Page 1

L ei… L ui… Una not t e

I fatti non accadono mai per caso. Sono sempre conseguenti ad altri fatti, e quasi mai accadono improvvisamente. Esiste negli eventi una gradualità, una scala che si sale o si discende, un gradino per volta… forse anche due, tre gradini per volta, ma sempre seguendo un percorso. Ci sono momenti in cui si deve faticare per inerpicarsi, e momenti in cui, invece, si precipita… anche troppo in fretta, fino a farsi male. Ma le scale della vita non possiedono una loro geometria, non seguono regole prospettiche razionali e coerenti. Possono essere scese quando invece si vuol salire, e viceversa. Come nelle figure di Maurits Escher, non esistono punti di riferimento, e sempre si è costretti a procedere seguendo l’intuito. Il nome l'aveva cambiato col tempo. Quello vero era soffocato sotto una montagna d’altri nomi più o meno esotici, ma fra tutti, quello che preferiva, in quella fase della sua vita, era Klára. E Klára non sapeva in quale punto esatto della scala impossibile di Escher si trovava. Più volte aveva cambiato direzione, salendo e scendendo, e poi risalendo e ridiscendendo ancora, in un dedalo confuso del quale solo lei possedeva un’approssimativa mappa. Nessun altro avrebbe potuto districarsi in quel labirinto tutto suo. Chiunque, anche se avesse seguito esattamente il suo percorso, si sarebbe ritrovato da tutt'altra parte. Si era data per soldi così tante volte che, spesso, neppure ricordava che nella sua vita c’erano stati momenti in cui il piacere lo dava per riceverlo, in uno scambio reciproco e non come avveniva fra puttana e cliente. Ma accade che proprio nel percorrere certe scale dalla prospettiva impossibile s’incontri chi, procedendo nel senso inverso al nostro, non sa dove andare. Perfetti estranei con i quali è possibile vivere brevi ed intensi attimi. Uomini o donne… è irrilevante. Ciò che veramente conta è che possono farci dimenticare quello che siamo, mostrandoci ciò che potremmo essere. * **

A lle 18 :3 5 l’ ae r eo pro ve nie nte da Milano s’ ar r e stò al limite de lla pista d’ atte r r aggio de l picco lo ae r o por to di Fir e nze Per e to la. Sare i r ipar tita il gio r no do po . Pre si la sacca dal vano bagagli do ve l’ ave vo r ipo sta, e mi dire ssi ver so l’ uscita do ve ci sare bbe stato lui ad atte nde r mi.

S e duto su una po ltr o ncina po sta appe na fuo r i de lla gr ande po r ta dalla quale

sar e bbe ro uscit i i passe gge r i de l vo lo , R o be r to te ne va le dita de lle mani intr e cciate . Le muo ve va ne r vo same nte , co me pe r scar icar e l' ansia che gli pr o cur ava que ll’ at te sa. Er a all' ae ro po r to pe r inco ntr ar e una do nna de lla quale co no sce va so ltanto il no me : Klár a. No n r iusciva anco r a a cre de r ci. Alme no no n fino a quando no n l’ ave sse vista uscir e dalla gr ande por ta de gli ar r ivi. L ' ave va co no sciuta navigando in inte r ne t. Fre que ntava lo ste sso gr uppo di discuss io ne do ve le i pubbl icava de i br e vi r acco nti e ro tici dal for te sapo r e saffico . Anche se all’ iniz io Klár a s’ e r a mo str ata mo lto diffi de nte ne i co nfr o nti di chiunq ue vo le va co no sce r la, e ra r iuscito paz ie nte me nte ad o tte ner e il suo co ntatto in me sse nge r e , piano piano , ave va iniz iato ad ave re co n le i una picco la re laz io ne vir tuale . All’ in iz io si scambiavano co mme nti e giud iz i sui r acco nti che le i scr ive va e sulle per so ne più biz z arr e che fr e que ntavano il gr uppo . Po i gli ar go me nti ave vano imbo ccato una str ada più per so nale , e d e r ano ar r ivati fino al punto di co nfidar si pe nsie r i più intim i. Er a stato co sì che

1


le ave va co nfe ssato que llo che , da se mpr e , er a il suo de side r io er o tico : una no tte di se sso co n una le sbica. Magicame nte e d inaspe tt atame n te que sta sua fantasia e ra stata acco lta da Klár a, la quale se nz a alcun indugio gli ave va manife sta to l' inte nz io ne di so ddisfar e que l suo so gno . Fino ad allo r a le uniche le sbiche che ave va co no sciuto no n lo ave vano mai stimo la to . Q uasi mai fe mmini li, asso migliava no più a de i maschi e ffe minati che a que lle figur e er o tiche impr e sse ne ll’ immag inar io di chi, co me lui, e ra abituato a co nsumar e film po r no gr afici do ve be llissime amazz o ni mischiavano i lo r o co r pi do nando si re cipr o co piace r e . Q ue ll’ ide a di le sbica che lui ave va in me nte si er a pe r ò mate r ializ z ata co n Klár a, pr o tago nista inco nsape vo le di mo lti de i suo i mo me nti d’ auto e r o tismo , che par e va e sse r e l' e sse nz a ste ssa de lla se nsualità . R o be r to no n co no sce va l’ aspe tto di Klár a. N o n e r a r iuscito ad ave r e alcuna fo to da le i, no no stante gli ave sse mo str ato la sua. Klár a ave va mo tivato que l suo miste r io so ne gar si co me la fase di un gio co ne l quale vo le va e sse re le i la r e gista. E lui ave va acce ttato . Al pe ggio gli sare bbe po tuto capitar e di tr o var si di fr o nte una do nna no n cor r ispo nde nte ai cano ni che si e r a pr e figur ato ; in tal caso , se pro pr io no n fo sse stata di suo gr adime nto , avr e bbe inve ntato una scusa pe r de filar si.

