Page 1

UN GUSTO PIENO DI UMANITÀ

L’ENTREMETS GLACÉ DEI CAMPIONI DEL MONDO

IL CIRCOLO VIRTUOSO DELLA SOSTENIBILITÀ

“SUPPLEMENTO AL N. 332, NOVEMBRE/DICEMBRE 2021 DI PASTICCERIA INTERNAZIONALE - SPED. IN A P. - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1, COMMA 1, DCBTO - N. 24/2021 - IP - ISSN 0392 - 4718”


VENERE ELEGANZA E VERSATILITÀ

Eleganza e versatilità, il binomio vincente che caratterizza le vetrine Venere firmate Framec. Dotate delle migliori tecnologie sul mercato, vantano performance impeccabili che, senza rinunciare al design, si distinguono in quanto raffinati ed efficienti complementi d’arredo.

FRAMEC è un marchio MONDIAL FRAMEC srl S.S. 31, nr. 34 | 15040 Mirabello Monferrato (AL) - Italy PH +39 0142 235211 | E-MAIL info@mondialframec.com

www.mondialframec.com


Un gusto pieno di umanità...................................................3 L’entremets glacé dei campioni del mondo.......................14 Gelati stellati - La passione per i grandi classici............... 20 Gelato funzionale - Inno al radicchio................................ 24 Un mondo di spezie -

Alla scoperta delle castagne pistoiesi............................ 28 Il circolo virtuoso della sostenibilità................................. 34 Tendenze - Gustosamente sostenibili...............................40 L’altro pensiero - L’importanza della sobrietà................... 44 Percorsi formativi - Il futuro della formazione.................49 Apro anch’io....................................................................... 56 Appuntamenti.................................................................... 62

24 direttore responsabile Livia Chiriotti capo redattore Emanuela Balestrino

redazione Milena Novarino, Cristina Quaglia web editor Chiara Mancusi

direttore marketing Monica Pagliardi

direttore commerciale Francesco Coppola

assistente commerciale Luca Russo

impaginazione Tipolitografia Giuseppini Pinerolo

Scatti social.........................................................................64 Retrogusto - Nuove alleanze per il bene comune............64

ETICA E RELAZIONI. Con questo ultimo numero del 2021, noi di TuttoGelato desideriamo sottolineare, con sempre maggiore entusiasmo, quanto il comparto sia sempre più responsabile, non solo da un punto di vista ambientale. Perché con il concetto di sostenibilità si spalanca un mondo fatto di tante nobili azioni, come l’etica produttiva, la trasparenza comunicativa, la naturalità, la stagionalità… Un rispetto e un’etica che toccano tutti gli aspetti della quotidianità e delle relazioni umane. Emozioni che vi raccontiamo pagina dopo pagina, sino al Retrogusto della nostra Emanuela Balestrino dedicato alla colleganza, capace anche di stimolare l’innovazione e lo sviluppo economico. Ovviamente, buona lettura a voi!

stampa Graf Art - Venaria (To)

Su shop.chiriottieditori.it tutti gli strumenti necessari per amare il vostro mestiere 20/2021 - IP - ISSN 0392

- 4718”

proprietà letteraria riservata Chiriotti Editori © viale Rimembranza, 60 10064 Pinerolo - Torino Italia

IN L. 27/02/2004 N. 46) ART.

1, COMMA 1, DCBTO - N.

www.tuttogelato.it

DO! CAMPIONI DEL MON

“SUPPLEMENTO AL N. 331,

OTTOBRE 2021 DI PASTICCERIA

INTERNAZIONALE - SPED.

IN A P. - D.L. 353/2003 (CONV.

www.chiriottieditori.it www.pasticceriainternazionale.it Tutti i diritti sono riservati, in Italia e all’estero, per tutti i Paesi. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa con qualsiasi mezzo e in qualsiasi forma (fotomeccanica, fotocopia, elettronica, chimica, su disco o altro, compresi cinema, radio, televisione) senza autorizzazione scritta da parte dell’editore. In ogni caso di riproduzione abusiva si procederà d’ufficio a norma di legge. In copertina Fiore Reale Team Italy foto ufficio stampa Sirha

1

11/10/21 15:00

Cop. SpecialeCioccolato

Abbonamento annuo €

€ 50,00

2021.indd 1

55,00

Unione Stampa Periodica Italiana Copyright Clearance Center

Nell’edicola Apple® scaricate una copia o abbonatevi a Pasticceria Internazionale in formato digitale! Inoltre sono disponibili i libri in formato digitale scaricabili. Con un semplice clic potrai sfogliare su iPad o iPhone la tua rivista o il tuo libro

€ 160,00



UN GUSTO PIENO DI UMANITÀ Il gelato equo e solidale di Salvatore Campisi Voglio mettere la modestia da parte e comunicare subito che questo è un articolo speciale. E il merito non è da attribuire ad una mia bravura nell’arte di mettere in riga soggetto, predicato verbale e complemento oggetto, ma risiede nella ricchezza dei contenuti che ho registrato nell’intervistare Salvatore Campisi. Il gelatiere e pasticciere è di San Cataldo, grosso comune siciliano a due passi dalla mia Caltanissetta. Ha compiuto 50 anni lo scorso febbraio, è figlio d’arte, fuoriclasse in laboratorio e campione di vita. Ma a cosa alludo con tale affermazione? “Fuoriclasse in laboratorio” vuol dire che ha saputo valorizzare esperienze e conoscenze acquisite fin dall’infanzia con il suo talento naturale. Il titolo di “campione di vita,” invece, lo ha conquistato in ospedale 7 anni fa quando, dopo un disperato intervento chirurgico e un mese e mezzo di ricovero in rianimazione, si è svegliato paralizzato a causa di una tetraparesi. Egli muoveva solo gli occhi e… il cuore! Sì, il prezioso muscolo striato nel torace di Salvatore pulsava non più in maniera involontaria, ma ubbidiva ad un’immensa forza di volontà. Una forza alimentata dall’amore per la famiglia, i suoi cari e il lavoro. E poi, grazie ad un lungo e travagliato anno vissuto in ospedale a fare riabilitazione

– con l’aiuto del girello prima e delle stampelle poi –, è riuscito a conquistare la vittoria della quasi totale autonomia fisica. Un medico di Palermo che lo aveva seguito fin dall’inizio della sua tragica disavventura gli disse: “Campisi sei un miracolo vivente! Sul tuo recupero non ci avrei scommesso neanche un euro”. Ma lasciamo a lui la parola. Salvatore, spieghiamo cosa ci fa un sancataldese doc come te a Caltanissetta, città storicamente rivale. La risposta si chiama Etnos. Si tratta di un’importante cooperativa sociale che promuove e realizza pratiche di economia solidale finalizzate allo sviluppo sensibile, mediante l’applicazione del principio equo e solidale. Etnos gestisce numerosi servizi a sostegno di disabili, anziani affetti da Alzheimer, donne e minori vittime di violenza e minori stranieri non accompagnati. Non è un caso che il nome della gelateria dove ci troviamo sia Equo Cream (in via Michele Amari 3) e che a dirigerla abbiano incaricato me. Aiutami a ricostruire la tua storia professionale. Sono nato nel 1971, lo stesso anno in cui è stata fondata la pasticceria di famiglia. Dopo avere lavorato 3


Il primo laboratorio della famiglia Campisi.

per più di vent’anni nelle migliori aziende dolciarie di Caltanissetta, mio padre Gaetano aprì infatti l’attività a San Cataldo. Sono cresciuto in mezzo ai sacchi di farina e zucchero, avvolto nel profumo di pan di Spagna e ciambelle appena sfornate. Ho cominciato ad apprendere la preparazione delle specialità siciliane senza neanche rendermene conto e, cioè, guardando e riguardando i miei genitori, visto che anche la mia mamma Carmelina è stata attiva in laboratorio. Come hai iniziato? Come tutti gli apprendisti dell’epoca, prima di mettere le mani in pasta, ho dovuto superare il periodo della gavetta, che consisteva innanzitutto nel pulire le teglie e ingrassarle. Oggi c’è lo spray mentre un tempo si utilizzava lo strutto e bisognava fare attenzione e sapere ingrassare bene, altrimenti i dolci si attaccavano alla teglia e se ne comprometteva la buona riuscita. Un altro lavoro faticoso che ho fatto prima di avere il permesso di impugnare il sac à poche è stato quello di mescolare a mano, con paletta, l’impasto dei bignè. Il

… e accadde quello che succede quando si intraprende un autentico percorso di formazione: più conoscenze apprendevo e più ne volevo apprendere. È inutile dire che i manuali del maestro Luca Caviezel sono stati determinanti. E avere conosciuto grandi professionisti come Antonio Cappadonia e Angelo Grasso mi ha incoraggiato a credere sempre più nelle mie capacità 4

quantitativo giornaliero di ordinazioni era sempre enorme e non finivo mai di rompere le uova e mescolare: fortuna che c’era anche mia sorella Maria Pia ad aiutare. Alla fine arrivò il riconoscimento di essere stato promosso ad intraprendere la carriera, quando mio padre mi affidò l’incarico di decorare le prime torte. Quando hai iniziato ad occuparti di gelateria? Circa vent’anni fa. Il mio interesse fu graduale: dopo avere interiorizzato al meglio le competenze impartitemi da mio padre, iniziai a studiare da autodidatta e a frequentare stage. E accadde così quello che succede quando si intraprende un autentico percorso di formazione: più conoscenze apprendevo e più ne volevo apprendere. È inutile dire che i manuali del maestro Luca Caviezel sono stati determinanti nello sviluppo della mia preparazione. E avere conosciuto grandi professionisti come Antonio Cappadonia e Angelo Grasso mi ha incoraggiato a credere sempre più nelle mie capacità.

Gli interni di Equo Cream a Caltanissetta.

C’è stata quindi una svolta a favore della gelateria? Sì, è avvenuta quando ho iniziato a lavorare come tecnico dimostratore per la Lippolis di Putignano, Ba, e per la D.I.A. Distillerie Aromatici di Grumolo delle Abbadesse, Vi. Durante quella esperienza sono stato chiamato ad aprire ed avviare diverse gelaterie al Nord d’Italia e in alcuni Paesi europei. Ne ricordo una a Varese, perché ci sono rimasto per un paio di anni, e una in Germania, vicino Düsseldorf, perché non riuscivo a capacitarmi del fatto che i clienti – anche sotto la neve! – si mettessero in fila per gustare un gelato al gusto vaniglia.


LA RIVOLUZIONE “VISTA” IL BANCO POZZETTO A GLICOLE DOVE IL GELATO SI VEDE !

POZZETTI GELATO & BAR TECHNOLOGY

“Vista” per una nuova eccezionale visibilità del gelato, in nuove carapine più grandi, ø 26 cm, (disponibili anche in versione ø 20 cm) per esaltarne il desiderio e facilitarne la somministrazione. Grazie a 2 tecnologie di refrigerazione, di giorno l’esposizione è senza coperchi, di notte le carapine si abbassano e si chiudono con coperchio, non servono più armadi di conservazione. Tante configurazioni a 2, 3 file, trasformabile facilmente in vetrine pasticceria. Scarica il catalogo su www.brxitalia.com

150

ø 260

ø 200

4,5 LT

SKOOTER.IT

7 LT

BRX +39.0721.499611 _ WWW.BRXITALIA.COM _ INFO@BRXITALIA.COM


Come tutti gli apprendisti dell’epoca, prima di mettere le mani in pasta, ho dovuto superare il periodo della gavetta, che consisteva innanzitutto nel pulire le teglie e ingrassarle

Salvatore con la moglie Silvana Migliore e la collaboratrice Silvia Milazzo.

E la svolta della svolta? Nel 2013. Era tutto pronto per festeggiare con mio padre l’inserimento dell’attività nella Guida del Gambero Rosso e, invece, mi dovetti ricoverare d’urgenza a causa di un forte e inspiegabile dolore all’addome. Nell’arco di poche settimane subii tre devastanti operazioni chirurgiche. L’ultima mi salvò la vita, ma mi costrinse a rimanere in ospedale per un intero anno: 12 lunghissimi mesi di riabilitazione e cure fisiatriche. Poi sono tornato a casa: con le stampelle, ma con un tale patrimonio di vita e d’umanità nel cuore… che avrei potuto scalare l’Everest! Prima di rimettermi in attività, però, ho dovuto attendere alcuni anni. Quando è accaduto? Nel 2019 l’amico l’architetto Pasquale Tornatore, ex assessore alla cultura del Comune di Caltanissetta e attivista della cooperativa Etnos, mi propose di creare un laboratorio di pasticceria e di coinvolgere un gruppo di circa venti persone: down, malati psichici e diversamente abili. Accettai e l’invitare a mettere le mani in pasta e guidare i miei fantastici alunni nella preparazione di alcuni dolcetti di crema fu un’esperienza che ci riempì di gioia. Le lezioni proseguirono e il successo fu così entusiasmante da incoraggiare l’idea di realizzare Equo Cream: gelateria che avrebbe valorizzato il patrimonio umano della cooperativa e le aziende partner. Quando avete aperto? E come è organizzata la giornata tipo? Proprio in ottobre abbiamo compiuto un anno. E il bilancio, malgrado Covid e lockdown, è eccezionale. I nisseni hanno risposto in maniera generosa: abbiamo clienti già affezionati di tutte le età. Il locale 6

lo gestisco con mia moglie Silvana Migliore, la collaborazione stabile di Cinzia Milazzo e quella saltuaria degli utenti della cooperativa. Il laboratorio è un po’ piccolo, ma mi consente di convivere bene con la mia disabilità e di lavorare seduto. Il mio compito è di garantire un’offerta quotidiana di 22/25 gusti, con l’obiettivo di valorizzare al meglio gli ingredienti forniti dalle aziende partner. Oltre a frutta secca, ricotta, miele e latte, è stato fondamentale l’accordo con Coldiretti – Campagna Amica, l’organizzazione che mi permette di approvvigionarmi di frutta di stagione biologica e a km zero. Sono riuscito anche a coinvolgere la Cooperativa Agricola Colli Erei di Catenanuova, En, e utilizziamo la loro farina di canapa, ricca di omega 3 e 6. Salvatore Farina


WATER ECONOMIZER _ A BRAND OF BRX

SALVA A U Q C A ’ L ARMI

RISP A C I G O L O C E I E REND

LA TUA IA R E T A L GE

SKOOTER.IT

SCOPRI L’ECONOMIZZATORE A CIRCUITO CHIUSO SALVALACQUA E RISPARMI IL 100% DI ACQUA CHIAMA .0721.499611 WWW.SALVALACQUA.COM INFO@SALVALACQUA.COM


GELATO DI CANAPA INDIANA

I GELATI DI SALVATORE Miscela base latte panna 35% mg latte magro in polvere proteine del latte saccarosio destrosio maltodestrine neutro crema (ne servono 5 per litro)

g g g g g g g g

1000 205 48 15 215 62 10 8

GELATO ALLE MANDORLE TOSTATE

miscela base g 1000 gusto vaniglia Bourbon g 20 (oppure bacche vaniglia a piacere) farina di canapa g 20 Frullare il tutto e mantecare. Ad estrazione, variegare con farina di canapa. SORBETTO DI FICHI

miscela base g 900 destrosio g 10 mandorle tostate g 90 Frullare il tutto per alcuni minuti e mantecare. Ad estrazione, variegare con mandorle.

