Page 1

INCENTIVE | CONVENTION | EVENTI GEN - FEB | 2010

LA LOCATION DEL MESE

numero

VILLA BORROMEO PADOVA

01

Rivista mensile - n° 1 gennaio-febbraio 2010 € 5,16 - Poste Italiane SpA - Sped. in abb. post. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/04 n.46) - Art. 1, comma 1, DCB Milano. In caso di mancato recapito si restituisca al mittente che si impegna a pagare la relativa tassa

pag. 24

LA MEETING INDUSTRY OGGI

CONGRESSI E INCENTIVE UN LEGAME STRATEGICO

L’INCENTIVAZIONE, IERI UN MONDO A SÉ. OGGI PARTE INTEGRANTE DELL’EVENT PLANNING

pag. 58

"MINI" INCENTIVE, IL TREND DELL’ANNO

WEB+SEMINAR? WEBINAR!

pag. 66

pag. 78

L’IDEA GIUSTA PER RITROVARE ENERGIA E MOTIVAZIONE

COME FUNZIONA E PERCHÉ USARLO


01 2010

inserzionisti Il contenuto di questa doppia pagina è un servizio che Ediman offre ai propri lettori, al fine di accelerare e facilitare la comunicazione tra meeting planners ed inserzionisti. I dati riportati sono suscettibili di variazioni ed aggiornamenti periodici indipendenti dalla redazione di questa rivista. Per un servizio costantemente aggiornato ed efficiente, perciò, ci auguriamo che eventuali cambiamenti vengano comunicati tempestivamente alla redazione di MC.

INSERZIONISTA

PAG. CONTATTO

SITO WEB

69

www.grandhotelbillia.com

VALLE D’AOSTA Billia Grand Hôtel – Saint Vicent (Ao)

Adriana Rosina

PIEMONTE Zacchera Hotels - Baveno (Vb)

158 Andrea Zacchera

www.zaccherahotels.com

AC Hotels – Milano

54

www.achotels.com

Castadiva Resort - Blevio - Lago di Como (Co)

13

www.castadivaresort.com

CQ Travel — Milano

223 Cristina Rai

www.cq-travel.com

Gardone Riviera Grand Hotel — Gardone Riviera (Bs)

96

Franco Mizzaro

www.grangardone.it

Hilton Hotels Corporation

87

Uff. Informazioni

www.hilton.com/1su5

L’Austria per l’Italia - Milano

95

Regina Mekis

www.vacanzeinaustria.com

Mantova Multicentre Centro Congressi – Mantova

171 Cristiana Pasini

www.mantovamulticentre.com

Monrif Hotels

172 Uff. Prenotazioni

www.monrifhotels.it

On Blue - Milano

133 Laura Mancini

www.onblue.it

Pro-Meet – Milano

92

www.pro-meet.it

Proevent – Concorezzo (Mi)

176 Ares Bolognesi

www.pro-event.it

Sun International - Milano

cart. Lidia Martinuzzi

www.suninternational.it

Staff Italia — Milano

19

Monica Paglicci

www.staffitalia.it

Travel Service - Castiglione delle Stiviere (Mn)

29

Manuela Beschi

www.travelservice.it

Du Lac et Du Parc Hotel — Riva del Garda (Tn)

53

Giorgio Robustelli

www.dulacetduparc.com

Riva del Garda Fiere Congressi – Riva del Garda (Tn)

63

Serena Longhi

www.rivadelgardacongressi.it

Trento Grand Hotel - Trento

91

Andrea Allegro

www.grandhoteltrento.com

Caneva World Resort – Lazise (Vr)

49

Fabrizio Minà

www.canevaworld.it

Elation - Verona

IV cop. Andrea Dusi

www.elation.it

Endar - Venezia

216 Luca Caruti

www.endar.it

Hotelvolver - Padova

46

Di Falco

www.hotelvolver.com

Parchi del Garda Hotel - Pacengo del Garda (Vr)

9

Fabio Turrini

www.hotelparchidelgarda.it

Parco Giardino Sigurtà - Valeggio sul Mincio (Vr)

149 Giuseppe Inga Sigurtà www.sigurta.it

Studio Doc - Dosson di Casier (Tv)

123 Claudio De Sanctis

www.studiodoc.eu

Excelsior Palace Hotel — Rapallo (Ge)

184 Claudio Schenardi

www.excelsiorpalace.thi.it

Cotone Congressi Genova — Genova

81

www.cotonecongressi.it

LOMBARDIA Marc Sampietro

Francesca Pezzutto

TRENTINO ALTO ADIGE

VENETO

LIGURIA Daniela Balbi

EMILIA ROMAGNA Le Meridien Rimini – Rimini

137 Sabrina Pascucci

www.lemeridienrimini.com


01 2010

inserzionisti INSERZIONISTA

PAG. CONTATTO

SITO WEB

Augustus Hotel – Forte dei Marmi (Lu)

105 Learco Melegari

www.augustus-hotel.it

Continental Grand Hotel – Tirrenia (Pi)

168 Bruno Campana

www.grandhotelcontinental.it

Ai Cappuccini Park Hotel – Gubbio (Pg)

88

www.parkhotelaicappuccini.it

Castello dell’Oscano - Perugia

146 Maurizio Bussolati

www.oscano.com

77

www.hotelfederico2.it

TOSCANA

UMBRIA M. Carmela Colaicovo

MARCHE Federico II Hotel — Jesi (An)

Gianfranco Rolle

LAZIO ACI Autodromo Vallelunga - Campagnano di Roma (Rm)

175 Uff. Informazioni

www.vallelunga.it

Rome Cavalieri Hilton - Roma

65

Sofitel Roma Villa Borghese – Roma

204 M.Bérengère Chapoton

www.sofitel-rome-villaborghese.com

Veratour - Roma

187 Antonella Magnasco

www.veratour.it

Villa Grazioli Park Hotel – Grottaferrata (Rm)

82

Jenny Romero

www.villagrazioli.com

Villa Vecchia Hotel – Frascati (Rm)

23

Allegra Calabresi

www.villavecchia.it

Marcus Milan Arandelovic www.romecavalieri.it

CAMPANIA Crowne Plaza Stabiae Sorrento Coast - Sorrento (Na)

131 Antonino Russo

www.crowneplazasorrento.com

Hilton Sorrento Palace – Sorrento (Na)

199 Marco Duyves

www.sorrento.hilton.com

Parker’s Grand Hotel - Napoli

167 Vittorio Morelli

www.grandhotelparkers.com

Royal Group Hotels & Resorts – Napoli Vesuvio Grand Hotel — Sorrento (Na)

Marco Zuppetta

www.royalgroup.it

138 Salvatore Acampora

www.acampora.it

Basiliani Resort & Spa - Otranto (Le)

215 Pino Vergari

www.basilianiresort.com

Meeting Planner – Bari

117 Maddalena Milone

www.meeting-planner.it

President Hotel - Lecce

107 Giuseppe Mariano

www.hotelpresidente.it

Tenuta Moreno Hotel Resort- Mesagne (Br)

144 Pierangelo Argentieri

www.tenutamoreno.it

161 Angelo Pellizzaro

www.parkhotelpotenza.com

Aga Hotel – Catania

51

Michele Liga

www.agahotel.it

Angala Hotels - Taormina (Me)

10

Monica Mennella

www.angalahotels.it

Costa degli Ulivi Hotels - Sicilia

75

GHS Hotels & Residence – Palermo

21

San Paolo Palace Hotel - Palermo

II cop. Marcello Pizzutto

www.sanpaolopalace.it

Santa Tecla Palace Hotel – Acireale (Ct)

71

www.hotelsantatecla.it

PUGLIA

BASILICATA Potenza Park Hotel - Potenza SICILIA

www.costadegliulivihotels.it Lanfranco Rizzo Andrea Cavallaro

www.ghshotels.it

SARDEGNA Doubletree By Hilton Olbia - Olbia (Ot)

183 Maurizio Nieddu

www.doubletreebyhilton.com

L’ea Bianca Luxury Resort - Cala dei Ginepri - Baja Sardinia

112 Maria Elena Angioi

www.eabianca.com

Pullman Timi Ama Sardegna - Villasimius (Ca)

104 Carla Cantarella

www.pullmanhotels.com

III cop. Uff. Infomazioni

www.imex-frankfurt.com

ESTERO IMEX 2010 - Francoforte (Germania)


Un’eccellente qualità dei servizi, una tecnologia all’avanguardia, una grande facilità negli spostamenti, un impatto ambientale ridotto, una logistica esemplare. Il tutto in un quadro idilliaco... Perché mai scegliere il Grimaldi Forum Monaco?

Challenging your imagination

®

10 anni

Da dieci anni, le aziende più prestigiose al mondo fanno affidamento sui vantaggi del centro congressi del Principato: 3 auditorium (da 1800, 800 e 400 posti), 22 sale riunioni, 10.000 m2 d’esposizione e 3 spazi di ristorazione. A pochi passi dai vostri alberghi, a meno di 30 minuti dall’aeroporto internazionale di Nizza (circa 90 destinazioni verso tutto il mondo), il Grimaldi Forum Monaco è un concentrato di soluzioni su misura che vi sorprenderà per il suo eccellente rapporto qualità/prezzo. Capace di reinventarsi ogni volta, sarà un fattore chiave nel successo di ogni vostro evento ! www.grimaldiforum.mc


01 2010

sommario editoriale Una nuova rivista

cover story 11

HOT TOPIC meeting comment Suvvia, alberghi! incentive comment Convegni e incentive: bisogni aziendali breaking news 

Congressi e incentive: un legame strategico

58

report 12 14

Incentive? Sì, grazie, ma ristretto!

66

A multi-location, please...

72

Se ci sei, batti un tasto

78

Enic: 45 anni di successi

84

16 SITE INSPECTION news location

la location del mese Villa Borromeo: fascino senza tempo

24

under the spotlight Emma Aru: “Io ci credo” CWT: l’unione fa la forza The Hub: chic metropolitano Castellaro Golf Resort: effetti speciali Villa Fiorita: gli alberi di Hemingway Nova Yardinia tra conferme e novità Masseria Chiancone: classe e comfort in Puglia Le Méridien: la vie en Plaza! Serbia perché...

30 32 34 35 36 38 40 42 44

in my opinion Out of the box - Marco Garavaglia Meeting design - Mike van der Vijver La gogna - Annamaria Ruffini Open-minded - Aldo Lo Re No limits - Paolo Missiaja Il siparietto - Massimo Morga

24

47 48 50 52 55 56



89

chains & club Le sei meraviglie di Angala Hotels

98

Assisi Resort: progetti speciali per clienti speciali

100

MeetBarceló, eventi ad hoc per aziende

102

Starhotels: lo sfarzo della modernità

105

Vestas: tre hotel, un’unica filisofia

106

hotel Hotel Capitol: nel cuore del business

108

I Portici Hotel: tra passato e futuro

110

Castello del Nero Hotel & Spa: profili toscani

113

Un autentico Baricentro tra business, golf e relax

114

La ricetta anti-crisi dell’Hotel Tiziano

116

San Paolo Palace: un hotel di “alta” qualità

118

Brenner’s Park-Hotel & Spa: stelle del gusto

120

58 72

78

66 169


01 2010

sommario location per eventi Gattopardo cafè: come in un film

122

Mediolanum Forum: tre giorni dedicati all’estetica

124

Cernobbioshed: versatilità vista lago

126

Aci Vallelunga: congressi e incentive si sposano

128

Corte Bracco dei Germani: professionalità e classe

130

Castello Monaci: eventi a corte

132

Castello Cruyllas: una fortezza ricca di storia

134

resort

agency Cisalpina Tours guarda al futuro Elation: emozioni su misura Fasi: un anno in controtendenza Thanks Agency: il cliente prima di tutto Veratour: nuove opportunità per l’incentive

178 180 182 185 186

cb e dmc Con Alba Bra Cb in Langhe e Roero Palacongressi di Rimini: dove nasce il gigante Etna Cb: a Catania una squadra mondiale Zagreb Cb: nel cuore d’Europa

188 190 192 194

Astoria Park Hotel: per un meeting di tutto relax

136

Basso Hotel vola alto

139

Loano2Village: vento di ponente

140

Mazzarò Sea Palace: cinque stelle in riva al mare

142

Royal Riviera: le magie della Costa Azzurra

145

service e technology Dhs Congrex: la tecnologia al servizio del congresso 196 Giochi di Luce: fate il vostro gioco! 198 Gruppo Del Fio: show ipertecnologico 200

147

news supplier 

203

NETWORKING workshop ed exhibition Dodici mesi con Ediman Più innovazione a Imex 2010

208 212

notiziari e associazioni Federcongressi Site Italy

217 219

news associazioni 

222

indirizzi 

225

news destinazioni  destination Profumi di Sorrento

150

Brema: una e centomila

154

Engadin St. Moritz: glittering highlights

156

Navigazione sul Reno: in mezzo scorre il fiume

159

La Tunisia gioca le sue carte

162

Dubai: dove tutto è possibile

164

Special destination: Olbia 2010, avanti tutta

169

PARTNER news persone e poltrone 

173

I NOSTRI PROSSIMI EVENTI FULL CONTACT INTERNATIONAL VENUES 16–17 Aprile Versilia

I n t e r n a t i o n a l Ve n u e s

FULL CONTACT DISCOVER ITALY 16–17 Aprile Versilia FULL CONTACT INCENTIVE DESTINATIONS 17–18 Maggio 2010 UNA Hotel Versilia, Lido di Camaiore FULL CONTACT MEETING PLANNER 10–11 Settembre Park Hotel Villa Fiorita, Monastier di Treviso

TRAVEL TREND MILANO 29 Settembre Milano FULL CONTACT LUXURY VENUES 15–16 Ottobre Location da confermare

Incentive Destinations

FULL CONTACT LARGE EVENTS 15–16 Novembre Hotel Parchi del Garda, Pacengo del Garda FULL CONTACT PCO Febbraio 2011 Location da definire

L arge Event s


colophon Presidente: Marco Biamonti Direttore operativo: Lucia Rancati Direttore editoriale: Marco Garavaglia Direttore PR: Nino Vermicelli Resp. comunicazione e marketing: Lorenzo Bini Ediman Srl Via Ripamonti, 89 - 20141 Milano Telefono 02.57.31.15.11 (r.a.) Fax 02.55.23.14.86 info@ediman.it Sito internet: www.ediman.it MC online: www.mconline.it

LA RIVISTA DELLA MEETING INDUSTRY

Redazione (diretto): 02.57.31.15.32 mc@ediman.it Ufficio abbonamenti: Grazia Tolotti

Organo di consultazione per dirigenti, industrie, associazioni, ordini professionali, studi di pubbliche relazioni e di consulenza aziendale, agenzie di pubblicità, sindacati, partiti politici, organismi internazionali, agenzie di viaggio, ecc. Prezzo della copia: €5,16 più spese di spedizione.

PROMOZIONE E PUBBLICITÀ

DIRETTORE RESPONSABILE Marco Biamonti - marco.biamonti@ediman.it COORDINAMENTO EDITORIALE Simona P. K. Daviddi - coordinamentomc@ediman.it CONSULENZA PER LA GRAFICA Massimo Bernardi CONSULENZA PER I TESTI Alessandra Boiardi, Ofelia Figus, Aldo Lo Re, Simona Zin PROGETTO GRAFICO Silvia Ferri - www.silviaferri.com REDAZIONE DI ROMA Carmen Piccoli SEGRETERIA DI REDAZIONE Elena Bernabei - elena.bernabei@ediman.it HANNO COLLABORATO A QUESTO NUMERO: Fabio Alcini, Gabriele Brambilla, Ugo Canonici, Teresa Chiodo, Assunta Corbo, Maria Cristina Dalla Villa, Marianna Fragonara Ciancio, Beatrice Golfieri, Giorgio Maggi, Paolo Missiaja, Massimo Morga, Rodolfo Musco, David Norseman, Stefano Re, Luciana Francesca Rebonato, Annamaria Ruffini, Fabio Russotti, Mike van der Vijver, Nino Vermicelli fotolito: Grafiche Sima Srl - Ciserano (Bg) stampa: Sate Srl - Zingonia (Bg) Poste Italiane SpA - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/04 n. 46) - Art. 1, comma 1, DCB Milano Registrazione Tribunale di Milano n. 177 del 27/04/1973 Testata volontariamente sottoposta a certificazione di tiratura e diffusione in conformità al Regolamento CSST - Certificazione Stampa Specializzata Tecnica Per il periodo 1/1/2008-31/12/2008 Tiratura media: n. 11.021 copie Diffusione media: n. 10.782 copie Certificato CSST nº 2008-1747 del 26/02/2009 Società di revisione: Fausto Vittucci & C. Sas

Tiratura del presente numero: n. 15.000 copie

ANNO 38° - N. 1 gennaio/febbraio 2010 Abbonamento annuo €150,00 (Estero €200,00) L’abbonamento comprende anche la “GUIDA” delle Sedi Congressuali e va eseguito con versamento sul Conto Corrente Postale N.15717200 intestato a Ediman Milano (specificando la testata cui si desidera abbonarsi) oppure con rimessa diretta. La rivista non è in vendita nelle edicole e viene spedita direttamente agli abbonati.

Tel. 02.57.31.15.13 – grazia.tolotti@ediman.it Cap.soc. s 93.600 i.v. Le pubblicazioni Ediman: Meeting e Congressi • Guida Meeting e Congressi • International Venues Directory • Annuario di Incentivare • Turismo d’Affari • Guida di Turismo d’Affari • IT Yearbook • Sedi storiche di prestigio per incontri ed eventi • Wellness to Business Gli eventi Ediman: Travel Trend Milano • Full Contact Discover Italy • Full Contact Incentive Destinations • Full Contact International Venues • Full Contact Large Events • Full Contact Luxury Venues • Full Contact Meeting Planner • Full Contact Pco

Senior Sales Manager & Corporate Clients: Graziella Corbari - graziella.corbari@ediman.it Traffico e materiale pubblicitario: Jessica A. Presa - jessica.presa@ediman.it

ITALIA

ESTERO

MILANO, ALTO ADIGE, FRIULI VENEZIA GIULIA: Graziella Corbari EDIMAN - Via Ripamonti, 89 - 20141 Milano Telefono 02.57.31.15.11 - Fax 02.55.23.14.86 graziella.corbari@ediman.it MILANO, MANTOVA, ABRUZZO, EMILIA ROMAGNA, MARCHE: Antonella Madotto EDIMAN - Via Ripamonti, 89 - 20141 Milano Telefono 02.57.31.15.11 - Fax 02.55.23.14.86 antonella.madotto@ediman.it MILANO, BERGAMO, BRESCIA, VENETO, TRENTINO: Patrizia Maggi EDIMAN - Via Ripamonti, 89 - 20141 Milano Telefono 02.57.31.15.11 - Fax 02.55.23.14.86 patrizia.maggi@ediman.it

FRANCIA, PRINCIPATO DI MONACO, SPAGNA: Graziella Corbari EDIMAN - Via Ripamonti, 89 20141 Milano Telefono 02.57.31.15.11 Fax 02.57.23.14.86 graziella.corbari@ediman.it

MILANO, COMO, CREMONA, LODI, PAVIA, SONDRIO, VARESE, LIGURIA, PIEMONTE, VALLE D’AOSTA: Angela Maspero EDIMAN - Via Ripamonti, 89 - 20141 Milano Telefono 02.57.31.15.11 - Fax 02.55.23.14.86 angela.maspero@ediman.it ROMA, FROSINONE, LATINA, CAMPANIA: Annamaria Betrò Via Archippo, 3 - 00125 Roma Tel./Fax 06.52.16.93.19 - cell. 347.81.61.893 anna.betro@ediman.it ROMA, RIETI, VITERBO, TOSCANA, UMBRIA: Guido Zaccagnini Cell. 340.22.68.473 guido.zaccagnini@ediman.it BASILICATA, CALABRIA, PUGLIA: Vito Di Savino Cell. 347.78.03.446 vito.disavino@ediman.it SICILIA: Promoservice - Vincenzo Morreale Via Lancia di Brolo, 167 - 90145 Palermo Tel./Fax 091.68.19.344 Cell. 348.51.06.384 vincenzo.morreale@ediman.it SARDEGNA: Pamela Perone Via Baunei, 12 - 09044 Quartucciu (Ca) Cell. 347.05.19.798 pamela.perone@ediman.it

BELGIO, CIPRO, MALTA, PORTOGALLO, SVIZZERA, NORD AFRICA, MEDIO ORIENTE: Antonella Madotto EDIMAN - Via Ripamonti, 89 - 20141 Milano Telefono 02.57.31.15.11 - Fax 02.55.23.14.86 antonella.madotto@ediman.it AUSTRIA, CROAZIA, GERMANIA, GRECIA, MONTENEGRO, REP. CECA, SERBIA, SLOVENIA, TURCHIA: Irena Vergani EDIMAN - Via Ripamonti, 89 - 20141 Milano Telefono 02.57.31.15.28 - Fax 02.55.23.14.86 irena.vergani@ediman.it

RAPPRESENTANTI LOCALI ALL’ESTERO CINA, HONG KONG, MACAO: Daniele Solari Cell. +86.13.56.49.19.437 d.solari@promoest.com.cn REGNO UNITO, EIRE: MW Media - Maureen Wingham maureen.wingham@mwmedia.uk.com RUSSIA, UCRAINA, BIELORUSSIA: Dmitry Golovaty Cell. +7.91.62.97.51.04 dgolovaty@htmsinternational.com SPAGNA: Luis Andrade Publicidad Internacional Madrid: landrade@luisandrade.com Barcellona: cgarcia@luisandrade.com THAILANDIA, MALESIA, SINGAPORE, GIAPPONE: Publicitas (Thailand) Ltd major@asiaaccess.net.th UNGHERIA: Agnes Teket agnes.teket@media-print.hu

I diritti sulle immagini pubblicate in questo numero di Meeting e Congressi sono stati acquistati dalla Shutterstock Images LLC (www.shutterstock.com) oppure concessi a titolo gratuito dagli enti e dalle strutture cui fanno riferimento. Negli altri casi Ediman Srl ha cercato di rintracciare i detentori dei diritti d’autore, senza però riuscirvi sempre. Chiunque ritenga di poter rivendicare i diritti relativi alle immagini, è pregato di mettersi in contatto con Ediman Srl. D. Lgs. n.196/2003 - Tutela della privacy - Informativa La Ediman Srl desidera informare i lettori e gli abbonati di Meeting e Congressi che i dati personali che li riguardano vengono utilizzati per la spedizione della rivista. I dati vengono trattati con mezzi informatici e potranno essere, in base all’art. 13 della legge n.675/96, consultati, modificati, integrati o cancellati. Il conferimento dei dati è facoltativo: in loro mancanza tuttavia, non potremo dar corso all’invio della rivista. I dati potranno essere utilizzati per l’invio di materiale a stampa connesso con l’attività della Ediman Srl In ogni caso ciascun lettore e abbonato potrà in qualunque momento e del tutto gratuitamente esercitare i diritti dell’art. 13 rivolgendosi direttamente a Ediman Srl, Via Ripamonti, 89 - 20141 Milano, titolare del trattamento.


editoriale Nuovi contenuti, nuova grafica, nuovi obiettivi, nuova visione del mercato, una diffusione che aumenta fino a 15mila copie. È questa la nuova anima della rivista che avete tra le mani

MARCO BIAMONTI Direttore responsabile marco.biamonti@ediman.it

Una nuova rivista na nuova rivista. È questo il prodotto dell’unione di Meeting e Congressi e Incentivare: un nuovo magazine dai contenuti ancora più ricchi e “tagliati” per essere più utili ai lettori; dagli argomenti più articolati, per coprire con cura anche i temi dell’incentivazione; dalla grafica ora più moderna, varia e accattivante; e infine dalla diffusione più ampia nel panorama editoriale del settore.

U

Una nuova rivista che evolve verso questa forma non per vezzo, ma per rispondere alle esigenze del mercato. Un mercato che ha visto convergere il mondo dei congressi e quello dell’incentive, sotto la spinta di una domanda sempre più consapevole del valore strategico degli eventi e dell’indissolubilità delle componenti logistica, creativa e motivazionale. Ecco quindi la necessità di cambiare anima e corpo ai nostri giornali, per dare vita a un unico magazine di più ampia visione, utile tanto al meeting quanto all’incentive planner, i quali si potranno finalmente avvantaggiare dell’utilizzo trasversale dei temi, delle esperienze e delle testi-

monianze raccolte dalla nostra redazione (che saprà comunque isolare ed evidenziare gli argomenti tipici e unici di ciascuno dei due mercati). Una nuova rivista che amplia la propria diffusione da 11mila a 15mila copie per rispondere anche alle esigenze di networking e condivisione delle informazioni che si fanno pressanti nei mercati in così rapida evoluzione. E una simile diffusione, va detto, è in questo settore un vero primato, reso possibile dalla qualità del nostro database – unico per cura e aggiornamento – che costituisce la mailing list della rivista. Nuovi contenuti, nuova grafica, nuovi obiettivi, nuova visione del mercato, diffusione nettamente più ampia… Cosa rimane del passato? Rimangono tre cose: il nome – perché “Meeting e Congressi” è un patrimonio da salvaguardare –, l’autorevolezza di chi la realizza e la sua leadership. Non si discute.

01 2010 | 11


MC hot topics

meeting comment

Suvvia, alberghi! Negli hotel a volte si pagano servizi dai costi esorbitanti che il cliente alla fine non compra... Ha senso questa politica tariffaria? Forse una revenue più “umana” sarebbe anche più vantaggiosa ai, ero in un albergo di una importante catena, che «S strombazzava ai quattro venti di

UGO CANONICI Presidente di Cleis ugo_canonici@cleis.it

Prima dell’era dei telefonini, le telefonate dall’albergo costavano come un mutuo della casa. La cosa si è risolta: il cellulare ha azzerato l’uso del telefono in camera. Era questo che si voleva ottenere?

12 | 01 2010 |

essere totalmente Wi-Fi. Volevo vedere un allegato di una mail che sul BlackBerry facevo un po’ fatica a leggere. Ho cercato di collegarmi e il Wi-Fi mi ha chiesto un po’ di cose che, alla fine, comportavano l’esborso di 20 euro». Mi stava parlando con molta tranquillità il mio collega, ma evidentemente seccato. «Come è possibile che un albergo che si picca di avere attenzione al servizio al cliente, pretenda 20 euro per un collegamento a una rete che tutti sappiamo cosa può costare. E che magari troviamo gratis nelle piazze di paese. Ma questa “scintilla”mi ha portato a fare una serie di altre considerazioni. La prima è che gli alberghi dovrebbero darsi una bella regolata. Quando li senti parlare non fanno altro che lamentarsi: “le cose non sono più come una volta”, “oggi ci sono molte pretese e poca disponibilità a pagare”, “la concorrenza ti soffoca”. Ma va?! Non mi dire che si sono accorti

anche loro di vivere in un contesto che queste cose le sta sperimentando già da un po’di tempo. Il fatto è che quello che prima si accettava, per tante ragioni (c’erano più soldi, le aziende sostenevano rimborsi spese senza troppo lamentarsi, l’immagine era data anche da certe scelte), oggi sembra essersi rivoltato al contrario. Il frequentare certi locali non è indice di “distinzione” ma spesso di poca attenzione agli altri. Le aziende hanno posto limiti ben precisi alle spese aziendali. E così via. E allora? Allora anche gli alberghi dovrebbero fare qualche ragionamento. Ti ricordi prima dell’avvento del telefonino? Le telefonate dall’albergo ti costavano come un mutuo della casa. Ho assistito a liti feroci tra clienti furibondi per la nota degli scatti telefonici. La cosa si è risolta: il telefonino ha eliminato il servizio telefonico in camera. Era questo che si voleva ottenere? Forse tariffe più “umane”avrebbero fatto sopravvivere il servizio. E vogliamo parlare del mini-bar? Come può ancora oggi una bottiglietta di acqua costare quanto una buona bottiglia di spumante presa al supermercato? È solo perché ti prendono… per sete. E la prima colazione? Credo che tutti quelli che, come me, sono abituati al mattino a un semplice buon caffè (pessima abitudine dicono i dietologi) abbiano sempre mal digerito il costo di un breakfast che può raggiungere quasi i livelli di un pranzo a base di pesce. Ma è importante dare

molto al cliente. E allora vai di health center, sotto con la sauna e il bagno turco, la gym room, la (mini) piscina con tanto di Jacuzzi. La televisione offre collegamenti Sky o film “dedicati”. Tutto bello. Ma tutto a pagamento e tutto a tariffe ben più alte del normale. Tutte cose che è bene sapere che ci sono, ma forse sono di difficile frequentabilità sia nei viaggi di lavoro sia nelle situazioni congressuali. Ma tutte cose che evidentemente si devono ripagare e così incidono sul costo. Mi rendo conto che sto buttando lì una serie di cose con molta superficialità, senza aver fatto calcoli di Roi o ipotesi di redditività. Ma credo che sia l’impressione che il “cliente vulgaris” percepisce. E soprattutto mi piacerebbe verificare che i signori degli alberghi si fermassero un attimo e facessero qualche riflessione. Per esempio: siamo sicuri che il sistema di tariffazione oggi sia ancora adeguato? Perché non proviamo a fare una rivoluzione copernicana, dimentichiamo tutto quanto sin qui fatto e ripartiamo da quelle che sono le esigenze del cliente. Ripartiamo da uno dei fondamentali: cosa serve, oggi, a “Lui”. Sissignori: al cliente. Non mi sembra un’idea peregrina. Forse basterebbe provarci. Suvvia, alberghi!». Sembrava un fiume in piena il mio collega. Non ho osato interromperlo. Solo sul: «e poi se vogliamo parlare dei ristoranti…», l’ho fermato. Perbacco, ce li lasciamo per il prossimo articolo!


L A G O

DI

C O M O

CASTA DIVA RESORT CASTADIVA RESORT, LA NUOVA CORNICE DI EVENTI ESCLUSIVI SUL LAGO DI COMO, A PARTIRE DA MAGGIO 2010

Via Caronti, 69 22020 Blevio - Lago di Como Tel. +39 031 32511 info@castadivaresort.com

www.castadivaresort.com

Villa Roccabruna, corpo principale e fulcro del CastaDiva Resort edificato nel XVIII secolo, fu di proprietà della celebre cantante lirica Giuditta Pasta, musa ispiratrice di Vincenzo Bellini. 75 camere immerse nell’atmosfera di riservata tranquillità di un parco secolare di 26.000 mq, SPA con area umida e secca, piscina galleggiante, 4 Sale per banchetti e 2 Ristoranti saranno a disposizione tutto l’anno per eventi a 5 stelle in un contesto naturale unico e singolare.


MC hot topics

incentive comment

confesso, quando mi è stata la fusione di MeeLtingoannunciata e Congressi con Incentivare mi sono un po’ dispiaciuto, perché fui io il promotore di Incentivare nel 1984. Ma il giorno seguente all’annuncio mi è capitato di spiegare nell’aula di un seminario come ormai la sovrapposizione tra viaggi d’incentivazione e convention aziendali abbia superato l’80 per cento. Sempre più viaggi d’incentivazione richiedono almeno una mezza giornata di riunione e sempre più convention aziendali richiedono almeno una mezza giornata con un programma che includa elementi tipici dei viaggi d’incentivazione. Nel contempo si diffonde la consapevolezza che i professionisti dei convegni si devono impegnare nella progettazione dell’evento in termini di “architettura” che utilizzi il “linguaggio”, lo “spazio” e il “movimento” partendo dagli obiettivi e dai “bisogni” di tutte le parti che nel convegno devono essere coinvolte. Un’altra riflessione è necessaria: il coinvolgimento ha bisogno di motivazione. La motivazione è un “fottone” che a livello inconscio determina e guida il nostro operato. La motivazione può essere influenzata dall’incentivazione. Quindi, ci sono connessioni logiche – di tipo circolare – tra incentivazione, convegno e motivazione. Esaminiamo un elenco parziale degli obiettivi che può avere un convegno:  rafforzare la corporate identity

Lo scossone economico degli ultimi mesi ha reso più celeri i cambiamenti. Le aziende hanno ridotto i budget per convegni e viaggi incentive, ma hanno ancora più bisogno di questi strumenti di comunicazione e di gestione  ottenere il consenso  trasferire competenze  dibattere e diffondere il sapere  celebrare  decidere. Quanti di questi obiettivi si realizzano con una incidenza sulla motivazione? E l’incentivazione non è forse un “processo” tendente a incidere sui comportamenti produttivi di diversa natura? Consideriamo la questione da un altro punto di vista: quello della comunicazione. La comunicazione pre-evento, se fatta in maniera congrua e professionale, predispone i partecipanti all’interazione e alla partecipazione attiva, condizione rilevante affinché il convegno raggiunga i suoi obiettivi. Ancora, il miglior modo per lanciare un programma d’incentivazione è proprio il convegno, durante il quale si può accendere la scintilla dell’incendio, verificare la raggiungibilità dei target, incidere sul consenso e sulla volontà di raggiungerli nell’interesse comune. Passiamo ora a esaminare perché le aziende non possono fare a meno dei convegni e della motivazione: lo scenario economico

impone alle imprese consolidamento, fusioni, globalizzazione, modifiche nelle direzioni strategiche, modifiche nel controllo dei beni di proprietà e dei rapporti con i vertici aziendali. Cresce sempre di più l’esigenza di informazioni e di comunicazione efficace per gestire le innovazioni, gli sviluppi delle tecnologie, le implicazioni di tipo. La comunicazione è sempre più “rotonda” e su scala vasta in funzione di nuovi prodotti, nuovi mercati, acquisizioni, ristrutturazioni, espansione, modifiche del branding. Cambiano i settori degli affari, cambiano le linee di prodotti e servizi, cambiano i canali di distribuzione, cambiano le tipologie di servizi richiesti e offerti. Come si può pensare che le imprese – e molte associazioni – possano gestire questi processi senza generare tra i collaboratori consapevolezza, fiducia, volontà di collaborare, di creare valore insieme? Senza convegni e motivazione? Il problema non è la riduzione dei convegni “alleluia” e sterotipati, ma l’applicazione di professionalità specifica e di determinazione.

RODOLFO MUSCO CMM, CMP Emeritus Presidente Motivation and Events musco@motivationandevents.com

Il coinvolgimento ha bisogno di motivazione. La motivazione può essere influenzata dall’incentivazione. Quindi, ci sono connessioni logiche – di tipo circolare – tra incentivazione, convegno e motivazione.

Convegni e incentive: bisogni aziendali

14 | 01 2010 |


P

er un incontro business un prestigioso congresso seminari, workshop Tre confortevoli sale dotate delle piú moderne attrezzature in grado di ospitare fino a 200 persone. Navette da e per gli aeroporti servizi di segreteria e hostessing

Ristorante interno per colazioni di lavoro cene di gala ed eventi speciali

66 camere con junior suites e suite d’atmosfera

Spa: trattamenti estetici percorsi benessere palestra

Percorso termale: sauna bagno turco docce emozionali idromassaggio

Iseolago Hotel Ristorante “L’Alzavola” Via Colombera, 2 25049 Iseo (Brescia) www.iseolagohotel.it info@iseolagohotel.it Tel. 030.98891


hot topic

breaking news

ALESSANDRA BOIARDI

LA VERSILIA CONGRESSUALE SI UNISCE

«Una decisione importante che pone le basi per ampliare e sfruttare anche nel settore congressuale le potenzialità di

un’offerta turistica di qualità come quella della costa versiliese e apuana. E indica una delle direzioni in cui l’industria turistica toscana può raggiungere, attraverso una convergenza esemplare di pubblico e privato in un territorio esteso, risultati apprezzabili». Così si è espresso l'assessore a cultura, turismo e commercio Paolo Cocchi sulla collaborazione tra il Convention & Visitors Bureau Versilia/Costa Apuana, fondato da Camere di Commercio, Apt e Province di Massa Carrara e Lucca, e il neo costituito Consorzio Versilia Meeting (vi hanno aderito a oggi 21 imprese turistiche) per dare vita a un polo congressuale sulla costa nord della Toscana. Il progetto punta ad attrarre nelle due province costiere di Lucca e Massa Carrara il mercato sia nazionale sia internazionale del turismo congressuale.

AL VIA LA CAMPAGNA AFFILIAZIONI DEL SICILIA CONVENTION BUREAU Fare sistema per attirare più meeting ed eventi in Sicilia: è questo il tema della campagna affiliazioni 2010 del Sicilia Convention Bureau (www.siciliaconvention.com). Gli affiliati godranno di alcuni benefit, come un accesso privilegiato alle richieste convogliate dal Scb, una metodologia condivisa secondo standard internazionali, la possibilità di accedere a momenti di formazione e confronto gratuiti, la condivisione di standard qualitativi e politica delle tariffe, assistenza per eventuali candidature delle destinazioni, attività di lobby internazionale, visibilità sul sito web Scb, accesso alle informazioni reperite tramite indagini continue sulla qualità percepita da parte dei clienti/committenti, la partecipazione a dei tavoli tecnici per attuare un miglioramento dell’offerta e la comunicazione puntuale di dati economici e trend nazionali e internazionali. «Un anno di intensa attività di promozione per far conoscere la destinazione Sicilia e stabilire le basi per avere un ruolo come destinazione congressuale sulla carta geografica europea ha indirizzato l’interesse e l’attenzione da parte degli operatori internazionali verso la nostra bella isola. Adesso bisogna fare sistema e coordinare l’offerta, per vincere le candidature e ripartire con slancio appena le aziende ricominceranno a investire sui meeting.» ha dichiarato il direttore del Scb Maja de’Simoni (nella foto).

16 | 01 2010

UN NUOVO ANNO CON STARHOTELS

Rafforzare la squadra per migliorare ancor più il prodotto. È questo il must del 2010 secondo Fabrizio Gaggio (nella foto), direttore generale di Starhotels (www.starhotels.it), che racconta l’impegno della catena alberghiera dei prossimi mesi. «Lo sviluppo e il mantenimento dei nostri hotel è fondamentale, e passa dall’inaugurazione di nuove strutture come, l’ultima in ordine di tempo, quella del Rosa Grand di Milano, ai progetti di ristrutturazione che abbiamo già in cantiere, come quello che riguarda lo Splendido, sempre nel capoluogo milanese, che partirà a fine anno». La catena alberghiera punterà naturalmente anche per quest’anno sul segmento della meeting industry, come spiega Loredana Vigna (nella foto), direttore marketing di Starhotels: «Con la proposta “Starevents” ci rivolgiamo al congressuale con 143 sale riunioni tecnologicamente all’avanguardia, una forza vendite dedicata, un event manager in ogni albergo e un corporate event manager per richieste multipiazza in grado di confermare la disponibilità entro 24 ore dalla richiesta».


hot topic

breaking news

AND THE WINNER IS… Non sono gli Oscar, ma l’attesa per le premiazioni dei World Travel Award è la stessa quando viene pronunciata la fatidica frase “and ... the World Travel Award, best ski resort ...goes to ...?” Per ben due volte è stato pronunciato il nome del Kempinski Grand Hotel des Bains di St. Moritz (www.kempinski.com), che si è aggiudicato il premio in due differenti categorie come “Migliore ski resort del mondo” e “Migliore ski resort della Svizzera”. Ha commentato Rupert Simoner, regional vice president central & south Europe

nonché general manager dell’albergo: «Questi due premi, assegnati da giurie indipendenti, premiano la scelta precisa e conseguente intrapresa nel segmento cinque stelle. Un servizio di prima classe individualizzato, autenticità e innovazione hanno consentito di posizionarci e di orientarci verso quel pubblico internazionale che richiede un resort sportivo, un wellness di alta qualità e life style. Tutto ciò ci ha permesso di colmare un gap nell’offerta di mercato già presente nella famosa località sciistica svizzera».

ARRIVA AD APRILE L’HILTON GARDEN INN LECCE Sarà inaugurato nella prossima primavera l’Hilton Garden Inn Lecce, il nuovo hotel del brand che si caratterizza per l’ottimo rapporto qualità prezzo. L’apertura della struttura segnerà il debutto del Gruppo Hilton Worldwide a Lecce e porterà il portfolio del marchio Hilton Garden Inn a sette in Italia. L’hotel offrirà tutti i più moderni comfort per un soggiorno qualitativamente elevato, che si riassume nelle quattro caratteristiche essenziali del marchio: dormire bene, mantenersi in forma, mangiare sano e lavorare nelle migliori condizioni. A soli dieci minuti a piedi dal centro storico, a quindici dal mare e a trenta dall’aeroporto internazionale di Brindisi, la struttura dispone di 143 camere, tutte arredate in un caldo stile contemporaneo. The Cube Bar & Restaurant propone specialità locali, nazionali e prelibatezze della cucina internazionale. Il ristorante full-service offre, oltre alla prima colazione, pranzo, cena e servizio serale in camera. Il centro congressi dell’Hilton Garden Inn Lecce dispone di otto sale meeting flessibili con tecnologia all’avanguardia, in grado di ospitare eventi, congressi e convegni per un massimo di 450 dele-

18 | 01 2010

gati e banchetti fino a seicento persone. Inoltre, a disposizione degli ospiti per momenti di relax e di benessere, un’area benessere e spa con fitness center cardio Precor aperto 24 ore, docce emozionali, hammam, grotta di sale, una vasca riscaldata con getti idromassaggio e piscina esterna con terrazza panoramica.

GLI EVENTI IN UN LIBRO Le convention sono passate di moda? Come innovarne i linguaggi? Si possono trovare le risposte a queste e ad altre domande nel nuovo libro “C’era una volta la convention” di Massimo Morga, amministratore delegato di Staff Italia, nonché autore della nostra rubrica “Il Siparietto”. Il volume, scritto con Pietro Pavanini e Andrea Notarnicola è un divertente viaggio negli errori tipici, nei paradossi organizzativi e nelle incoerenze di alcuni eventi aziendali. Gli autori ci guidano verso un nuovo approccio per l'ideazione, la progettazione e la gestione degli eventi. Un vademecum per orientarsi in questa forma di comunicazione, che oggi deve essere focalizzata sui contenuti, centrata più sul pubblico e meno su un leader che galvanizza le folle. Il volume, di 182 pagine, è edito dal Sole 24 Ore.


STAFF ITALIA, nei grandi eventi. Da sempre.

Viaggi Incentive - Eventi - Convention & Congressi Sede di Roma: 13, Via Nomentana 00161 - Roma Tel. +39 06 44.17.18.1 Fax. +39 06 44.25.42.44

Sede di Milano: 3, Via Borgonuovo 20121 - Milano Tel. +39 02 72.59.24.1 Fax. +39 02 86.99.48.70

w w w. s t a f f i t a l i a . i t

Sede di Cremona: 12, Piazza Stradivari 26100 - Cremona Tel. +39 0372 59.85.1 Fax. +39 0372 59.85.30


hot topic

breaking news

PROSEGUONO I LAVORI PER IL MIC PLUS ITALIA CON STYLE

Il brand spagnolo Hotusa si concentra sul nostro Paese con il suo network di lusso Style Hotels, che cresce con nuove affiliazioni, tutte di altissimo livello. Fra esse, il Grand Hotel Majestic di Roma, i sei hotel di design del Gruppo Boscolo (ultimo dei quali il Grand Hotel Exedra di Milano appena aperto) e più di recente Villa Amistà Byblos Art Hotel a Verona. Per il brand, presente in 12 Paesi, il mercato italiano diventa così il più importante in termini numerici, secondo solo a quello spagnolo. Nato solo da tre anni, Style Hotels conta circa sessanta hotel in tutto il mondo, proponendo una selezione di alberghi con eccellenze particolari, secondo una ben precisa idea di experience di viaggio.

20 | 01 2010

Avanzano il lavori per la realizzazione del Mic Plus, il nuovo Milano Convention Centre a Fieramilanocity. Nella prima fase sono state completate tutte le demolizioni, avviate le opere di edificazione delle nuove strutture portanti ed è stato riqualificato uno dei padiglioni esistenti per ospitare gli uffici di Fiera Milano Congressi. Nel corso della seconda fase dei lavori sarà realizzata anche la copertura luminosa di 15mila metri qua-

drati a 46 metri di altezza che costituisce il nuovo segno architettonico del Mic Plus, la “Cometa”, la cui posa è prevista per aprile 2010. «Il Mic Plus corona il rilancio di Milano quale destinazione congressuale internazionale, a cui abbiamo lavorato negli ultimi anni» ha dichiarato Giuseppe Zola, presidente di Fiera Milano Congressi. La consegna del nuovo polo congressuale è prevista per la fine di quest’anno.

ROSCIOLI: ALBERGHI ROMANI FINALMENTE IN RIPRESA Confortato dai dati di Natale, il presidente di Federalberghi Roma Giuseppe Roscioli è intervenuto nel corso di un meeting che si è tenuto all’Hotel De La Ville Intercontinental esprimendo fiducia nella ricettività alberghiera romana per il 2010. «Il punto più basso per la ricettività alberghiera romana - ha affermato Roscioli – si era toccato nel genna-

io 2009 con presenze a – 10 per cento, mentre l’inizio di una timida ripresa è coinciso con agosto, mese che aveva fatto registrare un + 1 per cento e l’inizio di un lento e graduale recupero, che ci si augura venga consolidato e anzi incrementato e serva come trampolino per il recupero anche della redditività». (N.V.)


hot topic

breaking news

INCENTIVE CON LEONARDO DA VINCI

FEDERCONGRESSI VERSO IL NUOVO STATUTO

Una visita ai fogli originali del Codice Atlantico di Leonardo da Vinci è l’ultima proposta alle aziende di Incoming Partners. La società, che è partner ufficiale della mostra "Maestro Leonardo Fiorentino in Milano" ha infatti ideato una serie di pacchetti comprensivi della visita all’esposizione – una prima assoluta

che propone una selezione dei disegni originali del Codice Atlantico – nelle due prestigiose sedi dell'Ambrosiana e della Sacrestia bramantesca di Santa Maria delle Grazie di Milano, che possono diventare anche location per meeting, cene ed eventi aziendali di elevato livello culturale e di forte impatto emozionale.

ATTILIO GARDINI: “IL CONGRESSUALE RIMINESE TIENE” Secondo i dati dell’Osservatorio Congressuale Riminese, promosso da Convention Bureau della Riviera di Rimini e diretto dal professor Attilio Gardini (foto) dell’Università di Bologna–Rimini Campus, nella fase congiunturale negativa la provincia di Rimini “diventa più competitiva, sottrae quote di mercato alle altre destinazioni italiane, migliora il proprio posizionamento e registra qualche segno positivo”. Nel primo semestre 2009 le presenze congressuali in Riviera hanno visto un incremento del 4,89 per cento, mentre in ambito nazionale si è registrata una contrazione dell’8,82 per cento. Sono stati 3.798 eventi ospitati (-6,04 per cento rispetto al primo semestre 2008), per 830.328 partecipanti (5,91 per cento) e 1.535.586 giornate di presenza congressuale (+4,89 per cento). Incoraggianti le proiezioni elaborate dall’Osservatorio per il secondo semestre 2009 grazie al monitoraggio in tempo reale delle imprese congressuali locali. Si conferma una situazione meno negativa di quella nazionale con incrementi del 5,12 per cento nel numero di incontri (-4,59 per cento per il resto dell’Italia).

22 | 01 2010

Il comitato esecutivo di Federcongressi ha approvato la proposta del nuovo statuto elaborata dal tavolo tecnico, un passo in avanti verso la futura associazione di primo livello. Si dovrà ora procedere con la ratifica dell’assemblea straordinaria, convocata a Caserta l’11 marzo, giorno di apertura della convention. Se il responso sarà positivo, nascerà la nuova associazione, a cui tutti gli operatori potranno iscriversi da subito. «La proposta del nuovo Statuto – è il commento di Paolo Zona (foto), presidente di Federcongressi – è il frutto di un lavoro molto lungo e intenso. Il risultato è una mediazione tra le esigenze delle imprese e quelle dei professionisti, ora messi per la prima volta nelle condizioni di coesistere sotto un unico tetto».


breaking news

hot topic

MEDAGLIA D’ORO PER IL GRAND HOTEL BAGLIONI La rivista americana Travel & Leisure ha premiato il Grand Hotel Baglioni di Bologna classificandolo tra i migliori cinquecento alberghi al mondo, ma soprattutto al primo posto in Italia e al primo posto in Europa. Nella classifica World's Best Hotels 2010, l’albergo si è posizionato al 31esimo posto. In classifica anche il Luna Hotel Baglioni, storico albergo veneziano a pochi passi da Piazza San Marco, nel cuore di Venezia.

La giusta location per un meeting di successo

www.villavecchia.it


MC hot topics

location del mese

La location del mese: Villa Borromeo - Padova

Fascino senza TEMPO

24 | 01 2010


MC location del mese

hot topics

Capace di unire il fascino di un palazzo storico ai servizi tecnologici più moderni, è la sede ideale per eventi di ogni genere (dal meeting aziendale alla sfilata di moda). E merita quindi il titolo di “location del mese”

soli dieci minuti dal centro di Padova, Villa Borromeo garantisce tutta la A funzionalità e il comfort della moderna tecnologia insieme al fascino senza tempo che solo una dimora storica può riservare per eventi di prestigio. Tipica villa veneta, circondata da 20mila metri quadrati di parco, si sviluppa intorno al 1615 come azienda agricola, originariamente di proprietà della famiglia Borromeo, e nel secolo scorso diviene un possedimento degli attuali titolari. Pochi anni fa un’accurata ristrutturazione, operata nel rispetto della bellezza architettonica e naturalistica dell’intero complesso, ha trasformato la villa e gli annessi rustici in un’attrezzata e raffinata location ideale per accogliere, sempre in esclusiva, ogni tipologia di incontro, dal congresso medico alla riunione aziendale, dalla convention alla presentazione di prodotto, dal corso di formazione alla conferenza stampa.

ELISA FERRO

Le sale della villa, illuminate da luce naturale e rifinite con pavimenti in legno e travi a vista, offrono 640 metri quadrati totali, 220 al piano terra e 420 al primo piano

LE SALE: VERSATILITÀ E COMFORT Il piano nobile della villa, sviluppata su circa seicento metri quadrati di superfi-

01 2010 | 25


MC hot topics

location del mese

In aggiunta alle sale principali, in occasioni speciali è possibile utilizzare anche le piccole sale del corpo centrale della villa, ideali per incontri riservati

cie, vanta alcune preziose sale affrescate da Onofrio Gabrieli, pittore siciliano che soggiornò ospite dei Borromeo fra il 1630 e il 1680, ispirate ai grandi maestri di scuola veneta e riportate anch’esse a nuova vita. La recente ristrutturazione, infatti, ha riguardato sia la struttura originaria, impreziosita da camini in pietra, pavimenti a terrazzo alla veneziana e arredi d’epoca, sia gli annessi agricoli – scuderie, barchesse e granai – riconvertiti in uno spazio per eventi suddiviso su due piani e dotato di sale polifunzionali, tecnologicamente avanzate e attrezzate. La grande sala da quattrocento posti è allestibile come plenaria o sala ricevimenti per cene di gala o eventi di comunicazione, quali sfilate o presentazioni, che richiedono un unico ambiente a vista. Grazie ai pannelli modulabili si trasforma in due sale più piccole fino a 220 persone circa. Al piano terra, un’ulteriore sala fino a sessanta posti con configurazione a elle è ideale per ospitare mostre o esposizioni temporanee. Le sale sono completamente sgombre, quindi allestibili secondo le diverse esigenze degli organizzatori, illuminate da luce naturale, all’occorrenza oscurabili elettronicamente, e rifinite con pavimenti in legno e travi a vista. In totale, offrono 640 metri quadrati totali, 220 al

VILLA BORROMEO Tipica villa veneta, azienda agricola nel 1600, oggi esclusiva sede per eventi 26 | 01 2010

piano terra e 420 al primo piano, con capacità dalle trenta fino alle 450 persone circa. A completamento di questi spazi moderni e tecnologici, è possibile, in occasioni speciali, utilizzare anche le piccole sale del corpo centrale della villa, ideali per cene o incontri riservati con un numero ristretto di partecipanti. E nella bella stagione, gli ampi e profondi portici esterni accolgono cocktail e aperitivi fino a trecento posti seduti. Anche nel cuore del parco è possibile allestire tensostrutture attrezzate, grazie alla disponibilità di una presa di corrente da trenta kw e di un attacco all’acquedotto di acqua potabile. Dopo soli quattro anni dall’inizio dell’attività sono già stati graditi ospiti di Villa Borromeo alcuni tra i nomi e le marche più prestigiose del panorama italiano. LA TECNOLOGIA: COMPLETA E ALL’AVANGUARDIA Le dotazioni tecnologiche sono il fiore all’occhiello di Villa Borromeo e permettono di realizzare un evento senza bisogno di rivolgersi a un service esterno. A partire dall’impianto di climatizzazione e da quello di rivitalizzazione ambientale per il trattamento dell’aria, indispensabile in tutte le situazioni di sovraffolla-


MC location del mese

hot topics

Villa BORROMEO Padova mento prolungate nel tempo che rendono l’aria viziata e inquinata. Per quanto riguarda l’impianto audio, tutte le sale e perfino i portici sono serviti da un impianto di amplificazione incassato a muro, centralizzato e ideale in caso di presentazioni o di musica in sottofondo, per esempio durante un aperitivo. Tra le dotazioni di base della villa, sono inclusi qualsiasi tipo di microfono, da quelli da tavolo ai radiomicrofoni a “gelato”, a “spilla da giacca” e “levalier”, oltre a una grande pedana rialzata modulare, ideale per il palco dei relatori o dell’orchestra, e fino a quattrocento sedute per platea. Ognuna delle sale è inoltre dotata di impianto video centralizzato, con mol-

teplici entrate e uscite del segnale, regolabile da una cabina di regia e fornito di videoproiettori con schermi e monitor al plasma, predisposizione per videoconferenza e traduzione simultanea in più lingue. Tutte le fonti luminose sono dimmerabili: è possibile regolarne l’intensità per creare la giusta atmosfera nelle sale e in tutti gli ambienti. Da un unico pannello si possono gestire fino a 32 situazioni luminose originate da diverse sorgenti: lampade e lampadari, applique a pareti e illuminazioni da soffitto. Internamente ed esternamente sono disponibili numerose prese di corrente con una grande portata di potenza disponibile, e tutti gli ambienti allestibili per eventi sono cablati con connessione Wi-Fi.

01 2010 | 27


MC hot topics

location del mese

Le opzioni allestitive offerte da Villa Borromeo non hanno limiti: anche nel cuore del parco è possibile allestire tensostrutture ideali per eventi outdoor

PAROLE D’ORDINE: ACCESSIBILITÀ E SICUREZZA Completano le facility, il parcheggio interno privato per trecento auto, comodo anche per i pullman, e 12 servizi igienici (tra cui, per portatori di handicap) tra le sale. Nella ristrutturazione si è avuto un occhio di riguardo anche alla sicurezza con uscite di emergenza adeguate e solai da cinquecento chilogrammi al

metro quadrato di portata. Situata a Sarmeola di Rubano, a dieci minuti dal centro di Padova e sulla direttrice che porta a Vicenza, Villa Borromeo è facilmente raggiungibile, con strategico ingresso sulla statale ma discreta posizione interna.

indirizzi a fine rivista

VADEMECUM PER IL MEETING PLANNER Sotto il profilo congressuale, Villa Borromeo offre un’ampia fruibilità negli spazi interni ed esterni poiché si avvale anche di un rigoroso restauro delle scuderie, delle barchesse e degli ampi granai diventati ora saloni con annessi servizi da oltre 1300 mq e attrezzati con gli strumenti più moderni ■ SALE CONGRESSI Numero sale: 2 Capacità totale posti: 500 ■ SALA PRINCIPALE Capacità ad aula posti: 250 Capacità a teatro posti: 430

28 | 01 2010

■ ALTRE INFORMAZIONI Aree espositive: mq 530 Pranzo: fino a 750 persone (in piedi) Parcheggio posti auto: 300 (interno) ■ SERVIZI TECNICI E AUDIOVISIVI Microfoni da tavolo

Radiomicrofoni (gelato, levalier, a spilla) Teleconferenza Tv circuito chiuso Tv grande schermo Traduzione simultanea in più lingue Accesso Ethernet e Wi-Fi


D Q]

/ªL P SU R

H LJ

Q

LHYHQWLqFRP U W V R Q  HRJ DL R P QLY D L G RV H WUD K F  HV WD

8QLFD DŠˆwŒ{‚‰{ˆŒy{DŠ

ORQWDQRGDLOXRJKLFRPXQL

PHHWLQJV FRQYHQWLRQV

LQFHQWLYH

'0&

EXVLQHVV WUDYHO

ˆ˜vœJÌÀ>ÛiÃiÀۈVi°ˆÌ %UHVFLD&RUVR3DOHVWUR7HO &DVWLJOLRQHGHOOH6WLYLHUH 0Q 9LD&DUSHQHGROR7HO


MC hot topics

under the spotlight

DAVID NORSEMAN

l futuro è molto aperto, e dipende da noi, da noi tutti. Dipende da ciò che “I voi e io e molti altri uomini fanno e faranno oggi, domani e dopodomani”. Oltre a condividere l’aforisma di Popper, Emma Aru, protagonista con la sua ega del congressuale italiano, il metaforico bicchiere del Mice lo vede mezzo pieno: la sua analisi dell’attuale congiuntura dell’economia e del settore specifico è sostanzialmente ottimista. A condizione che agenzie, società e operatori della meeting industry facciano uno scatto di qualità e diventino più “azienda” .

