Issuu on Google+

Web Around School iCAN idea Carloantinetwork


I.S.I.S.S. Carlo Anti di Villafranca Verona Esame di Stato A.S. 2009/10 Gloria Poiani 5btg


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Indice Introduzione Internet e la sua importanza comunicativa

I social network: facebook Web Around School: iCan-idea Carloantinetwork Logo Facebook Bibliografia-Sitografia

Introduzione Ringrazio di cuore la mia Classe 5° B TG che mi ha dato l’occasione per svolgere il mio argomento previsto dall’Esame di Stato. Mi sono servita degli interventi di alcuni compagni pubblicati nel Gruppo iCan-idea Carloantinetwork per Facebook, Web Around School. Li ho collegati e commentati personalmente, al fine di dimostrare che i social network possono essere un’opportunità per imparare e crescere culturalmente. Ringrazio i miei professori che mi hanno dato coraggio e hanno creduto in me. Essere “amici” è importante. Oggi esistono tanti social network come Netlog, Twitter, Badoo e Facebook. Quest’ultimo è il più grande, usato molto dai giovani per comunicare e per condividere interessi, fare nuove conoscenze e assistere a eventi. Internet è molto importante per una buona comunicazione globale. Ha degli aspetti negativi, quali: la messa in scena di prodotti discutibili e di cattiva espressione, anche sintattica (mi è difficile, per esempio, capire quali documenti siano corretti e quali, invece, siano da scartare); la questione privacy (quanto si possa dire e quanto no); il problema delle informazioni (quanto appare vero e quanto non lo sia!). A scuola ci è stata offerta un’occasione dai Giovani di Confindustria di Verona, che durante la Fiera Job&Orienta, nell’Ottobre 2009, hanno indetto un concorso cui la nostra classe ha partecipato: WEB AROUND SCHOOL. Il progetto è rientrato in ASL in TA (Alternanza Scuola Lavoro in Terza Area) per il quale la Regione Veneto prevede una sinergia fra discipline in area curriculare e professionalizzante. Il lavoro si è mosso secondo tre input, forniti dal sig. D. Zorzi, dal sig. E. Chaivegato e dal dott. G. Pedrollo, Presidente dei Giovani Industriali, piuttosto complessi.


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Introduzione Vertevano sulla relazione che si può instaurare fra scuola e impresa. La prof. I. Danelli, nostra tutor interna di Terza Area, ha coordinato l’intero impegno, mediante laboratori in orario curricolare correlati dall’analisi di slide d’approfondimento critico. Molti sono stati i documenti selezionati, tratti, fra l’altro, da riviste e manuali specializzali. Il gruppo era chiuso, quindi vi potevano partecipare solamente i componenti della mia classe e i professori che si fossero iscritti a Facebook. La mia intenzione è di documentare parte di questo lavoro, che ci ha visti coinvolti come gruppo classe fra studenti e docenti, “amici”, insomma, così come si identificano coloro che partecipano in Facebook. Innanzitutto, nella mia tesi, individuo le occasioni che Internet offre come possibilità comunicativa, quindi illustro le occasioni previste dal social network Facebook, che ha aspetti discutibili da non sottovalutare, per concludere con l’opportunità di utilizzare tale strumento, Facebook, anche per comunicare contenuti e immagini di comunicazione creativa ed efficace, così come il gruppo iCanidea Carloantinetwork della classe 5° B TG ha saputo organizzare. Per l’occasione il social network si è dimostrato uno strumento utile e non superficiale. In particolare, desidero curare lo svolgimento dell’input n. 3, sintetizzando brevemente i primi due. L’input n. 3, infatti, appare il più ricco di spunti di riflessione: ci ha visti tutti sempre più attivi, più maturi rispetto all’inizio. Direi che WEB AROUND SCHOOL ci abbia permesso di diventare più autonomi, più legati anche fra noi ragazzi e con i nostri docenti.


