Issuu on Google+

Anno II Settembre-Ottobre 2010 n. 8

in san marino

PERIODICO DI INFORMAZIONE A CURA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO

S OMMARIO

INTERVISTA Romeo Morri, Segretario di Stato per la Pubblica Istruzione L’IDEA CHE TI PREMIA SERVIZI PER LE IMPRESE SPAZIO ECONOMICO EUROPEO INIZIATIVE SOCI CHOCOTITANO 2010

E DITORIALE di Massimo Ghiotti - Direttore Generale

“Un investimento nel campo della conoscenza paga i migliori interessi” Benjamin Franklin Consideriamo l’universo economico del ventunesimo secolo. Restringiamo il campo d’interesse ai Paesi cosiddetti civilizzati, quelli in cui l’avvio di un’impresa è sostenuto e incentivato dallo Stato; in cui tecnologia, informazione e mezzi di comunicazione sono accessibili e alla portata di tutti; in cui la certificazione di qualità, i piani di azione e il rispetto delle procedure rappresentano la bussola per orientarsi nella costante tensione verso il miglioramento del prodotto, del processo o del servizio offerto. A parità di strumenti e di condizioni operative, l’ago della bilancia, ciò che determina l’effettiva competitività di un’impresa sul mercato globale, sono le persone. In gergo: le risorse umane. E’ solo attraverso la valorizzazione e il potenziamento delle singole competenze infatti che è possibile fare la differenza. Per questo negli ultimi decenni la formazione ha assunto un ruolo determinante sia nella scelta dei collaboratori, sia nella strutturazione del percorso lavorativo (formazione ex post) quale strumento di adeguamento della figura professionale e delle sue abilità alle

trasformazioni ambientali. Non è un caso se i corsi di aggiornamento e i seminari contano un sempre maggiore numero di iscritti, o che siano organizzati all’interno delle aziende stesse, o che queste siano dotate di un vero e proprio formatore aziendale. Una tendenza che si sta facendo largo anche tra le amministrazioni pubbliche, che considerano la formazione una vera e propria leva sostanziale di governo. E’ di poche settimane fa la notizia di come il Vietnam, Paese emergente, abbia deciso di investire nella formazione del proprio apparato statale facendo frequentare a tutti i suoi massimi dirigenti una specifica scuola di business a Londra. Una scelta lungimirante, che persegue il nobile fine di mantenere adeguatamente aggiornate le persone che ricoprono posizioni di responsabilità pubblica, a favore dell’intera collettività. Di sicuro occorrono una forte motivazione e lucidità nella focalizzazione degli obiettivi, unitamente ad una salda autostima, per riconoscere i limiti delle proprie conoscenze e oltrepassarli. Ma l’entusiasmo e la soddisfazione che scaturiscono dalla messa in pratica delle nuove cognizioni acquisite, e dal godimento dei risultati conseguiti proprio grazie a queste, sono forse

l’impulso più forte, lo stimolo in grado di innescare un virtuoso processo di evoluzione, capace di riprodursi e autoalimentarsi. Quella stessa spinta che porta sempre più giovani laureati a scegliere di mettere a disposizione la propria preparazione universitaria a favore delle organizzazioni no profit, piuttosto che prediligere un percorso professionale che veda nel mero raggiungimento di un profitto la sua unica ragion d’essere. Basti pensare che dal 2003 al 2009 i laureati alla Yale School of Management intenzionati a intraprendere una carriera no profit sono passati dall’1 al 9%. Nel suo piccolo, anche la Camera di Commercio ha sempre sostenuto l’importanza della formazione a 360 gradi quale elemento essenziale per la crescita della Repubblica di San Marino. Formazione per i giovani aspiranti imprenditori, formazione per le aziende sammarinesi, formazione per la certificazione di qualità. Questo perché è ben radicata la convinzione che solo attraverso il filtro della cultura e l’acquisizione di maggiori competenze sia possibile comprendere il mondo che ci circonda e rendere veramente efficaci le azioni sul territorio. Di qualunque natura esse siano: dall’apertura di un’azienda al posizionamento sui mercati internazionali, dall’informatizzazione alla valorizzazione delle risorse umane.