8

fichi g 400 acqua g 335 succo di limone g 10 saccarosio g 183 destrosio g 62 maltodestrine g 7 neutro frutta g 3 (ne servono 3 per litro) Pulire i fichi e metterli da parte; in una casseruola mescolare le polveri. In una caraffa versare acqua, fichi, succo di limone e polveri mescolate. Frullare bene per qualche minuto e lasciare riposare. Mantecare la miscela. Ad estrazione, decorare con fichi. Salvatore Campisi Equo Cream - Caltanissetta equocream.it



A REGOLA D’ARTE Sono sei le tipologie di zucchero Infundo, che derivano da filiera controllata e certificata da Italia Zuccheri: Tre Vagliati (Fine, Medio e Grande), Fondente in polvere, l’Impalpabile e la Granella (in tre pezzature). Una gamma raccontata dai brand ambassador – Antonio Daloiso, Federica Russo e Giacomo Besuschio – nelle loro ricette scaricabili da infundo.it. Per Straciock (in foto; la ricetta è anche su pasticceriainternazionale.it), il

ECCELLENZA ASSOLUTA NEL FREDDO

Con il brand Trevalli Professional, l’azienda omonima offre una gamma di prodotti per rispondere alle esigenze dei professionisti, garantendo prestazioni, qualità e gusto. La Panna UHT da montare e per cucina Trevalli Professional LA 35 rientra tra le proposte full dairy, è versatile, omogenea, non presenta sineresi e si adatta a tutte le preparazioni, salate e dolci. La struttura compatta e l’ottima tenuta, oltre le 24 ore, la rendono ideale per decorazioni e farciture di torte, semifreddi e gelati. Sintesi di praticità e qualità, è fatta con materia prima selezionata e, quando si scioglie in bocca, regala il gusto di latte. Di origine animale con contenuto di grassi pari al 35%, va conservata in ambiente fresco, al di sotto dei +10°C, e ha shelf life di 365 giorni. Disponibile in confezione da 1 L in Tetra Brik. hoplatrevalliprofessional.it/

10

panettone con Infundo Vagliato Fine, Besuschio dichiara: “Lo scelgo per i grandi lievitati perché si scioglie velocemente nell’impasto, permettendomi di non scaldarlo troppo a lungo, velocizzando la produzione senza rovinare massa e maglia glutinica. Il prodotto finito risulta soffice, evitando imprevisti legati all’incostanza. Sopra la ghiaccia fondente, preparata con Infundo Vagliato Medio, completo il lievitato con Granella Grande Infundo. Essendo di maggiori dimensioni, la preferisco nella decorazione: si presta di più a rimanere integra, resistendo all’umidità. Inoltre, questo tipo di prodotto cuoce per circa 45 minuti e la granella è ideale perché ha buona resistenza alle alte temperature e non si fonde. Tocco finale è Impalpabile Infundo. Il suggerimento in più? Accompagnarlo con gelato artigianale: il gusto zabaione con una fetta di Straciock leggermente riscaldata, ma vanno benissimo anche vaniglia, crema o fiordilatte”, conclude.

NUOVA VESTE

Cambio di veste per Staff Ice System, l’azienda riminese presente da fine anni Cinquanta sul mercato delle apparecchiature per il freddo, che così presenta le novità. “Noi siamo la Staff e il nostro stile è rimasto quello amichevole di sempre, ma abbiamo una novità. Da ottobre abbiamo cambiato nome. D’ora in poi, ci troverete nelle fiere e sui social come STAF59 - the friendly cream company. Con una F in meno e un 59 in più. Siamo sempre noi, ma con una rinnovata identità. Abbiamo deciso che, per andare avanti, dovevamo tornare alle origini. Quindi abbiamo dato risalto al 1959, anno in cui abbiamo iniziato a operare nel settore, e abbiamo tolto una F a Staff, come nel nostro primissimo logo. Il perché di questa mossa strategica è semplice. Vogliamo esprimere la nostra diversità (cercaci anche su Facebook): non vogliamo comunicare la qualità delle macchine perché, se le hai provate, sai già che quella c’è. La nostra partita si sposta su un altro campo. Per capire a che gioco stiamo giocando, ci vediamo al Sigep!”.



GHOST INNOVAZIONE DESIGN E CONNETTIVITÀ 4.0


THE DOLCE WORLD EXPO

22-26 GENNAIO 2022

INDUSTRY 4.0

PAD A7 STAND 039

Via del Progresso, 10 64023 Mosciano S. Angelo (TE) Italy

Tel. +39 085 80793 Fax +39 085 8071464

www.frigomeccanica.com info@frigomeccanica.com

I PRODOTTI FRIGOMECCANICA DOTATI DEL SISTEMA DI CONTROLLO E CONNETTIVITÀ 4.0 FRIGOCONNECT, POSSONO ACCEDERE AL CREDITO D’IMPOSTA DEL 50% PREVISTO DALLA LEGGE DI BILANCIO 2021 (L.n.178/2020) COME BENI AGEVOLABILI ‘’TRANSIZIONE 4.0’’


L’ENTREMETS GLACÉ DEI CAMPIONI DEL MONDO La “matrioska” gelato di Lorenzo Puca, Andrea Restuccia e Massimo Pica, con l’allenatore Alessandro Dalmasso, vincitori della Coupe du Monde de la Pâtisserie 2021

La notizia dell’oro tricolore vinto a Lione, alla Coupe du Monde de la Pâtisserie, ha fatto il giro di tutto il mondo, suscitando un’eco non ancora esaurita. Media e web hanno dedicato grandi titoli ai tre professionisti, Lorenzo Puca, Andrea Restuccia e Massimo Pica, allenati dal presidente del Club italiano, Alessandro Dalmasso. Un gruppo di lavoro coeso, determinato e in grado di superare tutti gli ostacoli, grazie a oltre 18 mesi di allenamento in Cast Alimenti, resi ancora più “seri” dal periodo di emergenza sanitaria. Mesi di grande lavoro e perfezionamento, anche insieme ai Campioni del Mondo 2015 (Emmanuele Forcone, Francesco Boccia e Fabrizio Donatone) che, come da filosofia del Club, affiancano i nuovi partecipanti. Un approccio 14

virtuoso, reso tale anche da tanti partner, che porta ottimi frutti! Lorenzo, 32 anni, è specialista dello zucchero artistico; il ventottenne esperto del ghiaccio, Andrea, quest’anno ha messo in campo il suo talento da pasticciere, essendo stata eliminata dal nuovo regolamento la prova di scultura del ghiaccio; Massimo, 36 anni, partenopeo e milanese d’adozione, è stato il nuovo candidato del cioccolato. A Lione, li abbiamo seguiti durante le 10 ore a disposizione per completare il dessert al cioccolato da condividere, la torta gelato, il dessert al piatto da ristorante, la scultura di zucchero e la pièce al cioccolato. Il tutto magistralmente esposto in un buffet capace di ruotare su se stesso, per essere ammirato in ogni dettaglio.


L’entremets glacé Fiore Reale, che vediamo anche in copertina di questo numero, era composto come una matrioska russa, con una parte centrale di gelatina di frutti rossi, semifreddo al mascarpone e lampone, mandorle e passion fruit. L’innovazione tecnica è il cilindro interno, ottenuto con una ciambella di meringa e una composta esotica a dividere il sorbetto. Il tutto si completa con gelato mandorla e vaniglia, base di pan di Spagna e croccantino al pistacchio, glassa mandorla e vaniglia. Interpelliamo Andrea Restuccia per farci raccontare (è qui è proprio il caso di dirlo!) “croce e delizia” della sua avventura.

su un piatto fatto a foglia. E abbiamo cambiato i colori per attualizzarla rispetto al tavolo con le sue tonalità”, spiega. Tale forma, però, lo stesso Andrea la definisce “pericolosa”, soprattutto se consideriamo le punte.

L’innovazione nella forma La prima particolarità dell’entremets è la forma, che è stata concepita subito dopo le selezioni, quando ancora era prevista la prova del pezzo artistico in ghiaccio. Assomiglia difatti ad una corona, che Andrea avrebbe posto in testa alla formica regina, il soggetto che aveva scelto. “Quando la prova del ghiaccio è stata eliminata, i primi prototipi erano già disponibili e convincevano il gruppo. La figura ci sembrava accattivante, innovativa e quindi abbiamo deciso di mantenerla. L’idea era di presentarla 15


Andando in decongelamento, la parte degli spigoli differisce rispetto alla parte centrale e più consistente, ed è stato necessario studiare in maniera approfondita il bilanciamento del gelato e del neutro. Ma è stata la scelta di “una glassa a temperatura negativa che ha permesso davvero di ottenere una definizione della torta. Ricoprivamo prima lo stampo con questa glassa bianca e dopo inserivamo il gelato”. Come accade in un lavoro d’intaglio, nei bassorilievi per esempio, il concept dell’entremets prevede molti sottosquadro (incavi che formano angoli acuti con il piano del fondo, ndr), e “fare un lavoro perfetto per tutte e tre le torte era quasi impossibile”, aggiunge, sottolineando come la giusta pressione in ogni sottosquadro sia inevitabilmente il fattore chiave per la riuscita del pezzo. Anche una minuscola bollicina d’aria poteva rovinare tutto.

La rivoluzione è la ciambella di meringa L’altra particolarità dell’entremets è la sua composizione interna, visibile al taglio. Solo con molto studio (su questo Andrea ritorna più volte, durante la nostra intervista) e numerosissime prove, la squadra è riuscita a raggiungere il risultato desiderato grazie ad una meringa dello spessore di 4 mm, ovvero “una ciambella che si chiude alla perfezione e che sta all’interno della torta. In sezione possiamo così vedere il fiorellino, la parte arancione del sorbetto ed un cerchietto, che è appunto la ciambella di meringa”. Per ottenere tale struttura, il gruppo ha richiesto l’aiuto di un artigiano, sancendo così un legame tra tecnica e sartorialità in gelateria. Allo scopo l’esperto ha fresato un attrezzo esclusivo rifacendosi all’idea di Andrea, che ha poi impiegato mesi per farne un uso perfetto, unitamente alla tecnologia 3D. In base al progetto dell’entremets, è stato infatti necessario impiegare uno strumento speciale che in commercio non esisteva, per rispettare la grammatura e le misure previste dal regolamento. “Il fiore a sei punte misurava 3 cm e non lo vedi, se non in sezione di taglio. In quei 3 cm ho lavorato in maniera maniacale, specie alle punte. Se sbagliavo l’inclinazione della parte centrale del fiore anche solo di 1 mm, la torta non chiudeva più di mezzo cm”. Il difficile è stato non poter lavorare con una consistenza morbida, come per esempio quella di una mousse, che accoglie l’interno e vi si adatta. “In casi come questo lavori in negativo. L’interno 16

è congelato e inserito in un altro gelato, morbido, ma pur sempre sottozero. E quando freddo e freddo entrano in contatto, accade immediatamente che l’elemento più freddo tenda a congelare l’altro”. Come emerge dal racconto di Andrea, dall’idea al risultato finale perfetto c’è stato un “mare” di prove. Per superarle è stato necessario animarsi di spirito proattivo, lavorare sodo e lasciare che il resto del gruppo lo incoraggiasse, per credere e fare in modo che l’idea non restasse impossibile, ma diventasse reale. E poi vincente. Proprio come in questo il caso. C.M. foto ufficio stampa Sirha cmpatisserie.com



IL LATTE DI CAPRA COME ALTERNATIVA

Il latte di capra è ideale per gusti gourmet perché, al di là delle pregiate qualità nutrizionali, è un ottimo ingrediente caratterizzante. Per quanto riguarda le sue proprietà, bisogna citarne la digeribilità, ricordando che è ben tollerato grazie alle peculiarità dei suoi grassi a catena media e corta, nonché al ridotto contenuto di lattosio e caseina, rispetto ai valori medi del latte vaccino (senza dimenticare, però, che gli intolleranti al lattosio o gli allergici alle proteine del latte non possono assumere neanche il latte di capra). Esso contiene diverse altre sostanze: taurina, amminoacido che ha un ruolo essenziale ad esempio per la salute degli occhi e per la crescita del sistema nervoso dei bambini; molte vitamine, come la A e la C; diversi minerali, come potassio, magnesio, calcio e fosforo.

