Issuu on Google+

UDINE

Periodico mensile - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, D.C.B. Udine Bollettino degli Organi direttivi di Associazione Sindacale

Anno XIV - Supplemento n. 3 - Marzo 2014

Bolzonello: a breve nuovi interventi per l’artigianato

INCORAGGIANTI I RISULTATI DELLA PRIMA EDIZIONE DEL PROGETTO MANI RINNOVATO IL MOVIMENTO GIOVANI IMPRENDITORI, ELISABETTA PARISE NUOVO PRESIDENTE PRESENTATA LA XVI INDAGINE CONGIUNTURALE, CON TUTTI GLI INDICATORI ANCORA NEGATIVI IN 350 AL SEMINARIO SUGLI IMPIANTI TERMICI: NOVITÀ PER IMPRESE E CLIENTI


Periodico MENSILE di Confartigianato Imprese F.V.G. Autorizzazione del Tribunale di Trieste n. 1020 del 08/03/2001 Anno XIV - Supplemento al n. 3 - Marzo 2014 Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, D.C.B. Udine Bollettino degli organi direttivi di Associazione sindacale Direttore responsabile: Tiziana Sabadelli Comitato di redazione: Alessio Belgrado, Enrico Eva, Gian Luca Gortani, Gianfranco Trebbi Hanno collaborato a questo numero: Gian Luca Gortani, Mauro Nalato, Luca Nardone, Giulia Peccol, Tiziana Sabadelli, Nicola Serio, Marinella Tolloi Direzione, Redazione, Amministrazione: Via Coroneo 6, 34133 Trieste Tel. 040 363938 Editore: Confartigianato Imprese Friuli Venezia Giulia Via Coroneo 6, 34133 Trieste - Tel. 040 363938 Progetto grafico: Unidea Stampa: Cartostampa Chiandetti srl Reana del Rojale - Via Vittorio Veneto 106 Pubblicità: Per la pubblicità su Informimpresa potete contattare Rosanna Palmisciano Tel. 0432 516738

Contenuti Editoriale 03

“Pluitost di nuie a l’e’ miôr pluitost” non è una logica seducente

I FATTI 04

Imprenditori benemeriti protagonisti della cerimonia di San Giuseppe Artigiano

07

Progetto MANI: uno strumento concreto per avvicinare i giovani ai mestieri artigiani

08

I dati lo confermano: tagliare subito tasse e burocrazia!

09

Elisabetta Parise alla guida del Movimento Giovani di Confartigianato Udine

I NOSTRI IMPRENDITORI 10

Quando il vintage incontra il moderno e l’originalità

Categorie 12

Acconciatori, corso per i docenti della prima formazione del FVG

13

Gas refrigeranti, continua il percorso formativo per la certificazione delle imprese

14

La “Casa da Duga” scrigno delle opere della fotografa Ulderica Da Pozzo

15

350 imprese al seminario sugli impianti termici

Cronache 16

Bankitalia promuove Confidimprese Fvg a conclusione della visita ispettiva

17

La rete dà dipendenza già in giovanissima età

18

Due secoli di invenzioni friulane che hanno cambiato il mondo

19

Il futuro, per molte imprese manifatturiere, è fare rete

2


Editoriale

“Pluitost di nuie a l’e’ miôr pluitost” non è una logica seducente di Gian Luca Gortani Direttore Confartigianato Udine

Capita spesso che un imprenditore ponga domande del tipo “ma Confartigianato cos’è riuscita ad ottenere per me in questi ultimi anni?”, “che risultati ha portato a casa nell’interesse della categoria?”. Sono domande sensate, sacrosante e legittime. E sono interrogativi a cui non è facile rispondere. Non perché i risultati manchino, ma per altri motivi. Proviamo a sintetizzare il perché in pochi punti. Primo: quando si tratta di negoziare, contrattare e mediare l’esito finale è necessariamente un compromesso tra interessi diversi e il più delle volte diametralmente opposti. Nei casi migliori l’accordo è una via d’uscita vincente per tutti, originale e creativa. Nella maggior parte dei casi è una via di mezzo, un incontro più o meno a metà strada in cui ogni parte deve concedere qualcosa, spesso più di quanto fosse disposta inizialmente a mollare. In tutti questi casi il “non ottenuto” peserà sempre più dell’”ottenuto” e sarà difficile far apprezzare il risultato a chi, anche comprensibilmente, si aspetta battaglie del tipo “o tutto o niente”. La filosofia del “pluitost di nuie a l’e’ miôr pluitost” sarà anche logica, ma non è seducente. Secondo: mai dimenticare che siamo sul piatto meno pesante della bilancia. Sulla carta i numeri sono dalla nostra parte: milioni di aziende e imprenditori sono l’ossatura economica e sociale del Paese. All’atto pratico queste cifre non contano se non trovano una sintesi unitaria e coesa. Senza questo, portare a casa i risultati è più che difficile. Un mese fa i 60.000 artigiani, commercianti ed esercenti di piazza del Popolo a Roma hanno dato un segnale forte in questa direzione, ma ora di tratta di non disperdere quell’energia e farla pesare sui tavoli che contano.

Terzo: ammettiamolo, non siamo ancora abbastanza bravi a comunicare i risultati che otteniamo, le battaglie che conduciamo e le piccole o grandi vittorie che riusciamo a conseguire. In tutti e tre i casi, come organizzazione possiamo e dobbiamo migliorare. Se lo aspettano gli imprenditori che rappresentiamo e ce lo chiedono gli associati che ripongono in noi la fiducia nel cambiamento. C’è di più: ce lo impone il nuovo contesto politico, in cui la voglia e la necessità di risposte rapide a problemi per troppo tempo inaffrontati si traducono in tempi decisionali sempre più serrati. La politica sta mettendo in discussione la validità e la stessa ragion d’essere dei cosiddetti ‘corpi intermedi’. In altre parole, cerca di mettere in discussione noi associazioni. Come in mezzo ad una marea che sale rischiamo di essere travolti dalla domanda di cambiamento. Quando la marea si ritirerà, se nel frattempo non avremo migliorato le nostre prestazioni, rischiamo di essere spazzati via. Sbrighiamoci quindi a rispondere agli interrogativi da cui siamo partiti o saranno altri a dare le risposte giuste.

