Page 1

il gattopardo periodico dell’Amministrazione Comunale di Gavardo


Vita amministrativa

2


Editoriale

Etica del fare toscritto da tutte, dico tutte, le sigle sindacali e dalle rappresentanze sindacali aziendali, a dimostrazione che le preoccupazioni sollevate circa le sorti dei lavoratori sono inconsistenti. In secondo luogo i lavori pubblici: si avvieranno i lavori di ammodernamento della sala-teatro di Soprazocco, così come saranno messi in cantiere sia i lavori di manutenzione straordinaria del palazzetto dello sport - che abbiamo trovato in uno stato di pietoso abbandono - sia i lavori di sistemazione dell’auditorium e relativa terrazza. Conclusa la progettazione, procederemo con l’affidamento dei lavori dell’ex consorzio agrario, dove otterremo idonei ambienti per i servizi resi dall’ASL e la nuova biblioteca. Accanto a questo, ricordo che abbiamo triplicato gli investimenti sia per le asfaltature delle strade comunali che per il potenziamento dell’illuminazione pubblica. Inoltre si è conclusa la gara per la progettazione esecutiva e definitiva del secondo lotto della nuova scuola elementare (la palestra) i cui laInnanzitutto la riorganizzazione vori inizieranno nei primi mesi del dell’Asilo Nido - che rimane un ser- prossimo anno. vizio essenziale per la nostra comunità - con la quale, oltre che miglio- In terzo luogo l’ambiente: nei prosrare i costi di gestione, potremo – ed simi mesi, dopo aver incassato dalla è questa la cosa più importante - av- Comunità Montana di Valle Sabbia viare già da quest’anno una nuova il via libera al recupero, mediante sezione e rispondere così ai bisogni realizzazione di un grande impiandelle famiglie in lista d’attesa. Dare to fotovoltaico, dell’area Gusciana, servizi: è questo il nostro obiettivo, che era una vera e propria bomba mentre l’opposizione, contraria nei ecologica, si preparerà una piccola fatti a questa scelta, anziché pre- rivoluzione per il centro storico, che occuparsi dei servizi alle famiglie si dal prossimo anno sarà liberato da arrampica su questioni burocratiche tutti i cassoni dell’immondizia per con pareri di misteriosi esperti che passare alla raccolta porta a porta. neppure si firmano. E’ utile pertanto Un salto di qualità impegnativo per precisare che l’accordo per il trasfe- tutti, ma necessario per migliorare e rimento del personale alla Gavardo potenziare la raccolta differenziata Servizi Srl previsto dalla riorganiz- dei rifiuti. zazione dell’Asilo Nido è stato sotCi è piaciuto, dopo le tante chiacchiere da ombrellone dell’estate appena conclusa, il richiamo del Presidente del Consiglio all’Etica del Fare. Sì, perché anche noi crediamo che siano due i punti decisivi del rapporto tra la gente e la politica: il rispetto della sovranità popolare, che ha scelto in libere elezioni - piaccia o no - Silvio Berlusconi come proprio capo del Governo e la realizzazione del Programma con il quale ci si era presentati agli elettori. Tutto il resto sono disegni o dei soliti professionisti della politica di palazzo o di chi vuole arrivare al Governo del paese senza aver vinto le elezioni e cioè senza aver conquistato preventivamente il consenso del popolo sovrano. Noi siamo tranquilli: nessun gruppo di finiani nella maggioranza ed una alleanza forte, leale e costruttiva con la Lega Nord, con la quale ci apprestiamo ad affrontare un autunno molto intenso, dove il nostro programma troverà concreta attuazione, giorno dopo giorno.

E poi la semplificazione, il personale ed i servizi per i cittadini. In autunno, tenendo fede all’impegno preso con le frazioni, saranno attivati sia a Soprazocco che a Sopraponte due sportelli per il rilascio gratuito, 24 ore su 24, di tutte le più comuni certificazioni, senza bisogno di recarsi all’Ufficio Anagrafe, evitando così problemi di orari e di traffico. Il Responsabile del Settore Edilizia Privata si è trasferito in altra sede e IL GATTOPARDO Settembre 2010 in copertina, particolare di un dipinto di Angelo Parolini Autorizzazione del Tribunale di Brescia n. 34/1999 Editore, Comune di Gavardo Direttore Responsabile, Emanuele Vezzola Progetto grafico, impaginazione, stampa Tipolitografia Vobarnese via Comunale,133 Vobarno (Bs) tel. 0365 599975 Tiratura copie: 5000

3


Vita amministrativa

ospedale, conto alla rovescia Nell’assemblea organizzata dal Comune tracciati i passi che porteranno al nuovo, modernissimo ospedale di Gavardo sarà, ovviamente, sostituito in modo da garantire perfetta operatività all’ufficio; così come sarà sostituito il vice comandante della Polizia Locale che ci lascia per andare in pensione. Sempre entro l’anno la Polizia Locale sarà ulteriormente potenziata – contraria l’opposizione - con l’assunzione di un nuovo ufficiale che avrà il compito specifico di occuparsi dei controlli degli esercizi pubblici e della regolarità abitativa e di soggiorno degli stranieri. Al fine di contrastare il grave fenomeno dello spaccio, per il quale abbiamo chiesto un incontro al prefetto, che sarà a tal fine in visita a Gavardo il prossimo 30 settembre 2010, in Vicolo Poletti, in Vicolo Chiuso ed in Vicolo Mossi sarà installata la videosorveglianza - che abbiamo riattivato e reso effettivamente funzionante quale prezioso strumento di prevenzione e dissuasione - e potenziata l’illuminazione pubblica grazie alle maggiori risorse investite. In sintesi, pur sapendo che non tutto si può fare subito, che l’ascolto dei cittadini è un impegno quotidiano e non sempre i tempi dipendono solo da noi, questo è il nostro modo di operare: concreto, senza fronzoli, senza perdite di tempo in inutili teatrini della vecchia politica, rispettosi e attenti a tutti, ma fieri e orgogliosi, noi sì lo siamo, (altri criticano, impartiscono lezioni, senza mai dire chi rappresentano e da che parte stanno) dei nostri riferimenti politici e ideali, quei riferimenti che sono gli stessi della grande maggioranza dei gavardesi.  Il Sindaco, Emanuele Vezzola

Non sarà proprio sul modello dei telefilm, ma somiglierà molto a quelli americani. E’ questo il futuro dell’ospedale di Gavardo, in un tempo neppure troppo lontano, una volta terminata la ristrutturazione che ha preso il via lo scorso mese di febbraio. A spiegare le prospettive della struttura sanitaria della nostra cittadina sono stati direttamente il sindaco, Emanuele Vezzola e la direttrice generale dell’azienda di Desenzano, Dr. Mara Azzi, nel corso di una serata organizzata e promossa congiuntamente, che si è svolta lo scorso 23 luglio nell’auditorium della biblioteca. Alla presenza di quasi tutti i primari di reparto dell’ospedale e di un discreto pubblico, la dottoressa Azzi ha confermato il termine di consegna dei lavori del nuovo ospedale entro 720 giorni dall’inizio, quindi in non più di due anni. Le emergenze da risolvere non sono di poco conto. Oggi, ad esempio, il pronto soccorso svolge il proprio ruolo in spazi angusti e poco funzionali, domani avrà un’area

4

di 1200 metri quadrati con l’accesso direttamente dalla strada. Ma la mancanza di spazi adeguati è generalizzata a tutti i reparti, anche in considerazione della crescita del personale degli ultimi anni che è corrisposta anche alla crescita dei servizi offerti. Mara Azzi ha snocciolato numeri dettagliati e previsioni, dimostrando come la struttura sia in costante e progressiva crescita in termini di quantità, ma paghi lo scotto di una fisicità ormai poco adeguata a quei numeri. Ma anche a questo si porrà rimedio. L’ospedale di Gavardo, fra meno di due anni, sarà una struttura moderna, dove i soggiorni dei pazienti non dureranno a lungo, come prevedono le nuove tipologie di cura, ma dove il “paziente” sarà sempre e comunque al primo posto, in una funzione di piena e assoluta centralità. Un ospedale etico e funzionale, moderno e efficiente. “Un patrimonio che dobbiamo sentire nostro e tenere a cuore” come ha voluto specificare, in conclusione di serata il sindaco Vezzola. 


5


progetti educativi e di formazione per la comunità di gavardo L’Associazione Genitori di Gavardo ha ottenuto 50.000 euro dalla Regione Lombardia per due progetti rivolti ai genitori e ai figli “Meta scuola” e “Genitori in cammino” sono due progetti che l’A.Ge. di Gavardo ha elaborato in partenariato con le parrocchie dei SS. Filippo e Giacomo di Gavardo e di S. Lorenzo di Sopraponte e redigendo un protocollo d’intesa con l’Istituto Comprensivo di Gavardo e l’Amministrazione Comunale. Lo scopo di detti progetti è sostenere la genitorialità e l’educazione dei figli nelle varie fasce di età che vanno dall’infanzia all’adolescenza. Il progetto “Meta scuola” prevede: potenziamento del doposcuola per i ragazzi della scuola secondaria di I° grado di Gavardo, tramite vari percorsi laboratoriali: cortometraggio con i ragazzi protagonisti in qualità di registi/ attori, attività ludico-animativa in lingua inglese, attività di orientamento per scoprire le bellezze naturalistiche del nostro territorio, attività teatrale; doposcuola e attività aggregative nelle frazioni di Sopraponte e Soprazocco; training per l’incremento delle abilità di studio rivolto ai ragazzi; formazione sul metodo di studio per gli insegnanti e gli adulti impegnati nelle attività di sostegno scolastico previste dal progetto; attività di orientamento dedicata agli studenti e ai genitori riguardo al passaggio dalla scuola secondaria di I° grado alla scuola superiore; attività dedicata agli studenti delle scuole superiori e ai genitori riguardo alla rimotivazione e riorientamento nelle scuole superiori ed all’orientamento in uscita dalla scuola superiore. Unitamente a ciò saranno organizzati percorsi di formazione per animatori e volontari del doposcuola, del Campo Amicizia e del

C.a.g. e si offrirà la collaborazione al Campo Amicizia 2011. Il progetto “Genitori in cammino” che viene riproposto arricchito e potenziato, dopo gli ottimi risultati degli anni precedenti, prevede: incontri formativi a tema per genitori, nei quali qualificati professionisti tratteranno non solo di educazione o rapporto genitori/figli, ma anche di coppia e di esperienze di comunità; due gruppi di supporto alla genitorialità, uno rivolto a genitori con figli in età infantile (4-10 anni) e l’altro a genitori con figli in età preadolescenziale (11-14 anni); un percorso laboratoriale per genitori e insegnanti dei bambini della scuola dell’infanzia dal titolo ‘veleggiando nelle relazioni primarie’; educare con il cinema percorso formativo per genitori ed educatori basato sull’analisi filmica dove verranno analizzate e approfondite le relazioni in famiglia, le relazioni a scuola, il tem-

6

po, la comunicazione; gli adulti si incontrano, nasce la comunità percorso rivolto in particolare a gruppi già coinvolti nella rete di promozione sociale del territorio; percorso base e avanzato di alfabetizzazione informatica per genitori; percorso sul patto di corresponsabilità scuola-genitori; festa delle “Famiglie in Tesio” - settembre 2011, che vuole essere una grande occasione aggregativa per tutta la comunità. “L’ambizioso progetto che intendiamo realizzare - interviene Ilario Romano, presidente dell’A.Ge. Gavardo - ha lo scopo di sostenere noi genitori nel difficile compito di educatori e offrire aiuto ed opportunità di crescita ai nostri figli sia nell’ambito scolastico che extra-scolastico”. 


cred 2010 un successo allargato Accettate le iscrizioni di tutti i bambini: nessuno escluso

Si potrebbe definire un “successo allargato” il CRED 2010. Quest’anno infatti alla bontà del servizio ormai consolidato si è aggiunta la gioia di aver soddisfatto la voglia di una ventina di bambini di partecipare al centro ricreativo, nonostante l’imprevisto esubero di richieste sul secondo turno di luglio, rispetto alle 50 previste.

