Page 1

Una pic c o lissim a sto r ia

-

V o rr e i che mi r acco ntassi una sto r ia.

- C he ge ne r e di stor ia? - No n ha impo r tanz a, una sto r ia qualsiasi ... ma no n ne ce ssar iame nte de ve e sser e una gr ande sto r ia. Andr e bbe be ne anche picco la. Una picco lissima sto r ia. - Sì, d' acco r do , asco lta.. . lui s’ innamo r a di le i che è anco r a una r agazz ina. L e pr o po ne di se guir lo e la po r ta via co n sé . Vivo no insie me . L e i co n lui dive nta una do nna, po i se nte che qualco sa è cambiato per ché vie ne alla luce una par te di sé che no n cr e de va di ave r e e s’ innamo r a di una do nna. Ma pe r lui que sto r appr e se nta un tr adime nto che distr ugge il lo ro mo ndo per fe tto fatto di co mplicità , e d ine vitabil me nte il rappo r to si lace r a. Iniz iano co sì i pr o ble mi: le i è to r me ntata da se ntime nti co ntr astanti, lui dive nta ir ascibile e vio le nto e d alla fine le i lo lascia. - Lo lascia pe r andar e a vive r e co n l' altr a do nna? - No n so lo pe r que llo … - E’ una sto r ia tr iste . E’ inte r e ssante lo spunto sul le sbismo , ma mi ha me sso addo sso una gr an tr iste zz a. R acco ntame ne un’ altr a. - Va be ne , allo r a se nti que sta. .. due do nne so no innamo r ate l' una de ll' altr a. Fanno le pr o stitute , ma una de lle due , la più gio vane , sa be nissimo che que lla no n è la vita che de side r a, e se nte il biso gno di scappar e via alla rice r ca d’ avve ntur a e di una nuo va e siste nz a. Un gio r no par te , ma l' altr a no n la se gue . - E pe r quale mo tivo no n la se gue? - Ne ssuno lo sa... - Anche que sta sto r ia è tr iste . Pe ccato , pe r ché è intr igante quando par la di pr o stituz io ne . - Sì, lo so . In tal caso se nti que sta. .. le i è una pr o stituta , di que lle di lusso , gir o chiuso , clie nti se lez io nati. L ui le dice che ha fatto di tutto per inco ntr ar la e le fa una pr o po sta: una no tte d’ amo r e , anz i “ la no tte d’ amo r e ” , l’ unica de lla sua vita, e de side r a che sia per fe tta. - L’ unica no tte d’ amo re de lla sua vita... e pe r ché sce glie pr o pr io le i? - Per ché vuo le viver e un mo me nto mer aviglio so e d indime ntica bile , per ciò sce glie una pr o fe ssio nista espe r ta ne ll’ ar te de l se sso e de ll' e ro tismo . Ma no n è il so lo mo tivo : a lui piaccio no le impr e se impo ssibili e la ver a sfida è che no n ce r ca so lo una sco pata, ma vuo le se ntir si amato , e le i de ve esse re talme nte br ava da faglie lo davve r o cr e de re . In cambio le o ffre di un sacco di so ldi; co sì tanti che le i no n avr à mai più biso gno di pr o stituir si. - E le i capisce che lui no n sta sche rz ando ! - Sì, e que sto la re nde ne r vo sa… - Ce r to , l' amor e è una sfida impo ssibile per chiunq ue , anche se pe r una no tte so ltanto , lo so . E le i che fa? Acce tta que ll’ assur da pro po sta? - E’ tur bata. No no stante il suo me stie re sia pr o pr io que llo di so ddisfar e i de side r i de gli uo mini, no n è sicur a di esse re in gr ado di r iuscir e in que llo . Anz i, pe r ce pisce addir ittur a un pe r ico lo … - Vuo i dir e che la pr o fe ssio nista po tr e bbe ve de re all’ impr o vviso cr o llare tutte le sue dife se r itr o vando si di fr o nte ad un uo mo che no n la vuo le so lo pe r il se sso , ma pre te nde l’ amor e co me pre staz io ne ? - Esattame nte que sto , sì. L e i è una do nna libe r a, indipe nde nte , e ce r ca di e vitar e o gni tipo di situaz io ne e co invo lgime nto che po ssa far le pe r de re co ntr o llo . - In o gni caso , la immagino co me una do nna spe ciale . C re do che anche lui ne subir e bbe il fascino . - Su que sto no n c’ è alcun dubbio ! - L a sto r ia è mie lo sa più di un r o manze tto per ado le sce nti, ma fo r se so no io che no n ci capisco mo lto in fatto di sto r ie .

1


- Q uando fai co sì se i ve r ame nte irr itante . Io le r acco nto co me mi sgo r gano dal cuo r e e tu l’ unica co sa che sai fare è r ispo nde r e co l sar casmo . - No n arr abbiar ti, dai, sche rz avo . Anche que sta è una be lla sto r ia, ma ancor a una vo lta è tr iste . N o n ne co no sci una che sia fe lice? - Va be ne … allo r a… le i e lui so no al co mpute r e dialo gano in chat. L ui scr ive : “ Vo r re i che mi r acco ntassi una sto r ia” . E le i: “ C he ge ner e di sto r ia? ”

2


Ră ţ uşc a c ea urâ t ă

L a ragaz z ina bio nda r ide e sche rz a. Sfo de r ando una sor pr e nde nte capacità di se dur re , distr ibuisce le sue atte nz io ni a chi le sta into r no in mo do assai disuguale , se co ndo il gr ado d’ impo r tanz a che attr ibuisce a ciascuno , se co ndo chi le i r itie ne appar te nga alla cate go r ia de i vince nti, o ppur e a que lla de gli e mar ginati. E’ davve r o car ina, sicur ame nte la più car ina di tutte . Sa di e sse r lo , e d è co sì abitua ta ad aver e co nside r az io ne da par te de i maschi che co ntinuame nte la co r te ggiano e dalle fe mmine che ce r cano di pre nde r e da le i qualche r ifle sso di glor ia, che co n disinvo ltur a, natur alme nte , si è co nquista ta il ce ntr o de ll’ atte nz io ne sul palco sce nico fantast ico che è la vita alla sua e tà. L a r agazz ina br una è de cisame nte br utta. Pe r quanto si affanni ad attir ar e l’ atte nz io ne , ne ssuno la de gna di una r ispo sta o di uno sguar do . D’ altr o nde chi vo rr e bbe far lo ? Tr o ppo magr a, tr o ppo go ffa, tro ppo sgr az iata, co n que gli o cchiali che , oltr e tutto , la fanno se mbr are davve r o r idico la... una picco la z ingar a che già iniz ia a r e nder si co nto di co me alle r agaz ze la br utte zz a no n sia mai pe r do nata. Ma no n è l’ aspe tto fisico la sua co lpa più gr ave ; ciò che davve ro è into lle r abile è la sua capar bia r e siste nz a ad esse re e sclusa. Po tr e bbe r e star se ne da una par te , se nz a infastidir e , ce r cando caso mai di aver e l’ atte nz io ne di co mpagne più alla sua po r tata. Inve ce no , no n r ie sce a star se ne ne ll’ o mbr a. De sider a anche le i e ntr are in que l ce r chio lumino so do ve pr ime ggia la ragaz z ina bio nda; no n tanto pe r o ccupar ne il po sto , un simile pe nsier o no n può ne ppur e sfio r ar la, ma per go de r e di un po ’ de lla sua luce r ifle ssa. C o n lo sguar do car ico di malinco nia, o sser vo la sce na inse gue ndo le tr acce di un’ ado le sce nz a che un te mpo anch’ io ho vissuto . L ’ ado le sce nz a... una fr agilità fatta di slanci e cce ssivi, di ribe llio ni vio le nte , di amiciz ie mo r bo se , di passio ni inte nse ma br e vi. E di tanta cr ude ltà.. . che altr o po tre bbe esse re , infatti, se no n cr ude ltà, que ll’ infantile , inco nsape vo le , ir r e spo nsabile , immatur o ma fe r o ce r ifiuto che i r agaz z ini infliggo no ai lo ro co e tane i, spinge ndo li, se gue ndo un istinto pr imor diale , a rice r care se mpr e la co mpagnia e l' atte nz io ne de i vince nti e sclude ndo chi vince nte no n è ? L a r agazz ina bio nda co ntinua co n il suo spe ttaco lo e vive fe lice que l suo mo me nto di glo r ia, for se ignar a de i se ntime nti che tutto ciò pr o vo ca into r no a le i. E’ facile intuir e quale , fr a i maschie tti che le gir ano into r no , sia que llo che go de de i suo i favo r i e quale sia, fr a le sue co mpagne , l’ amica pr e fer ita. La r agazz ina br una cer ca insiste nte me nte di cattur ar e la sua atte nz io ne , ma ciò che o ttie ne è tutta lpiù uno sguar do distr atto o un glaciale mo no sillabo se guito dalla più to tale indiffe r e nz a. E quando allunga una mano pe r accar ez z ar e i suo i be llissimi cape lli, la r agazz ina bio nda si so ttr ae a que l to cco co n un visibile se nso di fastidio .. . Picco lo sfor tunato br utto anatr o cco lo , sare bbe mo lto me glio se , fugge ndo , ti allo ntanassi da tutto ciò o ppur e se , co n o r go glio , re agissi anche aggr e de ndo , pe r sino co n vio le nz a. Q ualsiasi co sa sar e bbe me glio di que sta inutile , gr o tte sca, pe no sa, suppliche vo le panto mima in cambio de lla quale r ice vi indie tr o so lo indiffe r e nz a e fr ustr az io ne . Ma io , io che ade sso i vince nti li e vito , io che no n r ie sco più a tr o var e in lo ro alcun inte re sse , io che co n chi vive cr o gio lando si ne l succe sso no n ho più nie nte in co mune , co m’e r o io quando ave vo la tua e tà? N o n po sso sape r e o ggi co sa ha in se r bo pe r te il futur o , ma que llo che se nto de ntr o è tanta amare zz a, co mpre nsio ne , r abbia... E’ facile immaginar ti igno r ata da tutti, e sclusa, de r isa. For se ne ssuno t’ invite r à mai a ballar e , fo r se ne ssuno

3


ti dir à mai par o le do lci, for se ne ssuno ti po r te r à mai co me e se mpio di be ltà, e se anche uno sguar do maschile si po se r à su di te , fo r se sar à so lo pe r pr e nder ti in gir o e per far ti so ffr ire . Ma r ico r da, anche il br utto anatr o cco lo ha pianto . L e sue lacr ime so no scivo late giù le nte e car iche di de lusio ne per ché e r a impo ssibile alle viar e il suo do lor e ... ma attr ave r so il suo cando re cr istallino l' anatr o cco lo si spe cchiò e vide danz ar e un cigno . E vo rr e i cr e de r e che un gio r no anche tu ti tr asfo r mer ai in un be llissimo cigno . Affascinan te do nna sicur a di sé , de sider ata, co lma di te ner ez z a e d’ amo re tr a le br accia di chi no n ar re tr e r à mai co n fastidio di fr o nte alla tua te ne r a mano . E ti guar de r à co n o cchi ador anti co me tu guar davi chi no n lo me r itava.