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Indice Introduzione Internet e la sua importanza comunicativa

I social network: facebook Web Around School: iCan-idea Carloantinetwork Logo Facebook Bibliografia-Sitografia

Internet e la sua importanza Internet è un gran bel mezzo di comunicazione. E' considerato una forma di comunicazione di massa. Pressoché per tutti noi, è importante far funzionare le straordinarie capacità di cui siamo dotati come l'intelligenza, la riflessione, la creazione di opere, di teorie, di costruzioni matematiche, filosofiche, di arte. Ognuno di noi ha bisogno di esprimersi con queste capacità. Internet è quindi un mezzo di comunicazione potente, una modalità di comunicazione esistente che entra nelle case, negli uffici, sui telefonini, in modo immediato e diretto, fornendo anche risorse per una maggiore informazione. Accendere il computer nella propria stanza permette di sapere di più su qualcosa, cercare fonti dall'altra parte del mondo, valutare e ordinare prodotti, visitare virtualmente un determinato posto geografico, chiedere, dare, scambiare pareri su forum di discussioni per ogni tipo di argomento, conoscere nuova gente su piazze virtuali o con interessi in comune, mettere in pubblico ciò che si vuol comunicare con i blog, mettere in visione in pubblico immagini. Tuttavia, lo strumento virtuale evidenzia anche alcune criticità. Il nostro team ha analizzato un articolo dal titolo significativo, Così l’uomo ha perso l’inconscio che riprende quello di un saggio di Massimo Recalcati, L’uomo senza inconscio (Torino 2010). Si tratta di un’intervista all’autore, psicoanalista contemporaneo e docente all’Università di Pavia, condotta da Luciana Sica. Dalla lettura del pezzo emergono interessanti sviluppi, che non trascurano un fondamentale neologismo. In particolarità, lo spazio in cui vive l’individuo è definito “cosietà”; essa si mostra piena di input e stimolazioni esterne di natura virtuale, irreale, pratica, veloce, ovvia.


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Internet e la sua importanza Ma, attraverso Internet, l'uomo non ha più desideri perché punta solamente al godimento immediato. Infatti, afferma Recalcati, citando Nietzsche: …il deserto cresce e il mondo si riduce a mero calcolabile. L’inconscio necessita di tempi lunghi, in cui la solitudine e la libera riflessione vivono nel caos dell’incommensurabile; invece, la società odierna legata alle connessioni repentine del web non permette di lasciarsi andare nella profondità dell’io, illudendo gli internauti di essere sempre in amicizia con gli altri che, par altro, sono presenti e assenti nello stesso tempo. Il tutto è virtuale e scontato. I legami sono “liquidi”, superficiali; prevale un certo narcisismo, si pensa solo a se stessi, si attende una risposta immediata. La soddisfazione del desiderio di “tutto e subito” porta a parecchi e fastidiosi disturbi, quali quelli alimentari, la dipendenza da sostanze invasive (alcool, droghe), la depressione, gli attacchi di panico e le somatizzazioni degli accadimenti. Tali stati hanno anche come conseguenza l’emergere di vari problemi sentimentali; per la donna è la ricerca ossessiva dell'uomo che può farla sentire unica; viceversa, per l'uomo è l'eterno conflitto tra il fatto di possedere molteplici donne o di averne una sola. Ne consegue, che le persone subiscono una forma di nevrosi, che si esprime nella paura della perdita, nel tradimento e nella gelosia. Si impone, così, il REQUIEM PER L’INCONSCIO: la più comune preghiera per il defunto! (Fonte: L. Sica, Così l’uomo ha perso l’inconscio, in “La Repubblica”, 21/01/2010).


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Indice Introduzione Internet e la sua importanza comunicativa

I social network: facebook Web Around School: iCan-idea Carloantinetwork Logo Facebook Bibliografia-Sitografia

I social network: facebook Sulla rete il fenomeno del momento è Facebook. Una moda? Un segnale profondo? Un cambiamento radicale? Di certo, è un fenomeno che impone una riflessione: perché sta urlando qualcosa, ma non è facile distinguere quello che si dice. Facebook è stato costruito dal giovane Mark Zuckerberg, mentre era studente ad Harward e viene dapprima diffuso fra gli studenti di varie università americane: era il 2004. Nel 2006 è esteso alle organizzazioni aziendali; nel 2008 si estende nel mondo, prendendo una forma prevalentemente colloquiale e affettiva. Comunque, diversi utenti usano Facebook anche e soprattutto per lavoro. Il segnale inviato dai milioni di persone che sono su Facebook è profondo. Evidentemente ci vedono una risposta a un bisogno che non trova soddisfazione altrove. Quale bisogno? La risposta la troviamo nella stessa struttura di Facebook, definita dalla sua parola chiave: "amici". Si può dunque ipotizzare che quel bisogno sia proprio di recuperare forme di relazione personale o almeno una simulazione di amicizia. La partecipazione a una rete di persone può rivelarsi molto gratificante. Sebbene l'amicizia su Facebook sia un concetto bene diverso da quello di "amicizia" tout court, riesce almeno ad alludere a quel genere di gratificazione. In una sola interfaccia appaiono molte innovazioni sviluppate: video, foto, chat, posta, status update, condivisione di link, giochi, test e pubblicità e-commerce.