Come ogni anno il CRED prevedeva un attento e studiato programma di iniziative educative e ricreative, predisposto anzitempo dagli educatori responsabili nella splendida cornice del Monticello, grazie anche al consueto accordo con il Gruppo Alpini di Gavardo, capitanati dal sempre disponibile Sig. Guatta. La volontà dell’amministrazione e Non possiamo dell’assessore Salvadori di soddisfanon prendere l’occasione per re l’esigenza di tutte le famiglie – infare i migliori auguri per una contrandole anche personalmente - e perfetta guarigione a Daniele e il sollecito lavoro di tutto il personale e Simone vittime purtroppo di dei servizi sociali hanno fatto sì che si due incidenti di “gioco”. Nienriuscisse a superare alcuni ostacoli bu- te di grave anche se hanno dovuto, rocratici per tempo e garantire il servi- ahinoi, ridurre corse e scorribande!  zio a tutti.

sopraponte 1603. processo al miracolo Il volume sarà presentato a Sopraponte il 16 ottobre Sul finire del 1603 il vicario foraneo di Gavardo mons. Cristoforo Medici dà inizio al processo canonico relativo al miracolo della Maestà di Sopraponte. Infatti il 13 dicembre 1601 la Madonna della santella posta a lato della strada in località Terni era stata vista piangere da tal Lazzarino del Zel. Da quel momento, specie di domenica, diverse persone tra le quali il rettore di Sopraponte don Andrea Bertoni e l'arciprete di Gavardo don Cesare Bargnani videro e diedero testimonianza al miracolo. Questo libro, edito dalla Pro Loco del Chiese grazie ad un finanziamento della Comunità Montana di Valle Sabbia, si propone di raccontare la storia

di questo miracolo e del santuario che venne costruito nel luogo dove avvenne questo fatto straordinario. Ne nasce uno spaccato inedito della vita della comunità soprapontina dell'epoca, una realtà viva con le proprie tradizioni, speranze, piccole miserie quotidiane. Ma allora, come ancora oggi, il miracolo non è solo per il popolino, è anche per il clero e per i membri di quella che nel sud Italia è chiamata l'onorata società. Anche essi accorrono, vedono e credono, in uno slancio corale di due comunità, quella soprapontina e la vicina realtà gavardese, che concorrono nella devozione e nella costruzione del nuovo edificio sacro.

Un esempio di collaborazione nel bene e nel bello che l'autore, Andrea Crescini, si è proposto di raccontare perchè non sia solo ricordo del passato, ma monito per il presente e per il futuro. Il volume sarà presentato sabato 16 ottobre, ore 20.30, nella chiesa di Santa Lucia in Sopraponte. Tutta la popolazione è invitata a partecipare. 

7


mobilità traffico e protezione civile

educazione stradale spiegata ai ragazzi Oltre ottanta bambini al corso promosso sul minicircuito in piazza Aldo Moro Centosettanta metri lineari per l’educazione stradale dei più piccoli. La pista di simulazione delle condizioni stradali di Gavardo è la più lunga in assoluto nell’intera provincia di Brescia. Posizionata in piazza Aldo Moro, su zona interamente pedonale, la pista ha ospitato, nel mese di giugno, un corso di educazione stradale rivolto ai giovanissimi studenti gavardesi che frequentano la quarta elementare. Oltre ottanta bambini, alcuni dei quali provenienti anche dal plesso di Sopraponte, si sono cimentati ai pedali di biciclette e velocipedi fra strisce pedonali, cartelli di indicazione e precedenze. Il tutto seguiti a vista dall’agente istruttore della l’infanzia e ai primi anni della primaPolizia locale di Gavardo, Teresa Romaria. Un’iniziativa fortemente voluta no, impegnata in azioni di educazione dall’amministrazione comunale che, stradale rivolte anche alle scuole per appena dopo l’inizio del mandato, ha voluto posizionare la pista, unica nel suo genere, con queste caratteristiche, in tutto il bresciano, nella centralissima piazza del mercato: “Questa zona – ha spiegato l’assessore al traffico e mobilità del comune, Giuseppe Nodari -; è un centro educativo di grande importanza. L’abbiamo voluta appositamente in miniatura (i cartelli, le strisce e le indicazioni orizzontali sono a misura di bimbo, ndr) perché i piccoli si trovino a proprio agio e possano imparare le regole di come ci si comporta sulla strada. Oggi ai pedali di una bici, domani con lo scooter e poi con l’auto. Il rispetto delle regole si impara da piccoli e ci si augura che prosegua anche per il resto della vita”. Gli ottanta giovanissimi studenti hanno simulato tutti i principali passi che si compiono sulla strada: l’attraversamento pedonale

8

lasciando la precedenza ai pedoni, lo stop, il limite di velocità, la curva pericolosa, il divieto di accesso e la deviazione obbligatoria. “E’ un percorso che prevede anche passi didattici in classe – ha specificato una delle insegnanti -; abbiamo fatto vedere ai bambini una videocassetta su come ci si comporta sulla strada e ora hanno la possibilità di simulare ciò che hanno visto su una strada in miniatura ma molto simile a quelle normali”. La pista è permanente e tutti i bambini di Gavardo possono utilizzarla come palestra di percezione del rischio stradale in ogni momento: “La prevenzione del rischio - hanno proseguito il Sindaco Emanuele Vezzola e l’assessore Nodari - prevede educazione ma anche strutture come questa che possano incuriosire e sollecitare la curiosità dei bambini e delle loro famiglie. E’ un’opportunità che abbiamo voluto dare alla nostra comunità su un tema delicato quanto importante come quello della sicurezza individua-


le dei giovani e giovanissimi legata al traffico e alla mobilità”. Giocosa la mattinata per i bambini delle scuole che non hanno mancato di farsi scappare qualche battuta. All’attraversamento del semaforo, prima del rientro in classe, uno di loro rivolgendosi ad un amico lo ha ammonito dicendo: “attento, è rosso, altrimenti ci ritirano la bicicletta”. 

bando servizio civile anno 2010 Entro le ore 14.00 di lunedì 4 ottobre è possibile presentare la domanda per il servizio civile a Gavardo presso l'ufficio servizi sociali in via Mangano 7 (2° piano palazzo Rossi Noventa - tel 0365 376143) per il progetto dal titolo

"Un anno per il sociale in provincia di Brescia". Uno è il posto disponibile per il progetto, che dura 12 mesi e che prevede lo svolgimento del servizio nel settore Servizi Sociali del Comune di Gavardo (via Mangano 7) in area minori e giovani. Le principali compiti/attività del volontario sono la collaborazione per l’ideazione e realizzazione di iniziative per minori e giovani, l'aiuto nella gestione quotidiana di microazioni pensate all’interno del Cag e della mensa scolastica, l'assistenza a minori disabili. L'impegno richiesto prevede una disponibilità per n 5 giorni a settimana per un totale di 1.400 ore in un anno. Possono partecipare tutti i cittadini italiani che abbiano compiuto il diciottesimo e non abbiano compiuto il ventottesimo anno di età alla data della presentazione della domanda. Per ulteriori informazioni clicca su www.scanci.it

innovazioni, prevenzione e sicurezza stradale arrivano anche in periferia Anche a Sopraponte, e precisamente a Soseto e Caderusso, sono stati installati i tanto attesi Speed Check. Il ritardo non è dipeso dalla mancata volontà dell’Assessore Nodari, ma per la gli aspetti burocratici che hanno interessato la Provincia di Brescia, essendo la strada S.P. 57 di sua proprietà. Le colonnine già note sul territorio comunale di colore azzurro dovranno vigilare e dissuadere in quel pericoloso tratto di strada provinciale gli utenti che transiteranno e non rispetteranno i limiti di velocità imposti dal nuovo Codice della Strada. 

9


tutto il lavoro per la pulizia del territorio Televisori, lavatrici, frigoriferi, piani cottura e lavandini. Non si tratta di un negozio di elettrodomestici, come si potrebbe pensare, bensì dei rifiuti che i cacciatori gavardesi hanno trovato sulle montagne limitrofe al comune, sabato 19 giugno. Al termine della mattinata di pulizia sono stati riportati a valle (e stoccati nella discarica comunale) ben 8 camion di rifiuti di ogni genere: dagli scarti del taglio delle siepi, ai grandi elettrodomestici, passando per le gomme delle auto, le batterie e gli avvolgitori delle tende. L’iniziativa di pulizia è stata ideata dalla sezione di Federcaccia di Gavardo, insieme all’associazione venatoria Gasparotto, ed ha trovato l’immediato e pieno assenso operativo dell’amministrazione comunale. Tant’è che a pulire le località Monte Budellone e Monte Tesio, a metà giugno c’erano anche l’assessore all’ecologia e ambiente, Guido Grumi e Sergio Bertoloni, nella doppia veste di Vice Sindaco e cacciatore. Un’iniziativa ben riuscita, che ha permesso di recuperare diversi quintali di rifiuti ma che ha messo a nudo lo scarso senso civico di alcune persone nei confronti dell’ambiente e della montagna: “Non

capiamo assolutamente questi comportamenti - hanno spiegato Grumi e Bertoloni - alla luce della presenza di una discarica comunale completamente gratuita e con una forbice di apertura molto ampia, dove poter smaltire qualsiasi tipo di rifiuto. Crediamo che sia anche meno faticoso rispetto a portare queste cose in montagna. Certamente è più civile e rispettoso”. La giornata di pulizia della montagna gavardese ha visto la presenza di una ventina di cacciatori volontari, aderenti alle due associazioni venatorie, impegnati nella raccolta dei rifiuti: “E’ un segnale molto bello - hanno proseguito assessore e vice Sindaco - perché i cacciatori, che spesso sono messi al centro dell’obiettivo dagli ambientalisti, dimostrano di avere a cuore il loro territorio e si impegnano per tenerlo il più pulito possibile”. Ma il degrado di alcuni punti della montagna non potrà non avere conseguenze anche nei confronti di chi, impunemente, viola le regole più banali del vivere civile: “Alcuni rifiuti è come se avessero nome e cognome – hanno inciso Bertoloni e Grumi -; Gavardo è una comunità media, dove ci si conosce ed è facile

capire a chi appartengono gli scarti di un’attività artigianale specifica. Ma ora l’attenzione sarà massima, sia a livello di controlli, che a livello di sanzioni”. L’iniziativa si è svolta per la prima edizione quest’anno, dopo che i cacciatori da tempo chiedevano alle amministrazioni succedutesi di intervenire in tal senso: “Abbiamo accolto la proposta con entusiasmo e ci siamo impegnati direttamente – ha concluso Grumi -; l’ambiente per noi è un’assoluta priorità e saremo sempre vicini, anche in futuro, a iniziative di questo genere”. 

