Issuu on Google+

Mensile - Spediz. in abb. postale - art. 2, comma 20/b Legge 66/95 - Filiale di Milano - In caso di mancato recapito restituire all’ufficio CMP Roserio. Il mittente si impegna a pagare i diritti fissi di restituzione.

CSC

tUtti

i

CANTIERI STRADE COSTRUZIONI MAGGIO 2009 anno XXVI n. 229

novità

editoriale dell’anno

SPECIALE SOLLEVAMENTO

Campo prove: DAF serie CF

w w w . b o b c a t . e u

Tel.

LiStini

800-399199

tECniCi


Nuovo Renault Kerax DXi13:

UNA MOTRICITA’ VINCENTE.

No i co nsiglia mo R enaul t Truc ks

Nuovo Renault Kerax DXi13 PER CONQUISTARE ANCHE I CANTIERI PIU' DIFFICILI

Oils e R

enau lt

Truc ks

Serv izi F in

anzi ari

• più potenza con le motorizzazioni 460 e 500 cv • più motricità e più robustezza La gamma Costruzioni si arricchisce con i nuovi Renault Premium Lander 8x4 e Renault Kerax DXi13. La perfetta complementarietà Vi consente facili spostamenti sia in cantiere che nelle cave più difficili.

Il nostro impegno, il Vostro successo.

www.renault-trucks.it


13-01-2009

15:22

Pagina 1

unleaded.it

Stampa periodica

5

YEARS TOTA L WARRAN TY

Un’offerta che non potrete rifiutare Solo i membri della nostra famiglia godono di speciali privilegi: grande affidabilità, assistenza continua, interventi di manutenzione rapidi. Da oggi, su richiesta, l’estensione della garanzia sulle nostre macchine arriva fino a cinque anni.* La sfida è cominciata, noi siamo pronti. Parola d’onore. *Per informazioni su termini e costi dell’estensione di Garanzia contatta il tuo concessionario Ihimer

www.ihimer.com


SOMMARIO | Maggio 2009 CSC

CANTIERI STRADE COSTRUZIONI MAGGIO 2009 anno XXVI n. 229

NOVITÀ Mensile - Spediz. in abb. postale - art. 2, comma 20/b Legge 66/95 - Filiale di Milano - In caso di mancato recapito restituire all’ufficio CMP Roserio. Il mittente si impegna a pagare i diritti fissi di restituzione.

editoriale dell’anno

5

L’OPINIONE FUORI DaL TUnnEL?

6 cSc NEwS

SPECIALE SOLLEVAMENTO

Campo prove: DAF serie CF

12

w w w . b o b c a t . e u

Tel.

TUTTI

I

LISTINI

800-399199

TECNICI

IN COPERTINA Bobcat

Modello i’ E35 - 3,5 tonnellate con giro in sagoma della nuova gamma di miniescavatori da 3 tonnellate.

Le Aziende in Questo numero Case ................................... 5 Bobcat .............................. 14 Case ................................. 15 Caterpillar ......................... 16 Dieci.................................. 17 Genie ................................ 18 Haulotte ............................ 19 JCB ................................... 20 JLG ................................... 21 Komatsu ........................... 22 Manitou ............................. 23 Merlo................................. 24 New Holland ..................... 25 Barin ................................. 26 BlueLift.............................. 27 CTE .................................. 28 Hinowa .............................. 29 Ihimer................................ 30 Liebherr ............................ 31 Manitowoc ........................ 32 Edilgru .............................. 33 FB F.lli Butti....................... 33 Airone ............................... 34 Effer .................................. 34 Piacenza Expo intervista...... 35 Esco.................................. 38 Sermac ............................. 40 Dynapac ........................... 42 Volvo ................................. 44 Mercedes .......................... 46 Doll ................................... 48 Liebherr ............................ 52 MB .................................... 56 DAF .................................. 58

12

SPECIALE SoLLEvAmEnto IN ALTO SEMPRE PIÙ IN ALTO GRU AUTOGRU TELESCOPICI PIATTAFORME AEREE GRU AUTOGRU

CANTIERI

38 40

37

Denti innovativi Un primato dal mondo del calcestruzzo

STRADE

COSTRUZIONI

52 56 41

Roadshow Liebherr 2009 Una rivoluzione in cantiere

58

CAMPO PROVE

DAF CF un tuttofare anche in cantiere

43

Dynapac: stabilità a lungo termine

44

È un Volvo il camion più potente del mondo

46

Soluzioni su misura per il cava cantiere

64

AgENDA cSc

48

Trasportare travi in c.a.

66

LISTINI TECNICI

38

44

52

2

CSC maggio 2009

51


CSC | Maggio 2009

Editoriale

C’è bisogno di una svolta Nel bel mezzo di una delle crisi economiche più travolgenti degli ultimi decenni, abbiamo deciso di investire per cambiare ed innovare. Una scommessa, rischiosa ma avvincente. Che vogliamo condividere con voi, lettori ed inserzionisti. CSC - Cantieri Strade e Costruzioni nasce nel febbraio 1984 e in venticinque anni, da queste pagine, abbiamo raccontato con passione e competenza il mondo del “movimento terra”, delle macchine e degli uomini che costruiscono. A venticinque anni dalla nascita abbiamo immaginato e realizzato un nuovo, radicale restyling grafico della rivista ma anche un diverso modo di presentare e collocare gli argomenti: cantieri, strade, costruzioni saranno le sezioni portanti di ogni numero. Naturalmente continueremo a seguire i principali eventi fieristici nazionali e internazionali, a offrire notizie aggiornate su aziende e persone. Per quel che riguarda i prodotti, macchine e accessori, daremo più spazio alle prove e alle informazioni tecniche. Anche grazie alla sezione dei listini, sempre aggiornati con gli ultimi modelli. Il nostro obiettivo è quello di offrire uno “spazio tecnico” di informazione specializzata a chi opera in questo settore. Uno spazio aperto e “accogliente”, in grado di ricevere stimoli dagli operatori del settore, di elaborarli e presentali a voi lettori. Abbiamo lavorato sui contenuti e sulla loro presentazione, crediamo ne sia valsa la pena. Speriamo vorrete condividere e sostenere con noi questa svolta.

3

CSC maggio 2009

L’Editore


L’OPINIONE

CSC

CANTIERI STRADE COSTRUZIONI

di Mario Marchisio*

FUORI DAL TUNNEL?

Maggio 2009 Anno XXV Numero 229

L’

attuale crisi economica, iniziata con la caduta del sistema bancario e finanziario, sta incidendo a fondo sull’economia reale e sulla società. Tuttavia alcuni indicatori sembrano suggerire che potremmo aver superato la fase più acuta; non è ancora tempo di abbassare la guardia, ma i primi segnali di ripresa potrebbero essere dietro l’angolo. Anche le decisioni dell’ultimo G20 possono rappresentare il punto di partenza per costruire un nuovo modello economico e finanziario, centrato sul primato del lavoro e del benessere sociale. Purtroppo il nostro Paese è stato colpito dalla tragedia abruzzese. Un momento di grande dolore da cui scaturisce un rinnovato richiamo per tutti ad un maggior senso di responsabilità. Oggi il Governo parla di incentivi a chi ristruttura o ricostruisce secondo il rispetto rigoroso dei criteri antisismici. Una necessità vitale per un Paese come il nostro; un obbligo per evitare il ripetersi di analoghe sciagure. Questo, assieme al

Direttore responsabile Eugenio Faiella Direttore Ferdinando Tagliabue Hanno collaborato Giulio Cesare Alberghini, Marco Biffani, Lorenzo Chiodo, Salvatore Ippolito, Maryvonne Lanoe, Mario Marchisio, Andrea Loretti, Antonio Martina, Francesco Santo, Michele Tenuti, Lorella Turchetto, Vittorio Valenza. Progetto gragico e impaginazione Mariella Salvi Pubblicità Davide Venturella davide.venturella@gestoeditore.it Giovanni Zammaretti zammaretti@gestoeditore.it Segreteria di redazione Silvia Pizzi silvia@gestoeditore.it Gesto editore S.r.l. Via Mercato, 28 - 20121 Milano Tel. +39 028051511- Fax +39 0289013553 cantieri@gestoeditore.it Costo di una copia ai soli fini fiscali € 2,00 Arretrati € 5,00 - Estero € 8,00 Abbonamento annuo Italia € 80,00 Estero € 105,00 Conto corrente postale 13590203

ricerca ha generato motori migliori, più potenti ma con emissioni inquinanti e acustiche inferiori e consumi molto più contenuti; di più al momento i maggiori brand del movimento terra stanno sperimentando soluzioni ibride, finalmente considerate non più soltanto un’ipotesi futuribile e quasi “accademica” ma un progetto economicamente profittevole. Per migliori prestazioni e minore impatto ambientale. Tutto questo da abbinare a un

alcuni indicatori sembrano suggerire che potremmo aver superato la fase più acuta; non è ancora tempo di abbassare la guardia ma i primi segnali di ripresa potrebbero essere dietro l’angolo

Stampa Pirovano s.r.l. - Tecnologie Grafiche S. Giuliano (MI)

rilancio delle grandi opere infrastrutturali e di tutte le attività ad esse correlate, può essere uno stimolo per aiutare il Paese e il nostro settore ad uscire da questo momento di indubbia difficoltà. Per quanto riguarda i costruttori, le ricette sono fondamentalmente quelle di sempre: capacità di innovazione, qualità del prodotto e del servizio. Con alcuni aggiustamenti per soddisfare e possibilmente superare le aspettative del mercato. Le crescenti istanze di tipo ambientale possono costituire un esempio per tutti. In questi ultimi anni la

Il trattamento dei dati personali riguardanti gli abbonati viene svolto nell’ ambito della banca dati dell’editore e nel rispetto di quanto stabilito dallalegge 675/96 sulla tutela dei dati personali. I dati non saranno comunicati o diffusi a terzi e per essi l’abbonato potrà richiedere in qualsiasi momento all’editore la modifica o la cancellazione. La riproduzione totale o parziale degli articoli e delle illustrazioni pubblicati su questa rivista deve essere preventivamente autorizzata dalla direzione. La direzione non assume responsabilità per le opinioni espresse dagli autori e dagli estensori dei testi delle inserzioni pubblicitarie.

Associato a:

Associazione Nazionale Editoria Specializzata

5

CSC maggio 2009

rinnovato concetto di servizio, che ora più che mai deve essere costruito su misura del cliente. Inappuntabile, puntuale, efficiente, non solo per garantire parti di ricambio immediatamente disponibili ma per consolidare un rapporto di autentica fiducia con i concessionari e, attraverso essi, col costruttore. Concessionari senza i quali gran parte del lavoro svolto a monte dal costruttore verrebbe vanificato. Perché, mai come adesso, il successo sarà comune o non sarà affatto. *Responsabile Mercato Italia case


news rEnAuLt truCkS

AIPE aderisce a fInCo

a

IpE, associazione Italiana polistirene Espanso, ha aderito a confindustria-F. In.cO., la Federazione Industrie prodotti Impianti e Servizi per le costruzioni. nell’ambito dell’edilizia, aipe rappresenta il settore delle last0e per isolamento termico in polistirene espandibile (EpS). Fanno parte dell’associazione i produttori di materie prime, i costruttori di attrezzature e impianti per la lavorazione del polimero e le aziende che producono i sistemi per l’edilizia.

comunicare con Algeco

D

opo aver “liberato” lo spazio, continuando a proporre numerose soluzioni abitative con le sue strutture modulari prefabbricate, algeco apre ora le porte anche alla comunicazione e lo fa attraverso “algeco Dialogue”. con questa nuova finestra di dialogo disponibile nel suo sito, la società si avvicina ai suoi clienti, pronta a rispondere alle loro domande e a progettare insieme a loro soluzioni di ogni tipo.

Fraste in Pakistan

InIZIAtIvE PEr I CommErCIALI

R

enault Trucks lancia Fast & pro, un servizio di vendita e assistenza, completamente dedicato ai veicoli commerciali. Questi mezzi, a metà strada tra vetture e camion, hanno spesso difficoltà a trovare un posizionamento nelle azioni di vendita e assistenza. Il cliente che entra in un’officina Fast & pro è certo, ora, di trovare uno spazio dedicato ai veicoli commerciali. Verrà accolto da personale specializzato, con orari di apertura allungati, e potrà contare su un servizio di assistenza specialistico, basato su mano d’opera competente. Gli attuali 40 punti Fast & pro presenti dovrebbero raggiungere quota 100 nel 2010. Intanto Renault Trucks si è aggiudicata una fetta gara d’appalto presentata nel 2008 da UGap (Union des Grupements d’achat publics). Si tratta di 1.500 veicoli per collettività locali che dovranno essere forniti nei prossimi 36 mesi.

novità

NOLO: PIATTAFORME A TERRA

Non sono certo

confortanti i dati che emergono sul noleggio nel settore dell’accesso aereo negli USa. nel mercato delle piattaforme di lavoro aeree, i profitti diminuiscono dagli 8,8 miliardi di dollari del 2007 a 8,5 miliardi di dollari nel 2008, con una

D

ue macchine perforatrici Fraste FS 250 montate su autotelaio Iveco 6x4 sono state consegnate in pakistan. Le due perforatrici FS 250 polifunzionali sono state prodotte per utilizzo con wire line coring nQ e HQ. Tra le caratteristiche principali delle due perforatrici ricordiamo il tiro di 12.000 kg e la spinta di 8.000 kg; la testa di rotazione a 4 velocità R04D060 con coppia max di 700 danm e velocità max di 700 giri/min; antenna per perforazione inclinata con fermi di sicurezza (angolo di inclinazione90°÷45°).

La scelta di UGap, una centrale d’acquisti pubblica che rivende questi equipaggiamenti alle amministrazioni francesi, dimostra, ancora una volta, la fiducia che le autorità pubbliche concedono ai prodotti Renault Trucks.

6

CSC maggio 2009

I vEIcOLI cOmmERcIALI RENAULT sARANNO vENDUTI E AssIsTITI DALLA RETE DEDIcATA FAsT & PRO.


news Bene l’esercizio trEvI 2008

I IN UsA I PROFITTI NEL mERcATO DELL’AccEssO AEREO sONO IN cONTINUA DIscEsA.

flessione del 3%. Un calo che proseguirà anche nel 2009, quando il volume del fatturato nel noleggio di piattaforme aeree scenderà del 10% (7,7 miliardi di dollari). La ripresa arriverà solo nel 2011. nonostante ciò, in uno scenario che vede la diminuzione della domanda di piattaforme aeree, la penetrazione del noleggio crescerà. Le imprese, infatti, una volta tagliati gli investimenti, tenderanno a noleggiare più che ad acquistare e altri segmenti di business, come la manutenzione industriale e del verde, più fiorenti delle costruzioni, terranno alta la domanda. 

fISCHEr SIStEmA PrEmIum

F

ischer Sistema premium è la nuova struttura preassemblata, specificamente pensata per il fissaggio dei moduli fotovoltaici. Indicata per applicazioni su terra e su coperture di edifici industriali, offre una serie di aspetti positivi come: grande distanza tra i supporti, velocità di installazione, struttura preassemblata, facilità di trasporto e profilo maggiorato per carichi pesanti. Inoltre consente la configurazione a 2, 3 e 4 profili per applicazioni speciali. Fischer Sistema premium è costituito da: STF premium 30° (Struttura triangolare preassemblata), profilo Solar premium, in alluminio a sezione maggiorata, cp SM connessione per profilo Solar premium e dal tappo aK SM.

l consiglio di amministrazione di Trevi - Finanziaria Industriale S.p.a., Holding del Gruppo Trevi, ha approvato il progetto di Bilancio e il Bilancio consolidato per l’esercizio 2008. Si conferma così, un anno estremamente positivo sia per quanto riguarda i ricavi sia per la profittabilità operativa e netta. a livello consolidato l’esercizio 2008 evidenzia un’ottima performance di Gruppo. I ricavi totali hanno raggiunto quota 1.069,2 milioni di euro con un incremento del 27% rispetto al 2007. positivi anche gli altri indicatori economici come l’EBITDa, pari a 166,3 milioni di euro (+24,1%) e l’EBIT a 127,6 milioni (+22,7%). a livelli record di 1.109,0 milioni di euro il portafoglio Ordini (+56,4%).

Sicuri in cinque lingue

E

pc - Divisione Libri & Software presenta l’”abc della sicurezza nei cantieri”, un manuale per i lavoratori stranieri realizzato in cinque lingue: italiano, polacco, romeno, albanese e arabo. nei cantieri edili o di ingegneria civile sono sempre più numerosi i lavoratori stranieri. Secondo l’articolo 36 del Decreto Legislativo 81/2008, ciascun lavoratore deve ricevere una formazione adeguata in materia di sicurezza e salute. Ecco il perché dell’opuscolo scritto in forma breve e incisiva da Giuseppe Semeraro e Manuel De Rossi nelle lingue più parlate nei cantieri.

Da vdo il lettore carte conducente

D

LA sTRUTTURA PREAssEmbLATA FIschER sIsTEmA PREmIUm, è sPEcIFIcAmENTE PENsATA PER IL FIssAggIO DEI mODULI FOTOvOLTAIcI.

7

CSC maggio 2009

a oggi la lettura dei dati del tachigrafo digitale è ancora più facile e veloce. VDO (gruppo continental) presenta infatti la seconda generazione della Downloadkey e un pratico lettore portatile di carte conducente. Un processore più veloce consente di ottenere tempi di download inferiori. La memoria è 16 volte più ampia, 256 MB. nuovo è anche il display che mostra lo stato di avanzamento del download, presente su entrambi i lati della chiave. È inoltre possibile scaricare da Internet eventuali aggiornamenti del software. Il nuovo lettore portatile permette anche agli autisti che non rientrano spesso in sede di scaricare i dati autonomamente.


news Asta jcB per beneficenza

CAT C175-16: POTENZA PULITA

I

l personale di jcb Heavy products sta cercando di raccogliere fondi per l’Istituto di beneficenza nSpcc con la vendita all’asta un escavatore cingolato jS130 da 13 tonnellate. I fondi raccolti dall’asta (online) che verranno donati alla nSpcc, saranno il frutto dei componenti e dei servizi offerti gratuitamente dai fornitori e dai dipendenti per realizzare la macchina. L’escavatore è ora esposto all’ingresso del nuovo stabilimento Heavy products di Uttoxeter. L’asta, che si tiene all’indirizzo www. jcb.com/auction/nspccauction.aspx, è iniziata il 20 aprile e terminerà il 12 giugno. La partecipazione è aperta a tutti, previa registrazione; l’offerta va fatta in sterline, termini e condizioni sono disponibili sul sito (in lingua inglese). Il jS130 plus è uno dei modelli jcB Heavy products di maggior successo nel Regno Unito, e trova vasto impiego in edilizia negli scavi di fondazioni e nel noleggio. Questa nuova asta segue di alcuni giorni un precedente analogo evento nel corso del quale, l’unico esemplare jcB nero al mondo, una terna 4cX appositamente verniciata e con un rivoluzionario sistema di monitoraggio via satellite denominato jcB Livelink, è stato venduto al prezzo di 58.000 sterline.

cGT, dealer caterpillar per il nord e centro Italia, presenta il nuovo gruppo elettrogeno diesel caT c175-16 che amplia la gamma delle potenze fino a 3000 kW. caT c175-16 è stato progettato per offrire una superiore potenza nominale dell’unità, elevata densità di potenza, ridotte emissioni e minori costi di installazione. Sono cinque i sistemi fondamentali che lo compongono. Il sistema del combustibile utilizza una pompa e un distributore ad alta pressione per ottenere iniezioni multiple e precise per ogni singolo ciclo di combustione. Il sistema di gestione del motore, grazie al controller aDEM a4, garantisce prestazioni elevate anche in condizioni ambientali impegnative. Il sistema dell’aria assicura una mandata di aria fresca per la combustione alla testata a flusso incrociato e garantisce una maggiore densità di potenza e minori emissioni. Il sistema di raffreddamento di nuova progettazione consente di raffreddare unicamente le parti del motore che lo necessitano, garantendo più efficienza e minore dissipazione. Il sistema di lubrificazione utilizza filtri dell’olio caT ad alta efficienza e gli intervalli del cambio olio sono passati dalle tradizionali 500 alle attuali 600 ore.

iL CAtALoGo ContRoLS PER iL 2009

I

La Controls presenta l’edizione 2009 del catalogo generale “Macchine e Strumenti di Prova per l’Ingegneria Civile”. Questa 7° edizione, di oltre 500 pagine, propone prodotti e sistemi e contiene informazioni approfondite circa le più recenti tecnologie per il mondo delle prove per i materiali da costruzione. Una guida pratica, integrata da un CDROM, per utilizzare gli strumenti più moderni conformi alle più recenti normative europee e internazionali.

La macchina destinata alla vendita all’asta nell’ingresso dello stabilimento jcB Heavy products di Uttoxeter.

8

CSC maggio 2009


news 12 mILIonI PEr ItALdrEnI

O

fficine Maccaferri, ha acquisito il 49% della società Italdreni Gruppo Greenvision ambiente, quotato alla Borsa Italiana. Il valore dell’acquisizione è di 12 milioni di euro. “L’ingresso nel capitale di Italdreni spiega alessandro Maccaferri, presidente di Officine Maccaferri - conferma la linea strategica di sviluppo ed investimento intrapresa per rafforzare la nostra posizione di leadership mondiale nel settore della geotecnica. nell’anno in cui la nostra azienda festeggia il 130° anniversario dalla fondazione, intendiamo prepararci alla ripresa dei mercati internazionali con maggiore spinta e questa operazione fa parte di questo piano”. nel 2008 Italdreni, specializzata nella produzione e distribuzione di prodotti geosintetici per la cura del terreno (drenaggio acqua e gas, prevenzione da dissesto idrogeologico, controllo di fenomeni erosivi e di inquinamento) ha fatturato 16 milioni di euro. “nel corso degli ultimi anni - sottolinea Luigi penzo, amministratore Delegato di Officine Maccaferri - lo scenario mondiale è radicalmente mu-

tato. nuovi attori, nuove tecnologie, esigenze diverse hanno portato la nostra società, che da anni ha come “mission” di essere “solution provider”, a focalizzarsi nel proporre al mercato un servizio più completo, sempre più efficace e vicino alle richieste dei clienti da cui vorremmo essere considerati partners”. nel 2008, Officine Maccaferri ha registrato un giro d’affari consolidato di 349 milioni di euro, con un aumento del 20% rispetto ai 291 milioni di euro del 2007. attualmente occupa 2.181 dipendenti con 47 consociate e 24 stabilimenti produttivi in tutto il mondo. Officine Maccaferri è controllata al 100% dalla S.E.c.I. Spa, holding del Gruppo Maccaferri che conta complessivamente 4.490 dipendenti ed ha registrato, nel 2008, un fatturato consolidato di 1.211 milioni di euro. L’attività del Gruppo si articola in sette settori: Ingegneria ambientale (Officine Maccaferri), Ingegneria Meccanica (Gruppo SaMp), Real Estate e costruzioni (SeciRealEstate), alimentare (Eridania), Tabacco (Manifatture Sigaro Toscano) Energia (Seci Energia) e Biotecnologie (Gnosis).

cambiamenti per AutodESk

c

ambia la gestione del canale di vendita indiretta di autodesk. Sono due le nuove figure professionali lanciate dalla società: il Var partner account manager e i tre distributori con cui autodesk lavora per l’area cad (Esprinet, Men and Machine Software e Tech Data), mentre i due Var partner account manager si occuperanno di un gruppo di 11 partner selezionati sia per il profilo del fatturato generato con autodesk, sia per la capacità di sviluppo e crescita. Una riorganizzazione che garantisce un unico interlocutore in grado di gestire a 360° rivenditori e distributori sul mercato italiano e di supportarne crescita e successo, guidandone anche gli investimenti. Un ulteriore sostegno al canale che si affianca al programma “capacity-capability” lanciato lo scorso anno, insieme al nuovo corso di formazione “Foundation for success”, dedicato ai nuovi assunti dei partner autodesk, che prevede un training di vendita. Intanto sono sul mercato le nuove linee 2010 di autodesk. più di 50 nuove soluzioni software. La nuova gamma autodesk prevede strumenti per la progettazione concettuale inclusi nella piattaforma autodesk Revit 2010 per il building information modeling (BIM), strumenti per il disegno di forme libere in 3D in autocaD 2010 e capacità di simulazione ampliate nella linea autodesk Inventor per il Digital prototyping. autodesk presenta anche il nuovo autocaD civil 3D 2010, l’applicazione BIM per l’ingegneria civile, autodesk navisworks 2010, autocaD architecture 2010, autocaD MEp 2010, autocaD civil 2010 e autodesk 3DS Max Design 2010, per una progettazione ancora più precisa e per evitare in anticipo costosi errori.

386 mAn in arabia

L’ Luigi penzo

impresa saudita Mohammed a. al Swailem ha ordinato 386 autocarri Man (300 TGa-WW 40.400 6x4 con cassone ribaltabile e cisterna acqua e 60 TGa-WW 41.400 8x4 allestiti con botte miscelatrice da 12 mc). I veicoli saranno impiegati nei lavori di costruzione della linea ferroviaria passeggeri ad alta velocità che collegherà La Mecca con Medina.

alessandro Maccaferri

9

CSC maggio 2009


C

M

Y

CM

MY

CY CMY

K

i Cambia look il sito daf

le arirra e la ura enpolarizdai

I l sito internet di DAF si rifà il look

U

n nuovo layout che propone le informazioni in chiave più ordinata e consente di poterle reperire più facilmente, grazie anche al miglioramento della struttura del menù divisa in categorie. Inoltre ci sono nuove funzioni a disposizione, come il “Calcolatore Maut” che consente di calcolare i costi di pedaggio sulle autostrade tedesche per coloro che utilizzano i veicoli DAF ad emissioni euro 5 o EEV. È stata poi perfezionata la funzione “Ricerca Concessionari” ed è disponibile il nuovo “Used Truck Locator” che consente di individuare tutti i veicoli messi a disposizione presso la rete internazionale DAF. Un restyling applicato anche a tutti i tredici siti nazionali della Casa olandese.

rorie ai ca, lle econ-

r il

ne

LATERLITE GUARDA ALL’AMBIENTE

L

aterlite ha di recente rinnovato la certificazione di marcatura Anab (Associazione Nazionale Architettura Bioecologica), estendendo il riconoscimento ai nuovi prodotti a base argilla espansa lanciati nel periodo 2008/09. I nuovi prodotti certificati Anab sono i due premiscelati Malte Leca M5 e M10 e la speciale argilla espansa Pavileca; questi vanno ad aggiungersi a Leca, Leca Più, tutta la gamma premiscelata Lecacem e Lecamix, già certificati. Il rinnovo e l’ampliamento dei prodotti certificati Anab rappresentano il risultato di una politica aziendale fortemente orientata alla formulazione e alla produzione di soluzioni costruttive sostenibili per l’ambiente. Ricordiamo infine che l’argilla espansa Leca è un prodotto naturale, indeformabile, che può essere riutilizzato in successive applicazioni perché mantiene inalterate nel tempo le sue proprietà e le sue caratteristiche.

tatoi di bilnte ezmno athe elhe, cahe nte

olmo canoinlo

10 23

Incidentalità:


news LE FoRME DEL CEMEnto LA PLASTICITà

D

opo il primo volume “Leggerezza”, la collana editoriale di architettura “Le forme del cemento” ideata e promossa dall’AITEC (Associazione Italiana Tecnico Economica del Cemento) e diretta dall’architetto Carmen Andriani, propone il secondo volume dal titolo “Plasticità”. Attraverso una rassegna di opere esemplari si analizza la speciale attitudine che il cemento ha nell’essere adattabile e idoneo alla sperimentazione formale. Dinamicità, sostenibilità e concretezza saranno le prossime pubblicazioni che continueranno a documentare l’estensione formale e tecnica che il calcestruzzo è in grado di esprimere.

impegno voLvo nELLA RiCERCA Il team di ricerca sugli incidenti di Volvo Trucks (aRT) ha festeggiato il suo 40° anniversario. Grazie al lavoro di ricerca che svolge dal 1969, Volvo Trucks è tra le società maggiormente impegnate nel campo della sicurezza. L’analisi dei singoli sinistri e delle nuove tipologie di incidenti, ha consentito la creazione di una importante banca dati. La successiva cooperazione con altri paesi e con le autorità pubbliche ha permesso a Volvo di contribuire alla sicurezza dei veicoli commerciali di tutto il mondo. Il team ha migliorato la sicurezza passiva e attiva dei camion Volvo, da una parte minimizzando le conseguenze degli incidenti e dall’altra, individuandone le cause ed il modo per evitarli.

un climatizzatore francese

S

kimo è il nuovo climatizzatore elettrico autonomo, destinato ad equipaggiare qualsiasi veicolo di piccola cilindrata, dalle macchine agricole e da cantiere ai veicoli tecnici. Questo climatizzatore, presentato dalla società francese SnDc Ecoclim al SIMa di parigi, è in grado di erogare 2,9 kW di potenza frigorifera con solo 0,8 kW di potenza elettrica consumata. È disponibile in monoblocco da tetto, per le cabine di piccole dimensioni, o in versione di due unità (Split System).

cementizi: c’è la CE

M

arcatura cE, certificazione Volontaria di prodotto e certificazione del Sistema di Gestione sono strumenti indispensabili nel mercato dei manufatti a base cementizia, intorno ai quali aleggia ancora una pericolosa confusione. La Marcatura cE dei manufatti cementizi è un obbligo per tutti i produttori, sancito dalla Direttiva prodotti da costruzione che entrerà in vigore nel 2010. con la marcatura, i produttori attestano di aver determinato le caratteristiche del loro manufatto e di aver documentato il controllo di produzione in Fabbrica (Fpc). La certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità garantisce, invece, la capacità dell’organizzazione di produrre regolarmente manufatti conformi ai requisiti vigenti. La certificazione Volontaria di prodotto, infine, è garanzia delle effettive prestazioni del manufatto.

Allison transmission

L

a allison Transmission ha iniziato i lavori per un nuovo stabilimento a chennai, in India, per rispondere alla crescente domanda globale di trasmissioni automatiche. La costruzione dovrebbe essere conclusa entro l’inizio del 2010 e saranno impiegati 300 lavoratori. Lo stabilimento si estenderà su 203 mila metri quadrati. Quest’area ospiterà anche la sede di allison Transmission India, i suoi uffici commerciali e gestionali, oltre al magazzino e al centro di personalizzazione delle trasmissioni.

11

CSC maggio 2009


SPECIALE sollevamento GRU AUTOGRU TELESCOPICI PIATTAFORME AER

IN ALTO SEMPRE PIÙ IN ALTO Di Lorella Turchetto

N

In questa sezione di CSC abbiamo voluto fare il punto della situazione su un settore vivace, giovane (almeno per alcuni specifici comparti) e che sta vivendo un momento di profonda e diffusa evoluzione: il sollevamento. Per questa ragione abbiamo voluto dedicare un’ampia parte del giornale a questo mondo, raggruppando ed esaminando le macchine e le attrezzature che lo compongono, fornendo un ricco panorama sul set-

12

tore ma anche una guida sulle più recenti proposte dei costruttori. Nelle pagine che seguono abbiamo focalizzato la nostra attenzione sui telescopici, macchine movimento terra a tutti gli effetti che per le loro caratteristiche costruttive sanno però trovare impieghi in diversi comparti. Anche le piattaforme aeree, di cui parliamo da pagina 28, possono vantare un campo applicativo decisamente ampio che abbraccia il mondo delle costruzioni ma anche quello della finitura e della manutenzione.

CSC maggio 2009


REE GRU AUTOGRU TELESCOPICI PIATTAFORME AEREE GRU AUTOGRU TELESCOPICI PIATTAFORME A

I nomi dello speciale Bobcat............................................................................. 14 Case................................................................................... 15 Caterpillar ................................................................... 16 Dieci .................................................................................. 17 genie................................................................................ 18 Haulotte ........................................................................ 19 JCB ..................................................................................... 20 JLg ..................................................................................... 21 komatsu ........................................................................ 22 Manitou ......................................................................... 23 Merlo................................................................................ 24 New Holland .............................................................. 25 Barin ................................................................................. 26 BlueLift........................................................................... 27 CTE ..................................................................................... 28 Hinowa ........................................................................... 29 Ihimer .............................................................................. 30 Liebherr ......................................................................... 31 Manitowoc .................................................................. 32 Edilgru ............................................................................ 33 FB F.lli Butti ................................................................ 33 Airone ............................................................................. 34 Effer .................................................................................. 34 Piacenza Expo intervista ...................................... 35 APPUNTAMENTO A PIACENZA In questo panorama non potevano mancare le gru, dai classici modelli a torre fino alle più moderne attrezzature di grande mobilità come le autogru o le gru retrocabina. abbiamo raggruppato tutti questi mezzi per famiglie, alcune più numerose (sono quelle maggiormente legate al movimento terra) altre meno, dando però a tutti, grandi e piccoli, il giusto spazio e la corretta importanza.

13

Dall’11 al 13 Giugno Piacenza Expo ospiterà la prima edizione di GIS, le Giornate Italiane del Sollevamento, una manifestazione che si propone di essere l’occasione per l’incontro tra le diverse realtà che compongono il mondo dei costruttori di macchine, attrezzature e accessori del settore e l’utenza finale. La manifestazione non si proporrà solo come semplice momento espositivo sui 12 mila metri quadrati ma consentirà anche di vedere all’opera e di provare mezzi di tutte le tipologie. CSC maggio 2009


SPECIALE SoLLEvAmEnto

Telescopici

una serie in evoluzione

Bobcat guarda in alto

I

n linea con un programma ingegneristico che si è posto l’obiettivo di migliorare le prestazioni, Bobcat ha introdotto nella gamma dei movimentatori telescopici una serie di novità. alimentati da motori diesel Tier III, i telescopici Bobcat utilizzano tutti la stessa piattaforma e consentono di raggiungere altezze massime di sollevamento comprese tra i 5,2 e i 17,4 m.

mENO RUmORI Tra le nuove caratteristiche introdotte nella gamma dei telescopici Bobcat, vanno segnalati gli interventi di riduzione del rumore prodotto, anche in caso di sterzatura e che vanno ad incrementare il comfort e la sicurezza dell’operatore. Tutti i pulsanti della

In linea con un programma ingegneristico volto al miglioramento delle prestazioni, Bobcat ha introdotto numerose novità nella gamma dei movimentatori telescopici strumentazione e le loro funzioni sono chiaramente indicati e facilmente accessibili, mentre un joystick proporzionale assicura l’estensione e la retrazione del braccio uniformi che permettono così all’operatore di eseguire diverse funzioni contemporaneamente.

mAggIOR DURATA per incrementare la durata, Bobcat ha introdotto un nuovo controller della trasmissione che ha migliorato la qualità complessiva dell’elettronica. anche il cavo della valvola di regolazione è stato modificato, mentre un nuovo braccio posteriore ha eliminato qualsiasi interferenza con i flessibili. Oltre a queste novità, Bobcat ha modificato gli innesti idraulici sui bracci, aumentandone la distanza per facilitare la connessione e la disconnessione degli accessori.

sIcUREZZA E sTAbILITÀ Disponibile di serie su tutti i telescopici Bobcat, il dispositivo di arresto movimenti gravosi (aMa) è un sistema che consente di impedire movimenti pericolosi del braccio durante il funzionamento. per assicurare un maggior controllo della macchina anche

negli spazi più esigui, Bobcat ha equipaggiato i propri telescopici con trasmissione idrostatica a controllo elettronico. Inoltre, il pedale dell’avvicinamento lento consente di manovrare agevolmente il mezzo a velocità ridotte, assicurando la massima stabilità e precisione di frenata. 