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

I social network: facebook


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Indice Introduzione Internet e la sua importanza comunicativa

I social network: facebook Web Around School: iCan-idea Carloantinetwork Logo Facebook Bibliografia-Sitografia

I social network: facebook Ma è un cambio radicale nell'uso di internet? La storia di internet è stata anche un'evoluzione delle piattaforme per espressione personale. Le sue dinamiche erano già chiare una dozzina d'anni fa quando chi voleva pubblicare online doveva conoscere il linguaggio di programmazione html e l'architettura del web. Poi arrivarono i blog che facilitarono la pubblicazione, moltiplicando i produttori di contenuti. La quantità divenne qualità; i blog richiedono comunque un impegno, ma le nuove piattaforme consentono di pubblicare più facilmente e senza troppi pensieri. Anche grazie a Facebook, si assiste a un'integrazione più intelligente tra le diverse dimensioni mediatiche. Cosa determina il comportamento degli utenti nel tempo? Chi si iscrive spesso lo fa proprio durante gli anni di scuola, alla fine delle superiori o dell'università. Le funzioni dei social-network si sono moltiplicate per integrare chat, piattaforme, foto e giochi. E c'è chi le usa per lavoro. Condividere significa partecipare, ma anche rinunciare a una parte della propria privacy ed esporsi a qualche rischio. Il futuro sembra affidato a chi saprà conquistare la fiducia dei propri utenti.


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Web Around School: iCan-idea Carloantisocialnetwork La mia scuola ha attivato la possibilità di rendere la discussione su Facebook culturalmente importante. I miei professori sono diventati amici e guide per attivare un gruppo chiuso di discussione incentrato sulla problematica della relazione fra scuola e azienda. L’occasione è stata fornita in Job&Orienta presso la Fiera di Verona, tenutasi nell’ottobre 2009. Il Presidente dei Giovani di Confindustria di Verona, dott. G. Pedrollo, ha lanciato una sfida per il concorso, cui hanno partecipato diversi istituti: esporre soluzioni per migliorare la relazione fra scuola e impresa. Il titolo: Web Around School. I criteri di valutazione sono stati i seguenti: 1) migliori contenuti, migliori idee e loro applicabilità; 2) numero di persone coinvolte: maggiore sarà il numero di docenti e di studenti coinvolti nel team di lavoro, più alto sarà il grado di valutazione;3) livello di interazione tra insegnanti, studenti e imprenditori nella discussione. La mia classe ha scelto un fondatore del gruppo, la prof. I Danelli, docente di Storia dell’Arte, attiva nel campo dell’Alternanza Scuola Lavoro in Terza Area, nostra tutor interna di Terza Area, e un amministratore, Enrico Guidi, mio compagno di classe, molto capace in campo informatico e disponibile a mettersi in gioco. La prof. G. Felici, docente di Lettere, si è occupata della parte organizzativa, ed è riuscita ad applicare i modi segnalati dai Giovani Industriali per costruire il gruppo chiuso su Facebook. Vi hanno partecipato, inoltre, i seguenti professori: M. G. Caprini (Psicologia della comunicazione), S. Seguri (Tecnica fotografica), P. De Giorgi (Progettazione grafica), A. Palermo (esperto di Terza Area). I brainstorming sono importantissimi, appaiono casuali qualche volta: in velocità, abbiamo dato un nome al nostro gruppo. E’ il seguente: iCan – idea Carloantinetwork. .


