Page 1

SANT'ARCANGELO DI MAGIONE, 29 dicembre 2016 Concerto di Beneficienza per Norcia, con la Corale polifonica di Magione, la Schola Cantorum di Castiglion del Lago e la scuola di musica "Gli archi del Trasimeno”. Come fare un regalo a se stessi, aiutando gli altri.

ANTRIA, torna il Presepe più magico, visitabile nei giorni 26 dicembre 2016, 1 e 6 gennaio 2017 dalle 16 alle 19.30. Nella cornice del castello di Antria si potranno ammirare, il quadro vivente della Natività, momenti di vita quotidiana e la riproposizione di botteghe artigiane.

PAG. 7

PAG. 9

TURISMO E RISORSE, per il rilancio post terremoto ci sarebbero 2 milioni di euro, a valere sul bilancio 2017 dell'Enit. Imminente la pubblicazione del bando "Charme" per la qualificazione delle strutture 4 e 5 stelle e le residenze d'epoca

Fronte del lago g PAG. 11

Periodico di turismo, cultura e informazione del lago Trasimeno

Sarà un Natale solidale Mentre il Progetto Fronte del Lago ed il suo numero 0 stavano pendendo forma, quello che ormai è definito ‘il mostro’, ovvero un terremoto di notevole intensità, ha sfregiato l’Umbria. Lo ha fatto in due circostanze, il 24 agosto, con disagi tutto sommato limitati rispetto a quelli provocati invece il 30 ottobre, con una ferocia maggiore, foriera di crolli, disperazione, senso di impotenza. Non ci sono state vittime, ed una fortuna (eccetto una giovane coppia dell’orvietano ospite all’hotel Roma di Amatrice che fa parte di quei circa 300 di agosto tra il Lazio e le Marche – ndr) ma il patrimonio storico artistico pubblico e quello privato ha subito danni notevoli. Abbiamo parlato di ‘Umbria’, perché, sebbene sia stata colpita la Valnerina fino al ternano, spoletino, folignate ed perugino, l’intera Regione si è sentita ‘terremotata’ ed ha reagito ‘mettendosi a disposizione’. Ed allora anche le terre del Lago, hanno urlato ‘Eccoci’. Lo ha fatto Magione, mettendosi a disposizione al pari di Passignano, San Feliciano e della limitrofa Corciano, sicuramente fuori dal bacino lacustre, ma non troppo, nel gestire l’accoglienza; e la gara di solidarietà ha coinvolto tutti gli abitanti del Trasimeno e tutti ‘gli umbri’. Avevamo pensato il numero 0 di questo nuovo prodotto editoriale pieno di colori e sapori natalizi. Saremo meno sfavillanti, ma saremo ‘concreti’, perché dimenticati i sussulti generati dalla terra che ha tremato, ci sarà un nuovo grande presente. Per l’Umbria! Da queste pagine, una rassegna poco natalizia ma comunque esemplificativa di quanto fermento c’è lungo le sponde del Lago ed appena nell’entroterra!

Agenda San Feliciano 24 dicembre Babbo Natale vien dal Lago in barca accompagnato dalla spettacolare fiaccolata del

CIRCOLO REMATORI DI S. FELICIANO

Passignano sul Trasimeno sino all'8 gennaio 2017 il Presepe della Stella ogni sera

NELLA SUGGESTIVA CORNICE DEL CASTELLO

Magione 11 Gennaio Teatro Mengoni

“BEN HUR” DI GIANNI CLEMENTI, RIFLESSIONE SULL’IMMIGRAZIONE ED IL RAZZISMO, MA CON IL SORRISO

LE FESTIVITÀ NATALIZIE DA OLTRE 50 ANNI A MAGIONE HANNO COME SIMBOLO UN PRESEPE INSERITO DALLA REGIONE UMBRIA NEGLI ITINERARI DEI PRESEPI REGIONALI, NELL’ORTO ADIACENTE LA CHIESA DI SAN GIOVANNI BATTISTA, TORNA IL PRESEPIO MECCANIZZATO DI SANTE CACCHIATA. Iniziò da bambino, nel 1964 e si è specializzato al punto da essere incaricato di eseguirlo all’Università degli Studi e nel duomo di Perugia. “Andavo al catechismo – ricorda – quando l’allora parroco, don Alfiero, chiese a noi bambini di realizzare il presepe. Lo costruimmo su una tavoletta di circa 2 metri messa dietro l’organo. Quest’anno lo dedico ai terremotati perché porti loro una speranza e l’augurio di tornare presto a casa”.


Castiglione del Lago ...e dintorni

2

Il corteo storico di Ascanio della Corgna entra nell’Albo Regionale delle Manifestazioni Storiche

Q

“Al via l’Antica

Mostra Mercato dell’Olio e dei Prodotti tipici locali ”

Organizzata dall’Associazione Turistica Pro Castiglione in collaborazione con il Comune di Castiglione del Lago e la Confcommercio del Trasimeno l’8 dicembre ha debuttato un evento che partendo dalla degustazione dell’olio nuovo tipico locale ha proposto mercatini natalizi, artisti di strada, animazione, ambulanti. Al tramonto, l’accensione degli alberi natalizi e delle illuminazioni al Rondò e a Fontivegge e di tutte le illuminazioni natalizie. Per Giuliano Segatori, presidente della Pro Loco e ideatore dell’evento “l’olio diventa volano di promozione e sviluppo del territorio”. Ad aderire, decine di operatori del Trasimeno, dell’Orvietano e dell’Alta Valle del Tevere. Inoltre Giardini Mangimi, Giuntini e Vitakraft hanno curato in sinergia il pet food corner “Miao-Bau” per gli animali domestici da compagnia.

Ascanio della Corgnia

Significativo riconoscimento per l’Associazione Turistica Pro Castiglione

uesto grande risultato per Castiglione del Lago e per la Pro Loco che ho l’onore di presiedere ci riempie di orgoglio e premia il paziente lavoro di recupero delle tradizioni storiche da noi effettuato in decenni”. Lo ha detto il presidente Giuliano Segatori nell’annunciare l’ottenimento di un significativo riconoscimento a carattere regionale. Il corteo storico di Ascanio della Corgna, che fu lanciato dal sodalizio alla fine degli Anni 70, è stato inserito all’Albo Regionale delle Manifestazioni Storiche con Determinazione Dirigenziale n. 10702 del 4 novembre 2016 della Regione Umbria. Un traguardo affatto scontato, in quanto altre importanti manifestazioni umbre, apparentemente pure più titolate, non hanno superato l’esame della Commissione regionale preposta e non sono state inserite. “Questo riconoscimento – ha ribadito Segatori - comporta l’assegnazione perenne di un contributo annuale per noi molto importante. La cosa da sottolineare è che sia stata riconosciuta l’importanza del nostro

lavoro, in quanto la commissione, nella sua attenta istruttoria, ha esaminato nel merito ogni elemento del corteo, dei giochi tradizionali tipici del Cinquecento italiano che si svolgono alla Rocca durante la Festa del Tulipano, la cura degli abiti e l’attenzione da noi riposta per ogni più piccolo particolare scenico”. Ogni anno alla Festa del Tulipano sfilano nobili, cavalieri, dame, paggi, damigelle, armigeri con il potente falconetto (un cannone dell’epoca perfettamente riprodotto e funzionante). Negli ultimi anni il Corteo Storico è cresciuto, partecipando, su invito, a manifestazioni umbre e toscane e creando eventi e rappresentazioni di grande suggestione. Tra le più recenti, la rievocazione, con il coinvolgimento del grande corteo storico di Pitigliano, cittadina in provincia di Grosseto, del “Duello di Pitigliano” tra Ascanio della Corgna e Giovanni Taddei. Dipinto dal Pomarancio, si trova nella Sala delle Gesta di Ascanio del Palazzo Ducale di Castiglione del Lago. www.palazzodellacorgna.it

KARINA CASCELLA AL FASHION SHOW ANIMAL FRIENDS E’ stata Karina Cascella, personaggio TV, opinionista di “Uomini e Donne” e di “Pomeriggio 5” su Canale 5, la madrina, il 12 dicembre del “Fashion Show Animal Friends”. Tenuto al Centro Camilloni Moda di Pozzuolo Umbro, l’evento ha festeggiato il 64esimo compleanno della struttura, con una sfilata di moda in sinergia con Vitakraft Italia, marchio internazionale con sede a Castiglione del Lago che produce alimenti e oggettistica per animali domestici. La bella Karina ha sfilato insieme a giovani modelli umbri e toscani e con molti cani “vestiti e toelettati” alla perfezione. La giornata ha avuto un fine sololidale, il sostegno del Canile Intercomunale di Ossaia a pochi chilometri da Pozzuolo Umbro anche attraverso la vendita di un calendario dedicato ai cani abbandonati.

La mostra su Ascanio e Fulvio della Corgna in una App Come la storia diventa patrimonio di tutti

L

e celebrazioni del quinto centenario della nascita di Ascanio e Fulvio della Corgna sono impreziosite anche dalla mostra “La famiglia della Corgna: da Guido a Fulvio II”. La particolarità dell’inizaitiva, a cura di Anna Alberti e Pier Maurizio Della Porta, consiste nel fatto che si tratta di un’esposizione virtuale. Realizzata dall’Archivio di Stato di Perugia e dal MIBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) in collaborazione con il Comune di Castiglione del Lago e il Gruppo FAI Lago Trasimeno, si avvale dell’applicativo Movio messo a disposizione dal MIBACT

e costituisce uno dei primi esempi di applicazione di questa App. “La mostra si pone lo scopo di illustrare le vicende di questa famiglia – ha spiegato Giovanna Giubbini direttrice dell’Archivio di Stato di Perugia – che nei secoli XVI e XVII dominò una vasta parte del territorio da Castiglione del Lago a Città della Pieve, fino a Perugia e Corciano: un allestimento virtuale, che promuove la conoscenza del territorio dove i della Corgna hanno lasciato la testimonianza di palazzi e ville, realizzato da tre unità dei “500 giovani per la cultura” che hanno lavorato in Archivio di Stato fra il 2015 e il 2016”.


