Page 1

qwertyuiopasdfghjklzxcvbn mqwertyuiopasdfghjklzxcv bnmqwertyuiopasdfghjklzx C’era ’na vota. Vol.2 cvbnmqwertyuiopasdfghjkl Giovanni D’Angelo zxcvbnmqwertyuiopasdfghj klzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopa sdfghjklzxcvbnmqwertyuio pasdfghjklzxcvbnmqwertyu iopasdfghjklzxcvbnmqwert yuiopasdfghjklzxcvbnmqwe rtyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbn Ediz. Il sole di tutti, Bergamo 2008 Nota di Eugenio Giannone


www.villachincana.it

PREAMBOLO AL SECONDO VOLUME Continuo nel lavoro intrapreso con la sempre più forte convinzione che è un grande errore storico, oltre che intellettuale e sociale, lasciare svanire circa mezzo secolo della nostra esistenza. Un periodo molto complesso, quello del dopo guerra, che ha visto la nostra società coinvolta in un cambiamento radicale del modo di vivere, di pensare, di agire. In molto poco tempo la società è passata da un modo di vivere basato su valori tramandatici col comportamento, con l‟esempio, con l‟insegnamento dai nostri progenitori, frutto di esperienze, di pratica, di rodaggio, ad un nuovo modello di vita basato principalmente sulla contestazione di tutto quello che fino ad allora era stato, se non negato, parsimoniosamente concesso. Il passaggio repentino dall‟ereditario barcamenarsi tra esigenze di famiglia, ricerca spasmodica di un lavoro, privazioni di qualsiasi genere, di sacrifici che spesso portavano le persone alla prostrazione, senza avere avuto il tempo di analizzare e gestire, con metodo e ponderazione, le novità che la rivoluzione sociale offriva, ha portato la società al totale abbandono delle proprie origini, tradizioni, esperienze, senza considerare e acquisire quello che di positivo, di buono, di valido, poteva essere ancora utilizzato. Oggi, alla luce dei fatti susseguitisi, dei valori che regolano la società, delle prospettive che si presentano ai futuri uomini, possiamo sicuramente affermare che l‟accettazione del nuovo, che si è presentato, è stata fatta con poca prudenza; senza riflessioni e considerazioni si è preso tutto “a mazzu”, senza considerare quello che di buono, di utile, veniva lasciato indietro e quindi perduto. Valori come solidarietà, umiltà, rispetto, fratellanza, fiducia, generosità e onestà hanno ceduto il posto ad egoismo, prevaricazione, superbia, insolenza, avarizia, corruzione.

2

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it L‟uomo, oltre il dovere di garantire la propria progenie, ha degli obblighi verso la propria cultura e tra questi verso il proprio retaggio. Il patrimonio materiale e culturale, sia esso scritto che tramandato a memoria, fanno parte integrante dell‟ “essere” uomo; questi non può far finta che non esistano, dimostrando verso di essi disinteresse e indifferenza. I giovani, futuri uomini e futuri depositari della cultura nella sua globalità, hanno bisogno di una grande fede sulla quale basare la loro vita; se trovano valori di disinteresse, di noncuranza, di qualunquismo, tali cresceranno, allontanandosi sempre di più dalla conoscenza e dalla verità. Ai giovani, oggi, manca una grande fede, manca quello stimolo che li coinvolga interamente, fin dall‟adolescenza, e li indirizzi verso ciò che è giusto, che è buono, per una giusta esistenza futura. Da dove attingere la fede necessaria al loro bisogno? Penso che a questa domanda una seria risposta possa venire dalle esperienze del passato, dalle pratiche, dalle conoscenze acquisite; e chi, ruolo insostituibile a questo scopo, può assolvere meglio degli anziani? Chi meglio dei nonni? Penso che questi vecchi uomini, ormai quasi giunti alla fine della loro camminata terrena, possano svolgere un importantissimo compito, in quanto depositari del passato, loro affidato dalla “vita”: quello di trasmettere, di “passare il testimone” a chi continuerà il cammino dopo di loro. Oggi, purtroppo, molto poca comunicazione c‟è tra i giovani e i vecchi, considerati, questi, quasi ovunque, un mezzo da utilizzare come fonte di guadagno, se non come un peso da collocare in qualche “casa di riposo” o, peggio, in qualche “ospizio”. Si assiste a rapporti di semplice convivenza, quasi obbligatoria, tra giovani e famiglie e tra giovani e società. Nella nostra società viene a mancare quel collante che è capace di tenere insieme la famiglia, che ha tenuto nei secoli il parentado unito attorno al sacro focolare, creando attorno ad essa una rete di protezione e di sicurezza che dava la certezza dell‟appartenenza. “Cu jè stu picciottu?” “Lu niputi di lu Zì Carminu Bidduzzu!”

3

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it “Aaaah…bedda famiglia…!” Ormai queste espressioni, che fino a qualche decennio fa era normale sentire, oggi non esistono più, neanche nella memoria della gente. Siamo diventati, in meno di mezzo secolo, un popolo con uno scarso, limitato, senso della memoria; scarso interessamento della propria identità, protesi verso un futuro ignoto e senza certezze, se non quelle di guerre e di contrapposizioni politico-religiose. Non tutte le prospettive sono negative, tanto si può ancora racimolare e rimettere al giusto posto, tanto di buono che il passato ha sperimentato e collaudato; a questo fine, sono convinto, che le esperienze le conoscenze, il nostro passato, ancora vivo nelle menti dei nostri anziani, può essere decisivo, e condizionante, per sbiadire le forti tinte che colorano i sentimenti, gli atteggiamenti, i modelli di vita, oggi in vigore. Il “vecchio”, collante e collegamento tra la storia, la nostra storia, il nostro passato, con il presente, può essere un importante ed essenziale mezzo per fecondare, di seme positivo, il nostro futuro.

4

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

C’era ’na vota. Vol.2 Nota di Eugenio Giannone Immaginate che una piovosa sera d‟inverno vada via , improvvisamente, la corrente elettrica. Non è possibile? Lo è, specialmente nei piccoli centri dell‟entroterra siciliano; fortunatamente oggi con scarsissima frequenza, ma una volta, ad ogni starnuto, ad ogni piscio di cane o gallina, alle prime gocce di pioggia…tacte: via la luce! In quelle lunghe e gelide notti ci si riuniva attorno al braciere ad ascoltare “li cunti antichi”, con la presenza del vicinato e alla luce fioca di una candela, d‟un lume o di qualche “spicchiu” (orciuolo). Oggi il braciere, il focolare, è rappresentato dalla Tv, ma senza corrente come si fa? Chiedetelo a Giovanni; ha risolto il problema per sé, per i nipotini, per chi ha voglia di leggerlo, anche alla chiara luce di un neon. Attraverso una lunga serie di documenti in bianco e nero, che la sua fervida penna ci regala, fa emergere una serie di figure e di situazioni di altri tempi, d‟un passato ancora prossimo, che si materializzano narrando la storia della comunità ciancianese fatta di mestieranti, di abitudini, di sentimenti genuini, di religiosità e folklore, di motteggi e ingenuità, degli appuntamenti della vita, volti a favorire un rapporto nuovo e diverso – contemporaneamente antico – con la natura e un più meditato modo di confrontarsi tra individui per riappropriarsi di valori certi, tornare al dialogo tra componenti dello stesso nucleo familiare.

5

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Proprio per questo dovrebbe andare via la corrente elettrica e impedire che quell‟orribile scatola magica, con i suoi reality e la sua spazzatura, infesti le nostre case e le nostre menti, catturando l‟attenzione e facendoci dimenticare quanti e quanto ci circondano e vivere in un mondo virtuale che continuamente ci disillude. Ritrovare antichi sapori si può. C‟era ‟na vota Vol. 2 di Giovanni D‟Angelo si colloca sulla scia del precedente volume, ripercorrendone lo stile aggraziato e il linguaggio, sempre parlato, fluido, accattivante che invita alla meditazione e all‟ascolto di questo autentico cantastorie. Eugenio Giannone

6

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

7

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

8

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

La Famiglia La colonna portante, che svolgeva il ruolo insostituibile di collante della società ciancianese, era sicuramente il senso ben saldo della famiglia. La famiglia, sempre sacra, era tutto: inizio e fine, luogo di certezze e di dubbi, di tenerezze e di severità, di gioie e di afflizioni, di tranquillità e di preoccupazioni. Tutela, ala protettiva nei momenti di crisi e di sconforto; tutto girava attorno alla famiglia e nella famiglia, tutto era per la famiglia e con la famiglia. Sentimento radicato molto profondamente e cementato nei secoli dalla coesione che contraddistingueva una famiglia dall'altra; essa era punto di riferimento per i componenti che ne facevano parte i quali, nei momenti bui e difficili della vita quotidiana, trovavano sempre e comunque il manto protettivo e il rimedio sicuro agli ostacoli che incontravano lungo il cammino nella famiglia. Al suo culmine stava il più anziano, il padre o il nonno, il quale teneva sotto controllo l'andamento di tutto, anche di quello della famiglia del figlio, senza intervenire o incidere, se non fosse stato richiesto il suo interessamento o il suo consiglio e delegando la moglie a “suggerire” alla figlia eventuali rimedi. “Lu Papà” era sempre “ddà” pronto a qualsiasi cosa pur di salvaguardare il suo focolare. Educato dai suoi genitori al rispetto di tutto e di tutti purché fosse altrettanto rispettato (“lu rispettu è misutatu cu lu porta l'avi purtatu” si era soliti dire), sempre disponibile ad evitare liti o

9

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

incrinature all'interno della famiglia. “Lu Nannu” e per i più fortunati pure “lu Catanannu”, depositari di saggezza e di esperienza di vita vissuta, spesso, molto spesso, erano analfabeti, non sapevano leggere nè scrivere nè far di conto correttamente, ma riuscivano a tenere sotto controllo il loro avere, il loro sapere, affidandosi all‟esperienza ed a metodi di vita trasmessa loro dai genitori e dagli avi. Tutto ciò che di nuovo avveniva nella famiglia di buono o di cattivo, di positivo o di negativo era a conoscenza di tutti i componenti, solo i bambini venivano esclusi da fatti o decisioni, i bambini “l'addevi” non dovevano essere influenzati negativamente ed all'occorrenza era il nonno il nume protettore dei fanciulli. Nulla veniva nascosto al padre o al nonno, tutto ciò che riguardava o coinvolgeva uno o più parti oppure il solo nome della famiglia o che ne potesse offuscare l'immagine, era oggetto di discussione, di chiarimento, di decisione, di conclusione e, a seconda delle circostanze, anche di decisioni serie e consequenziali. Tutta la vita quotidiana girava in funzione della famiglia. Si lavorava, si produceva, si commerciava, si barattava, si litigava, sempre per portare a casa, alla famiglia, il necessario per la sussistenza e permettere ai ragazzi di crescere meglio che si poteva, ai vecchi di passare gli ultimi giorni con il rispetto ed il calore dei propri cari. Ogni festa, ogni occasione era buona per riunire la famiglia, quasi sempre “nta la casa granni”, in casa del più grande, per la felicità dei vecchi che vedevano la loro umile dimora piena di

10

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

vita e di vitalità, frutto della loro esistenza piena di sacrifici e di stenti. Con l'approssimarsi di una festa già le donne incominciavano a preparare il necessario per allestire il pranzo; fin dalla mattina presto in cucina “la tannura” era accesa, un continuo fermento a preparare l'abbondante pranzo festivo. Gli uomini vestiti a festa andavano a fare una passeggiata in piazza; i bimbi stavano vicini alle mamme mentre i più grandicelli facevano qualche corsetta con gli amici ponendo attenzione a non sporcare “li robbi novi”. La nonna dava una mano a preparare mentre il nonno, spesso, stava attento ai bambini, fumando la sua pipa e avendo cura di non far mancare “li ligna pi la tannura”. Negli occhi di tutti c'era solo felicità quel giorno; contava principalmente lo stare insieme, il guardarsi, l‟osservare “l'addevi chi criscivanu”. Questa era la famiglia, la propria famiglia, che nessuno doveva o poteva usare od offendere, “ngiuriari”. Tutti i sabati sera si andava a trovare “li nanni” ed in particolare i genitori del papà, considerato che i nonni materni, nella stragrande maggioranza dei casi, abitavano nella stessa casa o nelle immediate vicinanze (era usanza che la figlia “femmina” portasse in dote la casa e per questo il padre divideva la propria con la figlia, stando di fatto con lei). Si passava una serata assieme ai vecchi nonni, assieme agli altri fratelli sposati, anch'essi in visita ai genitori. Spesso si riunivano tre o quattro fratelli, con rispettive mogli e conseguenti figli; la casa dei nonni diventava troppo piccola ed insufficiente ad ospitarli tutti.

11

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Il vociare dei bambini ed il chiacchierio degli adulti sembrava essere insopportabile, ma poi ci si faceva l'abitudine. I nonni tenevano sempre da parte qualcosa da regalare “a l'addevi” che aspettavano impazienti che la nonna li prendesse; spesso sollecitavano con bacetti o carezze la nonna a prendere “li cosi”. C'era un'atmosfera magica in quella casa, un'atmosfera che proteggeva e saturava il bisogno di affetto, di protezione, di sicurezza che ogni essere cerca e trova nella propria specie, nella propria “tana”, nella propria famiglia. Sembrava che il tempo si fermasse per cedere il posto alla forza dell'amore, in una sinfonia dolce e melodiosa composta da grida di bambini e chiacchierio di adulti. “A quali famiglia apparteni ?” si era soliti chiedere ai ragazzi che non si conoscevano; alla risposta, subito si faceva la conoscenza di quel ragazzo, rametto forte e resistente facente parte di una pianta grossa e potente, oppure facente parte di una albero grosso ma poco potente; si teneva ad inquadrare l'essere nella propria nicchia perchè la società di allora si misurava dalla potenza e dalla capacità della nicchia di appartenenza. I figli venivano allevati con amore e nel più rigoroso rispetto per gli adulti; i nonni erano quasi sacri; ad essi si portava tanto rispetto e da essi si poteva ricevere qualsiasi rimprovero “senza pipitari”; si andava a far loro visita spessissimo e si portava porzione dei dolci che la mamma faceva a casa in occasione delle feste importanti; parte delle primizie dei prodotti della terra erano per il nonno che le aveva piantate ed accudite per tantissimi anni ed, infine, consegnate ai figli perché continuassero a coltivarle.

12

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Dopo il papà veniva il fratello maggiore, al quale si obbediva e si doveva ottemperanza e rispetto. Le figlie venivano allevate con amore e particolare tenerezza; assieme alla madre erano dedite ad accudire la famiglia e la casa. I bisogni familiari erano affidati alla madre e alle figlie che la collaboravano, l'ubbidivano e con lei vivevano e dipendevano quotidianamente. Il padre poco o nulla s'interessava della vita della figlia, era dovere della madre stare attenta a quello che la figlia faceva durante la giornata, con chi parlava o cosa, o chi, guardava. I figli maschi, considerati la continuità della famiglia, erano tenuti in continua osservazione dal padre che li indirizzava nella via da percorrere con l'esempio, portandoli con sé a lavorare, dando loro consigli e suggerimenti; voleva che i figli, “l'addevi” (i figli, per i genitori, erano sempre “l'addevi”; anche quando questi, a loro volta, diventavano genitori), andassero vestiti con “robbi boni”, facessero la loro bella figura, non venissero meno agli impegni presi nella famiglia e nella società. Tutto era fatto in funzione dei figli “maschi”, che erano destinati a dirigere e gestire la famiglia e alla sua continuazione; le femmine venivano venerate, rispettate, trattate con dolcezza; non dovevano essere trattate male né molestate. Molte liti, a volte qualche omicidio, scaturivano dalla reazione verso qualche giovanotto, di padri o fratelli, a seguito della “mancanza di rispettu”, dall'offesa fatta a qualche figlia. Il rimedio alle offese gravi era il matrimonio riparatore, che riportava pace in famiglia con la benedizione dei genitori e dei parenti tutti.

13

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

“La me famiglia” era tutto, in quel “me” c'era un possesso assoluto, totale, che al solo pronunciare dava un senso di sicurezza e di protezione; era unica ed inviolabile, con la mamma che rappresentava tutto l'amore immaginabile; col papà che al solo pensiero dava sicurezza e certezza; con i fratelli che erano se stessi ed a cui si potevano affidare i più importanti segreti. Poi c'erano i nonni, ancore di salvezza e di saggezza della famiglia, che trovavano la soluzione ad ogni problema.

14

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

15

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

16

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

L’Allattaturi (L‟imbianchino) L‟artigianato: attività faticata ma fiorente e tanto diffusa; mezzo e strumento che permetteva a qualche centinaio di famiglie di “mettiri la pignata” tutti i giorni senza eccessive difficoltà e senza “stari sutta patruni”, cosa assai diffusa nel nostro paese. Tra le tante attività artigianali, alcune già descritte altre da descrivere, c‟era “l‟allattaturi”. Non erano tanti coloro che esercitavano questo mestiere, quattro o cinque a mia memoria, ma era altrettanto vero che non tutti “allattavano” la casa sovente, anzi... c‟erano abitazioni composte da due stanzette in cui trovavano posto l‟asinello, la gabbia di legno per le galline, in un piccolo spazio la capretta, il fedele cagnolino che oltre a fare la guardia “a la robba” era un fedele compagno dell‟asino; in un angolo della casa l‟immancabile cucina a legna e naturalmente i letti per i componenti della sempre numerosa famiglia. Certo non tutte le famiglie erano composte nel modo descritto; non tutte potevano possedere tutti quegli animali; forse uno o due. D‟altra parte la stragrande maggioranza abitava in una o due stanzette, umili ma decenti, le cui pareti di colore... misto, non potevano essere pitturate ogni anno a causa della non eccessiva disponibilità finanziaria. Ma ogni tre o quattro anni, o per qualche occasione importante i proprietari ricorrevano al lavoro di “l‟allattaturi” per coprire l‟esistente e disinfettare la casa. L‟imbianchino non possedeva attrezzature sofisticate e di precisione, non utilizzava strumentazione specializzata e particolare; i suoi attrezzi di lavoro erano umili, funzionali e di facile reperimento: una robusta scala di legno a forbice, per consentirgli di potere salire in alto anche dove non poteva appoggiarla; uno o due pennelli grandi e qualcuno piccolo; diversi secchi di varie grandezze, ove mescolava e colorava lo stucco; un paio di robuste canne, per consentirgli di allungare il manico del pennello da utilizzare per tetti e muri alti; alcuni rulli di gomma, sulla cui superficie, a rilievo,

17

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it apparivano figure di fiori, foglie e piccoli disegni che, ruotando su un asse centrale, lasciava impressi sui muri dove scorrevano dei disegni piacevoli ed eleganti. Poche erano le richieste che l‟allattaturi faceva al committente: “lu stuccu”, materia prima che imbiancava i muri; “la terra colorata”, necessaria per dare il colore alla pittura. Il tutto in quantità doppia se doveva passare sui muri più di una volta, al fine di ottenere un colore più denso e più duraturo. Gli ingredienti che formavano la materia prima erano la calce stemperata, la terra colorata e l‟acqua. La calce veniva diluita con acqua, dentro un contenitore, girando il tutto con un bastone appiattito; infine vi si versava con tanta cura ed attenzione la terra colorata, cercando di ottenere il colore adatto a soddisfare la richiesta del proprietario. Era sempre disponibile alle richieste del committente: “lu tettu celestinu”, “lu culuri pagliarinu”, “li mura virdinu”, “cu li ciuriddi gialli o virdi”, e richieste di questo genere. Era bravo ed eseguiva il lavoro con scrupolo, non sciupava quasi mai il materiale e riusciva, col suo metodo, a sporcare il meno possibile il pavimento, cosa che la proprietaria della casa gradiva ed apprezzava molto. Durante il lavoro sembrava che, da dove passava il pennello, lasciasse delle strisce antiestetiche tali da destare sfiducia in chi guardava, ma non appena il lavoro veniva terminato e la tinta incominciava ad asciugare, le pareti erano di un colore e di una bellezza magnifica, senza nessun segno di pennello (“senza liccunati”) e tutto uniforme (“pari „na ricotta”). Generalmente il tetto veniva colorato d‟azzurro, per "spezzare" con il colore diverso delle pareti che potevano essere di un colore uniforme oppure trapuntate da tanti disegni floreali, di vario colore, tale da dare l‟impressione che, quei fiorellini, venissero posati ad uno ad uno sulla parete. Considerando i mezzi usati (umilissimi), a lavoro terminato era un‟opera d‟arte che lasciava quasi sempre soddisfatti i proprietari e ancor di più l‟artista. Non era raro che il committente, dopo lunga ed accesa discussione, manifestasse insoddisfazione per il lavoro eseguito.

18

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it In quei casi “l‟allattaturi” rifaceva parte del lavoro già fatto, a condizione che il proprietario comperasse le materie prime; non senza offese e malcontenti. “L‟allattaturi”: umile artigiano, sempre orgoglioso del suo lavoro e consapevole di portare pulizia, igiene e bellezza, con grande soddisfazione delle persone che incominciavano ad apprezzare l‟importanza dell‟igiene, della luminosità, delle comodità, dell‟accoglienza, per loro e per gli altri.

19

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

20

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

21

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

“Lu mulinu” (Il mulino) Molttissime famiglie facevano il pane nei tanti forni a paglia sparsi per il paese; tante altre preferivano farlo in casa, adoperando il fornetto domestico; a tal fine era necessario avere una discreta scorta di frumento per poi molirlo ed utilizzare la farina. Chi se lo poteva permettere, come contadini proprietari, lavoratori della terra ma anche artigiani e commercianti, preferiva tenere il frumento in casa, al sicuro, dato che era considerato una sicurezza avere la “mangia” conservata a loro disposizione dentro “li fossi”, spazio lasciato a tale scopo agli angoli della casa, tra il pavimento e la volta della stanza sottostante, a cui si accedeva tramite una botola; altri collocavano i cumuli di frumento nello spazio sotto il tetto, “li tetti morti”, posto aerato utile a tale scopo. Tante altre famiglie, non potendo avere il beneficio della “mangia” compravano il pane nelle botteghe spesso a “cridenza” e facendo “detta”, da pagare alla prima occasione di guadagno. Prima che una buona e fragrante forma di pane venisse posta sulla tavola a zittire la sempre presente fame, lunga era la strada che si doveva percorrere; il frumento si doveva setacciare (“cerniri”) con delle crivelle (“crivu d‟occhi”) per togliere le impurità ed i nodi della paglia rimasti dopo il lavoro nell‟aia, doveva essere trasportato dentro dei sacchi e a dorso di mulo al mulino da dove ,dopo avere atteso il turno, usciva come farina pronta per essere utilizzata per i bisogni della famiglia. A Cianciana i mulini funzionanti attorno agli anni “50” erano tre; ce n‟era un quarto denominato “lu mulinu di l‟acqua”, ma di esso funzionante ho vaghissimi ricordi; rammento solamente che di fronte all‟edificio che ospitava tale mulino c‟erano “li pili”, grande e rettangolare vasca sui cui muretti erano state costruite, sempre in muratura, una decina di appostamenti scanalati, ognuno largo una cinquantina di centimetri, adatti a far sì che le massaie potessero strofinarvi i loro panni e pulirli utilizzando l‟acqua che scorreva copiosa, limpida e fresca da una cannella posta

22

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it all‟estremità stretta della vasca; questa struttura era posta proprio di fronte al mulino chiamato “di l‟acqua” proprio perché la macina era spinta dalla velocità dell‟acqua che, intubata e fatta discendere a forte velocità dalla salita Regina Elena, faceva girare le pale di una grande ruota. Di questo mulino ho vaghi ricordi, oltre “li pili” mi viene alla mente la ripida discesa che affiancava detto lavatoio, in fondo alla quale scorreva a cielo aperto la fognatura del paese ai cui lati cresceva un fitto e rigoroso canneto utilizzato da tante persone per raccogliere le lunghe e robuste canne utilizzate nei bisogni della vita quotidiana. Lungo tale canneto e tutto intorno la terra era di colore celeste (“crita celesti”) che noi ragazzi andavamo a raccogliere, non curanti delle esalazioni e del pericolo che provenivano dalla fogna che scorreva a due passi, per giocarci a costruire pupazzetti o altri oggetti adatti ai giochi ingenui di ragazzi. Dunque i mulini in attività erano tre, simili tra loro; diversi cittadini andavano a molire il grano presso mulini di altri comuni situati a metà strada tra i due paesi, come tra Cattolica Eraclea e Cianciana, tra Alessandria della Rocca e Cianciana, tra San Biagio Platani e Cianciana, per varie ragioni; non ultima quella che si facevano pagare di meno, o che la farina veniva più bianca ed il pane migliore (?). Una grande porta consentiva l‟ingresso al mulino sistemato in una grande stanza sul cui muro frontale, proprio al centro per attirare l‟attenzione di chi entrava, sovrastava l‟immagine di un Santo con sotto una frase che ho portato per sempre nella mia mente “pax et labor” (questo era nel mulino che io frequentavo, di altri ho pochissima conoscenza); subito l‟attenzione veniva attratta dalla moltitudine di cinghie che scorrevano dall‟alto in basso mettendo in movimento cilindri e crivelle che maciullavano e crivellavano; il grano maciullato e reso dal pestaggio come polvere aveva in se sia la parte interna del chicco (la farina) sia la parte esterna (la crusca) che veniva divisa dalle crivelle di diverse grandezze per consentire alla farina di essere priva di impurità e presentarsi agli occhi del proprietario con il colore della sua naturalezza. Anche la crusca, scartata dalla farina in due diverse grandezze (quella più

23

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it grossa “caniglia” e quella più fine “simula”) veniva utilizzata per far da mangiare agli animali, sia al naturale oppure sotto forma di “pagnotte” (grezzi pani da dar da mangiare principalmente ai cani ed ai quadrupedi); non era raro vedere dei pani destinati alle persone ma fatti da un miscuglio di farina e “simula” che aveva come risultato un pane più scuro e più spugnoso buono da mangiare e che costava meno caro; il pane che oggi chiamiamo integrale. All‟interno della grande stanza quelle cinghie non si fermavano mai giravano... giravano in continuazione, facendo camminare la macina che sgretolava il grano e le crivelle che consentivano la cernita della farina dalla crusca; inoltre mettevano in continuo movimento delle cinghie dentate che trasportavano il prodotto lavorato, finito e pronto all‟uso, direttamente ai rispettivi bocchettoni di uscita da cui, con grande piacere di chi guardava, veniva fuori da una parte la farina e dalle altre la crusca e la “simula”. Al bocchettone di uscita della farina veniva legato, utilizzando una chiusura adatta a non farlo cadere, un sacco destinato a contenerla; erano grossi sacchi quasi sempre bianchi atti a contenere circa cinquanta chilogrammi di farina destinata ai privati, ai forni artigianali come pure a quelli industriali delle grandi città. Il rumore dei motori e delle cinghie in continuo movimento era molto fastidioso, specie appena si entrava nella stanza, ma dopo qualche minuto, presi da tutte quelle cinghie rotanti, dai sacchi appesi ai bocchettoni che si riempivano di farina e di crusca iniziando da sotto ad assumere una forma rotondeggiante, dalla bascula collocata vicino al tavolo del proprietario sempre pronto ad accontentare i ragazzi che volevano pesarsi, ci si faceva l‟abitudine fino al punto da non sentire quel fastidioso rumore. La gente poteva scegliere di depositare il frumento, sufficiente per il fabbisogno dell‟intero anno, presso il mulino, recandosi a prelevare ogni mese la quantità necessaria alla famiglia oppure tenerselo in casa e portare, all‟occorrenza, la quantità necessaria alla molitura. Il lavoro del molinaro veniva pagato in denaro oppure con l‟equivalente in frumento ossia lasciando in pagamento la crusca ed in più qualche piccola differenza in denaro.

24

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Il mulino (lu mulinu) ed il mugnaio (lu mulinaru): una accoppiata indispensabile al fabbisogno di pane della gente ed insostituibile per l‟utilità alla popolazione la quale non poteva fare a meno della giusta porzione di pane quotidiano, unico e vero alimento che da solo riusciva a sostenere e soddisfare le necessità del meraviglioso organismo umano.

25

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

26

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

27

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

A La fera (Al mercato agricolo all'aperto) Fin dal 1646, anno in cui il nobile signore Joppolo ebbe in dono dalla madre Sigismunda d'Onofrio la “Licentia populandi”, il nome del taumaturgo Antonino di Padova era destinato ad essere il Santo protettore della nascente comunità a cui era stato dato il nome di Casale di Sant'Antonio. Da ciò i nostri progenitori, che allora la popolavano, hanno pensato bene di porlo sotto la protezione del Santo Padovano il quale, si dice, durante il suo faticoso pellegrinare riposò le sue stanche ossa proprio nelle ospitali e laboriose terre ciancianesi . Il Santo protettore viene solennemente festeggiato il 13 Giugno di ogni anno con la devota partecipazione di tutta la popolazione. Nei giorni precedenti il comitato, incaricato dei festeggiamenti religiosi e civili, gira tutte le strade pel paese per raccogliere le offerte. Queste ultime variavano a seconda delle possibilità delle persone; c'era chi dava denaro, chi dava frumento, fave, orzo, olio (non tutti avevano a disposizione dei soldi per cui contribuivano con materie prime da vendere; il ricavato andava, poi, ad impinguare la raccolta). Tutto il ricavato serviva per pagare le spese dei festeggiamenti che duravano tre giorni. Tra le tante iniziative che si mettevano in piedi per l'occasione, si allestiva anche una fiera dell'agricoltura, che si teneva nello spiazzo del quartiere “Canaleddu” e vie circostanti, dato che gli avventori dei paesi vicini erano numerosi. La fiera durava due giorni. La mattinata del primo giorno era dedicata all'arrivo e alla sistemazione degli avventori (spesso arrivavano uno o due giorni prima), lo stesso pomeriggio iniziava la compravendita; durava per tutta la giornata della vigilia, dell'indomani e, quando gli affari andavano bene e la compravendita si protraeva, anche il terzo giorno. Tutta la contrada “Canaleddu” era coinvolta nell'avvenimento, contribuendo in varie maniere alla buona riuscita della manifestazione, venendo incontro

28

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it a qualche esigenza che si poteva presentare ai convenuti e mettendosi sempre a disposizione di chi potesse avere bisogno (la disponibilità e l'altruismo dei ciancianesi era proverbiale e nota a tutti). La cosa più importante, però, era la pazienza e lo spirito di sopportazione dimostrati nei confronti di tutto quanto derivava dalla presenza di animali che depositavano un po‟ ovunque escrementi ed emettevano fastidiosi rumori mattutini, di ogni genere, senza contare le grida delle persone che si chiamavano a voce alta e si scambiavano informazioni. Tutto il rione era in fermento, fin dall‟alba del primo giorno che vedeva l'arrivo delle persone dei paesi vicini. Chi spingeva gruppetti di maiali seguiti da una miriade di maialini, chi incitava un gruppo di mucche e qualche vitellino ad andare avanti, chi a cavallo a un mulo, tirandoli per la cavezza, ne conduceva altri destinati alla vendita, qualche centinaio di pecore e di capre preceduti da assordanti belati seguivano alcuni pastori; carri, carretti, muli e diversi mezzi di trasporto carichi di contenitori (“carteddi, zimmili, coffi, sacchi, panara, sacchini, visazzi”) pieni di ogni specie di mercanzia che veniva deposta a terra, in bella vista, per dare la possibilità al compratore di poter ammirare. Ogni angolo della zona era occupato; al centro dello spiazzo la mercanzia minuta: zappe, pale,scale a pioli, falci e falcetti, seghe, cordame, contenitori di varia grandezza, canne, lunghi bastoni, cavezze, selle rustiche per gli animali da soma (“sidduna”), rudimentali selle leggere, atte a portare poco peso e destinate ai giovani quadrupedi che non erano tanto avvezzi al trasporto; bellissime e costose selle da passeggio per cavalli (“seddi”) destinate a coloro che andavano a passeggio col proprio cavallo; tutto quello che era necessario per i lavori in agricoltura e per lo svolgimento della vita quotidiana di una famiglia era lì, esposto al pubblico, in vendita a prezzi modici ed accessibili, dato che l'economia non era tanto fiorente. Man mano si andava verso l'esterno del piazzale vi si trovavano animali di qualsiasi genere; quelli destinati al lavoro nei campi e quegli altri per il sostentamento. Muli, giovani e vecchi, adatti al trasporto di masserizie e carichi pesanti; asini di ambo i sessi, spesso con i loro piccoli asinelli che risvegliavano

29

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it sentimenti di tenerezza in chi li guardava spingendo i ragazzi ad allungare la mano per far loro qualche carezza, scappando subito alla reazione della sempre attenta madre asina; un po‟ più in là cavalli e giumente con i loro puledrini che prendevano il latte dalla mamma, animali nobilissimi nella loro bellezza e nella loro fierezza, che attiravano l'attenzione dei visitatori e dei tantissimi ragazzi che si aggiravano per la fiera; mucche di tutte le taglie, con le loro enormi mammelle piene di buon latte e con accanto l'immancabile carezzevole vitellino; più ad est della piazza, in mezzo ai campi e un po‟ lontano dalla massa, venivano collocate pecore e capre, maleodoranti, incessanti belatrici che si facevano sentire anche a lunga distanza, sempre custodite da tre o quattro grossi cani attenti a che nessuno si avvicinasse al gregge e che nessuna scappasse via; in uno spiazzo a parte, lontano dagli altri animali, si trovava qualche grosso toro e qualche cavallo da monta, sempre all'erta, con le narici intente ad odorare l'aria in cerca di odori stimolanti; nella loro vigorosa potenza e nella loro aitante bellezza rappresentavano uno spettacolo per ragazzi ed adulti. A parte, un po‟ distante dalla massa, si potevano vedere delle persone umilmente vestite che stavano accanto al loro animale offerto a qualche acquirente che ne facesse richiesta; erano persone che della fiera facevano occasione per i loro bisogni familiari, mettendo in vendita il loro, spesso, unico animale per pagare qualche debito contratto in spiacevoli occasioni; viceversa, altri, cercavano di fare qualche affare per comperarsi qualche altro animale, più giovane e più forte. Tante erano le ragioni che spingevano la povera gente a vendere il loro unico quadrupede cercando di collocarlo bene in maniera che potesse venire incontro ai loro progetti. Oltre ad animali e suppellettili, in diversi angoli, stavano collocati i venditori di zucchero filato, di noccioline e semi di zucca (“nuciddi e simenza”), di dolci di mandorle (“la cubbajta”), caramelle, bomboloni (allestiti ed impastati sul luogo e sotto gli occhi della gente); palloncini e giocattoli di tutti i tipi, umili ma anche costosi. Quella Piazza era una festa… una bellezza in tutto quel vocio di genti, puzza di animali, belati di pecore, nitriti di cavalli, grugniti di maiali, i coccodè

30

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it delle galline, i cicchirichì dei galli, l'immancabile abbaiare dei sempre presenti e numerosi cani randagi o che accompagnavano gli animali presenti in fiera. Numerosi i capannelli di persone che contrattavano, compravano o solamente curiosavano; anche questo faceva parte del commercio e dell'ambiente. Assistere alla contrattazione di un animale era uno spettacolo; spesso si utilizzava una persona competente (“lu mizzanu”) che dava una stima all'animale e, di conseguenza, decideva il prezzo; altre volte la compravendita e il valore veniva stabilito tra privati. Occasione, la fiera, ché le signore, con l'immancabile figliola accanto, sempre in compagnia dei mariti o dei genitori, uscissero di casa per girare e divertirsi qualche oretta. Si fermavano presso i rivenditori di suppellettili per la casa per comprare qualche ciotola (“cicara”), qualche mestolo (“cuppinu”), qualche oggetto utile per la casa. Ogni tanto dalla povera economia della famiglia la mamma riusciva a destinare qualche soldino per comprare il regalino ai più piccoli che ostentavano la loro felicità suonando la trombetta o il tamburino, se maschietti, oppure stringendosi al petto la bambolina se femminucce. “La fera di Sant'Antuninu”, occasione unica durante tutto l'anno ove si poteva realizzare il sogno di una vita: possedere una mula, un asino, oppure venderli per realizzare qualche segreto desiderio; comprare “li zimmila”, “la faci”, “lu sirraculu”, “lu sidduni”, “la scala”, “li vastuna”: utili strumenti in agricoltura; oppure “lu picu”, “lu stirraturi”, “la cazzola”, “lu liveddu”, “la pala” e quant'altro poteva essere utile nella muratura; ma anche occasione per le famiglie bisognose di suppellettili per il buon andamento della vita quotidiana. La fiera: luogo dove le tradizioni, le conoscenze e le esperienze di tanta gente, che veniva da altri paesi a vendere o comprare, si miscelavano alle nostre, arricchendole e amalgamandole di nuove idee e di nuove conoscenze. La fiera: occasione d‟incontri tra sguardi innocenti di giovani che si affacciavano alle bellezze della vita con ingenuità e naturalezza,

31

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it presupposto per la nascita di una nuova famiglia, solido e nuovo mattone della grande costruzione della società. In qualsiasi occasione di contatto per commerciare era usuale chiedere: “D‟unn‟è Vossia? d'unn‟è chi veni?" “Ah…Ji canusciu a lu Zzì…… nti ssù paisi!” Piccole frasi che riuscivano quasi sempre a sciogliere il ghiaccio ed instaurare una relazione di fiducia e rispetto reciproco per poi passare alla vera e propria contrattazione. L‟affare, spesso di una certa e importante entità, dato che si trattava sempre di passaggio di beni di valore, dopo ore di estenuanti trattative, con o senza la presenza e l'intervento dell‟intermediario, veniva concluso con una stretta di mano alla presenza di due o tre testimoni; non c'era bisogno di avvocati o notai, bastava la parola tra uomini ed una stretta di mano; allora si diceva che “lu Vo‟ si piglia pi li corna…l'omu pi la palora!”; la parola data era, dunque, un atto, non scritto ma cementato da qualcosa che nella società valeva più dell'oro, che solamente il disonore poteva cancellare. Nessuno dei due si sarebbe pentito in appresso; viceversa, a proprie spese e senza mai disturbare l'altra parte, il pentito veniva additato dalla cittadinanza come persona indegna di fiducia e disonesta, “pirdennu”, inesorabilmente, “la facci”. Tempi che furono, certo… altri tempi, penserà qualcuno… ma erano tempi in cui la personalità, il rispetto, la stima, la referenzialità, la fedeltà, la dignità, l'onorabilità, la parola contavano ed erano sentimenti che nessuno si sarebbe sognato di infrangere se si voleva stare in mezzo alla gente ed essere considerati.

