Page 1

“Arrampicando con Zazzà” 24 ore di arrampicata

3ª edizione - Ferentillo 19/20 giugno 2010

Coro “TERRA MAJURA” Club Alpino Italiano, sezione “Stefano Zavka” - Terni

Testi e spartiti per il 19 giugno 2010 – ore 21:00 circa Presso la “Mola del Sacramento” – Ferentillo (TR) Foto e grafica: Igor Moschcowitz – Foto scattata il 23 maggio 2010 in occasione della Festa della Montagna alle trocette (davanti alla madonna di tutti)

1


Le soir à la montagne (voici venir la nuit) (RE: la' – la'' - la''')

2


Le soir à la montagne (voici venir la nuit) (RE: la' – la'' - la''') (Piemonte e Val d'Aosta)

Voici venir la nuit là haut sur la montàgne et le soleil s'enfuit à travers la campàgne.

La cloche du hameau rèsonne à distànce, le son du chalumeau nous invite à la dànce.

Et l'on entend... Et l'on entend... Le montagnard... Le montagnard... Chanter dans la prairìe son doux refrain joyeux qui charme son amìe. Trala, la, la, la, la...

Et l'on entend... Voici la fin du jour et les jeunes bergères pensent à leurs amours en disant leurs prières. Et l'on entend...

3


La Montanara (RE: la' – la'' – fa''' – la'''' – re''''')

4


La Montanara (RE: la' – la'' – fa''' – la'''' - re''''') (Canto dei monti trentini)

Là su per le montagne, fra boschi e valli d'or, tra l'aspre rupi echeggia un cantico d'amor. (bis) "La montanara, ohè!" si sente cantare, "cantiam la montanara e chi non la sa?” (bis)

"La montanara, ohè!" si sente cantare, "cantiam la montanara e chi non la sa?” (bis) Là su sui monti dai rivi d'argento una capanna cosparsa di fior era la piccola, dolce dimora di Soreghina, la figlia del sol, la figlia del sol.

San Franciscu (RE: la' - la'')

Giranno pè Terni (LA: mi')

(Canto ternano, F. Miselli, 1901)

(Canto ternano)

Una vorda de questa giornata giù lu spiazzu dell'Urmu che era! Ch'alligria da matina a la sera tra li soni, lo 'bbè, lo ballà!

Funtana! La Cummuna t'ha scordatu, funtana che non pisci da tant'anni, si 'n calamaru ruttu senz'astucciu e non t'arfonno, mango si li scanni. Non ci sta l'acqua, non ci sta corrente e tu, funtana mia, non ciai 'na goccia e li milioni c'ho mannatu a Terni So' tutti sistemati a ogni saccoccia.

De San Marcu le belle 'nfiorate, oh, ch'addore de bussu e mortella. San Franciscu, che musica bella! Oh, che tempi! Che vòli scordà!

Se so' tanti li galli a magna' la funtana non pole arpiscià.

Bellu tempu, bellu tempu, si' firnìtu, ma perché 'n 'arveni più, 'n 'arveni più? Terni nostru, Terni nostru, 'ndo' si' jitu? Giranno pè Terni se quante ne vidi, Terni mia, non si' più tu, non si' più tu! te viene da piagne, po' invece ce ridi (bis) e te da da penzà. (bis) Pe' San Marcu ci sta 'na finestra 'ndo' lo sole 'na vorda arlucèa, No lu sapete vui chi so' qui a Terni quanno mamma affacciata ci stèa che pozzono chiamasse salamuni, 'nzieme a nonna 'sta festa a vedè. so quilli che vedete da Pazzaja, sto disperati e fonno li cacuni. Mo' lla pora finestra lucente Fo finta de scappà da lu Modernu non c'ha più quillu bellu splennòre, d'entrà la lu caffè pe 'n pijà gnente, mo' se passo me sendo lu core so fatti apposta pè sta lì 'mpalati che se sfragne a vedèlla accucì! e a fa le chiacchierette su la gente. Bellu tempu, bellu tempu, si' firnìtu, Se Pazzaja li pole appiccà ma perché 'n 'arveni più, 'n 'arveni più? so' salami pe' gran qualità. Terni nostru, Terni nostru, 'ndo' si' jitu? Terni mia, non si' più tu, non si' più tu! Giranno pè Terni se quante ne vidi, (bis) te viene da piagne, po' invece ce ridi Terni mia, non si' più tu, non si' più tu! e te da da penzà. (2 volte piano e 2 forte) 5


La Paganella

6


La Paganella (SOL: sol') (Canto trentino)

Voria veder el Trentino Da 'na vista propri bela. No 'sto a perder massa temp E va' su la Paganela. Su la bela, Paganela, va la su, va la su, va la su, va la su no perder temp.

