Page 1

Tariffa R.O.C.: Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in A. P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, DCB - FILIALE DI FORLÌ - Contiene i. p. - Reg. al Tribunale di Forlì il 20/12/2000 n. 34- E 3,00

Rimini

Mirko Tomassoni Sono un ragazzo fortunato Dany Greggio Il gentleman della musica Ristorante Vite Ragione e sentimento ®

Anno IX - N. 2 - MAGGIO 2009

Gino

Angelini

Ambasciatore del made in Italy


RIMINI Via Strepponi, 13-15 - tel. 0541.384049 - www.giovagnolicollezioni.it


Editoriale |

Una ricetta che non di Andrea Masotti

Cambia

valore mondiale. E le mete del gusto che Angelini ha saputo ideare nei decenni passati in Romagna, da qualche anno le ha “ripensate” in America, in due locali di eccellente qualità. D’altra parte, dove poteva andare uno con quel cognome, se non nella “città degli Angeli”? Cambia il set, non la ricetta del successo. Un concetto che prendiamo a prestito per parlare anche di “Rimini IN Magazine” che, da questo numero, si rinnova. In realtà, anche i lettori più attenti faranno fatica a notare differenze. Non cambia, infatti, la linea editoriale che ha reso

Uno chef in copertina è quasi un’eccezione per IN Magazine. Ma se vive a Los Angeles, e se lo chef è Gino Angelini, diventa quasi un’esclusiva, perché parliamo di un riminese doc, trasferito in California dopo aver contribuito da protagonista a rendere eccellente la cucina italiana in riviera. Un salto di migliaia di chilometri che, in realtà, non è poi tanto azzardato: basta pensare a cosa rappresentano la costa californiana per gli Stati Uniti e quella romagnola per l’Italia. Entrambe sono centri di gravità dove alle strutture per il turismo di massa se ne affiancano altre di

Rim

ini

R a ve n n a

An

no

XI

N. I -

2

AG - M

GIO

20

09

® Anno IX

®

E 3,00 2/2000 il 20/1 di Forlì nale i. p. - Con tiene

al Tribunale lì di For

LE DI - FILIA 1, DCB comma

n° 46) art. - Sp .a. s.p ne lia Ita ste : Po

.C.

R.O

on

fa

rif

Ta

P. A. e in on izi ed .a.

353/2003

P. - D.L.

in A.

da

ia

pp

ro Gi

co

Davide

co ian ini mb Pa Bald ldo le na Erco

Ar

Tardozzi

passione” Una “super Ducati chiamata

. - Spe dizione

A am

: Po

.C.

s.p ne lia Ita ste : Po C. O. R. fa rif Ta

izio

ed

.a.

ne

lia

ste

- Sp

Poste

Giu W lia Gia elln no G nn ess am i G in b olf pro erin er vin i A aU cia l vola n

. 35

(c 03 3/20 35 L.

M

pr i acia pre Imdonterin in e nCa ov etti Ro Prrog de in P vi isi e Da cr sin La Ca Le

n S em alu te... da ori te e 40 as b an pa ene n zia s le sere i

P. A. e in on izi ed

mm co t. 1, ) ar 46 n° 04 20 /02/ 27 L. v.

in

003

3/2

ne

- D.

R.O.C.:

Poste Italiane Tariffa R.O.C.: ste Po .C.: R.O iffa Tar

L. - D.

AL FILI a 1,

04

a R.O

riff

Ta

/20

/02

Ita

s.p

- Sp

in

A.

P. -

D.L

(co

nv . in

L. 27

46)

. 1,

art

mm

co

DC

LE

IA

B

B-

DC a 1,

Tariffa

03 /20 . 353 D.L P. in A. ne edizio - Sp .a. e s.p lian Ita

27 L. . in nv 3 (co 35

3/2

00

Ì RL FO E DI

a Un

i i vent’ann

I nostri prim M sonore Festival te armonie Ravenna irkioInco Tì nsue oma americana Daard orl storia nyka G Luigi Ber sson FUna regpg i a Par do Ris a" on ignora ro Ravenn io Il ge Sono un ra l mtora S n'Eu Da ella gazz dte nt i i leman d r Vite o fort on nie acce ezi unat della Ragi o one e tra ulle tr ó dà "L mus is ica sent or za S enab imen M r dit to en Sfo mi

in

s.p.a. - Spedizio

in L. nv. (co

nti Co ÌRL FO DI LE IA - FIL B DC a 1, mm co t. 1, ) ar 46 n° 04 /20 /02

i. p. iene nt

g.

- Co

Italia ne s.p.a

ne in A. P.

46) 4 n° 200 02/ 27/

al g. - Re p. e i. en di ale ibun Tr g. - Re

gu ndre zz a i

- D.L. 353/2003

a 1, comm . 1, art

Fo di le na bu Tri Fo

rlì

0

02

/20

/01

al

(conv.

27/02/2004 (conv. in L.

BDC

n. 02 /20 /09 il 19 rlì 0 3,0 E 6n. 06 20 /02/ il 20

in L. 27/0 2/2004

1, comma

unale Trib g. al Re p. e i. ntien - Co RLÌ FO E DI IAL FIL

0 3,0 -E 29

za en Fa

art. 1,

199 11/ il 23/

s Pe

n° 46)

8 n.

27

DI 1, DCB - FILIALE

-

0 E 3,0

oar

FORLÌ

i. p. - Reg. FORLÌ - Contiene

“R aven na a Su pp lem en to

o

in

b Ur

Reg. al Tribu

di Forlì il 16/01/200

- 20 08

a

N. 5

en

M agaz ine”

es

09 20

zo Ar m

2 n. 1 - E 3,00

®

IV no An

IN

C

.1 -N

n. 34-

rlì

Fo

Ange Gino lini

Amb

asci

atore

del m

ade

in It

aly

- N. 2

- MA GGIO 2009

l’edizione riminese una delle più dinamiche nel gruppo dei nostri free press; non cambiano le firme che da tempo apprezzate. Semplicemente, il coordinamento editoriale torna ad essere gestito dalla redazione centrale di Forlì. In questa occasione vogliamo salutare chi, in questi anni, ha portato la rivista ad essere una voce riconosciuta e apprezzata nel territorio. Quindi, innanzi tutto, la collega Marzia Mecozzi, che ringraziamo per la collaborazione preziosa, essenziale a far sì che oggi siamo qui a raccontarvi il meglio di Rimini e provincia: facendolo non con una rivista patinata fatta “di facce famose”, ma con un periodico capace di analizzare un territorio, raccontando perché una cosa funziona e chi la rende possibile; facendo cronaca a suo modo, cioè selezionando e collegando argomenti e persone, per descrivere come un sistema sociale ed economico sa muoversi e produrre al meglio delle sue possibilità. Possiamo assicurarvi che IN Magazine da questo punto di vista cercherà di essere ancora più attento, acuto, guardando con attenzione sempre maggiore alle eccellenze riminesi in ambito economico, culturale, sociale. Insomma, gli ingredienti restano, la ricetta non cambia. A noi il compito di continuare a migliorarla. Buona lettura.

IN Magazine | 5

FIL

DI

Ì-

RL

FO

nti

Co

e i.

en

p.

- Re

al

le

na

bu

Tri

di

rlì

Fo

il 16

n.

1-

E

3,0


SCARABEO TI STUPISCE SE MP RE.

.com

beo scara

ia

.april www

NUOVO SCARABEO 300S

TOSI MOTO

sas

Via Flaminia, 224 - Rimini - Tel. 0541.379125 - info@tosimoto.com


Sommario |

Sommario 5

Editoriale |

8

Annotare | Brevi IN

26

Essere | Gino Angelini

32

Approfondire | Arredamento per esterni

38

Unire | CNA Impresa donna

42

Incontrare | Mirko Tomassoni

46

Suonare | Dany Greggio

50

Gustare | Ristorante Vite

32

54

26

38

Abitare | In villa, a Riccione

58

Celebrare | Progetti e premi

62

Piacere | Benessere e prova costume

73

Riscoprire | Gher

76

Partecipare | Giochi dei piccoli stati

78

Ricordare | Ilaria Alpi

80 82

46

Edizioni IN MAGAZINE S.R.L. Redazione e amministrazione: Via Napoleone Bonaparte, 50 47100 Forlì tel. 0543.798463 fax 0543.774044

www.inmagazine.it inmagazine@menabo.com Stampa: Graph S.N.C. - San Leo (PU) Direttore Responsabile: Andrea Masotti.

Controllo produzione e qualità: Isabella Fazioli, Alberto Mantellini, Sara Ravaioli. Ufficio commerciale: Irena Coso. Collaboratori: Riccardo Belotti, Pier Antonio Bonvicini, Caterina Boschetti, Lina Colasanto, Monica Gasperini, Giorgia Gianni, Marina Giannini, Lucia Lombardi, Milena Massani, Marzia Mecozzi, Maria Cristina Muccioli, Giancarlo Roversi, Patrizia Santini, Cinzia Tedeschi.

Redazione centrale: Andrea Biondi, Francesca Renzi.

Festeggiare | Notte Rosa a Riccione

Fotografi: Mario Flores, Riccardo Gallini, Federica Giorgetti, Filippo Pruccoli, Studio Paritani.

Progetto grafico: Lisa Tagliaferri

Chiuso per la stampa il 29/5/2009

Visitare | Santa Maria di Scolca

Impaginazione: Emanuele Dall’Acqua

IN Magazine | 7


Annotare | Brevi IN

AutoPronti presenta

Classe E Coupè

La rivoluzione nella tavola

Rimini - Il Grand Hotel è stata location ideale per la presentazione romagnola del libro di Nicola Dante Basile, giornalista che da decenni racconta la tavola del Belpaese dalle pagine del “Sole 24 Ore”. New Menu Italia (Baldini Castoldi Dalai) si propone come “fotografia dell’Italia che produce e vende nel mondo il meglio dei cibi e delle bevande nostrani”. Scenario in cui la nostra regione è al top. Confermato dalla presenza, fra le oltre settanta storie esemplari dell’enogastronomia nazionale nel libro, di APT, l’Azienda di Promozione Turistica dell’EmiliaRomagna. La motivazione? Aver saputo valorizzare l’enogastronomia tipica regionale (26 tra Dop e Igp, oltre 20 vini Doc e un retaggio che va da Pellegrino Artusi agli chef stellati di oggi) attraverso 15 Strade dei Vini e dei Sapori lunghe 2000 chilometri. (M.C.M.)

La prima donna al governo degli Emirati Arabi al Pio Manzù Rimini - Il Ministro del Commercio Estero degli Emirati Arabi Uniti, Lubna Al Qasimi, sarà alle Giornate di studio del Centro Pio Manzù. Lubna Al Qasimi è stata la prima donna ministro negli Emirati, ad Economia e Pianificazione nel 2004, e il primo ministro donna a occuparsi di economia e finanza nella storia del Medio Oriente. Si conferma l’interesse del Centro per le donne leader d’altissimo livello, sempre presenti in questi anni ai simposi internazionali. La prossima edizione è in programma dal 23 al 25 ottobre e sarà intitolato “La potenza nomade”.

8 | IN Magazine

Rimini - Dopo la berlina, AutoPronti presenta il Coupé della nuova Classe E Mercedes-Benz: un concentrato d’arte per chi apprezza un’auto scolpita all’insegna di eleganza e sportività, prestazioni e confort. “La tecnologia all’avanguardia in tema di sicurezza e rispetto dell’ambiente fa il resto - spiega Enrico Pronti, titolare della concessionaria. La vettura è stata presentata negli showroom di Santarcangelo di Romagna, Cesena e Pesaro nel weekend dell’8 e 9 maggio scorso e ha riscontrato un successo oltre ogni aspettativa. Siamo certi che rappresenterà il

Successo per il

coupé aspirazionale per eccellenza. Una vettura di grande valore, che AutoPronti tutela con la speciale copertura assicurativa: una polizza kasko a valore intero per un anno compresa nel prezzo. Un plus riservato alla nostra clientela su ogni acquisto di vettura nuova”, ribadisce Enrico. I motori di punta saranno il 350 CDI, disponibile dal lancio edil nuovissimo 250 CDI a partire da settembre. L’invito, per appassionati e interessati, è di provarla prenotando un test drive personalizzato allo 0541.356711 o inviando una e-mail a info@autopronti.it.

“Truck” raduno

Misano - Come sempre ricco di fascino, è tornato a fine maggio al Misano World Circuit il raduno di camion decorati: lo spettacolo ha attirato migliaia di appassionati, accorsi anche per seguire l’unica gara italiana Fia European Truck Racing Championship, campionato continentale di corse di camion. Un vero e proprio show del camionista, con prove d’abilità,

serate di musica e festa fra i conduttori dei bisonti della strada.


Conferma per

Italo Paolizzi vince la medaglia d’argento del Presidente della Repubblica

Soliera - Il pittore riminese Italo Paolizzi è stato premiato con la medaglia d’argento della Presidenza della Repubblica alla 18a Biennale Nazionale di Pittura di Soliera (MO) per l’opera Il nido abbandonato. A Venezia Paolizzi ha conosciuto molto presto De Pisis, Vedova e Guidi, incontro che ha influenzato la sua vita artistica. Promotore delle Biennali pittoriche riminesi, ha popolato il borgo San Giuliano di murales dedicati al regista Federico Fellini, ricreando sulle mura della città, come fosse una seconda pelle, quei personaggi filmici. (M.M.)

Manlio Maggioli

Rimini - Lo scorso 21 aprile si è insediato ufficialmente il nuovo Consiglio della Camera di Commercio. Riconfermato all’unanimità Manlio Maggioli, per la seconda volta presidente dell’Ente camerale per un quinquennio, fino al 2014. Questi i membri della Giunta, oltre al presidente: Goffredo Celli (Industria), Mauro Gardenghi (Artigianato), Salvatore Bugli (Trasporti e spedizioni), Giancarlo Ciaroni e Roberto Brolli (entrambi per il settore Cooperazione), Valter

ph. Riccardo Gallini

Bezzi (Agricoltura), Alessandro Andreini e Alessandro Bonfé (entrambi per il settore Commercio), Gabriele Bucci (Turismo).

Rinnovato il CdA della

Fondazione

Rimini - Il Consiglio Generale della Fondazione Cassa di Risparmio, il 26 maggio scorso, ha proceduto al rinnovo del Consiglio d’Amministrazione e del Collegio dei Revisori, a scadenza d’incarico. Eletti per il quadriennio

2009-2013 Leonardo Cagnoli, Matteo Guaitoli, Renzo Ticchi, Gianandrea Polazzi e Giovanni Protti. Presidente e Vice, Alfredo Aureli e Massimo Pasquinelli, restano in carica fino a fine mandato, nella primavera 2011.

I vestiti nuovi di

Sigismondo Rimini - Il Rotary Club Rimini Riviera ha finanziato il restauro del frammento di stoffa della veste di Sigismondo Pandolfo Malatesta da aprile stabilmente in mostra in una nuova teca al Museo della Città. La veste faceva parte del corredo funebre e fu scoperta all’apertura della tomba di Sigismondo nel 1756; recuperata nel 1920, fu restaurata una prima volta in Svizzera nel ’70. Ora l’accurato intervento conservativo, realizzato a Roma e durato circa quattro mesi, allo scopo di rallentarne il degrado e offrire a tutti la possibilità di vederla. Entro breve il Rotary Club consegnerà alla città un altro prezioso recupero: la tomba di Amintore Galli.

10 | IN Magazine


Film Festival

Anteprimadoc

Bellaria - “Il movimento punk cercava di sottolineare che ogni essere umano ha la propria importanza e che l’individualità va coltivata”, affer-

A tavola con le Stelle, II Edizione

12 | IN Magazine

Gorza, dal 1930

“De rerum natura” Rimini - Giunti i mesi più belli dell’anno l’azienda Gorza promuove un’intensa attività stagionale, puntando sull’arredo di dehors e spazi esterni da valorizzare. Il polo del design di via XX settembre a Rimini, festeggia il primo compleanno aprendo le porte, dopo i recenti restauri dell’antico palazzo. Dall’8 maggio si è spalancata la corte interna per affascinare i visitatori con arredi e componenti tecnicamente avanzate. Il mondo di Gorza, come afferma la proprietaria Sara, “schiude uno scrigno che ci fa spaziare senza soluzione di continuità tra interno ed esterno, per cui l’arredo diventa opera compiuta.” Lo showroom coinvolge nella scelta di una sobria linea di rivestimenti ambientali, nel rispetto della natura, per viverla come immersi nei poetici e lontani boschi della taiga.

ph. Riccardo Gallini

Rimini - Francia e Italia unite dalla gastronomia, ospiti del Grand Hotel. L’appuntamento è per il 4 e il 5 giugno, quando chef stellati Michelin del Beaujolais e del RhôneAlpes cucinano insieme a colleghi romagnoli, nell’ambito di “A tavola con le Stelle”. Gli chef sono Vincenzo Cammerucci e Alberto Faccani, titolari del Lido Lido e del Magnolia di Cesenatico e i francesi Matthieu Fontaine, capo chef dello Château de Bagnols, Pays Beaujolais des Pierres Dorées, vicino a Lione, e Davy Tissot, direttore e chef de Les Terrasses de Lyon Villa Florentine, a Lione. Al loro fianco, Claudio Di Bernardo, chef e responsabile “Food and Beverage” del Grand Hotel. “A tavola con le stelle” propone tre atelier eno-gastronomici aperti al pubblico, giovedì 4 a cena, venerdì 5 a pranzo e cena. Ogni atelier, a 35 euro, comprende l’assaggio di 5 piatti accompagnati dai migliori prodotti dell’enologia romagnola e del Beaujolais. Gli chef si alternano preparando le ricette davanti al pubblico che può apprendere, dalla loro viva voce, i segreti della cucina stellata. La due giorni del gusto propone anche un percorso-vetrina nel parco-giardino del Grand Hotel per assaggiare e acquistare le migliori produzioni dei due territori. La mostramercato è aperta giovedì dalle 14 alle 19,30; venerdì dalle 9 alle 12.30 e dalle 14 alle 19,30, a ingresso libero. Nella serata di giovedì 4, un piccolo “evento nell’evento”: la finale del concorso “miglior sommeliers di Romagna”. www.grandhotelrimini.com

ma Julien Temple, classe ’53, regista cui il Bellaria Film Festival Anteprimadoc dedica una rassegna dal 2 al 6 giugno. Formatosi nella Londra del punk, amico di gruppi come Sex Pistols, Depeche Mode, David Bowie, Rolling Stones, ha girato molti video. Due le anteprime mondiali proiettate: “Dr. Feelgood” e “Madness”. Del 2008 è il documentario sul leader dei Clash, “Joe Strummer, il futuro non è scritto”. “Ho fatto vari film sul movimento punk inglese”, dice Temple “perché creativamente sono nato lì e perché sono convinto che questa musica abbia ancora molto da dire ai giovani in quanto fucina di idee.” Un modo per decodificare la società attraverso musica e cinema. (L.L.)