Castiglione del Lago stella televisiva di “Made in Italy è…”

Il Natale della Cultura di Castiglione del Lago passa per la Mostra d’Arte Naïf che è diventata ormai da tre anni un appuntamento classico per il mese di dicembre. L’immediatezza dell’arte naïf, non incardinabile in correnti artistiche o di pensiero, è l’elemento che l’Amministrazione comunale ritiene vincente per attrarre un pubblico molto variegato, capace di ritrovarsi in opere ad alto tasso di creatività pura ed istintiva. Palazzo della Corgna, che quest’anno ospita le celebrazioni del cinquecentenario della nascita di Ascanio e Fulvio della Corgna, fa da cornice alla Mostra, curata dall’assessorato alla Cultura in Franco Mora, Natale - arriva la cometa, 70x50 cm

Il 26 ottobre panoramica sulle tipicità del territorio, l’ambiente, il lago e le ricchezze storiche e architettoniche.

IL 2016 È TEMPO DI NATALE DELLA CULTURA

T

utti incollati alla tv, l’ultimo sabato di novembre, per il programma televisivo “Made in Italy è…” che ha dedicato un lungo speciale a Castiglione, mostrato nella sua bellezza, mettendo in evidenza le tipicità, l’ambiente, il lago e le ricchezze storiche e architettoniche. “Vogliamo dare un messaggio positivo e rassicurante – ha spiegato il vicesindaco Romeo Pippi – sottolineando la piena efficienza delle nostre strutture ricettive a tutela dell’importante ruolo che il turismo ha nel mantenimento e sviluppo dell’economia del nostro Comune e dell’Umbria. Il nostro comprensorio crea da solo movimento turistico anche per le altre città umbre, in uno scambio virtuoso che dà ricchezza a tutti. L’Amministrazione comunale castiglionese è da sempre attenta a questi aspetti, utilizzando e promuovendo il territorio con tutti gli strumenti per poter comunicare positivamente Castiglione e il

Trasimeno e oggi, dopo i tragici eventi sismici, la piena sicurezza delle nostre strutture, che infatti ospitano centinaia di sfollati con fraterna e sincera ospitalità”. Una finalità condivisa ed amplificata da Piero Evandri, autore del programma, per il quale “il nostro Made in Italy è paragonabile al petrolio, con una importante differenza. Il petrolio un giorno finirà, ma la nostra maestria, il nostro ingegno, il nostro stile non finiranno mai”. La puntata dedicata a Castiglione del Lago di “Made in Italy è…” è andata in onda sui canali del “bouquet Sky” (con decoder senza abbonamento) 912 Italia Channel, 878 Mediatext Tv e 883 Pianeta Tv; nonché sul digitale terrestre nazionale sui canali 123 Italia Channel, 166 Mediatext Tv, 251 Pianeta Tv, tutti in HD. Per quanti non hanno potuto soddisfare la curiosità, è possibile rivedere la puntata all’interno del sito “www.madeinitalye.it”.

collaborazione con Piero Pierini, collezionista d’arte e pittore originario di Pozzuolo Umbro. Tuttavia il Natale della Cultura raccoglie anche altre iniziative che, al pari degli anni passati attraggono un flusso importante di turisti, anche da fuori regione. Il Natale della Cultura di Castiglione del Lago ha un ulteriore peculiarità nell’aspetto legato alla gastronomia del territorio, fino al 6 gennaio, infatti, nei Ristoranti della zona verrà elaborato un piatto o un menù che racconta il territorio, il Natale, la stagione e le storie di vita. Il percorso, denominato la “Cucina degli altri”, vuole esaltare il simbolismo e la ritualità del cibo legato all’amicizia, alla festa e alla convivialità delle genti e delle comunità locali.

Agenda Concerto di Natale 23 dicembre (Orchestre e Ensamble della Scuola di Musica del Trasimeno) – Chiesa S.Maria Maddalena

“Delizie di Natale” 24 dicembre Babbo Natale arriva dal lago consegna di dolci e doni sotto l’albero ed itinerante per il paese in collaborazione con ARBIT (Pro Loco) PARTENZA DI BABBO NATALE CON CALESSE ED ELFI DALLA DISCESA DEL POZZINO VERSO IL CENTRO STORICO DEL PAESE.

Artisti di Strada Kronos h 15,00 centro storico 26 dicembre Concorso h 10,00 Poesia Castiglione del Lago Sala del Teatro

Concerto h 21,00 Quartetto swing “Fourseasonquartet” Sala del Teatro – Palazzo della Corgna.

29 dicembre


In 300 dalla Valnerina sono scesi al Lago Il palazzetto dello sport primo baluardo per la raccolta del materiale raccolto per dare assistenza

È

IL SINDACO DI NORCIA, NON DIMENTICA I CONCITTADINI “Sono qui per abbracciare i miei concittadini e ringraziare i sindaci dei Comuni che, in questo momento, li accolgono”. Lo ha detto il primo cittadino di Norcia, Nicola Alemanno, nella prima volta istituzionale nelle le strutture alberghiere che stanno ospitando gli sfollati. Il primo cittadino ha fatto sosta a Solomeo, nella sede dell’azienda Cucinelli e lì ha incontrato i sindaci Giacomo Chiodini di Magione, Ermanno Rossi di Passignano e Cristian Betti di Corciano. “Amministrazioni, associazioni, aziende e cittadini – ha detto Alemanno – stanno facendo tanto per aiutare quanti sono giunti in questo territorio, ma abbiamo bisogno di tornare insieme a Norcia. Dobbiamo far rivivere la nostra città”. Tra le priorità di intervento, dettagliate dal Sindaco, la realizzazione dei moduli abitativi e la riapertura delle vie principali del centro storico per gli esercizi commerciali. Su come far ripartire le attività produttive, due le ipotesi, creare zone industriali con moduli già pronti e aree dove realizzare le opere di urbanizzazione, lasciando agli imprenditori la possibilità di costruire secondo le proprie esigenze.

stata una catena di solidarietà forte, bella, entusiasmante e di alto valore sociale, quella intrapresa a Magione. Protrattasi per far fronte alla prima accoglienza dei residenti sfollati dalle zone di Norcia, in 300 sono ospitati attualmente nelle strutture messe a disposizione del Comune, si è poi trasformata nella necessità di riportare alla normalità gli spazi adibiti a baluardo. Come il Palazzetto dello Sport, ormai tornato ad ospitare le consuete attività ludico-sportive. Impareggiabile il lavoro dei volontari che, alla richiesta di aiuto per raccogliere i tantissimi materiali prima e spostarli di nuovo, poi, hanno risposto in molti, dai volontari delle associazioni ai singoli cittadini. “L’accoglienza delle persone provenienti dalla Valnerina – ha detto il sindaco di Magione, Giacomo Chiodini – è entrata in una emergenza un po’ più ordinaria. Il centro smistamento beni prima necessità di Caritas di Magione è stato spostato, grazie ad oltre 40 volontari, dal Palazzetto dello sport agli ex uffici del Comune in piazza Simoncini”. “Ho visto in questo terremoto – il commento sui social di Fabrizio Alunni, vice governatore di Misericordia Magione – tanta solidarietà. Prima per Amatrice. Mentre noi eravamo a montare le tende, a casa si organizzava una gara per raccogliere materiale e denaro. Poi quando sembrava finita la prima fase d’emergenza, ecco l’altro dramma. Altra scossa ancora più vicina, e poi un’altra ancora più forte. Si ripartiva, ma questa volta con sirene spiegate direzione Norcia. Mentre noi si operava nelle zone dell’epicentro, il nostro comune era all’opera per ospitare gli sfollati provenienti dalle zone colpite. Il Comune rispettando i canoni di organizzazione in emergenza, apriva il Centro operativo

comunale (C.O.C.), organizzando l’accoglienza. Tutte le organizzazioni di volontariato, singoli cittadini, l’amministrazione comunale, sotto la direzione del C.o.c. svolgevano un ottimo lavoro. E’ giusto ringraziare tutti, volontari e non che stanno lavorando senza guardare l’orario e giorni i di festa, senza problemi di nessun genere, sempre con il sorriso in bocca o la battuta pronta. Personalmente a queste situazioni ci sono abituato, ma quando hai vicino persone del tuo paese l’orgoglio sale alle stelle”.

GUARDARE IL FUTURO CON OTTIMISMO PUNTANDO SULLA IMPRENDITORIA

å

A confermare che Magione è un’isola felice per il commercio, lo spirito imprendotoriale e la speranza, l’apertura di due nuove attività in centro storico. Due esercizi commerciali con storie profondamente diverse ma che hanno come punto comune la voglia di scrollarsi di dosso l’idea che la crisi possa immobilizzare lo spirito d’iniziativa. Esemplificativa la voglia di ricominciare, nonostante terremoto, perdita della casa, chiusura della bella attività nel centro di Norcia, di Michele e Erminia. Ospiti con molti altri a Magione hanno deciso di aprire, o meglio, riaprire nel paese che li sta accogliendo, il loro negozio di norcineria. La speranza è tornare con i tre figli piccoli in Valnerina, dove con tanti sacrifici avevano realizzato il sogno di un’attività in proprio, ma, per il momento l’attività vuol dire continuare a vendere dal produttore al consumatore e magari, in futuro, pensare al

negozio di Magione come un secondo punto vendita. C’è poi la sotria di un negozio storico, l’abbigliamento Perugini. Venne aperto agli inizi degli anni settanta, al rientro nel paese di origine dopo 10 anni trascorsi in Sud Africa, da Ciro Perugini, chiamato Alberto, la moglie Vincenzina, chiamata Cencia e la figlia Orietta. Ora, con l’ingresso di Bernardetta è cambiata l’immagine dell’attività e l’apertura di un nuovo punto vendita, sempre in via XX settembre, segna l’ingresso della terza sorella Carla. Con questa scelta si conferma il grande amore di Benedetta per il suo paese. Una giovane donna che ha saputo dare un'impronta inconfondibile all'attività di famiglia attraverso uno stile inconfondibile, un gusto certo e tanta passione per il proprio lavoro.