32

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

33

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

34

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Lu Varberi (Il Barbiere) L'artigianato, in paese, era molto praticato; tutti i mestieri utili in una società erano presenti, come abbiamo avuto modo di trattare a parte. Altra figura di lavoratore in proprio, utile alla collettività e che era molto ricercata, al fine di dare un aspetto più elegante e civile all'immagine della persona, era “lu varberi, nta lu so saluni”, il barbiere nel suo negozio. Persona umile e sempre disponibile, esercitava il proprio lavoro in una stanza, quasi sempre a piano terra e preferibilmente nella via principale o in qualche posto preminente, sempre in centro. Fornito dello stretto necessario per il funzionamento della bottega, possedeva poche indispensabili suppellettili e strumentazione. Appeso alla parete centrale più lunga, faceva sempre bella mostra uno specchio con una grande cornice luccicante; ai fianchi qualche piccola mensola di legno con sopra delle bottigliette di acqua di colonia e di brillantina; alla base dello specchio (più o meno grande a secondo delle finanze del titolare) una lunga mensola di marmo bianco su cui venivano posati pettini, rasoi a mano libera, un paio di forbici, uno o due pennelli per la barba, un piumino, la tosatrice (“machinetta pi li capiddi”), una spazzola, una o due tazze per la saponata, una pietra per affilare i rasoi e una striscia di cuoio, appeso alla mensola, per lo stesso scopo, uno spruzzatore, la pietra lume e la matita staglia-sangue; una piccola pila di quadratini di carta di varia provenienza, su cui pulire il rasoio, era conficcata in un chiodo affisso al muro; davanti lo specchio incorniciato era collocata una grande sedia da barbiere che, spinta da alcune leve, si alzava e si abbassava, si inclinava avanti e indietro, secondo il bisogno, orgoglio e vanto di “lu mastru”, come veniva chiamato dalla gente. Di queste postazioni, ove il cliente si sedeva comodamente riuscendo a fare una breve pennichella, potevano essercene anche due, secondo il numero di clienti, le finanze del barbiere e la capacità dell'aiutante che imparava il mestiere e già era idoneo a lavorare.

35

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Tra le dita di questo artigiano le forbici ed il rasoio cantavano sinfonie; venivano adoperati con rispetto (per non farli rompere e non danneggiare il cliente) e con destrezza (dovevano lasciare tutti contenti). Gli utenti non erano tanto numerosi, anche se il Paese era pieno come un uovo (seimila abitanti ed oltre), perché i più si facevano la barba a casa ed andavano dal barbiere, solamente per i capelli, al massimo quattro volte all'anno, in occasione delle feste importanti. Esercitavano il mestiere di barbiere circa una mezza dozzina di artigiani e anche se non nuotavano nel benessere riuscivano a racimolare il pane per la famiglia. All‟epoca non esistevano parrucchieri per donna, se ne sentiva parlare da qualcuno che era stato nelle grandi città, ma le nostre donne non andavano mai dal barbiere a tagliarsi i capelli, se ne avevano stretta necessità o per qualche importante motivo, si faceva venire a casa il barbiere e, alla presenza di tutta la famiglia, col marito e la mamma in prima fila, si procedeva all'operazione di taglio dei capelli; normalmente le donne si aiutavano tra di loro a darsi una tagliatina ai capelli e devo dire che ci riuscivano davvero bene. I bambini, specie i maschietti e a volte anche le femminucce, venivano portati dal papà “nta lu varberi” il quale, per l'occasione, tirava da dietro una tenda, che nascondeva un angolo adibito a ripostiglio, una sedia senza gambe per bambini, adatta ad essere collocata sopra la grande sedia in maniera che il piccolo, stando seduto, arrivasse all'altezza giusta e desse modo “a lu mastru” di lavorare comodo. Il papà stava sempre accanto al piccolo, lo teneva e lo rincuorava perché ogni volta che doveva tagliarsi i capelli era un trauma: già da un paio di giorni prima se ne parlava a casa e quando arrivava l'ora era sempre pianto e grida perché, specie i maschietti, venivano quasi tutti rasati a zero, (per tenere la testa pulita dai pidocchi, ospiti abituali specie d'estate), e siccome la macchinetta per i capelli ogni tanto strappava qualche pelo senza tagliarlo, provocava dolori non indifferenti alla sensibilità dei bambini. Il tipo di taglio, poi, era indicatore di parassiti e, a scuola, i bambini venivano presi in giro per diversi giorni, con grande vergogna.

36

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Per le femminucce il discorso cambiava radicalmente in quanto il lavoro si limitava solamente ad una accorciatina ai capelli lunghi ed alla “frangetta” sulla fronte, sempre con disappunto delle bambine che volevano i loro lunghi capelli lunghi e lisci (come la mamma) o con lunghe e fluenti treccine dietro le spalle. Nella stanza non mancavano le sedie; “nta lu saluni”, così era chiamato il locale del barbiere, oltre alle sedie erano presenti anche dei lunghi banchi di legno, per dare la possibilità agli avventori di sedersi più numerosi dato che non restava spazio libero tra l'uno e l'altro, specie sotto le feste, quando tutti i contadini salivano in paese con la barba lunga di una settimana e dovevano fare bella figura per l'occasione festiva. In quelle occasioni i saloni erano pieni di persone che aspettavano il turno; diversi si mettevano davanti la porta a passeggiare e a chiacchierare, altri stavano seduti sui banchi. “A lu dutturi”, “all'abbucatu”, a qualche grosso proprietario,(normalmente queste persone facevano venire “lu varberi” a domicilio), veniva offerta qualche sedia, tenuta di proposito da canto. Appeso ad una parete si poteva ammirare un bel quadro raffigurante una persona che davanti allo specchio di casa sua stava facendosi la barba e si tagliava col rasoio, il sangue colava con disappunto del malcapitato, sotto c‟era scritto “ognuno faccia il proprio mestiere”; tutti i barbieri ne avevano uno ed era sempre collocato in maniera tale da attirare l‟attenzione di chiunque entrasse nel locale; certo non tutti sapevano leggere anzi… ma l'immagine parlava da sola. Come negli altri mestieri, anche qui non mancavano uno, due e a volte tre “giuvani”, apprendisti che desideravano continuare il mestiere; il più anziano di loro faceva il galletto mentre all'ultimo arrivato spettavano tutti i lavori di pulizia del locale e, ogni tanto, quando gli altri erano impegnati, era permesso fare qualche saponata che eseguiva con orgoglio. Il pagamento del barbiere avveniva in duplice maniera: con i soldi a breve mano sempre a lavoro ultimato, oppure a pagamento in natura. Il pagamento in natura era praticato per lo più dai contadini, lavoratori della terra, i quali non avevano tanta disponibilità economica, visto che la loro

37

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it fonte di guadagno era il prodotto della terra. Nelle stagioni di raccolta, una volta venduto il prodotto ricavato, passavano a pagare i debiti che un poco ovunque la famiglia era costretta a contrarre. Nel caso del barbiere era proprio il titolare, aiutato dall'apprendista, che trascinandosi dietro un asinello o un mulo andava, casa per casa, dai suoi clienti a riscuotere il pagamento dell'anno passato, consistente in frumento o fave, principale nutrimento della famiglia del barbiere. Nella barberia non mancava qualche rivista, vecchia di qualche mese, mentre il quotidiano, anche se a volte arrivava con un giorno di ritardo, era sempre a disposizione di tutti, clienti e non clienti. “Li saluna” erano posti frequentati, come i bar e il circolo culturale, da certi intellettuali che quasi ogni giorno si sedevano davanti all‟uscio e davano “‟na taliata a lu giurnali” affiancati sempre da qualche altro che, in attesa del turno, sbirciava tra gli articoli. Il Lunedì era giorno di chiusura e di riposo per il barbiere, dato che lavorava anche di Domenica; il Martedì era luogo di convegno per gli appassionati del gioco del pallone, ognuno difendendo la propria squadra e commentando l'accaduto sui campi da gioco di tutta Italia. Le grida si sentivano da lontano; intanto il barbiere sfumava i capelli o faceva la barba a qualche cliente, con atteggiamento fiero, sottolineando con accenni della testa a questo o all'altro commento, cercando di non contraddire nessuno. Per mantenere fedele la clientela, ogni anno, nel periodo natalizio, con l‟approssimarsi dell‟anno nuovo, “li varbera” erano soliti regalare ai clienti più intimi dei piccoli calendari, composti da sei fogli raffiguranti, su ogni facciata, oltre che i giorni del mese anche una donnina seminuda (mai nuda); regalo ambito di tanti ragazzi. Era profumatissimo, oggetto di particolari attenzioni dei giovanotti che, ad ogni occasione, erano soliti spulciarselo e guardarselo con tanta attenzione e curiosità. “Lu calannariu di lu varberi” si portava dentro il portafogli il quale si impregnava di quel inebriante profumo, spesso motivo di sospetto da parte di qualche moglie.

38

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it All'esterno, sull‟ingresso, una tabella indicava che in quel luogo c‟era un “salone”; non esisteva nel linguaggio ciancianese termini come “barberia” o “barba e capelli”, tanto meno “coiffer”; per tutti, grandi e piccoli, chi doveva radersi o tagliare capelli andava “a lu saluni…, nta lu varberi”.

39

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

40

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Lu Stinnardu (Lo stendardo) Una delle tante attrazioni, che richiamavano moltissima gente in occasione della festa del santo Patrono, consisteva nella presentazione dell‟abilità nel tenere “lu stinnardu” dritto, in perpendicolare ed in equilibrio, poggiato in qualsiasi parte del corpo ed in qualsiasi posizione assumesse l‟artista, senza farlo cadere. “Lu stinnardu” era una lunga e robusta pertica colorata la cui circonferenza, alla base, era agevolmente contenuta in una mano e andava diminuendo progressivamente fino alla cima cui era legato un labaro con l‟immagine del santo Patrono. Ne venivano usati di diverse misure, dai tre ai cinque metri, a seconda della bravura di chi lo adoperava. Ogni anno “lu stinnardu” partecipava alle varie esibizioni di bravura, per divertire la popolazione; portato da un artista sempre accompagnato da uno o due giovani, forse suoi parenti, che preparavano gli attrezzi a seguito dei vari comandi che l‟esibizionista dava loro. Le rappresentazioni venivano tenute sempre negli stessi posti: in Piazza Matrice, la prima esibizione, sempre allo stesso orario e cioè appena terminata la santa Messa di mezzogiorno, alla presenza del numerosissimo pubblico che aveva assistito alla funzione religiosa; la seconda esibizione si teneva sotto la torre dell‟orologio, tra le centinaia di persone che passeggiavano e chiacchieravano in occasione della festività. L‟esibizionista arrivava, portando sopra la spalla la pertica più lunga, seguito dal giovanotto, o dai giovanotti, che trasportavano le altre pertiche. Dopo avere collocato le aste per terra e chiesto al pubblico di fare spazio sufficiente alla rappresentazione, l‟artista invitava la gente ad assistere allo spettacolo. Mentre le persone incominciavano a fare cerchio, adunandosi attorno all‟equilibrista, questi puliva, con gesti lenti e studiati, il lungo bastone con uno straccio, per dare il tempo alla gente, che in parte usciva dalla chiesa e

41

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it in parte stava a passeggiare e chiacchierare in piazza, di radunarsi attorno a lui; quando la folla, a parere dell‟artista, era sufficiente, incominciava l‟esibizione. Iniziava con la pertica più corta: la metteva in verticale poggiata per terra e tenendola ben stretta con le mani dava un energico strattone alzandola dal suolo e poggiandola sul palmo della mano. Iniziava lo spettacolo! Dopo avere eseguito diverse posizioni, sempre sulle palme o sui dorsi delle mani, con gesti usuali e precisi, portava lo stendardo sulla fronte, tenendolo in equilibrio con repentini e sinuosi movimenti del collo e delle gambe; sembrava che stesse per cadere costringendo gli astanti a spostarsi repentinamente ma non cadeva, con movimenti avvezzi l‟artista riportava l‟asta in verticale permettendo anche al labaro, posto nell‟estremità della pertica, di mettere bene in evidenza l‟immagine del santo protettore e sventolare libero e gioioso, accarezzato dal tiepido vento. Ogni tanto si levavano scroscianti applausi a sottolineare l‟apprezzamento dell‟esibizione. L‟artista ringraziava con un cenno della testa; tenendo sempre in equilibrio “lu stinnardu” lo passava dalla fronte al mento e da questo sulla punta del piede facendolo saltellare ora sul destro poi sul sinistro; con destrezza e bravura, con una energica spinta, lo riportava sulla palma della mano e da questa ancora sulla fronte, mentre girava avanti e indietro il busto e poi tutto il corpo. Era un giocoliere che, agli occhi ingenui e non avvezzi di alcuni spettatori, in quello spettacolo, doveva sembrare un super uomo. Ad ogni applauso l‟esibizione si faceva sempre più ardita; passando dal corto al medio e infine a quello lunghissimo; il mattatore riusciva ad attirare su di sé tutta l‟attenzione degli spettatori i quali sì stavano attenti allo spettacolo ma principalmente erano guardinghi a probabili cadute dello stendardo. Tantissimi i ragazzi ed i giovanotti che assistevano in prima fila; a loro era diretto l‟invito dell‟artista che li esortava a provare “cu lu stinnardu nicu”. Non era facile convincere qualcuno ad imitarlo ma, il continuato e suadente

42

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it invito dell‟artista, ogni tanto, persuadeva qualche baldanzoso giovanotto che, sfilatasi la giacca, si avvicinava con fare sicuro verso il centro. Quel tentativo veniva subito sostenuto e incoraggiato dalle grida di approvazione e dagli applausi scroscianti dei convenuti che, riconosciuto il ragazzo, passavano parola ad altri, che se ne stavano un po‟ in disparte, convincendo questi ultimi ad avvicinarsi e sostenere il paesano. Non tutti riuscivano nel tentativo; spesso lo stendardo appena lasciato solo si inclinava paurosamente, tra le grida degli spettatori che si sbrigavano ad allontanarsi; l‟attenzione e l‟immediato intervento del giocoliere, sempre vicino al ragazzo, impediva che il lungo bastone toccasse terra sostenendolo con perizia. Qualche ragazzo sorretto dalla folla, tra cui quasi sempre si trovavano i parenti, afferrava la piccola pertica dalle mani del proprietario e alzatala se la poneva sulla pianta della mano cercando di tenerla in equilibrio il più a lungo e senza arrecare pericolo agli altri. Si verificava spesso che qualche ragazzo, dotato di un più sviluppato senso dell‟equilibrio, riuscisse nel tentativo, anche ponendosi lo stendardo sulla fronte e tenendolo per breve periodo; pure con quello di lunghezza media veniva ripetuta la prova con buon risultato. Alla fine era un diluvio di applausi, di congratulazioni , di pacche sulle spalle; il ragazzo era raggiante e pieno di orgoglio e con lui, un poco, anche tutti i sostenitori. Per qualche giorno nel paese si parlava dell‟impresa, gonfiandola a tal punto che qualcuno giurava che il ragazzo aveva fatto meglio dell‟artista. Arrivata l‟ora del pranzo la gente incominciava a svuotare la piazza; “lu stinnardista” raccoglieva i suoi attrezzi e, aiutato dagli assistenti, si recava alla trattoria a riempirsi lo stomaco concedendosi meritato riposo. Lo spettacolo era ripetuto nel pomeriggio, negli stessi posti e con gli stessi gesti. Non c‟era tutta la gente della prima volta, ma i curiosi non mancavano mai ad assistere all‟esibizione di “lu stinnardu”.

43

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

44

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

45

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Lu Scaru (il mercatino generale) Frutta e verdura sono state da sempre cibo insostituibile per fornire importanti sostanze al corpo umano. Oggi tali prodotti sono di facilissimo reperimento; ad ogni angolo si trovano negozi e per le strade i venditori ambulanti ce li portano fino a casa. Fino agli anni cinquanta portare a casa della frutta non era cosa facile; la verdura poi era reperibile solamente in campagna, al naturale. Le tante bottegucce che operavano in paese vendevano qualche cesta (“cartedda” o “panaru”) di frutta giusto nelle stagioni di produzione e quella che si produceva dalle nostre parti (in tutto qualche quintale di mele, pere, arance, melograni, pesche); mazzetti di verdura (gidi, burranii, cicoria, cavoli) per lo più selvatica, raccolta da persone bisognose nelle campagne e confezionata a casa, facevano bella mostra davanti alla porta del negozietto o appesa al muro sopra la porta, assieme ad altre mercanzie, quale segno di vendita. Il rifornimento, per modo di dire dato che si trattava di qualche decina di chili di prodotto, più consistente di frutta e verdura, le decine di botteghe che operavano in paese, lo facevano al mercato generale (“a lu scaru”). Era situato nella piazza Matrice; una unica stanza nella quale il proprietario teneva una bascula per pesare la frutta, un tavolino con due sedie ove si sedeva assieme all'acquirente per fare il conto della merce comprata ed eventualmente pagarla. Nel rimanente spazio della stanza erano collocali contenitori (“carteddi, panara, zimmila, coffi, sacchi”) contenenti la frutta da vendere; in un angolo, su alcuni banchetti traballanti, era collocata qualche decina di mazzi di verdure quali cavoli, broccoli, bieta, sedani e qualche lattuga. Col senno di poi quella mercanzia non era tanta, ma per allora, periodo in cui quelle piccole quantità arrivavano in paese con i carretti prima e con qualche autocarro poi, era un ben di Dio, considerato che per avere una mela o una pera la maggior parte dei ragazzi doveva aspettare che maturassero

46

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it nelle campagne per andare a “rubarle”. “Lu scaru” forniva frutta e verdura a quasi tutte le botteghe del paese. La mattina presto arrivavano i carretti pieni di mercanzia e subito venivano scaricati da persone che facevano questo mestiere per arrotondare quel po‟ che guadagnavano altrove; nel contempo, dietro ordine dello “scarista”, il banditore (“lu vanniaturi”) girava tutto il paese bandizzando l'arrivo di “puma, pira, aranci, vrocculi, virdura...” a cui potevano accedere non solo le botteghe ma anche i privati. Non era raro vedere lo scaricatore che, spingendo una carriola con sopra una “cartedda” o un “ panaru” di mele (piccole ma gustose) lo portava a casa di qualche cittadino privato che se lo poteva permettere, la maggior parte andava a comperare qualche mezzo chilo di frutta alla bottega, a doppio costo e spesso a credito. Per un paio di mattine alla settimana il mercato era pieno di bottegai, trasportatori, gente diversa che per interesse, curiosità, o in cerca di lavoro, gironzolava nei paraggi in attesa che arrivasse la merce; nelle vicinanze, legati per la cavezza ad uno degli appositi anelli conficcati al muro, un quadrupede era a disposizione per trasportare i pesanti contenitori di una certa grandezza. Non tutti quelli che si trovavano lì ad aspettare erano li per comprare; diversi erano curiosi, sfaccendati e ragazzi che aspettavano l'occasione buona per far sparire, in men che non si dica, qualche mela, pera o quello che veniva a trovarsi alla portata delle loro veloci mani e lontano dallo sguardo del proprietario. “Lu camiu sta arrivannu... a la curba di li Savarini jè !”: la solita vedetta che, dopo aver scrutato per diverso tempo parte della strada che proveniva da Palermo, spuntava dall'angolo della chiesa Madre gridando. Il fermento, quindi, si faceva più forte; la gente che passeggiava un po‟ distante si avvicinava alla porta del mercato riuscendo in poco tempo ad occupare tutto lo spazio antistante e creando una tale confusione da disturbare lo “scarista”, interessato ad avere tutto sotto il suo personale controllo. Spesso il locale non era stato del tutto svuotato della merce precedente,data

47

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it la scarsa richiesta, per cui il gestore, al fine di fare posto ai nuovi arrivi, procedeva a venderla a basso prezzo; molti degli astanti erano interessati a questo commercio. Appena l'autocarro, con il suo lungo e fragoroso musone, spuntava dall'angolo della chiesa Madre, la gente si spostava creando un solco che gli permetteva di entrare con la parte posteriore fino all'entrata dallo “scaro”. Calata la sponda del cassone, con impressionanti balzi felini, due operai scaricatori si collocavano sul cassone e con fare lesto e competente procedevano allo scarico delle merci. Altri due uomini, disposti a terra, prelevavano i contenitori con frutta e verdura e i grossi sacchi contenenti le patate e li portavano dentro il locale, ognuno al proprio angolo, come ormai da decenni era consuetudine fare. Dopo le operazioni di consegna e pagamento, e andato via il camion, la gente, che fino ad allora era stata in un relativo silenzio, incominciava ad entrare creando un tipico mormorio; chi guardava la frutta, chi la verdura, chi le patate; il proprietario, con occhi vigili, anche aiutato da una persona di fiducia a cui alla fine dei lavori regalava sempre della roba, guardava tutti, controllando e tutelando i propri interessi. “A quantu su‟ sti puma oj?... e st'aranci?”, “...e sti carduna d'aieri a quantu mi li duna?”. A tutte le domande “lu scarista” rispondeva con precisione e cortesia; non si adirava quasi mai; dal suo posto riusciva a controllare tutto, sentire tutte le richieste e dare le risposte. Sul prezzo non si discuteva, era quello e basta; ma alla fine, dopo la pesatura e fatto il conto totale, regalava sempre qualche chiletto di frutta, tra quella che era rimasta invenduta dalla precedente partita. Molti bottegai si facevano trasportare dagli uomini addetti al trasporto a spalla la merce comprata, presso le loro botteghe; altri adoperavano la carriola; altri ancora caricavano il tutto su un mulo, o un asinello, messi li, in attesa che qualcuno ne facesse richiesta, in compagnia dei loro padroni. Tutto questo durava per quasi tutta la mattinata; era un lento ma continuo via vai di gente ora interessata alla frutta ora alla verdura; nella stragrande maggioranza piccoli bottegai ma anche privati cittadini, per modiche

48

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it quantità di merce. Non tutti quelli che entravano e chiedevano andavano via con la merce, diverse persone non soddisfatte del prezzo, andavano via a mani vuote. Nella tarda mattinata lo “scarista” già aveva fatto i propri conti, valutando la merce rimasta della partita giornaliera e di quella precedente; se la merce invenduta era molta e rischiava di andare a male, utilizzando il banditore, avvisava i cittadini che : “... a lu scaru... la frutta e la virdura a mità prezzu… pì oj sulu.. .arridducitivi... a lu scaaaaruu”. Quasi sempre, dopo tali avvisi, la frutta e la verdura invendute venivano smerciate, specie a quelle piccole bottegucce che utilizzavano il commercio come secondo guadagno, ma anche a privati che con pochi soldi potevano avere in casa “lu cumpanaggiu” con cui poter accompagnare un pezzo di pane; ottima ma occasione anche per dare in mano ai bambini una mela, una pera, per mangiarla ed assaporarla personalmente e non per sentito dire. Spesso rimaneva dell'invenduto; allora tutto il rimanente, prima che andasse a male, veniva regalato alle persone di fiducia, ai trasportatori, a qualche assiduo visitatore abituato a portare a casa qualcosa, ma non senza guadagno dello “scarista” che spesso li utilizzava per qualche commissione. Nelle nostre campagne si coltivavano alberi da frutta, anche se la maggior parte e la più buona era sempre destinata alle tavole dei signori, dei possidenti, degli intellettuali professionisti; ai poveri coltivatori quel che restava; alla povera gente quasi sempre nulla. C'erano gruppetti di ragazzi che, non potendo avere dalla propria famiglia della buona frutta, all'insaputa dei genitori e spesso marinando la scuola, andavano nei campi a rubarne una certa quantità, rischiando quasi sempre di prendersi una dose di sonore bastonate; erano piccole bande di ragazzi che conoscevano le disposizioni degli alberi, il tempo preciso della loro maturazione, e, quasi sempre, gli orari e le abitudini dei proprietari. Al mercatino generale, (“a lu scaru”), non erano presenti tutte le primizie e la frutta particolare, come ad esempio quella esotica, era quasi sconosciuta; frutta che oggi siamo abituati a vedere sui banchi dei fruttivendoli; la frutta presente allora era merce più povera, più piccola ma molto più gustosa, profumata e genuina; inoltre permetteva a centinaia di famiglie di gustare

49

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it quel po‟ di frutta che, altrimenti, non avrebbero potuto avere.

50

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

51

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Li Bagni (I bagni) Fare un bel bagno e farsi avvolgere il corpo dalle sfuggenti carezze delle acque, con una bella nuotata, è cosa piacevole ed accessibile per tutti. Tale piacere, però, non è stato sempre a disposizione di tutti com‟è oggi, anzi era quasi un sogno potersi abbandonare tra le spumeggianti freschezze delle onde marine, lasciarsi cullare, lasciare che il corpo fluttuasse galleggiando sul pelo di una azzurra e immensa distesa di acque salmastre. Le mamme pulivano i corpi dei loro figli quasi ogni domenica, se questi erano particolarmente ubbidienti e l‟acqua era a loro disposizione, altrimenti l‟operazione della pulizia veniva eseguita nelle occasioni di feste solenni o quando certe parti del corpo incominciavano ad emanare qualche spiacevole odorino. Non era molto raro vedere per le strade ragazzini con il moccio sotto il naso, continuamente in fase di discesa, spesso bloccato da un colpo di braccio o di dorso della mano, ormai avvezzi a tale operazione. Non è esagerazione, per nulla; era una triste realtà che sia la mancanza di abbondante acqua a disposizione della famiglia, sia la mancanza di tempo da dedicare a qualche irrequieto piccolo componente della sempre numerosa famiglia, non permettevano di dedicare molto tempo alla pulizia. Spesso i ragazzi appena sfilatisi dal letto, lasciandovi sovente a dormire altri due fratelli, scappavano per le strade a giocare con altri ragazzi,che aspettavano impazienti, senza neppure lavarsi ne mani ne faccia, con gli occhi cisposi della notte e le unghie bordate da una strisciolina di colore nero fumo. Al bagno… ci si pensava dopo… nelle occasioni importanti. Questa realtà non riguardava tutti ma per molti rappresentava la vita quotidiana. Immaginiamoci, poi, se si sapeva nuotare o stare a galla! Pochi erano quelli che avevano la possibilità di avere a loro disposizione estensioni d‟acqua tali da consentire il galleggiamento o il nuoto; non si conoscevano piscine adatte a tale funzione né, tanto meno, laghi o corsi d‟acqua: il più vicino era il fiume Platani, ma distava ben dieci chilometri dal paese e per

52

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it allora era un‟impresa molto faticosa potersi recare al fiume senza l‟ausilio di un carro o di un quadrupede; altra alternativa era farsi due ore di strada a piedi, dato che non c‟erano automobili per il trasporto. Tutta questa carenza e l‟eccessiva distanza dal mare facevano sì che una grandissima percentuale di persone ed in particolare di ragazzi non sapesse nuotare e crescesse con un‟avversione naturale verso ciò che non conosceva, in questo caso antipatia verso l‟acqua. Delle ragazze non ne parliamo, non si vedevano quasi mai in giro, “sempri intra, attaccati a la pudia di la matri”, figuriamoci se sapessero nuotare! Molti altri, invece, avevano una naturale attrazione per l‟acqua, erano particolarmente dotati per il nuoto ed erano molto bravi nello stare a galla per molto tempo. Non potendo soddisfare il loro naturale gradimento perché le grandi distese erano molto lontano per i loro miseri mezzi, aguzzavano l‟ingegno e cercavano di trovare piacere nelle piccole opportunità che si potevano avere in paese o nelle sue immediate vicinanze: “li gebbii”e “li brivaturi”. “Li gebbii” erano dei contenitori infossati nella terra, costruiti in solida muratura, atti a contenere una discreta quantità di acqua da potersi utilizzare, all‟occorrenza, nella stagione particolarmente secca, in agricoltura per innaffiare la verdura commestibile e gli alberi di agrumi. Normalmente venivano riempite con acqua piovana, incanalandola dalle grondaie, ma certi proprietari, più accorti di altri, nel periodo estivo, ne facevano altro utilizzo. “Li brivaturi” erano dei contenitori in muratura costruiti sulla superficie, alti circa un metro, alimentati sempre da una piccola ma ricca sorgente d‟acqua, destinata all‟abbeveraggio degli animali utilizzati nei lavori dei campi o delle greggi; in quel tempo molto numerose. Quindi “unni amuri voli trova locu”, i ragazzi che avevano quella naturale attrazione per l‟acqua e a cui piaceva farsi da questa accarezzare, non potendo trovare niente di meglio, si recavano in qualche posto dove la “gebbia” era utilizzata come piscina per bagnarsi e divertirsi. Il proprietario non glielo faceva fare certo per spirito samaritano ma, seduto nelle vicinanze del grande contenitore, all‟ombra di un frondoso albero, riscuoteva dai

53

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it ragazzi un compenso in denaro fissando ad ognuno un preciso lasso di tempo nel quale potevano divertirsi e fare i bagni; passato il tempo stabilito finiva il divertimento. Qualcuno rinnovava il pagamento e di conseguenza continuava a sciacquarsi e rinfrescarsi dai cocenti raggi solari, altri, indossata la biancheria, mogi mogi, andavano via, dopo avere salutato il proprietario destandolo spesso dalla abituale quotidiana pennichella. Chi si avvicinava a quella vasca per la prima volta provava un senso di vergogna che lo portava a dirigere, con naturale timidezza, gli occhi verso il suolo dato che i ragazzi, anche di una certa età e piuttosto maturi, facevano i bagni entrando ed uscendo dall‟acqua completamente nudi; c‟era sempre qualche ragazzo, particolarmente vergognoso, che appartatosi dietro uno dei tanti alberi, indossava un primitivo costume, quasi sempre delle mutandine bianche, ma veniva subito preso di mira e criticato, con frasi a doppio senso, tra le risa delle diverse persone che aspettavano il turno per potersi poi bagnare. Questo divertimento continuava per tutta la giornata fino al calar del sole; poi il proprietario mandava tutti a casa, perché doveva pulire l‟acqua (diceva lui). In realtà l‟acqua non veniva pulita, ma cambiata ogni due o tre giorni utilizzando una buona e copiosa sorgente. Altri, che non avevano neanche la possibilità di avere le dieci lire a loro disposizione, facevano il bagno negli abbeveratoi, “nta li brivaturi”; ce n‟erano tanti nelle vicinanze del paese ma quella più frequentata era quella che si trovava, e ancora si trova, in contrada sant‟Antonino, scendendo la strada che in ripida discesa incomincia dalla canonica della chiesa madre e conduce alla omonima contrada terriera. E‟ un buon abbeveratoio, lungo sette metri circa e largo uno e mezzo, alimentato da una cannella che non finisce mai di riversare liquido proveniente da una ricca sorgente di acqua potabile, utilizzata da moltissime persone quando in paese ancora non c‟era l‟acqua corrente. Oggi nessuno si sognerebbe neanche di lavarvisi le mani, ma allora era una piscina, bastava fargli una buona pulizia togliendo il muschio, “lu lippu”, qualche pietra, “li rocchi”, infine qualche decina di sanguisughe, “li sanguetti”, (vera

54

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it tortura per le povere bestie alle quali si attaccavano, sulla lingua, con conseguenti fastidiose malattie), e la piscina era pronta all‟uso. La pulizia veniva eseguita quasi ogni anno dallo stesso gruppo di ragazzi, poi seguito da altri, abituati a fare quel lavoro e conseguentemente a farsi il bagno nella vasca. Quel posto era molto frequentato dai ragazzi, perché gratis e nascosto alla vista delle persone; diversi agricoltori passavano per abbeverare le bestie e quasi tutti rimproveravano i bagnanti, ma questi non davano retta a nessuno anzi, spesso, qualcuno portava a casa qualche sanguisuga attaccata al corpo, facendo correre la mamma all‟immediata ricerca di un medico per toglierla e fare una iniezione disinfettante. Un‟altra “piscina” era l‟abbeveratoio della contrada “Albano”, anche questa copiosa ed ancora oggi in perfette condizioni, alimentata da buona acqua potabile, che in passato ha soddisfatto il bisogno di centinaia di famiglie che vi si recavano a riempire l‟acqua per le quotidiane necessità; “jri all‟acqua all‟Arbanu”. Infine c‟erano quelle persone che, potendoselo permettere, si recavano al mare a rinfrescarsi e difendersi dalla calura estiva; non erano molte, ma c‟erano anche quelle. Il bagnarsi al mare, in piscina, nelle vasche, è stato da sempre praticato, allora come oggi, un divertimento, un passatempo, una necessità, per dare un po‟ di refrigerio alla pelle scottata dai raggi cocenti del sole, un momento di distensione, di contatto con un liquido familiarmente conosciuto, come se una forza atavica ti spingesse a farlo.

55

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

56

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

57

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Li Munacheddi (Le Monache Orsoline) Le monache Orsoline del SS. Crocifisso sono state presenti nella nostra comunità fin dal 1931 per volere ed interessamento dell'Arc. Don Carmelo Chiarenza che costruì a proprie spese il fabbricato attiguo alla chiesa, adibito ad abitazione delle suore. La loro era una presenza impercettibile, lieve; “li munacheddi”, così le chiamavano nella nostra comunità, non erano invadenti, importune, ma se ne stavano nel loro ambiente sempre occupate tra ruolo religioso e sociale. Sempre presenti nelle occasioni tristi col loro rosario in mano a pregare e rivolgere al Supremo una preghiera, una invocazione di suffragio; sempre pronte a regalare un sorriso, una carezza, un gesto di solidarietà a chi ne aveva bisogno. Per le strade si vedevano di rado, sempre occupate a fare qualcosa, ma quando si chiedeva la loro presenza, specie per assistere qualche ammalato o qualche moribondo, erano subito al capezzale, recitando preghiere, infondendo solidarietà, aiutando nei bisogni dell'occasione. Andavano sempre col passo svelto, sempre sicure e con gli occhi rivolti verso terra, ma salutavano chi le salutava e ricambiavano un sorriso a chi loro sorrideva; come facessero col loro sguardo rivolto sempre verso terra era un mistero. La loro presenza era gradita, non sopportata, bene accetta, certamente non a tutti, c‟erano pure quelle persone che erano soliti dire : “cu li testi di li parrini e di li monachi cci amm‟a jucari a lu palluni” (con le teste dei preti e delle monache ci dobbiamo giocare a palla); erano pochi individui e si tenevano sempre alla larga da certi ambienti non confacenti col loro sport preferito. Erano sempre tutte presenti alla Santa Messa delle sei del mattino; accudivano ai bisogni della chiesa, specie per quanto riguardava lavori fini e di grande precisione quali potevano essere le tovaglie degli altari ed i tendaggi destinati ai tabernacoli.

