Issuu on Google+

9 772037 447004

10005

Abbronzatissime e pericolose a pag. 3

Automobilismo sostenibile Decreto ‘salva bagnini’

a pag. 5

a pag. 7

Al vertice della Francigena a pag. 8 Bonus fotovoltaico a pag. 11

Chewingum biodegradabile

La lettiera agglomerante

a pag. 12

a pag. 15

Costume a prova di natura redazione.biosfera@edititalia.it

Lasciamo ad altri la prova costume e tuffiamoci nell’estate con addosso la voglia di natura. Natura da vivere e natura da rispettare. A cominciare dalla tintarella. Ogni anno finiscono in mare da 4 a 6mila tonnellate di filtri solari. Una quantità di rifiuti che secondo gli esperti rischia di minare addirittura l’ecosistema delle barriere coralline. Per ritornare, come dice la canzone, alla stessa spiaggia e stesso mare l’an-

no prossimo cerchiamo di scegliere le creme solari biodegradabili. E mentre ci godiamo l’abbronzatura, teniamo d’occhio quello che succede intorno. In attesa degli sviluppi del decreto ‘salva-bagnini’, da Bruxelles arriva l’allarme per i nostri litorali, sempre più a rischio privatizzazione e cementificazione. Una volta abbandonato lo sdraio, concediamoci un divertente passatem-

po tra boschi e valli con il trekking lungo la vai Francigena. Per farlo basterà restare seduti sullo sdraio e leggere il nostro diario di viaggio. Se ce l’avete, potete contemporaneamente accarezzare il vostro gatto, accanto alla lettiera ‘green’ pensata per i felini domestici e preparata con i resti del mais e dei pini. Masticate pure anche il chewingum. Scegliete bene cosa mettere tra i denti però: consigliamo il “Chicza”. La

gomma arrivata dall’Inghilterra è interamente vegetale e biodegradabile. Possibilmente andiamoci con un’auto “eco-friendly”. Se non è disponibile uno dei bolidi che corrono il Campionato dell’Automobile ad Energia Alternativa, anche un’ibrida farà al caso nostro. Tornati a casa potrete sempre farvi i conti in tasca, ma – ci raccomandiamo – solo con il conto energia.

EI007684

ISSN 2037-447X

Sabato 28 maggio 2011 anno 2 numero 5


SERVIZIO GLOBALE PER UN MONDO PIÙ PULITO PASSA ALLE ENERGIE ALTERNATIVE

Ing. Ladurini Luca

MODULI INNOVATIVI = MAGGIORI INCENTIVI

Riqualificazione

e certificazione

energetica

di edifici

SOPRALLUOGO E PREVENTIVI SENZA IMPEGNO

Assistenza pratiche per detrazioni fiscali sulla efficienza energetica Fotovoltaico Tecnico certificatore energetico SACERT Certificatore energetico accreditato dalla Regione Emilia Romagna

EI018671

EI017686

Via Ippolito Severi, 22 44122 Ferrara e-mail: ladchi@alice.it Tel. 0532.977751 Cell. 335.6339658

Energia rinnovabile: Fotovoltaico Solare termico Geotermia Pompe di calore Climatizzazione

SERVIZIO GLOBALE SOC. COOP. A.R.L. Via Oroboni, 58 - 44122 - Ferrara Tel. 0532.472120 - Fax 0532.472324 info servizioglobale.eu - www.servizioglobale.eu

la spesa BIO si fa semplice... on line! novelune.it: la spesa biologica direttamente a casa tua!

www.novelune.it

EI010091

SCEGLI TRA OLTRE 4000 PRODOTTI: ALIMENTI BIOLOGICI E BIODINAMICI, PROFUMERIA NATURALE, ERBORISTERIA, DETERSIVI ECOLOGICI, LIBRI E CD, PRODOTTI E ALIMENTI PER L’INFANZIA, ...


ambiente .3

Tintarella killer per le barriere coralline Ogni anno finiscono in mare da 4mila a 6mila tonnellate di filtri solari Siamo quasi a giugno: la primavera è nel pieno del suo splendore, le giornate si allungano e il caldo abbraccio del sole invita sempre più persone a raggiungere le coste, levarsi di dosso i vestiti di tutti i giorni, indossare il costume e concedersi un po’ di relax. Il richiamo delle spiagge si fa sempre più forte e pronti per la prova costume o no, tutti rispondono all’appello: comincia così la corsa sfrenata all’acquisto di creme solari di ogni tipo, da quelle per il primo sole agli oli intensificatori che ti promettono di diventare nero in qualche giornata di sole, perché l’abbronzatura è diventata oramai una meta necessaria da raggiungere per essere al passo con la moda. Man mano che la stagione si avvicina, sono sempre più frequenti gli inviti degli esperti ad utilizzare una protezione adeguata per la pelle e fioccano consigli sul come evitare pericolose scottature e sugli ‘orari sicuri’ per l’esposizione al sole. E così ci

sentiamo ripetere in continuazione: “Non dimenticate di applicare il filtro solare ogni tre-quattro ore”. Peccato che non specifichino che tipo di filtro usare. Ne esistono di due tipi: i filtri fisici, che utilizzano sostanze come il titanio o il caolino, le cui particelle riflettono i raggi solari, e quelli chimici che contengono molecole sintetiche complesse le quali agiscono scomponendo le radiazioni del sole e trattenendone il calore. Fin qui niente di nuovo, ma sapete qual è la differenza tra questi due filtri? Uno dei due entrando in contatto con l’acqua scatena degli agenti virali latenti, dannosi per la natura e in particolare per l’ecosistema delle barriere coralline, causandone lo sbiancamento. E i colpevoli sono proprio loro, avete indovinato: i filtri chimici. La scoperta è nostrana e proviene precisamente dal Dipartimento di Scienze del Mare dell’Università Politecnica delle Marche, grazie all’osservazione del fenomeno di sbiancamento delle barriere. Il professore Roberto Danovaro ci spiega che ‘si è arrivati alla conclusione che il fenomeno consegue, oltre che all’aumento della temperatura globale, dell’inquinamento e ai raggi ultravioletti, anche all’esposizione

a una dose anche minima di creme solari contenenti filtri chimici. Anzi, l’effetto è decisivo, e non dipende dal tempo o dalla consistenza quantitativa di esposizione. Tali filtri infatti scatenano agenti virali latenti, e la conseguente infezione: s’innesca dunque un effetto a catena che può danneggiare seriamente l’esosistema delle barriere”. Oltre a questi danni, che portano alla morte di quella splendida fonte di vita rappresentata dalle barriere coralline, altri studiosi, come per esempio il dottor Karl Fent della Fachhochschule Nordwestschweiz di Muttenz, attribuiscono ai filtri chimici la responsabilità della contaminazione di

pesci, granchi di fiume e cormorani delle acque del-

la Svizzera. Al di là dei bagni estivi, infatti, anche attraverso gli scarichi domestici queste sostanze arrivano nelle acque. Ogni anno finiscono in mare da 4mila a 6mila tonnellate di filtri solari, ed è quasi paradossale che, come in tutti i problemi legati all’ambiente, la soluzione più efficace sia così semplice e sotto ai nostri occhi. Come afferma il prof. Donovaro infatti basterebbe ‘adottare le creme solari a filtri fisici, come il titanio, il caolino… insomma quelli più usati per la protezione totale della pelle dei bambini.” Le creme solari ecologiche sono di buona qualità e a basso impatto ambientale, non sono testate sugli animali, sono più resistenti all’acqua, impiegano materie prime ecologiche, rinnovabili e riciclabili, evitano l’uso di coloranti, conservanti e profumi sintetici e soprattutto sono ideali per qualsiasi tipo di pelle. “Il rischio è grande. La soluzione è a portata di mano’.