Perseguire intenti di coesione tra design ed ecologia significa instaurare un dialogo eterogeneo e funzionale. Strutture in legno pregiato dettano il trend dell’estate dalle cromie scandinave, in cui il legno di pino, il cedro, il larice, l’abete, a seconda delle stagioni, sono protagonisti dell’arredo di carattere. (M.M.)


Jam Studio per

Il teatro scende in piazza Santarcangelo - 39. Festival internazionale del Teatro in piazza. È il titolo dell’edizione 2009 della manifestazione che si tiene dal 3 al 12 luglio, e recupera la sua accezione primigenia che ne fece la prima città italiana vocata, nella sua interezza, al teatro, accogliendo performance, esondando dallo spazio canonico per permeare i luoghi che la costituiscono e gli animi di chi la abita e ne fruisce. “Senza il legame col luogo forse i 39 anni di vita del festival non si sarebbero raggiunti”, afferma il presidente Giuseppe Chicchi. Oltre agli spettacoli ufficiali, si è dato vita ad un progetto parallelo: “Santarcangelo Immensa”, “in cui le performance abitino gli spazi del paese animandolo”, spiega Chiara Guidi, direttrice artistica, che promuove un’edizione in cui danza, video e performance mettono in campo la “voce”, creando uno spazio denso di storie, immagini, emozioni. Le compagnie in tabellone saranno circa 25 di cui una quindicina provenienti dall’estero. Non rimane che immergersi negli spazi performativi di Santarcangelo 39. (L.L.)

“Zink”

Riccione - Che la “Perla” faccia tendenza è un dato di fatto, lo aveva raccontato anche Tondelli nelle sue scoppiettanti pagine pop. Ora cambia il fronte, ma il lanciar mode rimane, come dimostra lo Studio Jam, capitanato dal direttore artistico Alessandro Castellucci che, insieme al fotografo Fulvio Maiani, ha realizzato il terzo redazionale per la rivista americana “Zink”. Il made in Italy ha ancora una volta suscitato interesse oltreoceano: “siamo molto più avanti di loro nel rimescolare gli stili!”, afferma il direttore. Questo servizio pensato in toto da Jam Studio ha rivisto in chiave attualizzante gli anni ’80, rimescolando moda, costume e società,

lasciandosi influenzare anche dagli scatti del grande Helmut Newton. Per i prossimi progetti l’Europa chiama: in cantiere un lavoro per “Elle Decor” France. (L.L.)

Una donna al timone delle… Navi

White & Blue i numeri di un

Cattolica - La Dottoressa Patrizia Leardini è stata nominata presidente della Parco Le Navi Soc. Coop. 40 anni, sposata con 2 figli, cattolichina doc., laureata in economia e commercio, è legata alla struttura dell’Acquario fin dall’1989 quando iniziò come educatrice. Forte dell’esperienza che l’ha vista affiancata nel settore amministrativo alle varie gestioni susseguitesi dal 1997, oggi ricopre il ruolo di Direttore Amministrativo e Responsabile delle Risorse Umane.

14 | IN Magazine

Rimini - Per quattro giorni la nuova darsena è diventata il più esclusivo salotto del Mediterraneo. Il debutto di “White and Blue”, ha portato a Rimini, a fine aprile, 200 buyers, 67 cantieri e marchi del lusso. 520 gli incontri, in particolare con ospiti dall’Est Europa, 70 le trattative avviate. Più di 80 le prove in mare; infine il pubblico: 10.527 i visitatori. Grande successo ha registrato anche la Quintessentially Blue Terrace, che ha ospitato 400 ospiti d’onore. Apprezzatissimo il B-Side,

Successo sviluppatosi con convegni e decine di eventi, in darsena e nei luoghi più cool della marineria riminese. “La manifestazione si poneva due obiettivi - ha affermato Lorenzo Cagnoni, Presidente di Rimini Fiera: essere un efficace strumento per gli operatori del mercato, e rendere un omaggio significativo alle caratteristiche socioeconomiche del territorio romagnolo che storicamente è legato alla nautica. Riteniamo di aver colto entrambi, sin da questa prima edizione.”


Arriva la

Superbike

Riviera Beach Games Riccione - Arriva la seconda edizione dei Riviera Beach Games, dal 30 luglio al 2 agosto su tutta la Riviera, inclusa Riccione naturalmente. Gli appassionati di tutte le discipline regine dell’estate si affrontano in emozionanti competizioni sulla sabbia: dal beach volley al beach soccer, passando per beach tennis, beach rugby, badminton, beach freesby e nuoto in mare, per un week end all’insegna di sport e sano divertimento. E non solo: a Riccione ritorna la pedalonga, gara in mare a bordo dei tipici pedalò da vacanza. www.rivierabeachgames.it

Caffè Commercio guarda avanti Santarcangelo - Cambio d’abito, cambio di stile; cambia il tempo e cambia il Caffè Commercio, celebre ritrovo che si rinnova, sempre cool ma sempre santarcangiolese inside. Dal 1° maggio scorso Luca Rondena e Marco Mini sono i nuovi gestori: grande sfida la loro, il locale ha sempre goduto di buone gestioni ma il cambio porterà ottimi risultati, dichiarano. Staff giovane e professionale, il programma per la stagione vario e brillante in collaborazione coi migliori locali della riviera, le cantine vinicole, i negozi del centro fino a multinazionali del settore. Il Caffè Commercio è anche su facebook.

Misano - Dal 19 al 21 giugno prossimi il Misano World Circuit ospita il Round San Marino del Superbike World Championship 2009, evento sportivo di straordinaria bellezza che anche in questa stagione vede crescere gli appassionati su tutti i circuiti. In pista, praticamente tutte le case motociclistiche più importanti e pilo-

ti di classe come Haga, Biaggi, Corser e la grande novità dell’anno, il giovane americano Ben Spies. Dopo il successo di Monza, ci si attende un altro exploit dell’italiano Michel Fabrizio con la sua stratosferica Ducati. I biglietti sono disponibili on line su www.ticketone.it o direttamente in autodromo.

Torna la regata d’ Altura Rimini - Grande attesa per la 14a edizione della regata Rimini-Tremiti-Rimini (partita il 30 maggio), il match race che si snoda su un percorso di 400 miglia organizzato dal Circolo Velico Riminese. Durante la corsa verso e dalle isole Tremiti, dei localizzatori di posizione permettono di rintracciare le varie imbarcazioni lungo il percor-

so, accedendo in tempo reale sul sito www.cvr-rimini.net. La cerimonia finale di premiazione si svolge presso la sede del Circolo Velico Riminese, il 7 giugno.

Una estate ricca al

Riviera Golf Resort

San Giovanni in Marignano - Per la bella stagione il Riviera Golf Resort propone numerose iniziative mondane da non perdere. Dagli appuntamenti eno-gastronomici serali, agli aperitivi Miami style a bordo piscina fino a tarda serata, in programma da giugno a settembre. Sempre a giugno

16 | IN Magazine

inaugura la nuova area banqueting da 150 coperti: location ideale per matrimoni e grandi eventi. Per il giorno più bello da scoprire il Resort, a pochi chilometri da Cattolica, un’oasi nel verde dove il divertimento è assicurato. Per conoscere tutti gli appuntamenti: www.rivieragolfresort.com.


Riminiwellness, l’energia del

Sotto il segno del jazz Rimini - Dal 23 al 27 giugno un tuffo nell’America dei ruggenti Anni ’20, con la 9° edizione del Festival Internazionale del Jazz Tradizionale e dello Swing. È la più grande rassegna gratuita d’Italia dedicata al jazz delle origini. Direttamente da New Orleans arriverà Jimmy La Rocca - figlio del leggendario Nick, autore della prima incisione jazz della storia - col grande timoniere del jazz classico Lino Patruno. I 4Beat6 (Olanda) - per la prima volta in Italia - sbarcheranno in riviera per il centenario del Re dello Swing Benny Goodman. E poi l’incontro tra gli immortali Frank Sinatra e Count Basie nella serata crooner con The Swingers Orchestra e Riccardo Chojwa. In programma anche la travolgente 1a Rimini Dixieland Jazz Band e i brillanti Chicago Stompers. Tutti i concerti serali avranno ingresso gratuito con inizio alle 21,30. www.riminijazz.it

Rimini - Record di partecipazione per la kermesse di fitness, benessere e sport: 161.518 i visitatori (+24,2% sul 2008). Da evidenziare il forte incremento di operatori professionali; boom anche mediatico per la manifestazione. “Il successo di questa formula - ha commentato il presidente Lorenzo Cagnoni - ha superato ogni aspettativa. Rimini Fiera ha sancito la leadership indiscussa su questo mercato e ha messo in risalto la sua capacità di saper costruire strumenti di promo-

Privilege Days Cattolica - Un weekend all’insegna dell’eccellenza, quello che ha coinvolto la Marina di Cattolica a metà aprile, con la settima edizione dei Privilege Days, esclusivo momento d‘incontro per la community internazionale degli armatori Ferretti Yachts, Mochi Craft e Ferretti Custom Line. L‘area della Marina Nuova è stata interamente dedicata all’evento, con le flotte al completo dei tre marchi del gruppo. In particolare sono state

18 | IN Magazine

Ferretti 2009

esposte anche le imbarcazioni presentate al salone di Genova, Ferretti Altura 840, Ferretti 470 e Mochi Craft Long Range 23. L’appuntamento ha coinvolto anche due grandi nomi del lusso, Bulgari e Mercedes, che hanno esposto novità a disposizione dei clienti del gruppo. L’evento ha raggiunto il culmine nella serata conclusiva, con lo spettacolo pirotecnico di Scarpato, maestro dell’arte dei fuochi d‘artificio.

Successo zione efficaci per supportare le aziende anche in una situazione economica difficile.” Tra i numerosi eventi svolti nel fine settimana della manifestazione, al Peter Pan di Riccione, l’atteso “SportWeek Party RiminiWellness”, con personaggi del giornalismo e dello spettacolo e la premiazione del cestista Gianmarco Pozzecco. Fra gli ospiti sportivi, le pallavoliste Maurizia Cacciatori e Francesca Mari, il canoista Antonio Rossi e Yuri Chechi, miglior atleta di sempre nella disciplina degli anelli.


Polo Cup on the

Beach

ph. Studio Paritani

Byblos, estate 2009

Misano Adriatico - Il Byblos compie trent’anni e si gemella col Bilbò di Cortina d’Ampezzo. Completamente rinnovato, il venerdì e sabato d’estate mantiene le sue caratteristiche d’eleganza, esclusività e semplicità che da sempre lo caratterizzano. Protagonista sarà la villa bianca in stile mediterraneo immersa in un parco di pini e ulivi, che dall’alto domina la riviera. Tocchi di colori fluo quest’anno, musica disco-dance anni ’80 e ’90, selezionata dal dj resident Toney M e da super star come Ravin dal Buddha Bar di Parigi per un target alto e over 30. Di grande fascino la zona piscina e ristorante con gli chef Daniele Baruzzi e Nicolò Tancon Lutteri. La direzione artistica è di Davide Nicolò, che ritorna al Byblos dopo 20 anni: una garanzia. www.byblosclub.com

Festival del mondo antico Rimini - Una ventata d’antico per un festival interdisciplinare, quello del Mondo Antico di Rimini e dintorni, alla 11^ edizione (18-21 giugno), che offre una rilettura di noi stessi attraverso le radici della nostra cultura. Alla kermesse, che va accattivando gli interessi di bambini, adulti, addetti ai lavori e non, interverranno tra gli altri: Cacciari, Canfora, Cantarella, Dionigi, Luni, Ronchey. Un’occasione per comprendere quanto la cultura classica abbia influito e in che termini sulle varie epoche, lasciando ancor oggi il dialogo aperto. Arte, storia, archeologia, letteratura, società, cinema, cucina, giurisprudenza: argomenti per un territorio che si fa simposio e parla una lingua universale. http://antico.comune.rimini.it (L.L.)

20 | IN Magazine

Rimini - Si è conclusa con una partita avvincente la manifestazione sulla spiaggia antistante il Grand Hotel a inizio maggio. Una finale giocata con grinta, con la vittoria del Team Ecodemolizioni contro il team Skema. “La quinta edizione ha confermato le aspettative dell’organizzazione -

ha sottolineato Stefano Fabbri, presidente di Polo Cup on the Beach. In tre giorni migliaia di persone hanno assistito alle partite. Grande soddisfazione per la qualità di gare, giocatori e sponsor. Il torneo entra di diritto nei grandi eventi del Polo.” www.polocup.it

Missoni ospite di Gaudenzi Riccione - Le inconfondibili fantasie multicolor del brand hanno recentemente avvolto l’esclusiva boutique Gaudenzi, in viale Ceccarini. Un location decorata con suggestioni e immagini ispirate alla campagna advertising per la collezione estate 2009 per la linea donna, mare e accessori, è stata la cornice di una serata chic e frizzante. Grandi vasche di sabbia hanno riprodotto la spiaggia che ha visto le modelle Natasha Poli ed Isabella Fontana protagoniste degli scatti del maestro dell’obiettivo Steven Meisel, mentre gigantografie della campagna hanno reso omaggio nelle vetrine ad un marchio che da sempre sa essere originale ed elegantemente contemporaneo, senza tradirsi mai nell’identità come nei valori. (L.C.)


Galleria Gorza Outdoor via xx settembre, 32 47900 Rimini

Gorza Legnami via della Martora, 2 47900 Rimini tel. 0541.751114 0541.753138 www.gorzalegnami.com


Al via il trofeo

BPER Private

50ª edizione Premio per il Teatro

Rimini - Il Golf Club di Villa Verucchio ha ospitato, lo scorso 15 maggio, la prima tappa del Trofeo di golf

BPER Private, giunto quest’anno alla IX edizione. Sulle 18 buche del percorso nell’entroterra riminese, caratterizzato da fairways ondulati, insidiosi specchi d’acqua, ma anche splendide aperture visuali sui primi contrafforti appenninici, si è dato battaglia un folto plotone di golfisti. Questi i risultati della categoria “Invitational”: 1° netto, Filippo Pacini (punti 38), 1° lordo Fabrizio Antonini (punti 19); 2° netto Nicola Saulle (33), 3° netto Sergio Graziosi (32).

Corsi per tutti al Verucchio

Riccione - Il Premio Aldo Trionfo, istituito per riconoscere il merito di “quei teatranti che si siano distinti nel conciliare gli opposti, coniugando la tradizione con la ricerca”, per il 2009 è stato assegnato a Mario Martone e alla Fondazione Roma Europa. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in occasione di questa 50ª edizione, ha conferito al presidente Giorgio Galavotti la Targa d’argento. Il 2 giugno, nel corso della serata di gala sono stati consegnati ai vincitori i premi delle varie sezioni, nelle sale dello storico Grand Hotel Des Bains, con la partecipazione del presidente della giuria Umberto Orsini e degli altri componenti, che hanno fatto il loro “debutto” proprio da questa edizione, dopo la più che decennale direzione di Franco Quadri. Oltre all’assegnazione di 7.500 euro al vincitore, premiati anche i testi segnalati presso i maggiori teatri e le compagnie italiane, per realizzare il loro passaggio dalla pagina alla scena con un Premio di Produzione di 30.000 euro. Al vincitore under 30 del Premio Tondelli 2.500 euro e una tradizione che dal ’99 ad oggi ha visto tutti i vincitori andare in scena con successo.

22 | IN Magazine

Rimini - Per chi è incuriosito dal gioco del golf, ma finora non ha avuto occasione di provarlo, il Club di Villa Verucchio lancia per la primavera ed estate 2009 una serie di promozioni per iniziare a praticarlo. Corsi per tutti, adulti e bambini, e diverse promozioni per calpestare il green: si può cominciare col corso di cinque lezioni a 99 euro, in gruppi da tre a cinque allievi, una volta a settimana, potendo scegliere tra giovedì, sabato o domenica. Attrezzature e palline sono gratuite ed è disponibile l’accesso a tutti i servizi del Club. Dall’8

Golf Club

giugno al 31 luglio è possibile prenotare, invece, i corsi per i più piccoli. Un’occasione da non perdere per avvicinare i ragazzi al golf, e non solo: infatti, l’attività si divide tra gioco nel parco, piscina, gite e altri sport, come calcio e pallavolo. Ovviamente, il momento della merenda, ma anche quello da dedicare ai compiti per le vacanze, è garantito. Diverse le opzioni per questo “campo estivo” sul green: 90 euro per due settimane, 160 un mese, 250 euro per l’intero corso. Info: 347.8503083. www.riminiverucchiogolf.com.