D i uo mini sui quar anta ad aspe ttar e fuo r i dalla po r ta de l gate d’ ar r ivo , c’ e r a so lo lui. N o n e bbi diffico ltà ad ide ntificar lo , anche per ché l’ ave vo già visto in una fo to gr afia. Ave vo vo luto co no sce r ne l’ aspe tto pr ima di acce ttar e que llo str ano inco ntr o . Un inco ntr o ano malo per me che , da qualche te mpo or mai, r ifiutavo o gni r appo r to co n pe r so ne co no sciute ne l we b. Pe rò , co nside r ato lo spir ito che e ra eme r so dalle co nver saz io ni in me sse nge r , lui par e va e sse r e pr o pr io l’ uo mo giusto pe r re alizz ar e la mia par tico lar e fantasia che altr i avr e bbe ro fo r se re putato e cce ssivame nte per ve r sa. N o n gli ave vo r ive lato anco r a nie nte e no n sape vo co me lui l' avr e bbe pr e sa. Se sar e bbe stato e ccitato dall' ide a o ppure se l’ avr e i visto fuggir e via o ffe so e te r ro r izz ato . In o gni caso Er o lì pe r r ealiz z are il suo so gno , che er a que llo di far e se sso co n una do nna co n chiar e te nde nz e o mo se ssuali e mi atte nde vo da lui la ste ssa pr o pe nsio ne a so ddisfar e anche i mie i de side r i. Al pe ggio , se lui ave sse tr o vato de lle diffico ltà , mi sare i de filata e ducatame nte , magar i adduce ndo la classica scusa de l mal di te sta. L o salutai co n un ce nno de lla mano face ndo mi r ico no sce re , anche se sape vo be nissimo di esse re già stata inte r ce ttata dal suo sguar do .

R o be r to stir ò le gambe alz ando si dalla po ltr o ncina o ve e r a se duto e le andò inco ntr o . - C iao ! – disse Klár a me tte ndo gl i le br accia atto r no al co llo e bacian do lo te ne r ame nte sulle guance . - C iao ... - r ispo se lui intim id ito da que ll’ inat te so e d inspe r ato slancio d’ affe tto . L a scr utò . Klár a no n ave va asso lutame nte nie nte di masco lino , anz i e ra mo lto fe mmini le . Ave va lunghi cape lli ne r i e d un vo lto gr ade vo le dai line ame nti de licat i, sul quale r isaltavano de i lumino s i o cchi chiar i. Er a esattame nte co me l’ ave va co nce pita co n la fantasia e co me più vo lte le i si er a de scr itta.

2


Un' immag ine impal pab ile che , fino a que l mo me nto , lui ave va so lo sper ato fo sse ver a. E fo r tunatame n te lo e ra. Indo ssava una minigo nna mo lto ader e nte che face va r isaltar e le gambe affuso late , co n caviglie str e tte ancor più valo r izz ate da de i le gge r i sandali che cinge vano de i pie di be n cur ati. Un to p e lasticiz z ato esaltava il r igo nfiame nto de l suo se no , no n tr o ppo gro sso ma appar e nte me nte so do de l quale si no tavano chiar ame nte le pr o tube r anz e de i cape zz o li. A tr aco lla po r tava un’ ano nima sacca da viaggio . Ave ndo le tto i suo i r acco nti e co no sce ndo la sua e sper ie nz a di e scor t, se l’ e r a immag inata ve stita co n abit i fir mati e tr asudanti o pule nz a. Inve ce , nie nte di tutto ciò . Pur mante ne ndo un lo o k r affinato , Klár a no n indo ssava nie nte di e cce ssivame nte co sto so . Lo no tò e si chie se se que l suo pr e se ntar si ve stita in mo do se mplice no n fo sse altr o che un se gno d’ amiche vo le co nfide nz a che le i gli stava dimo str ando .

D al suo sguar do capii di piace r gli mo lto . Anche lui er a gr ade vo le d’ aspe tto .

Alto , br uno , fisico asciutto , o cchi pr o fo ndi, mo ve nz e no n impacciate , e mani be n cur ate . C o me se mpr e , quando inco ntr avo qualcuno fuo r i dal lavor o , no n indo ssavo abiti tr o ppo gr iffati. N e lla vita pr ivata e co n le pe r so ne che co nside r ava amiche , ce r cavo d’ e sser e più se mplice po ssibile . “ Mo str ate vi se mpr e un gr adino so tto . N o n siate tro ppo appar isce nti. No n oste ntate o pule nz a. No n acce nde te tr o ppo la vo str a luce , ché la luce attir a gli inse tti.” . Anche a distanz a di tanti anni se guivo se mpr e i co nsigli di Vlada. C o nsigli che si er ano r ive lati validi in o gni o ccasio ne . - Hai altr i bagagli? – mi chie se co ntinua ndo a scr utar mi co n un so rr iso co mpiaciuto . - No , ho tutto ne lla sacca. Ripar tir ò do mattina e d ho por tato co n me so ltanto lo str e tto ne ce ssar io . Mi do mandai se ave sse per ce pito la pr e dile z io ne che ave vo pe r cer ti co nge gni e ro tici. Ave vo pe nsato a que sto quando , ne l pre par ar e la sacca, ci ave vo infilato que lla co se tta che per lui sar e bbe stata una so r pre sa. - C he effe tto ti fa ve der mi qui? Pe nsavi che no n sare i ar r ivata, ve ro ? - No n er o cer to che sar e sti appar sa da que lla po r ta. Ma ade sso che ci se i so no fe lice .

K lár a er a ve r ame nte una be lla do nna e pr o fumava di fr utti di bo sco . Ro be r to si do mandò se fo sse davve r o le sbica me ntr e l’ acco mpagnava do ve ave va par che ggiato l’ auto . Le i l' ave va più vo lte scr itto ne i suo i r acco nti d’ e sser e bise ssuale , quindi di gr adir e in ugual misur a sia gli uo mini che le do nne , ma no n si se ntiva di chie de r le i de ttagli pr o pr io in que l mo me nto . Pe nsò di far lo più tar di, a ce na. - Do ve mi po r ti? – gli chie se Klár a me ntr e per co r re vano il viale che si dir ige va ve r so la città . - Pe nsavo di ce nare in un lo cale car atte r istico . Una tipica tr atto r ia to scana.

