Page 1

I l Gioc o

A Le Jimmy' z di Mo naco ci va un sacco di be lla ge nte . Basta fre que ntar lo ne i gio r ni giusti, evitando il so vr affo llame nto de lle fe stività in cui ce ntinaia di pe r so ne vi si re cano , e d a vo lte vi si può inco ntr ar e O lga.

Q uando e ntr ai e ra se duta al bar . Alta e slanciata, co n una cascata di cape lli bio ndi che le r icade vano sulle spalle . Indo ssava un miniabito gr iffato co n la te sta di una me dusa che le me tte va magnificame nte in r isalto le gambe lunghe e pe r fe tte . So r se ggiava un co cktail e si guar dava discr e tame nte into r no atte nde ndo che ar r ivasse il po llo giusto . I no str i sguar di si incro ciar o no . Immaginò fo ssi anch’ io lì pe r que llo , ma quando si acco r se de ll’ uo mo che mi se guiva capì che il po llo per la no tte io l’ ave vo già agganciato . L ui no n er a il mio po llo . Sare bbe stato impo ssibile per me innamo r ar mi di un uo mo che mi ave sse pagata e se stavo co n lui e r a per ché fr a no i no n c’ er ano mai stati i so ldi in mez zo . Lo sguar do di O lga incr o ciò anche il suo ma subito le i lo disto lse r ito r nando su di me . No tai che mi se guiva co n gli occhi me ntr e mi se de vo al tavo lo . Er a cur io sa e cauta co me lo sare bbe stata una leo ne ssa che ave sse visto invade r e il suo te r r ito r io di caccia. O r dinammo una bo ttiglia e mi accor si che lui co ntinua va a guar dar la. Io guar davo lui, che guar dava le i, che guar dava me . Una sce na de gna di Bo r ge s. - C ar ina ve ro ? – gli do mandai – sicur ame nte é r ussa. Er o cer ta di aver r agio ne . Ho co no sciuto talme nte tante de vo chk i 1 de ll’ e st che po sso affe r mar e di sape r r ico no scer e al pr imo sguar do , dai tr atti so matici , dagli atte ggiame n ti, dal mo do di ve stir e , una lituana da una po lacca, un’ unghe r e se da una slo vacca, una r ume na da una bulgar a… per sino un’ ucr aina da una r ussa, che si asso migliano co me due bo ttiglie d’ acqua. .. so lo che la pr ima e’ se nz a gas! - C hi? - disse lui finge ndo di no n ave r capito . Ebbi la se nsaz io ne che mi ste sse pr e nde ndo pe r il culo . Di so lito quando so no innamo r ata di un uo mo mi co mpo r to in mo do mo lto 1

Ragazze

1


r ispe tto so . So no quasi una ge isha e co sì, usando tutta la mia be n no ta diplo maz ia, mi r ivo lsi a lui ge ntilme nte . - Mi stai pre nde ndo pe r il culo ? Q ue lla che stai guar dando da quando siamo e ntr ati. - Ah s ì, scusa er o so pr appe nsie r o … in e ffe tti la stavo guar dando pe r ché ti asso migli a tantiss imo . Ebbi ancor di più la se nsaz io ne che co ntinuasse a pr e nde r mi pe r il culo e ce r cai di usar e un po ' più di tatto . - Hai finito di pr e nde r mi pe r il culo ? Q ue lla avr à co me minimo la quar ta di te tte e d io in co nfr o nto a le i se mbr o una bambina piatta… e po i è bio nda… no n ci asso migli amo affatto ! Er o ver ame nte arr abbiata . C o me si pe r me tte va di par ago nar mi? Io no n er o par ago nabile a ne ssuna… sì de vo amme tte r lo , e ravamo abbastanz a simili, anche le i e r a alta e lo ngiline a… o cchi chiar i un po ’ da gatta, ma a par te que sti picco li de ttagli le i e ra de cisame nte dive r sa: più for mo sa e co n un se no più pro spe r o so che no n po te va no n e sser e no tato so tto a que l suo le gge r o miniabito . - Inve ce ti asso miglia tantissi mo . N o n dico fisicame nte ché sie te un po’ dive r se , ma co me viso , co me espr e ssio ne , co me sguar do , co me atte ggiame n to . N o n hai no tato che be ve avvo lge ndo co n le labbr a il bor do de l bicchie r e pr o pr io co me fai tu? Ave te la ste ssa bo cca… lo ste sso mo do di atte ggiar e le labbr a. - Se nti.. . se stase r a inte nde vi far mi incazz ar e ci se i r iuscito be nissimo . A vo lte mi do mando da do ve ti e sca que sto cinismo . Sai be ne quanto ami e sse re unica e tu tir i fuo r i dal cilin dr o il mio clo ne … sì lo so , mi asso migl ia un po ’ e d è mo lto car ina… sai co sa? N o n vo glio ro vinar mi la se r ata e pr e fe r isco pr e nde r lo co me un co mplime nto … ve r sami anco r a un po’ di que l cazz o di champagne ! Q uando so no mo lto arr abbiata , co me quando so no mo lto alle gr a, te ndo ad alz are un po ’ il go mito , ma so lo se ne l bicchie r e vie ne ver sato qualco sa di buo no . N o n amo i supe r alco lici pe rò no n disde gno i buo ni vini e d i buo ni champagne . Ma l' alco l ha anche l'e ffe tto di libe r ar mi e di far mi ve nire str ane ide e ... - Scusami… – dissi usando il to no de lla bimba che vuo l far si pe r do nar e dal papà – è ver o hai r agio ne , mi asso migl ia mo lto … ma io so no più car ina, ver o? L ui rise . Mi co no sce va talme nte be ne da capir e che que sti mutame nti impr o vvisi d’ umo r e so tte nde vano a qualco sa che mi fr ullava ne lla te sta. Io sape vo che lui co no sce va que sto lato de l mio car atte r e , per cui mi co mpor tavo in mo do da no n far gli mai capir e in r e altà quali fo sse r o le mie inte nz io ni. Er a un gio co che face vamo spe sso e che ci dive r tiva. Una par tita di scacchi ce r e br ale in cui no n ve nivano mo ssi pe zz i su una scacchie r a, ma ve nivano usate fr asi e d atte ggiame n ti che entr ambi sape vamo far par te de lla str ate gia. - Se i la più be lla do nna che io abbia mai avuto e so no cer to che no n ce ne sar anno altr e co me te ne lla mia vita… - Io lo so qual è la tua fantasia di se mpr e ... avr e sti vo luto ave re me e d Alice insie me … lo so che ti piace Alice … ma sai che se so lo ti fo ssi az z ar dato a far le il filo ade sso no n sar e i qui co n te … que lla lì asso miglia ad Alice , ver o? - Sì mo lto … e pe nsavo che tu e le i insie me sar e ste il so gno e ro tico che fare bbe