“[Ri]tratti di Storia - Viaggio nei Centri Storici del Lago Trasimeno”. Un classico della promozione territoriale Un docufilm e brochure l’immagine artistica, storica e paesaggistica dei “luoghi” lacustri

T

ra le attività promozionali operative da tempo per valorizzare il comparto del Trasimeno nelle fiere di settore ed all’estero, a prescindere dalla stagionalità dei suoi eventi, “[Ri]tratti di Storia - Viaggio nei Centri Storici del Lago Trasimeno”. Presentato a suo tempo in Camera di Commercio di Perugia dal presidente Giorgio Mencaroni, unitamente a Promocamera, con il Presidente Sergio Mercuri, vuole rappresentare uno strumento, articolato in docufilm ed in brochure, per diffondere l’immagine artistica, storica e paesaggistica dei “luoghi” lacustri: Castiglione del Lago, Città della Pieve, Magione, Paciano, Panicale, Passignano sul Trasimeno, Piegaro, Tuoro. “Ri]tratti di Storia” è un gioco di parole finalizzato ad esprimere l’importanza

storica e le peculiarità artistiche dei borghi del comprensorio, ed a sottolinearne la particolare bellezza naturalistica. Questa esperienza in forma di viaggio, illustra – o meglio comunica – attraverso contenuti di varia natura: segni, tracce artistiche, storiche e naturalistiche, otto Comuni non interessati alle problematiche del sisma, ma pronti alla solidarietà, ad azioni concrete per gli sfollati ed a tenere alta l’immagine di un’intera Regione, piegata ma non distrutta. "Strumenti informativi come questo, divulgativi, versatili senza essere riduttivi, forniscono un contributo – le riflessioni di Mencaroni e Mercuri - di grande importanza alla promozione di un territorio e quindi alla sua affermazione”.

Ambiente e sviluppo: 3 mln euro per anello ciclabile Trasimeno

L

o sviluppo del territorio e del turismo passano anche per la valorizzazione dell’ambiente, in questo caso per attrarre chi ama il cicloturismo. Ammontano a oltre 3 milioni di euro le risorse che la Giunta regionale dell'Umbria, su proposta dell’assessore Fernanda Cecchini, ha destinato al finanziamento di alcuni interventi in aree di attrazione naturale di rilevanza strategica. “Una prima tranche dei circa 12,3 milioni di euro, servirà a completare o realizzare opere che riteniamo determinanti per i processi di sviluppo del territorio e dell’intera regione – ha detto l’assessore – Più della metà delle risorse sarà destinato al completamento dell’anello ciclabile del Trasimeno fra Panicarola e Castiglione (realizzato dall’Agenzia forestale regionale). Altrettanto importanti per la tutela e la valorizzazione del patrimonio naturalistico, in un’ottica di integrazione di azioni e risorse finanziarie, sono gli altri interventi ammessi al finanziamento, a valere sui fondi del Programma operativo del Fondo europeo di sviluppo

regionale 2014-2020. Essi interesseranno il percorso espositivo dell’Acquario del Trasimeno all’interno della Casa del Parco nell’area dell’ex aeroporto “Eleuteri”, per il quale al Comune di Castiglione del Lago vanno 330mila euro, oltre all’Oasi di Alviano e i territori di Costacciaro, Fossato di Vico e Ferentillo. Quanto alla somma restante, oltre 9,2 milioni di euro, abbiamo stabilito che si provvederà all’individuazione dei progetti da finanziare - ha concluso - con attenzione agli interventi di completamento o che accrescano la funzionalità di opere infrastrutturali esistenti”. Il criterio “guida” è la “capacità dell’intervento di favorire lo sviluppo sociale, culturale e di qualità dell’area dei siti Natura 2000, delle aree naturali protette e degli ambiti della Reru, la Rete ecologica regionale. Il patrimonio naturale umbro – ha sottolineato Cecchini – si contraddistingue per la sua ricchezza e varietà su cui vogliamo far leva perché sia sempre più

anche una risorsa economica competitiva. L’obiettivo è migliorare il sistema dei servizi e dell’accessibilità nelle aree protette e i siti della rete Natura 2000 con opere di conservazione, di riqualificazione paesaggistica, la realizzazione di percorsi tematici o panoramici, la dotazione di servizi accessori e in generale interventi che mirano ad innalzare l’attrattività delle risorse naturali mediante la promozione di un’attività turistico-ricreativa varia, con vocazione internazionale”.


Magione

...e dintorni

6

Olivagando, una delle favole più belle sull’olio del Trasimeno Piccoli imprenditori crescono

“I vincitori della Dolce Goccia” La cerimonia di premiazione de “La dolce goccia” si è scolta nel Castello dei Cavalieri di Malta, nella giornata conclusiva di Olivagando alla presenza di Giacomo Chiodini, sindaco di Magione; Fabrizio Leone, agronomo e direttore dell’azienda S.Agri.Vit.; Paolo Cesarini, presidente proloco Magione. Nella sezione oli non etichettati, il premio per il 2° posto è andato a Sabrina Farinelli mentre il miglior olio è stato quello di Valerio Coscia. Nella sezione oli con etichetta ci sono state due aziende a pari merito nella 2° posizione, quelle di Aldo Marioli e di Roberto Tonazzoli. Il premio per il miglior olio del Trasimeno è stato assegnato all’azienda Val di Chio con oliveti nella zona dei Monte del Lago. Ai vincitori è stata donata un’opera realizzata dall’artista Giorgio Lupattelli che raffigura un particolare del castello del Cavalieri di Malta di Magione.

Si occupa di turismo, storia e cultura del territorio. In sinergia con il Comune e gli enti di zona ogni anno anima le manifestazioni più varie

na manifestazione dedicata all’olio d’oliva da promuovere a 360°. E’ Olivagando l’appuntamento nel quale la Pro loco di Magione e le aziende locali vestono a festa il centro storico della citttadina lacustre ed ospitano in punti dedicati, degustazione e specialità enogastronomiche, conferenze, mostremercato, concorsi di pittura, laboratori per bambini. Un percorso intelligente che unisce territorio, saperi ed esperienze, dove la storia e le bellezze naturalistiche diventano il contesto ideale da percorrere a piedi a cavallo e in vespa, che è tornato, con grande successo il 19 e il 20 novembre scorso. Tra le tante iniziative studiate per conoscere ed apprezzare la qualità dell’olio del Trasimeno anche la seconda edizione del concorso “La dolce goccia”, promosso da Assoprol e

U

– ai primi posti si sono classificati giovani imprenditori caratterizzati da grande professionalità. “Quest’anno – ha dichiarato Cristina Tufo, assessore comunale alle attività produttive – è raddoppiato il numero dei partecipanti, nonostante l’annata difficile. Siamo passati dai 20 produttori della prima edizione ai 41 della seconda. Adesione che conferma l’esigenza che molti olivicoltori avvertono, quella di un confronto e di una valutazione del lavoro svolto sia in campo che in frantoio”. Anche per Angela Canale, capopanel Assoprol Umbria, che con il sua staff ha curato la selezione degli olivi “siamo davanti a un profondo cambiamento nella coltivazione dell’olivo. I produttori – ha detto - possono scegliere se continuare con la tradizione, o fare proprie le moderne tecniche di coltivazione, presupposto

Comune di Magione. Proprio questa ‘gara’ ha consentito di appurare che sono sempre di più i giovani che stanno scegliendo di coltivare l’olivo e produrre olio. Nelle due categorie premiate - oli non etichettati ed etichettati, ossia per autoconsumo e prodotti ad uso commerciale

indispensabile per ottenere oli che abbiano quelle caratteristiche organolettiche di pregio oggi richieste e apprezzate dal mercato”. Dallo studio e la ricerca costante scaturisce anche la possibilità, ha proseguito Canale “di affrontare in maniera più consapevole i problemi legati alle malattie della pianta intervenendo in maniera mirata, con prodotti giusti nei casi di necessità”. Un ruolo importante è svolto dai giovani, ed il concorso ha saputo mostrarlo e comunicarlo con efficacia, che sanno affrontare con determinazione e consapevolezza un settore produttivo come l’olivicoltura, guardando alle nuove tecnologie come un’opportunità per produrre meglio rispettando l’ecosistema.

Nata nel 1978, ad oggi conta oltre 2500 associati

AD OLIVAGANDO LA MOSTRA DIFFUSA #CHIAVEUMBRIA Apertura straordinaria, in occasione di Olivagando, della chiesa della Madonna della neve, divenuta luogo espositivo della mostra diffusa #Chiaveumbria. L’artista scelta per la 3° edizione del progetto legato a Frantoi Aperti, la perugina Laura P. L’istallazione ha offerto un’inedita chiave di lettura dello spazio sacro, entrato così nel percorso che nel mese di novembre ha visto 11 comuni umbri, in date diversificate, aprire luoghi solitamente chiusi al pubblico all’insegna dell’arte. Stretta nel paesaggio collinare ricco di olivi ed il Trasimeno, la chiesa si trova in prossimità del castello diroccato di Zocco. Risalente alla fine del Medioevo o alla prima età moderna è indicata sia come Madonna di Togiano (o Fogiano) sia come Madonna della Neve. Probabilmente nacque come cappella votiva. I viandanti potevano affacciarsi alla finestrella a lato, pregare la Madonna e riprendere il loro viaggio. Solitamente viene aperta il 5 di agosto, per la festa di S. Maria della Neve.


Guidare sicuri: gli autodromi di Magione e Vallelunga, scendono in pista

IL NATALE DELLA SCUOLA PER L’INFANZIA G. DANZETTA

Il progetto, sperimentale, coinvolge anche ACI e Università degli Studi di Perugia

I

l 21 novembre è stato presentato a Perugia il "Driving challenge - Safety campus", un contest interuniversitario alla prima edizione, promosso dall'Università degli studi di Perugia e dagli Automobile club di Perugia, Roma e Terni, in collaborazione con gli autodromi di Magione e Vallelunga. Il progetto sperimentale, è stato presentato anche come un contributo fattivo alla riduzione degli incidenti stradali grazie al coinvolgimento non solo di studenti, ma anche di anziani e bambini con specifici corsi a corredo. Successivamente, giovedì 24 novembre, hanno preso il via le prime prove del contest all'autodromo dell'Umbria "Mario Umberto Borzacchini (Amub)". Ottantaquattro studenti e studentesse dell'Università degli studi di Perugia, alcuni provenienti dalle zone del Lago e dall’aretino, sono scesi in pista per gareggiare a bordo di bolidi da corsa e, attraverso questa esperienza, formarsi sulle tecniche di guida sicura, comprendendo i temi della sicurezza stradale e l’importanza del lavoro di squadra. Nell’illustrare finalità e modalità di svolgimento, Ruggero Campi, presidente dell'Automobile club di Perugia, ha detto “vogliamo stimolare i ragazzi ad essere coscienti dei propri limiti e migliorare la

Quattro laboratori, a dicembre, animati dalla scuola per l’infanzia Danzetta insieme ai volontari dell’associazione culturale Laboratorio Magione. ”Un grazie di cuore ai bambini – scrive Diego Contini presidente dell’associazione – che, con la loro partecipazione, hanno reso il nostro Natale ancor più ricco di sorrisi; alle persone che ci hanno permesso di realizzare i laboratori all’interno della struttura; ai genitori e ai nonni che con la loro pazienza hanno vigilato con particolare amore, ed infine, a tutti i volontari con i quali da anni condividono tante esperienze”.

