Issuu on Google+

3

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Sommario 3 4 5 5

A Saluzzo il Congresso Nazionale dell’Apicoltura Professionale Serve una politica responsabile Manovra salva-Italia: occorre più equità, troppi sacrifici per il settore Fabbricati rurali già accatastati – L’istanza di ruralità entro il 31 marzo Il presidente Marini a Torino: “la tutela dell’agricoltore professionale alla base dell’azione di Coldiretti” Florovivaismo: Coldiretti Piemonte al lavoro per dare slancio al settore Il Primo Consiglio Provinciale del 2012 si è riunito a Mondovì

Foto di Filippo Tesio

“Il Coltivatore Cuneese” Editore Federazione Provinciale Coldiretti Cuneo 1 copia euro 2,00 Abbonamento annuo euro 40,00 Direttore Amministrativo Bruno Rivarossa Direttore Responsabile Michelangelo Pellegrino Coordinamento di redazione Chiara Serra Hanno collaborato: Sonia Abrate, Marco Benzo, Roberto Bianco, Claudio Bono, Silvia Bosco, Alberto Burzio, Daniele Caffaro, Laura Calcagno, Luca Castellino, Marcella Cavallo, Marcello Cavallo, Mara Chiardola, Simona Daniele, Damiano Dutto, Gianni Ellena, Nicola Fontana, Cesare Gallesio, Roberto Giobergia, Rosangela Giordana, Rosanna Giraudo, Laura Occelli, Sabrina Palazzeschi, Lauro Pelazza, Marcello Pellegrino, Franco Ramello, Fabrizio Rapallino, Sonia Riba, Davide Roà, Giulia Santi, Federica Scaperrotta, Annalisa Sola Redazione ed amministrazione: Piazza Foro Boario, 18 – 12100 CN Tel: 0171.447211 • Fax: 0171.447300 E-mail: ilcoltivatore.cn@coldiretti.it Sito Internet: Il Coltivatore Cuneese è interamente pubblicato e scaricabile dal sito www.cuneo.coldiretti.it Registrazione del tribunale di Cuneo n. 3296 del 7/12/55 45.000 Copie Il Coltivatore Cuneese viene inviato a tutti i soci della Federazione Provinciale Coldiretti di Cuneo Grafica e stampa: AGAM Via Renzo Gandolfo area 90 Madonna dell’Olmo – Cuneo Tel. 0171.411470 – Fax 0171.411714 E-mail: direzione@agam.it Concessionaria esclusiva della pubblicità TEC arti grafiche Via dei Fontanili 12 12045 Fossano (CN) Tel. 0172.695770 • Fax 0172.695898 E-mail: adv@tec-artigrafiche.it

6 8 8

Storie di vita: “Quel giorno che ho visto a Busca Mussolini da vicino” 9 Novità dal settore vitivinicolo 10 Modifica idoneità per DO sottoposte a vincolo d’impianto 11 12 12 12 13

Il Corsivo del Coltivatore: “La spesa del dì di festa” Ultim’ora: smentita la tassa sul vino L’agricoltura cuneese in lutto A Mombarcaro: incontro tecnico per la valorizzazione della patata Il giornalista monregalese Raffaele Sasso festeggia 40 anni di professione Contratti di affitto: attenzione alla scadenza per la registrazione Donne Impresa: rinnovo tessera per l’anno 2012 Decretato lo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi Più formazione, più efficienza con i corsi INIPA Piemonte Resoconto Annata Agraria 2011 Quaderno di Campagna La 101a edizione della Fiera del Bue Grasso di Carrù Terramica presenta il corso di Agricoltura Biologica a Cuneo Dalla Regione il via libera alla “Strada del vino Dogliani” Caccia: entro un mese e mezzo la nuova legge regionale Bando per la misura 216 “investimenti non produttivi su terreni agricoli” Nuovo bando INAIL per la sicurezza sul lavoro Tirocini di inserimento lavorativo in agricoltura Commercializzazione ed etichettatura volontaria delle carni di pollame Ovaiole, dal 1° gennaio 2012 vi è l’obbligo delle gabbie modificate Il sigillo d’oro a Celestino Costa UNCI-Coldiretti dà voce alle imprese agricole del territorio Gestalp Valle Varaita: prende il via la fase esecutiva Riunioni dei Pensionati per il mese di febbraio 2012 Corsi e sedute per il “panel di assaggiatori” O.N.A.Frut Incontri di potatura in campo a cura dell’Agenzia 4A Coldiretti e CReSO Fondazione CRC: rinnovati gli incarichi Melaverde nel cuneese per raccontare i kiwi Erika Costamagna campionessa italiana di “Reining” Tutto sulle nuove pensioni Pensioni oltre i mille euro: nuove modalità di riscossione

39 42 42 42 43 44

Scadenze aziendali Andar per allevamenti

45 46

Il mercatino del Coltivatore

47

13 14 14 15 16 18 20 21 22 25 25 26 27 27 28 31 32 34 35 36 38

Avviso agli inserzionisti: Si informano le ditte inserzioniste della pubblicità che dal 1° gennaio 2012 la raccolta pubblicitaria per le inserzioni su Il Coltivatore Cuneese è fatta esclusivamente dalla ditta TEC Snc Via dei Fontanili 12 – 12045 Fossano (CN) Tel. 0172.695770 • adv@tec-artigrafiche.it

D

al 24 al 29 gennaio, Saluzzo ha ospitato il XXVIII Congresso dell’Apicoltura Professionale, organizzato dall’A.A.P.I (Associazione Apicoltori Professionisti Italiani), Aspromiele (Associazione Produttori Miele del Piemonte) e U.N.A.API. ( Unione Nazionale Associazioni Apicoltori Italiani), in collaborazione con Coldiretti, con il sostegno dell’Assessorato Agricoltura della Regione Piemonte. Cinque giornate ricche di incontri, visite aziendali, dibattiti, degustazioni per affermare il ruolo strategico dell’Apicoltura italiana nell’ambito dell’economia agroalimentare italiana che secondo I.S.M.E.A. evidenzia un incremento della produzione di miele di quasi il 50% nel 2009 rispetto al 2008, gli alveari stimati a livello nazionale sono 1.127.836. Dati importanti che evidenziano però come in Italia il patrimonio apistico sia notevolmente inferiore alla media europea che nel 2010 censiva 14.075.111 alveari. In Italia non è ancora operativa l’anagrafe apistica, nonostante siano tre anni che attendiamo il decreto attuativo. Solo alcune regioni, tra cui il Piemonte, si sono dotate di idonei strumenti operativi per censire la consistenza del patrimonio apistico. Vi è anche una ragione per cui la città di Saluzzo ed il Piemonte sono chiamati quest’anno ad ospitare l’importante Congresso Nazionale: il Piemonte, dopo la Lombardia è la Regione italiana con il maggior numero di apicoltori. Gli alveari censiti nel 2010 sono stati 127.465 con un numero di apicoltori pari a 3.590. Sul dato nazionale il Piemonte rappresenta oltre l’11% degli alveari presenti in Italia. È evidente che in questo settore, come nei restanti dell’agricoltura, la professionalità incide notevolmente sulle capacità produttive. m


4

AT T U A L I T À

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Serve una politica responsabile

C

erto che essere ottimisti in questo inizio d’anno è ben difficile. Non tanto per le difficoltà economiche in cui si dibatte il nostro Paese, quanto per l’incapacità ai vari livelli di affrontare in modo coordinato e strutturato il difficile momento. Ci hanno presentato il prof. Mario Monti come il salvatore della Patria. Bene. Dopo neanche due mesi dalla prima manovra eccone un’altra in arrivo. Un Governo fatto di tecnici, anzi di super tecnici, che non ha fatto i conti con la politica pensando di governare senza la stessa. Questo l’errore di fondo commesso da Mario Monti e dai suoi super esperti, ma anche dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al quale comunque va riconosciuto il merito di aver tenuto in piedi l’immagine dell’Italia in Europa e nel mondo. Infatti la maggioranza ha tenuto, ma non sono passate quelle misure che in modo equo impongono sacrifici ai cittadini per risolvere i problemi del Paese. Insomma a pagare sono sempre gli stessi. I privilegi non sono stati toccati perché in Parlamento il provvedimento è stato mitigato per consentire al Governo di

avere una maggioranza solida. La patrimoniale, tanto cara alla sinistra, ma odiata dalla destra, alla fine non ha colpito le grandi società finanziarie e bancarie, (il vero zoccolo duro della destra), ma i cittadini comuni che si trovano a versare una nuova imposta sulla base dei redditi catastali ulteriormente rivalutati. Infine le pensioni. A fronte di un aumento dei contributi previdenziali, l’età pensionabile è stata prolungata con l’ulteriore negatività che non si liberano nuovi posti di lavoro. A noi comuni mortali una domanda viene spontanea: perché la prima manovra non è servita a nulla o a ben poco ed oggi l’Europa ci impone nuove misure? Mario Monti non avrebbe dovuto risolvere velocemente tutti i problemi in modo equo chiedendo ed ottenendo che tutti pagassero in base ai loro

averi? La risposta è semplice: Il Presidente del Consiglio incaricato non ha fatto i conti con la politica che in un Paese democratico ha ancora un suo ruolo. Per avere il sostegno in Parlamento ha fatto passare una manovra che non tocca i poteri forti. L’aumento dell’Iva ha fatto ripartire l’inflazione, dando un’ulteriore botta negativa all’economia dei consumi. Ma l’aumento del prezzo dei carburanti rappresenta un’ulteriore difficoltà per le imprese, soprattutto per quelle che hanno cercato nuovi mercati come la Russia, il Brasile, il Sud Africa o l’India, dove le produzioni made in Italy sono apprezzate e si sono conquistate importanti fette di mercato. E poi ci vengono a chiedere di essere ottimisti! Noi siamo delusi,da un sistema politico,

prima ancora che economico, basato sulle improvvisazioni che generano sfiducia e scarsa credibilità nelle Istituzioni. È la stessa delusione che provano gli americani ora che il mandato di Obama volge al termine. Pur puntando sulla riconferma i sondaggi non danno per scontata la sua rielezione. Ma torniamo in casa nostra. Il centro destra è spaccato. Il Popolo della Libertà cerca il rilancio, ma il sostegno al governo Monti lo rende impopolare. La Lega continua con una serie di sparate contro il Governo dimenticando che fino a ieri è stata forza di Governo. La sinistra continua ad annaspare e brancola nel buio. Non rappresenta l’alternativa. Di questo ne è ben consapevole, poiché l’unico che dichiaratamente non vuole le elezioni oggi, è il PD. Il terzo Polo sostiene per necessità il governo Monti, ma si guarda intorno per capire con chi fare alleanza alle prossime elezioni politiche. Per ora la confusione è tanta e Mario Monti non detiene la bacchetta magica. Nelle pagine a seguire, illustriamo la posizione tenuta da Coldiretti in occasione delle consultazioni per questa seconda manovra del governo Monti. Una posizione che, come ha detto il presidente Sergio Marini a Torino il 20 dicembre, è molto responsabile poiché non punta alla difesa corporativa dell’agricoltura, ma guarda al futuro dell’economia complessiva del nostro Paese. m


varie

5

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Manovra salva-Italia: occorre più equità, troppi sacrifici per il settore

I

l difficile momento del Paese e della situazione economica in generale ha comportato una pesante manovra finanziaria per riequilibrare i conti dello Stato. A tutti i cittadini e quindi anche ai componenti del comparto agricolo, viene richiesto in questo frangente, augurandoci passeggero, di sostenere un giusto sacrificio. I provvedimenti e il prelievo chiesto al comparto agricolo, nonostante alcune modifiche introdotte in sede di conversione, sono eccessivi e non equi. Coldiretti continua pertanto a lavorare affinchè si possano rivedere alcuni interventi, soprattutto per gli imprenditori professionali e cercare, anche con i prossimi provvedimenti che il Governo vorrà varare in materia di sviluppo e crescita, la giusta attenzione al settore, affinchè si creino le condizioni di una più giusta remunerazione delle nostre produzioni. Tra gli aspetti di maggior impatto della manovra economica di Natale, emerge sicuramente l’anticipazione dell’IMU al 2012. La nuova imposta municipale sostituirà la tassazione IRPEF dei redditi fondiari relativi a beni non locati e l’ICI. Riguarderà pertanto in primo luogo i terreni agricoli, per i quali il coefficiente moltiplicatore passa da 75 a 130, salvo la riduzione a 110 per coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali; permane la precedente esclusione per i terreni in zona montana e svantaggiata. In secondo luogo comporta la tassazione anche dei fabbricati rurali, seppure con aliquota ridotta del 0,2% e ulteriormente riducibile dal comune fino allo 0,1%, in relazione agli edifici strumentali all’attività agricola. Aspetto di non poco conto è inoltre dato dal fatto

che la manovra ha praticamente e definitivamente stabilito la scomparsa dei fabbricati rurali iscritti solo al catasto terreni e privi di rendita catastale. Tali fabbricati, sempre che non fossero venuti meno i requisiti oggettivo e soggettivo per il riconoscimento della ruralità non avevano ad oggi l’obbligo di essere accatastati al

catasto urbano. Con la nuova normativa dovranno invece essere obbligatoriamente accatastati al catasto urbano con attribuzione di categoria e rendita catastale entro il termine del 30 novembre 2012. La prima rata dell’IMU dovuta a titolo di acconto andrà in scadenza già il 18 giugno 2012. Per questo motivo nel caso in cui

non sia ancora stata completata la procedura di iscrizione al catasto urbano, si dovrà pagare l’acconto sulla base di una rendita presunta sulla base di categorie e rendite di edifici aventi caratteristiche similari. Gli Uffici Zona di riferimento potranno fornire agli associati gli approfondimenti necessari. m

Fabbricati rurali già accatastati L’istanza di ruralità entro il 31 marzo 2012

N

elle diverse manovre economiche che si sono succedute tra l’estate e la fine del 2011, emergono importanti norme che impongono nuovi adempimenti in capo ai proprietari di fabbricati rurali, anche se già iscritti al catasto urbano. Tali fabbricati, a tutto il 2011, erano esclusi da imposizione sia ai fini dell’IRPEF che dell’ICI a condizione di soddisfare i requisiti dell’art. 9 del DL 557 del 1993. Tuttavia, in specie a seguito della Sentenza della Corte di Cassazione 18565 del 21 agosto 2009, è stato ritenuto che tali fabbricati dovessero essere accatastati in idonee categorie catastali, quali la A/6 per i fabbricati ad uso abitativo e la D/10 per i fabbricati a uso strumentale. Tale orientamento è stato ripreso dal legislatore nella prima estate e soprattutto con un decreto ministeriale pubblicato il 21 settembre 2011, con cui si stabilivano le modalità di presentazione all’Agenzia del Territorio delle domande per la variazione della categoria e la conseguente esclusione dal

pagamento delle imposte. Il decreto in oggetto fissava per il 30 settembre il termine di presentazione. Un così breve arco temporale non consentiva comunque a tutti i proprietari di produrre la documentazione richiesta. Le nuove disposizioni della manovra economica varata dal Governo prima di Natale hanno quindi fatto salvi gli effetti delle domande presentate anche dopo la scadenza di settembre. E ancor più ha fatto il DL 216 del 29 dicembre 2011 (cosiddetto Decreto Proroghe) che ha fissato il termine per la presentazione delle domande al 31 marzo 2012. Tale termine, rappresenta l’ultima possibilità per non incappare in contestazioni e in eventuali sanzioni, relativamente

alle imposte dovute negli ultimi cinque anni, per non aver effettuato, per effetto delle interpretazioni giurisprudenziali, la corretta variazione di categoria catastale. È quindi necessario che tutti i proprietari o titolari di diritti reali su fabbricati già iscritti al catasto urbano e in possesso dei requisiti di ruralità contattino quanto prima gli Uffici Zona o recapito di riferimento, o si rivolgano a professionisti di fiducia per valutare, ove non ancora fatta, la predisposizione delle domande di variazione in A/6 e D/10 entro i termini di legge. A pagina 43- 44 gli articoli che riguardano la riforma previdenziale m


6

AT T U A L I T À

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Il presidente Marini a Torino: “la tutela dell’agricoltore professionale alla base dell’azione di Coldiretti”

M

richiamati dall’introduzione svolta dal presidente della Federazione Regionale Paolo Rovellotti e dal documento filmato presentato dal direttore Bruno Rivarossa. Erano presenti in sala gli industriali che hanno sottoscritto gli accordi di filiera tramite Coldiretti. Il presidente Marini nel prendere la parola ha ribadito che la progettualità economica di Coldiretti ha trovato terreno fertile in molte regioni italiane, tra cui il Piemonte, che si sta muovendo con pragmatismo. Ha anche ribadito che se “questo

Paese vuole trovare un futuro per la propria economia e per i giovani deve puntare sulle proprie esclusività: territorio, cibo, arte e cultura”. “Basta con questa economia fatta di finanza e di carta. Noi facciamo parte del Paese reale e in quanto forza sociale siamo pronti alle sfide. La politica – ha proseguito Marini – è in crisi perché si è deresponsabilizzata. Mancano decisioni politiche che guardino avanti e oltre l’emergenza economica. Coldiretti si sta muovendo con la logica del senso di responsabilità.

Rispetto alla recente manovra del Governo avremmo anche potuto scendere in piazza. Non lo abbiamo fatto nell’interesse dell’intera società italiana perché crediamo che questo Paese avrà un futuro solo se tutti concorrono ai sacrifici.” Di qui la considerazione che Marini ha fatto rispetto alla nuova PAC “Sul piano delle risorse l’unica strada che abbiamo è quella di lavorare con l’Europa”. Di qui le modifiche richieste da Coldiretti alla Commissione Europea: non tagliare finanziamenti al nostro

www.tec-artigrafiche.it

artedì 20 dicembre, oltre 1000 dirigenti e soci di Coldiretti Piemonte hanno accolto il Presidente della Confederazione Nazionale Coldiretti Sergio Marini e il segretario generale organizzativo Enzo Gesmundo presso il teatro Carignano a Torino. Nell’incontro per fare il punto sulla realizzazione della Filiera Agricola Tutta Italiana in Piemonte, sono stati presentati i progetti di filiera nel settore del latte, delle nocciole, dell’ortofrutta e delle carni bovine, suinicole e avicunicole,

Produzione di prefabbricati in cemento armato per AgricolturA, iNDuStriA e ArtigiANAto

PrEFABBricAtori DA 30 ANNi geom. gonella gianni cell 335 7208648 località Salerie, 145 • 12030 cAVAllErMAggiorE (cN) tel. 0172 381684 / 0172 382888 • fax 0172 389205 • www.edilcem.it • e-mail: tecnico@edilcem.it


AT T U A L I T À

www.tec-artigrafiche.it

Paese. Considerata la scarsa dotazione finanziaria si propone una PAC ai professionali evitando di concedere le integrazioni al reddito ai proprietari terrieri che vivono di altre professioni. “E sia ben chiaro a tutti che il nostro non è neocorporativismo, bensì la tutela della vera agricoltura e dei veri imprenditori agricoli ” ha ribadito con fermezza Marini. Relativamente alla manovra del Governo, il presidente di Coldiretti ha evidenziato che questa è parziale perché colpisce indifferentemente con l’IMU sia le attività produttive che quegli investimenti effettuati in agricoltura da non agricoltori. “Occorre introdurre – ha ribadito Marini – il concetto che l’imprenditore agricolo professionale deve pagare meno di coloro che hanno effettuato investimenti su terre e strutture agricole, sottraendole di fatto a coloro che realmente lavorano e vivono di agricoltura”. Di qui l’invito del presidente Marini ai Comuni di ridurre per quanto di loro competenza, l’imposta sui fabbricati rurali che sono parte

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

integrante del sistema produttivo agricolo. “Sull’Irpef – ha dichiarato Marini – non siamo disposti a cedere rispetto all’inquadramento fiscale attuale. Questo deve essere collegato al reddito agrario in modo da tutelare l’agricoltore professionale”. Infine Marini si è soffermato

sull’altra piaga che colpisce il sistema produttivo del nostro Paese: la burocrazia che contribuisce ad aumentare i costi ed a soffocare le imprese. “Servono urgenti provvedimenti di semplificazione così come è indispensabile smantellare i meccanismi imposti dalle sovrastrutture. Il decreto per lo

7 sviluppo deve prendere in seria considerazione questi aspetti. Inoltre occorre porre fine a false promozioni del Made in Italy nel mondo come sta avvenendo con il SIMEST. Coldiretti non può più accettare che a fronte dei trenta miliardi di vera produzione agroalimentare Made in Italy ve ne siano 75 di finto”. Da evidenziare, inoltre, il grande successo della serata “Coldiretti La Nostra Storia per l’Italia” svoltasi lunedì 19 dicembre presso il Teatro Gobetti con il concerto lirico dell’orchestra sinfonica Carlo Coccia del Teatro Stabile di Novara alla presenza della soprano Olga Romanko e del tenore Pietro Ballo a ricordo del fondatore di Coldiretti Paolo Bonomi, in occasione del centenario dalla nascita. m


8

varie

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Florovivaismo: Coldiretti Piemonte al lavoro per dare slancio al settore

C

on una lettera indirizzata a tutti i florovivaisti piemontesi, Coldiretti Piemonte delinea i progetti del Gruppo di lavoro regionale per dare slancio al comparto. Il documento, a firma del direttore regionale Bruno Rivarossa, indica i progetti in via di realizzazione per dare maggiore redditualità alle imprese e le iniziative messe in campo per valorizzare il comparto anche sotto il profilo promozionale. “Il Piemonte è l’ottava regione a livello nazionale per numero di imprese dedite al florovivaismo. Complessivamente per una superficie di 2120 ettari, operano oltre 1100 aziende di cui oltre 700 socie Coldiretti, con un fatturato di oltre 130 milioni di euro, suddiviso tra produzione di fiori recisi, piante in vaso, produzioni vivaiste – evidenzia Rivarossa –. Un comparto, quindi, con un notevole peso economico nel Pil

agricolo della Regione Piemonte, nonché un importante ruolo a livello occupazionale”. Il gruppo floro-vivaistico di Coldiretti Piemonte è al lavoro per affrontare le problematiche del settore e dare impulso al futuro del vivaismo. Coldiretti, da ormai due anni, sta realizzando in modo pragmatico su tutto il territorio nazionale il progetto “Una filiera agricola tutta italiana” composto dal filone della filiera agricola corta (vendita diretta con le botteghe di Campagna Amica) e quello della filiera lunga (rete dei Consorzi d’Italia, società di scopo per ogni singolo settore). Nel settore floro-vivaistico, si sta portando avanti una forte collaborazione con la rete dei Consorzi Agrari d’Italia attraverso il progetto “Tutto giardino” ed è di prossima costituzione una società di scopo sul florovivaismo, alla quale ogni

singola azienda potrà aderire, con l’obiettivo di creare uno strumento di partecipazione aggregata agli appalti nella pubblica amministrazione, nelle piccole e grandi opere e nelle eventuali forniture, sia nella GDO, sia verso altre tipologie di clienti. Si stanno predisponendo le prime bozze di regole, molto semplici, per definire “Made in Italy” un fiore reciso, una pianta in vaso e un vivaio in pieno campo. “Queste produzioni verranno connotate da un logo che le identificherà in modo specifico, supportato da un corposo piano di comunicazione”, continua Rivarossa, ma non è tutto: Coldiretti sta portando avanti anche la semplificazione burocratica sui vari settori economici sia in modo orizzontale, vale a dire su tematiche che interessano tutti i settori (costo manodopera, caro gasolio agricolo...) che