58

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Avevano una grande fantasia ed una raffinata preparazione nel cucito, nel ricamo, nella conservazione dei paramenti sacri. Alcune di loro si dedicavano all'asilo d'infanzia, accogliendo nei loro locali i bambini non ancora in età scolare, insegnando loro nozioni elementari dello scrivere, della numerazione, del comportamento sociale, particolarmente e molto più dettagliatamente del catechismo. Diversi ragazzi restavano dalle monache anche all'ora di pranzo, saziavano la loro fame con caldi piatti di minestra e grosse fette di pane e marmellata o altro, che le sorelle davano loro. Altre si dedicavano ai lavori domestici, qualcuna alle relazioni esterne e con le Autorità. Tutte erano dedite alla chiesa ed alle funzioni religiose e spesso accudivano alle necessità del curato. Quando avevano con loro i bambini diventavano bambine anche loro, giocando, scherzando, sedendosi per terra e regalando ai piccoli un po‟ di felicità, di allegria, di ingenuità, di cui spesso il loro ambiente era avaro. Una grande stanza era destinata ai bambini, arredata con grandi banchi di legno, adatti all'insegnamento, formati da una panchetta per far sedere bimbi e da un pianale, davanti a loro, che faceva da scrittoio; sotto il pianale lo spazio vuoto faceva da cassetto dove poter conservare piccoli oggetti personali, come il cestino o il sacchetto contenente la fetta di pane e qualche pezzetto di zucchero, destinati alla colazione, che le mamme davano ai piccoli. Nella grande stanza erano sistemate quattro file di banchi: due file da una parte, per le femminucce, due file dall‟altra parte, per i maschietti; le due sezioni erano divise da un corridoio ove la monaca incaricata passeggiava in continuazione, ripetendo gli argomenti destinati ai bambini e stando molto attenta a che non litigassero o si facessero del male. Ogni fila aveva tre banchi; ogni banco ospitava tre ragazzi. Non sempre i banchi erano pieni, anzi per metà erano spesso vuoti e le femminucce erano sovente meno dei maschietti. I ragazzi non venivano fatti stancare quasi mai; la prima ora della mattina era dedicata, dopo avere recitato le preghiere, “a li cosi di Dì”, nozioni

59

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it elementari del catechismo, di facile apprendimento per i bambini; prima che questi si stancassero, si passava a qualche giochetto che vedeva coinvolta tutta la classe; poi qualche domanda rivolta ai più grandi; a ricreazione si consumava la povera colazione che la mamma aveva preparato a casa, dopo avere sistemato sul banco, in maniera impeccabile, il tovagliolo, segno questo di ordine e igiene. Ogni tanto qualcuno nella fretta dimenticava il pezzetto di pane, allora la sorella provvedeva a farne arrivare qualcuno dalla cucina, in modo che tutti i presenti mangiassero la loro colazioncina, senza guardare con desiderio il vicino di banco. Finita la colazione, tra le grida e qualche ingenua tiratina di treccina a qualche bambina che faceva le boccacce, subito punita con rimproveri dalla monaca sempre presente ed attenta, tutta la classe veniva condotta in giardino a prendere aria. Il giardino era attiguo all'abitazione delle suore, capiente e ben tenuto; sempre pulito, ricco di fiori e di verde; negli spazi lontani dai giochi dei bambini veniva coltivata la verdura, tutta allineata e diritta (cosa questa che colpiva l'attenzione dei bambini che erano attratti da quell'ordine e lo osservavano con interesse). Negli infantili giochi che si svolgevano, spesso, si imitavano quelle file dritte di lattughe o di cavoli, imprimendo nelle menti e nelle personalità dei ragazzi l'ordine ed il rispetto per il diritto altrui. L'ora di ricreazione era come uno scatenarsi di forze interne represse da tanto tempo; sfrenate corse, urla, grida, spintoni, sotto l'attenta guida delle sorelle si trasformavano in coinvolgenti giochi che tenevano impegnati quelle piccole furie; girotondi, gare di corsa, indovinelli, piccoli e brevi racconti tenevano impegnati quei piccoli birbantelli facendo sembrare quell‟ora di svago una breve pausa. La riluttanza, lo scontento, i musetti lunghi dei ragazzini che non volevano ritornare in classe, convincevano le monache a prolungare qualche gioco, qualche raccontino, con grande gioia dei bimbi. Ogni tanto i più buoni, oppure i vincitori delle gare, venivano premiati con qualche pizzico di resti di ostie, rimasti in grande quantità quando le sorelle

60

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it lavoravano le tante ostie che necessitavano per le funzioni religiose nelle chiese del paese. Tutte le rimanenze venivano raccolte, messe in un capiente recipiente e conservate; venivano regalate ai bambini in certe occasioni oppure, in prossimità di qualche festa, distribuite a tutti invitando uno per uno tutti i presenti ad infilare la loro manina dentro il cesto e prenderne più che potevano, (“un pugnu chinu di ostii”). Non era raro che qualche bambino, particolarmente abituato, si recasse, anche fuori orario, dalle monache a chiedere qualche pugno di ostie (io ero tra questi); regalavano sempre quello che si chiedeva accompagnato da un sorriso e qualche carezza. Ogni tanto, credo una volta al mese, si fermava davanti la porta delle monache un grosso camion coperto. Diverse sorelle aprivano il portone e si sistemavano l‟una accanto all'altra, di fianco; dal camion scendevano due signori che, saliti sul grande cassone dell'automobile, incominciavano a scaricare materiali. Sacchi di patate, zucchero, grosse latte di fagioli e ceci, confezioni di marmellata e cotognata, lattine di carne, farina di latte, bottiglie di olio, pesce sott'olio; tante buone cose! La curiosità dei bambini la faceva da padrone e uno o due alla volta, i più grandicelli, molto velocemente, correvano a sbirciare quello che veniva scaricato. Quel giorno la sorella non riusciva a fare la lezione, divisa tra il lavoro e l'attenzione che doveva dedicare ai ragazzi, con tanta felicità dei bambini che giocavano e gridavano a squarciagola. Andato via il camion tutta l'attenzione dei ragazzi si trasformava in ansiosa attesa; tutti, ordinatamente, si mettevano al loro posto rivolgendo lo sguardo verso la porta che immetteva nella grande stanza. Quelli che stavano seduti vicino all'entrata, di tanto in tanto, esclamavano: “nuddu veni!”, “unn‟è idda no!” poi... “idda è... idda è!”, “la scala scinnì!”, “ccà è... ccà è... la porta... la porta...”. Tutte queste esclamazioni erano dirette alla monaca che era solita, quasi tutti i giorni, portare un recipiente pieno di buona e gustosa farina lattea.

61

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it I ragazzi ne erano ghiotti, tutti aspettavano con ansia la sorella che venisse a distribuire la bianca farina; vedere tutti quei bambini con i musetti bianchi era bellissimo. Gli occhioni grandi luccicavano di soddisfazione, di contentezza, mentre quelle manine portavano alla bocca il gustoso cibo. In tutto quel fracasso, talvolta, capitava che qualche bambino si facesse male, piccole escoriazioni di poco conto che, però, erano sufficienti a che tutta la classe si zittisse e le sorelle, preoccupate, dedicassero tutta la loro attenzione al piccolo malcapitato. Subito si procedeva a controllare la piccola ferita, a disinfettarla e fasciarla; per quel giorno il ferito non partecipava alle lezione, ne‟ ai giochi, ma si sedeva accanto alla suora ed era oggetto di tante attenzioni; sia da parte delle monache che da parte dei compagni. Capitava molto raramente che il bambino ferito venisse accompagnato a casa dalla mamma e ancor più raramente che l‟incidente fosse serio; l'attenzione delle monache era grandissima; il loro modo di trattare i bimbi affettuoso e conciliante. Tutto quel cibo, che arrivava periodicamente alle monache, era destinato in piccola parte al loro sostentamento, in stragrande quantità ai bisognosi che andavano a bussare alla loro porta. Non era raro, la sera tardi o la mattina presto, vedere qualche povera donna avvolta in uno scialle bussare alla porta delle monache per chiedere qualcosa da mangiare per i propri figli. A volte, in pieno giorno, si vedevano mamme che portavano il loro piccolo dalle monache per poi ritornare a casa col fagotto, nascosto sotto lo scialle, contenente del cibo da portare agli altri figli rimasti a casa. “Li munacheddi” sono state in mezzo a noi e con noi per mezzo secolo; nel 1982 sono andate via per volere delle Autorità ecclesiastiche superiori; peccato! Rappresentavano la devozione, la totale dedizione, lo spirito di sacrificio, l‟umiltà, la generosità, qualità presenti in una minima percentuale di persone, in una società dedita al consumismo, all'egoismo, al guadagno facile, alla truffa, alla droga, al sesso, allo stravolgimento delle leggi che

62

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Madre Natura ha impiegato milioni di anni per selezionare e mettere gratuitamente a disposizione di tutti ma che l'umanità sta snaturando in pochissimo tempo.

63

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

64

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

La Televisioni (La televisione) La televisione fa ormai parte integrante della nostra vita; ci tiene compagnia nelle nostre, sempre più, solitarie giornate obbligandoci ad ascoltare e ad assistere a programmi spesso vuoti e privi di ogni interesse. Fa da maestra ai bambini costringendoli, complici quasi sempre i genitori, a stare incollati davanti al coloratissimo schermo, imparando a memoria tutti gli inutili e dannosi nomi dei personaggi fantastici che danno vita agli altrettanto inutili cartoni animati, sempre più di fabbricazione e cultura giapponesi; la mattina aprono gli occhietti al suono dell‟allettante motivetto dei cartoni che, giunti a sera, risuonerà ancore nelle orecchie dei bimbi facendogli, magari, da ninna nanna e inducendoli a sognare questo o quel cartoons. Violenze, indiscrezioni, cronaca nera, rapine, omicidi e tanto altro di negativo, oggi fanno parte dei normali programmi televisivi, senza nessun rispetto per le coscienze di milioni di persone ne‟, tanto meno, dei bambini, ormai assuefatti a certe parole che fino a qualche decennio fa erano addirittura sconosciute. La televisione: correva l‟anno millenovecentocinquantaquattro quando si cominciò a parlare di questo scatolone magico che faceva vedere e sentire immagini e parole, standosene seduti comodamente in poltrona nelle proprie case; ne parlavano i giornali, la radio osannava quell‟avanzatissima tecnologia a noi totalmente sconosciuta. L‟unico mezzo, oltre i giornali che arrivavano a noi l‟indomani dell‟avvenimento, se non ancora dopo, era la radio, ormai molto conosciuta e facente parte della quotidianità di molte famiglie, anche se non di tutte. Tanti, non potendosi permettere di comperare un apparecchio radio, ascoltavano le notizie, specie “il gazzettino di Sicilia” a casa di qualche vicino o parente; altri, frequentatori di bar, si tenevano al corrente tramite le radio nei locali pubblici.

65

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Nell‟anno della nascita della televisione, di tali apparecchi televisivi, non ne sono arrivati; se ne parlava tanto come di una invenzione rivoluzionaria che all‟istante ti portava davanti persone che parlavano a mille chilometri di distanza, ma da noi, “scatoloni” magici, non ce n‟erano. L‟anno appresso qualche cittadino lungimirante, che aveva intravisto nella televisione oltre che un mezzo di informazione anche una possibilità di guadagno, investendo, per quei tempi, un piccolo capitale, portò anche nella nostra comunità il piccolo schermo. Rigorosamente in bianco e nero, entrò prepotentemente nella vita della gente che, assetata di conoscenza com‟era, si avvicinò alla innovativa creazione; prima con molta curiosità, poi con morbosa attrazione. Cinque lire per i bambini e dieci lire per gli adulti; era la “donazione” che ogni spettatore doveva consegnare al proprietario dell‟apparecchio per assistere ad un solo programma che veniva trasmesso. All‟inizio trasmettevano, solamente tramite il primo canale, dei programmi obbligatori, senza possibilità di scelta e rigorosamente controllati da una commissione governativa, al fine di rispettare il senso di riservatezza su quanto concerneva la sfera privata della famiglia e della religione; programmazioni decenti e pudiche, presentate con molta umiltà e grande senso di deferenza per gli spettatori. Nei programmi obbligatori la parte principale era destinata alle notizie dall‟interno e dal mondo, ma molto tempo era dedicato anche alla cultura, sempre di alti contenuti storici, letterari, sportivi ricchi di grandi competizioni e genuinità; il varietà era sempre condotto ed animato da eccellenti attori che portavano alla conoscenza della nostra gente modi di divertimento fino ad allora sconosciuti ai più; film con grandi protagonisti che coinvolgevano ed emozionavano fino a strappare le lacrime; giochi a premi come “Lascia o Raddoppia” e “Il Musichiere” che hanno fatto avvicinare tanta gente alla televisione; grandi commedie che hanno portato sul palcoscenico la multiforme realtà della vita della povera gente e non solo con i suoi dolori e le sue gioie, tramite attori famosissimi, che hanno lasciato un‟incancellabile traccia nella storia della rappresentazione teatrale.

66

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Le persone sceglievano: i ragazzi preferivano spendere le cinque lire per assistere alla “TV dei ragazzi”, con le avventure di “Rin Tin Tin”, intelligente e fedele progenitore di tutti i cani attori che oggi affollano gli schermi televisivi di tutto il mondo; gli adulti, secondo la loro formazione, sceglievano tra il film serale, la commedia settimanale o il varietà. Già l‟anno seguente tante famiglie incominciavano ad avere nella loro casa la televisione, spesso dando un acconto al rivenditore e firmando una certa quantità di cambiali che teneva legato ai pagamenti il compratore anche per un anno intero. “Lu zì Vicenzu s‟accattà la televisioni!” Allora vicini, parenti e qualche amico, la sera, si recavano a casa del fortunato possessore, portando con se la sedia, per assistere a qualche trasmissione. A quel tempo iniziavano i romanzi a puntate come “il Conte di Montecristo”, “Capitan Fracassa”, “I Miserabili”, che spingevano tante persone a chiedere di potere assistere, una volta la settimana, alla rappresentazione. La sera, per le strade, era un via vai di persone che si recavano in casa di parenti, amici, vicini di casa o presso i locali pubblici, per assistere al programma preferito. “Stasira c‟è la puntata” si sentiva dire a qualcuno che aspettava sette lunghi giorni per seguire la trama della rappresentazione con accattivanti vicende che coinvolgevano e toccavano l‟ingenuità della nostra gente. Giusto gli uomini, che uscivano per andare a servire la Patria, potevano venire a contatto con realtà fino ad allora ignorate ed ignote; terminato il servizio militare, però, si ritornava a fare quello che da sempre si era fatto, senza nessuna possibilità di potersi migliorare o di potere accedere a qualcos‟altro che non fosse racchiuso dalle mura domestiche. La televisione ha avuto il merito di avere assolto al ruolo, molto importante, di comunicatore; di avere accorciato le distanze tra l‟essere ed il non essere, tra persone della stessa terra ma che non si conoscevano, dello stesso continente che non avevano rapporti tra loro, tra continenti che si ignoravano.

67

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Svolgeva il proprio ruolo con educazione, civiltà, serietà, ordine; non era prepotente, non invasivo, non violento; gli stessi addetti alle comunicazioni, sempre impeccabili, sempre composti e compassati col sorriso vero e non simulato e finto, sorriso che ispirava fiducia. Le donne, vestite sempre con avvedutezza, attente a non offendere la morale ed il rispetto verso gli altri; niente scollature provocanti, gonne corte a mostrare certe parti del loro corpo o vestiti attillati per mettere in evidenza curve provocanti; la loro era una presenza compita e a modo, nella loro magnifica eleganza e nella loro ricercata bellezza. Con gli anni sessanta si è visto un certo sviluppo economico, grazie al flusso copioso dei nostri giovani che andavano a cercare lavoro verso altre terre lontane e mandavano denari alle proprie famiglie, per consentire loro di superare l‟ostacolo della povertà e della fame; ciò ha contribuito a far sì che nelle case entrasse più massicciamente la televisione assieme ad altri moderni elettrodomestici che man mano andavano conoscendosi. Così la televisione cominciava ad essere un bene di largo consumo, cominciava a perdere l‟originario fascino, la primaria semplicità, accedendo ad altri ruoli, ad altre maniere di essere e di fare, ma principalmente ha perso quel modo educato e signorile di entrare nelle famiglie in punta di piedi. Non accennerò neanche a cosa è diventata oggi e a cosa ci propina; è sotto gli occhi di tutti. Una differenza, però, desidero evidenziare tra le eccellenti sfumature dei sempre più perfetti monitor a colori, che oggi travolgono e coinvolgono i nostri occhi e il rilassante, misterioso, ermetico, bianco e nero, che lasciava un po‟ di spazio alla fertile immaginazione per potersi librare tra le ali della fantasia.

68

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

69

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

70

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Lu Issu e la Issara (Il gesso e la gessaia) Fino agli anni cinquanta costruire una casa, un magazzino, un edificio da destinare ad uso civile, all'agricoltura, all'allevamento o altro, richiedeva una considerevole quantità di materiali; dalla pietra da collocare nelle fondamenta a quella da utilizzare per i muri perimetrali e le pareti interne, ma cosa più importante, non secondaria certamente, la malta che facesse da collante tra i blocchi di pietra e ne unificasse la consistenza. Il cemento era in commercio ma, essendo considerato materiale nuovo e di pregio, era scarso e caro rispetto alle materie prime tradizionali. La soluzione per chi doveva costruire un edificio era quella di sempre: per le costruzioni agricole, che non richiedevano particolari accorgimenti si adoperava come malta “lu taiu”, una qualità di argilla spugnosa, molto economica e duratura, adatta a fare da colante; per le civili abitazioni si utilizzava come malta “lu issu”, (il gesso) polvere finissima di colore bianco ottenuta per macinazione del materiale omonimo, usata da secoli per varie lavorazioni tra cui statue, stucchi, bassorilievi e, nel nostro caso, come malta per la costruzione di abitazioni. Il gesso, dunque, era un comunissimo materiale non molto costoso, accessibile a tutti, idoneo a fornire alla muratura una malta buona, duttile, malleabile, duratura nel tempo e che si prestava in modo egregio alle necessità di quel tempo. Per ottenere il materiale pronto all'uso era necessario un lungo e faticoso ciclo di lavorazione che si svolgeva nella gessaia (“la issara”). Dalle nostre parti si produceva nelle “carcari di issu” di cui ho avuto contatti diretti; se ne contavano tre, più o meno distanti una dall'altra ma, tutte, nella stessa zona dato che la materia prima, il gesso, era contenuto in grandi quantità nelle montagne bianche che emergono nella parte nord del paese in località Savarini-Grecomorto. Ogni gessaia aveva due o tre fornaci, “carcaruna”, secondo la capacità finanziaria che aveva la ditta e la quantità di commercio che girava attorno

71

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it ad essa. Avevano una forma conica, a punta rotonda verso l'alto; si riempiva con le pietre asportate dalla vicina montagna a forza di braccia, utilizzando il piccone e qualche piccola quantità di dinamite, lavorate, successivamente, a colpi di mazza per ridurle ad una grandezza che le rendesse maneggevoli. Le pietre venivano collocate, in cerchi quasi concentrici, attorno ad una rudimentale, ma molto efficiente, fornace mischiando alla pietra una certa quantità di carbone per garantire la temperatura in tutte le sue parti; il cono si alzava lentamente collocandole pietra su pietra ed una accanto all'altra, lasciando tra di esse un piccolo spazio tale da potere lasciare circolare il calore che veniva prodotto dalla fornace di base. Il sistema conico veniva sistemato fino alla vetta utilizzando delle scale a pioli appoggiate ai lati della costruzione, stando attenti a tappare dalla parte esteriore tutti i buchi e le intercapedini formatesi tra i massi durante la costruzione. Questo lavoro di rifinitura veniva effettuato con perizia e maestria utilizzando infine del materiale finissimo misto ad acqua a formare uno strato compatto per non fare uscire il calore che di lì a poco doveva essere prodotto dalla fornace. Durante la stagione invernale la costruzione veniva protetta dalla pioggia con una tettoia riutilizzabile; tutta la costruzione, “la carcara”, richiedeva un giorno intero, a volte di più, di lavoro per diversi operai; lavoro continuo intervallato da piccole pause per consumare un boccone di pane e bere qualche sorso d'acqua. La sera si lavorava fino a che la luce del sole lo permettesse, per riprendere l'indomani mattina, alle prime luci dell'alba. Tra gli operai c'era una parola d'ordine: “finu a quannu ‟un si finisci lu carcaruni e s‟adduma, ‟un c‟è riposu!” Finita la costruzione iniziava la cottura. Si accendeva la fornace alla base del cono, (“carcaruni”), con legna e combustibile trovato in natura; il calore migliore era prodotto dalla legna di alberi duri (mandorli, ulivi, carrubi, gelsi) ma non sempre erano disponibili, allora si utilizzava qualsiasi materiale infiammabile che si trovava in natura.

72

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Il fuoco nella fornace veniva alimentato per dieci ore ed oltre, togliendo quello consumato e introducendone sempre di nuovo in modo che il fuoco producesse calore in continuazione fino a raggiungere gli 800° Celsius circa. Quella grande quantità di calore restava imprigionato all'interno della costruzione, senza possibilità di uscire; per ventiquattr‟ore il calore cuoceva la pietra calcarea sistemata a questo scopo. Dopo tale periodo di attesa si procedeva, sempre a forza di braccia, alla demolizione del “calcarone” ed alla conseguente fase di pestaggio in maniera che la pietra, ormai cotta e resa fragile, venisse trasformata in polvere fine. Il gesso, così prodotto, veniva depositato in un apposito locale, asciutto e coperto, in attesa di essere insaccato in contenitori di circa trenta chili e fornito ai richiedenti che ne avevano bisogno. Il trasporto avveniva con animali da soma oppure con carretti tirati da muli o cavalli di cui ogni ditta era proprietaria. Non era raro che tale trasporto venisse affidato a carrettieri di professione, specie quando la quantità di gesso da fornire era rilevante; così non era raro vedere gli stessi proprietari, specie se agricoltori proprietari di animali da soma, provvedere al trasporto, utilizzando gli animali di cui erano proprietari. “Lu issaru”, così era chiamato il produttore di gesso, sempre imbrattato di materiale bianco, che gli dava l‟aspetto di una figura carnevalescamente impolverata. Dalla gessaia al carretto, e da questi al deposito privato, il trasporto era effettuato da giovanotti o da adulti, persone quasi sempre a torso nudo, specie d'estate; gente che del trasporto a spalla ne avevano fatto un mestiere riuscendo a racimolare una fetta di pane per sfamarsi. Erano operai forti e rozzi, avvezzi al lavoro pesante del caricare e scaricare per tutta la durata della giornata e con qualsiasi temperatura. Non era raro assistere, su iniziativa di qualche possidente benestante, durante i lunghi lavori di trasporto, a qualche gara tra i trasportatori a chi riuscisse a trasportare il maggiore peso; era uno spettacolo vedere quei corpi muscolosi, tesi e atteggiati all'immane sforzo, fino ai limiti estremi della

73

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it sopportazione; schiene curve, muscoli contratti e gambe traballanti, ma non si davano per vinti; qualcuno abbandonava prima dell'arrivo ma altri riuscivano ad arrivare, con il peso di cento chili sulle spalle, alla mèta vincendo il premio messo in palio dall'organizzatore: spesso consistente nel diritto di lavorare per due o tre giorni di seguito. Il gesso: materiale che unito all'acqua forma una malta bianca da utilizzare subito, considerato che l'indurimento avveniva in tempi brevissimi e di conseguenza, dopo poco, inutilizzabile, con spreco di materiale e proteste del padrone. I muratori, che utilizzavano tale malta, dovevano essere svelti e bravi nell'adoperarla, così come lo dovevano essere anche i manovali nell‟impastarla, dentro un contenitore quadrato di legno, “gavita”, con la consistenza giusta e al punto tale che il mastro muratore avesse il tempo di adoperarla prima dell'indurimento. Case intere, palazzi, volte a “tetto di carrozza”, tetti a “tondo di botte”; coperture e portici poggiati, bilanciati, livellati al millimetro, geometricamente perfetti, poggiati su angoli e colonne pieni di materiale vario e rivestiti del candido materiale, pronti ed idonei a sfidare i secoli con la loro robustezza e magnificenza. Il gesso: da umile ed insignificante roccia, forgiata e cotta dalla forza trasformatrice del fuoco, guidata dalla genialità e dalla necessità dell'uomo, a nobile terra, pronta a soddisfare le esigenze dell'uomo. Materiale duttile pronto ad adattarsi e materializzare le idee della mente dei grandi geni nelle statue, nelle pitture, negli stili architettonici, nelle raffinate decorazioni, testimonianze che attraverso i secoli sono giunte fino a noi facendoci conoscere arte, architettura, stili, conoscenze di altre civiltà, di altri popoli che si sono succeduti nei secoli e in diverse parti del mondo. Il gesso: vecchio e sempre nuovo, pronto e disponibile, nobile materiale che col suo candore e con le sue artistiche forme ancora oggi diletta lo sguardo dell'uomo e ne stimola la fantasia; con la sua fragile durezza realizza le forme estrose dell'artista, consegnandone le bellezze ed i messaggi al futuro.

74

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

75

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

76

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

La Ntinna (L‟Albero della cuccagna) Il tredici di Giugno la comunità ciancianese commemora il Santo Patrono: Sant‟Antonino di Padova. Molte le iniziative che il comitato dei festeggiamenti metteva in piedi per l‟occasione. Esse iniziavano l‟antivigilia della festa e terminavano la sera del tredici, sempre verso la mezzanotte, con “la maschiata”, (giochi pirotecnici). Tra i tanti preparativi che si approntavano c‟era anche “la ntinna”. La messa in opera di tale gioco, oltre che dal programma della festa affisso alle mura del paese dagli organizzatori, veniva a conoscenza della comunità, in particolare dei giovani sempre pronti alla competizione, con la collocazione in un posto molto centrale che avesse intorno a sé tanto spazio ove potersi disporre le centinaia di spettatori che assistevano all‟entusiasmante gara per conquistare “la ntinna”. Così era chiamato, in dialetto nostrano, un lunghissimo (circa dodici metri) e molto liscio tronco d‟albero, insaponato copiosamente, alla cui sommità erano appesi vari premi destinati a chi, arrampicandosi, riusciva ad arrivare in cima ed impadronirsene. La sistemazione della trave veniva eseguita tre o quattro giorni prima, per dare la possibilità agli eventuali concorrenti di preparasi all‟impresa. Prima di sistemarla nel posto prescelto, veniva cosparsa in tutta la sua lunghezza con abbondante sapone in maniera da renderla il più possibile scivolosa. Veniva sistemata ben salda, a scanso di ogni pericolo, in una profonda buca al suolo. Si sceglieva sempre un sito centrale, nella salita Regina Elena all‟incrocio con la via Ariosto, oppure nella salita Regina Elena all‟incrocio con la via Cordova, dove la larghezza della strada, in salita, dava la possibilità a qualche centinaio di persone, in maggioranza giovani e ragazzi sempre

77

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it vocianti, di assistere e parteggiare con molto accanimento per questo o quel concorrente. I premi messi in palio erano molto attraenti per quel tempo: un salame, una forma di formaggio, della pasta, del pane, della carne e, altra cosa importante, un bel gruzzoletto in denaro, attrazione questa che spingeva molti giovanotti a gareggiare e spesso accomunarsi tra loro, in due o tre squadre, per alternarsi nella difficilissima arrampicata. Il palo stava là piantato alcuni giorni prima a significare l‟avvenimento che ci sarebbe stato da lì a qualche giorno; gli organizzatori non facevano economia di sapone, per l‟occasione; motivo questo che impediva ai ragazzi di avvicinarsi al palo e toccarlo, dato che si sarebbero certamente sporcati ed imbrattati con conseguente sicuro rimprovero, e spesso sberle, da parte delle mamme. La collocazione del grande cerchio di legno da cui penzolavano i numerosi premi, posto sulla sommità del palo, avveniva la mattina della gara, cioè del giorno della festa. La mattina del tredici Giugno, dopo le funzioni religiose in chiesa, centinaia di persone si ritrovavano nel luogo ove si ergeva “la ntinna”. Per l‟occasione anche molte donne, accompagnate dai loro mariti , con accanto le loro figliole vestite a festa per la santa festività, si radunavano nei pressi dell‟albero della cuccagna; se ne stavano un poco distanti per diversi motivi: non sporcarsi col sapone che i concorrenti allontanavano da loro durante la salita, tenere lontane le figliole dai ragazzi che gareggiavano nell‟ascesa della grande pertica a torso nudo e con un pantaloncino corto. Il fatto di essere seminudi aveva un preciso scopo: potere più agevolmente abbracciarsi al tronco ed espellere più facilmente il sapone che si accumulava sul corpo, copiosamente. La gara iniziava preceduta da poderosi rulli di tamburo, certe volte anche da potenti squilli di tromba eseguiti dal maestro trombettista della banda musicale. La gente, che aspettava negli spazi vicini, chiacchierando a capannelli, all‟udire quei richiami si avvicinava al luogo della competizione per seguire più da vicino l‟avvincente gara.

78

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it I ragazzi, sempre vocianti e interessati a qualsiasi cosa che attirasse la loro inesauribile curiosità, correvano, si sistemavano nei posti più vicini e comodi per assistere più agevolmente alla gara; altri si avvicinavano con morbosa curiosità alle persone più grandi che, chiacchierando, ricordavano gli “eroi” degli anni passati, persone abili e tanto brave da riuscire a salire quel lungo albero al primo tentativo oppure per due tre anni di seguito. Facendosi largo tra la folla ed aiutato dagli immancabili sostenitori, ecco apparire il primo concorrente: aitante, muscoloso, con in mano la cavezza di un mulo da attorcigliare attorno al tronco e servirsene come appiglio per l‟arrampicata (era l‟unico oggetto consentito ed ogni concorrente ne aveva uno personale). Sempre accompagnato dall‟incessante rullo del tamburo, che dopo qualche tempo quasi non si sentiva più coperto dalle grida dei ragazzi, dal chiacchiericcio della gente, dal tifo accanito dei sostenitori, il baldanzoso concorrente si avvicinava alla trave e legata come un cappio la cavezza al tronco, incominciava l‟arrampicata. La folla applaudiva per incoraggiarlo, ma tra la folla gli intenditori definivano i primi concorrenti come avanguardisti, ragazzi alle prime esperienze, utilizzati dai più esperti col preciso scopo di pulire il tronco dal sapone ed agevolare la susseguente loro salita. Spinto dalla foga giovanile e dallo spirito di competizione, il ragazzo con un paio di poderose bracciate arrivava a circa tre metri dal suolo; le urla di incitamento si alzavano forti nell‟aria facendo correre sotto “la ntinna” i sostenitori quasi a dargli forza e sostegno. Purtuttavia il nemico numero uno già incominciava a fare la prima vittima: pieno di sapone, che fino ad una certa altezza era particolarmente copioso, il concorrente incominciava ad ansimare e perdere lo spirito iniziale; le forze incominciavano ad abbandonarlo ed inutilmente cercava di collocare più in alto la cavezza stringendo al massimo le muscolose e giovanili gambe al tronco. Il sudore incominciava a colare dal suo viso, il dispendio di forze era enorme, lo sforzo e l‟accumulo di sapone in tutta la parte anteriore del corpo lo rendeva irriconoscibile; nonostante l‟immane sforzo, il povero

79

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it ragazzo, invece di andare verso l‟alto, incominciava inesorabilmente a scendere a poco a poco; vana tutta la buona volontà nel raddoppiare lo sforzo; i risultati erano sempre più infruttuosi. Dopo innumerevoli vani sforzi il povero giovanotto si ritrovava con i piedi per terra, sudato, stanco, imbrattato di sapone, deluso della sua prova. Nonostante il fallimento uno scopo era stato raggiunto: pulire il più possibile il grosso tronco. La stessa sorte toccava al secondo, al terzo, al quarto concorrente; qualcuno riusciva a salire qualche bracciata di più del precedente ma non riusciva ad andare oltre la metà della pertica. Il vocio tutto attorno era indescrivibile; il tamburo che rullava in continuazione, quattro cinque elementi della banda musicale, riunitisi per l‟occasione in un angolo, suonavano canzonette e pezzi di allegra musica, i ragazzini che correvano ad ogni pausa della competizione rincorrendosi chiassosi, il chiacchierio della numerosa gente che con cognizione commentava in continuazione la gara quasi gridando per farsi sentire meglio, erano una vera “festa” di divertimento e di partecipazione. Dopo circa un‟ora di vani tentativi arrivava il turno dei pochi concorrenti in condizioni di arrivare fino in fondo e vincere la gara; erano due tre atleti che già negli anni precedenti avevano vinto la gara ed avevano tanta esperienza, avendo pure partecipato e vinto altre gare di “ntinna” presso altri paesi ove questa tradizionale gara era diffusa. Preceduto dai soliti due - tre fedelissimi sostenitori, che andavano subito a controllare lo stato della difficoltà che presentava il grosso tronco, munito della sua personale cavezza, arrivava il probabile, potenziale vincitore. Sistemata intorno al palo la cavezza più in alto che poteva, con un salto atletico si abbracciava fortemente con le braccia e le gambe ad una considerevole altezza, standosene in quelle condizioni per qualche minuto, sistemando nel contempo la cavezza più in alto possibile, aiutato anche dal fatto che nei primi cinque metri il sapone era stato pulito dai precedenti atleti. Ad ogni avanzamento, l‟abile ed esperto concorrente si collocava molto saldamente sulle gambe; con molta lentezza faceva avanzare il più possibile

80

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it la cavezza e, sorreggendosi a questa, faceva riposare qualche secondo prima le braccia poi le gambe allentandoli con molta accortezza. Continuando con questo sistema cercava di non bruciare tante energie in poco tempo, com‟era accaduto ai ragazzi inesperti che l‟avevano preceduto. Fino qui andava tutto bene, il problema incominciava a farsi serio appena arrivato ove il sapone era ancora intatto e rendeva l‟arrampicata più insidiosa e difficile. L‟atleta nello spostare la cavezza cercava di pulire il tronco il più possibile cercando di risparmiare le forze allungando sempre di più le piccole pause che si permetteva ad ogni piccolo avanzamento. Oltre la metà della pertica incominciavano le difficoltà che fino ad allora non aveva incontrato; le energie cominciavano a venir meno e lo sforzo che faceva incominciava a farsi notare dalla maschera di sudore e stanchezza che si manifestava sul suo viso. A questo punto l‟incitamento degli astanti arrivava alle stelle ; grida d‟incitamento, di coraggio, s‟innalzavano in direzione del concorrente quasi a volergli infondere quella forza che veniva meno. Stringendo i denti, allungando ancora di qualche secondo la piccola pausa, stringendo sempre più forte le braccia e le cosce al tronco, l‟uomo cercava di non perdere quello che aveva faticosamente conquistato, avanzando non più come prima a bracciate ma a piccoli spazi guadagnando sempre meno spazio. Giunto allo stremo delle forze a due, un metro dalla cima, lentamente e inesorabilmente cominciava a scivolare verso terra, sul sapone, viscido e traditore delle tante aspettative dei poveri e delusi concorrenti. Un altro scopo era stato raggiunto: quello di pulire ancora di più quel grosso tronco che, spietato e inumano, stava lì dritto e altero a sfidare la caparbietà dell‟uomo. Allora si presentava sotto l‟albero un altro concorrente, sempre munito dalla fida ed inseparabile cavezza, che giunto alla base del tronco lo guardava dal basso in alto, quasi a volerlo sfidare, valutando con perizia di esperto come affrontare la salita, dove necessitava meno o più forza , dove risparmiare le energie per affrontare il tratto finale, quello più difficile.

81

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it La salita di questi esperti,noti per le loro gesta precedenti, incominciava fra gli incitamenti dei tifosi che numerosi parteggiavano per il concorrente. Incominciava la salita ,al solito, con un grande balzo aiutato anche dalla cavezza che gli permetteva di sostenersi nel saltare più in alto possibile; poi iniziava la lenta, controllata, studiata, ma inesorabile salita. Superato agevolmente, ma non senza sforzi, il tratto meno scivoloso, dato che era stato nettato dal corpo dei precedenti concorrenti, iniziava il tratto terminale unto e bisunto di grasso e sapone. Prima di iniziare la salita l‟arrampicatore si concedeva una breve pausa pulendosi nel miglior modo possibile le mani e gli arti inferiori visto che erano queste le parti che gli dovevano consentire di continuare l‟arrampicata fino alla fine. Le grida d‟incitamento non si placavano, la gente capiva che il concorrente aveva delle buone possibilità di riuscire nell‟impresa. Gli occhi dell‟uomo che stringeva molto saldamente quella trave erano rivolti verso la cima; ansimante e col sudore che gli colava mischiandosi alla lordura che il grasso e il sapone gli procuravano, si preparava col corpo e con la mente ad effettuare l‟ultimo vero sforzo, che gli consentiva di strappare almeno un premio tra quelli che penzolavano dal grande cerchio collocato in cima all‟albero. Stretta con perizia e più in alto possibile la fida cavezza l‟uomo, lasciandosi penzolare dalla robusta corda ne faceva un tutt‟uno, con perizia e gesto atletico portava le cosce più in alto possibile stringendole con la massima forza ancora rimastagli a quel tronco che si faceva sempre più esile; un ultimo spostamento di cavezza, un ultimo immane sforzo nell‟allungare il braccio ed ecco che la mano stringeva con ritrovato vigore un salame che si trovava più vicino alla presa. A quel punto un‟ovazione si alzava dalla folla sottostante; grida, applausi, note musicali, rulli di tamburo, riempivano l‟aria, per arrivare alle orecchie del vincitore che abbracciato ancora al tronco e sorretto dalla fida cavezza che gli permetteva di non scivolare, brandiva in aria quel lungo salame in segno di vittoria.

82

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Disceso tra la gente festante, riceveva congratulazioni e tante pacche sulle spalle, assieme ai premi messi in palio; il tutto meritatissimo per avere conquistato “la ntinna”.