3


- Per ché no ? Ho una fame ! Una tr atto r ia in ce ntr o vicino al Po nte Ve cchio ? - Per la ve r ità avre i sce lto un po sto in co llina, ma se insist i cambio str ada e ti po r to in ce ntr o . - No , no , va be ne . Mi fido de lla tua sce lta. Imbo ccar o no Via B o lo gne se , la str ada che da Fir e nz e co nduce in co llina, e quando giunse r o ad uno spiazz o da do ve po te va e sse r e gustato il pano r ama, Klár a gli chie se di fe r mar si. - C he be lla è Fir e nz e vista da qui. – gli disse guar dando in lo ntananz a le luci de lla città imme r sa in una lie vissim a fo schia. - Ave vo per ce pito que sto tuo aspe tto ro mantico . Anche se lo masche r i so tto uno str ato di sano cinismo , alla fine vie ne fuo r i. - Ade sso mi fai arr o ssir e . T i se i fatto que st’ ide a di me? - E' l' impr e ssio ne che dai a chi le gge i tuo i r acco nti. - L' impr e ssio ne a vo lte inganna… Anche dalla te r r az z a de l r istor ante si go de va una be lla vista pano r amica de lle co lline cir co stanti Fir e nz e . Klár a se mbr ava r e alme nte so ddisfat ta d’e sse re lì. A R o be r to par e va di co no scer la da se mpr e . No n er a mai stata de l tutto un’ e str ane a pe r lui. L a le ttur a de i suo i r acco nti e le lunghe discussio ni in chat, gli ave vano pe r me sso di co no sce r la un po ’ . Se ntiva che in co mune ave vano lo ste sso mo do d’ inte nde r e alcuni aspe tti de lla vita. Entr ambi er ano dispo sti ad acce ttar e quals iasi tipo d' e sper ie nz a se ssuale fo sse stata lor o pr o po sta ed il gio co de gli sguar di co ndito da disco r si intr igan ti , que lla se r a, accr e bbe r o in lui la vo glia di co no sce r la ne ll' in tim ità’ di una stanz a da le tto .

S tavo be ne lì. Mi piace Fir e nze . Sicur ame nte no n ave vo acce ttato

que ll’ appun tame nto so lo pe r que lla r agio ne , ma de ntr o di me se ntivo che no n avr e i avuto lo ste sso e ntusiasmo qualo r a si fo sse tr attato di una dive r sa città. R ipe nsai ai mo tivi che m' ave vano co nvinta ad inco ntr ar lo . O vviame nte mo lto impo r tante e r a il fatto di aver lo tr o vato re ce ttivo ne i co nfr o nti di un ce r to tipo di se sso . L o co nside r avo un no n banale e , pe r cer ti aspe tti, pro pe nso anche a far e que i gio chi che ave vo in me nte . C io ’ m’ intr igava, ma il mo tivo ve r o per il quale ave vo intr apr e so que l viaggio e r a il fatto che lui fo sse un estr ane o . Sì ce r to , c’ er avamo fre que ntati vir tualme nte , ma in re altà no n ci co no sce vamo pe r davve r o . - Se i fe lice di esse re qui stase r a o cr e di di ave r fatto un e rr o re ad inco ntr ar mi? - Per ché dici que sto ? No n avr e i mai affr o ntato un viaggio de l ge ne r e se no n fo ssi stata più che sicur a di que llo che stavo face ndo . - No n lo so . Fo r se è so lo una cer ta insicur e zz a che mi fa dire que sta co sa co sì scio cca. - Allo r a, io sar e i la falsa cinica, in r e altà una r o mantico na, me ntr e tu sar e sti il falso sicur o dive r so da co me ti mo str avi? Siamo una be lla co ppia di millanta to r i vir tuali, lo sai?

4


- T u no n millanti . Io già lo sape vo che e r i co sì co me se i. - Sì? E co me so no ? - Se i… tutto e d il co ntr ar io di tutto . Un cale ido sco pio dai mille co lor i che cangiano e che diso r ie ntano . L e gge ndo ti, a vo lte cr e de vo fo ssi finta e d ade sso che ti ve do mate r ializ z ata mi par e quasi che tutto que sto no n e sista. C he sia so lo un so gno . - Inve ce no n lo è … - Di me che ide a ti se i fatta? - Se i inge nuo ... o for se no , no n sapr e i. A vo lte se mbr i co sì disincantato ... inve ce , ade sso , mi par i inno ce nte … e cco , que sto è il te r mine più giusto : inno ce nte . - E que sto mi r e nde me no inte r e ssante ? - Asso lutame nte no . M’ incur io sisci. Vo r re i sco pr ir e fin do ve si spinge la tua inno ce nz a. - E allo r a? - E allo r a va be ne co sì, altr ime nti no n sare i qui. Tr o ppo spe sso ho avuto a che far e co n pe r so ne che face vano di tutto per appar ire ciò che avre bbe r o vo luto e sser e e che assume vano atte ggiame nti da macho per affascinar mi. - Fo r se di me ti se i fatta un’ ide a sbagliata . C hissà, po tr e i e sser e mo lto dive r so da que llo che immagini io sia... - So no qui per sco pr ir lo . G li so rr isi. Er a sco ntato che do po la ce na sar e mmo finiti a le tto , e no n ci sar e bbe ro stati so ldi in mez zo .