in san marino

settembre-ottobre 2010

1


G IOVANI IMPRESE

L’IDEA CHE TI PREMIA

dal 15 novembre al 17 dicembre 2010 Un’idea innovativa e una relazione per raccontarla. Questo è tutto ciò che serve per partecipare alla sesta edizione de “L’Idea che ti premia”, il concorso di idee imprenditoriali organizzato dalla Camera di Commercio di San Marino. Un’iniziativa rinnovata, con la collaborazione dell’associazione giovanile Rotaract di San Marino, e dedicata ai ragazzi residenti nella Repubblica di San Marino che frequentano la Scuola Secondaria Superiore, il Centro di Formazione Professionale o gli Istituti Secondari Superiori del circondario. Tutto quello che occorre fare è esporre in una relazione schematica, seguendo l’apposita traccia di business plan (scaricabile dal sito www.cc.sm), la propria idea per un prodotto o un servizio innovativo, che sia originale o che vada a migliorare qualitativamente qualcosa di già esistente. La relazione, che dovrà essere consegnata entro il 17 dicembre 2010 verrà poi valutata da una Commissione di imprenditori sammarinesi che valuterà il progetto più innovativo e più interessante per la realtà sammarinese. La Camera di Commercio da sempre promuove e incentiva il talento dei giovani attraverso un supporto attivo, che affonda le proprie radici nella consapevolezza che la possibilità per le imprese di avere un futuro si gioca in gran parte sul terreno della formazione di qualità, e soprattutto sulla valorizzazione delle intelligenze quale elemento discriminante. Un concetto fondamentale, se si vuole costruire una società che ponga il merito alla base del proprio dinamismo imprenditoriale.

Simona Michelotti

Presidente Camera di Commercio

“E’ molto importante che iniziative di questo genere trovino la forza e le risorse per continuare a stimolare la creatività dei ragazzi a dare loro la possibilità di manifestare la propria voglia di mettersi in gioco e di crescere. Sta a noi incoraggiarne lo spirito imprenditoriale, perché proprio la concretizzazione dei loro progetti rappresenta la chiave di volta per una crescita strutturale del nostro Paese”.

I PREMI 1° classificato - buono da € 1.500,00 da spendere come rimborso sulle spese sostenute per un soggiorno di studio all’estero (da effettuarsi entro dicembre 2011) oppure per frequentare un corso di lingua presso il Wall Street Institute di San Marino. Inoltre, qualora il vincitore decidesse di concretizzare la sua idea imprenditoriale una volta terminati gli studi, potrebbe vederla realizzata grazie al finanziamento di Banca di San Marino. Il rimborso verrà erogato dietro presentazione della documentazione di viaggio (trasporto, alloggio, scuola di lingue) alla Camera di Commercio, che provvederà a fare le opportune verifiche.

2° classificato - tablet computer I-PAD. 2

settembre-ottobre 2010

in san marino

Organizzazione in collaborazione con

Sponsor

INFO: www.cc.sm/it/imprenditoria-giovanile.html


I NTERVISTA

Romeo Morri Segretario di Stato per la Pubblica Istruzione

Il rapporto tra formazione universitaria e impresa sta assumendo un’importanza sempre maggiore. In quale modo è possibile conciliare questi due universi? Il sistema della formazione superiore terziaria, di cui fa parte l’Università, ha registrato, in questi ultimi decenni, intense trasformazioni, che sono oggi sotto gli occhi di tutti e che ne hanno profondamente cambiato finalità, modalità operative e “prodotto”, inteso sia come output formativo sia come ricerca. Non v’è dubbio alcuno, viceversa, che il mercato eserciti una funzione fondamentale di guida per tutta l’area dei corsi per executives. Per questo, anche a San Marino sta partendo un Corso di Alta Formazione per laureati in cerca di lavoro, così come sta avvenendo in molte regioni italiane ed europee. Una sorta di Master molto speciale, con sponsor molto speciali: la Camera di Commercio, l’Associazione Nazionale dell’Industria, insieme a numerose aziende sammarinesi (Ceramiche del Conca, Gruppo SIT, Colombini, Gruppo ASA, GemBB, Camar sma, Telecom Italia San Marino, Giochi del Titano, Industrie Montanari, Titancoop, Fondazione XXV Marzo, Cotes, Gies, Tecnologica, ALI). Ogni sponsor ha dimostrato fin da subito la piena disponibilità a garantire le proprie sedi per gli stage formativi previsti dal Corso. Più nello specifico? Si tratta di un’iniziativa di particolare interesse per il Titano, in un periodo di trasformazione del mondo del lavoro e quando la difficoltà economica che si riscontra oggi a San  Marino e in altri Pa-

