Page 1

CO NTR O ILDEGR ADO E LA VIO LENZ A TUTTI IN PIAZ Z A SPEDINI VENER DI' ALLE 18! EDIZ IO NE

STR AO R DINAR IA

Allo stadio (e fuori) com andano i pre pote nti. A m e no ch e ...

Di ch i è q ue sta città

5 fe bbraio 2007

PER TO R NAR E DAVVER O IN A

Siam o di più, facciam oci ve de re !

Il m are s iciliano h a un altro colore , ris pe tto all’oce ano. Ve rde , ilprim o; os curo, troppo os curo ils e condo. Ilprim o pe ns ie ro Gae tano, ancora bam bino, q uando las ciò Santa M aria La Scala as s ie m e alla fam iglia, piú di m e zzo s e colo fa, lo re galò a q ue lm are ch e ave va las ciato e ch e s ino ad allora ave va s olo cons ide rato s olo illuogo di lavoro de lpadre pe s catore . Que llo ch e ve de va davanti a s é – dalponte de lla nave Garibaldi ch e Ilbam bino avrà otto anni, fors e die ci, s otto la s ciarpa non s i ve de be - m agis trati de lla Procura - gli ultrà più violenti s ono «clie nti abituali lo avre bbe portato a Bue nos Aire s – e ra una un ne . M e tte una m ano in tas ca, tira fuori una pie tra e la lancia addos s o de lla crim inalità organizzata ne ll'acq uis to di s os tanze s tupe face nti e altro m are , un’altra te rra. Un’altra vita. ai poliziotti, ch e s tanno in pie di a guardare . Un altro lo im ita, poi un arm i». Ci s ono indagini ape rte , s u q ue s to. Qualcos a, pe rò, a propos i- D ici Catania, e Gae tano ti inve s te con un flus s o altro e un altro ancora. Poi arriva ilpapà di uno di loro, dice bravo al to de lcontrollo de lte rritorio, la s i può capire anch e face ndos i una di ricordi, adagiati in un dialetto m e lodios o e figlio e s e lo porta a cas a. Non c'è gue rra intorno: la gue rra è davanti s e m plice pas s e ggiata. Bas ta ricordars i di com ’e ra piazza Spe dini, la antico. La Città, la ch iam a ancora oggi. Ne ave allo s tadio, a un ch ilom e tro di dis tanza da q ui. Ci s ono s olo q ue i s as - m attina dopo la gue rra: con tutte le bancare lle de lm e rcato alloro va goduto poco, da bam bino. Era illuogo de lbe s i, q ue i poliziotti incre duli e q ue lpapà ch e dice bravo alfiglio. E più pos to, com e s e nulla fos s e accaduto. Le ave vano m ontate s ulluogo ne s s e re , de lla be lla vita, de i s ignori con cappe lli tardi, da q ualch e parte , ci s arà anch e una fe s ta: la fe s ta pe r l’uccis ione de lde litto, s e nza ch e ne s s uno lo vie tas s e . Se nza ch e fos s e più pos s i- e de lle donne raffinate , de lform icolìo de i pas s anti. Ai figli h a cons e gnato q ue s ta im m agine de ll'is pe ttore Filippo R aciti. In via Plebis cito, tanto pe r fare un bile e s am inare i re pe rti e ricos truire i fatti. e s e m pio; m a anch e in altre s trade di una città in cui gran parte de l I padroni de lte rritorio, a Catania, pos s ono pe rm e tte rs i tutto. D i far gioios a e bugiarda com e una cartolina di te rritorio s fugge alcontrollo de llo Stato, de lla polizia o de lla s cuola. pagare ilpizzo ai com m e rcianti pe r l’inte ra s e ttim ana. D i far pagare viaggio, ch e loro, da bam bini, h anno appre s o ad In cui, a e ducare i ragazzi, ci pe ns ano gli adde s tratori de lla m afia. ilpizzo alla s q uadra di calcio, la dom e nica. Que s ta s q uadra, da due as coltare con lo s guardo incantato di ch i as colta anni, è tra q ue lle ch e giocano m e glio e vincono di più in Italia. E una fiaba. Ch e tirano s u i loro alunni con i più re alis tici giocattolidi gue rra. Si s ono s candalizzati in tanti, legge ndo ch e q uas i m e tà de gli arre s tati tuttavia gli ultrà ogni s e ttim ana rie s cono a portare allo s tadio bom be Sono cre s ciuti, con il te m po. Sono dive nuti pe r i fatti di ve ne rdì s ono m inore nni. Eppure , non c’è m otivo di e s - carta e fum oge ni (vie tati dalla legge ) e li fanno s coppiare re go- adulti, h anno s tudiato, h anno vis s uto pe r anni a