Concerto di Beneficienza per Norcia 29 dicembre Con l'avvicinarsi delle feste, la proloco di Sant'Arcangelo organizzerà alle ore 20, presso la chiesa parrocchiale, un concerto di beneficenza in collaborazione con la Corale polifonica di Magione, la Schola Cantorum di Castiglion del Lago e la scuola di musica "Gli Archi del Trasimeno" UN REGALO NATALIZIO PER AIUTARE LE FAMIGLIE COLPITE DAL SISMA

Una pura formalità 10 gennaio 2017 Teatro Mengoni h 21,00 Bellissima trasposizione teatrale del film capolavoro di Giuseppe Tornatore, di cui erano protagonisti Gérard Depardieu e Roman Polanski, con un giovanissimo Sergio Rubini. VERSIONE TEATRALE E REGIA

GLAUCO MAURI

loro capacità di guida. La speranza – ha ribadito - è che tutto questo si traduca, in futuro, in minori incidenti stradali. Il nostro impegno è volto a far sì che da regionale questo progetto si trasformi in campionato nazionale di guida sicura con il coinvolgimento di più atenei”. Un concetto, quest’ultimo. Ripreso da Franco Moriconi, rettore dell’Università degli studi di Perugia, per il quale “si potrebbe pensare, addirittura, a una competizione tra le varie università”. “La sicurezza stradale – ha ribadito - non

è una materia prettamente universitaria, ma è necessaria. È un ulteriore servizio che offriamo ai nostri studenti, in questo caso quelli iscritti al secondo anno, e riteniamo che possa dare loro maggiore tutela”. Alla presentazione dell’iniziativa, oltre a Giorgio Alberton, presidente di Amub, sono intervenuti, tra gli altri, Renato Leporelli, responsabile istruttori di guida dell'autodromo di Vallelunga, Roberto Papini, amministratore delegato di Amub e, per le aziende sponsor, Marco Cardinalini della Cardinalini spa e Giovanni Mariotti della Cancellotti spa.

IL "DRIVING CHALLENGE - SAFETY CAMPUS" Nella prima sessione, i ragazzi ricevono una formazione teorica e pratica con preselezioni da parte degli istruttori di guida sicura Aci. I migliori 30 suddivisi in 6 team, passano al Round 1 che prevede un check up per l'analisi dello stile di guida e della capacità di prevenire situazioni di rischio. Al secondo livello, da tenersi presso il Centro di guida sicura Aci-Sara di Vallelunga,

Agenda

accederanno i 3 migliori team selezionati nel Round 1. Questi saranno sottoposti a un corso di guida sicura avanzato con l'obiettivo di sviluppare nel partecipante, capacità cognitive e di controllo, in modo da prevenire situazioni di pericolo anche in condizioni difficili. Il Round 3 la finale, avrà luogo di nuovo all'Autodromo di Magione, ad aprile

2017, e sancirà la vittoria del team che avrà dimostrato maggiore capacità di leadership e delega. Il leader della squadra correrà in pista e sarà valutato per sensibilità di guida, costanza di rendimento e capacità di apprendimento, mentre il resto della formazione si misurerà in una simulazione di cambio pneumatici.

Limportanza di essere Earnest 24 gennaio 2017 Teatro Mengoni h 21,00 La compagnia dei giovani del Teatro Stabile dell’Umbria si cimenta con la messinscena del celebre testo di Oscar Wilde, The importance of being Earnest. La regia è affidata ad Antonio Latella, uno degli artisti più innovativi e stimati del mondo teatrale. UNAPRODUZIONE TEATRO STABILE DELL’UMBRIA www.commons.wikimedia.org


San Feliciano

Agenda

Un Natale fantastico e goloso In programma eventi della tradizione che mantengono alta la genuina autenticità locale

S

CIRCOLO REMATORI SAN FELICIANO LA PASSIONE VINCE Si definiscono “rematori” per distinguersi da altre categorie di canottaggio, riaffermando lo spirito di appartenenza a San Feliciano ed al suo modo di remare. Il

Circolo nasce all’inizio del 2011 su spinta dei giovani del posto accomunati dalla passione per la barca a remi. L’obiettivo dichiarato è valorizzare il Lago, che per la comunità di San Feliciano ha rappresentato ed ancora rappresenta il contesto storico-economico di riferimento. Grazie al patrocinio della Pro-Loco, delle associazioni, dei Comuni e degli enti pubblici la “barca tipica del Trasimeno” tornerà ad avere visibilità.

ebbene San Feliciano sia una cittadina dove le sorprese non finiscono mai,anche qui dicembre è principalmente sinonimo di Natale. Ed il Natale si sa, porta con sé un sacco di eventi, tradizioni, cose buone da mangiare, feste ed, ovviamente, gli immancabili regali. Ecco,quindi, che tutto la San Feliciano si illumina e si anima di eventi tradizionali che recano il segno inconfondibile del Natale ma che, in un modo o in un altro, mantengono ben alto il tocco della genuina autenticità locale. Street food, concerti, attività di intrattenimento, cori natalizi e animazioni per bambini. Sono questi alcuni degli eventi che compongono la quinta edizione de il "Natale di Zuzzuruch", che coinvolgerà tutto il paese fino al 6 gennaio. L'inaugurazione è prevista per giovedì 8 dicembre alle 18. Sarà il presidente della Pro Loco, Matteo Agabitini, ad accendere le luci della piazza e dell'albero in Piazza della Repubblica, e per l’occasione si esibiranno dal vivo i piccoli musicisti della scuola di musica Doremilla di Magione. In piazza sarà inoltre possibile degustare castagne, vin brûlé, bruschette con l'olio nuovo e carne alla brace. Sarà questa l’occasione in cui verrà anche installato il nuovo defibrillatore donato dalla locale farmacia Afas. Sabato 17 e il successivo venerdì 23 dicembre la piazza sarà animata dal “San Feliciano Street Food”. Sempre in Piazza della Repubblica saranno presenti alcuni stand dove sarà possibile degustare svariate prelibatezze. I due eventi saranno inoltre accompagnati da dell’ottima musica suonata dal vivo da alcune band invitate per animare le due occasioni. Il pomeriggio di sabato 24 dicembre sarà, invece,la volta del tradizionale appuntamento con “Babbo Natale Vien dal Lago”. L'anziano vegliardo conla folta barba bianca, il vestito rosso e la risata contagiosa, arriverà direttamente a

San Feliciano nientemeno che trasportato su una classica barca da pescatore tipica del Lago Trasimeno,distribuendo doni ai più piccini. Per l’occasione Babbo Natale sarà accompagnato dalla spettacolare fiaccolata sul Lago, organizzata dal Circolo Rematori di San Feliciano. Col nuovo anno, poi, non si esauriranno gli avvenimenti. Mercoledì 5 e giovedì 6 gennaio l’antico borgo di San Felicianoprenderà vita grazie ai bambini del GT Piccolo Principe, che metteranno in scena il “Presepe Vivente Drammatizzato”. Infine sempre giovedì 6 gennaio, presso la chiesa del paese ci sarà il concerto del TriTone Duo

San Feliciano Street Food 23 dicembre saranno presenti alcuni punti dedicati allo Street Food. SARÀ POSSIBILE ASSAPORARE, NUMEROSE PRELIBATEZZE, IL TUTTO ACCOMPAGNATO DA MUSICA DAL VIVO

Teatro G. Mengoni

h 21,00 Concerto di Natale a cura dell’Associazione Culturale Doremilla

Babbo Natale vien dal Lago 24 dicembre L’anziano vegliardo con la folta barba bianca, il vestito rosso e la risata contagiosa sarà accompagnato dalla spettacolare fiaccolata organizzata dal Circolo Rematori di S. Feliciano a cura della Pro Loco di San Feliciano ARRIVERÀ DIRETTAMENTE, A SAN FELICIANO TRASPORTATO DA UNA CLASSICA BARCA DA PESCATORE

TriTone Duo Facebook

å

DOREMILLA – LA SCUOLA APERTA DOVE CRESCERE E CONFRONTARSI L’Associazione nasce nel 2007 per valorizzare il canale espressivo musicale e promuovere iniziative ad essa legate. Consapevole della forza creativa della musica e della sua capacità di aggregazione ed educazione, Doremilla, presieduta da Giovanni Tarquini, organizza corsi di musica e possiede uno studio di registrazione ed una sala prove dove ospitare eventi e concerti. L’idea di base, però, è quella di porsi come “Casa di e per musicisti”, un ambiente aperto, dove crescere e confrontarsi. In altre parole, Doremilla è un contenitore di passione che si esprimono attraverso le note, in cui le contaminazioni tra i vari generi sono la linfa vitale per unire sotto lo stesso tetto professionisti ed appassionati, curiosi e neofiti, in modo creativo e stimolante.