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Indice Introduzione Internet e la sua importanza comunicativa

I social network: facebook Web Around School: iCan-idea Carloantinetwork Logo Facebook Bibliografia-Sitografia

Web Around School: iCan-idea Carloantisocialnetwork


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Web Around School: iCan-idea Carloantisocialnetwork Il primo input era: “Quali le modalità innovative per facilitare l’ingresso dei giovani al lavoro migliorando il rapporto scuola/aziende? Quali riflessioni, idee e strumenti innovativi ci possono aiutare a superare questo annoso problema?” Abbiamo risposto con un video che segnala qualche sfiducia nel futuro, rintracciabile su: http://www.facebook.com/video/video.php?v=1373656385125&oid= 167912994996.Il video illustra le slide dell’insegnante alternate a immagini significative, fra le quali ricordo: il gigante Atlante che con fatica porta il mondo sulle spalle salendo su una montagna, i mulini che testimoniano l’esigenza di energia naturale per vivere in un mondo più sano, alcune poesie, che sono nostre riflessioni, scorrono per indicano l’importanze che non giovani vogliamo dare ai nostri sogni. C’è anche un’opera di P. Picasso, Sogno (1932), realizzata in chiave cubista e piuttosto decorativa, che mostra una giovane con gli occhi chiusi seduta su una poltrona. C’è la colonna sonora di Venditti, il quale canta Che fantastica storia è la vita (2003). La canzone è la seguente: Mi chiamo Antonio e faccio il cantautore, e mio padre e mia madre mi volevano dottore, ho sfidato il destino per la prima canzone, ho lasciato gli amici, ho perduto l'amore. E quando penso che sia finita, è proprio allora che comincia la salita. Che fantastica storia è la vita. Mi chiamo Laura e sono laureata, dopo mille concorsi faccio l'impiegata, e mio padre e mia madre, una sola pensione, fanno crescere Luca, il mio unico amore. A volte penso che sia finita, ma è proprio allora che comincia la salita.


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Indice Introduzione Internet e la sua importanza comunicativa

I social network: facebook Web Around School: iCan-idea Carloantinetwork

Web Around School: iCan-idea Carloantisocialnetwork

Mi chiamano Gesù e faccio il pescatore, e del mare e del pesce sento ancora l'odore, di mio Padre e mia Madre, su questa Croce, nelle notti d'estate, sento ancora la voce. E quando penso che sia finita, è proprio allora che comincia la salita. Che fantastica storia è la vita. Che fantastica storia è la vita.

Logo Facebook

Mi chiamo Aicha, come una canzone, sono la quarta di tremila persone, su questo scoglio di buona speranza, scelgo la vita, l'unica salva. E quando penso che sia finita, è proprio adesso che comincia la salita.

Bibliografia-Sitografia

Che fantastica storia è la vita. Che fantastica storia è la vita Il secondo input era: “Proseguendo sulla strada dell’input n.1, è giunto il momento di mettere in pratica le idee. Analizzando con capacità critica i progetti già operativi all’interno della propria realtà scolastica, e confrontandoli con le esigenze rilevate, realizzare un progetto che abbia caratteristiche di fattibilità, con tempi e modalità chiare. La parola d’ordine è CONCRETIZZARE.”


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Web Around School: iCan-idea Carloantisocialnetwork

Dopo un’attenta discussione in classe, gli studenti hanno individuato opportunità e stimolazioni per migliorare il PERCORSO FORMATIVO, già in atto nel nostro istituto, FINALIZZATO A FAR INTERAGIRE SCUOLA-IMPRESA. “Concretizzare” è una voce che “rende operante sul piano pratico un disegno, un progetto, un fare”. La mia classe V BTG era agente davvero, così come nel precedente anno scolastico: vediamo come e perché. Presso l’ISISS “Carlo Anti” di Villafranca (VR), indirizzo Tecnico Grafico Pubblicitario, il percorso di Terza Area viene inserito obbligatoriamente nel 4° e 5° anno scolastico. Il biennio di microspecializzazione web è stato svolto nel lasso di tempo di 600 ore, suddivise in 360 in classe e 240 durante lo stage estivo. Le lezioni di specializzazione vengono effettuate un giorno alla settimana della durata di 6 ore, schedate su di un apposito registro valido per entrambi gli anni. Durante le lezioni sono stati attivati dei moduli trattanti: informatica di base 1 e 2, comunicazione multimediale, ipertesti e ipertesti on-line e off-line, progettazione del codice HTML e SWF, organizzazione aziendale, qualità, legislazione e inserimento nel mondo del lavoro. All’interno della Terza Area vengono sviluppati lavori aziendali concreti.Durante l’anno scolastico in corso è stato intrapresa un’esperienza presso la Fiera Job&Orienta di Verona, per far conoscere l’ISISS Carlo Anti nei suoi diversi Piani di Offerta Formativa e per orientarci in una futura scelta professionale e/o universitaria. Durante il corrente anno scolastico ci siamo occupati di elaborare siti web da selezionare per “Arianna Total Look” di Peschiera del Garda (VR).Nel primo anno di microspecializzazione, gli alunni frequentano uno stage estivo della durata di 6 settimane presso varie aziende. In questo modo i ragazzi entrano in contatto con l’efficienza imprenditoriale sul territorio. Lo stage è un’esperienza mirata alla preparazione professionale, tesa a consentire l’applicazione teorica su un progetto ben definito, fruibile e reale. Inoltre, favorisce la crescita comunicazionale nel confrontare e valutare le aspettative di una realtà lavorativa.