2


impaz z ir e un pr incipe … co sì ugual i e co sì dive r se ... l’ una il ne gativo de ll’ altr a . - E que sto pr incipe quanto sar e bbe dispo sto a pagar e pe r r e alizz ar e il suo so gno ? Mica si re aliz z ano i so gni co sì… gr atis! Assume ndo una smo r fia un po ' pe r ve r sa lui ci guar dò e ntr ambe , quasi per so ppe sar ci. - Io cre do che una co me le i, qui a Mo naco , po ssa pr e nde re sui due mila… tu inve ce … be h, tu se i più be lla e po i so che no n fai sco nti… diciamo se imila per tutte e due ? - C he tir chio ! C he tir chio ! – dissi r ide ndo – io cr e do inve ce che tal so gno da pr incipe no n po ssa r e alizz ar si per me no di die cimila… il pro ble ma è che qui in gir o i ver i pr incipi so no latitan ti ... - O h cer to capisco … pe r ò hai ragio ne , un pr incipe mo lto mo lto paz zo po tre bbe ar r ivar ci a die cimila , sì… - co ntinuò a gio car e lui – ma do vre bbe esse re ve r ame nte pazz o e ne l se r viz io do vre bbe r o e sse r e inclusi alme no C ip & C io p, D &G , Re te4 e C anale 5 ! R isi anco r a di più. Er a diver te nte que l gio co . Spe sso lui sche rz ava sul mio passato . Fr a no i c’ er a tanta di que lla co mplicità che so no cer ta lui mi co no sce sse più di quanto io ste ssa mi co no sce ssi. - Per ò – incalz ai co n atte ggiame nto se dutt ivo – ho in me nte un gio co anco r più intr igan te pe r il mio pr incipe … L o guar dai co n un’ ar ia da finta inge nua, alz ando il so pr acciglio e lui a que l punto co mpr e se che ave vo inte nz io ne di pr e nde re in mano le r e dini de lla situaz io ne per ge stir la a mo do mio . - E co sa ti fr ulle r e bbe in que lla te sto lina? Q uando fai co sì me tti paur a… so che qualsia si co sa tu abbia ade sso in me nte , far ai di tutto pe r r ealiz z ar la. - Co me mi co no sci, car o – lo baciai do lce me nte sfio r ando le sue labbr a co n le mie ar o matiz z ate di Moë t & C hando n – ho in me nte un gio co dal quale no n po tr ai r itir ar ti… e se ti co no sco be ne so che ti piace r à… che ne dir e sti se la po r tassi ne l no stro le tto gr atis? Mi squadr ò co n i suo i pr o fo ndi occhi me dite r r ane i. Po i assunse un’ ar ia sce ttica. - Q ualsiasi co sa tu abbia in me nte no n cr e do che que lla acce tte r à di passar e la no tte co n no i gr atis… dai, si ve de che è in caccia di po lli. Atte nde r à qualche indus tr ialo t to co n tanta pancia e tanti so ldi in ce r ca di una facile sco pata e si far à o ffr ir e da be r e . L ui intuir à la fo r ma de l suo se no so tto que ll’ abi to e , già me zz o br illo , acce tte r à di pagar le i due o tr e mila che le i gli chie de r à pe r r aggiunge r lo in came r a… tu do vr e sti sape r lo co me funz io nano le co se . Ne ssuna lo fa gr atis a me no che no n sia innamo r ata . - Tr o ppi disco r si fa il mio pr incipe ! Se io la por to ne l no str o le tto gr atis, r e alizz ando il suo so gno , il pr incipe re aliz z er à il mio ? Sto par lando se r iame nte , ma gli dir ò so lo do po co sa do vr à far e lui pe r me … e no n sar à qualco sa in cui c’ e ntr er anno i so ldi. - So no sicur o che que llo che mi chie de r ai in cambio sar à anco r più o ne r o so de i die cimi la, ma so no cur io so di capir e do ve vuo i arr ivar e , e so pr attut to so no cur io so di ve der e co me r iuscir ai a vince re la sco mme ssa… a me no che tu no n

3


stia bluffa ndo , ma ti co no sco tr o ppo be ne pe r sape re che no n bluffi mai. In e ffe tti no n bluffavo . Il gio co de gli scacchi no n amme tte bluff co me inve ce amme tto no altr i tipi di gio chi. No n er o cer ta che ci sar e i r iuscita, ma in caso po sitivo avr e i te nuto in se r bo per lui una be lla so r pr e sa!