4


Bo ro st yá n gyö ngy

P er la d' ambr a” mi ha chiamata , e mi ha incantata co n i do lci ve r si di

Ko sz to lányi Dez sõ . Po i mi ha attr ibuito gli agge ttiv i più pr ez io si e mi ha de tto che so no r ar a, unica, ine stimabile co me una ste lla cade nte in una no tte d’ inve r no , più lumino sa di Ve ne re . N o n o savo cre de re alle mie or e cchie quando asco ltavo que lle par o le . De tte da un uo mo , po i! N o n può ve de r mi, né po tr à mai, ma in fo ndo gli occhi so no so lo spe ttato r i passivi, abbando nati ne l tur bine de lle impr e ssio ni che tr ascinano ne lla vo luttà, r apiti dalla be lle zz a e stupiti dalla se nsualità, o ppur e che indugiano vo lo ntar iame nte su que lli che se mbr ano i punti fo ndame ntali di una situaz io ne intr igan te , disto glie ndo pe r ò la me nte da ciò che inve ce è davve r o impo r tante . N o n sapr à mai dunque che aspe tto abbia, co me sia il mio vo lto , ed il co lor e de i mie i cape lli e de i mie i occhi gli sar anno pe r se mpre ne gati, ma è co sì che è r iuscito a scivo lar mi de ntr o , so ltanto co sì, navigando sulle mor bide o nde de lla po e sia ha po tuto inco ntr ar mi, inse gue ndo il suo no de lla mia vo ce e le sillabe che ho lasciato cade r e lungo la r o tta che giunge al mio cuo r e , affinché so lo chi guar dasse se nz a ve de r e le racco glie sse . E’ qualco sa d’ incr e dibile che pe nsavo esiste sse so lo ne lle mie fantasie , ne i mie i so gni. Un uo mo che mi valuta sulla base de ll' inte lle tto e sor vo la su que llo che so litame nte pr e vale : il cr iter io de i se nsi. Se o ggi ho biso gno di cr e der e che i mir aco li po sso no ancor a avve nire , che anche uo mini co sì e sisto no , o che ne e siste alme no uno , allo r a do po tanti anni so di ave r lo inco ntr ato io que sto inso lito e se mplar e . E no n è una fantasia de lla mia me nte . N o n è un caso , infatti , che ne i gior ni sco r si ave ssi tr o vato in co ndiz io ni miste r io se de lle minusco le per le d' ambr a. N e ho inspie gabil me nte tr o vate qua e là o ltre ce nto . Er ano spar se dappe r tutto . N e l fo ndo de lle mie bo r se tte , ne l mio z aine tto , ne lle tasche , de ntr o i casse tti. Un ve r o miste r o . N o n so da do ve pr o ve nisse ro , ma il lor o r itr o vame nto si è inte r r o tto dal mo me nto in cui l' ho inco ntr ato .. . T utta que sta sto r ia è un ver o mir aco lo , o fo r se è una fiaba. Mi se nto co me fo ssi T ünde , la r e gina de lle fate che vive ne l r o mantico favo lo so pae se cr e ato dalla fantasia di Vö r ö smar ty Mihály, e sape te qual è la co sa str ana? E’ che fin da picco la mi hanno se mpr e chiamata Tündé r , ma anco r più incr e dibile è che il suo no me sia C so ngo r . Impe r scr utabili so no gli astr i e gli de i, fo rz e igno te e miste r io se che ci guidano ne l viaggio . Co me que lle per line d’ ambr a. Ade sso so no più che mai co nvinta de lla lor o capacità di po r tar e for tuna e so che , d' or a in po i, le custo dir ò co me un te sor o in uno scr igno chiuso da se tte lucche tti.

5


Sá r ga ba r a c k lekvá r

L ’ o dor e de lle albico cche mi ar r ivava for te insie me a que llo de lla le gna che br uciava. Le i se de va ne lla pe no mbr a, lo sguar do r ivo lto ve r so mille pe nsie r i mai co nfe ssati, lo str o finaccio appo ggiato sulle gino cchia, e sno ccio lava co n le nte zz a i fr utti, sce glie ndo co n cur a i più matur i, me tte ndo da par te gli altr i. L o face va str o picciando si di tanto in tanto gli occhi co n la no cca de lle dita. Er ano que lli gli ultimi gior ni de i mie i pr imi se dici anni. Il fuo co sco ppie ttava co me a vo le r po le miz z are co n i ce ppi appe na aggiun ti ne lla stufa e d io , padr o na di un co r aggio e ffime r o co me la fiamma che mi si r ifle tte va sul viso , glie lo dissi. - N agyanya, cr e do che me ne andr ò ... L e i co ntinuava il suo lavo r o co me se ne anche ave ssi ape r to bo cca, ma un’ impe r ce ttibile esitaz io ne ne i suo i ge sti mi dice va che ave va capito . Q ue i suo i sile nz i li co no sce vo be ne , co me co no sce vo i suo i so spir i e la sua vo ce , bassa, che do po qualche minuto iniz iò ad accar ez z ar mi. - Lo hai de tto a tua madr e? - No ... no n mi cr e de re bbe … - T u le vuo i be ne , ve r o? - Sì, nagyanya - fu la mia r ispo sta co ndita dalle lacr ime – ma no n po sso più r e stare … o ggi, lui, ha cer cato di nuo vo di… L e ultime paro le mi uscir o no so ffo cate dalla r abbia. L e i, co n calma, appo ggiò il co lte llo , r adunò le albico cche in una pe nto la e , co n le mani a cucchiaio , r acco lse i no ccio li da buttar via. - Hai r agio ne , de vi andar te ne , ma rico r da che io sar ò se mpr e qui ad atte nde r e il tuo r ito r no . Me lo disse ne lla sua lingua, antica, pe r dar e un pe so maggio r e alle paro le , e que sto mi fe ce capir e la fatica che le co star o no . Po i, si alzò le gge r a, mise la pe nto la sul fuo co , aggiunse lo z ucche ro pre par ato già da pr ima e r ime stò il tutto . - Ade sso vie ni accanto a me . Pr ima la mar me llata, po i t’ inse gno co me far e una buo na Máglyar akás. E que l che ve nuto do po è stata so lo la mia vita.

6


L una tz iga na

Q ue sta no tte , ne l cie lo , er i una so ttile falce d’ ar ge nto e r isple nde vi, mo r bida e vischio sa, inno ce nte e miste r io sa. Se fo ssi stata una bambina, avre i anche po tuto cr e de r e , co n un salto , di po ter salir ti so pr a a cavalcio ni, e d inve ce so no stata lì appo ggiata al davanz ale de lla mia fine str a a guar dar ti e stasiata, me ntr e ti stagliavi nitida ne l cie lo , co sì innatur ale da se mbr ar e dipinta . Ho so r se ggiato un po ’ di tè dalla mia tazz a e d il suo calo re mi ha fatta se ntir e malinco nicame n te fe lice , di que lla do lce malinco nia che sa str appar mi un so rr iso , ma che anche mi fa str izz ar e gli occhi quasi da far mi uscir e le lacr ime . Ho se ntito de ntr o una picco la ve r tigine , un so ttile languo r e , co me un se nso di vuo to e d ho de side r ato care zz e che mi r ie mpisse r o di te ner ez z a, e saz iasse ro que ll’ inatte so appe tito . L una tz igana, so litar ia pro tago nista di tante poe sie , che co sa vo le vi dir mi? Anco r a una vo lta mi hai ipno tiz z ata face ndo mi se ntir e viva. Re spir avo e d ho se ntito l’ ar ia, le ntame nte , disce nde re piace vo lme nte ne i po lmo ni, me ntr e gli o do r i de lle mie co lline si mischiavano al pro fumo pe ne tr ante e do lciastr o de ll’ uva matur a che qui indica la stagio ne de lla ve nde mmia. In que sta no tte di so litudine , ho avuto vo glia di abbr acciar ti, e co n te avre i vo luto abbr acciar e anche chi, per tanto te mpo , ho te nuto de ntr o di me e che anco r a mi manca. L o so , luna, so no so ltanto un’ inguar ibi le ro mantica che vive o r mai in un te mpo che no n è più il suo . N o n giudicar mi male pe r que sto , ma cr e dimi, so no fe lice anche quando piango … pe r ché in fo ndo è giusto co sì. Po i, ho lasciato che mi baciassi pe r ché tu, car a amica discr e ta e sile nz io sa, amante te ne r a e se nsuale , no n mi hai mai de lusa, no n mi hai mai fatta piange r e , no n mi hai mai spe zz ato il cuo re . E me ntr e le no te di una do lce musica mi face vano r ivive re mo me nti mai dime nticati , so no r imasta in sile nz io e mi so no abbando na ta alle tue te ne re car ez ze .