Elenco cacciatori presenti all’iniziativa di pulizia dei boschi Federcaccia sezione di Gavardo Avanzi Maurizio Presidente Cittadini Roberto Segretario FDC Ridoli Paolo Vicepresidente Bertoloni Sergio Consigliere Maioli Gabriele Consigliere Maioli Massimo Consigliere Maioli Ottorino Consigliere Maioli Battista Luciano Maioli Angelo Salvadori Maurizio Consigliere Dusi Fabrizio Consigliere Vezzoni Carlo Consigliere GASPAROTTO Federici Gianbattista Presidente Marsiletti Luca Vicepresidente Frigerio Flavio Barboni Lorenzo E’ seguito un rinfresco molto gradito ed offerto gentilmente dai Sigg. Basilio e Luisa Ridoli

10


energia, un piano milionario in località gusciana

Grazie alla Comunità Montana, Gavardo ospiterà un «Parco» del valore di 26 milioni di euro che sfrutterà il fotovoltaico Il quotidiano Bresciaoggi del 24 agosto ne ha dato notizia al grande pubblico con dovizia di particolari. Sta per nascere a Gavardo il «Parco delle energie alternative» della Valsabbia: un progetto concreto di cui il Presidente della Comunità Montana Ermano Pasini ha fornito molti particolari. La super centrale dedicata a fotovoltaico, eolico e biomasse richiederà un investimento enorme; ben 26 milioni di euro. E fornirà elettricità agli edifici pubblici di tutti i comuni del territorio valligiano (e non solo). «Tutto questo si materializzerà entro l'anno - conferma Pasini - con la realizzazione di un grande impianto solare che doterà le pubbliche amministrazioni dell'indipendenza energetica per tutti gli immobili pubblici». Questa operazione parte da lontano; dal «Progetto energia comuni consumi zero», inserito nell'ambito del «Patto dei sindaci» lanciato dall'Unione europea per la riduzione delle emissioni di

Co2. La località Gusciana (quella che si trova a ridosso di Paitone, salendo dalle Fornaci) ospitava un allevamento di tacchini, ora dismesso, le cui coperture erano in cemento-amianto. L'area è molto vasta e, appunto, particolarmente soleggiata. Così l'ente comprensoriale ha acquistato l'area e bonificato la zona giusto in tempo per richiedere tutte le autorizzazioni per far nascere un polo di energia alternativa.

Il super progetto coinvolge la Comunità e ben 35 comuni: i 25 valsabbini e altri 10 vicini. Gavardo ricava da questo accordo un triplice beneficio: riqualifica una zona degradata dall’eternit, trae energia per i propri edifici pubblici e la pubblica illuminazione e infine incasserà l’ICI su tutti gli impianti. Non poco per un periodo in cui le risorse sono sempre scarse. 

Un paese più bello con le nuove rotonde sponsorizzate Grazie ai nostri imprenditori Da qualche settimana tutta le rotonde di Gavardo sono state piantumate con fiori in grado di abbellire le nostre strade. L'ufficio manutenzine verde pubblico si è prefisso nei mesi scorsi l’obiettivo di affidare ai privati l'allestimento e la successiva manutenzione di aree a verde di proprietà comunale poste in particolari punti "strategici" della città arricchendone così il livello estetico. L'intervento del privato nella gestione del verde cittadino vuole essere anche da stimolo per un miglioramento di

tutta la gestione della cosa pubblica. Grazie dunque agli imprenditori gavardesi che hanno preso in "adozione" queste aree. Con l'esposizione dei cartelli, lo sponsor può, con una cifra moderata, promuovere la sua immagine legandola ad una iniziativa che oltre a recare un vantaggio per la cittadinanza, è sicuramente una grande novità in termini di comunicazione. Infatti lo sponsor, quasi sempre già conosciuto dal pubblico, potrà, in questo

modo, differenziarsi per aver utilizzato le proprie risorse economiche in pubblicità molto diversa da quella tradizionale, contribuendo cioè in maniera concreta alla qualità della vita di tutta la comunità. 


ottobre gavardese

al Nord come al Sud

Il federalismo tra sfida e opportunità. Incontri a cura del prof. Roberto Chiarini L'avvio dell'iter parlamentare dei decreti legislativi attuativi del federalismo fiscale impone un momento di approfondimento e confronto sulla delicata fase attuale. L’ottica della costruzione di un assetto federalista rappresenterà un momento di profondo mutamento del sistema Paese, nonché un passo decisivo verso nuovi assetti interistituzionali. Con alcuni autorevoli interlocutori cercheremo di capire meglio il significato di un concetto diffuso dai contorni sfuocati. 

8 ottobre

22 ottobre Piero Ostellino Docente di Storia delle Dottrine Editorialista e inviato speciale de «Il Politiche Università degli Studi di Corriere della Sera» Milano Unità culturale e unità politica

Stefano Galli

15 ottobre Stefano Galli Docente di Storia delle Dottrine Politiche Università degli Studi di Milano Il federalismo nella cultura politica italiana tra 800 e 900

29 ottobre

Alberto Martinelli

Preside facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Milano Quale federalismo per l’Italia?

Tutti gli incontri si terranno a Gavardo (BS) presso la Sala Mostre della Biblioteca Comunale, in via Quarena, con inizio alle ore 20.30.

12


news dalla bocciofila gavardese e dal ciclismo Domenica 6 giugno 2010 presso bocciodromo comunale di Gavardo, con il patrocinio del comune, è stato organizzato dalla bocciofila gavardese, grazie al presidente sig. Codurri Andrea e di tutti i suoi collaboratori, il campionato regionale di bocce femminile individuale con partecipazione di un folto pubblico. Alla premiazione era presente l'assessore allo sport del comune di Gavardo. L'assegnazione dell'organizzazione di questo evento sportivo e' stata un atto di riconoscimento per l'attivita' svolta da oltre 50 anni dalla bocciofila Gavardese sia in campo sportivo che in campo sociale (molti pensionati frequentano giornalmente il bocciodoromo). Il numero dei tesserati simpatizzanti e' di 137. La bocciofila gavardese ha ricevuto i complimenti per l'organizzazione dai partecipanti e dal

pubblico presente. Il 22 agosto è stato organizzato dal gruppo ciclisto gavardo il 23° trofeo P. Montanari: gara ciclistica con partenza da piazza Marconi e arrivo al monticello. Il supporto tecnico logistico è stato fornito dal gruppo

alpini di Gavardo e da molti volontari. La gara ciclistica è stata patrocinata dal comune di Gavardo che ha offerto una medaglia d'oro. Davvero tanto il pubblico assiepato lungo le strade. 

bilancio di un'estate gavardese Molto apprezzati gli spettacoli all'isolo e gli appuntamenti con i burattini Sono tanti e diversificati gli eventi che hanno animato Gavardo da giugno a settembre. Basta sfogliare il ricco calendario pubblicato sul numero scorso de "Il Gattopardo" per vedere l'elenco degli appuntamenti che hanno allietato giornate e serate di coloro che sono rimasti in paese. Gli apprezzamenti più calorosi sono stati riservati da un lato agli spettacoli sull'isolo e dall'altro agli appuntamenti del... gioppino. L'isolo è stato riscoperto durante alcune serate con musica e rappresentazioni teatrali di buon livello; è un posto magico che vale la pena valorizzare e riscoprire. Per troppo tempo è stato abbandonato ed oggi

le tante persone presenti durante gli appuntamenti estivi chiedono di insistere sulla strada intrapresa. L'altra piacevole sorpresa sono stati gli spettacoli in piazza Aldo Moro. La rassegna dal titolo “Come ci si divertiva un tempo” ha registrato il tutto esaurito nelle cinque serate promosse dall’assessorato alla Cultura di Gavardo. I protagonisti sono stati i burattini di Giacomo Onofrio, famoso interprete di quest’antica arte di spettacolo. Le tipologie di spettacolo proposte sono commedie scritte recentemente mantenendo lo stile tradizionale, oppure opere tratte da vecchi canovacci, che ancor oggi sono patrimonio indiscusso della tradizione orale del Nord Italia. I burattini di Giacomo Onofrio sono un filone importanti della tradizione familiare italiana

che da padre in figlio si tramandano da molto tempo l’arte e il mestiere del burattinaio: difatti la famiglia Onofrio è citata su “L’Enciclopedia Bresciana”, nel “El Lunare de Brèsa” e nel “Libro dei mestieri dimenticati di Brescia” nonché in una sezione speciale nel Rais, il centromuseo di Palazzo Cigola Martinoni a Cigole. 

13


sevizi sociali

raccolta

rifiuti ingombranti

Da sabato 04 settembre riparte il servizio di raccolta rifiuti ingombranti domestici (elettrodomestici, mobili, tv, complememnti d’arredo) mediante prenotazione telefonica al numero verde 800 011 639 (digitando in successione gli interni 4 e 3). Il servizio sarà effettuato il sabato, ogni due settimane, secondo il calendario che trovate in allegato. La richiesta è riservata alle utenze domestiche del Comune di Gavardo; per ogni data prevista verranno serviti i primi 10 utenti in ordine di prenotazione. Per informazioni contatta l’Ufficio Tecnico al n. 0365 377482. 

sms gratuiti

Invitiamo tutti i cittadini ad iscriversi alla newsletter ed al servizio SMS completamente gratuito, inserendo i propri dati collegandosi al sito www.comune.gavardo.bs.it La newsletter del comune ha lo scopo di informare l'utente su argomenti di interesse comunale quali, ad esempio, iniziative, nuovi aggiornamenti o novità amministrative. L'utente riceverà con cadenza periodica una e-mail contenente le informazioni precedentemente descritte. La cancellazione dell'iscrizione è facilmente attuabile in  caso di necessità. Lo stesso vale per il servizio SMS gratuito.

dal comune

14


«Che sistema di musei!» è la nuova bellissima guida, gratuita, dedicata ai piccoli visitatori della rete di musei valsabbini. Il volume è stato presentato a luglio nella sede del Museo archeologico di Gavardo alla presenza del Sindaco, del Direttore del Museo e dei collaboratori e autori del quaderno il8

lustrato, nel quale reperire le informazioni più importanti relative a ciascun museo del sistema museale. «Abbiamo indicato tutte le caratteristiche predominanti permettesComunità Montana diche Valle Sabbia Sistema Museale della Valle Sabbia Servizi Educativi sero, con brevi cenni, di visitare i vari musei», ha spiegato Michela Valotti che insieme all’illustratrice Alessandra Balzani ha curato la realizzazione della guida. Che cos’è un museo? nelle linIl libro contiene la traduzione gue inglese, francese e arabo. Le 10mila copie saranno distribuite agli studenti valsabbini di quarta e quinta elementare e delle medie.

Che Sistema di MUSEI!

Che Sistema di MUSEI!

guida museo per piccoli

una i più

9

Probabilmente ti sarà già capitato di entrare in un museo, accompagnato dai tuoi genitori o con gli insegnanti.

La sua origine è molto antica e coincide con la volontà, da parte di un collezionista, di rendere pubblica, cioè visitabile a tutti, la sua collezione. Secondo la tradizione, la prima idea di museo risale alla fine del Quattrocento, quando papa Sisto IV dona alla città di Roma la sua importante raccolta di pezzi storici, dando vita così a quelli che poi saranno chiamati Musei Capitolini.

ale, coinvolgendo in prima persona i bambini.  10

Chi

Naturalmente… approfondire u un pomeriggio

E’ un momento importante, questo, perché si riconosce che una collezione privata, frutto—in quel caso—di importanti ritrovamenti archeologici, è patrimonio di tutti, cioè appartiene all’intera comunità di persone che abitano su quel territorio.

Marco Baioni, direttore del museo ha sottolineato l’importanza dell’interazione con le scuole e con i ragazzi ed in particolare delle attività di laboratorio organizzate dal sistema muse-

In realtà molte s All’entrata, di so d’ingresso, com ombrelli e zaini. percorso da seg

La parola museo indica, per la precisione, il luogo delle muse, cioè la sede in cui abitano le nove fanciulle che la mitologia greca ha assegnato alle diverse espressioni dell’attività umana: c’è, ad esempio, la musa della Poesia, Calliope, quella della Storia, Clio, della danza, Tersicore, o dell’Astronomia, Urania.