Confindustria: premio al Sito Rimini - Premio come Miglior Sito 2009 per Associazioni Medio/Piccole del Centro Nord per Confindustria. Il riconoscimento nazionale, è stato consegnato da Emma Marcegaglia al presidente Maurizio Focchi, in occasione dell’Assemblea Generale che si è svolta a Roma. Online da pochi mesi, in una veste rinnovata, www.

confindustria.rimini.it registra questo apprezzamento. Confindustria, infatti, premia i dieci miglior portali web del Sistema nazionale, suddivisi per categorie ed aree geografiche.


A luglio torna il challenge Vincenzo Conclusa “Premiare le eccellenze”

Rimini - Sono stati premiati, lo scorso 12 maggio, gli studenti delle medie “Panzini-Borgese” e “Marvelli” che hanno partecipato alla terza edizione di “Premiare le Eccellenze”, progetto ideato da Confindustria Rimini, Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria e consorzio per la formazione Assoform. Il progetto ha coinvolto 61 studenti di terza media con l’obiettivo di far approfondire l’inglese e l’informatica agli alunni più meritevoli. I partecipanti sono stati seguiti da docenti specializzati nelle due materie, oggi indispensabili in un mercato in continua evoluzione. I partecipanti hanno ricevuto gli attestati di merito in una cerimonia presso l’aula Magna della scuola “Panzini-Borgese”.

San Patrignano - Tra i primi cinque concorsi ippici al mondo: questa, infatti, la valutazione espressa dall’International Jumping Riders Club e dall’associazione internazionale dei giornalisti di sport equestri, per il concorso dedicato alla memoria del fondatore del più grande centro di recupero dalla tossicodipendenza d’Europa, la cui 13° edizione è in programma a San Patrignano del 17 al 19 luglio. Un’ulteriore conferma delle capacità organizzative dimostrate dai giovani accolti dalla comunità, i quali trovano nell’equitazione e nella realizzazione del CSI5* ulteriori

Muccioli

strumenti in grado di sostenerli nel percorso di uscita dalla tossicodipendenza e aiutarli nel loro reinserimento sociale. Anche quest’anno alla cabina di regia della manifestazione c’è Eleonora Ottaviani, show director del concorso, con al fianco il “consigliere tecnico”, l’olandese Emile Hendrix, mentre a tracciare i percorsi di gara della tre giorni sarà il course designer elvetico Rolf Ludi. La grande novità de 2009 è rappresentata dalla collaborazione con Rolex. Marchio partner dei più grandi eventi nel mondo dello sport del cavallo, dalla Rolex FEI World Cup alla “Top Ten”.

Riccione in bikini aspettando L’estate

Rimini 2009: Onde per cui Rimini - Il rito dell’estate balneare arriva puntuale. La stagione è ripartita, nonostante la crisi, Onde per cui la promozione non si fa attendere, proprio con questo slogan. Questo, infatti, è il nuovo head line che veste in forma grafica la campagna affissioni dell’estate 2009. Dotata di una forza misteriosa, evocativa, ironica ed eufonica, la scritta vuole indurre all’involontario gioco di parole; i colori celeste e blu ricordano il mare con le sue onde. A firmarlo, l’artista bolognese Alessandro Bergonzoni che ha raccontato così la sua Rimini: “Onde per cui scendere dal tempo e ammarare; onde per cui rompere le clessidre e piaggiarsi; onde per cui dire Rimini è come dir rimani;onde per cui cambi arie e non te le dai; onde per cui ci và in vacanza anche la vacanza (quando finisce)”. (M.C.)

24 | IN Magazine

Riccione - La Casalegno perfetta padrona del “Riccione summer show”. In passerella modelle e Vip per “riscaldare” la platea, anche se nemmeno la sensuale Belen Rodriguez è riuscito a riscaldare gli spettatori infreddoliti, che a rischio di beccarsi un raffreddore, non hanno comunque voluto rinunciare a seguire la grande moda dell’estate e i momenti di spettacolo sulla passerella di piazzale Ceccarini a Riccione diventata per

una sera il palcoscenico per brand giovani e contemporanei con sfilate di collezioni valorizzate dalla partecipazione di testimonial dello spettacolo. Non si è si è fatta attendere la sensuale Belen che con la sua mise ha deluso un po’ i maschietti che hanno dovuto accontentarsi di lavorare di fantasia poiché il suo fondoschiena, che ha tenuto banco sulle riviste di gossip, era coperto da un pareo a fiori trasparente. (M.G.)


Essere | Gino Angelini

Lo chef

degli

Angeli

testo Pierantonio Bonvicini - foto Studio Paritani

Ha la simpatia del romagnolo e un’innata capacità per la cucina. È un genio, secondo la più autorevole guida gastronomica del mondo, nell’edizione America’s Top Restaurants. E conoscendo Gino Angelini e i suoi piatti, non si può che essere d’accordo. Lo abbiamo incontrato durante una delle sue ultime trasferte riminesi, dove ha origine la sua vita ma anche la sua storia. Che da tempo continua a Los Angeles, negli Stati Uniti.

Il volo da Los Angeles è lungo, ma la distanza di fuso orario con Rimini è coperta dal piacere di ritrovarsi nel luogo da cui, alcuni anni fa, è partito il suo viaggio nella gastronomia d’eccellenza. Gino Angelini, lo chef che ha portato in California il gusto semplice ed autentico della cucina Italiana e del territorio di Romagna, coglie l’occasione di que-

sto breve soggiorno per concedersi una pausa fra vecchi amici. Alcuni sono presenti, altri, saputo della sua visita, lo raggiungono al cellulare. Così, il pomeriggio si anima di ricordi e nomi di tanti protagonisti del rinnovamento della cucina italiana moderna, molti dei quali sono stati suoi ‘discepoli’. Anche l’ambientazione è una sorta di ritorno a casa: l’Hotel Ambasciatori di Rimini che, fra gli anni ’80 e ’90, lo vide ai fornelli, maestro e mentore

per coloro che trovavano in quella fucina di creatività lo stimolo intelligente, innovativo ed artistico per quella che sarebbe diventata da lì a pochi anni un cult: l’alta ristorazione. La storia di Gino Angelini ne racconta anche altre: ricorda i

26 | IN Magazine

decenni ’70 e ’80, di una Rimini patinata, diversa, mondana; s’intreccia con l’evoluzione della nouvelle cuisine, fatta d’emulazione e personalizzazione dei dettami del Maestro Paul Bocuse, mette in fila esempi di creatività sorprendente, invenzioni originali e tecniche fra le più elaborate. E se la sua fama lo porta a imbandire le tavole di personaggi come Giovanni Paolo II, Federico Fellini, Mikhail Gorbaciov, Francois Mitterand, Luciano Pavarotti, lui si racconta ancora a partire da San Clemente, dalla casa della nonna, da quando, giocando con lei in cucina, imparava l’amore per gli alimenti che si componeva-

no in piatti colorati ed attraenti. “L’alternativa sarebbe stata fare il pilota d’aereo. Ma il cuoco sembrava essere una soluzione ‘coi piedi per terra’, tanto più che, vicino a casa, viveva un cuoco che sembrava passarsela niente male!” Ci scherza un po’ su, con quella sorridente vivacità romagnola che gli anni americani non hanno sbiadito. Diplomato all’Istituto Alberghiero di Rimini, ‘il Palas’, nel ’66, la sua

prima estate ai fornelli trascorre all’Hotel Imperiale del signor Donati, “con lo chef Giorgini, - ricorda - mio maestro all’Alberghiero.” L’anno successivo inizia l’apprendistato ai fornelli del Grand Hotel. “Dovrei dire che mi ricordo l’atmosfera da mille e una notte... ma la verità è che mi vengono in mente i polli che dovevo spennare!” Nei primi anni ’70 dapprima gestisce il Ristorante Parco Covignano, poi le esperienze si succedono, alle estati riminesi s’alternano gli inverni nelle più prestigiose località sciistiche: Campiglio, Cortina e poi Castrocaro, Ravenna... “Insegnavo alla scuola alberghiera di Castrocaro e la sera lavoravo al Brini, - ricorda - Raoul Gardini era un cliente affezionato...” A Rimini però tornava ogni volta. E le stagioni estive trascorrevano all’Hotel Ambasciatori. “Dei primi anni ’80 ricordo l’inverno al Caffè delle Rose, con la Kitty Montemaggi... Il ristorantino, da 30 posti, era una bomboniera, al pianoforte il Maestro Franco Morri. Al mio fianco in cucina, come secondo cuoco, c’era Silver Succi.


IN Magazine | 27


In apertura e a fianco, Gino Angelini ritratto all’Hotel Ambasciatori di Rimini.

va ancora andare a cena con l’abito

la signora Salciccia che mi chiamò all’apertura del Des Bains di Riccione. Begli anni: da Rimini siamo finiti

‘da sera’; ricordo che Lucio Dalla

fra gli stellati d’Europa e quel che più

gressuale più importante di Rimini. “Qui ci sono i principi ispiratori del nostro modo di fare cucina: qualità e stile applicate ai grandi numeri.” Quando è ormai un punto di riferimento per il nuovo corso della gastronomia italiana, parte per gli Stati Uniti. E si stabilisce a Los Angeles dove tuttora vive con sua moglie Elisabeth. Mentre i suoi due figli, Luigi e Romina, restano in Italia. Ma quando può ritorna e ogni volta il rientro ha il sapore della prima volta.

conta è che sono stati attraversati da

La vita quotidiana a Los Angeles.

sincera amicizia e grande solidarie-

Angelini arriva a Los Angeles nel novembre ’95 e va subito come chef al Rex, a quel tempo miglior ristorante di cucina italiana della città. Due anni dopo è al Vincenti, altro celebre indirizzo per la cucina italiana, e ci resterà fino al 2000. Poi, nell’ottobre dell’anno succes-

Rimini era molto viva, c’era un gran passaggio di gente, tanti vip... usa-

si presentò in pantaloncini corti e Aureliano Bonini non lo fece entrare: c’era molto più rigore… diversamente da oggi.” La cucina degli anni ’80 è attraversata dal rinnovamento e Rimini diventa un cenacolo culturale dove lo stile culinario nato in Francia sul finire degli anni ’60 comincia a diffondersi e mutare caratteristiche, emozioni, personalizzandosi. Quell’onda riformista e vagamente ricercata che parte dalla riscoperta di semplicità, stagionalità, eleganza formale, sperimentazione di accostamenti mai tentati prima, fogge azzardate che sfidano l’opera d’arte, diventa materia su cui esercitarsi con maestria e passione. La “cucina” di Angelini, intesa anche come luogo fisico, diventa un crocevia di saperi e sapori, una sorta di “università” aperta alla formazione e all’esperienza, col via

vai continuo dei giovani cuochi che s’alternavano al fianco del maestro, “complice anche - sottolinea - la lungimiranza e l’apertura mentale dei titolari dell’Ambasciatori, prima i signori Amati e successivamente la famiglia Onofri e, da ultimo,

28 | IN Magazine

tà.” Del cenacolo riminese faceva-

no parte giovanissimi chef: Tiziano Rossetti, del Palazzo di Sant’Ermete di Santarcangelo; Raffaele Liuzzi dell’omonima Locanda di Cattolica; Fabio Rossi dell’Acero Rosso di Rimini, oggi alla guida di Vite a

Emblema di una Rimini mondana San Patrignano; Luca Angelini, Maestro di Cucina a Palazzo Albergati di Bologna; Vincenzo Cammerucci del Lido Lido di Cesenatico; Luigi Sartini del ristorante Righi - La Taverna a San Marino; Claudio Moras, Presidente dell’Associazione Cuochi Romagnoli; Gianni Caprioli, l’ultimo chef di Gianni Agnelli; un gruppo prestigiosissimo, vero punto di riferimento per la cucina italiana. Gino Angelini è stato inoltre fra i fondatori, con Aureliano Bonini, di SummerTrade, azienda di catering legata al fieristico e con-

sivo, la svolta con un locale tutto suo, che rapidamente s’impone ai vertici: l’Angelini Osteria. Perciò è un vero peccato non trovare l’Osteria nell’annuale classifica dei cinquanta migliori ristoranti (la S. Pellegrino Word’s 50 best restaurants). In ogni caso, l’Angelini Osteria è al 7313 di Beverly Boulevard, nel cuore di una metropoli che ospita le cucine di tutto il mondo, e che la guida Michelin (nell’edizione locale) giustamente inserisce tra i locali di “Hollywood, Midtown, West Hollywood”. Los Angeles (coi suoi 88


Mercedes-Benz è un marchio Daimler.

Ci sono auto che vuoi. E auto che non puoi non volere. Nuova Classe E CoupĂŠ. Pura attrazione. Tutta la seduzione di un frontale moderno e aggressivo, dei cristalli laterali ad arco completo, dei fanali a tecnologia led e dei motori diesel Euro 5 BlueEFFICIENCY. Consumi (ciclo combinato): da 5,6 a 10,9 litri/100 km. Emissioni CO2: da 148 a 254 g/km.

Provate a resisterle.

AutoPronti S.p.A. Concessionaria Ufficiale di Vendita Mercedes-Benz SANTARCANGELO DI ROMAGNA (RN), Via del Salice 9, tel. 0541 356711 - CESENA (FC), Via Ravennate 1550, tel. 0547 637011 - PESARO (PU), Strada della Romagna 129, tel. 0721 288411


Gino Angelini al ristorante Vite, in occasione di “Squisito” 2009.

quartieri e oltre 1.200 kmq.) è una delle cinque città più importanti della California e la sola città conta più di quattro milioni di abitanti che parlano 86 lingue e un’infinità di dialetti. Le abitudini alimentari sono salutiste e su gran parte del territorio è diffuso il consumo d’alimenti organic (ossia biologici). Con grande attenzione ai piatti vegetariani. Ma quando si va a mangiar fuori risulta evidente che i ristoranti italiani e messicani sono quelli più diffusi e preferiti (anche per la vicinanza, in quest’ultimo caso, col confine). Così il turismo della gola attrae quanto i grandi musei. Ma è l’industria cinematografica ad aver reso celebre questa città. Che ha il parco urbano più grande degli Stati Uniti e un clima temperato, ora fra 19 e 23 gradi. E uno chef riminese che con la sua cucina regionale italiana e di pesce ha conquistato gourmet e critica gastronomica.

Ma nonostante il grande impegno, Angelini ha dato vita quattro anni

Zagat America’s Top Restaurants, una delle più autorevoli guide del mondo. E conoscendo lui e i suoi piatti non si può che essere d’accordo. Ma per lui le maggiori soddisfazioni arrivano dalla clientela. Che ogni giorno conta numerose stelle del cinema, della televisione e dello sport in tutte e due le realtà. Tuttavia, per conoscere questo chef e la sua arte culinaria l’Osteria rimane il punto di partenza. Così, in questo ambiente dai toni rustici e con una cinquantina di coperti,

Una cucina fatta di sapori e saperi fa anche ad un secondo locale, il Ristorante La Terza, che ora ha trasformato, in società con altri, nella trattoria Minestraio (8384 West 3rd Street), con cucina bolognese degli anni ’70. E lo chef (e socio) Gianluca Sarti ai fornelli. È al piano terra dell’Hotel Orlando (4 stelle), sulla strada principale per Beverly Hills, e dispone al piano superiore di una sala per banchetti. “Gino Angelini is a genius!” secondo la

30 | IN Magazine

si potrà degustare ottimo cibo su dei tavoli appositamente realizzati in Romagna. All’Osteria Gino Angelini arriva ogni giorno intorno alle 10, dopo una salutare passeggiata con i suoi due cani e un’adeguata colazione che consuma intorno alle 6,30. Qui, fino a tarda sera, indirizza e dirige una brigata di 20 persone, composta in parte da italiani e per il resto da collaboratori di nazio-

nalità diversa. E quando è necessario raggiunge anche la trattoria dove ha altrettanti assistenti. Che talvolta provengono anche dal riminese. Tra questi, ricordiamo due chef che si sono distinti: Mirco Del Vecchio, ora al Ristorante Ago (di Robert De Niro) a New York, ed Enrico Croatti, oggi a Madonna Di Campiglio, al 4 stelle Boutique Hotel Chalet Dolce Vita. Adesso qualche piatto: lasagna verde “Omaggio Nonna Elvira”, trofie alla Riviera, pasta e fagioli, bombolotti all’Amatriciana, penne all’arrabbiata, spaghetti alla carbonara. Poi bistecca alla Fiorentina, filetto di vitello con fagiolini e parmigiano Reggiano, saltimbocca alla Romana, fegato alla Veneziana, stinco di maiale arrostito sui legni. In chiusura, semifreddo al caffè. Carta dei vini con selezionate etichette italiane (e romagnole) poi buona scelta di Californiani e di Champagne. Per il fine settimana è consigliabile la prenotazione, sapendo che a pranzo si comincia a mezzogiorno e a cena alle 17,30. Si spendono fra 50 e 70 euro, bevande incluse. (ha collaborato Marzia Mecozzi) IN


Approfondire | Arredamento per esterni

Saper fare, saper

Arredare

testo Giorgia Gianni - foto Riccardo Gallini

Aziende affermate per professionalità, cura dei materiali, qualità e produzione rigorosamente made in Italy: questo il profilo che riunisce le imprese del settore arredamento per esterni, che in provincia vede attive significative realtà, e che, proprio alla fiera di Rimini, vede svolgersi il SUN, principale salone per questo comparto, che tornerà ad ottobre per l’edizione 2009.