In gelateria costituisce un’alternativa originale al latte vaccino, per gusti allo stesso tempo digeribili e aromatici, e quello biologico è un ingrediente di nicchia. Frascheri propone il Latte di Capra Bio UHT, completamente biologico, italiano e controllato in tutte le fasi della filiera, proveniente da animali allevati in Piemonte, che pascolano all’aperto e ricevono un’alimentazione mirata, con foraggi NO OGM e privi di concimi chimici o agro-farmaci di sintesi. Si può utilizzare insieme alla Base Arianna, che non contiene ingredienti di origine vaccina, per preparare in pochi passaggi un fiordilatte speciale, Fiordicapra Bio. Quest’ultimo può essere abbinato, per esempio, a pinoli e miele di fiori di castagno, ai gusti pistacchio di Bronte o nocciola Piemonte IGP, variegato ai profumi di Sicilia oppure all’amarena con granella di meringa o, ancora, impiegato per un’originale stracciatella al latte di Capra BIO variegata con caramello salato. frascheriprofessionale.it

L’ARTE DELLA SELEZIONE

“Per noi il pistacchio è una passione di famiglia. Una meraviglia che dopo settant’anni ancora ci affascina; settant’anni di selezione di materie prime e di ricerca continua della qualità. La stessa passione, lo stesso stupore, la stessa meraviglia che accompagna oggi la quarta generazione presente in azienda”. Così viene sottolineato l’approccio tramite la scelta dei frutti, “che meritano di diventare Pistacchi Babbi”, e delle tecnologie avanzate, “ma sempre guidate da mani esperte che sanno come scegliere, tostare, raffinare, lavorare questo ingrediente”. Ed è così che nasce la gamma di prodotti al pistacchio identifi-

SISTEMA DI REFRIGERAZIONE AVANZATO Evoluzione del banco pozzetti ed esempio inedito di vetrina gelato: questa è Vista di BRX con sistema di refrigerazione avanzato: glicole + freddo ventilato. Si tratta di un banco a glicole, con il vantaggio di consentire la miglior conservazione del gelato. Il glicole lavora in sinergia con una leggera ventilazione, per un’esposizione a sfioro del piano, senza coperchi. Oltre a rendere il gelato visibile, la loro assenza facilita e velocizza le operazioni di servizio. Due le configurazioni: a due file di carapine Ø 260, capacità 7 litri (6, 10 e 14 gusti), e a tre file di carapine

18

Ø 200, capacità 4,5 litri (8, 14 e 20 gusti). E la vetrina si distingue anche per la capacità contenitiva, essendo dotata di riserva e quindi di un doppio livello di carapine. Vista è anche banco di conservazione: alla chiusura serale, le carapine non vengono rimosse, bensì ruotate e posizionate su un livello più basso all’interno del banco e vi si mettono i coperchi. Il sistema ventilato viene spento, così che la vetrina operi come un banco pozzetti a glicole, conservando al meglio il gelato per il giorno dopo. brxitalia.com

cati dal nuovo logo Passione e Selezione Pistacchio Babbi: Paste in purezza, Creme nobili, Granelle selezionate, Wafer alla crema di pistacchio. “Le Paste Pistacchio si differenziano fra loro per il blend di pistacchi, per le differenti condizioni di tostatura, per la tipologia di raffinazione. Solo l’esperienza nella lavorazione della frutta secca ci ha permesso di selezionare il miglior Pistacchio Verde di Bronte DOP e fregiarlo della nostra garanzia di qualità. Perché ciò che conta è l’arte della selezione”. babbi.com


Il latte ideale per un gelato artigianale che sa di tradizione SCOPRI IL LATTE DI CAPRA BIOLOGICO INTERO UHT FRASCHERI Il latte di Capra BIO UHT Frascheri è realizzato con latte di animali allevati in Piemonte con metodo di agricoltura biologica. I mangimi utilizzati sono privi di OGM, prodotti senza l’impiego di concimi chimici e agro-farmaci di sintesi e gli animali hanno libertà di pascolare all’aperto. Questo latte tutto italiano, biologico e dal sapore delicato, è l’ideale per le tue preparazioni più tradizionali e green.

Vuoi conoscere i segreti per un gelato di capra d’eccezione? Frascheriprofessionale Frascheri_professionale Frascheri SpA

www.frascheriprofessionale.it Organizzazione con sistema di gestione qualità/sicurezza alimentare ISO 9001/ISO 22000 certificato da Bureau Veritas Italia S.p.A.

Inquadra questo QR CODE per vedere la video ricetta del Maestro Marco Scasso.


GELATI STELLATI

LA PASSIONE PER I GRANDI CLASSICI Sono i gusti preferiti di Mattia Casabianca, pastry chef del tristellato ristorante Uliassi di Senigallia, An, che nei dessert e nei gelati ha fatto suo il mandato di eccellenza gastronomica dello chef marchigiano Tutto ha avuto inizio quando Mattia Casabianca era bambino, frequentava la pasticceria dei nonni, aperta nel 1960 a Senigallia, e preparava il ciambellone con la nonna Gabriela Conditi. Da quei momenti le atmosfere, i profumi e i sapori del laboratorio gli sono entrati nel cuore, hanno trovato seguito all’Istituto Alberghiero “A. Panzini” della sua città e lo hanno poi condotto a Colorno, Pr, ad Alma. “Qui mi si è aperto un mondo inaspettato anche in fatto di gelateria, grazie alle lezioni di Matteo Berti, che non ho più smesso di esplorare”, esordisce Mattia, da tre anni pastry chef del Ristorante Uliassi, affacciato sul mare della famosa Rotonda. Dalla formazione passa ad uno stage a Bergamo, nel tristellato Da Vittorio, poi prende il volo. Prima in Inghilterra a Bray-on-Thames, con Michel Roux al tristellato The Waterside Inn, come pastry chef de partie, poi in Australia a Melbourne, e quindi il ritorno in Europa. Opera prima all’Odyssey Restaurant by Heinz Beck dell’Hotel Metropole Monte-Carlo, come pasticciere, quindi compie due stage fondamentali in Spagna: uno ad Alicante, alla Escuela Torreblanca, l’altro presso il tristellato El Celler De Can Roca a Girona. Quindi ecco l’approdo da Mauro Uliassi (in foto nella pagina accanto). Con lui, chef di livello, molto preparato anche in pasticceria e gelateria, si creano un’intesa speciale e un apprezzamento affettuoso, espresso in modo plateale sul palco della scorsa edizione di Identità Golose. 20

ESPERIENZE ISPIRATE Ad un pastry chef appassionato di gelato che gusti piacevano da bambino? “I classici: mandorla, nocciola, vaniglia e pistacchio. Ho mantenuto queste preferenze e ho capito negli anni quali grandi universi siano il gelato e la granita, e come ci si possa esprimere al meglio quando a prepararli è un maestro come Corrado Assenza, da cui ho gustato di recente una straordinaria granita alla mandorla amara. Al Caffè Sicilia è stato bellissimo conoscere lui di persona, ascoltarlo e assaggiare le sue creazioni”. Da cosa nasce un dolce di Mattia che talvolta diventa gelato? “Ci sono molteplici motivi ispiratori: la mia storia personale, la tradizione dei grandi classici della pasticceria italiana e francese, le materie prime del territorio e la stagionalità”. Una volta ispirati, però, aggiungiamo noi, occorrono la preparazione e il know-how per farlo. Oltreché ad Alma, egli ha potuto cimentarsi con il gelato anche in Gran Bretagna con Roux, quando mantecava quotidianamente gelati e sorbetti perché ogni giorno si serviva il prodotto fresco, lavorato nelle macchine Carpigiani, che ha poi ritrovato da Uliassi. A Senigallia tutto, gelati compresi, è oggetto di rigorosa preparazione. “Quando a dicembre il ristorante rimane chiuso, dopo il briefing dello chef, il team di ricerca di cui faccio parte si impegna a studiare e a sperimentare; poi si fanno le prove, si fa assaggiare allo chef, così da avere il suo placet, e poi a tutto lo staff, in modo da ricevere l’assenso generale.


Se il consenso è condiviso, il piatto entra in carta. L’esperienza della cucina è essenziale per un pasticciere che in questo contesto ha modo di conoscere tecniche e sapori che in laboratorio non incontrerebbe. Per questo sono convinto che, se in un ristorante c’è un buon pasticciere, è perché c’è un bravo chef”. PRESENZE FREQUENTI Per ricerca materica e frequenza di proposta, gelati, sorbetti e granite occupano un posto significativo nei menu del ristorante senigalliese. In quelli passati, in antipasti come Acqua di conditella, pane lumache e gelato di fave; secondi come Seppie ‘sporche’, granita di ricci di mare ed erbe aromatiche; pre dessert come Granita di melone bianco e Chartreuse (liquore francese a base di erbe, creato dai monaci certosini nelle cantine del monastero della Grande Chartreuse, nei pressi di Grenoble); aperitivi come il Gelato di bietole e semi di finocchio tostati. E sono presenti anche nella carta attuale. Qui, come pre dessert nei menu Classici e nella sezione pasticceria della carta troviamo la ricetta che vi presentiamo, il Senigallia-Brest. Si tratta di proposte eleganti, spesso esteticamente sorprendenti, che svelano – spiega Cafoto Brambilla-Serrani sabianca – la predilezione di Mauro Uliassi per i sapori decisi: “Anche nei gelati e in un classico come quello alla nocciola, struttura e gusto devono essere precisi e definiti, espressione della loro natura e con una chiara identità. In questo periodo sto preparando il Montebianco con gelato alla castagna, marroni e rum, gusto caldo e avvolgente. Un omaggio alla stagionalità”. IL VALORE DEL TERRITORIO I viaggi e le sperimentazioni non hanno cambiato Mattia, che rimane molto legato alla sua regione e a Senigallia. Dedicata proprio alla sua città portuale sull’Adriatico, come Brest lo è sull’Atlantico (ecco il legame che ne spiega il nome), e ispirata alla Paris-Brest, il classico creato a fine ‘800 dal pasticciere Louis Durand per celebrare la corsa ciclistica, ha preso forma la sua creazione. Qui è presentata in due versioni: in forma di bigné, con chantilly alla vaniglia Tahiti o con inserimento di gelato anch’esso alla vaniglia. Una doppia proposta che unisce dolcezza e sapidità, acidità e tocco amaro, cremosità e croccantezza, il tutto reso più vivace dalla freschezza della versione con la quenelle. Un inno alla tradizione e alla libertà del gelato. E.B.

SENIGALLIA-BREST Craquelin al muscovado

zucchero muscovado g 250 burro g 250 farina debole 00 g 250 Frullare e setacciare lo zucchero muscovado. Mescolarlo bene con il burro in planetaria con foglia. Aggiungere la farina setacciata. Lasciare riposare in frigorifero per una notte. Pasta bigné burro g 200 sale g 6 zucchero g 10 latte g 200 acqua g 300 farina debole 00 g 300 uova intere g 500 In una casseruola bollire latte, acqua, zucchero, sale e burro. Aggiungere la farina setacciata e cuocere la polentina ottenuta fino a che non si stacca dalle pareti. Versarla in planetaria con foglia e unirvi le uova poco alla volta, per una struttura ben liscia. Cuocere a 165°C per 25/30 minuti. Gelato alla vaniglia Tahiti latte l 1 panna g 300 bacche di vaniglia Tahiti n 4 glucosio in polvere g 60 zucchero invertito g 40 latte magro in polvere g 70 base Procrema Sosa 100 g 80 zucchero semolato g 200 sale g 4 Bollire latte e panna con le bacche di vaniglia Tahiti e lasciare in infusione per 24 ore. Passare allo chinois, aggiungere le restanti polveri, mixare bene e mantecare. Conservare in congelatore. Chantilly alla vaniglia panna l 1 bacche di vaniglia Tahiti n 4 gelatina oro g 6 Bollire panna e vaniglia, lasciare in infusione per 24 ore. Passare allo chinois, unire la gelatina e mettere in frigo per almeno 12 ore. Olive nere caramellate olive nere essiccate g 200 acqua g 200 zucchero g 100 Tagliare le olive in due parti e rimuovere i noccioli. Dissalarle in acqua per 4 ore e poi metterle ad asciugare in camera di essiccamento a 60°C per 12 ore. In una casseruola fare uno sciroppo denso 21


con acqua e zucchero a 120°C. Aggiungervi le olive essiccate e rimetterle sul fuoco, fino a quando iniziano a caramellare. Stenderle su carta da forno a raffreddare. Conservarle in un luogo ben asciutto. Olio al finocchietto olio d’oliva g 100 finocchietto selvatico fresco g 20 semi di finocchio tostati g 10 Congelare olio d’oliva, finocchietto selvatico e semi di finocchio (leggermente tostati in pentola prima di aggiungerli). Pacossare tre volte e poi mettere a scolare tutta la notte. Utilizzare per condire le olive caramellate, aggiungendovi finocchio fresco e zest d’arancia. Coulis di ciliegia purea di ciliegia Sangue Morlacco agar agar gelatina

22

g 500 g 100 g 5 g 3

Mescolare a freddo la purea e l’agar agar e bollire in un pentolino. Unire la gelatina e raffreddare. Aggiungere il liquore Sangue Morlacco, mixare e passare il tutto al setaccio fine. Conservare in frigorifero. Composizione (partendo dal basso) craquelin al muscovado pasta bigné gelato alla vaniglia Tahiti (o chantilly alla vaniglia Tahiti) coulis di ciliegia ciliegie congelate olive nere caramellate condite con olio al finocchietto, finocchio fresco e zest d’arancia. Mattia Casabianca Ristorante Uliassi Senigallia, An uliassi.com foto Giovanni Ghiandoni


Di Bartolo offre soluzioni tailor made al mondo del gelato. Ingredienti unici e dal sapore irresistibile, nati da un processo studiato in ogni singolo dettaglio.