Emma Aru: “Io ci credo” Cosa riserva il 2010 alla nostra meeting industry? Lo abbiamo chiesto a una delle voci più autorevoli del comparto italiano: Emma Aru, presidente di ega. E lei, pur con cautela, invita all’ottimismo

Emma Aru al G8 de L’Aquila durante la fase di allestimento della Caserma di Coppito

30 | 01 2010 |

2010: FINE DELLA CRISI? Gli indicatori economici prevedono verso la fine del prossimo anno un allentamento della stretta e conseguente ripresa degli investimenti, anche se la razionalizzazione imposta al settore congressuale medico scientifico da parte del ministero competente comporterà un temporaneo, ulteriore rallentamento dell’espansione. Interi settori, però, ricorda Aru, non hanno cancellato gli investimenti nel comparto, li hanno razionalizzati: meno spettacolo e più comunicazione. Imprenditori e manager, più che in passato, analizzano il ritorno sugli investimenti degli eventi, e sono diventati più sensibili ai particolari: fiori, pranzi, clima della sala e altezza delle hostess oggi sono visti non più come folcloristici momenti di aggregazione ma come altrettanti strumenti di comunicazione d’impresa. Si sono poi affacciati al mercato nuovi interlocutori (associazioni, professionisti, club, enti vari...); tradizionalmente legati all’assemblea annuale, oggi questi committenti chiedono attività congressuale con obiettivo “la visibilità mediatica”.


MC under the spotlight

«Oggi, se non appari non sei – chiosa sul punto la presidente di ega – e a noi operatori congressuali sempre più viene richiesto efficacia ed efficienza nel progettare e realizzare eventi con questo obiettivo». Anche gli eventi “governativi” (G8, Expo e così via) in cui ega eccelle come consulente e fornitore, non sono diminuiti, anzi; il precetto di apparire vale anche per le compagini ministeriali e se in questo periodo i margini di contribuzione di questi eventi si sono effettivamente ridotti, essi in ogni caso generano un indotto economico tutt’altro che trascurabile. MERCATO ALLARGATO La nuova tipologia di evento richiesta dalla committenza produce un’altra conseguenza: l’allargamento dell’attività al di fuori del mercato domestico tradizionale; sempre più frequentemente le maggiori agenzie italiane e alcune minori assai intraprendenti si misurano sul mercato europeo nelle gare lanciate dalle istituzioni comunitarie, che ha un profilo più complesso, però, e nel quale Pco, media coverage, pubblicità e allestimento sono i pilastri di un “pacchetto” unico. Caratteristiche, sottolinea Aru, che richiedono piano dei costi e capacità operativa internazionali, e alleanze “locali” coerenti. In pratica, diventare un po’ più “azienda”.

vale soprattutto per operatori e agenzie del Sud italiano, da questo punto di vista secondo Aru desolantemente abbandonato a se stesso (anche se la recente nomina a presidente nazionale delle Pmi di un imprenditore del Sud, Vincenzo Boccia, è visto come fattore d’attenzione al problema). Ma si sa che – aggiungiamo noi – fatti come la possibilità di utilizzare gli ammortizzatori sociali come il Contratto di solidarietà o il ricorso al credito agevolato che Confidi (Confindustria) concede alle Pmi, richiedono la capacità e la volontà di “aziendarsi”. Al riguardo la sollecitazione di Aru è esplicita: le nuove sfide del mercato si affrontano associandosi anche alle Unioni industriali territoriali, partner istituzionali tecnico-economici indispensabili per imprese congressuali di tutte le dimensioni.

hot topics

«Per uscire dalla crisi è necessario che gli operatori del congressuale coltivino attitudine, mentalità “aziendalista” e, soprattutto, associativa»

UNITI PER COMPETERE Con l’occhio rivolto ai nuovi scenari professionali, è dunque necessario che gli operatori del congressuale – è questo l’invito di Emma Aru, forte della sua esperienza di imprenditrice e membro del Consiglio direttivo della Pmi di Uir Unione industriali di Roma – coltivino attitudine, mentalità “aziendalista” e, soprattutto, associativa. Discorso che

CHI È EMMA ARU

Emma Aru è Presidente e fondatrice della società ega insieme a Patrizia Mannucci. Considerata la decana dell’industria congressuale, si dedica alla formazione e alla didattica a livello universitario e ha pubblicato numerosi articoli di tecnica dell’organizzazione congressuale. È attiva in numerose associazioni professionali e rappresenta ega nella maggior parte delle organizzazioni internazionali. Si occupa inoltre di progetti di relazioni pubbliche. È attualmente membro del Consiglio Direttivo del Comitato Piccola Industria UIR, componente della Giunta UIR in rappresentanza del Comitato PI, consigliere delegato Sezione Turismo UIR e vicepresidente di Italcongressi-Pco Italia.

È inoltre membro fondatore della IAPCO, International Association of Professional Conference Organisers, associazione che raggruppa tra i più qualificati Pco a livello mondiale (www.iapco.org), della ICCA, International Convention and Conference Association e della Mpi, Meeting Professionals International. È membro del Consiglio di Amministrazione di INCON, International Conference Network – UK, di cui ega è partner con aziende in 32 paesi europei ed extraeuropei. È membro della AIDDA, Associazione Italiana Donne Dirigenti di Azienda ed è Socio del Rotary di Taranto. Ha rapporti consolidati con la Camera dei Deputati e con il Senato della Repubblica. È membro attivo della FERPI (Federazione Relazioni Pubbliche Italiana).

| 01 2010 | 31


MC hot topics

under the spotlight

L’unione fa la forza Nasce una grande alleanza nel mondo Mice. Carlson Wagonlit Travel e Leo Burnett Company hanno siglato per l’Italia una partnership strategica GIORGIO MAGGI

nire le eccellenze. Potrebbe essere questa la sintesi della nuova partnerU ship recentemente siglata tra due big dei 1

rispettivi settori di attività: Carlson Wagonlit Travel, gruppo specializzato nel business travel management e negli eventi, e Leo Burnett, una delle principali agenzie di comunicazione del nostro Paese. Il risultato è senza precedenti nel panorama made in Italy, con la nascita di un nuovo player che opererà nel mercato degli eventi, fra i più grandi per dimensioni, e unico per tipologia di offerta. UN UNICO PARTNER Grazie all’alleanza, per le aziende che considerano gli eventi un elemento fondamentale della propria strategia di marketing e comunicazione si aprono nuovi scenari all’insegna della qualità e dell’ottimizzazione di costi e processi. Da oggi, infatti, sarà possibile trovare in un unico partner sia l’eccellenza creativa e strategica di Leo Burnett, sia la perfetta organizzazione, l’accurata gestione degli ospiti, il potere contrattuale nei confron-

32 | 01 2010 |

ti dei fornitori, l’attenzione al dettaglio di CWT Meetings & Events. Risultato: i due alleati saranno in grado di offrire eventi aziendali unici e indimenticabili, potendo contare su un mix ineguagliabile di esperienze e competenze, fatte apposta per mettere ancora più in risalto le rispettive eccellenze. Del resto, l’unione dei due leader di mercato poggia non solo su basi solide, ma anche e soprattutto su una filosofia comune di approccio agli eventi. «Il “matrimonio” con Leo Burnett – spiega Roberto Bacchi, Amministratore Delegato di Carlson Wagonlit Travel in Italia – nasce proprio dalla condivisione di un approccio strategico nei riguardi dell’evento, secondo cui il binomio comunicazione/logistica deve essere strettamente integrato sin dalle primissime fasi di ideazione del concept. Inoltre, ciascuno dei due elementi è destinato a giocare un ruolo essenziale per assicurare il successo dell’evento stesso: se infatti l’idea creativa e originale è il principale fattore che guida la scelta e quindi la decisione del-


MC under the spotlight

l’azienda cliente, per assicurare la completa soddisfazione di quest’ultima è altrettanto importante che tutto quanto progettato sia effettivamente realizzabile all’interno di un determinato budget di spesa e venga poi gestito in modo perfetto. Occorre quindi, sin dall’inizio, un costante scambio e osmosi tra i team che curano l’evento, oltre a un consolidato know-how». E questo ai due alleati non manca davvero. «Leo Burnett Company è il gruppo di comunicazione che negli ultimi quattro anni è cresciuto cinque volte più del mercato e che chiuderà anche il difficilissimo 2009 con un tasso di crescita a due cifre” – sottolinea Giorgio Brenna, Chairman & Ceo Continental Western Europe di Leo Burnett – e questo è stato possibile grazie a una filosofia di lavoro originale da me applicata: la “matrice a tre dimensioni con organizzazione liquida”, ossia una struttura che funziona in modo circolare, in cui le informazioni non seguono schemi e flussi prefissati ma entrano e circolano in tutti i reparti a tutti i livelli con la massima facilità ed efficacia, producendo rapidità di risposta, qualità del prodotto creativo ed efficienza gestionale in tutte le aree della comunicazione a 360 gradi. Credo molto in questa partnership – aggiunge Brenna – che conferma il nostro impegno a operare con determinazione per fornire sempre il più alto apporto professionale del quale siamo capaci». Quanto a CWT Meetings & Events «la

struttura – afferma Bacchi – è in continua espansione e conta attualmente un team di oltre cento professionisti. Grazie alle competenze accumulate in oltre trent’anni di esperienza, affianca con successo un numero crescente di aziende di ogni dimensione nell’organizzazione di eventi sofisticati e complessi che coinvolgono fino a migliaia di partecipanti. Dinamica, snella e duttile, CWT Meetings & Events può contare anche su una grande esperienza internazionale e offrire servizi di consulenza superiori. E, per facilitare una sempre maggiore efficienza nei processi, si avvale di un sistema informatico per la gestione degli eventi assolutamente all’avanguardia. Da alcuni anni è stata inoltre creata una divisione dedicata al settore medico, biomedicale e farmaceutico – CWT Healthcare –, un vero e proprio centro d’eccellenza specializzato in eventi per questo mondo così peculiare. «In un contesto – conclude Bacchi – in cui il ruolo degli eventi corporate è cresciuto in misura rilevante all’interno delle strategie di comunicazione delle aziende, Leo Burnett e CWT Meetings & Events – entrambi leader nel proprio settore – sono i partner ideali per rispondere agli obiettivi sempre più sfidanti del mercato e per massimizzare il valore offerto ai nostri comuni clienti, attuali e potenziali».

hot topics

2

1 / Roberto Bacchi, Amministratore Delegato di Carlson Wagonlit Travel in Italia 2 / Giorgio Brenna, Chairman & Ceo Continental Western Europe di Leo Burnett La partnership siglata tra Carlson Wagonlit Travel e Leo Burnett dà vita a un nuovo player del mercato Mice, fra i più grandi per dimensioni e unico per tipologia di offerta

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 33


MC hot topics

under the spotlight

Chic metropolitano Si chiama The Hub il nuovo hotel congressuale che Concerto Hotels inaugurerà presto a Milano. Con i suoi moderni spazi, interpreta l’essenza del capoluogo lombardo, condividendone lo spirito anticonvenzionale ALESSANDRA BOIARDI

Interpreta lo spirito “chic & cool” del capoluogo milanese The Hub, nuovo urban hotel targato Concerto Fine Italian Hotels

ilano si arricchisce in questi giorni di un nuovo indirizzo per la meeting M industry, che già dagli esordi si propone nel panorama dell’accoglienza alberghiera e congressuale come un protagonista. Si chiama The Hub ed è la new entry meneghina di Concerto Fine Italian Hotels, un urban hotel che dialoga con la città interpretandone lo spirito “chic & cool” e il lato meno convenzionale, senza perderne di vista la proverbiale praticità. È così che spazi morbidi e confortevoli, accoglienti e moderni definiscono un hotel che è anche una location comoda da raggiungere da tutti i punti nevralgici del capoluogo lombardo, grazie a un servizio di navetta gratuito che collega il quattro stelle al nuovo complesso fieristico di Milano Rho/Pero, all’attuale polo congressuale di Fiera Milano City e alla fermata del passante ferroviario Certosa. ATMOSFERE ECLETTICHE Sono gli ambienti inediti e le combinazioni innovative che rendono il design di The Hub unico, anche per l’organiz-

34 | 01 2010 |

zazione di meeting. L’hotel dispone per questo di un importante e moderno centro congressi con nove sale, da dieci a duecento posti, per un totale di seicento persone. Particolarmente curata è l’attrezzatura tecnologica degli spazi, tutti dotati di luce naturale. Le camere sono 162, suddivise in diverse tipologie e caratterizzate da uno spiccato tocco minimalista ed essenziale. Un coffee-shop con servizio di bar & restaurant è aperto tutto il giorno con proposte di light lunch, mentre chi preferisce una cena à la carte può scegliere il gourmet-restaurant. Nulla è lasciato al caso. The Hub è stato infatti pensato per essere un hotel da vivere a trecentosessanta gradi anche nei momenti di relax. Il centro benessere – composto da piscina, sauna, hammam, idromassaggio e area gym – è posto al livello del roof e offre un insolito panorama su Milano, capace di sorprendere anche quanti credevano di conoscere a fondo la città lombarda. indirizzi a fine rivista


MC under the spotlight

hot topics

Effetti speciali Castellaro Golf Resort: quattro stelle nel ponente ligure, dall’offerta integrata e con soluzioni mirate per ogni target di riferimento. Per eventi di alto profilo e successo dista pochi chilometri e lo sguardella meeting industry può catturarIneldomare tutta la pelagica seduzione dal Castellaro Golf Resort, incastonato in un parco di venticinque ettari nel quale si susseguono cromatismi e fragranze della macchia mediterranea. Un dna da protagonista, quello del Castellaro Golf Resort, palesato dall’avveniristico centro congressi in grado di accogliere complessivamente mille persone: spazi modulabili a seconda delle esigenze e per qualsiasi tipologia di manifestazione, dal congresso di rilievo internazionale alla convention più raccolta passando per simposi, convegni e lanci di prodotto. TRIONFO DI IDEE Il complesso – fruibile anche in esclusiva – punta tutto sulla qualità, professionalità e versatilità declinate in numerosissime combinazioni e con un comune denominatore che è anche il core business del resort: “working sport & wellness”. Con questa formula tutti i pacchetti rivolti alla meeting industry prevedono l’utilizzo illimitato degli impianti sportivi del Castellaro Golf Resort: via libera, quindi, a tennis,

squash, palestra – provvista delle migliori attrezzature Tecnogym – calcetto e anche all’organizzazione di clinic di golf, molto apprezzate da neofiti ed esperti di questa disciplina sportiva. Il resort, infatti, spicca fra gli indirizzi elitari del golf in Liguria grazie al suo campo a nove buche, un ampio campo pratica con 16 postazioni e putting green per il gioco corto, perfetto non solo per i giocatori più esperti ma anche per la meeting industry che desidera semplicemente divertirsi. Dal green fee alle seduzioni acquatiche il passo è breve e conduce a due piscine esterne che si rivelano location perfette anche per cocktail open air. Ulteriore plus del resort è il centro benessere, il tempio dei trattamenti wellness inclusi cromoterapia, aromaterapia, sauna, hammam e percorsi emozionali nella piscina climatizzata. Massima attenzione ai dettagli anche nel contesto dell’accomodation, articolata in 184 fra camere e suite, mentre alla gastronomia sono dedicati tre ristoranti ai quali si affianca l’elegante e informale Club House.

LUCIANA FRANCESCA REBONATO

Sopra, Serenella Cozzi, presidente del Golf Club Castellaro

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 35


MC hot topics

under the spotlight

Gli alberi di Hemingway Vicino a Treviso e Venezia, Villa Fiorita fu apprezzata in passato dallo scrittore americano, e oggi da chi la sceglie per le incredibili opportunità leisure e business FABIO ALCINI

on vi abita mai molto, e sta fuori nella villa vicino a Treviso dove ci “N sono gli alberi. È stanca di non avere alberi a Venezia”. Quando Hemingway pensava a una villa in Veneto, e quando ne scriveva, come in questa frase di “Di là dal fiume e tra gli alberi”, non esprimeva un ricordo o un pensiero generico: portava la mente proprio a una residenza storica nella quale aveva soggiornato. La mente del grande scrittore correva a quello che oggi conosciamo come il Relais Villa Fiorita, residenza che si trova vicino all'antico monastero della Madonna del Pero a Monastier, piccola cittadina situata nella zona delle ville venete fra Venezia e Treviso. La villa fu costruita intorno alla metà del Settecento in classico stile veneto, mentre la storia più recente della villa ne vede l’acquisto da parte di Antonio Calvani e della sua Sogedin Hotels. Negli Anni 70, a fianco della villa, è stata costruita un’importante struttura alberghiera di 150 camere e un centro congressi di oltre mille posti, dando così vita a uno dei più grandi poli congressuali di tutto il Nor-

36 | 01 2010 |

dest, il Park Hotel Villa Fiorita. E mentre il gruppo si ingrandiva, con l’apertura dell’Hotel Antony a Mestre, dell’Antony Palace Hotel e con progetti futuri che punteranno anche su Roma e Firenze, a Villa Fiorita si pensava ad accogliere nel miglior modo possibile i clienti leisure e business che, nel corso degli anni, hanno continuato ad accordare la propria preferenza a questa incantevole location. MILLE OPPORTUNITÀ PER UN EVENTO E di motivi per scegliere Villa Fiorita ce ne sono molti. Anche per chi organizza eventi; la filosofia del gruppo si concentra su un connubio che non può lasciare indifferenti: l’eleganza unita alla perfetta efficienza tecnologica. Park hotel, relais e centro congressi formano il Complesso Turistico Villa Fiorita, situato a soli sei minuti dal casello autostradale di Treviso sud, a dieci chilometri da Treviso città e a meno di trenta dal centro di Venezia. Il Park Hotel offre 150 camere spaziose e tranquille di cui dieci junior suite con soppalco, tutte arredate con gusto e circondate da un


MC under the spotlight

parco secolare di tre ettari. La bella piscina scoperta, ricca di palme e di cascate, è il luogo ideale per il relax. Cinque eleganti ristoranti, dal servizio impeccabile, sono il luogo ideale per cocktail e buffet, cene di gala, pranzi di nozze e anniversari, ma si prestano anche per meeting, cene d'affari o incontri aziendali. Il relais, completamente ristrutturato nel 2001, offre al visitatore 31 camere de luxe, tre splendide suites e un ristorante di prestigio. La villa conserva ancora oggi tutto il suo fascino originario: spazi ampi e riposanti, architetture dolci e armoniose, romantiche atmosfere permeate di natura e di storia. E poi c’è l’offerta congressuale: unica, se si considera che, sostanzialmente, ogni sala congressi ha un ristorante dedicato. In totale sono presenti 12 sale congressi, per un totale di mille posti, a scalare dai seicento della Sala Rossini fino ai 35 delle otto salette. Per le aziende del settore sanitario, tra l’altro, esiste anche l’opportunità di affittare una modernissima sala operatoria per effettuare interventi chirurgici di vario genere e proiettarli in diretta su mega schermi ad altissima risoluzione. Si può poi utilizzare un’area congressi di oltre duemila metri quadrati, fra il parco e l’area antistante il foyer, per la collocazione di tensostrutture o per eventi all’aperto. E ancora: l’area della villa, con trecento metri quadrati di cortile e circa duemila di parco; e, sempre a proposito di parco, una zona di ben quattordicimila metri quadrati, ideali per ogni attività di team building. La ristorazione può contare su un totale di sette ristoranti, con quattro sale veneziane

hot topics

comunicanti per quattrocento posti, e in più l’area piscina con cascate e ambiente tropicale. Villa Fiorita offre inoltre il knowhow per la miglior gestione dell’evento: si va dall’allestimento su misura e in ogni dettaglio per ogni tipo di evento, alla segreteria organizzativa e congressuale, dalla realizzazione grafica alla gestione di relatori e ospiti, dall’accreditamento Ecm all’organizzazione di team building e percorsi gastronomici. E ancora: servizi navetta o trasferimenti con auto private, ricerca e gestione sponsor per associazioni e progetti scientifici, post congress con visite guidate e personale in lingua. indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 37


MC hot topics

under the spotlight

Nova Yardinia Un sito dedicato ai meeting e incentive planner e un piano di marketing strutturato per la promozione in Italia e soprattutto all’estero. Così comincia il 2010 della splendida location pugliese, dove ogni evento si trasforma in un’emozione unica ALESSANDRA BOIARDI

2010 è iniziato da poco, ma già si come un anno ricco di noviItàlannuncia per Nova Yardinia. Confermato il ruolo di consolidata realtà della più prestigiosa offerta Mice in Italia, la splendida location affacciata sul Mar Jonio e al confine con la riserva biogenetica Stornara continua infatti nel perfezionamento di quella che è da sempre la sua filosofia client-oriented, con nuovi prodotti dedicati in particolare ai meeting e incentive planner. A non cambiare sono la qualità e l’efficienza di infrastrutture e servizi, che permettono l’organizzazione di eventi unici, che beneficiano appieno di tutti i plus della struttura: un mare e una spiaggia tra i più splendidi in Italia, la Thalasso Spa Kalidria con i suoi 3.500 metri quadrati, una disponibilità incredibile di spazi poliedrici e non convenzionali che ben si adattano praticamente a ogni esigenza di allestimento, per un

38 | 01 2010 |

totale di 7.820 metri quadrati di superfici espositive. Da non dimenticare, oltre alle 790 camere, anche le trenta sale congressi, tutte dotate di luce naturale. Di questo e dei nuovi progetti della struttura parla Vincenzo Gentile, general manager di Nova Yardinia. Quali sono le novità riservate ai planner per questo nuovo anno? Vorrei innanzitutto soffermarmi su quella che già da tempo è la nostra politica in merito al rapporto tra qualità e prezzo, e che è nostro impegno continuare ad applicare anche per quest’anno. Ritengo infatti che le nostre proposte in merito siano tra le migliori in Italia e in Europa, sia per le tariffe sia perché, nel venire incontro alle esigenze delle aziende, non abbiamo mai pensato di andare a incidere al ribasso su quello che sono i nostri standard qualitativi. I nostri clienti, dalle aziende alle incentive house, ci


MC under the spotlight

stanno ripagando di ciò con una fiducia sempre maggiore, che a mi avviso ci meritiamo anche per la straordinaria disponibilità che abbiamo sempre dimostrato. E proprio dalla consapevolezza di rappresentare una validissima realtà del mercato della meeting e incentive industry è nata per noi l’esigenza di fornire prodotti sempre più specifici. Per questo, proponiamo da quest’anno un sito completamente dedicato agli operatori del settore Mice (l’indirizzo Internet è www.novayardiniaevents.com, ndr) che potranno iscriversi in un’area riservata, ricevere informazioni personalizzate e conoscere nel dettaglio i nostri spazi e servizi. Quali sono le sfide per il futuro? La strategia che ci ha visti impegnati nel triennio 2007/2009 ha dato buoni frutti. Ci eravamo dati l’obiettivo di consolidare la struttura nel segmento Mice in Italia e devo ammettere che ci possiamo ritenere assolutamente soddisfatti a questo proposito. Il nostro fatturato è cresciuto del 25 per cento circa e le nostre azioni di marketing ci hanno ripagato del nostro impegno. Ora puntiamo a ottenere lo stesso riconoscimento anche all’estero e a essere

hot topics

sempre più consapevoli del nostro ruolo sul mercato italiano, anche in maniera istituzionale, per esempio con la nostra partecipazione attiva in Meet in Italy, di cui facciamo parte nel consiglio direttivo. Quali sono le peculiarità della vostra struttura? Siamo molto attenti alle esigenze degli operatori. Uno dei plus di Nova Yardinia è senz’altro la location, molto ben integrata nel territorio, in un ambiente unico per caratteristiche naturali, con ettari di giardino e pinete e un impatto sull’ambiente minimo a partire dalla struttura stessa, discreta e ben inserita nel panorama. Siamo anche molto attenti a quelli che sono le più recenti misure ecocompatibili, come la raccolta differenziata e una gestione sempre più propensa a scelte green. Nova Yardinia è anche una location facile da raggiungere da tutta Italia e dal resto d’Europa, grazie alla presenza di aeroporti ben collegati. Siamo in grado di agevolare gli spostamenti dagli aeroporti di Bari e Brindisi, che distano meno di cento chilometri. indirizzi a fine rivista

tra conferme e novità

| 01 2010 | 39


MC hot topics

under the spotlight

Classe e comfort in Puglia Situata nel cuore della Valle dei Trulli, la Masseria Chiancone Torricella offre quattro sale conferenze per eventi eleganti e personalizzati, raffinati ambienti interni e spazi aperti rilassanti per godersi il verde della campagna circostante MARIANNA FRAGONARA CIANCIO

è una cittadina adagiata sulle colline della Murgia meridionale, a 431 C’ metri sopra il livello del mare, paradiso di natura e cultura, rinomata anche per la sua architettura barocca e per l’atmosfera suggestiva dei palazzi baronali del VXIII secolo: si chiama Martina Franca. La cittadina domina l’incantevole distesa verdeggiante della Valle d’Itria, ovunque puntellata dai trulli (antiche costruzioni rurali bianche) e dalle masserie, tipiche della tradizione feudale. Partendo da Martina Franca, al cui centro storico si accede attraversando le porte originali dell’antico borgo, sono davvero tanti e interessanti gli itinerari storici e culturali che si possono intraprendere se si sceglie di soggiornare in questo tratto di Puglia. Immersa in un’oasi di naturale bellezza, tipicamente mediterranea, ed esposta a temperature miti e piacevoli, si trova Masseria Chiancone Torricella. La

40 | 01 2010 |

struttura, situata geograficamente sul punto più elevato della Murgia SudOrientale, ma a soli seicento metri sul livello del mare, ha conservato intatti la suggestione e il fascino delle antiche dimore rurali. IN MEZZO AL BOSCO Arrivati a Masseria Chiancone Torricella ci si trova al margine di una vasta zona boschiva, circondati da altre antiche costruzioni: si contano, infatti, nell’area tutt’intorno, circa trecento antiche masserie. La zona boschiva più strettamente connessa alla struttura offre percorsi pedonali arredati con panchine e gazebo dedicati al relax personale. Tra querce e lecci secolari, ci si può inoltrare lungo sentieri ameni e stradine bianche, a piedi o in mountain bike, godendo in ogni stagione e in ogni ora del giorno dello spontaneo abbraccio e


MC under the spotlight

hot topics

della natura circostante. Siamo a soli dieci minuti da Martina Franca e a circa cinquanta minuti dall’aeroporto di Brindisi e di Bari, eppure percorrendoli si incontrano daini e asini in libertà. Al momento del restauro della Masseria Chiancone Torricella, la proprietà ha deciso di porre la più accurata attenzione al rispetto dell’ambiente e dell’architettura, avvalendosi pertanto solo dell’opera certosina dei maestri pietrai della zona. Il risultato è sorprendente per la perfetta armonia d’insieme tra le parti antiche della struttura e le aree di nuova costruzione. ARMONIA E CURA La masseria si compone di un corpo originario centrale risalente al XVII secolo, una dimora fortificata con la torre e le feritoie disposte tra il primo e il secondo piano, un tempo adibita a casa padronale e del massaro, con adiacenti locali per l’allevamento del bestiame e il deposito del foraggio. Qui oggi si trova la Club House con reception e sala d’attesa, la sala lettura e Tv con la sala camino. I sette trulli, un tempo adibiti essenzialmente alla lavorazione e alla conservazione del formaggio, oggi sono comunicanti fra loro e ospitano il caratteristico ristorante alla carta, dove gustare i sapori e le specialità locali e regionali, ma anche piatti raffinati di stile internazionale. Il ristorante si compone di ampie sale ricevimenti in cui è possibile organizzare eleganti eventi. Al primo piano trovano spazio piccole sale riunioni, nelle quali allestire incontri e colazioni di lavoro. Inoltre, due sale congressi di nuova costruzione con le tecnologie più avanzate e connessione Internet Wi-Fi, si addicono a ospitare diversi tipi di appuntamenti di lavoro fino a un massimo di duecento ospiti. Si soggiorna in una delle 49 eleganti camere, corredate di tutti i comfort. L’intera struttura, alloggi compresi, è circondata da un

ampio parcheggio ed è stata studiata con accessi e percorsi privilegiati per le persone con disabilità. Una palestra e una piscina interna idrotermale riscaldata, con percorso Kneipp, sono già a disposizione di tutti gli ospiti dell’hotel, mentre di prossima apertura, prevista per la stagione primaverile, è un’ala interamente dedicata al benessere psicofisico con zona massaggi, trecento metri quadrati di piscina esterna e un campo da tennis.

È immersa in un contesto naturale inebriante, la Masseria Chiancone Torricella, tra boschi di querce e lecci a una manciata di chilometri da Martina Franca

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 41


MC hot topics

under the spotlight

La vie en Plaza! Lussuosa convivialità e novità di stagione per Le Méridien Beach Plaza di Monte-Carlo. Una struttura dallo stile inconfondibile, che detta tendenza worldwide LUCIANA FRANCESCA REBONATO

epopea comincia nel lontano 1972 quando l’Etoile, il primo Méridien L’ del mondo, viene inaugurato a Parigi. Già allora il nome Le Méridien – il meridiano – esprimeva una chiara vocazione cosmopolita con l’obiettivo di diventare una coordinata fondamentale per il turismo internazionale. Quasi quarant’anni dopo, la catena vanta un portfolio di oltre 130 strutture – disseminate in ben 56 Paesi del mondo – caratterizzate da uno stile tipicamente europeo e con un forte accento francese. Fra queste spicca Le Méridien Beach Plaza di Monte-Carlo che, con la sua spiaggia privata, è ubicato a soli due passi dal Grimaldi Forum nonché a pochi minuti di passeggiata dalla Place du Casino. Una struttura di altissimo profilo che invita i propri ospiti in un contesto di totale eleganza, lusso e atmosfera ricercata per soggiorni dedicati agli affari così come per parentesi squisitamente leisure.

42 | 01 2010 |

ECCELLENZA E ORIGINALITÀ Prolungamento de Le Méridien Beach Plaza è il moderno centro congressi Le Sea Club Conference Centre che si estende su una superficie di 3.500 metri quadrati destinati a creare uno spazio a geometria variabile con dodici saloni che possono accogliere sino a duemila delegati. Di grande versatilità, Le Sea Club risponde alle ultime tendenze tecnologiche ed è dotato di sistema Wi-Fi, schermi piatti personalizzabili e diversi desk per i gruppi. Al quarto piano del centro congressi si trova l’innovativo spazio Le Carré: un concetto originale sviluppato dall’Hotel Le Méridien Beach Plaza che consente di organizzare riunioni o colazioni di lavoro all’ultimo momento con pause caffè e cocktail serviti direttamente al piano. Con la sua vista sul mare, Le Carré è articolato in otto sale provviste di tecnologia di ultima generazione e che possono ospitare incontri di piccole o medie dimensioni sino a novanta


MC under the spotlight

hot topics

persone; accanto alle meeting room, un attrezzato business centre con una pluralità di servizi, traduzioni incluse. Per la realizzazione delle manifestazioni, un’équipe di coordinatori multilingue è a disposizione della meeting industry e offre una consulenza specializzata. Per eventi glamour e open air, nulla di meglio di incontri a bordo piscina – la struttura ne vanta tre di cui una indoor – e di serate chic sotto un cielo stellato. SAPORE DI SORPRESE Le stelle brillano anche nel contesto della ristorazione che punta i riflettori sul nuovo ristorante Muse, location estiva de Le Méridien Beach Plaza da segnare in agenda per i prossimi eventi: un set eccezionale con vista superba su Monte-Carlo e sulle onde del Mediterraneo, una cornice charmant che rimanda alla “grand Epoque”, un ambiente dalle rifiniture pregiate nel quale respirare l’inimitabile atmosfera francese, soprattutto quella dell’esclusivo Principato di Monaco. Colazioni di lavoro e cocktail trovano al Muse la loro ambientazione ideale mentre altra new entry è l’Alang Bar: esotico, trendy, in puro balinese style e sulla spiaggia privata de Le Méridien Beach Plaza. Segni particolari? Assolutamente Lussuoso. Un contesto nel quale apprezzare tutta la sofisticata eleganza di Monte-Carlo sorseggiando champagne o freschi cocktail a base di frutta.

MEET GREEN! La politica ambientale è al centro delle priorità del Principato di Monaco. E Le Méridien Beach Plaza, in sinergia con Lm Green Team, focalizza l’attenzione della meeting industry sulle tematiche ambientali: organizzare un evento al Beach Plaza significa contribuire alla tutela del pianeta attraverso una serie di azioni. Alcuni esempi? Conference room con illuminazione naturale – perché utilizza-

re quella artificiale se non è necessaria? –, riciclaggio della carta, dei toner, delle cartucce d’inchiostro e anche dei rivestimenti in Pvc. E poi ancora caraffe con acqua filtrata a base di menta locale e limone in occasione di “green cocktail” per culminare con il “total green food”: in accordo alle stagioni, menu freschi con prodotti non importati e nel pieno rispetto delle loro proprietà organolettiche.

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 43


MC hot topics

under the spotlight

1

Serbia perché... Raggiungibile in un paio di ore con voli giornalieri da Roma e Milano, la Serbia investe nel Mice: un nuovo, allettante patrimonio per l’incentive tutto da scoprire LUCIANA FRANCESCA REBONATO

2

ul suo suolo sono nati diciassette imperatori Romani, alcuni dei quali S hanno modificato il corso della storia. Una nazione dal cospicuo spessore artistico, la Serbia, con percorsi di incentivazione che scorrono nell’alveo della cultura e solcano i 588 chilometri del Danubio, si soffermano su celebrazioni divine – nel carosello di monasteri del territorio – e sostano lungo le numerose, sfiziose strade del vino della nazione o nei caratteristici salas, gli etno-villaggi nei quali respirare l’essenza dell’atmosfera locale. Un compendio di proposte inedite per una destinazione ancora da “esplorare” e l’assenza di fantasie preconfezionate diventa solo un vantaggio: privo di preconcetti e stereotipi, un incentive in Serbia consente di provare quel senso di stupore e sorpresa ormai sempre più rari. ARAZZO NAZIONALE Il primo must in Serbia è la sua capitale, Belgrado, intessuta di tessere del tempo con preziose eredità archeologiche come San Sava – il più grande tempio

44 | 01 2010 |

ortodosso al mondo – o la fortezza Kalemegdan, o ancora il complesso della corte reale che campeggia sulla collina più alta di Dedinje. Accanto al passato si accosta il brio contemporaneo, due volti complementari di questa città che pullula di monumenti e musei ma anche di locali, ristoranti, casinò e shopping center rivelandosi cosmopolita e scenario di molteplici attività di team building, soprattutto di cacce al tesoro. Trionfo di seduzioni antiche incastonate nel verde è tutta l’area del parco nazionale della Gola di Djerdap, conosciuta come Iron Gate, una profusione di fortezze e di bellezze naturali nella quale il Danubio gioca il ruolo da protagonista fiancheggiato, nel mosaico nazionale, da una pluralità di fiumi che consentono navigazioni fluviali e straordinari sightseeing paesaggistici. Da non perdere è il parco nazionale di Kopanik, ottanta chilometri nei quali l’incentivazione può essere declinata in una miriade di attività sportive – in particolare lo sci – esattamente come la riserva della Zasavica, perfetta per la pesca e i safari


MC under the spotlight

3

fotografici mentre il parco di Fruska Gora avvince per le rare specie faunistiche e le oltre 1.400 botaniche. Iscritta nel patrimonio dell’Unesco è la riserva speciale Zrenjanin, ammantata da foreste e scenario di battute di pesca e di caccia. Di fama internazionale è Davolja Varos, la città infernale, monumento naturale collocato nel sud della Serbia, 202 torri di pietra che svettano per una ventina di metri, si modificano da secoli e sono candidate a essere annoverate fra le meraviglie del mondo. ICONE DI TENDENZA Novi Sad va scoperta lentamente e possibilmente a ritmo di musica. Non a caso è scenario di Exit, International Music Festival, manifestazione che si è aggiudicata nel 2007 il riconoscimento di migliore rassegna musicale europea. Come Belgrado anche Novi Sad è un forziere di collezioni museali e di manieri fra i quali campeggia il secentesco Petrovaradin – location di Exit – e non mancano icone ecclesiastiche che culminano nella chiesa di Nikolai – la più antica di fede ortodossa della città – nella quale vennero battezzati i figli di Einstein. Ancora storia e religione nella sinagoga – che ospita anche la più bella sala da concerto della località – e nella chiesa del Nome di Maria, parrocchiale cattolica in stile neogotico. In questo spaccato settentrionale del Paese aprono i battenti agli incentive le terme di Palic, adagiate sulle sponde dell’omonimo lago sul quale è possibile organizzare adrenaliniche sfide di canottaggio e di vela. La tradizione delle terme è antica, in Serbia, e garantisce ottime opportunità di remise en forme anche a Gamzigrad e a Nis – nel distretto sud orientale – oltre che a Bukovicka, Mataruska e Vrnjacka, un tris d’assi ubicato nell’area sud occidentale.

hot topics

4

EMOZIONI STORICHE La Serbia entra nel progetto europeo Transromanica e lo fa con sette principali destinazioni: Zica, Studenica, Gradasc, Sopocani, Durdevi Stupovi, Stari Ras e Decani.

Oltre alla Transromanica la nazione è teatro di percorsi che vedono protagonisti gli imperatori romani nati in Serbia: un tuffo nel passato con luci puntate su monasteri, fortezze e siti archeologici.

5

1 2 3 5 6

/ La fortezza di Golubac e 4 / Due scorci di Belgrado / Il monastero di Studenica / Un angolo di Novi Sad / Il maestoso e lento Danubio

6

indirizzi a fine rivista 1, 2, 4, 6 | B. Jovanovic 3 | Bosnic

| 01 2010 | 45


MC out of the box

in my opinion

Vogliono distruggere i convegni medici?

assano gli anni, cambiano i governi, ma l’accanimento P contro i congressi medici pare

non diminuire mai d’intensità. Ma che cosa hanno fatto di così tremendo, dottori e farmacisti, per meritare tanta apprensione e tanto zelante legiferare da parte dei burocrati? È questa la domanda che mi sorge spontanea leggendo il nuovo “regolamento applicativo dei criteri oggettivi per il riordino del sistema Ecm” (e già il titolo in giuridichese stretto mette paura), disponibile da metà gennaio sul sito del ministero della Salute. E mi tornano in mente le disposizioni del 2003, con le quali – tutto ebbe inizio proprio allora – si vietava di mostrare e distribuire, nel corso di un convegno di Educazione continua in medicina (Ecm), il materiale promozionale degli sponsor, i quali da quel dì avrebbero dovuto finanziare la formazione medico-scientifica italiana per filantropia, non certo per interessi di natura commerciale. Sono trascorsi sei anni, il sistema congressuale legato all’Ecm è miracolosamente, seppur faticosamente, rimasto in piedi (fra ordini e contrordini, disposizioni provvisorie e abrogazioni definitive, provider accreditati e furbetti del quartierino), ma il legislatore non demorde: Cartago delenda est! E l’Ecm anche... Mi riferisco a due norme in particolare, contenute nel nuovo regolamento e ritenute preoc-

A sei anni di distanza dai primi “attacchi”, il ministero della Salute sferra un altro colpo agli sponsor dell’Educazione continua in medicina, danneggiando non soltanto la meeting industry, ma soprattutto la riqualificazione sanitaria del Paese cupanti anche dal presidente di Federcongressi Paolo Zona, che dei segreti e misteri dell’Ecm è interprete certo più autorevole del sottoscritto (e che a questo proposito ha scritto un accorato appello al ministro del Turismo, Michela Vittoria Brambilla, affinché interceda presso il collega Ferruccio Fazio): 1. l’articolo che vieta a chiunque non sia provider il reclutamento dei partecipanti a un evento formativo (con l’obiettivo di escludere ogni forma di interferenza da parte degli sponsor) 2. e quello che vincola il provider alla massima riservatezza sui dati dei partecipanti (al fine di impedire agli sponsor di mettere le mani sui nomi dei partecipanti). Insomma, che lo sponsor paghi la formazione dei medici italiani è un dovere morale di matrice kantiana, e guai a quella casa farmaceutica (perché questo è, nove volte su dieci, lo sponsor) che volesse invitare o sapere chi è stato invitato al convegno

che ha finanziato: gli strali di Esculapio si abbatteranno implacabili su di essa. Mi spieghino ora, dal ministero della Salute, per quale ragione uno sponsor dovrebbe scucire del denaro. E mi spieghino anche, senza sponsor, dove pensano che andrà a finire la formazione di medici, infermieri, farmacisti e via dicendo… Capisco che poco importi del fatturato della meeting industry (per quanto, di questi tempi, lo spettro della disoccupazione dovrebbe essere motivo di riflessione per chi ci governa), ma suvvia: che almeno per la nostra salute ci sia un minimo di preoccupazione. E non nascondiamoci dietro ai soliti cliché del falso moralismo. Ogni provvedimento che provochi una contrazione degli investimenti sulla formazione e sull’aggiornamento della classe medica riduce anche la riqualificazione sanitaria del nostro Paese. È questo che vogliamo? Da oltre sei anni, sembra proprio di sì.

MARCO GARAVAGLIA Direttore editoriale Ediman marco.garavaglia@ediman.it

Ci spieghino, dal ministero della Salute, dove pensano che andrà a finire – senza i soldi degli sponsor – la formazione di medici, infermieri, farmacisti e la sanità in generale

| 01 2010 | 47


MC in my opinion

meeting design

Chi usa un martello può essere un maniaco Se perdiamo di vista il “processo primario” di un convegno, la meeting industry rischia di perdere di significato o anche di essere confusa con il turismo MIKE VAN DER VIJVER Co-fondatore di MindMeeting, “Designers of successful international meetings” mikevijv@xs4all.nl

Meeting industry e turismo condividono le strutture e talvolta anche le persone. Ma non tutti quelli che usano un martello per lavorare sono falegnami. Ci possono anche essere fabbri e maniaci!

48 | 01 2010 |

omanda fondamentale: perché si organizzano meeting? D Rispondo raccontando due recenti esperienze che secondo me sono collegate. 1. Alla fine di un importante convegno con rappresentanti della meeting industry, gli organizzatori hanno annunciato la destinazione dell’anno successivo: un posto meraviglioso in Messico! Quando? In tempo per la bella stagione! 2. Ho tenuto un corso di formazione in un albergo prestigioso ad Amsterdam. Il mio contatto con l’albergo era il banqueting manager (ma perché?!), un ragazzo coscienzioso sui ventotto anni, sinceramente preoccupato che il mio gruppo e io non saremmo stati in grado di organizzare il coffee break come si deve. Perciò mi spiegò tre volte cosa dovevamo fare e durante il seminario ci interruppe con una puntualità svizzera. Forse al lettore per ora sfugge il collegamento. Il nesso si trova in un grande, madornale malinteso su quello che sono i meeting e la

ragione di esistere della meeting industry. Il malinteso è che i meeting sono fatti di cose fisiche e logistiche. Dovrei usare brutte parole per esprimere cosa penso di questa idea (cosa che ho promesso al direttore di questo giornale di evitare nella mia colonna). Un meeting, invece, è l’opportunità, che la meeting industry offre alle persone, di incontrarsi fisicamente e di affrontare una serie di processi chimici e sociali per un determinato obiettivo. Certo, bisogna organizzare tutta una serie di aspetti fisici e logistici per creare e ottimizzare quell’opportunità per i partecipanti, ma non sono questi aspetti a costituire “l’essenza”del meeting, quello che d’ora in avanti chiamerò il “processo primario”. I partecipanti non aderiscono, o almeno non dovrebbero aderire, ai meeting per il bel luogo, il buon cibo e la meravigliosa piscina. Dovrebbero aderire perché c’è un programma fatto bene, che permette loro di imparare qualcosa, scambiarsi idee importanti e incontrare persone nuove. Ma che c’è di male nel farsi attrarre da paesaggi, piatti prelibati, piscine? Finora abbiamo sempre fatto così e tutti si sono divertiti un mondo (partecipanti e operatori). Non c’è niente di male fin quando siamo consapevoli che si tratta di corollari. Nel momento in cui perdiamo di vista

tale prospettiva, la meeting industry rischia di perdere la sua “license to operate” e, peggio, di essere confusa con il turismo. Meeting industry e turismo, invece, condividono soltanto le strutture e talvolta anche le persone. Ma non tutti quelli che usano un martello per lavorare sono falegnami. Ci possono anche essere fabbri e maniaci! Io mi definisco un “meeting designer”. Il mio lavoro è quello di mettere insieme contenuti, partecipanti e obiettivi di qualunque meeting e di presentare un programma di attività per i partecipanti che permetta sia a loro sia all’organizzatore (che chiamo “meeting owner”) di realizzare gli obiettivi che ognuno si propone. In questa colonna avrò l’onore e il piacere di raccontarvi le storie che mi capitano dalla prospettiva meno nota della meeting industry: da dentro la sala del meeting, da dentro le teste dei partecipanti. Vi parlerò di obiettivi e risultati, di moderatori e facilitatori, di convenzioni e rituali, di apprendimento e networking, naturalmente anche di sesso e di ormoni, di alcool e calorie. Ma soprattutto vi parlerò della necessità di separare meeting e turismo e della necessità di fare tante, tante ricerche sul processo primario dei meeting, perché ne sappiamo ancora poco…


MC in my opinion

la gogna

Mai dire mail... Esistono epiteti potenzialmente offensivi in una città, che risultano invece “affettuosi” in altre. Al contrario, le email possono essere letali a qualsiasi latitudine ANNAMARIA RUFFINI Amministratore unico e fondatore Events In & Out a.ruffini@eventsinout.com

Possibile che a nessuno sia mai venuto in mente di proporre un corso di scrittura per email? Se c’è qualcuno che si offre, io sarò la prima a iscrivermi

50 | 01 2010 |

utti ricordiamo il film di Monicelli “Amici miei”, con gli scherTzi geniali dei cinque goliardi e il fraseggio nonsense del Conte Mascetti, interpretato da Ugo Tognazzi e passato alla storia come “supercazzola”. La supercazzola entra in scena in occasione di uno scontro tra lo stesso Mascetti e un vigile urbano: «Tarapia tapioco!», gli grida Mascetti. «Prematurata la supercazzola o scherziamo?». «Prego?», fa il vigile. «No, mi permetta», “spiega” Mascetti. «Io, scusi, noi siamo in quattro. Come se fosse antani anche per lei soltanto in due, oppure in quattro anche scribai che cofandina; come antifurto, per esempio». Subentra il Perozzi (Philippe Noiret): «No, no, no, attenzione, noo! Patente soppaltate secondo l'articolo 12 abbia pazienza, sennò, posterdati, per due, anche un pochino antani in prefettura...». Il discorso si sarebbe concluso con l’arresto dei buontemponi se non fosse intervenuto il Necchi (Duilio Del Prete), amico del vigile, di fronte al quale il tutore dell’ordine si rassegna e sospira: «E va bene! Vorrà dire che si farà finta di passar da bischero!». Cioè da scemo. In nessun’altra parte al mondo, tranne appunto nella mia Firenze, un vigile direbbe di se stesso una cosa del genere. Solo a Firenze,

infatti, quella parola suona veniale, quasi affettuosa, un po’ come succede nel Veneto con “fiol d’un can”, la cui traduzione letterale manderebbe in bestia chiunque in qualsiasi altro angolo della terra. Parlare a ciascuno secondo il suo linguaggio: io questo motto lo farei appendere a tutti i computer dotati di posta elettronica, perché indurrebbe a meditare sulle potenziali controindicazioni del mezzo. Ho visto con i miei occhi fior di giornalisti litigare furiosamente per una email fraintesa. E colleghi perdere clienti importanti per aver scritto frasi equivocabili. Un messaggio email è una lettera che viene recapitata istantaneamente. E qui sta il primo malinteso. Recapitata non vuol dire letta. Pretendere che i nostri destinatari vivano con un BlackBerry sempre a portata di mano, e non abbiano altro da fare che attendere i nostri messaggi e risponderci, è un’assurdità. Pensiamoci quando ci coglie la stizza perché dopo due giorni una nostra email è ancora inevasa. Oltretutto, a volte, la risposta tempestiva, proprio in quanto tempestiva, è affrettata e scritta male. Chi replica a una email alle due di notte perché soffre d’insonnia o perché sa di avere un mittente pretenzioso, fatalmente sporcherà le sue frasi di fumi onirici che non gioveranno né alla comprensione del testo né al prosieguo dell’amicizia con chi le leggerà. Sono dell’idea che questi errori siano tipici di una generazione –

la mia – che alla email è arrivata abbastanza presto da doverci lavorare ma non abbastanza tardi da poterla utilizzare secondo i ritmi delle lettere vecchio stampo. Che richiedevano attenzione, rilettura, pazienza. E che erano superiori a qualsiasi rischio d’equivoco. Non per caso, gli anziani alla posta elettronica sono infallibili. E mentre sull’altro versante i giovani sono arrivati alla email ancora nell’età in cui si sviluppano i linguaggi, e hanno potuto formare propri codici sicuri, noi trentenni degli anni Novanta ce la siamo ritrovata di soppiatto, come un fulmine a ciel sereno, a costringerci a rimuovere i nostri idiomi d’antan senza poterne interiorizzare di nuovi. Insomma, la email porta in sé il tarlo dell’ipocrisia e qualsiasi messaggio da essa veicolato si presta a pericolose doppie letture. Allora, in questo gran parlare che si fa di formazione, possibile che a nessuno sia mai venuto in mente di proporre un corso di scrittura per email? Se c’è qualcuno che si offre, io sono la prima a iscrivermi. Sarebbe un bel salvagente per chi, come me, a furia di navigare qualche volta è caduto in mare. L’immagine della navigazione è fittizia ma sino a un certo punto: tra email e barca a vela, se ci pensate, le differenze sono solo nominali. Proprio come le vacanze in barca, anche la posta elettronica mette a dura prova le amicizie, che ne escono rafforzate solo se alla base hanno una grande sintonia. Sarà per questo, forse, che siamo tutti internauti…


MC in my opinion

open-minded

Aspirine e convention in tempi di vacche magre Quale strana triangolazione lega la crisi, le agenzie di eventi e l’acido acetil-salicilico? Una curiosa analogia terapeutica, che merita una riflessione ALDO LO RE giornalista aldolore@alice.it

La convention, così come è stata finora organizzata, dovrà cambiare pelle, ma intanto l’uso ridotto di questo strumento ha effetti negativi sia sulle agenzie sia sulle aziende stesse

52 | 01 2010 |

esperti di comunicazione pubblicato di fresco Tun rehanno libro che ha come titolo una specie di epitaffio: “C’era una volta la Convention” (Massimo Morga – che è anche una firma di “Meeting e Congressi”, ndr –, Piero Pavanini, Andrea Notarnicola; ed. Gruppo 24ore). Il libro raccoglie idee ed esperienze che costituiscono una esatta e coraggiosa analisi della situazione del settore. Certamente non è solo per problemi economici che molte imprese hanno cancellato dai loro bilanci gli investimenti destinati alle convention e agli incentive. Sono anche altri i motivi di una rinuncia a finanziare eventi che dovrebbero motivare i dipendenti e la struttura commerciale. La convention, così come è stata finora organizzata, dovrà cambiare, ma intanto l’uso ridotto di questo strumento ha effetti negativi sulle agenzie che creano eventi e anche sulle prospettive di sviluppo delle aziende

stesse. Un esponente del settore ha commentato la situazione con una proposta amaramente ironica: «Siamo vittime di una epidemia peggiore della suina e, anche per noi, non basta l’aspirina». E invece, la storia della nascita di questo famoso prodotto farmaceutico può essere propedeutica per le agenzie della comunicazione. Nel 1897 un chimico che lavorava alla Friedrich Bayer & Co. venne a sapere che in Francia un farmacista aveva cristallizzato un estratto dalla corteccia del salice che era efficace contro il mal di testa, la febbre e i dolori muscolari. La Bayer a quel tempo produceva coloranti per l’industria tessile, ma decise di dare una svolta alla sua attività e nei suoi laboratori riuscì a ottenere la sintesi dell’acido salicilico con un acetile. Era nato così l’acido acetil-salicilico, il rimedio noto in tutto il mondo con il nome di “Aspirina” che ha portato al successo la coraggiosa impresa tedesca passata dai colori ai medicinali. Oggi, facendo buon viso a cattiva sorte, qualche agenzia ha usato il periodo di paralisi per fare autocritica e si è preparata alla ripresa del mercato ricorrendo all’innovazione. Ha adottato perfino un atteggiamento professionale che, a differenza del

passato, non esprime una supina adesione alle proposte del committente, ma dimostra la capacità di attivare originali azioni di stimolo valide anche per la sua azienda. Nessuno vuole reinventare la ruota, ma appare necessario un cambiamento della funzione dell’agenzia con lo strumento della “stimulation”, la parola che i francesi usano al posto di “incentive”. La terapia da adottare, perciò, è identica a quella che, anche affrontando qualche sofferenza, serve per rimettere in movimento un arto paralizzato dalla forzata immobilità. Per tornare alle normali condizioni operative ci vuole uno “stimolo” che può arrivare da nuove idee, dal coraggio di entrare in campi di gioco mai praticati, dalla capacità di costruire strumenti più attuali di marketing aziendale. Il monitor del futuro è affollato da troppe informazioni difficili da gestire, ma quello che conta è, prima di andare alla scoperta del posto in cui si spera di trovarlo, sapere bene cosa stiamo cercando. Non è facile distinguere le innovazioni destinate all’oblio da quelle capaci di generare un cambiamento di lungo periodo, ma senza la fantasia, non c’è progresso e non si crea nuova ricchezza.