32 | IN Magazine


Archivio Venanzio Raggi

Splende il sole sul settore dell’ar-

get fondamentali di SUN: il mondo

redamento per esterni. Un compar-

contract, horeca e gli stabilimenti

to che in provincia è rappresentato da aziende affermate al di là dei confini locali e che oggi, grazie a professionalità, cura dei materiali, qualità e produzione rigorosamente made in Italy, possono continuare a respirare aria di positività nonostante la difficile congiuntura. E non è un caso che proprio Rimini ospiti il SUN, principale salone internazionale dell’arredo da esterni, alla 27a edizione. “l rapporti con Fiera e città sono consolidati da anni - affermano da Fiere e Comunicazioni, organizzatori del salone. Non solo Rimini ha il vantaggio di essere raggiungibile facilmente da visitatori ed espositori da tutta Italia, ma rappresenta uno dei tar-

balneari, in tutta la loro filiera.”

Tra i presenti al SUN, c’è Gorza Legnami, fondata nel bellunese

nel 1930 e ramificata tra Rimini, Forlì e Padova. L’azienda, spiegano i titolari, ha scelto di entrare in questo mercato partendo dal suo core business: legno per l’edilizia e falegnameria. E se l’attuale congiuntura ha fatto registrare una flessione nell’edilizia e nei mobili prefabbricati, l’outdoor è invece in espansione: gli spazi esterni diventano un nuovo mercato per arredamento, illuminazione e complementi. Puntare su designer per realizzare nuove linee e sperimentare materiali ha permesso di affacciarsi sul mercato con una ve-

ste nuova. Proprio a inizio anno è stato inaugurato il nuovo showroom Gorza Outdoor in via della Martora a Rimini, e recentemente la Galleria Gorza Outdoor di via XX Settembre. A Cattolica opera invece Tender, il cui marchio Sunroom è stato il primo a realizzare vetrate pieghevoli a libro. Un’innovazione che le ha permesso di ottenere anche il brevetto europeo. “Con questo marchio, realizziamo una vasta gamma di prodotti, principalmente verande e giardini d’inverno sia per abitazioni private, sia per locali pubblici - sottolinea Eros Casadei, dell’ufficio marketing. La nostra attività non è strettamente legata alla stagionalità e lavoriamo molto con l’estero, che rappresenta il 35-

IN Magazine | 33


Elementi d’arredo per esterni della collezione Gorza Outdoor, azienda attiva tra Rimini, Forlì e Padova.

40% del nostro mercato. Questo aiuta ad affrontare in maniera più tranquilla congiunture come l’attuale. La cura che diamo al prodotto ci permette di essere presenti in Usa, Medio oriente, sud est asiatico. Il made in Italy e una qualità del prodotto d’alto livello, da sempre riconosciuta, ci fanno posizionare ottimamente in un mercato di fascia medio-alta.” Con i marchi Metalmobil e Steelmobil è presente sul mercato outdoor anche Industrieifi, gruppo che impiega oltre 400 dipendenti nei 65.700 mq di stabilimenti produttivi dislocati tra le province di Rimini, Pesaro e Treviso. “Questi cataloghi propongono numerose sedute e tavoli per esterni - spiega Guido Benedetti, product manager arredamenti industriali e complementi d’arredo. Tutti i prodotti si contraddistinguono per design contemporaneo, versatilità e un ottimo rapporto qualità-prezzo. I nostri punti di forza sono l’ampiezza dell’offerta e l’ampia possibilità di personalizzazione: siamo in grado di realizzare prodotti attraverso tecnologie all’avanguardia come la stampa in rotazionale, così

34 | IN Magazine

come articoli rifiniti a mano rigorosamente in Italia. Metalmobil e Steelmobil sono presenti in tutto il mondo, in particolare Europa e USA: tra le tante realizzazioni possiamo vantare il Caffè San Marco di Venezia, il parco Oltremare di Riccione, esterni ed interni della sede americana di Google.” A SUN sarà presente anche Fonderia Innocenti di Cerasolo, che si distingue per l’elevatissima capacità di lavorazione di ghisa, metalli e ferro forgiato. Nata nel ’69 e rilanciata da Ivan Innocenti col prezioso apporto della moglie Uliana, si è specializzata nella ricerca su prodotti in ghisa della tradizione italiana, di cui sono stati recuperati disegni e modelli.

“Possiamo così offrire un catalogo unico e rivolto al consumatore finale, che ha la sicurezza di un rapporto diretto con tutta la complessità del prodotto - evidenzia il titolare. Puntiamo su una filiera italiana, con soluzioni tecniche di produzione che ci consentono di essere competitivi, innovativi e assicurare un’alta versatilità di gestione. In azienda lavorano una decina di persone, la cui capacità professionale rappresenta il nostro patrimonio principale, che è fondamentale conservare.” Tra le realizzazioni più significative di Fonderia Innocenti, accanto a elementi in ghisa per palazzi d’epoca e castelli, anche una fontana-monumento a colonna, com-

SUN 2009, dall’8 al 10 ottobre 16 padiglioni espositivi, 120mila metri quadri dedicati a progettazione e arredamento outdoor. La 27 a edizione di SUN, è in programma a Rimini Fiera dall’8 al 10 ottobre. Cinque i comparti espositivi allestiti nei padiglioni per rappresentare il meglio della filiera delle tecnologie, delle soluzioni e del corredo da esterni, dal complemento più semplice all’arredo di alto profilo: Out_Style, Sea_Style, Sunaquae, Urban_Style e Giosun. L’edizione 2009 vedrà inoltre il ritorno di GIOSUN, 24° salone internazionale del giocattolo e dei giochi all’aria aperta, e di T&T-Tende&tecnica, 5a biennale internazionale dei prodotti e soluzioni per la protezione, l’oscuramento, il risparmio energetico, la sicurezza, l’arredamento. Per chi visiterà i saloni, uno sconto del 20% sul biglietto d’ingresso alla mostra “Da Rembrandt a Gauguin a Picasso”, a Castel Sismondo. www.sungiosun.it e www.tendeetecnica.it.


Archivio Venanzio Raggi

Da sinistra in senso orario: Uliana e Ivan Innocenti, dell’omonima Fonderia di Cerasolo; Eros Casadei di Tender, a Cattolica; Maura Venturini di Onda Blu piscine, di Rimini.

missionata dalla città olandese di Humen. C’è poi chi, a una clientela legata soprattutto al turismo, è riuscito ad affiancare realizzazioni architettoniche particolari. È il caso della santarcangiolese Soriv Garden, presente sul mercato dell’arredamento per esterno dal 1996. “Sin dall’inizio ci siamo distinti per la produzione personalizzata di strutture in legno lamellare e massello, e in ferro battuto, per arredi completi e complementi – spiega la titolare Oriana Bianchini. Unendo i migliori insegnamenti artigiani alla creatività aziendale abbiamo creato un mix d’idee e prodotti originali. Dalla progettazione alla messa in opera i nostri

36 | IN Magazine

dipendenti si occupano dell’intero processo esecutivo. Il lavoro è più intenso in vista del periodo estivo, lavoriamo molto con gli operatori turistici. Ma le nostre realizzazioni non si limitano a coperture, gazebo, pavimentazioni e arredi. Tra le più importanti, anche la terrazza in legno e vetro costruita sul lago della diga di Ridracoli o il teatro all’aperto di Brisighella.” E in un esterno che si rispetti non può mancare la piscina. Onda Blu dal 1988 progetta e costruisce piscine dalle soluzioni tecnologiche più avanzate, analizzando le esigenze di clienti pubblici o privati e proponendo le soluzioni più

convenienti. Realizza impianti di filtrazione-circolazione-disinfezione, vasche idromassaggio e propone una vasta gamma di accessori. Si rivolge, ad esempio, a un target medio-alto la copertura a igloo di Aquanova, commercializzata per gli idromassaggio, un mercato che sta diventando sempre più importante. Sempre in provincia di Rimini altre realtà di rilievo sono Unosider e Velmo Italia. La prima, nata alla fine del 1998 dalla passione e dall’esperienza dei due soci fondatori Davide Deluca e Gilberto Bartoletti Stella, ha trasformato le lavorazioni per l’esterno in ferro lavorato in architetture funzionali. La produzione rimane ancora oggi di matrice artigianale, pur unendovi logica industriale e ricerca tecnologica. Velmo Italia, a Sant’Ermete, è invece specializzata in produzione e vendita di mobili in legno pregiato e in fibre naturali e sintetiche, in particolare arredamento in teak da giardino e da interni. IN

Numeri dal settore Vale 230 milioni di euro il mercato interno dell’outdoor. Lo dicono i dati di SUN, per cui nel 2007 l’Italia figura tra i maggiori produttori (circa 292 milioni di valore alla produzione, + 4,4% sul 2006), con una crescita del mercato interno del 4.7%. L’Italia ha ribadito anche la propria leadership continentale nelle esportazioni, raggiungendo il 43% dell’export complessivo, pari a circa 140 milioni di euro (+ 8%) e principalmente destinato a USA (25%), Francia (18%), Germania (11%), Svizzera (6/7%), Austria (5%). Nel complesso, l’UE assorbe il 45% dell’export. Se in Europa il mercato outdoor ha raggiunto nel 2007 i 1.666 milioni di euro (+5% rispetto al 2005) a prezzi di fabbrica, l’Italia è tra i maggiori player continentali (le imprese presenti a SUN sono circa 700), con centinaia di aziende - dalle grandi industrie (le prime 15 valgono l’80% del mercato) ai laboratori artigianali - che contano circa 2.500 addetti. Molto elevata è la quota del contract, intorno al 30% del consumi complessivi (bar, ristoranti, alberghi, imprese balneari).


Unire | CNA Impresa donna

Speriamo che sia

Femmina

testo Maria Cristina Muccioli - foto Riccardo Gallini

Incontro con alcune rappresentanti dell’imprenditoria “in rosa”, riunite in CNA Impresa Donna, gruppo attivo a Rimini dal 2003 e coordinato da Mariella Mengozzi. Perché fare impresa oggi, per il gentil sesso, rappresenta ancora una sfida dura da affrontare quanto importante da realizzare.

38 | IN Magazine


Consapevolezza e autostima. Se tali sfumature del carattere si potessero aggiungere alle capacità innate e acquisite che ogni donna porta nel bagaglio personale e professionale il gioco sarebbe fatto: successo pieno nella vita privata e lavorativa. In tutti i settori e a ogni livello. “Invece le donne spesso non riescono a tirar fuori le capacità latenti. Bisogna aiutarle a raggiungere la loro identità, rendendole consapevoli della forza che hanno dentro e che

aspetta solo di essere liberata.” A Mariella Mengozzi, responsabile di

CNA Impresa Donna della provincia, si accende una luce particolare

negli occhi, quando è interpellata sulle problematiche femminili. Impegnata da tempo per l’imprenditoria rosa, è il tipico esempio di chi, pur ricoprendo un ruolo di responsabilità, non prende le distanze dall’essere donna. Lo si legge nel look curato e accattivante e nel sorriso. “Si può portare la gonna, essere mogli e madri e, allo stesso tempo, dirigere aziende, uffici o associazioni. Dopo che gli industriali italiani hanno scelto Emma Marcegaglia al loro vertice, il mio sogno di vederne una anche a capo della Confederazione Nazionale dell’Artigia-

nato non è più campato in aria.” Il Gruppo CNA Impresa Donna da lei coordinato a Rimini è attivo dal 2003,

ma è una costola del Comitato Impresa Donna regionale costituito a Bologna nell’89 da Mirella Valentini, prematuramente scomparsa cinque anni fa, alla cui memoria è stata intitolata una borsa di studio. CNA Impresa Donna è riferimento per coloro che fanno impresa: le rappresenta e sostiene tramite consulenza, formazione e molteplici altre attività. “I nostri sono obiettivi ambiziosi - sottolinea Mariella. Innanzitutto vorremmo essere riconosciute come gruppo efficace:

IN Magazine | 39


Le imprenditrici che fanno parte della presidenza CNA Impresa Donna. Da sinistra: Barbara Garagnani di Garagnani Ricerche Cosmetiche; Rosanna Capriotti di Smile; Letizia Fabbri, Arredo Ufficio; Morena Guerra, Presidente, Ricci Sabbiatura; Mariella Mengozzi, coordinatrice del gruppo; Brunella Secchiaroli, Secchiaroli Elettronica; Marianna Troni, Nuova Cabi Lift; Maura Garattoni, Garattoni Dario di Righetti Irene. Del gruppo fa parte anche Bruna Pagnutti, non presente in foto.

una rete d’imprese femminili che si confrontano scambiando esperienze e opportunità. Formazione e responsabilità sociale sono altri punti-forza della nostra attività, consapevoli delle difficoltà che si incontrano nei rapporti con istituzioni e banche. L’aspetto dell’accesso al credito è molto sentito, visto che per le banche una donna è meno affidabile di un uomo.” Volendo conoscere qualche “imprenditrice modello” fra quelle associate, l’imbarazzo è solo nella scelta. “Giovani, determinate, realizzate - spiega Mariella, elencando nomi e specializzazioni. Fra le nostre 1569 ditte al femminile, che nell’insieme coinvolgono 1905 imprenditrici, abbiamo esempi di buone prassi che potrebbero fare scuola. Specialmente per quanto riguarda le politiche di conciliazione degli orari di vita e lavoro, tema molto sentito e che dovrebbe essere alla base di tutte le scelte politiche e imprenditoriali, a favore delle famiglie e della società in generale. A Rimini abbiamo ottime imprenditrici, specializzate anche in settori di produzione tradizionalmente maschili. Qualche esempio? Morena Guerra, mamma di due ragazzi, nonché nostra presidente, è l’anima di Ricci Sabbiatura Snc, azienda che si occupa di sabbiatura e verniciatura di carpen-

40 | IN Magazine

teria metallica. Con la sorella e la madre, Morena ha rilevato l’attività, quand’era molto giovane, in seguito alla scomparsa del padre, consolidandola e sviluppandola nel tempo. Oggi coordina circa venticinque dipendenti, fra cui molti stranieri. Una vera organizzatrice, che ha imparato a farsi aiutare, sia in casa che in azienda. Anche Brunella Secchiaroli ha un posto di rilievo nell’attività di famiglia (la Secchiaroli Elettronica Srl, leader nella progettazione, installazione e manutenzione di sistemi di sicurezza, ndr), di cui è responsabile amministrativo. Una donna che ha saputo introdurre in ditta diverse forme di flessibilità orarie, in aiuto anche a chi deve accudire genitori anziani. Da segnalare pure Rosanna Capriotti, titolare della Smile Snc che produce abbigliamento in pelle e e che occupa unicamente donne. Cinque dipendenti, mogli e madri che lavorano con orari part-time e flessibili. Azienda dove conciliare

lavoro e famiglia è fondamentale!” Part-time, orari flessibili, asili nido: c’è ancora molto da fare… “Da parte

nostra - conclude Mariella - l’attenzione è alta, visto che l’insufficienza di politiche di conciliazione è il maggior ostacolo alla realizzazione degli obiettivi professionali delle donne, così com’è stato rilevato anche da un’indagine svolta per noi da un laureando della facoltà di Statistica dell’Università di Rimini. Oltre all’informazione sui finanziamenti pubblici previsti per le aziende che introducono orari flessibili, CNA Impresa Donna organizza seminari aperti alle associate, per diffondere il più possibile la cultura del fare impresa e della conciliazione.” Nessuna scusa per le imprenditrici con figli piccoli. Si legge infatti nell’invito: ‘La conciliazione sarà messa in atto da subito: durante gli incontri funzionerà un servizio di baby-sitter per le mamme che non saprebbero dove lasciare i bambini.’ A buon intenditor... . IN

Un premio dedicato a Mirella Valentini Funzionaria della CNA di Rimini ed Emilia-Romagna, Mirella è scomparsa nel febbraio 2004. Ha sempre lavorato, studiato e progettato a favore dello sviluppo dell’imprenditoria femminile facendo da trait d’union con l’UE. Il Comitato Impresa Donna all’interno della CNA regionale è nato e cresciuto grazie a lei. In memoria della sua preziosa attività e affinché questa sia fonte di stimolo per la promozione e il sostegno del lavoro autonomo delle donne, CNA ha istituito la “Borsa di studio Mirella Valentini”, che ogni anno premia giovani tesiste e ricercatrici.


Garagnani. La ricerca a servizio della bellezza

Informazione pubblicitaria

Garagnani Ricerche Cosmetiche è

ne di linee complete per l’igiene e la

un’azienda riminese di lunga tradizione

cura della persona, per conto terzi e

ed eticamente corretta. Dal 1959 opera nel settore della tricologia,

a marchio proprio, suscita l’interesse di una clientela nazionale e

nel ’96 amplia le proprie specializzazioni al mondo della cosmesi di

internazionale. La ricerca in laboratorio si affida a rapporti

base e trattamento e della profumeria.

di partnership con consulenti universitari per approdare a

Una passione che si trasfonde quotidianamente nella ricerca, nel-

formulazioni uniche e specifiche per la bellezza, la cura del ca-

la scelta delle corrette materie prime e nel porsi sul mercato come

pello e della persona, nonché allo studio di profumazioni alcoliche

azienda etica. Ricerca e sviluppo sono alla base del concept

elaborate con oli essenziali naturali. La flessibilità nella capacità

aziendale tant’è che vengono portate avanti convenzioni e proget-

di creare, sviluppare, produrre e confezionare prodotti specifici

ti con università e ricercatori. L’azienda apre i suoi laboratori alla

per conto terzi pone l’azienda in competizione con altre produttrici

formazione di personale e di stagisti provenienti da rinomati atenei

leader sul territorio nazionale. Rispettare i test di tollerabilità ed

italiani, dando loro l’opportunità di crescere e specializzarsi, per-

eseguire le certificazioni integrative dei prodotti, secondo le leggi

ché la vita di laboratorio è ricerca continua al servizio della qualità.

in vigore, rispettare la salvaguardia dell’ambiente, e del concetto di

Mettere le proprie capacità a disposizione del successo del cliente

ecologia, fare uso di sostanze naturali e vegetali, pone l’azienda in

è per Garagnani un obiettivo da perseguire con forza. La produzio-

una posizione di lealtà intellettuale e scientifica.