DI BARTOLO Srl Via Garibaldi, 165 - Calatabiano 95011 Catania (ITALY) - +39 095 645103 info@dibartolosrl.it - www.dibartolosrl.it


GELATO

FUNZIONALE

INNO AL RADICCHIO Con la stagione fredda, matura un ortaggio straordinario per le sue qualità: il Radicchio Rosso di Treviso IGP. Appartenente alla varietà silvestre delle Chicorium intybus, viene coltivato, da disciplinare, nelle provincie di Padova, Venezia e Treviso, e presenta un gusto amarognolo nella varietà precoce, da novembre a gennaio, e dolce in quella tardiva, da gennaio a febbraio, riuscendo a trasmettere emozioni legate al territorio d’origine, anche in coloro che hanno dovuto lasciare il Veneto per stabilirsi lontano. Ma la tradizione sa richiamare i valori della terra ed il sapore dei suoi frutti ed ecco che alcuni artigiani, maestri di creatività, hanno saputo creare un lievitato che riporta, come un corriere espresso, al sapore ed al profumo di una terra tanto amata. Un dolce per Treviso Su idea di Armando Raris di Eurodolce di Maserada sul Piave, Tv, specializzata nella distribuzione di materie prime per pasticceria e panificazione, è stato di recente lanciato il Dolce Treviso. La presentazione è avvenuta presso il ristorante e Relais Ca’ del Poggio di Alberto Stocco, a San Pietro di Feletto sulle colline del Prosecco, patrimonio dell’Unesco. 24

Presenti, con il sottoscritto, i pasticcieri Luca Busiol, Mauro Paro ed Enrico Furlan, oltre allo stesso Raris, a Claudio Scalco, consulente, e a Enrico Gerotto, agente entrambi per Eurodolce. L’idea di base era quella creare una tipicità dolce che rappresentasse la Marca Trevigiana e le colline del Prosecco e, a questo scopo, l’attenzione si è focalizzata proprio sul Radicchio Rosso di Treviso IGP di Treviso. La ricetta è stata sviluppata da Gennaro Barbato, pasticciere con oltre quarant’anni di esperienza, utilizzando ingredienti di prima qualità. Egli ha saputo bilanciare il caratteristico gusto amarognolo dell’ortaggio in foglia, sposandolo a farina, lievito madre, burro e zucchero. Per il dolce è stato utilizzato Radicchio Rosso di Treviso Igp ottenuto grazie ad un particolare procedimento messo a punto da Distilleria Magnoberta, un brevetto unico che consente di trattare la materia prima (frutta e verdura) al naturale, senza canditura. Il risultato è stato una sorpresa per i pasticcieri, panificatori e gelatieri della Marca Trevigiana. Grazie ad un processo di osmosi vengono infatti lasciate integre struttura e composizione organolettica dell’ortaggio, le cui proprietà sono esaltate non solo nei lievitati (panettoni, plum cake, biscotti, ciambelle…), senza ri-



torni di muffe, ma anche utilizzandolo in gelateria e nei semifreddi, in quanto il radicchio (come la frutta) al naturale non gela. Numerose sono le sue proprietà: ✔ analgesiche poiché anticamente, secondo scritti attribuiti a Plinio il Vecchio, l’ortaggio veniva già utilizzato come cura per l’insonnia e per purificare il sangue; inoltre, secondo alcuni studi recenti, una sua componente denominata lattucopicrina, responsabile del gusto amarognolo del radicchio precoce, presenta proprietà sedative, analgesiche ed antimalariche; ✔ depurative favorendo la digestione e ed il buon funzionamento intestinale, grazie alla presenza di fibre, mentre i principi amari stimolano la produzione di bile; ✔ ha capacità di trattenere gli zuccheri, grazie alla presenza di inulina; di aumentare la sensibilità all’insulina, stimolando le cellule del pancreas; di rafforzare la densità ossea grazie alla vitamina K, migliorando l’assorbimento di calcio; ✔ è ricco di antociani, che hanno proprietà di prevenzione nei confronti delle malattie cardiovascolari; ✔ contiene triptofano, che apporta benefici al sistema nervoso contrastando i disturbi legati all’insonnia; ✔ le sue foglie sono ricche di composti antiossidanti – più dei mirtilli, delle bacche di goji e dell’uva passa, secondo studi svolti all’Università di Urbino – e loro consumo costante permette all’organismo di contrastare l’effetto dei radicali liberi. Ben venga, allora, il Dolce Treviso, magari abbinato ad un ottimo bicchiere di Prosecco! E per chi volesse una proposta di gelato artigianale in tema, eccovi una ricetta. dolcetreviso.it - magnoberta.com Martino Liuzzi

Gelato di Marca Trevigiana Igp Base bianca l 1000 latte intero QM panna vaccina 35% mg l 0,150 saccarosio g 230 zucchero d’uva 65% g 70 latte in polvere scremato g 45 Protom PW g 50 neutro g 7 Totale base g 1557 Valori g 5,6% - slng 9,8% - zuccheri 17,9% - solidi totali 34,48 26

Pastorizzare la miscela per base bianca a 85°C e raffreddare. Gelato Radicchio Rosso di Treviso Igp Distilleria Magnoberta g 300 Tropic Orange Distilleria Magnoberta cc 5 Unire alla base bianca il radicchio frullato, aggiungere Tropic Orange e mantecare. Per variegare granella di noci, petali di radicchio, mosto cotto d’uva di Prosecco, cannella

qb M.L



UN MONDO DI SPEZIE

ALLA SCOPERTA DELLE CASTAGNE PISTOIESI Un viaggio fra le selve del pistoiese per assaporare i profumi del bosco e delle castagne Ho fatto un viaggio alla scoperta della castanicoltura nell’Appennino Toscano, a Pian degli Ontani, Pt, procedendo in un intreccio di selve (così vengono chiamati i boschi di castagni), metati (antichi essiccatoi naturali) e casette, dove ardono con lentezza ceppi di castagno secco di almeno 10

28

anni. Qui si snoda un rito lento, che dura per circa quaranta giorni, durante il quale le castagne vengono essiccate per poterle trasformare in farina al mulino. La dolce farina di castagna è ricavata dalle varietà Carpinese o Carrarese, Pastinese, Ceppo, Calarese, Mandolo, Rossolo, Lolano, Pego, Nerattina, Pistolese, Brandigliano e Salvana. La Carrarese è riconosciuta come la più dolce e profumata, mentre la Pastinese consente maggior conservabilità, ma perde velocemente le proprie caratteristiche organolettiche. Grazie al suo profilo organolettico, alla sua dolcezza e alla tostatura, la castagna si abbina a spezie “calde”, come cannella, pepe bianco, fieno greco, cacao e peperoncino. Nelle preparazioni classiche si sposa con uvetta e rosmarino, come per il castagnaccio, anche se, secondo la tradizione locale, sono i necci (dolci toscani tipo crêpes a base di farina di castagne, farciti con crema di ricotta e zucchero, ndr) a farla da padrone. La ricetta consiste in un impasto di farina di castagne e acqua da cuocere utilizzando i “testi” bollenti (pale di ferro con lunghi manici, unte leggermente, scaldate sul fuoco e accoppiate), con foglie di castagno secche: per chi ha la fortuna di assaggiarla, rimane impressa nella memoria. Ispirato dal fumo, dalle castagne e dal legno ho avuto l’idea di proporre il mio ricordo della selva, un gelato alle castagne affumicate con legno di castagno e spezie.


Essenzialmente pura, senza additivi.

La purezza della panna per tutte le tue creazioni. La panna da montare Tenutapiù è prodotta per centrifuga da latte piemontese di raccolta giornaliera, ha una tenuta estrema e una freschezza senza paragoni. • Panna al 38% di grassi • Latte da pascoli piemontesi • Totalmente priva di additivi • Volume e tenuta oltre le 48 ore Tenutapiù: pura e naturale. Visita www.debic.it e lasciati ispirare.


Il ricordo della selva

Per la pasta di castagne affumicate Mettere a bagno in acqua tiepida, per 12 ore, 300 g di castagne secche, poi bollirle in acqua abbondante per circa 40 minuti. Alla base di una vaporiera, accendere delle chips (bastoncini) di legno di castagno (circa 10 g) con una stecca di cannella, 6-7 grani di pepe bianco e 5 g di fieno greco. Una volta che si sprigiona il fumo, collocare la griglia della vaporiera con le castagne sopra, avvolgendo il tutto con pellicola, e lasciare riposare per 3-4 ore: a quel punto, i profumi risultano avvolgenti, caldi e riportano alla memoria i ricordi della selva. Frullare le castagne affumicate con 300 g di latte per una pasta morbida. Base bianca (fiordilatte) latte panna saccarosio zucchero d’uva Protom pw latte in polvere scremato neutro 5

SFIDA AVVINCENTE

g 1000 g 140 g 190 g 70 g 50 g 35 g 8

“Senza questa occasione non so se avrei mai fatto un gelato Cacio&Pepe con la pasta al suo interno. Questo però era l’input di Antonella Bondi, architetto, creatrice di fragranze alimentari e ideatrice di Cacio&Pepe Day, evento internazionale che riunirà dal vivo e on line il gotha degli chef, dei pasticcieri e dei gelatieri italiani e giapponesi”. Esordisce così Gianfrancesco Cutelli (qui a destra in foto di Marina Imbesi), gelatiere della Gelateria De’ Coltelli a Pisa. DELICATI EQUILIBRI La sfida consisteva nel creare un gelato che esprimesse la ricchezza della ricetta e dei suoi ingredienti, spaghetti, Pecorino Romano Dop e pepe nero indiano di Malabar.

foto Bretzel-Bondi.

30

La ricetta è tratta dal libro di Martino Liuzzi “Il gelato che cercavi” (shop.chiriottieditori.it) Gelato alle castagne pasta di castagne g 600 latte g 700 panna 36% mg g 140 latte in polvere scremato g 38 saccarosio g 200 zucchero d’uva g 70 Protom pw g 50 tuorli g 60 neutro 7 g 8 uva passa g 10 rum qb Miscelare bene le componenti solide e unirle ai liquidi. Pastorizzare a 85°C e fare riposare a 4°C. Mettere in infusione a bagnomaria l’uvetta con rum e unire al composto precedente. Fare riposare la miscela per qualche ora per esaltare gusto e profumi, prima di mantecarla con la base bianca.

Alessandro Conte cooking coach

“Quando mi hanno chiesto di realizzare questo gelato – spiega il gelatiere - il primo pensiero è stato chiamare Renato Trabalza, patron di Sora Lella, storica trattoria tempio della cucina romana all’Isola Tiberina, apprezzato chef e gelatiere, per avere la ricetta originale. Sono convinto che, per operare variazioni, occorra sempre partire da una solida conoscenza storica. I suoi spunti sul pepe non sono stati però replicabili, perchè a freddo il pepe nero tostato perde la carica aromatica che ha invece a caldo. Abbiamo quindi preferito mantenere la nota verde sul gelato, molto più presente al palato”. La ricetta definitiva è nata dopo varie prove. “È stata una bella sfida riuscire a bilanciare gli amidi per una struttura spatolabile: alla fine ho deciso di cuocere la pasta in poca acqua, utilizzando il liquido di cottura nel gelato per mantenerne tutto il sapore, e di infondere un po’ di cremosità con l’aggiunta dell’uovo. Ho voluto dare un’interpretazione mia che, come si vedrà, stravolge i parametri del suo consumo abituale, rendendola adatta al nuovo contesto della gelateria”. cacioepepeday.com

E.B.


EXTRA SEMPLICE SUPER GUSTOSA! Raccomandata da:

Frank Haasnoot

Cream Plus Mascarpone Debic Ogni pasticciere conosce l’importanza dei dettagli. Ecco perché Frank Haasnoot usa Cream Plus Mascarpone Debic. Lui semplicemente versa, monta e crea splendide preparazioni. Nuova Cream Plus Mascarpone Debic: • Premiscelata, facile da lavorare • Alta qualità costante • Tenuta che dura nel tempo • Perfetta per decorare creazioni dolci e salate Debic. Per le mani dei professionisti.

Scopri di più su Debic.it


L’ARACHIDE SI ABBINA A TUTTO

“Nel mondo del food l’arachide si abbina piacevolmente a tutto, un po’ come il nero nell’ambito della moda. Questo legume che, per consistenza, sapore e profumo è associato spesso alla famiglia della frutta secca, si è guadagnato un interessante spazio in gelateria e pasticceria, grazie alla versatilità. Al momento della tostatura, rivela un tono dolciastro, con definite note di cioccolato, ma allo stesso tempo sprigiona una lieve sapidità, terminando in una punta amarognola. Per tale ragione la vediamo spesso

PER IL DOLCE FREDDO

L’ampia gamma di referenze sviluppate da Martellato contempla le spatole colorate, le vaschette e carapine anche monouso, e i segnagusto, proposti in più forme e misure, sia da appoggio che da immersione. La linea Black & White è composta da vaschette in materiale plastico bianco o nero, con spatole ed accessori coordinati, resistenti, che danno uno tocco di stile più moderno. Stecco Mould è lo stampo in silicone 100% Made in Italy per ricoperti o gelati su stecco, la cui forma lineare consente

ART DECÒ ED ERGONOMIA

Vietri è la serie di arredo firmata Frigomeccanica e caratterizzata da rivestimenti stile Art Decò in ceramica di vari colori, che richiama la tradizione italica dei ceramisti antichi. I moduli ad elevata valenza tecnologica prevedono vetrine per gelato e pasticceria profonde 100 cm, così da assicurare notevole capienza senza interferire con le misure ergonomiche relative all’operatore. Sono disponibili angoli curvi di varie gradazioni e moduli lineari a partire da 50 cm. frigomeccanica.com

32

sia in piatti salati, sia abbinata ad ingredienti dolci, come cacao e caramello. Noi scegliamo un accostamento ancora più audace: il caramello salato, per esaltare i toni dolci e sapidi naturalmente presenti”. Così in Fugar presentano la novità Crunchytella, dalla consistenza ibrida, a metà strada tra un cremoso e croccante variegato ed una stracciatella morbida. Il gusto è quello tipico del caramello salato, arricchito da arachidi tostate in pezzi, per l’effetto crunchy. Si impiega sia in gelateria che pasticceria; non solo come variegato croccante, ma anche come copertura morbida o inserto per semifreddi e stecchi. fugar.it

molteplici proposte, sia dolci che salate, mentre IceTube è un best seller per la produzione di ghiaccioli da passeggio. Oltre alle classiche fasce inox, da segnalare il successo degli stampi monouso Onestrip per torte e mono, mentre porta coni e coppette in plexiglass trasparente o colorato completano il tutto. martellato.com