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Indice Introduzione Internet e la sua importanza comunicativa

I social network: facebook Web Around School: iCan-idea Carloantinetwork Logo Facebook Bibliografia-Sitografia

Web Around School: iCan-idea Carloantisocialnetwork

L’esperienza svolta concerne la presentazione di alcuni prodotti effettuati in Terza Area.A tal proposito, il nostro CONCRETIZZARE si è esplicato come segue: elaborazione di una relazione dello stage svolto durante la scorsa estate in un’azienda del settore grafico e costruzione di un sito web per “Arianna Total Look” di Peschiera del Garda (VR). Il centro benessere “Arianna Total Look” nasce per lo hair style, grazie alla determinazione, all’intraprendenza e al “sacrificio” di Arianna Chiamenti, diventando poi un ambiente completo di strutture per l’estetica e la cura del corpo, senza mai dimenticare l’opportunità di migliorare nelle acconciature e nel taglio dei capelli, soddisfacendo così tutte le esigenze dei clienti. L’impresa cresce e approfondisce il suo percorso all’interno della cittadina di Peschiera del Garda (VR) La titolare richiedeva un sito amministrabile dove poter inserire e aggiornare autonomamente e frequentemente le creazioni Il sito che io ho realizzato è molto semplice e innovativo. Nella prima pagina emergono le foto del centro, con uno sfondo bianco e i riquadri che contengono le tabelle di colore rosso. La tabella è formata da linee chiare e pulite. Per ogni pagine c’è un menu, che fa da filo conduttore tra le altre informazioni. Il target è popolare, cioè si tratta di persone che potrebbero avere poca dimestichezza con Internet, pertanto ho deciso di fare un sito facile e semplice da navigare.


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Web Around School: iCan-idea Carloantisocialnetwork

I siti migliori sono stati ostati dal nostro Dirigente Scolastico e sono visibili sul sito del nostro istituto. I link sono i seguenti: http://www.carloanti.net/anti/studenti/ariannatotallook/Index.html http://www.carloanti.net/anti/studenti/EnricoGuidi/www.ariannatotalloo k.com/index.html Il terzo input era: Nel mondo del lavoro, oltre a saper "fare" bene il compito assegnato, è importante sviluppare e far crescer altre caratteristiche che sono utili per affrontare le difficoltà, per collaborare con i colleghi, per rapportarsi con i propri responsabili, per mettersi in dialogo con molti interlocutori diversi, per vivere con passione il proprio lavoro. Quali pensate possano essere le caratteristiche personali, umane, di relazione per poter eccellere nel mondo del lavoro ed aziendale in particolare? Credete sia importante migliorare queste caratteristiche già adesso? Come la scuola può aiutarvi in questo? E quale può essere il vostro sforzo personale? Soffermando l’attenzione sull’input n. 3 espresso dal dott. Pedrollo, abbiamo indagato in particolare la seguente questione: “Quali sono le caratteristiche personali, umane, di relazione per “eccellere” nel mondo del lavoro?”Immediatamente qualcuno di noi si è espresso con stupore, poiché pensava che in primo luogo potesse essere importante conoscere e praticare il “saper fare”, mentre risultasse marginale tener conto dell’aspetto relazionale che dipende dalla personalità dell’individuo. Il dubbio che esprimeva il compagno concerneva proprio il fatto di dover assegnare maggiore importanza alla conoscenza in merito ai programmi digitali, che il nostro indirizzo di tecnico grafico propone. Tuttavia, il fatto che, invece, nel mondo del lavoro si dia molto peso anche a come ci poniamo e a quelle che possano essere le caratteristiche personali e umane è molto importante.La prof. Danelli ci ha presentato alcune slide, esposte nella bacheca.