Non siamo ancora abbastanza bravi a comunicare i risultati che otteniamo

3


I Fatti

Imprenditori benemeriti protagonisti della cerimonia di San Giuseppe Artigiano Tilatti: “La Pubblica Amministrazione non sia contro le imprese”

N

inaccettabile riduzione dell’Irpef che beneficia i soli lavoratori dipendenti ed esclude a priori gli autonomi; fare in modo che l’apprezzabile riduzione dell’Irap, nel caso di artigiani e commercianti, venga realizzata attraverso un aumento della franchigia anziché la riduzione dell’aliquota; convincere i Comuni a non riversare sulle imprese gli oneri e gli squilibri determinati dalla disciplina della TASI. Durante la cerimonia, presentata da Claudio Moretti e da Bettina Carniato, sono stati consegnati attestati di benemerenza a 43 imprese artigiane della provincia di Udine, mentre il premio speciale del Movimento “Donne Impresa” dedicato alla memoria di Donatella Pressello è stato assegnato alla delegazione udinese dell’A.N.D.O.S. – ONLUS, l’Associazione Nazionale Donne Operate al Seno. “In questi mesi – ha dichiarato il Vicepresidente regionale Bolzonello dopo aver difeso i tanti dipendenti pubblici che fanno il loro dovere e invitato la classe imprenditoriale ad avere una visione per il futuro - stiamo vivendo i momenti più difficili degli ultimi 60 anni. Da questa situazione usciamo con una visione per il futuro e con un forte impegno quotidiano”. Il presidente di Confartigianato Udine Graziano Tilatti, denunciata la politica di svendita di aziende friulane che continua ad essere praticata

uove risorse per l’artigianato (1,5 milioni per il Cata Artigianato, per altro insufficienti secondo Confartigianato, e rassicurazioni sulla copertura del fabbisogno per finanziare i progetti di ricerca e sviluppo). In arrivo, fra un mese e dopo il confronto con le Associazioni del comparto, il regolamento di attuazione delle botteghe-scuola, seguito a maggio dal nuovo piano per lo sviluppo industriale e artigianale che prevede la revisione anche del ruolo dei confidi, che dovranno essere maggiormente integrati nel sistema finanziario e creditizio regionale ed infine un apparato pubblico che non sia più controparte delle imprese e delle organizzazione imprenditoriali ma che collabori con esse. Sono queste le risposte alle reiterate richieste di Confartigianato alla Regione (nella finanziaria regionale le risorse per gli incentivi erogati dal CATA sono attualmente pari a zero) dell’assessore regionale alle attività produttive Sergio Bolzonello intervenuto domenica 23 marzo a Gemona del Friuli alla tradizionale celebrazione di San Giuseppe artigiano organizzata da Confartigianato Udine. Su piano delle istanze nazionali della categoria, è intervenuto il Segretario generale di Confartigianato Imprese Cesare Fumagalli ha invece evidenziato tre sfide lanciate al Governo e alle Amministrazioni locali: correggere l’iniquo e 4


Il Presidente Tilatti durante il suo intervento, e in basso il Segretario nazionale Fumagalli

che impedisce anche alla Provincia, pur avendo in cassa le risorse, di procedere con le gare d’appalto. Apprezzato anche l’intervento del membro di Giunta della Camera di commercio Rosanna Clocchiatti che ha sottolineato come il rilancio dello sviluppo del Paese debba passare soprattutto attraverso la valorizzazione del Made in Italy, del turismo e dell’integrazione a filiera tra agricoltura, artigianato e turismo. Fra i presenti anche il prefetto di Udine Provvidenza Delfina Raimondo, Alessandro Miconi delegato dal Questore, Antonio Tozzi, il presidente del Consiglio regionale del FVG Franco Iacop, il presidente onorario di Confartigianato Udine Carlo Faleschini e il vicepresidente di Confartigianato Imprese FVG, Ariano Medeot.

in Friuli ed evidenziato come il mondo della piccola impresa e dell’artigianato sia riuscito a resistere in questi anni di crisi, nonostante le troppe incrostazioni che frenano il lavoro delle imprese, ha parlato dei sogni delle imprese. “Le imprese sognano - ha detto - una pubblica amministrazione che diventi partner delle imprese e che non si limiti a sanzionarle e a contrapporsi ad esse; delle banche che tornino a erogare il credito alle imprese, il rispetto dei tempi di pagamento da parte della pubblica amministrazione e delle grandi imprese ed una pubblica amministrazione efficiente”. I lavori sono cominciati con i saluti del presidente della zona dell’Alto Friuli di Confartigianato Roberto Vicentini che ha sottolineato l’orgoglio e lo spirito di appartenenza all’Associazione trasmessogli da suo padre. E’ poi intervenuto il sindaco di Gemona Paolo Urbani, che ha criticato aspramente il contratto unico dei dipendenti degli enti locali (“costa troppo e non dà nulla in cambio in termini di efficienza e mobilità”); i sindacati, colpevoli di parlare unicamente dei diritti dei lavoratori ma mai dei doveri, ed ha invitato la classe politica ad avviare un’azione di sfoltimento della giungla burocratico-amministrativa. Il presidente della Provincia di Udine Pietro Fontanini, nel suo intervento ha denunciato il Patto di stabilità 5


Gli imprenditori premiati il 23 marzo Zona Friuli orientale: Adamo Luigino autotrasportatore di Tarcento; Marco Bordon e Linda Codromaz della ditta Il Golosone di Bordon Marco & C. Snc, pasticceria e gelateria di Tarcento; Cristian e Thomas Feregotto e Luca Noacco della ditta Infostar Service Srl assistenza informatica di Tarcento; Sinesio e Silao Paoloni idraulici di Orsaria di Premariacco; Eleonora Peressini, produzione di yogurt crepes e gelati di Cividale del Friuli; Luigi Cosmar idraulico lattoniere di Orzano; Enzo Cozzi, carpentiere di San Giovanni al Natisone; Sandro e Rino Fabbro e Rino Innocentin della Sira Srl, lavorazione legno di Lauzacco Pavia di Udine.