UNA VERSIONE 3 IN 1 Il telescopico T2250, il più piccolo della gamma Bobcat, offre in una sola macchina tutti i vantaggi di una pala compatta, di una articolata e di un telescopico per una maggiore versatilità di applicazioni. Il modello T2250 presenta una capacità di sollevamento nominale di 2,2 t ad un’altezza di sollevamento di 5,2 m. Azionato da motore turbodiesel Kubota a 4 cilindri con una potenza massima di 56 kW, il piccolo Bobcat può montare due diversi tipi di aggancio per i numerosi accessori: forche per pallet, pinze e benne, spazzolone con benna di raccolta, spazzolone rotante, trivella.

Tra le innovazioni introdotte nella gamma dei telescopici bodcat vi è la modifica degli innesti idraulici sui bracci, con un sostanziale incremento della loro distanza.

In arrivo nuovi colori La continua evoluzione della gamma dei telescopici Bobcat ha riguardato anche i colori: oltre ad essere esteticamente più attraente, l’utilizzo del bianco per il braccio e dell’arancione per il contrappeso posteriore allinea la colorazione di queste macchine con quella degli altri prodotti dell’Azienda.

14

CSC maggio 2009


SPECIALE SoLLEvAmEnto

Telescopici

La serie CasetX

Controllo totale su qualsiasi terreno

a

limentati da motori turbo Tier III, post-refrigerati da 4,5 l, i movimentatori della serie TX trovano impiego nei lavori di scavo, di sollevamento e di accatastamento. La gamma è composta da cinque modelli dotati di bracci telescopici robusti, che garantiscono stabilità per sollevamenti prolungati in sicurezza. Il sollevatore TX 130-30 è equipaggiato con il dispositivo di estensione a catena per il secondo sistema del braccio, mentre le macchine più grandi utilizzano due cilindri idraulici gemelli interni per una maggiore scorrevolezza del movimento. Inoltre, tutti i telescopici case montano apposite valvole di sicurezza sui cilindri di sollevamento, inclinazione e stabilizzatori, al fine di evitare la caduta del braccio in caso di guasti alla tubazione.

mANOvRARE IN sIcUREZZA La trasmissione powershift, il cambio assistito delle marce e le tre modalità di sterzata semplificano il lavoro dell’operatore anche nelle condizioni più difficili o in presenza di terreni gravosi. La sterzata a quattro ruote offre il raggio di svolta minimo, mentre quella a granchio può essere uti-

lizzata quando si opera nei pressi di strutture o nei lavori di riempimento (con benna). Operando all’unisono con l’impianto idraulico a flussi condivisi, la trasmissione powershift consente l’utilizzo indipendente di tutte le funzioni idrauliche, garantendo un controllo preciso delle ruote su tutti i tipi di terreno.

IL PIÙ gRANDE DELLA gAmmA Si chiama TX 170-45 il modello più performante di case, un telescopico che, grazie alla combinazione di passo lungo, incernieramento ribassato del braccio e contrappeso ottimizzato, offre una maggiore stabilità. nondimeno, il livellamento idraulico del telaio, gli allarmi acustici e le spie luminose garantiscono un posizionamento sicuro del carico alla massima altezza o al massimo sbraccio. case ha introdotto anche una serie di accorgimenti tecnici che hanno incrementato la visibilità della cabina: il profilo arrotondato, la superficie vetrata sui lati e sul retro, il cofano motore ed il pannello di controllo ribassati. Un altro vantaggio del modello TX 170-45 è la versatilità: numerosi accessori, infatti, consentono di personalizzare il telescopico in base a specifiche esigenze. 

Il modello TX 170-45 monta il sistema idraulico avanzato a centro aperto per movimenti scorrevoli.

gLI ACCESSORI Come optional è possibile richiedere le piastre porta-attrezzi meccaniche o idrauliche e la funzione di spostamento laterale. La gamma dei movimentatori Case prevede inoltre le seguenti attrezzature: forche per pallet, benne 4 in 1, falconi, spazzoloni, benne betoniere, bracci per travature, cestelli per la movimentazione dei materiali ed una serie di navicelle porta-persone con o senza radiocomando. I comandi di guida singoli offrono un controllo preciso del braccio e delle forche.

tX 170-45 con stab. larghi sollevati

tX 170-45 con stab. larghi abbassati

Portata max. di sollev. (a 500 mm dal tallone della forca) - (kg)

4000

4500

Altezza max. di sollevamento (m)

16,24

16,60

-

450

Capacità di sollevamento alla max. altezza (kg)

700

3000

Sbraccio alla max altezza (m)

2,00

1,00

Sbraccio anteriore max. (m)

12,54

12,54

Altezza con carico max (m)

7,40

7,95

PrEStAZIonI

Capacità di sollevamento al max. sbraccio (kg)

Forza di strappo (dan)

7750

7750

Peso operativo (kg)

12300

12300

15

CSC maggio 2009


SPECIALE sollevamento

Telescopici

Una gamma versatile

CAT incrementa le prestazioni

D

sterzata: quella in circolo, con due sole ruote sterzanti ed a granchio. Tutte le modalità sono selezionabili da un interruttore a tre posizioni situato in cabina, mentre l’allineamento delle ruote è automatico.

isponibile con altezze di sollevamento comprese tra i 5,6 e i 13,7 metri, la gamma dei movimentatori telescopici Caterpillar si distingue per la stabilità, la capacità di carico e la facilità di utilizzo. I controlli elettroidraulici offrono movimenti simultanei e proporzionali del braccio, mentre il sistema Load Sensing con pompa a portata variabile assicura una corretta forza idraulica e precisione, consentendo cicli di lavoro più rapidi e consumi inferiori.

migliorato il sollevamento Alimentati da motori turbo aftercooler, i telescopici Caterpillar sono in grado di raggiungere su strada velocità massime fino a 40 km/h. Inoltre, la trasmissione è stata progetta e realizzata per garantire le migliori prestazioni di spinta e di traino. Tra i vari miglioramenti apportati alla nuova Serie, vanno sottolineati gli incrementi della capacità di sollevamento: si parte dai 2.500 chilogrammi del modelloTH220, per arrivare fino ai 3.700 chilogrammi del movimentatore TH414.

MODALITÀ DI STERZATA

CABINA ERGONOMICA

I movimentatori telescopici Cat presentano una corretta manovrabilità dovuta al ridotto raggio di sterzo ed alle diverse modalità di

La cabina dei movimentatori CAT assicura una visibilità su tutto il campo operativo, mentre i comandi ergonomici ed il sedile a sospensione pneumatica contribuiscono al comfort e alla sicurezza per l’operatore. 

Principali caratteristiche tecniche Potenza Portata Altezza Portata Peso Portata max (kg) Sbraccio max (mm) Modello alla max altezza (kg) al max sbraccio (kg) operativo (t) lorda (kW) di sollevamento (m) TH255 4899 63 5,6 2500 2000 839 3250 TH407 7700 74,5* 7,3 3700 1950 1250 3763 TH414 9360 74,5 13,7 3700 3700** 1150** 9255 * Versione agricola 93,1

** Con stabilizzatori abbassati

16

CSC maggio 2009


SPECIALE SoLLEvAmEnto

Telescopici

dieci presenta i nuovi modelli

I sollevatori samson si distinguono per la capacità di portata che può raggiungere i 7.000 kg a 10 metri di altezza.

rinnovamenti

a

ttiva sin dal 1983, Dieci s.r.l. progetta e costruisce una gamma di elevatori telescopici che comprende 110 modelli abbinati a 30 diversi telai che soddisfano le molteplici esigenze degli operatori dei settori edili e industriali.

per la movimentazione

LE cARATTERIsTIchE DELLA gAmmA compattezza, potenza, fluidità di movimento e semplicità di utilizzo fanno dei modelli Dieci delle macchine molto versatili e flessibili, in grado di soddisfare le esigenze di svariate applicazioni. Un’altra importante caratteristica è rappresentata dalla longevità: grazie a particolari accorgimenti tecnologici e alla componentistica di qualità, i telescopici Dieci sono stati progettati e costruiti per vivere a lungo. Le macchine Dieci dispongono inoltre di importanti dispositivi di controllo, che testimoniano l’impegno costante dell’azienda nei confronti del problema legato alla sicurezza.

LA NUOvA cAbINA

Dedalus 26.8: presentato in anteprima al Salone francese, questo modello è particolarmente indicato nelle opere di manutenzione stradale, nei centri storici e in sotterraneo. 

presentata in occasione di Intermat, la nuova cabina che ha ottenuto le omologazioni FOpS/ROpS è caratterizzata da dimensioni più ampie sia in altezza che in larghezza. per garantire più visibilità, Dieci ha inserito alcuni accorgimenti, quali: una porta più grande, un aumento della superficie vetrata, il decentramento del tergicristallo anteriore, nonché la sagomatura della

sotto, a sinistra, gli ultimi nati della serie Pegasus possono montare nuovi bracci con altezze comprese tra 21 e 25 metri; a destra, potente, duttile e sicuro, il nuovo telescopico hercules che si posiziona tra i “giganti”

la nuova cabina FOpS/ROpS è caratterizzata da dimensioni più ampie e da una più funzionale disposizione dei comandi griglia superiore. particolare attenzione è stata posta anche al sistema di riscaldamento e aria condizionata, che è stato dotato di un sistema di ventilazioni a 3 velocità, mentre grazie ai nuovi materiali fonoassorbenti e termoisolanti si è ottenuto un ragguardevole isolamento acustico e termico.

I NUOvI mODELLI La famiglia pegasus, una linea di macchine con rotazione a 360° in continuo che mirano a sostituire le gru in cantiere, si è arricchita di quattro nuovi modelli: il 50.21, 40.25, 60.10 e 70.11. Equipaggiati con motore perkins da 106 kW, questi telescopici dispongono di nuovi bracci con altezze variabili da 21 a 25 m, nonché un nuovo design per i telai, i controtelai e le carrozzerie. Un’altra novità è rappresentata dal nuovo modello

HERCULES: IL NUOVO gIgANTE Hercules, il nuovo nato di casa Dieci. Si tratta di una serie di elevatori telescopici che rientrano nel mercato dei “giganti”. Disponibile con braccio fisso, Hercules racchiude in sé tutte le caratteristiche dei telescopici Dieci in termini di sicurezza, maneggevolezza e comfort, oltre a soluzioni idrauliche all’avanguardia che sfruttano al meglio tutta la forza della macchina. Ideali per l’utilizzo nei grandi cantieri edili, minerari e cave, i modelli Hercules (attualmente sono tre e identificati dalle sigle 210.10, 160.10 e 120.10) possono essere equipaggiati con diverse attrezzature al fine di rispondere alle molteplici esigenze dei clienti.

17

CSC maggio 2009


SPECIALE SoLLEvAmEnto

Telescopici

Il braccio articolato Genie Z - 135/70 TM

Uno stadio nuovo in polonia Equipaggiamento standard • Motore: Deutz diesel (56 kW); perkins diesel (62 kW); cummins diesel (59.8 kW). • piattaforma autolivellante. • Rotazione idraulica della piattaforma 160°. • Rotazione ralla continua su 360°. • Sistema diagnostico ricerca guasti a bordo + sistema di controllo elettronico aLc 1000. • Raffreddatore olio idraulico. • presa ac in piattaforma.

G

izo, azienda polacca specializzata nel noleggio di attrezzature e macchine per il sollevamento, ha noleggiato diversi bracci telescopici Genie® ZTM – 135/70 alla società astald-Budownictwo per la costruzione del nuovo stadio di Toruń in polonia. Dotati di altezze di lavoro considerevoli, i modelli Genie hanno contribuito alla realizzazione della copertura in acciaio dello stadio affrontando al meglio le diverse esigenze operative. “I telescopici Genie® ZTM - 135/70 sono macchine adatte a questo tipo di interventi in quanto dispongono del sistema a quattro ruote sterzanti che conferisce una corretta manovrabilità su tutti i tipi di terreno. Inoltre, l’aggiunta del jib estendibile fino a 6,1 m offre un brandeggio di 110° (70° verso l’alto in orizzontale e 40° verso il basso) e consente di raggiungere zone difficilmente accessibili”. 

CArAttErIStICHE tECnICHE ZTM 135/70 Altezza max di lavoro (m)

43,15

Altezza max piano calpestio (m)

41,15

sbraccio max orizzontale (m)

21,26

Portata max (kg)

272

Altezza con braccio chiuso (m)

3,07

Lunghezza con braccio chiuso (m)

12,93

Larghezza (m)

3,94

Passo (m)

4,11

Peso operativo (kg) capacità di carico alla max altezza (kg)

20.366 1000

18

CSC maggio 2009


SPECIALE SoLLEvAmEnto

Telescopici

I sollevatori Haulotte top Lift

I

nuovi sollevatori telescopici della serie HTL integrano ogni innovazione tecnologica sviluppata nel campo delle piattaforme aeree e segnano nuovi standard in termini di stabilità, sicurezza, ergonomia, produttività, facilità d’uso e trasporto.

Stabilità alle grandi altezze gLI ACCESSORI

sTAbILIZZATORI INDIPENDENTI I modelli della serie HTL offrono una buona stabilità indipendentemente dalla tipologia del terreno, un risultato che è stato ottenuto grazie alla combinazione del blocco automatico dell’oscillazione del ponte posteriore, del sistema di decelerazione progressiva del movimento e del correttore d’inclinazione laterale. anche i due stabilizzatori anteriori contribuiscono ad incrementare la stabilità del mezzo e, operando in modo indipendente, sono in grado di adattarsi a qualsiasi tipo di applicazione e di terreno.

mANOvRARE IN sIcUREZZA I sollevatori Haulotte assistono l’operatore attraverso una serie di indicatori visivi e sonori, mentre le modalità “in movimento” e “in stazionamento” semplificano le manovre e permettono di evitare errori dovuti a confusione.

I telescopici Haulotte possono essere equipaggiati con numerose attrezzature e accessori, come: forche, benne semplici o senza denti, strumenti di lavoro e relativi contenitori montati sulla fiancata, supporti con ganci, nonché protezioni in metallo per parabrezza.

PREcIsIONE A PORTATA DI mANO

PRODUTTIvITÀ

La cabina conforme alle normative europee ROpS/FOpS, si caratterizza per la presenza di una portiera in due parti indipendenti, ventilazione, aria condizionata, sedile ergonomico regolabile, nonché un pannello di controllo multifunzione che consente di compiere azioni precise con una mano sola.

CArAttErIStICHE tECnICHE Altezza di lavoro (m) Portata max (kg) sbraccio alla max altezza (m) Portata max alla max altezza (kg) sbraccio max (m) capacità di carico alla max altezza (kg)

HtL 4014

HtL 4017

14,10 4000 1,50 3000 9,80 1000

17,20 4000 2,40 2500 12,85 700

19

alimentato da un motore diesel Deutz, di 4 litri di cilindrata ad alto rendimento, il sollevatore Haulotte dispone di trasmissione idrostatica con variazione automatica della velocità da 0 a 30 km/h.

mANOvRAbILITÀ La gamma dei telescopici Haulotte prevede soluzioni come lo sterzo elettronico e il joystick a 4 funzioni proporzionali integrate (sollevamento, scavo, movimento telescopico e acessori) che sfruttano pienamente le prestazioni di guida con le quattro ruote motrici e direzionali. Inoltre, il sistema idraulico con sensore di carico e condivisione di flusso assicura flessibilità e potenza in tutti i movimenti, che vengono eseguiti in successione. 

CSC maggio 2009

I sollevatori Telesopici hTL haulotte sono equipaggiati con un motore Deutz (raffreddato ad acqua) di 4.038cc. che sviluppa una potenza massima di 74,9 kW (101,8 cv) a 2.300 giri/min e una coppia massima di 390 Nm a 1.500 giri/min.


SPECIALE sollevamento

Telescopici

La gamma JCB Loadall

Per una maggiore sicurezza, i telescopici JCB montano il limitatore del momento di carico (LMI) con avviso del limite di stabilità.

Visibilità totale

L

a linea dei movimentatori JCB si è recentemente arricchita di due nuovi modelli con braccio ribassato: 535-125 HiViz e 535-140 HiViz. Dotati di un retrocarro più compatto, con una riduzione dello sbalzo di 90 mm, i nuovi telescopici JCB presentano una visibilità incrementata (del 10%) rispetto alle versioni precedenti, soprattutto nella parte posteriore della macchina. Un campo visivo pressoché totale ottenuto grazie alla riduzione di 235 mm nell’altezza del punto di rotazione del braccio di sollevamento. Un’altra novità riguarda gli assali con superiori angoli di arresto sterzata: una soluzione che ha migliorato il raggio di sterzata di circa 250 mm. Alimentati da motore JCB Dieselmax da 74,2 kW, i nuovi telescopici adottano un cambio Powershift e comandi idraulici con configurazione a “+”, a sforzo ridotto, per un miglior funzionamento della macchina.

COMANDI ERGONOMICI La cabina presenta un’ampia superficie vetrata e barre a padiglione inclinate per una maggiore visibilità anche della zona superiore. Più funzionale, la nuova disposizione di cruscotto e comandi in cabina raggruppa tutti i display analogici in un’unica unità che comprende un display LCD per visualizzare gli

Caratteristiche della gamma Loadall JCB Modello 520-40 524-50 527-55 531-70 541-70 535-95 533-105 535-125 HiViz 535-140 HiViz 540-140 540-170 541-70 535-95 533-105 535-125 HiViz 535-140 HiViz 540-140 540-170

max Altezza max diCapacità sollevamento (m) (kg) 40,3 53 56 70 70 95 10,2 12,3 13,8 13,8 16,7 70 95 10,2 12,3 13,8 13,8 16,7

2000 2400 2700 3100 4100 3500 3300 3500 3500 4000 4000 4100 3500 3300 3500 3500 4000 4000

intervalli di manutenzione e la percorrenza parziale. La nuova plancia strumenti dispone anche di una serie di spie tutte focalizzate su un unico punto: questo facilita il lavoro dell’operatore perché in un solo colpo d’occhio ottiene le informazioni relative al funzionamento della macchina.  I movimentatori Loadall possono essere equipaggiati con una serie di accessori, tra i quali la piattaforma porta-persone.

20

CSC maggio 2009

Estensione max (m)

Capacità di sollevamento alla max estensione (kg)

Motore (kW)

25,9 29 33 37 37 65,2 68,3 81 97 92,5 12,5 37 65,2 68,3 81 97 92,5 12,5

1000 1250 1250 1250 1500 550 1000 1150 1250 1250 600 1500 550 1000 1150 1250 1250 600

37.5 63 63 63 74.2 63/74.2 63/74.2 63/74.2 63/74.2 63/74.2/97 74.2/97 74.2 63/74.2 63/74.2 63/74.2 63/74.2 63/74.2/97 74.2/97


SPECIALE SoLLEvAmEnto

Telescopici

Gli ultimi nati della gamma JLG Il modello 2505sc è equipaggiato con forca per la movimentazione di materiale.

n

ei settori del sollevamento e della movimentazione la flessibilità rappresenta un fattore fondamentale per gli operatori del settore. Una caratteristica che ritroviamo nei sollevatori telescopici jLG e,

azionati da motore diesel perkins i sollevatori pS di jLG adottano una pompa a pistone a portata variabile di ultima generazione

Macchine flessibili sioni (1,90 m in altezza e 1,80 in larghezza), il telescopico 2505Sc è in gra-

do di operare in cantieri caratterizzati da spazi alquanto ristretti. 

Nella foto sotto, il joystick controlla tutte le funzioni di movimentazione; a destra il “piccolo” di JLg è in grado di muoversi anche in spazi particolarmente ristretti.

in particolar modo, nel recente modello 4017pS (powerShift). La gamma dei sollevatori powerShift è costituita da nove modelli, con capacità di sollevamento comprese tra 8 e 17 m, che possono essere impiegati in edilizia, nella grandi costruzioni e nel settore agricolo. azionati da un motore diesel perkins (turbo TIER III), che sviluppa una potenza di 74,5 kW, tutti i sollevatori pS di jLG adottano una pompa a pistone a portata variabile di ultima generazione che, oltre ad incrementare la capacità di sollevamento, riduce i consumi di carburante e i tempi di ciclo. La cabina dei telescopici jLG è equipaggiata con sedile e piantone dello sterzo regolabili e comandi personalizzabili; inoltre, un solo joystick gestisce contemporaneamente tutte le funzioni di movimentazione.

I PIccOLI DI JLg anche la gamma dei “piccoli” (13 macchine in tutto) si è arricchita recentemente di un nuovo modello, il 2505Sc. Grazie alle ridotte dimen-

Modello peso operativo (kg) capacità max di sollevamento (kg) portata avanti max (m) altezza max di sollevamento (m) Guida

21

gLI ATTACCHI JLG propone, inoltre, una serie di attacchi che incrementano la flessibilità dei telescopici, in particolare: forca e carrelli per pallet, piattaforma Smart estendibile, braccio a falcone, gancio di sollevamento (montato su forca o su carrello), benne, benna con ganascia.

CArAttErIStICHE tECnICHE 2505SC 4920 2500 3,3 5,6 4x4

CSC maggio 2009

4017PS 12100 4000 12,5 16,7 4x4


SPECIALE SoLLEvAmEnto

Telescopici

Il sollevamento in cinque modelli

Komatsu attrezza i propri telescopici LA gAmmA

sopra, il modello Wh714 assicura elevate capacità di carico alla massima altezza e sbraccio. sotto, un esempio di attrezzature per il sollevamento: le forche traslabili con griglia di protezione.

p

rodotti nello stabilimento di Este, i sollevatori telescopici Komatsu sono la dimostrazione del bagaglio di conoscenze, esperienze e informazioni acquisite dall’azienda in numerosi anni di attività sul mercato.

caratterizzata da cinque modelli, la gamma dei sollevatori Komatsu prevede due diverse tipologie: la serie 6, che dispone di un passo ruota corto e altezze di sollevamento comprese tra 9 e 13 m, e la serie 7 contraddistinta da un passo ruota lungo e da altezze che vanno da 13 a 16 m. Entrambe le serie dei sollevatori Komatsu presentano elevate prestazioni di sollevamento, grande manovrabilità, ridotti raggi di sterzata e ingombri minimi. I sollevatori Komatsu dispongono, inoltre, del sistema idraulico ribassato cLSS e di un joystick multifunzione a controllo, due soluzioni che garantiscono grande precisione ed un ottimo comfort operativo. Ricordiamo infine che le motorizzazioni installate sui telescopici Komatsu sono tutte conformi alla normativa europea Stage II.

Nuovo concetto per il telaio

LE ATTREZZATURE

Grazie al particolare disegno del telaio, il perno del braccio è il più basso del mercato. Il braccio con profilo super-ribassato offre vantaggi unici in termini di stabilità e visibilità, due tra le più significative caratteristiche dei sollevatori telescopici.

I sollevatori telescopici Komatsu possono essere equipaggiati con una serie di attrezzature, quali: forche traslabili (offset 200 mm), bracci a falcone con lunghezze da 3 a 4 m (con portate rispettivamente di 1500 e 600 kg), bracci a falcone con verricello, due modelli di benne miscelatrici, nonché un gancio su forche o su porta attrezzi. Oltre a queste attrezzature, Komatsu ha inserito di recente anche la navicella porta persone rotante, fissa o estensibile, completa di quadro di comando. E’ bene segnalare che sui sollevatori telescopici Komatsu è possibile avere solo la predisposizione al montaggio delle attrezzature accessorie. 

22

CSC maggio 2009

Versatilità superiore Le diverse applicazioni disponibili rendono i sollevatori Komatsu idonei ad operare in diversi tipi di applicazioni, in particolare: giardinaggio, costruzioni, lavori pubblici, movimentazioni di materiale e sollevamento di persone.

Un sollevatore Komatsu equipaggiato con navicella porta-persone.


SPECIALE SoLLEvAmEnto

Telescopici

manitou mrt e Privilege

Una gamma al top Un motore da 150 CV La serie Privilege di Manitou è l’unica gamma di sollevatori telescopici ad essere azionata da un motore Mercedes da 150 CV, con un valore di coppia massima compreso tra 1200 e 1600 giri/min.

L

a gamma dei sollevatori telescopici ro- LA sERIE PRIvILEgE tativi Manitou MRT offre la giusta solu- La gamma dei sollevatori privilege dispozione in termini di prestazioni e dimen- ne di un’ampia e confortevole cabina e di sioni per le specifiche esigenze di movimen- nuovi joysticks che, dotati di “interruttore tazione. Tra i modelli della gamma MRT (con di conferma”, consentono un corretto conaltezze comprese tra 14 trollo, evitando quale 30 m), spicca il 3050 siasi movimento inTra i modelli privilege, il sollevatovolontario durante gli della gamma MRT re telescopico rotatispostamenti su strada (con altezze comprese vo più alto del mondo, o in cantiere. I solletra 14 e 30 m), spicca un vero e proprio revatori della serie pricord firmato Manitou. il 3050 privilege, il sollevatore vilege dispongono, telescopico rotativo più alto inoltre, di un sistema caratterizzato da un’altezza di sollevamento elettronico che, regodel mondo, un vero di 30 m (con forche), il lato manualmente da e proprio record modello MRT 3050 didue potenziometri, lispone del braccio penmita la velocità di rotagonale brevettato Manitou: questa soluzio- tazione della torretta sia in senso orario sia ne consente, al contempo, di auto-centrare antiorario. i diversi elementi del telescopio tra di essi, di facilitare la taratura, di migliorare l’acces- PROTEZIONE E sIcUREZZA so ai tendicatena e di aumentare la rigidità per garantire la massima affidabilità in qualsiasi del braccio quando questo è completamen- condizione operativa, i modelli MRT sono cate sfilato. Equipaggiato con motore perkins ratterizzati da un livello di protezione dell’imdi 6600 cc e 216 cV, questo sollevatore tele- pianto elettrico che risponde al grado Ip67 conscopico è dotato di trasmissione idrostatica, tro le penetrazioni di polvere e acqua. Inoltre, accoppiata con un cambio powershift per un per operare in sicurezza, questi sollevatori telepassaggio dei rapporti sotto carico, e di due scopici prevedono il dispositivo di controllo del velocità in avanti e due dietro. carico M.S.S. (Manitou Safety System). 

23

CSC maggio 2009

Il “manitou Rotativo Telescopico” è una macchina 3 in 1 che riunisce le funzioni di: movimentazione, sollevamento di carichi e di persone.


SPECIALE SoLLEvAmEnto

Telescopici

La gamma del gruppo merlo

La tecnologia al servizio delle idee I sollevatori della serie Roto sono stati progettati specificamente per operare a grandi altezze, in massima sicurezza, con il vantaggio della torretta girevole.

I

n occasione di Intermat, la società piemontese si è presentata con una nutrita selezione di modelli, rappresentativi delle innumerevoli famiglie di prodotto: i sollevatori panoramic e ROTO, le piattaforme aeree MpR e le macchine cInGO. La linea panoramic prevede numerosi modelli che

vanno dalle macchine compatte, per operare in spazi ristretti, ai mezzi più grandi destinati ai cantieri più importanti. Le portate di questi modelli oscillano dai 2800 ai 12000 kg, mentre le altezze di sollevamento sono comprese tra i 6,4 e i 17,8 m. La famiglia Roto, invece, è costituita da 13 telescopici con tor-

PROFILO

Il fatturato 2008 del Gruppo Merlo è stato di 395 milioni di Euro. Negli stabilimenti di Cervasca e Bernezzo (150 mila mq coperti), entrambi in provincia di Cuneo, vi sono 11 linee di produzione e montaggio di 6 famiglie di prodotto: sollevatori telescopici (65 modelli), piattaforme aeree (3 modelli), betoniere (2 modelli), trattori porta-attrezzi (8 modelli), mezzi per l’igiene urbana (21 modelli) e trasportatori cingolati (9 modelli). Merlo ha cinque società consociate in Francia, Inghilterra, Germania, Spagna e Australia, mentre i concessionari sono più di 600 in tutto il mondo.

PANORAMIC

retta girevole, che possono operare a 360° senza la necessità di riposizionare la macchina. La rotazione continua della torretta è garantita da un giunto idraulico rotante, completo di una sezione elettronica destinata alla trasmissione dei comandi tra la torretta stessa ed il sottocarro. I telescopici Roto offrono altezze di sollevamento che vanno dai 10,4 ai 31,7 m e portate comprese tra 3800 e 5000 kg. 

DUE FAMIgLIE A CONFRONTO

• Traslazione laterale del braccio telescopico* • correttore di inclinazione trasversale* • Motori 4 e 6 cilindri con potenze fino a 107 kW (145 cV)* • Trasmissione idrostatica a controllo elettronico con velocità massima 40 km/h* • Trazione integrale permanente e sterzatura delle quattro ruote con tre modalità • Stabilizzatori anteriori a comando indipendente* • Impianto idraulico con pompa Load-Sensing* • Sospensioni BSS sul braccio o EaS sul ponte anteriore o cS della cabina*

ROTO

• cabina inclinabile verso l’alto* e rotazione della torretta su 360° • Motori 4 e 6 cilindri con potenze fino a 107 kW (145 cV)* • Sospensioni idropneumatiche livellabili* • Trasmissione idrostatica a controllo elettronico con velocità massima 40 km/h* • Trazione integrale permanente e sterzatura delle quattro ruote con tre modalità • Sistema McSS per il controllo continuo della stabilità* • Sistema elettronico Merlin di comando e diagnostica* • Stabilizzatori a posizionamento indipendente • Impianto idraulico Load-Sensing

* Le dotazioni e le prestazioni possono variare in funzione dei differenti modelli.

24

CSC maggio 2009


SPECIALE SoLLEvAmEnto

Telescopici

Agile e versatile, il modello Lm1133 è molto richiesto dal comparto noleggio.

Come delle pale gommate

versatilità e comfort senza pari

L

a gamma di movimentatori telescopici di new Holland construction prevede nove modelli dai 7 ai 17 m, dotati di trasmissione powershift e di sistema idraulico Load Sensing e in grado di coprire un ampio raggio di applicazioni che spaziano dalle costruzioni industriali, all’edilizia residenziale, al trattamento dei rifiuti, fino al noleggio. nel settore dell’edilizia residenziale e nel noleggio si stanno affermando gli ultimi nati della gamma (LM 732 da 7 m e LM 1133 da 11 m): agili e versatili, sono macchine che possono affiancare i mini escavatori sia nei cantieri edili sia nelle attività di ristrutturazione all’interno di centri storici.

I vANTAggI DELLA gAmmA Grazie alla corretta distribuzione dei pesi nella definizione delle geometrie, i telescopici new Holland combinano stabilità, compattezza potenza e velocità, oltre ad un controllo bilanciato e sensibile dell’idraulica, in tutte le applicazioni, anche in quelle più gravose e impegnative.

LA TRAsmIssIONE I modelli new Holland possono essere utilizzati in applicazioni tipiche da pala gommata, grazie alla trasmissione powershift che garantisce forza di spinta e continuità di prestazioni in trasferimento. Questa soluzione rappresenta un’ulteriore prova della grande versatilità di questi mezzi, già peraltro garantita dalle numerose attrezzature offerte, tra cui ricordiamo la piattaforma “uomo” per i lavori di massima precisione.

A sinistra, il sollevatore Lm1133 alle prese con la realizzazione di una recinzione presso l’Oval Lingotto di Torino. sotto, la cabina ha una superficie vetrata di 8,1 mq e una portiera con apertura a 180°.

cOmE IN AUTOmObILE Il comfort e la sensazione di benessere sono assicurati dalla cabina di concezione automobilistica; inoltre, l’altezza ridotta dell’attacco del braccio ha incrementato la visibilità sulla zona di lavoro. per garanti-

MACCHINE AL LAVORO Il telescopico LM 1343 sta operando, in un contesto di demolizione e con compiti di servizio, presso il cantiere del nuovo stadio di Torino, che verrà costruito sulle fondamenta dello Stadio delle Alpi. Un altro telescopico della gamma New Holland Construction, il modello LM 1133, ha eseguito le attività di movimentazione di materiali necessari per la logistica della manifestazione Motorfest 2009, che si è tenuta presso l’Oval Lingotto di Torino il 4 e il 5 aprile.

25

re praticità e facilità di guida, new Holland construction ha adottato la tecnologia della leva joystick anche sui propri telescopici, oltre alla linea degli escavatori, al fine di azionare con un unico dispositivo tutte le funzioni della macchina. 

Un telescopico New holland equipaggiato con la piattaforma uomo per lavori di precisione.

CSC maggio 2009


SPECIALE SoLLEvAmEnto

piaTTaforme aeree

Barin AP 60/30

al lavoro per la finitura

V

enpa S.p.a. di Dolo (VE) ha noleggiato, nel mese di marzo 2009, una piattaforma aerea Barin della serie ap Line, modello ap 60/30 per i lavori di finitura del nuovo stabilimento di “Fornaci Zulian” di Fontaniva (pD). Situato su un’area di circa 30.000 mq, di cui 8.000 mq interamente coperti, l’impianto sarà collaudato nel mese di giugno 2009 e produrrà calce per il settore siderurgico, edile e stradale.

LA LINEA AP Barin, che opera nel settore da oltre 30 anni, costruisce le piattaforme aeree ap Line che offrono altezze di lavoro comprese tra i 44 e gli 86 m e possono essere montate su tutti i tipi di autocarri da 2 a 5 assi. Le strutture del carro, degli stabilizzatori della torretta girevole e dei bracci privilegiano la robustezza e riducono al minimo le deformazioni elastiche degli elementi strutturali. Inoltre, il sistema di sfilo adottato per i bracci riduce gli attriti e favorisce la scorrevolezza degli elementi telescopici.

La piattaforma aerea AP 60/30 impegnata nei lavori di finitura del nuovo stabilimento “Fornaci Zulian”.

IL mODELLO AP 60/30 CArAttErIStICHE tECnICHE dEL modELLo AP 60/30 Altezza massima di lavoro

60 m

Sbraccio massimo

31m

Carico utile in piattaforma

280 – 440 kg

Rotazione torretta

360° continua

Misure della piattaforma estesa

3,60x0,90x1,10 m

Rotazione piattaforma

180°+180°

La piattaforma aerea ap 60/30 è stata montata su un veicolo Scania a 4 assi, di peso complessivo di 32 t, a circolazione libera, senza la necessità di permessi per la circolazione stradale. Questo modello adotta quadri comando (sia in piattaforma sia in torretta girevole) muniti di manipolatori elettroidraulici proporzionali, più semplici da manovrare. costruita in lega di alluminio, la piattaforma ap 60/30 è estensibile e girevole idraulicamente e consente di lavorare con la stabilizzazione estesa in laterale, da un solo lato del carro. 