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Indice Introduzione Internet e la sua importanza comunicativa

I social network: facebook Web Around School: iCan-idea Carloantinetwork Logo Facebook Bibliografia-Sitografia

Web Around School: iCan-idea Carloantisocialnetwork

La prof. Danelli ci ha presentato alcune slide, esposte nella bacheca. Sono emerse le parole chiave per riflettere: eccellenza, caratteristiche e competenze.In effetti, la docente ha voluto mettere in luce come nella scuola, sulla base delle attuali direttive europee in termini di EQF (European Qualifications Framework), Quadro Europeo delle Qualifiche, ci si stia orientando nelle classi per trovare possibilità di comunicazione pratica fra istituzione scolastica e aziendale. Viene messo in luce il concetto di “eccellenza” secondo il livello previsto per la scuola, ma, personalmente, preferisco curare il problema relativo alle caratteristiche-competenze.Ecco, allora che le “caratteristiche” segnalate dal dott. Pedrollo possono tradursi come “competenze” trasversali (crosswise). In proposito, si sono analizzate anche le competenze, specialmente per capire che cosa significhino, quale sia il loro senso. Nel contesto del Quadro Europeo delle Qualifiche, le competenze sono descritte entro i confini di Responsabilità e Autonomia, “strategiche” per gli obiettivi sociali, economici e culturali in un mondo globalizzato. Interessante è stato osservare quanto la psicologia e la sociologia intervengano nella segnalazione dei modelli culturali che orientano scuola e azienda verso tale finalità. E la competenza si configura come “inesauribile conversazione riflessiva con la situazione” che si deve affrontare, “un lavoro di riscrittura auto poietica – cioè “creativa” e “produttiva” dello spirito – in progress – dei fattori in gioco in ogni particolare esperienza”. La locuzione importante è: KNOWLEDGE IN ACTION.“L’individuo scopre, genera e condivide un senso in tutto ciò che fa, senso che si adatta e segue ogni modificazione del sistema e delle dinamiche relazionali e di gruppo che lo accompagnano”.Sempre dall’analisi delle slide proposte dalla nostra docente, sono scaturite le competenze attese, fra le quali la più significativa è LEARNING ABOUT LEARNING.


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Web Around School: iCan-idea Carloantisocialnetwork

L’idea attuale di “creatività” non corrisponde al senso comune di CREARE dal nulla qualcosa, ma concerne il PROBLEM SOLVING, che si configura nella SELF EFFICACY legata alla PERFORMANCE, quindi nell’IMPEGNO COSTANTE E VISSUTO INSIEME CON ONESTÀ, ciascuno con le proprie capacità, DI PRODURRE con coraggio RISULTATI soddisfacenti.Anche l’ERRORE, in tale prospettiva, diventa un fattore di CRESCITA PERSONALE E DI MESTIERE, per lo meno finché siamo ancora giovani. Sicuramente questo è stato l’input più accattivante, perché ha previsto l’incontro con un esperto della selezione delle risorse umane: il dott. F. Toppetta è intervenuto trattando tematiche relative al COLLOQUIO DI LAVORO. Sabato 8 Maggio, il dott. F. Toppetta, responsabile delle risorse umane di una prestigiosa azienda del territorio, è venuto a spiegarci come vengano svolti e come si articolino i colloqui di lavoro all’interno delle aziende. Il video Input n.3-La dinamica di gruppo dà conto di tale intervento. La selezione dell’azienda è un processo biunivoco, cioè prima siamo noi che identifichiamo una realtà imprenditoriale cui inviare il curriculum, poi toccherà agli addetti di settore scegliere se siamo prendere contatto con noi o meno.Il compito del dott. Toppetta, come quello dei suoi colleghi-selezionatori, una volta ricevuto il curriculum, è di fare lo “screening” (rapida scorsa del CV), quindi capire chi siamo e che cosa vogliamo fare. Un fattore discriminante è il voto di merito acquisito all’Esame di Stato, che deve essere il più alto possibile, e la pratica della lingua straniera (in primis, l’inglese), oltre alle competenze informatiche nello specifico del nostro indirizzo di studi


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Indice Introduzione Internet e la sua importanza comunicativa

I social network: facebook Web Around School: iCan-idea Carloantinetwork Logo Facebook Bibliografia-Sitografia