Contaminati

anche pesci

granchi e cormorani


Cosmetici ed integratori alimentari innovativi. Gli unici ad essere allo stesso tempo Biologici certificati Vegan ( senza ingredienti di origine animale) 100% Privi di additivi chimici ed eccipienti Per pelli sensibili a fattori allergizzanti Non testati su animali Preparati freschi al momento dell’ordinazione ed inviati direttamente a domicilio del cliente per assicurare la massima efficacia e biodisponibilità.

Affare visto, Affare fatto!

www.veloannuncio.it e-mail: info@edititalia.it


muoversi .5

Il brivido dell’eco-velocità Una vettura italiana alimentata a biodiesel si afferma al campionato Fia Che l’automobilismo significhi velocità, polvere e brivido è un dato di fatto e che quasi tutti conoscano i nomi delle case automobilistiche e dei campioni del settore non meraviglia affatto, molta meraviglia desta invece il fatto che esista una versione “eco” del settore e che fra i campioni del mondo della specialità spicchino i nomi di equipaggi italiani e di piloti nostrani. Dalla fine degli anni novanta esiste un “F.I.A. Alternative Energies Cup” (Campionato dell’Automobile ad Energia Alternativa) organizzato dalla Federazione Internazionale dell’Automobile, riservato a veicoli alimentati con fonti di energia alternative ai derivati del petrolio e sviluppato in diverse gare regolari, come quelle per auto a benzina.

Le graduatorie sono differenziate: la classifica della categoria IIIA accoglie esclusivamente mezzi elettrici, mentre veicoli endotermici e ibridi rientrano nelle categorie VII-VIII; le gare hanno luogo in tutto il mondo. Ultimo appuntamento in ordine di tempo, seconda tappa del mondiale 2011 dopo quella di Montecarlo, è stata quella di Zolder, località a meno di 80 chilometri da Bruxelles, sul percorso del “Clean Week 2020”. Il “Clean Week 2020” è una manifestazione che si è svolta fra il 6 e il 7 maggio a Zolder e che rappresenta con circa 10.000 presenze uno dei festival dell’eco-sostenibile più amati d’Europa per il suo ambiziosissimo scopo: la riduzione a zero delle emissioni di CO2 entro il 2020 attraverso scelte importanti e radicali praticate sia dai cittadini che dagli imprenditori fino agli amministratori. Proprio a Zolder, infatti, migliaia di aziende hanno avuto l’opportunità di mostrare al grande pubblico le proprie ideazioni e prodotti, fra i quali

ovviamente l’hanno fatta da padroni le autovetture ad energie eco-sostenibili. La gara sul circuito misto di Zolder ha visto la partecipazione di circa trenta equipaggi, dei quali quattro italiani, provenienti da mezza europa con vetture elettriche, ibride, a Gpl o Biodisel. Su questi trenta equipaggi ha avuto la meglio la coppia Liverani/Talmelli a bordo di una Fiat Croma alimentata a bio-diesel e sponsorizzata da S.G.T.A., Studio Tecnico Geometri Associati di Ferrara, da sempre impegnato nella progettazione e riqualificazione energetica di edifici residenziali, commerciali e artigianali per aumentarne il confort e l’efficienza per la protezione dell’ambiente.

La magica coppia si è imposta nella categoria VII-VIII sia con il pilota (Massimo Liverani, veterano delle piste e già vincitore di altre eco-competizioni) che con il copilota (Alessandro Talmelli, appassionato neofita) e si è aggiudicata il terzo posto nella categoria dei consumi. A questo punto, dopo la vittoria riportata in Belgio, il duo Liverani/Talmelli è in cima alla classifica del Campionato Mondiale e si prepara ad affrontare il circuito spagnolo di Vitoria-Gasteiz il prossimo Luglio. Una menzione speciale la meritano anche gli altri equipaggi italiani che si sono distinti nella competizione nella categoria VII-VIII: Guerrini/Burchini (secondo posto) e Sorghi/Cervo (ottavo posto).

A Zolder gare per auto

a energia

alternativa


Dott. Ing. Alessandro Gigli cell. 348 54 46 709 alessandro-gigli@alice.it Dott. Ing. Tiziana D'Arienzo cell. 347 94 08 062 tizianadarienzo@libero.it

PROGETTAZIONE STRUTTURALE Analisi strutturale in zona sismica DIREZIONE LAVORI E CANTIERE Direzione lavori, computi metrici estimativi, contabilitĂ  CONSULENZE Perizie e consulenze tecniche

Assistenza integrata e concreta in tutte le fasi progettuali e operative, dalla designazione del budget di spesa e dei consumi previsti, al coordinamento della realizzazione, per il cliente privato e l'azienda.

RA007437

PROGETTAZIONI SPECIALI Prevenzioni incendi, protezione dal fuoco, progettazione bioclimatica, risparmio energetico, analisi termografiche, certificazioni energetiche, acustica, controllo del rumore

Lo studio nasce nel 2004 dalla simbiosi operativa di due ingegneri dalle competenze specifiche, per offrire risposte innovative ad esigenze complesse.

Via Reale, 245/e Alfonsine (RA)

Costruire risparmiando nel rispetto dell'ambiente.

da LunedĂŹ a Sabato 9,30-13,00 / 15,30 - 19,30

Tel. e Fax 0544.84939

info@toccasanabioedilizia.com www.toccasanabioedilizia.com - www.icuginitoccasana.it

EI018076

PROGETTAZIONE IMPIANTISTICA Progettazione impiantistica, idrica, termica ed elettrica, impianti meccanici in genere

EI018961

IDRAULICA Opere idrauliche, condotte e fognature


ambiente .7

Arenili tra sviluppo e cemento Decreto ‘salvabagnini’, le spiagge italiane non piacciono A Bruxelles Quale destino attende le spiagge italiane? Tra le polemiche suscitate dal cosidetto decreto ‘salva-bagnini’, venerdì 13 maggio è intervenuto il Capo dello Stato Giorgio Napolitano. Tuttavia, in attesa di leggerne la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, le controversie e i dubbi non paiono sciolti, tanto che Bruxelles è pronta a sanzionare l’Italia e resta confermata la manifestazione del 18 giugno, indetta dai Verdi a Ostia per protestare contro la privatizzazione e la cementificazione delle spiagge italiane. Sostenere lo sviluppo economico o aprire la strada alle speculazioni degli arenili? Sono queste le due posizioni attorno alle quali si concentrano le perplessità sull’articolo 3 ‘Concessioni demaniali per gli insediamenti balneari’ del Decreto Sviluppo, varato dal governo il 5 maggio scorso.  Innanzitutto, occorre una premessa. Con l’espressione ‘demanio marittimo’ si intende, nel Codice civile, l’insieme dei beni che “appartengono allo Stato e fanno parte del demanio pubblico: il lido del mare, la spiaggia, le rade e i porti”. Pertanto, tradizionalmente, nessun privato può essere titolare di diritti di proprietà sulle spiagge, bensì di un diritto d’uso o d’occupazione su concessione dello Stato. Con il  Decreto Sviluppo  si innova dunque il regime giuridico dell’“arenile”, e non delle spiagge: i privati possono acquisire diritti di superficie su questa parte di lido. Cosa si intenda esattamente con tale termine non è però del tutto chiaro: indicativamente, si tratta di quel tratto di costa un tempo occupato dal mare, ora ritiratosi.