MC no limits

in my opinion

Ma volare “low cost” conviene?

vete mai pensato di approfondire la vostra conoscenza A dei voli cosiddetti “low cost”? Mi

ci sono dedicato attentamente dopo la recente esperienza con un celeberrimo vettore low cost su un volo da Roma-Ciampino a Venezia-Treviso. Allora seguitemi bene perché il percorso effettuato per questa prenotazione, oltre a essere colmo di trappole, vi farà sentire anche un po’ presi per i fondelli. Tutto ebbe inizio quando, per motivi di lavoro, ci siamo dovuti spostare nell’arco di una giornata da Roma a Conegliano (aeroporto di Treviso). Consultate le varie disponibilità aree abbiamo scelto un volo che veniva pubblicizzato a 49,98 euro andata e ritorno. Sicuri che questa fosse la migliore offerta sul mercato abbiamo deciso di prenotare... e qui viene il bello: ai 49,98 euro per il volo di andata e ritorno, al momento della prenotazione, si aggiungono: ■ 54,74 euro di “taxes, fees and charges” ■ 12,00 euro di “passenger fee web check in” ■ 12,00 euro di “passenger fee: Italian domestic handling fee”. A questo punto il costo del volo era già arrivato a 128,72 euro. Decidiamo – vista l’urgenza di essere a destinazione a un certo orario – di procedere con la prenotazione e di pagare con carta di credito... Altri 8,00 euro per il pagamento. E siamo a 136,72! Poi, per evitare di pagare altri 15,50 euro di assicurazione, sco-

priamo di dover spuntare una casella in cui si dichiara di non volere alcuna copertura assicurativa. Cerchiamo come pazzi questa casella e dopo aver telefonato al call center ci dicono che tale casella è inserita nella lista dei “paesi di residenza”. Eh? Mah... E non finisce qui. Se per caso avessimo deciso di voler entrare nell’aereo con il primo gruppo (non ci sono posti preassegnati sui voli low cost) avremmo dovuto pagare altri 4 euro. E non parliamo del bagaglio: per un collo portato a bordo ci sono 15 euro da pagare, se poi oltre a quello volete spedire un’altra valigia allora dovete aggiungere altri 35 euro. Bene adesso avete completato la vostra prenotazione e la compagnia aerea vi manda subito la conferma della prenotazione (in english, of course... e quelli che non parlano la lingua?). In questa comunicazione, si spiega che occorre effettuare il web check-in (abbiamo pagato 12 euro per farlo) e che se ciò non viene fatto nei tempi richiesti, verrà applicato un supplemento di 40 euro in aeroporto. Mi accorgo con ritardo di questa clausola inserita nella conferma di prenotazione e riesco a fare il web check-in solo per il volo di ritorno. Mi presento in aeroporto e, facendo finta di non essere a conoscenza della lingua inglese, contesto il pagamento degli ulteriori 40 euro (che poi diventano 48 perché si deve aggiungere l’Iva) in quanto non cono-

Roma-Treviso a 49,98 euro, in aereo. Questo sì che è un affare, vero? Peccato che poi, di tassa in tassa, di extra in extra, si arrivi a una cifra molto, troppo diversa scendo la lingua non ero stato in grado di capire il significato dei loro messaggi. Non mi ascoltano neppure e, spinto dall’urgenza di partire, decido di pagare. A questo punto il mio viaggio, pubblicizzato a 49,98 euro, mi è costato 200,22 euro. E non parliamo dei servizi a bordo. Sembra di essere al supermercato. Cercano di venderti di tutto: ■ biglietti del Gratta e Vinci (secondo me illegali perché sono vendibili solo sui voli internazionali... ne ho tenuta una copia da portare alla Finanza). ■ panini, bibite, caffè ■ noleggio di auto ■ sigarette di plastica per non fumatori ■ prenotazioni di alberghi ■ gift voucher. A questo punto mi sono chiesto se non fosse il caso di sfruttare la nuova legge sulle class action per intentare una causa contro costoro che non posso nominare. Se qualcuno la pensa come me, si faccia avanti. Siamo stanchi di essere presi in giro.

PAOLO MISSIAJA MPAssociati p.missiaja@mclink.it

Consumatori e “volatori” di tutta Italia, uniamoci! La nuova legge sulle “class action” potrebbe difenderci da chi abusa della nostra pazienza... e ci truffa!

| 01 2010 | 55


MC in my opinion

il siparietto

Tutto in un evento... E che duri un giorno solo! Cosa si intende per eventi multitasking? C’è da scriverci un trattato... ma nei briefing dei clienti, spesso, è l’insieme “compresso” delle attività da prevedere MASSIMO MORGA Amministratore delegato di Staff Italia massimo.morga@staffitalia.it

Il contenimento dei costi è entrato in forte pressing anche sui format degli eventi. La logistica si riduce all’osso a favore di attività ad alto ritorno d’immagine o con forti contenuti

56 | 01 2010 |

ssistiamo da un po’ di tempo a un cambiamento A radicale degli eventi; si tende cioè ad accorpare in un unico format più parti di diverse soluzioni arrivando a ottenere quello che ora da tutti viene definito multitasking. Si chiama multitasking l’attitudine ad effettuare diverse operazioni nello stesso momento. Cos’è il multitasking? Lavoro al Pc e parlo al telefono. Ascolto la radio e scrivo una email. Parlo, scrivo, guardo, ascolto nello stesso momento, comprimendo il mio tempo, spostando di volta in volta percentuali significative della mia attenzione. Negli eventi il multitasking non è l’insieme “contemporaneo” di attività ma l’insieme “compresso”. Insomma, mentre la convention sta assumendo caratteristiche sempre più motivazionali che la rendono più “incentive”, il viaggio incentive è sempre più intriso di contenuti tipici delle convention.

Il team building (sempre più utilizzato) viene inserito indifferentemente sia nell’uno che nell’altro format ed entrambi hanno sempre più delle valenze formative tipiche dei roadshow. Diciamo quindi che il contenimento dei costi è entrato in forte pressing anche sui format degli eventi eliminando quanto più è possibile il peso della logistica a favore di attività ad alto ritorno d’immagine o con forti contenuti. E il tutto è in costante evoluzione a tal punto che nei briefing bisogna essere in grado di captare il peso di questa o di quella attività all’interno dell’evento da progettare. ■ BRIEF CONVENTION PHARMA Vorremo un preventivo per una convention di due notti e tre giorni con una sala Plenaria, venti breakout rooms, una cena di gala, una cena spettacolo, una mezza giornata di team building e una mezza giornata dedicata alla formazione. Poi una delle due serate deve essere fatta dagli ospiti per farli sentire protagonisti (e anche per risparmiare inutili cachet di artisti) e quindi bisogna prevedere del tempo per le prove. Tutto chiaro? Sì ma… alle flebo dobbiamo pensare noi?

■ B RIEF INCENTIVE TLC L’incentive di quest’anno deve durare massimo due notti. Vogliamo andare all’estero, ma distanti non più di tre ore di volo. Mezza giornata di plenaria e mezza giornata di riunioni d’area. Dobbiamo prevedere poi mezza giornata per i workshop e mezza giornata per il team building. La visita della città possiamo anche evitarla. La vedranno da soli nel tempo libero… Certo che se quest’incentive voleva essere un premio chissà come sarebbe stata la punizione! ■ B RIEF CONVENTION TLC Il claim è “Only for You”: poco di tutto ma di tutto. Viaggio max due ore dall’Italia. Mezza giornata di plenaria. Mezza giornata di lavori di area nelle salette. Un bel team building aggregazionale (massimo quattro ore). Serata di gala con spettacolo. La discoteca come dopo cena per il gran finale. Non dimentichiamo di inserire anche “cultura”. Mi raccomando: un evento con molta aggregazione e molta motivazione. Il tutto in due giorni e una notte. Non devono capire più niente. Dobbiamo stupirli e stancarli, ma renderli felici. Lei che cosa ne pensa?


MC il siparietto

in my opinion

Gli eventi sono come i coltellini svizzeri: multitasking!

Bè, che dire? Almeno il claim è veramente azzeccato! ■ BRIEF CONVENTION AUTOMOTIVE Si tratta del classico viaggio incentive con due escursioni full day, la serata di gala e una mezza giornata di plenaria. Il solito pacchetto di sette notti? Sette notti? Tre notti!!! ■ BRIEF INDUSTRY Quest’anno non abbiamo un gran budget e quindi dobbiamo stringere i denti. Naturalmente dobbiamo motivare la nostra FdV e vogliamo che ricordino l’evento. Li facciamo arrivare entro le 10.00. No welcome coffee. Poi iniziamo i lavori alle 10.30. Nessuna interruzione così risparmiamo il costo del coffee break. Segue un light lunch, max 45 minuti poi alle 14.00 riprendiamo i lavori. Un’interruzione per un gioco aggregativo ma... massimo massimo due ore e poi le riunioni di area e di nuovo in plenaria per le Q&A finali. Alle 18.00 tutti a casa. Mi raccomando, specie nel gioco: aggressivi. Voglio che questo evento lo ricordino. Non dubiti… anzi, sarà difficile dimenticarlo! ■ BRIEF SOCIETÀ INTERNAZIONALE DI ARREDOBAGNO

La nostra idea è di farli arrivare da tutta Italia con i bus. A bordo gli farei dei giochi a squadre per sostituire il team building. Faremo una gara in due parti: una all’andata e una al ritorno. Arrivati…. convention! Poi un light lunch, ma light light altrimenti si addormentano. Direi un piatto unico e frutta e poi di nuovo in sala per i lavori. Poi li dividiamo in team e li mandiamo a fare i lavori di area. In serata, aperitivo rinforzato e poi partenza. Anche se arrivano un po’ tardi a destinazione va bene lo stesso. Un bel filmatino emozionale che invieremo loro come follow up che li motiverà nelle vendite sino alla prossima convention. Che ne pensa? Fantastico. Sarò presente anch’io per motivarmi con loro. La motivazione gli uscirà da tutti i pori! ■ BRIEF

SOCIETÀ INTERNAZIONALE DI GENERI ALIMENTARI

Li facciamo arrivare. Li facciamo lavorare.

Li facciamo anche mangiare. Gli diamo gli obiettivi e poi... marsh, a lavurà! Scusi se sono asettico ma sono finiti i tempi delle belle location, dei frizzi e dei lazzi e delle belle convention che duravano un giorno intero. Ha ragione da vendere. Bei tempi. All’epoca non pensavo al suicidio.

| 01 2010 | 57


MC hot topics

cover story

La meeting industry oggi

Congressi e incentive: n tempo, in molti comparti di industria e terziario, si viaggiava per settoU ri: la destra non sappia che cosa fa la sinistra, evangelicamente parlando. Anche la meeting industry era qualcosa di differente dal mondo dell’incentivazione: congressi e incentive viaggiavano in vagoni separati, ognuno con professionisti dedicati, con agenzie d’incentivazione e Pco che tutt’al più potevano stringere accordi di collaborazione qualora la situazione lo richiedesse. Ma l’episodio, con il tempo, è diventata prassi costante: è la globalizzazione, forse, ma è anche una necessità dovuta a un mercato sempre più intricato e affollato. Così gli strumenti, come il catalogo, la convention, il congresso, il viaggio incentive, l’evento di team building, sono visti oggi appunto per quello che sono: strumenti a disposizione di chi li sa utilizzare, e soprattutto dei Pco che vogliono fornire un’offerta più completa ai propri clienti. Questo non significa però che tutti possono fare tutto: si è sempre insistito fino alla noia sul professionismo e sulla specializzazione, e professionismo significa prima di tutto fare al meglio possibile ciò che si sa fare. E anche delegare ad altri professionisti il resto: ecco perché la situazione ideale, per un congresso che preveda, per esempio, un momento di formazione e altri spazi da “incentivazione pura”, è quella che mette insieme il Pco e l’agenzia di motivazione, in modo che tutti sappiano esattamente come comportarsi e come impostare l’evento. QUESTO MATRIMONIO… Ma il matrimonio fra eventi aggregativi e incentivazione s’ha da fare? Si tratta di una mera constatazione di una realtà fattuale,

58 | 01 2010 |


MC cover story

hot topics

FABIO ALCINI

un legame strategico altri perverranno nella stessa location e saranno senza dubbio subissati dai racconti su quel che i premiati han fatto nei due giorni precedenti, fa sì che la desiderabilità del premio venga enfatizzata a tutto vantaggio dell’effetto emulazione, nel caso di riedizione dell’iniziativa. Ma è davvero strategica questa combinazione? Potrebbe esserlo, se l’azienda ha intenzione di creare un sistema motivante di questo tipo, in cui i primi nelle performance sono anche i primi a “conquistare la

hot topics

oppure ci sono ancora delle “i” che attendono i loro puntini? «Il mondo della comunicazione finalizzata – osserva Giulio Carloni – è in continua, magmatica evoluzione. In questa fase di budget ridotti all’osso, se l’azienda ha qualcosa da investire, cerca di trattare l’investimento come il contadino fa con il porco: non si butta via niente. Per cui, all’evento aggregativo (nel caso delle convention), solitamente destinato a commentare i risultati ottenuti, a svelare gli obiettivi a venire e a condividere nuovi aspetti delle politiche aziendali, tende a conferire compiti un tempo demandati ad azioni autonome. Sempre più spesso, ai momenti lavorativi s’uniscono fasi di puro “leisure and pleasure”, magari riservati a coloro che hanno ottenuto particolari risultati». Un discorso del genere, però, potrebbe apparire quasi più casuale che strategico. «Se – com’è capitato – i migliori agenti di una rete di vendita arrivano a MonteCarlo il venerdì sera, e sono accolti con un welcome dinner che inaugura un week end carico d’animazione e divertimento, in attesa dei colleghi che li raggiungeranno solo il lunedì per la convention, è evidente che si sta offrendo a questi agenti un incentivo. Anzi: il fatto che anche gli

cover story

Non esistono più i convegni di una volta. Né l’incentive propriamente detto. Oggi ogni meeting è il frutto delle tecniche congressuali compenetrate con la verve dell’incentivazione. Il risultato? Eventi “multitasking” al servizio delle strategie di marketing delle aziende

| 01 2010 | 59


MC hot topics

cover story

hot topics GIULIO CARLONI consulente di incentivazione e di event making è convinto che i congressi del futuro seguiranno sempre più spesso il modello organizzativo tipico delle convention

meta dell’anno”, anticipando con le giornate incentive il momento di lavoro rappresentato dalla convention, e vuol fare comunicazione per incentivare gli uomini con questo schema (che, peraltro, si può applicare benissimo sia alle reti di vendita, sia alle azioni di trade incentive). Ma potrebbe semplicemente trattarsi di una scelta tattica estemporanea, per risparmiare almeno le spese di viaggio sul numero degli incentivati, dato che sono comunque comprese nel budget della convention». Questo però può portare anche ad altro tipo di osservazioni. Per esempio: forse il mercato odierno richiede ai Pco una

maturità culturale superiore, perché tutti devono essere in grado di fare tutto, o quantomeno una propensione a “fare squadra” con esperti di motivazione, che possono arrivare là dove il Pco non arriva. Non a caso, oggi le convention mostrano sovente anche altri “innesti”: programmi di formazione e sessioni di team building, sempre più rilevanti, in quest’epoca di merger e acquisizioni, in cui spesso le aziende si trovano a dover amalgamare uomini provenienti da consuetudini e culture diverse (basti pensare al settore bancario/assicurativo/finanziario, per fare solo un esempio, dove marchi un tempo concorrenti sono ora riuniti sotto uno stesso

IDEE “INTEGRATE” Fare squadra si può, se... Stabilito che, nella pratica e spesso nella testa del cliente, i mondi dell’incentivazione, della promozione, dell’organizzazione di eventi e di congressi non hanno più la divisione netta che potevano avere fino a qualche tempo fa, bisogna capire se agenzie, Pco e operatori del settore sono pronti a questo salto epocale. Anche in termini di “team building”, ovvero nella costruzione di una squadra composta appunto da Pco, agenzie di incentivazione e di comunicazione dove ognuno sappia fare la propria parte (e ricavi il proprio guadagno). «Per quanto ci concerne – interviene Giuseppe Orlandi, amministratore delegato di B2U – tendiamo a inserire in un unico contenitore tutte le voci relative a comunicazione, incentive, organizzazione di eventi, anche perché spesso le varie attività si sovrappongono tra loro: succede che una campagna di incentivazione alla rete di vendita sia presentata in occasione di un evento, oppure che il viaggio incentive sia appunto la conclusione di un programma motivazionale. Comunicazione, animazione, premiazione se coordinati e gestiti in

60 | 01 2010 |


MC cover story

tetto, ma le matrici di provenienza stentano a stemperarsi). Tutte attività che richiedono competenze professionali specifiche. «Se si vuole ribaltare la visuale, e affrontare il discorso nell’ottica del Pco – osserva ancora Carloni – la maggior parte delle manifestazioni segue il modello classico, specie in campo medico-scientifico. Poi, certo, ce ne sono altre in cui gli aspetti d’animazione e di spettacolarizzazione stanno acquisendo spazi crescenti. E in prospettiva, è probabile, la loro percentuale potrà divenire più rilevante. Se così sarà, i consulenti di settore dovranno imparare a creare gruppi di lavoro compositi, in cui un capocordata sappia coordinare e compenetrare gli apporti dei

hot topics

L’incentivazione è oggi parte integrante del “fare eventi”

cover story diversi soggetti così da comporre il quadro completo atto a dar soluzione alle esigenze espresse. In quel caso, il consulente (Pco, manager d’agenzia o di studio professionale, libero professionista…) si porrà come partner effettivo dell’azienda, non solo come fornitore di prestazioni professionali. O potrà invece essere l’azienda a tenere il coordinamento – seppur con più intenso dispendio d’energie e di tempo. Accadrà dunque quel che da tempo sta capitando per le convention, dove gli aspetti creativi e quelli logistico-gestionali possono essere affidati a una singola struttura in grado di trattare con competenza entrambi gli ambiti, o a più realtà professionali in combinazione fra loro». Per sostenere una trasformazione del genere, però, è vitale che i Pco siano in grado di comprendere davvero le diverse esigenze di un evento poliforme. Ciò vuol dire un salto di qualità in termini di abilità e bagaglio di conoscenze. Se così non fosse, rischiereb-

modo univoco raggiungono senz’altro risultati migliori. B2U non ha al suo interno comparti corrispondenti a divisioni di business, anche se ovviamente abbiamo risorse umane che svolgono compiti specifici, grazie a know how e specializzazione nelle diverse aree. Ci sembra infatti importante che un’agenzia, se ne ha i requisiti, si ponga, nei confronti dell’azienda cliente, come un consulente che vuole conoscere appieno le numerose necessità che si manifestano a livello di marketing e vendite, cosa che consente di porre in essere azioni più strategiche e continuative, per arrivare a dare risposte concrete e performanti. In questa direzione, per esempio, si inserisce “Accentiv’&Partners”, un accordo strategico che ci vede uniti insieme ad alcune altre società operanti nel marketing operativo (Accor, Elation, Terashop, Piùstyle) per dare soluzioni e servizi in grado di soddisfare ancora di più le esigenze delle aziende clienti». Usciamo insomma dal teorico per affrontare un’esperienza diretta: i diversi operatori del mondo della comunicazione che fanno squadra per un risultato comune. D’altra parte è evidente come il grado di “flessibilità” che viene richiesto dai clienti oggi, sia molto più ampio. «Tutto dipende

GIUSEPPE ORLANDI amministratore delegato e fondatore di B2U ha dato vita con “Accentiv’&Partners” a un accordo strategico tra B2U, Accor, Elation, Terashop e Piùstyle per soddisfare a 360 gradi le esigenze dei clienti

dalla capacità dell’agenzia di saper agire su più fronti – continua Orlandi –; penso che sia corretto far capire al cliente quali sono le aree di intervento nelle quali possiamo dare risposte concrete. In un periodo di contrazione di attività e di budget, la tentazione di tutti è quella di presentarsi come “agenzia a tutto campo” per intercettare ogni tipo di budget. Non è ovviamente corretto, poiché è difficile inventarsi dall’oggi al domani specialisti in attività che non si sono mai gestite». Alla lunga pensa che possa pagare di più la specializzazione in una certa tipologia di eventi, oppure la versatilità a tutto campo? «Molto dipende dall’azienda cliente, dalle sue abitudini a gestire i consulenti in modo più tattico o strategico. In effetti anche la specializzazione spinta può risultare vincente, quando la richiesta dell’azienda è decisamente “circoscritta”. Comunque, oggi non esiste un metodo preciso adottato dalle aziende: c’è chi si muove ricercando un fornitore specializzato in un determinato settore, chi invece ricerca il “consulente globale».

| 01 2010 | 61


MC hot topics

cover story

cover story

bero di lasciare il testimone del coordinamento in mano al partner che si occupa di motivazione, o di restituirlo al cliente.

LORENA FERRARI socio fondatore e amministratore delegato Chrysalis non ha dubbi: chi fa comunicazione può occuparsi anche della logistica, che richiede minore preparazione. Avere sotto la stessa egida anche l’aspetto organizzativo, è sicuramente più utile per il cliente

62 | 01 2010 |

TUTTO FATTO IN CASA “Comunicazione” non è una parola: è un ombrello. Sotto al quale si può mettere un po’ tutto ciò che va dalla motivazione all’advertising. Però è forse proprio questo lo scatto che si richiede oggi al mondo degli eventi: aprire un ombrello un po’ più grande. «Noi cerchiamo sempre – dichiara Lorena Ferrari dell’agenzia di comunicazione Chrysalis – di dare un pacchetto completo al cliente: dal brief alla scenografia, alla messa in opera. Che si parli di convention, di eventi, di road show, ci occupiamo di tutto ciò che ruota intorno alla comunicazione. Qualche tempo fa abbiamo cercato di diventare anche agenzia viaggi, per offrire un servizio ancora più completo. Ma ci siamo accorti che le aziende sono abituate a rapportarsi da una parte a un’agenzia di logistica e dall’altra a una di comunicazione, e tengono queste due tipologie di fornitori in conti del tutto separati». Quindi la chiave si trova nel punto di vista del cliente: spesso, se identifica un’agenzia come utile dal punto di vista della creatività, probabilmente assegnarle anche un valore dal punto di vista logistico non sarà

un’operazione così automatica. «Posso dire, forse in maniera un po’ presuntuosa che chi fa comunicazione può occuparsi anche della logistica, che richiede minore preparazione. Certo non lo si fa per denaro: il mondo della logistica adesso ha margini sempre più bassi, mentre la creatività ha guadagni differenti. Ma avere sotto la stessa egida anche l’aspetto organizzativo, secondo noi, è sicuramente più utile per il cliente». E se il punto di vista di chi offre i servizi è chiaro, meno chiaro è cosa pensa oggi, in questo momento, il mercato, entità che agisce secondo impulsi non sempre prevedibili... La cultura del settore è in crescita? C’è stato qualche cambiamento in questo senso? «C’è stato sicuramente un cambiamento, ma non è quello che mi aspettavo. Me ne sto rendendo conto in questi giorni, perché mi sto interfacciando con un tour operator. Può suonare un po’ critico, ma ritengo che chi fa pura logistica difficilmente dimostri conoscenze e la capacità di interfacciarsi nella maniera giusta con l’agenzia di comunicazione. Se costruisco un evento in una sede che non mi consente di fare comunicazione nella maniera giusta, perdo di vista l’obiettivo del cliente. Sicuramente la questione è dovuta al momento di crisi, alla mancanza di persone preparate all’interno dell’azienda, a operatori del settore che accettano anche incarichi che non sono in grado di portare a compimento perché oggi come oggi non si può rinunciare a nessun cliente. Ma la situazione è piuttosto critica». DALLA LOGISTICA ALLA COMUNICAZIONE Possiamo definire “evento” tutto ciò che è realizzato per far incontrare le persone. Una volta gli eventi si organizzavano soprattutto facendo grande attenzione alla logistica: l’albergo splendido, il viaggio perfetto, eccetera. La prima ragione di un incontro, però, è comunicare il messaggio dall’azienda al pubblico del caso. «Vero», conferma Ugo Canonici, presidente di Cleis spa. «Ma spesso la componente comuni-


MC hot topics

cover story

UGO CANONICI presidente e amministratore delegato Cleis ammonisce Pco e agenzie: sottovalutare il know how necessario a organizzare eventi di comunicazione indurrà i clienti a convincersi di poterseli fare da soli…

cazione passava in secondo piano o era fatta con altri sistemi. Oggi si è capito che l’evento deve essere uno strumento di comunicazione, perciò sono sempre importanti la location e l’albergo, ma non sono questi gli elementi vincenti. La chiave è diventata la comunicazione, e questo anche nella testa del cliente». Un passaggio culturale, insomma, richiesto sia agli operatori sia al mercato. A che punto siamo, però, di questa fase di transizione? «Questo obiettivo è ancora da conquistare completamente. Inoltre, per eventi di dimensioni differenti bisognerebbe avere attenzioni differenti, il che spesso implicherebbe di doversi riferire anche a operatori differenti. Ma in definitiva il cliente si appoggia a chi è più familiare, e pensa che la sua agenzia o il suo Pco di riferimento debba fare tutto. E se il Pco è terrorizzato dal far “toccare”il cliente a qualcun altro, si accolla carichi e tipologie di lavoro che non riesce a svolgere del tutto. E siccome non tutti sanno fare tutto, gli errori sono dietro l’angolo. Il momento di crisi, poi, non facilita la chiarezza dei rapporti”. Quindi il rischio è piuttosto evidente: accollarsi carichi di lavoro e soprattutto

hot topics

64 | 01 2010 |

tipologie di eventi che non corrispondono proprio né alle proprie possibilità, né alla propria storia professionale, soltanto e unicamente perché si teme di perdere il proprio cliente. Quando magari lo stesso cliente apprezzerebbe una presa di coscienza che porti a una collaborazione magari con specialisti di altri settori. In fondo si fa così anche, per esempio, con chi si occupa della parte tecnica: il Pco non si mette certo a montare l’impianto audio oppure il megaschermo, no? «Tutti vogliamo ragionare in positivo – continua Canonici – e in linea teorica sarebbe bene che si arrivasse a delle percezioni dell’importanza delle specializzazioni. Non è detto che chi sa far bene un evento da 2.000 persone, sia altrettanto bravo a mettere insieme cinquanta venditori top di un’azienda. E anche l’utente è diventato abbastanza smaliziato per quanto riguarda le modalità di comunicazione: se una volta andava bene il carosello di diapositive, oggi gli standard tecnici si sono alzati nettamente. Così, conquistato il concetto che evento e meeting industry sono “comunicazione”, bisogna che si faccia attenzione. Altrimenti, se si sottovaluta la professionalità, si rischia di cadere in qualche brutto tranello: potrebbe venir fuori che anche i clienti si sentono bravissimi nell’organizzarsi gli eventi da soli…».


DOVE L’ARTE INCONTRA LA TECNOLOGIA Con la sua eccezionale vista su un panorama unico al mondo e che nel corso dei secoli ha ispirato e incantato milioni di visitatori, il Rome Cavalieri è l’indirizzo piÚ prestigioso per i Vostri eventi nel cuore della Città Eterna. ,OVXR&HQWUR&RQJUHVVLRIIUHà HVVLELOLVDOHPHHWLQJGLVWULEXLWH su un totale di oltre 8.700 mq nonchè il rinnovato Salone dei Cavalieri, XQLPPHQVR´RSHQVSDFH¾GLPTLQJUDGRGLDFFRJOLHUHÀQRDGHOHJDWL ,O6DORQHVLSUHVHQWDRJJLFRPHXQDVFDWRODPDJLFDLQFXLWXWWRqSRVVLELOH XQDVDODPHWDPRUÀFDHGHFOHWWLFDHOHJDQWHHDOORVWHVVRWHPSRIXQ]LRQDOHDWXWWHOHHVLJHQ]HHQHFHVVLWj in una formula in cui l’Arte incontra la Tecnologia al servizio degli eventi.

Rome Cavalieri, The Waldorf Astoria Collection Via A. Cadlolo, 101 - 00136 Roma Tel.: 06 3509 2000 events.rome@hilton.com www.romecavalieri.com


MC hot topics

report

I budget sono ormai ridotti all’osso, ma è proprio in questa fase cupa che l’incentivazione diventa fondamentale per la ripresa. E così, prendono piede i “mini” incentive

Incentive? Sì, grazie, ma ristretto! MANUELA BELLINI

a partita è ancora aperta, ma al tavolo verde sono rimasti solo i migliori e una Lnuova mano ha inizio. Il 2010, a detta di tutti “l’anno della ripresa”, pare un’agguerrita partita di poker. Nessuno punta né rilancia, e quando arriva il proprio turno... “all players check”: i giocatori restano in gioco, ma senza “pagare” nulla... In azienda si riparte così, dopo un colpo di straccio al budget, uno al personale, uno promozione e formazione, e con programmi di incentivazione rigorosamente ristretti. La tentazione di mollare tutto è forte, eppure non è proprio il caso di abbandonare il match, di azzerarsi, anzi. La strategia vincente sembra piuttosto quella di stare a guardare gli altri: cosa fanno, come affrontano la prova. E, finché si può, attendere. Ci siamo in mezzo pesante-

mente e non c’è impresa, neppure quella che tutto sommato se la cava, che abbia il coraggio di non lamentarsi. Neanche il ripetersi “mal comune mezzo gaudio” aiuta a risolvere la situazione, ma prende piede un nuovo atteggiamento: il basso profilo. Smettere di investire in tempo di crisi è un errore, ma come fare con le tasche vuote? Ci si arrabatta. A costo di chiudere gli occhi sui bilanci e spremere al massimo la fantasia. Per citare Peter Drucker, guru del management di fama mondiale, “la giusta strategia ora è stabilire una direzione, intorno alla quale improvvisare”. Insomma lo tsunami economico mondiale ha modificato le abitudini e alimentato un clima di sfiducia, ma già che siamo ancora in ballo... balliamo. IL RITMO DELL’INCENTIVE Un marketing aziendale in crisi si trova a gestire un nuovo concetto di incentive: quello di “incentive ristretto”. Quali sono dunque i trucchi, gli strumenti adatti ad alimentare il com-

66 | 01 2010 |


MC report

hot topics

Via libera ai “mini” viaggi purché capaci di motivare parto con scarsi mezzi a disposizione? Lo abbiamo chiesto a Michele Cimino, presidente di Adico (Associazione italiana per il marketing, le vendite e la comunicazione), che dal suo osservatorio privilegiato ci ha così risposto: «L’incentive è ormai una parte integrante del rapporto azienda-venditore, è nel dna del venditore stesso. L’incentivazione è quindi uno strumento sempre valido specie se fa parte di una strategia aziendale di motivazione del personale. I periodi di crisi come questo richiedono maggiori impegni nella vendita. Sono più delicati, ma un’incentivazione strutturata e perseguita da molti anni non si può interrompere specie se non è un contentino ma parte integrante della politica retributiva delle risorse. È giusto parlare di una revisione della struttura e dei costi del piano incentivi, ma fatta in maniera intelligente, credibile verso la struttura, certamente più facile per la rete diretta (invece più complessa verso il trade, che ha spesso rapporti con realtà aziendali diverse), e soprattutto trasparente, perché la rete conosce la realtà economica in cui si muove l’azienda e le conseguenti difficoltà nei risultati da ottenere. Con un budget ridotto vanno trovate idee che diano un impatto positivo sulle

persone, concretizzate in un messaggio di attenzione dell’azienda verso la propria rete di vendita». Ma quali sono i rischi concreti di un premio, un viaggio, che inevitabilmente diventerà più breve, meno costoso e riservato a meno persone? «Il mordente in un’iniziativa di incentivazione non è la durata o la location più o meno vistosa, bensì l’attenzione che il management dà alla propria struttura e la capacità di spiegarne i contenuti e lo sforzo fatto per mantenere comunque una politica di incentivazione. Sicuramente sarà più difficile progettare: ci vorranno una più accurata attenzione e conoscenza del personale da incentivare e certamente bisognerà farsi venire nuove idee, alternative a quelle dei concorrenti. Ben vengano i collegamenti a iniziative culturali, di formazione sul campo con guru del settore, di apertura a progetti di comarketing, che coinvolgano di più i familiari, con mete che consentano una migliore vita di gruppo e una presenza più continuativa del management. Il dipendente e soprattutto il venditore deve percepire che l’azienda in difficoltà torna a scoprire l’incentivazione “ristretta” come momento di fidelizzazio-

MICHELE CIMINO presidente Adico: «Una “mini” incentivazione è sempre meglio di “zero” incentivazione. Da un’incentive proiettato a un solo evento macroscopico, si può passare a un miniciclo di eventi con mete diverse e più vicini alla realtà dei beneficiari»

| 01 2010 | 67


MC hot topics

report

IL DODECALOGO DEL MOTIVATORE

11. Ricordarsi che al centro dell’incentivazione c’è l’individuo. 12. Ricordarsi che l’individuo è un sistema complesso di “bisogni” e di emozioni. La sfera razionale è soltanto una parte minima della personalità, mentre la sfera subconscia e quella inconscia costituiscono la parte preponderante della sua struttura globale. 13. Non dimenticare mai che ogni comunicazione finisce nell’inconscio dell’individuo. 14. Per quanto esposto ai primi tre punti, bisogna scegliere incentivi che significhino qualcosa agli occhi e nell’inconscio delle persone da motivare. 15. Evitare assolutamente di scegliere premi in base al gusto personale di chi promuove la campagna: non fa statistica. 16. Non dimenticare che l’incentivazione è un’atmosfera creata attorno ai partecipanti. Perciò è indispensabile essere coerenti in tutti i messaggi promozionali ed evitare l’uso di carta o frasi

normalmente utilizzati per le “disposizioni” di lavoro. 17. L’incentivazione è un effetto che matura nel tempo. Perciò è necessario un piano di comunicazione incalzante, tempestivo e continuo. 18. Ogni iniziativa deve essere calibrata in base alle esigenze contingenti delle persone da motivare. Meglio caratterizzarla con un tema e con un’immagine propria. 19. L’incentivazione non deve tendere a “far lavorare di più” ma a “far lavorare meglio”. 10. Gli obiettivi devono essere equi, raggiungibili e condivisi dai partecipanti. 11. Chi pensa che il premio sia un “do ut des”, una mera proporzione economica si astenga dal promuovere campagne di incentivazione. 12. Non dimenticare mai che la motivazione è una materia delicata che può dare risultati rilevanti a condizione di essere gestita da professionisti.

ne all’azienda stessa in attesa di tempi migliori. Una “mini” incentivazione è sempre meglio di “zero” incentivazione. Da un’incentivazione proiettata a un solo evento macroscopico, il grande viaggio ai tropici, si può pensare a un miniciclo di eventi con mete diverse e più vicini alla realtà dei beneficiari. Io credo che un’efficiente struttura di vendita possa accettare un’incentivazione “ridotta” se tutta l’azienda si muove nella stessa direzione e se vede un riguardo verso la propria funzione anche in momenti di crisi. Eviterei il meeting differenziato: una coerenza di comportamento sarà certamente valutata positivamente e una chiara e comunicata politica aziendale è la cosa migliore da fare in questi difficili momenti». Ma quanti in questo momento hanno il coraggio di spendere in incentivazione anziché chiudere i rubinetti in attesa di tempi migliori? «La volontà di spendere in incentivazione è auspicabile che sia mantenuta, specie nei settori a rischio o dove i nostri concorrenti continuano a investire, ma io credo che una revisione in questo campo sia comunque utile, confidando nel fatto che budget più ridotti possano stimolare la creatività degli operatori interni ed esterni alla ricerca di nuove soluzioni in linea con gli obiettivi aziendali. Nei viaggi, per esempio, potremmo evitare di scegliere sempre la meta più appariscente e più lontana, preferendole una destinazione più originale. Certo è un impegno in più per la direzione marketing e richiederà una maggiore sinergia e condivisione con la struttura commerciale». MEGLIO UN “MINI”INCENTIVE CHE “ZERO” INCENTIVE L’incentivazione sopravvive ma si trasforma, assicurandosi ossigeno con viaggi più corti, meno costosi e dedicati a meno persone. Il nodo della questione sembra però essere un altro. Ce lo spiega Rodolfo Musco, presidente di Motivation & Events, il quale sostiene che «l’incentivazione sia prima di tutto “un’atmosfera”, creata attorno alle persone da incentivare. Non sono necessarie grandi cifre per incentivare, quando ci sono una buona idea e una buona comunicazione motivante». «Innanzitutto – continua Musco – non riduciamo il concetto di premio al “contentino”, totalmente distante dai contenuti scientifici dell’incentivazione e della motivazione. Un conto è affermare

68 | 01 2010 |


MC hot topics

report

RODOLFO MUSCO presidente Motivation & Events: «Non riduciamo il concetto di premio al “contentino”. Un conto è affermare che bisogna motivare con “incentivi” (premi) meno costosi, un conto è pensare al “contentino”, che svilisce il valore umano degli incentivati»

che bisogna motivare con “incentivi” (premi) meno costosi, un conto è pensare al “contentino”. Il premio può essere anche un fringe benefit, ma la ripetitività di quelli acquisiti, tipo la company car o la fascia salariale superiore, perde di potere incentivante dopo che il fringe benefit è stato ottenuto. È necessario focalizzarsi allora sulla (vera) professionalità. Parole come “contentino”, “viaggio per i venditori”, e “va fatto comunque” sono frutto di scarsa considerazione del valore del fattore umano dei nostri preziosi collaboratori». Qual è dunque – nonostante tutto – l’utilità di un “mini” incentive? «Più che parlare di “mini incentivo”, parlerei di budget. Meglio incentivare la rete a trovare cento nuovi clienti piuttosto che aumentare la stock pressure sui clienti già acquisiti. Bisogna lavorare sulla “novità” dell’obiettivo, la “misurabilità” del premio rispetto allo sforzo, la “comunicabilità” delle tappe intermedie e approfittare della tendenza all’emulazione, del bisogno di ostentare il successo». Perché, seppur piccino, un incentive è giusto continuare a pianificarlo? «Gli individui, come tutte le specie animali, agiscono in base al principio edonistico del massimo col minimo mezzo. In condizioni di tran tran, i dipendenti dedicano al lavoro soltanto il 30 per cento delle proprie facoltà intellettive. Questo significa che il 70 per cento viene inutilizzato. È facile immaginarsi quanta maggiore produttività (in senso lato) si genera se stimoli opportuni e leciti “incendiano” gli animi, stuzzicano l’utilizzo di una più ampia aliquota di quelle facoltà». E quali sono le idee per un “mini” incentive vincente? «Le “idee” non possono mai essere astratte. L’incentivo non può mai essere fatto con idee incluse in un catalogo. L’incentivo (premio) deve essere funzionale alla motivazione, e, quindi, allo stile aziendale, alla psicografia dei partecipanti, ai precedenti, e, soprattutto, all’obiettivo (che deve essere raggiungibile, congruo, logico, desiderabile sia per l’azienda, sia per ogni partecipante). Un elemento fondamentale per attrarre l’attenzione, coinvolgere i partecipanti al programma d’incentivazione, tenere desto il loro interesse durante la campagna, spingerli all’azione e gratificarli è la novità. Non promettermi Sharm elSheikh a gennaio per risparmiare, meglio una cena in costume medievale, con menu medievale e suppellettili medievali in un castello in Galizia (“vado a vedere in Internet dov’è la Galizia”, e anche questo è novità).


I VOSTRI EVENTI TRA L’ETNA

E IL

MARE

APERTURA NUOVO CENTRO CONGRESSI APRILE 2009 L’Hotel Santa Tecla Palace di Acireale, si presenta agli ospiti, in corrispondenza di un tratto di mare dai colori intensi e all’interno della Riserva Naturale della Timpa. 190 camere, delle quali 9 Suite, tutte pensate come oasi di relax uniche. I tre ristoranti, tutti con vista mare, propongono un vero trionfo di sapori mediterranei. Il nuovo Centro Congressi fronte mare dispone di una Sala Principale da circa 500 posti, che beneficerà di una ampia zona espositiva e di 11 salette di varie dimensioni. L’Hotel è raggiungibile in circa 7 minuti dall’Autostrada Catania-Messina (A18), 7 minuti dalla Stazione Ferroviaria di Acireale, 20 minuti dall’Aeroporto e dal Porto di Catania.


MC hot topics

report

A multi-location, please...

Gli spazi per eventi variamente allestibili e con capienza per il piccolo meeting come per la grande convention, stanno diventando tra le location più richieste dagli organizzatori, grazie alla loro polifunzionalità

SIMONA ZIN

Secondo gli addetti ai lavori, uno spazio per eventi davvero polifunzionale dovrebbe essere adattabile a ospitare un temporary shop per lanciare un nuovo marchio o festeggiare un brand famoso

72 | 01 2010 |

ultitasking: questa sembra essere la parola d’ordine degli ultimi tempi, M applicabile dagli oggetti d’uso comune, fin quasi agli stati d’animo. Se il nuovo modello di cellulare probabilmente a breve riuscirà a fare anche il caffè, allora è normale che anche le location per eventi siano sempre più polifunzionali, con una capienza adatta al piccolo evento come alla grande convention, veramente allestibili a piacere, che vi si voglia ambientare un congresso, una presentazione di prodotto, una fiera, un workshop. Addirittura, secondo gli addetti ai lavori, uno spazio per eventi davvero polifunzionale dovrebbe essere adattabi-

le a ospitare un temporary shop per lanciare un nuovo marchio o festeggiare un brand famoso. Ma location così esistono? Le abbiamo cercate nelle principali città del nostro Paese e ne abbiamo trovate alcune che rispondono appieno all’identikit di cui sopra. Molte realtà di questo tipo sorgono in ex aree industriali e sono proprio state concepite per essere spazi versatili, grandi ambienti quasi vuoti che si possono allestire a piacere a seconda dell’evento, come è il caso degli East End Studios di Milano. Altre sono comunque location che si prestano a vari tipi di evento anche se sono inserite in contesti cittadini o paesaggistici diversi, come lo


MC report

Spazio Etoile, nel centro di Roma. Ma tutte hanno come obiettivo quello di offrire i propri spazi per gli appuntamenti più diversi, di fornire la migliore tecnologia e quasi sempre fornitori e collaboratori interni che sono in grado di realizzare anche gli allestimenti più “audaci” e di proporre un servizio completo per tutti gli aspetti di un evento, cosa che sgrava chi sceglie una determinata struttura da molte seccature. Location di questo tipo fanno la gioia degli organizzatori di eventi che trovano in loro spazi originali di grande impatto che sono in grado già di per sé di rendere memorabile un evento. In più la molteplice possibilità di allestimento, di suddivisione e di utilizzo di questo tipo di edifici consente al meglio di esprimere la fantasia di chi si trova a dover soddisfare le esigenze di una grande azienda che vuole realizzare la sua convention, una presentazione o un evento in genere. Il fascino di questi spazi polifunzionali sta spesso proprio nella loro particolare architettura, che consente l’allestimento di palchi con scenografie particolari, la ricostruzione al loro interno delle ambientazioni più varie, il posizionamento di maxi schermi per eventi con un alto numero di partecipanti. IL CAPANNONE DIVENTA CHIC Un buon numero di vantaggi, dunque, che fanno sempre più la fortuna di queste location, come è il caso degli East End Studios (www.eastendstudios.it), una delle location che sembrano possedere al meglio tutte le caratteristiche sopra elencate: situata su un’ex area industriale, nella zona est di Milano, ha come punto di forza la versatilità dei suoi spazi e l’infinita varietà di allestimenti che è possibile realizzare al suo interno. Oggi è una delle location più importanti e richieste dal mondo della moda, del design e dello spettacolo, con i suoi 22mila metri quadrati di superficie lorda. Gli East End Stu1

hot topics

I PLUS DELLE LOCATION MULTITASKING

Il successo di spazi di questo tipo è sempre maggiore perché: ■ si trovano in edifici originali e di grande impatto che sono in grado già di per sé di rendere memorabile un evento ■ offrono molteplici possibilità di allestimento, di suddivisione e di utilizzo che consentono al meglio a chi organizza l’evento di esprimere la propria fantasia

dios offrono un suggestivo connubio di archeologia industriale e modernità e affascinano per la loro inconfondibile fisionomia, fatta di mattoni a vista, travi in acciaio, tubi colorati e soffitti di oltre sette metri di altezza. Di recente lo Studio 90, una delle aree della location milanese, ha subito un importante restauro che gli consente oggi di ospitare 1.200 persone sedute a platea. Accanto allo Spazio Antologico, storico capostipite degli East End Studios di 1.300 metri quadrati, si verrà presto ad aggiungere un’altra location di circa 1.500 metri quadrati che potrà essere utilizzata in maniera autonoma o in sinergia con gli altri spazi. Sempre a Milano, precisamente a Bollate, sorge un’altra struttura polifunzionale ricavata da un’ex fabbrica, la Fabbrica Borroni (www.fabbricaborroni.it): nella bella cornice del Parco delle Groane, vanta spazi ampi, luminosi e ricercati, con infinite possibilità di allestimento. Sono tre le sue sale: la prima, la sala del Cavedio, ospita fino a 220 persone a platea; la sala delle Colonne, invece, ne accoglie fino a mille a platea, mente la sala della Bilancia può contenere fino a trecento persone a platea. La location di

■ permettono di realizzare scenografie particolari ■ hanno a disposizione al loro interno la migliore tecnologia ■ dispongono direttamente di fornitori interni che si occupano di allestimenti, logistica e catering ■ sono quasi sempre in grado di fornire un servizio “chiavi in mano” avvalendosi di personale interno specializzato.

1 / Lo Studio 90 degli East End Studios, che ha recentemente subito un importante restauro tale da consentirgli di ospitare 1.200 persone sedute a platea 2 / La Fabbrica Borroni vanta spazi ampi, luminosi e ricercati, con infinite possibilità di allestimento

2

| 01 2010 | 73


MC hot topics

report

3

Bollate dispone anche di un grande giardino per allestire eventi all’aperto: due ampie zone sono completamente attrezzabili con tensostrutture e tutto lo spazio esterno è racchiuso da un’alta cinta ricoperta di vegetazione per offrire agli ospiti la privacy più assoluta.

4

3 / Venezia Terminal Passeggeri, gli antichi magazzini del porto della città lagunare 4 / Il “15viadellapila” è un’originale location veneziana, ricavata in un capannone industriale 5 / Le Officine del Volo sono una delle location più versatili di Milano

DA MILANO ALLA LAGUNA Un tempo vi si costruivano parti d’aereo, oggi le Officine del Volo (www.officinedelvolo.it) sono una delle location più versatili e affascinanti nelle quali ambientare eventi di ogni tipo a Milano: frutto del sapiente recupero della zona industriale, la sala Eliche si trova al piano terra e copre una superficie di cinquecento metri quadrati; la sala Biplano, invece, è stata ricavata al primo piano e si estende anch’essa per cinquecento metri quadrati. La sala Monoplano, sempre al primo piano, si estende per 270 metri quadrati, mentre la sala catering occupa una superficie di 160 metri quadrati. Passiamo a Venezia, dove troviamo Venezia Terminal Passeggeri (www.vtp.it): gli antichi magazzini del porto della città lagunare si pongono oggi come interlocutore di rilievo nel panorama fieristicocongressuale internazionale. Tra le strutture rinnovate e adibite oggi a spazi per eventi, il Terminal 107/108 è uno spazio 5

suddiviso in quattro sale di circa tremila metri quadrati; il Terminal 103 dispone di un’area congressi di 1.500 metri quadrati suddivisa in auditorium, foyer, sala Europa e alcune salette meeting. Nella città lagunare troviamo anche 15viadellapila (www.15viadellepila.com), un’originale location ricavata in un capannone industriale che vanta due spazi polifunzionali adatti a ospitare convegni, sfilate, mostre, set cinematografici. Il primo open space, Spazio 103, è di 285 metri quadrati, mentre il secondo, Spazio 105, ne ricopre 250. Entrambi i locali, nei quali i servizi offerti e gli allestimenti possono essere personalizzati in base alle più diverse esigenze, sono luminosi e caratterizzati da quel fascino particolare che caratterizza le strutture sorte in ex contesti industriali. APPUNTAMENTO IN STAZIONE Altra città d’arte e di eventi: siamo a Firenze, dove troviamo una delle location più suggestive per il capoluogo toscano e per il tipo di strutture di cui ci stiamo occupando, cioè Fortezza da Basso (www.firenzefiera.it). Si trova a pochi passi dalla stazione centrale, è uno dei più importanti monumenti medicei fiorentini e ospita alcune tra le più prestigiose manifestazioni in città: la location si presta a ospitare i più svariati eventi su una vasta area di quasi 100mila metri quadrati, di cui 55mila coperti. In particolare, il padiglione centrale Spadolini può ospitare fino a 3.500 persone; il padiglione Cavaniglia ne accoglie fino a duemila, mentre la sala della Nazioni ospita fino a mille persone e la sala della Ronda si estende per novecento metri quadrati. Fortezza da Basso ospita nella sua area anche altri spazi che sono utilizzabili per eventi di vario tipo, come l’Arsenale, di 1.200 metri quadrati, il Teatrino Lorenese, che ospita fino a duecento persone, la Polveriera, di 200 metri quadrati, e i Quartieri Monumentali, che dispongono di otto sale. Rimaniamo a Firenze, dove incontriamo un altro spazio per eventi molto suggestivo e davvero polifunzionale: si tratta della Stazione Leopolda (www.stazione-


MC hot topics

report

6

6 / La Fortezza da Basso, uno dei più importanti monumenti medicei 7 / La Stazione Leopolda di Firenze ospita eventi legati a cultura e creatività 8 / A Roma, lo Spazio Novecento è una location di 1.000 mq di estrema versatilità ed eleganza 9 / Lo Spazio Etoile di Roma, 5.000 mq per congressi, esposizioni e convention 10 / La Città della Scienza di Napoli, uno spazio multifunzionale capace di accogliere migliaia di persone

8

9

76 | 01 2010 |

leopolda.com), una bellissima stazione, appunto, della prima metà dell’800, che dagli inizi degli Anni 90 ospita manifestazioni ed eventi diversi legati alla cultura e alla creatività contemporanea. L’edificio è suddiviso in due aree principali, la Stazione Leopolda e lo Spazio Alcatraz. La prima è articolata quasi interamente in un unico spazio posto sotto un tetto a struttura metallica, suddiviso in due campate larghe 15 metri e lunghe, rispettivamente, 140 e cento metri. L’altezza media è di 7,50 metri. Lo Spazio Alcatraz, invece, è un ex magazzino che era annesso alla vecchia stazione, articolato su due piani per una superficie totale di circa 1.500 metri quadrati. POLIFUNZIONALITÀ DI CLASSE A Roma troviamo un’altra prestigiosa location variamente allestibile e utilizzabile per eventi di grande impatto: lo Spazio Etoile (www.spazioetoile.it) mette a disposizione degli organizzatori di eventi ben cinquemila metri quadrati per congressi, esposizioni e convention. Le sue sale possono ospitare da venti a seicento persone a teatro e per cocktail fino a duemila. Inoltre la location dispone anche di altri spazi utilizzabili per lo stesso evento o per più appuntamenti in contemporanea: le Scuderie Ruspoli, infatti, ospitano fino a quattrocento persone; la Galleria 10

7

Caetani accoglie fino a mille persone, mentre la Fondazione Memmo è in grado di ospitarne fino a duecento. La Città Eterna vanta anche un’altra location che ben si presta a eventi di ogni tipo: lo Spazio Novecento (www.spazionovecento.it) è costituito da mille metri quadrati di estrema versatilità ed eleganza, con una dotazione tecnologica di prim’ordine e personale interno appositamente addetto alla realizzazione degli allestimenti più scenografici. In particolare la sala del primo piano è in grado di accogliere fino a mille persone, mentre le due terrazze (una interna e una esterna) ne ospitano fino a quattrocento. Anche Napoli vanta una location polifunzionale di grande impatto: parliamo di Città della Scienza (www.cittadellascienza.it), uno spazio in grado di accogliere meeting, convegni, congressi, mostre, spettacoli, eventi in genere. L’area della location si articola in un auditorium da 820 posti, in due sale da 150 posti l’una, una sala da cento posti, due open space polivalenti divisibili in sei sale polifunzionali, una suggestiva gallery, un anfiteatro da circa mille posti e una serie di “piazze” che possono ospitare fino a migliaia di persone. Completano l’offerta della struttura napoletana la sala Galilei da 280 posti e lo spazio Leonardo, di 1.100 metri quadrati.


hot topic

report

Risparmio di tempo e di costi sono i punti a favore. Interattività e condivisione le caratteristiche. Computer e connessione a Internet ciò che serve. Ma siamo davvero pronti ai seminari virtuali?

ALESSANDRA BOIARDI

Se ci sei, batti un tasto uardando le email, scoprite di aver ricevuto un meeting invitation. Cosa G fate? Pensate a quale abito è più adatto (giacca e cravatta? Un tailleur? O forse meglio lo stile informale…), vi chiedete chi vi troverete seduto accanto, oppure vi preoccupate di prenotare un volo, per essere certi di arrivare in tempo… ma

78 | 01 2010

dove? Su Internet! L’aereo non serve, perché non bisognerà spostarsi dal proprio computer, a casa o in ufficio. Un argomento (di saving) con cui un meeting planner potrebbe convincere anche il presidente più ritroso che virtuale è bello e che il seminario deve diventare un webinar, praticamente un seminario via


report

hot topic

Web+seminar= Webinar! È questo il futuro della formazione in aula?

web. Cosa fare quindi con questa meeting invitation? Conservarla, collegarsi alla data e ora indicate al link indicato e partecipare a una riunione o a un corso via web. Per qualcuno è già routine, per altri una novità, ma il webinar è sicuramente uno strumento da conoscere. Perché permette di ottenere il massimo dell’interazione possibile con un semplice computer e una connessione a Internet e, eventualmente, con un microfono e una cuffietta. Quello che deve fare il meeting planner è scegliere un fornitore specializzato in applicativi per la realizzazione dei Webinar (le modalità d’acquisto sono diverse, dall’utilizzo spot di uno “spazio” agli abbonamenti) e “invitare” via email i partecipanti. Rispetto alla conference call, i vantaggi sono l’interattività e la possibilità di visionare documenti, slide, programmi, grazie al supporto del web a un costo di poco superiore, mentre la differenza con la videoconferenza consiste nella semplicità della strumentazione necessaria, che tutti posseggono. Ma il webinar può sostituire una stretta di mano?

diventa una soluzione preziosa. Chi lo utilizza con regolarità, ne apprezza soprattutto l’efficacia e la facilità di utilizzo. È di questo parere Aldo Conti, capo settore organizzazione e sviluppo di Federmanager (gli iscritti sono dirigenti di piccole, medie e grandi imprese produttrici di beni e di servizi): «Da quando utilizziamo il web per le nostre riunioni abbiamo ottenuto vantaggi notevoli in termini di risparmio economico e di tempo. Non ci si deve muovere dal proprio computer per partecipare alle riunioni, e il supporto tecnologico ci permette di condividere le documentazioni, interagire con gli altri partecipanti, e di salvare alla fine i file che vengono generati durante l’incontro. Utilizziamo il webinar anche per la nostra formazione e ne siamo entusiasti, tanto che cerchiamo di implementare appena possiamo la strumentazione per essere sempre più interattivi. La semplicità della connessione e i tempi morti praticamente azzerati ci permettono di organizzare riunioni più spesso, con evidenti vantaggi. Unico ostacolo ancora da superare è la resistenza, da parte di alcuni, alla tecnologia».

ALDO CONTI, capo settore organizzazione e sviluppo di Federmanager: «Da quando utilizziamo il web per le nostre riunioni abbiamo ottenuto vantaggi notevoli in termini di risparmio economico e di tempo»

COMODAMENTE DALL’UFFICIO Per motivi di saving (concetto con cui i meeting planner hanno sempre più a che fare) e di tempo, il meeting virtuale

01 2010 | 79


hot topic

report

FRANCESCO ARDITO, fondatore di Vieweb.it, è un convinto assertore del vantaggio economico, ma anche delle infinite applicazioni e potenzialità strategiche offerte dai meeting via web

PRIMA REGOLA: INTERAGIRE Cosa si può fare durante un webinar? Lo abbiamo chiesto a Francesco Ardito, fondatore, insieme a Enrico Grillo, di Vieweb.it, e grande esperto e appassionato di comunicazione online: «Il webinar – spiega Ardito – è un termine che riassume diverse applicazioni delle potenzialità comunicative di Internet. In sintesi, due sono i campi di azione: i cosiddetti meeting aziendali collaborativi in cui un numero ristretto di partecipanti (5/6) discutono dell’ordine del giorno, che può essere di qualsiasi tipo, dall’approvazione del budget alla scelta di una brochure. E poi c’è la formazione, che può coinvolgere da piccoli a grandi gruppi. L’interattività dovrebbe essere inversamente proporzionale al numero dei partecipanti, per evitare la sovrapposizione degli interventi. Anche nel campo della formazione le applicazioni sono le più svariate, dalla presentazione della policy aziendale a corsi specifici per prodotti o nuove

I TRUCCHI DEL MESTIERE

Lo sappiamo, una riunione noiosa concilia il sonno. E se è virtuale l’effetto soporifero è lo stesso. Dunque, così come ci sono delle regole note per mantenere alta l’attenzione di chi siede di fronte, tanto più è indispensabile coinvolgere i partecipanti di un meeting virtuale. Come? Con alcuni trucchi del mestiere, di cui Francesco Ardito è un esperto. «Un relatore di successo – spiega Ardito – deve sapere coinvolgere i partecipanti di un webinar. Se è difficile coinvolgere i partecipanti quando si trovano in una stessa sala, figu-

80 | 01 2010

riamoci quando si “nascondono” dietro il proprio computer». Ma cosa fare allora? Ecco alcuni suggerimenti: ■ utilizzare poche slide ■ tenere d’occhio l’orologio, un webinar non deve mai durare più di un’ora e un quarto ■ non invitare troppi partecipanti ■ utilizzare strumenti come puntatori e slide che si colorano ■ coinvolgere i partecipanti, chiedendo ogni tanto un “Ok” ■ se ci sono due speaker, meglio se maschio e femmina.

strumentazioni. I partecipanti possono essere interrogati, possono fare domande ed essere suddivisi in sottogruppi, ognuno con un teacher virtuale e un supervisore che può spostarsi nelle diverse room». DAL MEETING AL BROADCASTING La Camera di Commercio di Torino ha ideato un progetto triennale per la promozione internazionale delle imprese Ict piemontesi, Think up, attualmente in corso. I contatti tra le aziende piemontesi ammesse al progetto e i consulenti all’estero avviene proprio via web. «Per il nostro progetto la possibilità di connettersi in Internet con il massimo dell’interattività è preziosissima» afferma Ezio Castagneri, technical ict manager per il progetto Think Up presso il Centro Estero della Camera di Commercio di Torino. «Non sarebbe per noi pensabile – spiega Castagneri – poter sostenere i costi che lo spostamento fisico delle persone richiederebbero, senza contare la difficoltà di fissare un appuntamento che vada incontro alle esigenze delle controparti. In questo modo i contatti sono più semplici da realizzare e praticamente a costo zero per le aziende e i consulenti esteri, con un impegno economico da parte nostra assolutamente abbordabile. E con il vantaggio di fare riunioni come se si fosse nello stesso ufficio, con presentazioni in powerpoint, fogli di Excel interattivi e tutto ciò che ci consente di dialogare senza inficiare la resa dell’incontro».