4


L ’A ppr o c c io

I l pr o fumo di O lga e r a pe ne tr ante . - Mmmhhh… gar de nia e ambr a… Cr ystal N o ir di Ver sace , ado ro que sta fr agr anz a!… E sulla tua pe lle re agisce mo lto be ne , sai? Mi r ivo lsi a le i in r usso se nz a passar e attr ave r so i so liti co nve ne vo li in Ingle se , tanto e ro ce r ta de lla sua pr o ve nie nz a. - Gr az ie - rispo se co n ar ia cauta e d una be llissima infle ssio ne tipica di una pe r so na istr uita – anche tu hai un buo n pro fumo … co me fai a sape re che so no r ussa? Si capisce co sì tanto ? Ho una cer ta e sper ie nz a… so no un’ antr o po lo ga. Co no sco la R ussia. Vi ho vissuto pe r un ce r to pe r io do … dal mo do in cui par li do vr e sti esse re di Mo sca… o di Pe te r… - D i Pe te r ! – disse le i so r pre sa de lla mia az ze ccata intuiz io ne – ma davve r o se i un’ antr o po lo ga? - Ehm... N o ... e ra una bugia! - le so r r isi - Ma qualun que co sa io faccia ha a che far e co n lo studio de ll’ uo mo … o alme no lo ave va un te mpo … io pr e ndo un gr assho ppe r , ne po sso o ffr ir e uno anche a te ? Acce ttò e co sì sco pr immo che ad e ntr ambe piace va il gusto de lla me nta e de lla cr e ma di cacao . Ave vamo altr e co se in co mune , co me il fatto che e ntr ambe o diavamo l’ o dor e de l fumo di sigar e tta o ppur e che pr e fer ivamo la de co r az io ne fr e nch sulle unghie , ma so pr attutto ci tr o vammo d' acco r do sul fatto che i pir o ghi 1 co n cavo lo cappuccio er ano i più buo ni. L e racco ntai qualco sa di me e de lla mia e spe r ie nz a ne l suo Pae se e le i iniz iò a scio glie r si. Do po un po’ il no str o atte ggiame nto er a que llo di due ve cchie co mpagne di liceo che si e rano r itr o vate ; mi disse il suo no me , d’ e sse r e stude nte ssa di me dicina, single di 2 4 anni che amava viaggiar e allo sco po di 1

Tortelli di pasta ripieni di carne o verdure tipici della cucina russa.

5


r acimo lar e un po’ di so ldi e mante ne r si un buo n te no r e di vita. - Sì ma co me fai a ve nir e a Mo nte car lo co sì spe sso? No n ci so no de lle r e str iz io ni pe r il visto ? - C i sar e bbe ro , ma ho il visto finlan de se per mo tivi di studio : mi so no iscr itta all’ Unive r si tà di He lsink i e fintan to r ie sco a dar e gli e sami ne ce ssar i po sso mante ne r lo . C o n que sto visto passo il co ntr o llo de l passapo r to alla fr o ntie r a finlan de se e da lì po sso re car mi in o gni luo go in Euro pa. Se mplice no? - E br ava O lga! Co sì se i r iuscita ad aggir ar e le r e go le co muni tar ie ! – dissi r ide ndo me ntr e ci sor se ggiavamo il se co ndo gr assho ppe r – Se i una ragaz z a pie na di r iso r se ! Il mio r agaz z o , que llo che ve di se duto laggiù in fo ndo , dice che io e te ci asso miglia mo … tu cre di che ci asso migliamo ? - Q uando ti ho vista e ntr ar e stase r a ti ho guar data a lungo … mi se mbr avi… co me dir e … famili ar e … no n so co me spie gar ti. Sì, il tuo r agaz z o ha r agio ne ... fo r se un po ’ la for ma de l viso … gli o cchi. Anche se no n amo e sse r e par ago nata, digl i che so no lusinga ta de l fatto di asso migliar e a te . Se i be lla.. . - Sai di esse r lo anche tu… ne se i co nsape vo le e fo r se è que sta la ve r a so miglia nz a fr a me e te … Il mio r agazz o dice che tu e d io insie me po tre mmo r e alizz ar e il so gno di un pr incipe … per ò è anche co nvinto che no n lo fare sti mai gr atis… - Il tuo r agazz o è ar guto ! – r ispo se co n una be llissima r isata che mise in r isalto i suo i de nti bianchi e pe r fe tti – Ha indo vinato ! Iniz iava a piace r mi. Fo r se er a l’ e ffe tto de ll’ alco l e di tutt i que i disco r si sulla no str a so miglianz a, ma in le i iniz iavo ad intr ave de r e ele me nti che mi appar te ne vano : ste sso atte ggia me nto , ste ssa ir o nia, ste ssa de te r minaz io ne . Difficilme nte lui sbagliava ne i suo i giudiz i. Io e O lga e r avamo ver ame nte l’ una l’ immagine spe culare de ll’ altr a. Anche se no n lo e r avamo dal punto di vista fisico , di sicur o lo er avamo per que gli aspe tti nasco sti de lla no str a inte r io r ità. - Sì, no n so no sto lta… già sape vo che no n sbagliava sul tuo co nto . So lo che lui no n er a al cor re nte di una co sa che inve ce io ade sso so … R estai in atte sa, co n i puntini di so spe nsio ne a me zz ’ ar ia. La bo cca mi s’ incr e spò in un impe r ce ttibile so r r iso me ntre le inchio davo lo sguar do . Due paia d’ o cchi chiar i si fissar o no per un attimo tr asme tte ndo si info r maz io ni sublimin ali, me ntr e l’ alco l e ntr ava in cir co lo e re nde va i suo ni into r no le gge r me nte o vattati e lo ntani. Due tiz i in ce r ca di co mpagnia si piazz ar o no vicini e ci do mandar o no qualco sa in fr ance se … vo le vano co mbinar e pe r la se r ata, ma O lga de clinò dice ndo lo ro che no n er avamo lì per que llo . - Hai mandato via de i clie nti… per ché ? N o n se i qui pe r lavo r are ? Fo r se e’ me glio se ti lascio libe r a di agir e co n tr anquill ità , no n me lo pe r do ne r e i se ti r o vinassi la ser ata… Fe ci per andar me ne ma le i mi fer mò sfio r ando mi de licatame nte la spalla. Ave va mani affuso late , co n dita lunghe e be n cur ate . - No ti pre go , no n andar te ne … no n ho vo glia di lavo r ar e stase r a. Mi piace par lar e co n te … su dai, co ntinu iamo il no str o disco r so . Co sa sai tu ade sso che il tuo r agaz zo no n sape va?