Fornaci Zulian

ProfILo Specializzata nella progettazione e costruzione di unità di ispezione ponti, Barin ha sviluppato di recente una gamma completa di macchine destinate al lavoro aereo. presso la propria sede a cittadella (pD), Barin gestisce l’intero ciclo progettuale e produttivo che comprende il montaggio delle parti meccaniche, la messa a punto degli impianti ed il collaudo finale delle attrezzature su un ponte appositamente costruito in azienda. Supportata da uno staff di tecnici di qualità, Barin si è sempre dichiarata in grado di soddisfare qualsiasi esigenza degli operatori del settore, eseguendo anche realizzazioni personalizzate su commessa.

26

CSC maggio 2009

Attiva sin dal 1896, l’azienda Fornaci Zulian produce calce per i settori dell’edilizia, dell’industria e dell’agricoltura e, pur utilizzando impianti modeni, mantiene la tradizionale cottura a legna dei materiali.


SPECIALE sollevamento

Piattaforme Aeree

La nuova C14/6.5 da 14 metri

Stabilizzazione automatica con BlueLift

B

lueLift offre una gamma di piattaforme aeree cingolate, caratterizzate da altezze da 12 a 21 m ed equipaggiate con una serie di attrezzature che incrementano le operazioni di sollevamento. I modelli BlueLift presentano strutture rigide, anche se di peso ridotto, che impediscono le flessioni, limitano i fenomeni di sbandamento e conferiscono sicurezza durante i lavori in quota. Inoltre, i movimenti della struttura aerea sono controllati da un sistema oleodinamico proporzionale che, associato ad un dispositivo elettronico, agisce sul corretto funzionamento della macchina evitando procedure che possano destabilizzare il mezzo.

il posizionamento degli stabilizzatori a terra e il livellamento della piattaforma completamente automatici Sviluppato in collaborazione con TTControl ed Universal Control, il sistema elettronico di controllo costituisce l’unità centrale delle piattaforme BlueLift: la schede elettronica, certificata TUV, risponde alle norme di sicurezza che entreranno in vigore con la nuova Direttiva Macchine. Inoltre, per rendere più semplice e sicura la procedura anche agli operatori più inesperti, l’Azienda emiliana ha previsto il posizionamento degli stabilizzatori a terra e il livellamento della piattaforma completamente automatici. In caso di perdita di contatto anche di un solo stabilizzatore con il terreno, il sistema

Sui modelli BlueLift la piattaforma è gestita dal filocomando per la trazione e la stabilizzazione del mezzo. Il braccio principale della C14/6.5 ha due sezioni telescopiche con uno sfilo di 6,5 metri

elettronico attiva una procedura d’emergenza che prevede l’attivazione d’allarme acustico ed il blocco di tutti i movimenti in uscita.

UNA PIATTAFORMA DA 14 M Il nuovo modello C14/6.5 è la prima piattaforma da 14 m con braccio pantografo telescopico il cui movimento, regolato dal sistema elettronico, si suddivide in due fasi: in primo luogo il sollevamento dell’articolazione fino al massimo

grado, successivamente l’attivazione automatica del telescopico. Il sistema elettronico controlla il movimento ed il livellamento automatico dell’articolazione.Grazie alle sue dimensioni

Il sistema elettronico controlla il movimento ed il livellamento automatico dell’articolazione contenute, la piattaforma C14/6.5 è in grado di lavorare a regime ibrido termico-elettrico nei cantieri urbani e in tutti quei luoghi dove gli spazi per operare sono esigui.  Come optional, sulle piattaforme BlueLift è possibile installare il nuovo motore Honda iGX440.

DATI TECNICI C14/6.5 Dimensioni piattaforma Lunghezza (m) Larghezza (m) Altezza (m) Altezza max di lavoro (m) Capacità di carico in navicella (kg) Motore Potenza (kW)

27

CSC maggio 2009

4,4 0,78 2 14 120-200 Honda monocilindrico iGX 440 9,55


SPECIALE SoLLEvAmEnto

piaTTaforme aeree

Ad Intermat i modelli Zed, tracess e B-fire

nuovi brand per cTE

I

n occasione di Intermat 2009, cTE ha lanciato i nuovi brand di prodotto: una scelta strategica che consente all’azienda sia di accrescere la riconoscibilità delle proprie linee di prodotto, sia di fornire maggiore accessibilità ai propri clienti e incrementare ulteriormente le potenzialità di mercato. Le piattaforme Zed, Tracess e BFire da gennaio 2009 rappresentano le novità di cTE e prendono il posto, rispettivamente, dei modelli cte Z, cte cS e Bizzochi Linea antincendio.

LA cOmPATTA ZED 21 La piattaforma autocarrata articolata Zed 21 dispone di un braccio a due elementi articolati a doppio parallelogramma, più un braccio telescopico e jib. caratterizzato da una rotazione della torretta di 360° su ralla, questo modello è equipaggiato con comandi elettroidraulici proporzionali, manovrabili sia da terra e sia dal cestello. con un’altezza di lavoro di 20,8 m e un’altezza piano di calpestio di 18,8 m, il modello Zed 21 presenta una portata massima di 200 kg, un raggio utile di lavoro di circa 10 m ed è installabile su autotelaio pTT 3500 dan con un passo di 3.400 mm.

La configurazione a “Z” consente di oltrepassare ostacoli posti a 12 m di altezza.

giungere i 50,7 m e un’altezza piano di calpestio di 48,7 m. altre caratteristiche tecniche da ricordare sono la portata massima pari a 120/450 kg e il raggio utile di lavoro di 34,5/28,3 m.

TRAcEss 170 prendiamo ora in esame la piattaforma semovente cingolata Traccess 170. caratterizzato da un peso di 2.050 kg (per questa ragione può essere trasportato con un furgone), questo modello prevede un braccio a 2 elementi articolati, più un braccio telescopico e jib, nonché una rotazione della torretta di 330°. L’altezza di lavoro arriva fino ai 17 m, mentre quella del piano di calpestio può raggiungere i 15 m. 

Il modello 510 hR offre svariate opzioni e personalizzazioni che la rendono adatta a svariati utilizzi.

LA bIZZOcchI 510 hR Montata su autotelaio pTT 26 t, il modello Bizzocchi 510 HR è dotato di braccio telescopico principale a 4 elementi (braccio base + 3 sfili), jib primario extra lungo a doppio sfilo e jib secondario porta-navicella, entrambi con articolazione a 180°. La piattaforma 510 HR presenta un’altezza di lavoro che può rag-

La Tracess 170 è una piattaforma semovente cingolata con comandi elettroidraulici proporzionali singoli, azionabili dal cestello.

28

CSC maggio 2009


SPECIALE SoLLEvAmEnto

piaTTaforme aeree

orchidea Lift 20-11

Un’anteprima da parigi

H

inowa ha presentato in occasione di Intermat la nuova piattaforma aerea autocarrata Orchidea Lift 21-11. Installata su un autotelaio da 35 quintali di pTT, più precisamente un nissan cabstar, la nuova piattaforma dispone di due bracci a pantografo che assicurano un movimento verticale della navicella

Grazie alla stabilizzazione in sagoma la nuova Orchidea Lift 21-11 è in grado di coprire un ampio raggio di applicazioni

La nuova piattaforma hinowa è installata su un autotelaio da 35 quintali, modello Nissan cabstar.

fino a 9 m, con uno sbraccio costante di 10,6 m ed un carico operativo di 200 kg. La presenza del terzo braccio sfilabile e il jib consentono alla nuova piattaforma aerea Orchidea Lift 21-11 di raggiungere un’altezza massima di 21 m.

La nuova Orchidea Lift 21-11 è equipaggiata con stabilizzatori ad azionamento verticale e posizionamento orizzontale, entrambi idraulici.

sTAbILIZZATORI IDRAULIcI La nuova Orchidea Lift 21-11 è caratterizzata dalla presenza di stabilizzatori ad azionamento verticale idraulico e da un posizionamento orizzontale, anch’esso idraulico. Questo tipo di stabilizzatori, che possono essere comandati dalla navicella (con un incremento della visibilità sull’area di stabilizzazione), garantisce un unico punto di appoggio al suolo per tutta la corsa del cilindro. Il nuovo modello prevede, inoltre, due aree di stabilizza-

zione: la prima con gli stabilizzatori completamente aperti e la seconda in sagoma con l’autotelaio, una soluzione che limita lo spazio di lavoro/ingombro.

sTAbILIZZAZIONE IN sAgOmA Grazie alla stabilizzazione in sagoma e alla parte posteriore che, du-

rante la rotazione, non supera mai l’ingombro dell’autotelaio, la nuova Orchidea Lift 21-11 è in grado di coprire un ampio raggio di applicazioni, in particolare: manutenzione ed installazione di cartelloni, segnaletica stradale, illuminazione, potatura degli alberi, impiantistica, restauro e tutti quei lavori caratterizzati da spazi alquanto ristretti. 

TECNOLOgIA HINOwA La nuova piattaforma aerea autocarrata Orchidea Lift 20-11 include una serie di soluzioni tecnologiche tra cui:

 Stabilizzazione automatica su pendenze fino a 5°;  Display interattivo che fornisce informazioni all’operatore durante l’utilizzo;  Controllo posizione dei cilindri, per evitare interferenze struttura-telaio e garantire movimenti graduali;  Perni esenti da lubrificazione;  Sistema di visibilità macchina in rete R.A.H.M che, grazie ad un sistema satellitare, localizza la macchina e verifica lo stato di utilizzo della stessa.

29

CSC maggio 2009

grazie al terzo braccio sfilabile e al Jib, il nuovo modello raggiunge un’altezza di 21 metri.


SPECIALE SoLLEvAmEnto

piaTTaforme aeree

Una new entry

La gamma Ihimer

Il modello LEm 1800 raggiunge altezze considerevoli: eccolo alle prese con un albero innevato e pericolante.

Due esempi applicativi delle piattaforme cingolate LEm 1200 e LEm 1500.

EQUIPAggIAMENTI Le piattaforme Ihimer montano di serie: pompa a mano d’urgenza, valvola di blocco su tutti gli attuatori, contaore, interblocco bracci/stabilizzatori, limitatore di movimento, cingoli in gomma neri, elettropompa (220 V), presa aria acqua e presa di corrente (220 V) entrambe in navicella.

c

on la presentazione della nuova linea di piattaforme aeree cingolate, Ihimer è entrata con decisione nel mercato del sollevamento: una scelta strategica adottata sia per soddisfare le esigenze della propria clientela, sia per diversificare ulteriormente la propria offerta di prodotti rispetto al settore del movimento terra.

LE PREsTAZIONI La gamma, costituita da tre modelli (LEM 1200, LEM 1500 e LEM 1800), è disponibile con due diverse motorizzazioni: la prima con motore a benzina Honda GX390 (8,1 kW a 3.600 giri/min), la seconda con un motore Diesel yanmar Ln100 (7,3 kW a 3.600 giri/min). Inoltre, operando a “cingoli aperti” (ad esclusione del LEM 1200), le piattaforme Ihimer sono in grado di effettuare lavori in altezza con la massima aderenza al terreno.

APPLIcAZIONI E DETTAgLI Lunga 4,06 m e larga 0,92 m, la piattaforma LEM 1200 è la più piccola della nuova gamma Ihimer. Dotata di comandi idraulici (ne rendono più semplice l’utilizzo), la nuova macchina può essere utilizzata per operare in spazi molto limitati e ristretti. Di altre dimensioni, il modello LEM 1500 è stato progettato per raggiungere aeree di intervento difficili per la presenza di ostacoli (tetti

delle abitazioni, alberi di una certa altezza e all’interno di cantieri), con posizionamenti stabili e sicuri a qualunque quota. Inoltre, grazie ai cingoli allargabili, da 782 a 1060 mm, la piattaforma consente di superare pendenze fino a 24°. completa la serie il modello LEM 1800, la macchina con le prestazioni più elevate della linea Ihimer, che può essere impiegata in lavori come la riparazione di un tetto o la manutenzione dei lampioni stradali. 

CArAttErIStICHE tECnICHE Modello Peso totale (kg) Portata max navicella (kg) Altezza max di lavoro (m) Sbraccio laterale max (m) Rotazione torretta (gradi) Ingombro macchina (m)

LEM 1200

LEM 1500

LEM 1800

1.650 200 (2 persone + cassetta attrezzi) 12,20 6,50 270 2,69

1.650

2.000 29 18 8,5 359 3x3,65

30

CSC maggio 2009

15 7,80 359 3x3,65


SPECIALE SoLLEvAmEnto

aurogru

una nuova 6 assi

Liebherr incrementa l’altezza di sollevamento Posizionata lateralmente al braccio telescopico, la cabina gru reclinabile offre una posizione di lavoro confortevole e funzionale.

L

zati attivamente ed in modo eletiebherr ha scelto la prestigiotroidraulico, in base alla velocità sa vetrina francese per pree all’angolo di sterzata degli assi sentare la nuova LTM 1350anteriori. Grazie a questa soluzio6.1 da 350 t, la sei assi più potenne, è possibile ottenere una ridute presente sul mercato. Oltre alzione dell’usura la configurazione con braccio tiran- LTM 1350-6.1 da 350 t, dei pneumatici la sei assi più potente ed una maggiotato a y (che può essere montata presente sul mercato re manovrabilità. Ricordiamo che senza l’ausilio di i cinque programmi di sterzo (p) un’altra gru), il nuovo modello impossono essere selezionati attrapiega il falcone tralicciato, un sisteverso dei tasti inseriti nella consolma finora riservato alla classe di aule di comando. togrù con portata superiore.

sIsTEmA FRENANTE La nuova autogru è equipaggiata con freni a disco che, oltre a garantire una migliore dosatura dell’impianto frenante, assicurano una maggiore durata nel tempo, tempi rapidi per il cambio delle pastiglie ed un consumo ridotto. Inoltre, il sistema Intarder integrato all’interno del cambio consente di effettuare una frenata continua e priva di usura.

I nuovi comandi Liccon2 incrementano il comfort dell’operatore, mentre il nuovo monitor segnala con chiarezza eventuali errori di utilizzo e di sovraccarico. Posizionato sotto i manipolatori di comando, il sistema “Touch-Display” Liccon2 comunica le diverse funzioni di impiego, tra cui: il programma di guida del carro, le sospensioni degli assi, gli stabilizzatori della gru, il posizionamento dei fari, nonché la regolazione del riscaldamento e della climatizzazione. SPECIfICHE tECnICHE Lmt 1350-6.1 Peso complessivo (t)

350

Sbraccio max (m)

78

Altezza max sollevamento (m)

La nuova autogrù è in grado di coprire quegli impieghi che prima venivano svolti dai modelli a sette o otto assi.

31

La nuova autogru può essere trasportata in modo semplice ed economico: il telaio dei contrappesi, l’argano per l’impennamento del falcone a volata variabile, la piastra zavorra base, con parte delle piastre di contrappeso, possono essere trasportati su un rimorchio ribassato, come un’unica unità completa da 60 t. per la piena operatività, la gru necessita di 140 t di zavorra totale. 

IL NUOVO SISTEMA

LO sTERZO I quattro assi posteriori del modello LTM 1350-6.1 vengono ster-

UN TRAsPORTO sEmPLIcE

132

Motore

8 cilindri

Potenza (kw-giri/min)

450/1900

Coppia max (Nm-giri/min) Cambio

CSC maggio 2009

2850/1500 ZF a 12 marce TC-TRONIC


SPECIALE SoLLEvAmEnto

gru

nuovi prodotti e servizi

Un nuovo strumento di gestione

M

olte le novità presentate da Manitowoc in occasione di Intermat 2009: si parte dai prodotti con le nuove gru delle linee Grove e potain, fino ad arrivare ai servizi con il lancio del nuovo sistema di gestione del parco macchine.

NUOvE cARATTERIsTIchE PER LA mDT 368 Disponibile in due versioni (L 12 e L 16), la nuova gru a torre del marchio Manitowoc potain presenta un’importante novità in termini di caratteristiche tecniche: si tratta del controbraccio ripiegabile, una soluzione adottata per agevolare il trasporto. La MDT 368 è dotata di un controbraccio da 21,7 m, una lunghezza eccessiva da trasportare co-

me sezione singola su un autocarro standard. per risolvere questo problema, i tecnici di Manitowoc hanno incluso una cerniera che permette di ripiegare la sezione durante il trasporto. Oltre ad essere lungo, il controbraccio è stretto e consente di trasportare anche una sezione del braccio articolato sullo stesso autocarro.

LE gRU AUTOmONTANTI prodotta presso lo stabilimento Manitowoc di niella Tanaro, Italia, e disponibile anch’essa in due versioni (vedi tabella), la nuova potain Igo 30 prevede numerose configurazioni operative per far fronte alle svariate esigenze dei cantieri. La nuova gru si avvale del sistema Smartcom che, grazie a particolari sensori ed un computer di bordo, incrementa l’efficienza e la sicurezza durante le operazioni di ripiegamento ed apertura del braccio. per agevolarne la messa a punto, la nuova Igo 30 è dotata di zavorre laterali: si tratta di una soluzione utile in quei cantieri che non consentono la rotazione libera, oppure in quei siti ove vigono normative severe in merito alla posizione del braccio articolato, durante il funzionamento fuori servizio.

CArAttErIStICHE tECnICHE Modello mDT 368 L12

Portata max Lunghezza max braccio Portata max in punta al braccio 12 t

75 m

La mDT 368 L16 monta un nuovo carrello, il 6DvF6, che raggiunge velocità pari a 100 m/min con un carico di 4 t.

CraneSTAR Progettato da Manitowoc ed installato in fabbrica, il nuovo sistema di gestione del parco macchine rappresenta un’importante novità per il settore delle gru. CraneSTAR monitora una serie di dati essenziali quali l’ubicazione e le condizioni operative della gru, nonché le funzioni principali delle macchine acquisite mediante un sistema di controllo elettronico. Questi dati possono essere trasmessi ai proprietari delle gru o ai responsabili dei parchi macchine, di nazionalità diverse, mediante reti GSM o satellitari.

LA NUOvA AUTOgRU gsK55 Il nuovo modello GSK55 associa alla capacità di sollevamento delle gru tuttoterreno Grove, la flessibilità e mobilità di un normale autoarticolato su strada. Inoltre, il nuovo modello unisce alla torretta della gru tuttoterreno Grove 3055 un telaio che funge da rimorchio. Grazie a questa caratteristica, gli operatori possono utilizzare il trattore che preferiscono per trainare la gru da un cantiere all’altro. 

3,2 t

mTD 368 L16

16 t

75 m

3t

Igo 30

2,2 t

30 m

900 kg

Igo 30

2,2 t

28 m

1t

32

CSC maggio 2009

grazie ad un peso complessivo inferiore alle 26 t, la nuova gru automontate, Igo 30, può essere trasportata da un unico veicolo.


SPECIALE sollevamento

Gru

Lavorare in città

F

orte di un’esperienza di oltre 50 anni nella produzione di gru per edilizia, Edilgru propone una gamma di sei modelli idraulici a rotazione bassa e, vista la particolare richiesta del mercato, una linea di gru a torre, a rotazione alta tipo “City” con e senza cuspide. Caratterizzate da tempi di montaggio ridotti, queste macchine possono trovare impie-

go in cantieri particolari, come quelli situati nei centri urbani.

te dal costruttore o dai punti di rivendita autorizzati Edilgru in tutta Italia.

IL NOLEGGIO

USATO GARANTITO

Edilgru offre, inoltre, un servizio di noleggio che prevede numerosi modelli automontati e gru a torre con sbracci che vanno dai 3 ai 50 m. La Divisione noleggio propone macchine sottoposte a periodica manutenzione, eseguita direttamen-

Presso l’Azienda di Cremona è possibile trovare un ampio parco macchine usate, disponibili sia nello stato in cui si trovano sia sabbiate o verniciate. Anche in questo caso, la funzionalità delle macchine è garantita dai tecnici Edilgru. 

50 Anni di esperienza

A

ttiva sin dal 1956, l’azienda FB F.lli Butti s.r.l. è specializzata nella progettazione e realizzazione di gru che, per le loro caratteristiche, si adattano alle esigenze dei cantieri moderni. La gamma comprende tre famiglie: la “GH” city cranes, la “GHS” topless e la linea di gru automatiche “GA” compact, offerta con bracci da 17 a 36 m.

UNA 66 METRI SENZA ANCORAGGIO Ultimo nato, il modello GHS 601/6000 è stato realizzato completamente in pezzi da 6 m per agevolare il trasporto. Caratterizzata da uno sbraccio di 60 m, la GHS 601/6000 prevede argani di sollevamento e traslazione del carrello sul braccio: si tratta di due soluzioni che consentono di completare i giri delle funi direttamente a terra in sicurezza, limitando così il numero delle operazioni in altezza. Le dimensioni ridotte e la possibilità di essere posizionata su basamento con zavorra ridotta, fanno del modello GHS 601/6000 una gru da impiegare in aree urbane, dove il transito veicolare non può essere impedito. 

Tutti i modelli FB possono essere posizionati a terra su: elemento di torre recuperabile; elemento di torre a perdere; basamento ammarato al plinto di fondazione; basamento con zavorra ridotta a zatteroni d’appoggio; basamento appoggiato su platea e zavorra completa; basamento con meccanismi per scorrimento su binari; basamento montato con portale da 6x6 m.

CARATTERISTICHE TECNICHE GHS 601/6000 Versione (m)

34.8

40.6

46.4

52.2

56.1

60

Lunghezza braccio (m)

34,80

40,60

46,40

52,20

56,10

60,00

Altezza standard (m)

66,00

66,00

66,00

66,00

66,00

66,00

Carico in punta (kg)

2500,00

2300,00

1900,00

1600,00

1200,00

1100,00

Carico massimo (kg)

6000,00

6000,00

6000,00

6000,00

6000,00

6000,00

33

CSC maggio 2009


SPECIALE sollevamento

Gru retrocabina

Nuovi dispositivi da Effer

S

ol.Ge si è presentata all’Intermat di Parigi con quattro modelli di gru caratterizzati da nuovi e importanti contenuti tecnologici. La nuova Effer 1355 9S si presenta in due versioni: la prima (base) ha uno sbraccio superiore ai 22 m, mentre la configurazione con snodo 6S vanta uno sbraccio che supera i 35 m. Il nono sfilo è caratterizzato dal martinetto interno e dall’alimentazione idraulica. La versione presentata al Salone francese prevedeva il falso telaio integrale brevettato CroSStab®, nonché il dispositivo Win & Drive per il verricello. Nuova tecnologia anche sul modello 155 LSV, esposto su camion demo: la versione standard presenta un distributore elettroidraulico proporzionale compensato, che assicura

manovre precise e veloci, nonché un agevole montaggio del radiocomando. Questo modello è stato esposto anche nella versione con postazione di comando “uomo in piedi”, per le applicazioni con benna mordente e cassoni ribaltabili con sponde alte. In esposizione anche la gru 470, il primo modello Effer ad essere equipaggiato con il sistema DMU 3000 Plus e CAN-BUS per un controllo dinamico delle velocità. Sempre su camion demo, Sol.Ge ha messo a disposizione dei visitatori anche il modello 35. 

Gru biellate leggere

A

irone produce gru per autocarro super leggere (serie A 15), articolate per i veicoli con patente B (Serie A 25), e modelli articolati caratterizzati da bracci piuttosto lunghi (Serie A 35 e A 45). Disponibili con due o tre sfilamenti, le gru biellate Airone sono in linea con le norme di progettazione DIN 15018 H1-B3 e prevedono: biella tra il 1° ed il 2° braccio; serbatoio olio incorporato nella base della gru; boccole della colonna in bronzo; registrazione della cremagliera; sabbiatura della carpenteria, fondo e trattamento epossidico; stabilizzatori orientabili ad estrazione manuale; sfilamenti a sezione esagonale; martinetti a stadio singolo; tubazioni protette con guarnizioni. 

GLI ACCESSORI AIRONE

L’Azienda di Modena offre numerose attrezzature da montare sui propri modelli, in particolare: traverse stabilizzatori supplementari; cestelli porta-operatore monoposto in acciaio e vetroresina; telecomandi e radiocomandi (per allestimento come ponte mobile sviluppabile); benna per macerie e per sabbia; pinza per tronchi; benne a polipo e rotatore idraulico.

34

CSC maggio 2009


SPECIALE SoLLEvAmEnto

inTervisTa

Il valore di una nicchia La parola a Raul Barbieri, Direttore di Piacenza Expo

Com’è nata l’idea di una manifestazione completamente dedicata al settore del sollevamento? Da qualche tempo riflettevamo sull’idea di organizzare un evento di questo tipo, sia per una nostra attitudine sia per soddisfare un’esigenza del mercato del sollevamento. partendo dal presupposto che piacenza Expo è una fiera di provincia, la nostra attitudine è di occuparci di determinate nicchie di mercato valorizzandone le caratteristiche e le peculiarità, diversamente da altre grandi manifestazioni più generaliste dove questo approfondimento non è possibile. In particolare, mi riferisco al Geofluid che, rispetto al recente Intermat, al Bauma, al Samoter o al Saie, mette in evidenza uno dei comparti di queste prestigiose vetrine dei settori dell’edilizia e della cantieristica, sviluppandolo in modo completo e specifico. Oggi quando si parla di “Drilling” o di “Foundation”, Geofluid è un vero e proprio punto di riferimento di questi settori. Basandoci su questa stessa logica abbiamo voluto dare spazio ad uno dei più importanti comparti dell’edilizia che è il sollevamento. Qual’era, invece, l’esigenza degli operatori del settore? L’esigenza sentita presso i protagonisti del mondo del sollevamento era quella di avere un appuntamento diverso dalla semplice esposizione, che fosse anche un’opportunità di vedere le macchine in movimento e di poter effettuare delle prove, come da anni succede all’estero.

Saranno presenti direttamente le case produttrici o i dealer? Il Gis è un salone che si rivolge, come espositore, al produttore e, come visitatore, al grande noleggiatore e all’impresa. Ogni quanto si terrà il Salone? Dopo questa prima edizione pilota verrà valutata la giusta calendarizzazione dell’evento (annuale o biennale); è presto fare delle previsioni anche perché abbiamo scelto un anno non proprio favorevole vista la particolare congiuntura che i settori dell’edilizia e della cantieristica stanno attraversando.

Visto le richieste, avete allestito anche un campo prove? certamente, anzi questa è stata la condizione di partenza del GIS; una condizione dettata dal voler dare una risposta concreta agli operatori. per cui, abbiamo adibito a campo prove l’area esterna del parcheggio; in questo piazzale sarà possibile vedere e provare tutte le più importanti macchine e attrezzature del settore, dai sollevatori e piattaforme alle gru. È previsto un programma di conferenze e convegni? Si, oltre alla parte espositiva, verranno organizzate una serie di conferenze dedicate alle nuove normative europee, alla sicurezza, nonché alla formazione per un utilizzo corretto delle macchine (vedi IpaF).

35

IPAF La International powered access Federation promuove l’uso efficace e sicuro dei mezzi mobili di accesso aereo in tutto il mondo. costituita nel 1983, IpaF offre un programma di formazioni (conforme alla normativa ISO 18878) per operatori di piattaforme di lavoro mobili. più di 80.000 operatori vengono formati ogni anno attraverso una rete mondiale di oltre 330 centri di formazione.

CSC maggio 2009


retAiL&FooD CSC · CAntieri StrADe CoStruzioni L’inDuStriA DeLLA GoMMA MoDA e inDuStriA

Da oltre cinquant’anni nel campo dell’editoria al servizio delle imprese

AnnuArio · L’inDuStriA teSSiLe AnnuArio · L’inDuStriA DeLLA GoMMA AnnuArio · AeroPorti

CSC

CANTIERI STRADE COSTRUZIONI MAGGIO 2009 anno XXVI n. 229

NOVITÀ Mensile - Spediz. in abb. postale - art. 2, comma 20/b Legge 66/95 - Filiale di Milano - In caso di mancato recapito restituire all’ufficio CMP Roserio. Il mittente si impegna a pagare i diritti fissi di restituzione.

editoriale dell’anno

SPECIALE SOLLEVAMENTO

Campo prove: DAF serie CF w w w . b o b c a t . e u

Tel.

TUTTI

www.gestoeditore.it GeSto eDitore SrL - via Mercato 28, 20121 Milano tel. +39 028051511 - Fax +39 0289013553 gesto@gestoeditore.it

I

LISTINI

800-399199

TECNICI


CANTIERI

SOMMARIO

paGIna

38

punTe

ATTREZZATURE

Denti innovativi

CALCESTRUZZO

macchine

Un primato dal mondo del calcestruzzo

37

CSC maggio 2009

40

paGIna


CANTIERI

Attrezzature

Punte

Anteprima a Parigi

Denti innovativi Esco ha presentato in occasione di Intermat il sistema di denti Ultralok che non richiede l’uso del martello e in cui ogni punta dispone di un meccanismo di blocco integrato.

S

i chiama Ultralok il nuovo progetto di denti Esco per costruzioni e aggregati. Il sistema, che è stato presentato nel Nord America in occasione del Conexpo dello scorso anno è stato lanciato a livello mondiale lo scorso mese in occasione del Salone parigino.

CARATTERISTICHE DEL SISTEMA A differenza degli altri sistemi di denti, Ultralok si caratterizza per la presenza di un meccanismo con chiavetta laterale integrata nella punta che può essere installato senza dover fare ricorso all’uso del martello,

A differenza degli altri sistemi di denti, Ultralok si caratterizza per la presenza di un meccanismo con chiavetta laterale integrata nella punta che può essere installato senza dover fare ricorso all’uso del martello, eliminando la necessità di coppiglie o blocchi separati

eliminando la necessità di coppiglie o blocchi separati. Il sistema Ultralok sarà disponibile in otto versioni, con una linea di prodotti destinati sia agli escavatori (da 6 a 75 tonnellate) sia alle pale gommate (da 1,4 a 9,1 metri cubi). Nel sistema di denti Ultralok la chiavetta è parte integrante della punta e ciò semplifica la sostituzione dei pezzi; il basso profilo agevola la penetrazione e la sostituzione sul campo è più rapida.

LE CAPSULE ULTRALOK Sono otto i tipi di punta che vengono utilizzati dal sistema Ultralok. Di seguito una sintetica descrizione e il tipo di applicazione cui sono destinati i vari modelli. Esco ha presentato il suo sistema Ultralok a Intermat 2009. In precedenza il sistema era stato presentato (limitatamente al Nord America) al Salone Conexpo 2008 di Las Vegas.

38

CSC maggio 2009


CANTIERI

Attrezzature

Punte Il sistema di denti Ultralok della Esco può essere utilizzato sia sugli escavatori (modelli da 6 a 75 tonnellate) sia sulle pale gommate con benne da 1,4 a 9,1 metri cubi.

S La S è una punta standard, destinata ad escavatori e caricatori gommati utilizzati in applicazioni generiche. È stata progettata in modo da usurarsi mantenendo l’affilatura ed è dotata di scanalatura centrale. C La C è una punta a scalpello destinata soprattutto agli escavatori per le applicazioni pesanti. Dispone di una scanalatura e di drenaggio per liquidi nella sezione inferiore. AP La AP è una punta di escavazione ultra-resistente per caricatori gommati in applicazioni altamente abrasive. È dotata di una scanalatura superiore centrale e di capsula antiusura integrata. A La punta A è stata progettata per l’impiego su caricatori gommati che operano in applicazioni di abrasione estreme. Caratterizzata da punta smussata, riquadro di intelaiatura superiore, la capsula antiusura corre lungo tutto il bordo inferiore. Dimensione Nasello Ultralok

H La punta H è usata per applicazioni estremamente abrasive ed è principalmente studiata per gli escavatori. Presenta una nervatura nella parte frontale e una cavità nella parte bassa. P La P è una punta a piccone pensata per materiali estremamente duri e progettata principalmente per l’uso sugli escavatori ma può essere utilizzata anche su caricatori gommati. T La T è una punta a doppio piccone destinata a lavorare su materiali di difficile penetrazione. Questa punta è stata progettata per l’utilizzo negli angoli in congiunzione con le punte di tipo P per tagliare i materiali in prossimità dei lati delle benne. F La F è una punta svasata per impianti di escavazione generici e a taglio continuo, in particolar modo per l’escavazione di fossati e fondamenta. 

U20

U25

U30

U35

U40

U45

U55

Classe escavatore

6-10 (mt)

10-12 (mt)

12-19 (mt)

19-24 (mt)

24-33 (mt)

33-50 (mt)

50-75 (mt)

Gamma BOF (kg)

4500-7300

7300-9500

9100-11400

2,3 (mc)

3,4 (mc)

4,6 (mc)

Classe caricatore gommato Gamma BOF

7300-10500

11400-18200 13200-22300 19500-26400 32200-44000 5,3 (mc)

6,1 (mc)

6,8 (mc)

9,1 (mc)

10500-15900 15000-21400 21400-25500 25500-36400 36400-45000 52600-63000

39

CSC maggio 2009


CANTIERI

CALCESTRUZZO

macchine

La twinstar 4Z33

Un primato dal mondo del calcestruzzo La gamma Twinstar di Sermac si è arricchita di un nuovo modello, il 4Z33, e ha fissato il primato di braccio più lungo della categoria.

L

a gamma di pompe-betoniere Twinstar monta gruppi pompanti della serie S6, con valvola di distribuzione ad “S” e sistema autocompensante dell’anello di usura. L’utilizzo del sistema TWIn RInG contribuisce a ritardare l’usura delle canne calcestruzzo

la serie Twinstar è equipaggiata con bracci di distribuzione realizzati con sistema di ripiegamento a “Z”

braccio, la nuova Twinstar 4Z33 di Sermac presenta numerose soluzioni tecniche di ultima generazione, in particolare: corretta ripartizione dei bracci tra peso e tamburo; tamburo realizzato in quattro fasce per ridurre le concentrazioni di usure, con fondo ellittico in acciaio e cono di rinforzo all’attac-

co della flangia riduttore; braccio a sezione scatolare saldata; basamento braccio ad elevata rigidità torsionale, con integrati gli stabilizzatori anteriori e posteriori; costruzione in acciaio ad alto limite elastico e verifiche strutturali dei nodi critici con il Metodo degli Elementi Finiti (FEM). 

BETONIERA Capacità nominale

10 mc

Volume geometrico

14,5 mc

Coefficiente di riempimento

0,60

Numero di giri/min.

0-16

Rulli rotolamento

4

Capacità serbatoio acqua

680 l

Capacità serbatoio olio

360 l

GRUPPO POMPANTE

e garantisce la tenuta in pressione. caratterizzata da portate fino a 73 mc/h, la serie Twinstar è equipaggiata con bracci di distribuzione realizzati con sistema di ripiegamento a “Z”, in grado di raggiungere lunghezze comprese tra i 24 e i 28 m. Tutti gli imperniamenti dei bracci dispongono, inoltre, del sistema autolubrificante, una soluzione che riduce la frequenza di manutenzione rispetto ai sistemi tradizionali.