esi europei si traduce, purtroppo sempre più spesso, nel fenomeno della disoccupazione giovanile, anche di quella con grado di istruzione universitaria. Ciò che  preoccupa e interroga tutta la società è il rischio di perdere un’intera generazione di laureati, che con difficoltà trovano spazio nelle offerte lavorative. Esistono infatti professionalità specifiche che sono al momento poco richieste, alle quali è necessario offrire un’ulteriore formazione che garantisca competenze più appetibili e interessanti per il mondo del lavoro. Si tratta anche di aiutare le aziende a scoprire in questi laureati i preziosi talenti che posseggono e che potrebbero dimostrarsi sul campo valide “menti d’opera”. Ci sono già state esperienze di questo genere? Sì, nell’ambito del Corso di Laurea in Design Industriale che nel 2009 ha promosso workshop in cui sono state coinvolte aziende sammarinesi e italiane con caratteristiche economiche e produttive molto diverse tra loro. E’ stato un grande successo. Anche per l’Università in quanto l’obiettivo di dare forma compiuta e significativa alla ricerca trova una sua ulteriore forza nel momento in cui si innesta nella vita reale di un’impresa. L’operato della Segreteria Cultura ha certamente un impatto immediato sul territorio. Che ruolo riveste la comunicazione in questo senso? Consapevoli o no, ogni momento comunichiamo con gli altri interagendo.  Viviamo attraverso il nostro comportamento e ci esprimiamo attraverso il rapporto con gli altri: siamo talmente in interazione che una qualsiasi modi-

ficazione di ciascuno di noi comporta una modificazione di tutti gli altri. Tutto ciò diventa tanto più importante quando dalla comunicazione dipende il successo di un’azienda, la carriera professionale, la realizzazione di un obiettivo sociale, la gestione di una crisi. E se un tempo bastava conoscere qualche lingua straniera per avere ampi sbocchi professionali, oggi è richiesto molto di più per sfondare l’enorme muro della competitività e della massa di informazioni che ci inonda quotidianamente. Le tecniche di comunicazione applicate consapevolmente ai vari contesti, da quello relazionale nel privato o nel pubblico, professionale o educativo, ma anche politico, servono a fornire adeguati strumenti per avere una migliore comunicazione, ad arricchire i rapporti interpersonali, a dare un impulso positivo alle relazioni. Da questi presupposti nasce “masterCom” il master in comunicazione e nuovi media dell’Università di San Marino. Il master esiste dal 2001 ed è stato progettato proprio per i sammarinesi, ma aperto a tutti, sulla base di esigenze e proposte confrontate con rappresentanti di categoria, quali commercialisti, avvocati, bancari. E’ un master professionalizzante, cioè fa mettere subito le mani in pasta con esempi concreti, quindi consigliabile a tutti, specialmente i giovani. in san marino

settembre-ottobre 2010

3


S ERVIZI

Un mondo di servizi Sono molteplici le attività portate avanti dalla Camera di Commercio: una vasta gamma di servizi riservati alle imprese che, per lo svolgimento del loro lavoro, necessitano di assistenza burocratica e informativa. Grazie alla Carta dei Servizi, è possibile conoscere le sei aree in cui è articolato l’ente camerale, gli indicatori di qualità, le tempistiche di erogazione dei servizi. Gli standard di misurazione permettono da un lato di garantire alla clientela prestazioni conformi ai livelli stabiliti e, al tempo stesso, consentono alla Camera di Commercio di migliorare la qualità del servizio.