Presepe di Antria di Magione La bellezza delle tradizioni

E

ra il 1223 quando San Francesco realizzò nel borgo di Greccio, nei dintorni di Rieti, il primo presepio vivente della storia. Questa prima rappresentazione ha fatto da modello a tutte le successive, il più possibile fedeli nel riproporre costumi e ambientazioni di quell’epoca. Anche il presepe vivente di Antria, realizzato dalla proloco Vivi il Paese in sinergia con altre associazioni del territorio, ha voluto rispettare questa tradizione ambientando la narrazione della Natività nel Medioevo. Il piccolo borgo immerso nel verde, con le mura castellane rimaste pressoché intatte così come larga parte dell’impianto urbano interno, contribuisce a dare un fascino particolare alle scene di vita quotidiana e alla riproposizione degli antichi mestieri, per ricostruire i quali ci si è attenuti a quel

PRO LOCO VIVI IL PAESE Valorizza gli aspetti naturalistici culturali storici ed enogastronomici delle zone di Antria, Bacanella, Borgo Giglione, Caligiana, Collesanto, Soccorso, Sole Pineta e Villa nel Comune di Magione. I volontari, in assoluta gratuità, collaborano con il Comune e con le altre associazioni ed Enti pubblici e privati con l’obiettivo di comunicare la valenza culturale dei territori di riferimento e di contribuire al miglioramento della qualità della vita degli stessi. Oltre ad accogliere ed informare i turisti, il sodalizio promuove festeggiamenti, fiere, gare, manifestazioni culturali.

periodo pur senza tralasciare quello più vicino alla Natività. Nella cornice del castello di Antria che, ancora oggi, emana un fascino tutto particolare, si potranno ammirare, oltre al quadro vivente della Natività, momenti di vita quotidiana con la riproposizione di botteghe artigiane: il fabbro, il falegname, il cestaio, i fornai, il calzolaio, l’erborista e le ricamatrici; delle attività di commercio, con un mercato e la presenza di un taverniere, ed altre ulteriori scene di vita. Il Presepe è anche l'emblema dello spirito di condivisione di una comunità, quella del territorio della proloco Vivi il Paese (Antria, Collesanto, Caligiana, Borgo Giglione, Villa, Bacanella, Soccorso e Sole e Pineta), da sempre organizzatrice dell'evento. Il Presepe sarà visitabile nei giorni 26 dicembre 2016 /1 e 6 gennaio 2017 dalle 16 alle 19.30

Palio del Giogo. Chi dice che è una festa estiva? Accantonata l'edizione 2016, si pensa già alla successiva

I

l Palio del Giogo si disputa a metà agosto nell’ambito della Settimana Magionese, macomunque se ne parla tutto l'anno e già si comincia a pensare all'allestimento successivo; per lo meno, ci si allena. La sfida è fra i Rioni: Caserino, Stazione, Comune e Casenuove. I componenti delle quattro squadre si giocano tutto in una corsa che dura pochi minuti. Ma l’adrenalina che sale nel pubblico mentre i giogaioli sono all'opera è legata a tanti elementi che fanno parte

della bellezza della gara. Chi da anni segue questa appassionante sfida lo sa. Ad essere ammirata è la capacità dei concorrenti di correre all’unisono mentre sulle spalle sostengono il peso del giogo; l’abilità nel trasferire l’antico strumento da una coppia all’altra durante i cambi da effettuare nel percorso che attraversa tutto il centro storico; l’aria di festa che investe l'intera piazza Matteotti, dove termina la corsa, quando il rione vincitore taglia il traguardo.

Il Palio nasce nel 1978 con il nome di "Corsa dei Gioghi". Nella prima edizione il percorso di gara giungeva fino alla stazione ferroviaria e alla zona di Caserino. I corridori erano vestiti con semplici tute sportive o calzoncini e maglietta. Nelle edizioni successive si realizzarono i costumi dei cosiddetti "giogaioli" con i colori che da allora li caratterizzano: bianco-blu rione Caserino, bianco-rosso rione Comune, giallomarrone rione Casenuove e arancio-nero

per il rione Stazione. Il percorso della corsa non è più lungo come quello del primo anno e oggi, muovendo da piazza G. Matteotti, si snoda lungo corso Marchesi, per poi proseguire per un tratto in via G. Garibaldi, piazza Fra Giovanni da Pian di Carpine, piazza G. Mengoni per concludersi nuovamente in piazza Matteotti. La gara è preceduta da un corteo storico che tra ispirazione dalla cultura e dai personaggi più importanti della storia di Magione


Passignano Presentato il libro "Dal boato al sul Trasimeno silenzio", importante spaccato di ...e dintorni

10

storia locale

IL TURISMO IN UMBRIA TIRA.... DAL LAGO TRASIMENO ALLA VALNERINA. I dati sono riferiti al periodo precedente gli ultimi eventi sismici Nel periodo gennaio-settembre 2016 si sono complessivamente registrati in Umbria 1.969.399 arrivi e 5.048.414 presenze con una variazione positiva rispetto allo stesso periodo 2015 del +3.96% negli arrivi e +3.35% nelle presenze, nonostante le conseguenze negative del terremoto di fine agosto. Positive le variazioni dei flussi turistici negli esercizi alberghieri (+2.31% arr. e +3.74% pres.), dovute prevalentemente alla maggiore affluenza di turisti italiani (+4.61% arr. e +6.61% pres.) che è riuscita ad assorbire il calo dei turisti stranieri (-2.60% arr. e -2.05% pres.). La situazione in Umbria, in quasi tutti i territori compreso il Lago Trasimeno, era quindi in crescita, come sottolineato da fonti regionali. I dati parlano anche di lieve aumento della permanenza media (+1.39%) e dell'Indice medio di utilizzo (+3.78%). Tutte positive sono da considerare nel periodo in esame, le variazioni negli esercizi extralberghieri (+7.27% arr. e +1.96% pres.), con incremento sia di italiani (+7.14% arr. e +3.76% pres.) che di stranieri (+7.55% arr. e +1.96% pres.). L’analisi è precedente alla situazione emergenziale dovuta al terremoto che ha colpito il Centro Italia (il più grave evento per le zone della Valnerina) di fine ottobre. Da allora il quadro è cambiato, vuoi per le necessita' di trasferire gli sfollati in zone del Trasimeno (Magione, Passignano, San Feliciano) e nel perugino, vuoi per i danni, ingentissimi al patrimonio abitativo e culturale di centri come Norcia, Preci, Castelluccio di Norcia e delle frazioni, nonché per la chiusura di strade che collegano la valle ai centri della Valnerina, al confine con le Marche. Anche Spoleto, ha risentito della violenza delle scosse, ma è un po’ tutto il comparto turistico, di riflesso, a subire dei contraccolpi, come segnalato da Federalberghi (disdette in crescita). Tuttavia, il messaggio da veicolare non è quello di un’Umbria totalmente ‘a rischio’, bensì di una terra ‘accogliente’ capace di resistere alle avversità e di mostrarsi senza filtri nella sua bellezza, anche nell’imminenza delle festività di fine Anno e nel 2017.

È

di Claudio Bellaveglia Morlacchi Editore. Alla presentazione insieme al Sindaco Ermanno Rossi, l'ex amministratore Beniamino Giommini ed il Generale C.A. Giancarlo Faltoni

stato presentato il 22 dicembre, nella sala consiliare del Comune di Passignano sul Trasimeno, il libro di Claudio Bellaveglia "Dal boato al silenzio - Le terribili giornate passignanesi dal bombardamento del 16 maggio 1944 alla liberazione del 2 luglio 1944", editore "Morlacchi". Il testo segue quello titolo simmetrico, edito da "Murena". Il periodo storico locale preso in considerazione va dal 16 maggio 1944, giorno del bombardamento aereo alleato di Passignano, al 2 luglio dello stesso anno, che segna la liberazione del paese dall'occupazione tedesca. Il libro è corredato di DVD contenente anche le immagini di Passignano relative alle operazioni di ricognizione effettuate da militari inglesi attraverso le vie del paese, percorse con camionette blindate, al fine di accertare la completa ritirata tedesca da Passignano per il successivo passaggio della colonna alleata in direzione della Toscana e del Nord Italia

verso la linea gotica. Lo scorrere dell'importantissimo e unico documento filmico è accompagnato in sottofondo da colonna sonora e da testo elaborato dall'autore del libro, efficacemente reso da un volontario Lettore locale. Il video, della durata di circa 12 minuti, inizialmente mostra mezzi anfibi dell'esercito alleato in azione nel porto di Anzio, nella parte centrale il breve ma fortemente interessante passaggio su Passignano e nella parte finale la cerimonia militare a Roma. Le immagini sono originali, così come registrate nel 1944 e montate nel documento museale recentemente ricercato e rinvenuto. L’amministrazione comunale ha apprezzato e favorito il progetto di Bellaveglia, che ha compiuto una importante opera di recutoero e valorizzazione di un episodio di storia locale utile, soprattutto alle giovani generazioni per riconfermare il proprio spirito di appartenenza.

A Piegaro il Museo del vetro è diventato Fabbrica dei regali

H

anno riscosso il consueto successo i tradizionali laboratori di Natale curati da Sistema Museo, in collaborazione con il Comune di Piegaro. Quest’anno le attività del Museo si sono incardinate nel progetto “Il borgo di Babbo Natale”, organizzato dalla proloco La Fenice. Il Museo è quindi diventato una “Fabbrica dei regali”, con tante all’insegna della creatività. Adulti e ragazzi hanno potuto confezionare con le proprie mani originali e coloratissime strenne natalizie. I laboratori hanno consentito di far nascere oggetti cuciti a mano e ricamati con perline di vetro, pittura su legno, presepi realizzati con vasetti di vetro e terracotta, mosaico su legno e specchio, addobbi speciali per l’albero, piccole vetrate artistiche.


Il 2017 è alle porte.