Beppino e Luciano Puntel, sabbiatura e vetrificazione a Rivo di Paluzza; Fabrizio Buzzulini, della Termoel, termoidraulico di Gemona; Daniele Fachin edile di Socchieve. Zona Basso Friuli: Luigi Casasola, fabbro di Lignano Sabbiadoro; Antonio Parise, impianti elettrici di Latisana; Severino Schiff, serramenti blindati di Pocenia; Luigi, Mauro, Umberto Tonini e Natalina Cecchetto della Tonini snc, officina meccanica e riparazione mezzi agricoli di Aquileia, Bruno Buttus idraulico a Cervignano del Friuli; Guglielmo Seretti, serramenti metallici e vetro architetture di San Giorgio di Nogaro; Andrea, Bruno, Mario, Mauro e Renato Ceccherini, costruzione e riparazione natanti vendita ed assistenza motori marini a Marano Lagunare; Luca Boga, pittore edile a Felettis di Bicinicco; Elena Ceccotti, parrucchiera di Villa Vicentina.

Zona Friuli occidentale: Enrico Binucci, odontotecnico di Mortegliano; Guido Feruglio, termoidraulico di Blessano, Gianni Cucchiaro, autotrasportatore di Virco di Bertiolo; Stefano Chiarvesio carrozziere di Fagagna; Renzo Bertoia, termoidraulico di Colloredo di Monte Albano; Antonino Zanello, Beppino Zanin e Carlo Ponte della Z.P.Z. di Zanello A. & C. Snc, impianti elettrici di Flumignano; Mario e Marco Rabassi lavorazione marmi a Carpacco di Dignano; Gabriele e Cristian Pontisso lavorazioni meccaniche a Romans di Varmo; Franca Valvason, parrucchiera di Bressa di Campoformido.

Zona di Udine: Giuliano Piovesan, barbiere di Udine, Federico Condolo, elettrauto a Udine; Valentina Pittia, parrucchiera di Udine, Adriana Chiarandini produzione oggetti di vetro a Pasian di Prato; Maurizio Paravan, officina meccanica di Pradamano; Gianfranco De Luisa e Mariella Sabadelli, panificio, pasticceria e gelateria di Udine; Ariedo Martinig della ditta Agix Srl, fotografia industriale e grafica pubblicitaria a Udine; Ulderica da Pozzo, fotografa di Udine.

Zona Alto Friuli: Maurizio Screm, falegname di Comeglians; Renato e Riccardo Aita, officina meccanica a Gemona del Friuli; Giuseppe e Licio Pascolo, edili di Gemona del Friuli; Monica Stroppolo tipografa di Camporosso di Tarvisio; Gianni e Manuel Casasola, officina meccanicagommista di Tolmezzo; Andrea Calligaro e Gianluca Pauluzzo, officina meccanica di Buja;

Premio speciale del Movimento “Donne Impresa� dedicato alla memoria di Donatella Pressello: A.N.D.O.S. – ONLUS, Associazione Nazionale Donne Operate al Seno, Comitato di Udine. 6


I Fatti

Bilancio positivo per la prima edizione del progetto, dopo un intenso lavoro di 18 mesi

Progetto MANI: uno strumento concreto per avvicinare i giovani ai mestieri artigiani

Q

uindici progetti concreti di sviluppo imprenditoriale di cui otto già operativi, 260 giovani (tra i 14 e i 35 anni) iscritti sul sito, 450 partecipanti alle diverse iniziative, 120 studenti provenienti da 6 istituti scolastici di istruzione superiore coinvolti nelle attività. Sono questi i numeri più significativi, dopo 18 mesi di lavoro, del progetto Mani (Mestieri Artigianali per Nuovi Imprenditori), guidato da Confartigianato Udine e sostenuto dalla Regione Fvg con l’obiettivo di avvicinare i giovani ai mestieri artigianali tradizionali. Un’attività più che positiva e fruttuosa che è stata analizzata il 18 marzo nel salone del Museo Etnografico di Udine nel corso di un affollato convegno intitolato “Mani verso il futuro”. “Il progetto MANI – ha detto l’assessore regionale al lavoro, formazione e istruzione Loredana Panariti - va nella direzione giusta. L’amministrazione regionale ha intenzione di sostenere in futuro progetti come questo per dare altre opportunità ai giovani del Friuli Venezia Giulia”. Al convegno sono intervenuti, oltre all’assessore Panariti, la presidente del Movimento Giovani Imprenditori di Confartigianato Udine Elisabetta Parise, il direttore di Confartigianato Udine Gian Luca Gortani, il direttore dell’Irtef di Udine (partner del progetto Mani) Sergio Simeoni e il coordinatore del progetto World Skills, le Olimpiadi dell’Artiganato, per l’Associazione Provinciale dell’Artigianato di Bolzano, Mirko Cutrì. Anche il presidente della VI commissione consiliare del FVG Franco Code-

ga è intervenuto dicendo: “Ben vengano iniziative come questa. L’Europa ci chiede una grande attenzione all’alternanza scuola-lavoro”. Ad arricchire ulteriormente il programma della mattinata, la testimonianza diretta di Alessandra Martin e Angela Urbani, due giovani startupper che, anche grazie al progetto MANI, hanno sviluppato la propria idea imprenditoriale. Il progetto MANI ha coinvolto gli Istituti: Marchetti di Gemona, Solari di Tolmezzo, Deganutti, Percoto, Stringher e Uccellis di Udine. Sono stati organizzati 6 incontri formativi e testimonianze di giovani imprenditori artigiani friulani all’Istituto Marchesini di Sacile (in due classi 5^ rispettivamente dell’indirizzo commerciale e turistico). Ben 48 i progetti personalizzati degli studenti delle scuole superiori finalizzati a dei brevi tirocini in aziende artigiane del territorio. 15 invece i progetti imprenditoriali che poi si sono concretizzati in 8 business plan sviluppati attraverso attività formative (workshop, summer camp, autumn camp sull’autoimprenditorialità, sul webmarketing, ecommerce, gestione economica dell’impresa, crowdfunding, ecc.). Per far conoscere ai giovani le attività formative realizzate nell’ambito del progetto e le novità ed opportunità previste per la seconda edizione, dal 12 al 15 marzo è stato anche allestito uno stand alla Fiera Young 2014, all’interno del quale venivano proiettati alcuni video di artigiani che raccontano la loro esperienza e la passione per il loro mestiere. 7


I Fatti

Presentata la XVI indagine congiunturale, con tutti gli indicatori ancora negativi

I dati lo confermano: tagliare subito tasse e burocrazia!