Catania prim a di ritornare a Bue nos Aire s . Illos e rne s orpre s i. Bas ta legge re gli ultim i dati de lla Corte d’Appe llo, larm e nte , procurando alla s q uadra m ulte e diffide . ch e m e ttono Catania als e condo pos to in Italia pe r num e ro di m inori In una s ituazione di ordinaria inciviltà, q ue s to s are bbe pe ns abile s o- ro s guardo s i è ripulito, illoro am ore è dive nuto arre s tati di nazionalità italiana: ne l2005 s ono s tati 19 9 , e q uas i m e tà lo s e la s q uadra andas s e m olto m ale. Ne lla s traordinaria inciviltà cui lucido. Continuano a s e guire le vice nde de lla di loro non andavano alla s cuola de ll’obbligo. Bas ta rilegge rs i le de - Catania è s tata abbandonata, s ucce de inve ce anch e q uando s i vince . città, s e guono le partite de lla s q uadra, s i riuninunce ch e , pe r oltre ve nt’anni, h a te s tardam e nte ripe tuto ilgiudice Pe rch é ilproblem a, q ui, va m olto aldi là de lpallone . Ilproblem a è, s cono con altri figli di m igranti ogni dom e nica Scidà, q uand’e ra pre s ide nte de l Tribunale de i M inori: il dom inio s e m plice m e nte , s tabilire ch i de ve com andare . Allo s tadio, com e ne l in un club di tifo ch e h anno intitolato a Gius e ppe Fava. Pe rch è s anno ch e durante gli anni in de lla m afia s u inte ri pe zzi de lla città, i continui e im puniti illeciti de i re s to de lla città. pubblici am m inis tratori, l’as s e nza – anch e fis ica – de llo Stato da una Gli ultrà e i violenti di curva (ch e non s ono poch i, atte nzione : ce ne cui ilpadre cris tallizzava i s uoi ricordi in una dibuona fe tta de lte rritorio. La crim inalità m inorile, in q ue s to q uadro, s ono a ce ntinaia, fors e più di m ille) h anno s u q ue s to un'ide a pre cis a. m e ns ione da favola, q ue s ta città è s tato altro. non è più una patologia. D ive nta un fatto as s olutam e nte norm ale: la D e lre s to gli ultrà, in te m pi non lontani, s ono s tati allegram e nte C’è s tato ch i è m orto e ch i h a uccis o, ch i h a corte ggiati da onore voli com piace nti e s indaci s alte llanti. Ne s s uno – lottato e ch i h a rie m pito di s aliva s udicia la logica cons e gue nza de lcontrollo crim inale de lte rritorio. Anch e e ntrare allo s tadio, a Catania, è q ue s tione di controllo de lte rri- né ilgove rno cittadino, né le forze de ll'ordine – è rius cito a riconq ui- parola am ore . Ch i h a urlato la propria rabbia pe r torio. C'è una legge ch e obbliga a ide ntificare uno pe r uno glis pe ttato- s tare un fazzoletto de lte rritorio di cui s i s ono ne lte m po appropriati. una città ch e agonizzava e ch i h a taciuto. E pe r ri, ch ie de ndo i docum e nti e face ndo e s ibire i biglie tti nom inativi. E «D a tre anni s iam o os taggio de i violenti», h a dich iarato ilpre s ide nte loro intitolare un club a Gius e ppe Fava s ignificainve ce i docum e nti, alm e no in curva, non s i ch ie dono a ne s s uno. de lCatania. D a tre anni, cioè da q uando lui h a acq uis tato la s q uadra. va, prim a ancora ch e l’om aggio all’uom o, re nde re gius tizia all’im m agine re ale di una città ch e Anzi: ce ntinaia di pe rs one rie s cono ogni dom e nica a e ntrare s e nza pa- M a da m olti di più, pe r q uanto riguarda la città. gare ilbiglie tto. Sono più forti loro; e la polizia, in q ue s to pe zzo di C'e ra un po' di ge nte , la s e ra dopo la gue rra, davanti allo s tadio. Fa- h a s offe rto, ch e è s tata um iliata m a ch e h a s tadio, non può m e tte re pie de . Qualch e m e s e fa, in occas ione di Cata- ce va fre ddo, m a un po' di ge nte c'e ra. S'e rano radunati a piazza R o- te ntato di drizzare la s ch ie na. nia-M e s s ina, gli ultrà crim inali s ono rius citi a tras cinare un age nte ai m a, un giro di e -m aile s m s . O gnuno di loro portava un fiore . O ggi c’è im barazzo, tra i figli di Gae