Pensa come Sherlock Holmes

Scroll for more

Page 1


INDICE IO SONO SHERLOCK.. .................... 6 Ora tocca a te!

Sherlock o Sir Arthur?............................. 6

ALLENA LA MOTIVAZIONE ......................... 38 Ora tocca a te!

SCUOLA LUDENS ............................ 12 ALLENA L'OSSERVAZIONE .. .......................... 16 Ora tocca a te!

Ma che occhio!........................................16 Dove sono andati?.................................19 Chi è il colpevole?...................................20 Carta d’identità.......................................21 Percezione a colori................................23 Chi deve mettersi a dieta?...................23 Il quadro rubato.......................................24 London Underground...........................25

ALLENA LA CONCENTRAZIONE.. ............. 28 Ora tocca a te!

Dov’è Sherlock?......................................29 Diario di bordo.........................................30 A tutto calco............................................32 A chi appartengono?.............................33 La tecnica del pomodoro.....................34

La mappa della motivazione................38 Piramide da scalare................................39 Biografie dell’impossibile......................40 Quella cosa che…...................................41 Sherlockmania poster...........................43

Ora tocca a te!

LA PRIMA PALESTRA DI SHERLOCK .................................. 44 Viaggio solitario......................................44 La cassaforte...........................................44 Due indizi speciali...................................45 Sette anni di sfortuna............................45 A casa di un detective...........................46 Un caso da dieci pipe.............................47 Baker Street numero...?........................47 Elementare, Watson!............................48 Che strano…............................................48 Aprite! Aprite!..........................................49 Codice salvavita......................................49 Un ladro distratto....................................50 Chi cerca trova........................................51 Lettere anonime....................................51


ALLENA L'IMMAGINAZIONE .. ...................... 52 Ora tocca a te!

Quale indizio?..........................................52 Viaggio spaziale......................................54 Sì o no?......................................................55 Il mio collage............................................56 Che libro sei?...........................................57 Visualizzazione creativa.......................58 Ombrello da allenamento....................59 Non solo yoga.........................................61 Un utile rompicapo.................................62

ALLENA LA MEMORIA .............. 66 Ora tocca a te!

La lista della spesa.................................69 Baskerville Hall........................................71

ALLENA LA LOGICA ................... 72 Ora tocca a te!

Tutto è connesso...................................74 Griglia logica............................................75 Scelte di gruppo.....................................76 La danza dei codici.................................77 In fila per cinque......................................78 Investigatore-scienziato......................81

Ora tocca a te!

LA SECONDA PALESTRA DI SHERLOCK .................................. 82 Identikit.....................................................82 Il mistero dell’ombra..............................82 Schedario anagrammato.....................83 Sherlock e Watson.................................83 Occhio veloce.........................................84 Idee confuse............................................84 Enigma anagrammato..........................85 Il caso della lettera..................................85 Exagon a sillabe.......................................86 Exagon a immagini.................................87 Coppie enigmatiche..............................88 Orme sul sentiero..................................88 La dispensa di Sherlock........................89 I quattro impostori.................................89 Pedinamenti............................................91 Ne manca una.........................................91

SOLUZIONI ......................................... 92


ALLENA L'IMMAGINAZIONE Sherlock è dotato di un’eccezionale capacità di immaginare soluzioni mai banali ai casi a cui indaga, a differenza degli investigatori di Scotland Yard, come Lestrade e Gregson, privi di fantasia e sempre a corto di idee. Lo stesso Sherlock lo ripete più volte quando spiega come ha risolto un caso: per lui immaginare significa riuscire a vedere con la mente qualcosa che è accaduto, ricostruire la scena del crimine per scoprire la verità.

COME PUÒ UN INVESTIGATORE ELIMINARE L’IMPOSSIBILE? SEMPLICE:

“Eliminato l’impossibile, ciò che resta, per improbabile che sia, deve essere la verità.”

IMMAGINA!

QUALE INDIZIO? Ora tocca a te!

Nell’avventura La lega dei Capelli Rossi, Jabez Wilson espone a Sherlock il mistero in cui è stato coinvolto. Wilson viene scelto dalla fantomatica Lega dei Capelli Rossi per rimanere all’interno di un ufficio a ricopiare L’Enciclopedia Britannica, ma un giorno trova l’ufficio inaspettatamente chiuso e un cartello che recita “La Lega dei Capelli Rossi è sciolta”. A partire dal segno in rosso immagina tu che cosa ha scoperto Sherlock, completando il disegno. Ricordati che hai piena libertà creativa, il tuo scopo non è quello di risolvere il caso, ma d’immaginare un oggetto di cui hai solo un piccolo tratto disegnato.

52


CERVELLI SEMPRE ATTIVI Grazie alle tecnologie moderne di neuroimaging, una sorta di risonanza magnetica del cervello, siamo in grado di “fotografare” l’attività e il funzionamento di questo organo e studiare la relazione tra le nostre azioni e l’attivazione dei neuroni in determinate aree cerebrali.