* Dimensione variabile in funzione dell’autotelaio

UNA bETONPOmPA DA REcORD Oltre ad aver fissato nuovi standard in termini di lunghezza del

Portata massima teorica mc/h (*)

73

Pressione massima sul calcestruzzo bar (*)

54

Cilindri pompanti (Ø per corsa) mm

180x1000

Volume corsa Numero corse al minuto Pressione massima olio Capacità tramoggia Bocca di uscita * Alimentazione lato stelo

40

CSC maggio 2009

25,4 l 48 350 bar 450 l 125 mm


STRADE

SOMMARIO

paGIna

43

affari

MACCHINE

Stabilità a lungo termine

VEICOLI

moTori

È un Volvo il camion più potente del mondo

paGIna

46

paGIna

44

noviTà

VEICOLI

Soluzioni su misura per il cava cantiere

VEICOLI

TrainaTi

Trasportare travi in c.a.

41

CSC maggio 2009

paGIna

48


STRADE

MACCHINE

affari

Stabilità a lungo termine La Dynapac, dopo l’avvenuta acquisizione da parte di atlas copco (che è seriamente intenzionata a mantenerne il controllo a lungo termine) ha intrapreso un nuovo corso volto a ricercare la stabilità.

I

vari cambi di proprietà avvenuti nel corso dei primi anni 2000 hanno rappresentato per Dynapac un periodo di instabilità, interrottosi nel maggio del 2007, con l’acquisizione dell’azienda da parte di atlas copco. Grazie alla vasta gamma Dynapac, che comprende attrezzature e macchinari per il settore stradale noti a livello mondiale, atlas copco, a sua volta affermato costruttore di macchine per la perforazione sia di superficie sia per galleria, nonché di attrezzature e compressori per l’edilizia, ha conseguito una posizione strategica nel settore delle infrastrutture.

CHI È DYNAPAC Dynapac fa parte della Divisione RcE Road construction Equipment del Gruppo atlas copco. E’ specializzata nel settore dei macchinari e delle attrezzature per la compattazione e pavimentazione di terreno, asfalti e calcestruzzo. I prodotti e le soluzioni applicative sono fornite con il marchio Dynapac e con marchi complementari. La sede centrale si trova in Svezia, a Stoccolma; le fabbriche della divisione RcE si trovano in Europa, USa, Sud america e asia.

ObIETTIvI DI LUNgO PERIODO Il presidente di Dynapac, claes ahrengart ha affermato che: “Tutto ciò significa grande stabilità. negli ultimi anni Dynapac ha avuto diversi cambi di proprietà che avevano talvolta comportato la mancanza di una politica aziendale strategica a lungo termine. atlas copco garantisce invece obiettivi di lungo periodo associati ad una situazione finanziaria stabile”.

sOLO vANTAggI PER I cLIENTI Secondo claes ahrengart, c’è stato in un primo periodo, successivo all’acquisizione da parte di atlas copco, un notevole ancorché invisibile lavoro per assicurare che il passaggio di proprietà non interferisse con l’assistenza e il supporto ai clienti Dynapac. adesso, una sinergia con l’azienda madre renderebbe possibile un ulteriore miglioramento dei prodotti Dynapac. Uno degli impegni a lungo termine che atlas copco si è posto per Dynapac è proprio un aumento degli investimenti destinati a ricerca e sviluppo. “Lanceremo sul mercato macchinari di rinnovata produttività ed efficienza, come è tipico dei marchi atlas copco e Dynapac”, afferma ahrengart. “ci concentriamo a beneficio della clientela sull’ottimizzazione del costo totale, e cioè investimento del bene, costi di esercizio a parità di prestazioni,” aggiunge. Oltre a poter contare su maggiori investimenti per ricerca e sviluppo, grazie ad atlas copco i processi di ricerca di Dynapac hanno

43

subito anche un miglioramento qualitativo. per Berggren, a capo del team di progettazione e sviluppo dei compattatori della serie “heavy” di Dynapac a Karlskrona (Svezia), spiega: “Tra il personale di ricerca di atlas copco ci sono molte figure con cui possiamo confrontare le nostre esperienze. ci incontriamo scambiandoci le rispettive risorse, con una rafforzamento reciproco delle competenze, soprattutto nel campo di elettronica e sistemi di sterzatura”.

cREscE LA RETE cOmmERcIALE Dynapac può sicuramente trarre vantaggi dall’accesso ad una più ampia rete mondiale di vendita e di assistenza quale è oggi quella di atlas copco; anche in questo caso, l’appartenenza ad un grande gruppo fa sì che i servizi, il supporto di mercato e le relazioni di Dynapac con i propri clienti siano destinati ad un ulteriore miglioramento. “Da un lato, la rete di atlas copco è molto più ampia di quella Dynapac, dall’altro, il personale atlas copco può essere formato alla gestione dei prodotti Dynapac: il risultato sarà un’ottimizzazione del livello di assistenza alla clientela”, spiega ahrengart che aggiunge: “Grazie all’accesso ad una rete di vendita più estesa, Dynapac è in grado di penetrare con i propri prodotti anche altri nuovi mercati emergenti”. I miglioramenti strategici, ovvero l’impulso agli investimenti per lo sviluppo di nuove macchine servizi lasciano intuire che il passag-

CSC maggio 2009

secondo claes Ahrengart, attuale Presidente di Dynapac, uno degli impegni a lungo termine di Atlas copco per Dynapac è proprio un aumento degli investimenti destinati alla ricerca e allo sviluppo.

gio di Dynapac ad atlas copco si traduca in vantaggi tangibili per la clientela. Miglioramento di produttività, costi di gestione inferiori e ridotti tempi di fermo macchina apporteranno ulteriori benefici ai già apprezzati marchi distintivi di Dynapac, che ahrengart descrive come: “prodotti estremamente affidabili, di alta qualità e con un’eccezionale rete di assistenza”. 

Dynapac produce una vasta gamma di macchine e attrezzature destinate al settore stradale (come ad esempio il rullo nella foto) mentre Atlas copco è un grande specialista nella costruzione di macchinari per la perforazione sia di superficie sia per galleria, nonché di attrezzature e compressori per l’edilizia.


STRADE

VEICOLI

moTori

È un volvo il camion più potente del mondo

La corsa alle potenze sempre più elevate degli autocarri ha ora un nuovo primatista, è Volvo che per il suo FH 16 ha messo a punto un propulsore (Euro 5) in grado di sviluppare 700 CV (in precedenza arrivava “solo” a 660 cV) e con una coppia massima di 3150 nm.

È

Volvo Trucks il primo costruttore a raggiungere il traguardo di 700 cV per uno dei suoi camion e più precisamente per il suo FH16, che in precedenza poteva comunque disporre di una ragguardevole potenza di 660 cV.

ni passando dall’idea ai prototipi, al laboratorio per finire alla fase di test che si sono svolti in condizioni operative estreme, dai deserti australiani al grande freddo del nord della Svezia fino ai 3.600 metri di altezza delle Montagne Rocciose.

Il volvo Fh 16 è il più prestigioso dei veicoli della casa svedese. Nella sua più recente versione il veicolo è stato equipaggiato con un 6 cilindri da 16 litri di cilindrata da 700 cv.

RIDURRE L’ImPATTO AmbIENTALE

D 16 g: UN cUORE POTENTE

Il Volvo FH16 è conforme ai requisiti per le emissioni previsti dall’Euro 5, lo standard europeo per il controllo dell’inquinamento che entrerà in vigore dall’autunno di quest’anno e che impone una riduzione delle emissioni di ossido di azoto di oltre il 40%. Requisito assoluto nella progettazione del motore era la conformità allo standard Euro 5 ma i tecnici Volvo avevano da affrontare un annoso dilemma, ridurre i consumi di carburante ottimizzando il processo di combustione, anche se ciò avrebbe comportato l’aumento delle emissioni di ossido di azoto. per evitare tutto ciò si doveva dunque espandere la capacità del sistema di trattamento dei gas di scarico. Il gruppo di progettazione che ha operato sul nuovo motore ha lavorato per tre anni a diverse soluzio-

Il cuore dell’FH 16 è il motore D 16 G, un propulsore in grado di fornire una potenza di 660 cV e che ora può vantare la potenza record di 700 cV (con una coppia massima di 3150 nm), proposto con differenti regolazioni di 600 e 540 cV.

cui la riprogettazione dei pistoni con l’ottimizzazione del processo di combustione. I picchi massimi di potenza e di coppia, entrambi raggiungibili in uno spettro di regimi più ampio, contribuiscono a rendere più facile e fluida la guida; inoltre il motore è stato dotato di un nuovo termostato dell’olio che ha contribuito a ridurre il consumo di carburante. Il livello di rumore ai regimi minimi è stato ridotto di 2dB(a); ciò si è reso possibile con l’introduzione della pre iniezione, che spruzza una piccola quantità di carburante

Il livello di rumore ai regimi minimi è stato ridotto di 2dB(a) La maggior potenza sviluppata dal D 16 G non ha comportato consumi di carburante più elevati rispetto ai motori della serie precedente; ciò è stato reso possibile dall’adozione di una serie di misure tra

44

CSC maggio 2009


STRADE

VEICOLI

moTori

La paROLa a STaFFan jUFORS

Il volvo Fh 16 è equipaggiato con un propulsore (Euro 5) che sviluppa una coppia massima di 3150 Nm.

Il Volvo FH16 è stato progettato per le operazioni di trasporto più complesse e pesanti. È anche un camion di grande prestigio per i clienti alla ricerca di un veicolo veramente fuori dall’ordinario. E con un motore da 700 cV, il Volvo FH16 prende le distanze da tutti gli altri”, spiega Staffan jufors, presidente e cEO di Volvo Trucks.

staffan Jufors

EPg o VEB+ La dotazione di serie del motore Volvo D16G comprende il freno a gas di scarico con controllo elettronico (EpG) da 230 kW di potenza. Il controllo elettronico consente di ridurre il numero delle parti in movimento e, di conseguenza, favorisce la semplificazione della funzionalità, una maggiore affidabilità e la riduzione del peso. È inoltre possibile installare anche il freno motore VEB+, che è in grado di sviluppare un effetto frenante di 425 kW.

Il motore volvo D 16 g è un 6 cilindri di 16 litri che può sviluppare una potenza massima di 700 cv ma può anche essere tarato a 600 o 540 cv.

nel cilindro. Un’altra importante innovazione introdotta sulle due varianti più potenti del motore D 16 è il nuovo sistema per il post trattamento dei gas di scarico che presenta ora una maggiore capacità. Dato che il sistema ha la capacità di gestire un flusso maggiore di gas di scarico, si viene a creare una contropressione più bassa che riduce al mimino le perdite di potenza; la maggiore capacità del sistema contribuisce anche ad una più efficace pulizia degli scarichi. 

L’Fh 16 (e il suo motore D16g) dispone del freno a gas di scarico con controllo elettronico (EPg) da 230 kW di potenza.

CARATTERISTICHE TECNICHE DEL VOLVO D16g EURO 5 Motore diesel

16 litri, 6 cilindri, con turbocompressore e intercooler

Potenza massima

700 CV, 600 CV o 540 CV

Coppia massima

3150 Nm, 2800 Nm o 2650 Nm

Freni ausiliari

EPG da 230 kW a 2200 giri/min o VEB+ da 425 kW a 2200 giri/min

Trattamento gas di scarico

SCR (Selective Catalytic Reduction)

Intervallo di sostituzione olio

100.000 km o una volta l’anno

Presa di forza (su richiesta)

1000 Nm con veicolo fermo, 650 Nm con veicolo in movimento

Disponibità ventilazione del basamento chiusa o aperta

45

CSC maggio 2009


STRADE

VEICOLI

noviTà

Il nuovo mercedes Actros

Soluzioni su misura per il cava cantiere Finalmente è arrivata la versione cantiere del nuovo actros. Specificamente pensato per gli impieghi gravosi, l’Actros cantiere è equipaggiato con il PowerShift Offroad e con numerose soluzioni volte a proteggere i componenti maggiormente esposti nel fuoristrada.

I

l nuovo Mercedes-Benz actros in esecuzione cantiere, membro a tutti gli effetti della famiglia “Truck of the year 2009”, è ormai giunto ai nastri di partenza. arrivato alla terza generazione, l’actros per il trasporto di linea si pone ai vertici europei della categoria, con l’obiettivo di raggiungere i medesimi traguardi nel settore dell’edilizia. Rispetto alla serie precedente il nuovo actros si presenta con numerose novità volte a migliorare il suo comportamento in cantiere.

LA gAmmA Gli actros cantiere si presentano in una gamma ampia che comprende tanti modelli per ogni esigenza, dai ribaltabili a trazione integrale alle betoniere, dai trattori a sospensioni meccaniche a quelli con sospensioni pneumatiche, veicoli disponibili nelle versioni a due, tre e quattro assi (dal due assi “4x2” a trazione posteriore fino all’8x8/4, un quattro assi a trazione integrale e due assi anteriori sterzanti) in molteplici passi e in otto classi di potenza che coprono un ventaglio da 235 kW (320 cV) a 395 kW (550 cV).

CAMBIO AUTOMATIZZATO Una delle novità di maggior rilievo del nuovo actros cantiere è sicuramente rappresentata dal cambio automatizzato powerShift proposto nella versione appositamente studiata per l’impiego in fuoristrada e che per il mercato italiano sarà disponibile a partire dal prossimo autunno.

POWERshIFT OFFROAD mERcEDEs

cOmPONENTI PROTETTI

Quando ci si allontana dalle strade asfaltate, velocità e precisione negli innesti diventano requisiti fondamentali in quanto impediscono all’autocarro di trovarsi bloccato su terreni impervi o anche di perdere velocità nel percorrere salite particolarmente ripide. nelle difficili condizioni di lavoro che caratterizzano l’attività in cantiere, risultano particolarmente utili le funzioni speciali del cambio powerShift, come ad esempio la modalità di disimpegno dal fondo stradale o le quattro retromarce. Quanto detto sin qui vale anche per la gestione precisa del cambio, che è resa possibile dalla presenza dei sensori di inclinazione integrati.

Il nuovo actros cantiere riprende molto da vicino il design della versione da linea rinnovata di recente ma si differenzia per la presenza di numerose soluzioni specifiche per l’impiego cantieristico specialmente in termine di protezione ai componenti maggiormente esposti al rischio di danneggiamenti. Un esempio in questo senso ci viene dalla presenza della piastra di protezione in acciaio legato da 3 millimetri di spessore che oltre a

46

CSC maggio 2009

di f.t.


STRADE

VEICOLI

noviTà

mercedes Povershift g211-12

SCEgLIERE gLI PNEUMATICI Dopo aver individuato veicolo ed equipaggiamento giusti per uno specifico campo d’impiego, rimane ancora la scelta degli pneumatici. Strada asfaltata o terreno leggero, mediopesante o addirittura pesante, in ogni caso i professionisti del settore sanno che in fuoristrada la scelta del pneumatico giusto è fondamentale. In generale vale sempre la regola che le dimensioni degli pneumatici devono aumentare proporzionalmente al grado di difficoltà del terreno. più sono grossi e tassellati, meglio é. I compromessi non sono impossibili ma spesso difficili da realizzare. Un autocarro actros 4146 in versione 8x8, che debba sfidare i terreni più avversi non potrà certo montare pneumatici ad alto comfort e con una resistenza al rotolamento estremamente bassa. In questo caso ci vogliono dei tassellati, anche se questi risulteranno rumorosi e poco confortevoli sull’asfalto. Oltre ad avere un battistrada specifico per il tipo di impiego, il vero pneumatico per fuoristrada assicura da un lato un’adeguata resistenza ai danni esterni e dall’altro una rigidità interna tale da consentire la marcia con una pressione di gonfiaggio ridotta. Infine, queste gomme speciali sono anche compatibili con le catene specifiche per il fuoristrada.

preservare il radiatore ed il motore da possibili contatti con ostacoli, risulta gradevole dal punto di vista estetico. Una tipica dotazione dell’impiego cantieristico è costituita dal primo gradino mobile ottimizzato per l’accesso in cabina, in grado di sopportare anche i carichi trasversali e resistere alla corrosione; del predellino mobile sono disponibili due versioni, una per i veicoli a trazione integrale e una seconda per quelli a trazione tradizionale. 

47

CSC maggio 2009

In alto a sinistra possiamo vedere il cambio automatizzato Powershift che mercedes propone in una versione specificamente studiata per far fronte alle esigenze dell’impiego in fuori strada. In alto a destra una versione betoniera, una delle tante che compongono la nuova gamma Actros cantiere che comprende veicoli a trazione parziale e totale a due, tre e quattro assi, tantissimi passi e motorizzazioni in otto differenti classi di potenza in esecuzione sei e otto cilindri. In basso (a destra) un dettaglio del primo gradino di accesso di tipo mobile “antiurto”. In basso (a sinistra) vediamo il corrimano continuo che equipaggia il nuovo Actros cantiere e che si protrae lungo il tetto della cabina.


STRADE

VEICOLI

TrainaTi

Trasportare travi in c.a.

di Massimiliano Barberis

Il Doll Vario p3H-T è un carrellone a doppia estensione fino a 29,5 metri ed è l’evoluzione del modello p3H da 22 metri di allungo singolo. Il carrellone a doppia estensione è stato progettato specificamente per il trasporto di travi in cemento armato per edilizia.

La sterzatura avviene attraverso un’asta di spinta e tiraggio su cilindri frontali a due linee sui tre assali. I cavi di aria, elettricità e idraulica sono ospitati all’interno dello sfilo, una soluzione che evita possibili danneggiamenti.

c

on oltre 27 immatricolazioni in Italia in tre anni il gruppo di cremona Multitrax sta facendo conoscere sempre di più il marchio tedesco Doll, specializzato nella progettazione di carrelloni per il trasporto di macchine movimento terra e di semirimorchi a piano alto per il carico punta a punta delle travi per edilizia in cemento armato. La casa alsaziana, fondata nel 1878 e attualmente sotto la guida della quarta generazione, ha avuto nel 2008 un giro di affari di 95 milioni di euro, si avvale di 400 dipendenti e produce circa 2.200 mezzi all’anno.

termedia da 300 millimetri integrata, doppio sfilamento da 8e 7.400 millimetri con punti di bloccaggio ogni 500 millimetri, dieci coppie di anelli fermacarico, pianale in abete rosso montato longitudinalmente da 40 millimetri di spessore, cavi aria, elettricità e idraulica tutti inseriti all’interno dello sfilo per evitare danneggiamenti. 

ciale, è trattato termicamente per assumere, quando è aperto tutto, una curvatura del pianale in negativo che, una volta sotto sforzo, si raddrizza totalmente. In questo angolo sussiste la particolarità del semirimorchio: una volta in movimento non è la trave caricata a subire i colpi trasmessi dalle asperità della strada ma il semirimorchio stesso che, come una molla, si adegua ai movimenti improvvisi.

QUAsI 30 mETRI

sTERZATURA bREvETTATA

Fra i carrelloni di punta importati in Italia, il modello Vario p 3 H-T con doppia estensione fino a 29,5 metri e appresenta l’evoluzione del modello p 3 H da 22 metri di allungo singolo. «È una versione speciale», spiega alberto Maggi della casa lombarda, «appositamente progettata per il carico delle travi in cemento armato per edilizia ‘punta a punta’». L’acciaio con cui è costruito lo sfilo, oltre ad essere in un materiale spe-

La sterzatura è prodotta da un dispositivo brevettato dalla Doll. La trasmissione della sterzata avviene a mezzo di una asta di spinta e tiraggio su cilindri frontali a due linee, su tutti e tre gli assi, e comando dalla ralla (di generose dimensioni), con un aggiuntivo angolo massimo di sterzatura dell’ultimo assale di 45 gradi mediante elettropompa anche a pieno carico. I cilindri posteriori sono collegati ad aste di sterzata rinforzate e ad alette per potere trasmettere gli angoli di sterzata agli assali. La pressione iniziale, poi, viene fornita a mezzo di pompa idraulica. Fra le dotazioni di serie vi sono dieci boccole per piantane, telaio telescopico con tavola in-

48

CSC maggio 2009

SCHEDA TECNICA Tara (kg)

11.850

Peso totale a terra (kg)

38.000

Carico su assi (kg)

27.000

Lunghezza totale (mm)

16.500

Lunghezza chiuso (mm)

13.700

Lunghezza complesso 1° sfilo (mm)

21.700

Lunghezza complesso 2° sfilo (mm)

29.400

Sbalzo posteriore (mm)

2.390

Altezza ralla a carico (mm)

1.180+/-40

Altezza pianale a carico (mm)

1.433

Altezza collo (mm)

270

Larghezza (mm)

2.530

Interasse (mm)

1.810

Raggio di sterzata trattore (mm)

2300

Raggio di sterzata ultimo asse

45°

Pneumatici tipo

385/65 R 22,5


ABBONATI entro il 31 luglio 2009 avrai uno sconto del 40%

2, co m m a 20 20 /b /b Le Le gg gg e e e 66 66 66 /9 /9 /9 5 5 5 5 5 -F -F -F -F -F ilia ilia ilia ilia ilia le le le le le di di di di di M M M M M ila ila ila ila ila no no no no no - In - In - In - In - In ca ca ca ca ca so so so so so di di di di di m m m m m an an an an an ca ca ca ca ca to to to to to re re re re re ca ca ca ca ca pit pit pit pit pit o o o o o re re re re re sti sti sti sti sti tu tu tu tu tu ire ire ire ire ire all all all all all ’u ’u ’u ’u ’u ffi ffi ffi ffi ffi cio cio cio cio cio CM CM CM CM CM P P P P P Ro Ro Ro Ro Ro se se se se se rio rio rio rio rio . Il . Il . Il . Il . Il m m m m m itte itte itte itte itte nte nte nte nte nte si si si si si im im im im im pe pe pe pe pe gn gn gn gn gn a a a a a a a a a a pa pa pa pa pa ga ga ga ga ga re re re re re id id id id id irit irit irit irit irit ti ti ti ti ti fis fis fis fis fis si si si si si di di di di di re re re re re sti sti sti sti sti tu tu tu tu tu zio zio zio zio zio ne ne ne ne ne . . . . . gg

a

/9

m

Le

rt.

m

66

/b

e

/9 66

e

-a

co

20

le

2,

gg

a

sta

m

rt.

Le

/b

gg

Le

/b

po

m

-a

co

b.

20

le

2,

ab

a

sta

m

rt.

m

. in

po

-a

diz

C C CS S SC C C

m

m

a

20

co

b.

le

2,

ab

sta

rt.

co

2,

rt.

-S

. in

po

e

-a

diz

b.

sil

le

pe

ab

sta

-a

en

M

-S

. in

e

diz

po

pe

SPECIALE SOLLEVAMENTO le

sta

b.

sil

ab

en

M

-S

. in

po

e

diz

b.

sil

pe

ab

en

-S

. in

M

pe

Campo prove: DAF serie CF C e

sil

pe

en

-S

sil

e

M

diz

T TU TUTT TUTTI TUTTI UT I TTI T I en

€ 80 €

editoriale dell’anno

M

48 Europa € 105 € 63 Estero € 130 € 78 Italia

MAGGIO 2009 anno XXVI n. 229

NOVITÀ Mensile - Spediz. in abb. postale - art. 2, comma 20/b Legge 66/95 - Filiale di Milano - In caso di mancato recapito restituire all’ufficio CMP Roserio. Il mittente si impegna a pagare i diritti fissi di restituzione.

Abbonamento annuale: 9 numeri

CSC

CANTIERI STRADE COSTRUZIONI

TUTTI

I

LISTINI

Caam SSPE CampoSPECIA CampoSPpECIALE p9 9oSPpErCoIALE SO C 9m Tel. 8 0 0 - 3a 9 1p P rC vL m poo ppErCooIIAAveeLEE: DSSOOLLLEV prrovveLE:: DSOAALFLLEVAM LI ove: DSOALFLsEeVAMEN LIS e: DALFLsEeVrAiM LIST e EECNTTO DAF sEeVrAiM LISTIN e ECNFTO F sserrAiM LISTINI N iee ECNFFTOO I e T S N I r T ET I C ie CFTO I NTIEC I C IN NI TEC F

C S CAN CA T C ST CRAANTIE ST M CO AG T CRAANDTIER G O S IO S M C AG 20 TANDE TR G O 09 S IO S M C ANTIERI a AG 20 nn R TR T G O S IERI IO 09 a o X M C DTE AU AG XV R 20 nn R T In G O S 0 o E IERI IO 9 a M DZ XX R . U A AG 20 nn T VI 229 IORI G SX R Z E IO 09 a o X n. U D 2 20 nn T VI 29 ION I 09 o E n. UZ an XX N R2 I NI no VI 29 O Z n eXX N. 22 U V IO Iin O9 deedVN ONI t. o22 VIZ T d I r9 iaI ÀONI deell’N aitnO orV lTe À NI deelld’N aitO onioaIlTe À I d elld’itnOnrV iI e a o oalTe À delld’aitnonrV iI ll’ nnrioaalTe À an o le no

w w w . b o b c a t . e u

I I I I I

I

T CN TECNI TECNIC ECNICI N I CC II ICI I

approfondimenti, interviste, rubriche e servizi speciali Prove esclusive di macchine e veicoli Listini tecnici sempre aggiornati

CSC è il magazine b2b per tutti gli operatori di settore

novItà

editoriale dell’anno

www.gestoeditore.it


Bologna 28 - 31 ottobre

45 ANNI DI OFFERTA ESPOSITIVA E CULTURALE SULLE TECNOLOGIE INNOVATIVE DEL COSTRUIRE E SUI MACCHINARI DI CANTIERE

Viale della Fiera, 20 - 40127 Bologna (Italia) - Tel. +39 051 282111 - Fax +39 051 6374013 - www.saie.bolognafiere.it - saie@bolognafiere.it


SOMMARIO

paGIna

52

MACCHINE

COSTRUZIONI

evenTi

Roadshow Liebherr 2009

ATTREZZATURE franTumazione

Una rivoluzione in cantiere

51

CSC maggio 2009

paGIna

56


COSTRUZIONI

MACCHINE

evenTi

L’appuntamento italiano

roadshow Liebherr 2009 di Antonio Martina

Si è svolta a Rezzato (BS) la prima parte del Liebherr Roadshow 2009. La manifestazione itinerante che dopo la tappa italiana tocca Austria, Repubblica Ceca e Ungheria ha messo a disposizione del pubblico una ventina di macchine e due nuovissimi Mercedes actros cantiere.

D

opo il successo dell’edizione 2006, il Liebherr Roadshow è tornato in Italia il 4 e 5 aprile nella cava di calcare Eredi Ventura. La manifestazione, organizzata dallo stabilimento austriaco di Bischofshofen, si propone di far conoscere i prodotti Liebherr, quest’anno affiancati per l’occasione dai nuovissimi Mercedes actros cantiere, Transporter e Unimog. Il pubblico presente all’incontro ha potuto vedere e provare diversi tipi di macchine Liebherr tra escavatori, pale gommate e cingolate, apripista, movimentatori industriali, perforatrici di grosso calibro, un grande escavatore a fune, un sollevatore telescopico, gru automontati e gli actros cantiere a 4 assi, modelli di ultimissima generazione rinnovati tecnicamente e nel design. Lo scopo dell’evento non si è limitato alla sola presentazione dei prodotti e delle tecnologie ma ha voluto mettere in evidenza la volontà del costruttore di offrire soluzioni a tutto campo, finanziarie e di post vendita. Liebherr ha sottolineato il suo impegno in tema di ambiente promuovendo il nuovo filtro antiparticolato ma anche ribadendo la riduzione dei costi d’esercizio delle macchine, con consumi di carburante più contenuti garantiti da motori moderni e performanti.

cONFERmE E NOvITÀ Tra le novità, quella più attesa è stata la serie 6 degli escavatori idraulici nelle versioni classic ed advance rappresentata dai modelli R313 classic con braccio posizionatore, R906 classic monoblocco, R906 classic

52

CSC maggio 2009


LE MACCHINE DEL LIEBHERR ROADSHOw 2009 pala gommata

L586 2plus2

pala gommata

L566 2plus2

pala gommata

L538 2plus1

pala gommata

stereo L506

Escavatore gommato

a904 c Litronic

Escavatore cingolato

R313 Litronic

Escavatore cingolato

R906 classic Litronic

Escavatore cingolato

R916 advanced Litronic

apripista

pR 724 Litronic

Betoniera

HTM 904

nastri trasportatori

LTB 12+4+1

Miscelatore a piatto anulare

RIM 1.0-M

autogru

LTM 1050-3.1

Gru a torre

22 HM

perforatrice di grosso diametro

LB 20

Escavatore a fune

HS 825 HD Litronic

Dumper Bell

B25

evenTi

mAcchINE PER PERFORAZIONE Tra le macchine presenti alla manifestazione vogliamo ricordare anche l’escavatore a fune HS 825 HD del peso di 53.000 kg e la perforatrice di grosso diametro LB 20 degne esponenti di una categoria di macchine poco conosciuta. I due modelli sono i più piccoli delle rispettive categorie e si fanno apprezzare per la tecnologia dei propulsori, per la componente elettronica e di controllo in cabina. apprezzabili anche la massima profondità di penetrazione ed il diametro massimo di perforazione della LB 20 rispettivamente di 42 metri e 1.500 mm. Da notare la massima profondità di penetrazione e il diametro massimo di perforazione della LB 20 rispettivamente di 42 metri e 1500 mm.

sPAZIO ALLE PALE Il comparto pale gommate Liebherr (tutte con trazione idrostatica di serie) era rappresentato dal modello più piccolo, la L 506 stereo da 3.231 kg, di cui vi è anche una versione più rapida nei movimenti di spostamento chiamata “speeder”, ed il modello più grande della categoria, la L 586 2plus2 da 31.380 kg con un carico utile di ribaltamento di oltre 20 tonnellate. Tra le altre pale presenti segnaliamo la L 538 2plus1 e la L 566 2plus2 rispettivamente da 12.755 kg e 22.500 kg di peso. Sempre per restare nel comparto pale ricordiamo la presenza della cingolata LR 634 advance e della sorella minore LR 614 appartenenti ad una gamma composta da tre modelli. La 614, con i suoi 10.679 kg rappresenta la macchina più

LE MACChINE PREsENTATE AL LIEBhERR ROADshOw 2009 Pala gommata L586 2plus2 Pala gommata L566 2plus2 Pala gommata L538 2plus1 Pala gommata stereo L506 Escavatore gommato A904 C Litronic (con Likufix e dispositivo GPS Trimble)

effettuate è stata oscurata la cabina di una macchina e l’operatore ha dovuto affidarsi esclusivamente ai dati provenienti dal sistema GpS.

PATTINI LARghI PER LA LEggEREZZA L’apripista cingolato pR 724, una macchina da 18 tonnellate, ha offerto una chiara dimostrazione di rapidità e precisione negli spostamenti grazie al dispositivo laser Trimble. Il pR 724 presente al Roadshow munito di ripper a tre denti, era proposto nella versione LpG, cioè a basso peso specifico di scarico a terra, adatta a lavorare su terreni poco compatti e dissestati in quanto munita di un carro lungo e con pattini più larghi.

FARsI IN QUATTRO PER sOLLEvARE per il segmento dei sollevatori telescopici (composto da quattro differenti macchine) era presente il modello TL 435-10. In questo specifico comparto Liebherr ha ri-

UNA NUOVA CONCEZIONE La collaborazione tra Liebherr e Trimble sicuramente valorizza la qualità dei mezzi tedeschi e fa compiere un importante passo in avanti al movimento terra. a questo proposito basti pensare che fino a mezzo decennio fa era l’occhio umano a tracciare rilevamenti e a posizionare “picchetti” da seguire poi con la macchina.

Escavatore cingolato R313 Litronic Escavatore cingolato R906 Classic Litronic Escavatore cingolato R916 Advanced Litronic Apripista PR 724 Litronic (con dispositivo laser Trimble) Betoniera HTM 904 Nastri trasportatori LTB 12+4+1 Miscelatore a piatto anulare RIM 1.0-M Autogru LTM 1050-3.1 Gru a torre 22 HM Perforatrice di grosso diametro LB 20 Escavatore a fune HS 825 HD Litronic Dumper Bell B25 posizionatore, R926 advance monoblocco, R944 classic e il gommato a904 classic. Quest’ultima serie è stata oggetto di miglioramenti che hanno riguardato: l’estetica; il braccio posizionatore ridisegnato e con una maggiore escursione (a tutto vantaggio del raggio operativo); il bilanciamento della torretta sul carro; l’idraulica (con l’aggiunta di un secondo impianto indipendente).

COSTRUZIONI

MACCHINE

compatta e di minor peso della categoria mentre la 634 con una stazza complessiva di 21.000 kg può venir considerata l’ammiraglia oltre che il modello più grande delle pale cingolate Liebherr. nel corso della manifestazione vi sono state dimostrazioni sul funzionamento dei mezzi assistiti dalla tecnologia Trimble e sulla precisione del sistema. Tra le prove

53

CSC maggio 2009

versato la grande esperienza maturata nella costruzione dei bracci telescopici delle autogru. Tutto ciò si è tradotto in prestazioni ai massimi livelli della categoria, una visibilità a tutto campo e tanti dettagli che contribuiscono all’efficienza e


COSTRUZIONI

Macchine

SANTEPRIMA ACTROS In concomitanza con il Roadshow Liebherr, Mercedes-Benz ha presentato il nuovo Actros cantiere, di cui parliamo più diffusamente a pagina 50. La differenza di maggior rilievo rispetto alla serie precedente è costituita dai due tipi di motori messi a disposizione (6 e 8 cilindri secondo le esigenze di utilizzo), con potenze comprese tra i 235 kW (320 CV) e i 440 kW (598 CV). Altri miglioramenti riguardano il cambio Telligent, di serie, e nell’opzionale ma specifico per il cantiere PowerShift Offroad Mercedes a 12 rapporti. Ergonomia e comfort sono stati migliorati a tutto vantaggio dell’autista; altri miglioramenti hanno riguardato l’interno e l’esterno del veicolo con l’introduzione di dettagli specificamente pensati per l’impiego cantieristico come i carter di protezione serbatoio e sotto la cabina, il sistema di illuminazione della strada e del cassone in modo da ridurre gli angoli bui nelle fasi di lavoro con scarsa visibilità e negli accessi ai vari componenti.

54

Eventi

alla versatilità di queste macchine. È invece una presenza unica quella riguardante il movimentatore industriale A 924 C una macchina su carro gommato che raggiunge un peso davvero ragguardevole (oscillante tra i 27.150 e 28.850 kg).