Via Tecnica, 6 - Santarcangelo di Romagna - 47822 - Rimini - tel. 0541.758844 - fax 0541.750480 - www.garicosm.com - garicosm@adhoc.net


42 | IN Magazine


Incontrare | Mirko Tomassoni

Sono un ragazzo

Fortunato

testo Patrizia Santini - foto Filippo Pruccoli

Un terribile incidente poco più di dieci anni fa gli ha cambiato la vita. Ma non ha tolto a Mirko Tomassoni vitalità e voglia di impegnarsi nell’associazionismo e in politica, dove ha anche ricoperto il più alto ruolo istituzionale nella Repubblica di San Marino, quello di Capitano Reggente.

queste tematiche. Poi mi hanno chiesto di candidarmi, ho deciso di farlo all’ultimo minuto, e alla fine sono stato eletto.”

Nell’aprile 1998 rimane vittima di un incidente stradale mentre percorreva la strada in discesa da Montescudo a Faetano. Tra un tornante e l’altro racconta di aver perso il controllo della motocicletta ed essere stato investito da un auto, che sopraggiungeva nella corsia opposta. Lesione spinale, per il giovane Mirko Tomassoni, un terribile verdetto che riesce a mortificare fortemente la vita, spesso la “affoga”. Non per lui, che ha retto il confronto con un handicap tanto invalidante, perdendo l’uso delle gambe ed entrando a far parte del popolo dei disabili o diversamente abili, come si usa dire di questi tempi. Oggi è un uomo “fortunato”,

proprie capacità. Perché c’è ancora

pieno di vitalità, impegnato politica-

tanto da consolidare, in questa no-

mente (è consigliere del Psd), fon-

stra fetta di mondo?

datore e presidente dell’Associazione Attiva-Mente, conosciuta a livello internazionale e, non pago, due anni fa ha ricoperto l’incarico istituzionale più importante, quello di Capitano Reggente.

“La posizione che ho voluto esprimere, recentemente, sulla stampa, è stato solo un primo tentativo di arginare una deriva che, a mio avviso, sta distorcendo a San Marino in maniera negativa senso, principi e valori del volontariato, rendendolo molto meno virtuoso di quanto potrebbe. Va sempre inteso gratuito e solidale, e con questi presupposti va promosso e sostenuto dallo Stato.”

Come sei arrivato ad essere un Eccellentissimo Capitano Reggente?

“Analogamente a ciò che era stato fatto in Italia, anche alcune associazioni sammarinesi hanno presentato un documento pre-elettorale in cui si sottolineavano azioni e opere necessarie. Per questo motivo, all’approssimarsi delle Elezioni del giugno 2006, abbiamo incontrato i Partiti e ognuno di loro mise nei propri programmi un impegno su

Credo tu sia stato l’unico esempio al mondo, giusto?

“Probabilmente sono stato il primo Capitano Reggente disabile nella storia sammarinese, mentre il primo Capo di Stato al mondo, costretto su una carrozzina, fu Roosevelt, presidente degli Stati Uniti.” Sei stato su ogni quotidiano ribadendo il valore del vero volontariato che deve essere gratuito, come hai affermato, per non perdere il valore irrinunciabile del dono di una parte del proprio tempo e delle

Anche per questo motivo hai fondato nel 2004 l’associazione?

“Non solo; una volta dimesso dall’Ospedale dopo più di un anno di degenza, lo strumento che più mi ha aiutato a reagire è stato internet. Li ho scoperto un

IN Magazine | 43


“Un pizzico di incoscienza a volte forse non guasta. Connessioni Attive per la Pace, INSANIA, la Cena al Buio, Convegni… sono iniziative che richiedono un impegno maggiore e per questo le ricordo con piacere; ma le situazioni che non dimentico, sono tutte quelle in cui vedo negli occhi dei partecipanti quella ‘positiva sorpresa’ che mi rende davvero soddisfatto.” Torniamo ad internet, “bocca vorace” che inghiotte tutto e di tutto.

I Capitani Reggenti Al vertice della Repubblica di San Marino sono due Capitani Reggenti che esercitano il loro ufficio collegialmente. Sono eletti dal Consiglio Grande e Generale, tra i suoi membri. La carica dura sei mesi, mentre l’investitura avviene il 1° aprile e il 1° ottobre. Terminato l’incarico non possono ricandidarsi per almeno tre anni. Possono diventare Capitani Reggenti solo i sammarinesi originari che abbiano compiuto 25 anni d’età. Alla carica non si può rinunciare, prevale su ogni altra che, nell’occasione, deve essere abbandonata.

vero universo per la disabilità: notizie, esperienze, opportunità provenienti da altri Paesi, la ricerca, gli ausili… Tantissime cose che qui tuttora mancano; quindi ho pensato che avrei potuto ‘attivarmi’ per far conoscere queste possibilità a chi, come me, viveva l’handicap. ‘Attiva-Mente’, lo dice la parola stessa, nasce per far riflettere, non piangersi addosso e allo stesso tempo trovare stimoli per reagire e andare avanti. L’obbiettivo era coinvolgere le persone in Repubblica che vivevano il mio disagio, ma anche e soprattutto dimostrare che i portatori di handicap sono portatori anche di qualcosa d’importante e positivo.” Sei una persona, incredibile a dirsi, molto “mobile”. Sempre in giro, viaggi continuamente, nulla ti spaventa e, come dici tu, ogni tanto si deve osare, com’è accaduto anche

Sopra, Mirko Tomassoni durante la cerimonia d’investitura a Capitano Reggente della Repubblica di San Marino, nel 2007. In apertura, insieme alla figlia Maya.

44 | IN Magazine

per la nomina a Capitano Reggente; con l’Associazione hai sviluppato importanti iniziative. Quali sono le ultime che ti piace ricordare?

“Internet ha contribuito moltissimo alla mia ripresa. Mi ha permesso di conoscere persone nuove, in chat ho conosciuto anche mia moglie che viveva in Guatemala; tra un post e l’altro, abbiamo approfondito l’amicizia. Nel 2000, l’anno del Giubileo, è venuta a trovarmi, è nato l’amore... poi qualche mese dopo, sono andato da solo in Guatemala per tre settimane. In viaggio di nozze siamo stati in Iran, dove ad attenderci c’era un’altra amica conosciuta in chat. La sua famiglia ci ha fatto visitare il Paese, che ha molti aspetti che a noi non sono mai mostrati. Bei posti, bella gente, tanti giovani. Perciò ripeto: Investire nell’autonomia è importantissimo.” Oltre a quest’aspetto, cosa o chi è stato determinante per la tua ripresa?

“Sicuramente la famiglia e la nascita di mia figlia. Oggi ha quasi quattro anni. La mia disabilità poteva facilmente compromettere anche il fattore procreativo, invece ho avuto anche questa enorme fortuna: perciò come potrei non considerarmi, malgrado tutto, un ragazzo fortunato?” IN


Al centro del benessere Smes nasce dall’idea di realizzare una struttura sanitaria altamente specializzata, in grado di fornire risposte certe su alcune tra le problematiche più frequenti nel campo della salute e del benessere, grazie anche all’ausilio di tecnologie all’avanguardia. Attraverso percorsi personalizzati, il paziente viene guidato al raggiungimento di quell’armonia che nasce dal giusto equilibrio tra lo stato fisico e quello psichico, sempre con discrezione ed equilibrio. Questa è la nostra missione: puntare alla “umanizzazione” di una medicina in rapida evoluzione, pur mantenendo alta l’attenzione verso l’eccellenza dei risultati. Direttore sanitario Dr. Bruno Bovani Chirurgo plastico Docente presso il Master in Dermatologia Estetica dell’Università degli Studi di Firenze

Strada di Paderna, 2 Fiorina – Rep. San Marino Telefono: 0549-904646 Fax: 0549-954432 E mail: smes@omniway.sm

STUDIO DI MEDICINA ESTETICA SAMMARINESE


Suonare | Dany Greggio

Il gentleman della

Musica

testo Riccardo Belotti e Cinzia Tedeschi - foto Federica Giorgetti

Sul cappello texano è appuntata una stella rossa con l’effigie di un irriconoscibile Lenin bambino: Dany Greggio, cantautore e attore nato in Sudafrica da genitori italiani, da anni trapiantato in Romagna, porta in testa con eleganza il sogno americano in declino e le false promesse di un comunismo ancora in fasce.

46 | IN Magazine


Incontrare un artista come Dany Greggio significa, fra l’altro, avere a che fare con un talento riconosciuto della new wave cantautorale ma anche con l’attore ‘feticcio’ di Motus, gruppo teatrale italiano per il quale lavora dal ’99, quando fu notato da Enrico Casagrande e Daniela Nicolò, i “dioscuri” di Motus, mentre apriva il concerto dei La Crus al Novelli di Rimini. Era il 28 dicembre 1998. Esattamente dieci anni dopo, nello stesso teatro, in una serata introdotta dalle performance di amici musicisti come Giuseppe Righini e Daniele Maggioli, Dany ha presentato, assieme ai suoi “Gentlemen”, il proprio debutto discografico, l’omonimo album con 14 tracce inedite e 2 monologhi. Un lavoro dove si respira la complessità ma anche la sincerità di Greggio, capace di esprimersi su registri differenti: ballad romantiche, sonorità jazz, testi di denuncia cantati con grazia ed ironia. Soprattutto autentico teatro/canzone/performance, sulla scia di Giorgio Gaber e Tom Waits.

librerie Feltrinelli, Interno 4 e su vari siti on-line.” Ispira fiducia e curiosità il packaging prezioso, curato nei particolari. Il disco si presenta con copertina e libretto d’autore realizzati da Gianluigi Toccafondo. Com’è nata la vostra collaborazione?

“Per il disco desideravo realizzare un lavoro fotografico con Federica Giorgetti (sua compagna, ndr) ma siamo rimasti in dolce attesa e abbiamo cambiato programma. Forse doveva andare proprio così, una notte ho sognato Gianluigi Toccafondo e ho capito che dovevo chiamarlo. È un caro amico, quindi gli ho telefonato e gli ho detto che stavo facendo un disco, se voleva aiutarmi. Lui aveva appena terminato di fare l’aiuto regista per Gomorra e aveva una gran voglia di disegnare: gli ho mandato del materiale e dopo tre settimane mi ha mostrato le tavole. La sua collaborazione è stata un vero atto d’amore e ha aggiunto valore al progetto.”

Cosa rappresenta questo lavoro per te?

“Il disco è lo specchio delle esperienze che ho vissuto sino ad ora. Forse non è propriamente semplice, denota una complessità intrinseca frutto delle esperienze e degli incontri di anni, ma è sincero e fuori dalle furberie di mercato. Non mi sembrava il caso di aggiungere un ulteriore disco inutile e cretino al panorama del prodotto musicale italiano.” Come lo valuti in tre aggettivi?

“Letterario, visionario, teatrale. Musiche e testi sono miei, tranne ‘La vita agra’, che ho tratto dal libro omonimo di Luciano Bianciardi e ‘Sei arrivata’ il cui testo è stato scritto con Cristiano De André. Ai testi tengo particolarmente, voglio che siano comunicativi e non banali, ma c’è anche molta ironia, che ritengo sia fondamentale per comunicare.” Chi sono i “Gentlemen”?

“Sono nati tre anni fa, dopo una

Tanti anni di ricerca e sperimentazione: dagli esordi punk al cantautorato, col disco pubblicato da Interno 4 Records e NdA Press, “Dany Greggio & The Gentlemen”. Come stanno andando le vendite?

“Molto bene. Abbiamo distribuito tutto il materiale stampato, ma per avere dati concreti dovremo attendere. Il disco è in vendita nelle

Dany Greggio & The Gentlemen in concerto al teatro Novelli, nel dicembre 2008, alla presentazione in anteprima del loro album.

IN Magazine | 47


Dany Greggio ha esordito in teatro con Motus nel 2000, nell’opera Orpheus Glance.

idioma: quanto dell’esperienza sul palco coi Motus conta in tutto ciò?

lunga messa a punto del progetto musicale. Il nome è ironico: pensare a un gentleman fa venire in mente un signore inglese tutto impettito; ciò contrasta decisamente col nostro modo di fare musica. D’altro canto, dire gentle è come riconosce-

“Nelle performance vocali mi aiuta molto il teatro. Lo studio della voce inizia dal brano e dal personaggio di cui voglio raccontare. I caratteri che interpreto sono presi in parte dalla realtà, altri nascono da improvvisazioni con amici attori. Inoltre, per esprimere in maniera diversa, o dare un’ambientazione particolare a una canzone già scritta, ho trovato che calzasse un determinato personaggio piuttosto che un altro. Dai Motus la cosa più importante che ho imparato, e che forse non sempre riesco ad applicare, è che c’è una misura, un punto d’equilibrio variabile che mantenga forte e incisivo un

Stile e ironia nel nome della band re uno stile, un’eleganza interiore che ci rappresenta; lo sento più vicino ad ‘Emo’, come si definiscono alcuni ragazzi oggi. Chiusi rispetto alla bruttura di modelli e status imperanti, per difendere una gentilezza e purezza di sentimenti che scardina invece i luoghi comuni e le paure del diverso in generale. I Gentlemen sono Andrea ‘Atto’ Alessi, al contrabbasso, che con me è la colonna portante del progetto. Grazie a lui sono stati coinvolti Simone Zanchini, tastiere, e Vincenzo Vasi, theremin e vibrafono. Con loro ho capito che il progetto era a fuoco.” I tuoi concerti sono performance teatrali, reciti monologhi; cambi voce,

48 | IN Magazine

atto performativo, un equilibrio da ricercare continuamente.” Hai detto che tra recitare e cantare ami di più cantare. Per quale ragione?

“Non riesco a spiegare a parole ciò che sento. È che cantare e suonare mi coinvolge e agita molto di

più, in positivo e in negativo. Per questo scrivo canzoni: il linguaggio poetico è più vicino alla mia anima, perché lavora su una sfumatura che ti resta dentro e che puoi raccontare senza dover dare spiegazioni precise. Come accade in una foto. È qualcosa di immediato. Sai da dove arriva, ma resta aperto a tanto altro.” Hai girato tanta parte del mondo, ora sei in Romagna. Cosa ne pensi di questa terra?

“C’è tanta apertura mentale, almeno formalmente e penso che sia un buon punto d’osservazione: poi però devi anche partire. Bisogna uscire, confrontarsi con gente che non ti conosce e che non puoi sapere com’è disposta nei tuoi confronti.” Ci vuole coraggio a fare il mestiere d’artista?

“Ci vuole più coraggio ad essere se stessi, forse. Penso che per fare questo mestiere ci voglia soprattutto passione e perseveranza. La passione ti ripaga moralmente e artisticamente. A livello economico il ritorno è difficilissimo, ma poco importa, se ti riconosci in quello che fai. È questa la qualità della vita.” IN

Breve biopic d’artista Dany Greggio nasce a Johannesburg alcuni anni fa. Il lavoro del padre lo porta a girare a lungo per l’Africa: Sudafrica, Libia, Marocco, Egitto. Rientrato in Italia s’iscrive ad Architettura a Venezia, dove studia, lavora e suona. In quegli anni gestisce il Paradiso Perduto, importante luogo di ritrovo per gli amanti di musica, vino e cibo. Scrive diverse canzoni: “Natale a Milano” viene inserita in un album di La Crus mentre “Sei arrivata” viene incisa anche da Cristiano de André. Proprio i La Crus portano in tour Dany Greggio che nel ’98 apre i loro concerti. Il 28 dicembre 1998 l’incontro con i Motus. Il resto è storia.


Gustare | Ristorante Vite

Ragione

Sentimento

e

testo Pier Antonio Bonvicini

Ăˆ il momento della ristorazione sulle colline riminesi. Cominciando da Vite. In tavola le eccellenze delle coltivazioni e degli allevamenti di San Patrignano. Che un sapiente chef e la sua brigata di cucina trasformano in ottime pietanze. Da gustare nella calma atmosfera del locale, in una potente combinazione d’arredi e colori. Disponendo anche di una eccezionale cantina.


In apertura, una delle due ampie sale di Vite. A fianco uno degli eleganti salottini del Ristorante.

Ha ragione Carlo Bozzo, capo ufficio stampa di San Patrignano, quando dice che a Vite si mangia bene. E le ragioni sono due: l’esperienza dello chef e le eccellenti materie prime. Abbiate allora l’entusiasmo di inoltrarvi nelle campagne del Riminese, così sarete ripagati da una cucina che vi sorprenderà. Nessun effetto speciale, per intenderci, ma tanta concretezza nel piatto corrisposta da presentazioni di livello. Per raggiungere il ristorante, lascerete l’Adriatica all’altezza di Rimini e imboccherete la statale 72 per San Marino. Quindi l’abbandonerete nei pressi di Cerasolo per salire rapidamente sulle alture del Corianese. Raggiunta la sommità della collina Montepirolo, ecco la vostra meta, col suo comodo parcheggio. Ora varcherete l’ingresso di questa bella casa che al suo interno ricorda quelle dimore di campagna toccate dall’eleganza e dalla modernità. Con tanto di camino e salottini, e terrazza per l’estate. Così sarà il bordeaux a dominare nei colori, dalle originali carte da parati alle tovaglie, ma si farà apprezzare anche il caldo legno non soltanto al pavimento. E la foglia di Vite, riconoscibile pure al soffitto nella sua imponenza, è lì a ricordare che questo angolo di Romagna è circondato da vigneti. Ma la sorpresa, appena entrati, l’avrete nel constatare che la cucina è un open

52 | IN Magazine

space, direttamente in contatto con

arredi e colori, ma soprattutto una

la sala. Allora vi terrà compagnia

nuova porta aperta sulla Comunità.

la vista della volenterosa e silenziosa brigata che osserverete anche dalle ampie vetrate del piano superiore, se sarete su quest’ultimo per un aperitivo o per mangiare. Scendendo in cantina, disporrete invece di un privé con vista sulle 12.000 bottiglie conservate a 15 gradi, ad una umidità del 70%. Vite

Che qui impegna, dai primi di giugno

è un ristorante luminoso e panoramico, una potente combinazione di

La ricetta: Risotto Vite Ingredienti per 4 persone: gr. 280 riso carnaroli Acquerello, gr. 40 pancetta croccante, gr. 20 scalogno, gr. 100 squacquerone affumicato, gr. 150 burro, gr. 50 parmigiano, gr. 450 vino rosso Aulente Preparazione: appassire lo scalogno tritato coi 60 grammi di burro. Aggiungere il riso, tostare bene e bagnare con vino bianco: lasciare evaporare, continuando la cottura con brodo leggero di pollo. Mettere a ridurre il vino rosso fino a un terzo del suo peso, poi legare con un po’ d’amido di mais, correggere di sale, aggiungere un pizzico di zucchero e 20 grammi di burro. A circa tre quarti di cottura aggiungere la pancetta croccante e lo squacquerone affumicato. Aggiustare di sale e pepe, poi mantecare col burro e il parmigiano. Servire su piatto piano, appoggiare sopra una fetta di pancetta seccata in forno e insaporire col ristretto d’Aulente. Decorare con una foglia di germoglio di vite fritta.