EZIO CASTAGNERI, technical ict manager, ha risolto con il web problemi di budget e di trasferte altrimenti irrisolvibili


www.cotonecongressi.it

I vertici della qualità sono facili da raggiungere. Per voi.

Fascino

Funzionalità

Se cercate qualcosa di speciale per il vostro evento, guardate vicino. Cotone Congressi Genova, nel Porto Antico, mette a vostra disposizione un auditorium da 1480 posti, 10 sale parallele, 8500 mq per esposizioni ed eventi, un team di professionisti dalla collaudata esperienza, che lavorano con impegno e passione per assicurarvi la massima qualità di servizio. Per questo i vertici del fascino e della funzionalità sono facili da raggiungere. Per voi. Così come gli hotel, l'aeroporto e le eccellenze di una città e di una regione che non finiscono mai di stupire. Tutto quello che dovete fare è contattarci.

cotone congressi genova Settore Congressuale di Porto Antico di Genova S.p.A.

Calata Cattaneo, 15 - Edificio Millo - 16128 Genova - Tel. 010 2485611 - Fax 010 2758929 - e-mail: cotonecongressi@cotonecongressi.it


report

Oltre a meeting e formazione il webinar può essere declinato anche nell’accezione di “grande evento”. In diretta, l’ad di una azienda, il presidente di un’associazione e chiunque ne abbia la necessità può trasmettere un messaggio, come in un programma televisivo, a un’audience numerosa. I dipendenti si connettono (tramite link) e assistono agli auguri di Natale, al discorso di fine anno, e così via. «Gli utilizzi in questo senso possono essere tra i più curiosi – spiega Ardito –, abbiamo utilizzato il broadcasting per il congresso mondiale degli Architetti di Torino, creando praticamente un evento nell’evento. Gli architetti hanno atteso, durante una serata “ludica”, la connessione via web broadcasting con due guru dell’architettura giapponese che all’una di notte (le nove del mattino per loro) hanno tenuto un’ora e mezza di lezione interattiva. Un esperto su Antonello da Messina ha tenuto una lezione collegandosi direttamente davanti alla teca con il dipinto dell’artista a Palazzo Madama, e anche l’assemblea generale 2009 degli Associati dell’Unione Industriale è stata trasmessa in web broadcasting». WEB COMMUNICATION, COSA ACCADRÀ? Certo, non sempre un meeting virtuale su Internet può sostituire una stretta di mano e anche in un mondo dominato dalla tecnologia ci si deve ricordare quanto anche in ambito lavorativo il valore aggiunto di un incontro “reale” sia in fondo insostituibile. Forse, è addirittura riduttivo pensare che web communication e meeting “classici” siano semplicemente complementari. La domanda da porsi in questo caso sarebbe: quali sono le potenzialità di questi applicativi? Troppo presto per dirlo, secondo Mike van der Vijver, cofondatore di MindMeeting: «I

hot topic

webinar sono sicuramente utili, ma dare oggi un giudizio preciso su questa nuova tecnologia è affrettato. Quando abbiamo “scoperto” la posta elettronica e Internet siamo stati troppo pessimisti da un lato, ma anche troppo ottimisti nel pensare che avrebbero cambiato tutto. Non è stato così, anche se ora non potremmo più immaginare di vivere senza email in azienda, non significa che non parliamo più al telefono o che non esistano altri modi di comunicare. Lo stesso è successo per gli sms o per twitter, uno strumento che stiamo imparando a utilizzare, proprio come i webinar. Non bisogna di certo remare contro queste innovazioni, ma si deve essere cauti nel gridare alla rivoluzione. Quando Internet è “comparso” nelle nostre vite, certo non potevamo pensare a quello che avrebbe portato. Chi poteva immaginare alla sua funzione, che – piaccia o no – è risultata la primaria, di far incontrare le persone sole in cerca di compagnia… C’è poi l’aspetto più “tecnico” dei webinar, che per essere utilizzati al meglio richiedono nuove competenze, che non sempre oggi si trovano in azienda. Non c’è niente di più insopportabile che partecipare a un meeting virtuale in cui la sovrapposizione degli interventi rende impossibile la comunicazione, e anche i software devono essere gestiti in modo competente. Infine, bisogna ammettere che per quanto valida, una riunione via web non potrà mai avere le peculiarità di un incontro. A volte, c’è la necessità di guardare la controparte negli occhi e di stringersi la mano, soprattutto tra persone che non si sono mai viste prima. In questo senso, si potrebbe dire che il primo approccio, quando si ha la necessità di stabilire un rapporto di fiducia tra le persone, dovrebbe rimanere quello dell’incontro personale». MIKE VAN DER VIJVER, cofondatore di MindMeeting: «I webinar sono sicuramente utili, ma dare oggi un giudizio preciso su questa nuova tecnologia è affrettato. E comunque, vi sono volte in cui c’è la necessità di guardare la controparte negli occhi, soprattutto tra persone che non si sono mai viste prima»

01 2010 | 83


MC hot topics

report

45 anni di successi Enic ha compiuto 45 anni. E li ha festeggiati presentando una ricerca sul congressuale a Firenze, città con la quale la società ha stretto un legame a doppio filo SIMONA P.K. DAVIDDI

nic, e ancor di più Maria Cristina Dalla Villa, la sua fondatrice, sono consideE rati all’unanimità punti di riferimento del congressuale non solo italiano quanto internazionale. E non solo perché “sono sul mercato” dal 1964 – anno in cui Enic nasce come società specializzata in servizi di interpretariato, evolvendosi ben presto verso il congressuale e l’attività organizzativa –. Ma soprattutto per il fermento e la volontà di innovare e far crescere quella che negli anni è diventata un’industria fiorente e strutturata, ponendone le basi teoriche e istituzionali, a iniziare dalla creazione di Pco Italia, associazione fondata da Dalla Villa, che ne ha ricoper-

84 | 01 2010 |

to anche la carica di presidente e del Firenze Convention Bureau, di cui Enic è stata tra i fautori. E proprio con Firenze Enic ha intessuto negli anni un legame territoriale stretto, scegliendo il capoluogo toscano come “quartier generale” e sfruttando le innumerevoli risorse di una delle città più amate del mondo, contribuendone al contempo alla sua conservazione, con la sponsorizzazione di restauri importanti e significativi. E anche la celebrazione dei 45 anni è stata l’occasione per un ulteriore regalo alla città: è stata infatti presentata una ricerca sul valore economico della mee-


MC report

ting industry per il territorio del Giglio. Lo studio, commissionato da Enic a Irpet e Local Global, ha tracciato la realtà congressuale fiorentina come una “piccola ma ricca realtà economica, che crea un numero non trascurabile di posti di lavoro, concentra localmente i propri effetti moltiplicativi, in particolare sul settore turistico e su quello dei servizi, ma non esclude i restanti comparti produttivi del sistema economico fiorentino”. LA MEETING INDUSTRY IN CIFRE A supporto ci sono i numeri della ricerca: l’attività congressuale di Firenze ha registrato nel 2008 più di mille eventi, quasi mezzo milione di presenze, oltre 86 milioni di valore aggiunto e circa 1.800 posti di lavoro a tempo indeterminato. «Questa ricerca è un regalo alla città – ha affermato Stefano Gabbrielli amministratore unico di Enic –, che ha tutti gli strumenti per smuovere il settore congressuale, anche se le imprese private troppo spesso devono basarsi solo sulle proprie forze per attrarre eventi utili per tutta la comunità». Ma la ricerca ha voluto essere anche motivo di sprone per la città: «L’appeal di Firenze, da solo, non è più sufficiente – continua Gabbrielli – e la città del Giglio rischia di essere superata, dal punto di vista congressuale, da altre destinazioni che si stanno attrezzando in ottica Mice con nuove infrastrutture tecnologicamente all’avanguardia, come Milano o Rimini; Firenze ha la fortuna di poter ospitare eventi all’interno di una fortezza cinquecentesca in pieno centro città, che tuttavia, necessiterebbe di

hot topics

qualche intervento di restauro e di ammodernamento a livello tecnologico e logistico. Lo stesso dicasi per il Palazzo dei Congressi, risalente al 1969. Infine, anche l’aeroporto, semplicemente allungando la pista, potrebbe sopportare un traffico di portata maggiore». ALLA CORTE DEI MEDICI MA NON SOLO E se il fascino che Firenze continua a esercitare è senza tempo, Enic non si accontenta delle glorie antiche della città ed è sempre alla ricerca di spunti e spazi inediti: «Soprattutto durante le settimane della moda ci si può sbizzarrire proponendo nuove location fuori dagli schemi. L’anno scorso, per esempio, per una casa di moda che presentava una linea camouflage in stile militare, abbiamo organizzato la presentazione in una ex fabbrica dismessa, allestita con mezzi militari “presi in prestito dall’esercito”, paracadutisti che si calavano durante l’evento, tende mediche, e così via. In un’altra occasione abbiamo utilizzato un garage nel centro cittadino coniugando l’originalità della location con la comodità della logistica: si arrivava fino al secondo piano in macchina, si parcheggiava e al terzo piano si svolgeva l’evento». Ma la creatività di Enic si è spinta oltre, fino a proporre un teatro settecentesco, anch’esso in pieno centro, abbandonato e occupato dagli squatter prima di ritornare nelle mani del Comune, al cui interno, a velluti e palchi stuccati fanno da contraltare scritte di protesta e soffitti scrostati: «ovviamente per una proposta

Sopra, Maria Cristina Dalla Villa, fondatrice di Enic. Sotto a destra, tra gli eventi targati Enic, il congresso che ha visto la nascita del Popolo della Libertà

| 01 2010 | 85


MC hot topics

report

Sopra, Stefano Gabbrielli, amministratore delegato di Enic. Nelle altre immagini, alcuni eventi organizzati dalla società fiorentina

del genere ci vogliono il cliente e l’evento giusto» prosegue Gabbrielli. «Per questo motivo, sulla tradizione dei grandi artigiani del lusso fiorentini, da Ferragamo a Gucci, a Cavalli, ci piace considerarci dei veri e propri “artigiani” del congressuale, in grado di fare progetti tagliati esattamente sulle necessità dei clienti, che seguiamo in prima persona». ANCHE DIECIMILA, MA SEMPRE SARTORIALI E se la fantasia non manca certo in casa Enic, anche alle prese con i grandi numeri e con le tempistiche al fulmicotone i

risultati non deludono: «Abbiamo organizzato noi il congresso di quattro giorni che ha visto, a Roma, la fusione di Alleanza Nazionale e Forza Italia nel Popolo della Libertà» racconta sempre Gabbrielli. «Hanno partecipato circa diecimila persone, ma la vera difficoltà è stata quella di organizzare tutto all’ultimo secondo; fino a un mese prima, infatti, la fusione non era ancora ufficiale e la conferma definitiva c’è stata solo il weekend prima, quando i vertici di An – durante il loro ultimo congresso, organizzato anch’esso da Enic, con tremila persone – hanno deciso di aderire all’operazione politica. E così all’ultimo momento ci siamo ritrovati a dover iscrivere quelle tremila persone al secondo congresso in programma, organizzandone trasferimenti, pernottamenti e pasti». I PROSSIMI 45 Infine, ancora un dettaglio targato Enic è degno di nota, l’apertura, avvenuta a fine 2009, dell’ufficio di Roma, al quale seguirà, molto probabilmente, una sede anche a Milano. «Sono aperture “tattiche” e funzionali – commenta Gabbrielli – perché oggigiorno non è più necessario avere la sede sul posto per organizzare un evento». E a chi si chiede come sia possibile coniugare i nuovi uffici con la tradizione artigianale, Gabbrielli risponde: «Negli anni, abbiamo deciso di non ingrandirci mai eccessivamente proprio perché le premesse di sartorialità che sempre ci hanno contraddistinto sono e rimangono assolutamente imprescindibili». indirizzi a fine rivista

86 | 01 2010 |


Gratis al meeting fino a 20 partecipanti! È tornata ed è ancora più allettante! Ecco per voi la nuova offerta Hilton Family: un delegato su cinque partecipa al meeting GRATUITAMENTE, fino a 20 delegati. Con la nuova offerta della Hilton Family uno su cinque, potete prenotare eventi e meeting

Partecipanti all’evento

Partecipanti gratuiti

100

20

75

15

50

10

25

5

10

2

5

1

anche per tanti partecipanti, senza preoccuparvi del tipo di location e del numero dei delegati. Come fare? E’ semplice: quando cinque delegati partecipano ad un evento, il corrispettivo della

Offerta possibile per ogni multiplo di 5 fino al numero 100 incluso.

tariffa prevista per uno di questi è gratuito e nel caso in cui cinque partecipanti pernottano, una camera è offerta gratuitamente. Immaginate che differenza per eventi fino a 100 delegati! Un’ offerta da non perdere. Risparmiate organizzando un evento in oltre 210 hotel della Hilton Family nel Regno Unito, in Europa, Africa e Medio Oriente in qualsiasi data fino al 31 Marzo 2010, se prenotate dal 25 Agosto al 4 Dicembre 2009.

ROME CAVALIERI WALDORF ASTORIA COLLECTION MOLINO STUCKY HILTON VENEZIA HILTON MILANO HILTON FIRENZE METROPOLE HILTON ROMA AIRPORT HILTON SORRENTO PALACE VILLA IGIEA HILTON PALERMO

Prenotate oggi direttamente con il vostro hotel della Hilton Family prescelto per l’evento o con il vostro rappresentante della Hilton Family. Per maggiori informazioni e termini e condizioni, visitate hilton.com/1su5 Ufficio Vendite Italia 02 6983 3000. Il numero di notti gratuite è basato sul numero di notti pagate dai delegati. L’ offerta è limitata ad un numero massimo di 20 sconti della tariffa per il meeting e 20 pernottamenti gratuiti. L’ offerta non include la connettività, elementi audio video, omaggi o costi accessori. Potranno esserci date in cui l’hotel non è prenotabile (blackout dates). L’ offerta deve essere citata all’atto della prenotazione. L’ offerta deve essere presente nel contratto dell’hotel. L’ offerta è valida per gli hotel della Hilton Family aderenti nel Regno Unito, in Irlanda, Europa, Medio Oriente e Africa. Soggetta a termini e condizioni descritti su hilton.com/1su5.

EXCELSIOR HILTON PALERMO DOUBLETREE BY HILTON MILANO DOUBLETREE BY HILTON ACAYA GOLF RESORT (LECCE) HILTON GARDEN INN MALPENSA HILTON GARDEN INN BOLOGNA/SAN LAZZARO HILTON GARDEN INN FIRENZE NOVOLI HILTON GARDEN INN ROMA AIRPORT HILTON GARDEN INN MATERA HILTON GARDEN INN BARI


MC news location

ALESSANDRA BOIARDI

EVENTI NELLA STORIA

Un contesto storico-monumentale di particolare bellezza a poca distanza da Milano: è Palazzo Borromeo-Arese, che

site inspection

KOS INTERNAZIONALE CON IL KICC

ospita l’Hotel Parco Borromeo (www.hotelparcoborromeo.it), moderno e funzionale, che conserva il fascino del passato e che è anche una location di grande storia e tradizione. Situato a Cesano Maderno, nella Brianza milanese, l’hotel è anche una location per eventi, grazie a cinque sale per riunioni e convegni, alcune all’interno della struttura, altre nell’adiacente dependance, mentre la splendida Sala Aurora si trova presso il Palazzo Borromeo-Arese. È la sala più nobile e grande, che può accogliere fino a 120 persone, a cui si aggiunge la capacità delle altre, fino a 150 persone. In collaborazione con il Ristorante Il Fauno, situato all’interno dell’hotel, c’è naturalmente la possibilità di prevedere colazioni di lavoro veloci, pause caffè e cene aziendali, in una splendida veranda-serra con vista sul Parco Borromeo (capienza fino a 160 persone).

MEETING ROMANI A VILLA DAFNE MAJESTIC

Immersa nel cuore del parco di Vejo, a soli quindici minuti da via Veneto, Villa Dafne Majestic (www.villamajestic.it) si trova in meravigliosa posizione panoramica. All’esterno la villa mette a disposizione il patio signorile su cui si affaccia la cappella romana annessa alla Villa, il bordo piscina con il giardino all’italiana, il parco della pineta e un ampio parcheggio interno custodito. All’interno, l’ingresso di rappresentanza, il Grande Salone del Camino, la Sala Dafne prospiciente il giardino e il salotto riservato della sala della Biblioteca per fare quattro chiacchiere in totale tranquillità . Al primo piano la panoramica Sala Dafne può accogliere anche gli eventi più numerosi. Il servizio di banqueting garantisce la massima qualità delle pietanze e l’esperienza dello staff permette di rispondere a ogni necessità realizzando eventi di sicuro successo.

Sulla bella isola greca di Kos, amata per il suo mare e la sua atmosfera unica, non ci si reca solo per una vacanza rilassante, ma anche per partecipare a un congresso. Dove? Presso il Kos International Convention Centre (Kicc, www.kipriotis.gr), una struttura dai grandi numeri che sorge sulla costa. Con quaranta sale in grado di accogliere un massimo di ben 5.500 persone (settemila se si aggiunge l’Iberostar Kipriotis Panorama Hotel, a due passi), il centro dispone di un auditorium da 2.300 posti e molteplici soluzioni modulari su tre piani.

| 01 2010 | 89


MC site inspection

news location

ELEGANZA E FUNZIONALITÀ A VILLA CAGNOLA

L’UFFICIO IN UNA DIMORA VENEZIANA È una dimora del XVI secolo situata nel cuore di Venezia, al riparo dai circuiti turistici, ma è anche una prestigiosa location per eventi: Palazzo Ca’ Zanardi dispone, infatti, di tre eleganti saloni che sono la cornice ideale per ricevimenti, serate di gala, riunioni aziendali, conferenze e mostre e possono ospitare fino a circa duecento persone. Il palazzo offre anche una magnifica terrazza, luogo ideale per godere dell’intimità e della suggestione di una dimora d’epoca. Novità assoluta nel mercato veneziano è il fatto che la location ospita il primo Virtual Office, un ufficio virtuale, temporaneo o permanente. Grazie all’ampia gamma di servizi dedicati che comprende recapito postale, gestione telefonica su numero generico o dedicato, disponibilità di sala riunioni e aula corsi, assistenza segretariale e possibilità di domiciliazione legale, Virtual Office Ca’ Zanardi permette immediatamente di avviare o espandere l’attività di un’azienda e di creare un vero punto d’appoggio operativo in un palazzo del XVI secolo, nel cuore di Venezia.

90 | 01 2010 |

Villa Cagnola (www.villacagnola.it) è una moderna struttura ricettiva situata in una meravigliosa posizione sulla conca del Lago di Varese, a breve distanza dall’aeroporto di Malpensa e dai poli fieristici di Busto Arsizio e di Rho - Pero. Ideale per soggiorni brevi o lunghi di lavoro, la struttura si propone come un centro congressi ottimo e funzionale, in grado di soddisfare qualunque tipo di esigenza, e di

accogliere meeting, corsi residenziali di formazione o aggiornamento, gruppi di lavoro, cerimonie. A disposizione degli ospiti numerose sale riunioni, un elegante Ristorante, 67 camere pratiche e accoglienti, un vasto parco secolare, e una ricca collezione privata d’arte (visitabile su richiesta, per gruppi). La struttura, ospitata in una villa del Settecento, dispone inoltre di 67 confortevoli camere.

BHR TREVISO HOTEL, I PERCHÉ DEL SUCCESSO È passato circa un anno dalla sua apertura e il Bhr Treviso Hotel (www.bhrtrevisohotel.it) è già diventato uno dei poli di eccellenza del Nord Est per quanto riguarda la meeting industry. Il merito? L’ubicazione, vicino agli aeroporti Canova di Treviso e Marco Polo di Venezia e nei pressi del passante autostradale. Ma soprattutto le dotazioni: un’area congressuale sviluppata su due piani, con una superficie di oltre mille metri quadrati in grado di ospitare più di 1.100 persone, composta da dodici sale modulari, tutte con luce naturale. Il tutto coniugato all’eleganza tipica della struttura di charme e alla professionalità dello staff. 133 camere spaziose e funzionali, arredate in stile moderno, di cui 17 junior suite e una suite presidenziale che ha riscontrato i favori di diverse celebrità e Vip in visita a Treviso. Sono queste le premesse, e solo alcune, che hanno fatto scegliere l’hotel a realtà internazionali, come Class Editori, Banca AntonVeneta, Basf, Lotto, Stone-

fly, Marcolin, Osram, Emmeti, Fassa Bortolo, Pepsico, Cicli Pinarello, DeLonghi, Allianz Bank, Abbott, Würth, Sanagens, Permasteelisa, Applied Materials, Leroy Merlin, Diesel.


MC site inspection

news location

BENESSERE RINNOVATO AL PARK HOTEL AI CAPPUCCINI

Il Park Hotel ai Cappuccini (www.parkhotelaicappuccini.it) dedica un nuovo spazio al benessere: l’esclusivo Cappuccini Wellness & Spa, un vero e proprio tempio dedicato alla rimise en forme completamente ristrutturato di recente con servizi dedicati alla cura del corpo, dalle saune finlandesi al bagno turco, dal bagno rasul alla private spa, massaggi, sala attrezzi e tutto ciò che serve per dedicare qualche ora a se stessi in un contesto elegante. Altra novità è la ristrutturazione di Palazzo dei Conti della Porta, nel cuore del centro storico di Gubbio, ideale per cene ed eventi di prestigio.

LA MEETING INDUSTRY SECONDO IL SANTA TECLA PALACE L’Hotel Santa Tecla Palace (www.hotelsantatecla.it) si estende su una superficie di 22mila metri quadrati, ed è pensato per rigenerare e rispondere a ogni desiderio. Collocato in un ambiente magico, caldo e colorato che ricorda i villaggi dei pescatori dei tempi passati. L’hotel rappresenta un’incantevole e inaspettata oasi di esclusiva tranquillità immersa nella Riserva Naturale della Timpa e bagnata dalle limpide acque del Mar Jonio, benefiche per la densità dei suoi sali minerali. La hall è la vera “Agorà”, una piazza finemente arredata, punto di ritrovo per relax e divertimento. Vera e propria porta d’ingresso di una struttura dove luci, materiali pregiati e l’ambiente circostante si ritrovano in una perfetta armonia. Il nuovo centro congressi dispone di una sala direttamente sul mare da cinquecento posti e altre nove sale meeting versatili, attrezzate e confortevoli e ampi spazi espositivi. È il luogo ideale per organizzare riunioni di lavoro, presentazioni o conferenze. Al centro del foyer del centro

congressuale sorge un “Giardino in Sughero” dove fa da protagonista una lampada che come una “luna” illumina lo spazio circostante. Altro elemento caratterizzante di quest’area sono alcune sale le cui pareti sono costituite da mattoncini trattati che donano un effetto di “lingotti d’oro e d’argento”. “Acqua, Terra, Fuoco e Aria” questi sono gli elementi che il Santa Tecla Palace propone per “Incentive e Team Building”. Numerose sono le chiavi di lettura per andare alla scoperta del territorio. Dall’hotel a bordo di fuoristrada, quad, gommoni, barche, elicotteri, o grazie al suo centro Diving Padi Gold Palm Resort provando l’emozione di scoprire i meravigliosi fondali dell’Etna.

IL TOURING CLUB PREMIA L’AQUAPETRA RESORT & SPA Il Touring Club Italiano ha conferito all’Aquapetra Resort & Spa l’ambito premio la “Ruota d’Oro – Stanze Italiane 2010” per l’area Sud Italia e Isole. Il premio, ispirato allo storico marchio Touring, viene assegnato ogni anno a quattro albergatori italiani che nei rispettivi territori coniugano i valori della qualità, genuinità, pulizia, funzionalità, accoglienza cordiale e cura dei dettagli a una politica di prezzi

92 | 01 2010 |

ragionevoli. La premiazione ha avuto luogo lo scorso novembre a Merano durante il Merano Wine Festival & Gourmet in occasione del GourmetHotel Collection, evento creato dal famoso giornalista enogastronomico Luigi Cremona. Il premio per l’ Aquapetra Resort & Spa è stato ritirato da Marianne Dorsch che ne cura, attraverso la propria società di rappresentanza, il marketing e il commerciale. A

soli sessanta chilometri da Napoli, nel cuore della zona vinicola del Sannio, l’Aquapetra Resort & Spa, adagiato su un promontorio con vista sulla valle telesina è ricavato dalla completa ristrutturazione di un rudere risalente al 1858. Realizzato con legno, cotto e pietra calcarea, miscelati con vetro e acciaio, è oggi un esclusivo quattro stelle lusso ma con il fascino dell’antico.


MC site inspection

news location

RISPONDE NALDI HOTELS HILTON SORRENTO PALACE PIÙ TECNOLOGICO Da febbraio ci sarà una novità tecnologica per i congressisti all’Hotel Hilton Sorrento Palace (www.hiltonworldwide.com.). L’hotel implementerà infatti i servizi dedicati al Mice con un nuovo accesso a Internet Wi-Fi a banda larga di oltre 100 Mb in tutte le aree dell’hotel. La nuova tecnologia utilizza una connessione a fibra ottica che permetterà un numero elevato di collegamenti contemporaneamente e offrirà la possibilità di scaricare senza problemi file di grande dimensioni. Gli spazi congressuali si estendono su una superficie di 8.800 metri quadrati, con

I SEGRETI DEL MIRABELLE Una bella vista su Villa Borghese, Trinità dei Monti e San Pietro, luci soffuse, preziosi cristalli e antiche porcellane: benvenuti al ristorante Mirabelle, situato al settimo e ultimo piano dell’Hotel Splendide Royal di Roma. Potrete gustare piatti caratterizzati dall’assoluta qualità delle materie prime e dalla maestria dello chef, Giuseppe Sestito, che sceglie personalmente gli ingredienti. E per un abbinamento di vini perfetto, ci si può affidare al giovane sommelier Simone Ferracci, quarto classificato al concorso mondiale per sommelier del 2009 di una prestigiosa associazione internazionale di gastronomia. (N.V.)

94 | 01 2010 |

23 sale meeting. Sono inoltre disponibili tre auditorium rispettivamente per 1.500, 300 e 170 delegati e un ampio foyer in cui allestire esposizioni o ambientare coffee break.

Un unico numero di telefono e fax per le prenotazioni del Parco dei Principi Grand Hotel & Spa (www.parcodeiprincipi.com) e dell’Hotel Splendide Royal. È la novità delle strutture romane del gruppo Roberto Naldi Hotels, che oltre al canale web e alla presenza sui più importanti siti di prenotazione online, facilita così il contatto telefonico con la clientela. Il risultato? Velocità di contatto, riconoscimento del cliente, illustrazione immediata dei prezzi, disponibilità, offerte speciali e pacchetti su misura. Le aziende e le agenzie potranno così accedere a un’offerta completa, dalla pianificazione della sistemazione richiesta all’acquisizione di servizi aggiuntivi. Basterà una sola telefonata. (N.V)

UN CENTRO CONGRESSI PER PALAZZO RIGHINI È stato di recente inaugurato il centro congressi Sant’Agostino, parte integrante di Palazzo Righini, dimora storica di Fossano nel cuore della provincia di Cuneo, che ospita anche il ristorante gourmet Antiche Volte e Lounge Bar Il Loggiato. La disponibilità complessiva del centro congressi è di due sale (prive di barriere architettoniche) collegate tra loro in videoconferenza, dotate di ogni comfort grazie alla domotica, arredate con poltroncine e sedie mobili, sistemi di videoproiezione e amplificazione all’avanguardia e attrezzate con banda larga e tecnologia Wi-Fi. La sala plenaria, ricavata nella Chiesa dei “Battuti Neri”, con foyer nell’antica sacrestia, ha una capienza di cento posti ed è adatta a ospitare eventi, mostre, meeting e congressi, ma anche cerimonie religiose; la Sala delle Feste, situata al piano nobile del palazzo in una stanza decorata da affreschi, affacciata sull’ampia, loggia può ospitare quaranta persone e ha una saletta annessa con capacità di circa quindici persone.


Per molti italiani L’Austria per l’Italia è un punto di riferimento per richiedere informazioni non solo sulle strutture alberghiere associate ma anche sulle caratteristiche delle regioni nelle quali sorgono gli hotel e soprattutto per ottenere consigli utili per un soggiorno su misura. Il team dell’associazione alberghiera austriaca lavora da anni nel ramo turistico, conosce le strutture e ha come motto “dove l’ospitalità parla italiano”, proprio perché tutti gli alberghi hanno personale che parla italiano, oltre a menu, quotidiani, riviste e canali televisivi nella stessa lingua. Esclusivi spazi ed ambienti particolari per congressi, convegni, meeting e riunioni con servizi professionali e d’alta qualità per realizzare ogni vostra esigenza e garantire un’ottima riuscita. Il nostro team è a vostra disposizione per consigli, indicazioni e preventivi su misura in lingua italiana. Contattateci e saremo lieti di soddisfare al meglio le vostre esigenze.

k k k" j U W U b n Y ] b U i g h f ] U " W c a

Hotel Klosterbraeu

Central Spa Soelden

Interalpen Hotel Tyrol

Italian style in Austria


Meetings

167 camere e Jr. suites con balcone vista lago, aria condizionata, spiaggia privata, ristorante e pianobar, piscina riscaldata, giardino e parcheggio; idromassaggio, sauna e bagno turco. Tutti i confort per piacevoli

WWWGRANGARDONEITsGHG

&

Congressi

giornate nel segno del relax . Inoltre per il vostro lavoro, sale riunioni da 20 a 300 posti, con videoproiettore da PC, tecnologia WI-FI, microfoni, schermi, lavagne luminose, lavagne a fogli e pedane.

GRANGARDONEITs4EL s&AX 


MC news location

site inspection

UNA HOTEL A SIRACUSA NH HOTELES A BASSO IMPATTO AMBIENTALE

One Hotels & Resorts approda a Siracusa con la seconda struttura siciliana, l’Una Hotel One. L’albergo, che prima si chiamava semplicemente “One Hotel”, è il 33esimo hotel della catena. Dispone di quattro sale meeting che ben si adattano a qualsiasi tipo di allestimento, in grado di interpretare al meglio le esigenze e il mood degli eventi. Le camere sono 44, mentre, particolarità della struttura, il centro benessere vanta un presidio medico/estetico ed è quindi in grado di offrire un servizio completo nell’ambito della medicina del benessere. Interessante anche la posizione, a due passi dal parco archeologico di Siracusa (detto anche “Parco Archeologico della Neapolis”), che ospita la maggior parte dei monumenti classici della Siracusa greca e romana.

Sono proposte concrete quelle che rientrano nel nuovo prodotto green che Nh Hoteles ha già attivato in nove alberghi e che, entro quest’anno, prevede di attuare in tutti gli altri. Si chiama Ecomeeting ed è dedicato alle aziende che scelgono di organizzare eventi con un basso impatto

ambientale e con prodotti da commercio equo e solidale. Tra le iniziative, un uso responsabile dei sistemi di condizionamento dell’aria, isolamento termico progettato per ridurre al minimo il consumo di energia, utilizzo di energia solare e pulita, di lampade a risparmio energetico e schermi a Led.

HOTEL SENZA EMISSIONI Aprirà la prossima primavera nel pittoresco quartiere milanese di Brera il nuovo Hotel Milano Scala (www.hotelmilanoscala.it). Particolarità di questo quattro stelle lusso la grandissima attenzione posta all’ecocompatibilità, grazie a un sistema di climatizzazione, trattamento dell’aria e produzione d’acqua calda a recupero di calore, realizzato con tecnologia Mitsubishi Electric, completamente alimentato a energia elettrica. L’hotel si avvarrà, inoltre, di provider di energia che utilizzano esclusivamente fonti pulite e rinnovabili: una combinazione che consentirà di arrivare a utilizzare energia con assenza di agenti inquinanti. L’hotel di sette piani è ricavato da uno storico palazzo di fine ottocento totalmente ristrutturato e avrà 62 camere di cui 11 suite, un ristorante e lo Sky Terrace, una terrazza panoramica all’ultimo piano con una spettacolare vista sul centro storico della città. Un’area fitness e relax e tre sale riunioni completeranno l’offerta.

| 01 2010 | 97


MC chains & club

1

chains & club

site inspection

2

Ospitalità, competenza e charme sono le parole d’ordine del gruppo nato e cresciuto con l’intenzione di valorizzare strutture, professionalità, luoghi e tradizioni siciliane per offrire soluzioni ideali al turismo sia leisure sia business

Le sei meraviglie di Angala Hotels ngala Hotels nasce con l’obiettivo di creare, sviluppare e promuovere una A catena di alberghi in Sicilia caratterizzati

FABIO RUSSOTTI

3

98 | 01 2010 |

dall’eccellenza dei servizi offerti. L’autenticità dei luoghi destinati alla ricettività, la professionalità del personale e la specificità dei servizi hanno orientato il posizionamento del gruppo nella scena turistica regionale. Tra le strutture gestite da Angala Hotels troviamo il Centrale Palace Hotel di Palermo: si tratta di una superba residenza nobiliare del ‘700, che un sapiente restauro, terminato nel 2003, ha riportato agli antichi fasti. La cura particolare nella scelta degli arredi e nella salvaguardia delle strutture originali donano all’hotel un fascino e una personalità unica. Ampi

saloni con volte affrescate e pareti decorate, sovrapporte dipinte e mobili d’epoca rendono il Centrale Palace ricco di charme, adatto a una raffinata clientela internazionale alla ricerca di dimore storiche dove trascorrere un piacevole soggiorno. Solarium, centro fitness attrezzato e ampio garage completano l’offerta di questo albergo situato nel centro storico del capoluogo siciliano. ACCOGLIENZA E FASCINO Del gruppo fa parte anche l’Hotel Monte Tauro di Taormina, che si erge sul mare in una posizione strabiliante, concedendo ai propri ospiti la splendida vista del Golfo di Naxos e dell’Etna. Costruito


MC chains & club

4

negli Anni 70, dopo la ristrutturazione del 2001 ha mantenuto la sua elegante modernità, ritrovando nel nuovo progetto e grazie all’uso di materiali ricercati una nuova immagine: legno esotico per i pavimenti delle camere e delle terrazze, illuminazione soffusa e pensata secondo criteri ecologici, stucco cercato come seta solidificata per le pareti e i soffitti. Sempre a Taormina, nel 2004 Angala Hotels ha rilevato la gestione del Grand Hotel Miramare, antica villa patrizia costruita nel 1922. La struttura venne trasformata già nel 1926 in un albergo e, con il passare degli anni, diversi interventi conservativi – l’ultimo dei quali nel 1992 con importanti lavori di ristrutturazione – hanno mantenuto l’antico fascino di residenza d’altri tempi, rispettando lo stile della villa e degli arredi delle camere e aggiungendo tutti i comfort per un’elegante vacanza all’insegna del relax: ristorante panoramico, bar, grill, piscina e campi da tennis. Immersa nel verde del proprio parco, abbraccia con lo sguardo lo stretto di Messina e la costa calabra. UN’OFFERTA ANCORA PIÙ AMPIA Negli ultimi anni il gruppo è cresciuto ulteriormente con altre acquisizioni. Il Genoardo Park Hotel, a metà strada tra Monreale e Palermo, è un elegante country resort che grazie al suo lussureggiante giardino e agli ampi spazi interni ed esterni è la cornice ideale per manifestazioni e convegni. L’hotel prende il nome dal suo parco, fatto realizzare

dal re normanno di Sicilia Ruggero II. Il ristorante, i bar, la piscina, l’ampio parcheggio coperto e scoperto completano la struttura. Il Grande Albergo Sole è una delle “case storiche” dell’ospitalità palermitana. Dall’inizio del secolo scorso accoglie viaggiatori, turisti e uomini d’affari che sostano in città. Posto proprio nel cuore della “capitale” siciliana, a due passi dai quattro canti di città e vicino a tutti i principali monumenti, teatri e vie dello shopping, l’hotel è stato recentemente ristrutturato e portato a nuovo splendore grazie al suo nuovo stile minimal, semplice e moderno, che fa da contrasto con la storicità del quartiere che lo ospita. Gli ambienti rimangono classici ma con un tocco di ricercato design che li rende attuali e fruibili. Il roof top con la terrazza panoramica e la sua struttura avveniristica, una soluzione architettonica ardita e affascinante, ospita il ristorante e il bar: luoghi e atmosfere ideali per celebrare un evento importante o semplicemente sorseggiare un aperitivo gustando i colori che regala il tramonto. Infine, ultimo arrivato, il Relais Santa Anastasia, luogo incantato per pochi intenditori: un’antica abbazia Benedettina del XII secolo completamente restaurata e immersa in un grande parco. Angala Hotels oggi può quindi contare su sei alberghi, per un totale di 523 camere e circa 150 dipendenti, tutti accomunati dalla stessa inconfondibile accoglienza e professionalità.

site inspection

5

1-2 / Il Centrale Palace Hotel 3 / Il Grand Hotel Miramare 4-5 / L’Hotel Monte Tauro 6-7 / Il Genoardo Park Hotel

6

7

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 99


MC site inspection

chains & club

chains & club

1

2

3

Si apre all’insegna delle novità il nuovo anno per Assisi Resort. Il format ideato dalla società, Move, sta riscuotendo sempre più successo e trova applicazioni in campi diversi, a partire dal mondo dell’incentive

Progetti speciali BEATRICE GOLFIERI

rosegue in salita l’attività di Assisi Resort che ha visto concludersi l’anno 2009 P con risultati più che positivi e che si prepara ad affrontare l’anno appena iniziato con un calendario di novità studiate e progettate per intensificare la propria attività. Il prodotto Move sarà presente con nuove idee per le librerie, le strutture ricettive, le agenzie di viaggio e per i tanti “viaggiatori” alla ricerca di nuove emozioni ed esperienze da vivere. Caccia al tesoro in biblioteca, corso di fotografia creativa naturale, corso di scrittura creativa, sulle orme di San Francesco, visita privata ai Musei Vaticani, sono solo alcune delle proposte di Move per chi vuole partecipare e regalare intense giornate ai propri amici e cari. Inoltre, cataloghi e libri con storia e cultura culinaria del territorio italiano, arricchiti di fotografie di grandi artisti. Per continuare l’esperienza con Move e Luoghi Speciali, Assisi Resort ha deciso di

100 | 01 2010 |

sostenere e partecipare a un importante evento dal titolo “21 Minuti I saperi dell’Eccellenza”, avvenuto lo scorso novembre al Palazzo del Ghiaccio di Milano. Protagonisti sono stati Patrizio Paoletti e 21 tra le menti più brillanti di questo millennio che in soli 21 minuti hanno condiviso l’essenza di una vita: la capacità di fare accadere le cose, il successo appunto! Nell'anno europeo dell’Innovazione e della Creatività, l'evento ha ottenuto un riconoscimento da parte della Commissione Europea per la Cultura e, a tale proposito, Assisi Resort ha partecipato con produttori straordinari e Move, due tra i suoi progetti che meglio testimoniano la capacità di produrre questi due valori. LA PERSONALIZZAZIONE PRIMA DI TUTTO Assisi Resort propone format personalizzati per grandi aziende che vogliono


per clienti speciali omaggiare i propri clienti, fornitori o gli stessi collaboratori con qualcosa di speciale e innovativo. Di seguito alcune tra le proposte più significative che Assisi Resort ha ideato per il 2010. «L’industria alberghiera si sta evolvendo rapidamente. Professionalità, innovazioni, ricerche di nuove nicchie di mercato sono sfide quotidiane che gli imprenditori alberghieri sono abituati ad affrontare. Esiste un altro tema da prendere in considerazione, che riguarda la qualità del servizio, l’attenzione al cliente, il suo grado di soddisfazione, la sua fidelizzazione. Questi fattori sono determinati al novanta per cento dalle capacità professionali e gestionali del personale alberghiero. Si parla di soft skill, ovvero un insieme di attitudini emotive e comportamentali che fanno la differenza nella relazione con la clientela» sottolinea Cesare Capedri, direttore generale di Assisi Resort. Sviluppare competenze relazionali e motivazionali di tutti gli operatori alberghieri per creare una cultura aziendale basata sulla comunicazione, sulla collaborazione e sul raggiungimento di obiettivi ambiziosi sono tra i risultati principali che si prefigge di raggiungere Assisi Resort. Si prosegue con alcuni originali team building. Decisamente innovativa la “brigata di cucina”: una cucina racchiude in sé prefigurazione, strategia, tattica, passione, motivazione, sapere. Alle otto di mattina tutto pronto, al suo posto e tutto risplende. Si comincia il lavoro dopo un caffè e la sera sembra lontana, il lavoro procede in allegria. Si pranza e poi via! I primi sono in linea, i secondi procedono, i dolci tra poco e gli antipasti? Sono le 18, gli antipasti sono quasi pronti ma il

tempo vola! Sono le 20 e gli ospiti sono arrivati, fuori i piatti! Due ore di concentrazione, tempismo, improvvisazione. Ma non è finita. Quando l'ultimo commensale ha finito la cena bisogna riordinare, pulire, sistemare, preparare per le colazioni, domani si ricomincia. Inoltre, Assisi Resort offre alle aziende un modo nuovo, originale, entusiasmante e indimenticabile per raggiungere l’obiettivo di intrattenere, incentivare e formare collaboratori e clienti utilizzando la barca a vela. Sia con programmi prestabiliti sia con eventi speciali su misura si organizzano regate classiche, regate lunghe, regate amatoriali e crociere a vela. Tutte le proposte di Assisi Resort si rivolgono ad agenzie di organizzazione congressuale, incentive house, aziende di qualunque dimensione e tipologia e i partecipanti sono persone di qualsiasi settore lavorativo, età, sesso, esperienza e preparazione sportiva. indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 101


MC chains & club

1

2

chains & club

site inspection

Il servizio di Barceló Hotels & Resorts è pensato per le imprese. Grazie a uno staff dedicato la catena spagnola organizza convention, congressi e incentive in 17 Paesi

MeetBarceló, eventi ad hoc per aziende arceló Hotels & Resorts è tra le 25 società alberghiere più rinomate al B mondo. Una catena internazionale con

GABRIELE BRAMBILLA

3

102 | 01 2010 |

più di 180 alberghi in 17 Paesi, e che nella sua offerta presenta strutture in destinazioni urbane così come di vacanza. Conta su MeetBarceló, una branca aziendale interamente dedicata all’organizzazione di eventi, convention, incentive e meeting per le aziende. Il gruppo spagnolo ha particolarmente investito negli ultimi anni per il miglioramento dell’offerta inerente al Mice che oggi può avvalersi di oltre 120mila metri quadrati di sale per meeting e di 12 centri congressi in Europa, America Latina e Stati Uniti.

UN’OFFERTA RICCA E DIVERSIFICATA Un importante aspetto di differenziazione per Barceló Hotels & Resorts è la varietà delle strutture di cui dispone, e i molti alberghi pensati per il segmento business possono essere suddivisi secondo diverse tipologie. Gli alberghi congressuali posseggono tutti un’entrata indipendente dal centro congressi, spazio che ha mediamente una capacità tra le seicento e le 2.500 persone, oltre che uno staff dedicato ed esclusivo per ogni tipo di evento. Un esempio può essere il Barceló Renacimiento (Siviglia, Spagna). Gli alberghi per congressi e convention sono invece principalmente strutture


MC chains & club

site inspection

4

urbane, con sale dalla capacità tra le duecento e le 1.500 persone. Emblematico è L’Enfant Plaza Hotel (Washington Dc, Stati Uniti). Gli alberghi adatti per meeting e corsi di formazione sono localizzati in un vasto ventaglio di destinazioni e contano su sale meeting con capacità per un minimo di cinquanta persone, come nel caso del Barceló Cheltenham Park (Cheltenham, Regno Unito). Per quanto riguarda gli alberghi ideali per i viaggi incentive, il fattore differenziante è la destinazione, che spicca per attrattività naturale e culturale. Visitare queste strutture è la migliore ricompensa per aver raggiunto gli obiettivi di lavoro prefissati. Inoltre, si tratta di hotels che fanno da rilassante cornice per riunioni private per quelle aziende che vogliono affrontare i futuri piani strategici con i propri dipendenti. Un esempio può essere il Barceló Bávaro Palace Deluxe (Punta Cana, Repubblica Dominicana). Tutte le installazioni per meeting e congressi che fanno capo alla catena spagnola dispongono delle ultime tecnologie sia per le video proiezioni sia per le emissioni audio, una caratteristica che è molto apprezzata tra le aziende. Un fattore di altrettanto sicuro interesse per le aziende è il fatto che la catena maiorchina dispone di un servizio specializzato per riunioni ed eventi denominato MeetBarceló. Il suo staff può creare un evento unico nel rispetto delle necessità dei clienti, cosa resa possibile da qualità come la disponibilità e la flessibilità.

GLI HOTEL SPECIALI Dei 180 e più alberghi che Barceló dispone nel mondo ce ne sono alcuni che meritano una menzione speciale. Per esempio, il Barceló Asia Gardens, un’oasi asiatica ubicata in Costa Blanca, presso Alicante. Si distingue per un’eccellente offerta gastronomica e una spa Thai di altissima qualità. Fanno da contorno due splendidi campi da golf da 18 buche ciascuno. Il centro congressi offre 3.500 metri quadrati di superficie. Il Barceló Maya Beach Resort è invece un enorme resort all inclusive situato nella migliore spiaggia della Riviera Maya e circondato da un bellissimo parco naturale di 500mila metri quadrati. Il luogo perfetto per vacanze leisure e di benessere, ma anche per viaggi incentive e congressi. Hotel urbano dai disegni interni avanguardistici e accesso diretto alla ferrovia Ave di Malaga, il Barceló Málaga dispone di un centro congressi da più di 1.500 metri quadrati e con una capacità massima di 1.200 persone che vanta 16 sale equipaggiate delle ultime tecnologie. Il Barceló Sancti Petri Spa Resort gode, infine, di un hotel di lusso e d’avanguardia per stile e tecnologia, con spiaggia, spa & wellness center di 3.650 metri quadrati, 30mila metri quadrati di giardini tropicali, terrazze per eventi e un grande centro congressi.

1 2 3 4 5

/ / / / /

Il Il Il Il Il

Barceló Barceló Barceló Barceló Barceló

Renacimiento Maya Beach Resort Bavaro Palace Asia Gardens Sancti Petri Spa Resort

5 indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 103


CHECK IN. CHILL OUT.

Pullman Timi Ama Sardegna Scoprite un nuovo modo di essere.    

Lasciatevi sedurre da un contesto idilliaco riposando nelle nostre 275 confortevoli camere. Scoprite tutti i sapori del Mediterraneo nei 3 ristoranti dell’hotel. Venite ad apprezzare la qualità della nostra offerta congressuale. Concedetevi il benessere piÚ autentico presso il moderno istituto di talassoterapia.

www.pullmanhotels.com

Per informazioni e prenotazioni, contattateci al numero : 070 79 791 www.accorhotels.com


MC site inspection

chains & club

chains & club

Antichi splendori e funzionalità attualissime sono il lasciapassare al mondo della meeting industry d’eccellenza del Savoia Excelsior Palace. Un nuovo capitolo nella storia di questo gioiello dell’ospitalità triestina reinterpretato da Starhotels

Lo sfarzo della modernità ella città più mitteleuropea d’Italia, Trieste, all’inizio dello scorso secolo le N cronache parlavano di un maestoso albergo, di cui esaltavano il senso del lusso. Era quello il tempo del Grand Hotel, che avrebbe segnato una tradizione di sfarzi ora portata avanti dal Savoia Excelsior Palace, restituito alla modernità da Starhotels, da sempre attenta al recupero delle eccellenze in Italia. Un recupero, che non solo ha privilegiato scelte architettoniche ed estetiche che hanno restituito all’hotel il suo iniziale rigore formale e la sua magnificenza, ma in grado di arricchire la città con una struttura funzionale attenta alle esigenze più moderne. Lo ha sottolineato Elisabetta Fabri, vice presidente e amministratore delegato di Starhotels: «Il Savoia Excelsior Palace è un immobile d’interesse storico con caratteristiche monumentali in una location straordinaria. La completa ristrutturazione dello storico albergo è un ulteriore segnale della nostra volontà di rafforzamento in un territorio con straordinarie prospettive di sviluppo e un riconoscimento del profondo

legame del Savoia Excelsior Palace con la storia della città di Trieste». L’hotel ospita un centro congressi di nove sale, tutte con luce naturale. Gli ambienti sono particolarmente eleganti, arricchiti da affreschi, lampadari d’epoca e boiserie (in tutto, sono oltre sessanta i pezzi di arredi originali magistralmente restaurati). Di particolare suggestione sono le due sale che si affacciano sul giardino d’inverno, molto luminose. Il centro congressi può accogliere fino a 650 persone, con una capacità in sala plenaria fino a 320 posti. Le 142 camere, di cui 36 suite (alcune attrezzate con angolo cottura per lunghi soggiorni), sono arredate in stile classico, con accenti contemporanei. Vera e propria raffinatezza sarà la spa di prossima apertura, a livello del roof, dove si potrà nuotare in piscina volgendo lo sguardo al mare, quello che si scorge da Piazza dell’Unità d’Italia, a cui l’hotel è adiacente.

ALESSANDRA BOIARDI

Il Savoia Excelsior Palace, vero gioiello triestino, dispone di un centro congressi con nove sale, tutte dotate di luce naturale

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 105


MC chains & club

1

chains & club

site inspection

2

Tre strutture alberghiere di prestigio, dove l’ospitalità italiana si combina perfettamente con gli alti standard qualitativi e la professionalità di un marchio che ha fatto del legame con il territorio il suo punto di forza: Vestas Hotels & Resorts

Tre hotel, un’unica filosofia BEATRICE GOLFIERI

1 e 3 / Il Risorgimento Resort 2 / L’Hotel President

3

n brand forte che punta al comfort, alla qualità, all’accoglienza, rigorosamente U salentini. Vestas Hotels & Resorts, di proprietà della famiglia Montinari, raggruppa tre hotel: il Risorgimento Resort, cinque stelle Lusso, l’Hotel President, quattro stelle Superior, e l’Eos Hotel, tre stelle, tutti ubicati in posizioni privilegiate per meeting d'affari e viaggi incentive e in grado di offrire spazi e tecnologie diversificate per soddisfare segmenti di mercato differenti. Fondamentale il legame con il territorio locale, il Salento, che si ritrova in ogni dettaglio, dall’utilizzo di materiali di costruzione tipici alla valorizzazione della cultura e dei prodotti enogastronomici caratteristici, riproposti dalle diverse cucine. Il Risorgimento Resort, totalmente ristrutturato un paio di anni fa, accoglie gli ospiti in 41 camere e sei suite. È dotato di spa, fitness centre, un american bar, un roof garden restaurant e di una sala eventi.

Cura estrema dei dettagli e preziosità dei materiali impiegati si uniscono al ristorante gourmet Le Quattro Spezierie e al ristorante Bistrot Dogana Vecchia per rendere ogni soggiorno di lavoro e ogni evento accogliente, il tutto con una splendida vista su Lecce. Punto di riferimento per la clientela business, ideale per conferenze, convegni e incontri culturali l’Hotel President si trova nel cuore commerciale di Lecce e dispone di un ampio centro congressi dotato di tutte le principali attrezzature audiovisive e multimediali e a spazi dedicati ad accogliere coffee break, brunch e buffet: nove sale per ospitare eventi fino a 450 posti, oltre a numerosi spazi polifunzionali. Completano l’offerta 150 camere spaziose e luminose e il ristorante Myosotis, che propone un menu ispirato alla tradizione locale e ospita numerose serate di gala, cocktail, coffee break ed eventi privati. Un vero concentrato di tradizione e avanguardia, l’Eos Hotel è un tre stelle dall’atmosfera calda e avvolgente, prediletto da un turismo prevalentemente giovane e dinamico. Trenta camere dotate di ogni comfort e un wine lounge bar offrono alla clientela la comodità di essere nel centro città, proponendo un design innovativo e legato all’architettura del territorio. indirizzi a fine rivista


MC site inspection

hotel

Capitol World Class Hotel ★★★★ Milano Numero totale camere: 66 | Ristoranti: 2 | Posti: 45 | Sale meeting: 2 | Capienza sala maggiore: 100 posti | Capienza sala minore: 14 posti | mq di aree espositive: 90 | Possibilità organizzazione post congress

Situato nel centro di Milano, l’Hotel Capitol incarna il gusto raffinato della città attraverso un’attenta selezione di elementi moderni e classici che garantiscono privacy, calore e lusso ai propri ospiti oltre a tutti i comfort necessari

Nel cuore del business ASSUNTA CORBO

ilano è la città più orientata al business d’Italia in cui convivono diverse M personalità, ognuna affascinante e travolgente. Per questo è di certo la destinazione per congressi e meeting più efficace. Le sue molteplici individualità raccontano di una città vivace e dinamica in grado di offrire opportunità per fare shopping, gustare la gastronomia locale o etnica, vivere la notte nei numerosi locali e, naturalmente, fare business. L’Hotel Capitol si trova in uno dei quartieri residenziali che meglio rappresenta il carattere della città di Milano: situato nel cuore del centro storico, consente di raggiungere a piedi

108 | 01 2010 |

in pochi minuti alcuni punti di grande interesse come il Castello Sforzesco, il Cenacolo di Leonardo e la Basilica di S. Ambrogio. POSIZIONE STRATEGICA Il punto di forza della struttura è proprio la sua posizione che permette di raggiungere in poco tempo il polo fieristico di Rho utilizzando la metropolitana che si trova proprio di fronte all’hotel. Il terminal ferroviario che porta all’aeroporto di Milano Malpensa dista solo cinque minuti di taxi o due fermate di metropolitana. Per chi raggiunge l’Hotel Capitol in macchina


CAPITOL WORLD CLASS HOTEL Milano è a disposizione un garage sotterraneo con accesso diretto alla reception. La posizione strategica ne fa una location ideale per organizzare riunioni e congressi di diverse dimensioni e caratteristiche. L’area meeting ospita due sale arricchite con elementi creativi di forte impatto e ambientazioni accoglienti per garantire incontri di grande personalità. La sala Boardroom si presta a incontri di piccole dimensioni mentre la sala Turquoise è in grado di ospitare fino a cento persone in sistemazione a teatro, cinquanta a banchi di scuola e quaranta con tavolo unico. Gli ospiti possono alloggiare nelle 66 camere e suite dell’albergo che offrono alti standard qualitativi in un ambiente decorato con stucchi e arredi di prestigio. Le camere sono tutte insonorizzate e offrono un sistema letto esclusivo Sweet Dream studiato per garantire il massimo riposo e la massima igiene. Sono tutte dotate di comfort adeguati alle esigenze degli uomini d’affari, come la connessione Adsl tramite porta di rete o wireless, tre telefoni, Tv Lcd che consente la visione di filmon-demand e la navigazione veloce a Internet tramite la tastiera a raggi infrarossi, utilizzabile anche per i video game, poltrone ampie e confortevoli. CLASSE ANCHE A TAVOLA Si aggiungano l’impianto di climatizzazione, la cassaforte elettronica, i comandi per l’accensione delle luci, l’apertura della porta d’ingresso e l’attivazione del segnale “non disturbare” su ogni comodino. Durante la pause dal lavoro due ristoranti garantiscono esperienze culinarie di alta qualità adattabili a tutte le esigenze. Il ristorante La Veranda propone il ricco buffet della colazione oltre che un menu

di cucina leggera e dietetica, mentre il ristorante Atmosphere è la location ideale per una cena rilassante dopo una giornata di intenso lavoro. Il menu propone un’ottima scelta di piatti elaborati e creativi accompagnati da vini selezionati e da un servizio molto attento. Il nome del ristorante non è un caso: la cornice elegante e rilassata garantisce una cena di grande atmosfera. Non manca il By Music & Drinks, lounge bar dove trascorrere momenti di relax dopo cena, magari concedendosi qualche chiacchiera con i colleghi davanti a un buon drink. Per chi non rinuncia all’attività fisica nemmeno durante le trasferte d’affari, l’Hotel Capitol mette a disposizione una palestra dotata di macchine elettroniche cardiovascolari di ultima generazione. Ogni esigenza o necessità viene soddisfatta da questa struttura che garantisce un’ospitalità ricca di contenuti e attenzioni proprie di un servizio di classe.