5


Lei… lui… sono soltanto suoni. Parole. Nient’altro che vocaboli creati per definire il femminile ed il maschile. Ma quante parti di maschile e femminile convivono fra le pieghe dell'essere celate agli occhi di tutti dal velo dell'ipocrisia? Lei... lui, si compenetrano, sono tutt’uno, così si compie il miracolo della completezza, quello che l'istinto ci obbliga a ripetere… senza fine. In un incessante rito uniamo i corpi come se con quell’atto potessimo mescolare anche le nostre anime. Lei… lui... camminavano tenendosi per mano. Avevano lasciato l’auto in un garage nei pressi di Piazza del Duomo, ma nessuno dei due aveva fretta di arrivare a quell'attimo che entrambi sapevano sarebbe arrivato. La cena era stata piacevole, intima. Lui non si era sentito di chiederle della sua omosessualità; lo riteneva un argomento troppo delicato per essere affrontato crudamente, faccia a faccia. Essere lì, guardarla negli occhi, non era esattamente la stessa cosa che parlarle a distanza,tramite chat. * **

S tavo be ne co n R o be r to . Ave va la mano asciutta , de licata ma for te e dal suo

to cco no n tr aspar ivano se gni d’ ansia, pe r ò avve r tivo che in lui c’e r ano anco r a tante do mande che , fo r se per pudo r e , no n ave va avuto il co r aggio di far mi. C o no sce vo be ne la sua fantasia . Er o a Fir e nz e pro pr io pe r r ealiz z ar la; pe r r e nder la co ncre ta. Ma er o lì anche per mate r ializ z are la mia, di fantasia, que lla che anco r a lui no n sape va. Vo lli par lar gli de lla mia bise ssualità, e di co me ave vo sco pe r to di de side r ar e , o ltr e agli uo mini, anche le do nne . - No n so no se mpr e stata le sbica… fino a dicianno ve anni no n lo sape vo . Er o ce r ta che mi piace sse ro so lo gli uo mini. Po i è avve nuto qualco sa che mi ha cambiata de ntr o e d ha mutato co mple tame nte l’ ango lo di visuale dal quale o sser vavo il mo ndo . - Vale a dir e ? - Mi so no innamo r ata. - Di una do nna? - Sì… - Er a be lla? - Lo e r a… ma no n è pe r que l mo tivo che mi so no innamo r ata di le i e no n cr e do che il mo tivo r iguar di no i due , ade sso … e ra so lo pe r dir ti che può accade r e che si sco pr a di de side r ar e qualco sa di dive r so da ciò che abbiamo se mpre cr e duto . E in que ll’ istan te tutto cambia. Basta un inco ntr o co n chi ci mo str a co lo r i che no n abbiamo mai visto , pe r to glie r ci de finitivame nte dagli occhi que l ve lo d’ ipo cr isia co n il quale ve niamo al mo ndo . - Hai r agio ne , viviamo atto r niati dall’ ipo cr isia e spe sso ci ade guiamo , abituan do ci a le i se nz a r e nder ce ne co nto . Ma io e te no n siamo co sì. Io se nto che abbiamo mo lte co se in co mune . Pr ima, al r isto r ante , quando par lavi già sape vo in anticipo co sa avr e sti de tto . No n ti par e significh i qualco sa? - Ce r to … no n so no ve nuta qua se nz a co nside r ar e be ne co n chi mi sar e i inco ntr ata, anche se pe r me se i un estr ane o . Tu re puti que sto mio ge sto avve ntato ? Dimmi se ho fatto male ad inco ntr ar ti… ti co no sci me glio di quanto

6


può co no sce r ti chiunque altr o … hai de tto che se nti di ave r e una ce r ta affinità co n me e di capir e in anticipo i mie i de side r i o , quanto me no , di pe r ce pir e il se nso de lle par o le che no n ho anco r a de tto … r ispo ndimi, dimmi se se i la pe r so na giusta per me … stano tte . - Per rispo nde r ti do vr e sti far mi capir e i che co sa ti atte ndi dalla “ pe r so na giusta” … ma cre do di sape r lo . - Davve ro ? - T i atte ndi qualco sa di dive r so , un' e spe r ie nz a nuo va e d e ’ in que sto che siamo affini, dato che anche io mi atte ndo qualco sa di simile da te . - Cr e di davve ro che far se sso co n una le sbica sia dive r so dal far lo co n una qualsiasi altr a do nna no n omo se ssuale ? - Q ue sto no n lo so anco r a. Di sicur o so che far lo co n te sar à dive r so dal far lo co n qualsiasi altr a do nna a pre scinde r e . - Lo cr e di davve r o ? Mi avvicinai co l vo lto e co n la bo cca, lasciando che lui mi co glie sse le labbr a. Mi fe ci assapo r ar e e d in que l br e ve bacio avve r tii mo lta do lce zz a. No n ansimava, no n tre pidava, no n te ntava ne ppur e di to ccar mi que lle par ti de l co r po in cui, no r malme nte , gli uo mini eccitati cer cano di affo ndar e le mani. Se mplice me nte si limitava a sfior ar mi le labbr a mo r dicchiando le co n le sue in un gio co in cui, una vo lta tanto , no n e r a la lingua ad e sser e pr o tago nista.

-

E’ be llo il tuo appar tame nto ! Mi piaccio no i so tto te tti .

- T i piace ? N o n e ’ gr andissimo ma pe r un single è più che sufficie nte . - Ha anche una be lla vista… hai la fo r tuna di affacciar ti alla fine str a e di ve der e il D uo mo . T i dispiace se do un' o cchiata? So no cur io sa di co no sce re di te il più po ssibi le e le case , co me sai, dico no mo lto su chi le abita. - Fai pur e , ma no n avr ai mo lto da guar dar e … so no so lame nte se ttanta me tr i quadr ati . R o be r to se guì Klár a in que lla sua e splo r az io ne de lla casa, e talvo lta gli spaz i e r ano co sì r istr e tti che gli capitava di str usciar si co ntr o il suo cor po . Il bacio che le ave va dato in str ada e que l se ntir e il suo calo re di fe mmina, accr e bbe in lui la vo glia di po sse der la. Ma no n si azz ar dò a blo ccar la me ntr e le i si muo ve va cur io sa da una stanz a all' altr a. Sape va che tutto do ve va iniz iar e da le i. Fin quando si r itr o varo no ne lla stanz a da le tto . La fissò a lungo , se nz a par lar e , aspe ttando da le i un ce nno , che pr e nde sse l' iniz iativ a. Fu a que l punto che Klár a gli po sò una mano sulla sua guancia e l' accare zz ò . Istintiva me nte lui r ispo se a que l ge sto adagian do si co n il vo lto de ntr o il palmo de lla sua mano , che e r a mo r bida e calda. Er a co nquist ato dal pr o fumo de lla sua pe lle , un misto di fr utti di bo sco e d ambr a, ma no n sape va co me ro mpe re il ghiaccio . Klár a er a le sbica, glie lo ave va appe na co nfe r mato , quindi avre bbe mate r ializ z ato la sua fantasia, per ò de ntr o di sé se ntiva che anche le i vo le va qualco sa da lui e no n r iusciva ad inquadr ar e be ne co sa que lla sple ndida do nna de side r asse . Le passò le dita fr a i cape lli e d iniz iò ad accare zz ar li. Anche Klár a inco minciò ad accar ez z ar lo sce nde ndo co n i