Poi, nelle sale d sul comportame non si avvicinino

Di musei ne esistono davvero di tanti tipi… ma importante è ricordare che essi conservano ed espongono al pubblico non solo oggetti, come dipinti e sculture, oppure giocattoli o abiti, ma cercano anche di documentare quello che non si vede, cioè le testimonianze “immateriali”, come leggende tramandate oralmente o canzoni per non perdere l’importante eredità lasciata da chi ci ha preceduto.

52

Museo del Lavoro Vestone Dove

Ma molti sono i visitatore sempli dell’intero patrim gli oggetti, il Re il pubblico, giov nelle visite guida

Molti musei sono si chiamano, ad spesso collabor o propongono giornate straord

53

Data di nascita Il museo è stato inaugurato nel 2008, nella sede dell’ex-convento secentesco dei frati francescani.

In Via Madonna del Convento, in località Mocenigo, non lontano dalla scuola secondaria di I grado “A. Glisenti” Per informazioni contatta l’Associazione “Museo del Lavoro” al seguente recapito: cell. 339.3783978 oppure collegati al sito internet: www. comune.vestone.bs.it

Segni particolari

Cosa ti offre

Il museo espone testimonianze recenti del lavoro in valle, in particolare oggetti e strumenti legati alla produzione dei metalli non ferrosi, oltre che le testimonianze salvate dalla dismissione di varie industrie valsabbine.

Nelle aperture stabilite, durante i fine settimana, puoi seguire una visita guidata a cura dei volontari.

In particolare sarai colpito da una serie di imponenti macchinari per la lavorazione della plastica o per la rifinitura di pezzi metallici, nonché dalla presenza di oggetti finiti e numerosi strumenti.

In altri momenti dell’anno, in occasione di specifici progetti, è possibile svolgere dei laboratori, alla presenza di una guida esperta.

8

Che cos’è un museo?

9

Probabilmente ti sarà già capitato di entrare in un museo, accompagnato dai tuoi genitori o con gli insegnanti.

La sua origine è molto antica e coincide con la volontà, da parte di un collezionista, di rendere pubblica, cioè visitabile a tutti, la sua collezione. Secondo la tradizione, la prima idea di museo risale alla fine del Quattrocento, quando papa Sisto IV dona alla città di Roma la sua importante raccolta di pezzi storici, dando vita così a quelli che poi saranno chiamati Musei Capitolini.

Quando Il museo è attualmente aperto secondo un calendario fornito stagionalmente dai volontari. Puoi però visitare il museo anche in occasione di eventi culturali o di aperture straordinarie.

E’ un momento importante, questo, perché si riconosce che una collezione privata, frutto—in quel caso—di importanti ritrovamenti archeologici, è patrimonio di tutti, cioè appartiene all’intera comunità di persone che abitano su quel territorio. La parola museo indica, per la precisione, il luogo delle muse, cioè la sede in cui abitano le nove fanciulle che la mitologia greca ha assegnato alle diverse espressioni dell’attività umana: c’è, ad esempio, la musa della Poesia, Calliope, quella della Storia, Clio, della danza, Tersicore, o dell’Astronomia, Urania. Di musei ne esistono davvero di tanti tipi… ma importante è ricordare che essi conservano ed espongono al pubblico non solo oggetti, come dipinti e sculture, oppure giocattoli o abiti, ma cercano anche di documentare quello che non si vede, cioè le testimonianze “immateriali”, come leggende tramandate oralmente o canzoni per non perdere l’importante eredità lasciata da chi ci ha preceduto.

16

10

Civico Museo Archeologico della valle Sabbia Gavardo Dove A Gavardo, in piazza San Bernardino, 2, in un antico edificio che si trova dietro la chiesa parrocchiale Tel. e fax: +39.0365.371474 e-mail: gavardo@istituzionemuseale.191.it sito internet: gavardo.museivallesabbia.net

Quando Il museo è aperto lunedì e mercoledì, dalle ore 9 alle ore 13; martedì e giovedì dalle ore 8 alle ore 13; il venerdì dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 20.30 alle ore 23.30. Il sabato e la domenica è aperto su prenotazione. Durante il corso dell’anno vengono proposte, la domenica pomeriggio, aperture straordinarie.

Data di nascita Il museo di Gavardo è, tra i musei della valle, quello di più antica fondazione Nasce infatti nel lontano 1956, per iniziativa di un gruppo di appassionati di speleologia ed archeologia, tra cui il maestro gavardese Piero Simoni. I risultati delle loro importanti scoperte, a partire da quella del Buco del Frate di Prevalle che ha portato alla luce, tra gli altri, lo scheletro dell’Ursus Spelaeus, sono ora esposti nelle vetrine del museo. Quel gruppo di ricercatori volontari ha dato vita ad una associazione, il Gruppo Grotte Gavardo che ancora, durante l’estate, collabora con il museo alle attività di scavo in alcuni siti della zona, tra cui Corna Nibbia di Bione e Lucone di Polpenazze del Garda.

17

Segni particolari

Cosa ti offre

Il museo è allestito in un’antica casa che risale al XV secolo.

Oltre alla tradizionale visita guidata, il museo propone una ricca serie di attività, soprattutto di percorsi e laboratori che puoi svolgere con i tuoi compagni di scuola.

Al piano terra, vicino all’ingresso, trovi la Sala Paleontologica, quella che illustra le tappe della nascita degli organismi viventi, di cui abbiamo traccia nei numerosi fossili esposti. Al centro della sala rimarrai impressionato dalle dimensioni dello scheletro dell’Ursus Spelaeus, l’orso delle caverne, ma anche dalla tibia del Mammuth, dal cranio della puzzola, dalla mandibola e dai denti di un bisonte preistorico… Al primo piano incontri altre stanze che raccontano i successivi stadi culturali dell’uomo. Nelle Sale di Preistoria e Storia le vetrine espongono i reperti collegati ai seguenti periodi documentati nella nostra zona, il Paleolitico, il Mesolitico, il Neolitico, l’Età del Bronzo e l’Età del Ferro, in cui l’uomo si dedica alla caccia e alla raccolta e poi, dopo aver raffinato le sue abilità tecniche, impara a forgiare i metalli. La Sala del Lucone di Polpenazze ospita il calco (cioè una copia) della piroga in legno recuperata negli anni Settanta dai volontari del Gruppo Grotte, in una zona dove erano presenti ben cinque palafitte. Infine, nella Sala della necropoli del Lugone di Salò sono esposti i reperti trovati, appunto, nella necropoli (cioè la “città dei morti”) di Salò, compreso il famoso vaso borraccia in terracotta.

Tra i titoli delle attività ti segnaliamo, ad esempio, Dal Big Bang all’Era glaciale, Miti e leggende dal mondo romano. Ercole contro Laomedonte, Io archeologo, Animale o roccia?

Chi va in museo?

Naturalmente… i visitatori, bambini o adulti, interessati ad approfondire un argomento, oppure solo per curiosità, per passare un pomeriggio diverso dal solito. In realtà molte sono le figure professionali che operano in un museo. All’entrata, di solito, c’è qualcuno che ti accoglie, che ti consegna il biglietto d’ingresso, come al cinema, o che ti propone di lasciare, in guardaroba, giacche, ombrelli e zaini. E’ il personale addetto alla “reception” che ti dà indicazioni sul percorso da seguire. Poi, nelle sale dei musei più importanti, ci sono anche dei custodi che vigilano sul comportamento dei visitatori, facendo attenzione che non schiamazzino o che non si avvicinino troppo agli oggetti esposti. Ma molti sono i professionisti che lavorano “dietro le quinte”, negli uffici dove il visitatore semplice non può entrare, per esempio il Direttore che ha la responsabilità dell’intero patrimonio; il Conservatore che, come dice la parola, cataloga e custodisce gli oggetti, il Responsabile dei Servizi Educativi che progetta attività specifiche per il pubblico, giovane o adulto, e gli Educatori museali, le guide che ti accompagnano nelle visite guidate o nei laboratori. Molti musei sono anche sostenuti da gruppi di volontari, riuniti in associazioni, che si chiamano, ad esempio, “Amici dei musei”. Il loro sostegno è prezioso: spesso collaborano attivamente all’andamento dell’istituzione o propongono iniziative pubbliche, come mostre o giornate straordinarie di apertura.

15

11


cinque anni di promozione culturale La pro loco del Chiese ha compiuto cinque anni. Il nuovo presidente, Giuseppe Mazza, traccia un bilancio del lavoro svolto Presidente da un solo anno, ma socio fondatore da cinque lunghi anni.. Eravamo quattro amici al bar… come cantava Gino Paoli e un po’ per gioco, un po’ per sfida ci siamo costituiti in associazione per promuovere al meglio il territorio e organizzare incontri culturali per riflettere sul nostro tempo. Sono sempre stati incontri con testimoni che hanno navigato l’Italia di questi anni: Oscar Giannino, Emanuele Severino, Maurizio Belpietro e tanti altri. Quale è stato l’incontro più toccante? Penso che la serata con la figlia di De Gasperi abbia toccato il cuore di tutti i presenti, oltre ogni ideologia e ogni riferimento politico. La serietà della figura di Alcide De Gasperi è stata tratteggiata con tanti episodi che hanno fornito la percezione di come la politica sia cambiata, forse troppo. Avevate anche fondato un periodico: “Il Chiese Notizie”. Che però non esce da qualche tempo. Perché? Perché ci manca il tempo… e qualche sponsor che la situazione economica ha reso difficile reperire. Anzi ne approfitterei per fare un appello…. AAA cercasi sponsor disponibili anche con cifre esigue. 2004-2010 Inoltre il nostro periodico voleva punzecchiare l’amministrazione verso determinate scelte. Ora questo delega l’organizzazione di numerose iniziative culturali. Avremmo poi compito è passato ad altri. intenzione di raccogliere le testimoE per il futuro cosa avete in pro- nianze di chi ha fatto politica negli ultimi sessant’anni nella Democrazia gramma? Per il futuro c’è la collaborazione con Cristiana. Infine desideriamo aumenil Comune di Gavardo che oggi ci tare il nostro impegno per organizza-

16

PRO LOCO DEL CHIESE re nuovamente un corso di cultura ebraica che tanto successo ha riscosso lo scorso anno. Insomma, di carne al fuoco ce n’è per impegnarsi ancora. 


Bruno Ariassi progetta il futuro di soprazocco

Non solo asfaltature ma anche una moderna sala polivalente parrocchiale

Assessore, il suo mandato elettorale è solo agli inizi ma le opere in cantiere non sono poche. Le necessità di Gavardo e delle frazioni sono tante e poco alla volta stiamo tentando di risolverle con tanta buona volontà da parte di tutti e con maggiori investimenti, nonostante le difficoltà finanziarie degli enti locali. Per esempio? Per esempio questa Amministrazione ha triplicato la spesa per le asfaltature portandola a Euro 300.000,00. Molte strade erano dissestate, piene di buchi e con rischi evidenti per la circolazione. Tanti erano i cittadini che si rivolgevano agli uffici per lamentare danni. Oggi anche allora i lavori che sono risultati con il nuovo piano asfaltature abbiamo particolarmente graditi dalla popolaintrapreso i primi passi per una miglio- zione. re viabilità. A Gavardo e Sopraponte cosa bolle in Pochi mesi fa inaugurava il nuovo pentola per quanto riguarda i lavori campo di Sopraponte ed oggi è già pubblici? pronto col progetto per la sala par- Voglio dire subito che sul fronte della rocchiale di Soprazocco. pubblica illuminazione stiamo facendo Abbiamo la fortuna di avere un buon moltissimo: abbiamo triplicato gli inveufficio tecnico che segue l’Amministrazione nella progettazione degli interventi sul territorio. I 150 mila Euro che andremo ad investire nella struttura parrocchiale di Soprazocco per rinnovare gli ambienti pubblici parrocchiali mi rendono particolarmente orgoglioso proprio perché risiedo in questa frazione e tutta la mia vita l’ho trascorsa in quell’ambiente sano e ricco di umanità.

stimenti per i nuovi tratti di punti luce portando la spesa a Euro 150.000,00. Molti di questi investimenti li abbiamo fatti nelle frazioni portandole decisamente al centro della nostra attenzione. In aggiunta, per esempio, a Sopraponte abbiamo progettato il marciapiede con illuminazione pubblica dallo svincolo della tangenziale fino a Caderusso.