Tecnologia e lusso caratterizzano gli spazi dell’Hotel Capitol, dalle due sale meeting alle 66 camere

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 109


MC site inspection

hotel

La sapiente ristrutturazione della storica magione Maccaferri ha dato vita a I Portici Hotel, un quattro stelle lusso ideale sia per i viaggiatori leisure sia per quelli congressuali. A Bologna, nel centro cittadino e a due passi dalla stazione

Tra passato I Portici Hotel Bologna ★★★★L Bologna Numero totale camere: 86 | Ristoranti: 1 | Posti: 30 | Sale meeting: 4 | Capienza sala maggiore: 200 posti | Capienza sala minore: 20 posti | Saletta segreteria | mq di aree espositive: 350 | Possibilità organizzazione post congress

FABIO RUSSOTTI

Portici Hotel è ubicato nel pieno centro storico di Bologna, in un ambiente raffiInato e allo stesso tempo discreto, nello storico Palazzo Maccaferri che ricorda fasti e luoghi dello spettacolo del passato. Qui sorgeva la migliore espressione della Belle époque bolognese, il mitico caffèconcerto Eden Kursaal, in una posizione oggi strategica sia per il turista sia per chi viaggia per lavoro, data la vicinanza con la stazione ferroviaria. La sapiente ristrutturazione ha fatto di questo hotel quattro stelle lusso un luogo dove l’ospite può trovare l’armonia di un’atmosfera di viaggio esclusiva e l’efficienza di una base ideale per scoprire la città, un ambiente in cui convivono le calde atmosfere Liberty e la modernità dell’arredamento. UN’ATMOSFERA LIBERTY Otto vetrine si affacciano sotto il portico della napoleonica via Indipendenza: tre

110 | 01 2010 |

per la sala ristorante – dotata di un’area riservata ai fumatori – una per la cucina, una per la sala riunioni e due per gli uffici, dando così al cliente l’impressione di essere parte della vita di Bologna. La caffetteria – supportata da un laboratorio interno di pasticceria – aperta al pubblico, è al primo piano quasi fosse parte integrante della città e invitasse i bolognesi a entrare. Non a caso la città ha una forte vocazione culturale e mondana: degustazioni, concerti e sfilate di moda non mancano di rivitalizzare la vita del centro storico. La struttura dell’hotel I Portici si presenta con l’imponente struttura Liberty – realizzata completamente in cemento armato, cosa avveniristica per l’epoca, a fine ’800 – e, sempre sotto il portico, si entra nell’ingresso principale da un portone di legno: la caratteristica pavimentazione lastricata, che è stata conservata, ricorda che da questo ingresso


I PORTICI HOTEL Bologna

e futuro entravano le carrozze trainate dai cavalli. Al termine dell’ampio corridoio, con ai lati le due trombe di scale, si arriva nell’ampia hall, illuminata dalla luce naturale che entra dal tecnologico tetto in vetro. A un lato della hall c’è il bel giardino, delimitato da vetrate a tutt’altezza. Sul giardino si affacciano, oltre alle cinque camere per disabili al piano terra, tutte le camere interne dell’edificio. Queste, 86 tra standard ed executive, si sviluppano su tutti i cinque piani dell’edificio. In sessanta camere sono stati riportati agli antichi splendori gli affreschi in stile Liberty, ciascuno diverso dall’altro. SERVIZI ESCLUSIVI Dall’altro lato della hall c’è l’ingresso al teatro, l’antico café chantant Eden Kursall dove si tengono spettacoli ed eventi. Il teatro e l’attiguo ristorante sono divisi da una tecnologica parete insonorizzata amovibile: all’occorrenza, i due spazi possono arrivare a contenere una platea di 250 persone. Inaugurato il 22 ottobre 2008, il Ristorante I Portici Hotel, è stato immaginato come un ambiente esclusivo dove vivere un’esperienza enogastronomica unica. Con la direzione gastronomica di Guido Haverkock i dettagli preziosi di un decor raffinato si sposano magistralmente con la ricerca di materie prime eccellenti. Se la continua proposta di sapori che celebrano la naturalezza di ingredienti mai manipolati sono alla base delle scelte dello chef, elementi di naturale eleganza sono scelti per i dettagli: cristalli, argento, porcellana fine, lino, fiori freschi. Giocato sulla versatilità

del nero e la purezza del bianco, in un continuo rincorrersi tra contemporaneo e romantico, il ristorante propone un servizio “in crescendo” fatto di attenzioni, cura e amorevolezza per il cliente che sarà protagonista di un viaggio sensoriale dove gusto e vista sono meravigliosamente stimolati e piacevolmente appagati. Adiacente al Bar Terrazza si trova il Salone delle Feste, da duecento metri quadrati, mentre la sala Garden offre un piacevole spazio meeting da quaranta posti. Tutte le sale, situate al primo piano e al pian terreno, sono funzionali e tecnologicamente attrezzate per ospitare riunioni di lavoro, convention, seminari, conferenze. In tutti gli spazi comuni dell’hotel è presente il sistema Hi-Port, che consente collegamenti wireless.

Nel cuore della “Dotta”, I Portici Hotel dispone di 86 camere e di spazi per eventi fino duecento partecipanti

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 111


Meet in Luxury

Direttamente sul mare, di fronte allテ病rcipelago di La Maddalena

Sea side, in front of La Maddalena archipelago

31 camere e 5 ville Wellness Center Recrea Lunaria Restaurant Sala Meeting sino a 70 persone 32 Km dallテ病eroporto di Olbia 10 minuti da Porto Cervo

31 Rooms and 5 villas Wellness Center Recrea Lunaria Restaurant Meeting room up to 70 people 32 Km from Olbia Airport 10 minutes from Porto Cervo

Cala dei Ginepri - Baja Sardinia Tel. +39 0789 974 311 - Fax +39 0789 974 312 info@eabianca.it - www.eabianca.it


MC site inspection

CASTELLO DEL NERO HOTEL & SPA Tavernelle Val Di Pesa (Fi)

hotel

Castello del Nero Hotel & Spa ★★★★★ L Tavernelle Val Di Pesa (Fi) Numero totale camere: 50 | Ristoranti: 1 | Posti: 80 | Sale meeting: 2 | Capienza sala maggiore: 50 posti | Capienza sala minore: 15 posti | Saletta segreteria | mq di aree espositive: 80 | Possibilità organizzazione post congress

Castello del Nero Hotel & Spa: duecentesco, incastonato sulle colline del Chianti e con servizi di alto livello. Cinque stelle lusso per eventi memorabili e remise en forme d’autore

Profili toscani ircondato da quattrocento ettari di proprietà privata nelle colline toscane, C il Castello del Nero Hotel & Spa appartiene al prestigioso circuito di The Leading Small Hotels of The World. Situato a venti minuti di macchina da Firenze e a breve distanza dalle maggiori attrattive della regione quali Siena e San Gimignano, si rivela punto di partenza ideale per scoprire i percorsi post congress che il territorio prospetta. RITORNO AL FUTURO Dotato di tecnologia all’avanguardia e predisposto per videoconferenze, il Castello del Nero Hotel & Spa dedica agli eventi la sala Gran Camino, perfetta per incontri raccolti del top management: illuminata da luce naturale, ospita fino a quaranta persone e si affaccia sui giardini all’italiana del complesso. A questo spazio si affiancano due deluxe suite adiacenti – che possono essere approntate anche in versione office o foyer – e un’ulteriore suite affrescata, per venti persone e con camino d’epoca. Per una vista mozzafiato sulla vallata è a

disposizione la terrazza, quinta d’atmosfera per cene di gala o eventi open air. Il Castello del Nero Hotel & Spa abbina i ritmi professionali alle pause di relax: c’è solo l’imbarazzo della scelta nei mille metri quadrati della sua spa, disegnata in esclusiva da Espa, marchio di fama internazionale che contraddistingue i migliori centri benessere del mondo. Al Castello del Nero la filosofia olistica è il comune denominatore di tutti i trattamenti realizzati con prodotti naturali e locali, coltivati nella tenuta. Assaporare la storia di un paese attraverso la sua cucina: questo il core business del ristorante La Torre, perfetto per gustare la più genuina gastronomia toscana e le etichette della regione oltre a quelle prodotte nella proprietà. Nell’assortimento delle delizie spiccano pasta, pane e dolci rigorosamente preparati in casa: proposte d’autore servite negli interni in cui spicca un camino secolare sulla terrazza panoramica con vista sulla vallata del Chianti.

LUCIANA FRANCESCA REBONATO

Immerso nel verde delle colline del Chianti, il Castello del Nero consente di coniugare momenti di lavoro ad altri di puro relax nell’esclusiva spa

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 113


MC site inspection

hotel

L’Hotel Club il Baricentro ubicato in provincia di Bari offre un servizio a 360 gradi per uomini di affari, amanti del golf o neofiti del “green”. È anche dotato di un centro congressi con sala principale da ottocento posti

Un autentico Baricentro tra business, golf e relax GABRIELE BRAMBILLA

n nuovo percorso benessere, una piscina, una palestra, diversi campi U da tennis e da calcio a cinque e un percorso running; sono le principali novità che l’Hotel Club il Baricentro ha in serbo per il 2010. Sono previste numerose migliorie per implementare la qualità dei servizi. Dalla primavera verranno proposti anche numerosi pacchetti rivolti ai golfisti ma adatti anche ai neofiti. I soggiorni, di due o tre notti, uniranno la pratica sportiva a escursioni verso alcune località particolarmente suggestive del territorio. Sono previsti inoltre inte-

114 | 01 2010 |

ressanti percorsi culturali ed enogastronomici. Punta di diamante dell’offerta leisure è il Barialto Golf Club, che si snoda per circa seimila metri quadrati tra palme, ulivi secolari e cinque laghi con canne e ninfee così da creare un’oasi di relax immersa nella natura che regala ai clienti un’atmosfera impareggiabile. Sono 18 le buche del green, disegnato dall’architetto americano William W. Amick e dall’italiano Giorgio Ferraris. Nel corso dell’anno ospita un fitto calendario gare inserite nel circuito nazionale amateur. Utile al leisure ma anche al


HOTEL CLUB IL BARICENTRO Casamassima (Ba) business: negli ultimi anni diverse aziende hanno scelto il Barialto Golf Club quale cornice ideale per meeting e workshop unendo l’aspetto lavorativo a quello sportivo, ludico e ristorativo. «Quanto all’annesso ristorante, è organizzato alla carte e a richiesta vengono presentati menu personalizzati in base alle esigenze del cliente. Lo chef propone una cucina tipica pugliese, dedicando particolare attenzione al rispetto delle tradizioni e alla genuinità degli ingredienti», spiega il Presidente del Circolo Barialto Golf Club, Mina Degennaro. GREEN E CONGRESSI Molto apprezzati sono gli eventi serali organizzati presso la club house e nei giardini prospicienti: «Fra tutti ricordiamo la recente convention di Mediolanum» prosegue Mina Degennaro. Pronto a soddisfare la domanda business è anche l’albergo quattro stelle, che oltre a disporre di ogni comfort, 26 camere, una suite e una junior suite, può contare su una sala meeting fino a sessanta posti e una sala riunioni con capienza fino a dieci persone. Vero fiore all’occhiello dell’offerta Mice è però il centro congressi. Attivo da circa 15 anni, nel succedersi delle stagioni la struttura ha ospitato ogni tipo di incontro su iniziativa di primarie aziende nazionali. Alcuni congressi organizzati dal Rotary su temi medico-legali e una serie di meeting e convegni promossi dall’Università Lum Jean Monnet sono divenuti appuntamenti fissi. La sala principale è modulabile e può ospitare comodamente fino a ottocento persone. Inoltre vi sono quattro salette fino a cinquanta posti, ideali per preparare i lavori dell’assemblea. Completano l’offerta le cabine di traduzione, il proiettore con maxi schermo e il collegamento Internet: «La vicinanza all’hotel, al bar, al ristorante e al parcheggio è sicuramente un plus per la nostra clientela che può così fruire di un servizio a 360 gradi». Ottima è inoltre l’ubicazione del Club.

Sorge a ridosso della SS 100 (sulla direttiva Bari/Taranto) e alle porte della cittadina di Casamassima, a circa 15 minuti da Bari e venti minuti dall’aeroporto di Bari/Palese. La struttura è in posizione ideale per raggiungere le principali mete turistiche della provincia. Immerso in un’oasi di verde, offre alla sua clientela momenti di autentico relax in un’atmosfera del tutto suggestiva. A completare la cornice di elegante bellezza è lo stile liberty particolarmente curato: «Ogni camera segue un tema specifico e un’ambientazione originale», conclude Degennaro che si sente ottimista per la nuova stagione, nonostante la crisi: «La presenza sul territorio è stata intensificata e le iniziative di comunicazione e marketing sono state incrementate con l’obiettivo di azzerare le distanze con i potenziali clienti. Guardiamo al 2010 con ottimismo auspicando la conferma dei segnali di ripresa già registrati nell’ultimo trimestre del 2009».

Sotto Mina Degennaro e la figlia Anna, titolari della struttura

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 115


MC site inspection

hotel

Grand Hotel Tiziano e dei Congressi ★★★★ Lecce Numero totale camere: 295 | Ristoranti: 1 | Posti: 850 | Sale meeting: 13 | Capienza sala maggiore: 800 posti | Capienza sala minore: 10 posti | Saletta segreteria | mq di aree espositive: 2.000 | Possibilità organizzazione post congress

1

2

A pochi minuti a piedi dal centro di Lecce, il prestigioso hotel si distingue per comfort e accoglienza personalizzata. Una location unica, che ha gestito al meglio la difficile congiuntura economica

La ricetta anti-crisi iù che un anno sembra un periodo infinito, quanto inaspettato quello P che il mercato sta attraversando, oggi,

MARIANNA FRAGONARA CIANCIO

4

116 | 01 2010 |

in ogni settore. Rare le eccezioni graziate da questa maratona all’indietro, ma non per questo assenti. Da prendere come esempio di una “ripartenza” con brio c’è quella del Grand Hotel Tiziano e Congressi. Per questa struttura leccese il 2008 si è rivelato il miglior anno in termini di fatturato, con 56.000 presenze, 34.000 camere vendute e un +3 per cento di fatturato rispetto allo scorso anno. Un risultato considerevole visti anche i piccoli aumenti dei prezzi apportati, dove necessario. E il periodo in assoluto più pieno si è rivelato con sorpresa agosto, mese solitamente con poco appealing per una location che non si trova sul mare. Il merito non è da

associarsi alla casualità, ma va attribuito a un’opera di una precisa politica di investimento sul prodotto mai interrotta e attuata con intraprendenza da parte del management e della proprietà che, dal 2006, ha messo in moto svariati rinnovamenti. «Il mio impegno in questo momento critico è stato quello di farmi vedere frizzante, mai fermo o spento. La crisi si combatte – ci racconta il direttore Francesco Ascalone – sorpassandola e investendo molto in professionalità, cosa di cui sono un vero appassionato», e sono senz’altro i ritorni a renderlo orgoglioso di questa scelta di percorso. Ferma è la sua convinzione che il cliente non avrebbe compreso, seppur conscio del periodo, una risposta del settore orientata verso l’immobilismo.


MC

GRAND HOTEL TIZIANO E DEI CONGRESSI Lecce

hotel

3

site inspection

5

dell’hotel Tiziano PAROLA D’ORDINE: NUOVO Da due anni l’hotel ha settanta nuove camere superior in un’ala collegata, di cui due executive di design, esclusive anche nei metri quadrati (30-35). Nuovo è il marchio e la veste grafica di tutta la comunicazione. Tutte le sale meeting sono state riviste e ne è stata aggiunta una nuova da 180 posti, la sala Leandro. Da spazi adatti ad accogliere fino a mille persone a un privè rimodernato e riservato a una decina di ospiti: l’offerta congressuale e meeting è molto varia e si correda di una tensostruttura all’aperto che d’estate ne aumenta notevolmente la capienza. Nuovo è il giardino d’inverno circondato da vetrate da cui godere sempre del sole, un bisogno che chi viene al Sud cerca tutto l’anno. Connotato come albergo congressuale e orientato a livelli alberghieri internazionali, Grand Hotel Tiziano è una delle più grandi strutture pugliesi e del Centro Sud con una piscina leisure scoperta, unica a Lecce, dove vengono organizzati party dai binomi cromatico-gastronomici. Un hotel fortemente integrato nel territorio e aperto alla città, che collabora con gallerie d’arte e si avvale per il room service della cucina creativa dell’unico ristorante giapponese di livello in Puglia, il Fusion. UN CANALE APERTO COL CLIENTE A gennaio 2010 è prevista l’inaugurazione della City Spa: 550 metri quadrati tra

fitness e benessere, con accesso indipendente, un’area relax umida, la possibilità di sedute con un personal trainer e una palestra adatta alle necessità di una clientela che sarà presumibilmente in maniera preponderante esterna, in quanto quella in grado di beneficiarne non solo nelle pause di lavoro. L’ingresso potrà essere personalizzato e prenotato direttamente online sul sito dell’hotel. Dei clienti abituali viene monitorato costantemente il gradimento con risposte aperte sui questionari nelle camere, il miglior modo per raccogliere feedback e suggerimenti al miglioramento. «Il cliente, oggi, cambia di giorno in giorno e non ascoltarlo significa perderlo in partenza. La nostra intenzione – continua Ascalone, che non si considera solo nel perseguire questo intento ma supportato da uno staff attento a dare il meglio – è avere un canale sempre aperto con lui. Grand Hotel Tiziano è l’hotel del cliente. È lui a decidere il servizio che vuole, accompagnato senza forzature nei suoi desideri». E se alla crisi si risponde sorpassandola, i rinnovamenti non sono finiti: nel breve c’è in previsione l’ammodernamento di bar e hall, per poi passare alle 203 classic room, che verranno ripensate nei toni del bianco e in forme e arredi di grande essenzialità.

6

1-3 / Alcune delle 13 sale che il Grand Hotel Tiziano mette a disposizione del Mice 4-5 / La spa della struttura 6 / Francesco Ascalone, il direttore

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 117


MC site inspection

hotel

San Paolo Palace Hotel ★★★★ Palermo Numero totale camere: 284 | Ristoranti: 2 | Posti: 250/550 | Sale meeting: 9 | Capienza sala maggiore: 900 posti | Capienza sala minore: 25 posti | Saletta segreteria | mq di aree espositive: 300 | Possibilità organizzazione post congress

Grazie ai suoi 14 piani il San Paolo Palace domina la città e il golfo di Palermo. Ed è di questa vista straordinaria che i clienti, sia leisure sia business, potranno godere, scoprendo al contempo i mille servizi della struttura

“Alta”qualità FABIO RUSSOTTI

poca distanza dal centro di Palermo e con vista panoramica sul golfo sorge il A San Paolo Palace, un hotel moderno e funzionale capace di armonizzare la tradizione dell’ospitalità con servizi alberghieri e congressuali d’avanguardia. Pensate tanto per i viaggiatori leisure quanto per i clienti business, le 280 camere e le dieci suite sono accessoriate di ogni comfort: impianto di aria climatizzata con controllo termostatico, telefono con linea diretta, Internet Wi-Fi – zone congressuali comprese, oltre che persino su in piscina dove si può lavorare prendendo il sole – Tv con ricezione satellitare e programmi in “pay per view” Sky. SOLUZIONI ORIGINALI L’hotel vanta due ristoranti in grado di proporre soluzioni sempre originali per cola-

118 | 01 2010 |

zioni di lavoro, cocktail, serate di gala, con menu che non tralasciano i grandi classici della cucina italiana ma che si adeguano alle richieste dei propri ospiti, ponendo l’accento sull’accurata scelta delle materie prime e un sapiente accostamento di sapori ispirati anche alla tradizione regionale. Per il benessere dei suoi ospiti, il San Paolo Palace mette poi a disposizione una piscina al 14esimo piano, affacciata sullo splendido paesaggio della costa siciliana, e un centro fitness dove potersi dedicare allo sport e al relax più completo. Grazie alla sua posizione privilegiata – incastonato al centro del Golfo di Palermo, tra Monte Pellegrino e Capo Zafferano – l’hotel possiede una sala ricevimenti mozzafiato all’ultimo piano della struttura, rivolta verso il mare e raggiungibile in soli trenta


MC site inspection

SAN PAOLO PALACE HOTEL Palermo

hotel

secondi grazie a un ascensore panoramico tutto da godere. La sala può ospitare fino a trecento persone, ma è ideale anche per piccoli ricevimenti. Quindi sia d’estate sia d’inverno, al chiuso o all’aperto, il San Paolo Palace offre la possibilità di godersi un ricevimento speciale circondati da uno scenario eccezionale, mentre gli abili chef sono pronti a elaborare, insieme al cliente, il più esclusivo dei menu. SPAZI POLIFUNZIONALI Sede privilegiata dei grandi eventi palermitani, il moderno ed efficiente centro congressi dell’Hotel San Paolo Palace è capace di ospitare fino a 1.800 persone. Ampi saloni e spazi versatili sono perfetti da dedicare a meeting, workshop, lanci di prodotto, spettacoli, esposizioni, concerti o sfilate di moda. Il business centre è attrezzato con le più moderne tecnologie di comunicazione, il cui corretto funzionamento è assicurato da una èquipe tecnica altamente qualificata. Tutte le sale dispongono di possibilità di collegamento a circuito chiuso e visione delle immagini su grandi schermi o monitor al plasma. Le sale congressi principali – le quali traggono i loro suggestivi nomi dagli astri e dalle costellazioni più famose dell’emisfero boreale, come Orsa, Nova, Orione, Mizar e Alcor – sono dotate di impianto di traduzione simultanea a raggi infrarossi e sistema per videoconferenze. Completano l’offerta il servizio di hostess, transfer, segreteria e interessanti suggerimenti per l’organizzazione di indimenticabili post congress. Un ampio parcheggio per automobili e autobus accoglie comoda-

mente gli ospiti al loro arrivo, e per agevoli e piacevoli spostamenti l’hotel offre un servizio navetta che collega in pochi minuti la struttura con il centro città. A dimostrazione della validità del centro congressi, due rilevanti eventi svoltisi di recente: il Congresso Internazionale Fie (Federazione Internazionale Scherma), tenutosi dal 20 al 23 novembre, durante il quale Catania è stata scelta come prossima sede per i campionati mondiali di scherma del 2011, battendo la candidatura di Budapest di ben dieci lunghezze; e l’importante evento a carattere turistico che si è svolto dal 2 al 7 dicembre titolato “Travelexpo In, primo salone dell’offerta turistica siciliana d’eccellenza” al quale erano presenti moltissimi tra visitatori ed espositori come strutture ricettive, agenzie di viaggio e tour operator.

Imponenti i numeri congressuali del San Paolo Palace, che nelle sue nove sale è in grado di ospitare complessivamente fino a 1.800 delegati, novecento nella sola plenaria

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 119


MC site inspection

hotel

2

Brenner’s Park-Hotel & Spa ★★★★★L Baden-Baden – Germania Numero totale camere: 100 | Ristoranti: 2 | Posti: 85 | Sale meeting: 8 | Capienza sala maggiore: 230 posti | Capienza sala minore: 120 posti | Saletta segreteria | mq di aree espositive: 144 | Possibilità organizzazione post congress 1

Annidato nella vallata della Foresta Nera e collocato in un parco leggendario, il Brenner's Park-Hotel & Spa di Baden-Baden seduce la meeting industry con le più gustose proposte gourmand

Stelle del gusto LUCIANA FRANCESCA REBONATO

embro di Leading Hotels of the World, è un’icona del lusso incastoM nata nel pluripremiato parco Lichtentaler Allee – il gigantesco salotto verde di Baden-Baden –, dalla fama mondiale e con oltre tre secoli di storia, ben tre chilometri quadrati di area naturale protetta con quaranta ettari di bosco e oltre trecento specie di piante. Da centotrentacinque anni invece, il Brenner's Park-Hotel è protagonista nell’accueil worldwide, un indirizzo di classe, eleganza e prestigio – fra i favoriti della regina Vittoria, del Dalai Lama e di Yasser Arafat – un compendio di architettura e rifiniture proprie del diciannovesimo secolo e con arredi improntati al più prezioso antiquariato. Una location a cinque stelle superior, per-

120 | 01 2010 |

fetta per eventi di alto profilo ai quali la struttura dedica sei meeting room provviste di tecnologia innovativa e in grado di accogliere complessivamente sino a 250 persone nel massimo comfort. Un contesto di eccellenza nel quale spiccano gli appuntamenti con il gusto capitanati dai due ristoranti della struttura nei quali apprezzare prelibatezze gastronomiche a iniziare dal Park-Restaurant, un gourmet restaurant che vanta riconoscimenti d’autore: una stella Michelin e 17 punti su venti nella guida di Gault Millau. Illuminato dalla luce naturale che filtra dalle ampie vetrate e porte-finestre che prospettano sul Lichtentaler Allee è invece il ristorante Wintergarten che propone specialità francesi miscelate a richiami mediterranei.


MC site inspection

BRENNER’S PARK-HOTEL & SPA Baden-Baden – Germania

hotel

Un doveroso incipit, questo, per il piacere di ricordare l’eccellenza del Brenner's Park-Hotel & Spa che dal mese di aprile del 2009 è anche responsabile del catering della Kulturhaus LA8. LA8 è il nome del nuovo, esclusivo brand delle migliori convention facility di Baden-Baden: Rive Gauche, Crystall Hall, Mirror Salon e il party club TwentyOne – tutti ubicati nella Kulturhaus LA8 – sono infatti “serviti” dal vicino Brenner´s Park-Hotel & Spa. LA8 è il nuovo indirizzo della meeting industry che qui trova una sapiente miscela tra tradizione e innovazione e una gastronomia sotto l’egida del Brenner's Park-Hotel & Spa con la sapiente regia del suo managing director, Frank Marrenbach. UNO PER TUTTI Il Brenner's Park-Hotel & Spa è responsabile di tutte le catering facility del LA8 la cui area raggiunge i cinquecento metri quadrati di superficie nei quali pulsa il “cuore”del complesso, il Rive Gauche Restaurant, prospiciente la sponda sinistra del fiume Oos. Al Brenner's Park-Hotel & Spa, inoltre, compete l’esclusivo management delle due storiche function room ubicate rispettivamente al piano terra e al secondo livello del LA8. Responsabile della gastronomia Brenner al LA8 è il manager Alexander Bosch mentre Oliver Silles è il capo chef del Rive Gauche Restaurant, il tempio della young cuisine e con scenografico front cooking: un ambiente di tendenza ed eleganza la cui capacità raggiunge i sessanta ospiti ai quali si aggiungono ulteriori ottanta posti

3

4

outdoor. Le proposte gastronomiche sono innovative e comprendono menu di stagione mentre negli altri spazi del LA8 come la Spiegelsaal e nella Kristallsaal – in grado di ospitare ciascuno da cento a 120 convitati – le prelibatezze diventano più accurate e profondono agli eventi di qualsiasi tipologia tutta la ricercatezza e la qualità proprie del Brenner. Per party esclusivi, infine, il nome da segnare in agenda è Club TwentyOne, ubicato all’ingresso dello storico palazzo del LA8, i cui interni rimandano alle atmosfere dei lounge parigini. Ancora una volta la gastronomia del Brenner's Park-Hotel & Spa è protagonista e diventa fil rouge di serate di atmosfera, complici i contrasti cromatici dell’ambiente – con immagini in bianco e nero –, musica e light technology.

5

1 2 3 5

/ La Kulturhaus LA8 e 4 / Il Rive Gauche Restaurant / Il party club TwentyOne / La Kristallsaal

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 121


MC site inspection

location per eventi

location per eventi GATTOPARDO CAFÈ Milano Il locale milanese ospita da anni eventi di grande impatto: ricavato da una chiesa sconsacrata negli Anni 70, è noto per il suo stile inconfondibile, ispirato agli ambienti e agli arredi della Sicilia borbonica e barocca

Gattopardo cafè: come in un film GABRIELE BRAMBILLA

sclusivo, eccentrico e internazionale, il Gattopardo cafè è il locale milanese E adatto a chi privilegia l’eleganza e la classe in un ambiente unico in Italia per ospitare meeting, conferenze, aperitivi e cene raffinate. L’offerta si completa con il disco-bar di tendenza. Atmosfere borboniche e una chiesa sconsacrata dedicata a San Giuseppe alla Pace sono gli elementi che danno vita alla location di via Piero della Francesca, uno spazio polifunzionale e ricco di fascino che negli anni ha donato nuova forza all’entertainment delle notti milanesi. Prima creatura dell’imprenditore Pino Scalise, é frutto di un amore per il dettaglio e di una passione sfrenata per il film di Luchino Visconti, da cui il locale trae il nome. EVENTI DI CLASSE Il Gattopardo cafè è uno spazio creativo e votato anche alla comunicazione aziendale: meeting, conferenze e seminari possono infatti avere luogo presso il teatro da 120 posti a sedere, con tanto di megaschermo e un imponente palco-presbiterio. Il locale meneghino ospita anche cene

122 | 01 2010 |

aziendali, colazioni di lavoro, concerti e feste private, sfilate di moda e presentazioni di prodotto di rinomati brand esteri e nazionali. Inoltre, sempre in virtù del suo tocco eccentrico e prezioso fatto di cristalli, marmi e personale in livrea, è spesso utilizzato come set televisivo e cinematografico. A essere completamene assente è invece il privè: dunque nessuno spazio riservato, e una gestione più democratica degli ambienti poiché, a detta dello stesso Pino Scalise, tutto il locale è un posto esclusivo dove ogni persona gode degli stessi diritti. E come dimenticare nell’offerta del Gattopardo le altre due strutture di proprietà ubicate proprio a due passi dal cafè e sempre in via Piero della Francesca? L’esclusivo Kineo Cafè e l’elegante Ristorante Chatulle offrono al cliente un prodotto completo, ricco e assolutamente stimolante. Il Gattopardo cafè, noleggiabile dagli operatori di vari settori, è dotato di tutte le misure di sicurezza a norma di legge vigenti in Europa. indirizzi a fine rivista


MC site inspection

location per eventi

Mediolanum Forum Assago (Mi) Sale meeting: 5 ambienti principali scomponibili | Capienza sala maggiore: 11.500 posti | Capienza sala minore: da 100 a 400 posti | Saletta segreteria | mq di aree espositive: oltre 14.000 | Sala banchetti interna | Pranzo seduti: 2.200 posti (sala principale) | Possibilità organizzazione post congress

L’arena milanese non si distingue solo per l’impeccabile struttura. Il gruppo ForumNet, che la gestisce, dimostra grande esperienza anche nell’organizzazione di eventi complessi

Mediolanum Forum

ALESSANDRA BOIARDI

celebre per essere uno dei templi della musica più illustri in Italia e non solo, È ma anche quando a esibirsi non sono le star più amate, è come se fosse un concerto. Sì, perché il Mediolanum Forum di Milano, oltre a ospitare le manifestazioni musicali e sportive più importanti, è anche un’apprezzata sede di eventi di ogni genere, che proprio come un vero concerto necessitano di un coordinamento minuzioso per poter “suonare” bene. Non è un caso che la struttura milanese – nata nel 1990 con un progetto innovativo, valso nel 1994 il Premio Europeo di Architettura per Impianti Sportivi – sia l’unica struttura in Italia, insieme al PalaLottomatica di Roma, a far parte del circuito “European Arenas Association”, che riunisce le più

124 | 01 2010 |

importanti arene d’Europa. Entrambe le strutture, lo ricordiamo, fanno parte del Gruppo ForumNet, il primo circuito italiano specializzato nella gestione di impianti polifunzionali, di cui fanno parte anche l’Allianz Teatro di Milano e il Pala Livorno. Ed è proprio in questa cornice a essersi svolta la 30esima edizione del congresso di estetica applicata di Les Nouvelles Esthétiques, ospitato al Mediolanum Forum dal 17 al 19 ottobre scorsi: una perfetta dimostrazione di come questo spazio polifunzionale, principale impianto coperto del Nord Italia, con i suoi 40mila metri quadrati complessivi, possa essere utilizzato per qualsiasi tipo di manifestazione, adattando tutti i suoi spazi alle esigenze di pubblico e cliente.


location per eventi FORUMNET Assago (Mi)

tre giorni dedicati all’estetica IL FORUM SU MISURA Per comprendere l’entità del congresso di Les Nouvelles Esthétiques, basta partire dai numeri: 110 aziende espositrici, 11.500 presenze complessive e novemila metri quadrati di superficie espositiva. Il tutto per una tre giorni durante la quale si sono svolti workshop, tavole rotonde, dimostrazioni e relazioni scientifiche dedicate a un pubblico di addetti ai lavori. Tutti gli spazi sono stati allestiti e personalizzati, a partire dall’Arena Centrale, lo spazio più ampio, con un parterre da 2.800 metri quadrati, quello in cui si svolgono abitualmente i più grandi eventi musicali e sportivi. Tre sale di diversa ampiezza situate al piano terra e collegate fra loro hanno fornito altri spazi. Si tratta della Sala Gallery, di 2.400 metri quadrati, ideale per ogni tipo di manifestazione; della Sala Premium, di dimensioni minori (1.400 metri quadrati), caratterizzata da un’estrema versatilità; della Sala Gold che, collocata in una particolare posizione fra la sala Gallery e la Premium, è la più piccola delle tre (seicento metri quadrati) ed è anche sede del Live Forum, il nuovo locale dedicato alla musica dal vivo. I momenti congressuali dell’evento sono stati ospitati a Quota Otto, anello che corre tutto intorno all’arena centrale: uno spazio modulare di 5.800 metri quadrati che può essere suddiviso in quattro spazi più piccoli, tutti con accesso diretto alle tribune. Un sistema di collegamenti interni molto fruibili ha agevolato il pubblico negli spostamenti all’interno della struttura.

UN SUPPORTO COMPLETO ForumNet ha curato l’evento in tutti i suoi aspetti, occupandosi, oltre che del preallestimento generale delle sale, anche di tutti i servizi logistici quali noleggio di materiali e attrezzature, supporto tecnico e service audio-video. Per gli espositori che lo hanno richiesto, è stato inoltre proposto e fornito l’allestimento personalizzato del singolo stand. ForumNet ha inoltre reperito e coordinato, tramite la propria rete di fornitori, il personale di supporto all’evento quale il servizio di sicurezza, vigilanza e consulenza antincendio, occupandosi anche del servizio catering e banqueting, con l’allestimento di specifici punti di ristoro “a tema”. Un successo, a cui ha di certo contribuito la modularità e l’adattabilità del Mediolanum Forum, che grazie alla sua posizione strategica alle porte di Milano, è facilmente raggiungibile dalle tangenziali cittadine, ed è dotato di parcheggi adiacenti alla struttura per soddisfare le esigenze degli eventi logisticamente più complessi.

Polifunzionale, avveniristico e flessibile: sono le caratteristiche del Mediolanum Forum, alle porte di Milano. In alto, la struttura durante Les Nouvelles Esthétique, evento che ha visto la presenza di 11.500 visitatori

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 125


MC site inspection

location per eventi

Cernobbioshed Cernobbio (Co) Sale meeting: 4 | Capienza sala maggiore: 300 posti | Capienza sala minore: 10 posti | Reception con segreteria | mq di aree espositive: 620 | Pranzo in piedi: catering su richiesta | Pranzo seduti: catering su richiesta | Possibilità organizzazione post congress su richiesta

location per eventi CERNOBBIOSHED Cernobbio (Co)

Gli spazi polivalenti di Cernobbioshed permettono agli organizzatori di creare allestimenti che corrispondono precisamente alle proprie esigenze, anche grazie a tecnologie di ultima generazione. Non ultima, l’ubicazione, sul Lago di Como

Versatilità vista lago ALESSANDRA BOIARDI

i presenta come un contenitore di eventi, una sorta di “magic box” che i S planner possono riempire con la propria creatività. Cernobbioshed, sul Lago di Como, è infatti stato pensato per essere innanzitutto versatile, così da permettere agli organizzatori di adattare lo spazio alle esigenze più disparate. Questa moderna location propone infatti aree diverse e convertibili, articolate su due piani. Al piano terreno il grande openspace può essere utilizzato come sala congressi o come area espositiva, ma può anche diventare showroom, meeting room, spazio fiera e location per lanci di prodotto. GLAMOUR E TECNOLOGIA Praticamente si tratta di un’area completamente brandizzabile, perfetta anche per convention che necessitano di ampi spazi e che prevedono anche il soggiorno dei partecipanti nel contesto di un incentive. Sì, perché la location ha anche il vantaggio di trovarsi in uno degli angoli più suggestivi d’Italia, il Lago di Como, con i suoi paesaggi irre-

126 | 01 2010 |

sistibili e la sua tranquillità, che offre al contempo tante occasioni di svago e strutture alberghiere di alta qualità. Cernobbioshed si trova esattamente a Cernobbio, una delle località più conosciute del lago e – tornando alla descrizione degli spazi – propone oltre all’openspace, altre sale minori al primo piano, in grado di ospitare da cinque a settanta persone, che ben si adattano a essere utilizzate anche come uffici d’appoggio per chi si trova nei dintorni e ha l’esigenza di trovare spazi attrezzati per poter proseguire con tutte le comodità il proprio lavoro. L’intera struttura è provvista di tecnologie e servizi all’avanguardia, in dotazione, dalla connessione a Internet Wi-Fi alla segreteria, dal catering interno (su richiesta) a moderne apparecchiature tecniche e audiovisive e a un funzionale parcheggio. Tutto, è il caso di dirlo, comodamente raggiungibile da tutta Europa, visto che l’aeroporto di Malpensa dista soli cinquanta chilometri. indirizzi a fine rivista


MC site inspection

location per eventi

Centro Congressi Vallelunga Campagnano di Roma (Rm)

location per eventi CENTRO CONGRESSI VALLELUNGA Campagnano di Roma (Rm)

Sale meeting: 10 | Capienza sala maggiore: 1.300 posti | Capienza sala minore: 12 posti | Saletta segreteria | mq di aree espositive: 10.000 | Sala banchetti interna | Pranzo in piedi: 1.600 posti| Pranzo seduti: 1.000 posti | Possibilità organizzazione post congress

Il Centro Guida Sicura, l’autodromo, l’area adventure e off-road e il nuovo centro ccongressi fanno di Vallelunga un unicum. Scelto anche da Valentino Rossi per il debutto su Ferrari

Laddove congressi e incentive si sposano GABRIELE BRAMBILLA

l nostro polo offre così tante opportunità di attività da essere praticamente «I completo e unico. Siamo al di fuori di ogni schema ed è difficile individuare una diretta concorrenza. Possiamo confrontarci con chiunque ma allo stesso tempo con nessuno». Così Francesco Cassioli, responsabile marketing e comunicazione di Aci Vallelunga Spa, descrive ermeticamente ma significativamente l’immenso polo multifunzionale che da anni è sorto a ridosso dell’autodromo intitolato al pilota automobilistico Piero Taruffi. La Spa gestisce non solo il circuito con oltre sessanta anni di storia, ma anche il Centro Guida Sicura Aci-Sara, la pista di rally, l’area off-road, il Park Hotel, il Circuit Hotel e tante altre strutture, compresa la grande novità dell’anno, quel Centro Congressi che è sorto appena qualche settimana fa e che ha lanciato una nuova opportunità per la società romana. Il nuovo edificio, pensato per convegni, meeting, ma anche per esposizioni, può accogliere fino a 1.600 persone in piedi e 1.300 sedute. Una struttura che è sorta con l’ausilio delle ultime tecnologie in termini di edilizia, ottenendo così un’ele-

128 | 01 2010 |

vata qualità ambientale interna soprattutto per comfort acustico. Un complesso così variegato non può che sfruttare i molti canali di business coinvolti: «L’obiettivo è pensare sempre di più a un servizio che a partire dall’offerta congressuale diventi poi anche intrattenimento grazie alle soluzioni possibili tra il Centro Guida Sicura, l’autodromo, ma soprattutto l’area adventure e l’area off-road dove assicuriamo ottime alternative all’incentive più tradizionale. A queste va ad aggiungersi il sito archeologico rinvenuto nel 2001 e datato III sec. a.C., un’attrazione di certo interessante sia per i clienti dei congressi sia per i viaggi incentivanti». Uno dei punti a favore di Vallelunga è certamente l’ubicazione: «è fuori dal caos della metropoli, ma è raggiungibile in pochi minuti di auto da Roma, essendo collegata alla capitale con una strada veloce e senza dover perciò subire l’incertezza del traffico», conclude Cassioli. Fotosport.biz indirizzi a fine rivista


MC site inspection

location per eventi

Corte Bracco dei Germani Monastero & Resort Corato (Ba)

location per eventi CORTE BRACCO DEI GERMANI Corato (Ba)

Sale meeting: 5 | Capienza sala maggiore: 500 posti | Capienza sala minore: 55 posti | Saletta segreteria | aree espositive allestibili in tutte le sale | Sale banchetti allestibili in tutte le sale | Pranzo in piedi capienza sala maggiore: 600 posti | Pranzo seduti capienza sala maggiore: 400 posti | Catering interno | Possibilità organizzazione post congress

A Corte Bracco dei Germani, nei pressi di Bari, si celebra un compleanno importante e si prosegue con un un’offerta in grado di mettere a proprio agio gli ospiti di qualsiasi evento

Professionalità e classe FABIO ALCINI

Antico e moderno si fondono a Corte Bracco dei Germani, nei due blocchi di cui si compone, il Monastero e il Resort

130 | 01 2010 |

dir poco affascinante la storia di questa location situata in Puglia: A nata dal recupero di un monastero del XVIII secolo, Corte Bracco dei Germani, dopo diciotto anni di attività, si è arricchita di una nuova struttura, il Resort: ambienti diversi e ricchi di charme, per ricevimenti, meeting e incentive. Si allarga così, parallelamente all’ampliamento dell’offerta, salita a mille posti totali, anche la tipologia di eventi realizzati che, oltre a quelli privati e aziendali, oggi contempla concerti e ospitalità ai gruppi del nuovo mercato turistico delle grandi navi da crociera di lusso che fanno scalo a Bari. Due grandi blocchi autonomi e al tempo stesso comunicanti: l’antico Monastero, arredato con preziosi mobili d’epoca, in un suggestivo giardino mediterraneo; il Resort, nuovo e moderno concetto di open space in cui raffinatezza e design si fondono in uno scenografico giardino di palme e

giochi d'acqua. Oggi la location è forse una delle poche strutture in Puglia in grado di offrire nella stessa sede ampi spazi sia per il convegno sia per le cene di gala. Monastero e Resort dispongono di cinque sale, di dimensioni flessibili e modulari, in grado di accogliere dalle venti alle cinquecento persone, attrezzate con tecnologie avanzate che soddisfano tutte le richieste di comunicazione e connessione. Grande cura viene dedicata alla ristorazione incentrata sul binomio fra tradizione e innovazione. La cucina di eccellente livello legata ai sapori mediterranei e uno staff altamente qualificato costituiscono il punto di forza della location, impeccabile anche in occasione di convegni per i grandi numeri.

indirizzi a fine rivista


MC site inspection

location per eventi

Castello Monaci Salice Salentino (Le) Sale meeting: 8 | Capienza sala maggiore: 300 posti | Capienza sala minore: 20 posti | Sala banchetti interna | Pranzo in piedi: 500 posti| Pranzo seduti: 300 posti

location per eventi CASTELLO MONACI Salice Salentino (Le) Sofisticate atmosfere dal décor charmant e prezioso aleggiano nelle sale di Castello Monaci: fra arredi ricchi di fascino e oggetti d’arte d’inestimabile valore si apre la sede ideale per incontri di prestigio

Eventi a corte TERESA CHIODO

uogo di difesa, d’arte e di potere, nell’immaginario collettivo il castello da Lsempre rappresenta lo scenario ideale per avventure romantiche e rievocazioni epiche. Oggi diventa suggestivo luogo di ospitalità per incontri di lavoro. Castello Monaci è una maestosa fortificazione del XVI secolo immersa in un grande parco con piscina, circondata da ulivi secolari e da generosi vigneti nel cuore del Salento, tra Brindisi e Lecce. Luogo di preghiera prima, dimora nobiliare poi, Castello Monaci ha mantenuto le originarie caratteristiche medievali, che un sapiente restauro ha valorizzato pur nel rispetto dei moderni criteri di funzionalità, sicurezza e comfort. SUGGESTIVE AMBIENTAZIONI Gli eleganti saloni all’interno della struttura sono tutti climatizzati e resi preziosi dagli arredi, dai tappeti e da imponenti camini, in uno scenario ideale nel quale allestire qualsiasi tipologia di evento. In un susseguirsi incessante di memorie e

132 | 01 2010 |

di decori oltre sei secoli di storia continuano a vivere nelle sale del castello che si trasformano in contesti esclusivi per incontri di gruppi da cento a cinquecento persone. Con i suoi sette saloni, il castello può ospitare presentazioni di prodotto di alto livello, convegni e meeting. Il parco, con la sua rigogliosa vegetazione, offre spazi supplementari per allestimenti all’aperto di grande impatto; suggestivi spazi spettacolarizzano un ambiente che inevitabilmente cattura l’attenzione dell’osservatore, affascinandolo e coinvolgendolo a livello emozionale. Vivere un momento conviviale o un incontro di lavoro in un contesto tanto imponente assume una dimensione fuori dall’ordinario e davvero stupefacente nella quale l’ospite ha l’illusione di estraniarsi in atmosfere sognanti d’altri tempi. I ricevimenti sono allestiti con cura fin nei più piccoli dettagli: una gioia per chi ama la bella e la buona tavola. indirizzi a fine rivista


BOTTEGA DEI SEGNI

Molto più che un

dettaglio Negli eventi GREEN-TECH di On Blue la tutela dell’ambiente si fonde con l’innovazione tecnologica. Originali e raffinate idee eco-compatibili ed eco-solidali caratterizzano inequivocabilmente incentive, eventi, meeting, convention e attività di team building.

On Blue. Dettagli eco-chic

On Blue è a Impatto Zero®. Le emissioni di CO2 generate dai consumi energetici della propria attività sono state compensate con la creazione di nuove foreste.

Via G.B. Pergolesi, 1 - 20124 Milano | Tel. 02 29414204 | Fax 02 2043972 | marketing@onblue.it | www.onblue.it


MC site inspection

location per eventi

Castello Cruyllas Calatabiano (Ct) Sale meeting: 3 | Capienza sala maggiore: 90 posti | Capienza sala minore: 35 posti | Saletta segreteria | mq di aree espositive: 300 | Possibilità organizzazione post congress

Tra la pietre millenarie poste l’una sull’altra in tempi ormai remoti, risaltano oggi gli arredi eleganti e la tecnologia innovativa del Castello Cruyllas di Calatabiano. Un luogo ideale per eventi, meeting o suggestive cene di gala

Una fortezza

ricca di storia

FABIO RUSSOTTI

perto al pubblico dall’estate scorsa, dopo un lungo e straordinario restauA ro, il Castello Cruyllas di Calatabiano regala emozioni intense a turisti e visitatori. Già in questi pochi mesi ha registrato un boom di accessi e si sono celebrati eventi diversi come gruppi d’incentive, cene di gala e meeting con clienti nazionali e internazionali, raccogliendo il plauso e l’elogio dei numerosi professionisti. La sua magia ha messo d’accordo dai turisti – desiderosi di storia, archeologia e bellezza paesaggistica – agli operatori ed event planner che hanno trovato nella location un luogo seducente, misterioso e abbagliante per offrire servizi di meeting – ed eventuali – di prestigio. Sarà perché il Castello fu costruito dai

134 | 01 2010 |

primi esploratori greci e abitato fin da allora da tutte le straordinarie civiltà e culture che hanno fatto la storia del Mediterraneo, sarà perché si trova su una collina che guarda al mare, che vigila attenta il corso del fiume Alcantara e che respira ai piedi del vulcano Etna, o sarà forse perché ne furono proprietari dei nobili che fecero la storia della Sicilia antica. Ma i suoi miti e le leggende, le storie d’armi e d’amore sono ancora vive nelle sale e continuano ad affascinare tutti coloro i quali partecipano agli eventi al loro interno. La rocca di Calatabiano e il suo poderoso castello posti a 220 metri sul livello del mare sono oggi accessibili grazie a un ascensore panoramico che in due minuti


MC location per eventi

site inspection

location per eventi CASTELLO CRUYLLAS Calatabiano (Ct) porta all’interno di uno degli scenari più affascinanti della costa siciliana. La grande fortificazione restaurata, autentico tesoro dell’archeologia, costituisce già oggi una straordinaria venue, unica nella Sicilia orientale, per l’organizzazione di eventi. Un nuovo gioiello che si è aggiunto al diadema del comprensorio turistico Taormina-Naxos-Etna. TECNOLOGIE ALL’AVANGUARDIA PER UN GRANDE RECUPERO Prima dell’intervento di restauro, l’intero sito versava in condizioni di estremo degrado. Il progetto ha previsto di reintegrare la funzione abitativa tra i ruderi di quelli che furono gli ambienti abitati del castello. Si trattava però di non alterare la percezione visiva delle rovine né tantomeno si poteva ricostruire restituendo ai posteri falsi ambienti storici. Sono stati così installati contenitori architettonici in legno lamellare e vetro posti come oggetti tecnologici dentro le rovine. L’intero intervento, concepito come reversibile, sfrutta piccole infissioni metalliche dei montanti lignei nel piano di calpestio del sito. Allo stesso modo sono state installate comode passerelle che consentono ai visitatori di camminare per l’intero sito archeologico monumentale. I lavori di restauro, insieme all’adeguamento tecnologico realizzato e all’istallazione delle ultime tecnologie, hanno consentito una perfetta fruibilità del Castello rendendolo adattabile a situazioni ed esigenze diverse per ogni tipo di evento, e in grado di supportare meeting, eventi, product launch, workshop, cene di gala o aziendali e di soddisfare le richieste più esigenti e originali. Come già hanno potuto provare i clienti che hanno sviluppato diverse attività Mice in alcune delle tre sale riunioni di cui dispone la struttura – capaci di ospitare sino a 180 persone – o nella terrazza panoramica o ancora nel patio del Castello. Tra le tante attività svolte all’interno della fortezza, oltre a quelle già descritte, si possono sottolineare le visite alle cantine che consentono ai clienti di godere della fantastica zona vitivinicola etnea prima di un pranzo tematico, che completa l’attivi-

tà e consente di godere dei prodotti della zona. O anche le cene di gala accompagnate con musica storica: il fascino della location insieme a musica medievale, del rinascimento o barocca. Al suo incomparabile valore storico e monumentale si aggiungono poi uno scenario e una location ideali: sul fiume Alcantara, di fronte a Taormina, affacciato sulla baia di Naxos e a pochi passi dell’Etna e dalle Gole dell’Alcantara. Un semplice volgersi dello sguardo, dalle mura del Castello farà cogliere infatti i particolari del paesaggio che va dallo Stretto di Messina alla costa siracusana.

Si accede tramite un ascensore panoramico alle sale restaurate di Castello Cruyllas, in grado di ospitare fino a 180 ospiti

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 135


MC site inspection

resort

ASTORIA Park Hotel Trentino

Astoria Park Hotel ★★★★★ Riva del Garda (Tn) Numero totale camere: 118 | Ristoranti: 1 | Posti: 250 | Sala meeting divisibile in 4 sale modulari | Capienza sala maggiore: 300 posti | Capienza sala minore: 25 posti | Saletta segreteria | mq di aree espositive: 300 | Possibilità organizzazione post congress

Per un meeting

di tutto relax

La Social Spa pensata come punto d’aggregazione, un centro congressi attrezzato per soddisfare ogni esigenza di lavoro. Sono le due facce della medaglia chiamata Astoria Park Hotel. A Riva del Garda FABIO RUSSOTTI

Riva del Garda, immerso in un grande parco verde, con lo sfondo imparegA giabile delle Dolomiti e a pochi passi dal centro cittadino sorge l’Astoria Park Hotel. Una moderna hall circolare dalle luminose vetrate e la cordialità dello staff accolgono il cliente all’ingresso dell’albergo. In tutte le ampie camere l’eleganza degli arredi si accompagna a un comfort unico. Il lussureggiante parco di 15mila metri quadrati abbraccia la struttura arricchendola con la piscina immersa tra palme, olivi e melograni: il luogo ideale dove sorseggiare un drink al Pool Bar o godere dei benefici effetti di un massaggio nel Gazebo del Relax. I profumi e i sapori della cucina italiana trovano una nuova freschezza nell’area ristorante, affacciata sul giardino privato. I piatti della tradizione mediterranea, realizzati con prodotti di qualità e rivisitati in modo creativo, compongono menu sempre originali capaci di deliziare anche i palati più esigenti.

136 | 01 2010 |

UN NUOVO BENESSERE La spa dell’Astoria Park è poi tutta da scoprire, grazie a una nuova concezione di centro benessere. Visto come punto d’incontro oltre che luogo di rigenerazione del corpo, la Social Spa dell’hotel è dotata di social living con tisane e mini library, spa-pool, zona relax con cromoterapia, sala relax con vibrazioni musicali, sauna finlandese, bagno turco, docce ghiacciate, fontana del ghiaccio e area fitness. L’offerta congressuale è infine la ciliegina sulla torta. La sala Segantini, cuore dell’Astoria Centro Congressi, si affaccia con ampie vetrate sul parco e sulla veranda coperta. È in grado di ospitare fino a trecento persone, ma, a seconda delle esigenze può essere personalizzata in due, tre o quattro sale modulari da quaranta a 130 posti. Sul lato opposto, direttamente collegate al foyer, le nove salette/business office sono l’ideale per workgroup o servizi di segreteria. Completa gli spazi dell’Astoria Centro Congressi la prestigiosa sala Luciolli, situata al piano rialzato dell’edificio, perfetta per banqueting e ricevimenti fino a 150 persone. Astoria Park Hotel, dove un viaggio di lavoro può diventare il massimo del relax.

indirizzi a fine rivista


BUSINESSINTOWELLNESS IL BENESSERE AL SERVIZIO DEGLI INCONTRI PROFESSIONALI

BUSINESS INTO WELLNESS BREAK Massaggiatrice a disposizione, che mediante l’utilizzo di una speciale sedia ergonomica pratica massaggi rilassanti a: schiena, testa e braccia, unitamente a esercizi di stretching. Trattamenti dall’immediato beneficio praticabili in ogni luogo e tempo, proprio come una pausa caffè.

PERCHE’ IL WELLNESS FA LA DIFFERENZA “Interrompere il lavoro con una pausa rigenerante è molto proficuo in termini di concentrazione, motivazione e risultato.”

