Page 1

5/09 MAGGIO

www.packmedia.net

TechnoMemo

) on report n. 1 s u c ( Fo -Ima Ipack

Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials

Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Codin

- End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling

Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls

Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipme

- Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery

Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End

line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automatio

& Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components

Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materia

& Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling

Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handlin

- Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls

Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipme

- Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery

Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End

line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automatio

& Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components

Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materia

& Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling

Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handlin

- Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls

Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipme

- Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery

Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End

line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automatio

& Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components

Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materia

& Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling

Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handlin Affidarsi a una realtà leader nel settore, partner capace di offrire le migliori soluzioni di imballaggio grazie a una consulenza attenta e mirata.

Ottimizzare la distribuzione aziendale attraverso prodotti cuciti su misura, sviluppati con professionalità e passione da oltre settant’anni. - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls Dotarsi di Big Bag, strumenti ideali per ogni materiale, in grado di garantire sicurezza e protezione in tutte le fasi di stoccaggio e trasporto.

Components & Other Equipment - Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipme Essere Minini: spazio ai contenuti, giusto in forma.

- Materials & Machinery - Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment - Materials & Machinery m

i

n

i

n

i

.

i

t

Labeling & Coding - End of line & Handling - Automation & Controls - Components & Other Equipment -


Ipack-Ima

Photo: Massimo Conti

Ipack-Ima

Buone idee e belle speranze TUTTO CAMBIA È noto a tutti: non c’erano certo le premesse per un “successo annunciato”. Eppure, il Cosmic Event milanese di marzo (Ipack-Ima, Grafitalia, Converflex) non ha deluso. Anzi, a detta di molti, non ha solo dimostrato di essere una piazza di scambio fondamentale per il mondo del confezionamento, della stampa e della trasformazione. In mostra, infatti, c’era anche la perseveranza di un sistema che “non molla”, che continua a credere nel presente e, soprattutto, nel futuro. L.G. na fiera bella, bellissima… Bella nello spirito, bella dal punto di vista delle relazioni, bella perché abbiamo “respirato” un nuovo senso di solidarietà e responsabilità. Come se, accomunati dalle difficoltà che investono il mondo industriale, tutti - manager, operatori, imprenditori sentano soprattutto il bisogno di rifondare il modo di fare impresa, superando rigi-

«U

dità, personalismi, schemi imposti dal mercato, e cercando un contatto umano differente, per condividere i problemi e le possibili soluzioni. Insomma, “esserci” è stato importante e gratificante». Non sono considerazioni nostre, ma di Simona Michelotti (Presidente della SIT di San Marino) che, a fine Ipack-Ima, ha sintetizzato con efficacia il sentire di molti. Ma passiamo alla cronaca.

Numeri ed eventi - Ipack-Ima, Grafitalia e Converflex hanno dunque chiuso i battenti, all’insegna di un risultato andato ben oltre le più rosee aspettative sia in termini di quantità sia, soprattutto, di qualità dei visitatori. Circa 2.100 espositori, 90 mila metri quadrati netti, 125.000 operatori professionali in visita, con una presenza significativa di stranieri, a testimonianza della forte vocazione all’export di settori di eccellenza dell’industria italiana: a Ipack-Ima si è registrato il 25% di presenze estere su 54.000 visitatori, a Grafitalia l’11% su 38.000 visitatori, e a Converflex il 20% su 33.000 visitatori. «Siamo molto soddisfatti del bilancio finale di queste manifestazioni» ha sottolinea Guido Corbella, amministratore delegato di Ipack-Ima SpA e Centrexpo SpA. «Da questo Cosmic Event emergono segnali di fiducia inaspettati alla vi-

Edizioni Dativo @ Ipack-Ima L’artista Raffaella Formenti ci ha generosamente aiutato a dare forma a una realtà che ha bisogno di concretezza ma anche di ironia. E così, da una parte il “Gioco dell’Oca” - la casualità - dall’altra l’immagine del particolare - il pixel - ovvero l’attenzione al dettaglio, aiutano a cogliere gli elementi essenziali di continuità su cui costruire una storia. The artist Raffaella Formenti has generously helped us to give shape to a reality in need of concreteness but also in need of irony. And thus, on the one hand a game similar to “Snakes and Ladders” represents chance; the other the image of the particular the pixel - or that is the attention for detail, helps in grasping those essential elements of continuity on which history is built.

5/09 • 51


Ipack-Ima

100% alimentare. Packaging per l’accesso Una visione d’insieme e alcuni progetti della mostra allestita per valorizzare il lavoro sviluppato per il laboratorio di sintesi finale del Corso di laurea in Design della comunicazione (Facoltà del Design Politecnico di Milano).

100% food. Packaging for access An overview of the exhibition organized to enhance the value of the projects developed in the final workshop of the Communication Design Degree Course (Faculty of Design, Milan Polytechnic) .

gilia, che dovrebbero infondere generale ottimismo all’economia nazionale, poiché packaging e stampa sono settori trasversali al sistema produttivo. Molti espositori, particolarmente nel comparto alimentare, ci hanno segnalato di aver concluso trattative, cosa che non accadeva da tempo nelle manifestazioni fieristiche». Da ricordare, a latere della mostra tecnologica, il fitto programma di convegni e tavole rotonde. Tra gli altri - facce di una stessa medaglia - segnaliamo due eventi in particolare, diversi nella forma e nel portato ma per molti versi congruenti e complementari: la conferenza internazionale “Più tecnologie, sicurezza e qualità, meno fame nel mondo” e la mostra dei progetti

52 • 5/09

sviluppati nell’ambito del laboratorio di sintesi finale del Corso di laurea in Design della comunicazione (Facoltà del Design Politecnico di Milano) intitolata “100% alimentare. Packaging per l’accesso” (la mostra è stata allestita in collaborazione con Ipack-Ima). • La prima ha toccato uno dei problemi che pesano maggiormente sui Paesi in via di sviluppo: le perdite di derrate alimentari nella fase di post-raccolto (che possano ammontare ad almeno il 60% della produzione ortofrutticola, e a un valore pari al 20-40% della produzione di grano), concausa dei 963 milioni di affamati nel mondo. L’innovazione tecnologica, in questi Paesi, può sostenere la filiera agroindustriale, contribuire a ridurre gli sprechi, garantire la sicurezza, favo-

rire lo sviluppo sociale. • I concept proposti nell’ambito della mostra “100% alimentare. Packaging per l’accesso” sono invece il risultato di un lavoro di ricerca progettuale e creativa, che ha voluto mettere in luce la relazione alimento-packaging, a partire dalle molteplici chiavi di lettura del termine ”accesso”, che deve essere equo, garantito, facile, corretto, sicuro, preservato. E l’imballaggio svolge, in questo senso, il ruolo di dispositivo utile e fondamentale. Due momenti significativi, dunque, che hanno arricchito di contenuti una mostra tecnologica “di sostanza”. Una mostra che pensa già al prossimo appuntamento - 28 febbraio- 3 marzo 2012 con rinnovata fiducia e progetti di sviluppo. ■


Ipack-Ima

Good ideas and lots of hope EVERYTHING CHANGES Everyone knows it, there certainly weren’t the conditions for a surefire success. And yet, the Milanese Cosmic event held in March (Ipack-Ima, Grafitalia, Converflex) was not a disappoinment. Or rather, according to many, not only did it show itself to be a fundamental place of exchange for the world of packaging, print and converting. In fact also on show the perseverance of a system that does not give in, that continues to believe in the present and, aboveall, in the future. L.G.

«A wonderful fair, truly wonderful…. wonderful in its spirit, in terms of relations, wonderful because we “breathed” a new sense of solidarity and responsibility. As if, bonded together by the difficulties besetting the industrial world, everyone managers, operators, entrepreneurs - aboveall feel the need to take a fresh approach to entrepreneurship, overcoming rigidities, personal fads, set schemes imposed by the market, and seeking a different human contact, in order to share the problems and possible solutions. Indeed “being there” was important and gratifying». These are not our considerations, but those of Simona Michelotti (President of SIT, San Marino) who, at the end of IpackIma effectively summed up the feelings of many. Figures and events - Ipack-Ima, Grafitalia and Converflex closed their doors with results far

surpassing all expectations in terms of both quantity and, above all, quality of visitors. Circa 2,100 exhibitors, 90 thousand total square meters, 125,000 professional operators visiting, with a significant proportion of foreigners, showing the strong inclination for export of Italian industry’s sectors of excellence: 25% of Ipack-Ima’s 54,000 visitors came from abroad, 11% of 38,000 at Grafitalia, and at Converflex 20% of 33,000 visitors. «We are very satisfied with the outcome of these events» points out Guido Corbella, acting manager of Ipack-Ima SpA and Centrexpo SpA. «From this Cosmic Event emerge signs of confidence unforeseen in the days leading up to it, which should instill a general optimism in the national economy, since packaging and printing are sectors which straddle the productive system. Many exhibitors, particularly those in the food sector,

have informed us of having closed deals, something which had not happened for some time at fair events». Worth remembering is the crowded program of conferences and roundtables and events that ran alongside the technology fair. Among the others - different sides of the same coin - we highlight two events in particular, different in their form and scope but in many ways congruent and complementary: the international conference “More technology, safety and quality, less world hunger” and the exhibition of the projects developed in the final workshop of the Communication Design Degree Course (Faculty of Design, Milan Polytechnic) entitled “100% alimentare. Packaging per l’accesso” (“100% food. Packaging for access”). The exhibition has been organized in collaboration with Ipack-Ima. • The former touched on one of the problems that weighs heaviest on developing countries: the loss of food takes place in the period after harvest and before food gets into the hands of the consumer. For example, with fruit and vegetables, the post-harvest loss may be as much as 60%... and with grain, as much as 20-40%. This is one of the

reasons why 963 million people in the world go hungry every night. In developing countries, the use of advanced food processing and packaging technology can reduce food waste, improve food safety, elevate food quality, and contribute to social development. • The concepts proposed within the show “100% food. Packaging for access” are in turn the result of a design and creative study, that wished to throw light on the relation foodstuff-packaging, starting off from the many ways of interpreting the term “access”, that has to be fair, guaranteed, easy, correct and safe, preserved. And here packaging performs the role of a useful and fundamental device. Two significant moments hence, that enriched the contents of a technological show “of substance”. A show that is already thinking of the coming engagement - 28th February, 3rd March - with renewed faith and revitalised development projects. ■


11-12/08 NOVEMBRE DICEMBRE 6,50€

10/08 OTTOBRE 6,50€

9/08 SETTEMBRE 6,50€

THE VOICE OF ITALIAN PACKAGING

THE VOICE OF ITALIAN PACKAGING

THE VOICE OF ITALIAN PACKAGING

the voice of italian packaging

ItaliaImballaggio is an independent magazine, published by Edizioni Dativo Srl, Milan, whose aim is to give voice to the Italian packaging industry in as capable and professional way as possible, while rejecting a conformism that all too often confuses information with advertising. The magazine is divided up into five basic sections - covering marketing and design, statistics and sector trends, management, environment and legislation and lastly, technological and product innovation - all of which including indepth features and news in brief. ItaliaImballaggio has another feature that has allowed it to stand out right from the outset: its graphics, painstaking in the way information is presented and in the visual impact, making the magazine more pleasurable to read and easier to consult. The cover, designed by well-known as well as up-and-coming packaging designers, communications experts, and - starting from 1999 - by worldwide well known artists ably represents the philosophy and the identity of the magazine.

Edizioni Dativo Srl Via Benigno Crespi 30/2, 20159 Milano Tel. +39 02 69007733 - Fax +39 02 69007664 www.packmedia.net - italiaimballaggio@dativo.it


Materials & Machinery

TechnoMemo

Food&Beverage M a t e r i a l s & M a c h i n e r y

Il futuro secondo Krones: un portale per l’assistenza, un nuovo concetto di sleeve per confezionamenti speciali e impianti compatti per il riciclo del PET da bottiglia a bottiglia.

Internet, sleeve E RICICLO

U

n momento ricco di novità e idee per il costruttore tedesco Krones AG di Neutraubling (Germania, sede italiana a Garda, VR). A Ipack-Ima, ha presentato il Lifecycle Service, un servizio di assistenza “globalizzato”, di cui i clienti europei hanno potuto sperimentare l’evoluzione fin dai primi mesi del 2009 grazie a un portale dedicato. Krones ha infatti reso evidenti, in questo nuovo portale interattivo, una serie di caratteristiche del Lifecycle Service già esistenti online. In una prossima fase il portale verrà ulteriormente ampliato e sarà disponibile anche per i clienti extraeuropei. Sleeve speciali - Allo stand era esposta anche un’etichettatrice Sleevematic Inline, con cui Krones ha reso accessibile e vantaggiosa l’etichettatura con sleeve per realizzare confezioni speciali in svariati ambiti. La Sleevematic Inline si distingue per la compattezza della struttura e l’accessibilità, oltre che per il rendimento produttivo (può raggiungere le 27.000

bottiglie/ora), determinando un ottimo rapporto prezzo-prestazioni. Inoltre, consente di lavorare tutti i comuni formati di sleeve con un solo aggregato. Innovativo e d’impatto, il nuovo concetto di sleeveratura sviluppato in collaborazione con Plada (gruppo Heinz) per l’etichettatura con sleeve intere, tappo incluso, di alimenti per bambini Plasmon in recipienti in vetro. Riuso del PET - In materia di sostenibilità e risparmio delle risorse, il riciclo dei recipienti di PET è argomento di grande attualità. A questo proposito Krones ha presentato a Ipack-Ima un impianto compatto per il riciclo del PET da bottiglia a bottiglia: destinato a produttori di bottiglie e imbottigliatori, il sistema consente di produrre PET idoneo al contatto con alimenti, utilizzando come base PET usato (l’impianto raggiunge una produttività di 500 kg/h e 1.000 kg/h di riciclato). Krones è l’unico costruttore a offrire un sistema completo di modulo di lavaggio e di modulo B2B.

The future according to Krones: an assistance portal, a new sleeve concept for special packaging and compact bottle to bottle PET recycling installations.

Internet, sleeves and recycling A time rich with innovations and ideas for the German manufacturer Krones AG of Neutraubling (Germany, Italian branch in Garda, VR). At Ipack-Ima, the concern presented its Lifecycle Service, a “globalized” assistance service, whose development European customers had a chance to experience since the first months of 2009 with the help of a portal developed for this purpose. Krones indeed demonstrated in this new interactive portal a series of characteristics of the Lifecycle Service already present online. In the near future the portal will be further expanded and made available to non-European customers as well. Special sleeves - Also on show at the stand was a Sleevematic Inline labeling machine, with which Krones made accessible and advantageous labeling with sleeves, making special packaging in a wide range of fields. The Sleevematic Inline stands out for its compact structure and accessibility, in addition to its productive yield (reaching 27,000 bottles/hour), resulting in an excellent price/performance ratio. Furthermore, it enables processing all common sleeve formats in a single aggregate. Innovative and impressive, the new sleeving concept developed in collaboration with Plada (Heinz group) for labeling with whole sleeves, cap included, of Plasmon babyfoods in glass containers. Reusing PET - In the area of sustainability and conserving resources, PET container recycling is a highly relevant topic. In this regard Krones presented at Ipack-Ima a compact bottle to bottle PET recycling installation: destined for bottle production and bottling, the system enables producing PET suitable for contact with foods out of used PET (the system reaches 500 kg/hr and 1,000 kg/hr of recycled material). Krones is the only manufacturer ■ to offer a system complete with washing and B2B modules.

link to

for more info

5/09 • 55


Materials & Machinery

Food&Beverage

Aluminium for ready meals It was the major innovation of 2008: thin aluminium containers can be used in the microwave oven. This was made possible by research conducted by the Fraunhofer Institute, putting an end to the myth of their unsuitability for cooking food with this device (the fully study is available at www.alufoil-cuisine.org). These findings were significant; even though operators in the sector have known that there were no real contraindications for some time, this confirmation has instilled new vigor in the use of aluminium containers in the production of ready meals, an industrial sector already widely established in Europe and which all major Italian names of the food industry are now entering. And so firmly re-established is the ductility of the aluminium container - packaging and at the same time cooking type -, which now has its “cards in order” to pass indiscriminately between conventional and microwave ovens. This is the background with which Zenith (the dynamic manufacturer of aluminium containers for food based in Manerbio, BS) seeks to propose itself as privileged and reliable partner of Italian ready meal producers. The test bench? A contract signed with one of the major European producers of ready first courses, for which it has developed a special format.

High barrier sterilisable PET This the formula at Ipack-Ima that aroused the most interest among the range of Sojitz Europe plc, Japanese trading company active on the commodity and specialty markets for more than 100 years. Produced by Dai Nippon Printing Co., IB-PET RB, the new PET retortable high gas and humidity barrier film offers great printabiity and high transparency as well as a reduced environmental impact. It is in fact made using SiOx vacuum surface coating technology using CVD (chemical vapour deposition) technology, the process reinforced by MF-coupled plasma. The SiOx layer is thus made highly flexible and gelbo-flex resistant. It is used much in food packaging, aboveall in stand up pouches, but also in the field of retortable medical packaging and for all applications that require an oxygen and humidity barrier before and after sterilisation. IB-Film complies with FDA 21 CFR and 1935/2004/EC, 2002/72/CE European food contact rulings and subsequent amendments.

From grains to pasta The Swiss company Bühler showcases at Ipack-Ima its expertise in the sector of cereal processing, covering the entire production chain from selection of the grains to extrusion of the pasta. In particular, the Sortex Z+ optical sorter can handle all types of cereals (but also coffee, dried fruit, legumes, etc.): two cameras and the Sortex Profile recognition system can detect any types of color defects or contaminants. Also worth noting is the MZMO micro-dosing unit for high-precision volumetric dosing of micro-ingredients, which comes in two models for free-flow products or low capacity, and for automatic adding of free-flow and sticky products.

Packaging machine for salespoints Gruppo Fabbri SpA (Vignola, MO) has launched Elixa Plus XP for packing food products with stretch film. This automatic machine is the ideal choice for small and medium-sized salespoints where high speed, minimal size and ease of use are required. Elixa Plus XP, featuring a system that automatically recognizes tray sizes and a single reel for all pack sizes, ensures optimal wrapping with minimal film consumption. Based on the successful Elixa Plus XS, the new XP model maintains the extreme versatility whilst improving upon ergonomics and performance with: increase of max speed to 20 packs/minute; machine start with photocell; guards of new design which simplify cleaning and maintenance; and suspended kits for supporting the weigh/labeler devices.

56 • 5/09

Alluminio per il ready meal È stata la grande novità del 2008: i contenitori di alluminio sottile possono essere utilizzati nei forni a microonde. Lo ha sancito uno studio del Fraunhofer Institute, contribuendo a sfatare il mito della loro inadeguatezza per la cottura dei cibi nel microonde appunto (lo studio completo è disponibile sul sito www.alufoil-cuisine.org). Si è trattato di un attestato significativo; anche se già da tempo gli operatori del settore sapevano che non vi erano reali controindicazioni in materia, questa verifica ha impresso nuovo slancio anche all’impiego dei contenitori in alluminio nella produzione dei piatti pronti, un settore industriale già largamente affermato in Europa e nel quale stanno entrando tutti i più grandi nomi dell’industria alimentare italiana. Confermata quindi a pieno titolo la duttilità del contenitore di alluminio - imballaggio e al contempo forma di cottura - e che ora ha anche le “carte in regola” per passare indifferentemente nel forno tradizionale o in quello a microonde. È a partire da questi presupposti, che Zenith (il dinamico produttore di contenitori di alluminio per il food con sede a Manerbio, BS) punta a proporsi come partner privilegiato e affidabile dei produttori italiani di readymeal. Il banco di prova? Un contratto siglato con uno dei massimi produttori europei di primi piatti pronti, per il quale è stato realizzato un apposito formato.

PET STERILIZZABILE AD ALTA BARRIERA - Questa la formula che a Ipack-Ima ha riscosso maggiore interesse nell’ambito dell’offerta Sojitz Europe plc, azienda commerciale giapponese attiva sul mercato delle commodity e specialty da più di 100 anni. Prodotto dalla Dai Nippon Printing Co., IB-PET RB è il nuovo film di PET sterilizzabile ad altissima barriera ai gas e all’umidità, in grado di offrire un’ottima stampabilità e altissima trasparenza, oltre a un ridotto impatto ambientale. È realizzato infatti tramite tecnologia di rivestimento superficiale sottovuoto di SiOx con tecnologia CVD (chemical va-

por deposition), processo rafforzato dal trattamento MF-coupled plasma. Lo strato di SiOx risulta così molto flessibile e resistente al gelbo-flex. Trova largo impiego nel confezionamento alimentare, soprattutto nel caso di buste stand up, ma anche nell’ambito dell’imballaggio medicale sterilizzabile, e per tutte le applicazioni che necessitano di barriera all’ossigeno e all’umidità, prima e dopo la sterilizzazione. IB-Film è conforme ai regolamenti FDA 21 CFR e a quelli europei sul contatto alimentare 1935/2004/EC, 2002/72/CE e successivi emendamenti.

Dal chicco alla pasta La svizzera Bühler ha portato a Ipack-Ima la propria competenza nel settore della lavorazione dei cereali, che copre l’intera catena produttiva, dalla selezione dei chicchi all’estrusione della pasta. In particolare la selezionatrice ottica Sortex Z+ opera su qualunque tipo di cereale (ma anche su caffé, frutta secca, legumi, etc.): due telecamere e il sistema di riconoscimento Sortex Profile rilevano qualunque tipo di difetto di colore o contaminante. Da notare anche il microdosatore MZMO per il dosaggio volumetrico ad alta precisione di micro-ingredienti, nei due modelli per prodotti scorrevoli o basse portate e per aggiunta automatica di prodotti scorrevoli e non.

Confezionatrice per punti vendita Elixa Plus XP è stata lanciata dal Gruppo Fabbri SpA (Vignola, MO) per il confezionamento di prodotti alimentari con film stretch. Questa macchina automatica rappresenta la scelta ideale per i punti vendita di piccole e medie dimensioni, dove sono richieste alta velocità, ingombri ridotti e semplicità d’utilizzo. Elixa Plus XP, grazie alla possibilità di effettuare la lettura automatica delle dimensioni del vassoio e di utilizzare un’unica bobina per tutti i formati lavorabili, offre quindi un confezionamento ottimale con un consumo ridotto di film. Nata dal successo di Elixa Plus XS, il nuovo modello XP ne ha mantenuto la versatilità, migliorandone le prestazioni in termini di ergonomia e funzionamento: aumento della velocità massima a 20 confezioni/minuto; start macchina a fotocellula; carteratura di nuovo design che agevola pulizia e manutenzione; kit sospesi per il supporto dei dispositivi di peso/etichettatura.


Materials & Machinery Cavanna, in collaborazione con Novamont, Innovia Films e Sacchital, ha presentato a Ipack-Ima un sistema “macchina/confezione” per l’incarto di biscotti, realizzato con un materiale compostabile e saldato a ultrasuoni.

Flow e Verde U na nuova linea di macchine e di robot di fascia media, con velocità e costi adeguati alle esigenze delle imprese in crescita; la movimentazione dei carichi rivisitata seguendo rigorosi principi di ergonomia, a tutela della salute degli operatori; il servizio di pronta consegna potenziato… Allo stand allestito a Ipack-Ima da Cavanna c’era molto da vedere, e di sostanza. Ma la novità più visibile è stato l’inedito tipo di flow-pack per il confezionamento di biscotti, realizzato con un accoppiato biodegradabile e compostabile sull’apposita versione della confezionatrice Cavanna Zero 5, con saldatura a ultrasuoni. Si tratta, dunque, di una soluzione completa macchinamateriale che ha coinvolto, insieme alla società di Prato Sesia (NO), anche Novamont (bioplastiche), Innovia Films (film di cellulosa) e Sacchital (stampa e accoppiamento). Alternativa “verde” alle plastiche tradizionali, il nuovo flow-pack è composto da uno strato di Mater-B accoppiato con un film di cellulosa che conferisce le elevate proprietà barriera all’ossigeno e al vapore acqueo necessarie. La confezione rispetta, dunque, tutte le specifiche tecniche e di igiene richieste nel confezionamento dei biscotti, garantisce l’in-

tegrità e resistenza delle saldature e, buon ultimo, eccelle sul piano visuale. Il segreto in una saldatura - Determinante il contributo di Cavanna che ha messo a punto una flow pack Zero 5 con sistema di saldatura a ultrasuoni Flowsonic, grazie a cui è possibile ottenere una chiusura ermetica anche sull’accoppiato carta-Mater-B. Flowsonic assicura il controllo e la riduzione dei tempi di saldatura, garantendone la qualità costante anche in ambienti umidi o polverosi. A questo si aggiungono il risparmio energetico, dovuto al fatto che la macchina non deve essere riscaldata per diventare operativa, e il consumo ridotto di materiali d’incarto, oltre alla minore usura dei componenti del sistema, al mantenimento delle qualità organolettiche del prodotto grazie all’ermeticità delle saldature, alla facile gestione e programmazione dei parametri di lavorazione. In particolare, Flowsonic si è rivelato prezioso nella lavorazione del cioccolato, dove permette di affrontare le specifiche problematiche di saldatura riducendo drasticamente gli scarti. Cavanna ne sta mettendo a punto anche la versione rotativa, per servire le linee ad alta velocità (400 colpi e oltre).