Non è il primo intervento che Lei inaugura a Soprazocco. Quasi due anni addietro la Comunità Montana ha speso un’ingente cifra per allestire il nuovo campo in erba che oggi viene usato praticamente tutte le sere. Sono orgoglioso di avere seguito

17


una nuova sala per soprazocco Dopo il campo sportivo a Sopraponte prosegue l’impegno di collaborazione con le Parrocchie

Sempre a Soprazocco stanno partendo i lavori di realizzazione del marciapiede che dalla fontana posta di fronte casa Manzoni, percorrerà via Bagozzi, oltre alla realizzazione di alcuni parcheggi e aree per i cassonetti raccolta rifiuti a San Giacomo, Bussaga e Benecco.

Nella frazione di Soprazocco non esiste nessuna sala comunale e gli abitanti per potersi riunire sono costretti a raggiungere il centro di Gavardo o ad usare le sale messe a disposizione dalla parrocchia che però necessitano di lavori di ristrutturazione e messa a norma. Il teatro dell’oratorio di Soprazocco ha una capacità tale da poter soddisfare le esigenze di una sala per riunioni pubbliche, pertanto è intenzione dell’Amministrazione comunale provvedere alla ristrutturazione e messa a norma dello stesso.

gettazione e della realizzazione delle opere di messa a norma del teatro e dei locali di servizio per realizzare una sala polifunzionale che verrà utilizzata dalla parrocchia ma anche dall’Amministrazione e dalle associazioni che ne facciano richiesta.

Il Progetto

Il progetto prevede la messa a norma del teatro esistente per la realizzazione di una sala polifunzionale a disposizione della Parrocchia di Soprazocco ma anche dell’Amministrazione comunale e dei cittadini della frazione per la conSiete intervenuti anche sul cimitero di vocazione di assemblee pubbliche, di Soprazocco. L’Amministrazione, in accordo con la riunioni delle numerose associazioni È vero. È il cimitero che più necessitava Parrocchia dei SS. Biagio e Giacomo, di interventi, in modo particolare sulla ha deciso di prendersi carico della pro- locali e di gruppi privati. cappella cimiteriale e degli annessi portichetti di collegamento tra i primi due campi del cimitero. Sono stati rifatti anche gli intonaci e le pareti interessate dall’umidità. Un atto dovuto per il rispetto dei nostri cari defunti e di coloro che ogni giorno frequentano il camposanto della frazione.

Farmacia Comunale Soprazocco

Sogni nel cassetto? Più che dei sogni, mi piace essere concreto e parlare di progetti sul tavolo. A breve partirà la progettazione del secondo lotto della scuola elementare; entro il prossimo maggio dovremo consegnare all’ASL i nuovi uffici presso l’ex Consorzio Agrario; fra un paio d’anni dovremo traslocare il nuovo palazzo municipale presso le vecchie scuole elementari e se qualche finanziamento troverà la giusta via… mi piacerebbe concludere il mandato elettorale inaugurando la nuova strada di Soprazocco per rendere meno caotica la viabilità della mia bella frazione. 

omepatia, preparazioni galeniche, autoanalisi, biotricotest, ayurveda Orario di apertura Da lunedì a venerdì dalle 8,30 alle 12-30 e dalle 15,00 alle 19,00 Sabato mattina dalle ore 8,30 alle 12,30 Sabato pomeriggio chiuso

Piazza Angelo Passerini, 10 - Soprazocco 25085 Gavardo (Bs) Tel. e fax 0365.376170 - e-mail farcogav@farmail.it DIRETTORE RESPONSABILE: DOTT. RUGGERO NEDROTTTI

18


L’intervento prevede il rifacimento dell’impianto elettrico, a servizio della sala polifunzionale dell’oratorio e la realizzazione di un nuovo impianto elettrico di emergenza con l’indicazione delle vie di fuga che si attiva in caso di assenza di corrente elettrica. La messa a norma degli impianti prevede anche il rifacimento dell’impianto termico con la sostituzione della caldaia esistente e la posa di un nuovo apparecchio a basso consumo. E’ prevista inoltre la posa di porte tagliafuoco per dividere i locali del teatro dalla zona bar ed una verifica delle porte di accesso ed uscita dalla sala le quali dovranno essere dotate di maniglioni antipanico per consentire un’agevole fuga verso l’esterno.

La sala verrà successivamente interamente tinteggiata così come la facciata esterna.

All’esterno del teatro nell’area di pertinenza dell’edificio, esiste un campo di pallacanestro il cui fondo risulta sconnesso e ammalorato, è previsto pertanPer rendere accessibile alle persone to il rifacimento anche di detta pavidisabili l’edificio, verranno eseguite le mentazione in cemento. Il tutto per un opere murarie ed impiantistiche per la importo di Euro 150.000,00.  realizzazione di un nuovo servizio igienico. Esso avrà le dimensioni adeguate e sarà fornito di sanitari adeguati ed apposite attrezzature di sicurezza costituite da maniglione mobile e corrimano. E’ prevista pertanto la costruzione di tramezze, la realizzazione dell’intonaco al civile, la preparazione del sottofondo, la posa di pavimentazione e rivestimento in piastrelle di ceramica smaltata e la posa di porte in legno scorrevoli entro muro. Il teatro è inoltre dotato di un palco in legno che deve essere restaurato e adeguato alla normativa antincendio. L’area sotto il palco deve essere sistemata per essere utilizzata come magazzino per la sala polifunzionale. E’ prevista inoltre la fornitura e la posa di poltroncine mobili in materiale ignifugo agganciabili una all’altra.

19


servizi sociali e pubblica istruzione

aumentati gli iscritti all’asilo nido

Istituita la nuova sezione per accogliere i 26 iscritti in più

è tempo di scuola

Sembra andare nella giusta dire- ro di richieste di ben 26 bambini zione la politica di intervento sulle (compresi i non residenti). rette dell’Asilo Nido il “Girotondo” adottata dall’amministrazione. L’abbiamo sempre detto e lo ribadiamo anche in questa occasione ”Le operazioni d’inglobamento – prosegue Salvadori – che crediadel costo pasti e pannolini e la suc- mo fortemente nell’importanza di cessiva riduzione della retta “base”, questo servizio, pertanto ci siamo oltre alla ormai consolidata qualità già attivati per ampliare l’offerta di del servizio, hanno portato i loro posti con l’apertura di una nuova frutti – spiega l’Assessore Salvado- sezione. Gli uffici stanno lavoranri – basti pensare che a settembre do celermente e contiamo di poter 2009 avevamo 35 iscritti contro così rispondere positivamente alla una capacità ricettiva di 45 bam- richiesta di altre 9 famiglie già nel bini, mentre a meno di un anno di mese di ottobre. distanza ci troviamo con un esube- 

Sono partite regolarmente le lezioni scolastiche per tutti gli studenti gavardesi. Anche il servizio mensa è stato avviato sin dal primo giorno di scuola grazie al tempestivo intervento dell’ammministrazione comunale che ha ricevuto numerose richieste da parte dei genitori di alunni frequentanti. Gli insegnanti infatti erano impegnati in un corso di informazione e dunque impossibilitati a garantire l’assistenza in mensa.

Oratorio S. Filippo Neri - Comune di Gavardo

auguri centenari

Organizzano Corsi base di Pianoforte Tutti i mercoledì dalle 18,00 alle 21,00 Costo da definire Corso base di Inglese Tutti i mercoledì dalle ore 20.30 alle 22.00 Costo di iscrizione: Euro 50,00 Corso di Filosofia Costo di iscrizione: Euro 20,00

I corsi inizieranno il 6 ottobre per concludersi nell’aprile 2011. Informazioni: presso il bar dell’Oratorio o telefonando al prof. Gianmario Moreni 347 3074681

20

Grande festa per i 101 anni della signora Ida Frapporti. Nella foto la vediamo con un’amica, il presidente della commissione servizi sociali Michele Vezzola e l’Assessore Alessandro Salvadori.


accoglienza estiva

bimbi saharawi 2010

Grazie al contributo straordinario del Comune di Gavardo con Euro 3.000,00. Mentre volentieri raccolgo l’invito rivoltomi a scrivere queste righe sull’accoglienza estiva 2010 dei bimbi Saharawi a Gavardo, il Gruppo dei magnifici otto, sta terminando il suo soggiorno Italiano. Quando uscirà questo numero de “Il Gattopardo”, Selma, Haha, Mohamed Lamin, Gadi, Mahfud, Mohamed Mullaj, Nay, Gali, saranno già tornati nei loro accampamenti in Sahara. Avranno lasciato Gavardo e l’Italia e raggiunto l’estremo Sud Ovest dell’Algeria. Là, tra pietre e sabbia, riprenderanno la loro incredibilmente serena lotta contro le difficoltà della vita quotidiana: il caldo ancora asfissiante, un’unica tenda da condividere con tanti fratelli, il solito cibo, le barriere naturali impossibili da superare per chi è costretto su una carrozzina. Grazie al sostegno dell’Amministrazione Comunale, del C.d.A. della Scuola Quarena, dell’Associazione Volontari Gavardesi e soprattutto di tante persone che hanno magari rinunciato al riposo estivo per vivere delle vacanze davvero “alternative”, è stato possibile, per il terzo anno consecutivo, realizzare il piccolo miracolo dell’accoglienza. Non di rado ci viene chiesto se per questi piccoli ospiti il ritorno nei campi profughi non sia traumatico, dopo aver visto il nostro tenore di vita e vissuto nel nostro comfort. Posso assicurare che i bimbi, pur trascorrendo la loro vacanza con grande gioia ed entusiasmo, hanno voglia di rivedere i loro famigliari, i loro amici, persino il loro deserto e la loro tenda dentro la quale soffia il vento che porta sabbia ovunque. Il lavoro dell’Associazione “Rio de Oro – Gavardo”, nata quest’anno sulla scorta dell’esperienza maturata, non si ferma con l’estate. Occorre infatti dare continuità e

spessore alla solidarietà e così si sta progettando, in collaborazione con Rio de Oro – Marche, e con il gruppo GRIMM di Esenta, la realizzazione di un centro di fisioterapia nei Campi Profughi; si stanno cercando medici (ortopedici, pediatri, ginecologi, anestesisti...) che siano disposti a recarsi nei Campi per almeno una settimana (il primo gruppo, probabilmente, partirà il prossimo inverno); si sta programmando il viaggio in Italia di bambini che necessitano di importanti interventi chirurgici; si è alla ricerca di farmaci, attrezzature e apparecchiature mediche... Insomma, come si suol dire, c’é molta carne al fuoco, .. e proprio per questo motivo, il fuoco richiede di essere alimentato. Chi volesse darci una mano, può prendere contatto con il sottoscritto oppure scrivere a : Saharawigavardo@gmail.com (facebook: Saharawi Gavardo). Grazie di cuore!  Per l’Associazione Rio de Oro-Gavardo Marco Piccoli

nuova pediatra a gavardo Ha preso servizio a metà settembre una nuova pediatra che, con il sostegno dell’amministrazione comunale, ha allestito lo studio medico in Piazza Aldo Moro, alle spalle dell’edicola. La dottoressa riceve previo appuntamento telefonico al n. 338 4522749 (da effettuarsi chiamando dalle ore 8 alle ore 9,30, tutti i giorni) Orari: lunedì 13,30 - 15,00 mercoledì 12,00 - 13,30 venerdì 9,00 - 10,30 Presso l’ospedale di Gavardo è attiva 24h su 24 la guardia pediatrica per dare una risposta alle famiglie in qualsiasi orario del giorno e della notte. 

