Issuu on Google+

copertina:Layout 1 30/05/13 09:27 Pagina 1

&regalo

CASA

MELAMINA

€ 5,00

ANNO 56 - NUMERO 591 - MAGGIO/GIUGNO 2013

ANNO 56 - NUMERO 591 - MAGGIO/GIUGNO 2013

TAVOLA · CUCINA · PORCELLANE · CRISTALLI · OGGETTISTICA

FIERE: CHICAGO E FRANCOFORTE

CAFFÈ: PRODOTTI E TENDENZE

SONDAGGIO: I PICCOLI ELETTRODOMESTICI


preview, Š Cyril Lagel. Organizzato da SAFI, filiale degli Ateliers d’Art de France e da Reed Expositions France. Tel. +33 (0)1 76 21 18 39. maison-objet@badgeonline.net

Collezioni casa 6-10 SETTEMBRE 2013 PARIS NORD VILLEPINTE www.maison-objet.com Il salone della moda-casa

Salone riservato agli operatori Visitatori: Saloni Internazionali Francesi Tel. +39 02 43 43 531 info@salonifrancesi.it


Pratico, originale e funzionale. È il nuovo contenitore a stantuffo per dessert.

Novità Estate 2013 Mini Push Up Pops

www.italiancakeart.com

REGISTERED DESIGNS

NUOVO PACKAGING I Push Up Pops sono disponibili nelle forme: TONDO - CUORE - FIORE cap. 90ml Il Mini Push Up Pops è disponibile nella forma: TONDO cap. 50ml

Laboratorio casalingo, attrezzature professionali per la pasticcera di casa!


03_editoriale:Layout 1 31/05/13 12:00 Pagina 1

Editoriale

Dalla lotta di classe alla lotta di tasse Il Governo è in carica da tre mesi, e non ha ancora prodotto nulla di buono. Eppure non sono mancate le sollecitazioni ed i suggerimenti delle parti sociali e del corpo vivo dell’economia, basta leggere i titoli dei giornali di questi ultimi giorni: “Sette imprese su dieci chiedono credito per non morire”; “L’appello: giù le tasse e più credito”; “Basta tasse, rischiamo il disastro”; “L’IVA mette a rischio 26 mila negozi”; “IMU troppo elevata, sospenderla per negozi ed alberghi”; “Con queste tasse la ripresa è impossibile”. Provvedimenti sul credito alle imprese e alleggerimento del carico fiscale sui consumi sono quindi le questioni fondamentali che interessano il commercio; ma non ci sembra che l’Esecutivo se ne renda conto appieno, se non a parole; infatti, se fosse un buon interprete di quello che accade nel nostro Paese, avrebbe già preso decisioni conseguenti: ed invece non si vede nulla, neppure un indizio che faccia sperare. Non possiamo ancora aspettare per molto: come ha detto il presidente di Confindustria, l’Italia è sull’orlo del baratro, e l’estate ne costituisce probabilmente il ciglio: entro agosto bisogna risolvere nodi decisivi, e cioè in primo luogo: • individuare i settori della pubblica amministrazione nei quali effettuare tagli di spesa • bloccare l’aumento dell’IVA • effettuare (e non solo annunciare) cospicue iniezioni di liquidità nel sistema • trovare i mezzi per indurre le banche a fare il loro mestiere, che non è quello di speculare, ma quello di distribuire sangue ed ossigeno al corpo dell’economia nazionale. Se il Governo affronterà questi temi, poi avrà tutto il tempo necessario per pensare alla legge elettorale e ad altri pur urgenti temi del genere; altrimenti il Paese dovrà, cessata l’antiquata lotta di classe, passare decisamente ad una forte “lotta di tasse”.

3

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Utensili da cucina in melamina, disponibili in diversi allegri colori, di Excelsa di Bergamaschi & Vimercati.

Excelsa di Bergamaschi & Vimercati Via Isonzo, 10 – 22078 Turate (Co) Tel. 02 96752031 Fax 02 96751193 info@bervim.it – www.bervim.it/www.excelsa.it

TAVOLA · CUCINA · PORCELLANE · CRISTALLI · OGGETTISTICA ANNO 56 - NUMERO 591 - MAGGIO/GIUGNO 2013

Copertina

CASA&regalo MELAMINA

Edifis SpA Viale Coni Zugna, 71 - 20144 Milano Tel. +39 02.3451230 - Fax +39 02.3451231 info@edifis.it - www.edifis.it casaeregalo@edifis.it Direttore responsabile: Enzo Andreis Coordinamento editoriale: Alberto Anderloni

€ 5,00

SOMMARIO

Redazione: Elisa Facchetti, Massimo Andreis FIERE: CHICAGO E FRANCOFORTE

CAFFÈ: PRODOTTI E TENDENZE

SONDAGGIO: I PICCOLI ELETTRODOMESTICI

Hanno collaborato a questo numero: Antonio Provenzano, Clara Dodino, Federica Serva, Giorgio Bozzi, Monica Zani Progetto grafico: Quality A&M Grafica: Barbara Aprigliano

EDITORIALE

• Dalla lotta di classe alla lotta di tasse

NOTIZIE PROMOZIONI

06 • Al servizio dei dettaglianti

10

• Francoforte, la fiera d’Europa

12

• Chicago: Business is business

20

• L’animazione commerciale • Cilento Outlet Village

28 30

di Elisa Facchetti

FIERE

di Giorgio Bozzi

di Massimo Luigi Andreis

L’ESPERTO RISPONDE

03

di Andrea Penazzi

• Aperture domenicali: una battaglia a carte bollate 34 CONCORSO VETRINE

• Cucina, regalo e dintorni

36

AZIENDE

• A tutto campo

38

SONDAGGIO

• Il mercato visto dai negozianti

40

FOCUS

• Moderne attrazioni

44

• A servizio della fantasia

52

• Profumo di casa

60

• L’oro verde conquista la tavola

70

di Elisa Facchetti

di Massimo Luigi Andreis

di Monica Zani

di Federica Serva di Elisa Facchetti

di Massimo Luigi Andreis

INDIRIZZI

Stampa: Aziende Grafiche Printing s.r.l. Via Milano, 3/5 20068 Peschiera Borromeo (Milano) Pubblicità: dircom@edifis.it Traffico pubblicitario: Libera Carlini libera.carlini@edifis.it Eventi e Convegni: convegni@edifis.it Abbonamenti: abbonamenti@edifis.it Modalità di pagamento: Abbonamenti: Italia € 25,00 Europa € 65,00 Resto del mondo € 85,00 - Versamento su conto corrente postale n° 36640209 intestato a: EDIFIS S.p.A. Viale Coni Zugna, 71 - 20144 Milano - Bonifico bancario IBAN IT 11 W 0103001613000000108033 Si accettano pagamenti con CartaSi, Visa, Mastercart, Eurocart Anno 56 - n. 591 - Maggio/Giugno 2013 Costo di copertina € 5 Costo di una copia ai soli fini fiscali € 1,00 arretrati € 5 Registrazione Tribunale di Milano n. 4734 del 17/09/1958 Iscrizione ROC 11125 del 25.07.03 Testata associata

80

Tutti i diritti di riproduzione degli articoli e/o foto sono riservati. Manoscritti, disegni, fotografie e supporti audio e video anche se non pubblicati non saranno restituiti. Ai sensi della legge 196/2003 l'Editore garantisce la massima riservatezza nell'utilizzo della propria banca dati con finalità redazionali e/o di invio del presente periodico. Ai sensi degli artt. 7 e 10 i destinatari hanno facoltàdi esercitare il diritto di cancellazione o rettifica dei dati, mediante comunicazione scritta al responsabile del trattamento presso EDIFIS S.p.A. Viale Coni Zugna 71 - 20144 Milano, luogo della custodia della banca dati medesima. Il responsabile del trattamento dei dati raccolti in banche dati ad uso redazionale èil direttore responsabile a cui, presso la sede della redazione, Viale Coni Zugna, 71 - Milano, ci si può rivolgere per i diritti previsti dal D.Lgs 196/3.


la passione per l'arredamento commerciale

www.galbar.it info@galbar.it +39 0332 601320

your business is our business


News Autonomi: le perdite sul campo Recessione e austerity, un connubio che ha colpito tutti gli italiani. Ma se c’è una categoria di lavoratori che maggiormente ha risentito degli effetti di questa duplice morsa non c’è dubbio che è quella degli autonomi: basti dire che hanno perso sul campo 416mila posti di lavoro, bruciando 68 miliardi di reddito disponibile. Non è tutto: nel terribile quinquennio 2007-2012 il sommarsi di crisi, aumento della pressione fiscale e calo dell’occupazione, ha bruciato la cifra astronomica di 238 miliardi di reddito disponibile delle famiglie italiane: in media, 10mila euro in meno per ogni nucleo famigliare. Lo dice Confesercenti che il Primo Maggio, momento ormai topico non tanto per festeggiare quanto per riflettere sul tema del lavoro, ha lanciato l’allarme per gli autonomi, composti in larga parte da piccoli e micro imprenditori schiacciati da fisco e contrazione dei consumi. Tra le soluzioni proposte che dovrebbero essere assunte rapidamente, l’auspicio che i tagli siano portati avanti in modo rapido, selettivo e coraggioso: secondo le stime dell’organizzazione che raggruppa oltre 35mila imprese, da essi si potrebbero liberare 70 miliardi di euro da investire per la crescita.

Due riconoscimenti per Villeroy & Boch Appena lanciate e già premiate: dopo la presentazione in quel di Ambiente, alle collezioni per la tavola Lina e Artesiano Original di Villeroy & Boch è stata attribuita una “menzione speciale” dal Red Dot Design Award. Un riconoscimento attribuito da una qualificata giuria che arriva al termine di una dura competizione che ha visto in lizza 1.685 tra produttori, designer e architetti. Un premio rinomato a livello internazionale, un emblema della qualità che contraddistingue il miglior design. Ciò che ha colpito delle due collezioni dell’azienda tedesca è la capacità di coniugare la tradizione con l’innovazione e i nuovi trend. La collezione Lina è infatti caratterizzata

• MAGGIO / GIUGNO 2013

da un andamento giocoso, un gusto che coniuga moderno e vintage, colori vivaci e versatilità. Artesano, invece, ha uno stile che unisce design e senso artistico, la porcellana bianca con il legno di acacia, ardesia e sughero naturale.

6

Soda fai da te a gonfie vele Negli Usa, la patria per antonomasia delle tendenze, l’ultimo grido in cucina pare essere la macchina per creare la soda. In poche parole si tratta del dispositivo in grado di gasare l’acqua del rubinetto, ma sono i suoi possibili usi alternativi ad averne decretato il successo: dalla gasatura del vino al tè alle erbe, alla sangria, fino ai cocktail più effervescenti. Nel solo 2012 gli americani hanno acquistato oltre 1,2 milioni di “Carbonators”, gli apparecchi casalinghi che producono soda in appena 90 secondi. Tutto nasce dall’intuizione di Piper Kristensen, bar-tender dell’East Village di New York, che ha creato il Sodastream Penguin, il cui riscontro è stato talmente grande che Sodastream, la nota azienda produttrice di questi nuovi apparecchi, è stata inserita nella lista delle 50 compagnie più innovative del mondo nel 2013. Non si tratta di una novità assoluta: da tempo le macchine per produrre soda erano diffuse in Usa, ma andavano incontro a rapida obsolescenza e non erano consì facili da usare. Anche, la crisi adesso sta contribuendo alla loro diffusione: l’aumento dei costi di cocktail e drink ha aperto la strada all’aperitivo domestico, manco a dirlo a basa di bevande gassate.


News Ballarini si rifà il trucco (online)

María José Sánchez, direttore di Giftrends Madrid

Nuova direttrice per Giftrends Madrid María José Sánchez è stata nominata nuovo direttore di Giftrends Madrid, l'appuntamento fieristico che ospita contemporaneamente numerosi happening legati al settore dei casalinghi, del regalo e dei gioielli: Intergift, Bisutex e Iberjoya. Questo triplice evento, uno dei più antichi e prestigiosi organizzato da IFEMA, si svolgerà dall’11 al 15 settembre prossimi alla Fiera di Madrid. Laurea in Giurisprudenza, già responsabile di altre fiere e manifestazioni, Sànchez prende il posto di Josefina Gòmez-Prada come direttore dell’evento. La prossima edizione di Giftrends Madrid segnerà l'inizio di una nuova fase di sviluppo della manifestazione come forum per il commercio, l'informazione e le imprese nel corso di un mese chiave per sviluppare le attività di tutta la stagione Autunno / Inverno 2013-2014. L'evento sarà sostenuto dalla partecipazione dei più importanti produttori spagnoli, designer e marchi, insieme a tutta una serie di società estere, che renderanno Intergift, Bisutex e Iberjoya punti di riferimento essenziali per quanto riguarda gli ultimi prodotti e le nuove tendenze del settore.

La valutazione dei risultati di un’importante ricerca commissionata a GfK Retail and Technology Italia, un summit con i titolari dei migliori punti vendita italiani e un profondo monitoraggio web: solo dopo Ballarini ha realizzato il deciso restyling del proprio sito aziendale. La premessa generale di tale sforzo di modernizzazione è che i consumatori italiani sono osservatori attenti, interessati ma anche preoccupati per gli allarmi (e le smentite) che si rincorrono sui media relativamente alla sicurezza degli strumenti per la cottura degli alimenti. Lo ha rivelato un sondaggio di Eurobarometro, il servizio di analisi dell’opinione pubblica della Commissione europea. Di qui, i nuovi servizi offerti dal sito ballarini.it: la guida alla scelta dei materiali per la cottura degli alimenti, Why Buy – Guida all’acquisto, Salute e benessere: (dialoga con il dietista), Cucina con noi, ogni giorno una nuova ricetta), Innovazioni tecnico-qualitative, Video, Speciale infanzia e Sostenibilità.

I metodi di Equitalia... Più tartassi, più ti premio. È questo in estrema sintesi il sistema invalso in casa Equitalia. Il sospetto era sempre aleggiato ma adesso è confermato da un documento, nero su bianco. Il riferimento è alla presentazione di Equitalia Marche dal titolo “Sistema Incentivante 2008”. L’obiettivo ufficiale dell’azienda è quello di motivare il personale nel raggiungimento dei risultati, vale a dire, più introiti per l’azienda. Ma in questo caso non si tratta di vendita di televisori o di abbonamenti ma di tasse. E di cittadini che di tasse stanno già morendo. Per di più, abbiamo pur sempre a che fare con una società che è totalmente pubblica (51% Agenzia delle entrate e 49% Inps), quindi gestita con i soldi dei potenziali perseguitati: i contribuenti. Incredibile? Eppure tutto vero: leggendo il documento disponibile in Rete si può capire il meccanismo di incentivi aziendali, datato luglio 2008: c’è

7

persino un montepremi dedicato al sistema incentivante, pari a 314mila euro, da suddividere tra i lavoratori in forza (170 unità). Ma in che modo? I criteri sono due: il primo è legato alla performance quantitativa, il secondo punta sull’attività qualitativa, legata ai comportamenti di ciascun dipendente. Insomma: l’impiegato più attivo (o zelante) è il miglior candidato ad aggiudicarsi l’incentivo.

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


News Gucci salva Richard Ginori Sarà lo storico marchio toscano Gucci, ma da tempo di proprietà dei francesi del Gruppo Ppr, a salvare Richard Ginori, altrettanto storica azienda delle ceramiche di Sesto Fiorentino, dopo il fallimento. L’operazione, dopo che è stata ufficializzata l’aggiudicazione da parte del tribunale di Firenze, ha come obiettivo il rilancio del marchio, sinonimo da sempre di qualità, artigianalità e made in Italy: gli stessi valori alla base del successo del marchio Gucci. L'offerta per l'acquisto di Richard Ginori, presentata lo scorso 26 marzo, l'unica pervenuta alla scadenza dei termini tramite una sua controllata, è pari a 13 milioni e prevede l'impiego di 230 lavoratori sui 300 che operavano negli stabilimenti di Richard Ginori prima del fallimento, cui si sommano tra i 10 e i 15 milioni di euro di investimenti, finalizzati ad una riqualificazione della struttura produttiva, ad iniziative di ricerca e sviluppo e al riposizionamento del brand, attraverso la valorizzazione dell’italianità e delle radici storico-artistiche toscane.

Se la crisi stimola il dettaglio... Se per commentare la crisi qualcuno pronostica apocalitticamente (o al contrario auspica…) il ritorno al baratto, i dati di Unioncamere allarmano per quanto attiene al commercio: negli ultimi tre anni (dal 2009 al 2012) c’è stato un vero e proprio boom di venditori ambulanti: 17.458 richieste di iscrizione ai registri delle Camere di commercio da parte di imprese della vendita al dettaglio, con un aumento di oltre il 10% rispetto a quanto accadeva nel periodo pre-crisi. A fare la parte del leone è il settore del fashion: le imprese “sulla strada” che vendono capi d’abbigliamento o tessuti sono aumentate del 28,26%, corrispondente a 11mila ambulanti in più. E il trend non risparmia il mondo della casa, dove gli ambulanti sono aumentati del 26,28%: segno che quando arriva il momento di acquistare pezzi di arredamento e articoli casalinghi si rischia che gli italiani si rivolgano sempre più spesso al banchetto sotto casa piuttosto che al negozio. Chi ha orecchi per intendere...agisca!

• MAGGIO / GIUGNO 2013

8

Contraffazione, urbi et orbi La contraffazione non ha confini. E non risparmia proprio nessuno. Solo così si può spiegare il sequestro di oltre un milione di pezzi in un deposito dell’hinterland di Milano tra giocattoli, articoli casalinghi, di cancelleria e souvenir con l’effigie nientepocodimenoche di Papa Francesco, rigorosamente made in China. L’operazione è stata effettuate dalla Guardia di Finanza dopo una approfondita indagine che ha portato all'individuazione di un capannone in un'area industriale semi abbandonata, vero e proprio centro di stoccaggio della merce che, attraverso piccoli mezzi di trasporto, veniva... successivamente distribuita mediante una collaudata tecnica definita “smurfing”, vale a dire frazionando una grossa mole di prodotti in piccoli quantitativi, più difficili da individuare.


News Clonazione? Una Pos-sibile soluzione Basta escamotage di tutti i tipi per non rimanere bloccati al momento di un acquisto o di un prelievo (esperienza tanto imbarazzante quanto seccante) e per arginare il problema del furto e della clonazione di bancomat e carte di credito: in futuro la password basterà pensarla. È iniziata la lotta contro i cardskimming, i dispositivi illegali che memorizzano i codici PIN immessi dagli utenti. La cosa peggiore è che mentre un tempo il fenomeno era per così dire “artigianale”, adesso è appannaggio di veri e propri gruppi criminali organizzati. Oggi poi, specie a causa della diffusione del wi-fi, è facile ed economica la costruzione di apparecchi per leggere le carte elettroniche e per intercettare i PIN. Attualmente, solo l’utilizzo del microchip offre una protezione maggiore rispetto alla banda magnetica, ma la maggior parte delle carte in circolazione sono dotate anche di quella per poter essere utilizzate negli sportelli di vecchia generazione. Ergo, sono allo studio nuove tecnologie che permetteranno di inserire i codici senza l'ausilio di una tastiera: basterà guardare i numeri sullo schermo dello sportello automatico (tecnologia eye-tracking), ma passeranno ancora alcuni anni prima che diventino di uso comune. Come fare nel frattempo? Intanto il buonsenso del consumatore, che richieda alla banca tessere di ultima generazione, eviti postazioni per il prelievo troppo isolate o con segni di manomissione, copra la mano durante l’immissione dei numeri segreti, abiliti le notifiche tramite Sms. Ma, è fondamentale che tutti i negozianti usino il chip invece della banda. Certo, è un cambiamento non da poco: occorre sostituire tutti i vecchi Pos. Un processo dispendioso e lungo, ma necessario.

Bormioli Rocco a tutto campo Bormioli Rocco ha acquisito una quota maggioritaria in Neubor Glass, azienda di San Vito al Tagliamento (Pn) produttrice di vetro per il settore farmaceutico. La società Altair, con sede a San Pietroburgo, in Russia, parteciperà con Bormioli all’operazione, che consentirà di aumentare il volume di produzione dell’azienda di Fidenza (Pr) con la costruzione di un nuovo forno in Friuli per produrre vetro bianco da stampo di tipo I. In particolare, l’integrazione della tecnologia di Neubor Glass, consentirà di produrre fiale monouso per uso farmaceutico e flaconi di capacità inferiore ai 10 ml. La partecipazione di Altair, importante produttore e distributore nel mercato farmaceutico russo, contribuirà inoltre all'espansione di Bormioli in quel mercato.

Kasanova+ sbarca a Fiumicino Un’esplosione di colori: è questo il segno distintivo del nuovo store Kasanova+ presso il Central Market Da Vinci, vicino all’aeroporto romano Fiumicino. Aperto 7 giorni su 7, il punto vendita si estende per oltre 550 mq e ospita centinaia di prodotti “parlanti” con cui si punta a creare un’atmosfera originale per ogni occasione: dal pranzo domenicale alla gita fuoriporta, in casa e all’aria aperta. Sulla falsariga dello store recentemente inaugurato nel cuore di Milano, a pochi passi dalla stazione Cadorna, anche in quel dell’Urbe ad esaltare il fascino e l’eleganza del negozio sono stati installati numerosi punti luce, posizionati in maniera tale da “parlare” al cliente, descrivendo l’utilizzo di ciascun prodotto attraverso immagini esplicative e video Lcd, al fine di creare un’esperienza utile e divertente allo stesso tempo. Tra gli innumervoli articoli esposti e le proposte “fresche di giornata”, oggetti di design e decori per le feste, prodotti eco-e biosostenibili per pulizia e igiene, tessili per tutti gli ambienti, pratici cestini da picnic vintage o borse thermos di ogni misura per indimenticabili giornate all’aria aperta, piccoli pezzi di arredo e a tema per la prima, la seconda, la terza casa... Tante le novità, tra cui un grande spazio dedicato all’ultima tendenza tra i fornelli: il cake design. L’ideale per gli amanti della cucina a 360 gradi.

9

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Promozioni Elisa Facchetti

Al servizio dei dettaglianti Vi presentiamo le più importanti iniziative promozionali dalle aziende di questo periodo

L

a vetrina di questo mese, riguarda alcune tipologie di promozioni forniteci dalle aziende e rivolte al dettagliante, anticipando date e prodotti, al fine di fornire al punto vendita un'informazione il più possibile utile dal punto di vista commerciale. Di numero in numero, sarà pubblicato il calendario delle principali attività promozionali rivolte come di consueto al mondo del casalingo e della regalistica. Gli investimenti destinati alla comunicazione pubblicitaria di determinati prodotti, offrono molto spesso interessanti spunti per cogliere meglio le dinamiche di mercato: non solo scontistica applicata a particolari categorie o linee di prodotto, ma anche vere e proprie campagne pubblicitarie volte a sensibilizzare, ad esempio, il tema dell'ecosostenibilità. Un'importante fonte di introiti che coinvolge tanto l'azienda produttrice quanto il negozio dunque, e un momento fondamentale nella vendita per la sua capacità di attirare l’attenzione della potenziale clientela, anche grazie all’uso di materiale POP, fornito dalla stessa azienda e utilizzato ad hoc all’interno dello spazio commerciale.