Cavanna, in cooperation with Novamont, Innovia Films and Sacchital, presented at Ipack-Ima a “machine/pack” system for wrapping the biscuits, made in compostable material with ultrasonic sealing.

Flow and Green A new line of mid range machines and robots, with speeds and costs tuned to the demands of growing concerns; the handling of loads overhauled following rigorous ergonomic principles, protecting the health of the operator; an empowered prompt delivery service…. There was a lot to see at the Cavanna stand at Ipack-Ima. But the most visible new feature was the original type of flowpack for biscuit packing using a biodegradable and compostable laminate on the special version of the Cavanna Zero 5 packaging machine, with ultrasonic sealing. This is hence a complete machinematerial solution that also involved Novamont (bioplastics), Innovia Films (cellulose films) and Sacchital (print and laminates) alongside the Prato Sesia (NO) based concern. A “green” alternative to traditional plastics, the new flowpack is made up of a layer of Mater-B laminated to a cellulose film that gives the necessary high oxygen and water vapour barrier properties. Hence the pack respects all the technical and hygiene specifications laid down in packaging biscuits, guaranteeing the integrity and sturdiness of the seal and, last but not least, great visual appeal. The secret in a seal - Decisive the contribution of Cavanna that has devised a Zero 5 flowpack with Flowsonic ultrasonic seal system, thanks to which an airtight seal can also be obtained with the paper-Mater-B laminate. Flowsonic ensures the control and the reduction of seal times, guaranteeing the constant quality also in damp and dusty environments. To this one should add the advantages of energy saving, due to the fact that the machine doesn’t have to be heated up in order to become operational, and less consumption of wrapping material, as well as reduced wear of the system components, the maintenance of the organoleptic qualities of the products thanks to the airtightness of the seal, and the easy managing and programming of the processing parameters. In particular, Flowsonic has shown itself to be highly useful in processing chocolate, where it enables the specific seal problems to be tackled while drastically reducing production waste. Cavanna is also devising a rotary version for hi-speed lines of 400 strokes and over. ■


Materials & Machinery

Food&Beverage

Impianti e macchine

operatore) e l’impostazione dei parametri sensibili (livello manager). Possono essere abbinate a qualsiasi confezionatrice verticale, a confezionatrici orizzontali per astucci, a sistemi di termoformatura orizzontali, ecc. Tra i principali vantaggi di queste pesatrici ricordiamo l’elaborazione per la rilevazione del peso mediante uso combinato di convertitore analogico-digitale e DSP (Digital Signal Processor) con utilizzo di tecniche di filtraggio digitale. • Il gruppo di confezionamento SVMC1/SDFQ-Electronic (2) è ideale per trattare diversi tipi di prodotto (pasta, riso, frutta secca, legumi, prodotti dolciari ecc.) in sacchetti a doppio fondo quadro (brick bags) o a cuscino (pillow bags). È composto da una confezionatrice verticale continua e da un carosello che riceve i sacchetti a fondo quadro e, attraverso varie stazioni, squadra la parte superiore inserendo alternativamente un’etichetta, una linguetta di scotch o una clip. La confezionatrice verticale dispone di traino film mediante aspirazione sottovuoto, saldatrice verticale a resistenza con nastrino rotante, gruppo ganasce tipo MCR con dispositivo meccanico per la realizzazione di sacchetti a fondo quadro,

Pesare e confezionare GRAIN BASED FOOD Appuntamento consolidato per i produttori di impianti industriali per paste alimentari e sistemi di confezionamento, anche l’ultima edizione di Ipack-Ima ha ampiamente confermato le aspettative. Lo testimonia, tra l’altro, l’interesse suscitato dalle più recenti proposte tecnologiche di Stiavelli (gruppo Pavan).

olti gli operatori in visita (provenienti come tradizione da tutto il mondo), atmosfera positiva e, soprattutto, vivo interesse per l’offerta tecnologica: la musica discreta e charmant di un pianoforte ha scandito le giornate di fiera del gruppo Pavan, leader nel panorama internazionale dell’impiantistica alimentare. In particolare, Stiavelli - marchio storico e oggi divisione del gruppo - ha puntato l’attenzione su un sistema di confezionamento per prodotti granulari secchi e su una confezionatrice di sacchetti a 4 saldature.

M

Dedicato ai granulari secchi - La pesatrice multiteste SPC-14 e il gruppo di confezionamento per confezioni a doppio fondo quadro (brick bags) SVMC-1/DFQ-Electronic formano il sistema di confezionamento. • La SPC-14 (1) è progettata per trattare pasta, cereali, frutta secca, caramelle, legumi e prodot-

ti granulari in genere. Oltre a essere estremamente veloce e precisa, è semplice da gestire grazie ad alcuni accorgimenti. I cestelli “a tenuta” consentono infatti di trattare prodotti di piccole dimensioni, mentre per applicazioni speciali (grandi grammature, prodotti freschi di difficile scorrimento ecc.) le SPC sono realizzabili con cestelli di dimensioni maggiori, a semplice o doppia apertura e in acciaio bugnato o teflonato. I tempi di fermo macchina sono ridotti, grazie alla possibilità di escludere fino a quattro teste in contemporanea. La serie SPC prevede anche modelli per prodotti fragili e per snack. Tramite terminale a colori touch-screen retroilluminato è possibile impostare i parametri di lavoro, la lingua, il richiamo delle ricette e accedere alle informazioni desiderate (deviazione standard, consuntivi di produzione, ecc.). Per garantire la massima sicurezza nella gestione delle pesatrici sono previsti di serie due livelli di password che tutelano l’impostazione dei parametri di utilizzo (livello

Systems and machines

Weigh and pack GRAIN BASED FOOD Consolidated encounter for the producers of systems for industrial dough and pastamaking along with packaging systems, the latest edition of Ipack-Ima also broadly confirmed expectations. This was among other things borne witness to by the interest aroused by the recent proposals made by Stiavelli (Pavan group).

The visitors were many (as tradition has it from all around the world), the atmosphere positive, aboveall much interest being shown for technological proposals: the discreet and charming music of a piano accompanied the days at the fair of the Pavan Group, food plant leader of international standing. In particular, Stiavelli - historic brandname and today division of

58 • 5/09

the Pavan group - focussed attention on a packaging system for dry grain products and on a 4 side seal bag producing machine. Dedicated for dry grain products - The SPC-14 multiheaded weighing machine and the SVMC-1/DFQElectronic unit for producing brick bags form the packaging system. • The SPC-14 (1) has been

1

designed to treat pasta, cereals, dried fruit, bonbons, legumes and grain products in general. As well as being extremely quick and accurate, the machine is simple to run thanks to a series of features. The baskets in fact enable the handling of smallscale products, while for special applications (high basis weights, fresh products with difficult flow etc.) the SPC series come with large sized baskets, with one or two openings in rusticated or teflonated steel. Machine stop times have been reduced, in that up to four heads can be excluded at the same time. The SPC series also includes models for fragile products and for snacks. Via rear-lit touchscreen color terminals the work parameters, the language, the call-

up of the recipes can be set and the required information accessed (standard deviations, production balances etc.). Two standard password levels guarantee max safety in running the checkweighers, protecting the use parameter settings at operator level and the setting of key parameters at management level. The devices can be connected up to any vertical packer, to horizontal carton packers, to horizontal heatforming systems etc. Among the main advantages of these system we highlight the checkweighing via the combined use of analogical-digital converter and DSP (Digital Signal Processor) with the use of digital filtering technology. • The SVMC-1/SDFQ-Electronic


dispositivo di centratura automatica trasversale del film che movimenta tutta la sezione posteriore della confezionatrice compresa la bobina, piano di giunzione facilitato per cambio bobina (optional cambio bobina automatico), sensori di arresto macchina per rottura film. Sia la confezionatrice che il carosello sono gestiti da un PC industriale tramite un unico pannello di interfaccia operatore. Per sacchetti “a 4 saldature” - La confezionatrice SVMA-M (3) è una macchina alternata, gestita da motori brushless, in grado di realizzare confezioni a 4 saldature (four side seals). La confezionatrice dispone di saldatrice verticale a barra, traino film e gruppo ganasce motorizzati mediante motori brushless, sistema specifico per la realizzazione dei sacchetti a fondo quadro, piano di giunzione per cambio bobina facilitato, dispositivo di centratura automatica trasversale del film che movimenta tutta la sezione posteriore della confezionatrice compresa la bobina (optional), sensori di arresto macchina per rottura film. La confezionatrice è gestita da un PLC industriale tramite touch-screen di interfaccia operatore. ■

3

2

packaging unit (2) is ideal for treating different types of product (pasta, rice, dried fruit, legumes, confectionery products etc.) in brick and pillow bags. It comprises a continuous vertical packaging machine and a turntable that receives the brick bags and, via various stations, squares the upper part, alternatively inserting a label, a strip of tape or clip. The vertical packer has a film draw device via vacuum suction, vertical resistance seal with rotating ribbon, MCR type gripper unit with mechanical device for making the brick bags, transversal automatic film centring device that moves the entire rear section of the machine including the reel, splice table facilitated by reel change (optional automatic reel change), machine

stop sensors in the event of film breakage. Both the machine and the turntable are run by an industrial PC via a single operator interface panel. For 4 side seal bags - The SVMAM (3) is an alternate machine run on brushless motors, capable of making 4 side seas. The machine has a vertical bar sealer, film draw and brushless motor run gripper unit, specific system for creating brick bags, facilitated reel change splice area, transversal automatic film centring device that moves the entire rear section of the machine including the reel (optional), machine stop sensors in the event of film breakage. The machine is run by an industrial PLC via an operator interface touchscreen. ■


Cosmopharma M a t e r i a l s & M a c h i n e r y 1

Intubettatrice TGM - Tecnomachines Srl (Urgnano, BG) progetta e costruisce, da oltre 30 anni, macchine automatiche in grado di riempire fino a 24.000 tubetti all’ora (in metallo, polietilene, polifoil e laminati) e astucciatrici a movimento continuo ed alternato, orizzontali e verticali, nonché macchine speciali per prodotti e imballi particolari. In fiera è stata presentata l’intubettatrice T230, in grado di riempire prodotti coestrusi a 2-3 colori, che richiedono particolari accorgimenti tecnici sulla macchina. I gruppi di dosaggio installati sulla T230, che costituiscono il cuore di questa particolare produzione, sono movimentati da servomotori che assicurano una regolazione accurata e precisa di tutte le variabili coinvolte nel delicato processo di riempimento. La T230, in grado di raggiungere una produzione di 150 tubi/min, è facilmente inseribile in linee di produzione ad alto contenuto tecnologico.

Pratici monodose Originali e curate dal punto di vista estetico le soluzioni proposte da Valmatic Srl (San Prospero s/S, MO) nell’ambito dei contenitori monodose, progettati e realizzati in un’ottica di praticità e sicurezza per il consumatore. Il contenitore bi-valva (1) è riempito con un prodotto in polvere e uno liquido, che rimangono separati fino al momento dell’uso. Tramite una lieve pressione sulle valve, le due sezioni entrano in comunicazione, i prodotti si miscelano, e si può aprire il monodose. Studiato per il comparto farmaceutico, ben si adatta ad altre applicazioni. Il monodose Spoon (2), presentato in una card a portafoglio, ha la forma di cucchiaio; facile da vuotare e utilizzare, si adatta a creme viso, contorno occhi, gel

2

e prodotti cosmetici, di cui mantiene inalterata la freschezza. Al disotto dei 100 ml fissati per il trasporto aereo, è pratico da usare in viaggio. Valmatic ha inoltre presentato le possibilità della serigrafia Multicolor (3) - realizzata grazie alla collaborazione con uno stampatore specializzato - e che ora può essere in quadricromia, o in oro e argento. 3

DISTRIBUTORE DI DETERSIVI - CMI Srl (Oleggio, NO) ha presen-

Un elegante termoformato Il Gruppo Niada, nonostante la difficile situazione economica, nel corso di IpackIma ha ottenuto numerosi riscontri positivi. È stato soprattutto il settore della cosmesi ad attirare maggiormente l’attenzione dei visitatori, che hanno mostrato interesse per le eleganti confezioni esposte. Di recente, infatti, il Gruppo Niada si è specializzato

Tubefilling machine TGM - Tecnomachines Srl (Urgnano, BG) has been designing and building for 30 years automatic machines capable of filling up to 24,000 tubes an hour (in metal, polyethylene, polyfoil and laminates) and continuous and alternate, horizontal and vertical cartoning machines, as well as special machines for particular products and packaging. The fair saw the presentation of the T230 tubefilling machine, capable of filling 2-3 color coextruded products, that demand special technical settings on the machine. The dosing units installed on the T230, that constitutes the heart of the said system, are run by servomotors that ensure an accurate regulation of all the variables involved in the delicate filling process. The T230, capable of reaching an output of 150 tubes/min, is easily insertible in hi-tech production lines.

Practical monodoses

nella realizzazione di termoformati idonei ad alloggiare prodotti come profumi, creme corpo, kit di bellezza e tutto ciò che ruota attorno alla cura della persona, puntando molto sull’impatto visivo. L’azienda di Malnate (VA) pone quindi particolare cura alla selezione di forme e materiali, sempre di prima qualità. Il cliente può scegliere il colore del materiale più adatto a esaltare il proprio il prodotto e personalizzare ogni termoformato con serigrafie o tampografie, tutti servizi che il Gruppo Niada - sul mercato da più di 35 anni - può garantire con la massima professionalità.

Original and painstakingly designed in terms of appeal the solutions proposed by Valmatic Srl (San Prospero s/S, MO) in the field of monodose containers, designed and made with consumer safety and userfriendliness in mind. The bi-valve container (1) is filled with a product in powder and a product in liquid form, that are kept separate up until the moment of use. By gently pressing the valve, the two sections enter into contact, the products mix, and the monodose can be opened. Devised for the pharmaceutical segment, it can be easily suited to other applications. The Spoon (2) monodose, presented in a card wallet, is spoon shaped; easy to empty and use, it is recommended for face creams, eye liner, gel and cosmetic products, which it helps to keep fresh. Less than 100 ml set for air transport, it is handy for use on the go. Valmatic has also presented the possibility of the Multicolor screenprinting (3) made with the cooperation of a

tato a Ipack-Ima la propria ampia gamma di macchine per l’imbottigliamento e la tappatura. Due modelli in particolare, tra quelli esposti, hanno suscitato grande interesse: il distributore di detersivi alla spina e il monoblocco di riempimento e tappatura rotativa, modello Logyka R 18/6/6 PP MAS. • Il distributore di detersivi è stato apprezzato per la forma compatta, la praticità e la facilità di utilizzo. Viene in genere posizionato all’interno di punti vendita, come i supermercati, ed è utilizzabile da chiunque. • Caratterizzata da una costruzione innovativa, la macchina Logyka rotativa con stazione di riempimento è dotata di 18 flussimetri massici per l’imbottigliamento di olio alimentare e di ben due torrette di tappatura (una per il tappo a pressione e l’altra per il tappo a vite). Garantisce una produzione di 10.000 b/h da 1 litro.

specialised printer - and that can now be in four color process or in gold or silver.

on the market for more than 35 years now - can guarantee with the greatest professionality.

Elegant heatformed

Washing powder distributor

The Niada Group, despite the difficult economic situation, during Ipack-Ima scored numerous successes. Aboveall its was the cosmetics sector that most drew the attention of visitors, that showed interest for the elegant packs on display. Recently in fact, the Niada group has specialised in the creation of heatformed items for containing products such as perfumes, body creams, beauty kits and everything to do with personal care, placing the onus on visual impact. The Malnate (VA) based concern is painstaking in its choice of shapes and materials, always top quality. The customer can choose the color of the best suited material and highlight their product, personalising each thermoformed item with silkscreen or pad printing, all services that the Niada Group -

CMI Srl (Oleggio, NO) presented at Ipack-Ima its own range of capping and bottling machines. Two models in particular, among those placed on show, aroused great interest: the on tap washing powder distributor and the rotary filling and capping monoblock, model Logyka R 18/6/6 PP MAS. • The washing powder distributor was appreciated for its compact shape and userfriendliness. It is generally placed inside salespoints, such as supermarkets, and can be used by anyone. • Featuring an innovative structure, the Logyka roto machine with filling station has 18 mass flowmeters for bottling food oils and as many as two capping turrets (one for pressure and the other for screw caps). It guarantees an output of 10,000 litre b/h.

5/09 • 61


Cosmopharma M a t e r i a l s & M a c h i n e r y

Eventi

BELLEZZA B2B FIERA CONVEGNO Chi l’ha detto che per essere eccellenti bisogna per forza essere grandi? I visitatori dell’ultimo PCD - manifestazione “compatta” e dedicata esclusivamente al packaging per il settore cosmetico-profumiero - testimoniano che, talvolta, le piccole dimensioni rappresentano un vantaggio… E.P. uore di queste manifestazioni sono le due giornate di relazioni non stop, durante le quali i produttori di materiali, imballaggi, macchine, tecnologie, ausili e servizi - insomma tutto quanto concorre a realizzare il packaging di un prodotto - possono presentare a un pubblico specializzato le ultime proposte e le nuove frontiere della R&S. Parliamo delle fiere-convegno organizzate da Oriex a Parigi seguendo la formula dell’appuntamento limitato nel tempo (due giorni) e nello spazio (piccoli stand pre-allestiti affiancano il congresso). Ma, soprattutto, limitato nella merceologia, circoscritta all’ambito dell’imballaggio e relativi complementi. Ecco, così, nascere e affermarsi PCD, dedicato al packaging per i prodotti di bellezza, Pharmapack (ideato da Oriex e di recente ceduto a Canon Communications) focalizzato sull’imballaggio per i settori farmaceutico e medicale, Aerosol Forum (pros-

C

Events

Beauty B2B FAIR CONVENTION Who said excellence means you have to be big? The visitors to the last PCD “compact” show exclusively dedicated to packaging for the cosmetic-perfumery sector - bear witness to the fact that at times small in size constitutes an advantage… E.P. Heart of the show are the two days of non-stop talks, during which the producers of materials, packaging, machine, technology, auxiliary equipment and services that is to say all that goes into making the packaging for a product - are able present their latest proposals and the new frontiers of R&D to a specialised audience. We are speaking of the fair-convention organised by Oriex in Paris following the formula of the limited time and limited space two day event featuring small ready made stands that accompany the congress. But aboveall limited in merchandise, confined to the packaging field

simo appuntamento il 9 e 10 marzo 2010) concentrato sui sistemi di erogazione e Nutripack (26 e 27 settembre 2011) specializzato in packaging alimentare. Il 3 e 4 febbraio scorso abbiamo visitato PCD (la prossima edizione è già calendarizzata per il 26 e 27 gennaio 2010) e ne abbiamo tratto conferma della bontà di una formula che fino a oggi non ha mai fallito, perlomeno in Francia. Nessuno degli espositori visitati durante la manifestazione (in tutto erano 60) ha infatti espresso meno che piena soddisfazione per i contatti allacciati:, se l’esposizione ha ospitato “solo” 1200 visitatori si è però trattato, secondo le testimonianze raccolte sul campo, di una rappresentanza completa e assai ben assortita del mercato di riferimento, con tutti i “grandi” che contano e un nutrito drappello di imprese “minori”, dinamiche e interessate a investire. Nonostante la crisi economica. Di seguito, un florilegio delle soluzioni in mostra. ■

and related complements. Hence one has the basis behind the creation and success of PCD, dedicated to beauty product packaging, of Pharmapack (conceived by Oriex and recently ceded to Canon Communications) focussed on packaging for the pharmaceutical and medical sector, Aerosol Forum (coming engagement March 9th and 10th 2010) concentrated on dispensing systems and Nutripack (September 26th and 27th 2011) specialised in food packaging. Last 3rd and 4th of February we paid a visit to PCD (the coming edition is already scheduled for 26th and 27th January 2010) and we were able to get confirmation of the effectiveness of a formula that to date has never failed, at least not in France. None of the exhibitors we visited during the show (all told 60) expressed anything less than full satisfaction for the contacts made, if the show “only” drew 1200 visitors these were according to witnesses in the field a complete and well assorted representation of the market in question, including all the big names and a full grouping of “minor” concerns, dynamic and interested in investing, this despite the economic crisis. Here follows an anthology of the solutions on show. ■

■ Bormioli Rocco marchio di spicco del packaging cosmeticoprofumiero, ha partecipato a PCD con uno stand della Divisione Profumeria Vetro di Masnières (F). In vetrina, il design, la capacità tecnica e di servizio di uno dei più bei nomi del confezionamento Made in Italy (www.bormiolirocco.com) ■ ColorMatrix Group (coloranti, additivi e tecnologie di dosaggio per l’industria della plastica, filiale britannica Knowsley, Merseyside) ha presentato in anteprima a PCD 2009 il nuovo sistema DosiXpress™,

ideato per consentire ai trasformatori di materie plastiche e ai brand owner di individuare e ordinare on line, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, i coloranti desiderati (di cui ColorMatrix garantisce la pronta consegna, in media entro 24 ore dall’ordine). Questo servizio semplice e rapido da attivare -

Bormioli Rocco leading brand of cosmetic-perfume packaging, took part at PCD with the Vetro di Masnières (F) stand. On show the design, technical capacity and the service of one of the finest names in Italian packaging. Even when in French (www.bormiolirocco.com). ColorMatrix Group (colorants, additives and dosing technologies for the plastics industry, UK branch at Knowsley, Merseyside) at PCD 2009 previewed its new DosiXpress™ system, created to enable plastics converters and brand owners to locate and order the colorants they need on line, around the clock, seven days a week (ColorMatrix guarantees prompt delivery, on average within 24 hours of ordering). This service, simple and speedy to use - meets the needs caused by the progressive fragmentation of production into many small job lots with different substrates, colors etc, and responds

5/09 • 63


Materials & Machinery

Cosmopharma

incontra le esigenze generate dalla progressiva frammentazione dei lotti produttivi in tante piccole commesse differenziate per supporto, colore ecc., e risponde alla derivata necessità di lavorare “just in time”, senza magazzino, con un procedimento di colorazione efficace, senza sprechi energetici né scarti (www.colormatrix.com).

■ Edelmann France - La SPIC realizza astucci pieghevoli per la bellezza alto di gamma. Fra i punti di forza figurano i sistemi di progettazione elettronica e di campionamento, e uno dei più importanti parchi macchine per la stampa e il finissaggio d’Europa, grazie al quale Edelmann serve “just in time” anche le esigenze più particolari (www.edelmann.de/group/la-spic). ■ EMS-Grivory produce a marchio Grivory® un gruppo di tecnopolimeri a base di poliammide parzialmente cristallina con parti aromatiche. Forniti sotto forma di granulato per estrusione o stampaggio a iniezione,

to the derived need to work justin-time, without storage, with an effective coloring procedure, without energy wasting or production waste (www.colormatrix.com). Edelmann France - La SPIC creates folding cases for the high-end beauty range. Among its strongpoints one has its electronic and sampling procedures, and one of the most important machine yards for print and finishing in Europe, thanks to which Edelmann also caters for the most special needs just-intime (www.edelmann.de/group/laspic). EMS-Grivory produces a group of polyamide based partially crystalline technopolymers with

64 • 5/09

si differenziano per composizione dei polimeri di base e tipo di rinforzi, stabilizzanti e agenti di trasformazione. Robusti e di grande pregio estetico, vengono impiegati anche nella produzione di packaging cosmetico, tubetti, imballaggio alimentare e bottiglie (www.emsgrivory.com).

dosaggio. I Thermadose sono attrezzati di valvole e pistole per l’uso manuale o automatico e per l’applicazione tramite nebulizzazione (www.ijfisnar.com).

■ Esko Artwork (sede italiana a Milano) propone alle agenzie di design e alle aziende di marca una gamma completa di software in grado di migliorare la qualità e di ridurre tempi, costi e possibilità di errore del packaging design grafico e strutturale. L’offerta comprende sistemi per la prototipazione virtuale e reale, e per lo scambio on line di informazioni, lavori e prove (www.esko.com).

■ Graindorge è specializzata in rivestimenti elettrolitici di materie plastiche e metallo. Creata nel 1928, si è affermata come partner d’eccellenza in Francia e oltreconfine. Oggi, avvalendosi delle tecnologie più moderne, realizza trattamenti di galvanoplastica, dorature, rivestimenti al cromo e al nickel, bronzo bianco, oro rosa, sia matt sia brillanti (www.graindorge.net).