21


Servizi sociali

pro oratorio I nostri oratori sono tra le altre cose, autentiche roccaforti della nostra tradizione culturale e religiosa, luogo di incontro e sana aggregazione, dall’enorme valore educativo e formativo per i nostri ragazzi (e non solo) E’ da questa convinzione che, come da programma elettorale, l’attuale amministrazione vuole sviluppare e se possibile incrementare nel tempo, il rapporto di collaborazione tra l’oratorio e il comune. Ed è in quest’ottica che vanno lette alcune scelte di concreto aiuto e sostegno: la ristrutturazione dell’esterno dell’oratorio Frassati di Sopraponte con la costruzione di un campetto di calcio a 5 in sintetico e annessi spogliatoi, con un investimento di 210.000 €, il contributo straordinario di 5.000 €

applauso

un ai nostri imprenditori, commercianti e professionisti

Nonostante alcuni segnali di ripresa, il periodo economico non forse dei migliori, i titolari di attività produttive e commerciali di Gavardo hanno risposto ancora una volta positivamente ed in maniera generosa all’adesione da parte dell’amministrazione al progetto Mobilità Gratuita Garantita. Attraverso dei veri e propri contratti di sponsorizzazione è stato possibile, non solo continuare a dotare l’Associazione Volontari Gavardesi dell’auto già in uso completamente ricollaudata , ma addirittura incrementare il parco veicoli di una seconda auto, completamente attrezzata per il trasporto anziani e disabili. 

all’oratorio S. Filippo Neri di Gavardo per l’acquisto di attrezzature sportive. Parallelamente a questi due interventi, l’ormai consueto contributo per la realizzazione dei Grest estivi e la fattiva collaborazione con l’associazione convenzionata per le politiche giovanili “La Pulce nell’orecchio”, nell’organizzazione di alcune riuscitissime iniziative, quali il torneo “Tutti in Palla” e la visione dei mondiali di calcio su maxischermo installato all’interno dell’oratorio a spese del Comune. Non dimentichiamo poi l’attenzione rivolta nella programmazione delle attività del CAG, con il rispetto per gli orari del catechismo, il conseguente accompagnamento dei bambini all’oratorio e la compartecipazione alla festa del carnevale. Da segnalare inoltre l’ottimo lavoro di concertazione volto a creare una partership tra l’AGE Gavardo, l’Amministrazione e le Parrocchie di Gavardo e Sopraponte che ha permesso all’AGE di ottenere finanziamenti per i progetti “Meta Scuola” e “Genitori in Cammino” attraverso i bandi regionali delle leggi 23/99 e 01/08. Da segnalare inoltre un contributo di

22

Euro 8.800,00 per finanziare il Campo Scuola presso l’oratorio di S. Filippo Neri di Gavardo: importi che finanzieranno quello che una volta era chiamato il “Campo Amicizia” utile a ripassare i compiti nelle due settimane prima di rientrare a scuola. Quest’anno il progetto vede la partecipazione di circa 200 ragazzi impegnati a svolgere i compiti delle vacanze e riprendere confidenza con i libri prima dell’inizio del nuovo anno scolastico. Tante iniziative sono significative, e siamo sicuri che non potranno che aumentare; ci teniamo alla valorizzazione delle nostre parrocchie e soprattutto dei nostri oratori. Abbiamo trovato nei nostri parroci ed in particolare nel nuovo curato Don Fabrizio, persone che hanno recepito il nostro spirito, attenti a creare un rapporto vicendevolmente rispettoso dei ruoli che competono ad ognuno. Certo il lavoro d’intesa è notevole e va sempre migliorato, cercando di limare eventuali incomprensioni là dove possono nascere: il fine ultimo rimane la formazione, l’educazione e perché no, il divertimento dei nostri ragazzi. 


BREVISSIME Sono stati erogati con delibera di giunta del 28 luglio, la prima tranche di contributi previsti per gli aventi diritto, per i seguenti importi: CONTRIBUTO SPESE SANITARIE € 4.718 42 beneficiari CONTRIBUTO SPESE TRASPORTO PER VISITE E CURE € 133 2 beneficiari

ricordi di un brocco Ero bambino quando verso fine anni 70 con i soliti amici mi ritrovavo al campetto dell’oratorio di Sopraponte tirando calci al pallone immaginando di essere ora Resembrink, ora Cruyff, a volte Causio o addirittura Rivera.. Poi sono cresciuto ho giocato a calcio ma i piedi non erano quelli dei citati campioni e così mi sono limitato ad essere un terzinaccio di seconda/terza categoria, ma il calcio mi ha insegnato tanto, soprattutto è stato una grande scuola di vita che mi ha dato tanto in termini di formazione umana, di amicizia, di civiltà, di convivenza con persone talmente diverse da me. Altri di quegli amici hanno giocato a calcio, ma se non sbaglio più o meno con la mia misera carriera calcistica, ma sempre se non sbaglio quasi tutti con una “grande” carriera di uomini, padri di famiglia, lavoratori. Tutto però è partito da quel campetto dell’oratorio che a malincuore durante tutti questi anni ho visto sempre più abbandonato, sempre più ricco di sassi, senza più reti, con una porta addirittura divelta; sentivo gente che lo vedeva sempre più come l’unico parcheggio disponibile in caso di manifestazioni, e

sempre meno in uno strumento di divertimento, formazione ed educazione dei nostri ragazzi. Poi mi è capitato di passare una sera da Sopraponte e vedere delle luci “quasi da stadio”, movimento di gente “fuori dai soliti orari” di oratorio ed ho scoperto che il mio campetto dell’infanzia era stato rimesso a nuovo. Uno splendore – uno spettacolo e che movimento di gente… Sopraponte e il suo oratorio avevano ripreso vita! Che spasso poi le sere della festa di San Lorenzo vedere tutti quei bambini giocare all’interno del campetto senza paura di cadere e provocarsi escoriazioni da pronto soccorso! Non mi resta che augurare a tutti i bambini e ragazzi che calpesteranno l’erba sintetica verde smeraldo, del campetto di Sopraponte, di diventare magari il nuovo Rivera, Pirlo o Del Piero, ma soprattutto che l’oratorio con la complicità del calcio, dello sport in genere e dell’aggregazione che esso crea, regali loro le stesse emozioni e soddisfazioni che ha regalato a me! 

INTERVENTI STRAORDINARI A CARATTERE GENERICO € 6.414 15 beneficiari CONTRIBUTO SPESE RISCALDAMENTO € 5.488 54 beneficiari CONTRIBUTO RETTE SCUOLA INFANZIA € 7.466 22 beneficiari SPESE FUNERARIE € 1.000 1 beneficiario Si ricorda che le domande per la seconda tranche di contributi vanno presentate entro il 30 novembre. Entro il 20 ottobre sono invece presentabili le domanda per il contributo “Sportello Affitti” 2010 Gli uffici dei servizi sociali in via Mangano sono comunque a completa disposizione per ogni informazione e chiarimento in merito.

Un “brocco” soprapontino

23


uffici ASL e biblioteca troveranno spazio nell’ex Consorzio Il Consiglio Comunale di luglio ha siglato il recupero dell’immobile che tutti conosciamo come “ex Consorzio Agrario”, posizionata all’ingresso del centro storico, con un bel parcheggio di servizio, proprio alle spalle della pesa pubblica. L’immobile è in stato di abbandono da anni ed ora l’ufficio tecnico ha ultimato il progetto che prevede un piano terra, che ospiterà gli uffici dell’Asl e l’ambulatorio medico di una pediatra, e un primo piano, che accoglierà gli ambienti della biblioteca comunale. Le difficoltà della biblioteca oggi sono note ai frequentatori: la capienza è al limite e spesso ci sono difficoltà di parcheggio nella piazza antistante il palazzo municipale. L’edificio dovrebbe altresì accogliere una piccola sala conferenze e gli ambienti dell’archivio comunale oggi in condizioni difficili. All’esterno il progetto prevede uno spazio all’aperto, antistante il canale Naviglio, destinato ad attività estive per assistere agli spettacoli o semplicemente sostare in un ambiente piacevole e rilassante. Da sottolineare la realizzazione di alcuni parcheggi pubblici. I lavori inizieranno per la fine di ottobre, con l’intenzione di concluderli entro sei mesi. 

L’Atletica Gavardo 90 Libertas con il contributo e il supporto del “Comitato per il centro storico”, il patrocinio del Comune di Gavardo e con l’approvazione della Fidal Provinciale, nel contesto della NOTTE BIANCA GAVARDESE indice ed organizza per

SABATO 2 OTTOBRE 2010 A GAVARDO (BS) la prima edizione della corsa su strada denominata

“Il Miglio in Notturna” aperto a tutte le categorie Fidal (es/rag/cad/A/J/P/S Master e Amatori), alle Scuole Elementari e Medie e per gli appassionati e desiderosi di un sano divertimento

“Il Miglio in Pantofole” Tutte le prove si disputeranno sulla distanza del miglio ( 1609, 34 mt) tranne la categoria Esordienti A ( 600 mt) Ritrovo e Iscrizioni: ore 18.00 Piazza Zanardelli a Gavardo ( Bs) - Cat.Giovanili e Scuole elementari e Medie: iscrizioni dalle 18,00 alle 18,50 - Cat.Amatori/Master e Assolute: dalle 18,00 alle 19,50 - Miglio in Pantofole: dalle 18,00 alle 19,30 - ore 19.00 " Il Miglio Baby" per i ragazzi delle scuole elementari e medie di Gavardo (mt 600) Partenza Gare: (chi taglierà il traguardo riceverà una medaglia di partecipazione ); - ore 19,15 inizio gare giovanili FIDAL ( Es/Rag/Cad) - ore 19,30 "Il Miglio in pantofole" gara podistica non competitiva aperta a tutti gli appassionati, famiglie e amanti del divertimento. ( le pantofole saranno fornite dallʼorganizzazione) - ore 20.00 " Il Miglio in notturna" ( A/J/P/S/Mast/am M/F) A “ Il Miglio in Notturna” di Gavardo possono partecipare esclusivamente i tesserati alla Federazione Italiana di Atletica Leggera e gli atleti tesserati ad un Ente di Promozione Sportiva in accordo ai regolamenti ed alla convenzione FIDAL-EPS vigente. Gli atleti EPS nati dal 1988 al 1992 gareggeranno in apposita gara ( Categoria A) Le iscrizioni (quota € 3,00 da versare al ritiro pettorale, alla cui consegna a fine gara sarà rilasciato il gadget) devono essere corredate di nome, cognome, società di appartenenza, codice società, anno di nascita e numero di tessera, si ricevono sino alle 20 di venerdi 1 ottobre via mail a: iscrizioni@fidalbrescia.it o al fax 0305109982 oppure sul campo gara. I pettorali sono forniti dall’organizzazione e dovranno rimanere integri ed essere ben visibili per tutta la durata della manifestazione, pena la non immissione nella classifica ufficiale. La gara si effettuerà con qualsiasi condizione metereologica.