6


Er a cur io sa! O for se ave va ve r ame nte vo glia di stare co n me . Ave vamo altr e co se in co mune . L e rispo si e vitando i gir i di par o le , ma cautame nte in mo do da no n offe nde r la. In ce r ti casi no n è facile stabilir e quale sia il co nfine fr a la co nfide nz a e la male ducaz io ne . - Io ade sso so che a te gli uo mini no n piaccio no … L o fai co n lor o pe r i so ldi ma hai gusti diffe r e nti, ve ro ? - Il tuo r agazz o è un mago ! – disse O lga co n o cchi lumino si, quasi fe lice che le ave ssi to lto le castagne dal fuo co – Ha capito subito che io e te siamo uguali! - No n pro pr io uguali… a me piaccio no anche gli uo mini . So r se ggiai anco r a un po’ dal mio bicchie re e r e stai ad atte nde r e le sue r e az io ni. Se e r avamo r ealme nte simili sare bbe r o state que lle che mi aspe ttavo , altr ime nti sar e i do vuta to r nar e da lui ad amme tte r e la sco nfitta , co sa alquanto se ccante ma a scacchi, co me in o gni gio co , la vitto r ia no n è mai ce r ta e que lla vo lta ave vo sce lto di gio care co l ne r o in se gno di sfida e di super bia. Se dice ssi di no n ave re tutti e se tte i viz i capitali no n sare i vir tuo sa… sar e i so lo bugiar da. Ed in que l caso e ro o r go glio sa de lla mia supe r bia. - Se vie ni al no str o tavo lo te lo pr e se nto . Anche se è un uo mo lo tro ve r ai mo lto gr ade vo le . Ha de ntr o di sé una spiccat a par te fe mmini le . Alcune vo lte so no io che mi atte ggio a maschie tto de lla situaz io ne e pre ndo le de cisio ni… fidati . L e fe ci capir e quali sar e bber o state le par ti che avre mmo re citato qualo r a le i ave sse avuto inte nz io ne d' inte r ve nire ne lla no str a r appr e se ntaz io ne te atr ale . Una r appr e se ntaz io ne in cui io sar e i stata sia pr ima attr ice , sia r e gista, sia spe ttatr ice . Q uanto mi piace va que lla situaz io ne !