Firma Elettronica La firma elettronica sostituisce la firma olografa e può essere utilizzata per la sottoscrizione di documenti e email oppure per l’autenticazione all’interno di alcuni siti internet. La Camera di Commercio, avvalendosi della Certification Authority italiana, rilascia la smart card per la firma elettronica nonché l’apposito lettore usb.

Registro certificatori energetici

Certificati di Origine Tra le varie tipologie di documentazione, l’Area Certificati si occupa del rilascio del certificato di origine non preferenziale. E’ questo un tipo di documento che accompagna i prodotti da esportare all’estero, e che attesta l’origine della merce cioè il luogo in cui questa ha subito l’ultima lavorazione o trasformazione sostanziale. Come stabilito all’interno della Carta dei Servizi, l’indicatore di qualità è stabilito dal tempo massimo di rilascio che, secondo lo standard previsto, deve essere immediato.

È importante sostenere la professionalità dei tecnici operanti a San Marino, che devono esercitare la loro attività nel rispetto della normativa vigente ed essere in possesso di requisiti ben specifici. La Camera di Commercio si occupa della tenuta di albi e registri a cui sono iscritti i soggetti abilitati professionalmente ad esercitare una specifica attività. Tra questi rientra il Registro dei Certificatori Energetici, tecnici esperti in materia energetica edilizia, impianti termici e fonti di energia rinnovabili. Sono abilitati - tramite appositi corsi di formazione - a svolgere attività di verifica e controllo sulle prestazioni energetiche degli edifici.   Chi desidera iscriversi al Registro deve presentare alla Camera di Commercio l’apposita domanda corredata di relativa documentazione. Sarà poi lo Sportello per l’Energia a verificare l’effettiva conformità dei requisiti alle disposizioni di Legge e, in caso positivo, ad esprimere il proprio parere favorevole. Solo a questo punto la Camera di Commercio potrà procedere con l’iscrizione al Registro. Info: www.cc.sm/certificatori-energetici.html

è in edicola

Guida Titano 2010 Annuario delle attività economiche della Repubblica di San Marino

Accedi alle informazioni di oltre 5000 aziende! Tel: +378 0549 980380 - info@cc.sm 4

settembre-ottobre 2010

in san marino

www.guidatitano.com


M ADE IN CAM COM

2010

P REMIO WEB

Sono terminate il 31 ottobre le votazioni di Premio Web, il concorso ideato dalla Camera di Commercio per premiare coloro che meglio sono riusciti a realizzare i migliori siti internet prestando attenzione al senso estetico, al design, alla creatività, al linguaggio, ma anche alle soluzioni tecniche adottate, all’architettura del sito, alla velocità di visualizzazione ed al tipo di programmazione. Tra tutti coloro che hanno espresso un voto valido collegandosi al www. premiowebsanmarino.org verranno estratti gli utenti web fortunati vincitori di un pc portatile, un telefono cellulare e una fotocamera digitale. Nel corso di una cerimonia nel mese di novembre poi, verrà incoronato il Principe della Rete, cioè il sito che ha ottenuto in assoluto il maggior numero di voti, e saranno consegnati riconoscimenti ai siti segnalati dalla giuria tecnica, uno per ogni categoria in gara.

M ADE IN SAN MARINO SU INTERNET E’ finalmente disponibile anche sul web il magazine della Camera di Commercio “Made in San Marino”. La pubblicazione è facilmente consultabile grazie ad un efficace sistema di visualizzazione che consente di ingrandirla e sfogliarla a proprio piacere. Basta collegarsi al link www.cc.sm/it/editoria/made-in-san-marino.html per poter leggere e scaricare tutti i numeri in archivio, disponibili in lingua italiana e inglese.