Il Primo Consiglio Provinciale del 2012 si è riunito a Mondovì

M

ondovì ha ospitato il primo Consiglio Provinciale di Coldiretti Cuneo dove il Presidente Marcello Gatto e il Direttore Bruno Rivarossa hanno ripercorso le tappe più significative dell’attività svolta nel 2011. Nonostante la crisi dell’economia, l’organizzazione guarda al 2012 con ottimismo anche se i problemi non mancano. Nel corso di quest’anno sarà approvata la nuova Pac che Coldiretti vuole sia concessa agli imprenditori agricoli professionali. Non mancano le preoccupazioni per la nuova imposta IMU che colpisce indiscriminatamente i fabbricati rurali dove le stalle e i capannoni sono considerati beni di investimento che non strumenti della produzione. m

verticalmente, cioè specifica sul comparto vivaistico come ad esempio sul passaporto piante, autorizzazione ad impiantare vivai, commercializzazione piante, mappa coltivazione, registro carico/scarico piante passaportabili, problematica apertura garden center, certificato fitosanitario, modifica alla normativa sugli appalti separando le opere edili dal verde”. Attraverso gli uffici Coldiretti di Bruxelles, si stanno cercando misure per arginare l’import dai paesi extra europei, sfruttando i vincoli sanitari. In sinergia con il Centro di sperimentazione ed assistenza agricola della Liguria, Coldiretti sta lavorando per armonizzare le regole sui patogeni e sui presidi sanitari e proporre delle estensioni di etichetta. Coldiretti Piemonte ha reso possibile anche la creazione di un sito specifico dedicato alle aziende floro-vivaistiche (www.piemonte.coldiretti.it). Suddivise per provincia, per ogni azienda è delineata l’attività, i riferimenti per raggiungerla, i prodotti e i servizi offerti. In ultimo, Coldiretti Piemonte, si sta facendo portavoce nella discussione sulla PAC 2014 di settori esclusi dal regime di pagamento di base tra cui il castagneto da frutto, i vivai e altri ancora. Conclude Rivarossa: “Sarà una battaglia difficile, ma è, a nostro avviso, doveroso provarci. Il settore floro-vivaistico non è solo promozione, ma anche problematiche da risolvere, difficoltà nella commercializzazione e altri punti critici: Coldiretti è aperta a suggerimenti, proposte e momenti di confronto”. m


R I T R AT T I D I I E R I E D I O G G I

D

omenico Graffino è nato a Tarantasca il 27 dicembre 1931 (“Le primavere mi pesano”, confessa con sincerità) da una famiglia contadina. LA DIVISA DA BALILLA Che ricordi ha dei suoi genitori? “Mio padre si chiamava Pietro, mia madre Margherita era di Isasca. Li ricordo bene, erano gente alla buona: avevamo poca terra ed eravamo quattro figli. Mio padre si è sposato due volte, perché la prima moglie è mancata durante il parto del secondo figlio: tragedie che segnano la vita delle persone. La seconda moglie è stata una buona mamma per tutti noi”. A scuola eravate in tanti? “A San Chiaffredo eravamo in 25 ragazzi in classe: la maestra, che era severa, era una persona giusta”. Quando ha iniziato ad andare al pascolo? “A sei anni ero già ‘affittato’ dalla famiglia Rosso di San Defendente di Tarantasca, ma mi trattavano bene. Al mattino alle sei ero già con i buoi, a lavorare nei campi. La scuola iniziava dai sette anni di età e la maestra era dovuta intervenire, perché le lezioni erano iniziate ed io ero affittato fino a Santa Caterina, il 24 novembre e mio padre non mi mandava alle lezioni, affinché non perdessi la divisa da balilla per andare a scuola. L’insegnante minacciò di segnalare la mia assenza alle autorità scolastiche e io iniziai a frequentare le lezioni dal mattino successivo, agli inizi di ottobre. Ma a scuola sono andato tanto solo fino alla quinta Elementare, c’era il lavoro e non amavo troppo i libri”. I BACHI DA SETA Ci spiega qualcosa sui bachi da seta? “Un giorno particolare il prete benediva in chiesa le uova dei bachi da seta. Poi i bachi si mettevano nella stalla e

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

9

Storie di vita a cura di Barba Bertu (info@barbabertu.com)

al caldo si schiudevano. Per raccoglierli usavamo le foglie dei “luvertin”, poi mettevamo i bachi su dei ripiani in un granaio e loro mangiavano le foglie dei gelsi. I bachi facevano il bozzolo nelle casette che preparavamo e al 29 di giugno erano pronti. Li portavamo poi alla Filatura di Busca, dove venivano comprati a peso. I bachi venivano fatti morire nei forni e la seta veniva lavorata”. Era un’attività redditizia? “Era una fonte di reddito importante per tanti, ma se prendevano il mal bianco non c’era nulla da fare. Era un’attività molto impegnativa”. IL DUCE A DUE PASSI Se lo ricorda il fascismo? “Facevo la terza Elementare a Busca e ho visto il duce da vicino. Mussolini era venuto nella piazza del mercato del

bestiame, lui ha stretto le mani a tutti. A tutti quel giorno ci hanno dato un carrube, che abbiamo portato a casa”. E la guerra? “La guerra è una cosa tutta sbagliata! Mio padre era stato prigioniero in Austria, durante la prima guerra mondiale. Ha sofferto tanto in guerra! In quel campo di concentramento c’erano 75 mila prigionieri e al mattino passavano con il carro a caricare i morti, che erano 40 o 50 al giorno, a causa dei patimenti dovuti al freddo e alla fame. Un giorno il capitano aveva puntato la pistola contro mio padre, perché si rifiutava di sparare agli austriaci, per non diventare subito dopo il loro bersaglio. Mio padre ha reagito. Gli ha dato un calcio nel ventre e lo ha spinto in un burrone”. LE MASCHE, UNA SCUSA Le veglie nelle stalle le ricorda? “Certo, ma le masche erano una scusa per non far uscire i ragazzi di sera”. Lei quando si è sposato? “Sono vedovo da tre anni, mia moglie si chiamava Cesarina Cesano. Eravamo stati fidanzati quando eravamo giovani, poi ci eravamo lasciati. Poi avevamo preso strade diverse. Lei si è

sposata ed ha avuto un figlio, nel 1964. Nel 1965, suo marito ha attraversato il passaggio a livello incustodito con la “Fiat 600” a Busca, ma non ha visto il treno ed è stato travolto. Una tragedia. Io non mi ero sposato e alla fine mi sono messo con Cesarina, dopo un anno. La vedevo passare per la strada ed avevo capito il suo dramma. Mio padre mi incoraggiò. Con Cesarina andavamo d’accordo e abbiamo cresciuto tre figli. Negli ultimi anni, ha sofferto molto per le conseguenze di un delicato intervento chirurgico”. La vita da vedovo come è? “Non è facile, ma per fortuna i miei figli mi vogliono bene, e pure i miei nipoti: non mi hanno abbandonato”. Signor Domenico, lei è soddisfatto dell’esistenza che ha condotto? “Non farei più il contadino, ma il fabbro o il falegname, se dovessi rivivere un’altra volta”. IL BENE Lei prega? “Certo, io credo in Dio e recito sempre le orazioni del mattino e della sera, che mi hanno insegnato”. Cosa è importante secondo lei nella vita? “È importante fare del bene”. Come vede il futuro della campagna? “Non è un futuro bello, l’agricoltura è in crisi. Oggi non si sente più cantare nei campi e io provo tristezza per questo. E se hai un’azienda grossa va ancora, sennò non riesci a fare il giro. Il mondo è cambiato in peggio, anche perché oggi ci sono troppe invidie”. i


10

VITIVINICOLO

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Novità dal settore vitivinicolo

Federico Vacca, vicepresidente Coldiretti Cuneo e membro di giunta con delega al settore

È

stato pubblicato nella G.U. del 20-12 il nuovo decreto recante la disciplina degli esami analitici ed organolettici per i vini a DO.

www.tec-artigrafiche.it

I principali contenuti La certificazione delle DOC e DOCG, comprese le analisi chimiche e organolettiche, passa dal 1-1-2012 alle strutture di controllo. Idem per i prelievi e le commissioni di degustazione fino ad ora in capo alle CCIAA. La validità della certificazione è di 180 gg per le DOCG, 2 anni per le DOC e 3 anni per i vini DOC liquorosi. È confermata la sistematicità delle analisi per le DOC e DOCG e la possibilità di coacervare le partite già certificate (nel rispetto delle prescrizioni per l’annata, le tipologie,ecc ) producendo una autocertificazione a cura dell’enologo o altro tecnico abilitato. La richiesta di prelievo va indirizzata alla struttura di controllo via fax o e-mail non prima che la partita abbia raggiunto le caratteristiche per il consumo stabilite dal disciplinare, tuttavia rispetto alla scadenza del periodo di invecchiamento è ammesso un anticipo di 30 giorni. Per i vini novelli, la richiesta può presentarsi anche prima della

dichiarazione di produzione. Nel caso di spumanti elaborati in bottiglia, il prelievo può realizzarsi precedentemente il periodo di sboccatura, mediante il prelievo di un campione all’uopo sboccato. Il prelevamento del campione prevede la preparazione di 6 esemplari dei quali: uno al detentore, uno per l’analisi chimica, uno esame organolettico, uno conservato per commissione d’appello, due conservati dalla struttura di controllo per almeno 6 mesi. L’analisi chimico-fisica è effettuata dal laboratorio prescelto dalla struttura di controllo. L’eventuale esito negativo dell’analisi – che preclude ogni altro esame – viene comunicato entro 3 gg. all’interessato, il quale entro 7 gg. può richiedere un nuovo prelievo, sempre se la partita può essere ancora sottoposta a pratiche e trattamenti enologici, oppure, sempre nei 7 gg. può presentare ricorso e chiedere nuova analisi sul campione medesimo. Esame organolettico – In caso di esame chimico fisico favorevole, il campione passa alla commissione di degustazione. La commissione è indicata dalla struttura di controllo. La Regione nomina i tecnici degustatori e ne cura

l’elenco degli iscritti. L’intero procedimento di certificazione si conclude entro 12 gg. per i vini novelli ed entro 20 gg. per DOC e DOCG. L’eventuale ricorso contro un giudizio di non idoneità deve essere presentato alla commissione d’appello presso il Ministero entro 7 giorni dalla comunicazione dell’esito negativo. La struttura di controllo che opera sul nostro territorio – Valoritalia – ha reso note le nuove procedure a partire dal 1-1-2012. Le sedi operative sul territorio sono 3: Asti, Alba e Gavi, ma le richieste di prelievo debbono inviarsi ad un unico indirizzo: e-mail prelievi. piemonte@valoritalia.it oppure fax 011-19886193. ACQUISTO DIRITTO E IMPIANTI IN TEMPI DIVERSI In caso di acquisto diritti occorre presentare domanda di impianto per l’intera superficie, poiché non sono ammissibili giacenze in portafoglio, come invece accade per i diritti aziendali. Se si prevede di non utilizzare tutti i diritti acquistati occorre frazionare l’acquisto e pertanto produrre scritture private e pratiche separate, ciascuna per il reimpianto specifico che

si intende realizzare. In caso contrario si perderebbe il residuo del diritto non utilizzato nella prima domanda di reimpianto presentata. Un esempio : acquisto diritti per 3000 mq e impianto iniziale 2000 mq, non frazionando l’acquisto come sopra indicato si annullano i 1000 mq rimanenti. NON CONFORMITÀ DAI PIANI DEI CONTROLLI E SANZIONI PER IRREGOLARITÀ La concomitanza di due elementi, uno contenuto nei piani di controllo e l’altro riscontrabile nella Legge 61/2010 comportano l’applicazione di sanzioni elevate, anche quando nei precedenti numeri abbiamo citato alcuni esempi. Il Piano dei controlli prevede che siano definite non conformità lievi quelle irregolarità che possono risolversi con azioni correttive poste in essere, che non hanno effetti sulla materia prima e/o sul prodotto finito; non conformità gravi, quelle irregolarità che viceversa non possono risolversi con azioni correttive. La Legge 61/2010, dal canto suo, stabilisce una sanzione compresa da 2000 a 13.000 euro per tutte le non conformità gravi, senza entrare nel merito della norma violata e indifferentemente dalla “gravità” dell’irregolarità compiuta. La “somma” di questi due dispositivi fa sì che scatti la suddetta sanzione, sanabile pagando il doppio del minimo, vale a dire 4.000 euro, anche per minime irregolarità. In deroga a tale norma, fintanto che si


VITIVINICOLO effettua l’allineamento dello schedario viticolo (31-3-2012), la sanzione non è applicata relativamente alle discordanze di superficie tecnico produttive dei vigneti, in forza dell’art 22 del DM 16-12-2010. SUPERFICI RITENUTE IRREGOLARI Applicando un sistema di misurazione (GIS) totalmente differente dal passato (misurazioni manuali) è scontato che vi siano disallineamenti e che le superfici tra passato e presente non corrispondano. La rilevazione fotografica, inoltre, può individuare superfici o vigneti ancora non presenti nello schedario. Coldiretti ha chiesto che sia applicato un principio di tolleranza per i piccoli scarti dovuti al cambio di metodo ed una compensazione aziendale tra le discrepanze in più ed in meno risultanti tra le unità vitate. È ricorrente che dal confronto suddetto un vigneto possa risultare abbondante e l’altro

11

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

scarso. Senza la compensazione aziendale, si potrebbe in un caso chiedere l’estirpazione dell’eccedenza e dall’altro dare diritti di impianto: sarebbe assurdo. Si attende dunque un provvedimento che consenta di applicare la compensazione per poi intervenire solo se dal “saldo” emergessero importanti

divergenze. L’invito ai viticoltori è quello di procedere con l’allineamento entro la suddetta data del 31-3-2012, anche per beneficiare della non applicazione delle sanzioni dell’art. 22 del DM 16-12-2010. È utile ricordare che i vigneti realizzati prima del 1987 non erano sottoposti ai vincoli d’impianto, pertanto sono regolari

e inseribili senza problema nello schedario. Quelli realizzati dopo il 1987 devono invece avere la regolare autorizzazione, altrimenti possono essere considerati abusivi e pertanto assoggettabili alle sanzioni ed all’estirpazione. Per migliori chiarimenti e assistenza, si possono contattare gli uffici Coldiretti. m

Modifica idoneità per DO sottoposte a vincolo d’impianto

R

elativamente a come procedere con l’iter autorizzativo per le DO sottoposte a impianto regolamentato (BAROLO, BARBARESCO, ROERO ARNEIS LANGHE ARNEIS), riscontriamo confusione sul territorio. Le disposizioni vigenti indicano che l’iscrizione o variazione ad impianto avvenuto verso queste DO è concedibile solo se l’originaria autorizzazione prevede l’espressa indicazione della DOC/G, diversamente è negata.... Successivamente si è ritenuto di consentire la variazione dell’idoneità rispetto all’originaria istanza e di conseguenza all’autorizzazione concessa. Si precisa tuttavia che tale variazione va effettuata a vigneto realizzato, ovviamente avendo prima ottenuto il diritto in deroga al vincolo, in quanto non possibile la modifica – in tale contesto – della domanda d’impianto durante l’iter autorizzativo. La Provincia aggiunge, per completezza d’informazione, che la domanda di contributo ristrutturazione e l’istanza di reimpianto devono essere entrambe coerenti e pertanto prevedere la medesima DO di iscrizione. m

MIRETTIVIVAI

Via Paschere, 34/A - SALUZZO Via Reg. Reg. Paschere, 34/A - SALUZZO (Cn)(CN) Tel./Fax 71304 -- Cell. 335 6970852 Tel. e Fax0175 0175.71212 Cell. 335.6970852

NUOVA VARIETÀ DI ACTINIDIA CLONE “M” ® • KIWI MERISTEMA CLONEMMIN INVASO VASOOO RADICE NUDA • ASTONI • PORTAINNESTI DI PESCO INNESTATI A GEMMA DORMIENTE • KIWI PERPER MERISTEMA CLONE DI MELO VARIETÀ: GALA SCHNIGA ® RADICE NUDA CERTIFICATE DALL’OSSERVATORIO • ASTONI DI MELO VARIETÀ: GALA SCHNIGA • ASTONI DI PESCOSMITH JONAGOLD RENETTA DEL CANADA • GOLDEN B - GRANNY FITOSANITARIO DELLAZANZI REGIONE PIEMONTE • PORTAINNESTI DI PESCO INNESTATI • PESCHI E ALBICOCCHI INNESTATIAINGEMMA VASO DORMIENTE • RED CHIEF® SU LICENZA • SUPER CHIEF®(SANDIDGE) • ASTONI DI PESCO • PESCHI SELVATICI: • FUJI KIKU 8 • FUJI • PESCHI E ALBICOCCHI INNESTATI IN VASO - SILVESTRIS FRANCO E RUBIRA • SUSINE: ANGELENO - T.C.SUN • GOLDEN - B - GRANNY SMITH GRIGIA DI TORIANA RENETTA• PESCHIMISSOUR SELVATICI: SILVESTRIS FRANCO MONTCLAR G.F 677 G.F. 677.MRS 2/5 DEL CANADA


varie

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Il Corsivo del Coltivatore La spesa del dì di festa

G

li ottimisti pensano che il nuovo sport nazionale, d’ora in poi, sarà quello di fare la spesa, a qualsiasi ora del giorno, qualsiasi giorno, domeniche comprese. Poco importa che il portafoglio pianga, che la benzina per raggiungere i grandi centri commerciali, generalmente in periferia, sia sempre più costosa e che tante persone siano costrette a modificare i loro ritmi lavorativi per adeguarsi al capriccio di un cliente incapace di programmare le compere nelle ore canoniche. Con gennaio, il giro al supermercato nei festivi, come momento di svago in mancanza di alternative, è entrato di prepotenza nella gestione del tempo libero familiare. Non discuto sul fatto che si tenda ad assicurare a ciascuno, cliente e gestore del punto vendita, la massima libertà, ma penso che una regolamentazione non crei danni. Ricordo ancora quando, alcuni decenni fa, si impose ai punti vendita di chiudere inderogabilmente alle 19,30. Parve un sopruso a torme di ipotetici clienti in cui la passione per l’acquisto sembrava manifestarsi soprattutto tra le 19,30 e le 20. Poi tutti si adattarono, volenti o nolenti, e nessuno ci fece più caso. Adesso si torna al passato. Ognuno, d’ora in poi, farà come meglio crede. Dicono che gli affari aumenteranno, il perché non si sa. Evidentemente si pensa che i potenziali compratori siano persone facilmente suggestionabili, incapaci di dire no dinanzi ad un’offerta e di domare le loro voglie. Degli istintivi, dunque, degli illogici ma, soprattutto, dei matematici portentosi, in grado di comprare il doppio con gli stessi (pochi) quattrini a disposizione. m Bastian Contrari

Ultim’ora: smentita la tassa sul vino

È

positiva la smentita di una tassa sul vino che ci auguriamo rimanga scritta solo in bozza come ipotesi di lavoro non percorribile per un settore che svolge un ruolo da traino per il Made in Italy nel mondo, dove nel 2011 ha realizzato un aumento del 14 per cento nelle esportazioni. Lo afferma Coldiretti, nel commentare le dichiarazioni del Ministro della Salute Renato Balduzzi, e coglie l’occasione per fare un bilancio aggiornato della vendemmia che nel 2011 si colloca al minimo storico di poco più di 40 milioni di ettolitri, in calo del 14 per cento rispetto allo scorso anno. m

L’agricoltura cuneese in lutto

S

ubito dopo le feste Valentina Masante (foto a sinistra), direttore della Confederazione Italiana Agricoltori ci lasciava a seguito di improvviso malore. Dice Bruno Rivarossa direttore di Coldiretti Cuneo “Partecipiamo al lutto della famiglia ed al dolore della dirigenza Cia con commozione. Con Valentina abbiamo sempre avuto un confronto franco, trasparente e costruttivo. Persona vera, seria e motivata ha condiviso con me e con Coldiretti molte battaglie a tutela della nostra agricoltura e dei nostri territori. Lascia un grande vuoto nel ricordo di una persona dedita al settore con abnegazione e spirito di autentico servizio”.

* * *

È mancato l’Avvocato Francesco Rossi (foto a destra), per tanti anni consulente legale di Coldiretti Cuneo. Con la scomparsa del noto civilista ci lascia anche uno degli ultimi esperti di diritto agrario. Tanti consigli e cause a difesa dell’impresa diretta coltivatrice che ha visto nell’Avvocato Rossi un paladino dei diritti degli agricoltori. m

VERONA - Pad. 5 - Stand A7 2/5 febbraio 2012

TRINCIASTROCCHI • TRINCIASARMENTI FALCIACARICATRICI • TOSAERBA CON RACCOGLITORI • TRINCE LATERALI • FRESE OMARV s.r.l. • VIA CUNEO, 60 • 12038 SAVIGLIANO (CN) • tel. 0172 715114 • fax 0172 780028 sito: www.omarv.com e-mail: info@omarv.com

www.tec-artigrafiche.it

12


varie

13

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

A Mombarcaro: incontro tecnico per la valorizzazione della patata

S

sistema di tracciabilità. Bruno Parisi del CRA di Bologna ha parlato delle problematiche legate alla coltivazione della patata in aree montane. Alba Cotroneo ha messo in evidenza il crescente problema dei

nematodi del terreno (parassiti), tanto da determinare una generale presa di coscienza da parte dei produttori. Ha pure detto che durante la prossima stagione partiranno una serie di monitoraggi in tutta la vallata. m

Il giornalista monregalese Raffaele Sasso festeggia 40 anni di professione

N

el mese di dicembre, a Torino, nella sede dell’Ordine dei Giornalisti del Piemonte, si è tenuta la festa dei giornalisti, culminata con la consegna di una targa a quanti hanno raggiunto 40, 50, 60 anni di professione, (pubblicisti e professionisti) e con l’incontro coi nuovi iscritti all’Albo Professionale. Fra i premiati anche il giornalista monregalese Raffaele Sasso (nella foto al microfono, insieme al presidente dell’Ordine dei Giornalisti, Alberto Sinigaglia), collaboratore del settimanale “Provincia Granda”, dell’Agenzia Ansa e del Tgr regionale della Rai. m www.tec-artigrafiche.it

i è svolto a Mombarcaro l’Incontro tecnico della patata per gli areali montani, organizzato da Coldiretti in concomitanza con CReSO e Regione Piemonte. Alla riunione hanno partecipato Alba Cotroneo del Settore Fitosanitario Regionale; Bruno Parisi, CRA colture industriali di Bologna; Michele Baudino, del CReSO. Nella presentazione dei risultati delle prove di confronto varietale ed approfondimenti sulla gestione agronomo-difesa, sono intervenuti Corrado Bertello, di Ceva, funzionario Coldiretti ed il tecnico Mauro Forneris, che ha presentato il percorso ultradecennale del prodotto, riconosciuto a livello nazionale per la qualità e per il ELETTROMECCANICA

F. GIACOSA LLI

s.n.c.

VENDITA E RIPARAZIONE di: • motori elettrici • pompe sommerse da pozzo e da drenaggio • pompe e miscelatori sommersi per acque scure Savigliano (CN) • Via Cordoni, 12 tel. 0172 715152 • fax 0172 725699 info@elettromeccanicagiacosa.it www.elettromeccanicagiacosa.it

SCAVINO e SCAVINO srl Adeguamento dei trattori agricoli o forestali ai requisiti di sicurezza delle attrezzature di lavoro previsti al punto 2.4 della parte Il dell’allegato V del D.Lgs. 81/08. La nostra ditta produce e installa su ordinazione, il telaio adatto ad ogni trattore nel pieno rispetto delle linee guida dell’ISPESL. Forniamo ed installiamo inoltre il sedile con cinture di sicurezza.