7


L a so ffer enz a

L a mia fine str a si affaccia sul ver de de lle co lline e d i lunghi filar i di viti, le cui fo glie s’ into nano alla danz a de lle far falle che gio cano al suo no de l ve nto che pr o fuma di fr e sco e che mi accar ez z a il vo lto , acco mpagnano da se mpr e il mio sguar do lungo que l se ntie r o immaginar io alla cui fine , all’ o r iz z o nte , s’ intr ave de la so mmità de l N agy- he gy. Co me sia po ssibile pe r de r mi co n lo sguar do imme r so ne l chiar o r e de l so le no n l’ ho mai capito , ma lo zampillio de i pe nsie r i mi r ipo r ta alla me nte fr amme nti di vita, dappr ima sfumati e po i se mpr e più nitidi che , co me sche gge di ve tr o co nficcate ne gli o cchi, mi do lgo no de ntr o . C hi cr e de che la so ffe r e nz a sia co me un fiume in pie na che co n impe to tr avo lge gli ar gini, e in un te ne br o so vor tice ci avvo lge tr aspo r tando ci in una dime nsio ne sco no sciuta face ndo ci pr o var e quanto sia inso ste nibile il do lo r e che se ntiamo , no n sa che no n se mpr e è co sì. Esiste anche una so ffe re nz a dive r sa, me no aggr e ssiva ma più pe r siste nte , più te nace : que lla che rie sce a nasco nde r si tr a le pie ghe de ll’ anima. A vo lte m’ illudo che no n e sista. C re do di star e be ne , me ntr e le i, inve ce , subdo la pe ne tr a impe r ce ttibile ne l mio cor po . So lo di tanto in tanto tr aspar e e so no po che le pe r so ne che rie sco no a sco r ger la. Anche chi mi co no sce be ne no n se ne acco r ge per ché la co nsue tudine , un po ’ alla vo lta, l' ha tr asfo r mata in qualco sa che o r mai fa par te di me . C o me il co lor e de i mie i occhi o la mo r bide zz a de i mie i cape lli. Fo r se no n so no mai dive ntata davve r o adulta . Ingo r da di vita ma e ter name nte inso ddisfa tta e smanio sa di co se nuo ve , ne lla pe r e nne r ice r ca di que llo che so gno ma che no n so de finir e , ne lla co ntinuità de i mie i ecce ssi emo tivi, in una lo tta se nz a fine co ntr o i mulini a ve nto , co sì co me accade ad un' ado le sce nte , mi dibat to da se mpr e ne lle spir e di que sto se r pe nte che mi pe r se guita impe de ndo mi di vive re una vita se re na, fatta di picco le fe licità e di se mplici istanti da go der e . Pe r ché la mia so ffer e nz a è sle ale , no n mi pre nde a schiaffi co me il ve nto ge lido de l no r d e no n m’ infr adicia infangan do mi co me la pio ggia in inve r no . E’ fur ba, r e sta se mplice me nte lì… late nte , in atte sa di mo r der mi quando me no me lo aspe tto . T anto che a vo lte r ie sce ad ingannar mi; mi fa cre de r e di e sser se ne andata, che mi ha abbando na ta e mi fa spe r are che po ssa esiste r e anche la gio ia, lasciando mi ne l co stante timo re che tutto ciò che pr o vo di be llo po ssa finir e in un attimo . C o me se mpr e accade .

8


Pr imo Am or e

T i de te stavo . Ti de te stavo allo ste sso mo do in cui ti ave vo vo luto be ne . Inte nsame nte . Er i stato il mio pr imo r agazz o . Il mio pr imo amo r e . Mi er o illusa… mi ave vi illusa, o ppure mi e ro lasciata illude r e . Sape vo che er a tutta co lpa mia, male diz io ne , lo sape vo Si può dir e che fo ssi gio vane , inge nua, che tu fo ssi un bugiar do , il più bugiar do di tutti, uno che r iusciva ad incantar e le r agazz e co n i disco r si, ma que lla co sa no n e ro mai r iuscita a pe r do nar me la. C ade r ci co me una cr e tina… e so ffr ir e . R icor do be ne que lla se r a in cui ti vidi co n un’ altr a. T u se mpr e il so lito , be llo , str afo tte nte , sicur o di te e de i tuo i pr ivile gi. Tuo padr e o ccupava una po siz io ne di r ilie vo ne l Par tito e po te va pe r me tte r si di dar ti tutto il me glio che in que l mo me nto er a co nse ntito : buo ni studi, una vita agiata, un po ’ di so ldi e d un appar tame nto per po r tar ci le ragaz ze … Sì, le r agazz e , e que lla ser a ne esibivi una nuo va, co me ave vi e sibito anche me . Er a una bio ndina co n un be l co r po , ma insignifican te ; un’ o ca giuliva che ti guar dava co n occhi e stasiati. Un tipo talme nte dive r so da me che mi chie si co me po te sse piace r ti. In se guito avr e i capito che pe r chi nasce for tunato , la var ie tà è qualco sa di pr e giato e r icer cato . L a bio ndina, per ò , ancor a no n sape va la fine che avr e bbe fatto , quasi di sicur o simile alla mia, me ntr e io , sce ma, anco r a m’ illude vo … - C hi è que lla? - ti chie si, e tu co n l’ ar ia di chi sa pr e nde re in gir o r ispo nde sti Mia cugina. T i vidi star e co n le i tutt a la se r a e po i, quando ve ne andaste insie me , ave sti anche la co mpiace nz a di avve r tir mi che que lla no tte ci avr e sti dor mito co n “ tua cugina” . Il cinismo e r a il valo r e aggiunto alla cattive r ia che dava il sapor e alle tue avve ntur e . T i nutr ivi di e sso e que lla se r a me ne re si co nto . Po i, a casa, mi ubr iacai. No n lo ave vo mai fatto pr ima. Mi sco lai un’ inte r a bo ttiglia di w hisky fino a star male , fino a vo mitar e l’ anima, e da que lla vo lta di que l liquo r e no n ne ho più po tuto se ntir e ne ppur e l’ o do re . Un o do re di lacr ime miste di alco l e vo mito che mi r imase appiccica to addo sso pe r gio r ni, pe r se ttimane , pe r me si. E for se no n me ne so no mai libe r ata de l tutto . Un o dor e che r ise ntii punge nte ne l naso do po anni, quando o r mai il mo ndo in cui e ro cr e sciuta si e r a sgr e to lato insie me a que l mur o a Be r lino , quando o r mai i pr ivile gi si er ano disso lti, scio lti ne ll’ acido de lle ce r te zz e infr ante e de lle uto pie mai re alizz ate , quando o r mai le uniche co se che davve ro co ntavano e r ano la spr e giudicate z z a, i so ldi e la co nsape vo lez z a di po te r ne guadagnar e abbastanz a da per me tte r mi tutto ciò che no n ave vo mai avuto . Q uando ti rividi… N o n e r i co n tua cugina. La tipa co n te e ra una me dio cr e r agaz z a, ne anche tanto be lla, ve stita me dio cr e me nte , tr uccata male , co n i cape lli di un co lo r e impr o babile e co to nati co me andava di mo da pe r chi, o vviame nte , no n po te va pe r me tte r si di più. Stavate e ntr ambi se duti ad un tavo lo ne l po sto più br utto di tutto il r isto r ante ; uno di que i po sti che di so lito ve nivano dati or mai so lo ai figli de gli e x bur o cr ati de l Par tito che anco r a, saltuar iame nte , po te vano pe r me tte r si di invitar e qualche r agaz z a me dio cre a ce na: vicino all’ e ntr ata, appe na so tto le scale che por tavano al salo ne supe r io r e , que llo rise r vato ai clie nti impo r tanti . Anche tu mi ve de sti. I tuo i o cchi br illar o no di una str ana luce , quando ti passai accanto lasciando mi die tro la br ez z a di un pr o fumo da ce nto do llar i, e d il

9


came r ier e pie gato co n far e osse quio so ci acco mpagnava, me e d il clie nte co n cui er o , su pe r le scale , al miglio r tavo lo . L a r agazz a co n i cape lli co to nati no n si accor se di nie nte , anche le i inte nta a guar dar mi, me ntr e co n que l co r to tubino di lamè che mi fasciava, face vo vo ltar e gli sguar di di tutto il lo cale . Il clie nte lo co no sce vo da te mpo . Er a un uo mo d’ affar i, ge ner o so e ne ppur e tanto male fisicame nte che quando ar r ivava in città chie de va che gli r iser vassi tutto il mio te mpo . Di so lito ci passavo due o tr e gio r ni in cui mi r ie mpiva di r e gali e di atte nz io ni. Pe r que ll’ o ccasio ne mi ave va co mpr ato que l ve stito e d ave va anche pagato pe r la pr e par az io ne : cape lli, unghie , puliz ia de l viso , tr ucco . C i ave vo passato tutto il po mer iggio dall’ e ste tista, co sì da appar ir e be llissima co me lui de side r ava. No n er o la so la que lla ser a ad e sser e insie me ad un uo mo che pagava per ave r e co mpagnia, e d il mio clie nte er a par tico lar me nte or go glio so di ave re sia il tavo lo miglio r e che la r agaz z a più be lla. Q uando mi r e cai in bagno , sape vo che sar e i passata di nuo vo davanti a te , e lo fe ci co n un le gge r o sadismo , mo str ando ti il cigno in cui mi e ro tr asfo r mata. O r mai e ro abitua ta ad attir ar e gli sguar di de gli uo mini. Ave vo impar ato be ne co me muo ve r mi, camminar e , atte ggiar e la po stur a e lo sguar do in mo do che fo sse difficile no n no tar mi. C iò che no n mi atte nde vo , inve ce , er a di tr o var ti di fr o nte quando uscii dal bagno . Mi sbar r asti il passo co n ar ia spavalda. - C hi è que ll' uo mo ? – mi chie de sti br uscame nte - C he co sa ti se i me ssa a fare ? L a so lita ar ia di chi e r a se mpre stato abitua to a po sse de re tutto , anche ciò che no n er a suo , e che no n ave va anco r a capito che que i te mpi er ano cambiati. Pe r un attimo e bbi l’ impulso di scansar ti, igno r ando ti, ma no n se ppi r esiste r e . T i guar dai co n occhi fre ddi e r ispo si co n ar ia be ffar da. - E’ mio cugino ! Se ntii l’ adr e nalina fluir mi de ntr o . C apii che er a stato il de stino a po r tar mi in que l luo go que lla se r a. Ero riuscita a dir ti que llo che pe r anni ave vo te nuto de ntr o , co mpre sso , e che ave vo co nde nsato in tre par o le . Una r e sa de i co nti co me ne lla miglio r e tr adiz io ne de i ro manz i, un e pilo go che no n mi sare i mai atte sa di po ter viver e . Fe ci pe r aggir ar ti, so ddisfat ta e d appaga ta, ma mi blo ccasti affer r ando mi per un br accio . Avr e i vo luto affo ndar ti la faccia in tutto que l vo mito di que lla no tte , ma no n mi divinco lai. - L asciami andar e - sibilai fulminando ti co n gli o cchi - lasciami se no n vuo i che chiami aiuto . - Ma no n mi asco ltasti, e te ne ndo mi str e tta mi str atto nast i in dispar te . - T i se i me ssa a far e la putta na? - par lavi so tto vo ce , ma avr e sti vo luto gr idar e - L a puttana per lo r o? T i fai co mpr are dai lo ro so ldi? Arr ivano qua e ci co mpr ano tutto ? N o n ti re nde vi co nto che il mo ndo no n e r a più co me lo ave vi co no sciuto . T utto e r a cambiato , e no n c’ e r a più nulla da ve nde r e per ché or mai tutto er a già stato ve nduto . Anche se e ri uno str o nzo , er i r imasto un ide alista de ntr o … o fo r se er i so lo dilaniato dalla ge lo sia. O ppur e e r i se mplice me nte un ide alista str o nz o e ge lo so . - Ho de tto di lasciar mi, mi fai male ! Mi divinco lai co n fo rz a co str inge ndo ti a mo llar e la pr e sa. Po i r imane sti lì, ad atte nde r e che ti dice ssi qualco sa, che ti r assicur assi, che t’ inve ntassi anche