7


L a Co nt ro pa rt it a

D allo Spo r ting C lub a L e Mer idie n B e ach Plaz a c'e r ano so lo po chi passi. O lga allo ggiava lì. C i disse che do ve va passar e ne lla sua camer a pr ima di r aggiunge r ci all’ Ho te l de Par is do ve allo ggiavamo no i. Le dice mmo che avre bbe avuto tutto il te mpo che de side r ava per pr e par ar si. Avr e mmo r aggiunto il no str o Ho te l a pie di e ci sar e bbe ro vo luti più o me no una tr e ntina di minuti. Vo le vo utiliz z are que l tr agitto pe r discute r e co n lui di alcuni de ttagli che r iguar davano il no str o “ gio co ” . Atte nde mmo di ve de r O lga spar ire die tr o la por ta de ll’ ho te l e ci avviammo in dir ez io ne di Place du C asino . Er a una be lla se r ata e l’ atmo sfe r a ave va assunto que lle to nalità intr iganti che di so lito pr e lude vano ad una be lla no tte di se sso . A Le Jimmy’ z ci er avamo tr atte nuti il te mpo ne ce ssar io per be r e anco r a qualco sa e pe r ché O lga pr e nde sse la de cisio ne se acce ttar e la pro po sta. O vviame nte ne l mo me nto in cui ci r aggiunse al tavo lo la de cisio ne e ra già stata pr e sa, ma que llo star e insie me in co nve r saz io ne co me se fo ssimo in amiciz ia da chissà quanto te mpo , le ser vì a r e nder si co nto de lla pe r so nalità de l mio co mpagno che le i, no no stante le sue pre fe re nze se ssuali, gr adì mo ltissimo . R icor do di ave r pr o vato un lie ve mo to di ge lo sia ne l mo me nto in cui glie la pr e se ntai. C o no sce vo que l suo sguar do e cr e de vo che fo sse un qualco sa di r iser vato so lo a me , ma do po tutto e ro io che ave vo de side r ato e cr e ato que lla str ana situaz io ne , infilando lo suo malgr ado in que l gio co ; quindi e ro pr o nta anche a subir ne le co nse gue nz e… Se mai vi fo sse ro state co nse gue nz e . Er o stata atte nta a muo ve re i pez z i sulla scacchie r a in mo do da no n lasciar e var chi ne lla mia dife sa, pe rò avr e i po tuto e sse r mi sbagliata ne l giudiz io o ppure ave r so pr avvalutato le mie capacità . In que lla par tita mi er o pre munita , ma ne ssuna vitto r ia è ce r ta. Ave vo biso gno de l te mpo de l tr agitto ve r so l’ Ho te l de Par is pe r so ndar lo e capire le sue impr e ssio ni su di le i. - Allo r a? T i se i ammuto lito ? Mi se mbr avi alquanto lo quace pr ima… a co sa stai pe nsando ?

8


- Sto pe nsando che anco r a no n ho be n co mpr e so do ve vuo i arr ivar e co n que sto tuo gio co saffico … che biso gno c’ e r a di co invo lge r mi? Se vo le vi far ci de l se sso avr e sti po tuto be nissimo far lo da so la… - Ce r to car o , ma che se nso ha e sser e co mplici in tutto e no n co ndivide r e una co sa co sì be lla? Sai quanto mi piace la tr aspar e nz a ne i r appo r ti e quanto inve ce de te sti l’ intr igo e la me nzo gna… se stiamo insie me è pe r ché co ndivid iamo la ste ssa filo so fia. - Stai po r tando ne l no str o le tto una be lla do nna e stai dimo str ando di no n te me re r ivalità, anche se pe r ce pisco che de ntr o pr o vi un po ’ di ge lo sia… stai dimo str ando di esse re in gr ado di sape r co nvince r e una esco r t a far lo gr atis, co sa impo ssi bile per sino per tanti uo mini r icchi e d affascinan ti. O vvio che se O lga no n fo sse stata saffica no n cre do che avr e sti avuto buo n gio co . Inso mma, stai dimo str an do un sacco di co se … pe rò mi chie do : anche se le i lo far à gr atis pe r ché le piaci tu… tu no n se i il tipo da far lo so lo pe r dimo str ar e qualco sa… qual e' la co ntr o par tita che ti atte ndi? C ’ er a una be lla L una me ntr e passavamo davanti al G rimaldi For um e d ai G iar dini Giappo ne si. L’ ar ia e r a fre sca. T ir ava un po’ di br ez z a mar ina e ciò mi causò un le gge r o br ivido che dalla base de l co llo mi pe r vase tutto il cor po . Er a una se nsaz io ne piace vo le . Fin da bambina ave vo se mpr e amato que l tipo di br ivido . Mi face va ve nir de side r io di calor e e co cco le . C i fer mammo e mi fe ci abbr acciar e . G li appo ggiai la te sta sulla spalla e chiude ndo gli occhi assapo r ai il suo pr o fumo . C er cai un suo bacio po r ge ndo gli le mie labbr a. L ui le sfio r ò appe na, po i si r itr asse e mi guar dò co n ar ia inte r r o gativa. - No n lo capisci co sa de side ro ? – gli dissi immaginan do che lui ave sse già co mpr e so - Eppur e , se mi co no sci be ne do vr e sti capir lo ! - Vuo i esse re unica! – r ispo se – E O lga ti se r ve pe r dimo str ar lo … a chi? A me ? A le i? A te ste ssa? - O h, ma io so di e sse r e unica.. . e le i no n ha alcuna impo r tanz a. Siamo so lo no i due che co ntiamo . R ipr e nde mmo il cammino ve r so il no str o Ho te l. Or mai mancava po co . - T i piace manipo lar e le per so ne , ti piace o sser var ne le r e az io ni, ti piace studiar e gli e ffe tti de lle tue pr o vo caz io ni… - Lo sai – dissi guar dando lo co n o cchi inge nui – so no una scie nz iata… e so no anche tanto cur io sa! - … E vanito sa! - O h sì, vanito sa, or go glio sa, cinica e se nz a scr upo li… lo so no se mpr e stata e no n me ne ve r go gno . - L a tua co r azz a un gio r no o l' altr o cadr à e d io sar ò lì a r acco glie r ne i pez z i, ma so no pazz o di te ! - Me lo dimo str e r ai stano tte se se i ver ame nte pazz o di me … tu fai par te de l mio e spe r ime nto e que sta è la co ntr o par tita che ti chie do pe r ave r vinto la sco mme ssa… - In che mo do do vr e i dimo str ar te lo ? D ove sta la fr e gatur a? Q uando fai la

