Page 1

9-07-2012

17:24

Pagina 1

Cambiamo discorso

Manualistica, didattica, divulgazione

Diagnosi e counselling nell’intervento sociale secondo la scienza dialogica

Luigi Colaianni ha conseguito il Ph.D. in servizio sociale, è assistente sociale specialista, sociologo della salute e formatore. Insegna discipline sociologiche e del servizio sociale in varie università italiane. Patrizia Ciardiello ha conseguito il Ph.D. in istituzioni, amministrazioni e politiche regionali, è assistente sociale specialista, Adjunct professor presso l’Università di Padova e funzionario del Ministero della Giustizia.

CAMBIAMO DISCORSO

È possibile collocare le scienze discorsive con piena legittimità nell’alveo del rigore scientifico? Quale rapporto intercorre tra teoria e prassi nell’ambito degli interventi svolti dalle professioni che si inscrivono in quei paradigmi? È possibile generare interventi sociali che rispondano a criteri di scientificità, ovvero che, a partire da obiettivi descrivibili e condivisibili, individuino strategie e indicatori di efficacia ed efficienza e siano quindi accountable? La seconda edizione di Cambiamo discorso, a partire dalla prospettiva aperta dall’interazionismo simbolico e dalla filosofia analitica, sulle tracce di quanto elaborato da Nigel Parton e Patrick O’Byrne in Inghilterra, descrive il percorso che dalla proposta del paradigma narrativistico e del modello dialogico formulati da Gian Piero Turchi ha portato a definire un ambito conoscitivo specifico – la scienza dialogica, che studia il processo per cui le configurazioni discorsive generate nella comunità dei parlanti producono realtà – quale riferimento per la conoscenza e l’operatività nell’intervento sociale, in grado di rispondere alle criticità che vedono affermare, impropriamente, una cesura tra teoria e prassi. La svolta paradigmatica proposta e l’approdo alla scienza dialogica aprono un orizzonte in cui la modalità conoscitiva è adeguata all’oggetto di studio (“i discorsi” quotidiani) e il modello teorico generato si attesta nel realismo concettuale. In virtù di ciò, l’operatore piuttosto che essere pervaso dal senso comune, diventa esperto su come questo si generi, e quindi competente non per i contenuti sostantivi (la “tossicodipendenza”, la “devianza”, la “malattia mentale”, la “povertà”) e per i supposti bersagli dell’intervento (i “bisogni”, il “disagio”, il “benessere” etc.), ma per il processo di configurazione della realtà nella dimensione personale e collettiva. Gli effetti pragmatici sono considerati come secondari alle configurazioni discorsive che si producono nell’ambito della comunità dei parlanti: l’obiettivo operativo dell’intervento sociale è dunque la trasformazione discorsiva.

1044.64 L. COLAIANNI, P. CIARDIELLO (a cura di)

LABORATORIO SOCIOLOGICO

Nuova edizione integrata

Laboratorio Sociologico

1044.64

a cura di Luigi Colaianni, Patrizia Ciardiello

FrancoAngeli La passione per le conoscenze

€ 34,00

FRANCOANGELI (U)

Manualistica, didattica, divulgazione


Il volume è stato curato da Luigi Colaianni e Patrizia Ciardiello, che sono anche co-autori dell’Introduzione, dei cap. 2, 3 e 4 della prima parte e delle Conclusioni. Nella seconda parte il cap. 5 si avvale del contributo di Gian Piero Turchi, Michele Romanelli e Luigi Co-laianni; nel cap. 6 il § 6.1 e il § 6.1.2. sono di Patrizia Ciardiello; il § 6.1.1. è di Patrizia Ciardiello e Gian Piero Turchi; il § 6.2. è di Davide Fenini; il § 6.3 è di Alessandra Zielli e il § 6.4 è di Luigi Colaianni e Luisa Orrù. Il cap. 7 è scritto da Luca Mori.

La cura redazionale ed editoriale del volume è stata realizzata da Barbara Sena 2a edizione. Copyright © 2008, 2012 by FrancoAngeli s.r.l., Milano, Italy Ristampa 0 1 2 3 4 5 6

2012

2013

2014

Anno 2015 2016

2017

2018

2019

L’opera, comprese tutte le sue parti, è tutelata dalla legge sui diritti d’autore. Sono vietate e sanzionate (se non espressamente autorizzate) la riproduzione in ogni modo e forma (comprese le fotocopie, la scansione, la memorizzazione elettronica) e la comunicazione (ivi inclusi a titolo esemplificativo ma non esaustivo: la distribuzione, l’adattamento, la traduzione e la rielaborazione, anche a mezzo di canali digitali interattivi e con qualsiasi modalità attualmente nota od in futuro sviluppata). Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun fascicolo dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall’art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n. 633. Le fotocopie effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale, possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da CLEARedi, Centro Licenze e Autorizzazioni per le Riproduzioni Editoriali (www.clearedi.org; e-mail autorizzazioni@clearedi.org). Stampa: Tipomonza, via Merano 18, Milano.


Il compito della sociologia è venire in aiuto dell'individuo. Dobbiamo porci al servizio della libertĂ . Ăˆ qualcosa che abbiamo perso di vista. Zigmunt Bauman


Indice

Prefazione, di Guido Giarelli

pag.

11

1. Introduzione 1.1. Perché un libro sulla diagnosi e il counselling nell’intervento sociale 1.2. Diagnosi sociale, valutazione e assessment 1.3. Il counselling sociale 1.4. Un processo narrativo con risultati reali

»

15

» » » »

15 19 26 28

PARTE PRIMA 2. Lo scarto di paradigma

» »

33 35

3. Agency e paradigma narrativistico 3.1. Paradigma narrativistico e modello dialogico dell’identità 3.2. I cardini della metodologia

» » »

41 44 56

4. La prassi 4.1. Relazioni di assessment a confronto 4.2. Tre studi di caso 4.2.1. Gina 4.2.2. Romualdo 4.2.3. Maria 4.3. La generazione e l’impiego degli artifici retorici 4.3.1. Il modello semiotico-costruzionista della comunicazione 4.3.2. «E la signora Pina?» 4.3.3. Linee metodologiche per la costruzione e la gestione degli stratagemmi

» » » » » » »

67 67 84 84 96 104 122

» »

123 125

»

128

PARTE SECONDA 5. La filiera della conoscenza emanazione della scienza dialogica: una proposta teorica e operativa per l’intervento sociale

»

137

»

139

7


5.1. Elementi di riflessione epistemologica: per uno scarto dalle scienze –logos a una scienza del logos 5.2. Per una gestione della frammentazione multidisciplinare in ambito sociale: la proposta di una filiera della conoscenza 5.3. La filiera della conoscenza: scienza, paradigma, teoria e modello operativo

5.3.1. La scienza dialogica 5.3.2. Il Paradigma narrativistico 5.3.3. La formalizzazione del processo discorsivo 5.3.4. Il peso dialogico dei repertori discorsivi: la misura della configurazione discorsiva