Bialetti Promozione: fino al 31 dicembre 2014

Termozeta

SCOPRI LA A NOVIT NOVITA’ TA’ L’ATTIVAZIONE L ’A ATTIV VAZIONE E’ GRATUITA GRA ATUIT TUIT TA

L'operazione “Fedeltà coi baffi” di Bialetti premia la fedeltà dei propri clienti riservando vantaggiosi sconti, previa attivazione della Bialetti Card. La Card, una tessera raccolta punti, può essere richiesta in tutti i punti vendita Bialetti Store e l'attivazione è gratuita. Per premi e punti consultare il sito www.bialetticard.it o chiedere al personale del proprio punto vendita di fiducia.

CON BIALETTI ALETTI CARD PIU’ COMPRI PIU’ IU’ RISP RISPARMI ARMI

fi b fffi à coi ba eltltà de Fed Fe

E’ NA NATA ATA BIALE BIALETTI LETTI CA CARD! ARD! UN MONDO MO ONDO DI SCONTI SCO ONTI TUTTI TUTT TI DA DA SCOPRIRE SCOPRIRE ENTRA ENTR RA A IN UN NEGOZIO OZIO BIALETTI E SCOPRI VANTAGGI I VANT V ANT TA AGGI RISERVATI RISERVATI A CHI ATTIVA ATTIV VA LA BIALETTI ETTI CARD

LINEA DOLCE e SALATO -2 -20% 20%

Promozione: fino a esaurimento scorte Offerta speciale da Termozeta. All'acquisto del ferro da stiro La Continua Stironostop TZ2, in regalo una bilancia da cucina elettronica.

MINIEXPRESS ESS + 4 TUBI CAPSULE + 1DE 1DECALCIFICANTE ECALCIFICANTE A SOLO O

€ 79,90

Moneta SodaStream

Promozione: 2013 Moneta propone la rivoluzionaria padella Monetavera con rivestimento in Ceramica_01®, ad alto risparmio energetico grazie all’ecodispositivo Energysaver e sostenibile perchè realizzata con innovativi processi produttivi brevettati, a sole 19,90 euro (ø 28 cm).

• MAGGIO / GIUGNO 2013

Promozione: giugno-luglio 2013 Sodastream propone per i mesi estivi la promozione "Maga Pack" a 99,00 euro. Il box in offerta contiene: un gasatore Jet, due bottiglie da un litro, due bottiglie da mezzo litro, tre concentrati.

10


Promozioni 2013

Villeroy&Boch Promozione: fino al 3o giugno 2013 Villeroy&Boch dedica una speciale promozione sulla linea Cottage, con un importante sconto sul prezzo di listino. Inoltre ogni cinque prodotti acquistati si riceverà in omaggio un articolo della collezione.

Risolì

COTTAGE

Promozione: fino al 30 giugno 2013

C’È PIÙ GUSTO SULLA TAVOLA di sconto su tutto il servizio ...e acquistando cinque pezzi* il sesto è in omaggio. * Piatti piani, piatti fondi, piatti frutta e tazzina caffè espresso con piattino

Promozione valida sino a giugno 2013

WWW.VILLEROY-BOCH.COM

Sulla linea Soft - Safety Cooking, Risolì presenta la promozione eco-sostenibile Imballo Zero. Fino a fine giugno proseguirà l'offerta sulle padelle in fusione di alluminio, disponibili in quattro misure, in vendita a partire da 30 euro anzichè 37,50 euro.

Wald

Lagostina

Promozione: dal 1° al 30 giugno 2013

Promozione: fino al 31 luglio 2013

Con l'arrivo dell'estate la linea per il tempo libero e l'ufficio Abracadabra di Wald sarà protagonista di una imperdibile promozione: sconto del 25% su tantissimi articoli quali shoppers, custodie per tablet, pochette e beauty-case.

Nuova promozione di Lagostina dedicata all'antiaderente. Per l'acquisto di un prodotto delle linee in promozione si ottiene uno sconto del 30% sul prezzo al pubblico consigliato per le padelle da cm 24 e/o 28. Si ha inoltre la possibilità di partecipare al concorso con estrazione finale con l'acquisto di un solo pezzo della linea Tempra o Expert Pro (coperchi esclusi). Per i premi consultare il sito www.lagostina.it

Barazzoni Promozione: fino al 31 luglio 2013 Grande sconto del 30% sulla Linea Granitica di Barazzoni. La nuova collezione presenta un’ottima antiaderenza ed è resistente come la pietra. L’innovativo rivestimento rinforzato con sistema Marmotech® assicura una cucina sana e senza grassi.

Giò Style Promozione: fino al 16 luglio 2013 Giò Style promuove un fantastico concorso a premi. Acquistando uno dei tre prodotti in promozione ForMe, n.Ice o Buon Appetito, si potrà partecipare all'estrazione di 100 robot da cucina e uno shopping da 5.000 euro. Info su www.concorsogiostyle.com

11

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Fiere • AMBIENTE Giorgio Bozzi

Francoforte, la fiera d’Europa Ancora una volta gli italiani a caccia di nuove opportunità oltre confine hanno saputo distinguersi per qualità e innovazione di prodotto Nel cuore della Germania, al crocevia dell’Europa, si è tenuta nella seconda metà di febbraio la tradizionale “Ambiente”, fiera dedicata alla tavola, al regalo ed al complemento d’arredo. Migliaia gli espositori venuti da tutto il mondo, e tra questi 340 Imprese italiane specializzate nei vari segmenti. Nei pochi giorni dell’esposizione abbiamo potuto visitarne una trentina, ma lo spazio tiranno ci costringe a fare una selezione che esclude aziende pur interessantissime, alle quali diciamo: sarà per la prossima volta! In queste pagine presentiamo ai nostri lettori una panoramica di quelle che, per questa edizione, abbiamo ritenuto le più significative.

• MAGGIO / GIUGNO 2013

12


BARAZZONI Espositrice abituale al salone di Francoforte è l’azienda piemontese, nel cui stand ci riceve Andrea Barazzoni che, oltre ad essere il titolare, è anche il presidente della Fiac, l’associazione dei fabbricanti del nostro settore. L’azienda fattura oltre 12 milioni di euro, ed il 25% circa è diretto all’estero in paesi come Cina, Vietnam, Singapore, Corea e Russia; ma i prodotti in realtà sono venduti un po’ in tutto il mondo, attraverso una rete di distributori esclusivi. L’azienda vanta molti punti di forza: oltre ai suoi 110 anni di presenza sul mercato (i Barazzoni sono alla quarta generazione di imprenditori), bisogna menzionare anche la sua

BERGAMASCHI & VIMERCATI Pochi stand più in là incontriamo, assieme al buyer Marco Buga, il giovane Enrico Vimercati, figlio d’arte che raccoglie l’eredità di una azienda, la Ber-

capacità di innovare sia nei materiali sia nel design. La novità del Salone è la linea Granitica, una ventina di pezzi dotati di un nuovo rivestimento naturale, il Granitech, che rende la cottura simile a quella su pietra. Ba-

razzoni è un’impresa che non sembra patire la crisi, infatti il 2012, ci dicono, è stato in assoluto il miglior bilancio nella storia dell’azienda, favorito anche dal successo di importanti azioni di loyalty.

gamaschi & Vimercati appunto, fondata nel 1919, e quindi dotata di un’anzianità quasi centenaria. L’azienda fattura attorno ai 20 milioni di euro, di cui solo il 5% all’estero, ma crescerà, anche grazie alla presenza in

questo Salone, nel quale sono espositori abituali. I paesi esteri più interessanti al momento sono Croazia e Russia, però il giovane Vimercati ci dice che l’autentica passione dell’azienda è pur sempre l’Italia, paese nel quale distribuisce ben selezionati articoli casalinghi e da regalo; ma l’asso nella manica è costituito dalla linea Excelsa, concepita e sviluppata completamente all’interno dell’azienda, nella quale il mix di funzionalità, novità nei concetti e nella presentazione, costituiscono veri e propri punti di eccellenza e ne hanno determinato il grande successo. A Francoforte è stata presentata la Diamond, una coloratissima ed accattivante linea di posateria. Enrico Vimercati aggiunge altri particolari: dalla nuova sede, che dispone di oltre 20.000 mq di superficie, è organizzata la logistica aziendale, particolarmente efficiente ed indirizzata sia alla grande distribuzione, sia alla rete di rivenditori, ai quali spesso l’azienda fornisce piccoli corner dedicati.

13

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Fiere • AMBIENTE FOREVER DI KAUFGUT Visitiamo ora, invece, una matricola di Francoforte, un prestigioso marchio di caffettiere che espone la sua pregiata produzione in un interessante stand dedicato alle famose aziende del Consorzio del Lago Maggiore, patria storica dei produttori di Moka. Nata nel 2005, entra nel 2011 a far parte della Kaufgut spa, specializzata nella distribuzione di importanti marchi quali Eva Collection, 4 Chefs e, appunto, Forever. Ci illustrano le principali caratteristiche aziendali i signori Avi ed Andreatta: Forever ha successo perché può contare sulla qualità del materiale, del design e del ciclo produttivo; tanto per accennare a qualche interessante innovazione, la Moka di Forever è l’unica al mondo ad essere a prova di qualsiasi rottura o bruciatura, in quanto ha il manico facilmente smontabile con un semplice cacciavite. Un altro elemento di successo è l’estrema efficienza della logistica e del servizio offerto ai propri dettaglianti, i cui ordini vengono evasi entro 48 ore. L’azienda esporta anche all’estero, specialmente in Austria e Slovenia, e da Novembre potrà contare su un distributore anche per la Lettonia; le esportazioni coprono circa il 10% dei ricavi, che quest’anno sono ammontati a 16 milioni di euro. Al salone viene presentata una linea di nuovissime moka in sei accattivanti colori, nonché la caffettiera Conny ad induzione.

e fattura oltre 18 milioni di euro, per il 55% realizzato all’estero, dove vanno forte Francia, Europa dell’Est ed Usa. Al salone di Francoforte, ci spiega la Marketing Manager Nadia Bisio, presentano una nuova linea che hanno chiamato Voglia di…, in quattro declinazioni di scatole regalo con un kit base, attrezzi e stampi in acciaio con rivestimento antiaderente per confezionare torte decorate, cupcakes, biscotti o macarons. Questa linea bene illustra uno dei principali punti di forza di Guardini, e cioè la capacità di inventare prodotti in linea con le tendenze del pubblico basati su una forte innovazione tecnologica, di design e di concept. Trentacinque linee di prodotti, tecnologia avanzata, qualità collaudata e prezzi competitivi sono le armi vincenti dell’azienda, che punta ad una decisa crescita anche nel 2013. ILSA Questa dinamica azienda piemontese produce accessori per la tavola e per la cucina, sia per la casa che per la ristorazione professionale. Utilizza abitualmente lo strumento espositivo per fare promozione dei propri prodotti, puntando sia sulla fiera di Francoforte, sia su Host. Greta Esposito, la responsabile del marketing, ci illustra le strategie aziendali, che in questo periodo si

GUARDINI Anche la Guardini spa è una azienda ricca di tradizioni: fondata nel 1946, è arrivata alla terza generazione di imprenditori. L’azienda, specializzata nella produzione di articoli per la cottura in forno, conta sul lavoro di 80 dipendenti

• MAGGIO / GIUGNO 2013

14

sviluppano in varie direzioni: il lancio della linea Crystal, adatta anche a bar e buffet, che dovrebbe in breve coprire almeno il 10% dei ricavi, l’investimento su Dietella, una nuova linea di bistecchiere in ghisa, ed infine l’ingresso nel mercato degli articoli in plastica. Il vero plus dell’azienda però è costituito dalla conduzione familiare, che dal 1946 (siamo alla terza generazione di imprenditori) è capace di dare sicurezza, serietà ed affidabilità sia ai consumatori sia ai rivenditori, categoria alla quale ILSA dedica con costanza iniziative promozionali incentivanti. Il fatturato, in aumento, è attorno agli 8 milioni di euro, e nonostante la crisi si prevede una lieve crescita anche per l’anno in corso.


Progetto2:Layout 1 29/03/13 15:37 Pagina 1

o l a &reg

A S A C

L STA

I CR · NE A L EL RC O · P A più a l CIN e a t U iorna · C g g a A ù i retail la p l OL a è o V o l n a o g TA i rivolg SA&re

CA

LI ·

G OG

E

ST TTI

ICA

nale o i s s e f pro tore del set

es

ste ch i v i R e l del

ABBONATI

SUBITO gratis e r i u r f u s Potrai u l servizio e anche d sponde” to ri r e p s e ’ L “

Annuale (6 numeri) Italia €30,00 - Europa €70,00 Resto del mondo €90,00 Modalità di pagamento: - Versamento su conto corrente postale n° 36640209 - Bonifico bancario IBAN IT 11 W 0103001613000000108033 - Assegno bancario non trasferibile intestato a: Edifis SpA Viale Coni Zugna, 71 20144 (MI)

Edifis SpA Viale Coni Zugna, 71 - 20144 Milano - Tel. 02.3451230 - Fax 02.3451231


Fiere • AMBIENTE LA TERMOPLASTIC F.B.M. Un’altra azienda espositrice abituale di Francoforte, Chicago e San Paolo è La Termoplastic F.B.M. produttrice di manici, maniglie ed accessori per pentole, circa 140 milioni di pezzi all’anno per oltre 25 milioni di ricavi, frutto del lavoro di 130 dipendenti. Le esportazioni, che coprono il 60% della produzione, riguardano tutto il mondo, e quest’anno sono andate particolarmente bene nell’Est Europa, in Medio Oriente e Nord Africa; inoltre, è ben presidiato il mercato americano, anche grazie alle filiali situate in Messico ed in Brasile, e nel prossimo anno è prevista una apertura in Cina: insomma, siamo di fronte ad una vera e propria multinazionale, cosa rara in Italia per il nostro settore, che quest’anno celebra il suo cinquantenario con il motto “50 years forward”; lo slogan la dice lunga sul giustificato orgoglio del management. Uno dei principali punti di forza è costituito dai 200 brevetti di proprietà, che riguardano importanti innovazioni di design e di materiali impiegati; in virtù di questi La Termoplastic F.B.M. è probabilmente l’unica azienda presente sul mercato in grado di offrire alle imprese clienti, in tutto il mondo, un diversificato e valido catalogo di prodotti in esclusiva a marchio privato.

MARTELLATO Ed eccoci di fronte ad Alberto Tono, responsabile commerciale estero della Martellato, un’altra azienda che non risente della crisi, anche perché, ci dice, opera in un mercato “di moda” ed in forte progresso, quello per intenderci che la fa da protagonista in molte trasmissioni televisive dedicate alla cucina ed alle massaie. L’azienda produce infatti stampi in plastica e silicone per semifreddi, dolci, torte, push up pops e via dicendo. Nata come azienda familiare negli anni ’80, oggi esporta quasi il 40% della sua produzione in molti paesi europei ( i più promettenti sono Francia e Russia), ma

anche in America e nel Medio Oriente. A Francoforte espongono per la prima volta, ma credono molto nelle fiere ed infatti parteciperanno a molti saloni, a partire dal Gulfood Dubai e Sigep di Rimini per arrivare al Macef. Nel 2012 sono cresciuti del 20% grazie alla linea Italian Cake Art, e prevedono per quest’anno di superare i 10 milioni di fatturato. Un grosso atout deriva all’azienda dalla sua capacità di innovare nel concept degli articoli: infatti possiede un avanzato Dipartimento Ricerca e Sviluppo, capace di creare un vasto assortimento di articoli sempre nuovi, sia per rispondere alle attese della clientela, sia in per anticiparne le tendenze ed i bisogni. PENSOFAL Chi ha detto che c’è la crisi? Eccoci di fronte ad una azienda che nel 2012 ha addirittura raddoppiato i suoi volumi di vendita, e conta di crescere ancora nel 2013. Risultato eccezionale, dovuto a molteplici fattori, ben illustrati da Modesto Salomone e Sandro De Pasquale, unitamente ad Angelo Sollo, uno dei titolari: la chiave fondamentale del successo è la ricerca, rigorosamente made in Italy, che ha consentito a Pensofal di rivoluzionare a più riprese il mercato con invenzioni a getto continuo, ed ha portato ad un’espansione che oggi copre 60 paesi, assorbendo il 75% della produzione; i paesi maggiormente in crescita sono Spagna, Russia, Turchia ed Usa, dove avranno, a partire

• MAGGIO / GIUGNO 2013

16


dai prossimi mesi, un nuovo distributore. Dopo il grande successo della linea Bioceramix, uno speciale antiaderente particolarmente compatto e liscio, lanciano ora la linea Biostone, un rivestimento rinforzato con materiali minerali duri che dovrebbe consentire un aumento di ricavi di almeno il 15%. Qualità, innovazione, affidabilità, ed anche prezzo competitivo, sono gli elementi del marketing mix che, come ci spiega il team di manager, garantirà all’azienda ancora molti anni di sviluppo. RISOLI’ Entriamo ora nell’accogliente stand di Risolì, accolti da Roberto Foschi, direttore generale per il mercato italiano. Risolì è un’azienda che dedica molta cura, attenzione ed investimenti alla sua rete di distributori, per i quali allestisce una buona quantità di materiale promozionale come cartelli vetrina, espositori in legno e supporti cartacei; mette molta cura anche nel servizio: evadono qualsiasi ordine in 72 ore in tutta Italia, rendendo improbabili rotture di stock e consentendo riassortimenti anche modesti; inoltre organizza “giornate dedicate” imperniate su uno “show coking Risolì” realizzate da uno chef stellato. Fondata nel 1965 da Alfredo Montini,

la Risolì è una delle migliori ambasciatrici del made in Italy nel mondo: esporta infatti il 65% della sua produzione, in particolare gli articoli ad induzione, in diversi paesi come Russia, Usa, Sudamerica, servendosi di una valida rete di distributori. Per quest’anno prevedono un discreto aumento di fatturato grazie a consistenti sviluppi commerciali in Messico, Perù e Brasile. L’azienda, infine, è particolarmente attenta all’ecosostenibilità ed ha ottenuto la prestigiosa certificazione TUV per la sicurezza di prodotto.

17

CONSORZIO COLTELLINAI DI MANIAGO Chiudiamo in bellezza questa rassegna, con uno stand dal grande appeal, quello del Consorzio di Maniago; e non soltanto perché il dinamico Presidente ing. Nicola Bonacci ci accoglie con molta cordialità e con un robusto assaggio di prosciutto San Daniele; l’attrattività dello stand deriva soprattutto dal fatto che lo spazio è suddiviso tra alcuni dei grandi coltellinai maniaghesi, anche in rappresentanza dell’intero distretto, che conta nomi illustri quali Due Ancore, Fox, Coltellerie Pascotto, Fratelli Antonini, Cutting Martinuzzo, e Dio ci perdoni per quelli che non abbiamo citato. Molte le novità presentate dalle varie aziende, e, nell’impossibilità di parlare di tutte, ci limiteremo a ricordare Primitive, un geniale coltello ideato dal designer Michele Daneluzzo per le Coltellerie Del Ben, che ha “abolito” tutto quello che in un coltello non è “essenziale”: resta solo la lama, da impugnare come la impugnava l’uomo delle caverne (“primitive”, appunto), ma con una tecnologia e suggestione tutta nuova. Facile predire un grande successo, non solo come utensile, ma anche come oggetto da regalo. Il Distretto di Maniago è grande, per creatività, tecnologia e potenzialità: deve solo raddoppiare gli sforzi per strutturarsi ancora meglio ed affrontare le sfide dei mercati internazionali.

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Fiere • AMBIENTE ABBIAMO INCONTRATO ANCHE... AZIENDA ALLUFLON MONETA

Intervista con: Cinzia Casagrande

Esportano circa il:

Soprattutto in:

65%

Francia, Russia, Cina, Medio Oriente Francia, Germania

(Marketing Manager) CERVE

Marika Mazzi

FRATELLI FUMO

Armando Fumo

70%

80%

(Titolare) GIORINOX

Marco Giori

70%

Novità presentate al salone:

Maggior punto di forza:

Ricavi (€)

Linee Zenit e Maxima,

Tecnologia brevett.