9


co nto r ta ti o dio , ma so anche che è diffic ile so ttr ar si al tuo gio co … m’ immag ino i tuo i clie nti di un te mpo che sfor z i do ve vano far e pe r evitar e lo str e ss. C o lsi una no ta di ge lo sia ne l to no de lle sue par o le e ciò mi pr o vo cò uno str ano piace r e . - Ne ssuno de i mie i clie nti mi ha mai co no sciuta co sì, car o … e tu que sto lo sai be ne . Ne ssuno mai ha avuto mo do di ve de r mi se nz a masche r a, di co no scer e il mio animo , di le gge re i mie i ver i de side r i… di guar dar mi de ntr o ! Far e que lla pr o fe ssio ne no n è co me fare l’ avvo cato o la bio lo ga o ppure la pr o fe sso r e ssa unive r sitar ia . Entr ano in ballo pulsio ni e me ccanismi tali che co invo lgo no sfe r e e mo tive mo lto pr o fo nde ... e se ci si de nuda co mple tame nte si r ischia di cade r e ne ll’ abisso ! - Do vre sti dir lo anche ad O lga… mi sa che stano tte r ischie r à le i di cade re ne ll’ abisso , co n te … - T u re aliz z er ai que l de side r io che ti br ucia de ntr o fin dal mo me nto in cui l’ hai vista: far se sso co n me e le i insie me … ma se pe r te no n sar ò unica … se so lo pe r un istante ce der ai… se i se nsi ti po r ter anno a de side r ar la più di quanto de side r i me … se sar ai cattur ato da que lla mia immagi ne allo spe cchio … io lo capir ò . L o guar dai co n o cchi lucidi pro nta a co glie r e la r e az io ne che no n tar dò ad ar r ivare . Fu que lla che mi atte nde vo . Sussur r ò - Se i cr ude le ! - Er a evide nte che mi amava. Entr ammo all’ Ho te l de Par is e d il por tie r e ci salutò . Alla r e ce ptio n chie de mmo la chiave de lla came r a e de mmo istr uz io ni r iguar do la no str a o spite . Ero ce r ta che O lga no n avr e bbe tar dato .

10


I nt er ludio

L esbica nar cisista? ? ? Pe r po co no n so ffo cai dal r ide re . Ero in piz ze r ia co n un' amica e la mia risata fe ce vo ltar e i no str i vicini di tavo lo . L ui, lumaco ne co n faccia da puttanie r e , appr o fittò pe r squadr ar ci e ntr ambe giustif icando si co n la mo glie co n la classica e spr e ssio ne stile “ che ge nte !” Ave vo le mie ide e r iguar do alla bise ssualità fe mminile : tutte quante le do nne po r tano in lo ro qualche e le me nto di o mo se ssualità, po iché l’ Edipo e siste ne lle do nne ne llo ste sso ide ntico mo do in cui esiste ne gli uo mini. E' lo ste sso se no mate r no , fo nte di nutr ime nto e piacer e , che attr ae sia l' uo mo che la do nna e d anche se po i le so vr astr uttur e cultur ali te ndo no ad annullar e que ll’ istin to , qualco sa r e sta in o gni caso late nte . Il cor po de lla do nna è o gge ttivame nte più be llo e più piace vo le da accare zz ar e di que llo maschile . No n per nie nte , da se co li, è r affigur ato co me simbo lo di gr az ia e be llez z a, ma il te r mine “ le sbica nar cisista" mi suo nava str ano , in quanto r ite ne vo che il nar cisismo fo sse una car atte r istica pr e ttame nte maschile . - Le sbica nar cisista? C he signif ica? - Sì - disse la mia amica – se co ndo me se i innamo r ata di te ste ssa... inso mma, se i nar cisista… ti piaci talme nte tanto , ti co cco li talme nte tanto , cur i la tua pe r so na ad un tale live llo che ti po r te re sti pe r sino a le tto … C re de tti che vo le sse discute r e di auto e ro tismo . - D ici che so no le sbica per ché po tr e i mastur bar mi all’ inf in ito amando co le i che giudico la do nna più de side r abile de l mo ndo , cioè me ste ssa? R ide mmo co me matte e d anco r a una vo lta i no str i vicini di tavo lo si gir aro no ve r so di no i. Le i, classica signo r a che , sco mme tto , no n e r a mai stata car ina ne anche da gio vane , mi guar dò co n o cchi ge lidi... e d anche un po ' invidio si! Abbassai la vo ce e d avvicinando il mio vo lto a que llo de lla mia amica sussur r ai: - Ma no … o dio le pr atiche auto er o tiche . Me glio la pre se nz a di un par tne r . Pe r ché faticar e se qualcu n altr o può far lo al mio po sto? – e str izz ando le l’ o cchio aggiuns i - o qualcun’ al tr a! Fo r se c’e r a un mo tivo in tutto ciò che ave vo imbasti to co invo lge ndo sia il mio uo mo che O lga… O lga che a mo me nti avr e bbe bussato alla po r ta de lla no str a came r a.