7


po lpastr e ll i lungo la sua schie na. I suo i mo vime nti e r ano de licati co me que lli di una piuma e que i to cchi lo so lle ticava no pr o vo cando gli de i br ivid i lungo tutto il co r po . Anco r a una vo lta avvicinar o no le labbr a, sfio r ando si fugace me nte , se nz a mai e ntr ar e de l tutto in co ntatto , fino al mo me nto in cui le lor o bo cche dive nne r o tutt' u na. Klár a er a calda, appassio nata , mo lto più fe mmina di quanto ave va po tuto immag inar e . L a baciò a lungo . L ' ide a che s’e r a fatto di le i le gge ndo i suo i r acco nti e ra dive r sa. N e i r acco nti spe sso si mo str ava cinica, dur a, se mpr e pr o nta a me tte r e in diffico ltà le pe r so ne . In que l mo me nto inve ce la se ntiva me ntr e si scio glie va fr a le sue br accia, do lce me nte . Ma allo r a, in re altà, chi e co s' er a Klár a? Si r ipe té più vo lte que lla do manda se nz a tr o var e una r ispo sta.

L e sue mani m’ accar ez z avano i se ni. N o n po r tavo il re ggise no e que sto gli

co nse ntiva d' e ntr ar e in co ntatto co n i cape zz o li che mi face vano quasi male da quanto e r ano tur gidi. L ui mi to lse pr ima il to p e lasticiz z ato , che mi fe ci scivo lar e via dalla te sta, po i mi to lse la go nna. Anche io ne l fr atte mpo m’ er a data da fare per spo gliar lo e d in bre ve ci r itr o vammo nudi so pr a le le nz uo la. Po i mi car pì de licatame nte i cape zz o li fr a le labbr a succhiando li piano . Q ue ll’ uo mo co no sce va be ne le do nne e sape va quanto fastidio pro vo cava il mo do ir r ue nte che mo lti ave vano quando succhiavano . T anti no n si r e ndo no co nto che la vo r acità co n cui maltr atta no i cape zz o li, spe sso più che piace r e pr o vo cano do lo re . So pr attutto a chi co me me li ha e cce ssivame nte se nsibili. Fidando m i di que ll’ uo mo mi abbando nai, lasciando mi co nquistar e dalla sua bo cca che , se mpr e più audace , esplo r ava sapie nte me nte o gni par te de l mio co r po . N o n e bbi alcun r ite gno ne l mo str ar mi ingo r da ne l r ice ver e piace r e , e r aggiunsi più vo lte l’ or gasmo .

A ppe na la se ntì fr e me re R o be r to capì subito qual e ra la diffe r e nz a fr a Klár a e qualsia si altr a do nna che e r a giaciuta ne l suo le tto e d o vviame nte ciò no n dipe nde va dal fatto che Klár a fo sse le sbica. Er a il mo do che le i ave va di abbando nar si al piace re che lo stupì. L a se ntiva sua to talme nte . Ebbe vo glia di pe ne tr ar la, ma le i a que l punto se rr ò le co sce . - No ... no n ade sso . – disse Klár a ansimando . - Per ché no ? - No n mi piace far e le co se in fr e tta. E po i ho in se r bo una so r pr e sa. - Una so r pr e sa? - Sì, ma no n è anco r a il mo me nto .

S ape vo che anche lui ave va vo glia di r ice ve re la sua par te di piace r e e d in qualche mo do glie lo do ve vo , fo sse so lo pe r r ipagar lo de ll' impe gno che ave va pr o fuso in que l fantast ico gio co di lingua che m’ ave va mandata in estasi face ndo mi ve nire più vo lte . M’ alz ai, mo str ando gli que lla par te de l co r po che , se co ndo il pare r e di mo lti, e’ co nside r ata la più be lla… e la più de side r abile .

8


- C he co sa hai qui? – dissi scar tabe llando alcuni DVD tro vati sul r ipiano ove e r a appo ggia to il le tto r e di vide o co lle gato allo sche r mo T V. - So no de i film… li ho appe na acquista ti. Pe r ve de r li ne lle se r ate in cui so no da so lo . - Dai… no n ti atte ggiar e a po ve ro abbando nato . No n cr e do siano mo lte le se r ate in cui tu po ssa r itro var ti da so lo . So no cer ta che ci po r ti un sacco di r agazz e , qui… e hi, co sa e’ que sto ? “ B ir thday gir l” ! Lo hai già visto ? - No , no n anco r a. E’ que llo co n N ico le Kidman, ver o ? - Sì. Io l’ ho già visto . E’ un filme tto se nz a tr o ppe pre te se , pe r ò è una sto r ia dive r te nte , ve nata di te ne r ez z a co me que lle che piaccio no a me… lo sai che so no una ro mantico na. E po i le i re cita be nissimo la par te de lla r agazz a r ussa… o ltr e ad esse re una be llissima do nna. T i piace la Kidman? - Be h, sì… in effe tti, è una be lla gno cca. - Mo lti la co nside r ano algida, ma io cr e do che “ ispir i se sso ” . Te lo dico face ndo e mer ge r e il mio lato o mo se x. E po i ha un se de r e da sballo . No n pe nsi che abbia un se der e magnifico ? - Ehm… sì, be h… co munque anche il tuo no n è da buttar e . - Pe nsi che anche io abbia un be l cule tto ? - Ne visti po chi di co sì be lli, ti dico la ve r ità. O ltr e a que llo di N ico le Kidman, o vviame nte . - Allo r a vo rr e i che me lo massaggiass i co n de licate z z a, le ntame nte , ché mi piace - dissi r ito r nando a sdr aiar mi, bo cco ni, al suo fianco - piace anche te , ve ro ? Pe r ce pire l' e ccitaz io ne che cr e sce va in lui e ccitava mo ltissimo anche me . Er a avve nuto un po ' per caso , ma abilme nte ave vo saputo po r tar e il disco r so su que lla par te de l mio cor po che o gni uo mo , io lo so , de side r a vio lare .