D

Tempi di pagamenti e rispetto delle leggi L’Italia dovrà pagare una multa salata perché la pubblica amministrazione non rispetta le direttive europee che impongono di pagare in 30 giorni. Decine di miliardi di debiti delle amministrazioni pubbliche verso i piccoli imprenditori, che potrebbero ridare ossigeno all’economia, sono ancora bloccati.

alla crisi non si esce senza riforme”. Lo ha detto, commentando i dati non positivi della XVI indagine sulla congiuntura dell’artigianato dell’Ufficio Studi di Confartigianato Udine, il presidente provinciale Graziano Tilatti che ha aggiunto: “Sono ormai indilazionabili provvedimenti sul triplo binario della diminuzione della spesa pubblica improduttiva, del calo delle imposte e della sburocratizzazione, condizioni necessarie per ridare potere d’acquisto alle famiglie italiane e rilanciare la domanda interna per consumi e investimenti”. Un appello non nuovo quello di Confartigianato Udine alla politica che viene rafforzato da dati che, anche se evidenziano un lieve miglioramento, sono ancora preoccupanti e testimoniano che - come ha spiegato il responsabile dell’Ufficio Studi Nicola Serio - “non appare prossima la fine della crisi infinita, che da 6 anni sta decimando le imprese friulane”. “Se da una parte - ha spiegato Serio - si assiste a un lieve miglioramento rispetto allo scorso luglio, dall’altra tutti gli indicatori continuano a rimanere negativi. Anche i settori interni all’artigianato sono tutti in rosso: vanno peggio i servizi, in particolare le autofficine ed i servizi alla persona. Un segnale incoraggiante arriva dall’arredo dove dopo anni di calo il saldo d’opinione sul fatturato è ritornato positivo nel 2013, grazie alla buona performance dell’export”. “Anche se i segnali positivi sono deboli - ha commentato il direttore Gian Luca Gortani occorre che non siano vanificati da una classe politica che continua a rinviare le riforme necessarie a ridare competitività al paese. Nonostante le difficoltà di sistema - aggiunge Gortani - 8 artigiani su 10 continuano ad avere fiducia nella propria capacità competitiva mentre la stessa percentuale (80%) si ritrova alla voce sfiducia verso il futuro dell’economia italiana”.

Il crollo dei prestiti bancari - Il secondo fattore di criticità indicato dalla imprese artigiane è la mancanza di capitali per investimenti causata dalla chiusura dei rubinetti dei finanziamenti all’artigianato attuata dalla Regione e soprattutto dalla stretta creditizia. In Fvg i prestiti bancari sono calati di 2.304 milioni dal 2011, in 2 anni c’è stata una stretta creditizia di 24 mila euro ad impresa, un mix micidiale, per gli equilibri finanziari, soprattutto perché abbinato ai ritardi nei pagamenti delle fatture. Più innovazione e marketing. Meno di un artigiano su due utilizza smartphone o tablet. Le imprese devono attuare delle politiche di innovazione e di marketing per incrementare il numero di clienti e la spesa media per cliente, anche sfruttando al massimo le nuove tecnologie, le applicazioni informatiche per smartphone e tablet e le opportunità offerte dalla rete e dai social network. La diffusione di queste nuove tecnologie consentirà nei prossimi anni di proporre delle “app” per servizi sempre più personalizzati sulle esigenze dei clienti. Il presidente Tilatti, ringraziate le 605 imprese artigiane che hanno risposto all’intervista telefonica, ha rimarcato: “La cosa che non sopportiamo per il nostro Paese è che con la stessa noncuranza con cui l’Italia trascura il suo immenso patrimonio storico, artistico e culturale, il nostro Stato continua a non puntare come dovrebbe su cultura, giovani e piccole imprese, sperperando la ricchezza di creatività e la voglia di fare incarnata da milioni di imprenditori e dalle loro aziende”. 8


I Fatti

Sarà affiancata, nel mandato 2014-2018, da Francesco Roiatti e Gianpiero Bellucci

Elisabetta Parise alla guida del Movimento Giovani di Confartigianato Udine progettuale del progetto MANI e sarà affiancata nel nuovo incarico dal vicepresidente vicario Francesco Roiatti, 38 anni, contitolare di “Giochi di Luce”, azienda manifatturiera del settore artistico con sede a Pasian di Prato, e da Gianpiero Bellucci, 34 anni, giornalista e titolare della Bellucci Comunicazione di Pradamano.“Ringrazio il mio predecessore Alberto Dreossi per il grande lavoro svolto – ha detto Parise – e i colleghi per la fiducia. Noi giovani possiamo fare molto per lo sviluppo del settore artigiano e della piccola impresa soprattutto per la crescita e diffusione di progetti di rete tra imprese, ma anche nella creazione di un collegamento con il mondo della formazione, lavorando per costruire un ponte più solido tra scuole e mestieri artigiani”. I lavori dei “Giovani di Confartigianato” si sono svolti alla presenza del presidente uscente, Alberto Dreossi, che ha evidenziato come “sia importante e formante una esperienza in una associazione di categoria anche perché ci insegna a lavorare in squadra, a dialogare con enti e istituzione” e del past president del Gruppo Giovani e attualmente presidente di Confartigianato Udine Servizi srl, Daniele Nonino, che ha sottolineato come molti componenti e presidenti del recente passato abbiano poi fatto strada sia nella professione sia all’interno della struttura di Confartigianato come pure in incarichi esterni all’Associazione.

