__MAIN_TEXT__

Page 1

CORSO LAC «VENETO 2019» PER GUARDIE GIURATE VOLONTARIE Programma


CURRICULUM

CURRICULUM VENATORIO: 18 ore irrinunciabili, 78 ore vincolanti (di cui 20 ore di assenza possibili), 64 ore consigliate

= 160 ore di lezione, 27 docenti, 20 giorni di lezione minimo

26 ore irrinunciabili, 58 ore vincolanti (di cui 15 ore di assenza possibili), 58 ore consigliate

LAC - Lega per l'abolizione della caccia

CURRICULUM ITTICO ACQUE DOLCI: = 142 ore di lezione, 25 docenti, 18 giorni di lezione minimo

CURRICULUM ITTICO MARINO: 34 ore irrinunciabili, 50 ore vincolanti (di cui 13 ore di assenza possibili), 58 ore consigliate

= 142 ore di lezione, 25 docenti, 18 giorni di lezione minimo

CURRICULUM ITTICO VENATORIO:

42 ore irrinunciabili, 86 ore vincolanti (di cui 22 ore di possibile assenza), 64 ore consigliate

C O R S O

L A C

ÂŤ V E N E T O

2 0 1 9 Âť

= 192 ore di lezione, 32 docenti, 24 giorni di lezione minimo

P.1


INFO

Sede del Corso: Via Caprera 73, Dueville (VI) Massimo 30 allievi Lezioni la domenica, fascia oraria 9:00 – 20:00 Inizio del Corso gennaio 2019 (cominciando dalle lezioni propedeutiche) Conclusione del Corso entro settembre 2019 Direttore responsabile del Corso Manuel Zanella Coordinamento tra i corsisti e i docenti Michele Favaron

LEGENDA: I = lezione irrinunciabile (obbligo di frequenza 100%) V = lezione vincolante (obbligo di frequenza 74%) C = lezione consigliata (nessun obbligo ma partecipazione vivamente incoraggiata)

C O R S O

L A C

ÂŤ V E N E T O

2 0 1 9 Âť

P.2


PROGRAMMA

SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI IN MATERIA VENATORIA. NORME COMPORTAMENTALI. "Depenalizzazione, poteri ed operatività dell'agente accertatore" (16 ore di cui 8 C e 8 V per tutti i curricula) Dino Vecchi, Operatore di Polizia Locale

Legge n. 689/81 con particolare riguardo alle procedure di accertamento e applicazione delle sanzioni amministrative. (3 ore – I per tutti i curricula) Francesco Zanotto, Polizia Provinciale di Vicenza

Modalità di coordinamento delle attività delle Guardie Venatorie Volontarie, deontologia e definizione del comportamento corretto da mantenere durante il servizio, modalità di svolgimento del servizio, presentazione e approccio in sede di controllo e di contestazione dell'illecito. (3 ore – I per tutti i curricula) Gianluigi Mazzucco, Polizia Provinciale di Vicenza

“Le sanzioni amministrative sulla caccia: principi generali, casistica della legge nazionale, modalità applicative e tecniche di redazione di un verbale” (4 ore – V per curriculum venatorio, C per curricula ittici) Alberto Giani, Guardia venatoria volontaria del World Wildlife Fund (WWF)

C O R S O

L A C

« V E N E T O

2 0 1 9 »

P.3


PROGRAMMA

NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE IN MATERIA DI TUTELA DELLA FAUNA E DI REGOLAMENTAZIONE DELL’ATTIVITÀ VENATORIA “Legge Regionale del Veneto n. 50/93” (4 ore – V per curriculum venatorio) Andrea Zanoni Consigliere Regionale del Veneto e già Responsabile Regionale Guardie WWF

"La caccia in Lombardia. Legge Regionale n. 26/93" (4 ore – V per curriculum venatorio, I per i corsisti lombardi) Filippo Bamberghi, Guardia Particolare Giurata Venatoria, Coordinatore del Nucleo Guardie WWF di Milano

“Legge 157/92” (8 ore – V per curriculum venatorio) Raimondo Silveri, Direttore Nazionale del Servizio di Vigilanza della Lega Abolizione Caccia (LAC)

La figura della guardia venatoria volontaria (1 ora) Nozione del Pubblico Ufficiale – Doveri e poteri del Pubblico Ufficiale – Art. 2700 C.C. - Gli artt. 27 e 28 della L. n. 157/1992 - Tecnica di Polizia Amministrativa – Il coordinamento della Provincia – Interazione con la Polizia Giudiziaria e l’Autorità Giudiziaria - Modalità di intervento - Deontologia professionale della Guardia Venatoria Volontaria.