11


A lbico c c a

C i so no pe r so ne che inse guo no pr ior ità se nsor iali lo ntane dalle mie e tr alasciano que lle che inve ce rite ngo fo ndame ntali. L a vista, ad ese mpio , e ’ e str ane a al mio mo do di se ntir e . “ Co me se i be lla, che be i cape lli, che o cchi stupe ndi” so no fr asi che atte ngo no alla sfe r a visiva che ge ne r alme nte o gni do nna gr adisce , ma la vista è un se nso invo lo ntar io ; no n o cco rr e che la pe r so na vo glia ve der e , se no n ha me no maz io ni lo fa indipe nde nte me nte e l’ az io ne è to talme nte sco lle gata dalla vo lo ntà. Mo lti uo mini hanno il se nso de lla vista co me pr io r ità. B asano il lo r o giudiz io sui de ttagli che affe r isco no all’ e ste tica. C i so no po i le vo lte in cui ce r te fr asi so no di cir co stanz a; ve ngo no de tte anche a chi no n ha car atte r istiche tali da po te r le stimo lar e ed e’ quindi difficile stabilir e il lo r o gr ado di sincer ità. Pre fe r isco quando il disco r so cade sull’ o r gano le ttico . Q uando si par la di sapo r i tutto assume un significa to dive r so . Dato che assapo r are , a diffe r e nz a de l ve der e , e’ un atto vo lo ntar io , quando tutto ciò e’ r ife r ito a me se nto una str ana e ccitaz io ne che si manife sta co n un le gge r o tr e mo lio de ntr o la pancia che io chiamo “ le far falline ” . O gni do nna ha il suo sapo re . Se la per so na co n la quale faccio se sso individua il sapo r e che ho , significa che r ie sce a co mpe ne tr ar si in me quasi to talme nte . Dimo str a di po sse de re una se nsibilità mo lto simile alla mia. Evita le banalità ne i mo me nti in cui i se nsi pr e ndo no il so pr avve nto e si abbando na all’ e stasi to tale . N e ll’ assaggiar mi mi r e nde sua. Albico cca… mi sve gliai co n il sapo r e di albico cca in bo cca. Il so le ino ndava la stanz a. C i misi un po ’ pe r e ntr ar e in sinto nia co n la re altà. Allungai la mano ce r cando . Se ntii il le nz uo lo ancor a umido de l suo calo re . Annusai l’ ar ia. C ’e r a anco r a il suo o dor e : se sso misto ad ar o mi spe z iati de l suo pr o fumo . Ed albico cca. R estai diste sa co n gli o cchi chiusi e ce r cai di me tte r e a fuo co gli e ve nti. Er a accaduto in un mo me nto in cui i no str i vo lti si e ra avvicinati. Sape vamo che sar e bbe succe sso . So lo atte nde vamo l’ attimo giusto per ro mpe re il ghiaccio . E que llo er a stato l’ attimo . Succhiai vor ace me nte la sua lingua disse tando mi co n la sua saliva e le i fe ce altr e ttanto co n la mia. Sape va di albico cca. Albico cca matur a e succo sa. Lo

12


dissi mo r mor ando fr a le no str e lingue e quando lui si unì al gio co i sapo r i si mischiar o no co me i no str i co r pi. So no cer ta che il biblico alber o de l be ne e de l male fo sse un albico cco . Co glie mmo da esso fr utti tutta la no tte , fino a quando cr o llammo e di no i r estar o no so lo i no ccio li. N o n si er a ve r ificato que llo che ave vo te muto . L ui ave va fatto se sso co n e ntr ambe ma ave va fatto l’ amo r e so lo co n me . O lga ave va par te cipato a que l me nage me tte ndo ci passio ne . C o n lui ave va r e citato il r uo lo da e scor t, ma a me ave va de dicato un’ atte nz io ne to tale . Ero stata al ce ntr o de ll’ Unive r so . Er o stata il co llante che pe r una no tte ci ave va uniti. R ico r do di e sse re rimasta ne l me zz o , abbr acciata ad entr ambi fino a quando il so nno no n ave va pr e so il so pr avve nto . Ade sso mi tr o vavo so la ne l gr ande le tto . Rumo r e d’ acqua che scr o sciava; qualcuno stava face ndo si la do ccia. Apr ii gli o cchi. Mi alz ai se de ndo mi sul bo r do de l le tto . Il le nz uo lo e d i cuscini er ano macchiati de l no str o piace r e . G uar dai l’ o r a: quasi me zz o gio r no . I ve stiti di lui no n c’ e r ano me ntr e que lli di O lga er ano spar si in gir o . Entr ai ne l bagno . Er a be llissima e d i suo i o cchi mi sor r iser o appe na mi vide ro . - Do br o ie utr o , ti kar asho spal? 1 - D a, O lga, o che n k ar asho , spasibo . 2 Entr ai anche io so tto la do ccia e gio cammo a lavar ci r e cipr o came nte co n i co r pi insapo nati . C i baciammo ancor a e d iniz iai a se ntir e “ le far falline ” , ma gli acco r di no n er ano que lli. Lui no n c’ er a in que l mo me nto e ciò mi par e va co me una mancanz a di r ispe tto ne i suo i co nfr o nti. Ave vamo fatto un patto : O lga e r a il no str o gio catto lo . Un gio catto lo co ndiviso e ne ssuno de i due avre bbe do vuto r e clamar ne la pr o pr ie tà e sclusiva. Mi r itir ai quindi co ntr o vo glia da que lla situaz io ne . Mi se ntivo le gge r me nte in co lpa. Me ntr e mi asciugavo indo ssando l’ accappato io do mandai di lui, ma quando er a uscito dalla stanz a le i anco r a stava dor me ndo . Disse che al suo r isve glio e ra r imasta ad o sse r var mi ne l so nno e d ave va sfio r ato la mia guancia co n il naso ; o do r avo di albico cca anche io . - T i ho de tto che siamo simili! - aggiunsi r ide ndo . - Simil i sì ma no n uguali – r ispo se le i – a te piaccio no anche gli uo mini . R ide mmo anco r a r icor dando la situaz io ne in cui ci er avamo co no sciute la se r a pr ima, la pro po sta, il pr incipe , i due fr ance si in ce r ca di e scor t, i gr assho ppe r . Q uando fummo pro nte lo chiamai al ce llular e . C i aspe ttava pe r andar e a pr anz o . Sce glie mmo una br asse r ie in Place C asino . O lga chie se spe cificatame nte de lla mar me llata di albico cche ed iniz iò , di fro nte a me , una panto mima mangiando la co n le dita me ntr e mi fissava. R iuscii a r e stare co mpo sta e ser ia anche quando ce r cò di far me la assaggiar e dalle sue labbr a. N o n sape vo quanto que sto atte ggiame nto a lui se ccasse . Do po tutto O lga si er a inse r ita ne lla no str a esiste nz a a causa di una futile sco mme ssa. Ave vo sco mme sso che l’ avr e i po r tata ne l no str o le tto gr atuita me nte e lui ave va acce ttato la sfida. Il gio co stava or mai vo lge ndo alla fine e d io avr e i po tuto 1 2