83

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

84

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

La Malatia (La malattia) Essere colpiti da una qualsiasi malattia oggi, sia essa più o meno grave, a parte l'angoscia, l'ansia e la preoccupazione, non sembra essere un grosso problema, specie se si hanno possibilità finanziarie. Sia le strutture ospedaliere statali che quelle private, oltre ai presidi ed i pronto soccorso locali, sono tempestivi a fornire tutta l'assistenza, utilizzando conoscenze mediche e strumentazioni modernissime assieme agli ultimi ritrovati della ricerca medica. Negli anni del dopoguerra, in particolare in quelli che riesco a ricordare, ammalarsi non era consentito a nessuno, specie tra le famiglie con reddito incerto e derivante da una sola persona, il capo famiglia, ed in particolare se andava a giornata presso terzi, come quasi sempre avveniva. La famiglia di un operaio, spesso numerosa, aveva nel papà l'unico punto di risorsa finanziaria. Sulle spalle del padre, sempre alla ricerca continua di un lavoro, gravava tutta la responsabilità della sussistenza familiare; responsabilità certo non indifferente dato che i figli abbondavano e il lavoro era scarso. Il Padre era tutto: la sicurezza, l'ancora di salvezza nei momenti tristi, punto di riferimento e di attrazione in quelli buoni. Quando era difficoltoso trovare lavoro o d'inverno, quando il maltempo impediva di lavorare e di conseguenza non si portavano a casa i denari per comperare il necessario alla sopravvivenza, erano guai seri; spesso si ricorreva ai prestiti presso figure indegne che approfittavano del bisogno degli altri. Nella stragrande maggioranza dei casi si ricorreva al credito nelle botteghe, (“si faciva cridenza”), con l'impegno che alla ripresa del lavoro si sarebbe provveduto a saldare il debito. L'assistenza medica, farmaceutica, ospedaliera, non era garantita a tutti come oggi; si aveva diritto per la durata di sei mesi al medico, alle medicine e, all'occorrenza, al ricovero in ospedale, solamente se si era in regola col

85

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it l'assicurazione sul lavoro; era necessario un minimo di quindici giorni di copertura assicurativa presso una ditta per avere tale diritto, per se e per tutta la famiglia. Scaduto detto periodo si doveva provvedere a rinnovare il rapporto di lavoro oppure tutte le prestazioni mediche, farmaceutiche ed ospedaliere sarebbero state a totale carico del malcapitato. Trovare una Ditta disposta a regolarizzare il rapporto di lavoro non era cosa facile; neanche nei lavori gestiti dagli organismi statali e similari non era facile, dato che c'era di mezzo sempre il guadagno dell'impresa che, nella stragrande maggioranza dei casi, approfittava del bisogno degli operai lucrando sui già miseri guadagni del lavoratore. Dunque ammalarsi per un operaio-capo-famiglia era proibitivo, ma se disgraziatamente capitava... erano guai seri per sé e la famiglia! Una vera e propria via crucis si poneva di fronte alla famiglia il cui papà, unica fonte di guadagno, si fosse ammalato! In quella casa entrava il lutto continuo; disperazione e pianto da parte della moglie che, invasa dalla paura di perdere il marito, era terrificata; le spese che si dovevano affrontare tra medici, medicinali, ospedale, erano molto elevate per una famiglia monoreddito e per giunta discontinuo, e questo era un altro serio problema che la povera donna doveva cercare di risolvere spesso da sola, nella migliore delle ipotesi con l'aiuto di qualche familiare. Qualche volta interveniva la famiglia di lui o di lei a collaborare finanziariamente ai bisogni, ma non erano tutti che se lo potevano permettere, dato che a loro volta vivevano di lavoro giornaliero. Si provvedeva a vendere qualche pezzettino di terra, oppure la casa d‟abitazione, se proprio necessario, per far fronte alle spese. Quando qualche caso si presentava molto serio e, nonostante gli sforzi, non si riusciva a far fronte alle spese allora, su iniziativa di qualche gruppetto di amici, vicini e conoscenti, si ricorreva ad effettuare una colletta tra la gente generosa, dando un aiuto non indifferente alla risoluzione del problema. In verità i medici che operavano nel paese facevano miracoli di bravura e di civiltà per venire incontro ai bisogni dei malcapitati, dando loro la possibilità di potersi sdebitare appena possibile, dimezzando la loro percella

86

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it e, in qualche caso, fornendo a titolo gratuito le medicine (campioni gratuiti). Si cercava con tutti i mezzi di non coinvolgere i bambini in quelle tragedie allontanandoli dalla famiglia e portandoli dai nonni o presso parenti, facendo il possibile per non creare traumi e brutti ricordi. Se in famiglia qualche figliolo aveva un'età da potersi difendere, quanto meno di potere discernere il bene dal male, allora veniva avviato al lavoro presso terzi, a fare il ragazzo di fatica (“lu garzuni”) presso persone facoltose, i più fortunati, oppure a guardare le pecore nelle campagne (“lu picurareddu”) e, nella peggiore delle ipotesi, a lavorare nelle miniere a trasportare sacchi di materiale sulle giovani spalle, dalle viscere della terra in superficie (“lu carriaturi”), su per una scala ripida che non finiva mai. Il ragazzo cresceva, diventando adulto, senza avere gustato le gioie della fanciullezza e della spensierata gioventù. “L'addevu travaglia, abbonè!” Sì, era poco quello che portava a casa ma era tanto di fronte alla miseria e ai bisogni: altri fratellini più piccoli da crescere, cibo sostanzioso per rimettere in forze l'ammalato, spesso a spese e sacrifici della madre e dei più grandi, che si sacrificavano lasciando qualche boccone in più a chi ne aveva necessità. Così iniziava a prendere forma un infernale vortice che si sapeva quando iniziava e non si sapeva quando finiva : “la cridenza”. Nelle botteghe, dal macellaio, in farmacia, dal lattaio, e in qualsiasi altro posto ove si comprava qualche sussistenza. Quando il decorso della malattia era di breve durata il problema delle difficoltà veniva superato presto, ma quando si presentava qualcosa di serio e la durata si protraeva per mesi allora erano grandi e tante le difficoltà che si presentavano fino al punto che anche le botteghe fornitrici si negavano di continuare a fare credito, con ancora più grandi difficoltà per la famiglia. La malcapitata madre, con figli in tenera età, si trovava in seri disagi a tal punto da decidere di cercarsi qualche lavoretto come serva, lavandaia, stiratrice, presso qualche famiglia facoltosa, cercando di portare a casa qualcosa che riusciva a guadagnare. Non era facile, anzi a volte tanto insidioso, ma quasi sempre l'amore e

87

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it l'attaccamento alla famiglia avevano il sopravvento, superando le insidie che le si paravano di fronte. La malattia era una seria difficoltà, forse la più grande che si potesse presentare durante la vita, una disgrazia che in tanti casi lasciava uno strascico molto lungo e difficoltoso per chiunque, ma più duro per un povero lavoratore senza risorse. Qualche volta si trasformava in un solco nero e profondo, incolmabile per qualsiasi sforzo umano; allora diventavano lutti e sofferenze per tutta la famiglia, specie per la povera vedova con sopra le spalle un fardello molto pesante da portare avanti. Solamente la maturità dei figli maschi e la loro autonomia riuscivano a portare un po‟ di serenità in quel focolare dandogli calore, conforto e tranquillità. Quando tutto era passato e si ritornava alla vita lavorativa, il capo famiglia non tralasciava nessuna fonte di guadagno; lavorava... lavorara... e lavorava, per pagare i debiti che si erano accumulati nei mesi della disgrazia, ringraziando il Creatore, i buoni di cuore, onorando la fiducia che gli altri avevano accordato a lui e alla sua famiglia.

88

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

89

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

90

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

La Virduredda (La verdura) L'alimento vegetale che la natura,da sempre, ha messo a disposizione dell'umanità per sostentarla e spesso curarla è certamente la verdura. Di facile reperimento, è costituita da foglie, fiori e radici, per lo più coltivati negli orti, ma molto abbondante anche in natura. La verdura, assieme alla frutta, oggi la possiamo trovare presso i numerosi banchi di vendita o presso i venditori ambulanti, che ce la forniscono in abbondanza e ce la portano fino a casa. E‟ ricchissima di vitamine, sali minerali, acqua, sostanze importanti ed indispensabili alla vita; l'organismo non è in grado di produrli da solo e pertanto devono essere assunti con gli alimenti. Dunque ruolo primario, per il fabbisogno di tali sostanze nutritive, spetta proprio alle verdure, sotto tutte le sue forme, alimento povero che la natura da sempre ha elargito e continua a farlo. Il ruolo importantissimo di tali erbe era noto anche ai nostri progenitori i quali hanno adoperato tale cibo fin dalla loro comparsa sulla terra e ne hanno intuito subito l'insostituibile ruolo nella loro alimentazione; ne hanno scoperto le proprietà nutritive e medicamentose e le hanno trasmesse ai loro posteri, tramandando anche la salvaguardia il rispetto per questo importante ed insostituibile dono. Anche nella nostra comunità la “virduredda” era tanto usata ed apprezzata; immancabile sulla tavola di ricchi e poveri come contorno, come terapia, ma il più delle volte come primo piatto amalgamandolo con qualche fetta di pane duro. Si poteva trovare nelle tante botteghe sparse per tutto il paese alle quali veniva fornita dai proprietari di giardini che, utilizzando acqua di pozzo o il passaggio nel proprio campo di qualche torrentello, coltivavano la verdura a questo preciso scopo, ma anche da diverse persone che della raccolta della verdura avevano fatto una piccola fonte di guadagno. Non era tanto facile trovarla nei campi circostanti al paese perché i passanti

91

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it la raccoglievano, per cui i cercatori dovevano recarsi in terre lontane e adatte alla crescita spontanea di tali erbe. Spesso uscivano di casa col buio, prima dell'alba per recarsi nei feudi ove la buona erba trovava il giusto ambiente particolarmente congeniale per i nutrimenti e la crescita. Giravano per un giorno intero chinandosi ed alzandosi in continuazione, tagliando alla base la pianticella già adulta e particolarmente piena di sostanze, utilizzando un coltello a serramanico; veniva deposta in un capiente sacco accomodato per l'occasione a mo‟ di sacca collocata a tracolla per avere l'utilizzo delle mani sempre a disposizione. Un giorno intero a camminare raccogliendo il buono che si trovava; ogni tanto qualche sorso d'acqua da un piccolo recipiente di terracotta. Verso mezzogiorno una sola piccola pausa per far riposare le gambe e masticare pochi bocconi di pane spesso sostituiti da qualche pugno di fave dure; a smorzare i morsi della fame spesso contribuiva la stessa verdura, trovata nei campi e adatta ad essere mangiata cruda, a mo‟ d'insalata, qualche frutto dimenticato su un albero, o qualche specie selvatica adatta ad essere utilizzata dall'uomo. Il raccoglitore era grande conoscitore di dette piante, conosceva il posto ove vivevano, le bontà che esse contenevano e garantivano agli acquirenti la non velenosità. Era usuale, da parte di tante persone affette da dolori lancinanti, dovuti a calcolosi renali, rivolgersi alla persona esperta, quale era il nostro, per acquistare “l‟erba spacca petri” oppure “l‟erba centu gruppa” adatta a frammentare i calcoli e a favorirne l‟espulsione; oppure “ciuri di ficu d'innia” per alleviare le irritazioni della vescica e dell'apparato urinario. Tantissime erano le erbe utilizzate per curare i malanni che affliggevano le persone, tutte buone ed efficaci, tutte garantite dall'esperienza dei nostri avi, tramandataci nei secoli. Tutte queste erbe erano conosciute e reperibili dai cercatori di verdure, che ci guadagnavano, ma anche da tante persone che non esercitavano tale ricerca per guadagno ma che la praticavano per scopi personali o per

92

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it favorire qualche conoscente. Il ricercatore tornava a casa ancora col buio, dopo il tramonto, portando sulle spalle uno anche due sacchi pieni di verdura ancora sporca di terra. A casa, aiutato dalla moglie e dai figli, una ad una pulivano le pianticelle togliendo le foglioline secche o inutilizzabili; se d'inverno la terra le sporcava particolarmente, le lavavano e le rendevano pulite alla vista in modo da presentarle accettabili a chi le comprava. Mettevano insieme una decina di piantine, secondo la grandezza che queste avevano, le legavano con fili di erba formando dei mazzetti, mettendo in evidenza la parte più bella. Dopo avere completato tale operazione, dividevano la quantità in due parti; una veniva portata alle botteghe dando ai commercianti la possibilità di guadagnare una piccola percentuale, l'altra metà veniva sistemata in canestri, “nta li cannistra”, o in ceste, “nta li panara”, e venduta per le strade del paese dai suoi figli (“l'addevi jvanu a vinniri la virdura strati strati”. “Haiu virduredda frisca... Cu voli virduraaaa?” “Cicuriedda bedda e tennira... Cu voli cicoooriaaa?” “Li finocchi haaaiu... Li finuccheeeddi di tiiimpa... Frischi friiischi” Le voci dei ragazzi si diffondevano per le strade annunciando alle persone la bontà della loro mercanzia. Le persone che non avevano la possibilità di potersi recare in campagna chiamavano il ragazzo e, sentito il prezzo, compravano la quantità che bastava per la zuppa serale o per preparare una buona e gustosa minestra. Quasi nessuno cercava di imbrogliare quei ragazzi, spesso analfabeti, che rispettosi ed ubbidienti bussavano alle porte degli acquirenti abituali e offrivano loro la merce. Non tutti compravano; chi ne aveva bisogno prendeva il necessario, attenti a non sciuparne o a spendere il denaro inutilmente; tutto era destinato al sostentamento della famiglia. Finito il giro, i ragazzi ritornavano a casa; con tanta gioia consegnavano nelle mani della mamma tutte le monetine, frutto dei grandi sacrifici di papà e del loro incessante gridare (“vanniari”) quasi a costringere le persone a

93

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it comprare la “virduredda”. Non sempre riuscivano a vendere tutti i mazzetti, allora ne regalavano ai vicini e agli amici. Per quella povera gente, che utilizzava la verdura per ricavare un guadagno, non era sempre facile trovarla. Tutte le stagioni offrivano all'uomo la possibilità di utilizzare i vari prodotti che crescevano spontanei nelle campagne, ma non tutte le stagioni consentivano alle persone di potersi recare nei vari posti per raccoglierli. Nei mesi invernali, da Novembre a Marzo, andare in campagna per qualsiasi ragione non era facile; le piogge iniziavano nel mese di Ottobre e, a intermittenza, finivano a Marzo. Erano piogge continue, copiose, che spesso duravano anche alcuni giorni con serie difficoltà per il normale svolgersi della vita quotidiana. I contadini erano impossibilitati a recarsi a seminare i campi; gli animali domestici, specie quelli utilizzati in agricoltura, se ne stavano nelle stalle, non potendo camminare nelle “trazzere” e nei campi. Qualche annata, non potendo seminare nel giusto tempo, NovembreDicembre, si protraeva la semina fino a Febbraio, utilizzando semi di grano tenero cosa questa non abituale al nostro tradizionale uso del grano duro. Erano inverni freddi e molto bagnati; nelle case i bracieri (“li brasciera”) e gli scaldini (“li tangini”) erano sempre pieni di brace ardente per riscaldare l'ambiente e le persone che vi abitavano. Ogni tanto faceva capolino dalle nubi un tiepido sole che non era sufficientemente caldo per asciugare tutta l'acqua caduta né, tantomeno, ad asciugare la superficie dei campi che in certi posti sembrava una palude, con grande pericolo per chi si avventurava a passarci. Nei viottoli e nelle “trazzere” era un continuo sgorgare di acqua, rigagnoli e fiumiciattoli scorrevano da tutte le parti; i torrenti ed i fiumi erano pieni, i loro guadi erano inutilizzabili e molto pericolosi.

94

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it L'inverno è particolarmente produttivo di verdura (“cicoria, gidi, cardedda, burranii, finucchedda, lassani”) ma avaro di possibilità lavoro, per cui il continuo bisogno costringeva le persone a rischiare, a mettere a repentaglio la propria salute (gente spesso già minata dalla bronchite o dall'artrosi) e recarsi nelle campagne muniti di una incerata (“la ‟ncirata”) e bene imbacuccati. Anche quando piovigginava andavano per le campagne in cerca di verdura, rischiando di restare impantanati, di scivolare in qualche burrone o torrente, o peggio ancora prendersi qualche serio infreddamento che si sarebbe trasformato certamente in una grave bronco polmonite. Ma continuavano a camminare, con in mano il loro immancabile coltello e gli scarponi pieni di terra, tanto pesanti da rendere difficoltoso il procedere; era meglio non fermarsi, per non fare raffreddare il corpo coperto da un leggero sudore che non dava fastidio durante il cammino ma che si sarebbe trasformato in un vestito di ghiaccio se si fossero fermati. Lo sforzo che si faceva in quei giorni era immane anche per chi era abituato a camminare tanto. Il misero ricavato spesso non bastava a sfamare la numerosa famiglia; allora si pregava il bottegaio di essere tollerante e generoso fornendo l'indispensabile al sostentamento della famiglia in attesa di tempi migliori e di migliori guadagni. In quei freddi e piovosi giorni invernali spesso erano le persone a commissionare della verdura: “quarchi troffa di cicuriedda ca arrifriscava lu stomacu; ‟na pocu di burranii ca fannu beni a la bussica”; quasi costringendo il pover‟uomo, appena il tempo smetteva un poco di “pisciari” a recarsi nelle campagne per raccoglierle; lo faceva spesso volentieri, per togliersi dall'inattività ed allontanarsi un po‟ dall'ambiente familiare, sempre preso da nuove esigenze. “La virduredda”: insignificante verde piantina che spesso viene calpestata con noncuranza, ignoranti della loro proprietà e di quanto benessere possa regalare all'uomo. La “virduredda”: umile creatura della terra che spontaneamente si offre a noi, senza nulla chiedere, senza nulla pretendere, se non quello di essere

95

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it utilizzata per rendersi utile ed assolvere, nel miglior modo possibile, al compito che la generosa Madre Natura le ha affidato.

96

Câ€&#x;era „na vota 2

Dâ€&#x;angelo Giovanni


www.villachincana.it

97

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

La Curdicedda (La cordicella) Ho sentito dire più volte che gli abitanti di Cianciana, prima che “surfarara”, erano soprannominati: “curdiciddara”. La consuetudine di utilizzare questo nomignolo è scaturito, certamente, da qualche azione, da qualche prodotto, da qualcosa che gli antichi abitanti del luogo erano soliti dire, fare, o produrre. Indicare o distinguere qualcuno col soprannome era cosa molto in uso nella nostra comunità. Il soprannome era spesso era originato da una particolare dote o da qualche difetto, da qualche azione o solamente dalla provenienza; un individuo poteva, quindi, essere soprannominato: “lu zoppu”, “lu tignusu”, “lu russu”, “ lu sciclitanu”, “sicchisacchi”; ma sull‟argomento torneremo in seguito. “Ciancianisi curdiciddara” era un nomignolo che certamente identificava gli abitanti di Cianciana; ma le sue origini? Visitando le terre circostanti il paese, tra le tante piante endogene che crescono spontanee un po‟ ovunque, fa bella mostra di sé una pianta molto antica, durevole e resistente alle variazioni climatiche; caldo, freddo, acqua, siccità, producono effetti che la nostra pianta sopporta molto bene e non arrecano alcun danno alla sua crescita: la palma nana o palma di San Pietro, le cui foglie , di forma palmata (chiamate in dialetto “giummarra”) trattate e lavorate in maniera particolare, venivano usate per la produzione artigianale di corde, scope, coffe, cappelli e contenitori di varia foggia e grandezza. In tempi ormai passati, gli antichi abitanti del nostro paese erano molto bravi nel lavorare la “giummarra” riuscendo a produrre cordame (“curdicedda”) molto resistente, facile all‟uso, molto leggera; risultava essere anche elegante nel suo aspetto a forma di cordoncino verde-giallo. Tante famiglie si dedicavano alla produzione di oggetti di “qrina” vendendoli e ricavandone un guadagno, spesso decisivo al sostentamento della famiglia.

98

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Alcune famiglie avevano scelto quell‟attività come lavoro principale per cui la fertile e creativa fantasia ciancianese subito accollava un nomignolo che distingueva quel ramo della famiglia dagli altri e nel contempo evidenziava, senza scanso di equivoci, l‟attività esercitata; di tale attività era noto il soprannome di “scupara”, tutt‟ora in uso per identificare certe persone. Dunque da quella insignificante ma utile piantina, le persone, utilizzando le loro conoscenze e la loro destrezza nel lavorarne le foglie, doti queste che erano state insegnate e tramandate dai padri, riuscivano a ricavare della cordicella, che oltre alle legature era necessaria per la produzione di funzionali ed eleganti scope, utilizzate da tutte le famiglie per spazzare i pavimenti e quant‟altro. Oltre le scope, prodotte in notevole quantità ed esportate, la “curdicedda” era essenziale per la produzione di contenitori, indispensabili in agricoltura come nelle faccende domestiche, quali: “li coffi, li zimmila, li borsi, li cannistri” e altri oggetti utilizzati correntemente. Molta di questa produzione veniva smerciata nel paese stesso, tant‟altra, a dorso di asini e di muli, veniva trasportata e messa in vendita in molteplici località, specie nelle fiere allestite in occasioni di solennità religiose o feste locali di certa importanza. Era tale, la destrezza dei ciancianesi nel lavorare la “giummarra”, che riuscivano a riprodurre anche indumenti quali giacchette e gambali, utilizzati principalmente dai pastori, numerosi nella collettività di allora; ventagli, leggeri ed eleganti, che servivano per ravvivare il fuoco o per produrre un po‟ di venticello molto gradevole nelle calde giornate d‟estate; elegantissimi e raffinati cappellini per le donne, meno raffinati ma molto funzionali per gli uomini che lavoravano giornate intere sotto i raggi cocenti del sole; utili e funzionali sotto pentole che si tenevano sempre vicino alla cucina (“la tannura”) per sovrapporvi la pentola calda una volta tolta dal fuoco; serviva anche, ed in maniera molto confortevole, a riempire il pianale delle sedie su cui si sedevano le persone; eccellenti stuoie su cui inginocchiarsi o sedersi secondo il tipo di lavoro che si faceva; “coffi” e “stirratuta”, contenitori robusti e molto utili, per il trasporto di terra o materiale solido; tappeti di raffinata eleganza utilizzati

99

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it per coprire il suolo di qualche camera priva di rivestimento, dato che non tutti potevano permettersi di adoperare i mattoni o il cemento (ancora non in uso); culle per neonati, utilizzate come amache adatte a cullare ed addormentare i piccoli; sotto-materassi per isolare dal suolo il giaciglio, molto in uso specie nelle tante famiglie numerose. L‟utilizzo della “giummarra” era diffusissimo nella nostra collettività dedita, prima della scoperta dello zolfo, all‟agricoltura ed alle attività artigianali. Tante materie prime, adesso d‟uso quotidiano, fino a mezzo secolo fa non esistevano, non erano state ancora scoperte o inventate; tutti gli oggetti, utili al vivere consueto della gente moderna, fino agli anni cinquanta erano costruiti per cui il necessario veniva realizzato con materiali naturali quali il legno, il ferro, l‟alluminio, la creta, il rame. Le radici di una popolazione sono legate, molto strettamente, con il tipo di lavoro che, in tempi tanto lontani, il luogo e le risorse delle zone circostanti alle loro abitazioni offrivano. Terra buona e ricca di nutrimenti, acque abbondanti e facili da reperire, clima buono e facilmente sopportabile, flora e fauna abbondanti, erano costituenti principali che spingevano una o più famiglie a popolare un luogo, dando origine ad una comunità. La comunità, che poi dette origine all‟attuale, trovò certamente tutto quanto necessitava alle povere esigenze di allora. Madre natura era prodiga nell‟elargire i suoi doni; gli abitanti di allora sapevano apprezzare quanto veniva loro regalato, utilizzando con intelligenza ed assennatezza tutto quanto la natura metteva a loro disposizione, dalla più nobile pianta fruttifera all‟umile e solitaria “giummarra”.

100

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

101

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

102

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Mastri e Manuvala (Maestri e Manovali) Il lavoro: attività che produce beni o servizi, tutelata dalla legge, svolta nell‟esercizio di un mestiere, di un‟arte, di una mansione prettamente manualistica in genere, che consente, a chi esercita, di potere guadagnare il necessario per soddisfare le esigenze della propria famiglia e consentire ad essa stessa di potere vivere ed assolvere il proprio ruolo, nella società, con decoro. L‟esercizio di un mestiere, di un‟arte, necessita di conoscenze, approfonditi studi e tanta esperienza. Il depositario di conoscenze, studi, esperienze, è stato da sempre il maestro, “lu mastru”, figura specializzata che da noi è stata, da sempre, rispettata e benvoluta. Ad aiutare la messa in opera del maestro era “lu manuvali”, operaio non qualificato addetto a lavori di fatica e alla preparazione, dietro suggerimenti del maestro, quanto necessario per la realizzazione dell‟opera intrapresa. Queste figure di operai, nel nostro comune, erano molto numerose; la maggior parte svolgevano la loro attività nelle miniere di zolfo; numerosi quelli che si occupavano dell‟agricoltura; altri operavano nell‟edilizia; altri, ancora, preferivano l‟artigianato. Era costume, e lo è tutt‟ora, che la mattina presto, prima di recarsi sul posto di lavoro, “mastri e manuvala” si riunissero nei pressi della torre dell‟orologio, “sutta lu raloggiu”, ove scambiavano idee, punti di vista, qualche suggerimento, (oggi per fare colazione o prendere il caffè, al bar; allora molti non facevano neanche la colazione a casa!); si assumeva qualche disoccupato (erano tanti!) se la quantità di lavoro lo richiedeva, si aspettava l‟orario, tutti assieme, per avviarsi ognuno al proprio posto di lavoro. Erano tantissime le persone che la mattina presto, attorno alle sei e mezza, sette,

103

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it si radunavano in quel posto di tradizionale e quotidiano incontro; occupati e disoccupati, gente in cerca di lavoro nei campi come nell‟edilizia, nella miniera come nell‟artigianato. Chi aveva bisogno di un operaio bastava che a quell‟ora si recasse sotto l‟orologio per trovare, sicuramente, l‟uomo adatto al suo fabbisogno; questi lavoratori occasionali stavano a piccoli gruppetti a chiacchierare, con la speranza che qualcuno li chiamasse, fino a tarda mattinata. Chi seduto sui gradini della scalinata, chi appoggiato agli angoli della via adiacente, stavano lì in attesa di qualcosa che poteva come non poteva arrivare. Erano a disposizione di chi aveva bisogno di manodopera, non importava il tipo di lavoro che si presentava, l‟importante era lavorare e guadagnare qualche soldo! Quasi tutti erano persone educate e servizievoli; a disposizione dei datori di lavoro anche per i bisogni di famiglia, come spaccare la legna per la cucina, recarsi al mulino per la molitura del frumento, andare in campagna per raccogliere “nna sacchina di virduredda”. Un bravo ed educato manovale restava col proprio maestro per molti anni, anche dieci e più, tanto da diventare egli stesso un discreto artefice fino a mettersi in proprio ed essere chiamato, col tempo, “mastru”. “Lu mastru” poteva essere un artigiano, un artefice provetto, esecutore già affermato, con propri clienti che ne seguivano i consigli, specie nella esecuzione delle opere richieste. Era tenuto in considerazione dalla collettività e rispettato. Con la parola “mastru” si voleva evidenziare la bravura, la maestria, l‟alto grado di preparazione che s‟era raggiunto nella professione che si esercitava. Erano bravi mastri tanti artigiani come il falegname, il sarto, il fabbro ferraio, il calzolaio, il muratore. Non erano tanti, anzi i buoni mastri erano qualche decina, gli ottimi molto pochi. “Lu mastru muraturi”.

104

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Un buon maestro doveva avere conoscenza della matematica, della geometria in particolare, sapere usare gli strumenti di lavoro nel modo giusto, avere, principalmente, il senso della proporzione, del bello, del rendere oggettivo tutto ciò che scaturiva dalla sua mente soggettiva; buon conoscitore degli ordini architettonici e saperli mettere in opera all‟occorrenza. Tutto questo o buona parte di questo doveva essere la carta d‟identità del muratore che doveva esercitare il suo mestiere in una società ove l‟alto grado di analfabetismo non consentiva di seguire certe messe in opera, per cui tutto veniva affidato alla preparazione, alla serietà, alla lealtà, all‟onestà, dell‟esecutore: “lu mastru!” L‟ottimo maestro doveva essere anche un buon insegnante; avere la capacità di trasmettere agli altri il proprio sapere, le proprie esperienze, in maniera tale che il discepolo potesse, un domani, essere egli stesso un buon esecutore, un buon maestro. Questo avveniva verso i tanti manovali che si alternavano ad aiutarlo. Tanti bravi lavoratori esercitavano tale ruolo, ma pochi quelli che erano attratti dall‟arte e avevano la tendenza all‟apprendimento. Al giovane che dimostrava di avere una particolare attrazione per la muratura, veniva dedicato un particolare interesse, “lu mastru” indirizzava la sua vocazione insegnandogli le nozioni basilari della conoscenza e, man mano che passava il tempo, dandogli da realizzare prima qualcosa di semplice per poi passare a qualcosa di più complesso. Tutto ciò succedeva negli anni e sempre sotto l‟occhio vigile del maestro che interveniva all‟occorrenza, con portamento paziente ma fermo di chi sa e deve insegnare in maniera corretta e duratura, senza oppressione né abuso. Nella nostra collettività “lu mastru” era rispettato ed ascoltato; i suoi consigli erano cercati, apprezzati, eseguiti; il datore di lavoro doveva solamente illustrare ciò che voleva realizzare, la scelta dei materiali, il modo e la maniera di come fabbricare ed eseguire erano compito del maestro muratore. Questi passava serate intere al tavolo di lavoro a fare calcoli per realizzare una scala di accesso al piano superiore avendo a disposizione poco spazio e

105

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it per lasciare alle esigenze della famiglia la maggior superficie possibile; oppure come e dove impiantare il palanchino per sollevare grossi pesi utili per la realizzazione dell‟opera che si voleva fabbricare. Una delle famiglie che esercitavano il mestiere di “mastru muraturi” è stata la famiglia D‟Angelo, presente nella società ciancianese, certamente, fin dal ‟700. Per più di quattro secoli, la famiglia D‟Angelo, ha contribuito alla crescita e all‟espansione del paese in maniera molto ragguardevole. Infatti questa numerosa e laboriosa famiglia ha scelto di dedicarsi all‟attività edile dando i natali a numerosi buoni mastri e a diversi capi-mastri che con la loro preparazione e conoscenza hanno lasciato nella nostra collettività un segno, della loro presenza, profondo e duraturo nel tempo. Molte abitazioni di tutti i ceti sociali presenti nel tessuto locale, molte opere pubbliche, molte realizzazioni artigianali e di industria solfifera sono state realizzate dai bravi mastri della famiglia D‟Angelo; tante sono state distrutte dalle esigenze della società moderna, altre sono tutt‟ora esistenti, qualcuna vanto ed emblema della città di Cianciana. I “mastri” erano indispensabili alla società, i manovali erano insostituibili; uomini che si dedicavano e si adattavano a qualsiasi tipo di lavoro, servendosi di pochi e poveri strumenti e della tanta conoscenza ed esperienza tramandata loro dai predecessori che prima avevano esercitato il mestiere di “mastru muraturi”.

106

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

107

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

108

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

L’armi santi di lu Priatoriu (Le anime sante del purgatorio) Parecchie volte ho cercato di fare notare la grande religiosità che il popolo ciancianese aveva; tutto ciò che durante la giornata, di positivo o negativo, accadeva, veniva attribuito “a la vuluntà di Diu”. Nel posto di lavoro, in piazza, per le strade, in casa, in ogni luogo, per esprimere uno stato d‟animo, una preoccupazione, un dolore, una gioia, il pensiero subito veniva rivolto a Dio, alla Madonna, ai Santi. La fede occupava una grande parte della natura del ciancianese, un importante segmento della cultura che i loro padri avevano, con l‟esempio e l‟insegnamento, inculcato, molto profondamente, nell‟essere, nella coscienza dell‟individuo. La fede, il riconoscere che su questa terra siamo tutti di passaggio e nessuno è nato per fare la propria volontà, ma quella del Supremo, li teneva continuamente in comunione con Dio e con coloro che, per Sua volontà, non erano più presenti su questa terra. A questi, ai cari defunti, era dedicata una parte importante della loro religiosità, secondo gli insegnamenti ricevuti. I luoghi di culto, ove le persone si recavano per adorare, pregare, ringraziare, chiedere, contattare il Sommo, erano diversi: quattro chiese cattoliche romane, ove si recava la quasi totalità dei credenti e una chiesa evangelica pentecostale, ove si riuniva, per rendere grazie a Dio, una piccola minoranza di fedeli. Non erano presenti altri credi religiosi; qualche non credente era presente nella comunità, ma più per convenienza che per convinzione. Non soltanto nei luoghi di preghiera si ricordava e si rendeva onore ai cari defunti, anche nei momenti della giornata spesso si dedicava loro un pensiero, una preghiera. Il momento collettivo più sublime, in cui il pensiero e le azioni quotidiane erano dedicati totalmente ai defunti, “lu jornu di li murticeddi”(il giorno dei morti) si celebrava con umiltà, dolore e preghiere.

109

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Tutto il paese in quell‟occasione si recava al cimitero a portare qualche fiore o candela, o stearina (lumina), assieme alle immancabili preghiere di suffragio; solamente le donne in stretto lutto erano esonerate dal recarsi al cimitero, dato che la tradizione non consentiva loro di uscire di casa prima dei tre mesi. “Chi mi murì lu cani?” erano solite rispondere quando qualcuno chiedeva loro se fossero andate al cimitero per una visitina ai morti. La fede ed il rispetto verso i cari defunti, che il solo pensiero che il loro riposo eterno potesse essere condizionato da qualche espiazione da fare prima della totale visione della Luce eterna, era tanta e tale da portarli a costruire un luogo di preghiera dedicato esclusivamente alla redenzione delle anime in pena ed in attesa di espiazione: la chiesa del Purgatorio, “Lu Priatoriu”, piccola chiesa di una sola navata, situata all‟incrocio tra la via Montuoro e la salita Regina Elena, proprio a fianco della Torre dell‟orologio. Ai lati interni presenta sei nicchie, tre a destra e tre a sinistra, ove i nostri avi, spinti dalla loro incrollabile fede, avevano collocato dei simulacri da onorare e venerare in diverse ricorrenze. La chiesa del Purgatorio, per volontà dei ciancianesi, è stata consacrata “all‟Armi Santi di lu Priatoriu”, per la dottrina cattolica, luogo e condizione in cui le anime dei morti senza peccati mortali e che non abbiano scontati tutti i peccati veniali, si trovano in stato di grazia, soffrendo pene per la loro espiazione prima di ascendere al paradiso. La chiesetta era sempre aperta, tenuta pulita ed efficiente, a disposizione dei fedeli, sempre sensibili a recitare una preghiera in suffragio delle anime dei defunti. All‟esterno, sopra il portone d‟entrata, in una grande sfera contornata da una cornice di gesso bianco, erano disegnati i tre regni dell‟aldilà, con maggiore evidenza quello dell‟espiazione nel quale le figure tendevano la mano verso il Padre che, con infinita munificenza, li accoglieva nel suo regno. Vi si celebrava la messa molto spesso ed era sempre piena di persone, specie anziani di entrambi i sessi; le messe erano celebrate esclusivamente in

110

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it suffragio delle anime dei morti e vi partecipavano i committenti con parenti, amici e vicini di casa. Vi regnava l‟umiltà, la fratellanza, la preghiera, perché era costume che di fronte alla morte tutto venisse cancellato e perdonato: “a la morti scumparinu detti e difetti”. Il giorno di tutti i Santi e l‟indomani, commemorazione di tutti i defunti, la chiesa del Purgatorio era un luogo di continuo pellegrinaggio; non tutte le persone potevano recarsi al cimitero: gli anziani, per esempio, impossibilitati a fare quella lunga camminata, le donne in stato di lutto, le persone che avevano riverenza del posto e non vi si recavano volentieri, portavano lumini e candele in chiesa; qui venivano collocati in terra, dentro l‟abside, ben ordinate in maniera che non potessero arrecare danno alcuno; a tale scopo c‟era una vecchietta sempre lì vicino che, inginocchiata, ordinava in continuazione le decine e decine di lumini da una parte e le candele dall‟altra, incollandole a terra con qualche goccia di cera fatta scorrere appositamente. Il santo rosario veniva recitato in continuazione; persone che stavano mezze giornate a pregare snocciolando l‟inseparabile “cruna”. Chi entrava, chi usciva, i soliti onnipresenti ragazzi che schiamazzavano nel piccolo spiazzale antistante la chiesa, rincorrendosi e giocando; inutili erano gli sforzi del sacrista e di tante altre persone, che cercavano di convincerli a non fare baldoria perché quel giorno era speciale “pi li nostri murticeddi”. La mattina verso le ore undici, ultimata la S. Messa, dal Purgatorio partiva una pia processione con in testa il prete; un chierichetto portava una croce e a fianco di questa sfilavano le monache orsoline; tanta gente seguiva la processione recitando il rosario, incamminandosi in direzione del cimitero. Lungo il tragitto, che attraversava molte strade del paese, tante persone si univano alla processione ingrossandola. Un centinaio di metri prima del cimitero si udivano grida di afflizione delle persone che avevano perso di recente i propri cari; grida commoventi, che divenivano strazianti alla vista di quelle povere donne che, tutte vestite di nero, stavano dinanzi alla tomba a commemorare le bontà del caro estinto ad alta voce, con una cantilena che coinvolgeva anche i più scettici a sentimenti

111

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it di pietà Le grida si facevamo più forti man mano che ci si avvicinava al cimitero, per raggiungere l‟apice una volta entrati dentro. Il parroco, arrivato vicino all‟ossario, celebrava la S. Messa in suffragio delle anime dei defunti, alla quale partecipavano, oltre le persone che erano giunte con la processione, quasi tutte quelle che già si trovavano sul posto. La sera, alle diciannove,veniva celebrata un‟altra Messa, al Purgatorio, seguita ed ascoltata, in grande umiltà e devozione, da decine di persone. L‟odore tipico “di li ciuri di li morti” e della cera delle candele, riempiva la chiesa ed arrivava a profumare anche il circondario. Erano odori gradevoli, profumi che fin da piccoli eravamo abituati a sentire proprio in quel periodo e che ci avrebbero accompagnato per sempre. Capitava e tutt‟ora capita che, al sentire nell‟aria il tipico odore dei crisantemi, la mente subito lo associ “a li ciuri di li morti!” “Lu Priatoriu” era luogo di preghiera, esclusivamente ad essa consacrato, per chiedere all‟Onnipotente attenzione particolare verso i cari trapassati, al fine di poter riposare nella pace eterna, dopo le penose e dolorose prove sostenute durante la loro vita terrena. Il livello di considerazione in cui i nostri avi tenevano “l‟armi santi di lu Priatoriu” era tale da indurli a costruire e poi dedicare loro una chiesa; non solamente averla costruita e dedicata, ma utilizzata, usata in continuazione, quale mezzo, strumento unico e solo in grado di avvicinare le anime dei loro defunti alla grazia di Dio e pregarLo fino al raggiungimento del sommo fine: il Paradiso. Sicuramente migliaia e migliaia di brave persone hanno raggiunto il loro scopo, con la preghiera, la perseveranza, la fede, sapendo che anche i loro successori, da loro bene educati con l‟esempio, avrebbero continuato la strada della redenzione delle anime in pena, per mezzo delle liturgie che si sarebbero celebrate nella chiesa dedicata “all‟Armi Santi di lui Priatoriu!”