E

lisabetta Parise, di Latisana, laureata in Lettere all’Università di Udine, socia della Parise Impianti srl nel 2009 ed ora responsabile gestionale dell’azienda, è la nuova presidente dei Movimento Giovani Imprenditori di Confartigianato Udine che giovedì sera 27 febbraio s’è riunito in assemblea per il rinnovo del consiglio direttivo. Direttivo che, appena eletto, si è insediato per individuare presidente e vice presidenti. Parise, che è anche vicepresidente vicaria del Movimento Giovani Imprenditori di Confartigianato Imprese Fvg e siede nel consiglio di amministrazione di Confartigianato Udine Servizi srl, fa anche parte dello staff

9


I nostri imprenditori

ATELIER SART’É – UDINE

Quando il vintage incontra il moderno e l’originalità La storia di tre donne con la passione per la sartoria e il desiderio di trasmetterla agli altri

Q

to con le nuove tendenze, senza dimenticare le ispirazioni di ieri. Il laboratorio sartoriale artigianale offre diversi servizi: confezione di abiti e accessori, modifiche sartoriali di qualità, noleggio di costumi e abiti per diverse occasioni, nonché una consulenza di stile personalizzata. “Il laboratorio e il negozio - ci racconta Simona - si trovano in un edificio degli anni ‘20 che è stato ristrutturato in modo conservativo allo scopo di mantenere un’atmosfera retrò, che ben trasmette l’idea della sartoria artigianale e di qualità di un tempo. Le nostre creazioni, quindi, si ispirano al passato, ma con un tocco attuale e innovativo. Nel gennaio 2013 si è aggiunto il negozio “Ti presto un incanto”, al n. 3 sempre di via Cussignacco, gestito da Sabina. Uno spazio dedicato alla vendita e al noleggio di abiti da sera, cerimonia, sposa e costumi di carnevale”. Mentre Sabina è più concentrata sugli aspetti commerciali dell’attività, Simona e Patrizia sono le “anime artigiane” di Sart’è, quelle che mettono le “mani in stoffa”. Entrambe hanno alle spalle una formazione molto diversa. Simona è laureata in lingue e si è avvicinata al mondo della sartoria abbastanza di recente,

uando si parla di Made in Italy e delle eccellenze del sistema manifatturiero che ci hanno reso grandi in tutto il mondo, il pensiero ricade inevitabilmente nell’universo della moda. Ma dimentichiamoci per un attimo delle passerelle e puntiamo invece la nostra attenzione su quella figura professionale che molto spesso sta “dietro le quinte”. Sì, stiamo parlando proprio del sarto, l’artigiano specializzato nella realizzazione di abiti su misura. Questo mestiere tradizionale - senza dubbio uno tra i più affascinanti e creativi che si possano esercitare - soffre della mancanza di un vero e proprio ricambio generazionale. I giovani che puntano su questa strada non sono molti, ma c’è ancora chi cerca di incoraggiarli ed è disposto a svelare loro i segreti del mestiere. Ne è un esempio tangibile l’Atelier Sart’è di Udine, che fa capo a tre giovani donne - Simona e Sabina Sebastianis (che sono sorelle) e Patrizia Battacchi - con la passione per la moda ed una grande attenzione alla formazione delle nuove generazioni. Avviato nel 2011, l’Atelier Sart’è è una sartoria contemporanea dal gusto retrò, un luogo moderno, dove è possibile entrare in contat-

10


mentre Patrizia ha iniziato a cucire fin da giovanissima. Un obiettivo preciso però le accomuna, quello di far superare il concetto di moda stereotipata che uniforma e appiattisce i gusti personali. Sul sito dell’Atelier, infatti, scrivono: “La moda deve essere personale, a tutti gli effetti una non-moda perché ogni abito parla di noi, racconta la storia di chi lo indossa e non può che essere unico e irripetibile”. Sart’è collabora da anni con Istituti scolastici e enti di formazione del territorio per accogliere giovani interessati ad imparare il mestiere direttamente sul campo. Anche alcuni partecipanti del progetto MANI (Mestieri Artigianali per Nuovi Imprenditori) di Confartigianato Udine verranno ospitati all’Atelier per svolgere un tirocinio formativo, oltre ad altre aspiranti sarte dell’Ires Fvg dove Patrizia è docente. È bello riscontrare in queste artigiane l’entusiasmo di tramandare le proprie competenze alle nuove generazioni, con il desiderio di salvaguardare questo mestiere quasi come se fosse un esemplare prezioso in via di estinzione. G.P.

Carta d’identità Nome: Atelier Sart’è Attività: Sartoria, noleggio abiti Sede: Via Cussignacco, 46 - Udine www.ateliersarte.it

11


Categorie

Organizzato, in collaborazione con Effepi, per diffondere una conoscenza omogenea a livello regionale

Acconciatori, corso per i docenti della prima formazione del FVG co per Pordenone, Susy Ritossa Cattonar per Gorizia, Maura Romanelli e Marisa Miccoli per Trieste - era di contribuire a diffondere orientamenti tecnici, didattici e psicopedagogici omogenei sul territorio regionale e di garantire una gestione ottimale dei processi educativi rivolti ai giovani in formazione. Ad alternarsi in cattedra erano i nostri validissimi docenti: Sonja D’Orlando, Feliciano Di Benedetto e Sergio Marchioro. Fra le materie insegnate “la gestione efficace della relazione didattica (il sistema regionale di istruzione e formazione professionale, progettare il percorso didattico e valutare gli apprendimenti, conoscere gli adolescenti e gestire efficacemente la classe); e il trasferimento delle competenze tecniche professionali agli allievi (glossario e lessico comune, accoglimento del cliente, scheda cliente, analisi e valutazione tecnica, lettura dell’immagine e così via). Il corso ha dato risposte concrete alla mancanza delle linee guida “tecnico-professionali” ai docenti che attualmente insegnano le materie tecniche di acconciatura (come ci si deve relazionare con gli allievi quando gli si insegna ad accogliere un cliente, a fare un taglio di capelli, fare una piega, uno shampoo).