100 milioni

15 prodotti per linea

sull’induzione

Sky Line, bicchieri

Colori ceramici

decorati in silicone

coprenti e silicone

Usa, Medio Oriente,

Calice modello Chiara,

Design in esclusiva

Australia

elegante e sofisticato

per i clienti

Russia, Medio Oriente Restyling

(Titolare) ILLA

Maria Luisa Pinazzi

Flessibilità con la

52 milioni

2 milioni

5 milioni

clientela 70%

Germania, Olanda

Restyling

Made in Italy

30 milioni

50%

Giappone, Francia

Linea Yung, solo cera

Design tutto

1 milione

e no plastica

italiano

(Export Manager) INAUS

Stefano Reali (Titolare)

LEGNOART

Enrico Albertini

95%

(Titolare) ROCCO BORMIOLI

Cristina Ughi

60%

(Resp. Comunicazione) SILIKOMART

Enrico Danieletto

60%

(Direttore vendite) TOGNANA

Domenico Valenti

Inghilterra, Russia

100 prodotti in

Trattamento termico

Usa

6 colori

del legno

Francia, Germania,

Linea Giove, coll. bicchieri 200 anni di cultura

Usa

in 6 colori e 2 capacità

del vetro

Francia, Germania,

Restyling

Innovazione,

Spagna, Francia,

Kaleidos ed Ego, linee

Vastità assortimento

40 milioni

Russia

dal design elegante

Linea Hook, padelle e

Design qualificato:

70 milioni

casseruole in 24

Giugiaro, Stadler

Usa 30%

(Export Manager)

3 milioni

50 milioni (div. alimentare)

16 milioni

silicone liquido

con 3 piatti differenziati TVS

Chirivi Francesco

70%

Francia, Russia

(Product Manager)

varianti di colore VETRI DELLE VENEZIE

Barbara Zanardi (Marketing Manager)

70%

Germania, Russia

Linea Rialto, bicchieri

Materie prime

Iran

impilabili con gocce

molto pure

incavate per la presa

• MAGGIO / GIUGNO 2013

18

140 milioni


12_19francoforte:Layout 1 31/05/13 12:04 Pagina 27

Prossimo appuntame nto a Francofor te 7 - 11 febbr aio 2014

19

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Fiere • INTERNATIONAL HOME + HOUSEWARES SHOW Massimo Luigi Andreis

Business is business Nonostante l’avanzata dei Brics, l’America è ancora il paese delle opportunità: anche per le aziende italiane di casalinghi presenti a Chicago che grazie all’export salvano (per ora) i conti Iniziano da piccoli da quelle parti, in America: un piano d’appoggio di fortuna; la mercanzia recuperata dagli armadi di una cameretta, da un box, da una soffitta o da uno scantinato; dei cartelli o dei bigliettini che indicano il prezzo della merce esposta. Chi è il venditore? Ma semplice: un bambino che vuole racimolare qualche dollaro piazzando una bancarella di fortuna davanti a casa: il suo primo guadagno. Si chiama "garage sale", vendita da garage ed è, al pari del superbowl per gli uomini, del “the rock” (l’anello di fidanzamento) per le don-

• MAGGIO / GIUGNO 2013

zelle e del giorno del Ringraziamento per ogni americano che si rispetti, una specie di rito a stelle e strisce (ampiamente documentato in centinaia di serie tv e film), in questo caso di iniziazione: al business, al guadagno. Con questa mentalità di fondo, si capisce perché gli Stati Uniti siano ancora, nonostante la poderosa progressione dei Brics, Cina in testa, la terra delle opportunità, fertile per chi voglia fare affari, capace di accogliere con le braccia aperte chi ha buone idee e chi realizza dei bei prodotti. Lo sanno perfettamente le aziende italiane che esportano. Soprattutto quelle

20

che, vuoi per scelte risalenti a tempi non sospetti, vuoi per lungimiranza, o spinte dalla necessità, vendono all’estero oltre il 50% di ciò che realizzano: sono quelle che meno stanno risentendo della crisi, potendo contare su mercati in espansione, particolarmente attratti da oggetti belli e di qualità (nonché, in altri comparti merceologici, buoni). Caratteristiche generalmente riconosciute a tutto ciò che può fregiarsi del marchio made in Italy, un eccezionale atout nell’era della globalizzazione, nonostante contraffazioni e imitazioni scadenti che, come risaputo, minano la credibilità dei


nostri prodotti in molti campi. L’importanza dei mercati internazionali è tale che ci sono imprese che, pur di non mancare alcuni degli appuntamenti fieristici che si svolgono in tutto il mondo, si organizzano in vari modi allo scopo di abbassare i costi delle trasferte e di incrementare le opportunità di mettersi in mostra. È il caso di Metallurgia Motta, Ottinetti, Spezie & Co, Casalinghi S.T.O. e Calder: in occasione dell’ultima edizione di marzo dell’International Home + housewares show di Chicago, tutte queste aziende di Omegna (Vb) si sono presentate nei padiglioni del McCormick Place (nientepopodimeno lo spazio per fiere e conferenze dove i membri del comitato elettorale del presidente degli Stati Uniti hanno atteso i risultati della recente rielezione, festeggiando la conferma di Obama per altri quattro anni alla Casa Bianca…) con uno stand multiplo che, accogliendo alcune delle produzioni di tutte e cinque, vedeva la presenza di un unico referente, nella persona di Rosaria Brambilla, temporary export manager: "Design, flessibilità, conduzione famigliare: sono alcuni dei punti di forza delle realtà di cui sono portavoce, collocate nel distretto giustamente riconosciuto come la culla dell’household" ci ha detto nel corso del tour all’interno dell’allestimento. Presenti anche ad Ambiente di Francoforte, ciascuno dei produttori piemontesi ha un fiore all’occhiello: "La scelta di usare quasi esclusivamente materiali lignei per realizzare i propri oggetti da parte di Spezie & Co – ha proseguito la manager – non solo rimanda all’accoglienza e al calore casalingo, ma alle tradizioni famigliari. La cura particolare per i dettagli rende ad esempio le macine dei veri e propri oggetti d’arredo. Tra tutte, spicca quella denominata Gourmet, brevettata, in alluminio 99, altamente professionale, accanto alla macina 'classica' in acciaio, alla 'standard' e a quella per le spezie esotiche, la Spice". Piccoli gioielli da cucina, così come produzioni di Casalinghi S.T.O. "che ha creato un porta condimenti con la forma del Duomo di Milano nell’ambito della serie Opera Aperta. E che dire del batticarne con capitello ionico di Calder (accanto, tra le ul-

Metallurgica Motta, Ottinetti, Spezie & Co, Casalinghi S.T.O., Calder

Rosaria Brambilla, temporary export manager per Metallurgica Motta, Ottinetti, Spezie & Co, Casalinghi S.T.O. e Calder.

Coltellerie F.lli Antonini Pietro Antonini di Coltellerie Fratelli Antonini di Maniago.

21

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Fiere • INTERNATIONAL HOME + HOUSEWARES SHOW time novità, ai taglia tartufi) e agli stampi di biscotti monumentali, i City Cookies ideati da Italo Ottinetti; e, ancora, penso ai kit da bar di Metallurgica Motta e al pressino Easy: tutti oggetti che uniscono bellezza a praticità, e per questo esposti presso il forum del design allestito in fiera", ha terminato la sua disamina Brambilla. Sempre nell’ottica di ottimizzare le presenza a kermesse dedicate alla casa e al regalo come quella di Chiago, ha organizzato la sua spedizione americana il Consorzio dei coltellinai di Maniago. Nato nel 1960, raggruppa 46 aziende del distretto friulano: quattro erano nella capitale dell’Illinois a presentare i propri prodotti: Antonini, Euroblades, Farfalli, Cutting. "Nonostante la crisi e la concorrenza al

Euroblades

Nicola Cimarosti, vice president international sales di Euroblades.

Farfalli Daniele Farfalli di Farfalli Cavatappi d’autore.

fini nazionali attraverso distributori non esclusivi". L’importanza di farsi vedere è alla base della scelta di essere a Chicago anche per Gino Martinuzzo, general manager di Cutting: "In tempo di crisi queste vetrine sono molto utili per chi vuole incre-

Cutting

ribasso che inquina il mercato, noi continueremo a puntare sulla qualità" ci ha spiegato Pietro Antonini, esponente della quarta generazione che gestisce l’impresa di famiglia fondata nel 1929, che esporta il 50% di ciò che crea, tra cui la recentissima linea Onda. "Ci conferma in questa scelta un dato: chi aveva 'tradito' rivolgendosi ai nuovi produttori che garantivano prezzi stracciati, adesso si pente e torna da chi, come noi, offre la garanzia di oggetti non solo pratici e ben fatti, ma che durano nel tempo!". Flessibilità, tradizione e orientamento al cliente: “Sono i capisaldi della nostra filosofia – è intervenuto a questo punto Nicola Cimarosti, vice president international sales di Euroblades. Inoltre, pun-

• MAGGIO / GIUGNO 2013

tiamo molto sulla presenza sia a fiere b2b che b2c, in Italia e all’estero. È importante far toccare con mano il nostro prodotto, declinandolo sulle richieste del cliente e garantendo una consegna puntuale, usando i materiali giusti, senza indugiare in fronzoli, ma puntando all’essenziale". L’estero è importante anche per Farfalli, che esporta il 60% di ciò che produce. Prima di esporre a Chicago, l’azienda era stata ad Ambiente e prevede a stretto giro lo sbarco anche a Maison&Objet, in quel di Parigi. "Siamo versatili – ha puntualizzato Daniele Farfalli – abbiamo una gamma ampia di cavatappi e utilizziamo le nuove tecnologie: questi sono i nostri punti di forza, che cerchiamo di far conoscere fuori dai con-

22

Gino Martinuzzo, general manager, ed Elisa Tomè, sales department, di Cutting.


mentare come noi il business internazionale. Ai clienti stranieri, così come a quelli italiani che già ci conoscono, offriamo la possibilità di studiare e ideare prodotti personalizzati in esclusiva oltre quelli del nostro catalogo. Non va trascurata neppure l’importanza crescente della sinergia tra aziende del distretto, che permette ad esempio di sponsorizzare e poi industrializzare insieme alcuni progetti, così da abbattere i costi fissi della fase di ideazione".

Efficienza tutta italiana Consulenza, rapidità di evasione degli ordini e made in Italy sono gli atout per molte delle società italiane che esponevano nei padiglioni del McCormick: anche per la novarese Bianchi Casalinghi: "In 40 anni di attività abbiamo sviluppato un kow how che ci consente di intervenire su progetti presentati dai clienti che intendono affidare sviluppo e produzione a noi – ha argomentato il responsabile della produzione, Andrea Bianchi –. Germania, Austria, Stati Uniti e Giappone gli sbocchi principali del 60% della produzione che va fuori Italia, dove si opera con distributori non esclusivi. Tra le novità del 2013, l’astuccio multiuso contenente due grattugie modello Scuffia con quattro funzioni diverse, interamente in acciaio inox, accanto al 'forza e carezza'". Si tratta di un prodotto a brevetto, per mezzo del quale il formaggio non è più tenuto in mano ma fissato (con forza) al reggigrana per poi essere raccolto in un apposito cucchiaio, come suggerisce il nome stesso, mediante una 'carezza' dietro l’altra, appunto. "Partendo dalla premessa che al di là della presente catalessi il mercato italiano non era già florido prima, negli ultimi due anni abbiamo puntato per forza di cose ad accrescere l’export. Con risultati importanti che speriamo di migliorare ulteriormente". Con queste parole ci accoglie presso lo stand aziendale Orlando Leone, general manager di Top Moka. Russia e Ucraina in Europa, Cina e India tra i Brics, Australia per il Nuovissimo Mondo sono gli avamposti di tale strategia di espansione: "L’appeal del prodotto italiano, soprattutto in un campo come quello del caffé,

Bianchi Casalinghi Andrea Bianchi, responsabile della produzione di Bianchi Casalinghi.

Top Moka

Leone Orlando, general manager, e Federico Manera, responsabile ufficio estero di Top Moka.

23

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Fiere • INTERNATIONAL HOME + HOUSEWARES SHOW Marcato

Pensofal

Giampiero Caputo, export area manager di Pensofal.

spiega il perché del riscontro che stiamo avendo, anche grazie ai nostri distributori, esclusivi e non". In questa strategia rientra anche un’attenta opera di promozione, realizzata mediante email e riviste b2b. Massima attenzione per pubblicità (e merchandising) anche da parte di Pensofal, che, per bocca dell’export area manager, Giampiero Caputo, ci ha rivelato come accanto al web e alle riviste di settore, la sponsorizzazione avvenga anche in stadi e palazzetti, in occasione di eventi sportivi. Pure in questo caso la priorità è la crescita dei mercati esteri: "Da pochi mesi abbiamo un distributore esclusivo per gli Stati Uniti, trovato proprio in occasione della passata edizione della kermesse di Chicago. Da questo avamposto intendiamo andare alla conquista di Messico e Brasile, mentre in Europa siamo già forti in Russia e Ucraina". Innovazione, sistemi brevettati, ricerca ed esclusività sono fiori all’occhiello dell’operatore campano, che in America ha portato l’ultima novità del suo catalogo, la linea con effetto “stone”: "Si tratta di un antiaderente rinforzato che abbiamo lanciato neppure un mese fa a Francoforte, dove anche Pasta sì, pentola multiuso brevettata per scolare perfettamente, ha avuto un ottimo riscontro", ha terminato il manager. Se l’esportazione aiuta, è evidente come non conosca (o quasi) la parola crisi chi ne ha fatto una vera vocazione, come dimostrano i numeri della friulana Marcato: "Circa l’80%

• MAGGIO / GIUGNO 2013

della nostra produzione prende la via dell’estero" ha esordito Marino Spinella, export area manger dell’operatore di Campodarsego, in provincia di Pordenone. "Un impegno indefesso in ricerca e sviluppo, un’attenzione crescente per il wellness, una serie di colori che adattano le nostre macchiane per fare la pasta alle più disparate tonalità di un ambiente domestico: è così che battiamo la concorrenza e abbiamo fatturato 20 milioni di euro". E le previsioni, dopo l’incremento già messo a segno l’anno scorso, parlano di crescita anche per ques’anno. Accanto a Ristorantica, macchiana che produce 12 kg di pasta in un ora, il prodotto di punta per uso domestico è certamente la Atlas 150, che permette di realizzare nella propria cucina ben 15 differenti tipi di pasta: una versatilità che, sposandosi con l’esigenza attuale di risparmiare anche ai fornelli e di dar sfogo al tradizionale amore degli italiani per la buona tavola, spiega il perché del successo di questo apparecchio, "che, riconosciuto come esempio dell’italian style of living, ha un grandissimo successo", ha chiosato Spinella. Articoli casalinghi, forniture per alberghi e porcellane sono le branche di mercato in cui è specializzata Cerutti Inox. "La flessibilità nella realizzazione dei nostri prodotti è una delle nostre caratteristiche distintive, grazie al servizio di sviluppo e progettazione di prodotti per terzi su disegno" ha puntualizzato il manager Giacomo

24

Marino Spinella, export area manager di Marcato.

Cerutti Inox

Giacomo Albertini di Cerutti Inox di Omegna.


Albertini. Con una previsione di crescita del fatturato anche per il 2013, distributori esclusivi, attività di pubblicità tramite email, riviste b2b e b2c, un’export che arriva alla metà della produzione, Grecia, Spagna e Stati Uniti come sbocchi esteri principali, l’azienda di Cuzzago (Vb) produce sia per la casa che per il ramo professionale numerosi articoli: dai vassoi alle saliere, da portariviste a ferma libri e cd; e, ancora, formaggiere, setacci, cavatappi, prodotti di caffetteria, portatore, posacenere, etc. Design e produzione diretta di progetti nati internamente o realizzati in collaborazione con rinomati marchi a livello internazionale: ecco come lavora Artelegno. "Di fronte alla crisi non ab-

biamo certo tirato i remi in barca – ha argomentato Giulio Fazzini, che per l’azienda di famiglia cura proprio il design dei prodotti – ma ci siamo detti: 'è arrivato il momento di andare a cercarci i clienti direttamente', specie nei contesti più recettivi, Usa in testa, dove abbiamo creato, da ottobre 2012, una base d’appoggio a Sturtevant, nel Wisconsin". Accanto all’America, la Germania in Europa e la Korea del Sud in Asia sono i mercati più fruttuosi per l’azienda che produce oggetti di legno per la cucina (con un focus particolare su porta coltelli e taglieri) e che ha registrato un significativo incremento della produzione nel primo trimestre di quest’anno.

Artelegno

Chi certamente non solo ne fa un punto di forza, ma è con passione che da cinquant’anni si impegna a dare impulso ai prodotti nazionali nel mondo è La Termoplastic F.B.M., specializzata nella produzione di manici, maniglie e accessori per pentole. “L’indiscussa qualità dei nostri prodotti per pentole è contraddistinta dal marchio di fabbrica F.B.M. impresso nel retro di tutti i nostri articoli, che contribuisce a rendere prestigioso il prodotto italiano nel mondo” ha specificato Eleonora Giorgia Munari, marketing manager dell’azienda varesina. La cui presenza sul mercato americano, sia nel nord che nel subcontinente meridionale, è testimoniata dai centri di produzione messicano e brasiliano. “Nel design e nella innovazione tecnologica siamo depositari di oltre 200 brevetti in diversi paesi: siamo l’unica realtà di settore a livello internazionale capace di offrire alle imprese clienti un ampio catalogo di offerte originali, oltre che soluzioni su misura da ideare e realizzare. Grazie al centro design e ai reparti di ricerca e sviluppo, su richiesta, possiamo anche creare linee in esclusiva”. Sono oltre 130 i collaboratori nel mondo de La Termoplastic

DeaGourmet Paolo e Giulio Fazzini di Artelegno.

La Termoplastic F.B.M.

Eleonora Giorgia Munari, marketing manager de La Termoplastic F.B.M.

25

Matteo Monni, presidente DeaGourmet.

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Fiere • INTERNATIONAL HOME + HOUSEWARES SHOW F.B.M., che produce 140 milioni di pezzi all’anno. "Nasciamo dal cibo, che è la 'musa' ispiratrice dei nostri prodotti" ha affermato Matteo Monni, presidente dell’umbra DeaGourmet, che realizza una linea di oggettistica per il mondo gastronomico utilizzando bone china, acciaio e bambù naturale. "Si tratta di oggetti versatili, adatti a più usi, che produciamo nel nostro stabilimento di Bastia Umbra: 120mila mq dove sono impiegate 40 maestranze, che arrivano a 400 sotto Natale grazie al business dei cesti e delle strenne di Bontà Express, l’azienda primigenia del Gruppo, ai cui prodotti erano inizialmente acclusi quelli del marchio DeaGourmet, salvo poi incontrare un successo tale da indurci a puntare su questi ultimi". Ma non è tutto: del Gruppo fanno parte anche due ristoranti a insegna Puntopiù, a Perugia e Pesaro. Con una previsione di crescita del fatturato 2013 del 20%, l’azienda esporta il 70% di ciò che crea, soprattutto in Germania, Russia, Stati Uniti e Asia. L’importanza crescente dell’Oriente è confermata dalla presenza alla fiera di Canton e soprattutto dal magazzino cinese in quel di Shenzhen, nel sud della Repubblica Popolare. Tra i prodotti novità, la tazza con il decoro interno e il piatto elicoidale, che andrà sul prossimo catalogo Conad.

Legnoart

Ketty Albertini, manager Legnoart.

Colombo Smartplastic

A tutto legno

Stefano Petrò, Enrico Freddi e Davide Zamparri di Colombo Smartplastic.

• MAGGIO / GIUGNO 2013

26

Fondata nel 1946, la piemontese Legnoart opera nel settore degli oggetti di design per la casa, la cucina e la cantina. "Le nostre creazioni, riconosciute come veri e proprio 'oggetti di desiderio', sono presenti in più di 52 paesi grazie al supporto dei punti vendita più selettivi e dei negozi specializzati più esclusivi" ha sottolineato Ketty Albertini, che ha proseguito: "I nostri prodotti hanno una forte personalità e una chiara identità sul mercato. Dall’idea alla produzione e alla distribuzione: controlliamo direttamente e completamente l’intero ciclo produttivo. È Enrico Albertini, insieme a un team di famosi designer, a creare le collezioni Legnoart, cui si affiancano quelle della linea Spicy, che presentiamo in questi giorni


qui a Chicago: tutti gli oggetti realizzati vengono protetti con sostanze biologiche vegetali e minerali; la finitura è a 'poro aperto', in questo modo il legno viene esaltato nella sua struttura e rimangono visibili i pori in cui la linfa scorreva nella pianta viva". Raggruppati dal 2012 sotto il comune biglietto da visita Colombo Smartplastic, si incontravano nei padiglioni del McCormick Place tre storici marchi italiani del settore: Gio’Style, Ordinett e Mebel. Stefano Petrò, Enrico Freddi e Davide Zamparri ci hanno raccontato di come il giro d’affari del Gruppo stia per fare un grosso balzo in avanti grazie a progetti legati alla lavorazione della plastica al di fuori del mondo dei casalinghi. Settore in cui i tre marchi che rappresentavano all’IHS, vantano una tradizione e una forza che va consolidandosi anche all’estero, grazie a una progressione graduale dell’export e per merito della pubblicità, realizzata sia in televisione che, sempre più spesso, attraverso il web. Con una capacità produttiva da vera e propria corazzata del settore (grazie all’utilizzo di 60 macchinari, "le bocche da fuoco" come le chiamano loro…), le tre aziende soddisfano le richieste più disparate provenienti dal mercato, collocando i propri prodotti in una ampia gamma di canali. Attualmente è la collezione ForMe quella di punta per il tableware. Non manca neppure una nota solidale, con la fornitura di un porta vaccino all’Unicef, che da 30 anni si serve di questo prodotto che garantisce il massimo isolamento termico ai medicinali salva vita somministrati gratuitamente nelle zone più povere del mondo. È sulla linea Èlite (una nuova collezione di oggetti per la cucina e la tavola dal design semplice ed elegante disponibili in verde, rosso e grigio) che punta invece Snips per accrescere il successo delle sue creazioni sui mercati internazionali, laddove va il 60% della sua produzione. "Puntiamo molto sulla pubblicità per incrementare le nostre vendite. Praticamente utilizziamo tutti gli strumenti disponibili, televisione in testa, con la sponsorizzazione dei i 'Menù di Benedetta' sul La7. Un onore non indifferente che però ripaga, dandoci la possibilità di pubblicizzare al me-

Snips

Alessandro Piacenza, national key account di Snips.

glio qualità e praticità dei nostri prodotti: tutti al 100% made in Italy, grazie all’apporto di designer che ne studiano le linee in maniera accattivante senza mai perdere di vista la loro destinazione d’uso" ha dettagliato Alessandro Piacenza, national key account dell’impresa di Ossago (Lo). Francia, Germania, Medio Oriente: sono questi gli sbocchi principali dell’export dell’azienda: "e intendiamo rafforzare ulteriormente la nostra presenza fuori dai confini nazionali, dove operiamo attraverso agenti e distributori esclusivi e

siamo presenti in numerose fiere". Più estero, meno Italia: è questo, in soldoni, il concetto espresso dal giovane manager, anche lui, come altri rappresentanti delle aziende italiane in loco, figlio del titolare: forse anche lui, ai tempi degli studi, era stato mandato a fare una vacanza studio all’estero, per imparare l’inglese: e così, quello che allora era più che altro un modo per divertirsi, oggi è strumento indispensabile per fare business e vendere al meglio i prodotti italiani. Ai quattro angoli del pianeta.