DICHIARAZIONI RILASCIATE:

• Dichiarazioni di conformità del dispositivo di protezione in • •

caso di capovolgimento. Dichiarazione di corretta installazione del dispositivo in caso di capovolgimento. Dichiarazione di corretta installazione del dispositivo di ritenuta del conducente. INOLTRE REALIZZIAM0 ED INSTALLIAMO

Nubile, 40enne, impiegata comunale, sportiva, semplice, si occupa di volontariato, ama i bambini, conoscerebbe uomo, anche separato con figli, per felice futuro insieme. 3296412710 49enne, laureata, insegnante, donna affascinante, divorziata, ama visitare musei, andare a teatro, sogna d’incontrare un uomo con pari requisiti, con cui condividere la vita. 3347897168 Pensionata, piemontese, 58enne, ex agricoltrice, è una donna giovanile, curata, vedova, senza figli, stufa della solitudine, cerca un compagno, onesto, lavoratore, per dedicargli affetto e attenzioni. 3420362328

Strutture metalliche, tettoie, capannoni, scaIe, serramenti in alluminio, civili ed industriali.

www.tec-artigrafiche.it

Matrimoniali e Amicizie

Artigiana, divorziata senza figli, 36enne, carina, piemontese, ama la musica, è una donna serena, ha sani principi morali, conoscerebbe uomo serio per costruire famiglia. 3489016101

È un bel ragazzo, carismatico, 38anni, celibe, ha un’ottima cultura, ha un’agenzia pubblicitaria, è aperto al dialogo, guarda al futuro con ottimismo, nella sua vita manca solo una compagna, per la vita. 3453150519 Vedovo, 56enne, giovanile, medico dentista, è appassionato di auto d’epoca, si ritiene un uomo d’altri tempi, relazionerebbe con signora sensibile, romantica, con buona cultura. 3349720858 È un uomo brillante, ama il ballo, viaggiare, è un imprenditore edile, facoltoso, impegnato anche nel sociale, 49enne, divorziato, incontrerebbe donna seria, affidabile, alla quale dedicare il suo cuore. 3394142225 Ex ufficiale delle forze dell’ordine, 63enne, vedovo, ama i viaggi in crociera, è un nonno part-time, dinamico, giovanile, vorrebbe conoscere una compagna per il resto della vita. 3391262291

Carmagnola - Tel. 0119626940 • quota d’iscrizione obbligatoria

Borgata Molino, 26 • VERDUN0 (CN) tel. 0172 470160 • fax 0172 470266 info@scavinoescavino.com


14

VA R I E

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Contratti di affitto: Donne Impresa: rinnovo attenzione alla scadenza tessera per l’anno 2012 per la registrazione mprenditrici, l’anno nuovo è arrivato e con esso anche il momento di

I

contratti di affitto scritti relativi ai fondi rustici devono essere obbligatoriamente registrati entro 30 giorni dalla stipula o, se anteriore, dalla data di esecuzione del contratto. Per i terreni, è prevista la possibilità di registrare cumulativamente, cioè in una sola volta, tutti i contratti stipulati l’anno precedente, la scadenza per tale registrazione è sempre il 28 febbraio dell’anno successivo a quello in cui sono stati stipulati i contratti. L’obbligo di registrazione non sussiste se l’affittuario ha meno di 40 anni. La registrazione comporta il pagamento di una tassa pari al 0,5% dell’importo del canone annuo pattuito, con un minimo di 67€; tale imposta dove essere versata per ogni annualità di durata del contratto. Se si registra il contratto oltre i termini è possibile regolarizzarsi pagando sanzioni ridotte. Si raccomanda a tutti i titolari di contratti di affitto stipulati nel corso del 2011 e non ancora registrati di presentarsi presso gli uffici Coldiretti muniti dei dati del contratto necessari per procedere alla registrazione. m

I

rinnovare la tessera Donne Impresa! Gli obiettivi che il Movimento si propone sono di promuovere lo sviluppo dell’imprenditoria femminile agricola essendo, in provincia di Cuneo, una su tre le aziende tinte di rosa. Da anni, come segno di “appartenenza”, Donne Impresa Coldiretti ha individuato una TESSERA di adesione che ha validità di 4 anni e, oltre al significato sul piano sindacale, consente di fruire di alcune convenzioni siglate con i seguenti punti: cooperativa Valle Josina, agenzia viaggi “In Terre di Granda” di Cuneo, Consorzio Agrario delle Province del Nord-Ovest, C.D.C. per gli accertamenti sanitari, Cascina Biasin di Mondovì, Cooperativa Orti del Casalito di Fossano e Savigliano, Mondovicino Outlet Village, Istituto Idrotermale di Lurisia e presso alcuni agriturismi del circuito Terranostra. Vi invitiamo dunque a recarvi nell’Ufficio Zona e di recapito a farvi apporre il timbro di rinnovo o a richiedere gratuitamente la tessera. m 2012

www.tec-artigrafiche.it

EFFETI

s.n.c.

di Fornasero Paolo & C.

REG. N. 457-A UNI ENI ISO 9001: 1954

Impianti elettrici civili e industriali - Automazioni Assistenza autorizzata radiocomandi Via Roata Gollè, 18/C • BUSCA (CN) tel. 335 6109550 • fax 0171 940989 e-mail: effeti.cn@libero.it

Via Racot, 10 • San Pietro del Gallo (Cuneo) tel. 0171 682073 • cell. 335 5958530

Tel. 335.6109550 - fax 0171.940989 - effeti.cn@libero.it Fr. S. Chiaffredo, 86 - 12022 BUSCA (CN) - effeti.cn@alice.it

energia

ai tuoi investimenti! www.tec-artigrafiche.it

Dai


AT T U A L I T À

15

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Decretato lo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi

I

l 29 dicembre 2011 è stato dichiarato lo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi, che durerà fino a revoca che sarà stabilita dal CFS. Il provvedimento è stato emanato a seguito del perdurante periodo siccitoso e dell’assenza di precipitazioni che hanno creato forte pericolo di innesco di incendi boschivi. Durante il periodo dichiarato di grave pericolosità, è vietato, in tutti i territori boscati e cespugliati e sino ad una distanza di 50 metri da essi, accendere fuochi, far brillare mine, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare

metalli, usare motori, fornelli o inceneritori che producano faville o brace, fumare o compiere ogni altra operazione che possa creare comunque pericolo di incendio, e sono inoltre annullate tutte le deroghe previste dalla L.R. 16/94. Alle maggiori limitazioni corrisponde un inasprimento delle sanzioni previste per i trasgressori, la sanzione minima passa dai 102 euro previsti in condizioni normali, ai 2.064 euro del periodo di grave pericolosità restando salve le sanzioni penali (reclusione da 1 a 5 anni) qualora si verifichi un incendio colposo. m


16

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

FORMAZIONE

Più formazione, più efficienza con i corsi INIPA Piemonte

C

ontinua la stagione formativa di INIPA Piemonte. Grazie al finanziamento della mis. 111.1.A del PSR i titolari, i coadiuvanti e i dipendenti delle aziende agricole possono partecipare gratuitamente ai corsi organizzati dall’agenzia formativa di Coldiretti. Sono ancora disponibili alcuni posti sui seguenti corsi:

GESTIONE AZIENDALE ACCESSO AL CREDITO IN AGRICOLTURA Sede: Alba – Cuneo – Fossano – Saluzzo. Finalità del corso: Informare sulle possibilità di accesso al credito specifiche per l’agricoltura. Durata: 2 incontri serali. Periodo di svolgimento: febbraio-marzo 2012.

LINGUE STRANIERE LINGUA INGLESE II LIVELLO Sede del corso: Alba. Finalità del corso: ampliamento delle prospettive di mercato delle aziende agricole che sono interessate da un costante e crescente contatto con interlocutori stranieri al fine di creare maggiori opportunità di contatto con mercati ed acquirenti internazionali. Durata: 10 incontri serali. Periodo di svolgimento: febbraio-marzo 2012.

UTILIZZO DELLE MACCHINE AGRICOLE AGGIORNAMENTO SULLA CIRCOLAZIONE DELLE MACCHINE AGRICOLE Sede: Mondovì. Finalità del corso: Focus sulle principali novità in materia di circolazione delle macchine agricole. Durata: 2 incontri serali. Periodo di svolgimento: febbraio-marzo 2012.

TRASFORMAZIONE DEI PRODOTTI ALLEVAMENTO OVINO E TRASFORMAZIONE DELLA LANA Sede: Ceva. Finalità del corso: Aggiornamento sulla gestione di un gregge e cenni di trasformazione della lana in feltro. Durata: 4 incontri serali. Periodo di svolgimento: febbraio-marzo 2012. LA TRASFORMAZIONE DEI PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI Sede del corso: da definire in base alla provenienza delle iscrizioni. Finalità del corso: approfondimento degli elementi di microbiologia, normative e tecniche di trasformazione, confezionamento e conservazione dei prodotti ortofrutticoli. Durata: 6 incontri serali. Periodo di svolgimento: febbraio-marzo 2012. TECNICHE DI PANIFICAZIONE Sede del corso: da definire in base alla provenienza delle iscrizioni. Finalità del corso: approfondimento sulle tecniche di produzione dei prodotti da forno, dalla scelta della farina, all’operazione di impasto, alla cottura in forno. Durata: 2 incontri serali – 3 incontri pomeridiani. Periodo di svolgimento: febbraio-marzo 2012.

COLTIVAZIONI BIODINAMICHE AGRICOLTURA BIODINAMICA Sede: Ceva. Finalità del corso: Introduzione a questo particolare metodo di coltivazione alternativo, a metà tra un percorso tecnico e un approfondimento filosofico. Durata: 6 incontri serali. Periodo di svolgimento: marzo-aprile 2012.

FRUTTICOLTURA: TECNICHE, NORMATIVE, DEGUSTAZIONI CONOSCENZA E CORRETTO UTILIZZO DEI FITOFARMACI Sede: Saluzzo. Finalità del corso: Informazioni e indicazioni pratiche per il corretto utilizzo dei fitofarmaci e la loro registrazione. Durata: 3 incontri serali. Periodo di svolgimento: febbraio-marzo 2012. GESTIONE DELLE AUTOCERTIFICAZIONI NEL SETTORE FRUTTA (GLOBAL GAP E OBRC) Sede: Saluzzo. Finalità del corso: Indicazioni sulle modalità di autocertificazioni inerenti il Global Gap nel settore frutta. Durata: 2 incontri serali. Periodo di svolgimento: febbraio-marzo 2012. ANALISI SENSORIALE DELLA FRUTTA Sede: Saluzzo. Finalità del corso: Si svilupperà il tema dell’analisi sensoriale nelle produzioni ortofrutticole e la loro caratterizzazione in base ai parametri gustativi. Durata: 4 incontri serali. Periodo di svolgimento: febbraio-marzo 2012.

ORTICOLTURA, COLTIVAZIONE DEI CEREALI, GIARDINAGGIO COME IMPOSTARE UN CORRETTO PIANO DI CONCIMAZIONE Sede del corso: da definire in base alla provenienza delle iscrizioni. Finalità del corso: Far conoscere i criteri di un corretto piano di concimazione colturale, il bilancio asporti e apporti, il contributo dei reflui zootecnici. Durata: 3 incontri serali. Periodo di svolgimento: febbraio-marzo 2012. GIARDINAGGIO E MALATTIE DELLE PIANTE Sede: Mondovì. Finalità del corso: Aggiornamento tecnico sull’attività di giardinaggio con particolare attenzione al tema della malattia delle piante. Durata: 3 incontri serali. Periodo di svolgimento: febbraio-marzo 2012.

SETTORE VITIVINICOLO AGGIORNAMENTO TECNICO VITIVINICOLO Sede: Alba – Bra – Dogliani – Saluzzo. Finalità del corso: Incontri di aggiornamento inerenti le novità in materia di legislazione vitivinicola e formalità export. Durata: 2 incontri serali. Periodo di svolgimento: febbraio-marzo 2012.


FORMAZIONE

17

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

LA FLAVESCENZA DORATA E LE ALTRE AVVERSITÀ DELLA VITE Sede: Alba. Finalità del corso: Come combattere la malattia e come assicurare una viticoltura sempre più ecocompatibile… Durata: 4 incontri serali. Periodo di svolgimento: febbraio-marzo 2012

Per partecipare occorre inviare il modulo di adesione con l’indicazione del corso prescelto alla sede provinciale di Coldiretti o all’ufficio zona Coldiretti di riferimento. Per informazioni: tel: 0171 447243/244/246 – inipa.cuneo@coldiretti.it – fax 0171 447300. m

MODULO DI PRE-ADESIONE AI CORSI

Dati del partecipante (quelli evidenziati in rosso sono obbligatori) Cognome e Nome Data e luogo di nascita Indirizzo – Comune – CAP POSIZIONE IN AZIENDA

Titolare ❏

Socio ❏

Coadiuvante ❏

Dipendente ❏

Altro

Telefono – cellulare

Dati dell’azienda Ragione sociale Con la presente manifesto il mio interesse per il corso indicato con la crocetta. Corso/i prescelto/i

ore

Sede del Corso

Periodo presunto inizio corso

❏ ❏ Data

Firma

È possibile consegnare il presente modulo all’ufficio Coldiretti di riferimento oppure inviarlo all’e-mail inipa.cuneo@coldiretti.it o tramite fax allo 0171.447300. I corsi si svolgeranno al raggiungimento del numero minimo degli allievi. Elenco dei documenti da consegnare alla Segreteria Corsi alla conferma dell’iscrizione: ❑ AUTOCERTIFICAZIONE ATTESTANTE LA POSIZIONE DI COADIUVANTE O DIPENDENTE O IMPRENDITORE CON SOLO PARTITA IVA AGRICOLA ❑ DOCUMENTO DI IDENTITA’ DI CHI FA LA AUTOCERTIFICAZIONE INDISPENSABILE LA PUNTUALE CONSEGNA DEI DOCUMENTI Ai sensi dell’art. 13 D. Lgs 196/2003, il sottoscrittore viene informato che: - il trattamento dei dati personali avviene nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato e del principio di necessità del trattamento dei dati personali; - i dati vengono trattati sia manualmente che informaticamente; - i dati vengono trasmessi agli enti pubblici preposti all’ organizzazione dei servizi formativi richiesti; - è garantito l’esercizio dei diritti di cui all’art. 8 D Lgs 196/2003; responsabile del trattamento è I.N.I.P.A. Piemonte, Piazza San Carlo,197 – Torino Preso atto dell’informativa Acconsento al trattamento dei miei dati personali per i fini indicati dall’articolo 13 del lgs del 30/06/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali”. Data

Firma per consenso dell’interessato

Per informazioni: Ufficio INIPA Coldiretti Cuneo. Tel. 0171.447246 • e-mail: formazione.cn@coldiretti.it Orario Segreteria: mattino dal LUNEDÌ al SABATO dalle 8.00 alle 12.30 – pomeriggio: dal LUNEDÌ al GIOVEDÌ dalle 14.00 alle 17.00


18

AT T U A L I T À

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Resoconto Annata Agraria 2011

P

rosegue su questo numero il resoconto dell’Annata Agraria 2011: gli effetti negativi sull’andamento dell’economia reale dovuti alla crisi finanziaria hanno accentuato le difficoltà in cui si trova il comparto agricolo; per contro, dal punto di vista agronomico, il 2011 ha visto produzioni di ottima qualità e abbondanti, con un incremento rispetto al 2010, in particolare nei settori frutticolo, dei bovini da carne e in parte nel suinicolo. Emerge chiaramente come il male di cui soffre la nostra agricoltura non sia la qualità delle produzioni, ma i prezzi dei prodotti spuntati in azienda.

SETTORE BOVINO

Sostanzialmente, anche per l’annata 2011, prosegue il trend negativo per l’allevamento delle carni bovine. Le quotazioni di mercato dei bovini da macello (prezzo pagato ai produttori) hanno mantenuto i valori dello scorso anno, con una scarsa remunerazione. Qualche timido segnale di rialzo delle quotazioni sembra arrivare in queste ultimi giorni dell’annata Il mercato della razza Piemontese in particolare paga ancora una volta le tradizionali criticità, dovute ad una scarsa organizzazione dell’offerta, se si esclude alcune realtà importanti di cooperazione tra i produttori, e dall’altra una mancanza di nuovi sbocchi di mercato. Le quotazioni 2011 sono rimaste ancora distanti dall’annata record 2008, quando i prezzi viaggiavano con un +20-25% rispetto a quelle attuali. Alla già difficile situazione, occorre inoltre sommare l’aumento dei costi di produzione dei cereali per l’alimentazione zootecnica. Occorrerà per il futuro trovare nuovi sbocchi di mercato soprattutto interni, con una commercializzazione che estendo il raggio d’azione, almeno verso il Centro e Nord-Est Italia, potrebbero ottenere certamente risultati significati, creando maggiore domanda, dando maggiore dinamicità all’intero comparto. Nel corso dell’anno, su proposta di Coldiretti, è stato aperto un bando specifico per la filiera della carne di razza Piemontese, a cui hanno aderito alcune realtà territoriali, auspicando che esse possano contribuire al rilancio del settore. A fine anno, presso l’area mercatale

MIAC di Cuneo, sarà completato il laboratorio di sezionamento della carni realizzato dalla cooperativa agricola Compral, composta da oltre 250 soci. Oltre al laboratorio di sezionamento delle mezzane, sono state linee di lavorazione per la produzione dei tagli, per la porzionatura e confezionamento in atmosfera modificata. Coldiretti, anche sul comparto sta vagliando la realizzazione di accordi di filiera con alcuni importanti gruppi industriali di cui, nei prossimi mesi potrebbero emergere nuovi sviluppi.

SETTORE AVICUNICOLO

L’annata 2011 per il settore avicolo da carne, ha mantenuto il trend positivo del 2010, con consumi che sino mantenuti, così come le quotazioni di mercato. Il primo semestre si è concluso con quotazioni abbastanza soddisfacenti, intorno a 1,05-1,10 €/Kg. A partire dal mese di settembre si è verificato un ulteriore balzo in avanti, con quotazioni stabili 1,20 €/kg. Discorso a parte per il comparto galline ovaiole, con le aziende impegnate in considerevoli investimenti mirati all’adeguamento delle nuove norme del benessere, stabilite dall’UE e che entreranno in vigore dal 1 gennaio 2012. Oltre a dover elevare la densità a 750 cm2/ capo, le aziende che allevano in gabbia dovranno effettuare tutta una serie di modifiche agli impianti attuali. L’Italia ha già comunicato all’UE che non riuscirà ad adeguare tutti gli impianti; dall’altra L’Unione europea non ha ancora dato disposizioni sui provvedimenti che verranno presi, a partire dal 1 gennaio 2012, peril mancato rispetto della normativa. Il Ministero delle politiche agricole, in accordo con il Ministero della salute, tramite apposito decreto, ha dato la possibilità agli allevamenti, di aderire ad programma volontario di adeguamento, indicando ciascuno le tempistiche di adeguamento nel triennio 2012-2014. Per quanto riguarda l’andamento del mercato delle uova, le quotazioni si sono mantenute in linea con le annate precedenti. Analizzando l’andamento del mercato cunicolo, il 2011 è da considerarsi un’annata critica, in fase di ripresa solamente i queste settimane. Se a novembre/dicembre 2010 le quotazioni per il coniglio medio si attestavano sui 2,30 €/kg, dopo la tradizionale flessione in primavera, e l’ulteriore calo nel periodo estivo (1,50 €/ kg) a causa della diminuzione dei conusmi, con l’arrivo dell’autunno le quotazioni hanno ripreso nuovamente a salire. Le ultime quotazioni rilevate dalla Borsa Merci della camera di Commercio di Cuneo ha rilevato un prezzo di 2,23 €/kg. Negli ultimi mesi infine, Coldiretti ha lavorato per creare una banca dati regionale, che raccolga il maggior

www.tec-artigrafiche.it

MADE IN ITALY

SPEGNI LA FATICA, ACCENDI LA CARRIOLA! MADE IN GRANDA!!!

Motocarriole elettriche e a scoppio agevolatori per serre e stalle, irrorazione in campo, fino a 500 kg di portata

Boffa Guido snc • via Cane Guido, 102 •12055 Diano d’Alba Fraz. Valle Talloria (CN) • tel. 0173 231519 • info@motocarriola.it


AT T U A L I T À numero possibile di informazioni dati riguardo ai carichi settimanali di conigli, in modo da poter fornire avere costantemente una situazione aggiornata del mercato. Dopo una prima fase di raccolta dati al livello regionale, e a seguito di alcune riunioni con allevatori di Lombardia e Veneto, si è deciso di estendere l’iniziativa a tutto il Nord Italia. Da alcuni mesi perciò gli allevatori di tutto il Nord Italia forniscono settimanalmente informazioni sui carichi. In questo modo i Commissari di parte agricola, che settimanalmente si riuniscono all’interno delle Borse merci di riferimento nazionale (Verona e Cuneo) per rilevare i prezzi, ricevono dati oggettivi sull’andamento del mercato. Contemporaneamente a livello nazionale si sta lavorando per arrivare alla definizione di una Commissione Unica Nazionale (CUN), sulla falsa riga di quanto già fatto per il settore suinicolo. Di seguito un grafico riepilogativo delle quotazioni 2011.

€/kg

Elaborazione Coldiretti Piemonte su dati Borsa Merci di Cuneo

VINO

La vendemmia 2011 registra una quantità moderata, con riduzioni anche nell’ordine del 10-20-25% rispetto l’anno precedente. Qualità ottima, con uve che non di rado hanno manifestato un iniziale appassimento, dovuto alle scarse precipitazioni durante il periodo che precede la raccolta. La minor produzione, generalizzata in tutta Italia, va ascritta alle caratteristiche dell’annata, insieme ad una flessione del potenziale viticolo. Con il premio all’abbandono volontario erogato dalla comunità europea, l’Enotria ha avuto una contrazione di ben 30 mila ettari in tre anni. In provincia di Cuneo lo smagrimento dei vigneti, meno marcato, non è invece legato al premio, ma ha seguito il normale trend negativo della viticoltura nei paesi tradizionalmente produttori. Il saldo tra superfici impiantate e superfici estirpate ha segno negativo, specie per le denominazioni d’origine che negli ultimi anni hanno accusato maggiori problemi di mercato.