Buon giorno, dormito bene? Sì, molto bene, grazie

13


r itir ar e il pr e mio . Anco r a po che or e e d O lga sar e bbe andata via. Di le i no n avr e mmo saputo più nie nte . Avr e bbe co ntinuato la sua vita di stude nte ssa- e sco r t fr a Sankt Pe te r bur g e Mo naco me ntr e no i sare mmo to r nati alla no str a co mplice e mo ndana r ice r ca d’ avve ntur a. L a o sser vai me ntr e mangiava il ge lato . I cape lli bio ndi r acco lti. T e ne va lo sguar do basso co nce ntr ata sul bicchie r o ne r ico lmo di panna. O gni tanto alz ava gli occhi e mi guar dava languidame nte . Mi r ico r dai di altr i o cchi co n que lla luce ne llo sguar do . Occhi co n lo ste sso taglio ; occhi di una Pe nte sile a mai più inco ntr ata. Una Pe nte sile a che o dor ava d’ albico cca. Q ualco sa di malinco nico salì dal pro fo ndo de i mie i r icor di e de cisi che no n avre i più gio cato . G uar dai lui che guar dava le i che guar dava me . Se ntivo che que lla no n sar e bbe stata una fine ma un nuo vo iniz io . C hie si di pagar e il co nto ed uscimmo . L ’ acco mpagnammo all' ho te l. Er a o r mai già po me r iggio ino ltr ato . Le i sar e bbe par tita la mattina do po , io e lui inve ce avre mmo r ipre so il no stro viaggio la se r a ste ssa. O dio gli addii. Po r ter e i tutti quanti co n me . C o me una z ingar a r ie mpir e i il car ro zz o ne tr ainato da cavalli e gir e re i per il mo ndo co n la mia tro upe di saltimba nchi , e quilibr isti , mangiato r i di fuo co , balle r ine e clo w n. Mo nte r e i le te nde de l mio cir co ne gli ango li più r e mo ti ai co nfini de l so gno e dare i spe ttaco li ai quali assiste r e bbe ro tutti i bimbi che de ntr o di no i so n pr igio nie r i. L a baciai anco r a una vo lta. C i scambiammo i nume r i di te le fo no . C i pr o me tte mmo di se ntir ci pre sto e di r itr o var ci alla pr ima o ccasio ne . L ui ci o sser vava in sile nz io co n ar ia quasi dive r tita, so r nio na, co me un papà che o sser vava la figlia me ntre salutava l’ amiche tta alla fine de lla vacanz a estiva. Q uando fummo so li gli do mandai il pe r ché di que lla sua ar ia dive r tita, visto che ave va pe r so la sco mme ssa. - Te sor o – mi disse – per ché dici di aver vinto una sco mme ssa che in re altà hai pe r so? L o guar dai co n ar ia stupe fatt a. - Co me pe r so? Ave vamo stabili to che l’ avr e i por tata ne l no str o le tto gr atis e mi par e di e sse r ci r iuscita. O no? Se mpr e co n ar ia so r nio na mi guar dò , mi abbr acciò e fissando mi da una distanz a di die ci ce ntime tr i mi disse : - D ì la ve r ità… Te me vi che fo ssi io a per de r e la te sta pe r O lga e inve ce mi par e che … - Ma che c’ e ntr a que sto? La sco mme ssa no n e r a su que sto - r e plicai io , alte r ata fo r se più pe r ave r co mpr e so il se nso de lla sua allusio ne che pe r altr o mo tivo . - Infatti la tua co tta pe r le i no n c’e ntr a – co ncluse sor r ide ndo cinicame nte – so lo che no n è stato affatto gr atis… ie r i al bar le hai offe r to due gr assho ppe r , e li hai pagati tu!

14

Io e Olga  

Un gioco, un incontro, un amore.