■ I&J Fisnar France presenta la nuova linea di dosatori hot melt Thermadose, con capacità dai 5 litri fino ai 200 kg. Sono comandati elettronicamente, tramite interfaccia amichevole, per una gestione automatica del riscaldamento e del

■ H. Bohlmeier (D) è rinomata per la produzione di scatole con coperchio e confezioni regalo. La sua offerta si distingue per originalità delle forme, disponibilità di optional (coperchi trasparenti, meccanismi ferma-coperchi, finestrature ecc.) e ricchezza di lavorazioni accessorie: stampa offset, verniciatura, goffratura, decorazioni in bronzo, applicazione di foglio a caldo (www.bohlmeierkartonagen.de).

aromatic parts under the Grivory® brand. Provided in granular form for extrusion or injection moulding, a series of different basic polymer compositions and type of reinforcement, stabilizers and transformation agents are offered. Sturdy and attractive, they are also used for producing cosmetic packaging, tubes, food packaging and bottles (www.emsgrivory.com). Esko Artwork (Italian branch in Milan) offers design agencies and top brand companies a complete range of software capable of improving quality and reducing times, costs and possibility of errors in graphic and structural packaging design. Their offer includes virtual and real prototyping systems, as well as

systems for on-line information, work and proof exchange (www.esko.com). I&J Fisnar France presents its new line of hotmelt Thermadose dosers, with capacities from 5 litres up to 200 kg. They are electronically controlled via friendly interface for an automatic control of heating and dosing. The Thermodoses have valves and pistols for the manual and automatic use and for spray application (www.ijfisnar.com). Graindorge is specialised in electrolithic coating of plastics and metal. Set up in 1928, it has won a name for itself as a partner of excellence in France and abroad (www.graindorge.net). Today, availing itself of the most

modern technologies, it performs galvanoplastics, gilding, chrome and nickel, white bronze, pink gold coating, both matt and gloss (www.graindorge.net). H. Bohlmeier (D) is famed for the production of lidded containers and gift packs. Its offer stands out for the originality of shapes, with optionals (transparent lids, lid blocking mechanisms, windows etc) and richness of accessory processes: offset printing, lacquering, embossing, decorations in bronze, hot foil applications (www.bohlmeierkartonagen.de). Heinz Glas proposes an original solution for sealing peelable films to glass, called Perbuseal. This is an inert coating, to be applied out


■ Heinz Glas propone una soluzione inedita per la saldatura delle pellicole pelabili su vetro, denominata Perbuseal. Si tratta di un rivestimento inerte, da applicare fuori linea, che assicura la massima igiene, la possibilità di regolare la forza di saldatura e una tenuta stabile e duratura anche per più di 12 mesi (www.heinz-glas.com).

■ Iggesund Paperboard (gruppo Forestier Holmen) è uno dei primi produttori europei di cartone a base di fibre vergini. Sviluppando il temaconduttore del PCD 2009, dedicato all’ambiente, ha illustrato il programma di investimenti stanziati per raggiungere, entro i prossimi 4 anni, la completa bio-integrazione nel territorio (attualmente del 95%), in particolare senza emissioni di CO2 fossile né rifiuti solidi in discarica e con la completa autosufficienza in fatto di elettricità (oggi realizzata solo a metà). Ulteriori investimenti sono destinati a perfezionare il trattamento delle emissioni (www.iggesund.com).

of line, that ensures max hygiene, the possibility of regulating the seal strength offering a stable, durable seal even for more than 12 months (www.heinz-glas.com). Iggesund Paperboard (Forestier Holmen group) is one of the prime European producers of virgin fibre based board. Developing the leading theme of PCD 2009, dedicated to the environment, it illustrated its program of investments earmarked for achieving the complete biointegration in the areas where it operates (currently at 95%), in particular without any CO?, or fossil emissions or solid waste sent to landfills and with complete self-sufficiency in terms of electricity (currently they only cover half their requirements).

Further investments have been earmarked for emissions processing (www.iggesund.com). Lameplast is synomym for monodose. The Italian company has won a name for itself as a partner for the cosmeticperfumery industry for the high aesthetic and service values of its products, but also for their capacity to serve a sector featuring a speedy turnover with ever new ideas and the right production organisation (www.lameplastgroup.com). Maesa (Levallois Perret, F) confirms itself as leading light in the turnkey production of “made to measure beauty” and presents a new sun cream range made for By U (18 references and a


Materials & Machinery

Cosmopharma

■ Lameplast è sinonimo di monodose. L’azienda italiana si è affermata come partner dell’industria cosmetico-profumiera per l’elevato valore estetico e di servizio delle sue realizzazioni, ma anche per la capacità di servire con idee sempre nuove e un’adeguata organizzazione produttiva un settore caratterizzato da un velocissimo turnover (www.lameplastgroup.com).

■ Maesa (Levallois Perret, F) si conferma protagonista nella produzione chiavi in mano di “bellezza su misura” e presenta la nuova gamma di solari realizzata per By U (18 referenze e un packaging di particolare impatto) e il recente restyling delle eaux de toilette Pimkie. In occasione del PCD il gruppo, che nel packaging realizza oltre un quarto del fatturato, ha organizzato un pranzo con la stampa per illustrare risultati e

particularly striking packaging) and the recent restyling of Pimkie eaux de toilette. At PCD the group, that makes over a quarter of its turnover on packaging, organized a dinner with the press to illustrate results and growth strategies. After the latest buy-up - in January the company incorporated Zorbit Resources, specialised in high-end and beauty product packaging on contract, with bases in NY, Los Angeles and Shenshen - Maesa will be strengthening its direct, production and service presence on the main European, American and Asian markets. Objective for the next three years, a further and profitable growth (in 10 years turnover has reached 70 million euro) with the goal of 100 million

66 • 5/09

strategie di crescita. Dopo l’ultima acquisizione - a gennaio ha inglobato Zorbit Resources, specializzata in packaging di alta gamma e prodotti di bellezza in conto terzi, con sedi a NY, Los Angeles e Shenshen - Maesa potenzia la presenza diretta, produttiva e di servizio, sui principali mercati d’Europa, America e Asia. Obiettivo del prossimo triennio, una crescita ulteriore e profittevole (in 10 anni il fatturato si è attestato sui 70 milioni di euro) con, in particolare, il raggiungimento dei 100 milioni entro il 2010 (www.maesa.com). ■ Mega Plast (D) ha brevettato un sistema di erogazione airless a doppia valvola, che offre elevata protezione ai prodotti cosmetici sensibili all’ossigeno, anche confezionati in tubetto. La pompa di Mega Plast assicura un dosaggio esatto e regolare in tutte le posizioni, permette di vuotare completamente il tubetto ed è priva di parti metalliche (www.megaplast.de). ■ Pfeiffer presenta il nuovo logo, ridisegnato per comunicare i valori di qualità del marchio e il suo posizionamento “alto di gamma”, e la pompa alpha-TechnologyCartridge, studiata per proteggere le formulazioni più sensibili e preziose

set to be reached by 2010 (www.maesa.com). Mega Plast (D) has patented an airless, double-valve dispensing system, that offers high protection for oxygen sensitive cosmetic products, also packed in tubes. The Mega Plast pump ensures accurate and regular dosing in all positions, enabling the tube to be totally emptied, and is without metal parts (www.megaplast.de). Pfeiffer presents its new logo, redesigned to communicate the brand’s quality values and its “high-end” positioning, and the alpha-Technology-Cartridge pump, devised to protect the most sensitive and precious formulas inasmuch as without metal parts in contact with the

in quanto priva di parti metalliche a contatto con il prodotto. È stata sviluppata per i piccoli dosaggi (da 70 a 150 µl) e si può integrare nei dosatori Pfeiffer Cremosa, Metropolitan e Irresistibile (www.pfeiffer.de). ■ Promens La Luminous Body Cream a marchio L’Occitane è confezionata in un vasetto di PET da 250 ml realizzato da Promens (sede italiana a Lainate, MI) e impreziosito con un largo tappo dorato. Puntuale la corrispondenza fra i valori del marchio e quelli trasmessi dal packaging, all’insegna della semplicità, del piacere e dell’autenticità (www.promens.com). ■ RPC ha realizzato il vaso per le creme giorno e notte Nivea Expert Lift. Caratteristica distintiva, la struttura a doppia parete: quella esterna trasparente, di polistirene stampato a iniezione, e quella interna di PP violetto, sagomata in modo differente per ciascun tipo di crema. Determinanti per il posizionamento premium, l’etichetta e l’ “effetto vetro” dei materiali plastici (www.rpc-group.com).

product. It has been devised for small doses (from 70 to 150 µl) and can be integrated with Pfeiffer Cremosa, Metropolitan and irresistibile dosers (www.pfeiffer.de). Promens The L’Occitane brand Luminous Body Cream is packed in a 250 ml PET jar made by Promens (Italian branch at Lainate, MI) and embellished with a broad gilded top (www.promens.com). The packaging perfectly embodies the brand values, based on simplicity, pleasure and authenticity (www.promens.com). RPC has made the jar for the Nivea Expert Lift day and night cream. It features a double wall structure: the outer wall is

transparent, in injection pressmoulded polystyrene, the inner on in violet PP, shaped differently for each type of cream. The label and the “glass effect” of the plastics are decisive in its prime placing (www.rpcgroup.com). Sandvik Decorex™ is a product for decoration, and one of a kind, in that it combines the aesthetic benefits of the most sophisticated surface treatments with the advantages that derive from the use of carefully colored stainless steel strips. Thanks to an alternative surface finish, different color shades can be obtained; on demand the Decorex range can be made in


Cosmopharma M a t e r i a l s & M a c h i n e r y ■ Sandvik Decorex™ è un prodotto per la decorazione, unico nel suo genere, perché combina i benefici estetici dei trattamenti superficiali più sofisticati con i vantaggi che derivano dall’impiego di strip d’acciaio inossidabile, opportunamente colorate. Grazie a finiture superficiali alternative, si creano diverse sfumature di colore; su richiesta, i Decorex possono essere realizzati con altri materiali di base (www.smt.sandvik.com). ■ Sappi presenta Design, un cartoncino dal superiore grado di bianco e con un piacevole effetto tattile setoso. Proposto per il packaging di alta gamma e le

applicazioni grafiche, è realizzato anche in variante Duo per assicurare una stampa ineccepibile, aspetto lussuoso e massima eleganza su entrambi i lati (www.sappi.com). ■ Sarong (macchine e materiali per l’imballaggio, Reggiolo, RE) ha avviato una divisione per il

other basic materials (www.smt.sandvik.com). Sappi presents Design, a high grade of white card with a pleasantly silky feel. Offered for high end packaging and graphic applications, it also comes in the Duo variant to ensure perfect printing, a luxurious appearance and max elegance on both sides (www.sappi.com). Sarong (packaging machines and materials, Reggiolo, RE) has started up a division for the packaging on contract of cosmetics and chemical products, and personalisation with labels or print directly on the plastic if required. Their service ranges from primary packaging, also in monodose or products to

confezionamento conto terzi di prodotti cosmetici e chimici, e l’eventuale personalizzazione con etichetta o stampa diretta sul materiale plastico. Il servizio spazia dal packaging primario, anche in monodose o di prodotti da inserire in kit misti, al packaging delle campagne promozionali, fino all’imballaggio di linee complete. In caso di formulazioni molto viscose, riempite su macchine orizzontali, il contenitore può essere corredato di lid pelabile, per un’apertura completa e un prelievo senza sprechi (www.sarong.it). ■ Sincoplas Stampaggio per iniezione e per compressione, decorazione, assemblaggio di materie plastiche. Sono le specialità di questa ditta francese fortemente orientata al servizio, che, per la profumeria e la cosmesi di alta gamma, realizza astucci per il makeup, vasetti, chiusure, cofanetti, espositori su misura… Altri punti di forza: un parco macchine importante, fornitura “in tempo reale”, certificazioni di qualità ISO 9002 e Valeo 1000 A+ (www.sincoplas.fr).

be inserted in mixed kits, to packaging of promo campaigns, up to the packaging of complete lines. In case of highly viscous formulas, filled on horizontal machines, the containers can come with peelable lids, for complete opening and use without waste (www.sarong.it). Sincoplas Injection and press moulding, decoration, assembly of plastics. These are the specialities of this strongly service oriented French concern, that, for high end perfumery and cosmetics, makes packs for make-up, jars, closures, caskets, display cases made to measure…. Other strongpoints: an important machine yard, delivery in “real

■ Toly Il vulcanico produttore di packaging plastico estende il campo d’azione al cartone e amplia l’offerta di sistemi airless, soluzioni di erogazione, astucci custom e chiusure. Ma la gamma è in continua espansione (www.toly.com). ■ Valois divisione Beauty and Home vince la sfida lanciata, sul piano tecnico ed estetico, dall’ultimo profumo maschile firmato Guerlain. La pompa VP4 Seal tight 13 FEA è stata dotata di un pulsante erogatore specifico, rivestito di alluminio anodizzato argento brillante e abbinato alla spalla di ABS galvanizzato nella stessa tinta. Completa il tutto l’elegante tappo trasparente (www.valois.com). ■ Velox Italia (filiale dell’omonimo distributore tedesco di materie prime “speciali”) presenta la nuova versione dei copolimeri acrilonitrilici a marchio Barex, già affermati per le superiori caratteristiche di barriera ai gas (e dunque di ritenzione di aromi e profumi), resistenza agli agenti chimici, possibilità di lavorazione, riciclabilità ed estetica. A queste proprietà, ulteriormente potenziate, il Cosmetic Clear Barex aggiunge una trasparenza particolare. I Barex rispettano le specifiche USFDA e CEE per il contatto alimentare, USP Classe VI e UE (farmacopea), ISO 9001:2000 e ISO 14001:1996 (www.velox.com).

time”, 9002 ISO and Valeo 1000 A+ quality certification (www.sincoplas.fr). Toly The volcanic producer of plastic packaging extends its range of action to board and broadens its offer of airless systems, dispensing solutions, custom cases and closures. But the range is in continuous expansion (www.toly.com). Valois Beauty and Home division has won the technical and aesthetic challenge of the latest Guerlain men’s perfume. The VP4 Seal tight 13 FEA pump has a specific dispenser button, coated in shiny silver anodised aluminium with an ABS support galvanised in the same hue. Topped by an elegant

transparent cap (www.valois.com). Velox Italia (Italian branch of the German “special” raw materials distributor) presents the new version of the Barex brand acrilonitrilic copolymers, that already feature for their high gas barrier characteristics (and hence retention of aromas and perfumes), resistance to chemical agents, processing possibilities, recylability and good looks. On the latter count, further empowered, the Cosmetic Clear Barex offers an added special transparency. The Barex range respects US-FDA and EEC food contact, USP Class VI and EU (pharmacopeia) legislation, ISO 9001:2000 and ISO 14001:1996 (www.velox.com).

5/09 • 67


1 copy 11 euro Subscription for 3 years 50 euro (abroad)

Impackt is an instrument for navigating, for locating a critical position - or also for losing ones position - in the great sea of packaging, taken as being a cultural form in the widest possible sense, the means by which we relate to merchandise, consumption, the world. Impackt sets out to be a vehicle of knowledge and lateral reflection which crosses and re-crosses the boundaries of many different sources of knowledge (theoretical, literary, artistic, technical, anthropological, etc). Impackt, a magazine-guide with strong impact in terms of graphics and content, will arouse the interest of a discerning public, aware of new trends and ready to be disoriented as a critical act

Tourist guide to the physical and psychological landscape of packaging

Edizioni Dativo Srl Via Benigno Crespi 30/2, 20159 Milano Tel. +39 02 69007733 - Fax +39 02 69007664 www.packmedia.net - impackt@dativo.it


Multimarket M a t e r i a l s & M a c h i n e r y Prestazioni plastiche Elevate caratteristiche estetiche, ottime proprietà organolettiche, tempi di produzione più rapidi, minor consumo energetico e minor peso: queste alcune delle caratteristiche dei materiali presentati da Borealis al Plast 2009, destinati alla produzione di film o allo stampaggio di packaging. • I nuovi Borpure™ (HDPE) MB6561, MB6562 e MB7541 sono destinati al mercato dei tappi e delle chiusure. Oltre a permettere cicli più veloci e mantenere inalterate le proprietà organolettiche, presentano alta resistenza alla rottura e un ottimo rapporto tra rigidità e resistenza agli urti (il che consente di ridurre il peso delle chiusure). • Nella famiglia di film estrusi PP

Bormed™, l’RE806CF si contraddistingue per elevata purezza e trasparenza, ideale quindi per il packaging alimentare e medicale. In mostra anche numerose altre soluzioni PP e PE ad alte prestazioni: blow-fill-seal per bottiglie e ampolle di medicinali; Borclear™ RB707CF e i gradi Borpact™ per la produzione di pellicole trasparenti, vassoi per il confezionamento in atmosfera modificata, buste verticali e film per etichette, entrambi caratterizzati da elevate proprietà ottiche e facilmente saldabili; infine ricordiamo Borstar® RJ900MO, un PP per la produzione di contenitori a pareti sottili e casalinghi. Prosegue quindi la politica di investimenti in tecnologie di processo avanzate (come il Borstar) che ha consentito a Borealis di ampliare la propria offerta di PP e PE, per rendere disponibili materiali ad alte prestazioni e aderenti ai requisiti ambientali ed economici richiesti dal mercato.

Film strech ed estrusione - Colines® (S. P. Mosezzo, NO) ha presentato a Plast il proprio programma di produzione, puntando l’attenzione su Handrollex, linea per film stretch di grande successo (18 impianti venduti nel mondo) e in particolare sulla diciannovesima unità della versione da 1.000 mm di larghezza, per l’avvolgimento in linea di bobinette di film per uso manuale e automatico. Presso gli stabilimenti erano invece in dimostrazione gli impianti per film stretch, barriera, igienici e per imballi protettivi. In mostra anche alcuni sistemi delle consociate: taglierina e saldatrice STBAS 200 per la trasformazione di film di vario tipo della Welding Machinery e il sistema di teleservice avanzato Elav.

Plastic performance Advanced aesthetics, excellent organoleptics, faster production, minimal energy consumption and lightness: these are just a few of the features of the materials that Borealis presented at Plast 2009 for the production of film or printing of packaging. • The new Borpure™ (HDPE) MB6561, MB6562 and MB7541 are intended for the market of caps and closures. These not only permit faster cycles and ensure the organoleptic properties remain unchanged, but also offer high tensile strength and an extremely stiffness and shock resistance (which allows for lighter closures). • In the family of Bormed™ PP extruded films, the RE806CF stands out for its extreme purity and transparency and is therefore well suited to food and medical packaging. Also displayed were other high-performance PP and PE

blow-fill-seal solutions for pharmaceutical bottles and ampoules; Borclear™ RB707CF and Borpact™ grades for transparent film, trays for packaging in modified atmosphere, vertical pouches and label films, both featuring excellent optical properties and easy to seal; lastly, Borstar® RJ900MO, a PP for thin-wall and household containers. Borealis’ on-going investment in advanced processing technologies (such as Borstar) is extending use of PP and PE with high-performance materials responding to the environmental and financial requirements of the market.

Accessori e chiusure in plastica CDS Lavorazione Materie Plastiche Srl (PC) si rivolge, con gli accessori per uso industriale e i contenitori per uso domestico, a svariati comparti. Si tratta di prodotti per lo più destinati al contatto con alimenti, che implicano dunque una scelta rigorosa delle materie prime oltre che controlli periodici sulla produzione eseguiti da laboratori specializzati. Il costante impegno in ricerca e sviluppo ha guidato la società a utilizzare materiali alternativi. Grazie alle sinergie con Viroplastic Beverage (Cadenzano, FI), CDS ha presentato una gamma completa di chiusure per bevande piatte e gassate: prodotte per iniezione o compressione, sono garantite da un controllo qualità costante. Un servizio di assistenza tecnica e post vendita affianca l’utilizzatore nel far fronte a specifiche necessità applicative.

Per la vendita al banco Sono pensati per ottenere il massimo effetto sul punto vendita e ottimizzare lo spazio i contenitori universali in plastica, serie Blibool, proposti da G.N.C. Srl (Azzio, VA). Ideali per contenere caramelle e dolciumi, prodotti farmaceutici e cosmetici come rossetti o saponi e anche articoli del “fai da te” o da regalo, i tre modelli Plutone, Urano e Saturno sono pronti a magazzino e possono essere personalizzati.

production process by specialized laboratories. Constant research and development has led the company to use alternative materials. Cooperation with Viroplastic Beverage (Cadenzano, FI) has allowed CDS to showcase a complete range of closures for flat and fizzy drinks: made using injection or compression technology, they are constantly inspected to ensure a high standard of quality. The company also offers its users a technical and post-sales assistance service to handle specific application needs.

Extrusion and stretch film Plastic accessories and closures CDS Lavorazione Materie Plastiche Srl (PC) offers industrial accessories and domestic containers for various segments. These are mainly foodcontact products requiring careful selection of the raw materials and regular inspections of the

Colines® (S. P. Mosezzo, NO) showcased its own products at Plast, drawing attention to Handrollex, a highly successful stretch film line (18 systems sold worldwide) and, in particular, to the nineteenth unit of the 1.000 mm width line for the inline winding of

small rolls of stretch film for manual and automatic use. At its premises, instead, Colines® presented its stretch, barrier and hygienic films and those for protective packing. Also on display were several systems by the sister companies: STBAS 200 welding and cutting machine for converting various films by Welding Machinery and the Elav advanced teleservice system.

For sale at counters The Blibool series of universal plastic containers proposed by G.N.C. Srl (Azzio, VA) are intended to ensure maximum impact at the salespoint and optimize space. Perfect for containing sweets, pharmaceutical and cosmetic products such as lipstick and soap, and DIY or gift items, the three models - Plutone, Urano e Saturno (Pluto, Uranus and Saturn) - are ready for delivery and can be personalized.

5/09 • 69


Materials & Machinery

Multimarket

Fondo quadro e saldatura a ultrasuoni

Dosatore volumetrico e pompa pneumatica Karr Italiana (Assago, MI) ha presentato, insieme all’intera gamma di dosatori volumetrici a funzionamento pneumatico, due novità realizzate per rispondere alle richieste più spinte del mercato: il dosatore volumetrico a funzionamento elettronico e la pompa di trasferimento pneumatica a pistone per prodotti molto delicati. • Il nuovo dosatore elettronico è ideale per i costruttori di macchine e linee di confezionamento automatiche (essi richiedono infatti soluzioni ad alte prestazioni e integrabili con sistemi di controllo elettronico). Con questo dosatore si può intervenire direttamente dal pannello di controllo su tutti i parametri di dosaggio, fra cui: cambio formato, regolazione della velocità di riempimento e gestione dei cicli di lavaggio CIP. • La pompa di trasferimento a funzionamento pneumatico per prodotti particolarmente delicati, con diametri di passaggio maggiorati, può trattare prodotti difficili senza alcuna alterazione o danneggiamento, anche in presenza di pezzi in sospensione di grandi dimensioni. Entrambe le soluzioni trovano applicazione nel settore alimentare o cosmetico.

Volumetric doser and pneumatic pump Karr Italiana (Assago MI) has presented, along with its entire range of pneumatically functioning volumetric dosers, two new features devised to respond to the current demands of the market: the electronically functioning volumetric doser and the piston driven pneumatic transfer pump for delicate products. • The new electronic doser is ideal for automatic machine and packaging line builders (they in fact demand high performance solutions that are integratable with electronic control systems). With this doser one can intervene directly from the control panel on all dosing parameters, including: format change, regulation of the filling volume and management of CIP washing cycles.

70 • 5/09

Rispondere a sfide produttive sempre nuove e accrescere l’efficienza dei sistemi di confezionamento: questi gli obiettivi delle numerose innovazioni tecnologiche presentate in fiera da Miele (Foiano della Chiana, AR). Segnaliamo in particolare la confezionatrice verticale con movimento intermittente, dispositivo a fondo quadro e tubo formatore: grazie alla vibrazione il prodotto si assesta perfettamente nella confezione, una pompa a vuoto estrae l’aria dalla busta, che viene quindi pinzata e, una volta ribaltato il lembo, corredata di etichetta o nastro adesivo riposizionabile; il cambio formato av-

viene in modo completamente automatico. Degno di nota anche il sistema di saldatura a ultrasuoni: ne beneficiano la velocità della linea e la qualità della confezione, mente si abbassano i consumi energetici e i tempi di manutenzione e non è necessario alcun preriscaldamento.

Film estensibile oxo-biodegradabile Manuli Stretch, produttrice da oltre trent’anni di film estensibile, oltre alla vasta gamma di film in LLDPE (disponibili in diversi spessori e resistenze) ha presentato nastri adesivi, sacchetti bio, film in PP cast e “cling film”. Tra le novità dell’azienda milanese ricordiamo Manunature, film estensibile oxo-biodegradabile che, esposto a specifiche condizioni, si trasforma in ossido di carbonio, acqua e biomassa. Grazie a un’offerta diversificata, Manuli Stretch può rispondere a qualsiasi esigenza di imballaggio nei più svariati settori: alimentare, bevande, farmaceutico, meccanico, dei laterizi e delle ceramiche, cartario, agricolo e della grande distribuzione.

• The pneumatic transfer pump for especially delicate products, with extended throughput diameters, can deal with difficult products without alteration or damage to the same, even in the presence of large pieces in suspension. Both solutions find application in the food and cosmetics sector.