112

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

113

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

114

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Li Vampi di Santa Lucia (I falò di Santa Lucia) Il tredici Dicembre di ogni anno si celebra la festa di Santa Lucia, protettrice della vista e degli occhi. Una volta la ricorrenza di Santa Lucia coincideva col giorno più corto dell‟anno. Accendere i falò (o le candele, come in Scandinavia) significava prolungare per qualche ora la durata della luce, simbolo universale della vita. La tradizione popolare vuole ricordare questa vergine martire, oltre che con le solenni funzioni religiose, con “li vampi”, cioè con grossi falò che si accendono per le strade, a ricordo del modo con cui morì la Martire: arsa viva e, durante il martirio, privata degli occhi. E' antichissima tradizione della nostra gente, molto devota alla Santa Martire, preparare lo spettacolare e folcloristico avvenimento allestendo il falò, da accendere la sera precedente la festività, due tre giorni prima della ricorrenza. A tale preparazione partecipava tutta la popolazione portando nei luoghi predeterminati fasci di legna e combustibile di qualsiasi genere. Ad ogni incrocio, tra quattro strade (“a la cantunera”), veniva innalzato una grossa catasta di legna; ogni famiglia residente nelle strade che s'intersecavano portava dei piccoli o grandi fascetti di legna di qualsiasi genere purchè in condizioni di ardere, secondo le possibilità che ognuno aveva nel reperire tali fascine. C'erano famiglie che, non avendo la possibilità di potersi recare nelle campagne a raccogliere la legna, la compravano presso agricoltori, avvezzi a tale lavoro; ne possedevano grandi quantità nella loro case adibite a pagliaio, legna da ardere che utilizzavano per cucinare le vivande in famiglia e ne facevano anche occasione di commercio alla circostanza. Altri contribuivano al falò servendosi dei propri ragazzi che si recavano nelle campagne a raccogliere fasci di “canneddi”, (piccole canne di natura spontanea).

115

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Chi più, chi meno, tutti contribuivano a rendere grande e brillante “la vampa di Santa Lucia”. Ogni anno era una gara tra confluenze stradali e tra quartieri a chi faceva la “vampa” più grande; ragazzi più cresciuti ed avvezzi a recarsi nelle periferie del paese, andavano nelle campagne in cerca di rami secchi da portare, trascinandoli, fino alla catasta di loro appartenenza. Non sempre riuscivano a trovare legna secca; gli imprudenti si spingevano fino a spezzare interi rami di alberi di ulivi, mandorli, carrubi, o altro, con grande rischio di essere visti dai proprietari con conseguenze non indifferenti, per allora; tutte le famiglie utilizzavano la legna per cucinare e riscaldarsi; i contadini non lasciavano mai alberi o rami secchi abbandonati; li tagliavano e li sistemavano in piccoli e maneggevoli fasci che portavano nelle loro case per essere utilizzati da loro stessi oppure per venderli a chi ne faceva richiesta. Nei falò venivano accumulati anche oggetti vecchi di qualsiasi genere: sedie, banchi, piccoli contenitori; roba messa da parte durante l‟anno dalle mamme di famiglia, sempre pronte ed assuefatte all'usanza di non buttare nulla; tutto col tempo poteva essere utile: “pò abbisugnari!”. I falò che si preparavano nel paese erano decine e decine, e la sera antecedente il giorno della commemorazione, appena finiti i vespri solenni in onore della Santa, al suono delle campane della chiesa del Carmelo, una persona addetta alla gestione della “vampa” dava fuoco alla legna. Le fiamme, alimentate all‟inizio da paglia secca e facilmente infiammabile, incominciavano ad alzarsi verso il cielo con schioppettii tali da sembrare un mini-gioco pirotecnico; i ragazzi vocianti giravano attorno al rogo facendo molta attenzione a non scottarsi con le fiamme che si spostavano in continuazione, specie se in presenza di vento. I ragazzi più grandi, con gesti rapidi e coraggiosi, ributtavano in mezzo alle fiamme i rami che man mano andavano cadendo dalla pira, che ormai ardeva in maniera spettacolare. I ragazzini correvano attorno alla grande fiamma gridando: “viva santa Lucia cà n‟hamm‟a mangiari la cuccìa!” (frumento lesso a cui si aggiungeva dello zucchero o del miele per renderlo dolce e piacevole).

116

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Gli uomini stavano a guardare attorno alla “vampa” con accanto i loro cari, moglie, madre, figli; i piccolini si stringevano alle gambe dei genitori e le bambine si tenevano strette alle gonne delle mamme; tutti emanavano dai loro visi, anche accaldati dal tanto calore che si sprigionava dal falò, gioia e fiducia; qualcuno col rosario in mano innalzava al cielo una preghiera chiedendo, certamente, a santa Lucia “di guardari la vista di l‟occhi”. I ragazzi, correndo, andavano a controllare l‟intensità delle altre “vampe”; “chidda cchiù granni jè! L‟atra cchiossà adduma… chidda di lu Carminu stà finennu d‟addumari…”. Le notizie si trasmettevano tra cantoni e tra rioni con una impressionante velocità; anche se non c‟erano i telefoni c‟erano certamente decine di coppie di snelle e robuste gambe di ragazzi che correvano di qua e di là come puledri imbizzarriti. Col tempo la vampa cominciava a perdere di consistenza e le fiamme andavano perdendo la loro vivacità; allora un paio di giovanotti, muniti di lunghi e robusti bastoni, mettevano sotto-sopra il cumulo di fuoco provocando, con quel mescolamento continuo e frequente, una colonna di scintille miste a fiamme che salivano verso l‟alto dando uno spettacolo molto suggestivo. Due o tre volte questa manovra e tutta la struttura perdeva la sua consistenza riducendosi ad un cumulo di tizzoni misti a cenere destinati alla totale estinzione. Allora era il turno di decine di persone che, munite di palette, prendevano il fuoco collocandolo nei loro bracieri e nei loro scaldini; si sarebbero riscaldati e con loro anche gli ambienti in cui venivano collocati i contenitori. Pian piano ognuno ritornava nelle proprie case a mangiare “la cuccìa”. Mangiare “la cuccìa”, il giorno di Santa Lucia, è una tradizione tipica siciliana che affonda le sue radici nella storia secolare di una terra sempre oggetto di conquista, ma mai vinta. La Sicilia stava attraversando un periodo di seria carestia; le campagne assetate non producevano, gli alberi seccavano, i fiumi mostravano i loro letti asciutti e pieni di crepe. I siciliani sopravvivevano a stento.

117

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Se nelle campagne non si rideva, nelle città si piangeva; una di queste, Palermo, era ormai allo stremo. Le promesse di inviare dei viveri, da parte dei popoli amici, non mancavano ma al porto non arrivava nessuno. Il popolo chiedeva cibo; ormai si sfiorava la ribellione, la guerra. Una mattina, il giorno di Santa Lucia, dal porto, ove le persone che aspettavano avevano perso ormai ogni speranza, un coro di voci annunciò l‟arrivo di diverse navi. I palermitani si riversarono al porto dove, a vele spiegate e sospinte da una leggera brezza, delle navi si facevano sempre più vicine; erano cariche di buon grano. Distribuito il frumento, le persone corsero alle loro case. La fame era tanta e tale che la gente ne mangiò a pugni, crudo. Ai vecchi e ai bambini, considerando che molire, impastare e cuocere la farina, per fare del buon pane, avrebbe richiesto molto tempo, ben pensarono di trovare una via più breve per rendere il duro grano accessibile a tutti e placare, così, i morsi della fame: cuocerlo! Quel giorno, dedicato alla Vergine Martire, protettrice degli occhi, non fu dimenticato, anzi, si diffuse in tutta l‟isola, in ricordo del miracoloso arrivo di quel cibo, l‟usanza, divenuta oggi tradizione che il popolo siciliano ogni anno celebra, di mangiare del grano duro semplicemente bollito: “la cuccìa”. Quel cumulo di fuoco e cenere era ormai alla mercé dei soliti ragazzi che, ancora non stanchi del loro trottare, tiravano sassi e quant‟altro capitasse loro fra le mani. Altri, approfittando del restringimento del diametro del falò, provavano a saltarlo da una parte all‟altra, rischiando anche qualche bruciatura, ma felici e soddisfatti di mettersi in evidenza. Le strade, che prima brulicavano di vocii e vitalità, erano ormai deserte; restavano solamente quei mucchi di cenere a testimoniare che anche quell‟anno la gente ciancianese era stata fedele alla tradizione che gli avi le avevano consegnata, con il loro esempio, con i loro insegnamenti, con la loro fede nella Vergine Siracusana.

118

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

119

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

120

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Lu Carruzzinu (Il Calesse) Lo spostarsi da un posto all‟altro è stato da sempre una necessità di cui l‟uomo non ha potuto mai fare a meno. Il camminare in posizione eretta è uno tra i primi apprendimenti che ha consentito alla razza umana di ergersi quale essere superiore a confronto delle altre creature terrestri. Il bisogno di portare con sé il necessario quali cibo, vestiario, arnesi e quant‟altro indispensabile per la sopravvivenza, ha stimolato l‟ingegno fino a portarlo ad utilizzare altre creature forti e resistenti, ma di razze inferiori. L‟invenzione della ruota, poi, ha completato l‟opera permettendo all‟uomo di spostarsi più agevolmente e senza sforzi. Nasce così il carro, mezzo di trasporto usato quotidianamente; grezzo e capiente per il trasporto di cose, agile ed elegantemente rifinito per le persone. Nei secoli molte sono state le forme e gli appellativi dati al mezzo di trasporto: biga, quadriga, carro, carretta,carrozza, carrozzella, calesse; tutti col fine ltimo di trasportare, nel miglior modo possibile, il suo creatore: l‟uomo. Agli inizi dei miei ricordi i più numerosi mezzi di trasporto nella nostra comunità erano i carretti, sempre tirati da un quadrupede, destinati principalmente al trasporto delle masserizie; in diverse occasioni venivano usate anche per il trasporto delle persone, prevalentemente per recarsi al posto di lavoro; raramente verso qualche località vicina, per altre ragioni. Il nostro paese era fornito di una carrozza di servizio, destinata al trasporto delle persone che dovevano recarsi alla stazione per prendere il treno (la stazione si trovava a due chilometri di distanza); poteva portare più persone, fino a sei, oltre i bagagli che venivano collocati sopra il tettuccio e nella parte posteriore, sopra appositi sostegni. Tanti andavano a piedi, diversi utilizzavano la carrozza.

121

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Altre persone, benestanti e possessori di beni terrieri di considerevole consistenza, medici, ingegneri, per i loro spostamenti e per compiere il loro lavoro utilizzavano “lu carruzzinu”. Agile e snello, poteva trasportare fino a tre persone sedute comodamente sul sedile rivolto verso il davanti. Rivestito con materiale di pelle, il calesse poteva essere manovrato negli spostamenti interni, anche senza cavallo, da una sola persona; sul sedile erano posti dei cuscini di velluto colorato, imbottiti di morbida lana, che consentivano ai passeggeri di sedersi comodamente; sul davanti, di fronte al sedile, una lunga ed elegante elevazione della stessa lunghezza della poltroncina, consentiva una comoda e rilassante posizione dei piedi; due grandi, snelle ed eleganti ruote, ai lati, mettevano bene in evidenza una serie di armoniosi raggi tenuti insieme da un lucido mozzo, che terminava verso l‟esterno con un bullone rotondeggiante; all‟esterno della ruota, a dar forza ed eleganza alla struttura, due lucentissimi cerchi di ferro, sempre pronti a far schizzare lontano tutta la ghiaia che andava a finirci sotto al loro passaggio; due lunghissime aste uscivano da sotto il calesse e, alla loro estremità, facevano bella mostra di sé due eleganti rivestimenti di ottone lucentissimo ai cui lati sporgevano due grossi anelli che fungevano da guida per le lunghe redini; l‟abitacolo era sempre scoperto, per consentite all‟aria di accarezzare il viso del conducente, ma, in caso di pioggia, veniva alzato un elegante tettuccio di pelle incerata, sufficiente a riparare i passeggeri dalla pioggia. Il tutto era elegantissimo, aggraziato e agile, oggi si direbbe scolpito dal vento; era il frutto di fervide e geniali menti, assieme a secoli di esperienze. Tirato sempre da un lucido cavallo il cui fiero portamento era frutto di lunghi mesi di addestramento e pazienza; assuefare quell‟animale, per natura dedito alla corsa libera, a stare tra due stanghe e tirare il calesse, era sicuramente una sofferenza, un sacrificio per l‟istruttore e per la povera bestia. Circondato da una indispensabile ma sicura bardatura, il quadrupede tirava il calesse con eleganza, docile ai comandi del conducente; questi teneva tra le mani due lunghe redini che arrivavano ai morsi dell‟animale.

122

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Avvezzo a ricevere i comandi tramite piccoli strattoni provocati dal guidatore, l‟animale procedeva con sicurezza girando e fermandosi come se il tutto dipendesse dalla sua volontà. Ciop…ciop…ciop… il caratteristico rumore degli zoccoli del cavallo al trotto, accompagnato dal cigolio caratteristico del ferro delle ruote sul selciato, era sufficiente ad annunciare l‟arrivo di un calesse, con sopra sempre l‟impettito proprietario che, tenendo in mano le redini, conduceva il calesse impartendo ordini al cavallo con dei piccoli movimenti delle braccia. “Assabinidica…”, “baciu li mani…”, “serbu sò…” si udiva mentre la gente accennava un inchino togliendosi la “coppula” al passaggio “di lu carruzzinu di lu…”. Quasi sempre un piccolo movimento della mano era la risposta. Spesso, lungo il suo cammino, si trovava dinanzi umili carretti carichi di “diverse cose”, tirati da umili muli, spesso con qualche piaghetta, al posto dove strofinavano le vecchie cinghie, su cui posavano immancabili fastidiose mosche; il nobile cavallo, avvezzo a tali scene, con agile scarto li superava e continuava il suo nobile cammino lasciando dietro se una nuvoletta di polvere che scompariva pian piano, man mano “lu carruzzinu” s‟allontanava.

123

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

124

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

125

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Lu Zzitaggiu (Il fidanzamento) Il matrimonio è stato sa sempre considerato una tappa fondamentale della vita dell‟uomo che nella sua discendenza vede la continuazione di sé, della sua famiglia e della specie umana. A differenza di oggi, il matrimonio veniva quasi sempre organizzato dai genitori che, con molta accuratezza, valutavano l‟altra parte; da dove venisse, quale possibile dote potesse portare, quale aiuto poteva dare la famiglia in caso di bisogno, al fine di garantire una certa sicurezza sociale e tranquillità alla futura famiglia. Nella stragrande maggioranza, la decisione era presa dai ragazzi i cui sguardi incrociandosi mettevano in moto quel qualcosa che li spingeva a riguardarsi, sempre più insistentemente, fino a diventare interesse e poi amore. Non potevano fare diversamente: potevano parlarsi solamente con lo sguardo; le occasioni di vedersi non erano molto frequenti, dato che le ragazze stavano quasi sempre in casa ad accudire ai bisogni della famiglia e costantemente in compagnia della madre; qualche volta in chiesa, in occasione di qualche festività o di qualche funerale. Era altrettanto normale che fossero i genitori a scegliere per il proprio figlio che, ubbidiente, acconsentiva alla scelta. Nell‟una o nell‟altra decisione erano sempre i ragazzi, “li picciotti”, ad essere l‟oggetto di tutto l‟interesse che vedeva impegnate due famiglie intere.Prima di prendere contatto con la famiglia della ragazza, che poteva dare parere sfavorevole, con conseguenze negative all‟immagine del figliolo, veniva incaricato qualche amico confidente di prendere contatto col padre e vedere che cosa ne pensava circa l‟eventuale unione dei due ragazzi. Per il ruolo di confidente spesso si ricorreva al parroco, confidente e conoscitore rispettato e riverito, in continuo contatto con le persone; praticamente conosceva quasi tutti, specialmente quelli che frequentavano la sua parrocchia.

126

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Se il tentativo andava a vuoto tutto finiva li, senza divulgare l‟accaduto; se la famiglia della ragazza, invece, si dimostrava interessata al giovane ed alla sua famiglia, incominciavano i preparativi per il fidanzamento ufficiale. Generalmente, per ufficializzare un fidanzamento, si sceglieva la vigilia di un festa importante, per avere l‟opportunità di rendere noto alla comunità l‟accaduto. Subito si invitavano parenti ed amici ad intervenire alla richiesta di fidanzamento, in casa della ragazza, “la cumparizioni”; mentre ognuno degli intervenuti portava un regalino da donare ai ragazzi, ai genitori del giovanotto spettava l‟onere di portare un grande mazzo di rose rosse da regalare alla ragazza e assieme ad un regalo importante, secondo le possibilità della famiglia. Per diverse settimane, in attesa del giorno fatidico, le due famiglie erano in continuo fermento: “li robbi novi”, “li scarpi”, “la cammisa”, “la cravatta”, “lu vistitu”, tutto era un preparativo, una continua ricerca. In casa della ragazza c‟era anche il dovere di provvedere all‟intrattenimento: i dolci, il vino, i liquori da offrire agli ospiti e, cosa importante, anche alla musica, per permettere agli invitati e ai futuri fidanzati di ballare. Quasi sempre i dolci si preparavano in famiglia, tutte le brave donne ne erano capaci; il necessario per bere si comprava; alla musica si provedeva con un fonografo posto sul tavolo cui era addetto un componente della famiglia. Altro problema da risolvere riguardava le sedie; siccome non si poteva disporre di molte sedie, si provvedeva a sistemare delle tavole, quelle dei letti, su due sedie poste alle estremità, consentendo, così, agli invitati di avere più posti a disposizione per sedersi; se queste non bastavano si andava dai vicini a chiedere in prestito altre sedie. Al problema dello spazio non ci si badava affatto, “la casa capi quantu voli lu patruni” si diceva sempre, infatti, quell‟umile casa avrebbe ospitato tutti quelli che il padrone avesse invitato: le donne, come costume, stavano comodamente sedute in casa mentre gli uomini erano soliti passare il tempo sparpagliati qua e là, chi in una stanza, chi nel pianerottolo delle scale, chi davanti alla porta a chiacchierare allegramente.

127

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Dopo giorni di frenetici preparativi, finalmente, arrivava il giorno stabilito. Il ragazzo, nel suo impeccabile vestito scuro, con un grande mazzo di rose rosse davanti, assieme ai genitori, iniziava il cammino verso la casa della ragazza, seguito dalla sempre numerosa parentela in abito d‟occasione. I ragazzini correvano avanti ad avvisare, con il loro allegro vocio, che la famiglia del fidanzato stava arrivando. Al loro passaggio le persone si affacciavano alle finestre e si congratulavano col ragazzo che, confuso e rosso in viso, procedeva accanto ai suoi genitori. Finalmente si imbocca la strada dove abita la ragazza, anche qui si avverte un‟atmosfera di gaiezza e continuo fermento: chi entra, chi esce, i ragazzini delle due fazioni fanno subito comunella incominciando correre e gridare. Col mazzo di fiori in mano, il ragazzo entra e lo offre, sotto il vigile sguardo dei genitori di lei, alla giovinetta il cui viso, istantaneamente, diventa paonazzo e, con naturalezza, volge lo sguardo verso terra. Uno scrosciare di applausi riempiva la stanza mentre tutti i presenti porgevano le loro congratulazioni ai novelli fidanzati e, in maniera particolare, ai genitori. Per quella sera stavano seduti accanto, ma quasi senza toccarsi, sotto lo sguardo attento di tutti; per quella sera e in avvenire sarebbero stati al centro dell‟attenzione. Tenendo in mano un vassoio di dolci un parente della ragazza, “la zzita”, passava davanti alle persone invitandole a prenderne qualcuno: “Pigliati… Pigliati!”; ne offriva a tutti; ogni tanto, per non dire spesso, qualche piccola manina compariva dal nulla, catturava qualche dolcetto e fuggiva via, velocemente, sotto lo sguardo divertito dei presenti che accompagnavano l‟innocente gesto con frasi tipo: “ ch‟è spertu l‟addevu !”. Alle persone che offrivano i dolcetti ne seguitavano altre che avevano in una mano un piccolo vassoio con tanti bicchierini e nell‟altra una bottiglia di vermut; riempivano i bicchierini man mano che si svuotavano e ne offrivano continuamente ai presenti. Intanto il fonografo diffondeva le note di una mazurca, spingendo i giovanotti presenti ad invitare le ragazze a ballare; queste accettavano di

128

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it buon grado, non prima, però, di aver chiesto con lo sguardo il permesso al padre, che quasi sempre acconsentiva. Spesso si vedevano dei ragazzi non facente parte della famiglia partecipare ai festeggiamenti, approfittando dell‟occasione per invitare qualche ragazza a ballare e riuscire a parlarci, cosa tanto difficile e rara per quel tempo; erano quasi sempre ragazzi amici e conoscenti bene accetti ai presenti. La festicciola in famiglia continuava fino a tarda sera, con i fidanzati, sempre al centro dell‟attenzione, che prendevano confidenza. Dopo l‟ufficialità del fidanzamento, il ragazzo andava ogni sera a sedersi in casa della fidanzata; seduti vicini, sotto lo sguardo vigile dei parenti, in particolare della mamma, trascorrevano delle serate tutte uguali; niente baci, giusto qualcuno rubato di nascosto, qualche tocco di mani, cosette ingenue e sincere. La Domenica, o solo in occasione di qualche proiezione cinematografica importante a sfondo religioso, il fidanzato prendeva l‟iniziativa di portare tutti al cinema; si programmava l‟evento almeno tre o quattro giorni prima, cercando di convincere il futuro suocero, sempre geloso e restio ad uscire di casa, ostacolo insormontabile a qualche piccola licenza che i ragazzi volevano prendersi. Messi tutti d‟accordo, due ore prima dell‟inizio della proiezione, le due famiglie si riunivano in casa della fidanzata; tutti in ghingheri si incamminavano in direzione del cinema. Come sempre accadeva che i bambini corressero avanti, fragorosamente, seguiti dai fidanzati, fianco a fianco e non a braccetto, ai lati le rispettive madri; in seconda fila fratelli e sorelle, divisi rigorosamente: prima le ragazze, un poco distante i ragazzi, i due genitori a fianco, chiacchierando allegramente, tenevano quasi indifferentemente le due famiglie sotto controllo. Al loro passaggio, l‟attenzione generale convergeva su di loro, osservando curiosamente dove l‟allegra schiera di persone si dirigesse. Andare al cinema, per il fidanzato, era un costo non indifferente, ma quel giorno era speciale perché stava dimostrando a tutti, in particolare al futuro suocero, che aveva la capacità di guadagnare, di spendere, di offrire, di

129

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it essere già uomo. Andando avanti con questo senso di orgogliosa maturità, il fidanzato cercava in tutte le occasioni di toccare e accarezzare la ragazza che dimostrava di gradire tali iniziative; a frenare l‟audacia del ragazzo, la voce ferma, anche se scherzosa, della suocera, che si sentiva appena quando pronunciava: “Attia, sta‟ attentu… pianu pianu… pacenzia, pacenzia, giovanottu…” – “lassali jiri, lassali jiri…”, faceva eco la voce della mamma del ragazzo, “tutti fummu picciotti, tutti di ddocu passammu”. Arrivati al cinema, “lu zzitu” si recava alla cassa ed ordinava dieci, dodici biglietti, mentre tutti gli altri incominciavano ad entrare nella sala. Un‟intera fila di sedie veniva occupata dalle famiglie, riunite per l‟occasione, con l‟immancabile curiosità di chi stava a guardare. Iniziava la proiezione… ottima e forse unica occasione per unire due giovani tremanti mani che da tanto tempo, ansimanti, si erano cercate.

130

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

131

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

132

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Lu salutu (Il saluto) Il saluto: rivolgersi a qualcuno che si incontra o da cui ci si accomiata con parole o cenni esprimenti deferenza, ossequio, rispetto, amicizia, utilizzando la mano, la testa, un sorriso, un inchino, togliendosi il cappello o qualsivoglia copricapo, dicendo “buongiorno”, sventolando il fazzoletto o il cappello. Decine sono i modi che l‟uomo utilizza per indirizzare verso il proprio simile un segale di cortesia, di benevolenza, di cordialità, di simpatia, di considerazione, di stima. Questo modo di contatto, di reciprocità, è stato, certamente, il primo sistema, il più naturale che l‟uomo ha utilizzato per stare in pace e senza naturali litigi col proprio simile. Da ragazzo ascoltavo con molta attenzione e curiosità questo modo di indirizzare a qualcuno il proprio saluto, la propria premura; stavo a rimuginare sul loro significato e sull‟effetto che avrebbe potuto fare sul destinatario. Il saluto che allettava di più il mio modo di vedere di ragazzo era “assabbinidica”. In questa semplice parola riuscivo a vedere tanti propositi. “Salutammu”, “assabbinidica”, “baciu li mani”, “serbu so”, saluti che a prima vista sembrerebbero solamente atti di sottomissine, di vassallaggio, un segnale di arresa all‟altro senza condizioni di sorta; invece, dal mio attento esame delle parole, accompagnate ai gesti (per il siciliano spesso i gesti sono più eloquenti del linguaggio stesso) che in contemporanea si facevano, indirizzati all‟altra persona, penso che lo scopo principale fosse quello di porgere un cenno di rispetto verso chi era più anziano o rappresentava un‟autorità costituita, una maniera facile di non inimicarsi il proprio simile e con lui vivere in pace, a costo di pagare un prezzo nella scala della società.

133

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Il tutto aveva un‟origine remota, di subalternità, certamente, una sottomissione forzata voluta dai tempi, dal potere costituito, dalle leggi allora vigenti, dal vivere in una comunità. Il saluto era considerato il risultato di una buona educazione impartita col rigore e con l‟esempio. Guai al giovane che dimenticava di salutare il nonno o lo zio; rimproveri al ragazzo che non ossequiava il Signor Sindaco, il professionista, il possidente datore di lavoro; richiami al ragazzo che, distratto magari dal gioco o da altre faccende, non salutava l‟anziano vicino di casa o amico di famiglia; l‟adulto si sentiva non degno di riverenza e, di conseguenza, si sentiva in dovere di segnalare al padre la circostanza in cui il figlio non aveva salutato o aveva mancato di rispetto; di seguito il genitore era tenuto a sgridare il figlio ricordandogli di non sbagliare più, in futuro, dato che ne veniva intaccata la buona immagine della famiglia e del padre in prima persona. Indirizzare un saluto verso una persona era una dimostrazione di deferenza e di stima verso il destinatario, nel contempo si dava dimostrazione di serietà, di educazione, di disciplina, di onorabilità della famiglia di appartenenza. Si salutava un anziano con l‟espressione “Assabbinidica”, si sentiva rispondere “Santu” seguito da un sorriso. Era il massimo che un giovane si potesse aspettare in risposta ; in quel “Santu” c‟era dell‟affezione, della benevolenza mista ad una speranza di benedizione divina; quella parolina breve ma tanto significativa, era carica di gentilezza, di un‟effusione quasi divina che si sperava il Supremo potesse indirizzare verso il giovane o nei riguardi di chi aveva salutato. Arrivava molto gradevolmente alle orecchie e all‟attenzione di chi lo riceveva, quasi a protezione, a sicura ancora di appiglio in caso di bisogno futuro. Da ragazzi si andava sempre a giocare in strada con gli amici; corse sfrenate e giochi semplici che ci tenevano occupati per ore; durante quelle scorribande non era raro incontrare per la strada il proprio insegnante che si recava in qualche posto.

134

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Era una buona occasione per dimostrargli il rispetto e con questo cercare di accattivarsi la sua benevolenza, fatto questo che avrebbe potuto avere incidenza nella valutazione del profitto scolastico. “Assabbinidica, professù!” Si girava, sempre correndo, per la strada sottostante con il preciso scopo di risalutare il maestro che certamente sarebbe passato di là. Erano queste azioni spontanee, anche se avevano qualche innocente scopo, che arrecavano soddisfazione a chi le attuava e piacere a chi le riceveva; azioni intese a riconoscere la superiorità del maestro e la necessità, da parte del ragazzo, di sentirsi protetto, data la sempre presente insicurezza quando si trovava di fronte ad adulti. Era il tempo in cui nelle scuole si incominciava ad insegnare ai ragazzi di salutare con “buongiorno”, “buonasera”, “arrivederci”, “ciao”; il tempo in cui si incominciava a far capire ai ragazzi di coltivare la libertà e la libera scelta individuale, incominciando a sciogliere i lacci che lo legavano ad un passato di sottomissione e di servilismo. Non più “assabbinidica, professù” ma “buongiorno, professore”, usare con correttezza la lingua italiana accanto al caro dialetto siciliano; il tempo in cui i ragazzi incominciavano ad uscire fuori dal paese, ove sono stati relegati per secoli, sottomessi totalmente alla famiglia, cogliendo il tempo dello studio delle scienze e delle lettere che, per forza maggiore, si dovevano frequentare in altri paesi più o meno lontani. La novità ha sempre attirato a sé la fervida fantasia del giovane, desideroso di capire, di rinnovarsi, di conoscere nuove figure. E‟ stato questo il periodo dell‟avanzata di masse di ragazzi e ragazze in direzione della conoscenza e della novità, portandoli a partorire la grande rivoluzione sociale degli anni sessanta e settanta. Le scuole di tutti gli ordini e gradi, le università, le strade, sono state i naturali laboratori di un cambiamento lento ma inarrestabile, coinvolgendo anche la nostra piccola realtà paesana, che, pur innestando sul vecchio tronco il nuovo virgulto che veniva crescendo molto robusto, non ha dimenticato del tutto la radice madre che l‟ha tenuta e la tiene fissata profondamente alla sua terra.

135

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Oggi quel piccolo innesto è diventato adulto; il modo di portare rispetto è cambiato; nel cenno di saluto non più riverenza e stima ma, semplicemente, una maniera fievole di attenzione, quasi un cenno a dimostrare che “ti vitti”, ti ho visto. Certamente non tutto ciò che luccica è oro, così come tutte le persone non hanno recepito questa nuova maniera di salutare allo stesso modo; tanti si sono adattati per non rimanere indietro, tagliati fuori dalla società instabile e mutevole; salutano alla maniera dei giovani con indifferenza ed un certo distacco, uniformandosi alle esigenze quotidiane. Sono certo, però, che appena hanno davanti una persona anziana da salutare sprigionano tutto il loro istinto represso, in stato di lento sopore, con voce forte, accompagnandosi con un lento e significativo cenno della testa, salutano ancora: “assabbinidica,Zzì !”.

136

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

137

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

138

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Lu Primu d’Aprili (Il Primo di Aprile) Portare a casa il necessario per sostentare la propria famiglia è stato da sempre la ragione prima che ha spinto l‟uomo a cercare un onesto lavoro a costo di tantissimi sacrifici. La ricerca spasmodica di un‟occupazione, di un onesto guadagno, occupava la maggior parte dei pensieri giornalieri di un buon padre di famiglia; il lavoro occupava almeno dieci ore della sua giornata, spesso con sforzi e sacrifici non indifferenti, che lo costringevano, una volta ritornato a casa la sera, ad essere tanto stanco da avere un atteggiamento serio, silenzioso, burbero. I momenti di innocente spensieratezza e di allegria erano pochi, ma quei pochi erano sinceri e genuini, come la propria indole. Oltre i giorni dedicati alle feste comandate in cui si trovava un poco di riposo, di spensieratezza, assieme alla famiglia, un giorno particolare era dedicato, per tradizione, allo scherzo, al prendere in giro il prossimo, al passatempo genuino: era il giorno del 1° di Aprile. Questo giorno era dedicato agli scherzi, a far credere agli altri quello che non era, a prendere in giro gli amici, i parenti, i conoscenti; spesso si preparava qualche giorno prima con molta cura ed attenzione. I più grandi avvisavano i più piccoli di stare attenti a non cadere nella rete di qualche buontempone sempre pronto e preparato ad imbrogliare gli ingenui. Sovente erano i più anziani, quelli a cui si portava rispetto e reverenza, a preparare qualche serio e credibile scherzo “pì vinniri lu pisci d‟Aprili a li babbi!”. Seduto davanti la propria porta con una grossa e vistosa benda bianca arrotolata ad un piede, “lu Zzi Ciccu” stava lì a far riposare il povero piede ammalato; serio, col viso un po‟ sofferente, teneva il piede malconcio poggiato su un‟altra sedia sistemata davanti a lui ed in maniera che il piede sofferente potesse stare in posizione comoda, ma principalmente in bella vista.

139

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Benestante proprietario, sempre disponibile a venire incontro agli altri, ossequiato e rispettato, se ne stava lì seduto intento a pulire la sua vecchia e “arraddamata” pipa, a cui era tanto affezionato e di cui non si separava mai; con la punta di un coltello a serramanico cercava di scrostare il fornelletto dell‟amata pipa lasciando cadere a terra piccoli pezzetti di cenere nera e di sgradevole odore. Quella operazione sembrava non finisse mai come la sua pazienza e la grande attenzione che ci metteva. Era lì comodo in attesa che qualche allocco abboccasse alla sua trappola; lui sapeva che prima o dopo tante persone sarebbero passate da quella strada e… Ormai tutti conoscevano la debolezza di lu Zzi Ciccu, dato che ogni anno dedicava quel giorno a prendere in giro la gente. I vicini di casa, per primi, gli si avvicinavano: “Zzi Cì, chi avi? Cci fa mali lu pedi? Comu fu?” Cessava per un poco di pulire la pipa, alzava gli occhi verso l‟interlocutore o interlocutrice e, con mezzo sorriso sulle labbra: “Ah, stu pedi mi duna fastidiu… forsi la gutta… ma quarchi cosa cc‟è…forsi …lu pisci d‟Aprili!” “Nni mmruglià, nni mmruglià comu sempiri, lu Zzi Ciccu!” e passavano avanti ridendo. Di questi scherzi se ne facevano a centinaia; piccoli e grandi, quel giorno, si dedicavano a “vinniri pisci d‟Aprili!” Chi si legava un dito, chi metteva una benda, chi un braccio al collo, chi zoppicava, tantissime persone onoravano quel giorno dedicato, tradizionalmente, a vendere il pesce d‟Aprile. Tantissimi altri, specie tra i ragazzini, il pesce lo vendevano tramite semplici frasi: “Lu sa a ccu vitti antura?”… “A ccu?”… “A lu pisci d‟Aprili!”; “Emunì, cci veni cu mia?”… “ùnni?”… “Nta lu pisci d‟Aprili!”. Frasi semplici ma sempre efficaci che costringevano l‟interlocutore a rispondere, con piena soddisfazione dell‟interrogante che aveva venduto il pesce d‟Aprile.