5.3.5. La Teoria dell’Identità dialogica 5.4. Il Modello operativo dialogico: dall’applicazione della prassi alla valutazione dell’efficacia dell’intervento sociale 5.5. Riassumendo 6. Scienza dialogica e ambiti di intervento 6.1. Paradigma narrativistico e intervento sociale nell’ambito dell’esecuzione penale degli adulti 6.1.1. Paradigma narrativistico, osservazione scientifica della personalità e trattamento degli autori di reato 6.1.2. Paradigma narrativistico e mediazione nell’esecuzione penale 6.1.2.1. La mediazione nel settore dell’esecuzione penale degli adulti 6.1.2.2. Breve storia di una svolta nel pensiero su diritto, conflitti e amministrazione della giustizia 6.1.2.3. Quale mediazione 6.2. Paradigma narrativistico e intervento sociale nell’ambito del consumo di sostanze psicotrope stupefacenti 6.2.1. Definizione del destinatario dell’intervento, dell’obiettivo e delle strategie 6.2.2. La riorganizzazione dei servizi nella prospettiva del modello dialogico 6.2.3. La valutazione dell’efficacia dell’intervento 6.3. Una ricerca in ambito di esecuzione penale esterna con la metodologia MADIT: analisi dei reports del servizio sociale 6.3.1. Gli assunti teorici che hanno orientato e sostenuto la ricerca 8

»

140

»

148

» » » »

150 150 152 154

» »

158 159

» »

168 171

»

173

»

173

»

176

»

186

»

192

» »

195 200

»

211

»

211

» »

215 220

»

225

»

226


6.3.2. Conoscere e documentare nel processo di aiuto 6.3.3. Produzioni discorsive e prassi operative nel Servizio sociale penitenziario 6.3.4. Repertori discorsivi ed efficacia comunicativa della relazione socio familiare 6.3.5. Repertori discorsivi e scelta del modello conoscitivo del Servizio sociale penitenziario 6.3.6. Repertori discorsivi e tratti distintivi della pratica operativa messa in campo dai professionisti dell’esecuzione penale 6.4. Qualità dell’intervento dei servizi socio–sanitari. La valutazione dell’efficacia dell’intervento sociale nell’ambito della salute mentale 6.4.1. Obiettivi, strategie e strumenti della valutazione dell’efficacia 6.4.2. La cornice contestuale 6.4.3. Definizioni 6.4.4. Metodologia di valutazione 6.4.5. Indicatori di valutazione dell’efficacia dell’intervento 6.4.6. Elementi di misura del processo dialogico 6.4.7. Le proprietà processuali primordiali 6.4.8. Lo stratagemma retorico: modalità di somministrazione 6.4.9. La logica dell’operazione di misura mediante

l’organizzazione dei repertori nella tavola

6.4.10. Calcolo del peso dialogico della configurazione discorsiva di un testo di risposta a una singola domanda 6.4.11. Calcolo delle polarità Personalis e Alter 6.4.12. Calcolo della polarità Matrice collettiva (costante per implementare il valore dell’identità dialogica dato dalle tre fonti) 6.4.13. Calcolo dell’identità dialogica 6.4.14. Calcolo dello scarto di efficacia 7. Narrazione, apprendimento e morfogenesi delle relazioni umane: percorsi filosofici 7.1. Le narrazioni costruiscono mondi 7.2. Narrazione come conoscenza e sensemaking 7.3. Narrazione e sensemaking come attività che organizzano e riorganizzano relazioni 9

»

228

»

230

»

234

»

235

»

236

»

239

» » » »

239 243 246 249

» » »

251 246 255

»

257

»

259

» »

259 260

» » »

261 262 264

» » »

265 265 268

»

271


Conclusioni

»

275

Appendice. Tavola periodica e Glossario dei repertori discorsivi

»

283

Riferimenti bibliografici

»

287

Gli autori

»

301

10


Prefazione di Guido Giarelli

Ci sono molte buone ragioni per salutare con grande piacere la pubblicazione di questo lavoro di Luigi Colaianni e Patrizia Ciardiello dedicato all’intervento sociale secondo il paradigma narrativistico. La prima, e fondamentale, è che esso risulta basato su di una robusta fondazione teorica che, si sia concordi o meno, permette comunque di interloquire su solide basi argomentative raramente rintracciabili nell’ambito del lavoro sociale. La seconda è che il volume risulta attraversato da un ethos costante che porta gli autori ad affrontare con passione professionale eticamente orientata problematiche e pratiche professionali come l’assessment ed il counselling con grande onestà intellettuale e rigore mentale, prima ancora che con dovizia di argomentazioni teoriche ed epistemologiche. La terza ragione, last but not least, è lo sforzo di cui sono testimoni in particolare il quarto e il quinto capitolo del volume di esemplificazione applicativa dell’approccio proposto con studi di caso e contestualizzazioni che ne evidenziano le possibilità euristiche e la spendibilità pratica nell’ambito di campi quali l’esecuzione penale, la mediazione e il consumo di sostanze tossiche psicoattive. Entrando poi nel merito dell’approccio proposto, esso ha il suo punto focale in quello che viene definito il “paradigma narrativistico”, basato sul ben noto assunto di W.I. Thomas che considera la realtà come generata dai processi discorsivi che la definiscano in quanto tale a opera dei differenti attori che operano in un determinato contesto sociale: coerentemente con tale assunto teorico–epistemologico di matrice costruzionista, il testo sviluppa poi le diverse strategie professionali che, sulla base di un modello definito “dialogico– interattivo”, consentono di individuare e di modificare le differenti configurazioni di realtà generate a partire dalle pratiche discorsive prodotte dagli attori sociali entro un certo contesto e secondo determinati repertori discorsivi. In ciò seguendo e sviluppando il modello dialogico proposto da Gian Piero Turchi, in alternativa sia al modello biomedico classico, sia al modello bio– psicosociale. Poiché il lavoro degli autori si rifà espressamente al “constructive social work” elaborato in Gran Bretagna da Nigel Parton e Patrick O’Byrne, ci pare qui opportuno richiamarne brevemente le basi fondative e le opportunità applicative. La loro proposta nasce sostanzialmente dall’esigenza di sfuggire al11


la crescente proceduralizzazione e standardizzazione subita dal lavoro sociale nel corso degli ultimi anni in sintonia con altre professioni sociali e sanitarie sull’onda dei processi di onnipervadente managerializzazione dei servizi alla persona. Il buco nero rappresentato dall’assenza di concetti e teorie adeguate per la pratica sociale è stato così spesso colmato da linguaggi e pratiche oscillanti fra il tecnicismo e il senso comune. Il bisogno di tornare a capire ciò che accade tra l’operatore sociale e l’utente dei servizi porta gli autori a sviluppare un’analisi critica dettagliata del linguaggio e dei discorsi impiegati nella relazione di aiuto per indurre il cambiamento comportamentale. La necessità di una teoria per la pratica sociale che consenta di andare al di là del semplice trattamento burocratico dei “bisogni” stereotipizzati entro categorie standardizzate di senso comune porta a rivalutare la creatività e la competenza dell’operatore sociale nell’affrontare le relazioni umane ben al di là del classico lavoro di caso, basato su un approccio psicodinamico. Da qui l’importanza di un approccio interazionista– simbolico alle modalità con cui le persone attribuiscono significato alle proprie esperienze quotidiane e, conseguentemente, orientano le proprie azioni, atteggiamenti e sentimenti al fine di poterne agire i significati e le percezioni della propria esperienza in un’ottica di mutamento. La proposta del constructive social work si muove quindi sulla scia della definizione di Blumer che è l’asserzione di un problema sociale che lo manifesta come tale: se si distingue, infatti, tra una data situazione sociale considerata come condizione oggettiva empiricamente rilevabile e misurabile dalla medesima come definizione soggettiva da parte degli attori sociali che la considerano una forma di devianza dalle norme sociali, è quindi quest’ultima a trasformare la situazione in un problema sociale. Decostruire il processo attraverso cui determinate aree della vita sociale divengono socialmente problematiche, attraverso pratiche discorsive retoriche costituisce dunque la premessa indispensabile a consentire la possibilità per il soggetto di sviluppare discorsi alternativi: e ciò non può che avvenire sotto forma di un processo di interazione dialogica e negoziata che porti a nuove differenti definizioni condivise in grado di produrre nuove relazioni sociali e nuove forme di autopercezione del Sé. Al di là dei suoi fondamenti teorici, ci pare che l’approccio proposto presenti più di una opportunità applicativa per quanto riguarda il lavoro sociale. Anzitutto, in tempi di “pensiero unico” sempre più dominante anche in questo ambito professionale per stanchezza o insipienza creativa, la sua insistenza su di un atteggiamento critico nei confronti di ogni modalità data per scontata di comprensione del mondo fondata sul senso comune non può che costituire un valido antidoto. Problematizzare l’ovvio, il “reale” e il sapere professionale convenzionale su di esso costruito costituisce un esercizio di igiene mentale preliminare alla decostruzione dell’empirismo positivista che appare ancora informare questa, come altre pratiche professionali. 12