Square bottom and ultrasound sealing To respond to new productive challenges as they arise and enhance packaging systems efficiency: these are the objectives of the numerous technological innovations presented at the fair by Miele (Foiano della Chiana, AR). We recall in particular the vertical intermittent motion packaging machine, forming tube and square bottom device: vibration perfectly positions the product in its

A prova d’apertura La serie di chiusure CRC è stata progettata dalla lussemburghese Procap (distributore italiano Samapack, Melzo, MI) per assicurare la protezione di prodotti chimici, farmaceutici e pericolosi di varia natura. Disponibile in vari diametri e colori, la serie associa una sicurezza a prova di bambino e funzioni di tamper evidence.

packaging, a vacuum pump extracts air from the bag, which is then taken by pincers and, once the flap is folded down, where a label or reusable adhesive tape is affixed; changeover is completely automated. Also of note is the ultrasound sealing system: benefits include the speed of the line and the quality of the packaging, while energy consumption and maintenance time are reduced and no preheating is necessary.

Oxo-biodegradable stretch film Manuli Stretch, which has been producing stretch film for more than thirty years, in addition to its vast LLDPE range (available in multiple thicknesses and resistances) presented its adhesive tapes, organic bags, cast PP film and cling film. One of the Milanese concern’s

innovations to remember is Manunature, an oxobiodegradable stretch film that, under specific conditions, transforms into carbon dioxide, water and biomass. Thanks to its diverse selection, Manuli Stretch is able to respond to any packaging requirement in an array of sectors: food, beverage, pharmaceuticals, mechanical, brick and tile, paper, farming and wide distribution.

Tamper proof The CRC range has been designed by the Luxembourg concern Procap (Italian distributor Samapack, Melzo, MI) to ensure the protection of chemical, pharmaceutical and hazardous products of various nature. Available in several diameters and colors, the series combines the functions of tamper evidence and child resistance.


Carattere dominante.

MADE IN ITALY

La nostra natura è quella di lasciare un segno indelebile sui vostri prodotti, siano essi un fragile uovo o una resistente piastrella. Nati nel 1978, siamo oggi l’azienda leader nel mercato italiano nella progettazione e nella costruzione di sistemi industriali di marcatura a getto d’inchiostro. La duttilità delle nostre soluzioni, unita alla nostra capacità di customizzarle sulle esigenze specifiche del cliente, risolvono ogni problema di marcatura industriale. La nostra storia è fatta di saggezza ed esperienza, il nostro futuro si basa sulla “ricerca e sviluppo”; il nostro presente vede l’affermazione dei nostri sistemi, in maniera capillare, in oltre 80 paesi al mondo. Sono questi i caratteri con cui dominiamo ogni materiale, ogni superficie, ogni forma.

Sistemi a microcarattere - Qualunque sia la sua dimensione,

rispettano l’imballo primario dei vostri prodotti nella sua estetica e funzionalità.

Sistemi a macrocarattere - In qualsiasi settore operiate, soddisfano

le vostre esigenze logistiche e contribuiscono a consolidare la vostra immagine aziendale garantendo alta qualità anche nella grafica.

www.zanasi.it Zanasi S.r.l. 41049 Sassuolo (MO) Italy Via Marche, 10 Tel. +39 0536 999711 Fax +39 0536 999765 www.zanasi.it - info@zanasi.it

Zanasi USA Brooklin Park, Minneapolis MN 55428 - USA 8601 73rd Avenue North, Suite 38 Tel. +1 763 5931907 Fax +1 763 5931941 www.zanasiusa.com - info@zanasiusa.com

Zanasi (Guangzhou) Co. Ltd Zhongcun KaiFaQu A Qu, Panyu 511495 Guangzhou, China Tel. +86 20 61962001 Fax +86 20 23833211 www.zanasichina.com - info@zanasichina.com


LE PAROLE DEL PACKAGING GLOSSARIO RAGIONATO PER IL SISTEMA-IMBALLAGGIO

Il glossario intende far convergere e restituire, in una forma immediata e di facile fruizione, il complesso sistema di conoscenze inerente il packaging: dalle culture del progetto alle tecnologie, dalle tecniche di stampa, ai processi di confezionamento, dalle forme della distribuzione ai contenuti ambientali. Il volume rappresenta un modello di sistematizzazione della conoscenza e si pone come strumento di consultazione nel quale è possibile richiamare attraverso 1.600 lemmi i saperi sui quali, nel tempo, si è costruita la competenza del packaging designer. Gli autori Valeria Bucchetti - Ricercatore di Disegno industriale al Politecnico di Milano, dove insegna Design della comunicazione presso il corso di Laurea in design della comunicazione. È autore di: La messa in scena del prodotto (Milano, 1999), Design della comunicazione ed esperienze di acquisto (Milano, 2004), Packaging Design (Milano, 2005), Culture visive (2007). Erik Ciravegna - Dottore di ricerca in Disegno Industriale e Comunicazione Multimediale, svolge attività didattica e di ricerca presso il Politecnico di Milano su temi di design della comunicazione. Si occupa di packaging design, con un’attenzione alle qualità comunicative degli imballaggi. Come visual designer ha sviluppato strumenti comunicativi per l’identità di marca e di prodotto.

Con il patrocinio di Istituto Italiano Imballaggio Con la partecipazione di Ipack-Ima SpA Edizioni Dativo Srl via B. Crespi 30/2, 20159 Milano tel. 02 69007733 - fax 02 69007664 info@dativo.it - http://www.packmedia.net Finito di stampare nel mese di marzo 2009

Euro 22,00


TechnoMemo Labeling & Coding

Laser ad alta velocità Linx Printing Technologies completa la sua linea di codificatori vettoriali con il marcatore laser SL501 da 50W. Basato sulla stessa piattaforma dei modelli precedenti, garantisce potenza supplementare ed è, quindi, particolarmente indicato per le applicazioni ad alta velocità - imbottigliamento in primis; inoltre, la protezione IP65 di serie lo rende adatto a operare in ambienti difficili. Di costruzione robusta, che ne agevola l’installazione, SL501 non richiede allacciamenti di acqua o aria compressa e può essere facilmente spostato all’interno dello stabilimento. A sua volta, la testa di stampa è dotata di un braccio articolato e può dunque essere posizionata anche in spazi ridottissimi. Fra le caratteristiche peculiari del nuovo Linx SL501 si segnalano il software in italiano e la migliore con-

nettività, oltre alle superiori capacità grafiche per la stampa di codici alfanumerici, loghi, codici a barre e codici 2D comunque orientati. In particolare, il nuovo SL501 della Linx dispone di un’interfaccia integrata di facile utilizzo e può essere dotato di tastiera remota dedicata; grazie alla porta Ethernet e al software LinxDraw per PC permette, inoltre, di controllare a distanza più codificatori da una sola stazione di lavoro. In Italia i laser Linx sono distribuiti in esclusiva da Ciesse Srl, che assicura anche la necessaria consulenza pre vendita (compresi campioni e prove in linea) e post vendita, e che offre anche un servizio di “rottamazione” dei marcatori laser vecchio modello (Linx, Xymark o di altra marca). Da segnalare, infine, la garanzia di due anni che copre il tubo laser.

Effetto retraibile senza pieghe Il nuovo Styrolux® HS 70 di BASF è stato impiegato in una delle sue prime produzioni in serie in Europa da Axial, produttore di pellicole con sede a Vedano Olona (VA) che ha iniziato a produrre film retraibili utilizzando SBC (copolimero stirene butadiene), in grado di offrire una migliore retrazione rispetto alle miscele SBC/PS disponibili in commercio. Le pellicole realizzate col nuovo materiale di BASF raggiungono infatti una retrazione finale dell’80%, consentendo di avvolgere perfettamente anche contenitori di forma complessa. Axial ha iniziato quindi a distribuire i nuovi film realizzati con Styrolux® HS 70 ai principali converter e il produttore di detergenti

High speed laser Linx Printing Technologies has completed its line of vectorial coders with the 50 W SL501 laser marker. Based on the same platform as the preceding models, it guarantees supplementary power and is hence particularly suited for high speed applications - bottling first and foremost; as well as that the standard IP65 protection makes it suitable for working in harsh environments. Of sturdy construction, that facilitates its installation, SL501 does not need to be connected up to the water mains or compressed air supply and can be easily moved inside the works. In turn, the print head has an articulated arm and can hence also be positioned in limited space. The new characteristics of the new Linx SL501 also feature the software in Italian and a better connectivity, as well as greater graphic capacity for printing

Sutter di Borghetto Borbera (AL), ad esempio, le utilizza per decorare i suoi contenitori, in precedenza rivestiti con film retraibile di PET. «Impiegando la nuova pellicola - spiega Marco Ruspa, manager tecnico di Axial -

alphanumerical codes, logos, barcodes and 2D codes in whatever direction they are facing. In particular, the new Linx SL501 has a userfriendly integrated interface and can be fitted with a dedicated remote keyboard; thanks to its Ethernet port and LinxDraw software for PCs it also enables several coders to be controlled remotely by a single workstation. In Italy the Linx lasers are exclusively distributed by Ciesse Srl, that also guarantees the required pre sale (including samples and in-line tests) and post sales consultancy, and that also offers a “junking” service for old laser markers (Linx, Xymark or other brands). Worthy of note also the two-year guarantee that covers the laser tube.

Shrinking without wrinkles The new Styrolux® HS 70, has now gone into one of its first serial productions in Europe,

Sutter è riuscita ad eliminare il cosiddetto “effetto sorriso”, ossia le pieghe che spesso si creano nel collo delle bottiglie, quando si passa da una sezione ampia ad una più piccola in oggetti con geometrie complesse. Inoltre, rispetto al PVC o al PET, questo materiale leggerissimo consente di utilizzare circa il 30% di pellicola in più per kg di plastica, e non necessita di pre-asciugatura durante la lavorazione (un vantaggio dal punto di vista economico ed energetico). Il nuovo Styrolux® HS 70 di BASF, se utilizzato per produrre pellicole retraibili, consente di ottenere un’ottima combinazione di proprietà ottiche e meccaniche (eccezionale trasparenza e lucentezza unite a grande rigidità e resistenza).

namely by Axial, a film manufacturer based at Vedano Olona (VA) that has just started to produce shrink films using SBC (styrene butadiene copolymer), capable of offering better shrink compared to the SBC/PS mixes available on the market. The films, made with new BASF material, can reach final shrinkage values of up to 80%, which allows containers having a wide array of shapes to be tightly sleeve-wrapped. Axial has hence begun distributing the new films made with Styrolux® HS 70 to the main converters and the detergents producer Sutter of Borghetto Borbera (AL) for example uses them for decorating its containers, previously covered with PET shrinkfilm material. «Using the new film - Marco Ruspa, Axial technical manager explains - Sutter has been able to eliminate the so-called “smile effect” folding, for example, at the neck of the bottle, that up to now

had been encountered at the transition from large radii to small radii in objects having a complex geometry». Moreover, this very lightweight material yields about 30% more film per kilogram of plastic than is the case with PVC or PET. Besides, unlike PET, Styrolux HS 70 does not require any predrying during processing (an advantage in terms of energyefficiency and costeffectiveness). BASF’s new Styrolux® HS 70 used for producing shrink films yielding a combination of extraordinary optical and mechanical properties, i.e., excellent transparency and high gloss in conjunction with greater stiffness and toughness. The Styrolux® HS 70 by BASF enables an optimum combination of optical and mechanical properties to be obtained when used for producing shrink film (exceptional transparency and high gloss and good stiffness and toughness).

5/09 • 73


Labeling & Coding Voiding seals Bakers Self Adhesive Materials, London, has extended to its security product range with Flex secure Silver Void BF857, a new voiding label stock from Fasson. Flex secure Silver Void BF857 is a matt silver top coated polyester with an easy peel dry void effect suitable for printing through all conventional methods including thermal transfer. Once applied to the substrate, on removal an irreversible and dry “void” footprint message detaches itself from the face film. It can be used on a wide range of applications and substrates including paper and fabric. Bakers Self Adhesive Materials cooperates with the HP Indigo Treatment Centre and the official distribution centre for Fasson, Madico, Arjobex and Tyvek. Its affiliated company Baker Self Adhesive Label Co. Ltd. prints and converts labels using flexography, letterpress or digital printing technology and also offers screen and wide format digital print capability.

Sigilli antieffrazione Bakers Self Adhesive Materials di Londra ha ampliato la propria offerta di prodotti di sicurezza con Flex secure Silver Void BF857, una nuova gamma di etichette antieffrazione di Fasson. I sigilli Flex secure Silver Void BF857 - realizzati in poliestere con rivestimento opaco color argento - sono facilmente pelabili e possono essere stampati con tutti i tradizionali metodi di stampa, incluso il trasferimento termico. Quando rimossi, i sigilli rilasciano sul substrato la scritta “void”, che si stacca dalla superficie del film. Possono essere utilizzati per varie applicazioni e su un’ampia gamma di supporti, inclusi carta e tessuto. Bakers Self Adhesive Materials collabora con HP Indigo ed è distributore ufficiale di Fasson, Madico, Arjobex e Tyvek. La società affiliata Baker Self Adhesive Label Co. Ltd. stampa e trasforma etichette utilizzando varie tecniche: flessografica, tipografica o digitale.

A dual frequency PDA Loyal to its reputation as an “added value” distributor of RFId technologies, Softwork bolsters its business with the addition of new personnel and invests in R&D for the creation of ever more powerful and functional RFId systems. The latest solution, called “Dual Frequency RFId HF&UHF”, is the result of the integration of HF 13.56 Mhz and UHF 868 Mhz technologies into Psion Teklogix’s Work-About Pro handheld PDA. Thus a single device works with both frequency ranges, detecting at a distance of up to 15 cm in HF and of more than a meter in UHF. But that’s not all: the PDA is available in two versions, one with an internal antenna and the other with an external antenna, the latter capable of reading tags in UHF at up to 3-4 meters. Softwork’s dual solution combines the benefits of mobile equipment with robustness and IP 65 protection, multi-tag detection and many more functions: anti-collision and dense reader mode; TagIQ™ for UHF (recognizes the specific characteristics of each transponder, maximizing scanning and encoding performance); security in HF; emission power control (up to 500 mW configurable via software) and noise reduction… Now also available with open configuration, it is destined especially for the industrial, manufacturing and logistical sector. Softwork is based in Concesio (BS) and distributes complete RFId technologies made by leading international manufacturers. The concern’s most noteworthy partners include FEIG Electronic for passive RFIds, Identec Solutions for active RFIds, SkyeTek for embedded solutions, Psion Teklogix for mobile computing STMicroelectronis for chip components and Toshiba TEC for RFId printers. The concern also produces its own lines of equipment, including tailor made.

Linear machines for pressure sensitive labels PackLab Srl (San Giorgio, MN) showcased its complete range of labelers able to handle both cylindrical and shaped containers for the food, beverage, chemical, cosmetic and pharmaceutical sectors. The main feature of the labelers is the modular selfadhesive station, equipped with three or five supporting axles for a whole variety of application needs. Labels can be applied on the side, top or bottom of rigid or soft containers, at an hourly production speed from 1,000 to 24,000 b/h. At Ipack-Ima the company presented the Wing Compact labeler (see photo), able to apply body and back labels on shaped and cylindrical containers.

74 • 5/09

Un palmare a doppia frequenza Fedele alla nomea di distributore “a valore aggiunto” di tecnologie RFId, Softwork potenzia il proprio organico con l’inserimento di nuove figure professionali e investe in R&S per la messa a punto di sistemi RFId sempre più potenti e funzionali. Ultima, in ordine di tempo, la soluzione denominata “Dual Frequency RFId HF&UHF” e derivata dall’integrazione delle tecnologie HF 13,56 Mhz e UHF 868 Mhz nel palmare mobile Work-About Pro di Psion Teklogix. Un dispositivo unico ospita, dunque, entrambe le bande di frequenza, effettuando rilevazioni fino a distanze di 15 cm in HF e di oltre un metro in UHF. Ma non solo: il palmare è proposto in due versioni, una con antenna interna e l’altra con antenna esterna, quest’ultima in grado di leggere in UHF tag distanti fino a 3-4 metri. La soluzione “duale” di Softwork assomma ai benefici dell’attrezzatura mobile, anche la robustezza e la protezione IP 65, la

rilevazione multi-tag e molte altre funzioni: anti-collisione e dense reader mode; TagIQ™ per l’UHF (riconosce le caratteristiche peculiari di ciascun transponder, massimizzando le prestazioni di lettura e scrittura); sicurezza in banda HF; controllo della potenza di emissione (fino a 500 mW settabile via software) e riduzione dei rumori… Oggi disponibile anche in configurazione aperta, è indirizzata soprattutto al settore industriale, manifatturiero e logistico. Softwork è basata a Concesio (BS) e distribuisce tecnologie RFId complete di produttori leader internazionali. Fra i partner più noti citiamo FEIG Electronic per gli RFId passivi, Identec Solutions per gli RFId attivi, SkyeTek per le soluzioni embedded, Psion Teklogix per il mobile computing, STMicroelectronis per la componente chip e Toshiba TEC per le stampanti RFId. All’attività commerciale si abbina la produzione di attrezzature in proprio, anche su misura.

Etichettatrici lineari autoadesive PackLab Srl (San Giorgio, MN) ha portato in fiera la gamma completa di etichettatrici per contenitori cilindrici e sagomati, studiate per il settore alimentare, beverage, chimico, cosmetico e farmaceutico. Punto di forza delle macchine è il gruppo adesivo modulare, corredato di supporti a tre o cinque assi, che consente di soddisfare le più svariate richieste di applicazione. L’etichetta può essere applicata a contenitori rigidi e non - con una produzione oraria da 1.000 a 24.000 b/h - sulla parte verticale del contenitore, ma anche sopra e sotto. In fiera è stato presentato il modello Wing Compact (foto), idoneo ad applicare etichetta e retroetichetta su bottiglie sagomate e cilindriche.


Labeling & Coding 170 m2 of marking and coding

170 m2 di marcatura e codifica Un’Ipack-Ima ricca di soddisfazioni in termini di contatti e di ordini, fanno sapere da MarkemImaje (in Italia ad Assago, MI). L’ampia panoramica di soluzioni proposte dall’azienda, che copre tutte le tecnologie disponibili per marcare e codificare, ne ha ribadito il profilo di partner industriale completo e affidabile. Ricordiamo le sue numerose proposte: sistema di codifica a trasferimento SmartDate 5 (nelle versioni “s” munita di shuttle per la stampa ad alte velocità e “128” per la stampa di grandi formati, nella foto); i laser SmartLase 110i e 7031; i codificatori a getto d’inchiostro a piccolo carattere serie 9030, integrati anche con sistema di visione; i sistemi per la stampa e l’applicazione di etichette Serie 2000; i marcatori a getto di resina termo-

plastica Serie 5200 a grandi caratteri e alta risoluzione, nonché la serie 4020 a bassa risoluzione. E, ancora, i sistemi print & apply serie 2000 e Cimpak e i software Markem-Imaje, che permettono di gestire in rete il processo di marcatura e codifica, attraverso la verifica dell’integrità delle informazioni di prodotto, la stampa del messaggio corretto sul prodotto giusto e l’ottimizzazione dell’intero processo.

Etichettatrice automatica - Wilux (Schio, VI) ha presentato a Ipack-Ima l’etichettatrice automatica ELS 310, dotata di nastro trasportatore. Si tratta di una macchina a costruzione modulare - che si distingue per velocità, precisione ed efficienza - progettata per l’applicazione contemporanea e continua sul lato superiore e inferiore di prodotti e merci di varie forme e materiali.

A rewarding Ipack-Ima in terms of contacts and orders, according to representatives of MarkemImaje (in Italy at Assago, MI). The wide range of solutions proposed by the concern, which covers all available technologies for marking and coding, confirmed its profile as a complete and reliable industrial partner. Markem-Imaje’s numerous proposals include: the SmartDate 5 heat transfer coding system (in the “s” version equipped with high speed printing shuttle and the “128” for printing large formats, pictured); Smartlase 110i and 7031 lasers; 9030 series small character inkjet coders, with integrated vision system; 2000 Series print & apply systems for labels; 5200 Series large character high resolution thermoplastic resin jet markers, as well as the low resolution 4020 series. And also Cimpak and 2000 series print & apply systems and Markem-Imaje software, which enables online management of the marking and coding process, through the verification of product information integrity, correct message printing on the right product and optimization of the entire process.

Automatic labeling machine Wilux (Schio, VI) presented at Ipack-Ima the ELS 310 automatic labeling machine, equipped with conveyor belt. The machine has a modular construction - which stands out for its speed, precision and efficiency - designed for simultaneous and continuous application on the top and bottom of products and goods of various shapes and materials.


Labeling & Coding Teste di etichettatura più versatili, modulari e affidabili; marcatura elettronica di dati variabili; un print/apply linerless con tecnologia Irplast… Ultimissime da Altech.

Testate in evoluzione ltech - Advanced Labelling Technologies - è fra i più conosciuti produttori europei di applicatori di etichette autoadesive, con una vasta gamma di sistemi per l’etichettatura automatica, per la decorazione, la codifica e l’identificazione dei prodotti e dei materiali (sede a Bareggio, MI). Di recente ha rinnovato la serie di testate etichettatrici industriali ALritma attraverso il ri-disegno di molte parti meccaniche, con l’obiettivo di rendere il prodotto ancora più versatile, modulare e affidabile. È stata introdotta, ad esempio, la possibilità di dotare la macchina di porta-rotolo maggiorato, o di dispositivi di stampa di diversa tipologia, a seconda delle preferenze dell’utilizzatore. Si segnala a questo proposito la possibilità di montare il nuovo marcatore Markem serie 18, valida alternativa ai classici marcatori a caldo, per la stampa sulle etichette di dati variabili (lotto di produzione, data di scadenza…). A differenza dei marcatori a caldo che obbligano alla composizione della scritta con clichet metallici, questa stampante è completamente elettronica, e consente di introdurre i dati da stampare diretta-

A

mente dal pannello di controllo a bordo macchina. Restano invece invariate le caratteristiche e le prestazioni che hanno fatto dell’etichettatrice ALritma un prodotto di successo, in particolare il pannello di controllo touch screen, oggi con software ulteriormente evoluto che semplifica l’impostazione dei parametri di etichettatura, rendendo intuitivo l’uso delle molteplici funzionalità della macchina.

VANTAGGI ASSICURATI CON IL LINERLESS

È stato presentato ufficialmente a IpackIma 2009 anche sistema print/apply linerless, denominato ALcode LL, con cui Altech amplia la propria gamma di etichettatrici, offrendo un’alternativa effi-

Labeler heads more versatile, modular and reliable; electronic marking of variable data; a print/apply linerless based on Irplast’s technology… Latest form Altech.

Evolving heads Altech - Advanced Labelling Technologies - is one of the most renowned European manufacturers of pressure sensitive label applicators, with a wide range of systems for automatic labeling, decoration, coding and identification of products and materials (based in Bareggio, MI). The concern recently updated its ALritma series of labeler heads with the redesign of many mechanical parts, with the objective of making the product even more versatile, modular and reliable. For example, the option of equipping the machine with

76 • 5/09

motorised roll-mount has been added, as well as different types of printing devices, according to the user’s preferences. Here worth particular mention is the option of installing the new 18 series Markem marker, a valid alternative to traditional hot markers, for printing labels with variable data (production lot, expiry date…). As opposed to hot markers which require writing with metallic plates, this printer is fully electronic, and enables inserting data to be printed directly via the onboard control panel. On the other hand, the

cace e competitiva in campo logistico per l’identificazione di scatole, fardelli, pallet… Lo sviluppo del sistema è il risultato di un accordo di licenza di sfruttamento della tecnologia, concesso da Irplast (pioniere e detentrice di brevetti) ad Altech appunto, ed è basato su una tecnologia che permette l’uso di materiale adesivo in continuo, senza supporto siliconato e senza fustellatura. «Ora, a noi, spetta il compito di ridisegnare i modelli secondo i nostri standard - spiega Piero Salvini, amministratore delegato di Altech - e nel rispetto della nostra tradizionale filosofia progettuale, che punta a realizzare macchine economiche, solide e produttive. Nel frattempo, però, ci siamo impegnati a dar corso agli ordini pre-

characteristics and performance that have made ALritma a success remain unchanged, in particular the touchscreen control panel, now with updated software that simplifies labeling parameters configuration, making use of the machine’s many functions intuitive. Advantages guaranteed with linerless Also officially presented at IpackIma 2009 was the linerless print/apply system called ALcode LL, with which Altech expands its range of labeling machines, offering an effective and competitive alternative in logistics for identifying boxes, bundles, pallets… The development of the system is the result of a licensing agreement for the use of the technology, granted to Altech by Irplast (pioneer in the field and holder of patents), and it is based

on technology which enables the use of adhesive material in a continuous process, with no siliconated supports or diecutting. «Our next task is that of redesigning the models according to our standards explains Piero Salvini, acting manager of Altech - and respecting our traditional design philosophy, which aims at creating economical, solid and productive machines. In the meantime, however, we have committed ourselves to fulfilling previous orders, in addition to providing adequate assistance to those who acquired linerless systems from Irplast in the past». Today the solution already offers countless advantages, first of which in economic terms: 15-30% savings compared to traditional pressure sensitive labels. The absence of siliconated supports and label diecutting


Prototipazione premiata

cedenti, oltre che a fornire un’assistenza adeguata a quanti hanno acquistato i sistemi linerless della Irplast in passato». Innumerevoli i vantaggi offerti già oggi dalla soluzione, a partire da quelli economici: rispetto al costo delle etichette autoadesive tradizionali, si ottengono infatti risparmi tra il 15 e il 30%. Grazie all’assenza del supporto siliconato e della fustellatura dell’etichetta, si usa tutto il materiale. Inoltre, grazie alla maggiore capacità della bobina, anche il costo di spedizione e di stoccaggio dei materiali viene ridimensionato. E poi ancora… Capacità della bobina (ovvero la quantità di etichette) più che doppia rispetto all’equivalente bobina di etichette autoadesive (900 m rispetto ai poco più dei 400 m di una bobina con la siliconata); riduzione dei fermi macchina pari al 53%, rispetto a una bobina di etichette autoadesive. Il gruppo taglio a bordo macchina, che consente di generare etichette adesive con formato definito dall’operatore al momento di iniziare il lavoro, assicura la massima flessibilità. Infine, da sottolineare, le ricadute positive in termini ambientali grazie all’eliminazione del supporto siliconato (causa di non pochi problemi di difficile gestione, in quanto non rientra tra i materiali riciclabili).

means that all the material is used. Furthermore, thanks to the greater capacity of the reel, delivery and storage costs for materials are also reduced. And what’s more… Reel capacity (i.e. amount of labels) more than doubles when compared to the equivalent reel of pressure sensitive labels (900 m compared to little more than 400 m in a reel with siliconated support); 53% reduction of machine stops, when compared to a reel of pressure sensitive labels. The onboard cutting unit, which enables generating adhesive labels with format defined by the operator at startup, ensures maximum flexibility. Finally, let’s not forget the positive results in environmental terms due to the elimination of siliconated supports (which causes not a few treatment problems, since this material is non-recyclable).