Prossimo appuntamento a Chicago 15 - 18 marzo 2014

27

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


L’esperto risponde • VISUAL MERCHANDISING Antonio Provenzano - Responsabile Visual Merchandising Finiper

L’animazione commerciale Quando parliamo di animazione commerciale, ci riferiamo a tutte quelle promozioni indirette, e non personali rivolte a un vasto pubblico L’ATTIVITÀ DI ANIMAZIONE COMMERCIALE È UN ELEMENTO FONDAMENTALE del marketing mix. È un meccanismo con il quale si cerca di attirare l’attenzione del consumatore facendo leva sui bisogni e sui desideri. La promozione comprende tutte quelle leve di marketing operativo volte a informare sui nuovi prodotti e a renderli interessanti. Le promozioni in generale includono pubblicità, attività di visual merchandising, eventi speciali. Le aziende utilizzano una varietà di tecniche di comunicazione per trasmettere i loro messaggi promozionali ai consumatori. La combinazione o miscela di diversi canali di linguaggio è nota come il termine mix promozionale. Le attività di animazione dovranno necessariamente rispondere a dei requisititi strategici quali:

• Essere Persuasive • Essere Pertinenti • Adatte al prodotto • Reali • Ripetitive La programmazione di ogni attività di animazione commerciale deve tener conto di alcuni fattori quali:

• Presentazione • Animazione • Segmentazione

Spazi promozionali Gli spazi promozionali sono spazi considerati sempre nel lay out del punto vendita, sono posti in zone di forte transito e mirano a offrire ai clienti prodotti sia, stagionali sia non e non necessariamente fanno leva sul fattore prezzo. La promozione prevede un’azione diretta a determinare un aumento delle vendite specifico. Le fasi possono essere così divise:

• Preparazione: storico, previsione, approvvigionamento • Monitoraggio: correzione, incentivi, proroghe • Esecuzione: impianto, informazione, acceleratori • Risultato: incremento delle vendite e indice di rotazione • MAGGIO / GIUGNO 2013

28


La promozione è un’attività nella quale è fondamentale essere molti diretti e rapidi, il consumatore, infatti, nel tempo è diventato più intelligente e informato, ma allo stesso tempo legge e ascolta meno… Esige semplicità, diversamente è facile cadere nelle cosiddette anti-promozioni. Le attività di animazione devono svolgere anche altre funzioni come quelle di:

• Influenzare: ambientare, animare, enfatizzare Ogni attività promozionale va preparata con cura in modo da offrire al cliente una scusa per comprare. Un calendario generico delle attività commerciali e promozionali può essere così diviso:

• Gennaio: saldi, fiera del bianco • Febbraio: San Valentino, carnevale • Marzo: festa della donna, festa del papà profumeria e giardinaggio • Aprile: Pasqua, piante stagionali, area aperta • Maggio: festa della mamma, gioielli, elettrodomestici, comunioni • Giugno: biancheria intima, gelati, rinfreschi • Luglio: vacanze estive, relax, costumi da bagno, promo mare • Agosto: articoli per la casa, vini • Settembre: scuola, cartoleria, abbigliamento bimbi • Ottobre: pulizia casa, vini • Novembre: gastronomia, Halloween, anticipo Natale • Dicembre: Natale, giocattoli, regali Il visual merchandising mette in atto nella creazione delle tecniche espositive da adottare quattro diversi criteri:

• Fisico: massificazioni di prodotto, vendite in cesta o in strutture che consentano una gestione alla rinfusa, cross-selling, gestione dei campioni e delle giacenze. • Psicologiche: prezzo chiuso (come ad esempio “tutto a”) abbinamenti merceologici (melone e prosciutto, fragole e panna), per concludere con il cross merchandising. • Decorative/ambientali, materiale POP. • Umane: consiste nell’utilizzare supporti nella promozione come hostess o promotori.

Per approfondire questo tema con il nostro esperto contattatelo via e-mail: antonio.provenzano@iper.it

29

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


L’esperto risponde • SUPERFICI COMMERCIALI Andrea Penazzi

Cilento Outlet Village, retail a vocazione turistica Un nuovo outlet di 24mila mq di gla è stato inaugurato pochi mesi fa. Attualmente conta 55 negozi, ma l’obiettivo sono 75 unità operative entro fine estate. Buone le opportunità anche per aprire un punto vendita di articoli per la casa

ILLUMINATO DAL SOLE, CON I DEHORS APERTI, I GAZEBO, LA FONTANA ATTIVA, L’AREA BIMBI gremita e soprattutto con l’offerta commerciale a pieno regime. Così dovrebbe presentarsi di questi tempi il Cilento Outlet Village, una struttura che è stata capace di attrarre oltre 400mila visitatori nei primi due mesi di attività. La nostra visita, avvenuta da poco, ci ha permesso di fare il punto sullo stato dell’arte e sulle prossime tappe insieme al direttore del complesso, Gian Claudio Marsilio. L’ex dirigente di Neinver, ora in quota a Promanagement, ci ha spiegato come le imminenti aperture, gli allestimenti previsti nelle passeggiate e nelle piazze e le future iniziative di marketing territoriale andranno a completare l’esperienza di acquisto, a migliorare la permanenza all’interno del villaggio e la capacità dello stesso di inserirsi nel territorio. Con il taglio del nastro a ridosso dello scorso Natale è stata aperta al pubblico la Fase 1, che ospita 75 unità commerciali distribuite su una gla di 24mila metri quadrati. Tuttavia, come è fisiologico

per questo canale distributivo, l’offerta andrà a regime nel giro di qualche mese: nel caso specifico entro l’estate. Al momento della nostra visita erano operativi 55 negozi e un’altra manciata di punti vendita erano in apertura. La Fase 2, già costruita sul lato Ovest e in piena attività di commercializzazione, porterà la gla totale a 34mila mq e il numero dei negozi a circa 120. L’investimento complessivo ammonta più o meno a 80 milioni di euro. Il nuovo outlet, secondo realizzato in Campania dopo quello di McArthurGlen a Marcianise (Ce), è ubicato nei pressi di Eboli, circa 100 km a sud dal competitor, nella provincia di Salerno. Il villaggio dello shopping è posizionato lungo la Strada Statale 18 Tirrenia Inferiore, al km 79+250, dalla quale è ben visibile e direttamente accessibile tramite un ingresso dedicato che dà sul parcheggio a raso di 3.000 posti. Questo, a sua volta, presenta un’uscita sulla medesima arteria. In virtù di tale location, baricentrica rispetto a Salerno, l’area archeologia di Paestum e la costiera amalfitana, Promanagement ha evidenziato un potenziale bacino

Per approfondire questo tema con il nostro esperto contattatelo via e-mail: giorgio.bozzi@edifis.it

• MAGGIO / GIUGNO 2013

30


d’utenza compreso tra la Campania centro-meridionale e la Basilicata occidentale, che tradotto in numeri significa 500mila residenti nei 30 minuti di percorrenza in automobile e 2,5 milioni di residenti nei 60 minuti. Allargando l’isocrona a 90 minuti il dato cresce sino a 5 milioni. A questi vanno aggiunti i sei milioni di turisti che annualmente arrivano in Campania e il milione di persone che ogni anno transita da e per le regioni limitrofe. Tali valori spiegano perché il turismo rappresenti per Promanagement un driver primario, che in quest’ottica sta lavorano con i tour operator, con le strutture ricettive e leisure della zona, con gli enti locali e in particolare con gli operatori del comparto crocieristico di Salerno, in fase di forte espansione. Non mancheranno, inoltre, gli eventi: ne sono previsti da 15 a 20 nella grande piazza principale durante il periodo compreso tra maggio e ottobre. Protagonista di questa iniziativa immobiliare commerciale è Gruppo Irgenre, che detiene la proprietà del Cilento Outlet Village, mentre la commercializzazione e la gestione sono appannaggio del bresciano Gruppo Promos, rispettivamente con le società Promos e Promanagement. Anche la progettazione rimane in capo all’azienda lombarda. Sul fronte sicurezza, intesa come portierato, è attiva la società Onet, mentre le guardie armate sono fornite da Gruppo Battistolli, che si è appoggiato a operatori locali.

Offerta: spiccano le medie superfici low cost Sino ad ora siamo stati abituati a vedere negli outlet italiani negozi di dimensioni comprese tra i 100 e i 200 metri quadrati. Store di metrature più ampie sono stati posizionati all’interno di retail park, costruiti in un secondo momento di fianco ai villaggi outlet. I parchi commerciali, dotati di ingressi indipendenti, si differenziano dai f.o.c. limitrofi non solo in ambito architettonico, per la tipologia e il livello dei brand, ma anche per la proposta full price. Tra le principali novità introdotte nel Cilento Outlet Village c’è quella di aver unito in un unico formato l’outlet e il retail park, portando quest’ultimo all’interno del villaggio con un posizionamento di prezzo coerente a quello dell’outlet. Ovviamente anche a livello architettonico è evidente una totale continuità. Questo è stato possibile per l’ampia gla a disposizione del promotore, che ha inserito nel Cilento Outlet Village, attorno alla piazza principale, una decina di medie superfici di vendita. In questo novero spiccano Diffusione Tessile su 2.300 mq (unico punto vendita in Campania), Gruppo Ittierrre su 1.800 mq, Bata, Ragno/Lanificio di Tollegno e Satur, a cui si aggiungeranno presto un importante brand dedicato al bambino, uno all’abbigliamento donna e uno spazio specializzato sul food. In tutti i tre casi le trattative sono in fase avanzata, con l’ultima posizione che dovrebbe vedere protagonista un noto produttore locale attivo nel settore lattiero-caseario. Questo operatore, di concerto con altri produttori locali, dovrebbe gestire uno store con servizio vendita e degustazioni delle tipicità campane. Tale punto vendita, ci ha spiegato il direttore, sarà un ulteriore strumento per inserirsi nel tessuto locale e diventare attrattore turistico. Altra caratteristica del Cilento Outlet Village è la presenza di una piazza del lusso accessibile direttamente dal secondo ingresso. In questo spazio sono già allocati alcuni brand di alto livello e altre unità sono opzionate con questa specifica destinazione. Tra quelle già operative citiamo Galliano, Missoni e il Luxury Mall, multimarca con all’interno Roberto Cavalli, D&G, Valentino e altri. Il resto del portfolio marchi vede brand stranieri, nazionali e locali, a vocazione nazionale. In ambito sportswear spiccano Nike,

31

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


L’esperto risponde • SUPERFICI COMMERCIALI

Puma e Adidas, nel campo dell’abbigliamento e calzature Benetton, Geox, Fiorucci, Harmont&Blaine, Alcott Gutteridge e Camomilla Italia, nel settore casa Bialetti e De’ Longhi. Tra le prossime aperture, già contrattualizzate, si possono annunciare quelle di Bencivenga, Nuvola, Désirée e Yamamay Beauty (nuova declinazione del marchio) e Yamamay Intimo. Complessivamente i negozi di Pianoforte Holding saranno sei. Il posizionamento del portfolio brand su un livello medio e medio/alto sarà confermato anche nella seconda fase dell’outlet, dove attorno alla futura piazza si sta valutando di unire alcune unità con lo scopo di valorizzarle. Dal punto di vista del layout interno degli shop, constatiamo la diversa interpretazione dei brand rispetto al canale outlet: mentre alcuni negozi propongo uno scaffale molto semplice, altri hanno optato per arredamenti ricercati che seguono da vicino quelli dei monomarca tradizionali. Su tutti ci ha impressionato positivamente quello

• MAGGIO / GIUGNO 2013

di Alcott. Altra tendenza: alcune insegne come Diffusione Tessile hanno anticipato la presentazione della collezione primaverile. Questa strategia, ci ha spiegato Marsilio, sarà replicata da numerosi negozi in occasione dei mesi estivi per colpire i turisti con le collezioni autunnali e non solo con quelle in saldo. L’offerta si completa con sei location destinate alla ristorazione. Oltre alla già citata superficie con vendita e degustazione di prodotti tipici campani, segnaliamo l’insegna Edoedo, con proposta di pizzeria e cucina tradizionale dotata di circa 100/120 sedute più dehors sulla piazza principale, il Cilento Cream & Coffee, specializzato nell’offerta di gelati, il nuovo format brasserie di Harmont&Blaine Jeans Café, il locale Un altro caffè, il Varesino con prodotti prevalentemente Lindt e la casetta di McDonald’s. Quest’ultima, ubicata nel parcheggio, è dotata di McDrive e segue orari di apertura indipendenti. Tra i servizi al pubblico, oltre

32


all’Infopoint dove si farà anche attività promozionale del territorio, sono presenti due sportelli di Banca di Credito Cooperativo, l’area giochi per bambini estesa di 200 mq, le toilette, prossimamente la nursery e la fermata per il servizio di trasporto pubblico locale. È prevista inoltre l’installazione di quattro schermi bifacciali touchscreen.

Architettura in stile locale, con attenzione al green Un villaggio che riprende lo stile architettonico locale, con passeggiate aperte e ampie, piazze con fontane e panchine. Sotto quest’aspetto il Cilento Outlet Village si mantiene ancorato a un modello consolidato, che vede come capostipite il Designer Outlet di Serravalle di McArthurGlen. Nonostante al momento della nostra visita alcuni particolari non fossero ancora installati, è possibile immaginare quale sarà il risultato finale. A livello generale segnaliamo due ingressi dotati di cancellate e videosorvegliati, di cui uno speci-

fico per la piazza del lusso, e quattro piazze, di cui una principale di dimensione ragguardevole. In quest’area è stata installata recentemente una grande fontana, dotata di particolari sistemi di illuminazione, in grado di sviluppare scenografie di forte impatto. Con l’inaugurazione della seconda fase le piazze diventeranno cinque. Da segnalare ci sono due elementi in particolare: i colori degli edifici, piuttosto accesi e piacevoli, e la presenza di verde. Quest’ultimo vede la piantumazione di vegetazione mediterranea e di numerose aiuole, che, in primavera regalano un piacevole effetto visivo. Il legame con il territorio è stato ulteriormente consolidato grazie a un progetto in essere che vede protagonisti l’Università di Salerno e in particolare il dipartimento di Medicina: in 25mila mq sarà realizzato un giardino botanico con l’obiettivo di creare percorsi didattici per le scuole e i turisti. Presto l’area bimbi sarà dotata di gazebo e di coperture, quest’ultime saranno utilizzate anche per riparare dal sole le passeggiate nei periodi più caldi. Al momento è in fase di studio l’installazione di un impianto fotovoltaico.

Il progetto in pillole Indirizzo Localizzazione Apertura fase 1 Apertura prevista fase 2 Proprietà galleria Commercializzazione Gestione Investimento Tipologia Livelli commerciali Gla fase 1 Gla complessiva Totale unità fase 1 Totale unità complessive Medie superfici Unità ristorazione Posti auto parcheggio

Eboli – Strada Statale 18 Tirrenia Inferiore Km 79+250 Extraurbana 15 dicembre 2012 2014 Gruppo Irgenre Promos Promanagement 80milioni di euro Factory Outlet Center 1 24.000 34.000 75 120 10 6 3.000

33

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


L’esperto risponde • LEGGI E NORMATIVE A cura dello Studio Legale Cocuzza & Associati di Milano - Avv. Giulia Comparini

Per informazioni e quesiti gli Avvocati Giulia Comparini e Alessandro Barzaghi saranno lieti di rispondervi a: gcomparini@cocuzzaeassociati.it abarzaghi@cocuzzaeassociati.it

Aperture domenicali: una battaglia a carte bollate Regioni e comuni devono favorire la liberalizzazione degli orari d’apertura: lo dice la corte costituzionale, ma c’è chi dice no NEL CORSO DEL 2012 L’ARGOMENTO DELLE LIBERALIZZAZIONI DEGLI ORARI DI APERTURA degli esercizi commerciali, ha tenuto banco. Il provvedimento introdotto in via definitiva nel nostro ordinamento dal governo Monti con il c.d. Decreto Salva Italia del dicembre 2011, ha avuto un iter a dir poco travagliato fino alle sentenze del dicembre scorso della Corte Costituzionale che ne hanno confermato la legittimità, rigettando i ricorsi presentati da alcune Regioni, tra cui: Piemonte, Veneto, Sicilia, Lazio, Lombardia, Toscana e Friuli Venezia Giulia, sull’assunto che la disciplina delle aperture domenicali e festive rientrasse nella materia del “commercio” e, quindi, fosse di competenza esclusiva regionale. Al contrario, la Corte Costituzionale ha stabilito che la disciplina delle aperture domenicali e festive, nonché degli orari di apertura, rientra nell’ambito della tutela della concorrenza e ha lo scopo di garantire l’assetto concorrenziale nel mercato. In sostanza, secondo la Consulta, le Regioni e i Comuni devono non solo rispettare ma anche favorire l’applicazione della normativa sulle liberalizzazioni degli orari e delle aperture degli esercizi commerciali. La Corte ha poi affermato che la prevalenza della normativa statale non subisce deroghe neppure nel caso di Regioni o Province a statuto speciale, in ragione della natura “trasversale” della competenza esclusiva dello Stato in materia di tutela della concorrenza. Ciononostante, le amministrazioni di alcuni comuni del Trentino Alto Adige (Bolzano e Merano) e della Sicilia (Catania) hanno adottato a fine dicembre 2012 alcune ordinanze volte a stabilire un calendario degli orari di apertura e di chiusura domenicali e festive degli esercizi di vendita al dettaglio per l’anno 2013, in totale dispregio della nuova normativa: il sindaco del Comune di Bolzano, ad esempio, ha disposto la chiusura obbligatoria di tutti gli esercizi commerciali per 41 giornate fra il dicembre 2012 e il dicembre 2013 tra cui 35 domeniche. Contro tali provvedimenti ha subito reagito l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, avvalendosi dei poteri di recente attribuiti alla stessa, che le permettono di intervenire direttamente nei confronti della pubblica

• MAGGIO / GIUGNO 2013

amministrazione, denunciando gli atti della stessa che possano in qualsiasi modo contravvenire al principio di libera concorrenza. L’Autorità ha infatti prontamente invitato i comuni di Bolzano, di Merano e di Catania, con tre distinti pareri emessi il 28 febbraio 2013, a «ripristinare corrette dinamiche concorrenziali» e permettere la liberalizzazione delle aperture degli esercizi commerciali situati nei rispettivi territori, precisando che i provvedimenti adottati dalle amministrazioni locali si basano su disposizioni da disapplicare per contrasto con la normativa statale. L’Antitrust ha quindi concesso ai singoli comuni il termine di 60 giorni per adottare le opportune iniziative volte a rimuovere la violazione della concorrenza. Nel frattempo, alcuni retailers hanno impugnato tali provvedimenti limitativi dei comuni di Bolzano e di Merano dinanzi al Tar Bolzano. I giudici amministrativi di Bolzano, tuttavia, si sono mostrati restii a recepire le norme nazionali ed hanno rigettato le domande dei retailer, sostenendo la non diretta applicabilità della nuova normativa introdotta con il Decreto Salva Italia nella Provincia autonoma di Bolzano, a meno che non intervenga un provvedimento legislativo provinciale o una sentenza della Corte Costituzionale. Quest’ultimo intervento è giunto proprio in questi giorni. Ed infatti la Presidenza del Consiglio dei Ministri aveva già nel corso del 2012 impugnato innanzi alla Corte Costituzionale alcune disposizioni della legge della Provincia autonoma di Bolzano che pongono limitazioni al libero esercizio dell’attività commerciale, ivi inclusa quella attinente alla imposizione di chiusura domenicale, eccependone l’incostituzionalità. La Corte Costituzionale con sentenza depositata il 15 marzo 2013 ha confermato le precedenti decisioni e ha sancito l’incostituzionalità di tali ingiustificate limitazioni. L’ultimo baluardo contro la liberalizzazione delle aperture degli esercizi commerciali dopo la recentissima sentenza della Corte Costituzionale ha ceduto e anche i comuni altoatesini dovranno pertanto adeguarsi a quanto succede nel resto del territorio italiano. Viene tuttavia da chiedersi perché nel nostro Paese le sacche di resistenza alle liberalizzazioni si debbano combattere a suon di carte bollate.

34


concorso:Layout 1 28/12/12 16:33 Pagina 1

Concorso 2013 Riparte il concorso di “la vetrina più innovativa dell’anno” Hai avuto buon gusto e una buona idea: ora falla conoscere MANDACI QUALCHE FOTO DELLA TUA VETRINA Ogni bimestre una Giuria selezionerà la migliore, e le foto verranno pubblicate sulla nostra rivista assieme ad una intervista del titolare. Nel corso del Macef 2014 i sei prescelti verranno pemiati con una preziosa targa ricordo, mentre la Giuria selezionerà la vetrina che, fra le 6, sarà giudicata la migliore, e cioè quella più capace di coniugare visibilità di prodotto, impatto commerciale ed identità del punto vendita. Il vincitore assoluto riceverà una speciale targa, e CASA&REGALO pubblicherà sul primo numero raggiungibile un ampio servizio sul punto vendita e sui suoi titolari. PARTECIPARE È FACILE Basta inviare 2-3 foto in formato jpg e con una risoluzione di 300dpi a: casaeregalo@edifis.it. Nella e-mail indicare l’indirizzo, il nome del titolare (o del responsabile) e il numero di telefono del punto vendita. Per info: Casa&regalo - Edifis SpA Viale Coni Zugna, 71 - 20144 Milano - Tel. 02 3451230


Concorso vetrine • CIRO & GABRIELLA Elisa Facchetti

Cucina, regalo e dintorni

Non solo casalinghi, ma anche souvenirs e oggetti medievali. Da "Ciro & Gabriella" l'offerta tavola e cucina si amplia seguendo il dinamismo di un mercato che si rivolge anche ai turisti Interno negozio

Suggestiva location, a meno di un chilometro dal mare di Finale Ligure e a metà strada tra i due grandi centri Savona e Albenga, Finalborgo merita una sosta. Piccolo paese medievale, attrae ogni anno moltissimi turisti che cercano durante il periodo estivo un momento di relax, nell'atmosfera antica di questo luogo. Ed è qui che incontriamo le cinque vetrine del negozio "Ciro & Gabriella", 100 mq dove alla proposta del casalingo vengono affiancate, per ovvie ragioni legate al turismo di Finalborgo, anche souvenirs e oggetti dal sapore medievale. La natura del negozio, nato nel 1950, resta in ogni caso legata al settore casalingo con i migliori marchi: Alessi, Kitchen Aid, Barazzoni, Risolì, Quick Mill, Piral, Ottinetti, Martellato, Maxwell & Williams, Bialetti, Joseph & Joseph, Severin, Pavoni, solo per citarne alcuni, oltre a un elevato assortimento di articoli da regalo dipeso dall'adattamento alle richieste di una clientela eterogenea e

• MAGGIO / GIUGNO 2013

variegata, dal cliente abituale a quello occasionale. Gabriella Sanguineti, titolare del negozio dal 1967 con il marito, aiutata oggi dal figlio Luca Malatesta - responsabile del negozio - con la moglie, così ci spiega le dinamiche dell'attività: "Negli anni abbiamo sempre seguito attentamente gli sviluppi del settore e ci siamo adattati ed evoluti anche in altri ambiti seguendo sempre il meglio e avendo risposte positive e confortanti da parte dei nostri clienti. Offriamo una vasta gamma di articoli, dal settore casalingo e articolo da regalo fino ai souvenirs e agli articoli medievali, ma senza mai snaturare il profilo del nostro negozio". Le vetrine, ovviamente, sono il punto di forza di "Ciro & Gabriella", ben cinque, rinnovate ogni 15 giorni per offrire ai clienti una panoramica di prodotti sempre aggiornata. Le vetrine, allestite a tema attraverso un mix di prodotti di diverse aziende, sono studiate e realizzate esclusivamente dal team del negozio: "Siamo

36


Vetrina interna Staff "Ciro & Gabriella". Da sinistra a destra: Gabriella Sanguineti con il marito, Luca Malatesta con la moglie.