L

a ricerca della qualità delle imprese artigiane associate è uno degli obiettivi di Confartigianato Fvg che coltiva per tutti i settori. E proprio nell’ottica di innalzare la competitività delle imprese attraverso il miglioramento e la valorizzazione dell’offerta formativa, che è stato organizzato il corso per acconciatori dedicato esclusivamente ai docenti della prima formazione, che insegnano le materie tecniche inerenti il settore acconciatura. Il corso, organizzato in collaborazione con Effepi, si è svolto nella sede di Confartigianato di San Giorgio di Nogaro, in via Marittima. L’obiettivo, pienamente centrato dal gruppo dirigente degli acconciatori di Confartigianato a livello regionale – la capogruppo Loredana Ponta per la provincia di Udine, Lucia De Mar-

12


Categorie

Oltre 110 partecipanti al seminario realizzato in collaborazione con Climambiente

Gas refrigeranti, continua il percorso formativo per la certificazione delle imprese

H

Attenzione particolare è stata data anche al regime sanzionatorio previsto, che riguarda sia la gestione dei gas da parte delle imprese che degli impianti da parte dei proprietari. Tutti gli impianti di condizionamento e di refrigerazione che contengono almeno 3 kg di gas fluorurati, devono essere almeno annualmente sottoposti a ricerca delle perdite di gas, con cadenze più frequenti a seconda delle quantità di gas. Inoltre tali impianti devono essere dotati del registro dell’apparecchiatura ed entro il prossimo 31 maggio deve essere denunciata al Ministero dell’Ambiante, in via telematica, la quantità di gas contenuta. Ristori ha sottolineato l’importanza della certificazione dei tecnici (il cosiddetto patentino) e ha ribadito l’obbligatorietà di certificarsi per le imprese che operano in questi ambiti, nonché quella dei committenti di affidarsi ad aziende certificate.

anno partecipato oltre 110 imprenditori al seminario organizzato da Confartigianato Udine, in collaborazione con Climambiente di Azzano X° e Wigam di Arezzo, sugli adempimenti e sanzioni nella gestione dei gas refrigeranti che si è svolto il 27 febbraio nella sala Valduga della Camera di commercio di Udine. “Il sistema di certificazione delle persone è ormai entrato a regime - ha spiegato il capo categoria dei termoidraulici Giorgio Turcati - e sono sempre più numerose le imprese che stanno portando ora a termine il processo di certificazione aziendale e che partecipano con attenzione ai corsi che organizziamo”. Relatore del seminario è stato Lorenzo Ristori che ha illustrato gli adempimenti legati alla gestione dei gas refrigeranti, sia per le imprese che per gli utilizzatori di impianti che li contengono, esaminando con attenzione gli adempimenti legati al divieto di utilizzo, a fine 2014 del gas R22, ampiamente diffuso nei tempi passati. 13


Categorie

Una rassegna e un luogo che simboleggiano il coraggio dell’artigianalità

La “Casa da Duga” scrigno delle opere della fotografa Ulderica Da Pozzo piena di carattere, e si trova a Salars di Ravascletto, nel cuore della Carnia. Per la fotografa carnica è il luogo dei ricordi, “dove ho passato i momenti più belli della mia vita, la casa degli odori, della gente che non c’è più, ma anche la casa delle mie radici” dice Ulderica. Per tutti gli altri è un piccolo gioiello da scoprire, ad esempio visitando la mostra fotografica intitolata “Stanze/Rooms” ed inaugurata lo scorso 28 dicembre, che raccoglie una serie di immagini che ritraggono angoli di stanze abbandonate, in edifici del nostro Friuli, facendole diventare quasi delle “nature morte dell’abitare”. “Si tratta di una rassegna e di un luogo che simboleggiano il coraggio dell’artigianalità” ha sottolineato Eva Seminara - rappresentante dell’artigianato artistico nel Consiglio direttivo di Confartigianato Udine durante una recente visita alla mostra, sottolineando “la passione, l’amore per la propria terra e la voglia di contribuire allo sviluppo della montagna, testimoniato dall’aver aperto il proprio studio proprio a Ravascletto, nel 1980, con un banco realizzato da un artigiano-artista che ora arreda la piccola biblioteca di Casa da Duga”.

R

istrutturare una casa del ‘700 in una piccola frazione di un comune montano e ricavarne uno spazio espositivo, un centro di animazione culturale e un luogo in cui organizzare incontri e, perché no, ospitare artisti in cerca di ispirazione… Può apparire un’impresa impossibile, specie in tempi come gli attuali, e invece è esattamente quanto ha realizzato con tenacia e determinazione Ulderica Da Pozzo, fotografa, fieramente artigiana e autrice di numerose pubblicazioni. Il sogno diventato realtà si chiama “Casa da Duga”, in omaggio a un’ava di Ulderica

www.assicuragroup.it

14


Categorie

Grandi novità per installatori e clienti Soddisfazione del capo categoria Giorgio Turcati

350 imprese al seminario sugli impianti termici

L

a partecipazione di ben 350 imprenditori termoidraulici al seminario sulle nuove norme che regolano l’installazione e la manutenzione degli impianti, sono la dimostrazione della volontà delle imprese artigiane di aggiornarsi costantemente ed anche dell’alta offerta formativa di Confartigianato Udine”. Lo ha detto Giorgio Turcati, capo categoria dei termoidraulici al termine del seminario al quale sono intervenuti come relatori il perito industriale Giorgio Bighelli della E-training srl di Milano e il capitano Francesco Castorina, direttore tecnico del Cig Comitato Italiano Gas. Un successo che spinge Confartigianato Udine a rinnovare gli sforzi nell’organizzazione di nuovi incontri. Bighelli ha fatto una presentazione sulla Deliberazione 40/14 pubblicata qualche giorno prima sulle procedure per l’allacciamento degli impianti a gas, che contiene come grande novità anche la possibilità di dichiarare impianti eseguiti da altre imprese. “Questo aspetto consente - ha spiegato - in un