A Ipack-Ima Roland (sede italiana ad Acquaviva Picena, AP) ha presentato VersaUV LEC-300, nuovo plotter stampa e taglio a inchiostri UV, insignito del premio EDP Award (assegnato dalla European Digital Press Association) come migliore periferica di stampa e taglio 2009 proprio durante la kermesse milanese. Le caratteristiche di VersaUV LEC300 hanno attratto un nutrito numero di visitatori allo stand, fanno sapere con soddisfazione dalla Roland: quadricromia, bianco coprente, verniciatura lucida dimensionabile in altezza per particolari effetti sullo stampato, sagomatura della grafica, roll-to-roll o foglio singolo, versatilità di stampa su un numero elevato di materiali grazie agli inchiostri UV. LEC300 è adatto per prototipazione di packaging, di etichette e anche per il proofing, grazie a una risoluzione di stampa fino a 1440 dpi e al sistema di gestione delle passate di stampa Roland Intelligent Pass Control, che consente rese colorimetriche perfette, sia nella qualità del dettaglio dello stampato che nei passaggi tonali. Molto apprezzata dagli operatori della grafica la pos-

Un “vestito” dal valore aggiunto Sutermeister Srl ha presentato a Ipack-Ima l’ampia gamma di sleeve termoretraibili e sigilli di garanzia realizzati con i principali materiali utilizzati oggi dal mercato, sia neutri che stampati. La potenzialità di stampa rinnovata, sia per fascia che per caratteristiche grafiche, ha consentito all’azienda di Paderno Dugnano (MI) di mostrare come sia possibile personalizzare e arricchire l’immagine dei prodotti attraverso una “veste” grafica capa-

Prototyping awarded At Ipack-Ima, Roland (Italian branch based in Acquaviva Picena, AP) presented VersaUV LEC-300, a new print and cutting plotter that uses UV inks, winner of the EDP Award (conferred by the European Digital Press Association) for best print and cutting peripheral of 2009 during the Milanese show. VersaUV LEC300’s characteristics attracted a substantial number of visitors to the stand, as Roland’s representatives proudly relate: four color process, masking blank, glossy varnish with adjustable height for particular print effects, graphic moulding, roll-to-roll or single sheet, printing versatility on a high number of materials thanks to the UV inks. LEC-300 is suitable for prototyping packaging and labels and also proofing, thanks to its printing resolution of up to 1440 dpi and to its Roland Intelligent Pass Control system for handling

sibilità di riunire in un’unica periferica diversi lavori di stampa, finitura e assemblaggio di un prototipo, ottenendo un prodotto finito pronto per essere presentato al cliente. Tra le molte applicazioni realizzate ed esposte allo stand vi sono stati anche oggetti finiti con texture a rilievo, sia sulla superficie che su zone scelte dello stampato, grazie agli effetti della lucidatura stampabile proprio come un normale inchiostro. • In dimostrazione, durante la manifestazione, Soljet PROIII XC-540, plotter da stampa e taglio da 137 cm di luce, disponibile sia in versione quadricromia estesa, in esacromia oppure con inchiostro bianco, completa di riavvolgitore per il materiale stampato. XC-540 è ideale per la creazione di etichette e grafiche adesive di qualsiasi forma e pezzatura, su materiali vinilici normali o trasparenti.

ce di conferire valore aggiunto al prodotto. Sutermeister ha inoltre potuto mostrare la propria produzione di stampati su materiali poliaccoppiati per l’imballaggio flessibile, tra cui spiccano le buste monodose, per medie-basse tirature, stampate fino a 8 colori e con possibilità di laminazioni a freddo. Tale offerta si affianca alla storica produzione di etichette autoadesive.

print passes, which enables perfect colorimetric results, both in detail quality of the print and in shading. Graphics operators greatly appreciated the possibility of combining in a single peripheral various processes of prototype assembly, printing and finish, obtaining a finished product ready to be presented to the customer. Of the many applications created and shown at the stand there were also finished objects with relief texture, on both the surface and on selected areas of the print, thanks to the effects of printable gloss just like a normal ink. • Demonstrated during the event, Soljet PROIII XC-540, a print and cutting plotter with 137 cm width, available in extended four color version, six color or with white ink, complete with rewinder for printed material. XC-540 is suitable for creating labels and adhesive graphics of

any shape or size, on transparent or normal vinyl materials.

A “coat” with added value Sutermeister Srl presented at Ipack-Ima its wide range of heatshrink sleeves and safety seals made with the major materials used today by the market, both neutral and printed. The new potential of printing, both for class and for graphic characteristics, enabled the Paderno Dugnano (MI) concern to show how it is possible to personalize and enrich product image using a graphic “coat” able to confer added value to the product. Sutermeister also had a chance to show off its production of prints on polylaminated materials for flexible packaging, including single-dose bags for medium-low runs, printed up to 8 colors and with the option of cold lamination. This offer accompanies the concern’s traditional production of pressure sensitive labels.

5/09 • 77


Labeling & Coding

Linerless

L’altra faccia dell’etichetta AMBIENTE E RISPARMIO Un binomio vincente per Arca Etichette che, a Ipack-Ima, si è tradotto nella presentazione di etichettatrici “linerless” e di un nuovo materiale linerless adesivo. A dimostrazione di un impegno all’insegna dell’ecologia e dell’efficienza produttiva. Daniela Binario a AS Linerless, etichettatrice in grado di applicare etichette da decoro primario senza supporto siliconato, e la Bi Fuel linerless, macchina predisposta per l’integrazione di un modulo per la stampa digitale (a trasferimento termico o termico diretto) delle etichette logistiche: proposte con cui Arca Etichette è riuscita lo scorso marzo, a Milano, a suscitare vivo interesse in fiera. «La tecnologia linerless, peraltro già lanciata in altre parti del mondo - afferma Mauro Fadiga, sales & marketing director di Arca Etichette - porterà un grande cambiamento nel mondo dell’etichettatura autoadesiva e ci consentirà di mettere a disposizione della clientela una soluzione conveniente e innovativa. L’etichetta linerless in materia plastica era stata già lan-

L AS Linerless Altamente flessibile, applica etichette in 5 formati senza necessità di girare le confezioni. Oltre all’etichettatura di prodotti di peso costante, la macchina offre un collegamento opzionale a una bilancia per articoli di peso variabile. Highly flexible, it applies labels in 5 formats without the need of rotating the packaging. In addition to labeling products of constant weight, the machine is also available with an optional connection to a scale for articles of variable weight.

ciata in Italia qualche anno fa - precisa l’imprenditore - mentre il linerless totalmente di carta, lo stiamo introducendo noi per la prima volta in Italia. Siamo convinti che, in futuro, le soluzioni linerless riscuoteranno sempre maggiori consensi, soprattutto nel mondo della logistica e del decoro primario, per i molti vantaggi che possono offrire a livello di costi, di efficienza produttiva ma anche di riduzione dell’impatto ambientale. Da questo punto di vista, infatti, forse non tutti sanno che in Italia milioni di metri quadrati di liner siliconato confluiscono in discarica, in quanto non esistono ancora sistemi adeguati per il suo riciclo. Le associazioni di categoria del settore si stanno muovendo, a livello mondiale, per trovare una soluzione allo spreco di materiale ma, al momento, tutti i progetti messi in campo per il recupero e il riciclo del liner sono sperimentali e presentano qualche limite». I vantaggi offerti dalla tecnologia linerless Bi Fuel Linerless Può essere integrata con un modulo per la stampa digitale delle etichette e di un applicatore pneumatico. Prevede un alloggiamento per bobine da 360 mm, mandrino centrale (per evitare la deformazione dei rotoli e facilitare il caricamento) e sistema opzionale per il controllo ottico di fine bobina. It can be integrated with a module for digitally printing labels and a pneumatic applicator. It holds 360 mm reels and has a central chuck (to prevent roll deformation and facilitate loading) and an optional reel finish optic control system.

Linerless

The other face of the label ENVIRONMENT AND SAVINGS A winning pair for Arca Etichette which, at Ipack-Ima, translated into the presentation of linerless labelers and a new adhesive linerless material, demonstrating a commitment to ecology and productive efficiency. Daniela Binario

The AS Linerless, a labeling machine that applies primary decorative labels with no siliconated supports, and the Bi Fuel linerless, a machine configured for integration with a module for digitally printing logistical labels (heat transfer or direct heat): offers with which Arca Etichette managed to attract considerable attention at the Milan show last March. «Linerless technology, which has

78 • 5/09

already been launched in other parts of the world - states Mauro Fadiga, sales & marketing director of Arca Etichette - will bring big changes to the world of pressure sensitive labeling and will enable us to provide our clientele with a costeffective and innovative solution. Plastic linerless labels were already launched in Italy a few years ago explains the entrepreneur - while 100% paper linerless is being

sono perciò innegabili. «Le ricadute positive - sottolinea Fadiga si avvertono non solo in termini di impatto ambientale (poiché consente di evitare che diverse tonnellate di carta finiscano in discarica) ma anche di costi: il supporto siliconato incide infatti per il 30% sul valore complessivo del materiale autoadesivo e, in ultima battuta, per il 10-15% sul prezzo dell’etichetta. Non va dimenticato poi, che a questi risparmi si aggiungono quelli indiretti, perché con un’etichetta senza supporto risultano dimezzati sia l’ingombro che il peso della bobina, diminuendo di conseguenza anche i costi di stoccaggio e di trasporto. Tra l’altro, il minor spessore - precisa Fadiga - offre un ulteriore beneficio: a parità di diametro, le bobine “raddoppiano” la capacità, riducendo della metà i cambi sulle linee di produzione».

LINER “PLUS” E LINER “LESS” Sebbene le etichettatrici linerless, rispetto alle macchine tradizionali, raggiungano velocità inferiori (180 colpi al minuto), gli sbocchi nel settore della logistica e del decoro primario sono di sicuro interesse. • Nel primo caso, il cliente stampa il codice a barre o i dati variabili su un’etichetta neutra prima di applicarla con macchine print & apply su scatole di cartone, vassoi termoretratti e pallet. • Nell’ambito del decoro primario si possono invece applicare etichette di carta o di plastica ma di tipo “striped liner”. Si riesce così a risparmiare anche sul costo dell’adesivo, in quanto non distribuito sul 100% della striscia. «Naturalmente - puntualizza Mauro Fadiga - l’etichettatura linerless non sostituirà in toto quella autoadesiva, perché la tecnologia presenta ancora alcuni limiti, in pri-

introduced by us for the first time in Italy. We are convinced that, in the future, linerless solutions will be increasingly widespread, especially in logistics and primary decoration, due to the many advantages they offer in terms of costs and productive efficiency, but also in reducing environmental impact. In fact, perhaps not everyone is aware that in Italy millions of square meters of siliconated liners are dumped, since there are still no adequate systems for recycling this material. Interested sector associations are acting worldwide to find a solution to the waste of this material, but, today, all projects developed for liner recovery and recycling are experimental and exhibit limitations». The advantages brought by this

technology are therefore undeniable. «The benefits - insists Fadiga - can be seen not only in terms of environmental impact (by preventing numerous tons of paper from ending up in a landfill) but also costs: the siliconated support indeed accounts for 30% of the total value of the pressure sensitive material and 10-15% of the label’s price. Let’s not forget, then, that to these savings are added the indirect ones, because with a linerless label the bulk and weight of the reel are halved, consequently decreasing storage and transport costs. What’s more, its reduced width - explains Fadiga - offers another advantage: with the same diameter, the reels double in capacity, reducing reel changes in the production lines by half».


UN PARTNER UNICO… per materiali e macchine. Arca Etichette SpA (Marcallo con Casone, MI) fornisce sistemi di etichettatura, marcatura e identificazione e relativi materiali di consumo. Realizza etichettatrici (per confezioni unitarie, multiple e pallet) e soluzioni per l’identificazione logistica (software ArcaLog per la tracciabilità, lettori di codici a barre, stampanti desktop, print-apply e nastri a trasferimento termico). E produce anche un’ampia varietà di etichette autoadesive destinate ai settori più disparati: food & beverage, farmaceutico, cosmetico ed enologico. L’azienda - che è in grado di offrire anche inchiostri omologati per il contatto con gli alimenti - realizza etichette “no-label look”, “apri e chiudi” salva freschezza, etichette multipack e per impieghi speciali. Dispone inoltre di un vasto assortimento di coupon e multipagina promozionali (fix-a-form, auto-flag, auto-collar, arca-flash); etichette idrosolubili; etichette e sigilli antieffrazione e anti-contraffazione.

A SINGLE PARTNER… for materials and machines. Arca Etichette SpA (Marcallo

con Casone, MI) supplies labeling, marking and identification systems and related consumption materials. The concern makes labeling machines (for single and multiple packaging and pallets) and solutions for logistical identification (ArcaLog software for traceability, barcode scanners, desktop printers, print & apply and heat transfer tapes). It also produces a wide variety of pressure sensitive labels destined for a variety ozf sectors: food & beverage, pharmaceuticals, cosmetics and wine. The concern - which also offers inks approved for contact with food makes “no-label look”, open and close, freshness saving, multipack and special use labels. It also has a vast assortment of coupons and promotional multipage labels (fix-a-form, auto-flag, auto-collar, arca-flash); water soluble labels; safety and anti-counterfeiture labels and seals.

mis la forma delle etichette linerless, sempre rettangolari; il secondo limite è costituito dal fatto che, rispetto all’etichetta autoadesiva disposta sul liner e sulla quale possono essere eliminati con maggior facilità i tratti difettosi, il linerless è più complicato da gestire dal punto di vista grafico. Il mercato sta cambiando e certi trend non si possono ignorare… Basti pensare alle etichette colla, oggi in gran parte sostituite da quelle autoadesive, perché considerate più efficienti dal punto di vista produttivo». Per questo motivo “osiamo” concludere con la sfida, lanciata da Mauro Fadiga: «alla prossima edizione di Ipack-Ima la maggior parte dei produttori di macchine print & apply includerà nella propria offerta anche una soluzione linerless».

Liner “plus” and liner “less” Although when compared to traditional machines linerless labeling machines reach inferior speeds (180 stroke per minute), their applications in the logistics and primary decoration sectors are of considerable interest. • In the first case, the customer prints the barcode or variable data on a neutral label before applying it with print & apply machines onto cardboard boxes, heatshrink trays and pallets. • In the field of primary decoration, on the other hand, striped liner plastic or paper labels can be applied. Thus costs for the adhesive are reduced, since it is not distributed over 100% of the strip. «Of course - points out Mauro Fadiga - linerless labeling will not completely replace pressure sensitive labels, because the

technology still exhibits some limitations, first of which the shape of the linerless labels, always rectangular; the second problem consists in the fact that, when compared to the pressure sensitive label on a liner on which defective elements can be easily eliminated, the linerless is more difficult to treat from a graphics standpoint. The market is changing and certain trends cannot be ignored… Just consider glue labels, today largely replaced by pressure sensitive ones, because the latter are considered more efficient from a productive standpoint». For this reason we conclude with the “wager” made by Mauro Fadiga: «at the next Ipack-Ima the majority of print & apply manufacturers will also include a linerless solution in their proposals».


1 5

UN PUNTO DI PARTENZA DA CONSULTARE PER SAPERE “CHI FA COSA” Una porta di ingresso sul mondo dell’imballaggio, dell’imbottigliamento, dell’etichettatura e marcatura, del converting, del design; un motore di ricerca per trovare tutte le informazioni pubblicate sulle nostre riviste dal 2000; un data base che aiuta a orientarsi; un’area dove aggiornarsi su fiere, eventi, associazioni, servizi, pubblicazioni. www.dativo.it

DA LEGGERE IN FORMATO PDF Notizie e articoli pubblicati su ItaliaImballaggio, Eti&Cod, Converting, Buyers’ Guide e Impackt si possono “sfogliare” in formato PDF, con link diretti ai siti dei produttori. www.dativo.it

75.000 40.000

Converting

BUYERS’

GUIDE

LINKS TO

SEMPLICE E RICCO DI CONTENUTI In italiano e in inglese, è un efficace strumento per trovare ciò che serve. Lo confermano le 75.000 sessioni di lavoro e i 40.000 visitatori unici/mese. www.dativo.it

www.packmedia.net Edizioni Dativo Srl Via Benigno Crespi 30/2, 20159 Milano Tel. +39 02 69007733 - Fax +39 02 6900766 www.packmedia.net info@dativo.it


TechnoMemo End of line & Handling

Incappucciatrici stretch hood Bocedi Srl di Scandiano (RE) ha maturato un’esperienza ventennale nella costruzione di incappucciatrici stretch hood per il confezionamento di carichi palettizzati. Oggi Bocedi ha ulteriormente semplificato questa tecnologia e ha presentato la nuova serie di incappucciatori FB 1000, pensata per far fronte a medie/basse produzioni industriali, attualmente in attesa di brevetto. Lo stretch hood è un film plastico coestruso fornito sottoforma di bobine tubolari con soffietti estendibili. Tramite un sistema di pinze, collocato sul carrello di salita e discesa della macchina, il cappuccio viene stirato e fatto aderire perfettamente al carico palettizzato. Le FB 1000 possono lavorare con uno o due formati di bobina in ciclo automatico, permettendo l’ottimizzazione dei consumi di plastica stretch hood e migliorando allo stesso tempo la stabilità del carico palettizzato. Poiché non utilizzano energia termica per l’imballaggio, rimangono un’alternativa ai processi di termoretrazione che necessitano di fonti di calore prodotte da energia elettrica o da gas. Non solo. Le FB 1000 permettono la creazione di cappucci elastici trasparenti, conferendo un’alta visibilità al prodotto e maggiore riconoscibilità al marchio dell’azienda che può essere stampato in serigrafia sulla plastica.

Palettizzatore automatico Componenti di pregio (guide lineari con pattini a ricircolo di sfere, motori brushless digitali, sistema di controllo assi, PLC e interfaccia operatore Siemens) per il palettizzatore BS10-man di Lancia (Spezzano di Fiorano, MO). Di dimensioni ridotte, completamente automatico, permette di palettizzare diversi tipi di oggetti (scatole, fardelli, bidoni, sacchetti) e tramite diversi tipi di presa (pinza per scatola e fardello o pinza per bidone e ventose). Tutta la serie Micropack, cui appartiene il modello, è caratterizzata da elevata velocità di esecuzione - fino a 16 cicli/min. A Ipack-Ima era esposto insieme all’incartonatrice verticale automatica BS18-pick, per il riempimento a uno o più strati di casse americane. Cinque volantini con indicatore di posizione consentono di regolare il formato e riempie i cartoni a una velocità di 25 cicli/min.

Reggiatura di risme di cartone OMS Group (Paruzzaro, NO) ha esposto a Ipack-Ima il sistema ISM, che rappresenta la nuova generazione di sistemi “reggiatura e squadratura” di pacchi di cartone ondulato. La serie ISM è stata progettata con un sistema rivoluzionario di cambio bobina in automatico che consente di offrire agli scatolifici una maggiore efficienza produttiva, un funzionamento veloce e una minima manutenzione. La gamma comprende due modelli base: ISM300 e ISM600 per trattare vari formati. Il sistema di cambio bobina è brevettato e avviene in automatico per giunzione del lembo terminale della bobina in uso con quello di una nuova. Il funzionamento affidabile della ISM è garantito dall’esperienza maturata da OMS nella costruzione di oltre 20.000 moduli di reggiatura.

Stretch hooding machines Bocedi Srl (Scandiano, RE) based concern has built up twenty years of experience in the construction of stretch hooding machines for packing palletised loads. Bocedi has now further simplified this technology and has presented its new FB 1000 series of hooding machines, devised to tackle mid to low industrial outputs. The stretch hood is a coextruded plastic film provided in the tubular reel form with extendable gussets. Using a pincer system on the machine raising and lowering carriage, the hood is stretched and made to adhere perfectly to the palletised load. They can work with one or two formats of reel in automatic cycle, enabling the optimisation of stretch hood plastic and at the same time improving the stability of the palletised load. In that the FB 1000s do not use thermal energy for packaging, they provide an alternative to heatshrink processes that require heat sources provided by electrical energy or gas. Not only that. The FB 1000s enable the creation of elastic transparent hoods, giving the product a high visibility and greater recognisability to the company brand that can be printed in screenprint on plastic. The FB 1000 series is patent pending.

Automatic palletiser Quality components (linear guides with ball bearing slides, digital brushless motors, axis control system, Siemens operator interface and PLC) for Lancia of Spezzano di Fiorano (MO)’s BS10-man palletiser. Of reduced dimensions and completely automatic, it enables palletising various types of objects (boxes, bundles, jugs, bags) using different pick types (pincers for boxes and bundles or pincers for jugs and suction cups). The entire Micropack series, to which the model belongs, is characterized by high operating speed up to 16 cycles/min. At Ipack-Ima it was shown alongside the BS18-pick automatic vertical casepacker, for filling flap boxes with one or more layers. Five hand wheels with position indicator enable regulating the format, and it fills the boxes at a speed of 25 cycles/min.

Strapping stacks of cardboard OMS Group (Paruzzaro, NO) exhibited at Ipack-Ima the ISM system, that features as the new generation of “strapping and squaring systems for packs of corrugated cardboard. The ISM series has been designed with a revolutionary automatic reel change system that gives the casemakers greater production efficiency, speedy functioning and minimum maintenance. The range comprises two basic models: ISM300 and ISM600 to treat various formats. The reel change system is patented and is carried out automatically via the joining of the final end of the reel in use with that of a new reel. The reliable functioning of the ISM is guaranteed by the experience built up by OMS in the building of over 20,000 strapping modules.

5/09 • 81


End of line & Handling For stable palletisation Siscodata has created a wrapping machine that can be used in combination with robotized palletisation areas, suitable for handling polylaminated packaging of fruit juices and milk, a packaging type that can, at times, trigger instabilities in the palletised load. In fact, in addition to a vertical “fin”, this type of packaging is often equipped with a reclosure cap. That means that, even when using cross wrapping, the palletised load becomes instable and tends to collapse. In order to resolve this problem, the concern based in Arcisate (VA) developed a special microcorrugated cardboard that, appropriately layered and inserted automatically between the fins and caps of two rows, reinforces the load with these cleverly folded cardboard “ribs”. The insertion of cardboard (made in different versions) creates a plane between the two rows of packs that support it, enabling the distribution of the weight to a particularly resistant point (near the cap and fin). For the automatic picking, forming and positioning of the cardboard before the load is wrapped in film, Siscodata created a special automatic pick & place machine which can be integrated with the wrapping machine. Speed reaches 12 packs per minute for 2x4 1liter loads.