Prodotte in Italia da Martellato, le fasce inox sono da sempre uno degli strumenti più apprezzati ed usati nei laboratori e nelle cucine di tutto il mondo. L’ampia gamma di modelli si amplia con nuove proposte in linea con le forme e le misure più richieste del momento. martellato.com

Created by


IL CIRCOLO VIRTUOSO DELLA SOSTENIBILITÀ Un tema essenziale, a maggior ragione per gli artigiani che, con il loro esempio, possono influenzare in positivo le scelte sostenibili dei colleghi e i comportamenti dei clienti Con questo concetto parliamo di futuro, del domani che costruiamo oggi con scelte, azioni, acquisti, comportamenti. Occorre esserne consapevoli, perché le decisioni e le iniziative che prendiamo sono decisive per gli anni a venire e solo se sono sostenibili possiamo guardare lontano. Sono passati 6 anni da Expo 2015 e dalla condivisione della Carta di Milano, che ne rappresenta l’eredità culturale, e che responsabilizzava singoli e istituzioni a garantire il diritto al cibo alle generazioni future attraverso “l’utilizzo sostenibile delle risorse del Pianeta”. E qui arriviamo al punto che è il mandato e l’onda lunga di Expo: “chiedere alle istituzioni e (a ciascun di noi) di darci regole e politiche per garantire un futuro più equo e sostenibile”. Cosa si fa nel nostro settore per arrivare a questo obiettivo? Abbiamo constatato nel numero scorso come alcuni titolari di plurinegozi si stiano impegnando in questo senso, investendo tempo e risorse, e come trasmettano questi valori a figli e collaboratori, ma il cammino è ancora lungo. Per fare un passo ulteriore coinvolgiamo alcuni gelatieri apprezzati anche per la loro sensibilità e il senso etico in tema di sostenibilità, che illustrano come applichino il concetto nel quotidiano. Ne esce un insieme di misure stimolanti, replicabili e adattabili alle esigenze di ciascuno, su cui innanzitutto riflettere e da cui trarre spunti concreti in tempi brevi, nella speranza che esempi positivi diano vita a un circolo virtuoso che attragga sempre più artigiani e, con loro, tutto il comparto. È una questione sostanziale, senz’altro da sostenere. RISPETTO, INIZIATIVE ANTI-SPRECO, RACCONTO, ASSAGGIO Per i nostri settori Corrado Assenza, gelatiere e pasticciere di Sicilia Caffè a Noto, Sr, è stato un precursore in fatto di sostenibilità. Ne parlava già anni fa, declinandola nel corso di presentazioni in fiere ed 34

eventi. A distanza di tempo diventa interessante sapere cosa pensa dell’evoluzione di questo concetto e come lo applica tuttora. “La sostenibilità è un modus operandi e prima ancora un modus vivendi: potrei sintetizzarla nella parola rispetto a tutto tondo, nei confronti di persone, animali, cose, cibo. Coerentemente a ciò è sinonimo di attenzione allo spreco dell’energia, delle risorse dell’ambiente e del cibo, il che significa selezionare e acquistare con


STECCO 01 XXL

765

L’iconico gelato su stecco diventa un entremet!

Stampo in silicone

Stampo Termoformato per stecchi in cioccolato

professional.silikomar t.com

M A D E I N I TA LY


oculatezza ciò che ci serve, scegliendolo non tanto a km zero 0 quanto, come ripeto da tempo, a km buono, e le cose buone nascono dalle persone buone. Occorre però essere coerenti con se stessi, fare quello che si dice per poi raccontarlo”. Sostenibilità significa inoltre tenere in considerazione l’aspetto salutista e nutrizionale dei cibi, trasformandoli utilizzando pochi ingredienti, assecondandone la natura senza forzare, acquistandoli dai produttori. Questo per dare prospettive ai contadini, ai pescatori, agli allevatori, ai pastori e a quanti trasformano i frutti del loro lavoro, per fare sì che le produzioni restino nel loro territorio, non vengano decentrate e diano il giusto compenso a chi le porta avanti. Compito ulteriore degli artigiani che impiegano tali prodotti con convinzione è di raccontarli e farli assaggiare per trasmettere le emozioni che derivano dalla degustazione e condividerle. Corrado Assenza indica dunque un percorso di vita e attività da seguire per tutti gli esponenti della filiera, in direzione di una comune sostenibilità economica, pagando le materie prime per il loro valore e chi le trasforma, dando vita a nuovi prodotti. Un esempio di tutto ciò è la ricetta che trovate nella rubrica Tendenze. MISURE ECOCOMPATIBILI AD ALTO TASSO CREATIVO Attiva sostenitrice del rispetto dell’ambiente e della sostenibilità, Giovanna Musumeci, gelatiera e pasticcera presso il locale di famiglia a Randazzo, Ct, ha incrementato le misure da adottare, in negozio e nei molti eventi cui partecipa, in fatto di riduzione degli sprechi e di soluzioni per limitare al massimo l’uso della plastica e l’accumulo

La Musumeci a Identita Golose (foto BrambillaSerrani).

di contenitori da smaltire. “Per noi il concetto di sostenibilità è a tutto campo e si declina in più modi. In primis nella scelta degli ingredienti privilegiamo i produttori del vicinato, soprattutto quando si tratta di giovani che sono tornati sul nostro territorio circostante all’Etna. Ciò consente di proporre un assortimento non solo a km corto, ma anche di contribuire allo sviluppo dell’economia di zona, compiendo un atto di responsabilità che valorizza produzioni importanti per il nostro am-

DOG-FRIENDLY Si chiama NaturaIce Dog ed è un nuovo gelato premium per gli amici a quattro zampe (ma consumabile anche dagli umani), proposto in confezioni compostabili al 100% smaltibili nell’umido. A descriverne le caratteristiche lo chef vegan Maurizio Valguarnera. “Si tratta di un gelato vegano declinato in vari gusti (come quello in foto, alla crema di riso e cocco), a base di soli ingredienti vegetali. È proteico (dalle proteine dei piselli), gluten free, senza OGM e senza additivi, a basso indice glicemico e presentato in tre linee, da scegliere in base all’età del cane. La coppetta contiene 100 g di prodotto, ideali per un piccolo pasto che può essere consumato dalla confezione, che si apre in 4 falde e funge da ciotola. Una novità adatta anche per le gelaterie interessate ad ampliare il numero dei clienti con una proposta studiata per i loro quadrupedi, da mettere in vetrina accanto ai gelati in vasetto”. naturaicedog.com – gelatoofficinale.it

36



bito. Un esempio è l’acquisto e l’utilizzo del latte di capra, interessante perché caratterizza a livello di scelta e di gusto i nostri gelati. In laboratorio poi ottimizziamo tutto il possibile. Due esempi: l’utilizzo delle bucce di mandorla, per produrre il gelato, e delle sue fibre, ottenute con l’estrattore, per fare i biscotti; in stagione, l’impiego delle zeste di limoni e arance che utilizziamo quanto il succo, per produrre acque profumate per gelati, sorbetti e granite, che fanno la parte del leone nelle vendite estive. Di recente ho preparato una granita con sole bucce di limoni messe in infusione. Quanto al packaging ecosostenibile, scelta compiuta da tempo, nonostante i costi elevati acquistiamo tutti gli accessori per gelati e granite e le vaschette d’asporto in materiali compostabili. Le compriamo belle, di forma ovale, così che piacciano ai clienti, non vengano buttate e si possano riutilizzare come contenitori a casa. Oltre a ciò, serviamo al tavolo gelati e granite nelle coppe in vetro, così che, oltre alla diversa eleganza rispetto alla plastica, sia possibile evitare cumuli di contenitori da differenziare”. SOLUZIONI ANTI-SPRECO E RIUTILIZZI È sensibile all’argomento il toscano Luca Bernardini, docente di “pasticceria sottozero”, e nella sua attività si applica con convinzione a mettere in pratica comportamenti sostenibili. “Ci sono molte misure da mettere quotidianamente in atto in laboratorio, redigendo una sorta di protocollo da attuare in base alle varie esigenze che diventa poi automatico realizzare. Tra queste la prima consiste nel limitare lo spreco di prodotto, riutilizzando ad esempio i ritagli del pan di Spagna, spesso

buttati perché non li si sa gestire. Questi possono infatti essere recuperati per la produzione di nuovi dolci. Altro tema essenziale è l’utilizzo, ove possibile, della totalità degli ingredienti. Un’importante occasione di recupero è data dal fatto che, per diverse preparazioni, si dividono i tuorli dagli albumi: questi ultimi possono essere impiegati per le creme utili per ricette anche di gelato a cui, magari, non si aveva pensato. Parlando di cacao occorre dire che la sostenibilità va applicata a tutta la filiera, acquistando con intelligenza e utilizzando tutte le parti della fava di cacao: la buccia può servire per aromatizzare tè, latte o panna per fare dei dolci, mentre la cáscara per preparare infusioni”.

DOLCI INCONTRI ALLA MIG Alla Mostra Internazionale del Gelato di Longarone, Bl, TuttoGelato e Pasticceria Internazionale sono presenti come da consuetudine con il Centro Studi Gelato Artigianale di Agugliano, An, portando avanti la condivisa volontà di diffondere cultura attraverso momenti di incontro, di riflessione e di degustazione. Nel salotto Dolci Incontri, il nostro Martino Liuzzi è l’anima di un fitto programma formativo che celebra il gelato artigianale italiano in tutti i suoi aspetti, con un occhio di riguardo sempre rivolto alle giovani leve. mostradelgelato.com

38

E.B.


22.01.22 QUESTO E’ L’INIZIO DI QUALCOSA DI STRAORDINARIO.

www.staff1959.com


TENDENZE

GUSTOSAMENTE SOSTENIBILI Ricette nel segno della semplicità e dell’utilizzo integrale di ogni parte dell’ingrediente

Il gelato semplice: latte di capra e miele latte di capra pastorizzato e non omogeneizzato (non UHT) l 1 zucchero semolato g 130 miele d’arancia “Quintessenza” Thun g 160 farina di semi di carruba g 8 sale marino g 2 Unire le polveri e mescolarle. Versare nel latte. Miscelare con un mixer tutti gli ingredienti. Mantecare. Se piace, variegare con qualche goccia di miele d’arancia.

Particolarità Una ricetta che, afferma il suo autore, è “un omaggio ad Andrea Paternoster, geniale apicoltore”, nel segno della semplicità, frugalità e massima valorizzazione dei sapori del latte e del miele, con le sue note floreali. Nella foto, le palline di gelato sono arricchite, sul fondo della ciotola, da un cucchiaio di riso croccante all’arancia bionda e decorate con un filo di sciroppo di cottura del riso e qualche chicco. Corrado Assenza Caffè Sicilia, Noto caffesicilia.it foto Brambilla-Serrani

Granita mare di mandorla acqua e fondo di cottura cozze e vongole g 735 mandorle g 200 saccarosio g 50 olio g 10 sale g 5 fibra di mandorla estratta qb sale grosso qb Cuocere vongole e cozze (con un po’ d’olio e prezzemolo) fino alla loro apertura. Tenere da parte i gusci, da utilizzare come contenitori. Filtrare il fondo di cottura e lasciarvi in ammollo le man40


PASTICCIERI A CARATE BRIANZA Quando la passione e l’esperienza lavorano insieme, possiamo aspettarci solo un capolavoro. Da 70 anni Icam Linea Professionale e Agostoni ispirano la creatività di pasticcieri, cioccolatieri e gelatieri di tutto il mondo. Ripartiamo dall’origine del gusto. Ripartiamo dal cioccolato italiano.


dorle per 24 ore. Filtrare e procedere all’estrazione del succo, da usare in ricetta, lasciando da parte la fibra che serve per lo scrub. Unire al succo saccarosio, olio, sale, frullare e procedere alla mantecazione. Impiattamento Adagiare su ciascun guscio una vongola o una cozza, accompagnandola con quenelle di granita e zest di limone. Particolarità Una ricetta speciale, in cui sono utilizzate integralmente tutte le parti degli ingredienti. Grazie a questa specificità, la granita è stata premiata nella sezione Sostenibilità di “The Green Cream Contest”, organizzato dall’Associazione Tempi di Recupero, in occasione di Host a Milano. Giovanna Musumeci e Ida di Biaggio Pasticceria Musumeci Randazzo, Ct santomusumeci.it

Leonardo Di Carlo rompe nuovamente gli schemi ed irrompe con un nuovo manuale di quasi 1000 pagine, ed oltre 1000 ricette, per scandagliare le potenzialità infinite della pasticceria sottozero e della gelateria, fra semifreddi, mousse, bavaresi, gelati, sorbetti, granite, ghiaccioli…

€160

42

shop.chiriottieditori.it


GELATIERE A CHIAVARI 3 Coni Gambero Rosso 2017 / 2018 / 2019 / 2020 / 2021

Quando la passione e l’esperienza lavorano insieme, possiamo aspettarci solo un capolavoro. Da 70 anni Icam Linea Professionale e Agostoni ispirano la creatività di pasticcieri, cioccolatieri e gelatieri di tutto il mondo. Ripartiamo dall’origine del gusto. Ripartiamo dal cioccolato italiano.