LE RISORSE PER IL RILANCIO TURISTICO

Urge operazione di maquillage per essere attrattivi L’ istituito a Perugia il Comitato strategico sul piano di rilancio del turismo umbro

I

l 2017 sarà un anno in cui, dopo l’esperienza del terremoto, ci metteremo al lavoro con esperti di caratura internazionale per elaborare un Piano strategico che riposizioni l'Umbria sui mercati, con strumenti più innovativi”. Ad essere consapevole che le zone del Trasimeno al pari delle altre saranno fondamentali per vincere le resistenze di quanti potrebbero decidere di soggiornare altrove, è il vicepresidente della Regione Umbria Fabio Paparelli che con l’Assessore regionale all'Agricoltura Fernanda Cecchini ha recentemente istituito il Comitato Strategico sul Piano di rilancio del turismo umbro. Nell’organismo, agli amministratori regionali e tutte le associazioni imprenditoriali e di categoria del mondo

del turismo, oltre ad Anci, Sviluppumbria, Coni Umbria. "Stiamo già facendo - hanno spiegato - approfondimenti per modificare e integrare gli strumenti di programmazione con nuove modalità di raccolta dati sui flussi, così da facilitare l'orientamento degli investimenti e la definizione dei prodotti turistici. Sarà determinante, in prospettiva, per ricostruire una specifica offerta per la Valnerina". La costituzione del Comitato, infatti, esprime la volontà di operare sinergicamente per comunicare l'immagine di un'Umbria ferita in parte del territorio, ma intenzionata a ripartire. “Determinate – ha dichiarato l’assessore Cecchini – sarà l'attività che potranno esprimere i Gal - Gruppi di azione locale, chiamati a finalizzare le risorse dedicate

del programma di sviluppo rurale, oltre 48 milioni di euro in 7 anni, in progetti mirati e coordinati". Intanto è stato predisposto un primo piano di lavoro, con azioni in aggiunta alle campagne in tv in corso ed alle iniziative promosse durante le principali fiere in Italia e all'estero. La priorità, per i soggetti coinvolti, è far ripartire quanto prima il turismo nel 90% del territorio regionale che è intatto, veicolando il messaggio di una Regione pronta ad accogliere i turisti, con le istituzioni chiamate a fare da garanti. Per questo si vuole condividere l’iniziativa con gli operatori del settore, raccogliendo indicazioni per la migliore efficacia delle attività in itinere, “utilizzando i finanziamenti nazionali e regionali, integrando le risorse disponibili e rimodulando le misure già attivate - ha assicurato il vicepresidente - alla luce di quanto accaduto a partire dalle scosse del 24 agosto".

Per le azioni comuni di promozione e comunicazione post terremoto delle quattro Regioni colpite dal sisma sarebbero disponibili “due milioni di euro, messi a disposizione dal Dpcm 189 del 2016 a valere sul bilancio 2017 dell'Enit, l'Ente nazionale per il turismo”. Lo assicura il Vicepresidente della Regione Umbria, che intanto lavora parallelamente per rimodulare la programmazione dei fondi comunitari. "È stato pubblicato il bando, con una dotazione di 200mila euro – precisa Paparelli destinato ai Consorzi di operatori turistici per la definizione della strategia complessiva di comunicazione post terremoto. Investiremo nel 2017 circa 1,5 milioni di euro di cui almeno 800mila euro, con la possibilità di risorse aggiuntive, per le campagne di comunicazione per il Natale e festività, per concentrarsi poi su Pasqua e l'estate. Vorremmo avvalerci di testimonial importanti". Imminente la pubblicazione del bando "Charme" per la qualificazione delle strutture 4 e 5 stelle e le residenze d'epoca "con una dotazione di 2,6 milioni di euro. Nel 2017 previsti altri due bandi, "Family" e "Wedding" rispettivamente per la crescita del turismo legato all'accoglienza dei gruppi e per promuovere l'Umbria come destinazione ideale per matrimoni.


La tre giorni dell’Agone

SUL LAGO Dal 25 al 27 novembre di scena i pesci più apprezzati della cucina lacustre a pesca del latterino, noto comunemente con il nome di agone, è una delle più importanti fonti economiche per chi svolge questa attività rappresentando circa il 30/35% del

L

å

OLTRE 150.000 ANGUILLE IMMESSE NEL TRASIMENO L’anguilla, insieme al capitone, è una punta di diamante del patrimonio ittico del Lago, monitorata dal Centro ittiogenico di Sant’Arcangelo. E’ recente, in collaborazione con la Cooperativa Pescatori del Trasimeno, la ‘semina’ di circa 40 kg di anguille allo stadio giovanile. Gli oltre 150.000 esemplari selvatici, sono stati prelevati alle foci dei fiumi dell’Italia centro-meridionale. Dal 2009 non si provvedeva all’immissione di questa specie. Nonostante l’anguilla appartenga alle 6 specie autoctone del Trasimeno, dove per secoli è giunta spontaneamente risalendo la corrente del fiume Tevere, dagli anni ’60, vista la presenza di sbarramenti artificiali, non ha avuto più la possibilità di raggiungere il lago. Da allora e fino a circa 7 anni fa, solo le immissioni ad opera dell’uomo hanno potuto garantirne la sopravvivenza.

reddito annuale di un pescatore. L’anno scorso sono stati pescati 800 quintali di questo pesce e l’attuale stagione 2016, che si presenta già molto positiva, sta consentendo di pescare anche due o tre quintali di pesce al giorno”. A dirlo, con soddisfazione, la Cooperativa dei pescatori del Trasimeno che registra come, anche per merito dell’ottima salute di cui gode lo specchio lacustre, il piccolo pesciolino che la gastronomia predilige fritto o marinato sia tornato a popolare il lago in gran quantità. “La pesca del latterino – aggiunge ancora Valter Sembolini, amministratore delegato della Cooperativa – inizia i primi di ottobre per concludersi a fine gennaio primi di febbraio. In particolare si inizia a pescare quando le temperature iniziano a scendere perché il pesce dal centro del lago si sposta verso le darsene. Due i sistemi di pesca utilizzati. I tofi quando il pesce è più lontano da riva, il giacchio quando è più vicino alle darsene”. L’agone, dunque, è un prodotto ottimo, dalle importanti caratteristiche organolettiche, oltre a rappresentare una

delle principali fonti economiche per i pescatori del lago, che scuotono la testa, sentendosi quasi ‘umiliati’, quando nei supermercati, anche vicini al lago, pesce non locale è veduto a prezzi altissimi rispetto a quanto loro lo immettono sul mercato. Sarà allora per valorizzare e presentare al meglio questo prodotto ittico fortemente caratterizzato e caratterizzante che dal 25 al 27 novembre San Savino è tornata ad ospitare la ‘Sagra dell’agone’. Tre giorni che come ogni anno hanno riscosso una grande partecipazione di pubblico, in cui, grazie all’organizzazione della cucina curata dalla locale proloco, si sono degustati gli agoni fritti, oltre al resto della produzione lacustre, pesce persico, anguilla etc. cucinati in diversi modi. Riconfermata – secondo una modalità che sta accomunando tutte le località del Trasimeno - la vicinanza alle popolazioni colpite dal terremoto, ospiti a Magione, con una cena di anteprima “Insieme per Norcia”, svoltasi il 24 novembre, organizzata insieme alla proloco di Magione, San Feliciano, Sant’Arcangelo, Vivi il Paese, Agello, Cinque Mulini e Montesperello.

UNA SPECIE RARA DI FUNGO Micologi in festa all’isola Polvese dove sono state ritrovati tre esemplari di Myriostoma coliforme, una specie segnalata nella lista dei funghi da proteggere. La scoperta è avvenuta nell’ambito della collaborazione avviata dal Centro sulla Biodiversità e Clima dell’isola Polvese, con i micologi dell’A.M.I Umbria e gli studiosi dell’Università degli Studi di Perugia

Agenda Casa degli Elfi e Babbo Natale per Bambini 22-23 dicembre Centro storico Passignano IL PERIODO CHE PRECEDE IL NATALE POI È UN PERIODO DI LAVORO MOLTO INTENSO, HANNO UN SACCO DI IMPEGNI PER

PREPARARSI ALLA FESTA DI NATALE: DEVONO PENSARE AGLI ADDOBBI PER

IL PRANZO, DECORARE LE FINESTRE E GLI ALBERI, FINIRE GLI ULTIMI REGALI…

Aspettando Natale h21 22 dicembre Concerto di beneficienza in favore delle zone terremotate (il ricavato sarà devoluto alla Direzione Scolastica di Norcia e Cascia) Auditorium Urbani Passignano sul Trasimeno Piazza Eduardo Action IL CORO MODERNO DONNE MODERNE DIRETTO DA LUCIA ICARDI E IL TRIO JAZZ CAPOLINEA.

Dal Boato al Silenzio h21 22 dicembre Presentazione del libro di Claudio Bellaveglia. Le terribili giornate passignanesi dal bombardamentto del 16 maggio 1944 alla liberazione del 2 luglio 1944 SALA CONSIGLIARE, PALAZZO

COMUNALE, VIA PIETRO GOBETTI,1 QUIS COORDINA GIANLUCA GALLI

Il Presepe della Stella h 17-19 ingresso porta Castello

sino a 8 gennaio 2017 Ogni sera, nella suggestiva cornice del Borgo medievale di Passignano sul Trasimeno, centinaia di figuranti fanno rivivere attività, mestieri ed ambientazioni, accompagnando il visitatore in un’atmosfera surreale e senza tempo. ADULTI E BAMBINI POSSONO IMMERGERSI NELLO SPIRITO DEL NATALE SCOPRENDO LA VITA DELL’ANTICA

BETLEMME


Pazienti? Non scherziamo, sono esperti tessitori Conclusa la seconda edizione del progetto Arts&Craft ovagliette, centrotavola, stoffe per portalavanda e bomboniere. Sono le proposte, interpretate anche in chiave Natale, che hanno trovato spazio a palazzo Baldeschi di Paciano, nell’ambito del progetto "Arts&craft". Ideato dal Centro di Salute Mentale del

T

svantaggiati, sostenuto da Regione Umbria e Comune di Paciano e gestito dalla Cooperativa Frontiera Lavoro si è concluso a novembre. A curare il percorso, l'esperta tessitrice Monica Giacomelli, che ha insegnato a questi apprendisti tessitori l’utilizzo del telaio a scatola, con il quale sono state realizzate tovagliette in rafia, per poi farli cimentare anche con i più complessi telaio a pettino liccio e telaio da tavolo

'Masterplan' e la visione territoriale del futuro

È

partita la fase partecipativa dei piani guida "Masterplan". L'intento è rendere chiaro, anche ai cittadini meno esperti, gli effetti futuri delle politiche urbanistiche. Al primo incontro, a metà dicembre, hanno presenziato in tantissimi che hanno ascoltato gli amministratori. Per l’assessore all’urbanistica Nicola Cittadini, va confermato "il metodo di partecipazione diretta sulle decisioni che saranno prese in commissione e poi dal Consiglio comunale, con uno strumento, il Masterplan appunto, per sua natura aperto e che permette a tutti di suggerire e concorrere ai processi di governo del territorio dei prossimi anni". Tra gli obiettivi di Masterplan, connettere i poli strategici castiglionesi attraverso il potenziamento dei percorsi ciclo-pedonali per consentire attraverso la mobilità dolce

la percorribilità totale dei tutto il Lungolago; il potenziamento e riqualificazione delle risalite che dal lungolago permettono l’accesso al centro storico per creare una maggiore sinergia tra essi; la riqualificazione e la progettazione delle aree strategiche e significative che si trovano lungo il percorso del Lungolago. Quale responsabile dell’Area Lavori Pubblici e Patrimonio, l’ing. Stefano Torrini ha sottolineato la coerenza con il lavoro svolto dal 2006 ad oggi,. "Questo strumento di indirizzo strategico - ha detto - sviluppa un’ipotesi complessiva sulla programmazione di un territorio individuando i soggetti interessati, le possibili fonti di finanziamento, gli strumenti e le azioni necessari alla sua attuazione"

