel 2014 di Imbriani e 2016 Gallarate. La trasparenza del preventivo scritto redatto dall’accettazione dell’officina, la propensione verso il cliente composto di possibilità di ricevere un servizio senza appuntamento, la cura e verifica dei pezzi di ricambio sono tutti fattori che compongono i pilastri del successo di MIDAS e di Motorshop Holding.

Il nostro collega Francesco, responsabile tecnico delle revisioni nell’officina di Rozzano il 12 luglio convolerà a nozze con Maddalena a Palermo. Auguri da tutti i membri del gruppo Motorshop!

Ciao Ernesto, da quanti anni sei membro della squadra? Sono 11 anni. Prima avevo lavorato a Napoli fin dalla tenera età. I motori mi sono sempre piaciuti. E cosa fai come capo officina? In officina siamo in parecchi, due persone all’accettazione e in alcuni momenti anche in tre. Io coordino le attività dei meccanici e tutta la linea allo scopo di avere un servizio veloce ed efficiente. Come sapete la politica è quella di accettare il cliente senza appuntamento, ma contemporaneamente dare un ottimo servizio e sempre nell’ambito della trasparenza. Questo comporta coordinare le forze lavoro con in mente sempre l’obbiettivo. Il fatto di essere poi il più esperto mi permette di risolvere tanti problemi ai ragazzi che lavorano direttamente sulle macchine. Un compito è anche il collaudo. Sono io che definisco il lavoro soddisfacente. Sei al corrente che la tua officina è la più produttiva di Italia e tra le prime del gruppo Midas? Stiamo parlando di duemilasettecento officine… (abbassando gli occhi in segno di modestia) sì lo so. Paga il fatto di lavorare con gli obbiettivi sopra.

venduti da Motorshop che salgono a più di 19 mila se contiamo quelli montati comprendendo i cambi stagionali o portati dai clienti

I nostri auguri vanno anche a Nabil, meccanico di Cassala per la sua ultima figlia da poco arrivata nella famiglia Motorshop.

Ciao Enrico, Gallarate è l’ultimo degli acquisti e sfida di Motorshop del 2016? Sì, sono passati tre anni ora che mi ci fai pensare. Tu, mi è sembrato di capire, non eri del settore. Cosa ti ha portato a investire nel gruppo in un officina per te sconosciuta? Conoscevo Luca (Ciccotosto ndr) come meccanico di fiducia. Apprezzavo la sua chiarezza e rapporto con i clienti. Da li a diventare amici ci è voluto poco. Quando mi ha invitato con Nicola (Desiderio ndr) ad investire in un’altra officina (per loro la sesta) mi sono lanciato. La loro gioia nel lavoro era contagiosa, quasi infantile ed io mi sono fatto trascinare. I risultati però danno ragione. Cosa intendi per “loro gioia” nel lavoro? Ma … loro sono incredibili. Una volta sentii una persona dire che non esistono problemi, ma sfide. Pensai che era un bel concetto da usare, ma dalla teoria alla pratica... Nicola e Luca sembrano invece ubriachi di questa filosofia. Non li ho visti mai discutere, mai litigare anche con terze persone. Ma con questo non intendo dar loro del “mollicci”. No, sono molto determinati, ma sempre spensierati ed efficaci. E questo penso sia importante all’interno di una società.


Personale molto professioale, rispettosi nei tempi, prezzi buoni e accessibili

A partire dall’ufficio inserendo tutto il personale non potevo chiedere di meglio, appena uscito, corretti con i tempi, di parola e prezzi onestissimi nonostante un mio errore che gli ha fatto perdere tempo! Contando che é pure agosto.... Spettacolo!!! Consigliato! Per la mia esperienza cinque stelle non bastano, ne darei di più!!

ADV Lime Edizioni srl

La revisione è una scadenza legale in cui un officina riconosciuta dal Ministero dei Tasporti autorizza la verifica di una serie di componenti della macchina che ne stabiliscono la sicurezza stradale. È periodica e obbligatoria. Il tagliando è una serie di controlli meccanici consigliati del costruttore fatti per mantenere l’efficienza del veicolo e non richiesta per legge, ma dal buon senso della manutenzione ordinaria.

dopo 4 anni dall’acquisto e in seguito ogni due anni

Almeno una volta all’anno

Cambio gomme tra il 15 ottobre e il 15 novembre

Ogni due anni

Cambio gomme tra il 15 aprile e il 15 maggio

Ogni due anni

Per suggerimenti scrivi alla mail della tua officina