Le violazioni amministrative in materia di attività venatoria (1 ½ ora) Le violazione amministrative previste dall’art. 31 della L. n. 157/1992 e dall’art. 35 della L.R. n. 50/1993. Gli elementi costitutivi del verbale – La trasformazione delle sanzioni dalla lira all’euro - I verbali di accertamento e l’immediata contestazione - La notificazione dei verbali non immediatamente contestati - Il verbale di sequestro amministrativo - Altre verbalizzazioni - Il prontuario.

Le violazioni penali in materia di attività venatoria (1½ ora) Le violazioni previste dall’art. 30 della L. n. 157/1992. Le violazioni in materia di armi - La Polizia Giudiziaria – L’Ausiliario di P.G. - La denuncia ex art. 331 c.p.p

Redazione pratica di verbali (2 ore) Verbali amministrativi – Lettere di trasmissione – Il rapporto – Redazione di denuncia ex artt. 331 c.p.p. (6 ore - V per tutti i curricula) Roberto Piana, Vicepresidente nazionale della LAC e già Coordinatore nazionale della Guardie volontarie LAC

"Nozioni base di armi ed armamento con particolare riferimento all'attività venatoria" (12 ore di cui 8 V per curriculum venatorio, C per curricula ittici) Primo Maresciallo Aerosoccorritore Massimiliano Longo Primo Maresciallo Istruttore di tiro Giovanni Malanga Aeronautica Militare C O R S O

L A C

« V E N E T O

2 0 1 9 »

P.4


PROGRAMMA

NORMATIVA NAZIONALE, REGIONALE E PROVINCIALE IN MATERIA DI TUTELA DELLA FAUNA ACQUATICA E DI REGOLAMENTAZIONE DELL’ATTIVITÀ ALIEUTICA “Norme per la gestione dell'attività di pesca e la tutela della fauna ittica; Legge regionale 28 aprile 1998, n. 19 e nuovo Regolamento regionale n. 6 del 28 dicembre 2018; Regolamenti provinciali e gestione dell'attività di pesca nelle acque interne delle province di Padova, Vicenza e Verona; guida alla consultazione dei prontuari delle violazioni e delle sanzioni sulla pesca nelle acque interne” (8 ore - I per curricula ittici) Roberta Locatelli, Biologa, libera professionista, esperta di gestione faunistica e pianificazione ambientale, consulente del Servizio Pesca della Provincia di Padova.

- Regio decreto 1604/1931; - artt. 39 e 40 della Legge 28 luglio 2016, n. 154; - Legge 14 luglio 1965, n. 963; - D.P.R. n° 1639 del 2 ottobre 1968; - Decreto Legislativo 9 gennaio 2012, n. 4 (8 ore - V per curricula ittici) Dino Vecchi, Operatore di Polizia Locale

“Strumenti e tecniche di investigazione” (2 ore - C per tutti i curricula) Investigatore privato

C O R S O

L A C

« V E N E T O

2 0 1 9 »

P.5


PROGRAMMA

TUTELA DELLE COLTURE AGRICOLE E SALVAGUARDIA AMBIENTALE “danni da fauna selvatica e prevenzione” (8 ore – V per curriculum venatorio) Dino Vecchi, Agrotecnico

“Specie vegetali più caratteristiche e rappresentative presenti del territorio Veneto (sia terrestri che acquatiche); endemismi e specie vegetali minacciate di scomparsa in Veneto; piante indicate per la realizzazione di siepi campestri e fasce boscate tampone per il ripristino dell’habitat.” (5 ore) Visita guidata all’Orto Botanico di Padova (3 ore) (8 ore – V per curriculum venatorio) Elena Macellari, Agronoma

“Gli Anfibi del Veneto: riconoscimento, normative e azioni di tutela” (3 ore – C per tutti i curricula) Alessandra Bogo, Presidente dell’Associazione SOS Anfibi Giovanni Morao, Dottore Naturalista e fotografo Anna Cariolato, Volontaria del Gruppo SOS Anfibi Vicenza

CONCETTI GENERALI DI BIOLOGIA DELLA FAUNA SELVATICA "Ecologia per la salvaguardia e la protezione della natura" (4 ore – I per tutti i curricula) Gianni Tamino, già Docente di Biologia e di Fondamenti di Diritto ambientale

C O R S O

L A C

« V E N E T O

2 0 1 9 »

P.6


PROGRAMMA

MALTRATTAMENTO E BENESSERE ANIMALE “Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali (Legge 20 luglio 2004, n. 189); tutela degli animali d’affezione e prevenzione del randagismo (Legge 281 del 14 Agosto 1991 e Legge regionale 28 dicembre 1993, n. 60); benessere degli animali con approfondimento sugli uccelli in cattività.” (4 ore – V per tutti i curricula) Dario Buffoli, Medico Veterinario specialista in Etologia applicata e benessere animale