140

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Tanta gente, non avvezza ad uscire spesso per le strade, quel giorno, si faceva una passeggiatina in piazza o andava a trovare amici e parenti, o presso la bottega del calzolaio o del sarto, con lo scopo ben preciso di “vinniri un pisci d‟Aprili”. Sovente s‟incontrava qualcuno più preparato o più allenato e conoscitore di tantissimi trucchi atti a ribaltare lo scopo da raggiungere; in quei casi si dava inizio ad un colloquio che sembrava non avesse fine, fino a che uno dei due non si tradiva ricevendo in risposta la solita frase: “Lu pisci d‟Aprili!” Ma non soltanto con frasi o atteggiamenti ingenui o senza arrecare pesanti stati d‟animo, si vendevano gli scherzi; certe volte lo scherzo era tanto grave da provocare liti e serie conseguenze. “Pèeeh… acchiana a lu paisi ca tò muglieri si senti mali…” una voce amica si sentiva aleggiare nell‟aria in direzione di qualcuno che stava lavorando nei campi. L‟uomo lasciava la zappa o lo strumento di lavoro e col cuore in gola si dirigeva di corsa verso casa; ansimante e col cuore che batteva forte arrivava a destinazione e trovava la moglie seduta comoda al tavolo intenta a preparare la minestra per la sera. Un lungo sospiro, una stizza, una riflessione e… “mi mmrugliaru!” Ma non sempre finiva così; a volte si andava a cercare il tizio che aveva chiamato e… ingiurie a non finire, quando non era lite. Poi c‟erano gli scherzi dei ragazzi più grandicelli che ritagliato da un pezzo di stoffa nera la figura di un pesce, la immergevano nel gesso e la scagliavano con forza sugli abiti, per lo più sempre scuri, della gente, recuperando la stoffa tramite un lungo filo legato al polso. Sulla schiena del malcapitato si stampava un bel pesce bianco che attirava l‟attenzione dei passanti provocando qualche risata e spesso la rabbia delle persone che si trovavano un bel disegno addosso senza volerlo. La sera, come ogni sera, i ragazzi si ritrovavano seduti su qualche gradinata, si scambiavano le esperienze fatte durante la giornata mettendo, orgogliosamente, al corrente gli amici di quanti pesci d‟aprile avevano venduto, sottolineando i nomi specie se di persone in vista nel paese.

141

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Se si poteva, non si graziava nessuno; infatti non era raro vedere sul vestito nero dell‟arciprete uno o due pescioni bianchi che sembrava sorridessero come i ragazzi autori dello scherzo, che seguivano la persona fino a quando qualcuno si avvicinava al prete e con il palmo della mano puliva il vestito. Il primo di Aprile era anche un‟importante occasione per mandare un messaggio d‟amore alle ragazze. Già fin dal giorno precedente le ragazze da fidanzato stavano in attesa che passasse il portalettere per far sì che un‟eventuale lettera potesse essere presa da loro stesse. La mamma vedeva e sapeva, ma faceva finta di non curarsene, intenta com‟era ad accudire le faccende di casa. Era tradizione che, in occasione del primo di Aprile, facendolo apparire come scherzo d‟Aprile, l‟innamorato inviasse, tramite posta e senza mittente, una letterina all‟innamorata, (innamorati con gli occhi o tramite qualche parolina scambiata furtivamente in qualche occasione o per mezzo di una comune amica, visto che non era permesso, specie alle ragazze, essere avvicinate, tanto meno avvicinare, i ragazzi). Stavano mattinate intere in attesa che passasse il postino; da dietro la finestra sbirciavano furtivamente in strada, chiedevano alla vicina di casa “Zzà Ciccì, passà la posta?” e trepidanti aspettavano fino a quando… Non davano il tempo di bussare alla porta, già erano pronte a ricevere la tanto attesa letterina senza mittente e in odore di “pisci d‟Aprili”. Appartatasi, con mani nervose e con una grande ansia, apriva la letterina e… Nel mezzo era disegnato un bel pesce tutto colorato; attorno al disegno tante piccole e belle frasi comunicavano la trepidazione del mittente innamorato; erano frasi semplici, senza secondi fini o doppi sensi; dichiaravano un amore ardente o un bene infinito: “stu pisci è beddu ma no comu te, si ssì sperta abbisa cu jè!” “jornu e notti pensu sempri a tija… e tu mi pensi a mija?” “la luna jè bianca lu celu jè blu, ogni notti un dormu cchiù!” Frasi semplici, frasi belle, che facevano da cornice a quel pesce con gli occhi spiritati; letterine che venivano lette tantissime volte durante la giornata da sole e in compagnia delle amichette confidenti, tra risolini e

142

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it commenti, per sparire in un attimo se nella stanza entrava la mamma o tanto più il papà o un fratello. Venivano conservate gelosamente e lette ogni momento di libertà; se qualche volta, per puro caso, arrivava tra le mani della mamma era certamente un rimprovero e qualche ceffone, ma se arrivava nelle mani del padre… erano guai seri che terminavano spesso con punizioni, pianti e, infine, col rivelare il nome del ragazzo innamorato. Momenti di sana spensieratezza, tra seri problemi di bisogni e di sopravvivenza, in una società ove i valori di solidarietà, di altruismo, di fratellanza, di generosità, di prossimo erano la regola e non l‟eccezione.

143

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

144

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

145

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

La ’Ngiuria (Il soprannome) Più volte ho avuto occasione di mettere in evidenza la grande quantità di persone che abitavano il nostro paese; quasi due migliaia di famiglie, per lo più composte da almeno quattro persone, formavano la nostra comunità. Tantissime venivano dai paesi viciniori, e non solo, attratti dal lavoro nelle zolfare e dalle nostre belle ragazze che, notoriamente, prosperavano e gareggiavano con le altre non solamente per la loro prestanza fisica ma anche per la loro preparazione nell‟accudire la casa e la famiglia. Si sistemavano facilmente e col tempo mettevano su famiglia scegliendo, senza tanti ripensamenti, di far parte dell‟accogliente e sempre disponibile collettivo ciancianese. Molte erano le famiglie numerose che, rispettando la secolare tradizione, mettevano ai loro figli i nomi dei padri, dei nonni, degli zii e perfino dei fratelli, innescando una situazione tale che nella stessa famiglia si presentavano cinque o sei persone con lo stesso nome e spesso con lo stesso cognome; per distinguere gli uni dagli altri si ricorreva a frasi di comodo come “Ciccu di Peppi” oppure “Peppi di Ninu” dando così, in maniera naturale e senza malignità, inizio ai numerosi nomignoli. Non so per certo se questa necessità di distinzione delle persone nella stessa famiglia abbia dato origine a qualche soprannome, ma certamente può essere stato un buon motivo. Da necessità di distinzione a “‟ngiuria” il passo è stato breve, con intenzione bonaria e non offensiva, la “‟ngiuria” prese piede e cominciò a circolare in maniera tale che spesso se non si usava il soprannome non si riusciva a capire a quale persona ci si riferisse. Appellativo scherzoso, ironico, o anche malevolo, secondo l‟intenzione di chi lo usava e in che maniera veniva usato, imposto ad una persona per distinguerne o sottolinearne certe caratteristiche relative all‟aspetto fisico, alle qualità ed alle attitudini, al luogo di nascita o di provenienza, usato tanto

146

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it da sostituirsi, specie in certi ambienti, al vero nome e cognome di un soggetto. Il posto di lavoro, la piazza, il conversare amichevolmente, erano occasioni in cui era necessario comunicare agli altri notizie e conoscenze che implicavano il riferimento di persone e di fatti; spesso non era semplice distinguere, nella stessa famiglia, un persona da un‟altra, allora si ricorreva al nomignolo, breve e sicura strada che conduceva all‟individuazione della persona voluta. Centinaia erano i soprannomi che circolavano nella nostra collettività, forse un migliaio, tanti scherzosi altri meno, anzi inventati apposta per colpire l‟individuo nel suo intimo sentimento. Molti, in verità, accettavano la “‟ngiuria” di buon grado ed erano loro stessi nelle presentazioni ad aggiungere dopo il nome e cognome “‟ntisu…”, in maniera tale che non potesse essere confuso con altri omonimi. Tanti altri, invece, non sopportavano essere chiamati col nomignolo reagendo spesso con atteggiamenti adirati e rissosi; diverse liti venivano innescate proprio dalla pronuncia del soprannome che, a seconda della sua origine, provocava nel soggetto rabbia e reazione spingendo il destinatario a delle sconsiderate reazioni che sfociavano in risse, spesso serie con epilogo litigioso, che coinvolgevano le famiglie per diverso tempo. Ancora oggi molti di quei nomignoli sussistono; vengono usati regolarmente, come allora, per individuare o distinguere una persona o una famiglia, qualche volta anche per offendere o provocare qualche reazione, ma non più con l‟intensità e l‟intenzione di allora. Oggi tantissimi di quei soprannomi, che hanno visto la loro origine provenire anche da fatti che hanno dato adito a racconti e storielle spiritose, sono scomparsi anche dal ricordo collettivo. Tanti sono scomparsi per travolgente selezione naturale, tantissimi altri perché il bisogno di sopravvivenza delle persone, che ha visto il naturale sfocio nella prima e nella seconda grande emigrazione, ha costretto centinaia di intere famiglie ad emigrare in terre lontane, ove hanno trovato lavoro e benessere, portando con loro tanti dolori, tanti ricordi, infinite speranze e

147

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it anche la loro “‟ngiuria”, contribuendo ad eliminare, così, dalla memoria storica ciancianese il loro nomignolo. “Li Giorgi”, “la Nzunza”, “li Cicuriedda”, “li Gioia”, “ li Hholli”, “Lu Mutu”, questi alcuni nomignoli che sentivo nominare continuamente e che ora mi ritornano alla mente; neanche la traccia per alcuni, qualche flebile ricordo, giusto dai sessantenni, per tanti altri. “La ngiuria”, “lu suprannomu”, “lu peccu”, aggiunti al proprio cognome per meglio individuare la persona, quasi un rafforzativo per stabilire in maniera sicura l‟individuo in questione tra migliaia di altri. Alcune di queste “‟ngiurii” erano effettivamente offensive. Qualcuno la riceveva in “eredità”, per altri derivavano da difetti fisici, tic, mestieri, atteggiamenti, abitudini, azioni, occasioni particolari, erano nomignoli patronimici o matronimici e si appiccicavano addosso alle persone per sempre: “du‟ testi, tiracutedda, cularinu, lu palermitanu, lu zoppu, lu tammurinaru, lu sceccu, l‟angilami, naschilordi, tila di casa, mezza lira, lu dutturinu, lu pipì, piscia uglioli, lu lannaru”. Questi epiteti col passare del tempo sono scomparsi e continuano a scomparire, quasi non si sentisse più il bisogno di individuare una persona in maniera certa; la gente mostra una paurosa indifferenza verso il tradizionale, il vecchio, quasi si vergogna di tutto ciò che ha fatto parte della cultura dei loro padri, dei loro avi, radici che hanno dato origine alla loro. La frenetica corsa verso un flebile ed effimero benessere, verso una meta che si allontana man mano che si fa qualche passo avanti, espelle sempre di più le persone dai valori su cui è prosperata la nostra società; le famiglie riducono la loro consistenza in ragione di un mero ed inconsistente benessere che sembra arrivare ma che non arriva; si disgregano, si allontanano tra di loro, dalla presa cementizia che le ha tenute assieme fin dalla notte dei tempi, che le ha protette dall‟attacco dei sempre presenti nemici, che le ha supportate nei tanti momenti del bisogno. Questi elementi aggreganti oggi sembrano sgretolarsi, dissolversi, portandosi con loro lo stesso concetto di solidarietà, di fratellanza, di spirito di corpo, di famiglia.

148

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Questo dissolvimento trascina con sé tutto ciò che incontra, inglobando nell‟oblio anche gli epiteti, i soprannomi, i nomignoli, “li ‟ngiurii”, ingenui, spesso maligni insulti che hanno aiutato la gente all‟individuazione di altre persone.

149

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

150

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

La Cruci di Rocca (La croce di pietra) Nella parte sud del paese sorge la chiesa di S. Antonio con annesso il grande edificio adibito, a suo tempo, ad abitazione per i frati francescani minori. Alla chiesa si accede tramite un grande portone centrale che gode di una locazione ideale ed eccellente; guarda verso ovest e gode dei benefici che la natura dona generosamente a chi ha la fortuna di sedersi un poco a guardare verso quella direzione. Un gradevole e benefico venticello salsedinoso arriva da dove tramonta il sole portando con sè fragranti odori che le decine di colture spontanee spandono nell‟aria delle grandi estensioni di terre che finiscono presso le spiagge del mare africano. Voci, diverse e di diverso tono, aleggiano nell‟aria quasi a salutare e ringraziare il giorno che lentamente, molto lentamente ma inesorabilmente, cerca di strappare alle tenebre incipienti ancora qualche attimo di luce. Lo guardo si allieta di sinuose colline di vari colori e forme che stimolano la fantasia ad immaginare scenari misteriosi di altri tempi. Le finestre, delle spartane celle dei frati, collocate nella parte superiore dell‟edificio, sembrano dialogare quotidianamente col maestoso ed incontaminato panorama antistante, depositari di segreti, di pene, di gioie, che la povera gente dei campi affronta giornalmente durante la dura giornata di lavoro. In fondo, là, molto in fondo, quasi a miscelarsi con l‟azzurro del mare, le purpuree tinte del tramonto partoriscono colori indescrivibili, quasi a voler mitigare le stanchezze dell‟umanità. Costruito per volontà della nobile famiglia Joppolo attorno al 1670, la chiesa del Convento era una risposta al considerevole incremento della popolazione ed alla necessità di stare a contatto con Dio, in considerazione che la Chiesa Madre era ubicata ad una certa distanza. Sul lato destro della chiesa del Convento, dedicata dalla nobile famiglia al “Santo Taumaturgo Antonio Patavino”, per cui chiesa di Sant‟Antonio, è

151

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it stata eretta una grande croce di pietra arenaria poggiata su un alto e massiccio basamento della stessa pietra. Maestosa, a fianco dell‟antistante spiazzale rustico di terra battuta, testimoniava al pellegrino il luogo sacro ove, all‟occorrenza, si poteva trovare un giaciglio per la notte ed un pezzo di pane con una scodella di zuppa calda. Si raccontava che sotto quella croce di “rocca” si fosse riposato Santo Rocco, assieme al suo inseparabile cane, durante un passaggio dal nostro paese nel suo instancabile predicare. Tantissime altre figure e personaggi hanno trovato riposo e refrigerio all‟ombra della “cruci di rocca”; uno per tutti “fra‟ Antuninu”, monaco protagonista del romanzo di Alessio Di Giovanni “Lu Saracinu”, caratteristico e misterioso abitante del convento. “La cruci di rocca”era lì, maestosa, a ricordare alle centinaia di contadini che andavano e venivano dai feudi, vicini e lontani, che la vita ci è stata donata e dobbiamo ringraziare il donante ed a Lui rivolgere il pensiero. Era lì a protezione di chi ad essa dava e rivolgeva l‟attenzione, a chi nella gioia e nel dolore aveva qualcosa da chiedere o da ringraziare. Si diceva che avesse qualche particolarità nel mitigare il dolore delle creature, in particolare degli animali, retaggio questo che veniva da quella riposante sosta fatta dal Pellegrino e il suo fedele animale. Nel paese quasi la metà del lavoro si svolgeva nei campi; l‟utilizzo delle bestie nei lavori campestri era indispensabile; muli, cavalli, asini, buoi, per trasportare, per tirare, materiali e persone, carri e pesi di qualsiasi foggia, le bestie erano allevate e trattate con diligenza ed interesse. Spessissimo una mula o un asino poteva essere la principale fonte di guadagno per una famiglia, un capitale che nessuno voleva si ammalasse, perdesse valore o capacità lavorativa. Centinaia gli animali da soma che venivano utilizzati in agricoltura ed a cui si doveva provvedere a dar da mangiare.

152

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Il fieno, la paglia, le fave, l‟orzo, quant‟altro era necessario al sostentamento degli animali era sempre lì a portata di mano; non tutti, a volte, potevano permettersi di dare del fieno e dell‟orzo in abbondanza, per cui appena arrivati nei campi si era soliti “‟mpasturari” l‟animale e lasciarlo libero di gironzolare e mangiare dell‟erba che cresceva spontanea. L‟animale lo faceva di buon grado; approfittava della falsa illusione di libertà per strofinarsi per terra e liberarsi dei parassiti che, specie nel periodo estivo, lo infestavano. Si riempiva la pancia d‟erba, non curandosi che fra le varie specie che crescevano in natura ci potesse essere qualche piantina non adatta alla sua digestione. Il proprietario stava attento a che tra l‟erba buona non ci fosse qualche pianta cattiva… ma ogni tanto capitava. Normalmente e per istinto la bestia conosceva l‟erba da non mangiare ma capitava che qualche boccone andasse a finire nel suo capiente stomaco. Nel giro di pochi minuti i risultati si mettevano in evidenza; l‟animale si sdraiava per terra e incominciava a lamentarsi. Difficile a descriversi e altrettanto a immaginarsi, se non si è stati testimoni, il lamento che emetteva l‟animale: pietoso, straziante, penetrante, gli occhi sbarrati guardavano gli astanti quasi a chiedere aiuto; si rotolava su se stesso come volesse rimuovere dallo stomaco quel dolore che lo martoriava. Il proprietario, spesso assistito dalla moglie e dai figli, gli stava a fianco e metteva panni inzuppati di acqua calda sullo stomaco per accelerare la digestione; i ragazzi accarezzavano il muscoloso collo dell‟animale e lo toccavano sulle cosce; l‟animale pareva capire tutte quelle attenzioni e se ne stava sdraiato per terra fiducioso che il suo padrone avrebbe fatto certamente qualcosa per aiutarlo a superare quei momenti dolorosi. Il veterinario, chiamato a costo di considerevoli sforzi finanziari, faceva quello che poteva ma “oramà lu malu era „n circulu” e doveva passare col tempo. Dopo ventiquattro ore di penosa assistenza il proprietario decideva che solamente una cosa avrebbe potuto arrecare benessere a tranquillità al suo amato animale: “la Cruci di rocca!”.

153

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Non senza sforzi, con grande pazienza e parole suadenti il padrone preoccupato cercava di fare alzare da terra l‟animale che se ne stava sdraiato come se quella posizione alleviasse un poco gli atroci dolori che lo attanagliavano. “Dai, bedda mia, susiti ca ti portu unni ti passa ssu duluri… susiti… fa un sforzu... accussì, brava, accussì…!” mentre il proprietario persuadeva la povera bestia ad alzarsi, tirandola per le briglie, questa, quasi a capire che il padrone voleva aiutarla ed era nel suo interesse alzarsi, con le gambe tremolanti e malferme, molto lentamente, si alzava. “Si susì…si susì…!”, in coro i bimbi, accarezzando sempre il collo dell‟animale che sembrava accettare di buon grado tutte quelle carezze e attenzioni, “si susì!!!”. Malferma sulle possenti gambe e preceduta dal suo amato padrone, che la tirava con le briglie in mano, la bestia usciva dalla stalla e, insieme, s‟incamminavano in direzione di “lu Cummentu”. Scrupolosamente da soli, senza dare spettacolo e con grande umiltà, animale e padrone andavano; ogni tanto la mano dell‟uomo accarezzava l‟animale quasi a volerlo rassicurare che di lì a poco qualcosa di bello avrebbe dato sollievo all‟animale. Gli parlava sottovoce con tono familiare e lusinghevole, il tutto accompagnato da qualche pacca sul collo che la bestia pareva accettare di buon grado. Lungo la strada non parlava con nessuno; anche se incontrava qualche conoscente, gli occhi dell‟uomo erano rivolti verso terra ed il suo atteggiamento mite lo escludeva dalla società; esistevano solamente “lu so armaleddu e…la Cruci di Rocca”. Certamente nel suo andare qualcuno conosceva l‟amico che tirava le redini dell‟animale, ma non lo disturbava, si sapeva in paese, specie tra i contadini, che quella persona era alle prese con una disgrazia di avvelenamento che aveva colpito il suo animale. Ecco finalmente apparire l‟oggetto di tanta fiducia, di tanta speranza. L‟uomo precedeva la bestia guidandola attorno alla croce a formare un cerchio perfetto; per ben tre volte si percorrevano quegli immaginari cerchi

154

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it concentrici in senso orario, con al centro la croce; altre tre volte si percorrevano in senso inverso, antiorario; durante questo rito si recitava qualche preghiera di devozione al Santo pellegrino che tanto tempo prima, all‟ombra di quella sacra croce, si era liberato dei suoi affanni e si era concesso un poco di tranquillità e di riposo. Tanta gente, passando, vedeva quello che stava accadendo, ma nessuno disturbava, nessuno s‟intrometteva, anzi chi sapeva e conosceva iniziava a recitare una preghiera. Piano piano, lentamente si concludeva il rito, come la secolare tradizione voleva. Certamente l‟ansia del proprietario era al massimo; lo sguardo fisso sull‟animale sofferente, aspettava con trepidazione il responso della sua azione: “fici tuttu ghiustu? mi scurdavu quarchi cosa?” Mentre questi interrogativi si affacciavano nella sua mente, precedendo l‟animale lamentoso, si avviava verso casa con le orecchie piene dell‟incessante lamento del quadrupede. Approfittavano quasi tutti di quella uscita per permettere alla bestia, chiusa in casa da qualche giorno e sofferente, di fare una bella passeggiata e sgranchirsi un poco. Il tempo passava e la mente dell‟uomo cominciava a pensare al altro, mentre tirando la cavezza conduceva l‟animale nella stalla; aveva quasi del tutto distolto l‟attenzione dall‟animale, il suo orecchio non percepiva più quei lamenti, dato che la sua mente ara intenta a pensare ad altro. Il lamento della sofferenza non arrivava più alle sue orecchie; fermatosi guarda l‟animale in viso, accarezza le enormi mascelle quasi a domandare “comu ti senti?” Gli occhi enormi e scuri dell‟animale luccicano, lo sguardo verso il padrone, non da più segni di sofferenza, ma per chi sapeva leggere in quello sguardo di “armali” c‟era solo riconoscenza, gratitudine. L‟animale non soffriva più, il dolere era svanito! Cosa era avvenuto in quelle due orette di tempo?

155

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Non ci è dato sapere; solamente si può affermare che qualcosa era accaduto, qualcosa di straordinario che aveva portato tranquillità e distensione alla bestia e all‟uomo. Quello che era accaduto non era un caso a sé stante; era quasi una regola che doveva rispettarsi in tutte le sue parti, con umiltà e devozione. Da secoli conosciuta dai contadini ed usata con molta oculatezza; non si poteva approfittare e ricorrere ad ogni piccolo malessere di pancia, ma di essa si doveva servire solo nei casi estremi e con coscienza. Neanche i ragazzi, nei loro chiassosi e spensierati giochi, si permettevano di imitare gli adulti in quella cerimonia, anzi erano riverenti e rispettosi verso quel monumento che alla luce di quegli occhi innocenti aveva qualcosa di misterioso. Molti quel mistero non lo ricordano più, i ragazzi neanche a parlarne, neanche sanno cos‟è “la Cruci di Rocca”. Ma quell‟alone di mistero è lì, in piedi, su quella massiccia base di pietra arenaria, a testimoniare un tempo in cui non solamente gli uomini ma anche gli animali avevano i loro protettori a cui si potevano rivolgere, nei dolorosi momenti di bisogno, con fiducia.

156

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

157

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

158

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

San Pasquali (San Pasquale) Negli anni della mia fanciullezza le attività atmosferiche erano più presenti di oggi; le stagioni si presentavano puntuali portando le variazioni di temperatura a cui eravamo abituati da secoli. Ad Ottobre si cominciava a preparare il vestiario per l‟inverno, le mamme lo tiravano fuori dai cassetti e dalle cassepanche, certe che l‟inverno era dietro le porte, pronto, come sempre, a fare la sua comparsa prepotentemente. Si prendevano dal ripostiglio, ove si erano conservati all‟inizio della primavera, il braciere e lo scaldino (“brasciera e tanginu”), in particolare coloro che avevano persone anziane in casa; “pi Natali lu friddu e la fami” si era soliti dire. Ad Aprile si deponeva tutto ciò che era servito durante l‟inverno e si metteva mano a ciò che era necessario durante la buona stagione. Tutto procedeva come consuetudine, ogni stagione si presentava offrendo quello che più o meno si aspettava. I lavori seguivano il solito andamento, in paese come nelle campagne. Ogni tanto, però, gli agenti atmosferici facevano i capricci; nei mesi in cui occorreva l‟acqua il sole “famiava” in cielo, nei mesi in cui c‟era bisogno di buon tempo pioveva in continuazione, rendendo impossibile i lavori nei campi. Ogni angolo coltivabile era utilizzato per la semina, niente restava vuoto, ogni metro quadrato di terra doveva dare il proprio contributo cerealicolo o arborifero. L‟inverno si presentava con piogge violente e durature; tra rovesci leggeri e pesanti, era capace di stare per due mesi a piovere inzuppando le terre, impedendo ai contadini di andare a coltivarle. Si aspettava che il tempo si mettesse al buono, ma fino a tutto Febbraio e parte di Marzo piovigginava in continuazione. Molti rischiavano la semina al bagnato, ma era un rischio che non tutti prendevano; altri aspettavano qualche giorno di bello, anche nel mese di

159

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Marzo, seminando un tipo di grano tenero che era molto in uso: “la tumminia”, frumento che produceva una farina morbida e bianca, molto adatta per fare i dolci. Tante annate si presentavano buone per la semina; i campi erano pieni di contadini che guidavano gli aratri tirati dai muli. Era consuetudine che il contadino durante il lavoro intonasse qualche nenia per confortare ed incitare l‟animale che faceva un grande sforzo; chi si recava nei campi e percorreva i viottoli di campagna era accompagnato dalle tante nenie e stornelli che i lavoratori intonavano. A Febbraio la pianticella di grano era già alta; fino a quando aveva l‟umidità delle copiose piogge cresceva e si fortificava, ma appena la terra incominciava ad asciugare a causa del vento, allora incominciava la preoccupazione del contadino, dato che per crescere bene il grano aveva bisogno di acqua. Non sempre l‟annata veniva come si voleva, capitava che qualche volta, dopo la sfuriata invernale, il tempo mettesse il catenaccio alle cateratte e per mesi non piovesse. In Marzo, con la temperatura calda e la siccità persistente, già qualche spiga faceva capolino ma era una pianticella sofferente, secca e malnutrita, qualcosa andava storto; c‟era bisogno, assolutamente, di pioggia, ma l‟acqua non si vedeva, anzi il sole nel cielo “cuciva l‟ova”, “‟mpirniava”; era necessario un bell‟acquazzone. Tra impazienza e qualche bestemmia, si aspettava qualche settimana, ma nulla da fare, nessun segno di pioggia, tutto fermo. In piazza e per le strade non si parlava d‟altro: se non arriva l‟acqua presto, se non piove subito, tutto il raccolto va in malora, si secca e diventa erba, si perde il sacrificio di una stagione di lavoro. Una stagione di lavoro rappresentava per tante famiglie, che vivevano di agricoltura solamente, la vita, il sostentamento per tutti, l‟unico mezzo che avrebbe aiutato a pagare i debiti contratti durante l‟anno; era il pane per i figli, la sicurezza del domani. Della persistente siccità si parlava continuamente: “chi cci fici a ssu Cristu pi castigarimi di ssa manera?” era l‟esclamazione sulla degli agricoltori

160

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it frastornati; nelle chiese si pregava con fede e devozione, si chiedeva “la grazia” della pioggia al più presto, prima che tutto andasse in rovina. Le chiese erano ogni giorno piene di fedeli, il clero teneva un atteggiamento di seria prudenza, senza però smettere di stare vicino alla popolazione che ormai stava perdendo tutte le speranze; alla disperazione restava una speranza solamente, alla quale nessuno avrebbe voluto ricorrere, conoscendo bene l‟opposizione del clero a ricorrere a quel tipo di manifestazione. Prima una sola voce titubante, poi due, coinvolgendo tutti i presenti, in chiesa si udiva una sola roboante voce: “San Pasquali, sulu iddu cci po‟ aiutari…iddu nni po‟ fari la grazia…San Pasquali!”. Santo non tanto conosciuto viene onorato il 17 Maggio; vuole la tradizione che sia il protettore dei portinai, dato per certo che faceva sempre il portinaio nel convento ove viveva da monaco. Il perché a Cianciana veniva venerato quale protettore delle piogge difficili, non ci è dato sapere, ma nei casi di assoluta necessità, come sopra accennato, si ricorreva con fiducia al Santo, certi che avrebbe accolto le preghiere a Lui rivolte. Un‟immagine del Santo trova tutt‟ora collocazione nella chiesa di S. Antonino (l‟ex convento francescano). Dunque a furor di popolo il clero doveva abbassare la testa e preparare i riti religiosi che preludono alla processione dedicata a San Pasquale. La voce incominciava a diffondersi per il paese, in piazza, nelle botteghe, nei posti di ritrovo, nei quartieri, si parlava solamente della decisione della Chiesa di ricorrere al miracoloso San Pasquale per avere la pioggia al più presto possibile. I preparativi erano fatti immediatamente, senza perdere tempo perché non c‟era tempo perdere. Deciso il giorno e l‟orario della manifestazione processionale, veniva aperta la chiesa del convento (a quel tempo sempre chiusa, veniva aperta solamente per qualche ricorrenza religiosa, quale San Giuseppe), il cui pavimento veniva spazzato e lavato per l‟occasione solenne.

161

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Già due o tre ore prima dell‟orario stabilito, tante donne, rigorosamente vestite di nero, incominciavano a recarsi in chiesa a pregare. La statua di San Pasquale veniva presa, dal suo solito posto, da alcuni uomini e sistemata su un piedistallo adatto al trasporto dei santi, “la vara”. Tutto attorno venivano collocati dei fiori e qualche nastrino colorato ad abbellire lo scarno piedistallo e far onore all‟immagine. Pian piano la chiesa si riempiva; la gente arrivava da tutte le direzioni, l‟ampio spiazzale antistante la chiesa del Convento si colmava di persone, uomini, donne, giovani, anziani, tantissimi vocianti e allegri bambini; quasi tutto il paese era lì, in attesa che iniziasse la umile processione che doveva girare per le strade del paese. La sfilata religiosa cominciava a muoversi, sotto lo sguardo attento dei carabinieri in uniforme e di qualche guardia comunale. Dalla chiesa usciva il prete con indosso i paramenti adatti per l‟occasione; era preceduto da tanti chierichetti, uno dei quali portava la croce. Le confraternite con i labari e le loro tuniche colorate sistemate ai due lati aprivano la processione. Sul piazzale calava un grande silenzio in attesa che uscisse “lu Santu”; tutti gli occhi erano puntati verso il portone della chiesa… eccolo! Cominciava a delinearsi la figura del Santo, la gente pregava in silenzio. Appena la statua usciva dal portone, sorretta da decine di lavoratori della terra che facevano a gara, offrendo fave, frumento, ceci, per avere l‟onore di portare a spalla quell‟immagine, nel silenzio assoluto, rotto solamente da grida dei ragazzini, una forte voce si levava possente dalla folla antistante: “Viva viva San Pasquali…San Pasquali chiui l‟occhi pi viniri l‟acqua forti…forti Signuri ca l‟acqua ci voli!” A questo punto tutta la popolazione rispondeva: “…forti Signuri ca l‟acqua ci voli!”. La lunga processione inizia il suo cammino con devozione e umiltà; il Sindaco, la giunta municipale, qualche importante personaggio, stavano dietro il simulacro; centinaia i rosari che pendevano dalle mani delle persone, uomini e donne.

162

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Ogni tanto si innalzava qualche canto religioso che coinvolgeva tantissime persone, delle quali diverse non ne erano a conoscenza, dato che non frequentavano sovente la chiesa, pur tuttavia “parpaddiavanu li labbra” perché non volevano restare isolati ed oggetto di sguardi critici. “Viva viva San Pasquali…San Pasquali chiui l‟occhi pi mannari l‟acqua forti…” spesso qualche voce si levava forte dalla popolazione orante; “forti Signuri ca l‟acqua ci voli…” rispondevano in coro i numerosissimi fedeli che seguivano la processione. Non era raro vedere tra la folla gente che piangeva, che rivolgeva gli occhi al cielo e nel loro decoroso silenzio chiedere la grazia tanto sperata. “Viva, viva San Pasquali… ca la grazia nni fa”. Il popolo non si stancava di pregare; “cu prigava a vuci aita, cu parpaddiava li labbra, cu a menti”, ma tutti pregavano, nella speranza che finalmente arrivasse la tanto desiderata acqua. “Viva, viva San Pasquali…!” La processione girava i quartieri del paese coinvolgendo nella preghiera anche coloro che non potevano uscire di casa, ma che con la loro preghiera potevano far sentire, ancora più forte, la supplica a San Pasquali. Il tutto finiva la sera col buio; la processione veniva sciolta, dal prete, nella chiesa del Convento; a conclusione del rito propiziatorio il simulacro di San Pasquali veniva rimesso al suo solito posto. La gente ritornava a casa; molti, a capannelli, si fermavano per le strade, erano tutti uomini, le donne andavano subito a casa, discutendo e parlando su ciò che avrebbe fatto San Pasquali. Da fanciullo ho partecipato a due processioni, a distanza di anni una dall‟altra. Della prima ho vaghi ricordi, ero tra quei chiassosi ragazzi che si rincorrevano e tutto facevano tranne che pregare per la pioggia; della seconda ho molto chiari tutti gli avvenimenti, dato che vi partecipavo come facente parte dell‟Azione Cattolica ed avevo un posto vicino alla statua ed al prete. “Comu finì? San Pasquali ‟ntisi la supplica o in quel momento era distratto?”

163

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Posso solamente dire che l‟indomani il cielo cominciò a presentare delle nubi di color plumbeo; il giorno dopo incominciarono a cadere delle goccioline che pian piano si trasformarono in temporale. “Viva, viva San Pasquali!!!”.

164

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

165

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Li scarpi e lu cirottu (Le scarpe e il lucido) Quasi tutti avevano un paio di scarpe da calzare, assieme al vestito nuovo, nei giorni di festa; scarpe più o meno nuove, forse appartenute al fratello maggiore o che erano state adoperate da qualche altro componente della famiglia, ma tutti l‟avevano e ne facevano bella mostra nei giorni importanti in cui era d‟obbligo presentarsi ben vestiti. Le calzature in uso erano di diverso tipo; c‟erano “li stivala”, “li scarpuna”, “li tappini”, “li sannali”, “li pulacchini”, per uomo e per donna, per il lavoro e per il passeggio, per i lavori pesanti e per i lavori leggeri, per adulti e per ragazzi. Tutte le calzature avevano lo scopo di permettere una buona funzione del piede senza arrecargli danno o dolore, conservando al massimo la sua integrità e la sua funzionalità. Tanti ragazzi, nei giochi quotidiani, preferivano stare scalzi, correvano e giocavano, come tutti gli altri provvisti di scarpe, avevano la pianta del piede avvezza al contatto col terreno, addirittura erano capaci di camminare sui ciottoli e sul brecciame, tanto presenti nelle nostre strade, senza nessuna difficoltà o sofferenza. Perfino qualche operaio preferiva lavorare a piedi nudi pur di non sentirsi i piedi “mprigiunati” in un paio di scarponi che gli davano dolore e difficoltà di movimento. Per ogni occasione si usava un paio di calzature; “li stivala” quando si cavalcava o quando si facevano delle passeggiate distensive con il preciso scopo di mettere in evidenza il rango di appartenenza e la possibilità di permettersi una elegante calzatura, opera d‟arte di un bravo calzolaio. Eleganti e lucidissimi, gli stivali, evidenziavano un certo portamento ed uno status di appartenenza. Si portavano con orgoglio ed erano tenuti in ordine e pronti all‟occorrenza.