Il negozio in pillole Insegna Indirizzo Titolare Superficie pdv N. vetrine Gestione vetrine Frequenza allestimento Aziende partner per vetrinistica

Ciro & Gabriella Via Nicotera 19 17024 Finalborgo (SV) Sanguineti Gabriella 100 mq 5 interna 15 giorni Principali nessuna, ogni azienda ha nel suo assortimento l’oggetto utile da mixare per rendere accattivanti le vetrine.

molto interessati ai corsi organizzati per allestire le vetrine - ci spiega Gabriella Sanguineti -, tanto che abbiamo già partecipato a corsi di vetrinistica tenuti da Confcommercio ed ente bilaterale terziario. La vetrina è il nostro bilgietto da visita, è il fattore emotivo che influenza l'ingresso del cliente nel nostro

negozio". Il luogo, altamente turistico, offre quindi numerosi spunti per organizzare al meglio lo spazio espositivo, sia esterno con le vetrine, sia interno. "Dobbiamo essere sempre aggiornati sulle novità - prosegue la signora Gabriella - e questo avviene attraverso la partecipazione alla fiera Macef, consul-

tando i vari siti delle aziende fornitrici e attraverso i supporti cartacei, come la vostra rivista Casa&Regalo dalla quale prendiamo diversi spunti". Il settore ha senza dubbio subito un lieve arresto nelle vendite, tuttavia, come ci spiega Gabriella Sanguineti: "Siamo riusciti a non essere travolti da questo momento negativo dell'economia che ha penalizzato soprattutto le piccole imprese, offrendo più servizi al cliente, come l'apertura del negozio sette giorni su sette, aumentando l'assortimento e ricercando sempre l'articolo che soddisfi il cliente sia occasionale, sia abituale". Inoltre, per stimolare la clientela, vengono organizzati molto eventi, sfruttando le inziative a tema promosse da alcuni fornitori con dimostrazioni dell'utilizzo di vari prodotti, e organizzando corsi di vario genere, ultimo dei quali un corso di cake design.

Vetrine esterne

37

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Aziende • ARCUCCI TRADE Massimo Luigi Andreis

A tutto campo Qualità, versatilità, trend emergenti, tradizione e sensibilità “green”: i prodotti distribuiti da Arcucci Trade sono in grado di intercettare i gusti di ogni tipologia di cliente Tutto inizia nel 1981 quando Giuseppe Arcucci, per dieci anni alla guida di un importante gruppo industriale, fonda la propria azienda in provincia di Pistoia. Coadiuvato dai primi anni ’90 dai figli Cristiano e Simona, Arcucci Trade è diventata una realtà di primo piano a livello nazionale, grazie alla sua capacità di selezionare sul mercato internazionale aziende che per storia, immagine ed affidabilità si sono distinte nel settore merceologico di appartenenza. “Sono oltre 1000 i nostri clienti – esordisce Cristiano Arcucci, direttore commerciale dell’azienda toscana – mentre ci avvaliamo della collaborazione di 18 agenti”. Grazie a un sistema logistico modernamente organizzato dei magazzini “garantiamo un servizio ed un’assistenza a 360° – gli fa eco Simona Arcucci, responsabile acquisti – sempre puntuali ed estremamente dinamici”. Il novero dei marchi distribuiti da Arcucci Trade individua una vastissima offerta di prodotti per la casa, per l’hotellerie e per la ristorazione professionale: “Le marche che rappresentiamo sono tutte contraddistinte da elevati contenuti qualitativi: Revol, De

Buyer, Roesle sono insegne fortemente radicate nel mercato – riprende il direttore commerciale –. In una fase recessiva come quella attuale è evidente che hanno maggiori capacità di resistenza rispetto ai concorrenti meno attrezzati”. Arcucci si distingue dunque per la capacità di selezionare collezioni in grado di interpretare le esigenze di un consumatore sempre più attento alla qualità del vivere, tenuto conto di come il mercato riservi una crescente attenzione al tema della sostenibilità. Basti citare, a questo riguardo, la nuova collezione Revolution di Revol, realizzata in un materiale innovativo risultato di anni di studi: garantisce prestazioni eccezionali, si adatta a ogni fonte di calore (compresa l’induzione), è resistente agli shock termici e meccanici e non assorbe odori, grassi, batteri. Realizzata con materiali naturali, è una linea dal design elegante, riciclabile al 100% e con un’ampia scelta di colori. “Tutta la nostra ultratrentennale storia – interviene la responsabile acquisti – testimonia la sensibilità verso la sostenibilità, che rappresenta uno dei criteri guida che ispi-

Da La Mediterranea, prodotti della collezione Botellas distribuiti da Arcucci Trade

• MAGGIO / GIUGNO 2013

38

Simona e Cristiano Arcucci, Resp. Acquisti e Dir. Commerciale rano le nostre scelte, accanto alla necessità di offrire prodotti in possesso di un giusto rapporto qualità-prezzo. Contemporaneamente, cerchiamo di essere vigili e cogliere tutte le nuove e performanti opportunità da proporre al mercato: penso, ad esempio, all’introduzione nel nostro portfolio degli assortimenti di Serra Quintana, che produce stoviglie realizzate con legno proveniente da foreste spagnole il cui rimboschimento è controllato dal Governo di quel paese, oppure le collezioni realizzate da La Mediterranea in vetro riciclato, o ancora, il porta sandwich di Boc’n roll, comodo da portare a scuola o in gita, che riduce l’utilizzo di articoli usa e getta. Del resto, oggi più di ieri, il cliente finale vuole delle motivazioni concrete che orientino i suoi acquisti... e non sempre sono influenzate dal prezzo”. La versatilità delle proposte di Arcucci è verificabile passando brevemente in rassegna altri marchi e collezioni che distribuisce: accanto alla qualità dei prodotti della coltelleria Tramontina e agli strumenti per la cucina in acciaio di Roesle, l’azienda presenta anche assortimenti più “easy”, capaci di intercettare le ultime tendenze, ideali per occasioni e acquisti d’impulso: oltre alle padelle in ferro puro della storica casa Francese De Buyer, troviamo le proposte di Kinto, che offre prodotti moderni e con stile a costi accessibili, esattamente come fa La Rochere, che a prezzi convenienti ripropone i modelli storici dei vetri francesi del ‘700.


Dietro ciascuno dei circa 600.000 pasti che offriamo quotidianamente ci sono i professionisti della Ristorazione Collettiva. Squadre di lavoro preparate per servire, con efficienza e puntualità, un grande numero di persone eterogenee. Controlli continui sulla qualità delle materie prime e dei cibi. Iniziative ed eventi per promuovere la cultura del benessere. Rispetto per l’ambiente e valorizzazione delle risorse locali. Per questo il Gruppo Elior è leader in Italia nella Ristorazione Collettiva.

www.elior.it

www.pontedilegnosette.net

Il Gruppo Elior, un mondo di attenzioni


I nostri sondaggi • PICCOLI ELETTRODOMESTICI

Sondaggio

Il mercato visto dai negozianti

?

Tra i dettaglianti comincia a farsi largo un cauto ottimismo sulla ripresa delle vendite. E in attesa che il mercato si rimetta in moto, il nostro sondaggio ci restituisce un segmento dei piccoli elettrodomestici in buona salute e attento alle esigenze dei commercianti

N

el mese di maggio abbiamo voluto in primo luogo sondare, nel nostro panel di oltre 200 rivenditori, le aspettative di evoluzione della situazione economica e delle vendite. Il risultato è che l’immediato futuro sembra essere di difficile lettura, ma non decisamente negativo. Su una scala da 0 a 5, l’attuale andamento delle vendite e del mercato ha ricevuto una valutazione di 2,65 punti, ovvero “calma piatta”; il punteggio per il prossimo trimestre aumenta però fino a 2,79 punti: la nostra interpretazione è che i dettaglianti del settore sperano in un piccolo miglioramento, ma non osano ancora prevederlo con certezza… Passando alle domande di merito (vi ricordiamo che il sondaggio era centrato sulle aziende produttrici o commercializzatrici di “piccoli elettrodomestici”), dobbiamo dire che molte aziende hanno riscosso, sotto diversi aspetti, il gradimento dei nostri rivenditori. Al top troviamo i risultati di Alessi, tra le aziende più votate in tutte e cinque le domande di misurazione della performance. Magimix è particolarmente apprezzata per la fornitura di materiali di appoggio alle vendite, per la bontà delle sue promozioni ed incentivazioni, e per il suo eccellente servizio di assistenza alla clientela; Nespresso si è segnalata in modo particolare per la sua campagna pubblicitaria, per il materiale di supporto alla vendita e per il servizio di assistenza postvendita; Casa Bugatti infine è anch’essa citata in tre domande su cinque, e precisamente per il materiale di supporto alle vendite, per la velocità e puntualità nelle consegne e per le condizioni di vendita e di incentivazione offerte. Naturalmente, ci complimentiamo anche con le altre aziende entrate nelle classifiche: Clatronic, Cuisinart, Decora, Girmi, Guzzini, Kenwood, WMF, Severin e Viceversa. Alla domanda: “Qual è stato il prodotto nuovo più venduto nell’anno?”, sono stati citati più di venti articoli, molto eterogenei, segno di un discreto interesse dei consumatori verso le novità. I più gettonati: mixer ad immersione, Artisan KitchenAid, ciambelline maker, vaporiera; i più originali: catalitiche Millefiori, epilatori a luce pulsata, porta zampironi “dondolo” e “spillo” di Puntozanzara.

?

Le risposte ai nostri sondaggi sono raccolte su base volontaria allo scopo di fornire spunti utili allo sviluppo di un rapporto virtuoso tra dettaglianti e fornitori, in un’ottica di crescita del nostro mercato di riferimento.

• MAGGIO / GIUGNO 2013

40

Duo Salad & Juice, Magimix.


Box Quale azienda vi ha offerto il 1

Toaster Vision, Magimix.

miglior supporto di vendita?

Magimix Alessi Nespresso Casa Bugatti Decora

Box Quale azienda è stata più veloce 2 nelle consegne?

?

?

25,2% 12,6% 12,4% 8,8% 8,0%

Alessi Casa Bugatti Guzzini Cuisinart Viceversa

MG32 BCH, bollitore elettrico, Alessi.

44,0% 12,7% 8,2% 5,1% 4,3%

Vera, bollitore elettrico, Casa Bugatti. Pixie, Nespresso.

41

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


I nostri sondaggi • PICCOLI ELETTRODOMESTICI Box Quale azienda ha fatto la campagna 3 pubblicitaria più efficace?

Kenwood Nespresso Alessi Girmi WMF

26,9% 23,1% 11,5% 4,3% 3,9%

Kenwood Chef Major Titanium, Kenwood.

Box Quale azienda è stata la migliore per promozioni, 4 incentivi e condizioni di pagamento?

Alessi Magimix Casa Bugatti Guzzini Cuisinart

23,8% 14,6% 9,6% 9,5% 4,8%

G-Plus grattugia elettrica, Guzzini.

Box Quale azienda ha il miglior servizio di 5 assistenza al cliente finale?

Magimix Alessi Clatronic Severin Nespresso

Eva Minipimer, Casa Bugatti.

31,8% 28,9% 4,8% 4,6% 4,2%

G-Plus spremiagrumi elettrico, Guzzini.

SG63 W/USA, spremiagrumi elettrico, Alessi.

• MAGGIO / GIUGNO 2013

42


Il panel dei nostri sondaggi Abati - Perugia - PG, Abba - Brugnato - SP, Adriana Ghelfi - Piacenza - PC, Agnese Casa - Varazze - SV, All’Arca di Noè - Verona - VR, Anita Più - S. Giovanni in Persiceto - BO, Annarita L. - Modena - MO, Anteprima Home Interior - Varese - VA, Antichità del teatro - Savigliano - CN, Arcadia Passaro Avellino - AV, Arnaboldi Enrico & C. Brenna - CO, Arredamenti Mandarini - Torgiano - PG, Artea - Manerbio - BS, Arteregalo Sangiorgio - Oggiono - LC, Arte Regalo - Casalmaggiore - CR, Articoli da Regalo Altomare Giuseppe - Trani - BA, Atmosfere Home Fashion - Latronico - PZ, Bagagli - Roma - RM, Baggio Zaira - Bassano del Grappa - VI, Bagliori - Bresso - MI, Bergomi - Monza - MB, Bertagnolli Nicola & C. - Cavalese - TN, Burzio - Ivrea - TO, Cadel Ugo e Figli - Santa Lucia di Piave - TV, Caldara & C. - Bergamo - BG, Canovai Iolanda - Prato - PO, Carla Aprile - Genova - GE, Casa Bella - Oderzo - TV, Casa Bella - Napoli - NA, Casa Chic - Bisceglie - BT, Casa Così - Gallarate - VA, Casa Così - Santa Giustina - BL, Casa dei Rasoi - Bergamo - BG, Casa del Corso - Chioggia - VE, Casa del Regalo - Carmagnola - TO, Casabellacristiano - Napoli - NA, Casabella Lilloni Brescia - BS, Casabella Mantova - Mantova - MN, Casabianca Collezioni - Siracusa - SR, Casalinghivilla - Ornago - MB, Casalinghi Calarese - Faenza - RA, Casalinghi Fornaro - Milano - MI, Casalinghi Villa Merate - LC, Casalinghi Mambriani dal 1920 - MI, Casalinghi Wagner - Milano - MI, Casagrande - Foligno - PG, Casastyle di Commisso Domenico - Marina di Gioiosa Jonica - RC, Casastyle - Galli Alessandra - Castellanza - VA, Casati F.lli - Seregno - MB, Ceart - Cornuda - TV, Cema Fossano - CN, Centroforme - Alghero SS, Ceramiche Barbetti - Chianciano Terme - SI, Ciabattoni - Giulianova - TE, Ciacci - San Giustino - PG, Ciat Giuliano in Campania - NA, Cinque Sensi Passione Cucina - Novi Ligure - AL, Cirocasa srl - Terni - TR, Ciro & Gabriella - Finale Ligure - SV, Cobez - Opicina - TS, Collini Roberto - Serravalle Scrivia - AL, Coltelleria Collini - Busto Arsizio - VA, Coltelleria Pompei Luisa - Porto S. Giorgio - MC, Conti Casalinghi Bergamo - BG, Coppola dal 1900 - Seregno - MB, Corrado - Isola della Scala - VR, Cose & Cose - San Mariano di Corciano - PG, Cose Belle - Belluno - BL, Cose da Casa - Santa Giustina - BL, Cose di Casa di Tognolini - Tirano - SO, Cristalleria Cattorini - Samarate - VA, Cristalleria Villa - Desio - MB, Cristiano Vecli coltelleria articoli regalo - Rovereto - TN, Cucina e Dintorni - Capena - RM, Cucinando - Massa - MS, Da Norma - Cles - TN, Dallavio Vittorio Cles - TN, Das - Bologna - BO, De Gregorio - Termoli - CB, Deco Casa - Bastia - PG, Deco Room - Ragusa - RG, Dettagli di Oggetti Smarriti - Roma - RM, Dib snc di Bari Gaetano & C. - Andria - BA, Ditta Cav. F. Testi - Padova - PD, Ditta Limentani Graziano - Roma - RM, Domina Nicolina - Oliveri - ME, Elettrodomestici Leone sas - Rivarolo Canavese - TO, Elite Casa - Brescia - BS, Ellena Snc - Torino - TO, Elmo - Montecatini Terme e Tett. - PT, Emporio F.lli Poli - Roma - RM, Eremita - Bordighera - IM, Esposti - Mestre - VE, Euromarket - Sarmeola di Rubano - PD, Faycram - Roma - RM, F.lli Colì - Cutrofiano - LE, F.lli Conti - Abano Terme - PD, F.lli Conti di Paolo Conti & C. - Bergamo, F.lli Dario DG & G. Dario Saronno - VA, F.lli Valagussa - Cassago Brianza LC, F.lli Villa - Montesiro Besana in Brianza - MB, Ferruta Casa dal 1935 - Trecate - NO, Finalco spa - Piano di Sorrento - NA, Fornari & Fornari - Roma RM, G. Baggio - Ivrea - TO, G. Baggio di Baggio Zaira - Bassano del Grappa - VI, Galati - Capo d’Orlando - ME, Gardinali - Genova - GE, Garofalo - Capurso - BA, Ghigo - Torino - TO, Giachi - San Casciano val Pesa - FI, Giannetti - Aosta - AO, Giemme - Drizzona - CR, Gigante sas “La casa del regalo” - Torsa di Pocenia - UD, Gioia della Casa - Firenze - FI, Gioielleria Caschetto - Ispica - RG, Giustizieri - Galatina - LE, Grancasa - Corciano Loc. Taverne PG, Guidotto G. & Co. - Scorzè - VE, Haus - Sassari - SS, Hobby Casa Idee Regalo - Paderno di Ponzano Veneto - TV, House & Kitchen - Roma - RM, Idea Regalo Facchinetti - Rubano PD, Idea Regalo - Dalmine - BG, Idee per la casa - Rimini - RN, Il Bottegone di Soli Daniela e Soli Andrea - Fiorano Modenese MO, Il cerchio - Reggio Calabria - RC, Il regalo di AB - Modena - MO, Il Sole del Sud - Casalpalocco - RM, Immagine Casa - Torino - TO, Kitchen - Milano - MI, La Bottega - Varazze - SV, La Bottega srl - Voghera PV, La Bottega di Maffioli - Alzano Lombardo - BG, La Casalinga - Cossato - BI, La Casalinga Carpi - MO, La Casalinga Sport - Tuscania - VT, La Ferriera - Napoli - NA, La Futura Arredo Design - Castelfiorentino FI, La Maison - Ornato - MB, Le cose di Giò - Genova - GE, Le Gallerie di Parodi Angelo - Albenga - SV, Lella Arredamenti - Santeremo in Colle - BA, Levi Franco & C. - Chiavenna - SO, Linea Domus dal 1936 - Roma - RM, Lombardi - Viareggio - LU, Longo Joy sas di Mario Longo - Palermo - PA, Maconi Casalinghi - Varese - VA, Magazzini Boom Reggio Calabria - RC, Magazzini Rossi - S.Andrea in C. di S. Clemente - RN, Mama’s - Schio - VI, Manunza regali - Oristano - OR, Maria Pedone Foggia - FG, Mariotti - Massa - MS, Marseglia Home - Vairano Patenora - CE, Meraviglia - Legnano - MI, Merli - Foggia - FG, Mileno Regali - Vasto - CH, Miriade - Apricena - FG, Mobilificio Furzi - Siena - SI, Monti Regali - Piacenza - PC, Morelli Cesare & C. - Gubbio - PG, Mornati - Biassono - MI, Muzio Roma - Roma - RM, N.O.R.A - Spinaceto - RM, Negrini - Como - CO, Nigra - Novi Ligure - AL, Ninzoli - Sassuolo - MO, Nonsolocasa - Morbegno - SO, Nonsolocasa - Canino - VT, Notte Giorno - Terni - TN, Novidea - Lanciano - CH, Nuvolari Casa - Chioggia - VE, Nuvolari Casa - Padova - PD, Nuvolari casa Terni - TR, Officina Casa - Cremona - CR, Padem - Chieri - TO, Paolocci Idee per la casa - Rimini - RN, Parliamo d’Amore scarl - Firenze - FI, Passalacqua - Parma - PR, Passioni Domestiche - Sondrio - SO, Pezzotti - Darfo Boario Terme - BS, Piccoli Segreti - Montoro Inferiore - AV, Pilosio - Casarza della Delizia - PN, Pistoni 1901 - Ivrea - TO, Pragma Liste Nozze e Gioielli - Amelia - TR, Preziosi 153 - Isernia - IS, Prima del sì di Foschi - Pineto - TE, Prisma Cerignola - FG, Proposte New Design - Lamezia Terme - CZ, Punto 7 - Rivalta di Torino - TO, Punto Casa Brescia - BS, Regalcasa - Seregno - MB, Regalcasa - Merate - LC, Riva - Molteno - LC, Robertplast - Torino - TO, RS Commerciale - Padova - PD, Sanguinetti Gabriella - Finalborgo - SV, Scagnelli Service - Garlasco - RV, Scianna - Bagheria - PA, Sebastio 1910 - Taranto TA, Smiraldi Francesco - Gravina di Catania - CT, Spini - Firenze - FI, Stahlhaus - Reggio Calabria - RC, Stilcasa - Cisliano - MI, Stile e Tavola - Scandiano - RE, Strazzari - Bologna - BO, Strola snc - Brenna - CO, Strola Liste Nozze - Ciriè - TO, Taggiasco - Pietra Ligure - SV, Taponecco - Sarzana - SP, Tarozzi Cristina e Leda - Bologna - BO, Tarquini Raffaella - L’Aquila - AQ, Tendence il meglio del design - Gioia Tauro - RC, Terrile R. Luigi - Genova - GE, Tessuti d'Arredo di Aversa Nicolina - Grassano - MT, Tutto per la Casa - Imperia - IM, Ugo Cadel - Lucia di Piave - TV, Ugolini Oggetti - Torsa di Pocenia - UD, Urbano Liste nozze - Rimini - RN, V 2 di Villa - Saronno - VA, Vacarino - Fiorano Modenese - MO, Verga Selezione - Como - CO, Versari - Forlì - FC, Vicari Casalinghi e Art. Regalo - Arona - NO, Villa Luca - Desio - MI, Viomarihouse - Modena - MO, Vitra Regali di Vitale Antonio - Ischia - NA, Vivere Casa - Rimini - RN, W. Esposti - Mestre - VE, Zambrini Luisa di Tessitori Annamaria - Roma - RM, Zanoletti - Vigevano - PV

43

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Focus • PICCOLI ELETTRODOMESTICI Monica zani

Moderne attrazioni Blender di Magimix dalla forma quadrata (capacità 1,8 litri), è dotato di quattro funzioni pre-programmate: ghiaccio tritato, frullati, minestre, semifreddi. Il Blender viene fornito con un libro di ricette dolci e salate e con una spatola per miscelare.

Nonostante un andamento generalmente calmo, alcune tipologie di piccoli elettrodomestici rappresentano ancora un traino su cui puntare • MAGGIO / GIUGNO 2013

44


Viva Collection SaladMaker di Philips consente di affettare, grattugiare e tagliare, in diverse forme e dimensioni, verdura, formaggio, carne..., grazie a un potente motore da 200 W e a cinque dischi inox. Colori disponibili: bianco, nero e rosso.

Yogurtiera JC71 di Girmi, che permette di preparare fino a 1 kg di yogurt anche di gusti diversi, contemporaneamente. Dotata di un pulsante switch on/off e della funzione di autospegnimento al termine della fermentazione dopo 12 ore. La yogurtiera lavora in totale autonomia.

LE NOSTRE DOMANDE

1

Con quali strategie commerciali e di marketing state affrontando la difficile crisi economica? Qual è il trend delle vendite, in percentuale, rispetto a un anno fa?

2

GDO e negozi al dettaglio: con quale percentuale presidiate i due canali di vendita? Svolgete attività di supporto alle vendite nei negozi (materiale POP, dimostrazioni, etc.)? Se sì, di che tipo e con quale frequenza?