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

19

I prezzi delle uve 2011 sono generalmente in rialzo in tutta la Penisola, con performance di crescita a due cifre per il Brunello in Toscana, al più 25% in Sicilia e il più 50% in Puglia. Domanda e offerta come sempre determinano il prezzo e per le ragioni che abbiamo sopra tratteggiato, l’offerta per il 2011 è significativamente diminuita. Dalle stime ci si attende una contrazione nazionale del 10%, con una produzione complessiva di circa 44 milioni di ettolitri. A livello piemontese il mercato dei vini mostra vivacità, registrando segnali di ripresa: si riducono le giacenze e crescono di imbottigliamenti rispetto un anno fa. La congiuntura economica negativa si fa sentire, ma il risveglio rispetto gli anni scorsi è statisticamente tangibile. Positivo l’andamento delle vendite in termini di volume, ma occorre fare i conti e quindi partire dai prezzi. Le uve, fatta eccezione per alcune DOCG, da un triennio denotano “sofferenza”. I prezzi nemmeno si avvicinano al costo di produzione ed è fuor di dubbio che per mantenere integra la nostra viticoltura dovrebbero salire, e anche di molto. Le condizioni quest’anno ci sono tutte: meno uva e più qualità. Occorre però non considerare solo un aspetto, perché la nostra realtà economica si basa su un sistema che vede in un senso contrapposti, ma in realtà intimamente legati, gli interessi di tre attività: la vendita e quindi il prezzo dell’uva, il mercato dello sfuso e il prezzo al consumo finale della bottiglia. Occorre perciò un sempre maggiore equilibrio tra le tre componenti con lo sguardo attento ai prezzi al consumo che, soprattutto di questi tempi, mal sopporta ritocchi al rialzo. Dove si è riusciti a raggiungere accordi di filiera, si veda pur con tutte le sue criticità l’esempio vincente del Moscato d’Asti, la gestione interprofessionale consente di mantenere il giusto equilibrio tra il valore dell’uva, del vino e della bottiglia e consolidare così le quote di mercato. In altri casi la non possibilità di accordo tra produttori, trasformatori ed imbottigliatori, rende tutto più difficile. L’altalena dei prezzi, in un contesto che deve fare i conti con la mondializzazione (il Piemonte esporta oltre il 70% del vino), è deleterio per tutti gli operatori,che non possono programmare con previsioni nemmeno a breve o medio termine. Addirittura chi vende le uve, le cede senza conoscerne il prezzo. Ancora una vendemmia è stata affrontata senza una minima indicazione preventiva. La strada verso gli accordi di filiera è ancora lunga, ma Coldiretti non la considera affatto chiusa, perché è troppo importante per l’economia del nostro sistema vitivinicolo. m (continua sul prossimo numero)


20

AT T U A L I T À

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Biglietto da visita dei prodotti agricoli che finiscono sulla nostra tavola

Quaderno di Campagna

I

l Quaderno di Campagna, istituito dal D.P.R. n. 290 del 23 aprile 2001, è il registro su cui qualunque produttore agricolo che immetta sul mercato prodotti destinati all’alimentazione umana, deve annotare i trattamenti fitosanitari, i diserbi ed alcune fasi fenologiche delle sue coltivazioni. La verifica dello stesso può essere effettuata da diverse figure istituzionali (ASL, Guardia Forestale, Polizia Municipale, Forze dell’ordine, ARPEA ecc.) ed è sanzionabile. L’obbligo della tenuta del registro è altresì ripreso dalla condizionalità a cui sono sottoposti sia la PAC e sia le misure del PSR. In sostanza, questo documento deve riportare tutti gli interventi

chimici effettuati sulle colture la cui produzione finisca poi in qualche modo nella filiera alimentare. In effetti il quaderno di campagna pur richiedendo un limitato numero di dati, risulta assai complesso a causa soprattutto della delicatezza della materia. La rapidità con cui si evolve la difesa delle colture a favore della salubrità e della salvaguardia

ambientale, richiede costanti e continui aggiornamenti a cui il produttore non si può ne si deve sottrarre. In effetti però, come strumento di testimonianza scritta e cronologica, il quaderno può rivestire una notevole importanza al fine di tracciare il percorso sanitario delle derrate alimentari. Ormai sono già numerosi i disciplinari di produzione e di

ROSSO

conseguenza i fornitori (operatori commerciali, GDO ecc) che richiedono agli agricoltori di fare ricorso all’impiego di prodotti fitofarmaci di nuova generazione più rispettosi dell’ambiente e della salute pubblica. La compilazione corretta e puntuale evidenzia un comportamento virtuoso del produttore e consente inoltre, all’occasione, di dimostrare tutto quanto è successo nelle diverse fasi produttive, diventando in tal modo, se così si può definire, “ un occasione in più per il Produttore Agricolo”. Qualunque informazione in merito, viene ampiamente ed esaustivamente fornita dallo staff tecnico dell’Agenzia 4A reperibile presso gli uffici di Coldiretti Cuneo. m

MACCHINE AGRICOLE E SERRAMENTI

www.tec-artigrafiche.it

Produzione e vendita macchine agricole dedicate alla frutticoltura

CARPENTERIE METALLICHE • Costruzioni in acciaio • Capannoni • Costruzioni speciali • Scale

VILLAFALLETTO (CN) • via Monviso, 61 • tel. 0171 942242 • fax 0171 942773 • www.rossomacchineagricole.it


AT T U A L I T À

21

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

La 101a edizione della Fiera del Bue Grasso di Carrù

A

nche l’ultima edizione ha raccolto un tripudio di applausi e consensi: il numerosissimo pubblico proveniente da tutta Italia e anche oltre i confini nazionali ha salutato i vincitori della 101a edizione della Fiera del Bue Grasso di Carrù. Dopo il saluto del sindaco, Stefania Ieriti, e delle autorità intervenute in rappresentanza delle Istituzioni regionali e provinciali, la premiazione ha consacrato Re della Fiera del bue grasso di Carrù 2011 – Categoria bue grasso della coscia – il bue dei F.lli Delsoglio di Fossano. Ha vinto il primo premio della categoria Bue Grasso nostrano il bue di Giovanni Foglino di Montechiari d’Acqui (AL), mentre il primo premio della categoria Bue Grasso migliorato è stato assegnato al bue di Bartolomeo Cavallero di Fossano. Pesa 1.334 chilogrammi il bue più pesante, allevato dl Luigi Carlo Vallino di Marene, mentre il premio speciale “bue meglio preparato e presentato in fiera”

è stato assegnato da Anaborapi al bue dell’allevatore Monferrato Carni di Incisa Scapaccino (AT). m

madisonadv

RIMORCHI RIBALTABILI RIMORCHI A PIANALE FISSO RIMORCHI RIBALTABILI DUMPER RIMORCHI SPANDILETAME CARRI BOTTE CARRI MISCELATORI

LA SCELTA VINCENTE, DAL 1936 50 AN 2011 1-

’I I D TAL

IA

186

AGRIMEC di Crosetto Elio & C. snc _ Via Roma, 126 _ 12030 Marene (CN) _ Italy Tel. +39 0172 742118_Fax +39 0172 743735 E-mail: commerciale@rimorchicrosetto.com

N

1

www.rimorchicrosetto.com


22

TERRAMICA

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Terramica presenta il corso di Agricoltura Biologica a Cuneo Settore Orticolo

R

iparte a pieno regime l’attività dell’Associazione Produttori Biologici Terramica-Coldiretti Cuneo a sostegno delle aziende biologiche della provincia. Nell’ambito dell’attività di formazione Terramica Cuneo propone in collaborazione con il Servizio Tecnico 4A e con il Creso settore Orticolo un Corso di Agricoltura Biologica. La finalità del Corso è quella di fornire alle aziende le nozioni tecniche necessarie alla corretta gestione delle coltivazioni orticole e frutticole condotte con il metodo dell’agricoltura biologica. Interverranno, oltre a tecnici del Servizio 4A Coldiretti Cuneo, il Creso Settore Orticolo ed esperti del settore che permetteranno ai partecipanti di acquisire nozioni tecnico-pratiche di immediata applicazione a livello aziendale. Il corso di 9 ore complessive sarà articolato su tre serate. Nello specifico le serate tratteranno gli aspetti della Nutrizione – della Difesa nei confronti di patogeni ed insetti – della Gestione Agronomica

www.tec-artigrafiche.it

Pneumatici

con particolare attenzione agli aspetti legati alle Erbe Infestanti, all’Irrigazione, alla gestione del Clima in Serra e degli Innesti. Il Corso prevede la necessità da parte delle aziende di partecipare a tutte e tre le serate. Alle aziende partecipanti verrà rilasciato al termine della corsualità l’attestato di frequenza. Le tre serate che seguiranno un filo conduttore si svolgeranno come di seguito: 1. LUNEDÌ 13 FEBBRAIO – ORTICOLTURA: Zucchino – Fagiolo – Insalate – Pomodoro

GHIBAUDO

Gomme sezione ristretta per diserbo e semina Consulenza e servizio presso la Vostra azienda Via Peveragno, 81 tel./fax 0171 389249

BOVES

– Peperone – Cipolla – Aglio – Carota – Patata. Docenti: p.a. Giubergia Davide Servizio Tecnico 4A – Dott. Canalis. 2. MARTEDÌ 21 FEBBRAIO – FRUTTICOLTURA: Melo – Pero – Pesco – Actinidia – Susino – Albicocco. Docenti: Servizio Tecnico 4A – Dott. Canalis 3. MARTEDÌ 28 FEBBRAIO – PICCOLI FRUTTI: Fragola – Lampone – Mirtillo – Mora. Docenti: Servizio Tecnico 4A – Tecnico CRESO Settore Orticolo.

Le lezioni si terranno presso la Sala Consiglio della Federazione Provinciale Coldiretti Cuneo P.zza Foro Boario, 18 con durata di 3 ORE dalle 20:00 alle 23:00. RITROVO ORE 19:30. L’iscrizione dovrà avvenire mediante la compilazione del modulo di pre-adesione da far ritornare direttamente all’attenzione di Marcello Pellegrino oppure inviandolo al numero di fax 0171/447300 o via mail marcello.pellegrino@ coldiretti.it. Per informazioni: 0171.447349 / 366.6392624. m


TERRAMICA

23

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

MODULO DI PRE-ADESIONE AI CORSI

Dati del partecipante Cognome e Nome Data e luogo di nascita Codice Fiscale Indirizzo – Comune – CAP Telefono – cellulare E-mail Titolo di studio POSIZIONE IN AZIENDA

Titolare ❏

Socio ❏

Coadiuvante ❏

Dipendente ❏

Altro

Dati dell’azienda Ragione sociale Nome titolare Con la presente manifesto il mio interesse per il corso indicato con la crocetta. Corso/i prescelto/i

ore

Sede del Corso

Data/periodo presunto inizio corso

❏ AGRICOLTURA BIOLOGICA

9

CUNEO – PIAZZA FORO BOARIO 18

Febbraio 2012

Data

Firma

Preso atto dell’informativa disponibile presso gli uffici INIPA acconsento al trattamento dei miei dati personali per i fini indicati dall’articolo 13 del lgs del 30/06/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali”.

Firma per consenso dell’interessato Per informazioni: Marcello Pellegrino, tel 0171.447349 • e-mail: marcello.pellegrino@coldiretti.it

R I C A M B I AG R I C O L I ZAPPE PER FRESE - DENTI PER ERPICI ROTANTI - COLTELLI PER DECESPUGLIATORI E TRINCIASTOCCHI - ALBERI CARDANICI E LORO COMPONENTI - RICAMBI PER BARRE DI TAGLIO - MATERIALE ELETTRICO E FANALERIA

Punto vendita: S.S. laghi di Avigliana, 51/A 12020 S. Chiaffredo - Tarantasca (Cn) tel. 0171 937197 • fax 0171 940835 • e-mail: garelli.ricambi@libero.it

www.tec-artigrafiche.it

Data


Sei sicuro di aver trovato

il fornitore su

misura per te?

il servizio, prodotto cartaceo o cartotecnico che preferisci, nei tempi che desideri e stampato esattamente come te lo aspetti

arti grafiche

tipolito g ra fi a ▪ p u b b l i c i t à ▪ g ra fi c a ▪ e d i t o r i a

qui la comunicazione

quadra

www.tec-artigrafiche.it ▪ info@tec-artigrafiche.it Via dei Fontanili, 12 ▪ 12045 Fossano (CN) ▪ Tel. 0172 695770 ▪ Fax 0172 695898


varie

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

25

Dalla Regione il via libera alla “Strada del vino Dogliani”

L

a Giunta Regionale ha approvato, in seguito al percorso intrapreso dal comitato promotore da oltre un anno, la “Strada del vino Dogliani”: ora il Governo regionale ha dato il via libera al comitato promotore affinché possa procedere con gli adempimenti necessari alla realizzazione del progetto. La “Strada del vino Dogliani”, che fa riferimento al territorio vitivinicolo compreso tra il Comune di Dogliani e la città di

Mondovì, si pone quali finalità la promozione e la divulgazione della cultura millenaria del vino, la nascita di nuove opportunità turistiche legate al paesaggio e alla tradizione enogastronomica, incentivando iniziative di carattere culturale e qualificando l’offerta e l’accoglienza del sistema turistico locale. Sulla base delle direttive previste dal “Disciplinare delle norme tecniche per le strade del vino”, il comitato di gestione “Strada

del vino Dogliani” si impegnerà a rendere concreto il piano. Claudio Sacchetto, assessore Regionale all’Agricoltura: “L’Assessorato ha sempre creduto in questo progetto, sicuro che la “Strada del vino Dogliani” possa portare ai comuni interessati importanti ricadute di immagine. È un primo passo fondamentale, al quale adesso deve seguire la fase operativa vera e propria di impostazione organizzativa e logistica del progetto”. m

Caccia: entro un mese e mezzo la nuova legge regionale

L

’Assessore Regionale all’Agricoltura Claudio Sacchetto, nel corso della terza commissione permanente del Consiglio Regionale, ha ritirato l’emendamento abrogativo dell’attuale legge regionale sulla caccia (L.R. 4 settembre 1996 n. 70). I membri della commissione si sono impegnati ad approvare entro un mese e mezzo una nuova legge regionale per disciplinare la materia. Commenta l’assessore regionale all’Agricoltura, Claudio Sacchetto: “Solo con una nuova normativa potremo finalmente lasciarci spalle una legge1 superata tmc alle bozza1:Layout 24-11-2008 e dotare il Piemonte di una

regolamentazione moderna, portandolo sotto questo punto di vista in linea con le altre regioni italiane. La nuova normativa deve contemplare la caccia non come attività da relegare e 16:59 soffocare,Pagina ma nel 1rispetto delle regole, deve valorizzarne il

• Tubi autoportanti • Tubi normali • Pozzetti irrigui • Elementi a completamento TMC s.r.l C.so Giovanni XXIII, 61 12022 Busca (Cn) tel. 0171.94.52.35 fax 0171.94.44.14 www.tmcmanufatticemento.it

ruolo di promozione turistica, di difesa dell’agricoltura dalla fauna selvatica in eccesso, di antica tradizione della nostra terra”. “Sono convinto che la libertà di ciascuno deve finire dove inizia quella degli altri – ribadisce Sacchetto – allo

stesso modo, penso che la democrazia indiretta, al pari e non meno di quella diretta, debba poter essere garantita con tutte le forze. Posizioni ambientaliste intransigenti di principio non possono guidare la regolamentazione della caccia: al residente in centro città probabilmente egoisticamente non importa del ruolo dell’attività venatoria nel contenimento della fauna selvatica e inconsapevole protesta, ma ai titolari delle 67 mila aziende agricole insediate in Piemonte interessa la possibilità di non vedere i propri appezzamenti disastrati ogni anno dagli ungulati”. m


26

AT T U A L I T À

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Bando per la misura 216 “investimenti non produttivi su terreni agricoli”

L

a Regione Piemonte si appresta ad aprire il bando sulla misura 216 “investimenti non produttivi su terreni agricoli”. La domanda di aiuto si riferisce all’attività da realizzare nel periodo relativo agli anni 20122013. La misura prevede aiuti per due tipologie di intervento: 1) realizzazione di siepi e filari, laghetti, stagni, boschetti; 2) installazione di nidi artificiali in frutteti e vigneti. La superficie minima da sottoporre agli investimenti è di 1.500 mq, la soglia minima non si applica se la realizzazione degli elementi paesaggistici viene effettuata in abbinamento con gli adeguamenti strutturali alle norme in materia di nitrati realizzati da aziende che hanno aderito alla misura 121, quindi le realizzazioni di siepi e filari volte a mascherare o nascondere i siti di stoccaggio degli effluenti o le strutture di allevamento prescindono dalla superficie minima dei 1500 mq. Ulteriore impegno è quello di realizzare interventi su una superficie pari almeno all’1% della superficie agricola utilizzata aziendale, gli elementi

paesaggistici e le fasce di rispetto dovranno essere gestite senza utilizzo di prodotti chimici, non potranno essere pascolate o coltivate. Gli impegni riguardanti gli elementi paesaggistici durano 10 anni. Possono presentare domanda di aiuto i titolari singoli o associati di impresa agricola, in possesso di partita IVA e con impresa iscritta al Registro delle imprese della Camera di Commercio (sezione speciale “imprenditori agricoli” o sezione “Coltivatori diretti”) facendo salve le situazioni di esenzione. Sono ammissibili solo le spese sostenute dopo la presentazione della domanda, nel caso di realizzazione di impianti di formazioni arbustive e arboree sono considerati ammissibili a finanziamento i lavori di preparazione del terreno di allestimento dell’impianto e l’acquisto del materiale di moltiplicazione vegetativo. Nel caso di realizzazione di aree umide, le spese ammissibili riguardano i lavori di allestimento e l’acquisto di eventuali attrezzature e/o materiali necessari al funzionamento delle aree.

Per l’installazione di nidi artificiali, le spese ammissibili riguardano l’acquisto dei nidi, i lavori per la realizzazione dell’impianto ed ogni materiale a tale scopo necessario. Per tutte le tipologie di intervento è riconosciuto un contributo pari al 100% delle spese totali ammissibili, comprensive di spese generali. Per ogni domanda la soglia minima di spesa è pari a 3.000 euro e la soglia massima di spesa ammonta a 200.000 euro. Il termine ultimo per la presentazione delle domande sarà il 60° giorno successivo dalla data di pubblicazione del bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte, l’apertura è prevista nelle prossime settimane. È prevista l’applicazione di una serie di criteri di priorità stabilite in base alla localizzazione degli interventi ed alla tipologia degli stessi. Il beneficiario dovrà presentare la seguente documentazione: 1. relazione tecnica redatta e sottoscritta da un tecnico con specifiche competenze in materia agricolo-forestale, abilitato e iscritto al relativo

albo, nel caso di installazione di nidi il progetto deve essere redatto da un esperto ornitologo o naturalista; 2. documentazione attestante la localizzazione delle superfici oggetto dell’intervento; 3. analisi dei prezzi; 4. computo metrico estimativo. Gli interventi devono essere eseguiti entro un anno dall’ammissione della domanda di aiuto, Il termine ultimo per l’esecuzione degli interventi è il 30 aprile 2013, salvo eventuali proroghe che potranno essere autorizzate dalla Regione Il beneficiario per dimostrare l’avvenuto pagamento delle spese dovrà allegare a ciascuna fattura uno dei seguenti documenti: bonifico o ricevuta bancaria con riferimento a ciascuna fattura rendicontata; assegno, purché sia sempre emesso con la dicitura “non trasferibile”; bollettino postale effettuato tramite conto corrente postale; vaglia postale. Il pagamento in contanti non è consentito. Presso gli Uffici Coldiretti è possibile ricevere maggiori informazioni. m


varie

27

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Nuovo bando INAIL per la sicurezza sul lavoro su strada, tra cui trattrici agricole e pale meccaniche, se il loro acquisto determina miglioramento delle condizioni di lavoro degli addetti). Operativamente, le domande vanno presentate in modalità telematica nel rispetto della seguente tempistica: • accesso alla procedura on line e compilazione della domanda: questa fase è finalizzata, innanzitutto, alla verifica del raggiungimento della soglia minima di punteggio data da diversi parametri di ammissibilità (dimensioni, volume d’affari, interventi richiesti a finanziamento, ecc.)

pari a 105 punti; dopo il 7 marzo 2012 le domande salvate non saranno più modificabili • invio della domanda on line: l’invio delle domande sarà possibile nei termini pubblicati sul sito INAIL a decorrere dal 14 marzo 2012; l’invio sarà differenziato per ambiti territoriali (probabilmente a livello regionale); con l’invio, lo sportello informatico registrerà le domande in ordine cronologico di arrivo e invierà un messaggio che attesta la corretta presa in carico dell’invio; sul sito dell’INAIL verrà pubblicato l’elenco completo di tutte le domande

con l’indicazione di quelle ammesse a finanziamento • invio della documentazione a completamento della domanda, nei termini perentori stabiliti dal bando a pena di inammissibilità della domanda stessa. In caso di accoglimento dell’istanza, i progetti devono essere realizzati e rendicontati entro 12 mesi decorrenti dalla data di ricezione della comunicazione di esito positivo. Gli Uffici di zona Coldiretti sono a disposizione per fornire, alle aziende associate, la necessaria consulenza e assistenza. m

Tirocini di inserimento lavorativo in agricoltura

N

ei giorni scorsi, la Fondazione CRC ha presentato il Bando “Esperienza Lavoro” finalizzata all’inserimento o reinserimento di giovani inoccupati o adulti espulsi dal mercato del lavoro. L’inserimento lavorativo avviene mediante l’attivazione di tirocini retribuiti, con finanziamento della Fondazione CRC, pari a 530 euro mensili per sei mesi. I candidati devono essere iscritti al Centro per l’Impiego della Provincia di Cuneo entro il 31/12/2011 presso i quali sarà possibile presentare le candidature tra l’11 e il 31 gennaio 2012. Nelle settimane successive saranno attivate le selezioni dei candidati. L’inserimento in azienda dovrebbe avvenire nel mese di marzo. L’iniziativa della Fondazione CRC avviene in collaborazione con Coldiretti Cuneo e Confartigianato Cuneo. In questo quadro, si inseriscono

una serie di incontri che si svolgeranno negli Uffici zona Coldiretti con aziende che possano essere interessate ad attivare i tirocini; dalla lettura del Bando, disponibile sul sito www.fondazionecrc.it, si può evidenziare che le figure professionali interessate sono le più diverse; l’unico limite è che devono essere figure professionali che possano

avere uno spazio di crescita professionale. Agli incontri parteciperanno funzionari di Coop. Orso, Poliedra e APRO Formazione a cui la Fondazione CRC ha affidato la selezione delle candidature. Per maggiori dettagli, le aziende associate possono rivolgersi agli Uffici di Zona Coldiretti di riferimento. m

www.tec-artigrafiche.it

N

ei giorni scorsi, l’INAIL ha pubblicato il nuovo Bando per incentivi alle imprese per la realizzazione di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Le risorse, per complessivi 205 milioni di euro (di cui oltre 13 milioni alla regione Piemonte), sono finalizzate a finanziare interventi migliorativi della sicurezza sul lavoro mediante: • progetti di investimento che possono consistere in progetti di: ➧ ristrutturazione o modifica strutturale e/o impiantistica degli ambienti di lavoro; ➧ installazione e/o sostituzione di macchine, dispositivi e/o attrezzature; ➧ modifiche del layout produttivo; ➧ interventi relativi alla riduzione/eliminazione di fattori di rischio • progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale. Il finanziamento è costituito da un contributo, in conto capitale, pari ad una percentuale del 50% al netto dell’IVA, con un contributo minimo pari a 5.000 euro e un contributo massimo pari a 100.000 euro. Il finanziamento avviene nei limiti dei regolamenti comunitari sul regime “de minimis” per cui per le aziende agricole il limite è di 7.500 euro, per le altre imprese (comprese quelle di trasformazione dei prodotti agricoli) è di 200.000 euro. Sono esclusi dal finanziamento gli interventi di manutenzione ordinaria degli ambienti di lavoro, attrezzature e macchinari, il mero smaltimento dell’amianto (sono finanziati invece la rimozione e/o lo smaltimento) nonché l’acquisto di automezzi di trasporto su strada ecc. (rientrano nel finanziamento invece mezzi d’opera che possono andare