2008, sotto la guida dello chef Fabio Rossi, oltre una ventina dei suoi ragazzi tra sala e cucina.

A consigliare invece gli abbinamenti tra cibo e vino è arrivato da Bassano del Grappa il sommelier Gianfranco Marchesan, responsabile anche della cantina. In tavola le eccellenze delle coltivazioni e degli allevamenti di San Patrignano, il pesce dei


A fianco, lo chef Fabio Rossi e alcuni suoi collaboratori.

Culinaria News: Romagnoli fuori porta

nostri mari e altro ancora, che chef e collaboratori trasformano in ottime pietanze, realizzate con stile ed efficacia creativa. Così non si può che essere d’accordo con l’arrivo ai fornelli del riminese Fabio Rossi, che dopo gli studi è al Caffè delle Rose di Rimini con lo chef Silver Succi, poi alla Grotta di Brisighella, quindi al Bristot Claridge di Cese-

aromatiche, ortaggi; il girarrosto (agnello, faraona, maiale); quaglia con foie gras, profumo di lavanda, riso ai mirtilli, funghi porcini. Poi lo straordinario carrello dei formaggi e tra i dolci, ottobre rosso (con mirtilli, melograno, mela fuji); banana apparente, plumcake al cioccolato. Inoltre ottime torte e non solo in un altro carrello.

Enrico Croatti, dopo aver lavorato a Los Angeles col maestro Gino Angelini, è ora ai fornelli del quattro stelle “Boutique Hotel Chalet Dolce Vita” di Madonna di Campiglio. La sua cucina è un caldo abbraccio fra tradizione e innovazione, un tenero incontro fra presente e passato. In armonia con le stagioni e col territorio. Da provare, in via Castelletto Inferiore, 10. www.chaletdolcevita.it

È una porta aperta sulla Comunità natico. Infine all’Acero Rosso di Rimini dal ’96 al 2006, dove conquista una stella Michelin. Ora uno sguardo al menù, che varia almeno 3 - 4 volte l’anno, affiancato da squisiti pani e grissini fatti in casa. Tra gli antipasti, calamaretti con canocchie e finferli, crema di patate; polpette di fagiano, foie gras, tartufo nero, lamponi; lepriglio (un incrocio fra lepre e coniglio selvatico), peperoni, insalata di carciofi, olive e topinambur, carciofi fritti. Tra i primi, spaghetti con sgombro, ricotta infornata, broccoletti, bottarga di tonno; strozzapreti, ragù di agnello, castagne, pecorino. Al secondo, cartoccio di pesci, erbe

Quanto ai vini, una carta con 1700 etichette, dal mondo e dall’Italia a prezzi ragionevoli. E quasi un centinaio fra distillati (la maggior parte), amari e vini da meditazione. Buona scelta di caffè, the e tisane. Concluderete con un calice di Wattwiller, acqua Alsaziese che per l’assenza di nitrati vi aiuterà a digerire. Quattro portate, bevande escluse, costano sui 50 euro. Altrimenti tre menù degustazione: “il bosco e l’aia” a 38 euro, “i poveri e i ricchi” a 48 e “oggi e/è ieri” a 60. Per me ogni cena è come uno spettacolo teatrale, dice Ferran Adrià Acosta. Anche a Vite la tavola ogni giorno è uno spettacolo. IN

Ristoranti di città Alla Mano, a Forlimpopoli, è la nuova destinazione della gola, dai primi di maggio del 2008. La cordiale accoglienza e il piacevole ambiente anticipano il menù. Dalla cucina, piatti che variano giornalmente, secondo il mercato. Vini del territorio, ma anche bollicine e distillati. Caffè con la moka e conto più che corretto. In via della Repubblica 16/B, mai di lunedì.

Andar per Enoteche Vini di qualità, a Calisese di Cesena, all’Enoteca La Bottega. Buona scelta d’etichette consigliate con competenza. Ma anche caffè e prodotti tipici. Chiusa domenica e lunedì mattina. In via Malanotte, 89.

IN Magazine | 53


Abitare | In villa, a Riccione

Visione

Geometrica testo Monica Gasperini - foto Mario Flores

Lusso e sobrietĂ , eleganza e misura, ricchezza dei materiali e cura nei dettagli. Equilibrio e rigore, di forme e colori, negli interni di una villa a Riccione.


In apertura, zona living con veduta panoramica. A fianco, la sala al piano inferiore caratterizzata dal bianco dominante. Sotto, la camera padronale.

liberamente a inquadrare fughe di volumi forti. Al piano inferiore

La villa situata a Riccione esibisce l’equilibrio, tipicamente italiano, di lusso e sobrietà, eleganza e senso della misura, ricchezza di materiali e cura dei dettagli, nel rigore di un’atmosfera essenziale. L’involucro perfetto, che vanta spazi ampi e luminosi, si apre al paesaggio fluido che comprende il living, il giardino e la piscina in un unico ambiente vista mare. Gli interni della residenza offrono l’immediata sensazione di una moderna, accogliente fluidità e sono ispirati al minimalismo contemporaneo ma senza esasperazioni, mantenendo un sottile legame con i temi della “classicità”: ambienti aperti, comunicanti tra loro, con arredi e finiture studiate nel dettaglio, caratterizzati da tonalità che creano un’atmosfera tranquilla e armoniosa, dove poesia e ricerca si uniscono a sperimentalismo e funzionalità, su una base neutra data dalla pavimentazione in parquet e dalle pareti bianche, che esaltano la semplicità della struttura.

La luce che entra dalle vetrate, assieme all’illuminazione generata da punti luce disposti con sapienza, fa risaltare i pezzi di design e dei quadri alle pareti giocando sui richiami cromatici, opere create dalla proprietaria Simona Marcolini. La casa si sviluppa su tre livelli: al

56 | IN Magazine

piano terra la zona living ampia e luminosa è caratterizzata da divani in pelle nera e dall’immancabile chaise longue di Le Corbusier, dal tappeto in pelle di mucca e dalle lampade da terra rigorosamente anni ’60. Il camino che si sviluppa su tutta la parete fronte divani si ispira chiaramente alle linee rigorose del celebre pittore olandese Piet Mondrian. Solo pochi scalini separano la zona conversazione e relax dall’area pranzo, sempre in pieno stile Funzionalismo con tavolo dal piano in cristallo di Le Corbusier, circondato da sedie di Philippe Starck. Mentre la cucina è delineata da una pavimentazione in cotto. Nessun limite di orizzonti in una casa dove gli occhi corrono

prospettive di luce e di volumi, scolpite nel bianco assoluto, il colore dominante scelto, l’unico che la luce non la assorbe ma la riflette: dalle pareti, al pavimento, alla cucina, al divano, al tavolo di Saarinen con le sedie di Harry Bertoia con struttura in trafilato d’acciaio cromato. Questo spazio è il luogo dove invitare amici e condividere esperienze, il tutto all’insegna della grande tradizione moderna fatta di funzionalità, semplificazione e minimalismo. Al piano superiore, infine, si organizza l’area più privata della casa, destinata al riposo e alla cura del corpo. La camera padronale è dominata dal maestoso letto in pelle nera di Ludwig Mies van der Rohe, dalla poltrona in pelle e acciaio Barcelona e dalla lampada a sospensione di Bruno Munari del 1964. Elegante, sobria e funzionale è anche la sala da bagno, interamente rivestita con ceramica rosa cipria. IN


Celebrare | Progetti e premi

Menabó dà

"Lezioni d'Europa" testo Caterina Boschetti

Stagione di successi e riconoscimenti per l’agenzia forlivese, grazie a progetti di levatura nazionale ed europea: dai premi Mediastars in varie categorie, per clienti quali Lavazza e la onlus CIPSI, alla nomination ADCI per Burger King, fino alla campagna di comunicazione per “Lezioni d’Europa” ciclo d’incontri, in programma fino a giugno, promossi e sostenuti da istituzioni continentali e governo italiano.

Dalle stelle all’Europa: Menabó - Lorenzo Marini Group di Forlì accoglie nuovi importanti riconoscimenti ed è pronta a lanciarsi in un grande progetto promosso dalla Commissione Europea. Negli ultimi mesi, infatti, l’agenzia ha raggiunto ulteriori traguardi, classificandosi al primo posto in più categorie alla XII edizione di Mediastars, Premio Tecnico per la Pubblicità, che punta a valorizzare la professionalità di chi opera, su scala nazionale, nel campo della comunicazione. Dai viral video di Olidata JumPC alla linea di abbigliamento Lavazza ProFASHIONal, fino alla campagna sociale per la onlus CIPSI, Menabó si è vista riconoscere “dall’alto” una professionalità ormai consolidata, che continua a crescere e a guardare avanti.

Il tentativo di sperimentare nuove frontiere ha condotto l’agenzia a raggiungere perfino la Commissione e il Parlamento europei, vincendo una gara d’appalto per un progetto di comunicazione promosso e sostenuto proprio dalle istituzioni dell’UE , nonché dal

Governo italiano, Dipartimento delle Politiche Comunitarie, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri. Si tratta di “Lezioni d’Europa”, ciclo di incontri in programma fino al 22 giugno tra Roma, Milano e Catania, nell’ambito del Mese dell’Europa. Per tale iniziativa, Menabó ha ideato la corporate identity (logo e declinazioni visive), tutti i materiali promozionali (inviti, locandine, ecc.) nonché il sito ad hoc www. lezionideuropa.eu. Ha inoltre gestito il rapporto coi media locali

e nazionali per garantire la massima visibilità agli eventi. “Lezioni d’Europa” è stato possibile grazie al supporto tecnico dell’ente Studiare Sviluppo, mentre gli altri partner sono stati MGM - Digital Communication e Luca Sossella Editore. Il progetto è indirizzato a tutta la cittadinanza e vede tre relatori d’eccezione discutere di UE in modo semplice ed efficace. L’economista Mario Monti, il noto nutrizionista Giorgio Calabrese e la vice presidente del Senato della Repubblica Emma Bonino sono i tre ospiti che trattano, rispettivamente, di mercato unico, sicurezza alimentare e identità europea. Dopo la prima tappa di questo viaggio itinerante e virtuale nell’UE che si è svolta lo scorso 25 maggio a Roma nella prestigio-

IN Magazine | 59


In queste pagine, materiali promozionali di "Lezioni d'Europa" ideati dall'agenzia Menabó.

sa cornice della sala congressi del CNR, Consiglio Nazionale delle Ricerche, in cui Mario Monti ha parlato di Europa, il capitalismo di mercato e la crisi economica insieme a Carlo Bastasin, giornalista de “il Sole 24 Ore”, la seconda lezione è in programma giovedì 18 giugno a Catania (ore 16), all’interno del Monastero dei Benedettini (Aula Magna Santo Mazzarino, piazza Dante 32), storico luogo, oggi sede dell’Università di Lettere e Filosofia. Relatore sarà Giorgio Calabrese, che parlerà di Sicurezza

alimentare. Conduttore dell’evento, il famoso divulgatore e giornalista televisivo Alessandro Cecchi Paone. L’ultimo appuntamento con “Lezioni d’Europa” vedrà invece protagonista Emma Bonino, che chiuderà il ciclo di incontri lunedì 22 giugno a Milano (ore 18) alla Mediateca di Santa Teresa (via Moscova, 28). La Bonino tenterà di spiegare ai presenti il significato di Identità Europea. Conduttore Giuseppe Sarcina, giornalista del “Corriere della Sera”. IN

Premi Mediastars per Cipsi e Lavazza, nomination ADCI per Burger King

L’agenzia Menabó raddoppia e si aggiudica due primi posti nel prestigioso premio Mediastars con una campagna sul microcredito alle donne e per la linea di abbigliamento professionale Lavazza. Due le categorie in cui l’agenzia ha ricevuto i massimi riconoscimenti. Menabó ha vinto nella

60 | IN Magazine

Sezione Tecnica Audiovisiva per la campagna sociale “Per le donne il microcredito può contare tanto”. Si tratta di uno spot video da 30 secondi realizzato per la ong CIPSI (www.cipsi. it), per far conoscere il microcredito. In seconda battuta, per Lavazza Trade Marketing Menabó ha realizzato Lavazza ProFASHIONal, nuova linea di abbigliamento professionale di alta qualità, che si distingue per l’icona delle tre tazzine Lavazza, bianca, rossa e verde: un messaggio di italianità, per un marchio che da sempre

esprime eccellenza e che è ormai entrato nella tradizione, nella storia e nel costume degli italiani. Importante riconoscimento a Menabó anche da ADCI, l’Art Director Club Italiano. L’agenzia è arrivata in nomination – short list con un progetto realizzato per Burger King. Si è trattato di un’azione di RP finalizzata al direct marketing per il 50° compleanno di Whopper, il panino dell’azienda. Gli obiettivi di attention get e memorabilità sono stati raggiunti attraverso la creazione di un cuscino poggiatesta su cui riposare, rilassarsi e pensare in grande (Think Whopper), fedele riproduzione del panino simbolo dell’azienda.


da oggi il lusso diventa accessibile

Soluzioni innovative con eco-malte all’acqua per esterni e interni. Antica lavorazione del Cocciopesto, pavimenti, piani cucina, gradini, ecc.. Pavimenti in legno antico, Parquet in Bamboo, pietre naturali, Materiali naturali per la Bio-Architettura, mosaico in cocco, arredamenti d’interni, tappeti, cuscini, pouf e complementi. Bio camini, oggetti in bronzo e marmo di recupero, tele e sculture d’arte moderna.

via Al Mare, 14 - San Giovanni in Marignano - 47842 RN Italia - tel. 0541.957697 - info@centroceramica.it - www.centrodellaceramica.it


Piacere | Benessere e prova costume

Un’estate in

Salute

testo Lucia Lombardi

Arrivare in forma alla prova costume senza perdere il sorriso. I consigli di alcuni esperti riminesi in psicologia dell’alimentazione, estetica e fitness. Per vivere la bella stagione all’insegna del benessere.