9


Vlada diceva che il maschile ed il femminile sono come l’occhio destro e quello sinistro. Quando si osserva il mondo usando un solo occhio, lo si vede piatto, privo di prospettiva. Usando entrambi gli occhi, invece, l’immagine assume profondità. 'Lei' e 'Lui': etichette riferite agli organi genitali ma in fondo sono solo i desideri che identificano le persone.

-

T u cr e di che le do nne go dano co n il se sso anale ?

- Cr e do di sì. T u che mi dici? - Sai che co l se sso anale la do nna no n go de pe r la pe ne tr az io ne in sé , ma è un piace r e so pr attutto psico lo gico le gato all’ im magi naz io ne , unito fatto che spe sso si mastur ba me ntr e vie ne pe ne tr ata, che le fa r aggiunge r e l’ o r gasmo ? Se no n fo sse pe r la fantasi a e la stimo laz io ne de lla clito r ide , pr o ver e bbe so lo fastid io . D ive r same nte dagli uo mini che , inve ce , hanno pr o pr io ne ll’ ano una par tico lar e z o na er o ge na. - E a te piace far lo ? - Co sa? - Il se sso anale . - Hai anche de i filmin i po r no gr afici? – disse Klár a cambiando co me al so lito disco r so pr o pr io ne i mo me nti che pe r lui e rano i più e ccitanti . - No ... anz i sì, li ho – so rr ise R o ber to imbar az z ato – li te ngo de ntr o l' ar madio , vuo i ve de r ne uno ? - No . No n mi cre ano alcuno stimo lo e ro tico . So lo no ia. Per ché li tie ni nasco sti? T i ve r go gni a far li ve de r e in gir o? T e mi che , ve de ndo li, qualcuna che po r ti qui pe nsi che ti mastur bi guar dando li? - Se co ndo te no n do vr e i far lo ? - Co sa? Mastur bar ti co n i filmin i o te ne r li nasco sti? - T utte e due le co se . - D immi… co sa ti piace r e bbe far e co n me ? - T utto . - T utto co sa? - Sco par ti… - E po i? - Ve nir ti in bo cca… - E po i? - E po i, dato che siamo in ar go me nto , me tte r te lo ne l... - Sì ce r to … tutto ciò che si ve de far e in quasi tutt i i filmin i po r no , ve r o? E po i?

10


- Be h, di co s’ altr o po tr e i ave re de side r io ? - N ie nt’ altr o ? T utto qui? N o n ti anno iano se mpr e gli ste ssi ge sti quasi me ccanici? Hai vo luto po r tar ti a le tto una le sbica pe r far e co n le i le ste sse co se far e sti co n una qualsiasi altr a r agaz z a e ter o se ssuale ? N o n pe nsi che po tr e i ave re de side r i dive r si dalle altr e do nne che ti se i sco pato ? Suvvia… so no cer ta che hai abbastanz a fantasia pe r andar e o ltr e . - O gni do nna è diffe r e nte , quindi no n si assaggia mai lo ste sso sapo re . No , no n so no anno iato dagli ste ssi ge sti. E po i, una le sbica co me te mica la si inco ntr a tutt i i gio r ni - disse care zz ando le i cape z zo li tur gidi co n i po lpastr e lli – D immi, che vuo i? Vuo i e sser e le gata? T i piaccio no i gio chi di ruo lo ? - Se vo le ssi infi lar ti un dito ne l culo , tu che fare sti? R o be r to e sitò pr ima di r ispo nde r le . L o imbar az z ava que ll’ ar go me nto . Klár a er a disin ibi ta più di qualsiasi altr a fe mmina ave sse mai inco ntr ato . N o n e r a tur bata da alcunché , anz i er a le i, co l suo co mpo r tame nto raffinata me nte spudo r ato , che in que i fr ange nti imbar az z ava chi le stava vicino . Alla fine , glie lo disse . - No n mi dispiace r e bbe . - L’ hai già fatto co n qualcun’ a ltr a? - Sì, par e cchie vo lte . Un’ amica lo face va me ntr e me lo succhiava… - Pr o vavi… imbar az z o? - No … e r a natur ale … spo ntane o . - Allo r a ti piace va! - Sì, pe rò no n me la se ntir e i di chie de r e ad una do nna di infilar m i un dito lì. L o capisci , ve ro ? - No , no n lo capisco . Se ti piace , che male c’è ? A me no che tu no n pe nsi che dichiar ar e tale de side r io sminuisca la tua masco linità . - No n so… fo r se un po’ lo pe nso . Sai, no n siamo mai de l tutto libe r i dai co ndiz io name nti… anche se ci sfor z iamo di esse r lo . - E a me lo chie de re sti? - Co n te fare i di tutto . - disse adagiando si co n tutto il co r po so pr a que llo di Klár a. - So no co nte nta che la pe nsi co sì. Aspe tta un attimo … Klár a si libe r ò de l suo abbr accio e sce se dal le tto . Attr ave r sò la stanz a co n passo mor bido , fe lpato , quasi cammin ando sulle punte de i pie di, ed uscì. Q uando to r nò indo ssava qualco sa che lui ave va visto so lo in cer ti film in cui, pr o tago niste , er ano le sbiche che face vano se sso . N o n ave va mai avuto a che far e co n uno di que gli agge ggi, anche se gli e r a capitato di usare , co n dive r se co mpagne di le tto , var i gingi ll i, co me falli in lattice , vibr ato r i e co se simil i.