10


una bugia piutto s to che co nfer mar ti que llo che er a pale se . Inve ce , co ntinuai a sfidar ti; sape vo che in que l mo me nto e ro io la più for te . - L a r agaz z a chi è? E’ tua mo glie ? - il so rr iso sulla mia faccia dive nne una smo r fia di sche r no - Car ina… inso mma… ce r to che que i cape lli po tr e bbe te ne r li me glio … - E’ un’ amica, e le i ce r tame nte no n si ve nde … - E’ chiar o che no n si ve nde . C hi la co mpr e re bbe mai? Le hai re galato tu que l ve stito ? Lo hai pre so dal guar dar o ba di tua madr e ? - Se i so lo una tro ia… quando ti ho co no sciuta cr e de vo fo ssi una r agaz z a o ne sta, ma i so ldi hanno co rr o tto anche te . Mi fai pe na. - Inve ce a me fai pe na tu… mi fate pe na vo i due , guar date vi… in un so tto scala. C he e ffe tto ti fa o sse r var e il mo ndo dal basso ? Dimme lo ! N o n è una se nsaz io ne piace vo le , ve r o? E dimmi.. . - incalz ai - se i ce r to di no n aver e nie nte di cui ve r go gnar ti? Se i ce r to di e sse re co sì o ne sto e pur o ? L a tua e spre ssio ne mutò . Dive nne tr iste , rasse gnata. No n pr o vasti ne ppur e a far fugliar e qualco sa. Se mplice me nte tace sti. - L ascia che vada ade sso - co nclusi assaggiando la vitto r ia e se nte ndo mi finalme nte libe r a da que l disgusto che mi ave va intr appo lata per anni - se la pe r so na che sto acco mpagna ndo mi vie ne a cer car e e ci ve de co sì, do vr ò dir gli che mi stavi impo r tunando e no n far ai una be lla figur a. T or nate ne da miss cape lli di fata che sar à in ansia pe r la tua pr o lungata asse nz a. L a r agazz a o ne sta che co no sce vi, se mai lo è stata, è mor ta. Dime nticala . Pe r ò no n mi dime nticasti . Q ualche gior no do po il te le fo no squillò . Q uando se ntii la tua vo ce r iattaccai. Fo r se ave vi te nuto il mio nume ro , for se lo ave vi r intr acciato in qualche mo do . Da que l mo me nto no n rispo si più. Pe r gio r ni il te le fo no co ntinuò a squillar e , invano . Sape vo che er i tu. Po i par tii, pe r se mpr e , ce r cando di dime nticar e . Ma il pr imo amo r e è impo ssibile da dime nticar e .

11


M i Pia c e

V uo i sape re che co sa mi piace ? Mi piace mo ltissimo co no scer e e d inco ntr ar e pe r so ne nuo ve , inte r e ssanti, no n banali, che po ssano do nar mi qualco sa di dive r so . Sco pr ir le co me fo sser o te r re ine splo r ate e far mi sco pr ir e da lor o allo ste sso mo do . Mi piace iniz iare da un fo glio bianco e scr ive r ci so pr a una sto r ia: una picco la, br e ve sto r ia. Ho mo lto succe sso , sai? R ie sco a co nquistar e un sacco di pe r so ne . Per ò , de vo esse re since r a, mi so no se mpr e chie sta co sa abbia di co sì spe ciale da piace re in que sto mo do . N o n mi giudico be llissima, no n l’ ho mai fatto anche pe r ché , ipe r cr itica so pr attutto ne i co nfr o nti di me ste ssa, so no se mpr e stata co nsape vo le de i mie i picco li dife tti che co n abilità so nasco nde re mo lto be ne . Ma anche o ggi che so no be n o ltre i tre nta, piaccio ancor a ad un gr an nume ro di uo mini. Mi r o nz ano into r no , mi r ie mpio no di co mplime nti . Avvie ne re go lar me nte che mi fer mino per str ada, o ppur e attacchino disco r so se mi tr o vo da so la in un qualsiasi luo go : in un bar , su un tr e no , in una hall di un ho te l, o ppur e su una spiaggia . M’ invitano a ce na o anche altr o … e quando qualcuno mi piace , acce tto . Inso mma, mi e ccitano le situaz io ni impr e viste , inaspe ttate , no n pre stabili te . Anche ne l W e b mi è capita to e mi capita ancor di più da quando ho il blo g, di e sser e co ntattata , co r te ggiata, invitata , e se qualcuno m’ inte r e ssa davve r o , è o vvio che acce tto d’ inco ntr ar lo . No n chie der mi su co sa si basa il mio cr ite r io di sce lta, quali so no gli e le me nti che mi fanno dire di sì, no n te lo sapr e i spie gar e , ma una co sa è ce r ta: è e sse nz iale che siano de i pe r fe tti sco no sciuti e che di me sappiano po co o nie nte . No n vo glio me tte r e a r ischio la mia vita pr ivata che de ve r e stare fuor i da tutto , al sicur o da que ste mie picco le e no n mo lto inno ce nti avve ntur e . T e lo co nfe sso , so no tantissime le o ccasio ni in cui so no andata a le tto co n qualcuno pe r pur a tr asgr e ssio ne , se nz a ne ssuna implicaz io ne se ntime ntale , se nz a dir gli il mio no me e se nz a chie de re ne ppur e il suo . In que sti casi me no si dice e me glio è , per ché un r ischio e siste e no n è da so tto valutar e : que llo di e sser e po i pe r se guitata da chi, do po , per qualche r agio ne no n acce tta di r ispe ttar e la mia vo lo ntà di no n inco ntr ar lo più. De ve e sser e una vo lta so ltanto , co mpr e ndi? … “ Einmal ist ke inmal” : una vo lta è ne ssuna vo lta. Ma c’è pur tr o ppo chi que sto no n lo capisce , o no n lo vuo l capir e ... T i chie di pe r ché mi e spo ngo al r ischio d’ inco ntr ar e chi no n co no sco affatto , sco no sciuti che po tr e bbe r o e sse re per ico lo si o co munque cre ar mi pro ble mi? Ebbe ne , que llo de l miste r o è un gio co che da se mpre mi affascina e se una pe r so na m’ inte r e ssa, se se nto che c’è qualco sa da sco pr ire , che può dar mi qualco sa di nuo vo , di dive r so , che co n le i po sso scr ive r e una picco la sto r ia par te ndo dal fo glio bianco , mi è difficile re siste re e no n m’ impo r ta di r ischiar e . Anz i, il rischio for se aggiunge inte re sse e adr e nalina. In o gni caso , la do manda che mi so no se mpr e po sta no n è pe r ché gli uo mini facciano tutti que sti te ntativi d’ abbo r daggio , è no r male , si co mpo r tano co sì un po ’ co n tutte , e so che per lo r o que sto mo do di far e è natur ale , istintivo . Q ue llo che mi chie do , inve ce , è co sa per ce piscano in me di tanto inte r e ssante . No n lo so … so no cur io sa. Fo r se tu sapr ai dir me lo . No n pe nso dipe nda so lo da qualco sa di fisico . Anche se no n dimo str o i mie i anni, e que sto è sicur ame nte un e le me nto po sitivo , pe r il r e sto cre do di e sser e co me tante altr e do nne . Fo r se sar à pe r via de l mio car atte r e cangiante , mute vo le , capr iccio so che stuz z ica que l se nso di co mpe tiz io ne di fro nte al quale mo lti no n sanno tir ar si indie tr o , o ppur e è pe r ché ve do no che no n pr o vo ve r go gna, mi cre do no disinibi ta, di facili