Yes we can. A Miami, Nizza o Rimini, possiamo rendere la prova costume meno impegnativa dal punto di vista psicologico e fisico. Le regole esistono e sono in prevalenza metodologie comportamentali. In una società edonistica come quella in cui viviamo, dove il bello è un imperativo, carpire i consigli degli esperti può aiutarci. “Talvolta risulta difficile accettarsi, ma è un passaggio fondamentale”, spiega il dottor Fabio Piccini, psicoterapeuta con esperienza nel campo della ricerca sui disturbi della personalità e del comportamento alimentare, autore del volume Rivedersi e di uno dei blog più frequentati da chi vive rapporti problematici col cibo. Accettarsi è un traguardo fondamentale per vivere un rapporto appagante con

62 | IN Magazine

se stessi. “L’uomo medio sceglie donne più burrose, come emerge dai test, mentre le aspirazioni femminili sono differenti per via dei modelli offerti dai media e non dalla realtà. Guardarsi attorno, essere realisti, non farsi ingannare dalle immagini mediatiche, il più delle volte ritoccate, aiuta” spiega Piccini. Alla base di tutto ci deve essere un’educazione alla salute, abituarsi a un’educazione alimentare che diventi regola di vita, per salvaguardare in primis il benessere psicofisico: per questo motivo lo psicoterapeuta sostiene programmi alimentari nelle scuole medie inferiori, quale investimento sulle future generazioni. “Nessuno c’insegna come usare il cibo, un regime alimentare restrittivo è sbagliato, se si seguono diete con cri-

teri sbilanciati si vive stressati, e il fisico a ‘fisarmonica’ può produrre sfasamenti.” Prendersi cura di sé è fondamentale, sia attraverso regole green, sia per mezzo della medicina. In questa stagione è utile disintossicarsi, depurare tessuti e organismo, grazie a tisane depurative, drenanti, come consigliano a Palazzo BenEssere, city spa di Rimini, Donatella Giannini, responsabile organizzativa, e Miriam Gori, responsabile tecnica. Dopo una diagnosi del cliente, oltre ai macchinari innovativi per perdere chili e ritrovare un’epidermide vellutata, qui praticano alcuni efficaci trattamenti: “fanghi, saune e massaggi detossinanti, che - spiegano - aiutano l’eliminazione di gonfiori conseguenti la vasocostrizione. I bendaggi con


A fianco, lo psicoterapeuta Fabio Piccini. Sotto, il chirurgo plastico Bruno Bovani di SMES.

soluzioni naturali ai principi attivi abbinati a pressoterapia sono usati contro gli inestetismi, mentre il fango modellante allo zenzero possiede principi attivi potenti, e abbinato all’idromassaggio porta efficaci risultati. I massaggi ultrasonici movimentano i liquidi, i massaggi linfodrenanti classici e i massaggi rimodellanti, in 2 o 3 sedute settimanali fanno perdere persino una taglia. I putch di Palazzo BenEssere si applicano per l’intera notte, così che le sostanze drenanti e detossinanti sciolgano i grassi. Gli scrub utilizzati una volta a settimana aiutano ad ossigenare e stimolare le cellule germinative,

utili anche alla stimolazione della melanina per una bella abbronzatura. Unitamente ai trattamenti è importante lavorare sulla depurazione associata ad una corretta alimentazione per migliorare il livello energetico.” Un uomo che vive per lo sport come Danilo Bascucci, titolare del centro fitness Mantra di Viserba, ci spiega invece che per una rapida remise en forme in vista dell’esposizione è bene “evitare di sottoporsi a sforzi inauditi perché violenti per il corpo. Bisogna mutare il proprio stile di vita tutto l’anno, combinando un’alimentazione corretta al movimento. Solo il 7% degli italiani

Trattamenti per essere pronti alla “prova costume” “Con l’arrivo dell’estate è possibile effettuare trattamenti rapidi e non invasivi per migliorare la ‘prova costume’. Stiamo parlando di programmi per contrastare la cellulite, ridurre i cuscinetti di troppo e migliorare il tono dei tessuti non più in forma come una volta.” Chi ci parla è il dottor Bruno Bovani, chirurgo plastico del centro SMES di San Marino, specialista in Chirurgia Generale e docente presso il Master in Dermatologia estetica dell’Università degli studi di Firenze. “Thermage è la soluzione ideale per rimodellare i profili del corpo. Considerata la metodica più efficace contro il rilassamento cutaneo, utilizza una particolare forma di radiofrequenza che agisce sul derma provocando un’azione di riscaldamento e la denaturazione delle fibre collagene, quindi la loro contrazione, con un risultato estetico paragonabile a

64 | IN Magazine

quello che si otterrebbe indossando una guaina invisibile sotto la pelle. Il trattamento - chiarisce il dottor Bovani - dura mediamente un’ora e mezza, dopodiché si può tornare alle attività quotidiane, con risultati visibili sin dalle prime applicazioni. Se il problema è la cellulite, ecco correre in aiuto un trattamento non invasivo e indolore specifico per il fastidioso inestetismo che colpisce cosce e glutei. Endermologie è una sorta di ginnastica cutanea che consente di riarmonizzare il tessuto connettivo e stimolare la circolazione sanguigna e linfatica, per un corpo più armonioso, una pelle più tonica e vellutata. Se, invece, il desiderio è tornare a ’riempire’ un bikini con un seno più pieno e tornito senza ricorrere alla chirurgia e senza stravolgere il proprio corpo, Macrolane è il trattamento consigliato, non solo in questo periodo dell’anno. Con

un’iniezione semplice e sicura, i gel Macrolane valorizzano volume e tono naturale della pelle, danno una forma armoniosa al corpo e ripristinano istantaneamente i volumi persi, per un look naturale e personalizzato. L’intervento può essere effettuato in via ambulatoriale, in un’unica sessione di trattamento, senza alcun tipo di degenza. Macrolane è stato formulato per offrire risultati evidenti, in grado di durare almeno un anno.”


A fianco, Danilo Bascucci di Mantra; sotto da sinistra, Michela Micheli del centro Ateneo, Donatella Giannini e Miriam Gori di Palazzo BenEssere.

fa fitness. La sedentarietà è causa di molte deficienze fisico-metaboliche, occorre combatterla con la volontà.” La pigrizia secondo Danilo non esiste: è un fatto mentale: “Centri come il nostro sono luoghi piacevoli dove si socializza e si è seguiti da esperti, che strutturano un percorso personalizzato, dopo un’anamnesi iniziale; frequentarlo 2 o 3 volte a settimana dovrebbe diventare una sana abitudine.”

66 | IN Magazine

Alla day spa Ateneo di Riccione, è invece stato messo a punto un nuovo dispositivo, il Nanopor, presentato da poco in Florida, “che risponde perfettamente alle esigenze dei clienti, - spiegano - essendo in grado di sostituire la tecnica mesoterapica, veicolando gli stessi principi attivi per via transdermica, permettendo i medesimi risultati in tempi relativamente brevi, tra le 8 e le 10 applicazioni. La fosfatidilcolina e l’acido ialuronico non vengono iniettati, ma veicolati tramite Nanopor. L’azione combinata tra elettroporazione e nanosomi aumenta la veicolazione dei principi attivi che, diversamente, avrebbero difficoltà a penetrare in profondità, ottimizzando i risultati. Nanopor è il primo dispositivo adatto a veicolare nanoparticelle (nanosomi, ndr) sterili. Tale tecnologia proviene da avanzate ricerche mediche applicate alla dermatologia cosmetica con risultati sorprendenti.” Seguire queste tracce di percorso può essere utile per non incappare in tranelli. Rafforzare fisico e personalità è fondamentale per mantenersi in forma tutto l’anno, partendo, magari, proprio dall’input della prova costume. IN


Speciale Via Soardi

a Soardi: Via Soardi:

lo shopping più esclusivo lo shopping più esclusivo per la BELLA

LLA STAGIONE STAGIONE

Testo a cura di Lina Colasanto - Foto Riccardo Gallini

Con l’arrivo dell’estate non si può più ricorrere alla scusa del maltempo per chiudersi in un anonimo centro commerciale; al contrario, è il momento di approfittare di giornate meravigliose per guardare il cielo e animare il centro storico. informazione pubblicitaria

Tra le eleganti vie presenti nel cuore della città una in particolare da visitare per posizione, architettura dei palazzi, storicità e negozi che ospita, è la raffinata via Soardi, racchiusa tra corso D’Augusto e via Sigismondo, con la fortuna di porgere lo sguardo all’imponente chiesa romanica gotica di Sant’Agostino. Se ci si addentra per l’ora del thé oppure dell’aperitivo, dalle 16 alle 20, è possibile ascoltare sonorità jazz e contemporanee che ben si conciliano col luogo. Ma il plus della via e la sua esclusività sono dati dall’esperienza e dalla conoscenza che si possono trovare all’interno dei negozi presenti. Rivolgendo le spalle alla cattedrale è sufficiente chiudere gli occhi per farsi trasportare dalle inebrianti essenze dell’Erboristeria Artemisia di Sandra Garzanti, dove è possibile ritrovare e scoprire antichi saperi naturali. Per l’estate si possono scegliere profumi agrumati per il corpo, la nuovissima essenza al patchouly dell’Erbolario, le tisane alla frutta, tutte vitaminiche, le erbe naturali, oltre duecento, e gli oli essenziali al ginepro, rosmarino e limone, per citarne alcuni. Non si possono certo scordare i prodotti naturali del laboratorio Arcangea che permettono un armonioso riequilibrio psicofisico per depurare e disintossicare il proprio corpo.


Speciale Via Soardi


ERboRiSTERiA ARTEmiSiA

Passando dal senso dell’olfatto a quello della vista non si può che rimanere affascinati dalle vetrine performance di Tacchi a spillo di Roberta Leonardi, uno shop dedicato alle calzature che oltre a proporre le linee Tacchi a spillo presenta un’ampia varietà di prestigiosi marchi. La particolarità del negozio è anche quella di proporre al cliente modelli di campionario, così da potersi

Integratori Arcangea agli estratti naturali. Via Soardi, 36 Tel/Fax 0541.781125

sbizzarrire nella scelta delle calzature e nei colori. Oltre all’accessorio must di tutte le donne è possibile anche scovare borse e linee di bijoux hand made e scoprire gli eventi a tema organizzati da Roberta.

TAcchi A SPillo

Dalla passione per gli accessori da indossare a quella per adornare la propria casa, il passo è breve quando gusto ed eleganza catturano l’attenzione come nelle proposte di Un po’ retrò di Stefania Bartolani, in cui originalità e tradizione privilegiano il fascino della lavorazione artigianale. Creazioni tessili personalizzabili, trompe-l’oeil dipinti a mano su

Sandalo gioiello Giancarlo Paoli SGN, Collezione Primavera-Estate 2009.

lino, singolari nappe per chiavi dai colori sapientemente accostati

Via Soardi, 23 A Tel/Fax 0541.786313 www.tacchiaspillorimini.it info@tacchiaspillorimini.it

delineando angoli intimi e suggestivi. Una fucina di creatività dove

e fiabesche sculture in grès esaltano la preziosità del pezzo unico, trovare nuove e raffinate ispirazioni.

un Po’ RETRÒ

Un luogo dedito da oltre vent’anni a un concetto di casa raffinata e ricercata è Blue Home Collection di Maria Ave Bertozzi e Sabina Monti. Ricerca e innovazione sono le linee guida delle due

interior designer che, oltre a collaborare con architetti e artigiani, selezionano aziende di tessuti d’altissimo livello, italiane, inglesi e francesi. Materiali preziosi, tendaggi, confezioni su misura per Indosattore servomuto, colonna in legno rivestito in pelle. Lavorazione artigianale. Via Soardi, 25 Tel/Fax 0541.781004 unporetro@infotelmail.it

complementi d’arredo, rivestimenti per pareti e divani, tappeti e oggettistica esclusiva, antica oppure fatta realizzare da artigiani, sono alcuni plus che Blue Home Collection offre al cliente. Una

eciale Via Soardi Speciale Via Soardi Speciale Via Soard

peciale Via Soardi Speciale Via So

eciale Via Soardi Speciale Via Soardi Speciale Via Soard

BLUE HOME COLLECTION

TACCHI A SPILLO

UN PO’ RETRò


scelta in continua evoluzione, che racconta uno stile classico e

bluE homE collEcTion

contemporaneo. In un attimo si viene però trascinati dalla contemporaneità al mito, entrando nel mondo ovattato de Il calderone incantato di Sara Giovagnoli. Un insolito luogo, dove è ancora possibile sognare senza distinzione d’età. Ad abitare questo negozio sono elfi, fate e tutti i personaggi del piccolo popolo creati da Incantesimo studio, pezzi unici e artigianali, realizzati in polvere di marmo.

Tessuti, divani, lampade e complementi d’arredo. Via Soardi, 21 Tel/Fax 0541.781640

Oltre a idee regalo, libri e musica tematici si possono trovare originali bomboniere per ricorrenze di festa. Un appuntamento da non perdere è sicuramente la “Festa delle streghe”, dal 20 al 24

il cAlDERonE incAnTATo

giugno, a San Giovanni in Marignano, a cui il negozio parteciperà. Da un mondo incantato ad un altro fantastico per innovazione e tecnologia. Quasi inimmaginabile quanto l’evoluzione corra senza freno nel punto Data Trade di Andrea Ravaglia, un Apple Store, che vanta la sigla Premium reseller, totalmente proiettato al futuro con gli oggetti hi-tech dell’azienda americana. I-Pod, I-Phone, computer e accessori, ma anche corsi di grafica

Lumocchio: realizzato in polvere di marmo e interamente decorato a mano. Via Soardi, 5 Tel/Fax 0541.709948 www.ilcalderoneincantato.it info@ilcalderoneincantato.it

e assistenza gratuita per i clienti sono l’arma vincente, insieme a serietà e qualità del prodotto, che permettono di superare a testa alta questo difficile momento di crisi incontrando l’esigenza,

DATATRADE

grazie ad azzeccate politiche di marketing, sia di ragazzi più giovani e studenti sia di adulti e imprenditori.

delle proposte, entrando in uno spazio dove si può rintracciare una vendita personalizzata che crea un feeling col cliente, ponendo attenzione alle sue reali esigenze e richieste. Informazione pubblicitaria

Il nuovo MacBook Air. Miglior grafica. Più spazio per i dati. Sempre il più sottile al mondo. Via Soardi, 15 Tel 0541.709112 -Fax 0541.432496 www.datatraderimini.it

informazione pubblicitaria

Tantissime alternative per chi cerca qualità e originalità

di Speciale Via Soardi Speciale Via Soardi Speciale Via S

oardi Speciale Via Soardi Speciale

di Speciale Via Soardi Speciale Via Soardi Speciale Via S

ERBORISTERIA ARTEMISIA

IL CALDERONE INCANTATO

DATATRADE


Riscoprire | Gher

L’inventore degli

Spiedini

testo Giancarlo Roversi

La storia di una famiglia di ristoratori, i cui “mitici” spiedini resistono dopo quasi 60 anni con immutata fragranza. Gamberetti, seppioline, calamaretti e sarde rosolati alla maniera dei vecchi pescatori hanno reso celebre Gher, sul molo di Riccione. Sul porto canale di Riccione c’è un fantasma, giocoso, sornione, incline alla burla e al sorriso come quando viveva su questo lembo dell’Adriatico. È lo spirito di un vecchio pescatore che ogni giorno se ne sta compiaciuto ad osservare la sua creatura, il ristorante che ha tirato su poco alla volta assieme a moglie e figli con tenacia e sacrifici fino a farne uno dei santuari della buona tavola marinara. Il “fantasma” ammiccante è Gher e il ristorante è quello che porta il suo nome e che, da oltre mezzo secolo, è meta

di pellegrinaggio di buongustai da ogni parte d’Italia e dall’estero. Da quando, nell’88, Elviro “Gher” Serafini se ne è andato, seguito poi dalla moglie Caterina, il timone è passato ai figli, affiancati da nipoti e pronipoti, segno di una storia d’impegno e passione che attraversa le generazioni. Una storia che prosegue con due anime: quella sul molo e una nuova costola, “Il Grottino di Gher”, aperto da Antonio, fratello di Carlo, e Sergio, dalle parti dell’Abissinia, la zona a sud della Perla Verde. La “casa madre”

in riva al mare di recente è stata privata del volto sorridente di Carlo andato anche lui a cucinare il pesce fra le nuvole. Oggi a dare il benvenuto è l’affabilità di Sergio e dei nipoti della stirpe marinara dei Serafini. Entrambi i ristoranti mantengono viva una tradizione che ha come simbolo i mitici spiedini di gamberetti, calamaretti, sardoncini, seppioline che il sagace marinaio inventò quasi sessant’anni fa e che restano oggi gli unici sulla costa a esser cucinati sul focone di sabbia e carbonella

IN Magazine | 73


beretti, diventati famosi e imitati

Dall’alto a sinistra, in senso orario, Carlo Serafini con Luciano Pavarotti, Gher e la moglie Caterina con Adriano Celentano, Pelè ospite del ristorante, Vasco Rossi con Antonio e Carlo Serafini e Sergio Serafini con Diego Abatantuono.

secondo l’antica pratica. Ritrovarli e poterli ancora gustare rappresenta per tanti turisti, specie per quelli che sono stati giovani tra gli anni ’50 e ’80, un’emozione che fa gioiosamente balzare indietro l’orologio della vita. È come rincontrare un vecchio e caro amico e si ha quasi l’impressione che il tempo si sia fermato. Quella di Gher, di sua moglie, dei suoi figli e nipoti è la storia esemplare di una famiglia romagnola di mare, una di quelle che, passo dopo passo, hanno costruito la fortuna della costa. La data di nascita è il 7 luglio 1951 quando sul molo Gher e la moglie Caterina aprono una baracca al lume di candela dove cuocere il pesce ancora sapido di mare per offrirlo ai villeggianti. Proprio allora sono nati i primi spiedini di gam-

74 | IN Magazine

da tutti. Gher ebbe infatti un’intuizione felice, mutuata dall’esperienza dei vecchi pescatori che sulla spiaggia arrostivano il pesce appena uscito dalle reti, infilzandolo su bastoncini di legno conficcati nella sabbia accanto a un mucchietto di braci. Per “trasferire la spiaggia” accanto alla sua baracca inventò i “foconi”, grandi fornelli rialzati pieni di sabbia con in mezzo un pugno di braci e attorno gli stecchini di gamberetti, calamaretti, seppioline, sarde e alici piantati verticalmente in modo da ricevere di fianco e non dal basso il calore, mantenendo intatta la fragranza. E per insaporirli un po’ e non strinarli si dava, e si dà, una lieve passata nel pane grattugiato impastato con olio d’oliva, sale e pepe, come hanno sempre fatto i marinai. Un sistema semplice e sano di cottura, il migliore per far colare il grasso e non bruciacchiare le carni delicate di pesci e crostacei. Un sistema che i figli di Gher non hanno abbandonato. E anche oggi i caratteristici foconi, trafitti di spiedini, continuano a spandere i loro profumi attorno al ristorante sul molo e al “Grottino” all’Abissinia dove Antonio è coadiuvato dalla moglie Ada, da Rudy e dal nipote Giacomo, neo-laureato in ingegneria ma con la vocazione del ristoratore. Antonio prepara ogni giorno un mucchio di spiedini con tutti i pesci possibili, poveri o raffinati: gamberi, calamaretti, seppioline, saraghine, sardoncini, cannelli, cozze, cappe sante, galere, triglie, code di rospo, zanchetti, moletti e chi più ne ha più ne metta. IN


Dott. Maurizio Marangolo

Dott. Alberto Ravaioli

Dott. Dino Amadori

IOR. Sempre in prima linea, per la ricerca. L’Istituto Oncologico Romagnolo da trent’anni è impegnato nella lotta contro il cancro, attraverso la Ricerca, la Prevenzione e l’Assistenza. I risultati raggiunti sono stati ottenuti grazie al contributo di libere donazioni e alla determinazione dei suoi Volontari, che hanno dedicato tempo ed energie per un obiettivo comune: la sconfitta definitiva della malattia oncologica. Oggi, un traguardo importante dell’attività dello IOR è rappresentato dall’IRST, l’Istituto Tumori della Romagna, realizzato a Meldola (FC), di cui lo IOR è socio fondatore, nonché unica organizzazione non lucrativa di riferimento per la raccolta delle donazioni destinate al suo sviluppo. Il miglioramento costante della qualità di vita dei malati, unitamente alla Ricerca più qualificata, continuano ad essere, dopo oramai tre decenni di attività, l’impegno che guiderà ogni scelta futura. Anche per merito dello IOR e, di conseguenza, dei suoi Sostenitori, la Romagna possiede una delle migliori reti oncologiche del Paese. Per scoprire nuove cure e nuovi metodi e per affrontare al meglio la malattia è necessario investire risorse ed energie per garantire una costante crescita del progresso scientifico anche nei prossimi anni. Trent’anni di IOR, la giusta maturità per fare grandi scelte future.