Serbatoi omologati per aziende agricole, cave, cantieri ed autotrazionein genere


28

AT T U A L I T À

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Commercializzazione ed etichettatura volontaria delle carni di pollame

D

allo scorso dicembre è entrato in vigore il Decreto Legislativo n. 202 del 27 ottobre 2011 recante “Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (CE) n. 1234/2007 e n. 543/2008 sulla commercializzazione delle carni di pollame”. Il nuovo decreto legislativo, riprendendo i precedenti decreti del Ministero della politiche agricole del 29 luglio 2004 e del 27 novembre 2009 che hanno introdotto le“modalità per l’applicazione di un sistema volontario di etichettatura delle carni di pollame”, inserisce tutta una serie di sanzioni in caso di mancato rispetto delle attuali disposizioni nazionali e comunitarie. Il Decreto Legislativo oltre ad aggiornare la definizione di alcuni termini e a chiarirne altri, quali “etichettatura”, “pollame”,

“carni di pollame”, “organizzazione”, “disciplinare”, “informazioni in etichetta”, “alimentazione”, “forma di allevamento”, “modalità di presentazione al consumatore”, “autocontrollo”, ecc., specifica quali devono essere le informazioni in etichetta, e le modalità di presentazione al consumatore delle carni di pollame e stabilendo le relative sanzioni in caso di mancato rispetto. Analizziamole maggiormente. INFORMAZIONI IN ETICHETTA Tutti i dettagli riguardo alle corrette informazioni che devono essere contenute sulle etichette sono indicate all’interno dell’Allegato

1 dello stesso Decreto legislativo n. 202 del 27 ottobre 2011. Nello specifico l’etichetta deve contenere informazioni sull’animale e sulle relative carni, sul tipo di allevamento e di alimentazione. Le informazioni ammesse sono: il numero di riferimento o codice di riferimento che evidenzi il nesso tra le carni e il lotto di produzione in allevamento (rintracciabilità); il paese dell’impresa di produzione dei pulcini o incubatoio; il paese e l’allevamento di ingrasso; il paese e il macello in cui é avvenuta la macellazione; il laboratorio di sezionamento; l’alimentazione; la forma di allevamento; la razza o il tipo genetico; l’età dell’animale macellato e il periodo di

ingrasso; la data di macellazione; le eventuali altre informazioni contenute nel disciplinare approvato dal Ministero; il logo o la denominazione dell’organizzazione e il codice alfanumerico attribuito dal Ministero al disciplinare approvato. Inoltre l’etichetta delle carni provenienti da un lotto costituito da animali nati, allevati e macellati in Italia può riportare l’indicazione di “Carni di pollame - o nome comune della specie - nato, allevato e macellato in Italia”. Le carcasse sono identificate individualmente tramite sigillo inamovibile contenente il n. di lotto e il logo dell’organizzazione, imballate in cassette con film protettivo e etichettate con un’etichetta di macellazione che riporta gli estremi identificativi del lotto e tutte le altre informazioni previste

COSTRUZIONE RIPARAZIONE E VENDITA MACCHINE AGRICOLE tel. 0171 772423 • fax 0171 771289 e-mail: dalmasso.snc@alice.it

Erpice

• Seminatrice mais mA.Ag con micro come nuova • Riper pieghevole 4mt. ex prove • lama anteriore per silos • Spianatori usati • Riper 2,50 • Arginatore posteriore • livellatore 2,50 • Rimorchio 4x2 ribaltabile omologato • macchine fienagione varie • Falciacondizionatrice ClAAS 270 • Falciacondizionatrice gAlFRÈ 210 • Rotoballe ClAAS 62 • Rototerra mORENI KRONOS 5 mt. pieghevole • Caricatore frontale con parallelo • Dessilatore a sollevamento

Ripuntatore

Spianatore

www.tec-artigrafiche.it

E L E N C O U S AT O

• FIAT F100 DT freni aria • JOHN DEERE 2650 DT • Pressa balloni NEwHOllAND D800 • Rototerra mORENI 2,50 • Rotofresa mORRA 2,50 con seminatrice • Seminatrice grano 2,50 a dischi e a falcioni • Spargisale trainata omologata • Spandiletame 4x2 omologato • Rotolama maschio 2,50 • Rotolama kuhn 300 • Scavafossi ø 80/90 • Erpice a dischi 25/29/33 • Aratro trivomero SEgAlA variabile • Bivomeri • miscelatore 10ql. + coclea 8mt. • macchina raccoglisassi • Carro Botte BOSSINI - 2 assi con braccio idraulico • Rulli per terreno • Estirpatore pieghevole 3,75 e 2,50 fisso

Arginatore a dischi


AT T U A L I T À dal disciplinare. Per le carcasse intere, identificate mediante sigillo dell’organizzazione, vendute tal quali o al taglio nei punti vendita, l’etichetta può essere sostituita da un’informazione fornita per iscritto ed in modo visibile al consumatore. Deve essere garantito il nesso tra le informazioni riportate sul sigillo e l’informazione al consumatore. Tale informazione può rivestire la forma di un cartello o un documento stampato (precompilato) oppure essere visualizzata su uno schermo elettronico. Le informazioni relative alla forma di allevamento devono essere riportate in forma semplice, chiara ed univoca, secondo le diciture stabilite: estensivo al coperto; all’aperto; rurale all’aperto; rurale in libertà. Informazioni aggiuntive riguardanti particolari caratteristiche dei rispettivi tipi di allevamento possono essere riportate in etichetta purché contenute nell’apposito disciplinare approvato. L’informazione relativa all’alimentazione deve essere riportata in forma semplice, chiara ed univoca. Il richiamo a particolari

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

componenti dei mangimi utilizzati nell’alimentazione del pollame é effettuato con la formula “Alimentato con il ... % di...”. Nel caso di riferimenti alla razione alimentare vanno riportati gli ingredienti specifici utilizzati e la relativa percentuale e l’informazione in etichetta deve essere fornita con la seguente formula: “Alimentato con il ... % di..., il ... % di ..., ecc.”. Informazioni aggiuntive riguardanti l’alimentazione possono essere riportate in etichetta purché contenute nell’apposito disciplinare approvato. Le informazioni sull’età dell’animale macellato o sulla durata del periodo di ingrasso possono essere fornite in etichetta solo se abbinate alle informazioni relative all’allevamento o all’alimentazione. Ora riportiamo le eventuali sanzioni in materia di etichettatura delle carni di pollame che potranno venire applicate. q Chiunque commercializza carni di pollame etichettate con una o più informazioni, circa l’alimentazione, l’allevamento

e altre informazioni correlate sugli animali e sulle relative carni, in assenza di un disciplinare, é soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria da 3.000 euro a 18.000 euro o di 600 euro per quintale (o frazione di quintale se il quantitativo totale di prodotto accertato oggetto di violazione é pari o superiore ai 25 quintali). L’ammontare della sanzione proporzionale applicabile non può superare l’importo complessivo di 150.000 euro. q Sono soggetti allo stesso tipo di sanzioni sopra riportate l’operatore o l’organizzazione che: - commercializza carni di pollame etichettate con una o più delle indicazioni previste circa l’alimentazione, l’allevamento ed altre informazioni correlate sugli animali e sulle relative carni non corrispondenti al vero. - commercializza carni di pollame prive in tutto o in parte delle informazioni da riportare in etichetta circa la

29 rintracciabilità, l’origine e la provenienza, l’alimentazione o l’allevamento degli animali o con informazioni in etichetta riportate con modalità diverse da quelle indicate dal decreto legislativo. - commercializza carni di pollame etichettate con una o più indicazioni circa l’alimentazione, l’allevamento ed altre informazioni correlate sugli animali e sulle relative carni non comprese nell’apposito disciplinare di etichettatura disposto dall’organizzazione e approvato in precedenza dal Mipaaf. q Inoltre l’operatore o l’organizzazione che non adotta o non applica correttamente un sistema idoneo a garantire la veridicità delle informazioni utilizzate nell’etichettatura delle carni di pollame ed il nesso tra le carni e gli animali da cui le stesse provengono, é soggetto al pagamento di una sanzione (continua a pagina 30)

www.tec-artigrafiche.it

COSTRUZIONE

• CARRI RACCOLTA • GIRORAMI • ATOMIZZATORI • CARRELLO ELEVATORE FUORISTRADA

LAGNASCO (Cn) Off. via Tapparelli, 11/A - Abit. via Manta, 20 tel. 338 4939908 - fax 0175 72527

www.tec-artigrafiche.it

VENDITA E ASSISTENZA MACCHINARI PER FRUTTICOLTURA

GUIDA SENZA PATENTE

(patentino ciclomotore)

A PARTIRE DA

8.250 euro


30

AT T U A L I T À

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

amministrativa pecuniaria da 2.500 euro a 15.000 euro o di 550 euro per quintale o frazione di quintale se il quantitativo totale di prodotto accertato oggetto di violazione è pari o superiore ai 25 quintali. Anche in questo caso l’ammontare della sanzione proporzionale applicabile non può superare l’importo complessivo di 150.000 euro. In caso di reiterazione delle violazioni previste dal presente articolo la sanzione é raddoppiata e non é ammesso il pagamento in misura ridotta. MODALITÀ DI PRESENTAZIONE AL CONSUMATORE DELLE CARNI DI POLLAME Le carni di pollame possono essere presentate al consumatore in una delle seguenti forme: preconfezionate ed etichettate dal laboratorio di sezionamento; preincartate ed etichettate nello stesso punto vendita; carcasse intere, identificate mediante il

caso le sanzioni per coloro che commercializzano carni di pollame con modalità di presentazione diverse da quelle previste dal decreto legislativo é soggetto ad una sanzione amministrativa pecuniaria da 2.000 euro a 12.000 euro o di 500 euro per quintale o frazione di quintale se il quantitativo totale di prodotto accertato oggetto di violazione é pari o superiore ai 25 quintali. L’ammontare della sanzione proporzionale applicabile non può superare l’importo complessivo di 150.000 euro. In conclusione tutti gli accertamenti e le irrogazioni delle sanzioni amministrative sono demandati alle regioni che a loro volta sono tenute a darne comunicazione al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ed al Ministero della salute. La sanzione é a carico della persona fisica che ha commesso o concorso a commettere la violazione. Nelle ipotesi di errori ed omissioni formali che non comportano falsi, frodi o perdita dell’identificazione

sigillo inamovibile riportante il numero di lotto e la denominazione dell’organizzazione; al taglio. La carne preconfezionata non può essere ulteriormente lavorata nei punti vendita. La lavorazione della carne di pollame, a partire da carcasse intere identificate mediante sigillo, per la preparazione di confezioni preincartate ed etichettate, é consentita nei punti vendita aderenti all’organizzazione. La vendita al taglio di carne, a partire da carcassa intera identificata mediante sigillo, é consentita nei punti vendita aderenti all’organizzazione. Il punto vendita assicura che la carne esposta sul banco di vendita sia correttamente identificata, garantendo la separazione, sia in fase di stoccaggio che in fase di commercializzazione, della carne di pollame oggetto di etichettatura volontaria dal prodotto non etichettato volontariamente, attraverso spazi dedicati predefiniti e ben identificati. Per quanto riguarda in questo Gala

Gala Schnitzer Schniga® Gala Schniga® SchniCo

e della rintracciabilità del pollame, delle relative carni e di ogni fattore produttivo, l’autorità competente diffida il contravventore, con apposito verbale nel quale precisa le carenze riscontrate e fissa un termine non superiore ai quindici giorni per la rimozione delle irregolarità, senza comminare la sanzione. Qualora il trasgressore non ottemperi alle prescrizioni contenute nel verbale é applicata la sanzione amministrativa pecuniaria prevista aumentata fino al doppio. Nel caso in cui l’operatore o l’organizzazione sia soggetto a diffida per tre volte nell’arco dei cinque anni precedenti all’accertamento, ogni altra infrazione deve essere contestata, rendendosi inapplicabile ogni ulteriore diffida. Ferme restando le sanzioni previste, qualora l’autorità competente accerti l’esistenza di violazioni che non sono sanabili con la diffida, può disporre l’esclusione del pollame stesso, delle sue carni e dei fattori di produzione dal sistema di etichettatura volontaria. m jung.it

(continua da pagina 29)

S

S

Golden

Golden Del. Klon B Lb® Golden Del. Reinders® Golden Del. Smoothee®

Braeburn

Braeburn Mariri Red Aporo®

Red Delicious

Red Del. Superchief® Sandidge su portainnesto M9, M26, Pi80 e Pajam 2 Red Del. Scarlet® Spur Early Red One® Erovan

Fuji

Fuji Kiku® Fubrax

Altri

Granny Smith Challenger® Dalivair La Flamboyante Mairac® Staymanred Terlan Lb® Morgenduft Dallago Morren’s® Jonagored Wilton’s® Red Jonaprince Kanada Renette `Blanc` Kanada Renette `Gris` Impollinatori

S

CON NOI CRESCE LA QUALITÀ

S

S

S

Varietà resisten- Topaz con intermedio ti e robuste Red Topaz con intermedio Pinova S

S

S

Via Principale, 44 • 39018 Terlano • Alto Adige-Italia • tel. 0471 257030 • fax 0471 257722 Paul Brugger: cell. 347 05 81 091 • www.huber-baum.it • info@huber-baum.it


AT T U A L I T À

31

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Ovaiole, dal 1° gennaio 2012 vi è l’obbligo delle gabbie modificate

D

al 1° gennaio 2012 è entrato in vigore l’obbligo di utilizzare gabbie “modificate” per garantire il benessere animale negli allevamenti di galline ovaiole. Il Ministero della Salute ha emanato la circolare esplicativa sulle modalità di esecuzione delle ispezioni su tutto il territorio nazionale; i controlli dovranno essere obbligatoriamente svolti presso tutti gli allevamenti entro il 29 febbraio. Verranno controllati principalmente tre parametri: congruità della densità dei volatili (750 cm2 per ogni gallina) e della gabbia (modificata e arricchita) e la presenza della richiesta di adesione al piano di adeguamento previsto dal decreto del Mipaaf. Sulla base di questi tre parametri, i Servizi Veterinari, i Nas e la Forestale potranno sanzionare:

- la mancanza di adesione al piano ministeriale e la mancata volontà di adeguarsi, che comportano la sospensione dell’autorizzazione al codice allevamento e quindi ogni possibilità di vendita delle uova; - la mancanza del rispetto della densità (750 cm2 per gallina), che comporta la prescrizione di provvedere entro il 30 aprile 2012 (solo in questo caso entro i sei mesi successivi ci sarà un secondo controllo in allevamento, con nuove sanzioni

per ulteriori inadempienze); - la presenza delle gabbie non adeguate (sebbene sia garantito il rispetto della densità), che comporterà comunque una sanzione pari a circa 1.500 euro per codice allevamento (e non per singolo capannone). Un secondo giro di controlli sarà svolto a partire dal 1° luglio 2012, che probabilmente verranno svolti con nuovi provvedimenti sanzionatori, e con nuove modalità. Per quanto riguarda la commercializzazione delle uova,

ALBA

non essendo state emanate nuove norme rimangono in vigore le leggi attuali, quanto meno per la vendita all’interno del territorio nazionale. Coldiretti ed il Consorzio Consorzio Avicolo Piemontese – CO.AVI.P. auspicano che, con tutti gli allevamenti adeguati, siano intensificati i controlli sulle partite in entrata e sulla corretta etichettatura delle uova provenienti da paesi terzi con la dicitura “non conforme alle norma Ue” come previsto dal Reg Ce 598/2008. m

CARRÙ

Corso Canale, 6 Via Langhe, 22 tel. 0173 440140 tel. 0173 779061

VOLCAN

VOLCAN SdT 750/850/950

dUALSTEER 750/850/950

• doppio sistema di sterzo • raggio di volta di soli 2,20 mt. • motorizzato VM

• ruote differenziate • cabina Compact • motorizzato VM

VALIANT

RS 550/650

motorizzato VM

www.tec-artigrafiche.it

ELI PROVAT ! RANNO I P U T S VI K300/K400

INVICTUS RmSotorizzato KUBOTA

VITHAR

/950 RS 750/850 M motorizzato

V

www.boriofratelli.it


32

AT T U A L I T À

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Il sigillo d’oro a Celestino Costa

C

on la consegna di premi a operatori economici e lavoratori che, con l’esempio di una vita dedicata al lavoro, hanno contribuito validamente al progresso civile, economico e sociale della Granda, si è svolta giovedì 8 dicembre la cerimonia della Fedeltà al Lavoro e Progresso Economico 2011, presso il complesso monumentale di San Francesco a Cuneo. Sono stati consegnati 183 diplomi e medaglie d’oro, dei quali: 42 ad industriali e commercianti con 35 anni di propria ininterrotta attività oppure appartenenti a famiglia titolare di azienda da almeno 80 anni; 65 ad artigiani con 35 anni di propria ininterrotta

attività oppure appartenenti a famiglia titolare di azienda da

almeno 80 anni; 70 a coltivatori diretti con 40 anni di ininterrotto

lavoro; 3 ad affittuari con 35 anni di propria ininterrotta conduzione del fondo; 3 a cooperative attive costituite da almeno 40 anni. Il “Sigillo d’oro” della Camera di commercio di Cuneo, come tradizione, ha premiato coloro che si sono particolarmente distinti nel campo economico e sociale e le persone che hanno dimostrato particolare capacità ed impegno nel settore in cui svolgono la loro attività: Cristoforo CANAVESE – Savona – Presidente Autorità Portuale di Savona; Celestino COSTA – Pagno (Agricoltura); Andreino DURANDO – Caraglio (Commercio); Enzo GILETTA – Saluzzo (Industria) Giletta Spa; Giuseppe OLIVA – Borgo San Dalmazzo (Artigianato) Dulcioliva Srl; Primo SANTINI – Beinette (Cooperazione) Direttore generale F.A.I. Service Soc. Coop. A Bruno CERETTO della Ceretto Srl è stato assegnato il riconoscimento speciale “Cuneese nel mondo”. m


AT T U A L I T À

33

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

ELENCO PREMIATI FEDELTÀ AL LAVORO 2011 COLTIVATORI DIRETTI

MANERA Liliana

SAN BENEDETTO BELBO

MANZONE Giuseppe

MONFORTE D’ALBA

MARCELLIO Giulio

ALBA

MARENGO Francesco

CERVERE

MAURO Domenico

CHIUSA DI PESIO

MELLANO Antonio

MOROZZO

MOLINARO Renato

CERESOLE ALBA

MONGE Luigi Chiaffredo

PIASCO

MONTANARO Adriana

SERRAVALLE LANGHE

MONTANARO Battista

NARZOLE

MUSSO Giuseppe

CARAGLIO

OBERTO Maddalena

LA MORRA

PANERO Agnese

CHERASCO

PAROLA Angela

CUNEO

PASERO Giovanni Costanzo

CANOSIO

PECOLLO Andrea

CHIUSA DI PESIO

PELLEGRINO Bartolomeo

PEVERAGNO

PELLEGRINO Giovanna

PEVERAGNO

PELLEGRINO Teresa

CUNEO

PENNA Romano

ALBA

PORTA Francesco

MAGLIANO ALFIERI

PROVENZALE Michele

CUNEO

RINAUDO Riccardo

COSTIGLIOLE SALUZZO

SAROTTO Orsola

FARIGLIANO

SCAVINO Francesco

SANTO STEFANO BELBO

SERVETTI Guglielmo

ALBA

SERVETTI Lodovico

ALBA

SOMA’ Agostino

CHIUSA DI PESIO

TONELLI Maria

MONDOVI’

TURCO Michele

MONASTERO DI VASCO

TURLETTI Giuseppe

MOROZZO

VALLETTI Giovanni

RODDINO

VINAI Luigi

BEINETTE

AFFITTUARI E MEZZADRI

www.tec-artigrafiche.it

CARPENTERIA IN FERRO STRUTTURE PER ZOOTECNIA

IL PARTNER PIÙ SICURO

CENTALFERRO CENTALLO (Cn) Reg. Boschetti, 187 tel./fax 0171 211569 • oliveroi@tiscali.it

• Costruzioni speciali per allevamenti • Coperture coibentate • Realizzazioni su misura • Rimozione e smaltimento amianto (legge 257/92)


34

AT T U A L I T À

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

UNCI-Coldiretti dà voce alle imprese agricole del territorio

N

el mese di dicembre si è tenuta a Fossano, presso l’agriturismo “L’Orto del Pian Bosco”, l’assemblea provinciale delle Cooperative aderenti ad UNCI-Coldiretti, per tracciare il bilancio, dopo due anni e mezzo di attività. il presidente Dario Armando ha aperto i lavori, ricordando il progetto Coop Coldiretti e parlando dei servizi curati dall’associazione: dalle attività di formazione, al percorso rivolto alle cooperative e ai loro soci, ovvero le imprese agricole, come la progettazione e la definizione di accordi di filiera, “Passi che hanno portato anche alla nascita di realtà cooperative ex novo - sottolinea Armando - in sintonia con il progetto

N

nazionale di Coldiretti di “Una filiera agricola tutta italiana”, in cui la cooperazione, svolge un ruolo determinante, quale elemento di congiunzione tra la parte agricola, organizzandola e concentrandola, e quella industriale all’interno delle rispettive filiere”.

Progettazione e realizzazione Impianti Fotovoltaici

Oltre alla filiera tradizionale, UNCI-Coldiretti segue la vendita diretta, partecipando alla realizzazione di nuove progettualità territoriali, quali i Punti vendita e le Botteghe di Campagna Amica Coldiretti. Franco Ramello, animatore provinciale UNCI-Coldiretti, ha illustrato le progettualità definite e quelle in corso d’opera: “Dopo due anni e mezzo di attività, l’associazione raggruppa quasi 40 cooperative a livello provinciale. I progetti economici, realizzati con il supporto della cooperazione, sono di importanza strategica e vanno ben oltre la realtà provinciale: spaziano dal settore lattiero caseario con l’accordo Compral Latte, a quello sulle nocciole con Corilanga, dal

cerealicolo con il CAP Nord Ovest e la Barilla, all’accordo legato alla filiera del fagiolo (Fagiolcoop), oltre quello orticolo con Ortopiemonte”. Altre iniziative, in fase di definizione, interessano la progettualità nel settore frutticolo, comparto suinicolo e carne bovina. Lauro Pelazza, vice direttore provinciale di Coldiretti, ha ribadito che uno dei principi fondamentali di Coldiretti è lo spirito cooperativistico: “L’Organizzazione crede fortemente nella cooperazione e lo dimostrano gli investimenti fatti in termini di risorse economiche, ma anche umane e professionali messe a disposizione per la realizzazione dell’operatività di UNCI-Coldiretti”. m

Preventivi , sopraluoghi e studi di fattibilità gratuiti. Informarvi è il nostro lavoro.