Year II March-April 2010 n. 5

in san marino

CO NT EN TS INTERVIEW Valeria Ciavatta, Minister of Internal

INFORMATION MAGAZINE PUBLISHED BY THE CHAMBER OF COMMERCE OF THE REPUBLIC OF SAN MARINO

Affairs

ECOMERCATALE LEONARDO BLANCO ’S WORKS ON SHOW AT THE CHAMBER HAPPY HOUR, HAPPY OF COMMERCE BUSINESS EXPO SHANGHAI 2010 MEMBER’S AREA SEMINARS

E DIT OR IAL Massimo Ghiotti - General

Manager

Your most unhappy customers are your greatest source of learning. Bill Gates In recent decades, thanks to enormous technological breakthroughs, the ders of the global market, extension of the borand the profound diversification of consumer demand, companie s have tried to provide increasing ly more effective, quick and exhaustive answers in order to stay competitive. And they have done so by waging on quality certification – of the company and its products on computerization – and on customer service. But despite the excellenc e of the product and all the precautions taken, unhappy customer cannot be ruled out. s Unhappy with the purchase made, the quality of the goods, or with the service received. And this is where the intelligenc and capacity of the e company come in, so as not to consider this moment an unfortunate and pointless obstacle, but rather a real chance to upgrade and above all a chance to win the loyalty of customers

by now considered as lost. And the first way of bringing this about is to stop thinking that an unhappy customer is simply a nuisance. Naturally, it is always a good idea to try and figure out who we have before us, what his level of knowledg e is and why he judges work negatively. The our second really make the difference step is one that can , i.e., being capable listening to the customer. of He/she must be given the chance to explain why he feels unhappy, and be treated with respect and attention. It is easy be distracted or refuse to dialogue simply because we think we are in the right. Statistics do in fact show that people who receive satisfactory answers remain loyal over the years, while those who are treated inadequately not only leave the company, but often talk negatively about it to others and thus risk destroying the brand name. A significant change in corporate culture therefore needed such is as to transform the general feeling of vexation in dealing with a complaint into

greater awareness and the chance to strengthen customer loyalty. It is therefore easy to appreciate that time spent understan ding a customer’s pectations and needs exis never wasted. The matter must be addressed in a critical and collaborat spirit, trying to stay calm ive and optimistic, even when you are under pressure. Above all, focus should shifted from the problem be to the solution. In some circumstances, it is a good idea to ask for other opinions so as to gain a broader outlook, and thus have at disposal a greater number of elements go ahead and assess to the situation and come with an answer. up If the company is prepared to be more customer focused and view the customer as a constant point of reference , able to prompt it to set itself new and more ambitious goals, then it will be easier to create more constructive relations, based on confidenc e, and consider disputes as an encouragement to proceed along the winding path of quality.

in san marino

A NALISI CONGIUNTURALE Saranno resi pubblici a breve i risultati della seconda analisi congiunturale dell’anno 2010. Si è concluso infatti il questionario telefonico che ha coinvolto un campione di 500 aziende sammarinesi grazie al quale la Camera di Commercio, in collaborazione con Servabit, potrà redigere lo studio statistico che analizza il clima di fiducia delle imprese. Uno supporto utile a chiarire le prospettive di crescita dell’economia sammarinese, fornendone una lettura tempestiva attraverso l’osservazione dei principali indicatori statistici. Info: www.cc.sm/it/statistiche.html

march-april 2010 1

F ORMAZIONE Prosegue con uno stage di 600 ore il percorso di Pietro Severi, assegnatario della borsa di studio per il Master in Qualità e Certificazione di Prodotto nelle Aziende Agroalimentari sponsorizzata dalla Camera di Commercio. Dopo aver concluso le lezioni frontali presso l’azienda CTQ Spa, Severi ha ora cominciato a seguire il progetto di accompagnamento delle imprese alla certificazione di qualità, presso gli uffici della Camera di Commercio. Questa attività rientra a supporto del progetto Advance San Marino presentato dalle Segreterie di Stato per l’Industria, per il Turismo e per il Territorio, e approvato dal Governo.

in san marino

settembre-ottobre2010 2010 5 settembre-ottobre


S EGRETERIA DI STATO PER GLI AFFARI ESTERI Bruxelles, 10 settembre 2010:

SEMINARIO SULLO SPAZIO ECONOMICO EUROPEO PER I PICCOLI D’EUROPA

tat o

An ton ella

Mularoni

Il 10 settembre scorso una delegazione sammarinese composta da funzionari dei Dipartimenti Affari Esteri e Finanze ha preso parte a un seminario che ha riunito a Bruxelles i rappresentanti di San Marino, Monaco e Andorra. Organizzato dalla Direzione Generale Relazioni Esterne della Commissione S Europea, nello specifico i d rio dall’Unità che si occupa dei a t e Segr rapporti con i paesi dell’Europa occidentale non membri dell’Unione Europea, l’incontro ha rappresentato una prima occasione di confronto sull’evoluzione dei rapporti fra l’Unione Europea e i micro Stati d’Europa. Dai contatti intercorsi

con questi Paesi è infatti emerso il desiderio da una parte di un collegamento più forte con il mercato unico europeo, dall’altra di una migliore interrelazione fra “piccoli”. Gli incontri bilaterali del pomeriggio tra San Marino e i funzionari della Commissione Europea hanno consentito di ricevere chiarimenti sulle potenzialità dell’attuale Accordo di Cooperazione e su questioni relative al mercato interno europeo nell’ottica di un rafforzamento delle relazioni. Nello specifico si sono affrontati i temi della fiscalità, dell’unione doganale, delle merci, del mercato del lavoro, della sicurezza sociale, della libera prestazione dei servizi, della formazione e della mobilità. Questo incontro segna l’inizio di un dialogo con la Commissione, che ha posto le basi per le riflessioni tecniche e gli opportuni seguiti. Si è trattato di un momento importante di scambi reciproci, che ha messo in luce l’interesse della Commissione verso i piccoli Stati europei, verso le loro legittime preoccupazioni e aspirazioni, cui prestare debita attenzione e considerazione anche mediante l’apertura immediata di un tavolo di confronto.

L’ESPERIENZA DEL LIECHTENSTEIN Nel corso del seminario, il Liechtenstein ha condiviso la propria esperienza in seno allo Spazio Economico Europeo (SEE), illustrando ai tre Paesi le modalità con cui vi ha aderito e gli effetti che ne sono derivati. Negli anni ’90, quando il Liechtenstein ha avviato il dibattito al suo interno per un’eventuale adesione allo SEE, l’opinione pubblica era scettica e divisa. Oggi nessuno mette più in discussione la bontà di tale scelta, compiuta nel 1995 a seguito di un voto favorevole in Parlamento e due successivi referendum confermativi. E’ stata posta l’attenzione sul recepimento dell’acquis communautaire, sugli investimenti nella formazione di esperti e sull’impatto in termini di riorganizzazione dell’Amministrazione Pubblica. In particolare, la responsabilità per la gestione politica dell’Accordo SEE è, a livello nazionale, a carico dell’Unità di Coordinamento SEE. Quest’ultima è composta da un gruppo di giuristi, ciascuno a capo di un sotto-comitato responsabile dei settori regolati dall’Accordo (libera circolazione delle merci, dei servizi, dei capitali, delle persone ed alcune politiche orizzontali) e costituisce il Dipartimento del Liechtenstein incaricato di coordinare il recepimento degli atti legislativi dell’Unione Europea rilevanti per lo Spazio Economico Europeo e della gestione giornaliera dell’Accordo per quanto attiene alle questioni giuridiche. L’Ente ha infatti il compito di sorvegliare il rispetto dei tempi di adozione dell’acquis communautaire da parte dei Ministeri e degli uffici della Pubblica Amministrazione. In parallelo, la Missione a Bruxelles riferisce al Ministro degli Affari Esteri degli sviluppi nelle materie dell’Accordo e nelle politiche europee, partecipa ai comitati UE e SEE, conduce i negoziati e mantiene i contatti con le controparti dell’UE e dell’EFTA (Associazione Europea per il Libero Scambio). Due volte l’anno il Governo del Liechtenstein dedica i suoi lavori in via esclusiva al controllo del recepimento degli atti UE/SEE. Il Parlamento del Liechtenstein si è inoltre dotato di un Comitato SEE, responsabile per gli atti legislativi SEE che richiedono la modifica della legislazione interna.