12


co stumi. Fo r se que sto succe sso è do vuto pr o pr io ai mie i co mpo r tame nti un po’ so pr a le r ighe , di ce r to no n co muni, e d è assai pr o babile che que sto giudiz io de r ivi anche dalla pr o fe ssio ne che ho eser citato , e che di sicur o stimo la fantasie e ro tiche . Indubb iame nte , no n lo ne go , mi dile tto a far se sso co n chiunque mi piaccia, uo mo o do nna che sia; di que sto no n ne ho mai fatto un miste r o , e fo r se per que sto mo tivo do anche l’ impr e ssio ne d’ e sser e ninfo mane , ma no n è ver o . So no so lo una do nna libe r a, se nz a le gami, ape r ta, se nz a pr e giudiz i e d amo vive r e la vita cer cando di co glie r ne il gusto più inte nso , r icer cando le situaz io ni più appassio nanti po ssibili. No n ci ve do nie nte di male . R icor do uno che ho inco ntr ato di re ce nte . Er a in r itar do e d io ho se mpr e de te stato i r itar di. L i co nside r o un insulto alle tacite r e go le che si stabilisco no quando si de cide d’ inco ntr ar si in que sto mo do . L a pr ima r e go la è la puntuali tà e no n rispe ttar la r appr e se nta per me l’ unica ve r a tr asgr e ssio ne che co nside r o davve r o into lle r abile . De cisi pe r ò di me tte r e in se co ndo piano il mio se ntime nto ne gativo , pe r ché se mi ci fo ssi so ffe r mata tro ppo mi avr e bbe mal dispo sta pr e giudicando in par te nz a l’ inco ntr o e la gio ia che avr e i r aggiunto so ltanto mante ne ndo la me nte sgo mbr a. Ce r cai dunque di libe r ar mi di que lla se nsaz io ne che mi re nde va inso ffe re nte e ne r vo sa. L ui è ar r ivato do po die ci minuti. Ha iniz iato a scusar si e d io no n so no r iuscita a nasco nde r gli una smo r fia di disappun to , pe r ché la se co nda re go la è no n scusar si mai. Se ci pe nsi le scuse so no la co sa più inutile e d ipo cr ita de l mo ndo . Par o le su par o le che no n se r vo no a nie nte pe r ché no n aggiusta no nie nte . N o n ho mai gr adito tro ppo le par o le . L’ unico mo do pe r r iso lve r e la situaz io ne quando si capisce di ave r sbagliato è l’ agir e , no n il par lare . Per ò , r ico r do il suo bacio . N o n fu male . Anche se ave va infr anto le mie r e go le , que ll’ uo mo po sse de va una no te vo le stima di se ste sso . L o capii subito da co me mi te ne va la te sta. Ave va la mano fer ma, il suo abbr accio er a caldo , fo r te , ma no n so ffo cante . Anche in que sto l’ e sper ie nz a e l’ abitudine a cer te co se mi hanno dato una par tico lar e capacità di giudicar e la per so nalità di chi inco ntr o , e que ll’ uo mo e r a for te , de ciso , ma er a anche pr ude nte . Mi piacque e d all’ iniz io mi fe ci ve der e passiva, quasi indife sa. Po i iniz iai a gio car e alla mia manie r a. L o misi di fr o nte , co n inso spe ttabile audacia, all’ intr apr e nde nz a de lle mie az io ni. C o nfo nde ndo lo . Le mie mani da candide e d inno ce nti dive nne r o r apaci, spr e giudicate , abili co me que lle di una ladr a che scassina una cassafo r te . E mi apr ii la str ada ve r so il suo se sso . Lo ave va tur gido . Mi piace va massaggiar lo me ntr e mi baciava. Sfio r avo co n dita que lla supe r ficie liscia, so da, ro to nda e già la immaginavo me ntr e e ntr ava in me . Q ualco sa che sare bbe avve nuto , ce r tame nte , ma no n subito , no n pr ima che mi fo ssi to lta le mie so ddisfaz io ni. Mo lti uo mini, quando so no e ccitati, co ncludo no quasi subito . Il co ntatto co n il mio co r po e le mie mani che stuz z icano il lo r o se sso … be h, se asse co ndati no n r e sisto no a lungo . Anche se te ntano di tr atte ne r si, ar r ivano ve lo ce me nte all’ o r gasmo . Inve ce a me piace pro lungar e , pr o cr astinar e , far dive ntar e il tutto infinito . Mi piace o sser var e fin do ve ar r iva la lor o r e siste nz a. Dive ngo cr ude le e d iniz io a gio care in mo do pr o vo cato r io : se avver to che stanno per ve nir e mi fe r mo , mi r affre ddo , iniz io a par lar e d’ altr o . E po i scambio sguar di in cui no n mi faccio ve de re so tto me ssa, ma anz i so no io che faccio capir lor o quali so no le mie r e go le . Avvie ne talvo lta che ad alcuni il mio co mpo r tame nto no n piaccia e che il pe ne , pur r imane ndo tur gido , gli si faccia più picco lo , e d io co mpr e ndo la po chez z a de l lo r o e sse re uo mini. Co sì mi r itr aggo , iniz io a scher nir li, face ndo se ntir lo ro e vide nte l’ abissale infe r io r ità r ispe tto a ciò che pr e te ndo no di e sse r e ; pe r ché mancano di mo de stia, di umiltà, di r e alismo . E li r e spingo , li invito ad

13


andar se ne se nz a che do po abbiano il cor aggio di r ipre se ntar si di fr o nte a me . Inve ce , co n lui no n accadde … il suo se sso , inve ce di far si più picco lo , s’ intur gidì’ anco r di più e d i suo i o cchi so ste nne r o il mio sguar do fino in fo ndo , o sando una sfr o ntate z z a che co nside r ai una sfida. Una sfida ir r inunciabile alla quale , cr e dimi, no n se ppi r esiste r e . E que sto mi piacque . C ’ er a un te mpo in cui no n e ro co sì e sige nte e se le ttiva, ma so no arr ivata ad un ce r to punto in cui ho se ntito di mer itar mi un minimo di lusso , qualco sa di spe ciale , no n ce r to que llo po te vo r ice ve r e dal pr imo che passava. Uo mo o do nna, pe r me no n fa diffe r e nz a, ma que sto già lo sai. Anz i, una do nna r ie sce a do nar e maggio r do lcez z a, co sa che se co ndo il mo me nto no n mi dispiace , ma c’è anche altr o , cio è se una do nna giunge fino a qui, se ar r iva ad acce ttar e il mio gio co vuo l dir e che è uguale a me . E’ co me se mi guar dassi in uno spe cchio e no n c’è nie nte di più e ccitante che r ispe cchiar mi in qualcuno quando faccio se sso . Una do nna ve r a, quindi, per ché una do nna no n ve r a no n ar r iver e bbe mai a far e un passo de l ge ne r e . A me no che no n sia in qualche mo do co nvinta da qualcuno che tr amite le i vuo l ar r ivar e fino a me . Pe rò l’ e spe r ie nz a mi ha r e sa abbastanz a diffide nte , e so individuar e quando so no pr e se nti e le me nti e str ane i, o spiti nasco sti che vo glio no so lo cur io sar e . Una do nna è pe r me un libr o ape r to . So no sufficie nti po chi ge sti: l’e sitaz io ne , la fr e ddez z a de i co mpo r tame nti, la ge stualità pr iva di passio ne , lo sguar do sfugge nte che te nta di elude r e il mio , so no de ttagli e vide nti che mi r ive lano che no n è since r a, che finge , e d allo r a, co me il gatto co l to po , mi co mpo r to co n le i cer cando il mo do più pe r fido per smasche r ar la. L a psico lo gia fe mminile è più co mplicata di que lla maschile , ma è so gge tta a maggio r i tabù e d una vo lta individ uato il punto de bo le di una do nna, è facile far le assaggiar e il gusto amar o de ll’ umiliaz io ne . Anche se nz a dire una so la par o la. T e l’ ho spie gato : ciò che co nta so no le az io ni, no n ser ve par lar e . I tanti disco r si cr e ano so lo e quivo ci e le paro le so no te ntativi inge nui pe r dir e que llo che tro ppe vo lte no n pe nsiamo . E’ il linguag gio de l co r po , inve ce , que llo r e alme nte since r o , l’ unico che no n può me ntir e , e so lo la pr atica de i se nsi è la chiave per var car e cer te por te , e chiude r ne altr e . So no co nto r ta, lo so , ma no n sapr e i spie gar ti in altr o mo do . E’ pe r que sto mo tivo mi piaccio no gli inco ntr i occasio nali co n gli sco no sciuti. Per ché amo il r ischio , l’ avve ntur a, ce r to , ma anche mi piace sco pr ire e far mi sco pr ir e , co sì, se nz a tr o ppe par o le , in sile nz io , so lo co n il linguag gio de l co r po . Mi piace l’ inco ntr o co n l’ igno to , mi piace l’ infinita atte sa di ciò che no n co no sco , ignar a di que llo che giunge r à ma che sper o se mpr e po ssa so r pre nde r mi. E no n faccio distinz io ni, chiunque ar r ivi, chiunque po nga te r mine alla mia inte r minabile atte sa, che in fo ndo è pe r me la me tafo r a de ll’ e siste nz a, è be nve nuto pe r ché quando giunge r à, ne lla fo r ma di un uo mo o di una do nna, l’ assapo re r ò ’ ne l suo gusto ine br iante o ppur e lo spute r ò disgusta ta pe r il suo sapo re insipido . Ed è in que sto mo do che vivo , amo , so ffr o in un e ter no gir o vagar e , da ve r a z ingar a, se nz a fer mar mi mai. * ** “ … se nz a… fe r mar mi… mai.” Klár a scandì le ultime par o le so tto vo ce , digitando le sulla tastie r a. L o face va se mpr e quando arr ivava alla fine di qualco sa che scr ive va. Er a il suo mo do di r o mper e la co nce ntr az io ne , un’ abit udine bizz arr a mante nuta fin da bambina, quando e r a impe gnata ne i co mpiti che le asse gnavano a scuo la. E co sì l’ ar tico lo er a te r minato . Raggiunge r e que lla do nna e far si co nce de re l’ inte r vista no n er a stato se mplice . Ave va do vuto co ntattar la, e ntr ar ci in co nfide nz a e po i far sì che le i si fidasse al punto di acco r dar le un appunt ame nto . Co sa che no n e ra fr e que nte . Fo r tunatame nte co no sce va la