Questa campagna viene realizzata grazie al contributo della Coop.va Commercianti Indipendenti Associati, Forlì.

Tel. 0543 35929 - info@ior-forli.it - www.ior-forli.it C/C Postale n.: 10839470


Partecipare | Giochi dei piccoli stati

Piccoli ma

Forti

testo Lucia Lombardi - foto Filippo Pruccoli

Ogni due anni i piccoli stati di Andorra, Cipro, Liechtenstein, Lussemburgo, Malta, Monaco, Montenegro e San Marino, si danno appuntamento in uno dei paesi membri per sfidarsi in campo sportivo. Le squadre dell’antica Repubblica hanno scaldato i muscoli e affinato le strategie per i Giochi dei Piccoli Stati di Cipro, fino al 6 giugno. A Monaco 2007 “il Titano” ha collezionato 3 ori, 6 argenti, 6 bronzi. Il presidente del Cons Angelo Vicini rivela le aspettative riposte nei Giochi: “sono molte, così come gli sforzi per sostenere gli atleti. Questo è un campo in cui si gareggia tra pari, un appuntamento molto importante per affrancarsi, rispetto alle Olimpiadi, per noi più difficili considerato che abbiamo 30 mila abitanti. Nelle formazioni dei giochi di squadra questa è la stagione dei cambi generazionali, i frutti li raccoglieremo a lungo termine. Abbiamo i nostri cavalli di battaglia: tiro a volo, beach-volley, nuoto, ciclismo, tennis da tavolo, e puntiamo in alto”. Daniela Del Din, campionessa di tiro a volo, è molto carica: si è appena guadagnata la coppa del mondo al Cairo. Da quest’anno i giochi aprono la sua disciplina alle donne; degli otto stati partecipanti solo San Marino, Cipro e Malta hanno atlete preparate. “Dal 2007 Marcello Draghi ha rivoluzionato positivamente il mio training e il rendimento. A Cipro voglio dare il massimo, ma questo è uno sport molto mentale, imprevedibile.”

76 | IN Magazine

Grazie a Max Di Mito, tecnico di grande esperienza, talent scout della Pellegrini, anche le ragazze del nuoto stanno andando forte: ne è la prova Simona Muccioli, che si è distinta persino alle olimpiadi di Pechino. “È il mio anno”, afferma. Questa competizione è per la nuotatrice una chance da non lasciarsi sfuggire. “Nelle tre settimane di ritiro in Sierra Nevada ho già migliorato di 4’’ nei 200 misti, bisogna stringere i denti: le cipriote picchiano duro!” I gemelli Alfredo e Francesco Tabarini, uniti dalla nascita e dallo sport, sono i due fenomeni del beach-volley: a Cipro difendono

l’oro conquistato a Monaco. “La tensione su di noi è alta. Andorra e Cipro sono forti - afferma Francesco. Quest’anno è un vero torneo, speriamo che il nostro coach possa seguirci fino all’ultimo. La vittoria è importante; è una questione di prestigio.” Interviene Alfredo: “fisicamente siamo a posto, ora dobbiamo affinare tecnica e allenamento sulla sabbia. Comunque - prosegue - sono molto euforico: veniamo da una bella stagione indoor, di pallavolo in B1. Ai giochi di Cipro partecipano atleti piazzati tra i primi 12 in Europa, sono sfide emozionanti, in cui rappresenti i colori di una nazione, la tua.” IN

Angelo Vicini, presidente del Cons, tra le atlete Simona Muccioli e Daniela Del Din.


IL METODO PILATES Non solo un programma di esercizi. Bensì una disciplina di allenamento del corpo pensato e concepito per sviluppare la forza e la flessibilità muscolare, aiutare a mantenere l’equilibrio tra corpo e mente per assicurare l’esecuzione precisa dei movimenti. ll Pilates è un metodo ideato da Joseph H. Pilates nella prima metà del XX° secolo: si tratta di un sistema originale con attrezzature uniche che comprende più di 800 esercizi. Joseph H. Pilates scontento ed insoddisfatto degli esistenti approcci di allenamento fisico, studia i metodi utilizzati in Oriente come lo yoga, che enfatizzano il rilassamento mentale, la respirazione e la scioltezza del corpo, ed i metodi dell’Occidente che generalmente tendono a far prevalere la forza competitiva a discapito della resistenza.

I Risultati Il metodo Pilates rafforza gli addominali, dà pieno controllo del corpo, grande flessibilità , coordinazione della colonna vertebrale e degli arti, dona la potenza combinata tra corpo e mente. Eseguendo molti esercizi differenti per un basso numero di ripetizioni i muscoli vengono rafforzati, allungati e tonificati senza l‘aumento sproporzionato della massa muscolare. La totale concentrazione sul corpo durante ogni esercizio enfatizza la qualità del movimento, la coordinazione ed il respiro. Con gli esercizi di Pilates si prende coscienza del proprio corpo, coordinamento fisico e mentale migliorando la postura e aumentando l’abilita nei movimenti. Come Iniziare ? Il consiglio che viene dato all’inizio è fare alcune lezioni private. Questo permetterà

di effettuare un approccio al movimento più profondo e di conoscere le apparecchiature del Pilates, e darà spazio all’istruttore per valutare i punti di forza e di debolezza di ogni persona. Queste sedute faranno inoltre familiarizzare con il movimento, con il linguaggio e con la filosofia del Pilates. Non c’è una formula standard per tutti. Dopo alcune lezioni private, sarà il momento di decidere se passare a lezioni semi private (corsi di gruppo). L’deale sarebbe iniziare 2-3 volte alla settimana. Questo può includere lezioni private o semiprivate, alternando gli attrezzi agli esercizi sul materassino. Presso lo Studio Covatech 118 in viale Virgilio a Riccione avrete la possibilità di provare personalmente i benefici del metodo con insegnanti preparati e qualificati.


Ricordare | Ilaria Alpi

Un Premio per

Ricordare

testo Lucia Lombardi

“Un popolo che non ricorda il proprio passato è un popolo che non comprende il proprio presente”, sosteneva Indro Montanelli. Armi e rifiuti tossici sono roba che scotta oggi come quindici anni fa. In molti si sono battuti per scovarne il traffico. Tra cui Ilaria Alpi, giornalista RAI uccisa in Somalia nel 1994 insieme al suo operatore Miran Hrovatin. Un duplice omicidio ancora velato d’ombre. Per non dimenticare e testimoniare un giornalismo d’inchiesta vivo, che vuol fare chiarezza nel torbido, nel 1995 Comune di Riccione, Provincia e Regione, hanno istituito il Premio Giornalistico Televisivo, la cui edizione 2009 si tiene dal 18 al 20 giugno, presso il nuovo Palacongressi, con ingresso libero alle proiezioni dei filmati finalisti: tre giorni di reportage d’inchiesta, presentazione di libri e spettacoli. In 15 anni il

Il premio alla carriera “Questo premio, diversamente da altri mi commuove, mi onora perché rappresenta il massimo riconoscimento che la mia esperienza di giornalista televisivo ha ricevuto”, sostiene Ugo Gregoretti, giornalista, regista, classe 1930. Tra gli antesignani della televisione italiana, ha abbracciato con maestria più generi di comunicazione. Nel 2006 è uscita la sua autobiografia: Finale aperto, presto trasposta in film. Ai giovani parla chiaro: “riflettete sulla fondatezza delle vostre aspirazioni. Una volta scelta la strada, bisogna percorrerla con pazienza e tenacia.”

78 | IN Magazine

Premio ha visto la presenza di nomi di spicco del giornalismo italiano e internazionale: Biagi, Bocca, Kapu-

scinski, Sesana, Amanpour. Il presidente della nutrita giuria è Italo Moretti. I numeri parlano chiaro, a quest’edizione partecipano 256 giornalisti con 219 servizi. Il concorso si articola in otto sezioni: miglior reportage italiano per servizi e inchieste di diversa durata, miglior reportage internazionale, miglior servizio da tg, miglior servizio di tv locali e regionali, nonché il Premio Produzione riservato

a inchieste giornalistiche italiane mai andate in onda, Premio della Critica, Premio Internazionale Miran Hrovatin per telecineoperatori e Premio Giovani per giornalisti under 30. Non è la ricerca di uno scoop a muovere il reporter, bensì il coraggio di voler fattivamente cambiare la realtà. Stare dentro la notizia

è per un reporter amore per la verità, diffusione dei fatti in virtù di possibili cambiamenti della società. Magari, giungendo prima di qualsiasi indagine giudiziaria. Perché senza un giornalismo libero le coscienze non si cambiano, i fatti non emergono. “Il Premio dimostra come ci sia ancora posto per tutti coloro che decidono di esercitare questo mestiere contro corrente. Purtroppo, oggi,

il giornalismo d’inchiesta è spesso negato, anche nei paesi occidentali che si dicono democratici. Per il nostro mestiere è quindi vitale che un riconoscimento come questo esista e perduri”: questo sostiene il francese Gwenlaouen Le Gouil, vincitore del Premio Ilaria Alpi Reportage Internazionali 2008. Nel frattempo, i cataloghi degli archivi sono approdati on line nella rete bibliotecaria romagnola, agevolando la consultazione dal proprio computer a coloro che desiderano fruire di questo patrimonio audiovisivo, per non dimenticare frammenti di realtà. IN


TREKKING SULLE ORME

DELLA FEDE

Viaggiare a piedi, attraverso boschi e piccoli paesi, ha sempre un fascino particolare. Un passo dopo l’altro, il “Cammino di San Vicinio” ci porta per oltre 300 km, tra Romagna, Toscana e Marche, sugli antichi sentieri calcati anche da San Vicinio e dai pellegrini a lui devoti, su strade e mulattiere caratterizzate dalla presenza di piccole e grandi chiese, cellette e maestà votive: un paesaggio unico ed

emozionante per chi cammina per vocazione, per chi cammina per scoprire luoghi suggestivi o, semplicemente, per chi marcia per passione. Per non perdere la via, ecco una guida suddivisa in quattordici tappe e otto tra deviazioni e collegamenti alternativi e con tutte le indispensabili indicazioni per soste di ristoro.

Il Cammino di San Vicinio è in vendita nelle migliori librerie e sul sito www.inmagazine.it


Festeggiare | Notte Rosa a Riccione

Col naso all’

Insù

testo Marina Giannini foto FotoRiccione

In occasione dell’edizione 2009 della Notte Rosa, arriva il Baloon Festival: una parata volante in omaggio al mare e alle vacanze, uno spettacolo che si affianca a tanti altri per il “Capodanno dell’estate” a Riccione e comprensorio.

Estate con Linus e Nicola Anche quest’estate Radio Deejay aggiunge una seconda postazione estiva a Riccione, nel cuore di viale Ceccarini, dove Linus insieme a Nicola Savino catalizzeranno l’attenzione di turisti e passanti all’ora dell’aperitivo, non mancando mai di concedersi alla folla, durante le pause, per autografi e fotografie accanto ai sempre numerosissimi fans. L’appuntamento con l’Happy Hour firmato DeeJay è dal 4 luglio al 15 agosto in Piazzetta del Faro. Annunciate anche jam session live a sorpresa nel corso dell’estate con i migliori nomi dalle classifiche.

80 | IN Magazine

Dopo le migliaia di palloncini rosa che hanno letteralmente invaso viale Ceccarini la scorsa edizione della Notte Rosa, quest’anno arriva il Baloon Festival. Una parata aerea mozzafiato, che invaderà il cielo sopra Riccione trasformandola, per un giorno e una notte, in un’inedita fantasilandia interpretando i simboli della città e di tutta la Riviera. In omaggio al mare e alle vacanze estive sfileranno maxi sculture coloratissime all’elio, lunghe fino a 20 metri, ispirate all’universo marino, alle sue misteriose leggende e ai suoi protagonisti: dai polipi con mille tentacoli fino agli immensi draghi marini, passando per tutti i più suggestivi giganti del mare, per una parata senza precedenti che terrà tutti col naso all’insù. A mezzanotte la festa si celebra con l’ormai tradizionale spettacolo pirotecnico rosa in piazzale Roma e in zona Marano. Rigorosamente rosa anche il party dedicato a Barbie, nell’anno in cui si festeggiano

i 50 anni di un sogno e di un mito, nato negli stessi anni in cui Riccione, dava il via al suo decollo nel panorama turistico della Riviera. L’appuntamento è al Mojito Beach, in zona Marano, dalle ore 00.30 in avanti dove, per l’occasione, la pista sarà invasa da mille divertenti bolle di sapone rosa. A Riccione sarà anche tenuto al battesimo il Dolce notte rosa, registrato come marchio da un’iniziativa del Comitato Riccione Abissinia. Si tratta di un dolce a forma e al sapore di rosa, servito su un letto di cioccolato. Sabato 4 luglio saranno distribuite, tra le vie San Martino e Gramsci oltre 3.500 porzioni accompagnate da vino rosé. A fare gli onori di casa ci sarà la signora Coriandoli (Maurizio Ferrini). Testimonial della Notte Rosa della Perla, e della sua innata capacità di giocare d’anticipo, il campione Mattia Pasini, riccionese doc, che in omaggio dell’evento è atteso in sella ad un’inedita moto tutta rosa. IN


Candidato Presidente alla Provincia di Rimini

6 - 7 giugno 2009

Avviso a pagamento

Marco Lombardi

Committente elettorale Alberto Pietrelli

Le città non si possono rifare. Le città si possono cambiare. Oggi si può.


Visitare | Santa Maria di Scolca

Sulla vetta del

Colle

testo Milena Massani - foto Studio Paritani

Il complesso monastico, artistico e museale di Santa Maria di Scolca si è arricchito, da qualche mese, di un nuovo tassello. Nei locali adiacenti alla Chiesa, sono stati raccolti tesori che, da secoli, giacevano dimenticati: preziosi abiti liturgici, una bella campana quattrocentesca, calici aurei, statue sacre e oggetti di culto.

82 | IN Magazine

Salendo verso il colle di San Fortunato, dopo essersi fermati a metà strada per osservare i resti di villa Ruffi, famosa nell’800 per l’arresto di 28 esponenti politici fra i quali Aurelio Saffi, Alessandro Fortis, Federico Comandini ed Eugenio Valzania, si giunge all’Abbazia degli Olivetani Bianchi, costruita nel XV secolo su di un castello di proprietà di Carlo Malatesta, fondata da lui stesso nel 1418 per i frati ungheresi di S. Paolo Eremita, e successivamente donata ai monaci benedettini di Monte Oliveto. Gli Olivetani vissero in questa comunità fino al 1797; da allora è una parrocchia. Molti tra papi e intellettuali vi ebbero accesso per conciliare la spiritualità con la ricerca della pace e del silenzio intimista, come Papa Gregorio XII, Giulio II, Paolo III e il poeta Aurelio Bertola (dal 1769 in poi). Il Museo di Santa Maria di Scolca (attiguo alla chiesa e inaugu-

rato alla fine dello scorso anno) è un vero scrigno, da visitare ora che la stagione si fa bella. Non rappresenta solo una semplice esposizione di Arte Sacra, ma offre riscontri di alto valore, come afferma il consulente storico-artistico Andrea Donati, certamente degni del patrimonio provinciale, coronando così dopo otto anni l’idea brillante di don Lorenzo Rossi, di collocare in quell’alveo preziosi abiti liturgici, una bella campana quattrocentesca, calici aurei, statue sacre, oggetti di culto e gli ultimi ritrovamenti del

2004. Il patrimonio è allestito in quattro sale dalle pareti in gradazione dal rosso pompeiano al tenue malva. Le opere e i dipinti raccontano la storia di questa abbazia attraverso un itinerario misticheggiante. Purtroppo, dopo lo scorazzare delle truppe napoleoniche, parte del patrimonio, suppellettili, statue e oggetti sacri, fu svenduto, disperso e trafugato. “Ora il racconto riallaccia il filo col passato!”, afferma don Renzo, indicando fiero le statue dei santi col bambinello, ancora oggi esposte durante le suggestive cerimonie religiose. Le opere presenti, dal ’400 al secondo dopoguerra, simboleggiano il pregio religioso e il valore artistico, indicando anche la sensibilità d’animo di Carlo Malatesta, che con la propria iniziativa passa ai posteri come difensore della fede e del culto patrimoniale degli ordini religiosi, senza carestia di denari e senza monopoli. IN


C.E.O. Cube, Lella and Massimo Vignelli. Chancellor, Lievore - Altherr - Molina. Brief, Emilio Ambasz.

Poltrona Frau Rimini

www.poltronafrau.it

Corso D’Augusto, 7 tel. 0541-780124

Arredamenti Filipucci Via Brighenti, 15 tel. 0541-785510 info@filipucci.com www.filipucci.com


Rimini IN Magazine - 2/2009  
Rimini IN Magazine - 2/2009  

Gino Angelini e la sua ricetta del successo: col grande chef riminese, ormai cittadino di Los Angeles dove ha conquistato i palati più fini...

Advertisement