Page 1

“Vette in vista”

Rassegna di Cinema di Montagna e di esplorazione Seconda edizione - 28/29/30/31 gennaio 2010

Coro “TERRA MAJURA” Club Alpino Italiano, sezione di Terni Testi e spartiti per il 31 gennaio 2010 – ore 17:00 Quarta serata dedicata alle produzioni locali

1


La Montanara

2


La Montanara (Canto dei monti trentini)

Là su per le montagne, fra boschi e valli d'or, tra l'aspre rupi echeggia un cantico d'amor. (bis) "La montanara, ohè!" si sente cantare, "cantiam la montanara e chi non la sa?” (bis)

"La montanara, ohè!" si sente cantare, "cantiam la montanara e chi non la sa?” (bis) Là su sui monti dai rivi d'argento una capanna cosparsa di fior era la piccola, dolce dimora di Soreghina, la figlia del sol, la figlia del sol.

La villanella (Canto trentino)

Varda che passa la villanella; os-ce che bela, la fa innamorar! O come bali bene bela bimba, bela bimba, bela bimba. O come bali bene bela bimba, bela bimba, bali ben!

O come bali bene bela bimba... Varda quel merlo dentro la gabia; os-ce che rabbia ch'el gh'ha ciapà. O come bali bene bela bimba... Dansa al mattino, dansa alla sera, sempre leggera sembra volar.

Varda quel vecio soto la scala; os-ce che bala, ch'el gh'ha ciapà.

O come bali bene bela bimba...

La villanella

3


Le soir Ă la montagne (voici venir la nuit)

4


Le soir à la montagne (voici venir la nuit) (Piemonte e Val d'Aosta)

Voici venir la nuit là haut sur la montagne et le soleil s'enfuit à travers la campagne.

La cloche du hameau rèsonne à distance, le son du chalumeau nous invite à la dance.

Et l'on entend... Et l'on entend... Le montagnard... Le montagnard... Chanter dans la prairie son doux refrain joyeux qui charme son amie. Trala, la, la, la, la...

Et l'on entend... Voici la fin du jour et les jeunes bergères pensent à leurs amours en disant leurs prières. Et l'on entend...

5


Vola vola vola

Vecchio scarpone (ingresso coro)

Vulesse fa’ ‘rvenì pe’ n’ora sola lu tempe belle de la cuntentezze, quanne pazzijavam a vola vola e ti cupre’ di vasce e di carezze.

Vecchio scarpone quanto tempo è passato, quante illusioni fai rivivere tu. Quante canzoni, sul tuo passo ho cantato che non scordo più.

(Abruzzo)

(Festival di Sanremo - Calibi, C. Donida e Pinchi, 1953)

E... vola, vola, vola, vola e vola lu pavone, si tiè lu core bbone mo fammece arpruvà. (bis) ‘Na vota pe’ spegnà lu fazzulette, so’ state cundannate de vasciatte. Tu te scì fatte rosce e mi scì ditte di ‘nginucchiarme prime d’abbracciarte. E... vola, vola, vola, vola e vola lu cardille, nu vasce a pizzichille nun me lo pò negà. (bis)

Sopra le dune del deserto infinito, lungo le sponde accarezzate dal mar. Per giorni e notti insieme a te ho camminato, senza riposar. Vecchio scarpone come un tempo lontano, in mezzo al fango con la pioggia e col sol, forse sapresti, se volesse il destino camminare ancor. Vecchio scarpone, fai rivivere tu la mia gioventù.

Come li fiure nasce a primavere, l’amore nasce da la cittelanze. Marì, si mi vuò bbene comme ajere, nu me negà stù sogne e sta speranze. E... vola, vola, vola, vola vola lu gallinacce, mo' se te guard‘en facce me sembra de sognà. (bis)

Questa stampa è offerta dalle Radioigor, le radio per tutti i gusti: www.radioigor.tk

6

Coro CAI Terni testi e spartiti per la prima esibizione a "Vette in vista"  

Il libretto con i testi e gli spartiti necessari ai coristi per la prima esibizione del coro a "Vette in vista" (seconda edizione). Formato...

Coro CAI Terni testi e spartiti per la prima esibizione a "Vette in vista"  

Il libretto con i testi e gli spartiti necessari ai coristi per la prima esibizione del coro a "Vette in vista" (seconda edizione). Formato...

Advertisement