14


psico lo gia fe mminile e d ave va saputo gio car e be ne le sue car te . C ’ er ano vo lute se ttimane , ma da que lle co nfide nz e ne ave va r icavato un o ttimo ar tico lo sul nar cisismo . Q ue lla do nna e r a davve ro co nvinta di e sser e “ unica al mo ndo ” , str ao r dinar ia, e cce lsa, pe r fe tta. Par lava de i suo i succe ssi e de lle sue capacità so lo pe r far no tar e co me fo sse r o spe ciali i suo i pr o ble mi e la sua vita. Una co ntinua e sibiz io ne di se ste ssa alla rice r ca o sse ssiva di atte nz io ne e ammir az io ne da par te di chi ave va la fo r tuna, o la sfor tuna di r e laz io nar e co n le i. Una do nna che no n avre bbe so ppo r tato né indiffe r e nz a né cr itiche , e d alle quali avre bbe r e agito co n altre ttan ta indiffe r e nz a se no n, addir ittur a, co n manife staz io ni di r abbia. Pe r ché a le i no n impo r tava nie nte di ne ssuno . Gli altr i e r ano lì so lo pe r e sser e sfr uttati , utiliz z ati, o ppur e co me ano nimi spe ttato r i di fr o nte ai quali avr e bbe po tuto e sibir si e far si ve de r e impo r tante . Fo r se er a anche per que ll’ acce ntuato nar cisismo , che le i no n ne gava e di cui a tr atti si co mpiace va, che da gio vane ave va sce lto di far e la pr o stituta . Una pr o stituta d’ alto bor do , sia chiar o . No n ce ssava mai di r imar car lo . E que lla sua r e go la, po i, “ e inmal ist ke inmal” , er a so lo un me ccanismo pe r e vitar e di re star e incastr ata in una co ntr addiz io ne : innamo r ar si di qualcun altr o al di fuo r i di se ste ssa. Anche se in r e altà chi è nar cisista no n si ama affatto . Anz i, chi è nar cisista ha un bassissimo co nce tto di sé , pe r que sto r ice r ca o sse ssivame nte l’ appr o vaz io ne altr ui. L a pe r so nalità magnifica, matur a, dispo nibi le ver so i se ntime nti che vie ne mo str ata, no n è altr o che un bluff, una finz io ne , per ché nar cisismo vuo l dir e immatur it à, no n sape r amar e ne ssuno , ne ppur e se ste ssi. Klár a si r e nde va co nto di no n e sser e dissimile da que lla do nna, sape va che co n le i ave va mo lto co mune . Lo ave va saputo anco r pr ima d’ inco ntr ar la, ma que sto no n glie lo ave va de tto , co me no n le ave va de tto mo ltissime altr e co se . In ce r ti casi il par lar e no n ha alcun valo re . Vale so lo l’ agir e . Spe nse il lap to p, chiuse il co per chio e lo r ipo se . Più tar di, avre bbe dato una ve lo ce r ile ttur a all’ ar tico lo per co rr e gge r lo e lo avre bbe inviato in r e daz io ne . Po i, sor r ide ndo a mez z a bo cca, andò in cucina a pr e par ar si un the .

15


Visit a m edic a

N o n mi se ntivo ammalata. C ioè , for se lo e ro , ma no n avve r tivo alcun distur bo . N o n ave vo ne ppur e la fe bbr e . T uttavia de cisi di so tto po r mi ad una visita me dica. L ’ infe r mier a, una gr az io sa bio ndina co n gli o cchi chiar issimi e co n un so rr iso nie nte male , mi fe ce acco mo dare in sala d’ aspe tto do ve fo r tunatame nte e d inaspe tta tame nte no n c’e r a ne ssuno . “ Str ano ! – pe nsai – C re de vo ci fo sse in gir o un’ e pide mia… " Mi misi a sfo gliar e le var ie r iviste che si po sso no tro var e in o gni sala d’ aspe tto di uno studio me dico . L a più re ce nte ave va un ser viz io al suo inte r no che par lava de gli ultimi svilupp i ne lle indagini di Tange nto po li. Q ue lla me no re ce nte e r a scr itta su fo gli di papir o . Po i la gr az io sa bio ndina mi fe ce acco mo dar e ne llo studio de l me dico e pr ima che uscisse chiude ndo si la por ta alle spalle , assapo r ai il suo pr o fumo che sape va vagame nte di cilie gie e no tai che o ltre al be l so r r iso ave va anche un be l paio di gambe , tor nite e dalle caviglie so ttili. Il do tto r e , uno di que i classici tipi co n la fe de al dito , mi fe ce acco mo dar e ne lla mo r bida po ltr o na davanti alla sua scr ivania e d iniz iò a por mi le co nsue te do mande : no me , e tà, pr o fe ssio ne , malattie , inte r ve nti chir ur gici e blablabla. So lite co se , inso mma. Q uindi ar r ivò alla fatidica fr ase co n la quale o gni me dico iniz ia. - Be ne … allo r a mi dica, che pro ble ma ha? - Il pr o ble ma... be h, no n sapr e i e sattame nte … inso mma, è che qualcuno mi ha istillato il dubbio che po tre i ave r co ntr atto qualco sa di mo lto gr ave , e sicco me so no pr eo ccupata avre i de sider io che mi visitasse e d appur asse se so no e ffe ttivame nte malata o ppure no . - Ah, capisco – pr o se guì anno tando su un fo glio di car ta ciò che stavo dice ndo ma… ha pe r caso qualche sinto mo ? - Ver ame nte no ! – e sclamai – Ma co m’è che si dice ? “ Mo lto me glio pr e ve nire che guar ir e !” - Si dice “ me glio pr e ve nir e che cur ar e ”… co munque o sse r vando la le i mi se mbr a in per fe tta fo r ma. – disse lasciando si sfuggir e uno sguar do ammiccante in dir e z io ne de i mie i se ni – E… po tr e i sape r e qual è la malattia che te mer e bbe di ave r co ntr atto ? - E’ una co sa di cui si par la su tutti i gio r nali, do tto r e … pare che ci sia addir itt ur a un’ e pide mia… - Epide mia? – disse co n so r pre sa disto glie ndo lo sguar do dai mie i cape z zo li e r ivo lge ndo lo dir e ttame nte a me – Q uale e pide mia? - E’ impo ssibile che le i no n ne sia info r mato … guar di, ho co n me i ritagli de i gio r nali… le gga qui: "L ' o mo se ssualità’ è una de vianz a de lla pe r so nalità" . L o ha de tto una ce r ta Bi… B i… co me cazz o si chiama? - B ise ssuale ? - Ma no o o , inte nde vo co le i che lo ha de tto . Una che di que ste co se se ne inte nde . Una che sta in Par lame nto . Si chiama mi par e… Bir re tti… B isce tti.. .

16


affe r ma che è una co sa assai gr ave… e po i le gga… se ne par la anche qui, in que sto ar tico lo : c’ è scr itto che sare bbe r o stati istitui ti “ de i cor si che co nse ntir e bbe r o a chi è o mo se ssuale di guar ir e attr ave r so le co sidde tte te r apie r ipar ative ” . Inso mma se in Par lame nto c’ è chi addir it tur a o r ganizz a de i cor si pe r cur are chi ha que sta malattia significa che il pro ble ma è se r io . E par e che il mo r bo si sia diffuso anche in Ge r mania. L e gga qui… le gga il tito lo : «EPIDE MIA N o n si co ntano quasi più le co ppie fo r mate da le i e le i tr a le gio r naliste e co nduttr ici de lla tv pubblica te de sca. Co me mai tanti co ming o ut ne ll' ultimo pe r io do? L ' amo re le sbico è dive ntato co sì chick? ». B e h, io no n co no sco i significa ti di “ co ming o ut” e “ chick” , ma sicur ame nte chi ne è affe tto se co ndo me do vr e bbe pr eo ccupar si… e po i “ è se mpre me glio guar ir e che cur are !” . - … “ Me glio pr e ve nir e che cur ar e ”… ma co sa è che le fa cr e der e di esse re o mo se ssuale? Le i no n se mbr a affatto le sbica. – disse titillan do co n gli o cchi i mie i capez zo lini che face vano “ cucù” da so tto la maglie tta. - No n se mbr o ? Pe rò po tre i esse r lo … ho paur a di esse r lo… mi so no r ivo lta a le i do tto r e pe r ché chissà quante ne avr à viste … - No n ha l’ aspe tto de lla le sbica… no n mi par e abbia un co mpo r tame nto masco lino , no n por ta i cape lli cor ti, no n par la co n vo ce bassa e mi par e , alme no a giudicar e da que l po co che ve do , che … e hm… sulle sue gambe no n ci siano pe li… - Se è per que sto no n ho ne ppur e i baffi, il pe tto villo so e la mia clito r ide no n è un picco lo pe ne , ma que sto che significa? L a sua infe r mie r a, ad e se mpio , que lla gr az io sa bio ndina co n que llo sple ndido sor r iso … anche le i no n ha un aspe tto masco lino ma po tr e bbe … - C hi? Danie la? N oo o … le po sso assicur ar e che no n lo è … - disse il mar pio ne pe r ò giustame nte , co me dice le i, no n si può mai sape re , do vre i fare un co ntr o llo appr o fo ndito … una visita accur ata… per appur ar e se le i è le sbica o ppur e no . - A chi? A me o alla bio ndina? - C he c’e ntr a Danie la? Inte nde vo a le i, signo r ina… no n è qui pe r far si visitar e ? - Ah sì, mi scusi… suppo ngo che la bio ndina l’ abbia già visitata mo lte vo lte . E’ che so no mo lto agitata, lo capisce ve ro ? Fo r se se ne sar à accor to , è che so no un po ’ ipo co ndr iaca e spe sso mi accade d’ immagi nar mi i sinto mi di una malatti a anche se que lla malattia no n ce l’ ho . Ad ese mpio , se ade sso pe nso alla sua infe r mie r a… e cco … inso mma… no n è che mi dispiace r e bbe far le anche io una visita appr o fo ndita e ciò è te r r ibile , capisce ? Co sa dir e bbe mia madr e se ve nisse a saper lo ? Mi chie der e bbe do ve so no stata… co sa ho fatto … da chi ho co ntr atto la malattia e d io , do tto r e , che po tr e i r ispo nde r le? E’ se mpr e stata co sì atte nta e pre mur o sa affinché cr e sce ssi “ sana” e “ no r male ” e d inve ce … che de lusio ne , po ver e tta! Ha lavo r ato co sì tanto . E mio padr e ? Ha se mpr e de side r ato che mi spo sassi, che gli de ssi de i nipo tini. L ui s’ ammaz z a… - Ma no , ma che dice … intanto anco r a no n sappiamo se le i è o no n è e ffe ttivame nte le sbica, quindi… - “ Q uindi no n r o mpiamo ci la te sta pr ima ancor a di e sser ce la fasciata” ? E’ que sto che vuo l dir e ? - Ehm… sì, giusta ppun to … a pr o po sito - disse co n lo sguar do se mpr e più simile a que llo di un pe sce appe na tir ato fuo r i dalla pe nto la a pr e ssio ne – gli uo mini