ORMAI SAPPIAMO BENE CHE IL CERVELLO È DIVISO IN DUE EMISFERI E CIASCUONO SVOLGE COMPITI DIVERSI. Proviamo a immaginare il cervello di Sherlock.

EMISFERO SINISTRO

LOGICA

EMISFERO DESTRO

ISTINTO

M E MO R I A V E R B AL E P ERCEP ISC E UNA VISIO NE D’INSIEME

CL ASS I F I CAZ I O N E

S INT ESI D E T T AG L I T RO VA SO LUZIO NI AI P RO BLEMI NOTA LE DIFFERENZE MMEEMMOORIRIAA VVI SI SI VI VAA

SCO MP O N E LE INFORMAZIONI

NO T A LE S O MIGLIANZE RICO MP O NE LE INFO RMAZIO NI

D E F I N I SCE U N ME T O DO DI LAVORO

PER CEZION E D E L TEM PO

C O O RDINA DIVERS E INFO RMA ZIO NI CO NT EMP O RA NEAMENT E

Come tutte le menti geniali, anche quella del nostro investigatore evidenzia un uso coordinato di tutte le aree cerebrali. 53


SCIENZA O FANTASCIENZA? Possiamo considerare Sherlock Holmes il precursore del “detective scientifico”; studioso di chimica, con buone competenze in botanica, anatomia, balistica e grafologia, Sherlock ha creato un metodo che decenni dopo sarebbe davvero diventato uno strumento fondamentale d’indagine. Si tratta delle scienze forensi, cioè l’applicazione di tecniche e metodologie scientifiche alle tradizionali investigazioni. Il metodo di Sherlock e, dopo di lui, quello di altri protagonisti di libri o serie televisive hanno anticipato in alcuni casi tecniche diventate poi reali, trasformando la fanta-scienza in scienza.

VIAGGIO SPAZIALE Ora tocca a te!

In uno dei suoi libri, lo scrittore Jules Verne ha raccontato il viaggio dell’uomo sulla Luna, immaginando anche un razzo spaziale e la sua orbita, molti anni prima che accadesse realmente. Ancora una volta l’immaginazione ha anticipato la scienza. Ora tocca a te: scrivi il racconto di un viaggio su Marte.

54

Prima di tutto documentati e raccogli informazioni sul pianeta rosso, sulla durata del viaggio, sui problemi da superare; poi inizia a trovare soluzioni creative, ad esempio inventa computer e razzi che ancora non esistono. Metti alla prova la tua immaginazione… magari un giorno le tue fantasie potrebbero trasformarsi in realtà!


IL GIOCO È COMINCIATO Con questa frase solenne, Sherlock informa i suoi compagni d’indagine che è pronto a risolvere il mistero dell’omicidio commesso ne L’avventura di Abbey Grange. Per lui l’investigazione è come un gioco in cui dare il meglio di sé. Questo approccio lo aiuta spesso a risolvere gli enigmi più intricati, ed è lo stesso metodo che ti proponiamo anche noi.

QUANDO NON RIESCI A RISOLVERE UN PROBLEMA, PROVA A IMMAGINARE DI DOVER SUPERARE IL LIVELLO DI UN VIDEOGIOCO. Vedrai che poco per volta riuscirai a mettere da parte ansie e apprensioni e raggiungerai il tuo obiettivo.

NO SÌ O NO?

Allena il tuo cervello a creare nuovi mondi risolvendo dei casi davvero strani. Si gioca almeno in due persone: il testimone, che può rispondere alle domande solamente con un SÌ o un NO, e l’investigatore, che è libero di fare le domande utili a risolvere il caso.

Ora tocca a te!

È TUTTO UN GIOCO

Ecco due casi da risolvere: le soluzioni a p. 93 le potrà leggere solo il testimone, per rispondere alle domande dell’investigatore. Caso 1 LA CIOCCOLATA Un uomo beve cioccolata calda e si ritrova in ospedale con il femore rotto. Caso 2 L’APPELLO La professoressa chiama l’appello e subito dopo sviene. Dopo un po’ di allenamento, potrete inventare voi i vostri casi.

55


IMMAGINA TE STESSO Per riuscire a risolvere in modo così brillante gli enigmi più difficili, il nostro investigatore punta principalmente su se stesso. È riuscito a creare un’immagine positiva della sua persona, riuscendo in questo modo ad aumentare la fiducia nelle sue capacità mentali.

IL MIO COLLAGE Ora tocca a te!

Ti servono: • un cartellone grande 70x100 cm • delle vecchie riviste • forbici • colla • pennarelli colorati. Sfoglia le riviste e cerca immagini, parole, simboli che possano rispondere a queste domande: • Io chi sono? • Che cosa mi piace? • Che cosa non mi piace? • Quale evento positivo ricordo? • Come sarò tra dieci anni? • E tra quaranta? Per ogni domanda, ritaglia un’immagine, una parola o un simbolo e incollali sul cartellone; poi decora tutto con i pennarelli.