Per una palettizzazione stabile Siscodata ha realizzato una fardellatrice utilizzabile in combinazione con le aree di palettizzazione robotizzate, ideale per trattare confezioni in poliaccoppiato di succhi di frutta e latte, un tipo di packaging che può, a volte, creare instabilità al carico palettizzato. Infatti, oltre alla “pinna” verticale, questo tipo di packaging è spesso dotato anche di tappo di richiusura. Ciò significa che, pur utilizzando la tecnica dei fardelli incrociati, il carico pallettizzato diventa instabile e tende a collassare. Per risolvere questo problema, l’azienda di Arcisate (VA) ha studiato un apposito supporto di cartone in microonda che, opportunamente faldato e inserito in automatico tra la pinna e i tappi di due file, rinforza il fardello tramite le “costole” del cartone opportunamente piegate. L’inserimento del cartoncino (realizzato in diverse versioni) crea un pianale tra le due file di confezioni su cui si appoggia, consentendo di distribuire il peso in un punto particolarmente resistente (vicino al tappo e alla pinna). Per effettuare in automatico il prelievo, la formatura e l’inserimento in posizione del cartone prima dell’avvolgimento con film, Siscodata ha realizzato un apposito pick&place automatico applicabile alla fardellatrice. La velocità tocca le 12 confezioni al minuto per fardelli 2x4 da 1 litro.


TechnoMemo Automation & Controls

Proteggere e automatizzare

1 3

Masautomazione (Segrate, MI) ha presentato varie novità nell’ambito dei sistemi di protezione e automatizzazione di macchine e impianti per imballaggio. • E-Gard è la gamma di moduli per segnalazione, controllo e sicurezza (1). Si tratta di lampade di segnalazione, selettori a 2-3 posizioni, pulsanti retroilluminati, blocchi con chiavi di sicurezza codificate e distanziatori. Componibili, flessibili nel montaggio a bordo macchina o riparo, con uscite a connettore e di sicuro impatto estetico. • SYG “Food” è la serie di barriere fotoelettriche di sicurezza (2), sviluppata per proteggere gli operatori a contatto con macchine pericolose in ambienti umidi e aggressivi. Particolarmente adatta all’industria agroalimentare, può rivelar-

4 2

si ideale anche per applicazioni all’aperto. • Il PLC di sicurezza Safeline del produttore tedesco Dina (3) è flessibile e modulare, permette di effettuare cablaggi e logiche di macchina in categoria 4 già conforme a SIL3. Le due tipologie di controlli che si possono ottenere sono segnali da attuatori di sicurezza e segnali da “motion” (stato di motori, inverter, assi, organi pericolosi). • I trasmettitori rotativi di corrente e segnali del-

Inverter integrabili

Servoazionamenti compatti

B&R, società specializzata in soluzioni di automazione per l’industria (con casa madre in Austria e sede italiana a Passirana di Rho, MI) ha presentato una nuova serie di inverter che completa la gamma di prodotti dedicati al motion, e va a integrare la linea di servoazionamenti ACOPOS. I dispositivi, con prestazioni nel range 0,18-500 kW, sono in grado di soddisfare tutte le esigenze dei costruttori di macchine. Le tre serie ACOPOS inverter S44, X64 e P84 sono dotate di interfaccia seriale, X2X e POWERLINK e sono completamente integrate nel tool universale Automation Studio. Un vantaggio ulteriore dei nuovi inverter è rappresentato dalla semplicità di manutenzione, in quanto tutti i parametri di configurazione sono salvati sulla CPU. Il dispositivo principale, ACOPOS inverter P84, impedisce la trasformazione dell’energia di frenata in calore attraverso l’utilizzo di un’unità opzionale di rigenerazione o collegando il DC bus: si ottiene, così, maggiore efficienza in termini energetici e un risparmio di costi.

Protection and automation Masautomazione (Segrate, MI) presented various innovations in the field of protection and automation systems for packaging machines and installations. • E-Gard is a range of indicator, control and safety modules (1). It consists in indicator lights, 2-3 position selectors, back lit buttons, blocks with coded security keys and indicator spacers. Fitted, flexible assembly on board the machine or guard, with connector outputs and an appealing look. • SYG “Food” is a series of photoelectric safety barriers (2), developed in order to protect operators that work with dangerous machines in humid or harsh environments. Particularly suitable for the food processing industry, it can also prove the perfect solution for open air applications. • Safeline by the German concern Dina (3) is a flexible and modular

la Kübler (4) denominati Slip Rings, serie ITS, consentono di trasferire dati o corrente da una postazione fissa a una rotante. Sono disponibili due modelli: ITS-SR060 di dimensioni ridotte, massimo 3 canali per la corrente e 2 per segnali; ITS-SR085 molto robusto con numero di canali da 2 a 20. Le applicazioni sono innumerevoli, dalle macchine per l’imballaggio a robot e manipolatori a impianti di imbottigliamento.

safety PLC, for wiring and machine logic in category 4 already conforming to SIL3. The two types of controls that can be obtained are signals from safety actuators and motion signals (state of motors, inverters, axes, dangerous parts). • The Kübler roto power and signal transmitters (4) called Slip Rings, series ITS, enable the transfer of data or power from a fixed to a rotating position. Two models are available: ITS-SR060 smallscale, max 3 channels for power and 2 for signals; ITS-SR085 rugged, from 2 to 20 channels. Applications are countless ranging from packaging machines to robots and picking&handling devices to bottling plants.

Integratable inverters B&R, company specialised in industrial automation solutions (with parent company in Austria

Digitax ST è una gamma di servoazionamenti intelligenti, compatti, dinamici (da 0.72 a 19.3 Nm), progettata da Control Techniques (Rozzano, MI) nelle quattro varianti Base, Indexer, EZ Motion e Plus, per soddisfare le esigenze di flessibilità e compattezza dei sistemi produttivi moderni. Il controllo onboard del movimento e dell’automazione e la funzione “Safe Torque Off” riducono la necessità di ulteriori componenti esterni, diminuendo ulteriormente le dimensioni della macchina. Il drive è ottimizzato per applicazioni servo che richiedono elevata coppia di picco, eccezionale risposta dinamica, installazione e avviamento rapidi nonché facilità di integrazione nei sistemi. Le quattro versioni possono essere perfettamente abbinate ai servomotori Unimotor FM, da 200v/400v con dimensioni di flangia da 55 mm a 250 mm e con potenze da 0,75 a 136 Nm.

and Italian branch at Passirana di Rho, MI) has presented a new series of inverters, that completes the range of motion dedicated products, added to the ACOPOS servodrives. The devices, with performances in the range of 0.18500 kW, are capable of satisfying all the demands of machine constructors. The ACOPOS inverter S44, X64 and P84 series have serial interface, X2X and POWERLINK and are completely integrated in the Automation Studio universal tool. A further advantage of the new inverters lies in their simple maintenance, inasmuch as all the configuration parameters are saved on the CPU. The main device, ACOPOS inverter P84, prevents the braking energy being turned into heat via the use of an optional regeneration unit or connecting the DC bus: thus greater energy efficiency and cost saving are obtained.

Compact servo drives Digitax ST is a range of intelligent, compact and dynamic servo drives (of 0.72 to 19.3 Nm) designed by Control Techniques (Rozzano, MI) available in four versions: Base, Indexer, EZ Motion and Plus, responding to the need for flexible and compact modern production systems. Onboard position and automation control and the “Safe Torque Off” function minimize the need for additional external components, further decreasing machine size. The drive is optimized for servo applications requiring high peak torque, exceptional dynamic response, ease of use and flexible integration features. The four product variants perfectly match the Unimotor FM servo motors of 200v/400v with flange measuring between 55 and 250 mm, and power from 0.75 to 136 Nm.

5/09 • 83


Automation & Controls Motion controller su PLC Omron ha presentato l’evoluzione della piattaforma motion control Trajexia integrata nei PLC CJ1. La scheda motion CJ1W-MCH72 è un modulo speciale che consente il controllo avanzato del movimento tramite la rete Mechatrolink II. È possibile connettere fino a 30 assi e ottenere prestazioni avanzate: movimenti punto a punto indipendenti per ogni asse, sincronizzazioni tra più assi, camme elettroniche, operazioni di taglio al volo, interpolazioni di vario tipo. Grazie alla connessione Mechatrolink II il cablaggio del sistema è semplificato (è sufficiente un semplice doppino per collegare la scheda CJ1W-MCH72 ai servosistemi o agli inverter) e grazie all’integrazione con il PLC CJ1, l’utente dispone

di un pacchetto completo e compatto per il controllo sia degli I/O sia del moto. Il software di programmazione Trajexia Studio, rinnovato e reso più intuitivo, è integrato nel pacchetto CX ONE e consentirà di programmare tutti i prodotti della piattaforma Trajexia. Per l’utente sarà dunque più facile passare da un sistema

di controllo a un altro, dato che la filosofia di programmazione rimane invariata per ogni prodotto, garantendo così continuità nello sviluppo delle varie applicazioni. Altro in fiera - Esposta anche la nuova serie di inverter compatti J1000 di Omron Yaskawa, per applicazioni come nastri trasportatori, ventole e pompe con basse potenze; progettata per ottenere affidabilità, semplicità di installazione e utilizzo sempre crescenti. La società ha inoltre organizzato due giornate tecniche dedicate a costruttori, integratori e utilizzatori del settore packaging, per informarli sui recenti sviluppi delle tecnologie di automazione in merito a sicurezza, visione, motion, termoregolazione.

2 1

Cinematica sotto controllo Due le novità applicative dedicate all’industria del packaging introdotte dalla Divisione Drive Technologies di Siemens. La prima, sviluppata in ambito handling, tiene conto della tendenza a integrare anche i manipolatori nel sistema di automazione delle nuove macchine per il confezionamento: il controllore Simotion (1) consente l’interpolazione delle traiettorie e supporta i principali standard cinematici, come dimostra il Delta 3 Picker (2), il cui movimento viene eseguito e monitorato direttamente dal sistema. Tutto questo riduce notevolmente il carico cui è sottoposta la CPU di controllo e rende possibile gestire in simultanea e con un unico sistema l’automazione della linea produttiva, ovvero il confezionamento vero e proprio e il finelinea. La seconda applicazione riguarda una flowpack da 140 colpi/min con passo da 4 fino a 22 cm, con esigenze di regolazione “entry level” (3): pur avendo un costo ridot-

Motion controller on PLC Omron presented the evolution of Trajexia motion controller integrated in PLC CJ1. The CJ1WMCH72 motion control card is a special module that enables advanced motion control via a Mechatrolink II link. Up to 30 axes can be connected up to the same to obtain high grade performance: independent point-to-point moves for each axies, synchronisation between axes, electronic cams, immediate cutting operation, various interpolations. The Mechatrolink II connection makes the system extremely easy to cable, (a simple twisted pair is required to connect the CJ1WMCH72 board to the servo systems or inverters) and thanks to the integration with the CJ1 the user is provided with a complete and compact package for both I/O and

84 • 5/09

3

to, la macchina ha molteplici funzioni ed è equipaggiata con una soluzione totalmente integrata nel drive Sinamics S120 di Siemens, modello di azionamento presentato anche in versione booksize (per realizzare soluzioni compatte e sistemi multasse in poco spazio). Numerose le altre novità portate in fiera, sia sul fronte degli azionamenti e del motion control che in quello della motorizzazione.

motion control. The Trajexia Studio programming software, upgraded and made much more intuitive, has been integrated in the CX ONE package enabling the programming of all the products in the Trajexia platform. The latter also makes it easy for the user to move from one control system to another as the programming is the same for each product, guaranteeing continuity in the development of the various applications. Other items at the fair - On show also the new series of Omron Yaskawa J1000 compact inverters, for applications such as conveyor belts, low power vents and pumps; designed in order to obtain reliability, simplicity of installation and increased use. The company also organized two technical days dedicated to

packaging sector builders, integrators and users for packaging sector, to inform them on the recent developments in automation technologies on safety, vision, motion, thermoregulation.

Kinematics under control The Siemens Drive Technologies Division has introduced two new applicative features for the packaging industry. The first, developed in the handling field, accounts for the tendency to integrate the handling devices in the automation systems of the new packaging machines: the Simotion controller (1) enables the interpolation of the trajectories and supports the main kinematic standards, as shown by the Delta 3 Picker (2), whose movements are directly performed and monitored by the system. All this notably

reduces the load on the CPU control unit and enables the simultaneous management in one single automation system of the production line, or that is packaging true and proper and end of line. The second application concerns a 140 stroke/min flowpack with web width of from 4 to 22 cm, with entry level regulation requirements (3): even though at a low cost, the machine has a multitude of functions and comes with a totally integrated solution in the Siemens Sinamics S120 drive, drive model also presented in the booksize version (for creating compact solutions and multiaxial systems in limited space). The fair saw numerous other new features, both on the drive and motion control front and concerning motorisation.


Automation & Controls Linear and versatile

Lineare e versatile Il nuovo sensore Array Ax20 della Sick (sede italiana a Vimodrone, MI) è dotato di un elemento sensibile “array” ad alta risoluzione, che consente di rilevare gli oggetti più svariati con una precisione di 50 μm. Oltre a garantire l’affidabilità, è semplice da installare sui sistemi dedicati all’acquisizione di bordi, ispezione di materiale con spessore e conteggio di parti o posizionamento. Non è indispensabile l’uso di un riflettore supplementare; l’area misurata può arrivare a 30 mm e la regolazione è facilitata dall’emissione di una luce bianca visibile. Immune alla luce ambiente, il sensore non è condizionato dalla superficie riflettente dell’oggetto e non richiede un ciclo di auto-apprendimento. La flessibilità di installazione (garantita dalla custodia compatta e dagli accessori di montaggio) risulta fondamentale nel settore dell’imballaggio, della carta e della stampa, o nella lavorazione del metallo, dove sono richiesti i valori di misurazione: i sensori di distanza lineare possono essere infatti impiegati per controllare i bordi dei nastri sui quali scorrono materiali (fogli di carta, pellicola o non-tessuti).

The new Sick Array Ax20 sensor (Italian headquarters at Vimodrone, MI) has a sensitive high resolution “array” device via which a host of the most varied objects can be scanned at up with 50 μm accuracy. As well as offering an optimum level of reliability it is simple to install for edge capture applications, inspection of material with thickness and counting parts or reading positioning. The use of a supplementary reflector is not indispensable; the area to be measured can be up to 30 mm and its regulation is facilitated by the emission of a visible white light. Immune to ambient light, the sensor is not conditioned by the reflective surfaces of the object and does not require a teach-in cycle. The flexibility of installation (guaranteed by a compact case and by assembly accessories) is fundamental in the packaging, paper and print sectors, or in processing metal, where measurements are required: the remote line sensors can in fact be used to control the edges of belts on which materials run (sheets of paper, film and non wovens).

Servoactuators and gearheads

Servoattuatori e riduttori Quattro le aree tematiche in cui Wittenstein ha diviso il proprio stand a Ipack-Ima: un percorso guidato dove individuare facilmente gli azionamenti, i dispositivi di controllo e di regolazione studiati per processo, imballaggio primario, imballaggio secondario e palettizzazione, passando da soluzioni ad alta precisione per applicazioni gravose ai sistemi più economici. Processo - Gli storici riduttori di precisione SP+ e TP+, ora in versione wash down, sono progettati per rispondere alle esigenze dei comparti in cui le condizioni igieniche rivestono un ruolo fondamentale. Numerosi i modelli di riduttori angolari, disponibili con albero cavo passante, con chiavetta, a evolvente e i vite senza fine con uscita ad albero pieno, albero cavo e flangia passante.

Packaging primario - Due i cavalli di battaglia: TP+, riduttore epicicloidale compatto, e SP+, anche nella versione High Speed® studiata per il funzionamento continuativo. Si distingue invece per l’eccezionale densità di potenza alpheno®. Packaging secondario - Il servoattuatore rotativo compatto TPM+ power (foto) potente e silenzioso, è la novità dell’anno, ideale per applicazioni che richiedono coppie elevate e precisione di azionamento. Palettizzazione - In questo ambito, dove spesso vengono usate trasmissioni a pignone e cremagliera, troviamo i riduttori epicicloidali LP+ che, nonostante i costi contenuti, assicurano prestazioni elevate; gli angolari LK+ e LPK+, anche con stadio epicicloidale e Ares, il riduttore planetario leggero e compatto.

Wittenstein divided up its stand at Ipack-Ima into four thematic areas: a guided path where one can easily find the drives, process oriented control and adjustment devices, primary packaging, secondary packaging and palletisation, going from high precision solutions for tough applications to the most economic systems. Process - The historic SP+ and TP+ gearheads, now in the wash down version, have been designed to respond to the needs of segments where hygiene is fundamenal. There are numerous models of right angle gearheads, available with hollow thru shaft, with key, evolving and with worms with full shaft, hollow shaft outlet and thru flange. Primary packaging - Here the TP+ compact epicycloidal and SP+ gearheads, also in the High Speed® devised for continuous functioning. In turn Alpheno® stands out for its exceptional power density. Secondary packaging - The powerful and silent TPM+ power compact roto servoactuator (photo) is the new feature of the year, ideal for applications that require high torque and precision drives. Palletisation - In this field, where rack and pinion transmissions are often used, one finds the LP+ epicycloidal gearheads that, despite their contained costs, ensure high performance; the right-angle LK+ and LPK+ gearboxes, also with epicycloidal state, and Ares, the light and compact planetary gearbox.

JET STAMP REINER-VILLA 791 La marcatrice portatile e per linee di confezionamento - Materiali trattabili: carta, cartone, plastica porosa, legno, cuoio ed alcuni metalli - Marca su superfici irregolari, statiche od in lento movimento, in verticale, capovolto, con inchiostri normali o a rapida essicazione - Programmabile stand-alone, con 25 impronte comuni tra cui scegliere, più 4 impronte speciali personalizzabili - 2 righe, fino a 20 caratteri alfanumerici per riga - Altezza caratteri: 3,2 mm

PIU’ SEMPLICE DI QUANTO AVETE MAI IMMAGINATO FINORA

Esempi reali di impronta

VILLA L. & FIGLIO S.r.l. SOLUZIONI DI MARCATURA E CODIFICA Via Statuto, 4 - 20121 MILANO Tel.: 02.65.99.562 Fax: 02.65.90.889 www.villamark.it info@villamark.it

Marcatura su confezioni

Marcatura su uova

Marcatura su plastica

Marcatura su cartone


Components & Other equipment

Alimenti

FOOD SAFETY, UN IMPEGNO ISPEZIONE Con una linea di attrezzature allo stato dell’arte per il controllo lungo l’intera catena di trasformazione e confezionamento, Thermo Fisher Scientific offre un contributo fattivo alla sicurezza alimentare. Sotto la lente, i residui di pesticidi, antibiotici, pigmenti, metalli pesanti, microbi patogeni, batteri e virus… impegno è rivolto a “rendere il mondo più pulito, più sicuro e più sano” e, come primo corollario, garantire ai consumatori la massima sicurezza in ambito alimentare. In quest’ottica Thermo Fisher Scientific sviluppa una gamma completa e integrata di strumenti per l’ispezione e il controllo degli alimenti. Mission dichiarata: affermarsi come partner unico

L’

per tutte le problematiche che sorgono sia in laboratorio sia in fase di produzione e confezionamento. E l’offerta si articola di conseguenza. Thermo Fisher Scientific produce infatti strumenti di precisione, ma anche soluzioni integrate, software di facile utilizzo, supporto applicativo e sistemi di gestione dei dati per massimizzare l’efficienza dei sistemi.

Foodstuffs

Committed to food safety INSPECTION With a state-of-the-art line of equipment for controls along the entire converting and packaging chain, Thermo Fisher Scientific offers an effective contribution to food safety. Pesticide, antibiotic, pigment and heavy metal residue as well as pathogenous microbes, bacteria and virus under the magnifying glass. The commitment is towards “making the world a cleaner, safer, healthier place”, and, as a first corollary, guarantee the consumer maximum safety in the food field. With this view Thermo Fisher Scientific is developing a complete and integrated range of tools for the

86 • 5/09

inspection and control of foodstuffs. Their declared mission: win a name for themselves as sole partner for all the problems that arise both in the laboratory as well as in the production and packaging stage. And their offer has been articulated to meet this challenge.

PACKAGING

Thermo Fisher Scientific in fact produces precision instrumentation, but also integrated solutions, userfriendly software, applicative support and data management systems for maximising system efficiency.

XRAY

A RAGGI

X

In questo contesto, all’imballaggio viene da sempre dedicata la massima attenzione. Lo dimostra, fra l’altro, il numero davvero rilevante di “invenzioni” negli annali della multinazionale: sono sue le prime bilance con elettronica analogica per l’espulsione delle confezioni fuori peso e le apparecchiature feed-back per la regolazione automatica dei dosatori a monte, la prima macchina dotata di monitor per la visualizzazione di istogrammi dei processi produttivi e i sistemi di raccolta dati statistici basati su PC… Non basta? Thermo Fisher Scientific ha brevettato la prima bilancia priva di trasportatore per la pesatura dinamica a grande velocità e ha sviluppato le selezionatrici ponderali in esecuzione antideflagrante, così come i sistemi di pesatura per prodotti sfusi a monte del confezionamento e i sistemi di controllo del peso netto in linea per le confezioni di vetro. Il motivo di tanto impegno è evidente: nel controllo qualità degli alimenti le verifiche dei

PACKAGING

In this context, packaging always gets top attention. This is among other things demonstrated by the high number of “inventions” in the annals of the multinational: theirs the first scales with analogical electronics for the expulsion of outof-weight packs and the feedback devices for the automatic regulation of the dosers upstream, the first

machine equipped with monitor for viewing the histograms of the production processes and the first PC based statistic gathering systems…. Not enough? Thermo Fisher Scientific patented the first scales without conveyor for high speed dynamic weighing and developed flameproof ponderal checkweighers, along with loose product checkweigh system upstream from packaging and inline net weight control systems for glass packaging. The reason behind this amount of commitment is clear: in food quality control checks on packed products at one and the same time constitute a critical phase and a great


TechnoMemo Components & Other equipment

prodotti confezionati rappresentano a un tempo un passaggio critico e una grande opportunità, che inizia dall’individuazione (ed eliminazione) delle eventuali tracce di elementi dannosi alla salute umana, come pesticidi o antibiotici, pigmenti e metalli pesanti, microbi patogeni come batteri e virus… Fondamentali, al riguardo, ausili come i rilevatori a raggi X di Thermo Fisher Scientific, oggi molto diffusi perché permettono di individuare inquinanti in prodotti con incarto alluminato - come cioccolatini, gelati, surgelati, formaggi oppure in barattoli di vetro con capsule d’alluminio (vegetali in conserva, pomodoro) o banda stagnata (carne in scatola, tonno, pet-food, vegetali vari), normalmente non rilevati dai metal detector. Un grande pregio della tecnologia a 1

Tre grandi linee di strumenti

Three great instrument lines

L’offerta Thermo Fisher Scientific di soluzioni per il controllo della qualità in ambito alimentare si articola in tre famiglie di strumenti destinati a: • gestione e ispezione delle materie prime (controllo di processo bulk, sistema di riempimento, metal detector, analisi materie prime); • verifica e trasporto dell’imballaggio (metal detector, rilevazione a raggi X di materiali estranei, controllo del riempimento, controllo del peso netto); • controllo di processo e ispezione (verifica di temperatura e contenuto; verifica on-line del contenuto di CO2, rilevazione a raggi X di materiali estranei). Tutte le apparecchiature del gruppo provengono da unità produttive certificate ISO9001, e sono integrate da un servizio di assistenza gestito da addetti costantemente aggiornati presso la casa madre sugli sviluppi della tecnologia e delle regolamentazioni internazionali.