108 CAMERE + 2 SUITE 8 SALE MEETING PLENARIA 300 POSTI BUSINESS CENTRE GARAGE

LUNGOMARE MURRI 13, 47921 RIMINI – ITALY Tel. +39 0541 396600 Fax +39 0541 396601 lemeridienrimini@lemeridien.com www.lemeridienrimini.com

N 44° 3’ E 12° 35’


MC resort

site inspection

BHR Treviso Hotel

Veneto

BHR Treviso Hotel ★★★★ Quinto di Treviso (Tv) Numero totale camere: 133 | Ristoranti: 2 | Posti: 80/600 | Sale meeting: 13 | Capienza sala maggiore: 600 posti | Capienza sala minore: 12 posti | Saletta segreteria | mq di aree espositive: 2.000 | Possibilità organizzazione post congress

Basso hotel vola alto pochi mesi dall’apertura B Treviso Hotel registra più del 40 per cento di «A occupazione con eventi di alto profilo all’inHR

segna dell’internazionalità». Commenta così Tiziano Simonato, direttore del BHR Treviso Hotel, i primi risultati dell’area Mice. Tra gli eventi più significativi: l’ospitalità della terza tappa del roadshow Antonveneta; la presentazione di due nuovi modelli Porsche; la realizzazione degli eventi Lotto e Stonefly; l’organizzazione della base logistica del 26° Rally Internazionale della Marca e la gara ciclistica Granfondo organizzata dalla Cicli Pinarello. L’ultimo trimestre del 2009 ha visto l’affermazione della struttura come location ideale per convegni medici e incontri delle più autorevoli associazioni di categoria fra le quali Confindustria Veneto e Unindustria Treviso, per presentazioni delle nuove collezioni delle principali aziende dello sportsystem. Sono in via di definizione gli eventi legati al Roncade Outlet Gallery, il primo Factory Outlet del Veneto, anch’esso, come BHR Treviso Hotel, di proprietà del Gruppo Basso, che aprirà i battenti entro la primavera del 2010 con ottanta store delle firme più prestigiose. PENSANDO GREEN L’evento più importante a livello internazionale si è svolto lo scorso aprile con l’accoglienza della stampa accreditata per il G8. Tra i servizi erogati, molto apprezzata la “colazione a km 0”, progetto in cui spicca il

BHR Treviso Hotel ha festeggiato il primo anno di attività ospitando oltre duecento eventi. A premiare sono l’alta qualità dei servizi, l’ubicazione favorevole e un nuovo green concept basso impatto ambientale, realizzato con il reperimento di prodotti locali, adottando trasporti brevi e packaging leggero. Ecosostenibilità, riciclo e risparmio energetico sono tematiche adottate anche in campo congressuale; vengono incentivate le manifestazioni che meglio interpretano il “green value” nelle scelte di prodotti e servizi ecocompatibili, dalla logistica al catering. Vengono applicate tariffe ridotte agli organizzatori che scelgono per i propri eventi congressuali un uso contenuto della tecnologia e del relativo consumo energetico, già presente in tutte le sale e negli spazi comuni, come videoproiettori e schermi Lcd. Un orientamento ambientale che va ad aggiungersi al plus di altri eccellenti servizi: 133 camere, centro congressi in grado di ospitare oltre 1.200 persone, ristorante DiVino Osteria Trevigiana, Gioja Lounge Bar, centro fitness & wellness, parcheggio e garage video sorvegliati per oltre seicento posti auto, collegamento con servizio navetta gratuito per l’aeroporto e il centro storico di Treviso.

TERESA CHIODO

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 139


MC site inspection

resort

Loano2Village Loano (Sv)

Vento

di ponente Il Loano2Village è uno splendido resort quattro stelle che riesce a concentrare una serie di virtù particolarmente allettanti per chi organizza eventi e congressi FABIO ALCINI

e si cerca un’idea per organizzare un evento che metta insieme comodità, S clima mite, strutture prestigiose e mare, le scelte operative sono in numero molto inferiore a quello che si potrebbe pensare. Se poi si pensa a un luogo della Riviera ligure di Ponente, fra Genova e Montecarlo, allora la scelta diventa quasi obbligatoria: il Loano2Village è l’idea vincente. Stiamo parlando di un resort quattro stel-

le, immerso nel verde, a circa un chilometro dal mare. Quindi di una meta ideale, non lontana da Milano e Torino, vicinissima a Genova e alle principali vie di comunicazione, che può essere anche un’ottima “testa di ponte” per escursioni in territorio francese. Dopo aver subito un completo restyling, che ha comportato sia lavori di ammodernamento sia un consistente ampliamento, operando una continua riqualificazione dei servizi offerti, Loano2Village oggi si ripropone come una nuova, sorprendente e competitiva location congressuale nel panorama turistico della regione. La struttura è molto capiente: comprende trecentosessanta camere, completamente ristrutturate, tre ristoranti, un bar. Per lo sport e il relax gli ospiti possono contare su tre grandi piscine, inclusa una coperta e riscaldata da ottobre a maggio, con ampio solarium, un campo da tennis, due campetti di calcetto. Ma questo è soltanto l’inizio. CONGRESSI, CULTURA E SPORT Se infatti lo scopo del soggiorno al Loano2Village è un incontro business, oppure un evento di team building, l’occasione diventa ancora più allettante: si può infatti approfittare della sala Portofino, estesa seicento metri quadrati e in

140 | 01 2010 |


MC resort

site inspection

Loano2Village ★★★★ Loano (Sv) Numero totale camere: 360 | Ristoranti: 3 | Posti: 900 | Sale meeting: 8| Capienza sala maggiore: 500 posti | Capienza sala minore: 18 posti | Saletta segreteria | mq di aree espositive: 300 | Possibilità organizzazione post congress

Importanti i numeri del Loano2Village: 360 camere, otto sale fino a cinquecento posti e tre ristoranti, in grado di far accomodare fino a novecento commensali

grado di ospitare fino a cinquecento persone. E attrezzata come meglio non si potrebbe: sono infatti disponibili schermo gigante, video proiettore, lavagna luminosa, microfono senza filo, impianto voce con mixer, impianto luci, palco, podio oratorio, lavagna a fogli mobili. Altre attrezzature, di ogni tipologia, sono disponibili su richiesta, così come è possibile organizzare coffee break e business lunch. Ma oltre alla sala Portofino, sono disponibili altre sette sale meeting, per una capacità da dieci a centoventi persone, oppure delle tre eleganti e spaziose sale banqueting, ideali per cene di gala così come per matrimoni e banchetti. Se non bastasse, c’è anche una terrazza con vista mare per aperitivi e coffee break. Il villaggio è inserito perfettamente nell’ambiente circostante ed è divenuto in poco tempo una destinazione ideale, grazie soprattutto agli spazi e ai servizi offerti: si parla infatti di una struttura aperta tutto l’anno, perfetta per ospitare eventi aziendali, meeting, convegni, viaggi incentive e convention grazie alla flessibilità degli spazi, all’ottima cucina, al clima mite della Riviera e alla bellezza del territorio. POST CONGRESS E BUONA TAVOLA La zona, infatti, è ideale per eventuali escursioni che offrono spunti sia culturali

sia sportivi spaziando dall’entroterra alla costa: è possibile elaborare programmi su misura per attività di team building che prevedano l’uso della spiaggia, oppure escursioni nell’entroterra, itinerari ciclistici e speleologici, whale watching con biologo a bordo, degustazioni di vino e di olio, a seconda delle esigenze organizzative dell’evento. Liguria significa anche gran gusto a tavola: questo concetto, al Loano2Village, è molto ben presente, tanto che il villaggio dispone di ben tre ristoranti, supportati nella stagione estiva anche da una pizzeria e da uno snack bar in piscina. Ovunque sarà possibile appoggiarsi a un servizio accurato e a uno staff affiatato, per un soggiorno piacevole. La scelta del ristorante è abbastanza ardua: se il Melograno è utilizzato principalmente per le colazioni, il Rosmarino, con vista sulla piscina, è il vero ristorante interno dell’hotel. Il Luna Rossa, invece, può contare su un’eleganza notevole che lo rende ideale per eventi e banchetti, ma anche su una vista straordinaria, collocato com’è sulla terrazza: cenando o pranzando, si può ammirare tutta Loano, il mare e, in lontananza, l’Isola Gallinara.

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 141


MC site inspection

resort

Grand Hotel Mazzarò Sea Palace Taormina (Me)

Cinque stelle FABIO RUSSOTTI

Si chima Hyd’Or il nuovo centro benessere del Mazzarò Sea Palace, lambito da un mare dalle tonalità sorprendenti

142 | 01 2010 |

e qualcuno dovesse passare un solo giorno in Sicilia e chiedesse: cosa “S bisogna vedere? Risponderei senza esitazione: Taormina. È soltanto un paesaggio, ma vi si trova tutto ciò che sembra creato sulla terra per sedurre gli occhi, la mente e la fantasia”. È così che nella prima metà del XIX secolo lo scrittore francese Guy De Maupassant definiva la splendida cittadina oggi soprannominata “la Perla dello Ionio”. A distanza di secoli, il fascino di Taormina è ancora immutato grazie alla sua Storia, ai suoi monumenti, alla natura che la circonda e agli eventi mondani che ne animano la vita quotidiana. È qui che, affacciato su una delle baie più belle del

mondo, incastonato tra le rocce e il mare e impreziosito dai colori dell’architettura mediterranea, sorge il Grand Hotel Mazzarò Sea Palace. Dall’incantevole posizione al centro dell’insenatura da cui prende il nome, l’hotel offre il comfort di un cinque stelle lusso in una struttura moderna ed efficiente recentemente rinnovata. Le camere e le suite del Mazzarò Sea Palace – tra cui sei suite vista mare dotate di piscina privata – sono delle vere terrazze sulla baia, inserite in un contesto raffinato ed esclusivo, dove la personalizzazione dei servizi, oltre a caratterizzare l’ospitalità, rappresenta una perfetta sintesi tra tradizione e innovazione. Tutte le camere sono arredate con cura e dotate di frigobar, Tv color con ricezione satellitare e “in houseprogram”, linea telefonica diretta, aria condizionata regolabile e programmabile individualmente, presa fax. Il Grand Hotel dà ai propri ospiti la possibilità di cenare a lume di candela sulla terrazza della propria camera. I piatti che gli chef del Mazzarò Sea Palace offrono alla clientela sono il frutto del connubio tra ricerca e creatività, sempre in perfetto equilibrio tra tradizione e innovazione. Un ricevimento, un pran-


MC resort

site inspection

Circondato dalla roccia e affacciato su un’incantevole baia protetta ed esclusiva: è lo scenario da sogno che incornicia il Grand Hotel Mazzarò Sea Palace di Taormina. Dove lusso e relax si incontrano tra i tanti servizi e le innumerevoli opportunità

in riva al mare Grand Hotel Mazzarò Sea Palace ★★★★★L Taormina (Me) Numero totale camere: 88 | Ristoranti: 2 | Posti: 300 | Sale meeting: 1 | Capienza sala: 150 posti | Saletta segreteria | mq di aree espositive: 300 | Possibilità organizzazione post congress

zo matrimoniale, un banchetto di gala diventano così l’occasione per celebrare un avvenimento importante senza concessioni alla stravaganza e tuttavia nel lusso esclusivo di una cucina d’alta classe e in un’atmosfera spettacolare, condita secondo volontà da musica e fuochi d’artificio. Il tutto servito sia all’interno sia in terrazza, di fronte a uno scenario naturale di rara bellezza. C’è poi il bar, discreto e accogliente, dove gli ospiti potranno gustare i più rinomati cocktail accompagnati dalle note del pianobar. PER ESAUDIRE OGNI DESIDERIO Il Mazzarò Sea Palace dispone di una sala per meeting e congressi da 150 posti, dotata di tutte le attrezzature multimediali indispensabili e dei più moderni sistemi di comunicazione, come la copertura internet Wi-Fi presente tra l’al-

tro in tutta la struttura. Di recente apertura è l’Hyd’Or, il nuovo centro benessere che propone trattamenti esclusivi per deliziare e rigenerare il corpo, la mente e lo spirito. Da poco inaugurato presso l’attiguo Grand Hotel Atlantis Bay, è l’esperienza che regala il Mazzarò Sea Palace agli ospiti che amano il benessere in tutti i suoi aspetti. Hyd’Or offre percorsi come il Trilogie e lo Spa Suite, oppure la possibilità di scegliere tra massaggi, Ayurveda e trattamenti viso o corpo. Aquarelax, Choco passion, Vichy shower e hot stone massage sono esperienze di benessere tutte da scoprire e provare. L’hotel dispone anche di un salone per ricevimenti per circa 230 ospiti e di un terrazzo a bordo piscina – affacciato sul mare – per altrettanti commensali. Il grand hotel gode di una spiaggia privata, ideale sia per chi ama soggiornare a contatto con il mare gustando il massimo del relax sia per i patiti di surf, vela, sci e scuba diving, che troveranno oltre al perfetto ambiente naturale un’efficiente organizzazione in grado di esaudire ogni loro desiderio. Infine, gli amanti del golf potranno recarsi a “Il Picciolo”, un golf club dotato di campo da 18 buche e situato alle pendici dell’Etna, a soli 30 chilometri dall’albergo, non lontano dalla caratteristica cittadina di Linguaglossa.

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 143


Il tuo evento in Masseria Uno splendido complesso architettonico costruito attorno ad una Masseria del 1700 in cui si inserisce una struttura ricettiva elegantemente restaurata in grado di offrire il massimo comfort. Immersa nella tranquillità della campagna del Salento a pochi chilometri da Lecce e Brindisi e dalle bellissime spiaggie del Mar Ionio, Tenuta Moreno è posta al centro di un ampio parco, con lecci, ulivi secolari e un laghetto botanico.

L’Hotel garantisce un’ospitalità di alto livello, con le sue 88 camere elegantemente arredate e dotate di tutti i comforts, le due ampie piscine, di cui una scavata nella roccia, campi da tennis, percorso vita, mountain bikes, campo da bocce ed un nuovissimo centro benessere: luogo privilegiato per chi desidera rigenerare i sensi e distendere la mente in un’oasi di assoluto relax. Inoltre la struttura, dotata di un’attrezzato centro congressi con 5 sale da 20 a 450 posti, è in grado di ospitare qualsiasi tipo di evento. Nei nostri ristoranti l’Aranceto e il “Sallentia”, potrete gustare una cucina particolarmente raffinata con i piatti e i vini tipici del territorio e una Cantina fornita di Vini Selezionati Regionali e Nazionali. Tutto ciò rende Tenuta Moreno un posto da sogno, corredato da un servizio raffinato e impeccabile. L’ambiente giusto per ricevimenti, congressi e matrimoni indimenticabili.

SPAZI PER EVENTI - CENTRO CONGRESSI - CENTRO BENESSERE C.da Moreno - S.S. 7 uscita Latiano est - 72023 Mesagne (Br) tel. 0831/774960 - fax 0831/721487

www.tenutamoreno.it - info@tenutamoreno.it


MC resort

site inspection

Hotel Royal Riviera

Saint-Jean-Cap-Ferrat - Francia Hotel Royal Riviera ★★★★★L Saint-Jean-Cap-Ferrat Francia Numero totale camere: 96 | Ristoranti: 2 | Sale meeting: 5 | Capienza sala maggiore: 150 posti | Capienza sala minore: 10 posti | Saletta segreteria | mq di aree espositive: 650 | Possibilità organizzazione post congress

Le magie

della Costa Azzurra mmerso nella meravigliosa cornice della Costa Azzurra, l’Hotel Royal Riviera rapIpresenta un perfetto connubio tra business e piacere. Situato a Saint-Jean, sulla penisola di Cap-Ferrat, a trenta minuti dall’Aeroporto Internazionale di Nizza, l’hotel è avvolto in una cornice che unisce la bellezza dei giardini francesi con i profumi e i colori tipicamente mediterranei. La struttura è un cinque stelle con 96 camere lussuose che garantiscono la privacy ai propri ospiti: membro di Leading Small Hotels of the World, l’Hotel Royal Riviera è una location ideale per eventi di ogni genere e dimensione, come meeting, convegni, incentive, banchetti, presentazioni di prodotti o eventi privati. EVENTI CON VISTA Da ottobre a marzo è possibile organizzare ogni tipo di evento all’interno di una delle cinque sale meeting ospitate dalla struttura. Si tratta di spazi modernamente attrezzati e illuminati da luce naturale: ogni sala, infatti, offre una suggestiva vista

I profumi del Mediterraneo e il savoir faire francese rendono l’Hotel Royal Riviera perfetto per meeting memorabili, grazie a cinque sale moderne e stanze di alto standard qualitativo sul giardino o sul mare. Gli ospiti possono soggiornare nella struttura centrale dell’hotel oppure nell’Orangerie situata nel cuore del giardino in cui sono presenti 16 stanze e suite esclusive che hanno accesso diretto alla piscina e alla spiaggia e nelle quali gli ospiti vengono coccolati con ogni genere di attenzione. Molte sono le attività che si possono svolgere durante le pause dal lavoro: concedersi un po’ di relax in piscina o nel centro wellness è una di queste ma non l’unica. Nei pressi della struttura, infatti, si trova anche un campo da tennis e si possono praticare molti sport acquatici. La posizione strategica dell’Hotel Royal Riviera, a venti minuti da Monaco e Nizza, consente di scoprire alcuni dei più suggestivi angoli della Costa Azzurra arrivando a esplorare i villaggi di Eze, Saint Paul de Vence ma anche le isole Lerins. Molto interessanti anche le escursioni all’azienda di profumi di Grasse o tra i vigneti della Provence.

ASSUNTA CORBO

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 145


MC news destinazioni

ALESSANDRA BOIARDI

site inspection

FONTI D’ACQUA A MACHU PICCHU

COPENHAGEN “SOSTENIBILE”

Consolidare il ruolo di Copenhagen come destinazione leader dei meeting ecosostenibili. È questo l’obiettivo del

libro bianco “Copenhagen Sustainable Meetings Protocol” presentato in questi giorni davanti alle Nazioni Unite dal ministro degli Esteri danese. Le argomentazioni partono dalla recente Conferenza delle Nazioni Unite sul clima, ospitata proprio dal capoluogo danese, che è stata organizzata nel rispetto dei principi ecologici, tanto da costituire il primo summit politico internazionale a essere certificato.

UNA META MICE? LA GIORDANIA È una destinazione di facile accesso dalla maggior parte dei Paesi europei e dispone di ottime strutture alberghiere e di centri congressi eccellenti. Sono alcune delle caratteristiche su cui punta la Giordania per attirare il mercato del Mice i n t e r n a z i o n a l e. «La Giordania è una rivelazione con la sua collocazione strategica e il suo ambiente accogliente. Il Mice ha ormai raggiunto la maturità, raccogliendo le particolari necessità del mercato congressuale e incentive, sforzandosi di ottenere e superarne le aspettative, grazie anche alle grosse iniziative imprenditoriali, nelle quali il settore alberghiero ha registrato una costante crescita» dichiara Nayef Al-Fayez, managing director del Jordan Tourism Board. Un esempio di struttura attrezzata per il settore è il King Hussein Bin Talal Convention Center, sorto sulle rive del Mar Morto, dotato delle più moderne tecnologie (www.visitjordan.com).

L’Istituto Nazionale di Cultura di Cusco ha di recente riportato alla luce cinque nuovi gruppi archeologici all’interno del complesso archeologico di Machu Picchu (www.peru.info), ritrovati nella zona orientale inferiore. Si tratta di vistose fonti d’acqua, grotte che venivano utilizzate come tombe, mura, marciapiedi e strade zigzaganti costruiti dagli Inca che costituiscono un sicuro ulteriore interesse per i visitatori del sito, inclusi naturalmente quelli che vi fanno tappa durante un viaggio d’incentivazione alla scoperta di queste mitiche culture. Secondo quanto afferma Fernando Astete, direttore del Parco Archeologico di Machu Picchu: «le quattro fonti sono un chiaro esempio dell’elevata tecnologia e conoscenza idraulica raggiunta dalla cultura Inca, considerato che questo sistema di raccolta d’acqua continua a funzionare nonostante sia rimasto sotterrato e ricoperto da blocchi di pietra e da una fitta vegetazione per oltre cinquecento anni».

| 01 2010 | 147


MC site inspection

news destinazioni

ABU DHABI RISPARMIA ENERGIA

Ha obiettivi ambiziosi la campagna lanciata dall’Abu Dhabi Tourism Authority che punta a ridurre in modo significativo i consumi energetici dell’emirato nei prossimi dodici mesi. Obiettivi che,

secondo Nasser Al Reyami, Adta Director Tourism Standards: «saranno un solido business per l'intero settore del turismo, che darà impulso agli standard, elevando lo status di Abu Dhabi come luogo piacevole e sicuro da visitare e porterà il Roi per gli albergatori ad aumentare nella loro attività». Proprio agli alberghi sono dedicate le diverse iniziative, come seminari e workshop, volte a incentivare l’avvio di programmi di riduzione. Secondo le proiezioni, l’intero settore turistico dell'emirato, arriverà a un risparmio del 10 per cento di energia, il 20 per cento di acqua e il 20 per cento dei rifiuti da discarica nel orso del prossimo anno.

A VALENCIA CON L’AMERICA’S CUP

A Valencia, dall’8 al 12 febbraio prossimi, i giganti del mare tornano a gareggiare e diventano metafora della vita d’azienda, almeno secondo Sailing Challenge. «Tecnologia, ricerca, professionalità, duro allenamento, affidabilità e costanza sono solo alcune delle qualità indispensabili dell’America’s Cup. In azienda come in mare occorrono le stesse caratteristiche, soprattutto la costanza nelle prestazioni dei collaboratori, che è fondamentale per vincere le sfide importanti». Sailing Challenge offre alle aziende un modo nuovo, originale ed entusiasmante per raggiungere

148 | 01 2010 |

l’obiettivo di intrattenere, incentivare e formare collaboratori e clienti utilizzando la barca a vela. «Grazie alla nostra capillare conoscenza di Valencia e delle sue strutture ricettive – spiegano da Sailing Challenge – organizziamo la visione delle regate dell’America’s Cup a bordo di barche a vela, yacht e gommoni e coordiniamo regate aziendali ad hoc. Perché lo skipper professionista, esattamente come il leader in azienda, deve conquistare e mantenere ogni giorno la propria autorevolezza, motivando e trascinando i suoi collaboratori verso il traguardo, verso la vittoria».

EGITTO, DOVE TUTTO HA INIZIO

Coinvolgimento emozionale e “big seller”: l’Egitto si rivolge al mercato turistico italiano facendo leva sul grande apprezzamento che i nostri connazionali hanno dimostrato verso questo Paese, in particolare verso piramidi e Mar Rosso. Ed è proprio su queste mete che spinge la nuova campagna di comunicazione dell’Ente del Turismo egiziano (www.egypt.travel), con un nuovo logo che recita “Egitto, dove tutto ha inizio”. Un concetto, che spinge sulle caratteristiche del Paese, non solo considerato nei secoli come la culla della civiltà, ma anche una fonte di ispirazione per molti e sempre volto ad accogliere i segnali del progresso. Da Aristotele a Gustave Flaubert, Wilbur Smith e Paulo Coelho. Tra le nuove mete pubblicizzate, anche l’emergente Berenice. Diventerà una nuova Sharm El Sheikh?


L’AFFONDO DELLA SVEZIA È iniziato all’insegna delle novità il 2010 della Svezia. Soprattutto per quanto riguarda la meeting industry, che fa un balzo in avanti proponendosi a livello internazionale con un’offerta migliorata. Nuove strutture alberghiere, più voli diretti e nuovi centri congressi ed espositivi sparsi in tutto il Paese sono stati creati per attrarre eventi e soggiorni incentive da tutta Europa. Qualche esempio? A Stoccolma è prevista la predisposizione di mille nuove camere d’albergo con l’apertura

dell’Elite Hotel Marina Tower e di una nuova struttura firmata da Nobis group. Göteborg attende per quest’anno poco meno di 190mila presenze dal solo settore conference e meeting, mentre la City Airline, con sede proprio a Göteborg lancerà nel 2010 sette nuove rotte non stop da Barcellona, Malaga, Alicante, Roma, Milano, Palma di Majorca e Atene.


MC site inspection

destination

Profumi

di Sorrento Una penisola protesa nel Golfo di Napoli e ricca di opportunità per incentive e post-congress, in luoghi costellati di meraviglie, sia naturali sia storiche. Ma anche di sapori mediterranei fuori dal comune NINO VERMICELLI

arà il profumo degli agrumi o quello delle rose? Sarà il mare con la sua S magnificenza e il suo odore salmastro, o il sole, o il panorama nel suo complesso? È difficile decidere quale possa essere l’aspetto predominante in una destinazione multiforme come quella della penisola sorrentina. In quello che è uno dei contesti naturali e turistici più incantevoli che l’Italia possa offrire, è davvero complicato scegliere un aspetto piuttosto che un altro. Sorrento è lì, arroccata sulla sua scogliera, che domina placida un mare unico al mondo. Nelle sue strade è possibile viaggiare nel tempo, ammirando le vestigia che ogni periodo si è curato di lasciare: il periodo classico, quello medievale, il Rinascimento, il Barocco congiurano per rendere interessante e ammirevole ogni anfratto di questo gioiello costiero.

150 | 01 2010

LA CASA DELLE SIRENE Pare che il nome “Sorrento” affondi le sue origini in ambito decisamente mitologico: “Sirenide” era il probabile toponimo originale dato alla zona circostante. Il motivo è semplice: qui si muovevano le Sirene, le leggendarie creature che la tradizione omerica ci ha tramandato come metà donne e metà pesci, che tentarono senza successo di ammaliare anche i marinai di Ulisse. Il centro storico della cittadina mostra ancora il tracciato ortogonale delle strade di origine romana, mentre verso monte è circondato dalle mura cinquecentesche. Da visitare senza dubbio si trovano il Duomo, riedificato nel XV secolo, e la chiesa di San Francesco d’Assisi, riconoscibile per il chiostrino trecentesco e per il portico arabeggiante ad archi. Nel museo Correale sono esposte collezioni di reperti greci e romani e di porcellane di Capodi-


MC destination

site inspection

Panorami mozzafiato e un centro storico che regala scorci di epoca romana alternati da angoli cinquecenteschi. Questa è Sorrento. Impossibile non innamorarsene

monte, con una sezione di pittura del XVII-XIX secolo. Presso la Punta del Capo, tre chilometri a ovest, si trovano invece i resti romani ritenuti della villa di Pollio Felice (I secolo d.C.). Un’altra villa marittima è la Villa di Agrippa Postumo, fatta costruire dal nipote dell’imperatore Augusto. E non c’è soltanto Sorrento: la penisola offre altri notevoli spunti di interesse. Per esempio Vico Equense, estremamente gradevole sia in sé sia per l’ottima offerta termale. E poi Massa Lubrense, Nerano, la Baia di Ieranto, Agerola: tutti luoghi che possono riservare scoperte continue e sorprese indimenticabili. Del resto, paradossalmente, non è necessario avere una meta precisa per godere delle meraviglie della penisola sorrentina: agrumeti, vigne e oliveti fanno da contorno alla strada costiera, che apre vedute imparagonabili sul golfo di Napoli, sul Vesuvio e su Capri. PENISOLA CON GUSTO La penisola sorrentina riserva visioni d’incanto anche quando se ne gustano i sapori: una varietà di prodotti eccellente che ormai è intrecciata alla storia di questa terra. È impossibile visitare questi luoghi senza imbattersi nei pro-

CROWNE PLAZA: FRA STORIA E OSPITALITÀ Trovare un luogo ideale di soggiorno, leisure o business, a un passo da Sorrento, non è operazione complicata. La scelta più naturale è quella di appoggiarsi all’ospitalità del Crowne Plaza Stabiae Sorrento Coast. Nato nella sede di un antico opificio, questo angolo di paradiso a quattro stelle offre alla propria clientela esperienze uniche e spazi meeting all’avanguardia. Il resort si sviluppa lungo una passeggiata di oltre trecento metri di fronte al mare (nella foto in alto, uno scorcio del panorama che si gode dalla sua terrazza), all’incrocio degli itinerari turistici più belli della regione e ad appena 40 minuti dall’aeroporto di Napoli Capodichino e a 20 dalla splendida città di Sorrento. Insomma, nel cuore di uno dei più scenografici angoli della costa sorrentina, con il Vesuvio a sovrastare il Golfo di Napoli.

Le 150 camere custodite dal Crowne Plaza sono caratterizzate da un design moderno: se si è a caccia di una location per organizzare convegni, eventi, congressi di qualunque genere, l’area meeting del resort offre cinque sale attrezzate con tecnologia audio-video di ultima generazione, per una capienza massima di 230 persone. E per rendere il lavoro un po’ meno gravoso, ecco il centro benessere Spamarine: c’è la piscina interna, la spiaggia privata dell’hotel, e la possibilità di partire dal molo privato per escursioni in barca verso Capri, Ischia o Procida. Va detto anche che il Crowne Plaza Stabiae Sorrento Coast appartiene alla catena Crowne Plaza Hotels & Resort, del gruppo Ihg: 360 hotel nel mondo, 99.092 stanze complessive, 21.225 delle quali soltanto in Europa. Niente male, per un gruppo che ha fatto la sua apparizione “soltanto” nel 1983.

01 2010 | 151


MC site inspection

destination

I faraglioni di Capri (sopra), la Cattedrale a strapiombo sul mare di Vico Equense (sotto), prelibatezze come la pasta di Gragnano... tutto a Sorrento è una delizia per gli occhi e per il palato...

dotti d’eccellenza di Sorrento e dintorni. Si può partire da quelli “marchiati” Dop (Denominazione d’origine protetta) come l’olio d’oliva, oppure le celebri noci. Ma se si passa da Gragnano è decisamente consigliabile assaggiare

la pasta: qui sorge infatti il Premiato Pastificio Afeltra, una specie di laboratorio d’arte applicato alla pasta, con capolavori che vanno dai paccheri alle lasagne, dalle candele agli ziti, tutti lavorati a mano, trafilati al bronzo e ottenuti grazie all’essicazione lenta in celle statiche. Anche un’altra protagonista delle tavole di mezzo mondo è nata qui: fu a Vico Equense, infatti, che ebbe i natali la “pizza al metro”, negli anni Cinquanta. Sempre la zona di Vico è rinomata per il Provolone del Monaco Dop, formaggio stagionato a pasta filata nella caratteristica foggia a melone leggermente allungato o a pera. E poi si possono provare i biscotti di Castellammare, oppure ci si può perdere sulla Strada del Vino: cantine, vigneti e ristoranti tipici felici di dimostrare come anche nel vino (famosi il Gragnano e il Lettere) la penisola abbia moltissimo da offrire. A proposito di alcolici, c’è un liquore leggero e gustoso che da qui prende il via per tutta Italia: il limoncello. È dai limoni della penisola sorrentina, infatti, che ha origine questo liquore giallo e dolce. Il migliore rimane quello fatto in maniera del tutto artigianale, con una ricetta estremamente semplice: scorze di limoni, alcool, acqua e zucchero. Il limone è alla base di numerosi dolci tipici, come il sorbetto, il “gelato caldo” e la delizia al limone. Meno “gustosa” ma altrettanto apprezzabile è l’arte dell’intarsio del legno: tradizioni antichissime sono alla base di prodotti di artigianato finissimi e delicati. La mano dell’artista e la sua abilità nel riconoscere e scegliere fra le diverse qualità di legno a disposizione porta alla costruzione di capolavori di intarsio, con ventagli cromatici di incantevole bellezza.

indirizzi a fine rivista

152 | 01 2010


MC site inspection

destination

Una e centomila 2

Brema: una città attiva e propositiva, un intrigante mosaico nel quale trovare una promozione integrata delle risorse in binomio con arte, nautica e industria aerospaziale opo San Marino, è la più antica cittàrepubblica esistente al mondo, è il D cuore pulsante della Germania nord-occi-

LUCIANA FRANCESCA REBONATO

3

154 | 01 2010

dentale ed è intessuta di milleduecento anni di storia. Una destinazione accattivante anche per i suoi contrasti e con alcuni must fra i quali spiccano il municipio in stile rinascimentale e la quattrocentesca statua di Rolando che campeggia nella storica piazza del Mercato – annoverata nel patrimonio dell’Unesco dal 2004 – seguiti a ruota dallo Schnoor – il più antico quartiere cittadino – e dal Duomo. Una miscellanea di spunti per la meeting industry che a Brema – collegata con Milano e Venezia da Ryanair – trova una promozione integrata delle risorse per congressi, convegni e manifestazioni sino a 7.500 persone. Il tutto magistralmente orchestrato dalla regia di Bremen Convention Bureau, esperto e unico interlocutore per la realizzazione di qualsiasi tipologia di evento grazie anche alla collaudata siner-

1


MC destination

4

gia fra i partner. Fra questi, due protagonisti: la Messe Bremen – Fiera di Brema – e il Congress Center, affiancati da una pluralità di strutture ricettive di alto profilo.

Il panorama museale è oltremodo articolato e fra le collezioni meritano la Kunsthalle – uno dei più importanti scrigni d’arte del territorio –, il Focke Museum – 1.200 anni di vicende della città e della sua cultura in quattro edifici storici – e l’Überseemuseum, il Museo d’Oltremare, con i tesori riportati in patria dai commercianti della città. A Brema i riflettori sono puntati anche sugli eventi in calendario e nel contesto della musica la città tocca il suo apice con la Deutsche Kammerphilharmonie, formazione di livello mondiale. Non è da meno il teatro con un portavoce, il Theater am Goetheplatz, famoso per l’originalità delle sue messe in scena.

/ / / / /

Imbarcazioni storiche sul Weser La statua dei celeberrimi musicanti L’Universum Science Center Il famoso carnevale Il Bremer Theater

indirizzi a fine rivista

5

UN MARE DI SCIENZA Dall’aeroporto si raggiunge il cuore cittadino in dieci minuti di tram, poi si può ammirare tutta la bellezza di questa città tedesca caratterizzata dal fiume Weser, anima liquida che scorre nel cuore della metropoli e che ha decretato in passato il successo commerciale dell’antica città anseatica. L’atmosfera dei naviganti permea ancora Brema e riveste un fascino particolare lungo la Schlachte Embankment – la famosa passeggiata lungo il fiume – e nello straordinario ambiente marittimo della Città d’Oltremare: un tempo vecchio distretto portuale, oggi moderno quartiere ricco di animazione e attrattive. Oltre alla nautica, Brema palesa una spiccata predilezione per la scienza, come attesta il titolo di “Città della scienza” conferitole nel 2005. Imperdibile l’Universum Science Center, inaugurato nel Duemila, una singolare opera di architettura che consente di immergersi nell’universo del cosmo attraverso 250 opere esposte. Ma i successi high-tech di Brema non finiscono qui e spaziano dalla costruzione di navi e aerei alla realizzazione di stazioni spaziali. Come vivono, dormono, lavorano gli astronauti nel cosmo? La risposta risiede in un percorso post congressuale presso la Eads Space dove la meeting industry può ammirare il modulo Columbus, il contributo europeo della città alla Stazione Spaziale Internazionale Iss. COSMOPOLITA PER NATURA Dall’ingegneria le seduzioni di Brema conducono alla natura e a Botanika, un’avventura per i cinque sensi attraverso i segreti delle piante, seguendo le tracce delle culture dell’Estremo Oriente. Sempre nel contesto botanico, si segnala il Parco dei Rododendri, nel quale vi sono ben 680 delle mille specie di rododendri che crescono spontaneamente in tutto il mondo.

1 2 3 4 5

site inspection

LO SAPEVATE CHE…

■ La rinomata birra Beck’s è pro-

dotta a Brema? ■ Brema è la capitale tedesca del caffè? ■ Il Bremer Freimarkt è la terza festa popolare per importanza della Germania? ■ Il più grande carnevale europeo di samba si tiene a Brema?

■ La più ricca collezione di vini tedeschi è ospitata nella Ratskeller di Brema? ■ Le auto della Mercedes-Benz classe Sl, Slk, Clk, C e Glk, sono fabbricate a Brema? ■ Brema è considerata una delle maggiori sedi dell’industria aerospaziale tedesca?

01 2010 | 155


MC site inspection

destination

Glittering highlights

1

2

Engadin St. Moritz: il ritrovo del jet set internazionale, ma non solo! Anche e soprattutto un consorzio articolato in tredici località, un unico spazio nel quale ambientare congressi memorabili uce, spazio e sport. Un universo bianco articolato in 350 chilometri di piste L– disseminate in quattro aree sciistiche –

LUCIANA FRANCESCA REBONATO

3

156 | 01 2010

a disposizione della meeting industry che a St. Moritz, la più famosa località elvetica, trova la mecca dell’avventura e dello charme di montagna. Uno spaccato naturale nel quale incastonare eventi di alto profilo garantiti da centocinquant’anni di hotellerie esclusiva: nel firmamento di stelle delle strutture ricettive presenti sul territorio, infatti, e per un totale di 4.600 camere, oltre la metà ne vanta quattro o cinque, inequivocabile indizio del top level quality dell’accoglienza articolata in castelli, alberghi-museo e templi del benessere. Fra questi spicca il nuovo Mineralbad & Spa di Samedan, in Alta Engadina: disposto su tre piani e a firma di Miller & Maranta, è un labirinto di bagni e saune per una rigenerante remise en forme. I sette alberghi a cinque stelle del territo-


MC destination

rio aprono i battenti agli eventi con sale concepite per accogliere sino a cinquecento persone mentre icona delle sedi congressuali è il Centro Congressi Rondo di Pontresina, fra i più moderni della Svizzera e a una manciata di minuti di passeggiata dai più prestigiosi alberghi della località, che vanta sette sale – affiancate da tre foyer – affacciate sui ghiacciai del Roseg di cui una plenaria per cinquecento delegati. Indirizzi freschi di inaugurazione non mancano certo nel paradiso svizzero dove la neve è sempre ricca di contenuti glamour. È il caso dell’Event Igloo, la spettacolare, nuova location prossima alla stazione a monte del Muottas Muragl – famosa per essere la montagna più panoramica dell’Engadina –, un gioiello di neve e di ghiaccio al cui interno prendono vita seminari e workshop, presentazione di prodotti, aperitivi e serate gourmand, anche all’insegna della proverbiale fondue engadinese. Atmosfere autoctone perseguibili anche in altre “special mountain venues” con vista superba sulla vallata. ECLETTICA PER NATURA L’Engadina è un forziere di primati e di esclusività, un carosello di opportunità post congressuali che vedono, fra le numerosissime proposte, la Snow Night, in scena al Corvatsch. Ogni venerdì e sino alle due di notte la pista illuminata più lunga della Svizzera regala alla meeting industry discese mozzafiato, party sulla neve ed eventi straordinariamente cool. Le sorprese non finiscono qui. Un esempio? Corviglia: sulla montagna che sovrasta St. Moritz – dominata dai 3.057 metri del Piz Nair – si trova la discesa Paradiso, la prima pista Chillout della Svizzera. Tradotto, l’opportunità di “rilas-

site inspection

“FACTS & FIGURES” DELLA STAGIONE BIANCA

■ 350 chilomeri di piste a un’altitudine variabile tra i 1.750 e i 3.303 metri s.l.m. ■ 56 funivie e 7 cabinovie, 3 trenini a cremagliera, 19 seggiovie, 26 skilift ■ Piste: 88 discese di cui: 20% facili (18 discese, 70 km) 70% medie (61 discese, 245 km) sarsi” sciando con un sottofondo di musica Chillout, contemplando la natura intatta di uno dei più straordinari paesaggi alpini del mondo. Adrenalina pura, invece, per la pista di slittino di Muottas Muragl lunga quattro chilometri e duecento metri: venti curve, settecento metri di dislivello, un solo grande divertimento. Per appassionarsi a questo sport da spettatori basta includere nei percorsi post congressuali il Cresta Run di St. Moritz: lo spettacolare canale di ghiaccio festeggia quest’anno i suoi 125 anni con il tradizionale Cresta Run, evento in calendario dal 5 al 14 febbraio. Fra i numerosi appuntamenti previsti (www.engadin.stmoritz.ch/winter/it) spicca anche la St. Moritz Polo World Cup on Snow che surclassa di poco la fama delle White Turf, avvincenti gare di trotto e galoppo tra turbini di neve.

10% difficili (9 discese, 35 km) ■ 35 ristoranti sulle piste ■ 11 scuole di sport invernali ■ 150 chilometri di sentieri invernali ■ Piste da fondo: 195 km classico, 177 km Skating (in totale 235 km) ■ Pista da slittino: 4,2 km a Muottas Muragl, 700 m di dislivello

4

1 | Daniel Martinek 4 | Giancarlo Cattaneo 5 | Andrea Badrutt 6 | Christian Jäggi

indirizzi a fine rivista

5

6

01 2010 | 157


1

MC destination

site inspection

In mezzo

scorre il fiume Un incentive di lusso nel cuore d’Europa, cambiando in continuazione scenario ma senza lo stress degli spostamenti: è quanto promette una crociera fluviale. Noi l’abbiamo provata a bordo dell’esclusiva River Cloud ppena saliti a bordo della River Cloud, yacht di lusso promosso sul mercato A italiano da Cruising World, si viene accolti da un’atmosfera elegante e nostalgica che ci riporta indietro ai tempi del Gran Tour, quando le crociere fluviali erano il modo preferito dalla nobiltà per ammirare le perle del Vecchio Continente in maniera rilassata. Mobili in legno prezioso, pavimenti in teak, marmi policromi, lampade in lucidissimo ottone, tappeti pregiati abbelliscono non solo le aree comuni, ma anche le 39 cabine e le sei junior suite, tutti con ampie vetrate per ammirare la scenografia maestosa di cattedrali gotiche e castelli medioevali che scorre lentamente. Tra i diversi itinerari possibili, è di rara suggestione quello che naviga lungo il Reno e i canali di Olanda e Belgio e che, partendo da Amsterdam, tocca, tra le altre, Rotterdam, Anversa, Ghent. Da Amsterdam a Ghent: tra arte e canali

Se la capitale olandese è una destinazione Mice ormai consolidata e gli spunti che offre sono innumerevoli, le altre città dei Paesi Bassi sono invece scrigni di sorprese. A iniziare da Rotterdam, con la sua anima moderna e frizzante, e dalla vicina Den Haag – L’Aja, raggiungibile con un breve tragitto in pullman – dove è possibile organizzare una giornata che unisca momenti culturali, con la visita del Mauritshuis (il museo che ospita i più grandi capolavori fiamminghi, tra i quali la celebratissima Ragazza con l’orecchino di perla di Vermeer) e momenti di puro svago sulle chilometriche spiagge di Scheveningen. Per continuare con la bellissima Anversa, il cui cuore, un dedalo di viette adornate di nobili palazzi, è stretto intorno alla Grote Markt, la piazza centrale, su cui svettano l’imponente cattedrale gotica e la curiosa fontana del soldato romano Silvius Brabo, al quale – secondo una leggenda dai risvolti macabri – si

SIMONA P.K. DAVIDDI

2

01 2010 | 159


MC site inspection

destination

3

1, 2 e 5 / Il lusso raffinato della River Cloud 3 / L’antico porto fluviale di Ghent 4 / Il centro storico di Anversa

4

5

deve il nome della città. Per terminare con una delle stelle più luccicanti del firmamento belga, Ghent, un vero e proprio compendio di architettura fiamminga gotica e rinascimentale; una passaggiata lungo il Graslei, l’antico porto fluviale cittadino, da sola vale il viaggio: frontoni adornati di fregi, facciate finemente cesellate e portali maestosi si specchiano nelle acque del canale, che si dirama poi in più bracci, regalando scorci coreografici. Tornati a bordo dopo ogni escursione, non c’è proprio il tempo di annoiarsi: stando sul ponte si può fare una partita a scacchi giganti, allenarsi con la mazza da golf sul putting green o bere un tè, mentre la nave riparte e passa tra dighe e chiuse idrauliche – con tanto di momenti spettacolari, come quando la cabina di pilotaggio viene addirittura “abbassata” per poter passare sotto i bassi ponti –; sottocoperta si può, invece, rilassarsi in

palestra e poi in sauna; concedersi un massaggio; o ancora bere un aperitivo nell’elegante lounge bar allietati dal suono del pianoforte; o leggere un libro nella tranquilla e fornita biblioteca. Per quanti proprio non riuscissero a staccarsi mentalmente dall’ufficio, lo yacht dispone anche di un business corner con collegamento a Internet. TANTI PLUS FORMATO INCENTIVE La River Cloud è riservabile in esclusiva, per un massimo di novanta passeggeri, ai quali viene riservato un trattamento di primissimo ordine e assolutamente personalizzato dai 35 membri dello staff – basta un esempio: in men che non si dica, il personale di servizio avrà imparato il nome di ogni ospite, finezza rara persino nei migliori cinque stelle sulla terraferma. Infine, anche le proposte culinarie del ristorante sono all’insegna della raffinata eleganza: tra cristalli, porcellane e posate d’argento, viene servito un menù a cinque portate ispirato di volta in volta alle regioni che la nave attraversa, all’insegna della tradizione gastronomica locale rivisitata con abbinamenti originali – un esempio per tutti: capesante con mousse di tartufi – e accompagnata dai migliori vini della zona. Infine, trattandosi di Paesi Bassi, a bordo non possono mancare le biciclette, da noleggiare per personalizzare le escursioni a terra e trasformarle, magari, in piacevoli e avvincenti cacce al tesoro. indirizzi a fine rivista

160 | 01 2010


CENTRO CONGRESSI ~ 144 camere ~ Ristorante ~ sale banchetti l ’eleganza di un ambiente esclusivo lo stile di chi desidera il meglio

la scelta di chi non rinuncia al relax lo spirito di chi sceglie il benessere gli spazi dei grandi incontri

la magia dei momenti di gioia

il gusto di chi cerca la qualitĂ

A Accolti da g gente u unica a GVXXdgYdVjidhigVYVaZ7VhZciVcVEdiZcoV"-*&%%EDI:CO6PEOR>I6AN (.%.,&),''%) lll#eVg`]diZaediZcoV#Xdb


MC site inspection

destination

La Tunisia

gioca le sue carte Vicina all’Italia, con un ottimo rapporto qualità-prezzo, destinazione di grande suggestione, la Tunisia ha affascinato il Mice. Hammamet, Tunisi, Tozeur uniscono antiche tradizioni e modernità per il successo degli eventi l nuovo volo di linea Milano Tozeur, operativo da novembre 2009, apre al Imercato Mice italiano la prospettiva di

ASSUNTA CORBO

1

162 | 01 2010

organizzare congressi, incentive, eventi per il lancio di prodotti, team building e formazione in una venue stupefacente come il Sahara tunisino. Anche solo in un long weekend, senza transfer interni e quindi con un considerevole risparmio di costi e di tempo. Proprio in coincidenza con l’inaugurazione della nuova tratta è nata Tunisia Eventi, Dmc con sede a Rimini dedicata esclusivamente all’organizzazione di eventi in Tunisia. «Tunisia Eventi – spiega Nicoletta Pesci, titolare dell’agenzia – è nata anzitutto dalla nostra lunga frequentazione, conoscenza e passione per il Paese. Ma anche dalla constatazione che la Tunisia, come destinazione Mice, non ha certamente ancora realizzato tutte le sue potenzialità nel mercato italiano».

OBIETTIVO ITALIA L’Italia è il secondo partner commerciale della Tunisia, il secondo Paese nella ripartizione delle imprese tunisine a capitale straniero e il terzo Paese europeo, sebbene con pochissimo scarto dal secondo, in termini di presenze di turismo leisure. «Ma per quanto riguarda le presenze Mice – sottolinea Pesci – la destinazione si colloca al quinto posto, preceduta non solo da Francia e Germania, ma anche da Belgio e Svizzera. La nostra sfida è che questo gap possa colmarsi, grazie a una migliore comunicazione dei considerevoli atout della Tunisia come destinazione Mice e grazie al fatto che con Tunisia Eventi i buyer italiani possono disporre di un’organizzazione presente nel contempo in Italia e in Tunisia, che consente quindi di seguire “in casa” la progettazione dell’evento, avendo poi sul terreno referenti di lingua italiana». Tunisia Eventi opera infatti in network con due organizzazioni tunisine che


MC destination

site inspection

Il fascino del deserto, il blu cristallino del mare, il lusso di strutture alberghiere di alta gamma sono tra i plus che la Tunisia offre al Mice

2

lavorano in particolar modo per il mercato francese: Lovafrica, essa stessa di proprietà francese, con sedi a Korba (vicino Hammamet) e a Djerba, che cura le operazioni sul terreno, e The Green Travel, tour operator con sede a Tozeur, specializzato in circuiti nel deserto, che cura i transfer per tutto il territorio tunisino. I PLUS DELLA TUNISIA In un mercato Mice più selettivo e più fortemente orientato al rapporto qualitàprezzo la Tunisia ha molte carte da giocare. È il Paese extra europeo più vicino all’Italia, raggiungibile rapidamente. Una destinazione dai costi ragionevoli che, dal mare al deserto, offre una rilevante varietà di location assieme a un cocktail di elementi esotici e moderni dal quale deriva una mescolanza di generi di grande fascino. Per esempio Hammamet e Tunisi, destinazioni congressuali per eccellenza, offrono insospettate possibilità per l’incentive e il team building: Hammamet per il suo entroterra, dove ci sono autentici villaggi berberi che pochi conoscono; Tunisi per alcune parti della città, come l’immensa Medina, nelle quali il tempo sembra essersi fermato, oppure per località semplicemente incantevoli, come Sidi Bou Said. La più conosciuta Tozeur, oasi del Sahara Tunisino, viene da sempre associata all’incentive, ma, in realtà, è anche un’ec-

cellente destinazione congressuale. Le atmosfere che vi si respirano contribuiscono a conferire agli eventi quella memorabilità che è il primo obiettivo di qualunque investimento Mice, e che viene supportata da venue di forte impatto. La destinazione offre alberghi con architetture da mille e una notte, con capacità di accoglienza per tutti i gusti e servizi business ultramoderni, o venue a cielo aperto, come il deserto, in cui Tunisia Eventi è in grado di organizzare, anche per grandi gruppi, ospitalità in tende climatizzate e lavori congressuali con tutti i supporti tecnologici. Che si tratti del deserto o dell’albergo più lussuoso, per garantire una qualità adeguata ai più alti standard europei Tunisia Eventi e i suoi partner agiscono come “padroni di casa”con i service e le strutture con cui lavorano, curando e controllando direttamente, e senza filtri, tutti gli aspetti organizzativi degli eventi. indirizzi a fine rivista 1, 2 | Nicoletta Pesci


MC site inspection

destination

Dove tutto è possibile

1

Un po’ “Mille e una Notte” e un po’ Fantasyland: Dubai è in grado di affascinare anche il Mice più esigente con sorprese mai scontate e, soprattutto, senza porre alcun limite all’immaginazione SIMONA P.K. DAVIDDI

are un’immersione nelle calde acque cristalline del Golfo Persico e subito F dopo una sciata sottozero, per poi rilassarsi un po’ andando per negozi nel più grande shopping center del mondo e infine concludere la giornata sul dorso di un cammello nel deserto, cenando in un accampamento beduino. Tutto in un

2

giorno. Tutto senza la necessità di alcun trasferimento. Sono solo alcune delle attività che hanno reso Dubai famosa e gettonata tra le destinazioni Mice, settore per il quale il sontuoso emirato sembra avere una vocazione naturale, oltre a un’attenzione particolare, implementando in continuazione non solo l’offerta alberghiera top di gamma ma anche e soprattutto le opportunità di attività post congress fuori dal comune. HÔTELLERIE A SETTE STELLE Protagonista indiscusso del panorama alberghiero dell’emirato, nonché del suo skyline, è l’avveniristico Burj al Arab, la celeberrima “vela” a sette stelle che emerge dal mare, un trionfo del lusso arabo con le sue 202 suite – la Presidential di ben 780 metri quadrati – e con una proposta gastronomica praticamente infinita, tra cui spicca Al Mahara, considerato tra i migliori ristoranti di pesce del

164 | 01 2010


MC destination

3

mondo, dove si cena letteralmente circondati da un acquario immenso. Ed è un acquario la nota distintiva di un’altra stella del firmamento di Dubai, l’imponente Atlantis The Palm, che troneggia come una corona sul limitare della prima delle isole artificiali a forma di palma – The Palm Jumeirah, appunto – realizzate rubando terraferma al mare; tra i not-to-miss dell’albergo, che dispone di 1.539 camere e 13 sale congressi, le suite “affacciate” sull’acquario, per addormentarsi guardando squali-balena e mante volteggiare nel blu. Nuovissimo punto di riferimento non solo alberghiero, ma vera e propria, avveniristica, star dello skyline dell’emirato è il Burj Dubai, la torre più alta del mondo con i suoi 828 metri, al cui interno ha sede l’Armani Hotel, personalmente curato fin nei dettagli dal grande stilista: 160 lussuosissime camere, diversi ristoranti (immancabile un autentico italiano) e un centro congressi con importanti spazi indoor e outdoor. Un ultimo indirizzo dell’infinita schiera di hotel di lusso di Dubai è degno di menzione, soprattutto per la sua offerta gastronomica, si tratta di The Palace, centralissimo cinque stelle affacciato direttamente su un’enorme fontana che di notte si trasforma in un

site inspection

4

pirotecnico palcoscenico dove si “esibiscono” centinai di zampilli danzanti a suon di musica. E per congressi dai numeri imponenti, il Dubai Convention and Exhibition Centre, modernissimo centro congressi nato nei pressi del Dubai World Trade Centre, dispone di spazi espositivi per 60mila metri quadrati e sale versatili e completamente trasformabili, la principale delle quali si estende su una superficie di oltre settemila metri quadrati.

1 / The Palm Jumeirah 2 / Il tramonto nel deserto: uno spettacolo da non perdere 3 / Lo svettante Burj Dubai 4 / Il cuore antico dell’emirato 5 / Il suggestivo Burj al Arab

5

MARE, NEVE E… DESERTO Accanto a un’offerta alberghiera davvero degna di emiri e sceicchi, anche le proposte per l’incentive e per i momenti post congress sono all’insegna dell’esclusività e della varietà. A iniziare dagli sport acquatici per quanti desiderino una pausa rilassante; per continuare con la possibilità di fare una sciata in piena regola – passando in un batter d’occhio dai 35 gradi della temperatura media all’esterno ai –3 costanti all’interno del complesso sciistico – con tanto di seggiovia e pista a due varianti; per terminare con un impressionante volo in idrovolante sfiorando i grattacieli di Dubai e ammirandone dall’alto l’architettura scintillante che si rispecchia nel

01 2010 | 165


MC site inspection

destination

6

7

8

9

6 / Il geometrico interno del Burj al Arab 7 / I grattacieli di Dubai visti dall’alto 8 e 10 / Il deserto, tra sorprese ed emozioni 9 / Il famoso Ski Dubai, per gli irriducibili dello sci

mare e il deserto infinito che li circonda. E a proposito di deserto, per dare al viaggio un tocco sognante da “Mille e una notte” non può mancare un’escursione alla scoperta dei misteri del mare di sabbia, scegliendo come mezzo di trasporto moderne quattro per quattro con le quali fare rocambolesche acrobazie su e giù dalle dune, oppure tranquilli cammelli, in sella ai quali assaporare la lentezza che consente di osservare fino al più piccolo particolare del paesaggio. Per il tramonto, una “lounge” improvvisata a cielo aperto con preziosi tappeti e sug10

gestive torce, è il posto giusto da dove guardare la palla infuocata scomparire all’orizzonte sorseggiando champagne, per poi arrivare, insieme al comparire delle stelle che rendono magica la notte nel deserto, all’accampamento beduino dove, tra danzatrici del ventre e fumatori di narghilé, si potrà assaggiare la più vera e gustosa cucina araba. Portando poi a casa con sé, a fine serata, uno splendido tatuaggio all’henné, reminder perfetto da sfoggiare una volta tornati in Italia. UN FUTURO IN EVOLUZIONE E se lo skyline di Dubai è in continua metamorfosi – basta confrontare una foto scattata appena un paio d’anni fa con una attuale per accorgersi di quanto velocemente stia crescendo e si stia trasformando il ricco emirato – lo è anche l’estensione del suo territorio, al quale si aggiungeranno la miriade di isolotti conosciuti come The World, già in fase di ultimazione, e altre due “palme”, sulle quali troveranno posto nuove strutture alberghiere e abitazioni di lusso. Infine, sul versante entertainment, è degna di nota la creazione di Dubailand, una vera e propria città dei divertimenti, estesa su 279 chilometri quadrati, la cui inaugurazione dovrebbe avvenire nel 2015. Simona P.K. Daviddi indirizzi a fine rivista

166 | 01 2010


1

MC special destination

site inspection

Olbia, 2010 avanti tutta Da tappa di passaggio per la meeting industry diretta in Costa Smeralda a vera e propria attrattiva in grado di soddisfare il congressuale più esigente: si accendono i riflettori su Olbia lbia si è rifatta il look e nell’ottica del piano strategico di cui si è recenteO mente dotata sta vivendo una nuova stagione. Sono poche le città che, nel territorio nazionale, hanno cambiato faccia così rapidamente e in così breve tempo: a iniziare dalla riqualificazione della viabilità e dell’arredo urbano per culminare con il sistema delle infrastrutture che ha svolto un’intensa attività di marketing e di politiche commerciali generando ricadute positive sui flussi di turismo business e leisure. ROTTE DI BUSINESS Nel giugno del 2009 è stato inaugurato il nuovo terminal dell’Aeroporto Olbia Costa Smeralda che palesa la funzionalità tipica di un’aerostazione, la raffinatezza di un edificio di rappresentanza e l’eleganza di un club esclusivo, il tutto sapientemente amalgamato da caratteri-

stiche architettoniche originali e armoniose ben integrate con il territorio circostante grazie anche all’uso di materiali e di vegetazione tipici della Sardegna. Tre i livelli della struttura, di cui un piano terra di duemila metri quadrati nei quali si trovano uffici, spazi operativi e commerciali, aree di attesa per passeggeri ed equipaggi. Al primo piano si aggiungono ulteriori 1.100 metri quadrati con tanto di fitness center, solarium, centro benessere, ristorante e business center, mentre al piano interrato vi sono 2.200 metri quadrati destinati a depositi e laboratori. Il nuovo terminal - uno dei più grandi dell’Aviazione Generale d’Europa – ha chiuso la prima fase del piano di sviluppo 2006-2020 della Geasar e l’aeroporto Olbia Costa Smeralda si configura ora come uno dei maggiori aeroporti della Sardegna e con una posizione strategica: a cinque minuti dal centro di Olbia e dalle principali arterie stradali per Sassari,

LUCIANA FRANCESCA REBONATO

2

01 2010 | 169


MC site inspection

special destination

3

5

4

NEW ENTRY E NEW RESTYLING

Doubletree by Hilton Olbia**** www.doubletreebyhilton.com Inaugurazione primavera 2010 Jazz Hotel**** www.jazzhotel.it Dal luglio 2009, nuova venue business a Olbia Hotel For You**** www.hotelforyou.it Aperto nel 2009, è situato nel centro storico di Olbia

1 2 3 5

/ Il vecchio faro nel golfo di Olbia e 4 / Il mare è protagonista in Sardegna / La basilica di San Simplicio / Il Doubletree by Hilton Olbia

170 | 01 2010

Hotel Panorama**** www.hotelpanoramaolbia.it Completamente rinnovato nel 2009 Sardegna Convention Bureau Via Sonnino, 58 09125 - Cagliari tel. +39 070 344080 fax +39 070 344637 www.sardegnaconventionbureau.com info@sardegnaconventionbureau.com

Nuoro e Cagliari. Venti di novità soffiano anche sul waterfront dove è stato inaugurato, sempre nel 2009 e nel mese di maggio, il porto turistico “Marina di Olbia”, un approdo per 270 imbarcazioni fino a una lunghezza massima di 70 metri.? Realizzato con un investimento di 15 milioni di euro, il nuovo scalo turistico della Gallura – a meno di un chilometro dall'aeroporto Costa Smeralda –sarà completato entro il 2010 e prevede la realizzazione di una club house, di un ristorante e degli alloggi per gli equipaggi delle imbarcazioni che sceglieranno Marina di Olbia quale base invernale.