In secondo luogo, la storicizzazione e relativizzazione delle categorie cognitive professionali impiegate nel lavoro sociale non può che costituire la necessaria premessa alla possibilità di un autentico incontro dialogico con l’utente inteso come radicalmente altro da sé, percepito nella sua alterità e nelle sue possibilità di costruzione discorsiva differente: ma con la quale sia allo stesso tempo possibile stabilire una qualche forma di interazione dialogica in nome della comune umanità, della condizione condivisa di persone. Infine, sulla base di tale processo di interazione negoziata si apre lo spazio del possibile come rottura dell’apparente corazza impenetrabile del “reale” verso orizzonti trasformativi scientificamente fondati che consentano – come ricordano gli autori nelle loro Conclusioni – di “far galleggiare il ferro sull’acqua e nell’aria”. Campus di Germaneto (CZ), 15 giugno 2008.

13


14


Riferimenti bibliografici

AA.VV. (1995), Dare un posto al disordine. Sicurezza urbana, vittime, mediazione, riparazione, EGA, Torino. AA.VV. (2000), Dentro la professione verso possibili consensi. Una ricerca con e tra assistenti sociali, Socialia, Roma. Accettulli A., Onofrio L., Taccani P. (2004), La comunicazione scritta tra Servizi Sociali e Autorità Giudiziaria, Carocci, Roma. Aldgate J. (2002), «Evolution not Revolution, Family Support Services and the Children Act 1989», in Ward, H. and Rose, W, (eds) Approaches to Needs Assessment in Children’s Services, Jessica Kingsley, London. Alkire S., Foster J. (2007), «Counting and Multidimensional Poverty Measurement», OPHI WORKING PAPER SERIES, Oxford Poverty & Human Development Initiative. Allegri E., Palmieri P., Zucca F. (2006), Il colloquio nel servizio sociale, Carocci Faber, Roma. Ambrosi E. (a cura di) (2005), Il bello del relativismo. Quel che resta della filosofia nel XXI secolo, Marsilio, Venezia. Antiseri D., Timio M. (2000), «La medicina basata sulle evidenze, realtà ed illusioni. Estensione delle riflessioni epistemologiche», Ital Heart J Suppl Vol 1 Marzo 2000. Antiseri D., «Fatti scientifici costruiti sulla palafitte», http,//lgxserver.uniba.it/lei/rassegna/000326d.htm; Antoninetti M. (1990), Cultura e Scuola, n. 113/90, pp. 148–159. Arendt H. (1964), Vita activa. La condizione umana, Bompiani, Milano. Aristotele (2008), Poetica, Einaudi, Torino. Austin J.L., (1987), Come fare cose con parole, Marietti, Milano. BACP (1990), Information Sheet 10. Bakhtin M. (1968), Dostoevskij, poetica e stilistica, Einaudi, Torino. Baldassarri E., «Il Servizio Sociale nel sistema giustizia», in Rassegna di Servizio Sociale n. 1, 1999. Baldini M. (1986), Epistemologia e pedagogia dell’errore, La Scuola, Brescia. Bandura A., Underwood B., Fromson M.E. (1975), «Disinibition of aggression through diffusion of responsibility and dehumanization of victims», in Journal of Research in Personality, 9, 1975, pp. 253–69. 287


Bartolomei A., Passera A.L. (2005), L’assistente sociale. Manuale di servizio sociale professionale, CieRre, Roma. Bateson G. (1984), Mente e Natura, un’unità necessaria, Adelphi, Milano. Bauman Z. (1993), Postmodern Ethics, Blackwell, Oxford,. Bauman Z. (1998), Lavoro consumismo e nuove povertà, Città Aperta Editore, Troina Becker H. (1997) (1963 ed. or.), Outsiders. Saggi di sociologia della devianza, Gruppo Abele, Torino. Beekes R. (ed.) (2010), Etymological Dictionary of Greek, Brill, Leiden –Boston. Bell W. (1993), voce Futuro, Enciclopedia delle scienze sociali, v. III, 227–237, Treccani, Roma. Berger P.L., Luckmann T. (1997), La realtà come costruzione sociale, il Mulino, Bologna. Berzano L., Prina F. (1995), Sociologia della devianza, Nuova Italia Scientifica, Roma. Bini L. (2003), Documentazione e servizio sociale, Carocci, Roma Briganti G., «Un nuovo approccio al diritto e alla professione legale, il Comprehensive Law Movement», http,//www.civile.it/news/visual.php?oldid=9073. Bruner J. (1992), La ricerca del significato. Per una psicologia culturale, Bollati Boringhieri, Torino. Bruun H., Langlais R. (2003), “On the Embodied Nature of Action”, in Acta Sociologica, Scandinavian Sociological Association e SAGE Pub., London, Thousand Oaks, CA e New Delhi, vol. 46(1), 31–49(0001–6993](200303)46,1,31–49; 032406. Butler, J. (1997), The Psychic Life of Power, Theories in Subjection, Stanford University press, Stanford, (trad. it. 2005, La vita psichica del potere, Meltemi Editore, Roma). Cacciari M. (2006), «Note sul mito della pena», in La rappresentazione della pena. Carcere invisibile e corpi segregati, Milano, Communitas, Vita Non Profit Magazine, n. 7, febbraio 2006. Caddick B., Watson D. (2001), «Rehabilitation and the Distribution of Risk», in Parsloe, P, (ed) Risk Assessment in Social Care and Social Work, Jessica Kingsley, London. Calder M. C., Hackett S, (eds) Assessment in Child Care, Russell House Publishing, Lyme Regis. Calder M.C. (2003), «The Assessment Framework, A Critique and Reformulation», in Calder M.C. and Hackett S. (eds.) Assessment in childcare, Using and developing frameworks for practice, Russell House Publishing, Dorset, 3–60. Camus A. (1983), Lo straniero, Bompiani, Milano. Canetti E. (1983), La lingua salvata, Adelphi, Milano. Cannetti S., Curti Gialdini F., Mazzei D. (1989), «Il lavoro psicologico di osservazione», in G. De Leo (a cura di), Lo psicologo criminologo. La psicologia clinica nella giustizia criminale, Giuffrè, Milano. Carofiglio G. (2007), Ragionevoli dubbi, Sellerio, Palermo. 288