SPAZIO IN ALTO La famiglia delle gru era invece rappresentata da tre modelli: le automontanti 26 K1 e 32 TTR (su carro cingolato) e l’autogru MK 63. La gru a torre automontante 26 K. 1 è un’attrezzatura dalle molteplici possibilità d’impiego grazie alle altezze raggiungibili comprese tra i 14 ed i 37 metri; questo modello è stato oggetto di una serie di miglioramenti nella cinematica di montaggio al fine di renderne più semplice l’utilizzo. Sorella per concetto ma diversa per la sua essenza, la gru automontante 32 TTR su carro cingolato ha fatto la sua prima comparsa in Italia proprio in occasione del Roadshow ed è già disponibile in flotta noleggio; questo modello si fa apprezzare per la mobilità all’interno del cantiere grazie al carro e alla sagoma compatta che non interferiscono con le prestazioni (1.170 kg a 28,5 metri di sbraccio). Per le autogru era presente la 63 della serie MK di cui fanno parte altri tre modelli.

CSC maggio 2009

La MK 63 rappresenta un anello di congiunzione tra le autogru edili e le gru a torre, grazie anche alla capacità di raggiungere un’altezza massima di 33 metri. Tra i pregi che contraddistinguono questo modello (e la serie MK in generale) vi è sicuramente la facilità di trasporto e di montaggio, operazioni che possono essere entrambe eseguite da un solo operatore e tramite l’azionamento di specifici comandi meccanici ed idraulici.

TECNOLOGIA E AMBIENTE Le macchine sono sicuramente state le grandi protagoniste di questo Roadshow ma non le sole visto che è stato dato tanto spazio anche alla tecnologia e alla preservazione dell’ambiente, temi da sempre cari a Liebherr. A questo proposito è da menzionare il nuovo filtro antiparticolato montato di serie sui nuovi mezzi e in grado di ridurre in misura maggiore rispetto alla serie precedente, le emissioni di CO2 nell’atmosfera. Il monitoraggio delle macchine, la loro localizzazione, le ore rimanenti alla manutenzione, i livelli di carburante e dei fluidi, le ore lavorative e diverse altre voci sono da oggi costantemente visionabili tramite la tecnologia LIDAT che, con l’ausilio di satelliti, fornisce una situazione costantemente aggiornata sulle condizioni del mezzo. 


COSTRUZIONI

MACCHINE

evenTi

ESCAVATORI

PALE CARICATRICI

caRaTTERISTIcHE TEcnIcHE

caRaTTERISTIcHE TEcnIcHE

Modello a 904 c Litronic R 313 Litronic R 906 classic Litronic R 916 advance Litronic R 926 advance Litronic R 944 clasic Litronic

benna Cap benna Motore Cap. g/C Peso operativo rovescia mordente kg kw mc mc G

18.700-21.100

105

0,30-1,05

0,17-1,0

c

14.500-17.100

76

0,29-0,87

0,17-0,80

c

21.300-25.250

105

0,60-1,15

0.17-1,80

c

22.500-27.250

115

0,75-1,30

0,17-1,80

c

24.800-28.300

130

0,75-1,35

0,17-2,0

c

38.900-47.750

190

1,0-2,5

0,45-2,20

Modello

Carico benna g/C ribaltamento Cap.mc kg

• • • •

20.430

5,50

31.800

250

L566 2plus2 G

15.550

4-8,50

22.500

190

L538 2plus1 G

9.020

2,50-4

12.430

105

Stereo L506 G

3.231

0,80-2

5.120

42

LR 614

c

n.d.

1,25

10.619-12.237

72

LR 634

c

n.d.

1,90-2,40

20.900-22.000

135

Motori Diesel Liebherr Filtro antiparticolato Liebherr Oli e lubrificanti Liebherr Dispositivi laser e GPS Montaggi completi di Gru Revisioni impianti di betonaggio Contratti di manutenzione Full-Service per la gamma macchine movimento terra Ricambi Servizi noleggio Liebherr Parco macchine usate Introduzione del nuovo sistema “LIDAT” (sistema di raccolta dati Liebherr per macchine edili)

55

Motore kw

L586 2plus2 G

Oltre ai prodotti, il Roadshow 2009 ha offerto aggiornamenti riguardanti: • • • • • • •

Peso operativo kg

CSC maggio 2009


COSTRUZIONI

ATTREZZATURE

franTumazione

Le benne frantoio mB

Una rivoluzione in cantiere di Lorella Turchetto

Ricerca tecnologica, conoscenza del settore metalmeccanico, investimenti in nuovi progetti: ecco come nascono i prodotti MB per la frantumazione e demolizione degli inerti.

M

B S.p.a nasce otto anni fa in un piccolo paese in provincia di Vicenza, grazie ad un progetto dei fratelli azzolin volto alla realizzazione di un nuovo attrezzo per frantumare i materiali inerti direttamente sul posto. Si tratta della BF, la benna frantoio, una soluzione che oltre a creare un nuovo segmento di mercato prima sconosciuto, ha anche rivoluzionato il modo di operare in cantiere. partendo dal mercato

Ispirata alla tecnologia tradizionale del frantoio a mascelle, la benna MB è un’attrezzatura idraulica che funziona sfruttando la potenza dell’escavatore con cui lavora in sinergia italiano, in pochi anni MB è riuscita a conquistare i principali mercati europei ed extraeuropei, ottenendo numerosi riconoscimenti e, nel 2009, la certificazione di Sistemi di Gestione UnI En ISO 9001:2000.

LE bENNE FRANTOIO Realizzata interamente negli stabilimenti di Breganze, la gamma MB di benne frantumatrici con movimento a mascelle è costi-

AREE DI APPLICAZIONE

mb FRANcE

Le benne frantoio consentono numerosi utilizzi e applicazioni: le demolizioni; l’edilizia in generale; il settore del movimento terra; gli scavi; i lavori stradali; le cave e le miniere; le bonifiche ambientali; la frantumazione di materiale da cava. tuita da quattro modelli: BF 60.1 (per escavatori con peso da 8 a 14 t), BF 70.2 (per escavatori da 14 a 20 t), BF 90.3 (per escavatori da 20 a 28 t), e il modello più grande BF 120.4 che è indicato per gli escavatori con portate dalle 28 t in su. Ispirata alla tecnologia tradizionale del frantoio a mascelle, la benna MB è un’attrezzatura idraulica che funziona sfruttando la potenza dell’escavatore con cui lavora in sinergia. La benna frantoio consente di frantumare sul posto qualsiasi tipo di materiale, di raccoglierlo e di metterlo a cumulo direttamente sul camion o nello scavo da colmare. Oltre ad abbattere i costi operativi, questa soluzione elimina il problema dello smaltimento dei rifiuti e consen-

te di velocizzare le operazioni in cantiere.

IL DEFERIZZATORE come le benne frantoio, anche il deferizzatore è nato per rispondere ad un’esigenza precisa: la difficoltà di dividere il ferro dagli inerti frantumati. presentato per la prima volta in anteprima al Saie 2007, il deferizzatore è costituito da un magnete, del peso di 250 kg, un supporto e un kit d’installazione che, una volta montato sulla benna, agevola le operazioni di separazione e raccolta del materiale da frantumare. Disponibile su ogni modello di benna frantoio (su richiesta del cliente), questo nuovo dispositivo è facile da installare, grazie anche al relativo supporto che MB fornisce ai propri clienti.

sPECIFIChE TECNIChE BENNE FRANTOIO Modello Peso - t Apertura bocca - cm Volume di carico - mc

BF 60.1

BF 70.2

BF 90.3 BF 120.4

1,5

2,25

3,5

4,9

60x45

70x55

90x45

120x45

0,5

Produzione - media/ora mc 9.1 - 19.8

56

0,6

0,75

1

12 - 30

18 - 40

25 - 50

CSC maggio 2009

MB ha sempre guardato con interesse al mercato francese: la dimensione, la modernità delle aziende e la cultura pronta ad accettare nuove tecnologie, fanno di questo paese la piazza commerciale ideale per un prodotto come la benna frantoio. MB si affacciò al mercato francese in occasione di Intermat 2003, con un’equipe ridotta e un intento prevalentemente esplorativo ma i risultati furono di ben 15 macchine vendute nell’immediato dopo fiera. Già nel 2007 la struttura MB France era operativa e il fatturato cominciava a prendere timidamente quota. nell’aprile dello stesso anno la MB fu invitata a partecipare al Salon International des Inventions di Ginevra in qualità di “inventori e produttori”, partecipazione che si tradusse in un successo, visto che MB vinse il primo premio. per l’azienda e per l’intero staff fu una sorpresa, così come il riscontro della stampa internazionale una decina di giorni dopo, in occasione dell’apertura del Bauma 2007. Da quel momento l’equipe francese partecipò a tutte le più grandi manifestazioni BTp nazionali (avenir Btp, artibat, Sim, aquibat ecc ..), all’interno delle quali vennero sviluppati in maniera


COSTRUZIONI

ATTREZZATTURE

Frantumazione

SOCCER CITY STADIUM

Le benne frantoio BF consentono di frantumare in sito qualsiasi tipo di materiale e di inerti.

sempre crescente, fatturato e legame con concessionari e clienti finali. E nell’arco di poco più di un anno vennero vendute più di 130 macchine. 

In occasione dei prossimi mondiali di calcio che si svolgeranno in Sud Africa nel 2010, le benne frantoio MB sono attualmente impiegate nel cantiere del Soccer City Stadium di Johannesburg. La società Liviero Civils ha scelto, per la realizzazione del più grande stadio del Sud Africa (contiene quasi 100 mila persone), i prodotti MB per far fronte ad un problema reale: infatti, dopo diverse visite in cantiere, l’azienda ha scoperto che il grande agglomerato in costruzione per i mondiali stava producendo molti scarti di materiale inerte. Da questa precisa esigenza è nata l’idea di proporre la benna frantoio, un’attrezzatura che consente di riciclare direttamente in sito il materiale frantumato. “Quando insieme al nostro distributore per il Sud Africa, High Power Equipment Africa, siamo riusciti a fornire le benne frantoio per la costruzione dello stadio dove si svolgerà la cerimonia di apertura e chiusura dei mondiali 2010 - ha commentato Guido Azzolin, AD di MB - abbiamo provato una grande soddisfazione. Una sorpresa che ci ha reso orgogliosi dei nostri prodotti e fieri di poter portare un pezzo di Italia in questo grande evento mondiale”.

Benne frantoio all’opera: dall’alto, due esempi applicativi del modello BF90.3; a sinistra, la BF120.4 durante la frantumazione in un campo prove allestito in occasione del Saie 2007.

57

CSC maggio 2009


C A M P O

P R O V E

CAMPO PROVE

VEICOLI

daf

un tuttofArE AnCHE In CAntIErE

di Ferdinando Tagliabue

CON LA SERIE CF DAF RISPONDE AI BISOgNI DEgLI OPERATORI DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI. UNA CABINA CORTA MA SPAZIOSA E DI FACILE ACCESSO, UN TELAIO ROBUSTO, UN NUMERO SUFFICIENTE DI VERSIONI E ARCHITETTURE, FANNO DEI CF UNA RISPOSTA AD ESIgENZE “NORMALI” ANCHE NELL’IMPIEgO gRAVOSO DEL CAVA CANTIERE. Daf è presente nel settore dei veicoli cava cantiere con modelli della serie cF, una gamma che non si rivolge solo al segmento delle costruzioni (a differenza di quanto fanno molti altri costruttori) ma che, per le sue caratteristiche di robusto tuttofare, risponde appieno alle esigenze anche dell’utenza specialistica. Le configurazioni proposte per il mezzo d’opera carro sono il 6x4 e l’8x4 mentre per la versione trattore per semirimorchio è prevista la sola architettura 6x4. a differenza di altri costruttori la scelta può apparire limitata ma quello che serve per impieghi “normali” (nell’eccezionalità del mezzo d’opera) c’è. I motori (6 cilindri da 13 litri) non sono potentissimi; ormai tutti propongono 500 cV, o poco meno, anche nel cava cantiere ma i 460 cV forniti dal propulsore paccar sono più che sufficienti anche viaggiando a 40 tonnellate, grazie ad una generosa coppia massima (2.300 nm) disponibile già a 1.000 giri. Da ricordare poi la disponibilità di un 410 cV che a nostro avviso non è troppo indicato per l’8x4. all’insegna della più assoluta normalità è invece il cambio, un aS Tronic da 12 marce, sempre preciso, rapido e silenzioso ed il reparto assali e sospensioni (a balestre paraboliche anteriormente e trapezoidali posteriormente). L’impianto frenante (misto con dischi anteriori e tamburi posteriori) è ben coadiuvato dal freno motore MX che funziona contemporaneamente al freno motore allo scarico sviluppando una potenza frenante combinata da 210 kW a 1.500 giri e di 320 kW a 2.100 giri/min.

58

CSC maggio 2009


daf

LA CABInA

L

a cabina dei cF è disponibile in tre versioni: Day (quella corta come nel caso del veicolo in prova), con cuccetta e Space cab. Esternamente quella del cF è una cabina moderna, dal design molto pulito e gradevole. I fari sono a nostro avviso troppo esposti per un veicolo destinato al fuori strada ma sono realizzati in Lexan praticamente infrangibile, mentre risultano funzionali e ben fatti gli spoiler angolari che riparano specchi retrovisori, portiere e maniglie dallo sporco. a differenza di altre cabine corte, quella del cF non mette completamente con le spalle al muro e dietro il sedile c’è comunque un piccolo spazio. La semplicità è un pregio ma lo è a maggior ragione sui veicoli cava cantiere dove ricercatezze e materiali preziosi sono solo una seccatura e un ostacolo alla pulizia. Gli interni sono tutti facili da pulire (pareti, padiglione, pavimento), dote fondamentale per un veicolo destinato all’impiego nel fuoristrada.

In alto, la parte posteriore della cabina Day, la più corta di quelle che possono equipaggiare il cF 85, è priva di vetratura.

Sotto a sinistra, un dettaglio del pavimento del cF 85 in prova. Da notare l’assenza del pedale della frizione.

In basso a destra, i fari alogeni del tipo a doppio riflettore con lenti Lexan antiurto.

In ProvA

A

ccedere al posto di guida è agevole. L’altezza da terra non è particolarmente elevata e il primo dei tre gradini, sebbene di tipo antiurto, è di generose dimensioni; sempre in tema di accesso va espresso un giudizio positivo ai due maniglioni, robusti, lunghi quanto basta, facilmente raggiungibili e che assicurano una presa sicura. Le porte, ad ampia apertura, sono piuttosto alte (arrivano fino al tetto), larghe e non creano nessuno ostacolo alla salita/discesa dal posto di guida. appena a bordo si apprezza la sensazione di spaziosità che questa cabina sa fornire, dovuta principalmente al mancato effetto spalle al muro e alla presenza di ampie superfici vetrate; personalmente avremmo preferito la vetratura anche

59

CSC maggio 2009

sulla parte posteriore della cabina ma si tratta di un giudizio strettamente soggettivo. Lo spazio per riporre gli oggetti personali non è tantissimo ma comunque c’è un utile vassoio sul tunnel motore e un vano portaoggetti sopra il parabrezza facilmente raggiungibile. La regolazione del sedile (con ammortizzatori pneumatici) è semplice e anche per regolare il volante (che offre una buona presa e non interferisce con la lettura della strumentazione) non ci sono problemi; lo spazio per i piedi è sufficiente (non c’è la frizione) e l’eventuale passaggio da un sedile all’altro è reso agevole dall’assenza della leva del cambio. La visibilità è molto buona, i retrovisori (riscaldati e regolabili elettricamente) sono ampi e ciò vale anche per l’antevisore e le finestrature delle portiere sono abbastanza spaziose, mentre la superficie vetrata anteriore, grazie anche alla plancia abbastanza bassa, assicura un livello di visibilità apprezzabile sia in cantiere sia su strada.

P R O V E

CAMPO PROVE

C A M P O

VEICOLI


VEICOLI

daf

NON C’È LA FRIZIONE

L’

assenza del pedale della frizione rende tutto più agevole anche a chi non è particolarmente esperto, su strada come sullo sterrato del tragitto in cava. La prima sensazione è quella di avere a che fare con una “automobilona”. Il motore è pronto ai comandi dell’acceleratore e prende i giri con facilità. Con il veicolo scarico si prova l’ebbrezza di una accelerazione davvero potente e la rapidità del cambio, assieme alla quasi assenza di perdita di giri, contribuisce a rimarcare questa sensazio-

ne. La coppia parte poderosa già da 1.000 giri ma anche a 800 giri, almeno a vuoto, non ci sono incertezze. Inanelliamo qualche giro a vuoto in cava con grande agilità. La giornata è bella, il terreno un poco asciutto e polveroso ma questo non è un problema e viaggiamo spediti in salita come in discesa o in piano, sullo sterrato liscio e sullo sconnesso. Va detto che nei tratti in cui il terreno è particolarmente sconnesso si avverte una certa rigidità ma solo affrontando questi tratti ad oltre 25-30 km/h. Se si ha l’accortezza di rallenta-

C A M P O

P R O V E

CAMPO PROVE

60

CSC maggio 2009

re leggermente la sensazione di eccessiva rigidità scompare e le sospensioni lavorano al meglio. Su strada la già citata rigidità viene meno del tutto per lasciare spazio ad un ottimo comfort di marcia, merito delle sospensioni anteriori a balestra parabolica (con ammortizzatori e stabilizzatori) e di quelle posteriori di tipo trapezoidale. Lo sterzo risulta


IL frEno mX

I

l motore paccar MX, oltre a fornire eccellenti prestazioni a dispetto dei non numerosi cavalli, è molto silenzioso e fornisce eccellenti prestazioni anche in frenata, grazie al freno motore

MX che funziona contemporaneamente al freno motore allo scarico, sviluppando una potenza frenante combinata di 210 kW a 1.500 giri/min e di 320 kW a 2.100 giri/min. contrariamente alle aspettative il veicolo carico non presenta comportamenti eccessivamente diversi. ci aspettavamo qualche incertezza sulle salite più ripide con partenza

motorI PuLItI I veicoli Daf della serie CF sono equipaggiati con motori dotati di riduzione catalitica selettiva (SCR). La tecnologia SCR è un sistema di post trattamento che consente una migliore combustione nel motore. Daf è andata oltre e la tecnologia SCR Daf si abbina ad una gamma totalmente nuova di motori Paccar ad iniezione SMART che rende inutile l’utilizzo del filtro dei particolati. Il funzionamento del sistema è tanto semplice quanto efficiente. In pratica il post trattamento dei gas di scarico comprende un convertitore catalitico, una unità di dosaggio ed un serbatoio dell’AdBlue con una capacità minima sufficiente ad eguagliare l’autonomia consentita dal serbatoio del carburante. I gas di scarico vengono convogliati attraverso il convertitore catalitico selettivo, dove viene aggiunto l’AdBlue. Avviene quindi un processo chimico, al cui termine le emissioni di NOx risultano scisse in vapore acqueo e azoto, non nocivi. Il consumo di AdBlue è pari al 3-5% del consumo di gasolio (circa 1,5 litri ogni 100 km).

61

CSC maggio 2009

CAMPO PROVE

da fermo e nelle ripartente a metà salita ma così non è stato. per la prova eravamo perfettamente in regola con i pesi anzi, leggermente sotto (alla pesa abbiamo registrato 39.940 kg di MTT). probabilmente in un utilizzo più “pesante”, in una cava più difficile o di montagna, i 460 cV possono essere scarsi ma di sicuro non lo sono stati per la nostra prova. Va poi ricordato che alimentare 460 o 500 cV comporta comunque qualche differenza e in casa Daf sono per tradizione molto attenti ai consumi. LA SOLUZIONE DEL TUBO DI SCARICO ALTO HA IL DUPLICE VANTAggIO DI RISULTARE AL RIPARO DA POSSIBILI URTI CON OSTACOLI E DI SCARICARE I gAS VERSO L’ALTO A TUTTO VANTAggIO DEgLI OPERATORI A TERRA.

P R O V E

sempre preciso e il volante trasmette una sensazione di assoluta padronanza; i vari comandi al volante sono tutti facilmente raggiungibili in punta di dita. La strumentazione, completa e ben leggibile, è tutta raggruppata davanti al volante.

daf

C A M P O

VEICOLI


C A M P O

P R O V E

CAMPO PROVE

VEICOLI

daf

SCHEdA tECnICA

M

otore: Paccar MX, sei cilindri in linea di 12,9 litri sovralimentato con intercooler, quattro valvole per cilindro; sistema di iniezione dual rail EUp (gruppo pompa elettronico) gruppo pompa con solenoidi integrati, iniettori SMaRT con pressione di apertura degli aghi variabile; alesaggio x corsa 130x162 mm; rapporto di compressione 16,4:1. potenza massima 340 kW (462 cV) a 1500/1900 giri/min; coppia massima 2300 nm a 1000/1410 giri/min. Sistema di post trattamento ScR ad iniezione di adBlue; livello antinquinamento Euro5. cambio di velocità: automatico aS Tronic a 12 rapporti. Rapporto al cambio 12,33-0,78.

Il gradino anteriore, con la prima parte ripiegabile, rende molto agevole l’accesso al parabrezza. I retrovisori sono ampi, regolabili elettricamente e riscaldabili.

Il serbatoio del gasolio (in alluminio) ha una capacità di 340 litri.

L’accesso al posto di guida avviene attraverso tre gradini (dotati di illuminazione) di cui il primo mobile e due ampie maniglie che offrono una sicura presa.

P

onte posteriore: tandem motore HR 1355T con riduzione ai mozzi, carico massimo 2x13 tonnellate; bloccaggio meccanico del differenziale trasversale e intermedio; carico massimo molla posteriore 26 tonnellate, carico struttura impianto frenante 26 tonnellate. Sospensioni e assali: assale anteriore tipo 186n, offset verticale 32 mm; sospensioni a balestre paraboliche, con ammortizzatori e stabilizzatori con carico massimo di 2 x 9,0 tonnellate; doppio assale posteriore a tandem motore tipo HR 1355T con riduzione ai mozzi, sospensioni posteriori trapezoidali con carico massimo di 2 x 13 tonnellate, bloccaggio meccanico del differenziale trasversale e intermedio.

R

uote e pneumatici: ruote a disco in acciaio; pneumatici assale anteriore e posteriore tipo13R22.5.

Il serbatoio dell’AdBlue ha una capacità di 40 litri e consente un’autonomia di oltre 2.500 km.

F

renatura: freno motore MX; freno a compressione azionato idraulicamente integrato nel gruppo bilanciere della valvola; il freno motore MX funziona contemporaneamente al freno motore allo scarico con una potenza combinata di 210 kW a 1.500 giri/min e di 320 kW a 2.100 giri/min. Sistema frenante antibloccaggio (aBS); sistema frenante elettronico EBS; aBS integrato; SMR (Schlepp Moment Reglung) e funzioni di assistenza freni. Integrazione completa dei freni di servizio e (se montati) del freno motore MX e/o del freno di rallentamento. Freni a disco ventilati su assi anteriori e a tamburo sui ponti posteriori; impianto aria a doppio circuito con comando elettronico (EBS).

62

CSC maggio 2009


elaio: passo 5,70 metri, sbalzo posteriore 1,65 metri, altezza longherone 310 mm; spessore 8,5 mm; rinforzo interno su tutta la lunghezza; serbatoio carburante in alluminio da 340 litri; serbatoio adBlue 40 litri; tubo di scarico rivolto verso l’alto; protezione scarico verticale; staffe luci posteriori temporanee; paraspruzzi parafanghi conformi a direttive 91/226/ cEE; barra paraincastro posteriore altezza 330 mm.

C

abina (esterno): Day a sospensione meccanica con paraurti in acciaio, vetro colorato e alza cristalli elettrici; specchi retrovisori principali e specchi grandangolari riscaldati elettricamente con regolazione elettrica; specchio antevisore conforme alla direttive cE 2003/97/cE per il campo visivo anteriore; botola tetto a comando meccanico; larghezza cabina 2300 mm; chiusura porte manuale lato conducente, centralizzata lato passeggero; interruttore chiusura porte su plancia; sistema immobilizer base con inibitore iniezione carburante; aletta parasole esterna verde trasparente posizionata sopra il parabrezza; protezione specchi del colore cabina; luci di guida permanenti collegate alla chiave di avviamento (fari, luci parcheggio e luci ingombro sono accese se il motore è in funzione); fari alogeni a doppio riflettore con lenti Lexan antiurto; dispositivo regolazione fari; quattro faretti sul tetto cabina fari combinati (fendinebbia e abbaglianti) nel paraurti; due fari emergenza sul tetto cabina; primo gradino cabina flessibile; punto di appoggio in corrispondenza della parte posteriore della cabina del guidatore, sopra il parafango; corrimano sul tetto cabina; paraurti, pannello luci e gradini di accesso cabina dello stesso colore dell’abitacolo.

CAMPO PROVE

P R O V E

T

daf

C

abina (interno): tetto normale, airbag nel volante; tendicinture di sicurezza per sedili conducente e conducente secondario; volante con impugnatura morbida; scala tachimetro in km/h; finitura nera per le zone attive della plancia; sedile comfort air a sospensione pneumatica con supporto lombare pneumatico; sedile passeggero fisso (entrambi i sedili con poggiatesta integrato e cintura di sicurezza a tre punti di fissaggio); rivestimento sedili in velour con schienale in vinile; vano nel tunnel motore; botola tetto in vetro con comando manuale; controllo automatico temperatura/condizionatore aria; convertitore 24/12V, 20 a; alza cristalli elettrici.

Nm 2900 2700 2500 2300 2100 -

63

MX375

1900 -

MX340

1700 -

MX300

1500 -

E

quipaggiamento di comunicazione conducente: Daf Telematica System (DTS) sistema di navigazione e comunicazione completamente integrato nel display e unità di controllo doppio DIn sul cruscotto; le funzionalità del sistema comprendono la navigazione per tutta Europa, l’invio e la ricezione di messaggi, chiamate all’assistenza stradale (ITS) con trasmissione dell’ID del veicolo e della posizione nonché il collegamento per la videocamera esterna e connettori USB/Lan sul cruscotto; tachigrafo digitale Soneridge; regolazione limitatore di velocità (80 km/h); impianto con due altoparlanti; kit viva voce comprendente le funzioni del pulsante del volante per avvio/termine di una chiamata telefonica; ricomposizione ultimi numeri rubrica telefonica; display informazioni telefono sullo schermo LcD nel quadro strumenti; antenna GSM, antenna GpS e antenna cB; cruise control; segnalazione acustica di retromarcia con interruttore di intervento a mano.

massima

MX265

1300 1100 kw 380 -

CSC maggio 2009

-

MX375 - 510 CV

potenza

360 -

- 490

-

MX340 - 470

340 -

- 450

320 -

- 430

-

MX300

300 -

- 410 - 390

280 -

- 370

-

MX265

260 -

- 350

240 -

- 330

-

- 310

220 -

- 290

200 -

- 270

- 250

180 8

10

12

14

16 18 20

22

X 100 Min-1

24

C A M P O

VEICOLI


AgENDA BATIMAT 2009: l’edIlIzIA sI rInnovA

D

al 2 al 7 novembre, paris Expo, ospiterà l’edizione 2009 di Batimat. Il Salone multispecialistico delle costruzioni, sarà l’occasione per scoprire le nuove soluzioni tecniche previste nei progetti edilizi e di restauro sostenibile di domani. Verrà affrontato il tema “ Le sfide energetiche nella ristrutturazione degli edifici per uno sviluppo sostenibile”. Batimat 2009 si svilupperà su una superficie di 100 mila metri quadrati attorno a 7 spazi: Elementi strutturali, Serramenti & Serrature, Finiture & arredo, attrezzature & Utensileria, Gestione sostenibile degli edifici, Informatica e Servizi.

650 bATTUTE

AUTOPROMOTEC 2009

si rinnova

N

uovi padiglioni e un road-show internazionale di promozione: sono queste le novità di Autopromotec 2009, la più specializzata rassegna mondiale di attrezzature, prodotti e servizi per l’assistenza all’industria automotive, in programma dal 20 al 24 maggio alla Fiera di bologna. Due i nuovi padiglioni dedicati ai carburanti alternativi e alle soluzioni innovative per la mobilità sostenibile, oltre a un padiglione destinato ad accogliere la crescene presenza di espositori dei settori tradizionali e un’area dedicata al car-wash. Dopo le tappe in germania, Las vegas e Parigi, il road-show internazionale, ricco di eventi stampa e incontri istituzionali, proseguirà il suo giro intorno al mondo fino all’inaugurazione di Autopromotec.

770 bATTUTE

La prima di nufam è un successo

L

a prima di nufam, il salone dei veicoli industriali e commerciali organizzato dalla Fiera di Karlsruhe, si è chiusa con successo. 12.300 gli operatori che hanno visitato il centro fieristico della città tedesca dal 27 al 29 marzo 2009 per conoscere tutte le novità dei 194 espositori presenti. Un successo che fa guardare con occhi diversi al 2011 con ambizioni di ampliare e arricchire la manifestazione.

450 bATTUTE

UNA VISIONE VERDE PER MILANO 2015 Fino al 18 giugno 2009, la galleria di architettura aedesLand di Berlino ospiterà la prima tappa della mostra itinerante “Raggi verdi. Una visione verde per Milano 2015”. I Raggi Verdi sono una nuova rete di percorsi pedonali e ciclabili che andranno ad arricchire di verde il tessuto urbano di Milano e che si pongono l’intento di contribuire a migliorare gli spostamenti in città. Saranno una decina i Raggi Verdi (con lunghezze comprese tra i 7 e i 12 km) che partiranno tutti dal centro città e si dirigeranno verso i parchi urbani e periurbani presenti nella cintura milanese. L’esposizione, organizzata dallo studio di architettura Land (Landscape architecture nature Development), fondato dall’architetto tedesco andreas Kipar e dall’agronomo Giovanni Sala, illustra i progetti ideati dall’atelier a partire dal 1990 per la trasformazione paesaggistica del capoluogo lombardo. Sei i lavori esposti in mostra che offrono un esempio dei processi di mutazione che stanno segnando il paesaggio nella città ospite dell’Expo 2015.

1100 bATTUTE

EDILEXPO DA RECORD

R

ecord di pubblico per EdilExpo, la rassegna sul mondo delle costruzioni, che ha aperto il calendario fieristico di Civitanova Marche. Sono stati quasi 10mila i visitatori che hanno affollato il quartiere espositivo. Per gli operatori del settore è stata un’occasione preziosa per conoscere le novità proposte dalle aziende specializzate per la cantieristica. Il pubblico ha invece mostrato un occhio di riguardo per le soluzioni nell’edilizia residenziale, quasi totalmente improntate al risparmio energetico. La rassegna ha dimostrato ancora una volta come, in un momento di recessione economica, sia proprio l’innovazione ed il coraggio delle imprese più sane e forti a permettere di restare a pieno titolo sul mercato.

750 bATTUTE

L’innovazione dei fluidi

I

Il 7 maggio a Santa Margherita di pula (ca) si è svolto il convegno dal titolo “Tecnologie innovative per la movimentazione e il trattamento dei fluidi”. nel corso della giornata sono stati proposti numerosi interventi da parte dei relatori, in gran parte esperti dell’Ordine degli Ingegneri di cagliari e dei vertici di ITT Water & Wastewater, che hanno approfondito l’argomento all’ordine del giorno nei suoi molteplici aspetti.

460 bATTUTE

64

CSC maggio 2009


AgENDA

P

IVECO E IL METANO

er l’inaugurazione, da parte di Eni, del nuovo impianto a metano della stazione di servizio Brianza Sud di caponago (Milano), sono stati esposti lo Stralis cng e il Daily cng di Iveco. Lo Stralis cng, lanciato al Salone di Hannover lo scorso settembre, completa il ventaglio di offerta dell’azienda italiana nel settore dei veicoli a basso impatto ambientale che comprende sia l’Eurocargo cng, sia il Daily cng in diverse versioni, oltre a veicoli elettrici e ibridi.

D

A CoLoniA POWERGRID EUROPE

al 26 al 28 maggio, colonia diventa il centro della rete energetica europea. Sarà, infatti, di scena la terza edizione di powergrid Europe 2009, presentata da pennwell corporation. In contemporanea si svolgeranno altri due eventi internazionali: powergen Europe 2009 e Renewable Energy Europe 2009. aziende pubbliche e private, fornitori di servizi, clienti finali e i decisori delle politiche energetiche si incontreranno per discutere delle sfide presenti e future che coinvolgono il settore energetico europeo. Due saranno le tracce delle conferenze: la prima intitolata “a Look at the Grid Integrity & Improvements”, sul futuro della rete energetica europea; la seconda, “Keeping it from getting worse - Mantaining Grid Sustainability”, orientata alla salvaguardia del presente.

a affrontato il tema della crisi economica il Summit IpaF 2009 che si è tenuto lo scorso 2 aprile a Dublino. Tema dell’incontro: “noleggio virtuoso: le soluzioni dinamiche di accesso aereo in tempi di crisi”. Un argomento sicuramente di attualità esaminato grazie alla presenza di un panel di importanti relatori come Michael Kneeland, presidente e amministratore delegato di United Rentals, specialista mondiale nel noleggio, john Ball, Direttore Generale della Height for Hire e presidente di IpaF, Maria Hadlow, editore di access International. Sempre in tema di accesso aereo ricordiamo che per la prima volta l’Italia ospiterà Europlatform, la più grande conferenza europea dedicata al settore dell’accesso aereo. Il debutto avverrà in un anno sicuramente delicato. proprio per questo l’importante compito di Europlatform sarà quello di offrire alle aziende che operano nel settore le opportunità e gli strumenti per confrontarsi ed elaborare le soluzioni più efficaci per reagire alla crisi e uscirne più forti. L’appuntamento con Europlatform, è a Milano il prossimo 15 settembre presso l’atahotel Expo Fiera.

Si avvicina

Novità in casa TEREX David Gillrie è il nuovo Global Manager per il settore dei sollevatori telescopici di Terex aerial Work platforms, una divisione di Terex corporation. Gillrie, ex vicepresidente per la strategia e il business development di Ingersoll-Rand, si occuperà della direzione della linea di prodotto dei sollevatori telescopici, attraverso la valutazione delle esigenze del mercato e dei clienti in tutto il mondo, il reperimento di innovazioni di prodotto e lo sviluppo di nuove strategie di marketing. Intanto Terex e Fantuzzi hanno trovato l’accordo per la cessione del gruppo reggiano delle gru. Dopo che a fine 2008, il gruppo USa aveva sospeso l’operazione dichiarando l’esistenza di cause ostative, le parti hanno sottoscritto un term sheet. Terex acquisirà Fantuzzi Industries e noell crane con 175 milioni, prezzo inferiore rispetto ai 215 milioni stabiliti ad agosto nel primo contratto. altri term sheet sono stati sottoscritti con le banche creditrici di Fantuzzi per garantire un finanziamento a lungo termine, di oltre 100 milioni, per concludere l’operazione. Tra un paio di settimane si attende la chiusura definitiva.

H

iPAF affronta la crisi

È David Gillrie il nuovo Global Manager per il settore dei sollevatori telescopici della terex Aerial Work Platforms.

65

CSC maggio 2009

eIre 2009

EIRE 2009 cresce. La quinta edizione di Expo Italia Real Estate, che si svolgerà tra il 9 e il 12 giugno presso Fieramilano, si prepara ad ospitare i principali operatori pubblici e privati italiani e dei paesi emergenti che vedono nel bacino del Mediterraneo un’importante area di sviluppo. ci saranno Europa meridionale e centro-orientale, america Latina, Far East, Medio Oriente. non mancheranno due nazioni in forte via di sviluppo come la Grecia e il Montenegro. Grande spazio sarà dedicato all’area retail e significativa sarà la presenza delle pubbliche amministrazioni.