11


-

T i piaccio ? - dissi mo str ando mi nuda indo ssando que l mio gio catto lo

- C ar ina – r ispo se so r pr e so . - C he te ne par e? Faccio uno str ano effe tto , ve ro ? Er o nuda, co n un fallo fr a le co sce aggancia to al co r po me diante un’ imbr acatur a . Er a o vvio che a lui, appar issi tutto un altr o tipo di do nna. - Sì, ti sta be ne – me ntì. - Indo ssando que sto , la do nna co munica che de side r a pe ne tr are . Mo lte r agazz e co n le quali l’ ho usato hanno co nfer mato che so no più br ava di tanti uo mini a sco par e … fr a l’ altr o que sto mio gio catto lino ha, inte r name nte , una par te che vibr a e che stimo la la clito r ide face ndo go der e anche la do nna che lo indo ssa. - Inte r e ssante … - Anche l' uo mo go de ne ll' e sse re pe ne tr ato , lo sai? G o de de lla stimo laz io ne de ll' ano , de l r e tto e spe cialme nte de lla pr o stata. Q uando una do nna pe ne tr a un uo mo si dice che fa pe gging . - No n co no sce vo que sto ter mine – disse allar mato . - E’ un neo lo gismo … fino a po chi anni fa no n esiste va una paro la che indicasse que sta pr atica. Er a sco nce r tato . Pr o babilme nte la co nside r ava una spe cie di bur la. Uno di que i gio chi assur di che , lui sape va, talvo lta pr o po ne vo ai mie i par tne r per me tte r li in diffico ltà. - Co n il pe gging si po sso no scambiar e i r uo li, e si ha l’ o ppo r tunità’ di co no sce r e un lato dive r so de lla no str a se ssualità. - C he be llo ! – disse me ntr e il pe ne gli si face va picco lo e si ammo sciava. - O cco r re che entr ambi i par tne r siano cur io si… cur io si di pr o var e qualco sa di dive r so . Allo r a, a que l punto , vivo no l' ambivale nz a se ssuale co me un piace r e , e la espr imo no liber ame nte , dando vita alle lo ro fantasie . - Cr e di davve ro a que llo che stai dice ndo ? – mi chie se se mpr e più pr eo ccupato . - Ce r to che ci cr e do ! Ne l mo me nto in cui assumo il r uo lo attivo , que llo di chi pe ne tr a, vado a r ibaltar e il r appo r to di co ppia co nve nz io nale , e que sto può e sser e mo lto e ccitante pe r e ntr ambi. - Sì... ce r to . Immagino … - Per una do nna co me me , bise ssuale , è be llissima la se nsaz io ne di aver e un pe ne , anche se simulato , me ntr e pe r un uo mo che acce tta di far si pe ne tr ar e cr e do che il piace r e , o ltr e a que llo le gato alla stimo laz io ne de lle zo ne e ro ge ne di cui ti par lavo , po ssa de r ivar e dall’ infr ange r e un tabù. Q ue l tabù che co ndiz io na mo lti ad asso ciar e il lo ro ano co n l’ o mo se ssualità. In que sto scambio de i ruo li, se si e ntr a davve r o in sinto nia, si può ve r ame nte r aggiunge r e la pie na fusio ne de i cor pi e de lle me nti. - Dici?

12


- Lo dico per ché lo so . No n lo vuo i sco pr ire ? N o n vuo i co no sce re que sto dive r so lato de lla mia se ssualità? C apire pe r ché mo lte do nne , co n me , si so no scio lte ? C re de vo fo sse la r agio ne pe r la quale mi hai po r tata a le tto . So pr attut to , no n pr o vi la cur io sità di co mpr e nde re qualco sa di più di te ste sso? - Sì ma… no n e ’ una co sa che uno può far e co sì, all’ impr o vviso … - Ave vi biso gno che te lo co municassi in anticipo co n le tte r a r acco mandata?

R o be r to no n e ra per nie nte pr e par ato a que llo che Klár a gli stava pr o po ne ndo , ma no n po te va tir ar si indie tr o do po che le ave va de tto di e sser e dispo sto a far e tutto co n le i. - Allo r a? - disse Klár a avvicinan do si al le tto do ve lui stava diste so . - Scusa se te lo chie do , ma no n ti se nti un po’ r idico la co n que l gingillo ? - Asso lutame nte no . - No n er o pre par ato a que sto . - Ave vi il de side r io di far se sso co n una le sbica o no ? No n t’ inte r e ssa sco pr ir e co me so no quando faccio se sso co n le mie par tne r ? D immi, co me cr e de vi che fo ssi? - No n lo so . - Te la sar ai fatta un’ ide a di me … le gge ndo i mie i r acco nti, o ppure ne lle lunghe discuss io ni in chat. Se i stato tu a dir mi che r ie sci a pe r ce pir e per sino ciò che sto per dir e … - Sì ce r to , ma ade sso no n… - Be h, che facciamo ? Passiamo tutta la no tte a guar dar ci ne gli o cchi o ppure libe r iamo le no str e fantasie ? - C he co sa do vre i dir e? C o sa vuo i in re altà da me? - Te l' ho de tto , vo glio far e pe gging. Vo glio pe ne tr ar ti. - E io co sa do vr e i far e ? - N ie nte . De vi lasciar far e tutto a me .

M i avvicinai e mi misi di fr o nte a lui, co l fallo in lattice be ne in mo str a. Er o

mo lto eccitata, co me o gni vo lta che mi capitava di assume r e il r uo lo attivo . L ui esitava. Er a co mpre nsibile . No n do ve va e sse re facile pe r lui acce ttar e que llo che gli stavo pro spe ttando . Pe r un uo mo abituato a sco par se le , le do nne , do ve va e sser e alquanto gr avo so acce ttar e che pro pr io una do nna lo avre bbe pe ne tr ato in que l mo do . Ma er a anche cur io so , per que sto , sicur ame nte , no n avr e bbe pe r so l’o ccasio ne di me tte r si alla pr o va, sper ime ntando un mo do dive r so di inte nde r e il piace r e se ssuale .