166

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it C‟erano pure gli stivali da lavoro, di gomma, che emanavano un cattivo odore; erano utilizzati per lavori nel fango e nell‟acqua, non erano tanto bene accetti, ma molto utili in determinate circostanze. “Li stivaletti”, o “polacchini”, erano calzature a gambale, allacciate lateralmente o di fronte, adatte alle donne; venivano calzate nei giorni di festa o nelle passeggiate distensive; elegantissime, rendevano raffinato e leggero il procedere della signora che le indossava, stimolando, spesso, un pizzico d‟invidia in quelle che guardavano. Nel periodo estivo le signore calzavano scarpe prettamente femminili, leggere, funzionali, eleganti: “li scarpi scartucciati, cu lu taccu vasciu o ajtu e la tranta darreni”. Le tenevano conservate dentro la scatola e le mettevano solamente nelle occasioni che richiedevano eleganza; giornalmente, per le attività domestiche, si usavano scarpe vecchie e senza tacco, spesso sandali, specie nelle stagioni calde. Questo tipo di calzature, “li sannali”, erano molto utilizzate per i ragazzi; composte da una suola di spesso cuoio, presentavano due strisce nella parte superiore a protezione del piede, una leggera bretella passava da dietro il tallone, non permettendo, così, la fuoriuscita della calzatura. Era usata indifferentemente per le femminucce e per i maschietti, per i piccoli e per gli adulti. Altre calzature, utilizzate dai ricchi e dai poveri, erano “li scarpuna”, grosse e robuste scarpe adatte al lavoro. Se ne utilizzavano di pesanti e di leggere, secondo il tipo di lavoro e il luogo ove veniva eseguito. I professionisti, come i geometri e gli ingegneri, che andavano a fare dei sopralluoghi nelle campagne, i medici che d‟inverno facevano visite domiciliari, calpestando in continuazione il fango e gli acquitrini di cui erano costellate tutte le strade del paese, i benestanti proprietari terrieri, adoperavano eleganti, leggeri, morbidi scarponcini confezionati appositamente e con cura.

167

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Erano realizzate scrupolosamente di resistente cuoio, lavorate a mano, con la suola ricoperta di chiodi dalla testa larga (“tacci”) capaci di proteggere il cuoio della suola e di farla durare più a lungo possibile. Le due estremità, tacco e punta, erano ricoperte da lamine di ferro, elegantemente adattate, per impedire il più possibile il consumarsi delle suole. Normalmente di colore marrone chiaro, il colore del cuoio, ce n‟erano anche di colore nero; venivano tenute in buono stato trattandole con grasso di animale, pecora, che le teneva pulite e nel contempo nutriva la pelle evitandone le screpolature; emanavano un nauseabondo odore, ma dopo poco la narice si abituava. Erano le scarpe per eccellenza, venivano trattate con attenzione e curate con diligenza; fino a che erano nuove o in buone condizioni, ben lucidate, venivano adoperate anche nei giorni di festa. Nessuno ci faceva caso, anzi erano spesso oggetto di attenzione e di commenti data la perfezione e l‟eleganza con cui erano state lavorate. Con quegli scarponi ai piedi, tanti bravi operai salivano e scendevano comodamente dalle scale a pioli, portando sopra le spalle pesi non indifferenti; trascorrevano giornate, settimane di lavoro, senza avere difficoltà, a parte qualche vescichetta. A differenza dei grossi e pesanti scarponi, “li tappini” erano scarpe leggere, eleganti, adatte ai giorni di festa e le occasioni importanti; sempre confezionate con vero cuoio, per la loro manifattura si preferiva alla pelle di bue, più dura e resistente, la pelle di vitella, animale più giovane e dalla pelle più morbida. Tutte queste calzature venivano confezionate dai nostri bravi calzolai ma potevano essere comperate, quasi tutte, presso le botteghe di scarpe ; “quasi” perché “li scarpuna” - che dovevano durare tanti anni, che dovevano proteggere i piedi nei lavori pesanti ed in luoghi malagevoli, quelli “cu li tacci sutta e li puntetti di ferru” - quelli non si trovavano nelle botteghe, potevano essere confezionati solamente dai nostri bravi artigiani.

168

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Tutte queste calzature, che facevano parte della nostra vita quotidiana e ci aiutavano a tenere asciutti e comodi i nostri piedi, avevano una cosa in comune: dovevano tenersi pulite. Per la loro pulizia si adoperava “lu cirottu”, nero o marrone, a seconda del colore della pelle; ce n‟era anche uno bianco, incolore, che veniva utilizzato raramente dato che non dava colore alle scarpe ma solamente lucentezza. Questo prodotto, il lucido, si comprava nelle tantissime botteghe sparse per tutto il paese; aveva un piccolo costo per cui tante le famiglie lo adoperavano solitamente per le calzature buone, da mettere nei giorni di festa. Le scarpe da lavoro e quelle giornaliere, “li scarpi urdinarii”, venivano trattate in maniera tradizionale, come prima di loro avevano fatto i loro padri ed i padri dei loro padri: “cu lu funnu di la pignata”. Oggi è facile cucinare i cibi, basta pigiare un pulsante e la fiamma è pronta a cuocere ciò che si preferisce. Prima degli anni cinquanta questa operazione era impensabile; per cucinare un piatto di minestra ogni famiglia, senza differenza di ceto, doveva utilizzare il fuoco prodotto dalla legna che veniva acceso in una cucina in muratura sistemata in un angolo della stanza. Accendere il fuoco era un‟operazione che faceva parte della quotidianità , come il fumo che si generava dalla legna che vampeggiava. Anche allora, come oggi, si adoperavano le pentole e le padelle, certamente più umili e di materiale più modesto e venivano poste direttamente sopra la fiamma. Tanta della fuliggine prodotta dalla legna bruciata andava via dal fumaiolo ma tanta altra si depositava nei fondi delle pentole e delle padelle fino a formare un deposito nero che, nonostante il raschiare delle donne di casa, restava a farne parte. Quella “buona” fuliggine depositata sul fondo delle padelle non veniva sciupata, anzi, veniva adoperata egregiamente proprio per dare colore alle calzature. Sistemando la padella col fondo in bella vista, sedutasi comodamente con un ampio “fajdali”, grembiule, sulle ginocchia, con una spazzola nella mano destra e lo scarpone nella sinistra, mia nonna iniziava l‟operazione pulizia e

169

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it colorazione di li scarpuna: “ppuuh… ppuuh…”, due chiazze di saliva si depositavano sul fondo della padella, o della pentola, e con fare esperto faceva girare la spazzola su quel fondo nero. Le setole s‟imbrattavano di nero fuligginoso che, tenuto assieme dal sale della saliva, veniva cosparso sulla pelle degli scarponi in modo compatto; questa operazione veniva ripetuta fino a quando tutte le scarpe da pulire non erano terminate. Dopo averle fatte “arripusari” un poco passava alla lucidatura. Con mano ferma e con tanta agilità faceva scivolare la spazzola sulla pelle che, pian piano, diventava lisca e lucida, trasformando quegli scarponi pieni di terriccio e polvere in belle ed eleganti calzature che accompagnavano il nonno nelle sue brevi passeggiate nella piazzetta davanti la chiesa. Quell‟operazione, che la nonna faceva all‟occorrenza, era un sistema consolidato nel tempo, praticato in tutte le famiglie e dava un risultato che certamente non era il massimo ma permetteva di andare con le scarpe pulite. Poi, con l‟arrivo del gas per cucinare, le antiche cucine a legna, che ci avevano fatto compagnia da sempre, pian piano andarono scomparendo, cedendo definitivamente il posto alle moderne cucine “all‟americana”. Il lucido per scarpe sostituì egregiamente e definitivamente la vecchia fuliggine lasciando nei nostri ricordi quei familiari rumorini che la nonna ogni tanto provocava: “ppuuh…ppuuh…!”

170

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

171

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

172

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

L’Arrotino (L‟affilatore di lame) Gli utensili per la casa hanno avuto, come adesso, una non secondaria importanza nella vita quotidiana delle persone. Nessuno oggi si metterebbe seduto a tavola per il pranzo senza una forchetta, un cucchiaio, un coltello e, a seconda del tipo di pranzo, di questa suppellettile, ce ne potrebbero essere quattro e più, per ogni persona. Tutto ciò che taglia, o si può adattare a tale scopo, ha avuto, da sempre, una importante collocazione della scala dei valori della vita dell‟uomo, in quanto lo aiuta a tranciare, spezzettare, triturare, materiali che altrimenti non sarebbe possibile frazionare facilmente. Indispensabili nella vita familiare, essenziali in vari campi di lavoro, insostituibili in certe attività artigianali, questi arnesi sono stati da sempre tenuti gelosamente, utilizzati con attenzione e cautela. Strumenti indispensabili per il lavoro dei macellai, i coltelli vengono usati in diverse misure e forme, piccoli, grandi, larghi, stretti, pesanti, leggeri, tutti con una caratteristica in comune: sempre affilatissimi. Forbici per le decine di sarti che operavano in paese, trincetti per tantissimi calzolai, accette per la grandissima quantità di legna che veniva utilizzata nelle famiglie per cucinare e riscaldarsi, strumenti da taglio che si utilizzavano in agricoltura, rasoi e forbici utilizzati dai tanti barbieri che lavoravano in paese, centinaia erano gli arnesi indispensabili per i bisogni giornalieri. In quel periodo quasi tutti gli uomini portavano un coltello in tasca per tagliare il pane, pulire la frutta, raccogliere qualche cespo di verdura. Il grande desiderio di quasi tutti i maschietti era quello di possedere un coltello a serramanico, piccolo ma tagliente, tanto che molti ragazzi, orgogliosamente, passavano del tempo ad affilarlo sulle rocce ruvide, per tenerne sempre attivo il taglio. La quasi totalità delle famiglie possedeva, per l‟andamento della vita quotidiana in casa, uno o due coltelli per la cucina, una sola forbice per il

173

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it lavoro di rammendo o cucito, qualche altro oggetto atto a segare o spaccare la legna. Non era consentito a nessuno perdere o rompere tali oggetti; erano indispensabili e non sempre si disponeva di denari per comprarne di nuovi. Col tanto lavorare arrivava che la lama non era più affilata come era necessario; moltissimi non erano nelle condizioni di affilarli da sé, non ne erano capaci e, poi, non avevano la mola adatta per lo scopo. Allora si aspettava, utilizzandoli al meglio, spesso sfregandoli con altra lama per affilare un poco il taglio, ma tale operazione dava risultati molto scadenti e poco duraturi; allora si mettevano da parte in attesa che passasse l‟arrotino. Questo tipo di lavoratore a domicilio non era sempre disponibile, nel paese nessuno esercitava tale attività; qualche “mastru d‟ascia” possedeva la mola rotonda a pedale adatta ad arrotare gli oggetti da taglio, ma non volendo fare un lavoro che non era il suo e dovendo, poi, chiedere dei soldi, “ci pariva malu”, scegliendo di non mettere la mola a disposizione di altri, utilizzandola solamente per i propri strumenti di lavoro. Anche qualche provetto artigiano, dovendo utilizzare gli strumenti da taglio in opere che richiedevano tanta precisione, pur avendo la mola adatta allo scopo, preferiva aspettare l‟arrotino, pratico ed esperto nell‟affilare strumenti di precisione. Il massimo che allora si poteva avere per rimettere a taglio coltelli, forbici e quant‟altro, atti a tagliare, era l‟Arrotino. Questa figura di artigiano, lavoratore a domicilio, non era presente nella nostra società; la mancanza di questo lavoratore, nella nutrita schiera di artigiani presenti nel nostra collettività, non è spiegabile, non ci è dato sapere con precisione quale la causa di tale assenza. Molto probabilmente, questa è una mia riflessione, non c‟era sufficiente lavoro per dar da mangiare ad una famiglia, oppure era considerato troppo umile per essere esercitato. Questa carenza locale veniva colmata dalla presenza di un uomo che, una volta al mese circa, arrivava in paese, portando con sé il suo strumento di lavoro: una piccola ruota di pietra abrasiva, appunto la mola, montata su una

174

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it forcella in una bicicletta modificata; veniva fatta girare da una catena di trasmissione messa in movimento dai pedali della bicicletta, che l‟uomo faceva girare, standosene comodamente seduto sulla sella. Di mole ne aveva più di una, di diverse dimensioni e capacità abrasive, adatte alla grandezza del tipo di attrezzo da affilare. In realtà il suo strumento di lavoro, la mola, era sistemato proprio su una bicicletta di media grandezza, appositamente adattata alle sue esigenze. Al posto della ruota posteriore c‟era un piedistallo triangolare di ferro che teneva la ruota alzata rispetto al suolo, lasciando così la ruota libera di girare a vuoto; questa posizione evitava qualsiasi movimento alla bici e sorreggeva l‟uomo che, standosene seduto comodamente sul seggiolino, pedalava in continuazione. Faceva girare una catena collegata all‟asse della forcella anteriore trasmettendo, così, all‟asse, sistemato al centro della mola, il modo di girare, secondo la necessità dell‟artigiano. Lui se ne stava seduto avendo, così, proprio davanti, all‟altezza del suo petto, quella ruota che girava in continuazione, consentendogli di lavorare comodamente e senza intoppi. Sorretta da un lungo legno, sistemata nella parte posteriore della ruota, una lattina bucata lasciava cadere una goccia d‟acqua sulla ruota, in modo che la lama, sfregata dal continuo abradere, non si arroventasse. Girava per le strade spingendo il suo umile attrezzo, stando attento a dove metteva i piedi, “vanniannu”: “l‟arrotinu… ammola forbici e cortelli… passa l‟arrotinu… cu av‟ammulari forbici e cortelli”. A fianco della sua piccola bici, con la destra sorreggeva la parte posteriore spingendola, con la sinistra teneva la direzione voluta, cercando di evitare che la piccola ruota andasse sopra qualche pietra o finisse dentro qualche fosso, entrambi molto presenti nelle nostre strade. “L‟arrotinu… cu av‟ammulari forbici, cortelli, accetti, fesi, forbici pi putari e p‟arraccamari… l‟arrotino!” Girava sistematicamente tutte le strade del paese stando molto attento se qualche voce che lo chiamasse.

175

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Se un giorno non bastava per completare il suo giro, continuava anche il giorno dopo, con pazienza; persona umile e servizievole con i clienti, si arrabbiava quando qualcuno disprezzava il suo lavoro oppure quando i ragazzi gli giocavano attorno, col pericolo di farlo cadere. Stabilito il compenso prima di incominciare, lo pretendeva alla consegna del lavoro, senza ritornarci sopra. Nessuno, o quasi, cercava di imbrogliarlo, tanto meno lui cercava di imbrogliare gli altri; qualche volta poteva capitare che mancasse qualche lira al prezzo pattuito, questo sì, ma l‟artigiano era conoscitore della gente, dato che frequentava il paese da anni e chiudeva un occhio esclamando: “pacenzia …mi li duna doppu!” “A vossia…a vossia …assa veni ccà!” Ogni tanto qualcuno lo chiamava, standosene davanti all‟uscio di casa; lui si avvicinava ed ascoltava la richiesta della persona. “Quantu c‟haju a dari?” Concordato il prezzo, iniziava il lavoro. Sistemato il piedistallo posteriore in un posto comodo, sedutosi sul seggiolino della bici, iniziava a pedalare piegandosi da una parte e dall‟altra fino a che la ruota si metteva a girare velocemente. Raggiunta la velocità voluta, il pedalare incominciala ad essere meno faticoso e la pedalata era continua, andando avanti con naturalezza e senza sforzo alcuno. Appoggiato l‟oggetto da affilare sulla mola rotante, incominciava a smuoverlo verso destra e verso sinistra, con tanta precisione e perizia; dalla mola si sprigionavano centinaia di scintille, causa questa che attirava tanti ragazzini vocianti i quali, volendo guardare, toccare, quella fulgida luce schioppettante, si avvicinavano così tanto all‟arrotino da farlo quasi cadere. Senza togliere lo sguardo dal suo lavoro e continuando a pedalare, come se nulla fosse, l‟uomo a voce alta, irritato, esclamava: “arrassativi, crastuna, arrassativi ca mi faciti cadiri, crastuna, arrassativi!” Sovente, mentre eseguiva il lavoro, altre persone si avvicinavano con in mano coltelli o forbici; lui, senza smettere di pedalare, guardava l‟oggetto portatogli e, dopo avere valutato il lavoro occorrente al buon funzionamento

176

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it dell‟oggetto, dopo avere mercanteggiato un poco, veniva definiva il prezzo, come era costume fare. Le centinaia di scintille riprendevano a farsi ammirare, scomparendo nell‟aria un attimo prima di arrivare a toccare terra. Dopo qualche tempo i ragazzi cominciavano ad andare via, lasciando che l‟arrotino continuasse in pace la sua attività. Terminato il lavoro, intascato il misero compenso, riprendeva il suo cammino, annunciando a voce alta la bontà del suo lavoro ad un prezzo accessibile a tutti. “L‟arrotino…ammola forbici e cortelli…passa l‟arrotino…v‟ammolu accetti, forbici di putari, fesi, …”

177

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

178

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

179

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Lu prepotenti (Smargiasso- Bullo- Tipaccio) Uno dei tanti problemi che oggi si evidenziano maggiormente tra i ragazzi, che passano molto del loro tempo a girovagare per le strade, ma anche nel mondo della scuola e tra i più giovani, è il loro comportamento di soverchieria, di prepotenza, di superiorità, di spavalderia, che li porta ad atteggiamenti discostanti e di emarginazione. Oggi, in aggiunta al comportamento naturale che è, ed è stato da sempre, tipico dei ragazzi di una certa età, ad arricchire la fertile fantasia giovanile, si aggiungono i temi aggressivi e violenti che gli strumenti di divulgazione dell‟industria culturale, come cinema, televisione, fumetti e roba simile, meglio conosciuti come mass media, offrono in ogni ora del giorno e della notte, alla famelica attenzione dei ragazzi. L‟aggressione, sia essa fisica che verbale, porta sempre, a chi la subisce, un trauma che spesso non è facile rimuovere, specie se si tratta di una aggressione fisica con conseguenze di una certa serietà. Gli psicologi, gli studiosi del comportamento, da tempo hanno indirizzato la loro attenzione a questi fenomeni, che col passar del tempo e con la promiscuità delle razze, sono aumentati, in misura preoccupante e si caratterizzano per la loro gravità. Questo fenomeno, oggi definito “bullismo”, non è per niente una novità; è sempre esistito, oggi con stimoli, suggerimenti, idee, sempre più moderni, arditi, audaci, perfezionando i metodi, i mezzi, gli obiettivi. Durante la frequenza delle scuole elementari, nei primi anni cinquanta, erano parecchi i ragazzi che, forti della loro prestanza fisica, del carattere prepotente, usavano violenza ai loro compagni di scuola. Certo non avevano gli stimoli ed i “suggerimenti” che oggi i mass media regalano ai nostri ragazzi, non cercavano di rubare i cellulari o violentare le ragazze, si limitavano a farsi dare qualche monetina da cinque, dieci lire; era sufficiente che dimostrassero la loro supremazia, assoggettando al loro volere il malcapitato.

180

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Una volta individuata la vittima, il ragazzo docile, fragile, non violento, facente parte di famiglia discretamente agiata, da canzonare, veniva atteso all‟uscita della scuola. Messolo con le spalle al muro, e condizionatolo con frasi aggressive e violente quali “ti scassu…ti rumpu li naschi…”, lo costringevano a dare qualche monetina oppure ad imitare il verso del cane, del gallo, dell‟asino, o altro, umiliandolo. Altra bravata, che si metteva spesso in atto per dimostrare la superiorità, era quella di andare “a la scola di li fimmini”, aspettare che uscissero dall‟edificio per poi tirare le trecce a qualche ragazzina, con conseguente immancabile pianto da parte della malcapitata. Tanti ragazzi se ne andavano via correndo, altri, specie gli amici del prepotente, o coloro che vedevano in quel comportamento un‟occasione per mettersi in mostra, stavano lì a guardare, a ridere, ad incitare l‟aggressore: “forza! scassalu ssu misirabuli…levaci li sordi…facci vidiri cu cumanna…” formando un cerchio attorno, quasi a nascondere ciò che stava accadendo agli occhi degli estranei. Capitava, qualche volta, che qualche ragazzo, amico del malcapitato, avvisasse i genitori di questo; allora si vedeva arrivare di gran carriera la mamma, spesso seguita da due tre fratelli che, col fiatone, correva a dar man forte alla vittima di turno. Qualcuno se ne accorgeva e… “so ma„ veni scappa… scappa!”. In un attimo il cerchio si disperdeva, lasciando il povero ragazzo rannicchiato contro il muro, seduto per terra in un atteggiamento di totale sottomissione, piangente, con la borsetta dei libri aperta e questi sparsi per terra. A quel punto, sentimenti come paura, angoscia, ansia, batticuore, che fino ad allora erano stati repressi, esplodevano con un piato liberatorio e con una corsa verso la mamma che stringendolo forte al petto, lo consolava. Era un trauma che non si superava tanto facilmente; si aveva paura di uscire di casa, cercando sempre, quando era necessario andare in qualche posto, la compagnia di qualche adulto o di qualche compagno più animoso che potesse dargli, all‟occorrenza, man forte.

181

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Per le strade camminava sempre facendo grande attenzione a non incontrare il “prepotente”, cambiando direzione, tragitto, solamente col sospetto che potesse esserci il bullo nei paraggi. Il cuore batteva forte, tutti i sensi erano vigili, gli occhi scrutavano ogni tratto, ogni angolo di strada. Fino a che lungo l‟itinerario tutto andava bene, si ritornava a casa con addosso un grande spavento e null‟altro, bastava la vista di un parente, di un conoscente, per sentirsi tranquillo e rincuorato. Ma non sempre tutto andava liscio; qualche volta capitava d‟incontrare “il nemico” lungo il tragitto, allora era un grande dramma. Il cuore incominciava a battere forte, la paura s‟impadroniva del ragazzo che, ricordando tutte le angherie subite in altre occasioni, non volendo che il fattaccio si ripetesse in strada, prendeva subito una decisione: prendere le poche monetine che aveva in tasca e offrirle al prepotente, con la speranza che per quel giorno tutto finisse lì, oppure mettersi a correre velocemente, senza neanche guardare dove mettere i piedi, andando a finire spesso in mezzo ad acquitrini e fango. Quel correre in maniera scomposta, quel fuggire, dimostrando paura, provocava e sollecitava nell‟inseguitore una naturale reazione che, alla vista della debolezza e della paura del malcapitato, lo portava ad inseguirlo accanitamente pronunciando, ad alta voce, frasi intimidatorie che arrivavano alle orecchie dell‟inseguito come serie minacce, dolorose sferzate: “Ammatula curri,‟nutuli, tantu ti pigliu … aspetta ca ti staiu pigliannu…aspetta misirabili…dammi li sordi e nun ti fazzu nenti…”. Spesso la corsa finiva quando il “buono” incontrava qualche conoscente che, a conoscenza di quelle ragazzate, lo prendeva sotto la sua protezione mettendo fine all‟inseguimento e dando tranquillità al ragazzo. Altre volte la corsa finiva vicino l‟abitazione del ragazzo che subiva l‟inseguimento fino a casa sua. Non solamente a violentare i coetanei, si limitava l‟azione del prepotente. Le scarse risorse finanziarie delle famiglie, con conseguenti limitate disponibilità di cibo, il sempre presente bisogno di nutrirsi, spesso

182

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it spingevano i ragazzi a procurarsi qualcosa che potesse mitigare la loro permanente fame. Non tutti pensavano ad azioni illegali, a bravate, quali andare a rubare, ma per tanti era una buona occasione per dimostrare la loro bravura, “li tinturii” e, nel contempo, soddisfare, anche se per poco tempo, il loro appetito. Allora si organizzavano in bande, in gruppi, coinvolgendo spesso bravi e buoni giovani, e preparavano delle scorribande in campagna. Anche se gli alberi da frutta e la roba da mangiare erano costantemente guardati e custoditi, a seguito di informazioni, di accertamenti e controlli, riuscivano a sapere dove e quando il padrone si allontanava da quel posto. Si organizzava l‟uscita e si andava a rubare, “si ijva a rubari!”. Dove arrivavano dimezzavano il raccolto, arrecando, a causa della premura, dei considerevoli danni alla pianta. Sovente venivano intercettati dal guardiano, che con grida e minacce li inseguiva fino a che poteva, con la speranza di conoscerne qualcuno da segnalare ai loro genitori e farsi pagare i danni subiti. Durante la fuga spesso si doveva passare attraverso un confine chiuso con il filo spinato. Erano dolori. Qualcuno, più svelto e coraggioso, si infilava tra il filo spinato riuscendo a passare dall‟altra parte e darsi alla fuga, pur avendo qualche serio graffio e la giacca lacerata, altri, non avendo tale coraggio, si mettevano a correre per il campo, inseguiti dal padrone, fino a quando, questi, sfinito dal lungo inseguimento, si accasciava a terra gridando: “Curnuti…crasti…figli di bbuttana… vi canuscivu…nni videmmu cu li vostri patri…curnuti…!” Queste azioni di bullismo non si limitavano solo ad aggressioni, ma anche a prove di coraggio, quali andare col buio al cimitero oppure andare “a lu scaru” a rubare della frutta, anche se in verità “lu scarista” regalava sempre, ai numerosi ragazzi che stavano a guardare, alla fine della vendita, ciò che rimaneva invenduto, ben sapendo che tanti ragazzini non potevano permettersi di comparare le mele, le pere e i melocotogni. Nel periodo estivo non era per niente raro vedere qualche ragazzo andare per le strade portando al guinzaglio un grosso lucertolone.

183

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Era il passatempo di quei ragazzi che volevano mettersi in evidenza, magari senza volere fare del male. Nei mesi da Aprile in poi, e per tutta l‟estate, le cunette ed i confini dei campi incolti, erano pieni di erbe tra cui spiccavano le migliaia di piantine di avena, “la ijna”, graminacea ad alto fusto vuota all‟interno che dal basso cominciava col gambo grosso e robusto ed alla cima terminava capillarmente; duttile, pieghevole come cordicella, si prestava benissimo a fare dei nodi scorsoi atti alla cattura di numerosi animaletti che scorazzavano e prendevano il sole, appunto come le lucertole. Si piazzavano in qualche posto, muniti di un lungo cappio, preparato prima con l‟avena, e, molto pazientemente, standosene fermi, aspettavano che una grossa lucertola passasse dinanzi. Appena era a portata di nodo scorsoio, zac ed il capino restava imprigionato; inutile il forte dimenarsi, saltare, cercare di liberarsi, il lungo filo d‟erba teneva in modo egregio e non c‟era più nulla da fare. Dopo poco tempo, con la testa chiusa nel nodo scorsoio, sembrava che il piccolo rettile si rendesse conto che doveva calmarsi e fare la volontà del più forte. A quel punto incominciava a camminare lentamente, quasi fosse addestrata ad andare al guinzaglio, dando la possibilità al ragazzo di mettersi in mostra conducendo per le strade la sua preda. Dopo qualche tempo il ragazzo, preso da altro interesse o essendosi stufato del gioco, liberava l‟animaletto che fuggiva di gran carriera, oppure, mettendo in evidenza un grande sangue freddo, la sbatteva violentemente contro un muro con conseguenze ben immaginabili. Queste bravate erano all‟ordine del giorno; finivano con l‟avanzare dell‟età, quando i genitori indirizzavano i figlioli al lavoro e li toglievano dalle strade. In questo periodo le ragazzine stavano in casa a fare compagnia alle mamme; era severamente proibito uscire da sole se non per qualche servizio comandato oppure per andare a scuola.

184

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Non era permesso loro di andare a passeggiare, solo con i parenti potevano recarsi in qualche posto e la Domenica alla S. Messa con la mamma e le altre sorelle. Certo, era quasi una reclusione; non condividibile, oggi, l‟atteggiamento di allora, anche se questa segregazione, in fondo, dava dei benefici alle ragazze: un rispetto immenso, si guardavano con stima, considerazione, interesse. La loro ingenuità emanava un alone di misteriosa curiosità, di ignoto, di impenetrabile, di profondo interesse. La loro visione, la loro vicinanza, facevano nascere genuini, bellissimi sentimenti di vivo interesse, attaccamento: attrazione, affetto, calore, tenerezza, innamoramento, amore. Non esistevano cuffie da mettere nelle orecchie per ascoltare musica, non erano ancora in commercio blue jeans attillati e aderenti, camicette con disegni di diavoli o teste di morto, non scritte rivoluzionarie o naturaliste, non stivali o scarponi o cinture avveniristici, non lustrini o borchie scintillanti, non capelli dipinti di colori vivaci, non linguaggio incomprensibile e violento, men che meno politica, ma umili indumenti che presentavano, spesso, qualche rammendo di diverso colore. Il modo di dimostrarsi superiori era la prepotenza, l‟atteggiamento di soverchiare gli altri e di volere dagli altri, con la forza, secondo la propria volontà. Umiliare, prostrare, fiaccare, indebolire gli altri al fine di avere un privilegio che altrimenti non si era in grado di avere. Questo era il bullismo degli anni quaranta e cinquanta; certo era sempre violenza, aggressione, uso della forza, ma in conclusione non era paragonabile a tutto ciò che oggi è sotto i nostri occhi, che viene definito bullismo e non criminalità da eliminare.

185

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

186

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

187

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

La Stadda (La stalla ) Un ruolo importantissimo, nell‟economia del nostro paese, veniva occupato dall‟allevamento. Gli animali, da soma, da tiro, da ovile, da compagnia, da guardia, da cortile, venivano accuditi molto diligentemente. Secondo la loro naturale predisposizione, venivano utilizzati per il trasporto, per i lavori nei campi, per i loro prodotti e derivati, per l‟utilizzo delle carni e delle loro pelli. Erano molto numerosi e tenuti in ragguardevole considerazione, tanto da condizionare, molto spesso, il comportamento delle famiglie che si dedicavano all‟agricoltura utilizzandoli. Quasi la metà delle famiglie trovava sostentamento nel lavoro delle zolfare per cui non avevano interesse ad allevare un quadrupede, salvo qualche eccezione. Gli animali da soma quali muli, asini, cavalli, erano accuditi minuziosamente, dato che erano gli unici animali in grado di trasportare uomini e cose; potevano essere utilizzati nei lavori dei campi con grande maneggevolezza e obbedienza, potevano essere adoperati con qualsiasi condizione atmosferica, senza che si rifiutassero di eseguire il lavoro assegnatogli. Considerati parte integrante della famiglia, perché unico strumento in grado di essere utilizzato subito e in qualsiasi posto occorresse, erano l‟unico sostentamento, l‟unico mezzo di lavoro che procurava alimento al proprietario. I mezzi meccanici e gli strumenti agricoli, oggi in normale uso in agricoltura, allora non esistevano; giusto qualche trattore si vedeva ogni tanto; il loro utilizzo costava parecchio e, quindi, si preferiva il mezzo tradizionale, anche se più faticoso. I quadrupedi erano numerosissimi; si contavano, attorno agli anni cinquanta, circa milleottocento animali, (dato fornitoci dal Signor La Mattina Vincenzo

188

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it che di professione faceva “lu vurdunaru”, oggi mulattiere, e il suo secondo lavoro era quello di tosare i quadrupedi adoperando una macchinetta semimeccanica in grado di tosare una bestia in una mezz‟ora). Milleottocento erano veramente tanti, ma il numero lievita moltissimo se consideriamo che ogni quadrupede, generalmente, era accompagnato da un cane che faceva da guardia a “li robbi” e da una o due capre, che fornivano il latte per la famiglia. Galline, maiali, conigli, tacchini, anatre, convivevano assieme agli animali da soma, sotto l‟attenta sorveglianza dei padroni. Tutti questi animali, fonte di sostentamento e di ricchezza, dunque considerati una proprietà, venivano ospitati nella stalla, “nta la stadda”. Il paese era pieno zeppo di persone, le nascite erano numerosissime, la vita scorreva nelle arterie ciancianesi con grande vigore; non tutte le famiglie avevano una casa di proprietà, molte stavano in affitto o in casa dei genitori, che si stringevano fino all‟inverosimile pur di dare un giaciglio ai figli e, spesso, alla famiglia di questi. Umili abitazioni, formate da una, due, più raramente tre stanze; una di queste doveva essere adibita, obbligatoriamente, ad ospitare gli animali e, stante alla loro natura, doveva essere quella a piano terreno. “La stadda”, ricovero degli animali, era, quasi sempre, priva di rifiniture murali, senza fronzoli né imbiancature; rustica, come uscita dalle mani del mastro muratore, era generalmente divisa in due parti da una sottile parete in muratura o di assi di legno. In un angolo troneggiava la “mangiatura”, più o meno grande, a seconda se doveva ospitare asini, muli o cavalli, una o più bestie ; al muro di fronte, posto bene in evidenza, uno o più anelli di ferro, ove legare l‟animale durante le ore di riposo, evitando così che potesse fare del danno o farsi male da solo. Era sempre piena di paglia o fieno, alimento principale degli equini che ne mangiavano in continuazione. Una volta al giorno veniva servita qualche razione di fave o di avena, alimenti questi molto nutrienti ed energetici, ma il pasto principale, che soddisfaceva l‟animale, era la paglia ed il fieno.

189

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Quando “la stadda” era sufficientemente spaziosa da potere essere divisa in due, nella parte retrostante la mangiatoia, alle spalle dell‟animale, veniva conservata una certa quantità di paglia, fieno, qualche sacco di avena e di fave e, cosa molto importante per la famiglia, della legna da ardere, utile per i bisogni quotidiani della cucina. La maggiore quantità di paglia e fieno veniva conservata nella “paglialora”, spesso fatiscente costruzione di proprietà o in affitto, composta dal solo piano terra, dentro cui, oltre alla paglia e all fieno, trovavano posto legna, utensili, contenitori per l‟agricoltura e roba simile. Oltre agli equini, vitali per chi viveva d‟agricoltura, trovavano posto le galline; tante galline, fino ad una quindicina, che razzolavano tra i piedi degli animali senza che questi facessero del male ai pennuti. La mattina, appena faceva luce, la proprietaria apriva la porta della stalla e faceva uscire i bipedi per la strada, ove trovavano qualche vermicello da inghiottire; stavano in strada tutta la giornata a rincorrersi e stramazzare, sempre obbedienti alle volontà del grande gallo che, fiero ed orgoglioso della sua prestanza, se ne stava in disparte a controllare il proprio harem, non permettendo a nessuno di avvicinarsi. A metà della giornata la padrona (era sempre la donna che accudiva le galline) si metteva davanti la porta della stalla tenendo in mano un contenitore pieno di chicchi di avena o del frumento scartato dalle macine dei mulini, o fave pestate e rese adatte alle galline, e con una cantilena, ormai nota agli animaletti, le chiamava: “puru…puruu. Ciii…ciii…ci…” Prima ancora che cominciasse la cantilena, appena la padrona si sistemava al solito posto, da ogni parte della strada arrivavano correndo, con le ali aperte per tenersi in equilibrio nella corsa. “Puru…puru…puru…ci…ci…ci…” continuava la donna, mentre spandeva quei chicchi con destrezza e abilità in modo che arrivassero a terra sparpagliati e distribuiti a tutte le galline; queste, mentre si beccavano tra di loro, facevano scomparire, come per magia, i numerosi chicchi, sopportando, con rassegnazione, anche le beccate che il gallo dava loro per appropriarsi di qualche pezzetto più appariscente.