17


no n le inte re ssano o ppure … e hm… quasi quasi… minimame n te ? - O h no … anz i sì… cio è … gli uo mini m’ inte re ssano ecco me ! - Ah be ne ! Ve de che le i si pr e o ccupa inutilme nte ? E mi dica: co sa ne llo spe cifico le inte re ssa de gli uo mini? - Be h… mi ver go gno un po ’ a dir lo… - dissi dive ntando tutta r o ssa sulle guance . - Suvvia, so no un me dico , a me può dir lo . - Ehm… inso mma… - mo r mo r ai ancor più co ntr ita, quasi r acchiude ndo mi all’ inte r no de lle spalle pe r nasco nde r mi – de gli uo mini m’ inte r e ssa que llo che te ngo no ne i pantalo ni, ma mi ver go gno a dir lo . - Suvvia, lo dica, si e ccita quando lo tir ano fuo r i dai pantalo ni , ve ro ? - Ehm… be h… ecco … sì… mi piace … … mi piace to ccar lo , far lo mio , co cco lar lo e pr e nde r lo tutto … ma anche quando lo tir ano fuo r i dalla giacca… - Dalla giacca? ?? Ma che dice ?? ? C he cazz o c’e ntr a la giacca co l ca… cioè che giacca c’ e ntr a il ca… dannaz io ne le i mi co nfo nde … . che c’ e ntr a il cazz o co n la giacca? - No n c’e ntr a nulla infatti . Par lavo de l por tafo gli. Ecco , ve de ? N o n do ve vo dir lo . Sape vo che avre bbe avuto que sta r e az io ne … tutti hanno que sta r e az io ne quando lo dico … capisce ade sso do tto r e pe r ché so no malata? - Ma be ne de tta signo r ina, pr o pr io nie nte altr o le inte re ssa de gli uo mini? No n le piace ad e se mpio il lo r o or gano se ssuale ? - Sì, cer to che mi piace . - E allo r a? - E allo r a mi piace … è car ino … è una str ana co str uz io ne . Pe ccato no n si po ssa ave re se nz a tutto il r esto che gli sta into r no . - Ed inve ce in una do nna che le piace ? Se ntiamo … - Be h, o gni do nna è dive r sa. C iascuna ha la sua par tico lar ità. De lla sua infe r mie r a ad ese mpio mi piace il sor r iso . Q ue lla picco la fo sse tta che le si fo r ma sulla guancia mi piace r e bbe co spar ge r la di mar me llata d’ albico cche e le ccar la. So no malata co me dice que lla par lame ntar e , la Pir le tti, ve r o? Sia since r o co n me , la pr e go . Fo r se do vre i davve ro iscr ive r mi ad uno di que i co r si pe r guar ir e . - Ma no , no n dr ammatiz z iamo , e sisto no anche altr i mo di pe r r iappr o pr iar si di una “ sana e d e quilibr ata” se ssualità, e po i magar i le i no n è to talme nte o mo se ssuale co me cr e de . Pe r capir lo do vr e i, e hm, visitar la… do vr e bbe , e hm, to glie r si gli abiti e d acco mo dar si sul le ttino … - Sul le ttino ? - Sì - disse tr ade ndo una ce r ta e mo z io ne ne lla vo ce - co sì stabilir e mmo una vo lta pe r tutte se è ammalata o ppur e no . - E… do vr e i re star e co mple tame nte nuda?

18


- Sì ce r to – disse annue ndo me ntr e una str ana luce da satir o gli br illava ne gli o cchi. - E po i? - E po i la visite r e i, per bacco ! - E mi to cche re bbe ? - O vviame nte ! - Do ve ? - Innanz i tutto iniz ie re i co n una palpaz io ne ge ne r ale . - Me glio di no … se ntir e i il so lle tico … guar di se ci pe nso già mi scappa da r ider e . - Allo r a le palpe r e i i se ni… se ntir e bbe il so lle tico anche lì? - L ì no … - Ah be ne ! E co sa se ntir e bbe ? - N ie nte . - N ie nte ? C o me nie nte ? - N ie nte , nie nte , se glie lo dico si fidi. Z er o asso luto ! - Be h, que sto sar e bbe gr ave … e lì? Se ntir e bbe nie nte anche se la to ccassi lì? - L ì do ve? - L ì, lì – disse in mo do quasi se ccato indicando co n la te sta in dir e z io ne de l mio ve ntr e . - Ah, vuo l dir e il “ par adiso di Adamo ” ? - Sì, inso mma mi ha capito . - N ie nte da far e ! A par te il fatto che le co ste r e bbe un “ to t” , no n cre do che mi piace r e bbe e sser e to ccata lì. - Uhm… e que sta r e az io ne le i l’ ha o gni qual vo lta qualcuno la to cca? - Dipe nde … - Da co sa? - Dipe nde da chi mi to cca. - Q ue sto è no r male , ma mi faccia un e se mpio . - Be h, se mi to ccasse la sua infer mie r a… - Co mpr e ndo . Inve ce un uo mo?

19


- Un uo mo ? Di so lito gli uo mini no n so no br avi, per ò può capitar e che qualcuno co no sca il cor po fe mminile co me so lo una do nna può co no sce r lo . - Un gay? Un o mo se ssuale? Un bise ssuale ? - Vuo l dir e un malato ? Fo r se sì, chissà? Q uando mi è capitato no n mi so no po sta il pro ble ma, ave vo altr o a cui pe nsar e in que l mo me nto , mi cr e da. - T utto ciò è assai pre o ccupante . - Cr e de che sia stata infe ttata da qualche gay? – do mandai atte rr ita - Do tto re la pre go no n vo glio ave re “ un co mpo r tame nto mo lto dive r so dalla nor ma iscr itta in un co dice mor fo lo gico , ge ne tico , e ndo cr ino lo gico e car atte r o lo gico ” co me dice la B icaz z i. Vo glio se ntir mi do nna co mple tame nte , vo glio gr adir e il to cco di un uo mo anche quando no n è de licato , vo glio go de re quando lui mi pe ne tr a anche quando mi so ffo ca co n il pe so de l suo co r po , e ne l le tto vo glio be ar mi de lla sua pr e se nz a anche quando si addo r me nta subito do po l’ ample sso e r ussa. A vo lte pe nso a quanto siano for tunate le altr e do nne che no n hanno i pr o ble mi che ho io che inve ce so gno di assapo r ar e la fo sse tta che si fo r ma sulla guancia de lla sua infe r mie r a quando so rr ide ed immagino di sfior ar e la sua pe lle pr o fumata di cilie gie . Le i no n può sape r e quanto so ffro e cr e do che a que sto punto no n mi r e sti altr o che rasse gnar mi a far mi visitar e . “N o n si po sso no r o mper e le uo va se nz a far e la fr ittata” . Mi to lsi gli abiti e r imasi co me mamma mi ave va fatta. Il le ttino er a co mo do . Mi ci acco mo dai supina, ad occhi chiusi, str inge ndo i pugni co me chi atte nde il mo me nto in cui vie ne infilato l’ ago di un’ inie z io ne .

20


L a no st ra ca nz o ne

B asta un nie nte pe r inne scar e un rico r do : un o dor e , un sapo r e , o ppur e una musica. A tutti capita. E’ no r male . Pe r ò è qui che scatta la mia str ane zz a e quando que sto accade , se nto l' impulso di scr ive r e o gni pe nsie r o , co sì co me mi vie ne , se nz a cur ar e né gr ammatica né sintassi . E no n mi fe r mo fino a quando la mia anima no n è di nuo vo libe r a dal pe so che por to de ntr o . Fuo r i o gni co sa è imbiancat a di ne ve , e d il tavo lo che di so lito uso pe r lavo r ar e è r ico per to da fo gli scr itti in una lingua che per chiunq ue sare bbe inco mpr e nsibile . Li osse r vo me ntre so r se ggio il mio the , e le no te di “ Apo lo giz e ” so no anco r a appiccicate alle pare ti. L a vo ce calda e mor bida di R yan T e dde r ha po r tato via co n sé la no tte e d ha fatto po sto ad un nuo vo gio r no . “ Apo lo giz e ” è una di que lle canz o ni sulle quali ci si può tr anquill ame nte mo r ire , do ve il co r po dive nta qualco sa di supe r fluo . Fa ve nir e i br ividi. A lungo so no stata ad asco ltar la, pe r ché è ancor a vivo il r ico r do di un’ altr a no tte in cui tu la suo navi pe r me al piano fo r te . Q ue lla no tte in cui me ne so no andata via se nz a dar ti una spie gaz io ne . Anche que lla vo lta, co me ade sso , l’ ave vo dipinta sul vo lto que sta mia so lita do lor o sa malinco nia, e se nz a dire una par o la so no fuggit a. Q ue lla musica appar tie ne anche a te , o r mai, e so che o gni vo lta che l’ asco lte r ai ti r icor de r ai i mie i lunghi cape lli che hanno il mio pro fumo par tico lar e . Q ue sti cape lli, ne r i co me la no tte se nz a luna, e d i mie i occhi, chiar i, ed il mio so rr iso . Ma ade sso me ne so no andata, no n ci so no più, e que sti cape lli, que sti o cchi, que sto sor r iso , no n so no più tuo i. For se so no di qualcun altr o , o ppur e ho so lo de ciso di te ne r li pe r me . G uar do la taz z a o r mai vuo ta e mi se nto co me le i, vuo ta, co me un amo re co nsumato . Co n te so no cambiata e d anche tu... no n so se di que sto po ssa andar ne fier a. In fo ndo no n abbiamo il dir itto di cambiar e ne ssuno . Ma io so di e sser e e ntr ata de ntr o il tuo cuor e , di e sser mi impo sse ssata de l tuo sangue , de lle tue ossa, de lle tue viscer e . So no stata l’ ur agano che ha spazz ato via tutto . E tu hai fatto lo ste sso co n me . N o n e r a in que sto mo do che do ve vano andar e le co se , ma è co sì che so no andate , lo sai… e sattame nte co sì. N o n abbiamo po tuto far ci nie nte . E sai che de vi dime nticar mi, co me si dime ntica un so gno . De vi far te ne una r agio ne … do bbiamo far ce ne una ragio ne . Anche se alla fine pe nso che no n e sista una r agio ne , ma so ltanto una canzo ne impo ssibile da dime nticar e .