UN ESEMPIO POSITIVO L’efficienza di questi meccanismi ha consentito al Paese di raggiungere una percentuale del 99,6% nel recepimento della legislazione comunitaria, che si distingue in Regolamenti, direttamente applicabili, e Direttive, che necessitano, invece, di un’adeguata trasposizione nell’ordinamento interno. Un’ottantina di funzionari appartenenti ai diversi Ministeri si occupa della gestione dell’Accordo SEE; di questi, almeno 25 con un impegno quotidiano. Per sopperire alle carenze di una piccola amministrazione ci si avvale inoltre della collaborazione di esperti stranieri. Il Liechtenstein tuttavia ha sottolineato l’importanza della formazione continua di funzionari e giuristi del Paese, così da avere cittadini in grado di padroneggiare la legislazione comunitaria e il funzionamento dei processi decisionali UE/SEE. Per il Liechtenstein l’adesione allo Spazio Economico Europeo rappresenta una esperienza altamente positiva e può sicuramente rappresentare un modello per altri piccoli Stati, da prendere a riferimento nelle proprie relazioni con l’UE. Alternative ad hoc, in risposta alle peculiarità dei piccoli Stati, possono essere valutate ed approfondite di comune accordo e nel reciproco interesse.

6

settembre-ottobre 2010

in san marino


S PAZIO SOCI COMPRA A SAN MARINO C

M

Y

CM

MY

CY CMY

K

Incentivare gli acquisti all’interno del territorio sammarinese. E’ questo l’obiettivo della campagna di sensibilizzazione “Compra a San Marino” realizzata dall’USC con il patrocinio della Segreteria di Stato per l’Industria e la collaborazione della Camera di Commercio. L’invito è chiaro e diretto, e ed esprime la forte volontà di sostenere gli esercizi commerciali sammarinesi in un periodo difficile per l’economia. Un’unica voce per un messaggio che non lascia spazio a fraintendimenti: comprare a San Marino significa sostenere l’intero Paese. E per sottolineare ulteriormente l’importanza di questo atteggiamento, è stato creato un concorso che - da settembre a dicembre - mette in palio ogni mese n. 1 buono acquisto da € 200,00. Ogni capofamiglia sammarinese riceverà a casa una cartolina numerata e, a cadenza mensile, i quotidiani locali pubblicheranno il numero estratto. Il fortunato vincitore riceverà il buono spesa, da ritirare presso la sede dell’USC, spendibile presso un unico punto vendita della Repubblica. “Questa iniziativa di incentivo agli acquisti - spiega Carlo Lonfernini, Presidente dell’USC “va ad affiancare e integrare quella già in essere della Smac Card. E’ una campagna che porta con sé la ferma determinazione di rilanciare un settore così strategico come è quello del commercio per la Repubblica di San Marino, e che è giusto supportare se si ha a cuore il futuro del nostro Paese”. Colori compositi

Sono partiti i festeggiamenti per il venticinquesimo anniversario della fondazione dell’Organizzazione Sammarinese degli Imprenditori. Tanti gli eventi in programma per celebrare questa importante tappa nella storia dell’ente che, nel corso degli anni, ha saputo dare voce alle numerose istanze e problematiche di settore. Tra le varie iniziative in corso, la Lotteria del 25° Osla permetterà ai più fortunati di aggiudicarsi una Peugeot 207 o di partecipare gratuitamente al viaggio di Osla negli Stati Uniti. Sono comunque tantissimi i premi in palio che verranno estratti il 19 novembre nel corso della Cena di Gala presso la Sala Polivalente del Palazzo Multieventi Sport Domus di Serravalle. Fulcro centrale del calendario degli eventi, il viaggio del 25° Osla a New York e Washington dal 2 al 10 febbraio 2011. Un’intera settimana per scoprire il cuore degli Stati Uniti tra musei, gallerie, shopping con possibilità anche di visitare la sede delle Nazioni Unite a New York e la Casa Bianca a Washington. INFO: tel. 0549 992885 Banca di San Marino ha annunciato l’avvio del concorso a premi “mille per 500” per coloro che sottoscrivono l’obbligazione BSM. Investendo anche solo € 1.000 il cliente potrà partecipare e vincere fantastici premi: 1° premio Fiat 500, 2° premio Vespa Piaggio 300, 3° premio Televisore Led Samsung. Il collocamento terminerà in data 10 dicembre 2010. Nella seduta del 16 settembre, il Consiglio di Amministrazione ha approvato la relazione di bilancio per il primo semestre 2010, che evidenzia un ulteriore rafforzamento patrimoniale della Banca, con l’indice di solvibilità sulle attività di rischio, Core Tier 1, posizionato al 28,57% con un patrimonio di vigilanza pari a Euro 93,9 milioni. L’utile netto del primo semestre 2010 si attesta a Euro 2,1 milioni, dopo aver provveduto a rettifiche su crediti per Euro 1,5 milioni ed accantonamenti per imposte per Euro 405.000. Particolarmente confortanti i dati sulla gestione della liquidità, dove emerge una posizione interbancaria con saldo positivo di Euro 21,5 milioni, comprensiva della riserva obbligatoria.