Opportuno è dunque l’uso del termine “sdemanializzazione”, per illustrare quella che è a tutti gli effetti la trasformazione del diritto di concessione in diritto di superficie sul demanio marittimo prevista da questo decreto. Quindi, se da una parte è fermo il diritto di passaggio su spiagge e scogliere, dall’altra si stabilisce che il terreno su cui ci sono insediamenti turistici come gli stabilimenti balneari sarà oggetto di diritto di superficie e il pagamento dell’affitto, annuo, sarà determinato dall’agenzia del territorio in base dei valori di mercato. Questa norma implica pertanto la separazione della proprietà del terreno da quello che viene edificato, come evidenziano le maggiori associazioni ambientaliste italiane, da Legambiente al Wwf fino al Fondo Ambiente Italiano: tale decreto garantisce cioè ai privati la proprietà degli immobili, già realizzati o futuri sul demanio marittimo, e sembra ridurre il potere pubblico di preservare i litorali, aggirando le norme di tutela per legalizzare le costruzioni abusive. La prospettiva delineata dagli ambientalisti è la realizzazione di milioni di metri cubi di colate di cemento nella fascia dei 300 metri dalla battigia, lungo tutto il litorale del Bel Paese.  Intanto, dal Quirinale, semaforo verde con dietrofront proprio sul cuore del provvedimento: la durata del diritto di concessione ai privati è stata tagliata da novanta a vent’anni. Resta aperta la domanda: a chi verranno assegnate le concessioni dopo i quattro lustri concessi? La modifica imposta da Napolitano lascia aperta la possibilità di rilasciare ai privati - nel pieno rispetto dei principi comunitari di “economicità, efficacia e imparzialità” - il diritto di superficie sugli edifici e sulle strutture realizzate sugli arenili in regime di concessione: tuttavia, al termine dei

vent’anni previsti, le concessioni demaniali marittime, con i relativi diritti di superficie, dovrebbero essere di nuovo messe sul mercato attraverso un’asta pubblica aperta a tutti i concorrenti europei.  Venti meglio di novanta? Secondo i Verdi, il problema del decreto non è rappresentato dalla durata quasi secolare della concessione, quanto dall’istituzione del diritto di superficie, che legitimerebbe l’edificazione in fondi altrui, ovvero pubblici. Di parere opposto, i promotori della legge – il ministro Giulio Tremonti, in primis - e le associazioni di categoria, che sostengono come la lunga durata di tale diritto favorirebbe la programmazione economica da parte delle imprese e tutelebbe gli investimenti nel settore turistico-balneare.   Ad esprimersi contro il decreto del Consiglio dei ministri non si è fatta però attendere l’Unione Europea, attraverso Chantal Hughes, portavoce del commissario Ue al Mercato interno Michel Barnier. Hughes ha fatto sapere che sta attendendo “chiarimenti” da Roma, poiché   il provvedimento pare non conforme alle regole del mercato unico europeo: da sottolineare, è che proprio in questo ambito Bruxelles è sul piede di guerra già dal 2009. Risale infatti al 29 gennaio 2009 la prima lettera che ha aperto la procedura di infrazione contro l’Italia per la violazione della direttiva Bolkstein del 2006 sulle liberalizzazioni (la seconda missiva è datata 5 maggio 2010). Lettere di “messa in mora”, per il sistema sulle concessioni marittime, che prevede il rinnovo automatico degli affitti degli stabilimenti balneari ogni sei anni. Al­la scadere del contratto le concessioni do­vrebbero infatti essere vendute al miglior offerente, ma ciò non accade quasi mai, e la proprietà degli arenili viene tramandata di padre in figlio. Al centro

del mirino dell’Ue, sta proprio questo passaggio. La questione sollevata da Bruxelles ruota attorno alla fine del periodo di concessione: non è tuttora chiaro se il decreto preveda il diritto a ottenere il rinnovo automatico per il concessionario, senza procedere con il sistema delle aste. Tale eventualità sarebbe infatti in contrasto con le regole della concorrenza leale e del mercato unico.   Da Bruxelles a Bologna. A pochi giorni dal via libera espresso dal Consiglio dei ministri, è arrivato puntuale l’intervento del presidente della Regione Emilia Romagna,  Vasco Errani. Il governatore regionale ha confermato la possibilità di far ricorso contro il decreto ‘salva-bagnini’, assicurando che sono già in corso le verifiche per rilevare eventuali profili di incostituzionalità.

Bolkestein, l’Ue tira le orecchie all’Italia

L’Unione Europea regola le concessioni ai privati di spazi pubblici, come le spiagge e le piazze per i mercati, all’articolo 12 della direttiva Bolkestein del 2006. Secondo tali norme, le concessioni devono essere “rilasciate per una durata limitata adeguata e non possono prevedere la procedura di rinnovo automatico, nè accordare altri vantaggi al prestatore uscente o a persone che con tale prestatore abbiano particolari legami”.


il viaggio 8.

Valicare le Alpi lungo... Quarta parte del diario di un viaggiatore... a piedi È il giorno che aspettavamo, il giorno che ci porterà al punto più alto del percorso, sul valico del Gran San Bernardo, esattamente al confine tra Svizzera e Italia. Avverto un senso di agitazione anche da parte dei miei compagni. Il cielo è limpido, il sole batte libero, con appena qualche tenue nuvola che disegna esili forme ai confini delle cime più lontane. Saranno 13 km quelli davanti a noi, non molti, ma le carte indicano una serie di dislivelli in salita che metteranno a dura prova gambe e polmoni. Un livello di difficoltà che sapevamo sin dall’inizio, ma l’abbiamo cercato e voluto. Non è una gara sportiva, in

cui l’obiettivo è imporsi sugli altri; è piuttosto una sfida con noi stessi, che non nasconde sotterfugi e pericoli eccessivi. Solo fatica, un elemento che accompagna poche volte la nostra vita non da nababbi, ma sicuramente da persone privilegiate rispetto a tanti. Tacitamente sappiamo tutti e 4 che alla fine di questo viaggio saremmo soddisfatti della nostra piccola impresa, e ciascuno ne trarrà un suo personale senso vuoi per la misurazione della propria resistenza, vuoi per le reciproche confidenze tra amici, o per qualunque altro dei mille aspetti. Le praterie all’uscita di Bourg St.Pierre ci permettono di posare docilmente i primi passi del nostro cammino. Dopo poco, una trentina di metri sotto il sentiero, si apre la distesa blu di un bacino idrico, sul cui perimetro fervono i lavori. È un punto

aperto alle correnti, i massicci montuosi sono lontani, e noi siamo sferzati da folate fredde che ci costringono a infilare le cerate. Cesare è il primo a sentire il fischio di una marmotta: è in prossimità di un sasso che guarda il lago. Qualche metro più in là ecco la diga che regola il bacino. È una costruzione massiccia con una curva estremamente accentuata che unisce i due pendii. Sul fianco della montagna scorrono mille rivoli provenienti dai ghiacciai. Ciccio in mattinata ha dovuto gettare le sue pedule perché una suola ha ceduto. Le scarpe a tennis lisce non son certo l’ideale, si fa di necessità virtù ovviamente, ma il nostro compare non risparmia improperi a ogni pozza d’acqua non aggirabile. Ci fermiamo presso una baita abbandonata: ristoro e un po’ di riposo aiuteranno ad affrontare la

metà più impegnativa del tracciato. Gettiamo un’occhiata al sentiero che ci attende: la Francigena sale frettolosa alla nostra sinistra. Gli alberi non ci sono più, di lì a qualche metro saranno solo erba, massi e qualche pianta alpina. A lato, in un ripetersi monotono di tornanti tutti uguali, c’è la vecchia statale che porta al passo, percorsa da chi volutamente evita la scorciatoia del traforo per godersi il panorama. È l’ora di armarci di coraggio e volontà. Man mano che si procede penso alle cose inutili che posso aver infilato nello zaino. Una maglia in più, una felpa, la bussola, cose che avrei potuto lasciare a casa o sostituire con alternative di qualche etto più leggere, affinchè quei 14 kg si sentano meno. Ma cambierebbe poco. A metà salita il gradito incontro con due grossi san bernardo che scendono dal


il viaggio

BANCARELLE BIO IN REGIONE

la Via Francigena monte insieme alle loro guide. Il tempo di un saluto e un incoraggiamento, poi si riprende. Davanti Cesare e Ciccio decidono di non calare il ritmo. Vorrei stringere i denti anch’io, ma scelgo di stare vicino a Giulio che visibilmente è quello che fatica maggiormente, anche per via di un ginocchio malandato. In alto, ancora minuscola, la sagoma dell’ospitale. Ci facciamo coraggio, le pause per rifiatare si fanno via via più numerose. Finalmente, con alcuni minuti di ritardo, raggiungiamo i ‘fuggitivi’ sotto il cartello tanto agognato: “Col du Gd.St.Bernard, 2469 m”. L’impresa è vinta, posare a terra i fardelli è già un sollievo immenso. Siamo al passo, il cui minuscolo agglomerato è attraversato dalla statale: a destra un albergoristorante, a sinistra l’antico ospitale, in fondo alla strada svettano le bandiere della stazione di confine che sorge