21


Б елы е но чи - L e no tt i bia nc he

C i so no per so ne che hanno un do no , Ir ina. Q ualco sa di par tico lar e , unico , a

cui è impo ssib ile r e siste re . Un te so r o che una vo lta sco pe r to no n si può dime nt icar e , no n si può no n de side r are , no n si può no n vo le r r ubar e ...” * ** Pio ne r skiy pr ud è un picco lo spe cchio d’ acqua all’ inte r no de l Par k Go r ’ ko go , vicino all’ e ntr ata di Sado vo ye Ko l’ tso . Il suo no me sta lì a r ico r dare i te mpi in cui cer ti ide ali ave vano anco r a un se nso , e pe r r e nder e o maggio a que i gio vani ai quali il r e gime ave va affidato un co mpito be n pr e ciso : manife star e l’ or go glio de gli e re di de lla r ivo luz io ne . De i pio nie r i, pr ima de lla caduta de ll’ Unio ne So vie tica, ave vano fatto par te tutt i: maschi e fe mmine indistinta me nte . Er a impo ssibile per chiunque no n ave r la indo ssata que lla divisa co n l’ immancabile faz zo le ttino r osso al co llo . Par te cipar e alle r iunio ni e alle attivit à gio vanili che il Par tito di tanto in tanto “ co nsigliava” e r a o bbligato r io . C o m’e r a o bbligato r io par te cipar e alle ce le br az io ni de lle fe ste naz io nali. Sar e bbe stato infatti impo ssibile r ifiutar si, se mpr e che no n si vo le sse dimo str ar e di no n se ntir si par te de l po po lo , r asse gnando si ad e sser e so ttilme nte ma ine vitabilme nte me ssi in dispar te pe r il re sto de lla vita. D’ inve r no il laghe tto ge la e d è se mpre un gr an viavai di patti nato r i sul ghiaccio : bambini, adulti, uo mini, do nne , ad o gni o ra de l gio r no . Ma in que lla tie pida se r ata di fine giugno c’e r a po chissima ge nte . Io camminavo davanti , bar co llante for se pe r i tacchi tro ppo alti e no n adatti all’ accio tto lato di pie tre e sassi, o ppur e pe r via di que l fre sco vino che ave va acco mpagnato la no str a ce na. Ero so ddisfat ta. Avve r tivo il suo sguar do su di me , die tr o di me , me ntr e i timidi r aggi de lla luna si rifle tte vano sul te ssuto ar ge nte o de l mio ve stito le gge r o e mi acce ntuavano le fo r me là do ve lui dice va se mpr e che e ro pe r fe tta. Pe r fe tta… me lo ripe te va se mpr e . Per fe tta in tutto , e pe r fe tta sare i stata fino a quando gli ave ssi co nce sso qualsiasi co sa, acco nte ntando lo in o gni suo de side r io . Sape vo che no n avr e i do vuto mo str ar mi co sì so tto me ssa. G li uo mini te ndo no a stancar si di chi co nce de tr o ppo e tr o ppo facilme nte , e fo r se avre i do vuto r ifiutar mi di se guir lo in que lle tr asgr e ssio ni in cui lui abilme nte sape va co invo lge r mi. G uar dando mi allo spe cchio , spe sso mi chie de vo se fo ssi davve ro io que lla che vi ve de vo r ifle ssa; pr ima di co no scer lo mai mi sar e i so gnata di ar r ivare a ge stir e la mia se ssualità in que l mo do , e il tutto e r a or mai dive ntato co me una do lce dro ga pe r me . Una gabbia do r ata dalla quale mi er a impo ssibile uscir e . E di lui, po i, ne er o pazz a e pr o vavo un per ve r so , inte nso piace re ne l co nstatar e o gni mo me nto quanto mi de side r ava. Un de sider io che r ase ntava la fo llia. N o n r iuscivo a ve der lo in vo lto , lo se ntivo pe rò camminar e die tr o di me e , co no sce ndo lo , sape vo che si stava ine br iando de l mio o dor e . L’ o dor e di un o r gasmo che mi er o data da so la, in pie di di fr o nte ad uno spe cchio ne l bagno di que l r isto r ante co me lui ave va vo luto . C o me mi ave va or dinato . Ma anche se e sausta di piace re , se ntivo che il de side r io in me no n si er a anco r a de l tutto placato , e la vo glia mi gr idava fo r te de ntr o . L a r isata ge nuina, il bar co llare un po ' ince r to e la car ica se ssuale che mi r ie mpiva di adre nalina mi re nde vano par tico lar me nte attr ae nte , lo so . Sape vo di e sse r e pre da, ma anche cacciatr ice ; pe r ce pivo co n quanta inte nsità avr e bbe

22


vo luto az z annar mi, e sape vo anche do ve la caccia si sare bbe co nclusa. L ’ auto l’ ave vamo par che ggiata ne i pr e ssi de ll’ e ntr ata de l par co , iso lata in un ango lo po co illumina to . N o n lo ntano , so tto la luce di un lampio ne , l’ acqua zampillava dalla so mmità di una fo ntana e d e se guiva picco li salti, dispe r de ndo si in mille r ivo li de ntr o la gr ande vasca. “ C o me pe nsie r i che sgo r gano impe tuo si e si scio lgo no ne l mare de i se nsi” pe nsai. E vo ltando mi lo str insi a me cer cando la sua bo cca pe r far mi baciar e . Se ntii il suo abbr accio so ste ne r mi, for te , e la sua mano che so tto la go nna m’ accar e zz ava impude nte e d avida là do ve la mia nudità spr igio nava acr e l’ ar o ma de l se sso ... e mi e ccitai anco r di più. In que l sile nz io si se ntiva so lo il mio re spir o pr o fo ndo , caldo , bagnato … Er o un’ ar tista in que l ge ne r e di co se . O r mai ave vo impar ato tutto que llo che c’ er a da impar ar e , ma anche se sape vo di po te r r ecitar e la mia par te di amante pe r fe tta o vunque e co n chiunque , so lo lui er a capace di far mi dive ntar e co sì spudo r ata, disinibita , co mple tame nte dispo nibi le co me in que l mo me nto . Mi ve niva natur ale e lui mi ammir ava pe r lo str ao r dinar io tale nto che po sse de vo ne l tr asfo r mar e il se sso in qualco sa di sublime . Er a un do no , dice va, e d o gni vo lta che mi ve de va co sì, fuo r i di me dalla vo glia e dall’ e ccitaz io ne , mi co nfe ssava che l’ aver mi inco ntr ata in que l gio r no lo ntano , quando anco r a ace r ba e d inge nua no n er o co nsape vo le de lla fo rz a de lla mia se nsualità , e r a stata la sua più gr ande for tuna. Ed anche la mia pe r ché co n lui er o dive ntata davve r o pe r fe tta. C o n vo ce r auca pe r l’ e ccitaz io ne mi co nfe ssò che ave va vo glia di me . Subito . Se nz a atte nde r e r ispo sta mi girò br uscame nte schiacciando m i co ntr o il co fano de lla macchina. Guidò la sua mano so tto la go nna e l’ alz o ' co mple tame nte sco pr e ndo mi i glute i e d e spo ne ndo il mio se sso dischiuso dal piace r e . C hinando si affo ndò la sua bo cca de ntr o di me co n vo glia. Mi le ccò e mi assapo r ò co me un fr utto succo so e pr e libato . Po i, r isale ndo piano , mi baciò sul co llo , mi mo r dicchiò i lo bi de lle or e cchie e sdr aiando si sulla mia schie na, mi avvo lse co n le br accia blo ccando mi il se no co n le mani. Mi disse che ave vo il se no caldo , me ntr e co n le dita mi to r tur ava i cape zz o li indur iti . Io inve ce no n riuscivo a par lar e . T e ne vo la faccia schiacciata co ntr o la lamie r a de l co fano , co mple tame nte in suo po ter e . Sape va di po te r fare di me ciò che vo le va. In que l mo me nto no n esiste vo ; er o so lo la mate r ializ z az io ne de l suo de side r io , lì so lo per lui e no n m’ impo r tava se qualcuno passando per caso ci ave sse visti me ntr e stavamo sco pando . Anz i, la so la ide a che po te sse accade r e mi stuzz icava la fantasia e d ave va l’ e ffe tto di e ccitar mi anco r a di più. Amavo e sse r e po sse duta in que l mo do . Allar gai anco r più le gambe pe r go der e de lle sue car ez ze , assapo r ando o gni istante che pr e ce de va que ll’ animale sco acco ppiame nto . L ui mi tir ò co n atr o ce do lce zz a i lunghi cape lli co str inge ndo mi ad alz ar e il viso e d io , pie gando le gino cchia in mo do da agganciar lo , lo anco r ai a me e lasciai che il suo me mbr o dur o pulsante , or mai libe ro dall’ inutile sto ffa de i pantalo ni, mi e ntr asse de ntr o scivo lando in que lla fo ntana ne lla quale si er a bagnato tante vo lte . Ve nni pe r pr ima io , co me se mpr e accade va, ma atte si che anche il suo de side r io mi esplo de sse de ntr o r ie mpie ndo mi, e po i si placasse pr ima di sussur r ar gli par o le che , pr ima di lui, no n ave vo mai de tto a ne ssuno : “ Y a te bya lyublyu… ” 1

1

In Russo: Ti amo

23

Piccolissime storie  

Una storia non occorre che sia grande...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you