3

Qual è la percentuale di export dei vostri prodotti? E qual è il prodotto che in questo momento sta vendendo di più in Italia e all’estero?

4

Ergonomia, design, prestazioni, prezzo. Oggi, qual è secondo voi, in percentuale, il giusto 'mix' di questi elementi per avere successo? interviste a pag.: 49, 50, 51

45

Anche il 2013 sembra non prospettare significativi segni di positività: il lavoro resta la grande emergenza del Paese e la grande preoccupazione delle famiglie italiane. L’occupazione 2012 risulta in calo (-2,6%). Il ricorso a strumenti quali la cassa integrazione, peraltro già sfruttata negli esercizi precedenti, ha messo al riparo da eventi più traumatici, ma la situazione resta nel complesso difficile e si prevede che nel corso del 2013 i livelli occupazionali resteranno sostanzialmente invariati (+0,3%). In questo difficile contesto alcune aziende riescono, grazie alle esportazioni, a mantenere un livello di fatturato sufficiente a garantire una competitività più che accettabile su diversi mercati. Nel complesso le esportazioni rivolte principalmente ai mercati europei risultano cresciute (+3,5%). Si prevede che possano crescere anche nel 2013 (+1,7%). La crisi di liquidità è un segnale forte di un mercato che non riesce a sopportare un calo dei consumi così marcato e così prolungato. Le aziende italiane, tuttavia, dimostrano la volontà di superare il difficile momento grazie anche ad investimenti specifici sul marchio e sull’innovazione, capisaldi dell’ingegno e della forza produttiva che il mondo ancora riconosce al settore. Il 2013 potrebbe essere un anno di ripresa, seppur lenta, e ci si augura che il settore, grazie alle solide basi sulle quali ha poggiato decenni di storia industriale, possa trovare le risorse per andare oltre. La crisi dei redditi e della fiducia delle famiglie non risparmia il mercato dei piccoli elettrodomestici, che evidenzia un andamento moderatamente negativo. Questa tendenza, tuttavia, nasconde al proprio interno performance differenziate tra i vari segmenti: in termini di vendite, al dinamismo dei piccoli elettrodomestici per la cucina, fa da contraltare il calo nel comparto dei beni per la cura della persona e per la pulizia della casa. Il mercato degli aspirapolvere si conferma ancora un poco positivo grazie ai Robot: ciò è stato possibile grazie ad intense attività promozionali e ad un ampliamento dell'assortimento con il lancio di nuovi modelli e una maggiore diversificazione di prezzo. Ma la preparazione

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Focus • PICCOLI ELETTRODOMESTICI del cibo è il segmento che più sostiene il comparto cucina/casa. Decisivo il contributo di frullatori ad immersione e del segmento alto di gamma delle impastatrici, dovuto principalmente alla continua buona performance, con un ruolo sempre più importante nelle cucine degli italiani che mostrano di apprezzare più che in passato la cucina indoor. Infatti, rimane stabile, attorno al 22,8%, la quota degli intervistati - da fonti Findomestic - interessata ad acquistare un piccolo elettrodomestico. In occasione della conferenza stampa dell'edizione Macef di settembre, tenutasi il 15 maggio scorso, Fiac - Associazione fabbricanti italiani articoli casalinghi - lancia l’allarme: il settore “articoli casalinghi” continua a subire gli effetti di una lunga e difficile situazione di crisi. Il valore della produzione evidenzia una sensibile diminuzione (-5,6%) determinata principalmente da una contrazione del mercato interno. Le previsioni per il 2013 sono di sostanziale stabilità.

Minipimer Cordless MR 740 CC di Braun è reso unico per l'impugnatura ergonomica e la totale assenza di fili. La base di sostegno permette di alloggiare il prodotto, ma anche di ricaricarlo. Assicura la massima efficacia prevenendo il rischio di sporcare grazie alla forma a campana del piede: le lame extra forti sono in acciaio inox. Disponibile in nero.

Clik è un aspirabriciole firmato Hoover, dotato di Advanced Dust Control Technology, un sistema di apertura del contenitore a 45° e 90° attraverso una pratica levetta, che permette di svuotarne il contenuto con un solo gesto senza alcun contatto con la polvere.

Macina pepe e sale elettrico linea President di Tescoma, prodotto in acciaio inossidabile di alta qualità e plastica resistente, provvisto di un ottimo meccanismo in ceramica con gradi di macinatura regolabili e dotato di un motore alimentato con quattro batterie.

• MAGGIO / GIUGNO 2013

46


Macchina universale da cucina MUM86 professional antracite di Bosch con struttura in alluminio, sette velocità e intermittenza, ciotola in acciaio inox da 3,5 kg con coperchio antischizzo e introduttore alimenti, braccio multifunzione con tre punti di innesto per gli accessori, gancio per impasti duri, frusta per impasti morbidi e frusta per montare tutti in acciaio inox, frullatore in vetro da 1,75 litri. Bollitore Mini Classic di Russell Hobbs con finitura in acciaio inox e inserti bianchi e dotato di elemento di riscaldamento interno, filtro anticalcare removibile e lavabile, blocco del funzionamento in caso di assenza acqua, indicatore luminoso di riscaldamento, indicatore del livello dell’acqua, spegnimento automatico, base di riscaldamento con avvolgicavo - (capacità 1,7 litri, potenza 2200 Watt. Caraffa termica Glamour di Bugatti, che mantiene la temperatura delle bevande (il caldo per 12 ore e il freddo 24 ore), grazie al sistema a doppia parete sottovuoto in vetro temperato. È veramente semplice da utilizzare: una leggera pressione sul coperchio ne consente l’apertura e il versamento sicuro e preciso delle bevande. Il corpo esterno è in ABS e il manico in ABS cromato.

47

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


44_51elettrod.:Layout 1 31/05/13 12:25 Pagina 90

Focus • PICCOLI ELETTRODOMESTICI

Mixer ad immersione di Bamix distribuito da Kunzi - a cui si possono aggiungere vari complementi oltre a quelli in dotazione. È dotato di Lama multiuso, frusta, mixer, supporto da muro, bicchiere. La potenza motore è di 180 W e la lunghezza dell'asta 14 cm.

Tostapane della linea Architect di Dualit – marchio Giannini Extra - per quattro fette di pane con funzione tostatura brioches e panini, funzione scongelamento e dotato di due pinze.

Mixer a immersione HB724 di Kenwood con sistema Triblade, un gruppo di tre lame per aumentare la superficie di taglio e migliorare le performance. L'asta è in acciaio inox ed è dotato di un bicchiere, una frusta, un tritatutto e uno schiacciapatate e dispone, come accessorio, di un frullatore per pentola, disegnato per frullare le zuppe e passati direttamente nella pentola, senza schizzi.

• MAGGIO / GIUGNO

48


ARIETE

Paolo Laratta, direttore Marketing

1) Ariete rappresenta un caso particolare: in controtendenza rispetto alla crisi, l'azienda, in termini di fatturato, va meglio rispetto all'anno scorso, registrando valori di crescita positivi. Le motivazioni sono molte, ma le più consistenti sono legate al lavoro fatto negli ultimi anni, che ci ha visti molto concentrati nel trovare soluzioni attuali e innovative per la risoluzione dei piccoli problemi quotidiani. La crisi ha colpito di più le aziende posizionate nel settore medio - basso del mercato. Prima della crisi le aziende ad alto reddito hanno avuto una grande crescita e, nello stesso tempo, sono nate tantissime aziende improvvisate che acquistavano i prodotti in Cina per poi riportarli sul mercato a prezzi molto bassi. La crisi ha fatto un po' di rastrellamento, a causa della necessità di liquidità per fornitori e distributori. Queste aziende “improvvisate” non sono state in grado di sostenere l'onere finanziario e quindi oggi sono sparite e, le poche rimaste, sono in grossa difficoltà. Il consumatore finale cerca prodotti non costosissimi, ma comunque affidabili e Ariete può contare su un’importante solidità finanziaria che le permette di proporre prodotti sempre nuovi e ricercati nel design, ma posizionati nella fascia media del mercato.

2) Siamo presenti dappertutto in GD e GDO. Il supporto alle vendite è un caposaldo per Ariete, un elemento strategico importante per raccontare tutta l’innovazione e la “genialità” dei nostri prodotti. Ad esempio, quest’anno abbiamo lanciato sul mercato le nuove tea maker, macchine automatiche per la preparazione del tè, oppure l’originalissimo Scaldì, scaldavivande elettrico ideale per riscaldare in pochi minuti il pranzo in ufficio. Prodotti molto particolari che necessitano di essere raccontati anche sullo scaffale. La nostra strategia sul punto vendita si è quindi concentrata sul consumatore permettendogli di cogliere subito i plus e le caratteristiche rivoluzionarie dei nostri prodotti. Ad esem-

pio, per dare alle persone la possibilità di apprezzare a pieno il design dei prodotti della linea “I Colorati” abbiamo ideato un packaging in plastica completamente trasparente. Per altri prodotti abbiamo invece pensato di sostituire i classici espositori con espositori in plexiglass. Inoltre, abbiamo arricchito i punti vendita con molti contenuti multimediali come dei pratici video che permettono di capire e apprezzare le funzionalità dei prodotti. Infine, ci sono prodotti che hanno bisogno di una vera e propria dimostrazione dal vivo per essere compresi in tutte le potenzialità. Questo è l’esempio della nostra linea vapore. Per valorizzarla al meglio abbiamo pensato a un’area di 3x3 metri dove un team specializzato è a completa disposizione delle persone, per mostrare come funziona il prodotto e per chiarire tutti i dubbi e le domande che possono sorgere al momento dell’acquisto.

3) Dall'Italia otteniamo il 40% del fatturato, mentre il restante 60% proviene dall'estero. Non si può parlare di un solo prodotto che va per la maggiore: in Italia sono diversi i prodotti venduti: dalla grattugia alla bistecchiera, dalla pistola a vapore, alla macchina del caffè... Ariete si posiziona come il marchio multispecialist del gruppo. Le categorie in cui gioca sono: il caffè, la pulizia, lo stiro e la cucina. Ariete si caratterizza per prodotti “smart” con piccole soluzioni geniali che aiutano il consumatore nei lavori casalinghi di tutti i giorni. All'estero, i prodotti più venduti sono quelli del settore “vapore”. 4) Un prodotto deve avere un bel design e un’ottima ergonomia mantenendo un prezzo “popolare”. La scelta dei materiali e l’attenzione per le prestazioni necessitano di un investimento maggiore, ma per noi sono due pilastri fondamentali. Molte aziende ormai presentano sul mercato prodotti simili e nella stessa fascia di prezzo. È il design e la ricerca di soluzioni innovative che riescono a differenziare l'offerta di prodotto.

Tostapane Look & Toast di Ariete che, grazie alla finestra trasparente, permette di controllare il livello di doratura del toast.

49

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Focus • PICCOLI ELETTRODOMESTICI

MAGIMIX

Emmanuel Vaganay, direttore vendite Europa

1) Magimix è una società francese che produce in Francia la maggior parte della sua gamma. Per quanto riguarda la qualità dei suoi prodotti (i motori dei robot e delle centrifughe sono garantiti 20 anni) e la strategia di distribuzione, Magimix si posiziona in una fascia alta. La strategia commerciale di Magimix in Italia si basa su principi semplici: una piccola gamma di prodotti adatta al Paese, una distribuzione selettiva dei negozi, importanti strumenti di marketing. In questo modo, da cinque anni, siamo in costante crescita del 25% all’anno. Questo non potrebbe essere possibile senza la forte partecipazione del nostro distributore italiano (MAINO RAPPRESENTANZE).

2) La nostra strategia distributiva è basata sulla distribuzione selettiva. I negozi al dettaglio rappresentano la quasi totalità dei nostri rivenditori (arte della tavola e negozi di cucina). Constatiamo spesso che i negozi specializzati nell’arte della tavola, settore in grande difficoltà, aprono dei corner dedicati alla cucina. Il sostegno del marketing è fondamentale. Si basa su due linee guida: il marketing operativo nei negozi con strumenti di POP (guide all’acquisto, cataloghi, leaflets…), la formazione del personale di vendita e la dimostrazione dei prodotti presso i negozi. La comunicazione da parte della nostra agenzia stampa è ugualmente un mezzo di notorietà per il marchio. 3) L’export rappresenta il 50% delle nostre vendite. Questa cifra non cessa di crescere in maniera importante. Duo Plus XL, la nostra centrifuga multifunzione, è ad oggi il prodotto più venduto in Italia, seguito di poco dal nostro inconfondibile robot multifunzione da cucina. 4) 1 Prestazioni: 30% Con la crisi il consumatore dà molta importanza e attenzione all’acquisto di un prodotto in cui l’utilità, la performance e la durata nel tempo siano garantiti. 2 Ergonomia: 25% Le cucine sono sempre più piccole, è indispensabile quindi ottimizzare lo spazio sul piano di lavoro. 3 Design: 25% La cucina è diventata un luogo da vivere. Sempre di più le cucine sono a vista e fanno parte del salotto, quindi il design dei prodotti diventa fondamentale. Prezzo: 20% Contariamente a quanto si sente ovunque, il prezzo non è un fattore decisivo, ma piuttosto dissuasivo se non è giustificato. Una volta testate le prestazioni del prodotto, l’acquisto è percepito come un investimento e non come una spesa.

• MAGGIO / GIUGNO 2013

50

Robot da cucina multiuso 5200 XL di Magimix dotato di tre bacinelle (grande, media e mini), lama in acciaio, coltello in plastica, sbattitore, affetta/grattugia 2 mm, affetta/grattugia 4 mm, spremiagrumi, spatola, scatola attrezzi, ricettario. Disponibile nei colori: bianco, nero, rosso, arancione, cromato brillante, fucsia.


SEVERIN Felice Caputo, direttore generale

1) Uno dei plus del marchio Severin, da sempre, è l'ottimo rapporto qualità prezzo. Un fattore che oggi ci vede ovviamente vincenti su mercati in cui il brand è già sviluppato. Stiamo dunque investendo in attività -soprattutto online e su social media - che ci aiutino a rendere più riconoscibile il marchio anche sul mercato italiano. In Italia stiamo affiancando sempre di più la commercializzazione tradizionale a canali di vendita alternativi, tra i quali quello in maggior crescita è sicuramente l'e-commerce. Una strategia che ci ha portato ad ottenere un +22% di vendite nel primo quadrimestre 2013, rispetto a un anno fa. Le azioni su social media sono peraltro orientate a creare un forte engagement con il pubblico a favore di un allargamento della brand awareness.

Robot multifunzione KM3908 di Severin, con capacità pari a circa 1.5 litri e dotato di due livelli di velocità e funzione PULSE, due dispositivi di sicurezza, lame in acciaio inox e potenza di 375 W.

2) Severin è poco presente nella GDO, privilegiando, in realtà, negozi indipendenti, con una presenza capillare sul territorio. Le poche attività di promozione in negozio e supporto alle vendite sono state via via sostituite dalle ricerche su aggregatori e piazze virtuali. La catena distributiva tradizionale continua ad essere la più importante, ma poniamo una crescente attenzione allo sviluppo delle vendite online, un trend in crescita già ampiamente sviluppato in Germania, dove la vendita di piccoli elettrodomestici in rete supera il 20% ed è in ulteriore aumento nei Paesi del Nord Europa.

3) Severin sviluppa un fatturato pari a circa 200 mln. totali, di cui circa 100 in Germania. In Italia il fatturato si avvicina ai 10 mln. I prodotti che vendiamo di più in Italia sono i barbecue elettrici e i prodotti per la preparazione in cucina; all’estero le macchine da caffè e i microonde.

4) Dipende dal target principale a cui ci si rivolge. Noi stiamo puntando su design e prestazioni; in percentuale direi 10% ergonomia, 30% design, 35% prestazioni e 25% prezzo.

51

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Focus • SILICONE Federica Serva

A servizio della fantasia Grazie alle sue numerose proprietà, dalla flessibilità alla resistenza termica, dall’antiaderenza alla facilità d’uso, il silicone ha conquistato largo spazio in cucina, e non solo, soprattutto per la preparazione dei dolci

LE NOSTRE DOMANDE

1 2 3

Quali sono le ultime novità fra i prodotti in silicone presentate dall’azienda?

4 5 6

L’azienda ha fatto o farà qualche azione promozionale per spingere le vendite dei propri articoli in silicone?

A quale canale di vendita si rivolgono questi prodotti e a quale target di consumatore? Quali motivazioni un negoziante o un addetto alle vendite può offrire ai propri clienti riguardo le caratteristiche del silicone?

Quale supporto l’azienda offre ai punti vendita per presentare i propri articoli in silicone? Il silicone può trovare applicazione anche al di fuori dell’ambito della cucina? interviste a pag.: 58, 59

• MAGGIO / GIUGNO 2013

52


Per tanti momenti di dolcezza da dedicare ai più piccoli i nuovi stampi minicake di Pavoni Italia, tutti 100% silicone platinico, tra cui Arcy il simpatico cagnolino.

53

Dalla classica tortiera agli stampi per lolly pots, il silicone ha trovato ampio utilizzo nel settore della pasticceria di professionisti e non. Torte, budini, muffin e anche l’ultima moda del cake design con le sue fantasiose creazioni ricche di decorazioni, non c’è dolce che non abbia il suo stampo realizzato con questo materiale, diffusosi ormai diversi anni fa. Dalle tante varietà di forme e colori e dalla indubbia flessibilità, il silicone offre numerosi vantaggi: antiaderenza ed elasticità, stabilità termica, poichè sopporta temperature da -60°C a +230°C; praticità, in quanto è facile da lavare a mano e può essere inserito in lavastoviglie; versatilità d’uso, passando dal freezer e frigo al forno e al microonde; infrangibilità, perchè non si rompe o danneggia rispetto ad altri materiali. Inoltre, grazie alla sua flessibilità occupa poco spazio e dà anche un contributo al risparmio energetico perchè la conducibilità termica degli stampi in silicone consente di cucinare più velocemente a temperature omogenee e minori rispetto agli stampi in metallo. Vantaggi che hanno spinto il suo impiego nel settore casalingo per altre funzioni, come sottopentola, presine, guanti da forno, spatole, coperchi, copri bicchieri, cestini, ma anche - ultima sperimentazione - nel campo dell’illuminazione. Se all’inizio c’erano dubbi sull’idoneità del silicone al contatto con alimenti, successive ricerche e unitamente al contesto normativo di riferimento, hanno risolto questi dubbi, ma restano sempre validi alcuni consigli: scegliere articoli in silicone di qualità, platinico per l’uso alimentare, lavare gli stampi in lavastoviglie prima dell’uso e non usare utensili affilati o appuntiti su di essi, così come prodotti abrasivi sgrassanti o deodoranti per la loro pulizia. Inoltre, non mettere la tortiera a contatto diretto con fuoco o piastre elettriche, ma attendere che si sia raffreddata per sfornare con estrema facilità il proprio piccolo o grande capolavoro!

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Focus • SILICONE

Per i pasticceri di casa che non vogliono rinunciare a un tocco di colore nel preparare le loro creazioni, ecco il pennello e la spatola grande in silicone di Eva Collection di Kaufgut, con manico in plastica trasparente.

Sicurezza ai fornelli con il nuovo guanto da forno di Meliconi: l’impugnatura antisdrucciolo in silicone è capace di resistere fino a +230°C di temperatura. Inoltre, è lavabile e con i suoi colori sgargianti (arancione, viola e verde lime) regala un po' di allegria in cucina. Colapasta e cestello per la cottura a vapore: due funzioni in un unico oggetto, robusto, resistente fino a 250°C e dal design accattivante, con il vantaggio di essere pieghevole e quindi salvaspazio. È una proposta di Roesle, distribuito da Arcucci Trade.

Per preparare dolcetti in qualsiasi occasione sono deliziosi i pirottini a forma di fiore di Ghidini Cipriano. Sono prodotti in silicone, che garantisce un’ottima cottura e una presentazione ad effetto, e sono venduti in set da sei pezzi.

• MAGGIO / GIUGNO 2013• MAGGIO / GIUGNO 2013

54


Hanno una resistenza da -40°C a + 260°C gli stampi in silicone blu di Kaiser, disponibili nelle forme tortiera, budino, plumcake e muffin. Estrarre il dolce diventa così ancora più facile, come è facile riporli dopo l’uso perchè flessibili e lavabili in lavastoviglie.

Proprio per la sua proprietà di resistere alle alte temperature il silicone può essere impiegato anche per realizzare dei sottopentola dalle forme simpatiche e dai colori vivaci come quelli proposti da Excelsa di Bergamaschi & Vimercati.

Con “Impasta facile” di Demolli si riscopre il piacere di fare la pasta in casa: il tappetino (60x40 cm) in silicone morbido e scorrevole, con le misure della sfoglia in evidenza, si adatta stabilmente a qualsiasi superficie e rende facile la manipolazione dell'impasto. Pulirlo e riporlo è molto più semplice della tradizionale spianatoia in legno!

55

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Focus • SILICONE

Il classico tappo filettato per bottiglie di vino cambia aspetto con Hombre di Viceversa: forma sobria, ma piacevole e colori d’impatto. Disegnati da Alessandro Gnocchi e Luca Spagnolo, sono proposti in coppia e sono perfettamente sigillanti.

Come conservare più a lungo nel periodo estivo le bevande fresche ed evitare il fastidioso ronzio di api e mosche intorno al bicchiere? E come distinguere il proprio bicchiere in occasioni di pranzi e cene all’aperto con tanti invitati? Con i copri bicchieri Ocean e Grape di Lurch, distribuito da Kunzi.

Cucinare in un batter d’occhio nel forno a microonde una gustosa frittata è semplice con Omelette di Lékué (distribuito da Schönhuber): basta inserire gli ingredienti scelti nel contenitore, chiuderlo e riporlo nel forno e... dopo pochi minuti la frittata è pronta da mangiare!

Per pizza o per dolci Pedrini include nella sua linea “Le Lillotte®” la teglia rettangolare, che tra i vantaggi ha anche quello di permettere tempi di cottura più rapidi e temperature omogenee e inferiori di 20°/30°C rispetto ai modelli in metallo.

• MAGGIO / GIUGNO

56


Durano a lungo, non si macchiano, non assorbono odori e in più possono decorare piastrelle, vetri e frigoriferi grazie alla loro ricca varietà di colori e decori. Sono i sottopentola (trivets) e gli apribarattoli (jars) di Andréas, distri. da Messulam.

Cuore, stella, crème caramel, ciambella, cannellé e cristal sono le sei forme dei mini-stampini nel delicato color albicocca proposti da Guardini per creare dolci al cucchiaio e in forno, da servire poi con il vassoio Crème-à-porter.

Fa parte della nuova linea Be Ware Light Concept® di Silikomart, ispirata ai principi di made in Italy e qualità, che comprende anche lampade a sospensione e da tavolo, la serie di contenitori utili come svuotatasche, porta frutta o porta pane.