LISTINI

autocarri POTENZA kW giri

COPPIA max

TRAZIONE

PTT q.li

243/2400 243/2400 265/2400 265/2400 302/1900 324/1900 353/1900 243/2400 265/2400 302/1900 324/1900 353/1900 302/1900 324/1900 353/1900 382/1900 302/1900 324/1900 353/1900 382/1900 412/1900 302/1900 324/1900 353/1900 382/1900 412/1900 324/1900 353/1900 382/1900 412/1900 353/1900 382/1900 412/1900 302/1900 324/1900 353/1900 382/1900 412/1900 302/1900 324/1900 353/1900 382/1900 412/1900 302/1900 324/1900 353/1900 382/1900 412/1900 302/1900 324/1900 353/1900 382/1900 412/1900 260/1900 280/2100 368/2100 480/2100 235/2100 260/1900 302/2100 335/2100

1400/1080 1400/1080 1500/1125 1500/1125 1900/1000 2200/1000 2300/1000 1400/1080 1500/1125 1900/1000 2200/1000 2300/1000 1900/1000 2200/1000 2300/1000 2400/1000 1900/1000 2200/1000 2300/1000 2400/1000 2500/1000 1900/1000 2200/1000 2300/1000 2400/1000 2500/1000 2200/1000 2300/1000 2400/1000 2500/1000 2300/1000 2400/1000 2500/1000 1900/2000 2200/1000 2300/1000 2400/1000 2500/1000 1900/1000 2200/1000 2300/1000 2400/1000 2500/1000 1900/1000 2200/1000 2300/1000 2400/1000 2500/1000 1900/1000 2200/1000 2300/1000 2400/1000 2500/1000 1650/1140 1800/1000 2200/900 2800/1300 1450/1000 1650/1140 1850/1000 2000/1185

4x2 4x4 4x2 4x4 4x2 4x2 4x2 4x4 4x4 4x4 4x4 4x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x6 6x6 6x6 6x6 6x6 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x6 8x6 8x6 8x6 8x8 8x8 8x8 4X2 4X2 4x2 4x2 4x2 4x4 4x4 4X4 4x4 4x4 6x4 6x4 6X4 6x4 6x4 6x6 6x6 6x6 6x6 6x6 4X2 4X2 4X2 4X2 6X6 6X6 6X6 6X6

200 200 200 200 200 200 200 200 200 200 200 200 330 330 330 330 330 330 330 330 330 400 400 400 400 400 400 400 400 400 400 400 400 440 440 440 440 440 490 490 490 490 490 560 560 560 560 560 560 560 560 560 560 485 540 700 868 454 507 600 660

Job 35 x4 cabina singola

85/3900

270/1800

4x4

35

Job 60 x4 cabina singola

85/3900

270/1800

4x4

60

MODELLO

ASTRA Hd8 42.33 Hd8 42.33 Hd8 42.36 Hd8 42.36 Hd8 42.41 Hd8 42.44 Hd8 42.48 Hd8 44.33 4x4 Hd8 44.36 4x4 Hd8 44.41 4x4 Hd8 44.44 4x4 Hd8 44.48 4x4 Hd8 64.41 6x4 Hd8 64.44 6x4 Hd8 64.48 6x4 Hd8 64.52 6x4 Hd8 66.41 6x6 Hd8 66.44 6x6 Hd8 66.48 6x6 Hd8 66.52 6x6 Hd8 66.56 6x6 Hd8 84.41 8x4 Hd8 84.44 8x4 Hd8 84.48 8x4 Hd8 84.52 8x4 Hd8 84.56 8x4 Hd8 86.44 8x6 Hd8 86.48 8x6 Hd8 86.52 8x6 Hd8 86.56 8x6 Hd8 88.48 8x8 Hd8 88.52 8x8 Hd8 88.56 8x8 Hd8 42.41 T Hd8 42.44 T Hd8 42.48 T Hd8 42.52 T Hd8 42.56 T Hd8 44.41 T 4x4 Hd8 44.44 T 4x4 Hd8 44.48 T 4X4 Hd8 44.52 T Hd8 44.56 T Hd8 64.41T 6x4 Hd8 64.44 T 6x4 Hd8 64.48 T 6X4 Hd8 64.52 T 6x4 Hd8 64.56 T 6x4 Hd8 66.41 T 6x6 Hd8 66.44 T 6x6 Hd8 66.48 T 6x6 Hd8 66.52 T 6x6 Hd8 66.56 T 6x6 RD 28C RD 32C RD 40C RD 50 ADT 25C ADT 30C ADT 35C ADT 40C

BREMACH

66

MODELLO

Job 35 x4 cabina doppia Job 60 x4 cabina doppia Extreme 35 cabina singola Extreme 60 cabina singola Extreme 35 cabina doppia Extreme 60 cabina doppia

POTENZA kW giri

COPPIA max

TRAZIONE

PTT q.li

85/3900 85/3900 92/3600 92/3600 92/3600 92/3600

270/1800 270/1800 270/1800 270/1800 270/1800 270/1800

4x4 4x4 4x4 4x4 4x4 4x4

35 60 35 60 35 60

75 75 75

n.d. n.d. n.d.

4x4 4x4 4x4

35 45 60

78 78

n.d. n.d.

4x4 4x4

35 60

51,5

n.d.

4x4

28,5

n.d. n.d. n.d. n.d. 1775/1410 2000/1410 2300/1410 2000/1410 2000/1410 2000/1410 2000/1410 2500/1410

4x2 4x2 4x2 4x2 6x4 6x4 6x4 8x4 8x4 6x4 6x4 6x4

75 75 180 180 330 330 330 400 400 560 560 560

63,5/3500 77/3500

n.d. n.d.

4x4 4x4

29 35

130/3200 130/3200 135/2700 160/2700 185/2700 205/2700 176 202 134 154 176 202 154 176 202 176 202 228/1700 243/1700 265/1700 302/1500 332/1450 368/1520 228/1700 243/1700 265/1700 302/1500 332/1450

400/1250 400/1250 650/1200 680/1200 850/1200 950/1200 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 1300/1200 1400/1080 1500/1125 1900/1000 2200/1000 2300/1000 1300/1200 1400/1080 1500/1125 1900/1000 2200/1000

4x4 4x4 4X4 4X4 4X4 4X4 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x4 4x4 4x4 4x4 4x4 4x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4

350 550 100 100 100 100 115 115 135 135 135 135 150 150 150 180 180 190 190 190 190 190 190 260 260 260 260 260

BSI BU 100 BU 150 2.8 TD 4x4 BU 200

COMAI Ribot 35 Ribot 60

CO.VE.IN Volpino 1.9 D 4x4

www.dafitalia.com LF 45.180 Tipper LF 45.220 Tipper LF 55.250 Tipper LF 55.290 Tipper CF 85.360 6x4 F 85.410 6x4 CF 85.460 6x4 CF 85.410 8x4 CF 85.460 8x4 CF 85.410 FTT 6x4 CF 85.460 FTT 6x4 CF 85.510

136 165 184 210 265/1500 300/1500 340/1500 300/1500 340/1500 300/1500 340/1500 375/1500

DURSO Horizon 4x4

75

EFFEDI Gasolone FD 29 4x4 Gasolone FD 35 4x4

IVECO Daily 35S 18W Daily 50S 18W Eurocargo ML100E18W-WS Eurocargo ML100E22W-WS Eurocargo ML100E25W-WS Eurocargo ML100E28W-WS Eurocrago120 E24K Eurocrago120 E28K Eurocrago130 E18K Eurocrago130 E21K Eurocrago130 E24K Eurocrago130 E28K Eurocrago150 E21K Eurocrago150 E24K Eurocrago150 E28K Eurocrago180 E24K Eurocrago180 E28K Trakker AD190T31W Trakker AD190T33W Trakker AD190T36W Trakker AD190T41W Trakker AD190T45W Trakker AD190T50W Trakker AD260T31 Trakker AD260T33 Trakker AD260T36 Trakker AD260T41 Trakker AD260T45

CSC maggio 2009


LISTINI

autocarri MODELLO

Trakker AD260T50 Trakker AD260T31W Trakker AD260T33W Trakker AD260T36W Trakker AD260T41W Trakker AD260T45W Trakker AD260T50W Trakker AD380T31 Trakker AD380T33 Trakker AD380T36 Trakker AD380T41 Trakker AD380T45 Trakker AD380T50 Trakker AD380T31W Trakker AD380T33W Trakker AD380T36W Trakker AD380T41W Trakker AD380T45W Trakker AD380T50W Trakker AD340T31W Trakker AD340T33W Trakker AD340T36W Trakker AD340T41W Trakker AD340T45W Trakker AD340T50W Trakker AD410T31 Trakker AD410T33 Trakker AD410T36 Trakker AD410T41 Trakker AD410T45 Trakker AD410T50 Trakker AD410T31W Trakker AD410T33W Trakker AD410T36W Trakker AD410T41W Trakker AD410T45W Trakker AD410T50W Trakker AD400T31WT Trakker AD400T33WT Trakker AD400T36WT Trakker AD400T41WT Trakker AD400T45WT Trakker AD400T50WT Trakker AD440T31T Trakker AD440T33T Trakker AD440T36T Trakker AD440T41T Trakker AD440T45T Trakker AD440T50T Trakker AD720T31 Trakker AD720T33 Trakker AD720T36 Trakker AD720T41 Trakker AD720T45 Trakker AD720T50 Trakker AD720T31T Trakker AD720T33T Trakker AD720T36T Trakker AD720T41T Trakker AD720T45T Trakker AD720T50T

POTENZA kW giri

COPPIA max

TRAZIONE

PTT q.li

368/1520 228/1700 243/1700 265/1700 302/1500 332/1450 368/1520 228/1700 243/1700 265/1700 302/1500 332/1450 368/1520 228/1700 243/1700 265/1700 302/1500 332/1450 368/1520 228/1700 243/1700 265/1700 302/1500 332/1450 368/1520 228/1700 243/1700 265/1700 302/1500 332/1450 368/1520 228/1700 243/1700 265/1700 302/1500 332/1450 368/1520 228/1700 243/1700 265/1700 302/1500 332/1450 368/1520 228/1700 243/1700 265/1700 302/1500 332/1450 368/1520 228/1700 243/1700 265/1700 302/1500 332/1450 368/1520 228/1700 243/1700 265/1700 302/1500 332/1450 368/1520

2300/1000 1300/1200 1400/1080 1500/1125 1900/1000 2200/1000 2300/1000 1300/1200 1400/1080 1500/1125 1900/1000 2200/1000 2300/1000 1300/1200 1400/1080 1500/1125 1900/1000 2200/1000 2300/1000 1300/1200 1400/1080 1500/1125 1900/1000 2200/1000 2300/1000 1300/1200 1400/1080 1500/1125 1900/1000 2200/1000 2300/1000 1300/1200 1400/1080 1500/1125 1900/1000 2200/1000 2300/1000 1300/1200 1400/1080 1500/1125 1900/1000 2200/1000 2300/1000 1300/1200 1400/1080 1500/1125 1900/1000 2200/1000 2300/1000 1300/1200 1400/1080 1500/1125 1900/1000 2200/1000 2300/1000 1300/1200 1400/1080 1500/1125 1900/1000 2200/1000 2300/1000

6x4 6x6 6x6 6x6 6x6 6x6 6x6 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x6 6x6 6x6 6x6 6x6 6x6 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x8 8x8 8x8 8x8 8x8 8x8 4X4 4X4 4X4 4X4 4X4 4X4 6X4 6X4 6X4 6X4 6X4 6X4 6X4 6X4 6X4 6X4 6X4 6X4 6X6 6X6 6X6 6X6 6X6 6X6

260 260 260 260 260 260 260 380 380 380 380 380 380 380 380 380 380 380 380 340 340 340 340 340 340 410 410 410 410 410 410 410 410 410 410 410 410 400 400 400 400 400 400 440 440 440 440 440 440 720 720 720 720 720 720 720 720 720 720 720 720

103 132 162

n.d. n.d. n.d.

4x2 4x2 4x2

75 75 75

MAN L 2000 8.145 LK L 2000 8.185 LK L 2000 8.225 LK

MODELLO

L 2000 10.185 LK L 2000 10.225 LK L 2000 10.185 LAEC/LAEK L 2000 10.225 LAEC/LAEK M 2000L 12.185 LK M 2000L 12.225 LK M 2000L 14.225 LK M 2000L 14.255 LK M 2000L 14.285 LK M 2000L 15.185 LK M 2000L 15.225 LK M 2000L 15.255 LK M 2000L 15.285 LK M 2000L 18.225 LK M 2000L 18.255 LK M 2000L 18.285 LK M 2000L 14.225 LAC/LAK M 2000L 14.255 LAC/LAK M 2000L 14.285 LAC/LAK M 2000L 18.225 LAC/LAK M 2000L 18.255 LAC/LAK M 2000L 18.285 LAC/LAK M 2000L 18.225 MK M 2000L 18.255 MK M 2000L 18.285 MK M 2000L 14.225 MAK M 2000L 14.255 MAK M 2000L 14.285 MAK M 2000L 18.225 MAC/MAK M 2000L 18.255 MAK M 2000L 18.285 MAC/MAK TGA 18.313 FK TGA 18.363 FK TGA 18.413 FK TGA 18.463 FK TGA 18.363 FAC/FAK TGA 18.413 FAC/FAK TGA 18.483 FAC/FAK TGA 26.363 FDC/FDK TGA 26.413 FDC/FDK TGA 26.463 FDC/FDK TGA 26.513 FDC TGA 26.533 FDC/FDK TGA26.363 FDAC/FDAK TGA 26.413 FDAC/FDAK TGA 26.483 FDAC/FDAK TGA 33.413 FDC/FDK TGA 33.463 FDC/FDK TGA 33.513 FDC TGA 33.533 FDC TGA 33.413 FDAC/FDAK TGA 33.483 FDAC/FDAK TGA 32.363 FFDC/FFDK TGA 32.413 FFDC/FFDK TGA 32.463 FFDC/FFDK TGA 41.413 FFDC/FFDK TGA 41.463 FFDC/FFDK TGA 18.363 FAS TGA 18.413 FAS TGA 18.483 FAS TGA 26.363 FDS TGA 26.413 FDS TGA 26.463 FDS TGA 26.513 FDS TGA 26.533 FDS

POTENZA kW giri

COPPIA max

TRAZIONE

PTT q.li

132 162 132 162 132 162 162 180 206 132 162 180 206 162 180 206 162 180 206 162 180 206 162 180 206 162 180 206 162 180 206 228 265 301 301 265 301 352 265 301 338 375 390 265 301 352 301 338 375 390 301 352 265 301 338 301 338 265 301 301 301 301 338 375 390

n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.

4x2 4x2 4x4 4x4 4x2 4x2 4x4 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x4 4x4 4x2 4x4 4x4 4x4 4x2 4x2 4x2 4x4 4x4 4x4 4x4 4x4 4x4 4x2 4x2 4x2 4x2 4x4 4x4 4x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 66 66 84 8x4 8x4 8x4 8x4 4x4 4x4 4x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4

n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 150 150 150 150 180 180 180 135 135 135 180 180 180 180 180 180 n.d. n.d. n.d. 180 180 180 180 180 180 180 180 180 180 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 330 330 330 330 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 560 n.d. n.d. n.d.

(segue a pag. 68)

67

CSC maggio 2009


LISTINI

autocarri MAN (segue da pag. 67) MODELLO

TGA 33.413 FDS TGA 33.463 FDS TGA 33.513 FDS TGA 33.533 FDS TGA 33.413 FDAS TGA 33.483 FDAS

POTENZA kW giri

COPPIA max

TRAZIONE

PTT q.li

301 338 375 390 301 352

n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.

6x4 6x4 6x4 6x4 6x6 6x6

560 560 560 560 560 560

130/2200 160/2200 130/2200 160/1200 175/2200 130/2200 160/2200 160/2200 175/2200 160/2200 175/2200 210/2200 240/2200 295/1900 315/1900 235/1800 265/1800 300/1800 235/1800 265/1800 300/1800 300/1800 320/1800 335/1800 375/1800 265/1800 300/1800 300/1800 320/1800 335/1800 350/1800 375/1800 375/1800 320/1800 335/1800 350/1800 375/1800 300/1800 320/1800 335/1800 350/1800 375/1800 320/1800 335/1800 350/1800 375/1800 375/1800

675/1200 810/1400 675/1200 810/1200 850/1200 675/1200 810/1400 810/1400 850/1200 810/1400 850/1200 1120/1200 1300/1200 2000/1100 2100/1100 1650/1080 1850/1080 2000/1080 1650/1080 1850/1080 2000/1080 2000/1080 2100/1080 2200/1080 2400/1080 1850/1080 2000/1080 2000/1080 2100/1080 2200/1080 2300/1080 2400/1080 2400/1080 2100/1080 2200/1080 2300/1080 2400/1080 2000/1080 2100/1080 2200/1080 2300/1080 2400/1080 2100/1080 2200/1080 2300/1080 2400/1080 2500/1080

4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4X2 4X2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4X2 4x2 4x4 4x4 4x4 4x4 4X4 4X4 4x4 6x4 6x4 6X4 6x4 6x4 6x4 6X4 6X6 6X4 6X4 6X4 6x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 6X4 6x4 6X4 6X4 6x4

70 70 105 105 105 115 115 135 135 150 149 180 180 180 180 180 180 180 180 180 180 440 440 440 440 330 330 330 330 330 330 330 330 560 560 560 560 400 400 400 400 400 560 560 560 560 560

92/3200 92/3200

294/1800 294/1800

4x2 4x2

35 35

92 113 98

n.d. n.d. n.d.

4x4 4x4 4x4

25,8 25,8 28,6

700/1200 700/1200

4x4 4x2

120 130

MERCEDES BENZ Atego 818 K Atego 822 K Atego 1018 Atego 1022 Atego 1024 Atego 1218 K Atego 1222 K Atego 1322 K Atego 1324 K Atego 1522 K Atego 1524 K Axor 1829 Axor 1833 Axor 1840 LS Off-Road Axor 1843 LS Off-Road Actros 1832 K Actros 1836 K Actros 1841 K Actros 2032 AK Actros 2036 AK Actros 2041 AK Actros 2041 AS Actros 2044 AS Actros 2046 AS Actros 2051 AS Actros 3336 K,B Actros 3341 K,B Actros 3341 K,B Actros 3344 K Actros 3346 K Actros 3348 K Actros 3351 K Actros 3351 AK Actros 3344 S Actros 3346 S Actros 3348 S Actros 3351 S Actros 4141 K,B Actros 4144 K,B Actros 4146 K,B Actros 4148 K Actros 4151 K Actros 3344 LS Actros 3346 LS Actros 3348 LS Actros 3351 LS Actros 3355 LS

MITSUBISHI Canter FE 534 DI D Canter FB 634 DI D

NISSAN ITALIA Terrano 2.7 TDI 4x4 Terrano 3.0 TDI 4x4 Pick-up 2.5 TDI 4x4

RENAULT TRUCKS ITALIA Midlum 220.12 4x4 off road Midlum 220.13 D edil

158/2400 158/2400

68

MODELLO

Midlum 220.14 4x4 off road Midlum 220.14 D edil Midlum 220.16 4x4 off road Midlum 220.16 D edil Midlum 220.17 D edil Midlum 220.18 D edil Midlum 270.13 D edil Midlum 270.14 D edil Midlum 270.16 D edil Midlum 270.17 D edil Midlum 270.18 D edil Kerax 270.18 edilizia Kerax 320.18 edilizia Kerax 370.18 edilizia Kerax 370.18 T edilizia Kerax 420.18 edilizia Kerax 420.18 T edilizia Kerax 370.33 6x4 m.o. Kerax 370.33 T 6x4 m.o. Kerax 420.33 6x4 m.o. Kerax 420.33 T 6x4 m.o. Kerax 370.33 6x6 m.o. Kerax 420.33 6x6 m.o. Kerax 370.40 8x4 m.o. Kerax 420.40 8x4 m.o.

POTENZA kW giri

COPPIA max

TRAZIONE

PTT q.li

158/2400 158/2400 158/2400 158/2400 158/2400 158/2400 195/2400 195/2400 195/2400 195/2400 195/2400 195/2000 229/2000 266/1900 266/1900 303/1900 303/1900 266/1900 266/1900 303/1900 303/1900 266/1900 303/1900 266/1900 303/1900

700/1200 700/1200 700/1200 700/1200 700/1200 700/1200 900/1200 900/1200 900/1200 900/1200 900/1200 1010/1000 1210/1000 1670/1050 1670/1050 1870/1050 1870/1050 1670/1050 1670/1050 1870/1050 1870/1050 1670/1050 1870/1050 1670/1050 1870/1050

4x4 4x2 4x4 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 4x2 6x4 6x4 6x4 6x4 6x6 6x6 8x4 8x4

140 140 160 160 170 180 130 140 160 170 180 180 180 180 440 190 440 330 560 330 560 330 330 400 400

169/1800 199/1800 228/1800 250/1800 250/1800 280/1800 309/1800 353/1900 368/1900 412/1900 456/1900 250/1800 280/1800 309/1800 353/1900 368/1900 412/1900 456/1900 250/1800 280/1800 309/1800 353/1900 368/1900 412/1900 456/1900 250/1800 280/1800 309/1800 353/1900 368/1900 412/1900 456/1900 250/1800 280/1800 309/1800 250/1800 280/1800 309/1800 280/1800

1050/1100 1250/1100 1550/1100 1700/1100 1700/1100 1900/1100 2100/1100 2250/1100 2400/1100 2700/1100 3000/1100 1700/1100 1900/1100 2100/1100 2250/1100 2400/1100 2700/1100 3000/1100 1700/1100 1900/1100 2100/1100 2250/1100 2400/1100 2700/110 3000/1100 1700/1100 1900/1100 2100/1100 2250/1100 2400/1100 2700/110 3000/1100 1700/1100 1900/1100 2100/1100 1700/1100 1900/1100 2100/1100 1900/1100

4x2 4x2 4x2 4x2 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 4x4 4x4 4x4 4x4 4x4 4x4 6x4

180 180 180 180 330 330 330 330 330 330 330 330 330 330 330 330 330 330 400 400 400 400 400 400 400 400 400 400 400 400 400 400 440 440 440 440 440 440 560

SCANIA P 230 CB 4x2 HHZ P 270 CB 4x2 HHZ P 310 CB 4x2 HHZ P 340 CB 4x2 HHZ R 340 CB 6x4 EHZ Mixer R 380 CB 6x4 EHZ Mixer R 420 CB 6x4 EHZ Mixer R 480 CB 6x4 EHZ Mixer R 500 CB 6x4 EHZ Mixer R 560 CB 6x4 EHZ Mixer R 620 CB 6x4 EHZ Mixer R 340 CB 6x4 HHA Mixer R 380 CB 6x4 HHA Mixer R 420 CB 6x4 HHA Mixer R 480 CB 6x4 HHA Mixer R 500 CB 6x4 HHA Mixer R 560 CB 6x4 HHA Mixer R 620 CB 6x4 HHA Mixer R 340 CB 8x4 EHZ Mixer R 380 CB 8x4 EHZ Mixer R 420 CB 8x4 EHZ Mixer R 480 CB 8x4 EHZ Mixer R 500 CB 8x4 EHZ Mixer R 560 CB 8x4 EHZ Mixer R 620 CB 8x4 EHZ Mixer R 340 CB 8x4 HHA Mixer R 380 CB 8x4 HHA Mixer R 420 CB 8x4 HHA Mixer R 480 CB 8x4 HHA Mixer R 500 CB 8x4 HHA Mixer R 560 CB 8x4 HHA Mixer R 620 CB 8x4 HHA Mixer R 340 CA 4x4 EHZ R 380 CA 4x4 EHZ R 420 CA 4x4 EHZ R 340 CA 4x4 HHA R 380 CA 4x4 HHA R 420 CA 4x4 HHA R 380 CA 6x4 EHZ

CSC maggio 2009


LISTINI

autocarri MODELLO

R 420 CA 6x4 EHZ R 480 CA 6x4 EHZ R 500 CA6x4 EHZ R 560 CA6x4 EHZ R 620 CA6x4 EHZ R 380 CA6x4 HHA R 420 CA6x4 HHA R 480 CA6x4 HHA R 500 CA6x4 HHA R 560 CA6x4 HHA R 620 CA6x4 HHA R 340 CB 6x4 EHZ R 380 CB 6x4 EHZ R 420 CB 6x4 EHZ R 480 CB 6x4 EHZ R 500 CB 6x4 EHZ R 560 CB 6x4 EHZ R 620 CB 6x4 EHZ R 340 CB6x4 HHA R 380 CB6x4 HHA R 420 CB6x4 HHA R 480 CB6x4 HHA R 500 CB6x4 HHA R 560 CB6x4 HHA R 620 CB6x4 HHA R 340 CB 8x4 EHZ R 380 CB 8x4 EHZ R 420 CB 8x4 EHZ R 480 CB8x4 EHZ R 500 CB 8x4 EHZ R 560 CB 8x4 EHZ R 620 CB 8x4 EHZ R 340 CB 8x4 HHZ R 380 CB 8x4 HHZ R 420 CB 8x4 HHZ R 480 CB 8x4 HHZ R 500 CB 8x4 HHZ R 560 CB 8x4 HHZ R 620 CB 8x4 HHZ R 340 CB8x4 HHA R 380 CB8x4 HHA R 420 CB8x4 HHA R 480 CB8x4 HHA R 500 CB8x4 HHA

POTENZA kW giri

COPPIA max

TRAZIONE

PTT q.li

309/1800 353/1900 368/1900 412/1900 456/1900 280/1800 309/1800 353/1900 368/1900 412/1900 456/1900 250/1800 280/1800 309/1800 353/1900 368/1900 412/1900 456/1900 250/1800 280/1800 309/1800 353/1900 368/1900 412/1900 456/1900 250/1800 280/1800 309/1100 353/1900 368/1900 412/1900 456/1900 250/1800 280/1800 309/1800 353/1900 368/1900 412/1900 456/1900 250/1800 280/1800 309/1800 353/1900 368/1900

2100/1100 2250/1100 2400/1100 2700/110 3000/1100 1900/1100 2100/1100 2250/1100 2400/1100 2700/110 3000/1100 1700/1100 1900/1100 2100/1100 2250/1100 2400/1100 2700/110 3000/1100 1700/1100 1900/1100 2100/1100 2250/1100 2400/1100 2700/110 3000/1100 1700/1100 1900/1100 2100/1100 2250/1100 2400/1100 2700/110 3000/1100 1700/1100 1900/1100 2100/1100 2250/1100 2400/1100 2700/110 3000/1100 1700/1100 1900/1100 2100/1100 2250/1100 2400/1100

6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 6x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4 8x4

560 560 560 560 560 560 560 560 560 560 560 330 330 330 330 330 330 330 330 330 330 330 330 330 330 400 400 400 400 400 400 400 400 400 400 400 400 400 400 400 400 400 400 400

69

MODELLO

R 560 CB8x4 HHA R 620 CB8x4 HHA R 340 CB 4x4 EHZ R 380 CB 4x4 EHZ R 420 CB 4x4 EHZ R 340 CB 6x6 EHZ R 380 CB 6x6 EHZ R 420 CB 6x6 EHZ

POTENZA kW giri

COPPIA max

TRAZIONE

PTT q.li

412/1900 456/1900 250/1800 280/1800 309/1800 250/1800 280/1800 309/1800

2700/110 3000/1100 1700/1100 1900/1100 2100/1100 1700/1100 1900/1100 2100/1100

8x4 8x4 4x4 4x4 4x4 6x6 6x6 6x6

400 400 200 200 200 330 330 330

224/2100 252/1900 313/1800 313/1800 350/1800 350/1800

1700/1200 1700/1200 2100/1200 2100/1200 2525/1200 2525/1200

6X4 6x6 6x6 6X6 6x6 6X6

45,5 51,06 61,6 62 69,2 69,6

4X4 4x4 4x4 4x4 6X4 6X4 6X4 6X4 6x4 6x4 6x4 6x4 6X4 6X4 6X4 6X4 8X4 8X4 8x4 8x4

200 200 200 200 330 330 330 330 330 330 330 330 330 330 330 330 400 400 400 400

VOLVO C. E. A25E A30E 6x6 A35E 6x6 A35E FS A40E 6x6 A40E FS

VOLVO VEICOLI INDUSTRIALI FM 44T 360 EGR FM 44T 400 SCR FM 44T 440 SCR FM 44T 480 SCR FH 64T 400 SCR FH 64T 440 SCR FH 64T 480 SCR FH 64T 520 SCR FM 64R 360 EGR FM 64R 400 SCR FM 64R 440 SCR FM 64R 480 SCR FM 64T 360 EGR FM 64T 400 SCR FM 64T 440 SCR FM 64T 480 SCR FM 84R 360 EGR FM 84R 400 SCR FM 84R 440 SCR FM 84R 480 SCR

CSC maggio 2009

265/1450 294/1400 324/1400 353/1400 294/1400 324/1400 353/1400 382/1500 265/1450 294/1450 324/1400 353/1400 265/1450 294/1400 324/1400 353/1400 265/1450 294/1400 324/1400 353/1400

1800/1000 2000/1050 2200/1050 2400/1050 2000/1050 2200/1050 2400/1050 2500/1050 1800/2000 2000/1050 2200/1050 2400/1050 1800/1000 2000/1050 2200/1050 2400/1050 1800/1000 2000/1050 2200/1050 2400/1050


LISTINI

MOVIMENTATORI MODELLO

MOTORE

POTENZA kW/giri

PORTATA A TERRA Kg

H max SOLL. M

SBRACC. PESO ANT. Kg

BOBCAT T 2250 T 2556 T 2566 T 3571 T 3571 L T 35100 T 35100L T 35100 SL T 35120L T 35120SL T35120SL MP T 40140 T 40170

Kubota Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins

56/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200

2200 2500 2500 3500 3500 3500 3500 3500 3500 3500 3500 4000 4000

5,2 5,5 6,4 7,1 7,1 10 10 10 11,6 11,8 11,8 13,4 17,4

3,03 4700 3,05 4820 4 5300 4 6910 4 6940 6,4 7400 6,4 7400 6,5 7800 8,1 7700 8,04 8200 8,04 8200 9,8 10000 13,67 10900

71 71 88 88 88 88 88 88

3000 3300 4000 4300 4500 4300 4500 4500

12,7 13 12,3 12,45 12,45 13,65 13,55 16,6

8,75 8,75 8,65 8,65 8,65 9,33 9,33 12,54

CASE TX 130-30 turbo TX 130-33 turbo TX 130-40 TX 130-43 TX 130-45 TX 140-43 TX 140-45 TX 170-45

Case Case Case Case Case Case Case Case

9.900 9.900 9.900 10.200 10.630 11.460 11.460 12.300

CATERPILLAR TH 225 TH 407 TH 407 TH 414

Caterpillar 63 Caterpillar 74,5/2200 Caterpillar 93,1 Caterpillar 74,5/2200

2500 3700 3700 3700

5,6 7,3 7,3 13,7

n.d. n.d. n.d. n.d.