in san marino

settembre-ottobre 2010

7


E VENTI

CHOCOTITANO Borgo Maggiore, 6 - 7 novembre 2010 Autunno fa rima con… Cioccolato! Anche quest’anno torna Chocotitano, la manifestazione più golosa della Repubblica di San Marino. Un intero weekend dedicato a tutte le forme, i colori e i sapori del cibo degli dei, l’unico capace di mettere d’accordo grandi e piccini. Due giorni per abbandonarsi alle dolci tentazioni proposte dagli espositori, alle degustazioni guidate, agli originali menu. Un’atmosfera magica in cui i protagonisti sono i bambini che nella Scuola del Cioccolato potranno scoprire i segreti della lavorazione e della creazione dei cioccolatini. Sempre a loro è dedicata la Chocoarea, con animazione, giochi e intrattenimento a tema. Animazione e divertimenti per tutti nell’arco delle due giornate, con possibilità di vincere gustosi premi al concorso Gioccolato e al 2° ritrovo dei golosi. I più curiosi potranno poi deliziarsi con le gustose ricette dei Chocoristoranti che proporranno menu interamente consacrati al cioccolato, declinato in tutte le sue varietà. Un appuntamento da non perdere perché “…nove persone su dieci amano la cioccolata. E la decima mente”.

Informazioni: www.cc.sm/chocotitano.html

C AMERA DI COMMERCIO È una società per azioni a capitale misto pubblico e privato, detenuto per il 51% dallo Stato e per il 49% dalle Associazioni di Categoria (ANIS, OSLA, UNAS, USC e USOT), dalle banche (Banca Agricola Commerciale, Banca di San Marino, Cassa di Risparmio e Credito Industriale Sammarinese) e dall’Università degli Studi di San Marino. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Simona Michelotti - Presidente Camera di Commercio Silvano Andreani Paride Bugli Riccardo Cervellini Emanuel Colombini Giorgia Gasperoni Giorgio Petroni Vladimiro Renzi Gian Franco Terenzi

Anno II - Settembre-Ottobre 2010 - n. 8 Direttore Responsabile: Massimo Ghiotti Redazione: Marianna Bucci Camera di Commercio di San Marino S.p.A. Strada di Paderna, 2 - 47895 Fiorina di Domagnano - RSM Tel. 0549-980.380 - Fax. 0549-944.554 - Mail: info@cc.sm

8

settembre-ottobre 2010

in san marino

STAFF Massimo Ghiotti - Direttore Generale Evelina Guglielmi - Ufficio Qualità e Produzione Roberto Bucci - Consulente organizzazione fiere ed eventi Marco Macina - Assistente di Direzione e Ufficio IT Jessica Dell’Ominut - Ufficio Contabilità e Segreteria Federica Tonelli - Ufficio Legale Massimo Zani - Ufficio Acquisti e Vendite Marianna Bucci - Ufficio Marketing Nicola Michi - Ufficio Produzione e Pianificazione

Tiratura 1500 copie Progetto grafico: 3 STUDIO Stampa: STUDIO STAMPA Giornale chiuso il 15 ottobre 2010 Autorizzazione: Segreteria di Stato per gli Affari Interni Copia registrata presso il Tribunale della Rep. di San Marino


Made in San Marino