tano. pie di de ll’ane llo. H anno s barrato l’ingre s s o, poi h anno iniziato a ba- Saranno s tati ce nto. Ce nto fiori pe r dire ch e Catania, fors e , non Pe rch è ilpadre h a vis to una partita ch e dove va e s s e re com e tante altre e , inve ce , ad un ce rto s tonarlo a s angue . Ne s s uno de i collegh i h a potuto far nulla pe r aiu- appartie ne ancora tutta ai crim inali. Ch e c'è, fors e , una città dive rs a. Non pos s ono bas tare ce nto fiori, pe rò. C'e rano alm e no ve ntim ila punto, i s uoi occh i s i s ono ve lati com e s e l’as pro tarlo. In q ue lpe zzo di te rritorio la legge de llo Stato non è in vigore . D icono ch e tutto q ue s to non s ucce da s olo a Catania, e d è ve ro: s ono pe rs one ve ne rdì allo s tadio, e diciannove m ila di e s s e non h anno odore de i lacrim oge ni fos s e arrivato anch e là, a m olte le curve in cui la polizia non può e ntrare , in cui s i leggono s i- nulla a ch e fare con q ue i crim inali. Se in via Plebis cito q ualcuno fe - Bue nos Aire s , a q uattordicim ila ch ilom e tri dallo gle com e A.C.A.B. (AllCops Are Bas tards ; “Cop” s ignifica “poli- s te ggiava, m olti altri, anch e in q ue lla s trada, ve ne rdì notte h anno s tadio “Ange lo M as s im ino”: la Città, q ue lla?Le ziotto”), e s i as coltano cori com e «poliziotto prim o ne m ico». La pianto. O ra, s i tratta s e m plice m e nte di dare un s e ns o a q ue lle lacri- pie tre , le s prangh e , q ue ll’as s urdo m ovim e nto rodiffe re nza è ch e , a Catania, tutto q ue s to non accade s olo allo s tadio; m e . Si tratta di capire a ch i appartie ne la città, di fars i ve de re in giro tatorio de lle volanti de lla polizia, le auto in ilte rritorio cittadino è in m ano alla crim inalità non s olo la dom e nica, e di dire ch iaro da ch e parte s i s ta. Que s ta città non lo fa da troppi fiam m e . E la m orte . anni. M a, ade s s o, non c’è più ilte m po pe r tace re . O ggi i figli di Gae tano vorre bbe ro ch e un’altra m a anch e glialtri s e i giorni de lla s e ttim ana. D e lre s to - dich iarano i im m agine arrivas s e alpadre , face ndo ilgiro de l m ondo. L’im m agine di una città ch e ancora una volta è capace di dire di no. D i rialzars i ancora una volta, dopo e s s e re s tata offe s a com e lo fu ve ntitre anni fa, q uando uccis e ro Gius e ppe Fava. A q ue s to punto, pe rò, dipe nde s olo da noi. Se s aItragici avve nim e nti di ve ne rdì 2 s ono l ’ul tim o s e gnal e Bis ogna ch e l a città s i inte rrogh i s ui fe nom e ni ch e in re m o in m olti, ve ne rdì pros s im o, davanti allo s tade lde grado s ocial e , cul tural e e civil e di Catania. q ue s ti ul tim i anni h anno dis trutto ogni form a di civil e dio, alla s te s s a ora de lla partita. Se s are m o in Con una viol e nz a barbara e d ins e ns ata è s tato uccis o, convive nz a. La città de ve gridare BASTA. m olti a s filare pe r la città contro la violenza de i m e ntre s vol ge va ilproprio l avoro, l ’is pe ttore di pol iz ia E’fondam e ntal e ch e ogni cittadino one s to e de m ocratico, m afios i e de gli ultrà. Se s are m o abbas tanza nuFil ippo Raciti, s e rvitore de l l o Stato, padre di due figl i. pre occupato de l l e s orti civil i e s ocial i di Catania, re agis ca m e ros i da m e ritare ch e ilm ondo, ade s s o, parli L’im barbarim e nto de l l a s ocie tà catane s e pone con forz a l a e s i im pe gni pe r far rinas ce re l a città. anch e di noi. Ch e s iam o la m aggioranza. M a q ue s tione de m ocratica ne l l a nos tra città;cul tura e s e ns o Ve ne rdì al l e 18 ASSEM BLEA CITTADINA in piaz z a Spe dini. dobbiam o fare in m odo ch e Gae tano pos s a s adi s ol idarie tà h anno l as ciato ilpos to a e gois m o Non s ol o una m anife s taz ione , m a l 'iniz io di q ual cos a. pe rlo. s ocial e e viol e nz a. INFO : cataniainpiaz z a@ gm ail .com