Web Around School: iCan-idea Carloantisocialnetwork

Ci sono 3 consigli da attuare per far in modo che qualcuno si soffermi sul nostro curriculum e ci ascolti, durante il primo colloquio conoscitivo, che non è ancora di lavoro: 1- Far capire quale vantaggio potrei portare alla organizzazione aziendale. 2- Il curriculum, che deve accompagnarci al colloquio (benché lo abbiamo già spedito e il selezionatore lo abbia in mano) deve essere completo ma non pesante, correlato da una fotografia, utile a lasciare una memoria del nostro volto, e aggiornato dall’ultima occupazione alla più antica (non ci devono essere “buchi”, cioè tempi morti in cui non siamo attivi). 3- Farci ricevere il prima possibile, perché spesso il selezionatore ascolta molte persone durante il giorno, si stanca e perciò non può prestare molta attenzione agli ultimi candidati che si presentano. Alla fine del colloquio viene redatta una scheda di valutazione dove il selezionatore riporta: la presenza e le motivazioni del candidato, le caratteristiche del colloquio, le capacità di argomentazione e la valutazione delle competenze. Risultano molto importanti le COMPETENZE TECNICHE E MOTIVAZIONALI. Anzi, afferma il dott. Toppetta, si preferisce assumere una persona motivata, anziché una che ha tante conoscenze, ma risulta poco invogliata. In fondo, la tecnica può essere appresa da chiunque dentro un’azienda, la MOTIVAZIONE, invece, no! Durante l’intervento con il dott. Toppetta, sono emersi importanti riflessioni in merito alla comunicazione non verbale. Già con la prof. M. G. Caprini, docente di Psicologia della Comunicazione, erano stati valutati (si vedano in merito le slide raccolte in bacheca). Infatti, l’esperto ha sottolineato quanto essi contribuiscano a veicolare la valutazione dell’esito di un colloquio di lavoro.


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Web Around School: iCan-idea Carloantisocialnetwork

Emergono i 4 postulati di Paul Watzlawick, citati nel saggio “Pragmatica della comunicazione umana” (1977). Essi sono: 1. Non si può non comunicare; 2. In ogni comunicazione c’è una parte di contenuto e una parte di relazione; 3. Gli esseri umani comunicano sia in modo verbale (digitale), poiché ogni linguaggio è soggetto a codici precisi, sia in modo non verbale (analogico); 3. Ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto e un aspetto di relazione ;4. La natura di una relazione dipende dalla “punteggiatura delle sequenze di comunicazione” fra i partecipanti, quindi può risultare sia simmetrica, sia complementare, secondo se si basi sull’uguaglianza o la differenza. Quest’ultimo assioma ci è sembrato il più difficile da comprendere, ma il dott. Toppetta con semplicità ci ha spiegato: Esistono 3 stadi dell’IO: 1. io Genitoriale: quando ci poniamo ad un livello superiore rispetto all’interlocutore; 2. io Adulto: quando dobbiamo risolvere una situazione o un problema (genera ansia da affaticamento, che deve trovare un canale di scarico) ;3. io Bambino: si “gioca”, si trova una possibilità per svagare la mente, in modo da scaricare l’ansia generata dall’Io adulto. La comunicazione risulta complementare, quando a confrontarsi sono Io diversi, ad esempio il genitoriale con il bambino; diventa simmetrica, quando a relazionarsi sono Io allineati.Quest’ultima opzione è preferibile in un colloquio di lavoro: dobbiamo metterci nello stesso piano di maturità con chi si ha di fronte (relazione simmetrica).Diversamente, possiamo apparire presuntuosi o arroganti.


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Indice Introduzione Internet e la sua importanza comunicativa

I social network: facebook Web Around School: iCan-idea Carloantinetwork Logo Facebook Bibliografia-Sitografia