ESPANSIONE RICETTIVA Il processo di ammodernamento ha interessato anche il settore ricettivo con la riqualificazione delle strutture alberghiere più dinamiche e con nuove aperture guidate da catene internazionali. In quest’ottica approda a Olbia il primo Hilton in Sardegna, il Doubletree by Hilton Olbia, a pochi passi dalla via principale della località: aperto tutto l’anno, l’albergo verrà inaugurato nella primavera 2010. Il perfetto connubio tra la magia dell’isola e la professionale accoglienza offerta da Hilton garantiranno circa trecento metri quadrati di sale meeting illuminate con luce naturale e provviste di tecnologia di ultima generazione: lo scenario ideale per incontri di lavoro, congressi e convention cui si affiancherà una pluralità di attività incentrate sul mare, dallo yacht al veliero passando per la vela. La parola d’ordine del Doubletree by Hilton Olbia sarà “destagionalizzazione”: una struttura perfetta per il business e il congressuale, ma che aprirà i battenti anche al leisure. Per i soggiorni a tutto relax della meeting industry, per esempio, che qui troverà un fitto calendario di attività golfistiche durante il periodo invernale e, in estate, le seduzioni pelagiche della spiaggia di Pittolongu, collegata al Doubletree by Hilton Olbia con un comodo servizio navetta privato. 1, 2, 4, 5 | Doubletree by Hilton Olbia-Sardinia 3 | www.olbialive.it


Le solite location non ti emozionano piĂš?

Scegli Mantova e il suo nuovo

Centro Congressi Un Auditorium da 400 posti 12 sale attrezzate ad alta tecnologia Capienza complessiva di oltre 800 posti Impianto wireless per traduzione simultanea in 4 lingue Emissione e registrazione integrale audio e video PossibilitĂ di videoconferenze e streaming audio

www.mantovamulticentre.com


MC news persone

ROBERTO NALDI HOTELS CHIAMA FRANCA FACCINI

Roberto Naldi Hotels ha chiamato Franca Faccini come vice direttore del Parco dei Principi Grand Hotel & Spa di Roma (www.parcodeiprincipi.com). Nata e cresciuta professionalmente in una grande multinazionale dell’ospitalità, Franca Faccini (foto) ha accettato questa nuova sfida con entusiasmo e determinazione. Nel 1980 entra, quasi per caso, a far parte dell’ufficio vendite del resort siciliano Città del Mare. Torna a Roma nel 1982 per entrare nell’ufficio vendite di Ciga come office manager. Intanto, negli anni, la multinazionale cambia nome e volto arrivando a diventare l’attuale colosso dell’hôtellerie Starwood. Franca Faccini si occupa prima di gruppi ed eventi come product manager al Grand Hotel e diventa poi rooms revenue manager al Westin Excelsior & St. Regis Grand Roma dopo la riapertura di quest’ultimo. La lunga collaborazione termina nel 2009, proprio con questa nuova posizione.

partner

ALESSANDRA BOIARDI

PIETRO MENNELLA DIRIGE L’ALDROVANDI RESIDENCE CITY SUITE Pietro Mennella (nella foto) è il nuovo general manager del lussuoso e storico Aldrovandi Residence City Suites, in zona Parioli a Roma. Nel suo ruolo, Mennella, avrà la responsabilità di creare nuovi segmenti di mercato e nuove strategie di marketing, ottimizzare i servizi e i profitti e dare un nuovo impulso alla strategia aziendale. Nato a Napoli, il nuovo Gm ha già alle spalle una ventennale esperienza nel mondo dell’hôtellerie. Dopo gli studi e diverse esperienze in Svizzera e Inghilterra in alberghi di fama internazionale, a 25 anni è già capo ricevimento del complesso alberghiero Garden~Siena Inns, a 27 sales manager e a 29 diventa executive director. Successivamente si trasferisce a Calgary, Canada, per ricoprire incarichi di responsabilità in alberghi extralusso. Dal 2003 ricopre la carica di room division manager al Grand Hotel Ritz, e dal 2004 al 2008 lavora all’ambasciatori Palace Hotel di Via Veneto, prima come reception manager, poi revenue manager e

infine deputy manager. Alla fine del 2008, è a Fiumicino come direttore di un importante complesso alberghiero per il rilancio commerciale della struttura e successivamente ritorna a Roma come deputy manager nella prestigiosa Silver Hotels Collection all’Hotel Mascagni.

CATIA MANDUCHI DIRIGE IL CONVENTION BUREAU DI SAN MARINO È Catia Manduchi il direttore del Convention Bureau di San Marino, ufficialmente costituito a metà 2009. La Manduchi (nella foto durante un discorso), riminese, laureata in Lingue e letterature straniere moderne, già dagli anni dell’università inizia ad occuparsi prima di turismo, poi di congressuale e infine di catering e gestione alberghiera. Dal 2000 al 2004 è director sales & marketing di un importante albergo di Rimini appartenente a una catena internazionale, da gennaio 2005 managing director e amministratore delegato di riminincentive.it, prima Destination Management Company riminese. Nel 2006 ha conseguito la certificazione con il Convention Industry Council ed è Certified Meeting Professional, è membro di MPI (Meeting Professionals International), Site (Society of Incentive Travel Executives) e Gmic (Green Meeting Industry Council). Alla guida del Cb, il neo direttore perseguirà gli obiettivi di promuovere e commercializzare la destinazione e di dedicarsi al costante miglioramento dei servizi e dell’offerta.

| 01 2010 | 173


MC partner

news persone

FLUCKIGER AL RADISSON BLU ES HOTEL ROMA Si chiama Andreas Fluckiger il nuovo general manager di Radisson Blu es Hotel Roma, raffinato hotel di design nel cuore della capitale. Svizzero di nascita, Fluckiger (nella foto) vanta una lunga e prestigiosa carriera in compagnia iniziata in Kuwait e proseguita in altre illustri città come Dubai, dove è rimasto per gli ultimi quattro anni come direttore generale.

NOVITÀ PER LO STAFF DI SICILIA CONVENTION BUREAU

Daniela Marino, direttore commerciale dello Sheraton Catania dal 2007, è dall’11 gennaio in forza al Sicilia Convention Bureau (www.siciliaconvention.com). Dopo quasi dieci anni nell’hôtellerie, affiancherà Tobia Salvadori nella commercializzazione e promozione del brand Sicilia in Italia e all’estero, contribuendo così alla strategia di consolidamento dell’immagine della Sicilia congressuale. «Una siciliana doc con un’esperienza decennale nel settore, la sua profonda conoscenza del territorio e degli operatori siciliani saranno utili al Sicilia Convention Bureau. Adesso la Sicilia può contare su una squadra che racchiude tutte le professionalità necessarie per una promozione e commercializzazione ideale» ha commentato il direttore generale Maja de’Simoni.

174 | 01 2010 |

Arricchiscono di particolare nota il curriculum di Fluckiger significative esperienze che l’hanno visto protagonista in varie città del mondo. Questa sua flessibilità nell’accettare nuove sfide e disponibilità nei trasferimenti, l’hanno portato sia ad avere una profonda conoscenza del mercato internazionale sia alla conoscenza di otto lingue perfettamente parlate.

GUZZARDI GUIDA DUE PRESTIGIOSE STRUTTURE ROMANE Giacomo Guzzardi approda alla guida del Visconti Palace Hotel e dell’Hotel Capo d’Africa, di Roma. Comune denominatore una strategia chiara e precisa in continuità con il management precedente, già attivata sul breve e medio periodo e basata su tre punti chiave: l’alta qualità del servizio, il potenziamento della visibilità e della fruibilità online, le risorse umane. «Rafforzeremo la cura del dettaglio: il customer care diventerà ancora più attento alla clientela individuale e congressuale che rappresenta il nostro target di riferimento» afferma Giacomo Guzzardi. «Il mercato cambia e si trasforma continuamente – precisa il nuovo general manager – e la segmentazione è sempre più sfumata e passa per Internet in alte percentuali. Ritengo quindi cruciale in questo momento storico focalizzarci anche sull’acquisizione di clientela attraverso il canale online. Da questa considerazione partirà la rivisitazione dei siti web del Visconti e del Capo d’Africa, per renderli ancora più customer oriented».

A MILANO IL NUOVO CONSOLE DI NORVEGIA Carlo Clavarino è il nuovo console generale di Norvegia. Attualmente è country manager del Gruppo Aon in Italia e amministratore delegato di Aon Spa e Aon Italia Spa, presso cui è responsabile di oltre tremila dipendenti. Tra le altre cariche, Clavarino ricopre anche quella di vice presidente della Fondazione Milano per Expo 2015 e di presidente della Società Autostrade per la Lombardia Spa (Gruppo Ferrovial). Una personalità illustre insomma, per rappresentare la Norvegia, un Paese dai tanti appeal, meta perfetta per un incentive che punta non solo a scoprire le tante bellezze naturali, dagli arcipelaghi ai fiordi e alle aree di montagna, alcuni inseriti nell’elenco del Patrimonio Mondiale Unesco, ma anche la cultura, il design e la gastronomia.


MC news persone

partner

NUOVO DIRETTORE PER TOURISM MALAYSIA IN ITALIA Mohd Faharuddin Hatmin (nella foto) è stato nominato direttore dell’Ente del Turismo della Malesia in Italia. Il neodirettore ha iniziato a lavorare per Tourism Malaysia nel 2001 come assistant director of management division fino al 2006, quando è stato chiamato a

ricoprire il ruolo di senior assistant director all’interno della convention division. Prima di arrivare in Italia, ha ricoperto per due anni il ruolo di deputy director presso Tourism Malaysia nello stato di Johor. Ha commentato sulla sua nomina: «Il mio compito sarà quello di continuare a portare avanti le attività pianificate in Italia e apportare tutta la mia esperienza del settore turistico, e in particolare della mia terra d’origine, ricca di angoli ancora non raggiunti dal turismo».

GIACOMO BILLI ALLA GUIDA DEL FIRENZE CONVENTION BUREAU Giacomo Billi, assessore al Turismo della Provincia di Firenze (nella foto), è il nuovo presidente del Firenze Convention Bureau. Lo ha deliberato, durante l’assemblea dei soci del Cb, la Provincia di Firenze come socio di maggioranza, che ha anche nominato il vicesindaco di Firenze Dario Nardella e il presidente della Camera di Commercio Industria e Artigianato di Firenze Vasco Galgani come consiglieri. Firenze Fiera ha designato il proprio presidente, Carlo Bossi, mentre gli altri soci hanno confermato l’albergatore Gianni Caridi. Il nuovo consiglio d’amministrazione resterà in carica per tre esercizi, sino all’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2011, che dovrà avvenire, tramite riunione dell’Assemblea dei soci, entro il 30 aprile 2012.

NUOVO SALES AND MARKETING DIRECTOR AL CCIB

Il Barcelona International Convention Centre (Ccib, www.ccib.es) ha nominato Carolina García Serra nuovo sales and marketing director. Il nuovo direttore ha una lunga esperienza nel settore della meeting industry, lavorando nella divisione Mice di importanti realtà come Tui Spain e Ultramar Event Management, e partecipando in prima persona all’organizzazione di manifestazioni internazionali come Eibtm e il Mobile World Congress. Nel suo nuovo ruolo, si occuperà dei rapporti con i clienti, delle nuove strategie e di new business.

| 01 2010 | 177


MC partner

agency

Cisalpina Tours guarda al futuro Nuovo assetto societario, immagine coordinata rinnovata e nuova campagna advertising. Cisalpina Tours porta il valore dei suoi quarant’anni di attività all’interno del Gruppo Blu Holding per guardare al futuro con maggiore consapevolezza

ASSUNTA CORBO

isalpina Tours apre le porte a una nuova era senza dimenticarsi il passaC to. Da circa quarant’anni l’azienda occupa una posizione di rilievo nel panorama nazionale del business travel. Il cambiamento impresso nel nuovo corso, che vede l’azienda all’interno del Gruppo Blu Holding, punta a un ulteriore sviluppo e consolidamento della leadership nel settore. «Il nuovo assetto organizzativo consentirà una maggiore focalizzazione sullo sviluppo del core business aziendale e, soprattutto, una superiore velocità di esecuzione con chiari vantaggi, – dichiara

Marco Ficarra, amministratore delegato del Gruppo Blu Holding – mi riferisco alla ricerca di sempre più elevati livelli di soddisfazione dei clienti acquisiti, a una ricerca continua di maggiori livelli di efficienza e al consolidamento delle nostre collaborazioni internazionali». UNA NUOVA IMMAGINE L’azienda, infatti, è shareholder del gruppo Radius Global Travel Solutions. «Visto lo scenario economico attuale è difficile avanzare ipotesi realistiche su quanto le aziende ritengano di investire nei servizi di business travel» continua Ficarra. «Siamo però convinti che in un momento incerto come quello attuale le aziende cerchino partner in grado di garantire loro la miglior qualità alle migliori condizioni». Forte di questi nuovi impulsi positivi, Cisalpina Tours ha deciso di comunicare al mercato con una nuova immagine coordinata e una nuova campagna stampa. Il restyling del brand è stato pensato per comunicare in modo incisivo un segnale di rinnovamento pur senza dimenticare la strada percorsa nei precedenti quarant’anni di attività. Il pay-off


MC agency

partner

“Affari in viaggio” esplicita il core business aziendale sottolineando separatamente i concetti di affari e viaggio che possono essere riferiti a chi acquista viaggi aziendali, al fruitore finale dei servizi stessi e alla finalità della trasferta: “Il viaggio come opportunità di business”. I valori storici comunicati con la nuova immagine coordinata rafforzano di certo l’impulso positivo del nuovo corso aziendale con la campagna stampa pensata per comunicare in modo ironico, e fuori dagli schemi classici dell’advertising di settore, i vantaggi di un viaggio con Cisalpina Tours. UN NUOVO CORSO «La campagna rappresenta un punto di rottura rispetto al passato ed è uno degli effetti del nuovo corso societario» dichiara Ficarra. «Vogliamo trasmettere un modo fresco e originale di stare sul mercato oltre a comunicare un’organizzazio-

ne che, crescendo, si è saputa rinnovare. Siamo passati da un sistema legato a logiche prevalentemente verticistiche a un approccio più manageriale basato sulla valorizzazione di nuove e diverse competenze e conoscenze distribuite anche ad altri livelli dell’azienda. Il nostro passato è un valore che ci teniamo stretto, fatto di successi e di una crescita che non ha avuto battute di arresto. Il futuro lo interpretiamo, quindi, in una logica di continuità dei risultati guidandolo con maggiore coerenza dal momento che operiamo in un contesto sempre più competitivo. L’obiettivo è di consolidare la leadership sul mercato di riferimento». Tra i progetti strategici del Gruppo Blu Holding figura lo sviluppo dell’area Incentive e Gruppi. Con il nuovo assetto societario sono stati integrati, infatti, i reparti dedicati a queste attività che facevano capo rispettivamente al Business Travel di Cisalpina Tours e al leisure di Bluvacanze. «La nuova divisione fa leva su risorse specializzate sia dal punto di vista commerciale sia operativo per rispondere alle esigenze delle numerose aziende che si appoggiano a noi per la gestione di meeting, incentive, gruppi e convention» sottolinea Ficarra. Il nuovo reparto si occupa di gestire iniziative di ogni genere: dai meeting aziendali a grandi eventi come l’organizzazione del Giro d’Italia che Cisalpina Tours ha gestito negli ultimi anni.

Nella foto qui a sinistra, Marco Ficarra, amministratore delegato del Gruppo Blu Holding. Nelle altre immagini, alcune delle strutture proposte da Cisalpina Tours

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 179


MC partner

agency

Emozioni su misura Elation, brand di Wish Days, è in grado di proporre un numero incredibile di eventi e di esperienze che possono soddisfare ogni tipo di desiderio (aziendale) per una perfetta attività di incentivazione e fidelizzazione

FABIO ALCINI

mozioni su misura: può sembrare uno slogan fatto apposta per catturare l’atE tenzione. Eppure è proprio ciò che è in grado di fornire Elation: momenti speciali. Una degustazione nelle migliori cantine, un massaggio nei migliori centri benessere, una cena esclusiva, un corso di cucina, la guida di un’auto di Formula Uno… Questi sono soltanto alcuni degli esempi possibili fra le innumerevoli esperienze che Elation, brand della società

180 | 01 2010 |

Wish Days, è in grado di proporre. Con numeri di tutto rispetto: sono infatti oltre quattromila, e in continua crescita, le esperienze rigorosamente studiate e selezionate per soddisfare i desideri e realizzare i sogni dei clienti di Elation. Con pacchetti per tutti i gusti e le tasche in grado di offrire momenti di relax o di adrenalina pura, sempre all’insegna dell’originalità. MOMENTI SPECIALI Come quando ci si siede in un ottimo ristorante, già sfogliare il menu di ciò che si potrà gustare anticipa in parte il piacere della cena. Allo stesso modo si può consultare l’elenco infinito delle proposte di Elation dedicate all'incentive aziendale e composte da: esperienze regalo, team building e concorsi a premi. Nel primo caso le esperienze sono fruibili singolarmente tramite il voucher oppure con gli Scrigni delle emozioni, esclusivi cofanetti regalo che permettono al destinatario di scegliere un’esperienza tra le innumere-


MC agency

voli proposte all’interno. Regali che le aziende possono utilizzare per premiare o omaggiare clienti, fornitori prospect o dipendenti. Ci sono diciotto cofanetti diversi, per permettere la più ampia scelta ai destinatari. Oppure ci sono i Voucher regalo, che offrono la scelta tra migliaia di possibilità (a partire da venti euro) in tutte le città italiane, per lasciare il segno con un’emozione. Alcune esperienze Elation sono poi studiate appositamente per i Team Building: una serie di eventi unici per uscire decisamente dall’ordinario. Ma anche chi non è a caccia di avventure estreme, può trovare in Elation un solido partner da abbracciare: l’offerta di relais di charme dove rifugiarsi per qualche giorno, di spa dove rigenerarsi, di vacanze all'insegna delle coccole e della cura dei particolari sono tra le offerte di Elation. Anche lo stomaco è molto ben trattato dai professionisti dell’agenzia: organizzare emozioni in raffinati templi del gusto, oppure itinerari alla scoperta dei segreti dell'universo del sapore sarà un gioco da ragazzi golosi. Altre opportunità giungono dal mondo dei motori: la più significativa selezione di esperienze sulle due e quattro ruote, in tutta Italia. E se le ruote non bastano, ecco le ali: un’accurata selezione di discipline che permettono di accostarsi e praticare in prima persona l'arte del volo, con aerei moderni e classici, con elicotteri o mongolfiere. Ma anche i mondi dello sport e dell’arte non hanno segreti per Elation, una serie di proposte di altissimo livello che hanno già convinto importanti clienti. Il brand, infatti, da sempre offre alle principali realtà del mercato una serie di pacchetti ideali per le raccolte punti e i concorsi a premi, tutti personalizzabili in base alle esigenze del cliente. Hanno già scelto i servizi Elation aziende come Sky, eBay, Esso, H3G, Unicredito, Popolare di Milano, Reale Mutua, Edison, Edipower, Diesel, Allianz, Heineken, Candy, Bennet, Gruppo Poste Italiane, nonché numerosissime piccole e medie imprese. Un esempio su tutti il recente concorso del Fantascudetto di Sky.it che mette in palio viaggi per assiste-

re alle partite di Manchester United, Arsenal, Barcellona o Real Madrid nei loro stadi storici o la possibilità di avere una scarpa da calcio personalizzata. Altro plus in questo ambito è la possibilità, per le aziende che scelgono Elation, di mettere a disposizione dei propri clienti, senza costi aggiuntivi, Elation Lip (Loyalty & Incentive Platform), piattaforma tecnologica avanzata completamente personalizzabile per la gestione on e off line di iniziative promozionali, cataloghi a punti, focalizzati sui premi esperienziali e sul tempo libero.

partner

Aerei moderni o classici, mongolfiere, deltaplani, gommoni: qualsiasi mezzo di trasporto la fantasia possa suggerire diventa un’esperienza indimenticabile con Elation. Nalla pagina accanto, Andrea Dusi, l’amministratore delegato di Elation

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 181


MC partner

agency

Un anno in controtendenza Nonostante i segnali di crisi del mercato congressuale FASI si prepara a iniziare un anno all’insegna di importanti appuntamenti. Professionalità e totale dedizione al cliente sono sempre le parole chiave vincenti ilancio decisamente positivo quello appena conclusosi nel 2009 per F , B l’agenzia romana che da oltre vent’anni

BEATRICE GOLFIERI

ASI

1 / Annarita Pazzaglini, division director 2 / Fabrizia Rossetti, amministratore delegato 3 / Lo staff FASI al completo

1

2

182 | 01 2010 |

primeggia nel panorama congressuale nazionale e internazionale. Altrettanto promettenti le premesse per un 2010 che si annuncia ricco di eventi: da un lato i clienti cosiddetti di “lunga data”, quali il mondo odontoiatrico universitario, rappresentato anche dal collegio dei docenti di odontoiatria, che ha stipulato un contratto per l’organizzazione di numerosi eventi per i prossimi anni; dall’altro si sono aggiunte società scientifiche importanti, quali la società italiana di Nefrologia che ha scelto FASI per la gestione del proprio ufficio stampa. «Crediamo che la nostra capacità di organizzare eventi di successo – commenta il managing director Annarita Pazzaglini – sia il risultato di una competenza maturata sul campo in anni di esperienza, attraverso l’elaborazione di una serie di progetti e di un connubio di professionalità tutte al femminile. Abbiamo organizzato oltre mille eventi, spaziando in tutti i settori e in tutto il mondo. Per l’affidabilità e la competenza, conquistiamo e manteniamo ogni giorno la piena fiducia dei nostri clienti 3

che possono essere certi che il loro congresso o evento sarà seguito con la massima cura e precisione». Tra gli appuntamenti più importanti da segnalare la giornata mondiale del Rene, che si svolgerà il prossimo 11 marzo in tutta Italia. Per quest’ultima manifestazione FASI ha individuato in Federica Pellegrini la testimonial della campagna di comunicazione. La campionessa di nuoto, da sempre sensibile a queste iniziative sociali, ha sposato con entusiasmo la causa e il suo spot sarà distribuito su un gran numero di emittenti radiofoniche e televisive. «Oltre al know-how, dietro ai nostri successi c’è la dedizione del nostro staff, in continuo aggiornamento e sempre attento alle esigenze del cliente, afferma Pazzaglini. «Siamo fermamente convinte che instaurare un rapporto di qualità con i clienti, basato sulla perfetta comprensione delle loro aspettative e dei loro obiettivi, si traduca in una partnership di reciproco vantaggio. Il nostro staff sa dare sicurezza e mette a proprio agio i clienti. Qualità, versatilità e affidabilità sono i tre valori fondamentali di FASI». indirizzi a fine rivista


hôtellerie couture L’incanto di inizio secolo rivive in ogni dettaglio dell’ Excelsior Palace. Dentro la fresca, intramontabile eleganza, fuori il profumo dei gelsomini e del Mediterraneo. 5 stelle Lusso ed oltre 100 anni di esperienza per indimenticabili soggiorni.

Via San Michele di Pagana, 8 - 16035 Rapallo - Tel. 0185 23 06 66 - Fax 0185 23 02 14 - excelsior@thi.it - www.excelsiorpalace.thi.it


MC agency

partner

Il cliente prima di tutto Thanks Agency è il tramite tra un’azienda e il mondo esterno: si occupa di customer care, motivazione del personale e marketing strategico, elaborando sorprese volte a sollecitare l’attenzione e trasformare la percezione che il cliente ha dei servizi offerti unica risorsa che ha un’azienda per crescere è puntare sulla sua straordiL’ narietà. Lo straordinario è ciò che emerge dal consueto, che fa parlare di sé. Il marketing di Thanks Agency, società con sede a Iseo, in provincia di Brescia, è il marketing dello straordinario, l’arte di creare servizi attraverso elementi unici e idee originali. Il suo impegno è rivolto a travolgere il cliente, non solo a soddisfarlo, avvalendosi di un team che prima di acquisire una nuova realtà da soddisfare, lavora con passione per mantenere quella affezionata. Nessun servizio organizzativo le “fa difetto”: dalla pianificazione del programma lavori e post congress, alla gestione della regia video. Si rivolge ad aziende e privati, dando forma a grandi incentive e micro eventi con la massima cura al dettaglio ed elevati parametri di qualità. Per il 2010 si è posta un obiettivo: coinvolgere le aziende che hanno ridotti budget a ottenere una promozione altrettanto efficace, agli stessi costi, con roadshow itineranti nelle regioni sedi dei propri clienti. I PLUS DI THANKS AGENCY L’agenzia di Iseo opera su vari fronti. Per quanto riguarda gli eventi, Thanks Agency

considera ognuno di questi con particolare attenzione: prima ascolta il cliente e poi lavora per creare un evento che risulti flessibile e coinvolga emotivamente chi vi partecipa. Nel campo delle convention, la società vanta un’esperienza pluriennale nella logistica, nella scelta delle location migliori; si avvale della creatività di un team di graphic designer, scenografi e specialisti in nuove tecnologie che danno vita a “unconventional projects” che spettacolarizzano ogni evento di questo tipo. Thanks Agency non è da meno anche per quanto riguarda congressi e riunioni: che sia un piccolo gruppo da viziare o un numero più ampio di persone da stupire, questa società di servizi si adopera perché ogni azienda abbia un meeting impeccabile. E, dulcis in fundo, parliamo di incentivazione: promozioni e incentive sono a pieno titolo strumenti di marketing per Thanks Agency, che ritiene che investire per migliorare la performance aziendale paghi sempre. Che si tratti di un evento rivolto alle forze di vendita, ai consumatori o al trade, l’originalità e lo svolgimento di un incentive senza sbavature crea la soddisfazione dei partecipanti.

MARIANNA FRAGONARA CIANCIO

Dai grandi incentive ai micro eventi: Thanks Agency aggiunge un pizzico di straordinario a qualsiasi tipologia di manifestazione

indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 185


MC partner

agency

Veratour: nuove opportunità per l’incentive Un trend positivo e importanti conferme caratterizzano l’attività di Veratour. E per il 2010 sono previste nuove aperture in Brasile, a Rodi e in Sardegna el particolare scenario economico attuale, Veratour mantiene risultati N positivi e punta su alcune novità di pro-

ASSUNTA CORBO

1 / Il Veraclub Pratagy in Brasile 2 / Il Veraclub Koymbia Beach a Rodi 3 / Il Veraclub Jaz Oriental a Marsa Matrouh

1

2

186 | 01 2010 |

dotto e destinazione. «Il 2009 è stato un anno difficile ma siamo comunque riusciti a mantenere un trend positivo sulle vendite grazie soprattutto a un pricing corretto e a un ottimo rapporto qualità/prezzo» dichiara Antonella Magnasco, responsabile dell’ufficio Gruppi & Incentive di Veratour Spa. Ottima la performance della destinazione Santo Domingo con il Veraclub Oasis Canoa che ha rappresentato una buona alternativa al sofferente Messico dove, da aprile a settembre 2009, abbiamo registrato un calo nelle vendite. Per quanto riguarda il medio raggio, buoni risultati sono stati ottenuti dal Veraclub Jaz Oriental di Marsa Matrouh inaugurato a luglio 2009 con un importante viaggio incentive e chiuso, a ottobre, con un altro viaggio aziendale di rilievo. «Si tratta di una struttura che non ha deluso le nostre aspettative grazie soprattutto alle sue caratteristiche: a sole due ore e mezzo di volo offre infatti camere family/suite, ottimi stan3

dard alberghieri e un mare “maldiviano”, che ne fanno una location ideale per i viaggi aziendali» sottolinea Magnasco. Nel 2010 l’operatore punta ad alcune novità importanti che riguardano le destinazioni più richieste dal mercato. Prima fra tutte la neo-apertura del Veraclub Pratagy in Brasile, location di appeal e buona alternativa per i viaggi incentive sul lungo raggio. L’estate invece aprirà le porte al Veraclub Kolymbia Beach di Rodi e al Veraclub Suneva in Sardegna. Con queste nuove strutture, Veratour intende fornire alle incentive house una maggiore offerta che risponda con precisione e qualità alle esigenze di ogni singolo viaggio. «Cura del cliente nei minimi dettagli – dal briefing al rientro in Italia – precisione, professionalità e consulenza nella scelta della destinazione sono le chiavi del nostro successo» conclude Magnasco. «Le nostre strutture, così come la qualità dei servizi, la ristorazione e la disponibilità di tutto lo staff Veratour sono gli elementi più apprezzati dai nostri clienti». indirizzi a fine rivista


Apri gli occhi e sogna.

Offriamo soluzioni

VERAmente uniche 20

e tutti i colori di un sogno‌

AN

N

I


MC cb e dmc

Alba Bra Cb

partner

Alla scoperta di uno stupendo angolo di Piemonte, dove organizzare meeting di charme e di gusto in cantine e castelli, fare esperienze di team building tra dolci colline, allestire incentive nelle location più esclusive dell’enogastronomia d’autore

Con Alba Bra Cb in Langhe e Roero MARIANNA FRAGONARA CIANCIO

erra di vini e di eccellenze culinarie, le Langhe e il Roero offrono un panoraT ma enogastronomico che, una volta gustato, difficilmente si dimentica: dal Barolo, illustre figlio del vitigno Nebbiolo, ai suoi gemelli, il Barbaresco e il Roero, dai formaggi alle nocciole fino, naturalmente, al regale Tartufo Bianco d’Alba. I paesi in quest’area del sud del Piemonte sono punteggiati da castelli, manieri e torri, oggi trasformati in residenze, sale meeting e ristoranti, e sono impreziositi da enoteche e botteghe del vino, ovvero in vetrine nobili in cui respirare ancora la storia e l’arte e apprezzare un territorio che molto ha da offrire. IL VALORE AGGIUNTO AGLI EVENTI Dall’idea di valorizzare l’immagine di Langhe e Roero quale location per eventi e meeting di charme, nel giugno 2008 nasce l’Alba Bra Convention Bureau, con i principali attori del turismo locale come soci fondatori. Alba Bra Convention Bureau ha come

188 | 01 2010 |

finalità la promozione del territorio sul mercato Mice, il supporto nell’organizzazione di eventi, la formazione degli operatori e la stesura e diffusione di materiale promozionale relativo al prodotto congressuale locale. Il ventaglio dell’offerta è costituito da strutture ricettive di charme, castelli, cantine vitivinicole, teatri e dimore storiche dotate di sale di varia capienza, spazi espositivi e aree per la ristorazione; tra i fornitori di servizi sono state selezionate aziende di catering, allestimenti, trasporti, Pco e Dmc. Il territorio si presta particolarmente per l’organizzazione di meeting, seminari, convegni, team building e incentive per piccoli gruppi di alto livello, e offre molteplici spunti per attività ed escursioni che permettono di entrare in contatto con le tradizioni e i sapori più autentici, rendendo esponenziale l’efficacia comunicativa degli eventi: la ricerca simulata del tartufo e l’analisi sensoriale presso il Centro Nazionale Studi sul Tartufo, corsi


MC cb e dmc

di cucina tipica, seminari di degustazione vini, voli in mongolfiera, il rito della vendemmia, giochi di ruolo tematici e competizioni a squadre sono solo alcuni esempi. Inoltre, grazie alla profonda conoscenza del territorio e a un’organizzazione commerciale e operativa competente ed efficiente, l’ufficio garantisce la qualità e la professionalità del sistema di servizi offerti a supporto della clientela. Tra questi: l’assistenza e la consulenza per individuare le soluzioni più adatte all’organizzazione di eventi e la supervisione delle varie fasi organizzative; la verifica preliminare della disponibilità di strutture idonee e delle camere necessarie con indicazione di massima sui prezzi; l’organizzazione di inspection visit ed educational tour.

re prepotentemente sotto i riflettori anche grazie a un’importante celebrazione che avrà luogo nel 2011: il 150° anniversario dell’Unità Nazionale. Le colline dell’enogastronomia, ricche di residenze storiche e strutture risalenti all’Ottocento e legate alla vita dei Savoia, rappresentano la destinazione ideale per l’organizzazione di meeting, incentive e congressi in occasione del grande evento.

partner

Tartufi bianchi e vini dal gusto deciso sono tra i tesori delle Langhe e del Roero. Ai quali si aggiungono paesaggi incontaminati e splendidi lasciti della Storia

indirizzi a fine rivista

LA RISPOSTA VINCENTE DEL MERCATO Nel primo anno di lavoro, la partecipazione a fiere e workshop del settore e le visite commerciali presso aziende e agenzie di organizzazione eventi, sia italiane sia europee, rivelano un buon interesse da parte degli operatori specializzati e una reazione assolutamente positiva del mercato: le colline di Langhe e Roero rispondono infatti alla necessità, sempre più diffusa e sentita, di trovare mete alternative alle classiche destinazioni italiane ed esercitano un appeal crescente, frutto della ricchezza di attività legate all’enogastronomia, della selezione di location dove lavoro e relax trovano un connubio perfetto e di un contesto ambientale così prestigioso da essere candidato a divenire parte del Patrimonio dell’Unesco. Con il coordinamento della Regione Piemonte, insieme al Torino Convention Bureau e a Lago Maggiore Conference, Alba Bra Convention Bureau promuove una regione che non accenna a fermarsi sugli allori e si sta già preparando a torna-

| 01 2010 | 189


MC partner

cb e dmc

Sarà una delle più grandi strutture per congressi d’Italia e una delle più importanti in Europa: tra pochi mesi prepariamoci a salutare il nuovo Palacongressi di Rimini

Dove nasce il gigante FABIO ALCINI

momenti di crisi bisogna investire e fortemente nel futuro. Questa Iè ncredere una frase che potrebbe dire chiunque. Ma un conto è parlare, un conto è mettere in azione ruspe e finanziamenti, operai e teste pensanti, e progettare davvero in grande, credere davvero che con le iniziative a largo respiro e con i grandi investimenti ci si possa lasciare alle spalle il passato. In una regione tradizionalmente dinamica (ove tradizione e dinamismo non costituiscano altro che un ossimoro virtuoso) come l’Emilia Romagna, si guarda più facilmente avanti: è su questa filosofia che nasce il nuovo Palacongressi di Rimini. A partire

190 | 01 2010 |

dal 2010, la città avrà a disposizione una delle più grandi strutture per l’organizzazione di congressi d’Italia, un’opera unica per originalità strutturale, dotazioni tecnologiche, relazione e richiamo al territorio. LA STRUTTURA IN CIFRE Il costo complessivo dell’opera, incluso il valore dell’area, è di 111 milioni di euro. Il nuovo Palacongressi di Rimini sorge su un’area di 38mila metri quadrati, la stessa che fino al 2001 è stata sede del vecchio quartiere fieristico. La progettazione è firmata dall’architetto Volkwin Marg dello Studio Gmp di Amburgo, già autore del progetto del nuovo quartiere fieristico di Rimini. Il Palacongressi può contare anche su una flessibilità d’utilizzo unica, con la possibilità di ospitare numerosi eventi in contemporanea, modularità degli spazi congressuali ed espositivi e ottima dotazione di parcheggi interrati. E, non ultima, una forte attenzione per l’ambiente. La struttura propone due corpi principali collegati da un importante sistema di foyer con relativi servizi e da tre ingressi. Le aree calpestabili saranno di circa 29mila metri quadrati. Il primo corpo, quello che ospita l’ingresso principale, è composto da due piani calpestabili e ha un’altezza massima di 23 metri. Al piano


MC partner | Cb e Dmc partner

Cb e Dmc

cb e dmc

LA PROMOZIONE DI UN GIOIELLO Come è ovvio, in tutta Italia e anche all’estero un gioiello di questa portata ha già suscitato curiosità e interesse: il Convention Bureau della Riviera di Rimini ha portato in giro per la Penisola un roadshow con l’originale format incentrato su uno spettacolo teatrale dell’attore Ivano Marescotti e a seguire, oltre al presidio di tutte le fiere internazionali di settore (in particolare Imex a Francoforte, Eibtm a Barcellona e Btc in Italia), sono state effettuate serate di presentazione a Londra e Bruxelles: in entrambi i casi si è trattato di un successo assoluto. Anche per queste occasioni è stato stuterra, il grande foyer d’ingresso (circa quattromila metri quadrati), rivolto in direzione mare, nel quale è possibile anche organizzare eventi in totale autonomia. Al primo piano, la grande conchiglia-anfiteatro da 1.600 posti con poltrone fisse, suddivisibile in due sale da ottocento sedute. Il secondo corpo, posizionato alle spalle del primo, collegato e integrato tramite il foyer, contiene la sala principale, suddivisibile in otto sale autonome. Sempre al piano terra sono previste altre due sale modulari rispettivamente da seicento e da 450 posti, suddivisibili in due ciascuna, nonché una sala da trecento posti e tre breakout room. Al primo piano troviamo una sala da trecento posti con arredi fissi e pavimento inclinato, sei breakout room da trenta posti, 12 sale (delle quali cinque suddivisibili) da quaranta a 120 sedute per oltre 1.500 posti complessivi. Inoltre spazi destinati a servizi, uffici, ristorazione. Dunque, una capienza massima di 42 sale, 9.300 sedute e una sala principale che può ospitare 4.700 ospiti. Accanto alle sale, il Palacongressi di Rimini prevede spazi per l’allestimento di aree espositive che possono arrivare fino a 11mila metri quadrati. All’interno della struttura vi sono anche i nuovi uffici del Convention Bureau della Riviera di Rimini.

Sotto, lo staff del Convention Bureau della Riviera di Rimini. Si riconoscono il presidente Mauro Ioli, al centro, e il direttore Stefania Agostini, la seconda da destra

diato un format originale, ispirato ai cinque sensi per trasmettere le ricchezze del territorio, che nell’autunno 2009 ha ricevuto alla Borsa del Turismo Congressuale di Roma 2009 il prestigioso premio Btc Innovation Award. Proprio a Roma c’è stato anche l’annuncio ufficiale che la prossima Borsa Internazionale del Turismo Congressuale si svolgerà al nuovo Palacongressi di Rimini l’1 e il 2 luglio 2010. indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 191


MC partner

cb e dmc

1

I Mondiali di scherma del 2011 si celebreranno a Catania: una nuova, importante affermazione per il territorio etneo

2

A Catania una squadra mondiale FABIO ALCINI

squadre vincenti sono quelle che a far valere sul campo la proLpriaeriescono compattezza. Per trovare l’ennesima dimostrazione di questo semplice assioma, basta viaggiare fino a Catania, città che ha appreso di recente di una nuova “vittoria sul campo”: l’assegnazione dei Mondiali di scherma del 2011. La candidatura di Catania è stata promossa dalla Regione Siciliana e dalla Federazione Italiana Scherma, con il contributo dell’Etna Convention Bureau sugli aspetti logistici e sui servizi turistici del territorio finalizzati alla presentazione della candidatura. «Questo evento – spiega il presidente dell’Etna Convention Bureau Giuseppe

192 | 01 2010 |

Castiglione, nonché presidente della Provincia Regionale di Catania – costituisce un’importante opportunità di crescita e visibilità per la provincia di Catania, che vanta già una grandissima tradizione in questa disciplina avendo raccolto, in passato, illustri campioni provenienti proprio dal territorio etneo. I Mondiali di scherma porteranno le migliori lame del mondo a confrontarsi all’ombra del vulcano offrendo agli sportivi uno spettacolo unico, ma sarà anche l’occasione per migliorare le strutture esistenti, promuovere l’immagine della nostra provincia, attrarre nuovi flussi turistici, con una ricaduta importante sul piano dello sviluppo


MC partner | Cb e Dmc partner

Cb e Dmc

cb e dmc

3

economico per l’intero comprensorio». «La vittoria della candidatura di Catania come sede dell’evento – precisa Antonio Belcuore, amministratore delegato dell’Etna Convention Bureau – è il frutto di una lunga e intensa competizione, giocatasi con il pieno rispetto delle regole del gioco e in maniera assolutamente costruttiva, con importanti destinazioni internazionali. Catania ha raggiunto tale traguardo, grazie all’impegno, alla professionalità e al gioco di squadra di tutti gli attori coinvolti. La perfetta riuscita del progetto nel suo complesso rappresenterà uno strumento concreto, capace di diffondere nel mondo la nostra immagine fatta, non solo di bellezze ambientali e culturali, ma anche di efficienza e capacità organizzative e ricettive». SVILUPPO DI QUALITÀ «I Mondiali di scherma del 2011» – sottolinea il consigliere di amministrazione dell’Etna Convention Bureau, nonché presidente di Uras - Federalberghi Sicilia e del Comitato del Mezzogiorno di Federalberghi, Nico Torrisi – «sono l’emblema di una politica di sviluppo turistico legata anche al segmento degli eventi sportivi, che risulta vincente per una località quale è Catania, che, tra i propri punti di forza non annovera solo la qualità degli alberghi ma un insieme di opportunità che fanno della destinazione etnea un sistema di offerta in grado di accogliere un evento così significativo per tutto il territorio siciliano». «La provincia di Catania» – aggiunge il direttore generale dell’Etna Convention Bureau, Benedetto Puglisi – «ha già dimostrato la propria capacità di ospitare in modo adeguato eventi sportivi di rilevanza internazionale. Ad accrescere il valore delle manifestazioni hanno, poi, contribuito le innumerevoli bellezze che il territorio offre ai suoi ospiti. L’eccellenza enogastronomica, il senso di ospitalità, insieme al modello organizzativo dell’offerta turistica e dei servizi logistici proposti hanno reso Catania la sede ideale per un evento di tale rilievo, in grado di gestire le circa 25-30

mila presenze che si prevedono per la manifestazione». Per poter raggiungere questo obiettivo sarà messa in campo una macchina organizzativa molto efficace in grado di accogliere, assistere e supportare l’ospite in tutte le aree di servizio necessarie: accomodation, trasporti, gestione degli accrediti, catering, logistica, comunicazione, eccetera. A differenza di molte destinazioni, Catania non è ancora una metropoli molto dispersiva ma rimane, per molti aspetti, una calda e accogliente provincia, dove è ancora forte il senso della comunità e fitta la rete sociale. Una realtà dove i Mondiali di scherma verranno accolti con grande

1 e 4 / L’Etna 2 / Un particolare del teatro Bellini 5 / Uno scorcio di Catania di notte

4

entusiasmo e partecipazione da tutta la cittadinanza e dove sarà possibile coinvolgere tutti affinché diano il proprio contributo per la migliore riuscita della manifestazione: perché Catania e i catanesi renderanno il Mondiale di scherma 2011 un evento indimenticabile. 2, 5 | Paolo Barone

5 indirizzi a fine rivista

| 01 2010 | 193


MC partner

cb e dmc

Fruibile in ogni periodo dell’anno, ingegnosa alchimia di tradizione e modernità, Zagabria vanta prodigiose location storiche rilanciate in chiave congressuale

Nel cuore d’Europa LUCIANA FRANCESCA REBONATO

a capitale croata conquista con la sua indole poliedrica che la rivela cosmoLpolita e in continua evoluzione ma, al contempo, tradizionalista e rivolta alla storia: è famoso, infatti, il suo canovaccio urbano intessuto di vicoli medievali, palazzi Liberty frammisti a edifici barocchi, compostezze neoclassiche e fantasie Art Nouveau. Distesa nella pianura alle pendici del monte Medvednica – perfetto scenario post congressuale ricco com’è di cascate, grotte, gole e antiche miniere –, Zagabria è suddivisa in città alta e città bassa: il passato indissolubilmente legato al presente, un palcoscenico nel quale spiccano la cattedrale neogotica, chiese illustri, una ventina di teatri, altrettanti musei e un numero imprecisato di gallerie con opere di inestimabile valore. NEL VERDE E NELL’ARTE Il mosaico urbano cittadino annovera otto parchi capitanati dal settecentesco

194 | 01 2010 |

Maksimir, diciotto ettari di parco all’inglese punteggiato da viali, prati e laghetti. Ancora natura alle pendici meridionali della Medvednica dove, in una fitta boscaglia, si erge la fortezza medievale di Medvedgrad, residenza di numerose famiglie aristocratiche: oggi è possibile apprezzarne le torri, una piccola cappella affrescata e l’Altare della Patria eretto in onore dei caduti per la libertà della Croazia. Eroi che insieme ai personaggi illustri della politica, della scienza e della cultura croati sono sepolti in uno dei cimiteri più belli d’Europa, quello di Mirogoj: ottocentesco e sormontato da una serie di cupole, è stato progettato da Herman Bollé, uno dei più insigni architetti zagabresi. Epicentro della città alta è Markov trg, piazza San Marco, centro del potere della repubblica come attestano il Palazzo del Bano – oggi residenza presidenziale – e il Sabor, il palazzo del parlamento. In mezzo si staglia la duecentesca chiesa di


MC partner | Cb e Dmc partner

Zagreb Cb

cb e dmc

San Marco, con un tetto del 1880 le cui tegole colorate raffigurano gli stemmi della Croazia e di Zagabria. Nelle vicinanze della piazza si concentrano diversi musei, sedi storiche e culturali con battenti aperti anche agli eventi della meeting industry. Fra queste spiccano la sala d’oro, capolavoro neobarocco di palazzo Paravic – Istituto croato di storia –, la Galleria Klovicevi Dvori, allestita in un ex monastero gesuita, il più solenne spazio espositivo riservato all’arte moderna croata e l’Atelier Ivan Mestrovic, palazzo secentesco nel quale visse e lavorò il maestro. Seguono a ruota il Museo Storico della Croazia – con interessanti mostre estemporanee e una galleria di ritratti di regnanti europei – e il Museo d’Arte Naif, una delle più importanti collezioni al mondo riferite a quest’arte.

Moderna, sede di mostre estemporanee e con una permanente sull’arte croata dei secoli XIX e XX. Ancora muse creative nel neobarocco Teatro Nazionale Croato e nel Padiglione Artistico, edificato nel 1895 in stile Art Nouveau, unico spazio zagabrese progettato per allestire grandi mostre.

Alcuni scorci di Zagabria. Tra le location che la capitale croata mette a disposizione del Mice, figurano numerosi edifici storici. Sotto il neorinascimentale museo Mimara

indirizzi a fine rivista

TRINITÀ PERFETTA Tre opportunità post congressuali in odor di incenso, a iniziare dalla duecentesca cattedrale di Santo Stefano, con le sue due guglie gotiche che svettano verso il cielo per un centinaio di metri e, al suo interno, il Tesoro della cattedrale che comprende oreficerie del XVIII secolo e arazzi barocchi. Secentesco è anche il convento di Santa Chiara nel quale ha sede il Museo Civico – che oltre a offrire un excursus storico sulla capitale dal Medioevo a oggi è annoverato fra le location aperte al congressuale – mentre a Santa Caterina, infine, è dedicata l’omonima chiesa, ritenuta fra i più pregevoli forzieri dell’arte barocca. Nella zona di confine tra città alta e bassa si apre il Dolac, quartiere che dal 1930 accoglie il vivace mercato cittadino e nel quale vi sono preziose collezioni museali ottimizzate anche in contenitori per eventi a iniziare dal neorinascimentale Museo Mimara, ben 3.750 opere d’arte di inestimabile valore con tele di Canaletto, Van Dyck, Rubens, Vélazquez, Goya, Manet, Renoir e Rembrandt. Meritano una visita il Museo Etnografico con ben 70mila reperti e la Galleria d’Arte

| 01 2010 | 195


MC partner

service and technology

La tecnologia al servizio del congresso Con oltre duemila partecipanti, il secondo Evento Nazionale Congiunto Sibioc-Simel ha impegnato Dhs Congrex in una tre giorni in cui servizi e assistenza tecnica hanno fatto la differenza per la buona riuscita di un così articolato congresso ALESSANDRA BOIARDI

appiamo bene quanta professionalità richieda l’organizzazione di un evenS to, qualcosa che non si può improvvisare in nessun caso, tanto meno quando si tratta di grandi incontri che prevedono la

196 | 01 2010 |

partecipazione di un cospicuo numero di delegati. Soprattutto in quei casi, infatti, dietro a quello che al fruitore (il congressista) deve apparire come una “macchina perfetta” si cela l’impegno e l’expertise di uno staff preparato ed efficiente. Come quello di Dhs Congrex, che presso la mostra d’Oltremare di Napoli ha fornito i suoi servizi e la sua tecnologia per il secondo Evento Nazionale Congiunto Sibioc-Simel, quest’anno con il tema conduttore “La Medicina personalizzata fra ricerca e pratica clinica: il ruolo della Medicina di Laboratorio”. LA PROFESSIONALITÀ “CORRE CONTRO IL TEMPO” Si è trattato di un evento di forte richiamo nel comparto medico, che dal 27 al 30 ottobre scorsi ha riunito ben 2.200 partecipanti e ha richiesto tutto il knowhow, ma anche i servizi e le attrezzature di Dhs Congrex, che già da diversi anni opera con successo nel settore congressuale e degli eventi fornendo apparecchiature e servizi tecnologici di alta qualità. Il congresso era articolato in più “momenti”, dai corsi precongressuali alle sessioni plenarie, dalle sessioni scientifiche ai simposi: del resto molti erano gli argomenti “sul piatto” per questo importante momento di formazione e aggiornamento professionale. Fondamentale l’apporto di Dhs Congrex, che ha permesso il buon funzionamento di un evento internazionale per cui sarebbe stato impossibile prescindere dal contributo di un partner strategico. Sono serviti infatti impianti di traduzione per ben mille persone e il collegamento in rete di tutte le sale, affinché tutto potesse esse-


MC service and technology

re coordinato fino all’ultimo dettaglio. Un impegno che non giunge nuovo per Dhs Congrex, la cui filosofia è “correre contro il tempo”. La tecnologia è infatti per definizione sottoposta ad aggiornamenti continui e lo sforzo di Dhs Congrex è proprio quello di non deludere mai le aspettative del cliente, fornendo un supporto altamente professionale e sempre aggiornato nella gestione tecnica e tecnologica dell’evento. Il tutto si traduce in prodotti modernissimi, come per il congresso di Napoli, per cui Dhs Congrex ha allestito e gestito servizi tecnici e tecnologici all’avanguardia, come gli schermi da 10x6 metri e tutte le attrezzature necessarie nella sala plenaria, che ha ospitato sessioni di mille partecipanti, e nelle altre 12 sale, in cui si sono tenuti i diversi appuntamenti in calendario, non certo minori, come le sessioni intitolate “A Colazione con l’Esperto”, dedicate ad approfondimenti che prevedevano anche l’accreditamento Ecm e che accoglievano un massimo di quindici persone. Anche in questi casi, tutto doveva essere organizzato alla perfezione, per permettere incontri simultanei di diverse dimensioni in sale diverse. Un time table che non prevedeva sosta insomma, e soprattutto non permetteva errori “in corsa”. Per questo, è stato decisivo l’approccio di Dhs Congrex, il cui modus operandi è molto chiaro: dal primo approccio con il cliente si effettua una site inspection, un rendering tridimensionale di come potrebbe essere il risultato finale, poi il montaggio, quindi il congresso. Una professionalità che l’azienda di Messina ha raccolto in ben tredici anni di attività, durante i quali ha

curato nei dettagli sia la parte tecnica sia l’allestimento di un’ampia tipologia di eventi, dai meeting agli incontri istituzionali, fino alle operazioni di marketing, sempre coronati dalla totale soddisfazione del cliente. L’azienda messinese, che ha anche una sede a Roma e prossimamente una a Milano, si rivolge principalmente ad aziende, agli alberghi e alle agenzie e conta sul contributo di diversi partner strategici, come nel caso del secondo Evento Nazionale Congiunto Sibioc – Simel, che è stato realizzato anche in collaborazione con Maf Servizi di Torino. indirizzi a fine rivista

partner

Erano circa 2.200 i partecipanti alla tre giorni Sibioc-Simel allestita presso la mostra d’Oltremare di Napoli e curata tecnologicamente da Dhs Congrex


MC partner

service and technology

Fate il vostro gioco! Comunicare e informare da un lato, stupire ed emozionare dall’altro: è quello che fa l’agenzia Giochi di Luce che da oggi mette a disposizione del mondo della comunicazione e degli eventi un nuovo strumento: la Quinta Led TERESA CHIODO

a spettacolarizzazione è ormai diventata un elemento imprescindibile nelLl’economia di un evento di successo; alla base un solco strategico importante, un’idea creativa vincente che interpreti in modo efficace gli obiettivi di comunicazione dell’azienda cliente. Giochi di Luce, per esprimere e declinare la forza del messaggio, ha ideato, brevettato e realizzato la Quinta Led: un pannello luminoso modulare adatto per la creazione di scenografie ed effetti luminosi ad alto impatto visivo e comunicativo. Quinta Led è un prodotto sceno-luce molto versatile e innovativo, in grado di cambiare colore in maniera sincronizzata e, grazie al fatto che ogni elemento è controllato singolarmente, creare geometrie e disegni luminosi ad alta creatività. La tecnologia Led utilizzata al suo interno inoltre consente un elevato risparmio di energia, aiutando a ridurre l’impatto energetico dei propri eventi.