Negozi ed attività commerciali resteranno aperte fino a mezzanotte, con vendite promozionali, musica e degustazioni enogastronomiche. Premiazioni:

GIOVANILI ( ES/RA/CAD): I PRIMI 15 DI CATEGORIA

CAT A (nati/e dal 1988 al 1992 tesserati per EPS )( P.N.): i PRIMI 3 e le PRIME 3

MAST/AM MASCH.( P.N.): I PRIMI 5 DI CATEGORIA FINO A MM60 , I PRIMI 3 di cat. OLTRE MM65

MAST/AM FEMM( P.N.): LE PRIME 5 DI CATEGORIA FINO A MF 45, LE PRIME 3 di cat. OLTRE MF50 ALLIEVI/E ( b.v,) :1° 20 euro , 2° 15 euro , 3° 10 euro

24

JUNIOR M/F ( b.v.) 1° 40 euro, 2° 20 euro, 15 euro

PROM/SEN M / F ( b.v) 1° 100 euro, 2° 70 euro, 3° 50 euro, 4° 30 euro, 5° 25 euro, 6°/10° 15 euro

INFO: Paolo tel 3351524193, Antonio tel.3387978818, Beppe tel.3382450959; sito:www.atleticagavardo90.com


Gavardo, 2 progetti per 50 mila euro di risparmio energetico Due interventi di risparmio energetico e ambientale che porteranno nella casse del comune un minor esborso annuo pari a 50 mila euro, con una proiezione di mandato (calcolata sui 3 anni rimanenti) di 150 mila euro. L’amministrazione comunale di Gavardo si vota alle energie alternative e ai moderni strumenti di risparmio dei costi dovuti alla fornitura di energia elettrica e riscaldamento. L’azione più massiccia si sviluppa sui cimiteri presenti a Gavardo. A fine agosto il termine del primo intervento, sul Campo santo di Sopraponte, dove tutta l’illuminazione è stata portata a Led, alimentata con pannelli solari fotovoltaici. L’intervento, che ha comportato un costo di 8 mila euro per l’impianto e altri 2 mila euro per la sostituzione delle lampadine, è in grado di fornire 2 kilowatt e coprire l’intera esigenza del cimitero. “Entro la fine del 2011 – specificano l’assessore all’ecologia, Guido Grumi e il Sindaco Emanuele Vezzola – contiamo di realizzare lo stesso intervento anche sul cimitero di Gavardo e su quello di Soprazocco. I progetti per questo tipo di interventi sono già a buon punto e comporteranno un risparmio annuo non indifferente”. Traducendo in cifre, dati alla mano, si capisce la portata economica del risparmio: “Attualmente – spiegano assessore e Sindaco – spendiamo oltre 40 mila euro per fornire l’energia ai tre cimiteri. Costo che verrebbe quasi completamente abbattuto con la conclusione degli ultimi due interventi”. Altra azione in questa direzione è riferita alla posa di pannelli solari termici sugli spogliatoi del centro sportivo di Gavardo, impianto utilizzato dall’A.C. Gavardo. E’ in fase di definizione l’accordo con la società sportiva, siglato il quale si potrà procedere all’intervento. Il costo

totale è di quasi 40 mila euro ma permetterebbe un risparmio di 10 mila euro annui, quindi ammortizzabile in pochissimo tempo. Metà del costo verrà coperto con risorse del comune e l’altra metà usufruendo di un mutuo a tasso zero del credito sportivo. Si tratta di pannelli in grado di funzionare anche senza la luce del sole contemporanea al funzionamento (gli spogliatoi vengono utilizzati soprattutto la sera) sfruttando la capacità di incamerare energia dalla temperatura e dal sole durante il giorno. Due interventi ai quali, secondo gli amministratori ne potrebbero seguire presto altri nella stessa direzione: “Abbiamo ben presente il tema del risparmio energetico – concludono -; e crediamo che questa sia soltanto una parte del percorso che ci vedrà impegnati nei prossimi anni in prima persona e insieme a altri enti. Se riusciamo a liberare risorse dai nostri bilanci con questo tipo di azioni, vuol dire che avremo la possibilità di dirottarle in altri servizi e opere a favore della cittadinanza”. Il tutto con un occhio di riguardo all’ambiente. 

Dalle ore 12.00 dell'1 alle ore 12.00 del 30 settembre 2010 è possibile presentare la domanda della dote scuola per la componente del merito. Beneficiari della dote sono gli studenti di famiglie residenti in Lombardia che nell'anno scolastico 2009 - 2010 abbiano riportato, presso scuole statali e paritarie con sede in Lombardia o in regione confinante (a condizione che vi sia quotidianamente il rientro nella propria residenza), la seguente valutazione: aver superato l'esame con almeno 9 per la terza media, una media di almeno 8 per I, II, III e IV superiore, 100 e lode per i giovani che conseguono la maturità. Requisito di reddito: ISEE inferiore o uguale a euro 20.000,00; gli studenti che hanno concluso il V anno della scuola secondaria superiore riportando la votazione di 100 e lode sono beneficiari della Dote – componente Merito - a semplice presentazione della domanda, senza limitazioni di reddito familiare. Scarica qui il manifesto. Per compilare la domanda e/o per ulteriori informazioni visita il sito www.dote.regione.lombardia.it

25


un

omaggio a Parolini

Una mostra antologica ha reso omaggio al pittore gavardese scomparso nel 1994 L’Amministrazione Comunale ed Emilio Ottolini hanno voluto celebrare nel migliore dei modi l’artista gavardese che per molti è stato anche un amico. L’evento ha preso avvio il 4 settembre alla presenza di numerose autorità e di un folto pubblico e le opere sono ora consultabili grazie anche al bel catalogo (edito dalla Compagnia della Stampa Massetti Rodella) che racchiude i due ricordi speciali da parte della moglie Laila e della figlia Paola. In particolare, quest’ultima scrive: «Mi affascinava vedere la sua abilità nel trasformare una tela da prima bozza indefinita in un bellissimo paesaggio naturale». L’iniziativa si inquadra nell’opera complessiva dell’Amministrazione comunale gavardese, volta a valorizzare la cultura del territorio attraverso la celebrazione dei propri artisti più importanti. Una scelta che riceve il plauso anche della Provincia di Brescia, sottolineando in tal modo l’importanza delle tradizioni bresciane e dei suoi esponenti più affezionati.

«Parolini ha dipinto per sé - scrive il Sindaco di Gavardo, nella prefazione in catalogo -, è cresciuto dentro la sua terra che ha saputo poi ritrarre nella sua pregnanza. Colori forti, immagini nitide e allo stesso modo semplici, hanno fatto sì che i suoi lavori fossero acquisiti da numerosi concittadini che spontaneamente ne riconoscevano il talento e la capacità». 

“Nei quadri di Parolini troviamo scorci delle nostre montagne, dei nostri laghi, della nostra terra e delle nostre abitudini” ha ricordato nella presentazione il curatore, prof. Marcello Riccioni. Angelo Parolini è scomparso prematuramente nel 1994, a soli 56 anni. La mostra, intitolata «Luoghi, assenze, passioni» ha racchiuso 51 opere rese disponibili grazie ai prestiti dei venti proprietari, tra singoli e famiglie del circondario gavardese ma non solo, a testimonianza della popolarità dell’artista sul territorio bresciano.

26

Angelo Parolini all’età di vent’anni mentre dipinge sul fiume Chiese


27


l i e t r a P . . . o t n e m i t r d i ve

ria! e l l a g n oi n a i P al 1 째

SOLO

e C 5

I M I S e T n O

R I G I N G e PER O n I R T S O I G E L SUL

GAVARDO (BS) - SS45 BIS Gardesana Occidentale

28


addio Mazza, un gavardese nel lager di Bergen Belsen Si sono svolti giorni fa nella parrocchiale di Gavardo i funerali di Adelino Mazza (classe 1918), l'ultimo discendente diretto della ben nota famiglia di commercianti. L'età e le condizioni di salute non gli avevano consentito di partecipare, nel luglio scorso in Germania, al memorial svoltosi a Bergen-Belsen di quanti dopo l'8 settembre erano stati internati in territorio tedesco. «Siamo rimasti ormai in pochi, fra cui Giuseppe Cigognetti di Salò - ricorda il gavardese Domenico Buccella, fotografo per passione assai conosciuto -. È stato un commovente ritrovarsi nel ricordo di vicissitudini e sofferenze di oltre mezzo secolo fa, e precisamente dei cinque anni fra il 1945 e il 1950. Siamo stati ospiti a Bergen della Lower Saxony Memorials Foundation che, nell'occasione, ha dato alle stampe anche un librocatalogo commemorativo con le fotografie degli internati, fra cui la mia». Racconta ancora Buccella: «Adelino era militare e, come accaduto a molti, venimmo costretti dai tedeschi, dopo l'8 settembre, a salire su una tradotta. Ai militari dissero che li avrebbero riportati a casa in alta Italia. Ma il treno venne dirottato per la Germania e ci fecero scendere in un campo di concentramento. Lui era stato trasferito in un'altra località e un giorno riuscii ad andare a

trovarlo. Mi confidò di essere riuscito a nascondere la sua macchina fotografica e di aver scattato le immagini che alcuni anni fa mi ha poi donato e che sono dei documenti». Buccella manderà le fotografie di Adelino al periodico «Noi dei Lager», edito a Roma dall'Associazione nazionale ex internati: una testimonianza di anni sempre più lontani. Ma non dimenticati. A.M.  (tratto dal Bresciaoggi 2/9/10)

IIª edizione villaggio di Natale

Si terrà dal 4 all’ 8 dicembre la seconda edizione del villaggio di Natale . Quest’anno le casette in legno, e moltro altro ancora, invaderanno sia Piazza De Medici che Piazza Marconi. Nel prossimo numero de “Il Gattopardo” pubblicheremo il programma completo dell’iniziativa. 

29


i Gruppi politici in consiglio comunale

Valle Sabbia News un articolo in cui la stessa capogruppo di Gavardo al Centro, chiedeva il ritiro della delibera in questione adducendo una serie di motivazioni a nostro avviso pretestuose ed in alcuni casi prive di fondamento, in quanto fanno riferimento a norme di legge che non sono ancora vigenti, perché mancanti dei relativi decreti attuativi. Nella medesima richiesta si confondono poi le ASP con la SRL, si pongono una serie di questioni legali che noi definiamo cavilli burocratici. Tralasciando però questi aspetti tecnici, ciò che si vuole evidenziare è l’aspetto politico, in quanto in Consiglio la capogruppo di minoranza si è espressa in un modo, e poi, quando esce sulla stampa cambia parere e vuol far credere all’opinione pubblica, che la delibera adottata sia illegittima, irregolare ed elusiva di norme di legge. D’altra parte siamo soliti a questo modo di fare del doppio binario, basti pensare che in Consiglio, la minoranza chiede più controlli sul territorio per contrastare l’immigrazione clandestina, salvo poi bocciare un regolamento condiviso con la Prefettura, atto a rendere più severe le norme per ottenere la residenza nel nostro Comune, inoltre la Capogruppo di minoranza ha inviato una richiesta alla Prefettura perché inviti il Comune ha modificare questo Regolamento per renderlo meno rigido. Allora viene spontaneo chiedersi fino a che punto siamo in presenza di una opposizione costruttiva o tesa piuttosto a sollevare polveroni mediatici? Non siamo né irresponsabili, né superficiali e non è nelle nostre intenzioni fare dei pasticci così come definiti dalla Capogruppo di minoranza, ci siamo sempre assunti la responsabilità di ciò che abbiamo approvato perché frutto di scelte studiate e meditate, per noi la politica è l’agire quotidiano per il bene della nostra comunità, in questa ottica nei prossimi mesi troveranno attuazione una serie di opere che stiamo da mesi progettando e per le quali vi daremo puntuale informazione. Forti delle nostre convinzioni e del nostro impegno quotidiano, continuiamo per la nostra strada e lasciamo a voi gavardesi trarre le conclusioni.  Guido Grumi