Carta di Noto aggiornata, 7 luglio 2002, Linee guida per l’esame del minore in caso di abuso sessuale, http,//www.aipgitalia.org/cartadinotoetlineeguida.htm Czarniawska B. (1998), A narrative approach to organization studies, Sage Publications, Thousand Oaks –London –New Delhi. Castells M. (2009), Comunicazione e potere, EGEA, Milano. Céline L.F. (1975), Il dottor Semmelweis, Adelphi, Milano. Cellentani O., Guidicini P. (1997), Manuale di metodologia per il servizio sociale, Franco Angeli, Milano. Ceretti A., Di Ciò F. (2002), «Giustizia riparativa e mediazione penale a Milano», in Rassegna penitenziaria e criminologica, Istituto Poligrafico Zecca dello Stato, anno VI, n. 3, pp.99–118, Roma. Cesaroni M, Lussu A., Rovai B. (2000), Professione assistente sociale, Ed. Del Cerro, Tirrenia. Chapman D. (1974), Lo stereotipo del criminale, Einaudi, Torino. Ciappi S. (2001), «Therapeutic Jurisprudence. Riflessioni su di una concezione postliberale del diritto e della pena», in Rassegna Italiana di Criminologia, 3–4. Ciardiello P. (2004), «Introduzione», in Quale pena. Problemi e riflessioni sull’esercizio della punizione legale (1992–2004), Unicopli, Milano. Ciardiello P., «Riparazione e mediazione nell’ambito dell’esecuzione penale degli adulti», in Rassegna penitenziaria e criminologica, Nuova serie – Anno XI– Maggio–Agosto 2007, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, pp. 95–107, Roma. Ciardiello P. (2004), Relazione introduttiva al Convegno Reato e identità: «Implicazioni epistemologiche e operative nel trattamento dei condannati», Milano, 25 marzo 2004. Ciardiello P., Turchi G.P. (a cura) (2004), Reato e identità. Atti e contributi per la formazione e l’operatività professionale, Ministero della Giustizia, Domenghini. Padova. Disponibile sul sito del Ministero della Giustizia, http,//www.giustizia.it/ministero/struttura/dipartimenti/dirgen/issp_documentazio ne/reato_e_identita.pdf.pdf Colaianni L. 2004, La Competenza ad Agire. Agency, capabilities e servizio sociale. Come le persone fronteggiano eventi inediti ed inaspettati ed il servizio sociale può supportarle, collana Laboratorio sociologico – Ricerca empirica e intervento sociale, diretta da Costantino Cipolla, Franco Angeli, Milano. Colaianni L. (2009), «Per incapacità di intendere e volere». Il consenso informato della psichiatra, ARACNE, Roma. Compton B.R., Galaway B. (1999), Social work processes, Wadsworth Publishing Company, Belmon (CA). Coulshed V., Orme J. (1998), Social work practice. An introduction, Macmillan, Basingstoke. Culla Mariotti L., Turchi G.P. (2007), Stranieri e droghe. Dalla cura del corpo alle pratiche discorsive nel sistema carcerario, ARMANDO, Roma.

289


Crisp B.R., Anderson M.R., Orme J., Green Lister P. (2005), Learning and Teaching in Social Work Education, Textbooks and Frameworks on Assessment, Social Care Institute for Excellence–University of Glasgow, Glasgow. Daga L. (1990), «Trattamento (lemma)», in Enciclopedia del diritto, vol. XLIV, Giuffrè, Milano. Dal Lago A., Quadrelli E. (2003), La città e le ombre. Crimini, criminali, cittadini, Feltrinelli, Milano. Dal Pra Ponticelli M. (1987), Lineamenti di servizio sociale, Astrolabio, Roma. Damaska M.R. (2003), Il diritto delle prove alla deriva, il Mulino, Bologna. De Leo G., Patrizi P. (1992), La spiegazione del crimine, Il Mulino, Bologna. Della Casa F. (2007), «Affidamento al servizio sociale o (pura e semplice) “pay–back sanction”? Equivoci sul significato dell’art. 47 O.P.», in Riparazione e giustizia riparativa. Il Servizio sociale nel sistema penale penitenziario, Franco Angeli. Milano. Department of Health (1988), A Guide for Social Workers Undertaking a Comprehensive Assessment, HMSO, London. Derrida J. (2004), Perdonare, Raffaello Cortina Editore, Milano. Di Nuoscio E. (2005), «Elogio del relativismo», in Il bello del relativismo. Quel che resta della filosofia nel XXI secolo, Marsilio, Bologna. Dilthey W. (1905–1911), Scritti filosofici, a cura di Pietro Rossi, Unione tipografico– editrice torinese, Torino. Di Paola F. (2000), L’istituzione del male mentale, manifesto libri, Roma. Dolan Y. (1998), One Small Step, Moving beyond Trauma to a Life of Joy, Papier– Mache Press, Watsonville, CA. Donini P. (2008), «Introduzione», in Aristotele, Poetica, Einaudi, Torino, pp. VII – CLXXXII. Domedi L., Laliscia B., Barbanera D. Quarato M. (2007), «La ‘malattia mentale’ come costruzione discorsiva. Implicazioni della diagnosi nosografica in relazione alla costruzione dell’identità», in Turchi G.P., Della Torre C. (cur.), Psicologia della salute. Dal modello bio–psico–sociale al modello dialogico, Armando, Roma. Donzelli A., Fasulo A. (2007), Agency e linguaggio. Etnoteorie della soggettività e della responsabilità nell’azione sociale, Meltemi Ed., Roma. Dotti M. (2006), «Approcci e metodi di analisi e di valutazione applicati al lavoro sociale, l’evidence–based practice, il metodo PDCA e l’analisi SWOT», in Campanini A. (a cura di), La valutazione nel servizio sociale, Carocci, Roma. Elder G. (1985), Life Course Dynamics, Cornell University Press, Ithaca. Elder G., O’Rand A. (1995), «Adult Lives in a Changing Society», in K. Cook, G. Fihne, J. House (eds.), Sociological Perspectives on Social Psycology, Allin & Bacon, Boston, pp. 452–75. Eliacheff C., Larivière Soulez D. (2008), Il tempo delle vittime, Ponte alle Grazie, Firenze. Erbetta Fontana M., Cadario V. (1991), Sociologia e intervento sociale, Nuova Italia Scientifica, Roma. 290