COSA SI INTENDE PER MASTERPLAN

Trasimeno, una struttura di eccellenza nel panorama della sanità ed assistenza in Umbria, ha proposto, per il secondo anno, un percorso strutturato in 5 mesi di laboratorio, a seguito del quale 12 assistiti (per lo più schizofrenici) sono diventati esperti tessitori. L’iniziativa è stata impreziosita anche da un workshop tessile gratuito e aperto al pubblico. Attraverso il progetto “Arts&crafts” gli ospiti del Centro hanno avuto così la possibilità di fruire del patrimonio culturale conservato presso TrasiMemo (Banca della memoria del Trasimeno) e di cimentarsi materialmente con i saperi artigianali, acquisendo competenze che potrebbero anche essere spese nel mondo del lavoro. Partito nella metà di aprile, il laboratorio artigianale rivolto a soggetti

con quattro licci. Il risultato in termini materiali è stato una grande quantità di manufatti, con soddisfazione di pazienti e "docenti". Sempre in tema di servizi alla persona, diventata realtà la “GuidAbile”, prima guida ai servizi territoriali di sostegno alle persone con disabilità, realizzata da Cesvol, Distretto sanitario del Trasimeno Usl Umbria1 e dalla Zona sociale 5. E’ uno strumento, promosso dall’Associazione di volontariato Passaparola, di facile lettura ed utilizzo, che aiuta ad orientarsi tra servizi e strumenti presenti negli 8 comuni del Trasimeno. La presentazione della Guida si e' tenuta al Centro socioculturale, nel quadro di una incontro nell’ambito della 27° Giornata dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Il Masterplan è un documento di indirizzo strategico che sviluppa un'ipotesi complessiva sulla programmazione di un territorio, individuando i soggetti interessati, le possibili fonti di finanziamento, gli strumenti e le azioni necessari alla sua attuazione. Esso è uno strumento volontario che è liberamente condiviso e approvato dai soggetti interessati, siano essi pubblici e /o privati, da attuarsi mediante una o più intese ed è caratterizzato da processi partecipativi che sanciscono la validità del suo contenuto ai fini economici e sociali per i cittadini dei territori interessati dal progetto di programmazione territoriale. Non ha pertanto un valore prescrittivo intrinseco in quanto le azioni progettuali in esso contenute sono attuabili esclusivamente attraverso accordi fra i soggetti interessati e che possono essere modificati, di comune accordo, ogni volta che si ritenga necessario, poiché non è regolato da leggi.


Tuoro sul Trasimeno ...e dintorni

14

Al Teatro Comunale dell’Accademia una grande Stagione di prosa 2017

“Anteprima Natalizia con due appuntamenti ”

Doni di Natale, ma sempre a base di teatro. Li offrirà a grandi e piccoli la Pro-Loco di Tuoro, ad anticipare la Stagione Il 9 Dicembre, alle 21,00, la “Compagnia

Comedy Show Spettacolo tra il cabaret e il teatro interpretato da Giorgio Donati e Jacob Olesen, 20 marzo ore 21

opo le riuscite esperienze dei due anni precedenti, volute dal Comune e curate dalla locale Pro-Loco con il Direttore Artistico Gianfranco Zampetti, il Teatro Comunale dell’Accademia di Tuoro sul Trasimeno ospita una grande Stagione di prosa 2017. Entrata a pieno titolo nel circuito dei Piccoli Teatri del Teatro Stabile dell’Umbria, offrirà proposte eccellenti fin dalle prime battute dell’anno. Si inizia Mercoledì 11 Gennaio, alle 21,00, con “BEN HUR” di Gianni Clementi, una riflessione seria sui temi dell’immigrazione e del razzismo, condotta sulle ali del sorriso. Ad interpretarla Paolo Triestino, Nicola Pistoia e Elisabetta De Vito. Regia di Nicola Pistoia Il 6 Febbraio, alle 21,00, sarà la volta di “MA CHE RAZZA DI OTELLO?” di Lia Celi.

D

“ASSASSINA”, di Massimo Scaldati. La storia di una strana, quanto insolita ed inquietante convivenza è interpretata dai Fratelli Mancuso, Enzo Vetrano e Stefano Randisi, che curano anche la regia,. Sempre a Marzo, il 16 alle 21,00, “LAIKA” di e con Ascanio Celestini, specialista di affabulazione, capace di trascinare gli spettatori in un viaggio sulla quotidianità e sull’eccezionalità della vita. Ultimo appuntamento, il 13 Aprile alle 21,00, con “CANTICO” tratto da “Tutta la luce del mondo, il romanzo di San Francesco” di Aldo Nove. Con il Patrocinio della Basilica Papale e Sacro Convento di San Francesco in Assisi, vedrà sul palco Francesca Breschi, Peppe Frana e Giulia Zeetti, quest’ultima pure in vesti di regista. Attraverso brani tratti dalla tradizione gregoriana e dai Laudari originali,

La vicenda del Moro, raccontata da Marina Massironi, è il pretesto, tra narrazioni di passioni e intrighi del 500 e dell’800, per compiere divertenti incursioni nel’attualità. Commento musicale di Neruda (pianoforte), Fabio Bastianelli (clarinetto), Augusto Vismara (Violino). Regia di Massimo Navone. Si prosegue, il 2 Marzo, alle 21,00, con

impreziositi da musica e canto, narrata la storia del piccolo Piccardo, nipote di Francesco, che si mette alla ricerca di uno ‘strano’ zio, portatore sano o meno di santità e pazzia. Intanto la Pro-Loco organizzatrice sta lavorando alla Campagna Abbonamenti, caratterizzata dall’estrema convenienza ma utile per garantire la sicurezza del posto a Teatro.

Sarabanda Teatro” presenterà un divertente giallo interattivo, dal titolo, “OMICIDIO SUL PIANEROTTOLO” di Loretta Alice Dragstore 5 febbraio ore 21

Bonamente. Il 18 Dicembre, alle 17,00, la Compagnia “Art Niveau” presenta “L’UCCELLO DI FUOCO” di e con Giulia Zeetti e Cecilia Ventriglia. Tratto dall’omonima leggenda russa, vedrà il principe Ivan, complice l’Uccello di Fuoco, liberare dalle grinfie del cattivo Kascey la principessa Vassilissa.

Flebowsky Storie di ordinaria corsia. Un’iniezione di umorismo per il benessere sociale! 23 gennaio ore 21


Una eccellenza nell’istruzione L'Italo Calvino ottiene il riconoscimento della Fondazione Agnelli ’Istituto Superiore “I. Calvino” di Città della Pieve, nei suoi 48 anni di storia è divenuto punto di riferimento per una vasta area. Professionisti, dirigenti, ricercatori e lavoratori, grazie alla formazione ricevuta, si sono affermati nel mondo. A sottolineare il credito di cui gode l'istituto, è arrivato anche il riconoscimento della Fondazione Agnelli, soggetto esterno e qualificato che redige uno studio analitico sui risultati delle scuole, basato su molteplici parametri.

L

Il "Calvino" offre oggi nuovi indirizzi, a seguito delle richieste di studenti e famiglie. Dopo il Liceo Scientifico è stato attivato il Liceo Linguistico, è partita

Sul lago c’è chi dichiara guerra agli imballaggi e lo fa con creatività

A

Palazzo Baldeschi un laboratorio per realizzare addobbi natalizi con materiali riciclati. Aderendo per il terzo anno consecutivo alla “Settimana europea per la riduzione dei rifiuti”, il piccolo borgo del Trasimeno spinge sull’acceleratore sul versante del riuso e della diminuzione dei rifiuti specie per gli imballaggi, tema centrale dell’edizione 2017 della Serr. Come già accaduto in passato, guardando alle imminenti festività natalizie, è partita l’iniziativa "Natale a Paciano: via al riuso e alla riduzione dei imballaggi”. Palazzo Baldeschi ospita una serie di workshop

per creare addobbi natalizi con materiali riciclati da esporre in tutto il centro storico. “L’idea – ha spiegato Leslie Busby del Centro Terzo Millennio – è utilizzare materiale di recupero (vecchi cd, nastri, scarti di confezioni, fondi di bottiglia, ecc…) per realizzare addobbi a costo zero con cui decorare l’albero di Natale che come di consueto, sorgerà in Piazza e le vie del centro”. Sempre nell’ambito della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti, previste attività con i bambini della Scuola dell'Infanzia sulle buone pratiche di riciclo e riuso. Grazie alla collaborazione della giapponese Keiko Shibamoto si darà poi vita ad un laboratorio sulla tecnica giapponesi del "furoshiki" che consiste nell’impiego di quadrati di stoffa riutilizzabili in sostituzione di buste, imballaggi e carte da regalo.

l’opzione Scienze Applicate e dall'anno scolastico 2016 è operativo il Liceo Musicale. Si tratta, pertanto, di un polo scolastico importante, in grado di offrire una formazione ampia e diversificata, che riconferma il suo essere punto di riferimento eccellente per la comunità. Questi traguardi sono stati raggiunti grazie a strategie didattiche, relazionali e organizzative capaci di rispondere alle esigenze dei tempi che hanno fatto di questa scuola una realtà aperta, attenta, attiva. Anche quest’anno il Liceo di Città

della Pieve - spiega una nota - ha ottenuto alte valutazioni, collocandosi nelle prime posizioni rispetto ad altre strutture che si trovano nelle aree di riferimento. “In continuità con l’impegno profuso nel passato - ha detto la Dirigente scolastica, Maria Luongo - sono soddisfatta per gli esiti riportati, questa scuola mira a promuovere una formazione puntuale, profonda, incisiva, sempre aperta all’innovazione ma rispettosa della tradizione e del territorio”.