The Thermo Fisher Scientific offer of solutions for quality control in the food sector is divided up into three instrument families for: • management and inspection of raw materials (control of bulk processes, filling systems, metal detectors, raw materials analysis); • checking and transportation of packaging (metal detectors, Xray scanning for extraneous material, filling control, net weight control); • process and inspection control (checking of temperature and contents; on-line check of CO2 content, Xray scanning of extraneous materials). All the group equipment is from ISO9001certified production units, and are integrated with an assistance service run by staff constantly updated at the parent company on technological developments and international rulings.

raggi X, dunque, deriva dal fatto che non è influenzata dall’imballo e permette di cogliere, per esempio anche all’interno di barattoli di vetro, inquinanti densi alla stregua di sassi, metalli, plastiche e gomme dure, ossa e vetro in scaglie…

L’EVOLUZIONE

DEL CONTROLLO DEL PESO

Altro strumento basilare nell’ispezione di prodotti alimentari è la selezionatrice ponderale che, infatti e non a caso, rappresenta uno storico cavallo di battaglia di Thermo Fisher Scientific, continuamente aggiornato seguendo gli sviluppi della tecnologia.

opportunity, that starts from the location (and elimination) of any traces of elements harmful to human health, such as pesticides and antibiotics, pigments and heavy metals, pathogenous microbes like bacteria and virus… Fundamental on this count auxiliary devices such as the Thermo Fisher Xray scanners, now widespread because they enable the identification of pollutant in products with aluminium wraps such as chocolates, icecreams, frozen food, cheeses - or in glass jars with aluminium capsules (vegetable preserves, tomatoes) or in tinplate (canned meat, tunafish, petfoods, various vegetables),

normally not picked up by the metal detector. One of the great merits of Xray technology hence lies in the fact that it is not influenced by the packaging and enables the location, for example also inside the glass jar, of dense pollutants such as small stones, metals, hard plastic and rubber, bone and glass flakes…

THE

EVOLUTION

OF WEIGHT CONTROLS

Another basic instrument in food product inspection is the ponderal checkweighers that, indeed not by chance, features as a historic piece de resistance of Thermo Fisher Scientific, continuously updated following technological

Fra le ultime realizzazioni della multinazionale possiamo citare la AC9 Teorema, progettata per servire il confezionamento ad alta velocità in contenitori di banda stagnata, alluminio e vetro - e disponibile anche nella versione GP modulare ad altezze variabili - che è stata omologata dall’Ufficio metrico italiano per velocità operative fino a 700 controlli/min. In questo, come negli altri campi di competenza Thermo Fisher, gioca un ruolo rilevante la capacità di servizio dei tecnici che operano sui vari mercati. Significative al riguardo, alcune forniture per clienti prestigiosi. A Milka-Kraft, per esempio, per il tramite di un OEM italiano è stato fornito un

development. Among the latest creations of the multinational we can cite the AC9 Teorema, designed to service high speed packaging in tinplate, aluminium or glass containers - and also available in adjustable height GP modular version - type registered by the Italian Metric Office for workspeeds of up to 700 checks/min. In this as in Thermo Fisher’s other fields of competency, the service capacity of the technicians that operate on the various markets plays a key role. Some deliveries to prestigious customers are significant on this count. Milka-Kraft for example

were supplied a multilane (up to 12) checkweigher for chocolate bars via an Italian OEM (1), that works at the speed of 100 ppm with a range of from 50 to 300 g, independent movement of the single lanes and maintenance facilitated by being able to move each lane independently. Equally exemplary the adaptation of a Teorema normally used in controlling tinplate - for checking glass jars of various formats, also monodose (2), at speeds that reach 600 pieces a minute. Other salient characteristics: max. precision, range of action between 100 and over 800 g, weigh section made in polythene.

5/09 • 87


Components & Other equipment

Fra scienza e tecnica Thermo Fisher Scientific è protagonista a livello mondiale nella strumentazione scientifica, preparazione dei campioni, strumentazione di processo e gestione elettronica dei dati, in diversi settori manifatturieri e di servizio fra cui alimentare, farmaceutico, chimico-clinico, drug discovery, microbiologico, petrolchimico… La fusione fra imprese da cui è nata l’attuale compagine del gruppo ha dato vita al marchio Thermo Scientific, con cui sono commercializzati sia i prodotti già noti in tutto il mondo con i nomi commerciali storici sia le nuove linee di strumenti, materiali di consumo e reagenti della Fisher. L’offerta complessiva è particolarmente ampia, la struttura aziendale articolata di conseguenza. Per il processo e il confezionamento nel food and beverage sono state costituite divisioni specializzate in analisi dei campioni (spettrofotometria molecolare, spettrometria di massa, analisi elementare, emissione ottica e raggi X, microstrutture e cromatografia); preparazione di campioni (centrifughe, incubatori, cappe a flusso, ultrafreezer); produzione e distribuzione di terreni nutritivi per batteriologia nonché prodotti per la diagnostica microbiologica; controllo del peso e ispezione dei prodotti confezionati. Queste ultime attività, che interessano direttamente le linee di confezionamento, sono seguite dalla divisione Process Instruments. In Italia Thermo Fisher Scientific conta 250 addetti suddivisi fra Milano e Parma (storico centro di eccellenza nel check weighing), ed è presente in tutte le regioni con una rete capillare di canali di vendita e centri di assistenza.

Between science and technology Thermo Fisher Scientific is protagonist at world level in the field of scientific instrumentation, preparation of samples, process instrumentation and electronic data management in several manufacturing and service sectors including the food, pharmaceuticals, chemical-clinical, drug discovery, microbiological and petrochemical fields… The merger between the enterprise that led to its creation and the group line-up has given rise to the Thermo Scientific brand, under which both the products already known all around the world are marketed their original tradenames as well as the new lines of Fisher instruments, consumables and reagents. The overall offer is particularly broad and the company is structured consequently. For the food and beverage packaging processes special sample analyses divisions have been set up (molecular spectrophotometry, mass spectrophotometry, elementary analyses, optical and Xray emissions, microstructures and chromography); sample preparations (centrifuges, incubators, flow caps, ultra freezers); production and distribution of nutritive earths for bacteriology as well as products for microbacteriological diagnostics; control of weight and inspection of packed products. The latter activities, that directly affect the packaging lines, are followed by the Process Instruments Division. In Italy Thermo Fisher Scientific counts 250 employed divided between Milan and Parma (historic checkweighing centre of excellence), and is present in all regions with a capillary network of sales channels and service centres.

IN

TERMS OF SERVICE

Exploiting the synergies with the other companies of the Corporation (in this case with Goring Kerr, longstanding expert in the production of metal detectors and Xray inspection systems) Thermo

88 • 5/09

2

checkweigher multifile (fino a 12) per barrette di cioccolato (1), che lavora alla velocità di 100 ppm con un raggio d’azione compreso fra 50 e 300 g, movimentazione indipendente delle singole piste e manutenzione agevolata dalla possibilità di movimentare ciascuna pista in modo indipendente. Parimenti esemplare l’adattamento di una Teorema - normalmente impiegata nel controllo della banda stagnata per la verifica di barattoli di vetro di diversi formati anche monodose (2), a velocità che toccano i 600 pezzi al minuto. Altre caratteristiche salienti: massima accuratezza, campo d’attività compreso fra 100 e oltre 800 g, sezione di pesatura realizzata in polietilene.

NEL

SEGNO DEL SERVIZIO

Sfruttando al meglio le sinergie con le altre aziende della Corporation (in questo caso con la Goring Kerr, esperta di lunga data nella produzione di metal detector e sistemi di ispezione a raggi X) Thermo Ramsey Italia Srl ha approntato un servizio che mette in campo tecnolo-

Ramsey Italia Srl has set up a service that fields different kinds of technologies and tools. At Parma in fact the company experts intervene on request from the customers who, in the maintenance, processing or packaging phase, have picked up

gie e strumenti di differente natura. A Parma, infatti, gli esperti della casa intervengono su richiesta dei clienti che, in fase di manutenzione, processo o confezionamento, hanno rilevato delle anomalie tali da far sospettare la presenza di corpi estranei in un dato lotto o in parte della produzione. Una volta ricevuti i campioni sia dei possibili contaminanti sia dei prodotti, i tecnici li sottopongono alle diverse prove di rilevazione e inviano poi i risultati al committente, che decide se proseguire o meno con l’indagine. I diversi strumenti di controllo operano in maniera non invasiva e non distruttiva sulle più diverse tipologie di imballaggi (vasi di vetro, lattine, vaschette…) e sono in grado di intercettare metalli ferrosi e di altra natura, acciaio inox, vetro, pietrisco, PVC. Inoltre, permettono di rilevare eventuali anomalie dei contenitori, il livello di riempimento o l’eventuale mancanza di uno o più prodotti in confezioni multiple. L’unità di Parma è strutturata per intervenire su numerose tipologie di beni, dai farmaceutici ai cosmetici, dagli alimenti alle bevande e - ovviamente opera con la massima riservatezza. Grazie a questo servizio le aziende sono esonerate dall’investire in strumenti di ispezione; inoltre, possono contare su un’attività di ri-confezionamento, per poter rimettere velocemente in commercio i prodotti esaminati. ■

anomalies leading them to suspect the presence of extraneous bodies in a given lot or in part of the production. Once the samples of possible contaminant as well as the products have been received, the technicians subject them to the various scanning tests and then send the results to the contractor, who decides whether the study should be continued or not. The various control tools operate in a non invasive and non destructive manner on the widest range of packaging (glass jars, tins, trays…) and can intercept ferrous metals or metals of other natures, stainless steel, glass, gravel, PVC.

As well as that they enable the scanning any anomalies of the containers, in terms of filling or any lack of one or more products in multiple packs. The Parma unit is structured to intervene on numerous types of goods, from pharmaceuticals to cosmetics, from foodstuff to beverages and obviously - operates with the utmost discretion. Thanks to this service the companies are exonerated from investing in inspection equipment; as well as that, they can count on an activity of repacking, to be able to speedily place the products examined back on the market. ■


Components & Other equipment

ReeR festeggia i primi cinquant’anni di vita e celebrando degnamente l’importante traguardo presenta un nuovo catalogo ricco di soluzioni originali e allo stato dell’arte.

EOS, barriere di sicurezza di tipo 4 e di tipo 2. EOS, type 4 and type 2 safety barriers.

OBIETTIVO: SICUREZZA eeR (Torino) produce sensori optoelettronici per sicurezza industriale (e, tramite una divisione ad hoc, distribuisce anche componenti per l’illuminazione, Ndr). Da 50 anni investe mezzi e risorse per innovare e mantenere il ruolo di spicco conquistato in Italia nella fornitura di soluzioni affidabili ed efficaci per la protezione del lavoro. Tra le novità 2009, la più significativa è la rivoluzionaria barriera di sicurezza EOS, articolata nelle famiglie EOS4 (Tipo 4) ed EOS2 (Tipo 2). EOS è la prima barriera di sicurezza a unire caratteristiche di miniaturizzazione spinta con la robustezza e l’universalità d’uso tipica dei prodotti ReeR. Innovativa e competitiva, questa linea di prodotto è destinata a svilupparsi in futuro con ulteriori modelli, diventando un

R

punto di riferimento per il mondo dei sensori di sicurezza. EOS, IN DETTAGLIO

EOS rappresenta un’importante evoluzione nel mondo delle barriere optoelettroniche di sicurezza. Tra le caratteristiche più significative evidenziamo: • dimensioni della sezione di soli 28 x 30 mm; • nessuna zona morta su di un lato: grazie alla posizione del primo raggio, la zona sensibile si estende fino all’estremità della barriera; • zona morta ridotta al minimo sul lato connettore; • nel caso di barriere installate a L, mantiene la risoluzione di 40 mm nell’angolo

ReeR celebrates its fiftieth anniversary worthily celebrating this important occasion by presenting a new catalogue full of original, state-of-the-art solutions.

Objective: safety ReeR (Turin) produces optoelectronic sensors for industrial safety (and has a special division that distributes lighting components, Ed). For five decades now, it has invested means and resources to innovate upon and maintain its leading role in Italy as a provider of reliable and efficient solutions for safety at the workplace. The most remarkable new product in 2009 is the revolutionary EOS safety barrier, of which there are two

families - EOS4 (Type 4) and EOS2 (Type 2). EOS is the first safety barrier to combine miniature size and the sturdiness and universal use typical of other ReeR products. Innovative and competitive, this product line will undoubtedly be extended in the future with further models and become a benchmark solution for the world of safety sensors.

(modelli con risoluzione 30 e 40 mm); • la grande facilità di connessione e installazione, grazie ai connettori M12 e all’uso di cavi non schermati fino a 100 m; • l’integrazione delle funzioni di sicurezza, tra cui l’autocontrollo delle uscite statiche, il controllo dei contattori esterni (EDM) e la funzione di start/restart automatico o manuale selezionabile; • l’eccezionale robustezza meccanica ed elettrica, frutto di anni di esperienza acquisita sul campo con ogni tipo di applicazione; • temperatura operativa da -10 a 55 °C;

Dimensione delle sezioni/ Size in cross-section

EOS, IN DETAIL EOS is an important evolution in the world of optoelectronic safety barriers. Its salient features include: • cross-section of just 28 x 30 mm (1); • no dead zone on one side: the position of the first beam allows the sensitive area to stretch to the end of the barrier; • minimal dead zone on the side of the connector; • in the L version, EOS keeps its resolution up to 40 mm if installed at 90° (models with resolution at 30 and 40 mm); • M12 connectors and unscreened cables up to 100 m ensure extremely easy connection and installation;

• integration of the safety functions, including self-monitoring static outputs, external contactor monitoring (EDM) and automatic start/restart interlock or selectable manual function; • exceptional mechanical and electrical strength attributable to many years’ experience with all types of application in the field; • operating temperature of -10 to 55 °C; • IP65 and IP67 protection. An extremely compact barrier offering high resistance to the permeation of powders and liquids; • Master/Slave models for cascade connection of up to three light curtains;

5/09 • 89


I servo ci stanno invadendo! Autorotor entra a pieno titolo in questa nuova dimensione, dove la richiesta di flessibilità è diventata un “must”, e lancia la nuova linea di tavole continue TE.

Programmabile è meglio La zona sensibile si estende fino all’estremità della barriera mantenendone la risoluzione. Dita e mani sono sempre rilevate e protette/The sensitive area stretches to the end of the barrier at the same resolution. Hands and fingers are detected and protected at all times.

• grado di protezione contemporaneamente IP 65 e IP 67. Elevata resistenza alla penetrazione di polveri e liquidi in una barriera di dimensioni molto compatte; • modelli Master/Slave per il collegamento a cascata di due o tre barriere; • 2 uscite statiche PNP di sicurezza. È inoltre disponibile in un’ampia gamma di modelli per ogni tipo di applicazione: altezze protette da 160 a 1.510 mm; portata max 12 m; risoluzione di 14 mm per il rilevamento delle dita; risoluzione 20, 30, 40 mm per il rilevamento delle mani; risoluzione 50 - 90 mm per il rilevamento della presenza del corpo in area pericolosa; 2, 3, 4 raggi per il rilevamento del corpo nel controllo di accesso. Le barriere EOS sono certificate in conformità con le norme IEC 61496-1-2 ISO/EN 13849-1 - IEC 61508 - EN 62061. Su richiesta possono essere forniti modelli conformi alla Direttiva ATEX 94/9/CE - Polveri Zona 22 - Gas Zona 2. ■

• 2 PNP safety static outputs. It also comes in a broad range of models for all types of application: for protecting areas from 160 to 1,510 mm in height; max capacity of 12 m; 14 mm resolution for detecting fingers; 20, 30, 40 mm resolution for detecting hands; 50 – 90 mm resolution for detecting the presence of people in dangerous areas; 2, 3 and 4 beams for detecting a person in monitoring access. The EOS barriers are certified according to IEC 61496-12, ISO/EN 13849-1, IEC 61508 and EN 62061. Models conforming to ATEX Directive 94/9/EC, Powder Zone 22 and Gas Zone 2 are also ■ available on request.

90 • 5/09

Le affermazioni in sommario, vagamente drammatiche, possono far pensare a uno sbarco di alieni, ma in realtà siamo di fronte a qualcosa di molto più innocuo. Sgombriamo quindi il campo da possibili fraintendimenti e diventiamo, per un attimo, didascalici. Innanzitutto, cosa è il servo? È l’abbreviazione di servodrive che, nell’accezione di Autorotor, significa tavola continua, senza stazioni predefinite e quindi programmabile, guidata da un motore passo passo (o, nella stragrande maggioranza dei casi, brushless) con i relativi azionamenti. Va da sè che programmabilità significa flessibilità, e quindi polivalenza del sistema e, in ultima analisi, maggiore libertà. Domande e risposte - Ma da cosa dipende la crescente richiesta di servodrive, questa sete di flessibilità? Perché “fanno tendenza”? Forse anche, ma soprattutto, perché il ciclo di vita di un prodotto si è drammaticamente accorciato e quindi una tavola deve servire sia per l’assemblaggio o quant’altro dell’oggetto che deve essere prodotto “ora”, sia per produrne uno simile nel giro di qualche settimana o mese. In questo caso, cosa può essere programmato di tanto significativo? In pratica tutto, ma essenzialmente il numero di stazioni; in altre parole, la tavola può essere fermata e riavviata a piacere, ovviamente con un’opportuna rampa di accelerazione e di decelerazione. «Autorotor - ci spiega al proposito l’ingegner Giuseppe Fayer, direttore tecnico della società lombarda - ha sempre costruito tavole continue, che però venivano finora vendute in quanto tali e inserite in una macchina, in una struttura più grande, il

Invasion of the servos! And Autorotor takes on fully this new dimension, where the demand for flexibility has become a must, and launches its new line of TE continuous tables.

Programmable is better The rather dramatic statements above bring to mind little green men, but in fact we are faced with something far more innocuous. Let us therefore discard any false impressions and take a moment to learn something. First of all, what is a servo? It’s the abbreviation of servodrive, which, for Autorotor, means a continuous table with no pre-defined stations and is thus programmable, driven by a stepping motor (or, in the vast majority of cases, a brushless motor) with relative drives. It goes without saying that programmability means flexibility, and so system versatility, and finally greater freedom. Questions and answers - What’s causing this growing demand for servodrives, this thirst for flexibility? Because they are “in vogue”? Perhaps also, but most importantly because the life cycle of a given product has been

cui “cervello” gestiva la tavola stessa. Va da sé aggiunge il nostro interlocutore - che la tavola continua ha la stessa precisione, le stesse dimensioni e la stessa robustezza delle tavole a stazioni. Incidentalmente, la tavola continua può essere usata, a riprova di questa robustezza, come quarto asse di una macchina utensile, per esempio di una fresatrice». Quale allora la novità della linea TE? Semplice; in questo caso Autorotor fornisce il “pacchetto” completo: tavola, riduttore, servomotore con i relativi azio-

Autorotor in breve L’azienda di Vaiano Cremasco (CR) ha maturato un’esperienza trentennale nella realizzazione di unità meccaniche per il settore dell’automazione, dell’assemblaggio, del confezionamento e della manipolazione. Ha inoltre sviluppato una gamma completa di dispositivi per il trasferimento e il posizionamento meccanico di pezzi ad alta velocità. L’offerta comprende divisori ortogonali (anelli rotanti, tavole rotanti, intermittori, intermittori veloci, oscillatori, oscillatori veloci); divisori paralleli (intermittori, oscillatori); manipolatori e prodotti speciali.

shortened dramatically, and so a table must serve both for the assembly or whatever else of that product which needs to be made “now”, and for the manufacture of another similar one after a few weeks or months. In this case, what is it that is so important that needs to be programmed? Basically everything, but essentially the number of stations; in other words, the table can be stopped and started up again at any moment, naturally with an appropriate ramp of acceleration and deceleration. «Autorotor - explains engineer Giuseppe Fayer, technical director of the Lombardy company, on the topic - has always built continuous tables, however until now we sold them as such, integrated into a machine in a larger system whose “brain” managed the table itself. It goes without saying - he adds - that the continuous table exhibits the same precision, dimensions and robustness of tables with stations. Incidentally, proving this robustness, the continuous table can be used as the fourth axis of a machine tool, for example a milling unit». So wherein lies the innovation of the TE line? It’s simple; in this case Autorotor supplies the complete “package”: table, gear, servomotor with relative drives and


Components & Other equipment namenti e pannello di programmazione e controllo, di modo che l’interlocutore (piccole e medie aziende, ma anche realtà che possiedono macchine complesse e vogliono fare qualcosa a latere) possa programmare la tavola personalmente e con facilità. «Le tavole elettroniche rispondono - continua Fayer - alle necessità di settori, come l’imballaggio, che esprimono esigenze di flessibilità spinta, e quindi richiedono macchine e attrezzature in grado di passare rapidamente da un tipo di prestazione a un altro; viceversa, in caso di lavorazioni molto ripetitive, la tavola meccanica a stazioni resta al momento la soluzione migliore». Autorotor ha fondato il proprio successo sulla meccanica (con un’ampia gamma di prodotti, che spazia dalle tavole agli intermittori, dagli anelli ai manipolatori, dagli oscillatori alle realizzazioni speciali), ma ha sempre ritenuto la ricerca, sia in campo meccanico che elettronico, un fattore decisivo per lo sviluppo aziendale, e i risultati si vedono. A riprova di ciò, l’ingegner Fayer annuncia per un futuro non troppo lontano “qualcosa” di veramente rivoluzionario, la cui natura non viene ovviamente svelata. «Bisogna superare, andare al di là del concetto stesso di tavola» conclude il direttore tecnico di Autorotor. «Non dobbiamo seguire, ma anticipare il mercato, prevederne i bisogni, nel caso crearli, realizzando quel qualcosa capace di soddisfarli».

Autorotor in brief This Vaiano Cremasco (CR) concern boasts thirty years’ experience in the production of mechanical components for the automation, assembly, packaging and manipulation sector. It has also developed a complete range of high speed mechanical pieces transfer and positioning devices. The selection includes square indexers (rotary rings, rotary indexing tables, intermitters, high speed intermitters, oscillators, high speed oscillators); parallel indexers (intermitters and oscillators); manipulators and special products.

programming and control panel, so that the user (small and medium concerns, but also businesses that possess complex machinery and wish to conduct side projects) can personally program the table with ease. «The electronic tables - continues Fayer - meet the needs of sectors, such as packaging, which require high flexibility, and thus machinery and equipment capable of quickly passing from one application to another; vice-versa, in the case of highly repetitive processes, the mechanical table with stations remains the best solution». Autorotor founded its success on mechanics (with a wide selection of products that range from tables to intermitters, from rings to manipulators, from oscillators to special commissions), but has always considered research in both mechanical and electronic fields a decisive factor in business growth, and the results are clear. As proof, Fayer announces for the near future “something” truly revolutionary; details of course are confidential. «We need to surpass, really go beyond the very concept of the table» concludes Autorotor’s technical director. «We must not follow, but anticipate the market, predict its needs, create them if necessary, making something capable of satisfying them».

Antibloccanti, antiappannamento e antistatici Nell’ampia offerta di sistemi per umidificazione e polverizzazione dei materiali più differenti, Weko (in Italia a Milano) ha puntato in fiera su quelli per l’applicazione di liquidi e polveri su pellicole. • Il sistema di applicazione a rotori Weko-Sigma consente di trasformare, rivestire e impregnare le pellicole, di condizionarle per le lavorazioni successive o di applicare qualsiasi strato funzionale sul nastro di materiale. L’applicazione avviene mediante speciali piatti di nebulizzazione o rotori, disposti l’uno a fianco dell’altro e provvisti della corretta quantità di liquido da un’apposita unità di alimentazione. L’applicazione è uniforme grazie al rapido movimento rotativo dei rotori, che forma una corrente di micro-gocce finissime. • Il sistema modulare Weko-Esc è invece dedicato all’applicazione di polveri: è composto da Electrostat C (che neutralizza le cariche elettrostatiche sulle pellicole attraverso barre di ionizzazione), e dall’AP (che effettua una spolveratura uniforme della pellicola, indipendentemente dalle condizioni climatiche e dalle cariche elettrostatiche presenti).

Riduttori silenziosi Miglioramenti costruttivi importanti sono stati apportati nella serie di riduttori di precisione PLN di Neugart Italia (Moncalieri, TO): sono più leggeri dei riduttori PLS, con conseguente riduzione del consumo energetico degli altri assi in rotazione nella catena cinematica; la coppia in uscita è stata incrementata del 15% (sempre rispetto alla serie PLS) e le perdite di coppia sono state limitate. Grazie a una generale ottimizzazione degli ingranaggi e dei processi di costruzione e montaggio e all’integrazione di un nuovo sistema di calettatore ad alta precisione PCS-2, è stata aumentata la silenziosità della rotazione.

Antiblocking, antifog and antistatic In their broad offer of systems for moisturising and pulverising a whole host of materials, Weko (Milan, Italy) at the fair centred on those for the application of liquids and powders on film. • The Weko-Sigma rotor application system enables the converting, coating and impregnation of the films, to condition them for subsequent processing or to apply any functional layer on the material web. Application is by special spray disks or rotors, placed next to each other and provided with the correct quantity of liquid from a special feed unit. The application is uniform thanks to the rapid rotary movement of the rotors, that form a flow of extremely fine droplets. • The Weko-Esc modular system is in turn dedicated to the application of powders: it is made up of Electrostat C (that neutralises the electrostatic

charges on the film via an ionising bar) and by the AP (that uniformly powders the film independent of the climatic conditions and the electrostatic charges present).

Quiet reduction gears Important constructive improvements have been added to Neugart Italia (Moncalieri, TO)’s PLN precision reduction gears: they are lighter than PLS reduction gears, with a consequential reduction in energy consumption by other axes in rotation in the cinematic chain; torque output has been increased by 15% (compared to the PLS series) and torque waste has been limited. Thanks to a general optimization of the workings and construction and assembly processes and the integration of a new PCS-2 high cutting connector system, rotation quietness has been increased.

5/09 • 91


Components & Other equipment Maximum smoothness The leader in dynamic warehousing, Rulmeca/Interroll (Almè, BG) “creates” new standards and implements them on the market. This is the case of the Carton Flow range, a new stock-moving and order-picking system for light loads devised and designed in the interest of quality, solidity, reliability and simplicity. Salient features: • the Floway roller track is the only model with staggered arrangement of the rollers on the same track, guaranteeing exceptional smoothness, extraordinary sturdiness and quiet operation; • the track cannot under heavy loads: the heavier the load, the more firmly the profiles close; • Carton Flow has a universal connector for compatibility with all rack systems; • the frames are interlocking and do not require screws (installation time is reduced by 30%). Fewer components also keep the assembly procedure simple. The reinforced storage profile is also a stable solution for particularly broad areas and the beams can be adapted to the frame’s load-bearing capacity and breadth. Optional devices worth a mention include the reinforced or antistatic roller track and the ergonomic picking curves with inclined fronts, also for loading units of 600 mm.