Web Around School: iCan-idea Carloantisocialnetwork

LA COMUNICAZIONE VERBALE occupa il 7% di una relazione.LA COMUNICAZIONE NON VERBALE occupa il 93% di una relazione.L’abitudine a “dare la mano” non appena s’incontra l’interlocutore indica un “patto di non aggressione”. Solo i primati, fra cui l’uomo, “digrignano” i denti per sorridere alla stretta di mano!La comunicazione non verbale racchiude un FEEDBACK, quindi una verifica delle opportunità condivisibili relegate nell’inconscio dell’individuo.Nel contempo, si può effettuare un CUT OFF, cioè un blocco dei canali d’uscita dei segnali non verbali, quando si esprimono menzogne, tagli consapevoli di un vissuto non idoneo alla situazione contingente.Il selezionatore competente osserva molto i segnali della comunicazione non verbale. Il percorso ha promosso un passaggio continuo dal noto al nuovo, dall’esperienza alla riflessione sull’esperienza per avere consapevolezza su di sé, prima ancora che riscontrarlo sugli altri, di quanto gli assiomi della comunicazione siano contenuti importanti anche nel mondo del lavoro. I nessi continui che sono emersi tra conoscenze, competenze, abilità ha reso i ragazzi capaci di operare una critica costruttiva nei confronti dei mezzi di comunicazione che, se da un lato permettono comunicazioni tempo reale con tutto il Pianeta, dall’altra non favoriscono l’esercizio di una comunicazione non verbale.Un altro guadagno importante è la consapevolezza esperita che ogni comunicazione è meglio chiarita dal contesto… è diventato quasi uno sciogli lingua, quello ripetuto dalla prof. M.G. Caprini: Il testo senza il contesto è un pretesto.


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Indice

Logo facebook

Introduzione Internet e la sua importanza comunicativa

I social network: facebook Web Around School: iCan-idea Carloantinetwork Logo Facebook Bibliografia-Sitografia

The logo has a blu rectangular shape, and the name of the socialnetwork within. The logo has a linear font, clear and simple, because it has to be memorized by all people. BECOME A FAN Join a group created by other users, both individuals and companies, allow to recive updates about the group. BLOG Is a personal space where are published and shared thougts and reflections. This “diary� online consist in a series of messages (called POST) put in a chronological order. You can also add some links if you want to highlight some web pages. CONNECTION (Add to a friends) Is the action that allow you to accept a request to become friend. The request can be refused without any message to the person who sent the request. FRIENDS Persons by wich a user decided to connect. Friend can be found by name or affinity. GROUPS Are groups of users around a topic, activity or initiative. Anyone can create a group. NETWORK Each Facebook user is a part of a network which lies about you add in their wide area network.


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Indice Introduzione Internet e la sua importanza comunicativa

I social network: facebook Web Around School: iCan-idea Carloantinetwork Logo Facebook Bibliografia-Sitografia

Logo facebook POKE Is the fastest way to signal their presence online to a friend on Facebook. Instead of sending a message you can send a a virtual poke that will appear in you friend profile like a signal. PROFILE Is our personal page on Facebook, it contains in chronological order actions, message sent, photos and personal status. On our personal page is possible to modifie the personal information anytime. REQUEST An user can request a friendship with a request. Who recive this request can accept or refuse. TAGGING Is an action that allow you to find someone in a photo or video of a friend. Anyone can upload photos on Facebook and assign label to the image. UPDATE STATES Is the first thing that appear on your profile. Is a space where you can write what you want, you can write what are you doing, where are you going or other information.


Facebook - Web Around School - ICAN idea Carloantinetwork

Gloria Poiani

Indice Introduzione Internet e la sua importanza comunicativa

I social network: facebook Web Around School: iCan-idea Carloantinetwork Logo Facebook Bibliografia-Sitografia

Bibliografia - Sitografia

AA.VV., Il fenomeno Facebook. La più grande comunità in rete e il successo dei social network, in “Il Sole24Ore”, Dicembre 2008 F. Metitieri, Il grande inganno del web 2.0, Bari 2009 M. Miceli, Sentirsi soli, Bologna 2003 R. Laurita, Minori in rete, come proteggerli dai pericoli del web, Foggia 2004 G. Poiani, Verso l’orizzonte!, in “Loft. Spazio aperto all’informazione”, giornalino d’Istituto, ISISS Carlo Anti, Villafranca, Verona, Maggio 2010, pp.22-23 G. Zenesini, B-Team. Si può fare, in “Loft. Spazio aperto all’informazione”, giornalino d’Istituto, ISISS Carlo Anti, Villafranca, Verona, Maggio 2010, pp.20-21 http://it-it.facebook.com/group.php?gid=167912994996&ref=ts http://www.facebook.com/video/video.php?v=1373656385125&oid= 167912994996 www.anagen.net/comunicazione http://www.carloanti.net/anti/studenti/ariannatotallook/Index.html http://www.carloanti.net/anti/studenti/EnricoGuidi/www.ariannatotall ook.com/index.html


Web Around School iCAN idea Carloantinetwork


facebook - Gloria Poiani