accanto al piccolo e incantevole lago alpino. Ci accreditiamo presso il monastero dei bernardini, sapendo di godere di un piccolo privilegio: solo i viandanti che affrontano il percorso a piedi possono trovare alloggio nell’ospitale. Rimaniamo stupiti dalla bellezza della struttura. Ciascuno di noi ha il proprio personale rapporto con la fede, il nostro non è un pellegrinaggio religioso, ma tutti cogliamo la spiritualità di questo luogo quasi millenario. Le nostre camere, al piano nobile, sono completamente rivestite in legno, trasmettono calore e protezione. Una volta cambiati e ripuliti, prima della cena nel refettorio, andiamo a far visita all’allevamento dei cani, dove 3 cuccioli fanno bella mostra di sé, prendendosi valanghe di coccole da tutti i visitatori. Leonardo Rosa

In tutta la regione si contano 43 mercati che propongono prodotti bio. Quelli censiti, almeno, perché iniziative di questo tipo si moltiplicano rapidamente e rendono difficile il monitoraggio. Vediamo dove sono presenti le bancarelle bio in Emilia Romagna che aprono a cadenza settimanale o periodica.

PROVINCIA DI PIACENZA

MERCATO DELL’ARTIGIANATO DEI COLORI E DEI SAPORI, Piazza Duomo Piacenza, venerdì MERCATO DELL’ARTIGIANATO DEI COLORI E DEI SAPORI, Piazza Cavalli Piacenza, lunedì PIAZZA CASALI Piacenza, dal lunedì al sabato CURIOSANDO SOTTO IL CASTELLO CASTELL’ARQUATO, Piazza del Municipio, seconda domenica di ogni mese da marzo a dicembre (ore 9-19) MERCATO MENSILE DEL BIOLOGICO E DELLE COSE USATE – FIDENZA, primo sabato di ogni mese

PROVINCIA DI PARMA

LA CORTE - DALLA TERRA ALLA TAVOLA, Via Imbriani Parma, sabato (8.30-13) ROCCA E NATURA – FONTANELLATO, Centro storico, quarta domenica di ogni mese (9-18) MERCATO TRAVERSETOLO – TRAVERSETOLO, Via San Martino, domenica mattina

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

MERCATO DEL CONTADINO, Piazza Fontanesi Reggio Emilia, sabato mattina (8-13) MERCATO DI PIAZZA PICCOLA – Piazza San Prospero Reggio Emilia, da lunedì a sabato

PROVINCIA DI MODENA

BIOPOMPOSA – Piazza Pomposa Modena, martedì e sabato (8.30-13) MERCATO CONTADINO – Parco Ferrari Modena, venerdì (14-18) MERCATO DEL CONTADINO – SASSUOLO, via Po’ Località Braida, 2°e 4°sabato (8-13) MERCATO DI CARPI - Parco Giovanni Paolo II, giovedì e sabato (8-13) BIOSPILLA – SPILAMBERTO, Torrione Medievale, venerdì (7-13.30) VIGNOL, via Cavova 4, venerdì pomeriggio e sabato mattina

.9

PROVINCIA DI BOLOGNA

Via Udine Bologna, presso il cortile della Scuola di Pace, venerdì (17.30-20.30) VAG61 - Via Paolo Fabbri 110 Bologna, martedi (18-21) MERCATO DELLA TERRA – Via Azzo Gardino Bologna, sabato (9-14) XM24 – Via Fioravanti 24 Bologna, giovedì (17.30-21) BIO MARCHÈ BUDRIO- BUDRIO Piazza Antonio da Budrio, lunedì (17.30-20.30) MERCATO DI VERGATO – VERGATO Piazza della Pace, sabato e domenica MERCATO DELLE COSE BUONE - SAVIGNO Piazza centrale, seconda domenica del mese MERCOLBIO – IMOLA via Serraglio presso Centro Sociale La Stalla, mercoledì (17-20)

PROVINCIA DI FERRARA

DOMENICHE BIO FERRARA – Piazza Castello Ferrara, seconda domenica del mese (919) SAPORI MATILDEI - BONDENO Piazza Garibaldi, sabato (8-13)

PROVINCIA DI RAVENNA

MARTEDÌ GRAS – CSA Spartaco Via Chiavica Romea 88 Ravenna, martedì (18-20) BIOMARCHÈ LUGO - LUGO Logge del Pavaglione, venerdì (17-20) BIOMARCHÈ FAENZA - FAENZA Parco Vespignani, lunedì (18-22)

PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA

MERCATO DI FORLÌ – Mercato Forlì, lunedì e venerdì (7-13) MERCATO DI CESENATICO - CESENATICO (FC) - Piazza Conserve, mercoledì e sabato (7-13) LE CRETE DI MONTENOVO - SAN MAURO PASCOLI Via Renato Serra 17, martedì, venerdi e sabato (9.30-12.45) MONTIANO - Via Provinciale Sogliano 2117, martedì e venerdì (15-20) RONCOFREDDO - Via Comandini 38, venerdì-domenica (8-12 e 14-21)

PROVINCIA DI RIMINI

RIMINI – Via della Torretta 5, giorni feriali (15-19)


Ferrara 96.700 fm Lidi 96.900 fm Ravenna 97.500 fm

infoline advertising: 0532.20.00.33 / 0544.511.311 tutte le frequenze su: www.lattemiele.com


energie rinnovabili .11

Quarto Conto Energia Gli incentivi ci sono, ma manca la fiducia. La parola ai tecnici. Il giudizio di Roberto Ravani, presidente di EnerCooperAttiva.  Il quarto Conto Energia, ovvero il decreto relativo all’“Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti solari fotovoltaici”, ha terminato il proprio iter. E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e lo scorso 5 maggio è stato firmato dai ministri dello Sviluppo Economico, Paolo Romani, e dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo. La nuova disciplina delle modalità di incentivazione propone fra le sostanziali novità la distinzione tra piccoli impianti e grandi impianti. Sono “piccoli” quelli realizzati su edifici o operanti in regime di scambio sul posto con una potenza non superiore ai 200 kW, oppure di qualsiasi potenza se realizzati su edifici delle amministrazioni pubbliche. Sono “grandi” quelli con potenza maggiore di 1 MW realizzati sugli edifici e gli altri impianti

(non su edifici) non operanti in regime di scambio sul posto:  è previsto per questi che le imprese si iscrivano al nuovo registro tra il 20 maggio e il 30 giugno. Il decreto si applica agli impianti fotovoltaici che entrano in esercizio a partire dal 1° giugno 2011 e fino al 31 dicembre 2016: obiettivo nazionale indicativo di potenza installata circa 23.000 MW per un costo indicativo cumulato annuo degli incentivi tra 6 e 7 miliardi di euro. “Bene gli incentivi, meno bene la tempistica, tardiva, e le modalità, di ‘frazionamento’, del quarto Conto Energia”. Questo il giudizio di Roberto Ravani di EnerCooperAttiva, che tiene a fornire un parere “tecnico, operativo, di professionalità”. “Il mondo economico aveva fatto già le proprie valutazioni sul terzo Conto Energia, fermato in corsa e cancellato anzitempo dal decreto Romani -spiega-. Ciò ha scardinato strategie, creando insicurezze in un campo già minato dalle insicurezze. Di più. Da gennaio ad oggi praticamente non si sono più realizzati impianti fotovoltaici, a causa dell’incertezza che ha preceduto l’approvazione del quarto

Conto: si determinato un vero e proprio blocco del mercato. Un blocco a pioggia, in quanto la minore richiesta ha determinato a sua volta il crollo dei prezzi, prima sostenuti proprio dalla domanda, e anche le banche hanno fermato le linee di credito. E’ evidente che anche i lavoratori vivono sulla loro pelle le difficoltà di queste aziende. Adesso -rileva- siamo chiamati a recuperare, soprattutto in termini di comunicazione: a convincere gli utenti ad avvicinarsi nuovamente al settore”. Le prospettive non mancano infatti. “Il futuro è propizio -sostiene Ravani-. Il nucleare è destinato ad essere ridimensionato e l’Europa ha decretato uno stop, dopo il Giappone, per fare il punto dell’esistente. C’è quindi bisogno di operare sul fotovoltaico. Certo il decreto avrà bisogno di precise e sostanziali norme applicative”.