Ci distingue Professionalità Competenza ed Esperienza. Specializzati nella gestione e SPECIALISTI DEL RISPARMIO Giraudo Luca controllo degli impianti . 3356629864 ENERGETICO Formica Livio Faremo rendere i vostri Investimenti 3357804490 La bolletta elettrica rimborsata, NEWTEC S.n.c. 12018 Roccavione CN sostituire l’eternit e guadagnare. Email: newtecimpianti@libero.it Oggi si può.Vi spieghiamo come. www.newtecenergy.com Tel. 0171264126


AT T U A L I T À

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

35

Gestalp Valle Varaita: prende il via la fase esecutiva

G

estalp è pronto per dare avvio al progetto integrato studiato in questi anni dalla Fondazione Universitaria Cerigefas, che proprio a Sampeyre ha la sede operativa. Che cosè Gestalp: l’Azienda Naturale GestAlp è un contesto socio-ambientale per sperimentare il domani sostenibile delle Alpi italiane: un ritorno al futuro basato sulla rivalutazione sostenibile, consapevole e multifunzionale delle risorse naturali tipiche della montagna, vale a dire l’acqua, il legno, l’erba, gli animali e il paesaggio, che dalle precedenti dipende. Gestalp aderisce alla Centrale Cooperativa UNCI Coldiretti. Nel corso dell ’Assemblea Straordinaria che si è tenuta mercoledì 7 dicembre alla presenza

del notaio Bonanno in Saluzzo, Gestalp ha assunto il carattere di società cooperativa agricola e si sono poste le basi per l’avvio della fase esecutiva delle opere. Nell’assemblea, i soci all’unanimità hanno eletto il nuovo Presidente nella persona di Floriano Luciano, imprenditore agroalimentare di Piasco, attuale Presidente del Comprensorio Alpino CN

2 Valle Varaita; lo affiancherà col ruolo di Vicepresidente il Sindaco di Sampeyre, Roberto Sasia. Luciano sostituisce nella carica di Presidente l’ex Sindaco di Sampeyre Renato Baralis, che rimane comunque a far parte del CdA dell’azienda. A Gestalp aderiscono i Comuni di Sampeyre e Frassino, le Associazioni degli Allevatori e dei Proprietari forestali della Valle Varaita, appositamente costituite, il Comprensorio Alpino CN2 – ente di gestione della fauna – e la Fondazione Cerigefas dell’Università di Torino. L’aspirazione generale è quella di promuovere un nuovo “modello di sviluppo ambientale” per le Alpi: il termine ambiente va inteso in senso comprensivo di territorio

e comunità, ossia frutto di un profondo intreccio di elementi naturali e sociali. L’idea è quella di passare dalle parole ai fatti: dare applicazione in un contesto “controllato” alla teoria dello sviluppo sostenibile, promuovendo la sperimentazione di processi produttivi integrati, appunto, sia nella dimensione naturale che sociale. L’insieme delle azioni anzidette costituisce un sistema socioeconomico sostenibile, basato sullo sviluppo “in parallelo” di più filiere vicendevolmente integrate, che si possono così sintetizzare: 1) Filiera idrica 2) Filiera delle foreste locali 3) Filiera delle produzioni animali tipiche 4) Filiera sociale integrata. m


36

AT T U A L I T à

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Riunioni dei Pensionati per il mese di febbraio 2012

R

iprendono, nel mese di febbraio, gli incontri zonali dei pensionati durante i quali verranno trattati vari argomenti: gli aggiornamenti sulle pensioni dopo le ultime riforme del Governo, le specifiche riguardanti le assicurazioni contro gli infortuni, i progetti sociali che Coldiretti sta sviluppando (A Casa/ Chez Soi, le badanti, Buono 2 volte, AgriTata), le ultime attività del CUPLA (Comitato Unitario Lorenzo Bergese, presidente Pensionati Pensionati Lavoratori Autonomi), le proposte Coldiretti Cuneo per i soggiorni invernali/primaverili in Italia e all’estero. Vi aspettiamo numerosi! Per maggiori informazioni potete contattare gli Uffici Zona o la Segreteria Provinciale dei Pensionati al numero 0171.447287. m

Zona di SALUZZO

presso l’Ufficio Zona in Via Circonvallazione 25H martedì 7 febbraio alle ore 9,00

Zona di BRA

presso l’Ufficio Zona in Via Mathis 3 sabato 11 febbraio alle ore 9,00

Zona di CUNEO

presso l’Ufficio Zona di Piazza Foro Boario mercoledì 15 febbraio alle ore 9,00

Zona di FOSSANO

presso l’APS davanti alla sede Coldiretti in Via Cuneo 7 venerdì 17 febbraio alle ore 9,00

Zona di SAVIGLIANO

presso l’Ufficio Zona in Piazza Schiaparelli 10 mercoledì 22 febbraio alle ore 9,00.

CI.EMME

SNC

PRODUZIONE PALI IN ACCIAIO

IRRIGAZIONE A GOCCIA SU MAIS

2

OFF

ERTA

,99+ IV

A ca Sez. d 33x5 PAL 2 mt. 2 O ZI NC .50 IN C ATO A C ONT INU ALDO O

TA OFFER

www.tec-artigrafiche.it

• Risparmio idrico • Resa maggiore del 30% • Subirrigazione • Macchinari per stesura • Macchinari per raccolta • Consulenza tecnicoagronomica

Realizzazione vigneti, frutteti e recinzioni

€ 3,49 +mt. 2.50

3x52 DO Sez. 3 A CAL CATO E IN N Z IO O Z A PAL LAVOR DOPO

Pali in cemento Pali castagno Canne PVC Tutori per barbatelle

BALDISSERO D’ALBA (CN) • tel. 0172 40627 www.agricoplast.it info@agricoplast.it

Filo Zinco-Alluminio Tendifili Rete per recinzione Altri accessori

Loc. Galli, 5 • Fraz. S. Giuseppe • Sommariva Perno (Cn) tel. 0172 450004 • cell. 335 470018 www.palipervigneti-ciemme.com

info@ciemmepali.it

www.tec-artigrafiche.it

d IVA ca


TEMPO LIBERO

37

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

ASSOCIAZIONE PENSIONATI E DONNE IMPRESA COLDIRETTI Ecco le prime proposte del 2012 per soggiorni in Italia e all’estero. Presentazione dei soggiorni, in particolare la Turchia, con la partecipazione di Gabriella di Viaggi delle Pleiadi

GIOVEDÌ 16 FEBBRAIO Ore 18.00 – Cuneo, presso In Terre Di in Piazza Europa 9 Ore 20.30 – Savigliano, presso Coldiretti in Piazza Schiaparelli 10 TURCHIA – Cappadocia e Costa Turchese 19-26 marzo e 21-28 maggio Programma Cappadocia: partenza dall’aeroporto di Milano Malpensa. Visita alla Cappadocia, chiese rupestri, città sotterranea, empori di tappeti. Programma Costa Turchese: partenza dall’aeroporto di Milano Malpensa. Visita di Pamukkale, visita di Antalya, escursioni e approfondimenti in gioiellerie e empori di tappeti.

Hotel 4✩ inclusi nell’offerta, mentre gli Hotel 5✩ prevendono un supplemento ma con trattamento tutto compreso.

CAPPADOCIA PIETRA LIGURE – Hotel Minerva A Pietra Ligure, il soggiorno è in un hotel 3 stelle a 50 metri dal mare. Nella quota sono compresi il trattamento di pensione completa, colazione a buffet continentale, bevande ai pasti incluse (un quarto di vino e mezza di acqua minerale); assicurazione medica.

Quota di partecipazione a marzo 2012 Quota di partecipazione a maggio 2012

e474.00 e584.00 Quota iscrizione e65.00 Tasse aeroportuali e30.00

Supplemento Singola e100.00 Trasferimento all’aeroporto di Milano Malpensa e65.00 (min. 8 persone)

Quota di partecipazione in pensione completa con bevande ai pasti

COSTA TURCHESE Quota di partecipazione a marzo 2012 Quota di partecipazione a maggio 2012

e399.00 e484.00

Quota iscrizione e65.00 Tasse aeroportuali e30.00 Supplemento Singola e100.00 Supplemento camera singola: e 88,00 a settimana

Il trasferimento è previsto con un minimo di 10 persone.

Trasferimento all’aeroporto di Milano Malpensa e65.00 (min. 8 persone)

Per informazioni rivolgersi ai vari Uffici Zona oppure alla Segreteria Provinciale Donne Impresa e Pensionati Coldiretti al numero 0171.447287. Le prenotazioni dovranno pervenire con largo anticipo rispetto alla data di partenza (fino a 15 giorni prima verificando la disponibilità per Pietra Ligure, o fino a 30 giorni prima per la Turchia), pagando un acconto di 100 euro.


38

AT T U A L I T À

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Corsi e sedute per il “panel di assaggiatori” O.N.A.Frut

S

un panorama sulla frutticoltura nazionale analizzando le caratteristiche sensoriali di diverse specie e varietà, l’analisi sensoriale come strumento di valorizzazione dei prodotti ortofrutticoli ed infine un’introduzione all’analisi sensoriale della frutta. Nel corso di ciascuna singola serata, i partecipanti al corso sono stati sottoposti a prove pratiche

di assaggio al fine di acquisire una maggiore esperienza nella degustazione della frutta ed utilizzare al meglio i 5 sensi nel consumo di un alimento. Al corso hanno partecipato sia operatori del settore primario (frutticoltori e dipendenti di strutture commerciali operanti nell’ortofrutta), sia persone interessate ad avvicinarsi

all’assaggio della frutta in qualità di consumatori. Raggiunti pertanto gli obiettivi di allargare il bacino di utenza di O.N.A.Frut, e di sensibilizzare maggiormente i partecipanti al corso, verso aspetti fondamentali nel consumo dei prodotti vegetali. Alla fine del corso, a seguito di un esame finale, a tutti i partecipanti è stato rilasciato l’attestato di frequenza. L’organizzazione continua, settimanalmente, le sedute di addestramento del cosiddetto “panel di assaggiatori”, dell’organizzazione che, si tengono a Verzuolo presso la sala di degustazione dell’Istituto Agrario. Nella prossima primavera, sempre a Saluzzo, i corsisti potranno frequentare il corso di secondo livello. m

TECNOCEMENTEDIL TECNOLOGIE IN VITICOLTURA ATTORNO AL NOSTRO PALO I MIGLIORI VIGNETI

• Pali in cemento vibrato • Pali in cemento precompresso • Canne in PVC antigelive • Pali in acciaio zincato • Pali in legno trattato • Pali in castagno • Tutori per barbatelle • Filo CRAPAL OPTIMUM e CRAPAL 2 • Filo INOX e tripla zincatura • Tracciamento e realizzazione vigneto • Fornitura materiale per “Metodo Grimaldi”

www.tec-artigrafiche.it

i è concluso il 21 dicembre il corso di primo livello per Assaggiatori di Frutta organizzato da O.N.A.Frut (Organizzazione Nazionale degli Assaggiatori di Frutta) presso la sede Coldiretti Saluzzo. Il corso, articolato in quattro lezioni serali da 3 ore l’una, ha visto la partecipazione attiva di 15 persone. Nelle quattro serate sono stati affrontati dai relatori gli argomenti base che devono fare parte del bagaglio culturale di un assaggiatore di frutta: l’influenza delle tecniche colturali sulla qualità dei frutti, le caratteristiche qualitative della frutta al consumo, le tecniche e i caratteri usati per selezionare il prodotto in base alla destinazione commerciale,

TECNOCEMENTEDIL di Genesio Pierangelo • Località BUSSIA, 11 MONFORTE D’ALBA (Cn) • tel. 0173 787101 • fax 0173 240024 www.tecnocementedil.it - e-mail: info@tecnocementedil.it / tecnocementedil@wmail.it


AT T U A L I T À

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

39

Incontri di potatura in campo a cura dell’Agenzia 4A Coldiretti e CReSO

G

rande attenzione e partecipazione degli imprenditori frutticoli, agli incontri di potatura in campo, che si sono succeduti sul territorio nel periodo prenatalizio, durante i quali, frutticoltori e tecnici si sono confrontati sulle più recenti ed innovative tecniche di potatura di pesco, melo, kiwi e susino. Gli appuntamenti sono stati organizzati, come nelle passate stagioni, dai tecnici dell’Agenzia 4A Coldiretti e dai tecnici del coordinamento frutticolo CReSO. Durante ogni incontro e su ogni specie, l’importante tecnica colturale, è stata riferita come parte integrante e fondamentale dell’intera gestione del frutteto;

è infatti noto come il successo produttivo, derivi non già da un unico mezzo, ma dall’uso efficace ed efficiente di tutti i fattori agronomici. La potatura va quindi vista in un complesso di azioni che il frutticoltore svolge: scelta del materiale vivaistico e del sesto d’impianto, forma di allevamento, concimazione, irrigazione, dirado, difesa fitosanitaria, potatura estiva e potatura invernale, concorrono al miglioramento quantiqualitativo della produzione e sarebbe impensabile tralasciare o trascurare una di esse. Su pesco e melo, si è spesso discusso sulla corretta programmazione dell’impianto, soprattutto in merito alla forma

d’allevamento ed alla corretta distanza d’impianto; all’interno di ogni specie, sono infatti presenti varietà o gruppi varietali con comportamenti molto diversi tra di loro che, occorre conoscere fin dalla fase progettuale. Per quanto riguarda il kiwi, si dimostra importantissima la corretta conduzione del frutteto, specialmente per quanto attiene alla potatura estiva che deve favorire il passaggio dell’aria e della luce, per la corretta impollinazione, per la preparazione del legno e per l’ottimale maturazione dei frutti. Sul susino invece l’attenzione è stata posta unicamente

di AGR. Ivon Disderi Servizio Fitosanitario Nazionale Passaporto delle piante Cee Servizio Fitosanitario Regionale del Piemonte

www.tec-artigrafiche.it

Codice Produttore : 02603970043 Cod. Iscr. Reg. Nazionale Fornitori CN 0004

Micropropagazione di potinnesti ibridi cac - virus e nematodi esenti

GF 677 - MRS 2/5

ISHTARA FERCIANA® - CADAMAN AVIMAG®

Disponibili in florpak - vaso e innestati - epoca di impianto no stop Selezione di

ACTINIDIA HAYWARD e ToMURI

NovITÀ

MIRTIllI DUKe

Micro Plant - Revello - tel. 0175 259049 - fax 0175 259991 - 333 8686366 www.micro-plant.it

e-mail: microplant@gmail.com

sulla varietà Angeleno che risulta ad oggi la varietà più diffusa ed economicamente rilevante; l’attenzione è stata posta soprattutto sul corretto abbinamento della potatura estiva, con la potatura invernale; tale tecnica, unita al miglioramento dell’impollinazione, ha permesso negli ultimi anni di ottenere una maggiore costanza di produzione, non facilmente raggiungibile in passato. Nelle prossime settimane, sarà organizzato a livello provinciale, un ulteriore momento di confronto sulla potatura del pero. m


40

RICORRENZE

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

g i o r n a t e

g i o r n a t e

d e l

d e l ENVIE – 13 novembre 2011

GRINZANE CAVOUR – 20 novembre 2011

ALBA – 20 novembre 2011

RIVALTA DI LA MORRA – 20 novembe 2011

www.tec-artigrafiche.it

r i n g r a z i a m e n t o

SCES 059

CER

Azienda Certificata UNI EN ISO 9001:2000 n.2697

il risparmio delle risorse idriche per la massimizzazione delle rese produttive DI RAPIDA INSTALLAZIONE

Posa della speciale ala gocciolante interrata.

SICURO E DUREVOLE NEL TEMPO Scavi e posa dei tubi di adduzione dell’acqua.

www.tec-artigrafiche.it

TECNO IRRIGAZIONI impianti di irrigazione agricoli tel. 345 6331871 e residenziali • www.tecnoirrigazione.com • info@tecnoirrigazione.com

I C AT

ISO 9001

Sub-irrigazione a goccia:

• Progettazione • manutenzione • installazione

N

IS SW S

TIF

IO

r i n g r a z i a m e n t o

EFFICACE

Primo avviamento dell’impianto.

Mais di secondo raccolto.

EDILPLASTUBI s.r.l. • 12044 Centallo (CN) • Via Cuneo, 570 tel. 0171 212007 • fax 0171 211313 • www.edilplastubi.com


ricorrenze

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

41

g i o r n a t e

g i o r n a t e

d e l

d e l

r i n g r a z i a m e n t o

MONTÀ – 20 novembe 2011

TETTI PESIO – 27 novembre 2011

GAIOLA – 27 novembre 2011

BELVEDERE LANGHE – 4 dicembre 2011

r i n g r a z i a m e n t o


42

VA R I E

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Fondazione CRC: rinnovati gli incarichi

I

l Consiglio di Amministrazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo ha confermato nei loro incarichi, per il prossimo triennio 2012-2015, il Segretario Generale Fulvio Molinengo e il Responsabile del Centro Studi e Comunicazione Franco Chittolina. Fulvio Molinengo, dopo aver ricoperto il ruolo di Vice Segretario Generale, è Segretario Generale della Fondazione CRC da gennaio 2007. Franco Chittolina è Responsabile del Centro Studi della Fondazione CRC dal 2006. A partire da gennaio 2010 gli è stata anche assegnata ad interim la responsabilità della funzione Comunicazione. m

Melaverde nel cuneese per raccontare i kiwi

T

orna nel Cuneese la troupe di Melaverde, il programma domenicale di maggior successo di Rete 4 ideato da Giacomo Tiraboschi, giunto alla puntata numero 406. Edoardo Raspelli (nella foto con i suoi collaboratori e i dirigenti Coldiretti del settore) si occupa di kiwi, in una puntata preparata in collaborazione con Coldiretti Cuneo. Mercoledì 18 gennaio, il team è arrivato all’Antico Podere Propano di Saluzzo, nei due giorni successivi ha registrato la coltivazione, la raccolta e l’impiego di uno dei frutti più ricchi di vitamina C. La squadra ha visitato l’azienda Quaglia & Longo e la Jolly Coop di Verzuolo. Edoardo Raspelli ha presentato il kiwi come frutta da dolce, ospite della pasticceria Scaraffia di Savigliano. m

Erika Costamagna campionessa italiana di “Reining”

E

rika Costamagna (nella foto), amazzone dell’A.D.S. “Tibi Dabo”, ha concluso ottimamente la lunga stagione 2011 della specialità “Reining”. Dopo numerosi piazzamenti, nella competizione a livello regionale, nell’ultima gara svolta a Caluso, Erika con Sailing Gun ha vinto “Il Trophy”. Erika, partecipando ai Campionati Italiani della propria categoria al “Palasturla” di Manerbio (Bs), si è riconfermata al primo posto ed è diventata Campionessa italiana. Al Tibi Dabo di Bene Vagienna, che è anche azienda agricola e agriturismo, si allevano cavalli Quarter con genealogia per il Reining, figli di campioni e possibili futuri campioni; a marzo ci saranno le nuove nascite e chiunque fosse interessato potrà vedere i puledri. Le porte sono aperte tutto l’anno. m

Domenica 5 febbraio

Carnevale di Viareggio in pullman

Domenica 12 febbraio

Carnevale di Venezia: il volo dell’Angelo in pullman

18-19 febbraio

pullman Sabato 25 febbraio – in

la Bordighera, la rinata Vil ta eri rgh Ma della regina con pizza in suo onore

in pullman

Domenica 26 febbraio –

Festa delle Violette a Tourrette sur Loup n

Carnevale di Venezia: la Vita è Teatro. Tutti in Maschera!

10-11 marzo – in pullma

Domenica 19 febbraio

17-18 marzo – in pullma

in pullman

Carnevale di Nizza: il Re dello Sport in pullman

i di COSTA AZZURRA. Borgh ve è do tà cit la e le vil charme, nato il mito: CANNES n

Lucca, le camelie di Capannori ed il Teatro più triano piccolo del mondo a Ve

Piazza Europa, 9 – 12100 Cuneo (PIANO SEMINTERRATO) Tel. 0171.67575 • Fax 0172.294940 staff@interrredigranda.com • www.interredi.com Per maggiori informazioni sui viaggi e sulle proposte rivolgetevi direttamente in agenzia o negli uffici Coldiretti della vostra zona.


N OT I Z I E E PAC A

43

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Per ulteriori informazioni rivolgersi all’EPACA presso gli Uffici della Coldiretti

Tutto sulle nuove pensioni

La pensione anticipata

Secondo la disciplina vigente prima della riforma, la pensione di anzianità poteva essere conseguita raggiungendo, con la somma di età anagrafica ed anzianità contributiva, una determinata “quota” che era destinata a crescere progressivamente negli anni fino a raggiungere, nel 2013, quota 97 per i lavoratori dipendenti e quota 98 per i lavoratori autonomi. Faceva eccezione a questo principio, cioè si prescindeva dal collegamento con l’età anagrafica, chi otteneva la pensione di anzianità al maturare dei 40 anni di contribuzione. La riforma ha modificato questo sistema, cancellando la possibilità di andare in pensione con il sistema delle quote, introducendo la pensione “anticipata”, che consente il pensionamento prima

dell’età di vecchiaia solo se si superano i 42 anni e 1 mese di contributi per gli uomini e 41 anni ed un mese di contributi per le donne. Il predetto requisito crescerà negli anni futuri per effetto del prolungamento di 1 mese nel 2013 e 2 mesi nel 2014, nonché per l’adeguamento alle speranze di vita. La pensione anticipata, inoltre, subirà una riduzione pari ad 1 punto percentuale per ogni anno di anticipo rispetto all’età di 62 anni, tale percentuale sale a 2 punti per ogni anno ulteriore di anticipo rispetto a due anni.

La pensione di vecchiaia

Sempre prima della riforma, l’età per accedere alla pensione di vecchiaia era fissata a 65 anni per gli uomini e 60 per le donne. La riforma stabilisce che, a decorrere dal 1° gennaio 2012, l’età pensionabile è fissata per gli uomini e le donne del pubblico impiego a 66 anni. La stessa prevede una differenziazione iniziale tra donne del settore privato, dipendenti ed autonome, con superamento di questo sfasamento a decorrere dal 2018. In particolare, l’età per il pensionamento delle donne cresce in questo modo: dal 2012 a 62 anni (63 anni e 6 mesi per le

SEGHERIA e ABBATTIMENTO PIANTE

Acquisto lotti di piante “in piedi” con pagamento alla stipula del contratto

www.tec-artigrafiche.it

Vendita Legna da ardere

CAVOUR - Via Verdi, 23 tel. 0121.69379 fax 0121.609217 cell. 335.6075220

donne autonome, cioè coltivatrici dirette, artigiane, commercianti ed assicurate alla gestione separata), a 63 anni e 6 mesi dal 2014 (64 anni e 6 mesi per le autonome), a 65 anni dal 2016 (65 anni e 6 mesi per le lavoratrici autonome), per raggiungere, infine, 66 anni dal 2018 sia per le dipendenti che per le autonome. Il diritto alla pensione di vecchiaia è correlato al maturare di un’anzianità contributiva minima pari a 20 anni. Inoltre, per coloro che hanno iniziato il versamento dei contributi successivamente al 1 gennaio 1996, l’importo della pensione deve risultare non inferiore a 1,5 l’importo dell’assegno sociale. Il rispetto di tale importo non è richiesto se il pensionato ottiene la pensione a 70 anni, con un’anzianità minima non inferiore a cinque anni.

Speranza di vita

Fin dal 2010 le leggi in materia pensionistica hanno previsto l’aggancio automatico dei requisiti anagrafici e contributivi per ottenere la pensione alla “speranza di vita”. La logica del sistema è che, quando la vita media si allunga, anche la permanenza al lavoro deve essere più lunga, in modo che l’aumento della durata della vita media non si traduca in un maggior costo per il www.tec-artigrafiche.it

L

a riforma previdenziale varata con la Legge n. 214 del 22 dicembre 2011 si compone di tante misure che hanno l’effetto di unificare l’età di pensionamento che, a regime (nel 2022), sarà per tutti di 67 anni, con la sola eccezione delle persone che hanno versato più di 42 anni (pensione anticipata) o hanno svolto lavori usuranti. In particolare le novità principali sono le seguenti.

sistema pensionistico. L’applicazione generalizzata a tutti i tipi di pensione sarà attuata dal 1° gennaio 2013, con intervalli iniziali triennali per poi divenire biennali. Pertanto, a decorrere dal 2013, i requisiti richiesti per la pensione anticipata dovranno essere incrementati in relazione agli adeguamenti legati alla speranza di vita, per cui si dovranno aggiungere ulteriori 3 mesi.