4899 7700 n.d. 9360

Yanmar Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Iveco Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins

2500 2600 2800 3000 2800 3000 3700 3700 3500 3800 3300 3500 3500 3000 3000 3500 3700 4000 3500 3800 4000 3000 4000 4000 4500 4000 7000 3500 7000 3800 6000 4000 4500 4500

5,78 5,95 6,35 6,35 8,7 8,7 7,35 7,93 9,75 9,75 10,60 7,30 7,90 8,80 10,90 12,10 12,40 12,40 12,90 13,40 13,40 15,40 15,60 16,90 7,90 11,00 9,65 15,70 11,00 15,50 15,70 16,80 18,70 20,50

3,25 3,35 3,65 3,65 5,70 5,70 4 4,60 6,50 6,45 7,35 3,85 4,45 5,35 7,50 8,75 8,75 8,75 9,10 9,10 9,10 11,70 11,30 12,70 4,45 7,60 5,40 13,35 8,80 13,80 13,00 15,10 16,40 18,10

4800 5800 6000 6000 6150 6150 7200 7850 7600 7800 8200 7700 8000 8300 9500 10100 10100 10100 10600 10600 10600 11080 12000 12000 8700 9900 11300 13100 16000 14700 16600 15030 16400 16800

DIECI Apollo 25.6 Dedalus 26.6 Dedalus 28.7 Dedalus 30.7 Dedalus 28.9 Dedalus 30.9 Zeus 37,7 Zeus 37.8 Zeus 35.10 Zeus 38.10 Zeus 33.11 Runner 35.7 Runner 35.8 Runner 30.9 Runner 30.11 Runner 35.12 Runner 37.13 Runner 40.13 Icarus 35.13 Icarus 38.14 Icarus 40.14 Icarus 30.16 Icarus 40.16 Icarus 40.17 Samson 45.8 Samson 40.11 Samson 70.10 Pegasus 35.16 Pegasus 70.11 Pegasus 38.16 Pegasus 60.16 Pegasus 40.17 Pegasus 45.19 Pegasus 45.21

64 74/2300 74/2300 74/2300 74/2300 74/2300 94/2300 94/2300 94/2300 94/2300 94/2300 94/2300 94/2300 94/2300 94/2300 94/2300 94/2300 94/2300 94/2300 94/2300 94/2300 94/2300 94/2300 94/2300 94/2300 94/2300 94/2300 74 106 106 106 106 106 106

70

MODELLO

Pegasus 50.21 Pegasus 40.25

PORTATA A TERRA Kg

H max SBRACC. PESO SOLL. ANT. Kg M

MOTORE

POTENZA kW/giri

Perkins Perkins

106 106

5000 4000

20,50 24,50

52 75/2300 75/2300 75/2300 75/2300 75/2300 75/2300 75/2300 75/2300 75/2300 75/2300 75/2300 75/2300 75/2300 75/2300 75/2300 75/2300 94 94

2500 2800 3000 3000 3300 3500 3800 4200 4500 3000 7000 3000 3500 3500 4200 3000 4000 4500 4500

5,7 6 6,7 7,8 7,8 7,8 7,8 7,8 7,8 9,5 10 10,5 10,5 14 14 17 17 15 18

1,3 1,5 1,5 1,8 1,65 18 1,65 1,8 1,65 2,5 1,8 2,5 2,15 5,0 2,5 5,5 3,0 5,65 5,85

7100 7200 7350 7400 7900 8000 8230 10100 8400 8500 11300 11400 11800 11900 13500 14500

50/2600 50/2600 68/2600 68/2600 68/2200 68/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 88/2400 88/2400 119/2300 116/2200

2500 2500 3000 3000 4000 3500 4000 4000 4000 4000 4500 4000 4000 4500 4000 6000 5000

5,790 5,790 6,900 6,900 9,740 12,050 13,000 13,000 17,190 16,720 13,710 15,420 17,540 17,230 19,640 24,840 21,930

3,340 3,340 3,990 3,990 6,220 8,590 9,080 9,080 13,330 12,550 9,610 13,350 15,530 14,90 17,420 21,460 18,930

4450 4450 5900 5900 9200 8900 9850 10100 11600 11850 10600 12900 14000 14800 15200 20450 19250

18,10 16900 18,41 17300

FARESIN HANDLERS FH 6.25 FH 6.28 FH 7.30 Compact FH 7.30 FH 7.33 FH 7.35 FH 7.38 FH 7.42 FH 7.45 FH 9.30 FH 10.70 FH 11.30 FH 11.35 FH 14.35 FH 14.42 FH 17.30 FH 17.40 FH 15.45 Storm FH 18.45 Storm

Yanmar Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Iveco Iveco

4500 5500

GENIE GTH-2506 GTH-625 Agri GTH-3007 GTH-730 Agri GTH-4010 GTH-3512 GTH-4013 SX GTH-4013 EX GTH-4017 SX GTH-4017 EX GTH-4514 EX GTH-4016 SR GTH-4018 SR GTH-4518 ER GTH-4020 ER GTH-6025 ER GTH-5022 R

Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Deutz Deutz Cummins Perkins

www.haulotte.com HTL 4014 HTL 4017

Deutz Deutz

74,9/2300 74,9/2300

4000 4000

14,1 17,2

9,8 2,8

11400 12100

Perkins Perkins JCB* JCB* JCB* JCB* JCB* JCB* JCB* JCB* JCB* JCB*

37,5/2800 57/2200 68/2200 68/2200 74,2/2200 74,2/2200 74,2/2200 74,2/2200 74,2/2200 74,2/2200 74,2/2200 74,2/2200

2000 2000 2400 2700 3100 3500 3300 3500 3500 4100 4000 4000

4,04 5,00 5,3 5,5 7 9,5 10,22 12,3 13,8 7 13,8 16,7

2,59 2,82 2,9 3,3 3,70 6,52 6,84 8 9,52 3,7 9,25 12,5

4400 4870 5500 5650 7200 8200 8650 9140 10670 7600 10860 12160

JCB 520-40 520-50 524-50 527-55 531-70 535-95 533-105 535-125 535-140 541-70 540-140 540-170

www.jlg.com 266 LP-PRO

74,9

2600

5,8

3,1

6300

307

74,9

3000

6,9

3,9

7500

CSC maggio 2009


LISTINI

MOVIMENTATORI MODELLO

3508 PS 3509 PS 3512 PS 3513 PS 4008 PS 4009 PS 4012 PS 4013 PS 4017 PS

MOTORE

Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins

POTENZA kW/giri

PORTATA A TERRA Kg

H max SBRACC. PESO SOLL. ANT. Kg M

74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200

3500 3500 3500 3500 4000 4000 4000 4000 4000

7,9 9 11,5 13 7,9 9 11,5 13 16,7

4,4 5,2 7,9 9,2 4,4 5,2 7,9 9,2 12,5

7400 8600 10000 11000 8100 9200 10700 11800 12098

84 84 84 84

3500 4500 3500 4200

9,8 9,8 13 13

5830 5700 9040 9020

8700 9040 9800 11100

5,1 8,8 8,7 9,6 11,7

8660 9800 10550 11180 11590

4,16 4,16 3,93 3,93 3,93 6,30 6,30 7,06 3,53 3,90 3,90 5,80 5,50 4,80 5,35 3,50 5,50 5,87 3,73 3,70 8,80 9,50 9,30 6,58 7,06 8,36 9,80 11,05 13,17 13,17 12,10 12,50 11,63 13,20 17,30 14,50 14,50 15,20

6975 6975 6800 7365 7220 7150 7720 8100 5600 5700 6080 6380 10650 11580 17000 20570 23615 28350 11400 12100 9900 10700 10800 7640 7845 8960 10210 10980 11380 11380 11950 12000 12450 12955 13350 14600 14350 15350

LIEBHERR TL 435-10 TL 445-10 TL 435-13 TL 442-13

www.komatsuitalia.it WH 609 WH 613 WH 713 WH 714 WH 716

Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu

74/2300 74/2300 74/2300 74/2300 74/2300

3500 3500 3700 4500 4000

9,00 12,70 13,10 14,10 16,10

www.manitou.com MLT 731 T Ev MLT 731 T LSU Ev MLT 735 H Ev MLT 741-120 LSU Ev MLT 741-120 H LSU Ev MLT 935 H Ev MLT 940-120 H LSU Ev MLT 1035 LT LSU Ev MVT 628 T Evolution MVT 729 T Evolution MVT 730 T Compact Ev MVT 929 T Compact Ev MHT 950 LT Evolution MHT 860 LT Evolution MHT 10120 LT MHT 7140 T MHT 10160 LT MHT 10210 LT MVT 665 T MVT 675 T MVT 1232 LT MVT 1332 SLT MVT 1340 SLT MT 932 MT 1033 H LT MT 1235 H ST MT 1435 H SLT MT 1435 H SLT MU ORH MT 1840 R Privilege MT 1840 Privilege MT 1840 A Privilege MRT 1530 M Series MRT 1432 M Series MRT 1635 M Series MRT 1542 M Series MRT 1742 M Series MRT 1842 M Series MRT 1850 Privilege

Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Mercedes Mercedes Mercedes Mercedes Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Mercedes

74,5 74,5 74,5 90,5 90,5 74,5 90,5 74,5 74,5 74,5 74,5 74,5 106 106 129 129 129 129 74,5 74,5 74,5 74,5 74,5 74,5 74,5 74,5 74,5 74,5 74,5 74,5 74,5 74,5 74,5 74,5 74,5 74,5 74,5 110

3100 3100 3500 4100 4100 3500 4000 4000 2800 2900 3000 2900 5000 6000 12000 14000 16000 21000 6500 7500 3200 3200 4000 3200 3300 3500 3500 365 * 4000 4000 1000 3000 3200 3500 4200 4200 4200 5000

6,90 6,90 6,90 6,90 6,90 9 9 9,60 6,30 6,90 6,90 8,63 8,80 8,10 9,62 7 9,70 9,70 6 5,90 12 13 13 9 9,61 12 14 15,40 17,50 17,50 19,35 14,78 13,82 15,82 14,78 17,30 17,80 17,90

MOTORE

POTENZA kW/giri

PORTATA A TERRA Kg

MRT 2150 Privilege MRT 2540 Privilege MRT 2440 EPS M Ser

Mercedes Mercedes Perkins

110 110 97

5000 4000 4000

20,60 14,60 23,80

MRT 3050 Privilege *3 Persone

Perkins

159

5000

29,70

25,5

22860

Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Iveco Iveco Iveco Iveco Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Deutz

74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 107 / 2300 107 / 2300 107 / 2300 107 / 2300 74,9 / 2400 74,9 / 2400 88 / 2400 88 / 2400 88 / 2400 88 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 74,9 / 2400 103 / 2500 103 / 2500 103 / 2500 103 / 2500 103 / 2500 103 / 2500 103 / 2500 103 / 2500 64 / 2400 64 / 2400 64 / 2400 74,5 / 2400 74,5 / 2400 74,5 / 2400 64 / 2400 64 / 2400 64 / 2400 74,5 / 2400 74,5 / 2400 74,5 / 2400 74,9 / 2400

3800 3800 3800 3800 5000 4500 4000 4500 5000 2700 2900 3000 3000 3000 3000 2800 2800 2800 2800 3200 3200 3200 3200 3400 3400 3600 3600 3400 3400 3400 3400 3600 3600 3600 3600 3700 3700 3800 3800 4000 4000 4100 4100 3700 4000 4000 3700 4000 4000 3800 3800 3800 3800 3800 3800 4000

13,8 15,7 13,8 15,7 10,4 18,8 25,25 20,8 16,4 8,2 6,4 6 6 8,55 8,55 8,2 8,2 8,2 8,2 6,4 6,4 6,4 6,4 7 9,7 7 9,7 7 7 9,7 9,7 7 7 9,7 9,7 9,7 9,7 9,7 9,7 7 7 7 7 11,5 8,2 9,1 11,5 8,2 9,1 11,6 12,6 13,6 11,6 12,6 13,6 15,6

11 13 11 13 7,6 15,9 22,7 18 13,4 5,3 3,4 3,2 3,2 5,6 5,6 5,3 5,3 5,3 5,3 3,4 3,4 3,4 3,4 3,6 6,3 3,6 6,3 3,6 3,6 6,2 6,2 3,6 3,6 6,2 6,2 6,2 6,2 6,2 6,2 3,6 3,6 3,6 3,6 7,6 4,3 5,2 7,6 4,3 5,2 7,6 8,6 9,1 7,6 8,6 9,1 11,4

11500 11700 11900 12000 11780 14400 15400 14500 14200 6180 6100 6600 6600 6700 6700 6040 6040 6040 6040 5950 5950 5950 5950 6600 7200 6700 7300 6600 6600 7300 7300 6800 6800 7400 7400 7300 7300 7400 7400 6600 6600 6800 6800 8600 7600 7800 8600 7600 7800 8700 8700 8900 8700 8700 8900 10300

MODELLO

H max SBRACC. PESO SOLL. ANT. Kg M

18,10 16410 18,50 17165 17 17350

MERLO Roto 38.14 Roto 38.16 Roto 38.14 S Roto 38.16 S Roto 50.10 S Roto 45.19 MCSS Roto 40.25 MCSS Roto 45.21 MCSS Roto 50.16 MCSS Multifarmer 27.8 Multifarmer 29.6 Multifarmer 30.6 C Multifarmer 30.6 Top Multifarmer 30.9 Multifarmer 30.9 Top Panoramic 28.8 L Panoramic28.8 L P Panoramic 28.8 P Panoramic 28.8 TOP Panoramic 32.6 L Panoramic 32.6 L P Panoramic 32.6 P Panoramic 32.6 TOP Panoramic34.7 Panoramic 34.10 Panoramic 36.7 Panoramic 36.10 Turbofarmer34.7 P Turbofarmer34.7 T Turbofarmer34.10 P Turbofarmer34.10 T Turbofarmer36.7 P Turbofarmer36.7 T Turbofarmer 36.10 P Turbofarmer36.10 T Turbofarmer37.10 Turbofarmer37.10 T Turbofarmer38.10 Turbofarmer38.10T Turbofarmer40.7 Turbofarmer40.7T Turbofarmer41.7 Turbofarmer41.7T Panoramic37.12 Panoramic40.8 Panoramic40.9 Panoramic 37.12P Panoramic40.8P Panoramic40.9P Panoramic38.12 Panoramic38.13 Panoramic 38.14 Panoramic 38.12P Panoramic38.13P Panoramic38.14P Panoramic40.16

(segue a pag. 72

71

CSC maggio 2009


LISTINI

MOVIMENTATORI

MOTOCOMPRESSORI

MERLO (segue da pag. 71) MODELLO

MOTORE

POTENZA kW/giri

PORTATA A TERRA Kg

H max SBRACC. PESO SOLL. ANT. Kg M

Panoramic40.17 Panoramic55.9 CS

Deutz Deutz

74,9 / 2400 103 / 2500

4000 5500

16,7 8,6

12,5 4,6

10400 10300

Panoramic 60.10

Perkins

74,5 / 2400

6000

9,6

5,5

9800

Panoramic72.10 Panoramic45.18 HM Panoramic65.14 HM Panoramic80.9 HM Panoramic101.10 HM

Perkins Iveco Iveco Iveco Iveco

74,5 / 2400 107 / 2300 107 / 2300 107 / 2300 107 / 2300

7200 4500 6500 8000 10000

9,55 17,8 13,8 9,1 9,8

5,5 13,2 9 5 5,7

10500 15400 10500 15100 15300

71 60 71 88 88 88 88 88 88

800 400 1250 700 1700 1800 1400 1500 450

10,6 12,7 13 12,3 12,45 12,45 13,55 13,55 16,6

7,7 8700 8,75 9550 8,75 9900 8,65 10200 8,65 10400 8,65 10630 9,33 11330 9,33 11460 12,54 12300

NEW HOLLAND LM1133 LM1330 LM 1333* LM 1340** LM 1343 LM 1345 LM 1443* LM 1445**** LM 1745*

CNH CNH CNH CNH CNH CNH CNH CNH CNH

dai visibilitÀ ai tuoi prodotti inserisci il marchio della tua azienda nei listini di CSC info: gesto@gestoeditore.it

MODELLO

XAS 37 XAS 47 XAHS 37 \XAS 47 XAS 57 XAS 67 XATS 67 XAS 77 XAS 97 XAS 137 XAHS 107 XAS 186 XATS 156 XAHS 146 XAHS 186 XAVS 166 XAMS 287 XAHS 237 XAMS 407 XATS 377 XAHS 347 XAVS 307 XAMS 496 XAMS 546 XATS 456 XAHS 426 XAHS 536 XAVS 396 XRS 396 XRHS 366 XRHS 506 XRVS 336 XRVS 476 XRVS 606 XRXS 566 XAH 1066 XRV 946

POTENZA kW/giri

RESA mc/min

PRESSIONE lavoro/bar

Kubota Kubota Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar

18,5/3600 19,4/3000 21,6/2400 21,6/2400 23,3/2750 32,5/2400 36/2750 31,5/2300 36/2750 52/2400 52/2400 82/2300 82/2300 82/2300 104/2200 104/2200 129/1900 129/1900 186/2000 186/2000 186/2000 186/2000 224/1800 328/1600 224/1800 224/1800 318/1600 224/1800 224/1800 224/1800 318/1600 224/1800 318/1600 429/1800 429/1800 328/1600 328/1600

2,0 2,5 1,9 2,6 3,0 3,7 3,5 4,3 5,3 7,6 5,6 11,1 10,0 8,5 10,5 9,5 17,1 14,0 24,0 22,1 20,6 18,6 30,0 31,9 26,9 25,1 31,3 22,8 23,5 22,2 30,0 19,7 27,6 36,1 33,6 63,5 56,2

7 7 12 7 7 7 10,3 7 7 7 12 7 10,3 12 12 14 8,6 12 8,6 10,3 12 14 8,6 8,6 10,3 12 12 14 17 20 20 25 25 25 30 12 25

Kubota IR IR IR

17,5/3000 21,1/2800 25,8/2800 34,8/2800

1,9 2,5 3 4

7 7 7 7

MOTORE

www.atlascopco.it

AXECO 7/20 7/26 7/31 7/41

www.gestoeditore.it

72

CSC maggio 2009


LISTINI

MOTOCOMPRESSORI MODELLO

7/51 7/71 12/56 7/120 9/110 10/105 14/85 7/170 10/125 14/115 9/270 9/300 12/235 17/235 21/215 10/370 10/455 25/300 25/330

MOTORE

IR IR IR IR IR IR IR IR IR IR IR IR IR IR IR Cummins Cummins Caterpillar Caterpillar

POTENZA kW/giri

RESA PRESSIONE mc/min lavoro/bar

49,7/2400 59/2300 59/2300 93/2400 93/2400 93/2400 93/2400 126/2400 126/2400 126/2400 225/1800 255/1800 225/1800 255/1800 255/1800 380/1800 418/1800 355/1800 390/1800

5 7,1 5,2 12 10,6 10,3 8,5 17 12,7 11,3 27 29,2 23,1 23,1 20,9 36,8 45,3 30,3 33,1

7 7 12 7 8,6 10,3 13,8 7 10,3 14 8,6 8,6 12,1 17,2 20,7 10,3 10,3 25 25

Perkins Perkins Perkins Cummins Deutz

15,3 19,5 34,1 37 60

2,0 2,7 4,2 5,0 7,6

7 7 7 7 7

Honda Perkins Perkins Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Cummins Cummins Cummins Cummins Cummins Cummins Cummins

13,2/2200 15,5/2000 15,5/2000 22,5/2150 22,5/2150 23/2600 23/2600 35,5/2700 35,5/2700 35,5/2700 35,5/2700 61/2600 61/2600 61/2600 46,5/2600 61/2600 93/2300 93/2300 93/2300 93/2300 111/2200 111/2200 111/2200 150/2200 150/2200 175/2400 175/2400 175/2400 175/2400 175/2400

1,4 2 2 2,5 2,5 3 3 3,5 3,8 4,2 5 5,5 6 6,5 6,2 7,6 8,5 9,5 11,3 12,5 10,6 11,6 13,3 16 18 21 20 19 23 21

7 7 7 7 7 7 7 10 7 7 7 14 12 10 7 7 14 12 8,6 7 14 12 8,6 12 8,6 8,6 10 12 8,6 12

18,5 19,4 23,3 32,5 31,5 36

2 2,5 3 3,7 4 3,5

7 7 7 7 7 7

BOTTARINI MSC 20 MSC 30 MSC 45 MSC 50 MSC 76

COMPAIR ITALIA C 14 C 20 NF C 20 F C 25 NF C 25 F C 30 NF C 30 F C 35-10 C 38 C 42 C 50 C 55-14 C 60-12 C 65-10 C 62 C 76 C 85-14 C 95-12 C 110-9 C 125 C 105-14 C 115-12 C 140-9 C 160 TS 12 C 180 TS 9 C 210 TS 9 C 200 TS 10 C 190 TS 12 C 230 TS 9 C 210 TS 12

IRMAIR IRMAIR 2 IRMAIR 2,5 IRMAIR 3 IRMAIR 3,5 IRMAIR 4 IRMAIR 4G

Kubota Kubota Deutz Deutz Deutz Deutz

73

MODELLO

IRMAIR 5,5 IRMAIR 8 IRMAIR 11 IRMAIR 11-12H

MOTORE

Deutz Deutz Deutz Deutz

POTENZA kW/giri

RESA PRESSIONE mc/min lavoro/bar

36 56,5 88 104

5,3 8,1 11,1 10,4

7 7 7 12

Honda Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Mercedes Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota ABM ATB Siemens

13,2/2500 14/3600 18,6/2900 23,5/2900 30,6/2800 34,3/2800 31,3/3000 34,3/2800 33,6/2400 41,8/2750 58,5/2400 71,7/2600 83/2300 260/2200 33,6/2400 34,3/2800 34,3/2800 41,8/2750 41,8/2750 58,5/2800 58,5/2800 7,5/3000 22/3000 30/3000

1,2 2 2,6 3 4,3 4,3 5 5,2 5,7 6,4 8,1 10,2 11,1 27 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.

07-10 7 7 7 7 07-10 7 7 7 7-10 7-14 7-14 7 7-12 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7

Lombardini Lombardini Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota

14 14 15,2 15,2 20,2 20,2 25,4 25,4 36,4-42,8 36,4-42,8 42,8 42,8

1,4 1 2,1 2,1 2,8 2,8 3,3 3,3 4,65 4,65 5,6 5,6

7 10 7 7 7 7 7 7 7-10 7-10 7 7

Briggs Honda Kubota Honda Perkins Perkins Kubota Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Deutz Deutz Perkins Perkins Perkins

10,8/3000 13,2/2900 19,7/2800 16/2800 19,7/2600 19,7/2900 18,5/2900 25,2/2700 25,2/3000 38/2500 38/2900 47,1/2500 62/2800 62/2800 96,5/2200 96,5/2200 96,5/2200

1,2 1,6 1,8 1,9 2,1 2,5 2,5 3 3,6 4,5 5,2 7,1 8 8,5 9,5 10,5 12

6 6 7 6 7 7 7 7 7 7 7 7 8 7 12 10 7

KAESER COMPRESSORI M 13 M 20 M 26 M 30 M 43 M 45 M50 M52 M 57 M 64 M 80 M 100 M 122 M 270 M 36 G 13 kva M 45 G 8,5 kva M 52 G 8,5 kva M 64 G 8,5 kva M 64 G 13 kva M 80 G 8,5 kva M 80 G 13 kva M 12 E M 34 E M 46 E

MATTEI DRW 714 DRW 1010 DRW 721 traino cant. DRW 721 semifisso DRW 728 traino cant. DRW 728 semifisso DRW 733 traino cant DRW 733 semifisso DRW 748 traino cant. DRW 748 semifisso DRW 756 traino cant. DRW 756 semifisso

ROTAIR VRK 120 VRK 160 VRK 185 D VRK 200 MDVN 21 AP MDVN 25 AP MDVN 25 AK MDVN 30 AP MDVN 36 AP MDVN 45 AP MDVN 52 AP MDVN 71 AP MDVN 80 AD MDVN MDVS 95 P12 MDVS 105 P10 MDVS 120 P7

CSC maggio 2009


LISTINI

PALE CARICATRICI

TERNE MODELLO

MOTORE

POTENZA kW/giri

FORXA PROFOND. SOLL. RETROESCAV.

PESO Kg

VELOCITÀ MAX

71 71 82 82 82 82

6545 6545 6545 6545 7400 7400

4590 5770 5770 5770 6120 6120

7910 7910 8140 8140 8800 8800

41 41 41 41 41 41

61/2200 67/2200 73/2200 73/2200

n.d. n.d. n.d. n.d.

4919-5976 4965-5954 4972-5974 5447-6541

9050 9050 9600 9250

40 40 38 41

MODELLO

POTENZA kW/giri

MOTORE

CAPACITÀ BENNA

PESO Kg

VELOCITÀ GOM.O MAX CING

CASE 580 SR Fox 580 SR 590 SR 590 SRP 695 SR 695 SRP

CNH CNH CNH CNH CNH CNH

428 E 432 E 434 E 442 E

Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar

E 215 K E 225 K E 235 K E 245 K E 265 E 398

Kubota Kubota Kubota Kubota Perkins Perkins

18,4/2800 18,4/2800 33,7/2800 36,7/3000 52/2800 91,9/2400

550 650 n.d. n.d. n.d. 6600

2200 2350 2850 3000 3300 4800

1560 1900 2900 3430 5650 8950

20 20 21 23,5 38 35

TA 450

Yanmar

32,6/2600

2900

2800

3100

24

1 CX 1 CX HF 2 CX 3 CX T 3 CX PT 3CX PTSE 3 CX Super 3 CX PTSE Super 4 CX T 4 CX TSE 4 CX T Super 4 CX TSE Super

Perkins Perkins Jcb Jcb Jcb Jcb Jcb Jcb Jcb Jcb Jcb Jcb

35/2800 35/2800 55/2200 68/2200 74/2200 74/2200 68/2200 68/2200 74/2200 74/2200 74/2200 74/2200

2400 2400 2200 3320 3320 2980 3380 3425 3880 3425 3880 3425

2551 2551 3700 4750 4750 5970 4720 5930 4670 5880 5350 6510

2840 2870 5599 7370 7370 8070 7725 8425 7950 8660 8130 8880

11 11 34 36 40 40 36 40 40 40 40 40

WB 93 R-5 WB 97 R-5 WB 93 S-5 WB 97 S-5

Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu

74/2200 74/2200 74/2200 73/2200

5300 5300 5300 5300

5020 5290 5020 5290

7460 7560 8050 8150

40 40 40 40

B 90 B B 90 BLR B 100 B B 100 BLR B 110 B B 115 B

Cnh Cnh Cnh Cnh Cnh Cnh

72/2200 72/2200 72/2200 72/2200 82/2200 82/2200

3550 3550 3550 3550 3550 3550

5.570 5750 5570 5750 4710 5600

7480 7480 7630 7630 7630 8370

38,9 38,9 38,9 38,9 38,9 39

PB 30 PB 50.2 PB 60 PB 70.2 PB 80.2 PB 90.2

Yanmar Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins

29/2400 53/2400 53/2600 69/2300 86/2200 91/2200

1350 2450 3200 3200 3400 3800

2750 3650 4000 4200 4800 5800

3350 5500 6100 6500 8200 9000

20 30 30 30 32 33

CATERPILLAR

EUROCOMACH

FIORI JCB

KOMATSU ITALIA

NEW HOLLAND

PALAZZANI

TEREX 820 860SX 860 ELITE 880SX 880 ELITE 970 ELITE 980 ELITE

n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.

70/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74,5/2200 74/2200

n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.

4471 4438 4438 4438 4438 4431 4431

7165 7370 7370 7370 7370 7537 7537

38,9 38,9 40 38,9 41,2 39,7 39,7

VF 6.23 B VF 8.23 D VF 10.23 C VF 1.33 B VF 10.33 B

Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins

63/2200 77/2200 86/2200 40/2800 77/2200

1400 1400 1500 700 1500

5100 5400 6000 3250 5800

7400 7600 9000 3300 8800

30 38 38 20 38

BL 61 Plus BL 71 Plus

Volvo Volvo

68/2200 72/2200

n.d. n.d.

5343 5343

8168 8594

36,7 37,6

VENIERI

VOLVO C.E.

74

www.bobcat.com S70 S100 S 130 S 150 S 160 S 175 S 185 S 205 S 220 S 250 S 300 S 320 A 300 T 140 T 190 T 250 T 300 T320

Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota

16.8/3000 25/3000 34.3/2800 34.3/2800 41.8/2800 34.3/2800 41.8/2800 45.5/2700 54/2400 54/2400 58/2400 62.5/2400 58/2400 34.3/2800 45.5/2900 58/2400 58/2400 67.6/2400

343 450 590 680 726 794 840 930 999 1135 1362 1542 1362 642 1088 1168 1461 1461

1291 1800 2465 2692 2774 2873 2821 3053 3414 3570 3860 4166 3954 3021 3473 4260 4421 4401

10,5 10,4 11,8 11,3 11,8 11,8 11,8 11,3 18,5 18,5 18,5 19.1 19,1 11,8 11,4 10,6 10,6 10.6

G G G G G G G G G G G G G C C C C C

Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota

25,4/2800 34,6/2800 43,5/2800 64/2600 43,5/2800

n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.

2000 2500 2700 3150 3400

10,5 11 11,5 16 11,5

G G G G C

41 42 51 54 88 128 128 148 204 239

800 900 900 1000 1900 2340 2700 3300 4500 5800

4624 4920 5420 5750 12100 12500 14000 17160 23000 30360

30 30 30 30 39 39 38 37 37 34

G G G G G G G G G G

37/2600 43/2600 43/2600 53/2600 43/2600 54/2600 61/2600 61/2600 68/2600 43/2600 43/2600 61/2600 61/2600 68/2600 63/2600 63/2600 70/2600 53/2600 53/2600 60/2600 72/2600 105/2600 105/2600 121/2300 121/2300 147/2100 162/1800 172/1800 213/1800 232/1800 293/1800 414/354 512/2000 674/1750 1176/1600

n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 700/1200 700/1200 900/1500 1400 1800/2800 1700/2100 2000/2500 2100/5000 2300/3000 2700/4000 2900/4300 3500/4800 3800/5500 4500/6100 6300/8000 8400/9200

11,3 13 10 12 11 13 13 13 12 12 12 15 15 15 14 14 14 35 35 35 35 39 n.d. 38 n.d. 43 40 40 37 n.d. n.d. 38,6 24,8 24 n.d.

G G G G G G G G G C C C C C C C C G G G G G G G G G G G G G G G G G G

CAMS 635 755 865 985 T 865

CASE 21 E 121 E 221 E 321 E 521 E 621 E 721 E 821 E 921 E 1221

216B2 226B2 HF 232B2 236B2 242B2 HF 246C XPS 256C XPS 262C XPS 272C XPS 247B2 HF 257B2 HF 277C XPS 287C XPS 297C XPS 279C 289C XPS 299C XPS 906H 907H 908H 914G 924H 924Hz 928Hz 930H 938H 950H 962H 966H 972H 980H 988H 990H 992K 994F

Iveco Iveco Iveco Iveco Case Case Case Case Cummins Cummins

www.cat.com Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar

CSC maggio 2009

2590 2680 3056 3180 3136 3348 3432 3614 3761 3607 3607 4250 4479 4640 4487 4702 4867 5630 5810 6465 7950 11800 11000 12600 13200 15100 18500 19630 23900 25900 31000 51000 77840 10700/12300 97295 14000/36000 195400


LISTINI

PALE CARICATRICI MODELLO

MOTORE

POTENZA kW/giri

CAPACITÀ BENNA

PESO Kg

VELOCITÀ GOM.O MAX CING

IT14G IT38H IT62H 953D 963D 973C

Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar

72/2300 147/2100 172/1800 110/2000 141/2000 178/2100

1400 2300/3000 3200/8400 1850 2450 3200

8450 15000 20000 15600 20470 26400

35 38 38 10 10 10

G G G C C C

430 Plus 440 Plus 450 Plus 460 Plus Mega 160 Mega 160 TC Mega 200-V DL 200 DL 250 DL 300 DL 400 DL 500

Cummins Cummins Cummins Cummins Doosan Doosan Doosan Doosan Doosan Doosan Cummins Cummins

45,7/2800 47,7/2600 66/2600 66/2600 74/2200 74/2200 116/2000 107/2100 121/2100 162/2000 209/2000 250/1900

658 839 885 1020 1600 1600 2000 2000 2800 3500 4700 5200

2561 2782 3135 3254 8600 9030 11500 11260 14500 18100 22800 30700

12,1 11,8 12,3 12,3 34,5 34,5 34,5 35 34 34 38 35

G G G G G G G G G G G G

ESK.130 ESK 150.3 ESK 160.3

Kubota Kubota Kubota

27,6/2800 35/2800 44,5/2800

250 360 400

1680 2600 3400

11,5 11,8 12

G G C

AL 450

Yanmar

32,6/2800

500

3100

24

G

SL 1640 SL 3840 SL 4240 SL 4640 SL 5240 SL 5640 SL 6640 SL 7810

Kubota Yanmar Yanmar Deutz Deutz Yanmar Yanmar Cummins

16 26,1 34 47,2 47,2 62,6 62,6 74

150 280 310 370 430 540 540 890

1290 1814 2096 2914 2939 3348 3538 4654

9,5 10,3 10,9 19,9 19,9 20 20 20

G G G G G G G G

DOOSAN

EUROCOMACH

FIORI GEHL

IHIMER M 918 Mustang 2026 Mustang 2041 Mustang 2054HF Mustang 2076HF Mustang 2076HF

Lombardini

16,2/2800

160

1250

5,8

G

Yanmar

35/2600

250

1814

10,9

G

Yanmar

46/2600

270

2087

10,3

G

Yanmar

49/3000

370

2744

11,5

G

Yanmar

84/2500

420

3393

12,4

G

Yanmar

84/2500

480

4400

9,00

C

27,1/3000

320

1940

9

G

Kohler Kohler Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota

18,6/3600 18,6/3600 19,4/3000 14,8/3200 24,6/3000 32,1/2800 37,3/2800 44,4/2800 44,4/2800 65,2/2750 65,2/2750 65,2/2750

130 130 130 190 280 330 330 380 380 400 400 460

794 998 1066 1353 1679 2427 2585 3175 3266 3629 3708 4763

4,8 5,1 7,1 8,1 9,3 10 9,7 12,4 12,4 19,8 19,8 19,8

G G G G G G G G G G G C

Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins JCB JCB JCB JCB Perkins

37,3/2200 37,3/2200 37,3/2200 37,3/2200 44,7/2200 44,7/2200 63/2000 63/2000 68,9/2200 68,9/2200 44,7/2800

290 360 360 360 450 450 500 500 600 600 360

2650 2650 2715 2715 2740 2740 3710 3710 3820 3820 3630

10 10 11 11 11 11 11 11 11 11 11

G G G G G G G G G G G

HINOWA Rhino 130-35 Yanmar

HYUNDAI HSL 215 T HSL 240 T HSL 245 T HSL 400 T HSL 500 T HSL 600 T HSL 680 T HSL 800 T HSL 960 T HSL 1200 T HSL 1500 T HSL 1500 T

JCB 160 160 HF 170 170 HF 180 180 HF 190 190 HF 1110 1110 HF T 180

75

MODELLO

MOTORE

POTENZA kW/giri

CAPACITÀ BENNA

PESO Kg

VELOCITÀ GOM.O MAX CING

T 180 HF T 190 T 190 HF T 1110 T 1110 HF 406 407 ZX 409 ZX 411 HT 416 HT 426 ZX 426 HT 436 ZX 436 HT 456 ZX 456 HT

Perkins JCB JCB JCB JCB Deutz Perkins Perkins Jcb Jcb Cummins Cummins Cummins Cummins Cummins Cummins

44,7/2800 63/2000 63/2000 68,9/2200 68,9/2200 41,5/2000 50,2/2000 50,2/2000 62,9/2200 86,8/2200 106/2200 106/2200 123/2200 123/2200 154/2200 154/2200

360 500 500 600 600 800 700 900 1200 1600 2000 2000 2600 2600 3100 3300

3630 4650 4650 4960 4960 4934 4710 5250 8087 9055 13290 13400 14997 14564 18823 20143

11 10 10 10 10 20 20 20 37,5 36,3 37,9 37,9 39 39 37,4 37,4

G G G G G G G G G G G G G G G G

65 ZV 70 ZV-2 80 ZV-2 85 ZV-2 90 ZV-2 95 ZV-2 95 ZV-2SB 115 ZV-2 115 ZV-2SB 135 ZV

Cummins Cummins Cummins Cummins Cummins Cummins Cummins Cummins Cummins Cummins

105 137 160 179 213 291 291 377 395 530

2400 3000 4500 5000 6000 7500 5500 10000 6500 10300

12000 15000 19000 21000 24000 33000 36000 48000 52000 80000

n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.

G G G G G G G G G G

SK 510-5 SK 714-5 SK 815-5 SK820-5 Turbo SK 1020-5 SK 1026 CK 20-1 CK 25-1 CK 30-1 CK 35-1 WA80-5 WA100-5 WA 150 PZ-5 WA 200-5 WA 200 PT-5 WA 200 PZ-6 WA 250 PZ-5 WA 320 PZ-6 WA 380-6 WA 430-6 WA 470-6 WA 480-6 WA 500-6 WA 600-6 WA 800-6 WA 900-6 WA 1200-3

Komatsu Komatsu Komatsu

22,5/2800 33,6/2800 33,6/2800

230 350 400

1855 1716 2630

10 16 16

G G G

KAWASAKI

www.komatsuitalia.it

n.d.

38,9

400

2940

n.d.

G

Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komtsu Cummins

51,1/2500 62/2500 51,8/2500 51,8/2500 62,5/2500 62/2500 45/2350 61,5/2350 71/2000 92/2000 92/2000 94/2000 101/2000 125/2000 142/2100 173/2000 203/2000 223/2000 263/1900 393/1800 603/2000 638/2050 1165/1900

450 450 400 400 450 450 1250 1800 1700 3200 3200 2100 4000 3200 4500 4200 6000 5000 6300 7000 14000 13000 20000

3420 3600 3750 3820 4290 4560 5640 6720 8700 10750 10960 11295 12500 15235 17300 20000 24000 25000 32500 52930 104500 107350 210100

16 16 12 12 12 12 30 30 39 38 38 38 38 38 39 35,2 40 40 40 38 28,3 28,3 n.d.