E’ opinione diffusa che gli incentivi alle rinnovabili ricadranno pesantemente sulle bollette degli italiani. “Non siamo sufficientemente abituati a leggere le fatture – rimarca il presidente di EnerCooperAttiva -. Ci renderemmo altrimenti conto che nelle bollette si stanno finanziando soprattutto le fonti assimilabili, legate al petrolio: un incentivo al fossile, dunque. Le rinnovabili invece incidono per un solo 7%. Incentivarle pienamente significherebbe al contrario recuperare risorse non pagando le multe che l’Europa ci imporrà se entro il 2020 non saremmo riusciti ad alimentare il 17% del nostro consumo energetico con fonti rinnovabili: oggi, pur con grossi sforzi, siamo sotto il 10%”.

Il decreto

si applica agli impianti fotovoltaici


eco life-style 12.

Chicza, non appiccica ma fa presa Arriva in Italia il primo chewingum ecocompatibile E’ interamente vegetale e biodegradabile al cento per cento e dopo aver conquistato il mercato inglese ora il chewingum Chicza sbarca in Italia; saranno la  Farmacia Comunale di Capannori, in provincia di Lucca, e alcuni supermercati bio di Roma i primi punti vendita italiani dove sarà possibile acquistarlo. Chicza è prodotto da una lattice messicano proveniente dalle foreste pluviali. Questo lo rende un chewingum completamente naturale e di facile smaltimento. A differenza delle comuni gomme da masticare che si attaccano con forza all’asfalto e su altre superfici perché realizzate con polimeri a base di benzina che si fondono bene con la gomma, Chicza viene invece decomposto dagli agenti atmosferici, si trasforma in polvere e si “consuma” proprio come il legno e le foglie secche. “Una comune gomma da masticare – come ci ricorda un articolo del due maggio di quest’anno pubblicato nella rubrica Ethical Living del mensile “Internazionale” - impiega

in media cinque anni per decomporsi. A Londra – si legge nella rubrica - staccare una gomma da strade e marciapiedi costa tra i 10 centesimi e i 2 euro, con un impatto ambientale variabile a seconda del metodo usato per la rimozione: il vapore o dei prodotti chimici. In vista delle Olimpiadi del 2012 – è scritto nell’articolo - la città sta ripulendo le strade dalle cicche appiccicate: per staccare 300mila pezzi, in due chilometri di strada, ci sono voluti tre mesi e non si sa quanto vapore. Si stima che nel mondo – conclude l’articolo - ogni anno si gettino 560mila tonnellate di gomme (23mila in Italia)”. Chicza, al contrario, si degrada in maniera naturale e in soli d u e mesi.

Questo innovativo chewingum biodegradabile, infatti, è realizzato grazie alla particolare lavorazione del chiche (lattice estratto dagli alberi ad alto fusto Chicozapote largamente diffusi in Messico nelle foreste pluviali della penisola dello Yucatan) miscelato con cere naturali e addolcito con l’utilizzo di edulcoranti organici - agave ed altri aromi naturali - che danno al prodotto il particolare sapore; il tutto viene poi stampato e sagomato in strisce di gomma da masticare. Per ottenere Chicza ci sono voluti vent’anni di impegno e tutto l’amore per l’ambiente che solo una cultura come quella Maya può esprimere e lo scorso anno il chewingum è stato premiato a Londra, al “Natural and Organic Products Festival”, come “Miglior nuovo alimento organico”. La gomma da ma-

sticare ecocompatibile è senz’altro una forma apprezzabile di sostenibilità ambientale utile a promuovere e incentivare un’azione in termini di conservazione ambientale proprio a partire dai piccoli comportamenti della vita quotidiana. Inoltre scegliere di masticare Chicza servirà, oltre che a fornire il proprio apporto al mantenimento decoroso di strade e monumenti, a dare un contributo personale e diretto per una vita migliore per tutti i chicleros d e l l o Yucatan, ovvero i lavoratori - circa due mila - che, raccolti in cinquantasei cooperative, compongono il consorzio che produce il chewing gum ecologico.

Dalla cultura Maya

una gomma da masticare

naturale


annunci di

BARATTO su www.zerorelativo.it

Ti interessa barattare uno di questi articoli? Vai sul sito www.zerorelativo.it e cerca l’oggetto inserendo nel campo ‘’ricerca’’ il titolo dell’annuncio che trovi qui

LATTE CORPO alla Rosa Romantica Bottega Verde Nuova 250 ml Sigillata Con erogatore COSTUME BIMBA Usato pochissimo Marca Triboard Decathlon 7-10 anni Le etichette sono state rimosse ma vestono una bimba dai 7 ai 10 anni. Non ha pallini nè segni di usura E’ diventato piccolo nel cassetto PILA DURACELL Nuova Sigillata123 CR123A Si usava nelle macchinette fotografiche...ora non so, è nuova BORSA Kipling nera modello a bauletto ma si può portare con la tracolla inclusa. PERLINE simil corallo e bianche più cannutiglie color oro scuro Ho queste perline in plastica che decoravano una blusa, anche se amo fare collanine sono di un genere che non utilizzo, a qualcuna interessano? CASCO MOTO INTEGRALE apribile Nca Nolan L colore blu notte taglia l - 60 omologato e3 (in italia) secondo l’ultima normativa apertura della mentoniera con pulsante centrale interno completamente sfoderabile visiera senza un graffio presa d’aria superiore centrale + presa d’aria sulla mentoniera molto comodo soprattutto quando fa caldo! condizioni pari al nuovo, approfittane!!! CORNICE DIGITALE USATA UNA VOLTA Ragazze/i, metto in scambio bellissima cornice digitale, colore nero, usata una volta per provarla e poi riposta, misure 26x20x4, scambio causa doppio regalo. Non ricordo la marca e abbiamo gettato la scatola ma credo Samsung. SUPER PISTA macchinine automatica si accende e le macchinine vengono lanciate sulla pista per sfidarsi a folle velocità...occhio agli incidenti! Ho anche la scatola e dovrei avere anche i due stantuffi che azionamo i trabocchetti sparsi sulla pista. In ottime condizioni! FLACONI VARI in plastica e vetro Sono da: 75 ml quello rosso e quello col tappo azzurro (ma è in vetro), 90 quello bianco piccolo, 250 quello più grande. Quello più

piccolo cilindrico è da 45 e ne ho disponibili 3 con prodotto dentro, sono di un albergo. Ne ho in casa anche altri che non ho fotografato

ancora portabile, regalo o scambio con poco/ cumulativo. taglia M

JEANS Sisley taglia 46 un po’ strappati portati pochissimo Jeans splendidi di quelli un po’ strappati che andavano qualche anno fa, anche questi portati pochissimo perchè in quel periodo ho cambiato taglia!!! Sigh! Mi piange il cuore! Tonalità media, sono molto sexy secondo me...