Eusebi L. (2004), «Modelli di prevenzione dei reati e riforma del sistema penale sanzionatorio», http,//www.volontariatogiustizia.it/documenti/relaz_eusebi.pdf Faget J. (2006), «Mediazione e azione pubblica, la dinamica del fluido», in Processi di mediazione e legami sociali, Sociologia e politiche sociali, vol. 9–2, Franco Angeli, Milano. Fargion S. (2008), «Reflections on social work’s identity. International themes in Italian practioner’s representation of social work», International Social Work 51 (2), SAGE Publications, Los Angeles, London, New Dehli and Singapore, pp 206–19. Federspil G, Vettor R., (2001), «La “evidence–based medicine”, una riflessione critica sul concetto di evidenza in medicina», Ital Heart J Suppl Vol 2, Giugno 2001. Federspil G. (1980), I fondamenti del metodo in medicina clinica e sperimentale, Piccin, Padova. Federspil G., Scandellari C. (1999), «La Medicina basata sulle Evidenze. Un’Analisi Epistemologica», http,//www.pensiero.it/continuing/ebm/med/ebm_analisi1.htm; Ferguson H. (2001), «Social work, individualization and life politics», in British Journal of Social Work, vol. 31, 2001, 41–55. Ferrario F. (1996), Le dimensioni dell’intervento sociale, NIS, Roma. Ferri E. (1977), «Cause individuali e sociali del delitto», in M. Ciacci e V. Gualandi, La costruzione sociale della devianza, il Mulino, Bologna. Feyerabend P.K. (1979), Contro il metodo, Feltrinelli, Milano. Fiandaca G. (2004), «Il giudice di fronte alle controversie tecnico–scientifiche. Il diritto e il processo penale», relazione presentata al convegno Scienze e diritto. Il giudice di fronte alle controversie tecnico–scientifiche, Firenze, 7–8 maggio 2004. Fook J. (2002), Social work, Critical theory and practice, Sage Pubblications, London. Foucault M. (1972), L’ordine del discorso, Einaudi, Torino. Foucault M. (1976), Sorvegliare e punire, Einaudi, Torino. Foucault M. (1999), L’archeologia del sapere, Rizzoli, Milano. Foucault M. (2000), Gli anormali. Corso al Collège de France (1974–1975), Feltrinelli, Milano. Garapon A. (1992), «Droit, médiation et service public», in Information sociales. Gargani A. G. (1975), Il sapere senza fondamenti. La condotta intellettuale come strutturazione dell’esperienza comune, Einaudi, Torino; (nuova edizione 2009, Mimesis, Milano – Udine). Gargani A. (1978), «Introduzione» a Wittgenstein L., Della Certezza, Torino, Einaudi Paperbacks, Torino. Gargani A. G. (cur.) (1979), Crisi della ragione, Einaudi, Torino. Gargani A. G. (1985), Lo stupore e il caso, Laterza, Roma –Bari. Gargani A. G. (1987), «L’attrito del pensiero», in G. Vattimo (cur.), Filosofia ’86, Laterza, Roma – Bari, pp. 5 –22. Gargani A. G. (1992), Il coraggio di essere, Laterza, Roma – Bari. Gargani A. G. (1993a), Il testo del tempo, Laterza, Roma – Bari,. 291


Gargani A. G. (1993b), Stili di analisi. L’unità perduta del metodo filosofico, Feltrinelli, Milano. Gargani A. G. (1995), Il pensiero raccontato. Saggio su Ingeborg Bachmann, Laterza, Roma – Bari. Gargani A. G. (1999), Il filtro creativo, Laterza, Roma – Bari, Gargani A. G. (2003), Wittgenstein, dalla verità al senso della verità, Plus, Pisa. Gargani A. G. (2008), Wittgenstein, musica, parola, gesto, Cortina, Milano. Garland D. (2004), La Cultura del Controllo. Crimine e ordine sociale nel mondo contemporaneo, Il Saggiatore, Milano. Geertz C. (1987), Interpretazione di culture, il Mulino, Bologna, ed. or. (1973), The Interpretation of Cultures, Basic Books, New York. Gendreau P. et al. (2002), «The Common–sense Revolution and Correctional Policy», in J. McGuire (ed.) Offender Rehabilitation and Treatment, Effective Programmes and Policies To Reduce Re–offending, John Wileey and Son, Chichester (En.), pp. 359– 86. Gendreau P., Little T., Goggin C. (1996), «A Meta–analysis of the Predictor of Adult Offender Rehabilitation, What Works», in Criminology, 34 (4), pp. 575–608. Gergen K. (1994), Realities and relationships, soundings in social construction, University Press, Cambridge. Gibbs J.P. (1986), «Deterrence Theory and Research», in G.B. Melton (ed.) The Law as a Behavioral Instrument, Nebraska Symposium on Motivation, vol. 33, University of Nebraska Press, Lincoln, pp. 87–130. Giddens A. (1997), Oltre la Destra e la Sinistra, il Mulino, Bologna. Giddens A. (1994), Le conseguenze della modernità, il Mulino, Bologna. Giddens, A. (1981), «A Contemporary Critique of Historical Materialism» Vol. 1. Power, Property and the State, Macmillan, London. Giddens, A. (1984), The Constitution of Society, Polity, Cambridge. Giuffrida M.P. (2004), «Verso la giustizia riparativa», in Mediares, n. 3, Edizioni Dedalo, Bari. Goffman E, (2003), Espressione e identità. Giochi, ruoli, teatralità, il Mulino, Bologna. Goffman E. (1968), Asylums, Nuovo Politecnico Einaudi, Torino. Goffman E. (1983), Stigma. L’identità negata, Giuffrè Ed., Milano. Goffman E., (2003), Espressione e identità. Giochi, ruoli, teatralità, il Mulino, Bologna. Good B.J. (1999), Narrare la malattia. Lo sguardo antropologico sul rapporto medico–paziente, Edizioni di Comunità, Torino. Gray J. (2002), «National Policy on the Assessment of Children in Need and their Families», in Ward, H. and Rose, W, (eds) Approaches to Needs Assessment in Children’s Services, Jessica Kingsley, London. Grypdonck M.H.F., (2006), «Qualitative Health Research in the Er a of Evidence– Based Practice», http,//qhr.sagepub.com/cgi/content/abstract/16/10/1371. Gui L. (2004), Le sfide teoriche del servizio sociale, Carocci, Roma. 292


Gurney A. (1995), «Models of Assessment», in Older People AND Community Care, Beverley Hughes Oxford University Press Bucks, Oxford, p.70. Harendt H. (2006), Sulla rivoluzione, Einaudi, Torino. Harré R., Gillett G. (1996), La mente discorsiva, Raffaello Cortina Editore, Milano. Harré R., Secord P.F., (1977), La spiegazione del comportamento sociale, il Mulino. Bologna. Hawkes S. (2000), The Assessment of Need and the Assessment of Risk, The Challenges for Child Protection, Sheffields, Department of Sociological Studies, University of Sheffield. Heisenberg W., Schrödinger E., Dirac P.A.M. (1934), Die moderne atomtheorie; die bei der entgegennahme des Nobelpreises 1933 in Stockholm gehaltenen vorträge, Verlag von S. Hirzel, Leipzig. Heisenberg W. (1955), Das Naturbild der heutigen Physik, Rowohlt, Hamburg, (tr. it., 1985, Natura e fisica moderna, Edizioni Garzanti, Milano). Hoggett, P. (2001), «Agency, Rationality and Social Policy» in Journal of Social Policy, 30(1), 37–56. Hughes J.A., Sharrock W.W. (2005), Filosofia della ricerca sociale, il Mulino, Bologna. Iacono A. M. (2010), L’illusione e il sostituto. Riprodurre, imitare, rappresentare, Bruno Mondadori, Milano. IFSW (2000), http//www.ifsw.org/en/p38000208.html Istituto Nazionale dei Magistrati canadesi, «Juger au XXI siècle. Une approche axée sur la résolution des problèmes», www.nji.ca/Public/documents/REV82_F_Judgingfor21stCentury_000_004.pdf Jedlowski P. (2004), «Prefazione», in Poggio B., Mi racconti una storia?, Carocci, Roma. Katz I. (1997), Current Issues in Comprehensive Assessment, NSPCC, London. Kemshall H., Knight C. (2000), «Assessment in childcare», in Davies M., The Blackwell encyclopaedia of social work, Blackwell, Oxford. Kemshall H., Pritchard J., (1996), Good practice 1, Jessica Kingsley Pub, London. Kemshall H., Pritchard J., (1997), Good practice 2, Jessica Kingsley Pub, London. Klee P. (1959), «Confessione creatrice», in Teoria della forma e della figurazione. Lezioni, note, saggi, Feltrinelli, Milano. Kuhn T. (1969), La struttura delle rivoluzioni scientifiche, Einaudi, Torino. Lai G. (1970), Il momento sociale della psicanalisi, Boringhieri, Milano. Lakoff G. (2009), Pensiero politico e scienza della mente (ed. orig. 2008), Bruno Mondadori, Milano. Latessa E., Cullen F., Gendreau P. (2002), «Beyond Correctional Quackery, Professionalism and the Possibility of Effective Treatment», in Federal Probation, 66 (2), pp. 43–9. Lemert E.L. (1967), Devianza, problemi sociali e forme di controllo, Giuffrè Editore, Milano.

293


Lévinas E. (1984), «La realitè e son ombre», in Nomi propri, Marietti, Casale Monferrato. Lipps T. (1966), Raumästhetik und geometrisch –optische Täuschungen, E.J. Bonset, Amsterdam. Lloyd M. e Taylor C. (1995), «From Hollis to the Orange Book, Developing a Holistic Model of Social Work Assessment», British Journal of Social Work, vol. 25, 691–710. Luhmann N. (1987), Teoria politica dello stato del benessere, F. Angeli, Milano. Macdonald K. e Macdonald G.M. (2001), «Perceptions of Risk» in Parsloe P, (ed) Risk Assessment in Social Care and Social Work, Jessica Kingsley, London. Magris C. (2005), Itaca e oltre, Garzanti, Milano. Margarone A. (1994), Apprendere sperimentando, NIS, Roma. Marhaba S. (2002), Introduzione alla psicologia, Upsel, Padova. Maturana H. R. (1970) (trad. it. 1985), «Biologia della cognizione», in H. R. Maturana, F. J. Varela, Autopoiesi e cognitizione. La realizzazione del vivente, Marsilio, Venezia, pp. 45 –109. Mead G. (1966), Mente, Sè e società, Giunti–Barbera, Firenze. Meo A. (2000), Vite in bilico, Liguori, Napoli. Merlini F., Bertotti T., Filippini S. (2007), «Valutazione dei casi e diagnosi sociale», in De Ambrogio U., Bertotti T., Merlini F., L’assistente sociale e la valutazione, Carocci Faber, Roma. Merton R.K. (1968), Social Theory and Social Structure, The Free Press, New York. Messner C. (2000), «Mediazione penale e nuove forme di controllo sociale», in Dei delitti e delle pene, n. 3, pp. 93–111. Middleton L. (1997), Art of assessment, Venture Press, Birmingham. Milgram S. (1974), Obedience to Authority; An Experimental View, Harpercollins, New York. Milner J, O’Byrne P. (2001), «Assessment in social work», in Adams R., Dominelli L. e Payne M., Critical practice in social work, London, Macmillan Press Ltd. Milner J, O’Byrne P. (2004), Il counseling narrativo. Interventi brevi centrati sulle soluzioni, Erickson, Trento. Milner J. e O’Byrne P. (2002), Assessment in Social Work, 2 edition, Palgrave Macmillan, Basingstoke. Ministero della Giustizia – Dipartimento Amministrazione Penitenziaria (2005), «Linee di indirizzo sull’applicazione nell’ambito dell’esecuzione penale dei condannati della mediazione penale e della giustizia riparativa», www.giustizia.it/ministero/struttura/dipartimenti/circolari_note/circ_note_doc/circ olare_gius_rip.htm Ministero della Giustizia – Dipartimento Amministrazione Penitenziaria (2008), «Linee guida per l’inclusione sociale delle persone sottoposte a provvedimenti dell’autorità giudiziaria» , in www.giustizia.it/newsonline/data/multimedia/2394.pdf.

294


Mori L. (2010), «Esperimenti mentali come approccio alla formazione», FOR. Rivista per la formazione, n. 85, pp. 80 –85 Morin P., Aubry F., Vaillancourt Y. (2007), Les pratiques d’action communataire en milieu hlm. Inventaire analytique, Rapport de recherche réalisé pour la Société d’habitation du Québec, www.habitation.gouv.qc.ca. Morineau J. (2000), Lo spirito della mediazione, Franco Angeli, Milano. Mosconi G. (2000), «La mediazione. Questioni teoriche e diritto penale», in Pisapia G.V. (a cura di), Prassi e teoria della mediazione, Cedam, Padova, pp. 3–26. Mosconi G., Padovan D. (2004), «Processo penale e costruzione sociale del delinquente», in A. Balloni, G. Mosconi, F. Prina (a cura di), Cultura giuridica e attori della giustizia penale, Franco Angeli, Milano. Nigris D. (2003), Standard e non–standard nella ricerca sociale. Riflessioni metodologiche, Franco Angeli, Milano. Nussbaum M.C. (2001), Upheavals of Thought, The Intelligence of Emotions, Cambridge University Press, Cambridge. Nussbaum M.C. (2002), Giustizia Sociale e Dignità Umana, il Mulino, Bologna. O’Sullivan T. (2001), «Managing risk», in Adams R., Dominelli L. e Payne M., Critical practice in social work, London, Macmillan Press Ltd. ONU – «Office on Drugs and Crime, Handbook on Restorative justice programmes», in http,//www.unodc.org/pdf/criminal_justice/06–56290_Ebook.pdf. Panza R.A. (2006), «Psicologia e Sociologia Postmoderna, contributi tra l’Italia e gli Stati Uniti d’America», PSYCHOMEDIA Telematic Review, http,//www.psychomedia.it/pm/human/epistndx1.htm. Parton N., O’Byrne P. (2005), Costruire soluzioni sociali, Erickson, Trento. Parton N., Thorpe D. e Wattam C. (1997), Child Protection Risk and Moral Order, Macmillan, London. Parton, N. (1985), The Politics of Child Abuse, Macmillan, Basingstoke. Patrizi P. (1997), «Psicologia e contesto penitenziario, uno sguardo storico», Rassegna penitenziaria e criminologica, 1–2, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma. Pavarini M. (2001), «Dalla pena perduta alla pena ritrovata», in Rassegna penitenziaria e criminologica, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma, Nuova serie, Anno V, gennaio–dicembre, n. 1–3, pp.113–141. Pepino L. (2002), «Tutela della vittima, mediazione penale e giustizia riparativa», in appinter.csm.it/incontri/vis_relaz_inc.php?&ri=ODAzMw%3D%3D, 2002. Perelman C., Olbrechts–Tyteca L. (2001), Trattato dell’argomentazione, Einaudi, Torino. Pisapia G.V., Antonucci D. (1997), La sfida della mediazione, Cedam, Padova. Pitch T. (1989), Responsabilità limitate. Attori, conflitti, giustizia penale, Feltrinelli, Milano. Pizzorno A. (2008), Sulla maschera, il Mulino, Bologna. Polany M. (1966), The tacit dimension, Routledge and Kegan, London. Popper K. (1998), Il mondo di Parmenide, Piemme ED, Milano. 295


Popper K. (1970), Logica della scoperta scientifica [1934], Einaudi, Torino. Print B., Morrison T. e Henneker J. «An Interagency Assessment Framework for Young People who Sexually Abuse, Principle, Processes and Practicalities», in Juveniles and Children Who Sexually Abuse, Frameworks for Assessment, 2nd edition, Lyme Regis, Russell House Publishing. Progetto COFIN 2006, Come pensa la mafia. Relazioni, autonomie e dipendenze nella mente degli uomini di Cosa Nostra. (Approfondimenti clinico–sociali e modelli per il cambiamento), Università di Palermo e Padova. Quine W.V.O. (1986), La relatività ontologica, Armando, Roma. Rahm, E. (1999), «La storia del counseling» in, AA.VV. Integrazione nelle psicoterapie e nel counseling, E.S.A., Roma. Reckless W.C. (1987), «La teoria dei contenitori», in F. Ferracuti (a cura di), Trattato di criminologia e psichiatria forense, vol V, Giuffrè, Milano. Remotti F. (1996), Contro l’identità, Laterza, Roma – Bari. Resta E. (1992), La certezza e la speranza. Saggio su diritto e violenza, Laterza, Roma – Bari. Ricoeur P. (1986 –1988), Tempo e racconto, 3 voll., Jaca Book, Milano. Rifkin J. (2009), La civiltà dell’empatia. La corsa verso la coscienza globale nel mondo in crisi, Mondadori, Milano. Ringelheim F. (2007), «Che cosa vuol dire punire? Intervista a Michel Foucault», in www.ristretti.it/areestudio/cultura/libri/foucault.pdf Rogers C.R. (1971), Psicoterapia di consultazione, Astrolabio, Roma. Rosengren K.E. (2001), Introduzione allo studio della comunicazione, il Mulino, Bologna. Rosenhan D.L. (1973), «On Being Sane in Insane Places», Science, 179, 250–58., traduzione Rosenhan D. L. (1988), Essere sani in posti insani, in Watzlawick P. (a cura di, 1988), La realtà inventata. Contributi al costruttivismo, Feltrinelli, Milano, pp. 105–127. Rovatti P.A. (2007), «Storia e favola di San Giovanni», in Dell’Acqua P., Non ho l’arma che uccide il leone, Nuovi Equilibri, Viterbo. Ruggiero V. (1996), «Introduzione», in Mathiesen T., Perché il carcere, Edizioni Gruppo Abele, Torino. Runs D.D. (1963), Dizionario di filosofia, Mondadori, Milano. Russell B. (1961), Logica e conoscenza, Longanesi & C., Milano. S.I.Co., «Cos’è il counseling», http//www.sicoitalia.it/152,152.html Salvini A. (1981), «Interazione e comportamento deviante, introduzione a Edwin Lemert», in Lemert E.M., Devianza, problemi e sociali e forme di controllo, Giuffrè, Milano. Salvini A. (1988), Pluralismo teorico e pragmatismo conoscitivo in psicologia della personalità, Giuffrè, Milano. Salvini A. (1998), Argomenti di psicologia clinica, UPSEL, Padova.

296


Salvini A., Pirritano M. (1984), «Il metodo etogenico, verso una psicologia dell’interazione», in P. Marsh, E. Rosser e R. Harré, Le regole del disordine, Giuffrè, Milano. Salvini A. (2004), Psicologia Clinica (Seconda Edizione), UPSEL Domenighini Editore, Padova. Santoro E. (2004–2005), «Un carcere senza bussola sociale», in Nuova città, Edizioni Polistampa, Firenze, ottava serie. Sarbin T.R., Kitsuse J.I. (1994), «A Prologue to Constructing the Social», in T.R. Sarbin e J.I. Kitsuse (edt.) Constructing the Social, Sage, London. Sarzotti C. (2004), «La cultura giuridica dei procuratori generali nelle relazioni inaugurali degli anni giudiziari», in A. Balloni, G. Mosconi, F. Prina (a cura di), Cultura giuridica e attori della giustizia penale, Franco Angeli, Milano. Schön D. (1983), The Reflective Practitioner, How Professionals Think in Action, New York, Basic Books, trad. it. (1993), Il professionista riflessivo. Per una nuova epistemologia della pratica professionale, Edizioni Dedalo, Bari. Schütz A. (1932), La fenomenologia del mondo sociale, il Mulino, Bologna. Schütz A. (1979), Saggi Sociologici, a cura di A. Izzo, UTET, Torino. Sclavi M. (2003), Arte di Ascoltare e mondi possibili, Bruno Mondadori, Milano. Sen A.K. (1992), La disuguaglianza, il Mulino, Bologna. Sennett R. (2006), La cultura del nuovo capitalismo, il Mulino, Bologna. Shannon C.E., Weaver E. (1971), La teoria matematica delle comunicazioni, Etas Libri, Milano. Sicora A. (2008), «Il valore conoscitivo delle cose “andate storte”», in Animazione Sociale 1, 2008, p. 89–90. Smale G. et. al. (2000), Social work and social problems, MacMillan, Basingstoke. Sontag S. (2002), La malattia come metafora. Cancro e AIDS, Mondadori, Milano. Staten H. (1984), Wittgenstein and Derrida, University of Nebraska Press, Lincoln. Taleb N.N. (2010), Il Cigno nero, il Saggiatore, Milano. Tomeo V. (1979), «Dalla devianza al conflitto, verso una dissoluzione del concetto di devianza?», in Sociologia del diritto, 1–2, pp.35 ss. Toniato S. (2008), «Teorie e modelli di mediazione, la conciliazione penale presso l’USSM di Venezia», tesi di laurea in Istituzioni e Politiche dei diritti umani e della pace – Facoltà di Scienze Politiche– Relatore prof. Giuseppe Mosconi, aa. 2007–2008. Topolski J. (1997), Narrare la storia. Nuovi principi di metodologia storica, Bruno Mondadori, Milano. Tousijn W. (2004), «Le professioni della salute», in C. Cipolla (a cura di ), Manuale di sociologia della salute, Franco Angeli, Milano, p. 235. Truax, C.B. (1966), Reinforcement and nonreinforcement in rogerian psychotherapy, J. of Abnormal Psychology, 71, 1 –9. Turchi G.P., Fenini D. (2002), «I servizi per le tossicodipendenze», in Salvini A., Testoni I., Zamperini A., (a cura di), Droghe, tossicofilie e tossicodipendenza, UTET Editore, Torino. 297