190

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Ogni giorno depositavano, per la gioia della padrona, tante bianche uova, che in parte venivano consumate in famiglia, in parte venivano vendute e col ricavato si comprava ciò che necessitava. Non solo le galline trovavano posto nella stalla; spesso, non sempre, trovava posto anche un maialino, sempre intento a rovistare con quel muso a forma di fungo; questi, legato ad una corda, stava in un angolo della stanza mangiando crusca impastata con la calda “lavatura” della pasta, mischiata ai pochi resti del pranzo quotidiano. Ogni tanto veniva fatto uscire per strada, addirittura c‟erano delle persone che lo lasciavano girovagare, nei dintorni, dalla mattina alla sera, per vederlo rincasare regolarmente per mangiare e dormire. Nessuno pensava di rubare il maiale o le galline, salvo qualche volta ad opera di ragazzacci; qualcuno della famiglia, quasi sempre i ragazzini, tenevano d‟occhio l‟animale mentre giocavano per le strade, e poi, tutti i vicini conoscevano gli animali domestici degli altri e si cercava di proteggersi vicendevolmente, specie quando si trattava di animali di grossa mole come, appunto, i maiali; in definitiva, tra padroni, ragazzi e vicini, gli animali erano sempre sotto sorveglianza. Non c‟era pericolo che le macchine se li mettessero sotto, semplicemente perché di macchine non ce n‟erano, qualcuna passava per la strada principale, rarissimamente per le vie secondarie. Quel maialino, nel giro di mesi, sarebbe diventato un bel porco, da uccidere per Natale e, oltre a ricavare tanto ben di Dio per sfamare la famiglia, si vendeva la salciccia e qualche osso, guadagnando una sommetta tale da coprire le spese sostenute per il mantenimento e magari comprare un altro maialino. La “stadda” ospitava anche una o due caprette, umili ed eleganti. Nel loro angolino se ne stavano pazientemente mangiando e dormendo; si sentivano belare solamente quando avevano fame. Andavano sempre appresso al padrone, quando questi andava nelle campagne. Legate con una corda alla sella dell‟equino lo seguivano con attenzione per non farsi toccare dagli zoccoli, cosa che non avveniva quasi mai, dato che

191

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it tra le bestie si era instaurato un rapporto di convivenza e quindi di reciproca fiducia. La capra era molto importante per la famiglia perché forniva copioso, gustoso, aromatico latte, utile per crescere i bambini, e, qualche volta, quando si presentava particolarmente abbondante, veniva venduto, ricavandone del gradito guadagno. Umile ed affezionata al padrone, se ne stava per tutta la durata del lavoro a pascolare per il campo, nutrendosi gratuitamente della tenera erbetta ed accorrendo obbediente al richiamo. Quando il contadino dava la razione di fave alla mula, una bella “manata” era sempre destinata alla capretta, assieme a qualche speciale boccone che qualcuno della famiglia, specie i bambini particolarmente affezionati all‟animale, gli destinavano. L‟immancabile cane stava a dormire in un angolo vicino alla mula; solo lui poteva permettersi di stare tanto vicino all‟equino. Tra le due bestie si instaurava un particolare rapporto che sarebbe durato per tutta la vita, fino a che uno dei due avesse lasciato l‟altro. Il cane, oltre a fargli compagnia, era il naturale guardiano della sicurezza del quadrupede; la naturale predisposizione dell‟olfatto e dell‟udito faceva sì che, in caso di pericolo, il cane lo avvertisse molto prima di qualsiasi altro, permettendogli di prepararsi in tempo a difendersi; inoltre, in mancanza del padrone, a nessuno era permesso avvicinarsi agli animali e nemmeno alla “robba”, indumenti e cibo che dovevano servire al padrone per tutta la giornata. Non tutti avevano una stalla come sopra descritta. Spessissimo s‟incontravano dei giornalieri di campagna che non avevano la possibilità di possedere tutti quegli animali. Un asinello e poche galline, erano gli abitanti abituali della piccola stalla ricavata in un angolo dell‟unica stanza a pianterreno di cui potevano disporre. La stanza, appena entrati in essa, presentava una stretta mangiatoia con l‟asinello, a volte unico mezzo di guadagno, al suo posto, ai suoi piedi della

192

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it paglia, quasi sempre fresca, dietro l‟asino una gabbietta, fatta di assi di legno, conteneva poche gallinelle. Un grande pezzo di stoffa, a volte anche di due o più colori, divideva in due la stanza. Nella parte posteriore della stanzetta, dietro la tenda, era sistemato un letto, accanto al quale si distinguevano due tre giacigli; questi venivano disfatti la mattina per essere ricomposti la sera all‟ora di andare a dormire: erano i lettini dei figlioli. In un altro angolo, tutto di colore nero fumo, una cucina in muratura, con della legna pronta ad essere accesa; qualche pentola e suppellettili da cucina si notavano assieme ad un modesto tavolo e qualche sedia; tutto questo conteneva l‟abitazione, umile dimora di un modesto operaio. Anche questa era una stalla! Tutto doveva essere al proprio posto ed in maniera funzionale, dato il poco spazio a disposizione. Tutto questo teneva impegnata la famiglia contadina: le donne di casa intendevano alle le galline ed i piccoli animali, dando loro da mangiare, pulendo il loro sito, raccogliendo e destinando il prodotto; ordinavano, prendevano la legna per preparare i cibi; verso sera il capo famiglia, ritornato dai campi, o la mattina successiva di buon‟ora, puliva e depositava tutto il concime “nni li zimmila”, contenitori tessuti con foglie di palme nane, molto in uso nelle nostra comunità, strigliava e teneva pulito il mulo o qualche altro equino; aggiustava e teneva in ordine i finimenti degli animali e quelli da lavoro; mai si finiva di lavorare, la stalla aveva il sufficiente per tenere occupata tutta la famiglia. La “stadda”, umilissimo posto dove “lu Signiruzzu” è venuto alla luce; luogo di grande umiltà, adorna, non di quadri d‟autore, ma di umili attrezzi campagnoli ed equini, ove gli odori degli escrementi dei suoi abitanti facevano e fanno arricciare il naso a chi si immette in essa, ha dato, certamente, alla nostra generazione, oltre a quelle che ci hanno preceduti, la possibilità di potere ospitare, sotto l‟attenta sorveglianza dei proprietari, quegli animali che hanno permesso ai nostri padri e prima di loro ai nostri nonni, di potere sostenere la famiglia onestamente e consentendo la fornitura

193

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it di buono e nutriente cibo per noi ragazzi sempre pronti a mettere le nostre ganasce in movimento. Non voglio ricordare gli odori che emettevano quei locali; in paese, di stalle, se ne contavano qualche migliaio se si considera il fatto che in ogni strada ce n‟erano sei, sette ed anche più; non voglio ricordare l‟olezzo che si sentiva in tutte le contrade e spesso sugli indumenti delle persone che passeggiavano in piazza; no, non voglio ricordare questo, che pure era parte della nostra esistenza, voglio qui ricordare quel fragrante profumo che si spandeva dal latte appena munto, il gradevole odore che si levava da quell‟uovo fritto che la mamma ogni tanto ci serviva, quell‟aromatico odore di salsiccia che si impregnava l‟aria quando il nonno apriva la carta, contenente un “caddozzu”, tolto dal fuoco del braciere, da quella bistecca di maiale che una volta tanto si metteva ad arrostire sulla brace, quell‟aulente profumo che ci inebriava quando si tagliava una fetta di quel pane, frutto del lavoro di quelle povere, nobili, “bestie”. Questo voglio ricordare e far sì che tutto ciò non venga dimenticato.

194

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

195

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

196

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Lu Tammurinaru (Il tamburino) Della figura che sto per rammentare ho avuto la possibilità di far cenno in un‟altra presentazione; per l‟importanza che aveva nella mia, come credo anche in molte altre, immaginazione piena di fantasie di ragazzi, mi sento di dedicarle un‟attenzione maggiore di qualche cenno. Era usuale, quando si voleva comunicare alla cittadinanza qualche novità, in considerazione dell‟altissimo grado d‟analfabetismo che c‟era nella popolazione, bandire, “fari vanniari”, le notizie, il tutto preceduto da forti rulli di tamburo per attirare l‟attenzione della gente. Era quasi sempre lo stesso personaggio “lu tammurinaru”, salvo qualche avviso che, proveniente da altri paesi, si portava appresso anche l‟artista di quel luogo. Camminava davanti a tutti, alle processioni, al banditore, alle autorità, alle manifestazioni, rullando il suo tamburo con maestria e conoscenza dello strumento, fiero, con lo sguardo rivolto verso terra per evitare d‟inciampare; tutta la sua attenzione era rivolta al suo tamburo per garantire sempre ed in ogni occasione un bel suono limpido ed il più ritmato possibile. Precedeva tutti, mantenendosi una trentina di metri più avanti, per avvisare chi abitava in quel tragitto che qualcosa di importante stava passando, si stava celebrando, si voleva mettere a conoscenza. Al suo passare la gente si affacciava per conoscere cosa stesse presentando il tamburo: “Cu passa?...Chi cc‟è?...” si era soliti esclamare all‟udire il suono “di lu tammurinu!”. Nella società era poco considerato; calcolato quasi “un poveraccio” che viveva di piccole cose occasionali racimolando qualcosa che lo aiutava a campare la famiglia, suonando “lu tammurrinu”. Preciso nel suo lavoro, orgoglioso del suo strumento che trattava con cura; non permetteva a nessuno di metterci le mani sopra; con quello strumento non sapeva fare altro che rullare, ma era tanto bravo; se qualche volta, in

197

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it occasione di feste religiose, si avvicinava al gruppo bandistico con la voglia o la presunzione di volere accompagnare qualche pezzo, veniva allontanato con la scusa che doveva stare davanti a tutti e non dietro “cu li musicanti”. Non si offendeva, non teneva rancore, anzi qualche volta prendeva pure in giro qualche “maistru”, che si sentiva tale, ben cosciente che nel paese c‟era solo lui e per il ruolo che rivestiva era da tutti cercato, utilizzato, e, cosa più importante, pagato. Ogni tanto il dolce sonno mattutino veniva interrotto da un lontanissimo, appena udibile, rullo di “tammurinu”. Nel dormiveglia, più dormi che veglia per la verità, quel suono arrivava pieno di interrogativi: “Chi cc‟è?... Chi successi?...Chi cc‟è di novu? chi è festa?...” Mentre nella mente si susseguivano queste domande, le orecchie seguivano quel suono di “tammurinu” che, pian piano, si avvicinava sempre di più. Eccolo alla distanza “di du‟ strati „n capu...” tam tamtam tam tamtam... “Ora è a la strata di „n capu...” tam tamtam tam tamtam... “Sta trasennu la mè strata...” tam tamtam...tam tamtam... “Ora passa davanti la mè casa...” tam tamtam…; adesso il suono era assordante; sempre con lo stesso ritmo, incessante, quasi che quelle braccia non sentissero stanchezza e che quelle gambe sconoscessero la spossatezza; camminava e batteva le mazze di legno sul tamburo in continuazione, tenendo la testa inclinata un poco da una parte quasi a volere seguire con l‟udito l‟esattezza delle note che venivano fuori dal tamburo… tam tamtam tam tamtam… A questo punto la veglia aveva superato il sonno; l‟attenzione era al massimo così pure la fantasia che, tra fantastiche probabilità e concezioni del perché suonasse il tamburino per le strade del paese, ne concludeva che non avendo fatto soste “nni li cantuneri pi vanniari” e non avendo sentito “lu vanniaturi gridari” certamente “lu giru di lu tammurinu” era l‟avviso che doveva passare una processione, dunque festa, di conseguenza divertimento. La conferma a tutto arrivava dalla mamma che, svegliandomi con la solita “cicara di latti”, mi faceva notare che li “robbi novi” erano sulla sedia e che la S. Messa era alle dieci.

198

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Ormai ero sveglio; con gli occhi pigri guardavo la mamma, ancora di salvezza a tutte le mie incertezze (ed erano tante). La stanza si riempiva di un fulgido raggio di sole che entrava dalla finestra ormai aperta; dimentico della causa del risveglio, che ormai si era allontanata pian piano, portandosi con il suo monotono tam tam il sonno, le domande, le incertezze, ma lasciandomi nella mente quella immagine di uomo curvo, quasi gibboso e mal vestito, che batteva con le mazzette su quella pelle dâ€&#x;asino che magicamente riusciva a far sognare i ragazzi dormienti.

199

Câ€&#x;era „na vota 2

Dâ€&#x;angelo Giovanni


www.villachincana.it

200

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

201

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

L’Elencu di li Poviri (L‟elenco dei poveri) Sovente ho messo in evidenza, senza forzare con descrizioni esagerate, in quale stato di bisogno si trovava la popolazione del paese. Non tutta certamente, ma la maggioranza, abbondante, poteva essere considerata povera ed in uno stato di bisogno continuo. Per venire incontro alla necessità di centinaia di famiglie, quasi tutte composte da numerosa prole a cui il povero e saltuario lavoro del padre non poteva dare risposte sufficienti al loro fabbisogno, il Municipio aveva istituito una lista comprendente i nomi delle famiglie bisognose di attenzione particolare, specie in certi periodi dell'anno in cui si avvicinavano le feste importanti onde evitare che restassero “cu la pignata a testa appuzzuni e lu focu astutatu”; tale lista era denominata: “l'elencu di li poviri.” I cittadini, con apposita domanda, facevano presente il loro stato di bisogno e chiedevano di essere inclusi nell'elenco. Una commissione, composta dal Sindaco e da personalità eminenti del Paese, ogni certo periodo istruiva le richieste pervenute al comune, avvalendosi della conoscenza personale dello stato di necessità del richiedente; all‟occorrenza, incaricavano un vigile urbano d‟accertarsi dello stato in cui versava il cittadino. Inserivano nell'elenco gli aventi diritto dando loro la possibilità di accedere ai benefici che la società elargiva con equità e giustizia. Il Comune aveva un ufficio distaccato dalla sede centrale in cui alcuni impiegati prestavano il loro lavoro solo ed esclusivamente diretto ai tanti bisogni che provenivano dai cittadini, cercando di venire loro incontro con correttezza ed obiettività, rispettando le leggi vigenti in materia ed osservando le regole che il Municipio si era dato: l'ufficio portava il nome di E.C.A. (Ente Comunale di Assistenza). Secondo la mia memoria, era ubicato sotto la torre dell'orologio con accesso dalla stessa porta, sopra “li casotti”, a fianco della chiesa del Purgatorio;

202

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it un'unica stanza con vista sulla piazza principale da una grande finestra sul cui balconcino era esposta una tabella al centro della quale spiccava l'emblema del Comune ed attorno, ai bordi, una scritta a grandi caratteri : E.C.A. Ente Comunale di Assistenza. Era un ufficio molto praticato dalle persone, molte delle quali vi si recavano con una certa riluttanza spinti da un serio bisogno familiare; altre erano tanto abituate da sembrare esse stesse impiegate dell'ufficio, tanto erano informate dell'andamento delle pratiche assistenziali. In vista di una festa importante il Comune deliberava di elargire qualche sommetta a queste persone, consentendo loro di comprare l'occorrente per imbandire la tavola alla famiglia; inoltre distribuiva una certa quantità di pasta e generi di prima necessità, tenendo presente la composizione dei nuclei familiari. Accanto all'Ente Comunale di Assistenza, organismo prettamente locale e che si finanziava col bilancio comunale, ogni tanto si affiancava un altro Ente provinciale l' UPISEA che, tramite personale proprio e sotto la diretta osservanza dell'Ente comunale, distribuiva vettovaglie e generi di prima necessità ai cittadini bisognosi. Già due - tre giorni prima della distribuzione incominciava a circolare la voce e, di conseguenza, la fila davanti alla porta dell'ufficio E.C.A. e del Municipio. La precedenza su tutti nella spartizione del vitto era indirizzata alle vedove ed alle madri dei caduti in guerra, specie se donne sole senza sostentamento maschile; appresso venivano le vedove senza reddito alcuno, dopo tutti gli altri. Nonostante l'elenco e le regole qualcuno più astuto (ce n'erano tantissimi che, spinti dalla fame o dai vizi, sviluppavano l'arte della furberia in maniera abnorme) riusciva, tramite conoscenze o finzioni, ad usufruire dei benefici per più volte mentre tante persone non si presentavano, o per ritegno non ne facevano richiesta. Per tanta gente dire che faceva parte dell'elenco “di li poviri” era una vergogna; allora si stringevano nel loro onorato ed onesto bisogno, continuavano nelle strettezze familiari, andando dietro a qualche giornata di

203

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it lavoro di dieci ore e ringraziando chi faceva lavorare. Molti altri, per mancanza di lavoro o per pigrizia, facendo di questa un'arte, stavano giornate intere a gironzolare “pì lu scaru”, “li funnachi”, “sutta lu ralogiu”, “chiazza chiazza”, “pùtii putii” (anche di vino), con lo scopo di potere racimolare qualche lira, magari trasportando qualche “cufìnu di puma” o “saccu di patati” in qualche bottega o facendo qualche commissione a persone benestanti avendone in cambio un po‟ di roba da mangiare. Con l'approssimarsi delle scadenze festive il Municipio distribuiva dei buoni con cui si potevano comprare cibi nelle botteghe; oppure venivano distribuite delle dosi di pasta (quasi sempre pasta lunga in confezioni da cinque chili) presso l'ufficio competente o una primaria bottega scelta dall‟Amministrazione, convenzionata per l'occasione. Allora per qualche giorno si assisteva ad un via vai di gente che percorreva le strade del Paese portando a casa uno o due coppi di pasta sotto il braccio, con appresso qualche figliolo recante pacchetti di zucchero, complemento al dono festivo per le famiglie bisognose. Era poco, certamente, ma era un “poco” che permetteva a tantissime famiglie di mettere “la pignata” sul fuoco per diversi giorni ed avere la famiglia attorno al tavolo a riempirsi lo stomaco. Non tutti usufruivano di detto servizio, qualche discriminazione o errata valutazione capitava spesso, dato il numeroso esercito dei bisognosi. A quella involontaria (!) ingiustizia rispondeva qualche intraprendente e coraggioso padre che, in prossimità delle feste e non avendo possibilità economiche, portava tutta la famiglia, moglie e cinque o sei figli senza contare quello custodito nel grembo materno, davanti il portone del Municipio, a protestare per la mancata inclusione nell'elenco o la mancata consegna dei doni o, ancor più grave, la cancellazione a seguito di qualche anonima segnalazione molto interessata. Quella che più di tutti “ittàva vuci” era la madre che, tenendo per mano il più piccolo e mettendo in mostra il suo pancione: “Signura amministra tura, chi ccè ddari a mangiari a st‟addevi... Comu l‟accattari lu latti pi sti criatura? Dicitimillu vu‟, signur sinnacu, dicitimillu vu‟! “

204

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Alle grida della mamma, qualche bambino già incominciava a strillare costringendo i passanti a fermarsi per curiosare e spingendo qualche amico o qualche cuore tenero a parteggiare per loro unendosi alla già numerosa schiera dei dimostranti. Questo modo di protestare non era raro. Ricordo, infatti, di quella volta in cui delle persone sfrattate dalla casa in affitto, non avendo dove andare, caricati sulle spalle dei famigliari “trispa e matarazza”, andarono a “cunzari lettu” davanti al portone del municipio. Certo erano manifestazioni estreme ma erano la manifestazione dello stato di povertà e dell'esasperazione in cui la gente veniva a trovasi. L'Ente Comunale Assistenza dava qualche miserevole risposta a tutti le necessità della gente bisognosa? Certamente no, ma era uno strumento che permetteva di controllare lo stato di bisogno e di intervenire in quei casi pietosi e degni di attenzione, prima che avvenisse qualche azione insensata.

205

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

206

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

207

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Lu Trenu e la Stazzioni (il treno e la stazione) Il trasporto di persone e masserizie avveniva utilizzando carri trainati, che richiedevano un considerevole utilizzo di persone, di animali, di energie. Da tempo venivano utilizzati, su percorsi prestabiliti, anche altri mezzi di trasporto molto più comodi, più veloci, e che richiedevano meno sforzi fisici: il treno e l‟autobus. Il treno era composto da una serie di vagoni, assemblati tra loro e tirati da una locomotiva semovente spinta dalla forza prodotta dalla combustione di vari materiali, normalmente si usava il carbone. Camminava su delle rotaie di ferro, equidistanti tra loro, procurando alle ruote dei carri, dello stesso materiale, il minimo attrito possibile e una agevole corsa. Si fermava nelle stazioni ove consentiva ai passeggeri di salire e scendere, il carico e scarico delle merci e, cosa indispensabile, il rifornimento di carbone e di acqua, elementi necessari per produrre l‟energia. La stazione ferroviaria che serviva il comune di Cianciana era ubicata nella parte nord est del paese, a due chilometri circa di distanza, percorrendo la statale 118 in direzione di Palermo. Per arrivare alla stazione si doveva percorrere detta statale, dal pavimento pieno di ciottoli, brecciale misto, tanta polvere e qualche sporadica traccia di asfalto; le buche facevano la parte del leone. Era una strada tortuosa che si percorreva a piedi, spesso carichi di scatoloni e fagotti vari che il passeggero, dovendo andare altrove per diverso tempo, doveva per necessità portare con sé. Durante il cammino si faceva comunella con altre persone dirette allo stesso posto, si chiacchierava degli orari e della durata della percorrenza; qualche volta si veniva investiti da una consistente nuvola di polvere sollevata da qualche rara automobile di passaggio; di contro, per trasportare i bagagli, si approfittava spesso dell‟aiuto offerto dai conduttori dei numerosi carretti,

208

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it tirati da muli, che trasportavano materiale di gesso e che percorrevano continuamente quella strada. I carretti erano una calamita che attraeva l‟attenzione dei ragazzi che subito andavano ad aggrapparsi alle sue stanghe posteriori lasciandosi portare da quel piacevole movimento ciondolante, simile al cullare. Gli adulti richiamavano e rimproveravano, assieme al conduttore, i ragazzi, ricordando loro che era pericoloso quello che facevano; ma a quei richiami erano sordi presi dal piacevole “annacari di lu carrettu”. Tra sorrisi, grida, anche e spesso lacrime, si arrivava alla stazione. Sì, anche lacrime s‟incontravano durante quel breve tratto di strada, tante lacrime, versate da mamme e mogli che accompagnavano i rispettivi uomini alla stazione a prendere il treno, che li avrebbe portati, per chissà quanto tempo, in altre nazioni, in mezzo a gente che non si conosceva e a cui adesso si chiedeva di potere lavorare per loro e guadagnare il necessario per dare sostentamento alla famiglia. La stazione: un grande palazzone di due piani attorno al quale c‟erano vialetti sempre ben tenuti, con tante siepi fiorite, tanto verde, alberi da frutta che, nelle stagioni di produzione, attiravano l‟attenzione di grandi e piccini, che non sapevano contenere l‟istinto di allungare la mano e cogliere qualche frutto. In un angolo una bella casetta, con un artistico tetto, era utilizzata a gabinetto pubblico, spiccava la scritta “cessi” posta in alto, due porte ai lati opposti recavano l‟indicazione “uomini” e “donne”; sempre ben puliti e quasi mai puzzolenti erano sempre aperti ed a disposizione. Un po‟ più in là, ad un‟altezza di circa cinque metri, un grandissimo contenitore rotondo, di cemento, simile ad una botte, poggiato su robusti sostegni di cemento armato, coperto da una protezione, sempre di cemento, al cui culmine era sistemata una palla appuntita a forma di pigna, faceva bella mostra di sé in tutta la sua imponenza. Era pieno d‟acqua a disposizione delle locomotive che la utilizzavano per i circuiti di raffreddamento della caldaia. Un po‟ in disparte e lontano dalla gente, era sistemato un grosso tubo snodabile, posto ad un‟altezza di circa tre metri, alimentato dalla grande

209

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it botte, che usciva dalla conduttura principale; terminava con un capiente beccuccio; quando la locomotiva aveva bisogno di fare rifornimento di acqua la macchina, staccatasi dal resto delle carrozze, si recava proprio sotto il grande cannello, che veniva introdotto nel recipiente della locomotiva e in pochi minuti forniva alla macchina tutta l‟acqua occorrente a riempire il serbatoio. Davanti all‟edificio c‟era uno spiazzale sempre ben tenuto, al cui limite passava la strada ferrata; due file di rotaie, perfettamente equidistanti, attiravano l‟attenzione per la loro lucentezza; un poco più in là un‟altra coppia era a disposizione per il passaggio o posteggio di qualche altro convoglio. Sotto le rotaie una interminabile fila di grosse traverse di legno tenevano ben fermi e paralleli, tramite delle grosse viti, i binari. Alla stazione si arrivava quasi sempre con un certo anticipo; il treno non era quasi mai in orario, per cui si stava tanto tempo a passeggiare nell‟antistante piazzale a scrutare in lontananza un lungo e nerastro filo di fumo, oppure si tendeva l‟orecchio per cercare di sentire il “ciuf ciuf” del treno. Per i ragazzi era un divertimento stare alla stazione; i più piccoli correvano sotto lo sguardo attento dei genitori o dei fratelli più grandi, quelli più grandicelli si rincorrevano, spesso attraversando i binari, spingendo il capostazione, sempre impeccabile nella sua divisa e col cappello in testa, a rimproveri e severi richiami, minacciando di fare “la contraminzioni” ai genitori. “Silenziu…silenziu…arriva lu trenu”: una voce si sentiva tuonare tra la gente che immediatamente smetteva di chiacchierare; i ragazzi si fermavano e molto lentamente si avvicinavano ai loro genitori; tutti indirizzavano la loro attenzione nella direzione da dove si aspettava spuntasse il treno, gli occhi fissi a cercare nell‟aria il pennacchio nero che usciva dal nero fumaiolo. Finalmente, più che la vista, l‟udito percepiva per primo l‟inconfondibile potente fischio che la locomotiva emetteva, per avvisare del suo passaggio; subito dopo seguiva il caratteristico rumore prodotto dagli stantuffi che

210

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it spingevano prepotentemente la pressione prodotta dalla caldaia, nei circuiti e di conseguenza alle ruote. “Ciuff…Ciuff…”, finalmente dalla curva in lontananza faceva la sua apparizione il rotondo cilindro della locomotiva in compagnia del suo inseparabile lungo pennacchio di fumo che usciva con prepotenza dallo stretto fumaiolo e si allargava verso l‟alto, quasi a volersi liberare dalla pressione che lo produceva. “Ciuff…Ciuff…” il rumore si faceva più forte man mano che si avvicinava alla stazione. Ai lati della macchina trainante veniva espulsa, con grande pressione, una considerevole quantità di vapore prodotto dalla caldaia che, non più necessaria al traino perché ormai arrivato alla stazione, veniva eliminata onde evitare qualche surriscaldamento con conseguenze molto serie. Il macchinista che guidava, quasi sempre con la testa fuori dal finestrino laterale per avere una più precisa visuale della strada, nell‟avvicinarsi sempre più alla stazione cominciava ad azionare i freni per rallentare la corsa; la frenata produceva un rumore stridente di ferro tanto che le ruote, strofinando energicamente contro i binari, dato il peso che sostenevano, producevano centinaia di scintille, spettacolo tanto piacevole allo sguardo attento dei ragazzi. Il treno arrivava alla stazione tra stridori, rumori indistinti, una grandissima quantità di vapore; da un angolo della stazione arrivava il portabagagli, un uomo con addosso un lungo grembiule di colore celeste, con in testa un berretto da addetto alle ferrovie che, trainando un carrello a due ruote, trasportava valigie e quant‟altro un passeggero potesse portare con sé; si sistemava vicino al treno e con voce controllata ripeteva : “porta bagagli …cu voli lu porta bagagli…”. Qualcuno lo chiamava, specie chi aveva tanti bagagli, per farsi aiutare a trasportare le proprie cose fino alla carrozza che faceva servizio tra il paese e la stazione; tanti altri, scesi dal treno si caricavano sopra le spalle le proprie masserizie, aiutati da qualche familiare o amico e s‟incamminava a percorrere i due chilometri che lo separavano dal paese.

211

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it La locomotiva continuava a sbuffare mentre, staccatasi dal resto del convoglio, si recava un po‟ più in là per fare rifornimento di acqua; i vagoni erano a disposizione dei passeggeri che da qualche tempo aspettavano in stazione. Quasi sempre spingendosi per salire per primi sui vagoni e prendere il posto migliore, che era considerato essere quello vicino al finestrino, la gente saliva sul treno e sistemava i propri bagagli negli appositi spazi sopra i sedili; questi erano di legno, molto liscio e ben lucido, simili alle panche, con un comodo schienale ove poter appoggiare le spalle e spesso schiacciare un pisolino durante il viaggio. Una parte della carrozza era destinata ai posti di prima classe, il cui biglietto costava più di uno normale di seconda classe; due scompartimenti, comprendenti sei posti ognuno, erano destinati alla classe privilegiata, le cui poltrone erano morbidamente imbottite e rivestite di grigio panno di velluto; attiravano sempre l‟attenzione dei ragazzi i quali, spesso, vi entravano per provare come si stava, mentre qualche monello, non visto dal controllore e da persone adulte, si lucidava le scarpe strofinandole energicamente sulla stoffa dei sedili. In fondo ad ogni carrozza c‟era un piccolo cesso, composto da un buco sovrastato da una tazza; ciò che si depositava andava a finire direttamente a terra, tra le rotaie; in un angolo era installato un lavandino, sovrastato da un piccolo specchio, con acqua corrente non potabile. Mentre la locomotiva ritornava dal rifornimento le persone si salutavano; chi piangeva al distacco del caro congiunto che si recava all‟estero in cerca di lavoro; chi raccomandava ai figli, che uscivano per recarsi in altre città, di stare attenti ed essere educati con il prossimo. Il treno, ricompostosi, incominciava a sbuffare ed espellere l‟immancabile fumo odoroso di carbone bruciato; il capostazione, tenendo in una mano la paletta rotonda per far vedere l‟ordine al macchinista e nell‟altra il fischietto per farglielo sentire, con fare premuroso ed attento, raccomandava agli astanti di tenersi lontano dai binari. Il tutto era una scena simile a tante altre, viste decine di volte, ma sempre commovente, interessante, coinvolgente.

212

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it “Ciiiiuuff…ciiiuuff…ciuff…” il treno pian piano si allontanava, portando con sé quelle braccia che fuori dal finestrino sventolavano fazzoletti, lasciando dietro di sé qualche pianto, mani alzate, bimbi che gridavano e correvano, l‟immancabile lunga striscia di fumo nerastro che riempiva l‟aria di quel tipico odore che, a dir la verità, non era sgradevole.

213

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

214

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it

Partiri pì Surdatu (Partire per la leva militare) Ad ogni occasione è stato messo in evidenza, volutamente, la grande quantità di ragazzi e di giovani che, con la loro presenza ed in ogni occasione, portavano gioia di vivere ed allegria. Con la battuta sempre pronta, disponibili allo scherzo, al divertimento, erano la linfa vitale che veniva fortificandosi per dare nuovo futuro alla nostra collettività. Affezionati alla famiglia, leali con gli amici, ottimi lavoratori, onesti con il prossimo, stavano a casa con i genitori e i fratelli fino ad età matura. Con la famiglia dividevano tutto: gioie, dolori, piaceri, amarezze, fatiche, sacrifici, agiatezze, tutto era in funzione della famiglia e per la famiglia. Per le ragazze tutto il loro mondo era la casa paterna; sempre sotto le ali protettrici della mamma, che non le lasciava mai incustodite, venivano educate alle faccende domestiche, a divenire buone mogli e ottime mamme. I ragazzi si dedicavano al lavoro con serietà e perseveranza; affiancavano spesso il proprio genitore nel lavoro dei campi, nelle viscere della terra, in qualche attività autonoma, cercando di concorrere il più possibile alla stabilità economica ed al benessere della famiglia. Molto difficilmente si allontanavano dal paese; rarissime le occasioni di potersi recare in qualche paese vicino, non parliamo poi delle visite in grandi città! Faceva parte della normalità vedere giovani, ormai adulti, che non si erano mai allontanati dal proprio paese; tutto il loro mondo era lì, a portata di mano, anzi di piede: casa e lavoro. Ormai adulti, capitava che si recassero in qualche paese vicino, in occasione di feste locali, in compagnia di amici, sempre col permesso dei genitori. “Dda nisciuta” era oggetto di discussione per diversi giorni, in ogni occasione si metteva in evidenza che, ormai maturi, i genitori avevano fiducia in loro.

215

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Per i genitori erano sempre “l‟addevu”, oggetto di attenzioni e di cure particolari. “Lu figliu masculu” era “l‟eredi”, a cui sarebbe spettato il compito di continuare la famiglia ed esserne responsabile, prendendo esempio dal padre e dal nonno prima di questi. Tutto andava secondo l‟andamento solito del paese, fino a quando un bel giorno arrivava una cartolina: Repubblica Italiana, Ministero della difesa. “La cartulina arrivà, l‟addevu av‟a partiri pì surdatu!” Il ragazzo, ormai adulto e idoneo alla leva militare, viene chiamato a presentarsi presso il CAR di… “a serbiri lu Papà”. Un velo di tristezza entrava nella famiglia; era una tristezza mista ad orgoglio perché mentre da una parte non si voleva che “l‟addevu” si allontanasse da casa, dall‟altra si capiva che la maturità ormai faceva la sua apparizione e con essa veniva formandosi “l‟omu” di domani. Inutile tergiversare, “babbiaricci „ncapu”, il giorno della partenza si avvicinava a passi da gigante e con esso i preparativi della mamma per mettere insieme “li robbi”, utili per la permanenza sotto le armi. La valigia è pronta; l‟indomani si parte! La chiamata al servizio militare era un dovere del cittadino verso la Patria; pertanto tutte le spese che ne erano attinenti erano a totale carico dello Stato, anche i viaggi di andata e ritorno dal Centro Addestramento Reclute a cui si era assegnati. L‟unico servizio statale di trasporto che allora era a disposizione dei cittadini era il treno. Dopo avere ricevuto gli incartamenti necessari al riconoscimento e alla franchigia delle spese, da parte della locale stazione e dei carabinieri, tutto era pronto; si doveva solamente aspettare che arrivasse il giorno stabilito. Era usanza accompagnare il ragazzo che partiva per militare fino alla stazione. Il giorno della partenza tutti erano pronti: i genitori, i fratelli, i parenti, gli amici, qualche vicino particolarmente affezionato, la fidanzata, quando il ragazzo l‟aveva già.

216

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Uno stuolo di persone; accanto al giovane la madre e la fidanzata, a volte prendeva il posto di destra la moglie (erano occasioni rare ma ogni tanto capitava), poi tutti gli altri dietro, tra il correre ed il vociare degli immancabili ragazzi per i quali era una occasione eccezionale “jri a la stazioni”. La mamma piangeva la dipartita del figlio tenendolo ben stretto per un braccio, la fidanzata, dall‟altro lato, faceva altrettanto, assieme andavano avanti in prima fila con passo cadenzato e senza “prescia”. Tutti gli altri seguivano chiacchierando, sempre con compostezza e con fare adatto alla circostanza. In ultimo il fratello minore che conduceva un quadrupede su cui era sistemata la valigia, oggetto di tanta attenzione da parte della madre. Spesso si veniva sorpassati da qualche carretto guidato dal carrettiere il quale, come sempre capitava, si metteva a disposizione per trasportare le masserizie oppure qualche persona che non era nelle condizioni di “farisi tutta dda strata a l‟appedi”. “Papà… Papà… mettimi ‟ncapu lu carrettu!, …adà, Papà, mettimicci!” Qualche bimbo approfittava della disponibilità mdel carrettiere per farsi “‟na carruzziata”; era normale e capitava ogni volta che un carretto vuoto passava ed il carrettiere dimostrava la sua disponibilità. “A mija vidè ! A mija vidè!” gli faceva subito eco un altro bimbo o bimba, rivolgendosi al suo papà. Il carrettiere rallentava l‟andatura ed invitava gli uomini ad accontentare i bimbi ; in breve tempo sul carretto c‟erano quattro – cinque bambini allegri e vocianti, con soddisfazione del carrettiere che era riuscito a far felici quelle creature. Il carro procedeva molto lentamente, seguito da due o tre uomini pronti a far scendere i piccoli dopo qualche tratto. Erano minuti di distrazione, di sorrisi ma anche di apprensione da parte delle mamme che immancabilmente raccomandavano: “Masciu Pè… Masciu Pè… A ssa sta attentu a l‟addevi!”, mentre il carro, dondolandosi, procedeva vicino alla comitiva. Dopo qualche tempo si arrivava alla stazione ferroviaria.

217

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it Il piccolo spiazzale antistante l‟edificio si riempiva subito di persone; il capo stazione usciva dalla sua stanza e dopo essersi informato del perché di tanta folla, si avvicinava al ragazzo e gli faceva le congratulazioni, occasione questa che stimolava il pianto della madre e di qualche altra persona. Il papà aveva una espressione triste ma in quella serietà c‟era un grande manifestazione di orgoglio; il suo ragazzo ormai era un uomo. Il treno non arrivava quasi mai in orario; il suo arrivo era sempre preceduto da un lungo fischio che metteva in fermento tutte le persone che spettavano: “lu trenu arrivà… cca iè… lu friscu si ntisi…!” Le lacrime, che si erano fermate per un certo periodo, riprendevano a scorrere; incominciavano i saluti e gli abbracci. Genitori, fratelli, amici cari, familiari, si stringevano attorno al giovane che, con la valigia accanto, stava in mezzo a quella folla impacciato e confuso. Un‟occhiata alla mamma piangente, al papà che per la prima volta si presentava con gli occhi lucidi, agli amici compagni di tante marachelle, a tutti, quasi a volerli abbracciare in un unico grande abbraccio. Il treno faceva la sua comparsa, lasciandosi dietro un lungo e vaporoso pennacchio di fumo biancastro, riempiendo l‟aria del rumore tipico dello strofinio del ferro delle sue ruote sulle rotaie. Anche lo stato d‟animo del giovane, che fino ad allora era stato serio, con qualche sorriso di circostanza, si lasciava andare al sentimento più forte dell‟essere umano: l‟amore. Abbraccia forte la mamma, il papà, la fidanzata, i fratellini; una vigorosa pacca sul petto degli amici: “dda v‟aspettu papaciolli, j vajiu ‟n avanti, vatri viniti appressu!” Il treno arriva, si ferma, colmando l‟aria circostante di una densa nube di vapore plumbeo; qualcuno si allontana, altri si tappano la bocca e chiudono gli occhi. Il ragazzo sale sui gradini di accesso alla carrozza, si lascia porgere la valigia; dopo poco tempo si affaccia ad un finestrino, accompagnato dagli amici fino alla scelta del sedile. Il treno fischia prepotentemente, sbuffa, sferraglia con le ruote sui binari;

218

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni


www.villachincana.it l‟aria viene pervasa dal sibilo forte e continuo del fischietto del capo stazione. Si parte! Tutte le braccia si alzano in segno di saluto; qualche fazzoletto bianco si agita tra la selva di braccia: “bon viaggiu Pè… scrivi spissu… fatti sentiri… teniti luntanu di li fimmini… sta attentu… arrivederci!” Il treno ha già acquistato una certa velocità, si allontana veloce; quella mano fuori dal finestrino si fa sempre più lontana fino a scomparire dietro quella curva traditrice che, prepotentemente, toglie agli occhi della madre la visuale del figlio adorato, aprendogli la strada “chi lu porta a fari lu surdatu!”

219

C‟era „na vota 2

D‟angelo Giovanni

D’angelo Giovanni C'era 'na vota 2  

Immaginate che una piovosa sera d’inverno vada via, improvvisamente, la corrente elettrica. Non è possibile? Lo è, specialmente nei piccoli...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you