CARDIGAN in maglina di cotone color ghiaccio Motivi. Bordo a leggere costine verticali. E’ stato portato poche volte perchè l’ho acquistato qualche anno fa e sono purtroppo ingrassata :( Lo metto in scambio perchè sta nel cassetto a non fare nulla. Non ha imperfezioni nè macchie. Taglia M (circa)

PANTALONI neri in velluto a costine Castellani portati pochissimo, taglio a sigaretta, portati pochissimo perchè me li ha fatti prendere mia madre ma non è il mio genere. Vita bassa, taglia 44 ma vestono una ragazza comunque magra. Hanno il gancino in metallo e cinturina in velluto incorporata per allacciarli.

GIUBBINO jeans Levi Strauss taglia S

TANTI VASETTI IN VETRO con e senza coperchio Ho una serie di vasetti in vetro che stanno lì a non fare nulla, alcuni con coperchio altri no, a chi servono? Quelli in foto sono solo una parte di quelli che effettivamente ho BODY DA PALESTRA taglia piccola, nero anni 90 scambio con poco SOTTOGIACCA Sisley nero sobrio portato pochissimo taglia s/m lineare e accollato che ho portato pochissimo perchè troppo accollato per i miei gusti, poi sono ingrassata e non l’ho più potuto mettere è un po’ elasticizzato, taglia 42/44. Ve lo mando stirato MAGLIETTA nera Sisley lucida usata ma ancora portabile con scollo a V, purtroppo mi è diventata piccola ma è ancora portabile! Semplice e bella! Veste 42/44. Ve la mando stirata MAGLIETTA JJS in cotone portata pochissimo, veramente carina da ragazzina bianca con rifiniture, scritte e paillettes rosa, l’ho portata tre volte perchè me l’hanno regalata ma non era il mio genere... è una L ma va bene a una 42/44. Spalline particolari MAGLIETTA Promod usata cotone verde acqua intenso, maniche lunghe,

OCCHIALI da sole...very vintage!

BORSA A TRACOLLA Naj Oleari tessuto molto morbido e fantasia molto bella e particolare, misura 35x35 cm circa...le foto parlano da sole ^_^ PANCA MULTIFUNZIONE nera e...smontata! BAMBOLA IN PORCELLANA molto bella...sembra vera! Altezza cm 40 circa, con supporto. OCCHIALI DA SOLE Police modello vintage, molto particolare, blu a specchio, in buone condizioni, originali. OCCHIALI DA SOLE Armani e Police modelli vintage in buone condizioni, originali. PANTALONI H&M neri da palestra taglia m in felpina nera media pesantezza, c’ è scritto M ma per me dev’essere una M abbastanza piccolina. Usati ma ancora portabilissimi! Purtroppo mi sono molto gonfiata ultimamente e non mi entrano più :( LIBRI Gori Hook e Case. Scambio libri di Leonardo Gori “Il passaggio” e “Nero di Maggio”; di John Case “L’ombra del cavaliere”; di Robin Hook “VectorMinaccia mortale”. ottime condizioni, quasi mai aperti. CARDIGAN Franklin & Marshall Bordeaux acceso taglia S come nuovo Logo su ogni bottone Grande Logo anteriore Due taschine applicate 40 acrilico 30 lana 30 cotone MAGLIONE Viola Joe Rivetto Taglia m Made in Italy 80 Lana 20 polyamide usato poco nessun segno di usura Nessun pallino

PORTAFOGLIO color crema NANNINI interno marrone completamente in pelle. Pari al nuovo. Con scatola. Capiente e multiscomparto. Dimensioni 12 x 9 cm circa.

PANTALONI fucsia con scritta sul sedere

bigiotteria americana. Io non saprei datarlo. Molto raffinato e composto da tre fili di piccole perle bianche intervallate da perline dorate. Lunghezza cm.17 circa.

taglia s, svasati sul fondo

COLLANA in avorio lunghezza cm.38 .

JEANS a sigaretta nuovi taglia S, con tasche

COLLANA ambra baltica lunghezza cm.40

particolari

BRACCIALI PIECES dorati perticolarissimi nuovi ancora prezzati

CAGNOLINO stile thun molto carino METRONOMO musicale come nuovo

PANTALONI tuta NIKE taglia S , felpati nuovi.

JEANS cavallo basso BENETTON fantastici usati una volta, taglia 38

T-SHIRT BENETTON molto bella taglia s-m

BALLERINE glitterate d’oro fantastiche e nuove ballerine glitterate d’oro n.37

CANOTTA elegante marrone stupenda con perline, atillata taglia S

T-SHIRT BETTY BOOP bellissima e nuova taglia s-m

BARRE PORTATUTTO per auto stationwagon, usate una sola volta poi a causa incompatibilità con auto nuova non sono più state utilizzate.

COLLANA in perle di fiume e pietre dure + piastra scambio a malincuore perchè troppo lunga per me. Le perle sono così belle che ho persino pensato di reinfilarla ma mi dispiace perchè trovo che così sia bellissima e che qualcuno che ama le collane molto lunghe potrebbe sfoggiarla così come sta. Scambio con qualcosa che mi colpisca.

CIONDOLO con perla verde in argento von perla verde in piertra dura.

ORECCHINI a goccia di strass accessorize eleganti con strass forma di goccia. Ottima fattura e pagati un bel po’ relativamente alla marca.

BRACCIALETTO perle bigiotteria americana comprato a un mercatino del vintage come pezzo di

con cartellino. Taglia S/M uno (6,5 cm il diametro) e M/L l’altro (6,8 cm). La particolarità sta nel fatto che il motivo dei bracciali è creato da una bellissima catena dorata posizionata sotto la resina trasparente. Molto incerta sullo scambio perchè mi piacciono molto ma valuto proposte!

BAULETTO in pelle nera nuovo con cartellinocon manico

lavorato, borchiette laterali e frappa che lo impreziosisce. Misure 25 x1 8 x 15 cm. Mi piace davvero molto e sono incerta se scambiarlo o meno ma valuto proposte che mi colpiscano.

SANDALI SABOT rosa

con perline, numero 36 ma veste 37

MACININO DA CAFFÈ da collezione SECCHIELLO FENDI originale in pelle martellata marrone,

con borchiette e fondo monogrammato in camiscio cm 24 altezza e cm 20 diametro. Cuciture perfette usato pochissimo. Verrà spedito completo di dustbag. Scambio con oro o con borsa pari valore.

BALLERINE nere glitter bellissime ballerine

nere glitterate, sono un 3637, nuove

STIVALI neri in vernice stivali come nuovi

in vernice neri, numero 37

SANDALI MUAURO GRIFONI neri in pelle 39

costosissimi e molto usati (segnalo solo il tacco da rifare) ma ancora sfruttabilissimi data l’ottima condizione della pelle. Tacco 10.

BORSA

con applicazione a mezzo punto fatta a mano con fodera interna e zip molto originale e effetto vintage assicurato

APPLICAZIONE a punto croce...se avete voglia di attaccarla ad una borsa in tela dove dovete nascondere la pubblicità del super. Fatta da me

www.zerorelativo.it


annunci di

BARATTO su www.zerorelativo.it

Ti interessa barattare uno di questi articoli? Vai sul sito www.zerorelativo.it e cerca l’oggetto inserendo nel campo ‘’ricerca’’ il titolo dell’annuncio che trovi qui

BRACCIALE nuovo con scatola in acciaio e radice di acqua marina realizzato a mano con certificato e scatola regalo. scambio solo pari valore e con qualcosa che mi sia veramente utile STRUMENTO musicale di artigianato africano lunghezza 54 cm. SCATOLA CHRONOTECH (senza orologio) originale con controscatola in carta con marchio stampato in discrete condizioni, ma la scatola nera con marchio argentanto e interno foderato grigio con cuscinetto è praticamente nuova PER GLI APPASSIONATI della CocaCola porta cellulare in plastica trasparente-adesivi (ancora sigillati) 4 biglietti natalizi del 2000 SPILLA handmade perline e paillettes cucite su pannolenci QUADRETTI DI LANA fatti ad uncinetto dalla mia mamma 2 ROCCHE DI LANA MARRONE scambio anche separatamente -filato marrone caffe’ molto sottile -1 kg. l’uno abbondante BORSA CARPISA STAMPA COCCO rosso ciliegia, con inserti rosa e beige, perfetta. misura cm.33x32 MONETE straniere BANCONOTE DELLA JUGOSLAVIA monete lire italiane CESTINO porta lavoro è nuovo ma presenta un piccolo difetto nel pizzo misura cm.18 di diametro e cm.11 di altezza CONFEZIONE nuova composta da sacchettino, specchietto e spazzola con Minnie il sacchettino è lungo cm.16, il pettine e la spazzola cm.10 SCARPE beige n.9 usate ma ancora portabili, molto comode, me le hanno vendute come di pelle vera, senza scatola, presentano alcuni segni visibili nella seconda foto TRE CAMICETTE premamam oppure a chi piace vestiario un po largo taglia 14 UK, direi M/L CANOTTA in cotone, colore verde militare, tagliaXL(ma direi che è una L) canotta verde in cotone