G G C C C C G G G G G G G G G G G G G G G G G

Kubota Kubota Kubota

18,0/2600 29,0/2600 33,0/2600

260 400 650

2150 3040 3980

14 20 20

G G G

42 46 46 54 58 72/2400 86 86 105 105 130 140 190

800 900 1000 1100 1200 1500 2000 2200 2500 2700 3200 3600 4000

5120 5240 5480 6080 6250 8350 10600 11100 12755 13320 16525 17270 22500

20 20 20 20 20 30 40 40 40 40 40 40 40

G G G G G G G G G G G G G

KUBOTA R 310 alfa R 420 alfa R 520 alfa

LIEBHERR L 506 L 507 L 508 L 509 L 510 L 514 L 524 2+1 L 528 2+1 L 538 2+1 L 542 2+1 L 550 2+2 L 556 2+2 L 566 2+2

n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. Liebherr n.d. n.d. n.d. n.d. Liebherr n.d. n.d.

(segue a pag. 76

CSC maggio 2009


LISTINI

PALE CARICATRICI LIEBHERR (segue da pag. 75) MODELLO

L 576 2+2 L 580 2+2 L 586 2+2 LR 614 LR 624 LR 634

MOTORE

n.d. n.d. n.d. Liebherr Liebherr Liebherr

POTENZA kW/giri

CAPACITÀ BENNA

PESO Kg

VELOCITÀ GOM.O MAX CING

200 200 250 74 105 135

4500 5000 5500 1250 1800 2400

24260 24580 31380 12200 18500 22700

40 40 40 9,6 10 10

G G G C C C

32/2800 32/2800 32/2800

360 360 360

2700 2800 2800

8 10 n.d.

G G G

25,4 25,4 32,5

244 244 340

2220 1850 2300

9 10 10

C G G

61 55 45 39 34 28 45 61 40 48 55 61 106 106 128 128 145 145 169 239

0,34-0,45 0,34-0,45 0,34-0,45 0,31-0,41 0,31-0,41 0,21-0,31 0,34-0,45 0,52-0,64 0,70-0,80 0,80-0,90 0,90-1,00 1,00-1,20 1,7-2,1 1,7-1,8 2,0-2,4 2,0-2,1 2,4-2,8 2,4-2,5 3,1-3,5 4,0-4,6

3221 3218 2826 2515 2510 2045 3418 4152 4760 5085 5580 5930 10825 10510 12940 13055 14840 14670 17600 23170

18,2 18,2 16,1 11,8 11,8 11,8 12 12,9 20 20 20 20 35,9 35,9 38,6 38,6 38 38 37 37,4

G G G G G G C C G G G G G G G G G G G G

29/2400 53/2400 60/2600 69/2200 86/2200 91/2200

500 750 1000 1100 1200 1500

3000 4700 5500 7000 7500 8150

20 30 30 32 32 35

G G G G G G

MACMOTER Castoro 35 Castoro 45 Castoro 48

Perkins Perkins Perkins

MESSERSÌ CTL 35 SL-35 SL-45

Kubota Kubota Kubota

NEW HOLLAND L185 L 180 L 175 L 170 L 160 L150 C175 C185 W 50 BTC W 60 BTC W 70 BTC W 80 BTC W 110 B W 110 TC W 130B W 130 BTC W 170 B W 170 BTC W 190 B W 270 B

Cnh Cnh ISM ISM ISM ISM ISM Cnh Cnh Cnh Cnh Cnh Cnh Cnh Cnh Cnh Cnh Cnh Cnh Cummins

PALAZZANI PL 35 PL 45.2 PL 55.2 PL 65.2 PL 75.2 PL 85.2

Yanmar Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins

www.scaispa.com ZX 140 ZX 150 ZW 180 ZW 220 ZW 250 ZW310

Cummins Cummins Cummins Isuzu Isuzu Mercedes

96/2000 107/2000 128/2200 164/2000 179/2000 220/1800

2000 2300 2800 3300 3600 4200

11080 12220 14480 17930 20280 23450

39 39 38 36,5 36 35,5

G G G G G G

38,2/2800

298

3120

9,3

C

TAKEUCHI TL 220

Yanmar

76

POTENZA kW/giri

CAPACITÀ BENNA

PESO Kg

Yanmar Yanmar Kubota

50,1/2300 61,9/2500 68,3/2600

351 458 579

4080 4935 5635

10,9 11,6 11,1

C C C

Deutz Deutz Deutz Perkins Perkins Cummins Cummins Cummins Cummins Cummins

37/2300 44/2400 44/2400 54/2200 61,5/2200 74,5/2200 117/2400 129/2200 216 231

650 - 1000 700 - 1000 800 - 1200 1000 -1550 1200 -1800 1500-3000 2000-3500 2500-4500 4200 4500

3900 5200 4800 5700 6800 9200 12500 14400 23300 23900

36 36 36 36 40 40 40 40 40 40

G G G G G G G G G G

19,8 30,2 32 46/2800 56/2800 n.d. 83/2750 83/2750

n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.

1353 1679 n.d. 2504 3175 n.d. 3629 3629

8,1 9,3 n.d. 9,7 12,4 n.d. 12,1 19,8

G G n.d. G G n.d. G G

40/2800 40/2600 49/2300 63/2400 77/2200 86/2200 129/2200

400 700 800 1000 1200 1500 2200

2850 4400 5150 5600 7500 8800 12500

20 20 25 27 37 34 36

G G G G G G G

Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo

41/2300 43,7/2300 52/2300 59,3/2600 69/2200 73/2200 74,9/2200 117/2200 151/1700 126/1700 129/1700 170/1700 180/1700 210/1700 235/1400 235/1600 261/1600 397/1800

1100 1100 1500 1600 2000 2500 2000 3000 5000 6400 7000 9500 9500 12000 14000 n.d. 14000 12700

4550 5000 5500 6250 7820 8330 8630 8700 12300 15000 17000 20000 20700 26000 29000 33400 33000 56000

20 20 30 30 35 35 20 38,2 n.d. n.d. n.d. 37 37 36,1 36,1 n.d. 36 38,2

G G G G G G G G G G G G G G G G G G

Yanmar Yanmar

21,3/2500 31/2500

400 500

3050/3190 3420/3560

17,9 17,7

G G

MODELLO

TL 230 TL 240 Tl 250

MOTORE

VELOCITÀ GOM.O MAX CING

TEREX TL 65 / 60 TL 70 S TL 80 TL 100 TL 120 TL 160 TL 210 TL 260 TL 420 TL 450

THOMAS 85 105 137 153 175 185 250 255

Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota

VF VENIERI VF 1.33 B VF 2.63 BPlus VF 3.63 F VF 4.63 F VF 7.63 B VF 9.63 VF 9015

Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins

VOLVO C.E. L20B L25B L30B Pro L35B Pro L40B L45B L45F L50F L60F L70F L90F L110F L120F L150F L180F L180 High Lift L220F L350F

YANMAR V3-5 V4-5

CSC maggio 2009


LISTINI

ESCAVATORI MODELLO

MOTORE

POTENZA Kw/giri

CAPACITÀ BENNA

PROFONDITÀ SCAVO

PESO Kg

GOM.O CING

www.ammann-yanmar.com SV05 Yanmar 5,3/2000 SV08-1 Yanmar 7,7/2400 ViO10-2A Yanmar 9,2/2000 SV15 Yanmar 12,1/2600 SV17 Yanmar 9,5/2100 ViO17 Yanmar 10,1/2200 SV17Ex Yanmar 9,5/2100 SV20 Yanmar 13,4/2200 ViO20 Yanmar 14,3/2400 ViO25 Yanmar 15,2/2500 B25V Yanmar 15,3/2100 ViO30 Yanmar 18,4/2500 ViO35 Yanmar 18,5/2500 ViO45 Yanmar 22,6/2500 ViO50 Yanmar 28,8/2400 ViO57 Yanmar 28,8/2400 ViO75 Yanmar 43,4/2000 B7 Sigma* Yanmar 43,4/2000 SV100 Yanmar 54,8/2200 * braccio articolato in tre punti

n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. **Rops

1200 1500 1950 2000 2200 2200 2400 2480 2500 2600 2600 2800 3150 3500 3550 3730 4200 4350 4400

615 ** 1065 ** 1245 1535/1655 1670/1790 1740 ** 1805/1925 2125/2260 2215/2320 2665/2770 2690/2790 3140/3270 3435/3565 4430 4625 5325 7720 8030 9350

C C C C C C C C C C C C C C C C C C C

BOBCAT E08 E10 319 321 323 325 328 331 331E 334 335 337 341 425 428 430 430 FT 435 435 FT 442 444 E55W E60

Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Deutz Deutz Yanmar Kubota

7,4/2000 7,4/2000 9,9/2500 9,9/2500 9,9/2500 20,4/2200 20,42200 30,2/2400 32,1/2200 31,2/2200 35,4/2200 35,4/2200 35,4/2200 18,8/2300 18,8/2300 30,2/2400 30,2/2400 35,4/2200 35,4/2200 54/2200 70/2100 40,8/2400 37,6/2200

22 22 32 36 36 45 45 57 57 57 57 99 99 45 45 57 57 99 99 182 250 175 175

1820 1820 2008 2237 2337 2555 2859 3102 3098 3403 3614 3581 3981 2541 2845 3066 3066 3420 3420 4250 4330 3495 3725

1138 1176 1271 1476 1516 2892 3069 3461 3708 3647 4103 4972 5236 2604 2787 3662 3797 4737 4872 7500 12500 5550 6025

C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C G c

Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota

14,7/2500 14,7/2500 10,5/2500 18,4/2500 18,4/2500 24,2/2450 36,9/2400 22/2200 25,2/2200 32,5/2100 34/2400 34/2250

0,06 0,06 0,06 0,10 0,10 0,10 0,15 n.d. n.d. n.d. 0,15 n.d.

2150 2350 2290 2550 2700 3100 3700 2780 3100 3210 3640 3450

1550 1700 1800 2500 2900 3300 5250 3000 3600 4200 4800 5400

C C C C C C C C C C C C

CAMS 216 S 218 SV 219 RSV 224 S 229 S 234 S 254 ST CZ 30 CZ 37 CZ 42 CZ 50 CZ 55

CASE CX 15 B serie 2

Mitsubishi

11:03

34

2380

1450

C

CX 17 BZTS

Mitsubishi

11:03

34

2370

1650

C

77

MODELLO

CX 18 B serie 2 CX 20 BZTS CX 22 BZTS CX 27 BZTS CX 31 BZTS CX 36 BZTS CX 40 BZTS CX 50 BZTS CX 75 SR CX 135 SR CX 225 SR CX 80 CX 130B CX 160B CX 180B CX 210B CX 230B CX 240B CX 290B CX 350B CX 370B CX 470B CX 700B CX 800B WX 95 Serie 2 WX 125 Serie 2 WX 145 Serie 2 WX 165 Serie 2 WX 185 Serie 2 WX 210 Serie 2 WX 240 Serie 2

MOTORE

Mitsubishi Yanmar Yanmar Yanmar Yanmar Yanmar Yanmar Yanmar Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Case Case Case Case Case Case Case

POTENZA Kw/giri

CAPACITÀ BENNA

11:03 17 17 17 22 22 32 32 40 70,9 114,4 39 70,9 89,2 89,2 117 117 132 154 202 202 270 345 379 74 87 90 105 118 129 129

34 31 31 31 75 75 150 150 400 750 1100 310 800 950 950 1150 1150 1430 1550 1800 2100 2580 n.d. n.d. 450 600 850 1230 1230 1300 1300

PROFONDITÀ SCAVO

PESO Kg

GOM.O CING

2380 2650 2650 2790 3100 3350 3660 3900 4200 5240 6700 4600 5150 5600 6470 6111 6005 6400 6570 7340 7340 6720 7180 7030 4300 4800 5500 6000 6000 6300 6300

1590 2100 2420 2490 3140 3720 4200 4630 8060 14200 24500 8300 13800 16700 17900 21350 22700 24500 29100 34200 36200 48300 68900 80400 9950 12550 15900 17900 19700 21300 22700

C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C G G G G G G G

2320 2320 2930 3200 3450 3690 3890 4730 5590 6000 5950 6570 6920 6680 6680 6680 6740 7170 8090 7500 9462 10503 5750 6090 6070 6360 6680 n.d. n.d. n.d. n.d.

1720 1790 2850 3560 3910 5000 5400 8500 12500/13800 14500 13800/14400 16800/17250 19480/20100 24000/25500 23000/24500 24500 25400/26600 29100/30100 36250/37500 48985 68260 87700 14000/16200 16100/18300 17600/19800 18200/20100 20500/22500 21100/23400 23500/25700 30870 35260

C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C G G G G G

CATERPILLAR 301.6C 301.8C 302.5C 303C CR 303.5C CR 304C CR 305C CR 308D CR 311D LLR 312C L 314CL CR 315D L 319D LN 321D LCR 323D LN 323D S 324D LN 329D LN 336D LN 345C 365C 385C M313D M315D M316D M318D M322D M318D MH M322D MH M325D MH M325D LMH

CSC maggio 2009

Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar Caterpillar

13,5/2400 n.d. 13,5/2400 n.d. 18,6/2300 n.d. 22/2300 n.d. 29/2400 n.d. 31/2400 n.d. 35/2400 n.d. 43/2000 310 60/2200 320/720 67/n.d. n.d. 70/1950 520 91/2200 380/840 93/1800 840 103/1800 900/1100 110/1800 1740 110/1800 1740 140/1800 2290 152/1800 2290 200/1800 2290 239/1800 2600 302/1800 4600 390/1800 5200 95/2000 920 101/2000 1260 118/1800 1260 123/1800 1260 123/2000 1570 123/1800 n.d. 123/2000 n.d. 140/1800 n.d. 140/1800 n.d.


LISTINI

ESCAVATORI MODELLO

MOTORE

POTENZA Kw/giri

CAPACITÀ BENNA

PROFONDITÀ SCAVO

PESO Kg

GOM.O CING

DOOSAN Solar 015 Plus Solar 018 VT Solar 030 Plus Solar 035 Solar 055 V Plus Solar 75 V Solar 140 LC-V Solar 155 LC-V DX 27 z DX 30 z DX 35 z DX 140 LC DX 160 LC DX 180 LC DX 225 LC slr DX 225 NLC DX 225 LC DX 255 LC DX 300 LC slr DX 300 LC DX 340 LC DX 420 LC DX 480 LC DX 520 LC Solar 55 WV Plu DX 140 W DX 160 W DX 190 W DX 210 W

Mitsubishi Mitsubishi Isuzu Isuzu Yanmar Yanmar Daewoo Daewoo Yanmar Yanmar Yanmar Doosan Doosan Doosan Doosan Doosan Doosan Doosan Doosan Doosan Doosan Doosan Doosan Doosan Yanmar Doosan Doosan Doosan Doosan

12,7/2300 12,7/2300 18/1950 18/1950 38,1/2200 39,7/1900 71/1850 71/1850 15,8/2200 18,1/2400 19,5/2200 71/1850 96/1850 88/1950 129/1900 110/1900 110/1900 129/1900 147/1900 147/1900 184/1750 218/1800 245/1800 245/1800 42,4/2400 99/2000 99/2000 116/1900 120/2000

42 42 69 100 175 280 760 760 80 91 110 760 760 930 500 1050 1170 1400 640 1750 1830 2160 2860 3200 190 760 760 930 1218

2385 2325 2799 3383 3796 4420 5630 5500 2935 3185 3155 6150 5980 6120 11845 5755 6620 6815 13875 7360 7525 7730 7810 6770 3496 5530 5530 5600 6255

1570 1740 2870 3270 5500 8000 13900 14700 2.790 3180 3660 14000 15500 17660 27250 21200 21500 24600 30000 29300 34100 40900 47500 50700 5550 14060 16020 18840 20800

C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C G G G G G

Lombardini Lombardini

16/3600 15/2500

n.d. n.d.

1590 2030

800 980

C C

Kubota Mitsubishi Mitsubishi Mitsubishi Mitsubishi Mitsubishi Mitsubishi Kubota Kubota Mitsubishi

7,5/2400 12,5/2400 12,5/2400 12,5/2400 17,7/2100 19,9/2400 19,9/2400 32,3/2400 32,3/2400 40,8/2300

22 50 50 60 70 100 110 160 180 250

1500 2150 2350 2665 2900 3130 3130 3705 3750 4180

760 1570 1630 2200 2940 3490 3620 5580 5350 7430

C C C C C C c C C C

EURODIG Minidig 700 Minidig 1000

HANIX H 08 B H 15 B2 H 15 B2 Plus H 22 B H 26 C H 36 C H 36 CR H 55 DR H 56 C H 75 C

www.hinowa.com HS 850 HS 850 DB 10.13 TT 1350 VT 1600 VT 1700 VT 2500 VT 3000 VT 4000

Honda Yanmar Honda Yanmar Yanmar Yanmar Yanmar Yanmar Perkins

9/3600 10/3600 9,6/3600 14,5/3600 17,7/3600 17,7/3600 17,7/3600 27,1/3600 34/2800

n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.

950 950 1700 1990 2150 2150 2400 2815 3275

780 800 920 1350 1600 1700 2500 3080 3980

C C C C C C C C C

Yanmar Yanmar Yanmar Yanmar Yanmar

7,3/2400 9,6/2300 9,7/2300 9,6/2300 9,6/2300

22 40 40 40 40

1570/1770* 2010 2100/2350* 2100/2360* 2460

964 1525/1685 1695/1755 1625/1785 1745/1905

C/G

IHIMER 9 VX 14 NXT 15 NX 16 NXT 18NXT

C/G C/G C/G C/G

78

MODELLO

MOTORE

20VX Yanmar 25VX Yanmar 30VX Yanmar 35VX Yanmar 40VXL Isuzu 55N Yanmar 50VX Yanmar 55VX Yanmar 65VX Yanmar 80VX Isuzu *versione con braccio lungo

PROFONDITÀ SCAVO

POTENZA Kw/giri

CAPACITÀ BENNA

PESO Kg

GOM.O CING

13/2200 13,5/2300 17,8/2200 20,3/2300 28,3/2300 40,8/2400 27,3/2300 27,3/2300 41/2400 43,2/2100

70 80 90 110 120 180 160 180 200 250

2250/2550* 2520/2820* 2900/3200* 3150/3450* 3400/3650* 3850/4100* 3600/3900* 3800/4100* 3915/4215* 4200/4500*

2090/2150 2660/2770 3115/3165 3405/3515 4535/4685 5405/5455 4950/4990 5450/5480 6305/6325 8175/8175

C/G

9,2/2300 12,8/2200 12,8/2200 13,2/2200 14,2/2200 14,2/2200 14,2/2200 20/2200 20/2200 20/2200 33,1/2200 33,1/2200 34,1/2600 38,1/2600 44/2300 44/2300 72,8/2100 128 128 70/2100 70/2100 81/2200 98/1750 102/1950 102/1950 102/1950 102/2150 120/2150 161 202/2000 202 228/2000

n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 300 710 1130 1130 710 710 800 900 1330 1300 1400 1650 1650 1660 1850 1850 2700

1690 1942 2365 2357 2357 2470 2621 2832 3119 3512 3525 3725 3956 4350 4214 4138 5550 6080 5570 5550 5550 5940 6252 6020 6020 5920 6140 6140 7020 6800 6680 7730

950 1072 1320 1564 1590 1660 2060 2685 3220 3651 4300 4750 5300 6584 8250 7300 14500 23270 24420 13900 13900 16985 19418 20450 21150 22950 24250 25450 31242 31900 38372 45050

C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C

6,3/2200 11,2/2600 11,2/2600 11,2/2600 15,5/2500 15,5/2500 21,6/2400 21,6/2400 28,5/2500 29,4/ 50 45,6/2200 51 70,9/2000 51/2000 70,9/2000 66/2200 68,4

20 60 60 60 85 85 130 130 175 160 460 270 282 400 282 400 800 800

1465 2250 2410 2410 2750 2720 3130 3455 3770 3800 4250 4350 4745 4555 4620 4250 6015 5955

880 1440 1570 1840 2140 2550 3140 3575 4595 5040 7160 8000 8274 10500 8620 9950 13000 12800

C C C C C C C C C C C C C C G G C C

C/G C/G C/G C/G C/G C/G C/G C/G C/G

JCB Micro 8008 Micro Micro Plus 8014 8016 8018 8020 8025 ZTS 8030 ZTS 8035 ZTS 8040 ZTS 8045 ZTS 8055 ZTS 8065 RTS 8080 JZ 70 JZ 140 JZ 235 JZ 255 JS 130 JS 145 JS 160 JS 190' JS 210 JS 220 JS 235 HD JS 240 JS 260 JS 290 JS 330 JS 360 JS 460

Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu

KOMATSU ITALIA PC 09-1 PC 14 R-3 PC 16 R-3 PC 18 MR-3 PC 20 MR-2 PC 26 MR-3 PC 30 MR-3 PC 35 MR-3 PC 45 MR-3 PC 50 MR-2 PC 75 R-2 PC 80 MR-3 PC 88 MR-6 PC 110 R-1 PW 98 MR-6 PW 110 R-1 PC 130-7 PC 130-8

CSC maggio 2009

Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu


LISTINI

ESCAVATORI MODELLO

PC 130-350 PC 138 US-8 PC 160 LC-7 PC 180 LC-7 PC 180 NLC-7 PC 210LC/NLC-8 PC 210LC/NLC-8 Waste Spec. PC 210 LC-8 MH PC 230NHD-8 PC 228USLC-3 PC 240LC/NLC-8 PC 290LC/NLC-8 PC 350LC/NLC-8 PC 450LC/HD-8 PC 600 LC-8 PC 800 LC-8 PC 1250 SP-8 PC 2000-8 PW 140-7 PW 160-7 PW 180-7 PW 200-7 PW 220-7

PROFONDITÀ SCAVO

POTENZA Kw/giri

CAPACITÀ BENNA

Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu

184 68 86/2200 862200 86/2200 110/2000

470 720 940 1140 1140 1680

17485 5900 6250 6250 6250 6620

13280 13500 17160 18400 18400 21390

C C C C C C

Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu Komatsu

110/2000 110/2000 110/2000 110/2000 125/2000 140/2050 184/1900 257/2050 317/1800 363/1800 6620 713 86 90/2300 109/2300 125 125

1680 n.d. 1580 1500 1890 2020 2660 3500 3500 6000 6700 12000 970 970 1130 1580 1680

6620 n.d. 6595 6625 7320 7220 8180 9255 8490 8445 11590 9235 5745 5770 6044 6860 6860

21990 25000 22820 23850 24600 29610 34310 44350 57640 78400 106500 195000 12670 14200 16020 18970 19490

C C C C C C C C C C C C G G G G G

MOTORE

PESO Kg

GOM.O CING

www.kubota.com K008-3 U10-3 U17-3 α KX36-3 KX41-3 S KX41-3 V U-20-3 S α U-20-3 V α U25-3 α KX61-3 KX71-3 U30-3 α2 KX91-3 α2 U-35-3 α2 KX101-3 α2 KX121-3 α U45-3 α U-50-3 α KX 161-3 α KX080-3 α

Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.

R 924 C R 934 C R 944 C R 954 C R 964 C R 974 C R 984 C R 9250 R 9350 R 995 R 996

MOTORE

n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. Cummins n.d. n.d. n.d. n.d.

PROFONDITÀ SCAVO

POTENZA Kw/giri

CAPACITÀ BENNA

PESO Kg

GOM.O CING

130 150 190 240 320 400 504/1800 960 1120 1600 2240

1800 1950 2500 3000 5000 6200 10000 17000 18000 26500 33000

n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 9150 n.d. n.d. n.d. n.d.

28300 33800 41500 56500 76900 97100 123400 250000 302000 441000 659000

C C C C C C C C C G C

13,2/2400 18,4/2400 20/2400 31,5/2400 41/2400 41/2400 47/2000 47/2000 51/1800 51/1800 73,5 54/2000 74,5/2200

n.d. 68 92 140 180 180 230 230 215 230 300 210 450

2340 2530 2800 3600 3800 3830 3490 3210 4200 3900 4030 3780 4075

1500 2200 3200 4700 6500 6800 7600 7600 8000 8000 9800 9800 11500

C C C C C G C G C G C G G

15,4 15,4 16 16 17,5 25,7 25,4 25,4 35 30 54,4

25 36 36 36 60 64 64 64 64 180 180

1960 2145 2160 2360 2315 2620 2570 3050 nd 3630 3300

1350 1530 1630 1740 2100 2680 2890 3190 3600 4900 6000

C C C C C C C C C C G

6 11,2 11,2 11,3 17 17 17 22 22 32 32 42 42 74 84 118 129 129 90 105 70 74 118 74

0,020 0,069 0,069 0,044 0,088 0,088 0,088 0,12 0,12 0,18 0,18 0,35 0,35 0,28 0,57 0,95 1,09 0,50-1,20 0,65 0,23-0,81 1,65 0,70 0,80 0,76

1750 2400 2400 2370 2650 2650 2790 3100 3350 3660 3900 4580 4700 4298 4838 6105 7300 7200 5415 6015 5850 5980 6590 6080

1060 1700 1780 1650 2230 2550 2760 3250 3840 4440 4870 7835 8595 10000 12600 20430 21480 22700 15335 18490 16200 16600 23400 15210

C C C C C C C C C C C C C G G G G G G G C C C C

MACMOTER M1S M2S M3S M5S M6 M6M SX 8 SX 8 M M8 M8M M 10 M 10 M M 12 M

Perkins Perkins Deutz Perkins Deutz Deutz Deutz Deutz Perkins Perkins Perkins Perkins Perkins

MESSERSÌ

7,4/2050 7,4/2050 11,8 /2300 9/2300 11,8/2300 11,8/2300 14,0/2200 14,0/2200 15,5/2400 18,2/2100 22,5/2300 16,6/2200 19,6/2200 20,3/2300 20,3/2300 29,4/2250 29,4/2250 29,4/2250 29,4/2250 47,8/2000

18 20 40 35 40 40 56 56 64 60 70 80 78 100 93 110 120 140 150 210

1720 1800 2310 2230 2370 2380 2320 2540 2820 2740 2870 3060 3180 3350 3300 3510 3400 3650 3870 4600

850 990 1650 1490 1520 1630 2030 2160 2470 2485 2685 3250 3130 3480 3410 3980 4500 4890 5100 8195

C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C

63 67 75 74,9 90 94 90 95 88 105 99 120 115 135 121

300 300 750 750 750 850 850 850 850 1050 1050 1400 1400 1400 1200

n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.

12100 13200 13800 16700 16550 18300 20500 19400 21100 21100 22000 22900 25900 25600 27700

G G G C G G C G C G C G C G C

LIEBHERR A 309 A 311 A 312 R 313 A 314 A 316 R 317 A 900 C R 900 C A 904 C R 904 C A 914 C R 914 C A 924 C R 924 (compact)

MODELLO

M-13 M-16U M-16 BV M-18 BE M-22U M-28U M-28 M-35 M-38 U M-50 M-60 W

Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Kubota Cummins Kubota

NEW HOLLAND E 9 SR Yanmar E 16B Yanmar E 18B Yanmar E18SR Mitsubishi E 20.2SR Yanmar E 22.2SR Yanmar E 27.2SR Yanmar E 30.2SR Yanmar E 35.2SR Yanmar E 40.2SR Yanmar E 50.2SR Yanmar E 70B SR (Mono) Isuzu E 80BMSR Isuzu MH 2.6 WT Cnh MH 3.6 WT Cnh MH 5.6 (Mono) Cnh MH 6.6 (Mono) Cnh MH 8.6 (Mono) Cnh MH city (Mono) Cnh MH plus (Mono) Cnh E150B Blade R. Isuzu E 135 BSR (Mono)Mitsubishi E 235 BSR Hino E 145 (Mono) Cnh

(segue a pag. 80)

79

CSC maggio 2009


LISTINI

ESCAVATORI NEW HOLLAND (segue da pag. 79) MODELLO

E 175B (Mono) E 195B (Mono) E 215B (Mono) E 245B (Mono) E 265B (Mono) E 305B (Mono) E 385B EL/LC E 485B LCH

PROFONDITÀ SCAVO

POTENZA Kw/giri

CAPACITÀ BENNA

93 93 118 118 262 152 209 258

0,90 0,53-1,30 0,52-1,31 0,52-1,31 1,40 1,65 0,72-1,8 1,6-2,2

6550 6620 7260 7242 7680 7850 8330 8280

18950 20600 23310 25380 28270 31620 37770 50250

C C C C C C C C

Yanmar Yanmar Shibaura Yanmar Shibaura Yanmar Shibaura Yanmar Kubota Yanmar Kubota Yanmar Yanmar Kubota Yanmar Yanmar Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu n.d. Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Isuzu Cummins

9,5/2100 10,7/2400 8,8/2300 11/2400 8,8/2300 14,3/2400 13,7/2200 19,4/2200 19,9/2300 22,3/2500 19,9/2300 22,3/2500 29,8/2500 26,5/2100 29,8/2500 39,4/2000 39,4/2000 39,4/2000 39,4/2000 69/2000 69/2000 69/1800 90,2/2200 90,2/2200 107/2000 90,2/2200 122/2000 122/2000 122/2000 122/2000 122/2000 122/2000 140/2000 140/2100 202/1900 260/1800 260/1800 345//1800 397/1800 5671800

30 44 42 42 42 64 64 79 100 100 110 100 150 150 150 240 330 330 330 510 510 510 510 910 910 1040 1040 1150 1150 1150 510 1150 1300 1660 2160 2740 3030 3500 4500 6700

1930 1670 2400 2370 2400 2585 2740 2920 3190 3130 3450 3460 3660 3920 3860 4120 4670 4610 4470 5080 5150 6020 4870 5620 5430 6120 5830 5800 6290 6670 6700 6180 6960 6540 6840 7770 7690 8560 8870 9380

1110 1570 1660 1850 1780 2350 2520 3140 2960 3410 3190 3860 4760 4660 4950 5990 7280 7800 8080 11100 13700 14300 16200 16600 18300 18900 19400 21600 20800 27250 27100 23200 24600 28300 34200 48100 51000 67300 84000 111000

C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C C G C G C G C G C C C C C C C C C C C

Yanmar Kubota Yanmar Yanmar Yanmar Yanmar Yanmar Yanmar Yanmar Yanmar Yanmar Yanmar Yanmar

6.8/2400 9/2200 13,7/2200 17,5/2400 21,5/2400 28,4/2400 13,9/2300 16,8/2300 21,5/2400 28,8/2400 45,3/2300 45,3/2100 45,3/2100

1000 1200 1200 1400 1400 1600 1400 1400 1400 1600 1600 1600 1600

1680 2175 2375 2875 3400 3785 2560 2575 3420 3900 4545 4590 4440

970 1572 1857 3125 3710 5305 2620 3320 4050 6075 9005 8010 8506

C C C C C C C C C C C C C

MOTORE

Cnh Cnh Cnh Cnh Cnh Cnh Hino Hino

PESO Kg

GOM.O CING

SCAI-HITACHI ZX 10 U-2 ZX 14-3 ZX 16 ZX 17 U-2 ZX 18 ZX 22 U-2 ZX 25 ZX 27 U-2 ZX 30 ZX 30 U-2 ZX 35 ZX 35 U-2 ZX 40 U-2 ZX 50 ZX 50 U-2 ZX 60 SB-3 ZX 70-3 ZX 85 US-3 ZX 85 SB-3 ZX 110-3 ZX 130-3 ZX 135US-3 ZX 140 W-3 ZX 160-3 ZX 170 W-3 ZX 180-3 ZX 190 W-3 ZX 210-3 ZX 210 W-3 ZX 210-3 HSD ZX 225US-3 ZX 240-3 ZX 250-3 ZX 280-3 ZX 350-3 ZX 470-3 ZX 520-3 ZX 670-3 ZX 870-3 EX 1200

TAKEUCHI TB 108 TB 014 TB 016 TB 228 TB 235 TB 250 TB 23 R TB 28 FR TB 138 FR TB 153 FR TB 180 FR TB 175 Monolitic TB 175 Triplice

80

TB 175 W TB 1140

PROFONDITÀ SCAVO

POTENZA Kw/giri

CAPACITÀ BENNA

Yanmar Isuzu

53,6/2200 69,2/2100

1600 1600

4085 5000

8650 14785

G C

Mitsubishi Mitsubishi Mitsubishi Mitsubishi Mitsubishi Mitsubishi Mitsubishi Mitsubishi Yanmar Mitsubishi Deutz Deutz Cummins Cummins Cummins Cummins Yanmar Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Deutz Cummins Cummins

13,3/2400 13,3/2400 13,3/2400 18/2200 20,5/2200 23,8/2100 23,8/2100 34,6/2200 29/2200 37,9/2400 54/2000 69/2100 104 116 125 125 44/2300 60/2000 67/2000 77 80 105 105 104 125

61 69 69 89 89 181 181 245 245 250 335 450 1370 1370 870 1870 270 385 410 1000 1100 1100 1100 1300 1300

2180 2200 2400 2900 2760 3400 3180 3900 3700 3800 4250 4330 n.d. n.d. n.d. n.d. 3510 4080 4310 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.

1470 1630 1930 2600 2850 3500 3650 4680 5000 5650 7500 12500 22200 23900 25100 26600 6800 8400 10900 15900 17000 16500 17800 19000 24000

C C C C C C C C C C C C C C C C G G G G G G G G G

12/2200 12/2200 20/2800 20,4/2200 20/2800 27,1/2200 36/2100 38,8/2100 14,4/2200 20,3/2200 27,1/2200 38,2/2100 40,3/2100 91/2000 69/2000 106/2000 113/1900 69/2100 69/2100 87/1900 87/1800 110/1800 113/1800 110/1800 125/1800 143/1800 184/1700 235/1800 316/1800 316/1800

52 77 91 n.d. 91 153 235 231 91 78 187 231 306 940 875 930 1030 1080 930 1230 1230 1430. 1400 1300 1830 1950 2780 3530 6600 6600

2450 2810 3140 3100 3330 3710 4050 4360 2910 3310 3810 4240 4870 5700 8400 6200 6300 5500 5500 6000 6000 6700 5800 6800 7000 7300 7500 7700 7300 8400

1810 1957 2851 2790 3151 3565 5700 5500 2821 3437 4850 5970 8650 15800 15900 18000 20100 15600 15000 19100 19200 23400 25000 26100 26200 30400 39700 48300 70600 71700

C C C C C C C C C C C C C G C G G C C C C C C C C C C C C

MODELLO

MOTORE

PESO Kg

GOM.O CING

TEREX TC 15 TC 16 TC 20 TC 25 TC 29 TC 35 TC 37 TC 48 TC 50 TC 60 TC 75 TC 125 TC 210 LC TC 225 LC TC 240 LC TC 260 LC TW 70 TW 85 TW 110 TW 140 TW 150 TW 160 TW 170 TW 190 TW 240

VOLVO C.E. EC15B EC20B EC25 EC27C EC30 EC35C EC55C EC55B Pro ECR28 ECR38 ECR48C ECR58 Plus ECR88 Plus EW140C ECR145C EW160C EW180C EC140B EC140C EC160C EC180C EC210C EC235C ECR235C EC240C EC290C EC360C EC460C EC700B EC700C

CSC maggio 2009

Volvo Volvo Mitsubishi Volvo Mitsubishi Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo Volvo



CSC Cantieri Strade Costruzioni 2009 05