L’A L T R O PENSIERO

L’IMPORTANZA DELLA SOBRIETÀ Sobrietà ed eleganza sono valori importanti anche nel nostro settore. Per sobrietà qui intendiamo sostenibilità e quando le aziende investono su questo o su altri temi di impatto sociale positivo, favoriscono lo sviluppo socio-economico circolare. Per fare un esempio, se potessimo tornare indietro di 40 anni potremmo verificare che le aziende di semilavorati erano meno consapevoli rispetto a quanto lo sono oggi. All’epoca, infatti, distribuivano quantità enormi di campioni di polveri e gusti in pasta, per abituare i gelatieri ad utilizzare quei prodotti, ma inevitabilmente si producevano sprechi. Negli anni, però, hanno trovato modi più sostenibili per evitarli e/o ovviare al “cattivo” utilizzo dei campioni. E così, grazie a coloro che hanno saputo adattarsi ai nuovi trend ed adottare comportamenti più responsabili, anche il mercato del gelato artigianale si è messo al passo coi tempi. Si tende a sprecare meno rispetto al passato e, fortunatamente, si riescono a sviluppare concetti, formulazioni e ricette basate sulle esperienze vissute e sul trasferimento delle conoscenze, agendo in modo nuovo e mirato al valore umano. E, di riflesso, le aziende moderne, evolute o, se preferite, smart, ottengono benefici. Ovvero pubblicità gratuita per aver applicato il doveroso “gesto” della sostenibilità. È un po’ come quando alcune grandi aziende regalano dei PC ai Paesi poveri. Oltre ad aiutarli, creano dei nuovi consumatori ed un nuovo mercato. Continuando a parlare di sviluppo, nell’articolo 9 della nostra Costituzione si legge: “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”. E io mi sono chiesto: questo principio riguarda anche il gelato e il mondo del food? Secondo le mie limitate conoscenze o, per meglio dire, in base al mio modo di vedere i principi fondamentali della Costituzione, senza dubbio sì! Il gelato artigianale di tradizione italiana appartiene alla nostra cultura ed è anche un patrimonio indiscutibile di cui tutti noi dobbiamo prenderci 44

cura. Non dimentichiamo che è fonte di ritrovo, aggregazione, gioia, incontri e festeggiamenti. E se la cultura è il patrimonio di cognizioni ed esperienze acquisite da un individuo tramite lo studio e la vita di relazione, utili alla sua formazione e alla consapevolezza circa il suo ruolo all’interno della società, il vero artigiano deve sentirsi orgoglioso di essere definito tale. Da qui la necessità di investire sulla promozione e sullo sviluppo, sociale e culturale (e quindi anche artigianale), in modo da consegnare alle future generazioni strumenti validi e potentissimi. Si parla spesso di cambiamenti nel nostro settore, ma ho la certezza che essi dipendano dalla nostra disponibilità a cambiare. Se si continua a fare le stesse cose tutti i giorni, se, ad esempio, prepariamo o presentiamo le nostre creazioni sempre allo stesso modo, se non riusciamo ad evitare la volgarità, allora non possiamo dire di volerlo fare veramente. Al contrario, non stiamo facendo nulla per custodire o diffondere la nostra cultura. La preparazione, la presentazione, la quantità servita e la qualità sono elementi che identificano la nostra artigianalità, il nostro modo di operare e di essere. Vorrei infine tornare brevemente all’articolo citato della Costituzione. C’è un altro elemento che mi colpisce, frutto di una precisa scelta lessicale: il riferimento alla “Repubblica” anziché allo “Stato”. Cosa significa? Esprime forse l’intento di prevenire un’eventuale, eccessiva, ingerenza regionale in materia? A ben vedere, il riferimento alla “Repubblica” può assumere un significato ulteriore, ben più profondo. Cioè la volontà di coinvolgere non solo i pubblici poteri ma l’intera collettività, nella promozione e nello sviluppo dei settori menzionati, all’insegna di una tutela attiva del nostro patrimonio storico, artistico, naturalistico e culturale. Simpaticamente, da Sydney Luigi De Luca, JP Business & Community Facilitator luigi.ficaus@gmail.com



ENTREMETS A STECCO

Il gelato su stecco realizzato con Gel01 firmato Silikomart Professional può diventare... XXL! Grazie al modello Stecco 01 XXL 765 è infatti possibile ottenere un entremets da 185x95x60 mm e 765 ml di volume, che ne riprende l’iconica forma. Con la placca in materiale termoformato si può aggiungere lo stecco in cioccolato, per un effetto ancora più realistico e di maggiore originalità. professional.silikomart.it

VARIETÀ GELATA

Per soddisfare le esigenze dei professionisti della gelateria, Gruppo Eurovo propone la linea Bakery Innovation: semilavorati a base di uova 100% italiane di categoria A e da allevamento a terra, da filiera interamente controllata e ideali per chi cerca alte performance. In particolare, Pâte à Bombe e Meringa Evolution possono essere utilizzati per produrre e alleggerire diverse preparazioni, tra cui gelati, parfait e sorbetti. A base di tuorlo d’uovo pastorizzato con una miscela di zuccheri, sono disponibili in brik da 1250 g e si conservano a temperatura ambiente, con shelf life di 12 mesi. eurovoservice.com

Numerose sono le referenze Fructital, che dal 1922 offre ingredienti composti per gelateria e pasticceria. La Linea Pocket include 12 paste in confezione da 1 kg, permettendo di ampliare in modo versatile la gamma di gusti; la Linea Origine comprende miscele base per gelati che si contraddistinguono per l’alta percentuale dell’ingrediente caratterizzante. Fra queste, la nuova Yogurt Origine, per gelati con il 65% di yogurt, da abbinare a Variegato Passion Fruit. Sul fronte monorigine, il Fondente Madagascar è per sorbetti al cioccolato da realizzare con la sola aggiunta di acqua, mentre, per gli amanti del gusto latte, il prodotto con il 40% di cioccolato concato dà un gelato dal sapore intenso, da abbinare con Variegato Lampone. La Linea Coperture Élite include la nuova Copertura Elite Extra Bitter priva di latte e derivati, senza zuccheri aggiunti, non solo per stracciatella,

46

PER IL SETTORE ARTIGIANALE

ma anche per gelato su stecco e per copertura di dessert a temperatura negativa. Ad arricchire si aggiunge Variegato Gran Nocciola, privo di latte e derivati, senza zuccheri aggiunti, che si distingue per l’alta percentuale di nocciole varietà Tonda Gentile delle Langhe Trilobata in pezzi, ed è suggerito in abbinamento con il gusto gianduia. Nocciola Gran Tostata è invece una pasta pura 100%, nata da una selezione di nocciole italiane, caratterizzata da un processo di tostatura intensa che ne esalta le peculiarità aromatiche. Infine Gelée Top è utile per gelée da farcitura e da decorazione di dessert a temperatura negativa. fructital.it



70 ANNI DI DEDIZIONE

Nata in Sicilia nel 1951 da un’intuizione di Carmelo Di Bartolo, l’azienda si è specializzata negli anni grazie alla determinazione del figlio Rosario e dei suoi tre figli, fino a diventare oggi un punto di riferimento nel settore dei semilavorati alimentari. Dopo un inizio nel mondo degli agrumi, nel 1989 nasce il secondo stabilimento dedicato alla trasformazione della frutta secca proprio per volere di Rosario che, incuriosito dalle colture autoctone, si dedica alla loro valorizzazione. Il ventaglio di proposte diventa con il tempo sempre più ampio, abbracciando diverse tipologie di semilavorati. L’azienda, oggi nota in ambito nazionale e internazionale, risponde alle esigenze del mercato attraverso una rinnovata fedeltà alle proprie radici, come dimostrano le lavorazioni a base di prodotti tipici, quali mandorla di Avola e pistacchio di Bronte, cioccolato di Modica Igp e i rinomati agrumi di Sicilia. “Esperienza, tenacia e passione nel perseguire l’eccellenza e massima attenzione ai dettagli ci contraddistinguono – afferma Rosario Di Bartolo, AD – e la nostra forza risiede nei rapporti di fiducia con dipendenti, fornitori e con i preziosi clienti. Il 70° anniversario è un bel traguardo, soprattutto in un momento storico così delicato. Sappiamo di essere in una posizione privilegiata lavorando nel settore alimentare e, per questo, continueremo a impegnarci con dedizione per fornire prodotti sempre più innovativi, gustosi e sicuri. Per farlo stiamo investendo in nuovi impianti dotati di tecnologie atte a garantire processi di lavorazione sempre più sicuri, che ci permettano la realiz-

zazione di prodotti misurati alle richieste della clientela e, allo stesso tempo, standardizzati. Inoltre, stiamo già da anni riformando il nostro assetto organizzativo, dotandolo di risorse specializzate e periodicamente formate, che possano supportarci in questo sfidante processo di crescita”. dibartolosrl.it

UNICO INTERLOCUTORE, DUE BRAND

Azienda di Mirabello Monferrato, Al, che progetta e produce vetrine ed espositori refrigerati per il mondo Ho.Re.Ca e F&B, dal 2022 Mondial Framec amplia la proposta commerciale: un unico interlocutore, due proposte per le più svariate esigenze. “Sono due i marchi dai quali attingere – spiegano –: Mondial, brand che, rispecchiando la sua estetica, vivace, flessibile e variopinta, è un riferimento per chi vuole non solo avere convenienza e disponibilità immediata di magazzino, ma anche la gamma completa. La sfumatura del logo infatti riprende l’arcobaleno di colori che rappresentano le aree di prodotto: azzurro (ice&pastry), verde (market), amaranto (wine), arancione (beverage) e viola (kitchen & catering). Framec invece prosegue il percorso che da qualche anno è

48

stato intrapreso ed è un brand sempre più attento a coloro che ricercano design, estetica e performance, ponendosi come alternativa vantaggiosa alla fascia medio-alta. L’obiettivo è quello di diventare con i due marchi un punto di riferimento per la clientela, aumentando il ventaglio di proposte fornito al momento e lanciando un messaggio chiaro sui due posizionamenti di mercato dei rispettivi brand”. mondialframec.com


Percorsi

F O R M AT I V I

IL FUTURO DELLA FORMAZIONE Nel corso della tavola rotonda alla presentazione de L’Arte del Gelato, si è parlato della formazione professionale e di come potrebbe essere definita sulla linea dei MOF Ad inizio novembre a Casalecchio di Reno, Bo, in occasione della presentazione del libro L’Arte del Gelato per Slow Food Editore, presso il laboratorio didattico Gelato Cult si è riunita una cinquantina di professionisti da tutta Italia. Nell’occasione è stato lanciato il tema della formazione, ponendo una domanda: cosa accadrebbe se ci fosse un percorso di conoscenza definito e ufficiale per essere chiamati Maestri Gelatieri? La nostra figura professionale potrebbe essere finalmente riconosciuta e anche l’adozione del termine Maestro potrebbe avere un senso, che oggi ancora non ha. Ma come? Immaginiamo che ci siano un programma di studi oppure competenze definite, che un professionista dovrebbe saper dimostrare in una sessione di esame, per guadagnarsi la qualifica. E che questa possa essere riconosciuta e assegnata da un’istituzione pubblica, magari nell’ambito di un’università. Pensiamo ad una commissione esaminatrice composta da esperti titolati in ciascuna materia: laureati in chimica, in merceologia, in scienze dell’alimentazione, in ingegneria, economia aziendale, scienze del comportamento e così via. E che il percorso di forma-

zione non sia semplicissimo, ma che preveda mesi, se non anni, di studio e applicazione pratica, per superare l’esame finale composto da test teorici e da prove pratiche. Ipotizziamo che i candidati possano accedere al titolo solo avendo raggiunto un determinato punteggio e che questo riconoscimento sia per la vita, permettendo loro di essere autorevoli nello svolgimento della professione… Ecco, forse qualcuno si sarà reso conto che stiamo parlando di un possibile MOF italiano.

49


SULLA LINEA FRANCESE In Francia esiste da circa 100 anni il riconoscimento di Meilleur Ouvrier de France (miglior operaio di Francia), un titolo unico al mondo, che interessa 200 professioni artigiane, tra cui quelle di pasticciere e gelatiere, e che ne difende i valori, promuovendo “l’intelligenza delle mani”. Non sarebbe bello che ci potessimo provare anche noi, in Italia? Sarebbe un cambio totale di prospettiva rispetto a quanto si è cercato di fare nel nostro Paese, che consisterebbe nel passare dalla tutela di un prodotto a quella del suo artefice, accertandone le capacità in modo da valorizzarne la figura professionale. I francesi ci sono riusciti non solo per via del loro spiccato nazionalismo, ma perché hanno deciso di puntare sulla persona e sulle sue competenze, non solo sul prodotto. Forse dovremmo anche noi riflettere sul fatto che, per tutelare l’artigiano, non è sufficiente identificare un insieme di regole o selezionare alcune classi di ingredienti: ingabbiare un prodotto in un disciplinare fatto di percentuali e ingredienti definiti non è detto che stimoli lo sviluppo e la crescita, semmai potrebbe addirittura limitarla. Potremmo invece definire le competenze di chi questo prodotto lo sa valorizzare, come simbolo di una determinata cultura locale e nazionale con oltre 500 anni di storia, ma che ancora non possiede una sua identità professionale riconosciuta. Roberto Lobrano roberto.lobrano.com

BURRO SPECIALE

Frutto di ricerca, la gamma di prodotti Debic spazia dalle panne ai burri ed è in grado di coprire le svariate esigenze dei professionisti. Un occhio di riguardo è riservato al mondo della gelateria con più soluzioni, come nel caso di Burro Concentrato Ice Cream Debic, per la produzione in stile italiano. Inodore e incolore, lascia spazio al gusto scelto per la personalizzazione e, grazie alla consistenza morbida e cremosa, la lavorazione risulta semplice. Inoltre, è un prodotto adatto non solo per il gelato ma anche per ganache, praline, basi croccanti e creme spalmabili. Burro speciale a base di panna fresca di centrifuga, ottenuta da latte vaccino crudo, assicura funzionalità, praticità e alta qualità al servizio della creatività. debic.it

50

In 100 ricette Roberto Lobrano cura il libro L’ARTE DEL GELATO, 100 ricette per tutto l’anno (slowfoodeditore. it, pag. 223 - € 29). Dopo il Glossario delle tecniche e degli ingredienti, sono quattro i capitoli corrispondenti alle stagioni, con 100 ricette, due per ciascuno dei 48 gelatieri coinvolti, e 4, una per stagione, di Lobrano. “Si tratta di uno spaccato delle diversità ‘artistiche’ del gelato – spiega l’autore –, dove i professionisti hanno affrontato le tecniche e gli ingredienti ognuno in modo diverso, offrendo una propria interpretazione di fantasia e dimostrando competenze poliedriche e difficilmente catalogabili in un regolamento legato solo al prodotto. È un importante progetto per destagionalizzare e celebrare la biodiversità italiana attraverso l’arte del gelato artigianale, facendone capire al tempo stesso la complessità e la semplicità”.


più

E R I S P T TO per gli uomini e per la terra

frutta

fino ai produttori e alle varietà presentate

puree

F R U T TA A L 1 0 0 % I D senza zuccheri aggiunti e senza additivi

Con le nostre puree, noi di Adamance vogliamo farvi ritrovare tutta la bontà della frutta matura, condividere con voi i suoi segreti e quelli dei nostri produttori, in modo che siate fieri di integrarla alle vostre creazioni e possiate raccontarne le diverse storie ai vostri clienti. Come quella della nostra fragola in purea, 100% francese, senza zuccheri aggiunti e senza additivi.