Dal 2012 “calcolo contributivo”

La legge di riforma prevede l’applicazione per tutti, a partire dal 2012, del sistema di calcolo contributivo. Per meglio capire la differenza tra calcolo retributivo e contributivo occorre precisare che il sistema contributivo si basa sulla valutazione di tutti i contributi versati durante la vita assicurativa, mentre quello retributivo si basa sulla media delle retribuzioni percepite negli ultimi anni di contribuzione. Fino al 1995 le pensioni erano interamente calcolate con il sistema retributivo. La legge 335/95 di riforma delle pensioni ha introdotto, dal 1996, il sistema di calcolo contributivo creando 3 differenti situazioni: 1. chi aveva almeno 18 anni di contributi al 31 dicembre (continua a pagina 44)

Pulizia di canne fumarie Video ispezioni Manutenzioni Intubazioni

Manfredi Roberto • tel. 335 1661803 • tel. 331 2912811 BRICCO DE FAULE - Cherasco - via Fossano, 31


44

notizie epaca

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

(continua a pagina 43)

Legge 214 del 22 dicembre 2011 – articolo 24 comma 25 1995 otteneva la pensione interamente calcolata con il sistema retributivo; 2. chi aveva meno di 18 anni al 31 dicembre 1995 aveva la pensione calcolata con il criterio del prorata: per le anzianità maturate fino al 31 dicembre 1995 si applica il sistema retributivo e per le anzianità maturate successivamente si applica il sistema contributivo; 3. chi ha iniziato a versare i contributi dopo il 31 dicembre 1995 ha la pensione liquidata con il sistema di calcolo contributivo. L’estensione del sistema di “calcolo contributivo” dal gennaio 2012 ha, in pratica, effetti sul calcolo delle pensioni rientranti nel primo caso, quello cioè di calcolo che avevano 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995. Costoro avranno la pensione calcolata secondo il criterio del pro-rata, cioè con l’applicazione del sistema retributivo per le anzianità maturate fino al 31 dicembre

“Rivalutazione pensioni e norme di salvaguardia” In considerazione della contingente situazione finanziaria, la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall’articolo 34, comma 1, della legge 23 dicembre 1998, n. 448 per il biennio 2012 e 2013 è “riconosciuta esclusivamente” ai trattamenti pensionistici di importo complessivo fino a due volte il trattamento minimo Inps, nella misura del 100 per cento. L’articolo 18, comma 3, del decretolegge 6 luglio 2011, n.98, convertito con legge 15 luglio 2011, n. 111, e successive modificazioni e integrazioni, è soppresso. Per le pensioni di importo superiore a due volte trattamento minimo Inps e inferiore a tale limite, incrementato della quota di rivalutazione automatica spettante ai sensi del presente comma, l’aumento di rivalutazione è comunque attribuito fino a concorrenza del predetto limite maggiorato. 2011 e l’applicazione del sistema contributivo per le anzianità maturate successivamente. Nulla cambia, invece, per coloro che sono compresi nelle altre due situazioni.

Eccezioni alle nuove norme La riforma previdenziale entrata in vigore dal 2012 prevede però alcune eccezioni.

Sono esclusi coloro che hanno maturato i requisiti pensionistici vigenti prima della riforma entro il 31 dicembre 2011, anche se la finestra di accesso al pensionamento si aprirà successivamente al 1° gennaio 2012. Le lavoratrici, che possono far valere un’anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni ed un età pari o superiore a 57 anni per

Pensioni oltre i mille euro: nuove modalità di riscossione

L

’articolo 12 della legge n. 214 del 22 dicembre 2011 ha stabilito che, le Pubbliche Amministrazioni, devono utilizzare “strumenti di pagamento elettronici”, disponibili presso il sistema bancario o postale, per la corresponsione di stipendi, pensioni e compensi di importo superiore a mille euro (limite che potrà essere modificato in futuro con decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze). L’INPS, con il “comunicato stampa” del 2 gennaio 2012, ha informato i cittadini di aver provveduto ad inviare circa 450 mila comunicazioni ai pensionati che percepiscono pensioni mensili di importo complessivamente superiore a mille euro, pagate in contanti, per invitarli a

comunicare all’Istituto entro il mese di febbraio 2012, modalità alternative di riscossione. L’adeguamento alle nuove modalità di pagamento dovrà avvenire entro il 6 marzo 2012. L’INPS quindi non potrà effettuare pagamenti in contanti di importo superiore a mille euro a partire dal 7 marzo 2012, pertanto i pensionati

che stanno ricevendo la lettera dell’Istituto potranno comunicare, entro il mese di febbraio 2012, le nuove modalità di riscossione, scegliendo tra l’accredito in conto corrente, su libretto postale o su carta ricaricabile. Il patronato EPACA della Coldiretti è a disposizione per i chiarimenti in merito. m

le lavoratrici dipendenti e a 58 anni per le lavoratrici autonome, potranno conseguire la pensione di anzianità qualora optino per la pensione contributiva “opzione donna”. In via eccezionale, inoltre, per i lavoratori del settore privato, è stato previsto quanto segue: a) i lavoratori che entro il 31 dicembre 2012 maturano 36 anni di contributi e 60 di età o 35 di contributi e 61 di età, potranno andare in pensione al compimento dei 64 anni di età; b) le lavoratrici che entro il 31 dicembre 2012 maturano almeno 20 anni di contributi e alla medesima data conseguono un’età di almeno 60 anni potranno andare in pensione di vecchiaia al compimento dei 64 anni di età. Le eccezioni sin qui elencate non sono soggette a limiti quantitativi che, viceversa, interessano altri soggetti che ne potranno usufruire solo fino al raggiungimento di un tetto massimo di risorse. Le risorse stanziate dovrebbero salvaguardare circa 65 mila persone da individuare, attraverso un monitoraggio effettuato dall’INPS, tra: a) i lavoratori collocati in mobilità in base ad accordi sindacali stipulati prima del 4 dicembre 2011; b) i lavoratori collocati in mobilità lunga in base ad accordi collettivi stipulati prima del 4 dicembre 2011; c) i lavoratori che alla data del 4 dicembre 2011 sono titolari di prestazione straordinaria a carico dei fondi di solidarietà, nonché ai lavoratori per i quali sia stato previsto da accordi collettivi stipulati entro la medesima data il diritto di accesso ai predetti fondi di solidarietà; d) i lavoratori autorizzati alla prosecuzione volontaria prima del 4 dicembre 2011. S’informano i lettori che la normativa sarà oggetto di circolari interpretative da parte degli enti previdenziali. Gli uffici EPACA della Coldiretti sono a disposizione per i chiarimenti in merito. m


S caden z e a z iendali

25 GENNAIO ACQUISTI-CESSIONI E PRESTAZIONI DI SERVIZI INTRACOMUNITARI Entro tale data scade il termine per i contribuenti mensili e trimestrali per la trasmissione in via telematica all’Agenzia delle Dogane, dell’elenco riepilogativo degli acquisti e delle cessioni intracomunitarie di beni e servizi resi e ricevuti rispettivamente nel mese di dicembre e nel 4 trimestre 2011.

31 GENNAIO DENUNCIA DELLE RETRIBUZIONI RELATIVE ALLA MANODOPERA AGRICOLA Entro tale data, devono essere trasmesse, in via telematica all’INPS (ex Scau) le denunce delle retribuzioni corrisposte agli operai agricoli a tempo determinato ed indeterminato nel trimestre ottobre-dicembre 2011. VARIAZIONI COLTURALI ANNO 2011 I soggetti che hanno effettuato la variazione di coltura nel corso dell’anno 2011 devono entro tale data presentare all’Agenzia del Territorio apposita denuncia. Sono esclusi i soggetti che richiedono contributi ad AGEA per i quali le variazioni vengono effettuate automaticamente CANONE RADIO TELEVISIONE Scade il termine per il pagamento del canone di abbonamento annuo alla radio ed alla televisione. COMUNICAZIONE DEI SOCI ALLE COOPERATIVE AGRICOLE IN REGIME AGRICOLO I soci delle cooperative agricole devono comunicare di possedere i requisiti per l’applicazione della detrazione IVA in base alle percentuali di compensazione. In sostanza la dichiarazione del socio deve attestare soltanto che i prodotti conferiti sono di propria produzione come da circolare ministeriale n.328/97. IVA REGISTRAZIONE FATTURE Per le fatture di vendita il termine per effettuare la registrazione è stabilito in 15 giorni dal momento in cui sono state emesse. Le fatture d’acquisto devono essere annotate in apposito registro entro l’anno nella cui dichiarazione viene esercitato il diritto alla detrazione della relativa imposta. IVA ESPORTATORI I contribuenti che si avvalgono della facoltà di acquistare o importare beni e servizi senza pagamento dell’imposta devono annotare nei registri di cui agli articoli 23 o 25 ovvero 39, secondo comma D.P.R. 633/72, entro ciascun mese, l’ammontare di riferimento dell’esportazione e quello degli acquisti effettuati senza pagamento dell’imposta. Il tutto risulta dalle fatture e bollette doganali registrate entro il mese precedente.

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

45

ELENCHI CLIENTI E FORNITORI “BLACK LIST”: soggetti mensili e trimestrali Invio telematico della comunicazione relativa ai contribuenti mensili e trimestrali che abbiano effettuato operazioni attive e passive (beni e servizi) con soggetti economici con sede o domicilio fiscale in Paesi “black list” registrate o soggette a registrazione rispettivamente nel mese di dicembre o nel 4 trimestre 2011. COMUNICAZIONI OPERAZIONI IVA SUPERIORI A 25.000 EURO Entro tale data deve essere trasmessa in via telematica, all’amministrazione finanziaria, la comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA superiore a 25.000 euro effettuate nel corso dell’anno d’imposta 2010.

15 FEBBRAIO FATTURAZIONE DIFFERITA Scade il termine per l’emissione e la registrazione delle fatture differite relative ai beni spediti con documento di trasporto nel mese di gennaio.

16 FEBBRAIO VERSAMENTO RITENUTE FISCALI IRPEF Scade il termine per i versamenti delle ritenute effettuate nei mesi di gennaio sui redditi di lavoro autonomo e di lavoro dipendente. IMPOSTA VALORE AGGIUNTO MESE DI GENNAIO Annotazione di liquidazione per il mese di gennaio e versamento dell’eventuale imposta da parte dei contribuenti che esercitano attività agricola, d’impresa e di lavoro autonomo che nell’anno 2011 hanno realizzato un volume d’affari superiore a euro 309.874,14, se prestazione di servizio o di euro 516.456,90 per le altre attività. Devono inoltre effettuare la liquidazione tutti i soggetti con volume d’affari inferiore al limite suddetto che non hanno effettuato l’opzione ai sensi dell’art.66,legge 427/93. VERSAMENTO DEL SALDO RIVALUTAZIONE TFR Entro tale data i datori di lavoro devono versare il saldo dell’imposta sostitutiva dovuta sulle rivalutazioni TFR calcolate al 31/12/2011 per i propri dipendenti. .Entro il 16 dicembre era già stato versato un acconto pari al 90 per cento delle rivalutazioni calcolate al 31/12/2010. Il codice tributo da utilizzare è il 1713. m

MARENE

• • • • • •

Coperture tetti agricoli e industriali Sovracoperture di bonifica su tetto in cemento amianto Smantellamento e rifacimento coperture esistenti Lattonerie d’ogni tipo Installazione di linee vita Coperture per alloggiamento fotovoltaico totalmente integrato

www.tec-artigrafiche.it

di Testa Massimo

via Torino, 54 fax 0172 1804990 e-mail: testacoperture@tiscali.it TESTA Massimo TESTA Enrico 347 4900280 347 3105684


46

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

N otizie dal mondo dei cavalli

Andar per allevamenti delle mie fattrici. Quali sono le caratteristiche dei purosangue arabi? Eleganza, bellezza, intelligenza, sensibilità e dolcezza. Attualmente il cavallo arabo è conosciuto per il suo utilizzo negli shows e nell’endurance, tuttavia è un cavallo assolutamente versatile ed in grado quindi di affrontare varie discipline, quali ad esempio: monta da lavoro, western pleasure, english pleasure, dressage, attacchi, pole bending e molte altre. Quali campionati in particolare sono riservati a questa razza? A partire da quest’anno è stato organizzato dall’ANICA un campionato italiano riservato ai cavalli PSA che si è svolto a Cattolica, l’intenzione di questa manifestazione è stata quella di presentare il cavallo arabo nel suo contesto originale: un cavallo

SERATE INFORMATIVE Giovedì 26 gennaio “INTRODUZIONE ALL’OMEOPATIA EQUINA” a cura del Dott. Davide Fazzi. (Il luogo di svolgimento verrà comunicato ai soci tramite sms).

Giovedì 16 febbraio “CAVALLI E REDDITOMETRO” a cura del Dott. Oliva Raffaele.

FORN

ITUR

www.tec-artigrafiche.it

2 erre

montato, capace di esprimersi in qualunque contesto. Un buon numero di cavalli arabi, in Italia, si sta specializzando nella monta da lavoro, nel campo della gimkana; lo scorso ottobre, al campionato italiano di gimkana western, svoltosi alla “Fiera Cavalli” di Milano, la seconda, la quarta e la nona posizione sono state occupate da PSA. Parliamo di una delle razze equine più antiche al mondo. Le origini risalgono a Maometto che fu il primo a comprendere quanto fosse importante mantenere inalterata la purezza: nacque una vera e propria filosofia di allevamento che è stata tramandata dai beduini del deserto fino ad oggi. Quali sono oggi le peculiarità di un allevamento moderno? L’obiettivo è quello di allevare soggetti con una buona morfologia, tipicità e con eccellenti linee di sangue, ma anche con un carattere equilibrato e una struttura adatta allo sport e a tutti i cavalieri. Il mio allevamento è situato sulla collina di Costigliole Saluzzo, immerso nel verde in 6 giornate piemontesi di terreno, dove pascolano le fattrici ed i puledri fino a due anni di età. Fa parte dell’azienda agricola, a 2 km dall’allevamento, un centro addestramento, stazione di monta pubblica e pensione cavalli. Attualmente nel centro

Ricordiamo ai soci di inviarci il resoconto dei loro trekking per la rubrica “I Soci raccontano” all’indirizzo e-mail: acste@libero.it

A VAS I PER MIEL E

Sugherificio di Raviola Bruno

Officina Costruzione Serbatoi Omologati

LAVORAZIONE TAPPI IN SUGHERO DI QUALITÀ GARANTITI MORBIDI E INODORE VENDITA INGROSSO E MINUTO ISOLANTI IN SUGHERO PER EDILIZIA NATURALI SENZA AGGIUNTA DI COLLA Località MANZONI, 63/A - MONFORTE D’ALBA tel. 0173 787170 - cell. 339 3583699

www.tec-artigrafiche.it

L

a Granda è un territorio con ricchezze di ogni tipo: artistiche, storiche, enogastronomiche ed agricole. Da alcuni anni si è sviluppato anche l’allevamento del cavallo. Nella provincia di Cuneo, vi sono allevamenti di cavalli di svariate razze: dal Quarter horse americano, al cavallo Haflinger, al Merenz, al Purosangue inglese, al favoloso Purosangue arabo. Ed è proprio a questi ultimi, i cavalli arabi, che vogliamo dedicare questa rubrica. Vi presentiamo l’allevamento, ”Le Quattro Rose”, conversando con la titolare, la signora Elena Brizio. Com’è nata la sua attività? Il mio è un giovane allevamento nato dalla passione per il cavallo, un amore che coltivo fin da quando ero bambina. La mia passione per il cavallo arabo è nata grazie all’incontro con quella che è ancora attualmente una

è disponibile per la stagione di monta 2012 lo stallone PSA morello Mistyc de Helios (foto). Mi avvalgo di fidati collaboratori per l’addestramento dei puledri e la preparazione dei cavalli a gare e competizioni. Chi fosse interessato ad approfondire la conoscenza dei PSA, può venirci a trovare, telefonando al numero 347.7505960. Gli allevatori interessati a presentare il loro allevamento possono contattare la segreteria A.C.S.T.E.

Via Grangia Vecchia, 1 • SALUZZO tel. 0175 42030 / 336 784359


Via Carmagnola, 5 - POIRINO (TO) tel. 011 9450558 - fax 011 9451972 • www.ermesgomme.com • ermesgommista@tiscali.it

VENDO H Trinciapaglia Supertino a sollevamento per balle rotonde, come nuovo, ottimo affare Tel. 3409978145 H Trattore Same 70 DT con caricatore frontale, pala sgancio rapido con arco protezione, tettino e gomme posteriori nuove Tel. 3404674665

Il mercatino del Coltivatore

H Trattore Carraro reversibile TRX 9400, full optional, collaudato, lama neve Tel. 3395489745 H Fieno in balle piccole Tel. 0171902129 H Falciatrice BCS a benzina in ottimo stato Tel. 017174064 0171611520 ore pasti

Da 50 anni lavoriamo dentro il mondo del pneumatico

H Carro semovente Unifeed Frasto m. 13, impagliatrice, sbarre per divisori box vitelli, silos mais q.li 1500, tutto in ottimo stato Tel. 3392953458 H Trattore Ferguson 240, aratro n. 14 Moro, altra attrezzatura agricola Tel. 0172691342

H Terna Benfra 4.12 in ottimo stato, 120 CV a 6 cilindri Tel. 3492644963 3397120347

H Motore trifase 3 CV per catena letame, cavi elettrici 3x25 m. 40, 4x16 m. 11 e seminatrice mais 2 file Tel. 3475410480

H Segatrice elettrica anno 2010, come nuova (usata 2 volte) Tel. 3479024497

H Auto catturanti, cuccette per mucche, semovente Riberi RS 80, pali in legno Tel. 3451246438 H Spargiletame lunghezza m. 4 Tel. 017465334

H Girello e estirpatrice m. 2,25 molle piccole con rullo Tel. 3395831783

H Same 70 DT con caricatore frontale pala, sgancio rapido con arco di protezione e tettino, gomme posteriori nuove Tel. 3404674665

H Cingolo 505 con apripista Tel. 3355969358

H Rotopressa Morra MRI 1200, 120x120, filo e rete, bella Tel. 017371264 3356061046

H Rimorchio 2 assi, ribaltabile tipo Dolce Tel. 3386530523

H Motosega Husquarna 80 cilindrata, professionale Tel. 3490810261

H Rimorchio 2 ruote Randazzo, fresa Meritano m. 1,5,aratro Tel. 017375392 3336844264

H Landini testa calda 44 Major Tel. 3386032125

H Rimorchio Silver Car omologato 4,50x2x1,60, ottime condizioni Tel. 3339075692

H Legna da ardere secca, tagliata corta Tel. 017564443 ore serali H Tritacarne 3 spade elettrico e pulitore per grano da seme Tel. 33516555637

H 1000 coppi vecchi, portone 2 ante in ferro già perlinato altezza 2,70x3,00 Tel. 3337829553 H Telaio per lavaggio nidi conigli Tel. 3664308132 H Girello Class 450 idraulico, rotoballe Roland 46, spandiletame SAC Vottignasco 400x480 collaudato Tel. 0171412124 ore pasti H Automatica per rincalzare e scalzare piante, modello Sampò Tel. 3475254552 H Carro-raccolta Babini 4WD, completo di piattaforma idraulica altezza m. 2,20, muletti anteriore, posteriore e pilota Tel. 3475254552 H Piante di mitrilloni Tel. 0171383993 H Soffione riscaldamento, nastro elevatore per fieno balle piccole Tel. 0171944064 H Fieno balle grandi quadrate, raccolte da 3 tagli e balle stocchi, zona Busca Tel. 0171937369 3493158426

47

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

www.tec-artigrafiche.it

www.tec-artigrafiche.it

P R O P O S T E D ’A F F A R I

H Trincia 1 fila, erpice a dischi da 25 in buone condizioni Tel. 017444639

H Arcareggi ferro zincato per copertura avicola o ricovero attrezzi, misure 64x10 Tel. 3283064262

H Docetto da uve scelte, prodotto nel monregalese e fieno balle piccole anno 2011 Tel. 3801843767

H Legna da ardere Tel. 3288986613

H Semprepieno in acciaio inox nuovo da litri 400 Tel. 0172643108

H Pompa su carrello cm. quadrati 12, m. 120 di tubi Tel. 0174698203

H Legna da ardere, consegna a domicilio Tel. 3492594560

H 2 rimorchi 180x380 m. e seminatrice grano Tel. 0174698203

H Seminatrice mais Carraro 4 file Tel. 3332106789

H Reti elasticizzate nuove (incelofanate) 1 H 1,50, 1 H 1,70 lungh. m. 20 ciascuna con 16 pali di cemento (nuovi) H m. 2,50 e altre reti Tel. 0173750820

H Titoli Pac Tel. 3394023585 H Pasquali 946 da fagioli, avvio elettrico con attrezzatura, motoagricola Pasquali 21 HP e trattorino Goldoni 30 HP Tel. 3487820202

• Coperture d’occasione nuove e usate • Trasformazione ruote strette • 3 furgoni attrezzati per assistenza a domicilio Daremo una svolta ai vostri pneumatici!