13


Salii sul le tto e mi r annicchiai al suo fianco . Iniz iai accar e zz ando gli le co sce , r isale ndo co n le dita fino a lambir gli il me mbr o , che tr o vai già in e re z io ne . Po i iniz iai a mastur bar lo , le ntame nte , co n una mano , me ntr e co n le dita de ll’ altr a gli stuz z icavo l' o r ifiz io anale . - T i piace co sì? - Sì - r ispo se se nte ndo che e r a impo ssibile no n e ccitar si in que lla situaz io ne . Inumidi i un dito co n la saliva, po i lo intr o dussi de licatame nte de ntr o di lui, co ntinuan do a mastur bar lo co n l’ altr a mano .

E r a tur bato , impe nsie r ito pe r ciò che stava pe r accade re . Re spir ava ansiman do pe r il piace re che gli pr o cur avano que lle dita e sper te . Ave va l' impr e ssio ne d' e sser e so lo un gio catto lo , uno str ume nto ne lle mani Klár a, ma no n gli impo r tava. In que l mo me nto , Ro ber to si r e se co nto che anche qualcuna che ave va sco pato su que llo ste sso le tto , fo r se ave va for mulato lo ste sso suo pe nsie r o . Q uante do nne e r ano state , per lui, so lo de i gio catto li che ave va usato pe r il suo piace r e ? - T i va di far lo ? – disse Klár a. N o n le r ispo se . Si siste mò car po ni, co n i glute i spinti ve r so l' alto e la te sta abbassata , a to ccare co l vo lto le le nz uo la. L e dita di Klár a lo co spar se r o di un qualco sa di viscido , che lui r ico no bbe esse re de l liquido lubr ifican te , e subito se ntì l’ e str e mità’ de l fallo ar tific iale far si str ada de ntr o il suo o r ifiz io . Il r e spir o se mbr ò mancar gli all' impr o vviso Ave va il cuor e che par e va uscir gli dalla go la, e le te mpie gli mar te llavano . Klár a, le nta ne i mo vime nti, spinge va de licatame nte . N o n vo le va amme tte r lo ma tutto ciò gli piace va. Se ntiva che anche le i go de va pe r il piace r e fisico pr o cur ato le dalle vibr az io ni di que llo str ume nto ma, so pr attut to , pe r que llo psico lo gico di aver co mple tame n te r ibaltato i r uo li.

L o o sser vavo e capivo che gli piace va e sser e sco pato . Anche se no n po te vo ve de r lo , dal mo vime nto de lle sue mani sape vo che ave va il pe ne e re tto , e si mastur bava muo ve ndo si in sincr o nia co l r itmo de i co lpi che gli davo . Er a madido di sudo r e , ansimava e ge me va co me tutte que lle do nne che pr o babilme nte s’ er a sco pato pr o pr io in que l le tto . Anche io go de vo . Lo scambio de i ruo li er a la co sa che più m’ intr igava ne l r appo r to co n gli uo mini. La par te vibr ante che , all’ inte r no de ll’ imbr acatur a mi stimo lava la clito r ide , mi face va andar e in e stasi. G iunsi pro ssima al culmine de l piace re . Anche lui no n le tto in pr e da fallo e mi unii alla fine lui si

ci mise mo lto ad ar r ivar e all’ apice . Q uando lo vidi afflo sciar si sul ai fre miti, lo se guii appo ggiando mi sulla sua schie na, e str assi il al suo or gasmo , abbr acciando lo fo r te . Ve nimmo insie me . Q uando gir ò , lo baciai a lungo , te ne r ame nte , te ne ndo lo str e tto . * **

De po si la sacca da viaggio ne l vano bagagli, se de tti al mio po sto e m’ allacciai la cintur a di sicur e zz a. Q uando l’ ae re o si stacco dal suo lo , r e clinai lo schie nale e m’ abbando nai co n il co r po e co n la me nte . R ipe nsai alla no tte tr ascor sa co n R o be r to . L’ ave vo giudicato be ne . Er a inno ce nte … e r a. L ' ave vo salutato co n un se mplice bacio sulla guancia, e sattame nte co m’e r a avve nuto al mio ar r ivo . No n

14


lo avr e i più inco ntr ato e d anche la no str a amiciz ia vir tuale avr e bbe do vuto spe gne r si. I patti er ano chiar i.

Q uando la vide sco mpar ir e die tr o la por ta de lle par te nz e , Ro ber to sape va co n ce r tez z a che no n l’ avr e bbe più r ivista. O r mai co no sce va qualco sa di più di Klár a. N o n avr e bbe mai r o tto il patto che le i, o gni vo lta, face va co n se ste ssa quando acce ttava d’ inco ntr ar e qualcuno . Ed il patto er a che il par tne r o ccasio nale al quale si do nava, do ve va e sse r e uno sco no sciuto . Un e str aneo che do ve va r imane r e tale anche do po l’ inco ntr o . Ade sso sape va che l’ unico , ve ro pe r ico lo ne ll’ inco n tr ar la e ra que llo d’ innamo r ar si di le i. C hi no n ne usciva ille so pagava in mo ne ta assai più o ne ro sa di que lla che avre bbe pagato un qualsia si suo clie nte .

N e ave va avuto la co nfe r ma que lla no tte . In que lla no tte in cui le i gli ave va mo str ato co lor i che no n pe nsava po te sser o e siste r e e d un mo ndo dive r so in cui le pr o spe ttive e r ano sco nne sse e r ibalta te . Pr o pr io co me in una di que lle figur e di Maur its Escher .

15

Lei... Lui... Una notte  

Lei... Lui... Sono soltanto suoni... etichette.