Wheels and security accessories Elesa (MB) has recently launched a new line of mainly rubber and polyurethane industrial wheels for manual handling of machinery, equipment and trolleys. There are six types that differ in terms of materials and intended use: from the RE.E3 model, consisting of two zincplated disks with vulcanized rubber covering, suitable for use on rough floors; to the RE.F5 model in die-cast aluminium with mould-on polyurethane covering, able to boast excellent smoothness and suited to heavy loads and smooth or slightly rough floors. Also new is the line of ATEX-compliant accessories - caps, breather caps and oil level indicators - for machinery and equipment used in potentially explosive environments.

Il massimo della scorrevolezza Leader nel campo dello stoccaggio dinamico, Rulmeca/Interroll (Almè, BG) “creano” nuovi standard e li impongono sul mercato. È il caso della gamma Carton Flow, un nuovo sistema di trasporto di materiale e preparazione degli ordini per carichi leggeri, pensato e progettato all’insegna di qualità, solidità, affidabilità e semplicità. Eccone le caratteristiche principali: • il binario a rullini Floway è l’unico modello ad avere passo variabile tra i rullini su uno stesso binario, garantendo eccezionale scorrevolezza, straordinaria robustezza e silenziosità; • non si apre sotto carichi pesanti: più pesante è il carico, più si chiudono i profili; • Carton Flow è compatibile con tutti i sistemi di scaffalatura, grazie a un connettore universale; • il montaggio dei telai avviene a incastro e non richiede viti (il tempo d’installazione si riduce fino al 30%). L’assemblaggio

è anche facilitato dal numero ridotto dei componenti. Il profilo di deposito rinforzato fornisce una soluzione stabile anche per ripiani particolarmente ampi e le diverse longherine intermedie possono essere adattate alla capacità di carico e all’ampiezza del telaio. Ricordiamo, fra gli optional, il binario a rullini rinforzato o antistatico e il piano di prelievo inclinato ergonomico, anche per UdC da 600 mm.

Ruote e accessori di sicurezza Una nuova linea di ruote industriali, in prevalenza di tipo gommato e poliuretanico, per la movimentazione manuale di macchinari, attrezzature e carrelli è stata lanciata di recente da Elesa (MB). La gamma si articola in sei tipologie, differenti per materiali e destinazione d’uso: dal modello RE.E3, costituito da due dischi di lamiera zincata con rivestimento in gomma vulcanizzata, adatto all’utilizzo su pavimentazioni non perfettamente levigate, al modello RE.F5 in alluminio pressofuso con rivestimento in poliuretano colati, dotato di buona scorrevolezza, adatto a carichi pesanti e a pavimenti levigati o leggermente sconnessi. È una novità anche la linea di accessori conformi alla normativa ATEX - tappi di chiusura, tappi sfiato e indicatori di livello olio - destinata ad apparecchiature e macchine utilizzate in ambienti soggetti a rischio di esplosione.

Compact, lightweight and maintenance-free The German manufacturer Igus (Italian headquarters at Robbiate, LC) has developed a new linear unit called DryLin EasyTube. This system is extremely compact, lightweight and lubrication-free, and consists of only a leadscrew, tube, two clamping rings, attachment flange and slide block. Available either in anodised aluminium or stainless steel, the external tube guides the slide block; the trapezoidal leadscrew and nut are integrated into the tube so they are protected against external influences and serve to keep the system as small as possible. Any applied moment is supported by the tube itself and the end blocks also serve as a bearing system. Pictured: sensor positioning application for detecting print margins and marks.

92 • 5/09

Snello, compatto e senza manutenzione Il produttore tedesco igus (sede italiana a Robbiate, LC) ha sviluppato la nuova unità lineare DryLin EasyTube. Il sistema si distingue per compattezza, leggerezza e assenza di lubrificazione, ed è composto solo da vite, tubo, due anelli di serraggio, flangia di fissaggio e slitta. Il tubo esterno, in alluminio anodizzato o in acciaio inox, guida la slitta; la vite a filetto trapezoidale e la madrevite sono integrate nel tubo, protette da agenti esterni e contribueiscono a rendere la struttura compatta e snella. Il carico è supportato dal tubo e la scanalatura svolge anche la funzione di antirotazione. Nell’immagine: unità lineare applicata alla regolazione dei sensori per il rilevamento dei margini di corsia o per il riconoscimento di segni di stampa.


Components & Other equipment Apparecchi ad aria calda

Carta gommata e ambiente Prodotto “antico” (si dice inventato da Thomas A. Edison nel 1852), la “carta gommata” sta vivendo una seconda giovinezza. La chiusura dei cartoni con carta gommata risulta definitiva, quasi una sigillatura. Un aspetto che a Ipack-Ima ha suscitato l’interesse dei visitatori presso lo stand di Imballaggi P.K. di Vigevano (PV). L’azienda ha infatti proposto la vasta gamma di dispenser per carta gommata di Better Packages™ e le carte gommate rinforzate leggere, a 3 fili in fibra di vetro, e forti (le cosiddette “a rombi”). Altro punto di forza della carta gommata è il ridotto impatto ambientale: derivando da prodotti vegetali, è naturale al 100%, costituita da cellulosa per il supporto e amido di patate per il collante. Se a una prima analisi la carta gommata appare più costosa rispetto ai tradizionali nastri di plastica, il risparmio si ottiene con l’utilizzo parsimonioso del prodotto: nessun raddoppio di striscia o inutili “rinforzi”.

Gummed paper tape and the environment A timehonored product (said to have been invented by Thomas A. Edison in 1852), “gummed paper tape” is enjoying a second youth. The closing of cartons with paper tape is definitive, one could say truly sealed! An aspect that at Ipack-Ima aroused interest in visitors at the stand of the Vigevono (PV) based manufacturer Imballaggi P.K. The company proposed the vast range of Better Packages™ dispensers for standard and light paper tape, the latter type reinforced with 3 fibreglass strands and defined as “rhomboid”. Another strongpoint of papertape is its reduced environmental impact: deriving from vegetable products, it is 100% natural: the substrate being made from cellulose and the glue from potato starch. If at first count paper tape appears more costly compared to traditional plastic tapes, the actual saving lies in the

94 • 5/09

Leister - leader nella progettazione e costruzione di apparecchi ad aria calda e rappresentato in esclusiva in Italia da Mohwinckel SpA* - ha messo a punto la nuova gamma di riscaldatori LHS (Leister Heat Source): tutti i modelli si distinguono per il dispositivo elettronico e la protezione dell’elemento riscaldante. Nell’ambito dell’industria del packaging, vengono impiegati per termoretrarre e saldare materiali in fogli per imballaggio; sterilizzare bottiglie, tappi, scatole e contenitori; attivare e sciogliere colle a fusione; saldare e termoretrarre fascette identificative, bande di ermetizzazione, bande detraibili e cappucci per pallet. Tre le linee sviluppate: • LHS Classic (con dispositivo e protezione dell’elemento riscaldante); • LHS Premium (con dispositivo integrato di regolazione elettronica della temperatura e prote-

zione dell’elemento riscaldante); • LHS System (con dispositivo integrato di regolazione elettronica della temperatura, protezione dell’elemento riscaldante e possibilità di controllo remoto della temperatura mediante termoregolatore esterno o PLC). Gli apparecchi Leister sono controllati e certificati dall’apposito Ente Qualità svizzero Electrosuisse, che ne garantisce qualità e sicurezza. * Mohwinckel SpA ha iniziato l’attività nel 1882, importando dalla Germania semilavorati e prodotti finiti. Da allora propone al mercato un’ampia gamma di prodotti e soluzioni (dalle materie plastiche alle apparecchiature ad aria calda) che spaziano nei più svariati campi applicativi. Nel 2001 la società ha ottenuto la certificazione UNI ISO 9001/2000 per aziende commerciali.

Sensore di visione Turck Banner Srl (Bareggio, MI) ha proposto il nuovo sensore di visione iVu serie TG, che combina la semplicità di un sensore fotoelettrico con l’intelligenza di un sistema di visione. È in grado di monitorare componenti determinandone il tipo, le dimensioni, l’orientamento, la forma e la posizione. Il pacchetto è costituito da illuminatore, sensore, ottica e display. Sono inoltre disponibili altre ottiche, staffe, filtri e illuminatori esterni. L’installazione, il montaggio e la configurazione richiedono poche rapide operazioni, senza l’uso di un PC esterno. Il sensore iVu (grado di protezione IP67) comprende diverse modalità di utilizzo: una di abbinamento, che determina se un pattern di un’etichetta o un componente corrisponde al campione di riferimento; un controllo di area - in grado di rilevare se una o più caratteristiche sono presenti - e che consente di verificare l’oggetto in movimento. La connessione è permessa attraverso un semplice connettore M12 standard, a cui sono collegate le varie funzioni di trigger, uscita per buono/scarto, strobe e alimentazione a 24 V.

product’s thriftiness: no doubling over of strips or wasteful “reinforcements”.

Hot air devices Leister - a leader in the design and manufacture of hot air devices and represented in Italy exclusively by Mohwinckel SpA* - has developed the new LHS (Leister Heat Source) range of heaters: all models stand out for an electronic device and heating element protection. In the packaging industry they are used for heatshrinking and sealing sheets for packaging; sterilizing bottles, caps, boxes and containers; activating and melting glues; sealing and heatshrinking identification bands, hermetic seal bands, shrink bands and covers for pallets. Three lines have been developed: • LHS Classic (with device and heating element protection); • LHS Premium (with integrated electronic temperature regulation device and heating element

protection); • LHS System (with integrated electronic temperature regulation device, heating element protection and optional remote temperature control using thermoregulator or PLC). Leister devices are controlled and certified by the special Swiss Quality Agency Electrosuisse, which guarantees their quality and safety. * Mohwinckel SpA began its operation in 1882, importing semi-processed and finished products from Germany. Since then it has put on the market a wide range of products and solutions (from plastic materials to hot air equipment) that straddle an array of fields of application. In 2001 the company obtained UNI ISO 9001/2000 certification for commercial concerns.

Viewing sensor Turck Banner Srl (Bareggio, MI) proposed the new iVu TG series viewing sensor, that combines the

simplicity of the photoelectric sensor with the intelligence of a viewing system. It can monitor components determining type, size, orientation, shape and position. The package comprises an illuminator, sensor, optics and display. Other optics, supports, filters and external illuminators are available. The installation, assembly and configuration require a few rapid operations, without the use of an external PC. The iVu sensor (IP67 grade protection) comprises various use modes: matching, that checks whether a pattern of a label or component corresponds to a reference sample; area control, capable of revealing if one or more characteristics are present; area control also offers control functions over the moving object. The connection is via a simple M12 standard connector, to which the various trigger, accept/reject outfeed, strobe and power at 24 V are connected.


Components & Other equipment Adesivi: applicazione “verde” a fine linea La multinazionale elvetica Robatech (sede italiana a Cesena, FC) ha presentato a Ipack-Ima l’evoluzione della testa di applicazione per hot melt serie “SX”, nota per velocità e dimensioni ridotte. Denominata Diamond, assicura una precisione e una durata ancora maggiori e, paragonata ad altre teste, è in grado di dimezzare la dispersione di energia, a tutto vantaggio dell’ambiente. Diamond è stata progettata per ottimizzare l’intero processo di imballaggio a fine linea e ridurre sia i costi sia il consumo energetico: secondo alcune misurazioni effettuate da Robatech, grazie all’isolamento termico Diamond consente di risparmiare energia fino al 60% rispetto ai

modelli tradizionali. La nuova testa è infatti totalmente coibentata e, secondo il produttore, è la prima soluzione per applicazioni hotmelt a livello mondiale a essere del tutto isolata termicamente. I vantaggi in questo caso sono notevoli: il materiale adesivo non si raffredda al passaggio all’interno della testa verso l’ugello e, di conseguenza, si mantiene costantemente viscoso fino al momento dell’applicazione sul prodotto. Inoltre, eventuali correnti d’aria (spesso presenti su macchine che lavorano ad alta velocità) non causano il raffreddamento dell’adesivo. Ne consegue un’applicazione molto precisa e senza filamenti. Le Diamond possono essere oggetto di una prima fornitura o essere installate come retrofit - su tutti gli applicatori della gamma Robatech.

Adhesives: green end-of-line application The Swiss multinational Robatech (Italian branch in Cesena, FC) presented at IpackIma the next generation of its SX series applicator heads, known for their speed and compactness. Called Diamond, the new hot melt applicator head ensures even greater precision and duration and, compared with other heads, is capable of halving energy dispersion, to the benefit of the environment. Diamond was designed in order to optimize the entire end of line packaging process and reduce both costs and consumption of energy (according to studies conducted by Robatech, Diamond’s thermal isolation enables reducing energy consumption by 60% with respect to traditional models). The new head is indeed fully insultated, and, according to the concern, it is the world’s first hot melt application to be completely heat insulated. The benefits in this case are significant: the adhesive material does not cool down when passing through the head to the nozzle, and, consequently, maintains constant viscosity up to the moment of application onto the product. Furthermore, air currents (often present in machines that work at high speeds) can no longer cause the adhesive to cool. What follows is a highly precise application with no filaments. Diamonds can be installed as both supply and retrofit, on all applicators of the Robatech range.


Company Index

M AY 2 0 0 9

Enti, aziende e associazioni citate su questo numero ADIM SCANDOLARA SRL..................18 ALTECH SRL ......................................76 ARCA ETICHETTE SPA ......................78 ARCHITA WIDE THINKING PEOPLE..14 AREA SRL...........................................42 ASSOCOMAPLAST ..............................8 ASSOGRAFICI......................................8 ATLANTA STRETCH SPA ...................42 AUTOROTOR SRL..............................90

FERRERO SPA ...................................18 FINAT .................................................10 FUJI SEAL EUROPE LTD ...................30

B&R AUTOMAZ. INDUST. SRL ..........83 BAKERS SELF ADHESIVE MAT. ........74 BASF INTERSERVICE SPA...........17, 73 BERICAP SRL.....................................10 BOREALIS ITALIA SPA.......................69 BORMIOLI ROCCO - LES VERRERIES DE MASNIÈRES..................................63 BOSCH REXROTH SPA......................39 BOSCOLO DESIGN PARTNERS ........28 BÜHLER AG .......................................56

H. BOHLMEIER & CO.........................64 HEINZ GLAS France ..........................65

CAMA GROUP ...................................39 CANON COMMUNIC. FRANCE INC. .63 CAVANNA SPA...................................57 CDS SRL.............................................69 CENTREXPO SPA...............................51 CIESSE SRL.......................................73 CMI SRL .............................................61 COLORMATRIX EUROPE LTD. ..........63 COMIECO.............................................8 CONAI - CONSORZIO NAZIONALE IMBALLAGGI...........18, 47 CONTROL TECHNIQUES SPA...........83 EDELMANN France............................64 ELESA SPA.........................................92 EMS CHEMIE AG - BU .......................64 ESKOARTWORK ................................64 ESSELUNGA SPA...............................17 EUROLABEL SRL ...............................31

G.N.C. SRL .........................................69 GIPEA .................................................12 GRAINDORGE....................................64 GRUPPO COLINES SRL.....................69 GRUPPO FABBRI SPA .......................56

I&J Fisnar France S.A.........................64 IASCONE PACKAGING MARKETING SRL ...................10, 23, 33 IGGESUND PAPERBOARD AB ..........65 IGUS SRL ...........................................92 IMBALLAGGI P.K. SAS ......................94 ING. ERICH PFEIFFER GMBH............66 INNOVIA FILMS..................................57 IPACK-IMA SPA........................8, 17, 51 ISTITUTO ITALIANO IMBALLAGGIO .............................10, 17 KARR ITALIANA SRL..........................70 KRONES SRL .....................................55 LAMEPLAST SPA ...............................66 LANCIA SRL .......................................81 LUMEN SRL........................................28 MAC DUE SRL....................................42 MACH Srl............................................18 MAESA PACKAGING .........................66 MANULI STRETCH SPA .....................70 MARKEM-IMAJE SRL .........................75 MASAUTOMAZIONE SRL ..................83 MEGAPLAST GMBH & CO. KG..........67 MIELE SNC.........................................70 MOHWINCKEL SPA ...........................94

NESPAK SPA .....................................17 NEUGART ITALIA SRL .......................91 NIADA SRL ........................................61 NOVAMONT SPA ...............................57 OFFICINA BOCEDI SRL .....................81 OMRON ELECTRONICS SPA.............84 OMS OFFICINA MECCANICA SESTESE SPA.....................................81 ORIEX COMMUNICATION .................63 PACKLAB SRL....................................74 PAVAN SRL ........................................58 PDA - PAN EUROPEAN BRAND DESIGN ASSOCIATION........30 PILOT ITALIA SPA ..............................10 PKG GROUP ......................................42 PLADA INDUSTRIALE SRL ................18 POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO INDACO ............17, 52 PROMENS LAINATE SRL ...................66 PROMETEIA .................................10, 24 REER SPA...........................................89 ROBATECH ITALIA SRL U.S. .............95 ROBILANT & ASSOCIATI SRL ...........28 ROLAND DG MID EUROPE SRL........77 RPC BEAUTE......................................66 RPC BRAMLAGE GMBH ....................66 RULLI RULMECA SPA........................92 S.I. TECNIMBALLO SRL.....................18 S.I.T. S.A. STAMPA IMBALLAGGI TRASPARENTI....................................51 SACCHITAL SPA ................................57 SACMI FILLING SPA ..........................45 SACMI IMOLA S.C. ............................45 SACMI LABELLING SPA ....................45 SAINT-GOBAIN VETRI SPA................18 SAMAPACK SNC................................70 SANDVIK ............................................67

SAPPI EUROPE S.A............................67 SARONG SPA.....................................67 SEDA INTERNATIONAL PACKAGING GROUP SPA.................18 SICK SPA............................................85 SIEMENS SPA ....................................84 SINCOPLAS........................................67 SIRTEC Srl ..........................................42 SISCODATA COMPUTER SRL ...........82 SOFTWORK SRL ................................74 SOJITZ EUROPE PLC - MILANO BRANCH.............................................56 STIAVELLI PAVAN GROUP ................58 SUTERMEISTER SRL..........................77 TAPLAST SPA.....................................18 TARSUS GROUP PLC ........................12 TGM TECNOMACHINES SRL ............61 THERMO RAMSEY ITALIA SRL..........86 TOLY PRODUCTS LTD.......................67 TURCK BANNER SRL ........................94 UBM ASIA (TISSUE WORLD) ...............8 UCIMA ................................................44 VALMATIC SRL ..................................61 VALOIS ITALIANA SRL.......................67 VELOX GMBH ....................................67 VELOX ITALIA SRL.............................67 WEKO ITALIA SRL..............................91 WILUX PACKAGING SRL...................75 WITTENSTEIN SPA.............................85 ZENITH SRL .......................................56

link to

for more info

96 • 5/09


A d v e r t i s e r s M AY 2 0 0 9 A

F

O

ACMA ..............................................................11

FOODPACK.....................................................57

OFFICINA MECCANICA SESTESE..................35

ALTECH .........................................II Cop. Memo

G

S

ARCA ETICHETTE ...........................................19

GEROSA GROUP ............................................43

SCANDOLARA ................................................60

AUTCAM..........................................................68

GIANAZZA ANGELO ......................................59

SIEMENS .........................................................32

AXOMATIC ......................................................97

GRUPPO DELES .............................................37

SIMEI 2009 ......................................................13

B

I

T

BECKHOFF .......................................................9

I.G.C. .................................................................7

TGM-TECNOMACHINES.................................65

BERICAP ...........................................................3

IMAGE S ..........................................................54

THERMO FISHER SCIENTIFIC ................III Cop.

BEVERFOOD ..................................................79

INTERNOVA PACK..........................................25

TRASCAR ..........................................................4

AGRA EDITRICE..............................................80

TURCK BANNER .............................................21 C

K

C.S.S. TECA PRINT .........................................53

KARR ITALIANA ..............................................82

CAMOZZI ........................................................95

U ULMA PACKAGING ........................................62

CAPSULIT................................................IV Cop.

L

CARCANO ANTONIO......................................16

LABELEXPO EUROPE 2009............................72

V

CICRESPI..................................................II Cop.

LAMEPLAST GROUP ......................................15

VERIMEC .........................................................31

CONSORZIO NAZIONALE ACCIAIO ..............22

VILLA L. & FIGLIO ..........................................85 M

D

MARKING PRODUCTS....................................75

Z

DRINKTEC 2009 ...............................................6

MININI IMBALLAGGI......................I Cop. Memo

ZANASI............................................................71

N NIMAX .............................................................93

Per abbonarsi/To subscribe to ✂ Nome e cognome Name and surname............................................................................

Abbonamento annuale: Annual subscription:

Funzione all’interno della società Job function ........................................................................................

❑ Autorizzo ad addebitare l’importo sulla carta di credito I authorize you to deduct the sum from my credit card

Società Company ............................................................................................

Settore di attività della società Primary company business ................................................................ Indirizzo Address .............................................................................................. CAP Città Post Code ............................................Town ...................................... Provincia Stato Province ..............................................Country .................................. Tel........................................................Fax ........................................ Codice fiscale .................................................................................... Partita Iva International Vat number ....................................................................

❑ Italia € 60,00 ❑ Estero € 96,00 ❑ Italy € 60,00 ❑ Aboad € 96,00

n. ................................................................................

Data di scadenza/Expiring date ...................................................... Titolare/Card holder ............................................................................ Data di nascita/Date of birth .............................................................. Firma/Signature .................................................................................. Data/Date .......................................................................................... ❑ Pagamento a mezzo bollettino sul c/c postale 57798183 ❑ Bonifico bancario/Bankers draught € Intestato a/Made out to: Edizioni Dativo S.r.l - Banca Popolare di Sondrio, Ag. 15, Via G. Murat 76, 20159 Milano - Abi 05696 cab 01614 c/c 000002533X86 - Cin: B - Iban: IT/91/B/05696/01614/000002533X86 Spedire via fax/Send by fax +39/02/69007664; e-mail: info@dativo.it Garanzia di riservatezza Il trattamento dei dati personali che la riguardano, viene svolto nell’ambito della banca dati della Edizioni Dativo Srl e nel rispetto di quanto stabilito dalla Legge 675/96 sulla tutela dei dati personali. Il trattamento dei dati, di cui le garantiamo la massima riservatezza, è effettuato al fine di aggiornarla su iniziative e offerte della società. I suoi dati non saranno comunicati o diffusi a terzi e per essi lei potrà richiedere, in qualsiasi momento, la modifica o la cancellazione, scrivendo all’attenzione del Responsabile Dati della Edizioni Dativo Srl. Solo se lei non desiderasse ricevere comunicazioni, barri la casella a fianco.

online www.packmedia.net

98 • 11-12/04


LE PAROLE DEL PACKAGING GLOSSARIO RAGIONATO PER IL SISTEMA-IMBALLAGGIO

Il glossario intende far convergere e restituire, in una forma immediata e di facile fruizione, il complesso sistema di conoscenze inerente il packaging: dalle culture del progetto alle tecnologie, dalle tecniche di stampa, ai processi di confezionamento, dalle forme della distribuzione ai contenuti ambientali. Il volume rappresenta un modello di sistematizzazione della conoscenza e si pone come strumento di consultazione nel quale è possibile richiamare attraverso 1.600 lemmi i saperi sui quali, nel tempo, si è costruita la competenza del packaging designer. Gli autori Valeria Bucchetti - Ricercatore di Disegno industriale al Politecnico di Milano, dove insegna Design della comunicazione presso il corso di Laurea in design della comunicazione. È autore di: La messa in scena del prodotto (Milano, 1999), Design della comunicazione ed esperienze di acquisto (Milano, 2004), Packaging Design (Milano, 2005), Culture visive (2007). Erik Ciravegna - Dottore di ricerca in Disegno Industriale e Comunicazione Multimediale, svolge attività didattica e di ricerca presso il Politecnico di Milano su temi di design della comunicazione. Si occupa di packaging design, con un’attenzione alle qualità comunicative degli imballaggi. Come visual designer ha sviluppato strumenti comunicativi per l’identità di marca e di prodotto.

Con il patrocinio di Istituto Italiano Imballaggio Con la partecipazione di Ipack-Ima SpA Edizioni Dativo Srl via B. Crespi 30/2, 20159 Milano tel. 02 69007733 - fax 02 69007664 info@dativo.it - http://www.packmedia.net Finito di stampare nel mese di marzo 2009

Euro 22,00


TechnoMemo ita imb maggio 2009  

MATERIALI E MACCHINE Sezioni : Alimentari & Bevande Cosmofarma Multisettore Etichettatura & Codifica Fine linea & Movimentazione Automazione...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you