Da là su se vede 'l ziel, i torrenti e le vedrete, va l'ociada, va 'l pensier dal confin fino a le strette. Su la bela, Paganela, va l'ociada, va 'l pensier da le strette fien 'l confin.

Cossa èl sta Paganela? Che no sò cossa che l'è? Ma no sat cossa che l'è? Ma no sat cossa che l'è? L'è la zima la pù bela, de pù bele no ghe n'è. L'è la zima la pù bela, de pù bele no ghe n'è. No ghe n'è, no ghe n'è, no ghe n'è, no ghe n'è, no ghe n'è, po, po, po.

Da 'na banda trenta laghi e d'Asiago l'altipian, e d'Asiago l'altipian, e d'Asiago l'altipian. Da 'na banda trenta laghi e d'Asiago l'altipian, e da l'altra San Martino e zò zò fin a Milan. a Milan, a Milan, a Milan, a Milan, a Milan, po, po, po.

Tote 'nsema 'na pute | la e 'na bozza, 'na bozza de bon vin, per goder, per goder la Pagane | la e la vista, e la vista del trentin, del trentin. Tote 'nsema 'na putela e 'na bozza de bon vin, per goder la Paganela e la vista del trentin, (breve) per goder la Paganela (pausa lunga) e la vista del trentin. Paganela, Paganela, o montagna tutta bela. Paganela, Paganela, de pù bele no ghe n'è. No ghe n'è, no ghe n'è, no ghe n'è, no ghe n'è, no ghe n'è. QUI NON SI FA “PO PO PO”!!!

Tote 'nsema 'na pute | la e 'na bozza, 'na bozza de bon vin, per goder, per goder la Pagane | la e la vista, e la vista del trentin, del trentin. Tote 'nsema 'na putela e 'na bozza de bon vin, per goder la Paganela e la vista del trentin, (breve) per goder la Paganela (pausa lunga) e la vista del trentin. Paganela, Paganela, o montagna tutta bela. Paganela, Paganela, de pù bele no ghe n'è. No ghe n'è, no ghe n'è, (forte) no ghe n'è, no ghe n'è, no ghe n'è. Pute | la (cesura: breve silenzio) 7


La villanella (Re: re)

La villanella (Re: re) (Canto trentino)

Varda che passa la villanella; os-ce che bela, la fa innamorar! O come bali bene bela bimba, bela bimba, bela bimba. O come bali bene bela bimba, bela bimba, bali ben! Varda quel vecio soto la scala; os-ce che bala, ch'el gh'ha ciapà. Vecchio scarpone (RE: la) (Festival di Sanremo - Calibi, C. Donida e Pinchi, 1953)

Lassù in un ripostiglio polveroso fra mille cose che non servon più, ho visto un poco logoro e deluso un caro amico della gioventù.

(la)

Qualche filo d'erba col fango disseccato, fra i chiodi ancor pareva conservar, era uno scarpone militar.

O come bali bene bela bimba... Varda quel merlo dentro la gabia; os-ce che rabbia ch'el gh'ha ciapà. O come bali bene bela bimba... Dansa al mattino, dansa alla sera, sempre leggera sembra volar. O come bali bene bela bimba... Sopra le dune del deserto infinito, lungo le sponde accarezzate dal mar. Per giorni e notti insieme a te ho camminato, senza riposar. Lassù fra le bianche cime di nevi eterne immacolate al sol, cogliemmo le stelle alpine per farne dono ad un lontano amor.

(mi)

(fa#)

Vecchio scarpone quanto tempo è passato, quante illusioni fai rivivere tu. Quante canzoni, sul tuo passo ho cantato che non scordo più.

Vecchio scarpone come un tempo lontano, in mezzo al fango con la pioggia e col sol, forse sapresti, se volesse il destino camminare ancor. Vecchio scarpone, fai rivivere tu la mia gioventù.

I libretti del coro sono sponsorizzati dalle Radioigor, le radio per tutti i gusti:

www.radioigor.tk (Radioigor, Radioigor Montagna, Radioigorfree, Radioigor Natale).

8

Coro cai terni libretto spartiti e testi per i coristi ad "Arrampicando con Zazzà" 2010  

Il libretto con i testi e gli spartiti necessari ai coristi per la prima esibizione del coro ad "Arrampicando con Zazzà" (edizione 2010). F...

Coro cai terni libretto spartiti e testi per i coristi ad "Arrampicando con Zazzà" 2010  

Il libretto con i testi e gli spartiti necessari ai coristi per la prima esibizione del coro ad "Arrampicando con Zazzà" (edizione 2010). F...

Advertisement