periodo di stagnazione del mercato immobiliare e purtroppo di cessazioni di aziende, di potere completare dal punto di vista documentale impianti per cui non sono più rintracciabili gli esecutoria”. Sempre Bighelli ha poi trattato gli adempimenti legati ai nuovi libretti di impianti con i relativi rapporti di controllo, che sono ormai di prossima pubblicazione e che interesseranno il mondo della manutenzione degli impianti, contenendo, come grande novità, anche la manutenzione obbligatoria non solo degli impianti di climatizzazione invernale ma anche di quella estiva (sopra certe potenze). Il capitano Castorina ha presentato la norma Uni 11528 “Impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kW - Progettazione, installazione e messa in servizio” pubblicata proprio il giorno del seminario e attesa da molto tempo. Castorina ha poi parlato dell’attività di normazione del CIG e dell’importanza dell’eseguire i lavori a regola d’arte, complimentandosi per la partecipazione così folta.

15


Cronache

Il Presidente Vicentini: “Soddisfazione e orgoglio per essere ai vertici della classifica nazionale”

Bankitalia promuove Confidimprese Fvg a conclusione della visita ispettiva

B

anca d’Italia ha consegnato al Consiglio di Amministrazione, al Collegio dei Sindaci e alla Direzione Generale di Confidimprese Fvg il primo Rapporto Ispettivo, concernente gli accertamenti svolti nella sede della cooperativa di garanzia del comparto artigiano - che racchiude oltre 11 mila soci e più di 300 milioni di affidamenti garantiti - dallo scorso 15 ottobre al 13 dicembre. Il verbale si è chiuso con il giudizio finale pari a “Voto 3 - parzialmente favorevole”: il migliore finora assegnato da Banca d’Italia ad un Confidi e condiviso con soltanto tre altri soggetti sul territorio nazionale. Gli ispettori, illustrando il report finale, hanno evidenziato un contesto positivo, un’adeguata “governance” della struttura e una buona dotazione patrimoniale, fornendo anche alcuni suggerimenti per migliorare ulteriormente l’operatività e in particolare in un contesto economico negativo quale quello attraversato attualmente dal nostro Paese. “La nostra soddisfazione per il buon esito dell’ispezione - ha commentato il Presidente di Confidimprese Fvg Roberto Vicentini - è legata soprattutto al riconoscimento e alla certi-

ficazione della qualità della nostra organizzazione e dell’attenzione operativa. L’avere conseguito il voto più alto fino ad ora riconosciuto ai Confidi ispezionati è motivo di orgoglio, nella consapevolezza che molto possiamo fare ancora per migliorare ulteriormente la qualità del nostro servizio e fronteggiare le sofferenze originate dai nostri Soci. Ho la fortuna di poter contare sulla collaborazione di un validissimo Consiglio di Amministrazione e di un attento Collegio dei Sindaci: insieme potremo migliorare ancora”. “È un buon risultato - ha aggiunto il Direttore Generale Sandro Rozzino - che riscontra gli sforzi posti in essere da tutta la struttura - a cui vanno i miei più sentiti ringraziamenti - per affrontare con professionalità le sfide normative ed operative originate dall’essere un Confidi vigilato. Lo considero non un felice arrivo, ma un ottimo punto di partenza anche in relazione alla nostra tradizionale proattività, che ci ha portati a realizzare la prima fusione tra confidi nella regione Friuli Venezia Giulia e all’aver guidato con successo la gestione di Fondi europei per l’innovazione delle imprese”.

16


Cronache

La dott.ssa Valorzi ha lanciato l’allarme durante la terza serata della Scuola per Genitori

La rete dà dipendenza già in giovanissima età stili di vita, di comunicazione, di socializzazione e di apprendimento, ponendo nuove sfide alle famiglie e alle scuole. Genitori e insegnanti si trovano a crescere i cosiddetti “nativi digitali”, ovvero generazioni di bambini che in tenera età utilizzano in modo naturale, veloce e spontaneo gli strumenti tecnologici. A volte li scoprono autonomamente, senza che nessuno gliene spieghi pericoli e potenzialità, senza che qualcuno ne regolamenti l’esplorazione. Anzi, accade di frequente che siano i figli a spiegare ai genitori come si usa qualche funzione di un particolare telefono cellulare piuttosto che di un programma per computer”. Ma come sempre le tecnologie non sono né buon e né cattive e dipende dall’uso che se ne fa. “Le tecnologie – ha spiegato Valorzi - vanno usate in maniera corretta, consapevole e responsabile, cercando di accompagnare i bambini nell’esplorazione del mondo digitale. L’impatto cognitivo non permette al bambino di sviluppare emozioni e pensieri, conseguentemente presentano difficoltà di modulazione emotiva e di capacità relazionali”. L’ultimo appuntamento della Scuola per Genitori è previsto per martedì 29 aprile con don Antonio Mazzi che chiuderà il V ciclo con la lezione “Come salvare un figlio dopo averlo rovinato”. Chi volesse iscriversi alla serata può farlo direttamente on-line sul sito scuolagenitori.confartigianatoudine.com.