H Rimorchio Deila collaudato non ribaltabile, rotofalce e rastrellina Galfrè in ottimo stato Tel. 017267589 H Semovente carica erba con rullo dosatore, motore Fiat Tel. 3396969720 H 4 filtri idrociclone 10 pollici l’uno, vendibili anche singolarmente e pali cemento m. 3,50x8x8 diametro Tel. 0175343204 3277008355 ore pasti H Ranghinatore Galfrè 10 braccia larghezza m. 3,20 a 2 ruote, mulino Invincibile Beccaria 16 martelli a presa di forza,come nuovo, anche singolarmente Tel. 3284094603 H Aratro fuorisolco rinforzato vomeri 1,80 Tel. 3491711630 H Semovente Blosi, mod 1300 B, ottimo stato Tel. 0175948446 ore pasti H Stufa a legna Sideros, prezzo interessante, zona Cuneo Tel. 3391426112 H Motocoltivatore 14 CV, marca Grillo, alimentazione gasolio, poco usato, Euro 1.800 Tel. 3382504850 H Trattore Carraro 354, 4 RM, 35 CV in buono stato Tel. 0175567183 ore pasti H Rotomix m. 13 poco usato in buono stato, spandiletame Supertino grande collaudato Tel. 3349202681 H Per cessata attività, frigo latte q.li 30 e fieno di prato stabile Tel. 3389621097 H Fiat 446 DT con caricatore turbina cm. 80 per Pasquali e Goldoni, fresa Bertolini e turboneve Tel. 3200886789 H Trincia Facma VPE 180 bella, barra grano Deutz m. 4,20, trivella spostamento idraulico Tel. 3396001147

H Mietitrebbia 3300 AL con cabina aria condizionata, barra grano m. 3,60 Tel. 3382161412

H Seminatrice mais Gallesio, pneumatica con micro 4 file Tel. 3358220375

H Spandiletame funzionante con forca post., rimorchio collaudato lungo m. 4,50 doppie sponde e pianale fisso con rimorchietto 3,50x1,50 m Tel. 017268266

H Trattore Same Tiger 100 2 RM Tel. 0175278024 3471114952

H Legna da ardere ideale per caminetti e caldaie Tel. 3384575793

H Semovente Blosi benzina, cappucci, pali cemento 9x9, bascula q.li 2 Tel. 3497397166

H Tunnel m. 30x10, generatore aria calda a gasolio Tel. 3338959911

H Spaccalegna ditta OMA, 10 tonnellate, come nuova Tel. 3332775653

H Volvo allestimento Itma, 3 piani bestiame Tel. 3345007331

H Trincia e fresa m. 1,25 entrambe con spostamento idraulico Tel. 3393692846


48

P R O P O S T E D ’A F F A R I

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

H Trattore Same 50 CV in buono stato Tel. 017398113 ore pasti

H Spandiletame omologato, marca Supertino 4x1,80 m., pari al nuovo Tel. 3338093235

H Legna segata e spaccata Tel. 3355916964 H Per cessata attività frigo latte, 2 munte l.430 Tel. 011975695 H Landini 65, ottimo stato Tel. 3397311882 H Rotoballe Claas Rolant 46, m. 1,20x1,20, ottime condizioni Tel. 0174587266 ore pasti H Ford 6610 DT con contatore New Holland L75 DT Tel. 3381819695 H 2 pneumatici per trattore marca Kepler, misure 14/9/30 a modico prezzo Tel. 3396123664 H Disco Massano spostabile per vivaio frutteti, sega a nastro in buono stato Tel. 3205599951

H Impianto a pioggia m. 250 di tubo con 6 getti da 10 Tel. 017399260

H Erpice a disco Tel. 3334014371

H Piantine nocciole Tonda Gentile, 2 anni di vivaio certificate Tel. 017352510 3339831023 ore pasti

H Rullo pieghevole di Dalmasso m. 3,80 q.li 21 Tel. 3294216289

H Trattore Lamborghini R3 EVO 100 con pala, pinza da legna, verricello Tel. 3469761761

H Erpice a disco largo m. 1,70 e 15 centine per serre larghezza m. 4,5 Tel. 0172493493 ore pasti

H Fieno 1° e 2° taglio, balle grandi e catena trasporto letame m. 65, elevatore m. 7 salita sinistra Tel. 0171719278

H Gusci di pesche, mandorle e nocciole per caldaie Tel. 0171214685 3393524766 H Macchina piantacanne e lega per fagioli, canne di bambù Tel. 3409083967

H Trattore New Holland TN 60 da 4x4, 800 ore e generatore BM2 aria calda per serre Tel. 3391494045

H Autocatturanti, putrelle da 10 ferro scatolato per tettoia 6x4 m. lunghezza m. 6 Tel. 3478137738

H Fieno in rotoballe di ottima qualità Tel. 3383136961

H Fieno balle piccole Tel. 3315755847

H Pala ribaltabile 140 più pianale 3x1,5 m. per cingolo Tel. 3381914545

H Trattore Ford 4000 DT con cabina originale, ottime condizioni Tel. 3298529364

H Legna da ardere nostrana, già spaccata in Moretta Tel. 3669524027

H Pesa bestiame marca Malanetto Tel. 3887480775 H Stufa a legna Nordica kw 8, dischi acciaio Mercedes 6J15H2 Tel. 3358355458

H Legna da ardere Faggio, Rovere, Gaggia, secca e asciutta, consegna a domicilio Tel. 3387453766

H Elevatore letame, salita sinistra con motore m. 10, Euro 500,00 Tel. 3381235714

H Botte diserbo da 300 litri, trainata per motocoltivatore Tel. 3332033112

H Stocchi di mais in rotoballe, fieno di panico in balloni quadri, botte da diserbo l. 600 con barra m. 10 Abbà, buono stato Tel. 3498012546

H Decespugliatore in ottimo stato Tel. 3470057346

H Trattore Landini HP 65 DT in ottime condizioni Tel. 3491682768

H Semovente carro raccolta Marchesi, idrostatico, anno 1990, compressore a prezzo interessante Tel. 3476474826

H Frigo latte q.li 12, 2 munte, motore come nuovo, ottimo stato Tel. 3384081651

H Attrezzatura agricola varia Tel. 3286655670

H Rimorchio agricolo 4x2 omologato, non ribaltabile Tel. 0171902188

H 2 pulisci fossi 1 (80 idraulico), 1 (90 laterale) e moto Beta 50 cc Tel. 3333458816

H Traversine per kiwi, larghezza m. 1,50 Tel. 3357628825

H Cella frigo per piccoli frutti, centine per serre, torchio e pigiatrice Tel. 3208672794

H Diritti spandimento liquami, legna da ardere, fieno balle piccole e cerco spianatore anche non idraulico Tel. 3664340660 dopo le ore 20 H Trattore a cingoli Fiat 455, ore 2200, ben tenuto, prezzo Euro 4.500,00 e cerco imballatore piccolo a girello per fieno Tel. 0173613183 ore pasti

H Autocaricante Riberi RS75 omologato, pesa bascula q.li 15, trigenia m. 3, elevatore mais Tel. 3288115279 H Patate di montagna di Roccabruna Tel. 0171905932

H Carretta cingolata portata 3 q.li tipo Grillo Tel. 0171386715 H Motocoltivatore 4 ruote Pasquali 946 CV 20, 5 fresa, estirpatore, botte 3 q.li, pompa m. 48 Tel. 0171931758 ore pasti H Seminatrice mais a dischi, imballatrice New Holland (balle giganti) Tel. 3355881171 H Legna da ardere di legno vario c/o cascina Monaco Merlo di Mondovì H Diritti reimpianto vigneti 11.800 mq. Dogliani, 1500 mq. Rossi, pali cemento tipo Valente spigolo arrotondato Tel. 0173795410 3356740486

H 100 doppi e 100 da l. 1 per vino, occasione Tel. 0171383875 ore pasti

H Legna da ardere di produzione locale già tagliata, segata o in tronchi, consegna a domicilio nel Saluzzese Tel. 3406691631

H Caricaerba semovente Riberi, ottimo stato Tel. 0173615333 ore pasti

H Legna stagionata di Faggio, lunga e segata, consegna a domicilio Tel. 3400501614

H Candele antibrina e motore Lombardini diesel 17 CV, generatore di corrente 6 kw Tel. 3803344122

H Bacchette in ferro per serra m. 9x27 mm. Tel. 017240160

H Motocoltivatore Pasquali CV 18 più botte 2 q.li e getti Tel. 0171938895

H Lamborghini Premium 110, anno 2002 con caricatore frontale OMA, buono stato, poche ore Tel. 017390263 3483367877 ore ufficio

H Trattore Fiat OM 615, gabbie conigli ingrasso ottimo prezzo, tino in vetro resina Tel. 017267781

H Pompa verticale diametro 200 Rovatti, profondità m. 20/40, estirpatore a molle m. 2,30 Tel. 017574532 H Centine larghezza serra m. 6 Tel. 335258927

www.tec-artigrafiche.it

PNEUS INTERNATIONAL srl IMPORT EXPORT

• Bonifica Amianto • Coperture • Impianti fotovoltaici

su tetti civili e industriali

MORETTA (CN) via Manta, 30 e 30A • tel./fax 0172 911349

Tel. 335.821.37.86 CISSONE (CN)

SABBIATURE

FERRO/LEGNO MATTONI/PIETRA

SABBIATURE

CON ABBATTIMENTO POLVERI AD UMIDO

SOTTOFONDI PER LEGNO E PIASTRELLE

Il più grande centro italiano di vendita pneumatici

PER E OLTOR

L’AGRIC

PREZZ

O

LE TRATTORI PALE RIMORCHI SPECIA AUTOCARRI AUTOVETTURE PNEUMATICI DELLE MIGLIORI MARCHE

CONCESSIONARIO: MICHELIN, KLEBER, GOODYEAR, BARUM, CONTINENTAL, CEAT, DUNLOP, BRIDGESTONE, FIRESTONE, ALLIANCE

E per chi acquista pneumatici nuovi... il montaggio è gratuito e a domicilio!

www.tec-artigrafiche.it

SO. EDIL.CAR. s.n.c.

www.tec-artigrafiche.it

H Aratro bivomero, spandiconcime come nuovo, erpice a disco da 29, attrezzatura varia Tel. 017267263

BRA - Borgo S. Martino, 48 (SS. 231) tel./fax 0172 432682


P R O P O S T E D ’A F F A R I H Atomizzatore Turbomatic, vetroresina l. 2000, omologato su strada, funzionante, Euro 4.200 trattabili Tel. 3408024452 H Legna secca, segata e spaccata, barrique usate ottime per ornamento Tel. 3341065029

H Pavoni bellissimi di 1 e 2 anni Tel. 3381187660 H Terreno agricolo in zona Sant’Anna Avagnina di Mondovì Tel. 3498358009

H Cherasco - fraz. San Giovanni, 3 appezamenti di terreno agricolo, totale 15 g.te Piemontesi Tel. 3283853382 H Fabbricato rurale da ristrutturare con cortile e giardino, vicinanze Revello Tel. 3341953046

H Bandiere per cuccette vacche e seminatrice mais 4 file pneumatica Tel. 0171682689

H O affitto zona Rodello, vigna mq. 6100 di Dolcetto d’Alba doc con g.te 17 Piemontesi di prati e bosco corpo unico Tel. 017350146 3385813765

H Fabbricato rurale in Castelletto Stura, trattativa privata, no intermediari Tel. 3398809867

H Semovente Riberi RS 80, rotoballe Morra 150 a spago, bivomero idraulico n. 14, rastrellina, girello e Aprilia 125 Tel. 3470074502

H Rustico in Caraglio con terreno di 1 g.ta Piemontese circa Tel. 0171817166 ore pasti e serali

H Torre San Giorgio: fabbr. rurale 2 servizi, garage, cortile, giardino, riscaldamento autonomo, m. 500 dal centro Tel. 3346115526

H Manze Piemontesi alpeggiate, gravide e indenni Tel. 3470455223

H O affitto grande appezzamento unico terreno irriguo, vicinanze Mondovì, adatto a qualsiasi coltura Tel. 3384474211 3772700346

H Terreno agricolo a Clavesana, zona pianeggiante di circa 4 g.te Piemontesi Tel. 3386073895

H Bellissima baita due colonne, vista panoramica soleggiata, Borgata Serre Castedelfino Tel. 3475808773 3801391252

H Auto guida senza patente, collaudata, marca Bellier anno 1999 Tel. 3385600477

H Nidi a 10 buchi per galline a terra, mangiatoie Big Dutcman, miscelatore mangimi 70 q.li, abbeveratoi Tel. 017579319

H Ape Piaggio 50, unico proprietario, ottime condizioni Tel. 3288724365

H Cuccioli Lessie, amanti animali, tegole in cemento e toro alpeggiato Tel. 3493251012 H Cuccioli di Setter Gordon, disponibili da metà gennaio, vaccinati e sverminati, Euro 300,00 Tel. 3382406369 H Cuccioli Pastore Tedesco genitori visibili Tel. 3317957551

H Rifreddo, rustico da ristrutturare, ottima posizione, indipendente su 4 lati, mq.3 500 di proprietà, Euro 70.000,00 trattabili Tel. 3343711549

H Pony intero di 7 mesi a Euro 300,00 Tel. 3357069938 H Cuccioli Border Collie Tel. 3487347564

H Rustico da ristrutturare libero su 3 lati a Cervere Tel. 3485285889

H Toro iscritto all’albo genealogico Tel. 0175391341 H 50 pecore Sambucane e regalo cuccioli di cane da guardia bestiame Tel. 3494965359

H G.te Piemontesi 8 di terreno a Cervere, zona Valle Grinzano Tel. 0172474194 H Terreno in Cherasco per orto, vicinanze bastioni Tel. 3482329848

H Somaro maschio di un anno, capre Siciliane e cuccioli di Border Collie Tel. 3381666252

H Terreno edificabile in Peveragno, 1700 mq. circa Tel. 0171383254

H Vitelli Piemontesi da 1 a 3 mesi (accrescimento e qualità eccellenti), visita gradita in azienda Tel. 3463884585

H Moiola casa bif. abitabile, risc. a metano, fienile, garage, cantina, cortile, portico, magazzino, volendo terreno, prezzo interessante Tel. 0119712548 3395746811

H Coppia di Pony, motocoltivatore Bertolini, falciatrice BCS piccola Tel. 3489729142

H Terreno agricolo 1 g.ta, San Biagio Centallo Tel. 3474040725

www.tec-artigrafiche.it

Cena di ino! t San Valen Martedì 14 Febbraio 2012 di Riccobon Roberta

Bar Trattoria “Consovero” Via S. Albano, 42 Morozzo (Cn) tel. 0171 772736

49

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Vi aspettiamo per festeggiare insieme con cena a tema a lume di candela e la giusta atmosfera per una... serata indimenticabile! Prezzo a coppia: euro 50,00 (bevande incluse)

19 Febbraio 2012

Domenica di Carnevale Pranzo a sorpresa!

0 - solo su prenotazione. Bevande incluse: euro 26,0 Vi aspettiamo numerosi!

H Audi A4, 1800 cc, benzina, anno 1999, prezzo interessante Tel. 3355650121 H Furgone Fiat Ducato 2500 cc turbo diesel, 130.000 km, anno 1996 Tel. 3388672868 H Fuoristrada Mercedes Classe G diesel Tel. 3395029802 H Opel Corsa 1000, unico proprietario, km. 70.000 con aria condizionata, modico prezzo Tel. 3333101547 H Circa 1500 coppi vecchi Tel. 0172377217 ore pasti

H Compressore l. 25, modico prezzo Tel. 3396564601 H Compressore a vite Rotair diesel, come nuovo l. 2500 al minuto, adatto sabbiature e demolizioni Tel. 3288173712 H Set pneumatici Pirelli 159/70 R13 con cerchi, seminuovi Tel. 3470099381 H Tritacarne 380 Wolt, Piaggio PX 125, tavolo rotondo legno, forca posteriore balloni, fuorisolco Scalmana e 20 autocatturanti antisoffoco Tel. 3337974241 H Mattoni vecchi puliti a mano e miscelatore per mangime Tel. 3351265767 H Caldaia e miscelatore inox da litri 350 gasolio, box zincati per vitellini Tel. 3495065325 H Tritacarne 3 spade n. 32, Pick Up L200 a 9.000 km., come nuovo Tel. 017586818 H Tritacarne per salumi con motorino 3 spade 22 Tel. 3396076564 H Bicicletta mountain bike come nuova, cambio automatico Tel. 017371133 3334690733 H Porte e finestre da esterno con vetri doppi e semplici, 2 porte antiche con i chiodi a vista Tel. 3315783436 H Sgranatrice mais trainata, struttura legno 2 assi in buone condizioni Tel. 3881929282 H Coppi vecchi piemontesi circa 2000 e semovente raccogli frutta Rosatello Tel. 0171937519 3397202838

H Giogo per mucche doppio e singolo Tel. 017294272 ore serali H Saldatrice 380, idropulitrice 380 (acqua fredda) Tel. 3395937246 H 4 gomme per Fiat Ducato con pochi km, misura 185/65 R14, complete di cerchi, Euro 150,00 Tel. 0175278418 H Stufa a legna in ceramica color caramello, marca Piazzetta, buono stato, Euro 350,00 trattabili Tel. 3332038715 H Circa 1900 coppi vecchi in ottimo stato Tel. 017496162

CERCO H Trattore 120 CV, seminatrice mais, canne bambù e vendo toro monta iscritto APA, indenne IBR Tel. 3311005204 H Soppalco in ferro, altezza da m .2,50 a 3,00 Tel. 3381720308 H Vecchio motore fisso, partenza a manovella e gokart anni 60/70 Tel. 3208244741 ore pasti H Terreno in affitto, zona Centallo Tel. 3395672889

H Caldaia a legna Herz 29.000 kw Tel. 3398509121 H Macchina tappatrice per vino, tipologia lunga in legno, originale, antichissima Tel. 3489746008

H Vericello per trattore da 50 CV Tel. 0174681254 ore serali H Noccioleti in affitto, zona Roddi, Verduno, La Morra Tel. 3299804901

GRUPPO CN - 334 3354847 OFFRE

A U O M I N I V E R A M E N T E I N T E R E S S AT I l’immediata possibilità di incontrare la persona giusta per un serio legame sentimentale • UNICA

SEDE A CUNEO • Aperto anche il sabato tutto il giorno


50 H Tubi in cemento diametro 40 Tel. 3288057705

H Noccioleto in affitto, zona Roero Tel. 3355874156

H In affitto appezzamento terreno non inferiore a 5 g.te Piemontesi per seminativo Tel. 3397303859

H Vericello 3 punti Tel. 3396479645

H Fresa da orto, 12 CV oppure 14, diesel Tel. 3387989590 H Per acquisto terreni agricoli in zona Cuneo e limitrofi Tel. 3400058116 H Circa 1200 tegole marsigliesi “Del cuore” usate Tel. 0173617673 dopo le 18 H In affitto o acquisto quota latte q.li 100 circa Tel. 3332971998 H 2 ruote, 2 mozzi per muletto, 2 gomme 6.50-16 per motoagricola Tel. 3392348360 H Acquisto 1 g.ta di nocciole in Langa e Roero Tel. 3384715005 H Trattore Deutz Fahr 60-70 CV, tipo 5506 trazione normale Tel. 3339935913

H Vigneti-noccioleti in Langa e Roero, possibilmente vicinanze Priocca Tel. 3392603188 H Fresa idraulica m. 1,70-1,80 Tel. 3331918329

H Bovini e ovini da portare in alpeggio, annata 2012 in Val Maira Tel. 0171613468 3456754846 H Carellone tandem m. 6,5 portata 140 q.li, centine grosse dimensioni, miscelatore 20-30 q.li e benfra piccola Tel. 3470019054 H In acquisto prato per orto o bosco pianeggiante, zona Borgo San Dalmazzo o dintorni Tel. 3478818892 H Pali in cemento per frutteti altezza minima m. 3,50 7x7 oppure 8x8 Tel. 3408960654 ore pasti H Rampe in alluminio, lunghezza m. 3 portata 70/80 q.li Tel. 3392632180 H Betoniera anche in cattivo stato d’uso Tel. 0171384976

H Interratore a 2 file per concimare le nocciole Tel. 0173792353 3333103432 ore serali

H Terreno in affitto zona Bra, Cherasco e dintorni Tel. 3343041872

H Per acquisto diritti Pac, g.te 10 circa, zona pianura Tel. 3381236878 H Salici (guret) con taglio fresco per reimpianto circonferenza 40, tipologia grande, urgente Tel. 0173364217 H In affitto boschi in zona montana, Barge - Bagnolo Piemonte - Envie Tel. 3358392372

H Impresa edile, cerca tetti da rifare o ristrutturare, qualunque genere e dimensioni Tel. 3891283247

H Circa 7 g.te Piemontesi di terreno zona Bagnolo Piemonte loc. S. Maurizio Tel. 3339719444

H Agricoltore cerca lavoro anche saltuariamente Tel. 3400809856

H Terreno, g.te 11 irrigue, vicinanze Marene Tel. 017253170

H Rotoballe da 120 e vendo sgranatrice mais piccola a cardano Tel. 3358145078

H Trattore vecchio con caricatore per legna, modico prezzo Tel. 3398066197

H Terreno in affitto zona Revello Valle Po, semina mais o prato Tel. 3492176954

H Porzione di capannone mq. 500 circa, uso artigianale sito in S.Rocco Bernezzo Tel. 3387318202

AFFITTO H In casa di montagna, bella tavernetta per feste e ricorrenze, volendo 10 posti letto Tel. 3475825566 H O vendo palazzina di 2 piani indipendenti (6 vani l’uno) con giardino e magazzino (mq. 70) a Busca San Quintino 84 Tel. 3405267646

- Assistenza • Vendita e usato • Nuovo idropulitrici • Noleggio fissi lavaggio • Impianti • Aspiratori e spazzatrici

REGALO H Cane meticcio taglia media di anni 3 Tel. 0174787171 H Cuccioli mezza taglia maschi Tel. 0175278026 H 5 gattini bellissimi, età mesi 6 Tel. 0175392527 ore pasti H Cuccioli di cane taglia piccola ad amanti animali Tel. 0173731463 H Rete antigrandine usata Tel. 3358187962 H Cuccioli di cane taglia piccola, ad amanti animali Tel. 0172490153 H Cuccioli di cane taglia piccola per guardia bestiame Tel. 0172634468 3409620897 H 4 cuccioli di taglia medio-piccola bellissimi Tel. 0171618426 ore pasti H Cuccioli di cane maschi taglia piccola, ad amanti animali, genitori visibili Tel. 0172633698

VARIE H Si eseguono piccoli lavori di tornitura anche pezzi a campione Tel. 0172410302 H Ragazzo straniero con referenze offresi per lavoro Tel. 3313277057

H Privato esegue lavori di abbattimento piante e pini pericolosi, presso abitazioni e strade Tel. 3487902395 3349791795 H Allevamento adatto bovino con 15 grandi capanni e relativi steccati, moderno impianto irrigaz. maneggio con 10 box, 8 Ha recintati, zona Bra Tel. 3358070791 H Cerco lavoro come boscaiolo o caricatore polli nei capannoni Tel. 3345936872

MATRIMONIALI

a cura di Gruppo CN 334.3354847 H Ragazza di 29 anni, nubile, molto introversa, frequenterebbe uomo affidabile, semplice, scopo fidanzamento e futuro matrimonio. Max 48enne Tel. 3343376141 H Sofia 1979, sono onesta, lavoratrice, ordinata, seria e alla buona. Non cerco avventure ma un ragazzo che come me voglia formare una bella famiglia Tel. 3280429819 H Fra poco festeggerò i 65 anni, sono signora vedova, ancora attiva e in buona forma. Cerco un uomo di pari età per volerci bene con semplicità Tel. 3457167869 H Sono del 1966, alta 1,65, vicinanze Saluzzo, vedova, con ottimo impiego, buona presenza. Cerco un compagno corretto e sincero per riformare una famiglia serena Tel. 3313351061 H Sono Ely, ho circa 34 anni, putroppo molto timida, sono sincera e questo mi ha portato ad avere tante delusioni. Cerco un ragazzo che non sia bevitore, con un buon lavoro, e che non voglia sempre uscire Tel. 3208685863

www.tec-artigrafiche.it

H Escavatore q.li 20-30 o cingolo con apripista o retro escavatore Tel. 3667328359

cell. 335 5732802

PUNTO VENDITA E OFFICINA

SANTO STEFANO ROERO (CN)

Via Capoluogo, 92/A - tel. 0173.90263 - cell. 348.3367877 e-mail: sibona.mt@email.it

VIA PIUMATI, 272 - BRA (Fr. Riva) tel./fax 0172 490273

Onoranze Funebri LA CARRUCESE

di Bottero Giacomino e Tarditi Natale Per un servizio funebre rispettoso e onesto www.tec-artigrafiche.it

www.tec-artigrafiche.it

P R O P O S T E D ’A F F A R I

N° 1 – 1-31 gennaio 2012

Servizi funerari in tutti i Comuni, in Italia e all’estero, Ospedali e Case di Riposo. Vestizione salme, iscrizioni lapidi, servizio fiori, adempimenti delle pratiche relative alla cremazione. Agevolazioni ai tesserati Coldiretti. Possibilità di finanziamenti in sede. Carrù • v.le V. Veneto, 68 Farigliano • p.zza V. Emanuele, 5

Magliano Alpi • via Langhe, 4 Niella Tanaro • via XX Settembre, 25

Reperibilità 24hsu24 • cell. 339.6087133 / 333.6884736


Coltivatore Cuneese n.01/2012