“ Schede di sopralluogo forense in caso di rinvenimento di animale deceduto e cause di morte della fauna selvatica: • fotografia (indicazione di quali immagini servono e come vanno prese) • rilievi entomologici • lesioni non accidentali: - abuso sessuale - trauma da corpo contundente - ferite da arma da fuoco - lesioni da taglio - lesioni da energia elettrica - lesioni da calore - asfissia da soffocamento, strangolamento e asfissia meccanica - asfissia da annegamento e ritrovamento di corpi in acqua - avvelenamenti - lesioni da morso - miasi e negligenza - superlavoro violenza interspecifica; fauna selvatica e convivenza sostenibile: gestione scientifica della nutria." (8 ore – V per tutti i curricula) Cristina Marchetti, DVM PhD, Patologo Forense esperto in fauna selvatica, Dipartimento di Scienze Medico Veterinarie dell’Università di Parma, Consulente Tecnico d’Ufficio del Tribunale di Parma (n° 88) per la Specializzazione: “patologia veterinaria forense e indagini e tecniche necroscopiche” C O R S O

L A C

« V E N E T O

2 0 1 9 »

P.6


PROGRAMMA

RICONOSCIMENTO DI MAMMIFERI TERRESTRI ED UCCELLI " Identificazione dell’avifauna, problematiche e metodi per il riconoscimento; rapaci diurni e notturni e nuove nicchie ecologiche in ambito urbano (ali in città); uccelli e clima: adattarsi o scomparire; attrezzatura per il birdwatching (binocolo & c.)" (8 ore - C per curriculum venatorio) Aldo Tonelli, Validatore per la Provincia di Padova del sistema informatizzato per l'acquisizione e la condivisione dei dati sugli uccelli denominato Ornitho.it. Faunista veneto autore di numerosi lavori scientifici pubblicati o presentati a convegni nazionali di Ornitologia

“Come i cambiamenti ambientali influenzano l'arrivo o la scomparsa di molte specie animali; rassegna fotografica di mammiferi e di uccelli delle Alpi, acquatici e della Pianura del Nord Italia” (6 ore - C per curriculum venatorio) Luigi Sebastiani, Ornitologo, Fotografo naturalista ed autore di alcuni libri fotografici sull'Avifauna del Veneto

“Nozioni di base di riconoscimento degli uccelli e delle specie cacciabili; il bracconaggio in Italia e come contrastarlo: forme, tempi, luoghi e quadro normativo.” (4 ore - C per curriculum venatorio) Andrea Rutigliano, Responsabile del Committee Against Bird Slaughter (CABS) per Italia, Francia, Spagna e Cipro

“Riconoscimento specie ornitiche: Specie cacciabili e specie simili - chiavi di riconoscimento - tecniche di riconoscimento di uccelli in mano. Muta e discriminazione tra uccelli giovani e adulti. Specie considerate "nocive". Nozioni sull'andamento delle popolazioni.” (8 ore – I per curriculum venatorio) Marilena Perbellini, Ornitologa, Inanellatrice a scopo di ricerca scientifica per l'Istituto Superiore per Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA).

C O R S O

L A C

« V E N E T O

2 0 1 9 »

P.7


PROGRAMMA

RICONOSCIMENTO DI PESCI, CROSTACEI, MOLLUSCHI, ECHINODERMI, MAMMIFERI E RETTILI ACQUATICI “Corso per il riconoscimento delle specie ittiche delle acque interne e cenni sul riconoscimento di crostacei e molluschi: 1. Cenni di idrografia ed ecologia fluviale 2. Cenni di anatomia dei pesci 3. Tassonomia dell’ittiofauna 4. Descrizione delle specie autoctone 5. Descrizione delle specie alloctone 6. Crostacei e molluschi delle acque interne” (4 ore – I per curricula ittici) Stefano Salviati, Biologo, Società di Ricerca Aquaprogram srl.

“Fauna ittica del Veneto: specie autoctone ed alloctone” (4 ore – I per curricula ittici) Manuel Bellio, Dottore naturalista esperto in fauna ittica, Società di Ricerca Bioprogramm S.C.