Con Franck, produttore di fragole nell’Isère da 5 generazioni, abbiamo scelto la varietà Magnum per la sua golosità. Associata alla varietà Charlotte, dagli aromi muschiati e raccolta a piena maturità, otteniamo una purea di fragole che rievoca i dolci ricordi della nostra infanzia. E perché possiate condividere questo piacere con i vostri clienti, abbiamo reinventato il cremoso con l’80% di fragola. Le nostre ricette e i nostri produttori di Pera, Pesca, Ribes nero, Mango ecc… vi aspettano sul nostro sito.

più

S E RV I Z I per reinventare la frutta nella gastronomia

@adamance_fruits Valrhona Italia SRL servizioclienti@valrhona-selection.com / +39 02 317336

Crediti fotografici: © Guillaume Czerw, Yacine Ben Jannette

T

CIATA AL 100 % C A R

Frutta in purea per professionisti impegnati


GAMMA MONORIGINE

È in Messico che Icam si è spinta per riscoprire il potenziale genetico e la qualità aromatica delle cabossidi della Sierra de Tabasco e del Chiapas. E, come in altri Paesi (Uganda, Perù, Repubblica Domenicana…), anche qui contribuisce alla gestione della raccolta e della fermentazione al contempo tracciabili e sostenibili, ottenendo il fino de aroma Agostoni Monorigine Messico Fondente 68%. Esso rivela un profilo cacaoté equilibrato, con amarezza bilanciata e astringenza minima. Una delicata acidità sottolinea le note di frutti gialli freschi, bilanciate da sentori di tabacco e di affumicato, arricchite sul finale da profumi di spezie. È raccomandato in gelateria per la sua fluidità, la lucentezza e la facilità di lavorazione. Si presta per la realizzazione di gelati dal gusto

POSTAZIONE COMPLETA

Synthesis 2 è il nuovo sistema modulare Carpigiani che permette di produrre, conservare e servire il gelato in un’unica soluzione davanti ai clienti, senza interrompere la catena del freddo. Il modulo base consiste in una postazione completa con due cilindri indipendenti, dotati delle funzioni per pastorizzare e mantecare la miscela e conservare staticamente il gelato, ed è possibile programmare per ogni cilindro la temperatura ottimale di conservazione. Grazie al display LCD con i programmi preinstallati e il controllo di consistenza brevettato Hard-O-Tronic, si possono monitorare i valori della consistenza programmata e quella del gelato in mantecazione, e ogni modulo è dotato di sistema di lavaggio a caldo e a freddo e di asciugatura. Il sistema è integrabile in ogni ambiente senza lavori di ristrutturazione o la necessità di avere un grande laboratorio: l’installazione è facilitata da ruote che agevolano lo spostamento della macchina all’attacco monofase e, inoltre, è possibile combinare i moduli base da due cilindri per un banco di gelateria completo. Presente alla MIG (pad D), l’azienda ospita i propri tecnici e i docenti della Carpigiani Gelato University per illustrare questa e altre macchine, oltre a dare spazio ai concessionari di Triveneto e Germania (Vecogel, Dreidoppel, Centro Servizi del Gelatiere, Extracooking, Frigogel e G.P. Zannin), dando particolare risalto alla rete vendita per il mercato di riferimento. carpigiani.com

52

intenso e avvolgente di cacao e cioccolato, oltre che per gustosi sorbetti e semifreddi. Con questo fondente si completa la gamma di cioccolati del brand premium Agostoni, che mette a disposizione dei professionisti linee complete monorigine come polvere, pasta e copertura National Arriba; pasta e copertura Uganda; polvere, gocce e copertura Perù. icamprofessionale.com - agostonicioccolato.it

PIACERE E VERSATILITÀ

Grace è la nuova vetrina FB, marchio del Gruppo Clabo, “l’ultimo frutto della nostra voglia di ricercare funzionalità e design, comodità e bellezza. In una sola parola: piacere – dichiarano in azienda –. Un piacere dei cinque sensi: la vista con la pulizia delle linee estetiche, discrete in ogni contesto, il tatto grazie a materiale pregiati, l’udito perché anche il suono della chiusura delle ante è stato oggetto di ricerca. E poi olfatto e gusto, essendo in grado di esaltare i prodotti che sono parte integrante della vetrina”. Il modello coniuga le performance tecnologiche ad un’esposizione ricercata, grazie all’impiego di materiali innovativi, texture contemporanee, linee e dettagli precisi. Trasparenza dei vetri e linee rigorose garantiscono una durevole accessibilità e ne fanno una vetrina capace di adattarsi in modo multifunzionale: in 89 cm di ingombro esprime tutta la versatilità, fra gelateria (0/-20°C), pasticceria (+2/+16°C, con la versione con controllo umidità per praline) e gastronomia (versioni Ambient e Caldo Secco). “Grace ha il nome di un’attrice, simbolo di bellezza, sensualità e amore; lo stesso amore che FB mette a servizio di professionisti, che lavorano con passione per riempire la vetrina con le loro creazioni”. clabo.it/i-marchi-gruppo-clabo/fb/


#FaravelliFoodDivision

BEHIND

GREAT

SATISFACTION ARE ALWAYS

GREAT

RAW MATERIALS

ZUCCHERI - DOLCIFICANTI INTENSIVI - AROMI - FIBRE DECORAZIONI E FILLING - GELIFICANTI - EMULSIONANTI ADDENSANTI - ACIDIFICANTI - STABILIZZANTI - LATTE E DERIVATI - VITAMINE - AROMI CONSERVANTI ANTIOSSIDANTI - PROTEINE - MINERALI - ATTIVI FUNZIONALI - SISTEMI FUNZIONALI FARA®

Gli ingredienti per gelato e pasticceria distribuiti da Faravelli ti aiutano a raggiungere la ricetta perfetta, proprio quella che stai cercando: golosa, sana, innovativa, sostenibile. La ricetta che rende ogni cliente soddisfatto e felice.

“Abbiamo scelto di lavorare con partner che come noi credono nell’importanza di una produzione consapevole e sostenibile”.

VIA

MEDARDO

ROSSO,

8

-

20159

MILANO

-

W W W. FA R AV E L L I . I T

-

F O O D @ FA R AV E L L I . I T


RIVOLUZIONE PRINCIPESCA

Principessa è la macchina mantecatrice per gelato e granita siciliana che consente la lavorazione del prodotto direttamente in carapina standard. Il suo movimento, variabile e controllabile, riproduce idealmente il lavoro delle braccia dell’artigiano. È frutto del lavoro di Motor Power Company, azienda fondata nel 1989 ad opera di Stefano Grandi, specializzata nella produzione di soluzioni per l’automazione. Qualche anno fa, MPC si è accostata al mondo del gelato e della gastronomia, applicando in modo non convenzionale soluzioni tecnologiche sperimentate in altri contesti. Prima macchina mantecatrice ad impiegare la tecnologia direct drive sul sistema di agitazione, permette l’eliminazione della catena cinematica ed elevate prestazioni, aumentando la versatilità di movimento. L’eliminazione del raffreddamento ad acqua e del lavaggio della macchina tra un ciclo e l’altro porta inoltre al 100% di risparmio idrico e anche i consumi energetici sono abbattuti drasticamente. La mantecazione avviene in un solo contenitore, la carapina, lo stesso dove gli ingredienti sono miscelati: senza estrazione del prodotto, questo può essere riposto nel banco di conservazione e distribuzione. La macchina è dotata di ricettario componibile e richiamabile, che lascia al gelatiere la scelta del livello di interazione con la preparazione della ricetta. La macchina è manutenibile anche in remoto e dotata di un proprio Cloud.

Principessa Combo è la stazione di mantecazione mobile che include sia la fase della produzione che quella della conservazione, decidendo che consistenza dare al gelato, con quale texture caratterizzarlo, a che temperatura estrarlo e poi servirlo. Basata sulla tecnologia già utilizzata su Principessa, è corredata anche dei pozzetti di conservazione, dotati di un’innovativa tecnologia che, come il mantecatore, non utilizza glicole per il raffreddamento. Al loro interno il freddo statico conserva al meglio il gelato, grazie ad una temperatura ideale e costante. Anche Combo non necessita di allaccio idrico, ma solo dell’alimentazione elettrica. Grazie alla struttura versatile e mobile, dotata di ruote, Principessa Combo è adattabile a qualsiasi contesto e sperimentazione. motorpowerco.com

IL GELATO CHE CERCAVI 252 pagine con foto a colori e ricette € 50 - App per iPad € 22,99

shop.chiriottieditori.it 54

Pubb Il gelato che cercavi_Liuzzi_1/2.indd 1

15/11/21 16:36


Kitchen Strategy

Principessa Combo è la nuova stazione di mantecazione mobile corredata con i pozzetti di conservazione. Per il suo funzionamento non necessita di allaccio idrico, ma solo della tradizionale alimentazione elettrica. Grazie alla struttura versatile e mobile, dotata di ruote, Principessa Combo è adattabile a qualsiasi contesto. L’eliminazione del raffreddamento ad acqua e del lavaggio della macchina tra un ciclo e l’altro permettono inoltre il 100% di risparmio idrico. E anche i consumi energetici sono abbattuti drasticamente fino a diventare i più contenuti della categoria. Principessa Combo accompagna il gelatiere in tutte le fasi, dalla creazione fino alla conservazione: avvicinarsi a Principessa Combo, vuol dire avvicinarsi innanzitutto ad un modello di business moderno per la gelateria. info@principessagelato.it

Ph: G. Caruso

PRINCIPESSA COMBO. LA nuova sfida È fare il gelato ovunque tu voglia.


APRO

ANCH’IO

GELATERIA PACE piazzetta Alto Pevero - loc. Sottovento Porto Cervo, Ss Ha aperto in luglio in Sardegna, sulla Costa Smeralda, Giovanni Pace, figlio d’arte, coadiuvato dai figli Dario, pasticciere, e Fabrizio, barman, e dalle loro mogli. Dotato di laboratorio a vista, il raffinato lo-

Il laboratorio a vista.

Una stagione che prosegue fino a dicembre, in cui continuiamo nella produzione dei panettoni, sempre molto richiesti”, commenta Pace. facebook.com/Gelateria-Pace-PortoCervo

Giovanni Pace, il primo da sinistra, con i figli Fabrizio e Dario, a destra, e le loro mogli.

cale spazia su 150 m2 oltre alla terrazza, con arredi dai colori pastello e bancone con inserti in legno, vetrine Ciam, decori a losanghe delle piastrelle, pavimento in gres… Diversificata la produzione di lievitati, in particolare il panettone farcito con gelato, di pasticceria dolce e salata, e di torte; molte le specialità siciliane, 18 gusti di gelato in pozzetti e 6 tipi di granite. “Sono stati mesi di intenso lavoro compensato dal grande apprezzamento dei clienti. 56

CORONA ALTA PASTICCERIA GELATERIA piazza Fratelli Bandiera, 13 - Milano Formatosi presso i Maestri della Gelateria Italiana, Alessandro Corona ha aperto a inizio novembre Corona Alta Pasticceria e Gelateria, puntando su elevati contenuti, tecnici ed estetici, a partire dalla collocazione centrale in zona Porta Venezia. Lo spazio misura 240 m2 totali, suddivisi fra negozio con una ventina di posti a sedere, laboratorio di pasticceria al di sotto e laboratorio di gelateria attiguo, con parco macchine e abbattitori aggiornati anche in tema di risparmio elettrico e idrico. Il dehors con altri 20 posti è reso accogliente da lampade riscaldanti. L’arredo è firmato CierreEsse. Con lui uno staff di una decina di persone a pieno regime e l’offerta si sviluppa attraverso colazioni, pasticceria dolce e sa-


C=100 M=75 Y=33 K=22 C=4 M=83 Y=100 K=1 C=0 M=17 Y=100 K=0 C=0 M=0 Y=0 K=0


Veduta frontale del banco di pasticceria di Corona Alta Pasticceria e Gelateria.

lata, light lunch, tè, gelati artigianali custoditi in 18 pozzetti e aperitivi. Egli non nasconde infatti l’ambizione all’eccellenza anche in fatto di prodotti utilizzati (pistacchio DOP di Bronte Caudullo, nocciole Piemonte IGP, limoni di Amalfi, vaniglia Bourbon del Madagascar…) e di attenzione per l’ambiente, attraverso l’impiego di accessori compostabili e pack in carta riciclata.

e i frutti del territorio, la musica e la sensibilità artistica di un professore, Michele Serrani, mio fratello; la ricerca dello stile e della raffinatezza, il legame con la tradizione e la contaminazione con la cultura gastronomica del nostro Sud di un’imprenditrice di moda, Stefania Lombardi; la creatività, l’estro artistico e l’imprenditorialità di un architetto, che sono io”. Dopo lo storico negozio di Sirolo, An, a fine luglio i tre soci hanno aperto nel centro di Osimo. Il laboratorio di 70 m2 circa con magazzino è dotato di macchina combinata, abbattitori, conservatori, frigoriferi, doppio lavandino, lavastoviglie e forno. “Ampi spazi in cui lavorare e creare – aggiunge Serrani –. Per scelta, nella zona vendita non ci sono tavoli, invece presenti nel dehors, e abbiamo deciso di utilizzare la vetrina a pozzetto, invece delle vaschette come a Sirolo. La gestione diversa è complessa, ma questa nuova esperienza ci convince di aver fatto la scelta giusta. Qui possiamo destagionalizzare

IL BASSOTTO via Campana, 5 - Osimo, An “La nostra gelateria – esordisce Barbara Serrani – è il frutto di tre percorsi: l’amore per la natura

Il banco dei gelati.