Per il piacere dei più piccoli lo stampo Roboter-Pops di Birkmann (distribuito da Schönhuber) per preparare otto dolci a forma di robot su stecco. Ogni confezione è completa di base per servire i dolci, 16 stecchi in legno per alimenti e ricette.

57

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Focus • SILICONE

MARTELLATO

Sara Borgato, responsabile marketing

1) Quest’anno abbiamo inserito nella gamma Italian Cake Art due prodotti in silicone di grande rilievo: una serie di nove venatori per petali e foglie e una serie di tappetini che, abbinati a un prodotto alimentare in polvere “Sugar Dress”, rendono possibile la realizzazione di fantastici decori effetto centrino.

2) L’azienda all’inizio si rivolgeva esclusivamente a un pubblico professionale, pasticceri, ristoratori etc, che avevano l’esigenza di mettere in pratica il cake design proponendo wedding cake di grande effetto a costi non troppo elevati. Abbiamo, quindi, cercato di creare una linea di attrezzature per il cake design di qualità che agevolasse il lavoro del pasticcere permettendogli di produrre eleganti decorazioni di pasta zucchero in tempi più contenuti. Considerati il successo ottenuto e le numerose richieste ricevute anche da utenti non professionali, abbiamo deciso di proporre la stessa gamma, riadattandola dove necessario, anche a cake designer e operatori amatoriali come casalinghe.

Con questo modello di venatori per petali e foglie si creano fantastici fiori di surfinia per composizioni di forte impatto.

3) Per questioni di versatilità di utilizzo e flessibilità della materia stessa il silicone risulta essere un ottimo elemento per mettere in pratica alcune tecniche di decoro, come la venatura dei petali dei fiori di zucchero, la realizzazione di particolari decori in isomalto e la cottura e la sformatura di impasti come biscuit e altro. 4) In questo periodo dell’anno stiamo promuovendo, in particolar modo, dei contenitori in plastica che si chiamano Push Up Pops, altro articolo di punta di Martellato, ma nella seconda metà dell’anno sono previste nuove attività che coinvolgeranno anche una nuova linea di accessori in silicone. 5) L’azienda si sta muovendo su più fronti per cercare di offrire tutto il materiale necessario affinchè negozianti, commessi e operatori stessi possano apprendere le varie tecniche di utilizzo dei nostri prodotti. A breve saranno on line una serie di tutorial che mostrano tutti gli step per realizzare, con i nostri stampi, i fiori di pasta zucchero. Inoltre, in ogni imballo, abbiamo pre-

6) La materia silicone già da tempo è applicata in tanti altri ambiti. Alcuni nostri stampi sono utilizzati per la produzione di candele, saponette e ceramiche.

Con i tappeti decoro in silicone si possono realizzare differenti decorazioni effetto centrino da applicare su torte e wedding cake.

• MAGGIO / GIUGNO 2013

visto una serie di immagini che mostrano come realizzare alcuni decori e soggetti di pasta zucchero. E, per finire, con l’inserimento in negozio della linea Italian Cake Art prevediamo una o più giornate di dimostrazione all’interno del negozio aperto al pubblico, dove chiunque potrà confrontarsi con un’esperta cake designer a disposizione per rispondere a tutte le domande e a dare suggerimenti per un corretto uso dei nostri strumenti, coloranti e paste zucchero.

58


52_59silicone:Layout 1 31/05/13 12:27 Pagina 93

TESCOMA Andrea Cavinato, direttore commerciale Italia

1) L’ultima novità presentata che riguarda i prodotti in silicone è il tappetino per Macarons della linea Delícia. Dalla dimensione di 22x32 cm, è perfetto per preparare questi tipici dolci francesi. Stupire i propri ospiti è l’intento di ogni padrona di casa. Certamente proporre dei macaron a fine pranzo è un modo raffinato e di gran moda per concludere il pasto. Una delle maggiori difficoltà nella loro preparazione è realizzare le due metà della medesima forma e dimensione. Il nostro stampo in silicone risolve il problema, aiutando nel compito di dosare l’impasto. Inoltre, è adatto al frigorifero, alla lavastoviglie e a tutti i tipi di forno.

Per preparare ai bambini uova all’occhio di bue, ma anche biscotti e piccole tortine, Tescoma propone, sempre della linea Delícia, gli anelli formauovo multiuso.

2) Ci rivolgiamo a tutti i canali di vendita, in particolar modo al retail specializzato. Il nostro target è ad ampio spettro e la nostra attenzione è rivolta alle persone che hanno riscoperto il piacere della convivialità e della preparazione dei cibi, oltre al piacere di ricevere in casa.

3) Il silicone ha moltissimi vantaggi: è di facile utilizzo, è salvaspazio, perché si può piegare senza subire danni, è antiaderente e consente un minor uso di grassi in cottura. Inoltre, è colorato e porta allegria in cucina. Ricordiamo che il silicone, seppur per uso domestico, è un prodotto nato per garantire le alte prestazioni necessarie all’uso professionale.

4) L’azienda è costantemente impegnata in azioni di comunicazione per diffondere e rafforzare il brand, oltre che per comunicare i suoi 2.500 prodotti a catalogo.

5) Tescoma è in grado di fornire ai rivenditori numerose immagini che spiegano l’utilizzo di ogni prodotto, oltre a video in cui si vede perfettamente l'impiego pratico.

Con il tappetino per Macaron si possono ottenere fino a 35 pezzi per realizzare questo classico della pasticceria francese.

59

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Focus • CANDELE E FRAGRANZE Elisa Facchetti

Profumo di casa Un piccolo stop alle vendite alla fine del 2011 non ha fermato uno dei mercati più dinamici degli ultimi anni: quello delle candele profumate e dei profumatori per ambienti. Un mercato dove la continua innovazione rappresenta il driver di successo “Una donna senza profumo è una donna senza avvenire”. Così cita un'aforisma di Madame Coco Chanel, tagliente nel suo giudizio al limite della sfacciataggine, ma così attuale da estendere la secca sentenza all'ambiente in cui viviamo. Una casa senza profumo non è accogliente, non parla di noi, non abbraccia gli ospiti...è una semplice questione olfattiva. Oggi sono molti i negozi che studiano, oltre alla disposizone della merce seguendo le "buone regole" del visual merchandising, la stimolazione dell’olfatto, per rendere il cliente il più ricettivo possibile alle azioni appositamente pensate per coinvolgerlo nell'esperienza dell'acquisto. Non solo. In un momento economico che "obbliga" le famiglie a risparmiare, si ha l'impressione che venga dedicata maggiore attenzione alla propria casa, nuova "agorà" della vita sociale per cene, aperitivi e pranzi informali. A partire dalla

• MAGGIO / GIUGNO 2013

60


La collezione Arianuova di Wald si impreziosisce con diverse proposte per profumare la casa: contenitori in kergrès, lampade catalitiche, contenitori in vetro.

61

tavola, apparecchiata con gusto senza eccedere in sterili virtuosismi, all'accoglienza degli ospiti, invitati ad entrare da una piacevole fragranza. Il mondo delle candele profumate e dei profumatori per ambienti rivela infatti una tendenza al segno positivo, sia in Italia, sia all'estero, identificandosi con quella sfera di prodotti che rientrano nel raggio del budget spendibile per quel "lusso accessibile" che non andrà ad affaticare il portafoglio, considerato un acquisto ancora possibile per le tasche degli italiani. Molti negozi di casalinghi, accanto a un esempio di tavola informale, propongono piccoli o grandi spazi allestiti con corner e stand dedicati a questo mondo: candele profumate e colorate, in cera, graziosi cofanetti regalo, candele alloggiate in piccoli vasi di vetro; profumatori per ambienti, dai classici con midollino a quelli dalle forme più contemporanee, squadrate, dai colori pieni e acrilici, fino ai profumatori di ultima generazione che purificano l'aria. E per chi desidera l'atmosfera della luce soffusa della candela, senza la preoccupazione della fiamma libera, alcune aziende propongono sul mercato candele senza fiamma, profumate e sicure. E nonostante il consumatore riveda le sue priorità d'acquisto, il futuro per il comparto sembra ottimistico, grazie agli investimenti che le aziende di categoria stanno attuando - nuovi lanci, pubblicità nel punto vendita, maggiore comunicazione, innovazione, attenzione al design - anche in considerazione del fatto che il grado di penetrazione di tale categoria merceologica coinvolge nell'acquisto una famiglia su due e si prospetta un mercato con discreti margini di crescita. Per la natura "emozionale" del prodotto, il dettagliante potrà così abbellire il proprio punto vendita in modo strategico, facendo leva sulla sensibilità del cliente attratto dalle note profumate, da corner appetibili, e dalla spesa contenuta per un oggetto che arreda e insieme profuma la casa. Sono articoli di nicchia, esclusivi, non presenti nella grande distribuzione, che rappresentano per il dettagliante di arredo casa e casalinghi un momento di vendita importante, imponendo la qualità di un

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


60_69candele:Layout 1 31/05/13 12:28 Pagina 88

Focus • CANDELE E FRAGRANZE determinato brand. Quello delle candele profumate e dei profumatori per ambienti è senza dubbio uin mercato dinamico alla cui testa si posiziona come "driver" trainante la formula della continua innovazione, sia dal punto di vista estetico che della vasta gamma di fragranze proposte stagionalmente. Tanti prodotti e tante fragranze non devono però suggerire al dettagliante la facile soluzione di colmare in modo eccessivo gli spazi dedicati: tali prodotti saranno maggiormente apprezzati e aumenteranno il proprio appeal se i punti vendita riusciranno a presentare display meno ricchi e confusi e saranno in grado di gestire iniziative promozionali mirate, in collaborazione con le diverse aziende fornitrici attente a sviluppare un supporto concreto al dettagliante.

Preziosa e delicata. È la candela Lino firmata Bellora, 150 grammi di note floreali delicate e seducenti.

Collezione Cool Pops in edizione limitata di Yankee Candle. Fragranze disponibili: Banana Blueberry, Mango Nectarine, Melon & Lime, Pineapple Coconut, Triple Berry.

Sono ben sei le fragranze proposte da Mathilde M. per la candela profumata alloggiata in un grazioso vaso di vetro soffiato decorato con una coppia di uccellini. In questo caso la fragranza Voltige ricorda il profumo della primavera e dei ciliegi in fiore.

Con una selezione di più di 40 profumi, Lampair è la lampada catalitica di Millefiori che purifica l'aria e profuma l'ambiente con una diffusione della fragranza in modo omogeneo.

• MAGGIO / GIUGNO 2013

62


Il dolce profumo della vaniglia si concretizza nelle candele profumate "panno" di EDG. Disponibili in varie misure.

La collezione Opificio Cerario di Cereria Lumen regala la delicata profumazione Melagrana, candela realizzata con cere vegetali in bicchiere verniciato lucido con serigrafia.

La candele firmate Villa Buti sono eleganti e raffinate. La collezione Villa Buti candele rosse regala un atmosfera calda e avvolgente.

Mr&Mrs Easy è la nuova collezione di diffusori a bastoncino di Mr&Mrs Fragrance. 10 le fragranze proposte e due novità: Papaya do Brasile e Vanilla delle Reunion. Design Itsuko-Tomonori.

63

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Focus • CANDELE E FRAGRANZE

Si ispira all'arte cinese del Feng Shui la candela profumata purificante di Rituals. Under a fig tree, questo il nome della candela, unisce il profumo mistico e concreto dei dolcissimi Fichi Freschi all’effetto purificante dell’olio di Copaiba.

Tante le proposte di Sia Home Fashion per profumare la casa, a partire da questa originale candela profumata Fibia con vaso di vetro con custodia in similpelle marrone e scatola regalo. Fragranze disponibili: rosa, gelsomino e patchouli.

Fanno parte della linea Emozioni di Thun i quattro nuovi set Momenti Speciali: colorati diffusori in porcellana smaltata e decorata con le icone del marchio come cuore, farfalla, coccinella, libellula, accompagnati da una boccetta di essenza Magia di agrumi, Magia fruttata, Magia fresca e Magia allegra.

• MAGGIO / GIUGNO

64


Inaus Flameless Candles si distingue per le sue candele senza fiamma, decorative, profumate e sicure. Come la candela Cube con strass, profumata al giglio, parte della collezione Prestige.

Cereria Introna, antichissima cereria dal 1840, realizza vere e proprie opere d'arte con la cera, tutti articoli fatti a mano, personalizzabili sia nei colori che nelle profumazioni. Come il decorativo Boul Cesto, candela intarsiata e decorata con diverse varietà di fiore.

Elegante confezione per la candela profumata in cera naturale vegetale Assolato di Culti: vaso in vetro satinato bronzofumé, etichetta in tessuto jaquard.

Fragrance Designer ha dato vita a un innovativo diffusore di fragranze: si chiama Qi e permette una diffusione professionale delle fragranze. Di piccole dimensioni, può anche essere appeso alle pareti. Non scalda e non produce alcuna emissione di alcool nè solventi nocivi. Personalizzabile.

65

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Focus • CANDELE E FRAGRANZE

YANKEE CANDLE Chris Fuentes, responsabile internazionale sviluppo

1) Quali sono le ultime novità prodotto sul mercato italiano? Attualmente ci stiamo occupando della stagione estiva concentrandoci su fragranze floreali, fresche e fruttate. Yankee Candle crea quattro/cinque nuovi profumi ogni trimestre, oltre a una collezione di punta della stagione in edizione limitata. Per l'estate 2013, la tendenza è rappresentata da fragranze che evocano il tema "nostalgia": Summer Scoop, Fireside Treats, Honey Blossom e Pineapple Cilantro sono fragranze create appositamente per attrarre i consumatori e cercare di introdurre questa tendenza nelle loro case durante il periodo estivo. Segue poi la nuova collezione in edizione limitata Cool Pops ispirata ai dolci ghiaccioli amati in tutto il mondo. Le fragranze includono: Banana Blueberry, Mango Nectarine, Melon & Lime e Pineapple & Coconut.

2) Yankee Candle propone un'ampia selezione di fragranze. È questa la carta vincente per ottenere buoni risultati di vendita? Il legame emotivo tra un profumo e la scelta personale è significativo. Quando un consumatore decide di profumare la sua casa vuole essere sicuro che il profumo sarà all'altezza della promessa e che garantisca una vera esperienza sensoriale. Yankee Candle offre cinque famiglie di fragranze che ruotano nel corso dell’anno con diversi temi: Cibo & Spezie, Profumi Freschi, Frutta, Fiori e Profumazioni festive. Ogni collezione è composta da circa 14 profumi creati per garantire ai singoli consumatori la scelta migliore della frgranza preferita. Anche le stagioni giocano un ruolo importante nelle preferenze del consumatore ed è per questo che spingiamo i nostri rivenditori a promuovere le profumazioni fresche in primavera, le floreali e di frutta in estate, cibo e spezie in autunno e quelle festive a Natale. 3) Quali attività e azioni di vendita promuovete per aumentare l'appeal dei vostri prodotti (rotazione prodotto, novità...)? Forniamo ai rivenditori varie promozioni tra cui “La Fragranza del Mese”. Azioni come queste aiutano i rivenditori a gestire le diverse fragranze, avvisando i propri clienti della vasta gamma di profumazioni disponibili da Yankee Candle. Queste iniziative sono utili perché gli acquirenti spesso visitano il negozio numerose volte durante l'anno per scoprire le ultime novità offerte del nostro marchio di candele. Inoltre il set “Yankee Candle Marketing Toolbox” comprende anche l’accesso a un sito per informazioni di marketing e immagini, rendendo così più facile per i rivenditori promuovere il marchio. Ciò si è rivelato particolarmente importante per i rivenditori indipendenti italiani in quanto il servizio fornisce anche dei planogrammi e supporti al merchandising prontamente disponibili, con informazioni chiare e concise sul magazzino, l’esposizione e il materiale per il punto vendita. 4) Quali sono le strategie adottate per sostenere il punto vendita in Italia? Visto che lanciamo regolarmente nuove fragranze e prodotti, è fondamentale che i nostri rivenditori comunichino ai propri clienti “cosa c'è di nuovo” usando tecniche creative per attrarre l’attenzione sul punto vendita. Siamo consapevoli che ciascuno dei nostri clienti è diverso ed è per questo che abbiamo un approccio su

• MAGGIO / GIUGNO 2013

66

Nuova collezione dedicata all'estate con inedite profumazioni tutte da scoprire: Honey Blossom, Pineapple Cilantro, Summer Scoop, Fireside Treats.

misura sui punti vendita. Il Sales Manager e il team di assistenza clienti in Italia sono sempre a disposizione per aiutare ciascuno dei nostri rivenditori a trovare il miglior metodo di visualizzazione per il proprio negozio, lavorando a stretto contatto per aiutare i diversi rivenditori a raggiungere il massimo delle vendite per il marchio Yankee Candle utilizzando tecniche di merchandising collaudate.

5) Può indicarci qualche dato di vendita del primo trimestre 2013 relativo al mercato italiano? Yankee Candle sta vedendo in modo estremamente positivo la crescita a doppia cifra delle vendite nel mercato italiano in quanto sempre più rivenditori scoprono l'alta qualità del marchio e vogliono offrire Yankee Candle ai loro clienti. La fiera Macef ha fornito una fantastica opportunità per incontrare clienti e potenziali rivenditori "faccia a faccia" e far loro conoscere le nuove collezioni in un'atmosfera amichevole e rilassata. In occasione della fiera di Gennaio, Yankee Candle ha inoltre ricevuto ordini record e registra una crescita di oltre il 100%. Infine, i piani per il resto del 2013, includono la crescita e lo sviluppo dei clienti esistenti e la costruzione e l'espansione del settore indipendente in Italia.


Aura Verde, della linea Vivalu, presenta una profumazione particolare all'olio di Ginepro, Timo, Benzoino e Chiodi di Garofano. Disponibile in due misure.

CERERIA LUMEN Giorgio Pirola, titolare

1) Quali sono le ultime novità prodotto? Tra le ultime novità ci sono le candele con lo stoppino in legno presentate quest'anno in una linea che si basa sulla polisensorialità. La linea Lumen Xsenses vanta infatti, oltre alle ottime caratteristiche di luce e profumo, anche quella del "sonoro": mentre brucia, lo stoppino emette un crepitio che è una vera riproduzione del crepitio scoppiettante della legna sul camino. La candela perfetta per creare una atmosfera di relax in casa.

2) Rispetto al 2012, come si è chiuso il primo trimestre dell'anno? Non avevamo grandi aspettative per questo inizio anno e di fatto si è attestato sugli stessi fatturati del trimestre 2011. Ma questo dato non fa testo nel nostro mercato che è molto più rappresentativo nei mesi che vanno da settembre a gennaio. Di fatto abbiamo avuto un buon riscontro nella clientela asiatica e mediorientale. 3) Storicamente a quali fiere avete partecipato e dove avete riscontrato i migliori risultati? In futuro a quali eventi fieristici avete in programma di partecipare? Le prossime fiere saranno quelle di settembre con il Macef a Milano e il Sana a Bologna. Nel Macef poniamo una buona aspettativa che deriva dal nuovo layout espositivo e ci auguriamo che i compratori possano tornare fiduciosi a questa fiera e che Macef finalmente ponga in risalto i produttori italiani. Per il Sana di Bologna ci attendiamo una riconferma del nostro settore legato alle candele naturali di cui siamo da sempre fautori. Linea Lumen Xsenses, candela profumata: lo stoppino in legno, mentre brucia, emette il suono del crepitio della legna che arde sul camino.

4) Quali attività e azioni di vendita promuovete per aumentare l'appeal dei vostri prodotti (rotazione prodotto, novità...)? Proprio per le caratteristiche dei nostri prodotti, realizzati con oli essenziali e cere vegetali, abbiamo introdotto del materiale informativo rivolto al pubblico. Locandine e opuscoli sono gli strumenti che stiamo adottando per far conoscere le peculiarità dei nostri prodotti. 5) Quali sono le strategie adottate per sostenere il punto vendita in Italia? Supportare il PV nella scelta dell'assortimento. Dove possibile favoriamo la riduzione dei minimi d'acquisto a tutto vantaggio della profondità di gamma. Siamo strutturati con il pronto merce su tutte le referenze a catalogo in modo da poter rifornire i clienti in tempi brevissimi. Con settembre completeremo un'interessante proposta dedicata al mondo del retail che riguarderà proprio una fascia di mercato strategica per il nostro prodotto: sicuramente prezzi molto concorrenziali, ma soprattutto tanta qualità, artigianalità e made in Italy.

67

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Focus • CANDELE E FRAGRANZE

LES ÉPICIERS BY IMAGINE Sandra Rivero, titolare e designer

1) Quali sono le ultime novità prodotto? Abbiamo moltissime novità sia per il Natale che per le nostre collezioni classiche. Da inizi di maggio sarà disponibile la linea dei Regionali. Sono 12 fragranze che illustrano 12 regioni d’Italia. Questa è la collezione che meglio rispecchia il nostro "essere italiano". Ogni regione con i suoi sapori, la sua storia, le sue emozioni sono plasmate nelle nostre fragranze: PIEMONTE: con le sue note di cioccolato amaro, nocciole fragranti e sottofondo di verde bosco, ci immerge nell'atmosfera distinta e raffinata delle città e dei paesaggi piemontesi. LOMBARDIA: abbiamo voluto riprodurre una nota olfattiva "cittadina", con sentori di smog e legno ardito, perché nell’immaginario collettivo Lombardia è sinonimo di Milano. TRIVENETO: il richiamo della montagna è forte in questa regione. Questa fragranza per ambienti ci riporta alle Spa di alta montagna con le loro note balsamiche. EMILIA ROMAGNA: il pensiero va al divertimento e possiamo raccogliere il meglio di questo nella Costa Adriatica e la nostalgia ci riporta a qualche indimenticabile estate della riviera romagnola. Il profumo è prevalentemente salino. TOSCANA: cedro, salvia, qualche ago di pino e una nota segreta per un profumo "rinascimentale". CAMPANIA: chiudiamo gli occhi, e la nota di scorza di limone di Amalfi ci riportano agli squarci di mare e ai grappoli di case della meravigliosa Costiera. CALABRIA: la verde nota del gambo di pomodoro, la sensazione di prurito nel naso del peperoncino di Soverato. LIGURIA: profumo prevalentemente verde con una forte componente di basilico. SICILIA: fragranza di carattere come la terra che rappresenta. Note di arance rosse dell'Etna, pistacchi di Bronte e latte di mandorla. SARDEGNA: la sensazione è quella che si ha appena sbarcati nell’aeroporto di Olbia. Una selvaggia alchimia di rosmarino, liquirizia e mirto. LAZIO: il cipresso e il lauro regnano maestosi con le loro note imperiali, per un profumo che richiama tutta la magnificenza della città eterna. PUGLIA: profumo antico che sa di campagna, di legno di ulivo, di terra ardita dal sole, di grappoli maturi che diventeranno vino denso.