MAGLIETTA con motivi giapponesi (taglia L) in cotone in cotone (messa una volta, ma mi è grande)

MAGLIA molto particolare bianca ad incrocio con ampi e lunghi fiocchi ATMOSPHERE

MAGLIETTA sportiva Zara a 3/4 tg.L in cotone

COPRICOSTUME stile indiano color bianco trasparente YAMAMAYbellissimo peccato che a me non vada bene (troppo piccolo veste una S

PICCOLO CIONDOLO in argento, molto carino 925, con motivi molto carini DIGITAL CAMERA CANON power shot A490 -10.0 mega pixels -3.3x optical zoom -6.2cm. 2.5” lcd - con scatola, accessori, istruzioni ancora sigillate, usata ma come nuova GONNA marrone, lino 42/44 estiva, taglia 42/44 DIRETTAMENTE DAL BAULE DELLA NONNA tovaglia con scatola LACCI SCARPE nuovi e sigillati marca CLASS, stringhe marroni, piatte, 2 paia, cm.70 + stringhe bianche, piatte, 1 paio, cm.110 BVLGARI OMNIA AMETHYSTE nuovo e sigillato Eau de Toilette vaporisateur natural spray 25 ml scambio solo pari valore

CANOTTA lunga (ideale per leggins) tg. S REDS bella!! color fuscsia CANOTTA estiva tg M marrone con applicazioni bella ed elegantissima CANOTTA lunga color rosso mattone con strass TG 44-46 T-SHIRT REDS tg.M marrone/rosa usata come nuova! MAGLIA a righe verde e grigia ideale per leggins taglia M CANOTTA arancio con pizzo!! Non c’è taglia ma veste una 42-44 MAGLIA marrone tg M REDS topolino scambio perchè mi sta piccola

TAROCCHI ETRUSCHI carte in ottimo stato ma la scatola è un pò malandata

PAREO o scirapa luccicoso e multicolor delizioso pareo sciarpa! come nuovo

MANGIATOIA per uccellini in metallo alta circa cm.23

MOBILI vecchi ne ho tanti.. erano di mio babbo...tutti da restaurare...a chi possono interessare?? fate proposte serie!!grazie..

CASETTA DI LEGNO per gli uccellini alta cm.21 circa RONDELLA nuovissima manico in legno, lunghezza cm.19 marcata stainless steelCOLLANA INDIANA bellissima collana (non argento) BORSA originale lollipop nuova, marrone e beige, applicazione di bottoni e decoro nastro rosa, con dustbag -scambio pari valoreBIANCASPILLA strampalaura base di cotone ad uncinetto, tulle e perle di materiali vari... misura circa cm.4x4.5 ANELLO con molti anni anello vecchio? antico? vintage? non lo so. la base è color argento e sopra era color oro ma è tutto scolorito. raffigura 2 mani intrecciate. misura 12. è marchiato ma illeggibile ANELLO in oro e pietra rosata molto bello nella sua semplicità. la pietra è sul rosa non si vede. misura 15. SCAMBIO SOLO PARI VALORE.

VALIGIA VINTAGE è color verde bottiglia scuro...perfetta! non ha più le chiavi...ma si apre ugualmente...molto bella.... SCARPE m. 40 scambio x poco...dovrebbero essere in pelle....io non riesco a portarle.. SCARPE N.39 sono bellissime,ma le ho usate veramente tanto...eleganti... color salmone.. WALKMAN lettore cd nuovo legge anche mp3 e cd masterizzati bellissimo lettore cd Akai nuovo mai utilizzato, vinto ad un concorso.. bellissimo.. SACCHETTO porta scarpe Prada, nuovo solo spiegazzato originale nuovo, era delle miei luna rossa.. originale 100% CIABATTINE a rocchetto argento n 38 usate due volte come nuove bellissime ciabattine a rocchetto 38 argento con pietra.. stupende... PORTAROTOLO Scottex molto carino è in legno dipinto...

JEANS BERSHKA taglia 38 chiari Jeans Bershka taglia 38 chiari. come nuovi. solo che in fondo è stato scucito l’orlo (nelle foto è piegato in dentro) ma si puo facilmente ricucire;) COLLANE E CAVIGLIERA 2 collane e i1 cavagliera con ciondolo in argento. CINTURONE bellissime 2 cinturone sono nuove, la terza con il fiocco è stata usata COSTUME A RIGHE e costume Hello Kitty Nuovi! costume a righe taglia 42 e costume fucsia Hello Kitty taglia 42. Sono nuovi! Per misure contattatemi pure. JEANS BERSHKA taglia 38 usati ma in ottime condizioni taglia 38. ETNIES verdi n°38.5 come nuove usate poco, come nuove! considerate però che sono imbottite, quindi vanno bene ad un 36-37) se volete ho anche la scatola con etichette e lacci bianchi e azzurri! scambio con qualcosa che mi piaccia veramente:) BALLERINE simil converse n°36 con cuori ballerine molto carine n°36 (un po usate, ma solo x voi le ho lavate, lucidate e messo la soletta AMPLIFICATORE CHITARRA “Gorilla GG20R Reverb 30 watts, famosa marca Americana. Nuovo! Amplificatore Gorilla GG-20R Reverb Caratteristiche: Speaker 6.5 30watts 220/240V 50HZ Misura 25,5x27 circa Serial NO. 1037412 * dietro attacco per cuffie * tube stack * volume * equalizzatore * reverbero ABITO VESTITO Promod bellissimo taglia S un po grande, quindi consideratelo quasi una M. è stato solo provato. lo scambierei solo con un altro bel abitino taglia S. proponete! BORSETTA nera con fiore borsetta carinissima in similpelle nera con fiore bianco. proponete! CERCHIETTO a pois bianco e nero scambio con vostre proposte 2 MENSOLE LACK Ikea bianche ancora impacchettate (+ 1 altra spacchettata) lunghezza cm.113 ognuna. Scambio

TAVOLINO Ikea inclinabile per appoggiare portatile o altro stando sul divano. E’ un tavolino inclinabile per usare il portatile (o per appoggiare altro) quando si sta sul divano o sul letto. E’ come nuovo, a parte una scheggiatura del legno. DIVANO LETTO Ikea (con futon) Il divano letto (mod. Licksele con fodera blu) a fodera è un po’ rovinata ai lati perchè le gatte ci si sono fatte le unghie. Per il resto è come nuovo, usato pochissimo negli ultimi tre anni. Lo scambio preferibilmente con un materasso futon da una piazza e mezzo oppure matrimoniale. COLLANE rimanenze negozio: 1collana nera e oro, con pietra con inserimenti dentro, collana con ciondolo a cuore pietre punti luce azzurri, collana con pietre viola e lilla alternate, collana con pietre solo viola. ORECCHINI rimanenza. negozio: orecchini color oro disegno campane, orecchini cascata di stelle, orecchini eleganti con pietra rossa, e 3 punti luce orecchini bicchiere champagne. ORECCHINI rimanenza negozio orecchini goccia blu brillantinato con schizzi color oro, orecchini vintage simil disegno porcellana con fiore, orecchini con pietra bianche e argento invecchiato orecchini con sfondo verde e disegno orecchini 1,30 cm, con perlina viola e fiorellino orecchini con 3,50 cm con perle fuxia, orecchini specie fiore con punti luce simil oro. larghezza 1 cm . orecchini vintage double face, bianco perlato e blu. TOP TG.M bellissimo, a fascia paiettato sopra, e stile velluto sotto.. fa una bellissima figura indossato è nuovo! ) colore nero GIACCHINO, maglia bianco con cappuccio e bottoni carinissimo, perfettamente come nuovo, indossato una volta bottoni medio grandi. Piazza Italia. taglia M! FELPA ROSSA Emily TThe Strange felpa taglia M, rossa. CIABATTINE gomma con perline i n°36 bellissimi, fanno una bella figura sul piede.