Inaugurazione della nuova gelateria Il Bassotto a Osimo con i tre soci – Barbara e Michele Serrani e Stefania Lombardi – e il sindaco Simone Pugnaloni.

58

l’attività, ampliando la produzione a torte, semifreddi e mono. Poi sarà il turno della cioccolateria. Per realizzare tutto ciò il gruppo di lavoro è stato ampliato con persone motivate, con l’obiettivo di lavorare bene e in famiglia”. E per i soci le novità non sono finite: “In estate abbiamo portato il nostro gelato in riva al mare a Portonovo, An. Esperienza che proseguirà l’anno prossimo con un format rivisitato, in linea con le nostre necessità e quelle dello stabilimento balneare”. ilbassottogelateria.com


·I_s"

SIIGIEP

lDOI.ClWOltt.OEXPO<:i

Colonia

Rimini

22-26/01/2022 HallC7 Sland 103-109-143

babbi.com

30/01-02/02/2022 Hall4.2

{i@)(mCJC!J

�GELATISSIMO Sloc:carda 05-09/02/2022 Hall 10 Sland 10Cl6

BOBBI SSSST

PICCOLI PIACERI QUOTIDIANI

1952


CIACCO GELATO piazza Steccata, 1 - Parma Stefano Guizzetti ha appena trasferito il negozio di Parma in una zona più centrale e lo ristruttura ex novo: il punto vendita aperto a metà novembre vicino a piazza Garibaldi può spaziare su due piani e contare su una sala da tè e su un dehors per un totale di circa 50 posti. Il negozio, che prende il posto di una cappelleria storica, si caratterizza per i colori pastello, per il tocco rétro della boiserie e per l’atmosfera in cui Stefano Guizzetti di Ciacco Gelato.

L’insegna del negozio di Parma trasferito in una zona più centrale.

convivono passato e presente. Qui Stefano e il suo staff puntano sulle colazioni con un’ampia offerta di lievitati, viennoiserie e dolci al cucchiaio da consumarsi in loco o da portare via. “A tutto ciò da fine febbraio si aggiungerà la proposta di dessert bar, con il gelato servito al tavolo come in un ristorante di livello per fare conoscere una nuova dimensione del gelato – spiega Stefano –. La squadra è cresciuta: abbiamo con noi una pasticcera formatasi ad Alma, che mi coadiuverà nelle varie preparazioni, mentre sarò io a preparare i lievitati”. E a breve sarà il turno del negozio di Milano. ciaccolab.it PASTICCERIA PANSA AMALFI piazza Duomo 40 - Amalfi, Sa Ad Amalfi c’è una nuova stella che brilla. Di fronte al Duomo di Sant’Andrea, la Pasticceria Pansa è la boutique dedicata al mondo del cioccolato e del gelato, dagli eleganti arredi e vista panoramica, per vivere momenti di degustazione di cru di cioccolato abbinato a distillati o sorbetti stagionali, accompagnati da bollicine italiane o francesi. Questa è l’ultima 60

(in ordine di tempo) tessera del mosaico creato dai Pansa che, in quasi duecento anni di attività, hanno fatto del brand di famiglia una realtà prestigiosa (foto Emanuele Anastasio). pasticceriapansa.it MAMÒ LAB via Gabrino Fondulo, 37 - Roma Nasce a Roma, in zona Pigneto, Mamò Lab, il nuovo capitolo di una storia che unisce da decenni due famiglie. Quarto locale gestito dai Mazzeo e dai Monaco – dopo le altre sedi di via Lorenzo il Magnifico (aperta nel 2005), Largo Antonio Beltramelli (2010) e via Tripoli (2016) – lo spazio ampio e moderno di oltre 200 m2 è progettato per divenire non solo un laboratorio all’avanguardia, ma anche un salotto, nel quale “appassionati, professionisti e protagonisti possono incontrarsi per tenere e seguire corsi, aggiornarsi e confrontarsi”. Così dichiara Cristian Monaco, responsabile produzione e formazione, coadiuvato dai fratelli Andrea, per comunicazione e attività legate alla vendita, e Simone, responsabile gestione logistica. Qui si opera seguendo i dettami della lista ingredienti corta. Una produzione giornaliera che consente di avere gelato fresco pronto ogni mattina, fra cui i gusti Zucchero e pinoli o Sicilia romana con pistacchio, mandorla e pistacchi pralinati. gelateriemamo.it/mamo-lab

I fratelli Monaco.


GEL14 - 3D Il primo gelato su stecco 3D

professional.silikomar t.com

M A D E I N I TA LY


A P P U N TA M E N T I

GELATO DAY Con il decennale della Giornata Europea del Gelato Artigianale, ogni anno il 24 marzo, parte il contest per firmare il Gusto dell’Anno 2022. Dolce Sinfonia sarà una variante del gelato a base cioccolato e nocciola, da arricchire con ingredienti del territorio, e toccherà a gelatieri di tutta Europa deciderne la ricetta, sfidandosi nel concorso organizzato da Artglace, in collaborazione con Longarone Fiere Dolomiti e Italian Exhibition Group. La prima selezione è al 61º MIG, mentre la seconda fase si svolgerà il 24 gennaio 2022 a Rimini, durante Sigep. La giuria sarà presieduta dal presidente di Artglace, Marco A. Miquel Sirvent, e composta da 4 professionisti, che valuteranno gli elaborati in base a quattro parametri: gusto, struttura, originalità della ricetta ed estetica della vaschetta. Il regolamento è su gelato-day.com SHERBETH FESTIVAL Ritorna in presenza la manifestazione siciliana punto d’incontro del gelato artigianale. Sherbeth Summit si terrà a Palermo il 13 e 14 dicembre. Ad un anno dalla Sherbeth Experience, con i giurati del Concorso Francesco Procopio Cutò che valutarono i gelati inviati da tutta Italia e non solo, ecco il ritorno dal vivo. Alla gara, incentrata sul tema La libertà, parteciperà un massimo di 50 gelatieri, i cui gusti saranno valutati da una giuria di cui farà parte anche Luigi Buonansegna, vincitore dell’edizione scorsa, insieme a uno chef stellato ed altri componenti. sherbethfestival.it SIGEP È tempo di competizioni a Sigep 2022, Dolce World Expo, in programma dal 22 al 26 gennaio a Rimini. Torna Gelato d’Oro, per individuare i gelatieri e pasticcieri per la squadra italiana che, in occasione della prima Gelato European Cup nel 2023, gareggerà per uno dei 12 posti disponibili alla 10ª Gelato World Cup - Coppa del Mondo della Gelateria a Rimini nel 2024. Termina infatti l’automatismo della partecipazione di diritto con lo svolgimento di fasi eliminatorie per accedere alla finale mondiale a squadre, composte ciascuna da un gelatiere, un pasticciere e un cioccolatiere. “La novità della Coppa europea – spiega Giancarlo Timballo, presidente della Gelato World Cup – si affianca alle altre due selezioni intercontinentali: la 4a Coppa latino-americana, a Buenos Aires nel giugno 2022, e la 2a Asian Cup, nell’aprile 2022 a Singapore. A queste se ne aggiungerà una negli USA. La Gelato European Cup renderà più severe le selezioni, con un 62

anno e mezzo per allenarsi”. “Un nuovo inizio per una nuova organizzazione – commenta Flavia Morelli, Group Exhibition Manager Food & Beverage IEG – che dà il via alla road to Sigep 2024 con la Gelato World Cup. Che è non solo una competizione, ma anche uno dei momenti formativi di più alto livello”. sigep.it - coppamondogelateria.it GELATISSIMO Dal 5 al 9 febbraio 2022 in Germania, negli spazi di Messe Stuttgart, torna GELATISSIMO, che metterà in scena moderne tecnologie, materie prime ed attrezzature d’avanguardia. Si svolgerà anche il Grand Prix GELATISSIMO, per il quale sono aperte le iscrizioni: durante le prime tre giornate i candidati si misureranno nella creazione dei migliori gusti di gelato al pistacchio, yogurt e fragola, e al vincitore di ciascuna categoria andrà una delle tre Vespe in palio, oltre a qualificarsi per il gran finale il 4° giorno, incentrato sul miglior gelato al cocco. Nel concorso Intercoppa, i tre finalisti 2022 si confronteranno con i migliori del 2018 e 2020 per il miglior gelato variegato all’amarena. Chi avrà la meglio si aggiudicherà una Fiat 500. messe-stuttgart.de/gelatissimo/en/visitors/grand-prixgelatissimo CAMPIONI IN ERBA Sesta edizione per la competizione ideata da Andrea Vescia, fondatore della scuola Delicati Equilibri, presso la Pasticceria Verga a Giussano, Mb. In programma il 21 febbraio, tema di Campioni in Erba sarà la nocciola, da esplorare in tutte le sue cultivar. Venti gli artigiani da tutta Italia: la lista delle iscrizioni, che si chiudono a metà gennaio, è quasi completa. Oltre al concorso, ci saranno momenti di incontro e di approfondimento sul gelato artigianale. delicatiequilibri.it TIRRENO CT Giunge all’edizione numero 42 Tirreno CT, a Carrarafiere dal 6 al 9 marzo 2022, fiera di riferimento per il mondo dell’accoglienza e per gli stabilimenti balneari, coinvolgendo ristoranti, bar, alberghi, pizzerie, gelaterie, pasticcerie. Previsti oltre 430 espositori in rappresentanza di circa 900 marchi su 40mila m2, a cui fanno da corollario convegni, seminari e workshop, campionati nazionali e internazionali di pasticceria, cucina, gelateria, pizzeria e barman. tirrenoct.it


402 Attrezzature e forniture per: Alberghi, Ristoranti, Bar, Gelaterie, Pasticcerie, Panifici, Pizzerie, Arredamento Contract

dal 6 al 9 Marzo 2022 Complesso fieristico di Carrara

42

Tel. 0585 791770 | Fax 0585.791781 www.tirrenotrade.it | info@tirrenotrade.it


Scatti social

# tuttogelato #pasticceriainternazionale

Segui

tutto_gelato_chiriotti Tutto sul gelato: Cultura, Amore & More www.tuttogelato.it

badgersbakery.com

brit.co

cakesdecor.com

catchmyparty.com

cookiedoughandovenmitt

matchaoutlet

RETROGUSTO

Nuove alleanze per il bene comune Ci siamo lasciati lo scorso numero con una riflessione sull’importanza del gioco di squadra e dello spirito di appartenenza. Ora facciamo un passo avanti, memori sia dei concetti espressi nei dieci punti del Manifesto della Colleganza, reso noto da Paolo Massobrio a Golosaria, sia delle considerazioni emerse dall’inchiesta sulla sostenibilità di questo numero. Nel decalogo dell’ideatore di Papillon si parla di una nuova alleanza che unisce produttori e botteghe, negozi di città e campagna intorno a un progetto per il bene comune. Se non lo fossimo stati prima, ora, dopo la pandemia, ne siamo ben consapevoli: ci si salva insieme in un’ottica di solidarietà e di colleganza, rifacendosi a valori di vita e lavoro sostenibili, che hanno ricadute reali e positive sull’ambiente, sulla comunità e su tutti gli anelli della filiera. Non solo nel lungo, ma anche nel medio termine, il successo e il business sono tali e duraturi soltanto se hanno “un impatto positivo sull’ecosistema, sul sociale e sulle altre imprese”, come affermato nel Manifesto. Si riparte quindi con entusiasmo, con progetti condivisi, attuando nuove sinergie, come già ne vediamo: si scrivono libri a più mani, si organizzano iniziative aperte, senza steccati o bandierine, scoprendo che la concorrenza, se leale, è stimolante, e passandoci il testimone per correre più veloci in una staffetta di comunità, del gelato o dei mestieri del gusto. Il tutto, come scritto in queste pagine, deve però improntarsi su valori senza tempo cari a personaggi-chiave come lo era Luca Caviezel, che ci ha lasciati poco meno di un anno fa, come naturalità e stagionalità, etica e relazione. Questo per vivere a pieno la colleganza, coltivando relazioni autentiche, possibilmente in presenza ora che di nuovo si può, legate anche al bene del territorio, fonte inesauribile di innovazione a condizione di coglierne i segnali in fatto di (ri)scoperta di persone e di opportunità non viste e comprese in precedenza, diventando così più saggi e più forti. Emanuela Balestrino www.tuttogelato.it

64


un prodotto, mille possibilità. Dalla ricerca Fugar, nasce Quenelle: il prodotto che semplifica la vita e offre mille possibilità. Puoi avere una vetrina sempre al passo coi tempi, seguendo la stagionalità, il trend del momento ed i gusti della tua clientela. Quenelle è il prodotto che si sposa perfettamente a frutta, creme e decorazioni per creare un gelato soffice e goloso.

QUENELLE, PIACEVOLI SENSAZIONI DI GUSTO PER IL TUO PALATO.

W W W. FU GAR . IT


La sicurezza e la qualità di sempre. Per i maestri del gusto.