“Riconoscimento specie marine di pesci, mammiferi, crostacei, molluschi, echinodermi presenti in Mare Adriatico, sia di interesse commerciale che oggetto di catture accidentali; attrezzature (consentite e non consentite) comunemente utilizzate per la pesca in mare e in acque di transizione della città Metropolitana di Venezia; cenni sulla pesca e sul suo impatto su specie commerciali e non commerciali con particolare focus sulle specie elencate in direttive di protezione europee.” parte teorica: - principali tipologie di pesca esercitate nel Mare Adriatico e loro impatti sull’ambiente (consumi carburante; emissioni in ambiente; by catch; turbazione del fondale, ecc…); - principali tipologie di pesca esercitate nelle acque di transizione (lagune ed estuari della Città Metropolitana di Venezia) del mare Adriatico e loro impatti sull’ambiente (consumi carburante; emissioni in ambiente; by catch; turbazione del fondale, ecc…); - taglie minime consentite; - fauna ittica degli ambienti di transizione e del mare Adriatico: riconoscimento delle specie più comuni e delle specie inserite nelle liste di protezione europee (Direttiva Habitat, Convenzione di Berna, ecc..); - principali specie di crostacei, molluschi ed echinodermi oggetto di pesca commerciale e dilettantistica negli ambienti di transizione e del mare Adriatico: riconoscimento, taglie minime consentite, quantità prelevabili, tecniche o strumenti utilizzabili; - mammiferi e rettili marini degli ambienti di transizione della città Metropolitana di Venezia e del mare Adriatico: riconoscimento e disposizioni di legge per la loro tutela e salvaguardia; - pesca, pescatori e consumatori: rapporti a volte sottovalutati. parte pratica: - tipologie di reti impiegate nella pesca professionale sia in acque marine sia in acque di transizione; - identificazione di alcune specie di pesci con campioni freschi. (8 ore - I per curriculum marino, V per curriculum acque dolci) Federico Riccato, Riccardo Fiorin, Laureati in Scienze Ambientali, Società di Ricerca e Monitoraggio ambientale Laguna Project s.n.c

C O R S O

L A C

« V E N E T O

2 0 1 9 »

P.8


PROGRAMMA

PREVENZIONE, SALUTE, ATTIVITÀ FISICA E NUTRIZIONE “Nozioni di Pronto Soccorso e tecniche di medicina tattica” (8 ore - V per tutti i curricula) Capitano Medico Alessia Nardo Primo Maresciallo Infermiere Massimiliano Franco Aeronautica Militare

Come difendersi e mantenersi in forma (16 ore - C per tutti i curricula) Enrico Chiffi, Palestra Naka Gym, Istruttore di arti marziali, nello specifico Muay Thai, arte tradizionale da combattimento thailandese. Istruttore di Training Funzionale. Insegnante di Thai Yoga.

“Prevenzione e lotta Antincendio” (4 ore – C per tutti i curricula) Primo Maresciallo Aerosoccorritore Massimiliano Longo, Aeronautica Militare

" L'abc del primo soccorso per aspiranti guardie volontarie; nutrizione e salvaguardia ambientale: quale legame? " (6 ore – C per tutti i curricula) Helga Vincenti, Medico Chirurgo perfezionato in Diagnosi e Trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare. Master in Nutrizione di Popolazione, Educazione e Sicurezza Alimentare presso l'Università degli Studi di Padova. Medico libero-professionista e Docente di primo soccorso aziendale.

La dieta a base vegetale dalla teoria alla pratica ASPETTI GENERALI: motivazioni (etiche, salutistiche, ambientali), evidenze e posizioni delle società scientifiche. COME REALIZZARE UNA DIETA VEG BILANCIATA: gruppi di alimenti: caratteristiche nutrizionali, utilizzo pratico, consigli, ricette nutrienti critici ed ottimizzazione dell'apporto nutrizionale esempi di menù per i diversi fabbisogni energetici risposte alle domande dei partecipanti (3 ore – C per tutti i curricula) Maria Alessandra Tosatti, Biologa nutrizionista - libero professionista, Specialista in biochimica clinica, Master in alimentazione e dietetica vegetariana, Membro del comitato scientifico della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana

C O R S O

L A C

« V E N E T O

2 0 1 9 »

P.9


PROGRAMMA

Vicenza, 10 Gennaio 2019

Direttore responsabile del Corso

Il Co-organizzatore del Corso

Manuel Zanella

Michele Favaron

p. Lega per l’Abolizione della Caccia - sez. Vicenza

C O R S O

L A C

« V E N E T O

2 0 1 9 »

P.10

Profile for Coordinamento Protezionista Padovano

"Veneto 2019" Corso per guardie venatorie volontarie  

Corso organizzato dalla LAC - Lega per l'abolizione della caccia ai sensi della legge 157/1992 e delle leggi regionali vigenti

"Veneto 2019" Corso per guardie venatorie volontarie  

Corso organizzato dalla LAC - Lega per l'abolizione della caccia ai sensi della legge 157/1992 e delle leggi regionali vigenti

Advertisement