E

SOP

RA Z

O CC

30

SO PR

“GAVARDO AL CENTRO” CONTRO LA POLITICA-SPAZZATURA Alla ripresa dell’attività, dopo la pausa estiva, ci teniamo a richiamare l’attenzione su alcune questioni che ci sembrano di grande importanza. Intanto uno sguardo a livello nazionale: che desolazione! I politici dei palazzi romani (e non solo) quanto sono lontani dalla gente, dai problemi concreti, quanto questa “casta” si è ripiegata solo su stessa, impegnata a difendere interessi privati. Noi come componenti della lista civica “Gavardo al centro” siamo inorriditi di fronte allo scadimento della politica in questa estate 2010 che forse ricorderemo come una delle più “squallide” della nostra storia con alcuni quotidiani-spazzatura impegnati a rincorrere cucine Scavolini e presunti scaldaletti che riguardano, eventualmente, solo e soltanto gli aderenti di un partito. E intanto i comuni come il nostro sono costretti a tirare la cinghia del patto di stabilità. Ma la legge è legge e noi la dobbiamo rispettare. Questa amministrazione invece sta tentando di aggirare il patto di stabilità che non consente di fare più assunzioni (se non diminuendo drasticamente la spesa per il personale). E allora qual è la pensata? Si trasferiscono alla “Gavardo servizi” le dodici dipendenti dell’asilo nido e poi si vedrà. Così si potranno assumere un paio di nuovi dipendenti. Ma intanto la Gavardo servizi il prossimo 31-12-2011 dovrebbe chiudere i battenti e allora che fine farà l’asilo nido? Che fine faranno i dipendenti? La nostra proposta alternativa è quella di porre l’asilo nido sotto l’egida della fondazione della scuola materna “G. Quarena” per creare un polo scolastico che possa ottimizzare servizi, risorse e costi. A parole l’amministrazione guidata da Emanuele Vezzola (che è del partito del presidente Berlusconi) ha condiviso. Staremo a vedere. Va anche sottolineato che i nostri consulenti legali hanno messo in luce alcune incongruenze dell’intera operazione di trasferimento alla “Gavardo servizi”. Insomma non si può fare, ma questa maggioranza non sembra mai ascoltare i nostri suggerimenti salvo poi magari trovarsi a fare i conti Capogruppo Lega Nord con un ricorso al Tar. Del resto ci preme ricordare ai nostri concittadini che le decisioni vengono prese da questa maggioranza in perfetta autonomia e in assoluta solitudine, senza che a nessuno venga in mente di chiedere l’opinione T ON AP

O

UNA SCELTA RESPONSABILE Nella seduta del Consiglio Comunale tenutasi il 28/07/2010 è stato deliberato con il voto favorevole della maggioranza e l’astensione della minoranza l’affidamento alla Gavardo Servizi S.r.l. della gestione dell’asilo nido. Riteniamo opportuno spiegare la nostra posizione in merito alla vicenda, anche per fare chiarezza rispetto alle polemiche apparse qualche giorno dopo sul giornale Valle Sabbia News a firma del Gruppo Gavardo al Centro. Premesso che l’asilo nido è un servizio che riteniamo essere fra i fondamentali per la nostra comunità, così come tutte le risorse umane che all’interno vi lavorano, purtroppo ancora una volta ci siamo trovati a dover fare i conti con i vincoli imposti dal patto di stabilità e pertanto la decisione presa è strettamente legata alla necessità di dover garantire per il futuro la gestione dei servizi comunali. Abbiamo pertanto analizzato la questione da tutti i punti di vista, verificato le clausole inserite nella convenzione, al fine di garantire il servizio dell’asilo nido al minimo costo possibile e sotto il diretto controllo dell’amministrazione Comunale (socio unico della società Gavardo Servizi S.r.l.), abbiamo siglato un accordo sindacale con tutte le rappresentanze esterne ed interne teso a garantire il personale dipendente trasferito, e non per ultimo abbiamo sentito il parere di esperti in merito alla fattibilità dell’intera operazione. Con questo spirito costruttivo la Lega Nord ha espresso il proprio parere favorevole, e con altrettanta convinzione abbiamo sottoscritto e condiviso con la minoranza un documento in cui la stessa minoranza ci chiedeva di valutare in futuro l’opportunità di istituire un “Polo scolastico dell’infanzia”, che raggruppasse il servizio dell’asilo nido e della Scuola Materna in un unico Ente. Considerazione questa che abbiamo ritenuto essere meritevole di attenzione, tant’è che la stessa capogruppo di minoranza si soffermava sul momento positivo nei rapporti tra minoranza e maggioranza, dichiarando che il voto di astensione sulla delibera poteva essere considerato una sorta di via libera nello spirito dell’ordine del giorno approvato all’unanimità. Siamo rimasti perciò molto stupiti quando abbiamo letto alcuni giorni dopo, sul sito


i Gruppi politici in consiglio comunale

della minoranza. Per cui la responsabilità delle decisioni prese va attribuita soltanto a questo sindaco e a questa giunta che ha come riferimenti – lo ricordiamo - i signori Berlusconi e Bossi. E con questo concludiamo, ovviamente mettendoci sull’attenti!! Già perché Gavardo – grazie alle scelte di questi amministratori – è diventato lo zimbello d’Italia. “At-tenti. Tutti in piedi dunque”. Del resto sedersi al nostro paese è diventato impossibile: la caccia alle… panchine imperversa. Ma penseranno davvero di affrontare e risolvere i problemi di Gavardo in questo modo???? Pensate davvero che l’immigrazione clandestina o lo spaccio di droga si possano combattere sradicando panchine qua e là? Riflettete, gavardesi, riflettete….  Maria Paola Pasini Capogruppo “Gavardo al Centro”.

ESEMPI POSITIVI “Come tutta la tua personalità e’ parte integrante CAMBIA di una natura comune, così anche ogni tua azione deve integrarsi nell’agire collettivo di questa natura comune. Se la tua azione non si pone come fine il bene della società, allora lacera la tua vita, impedisce la sua armonia ed è elemento di di-

sgregazione come chi, nello stato democratico, allontana il suo partito dalla collaborazione con gli altri. …. Infatti, tutto quello che faccio, che lo porti a termine con le mie forze o con l’aiuto di un altro, deve sempre servire al bene comune.” Marco Aurelio 121-180 d.C. Sono tempi difficili gli attuali per la politica, servono riferimenti, ideali, valori. Pur scomodando antichi imperatori, che comunque si ponevano quesiti non così difformi dagli attuali, esistono esempi positivi ed importanti molto più vicini a noi a cui và riconosciuto il merito. Francesco Cossiga è uno di questi. Uomo di potere, ha saputo in momenti difficili, anteporre l’interesse della Nazione agli interessi ed ai sentimenti del singolo. Anche se ciò fu causa di contrasto e divergenza con amici e colleghi di partito, seppe percorrere con coraggio la strada delle decisioni scomode, ma che guardavano al bene dei cittadini. Anche per questo il terrorismo politico fu sconfitto, ed a persone come il compianto Presidente la Nazione tutta deve essere riconoscente. Esempi sui quali rifondare la politica si possono trovare anche molto più vicino a noi, alla nostra vita quotidiana; mi permetto di fare due esempi a me assai cari. Esistono persone, nel nostro Comune, nella frazione dove vivo, che in maniera efficace, senza secondi fini, si spendono o si sono spesi per anni in enti o associazioni all’unico scopo di

fare un servizio alla comunità, e forse troppo poco sono stati ringraziati. Sono gli uomini del fare. Il Gruppo Alpini di Soprazocco in innumerevoli occasioni, ed anche in questo Agosto, è stato sinonimo di coesione, altruismo, allegria e tradizione, così come la Scuola Materna Parrocchiale della frazione che tanto fa per i nostri bambini. Entrambe queste esperienze hanno potuto contare in passato, e ci auguriamo che continui così ancora a lungo, su persone che in maniera competente e disinteressata, costante e puntuale, hanno saputo perseguire un compito e una missione benefica per la nostra gente. Ciò che è possibile fare oggi, ha una base e un fondamento che proviene dal ieri, dall’impegno e dalla competenza di persone che si chiamano Giovanni, Pietro, Costantino, Pierino, Gianbattista, Daniele, Marco, Pierluigi e tanti altri che insieme a religiosi formidabili e tenaci mi fanno dire che non sono gli esempi che mancano alla politica, basta sapere da che parte rivolgere lo sguardo.  Fabrizio Ghidinelli Capogruppo “Gavardo Cambia”

mercato agroalimentare di campagna: risparmio assicurato

Riscuote ogni settimana maggior successo il “Mercato agroalimentare di campagna”, in piazza Marconi, di fronte al municipio, tanto che i produttori a metà mattina ritornano in cascina per approvvigionarsi nuovamente delle loro primizie. L’appuntamento rimane fissato per ogni venerdì mattina, dalle 7.30 alle ore 12.30.

31


COMUNE DI GAVARDO www.comune.gavardo.bs.it NUOVI ORARI IN VIGORE DAL 1 MARZO 2010 ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI COMUNALI MATTINO

ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

POMERIGGIO

MATTINO

dalle ore

alle ore

dalle ore

alle ore

LUNEDI'

8.45

12.15

16.30

17.45

MARTEDI'

CHIUSO

CHIUSO

CHIUSO

MERCOLEDI'

8.45

12.15

GIOVEDI'

8.45

VENERDI' SABATO *

POMERIGGIO

dalle ore

alle ore

dalle ore

alle ore

LUNEDI'

9.00

12.00

16.00

20.00

CHIUSO

MARTEDI'

CHIUSO

CHIUSO

14.15

18.00

16.30

18.45

MERCOLEDI'

9.00

12.00

14.15

18.00

12.15

16.30

17.45

GIOVEDI'

CHIUSO

CHIUSO

14.15

18.00

8.45

15.15

CHIUSO

CHIUSO

VENERDI'

CHIUSO

CHIUSO

14.15

18.00

10.00

12.15

CHIUSO

CHIUSO

SABATO *

CHIUSO

CHIUSO

CHIUSO

CHIUSO

Numeri telefonici e indirizzi e-mail Centralino-Protocollo

0365-377411

protocollo@pec.comune.gavardo.bs.it

Fax Protocollo

0365-377417

Anagrafe

0365-377492

anagrafe@comunegavardo.it

Polizia Locale

0365-377452

polizia.locale@comunegavardo.it

Segreteria

0365-377491

segreteria@comunegavardo.it

Ragioneria

0365-377488

ragioneria@comunegavardo.it

Tributi-Commercio

0365-377493

tributi.commercio@comunegavardo.it

Edilizia Privata Urbanistica

0365-377495

edilizia.privata@comunegavardo.it

Lavori Pubblici

0365-377496

lavori.pubblici.ecologia@comunegavardo.it

Servizi Sociali

0365-376143

socio.cultura@comunegavardo.it

Biblioteca

0365-371281

biblioteca.civica@comunegavardo.it

Asilo Nido

0365-31766

Museo

0365-371474

Emergenza Acquedotto

800-066722

Pattuglia Polizia Locale

335-6838026

gavardo@istituzionemuseale.191.it

Buon Natale Gavardese

Il Gattopardo settembre 2010  

Il Gattopardo settembre 2010

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you