U

na eccessiva frequentazione delle rete dà i primi sintomi di dipendenza dalle tecnologie si sviluppano nei ragazzi in giovanissima età”. L’allarme lo ha lanciato la dott.ssa Serena Valorzi intervenuta alla terza lezione della Scuola per Genitori organizzata da Confartigianato Udine e Fondazione Crup, si è svolta il 28 febbraio all’ Auditorium Erdisu di Udine. Parlando degli “affetti e dei pensieri dei ragazzi nell’area digitale” la, psicoterapeutica ha illustrato l’impatto cognitivo ed emotivo delle nuove tecnologie sui ragazzi. “La rivoluzione digitale – ha spiegato - ha influenzato gli

A.A.A. FILMATI SEDIE DI MANZANO CERCASI Terre di sedie è un progetto documentario che intende raccontare il Distretto della Sedia e la sua evoluzione socio-economica attraverso i filmati amatoriali. Chi ha in cantina o nel cassetto pellicole realizzate fino agli anni novanta può diventare autore dell’archivio della memoria familiare e d’impresa del Distretto della Sedia. Per l’invio del materiale: info@terredisedie.it - www.terredisedie.it. 17


Cronache

La Fondazione Crup presenta il volume “Friulani delle idee. Dieci dialoghi con il mondo”

Due secoli di invenzioni friulane che hanno cambiato il mondo nell’introduzione, l’opera “mette in luce una nuova immagine del Friuli. ...Al di là del luogo comune che vuole il popolo friulano forte, onesto e lavoratore, il volume vuole contribuire a completare questa definizione con l’aggettivo ingegnoso, che sintetizza la sua capacità di trovare soluzioni innovative.” Lionello D’Agostini, presidente della Fondazione Crup, ha evidenziato che il libro ripercorre “due secoli significativi che hanno assistito alla nascita di idee innovative ed al consolidarsi di un progresso di forte matrice friulana che ha lasciato segni nella storia economica e sociale di tutto il mondo. Siamo orgogliosi di aver contribuito alla realizzazione di un’opera dedicata ad alcune delle nostre migliori eccellenze, e auspichiamo che essa possa rappresentare uno sprone per i nostri giovani, affinché coltivino con tenacia i loro sogni e affrontino con fiducia le sfide del loro futuro.” I dieci protagonisti del libro sono: Giovanni Antonio Santorini, il così detto tessitore di idee; Andrea Galvani che ha modernizzato l’industria tessile; il mosaicista Gian Domenico Facchina; Arturo Malignani (nella foto a fianco) ed il suo brevetto di perfezionamento del vuoto nel bulbo della lampadina; Remigio Solari che rappresenta un passaggio fondamentale nell’industria dell’orologeria; Carlo Leopoldo Lualdi / Glauco Corbellini riconosciuti per l’invenzione dell’“elicottero utilitario”; l’artista e designer Arieto (Harry) Bertoia, affermatosi negli Stati Uniti; Lino Zanussi, che ha conquistato i mercati mondiali nel settore degli elettrodomestici; Lisio Plozner, il padre dell’accendigas piezoelettrico. Non poteva mancare Pietro Enrico Di Prampero, scienziato distintosi nella fisiologia spaziale.

I

l volume “Friulani delle idee. Dieci dialoghi con il mondo” ripercorre dieci storie di altrettanti inventori friulani, protagonisti del progresso e dello sviluppo storico, economico e tecnologico del Friuli tra il 19° ed il 20° Secolo. Alla sua realizzazione hanno partecipato la Fondazione Crup, la Regione Autonoma FVG e la Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia. L’opera è edita da Casamassima. Grazie ad una ricerca accurata delle invenzioni e ad una attenta ricostruzione delle biografie che si sono basate principalmente sullo spoglio di periodici, manoscritti e brevetti, il volume fornisce informazioni inedite sulle figure che hanno legato il proprio nome a idee e prodotti la cui fortuna ha travalicato i confini nazionali. Come ha riportato il professor Antonio Giusa

Newsletter Vuoi ricevere informazioni aggiornate e complete per la tua impresa? Vuoi avere direttamente sul tuo pc le novità per il settore artigiano e conoscere e iniziative di Confartigianato Udine? Iscriviti alla newsletter quindicinale gratuita dal sito www.confartigianatoudine.com

18


Cronache

Seminario sulle reti d’impresa con alcune testimonianze di imprenditori che hanno fatto questo passo

Il futuro, per molte imprese manifatturiere, è fare rete

P

er molte imprese la rete è la condizione per crescere e svilupparsi, l’alternativa è il declino. La nostra esperienza di rete fra 6 imprese, ci ha consentito di rilanciare l’attività della nostra azienda, aumentando il parco clienti, avviando un processo d’internazionalizzazione e di riorganizzazione dell’impresa pur mantenendo la dimensione di azienda familiare e l’autonomia”. Non ha dubbi Elena Corazza, imprenditrice artigiana nel settore della meccanica di precisione, con azienda a Porcia, intervenuta il 13 marzo al seminario sulle reti d’impresa organizzato da Donne Impresa di Confartigianato Fvg che si è svolto nella sede di Confartigianato Udine di via Puintat. “Noi ci siamo messi in rete - ha spiegato un altro giovane imprenditore artigiano della provincia di Gorizia, Marco Bressan, anch’egli attivo nel settore della meccanica di precisione - spinti dai clienti che pretendevano di avere

un unico interlocutore. Abbiamo dato vita a una rete a soggetto nel 2013. Non è stato difficile e i benefici sono stati immediati: abbiamo non solo mantenuto le commesse ma le abbiamo aumentate ed abbiamo avviato una evoluzione dell’impresa un tempo a gestione strettamente familiare”. Insomma, il futuro, per molte imprese manifatturiere, è fare rete, ha commentato al termine dei lavori la neo presidente di Donne Impresa del Fvg Filomena Avolio che ha aggiunto: “Noi siamo convinti che per molte aziende il futuro passi attraverso la rete, oltre a momenti formativi e informativi come questi. Alla Regione chiediamo però di investire risorse in questa direzione”. I lavori, coordinati dal giornalista Davide Francescutti, hanno visto gli interventi della presidente nazionale di Donne Impresa Edgarda Fiorini, del presidente regionale dei Giovani imprenditori artigiani Francesco Francescut, di Luca Nardone, dell’ufficio categorie Confartigianato Udine, che ha illustrato le caratteristiche dei contratti di rete e ha spiegato che per sostenere le imprese in questo percorso Confartigianato ha dato vita a una serie di servizi e consulenze, di Sonia Turchet, dipendente della Dm Snc di Ongaro & Perissinotti, distaccata alla Mittech, una delle reti di 6 imprese e che svolge il ruolo di coordinatrice.

Una grande storia legata alla nostra terra.

la banca della tua città

Viale Tricesimo, 85 - Udine - www.bancadiudine.it

19



Informimpresa udine marzo 2014