56

Siamo noi stessi con un atteggiamento mentale positivo a crearci le occasioni e a costruirci delle possibilità; al contrario, quando pensiamo di non essere capaci di fare qualcosa, siamo facilmente disposti ad arrenderci prima di aver raggiunto l’obiettivo che ci eravamo posti.

PENSARE COME SHERLOCK È SEMPLICE: BASTA COSTRUIRE UN’IMMAGINE POSITIVA DI SE STESSI, IN CUI VEDIAMO RISPECCHIATI I NOSTRI SUCCESSI QUANDO CE LI SIAMO MERITATI.


IMMAGINA GLI ALTRI Sherlock ha una grande capacità: riesce a mettersi nei panni delle vittime e poi dei sospettati, ponendosi domande sui loro comportamenti e intuendo i loro ragionamenti. Spesso rimprovera Watson e gli ispettori di Scotland Yard che non riescono invece a guardare oltre le apparenze. Per riuscire a ottenere buoni risultati a scuola e nella vita, è utilissimo allenare la capacità che ci fa immaginare il pensiero degli altri, permettendoci di andare incontro a chi la pensa in modo diverso da noi e aiutandoci ad avere punti di vista differenti e a porci una domanda fondamentale:

SE MI TROVASSI IN QUELLA SITUAZIONE, QUALE SAREBBE IL MIO COMPORTAMENTO?

CHE LIBRO SEI? • Preparate 10 cartoncini e scrivete sopra a ognuno una domanda diversa. Le domande non devono avere alcun collegamento con i libri: ad esempio potreste scrivere “Perché hai sonno?” o “Che cosa ti rende felice?”. • Dopo aver sorteggiato una domanda, i giocatori, osservando

titoli e copertine, scelgono un libro che rappresenti la loro risposta e ne scrivono il titolo su un foglio di carta, senza farlo vedere agli altri.

Ora tocca a te!

• Scegliete 10 libri diversi e sparpagliateli sul tavolo.

• Ogni giocatore deve indovinare le scelte fatte da ogni compagno di gioco e scriverle su un foglio. Infine si leggono tutte le scelte, per ogni risposta esatta si guadagna un punto. Dopo 4 turni di gioco, vince chi ha più punti.

57


SHERLOCK, TI VISUALIZZO! CHIUDI GLI OCCHI. LENTAMENTE INIZIA A CONTARE DA VENTI A ZERO. ASCOLTA IL TUO RESPIRO E INIZIA A IMMAGINARE LA STANZA DOVE VIVE SHERLOCK HOLMES. Visualizza l’investigatore che discute con Watson, si accomoda sulla poltrona, accende la pipa e inizia a riflettere e a immaginare. Per riuscire a risolvere i casi a cui indaga, Sherlock visualizza con la mente i luoghi che ha visitato, recupera dalla memoria i particolari che ha osservato e li trasforma in importanti indizi. Anche tu puoi allenarti a visualizzare nella tua mente eventi e storie, immergendoti in nuovi mondi. Come? Provando l’attività che ti proponiamo qui sotto.

VISUALIZZAZIONE CREATIVA Ora tocca a te! 58

• Inizia con un esercizio semplice: visualizza la strada che da casa percorri per arrivare a scuola.

• Poi continua a immaginarla in periodi storici diversi e con ambientazioni sempre nuove.

• Appena terminato, conta fino a dieci e poi prova di nuovo a visualizzare la stessa strada, solo che questa volta ti trovi nel futuro: come sarà tra cento anni?

• Questo tipo di visualizzazione ti sarà d’aiuto per memorizzare informazioni appena apprese.


SARÀ UN SUCCESSO Ora che hai imparato a visualizzare nella tua mente storie e immagini, sei pronto al passo successivo:

TRASFORMARE UN INSUCCESSO IN UN GRANDE SUCCESSO. Non è sicuramente una cosa semplice, lo stesso Sherlock non è immune dagli errori: nel caso Uno scandalo in Boemia, Irene Adler riesce a sfuggirgli, ma il nostro investigatore raggiunge ugualmente il suo obiettivo. Il trucco? Non darsi mai per vinti! Immagina che cosa sarebbe accaduto se l’autrice di Harry Potter si fosse arresa dopo che il suo manoscritto era stato rifiutato per ben dodici volte… non avremmo mai conosciuto Harry e i suoi amici! Ogni volta che vivi un insuccesso, immaginati mentre riprovi e porti a termine il compito in modo positivo.

OMBRELLO DA ALLENAMENTO • Prepara un percorso a ostacoli con sedie, libri, tavoli e oggetti vari. • Osserva per 5 secondi il tracciato e attraversalo colpendo la palla con il manico dell’ombrello: quanti colpi hai impiegato per completarlo?

• Torna al punto di partenza e visualizza nella tua mente tutti i colpi e le mosse che vorresti fare.

Ora tocca a te!

• Procurati una pallina e un ombrello con il manico curvo.

• Ripercorri il percorso con ombrello e pallina: sei riuscito a migliorare la tua prestazione? Probabilmente sì. In caso contrario riprova: visualizzazione ed esercizio ti saranno sicuramente d’aiuto.

59