www.zerorelativo.it


riciclo

Sugli scarti dorme il gatto Lettiere ‘green’ per felini con i resti del mais e dei pini La lettiera del gattino di casa, con i suoi rumorosi sassolini e l’inconfondibile odorino, è una delle cose che spesso porta tante famiglie a rinunciare all’amicizia di un felino di taglia più o meno ridotta. Adesso pare che i nostri piccoli amici a quattro zampe causino ben più danni di mobilio e tappeti graffiati: stando ad uno studio della Victoria University in Nuova Zelanda, dal punto di vista ecologico l’impatto di un cane è paragonabile a quello di un SUV e quello di un gatto ad una Golf. Esagerazioni? Potrebbe anche essere così, ma se si pensa che nella sola città di Milano i felini che usano la lettiera sono circa 142.500 e che ogni gatto produce circa 260 chili l’anno di rifiuti i conti sono presto fatti. I gatti di Milano producono in media 37 milioni di chilogrammi di rifiuti da smaltire per un costo approssimativo di 12 milioni di euro. La maggior parte delle lettiere in commercio, sono di tipo minerale e di queste il 95% è a base di bentonite, un minerale argilloso assolutamente non biodegradabile, che finisce -con il conferimento nella spazzatura indifferenziata- nei termovalorizzatori o negli inceneritori con una produzione notevoli di polveri sottili. In alcune città le amministrazioni e i consorzi che si occupano dello smaltimento dei rifiuti si sono già mobilitati per promuovere l’utilizzo di lettiere per gatti “green”, composte da materiali naturali in commercio da qualche anno ma poco diffuse nel nostro paese. Per fare dei nostri felini domestici

delle creature eco-compatibili oggi c’è solo l’imbarazzo della scelta. Per chi ha dei gatti un po’ ‘malandati’ ci sono lettiere la cui struttura è in carta, ricavata dagli scarti di lavorazione delle cartotecniche, e la sabbietta in trucioli di cartone sanificato che possono essere smaltite nel wc o nell’umido e che, data la leggerezza del materiale, pare sia ideale per gli animali con problemi alle articolazioni. Quando invece i gatti sono in piena salute si può optare per la ‘sabbia’ prodotta con scarti della lavorazione del pino, proveniente da foreste controllate e certificate, che oltre ad essere biodegradabile ha anche un fresco odore di alberello oppure per una sabbietta fatta da piccoli trucioli dalle altissime qualità assorbenti -ottenuti dalla lavorazione degli scarti del mais- che, poiché trattati in maniera adeguata, trattengono bene anche gli odori del micio. Quei padroni di gattoni che hanno manualità e voglia di provare nuove soluzioni ecologiche ai problemi quotidiani hanno anche l’opzione ‘fai da te’, visto che nel web si esistono tantissimi siti dai quali scaricare le istruzioni per una cassetta e lettiera fatta in casa ed ecologica: basta munirsi una cassetta di legno, tipo quelle della frutta, mischiare del terriccio e trucioli di legno o paglia, qualche cucchiaiata di bicarbonato -che neutralizza l’odore di ammoniaca della pipì dell’animale- e sistemare il miscuglio fatto nella cassetta in uno strato di tre o quattro centimetri. Per disfarsi del contenuto esausto di questa lettiera la si può svuotare nell’umido o in giardino.

APPUNTAMENTI

.15

Paesaggi d’acqua e cinema a “Ferrara e nel suo delta” 28 Maggio 2011

Aula Magna di Economia, Università degli Studi di Ferrara, Via Voltapaletto, 11 Il binomio cinema paesaggio è qualcosa di più di una trasposizionedisciplinare, è un approfondimento del concetto stesso di paesaggio attraverso lo strumento artistico del cinema. La serie di convegni-escursione s’inquadra in un progetto di sperimentazione di un prototipo di grande evento incentrato sul tema “acqua”da sviluppare a Ferrara in concomitanza con l’attivazioni di flussi di HeritageEecoTurism provenienti dall’area metropolitana milanese. L’iniziativa sicolloca nel Programma GAL Delta 2000.

Naturalia

Il 4 ed il 5 Giugno 2011

Villa Ronchi in via Argini nord,3277/b a Crevalcore ( Bo) I SEMPAR IN BARACA e MARISA e PAOLA BERNARDI con il patrocinio della PROVINCIA DI BOLOGNA e la REGIONE EMILIA ROMAGNA in collaborazione con L’ISTITUZIONE CULTURALE “PAOLO BORSELLINO” del comune di Crevalcore. Presentano “NATURALIA” all’interno della Villa e nel parco 90 terapisti professionisti faranno provare gratuitamente ai visitatori varie terapie naturali,si terranno inoltre conferenze,lezioni e dimostrazioni.

“Le emissioni in atmosfera: le novità” 14 giugno 2011

Cervia (Ra), Fondazione CerviaAmbiente, via Evangelisti 4 presso Torre San Michele, ore 9 La Fondazione CerviaAmbiente organizza il corso di formazione sul tema “Le emissioni in atmosfera: le novità introdotte dal terzo correttivo alla parte V del D.vo 152/06”. Dal campo di applicazione alle comunicazioni previste, dal regime autorizzativo per gli stabilimenti che producono emissioni ai valori limite, fino alle misurazioni e al monitoraggio.

Anche per i nostri mici

soluzioni

eco-compatibili

Questo g toria a i di

O SPA

ISSN 2037-447X

i per l'e ut

CONCESSIONARIE per i capoluoghi e le province di: FORLÌ, CESENA, RIMINI, PESARO, URBINO, RSM, COMUNE DI IMOLA E COMPRENSORIO, BASSO FERRARESE, PUBLIMEDIA ITALIA Srl P.zza Bernini, 6 - 48100 Ravenna Tel. 0544.51.13.11 - Fax 0544.51.15.55

N

M

EDITORE: Edit Italia s.r.l Direzione, Amministrazione, Redazione: Ferrara V.le Cavour, 21Tel. 0532.200033 Fax 0532.247269 Amministratore delegato: ROBERTO AMADORI

nale non r or ndo perd u fo

contr ib eve ic to

Questo periodico è aperto a quanti desiderino collaborarvi ai sensi dell’art. 21 della Costituzione della Repubblica italiana che così dispone: “Tutti hanno diritto di manifestare il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni mezzo di diffusione”. La pubblicazione degli scritti è subordinata all’insindacabile giudizio della Redazione: in ogni caso non costituisce alcun rapporto di collaborazione con la testata e, quindi, deve intendersi prestata a titolo gratuito. Notizie, articoli, fotografie, composizioni artistiche e materiali redazionali inviati al giornale, anche se non pubblicati, non vengono restituiti.

Registrazione Tribunale di Ravenna n. 1343 dell’11/01/2010 Direttore responsabile: ROBERTO AMADORI Art Director: SERGIO TOMASI

Redazione: ROBERTO AMADORI, ROMINA BUTTINI, RAFFAELE QUAGLIO, GIAMBALDO PERUGINI, CLAUDIA RICCI, MARA RICCI, SERGIO TOMASI, SCOOP MEDIA EDIT soc. coop. Stampa CSQ Spa Erbusco (BS)


EI017003


biosfera280511