PASSIONE VENTENNALE Con queste premesse Giochi di Luce si rivolge anche al mercato estero, aprendo una sede operativa negli Emirati Arabi Uniti, in cui si conferma l’offerta dei prodotti e dei servizi presenti in Italia (Quinta Led compresa), presentandosi come chiaro punto di riferimento per gli operatori del settore Mice che cercano partner completi per progetti nell’area Middle East. Nel corso degli ultimi anni Giochi di Luce ha consolidato la sua forte esperienza legata alle videoproiezioni su grandi superfici, ovvero maxiproiezioni sia su schermi realizzati ad hoc (Arena di Verona, Galà Placido Domingo) sia videoproiezioni architetturali su palazzi (Duomo di Milano per “Milano Loves Fashion”). Questo segmento va a integrarsi ad altri tipi di eventi come le convention aziendali. Queste ultime godono oggi delle medesime soluzioni progettuali e tecnologiche che i professionisti dello spettacolo adottano nei concerti live, nelle rappresentazioni teatrali o nei mega eventi multimediali. Ancora, Giochi di Luce va a sostegno di fiere, lanci di prodotto ed eventi televisivi, che tradizionalmente cura con la rinomata passione ventennale che contraddistingue questa innovativa società. indirizzi a fine rivista

198 | 01 2010 |


Viaggiare non è solo andare da A a B. È scoprire qualcosa di più bello e più grande. Il centro congressi più grande del Sud Italia, sulla costiera più affascinante del mondo, dove l’ospitalità è una tradizione millenaria… Lasciati affascinare dall’Hilton Sorrento Palace. Da Febbraio la connessione Internet è ancora più veloce: banda larga oltre i 100 Mb.

Hilton Sorrento Palace Via S. Antonio, 13 - Sorrento (NA) Tel. 081 8784141 e-mail: event.sorrento@hilton.com • hilton.com

Hilton Sorrento Palace ha ottenuto la certificazione ISO 9001

Altri Hilton in Italia: Hilton Milan 02 69831 • Molino Stucky Hilton Venice 041 2723311 • Hilton Florence Metropole 055 78711 • Hilton Rome Airport 06 65258 • Villa Igiea Hilton Palermo 091 6312111 • Excelsior Hilton Palermo 091 7909


MC partner

service and technology

Assemblea Uir: show ipertecnologico Un evento istituzionale, presenti tremila persone e alte personalità politiche, trasformato in un vero e proprio show multimediale: video in full Hd, proiezioni giganti, progetto illuminotecnico di grande atmosfera. Ce ne parla Silvio Del Fio STEFANO RE

evento è la sola forma di comunicazione che consente di coinvolgere L’ direttamente ed emotivamente i destinatari, creando un forte impatto di memorabilità e motivazione. Va da sé che, nell’era della multimedialità, lo strumento privilegiato per conseguire quest’obiettivo è proprio la tecnologia. Declinabile in tanti modi: dai sistemi audiovideo-luci alle multivideoproiezioni, dalle scenografie multimediali ai grandi schermi, multipli o ledwall, che consentono alle immagini di “avvolgere” letteralmente gli spettatori. Ciò si applica a qualsiasi tipo di evento, anche – e soprattutto – a quelli più istituzionali e in apparenza ingessati, che grazie a un sapiente intervento tecnologico hanno una chance in più per colpire lo spettatore e far passare i propri messaggi. È il caso dell’Assemblea dell’Unione degli Industriali e delle Imprese di Roma, un

200 | 01 2010 |

evento della massima importanza perché coinvolge molte delle più grandi imprese italiane, cui Tecnoconference Europe, appartenente, insieme alla gemella Del Fio Multimedia, a Gruppo Del Fio, ha fornito anche quest’anno completo supporto tecnologico. All’appuntamento, svoltosi il 24 novembre presso il Painting Hangar di Alitalia all’Aeroporto di Fiumicino, hanno partecipato ben tremila persone, più numerosi giornalisti. Molti gli ospiti importanti, tra i quali la presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, il Ministro dell’Economia Giulio Tremonti e il sottosegretario Gianni Letta. L’INTERVENTO DI TECNOCONFERENCE EUROPE «Abbiamo trasformato un evento istituzionale come quest’assemblea in un vero e proprio show: uno spettacolo in


MC service and technology

Full Hd, con video in altissima risoluzione, proiezioni gigantesche e interventi di grande complessità tecnica», considera Silvio Del Fio, Presidente del Gruppo. La particolarità della sede (7.500 metri quadrati per 35 metri di altezza) ha in effetti richiesto un intervento tecnico molto impegnativo: per risolvere il problema della pessima acustica è stato sviluppato un apposito progetto per il sistema audio che, con l’impiego di ben 16 sistemi line array, garantisse comunque ottima intelligibilità. In parallelo, si è lavorato al progetto delle luci (ben 400 kilowatt di potenza impegnata), di fondamentale importanza per creare la giusta atmosfera in un ambiente cosi “freddo”. Quindi è stato predisposto il progetto del fondale, dello schermo – formato superwide, semicircolare, di ben 25 x 7 metri – e del palco, strutturato sulla triplice previsione di podio (con Teleprompter) board e spazio per talkshow. Per le riprese sono state utilizzate quattro telecamere broadcast, in versione studio, Full Hd come la complessa e innovativa regia video. La regia emissione, anch’essa in Full Hd, si componeva, oltre che delle varie periferiche per i contributi, di quattro mixer grafici digitali e sofisticati software per maxivideoproiezioni multiple. Sono stati poi realizzati sfondi, fissi e animati, speech support, slide tappo, un filmato walk-in con animazioni bi- e tridimensionali e vari altri filmati, tutti in altissima risoluzione, a supporto della relazione del Presidente Aurelio Regina. Imponente l’impianto luci, che coinvolgeva fondale, palco, sala, foyer e ogni area comune, e l’impianto audio,

imperniato su ben 16 sistemi line array, con front fill, near fill, delay e monitoraggio palco. Da notare l’affollata sala stampa, nella quale erano attivi 12 grandi monitor a circuito chiuso ed erano distribuiti i segnali audio e video a disposizione dei vari network. Una prestazione multiforme e impegnativa, che ha richiesto il lavoro in loco a tempo pieno di ventidue persone per dieci giorni, e che ha pienamente colto nel segno. «D’altronde», conclude Silvio Del Fio, «è proprio questa la nostra mission: massimizzare l’efficacia della comunicazione attraverso un uso intelligente della tecnologia, che grazie all’esperienza e alle capacità dei nostri tecnici rende ogni convegno, ogni convention, ogni evento un’occasione indimenticabile». indirizzi a fine rivista

partner

Nelle foto, alcuni momenti dell’assemblea Uir svoltasi presso il Painting Hangar di Alitalia all’aeroporto di Fiumicino e allestita da Tecnoconference Europe


MC news supplier

partner

ALESSANDRA BOIARDI

DINAMICITÀ PER PROFESSIONE Fondata nel 1993 come incoming agency da Mareen Rühmkorf, MR Congress & Incentive GmbH (www.mrcongress.com), con sede a Berlino, è un’agenzia full service per l’organizzazione di eventi di diverso tipo che vanno dai convegni ai programmi incentive, dalle serate di gala all’organizzazione dei servizi a terra durante congressi medici e fiere internazionali, fino all’acquisizione di allotment alberghieri per i congressi medici. Il team internazionale organizza più di 250 eventi l’anno, grazie alla professionalità di uno staff dinamico e creativo, e a partner affidabili in Europa e negli Stati Uniti. L’approccio di MR Congress è sempre

client-oriented: l’obiettivo è quello di realizzare le idee che vengono proposte dalle aziende in sintonia con l’im-

magine coordinata, integrando il cliente in ogni fase dello sviluppo del programma.

TECNOLOGIA A PORTATA DI PRENOTAZIONE

IL MEETING AL FEMMINILE

È una società irlandese, ma è l’Italia in questo momento a essere il mercato che più le interessa. Bookassist (www.bookassist.it), specializzata in sistemi tecnologici di vendita online dell’industria alberghiera, ha infatti aperto da qualche mese un nuovo ufficio a Milano presso lo studio di consulenza De Barba Consulting con un team dedicato al supporto e al lancio di nuovi servizi tecnologici a disposizione degli hotel. L’offerta Bookassist dispone del Booking Engine, un’avanzata piattaforma di prenotazione adattabile a ogni sito web, dotata di supporto multilingua, transazioni disponibili in più valute, verifica simultanea della validità della carta di credito, possibilità di vendita diretta di pacchetti con servizi aggiuntivi e di una reportistica avanzata. Offre inoltre la possibilità di accogliere i commenti dei clienti, di usare blog per creare contenuto dinamico sul proprio sito web, di usare Google Maps per guidare i clienti all'hotel, di offrire voucher elettronici da vendere e ritirare online. Secondo Yahya Fetchati, Head of Business & Operations di Bookassist (nella foto): «Ci sono molte aziende che operano in Italia nel campo del marketing online offrendo software dedicati alle prenotazioni, ma Bookassist sta proponendo in Italia un set nuovo, unico e innovativo di servizi e tecnologia di chiara impronta internazionale».

È una proposta tutta al femminile quella che Faber eventi & turismo (www.fabereventi.it) propone anche alle aziende come idea regalo. Neve donna è un evento “in rosa” all’insegna del confronto personale e professionale, ma anche un’occasione per dedicarsi allo sport, alla cultura, al lavoro e al tempo libero. L’appuntamento è ad Andalo nelle Dolomiti di Brenta in Trentino, dal 7 al 14 marzo, con un ricco programma che comprende, tra l’altro, passeggiata con le ciaspole, escursione in quota con degustazione di tè e tisane d’erbe di montagna, spazi benessere e incontri presso il Palacongressi con associazioni, federazioni, circoli e club e intrattenimento serale.

| 01 2010 | 203


MC news supplier

partner

VIAGGI INUSUALI CON SMARK INCENTIVE TRAVEL Si chiama Smark Incentive Travel (www.smarkincentivetravel.com), e nasce come costola della già avviata Smark srl agenzia di comunicazione. L’agenzia è stata presentata al mercato delle aziende e alla stampa, durante l’happening tenutosi lo scorso 10 dicembre nei nuovi e originali uffici di via Mosca 10 a Roma. Durante la serata l’azienda ha presentato il suo primo catalogo con destinazioni inusuali, ma di grande effetto

(Vietnam, Baja California, Hawaii solo per citarne alcune) con il preciso scopo di offrire nuove soluzioni in grado di soddisfare i palati più raffinati, con un rapporto qualità/prezzo assolutamente rilevante. Filosofia della nuova realtà, fanno sapere da Smark Incentive Travel, è «Concepire un viaggio, una destinazione, strutturare un programma, far innamorare il cliente, non solo di una meta ma di un concetto».

PRO-MEET DIVENTA AGENZIA DI COMUNICAZIONE

GIUMELLI & ASSOCIATI ON AIR

«Dice un antico motto giapponese che l’incentivazione, per essere efficace, deve colpire il cervello e il cuore. E così abbiamo fatto». Lo racconta Giancarlo Giumelli, amministratore delegato di Giumelli & Associati (www.giumelli.com) che, sempre all’avanguardia in materia di incentivazione, ha presentato recentemente un nuovo e rivoluzionario portale web incentive

(Brain&Heart, appunto) che interagisce direttamente con gli utenti e monitora in tempo reale performance e grado di soddisfazione di ogni singolo dipendente. Un grande contenitore da mettere in rete realizzato con le più moderne tecnologie e studiato per gestire al meglio e senza inutili e costose perdite di tempo le iniziative incentive che l’azienda intende intraprendere. Ultima novità di quest’allettante offerta è la Web Tv che si propone come la nuova frontiera in fatto di comunicazione grazie a palinsesti personalizzati mandati in onda 24 ore su 24 per sette giorni su sette a una rete di utenti che può raggiungere anche le oltre 50mila unità.

IL NETWORK DI TRIUMPH “The people network” è il nuovo pay off del gruppo Triumph (www.gruppotriumph.it), che ha iniziato il 2010 con importanti cambiamenti. Oltre al pay off è nuovo anche il marchio del gruppo e le tante iniziative, tra cui nuovi partner obiettivi. Di ciò si è parlato alla recente convention, che si è tenuta

presso il Cavalieri Hilton di Roma, e che ha riunito, oltre la presidente Maria Criscuolo, la vicepresidente Francesca Accettola e un team affiatato di oltre cento risorse, provenienti dalle filiali di Milano, Bologna, Bruxelles, Shanghai e Pechino, dove hanno sede le sei società del gruppo.

Pro-Meet (www.pro-meet.it), l’event agency diretta da Francesca Pezzutto, è diventata agenzia di comunicazione web-based. Con questo “cambio d’identità” l’agenzia integra ai suoi servizi gli aspetti logistico-organizzativi degli eventi o delle strategie strettamente attinenti alla loro concretizzazione con proposte più ampie di corporate communication event- based che comprenderanno gli special event, i viaggi d’incentivazione, gli eventi di marketing e di supporto al promotion.

| 01 2010 | 205


MC news supplier

partner

SL-SOLUZIONI “IN ESCLUSIVA” A LA VOLTA DEL VESCOVO L’AZIENDA IN UN TROLLEY Il logo aziendale viaggia sul trolley. Quello proposto da Tuo Logo, società specializzata nella produzione e nella distribuzione di gadget e articoli promozionali personalizzati che ha lanciato, in esclusiva per l’Italia, un nuovo trolley in cartone stampabile con logo e artwork aziendale, vero e proprio strumento di comunicazione corporate. Un gadget utilissimo in diversi contesti, come le fiere, ma non solo, il trolley si chiama GoCaddy ed è stampabile in quadricro-

L’agenzia di organizzazione di eventi SLSoluzioni nasce nel maggio 2008 dall’idea di Silvia De Dominicis e Luciana Tiramani di offrire a privati e aziende un servizio pratico, agile e veloce con cui inventare, organizzare e portare a termine qualsiasi tipo di ricorrenza, manifestazione o evento. Trasparenza, flessibilità e fiducia sono i capisaldi di un’attività già avviata, dotata di un ufficio stampa interno che cura i rapporti con i media locali

e nazionali, e di partner permanenti specializzati in grafica, web designer e database planner. SL-Soluzioni ha collaborato per piccole e grandi aziende in diverse location situate tra Milano e Firenze e dal 2010 è diventata unica responsabile della gestione de La Volta del Vescovo, (www.lavoltadelvescovo.it), prestigiosa location alle porte di Piacenza immersa in un vasto parco, in grado di ospitare eventi anche all’aperto.

MEZZO SECOLO CON AIM GROUP

mia e può trasportare sino a quattordici chilogrammi. Anche l’interno può essere personalizzato, per esempio con separatori per contenere bottiglie. A prova di pioggia, GoCaddy è realizzato al 95 per cento in cartone facilmente riciclabile.

Nel 2010 Aim Group può vantare orgogliosamente di aver raggiunto il traguardo dei cinquant’anni di vita. Il gruppo, nato dall’incontro tra due società pioniere del business congressuale in Italia, si è sviluppato in maniera impetuosa a partire dalla fine degli Anni ’90 grazie alla politica di sinergia e integrazione, si è successivamente insediato in Europa fino alla fusione dello scorso anno con Aims International. Se è vero che il mondo medico-scientifico rappresenta da sempre il settore di riferimento del gruppo, oggi, anche grazie all’allargamento su scala europea, la diversificazione verso altri segmenti di mercato (terziario, industria, pubblica amministrazione e istituzioni europee) ha assunto dimensioni considerevoli. Gianluca Buongiorno, presidente del gruppo, afferma: «Se oggi siamo un punto di riferimento in Europa, lo dobbiamo al lavoro e all’intelligenza dei tanti collaboratori che si sono avvicendati, alla capacità continua di innovare dei nostri manager e a una strategia basata sulla costruzione quotidiana di un rapporto di partnership con i nostri clienti».

| 01 2010 | 207


MC networking

workshop ed exhibition

Dodici mesi con Ediman Anche nel 2010, ben sette Full Contact – per far incontrare la domanda e l’offerta professionale in un workshop dal target dedicato e con appuntamenti prefissati – e l’immancabile Travel Trend Milano, che concentrerà in un unico evento incontri professionali e intrattenimento

ALESSANDRA BOIARDI

da poco iniziato un nuovo anno e, per chi non l’avesse ancora fatto, è tempo È di aggiornare le agende con gli appuntamenti dei prossimi dodici mesi. Penna alla mano (o BlackBerry, se siete più tecnologici) per segnare le date degli eventi Ediman del 2010, che come sempre permetteranno alla migliore offerta e alla più esigente domanda della meeting industry italiana e internazionale di incontrarsi in workshop dall’alto profilo professionale.

Ce n’è per tutte le esigenze, grazie alle due formule ideate da Ediman: Full Contact – nelle sue sette edizioni – e Travel Trend, l’originale workshow in perfetto equilibrio tra incontri professionali e divertimento. IL 2010 DEI FULL CONTACT Sono ben sette i Full Contact in calendario per quest’anno. Ognuno, come sempre, avrà un target dedicato, espressamente ideato perché domanda e offerta possano ritrovarsi vis-à vis in un unico (e piacevole) contesto, con la certezza di trovare controparti interessate. I Full Contact assicurano infatti incontri mirati e proficui, con il vantaggio per i buyer di poter prefissare la propria agenda in anticipo e per gli espositori di disporre di tutto il tempo necessario per illustrare la propria offerta. Alto profilo professionale e piacevoli atmosfere sono infatti i “marchi di fabbrica” dei Full Contact, anche grazie alla competenza dell’organizzazione – sempre a disposizione per qualsiasi esigenza durante gli eventi – e all’attenta scelta delle location, che assicurano ai partecipanti infrastrutture di ottimo livello e il contesto ideale per poter trascorrere qualche momento di gradevole informalità. Un po’di informazioni pratiche: i Full Contact, che hanno una durata di due giorni, prevedono l’ospitalità completa per i buyer e per gli espositori, che comprende cena di benvenuto, due pernottamenti con prima colazione presso hotel quattro stelle o superiore, due pranzi a buffet e una cena di gala. VEDIAMO I FULL CONTACT NEL DETTAGLIO: ■ Ha rotto il ghiaccio Full Contact Pco, che l’1 e il 2 febbraio scorsi ha fatto

208 | 01 2010


MC workshop ed exhibition

incontrare presso il raffinato Excelsior Palace Hotel di Rapallo, sede “storica” di questo workshop, le più qualificate strutture e destinazioni per congressi e le più importanti agenzie di organizzazione e servizi congressuali italiani, ■ la Versilia diventerà internazionale il 16 e il 17 aprile prossimi con Full Contact Discover Italy e Full Contact International Venues. Il primo vedrà le destinazioni e i fornitori italiani incontrare i più attivi meeting e incentive planner stranieri e le più importanti agenzie internazionali, mentre con Full Contact Internationa Venues scenderanno in campo le sedi, le destinazioni e i servizi congressuali e incentive esteri, che si proporranno a planner e agenzie italiane, ■ si rimane in Versilia per il Full Contact Incentive Destinations, che si terrà i prossimi 17 e 18 maggio presso l’Una Hotel Versilia a Lido di Camaiore. Tutto dedicato al mondo dell’incentive, questo workshop vedrà esporre le più affascinanti destinazioni e strutture italiane e straniere, mentre i buyer saranno selezionati tra i migliori incentive planner e responsabili aziendali e tra le più quotate agenzie di incentivazione e di comunicazione, ■ Full Contact Meeting Planner si terra quest’anno a settembre, e più esattamente i giorni 10 e 11, presso il Park Hotel Villa Fiorita a Monastier di Treviso. I meeting planner aziendali, enti e associazioni italiani conosceranno l’offerta delle più interessanti sedi e destinazioni congressuali, ■ quando il lusso chiama, Full Contact Luxury Venues risponde con la migliore offerta e la più esigente domanda del segmento luxury, per eventi al top. L’appuntamento è per i prossimi 15 e 16 ottobre, ■ last, but not least…Full Contact Large Events, il workshop dedicato ai grandi eventi, che proporrà tra gli espositori sedi congressuali con la sala principale superiore ai cinquecento posti.

networking

GLI EVENTI EDIMAN DEL 2010

FULL CONTACT PCO 1–2 Febbraio Excelsior Palace Hotel - Rapallo

I n t e r n a t i o n a l Ve n u e s

FULL CONTACT MEETING PLANNER 10–11 Settembre Park Hotel Villa Fiorita, Monastier di Treviso

FULL CONTACT INTERNATIONAL VENUES

TRAVEL TREND MILANO

16–17 Aprile Versilia

29 Settembre Milano FULL CONTACT DISCOVER ITALY

16–17 Aprile Versilia

FULL CONTACT LUXURY VENUES 15–16 Ottobre Location da confermare

FULL CONTACT INCENTIVE DESTINATIONS 17–18 Maggio 2010 UNA Hotel Versilia, Lido di Camaiore Incentive Destinations

FULL CONTACT LARGE EVENTS 15–16 Novembre Hotel Parchi del Garda, Pacengo del Garda L arge Event s

Per gli aggiornamenti e tutti i dettagli possono essere consultati i siti: www.ediman.it www.edimanfullcontact.com www.traveltrendmilano.it SETTEMBRE, È TEMPO DI TRAVEL TREND Chi sarà la guest star di quest’anno? Per saperlo, non resta che appuntare fin da ora in agenda la data del 29 settembre, quando sarà di scena Travel Trend Milano. Il pomeriggio e la serata saranno dedicati al mondo della meeting e incentive industry e ai viaggi d’affari, con un’intensa sessione di lavoro e momenti di spettacolo. Si comincerà con il workshop: tra i circa 150 esposito1

1 / La classica stretta di mano di fine incontro, durante uno dei Full Contact di Ediman 2 / Un momento del Travel Trend, workshop sempre molto “affollato” dai buyer del settore

2

01 2010 | 209


MC networking

workshop ed exhibition

Agli eventi di Ediman partecipano sempre grandi nomi dello spettacolo, per unire all’impegno degli affari qualche break di relax e divertimento... 3 / Il caustico Enrico Bertolino 4 / Il comico spezzino Dario Vergassola 5 / L’«automobilista inc...» Gioele Dix 6 / L’esplosivo due comico Lillo e Greg

210 | 01 2010

3

4

5

6

ri sedi congressuali, compagnie alberghiere, convention bureau, uffici del turismo stranieri, compagnie aeree, autonoleggi e fleet management, agenzie e servizi congressuali, incentive e per il business travel. Un’offerta davvero completa quindi, di sicuro interesse per chi – dal direttore marketing all’ufficio acquisti, dai professionisti del settore alle società di consulenza e organizzazione congressuale,

dalle agenzie di pubbliche relazioni a quelle di incentivazione – si occupa dell’organizzazione di meeting aziendali, eventi, viaggi incentive e d’affari. Conclusi i lavori, sarà tempo di divertirsi con la performance della guest star, di cui per ora non sveliamo l’identità, ma che di sicuro strapperà qualche sorriso a tutti i presenti. Si concluderà così degnamente quello che, non per niente, è l’unico workshow del settore.


MC networking

workshop ed exhibition

Più innovazione a Imex 2010 L’ottava edizione di Imex – che si terrà dal 25 al 27 maggio prossimi a Francoforte – alza l’asticella rispetto alla scorsa edizione puntando a un numero ancor maggiore di hosted buyer e di espositori. Molte le partecipazioni già confermate

ALESSANDRA BOIARDI

Obiettivo importante per Imex 2010, che si è prefissata di aumentare il numero di hosted buyer puntando soprattutto sui mercati d’oltreoceano

212 | 01 2010

2010 alzerà il sipario dal 25 al 27 maggio prossimi a Francoforte per la Isuamex ottava edizione. La premiata manifestazione internazionale dedicata alla meeting e incentive industry punterà quest’anno a superare i risultati del 2009 incrementando il numero di hosted buyer – soprattutto di quelli provenienti dai mercati d’oltreoceano – e di espositori e arricchendo il programma dei seminari. Grazie all’apporto di realtà del calibro di Marriott Hotels, Hilton Hotels, Mandarin Oriental, Rocco Forte e Starci-

te, sono già più di venti i gruppi di buyer provenienti dagli Stati Uniti, dall’area Asia-Pacifico e dal Medio Oriente che hanno confermato la loro partecipazione. In previsione, c’è anche la partecipazione di buyer appartenenti ad associazioni di settore statunitensi. Secondo le valutazioni degli hosted buyer che vi hanno partecipato, la scorsa edizione ha generato contratti stimati per un ammontare di 375,5 milioni di dollari. Una cifra importante, che di sicuro ha avuto un peso nella decisione di molti espositori di confermare la loro presenza anche per quest’anno. Tra essi, hanno scelto stand più grandi Malaysia, Sri Lanka, Ritz Carlton Hotels, Mövenpick Hotels, Ufficio del Turismo spagnolo, Indian Holiday, Czech Tourism Authority, Luxembourg e Liberty International. Tra le new entry, invece, ci sono Scandic Hotels, Warwick Hotels e Madrid. L’edizione 2010 di Imex presenterà inoltre una novità: Meetings & Conventions 2020, un’iniziativa che la manifestazione ha messo a punto con Icca e Fast Future e che farà il punto sul futuro degli eventi, delle location e delle destinazioni della meeting industry durante diversi seminari e workshop a Francoforte. Come sempre, tutti gli incontri dell’education programme di Imex si svolgeranno in inglese e tedesco e riguarderanno gli argomenti più “hot” del settore, dall’ambiente alle innovazioni tecnologiche. «Espositori e buyer tornano ad Imex anno dopo anno perchè sappiamo come ottimizzare il loro tempo e il loro denaro» è il commento del presidente di Imex, Ray Bloom. indirizzi a fine rivista


MC networking

notiziari e associazioni

Delegazioni, queste conosciute Partite in sordina due anni fa, sono oggi divenute una delle realtà più pulsanti e promettenti di Federcongressi. In termini di visibilità, membership e risultati

e delegazioni regionali hanno ultimamente colto significativi successi in Ltermini di risultati politici e di visibilità,

1

214 | 01 2010

non solo locale. Tanto, da suggerirci di utilizzare questo spazio per darne una sorta di ultimate description al più vasto pubblico di – perché no – potenziali componenti. Niente di meglio che cominciare dalla definizione che ne dà il regolamento di Federcongressi: «Le delegazioni regionali hanno l’obiettivo principale di raccogliere informazioni a livello regionale o locale sulle politiche di sviluppo della Meeting Industry, proponendo piani di sviluppo e azioni utili alla definizione delle scelte strategiche nazionali della federazione, nonché quello di trasmettere a livello locale le decisioni e le attività messe in atto dalla federazione stessa». Sono dunque come prima cosa attratto-

ri di interessi nei confronti di un comparto importante dell’economia turistica del nostro Paese o, come nel nostro caso, delle Regioni italiane. Replicano il modello istituzionale, operano all’interno di un ordinamento generale (cabina di regia) e sviluppano in maniera autonoma la propria attività di presidio del territorio, per quanto riguarda il rapporto con le istituzioni e le pubbliche amministrazioni, e di sostegno alla filiera congressuale, per quanto riguarda le imprese e i professionisti del nostro settore. Il presidio del territorio si esprime principalmente in un’attività di stimolo e di messa in luce del valore del comparto: per esempio aiutando a trasformare un settore di nicchia in una vera propria industria, o contribuendo a definire un nuovo concetto di ospitalità, o diffondendo la consapevolezza della necessità


MC notiziari e associazioni

di una politica di destination management. Il sostegno alle aziende e ai protagonisti della filiera, invece, si esprime attraverso un’attività di relazione, conoscenza, informazione e formazione, creando negli operatori la coscienza di industria organizzata e professionale, lavorando per migliorare il livello competitivo delle imprese e il profilo professionale degli addetti, fornendo strumenti, dispositivi utili e risposte concrete volte a semplificare il lavoro di tutti. Le delegazioni sono anche incubatrici di esperienze, di buone pratiche, di idee e progetti. Devono essere capaci di avviare un percorso che generi diverse occasioni di lavoro, di presenza e di confronto per far conoscere le potenzialità del settore, per individuare insieme una strategia di medio-lungo termine che garantisca lo sviluppo del comparto in maniera non disgiunta dallo scenario nazionale e dall’affermazione di una marca Italia che comprenda tutte le destinazioni congressuali regionali italiane. Ma dobbiamo anche aggiungere che le delegazioni regionali guardano lontano. Anticipano infatti e precorrono un’attività di membership che domani Federcongressi, diventando un’associazione di primo livello, svolgerà con entusiasmo e con grande senso di responsabilità, perché anche e soprattutto dal loro lavoro dipenderà il ruolo che saprà ricavarsi sulla scena nazionale. Gli interlocutori della meeting industry riconosceranno sì autorevolezza ai nostri operatori in virtù della competenza e del sapere che sapranno esprimere, ma la storia di questi anni ci ha insegnato che, purtroppo, competenza e sapere non bastano. Per contare concretamente bisogna essere in tanti e coesi. Non è esagerato, quindi, definire le delegazioni regionali driver della diffusione del progetto di sviluppo, di crescita e di progresso di Federcongressi sulla meeting industry italiana.

I SUCCESSI PIÙ RECENTI Lo provano i fatti. Tra novembre e dicembre la delegazione veneta si è resa protagonista di due successi molto importanti. Durante la seconda conferenza regionale, tenutasi a Verona Fiere, cui hanno partecipato oltre cento operatori di settore qualificati, è emerso il concorde impegno degli assessori provinciali al turismo di far nascere un convention bureau in ciascuno dei loro territori: un caso unico in Italia. E il 9 dicembre, durante la Conferenza regionale veneta del Turismo, tenutasi a Villa Contarini di Piazzola sul Brenta (Pd), il coordinatore Enrico Jesu, il segretario regionale Assoturismo Veneto–Confesercenti Maurizio Francescon, il presidente Confturismo Veneto Marco Michielli e il pre-

sidente Federturismo Veneto Gian Ernesto Zanin hanno presentato un documento programmatico per lo sviluppo della meeting industry nel Veneto. È la prima volta che tutte le rappresentanze di categoria direttamente e indirettamente coinvolte nel comparto congressuale si uniscono su base regionale a fini promozionali. Ma non solo il Veneto è stato attivo. La delegazione piemontese ha tenuto al Centro Congressi Lingotto Fiere di Torino, il 20 novembre, un convegno sugli eventi eco-sostenibili, cui sono intervenuti personaggi di primo piano che hanno rilanciato il tema dell’abbattimento di anidride carbonica. In particolare il consigliere Marco Grimaldi ha ribadito la mozione, presentata in Comune, che invita la municipalità a varare una serie di misure per ridurre le emissioni di anidride carbonica in città, a cominciare dal principale evento locale del 2010, l’Ostensione della Sindone. Infine, la delegazione Campania si è presentata con grande successo alla stampa e al pubblico regionale con un convegno al Crowne Plaza di Caserta. Il convegno ha permesso di gettare le basi per un tavolo più ristretto in cui parlare di convention bureau e per una collaborazione con l’Università Federico II per la raccolta e l’elaborazione di dati statistici sul congressuale in Campania. Molto qualificato il parterre dei relatori: c’erano, fra gli altri, il presidente di Confturismo Campania Maurizio Maddaloni, il componente del direttivo di Confindustria Turismo Campania Ugo Picarelli, e il presidente della Mostra d’Oltremare Raffaele Cercola, che ha formalizzato la richiesta di entrare a far parte della delegazione campana Federcongressi. Ecco i risultati di un serio lavoro su base locale. E siamo solo all’inizio, giacché anche le altre delegazioni – attive in Emilia-Romagna, Lazio, Liguria e Toscana – stanno portando avanti i loro progetti. Nel 2010, insomma, Federcongressi avrà davvero molto da raccontare.

networking

2

3

4

1 / Lorena Bossolesi, coordinatrice dell’attività delle delegazioni regionali 2 / Enrico Jesu, coordinatore della delegazione regionale del veneto 3 / Mauro Dolla, coordinatore della delegazione regionale del Piemonte 4 / Sergio Moscaticoordinatore della delegazione regionale della Campania

www.federcongressi.it

Federcongressi è la Federazione delle Associazioni del settore congressuale e dell’incentive. Ne fanno parte Aimp, Apicef, Italcongressi-Pco Italia, Meet In Italy, Mpi, Site

01 2010 | 217


PARCO DEI PRINCIPI GRAND HOTEL & SPA • ROMA

Via Gerolamo Frescobaldi, 5 • 00198 Roma • T +39 06 854 421 • F +39 06 884 5104 F reservations +39 06 855 1758 • parcodeiprincipi.com • principi@parcodeiprincipi.com

chiricozzi.com

ROBERTO NALDI HOTELS


MC notiziari e associazioni

networking

Tutti intorno al Ring Grande successo, il 4 novembre a Roma, per l’innovativo evento di Site Italy, che ha coinvolto illustri rappresentanti della filiera e ha finalmente dato voce a tutte le parti dell’industria incentive

1

ercoledì 4 novembre, a Roma, presso la Casa dell’Architettura (ex M Acquario romano), un folto uditorio ha assistito partecipe a The Ring, l’originale incontro-scontro organizzato da Site Italy tra tutti gli stakeholder dell’incentivazione: aziende clienti, incentive house, alberghi e fornitori insieme su un palco ironicamente preso a prestito dal ring dei pugili, con tanto di punching ball centrale. L’evento ha richiesto un lungo lavoro di contatti e ricerche, che ha coinvolto l’intero consiglio direttivo. A luglio furono individuate le categorie professionali d’interesse (aziende clienti e associazioni di filiera), poi contattate per una serie di interviste mirate. A mostrare la maggiore disponibilità sono state – per certi versi sorprendentemente – le aziende (ossia i clienti) e i direttori commerciali, rappre-

sentati da Adico. The Ring è stato introdotto da un intervento del Segretario di Stato al Turismo della Repubblica di San Marino, Fabio Berardi, e facilitato da Marco Garavaglia, direttore editoriale di Ediman. Due i “pugili” che hanno simpaticamente accettato di salire sul ring: la consigliera di Fiavet Lazio (Capitolo regionale della federazione italiana agenti di viaggio) con delega ai congressi Fulvia Faccin e il presidente di Adico (l’associazione dei direttori commerciali) Michele Cimino. Tra tutte, citiamo

1 / Fabio Berardi, Segretario di Stato al Turismo della Repubblica di San Marino presenta le opportunità per congressi e incentive dello Stato del Monte Titano 2 / Il direttivo Site al completo e, ultimo a destra, il moderatore di The Ring, Marco Garavaglia

2


MC networking

notiziari e associazioni

SITE ITALY E FEDERCONGRESSI

Molto scalpore suscitò la notizia della fuoruscita della nostra associazione da Federcongressi, di cui siamo stati tra i soci fondatori. Qui pubblichiamo il documento inviato ai soci di Site Italy l’11 novembre e letto il giorno dopo nel Comitato esecutivo della federazione dalla nostra Presidente Annamaria Ruffini CMP:

3

SAVE THE DATE

5-7 marzo 2010 Mediterranean Sea-Site Incontro internazionale di Site ideato e organizzato dal Capitolo italiano presso l’Hilton Acaia Golf Resort (Lecce) IMPERDIBILE! Seguiranno informazioni dettagliate www.site-italy.com segreteria@site-italy.com

3 / Su il sipario su “The Ring”: la presidente di Site Italy Annamaria Ruffini introduce il facilitatore dell’evento Marco Garavaglia 4 / Solo posti in piedi per assistere all’«incontro»

«Spettabile Federcongressi, il Consiglio direttivo di Site Italy prende atto, con rammarico, di non poter più sostenere l’impegno economico assunto con Federcongressi. Nell’intento, pertanto, di prevenire un ulteriore accumulo del debito, ha deciso all’unanimità di lasciare la federazione a far data dal 31 dicembre 2009. Questa dolorosa decisione scaturisce anche dagli assai bassi ritorni che l’investimento su Federcongressi ci ha dato come associazione. È un fatto che l’attività federativa sia essenzialmente concentrata sul congressuale e non sui "focus" della nostra professione. Il provvedimento di cui sopra vale soltanto in relazione all’attuale configurazione giuridica di Federcongressi. Nella futura associazione di primo livello Site Italy sarà lieta di confluire, previa accettazione della proposta di cui ci faremo sostenitori in Comitato esecutivo, ovvero di: a) quota di membership individua-

4

Site Italy è il capitolo italiano di “The Society of Incentive & Travel Executives” e da 35 anni è l’associazione dedicata all’eccellenza negli incentive

220 | 01 2010

le molto ridotta a fronte dell’iscrizione a Site; b) impegno formale e reale a concentrarsi e rispettare anche i temi centrali del nostro ramo di attività; c) aver esaminato gli obiettivi che l’associazione si pone, il programma di lavoro e la struttura che intende darsi. Proprio per questo motivo, la decisione di lasciare la federazione può essere transitoriamente sospesa sino alla Convention di Caserta, a patto che il passaggio dal secondo livello al primo sia materialmente e formalmente raggiunto in quella occasione. Il debito accumulato sino al 31 dicembre 2009 – o, nel caso di cui al paragrafo precedente, sino al 13 marzo 2010 – verrà saldato appena i conti dell’associazione lo permetteranno. In fede, il Consiglio Direttivo di Site Italy» Oggi così si esprime Annamaria Ruffini a riguardo: «Sono molto lieta che la nostra decisione abbia “smosso le acque” inducendo tutto il sistema associativo ad accelerare i tempi. Stiamo attivamente collaborando al passaggio di Federcongressi verso il primo livello e auspichiamo, il 13 marzo, di poter applaudire nella neonata associazione una moderna ed efficiente rappresentante degli interessi e delle professionalità di noi tutti».

una delle considerazioni di Cimino, che bene riassume la “morale” dell’evento: «L’incentive serve se aiuta a raggiungere i risultati che si prefigge. Le agenzie potrebbero essere la fonte di un cambiamento importante in questo senso, tuttavia ho il sospetto che non se la sentano di attaccare l’azienda quando va attaccata. La nuova generazione di manager non sa che cos’è l’incentivazione, perché fa fatica anche a star dietro ai cambiamenti del mestiere: è cambiato il commercio, sono cambiate le fonti d’informazione… Le agenzie incentive, proponendosi, dovrebbero porsi come consulenti d’impresa più che come venditrici di un servizio». I risultati delle ricerche preparatorie, portati in parte sul palco del Ring, saranno oggetto di attenta elaborazione e valutazione nei prossimi mesi.


MC networking

news associazioni

ALESSANDRA BOIARDI

LA PROVINCIA DI FIRENZE HA LA MAGGIORANZA DEL FIRENZE CB MEET IN ITALY “TROVA” GLI EVENTI

La Provincia di Firenze ha acquisito, rilevandone il 52 per cento, la quota di maggioranza del Firenze Convention Bureau, che rientra così tra gli strumenti di promozione turistica dell’ente provinciale, che con Regione, Comune e Camera di Commercio ne rilancerà la strategia a livello nazionale e internazionale. Ha commentato l’assessore provinciale al turismo Giacomo Billi: «Abbiamo effettuato questa operazione per due ragioni. Come prima cosa, pensiamo – d’accordo con le istituzioni locali – che il turismo congressuale debba diventare uno dei settori d’intervento fondamentali della nostra attività istituzionale. In secondo luogo, come Provincia abbiamo sempre

avuto la titolarità della promozione turistica locale attraverso l’Apt (agenzia per il turismo). Desideriamo dunque, in un settore come questo, che presenta il rischio di far nascere dei “doppioni” nelle proprie strutture promozionali, contribuire con la nostra esperienza affinché l’attività tradizionale dell’Apt e quella congressuale del convention bureau arrivino a integrarsi sempre più». «L'amministrazione comunale – è il commento del vicesindaco di Firenze e assessore comunale Dario Nardella – giudica molto positivamente questa operazione, anche perché, fin dall'inizio, abbiamo lavorato per semplificare il panorama degli enti pubblici e privati nel settore della promozione turistica».

I VANTAGGI DEL WEB 2.0 I nuovi strumenti interattivi offerti dal web – e i social network in particolare – rappresentano opportunità reali per il Mice. Parola di Mario Bucolo, esperto internazionale di marketing, che ne ha parlato durante il seminario tenuto da Mpi (dal titolo: “Web 2.0 e social network – teoria, consigli e strumenti di immediata applicazione per i professionisti dei convegni” e organizzato, in particolare, dal comitato Education di Mpi Italia Chapter, presieduto da Gaetano Sciatà Cmp. «Si pensi al concetto di Intranet aziendale – ha commentato Bucolo – per comprendere come si possa passare da social network pubblici a social network aziendali e professionali che, invece di distrarre i collaboratori, ne focalizzano l’attenzione sull’attività lavorativa». (www.mpiweb.it)

222 | 01 2010

Si chiama Eureka-Il Trova Eventi ed è offerto gratuitamente agli associati. Si tratta di uno strumento che permette agli operatori di individuare gli eventi “open venue” che, per tipologia, rispecchiano le proprie caratteristiche di accoglienza. Ogni socio, dopo essersi accredito al portale www.progettoeureka.com, potrà così interrogare il database, visionare tutti gli eventi nazionali e internazionali in corso di programmazione che rispondono alla propria offerta e inviare una proposta direttamente ai buyer, individuati dall’attività di scouting di Oficina del Turismo, promo-office di Meet in Italy. Tra le altre iniziative dell’associazione, anche la partecipazione a Confex, fiera di riferimento del mercato britannico e il potenziamento dei suoi workshop.


SÌ A FEDERCONGRESSI Meet in Italy (www.meetinitaly.com) procederà allo scioglimento per dar vita, insieme alle altre associazioni, alla trasformazione di Federcongressi in associazione. Il via libera è stato dato dall’assemblea dei soci, che ha però posto una condizione: la verifica, che durerà sino al 30 settembre 2010, di alcune condizioni giudicate imprescindibili. L’associazione, infatti, chiede che Federcongressi recepisca in toto il know-how promo-commerciale di Meet in Italy affidandone le attività ai propri consulenti e che i costi di iscrizione rimangano invariati. Meet in Italy pone come condizioni anche la creazione, all’interno di Federcongressi, di categorie per tipologia di soci (alberghi, centri congressi, convention bureau, professional congress organizer, meeting planner) e l’utilizzo dei propri

CREATIVITÀ IN QUANTITÀ CHE IN AMBITO MEDICO ORGANIZZA CON ECCELLENTI RISULTATI

CONGRESSI DI QUALITÀ crediti per iniziative di carattere promo-commerciale. «Lo scenario che si prospetta con la trasformazione di Federcongressi in associazione di primo livello è sicuramente interessante, capace di dare una spinta allo sviluppo del Mice italiano e di creare un proficuo tavolo di discussione con le istituzioni» commenta Giovanni Laezza, (nella foto) presidente di Meet in Italy.

LA PAROLA AGLI STUDENTI Partirà a luglio il primo corso residenziale a cura del “Learning center”, la rinnovata struttura formativa di Federcongressi (www.federcongressi.it). Lo ha deciso il corpo docenti della federazione, riunitosi di recente a Milano. Durante il ritiro si è fissato un primo calendario di tappe. Il primo corso verterà sul meeting management e verrà rivolto a venti giovani studenti, durerà tre giorni full time e si terrà nel mese di luglio in sede da definirsi. Caratteristica del corso, come di quelli

UN’AGENZIA DI INCENTIVE E CONVENTION CHE SPRIZZA

che seguiranno, sarà il link diretto al mondo del lavoro: dopo i tre giorni di intensa didattica su metodi e prassi della meeting industry, gli allievi fruiranno di un mese di stage nelle aziende dei soci Federcongressi. Lo stage avverrà subito dopo le vacanze estive, cioè in un mese – settembre – tradizionalmente denso di eventi impegnativi.

E ALLA CUI GUIDA SI DISTINGUONO PROFESSIONISTI MOLTO

COMPETENTI E QUALIFICATI IN DUE PAROLE

CQ TRAVEL • CQ CONGRESS INCENTIVE, CONGRESSI MEDICI, CONVENTION, MEETING COME E QUANDO VOLETE Via Pagliano 3, 20149 Milano Tel. 02.48.04.951 • Fax 02.43.911.650 travel@cq-travel.com congress@cq-travel.com www.cq-travel.com


reservations.derussie@roccofortecollection.com

reservations.savoy@roccofortecollection.com

Rome - Florence - London - Edinburgh - Manchester - Brussels - Berlin - Munich - Frankfurt - Geneva - St Petersburg Future openings in Prague 2009, Sicily 2009, Abu Dhabi 2010, Jeddah 2010, Marrakech 2010.

www.roccofortecollection.com


indirizzi HOT TOPIC location del mese ■ VILLA BORROMEO Via della Provvidenza, 61 35030 Sarmeola di Rubano (Pd) Tel. 049 8979900 Fax 049 8988483 info@villaborromeo-pd.it www.villaborromeo-pd.it

report ■ ENIC Meetings & Events Piazza Adua, 1/d 50123 Firenze Tel. 055 2608941 - Fax 055 2608948 Via della Scrofa, 14 00186 Roma tel. 06 68214444 fax. 06 68392018 Info@enic.it www.enic.it <http://www.enic.it>

under the spotlight ■ CARLSON WAGONLIT TRAVEL CWT Meetings & Events Via A. Vespucci, 2 20124 Milano Tel. 02 625431 eventsitalia@carlsonwagonlit.it www.carlsonwagonlit.it ■ THE HUB Via Privata Polonia, 10 20157 Milano Tel. 02 78627000 - Fax 02 78627070 info@thehubhotel.com www.concertohotels.com ■ CASTELLARO GOLF RESORT Strada per i Piani, 1 18011 Castellaro (Im) Tel. 0184 054100 - Fax 0184 054150 booking@castellarogolf.it www.castellarogolf.it ■ RELAIS VILLA FIORITA 31050 Monastier di Treviso (Tv) Via Giovanni XXIII, 1 Tel. 0422 898008 - Fax 0422 898006 Info: info@villafiorita.it Booking: info@sogedinhotels.it ■ NOVA YARDINIA S.S. 106 Km 466,660 74010 Castellaneta Marina (Ta) Tel. 099 8204901 - Fax 099 8204020 congress@novayardinia.it www.novayardinia.it ■ ALBERGO - MASSERIA CHIANCONE TORRICELLA Strada Trasconi Chiancone, 74015 Martina Franca - Valle dei Trulli (Ta) Tel. 080 4490600 - 334 1171324 Fax 080 4490188 info@masseriachiancone.it www.masseriachiancone.it ■ HOTEL LE MÉRIDIEN BEACH PLAZA 22 Avenue Princesse Grace MC 98 000 Monaco Tel. +377 93309880 - Fax +377 93152314 reservations.montecarlo@lemeridien.com www.lemeridien.com/montecarlo ■ SERBIAN CONVENTION BUREAU Cika Ljubina, 8 Po Box 90 11000 Belgrado Tel. +381 11 6557101 - Fax +381 11 2626767 scb@serbia.travel www.scb.travel

SITE INSPECTION chains & club ■ ANGALA HOTELS Via Principe di Belmonte, 103/C 90139 Palermo Tel. 0942 24402 - Fax 0942 24403 info@angalahotels.it www.angalahotels.it ■ ASSISI RESORT Via S. Maria di Lignano, 42 06081 Assisi (Pg) www.luoghispeciali.com www.specialmove.it www.birramonasta.com ■ MEETBARCELÓ Tel. +34 91 5522251 meetbarcelo@barcelo.com www.meetbarcelo.com ■ SAVOIA EXCELSIOR PALACE Riva del Mandracchio, 4 34124 Trieste Tel. 040 77941 - Fax 040 638260 savoiaexcelsior.ts@starhotels.it www.starhotels.com ■ VESTAS HOTELS & RESORTS Via Assisi, 1 73100 Lecce Tel. 0832 452447 reservations@vestashotels.it info@vestashotels.it www.vestashotels.it hotel ■ HOTEL CAPITOL World Class Hotel Via Cimaorosa, 6 20144 Milano Tel. 02 438591 - Fax 02 43859700 info@capitolmilano.com www.capitolmilano.com ■ I PORTICI HOTEL Via Indipendenza, 69 40121 Bologna Tel. 051 42185 - Fax 051 4218550 info@iporticihotel.com www.iporticihotel.com ■ CASTELLO DEL NERO HOTEL & SPA Strada Spicciano, 7 50028 Tavarnelle Val di Pesa (Fi) Tel. 055 806470 - Fax 055 80647777

networking

info@castellodelnero.com www.castellodelnero.com ■ HOTEL CLUB IL BARICENTRO SS 100 km 18 70010 Casamassima (Ba) Tel. 080 6977290 - Fax: 080 6977282 direzione@hotelclubilbaricentro.it www.golfhotelbarialto.it ■ GRAND HOTEL TIZIANO E DEI CONGRESSI Viale Porta D'Europa 73100 Lecce Tel. 0832 272111 - Fax 0832 272841 info@grandhoteltiziano.it www.grandhoteltiziano.it ■ SAN PAOLO PALACE HOTEL Via Messina Marine, 91 90100 Palermo Tel. 091 6211112 - Fax 091 6215300 booking@sanpaolopalace.it www.sanpaolopalace.it ■ BRENNER’S PARK-HOTEL & SPA Schillerstraße 4/6 76530 Baden-Baden - Germania Tel. +49 72219000 Telefax +49 722138772 information@brenners.com www.brenners.com location per eventi ■ IL GATTOPARDO CAFÉ Via Piero della Francesca, 47 20154 Milano Tel. 02 34537699 - Fax 02 31820871 info@ilgattopardocafe.com www.ilgattopardocafe.com www.kineocafe.it www.chatulle.it ■ FORUMNET Via G. Di Vittorio, 6 20090 Assago (Mi) Tel. 02 48857338-306 eventiaziendali@forumnet.it www.forumnet.it ■ CERNOBBIOSHED Via Manzoni, 1 22012 Cernobbio (Co) Tel. 031 513675 - Fax 031 3446977 info@cernobbioshed.com www.cernobbioshed.com ■ ACI VALLELUNGA Via Mola Maggiorana, 4/6 00063 Campagnano di Roma (Rm) Tel. 06 9015501 - Fax 06 9042197 info@vallelunga.it www.vallelunga.it ■ CORTE BRACCO DEI GERMANI MONASTERO & RESORT Via Bracco, 3 70033 Corato (Ba) Tel. 080 8722698 - 080 8725344 Fax 080 3580056 info@cortebracco.it www.cortebracco.it

01 2010 | 225


networking

■ CASTELLO MONACI Contrada Castello Monaci 73015 Salice Salentino (Le) Tel. 0831 666071 - Fax 0831 665804 info@castellomonaci.com www.castellomonaci.com ■ CASTELLO CRUYLLAS Via Alcantara, 142 95011 Calatabiano (Ct) Tel. 095 954461 Fax 095 7000127 info@castellocruyllas.com www.castellocruyllas.com resort ■ ASTORIA CENTRO CONGRESSI Viale Trento, 9 38066 Riva del Garda (Tn) Tel. 0464 576657 - Fax 0464 521222 info@astoriacongressi.it www.astoriacongressi.it ■ BHR TREVISO HOTEL S.R. 53 - Via Postumia Castellana, 2 31055 Quinto di Treviso (Tv) Tel. 0422 3730 - Fax 0422 373999 info@bassohotels.it www.bhrtrevisohotel.it ■ LOANO2VILLAGE Via degli Alpini, 6 17025 Loano (Sv) Tel. 019 67911 - Fax 019 671765 info@loano2village.it ■ GRAND HOTEL MAZZARO' SEA PALACE Via Nazionale, 147 98030 Taormina Mare (Me) Tel. 0942 612111 - Fax 0942 626237 www.mazzaroseapalace.it ■ ROYAL RIVIERA 3 Avenue Jean Monnet 06230 Saint-Jean-Cap Ferrat - Francia Tel. + 33 493763100 Fax +33 493012307 sales@royal-riviera.com www.royal-riviera.com destination ■ CROWNE PLAZA STABIAE SORRENTO COAST SS 145 Sorrentina, km 11 80053 Castellammare di Stabia (Napoli) Tel. 081 3946700 - Fax 081 3946770 www.crowneplaza.com/stabiaesorrent www.sorrentocoasthotel.com ■ BREMER TOURISTIK-ZENTRALE Bremen Convention Bureau Findorffstraße 105 28215 Brema Tel. +49 42130800-10 - Fax. +49 42130800-30 info@bremen-tourism.de www.bremen-tourism.de ■ ENGADIN ST. MORITZ Convention Services Via San Gian, 30 CH-7500 St. Moritz

226 | 01 2010

indirizzi Tel. +41 818300813 - Fax +41 818300818 mice@estm.ch www.engadin.stmoritz.ch/meetings

Tel. 0173 226689 - Fax 0173 226530 info@albabraconvention.it www.albabraconvention.it

■ CRUISING WORLD Lungo Dora Colletta, 75 10153 Torino Tel. 011 2293210 cruising@cruisingworld.it www.cruisingworld.it

■ CONVENTION BUREAU DELLA RIVIERA DI RIMINI Via della Fiera, 52 47923 Rimini (Rn) Tel. 0541 711500 - Fax 0541 711505 info@riminiconvention.it www.riminiconvention.it

■ TUNISIA EVENTI Via Vespucci, 29 47900 Rimini Tel. 0541 206187 - Fax 0541 27061 info@tunisiaeventi.com www.tunisiaeventi.com ■ DUBAI CONVENTION BUREAU P. O. Box 594, Dubai, United Arab Emirates Tel. + 971 4 2010220 Fax: +971 4 2010414 www.dubaitourism.ae www.dcb.ae PARTNER

■ ETNA CONVENTION BUREAU Centro Congressuale e Fieristico Le Ciminiere Viale Africa 95129 Catania Tel. e Fax 095 530237 info@etnaconventionbureau.com www.etnaconventionbureau.com ■ ZAGREB TOURIST BOARD AND CONVENTION BUREAU Kaptol 5 10 000 Zagabria Tel. +385 1 4898555 - 4898510 Fax +385 1 4814340 info@zagreb-convention.hr www.zagreb-convention.hr

agency ■ CISALPINA TOURS Corso Moncenisio, 41 10090 Rosta (To) Tel. 011 9543333 - Fax 011 9543393 mice_sales@cisalpinatours.it www.cisalpinatours.it ■ WISH DAYS Via Oberdan, 4 37121 Verona Tel. 045 8106017 - Fax 045 8198413 info@elation.it www.elation.it ■ FASI Via R. Venuti, 73 00162 Roma Tel. 06 97605610 - Fax 06 97605655 info@fasiweb.com www.fasiweb.com ■ THANKS AGENCY 25049 Iseo (Bs) Tel. 333 7880033 - Fax 030 6589149 info@thanksagency.it www.thanksagency.it ■ VERATOUR Gruppi & Incentives Viale Eroi di Rodi, 254 00128 Roma Tel. 06 50066503 - Fax 06 50066431 gruppi@veratour.it www.veratour.it cb e dmc ■ ALBA BRA CONVENTION BUREAU – ALBA, BRA, LANGHE E ROERO Piazza San Paolo, 3 12051 Alba (Cn)

service e technology ■ DHS CONGREX Via Centonze, 100 98123 Messina Tel. 090 662172 info@dhscongrex.it www.dhscongrex.it Via Colonnello Tommaso Masala 00148 Roma info@dhscongrex.it www.dhscongrex.it ■ GIOCHI DI LUCE Via del Brolo, 21 26100 Cremona Tel. 0372 0250 Fax 0372 025100 info@giochidiluce.it www.giochidiluce.it ■ DEL FIO MULTIMEDIA Piazza Indipendenza, 10 50129 Firenze Tel. 055 4633305 - Fax 055 4634769 info@delfiomultimedia.it www.delfiomultimedia.it Tecnoconference Europe Via A. Luzio, 66 00179 Roma Tel. 06 78359617 - Fax 06 78359385 info@tecnoconference-europe.com www.tecnoconference-europe.com NETWORKING workshop ed exhibition ■ IMEX www.imex-frankfurt.com


pre-register now imex-frankfurt.com

The world’s moving faster but it’s easier to keep up. The pace and change of global business require the sharpest strategies and solutions in response. At IMEX you will get the best answers and opportunities to thrive in today’s economic climate. IMEX 2010, live in Frankfurt 25-27 May, will confirm the meetings industry’s judgment that this is the most significant and unmissable show in the worldwide calendar. You’ll meet more top people in the global industry at IMEX than anywhere else. You’ll get incisive thinking and intelligence on all the big issues. You’ll learn and benefit from new ideas, new contacts and great deals done. Head for Frankfurt and we’ll guarantee you keep one step ahead. Coming to IMEX 2010 will be the most important business decision you make in the next 12 months.

Frankfurt / 25-27 May

The essential worldwide exhibition for meetings and events.

IMEX +44 (0)1273 227311 | info@imex-frankfurt.com

In a harder world, a better solution. imex-frankfurt.com


Meeting e Congressi - Gen Feb 2010  

Meeting e Congressi è la prima rivista nel settore congressuale e incentive in Italia. Da più di 35 anni si prefigge lo scopo di informare e...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you