2) Rispetto al 2012, come si è chiuso il primo trimestre dell'anno? Siamo una azienda molto giovane, dunque non facciamo testo. Siamo ancora in crescita fisiologica. Per creare un certo dinamismo lanciamo sul mercato sempre dei nuovi prodotti e investiamo moltissimo nel settore promozionale.

• MAGGIO / GIUGNO 2013

68

3) Storicamente a quali fiere avete partecipato e dove avete riscontrato i migliori risultati? In futuro a quali eventi fieristici avete in programma di partecipare? A parte il "classico" Macef, abbiamo partecipato nel 2009 al Gift & Premium a Dubai, a Intergift di Madrid, a Vebo per le nostre collezioni di bomboniere e a marzo scorso al Cosmoprof di Bologna, esponendo nel salone premium. Bisogna diversificare i risultati: Macef è meglio per il mercato italiano, Cosmoprof è invece una vetrina aperta al mondo. La prossima tappa - direi obbligata -, è Maison & Objet a Parigi. 4) Come percepite l'andamento dei negozi di casalinghi in Italia e quali strategie avete adottato per rendere appetibili i vostri prodotti nel punto vendita? I casalinghi stanno valutando e apprezzando molto articoli di nicchia ed esclusivi, oggetti che non si possono trovare nella grande distribuzione. Questa è la nostra grande forza per vincere ed imporre il nostro brand. Linea dei Regionali: 12 fragranze dedicate alle 12 regioni d'Italia.


CULTI Culti Decor Metallics è la special edition con cui Culti tratta i flaconi con speciali verniciature al manganese, all'ottone e al platino. Nella foto Culti Decor Metallics Manganese da 2700 ml con sistema evaporatore permanente. Etichetta in metallo nickel nero.

Giovanni Lato, amministratore delegato

1) Quali sono le ultime novità prodotto? Le ultime novità prodotto riguardano le special edition Metallics e Grandtour.

2) Rispetto al 2012, come si è chiuso il primo trimestre dell'anno? Il primo trimestre dell'anno 2013 ha consolidato la nostra presenza sul mercato e aumentato il fatturato rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente in tutti i paesi in cui siamo presenti, sia in Europa che in Asia.

3) Quali attività e azioni di vendita promuovete per aumentare l'appeal dei vostri prodotti (rotazione prodotto, novità...)? Ogni anno presentiamo nuovi prodotti e/o rinnoviamo i prodotti esistenti in due momenti: a gennaio e a luglio.

4) Quali sono le strategie adottate per sostenere il punto vendita in Italia? Sosteniamo il punto vendita con varie attività e strumenti: abbiamo ideato delle nuove ed eleganti aree tester con le quali il consumer può divertirsi a conoscere le nostre straordinarie fragranze, proponendo vari tipi di display durante il corso Culti Stile Grandtour Florange dell'anno e fa1000 ml: bottiglia in vetro vernicendo dei corsi di ciato arancio metallizzato diraformazione sulle dato semitrasparente, tappo in fragranze e tecnilegno laccato moka, etichetta in che di presentatessuto jaquard. zione e vendita. Inoltre forniamo una brochure per sostenere l'immagine del marchio insieme a cartelli vetrina e signage del marchio.

69

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Focus • CAFFÈ Massimo Luigi Andreis

L’oro verde conquista la tavola Lungo o ristretto, espresso o preparato con la moka, agli italiani il caffè piace, sempre e comunque. Un traino eccezionale per la vendita di macchine, caffettiere e complementi adatti alla preparazione e alla degustazione

“Ah, che bellu ccafè / pure ‘n carcere ‘0 sanno fà / co’ ‘a recetta ch’a Cicirinella / compagno di cella ci ha dato mammà”. Così cantava nel 1990 Fabrizio De Andrè, poeta della musica genovese, in un napoletano un po’ immaginifico: del resto, da che mondo è mondo, il caffè come lo fanno all’ombra del Vesuvio è… la morte sua, anche in un carcere. Una citazione (e una divagazione…) utile per significare ciò che potremmo definire, senza tema di smentita, come un vero e proprio amore: quello degli italiani per l’oro verde. Si tratta di una passione antica, un amore a prima vista, o meglio, al primo assaggio. Arrivato in Italia attraverso Venezia nel XVI secolo, allora porta privilegiata dell’Europa intera in direzione dell’Oriente (dove già da un paio di secoli veniva consumato in vere e proprie mescite in una forma densa e non zuccherata), all’inizio, dato l’alto costo, il caffè era un

• MAGGIO / GIUGNO 2013

70


Miss Conny è la nuova caffettiera Forever di Kaufgut che unisce design, eleganza e materiali attuali e di qualità. Dotata di guarnizione in silicone, nuovo manico antiscivolo e apertura ergonomica, è adatta all’uso con le nuove piastre a induzione.

71

piacere per pochi: solo i ricchi potevano permettersi l’acquisto… in farmacia. Essì, perché si riteneva che avesse doti curative, ben superiori a quelle che noi oggi gli riconosciamo più spesso: un sapore che conquista e la capacità di tenere sveglio e lucido chi lo sorseggia. Ma tornando alle origini, nel giro di pochi decenni, dopo l’apertura della prima “bottega del caffè” della Serenissima, il numero di locali dove veniva servita la bevanda nel suo territorio cresceva fino ai 218 censiti nel 1763. Oltre che per il suo gusto intenso, nella “città degli innamorati” per antonomasia, il caffè non poteva che diventare strumento di corteggiamento: al pari di fiori e insieme ai cioccolatini. Forse per presunti, connessi effetti afrodisiaci alcuni fanatici cristiani erano arrivati a sostenere la necessità di interdire quella da essi definita la “bevanda del diavolo”. Solo il gradimento personale espresso dal papa Clemente VIII, dopo averla assaggiata, ne impedì il bando da parte della Chiesa, il che avrebbe certamente provocato effetti tali da rendere la futura storia e diffusione del caffè diverse da come le conosciamo. Se dunque il gradimento per il caffè è cosa antica, la miscela come la conosciamo oggi è invece una invenzione relativamente moderna: ciascuna infatti è caratteristica e identificativa del torrefattore che l’ha ideata, e che cerca di mantenerla costante nel tempo. Cerca, appunto: perché non è sempre facile procurarsi una materia prima di alta qualità in grandi quantitativi, con la conseguenza che, il sapore della bevanda realizzata utilizzando anche lo stesso tipo di macinato può variare. Creare una miscela è dunque un’operazione delicata e complessa, da cui non è esclusa una certa dose di necessaria pignoleria. Oltre alle considerazioni di ordine storico e prettamente gastronomico, il caffè ha una grande importanza a livello economico. Basti dire che sui mercati internazionali, negli scambi mondiali, è ai primi posti in termini di valore, come il petrolio e l’acciaio. Non solo: l’economia di molti paesi si fonda sull’esportazione, da cui la definizione di “oro verde”. Sotto il profilo della produzione, domina una certa stabilità: a livello globale,

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Focus • CAFFÈ siamo intorno ai 6,8 milioni di tonnellate all’anno, corrispondenti a circa 115 milioni di sacchi: nel 63-68% dei casi si tratta di qualità Arabica mentre il Robusta rappresenta circa il 25-30% del totale. Anche i consumi mondiali pro-capite sono stazionari: oscillano tra i 4,40 e 4,50 chilogrammi annui. Le differenze subentrano invece quando si considerano le aree geografiche: si passa allora dai 4,20 kg degli Stati Uniti ai 5,20 dell’area UE. In questo contesto ristretto, costituito da 27 paesi, il record spetta alla Germania, con 7,60 chili all’anno mentre il fanalino di coda è occupato dal Portogallo, con 2,37. Ma a meritare il titolo di primi consumatori d’Europa sono i finlandesi, che degustano 11,4 kg di caffè all’anno. E l’Italia? In ambito continentale si piazza al quinto posto fra i maggiori importatori e al decimo per consumo pro-capite. Un dato che non deve trarre troppo in inganno: questo consumo relativamente basso ha diverse spiegazioni. Intanto a causa di radicate abitudini: gli italiani gradiscono bere caffè quasi esclusivamente al risveglio e dopo i pasti, mentre, in altri paesi, vigono consuetudini diverse: non solo lo si prende più spesso nell’arco di tutta la giornata, ma persino durante i pasti!

Con Accademia Mugnano i poteri dell’uomo pipistrello e l’atmosfera di Gotham City entrano in cucina: ecco la Caffettiera Batman, una divertente idea regalo.

Set di 6 cucchiaini per caffè di WMF.

Tazzina e sottopiattino in vetro della collezione Ring prodotta da La Rochere, distribuita da Arcucci Trade.

Carezza Prestige di Gaggia, con un rivestimento in acciaio inox satinato, ha il termometro di controllo della temperatura in caldaia, la nuova coppa portafiltro a doppia camera pressurizzata, l’ergonomica manopola di controllo vapore frontale e il sistema di risciacquo automatico: per un espresso da bar, ma fatto in casa.

• MAGGIO / GIUGNO 2013

72


Pulita, lineare e con uno spirito domestico un po’ sofisticato: è Buongiorno, la nuova caffettiera di Moneta disegnata da Marcello Cutino.

In secondo luogo, come tutti sanno, il Belpaese è il regno dell’espresso (come dimostra il successo crescente delle macchine per fare il caffè per uso domestico) tanto che, al di sotto delle Alpi, è considerato da molti come il solo vero caffè, arrivando in taluni casi a non riconoscere tale qualifica alle brodaglie più o meno allungate che piacciono tanto ai consumatori del resto del vecchio mondo (per non parlare di quelle, spesso distribuite a temperature inavvicinabili per i palati di casa nostra, che vanno per la maggiore negli Usa…). Ma negli ultimi anni il made in Italy sta conquistando il mondo anche in questo campo: non si contano infatti i format che promettono di far gustare un caffè italian style, basti pensare al successo internazionale di Starbucks (per la verità un po’ ripiegante, in questo momento). Insomma: l’espresso italiano, con le sue caratteristiche rigorose e codificate, si sta diffondendo, al pari degli alimenti e della cucina, in tutto il mondo. Di questa diffusione si stanno avvantaggiando i produttori italiani: sia di macchine per il caffè che di più tradizionali moka nonché di tutti i numerosi oggetti che accompagnano la degustazione della bevanda: tazzine, sottopiattini, cucchiaini, zuccheriere, vassoi, mug, termos, etc. Forme, colori, materiali: i designer delle aziende di casa nostra si stanno sempre più sbizzarrendo per rendere il piacere del caffè… più piacevole al di là della degustazione in sé. A facilitare il loro compito, il fatto che si tratta di un tema declinabile in molti modi e

Delle linea Trendy fanno parte i cucchiaini da caffè di Excelsa di Bergamaschi & Vimercati realizzati in acciaio inox con manicatura in ABS. Lavabili in lavastoviglie.

Da Villa D’Este, le caffettiere della collezione Eldorado: dalla forma conica, realizzate in alluminio nei colori marrone e oro con manico a contrasto, nella versione avorio hanno il manico verde, marrone, arancio o rosa. Sono disponibili nelle versioni da una, tre e sei tazze.

73

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Focus • CAFFÈ

Tazzine e caffettiere, bicchierini e zuccheriere: per il rito del caffè e della colazione, la collezione Daily di Villa D’Este è l’ideale. In essenziale ceramica la linea viene proposta in tante varianti di colore e si caratterizza per il decoro minimale che la rende versatile e combinabile.

Ultima novità in casa Philips è la gamma Minuto, macchine automatiche per il caffè espresso dalle dimensioni contenute: disponibili in tre modelli diversi, hanno la caldaia a riscaldamento rapido, 5 impostazioni e un sistema di regolazione automatica della macinatura.

Le tazze caffè in ceramica colorata della linea Vintage di Excelsa di Bergamaschi & Vimercati hanno una forma leggermente retrò, per un piacere un po' d'antan.

Caffettiera Ovella di Mori Produzione Inox: disegnata da Maria Grazia Fiocco, disponibile in versione da una, tre, sei tazze, è realizzata in alluminio verniciato colore champagne ed impugnatura in nylon colore avorio. Fondo per induzione.

• MAGGIO / GIUGNO

74


attraverso tanti oggetti; un tema sempreverde, insomma non soggetto a stagionalità, utile sia per un acquisto finalizzato all’uso personale sia per fare un regalo sempre gradito. Regalare una caffettiera è un grande classico e riceverla come presente è sempre cosa gradita e garantita: ecco perché, proprio relativamente a questo oggetto, sono stati studiati e prodotti i prototipi dalle forme e dalle colorazioni più disparate, senza mai perdere tuttavia di vista la finalità pratica dello strumento: produrre una bevanda nella migliore tradizione italiana, apprezzata lungo tutto lo stivale, ma anche al di fuori dai confini patri. In un frangente come quello che stiamo attraversando, caratterizzato dalle difficoltà interne che le imprese nostrane affrontano anche approfittando dell’eccezionale traino dell’italianità all’estero, mai terreno è stato così fertile per conquistare nuovi consumatori e nuovi mercati, ai quattro angoli del pianeta. È d’uopo approfittarne!

Alla collezione Deep Blue di Villa D’Este appartengono queste mug (con cucchiaio) dal sapore delicatamente rievocativo, perfette per ritrovare il ritmo lento della vita di campagna.

Macchina per espresso Concept per quattro o sei tazze di WMF, in Cromargan® lucido.

Tazze della collezione Froissé di Revol Porcelaine, distribuita da Arcucci Trade.

I decora-cappuccino a marchio EVA Collection, di Kaufgut.

75

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Focus • CAFFÈ

KAUFGUT

Marco Avi, direzione vendite

1) Quali sono i prodotti per il caffè che hanno il maggior riscontro presso il pubblico? Senz’altro le nostre moka FOREVER e, tra queste, la linea classica Miss Prestige, la moka Miss Evolution (che si può utilizzare anche per le cialde), le nuovissime Miss Moka Super Colori e, a seguire, le altre linee (per orzo, in acciaio per induzione, ecc.). Per quanto riguarda gli accessori invece, i più richiesti e venduti sono gli schiuma latte, i decora cappuccino e le lattiere: tutti prodotti a marchio EVA Collection.

6) Quali sono le differenze tra le richieste di tale genere di prodotti all’estero rispetto all’Italia? Per quanto riguarda le nostre caffettiere FOREVER, sui mercati stranieri vengono richieste maggiormente i modelli con le misure grandi e le versioni in acciaio, indicate per la cottura e il riscaldamento a induzione.

2) Potete descrivere caratteristiche salienti e materiali dei prodotti per caffè da voi realizzati che hanno il maggior riscontro in termini di vendita? Le nostre moka sono tutte prodotte con alluminio (logicamente tranne quelle in acciaio) alimentare conforme alle vigenti normative europee, hanno tutte le guarnizioni in silicone e sono le uniche al mondo a cui è stata riconosciuta la denominazione di “Marchio di qualità sensoriale” dal rinomato Centro Studi Assaggiatori di Brescia.

7) Quali i mercati dove esportate di più? Sempre per quanto riguarda FOREVER, direi che abbiamo il maggior riscontro in Austria, Polonia, Svezia, Lituania, Germania e Canada.

3) Quali formule proponete al rivenditore per massimizzare le vostre vendite in questo canale? (corner personalizzati, promozioni, etc.) Tutte le caratteristiche summenzionate sono senz’altro validi stimoli per la vendita, efficacissimi nell’aiutare il rivenditore a presentare e far acquistare dai clienti il nostro prodotto. Per quanto riguarda promozioni e similari, mettiamo a disposizione degli espositori dei display sia da banco che da terra. Naturalmente valide informazioni possono essere reperite sui nostri siti: www.kaufgut.it e www.foreveritalia.it. Sempre sul web, siamo presenti nei “social media” come Facebook (www.facebook.com/forevermoka) e utilizziamo la tecnologia innovativa QR code (sulle confezioni, ecc.).

4) Quale il canale di vendita principale? Senza dubbio il dettaglio tradizionale.

5) Quale percentuale della vostra produzione di articoli per il caffè è destinata all’estero? Per quanto attiene a FOREVER, attualmente circa il 10% della quantità prodotta viene distribuita all’estero.

• MAGGIO / GIUGNO 2013

76

Caffettiere Moka della linea Forever di Kaufgut in diversi varianti e tonalità, per una cucina colorata e allegra.


RISOLì Cristina Montini, titolare

1) Quali sono le caratteristiche salienti delle vostre caffettiere (dimensioni, materiali, colori, etc.) La caratteristica più importante delle nostre produzioni è senza dubbio la qualità. Le nostre caffettiere sono in fusione di alluminio verniciate esternamente. Abbiamo rivisto solo il punto di vista estetico personalizzando la classica moka per mantenere intatti i valori e i sapori che sono la caratteristica più ricercata da chi acquista una “vera” caffettiera italiana in alluminio. In particolare, la caffettiera Zarina di Risolì è disponibile a una, tre o sei tazze con la possibilità di scegliere tre colori diversi: nero, rosso e viola. Per quantitativi proponiamo anche varianti in grigio, brown e blue Sardegna. La caffettiera è un prodotto classico, ma proposto verniciato lucido con colori particolari e accesi acquista un certo appeal sulla clientela giovane che ne ha fatto un’icona del design made in Italy. Ogni caffettiera è venduta in scatola singola litografata, ideale per essere anche regalata.

2) Quali formule proponete al rivenditore per massimizzare le vostre vendite di caffettiere? (corner personalizzati, promozioni, etc.) Per il lancio delle nostre caffettiere Zarina abbiamo strutturato una promozione e un espositore per il punto vendita. Siamo in fase di studio per un’attività promozionale per il secondo semestre dell’anno che si concentrerà su una misura e un colore.

Raffinata caffettiera colorata dal design classico con manico cromato: Zarina di Risolì è realizzata in alluminio fuso verniciato, così da consentire al calore di diffondersi in modo uniforme e di ottenere un caffè dal gusto intenso e cremoso, degno della tradizione italiana. L'ideale per gratificare i vostri sensi e quelli di tutte le persone che vi sono vicine.

3) Quale il canale di vendita principale di questo tipo di prodotto? Il canale di vendita è il dettaglio qualificato che ha molto apprezzato le nostre caffettiere per la qualità e la particolarità dei colori proposti.

4) Quali sono le differenze tra le richieste di caffettiere all’estero rispetto all’Italia? Sicuramente le caffettiere made in Italy sono apprezzate e all’estero sono richieste come quelle vendute nel mercato domestico. Tra le differenze spicca sicuramente la richiesta delle 9 o 12 tazze che in Italia non c’è. 5) Quali i mercati dove maggiore è il vostro export? Soprattutto i paesi dell’Est Europa, la Russia e il Giappone.

6) L’acquisto di caffettiere risente della stagionalità? Quali sono i periodi di maggior vendita? La caffettiera ha una vendita costante durante l’anno, con dei picchi nei periodi natalizi perché viene identificata anche come articolo regalo.

77

MAGGIO / GIUGNO 2013 •


Progetto3:Layout 1 07/03/13 11:10 Pagina 1


Progetto3:Layout 1 07/03/13 11:10 Pagina 2


80_indirizzi:Macef 31/05/13 11:50 Pagina 2

&regalo

CASA

le aziende di questo numero

ACCADEMIA MUGNANO 72 ALESSI 41, 42 ANDRÉ AS 57 ARCUCCI TRADE 38 ARIETE 49 ARTELEGNO 25 BALLARINI 7 BAMIX 48 BARAZZONI 11, 13 BELLORA 62 BIALETTI 10 BIANCHI CASALINGHI 23 BIRKMANN 57 BORMIOLI ROCCO 9 BOSCH 47 BRAUN 46 CALDER 21 CASA BUGATTI 41, 42, 47 CASALINGHI S.T.O. 21 CERERIA INTRONA 65 CERERIA LUMEN 63, 67 CERUTTI INOX 24 CIANI ARREDAMENTI II COPERTINA CILENTO OUTLET VILLAGE 30 CIRO & GABRIELLA 36 COLOMBO SMARTPLASTIC COLTELLERIE F.LLI ANTONINI 21 CONSORZIO COLTELLINAI DI MANIAGO 17 CULTI 65, 69 CUTTING 22 DEA GOURMET 25 DEMOLLI 55 EDG 63 ELIOR RISTORAZIONE 39 EUROBLADES 22 EVA COLLECTION - KAUFGUT 54, 75 EXCELSA DI BERGAMASCHI & VIMERCATI I COPERTINA, 13, 55, 73, 74 FARFALLI 22 FOREVER - KAUFGUT 14, 71, 76 FRAGRANCE DESIGNER 65 GAGGIA 72 GALBAR 5 GHIDINI CIPRIANO 54 GIANNINI EXTRA 48 GIFTRENDS MADRID 7 GIO’ STYLE 11 GIRMI 45 GUARDINI 14, 57 GUCCI - RICHARD GINORI 8 GUZZINI 42 HOOVER 46 INAUS FLAMELESS CANDLES 65

• MAGGIO / GIUGNO 2013

ILSA 14 KAISER 55 KASANOVA+ 9 KENWOOD 42, 48 KUNZI 56 LA ROCHERE - ARCUCCI TRADE 72 LA TERMOPLASTIC F.B.M. 16, 25 LAGOSTINA 11 LEGNOART 26 LÉ KUÉ 56 LES É PICIERS 68 MAGIMIX 40, 41, 44, 50 MAISON&OBJET 1 MARCATO 24 MARTELLATO 2, 16, 58 MATHILDE M. 62 MELICONI 54 METALLURGICA MOTTA 21 MILLEFIORI 62 MONETA 10, 12, 73 MORI PRODUZIONE INOX 74 MR&MRS FRAGRANCE 63 NESPRESSO 41 OTTINETTI 21 PAVONI ITALIA 53 PEDRINI 56 PENSOFAL 16, 24 PHILIPS 45, 74 REVOL PORCELAINE - ARCUCCI TRADE 75 RISOLI’ 11, 17, 77 RITUALS 64 ROESLE - ARCUCCI TRADE 54 ROYALE III COPERTINA RUSSELL HOBBS 47 SEVERIN 51 SIA HOME FASHION 64 SILIKOMART 57 SNIPS 27 SODASTREAM 6, 10 SPEZIE & CO 21 TERMOZETA 10 TESCOMA 46, 59 THUN 64 TOP MOKA 23 VEBO IV COPERTINA VICEVERSA 56 VILLA BUTI 63 VILLA D’ESTE 73, 74, 75 VILLEROY & BOCH 6, 11 WALD 11, 61 WMF 72, 75 YANKEE CANDLE 62, 67

80


inn tavolaa con eleganz eeleganza za

Lino

Bronzo

Beige

www.royale.it www .royale.itt

Grigio

Nero



CASA & regalo 05_06_2013