Una programmazione edilizia ed urbanistica condivisa è la chiave per le Città del Trasimeno Riuniti amministratori e rappresentanti del mondo dell’imprenditoria e della cultura

L

’Unione dei comuni Città del Trasimeno - comprendente Passignano, Paciano Piegaro, Panicale, Castiglione del Lago, Città della Pieve, Magione e Tuoro Sul Trasimeno - ha ribadito la propria visione del futuro e del territorio in un recente incontro tenutosi a Città della Pieve. Insieme ai Sindaci presenti all’iniziativa dal titolo “Patrimoni culturali per il futuro del Trasimeno”, la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, Giovanni Pizza, direttore della scuola di specializzazione in Beni Demoetnoantropologici dell’Università degli Studi di Perugia, l’imprenditore Brunello Cucinelli, l’onorevole Nadia Ginetti e la presidente della commissione Cultura e Istruzione al Parlamento Europeo onorevole Silvia Costa. “Con la costituzione di questa Città del Trasimeno – ha rilevato, tra l’altro, Fausto Scricciolo, sindaco di Città

della Pieve e Presidente dell’Unione abbiamo dato forma ad un impegno che continuerà se sapremo valorizzare questo nostro territorio e di pari passo sviluppare misure per l’economia e la coesione sociale”. Ad essere sollecitata la collaborazione delle istituzioni, del mondo della cultura e della ricerca per approntare strumenti di programmazione condivisi ed una gestione delle risorse affidata alle proposte delle realtà locali. Per la Governatrice Marini “La ‘Città del Trasimeno’ è stata costruita partendo dagli elementi caratterizzanti questa parte dell’Umbria, che risiedono nel paesaggio, nel patrimonio storico, artistico e culturale, in una economia prevalentemente legata all’agricoltura, alla pesca, all’ambiente, alle piccole e medie imprese, al turismo e alla ricettività e su questa base si può pensare ad una programmazione edilizia ed urbanistica condivisa”.


Concluso Il Natale dei Bimbi,

Agenda

fino all’8 gennaio Corciano è vestito a festa Assessore Lorenzo Pierotti, inizio scoppiettante con tantissima gente ed un’atmosfera magica bbiamo iniziato col botto! Ma è solo l’inizio, visto che fino all’8 gennaio il Borgo continua ad essere vestito a festa”. L’assessore alle attività culturali di Corciano, Lorenzo Pierotti, non ha ancora perso l’entusiasmo per l’inaugurazione del calendario degli eventi natalizi, affidato quest’anno a “Il Natale dei Bimbi”, evento ispirato dal primaverile “Corciano Bimbi”. “Il 10 e l’11 dicembre – prosegue Pierotti – le famiglie hanno popolato il centro storico. Lungo le mura e nei parcheggi non c’era più posto per le auto ed in migliaia hanno percorso le nostre vie, lasciandosi affascinare dagli eventi proposti, tutti gratuiti, in linea con la volontà dell’Amministrazione di regalare alle famiglie un ‘dono’ da vivere”. Imponenti i numeri, nonostante la difficoltà nel registrarli in un appuntamento senza biglietti d’ingresso; in due giorni hanno frequentato il borgo più di 5mila persone, gli spazi adibiti a parcheggio, soprattutto la domenica, si sono presto esauriti, da rendere necessario indirizzare i visitatori a Migiana. Le famiglie sono arrivate da tutta Italia, con gruppi significativi da Campania, Abruzzo, Toscana, Lazio. Ad avere lavorato, pure molte delle strutture dell’albergo diffuso, che hanno ricevuti tanti complimenti da parte degli ospiti per avere riproposto le atmosfere delle favole. “Archiviamo dunque ‘Il Natale

A

Fronte del Lago è un periodico di informazione locale Anno 1 numero 0 Editore: Lime Edizioni srl Direttore responsabile: Monica Rosati monica_rosati@yahoo.it Stampa: Monza Stampa La redazione di questo numero è stata chiusa il 16/12/2016 Grafica, pubblicità, stampa e distribuzione: Lime Edizioni srl - Tel. 02 36767660 info@limedizioni.com www.limedizioni.com Per la pubblicità su Fronte del Lago: Valter Primavera INFO 334 1340961

å

Ringraziamenti alle Pro Loco del Lago per le immagini fornite. Particolare ringraziamento a tutti i nostri inserzionisti che da anni ci danno fiducia.

dei Bimbi’ – ribadisce Pierotti – ringraziando la dipendente del Comune, Ambra Cirenei che, come la scorsa primavera, è stata la fatina del mondo dei bambini ed ha saputo tenere in mano la bacchetta magica, supervisionando l’organizzazione di una macchina complessa. Ma non è finita, perché Corciano Natale ha ancora tante frecce al suo arco. Il nostro presepio monumentale tornerà a prendere vita, come fa da 33 anni, lungo i vicoli, le piazzette e i fondi del centro storico – dice ancora l’assessore – il tema del 2016 sarà ‘le Opere di misericordia’ (26 - 29 dicembre, 3 gennaio, ore 17.00 – 19.00, in repliche successive - in caso di maltempo del giorno 26 si replica il 27 ndr), a corredo, ci saranno musica e canti, secondo il progetto di Antonella Parlani, realizzato in sinergia con Damiana Pinti, mezzosoprano e direttrice del coro di San Mariano, Antonietta Battistoni, direttrice del coro di Corciano, i Menestrelli di Corciano, diretti da Giovanni Brugnami ed elementi di altri Cori raccordati da Alessandro Zucchetti, grazie all’associazione ARCUM. Avremo – conclude - un presepio artigianale in movimento, realizzato da Mario Maccherani, cittadino sanmarianese, per vivere il castello in un’atmosfera incantata (Chiesa Museo di Sant’Antonio Abate fino all’8 gennaio: giovedì e venerdì ore 16.00-19.00, sabato e domenica ore 10.00-13.00/16.00-19.00).

“Liberamente” 21 dicembre 8 gennaio Luogo in cui si incontrano scrittori e lettori di ogni età per scoprire la storia di un libro A CURA DELL’ASSOCIAZIONE CONVIVIUM CORCIANO

Spettacoli a Teatro h 21,00 30 dicembre “Concerto di Canti Popolari” della Nuova Brigata Pretolana. ORGANIZZATO DALLA CROCE ROSSA, ITALIANA COMITATO LOCALE DI CORCIANO.

Mercato delle Bontà e dell’Artigianato sino 8 gennaio Il mercato permetterà di acquistare prodotti tipici enogastronomici del territorio PRODUZIONI ARTIGIANALI E

ANTIQUARIATO, CON POSSIBILITÀ DI

CONFEZIONARE CESTI E PICCOLE

STRENNE NATALIZIE .

I Presepi sino all’8 gennaio Il suggestivo presepe monumentale prende vita lugo i vicoli, le piazzette e i fondi del centro OGNI ANNO IL GRUPPO DEI VOLONTARI DELLA PARROCCHIA DI SANTA MARIA ASSUNTA, CRACCONTA UN TEMA DIVERSO,

SEMPRE ATTUALE, PER INDURRE, OLTRE AD AMMIRARE, ANCHE A RIFLETTERE

LA STORICA ELLESSE HA RIAPERTO LE PORTE … ALL’INSEGNA DELL’ARTE LA PERFORMANCE ‘IL LUOGO È IL TEMPO’ HA RAPPRESENTATO UN MOMENTO SUGGESTIVO

U

na folla di 100 sagome, a rappresentare uomini e donne con i capelli scomposti, incastonati in quello che era uno spazio di lavoro e di vita. E mentre la musica diventa canone, a riprodurre i suoni della quotidianità, una ‘voce fisica’ scandisce le peculiarità di ogni spazio pulsante di persone, per appoggiarsi, infine, sulla considerazione “Il luogo … è il tempo”. Questo il titolo dell’installazione per voce narrante e musica, con la quale lo stabilimento Ellesse, luogo eccellente per Corciano, l’Umbria e l’Italia si è riaperto il 2 novembre, intorno a mezzogiorno. Ideata dall’artista Carlo Carnevali - che ama unire all’abituale linguaggio pittorico-figurativo, le suggestioni di altri mondi – la performance è stata realizzata in sinergia con Stella Carnevali che ha redatto i testi, resi vivi dall’attrice Emanuela Faraglia, e con i musicisti Michele Rosati, autore ed

esecutore delle musiche originali, e Filippo Pambianco percussionista. “Quando ci è stato esposto il progetto – commenta l’assessore alle attività culturali Lorenzo Pierotti – sia il sottoscritto che il Sindaco l’abbiamo sposato con entusiasmo. Rientrare in uno dei nostri luoghi simbolo, facendosi avvolgere dalla musica, dalle parole e dall’impatto visivo di una ‘scultura diffusa’ di pregio e di sicuro impatto

emotivo è stato molto originale”. Dello stesso parere il proprietario del complesso aziendale, Leonard Servadio, che ha accolto la proposta con la consueta disponibilità, dicendosi felice che un luogo d'eccellenza potesse essere rivissuto, anche se per poco. L’eclettico pittore e scultore umbro Carnevali, già da qualche anno, nella giornata dei morti, in luoghi simbolo del territorio diffonde messaggi di memoria,

all’insegna dell’arte. Lo ha fatto a Perugia, nei cimiteri abbandonati, circondando le sue opere con musica contemporanea e brani tratti dalla grande letteratura e poesia. Quest’anno ha scelto Corciano ed una fabbrica dismessa, non per calcare la mano su quello che c’è stato ed ora non esiste più, piuttosto per favorire un'astrazione dal luogo e dalla vicenda conosciuta per renderla immaginabile addirittura in altra forma. In più di uno, fra i presenti, ha legato la forza espressiva della performance all’oggi, sconvolto dal terremoto. Un'emozione in più, un'interpretazione ulteriore, perché l'arte è capacità di andare oltre, di costruire ponti e cercare assonanze. Il progetto di Carnevali ha così confermato l’intento originario, di celebrare la forza della vita ... presente, nonostante tutto.

Profile for Lime Edizioni Milano

Fronte Del Lago Dicembre 2016  

Fronte Del Lago Dicembre 2016  

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded