__MAIN_TEXT__

Page 1

issue 8_spring 2013


2

CITYVISION 08


jury panel ALEANDRO ZAERA-POLO JEFFREY INABA JEROEN KOOLHAAS HERNAN DIAZ ALONSO CRISTIANO TORALDO DI FRANCIA

Feb-June 2013

Rio de Janeiro cityvision competition 2

CITYVISION 08

www.cityvisionweb.com


cityvision International lab publishing free press architectural magazines setting up international competitions and creating amazing projects/events www.cityvisionweb.com

08 CITYVISION

3


building green futures architecture for sustainable development www.buildingreenfutures.org

our mission building green futures is a non-profit organization created to promote sustainable architecture and renewable energy towards improving living conditions and access to essential services in developing countries.

what we do we give dignity to built spaces and to the people, who live in them, through quality design and high performance buildings. we host training and research programmes on sustainable architecture applied to humanitarian and development projects.

To find out more and get involved, write to info@buildingreenfutures.org

green school for Gaza an off-grid building that relies only on renewable and locally available resources . the project design ensures better learning conditions, regular access to water and modern sources of energy through affordable and simple construction systems.


08 CITYVISION

5


YOUR CONNECTION WITH ARCHITECTURE

A new renaissance is taking form, the globalisation of architecture. Archello is embracing it, by connecting people with experience in the built environment. This open platform allows you to extend your network, learn from the stories of professionals and discover great projects, products and materials. Contribute your projects today and show the world your connection with architecture.

www.archello.com


CHE BELLO è una storia vera, è un progetto che nasce dalla volontà di esaltare tutto ciò che la vita giornalmente ci regala, CHE BELLO ti aiuta ad essere migliore, cura le ferite con un sorriso e ti pervade col suo messaggio semplice ed immediato, CHE BELLO ti insegna ad amare te stesso e gli altri, CHE BELLO è vita, è un dono, è il dono di Eva, il suo mezzo per pubblicizzare la vita e accogliere ogni singolo momento come il primo di una lunga serie ricordandoci quanto sia affascinante meravigliarsi e costruire una felicità comune, CHE BELLO era il suo modo di sorridere. Adesso è anche il tuo.

CHE BELLO is a true story, it’s a project born from the desire of celebrating all that life offers us every day, CHE BELLO helps you to be better, it heals your wounds with a smile and pervades with its simple and immediate message, CHE BELLO teaches you loving yourself and the others, CHE BELLO is life, it’s a gift It’s the Eva’s gift,  her way to advertise and welcome each moment as the first one of a long series reminding us how fascinating is being surprised and building a common happiness,  CHE BELLO was her way of smiling.  Now is also yours. facebook.com/chebelloooo


CITYVISION ADV

Radisson Blu es. Hotel, Roma Via Filippo Turati 171, 00185 Roma, Italia Sales & Marketing Dept. +39 06 444 848 08 sales.roma@radissonblu.com radissonblu.com/eshotel-rome


Raquel Figueira w w w. r aquelf ig ueir a . com f ig ueir a . r aquel@g mail . com




Issue #1

For kids who are into everything & anything

FOR KIDS WHO ARE INTO EVERYTHING & ANYTHING THE magazine that thinks it’s a newspaper

W h W yD ea on r S ’t ki Bo rt y s? s

ISSN 2051–3739

M

ol ly ’s

M

ys te r

y

An

im

al

Ar ch

ite

ct

s

£4.50

D

O

G um

en ta r

y

Ed ib le

M

as

ks !

Sm

al lW on

de

rs

The magazine that thinks it’s a newspaper

Winter 2012

subscrIBE!

08 CITYVISION 11

www.theloop-news.com


PLAYERS OF THIS ISSUE

Francesco Gatti architect

Francesco Gatti fonda lo studio 3GATTI a Roma nel 2002. Nel 2004 apre una filiale a Shanghai dove ha l’opportunità di realizzare diversi progetti che vanno dal mondo dell’architettura a quello dell’arte e dell’interior design. Francesco Gatti founded 3GATTI in Rome in 2002. In 2004 he opened a branch of the office in Shanghai where he had the opportunity to accomplish several projects from architecture to art and interior design. DESCRIBE YOUR PERSONAL SICK AND WONDER Il mio corpo è disgustosamente bello e il mio sapere meravigliosamente brutto. My body is disgustingly and beautiful and my knowledge is an ugly wonder.

Elisa Vendramin illustrator and graphic designer

Sono una designer italiana che vive a Reykjavik. Mi occupo di progetti editoriali e di illustrazione. Amo l’astrazione, le fotografie da satellite e gli spazi vuoti. Probabilmente sarei potuta diventare un astronauta. I’m Elisa, an Italian designer based in Reykjavik. I work mostly on editorial projects and illustration. I enjoy abstraction, satellite footage and empty spaces. I would have probably made a brilliant astronaut. DESCRIBE YOUR PERSONAL SICK AND WONDER Un ricordo allo stesso tempo nostalgico e nauseante. A memory of nauseating homesickness.

Federico Giacomarra architect

Essere nato il 29 Febbraio non sono mai riuscito a capire se mi abbia portato più fortuna o sfiga, avendo da tre anni superato il quarto di secolo forse è ancora presto per dirlo...Qualche soddisfazione me la sono presa, dopo una sudata laurea in Architettura (quale non lo è?) fra Milano e Roma, decido di girare l’angolo. Ora che sono a Londra capisco davvero dove sono stato fino ad ora... Being born on the 29th of February I have never understood if it has brought me more good luck or bad luck, I saw a quarter of a century pass three years ago perhaps is too early to say ... I’ve had some satisfactions, after taking a tough degree in architecture (which degree isn’t?) between Milan and Rome, I decided to turn the corner. Now that I’m in London I really understand where I’ve been so far ... DESCRIBE YOUR PERSONAL SICK AND WONDER Perdersi nella forma per scoprirne il contenuto, e viceversa. Getting lost in form to discover its content, and vice versa.

12

CITYVISION 03 08


Sebastian Di Guardo

Snorri Eldjárn Snorrason

Catanese. Ama arte letteratura e rock. Si laurea a Siracusa, un’esperienza forte, e poi a Roma, città che amplia le sue idee. Lavora e vive a Roma sognando di cambiare l’architettura o cambiare mestiere.

Snorri Eldjárn è una designer e illustratrice che vive a Reykjavík, da poco laureata all’Iceland Academy of the Arts.

architect

Born in Catania. He loves literature art’n’rock. Graduated in Siracusa, a powerful experience, then to Rome, city that expands his ideas. Lives-works in Rome, dreams of changing architecture or change jobs.

illustrator and graphic designer

Snorri Eldjárn is a Reykjavík based designer and illustrator, recently gratuated from Iceland Academy of the Arts. DESCRIBE YOUR PERSONAL SICK AND WONDER Ama ciò che fai, fai quello che ti piace.

DESCRIBE YOUR PERSONAL SICK AND WONDER La realtà nel suo equilibrio ferisce sempre il nostro animo.

Love what you do, do what you love.

Reality in its balance always hurts our hearts.

Emmanuele JONATHAN Pilia critic and publisher

Interessato alle relazioni tra epistemologia ed estetica, è particolarmente attento alle espressioni architettoniche che raccolgono la sfida del transumanesimo. Nel 2011 fonda, con Massimiliano Ercolani, il laboratorio ALTA, e nel 2012, con Alessia Rinaldi, Deleyva Editore. Dal 2009, collabora con il prof. Fabio Quici. He is interested in the relationship between epistemology and aesthetics, and especially to the challenge of transhumanism. In 2011 he founded, with Massimiliano Ercolani, ALTAlab, and in 2012, with Alessia Rinaldi, Deleyva Editore. Since 2009, he collaborates with prof. Fabio Quici. DESCRIBE YOUR PERSONAL SICK AND WONDER L’abisso e lo splendore della creatività della nostra specie.

Giampiero Sanguigni & Federica Verona architects

Federica Verona (Milano) e Giampiero Sanguigni (Roma) sono architetti. Entrambi collezionano le storie delle persone e delle città che osservano. La prima le cattura con il suo cellulare, il secondo in un taccuino. Federica Verona (Milan) and Giampiero Sanguigni (Rome) are architects. Both collect stories - people and cities - . The first catch them with her mobile, the second in a notebook. DESCRIBE YOUR PERSONAL SICK AND WONDER Disgusto e meraviglia sono gli estremi di un cerchio interrotto. Sick and wonder are the extremes of a broken circle.

The abyss and the splendor of the creativity of our species.

08 CITYVISION 13


Lash up

Peteris Lidaka

architects

Da illustratore Peteris esplora il divertimento, l’umorismo e la follia attraverso suoi disegni. Lavora in diversi campi: disegno a mano, animazione, fotografia, scultura. Peteris è il Direttore Creativo di Mooz!, una delle agenzia di pubblicità di maggior successo in Lettonia.

Claudio Granato & Enrico Pieraccioli

Lash-up sta ad indicare l’apparizione simultanea e concomitante di un certo numero di fenomeni e occorrenze, che a loro volta rendono possibile riflessioni sullo spazio e sul tempo in architettura. Lash-up refers to the simultaneous and concurrent, appearance of a number of phenomena and occurrences, which in turn make possible reflections on space and time in architecture. DESCRIBE YOUR PERSONAL SICK AND WONDER “L’uovo ha una forma perfetta benché sia fatto col culo”. Bruno Munari “The egg has a perfect shape although it’s made by an ass”. Bruno Munari.

Raquel Figueira visual artist and designer

Vengo da un luogo soleggiato chiamato Lisbona e attualmente vivo a Londra, dove passo il mio tempo a creare immagini. Il mio lavoro include l’illustrazione, la grafica e la scenografia unito al mio materiale artistico. I come from a sunny place called Lisbon and currently live in London where I spend my time creating images. My practice includes illustration, graphic design and set design alongside my personal artwork. DESCRIBE YOUR PERSONAL SICK AND WONDER Ama ciò che fai, fai quello che ti piace. Love what you do, do what you love.

artdirector, creative director, illustrator

Peteris as illustrator explores fun, humor and craziness in his drawings. He works in different media – hand drawing, animation, photography, sculpture. Besides personal work Peter is the Art Director/ Creative Director in MOOZ!, that is one of the most successful advertising agencies in Latvia. DESCRIBE YOUR PERSONAL SICK AND WONDER Smell of boiled mushrooms and rainbow! Odore di funghi cotti e arcobaleno!

Maria Azzurra Rossi architect, graphic designer, editor

La terra del Vasari la vede nascere nel 1984 e scappare a Roma 20 anni dopo. Si sente tripartita: 1/3 architetto per natali, 1/3 grafica per passione, 1/3 editor per vocazione. Ha sviluppato progetti ibridati nel campo editoriale e curatoriale per CityVision, Abitare, LoSpremiagrumi, Cosebelle e Dude. The land of Vasari witnessed her birth in 1984 and her running away to Rome 20 years later. She feels tripartite: 1/3 native architect, 1/3 graphic designer for passion, 1/3 editor for vocation. She developed hybridized projects in editorial and curatorial fields for CityVision, Abitare, TheJuiceSqueezer, Cosebelle and Dude. DESCRIBE YOUR PERSONAL SICK AND WONDER Suona la sveglia, diamine sono già le 8. Ed il sorriso, fuori nevica.

The alarm rings, damn it’s 8 o’clock! And the smile, it’s snowing outside.

14

CITYVISION 08


Golnaz Ebrahimi

Disguincio&co

Osservo gli umani, ascolto i mattoni, tocco la musica, odoro la luce e il sapore dell’immaginazione: questo mi dà la possibilità di sentire il mondo e cambiare l’impossibile.

architecture and product design practice

architecture student

I see humans, I listen to bricks, I touch the music, I smell the light and taste imagination, this gives me the possibility to feel the world and change the impossibles. DESCRIBE YOUR PERSONAL SICK AND WONDER Finché l’infinito silenzio del desiderio urlerà per le strade, io sceglierò la natura come l’elemento più meraviglioso del mondo.

Mirco Bianchini Mirko Daneluzzo

D&co opera attraverso la progettazione sviluppando metodologie multidisciplinari che utilizzano apparati simulativi digitali alla ricerca di linguaggi in grado di rinnovare la conoscenza. D&co works through a design process developing multidisciplinary methodologies that use digital simulations in search of languages able to renew the knowledge. DESCRIBE YOUR PERSONAL SICK AND WONDER L’esperienza del gusto attraverso la perdita.

As long as the endless silence of desire shout in the street, I would choose nature as the most wonderful thing in the world.

Experiencing taste through loss.

SCEG

Stefano Carera Eirini Giannakopoulou

architects

L’architettura è per loro un codice operativo che permette l’esplorazione del lavoro alle diverse scale di intervento: urban visions, masterplan, architettura, interior design, oggetti, accessori. Le forme archetipo sono i principali riferimenti e il loro vocabolario. Utopia e teoria le sfide della ricerca progettuale fatta di analisi diagrammatica delle loro visioni. Architecture for them is a code that give the tools and the knowledge to open their work in different scales of space: visions, masterplans, architecture, interior and furniture design, objects and accessories. Their references are simple archetype-geometric forms that become their working vocabulary. Utopia and theory are the challenges of their research and their diagrammatic analysis of different visions of architecture. DESCRIBE YOUR PERSONAL SICK AND WONDER Meraviglia: una casa disegnata da un bambino Disgusto: una casa che mi ricorda una casa disegnata da una bambino Wonder:a house that has been drawn by a child. Sick: a house that reminds me of a house that has been drawn by a child.

08 CITYVISION 15


Eleanor Meredith

Valentina Soana

Eleanor disegna momenti difficili tra le persone, animali stranamente proporzionati e serraglie apocalittiche. Lavora tra animazione, grafica e come editor per il quotidiano per bambini The Loop.

Valentina Soana nasce a Roma nel 1986. Nel 2005 Inizia i suoi studi in architettura presso la facoltà di Architettura “Valle Giulia” La Sapienza di Roma. Nell’anno 2008/2009 studia all’Universidad Alfonso X el Sabio di Madrid. Nel 2009 prosegue gli studi presso la “KTH Architecture School” a Stoccolma dove si laurea con lode nel 2011. Nel 2011 vince l’OFFCETT Prize 2011 per il miglior progetto di tesi 2011 e viene premiata da una giuria internazionale. Valentina ha lavorato nello studio di Tom Wiscombe a Los Angeles e da Ottobre 2011 lavora presso lo studio Asymptote Architecture a New York.

illustrator and animator

Eleanor draws awkward moments between people, strangely proportioned animals and apocalyptic menageries. She works between animation, printmaking and also edits the Children’s newspaper The Loop. DESCRIBE YOUR PERSONAL SICK AND WONDER Disgusto - spinta Meraviglia - il colore blu Sick – Pushing Wonder - the colour blue

Beniamino Servino architect

SERVèN Attivo dal 1994, è un motore di pensiero costruito intorno a Beniamino Servino. Elabora teorie sulla dimensione monumentale dell’architettura per una città-territorio [postecologista] della sovrapposizione. Recentemente, come conseguenza della crisi economica mondiale, definisce e aggiorna un manuale di Estetica della Miseria Dignitosa. SERVèN Active since 1994, it’s an engine of thought built around Benjamin Servino. He develops theories of monumental dimension in architecture for a city-territory [post-ecologist] overlap. Recently, as a result of the global economic crisis, he defines and updates a manual of Aesthetics of Dignified Poverty. DESCRIBE YOUR PERSONAL SICK AND WONDER Dansè Macabrè. Verso una estetizzazione del Macabro. Dansè Macabrè. Towards an aestheticization of the Macabre.

16

CITYVISION 08

architect

Valentina Soana born in Rome in 1986. From 2005 to 2008 she studies at “Valle Giulia” Architecture School of Rome. In 2008 She studied in Madrid at Universidad Alfonso X el Sabio. In 2009 She moved to Stockholm where she received her Master in Architecture with Honour in 2011 from the KTH Architecture School. Her thesis project was designed as the “Best Thesis Project 2011” and she also received the OFFCETT Prize 2011. She worked for Tom Wiscombe in Los Angeles and from October 2011 she is working at Asymptote Architecture in New York. DESCRIBE YOUR PERSONAL SICK AND WONDER È un percorso tra diversi stati percettivi che parte con l’osservazione, matura in attrazione e curiosità per condurre all’abbandono dei sensi nella contemplazione. It’s a path between different perceptive states that begin with observation, then into attraction and curiosity and finally lead to a full experience in contemplation.


DISTRIBUTION ROME Bo o ksho ps Lib reria Ka p p a v ia Gramsc i 3 3 + piaz z a Fo ntanella Bo rg hese 6 Discoteca La zia le v ia Mamiani 6 2 Aud itorium Pa rco d ella Musica v iale Pietro de Co uber tin A ltroQua nd o v ia del Gover no Vec c hio 8 0 ,8 2 ,8 3

COLOPHON

founding & managing editor vanessa todaro founding editor & art director francesco lipari marketing & adv paolo emilio bellisario marco arciero director | direttore responsabile emilio fabri english translations | traduzioni lina strazzanti contributors emmanuele jonathan pilia, sebastian di guardo, disguincio & co, valentina soana francesco gatti, federico giacomarra, snorri eldjárn snorrason, elisa vendramin, giampiero sanguigni & federica verona, maria azzurra rossi, golnaz ebrahimi, peteris lidaka, claudio granato & enrico pieraccioli, stefano carera & eirini giannakopoulou, raquel figueira, eleanor meredith, beniamino servino cover | copertina elisa vendramin owner/publisher | proprietario/editore maria vanessa todaro office address | sede del periodico CityVision Mag via Appia Nuova 503, 00181Rome, Italy phone +39 06.39031053 www.cityvision-mag.com printed by | stampato da C.S.R. Srl - Tipografia Roma finito di stampare giorno11 febbraio 2013 Registrata al Tribunale Civile di Roma n° 211/2010 del 13/05/2010

COVER IMAGE for Cityvision by Elisa Vendramin

Interpretation of Sick and Wonder Title Cinema & architecture

Museums MA XXI v ia Guido Reni 6 MACR O v ia N iz z a 1 3 8 Museo d ell’A ra Pa cis v ia dei Baular i 1 Acca d emia d i Fra ncia v iale Della Tr inità Dei Mo nti 1 Ca sa d ell’A rchitettura piaz z a Manf redo Fanti 4 7 Galler ies Mond o B izza rro v ia Reg g io E milia 3 2 U no su N ove v ia deg li Spec c hi 5 0 R GB piaz z a di Santa Mar ia Liberatr ic e 4 6 Fond a zione Volume v ia Santa Mar ia d e l l ’A n i m a 1 5 C o m e S e v i a d e i B r u z i Fa ctor y _ R oma v ia Po r tuense 2 2 3 - 2 2 5 Fac ulty, Ac ademies and Cultural I ns titutes Fa coltà d i A rchitettura “Lud ovico Qua roni” v ia Flaminia 7 0 + v ia E .Gianturc o 2 Fa coltà d i A rchitettura “Fonta nella B org hese” Larg o della Fo ntanella di Bo rg hese Fa coltà d i A rchitettura Va lle Giulia v ia A nto nio Gramsc i Fa coltà d i A rchitettura R oma Tre v ia Mado nna de Mo nti 4 0 + Larg o Giovanni Mar z i 1 0 Acca d emia d elle B elle A r ti v ia di Ripetta 2 2 2 Dip a r timento A rchitettura piaz z a Car rac c i 1 I s tituto Isia R oma Desig n piaz z a della Maddalena 5 IED v ia Giovanni Branc a 1 2 2 + v ia A lc amo 1 1 Is tituto Qua sa r v ia N iz z a 1 5 2 Acca d emia d ella Mod a v ia della Ro ndinella 2 Is tituto Svizzero v ia Ludov isi 4 8 S to res and Bar s 40 Gra d i v ia Virg ilio 1 d Pa ssa g ua i Vin Ca fè v ia Po m po nio Leto 1 Ca sa Clementina v ia Clementina Cof fee Pot v ia della Leg a Lo mbarda 5 2 a Cua d ros v ia del Gover no Vec c hio 2me v ia deg li Or sini 2 6 B a r d el Fico piaz z a del Fic o La B irretta v ia Do natello 1 Pa ra p herna lia v ia Leo nina 6 Sup er v ia Leo nina 4 2 Pifeb o v ia dei Ser penti 1 4 1 + v ia dei Vo lsc i 1 0 1 /b R ock Cycle v ia dei Vo lsc i 4 4 b Freni e Frizioni v ia del Po liteama 4 Il B a retto piaz z ale Giuseppe Gar ibaldi Circolo d eg li A r tis ti v ia Casilina vec c hia N ecci v ia Fanf ulla da Lo di 6 8 Contes ta R ock Ha ir v ia del Pig neto 7 5 + v ia deg li Zing ar i 9 /1 0 Ultra suoni R ecord s v ia deg li Zing ar i 6 1 /a Cla sse A r tig ia na Monti v ia del Bo sc hetto 7 6 B a r Ma ra ni v ia dei Vo lsc i 5 7 Mia Desig n B ook v ia di Ripetta 2 2 4 Es tile v ia Chiana 1 5 Ca f fè Lettera rio v ia Os tiense 9 5 Treeb a r v ia Flaminia vec c hia 2 2 6 B ea ver ton v ia dei Ser penti 9 6 Elvis Lives v ia dei Vo lsc i 4 8 T IE B R EA K v ia f laminia 1 5 8Ca f fè Prop og a nd a v ia c laudia 1 5 and many mo re… MI L A N Politecnico d i L. da Vinc i 3 2 Trienn Vision La b v ia Lambr Desig n v ia A . Sc iesa Berg o g no ne, 2 7 MEET Grande 1 4

Mila no piaz z a a le B ovisa + Trienna le usc hini 3 1 IED 4 Sp a zio FMG Via 2B IZ A lza ia N av ig lio

FLORE N CE CCC S trozzina Centro d i Cultura Contem p ora nra a Pa la zzo S trozzi piaz z a S tro z z iCentro p er l’A r te Contem p ora nea Luig i Pecci v iale della Repubblic a 2 7 7 Fa coltà d i A rchitettura “Sa nta Teresa ” v ia della Matto naia 1 4 IED Firenze v ia M. Bufalini 6 /r B ib lioteca d elle Ob la te v ia dell’Or iuo lo 2 6 N a rd ini B ooks tore v ia delle Vec c hie Carc er i I Visiona ri piaz z a Sauro N az ar io 1 4 /R La sh-up v ia Pietro Franc av illa 1 1 Mla b A rchitetti v ia della Chiesa 3 8 /r A mniosy A v ia Giovanni Battis ta N ic c o lini 2 /r TU RI N Fond a zione Sa nd retto R e R eb a ud eng o v ia Mo dane 1 6 Gurlino A rred a menti v ia Car lo A lber to 3 8 DDR v ia Ber tho llet 1 1 ToolB ox v ia Ag o s tino da Mo ntefeltro 2 N E W YORK S torefront for A r t a nd A rchitecture 97 Kenmare S treet Moma PS1 4 6 0 1 2 1 s t S treet Lo ng I sland City

08 CITYVISION 17


this issue is about what is Sick and what is Wonder in your own city it required 4 months to make it has involved 13 contributors each one wrote a piece telling a story about a city their stories have been illustrated like fairy tales by 5 artists/illustrators to read this magazine you’ll have to flip it, move it, rotate it and, above all, you should not feel seasick enjoy!


20 Francesco Lipari SICK & WONDER The Annual Theme 26 Emmanuele Jonathan Pilia PAPER BASTARDS 30 Federico Giacomarra Z(ONA) E(SPANSIONE) N(ORD) Palermo 38 Giampiero Sanguigni and Federica Verona ZERODUEZEROSEI Rome 46 Beniamino Servino DANSÈ MACABRÈ hommage a le dégoût et la merveille 56 Disguincio & Co ABOUT DISGUST 58 Valentina Soana THE FUR(E) OF STUDIO SIFT 74 Francesco Gatti THE CITY OF DREAMS Shanghai 78 Golnaz Ebrahimi GRAND BAZAAR Tehran 84 Stefano Carera and Eirini Giannakopoulou YÀNWÙ AND HUÀIYI Beijing 90 Maria Azzurra Rossi CIDADE MARAVILHOSA Rio de Janeiro 98 Sebastian Di Guardo THE REALITY OF THE CONTRADICTORY Imaginary Cities 106 Enrico Pieraccioli and Claudio Granato THE TWO POLES North and South Poles


sick & wonder

the annual theme

text Francesco Lipari

Intro

Questo è un numero speciale. Tra le sue pagine il nuovo tema annuale di Cityvision dal titolo Sick & Wonder (Disgusto e Meraviglia) che accompagnerà la sua programmazione per l'intero 2013. L'idea di una tematica così impegnativa nasce dalle crescenti e paradossali fatiche che ci hanno direttamente spinto a mischiare le carte nel mazzo del nostro operato, scommettendo ancora una volta su una città – Roma – che è anche uno dei motivi generativi di così tante ricerche architettoniche e sociali dal sapore all'apparenza amaro. Attraverso progetti di ampio respiro come My Masochism, Past Shock, e adesso Disgusto e Meraviglia, si sono affrontati temi in realtà profondi che hanno prodotto proficue riflessioni sul comportamento e la vocazione di città accomunate da una forte connotazione storica unita ad una grande voglia di futuro. Lo scorso anno, sviscerando in lungo e 20

CITYVISION 08

in largo il disagio temporale di un Passato che si era sostituito al Futuro, abbiamo sottolineato un modello di città che cambia in maniera controllata, lenta e soprattutto ostacolata da crisi e tiri mancini perfettamente architettati da “forze esterne”. Sick & Wonder adesso è alla ricerca di nuovi modelli di città che nascano dall’analisi, risoluzione e possibile sovversione del conflitto fra città e uomo e, in una visione più ampia, tra il male e il bene. Ci troviamo, infatti, a vivere una fase limite della storia dell’umanità nella quale le città, e la società in generale, cambiano rapidamente al cospetto di un uomo sempre più confuso che da poco inizia a prendere coscienza della nuova direzione evolutiva che è obbligato a prendere. Una tale situazione innesca un processo di straniamento e alienazione, in una parola di disgusto, in cui l’essere umano cerca in tutti i modi di rimanere aggrappato alla propria umanità assorbendo di conseguenza gli effetti della sempre più straziante lotta fra male e bene. Il disgusto, oltre ad essere sviscerato nella sua accezione estetica, di modello percettivo extra sensoriale, ultra gustus, quasi feticista, che definiamo di tipo positivo/primordiale (bene), viene soprattutto identificato in quella condizione di castratio voluptatis,


magazine | NUMERO 8

Se da un lato la maggior parte delle nazioni, nelle loro forti diversità accomunate dalla massificazione del profitto, concentrano il potere nelle mani di pochi, dall'altro il diffondersi del sapere e delle piattaforme di comunicazione a basso costo, l’attivismo ambientalista, le cooperazioni internazionali, l’avanzare della tecnologia, sembrano creare un certo contrappeso.

ovvero nell’impossibilità di attuare cambiamenti reali, il disgusto naturale/indotto (male). Disgusto è l’azione analitica e critica di insofferenza verso qualcosa che ci viene somministrato da sempre e che non ci lascia esprimere attraverso il nostro personale modus operandi; è a sua volta uno strumento affilato, critico-percettivo, per osservare con un nuovo filtro ciò che è sempre stato ‘normale’. La normalità (o abitudine) odierna di trovarsi ripetutamente alle prese con un sistema ingestibile e inarrivabile che genera frustrazione e momenti di stallo. Scopo di Sick & Wonder è allora quello di proporre un cambio radicale di prospettiva: supportare una nuovo modello di normalità, attraverso lo strumento della meraviglia, ovvero di una visione diametralmente opposta a quella che fino ad oggi per noi è stata la consuetudine delle cose, creando così una frattura nel DNA di una società scorretta, facendo in modo che questo rappresenti l’eccezione alla “regola”. Attraverso l’individuazione di quelle componenti fondative delle città e il ribaltamento di modelli fin troppo consolidati come la politica, la religione, l’economia solo per citarne alcuni, la coscienza evolutiva e aptativa dell’essere umano genererà nuove dinamiche inaspettatamente meravigliose. Il cittadino in questa situazione è come un bambino, coglie con disgusto e meraviglia il fascino della sua città che genera nuove sfaccettature, così come il suo divenire una sorta di “Matrix”, un “romanzo globale” simile ad un noir in cui gli ideali sbiadiscono e nulla di sacro rimane.

Le città e i luoghi che in questo numero sono “presi di mira” sono significativi di tale incertezza e rappresentano situazioni-limite di intere nazioni che sono esse stesse fenomeni di emergenza globale e di mutamento significativo. Altre nazioni possono meglio essere rappresentate da un binomio di due città-simbolo. La sequenza proposta attraverso questo numero, scritto da 13 contributors ed illustrato come una favola per bambini da 5 illustratori, passa dalla situazione più ottimistica alla peggiore immaginabile: Palermo, Roma, Shanghai, Tehran, Beijing, Rio de Janeiro, Città Immaginarie, Poli. Queste città rappresentano situazioni limite negative, spesso di carattere nazionale, nelle quali ad una reale sensazione di disgusto generata da politiche errate, malcostume architettonico, diseducazione, negligenza stabile si contrappone un micidiale senso di meraviglia e di stupore che quasi resettano il pensiero precedente. Meraviglia che in alcuni casi coincide con la città e in altri con l'essere umano.

CONCORSO | RIO DE JANEIRO

Il concorso ha come scopo quello di fornire una visione sul futuro di Rio de Janeiro. Viviamo un momento storico in cui tutto sembra capovolto e in pochi anni Rio de Janeiro sarà al centro dell’attenzione del mondo grazie alle Olimpiadi XXXI e la Coppa del mondo di calcio nel 2014 e per questo avrà la grande responsabilità di città testimone.

Rio de Janeiro è una città che pullula di contraddizioni, di binomi sensoriali che regolano e determinano giornalmente le azioni e le reazioni dei suoi cittadini: bene e male, ricchi e poveri, felicità e tristezza solo per citarne alcuni. Dalla scelta, combinazione o sottrazione di questi elementi dalla scacchiera città (edifici e abitanti) occorre ideare un nuovo modello di città che interpreti uno stravolgimento, anche esasperato, dell’attuale status quo. Il concorso vuole proporre un cambiamento radicale di prospettiva - da cima a fondo - non più dall’uomo verso la città ma dalla città verso l’uomo e in cui il male diventa bene, i ricchi diventano poveri, la religione svolge un altro ruolo….. Per far ciò sarà necessario analizzare la città e coglierne l’essenza del suo disgusto per poi sovvertirla attraverso la meraviglia, facendo anche i conti con una realtà compromessa dalla crisi e nella quale il significato del Tempo ha perso di valore assumendo una definizione congiunta per cui presente, passato e futuro sono un’unica cosa. 08 CITYVISION 21


mainly hampered by crisis and dirty tricks perfectly engineered by “external forces�.

Intro

This is a special edition. In its pages the new annual theme of Cityvision entitled Sick & Wonder (Wonder and Disgust) that will accompany its programming for the entire 2013. The idea of a subject so difficult arises from the paradoxical and increasing efforts that have directly led to shuffle the cards in the deck of our work, once again betting on a city - Rome - which is also one of the generative reasons for so much architectural and social research of an apparent bitter taste. Through large-scale projects such as My Masochism, Past Shock, and now Sick and Wonder, we have addressed some very deep issues which have led to fruitful reflections on the behavior and vocation of cities that are united by a strong historical connotation combined with a great desire for the future. Last year, we vastly examined the temporal unease of a Past which has replaced the Future, we emphasized a model city that changes in a controlled manner, slowly and 22

CITYVISION 08

Sick & Wonder is now looking for new models of cities that arise from the analysis, resolution and possible subversion of the conflict between the city and man and, in a broader view, between evil and good. We are, in fact, living in a time on the border of human history in which the city and society in general, are changing rapidly in the presence of a man that is deeply confused and that is only just becoming aware of the new evolutionary direction he has to take. This situation triggers a process of estrangement and alienation, in one word, of disgust, in which the human being tries to desperately hang on to his humanity thus absorbing the effects of the excruciating struggle between good and evil. The disgust, apart from being thoroughly examined in an aesthetic sense, as an extra sensory perceptive model, ultra gustus, almost fetishistic, that we define as a positive/primordial (good) type, is mainly identified with the castratio voluptatis condition, that is the inability to implement any real changes, disgust natural/induced (bad). Disgust is the analytical and critical act of intolerance


08 CITYVISION 23


towards something that has always been given to us and that does not let us express ourself through our personal modus operandi, it is in turn a sharp instrument, critical and perceptive, to observe with a new filter that that has always been ‘normal’. The normality (or custom) of today of finding oneself struggling repeatedly with an unmanageable and inaccessible system that generates frustration and moments of impasse. The purpose of Sick & Wonder, is to propose a radical change of perspective: to support a new model of normality, through the instrument of wonder, or a diametrically opposed view to that which has always been the custom for us, so creating a fracture in the DNA of an improper society, making sure that this is the exception to the “rule.” Through the identification of the founding components of the cities and the subversion of models that are far too consolidated like politics, religion, economy etc the evolutionary consciousness of the human being will generate new unexpectedly wonderful dynamics. In this situation the citizen is like a child, he captures the charm of his city with wonder and disgust generating new facets, as its becoming a sort of “Matrix”, a “global novel” like a noir in which ideals fade and nothing sacred remains.

24

CITYVISION 08


magazine | issue 8

If on one hand most of the nations, although strongly different have the massification of profit in common, concentrating power in the hands of a few, on the other hand the spreading of knowledge and low cost communication platforms, environmental activism, international cooperation, progress in technology, all seem to create a counterweight. The cities that are “targeted� in this issue are significant of this uncertainty and represent extreme situations of nations which are themselves phenomena of global emergency and significant change. Other nations can best be represented by a combination of two symbolic cities. The sequence proposed in this issue, written by 13 contributors and illustrated by 5 illustrators like a fairy tale, goes from the most optimistic to the worst imaginable situation. These cities represent extreme negative situations, often of national character, in which a real feeling of disgust generated by bad policies, architectural malpractice, miseducation and enduring negligence, contrast with a deadly sense of wonder and amazement that almost resets the previous thought. Amazement that in some cases coincides with the city and in others with the human being.

COMPETITION | RIO DE JANEIRO

The competition aims to provide a vision for the future of Rio de Janeiro. We’re living in a historical period where everything seems to be upside down and in a few years Rio de Janeiro will be at the center of attention of the world thanks to the XXXI Olympics and the FIFA World Cup in 2014 and will so have a great responsibility as testimonial city. Rio de Janeiro is a city that is full of contradictions, of sensory binomials that regulate and determine the daily actions and reactions of its citizens: good and evil, rich and poor, happiness and sadness just to name a few. From the selection, combination or subtraction of these elements from the city (buildings and people) a new city model that interprets a distortion, even exaggerated, of the current status quo, needs to be devised. The competition aims to propose a radical change of perspective - from top to bottom - no longer from man to city but from city to man in which evil becomes good, the rich become poor, religion plays a different role..... To do this, one will need to analyze the city and grasp the essence of its disgust in order to subvert it by the means of wonder, taking into account a compromised reality of the crisis in which the meaning of Time has lost value assuming a joint definition that past, present and future are one.

08 CITYVISION 25


paper bastards

by Emmanuele JONATHAN Pilia

Step 1 Bodies

What exactly is disgust? The quick answer is obviously the lack of taste. A deficiency that occurs with a presence, namely that of horror. We feel revulsion toward something that is absent, as well as something that is immanent. A missing eye, a missing limb, missing part of the skull, as well as an unwanted appendage, a wound, a blister. But also the loss of the ability of our body to retain our fluids, feces, pus, blood, to control the expressions of our face or the movements of our body. As we are disgusted by the high elastic capacity of some athletes, a body too tonic or too fat. So, we understand that the the things that disgust us, are those that are too much or too little. But at the same time is what attracts us, even sexually, involving our senses in a more direct way, without mediation. Sex, for example, is not only tact and excitement, but also and maybe mostly taste, sound, smell, pain, fear, loss of self consciousness, brutality. Isn’t the sexual act the quintessence of the union of an absence and a presence?

If we insist on the ambiguous relationship between sexuality and disgust, it is interesting to see how this relationship has often been the focus of many stories related to cyberpunk. Perhaps, one of the most consistent is the extraordinary Tetsuo: The Iron Man, By Shinya Tsukamoto. The script is very simple: a man, a masochist who expresses his perversion by inserting metal objects into 26

CITYVISION 08

his body, is hit by a car, the driver, frightened, with the help of his girlfriend throws him into the woods. When they realize that the man is not dead, the couple starts having sex on the hood of the car. From this point on, the driver begins a gradual and inexorable transformation into a kind of strange cyborg. The metal springs from inside the body of the protagonist, losing, with each new upgrade, the remaining organic tissue. The references to sexuality are many and explicit, of which the most important is the most famous scene of the film, in which the man sees his own penis transformed into a huge auger with which he penetrates his partner dismembering her. For the rest of the movie, the man fights with the masochistic, until the two merge into one another creating a biomechanical being, the maximum expression of fetishism, in which disparate objects undertake the tasks that were previously single biological prerogatives. Cables, pipes and nails emerging from a bubbling synthetic brew. Shinya Tsukamoto takles with these issues in most of his cinematical productions, of which ,Shinya Tsukamoto: from cyberpunk to the mystery of the soul by Andrea Chimento and Paolo Parachini, remains the only opportunity for the italian reader to investigate further. A concerned and well-written text that addresses the idiosyncrasies and disgust of the Japanese director. Sexuality, meat, metal and death often meet in the territories of cyberpunk, and sometimes this appointment


is scheduled with the meticulousness of the demiurge. A demiurge that has been grown in Italy, and that within a few years has won the two most prestigious awards of science fiction in Italy. Francesco Verso, with e-Doll, is the winner of the Urania prize, he reproposes an updated eBook edition for Kipple. The phenomenon spreads, giving life to the business of sex shops. Sex deprived of any kind of reproductive drive, becomes an instrument of social control: the brutality that society represses is unleashed in the act of sex. «The distribution of traces of blood is a typical mix of violence and pleasure that comes across even outside working hours. Two phenomena that often appear associated: extreme sex and a convulsive death, combined in a legal ideal». A bond that will involve every nuance that separates the organic from the inorganic, the male from the female.

and it is difficult to get rid of this idea. It is no coincidence that Albert Speer’s book, Memories from the Third Reich, had such violent reactions. Speer was the only one among the Nazi leaders to take full moral responsibility for the extermination of the Jews. After spending twenty years in Spandau prison, he wrote his best seller. The reasons to find Speer’s words repulsive are many, but honestly its Luddism is what bothers me the most: «Dazzled by the possibilities of technology, I served it in the decisive years of my life. Now, at the end of my life, she, Technology, is faced with Doubt». Prometheus did not push Nazi Germany in the war. It was Ares. Prometheus, accused of the worst cowardice, is the only god that offered us shelter: the most horrible thing that man can do is to blame his saviour to hide his own weakness and ambition. The eagle which feeds on the liver of those who sacrificed everything for us, bears the name of Albert Speer.

Step 2 Ideologies Step 3 Things Disgust is an element of body feeling that cannot be separated from your body, even when what repels us is relegated to the domain of ideas. The immediate reaction is characterized by a specific facial expression, a desire to physically distance oneself from the idea of what one is witnessing, nausea, sweat, together with a possible incorporation of oral or nasal ideas. It is the answer that you have in the face of betrayal (of a promise one has made, of his or her partner, of a deal),it is the answer you get when faced with a memory (of an error, a tragedy, a suffered pain), it is the answer that you are faced with the very idea of failure (ones own or of others), it is the answer that you receive in the face of an opposing ideology. Of these ideologies, it is a west european point of view that always sees Nazism as the accumulation of the worst evils of our century,

From these first steps there seems to be an indissoluble link between disgust, body and technology: in both Tsukamoto’s and Verso’s cyberpunk tecnology, in the first it invades our body, in the other our senses. For Speer, technology pushes us to impure actions. It is the violence of our world that impends on the human experience with such a force that man will never adapt to it. Things are immanent, no matter how much we try to abstract ourselves. And their immanence enters our experience beyond our control. Our only choice is an exercise in binary: be passive or not. Lebbeus Woods is perhaps the author who most strongly screams his revenge at reality. A reaction born from the sincere disgust of the transiency of things, innocent victims idiocy of a fratricidal war resolution passed off as ethnic. Architecture and war are not incompatible. Architecture is war. War is architecture. I am at war with my time, with history, with all authority that resides in fixed and frightened forms. I am one of millions who do not fit in, who have no home, no family, no doctrine, no firm place to call my own, no known beginning or end, no “sacred primordial site”. I declare war on all icons and finalities, on all the stories that chain me to my own falseness, my own pitiful fears. I know only moments, and lifetimes that are as moments, and forms that appear with infinite strength, then “melt into air”. I am an architect, a constructor of worlds, a sensualist who worships the flesh, the melody, a silhouette against the darkening sky. I do not know your name. Nor you know mine. Tomorrow, we begin together the construction of a city. “War and Architecture” is re-read and graphically presented for the first time in Italy by Massimiliano Ercolani. This a few days ago, almost twenty years too late. An unforgivable delay for our nation, which was stripped of it’s pride, once again, with the destruction done in the Balkans.

08 CITYVISION 27


Step 1 CORPI Che cos’è esattamente il disgusto? La risposta più immediata ha ovviamente a che fare con la mancanza di gusto, con un’assenza che si manifesta con una presenza, quella dell’orrore. Proviamo repulsione verso qualcosa che è assente, così come per qualcosa che è presente. Un occhio mancante, un arto, parte del cranio, così come per un’appendice indesiderata, una piaga, una vescica. Ma anche la perdita di capacità del nostro corpo, di trattenere i nostri fluidi, feci, pus, sangue, di controllare le smorfie del nostro volto o i movimenti del nostro corpo. Così come ci disgusta l’elevata capacità elastica di alcuni atleti, un corpo fin troppo tonico o fin troppo grasso. Così capiamo che ciò che ci repelle, ciò che ci disgusta è il troppo, o il troppo poco. Ma è al contempo ciò che ci attrae, anche sessualmente, coinvolgendo in maniera ancora più diretta, priva di mediazioni, il nostro sentire. Il sesso, ad esempio, non è solo tatto ed eccitazione, ma anche, e forse soprattutto, gusto, udito, olfatto, dolore, paura, privazione del sé cosciente, brutalità. Dopotutto, cos’è l’atto sessuale se non la quint’essenza dell’unione di un’assenza e di una presenza? Insistendo sull’ambiguo rapporto tra sessualità e disgusto, è interessante scoprire come questo sia stato spesso al centro di molte narrazioni legate al genere cyberpunk. Tra queste, forse una delle esperienze più coerenti è lo straordinario Tetsuo: The Iron Man, film del 1989 di Shinya Tsukamoto. La sceneggiatura è ridotta al minimo: un uomo, un masochista la cui perversione è sfogata tramite l’auto innesto di oggetti metallici nel proprio corpo, è investito da un automobilista, il quale, spaventato, lo getta assieme alla propria ragazza in un bosco. Appena si accorgono che l’uomo non era morto, i due iniziano un rapporto sessuale sul cofano della macchina. Da questo momento in poi, l’autista inizia una graduale e inesorabile trasformazione in una sorta di strano cyborg. Il metallo sgorga dall’interno del corpo del protagonista, facendo perdere, a ogni nuovo upgrade, parte del tessuto organico rimasto. I riferimenti alla sessualità sono molti ed espliciti, di cui il più importante è sicuramente rappresentato dalla scena più famosa del film, nella quale l’uomo vede perdere il proprio pene a vantaggio di un’enorme trivella, con la quale penetrerà, smembrandola, la propria compagna. Per il resto del film, l’uomo si scontra il masochista creduto morto, fino a ché i due non finiscono per fondersi in un unico essere biomeccanico, massima espressione feticistica, in cui oggetti tra i più disparati vanno ad assumere le funzioni che anticamente erano a unico appannaggio della biologia. Cavi, tubi e chiodi emergono da una gorgogliante brodaglia sintetica. Questi temi sono affrontati in molta della produzione cinematografica di Shinya Tsukamoto, di cui Shinya Tsukamoto: dal cyberpunk al mistero dell’anima, di Andrea Chimento e Paolo Parachini, rimane l’unica possibilità per il lettore italiano di approfondimento. Un testo interessate e ben scritto, che affronta le idiosincrasie e i disgusti del regista nipponico. 28

CITYVISION 08

Sessualità, carne, metallo e morte si danno spesso appuntamento nei territori del cyberpunk, e a volte quest’appuntamento è pianificato con la puntigliosità del demiurgo. Un demiurgo che è stato coltivato in Italia, e che nell’arco di una manciata d’anni ha conquistato i due più importanti premi di fantascienza dello stivale. Francesco Verso, con il suo e-Doll, vincitore del premio Urania, ripropone per la Kipple una versione aggiornata in formato eBook. In una Mosca non troppo distante dal nostro tempo, il governo ha deciso di liberalizzare l’uso di androidi e ginoidi sessuali, come valvola di sfogo di una sempre maggior violenza urbana. Il fenomeno dilaga, dando alla vita il business delle sessoteche. Il sesso, privato definitivamente di ogni pulsione riproduttiva, diviene strumento di controllo sociale: la brutalità che la società reprime trova sfogo nel sesso. «La distribuzione degli schizzi è tipica del melange di violenza e piacere in cui si imbatte anche fuori dell’orario di lavoro. Due fenomeni che compaiono spesso associati: sesso spinto e morte convulsa, uniti in un legale ideale». Un legame che coinvolgerà ogni sfumatura che divide l’organico dall’inorganico, il maschile dal femminile.

Step 2 Ideologie Il disgusto è un elemento del sentire corporeo che non può prescindere dal proprio corpo, anche quando ciò che ci ripugna è relegato al dominio delle idee. La risposta immediata è caratterizzata da un’espressione facciale specifica, un desiderio di allontanarsi fisicamente dall’idea di cui si sta assistendo alla messa in scena, nausea, sudore, unita a una possibile incorporazione orale o nasale delle idee. È la risposta che si ha di fronte al tradimento (della parola data, della propria compagna o del proprio

compagno, dei patti stipulati), è la risposta che si ha di fronte al ricordo (di un errore, di una tragedia, di un dolore patito), è la risposta che si ha di fronte all’idea stessa di fallimento (proprio o altrui), è la risposta che si ha di fronte all’ideologia avversa. Di queste ideologie, il senso comune occidentale vede sempre il nazismo come il coacervo dei peggiori mali del nostro secolo, ed è difficile uscire fuori


da quest’idea. Non è un caso che la reazione del libro di Albert Speer, Memorie del Terzo Reich, abbia avuto reazioni così violente, e da più fronti. Unico tra i gerarchi nazisti ad assumersi la completa responsabilità morale per lo sterminio degli ebrei, scriverà il suo best seller dopo aver scontato venti anni nel carcere di Spandau. I motivi per trovare ributtante le parole di Speer sono molteplici, ma sinceramente il mal velato luddismo che si leggono dalla sua apologia sono le più sgraziate: «Abbagliato dalle possibilità della Tecnica, l’ho servita negli anni decisivi della mia esistenza. Ora, al termine di questa mia esistenza, essa, la Tecnica, trova davanti a sé il Dubbio». Non è stato Prometeo ad aver spinto la Germania nazista in guerra ma Ares. Prometeo, accusato delle peggiori viltà, è l’unico tra gli dei ad averci offerto riparo: il gesto più orribile per un uomo è incolpare il suo salvatore, per coprire la propria debolezza e ambizione. L’aquila che si nutre del fegato di chi ha sacrificato tutto per noi, porta il nome di Albert Speer.

Step 3 COSE

menzogne, alle mie pietose paure. Conosco solo momenti, e vite che sono come momenti, e forme che sembrano avere una forza infinita, fino a quando “si fondono con l’aria”. Sono un architetto, un costruttore di mondi, un sensuale adoratore della carne, la melodia, una figura che si staglia contro il cielo oscuro. Non conosco il tuo nome. Né tu il mio. Domani, inizieremo insieme la costruzione di una città. “Guerra e architettura” viene riletto graficamente e portato per la prima volta in Italia da Massimiliano Ercolani. Questo pochi giorni fa, con quasi vent’anni di ritardo. Un ritardo imperdonabile per la nostra nazione, che si è spogliata del suo orgoglio, ancora una volta, con lo scempio compiuto nei Balcani.

piliaemmanuele.wordpress.com

Da questi primi passaggi sembra esserci un legame indissolubile tra disgusto, corpo e tecnologia: nel cyberpunk di Tsukamoto, la tecnologia invade il nostro corpo, così come in quella di Verso invade il nostro sentire. Per Speer la tecnologia ci spinge ad azioni tra le più impure. È la violenza del nostro mondo a incombere sull’esperienza umana con una potenza a cui l’uomo non potrà mai abituarsi. Le cose, per quanto ci possiamo astrarre da loro, sono immanenti. E la loro immanenza entra nella nostra esperienza spesso al di là della nostra volontà. La nostra unica scelta risiede in un esercizio binario: essere passivi, oppure no. Lebbeus Woods è forse l’autore che con più forza lancia il suo grido di vendetta sul reale. Una reazione nata dal sincero disgusto verso la caducità delle cose, incolpevoli vittime dell’idiozia di una guerra fratricida spacciata per risoluzione etnica. Architettura e guerra non sono incompatibili. Architettura è guerra. Guerra è architettura. Sono in guerra con il mio tempo, con la storia, con tutte le autorità che risiedono nella fissità delle forme. Sono uno dei milioni di individui che non ci stanno, che non hanno casa, senza famiglia, senza fede, nessun luogo sicuro da poter considerare mio, non conosco l’inizio o la fine, nessuno “sacro luogo primordiale. Dichiaro guerra a tutte le icone ed a tutti i fini, dichiaro guerra a tutte le storie che mi incatenano alle mie stesse

08 CITYVISION 29


Z (ona) E (spansione) N (ord)

text Federico Giacomarra illustrations Eleanor Meredith

CITYVISION 08

1

HOW TO READ IT / CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS

3

4

30

2

ripidissimi alle pendici del “promontorio più bello del mondo”( il Monte Pellegrino di Goehte), dove con un singolo sguardo è possibile ammirare la mole rocciosa insieme agli scheletri esili delle ville abusive; le stesse vie con gli stessi muri che nelle ambientazioni catastrofiche di Ciprì e Maresco fanno da sfondo a cieli neri e discariche di calcinacci, scene in cui come rigurgiti si muovono i personaggi grotteschi di Upè o Pirone, rappresentanti di una umanità incompleta, di quanto di più fragile e meschino c’è a volte nell’essere umano. Pelermo è questo e molto altro, un mix di atmosfere sospese e decadenza: il cielo ritagliato dalle mura della chiesa mai ultimata di Santa Maria dello Spasimo, il susseguirsi delle strade strette fra facciate barocche graffiate dal tempo che si aprono in piccoli capolavori urbani, micro piazze dove durante l’anno orde di giovani palermitani si incontrano, come Piazza Garaffello nel quartiere della Vucciaria, i mille odori e colori sui banchi del mercato di Ballaro, pesce, frutta e ogni genere di spezia, fra tradizionali schiamazzi dei venditori e turisti edonisti desiderosi di portarsi a casa un po’ di quella magia in una foto, i dettagli cesellati degli interventi di Carlo Scarpa su Palazzo Abatellis e Palazzo Steri, volumi in pietra dalla tettonica perfetta che celebrano su più livelli emozionanti vuoti di ingresso...Palermo è multiculturale, luogo d’incontro in cui da sempre si mischiano estetiche

“Cosi tante cose da dire e cosi tanto poco spazio per descriverne la bellezza...” ....no troppo diretto... “Un crogiolo di influenze, un melting pot tutto italiano, uno di quei luoghi in cui la Storia ha deciso di lasciare le tracce più violente” …pure questo, scontato...” Si potrebbe viaggiare per anni, in giro per la fredda Europa dei Normanni e Franchi, il torrido e fragante Mediterraneo dei Greci e degli Arabi, e non trovare nessuna città così densa di contrasti e meraviglie” ...sto messo proprio male, questa è più disgustosa della pubblicità di un villaggio turistico per vacanze. Potrei continuare ore a cercare un’introduzione calzante, scavare nella mia memoria di figlio di siciliani e raccontare aneddoti e storie della mia famiglia palermitana, delle classiche tavolate di venti persone e dei pranzi di cinque portate; delle lunghe vacanze estive e afose, che da bambino, sul sedile posteriore di pelle sintetica di una Renault 4 dal centro Italia mi portavano a Palermo. Viaggi di micro-migrazione, giornate interminabili, automobili stracariche con tappe in autogrill colmi di gente che tornava “‘u paise” o “‘a casa”, che sfociavano poi in un tuffo liberatorio dagli scogli di Capogallo, in un Tirreno silenzioso fra le urla dei miei cugini, Mondello e Sferracavallo. Qui dal soppalco di un bar londinese, mentre scrivo fra tavoli di sudamericani e giapponesi chiassosi tutto sembra lontano...cerco di concentrarmi... quei momenti sembrano passati per sempre così come i cortili strapieni di luce e le facce sorridenti dei miei parenti... eppure ogni volta, a ogni ritorno Palermo è uno di quei posti il cui senso arriva diretto, le sensazioni sono già lì mentre le vivi, nella memoria non si trasformano. Sono dettagli insignificanti che fanno la differenza, i muri di confine scrostati e ingialliti delle ville liberty a tetto piano di Mondello, le strette vie polverose che da Partanna mi portavano in bicicletta attraverso percorsi


PALERMO Per vie traverse, anni fa spinto da una curiosità malata (tipica degli architetti) ebbi la fortuna di entrarci...quello che ricordo è una sensazione di costante peso, un pugno allo stomaco in un’atmosfera densa come l’acqua. Un quartiere sommerso, in cui non c’è Legge, c’è semplicemente un’altra legge, che una volta dentro ti cattura senza via d’uscita...non scorderò mai il senso di alienazione e intimità di quei cortili, la passionalità disgustosamente forte dei suoi abitanti, le storie al limite come gli interni delle loro case: cariche, ricche, spietate e colorate...luoghi in cui trovano possibilità di coesistere con disinvoltura insieme il vecchio e il nuovo, l’argento e il fucsia, il pesante e il leggero. Accettare l’invito ad entrare è finalmente ritrovare la perfezione.

e culture diverse in perfette sinergie e nuovi linguaggi, il Palazzo dei Normanni, influenze nord europee su una base architettonica araba, al cui interno è possibile scovare come un gioello nascosto la Cappella Palatina di Federico II, una superficie frattale ne decora il soffitto, mentre motivi geometrici in pietra e mosaici dorati amplificano la luce proveniente dalle strette aperture nella parte superiore...un trionfo di luce e colore. Camminare per le strade del centro significa venire in contatto con gente e persone provenienti da tutto il Mediterraneo, scontrarsi con razze e culture diverse, per un palermitano quindi è cosa di tutti i giorni...mediare i conflitti, non sempre in senso positivo, fa parte del suo dna. Come quello che allo Z(ona)E(spansione)N(ord) negli anni novanta li ha visti vincitori contro i rom (che avevano occupato abusivamente alcune parti del quartiere), in un vero e proprio scontro al cui termine i palermitani si sono appropriati delle strutture abitative, molte delle quali non ultimate. Il risultato è che negli anni il quartiere privo dei servizi più basilari è diventato il covo della criminalità organizzata. Lo ZEN di Palermo, è stato ed è in parte tutt’ora un luogo in cui lo Stato non è invitato ad entrare, se non con i giubbotti antiproiettili o con le volanti della polizia fuori dalle pochissime scuole di quartiere pronte a acciuffare come cani pericolosi bambini troppo vivaci.

08 CITYVISION 31


PALERMO “So many things 5 6 to say and so HOW TO READ IT / little space CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS to describe its beauty ...” .... no ... too direct ...”,An Italian meltin’ pot, one of those places where history decided to leave its most violent traces “... this as well, obvious...” for years one could travel through Europe, the cold land of the Normans and Franks, the hot and fragrant Mediterranean of the Greeks and Arabs, and still not find a city that is so full of contrasts and wonders“... I’m really bad, this is as disgusting as an advertisement for a holiday resort. I could go hours looking for a fitting introduction, as I am a son of Sicilians I could go digging in my memory looking for anecdotes and stories about my family from Palermo: the classic tables of twenty and five-course dinners, the long and sweltering summer holidays, when as I child,my parents would take me from central Italy to Palermo on the synthetic back seat of a Renault 4. Travels of micro-migration, endless days, cars overloaded various stops at service stations full of people going back “home”, and then finally a liberating plunge from the rocks of Capogallo, in the quiet Tyrrhenian sea between the screams of my cousins, Mondello and Sferracavallo. Here from the loft of a London bar, as I write between tables of South Americans and noisy

32

CITYVISION 08

Japanese people, it all seems so far away ... I try to focus ... those moments seem gone forever, like the courtyards full of light and the smiling faces of my relatives ... but every time, at every return Palermo is one of those places whose sense hits you directly, the sensations are already there, while you are living them they are not transformed in the memory. Insignificant details make the difference, the crumbling and yellowed boundary walls of the Art Nouveau villas of Mondello, the narrow dusty streets that took me from Partanna cycling through the steep slopes of the “most beautiful promontory in the world” (Goehte’s Monte Pellegrino), where in a single glance you can see the rocky mass together with the skeletons of abusive villas, the same streets with the same walls in the catastrophic envirnoments of Ciprì and Maresco, backdroping to dark skies and dumping grounds full of rubble , scenes in which the characters move as a surge, the grotesque Upe’ or Pirone, representatives of an incomplete humanity, some of the most fragile and sometimes miserable behaviours of a human being. Palermo is this and much more, a mix of suspended atmospheres and decadence: the sky cut from the walls of the never completed church of Santa Maria dello Spasimo, the sequence of narrow streets between baroque facades scratched from time that open into little masterpieces of urban design, micro squares where every year hordes of young


PALERMO

08 CITYVISION 33


PALERMO

people meet, as Garaffello Square in the neighborhood of Vucciaria. The thousand smells and colors on the market stalls of Ballaro, fish, fruit and all kinds of spices, the traditional shouting of vendors and hedonistic tourists who want to take home a bit of that magic in a photo, the chiseled details of Carlo Scarpa in the Abatelli and Steri Palaces, the tectonic perfection of stone masses that celebrate the most exciting levels of open space entrances ... Pelermo is multicultural meeting place, in which aesthetics, cultures and languages are mixed in perfect synergy, the Norman Palace, Northern European influences on foundations of Arab architecture, in which you can find as a hidden jewel the Palatine Chapel of Frederick II: a fractal surface decorates the ceiling, patterned stone and golden mosaics amplify the light from the narrow openings at the top ... a triumph of light and color. Walking through the streets of the city center means coming in contact with people from all over the Mediterranean. tClashing with different races and cultures for Palermo’s people is an everyday thing ... mediating conflicts, not always in a positive sense, is part of his DNA. Like what saw the Z (one) E (expansion) N (ord) winning against the Roms in the nineties (who had illegally occupied some parts of the district), in a real fight after which the people of Palermo took possession of the dwellings, many of which were not yet completed. The result is that over the years, the district which lacks the most basic services, has become a hotbed of organized crime. The ZEN of Palermo, was and still is in part, a place where the State is not welcome and can enter only in body armor, the police cars can station outside the very few schools of the district ready to catch, like dog catchers, kids that are too brisk and dangerous.

34

CITYVISION 08

Years ago, driven by a sick curiosity (typical of architects) I was lucky enough to get in ... what I remember is a feeling of constant weight, a punch in the stomach in an atmosphere dense as water. A flooded neighborhood in which there is no law, there is simply Another law, that once inside will grab you and leave no escape ... I will never forget the sense of alienation and intimacy of those courtyards, the disgustingly strong passion of its inhabitants, stories at the limit as are the interiors of their homes: full, rich, ruthless and colorful ... places in which old and new easily co-exist, silver and fuchsia, lightness and heaviness. Accept to join means once again to rediscover the perfection.


subway

illustrations by Peteris Lidaka intepreting Rome and the following text zeroduezerosei via acaia

08 CITYVISION 35


the civic number

36

CITYVISION 08


a red frame 08 CITYVISION 37


Le Città e le Persone

ZERODUEZEROSEI

Mi piacciono le città e le persone con un passato drammatico.

tourism

text Giampiero Sanguigni photos Federica Verona

Mi piacciono le città e le persone capaci di raccontare storie.

Mi piacciono le città e le persone con un’anima nascosta. Mi piacciono le città e le persone che si vestono in maniera colorata. Mi piacciono le città e le persone bipolari. Mi piacciono le città e le persone inconsapevoli del loro potenziale. Mi piacciono le città e le persone che non si lasciano conoscere facilmente. Mi piacciono le città e le persone che non sono condizionate dalla loro storia.

The cities and peoples I like the city and people that are able to describe a story.

CITYVISION 08

Subway

4

2

5

6

1

HOW TO READ IT / CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS

38

I like the city and people with a dramatic past. I like the city and people with a hidden soul. I like the city and people who dress colourfully. I like the city and people that are bipolar.

3

Nel sottopasso della stazione Trastevere un venditore indiano ha riempito una parete di farfalle di carta. Sono tutte uguali ma di colori diversi, equidistanti, compongono un ampio e perfetto rettangolo variopinto. L’indiano non ha acquirenti. L’opera andrebbe comprata per intero, nessuno se la sente di creare un vuoto in quella tessitura colorata.

In the subway station of Trastevere an Indian seller has filled a wall with paper butterflies. They are all the same but of different colors, equidistant, they make up a large and colorful perfect rectangle. The Indian has no buyers. The work should be purchased in full, no one feels like creating a hole in that colourful weaving.

Sottopasso

I like the city and people unaware of their potential. I like the city and people that slowly unveil. I like the city and people that are not influenced by their own story.


L’altro giorno ero vicino alla stazione. Ho incontrato una signora di circa sessant’anni, in piedi su una scala, di quelle che si usano in cucina per raggiungere i ripiani più alti. Aveva una macchina fotografica e stava facendo una foto. Da quell’altezza poteva guardare attraverso un buco, uno dei tanti fori regolari della recinzione di un cantiere. Attraverso la plastica rossa inquadrava i graffiti realizzati sul muro di fronte. La mia mente ha ricostruito la scena dello scatto: una cornice rossa e un soggetto variopinto. Non sapevo se fosse più astratta la foto o lei in mezzo ai passanti indifferenti.

A red frame

Una cornice rossa

The other day i was near the station. I met a lady of about sixty, standing on a ladder, the kind that you use in the kitchen to reach high shelves. She had a camera and was taking a photo. From that height she could look through a hole, one of the many regular holes in the fence of a construction site. Through the red plastic she was gazing at the graffiti on the opposite wall. My mind has reconstructed the scene of the shooting: a red frame and a colorful subject. I did not know what was more abstract, the photo or the lady in the midst of indifferent passers-by.

rome

cornice rossa 08 CITYVISION 39


rome

Ready Made Le stampelle di metallo come ganci con cui rovistare nei cassonetti.Gli sportelli delle cabine dell’Enel come bacheche pubbliche:traslochi, sgombero cantine. Le lenzuola come sacco per spostare il piÚ velocemente possibile le borse e scappare dalla Finanza.I contenitori di cartone della Coca Cola come portamonete.I carrelli della spesa come passeggini.Le scatole di cartone come bancarelle per gli occhiali da sole.Le cabine tecniche dei semafori come ripostigli per tergicristalli e sapone. Ready made Metal crutches used as hooks to rummage in the bins. Enel’s cabin doors like public boards: removals, cellar clearings.Sheets to use as sacks to gather the bags and escape from the tax police as quickly as possible. Cardboard coca cola containers to use as a wallet.Shopping carts used as strollers.Cardboard boxes as stalls for sunglasses.Traffic light service cubicles as closets for windshield wipers and soap.

acaia

40

CITYVISION 08


rome

skaters

2 3 4 HOW TO READ IT / CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS

Via Acaia

Oggi ero fermo nel traffico. La potatura di alcuni alberi su via Magna Grecia aveva creato una coda di auto isteriche per diverse centinaia di metri, fino a via Acaia. Nella confusione mi è passato a fianco un cavallo, tenuto per le briglie da una ragazza che, a piedi, lo guidava attraverso l’ingorgo. Mansueto, quasi fosse una cane al guinzaglio, ma alto quanto le insegne dei negozi.

soft home

1

Via Acaia Today I was stuck in traffic. The pruning of some trees on Via Magna Grecia had created a queue of hysterical cars for several hundred meters to Via Acaia. In the confusion, a girl walked past me, she was holding the reins of a horse and was guiding it through the traffic jam. Gentle, almost like a dog on a leash, but as high as shop signs.

08 CITYVISION 41


rome

Il numero civico Ieri mattina presto sono uscito di casa. Di fronte al portone, proprio sotto il citofono del condominio, c’erano due operai. Stavano rompendo il marciapiede. Scalpellavano un foro quadrato, della dimensione di un sampietrino. “C’è qualche problema?” faccio io, “Disposizioni del comune” rispondono loro. Me ne sono andato senza fare commenti. La sera, tornando a casa, mi sono fermato a guardare il buco. Era lo stesso della mattina, ma riempito con del cemento. Oggi incontro la mia vicina del primo piano. “Hai visto che è successo ieri?”. “No”, le rispondo. “Ieri sentivo ‘na confusione. Me so affacciata alla finestra e c’erano i viggili, quelli con la telecammera e la gente che piagneva. Tutti di fronte ar citofono”. “Cos’era successo?” faccio io. “So ‘scita pe chiedello a quelli d’er comune. M’hanno detto che durante la guera qua c’era una che era stata deportata nei campi de concentramento. Stavano facendo ‘na specie de cerimonia e avevano messo un sampietrino commemorativo de bronzo”. “Davvero?” dico io. “Ma infatti no!” commenta lei e aggiunge: “Gli ho spiegato che nunn’era possibbile, perché il condominio nostro durante la guera è stato bombardato”. “E loro cos’hanno risposto?”. “Il vigile allora ha telefonato in comune…” , “E…?”, “…’o sai ch’era successo?”.”No…”. “S’erano sbajati de civico! Così hanno smontato er sercio commemorativo e so ‘nnati a piagne cento metri più avanti”.

42

CITYVISION 06

The civic number Yesterday morning I left home. In front of the door, just below the intercom of the building, there were two workers. they were breaking the pavement. they were chiselling a square hole, the size of a sampietrino. “Is there a problem?” I ask, “ town council disposition “ they reply. I left without comment. In the evening, on the way home, I stopped to look at the hole. It was the same as in the morning, but filled with cement. Today I meet my neighbor who lives on the first floor. “Did you see what happened yesterday?”. “No,” I reply. “Yesterday I heard a lot of confusion so I looked out the window, there were police officers and people with television cameras and other people crying. All in front of the intercom..” “What happened?” I ask. “ I went out to ask the council officers what was going on. They told me that during the war someone, that was then deported to the concentration camps, used to live here. They were having a ceremony and a bronze sampietrino was being laid to commemorate the event”. “Really?” said I. “of course not!” she replies and answers: “I told them it was impossible ‘cause our apartmente block had been bombed during the war”. “and what did they answer?”. “the officer phoned the town hall.....”, “and...?”, “... do you know what happened?”. “no....” “They had the wrong address! so they took out the commemorative bronze slab and went and cried a hundred meters further up the street”.


rome

street market 08 CITYVISION 43


rome

Old stuff

A Porta Portese trovi di tutto: vestiti, macchine fotografiche, ricariche telefoniche, biciclette, fermacarte improbabili, quadri, cd usati, vecchi fumetti, vecchi LP, vecchi elettrodomestici. Di solito non compro nulla. Mi piace girare fra le bancarelle e osservare gli oggetti del passato, quelli di seconda mano, usurati dai proprietari precedenti. È come un viaggio nel tempo. Il mercato fa riaffiorare ricordi che la mia memoria aveva rimosso. La plastica di un tempo era colorata con toni forti. Le case avevano la carta da parati e pavimenti a scacchiera. Telefonare era un atto cinematico e il tubo catodico invadeva le abitazioni, fisicamente. Telefunken, Grundig e Brionvega. Erano elettrodomestici dotati di un’estetica evidente, che rivestiva una tecnologia non ancora miniaturizzata. Cammino tra accumulazioni di batterie, bottoni e vestiti a 5 euro (10 per tre capi). Seguo, come in un ritmo, lo scorrere delle bancarelle. Mi fermo di fronte ad un banchetto improvvisato.  I venditori sono una coppia di vecchietti. Hanno pochi oggetti in mostra. Sembrano usciti dalla loro soffitta. Lui è di spalle, svuota una scatola di cartone piena di libri. Lei guarda i passanti. Una ragazza si ferma e chiede il prezzo di un paio di occhiali. La signora risponde: - Quelli non sono in vendita. Sono i miei occhiali da vista.

At Porta Portese you can find everything: clothes, cameras, phone cards, bicycles, improbable paperweights, paintings, used cds, old comics, old LPs, old appliances. I usually do not buy anything. I like to wander among the stalls and watch the objects of the past, second-hand, worn out by previous owners. It ‘s like a trip back in time. The market brings back old memories that my mind had removed. Plastic was once colored with strong tones. The wallpaper and pavements in houses had a checkered motive. To make a phone call was a kinematic act and television was invading peoples homes, phisically. Telefunken, Grundig and Brionvega. They were appliances equipped with an evident aesthetic, that covered a technology not yet miniaturized. I walk between accumulations of batteries, buttons and clothing at 5 euro (10 for three garments). I follow, as in a rhythm, the flow of the stalls. I stop in front of an improvised stall. The vendors are a couple of old people. They have a few items on display. They seem to have come from their attic. He has his back turned, he’s emptying a box full of books She looks at passers-by. A girl stops and asks the price of a pair of glasses. The lady replied: - Those are not for sale. They are my glasses.

44

CITYVISION 08

la signora della carne

Robba Vecchia


rome

Nelle tasche

How many things I can put in my pocket over the course of a day. Napkins from breakfast, a hair band, house keys, receipts and bus tickets. Sometimes alien objects can get there by chance: a green plastic soldier found in the street, the handle of the front door that comes off in my hand when I lock up. If I’m abroad the group of objects I pull out changes colour: different coins, different tickets. It’s a bit like examining ones conscience: at night my pockets give back the things I’ve been doing during the day.

www.linkiesta.it/blogs/zeroduezerosei

2

1

metal

HOW TO READ IT / CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS

noblesse

Quante cose riesco a mettermi in tasca nel corso di una giornata. I fazzoletti della colazione, il laccio per i capelli, le chiavi di casa, gli scontrini e i biglietti dell’autobus. A volte capitano degli oggetti alieni: un soldatino di plastica verde trovato per strada, la maniglia della porta di casa che mi rimane in mano quando chiudo. Se poi sono all’estero ecco che il paccottiglio che tiro fuori cambia colore: altre monete, altri biglietti. È un po’ come fare un esame di coscienza: le mie tasche, la sera, mi restituiscono le cose fatte durante la giornata

In the pockets

06 CITYVISION 45


Dansè Macabrè BENIAMINO SERVINO

HOMMAGE A LE dégoût ET LA MERVEILLE 46

CITYVISION 08


08 CITYVISION 47


48

CITYVISION 08


08 CITYVISION 49


50

CITYVISION 08


08 CITYVISION 51


52

CITYVISION 08


06 CITYVISION 53


54

CITYVISION 08


CREDITS pg 50 -51 : ph. courtesy of Beniamino Servino pg 52-53 : ph. courtesy of Beniamino Servino pg 54 : ph. courtesy of Beniamino Servino pg 55 : ph. courtesy of Beniamino Servino [based on a image of Josep Lluis Mateo] pg 56 : ph. courtesy of Beniamino Servino pg 57: ph. courtesy of Beniamino Servino [based on a image of arata-isozaki-city-inthe-air-shinjuku-tokio-1960-61] pg 58-59: ph. courtesy of Beniamino Servino [based on a image of VenturiRauch-and-Scott-Brown-office-buildingcalifornia-city-1971]

ec2.it/beniaminoservino

08 CITYVISION 55


ABOUT DISGUST text Disguincio & Co

Disgusto etimologicamente si compone dalla particella “DIS” che esprime, con connotazione negativa, il senso di contrario, di negazione o di privazione e “GUSTO” che tra dalla radice gus, che esprime soddisfazione, essere contento; in greco geyma (per geus-ma) cibo e per (geyso) faccio gustare. Dal punto di vista sensoriale, il gusto è la capacità di percepire i sapori, ma ha anche il valore positivo di dichiarare il piacere ricavato da un cibo oppure da ciò che è bello e elegante Mentre nel gusto la dimensione cognitiva viene mantenuta, determinando un passaggio importante nella valutazione, nel disgusto è lo stato effettivo, la tangibilità della cosa, che prende il sopravvento. Disgusto è una percezione che si lega al senso del gusto, ma se ne distanzia ponendosi in una dimensione del sentire, manifestandosi in reazioni ben più dirette, spontanee; non un sentire conscenzioso, ma sensibile, e anzi ipersensibile, nei confronti di qualche cosa che tocca lo stomaco, ancora prima del cervello. Il disgusto non è una percezione attiva, non si limita ad essere giudizio estetico, è una pulsione, un’emozione borderline, collocabile come punto di congiunzione, tra due intensità rappresentate dalla visione Dionisiaca e Appolinea. Si manifesta nell’esatto momento in cui si amalgama il ripudio, verso la cosa percepita, e attrazione verso la stessa. Questo non avviene in un passaggio immediato, ma attraverso un passaggio progressivo, il disgusto diventa il mezzo, lo strumento di transizione da qualche cosa di ripugnante verso qualche cosa di attraente, meraviglioso. Si può dunque dire che il nauesente sia attraente? Dire che disgustoso è uguale ad attraente non avrebbe senso, nell’intrinseco significato delle parole, ma dobbiamo considerare che l’emozione del disgusto non esprima esclusivamente una connotazione negativa. Il modo in cui il disgusto opera è un percorso, fatto di passaggi, in cui si ha nel primo momento la repulsione, che porta ad un amplificare le percezioni, portando l’attenzione ai dettagli di ciò che prima si ripudiava, il disgusto lo studia, cerca di conoscerlo, si pone vigile verso una cosa che può contaminarlo; questa attenzione continua a mutare, diventando curiosità, interesse. Soltanto il disgusto consente l’accesso allo splendore, all’indicibile bellezza del mondo, scrive Luigi Pareyson.

1

2

3

4

1. - 2. - 3. - 4. HOVER Adam Fure ph. courtesy of SIFT studio

56

CITYVISION 08

From an etymological perspective, the word “Disgust” (“Disgusto” in Italian) has two components: “Dis” that expresses the sense of opposite, negation and deprivation and “Gust” (“gusto” that in italian means taste or pleasure). As they are brought together, the former has an antonymic effect on the latter. In perceptional terms, when Gusto arises, it has a positive value, expressing the pleasure that derives from something that is good (as in, for example, food) or something that is beautiful and elegant. Whereas in the case of Gusto the subject remains somewhat within the cognitive dimension , in the case of Disgust the experience is a more reflexive one, characterized by a lower level of cognitive control. While both feelings share a connection with the process of (dis)liking something, the Disgust reaction is more severe, more spontaneous. That is to say it is not conscientious but sensitive – even hypersensitive – and it arises as a reaction that overcomes the body before the brain has the opportunity to be engaged. As an active perception the arousal of Disgust is not confined to aesthetic judgment; it is, rather, more a pulse, a borderline emotion, taking its place between the Dionysian and Apollonian dimensions. While it can – and often does – lead to stirrings of rejection in the subject, it can, paradoxically, also arouse a strong sense of curiosity, even attraction, as the perceptive faculties are engaged. This moment is not immediate, but progressive: the Disgust reaction potentially marks the transitional state between something that initially repels but subsequently attracts, giving access to the realm of wonder. Even if it cannot be deduced that everything that is disgusting is also attractive, the salient point is that the complexity of the process merits further consideration; for one, to reduce Disgust only to the negative connotations conventionally attributed to the term betrays its power. Its constitutive stages progressively amplifies the subject’s perception: as their attention falls on the details of what at first may have generated feelings of repellence, gradually curiosity operates to provoke contemplation of the object (to understand it in a deeper way), allowing, finally, access to the realm of the wonderful.

www.disguincio800.com


08 CITYVISION 57


interview to Adam Fure by Valentina Soana

58

CITYVISION 06


Nell’era posteriore alla rivoluzione digitale, la sperimentazione architettonica ha prodotto una serie di risultati che inducono a una reinterpretazione concettuale dei diversi aspetti dell’architettura. Il dibattito teorico, parallelamente all’evoluzione pratica, indaga su tematiche legate alla nuova espressione formale ed estetica emergente da processi che permettono la generazione e il controllo di geometrie e forme estremamente complesse. Questa ricerca sperimentale coinvolge inevitabilmente la questione estetica e percettiva. L’esperienza legata alla percezione di queste nuove configura­zioni provoca una spontanea necessità di ripensare e di indagare il concetto di bellezza. L’intensità espressiva raggiunta da alcuni lavori d’arte e architettura contemporanei, induce a rivalutare i canoni della bellezza tradizionale, che in questo contesto risulta passiva. La carica estetica stimola direttamente i sensi del fruitore, incontrollabilmente travolti. Le opere interagiscono dinami­camente con le pulsioni interne di chi osserva. In questo scenario si riscoprono la potenzialità di emozioni quali quella del Disgusto. Il Disgusto è così forte che puo’ condurre al sentimento opposto, quello del sublime e della meraviglia. A questo punto nascono spontanee alcune domande: Quali sono le caratteristiche che scatenano questa sensazione di attrazione? Il fascino emerge dall’imperfezione e dall’inaspettato? Qual è la differenza tra attrazione e piacere? Si puo’ essere attratti da qualcosa senza riscontrare il senso di piacere e viceversa. Questo processo puo’ essere applicato in campo architettonico? La sfida consiste nel cercare di definire come designer e architetti possono sfruttare al massimo queste potenzialità. Integrandole nella progettazione per generare intenzionalmente sensazioni specifiche che possono culminare nel senso di meraviglia. La ricerca architettonica condotta da SiftStudio di Adam Fure si inserisce in questo contesto. La forte vocazione sperimentale dello studio focalizza l’attenzione sulla speculazione materiale. Attraverso questo lavoro si attiva un processo di ri-visualizzazione e reinterpretazione nell’uso dei materiali e nella concezione dello spazio nel campo architettonico. Il sistema finale raggiunge una sensibilità estetica all’altezza della produzione artistica. I suoi lavori mostrano la relazione intrinseca tra Arte e Architettura, tra qualità artigianale e l’uso dello strumento digitale, tra esperienza spaziale e percezi­one sensoriale. VS: La disciplina architettonica ricerca da sempre la sua identità tra arte e scienza, tra bellezza e funzione, tra struttura e estetica, tra spazio e percezione, tra la scala del prototipo e quella urbana. Questi binomi costituiscono il processo creativo e mostrano l’inevitabile bisogno di inserire la progettazione in un campo multidisciplinare. Credo che il fascino principale del tuo lavoro risieda nella capacità di coinvolgere diverse sfaccettature della pratica, stimo­ lando un risultato ibrido che influenza la percezione. I tuoi lavori, tra la produzione accademica e quella

professionale, integrano e coinvolgono diversi contesti che portano alla produzione di risultati differenti. Nonostante il ventaglio di azione sia molto vario, si puo’ percepire l’intenzione di un filo condut­ tore a livello teorico e di ricerca parallelo alla pratica. A questo proposito quali sono i punti chiave su cui la tua ricerca pone l’attenzione? Come definiresti la tua filosofia architettonica alla base della produzione? AF: Questa è una bella domanda. Al momento posso elencare una serie di idee importanti per la mia pratica maturate nel corso degli ultimi cinque anni, quali: La sperimentazione materiale. Ossia le relazioni tra il materiale, le forme digitali e i processi di fabbricazione, l’uso e la valorizzazione di materiali considerati comunemente grezzi e non sofisticati, “non performance based theory of materiality”. Nozioni di topologia aggiornate. Forme percettive attraverso lo sviluppo di modelli sperimentali basati sul movimento e la transizione tra diversi stati. Ognuna di queste idee trova spazio nelle risposte successive. VS: Per quanto alcuni di questi aspetti parti della disciplina possono essere controllati da processi relativamente scientifici, attraverso, per esempio, l’uso di strumenti digitali, rimane la condizione di architettura come forma d’arte che inevitabilmente coinvolge l’estetica, provocando sensazioni specifiche nel fruitore. Quali sono gli strumenti principali che permettono questo risultato? Quanto l’ausilio digitale influisce e “permette” la configurazione finale? Durante il processo in che rapporto il controllo consentito dallo strumento influisce sulla spontaneità artistica e viceversa? AF: Generalmente credo che la tecnologia digitale – la modellazione tridimensionale, le tecniche di scripting e fabbricazione - sia incredibilmente impor­tante e senza dubbio continuerà a guidare l’innovazione architettonica nei prossimi decenni. Nonostante questo, devo dire che l’uso dello strumento digitale ha prodotto una serie di errori nel campo architettonico negli ultimi quindici anni. Uno di questi è la subordinazione del materiale alla forma digitale. Nella maggior parte dei paradigmi della fabbricazione digitale, il materiale viene forzatamente adattato a una serie di protocolli severi dovuti a questioni di tolleranza e controllo relazionati al funzionamento dei macchinari. Personalmente, come professore e come designer, cerco di ripen­sare questo processo. Nel mio corso accademico presso The University of Michigan’s Taubman College of Architecture and Urban Planning e nel mio lavoro porto avanti la ricerca usando materiali non-standard che favoriscono molteplici lavorazioni manuali. Questo processo, prende luogo principal­mente nella prima fase di design, permettendo di testare le capacità specifiche e le proprietà volumetriche del materiale scelto. Le tecniche di mod­ellazione e fabbricazione digitale vengono introdotte successivamente come supporto al processo, 08 CITYVISION 59


60

CITYVISION 06


1

PREVIOUS SPREAD 1. STUBBLE STEP Adam Fure ph. courtesy of SIFT studio

1

ON THIS SPREAD 1. KENTUCKY WORKSHOP Adam Fure SIFT studio in collaboration with: Joe Cavallo, Craig Chamberlain, Alex Culler, Patrick Davis, Matt Gannon, Brandyn Heyser, Ben Kolder, Laura Mattingly, Kyle McGrath, Kendall Latham, Brian Richter, Madelynn Ringo, Brad Ostendorf, Anne Schwab, Derek Taylor, Carrie Wahl ph. Michael Haas

06 CITYVISION 61


permettendo risultati che non sarebbero possibili altrimenti. Strutturando il processo in questo modo, il materiale esprime le sue potenzialità diventando la guida formale principale del processo di design. L’istallazione Hover credo sia un buon esempio per spiegare questo processo. In questo progetto è stato utilizzato il materiale Polyester batting. Facilmente lavorabile si mostra particolarmente propenso alla generazione di molteplici effetti e Texture interessanti. Ma a causa della sua conformazi­one superficiale molto soffice è strutturalmente instabile. Nella prima fase di design sono state sviluppate diverse tecniche di manipolazione materiale (dipingendo, fondendo, strecciando e mescolando il materiale con altri), generando un ventaglio di risultati che variavano radicalmente da soffici superfici incolore a tessuti estremante colorati dalle caratteristiche organiche. La struttura di supporto consisteva in una serie di elementi metallici pendenti, tagliati attraverso CNC water jet machine, successivamente piegati in base alla conformazione finale ricercata e avvolti da polyester batting. Muovendosi attraverso l’istallazione si aveva una vaga percezione della sub-struttura, permettendo ai visitatori di focalizzare tutta l’attenzione sugli effetti della superficie del batting. VS: Senza voler entrare troppo nel campo sociologico o psicologico, e rispettando il fascino della percezione spontanea dei sensi di ogni individuo, il ruolo del designer è decisivo nella configurazione estetica finale del progetto. Assumendo il ruolo di “generatore”, il progettista definisce le qualità estetiche principali. A seconda dell’interesse e delle decisioni assunte durante il processo creativo l’espressione formale e quindi percettiva verrà strategicamente orientata verso un effetto specifico, per poi variare inevitabilmente in ogni individuo. Queste riflessioni nascono spontanee in relazione al tuo lavoro, che presenta un’estetica peculiare fortemente identificabile. A questo proposito ti chiedo quanto il risultato estetico finale è intenzionalmente parte del pro­cesso e come influisce nella tua ricerca materiale e spaziale? Quali sono gli effetti e le reazioni specifiche a cui ambisci? AF: Questa domanda emerge spesso quando designer parlano di esperienza. Per motivi ragionevoli le persone mostrano scetticismo nei confronti di coloro che pensano di poter generare un’esperienza specifica attraverso un progetto. Nonostante cio’ credo sia importante avere un’idea di cosa si produce oltre che di come e perché. Generalmente, credo che la percezione umana del mondo (e in particolare dell’arte) si divida in due parti: quella cognitiva e quella sensazionale. Questo concetto non è certamente nuovo, molti filosofi e teorici (Kant, Nietzsche, Bergson, Strauss, Maldiney, Sontag) hanno già affrontato il tema es­tetico in questi termini. Nella maggior parte dei casi una parte è stata definita superiore rispetto all’altra. Il concetto di Kant del “disinteressamento” è probabilmente l’esempio più conosciuto che favorisce un modo di percezione rispetto agli altri. Per Kant è necessario escludere ogni tipo di 62

CITYVISION 08


desiderio carnale nel giudizio estetico. Personalmente non sono interessato nel considerare una forma di percezione specifica superiore rispetto ad altre (anche se sono a favore della ricon­siderazione del “desiderio” nel dibattito architettonico contemporaneo), ma preferisco relazionare il mio lavoro a esperienze percettive differenti che si muovono tra poli sensoriali estremi. Questo concetto esprime l’idea di Forma Percettiva menzionata nella prima risposta. Per quanto riguarda il mio lavoro, in questo contesto, vorrei menzionare il progetto Veer, un’istallazione multimediale che integra la progettazione spaziale con le caratteristiche del suono e della luce. Ritengo che questo progetto sia il miglior esempio per esprimere il mio approccio in termini di esperienza. All’interno dell’istallazione lo spazio viene diviso in cinque zone. Ognuna delle quali è caratterizzata da qualità di natura differente calibratamente progettate e posizionate nello spazio. Queste caratteristiche sono di diversa natura, integrando le qualità materiali e di texture con quelle sonore e proporzioni spaziali. Le caratteristiche fisiche e visuali del materiale rispecchiano e generano risultati sonori che performano in base al movimento delle persone all’interno dello spazio, attraverso sensori posizionati all’interno del pavimento. I suoni vengono memorizzati e riprodotti simultaneamente mostrando densità differenti basati sui gradi di movimento delle persone nello spazio. Lungo l’installazione gradazioni di colore transitano da bianco a arancione e fucsia. Queste variazioni vengono mappate come indicatori di diversi stati di intensità (da bassa ad alta) seguendo le caratteristiche sonore: pareti bianche vengono accompagnate da suoni leggeri, mentre nelle aree colorate vengono emessi suoni multifonici acuti. La posizione dei microfoni segue le diverse connotazioni spaziali all’interno dell’istallazione. Adattandosi per esempio alla curvatura del soffitto. Quando lo spazio si comprime i microfoni si collocano solo a pochi centimetri dalle orecchie dei visitatori. Nello spazio “cavernoso” il suono recede e le fonti vengono posizionate a livello testa dei visitatori. In termini di esperienza ogni partecipante definisce la propria forma di percezione determinata dal proprio movimento. Nonostante cio’ il gradiente qualitativo assicura un certo grado di omogeneità nel risultato. Per esempio i punti più bassi e la fine del tunnel sono caratterizzati da suoni acuti e colori vibranti che stimolano alcune sensazioni, creando un con­trasto percettivo con le aree spaziali più aperte che presentano qualità visive e sonore opposte. In aggiunta, lo stato interattivo varia costantemente (non capita mai che due sensori producano lo stesso effetto) rendendo difficile una completa com­prensione pur essendo cognitivamente accessibile. VS: L’estetica finale nei tuoi lavori presenta le caratteristiche del Disgusto, nella sua manifestazione più profonda. La sensazione disgustosa provocata in colui che osserva genera un’attrazione incontrollata verso l’opera, scatenando curiosità e contemplazione ossessiva verso la forma. Questo processo puo’ generare un immenso piacere come un rifiuto 08 CITYVISION 63


totale. Come già detto queste dinamiche possono essere relativamente controllate. Il fascino estetico princi­pale che riscontro nei tuoi lavori è la carica espressiva squisitamente disgustosa che li caratterizza. L’organicità estrema della forma acquista sensibilità ar­tistica attraverso l’uso sofisticato dei colori, dei materiali, delle finiture nei dettagli. La composizione finale è caratterizzato da un inspiegabile equilibriodisequilibrio tra le parti e il sistema. La struttura finale è forte ma strategicamente calibrata allo stesso tempo. Quali pensi siano i parametri principali che permettono un risultato di questo tipo, provocando meraviglia e piacere attraverso il disgusto? Puo’ essere la determinazione e la scelta dell’intensità di queste caratteristiche? Cosa ne pensi in relazione al tuo lavoro? AF: Ho già accennato alcuni degli aspetti chiave del mio lavoro e il mio interesse verso la generazione di qualità attraverso la lavorazione di materiali grezzi. Un’altro aspetto della tua domanda è quello di fare un salto a livello teorico ed esaminare la questione estetica. Credo che questo campo sia molto delicato. Penso che l’esperienza estetica sia troppo complessa per ridurla a un’opposizione del concetto di Bello verso quello di Brutto (anche se ammetto che se fossi forzato a prendere una posizione prenderei le parti del Brutto). La mia posizione riguardo al concetto estetico si avvicina a quella di Georges Bataille. La sua teoria si mostra contraria all’opposizione tra Bellezza e Bruttezza, preferendo una visione più pura attraverso la concezione di Alto/Basso in relazione alla percezione del mondo. Per Bataille ogni aspirazione alla bellezza e alla nobiltà conduce al cadere nel “corrotto”, nel “grezzo” e nel “carnale”. Le operazioni che conduco sui materiali sono orientate verso il “Basso” in relazione alla visione di Bataille. VS: L’architettura puo’ essere considerata una forma d’arte responsabile. In alcuni casi i limiti e i confini tra queste due “condizioni” sono espressi netta­mente e in altri, come nei tuoi lavori la linea di separazione è favolosamente indefinita. Credo che questa posizione viene espressamente raggiunta nel tuo approccio. A questo stadio emerge la questione “scala”. La relazione tra la configurazione spaziale e il valore esteticoartistico è strettamente proporzio­nale. L’aumento di scala implica direttamente non solo l’aumento dei limiti e di ciò che è possibile, ma influenza l’equilibrio estetico. Lo stesso principio formale produce risultati diversi in base alla dimensione. Il disgusto e la meraviglia generato da un opera di dimensioni ridotte cambia radicalmente pensando alla scala edificio. Fino ad ora i tuoi progetti rientrano nella dimensione prototipo-istallazione. Pensi che questo processo estetico possa essere applicato a una scala architet­ tonica più grande? In tal caso come cambierebbe

64

CITYVISION 08


1

1

PREVIOUS SPREAD

ON THIS SPREAD

1. KENTUCKY WORKSHOP Adam Fure SIFT studio in collaboration with: Joe Cavallo, Craig Chamberlain, Alex Culler, Patrick Davis, Matt Gannon, Brandyn Heyser, Ben Kolder, Laura Mattingly, Kyle McGrath, Kendall Latham, Brian Richter, Madelynn Ringo, Brad Ostendorf, Anne Schwab, Derek Taylor, Carrie Wahl

1. MICHIGAN HOUSE Adam Fure ph. courtesy of SIFT studio

ph. Michael Haas

06 CITYVISION 65


l’approccio? AF: In questo momento sto progettando una casa unifamiliare in Michigan. Attraverso questo progetto ho la possibilità di testare alcune delle mie idee a una dimensione più grande. Il salto di scala induce a una riconsiderazione delle mie ambizioni, orientando la progettazione verso alcuni aspetti più convenzionali della disciplina. L’interesse principale in questo progetto si esprime nella connessione tra architettura e natura espressa dalla sua relazi­one con il terreno e la “materialità”. In questo momento l’attenzione gravita su due aspetti a cui sono simultaneamente pro e contro. Il primo si riferisce alla nozione poetica dell’espressione materiale, articolata da Jultani Pallasmaa, che celebra la capacità intrinseca di un materiale di raccontare una storia, attraverso il tempo e lo spazio. Credo che i materiali abbiano molto da esprimere, non in maniera prestabilita, ma presentano un range vasto di possibili associazioni. Nella Michigan House sto progettando una parete di colore verde, la profondità e texture così esagerate da acquistare più le sembianze di una pelliccia che di una parete verde. Il secondo aspetto si avvicina più alla perversione di Frank Lioyd Wright verso il “Prairie Style”. Nella Michigan House sto osservando la tecnica adottata da Wright di lavorare con le linee orizzontali del tetto: estendendole e abbassandole come a seppellire parzialmente la casa, progettando il landscape e allineando le linee dell’orizzonte interno con il terreno esterno, per creare una connessione con la terra, ma in maniera meno romantica e più sterile di quella di Wright. Per esempio, la porta principale è leggermente interrata determinando il passaggio attraverso la facciata vegetale dove le qualità oscure e in qualche modo “sporche” del materiale mostrano una similitudine con il camminare all’interno della terra. Durante la progettazione di quest’area stavo leggendo “il linguaggio dei fiori” di Bataille. Parlando dei momenti di Alto e Basso dei fiori, scrive: “ Mentre le parti visibili sono nobilmente elevate, i grezzi ignobili gambi appiccicosi vivono beati nella terra, amando il marcio come le foglie amano la luce ”. VS: I limiti che sottolineano la separazione tra architettura e arte includono oltre al concetto di scala quello di funzione. Oltre la capacità di sedurre total­mente colui che osserva, i tuoi lavori innescano un meccanismo di curiosità e riflessione. Credo questa sia una delle qualità migliori a cui un designer possa aspirare. Osservando la tua produzione sorge spontanea la domanda su come questi processi si possono incorporare nelle costrizioni della proget­tazione architettonica, generando nuove configurazioni non solo a livello estetico, ma percettivo, di esperienza e di funzione. Trasformando il problema in sfida e in possibilità. Creando un nuovo modo di concepire anche l’aspetto programmatico. La questione nasce dal fatto che le qualità prodotte sono cosi affascinanti che meritano di essere indagate a molteplici livelli. Pensi che lo spazio funzionale possa acquistare un nuovo valore attraverso questa ricerca? Credi che questi processi siano possibili solo in 66

CITYVISION 06


1

1. KENTUCKY WORKSHOP Adam Fure SIFT studio in collaboration with: Joe Cavallo, Craig Chamberlain, Alex Culler, Patrick Davis, Matt Gannon, Brandyn Heyser, Ben Kolder, Laura Mattingly, Kyle McGrath, Kendall Latham, Brian Richter, Madelynn Ringo, Brad Ostendorf, Anne Schwab, Derek Taylor, Carrie Wahl ph. Michael Haas

06 CITYVISION 67


relazione a condizioni specifiche o si possano adattare a diversi contesti progettuali? In tal caso quali sono i risultati che prevedi? AF: Credo di aver orientato la mia carriera verso l’accademia per un motivo preciso. Il mio lavoro puo’ essere più facilmente inserito in un contesto artistico e di ricerca e sono affascinato dalla produzione di idee che emerge insegnando all’università e scrivendo. Nonostante ciò sono interessato a posizionare il mio lavoro anche in un campo architettonico piu convenzionale per vedere quanto e cosa sia possibile. Non credo che il mio approccio rappresenti un nuovo modello architettonico da seguire, ma credo abbia qualcosa da offrire alla disciplina e spero alla professione. VS: A questo proposito vorrei entrare nello specifico e puntare l’attenzione su progetti come “Stubble Step” , “13178 Moran” ,”Veer”, “Hover”, raccon­ tano la condizione urbana. Il fascino indiscusso di questi spazi tridimensionali consiste non solo nella configurazione finale ma nelle capacità di evocare e integrare caratteristiche riconoscibili nell’ambiente cittadino. Città come New York, Roma, Parigi avvolgono i sensi di colui che visita, non solo attraverso la bellezza di alcuni momenti specifici, ma anche attraverso l’atmosfera e il degrado del loro ambiente. Il degrado assume le caratteristiche del disgusto, capace di attrarre e stimolare. In questo caso si manifesta come il passare del tempo, come testimone dell’uso dello spazio, connotato da una forte potenzialità espressiva e estetica. Nei tuoi progetti queste caratteristiche diventano oggetto di studio. Questo processo rappresenta in maniera eccezionale come sviscerando ed enfatizzando determinati aspetti del Disgusto si aprono possibilità inaspettate.Quale processo permette la trasformazione di carat­teristiche disgustose in qualità in un contesto urbano? AF: Questa domanda mi piace molto. Credo che la sostanza dell’ambiente urbano sia potente e difficilmente ho avuto la possibilità di parlarne in relazi­one al mio lavoro, per questo apprezzo molto l’opportunità. Il modo piu facile per spiegarmi è attraverso la presentazione del progetto Stubble Step, in collaborazione con Ellie Abrons per la biennale di Venezia del 2012. L’installazione è una versione di un progetto precedente nella città di Detroit, nel 2010. In quel caso dovevamo confrontarci e reagire a una realtà urbana dalla forte identità. La città presenta un incredibile materialità che si manifesta in maniera quasi naturale. Questi momenti sono stati catturati da una serie di fotografie di strutture abbandonate. Una delle fotografie più affascinanti è stata fatta dal fotografo Andrew Moore, nel suo libro Detroit Disassembled. L’immagine presenta lo spazio interno di uno stabile abbandonato che viene ricoperto da una parete composta da un bril­lante e rigoglioso tappeto di muschio. In questo caso l’incontro tra organico e sintetico è estremamente interessante. Questa immagine ha influenzato la progettazione di Stubble Step. La parte superiore e la superficie esterna dell’installazione sono rivestite da un tessuto di tulle. Su questa base si applica una patina adesiva ricoperta di 68

CITYVISION 08

granuli, successivamente vengono applicati diversi strati di vernice parzialmente fusi tra loro per creare dei rilievi sulla superficie dalla forma di gocce e di buchi. Il soffitto è composto da un insieme di elementi “bulbs” (a forma di bulbi) che sembrano sospesi nell’aria. La superficie esterna è composta da tre strati di tulle: due elementi di tulle merlettati e traslucidi integrati con strati di tulle rosso e fucsia. Il pavimento è composto da legno di cedro lievemente colorato con una vernice rosa pallida. Una serie di forme e figure vengono intagliate nel legno come base per ciuffi di vegetazione, muschio, rocce colorati di rosso e di rame. Questi materiali localizzati strategicamente creano momenti di colore e texture intensi (“hotspots”) che sollecitano la percezione dei partecipanti estraniando il legno dalla sua convenzionale “autenticità materiale”. Tutti i materiali che compongono Stubble Step vengono manipolati attraverso alterazioni di colore texture e associazione per evocare il carattere della città di Detroit.


ENGLISH VERSION

1

1. STUBBLE STEP Adam Fure ph. courtesy of SIFT studio

The digital revolution in Architecture has produced a series of results that together have precipitated a conceptual reinterpretation of the discipline’s fundamental principles. The contemporary debate shadowing the evolution of the practice analyzes the formal expressions and new aesthetics emerging from processes that can generate and control extremely complex geometries. Inevitably the focus here is on the aesthetic and perception. The pertinent question then, is how these works are perceived and how their visual impact, in turn, shape the discipline. A necessary rethinking of the concept of Beauty is implied by the sensorial experience of these new configurations. In particular, the intensity of expression of certain contemporary art and architecture works induces us to re-evaluate the classical Beauty criteria, which now appears to be relatively passive. Viewers are overcome with emotion as the sheer aesthetic power of these works stimulates their sensorial faculties. More than ever, art works interact directly with the internal drives of the human body. In this scenario the potentiality of feelings like Disgust surface. Disgust is one of the most intense and spontaneous emotions of the human neurological system. It is so potent that it could lead, through the state of wonder, to experiences of the sublime. Viewers undergoing this emotional process experience the binary feelings of rejection or attraction. Which are the qualities that control these reactions? Which are the characteristics that trigger this attraction? Does it’s attractiveness emerge from it’s imperfection or it’s being unexpected? It is possible to be attracted by something without liking it and vice versa. So what then is the difference between attraction and pleasure? What role does this concept play in contemporary Architecture practice? The challenge consists in crystallizing how Designers and Architects can exploit this potentiality during the design process to generate specific effects that culminate in a state of wonder and even experiences of the sublime. The research conducted by Adam Fure’s Sift Studio is making an extraordinary contribution to the debate. In particular, the studio’s strong experimental vocation focuses on material speculation. Their work’s unique artistic sensibility enhances the material and spatial exploration, reaching an exquisite aesthetic result. These projects demonstrate the intricate relationship between: art and architecture, craft quality and digital tools, and the experience of space and perception.

08 CITYVISION 69


VS: Architectural identity derives its nature from the polar principles of Art and Science, Beauty and Function, Structure and Aesthetics, Space and Perception, and from Prototype and Urban scale. Through this network of relationships comes the creative process. Thus the discipline develops in a multidisciplinary context. Your studies bring together the different faces of Architecture; and the hybrid results have a profound influence on the perception of the observer. Your work, both academic and professional, is marvelously various, but it also reveals a coherent Design philosophy underlying your production. What are the key principles that guide your practice? AF: That’s a good question. At the moment, I can list a series of important ideas that have contributed to my work and occupied my thoughts over the past few years: An amount of issues involving materials their relationship to digital form and fabrication, the use-value of eccentric and unwieldy materials, and nonperfomance based theories of materiality to name a few Updated notions of topology, and perceptual form more specifically, an experiential model based on movement between different attentive states. Each of these ideas fit nicely with at least one of the following questions so I’ll provide explanations below. VS: Certain effects can be generated by design, by following a relatively scientific process. This can happen, for example, using digital tools. But as much as this is possible the condition of Architecture as Art inescapably brings into play the concept of Beauty, evoking its own responsive emotions. Some of the contemporary “digital” projects are driven by the tools. And this condition affects the final formal expression. Your work is so aesthetically powerful because it alludes to the presence of a complex development process without revealing it. How do digital tools influence the development of your projects? How would you define the relationship between the tools, the craft process and the artistic spontaneity in your design? AF: In general, I think digital technology (modeling, scripting, fabrication, etc.) is incredibly important and will no doubt be a major driver in architectural innovation for decades to come. That being said, it has encouraged certain biases over the past fifteen years, one of which is the subservience of materials to digital form. In most paradigms of digital fabrication material conforms to a strict set of machining protocols due to a various of issues regarding control and tolerance. In my teaching and research I’ve sought to shake this up a bit. My seminars at University of Michigan’s Taubman College of Architecture and Urban Planning and my design work both start with material experimentation, usually with non-standard materials that are handworked in many ways in order to test their abilities to

70

CITYVISION 08

generate potent physical qualities and mass. Digital modeling and fabrication is introduced later in the process as a means of supporting the materials, allowing them to perform in ways they could not on their own. In this model, materials are the main formal driver and producer of the qualitative aspects of the object/space. The design of the Hover installation is a good example. There we were working with polyester batting, a material that provides a wide range of textural possibilities but lacks structural rigidity. In the early design phases we developed numerous techniques of material manipulation (painting, melting, teasing, and mixing it with other materials), which ultimately produced surfaces that ranged from soft white skins to organic matted carpets. The support structure was a series of hanging steel ribs that were cut on a CNC water jet and bent into figured profiles, then wrapped with batting. Moving through the installation one has only a vague sense of the underlying substructure, allowing participants to focus on the saturated surfaces of the batting. VS: As mentioned before the Designer, ultimately, defines the final aesthetic of the project. Each decision made during the design development leads to an explicit configuration. The Human perception system is fascinating because it behaves differently in every person. So even if it is impossible to fully control the sensational reaction of the public, your works lead to an individual-specific aesthetic. How much of this is intentional? Is your material and spatial research influenced by a specific idea of Beauty? What are the final effects and reactions that you seek to generate? AF: This is a question that comes up a lot when designers talk about experience. People (for good reasons) are often skeptical when you say you’re producing a particular type of experience through your work. Nevertheless, I think it’s important to have an idea of what you’re producing in addition to how and why. In general terms, I think our experience of the world (and art in particular) is comprised of two-parts: one dominated by cognition and the other by sensation. This is not new; a whole range of philosophers and theorists have characterized aesthetic experience in this way (Kant, Nietzsche, Bergson, Strauss, Maldiney, Sontag), usually elevating one part over the other. Kant’s concept of “disinterestedness” is probably the most well-known example of biasing one mode of perception at the expense of others. For Kant, it was essential that judgments of Beauty were made devoid of any carnal desire. Personally, I’m not interested in elevating one form of perception over another (although I support the resurgence of desire in recent architectural discourses), but rather in designing experiences that move between these two poles. This is the perceptual form that I mentioned in my first answer. In my own work, I would like to mention the Veer project a multimedia installation involving space, sound, and light, is probably the most developed attempt at


1

1. VEER Adam Fure in collaboration with composer Ashley Fure ph. Youki Hirikawa

06 CITYVISION 71


shaping perceptual form. Generally speaking, we divided the installation into five zones, each characterized by a parsing, calibration, and alignment of its qualitative aspects—from material texture to sonic grain to spatial proportion. Physical characteristics in the material walls are mirrored in localized sonic responses that are triggered as participants move over pressure sensors embedded in the floor. Layers of recorded sounds are spliced and sculpted to exhibit different densities and degrees of harmonic warmth. Across the space, gradations in color move from near white to burnt orange and fuchsia. These variations are mapped to indicate the different stages of intensity (high/low) following the sound characteristics: white walls are combined with soft white noises, whilst the colored areas are combined with screeching multiphonic sounds. The positioning of the speakers in the installation follows the curve of the ceiling. When the space is compressed the speakers are just inches away from the visitors ears. As participants move into cavernous regions, sound recedes to speakers high above headlevel. In terms of experience, each participant produce their own unique perceptual form determined by their direction and speed of movement, however, the qualitative gradients throughout assure some consistencies. For example, the low points and dead ends of the tunnel-forms are characterized by loud sounds and vibrant colors producing a flood of sensory stimuli (inducing sensation), which recedes as participants move into more open spaces. In addition, the patterns of interactivity are constantly variable (no two sensor mappings are ever the same), making it difficult to completely comprehend but cognitively accessible nonetheless. VS: Your work elicits certain connotations of Disgust, in its own deeper manifestations. In this way the Disgusting response attracts and fully engages the observer. It stimulates obsessive contemplation and curiosity toward the articulated forms. The main fascination of your work is the capacity to drive the Disgusting feeling towards enchantment. The extremely organic configurations enhance artistic sensibility through the sophisticated color and material strategy in the details and in the seams. The final composition is characterized by a fascinating dichotomy between the whole and its parts. Ultimately, the strength of the final structure lies in the powerful expression strategically calibrated. Which are the main parameters that combine to elicit wonder and pleasure from the prism of Disgust logic? Could it be the choice and the intensity of certain qualities? How is this dynamic reflected in your projects? AF: I’ve already briefly mentioned some of the key aspects of my work and my interest in the creation of quality through the process of raw materials. Another aspect of your question, however, is asking me to stake a larger claim in terms of aesthetics. This is tricky territory, I think. I hesitate to reify a dialectic like Beauty and 72

CITYVISION 08

Ugliness, and then commit wholeheartedly to one or the other. I believe aesthetic experience is too nuanced to minimize it in such ways (although if such a dialectic were forced upon me I would take sides with the Ugly). My position in regard to aesthetics is very close to Georges Bataille’s. He was against dialectics like Beauty and Ugliness, preferring, if anything, a high/low framing of the world. For Battaille, any aspiration inherent to beauty or nobility is a propensity to fall into the rotten, the carnal, and the raw. You could say that much of my operations on materials are about a downward movement, a debasement, not unlike the one articulated by Bataille. VS: Architecture could be considered as responsible Art. In some cases the border between these two conditions is clearly defined; yet in other cases, as in your approach, the line is remarkably blurred. At this point the “scale” question emerges. The relationship between the spatial organization and the aesthetic/ artistic value of a project is proportional. That is, the increase of scale consequently entails a proportionate increase of the constraints on what is achievable, a dynamic that simultaneously affects the aesthetic balance. The same formal principle performs in different ways according to the dimensions. And the Disgust-eliciting qualities change radically from a prototype to a building scale. Until now your projects are mostly on this prototypeinstallation dimension. Do you think your idea of Beauty could be applied on a bigger scale? How would the approach change? AF: I’m currently designing a single-family home in Michigan where I’m testing out some of my ideas on a larger scale. The jump in scale has necessitated a reframing of my aesthetic ambitions in more conventional disciplinary terms. The main issue I’ve concentrated on is the connection of architecture to nature as expressed by its relationship to the ground and its materiality. I would say there are two positions I’m working simultaneously with and against. One is a poetic notion of material expression as articulated by someone like Juhani Pallasmaa, where materials have a “story” to tell—one that is consistent across time and space. I believe materials have a lot to express, but that what they express is not fixed, and can be steered toward a wide range of associations. In Michigan House, I’m designing a vegetal façade with highly exaggerated depth, color, and texture, making it look more like a colorful fur coat than a weathered façade. The second position would be something like a perversion of Frank Lloyd Wright’s “Prairie Style.” In Michigan House I’m looking to Wright’s techniques of lowering and extending roof lines, partially burying the house, building up the landscape, and aligning interior horizon lines with the ground outside, to make connections to the earth, but ones that are less romantic and sterile than Wright’s. The front door of Michigan House, for example, is partially buried so you have to walk through the vegetal façade where the material qualities are dark and dirty as if you were walking into


the earthen soil. I was thinking of Bataille’s essay “The Language of Flowers” when I was designing this part. Speaking of the “high” and “low” aspects of the flower he says, “While the visible parts are nobly elevated, the ignoble and sticky roots wallow in the ground, loving rottenness just as the leaves love light.” VS: The difference between Art and Architecture is emphasized by the scale dimension but also by functional restrictions. Your productions seduce and inspire the viewer, activating curiosity and stimulating reflections. This is one of the best qualities that a designer could aspire to generate. The effects generated are so wondrous that they merit investigation on multiple levels. It spontaneously inspires us to question how this process could push the boundaries of Architecture to generate a new experimental and formal vision of the functional space. Do you think that the functional space could achieve a new value through this research? Can these qualities be applied only to certain specific conditions, or can they be part of different design contexts altogether? In the latter case, what contexts and results can you imagine? AF: I think I’ve gravitated toward academia for a reason. The work that I’ve done is easier to frame in research and artistic contexts and I like the production of ideas that happen through teaching and writing. I’m interested in transitioning my work into more conventional building contexts and once I do I’ll see how easy it is. I don’t believe my work is a new model for design in general, but I do think it has things to offer the discipline and hopefully the profession.

we had an actual urban environment to react to. There is an incredibly potent and raw materiality to Detroit, one that is captured in the wide-spread photography of abandoned structures. For example, there is an incredible photograph by Andrew Moore, in his book Detroit Disassembled, of an abandoned interior in Detroit that is covered by a brilliantly green, lush, moss carpet. The mix of organic and synthetic here is really interesting and something we were thinking about when treating the materials in Stubble Step. In this project, the canopy and outer skin are created from a base of tulle fabric coated in adhesive, granules, and multiple layers of paint, and then partially melted to create small tears and holes. The canopy is made up of a composition of hanging bulblike elements that seem to be suspended in the air. The outer skin consists of three layers of tulle: two lacy, translucent, metallic sheets sandwiching a leathery, red and fuchsia sheet. The floor is made up of cedar posts that are washed in a pale, pink stain, like rouge or blush over natural wood. A series of figural shapes are carved into the wood, serving as the base for lavish material additions of grass, moss, flocking, rocks, and foam, all painted red and copper. These material “hotspots” add moments of saturated color and texture, eliciting haptic responses from visitors and estranging the wood from any reading of “authentic” materiality. All of Stubble Step’s materials are manipulated in ways that change their color, texture, and associations, evoking the far away grit of Detroit.

www.siftstudio.com

VS: Observing your production and with particular focus on the projects “Stubble Step”, “13178 Moran”, ”Veer”, “Hover”, ones attention is captivated by your take on the urban condition. The tri-dimensional space evokes and integrates metropolitan characteristics. Cities such as New York, Rome and Paris engage the visitor through beautiful moments, but also through the atmosphere created by the decay of their environment. In this way the urban degradation is part of the urban appeal. As a witness to the use of the space and the passage of the time, one is intrigued and fascinated. These qualities are the object of study in your practice. Your work demonstrates how deeply perplexing and intensifying certain aspects of Disgust logic operate to open the way for discovery of new, beautiful possibilities. What processes transform urban Disgust into urban appeal? AF: I like this question a lot. I find the grittiness of urban environments really powerful and I rarely get to talk about it in relation to my work so I appreciate the opportunity. The easiest way for me to talk about this is in relation to the project I did in collaboration with Ellie Abrons for the 2012 Venice Biennale, titled Stubble Step. This was an adaptation of a project we did in Detroit in 2010 so 08 CITYVISION 73


The city of dreams text Francesco Gatti illustrations Snorri Eldjรกrn Snorrason

1

3

HOW TO READ IT / CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS

74

CITYVISION 08

2


shanghai Il disgusto a Shanghai è un po’ ovunque. Basta stare La limousine si ferma nella sua fabbrica. È una fabbrica svegli per goderne di tutta la sua inevitabile grandezza. d’arte, in una catena di montaggio persone nude usano Molto sveglio, cammini per le strade colme di omuncoli le loro chiappe piene di inchiostro per marcare le tele vestiti tutti uguali, felici tutti uguali, molto seri tutti che scorrono sul rullo trasportatore. uguali. A partire dal vestiario il disgusto nasce dal basso, Un clown col cappello da cardinale è seguito da un’orda partendo dai mocassini lucidi con calzino bianco di di nani vestiti da Babbo Natale, la gente li applaude, spugna, pantalone rigorsosamente stirato con la riga il clown sale su un elefante e raggiunge la fabbrica di in mezzo, cinta lucida di Ferragamo con fibbia dorata, giocattoli. I cecchini sul tetto sono pronti a sparare. camicia con simbolo di Armani e giacca con spalline Il clown si leva il trucco e si scopre essere una donna sempre di una misura più grande. Dall’operaio in severa, pronta per la sua ispezione alla fabbrica. cantiere all’imprenditore o dirigente politico, si vestono Gli operai sono tutti vecchietti, costruiscono giocattoli tutti cosi, formali: disgusto e serietà. per la guerra. Producono anche fumetti e altri balocchi Andando più in alto si arriva allo sguardo, uno sguardo che possano condizionare la mente dei bambini per non particolarmente passionale composto da due occhi fargli odiare quello che sarà il prossimo nemico tra collegati tramite fascio nervoso ad una massa molliccia quindici anni. chiamata cervello, se ci si soffrema e si ispeziona Il fondatore della fabbrica è il padre del cinese, il quest’organo si potrà notare la presenza di un creatore del suo impero economico. È vecchio, Al chip con in bassorilievo il simbolo di sordomuto e pure cieco. Prima di prendere primo, il buco della Mao Zhedong, lo stesso che si trova una decisione si consulta con sua pallottola fa uscire coriandoli, al sulle banconote cinesi. Il chip moglie, la madre del cinese, gli naturalmente dà a tutti la stessa mette una mano sulla vagina e secondo, fumo giallo, al terzo, un nastro sequenza di comandi: lavora, se è umida è un “si”, se è secca di stoffa rosso, al quinto, due mele rosse, al sposati, fai un figlio, gioisci è un “no”. sesto, polpa di anguria, al settimo, una colomba che nel contare le banconote, Tutte le donne della vola via. I morti per le strade hanno rubinetti di sangue non essere violento e fabbrica sono belle e blu che gli escono dalle orecchie. rispetta il governo: sono tutte le mogli del Ecco arrivare l’architetto, la sua casa è labirintica e i suoi disgusto e felicità. cinese. Fanno l’amore figli sono tutti travestiti da topolino. Si pente subito di aver Il cinese pensa di con lui solo durante progettato un quartiere residenziale fornito di giardini, case con essere cinese, pensa le ore lavorative ampie finestre, sistema di riscaldamento, acqua e luce. Confessa di essere felice, pensa cosi che lui le possa subito che era un progetto sbagliato che ha fatto perdere molti di essere una persona promuovere a soldi agli investitori; un uomo non ha bisogno di una casa, necessita segretarie. seria. Ma in realtà solo di un tetto, se riuscissimo a vendere l’idea del “tetto” potrei questo suo ego non La vecchia dai capelli far fare milioni a i miei clienti. Gli investitori applaudono e lui è che una maschera verdi e dalla passera continua a spiegare mentre un pene gigante viene portato al illusoria creata dal verde sta pisciando, chip che non ha nulla canticchia, poi prende cospetto del banchetto e il plastico del nuovo centro residenziale a che vedere con il il pitone dalla culla e lo viene mostrato tra il consenso generale: è una griglia suo vero, originale, infila dentro un calzino tridimensionale formata da bare messe una sopra l’altra. meraviglioso io. colorato per poi cullarlo. Beep beep beep! La meraviglia a Shanghai Ma il beep della sirena è un po’ ovunque. Basta far suona, il presidente la Suona la sveglia. calare le tenebre per goderne vuole incontrare, vuole avere Sono le sette, il chip si riattiva e il cinese si di tutta la sua inevitabile il report dalla sua consigliera appresta ad affrontare un’altra giornata grandezza. finanziaria dai capelli verdi: sotto il volere della sua disgustosa Tornando al nostro cinese dallo “per salvare l’economia della nazione società. sguardo “geniale”, si potrà notare che dovremmo uccidere quattro milioni di dopo la sua razione serale di cibo e di CCTV cittadini nei prossimi quattro anni” tuona ad si va a coricare molto presto impaziente di entrare nel alta voce. suo meraviglioso mondo onirico dove è solo il vero io a Il presidente pare non turbarsi, alza la cornetta e ordina: farla da padrone. “iniziate le operazioni delle camere a gas; gasificate Un bacio alla moglie, le luci si spengono e... scuole, università, librerie, musei, eccetera”. ...il cinese sta dentro una limusine, accanto a lui una Improvvisamente c’è un uomo nudo, sopra un altare, bonazza dai riccioli d’oro, i suoi vestiti sono di colori legato, sdraiato a gambe divaricate, il boia arriva tra le sgargianti e anche la sua faccia sembra nuova, quasi urla del pubblico e con delle forbici gli taglia le palle, il occidentale, con grandi basettoni e capelli tirati indietro. pubblico si esalta tra le grida dello sfortunato. Lei prende un po’ di cocaina con un cucchiaino e Poi il paggio porta i testicoli nella bacheca in mezzo a la infila nelle sue orecchie. Si baciano. Un pesce migliaia di altri testicoli conservati in ampolle di vetro rosso fuor d’acqua boccheggia. Lei gli monta sopra, sotto spirito. l’autista continua a guidare indifferente, fanno l’amore I soldati cercano di reprimere l’insurrezione spruzzando strappando i colori dei loro vestiti. sangue sulla folla. Iniziano le escuzioni; i prigionieri Quattro militari stanno tirando fuori un coccodrillo da spalle al muro attendono di essere fucilati. un tombino. 08 CITYVISION 75


shanghai

1

3

HOW TO READ IT / CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS

76

CITYVISION 08

2


shanghai The sense of disgust is a bit everywhere in She takes a bit ‘of cocaine with a spoon and puts it in his ears. Shanghai. All you need to do is to stay awake They kiss. A goldfish out of water gasping. She climbs on top, to enjoy it in all its inevitable greatness. Very the driver continues to drive indifferent, they make love tearing aware, you walk through the streets that are full the colors of their clothes. of little men all dressed the same, all happy and Four soldiers are pulling a crocodile from a manhole. all very serious. The limousine stops in his factory. It’s an art factory, in an Starting with clothing disgust is born from the assembly line people use their bare ass filled with ink to mark bottom, shiny mocassins with white terry cloth the paintings that flow on the conveyor belt. socks, trousers with a rigorously ironed crease A clown with a cardinal’s hat is followed by a horde of dwarves down the middle, a Ferragamo belt with a shiny dressed as Santa Claus, people applaud the clown climbs onto gold buckle, a shirt with an Armani logo and the elephant and reaches the toy factory. shoulder pads that are always a size too big. Snipers on the roof are ready to shoot. From the construction worker to the The clown takes off his makeup and turns out to be a severe entrepreneur to the political leader, they all woman, ready for an inspection at the factory. dress the same, formal: disgust and seriousness. The workers are all old men, building toys for war. They also Going higher up you get to the look, a look produce comic books and other toys that may affect the child’s not particularly passionate composed mind to make him hate what will be the next At of two eyes connected through a enemy in fifteen years time. the first shot, paper nerve bundle to a soggy mass The founder of the factory is the father confetti explode from the bullet called brain, if you stop and of the chinese man, the creator of his inspect this organ you can business empire. He’s old deaf and hole, at the second, yellow smoke, the observe the presence of blind as well. Before making a third, a strip of red cloth, the fifth, two red a chip with a bas-relief decision he consults his wife, apples, the sixth, watermelon pulp, the seventh, a with the symbol of the mother of the chinese dove flies away. On the streets, blue blood is flowing Mao Zhedong, man, he puts a hand on her from the dead peoples ears. the same that is vagina and if it is wet it’s a Here comes the architect, his house is labyrinthine and his found on Chinese “yes”, if it is dry it’s a “no”. children are all dressed as mickey mouse. He regrets now that banknotes. The All the women in the he has designed a residential area equipped with gardens, homes chip naturally factory are beautiful with large windows, heating systems, water and light. he confesses and they are all wives of gives everyone at once that the project was a bad idea that caused investors a the same the chinese man. They great loss of money; man has no need for a house, all he needs is sequence of make love with him only a roof over his head, if only we could sell the idea of the “roof ” I commands: during working hours could make my clients earn milions. The investors applaud and he so that he can promote work, marry, continues to unfold as a giant penis is brought before the feast, have a son, them to secretaries. rejoice in the old lady with the and the model of the new residential area is counting paper green hair and green shown amongst the general consensus: it is a threemoney, don’t be pussy is pissing, humming, dimensional grid formed by caskets put one above the other. violent and respect she then takes a python Beep beep beep! the law: disgust and out of the cradle puts it in happiness. a coloured sock and starts The alarm sounds. The Chinese thinks rocking it. The beep of the siren It’s seven o’clock, the chip wakes up and the he is Chinese, he thinks sounds, the president wants to Chinese are about to face another day he’s happy, thinks he’s a meet her, he wants his green haired under the will of it’s disgusting serious person. But this ego is financial advisor to report to him: society. infact nothing but an illusory mask “ To save the nation’s economy we will have created by the chip that has nothing to to kill four million people over the next four do with his real, original, wonderful self. years” he thunders loudly. Wonder in Shanghai is a bit ‘everywhere. Just The President seems not to worry, he picks up the phone bring down the darkness to enjoy all of its and orders, “ start the gas chamber operations; gasify schools, inevitable greatness. universities, libraries, museums, and so on.” Returning to our Chinese with the “brilliant” Suddenly there’s a naked man on an altar, lying spread - eagled glare “, you will notice that after his evening and tied up the Executioner comes amidst the audience’s ration of food and CCTV he goes to bed very screams and with a pair of scissors he cuts the mans balls off, early eager to get into his wonderful dream the audience exults as the unfortunate man screams. Then a world where only the true self is protagonist. page appears and takes the tescticles to a glass showcase where A kiss to his wife, the lights go out and ... the thousands of other testicles are preserved in glass ampoules. chinese man is ... in a limousine, beside him The soldiers try to suppress the insurgency spraying blood on a hottie with golden curls, her clothes are in the crowd. the executions begin; prisoners against the wall are bright colors and even his face looks new, waiting to be shot. almost western, with big sideburns and hair www.3gatti.com pulled back. 08 CITYVISION 77


Grand Bazaar text Golnaz Ebrahimi illustrations Eleanor Meredith

78

CITYVISION 08


tehran

08 CITYVISION 79


tehran

Nevica, la coltre bianca si stende sul grigiore della città illuminandola. Tutto è bianco, sembra che l’aria sia finalmente respirabile, non è più necessario prendere la macchina e scappare lontano da Lei per poter finalmente respirare. Le nuvole erano il desiderio segreto di ognuno di noi: il segnale che presto si sarebbe potuti uscire e vivere la città: correre, giocare spensierati e ridere sotto i fiocchi che sarebbero scesi di lì a poco. Finalmente si viveva la città nella sua pienezza senza doversi preoccupare di respirare. Oggi l’aria a Teheran uccide 26 persone al giorno. La città è esplosa passando dai 200 mila abitanti dei primi del novecento ai 12 milioni di oggi. Ha subìto un periodo di occidentalizzazione intenso al fine di competere con gli altri paesi sviluppati ed è diventata un agglomerato urbano disarticolato e illogico, una copia priva di interpretazione. Le architetture occidentali sono state importate come oggetti di consumo e Teheran è oggi una cittàdeposito. Deposito di un’Architettura svincolata dal suo contesto. Il suo frenetico sviluppo ha disatteso uno dei principi dell’Architettura contemporanea: porsi al servizio della collettività e dell’individuo. Una metropoli incredibile, che si è appropriata senza regole del territorio fagocitandolo senza limiti, se non fosse per la sublime catena montuosa di oltre 5000 metri che la circonda; unico freno alla sua espansione virale. Le parti più antiche vengono continuamente mutilate e sostituite da nuove costruzioni, che non si relazionano e non rispettano il luogo in cui nascono; così accade di vedere un anonimo edificio di 30 piani accanto ad una deliziosa casa con giardino, persa nella marea instabile.

Ogni regola proporzionale e di comune buon senso è sovvertita in nome del profitto e del progresso. Un intreccio di mega-autostrade, nelle quali lo sguardo si perde per chilometri fino a quando non incontra piccole oasi di verde, decorate con fiori e cespugli bassi che regalano un pizzico di colore e riescono a scaldare l’anima, seppur brevemente, mentre si è imbottigliati nel traffico quotidiano. La mancanza di marciapiedi e zone pedonali rende pressoché impossibile uscire a piedi e la vita si svolge perlopiù in spazi privati o chiusi.

80

CITYVISION 08

Questo anche per ragioni storiche visto che l’architettura islamica era volta principalmente agli spazi interni, e sebbene nell’ultimo secolo si sia occupata sempre più degli spazi pubblici, la tradizione e la frenetica espansione della città hanno di fatto limitato queste esperienze. Voltando le spalle al grigiore e alla desolazione è possibile immergersi in una selva di slanciatissimi platani che con le loro chiome raccontano un passato diverso. Il palazzo di Niavaran rappresenta una delle meraviglie della città. Cittadini oppressi silenziosamente calpestano in autunno il tappeto di foglie colorate, ritrovando una dimensione intima che immaginavano persa per sempre. Vagano lentamente, per il gusto di vagare, in silenzio, lontani dal rumore e dal rombo della città che tutto investe. E ritrovano il sorriso.

Tehran è situata sopra una delle più grandi faglie asiatiche, la maggior parte degli edifici è stata costruita dunque in zona sismica senza tenere in alcun conto la sicurezza. Vengono eretti edifici lussuosi per ignari acquirenti, attratti dal sogno di una vita rosea, che di fatto però non conoscono la pericolosità mortale delle loro case e dei loro uffici. Chissà quanto questo sistema reggerà visto che solo una piccola parte delle costruzioni è costruita con criteri anti sismici.

Bahram Akasheh geofisico e sismologo iraniano, ha cercato varie volte di avvertire l’amministrazione del pericolo causato dall’espansione incontrollata della città, proponendo di spostare la capitale in un altro luogo, ma purtroppo non è stato ascoltato.


tehran

1

2

3

HOW TO READ IT / CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS

Il grande Bazar di Tehran è uno dei pochi luoghi che narrano delle origini e della cultura di questo Paese. Lungo tre chilometri con più di 20 mila negozi è uno dei più grandi mercati del mondo. È una città nella città, ricco di negozi, moschee, piazze e palazzi; passeggiando nei suoi corridoi sotto volte e cupole in mattoni e gesso si è totalmente immersi nell’arte e nell’architettura persiana. Camminando tra la gente ci si immerge in quella che doveva essere l’atmosfera di non molto tempo fa, e finalmente ci si sente vivi, riscoprendo quel sentimento di spontaneità che nelle strade si perde a causa del rumore e dell’inquinamento. Qui si riesce a sentire la città fin nel profondo. Oltre alla formidabile esperienza visiva, si possono sentire odori e toccare con mano oggetti e materiali, il bazar è uno spazio che fa percepire la vita in tutti i sensi. Dice Juhani Pallasmaa:[...]” Ogni esperienza tattile dell’Architettura è esperienza multi-sensoriale; qualità spaziali, materiale e scala sono misurabili ugualmente attraverso occhio, orecchio, naso, pelle, lingua, scheletro e muscolo.[...] A Teheran l’unica consolazione offerta è un glorioso e meraviglioso passato, sul quale porre le basi per un futuro che sia diverso dal presente.

08 CITYVISION 81


tehran

82

CITYVISION 08


tehran It’s snowing, the white blanket lies on the grayness of the city and illuminates it. Everything is white and it seems that the air is finally breathable; there is no longer the need to take the car and run away from it in order to finally breathe. The clouds were a secret desire in each of us: the sign that we would soon be able to get out and experience the city: run, play lightheartedly and laugh under the snowflakes that would soon fall. Finally living the city in its fullest without having to worry about breathing.

Most of the old part of the city is being constantly mutilated and new constructions are replacing the old, which do not relate and do not respect the place where they were born; thus you can come across an anonymous building of 30 floors next to a delightful house with a garden, lost in an unstable mass. Each proportional rule and good common sense is subverted in the name of profit and progress.

The intricate mega-highways, in which the gaze is lost for miles until it meets a small oasis of green, decorated with flowers and low bushes that give a hint of color Today the air in Tehran kills 26 people a day. and can warm the soul, although briefly, while you are stuck in the everyday traffic. The lack of footpaths and The city has exploded going pedestrian areas makes it almost from the 200 thousand impossible to go out for a walk, Tehran is located over one of the largest Asian inhabitants of the early life takes place mostly in closed fault lines, most of the buildings were thus built twentieth century to the or private spaces. This is due in seismic areas without any consideration about 12 million of today. It to cultural reasons as Islamic their safety. They have erected luxurious buildings underwent a period of intense architecture was based more on for unaware buyers who are attracted by the dream Westernization in order to interior spaces, although in the of a promising life, but in fact ignore the mortal compete with other developed last century it has undertaken danger of their homes and offices. Who knows countries but became an more public spaces, the tradition how long this system will stand as only a small illogical disarticulated and the frenetic expansion of part of the building is constructed with antiurban agglomeration, a copy the city has effectively limited seismic criteria. impossible to interpret. Western these experiences. Bahram Akasheh Iranian geophysicist and architectures were imported seismologist, has tried several times to warn as objects of consumption and Far from the gray mass of the administration of the danger caused by the Tehran is now a deposit-city pollution and desolation you can uncontrolled expansion of the city, proposing separated from its context. immerse yourself in a forest of to move the capital to another place, but It’s frenetic development has slender plane trees whose foliage unfortunately has not been listened to. failed to fulfill one of the tells of a different past. principles of contemporary The Niavaran Palace is one of The Grand Bazaar of Tehran is one of few places Architecture : to serve the the wonders of the city. which truthfully shows the origins and culture of community and it’s individuals. Oppressed citizens quietly this country. three kilometers long with more than trample on the carpet of 20 000 stores it is one of the largest markets in the An incredible metropolis, which autumn colored leaves, finding world. has ruthlessly taken control an intimate aspect which they It is a city within a city, full of shops, mosques, of the territory, engulfing it imagined lost forever. Roaming squares and buildings, passing through the without limitation, the only slowly, for the sake of roaming corridors under arches and domes in brick and barrier to this viral expansion is in silence, away from the noise plaster you can feel the origin of Persian art and it’s sublime mountain chain of and roar of the city that invests architecture. over 5000 m. everything. And rediscovers a Walking between the people , immersed in what smile. used to be the atmosphere of not long ago you can finally feel alive, rediscovering the sense of spontaneity which is lost in the noise, traffic and pollution of the streets.

In addition to the exceptional visual experience, you can perceive smells, colors, and touch objects and materials, the bazaar is a space to perceive life with all your senses, said Juhani Pallasmaa: [...]”Every touching experience of Architecture is multi-sensory; qualities of space, matter and scale are equally measured by the eye, ear, nose, skin, tongue, skeleton and muscle[...] In Tehran, the only consolation is a glorious and wonderful past, on which lay the basis for a future which will hopefully be enormously different from the present.

1

2 3

HOW TO READ IT / CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS

08 CITYVISION 83


Yànwù AND Huàiyi text Stefano Carera and Eirini Giannakopoulou - SCEG illustrations Peteris Lidaka

84

CITYVISION 08


beijing

1

2

3

HOW TO READ IT / CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS

È l’ennesima litigata tra Yànwù e Huàiyi. Lei, Huàiyi, vuole riflettere e dialogare con se stessa. Nelle situazioni difficili ha sempre bisogno di ricordare i momenti vissuti insieme, rileggere il diario della romanzo estratto dalle pagine di loro vita passata. Indossa il suo panciotto giallo e il dou lì, il un libro, un’arte secolare che le cappello in bambù. Piangendo, sale in sella alla sua bicicletta e trasferisce la voglia di prolungare la si allontana lentamente. passeggiata e sognare il futuro. Le A Pechino ogni bicicletta possiede una propria targa sul parafango sembra di essere all’interno di una posteriore ed è priva di fanali. Avere un campanello è indispensabile immensa conchiglia dimenticata per segnalare la propria presenza. Viene venduto separatamente sulle montagne dai tempi passati, dalla bicicletta ad un costo abbastanza elevato. In Cina questi veicoli magari quando l’acqua salata rappresentano uno stile di vita: economici, richiedono poco spazio arrivava fino a qui. Uno spazio e permettono di muoversi agilmente in tutte le parti della città. sonoro introverso, in cui ogni Con le due ruote si può apprezzare il piacere della lentezza, la messaggio, anche il più silenzioso, possibilità di sentire, di parlare e di vedere la realtà cinese da una rimbomba e si amplifica in molteplici prospettiva locale. echi. Huàiyi ha bisogno di dare tempo alla sua passeggiata, Ad un tratto, la superficie rugosa raccogliere immagini ed essere parte della città con delle strade fa vibrare il campanello tutti i suoi sensi. Vuole sentire la presenza del suo della sua bicicletta ricordandole il giorno corpo, percepire la stanchezza, prendere in cui Yànwù glielo regalò. Questo dolce Entra consapevolezza di se stessa, della fatica pensiero le porta serenità e tranquillità, nella di ogni singola pedalata, della cancellando i pensieri della recente discussione. zona sua età. Inconsapevolmente arriva in una parte della città degli hutong. a lei sconosciuta; incuriosita, comincia a leggere Con la sua bicicletta può i nomi delle strade: vicolo della Prosperità Eterna, andare ovunque, non è obbligata a seguire vicolo della Salsa di Fagioli, delle Foglie del un percorso prestabilito, può cambiare Tè, della Carne di Agnello, dove sicuramente si improvvisamente direzione nel dedalo di può mangiare qualcosa di sfizioso; o ancora, il strade e lasciarsi incantare e avvolgere dalla vicolo della Via all’Ombra dei Salici, delle Nuvole città tradizionale. Vede davanti a lei molti Azzurre e del Giardino della Pienezza. Nomi venditori ambulanti che lavorano lo zucchero che evocano in lei colori e gusti, suggeriscono a forma di animali per poi venderlo a profumi, liberano sapori. Ogni parola rappresenta qualche curioso turista; si sorprende vedendo frammenti della vita cinese e della sua quotidianità barbieri che esercitano il loro mestiere in insieme a Yànwù. mezzo alla strada; saluta bambine che saltano la corda e ballano; sorride agli Lui vuole dimenticarla. È andato via cavalcando anziani che portano a passeggio in bicicletta la sua nuova motocicletta, una ducati 999 rossa, i propri amici; sente uccelli e grilli in gabbia simbolo di estasi, di rivoluzione tecnologica e giovani che si accovacciano accanto e velocità. Percorre una delle avveniristiche alle porte delle case e chiacchierano superstrade di Pechino. Attraversa territori costretti tenendo in mano una profumata scodella al silenzio, abbandonati ai suoni delle macchine. di zhajiangmian, gli spaghetti fritti conditi Supera un bosco di grattacieli, emblema della con salsa di fagioli. La città le ricorda un 08 CITYVISION 85


beijing

86

CITYVISION 08


beijing

nuova ricchezza e della rinnovata fiducia nelle proprie capacità di un popolo di per sé abituato a reinventarsi ed amante del cambiamento. Un celebre proverbio cinese recita: “quando su un muro c’è una crepa, è meglio abbatterlo il più presto possibile”.

2 1

HOW TO READ IT / CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS

Il muro è la preziosa conchiglia di Huàiyi, adesso convertita alla nuova necessità dei tempi. I nuovi landmark architettonici, come la sede della China Central Television, il complesso multifunzionale Linked Hybrid, caratterizzano i territori periferici della città; Yànwù si orienta distinguendo le nuove icone architettoniche nel paesaggio che emergono come spilli della scacchiera urbana di Pechino. Passa vicino alla zona delle nuove opere costruite a tem llonta inco in occasione delle Anc p na ns o c “ olimpiadi del ele Nella on Hu , prov rsi da apevo he Yà me nta mate àiyi. C a a di qualc lment nwù, 2008. Sorrisi e m ri: i o m l gr atica orre e entic sa ch la su accele I no malinconici a a e a g r e m di n i cin rado do di sisten abba re la sente anda ando possono definire n s e d t z l u a u a d e s lo stato di questa con scita i sono i veloc ntezz iale q ona i a gior ncora ra, co o fe u t a me n e i s e t tro p u a n à è s esp e o g t t zona concepita rim ono l nome nsati è dire dirett a esp i pen a e la ppo v per no sie am er pe ono a s tta ic re con la prospettiva i de pera natu r tras ment ente ienza ri. Si lazio ino a ep me nza rale n p l di realizzare una a sid i e s sé n ber rop ssu tte ro eri del di virt come re un porz orzio me la a del entime el Pechino rinnovata. Lui, io la la b ù c n C n Yàn uon ome hen ( signifi nale a ale al forma sua s tale La municipalità wù c l m ’ t a d l a o Z i l n a i ’ s t ria vita hon in o te ign tt d aveva affidato il ific com g (fe ina), D speci tensità nsità ue eq . a de al u compito di ridisegnare d e Ji o gio disg an eli) Yi ng (in e: alc dell’o lla m azion rna uto b il tessuto urbano ai grandi e u ( v s t li mo i n aè alu (giu e e 1 ria; te), sto) rno) i impl o.” 1 fini lei, H Mil architetti contemporanei e ica ta l il an Sho , Li uài X u n Kun a ( e y u (l cor loro i me europei e americani pronti ad (ne o il lu der o t e n a, “ o gev se), ve); stor ravi La intervenire nelle aree occupate dai alc go ità) me ia d glia len u tez n . e ni ’ t am re A za” vecchi siheyuan, definite dalle istituzioni Fu ore l term (fel altri Gli . Ad icit ine cinesi abitazioni insalubri e fatiscenti. elp à). del hi, la 1 Adesso qui trovi il nuovo, ragionevolmente organizzato, delimitato, tracciato, calcolato e misurato. La città ha un carattere di gloria disorientata da questo nuovo vestito che indossa. Una perfezione che non tocca il cuore, non dialoga con il passato. La Cina accetta l’architettura straniera con il risultato di prestare scarsa attenzione al contesto e alle tradizioni locali. Fin dagli anni del regime Comunista il Partito comincia a radere al suolo la Pechino medioevale, ad abbattere interi quartieri di hutong, templi buddisti e pagode, per far posto alle colate di cemento delle nuove fabbriche e dei nuovi palazzi sovietici, con lo scopo di trasmettere l’idea del potere centrale ed autoritario di Mao Zedong che in tre decenni ha cancellato la memoria storica della città.

99

5

08 CITYVISION 87


beijing Another fight between Yanwu and Huàiyi.

88

CITYVISION 08

1 2

Huàiyi wants to reflect and talk to herself. In difficult situations she always needs to remember the moments spent together, reread the diary of their story. She is wearing her yellow waistcoat and her dou lì, the hat made of bamboo. Crying, she gets onto her bicycle and slowly pedals away. In Beijing, each bike has its own number plate on the rear fender and has no lights. It is essential to have a bell to signal ones presence. It is sold separately from the bike at a fairly high cost. In China, these vehicles represent a lifestyle: cheap, they don’t require much space and allow you to move across the city quickly. With the two wheels you can enjoy the pleasure of slowness, the ability to hear, speak and see the reality of China from a local perspective. Huàiyi needs to take time with her walk, collect icons and be a part of the city with all her senses. She wants to feel the presence of her body, feel tired, become aware of herself, the effort of pedalling, of her age. She enters the area of the hutongs. With her bike she can go anywhere, she is not obliged to follow a predetermined path, she can suddenly change direction in the labyrinth of streets and be enchanted and enveloped by the traditional city. In front of her she sees many street vendors who artfully create animal shapes from sugar and then give it to some curious tourists, she is surprised to see barbers practicing their craft in the middle of the street, greets children skipping the rope and dancing, smiles to the elderly who take their friends for a ride on their bikes, she hears birds and crickets in cages and young people who sit infront of their homes to chat, holding a bowl of fragrant zhajiangmian, the fried noodles served with bean sauce. The city reminds her of a novel extracted from the pages of a book, a secular art that makes her want to prolong her walk and dream about the future. She seems to be in an immense shell forgotten on the mountains from the old days, maybe from when the salt water came up to here. A withdrawn and resounding space, where each message, even the quietest, resounds and is amplified in multiple echoes. Suddenly, the rough surface of the roads shake the bell of her bicycle reminding her of the day Yanwu gave it to her. This sweet thought brings serenity and tranquility, erasing the thoughts of the recent discussion. Distracted by her thoughts she gets into a part of the city unknown to her, curiously, she begins to read the street names: Eternal Prosperity Bean Sauce Lane, Tea Leaves Lane, Lamb Meat Lane, where you can certainly eat something tasty , or again, In The Shadow Of The Willows Street, Blue Clouds Street and Garden Of Plenitude Street. Names that evoke within her colors and tastes, suggest aromas and release flavors. Each word represents parts of Chinese life and her daily life with Yanwu. He wants to forget her. He went away riding his new motorcycle, a Ducati 999 red, a symbol of ecstasy, speed and technological revolution. Along one of Beijing’s futuristic highways crossing territories silenced, abandoned to the sounds of the vehicles. He passes a forest of skyscrapers, an emblem of the new wealth and renewed self-confidence of a people accustomed to reinventing themselves and that love to change. A famous Chinese proverb says: “When there is a crack on a wall, it is best to shoot it down as soon as possible.” The wall is the precious shell of Huàiyi, now converted to the new needs of the times. The new architectural landmarks, like the headquarters of China Central Television, the Linked Hybrid multifunctional complex characterize the peripheral areas of the city; Yanwu orients himself by distinguishing the new architectural icons that mark the landscape, that emerge like pins on the urban grid of Beijing. He passes near the area of the new works built in occasion of the 2008 Olympics. Melancholy smiles can define the state of this area conceived with the view of achieving a renewed Beijing. The municipality had entrusted the task of redesigning the urban fabric to the European and American contemporary architects ready to intervene in the areas occupied by the old siheyuan, defined by Chinese institutions unsanitary and dilapidated.

HOW TO READ IT / CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS


Now you’ve got the new, reasonably organized, defined, traced, calculated and measured. The city has a character of glory disoriented by this new dress she wears. A perfection that does not touch the heart, that doesn’t dialogue with the past. China accepts foreign architecture which results in paying little attention to the environment and local traditions. Since the years of the Communist regime, the Party began to raze medieval Beijing to the ground, demolishing whole neighborhoods of hutong, Buddhist temples and pagodas, to make way for concrete castings of new factories and new Soviet buildings, with the aim of transmitting the idea of the central government and authority of Mao Zedong that in three decades has deleted the historical memory of the city. Yanwu unconsciously accelerates his pace, as if he’s trying, to get away from something that still feels too close to him in time, he tries to forget about his day and his relationship with Huàiyi. He runs and abandons his thoughts. He frees himself of his story.

“In existential maths this experience takes the form of two elementary equations: the degree of slowness is directly proportional to the intensity of the memory; the degree of speed is directly proportional to the intensity of obliviousness.”1 The Chinese names are thought to send a special meaning: some involve the birthplace or natural phenomenon such as Chen (morning), Dong (winter) and Xue (snow), some contain the hope of virtue as Zhong (faithful) Yi (right ), Li (polite), while others express the desires of the good life as Jian (health), Shou (longevity) and Fu (happiness). He, Yanwu means disgust and she Huàiyi wonder. At the end of the day their love story is over.

1 Milan Kundera, “La lentezza” Gli Adelphi, 1995

www.sceg.it

08 CITYVISION 89


R22°54’30’’S 43°11’47’’W / 22.90833°43.19639°W

Cidade Mar avil hosa text Maria Azzurra Rossi illustrations Raquel Figueira

90

CITYVISION 08


RIO DE JAneiro

Esistono luoghi nel mondo capaci di strapparti l’orientamento ad ogni passo, altri in grado di vestire una maschera e celare così la loro vera identità, altri ancora che rispecchiano esattamente l’ideale di struttura di una città e la sua onda sonora di propagazione: centro storico, quartieri ricchi, popolari, periferia. C’è poi un solo incrocio di coordinate in tutto il mondo che inverte la realtà geografica del binomio ricchezza/povertà, un luogo in cui i poveri guardano da sempre i ricchi dall’alto, una città che come una bellissima donna dalle curve sinuose attira a sé gli occhi degli ammiratori da tutto il mondo.

22°54′30″S 43°11′47″W / 22.90833°S 43.19639°W. Rio De Janeiro.

Il Brasile ha deciso di sfidare la sorte verso il suo radicale cambiamento: Mondiali di Calcio e Olimpiadi (pacchetto completo). Cosa ne sarà dei suoi problemi di sicurezza, dei coprifuoco e i posti di blocco? Chi si prenderà cura del suo futuro e dei pensieri dei suoi abitanti? Proprio quegli abitanti che modellando il paesaggio di Rio hanno fatto sì che prima fosse denominata “La Città Meravigliosa” e poi che diventasse la prima città Patrimonio Mondiale dell’Unesco per il paesaggio culturale urbano, ora sono invasi dalla paura di vedere uno dei primi modelli di città “usa e getta”.

Rio significa colori, musica dal vivo, vitalità, samba, creatività e attività in ogni dove, natura prorompente e mix culturale. Ma la città carioca non è soltanto fonte di sentimenti positivi, è anche madre di amarezza, di un numero di vite indefinito che ogni giorno sopravvive nelle favelas, che si sente ai margini della società anche se vive all’esatto centro di essa. Le favelas hanno negli ultimi anni sempre più aperto le porte alla città, è sempre più frequente ritrovarsi lì a ballare un samba, magari anche a fare code per l’ingresso o per un drink. È un segno positivo di sicurezza e fiducia per la comunità e perché no, anche un guadagno per chi ci

08 CITYVISION 91


RIO DE JAneiro

92

CITYVISION 08

1

2

HOW TO READ IT / CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS

3

L’idea delle comunità nella comunità però non deve offuscare la sua evoluzione. Negli ultimi anni Rio ha visto gli investitori voltare tutti assieme lo sguardo, affamati di terreni, ignari della vera identità della città, annebbiati dalla voglia di ricchezza - costruire, costruire, espropriare, mostrare ai carioca vive. Ma allo stesso tempo è triste ristrutturazioni affettive (stadio Maracanà, pensare che per molti altri siano sambodromo), ripulire, imparare i segreti diventate luogo di pellegrinaggio ed dell’illusionismo. E sembra proprio che Houdini escursioni guidate per turisti. abbia spifferato tutto! Qual è la reale attrattiva nel È proprio il loro sguardo che adesso sta camminare fra le tubature scoperte, modificando lo skyline, quel paesaggio visivo le case diroccate all’esterno e da conservare. L’elenco dei cambiamenti, tecnologiche all’interno, fra i delle aree interessate e dei progetti in corso bambini che di sabato corrono tende all’infinito, soprattutto se letto in senso verso la festa nella piazza centrale? Quale gusto indicibile d’avventura nasce nel timore di un incontro fortuito con i capi della favela e i corpi distrutti dal crack, dalla colla e dalla speranza di scendere di sera in città per scippare, rubare o semplicemente trovare dei soldi facili?

4


temporale: il parco e la villa olimpica a Barra de Tijuca, la revitalizzazione della zona portuaria “Porto Maravilha”, la Transcarioca, il lungomare, la teleferica del Morro da Providencia, musei di ogni estrazione: Museo de Arte do Rio (Bernardes + Jacobsen), Museum of Tomorrow (Calatrava), Museum of Image and Sound (Diller + Scofidio), Città della Musica (Portzamparc - in corso ma non troppo) e, dulcis in fundo, un’opera postuma di Niemeyer, la Torre per la Fundaçao Getùlio Vargas. I cambiamenti radicali sembrano così essere il motore di tutto ciò che sta succedendo a Rio de Janeiro, ma non sarà che tutta questa entropia celi le azioni più incisive in assoluto che si stanno compiendo all’interno delle favelas? Sì certo, il governo non nasconde, anzi promuove, l’iniziativa Morar Carioca né tanto meno la UPP (Unità di Polizia Pacificatrice) ma c’è chi come “Dominio Publico” documenta che fra ciò che si

RIO DE JAneiro

racconta e ciò che succede ci sono sempre due versioni, quella di chi compie l’azione e quella di chi la subisce.

Per il governo brasiliano, la prefettura di Rio e gli investitori nazionali e internazionali (vedi Eike Batista, Coca-Cola) tutto va per il meglio. La UPP accede alle favelas più vicine ai terreni assegnati a Mondiali e Olimpiadi e con gli intenti migliori parla con la popolazione, cerca di farle capire che sono lì per sanare le loro case e risolvere le loro condizioni di vita, offre soldi per spostarsi in altri spazi e rosicchiare piano piano preziosi metri quadrati nelle aree più belle della città. I progetti di Morar Carioca per 215 delle circa 600 favelas sono all’atto pratico, gli architetti si sono espressi: viali alberati, strade più grandi e curate, servizi sociali e sanitari, piazze e colori. Gli operai, ingegneri, carpentieri sono scesi in campo.

08 CITYVISION 93


RIO DE JAneiro Tabajaras, Santa Marta, Mangueira, Vidigal, Cidade de Deus, Batam, Providençia, Salguiero, Sao Joao, Complexo do Alemao, Turano, Formiga... Ma fra dieci anni Rio de Janeiro sarà ancora quella Cidade Maravilhosa che ora tutti conosciamo o quel sentimento sublime si trasformerà in qualcosa di totalmente contrario? Tom Jobim meditava: “Il Brasile non è per principianti” ma forse questo sta cambiando.

(Molte di queste informazioni sono state raccolte con l’aiuto dell’arch. Elena Geppetti, attualmente a Rio de Janeiro, dal documentario sul rapporto favelas/olimpiadi - Dominio Publico, dal Jornal Oglobo, dal The Post International, da ilSole24ore, dal sito della prefettura e della Cidade Olimpica).

Per gli abitanti, i comitati di quartiere, alcuni studiosi tutto non va proprio per il meglio. La UPP pacificatrice è armata, fanno notizia le azioni compiute nel Morro da Providencia, le sparatorie e le morti di innocenti, i tentativi di ripulire la favela dai trafficanti e occuparne il territorio. Durante la costruzione del teleferico sono piovuti segni numerici sulle case come ad indicarne la proprietà della prefettura e qualcuno si è visto offrire 400 reais per vivere altrove, per non subire lo sgombero forzato dell’intera famiglia.

3

6

Anche se molti moradores da favelas hanno visto migliorare la loro sicurezza di vita, l’igiene e il proprio territorio, non distolgono il pensiero rivolto agli interessi di chi vorrebbe avere una casa con vista sulle spiagge della baia, a chi punta sull’ignoranza di chi non è in grado di valutare la salubrità del luogo in cui vive, a chi ha portato sulla propria schiena sacchi e sacchi di cemento per avere un tetto sotto al quale dormire. Il dialogo semplice e lineare fra i due contendenti potrebbe suonare così: “Non è un nostro problema, noi non siamo tenuti a darti una casa!” “Capisco, non potete darmi una casa, ma me la potete togliere e lasciarmi per strada!”. Mica vorranno There are places in the world that can destroy your orientation with each step, others trasformare that can wear a mask or hide their real identity, some others that exactly reflect the ideal ognuna delle structure of a city and its propagation’s sound wave: city center, rich neighborhoods, favelas di Rio working class districts, suburbs. nell’incarnazione There is only one point of coordinates in the whole world that inverts the geographycal della Gotham City reality of wealth/poverty, a place where poor people have always looked at rich people con fossato di from above from above, a city that as a beautiful woman with her sinuous curves attracts Christopher Nolan the eyes of the admirers from all over the world. pur di riprendersi il territorio? 22°54′30″S 43°11′47″W / 22.90833°S 43.19639°W. Rio De Janeiro. Anni fa sono stati erette mura da Brazil decided to try its luck towards a radical change: FIFA World Cup and Olympic Games far invidia alle (full optional pack). What will be of its security problems, of the curfews and roadblocks? cinta medioevali, hanno ritagliato i morros con il cemento e adesso, improvvisamente il pentimento, abbattere i confini, entrare nelle case e far spostare gli abitanti. Chi è dentro e non esce, difenderà la propria vita; chi esce fuori, vivrà ma dovrà contare sulla lotta di chi non abbandona. I risultati ottenuti dalla UPP sono un grande traguardo, ma sono anche questi: abitanti che pensano alla pulizia sociale o alla speculazione sulle loro fatiche; soldi a fiumi che si riversano dalle casse dello Stato all’Oceano Atlantico a sguazzare con gli squali; teleferiche, nuovi stadi, strade e metropolitane che forse un giorno nemmeno i carioca potranno sfruttare. Tutto questo è iniziato dalla prima operazione pacificatrice a Santa Marta nel 2008 (ne avrà gioito Michael Jackson), ha poi fatto notizia l’ingresso armato a Rocinha nel novembre 2011 e l’installazione della UPP lo scorso settembre, 2 indolore rispetto ad altre favelas in città, anche se un 1 abitante guardandosi attorno ha dichiarato: “Sono solo 5 4 le mani che impugnano le armi ad essere diverse, ma i ‘ferri’ sono rimasti. Non li vedi per strada?”. Tutto questo è in atto e continuerà nel tempo, se non altro fino a quel HOW TO READ IT / 2014 di presunta fine dei lavori. E intanto la mappa delle CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS favelas sanate si popola sempre più: Rocinha, Cantagalo, 94

CITYVISION 08


For the Brazilian government, the prefecture of Rio and the national/international investors (see Eike Batista, Coca-Cola) everything is going great. The UPP access the favelas, those that have been assigned for the World Cup and the Olympics and, with the best intentions, talks to people, it tries to make them understand that they are there to fix their houses and to solve their life’s conditions. It offers them money to move to other spaces and eats bite by bite precious square meters in some of the most beautiful areas of the city. The Morar Carioca projects for 215 of the almost 600 favelas are ready, the architects have spoken: tree-lined avenues, bigger streets, social and health services, squares and colors. The workers, engineers, carpenters have taken the field.

RIO DE JAneiro

Who’s going to take care of its future and its inhabitants’ thoughts? Those very inhabitants that shaped Rio’s landscape and led her first to be called “The Wonderful City” and then to became the first city recognized as a Unesco World Heritage Site under the category “cultural landscape”, now the same people are pervaded with the fear of it becoming one of the first “disposable” model cities. Rio means colors, music, dynamism, samba, creativity and activities everywhere, bursting nature and cultural mix. But the Carioca city does not just give birth to good feelings, also to bitterness, to an infinite number of lives that everyday survive inside the favelas, that feels to be at the margin of society although living in it’s center. The favelas during the last years have gladly opened their doors to the city, people frequently gather there to dance a samba, maybe even find themselves queuing to get in or to buy a drink. It’s a good sign of security and trust for the community and, why not, also a profit for the moradores. But at the same time it’s sad to think that nowaday favelas have become touristic and pilgrimage sites. What is the real attraction in walking between open-air pipes, houses that are dilapidated on the outside and tecnological on the inside, between the children that on saturday are running to the feast in the main square? What unspeakable taste for adventure can there be in the fear of a meeting with the bosses and the bodies destroyed by crack, glue and the hope to go out in the evening in search of someone to snatch, steal or to simply find easy-money?

The common idea of a community inside the community doesn’t have to blur its evolution. During the last years Rio has drawn the attention and interest of the investors, hungry for lands, unaware of the real identity of the city, blinded by their desire of richness - build, build, expropriate, show cariocas affective restorations (Maracanà stadium, sambodrome), clean, clean, learn the illusionist’s secrets. And it really seems that Houdini has blurted everything out. The investors’ vision is changing the skyline, the visual landscape has to be preserved. The list of changes, of the involved areas and the on-going projects tend to infinity, especially if read in a temporal way: the olympic park and villa in Barra de Tijuca, the revitalization of port area “Porto Maravilha”, the Transcarioca, the waterfront, the cable car of the Morro da Providencia, museums of everything: Museo de Arte do Rio (Bernardes + Jacobsen), Museum of Tomorrow (Calatrava), Museum of Image and Sound (Diller + Scofidio), Città della Musica (Portzamparc in very slow progress) and, dulcis in fundo, a posthumous work of Niemeyer, the Tower for the Fundaçao Getùlio Vargas. Radical changes seem to be the engine of what’s going on in Rio de Janeiro, but is it not that all this entropy conceals the stronger actions that are taking place within the favelas? Yes, of course, the government doesn’t hide, even promotes, the Morar Carioca initiative, nor does the UPP (Pacifying Police Unit) but as documented by “Dominio Publico” between what is said and what is happening, there are always two versions: that of who does the action and the other who suffers it.

08 CITYVISION 95


RIO DE JAneiro

For the inhabitants, the neighborhood associations, some researchers, things are not going well at all. The pacific UPP is armed, actions at the Morro da Providencia, shootings and innocents’ deaths make the headlines, as do the attemps to clean the favelas from traffickers and occupiers of the territory. During the construction of the teleferico number signs rained down on houses to indicate a ownership of the prefecture and someone received 400 reais to leave elsewhere, so as to not be subjected to the forced eviction of the entire family. Although many moradores have seen their safety, hygiene and territory improve, their thoughts aren’t diverted by what could be the interests of those who would like to have a house with a view on the beach, for those who count on the ignorance of those that don’t recognize the healthiness of the place they live, for those who carried bags and bags of cement on their backs to build a roof to sleep under. And meanwhile the population of the occupied favelas’ map is increasing: The simple and linear dialogue between the two Rocinha, Cantagalo, Tabajaras, Santa contenders could sound something like this: “It’s Marta, Mangueira, Vidigal, Cidade de Deus, not our problem, we don’t Batam, Providençia, Salguiero, Sao Joao, have to give you a house!” “Right, you can’t give me a house, but you can take Complexo do Alemao, Turano, Formiga... mine and throw me out in the street!”. But in ten years time, will, Rio de Janeiro Surely they don’t want to transform each favela still be the Wonderful City we all know or in Rio in the incarnation of Christopher Nolan’s will that sublime feeling be transformed moated Gotham City just to regain the territory? into something totally different? Years ago they built big walls such walls that even Tom Jobim pondered: “Brazil is not for medievable belts would beginners” but maybe this is now changing. have envied, they cut the morros with cement and now, suddenly the (many of these informations have been collected with remorse, shoot down the borders, take the the help of arch.Elena Geppetti, currently living in houses and move the inhabitants. Who’s inside Rio de Janeiro, from the docu about favelas/olympics and won’t leave, will have to protect their life; - Dominio Publico, from the Jornal Oglobo, The Post who moves out, will live but will have to count on International, ilSole24ore, from the prefecture and the the struggle of those that Cidade Olimpica websites) stay. The UPP results are a great achievement, but also include inhabitants that start to think about social cleansing or about the speculation of their efforts; rivers of money that flow from the governments account to the Atlantic ocean just to have a bath with the sharks; cable cars, streets and undergrounds that maybe even cariocas won’t be able to use.

This all started from the first pacifying operation in Santa Marta in 2008 (maybe Michael Jackson was happy), then the armed entrance in Rocinha in November 2011 and the establishment of the UPP last september made the headlines. It was less hard than in other favelas, although a resident said: “The hands that hold the weapons are different, but the iron is still the same. Can’t you see it on the street?”. All of this is taking place and will continue over time, at least until 2014 - the supposed end of the works.

mariaazzurrarossi.tumblr.com

1 2

HOW TO READ IT / CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS

96

CITYVISION 08


06 CITYVISION 97


nda a roto tavol uniremo. . a n u i ci r vola uire costr rno a cui opra la ta lta”. s “Farò vo a t atto a l l o ù) av pra E un astello so (Re Art c E un

98

CITYVISION 08

text Sebastian Di Guardo illustrations Elisa Vendramin

The reality of the contradictory imaginary cities


imaginary cities

Molte volte ho immaginato di fondare una città, specie da adolescente; la disegnavo su un foglio di carta, prima di “Empire” o “Sim City” e la cosa più difficile era sempre mettere il primo tratto di penna. La frase del ciclo Arturiano citata in precedenza riporta la fondazione della leggendaria Camelot e mi è sempre rimasta impressa perché molto diversa rispetto ai miti diffusi presso i popoli antichi. Caratteristiche comuni con questi sono la creazione di un “centro” e lo stabilire una legge nuova, mentre è assente la figura di un animale sacro indicante il luogo predestinato, un tramite con la divinità. Le città antiche venivano fondate recingendo territorio comune sottraendolo alla natura o ad altri, quindi tale atto doveva essere giustificato da una volontà divina. La conseguenza è che tutto ciò che sarà dentro le mura sarà “giusto”, “buono”: la mentalità propria del conquistatore, dell’antico romano, disgustosa nella sua ipocrisia, tutt’altro rispetto a quella avvincente del narratore/aedo per il quale la ragion d’essere della città sono i racconti che suscitano passione e unità. Il limite di questo pensiero sta nel basarsi solo sull’uomo, terreno fallace. Saranno i complotti, la bramosia a provocare il rovescio della medaglia del ciclo arturiano dall’epica teoria di duelli e magie a storie ripugnanti piene di stregonerie, inganni, figlicidi/patricidi. I cavalieri disperati partono non a caso alla ricerca del Sacro Graal, del principio divino. I due modelli si completano così a vicenda: non sono sufficienti delle mura e la capacità di fare gruppo ma occorrono anche dei riti che diano un significato più profondo alle cose. Senza tutto ciò, non avremo mai la città viva, ma la città archeologica: è infatti da drammatici eventi auto-distruttivi che spesso deriva l’abbandono di città anche fiorenti. L’uomo nel suo oscillare perpetuo tra due anime positive e negative si trova tra il baratro e lo splendore, ed è la città che ne assorbe istantaneamente le contraddizioni. È per questo motivo che molte città hanno reputazioni diverse o addirittura opposte nell’immaginario: per esempio New York viene identificata allo stesso modo con Metropolis e con Gotham City, metropoli immaginarie sostanzialmente differenti. Metropolis sarebbe la N.Y. diurna per il famoso regista Frank Miller oppure N.Y. dalla 14° strada in su per lo sceneggiatore Dennis O’Neil, essa è la meravigliosa città del progresso, del futuro, dell’opulenza. Superman è il suo eroe che incarna il cuore soprannaturale e incrollabile di una società onesta e operosa posta di fronte alle insidie del male personificato in politici disonesti, pazzi e corrotti: l’icona degli USA prossimi alla guerra nel 1938. È in fin dei conti una città molto noiosa poiché finta, le cui architetture, sono “ 1930s architecture stretched like a rubber band”.

08 CITYVISION 99


imaginary cities

Viceversa New York nelle condizioni opposte è associabile a Gotham City, e il fascino che propaga è quello ambiguo In della notte cittadina, della questo malavita imperante nei vicoli quadro ove nessuna moralità è capace desolante e di affermarsi sulla legge della crudele, dove i cittadini giungla. Le strade di Gotham, impauriti non possono che il Wayne Enterprise Building, la trincerarsi in casa e la polizia è assente Cattedrale, realizzano soprattutto e corrotta, interviene il deus ex machina cioè il supereroe nelle scenografie di A. Furst per T. capace di ottenere dalla propria maschera una nuova e Burton uno spazio complesso, ricordando sovraumana identità, magnifico nel suo bolide e con le sue l’Espressionismo tedesco nelle forme come attrezzature fantascientifiche. Ciò nonostante l’inalienabile nella volontà di ottenere un effetto cupo, contraddizione umana riemerge nell’avvento di nuovi retorico e metallico: lo stesso risultato viene super-cattivi e infine viene come metabolizzata da raggiunto da A. Feininger nei suoi Batman stesso, che se ne fa carico per tutti. drammatici come sbalorditivi Al contrario di Superman egli è solo un bianco/neri di N.Y. anni uomo, e come tale nel suo cammino ’30 e ’40, un’epoca/simbolo è soggetto a errori, della ormai insanabile tentazioni, cadute. frattura tra civiltà e natura soprattutto per gli artisti. Costoro “rappresentano un silenzio” che non è altro che incapacità di comunicare.

1

2

HOW TO READ IT / CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS

100 CITYVISION 08


imaginary cities

08 CITYVISION 101


imaginary cities

102 CITYVISION 08


imaginary cities

6

1

4

3

5

2 7

HOW TO READ IT / CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS

proprio L’immancabile dell’arte, risultato è il sorgere vero Virgilio di una moralità propria e dantesco nella gamma come tale discutibile. È quello che dei sentimenti umani. Tutto ciò succede in modo più esteso a Vigàta nei purtroppo sembra cedere il passo romanzi di Andrea Camilleri della “serie all’anonimato, alla “praticità” e alla di Montalbano”. superficialità, quindi a quell’apatia che Questi racconti sono sempre in bilico comporta la rinuncia alla meraviglia, capacità tra giallo e noir, anzi sembrano quasi di riconoscere tutto ciò che può essere generare un nuovo genere che li incantevole - o disgustoso, o ambiguo siciliana abbia fonde. Vigàta è una città ricca delle nostre città: tutto quello che dove il tremato di odori, sapori, architetture le rende vive e tangibili. presente è così intriso mentre il cattivo barocche, è l’immagine di passato che varcando un si crogiolava all’idea. A della città portone ti puoi trovare nel secolo realizzare la realtà potrebbe scorso, con gli oggetti, i personaggi e la essere proprio l’ambiguità dell’uomo, mentalità del secolo scorso; una simulazione il suo mostrarsi così com’è, ed è lo scontro così perfetta che la serie televisiva la concretizza continuo tra i due fronti come un vortice che perfettamente nelle location di Puntasecca, Siracusa, dal proprio movimento genera il reale, la città Modica, Porto Empedocle. Camilleri non rinuncia vera. La vittoria di uno dei due fronti, come alla deduzione acuta così come all’ambiguità che avviene nelle città immaginarie, è superficiale si genera tra una cultura ricca di gestualità, e caduca, o altrimenti forzata e innaturale. ballo di bellezza, e un retroscena torbido È quindi importante prendere parte la e criminale. Questi aspetti scomparsi, alla discussione, partecipare: il mentalità comune convivono a braccetto la notte è che implica l’educazione che perde il filo del spesso tirando eterna e il cielo al gusto (e al disdiscorso bene/male e accetta in tuona minaccioso come gusto) che è ciò che è sbagliato come “normale”, una maledizione divina. Il proprio come avviene nel romanzo noir. protagonista è un antieroe spesso Per questo Montalbano non è assolutamente violento, misogino, un affascinante un risolutore - non c’è nulla che possa risolvere “duro”. Il male ha prevalso arrivando - ma è proprio la bellezza a salvare tutto, all’estremo viscido e inumano. I buoni si sono quella che manca in Gotham City. mischiati all’abisso pur di combatterlo. Montalbano a Gotham non sarebbe È proprio questa condizione estrema a altro che Hartigan a Sin City, permetterci di distinguere il vero la celebre grafic novel di dall’immaginario, non senza genere Hard Boiled. che il nostro lato buono I colori sono

“Harmonie et Contraste, toute Beauté procède de ces deux éléments” (Vatel)

08 CITYVISION 103


imaginary cities

I will build a round table where we can assemble. And a vault on the table. And a castle on the vault. (King Arthur)

In this distressing and cruel picture, where the frightened citizens can do nothing but take refuge in the safety of their homes and the police is corrupt and absent, the deuxs ex machina intervenes, that is the super hero who achieves a superhuman identity,magnificent in his new racing car and his sci-fi gadgets. Nevertheless, the inalienable human contradiction emerges in the advent of new super-villains and is then metabolized by Batman himself, who carries the burden for everyone. Contrarily to Superman he is just a man, and as such he is subject to errors, temptations, falls. The inevitable result is the emergence of a personal morality and questionable as such. That’s what happens to a greater extent in Vigata in the novels of Andrea Camilleri’s “series of Montalbano”. These stories are always hovering between detective fiction and noir, they indeed seem to generate a new genre that blends them. Vigata is a city full of smells, tastes, baroque architecture, it is the image of the Sicilian city where the present is so soaked in the past that crossing a door you may find yourself in the last century, with the objects, characters and the mentality of the century last; a simulation so real that the tv series is able to recreate in the locations of Puntasecca, Siracusa, Modica, Porto Empedocles. Camilleri doesn’t renounce either the acute deduction or the ambiguity that occurs between a rich culture of gestures, beauty, and a murky and criminal background. These aspects often coexist together bringing the common

Many times I’ve imagined to found a city, in particular when I was an adolescent; I drew it on a sheet of paper, before “Empire” or “ Sim City” and the most difficult thing was always the first stroke of the pen. The sentence of the Arthurian cycle, previously cited, reports the foundation of the legendary Camelot and I have always been impressed by it because it was very different from the myths diffused throughout the ancient peoples. Common features with these are the creation of a “centre” and the founding of a new law, whilst what is missing is the figure of a sacred animal, as an intermediary with the divinities, that suggests a predestined place. Ancient cities were founded fencing common territory subtracting it from nature or others, thus that act had to be justified by a divine will. The result is that everything that is inside the walls is “fair”, “good” : it’s the mentality of the conqueror, of the ancient Roman disgusting in its hypocrisy, far from that of a compelling narrator/ bard for which the raison d’être of the city are the stories that evoke passion and unity. The limitation of this thinking lays in the fact that it is based solely on men, fallacious ground. Conspiracies and greadiness will be the cause of the flip side of the Arthurian cycle, from the epic theory of duals and magic to stories of sorcery, deception, filicide / patricide. It is no coincidence that the desperate knights depart in search of the Holy Grail, the divine principle. The two models complement each other well: walls and the ability to be a team are not enoughyou also need rituals that give a deeper meaning to things. Without all that, we will never have a living city, we will have an archaeological city instead: infact flourishing cities have often been abandoned due to dramatic self destructive events. Man constantly oscillates between two souls positive and negative, and so lies between oblivion and glory, and it is the city that instantly absorbs these contradictions. It is for this reason that many cities have different or even opposite reputations, for example New York is identified in the same way with Metropolis and Gotham City, imaginary metropolis that are substantially different. Metropolis is daytime N.Y. for the famous director Frank Miller or NY from upper 14th street for the writer Dennis O’Neill , it is the wonderful city of progress, future and opulence. Superman is the hero who embodies the supernatural and unwavering heart of an honest and industrious society placed in front of the snares of evil personified in dishonest, insane and corrupt politicians: icon of the United States near war in 1938. It is ultimately a very boring city as it is fake, whose architectures are “1930s architecture stretched like a rubber band”. Vice versa New York in opposite conditions can be associated to Gotham City, and the charm that it spreads is that of the ambiguous city night life, where crime is rampant in the streets, no morality is able to assert itself on the law of the jungle. The streets of Gotham, the Wayne Enterprise Building, Cathedral, create, especially on the sets of A. Furst for T. Burton a complex space, recalling the German Expressionism in forms such as the desire to get a dark, metallic and rhetorical scenario: the same result is reached by A. Feininger in his dramatic and stunning pictures in black /white NY ‘30s and ‘40s, a time/symbol of the fracture that now exists between civilization and nature, especially for artists. They “represent a silence” which is nothing more than an inability to communicate. 104 CITYVISION 08


“Harmonie et Contraste, toute Beauté procède de ces deux éléments” (Vatel)

mentality that loses the thread of good/evil and accepts what is wrong as “normal”, just like in a noir novel. For this Montalbano is absolutely not a solver -there is nothing that can be solved- it is infact beauty that solves everything, that what is missing in Gotham City. Montalbano in Gotham would be nothing more than what Hartigan was in Sin City, the famous Hard Boiled genre graphic novel. The colors are gone, the night is eternal and the sky thunders menacingly as a divine curse. The protagonist is an antihero often violent, misogynist, a charming “hard.” Evil has prevailed becoming a slimy and inhuman extreme. The good guys have mingled with the abyss just for the sake of fighting it. It is this extreme condition that allows us to distinguish the real from the imaginary, even though it has cost our good side to tremble and the bad side to wallow in it. It may even be mans ambiguity that creates reality as it is, his showing himself just as he is, and it is the collision of these two sides that like a vortex creates reality, the real city. The victory of one of the two fronts, as in imaginary cities, is superficial and ephemeral, or otherwise forced and unnatural. It is therefore important to take part in the discussion, take part: which implies the development of taste (and dis-taste) which is the whole sense of art, authentic Dante’s Virgil in the range of human feelings. Unfortunately everything seems to give way to anonymity, “practicality” and superficiality, then to the apathy that entails forgoing the wonder, the ability to recognize everything that can be beautiful-or disgusting, or ambiguous-in our cities: everything that makes them livable and tangible.

3

2

imaginary cities

1

HOW TO READ IT / CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS

08 CITYVISION 105


THE

O W T

ti s o pp amin

S iO E L PO egl d o d n

o ato M l an de io Gr

Ă and Clau l i i cciol ld

A

106 CITYVISION 08

ra

o Pie

nric ext E

t

d

o trati illus

n

sa s Eli

r Vend


08 CITYVISION 107


Un’allucinazione. O forse un delirio. Trovarsi in un paesaggio totalmente bianco, freddo, vero e vivo come solo la natura può esserlo. All’apparenza un luogo inospitale e ostile comunque in grado di farti sentire un tutt’uno con esso e allo stesso tempo parte del tutto. Totalmente immerso e al centro di un paesaggio senza margine dove l’occhio non percepisce una fine, un limite, un confine, in una zona della Terra che non ha lingua e non ha una bandiera.

Dove? Ai poli. Ma quale dei due poli?

In entrambi i casi, le caratteristiche sono simili, come paragonabili sono le sensazioni tra sorpresa e smarrimento, sconcerto e confusione. Come possono due territori agli opposti creare perdita dell’orientamento e incertezza da non sapere riconoscere se essere al Sud o al Nord? Uno spettacolo agli antipodi che suggerisce la solita scena. Come un Déjà vu. L’alienazione riporta alla mente cose già lette:

108 CITYVISION 08

“…L’idea che tutti gli opposti sono polari - che luce e buio, vincere e perdere, buono e cattivo sono soltanto differenti aspetti dello stesso fenomeno - è uno dei princìpi fondamentali del modo di vita orientale. Poiché tutti gli opposti sono interdipendenti, il loro conflitto non può mai finire con la vittoria totale di uno dei poli, ma sarà sempre una manifestazione dell’azione reciproca tra l’uno e l’altro polo. In Oriente, una persona virtuosa non è perciò quella che affronta l’impossibile compito di battersi per il bene e di sconfiggere il male, bensì quella che è capace di mantenere un equilibrio dinamico tra il bene e il male. Questa idea di equilibrio dinamico è essenziale per il modo in cui l’unità degli opposti è sperimentata nel misticismo orientale. Non è mai un’identità statica, ma sempre un’interazione dinamica tra due estremi. Questo punto è stato messo in evidenza in modo particolarmente ampio dai saggi cinesi con il loro simbolismo dei poli archetipici yin e yang. All’unità soggiacente allo yin e allo yang essi davano il nome di Tao e la consideravano come un processo che determina la loro azione reciproca: «Quello che fa comparire una volta l’oscuro ed una volta il chiaro, è il Senso…” Da “Il Tao della fisica” di Fritjof Capra

the two poles


the two poles

Il Polo sud, una superficie di terra, ricoperta di ghiaccio fino a circa tremila metri sul livello del mare; Il Polo Nord una terra senza terra, ma solo fatta di acqua allo stato solido in grado di sciogliersi e congelarsi di continuo cambiando il suo assetto continuamente.

questo modo perduto rimasto a venti milioni di anni fa, è un ecosistema che porta con sé forme di vita vegetali, animali e microbiali, con un clima perfetto e acqua purissima. Ma queste forme di vita, che potrebbero essere considerate da noi totalmente aliene, possono rilevarsi un problema. Un agente proveniente dalla Terra potrebbe contaminare e sterminare la biologia del lago in pochi minuti, distruggendo il mondo sotterraneo; così come un agente proveniente dal lago, sconosciuto al nostro ambiente e potenzialmente pericoloso potrebbe mettere a repentaglio e provocare problemi imprevedibili per tutto il polo Sud, ma peggio ancora per tutto il Pianeta. E se la contaminazione fosse biunivoca e nessuno di questi due universi paralleli riuscisse a salvarsi? Declino o evoluzione? Non esistono né vinti, né vincitori, ma semplicemente una condizione di equilibrio, di eterna stasi che si ripete e si ripeterà. Quella battaglia tra uguali ma opposti, dove è impossibile determinare un finale o un qualsiasi esito poiché semplicemente specchio della storia dell’uomo ed in particolar modo della sua ciclicità. Così come alla nascita segue la morte, al bene è associato il male, alla luce si accompagna il buio, al “+” si contrappone il “-“, anche in questo conflitto cogliamo chiaramente l’antitesi di due opposti senza però giungere mai ad un epilogo.

L’unico punto del globo terrestre dove avviene negli ultimi periodi un paradosso climatico. L’aumento della temperatura terrestre sta facendo sciogliere i ghiacci del Polo Nord, mentre al contrario i ghiacci del Polo Sud stanno aumentando, anche se in maniera non proporzionale. Eppure la situazione tenderà a mutare velocemente. I modelli climatici indicano un aumento dell’anidride carbonica nell’atmosfera ancora per il secolo attuale, e ben presto lo scioglimento dei ghiacciai da parte dell’acqua oceanica peserà sulla quantità di neve che cadrà sulla calotta antartica. Questa condizione, che potrebbe avverarsi nell’arco di pochi decenni, porterà ad un’inversione della tendenza dei ghiacci antartici a crescere e dunque a una situazione che verrà a pareggiarsi con quella del Polo Nord. E questo mutamento porta con sé l’inevitabile appetito di governi e multinazionali, risultato di una civiltà basata sulla speculazione, che non perdono l’occasione di approfittare della situazione e che vedono nella scomparsa dei ghiacci del Vero Nord imminenti opportunità di business per creare nuove rotte navali e aeree. Per questi motivi gli Stati che si affacciano sull’Artico si preparano a sfruttare al massimo questo prezioso e delicatissimo ecosistema in ginocchio, lanciandosi in una vera e propria corsa alla conquista del Polo Nord. Russia, USA, Norvegia, Danimarca e Canada da qualche tempo stanno giocando una partita a suon di rivendicazioni di proprietà e ricorsi. Avremo quindi la possibilità di vedere nel giro di pochi anni a discapito dell’habitat Artico, porti e aeroporti in quelle terre al limite del mondo. Non solo flotte da pesca industriali senza controllo o spedizioni alla ricerca di gas e oro nero, ma anche intere piste commerciali capaci di scuotere un intero sistema economico mondiale. Il riscaldamento globale ha però riportato alla vita uno dei laghi più a nord del mondo.

Il Kaffeklubben si è ripopolato di alghe microscopiche, le diatomee, riaffiorate dopo più di duemila anni. E se la ricomparsa di queste forme di vita dimenticate portasse con sé un futuro della specie? Evoluzione o declino? E mentre aumenta l’avanzare dell’uomo in maniera proporzionale allo scioglimento dei ghiacci al Nord, all’estremo opposto una colonizzazione “intelligente” di circa quattromila persone nel mese estivo si apposta tra le terre ghiacciate dell’Antartico. Ricercatori e scienziati che per non più di cinque mesi, per via del freddo e degli ormai scarseggianti fondi, studiano uno dei luoghi più puri della Terra. L’acqua e l’aria del Sud come campioni da studiare, e la scoperta di un lago subglaciale a più tremila metri sotto l’Antartide è diventata la promessa e la speranza per la scienza, pari alla conquista della luna negli anni sessanta. Così il lago di Vostok

Consci dell’essere parte del tutto senza la necessità di domandarsi se essere yin o yang , se essere al sud o al nord, ci si sente parte di quell’equilibrio, e l’unica cosa da comprendere e analizzare sono le differenze. Il polo. L’unico punto della terra dove non esistono le stagioni, o meglio dove ne durano solo due; l’inverno e l’estate, il buio e la luce. Da una parte il buio, dall’altra la luce, e viceversa.

2

4

1 3

5 HOW TO READ IT / CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS

08 CITYVISION 109


the two poles

A hallucination. Or maybe a delirium. Being in a totally white cold landscape, real and alive as only nature can be. Apparently an inhospitable and hostile place able to make you feel at one with it and at the same time part of everything. Totally immersed and at the center of a borderless landscape where the eye does not perceive an end, a limit, a border, in an area of Earth that has no language and does not have a flag. Where? Aware of being part of At the poles. everything without having to But which of the two poles? wonder whether being yin or In both cases, the features are similar, as are the feelings yang, if being in the North between surprise and dismay, bewilderment and or South you feel part of that confusion. balance, and the only thing How can two territories that are opposite to each other, to understand and analyze create a sense of loss and orientation so as to not know are the differences.The pole. whether you are at the north or south? A show at the The only part of the Earth antipodes that suggests the usual scene. where there are no seasons, As a Déjà vu. or rather where they last only The alienation brings to mind what has already been two; winter and summer, read: darkness and light. On one side dark, on the other light, “…The notion that all opposites are polar, that light and vice versa. and dark,winning and losing, good and evil, are merely The South Pole, an area of different aspectsof the same phenomenon, is one of the basic land, covered with ice up to principles of theEastern way of life. Since all opposites are about three thousand meters interdependent, their conflict can never result in the total above sea level; the North victory of one side, but will always be a manifestation of Pole a landless Earth, made the interplay between the two sides. In the East, a virtuous only of solid water that can person is therefore not one who undertakes the impossible melt and freeze constantly task of striving for the good and eliminating the bad, but changing its structure. The rather one who is able to only point of the globe maintain a dynamic balance between good and bad. where in recent times a This notion of dynamic balance is essential to the way climate paradox is taking in which the unity of opposites is experienced in Eastern place. The constant rise of mysticism. It is never a static identity, but always a dynamic the Earth’s temperature is interplay between two extremes. This point has been causing the ice banks of the emphasized most extensively by the Chinese sages in their North Pole to melt, while symbolism of the on the contrary the ice of archetypal poles yin and yang. They called the unity lying the South Pole is increasing, behind yin and yang the Tao and saw it as a process which albeit non-proportionally. brings about their interplay: That which lets now the dark,

110 CITYVISION 08

Yet the situation will tend to change rapidly. Climate models indicate an increase in carbon dioxide in the atmosphere even for the present century, and soon the melting glaciers from the ocean water will weigh on the amount of snow that falls on the Antarctic. This condition, which could come

now the light appear is Tao…”

From “The Tao of Physics” by Fritjof Capra


the two poles Because of the cold and funds running short, for only five months a year, researchers and scientists are studying one of the purest places on Earth. Water and air of the South as samples to be studied, and true within a few decades, will lead to a reversal of the the discovery of a sub glacial Lake at three thousand trend of Antarctic ice to grow and will therefore lead to a meters below the Antarctic has become the promise situation that will be balanced with the North Pole. and hope for science, which is equal to the conquest And this change brings with it the inevitable appetite of of the Moon in the 1960s. So the Lake Vostok this Governments and corporations, as a result of a civilization lost world that has remained as it was twenty million based on speculation, which do not lose the opportunity years ago, is an ecosystem that brings various life forms, to take advantage of the situation and who see in the plants, animals and microbes, with a perfect climate disappearance of the ice of the True North upcoming and pure water. But these forms of life, which could be business opportunities to considered totally alien to us, can be create new naval and air ports and airports in those lands on the edge of the a problem. A bacteriological agent routes. For these reasons world. Not only industrial fishing fleets without from Earth could contaminate the States that border with control or expeditions in search of gas and black and exterminate the biology of the the Arctic are preparing gold, but even entire commercial runways capable of Lake in a few minutes, destroying to make the most of this shaking an entire global economic system. the underground world; likewise precious and delicate Global warming, however, is bringing to life an agent from the Lake, unknown ecosystem that is on it’s one of the northernmost lakes in the world. The to our environment and potentially knees, leaping into a real Kaffeklubben was repopulated by microscopic algae, dangerous could jeopardise and race to conquer the North diatoms, that have resurfaced after more than two cause unpredictable problems Pole. Russia, USA, Norway, thousand years. throughout the South Pole, but even Denmark and Canada for And if the reappearance of these forgotten life worse for the entire Planet. some time are playing a forms bring with them a future of the species? And if contamination was bijective game of property claims Evolution or decline? and neither of these two parallel and appeals. We will universes could be saved? therefore have a chance to And whilst the advancing of mankind increases in Decline or evolution? see in a few years at the proportion to the melting of the North pole, on the There are neither losers or expense of Arctic habitats, opposite side of the world a “smart” colonization winners, but simply a condition of of about four thousand people is taking place in equilibrium, of eternal stasis that the summer months in the icy Antarctic Lands. repeats and repeats. The battle between equal but opposite, where it is impossible to determine a final or any outcome because it is simply a mirror of human history and especially its cyclicality. As death follows birth, good is associated with evil, dark accompanies light, the “+” contrasts with the “-” in this conflict we clearly see the antithesis of two opposites that never reach a conclusion.

www.lash-up.blogspot.it

3 4

5

1 2

HOW TO READ IT / CHRONOLOGICAL INSTRUCTIONS

08 CITYVISION 111


the two poles

112 CITYVISION 08


08 CITYVISION

3


5 1 0 0 0 47 

1 1 0 6 579 

1071278 

1118971 

1089277 

1102366 

1020541 

1104105 

1106588 

1121487 

1 0 0 1 279 

1110673 

1106150 

1123457 

1101896 

1015612 

1093117 

1076823 

1083010 

1034567 

1128498 

1088650 

1 09 5 6 80 

108 5 0 2 3 

1103997 

1085494 

1126 1 1 6 

1099491 

1 1 11 5 34 

1106 2 7 6 

1003803 

5100389 

1 0 8 3 7 15 

1106828 

1092688 

1096225 

1104019 

1091960 

1117017 

1131166 

1102367 

1101957 

1101218 

1025142 

1110129 

1081783 

1085083 

1105163 

1068155 

1101389 

1125597 

1101995 

1103729 

1094005 

1073872 

1055766 

1130809 

1127725 

1102618 

1 10 3 4 5 4 

5100 1 5 5 

1068781 

1093 1 8 6 

1 1 1 6 943 

1109250 

1105604 

1088963 

1106 7 2 4 

1 1 0 2 349 

1092689 

1090161 

5100399 

1 0 99 6 2 8 

1104 9 3 9 

1 1 0 4 265 

1009329 

1103838 

1085027 

1126489 

1106285 

1099485 

1106905 

1105 1 5 0 

1098989 

1093156 

1102986 

1105359 

1003339 

5100358 

WWW.ARCHITONIC .COM www.architonic.com/PRODUCT CODE 1103745 

1106 2 4 6 

5 1 0 0 015 

1003430 

1103616 

1092697 

Profile for Cityvision

CITYVISION MAG 8  

this issue is about what is Sick and what is Wonder in your own city it required 4 months to make it has involved 13 contributors each one w...

CITYVISION MAG 8  

this issue is about what is Sick and what is Wonder in your own city it required 4 months to make it has involved 13 contributors each one w...

Advertisement