Turchi G.P. (a cura di) (2002), Tossicodipendenza, generare il cambiamento tra mutamento di paradigma ed effetti pragmatici, Upsel Domeneghini, Padova. Turchi G.P. e Perno A. (2002), Modello medico e psicopatologia come interrogativo, Domeneghini Editore, Padova. Turchi G.P., Baciga D. (2002), «L’interazionismo simbolico, il contributo di A. Salvini», in Turchi G.P. (a cura di), “Tossicodipendenza”. Generare il cambiamento tra mutamento di paradigma ed effetti pragmatici, Domeneghini Editore, Padova. Turchi G.P. et al. (2006), «Per una svolta paradigmatica nell’ambito degli interventi sul consumo di sostanze illegali – Dall’epistemologia della cura alla prospettiva del cambiamento», II edizione”, Atti del Convegno, Padova 2–4 luglio 2004, Aracne Editrice, Roma. Turchi (2003), Dispensa Identità di ruolo e processi organizzativi, UNIPD, Padova. Turchi G.P., Baciga D. (2005), «Un metodo scientifico per la rilevazione della soddisfazione del cliente che non è mail da 1 a 5», Qualità, Giugno Luglio 2005. Turchi G.P., Ciardiello P. (2004), Reato e identità. Implicazioni epistemologiche ed operative – Il contributo del progetto Chirone, Upsel Domeneghini, Padova. Turchi G.P., Della Torre C. (a cura di) (2007), Psicologia della salute. Dal modello bio–psico–sociale al modello dialogico, Armando, Roma. Turchi G.P., Orrù L., Maiuro T. (2007), «La metodologia di ricerca», in G.P. Turchi, C. Della Torre (a cura di), Psicologia della salute. Dal modello bio–psico–sociale al modello dialogico, Armando, Roma, pp. 157–72. Turchi G.P. (2007), M.A.D.I.T. Manuale per la metodologia di analisi dei dati informatizzati testuali, Aracne editrice, Roma. Turchi G.P. (2009), Dati senza numeri. Per una metodologia di analisi dei dati informatizzati testuali, Monduzzi, Bologna. Umbreit Mark S., Burns H. (2006), «La mediazione umanistica, un percorso di pacificazione fondato sui valori base del lavoro sociale», in Processi di mediazione e legami sociali, Sociologia e politiche sociali, vol. 9–2, Franco Angeli, Milano. Vanistendael S. (1994), «Resilience, As Old as Mankind», in Children worldwide, 1, 1994. Vanistendael S., Lecomte J. (2000), Le bonheur est toujours possible, Bayard Ed., Paris. Varela F.J. (1992), Un know –how per l’etica, Laterza, Roma – Bari. Vegetti M. (2007), «Introduzione», in Platone, La Repubblica, a cura di M. Vegetti, BUR, Milano, pp. 7 –249. Vianello F. (2004), Diritto e mediazione. Per riconoscere la complessità, Franco Angeli, Milano. Vidoni Guidoni O. (2004), «Riparare il danno o punire? Le ambivalenze della giustizia riparativa in ambito penitenziario», in A. Balloni, G. Mosconi, F. Prina (a cura di), Cultura giuridica e attori della giustizia penale, Franco Angeli, Milano. Wacquant L. (2000), Parola d’ordine, tolleranza zero. La trasformazione dello stato penale nella società neoliberale, Feltrinelli, Milano. Weick K.E. (1997), Senso e significato nell’organizzazione, Cortina, Milano. 298


Weick K. (1993), Organizzare. La psicologia sociale dei processi organizzativi (ed. orig. 1969), Isedi, Torino. Weick K., Sutcliffe K.M. (2010), Governare l’inatteso. Organizzazioni capaci di affrontare le crisi con successo (ed. orig. 2007), Cortina, Milano. Werner E.E., Smith R. (1982), Vulnerable but invincible. A longitudinal study of resilience children and youth, Mc Graw Hill, New York. Westen D. (2008), La mente politica. Il ruolo delle emozioni nel destino di una nazione (ed. orig. 2007), Il Saggiatore, Milano. Winslade J., Monk G. (2000), Narrative Mediation, A New Approach to Conflict Resolution, Jossey–Bass, San Francisco, CA. Wittgenstein L. (1978), Della Certezza, Einaudi Paperbacks, Torino. Wittgenstein L. (1974), Tractatus logico–philosophicus e Quaderni 1914–1916, a cura di A.G. Conte, Einaudi, Torino. Wittgenstein L. (1967), Ricerche filosofiche, Einaudi, Torino. Wittgenstein L. (1986), Zettel, a cura di M. Trinchero, Einaudi, Torino. Woodcock J. (2003), «The Social Work Assessment of Parenting, An Exploration», British Journal of Social Work, vol. 33, 87–106. Zagrebelsky G. (2008, Contro l’etica della verità, Laterza, Roma – Bari. Zilianti A., Rovai B. (2007, Assistenti sociali professionisti. Metodologia del lavoro sociale, Carocci Faber, Roma. Zimbardo P. (2008), L’effetto Lucifero, Cortina Editore, Milano.

299


300


Gli autori Patrizia Ciardiello – Dottore di ricerca in Istituzioni, amministrazioni e politiche regionali, assistente sociale specialista e educatore. Ha conseguito il Master in Promozione della partecipazione sociale e il Perfezionamento in Antropologia culturale applicata. È funzionario del Ministero della Giustizia. È stata responsabile delle attività formative del personale dell’amministrazione presso il Provveditorato A.P. per la Lombardia e ha diretto l’Ufficio del Garante dei diritti delle persone limitate nella libertà presso la Provincia di Milano. E–mail: patrizia.ciardiello@gmail.com Luigi Colaianni – Dottore di ricerca in servizio sociale, assistente sociale specialista, sociologo della salute. Insegna discipline sociologiche e del servizio sociale in varie università italiane. È formatore accreditato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali e referente per il nodo italiano del network europeo DANASWAC (Discourse And Narrative Approach to Social Work And Counselling). E–mail: luigi.colaianni@gmail.com Davide Fenini – Psicologo, consulente esperto in processi organizzativi. Guido Giarelli – Professore associato di Sociologia generale presso l’Università “Magna Graecia” di Catanzaro, direttore scientifico del Centro di Ricerca Interdipartimentale sui Sistemi sanitari e le Politiche di welfare (C.R.I.S.P.). È presidente della European Society for Health and Medical Sociology (ESHMS). Luca Mori – Dottore di ricerca in Discipline filosofiche presso l’Università di Pisa, svolge attività di ricerca per il Laboratorio filosofico sulla complessità (Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Pisa–Comune di Rosignano Marittimo) diretto da Alfonso Maurizio Iacono. Luisa Orrù – Psicologo, fa parte del gruppo di ricerca MADIT diretto da G. P. Turchi dell’Università di Padova. Michele Romanelli – Dottore in Psicologia Clinica e Membro del Gruppo di Ricerca in Metodologia di Analisi dei Dati Informatizzati Testuali dell’Università degli Studi di Padova. Gian Piero Turchi – Docente di Psicologia Clinica presso l’Università degli Studi di Padova e Responsabile Scientifico del Gruppo di Ricerca in Metodologia di Analisi dei Dati Informatizzati Testuali. Alessandra Zielli – Assistente sociale specialista, mediatore familiare, dottoranda di ricerca presso UNIROMA3. Lavora presso l’Amministrazione penitenziaria, per la quale si è occupata di formazione del personale.

301

Cambiamo discorso. Diagnosi e counselling nell’intervento sociale secondo la scienza dialogica  

Nuova edizione integrata. Una teoria e un modello applicativo che fonda scientificamente l'assessment e il counselling, attraverso la filier...