APPELLO APERTO

ALLA CATANIA DEM O CR ATICA E CIVILE


R ADICI

Pe rch è l a partita di cal cio m as ch il e più im portante de l l a s toria s icil iana s i s ia tradotta in trage dia è q ual cos a al l a q ual e non s appiam o dare ris pos ta, q ue l l o ch e pos s iam o fare è rifl e tte re e ricordare ciò ch e è già accaduto ne lpas s ato. Il12 Fe bbraio 19 84 ilCatania s i pre s e ntò in cam po alCibal i, contro l a Fiore ntina. Fu l ’ul tim a partita in cas a di una s tagione dis as tros a, concl us a con una re troce s s ione al l ’ul tim o pos to con ilre cord ne gativo di punti raccol ti ne l l a m as s im a s e rie : 12 in 30 giornate , con una s ol a vittoria. Que l 12 fe bbraio accadde un e pis odio tal m e nte grave da portare a una s q ual ifica re cord de lcam po pe r tutto ilpros ie guo de lcam pionato: un tifos o m orì uccis o da un'arm a da fuoco. Nie nte a ch e fare con l a partita q ue l l a vol ta, e l e anal ogie con ilfe bbraio 2007, q uas i 23 anni dopo, s ono tante , dove una m otivaz ione al l e viol e nz e non può ce rto e s s e re data dal l e pe s s im e pre s taz ioni de lCatania. La partita è e ffe ttivam e nte iniz iata com e una fe s ta, fuoch i d’artificio, cori, s orris i, appl aus i, e ve ro s port, con i giocatori de l l e due s q uadre in cam po s e re ni, a dars i una m ano pe r ris ol l e vars i da te rra, a ch ie de rs i s cus a pe r un fal l o e , anch e l oro, a s orride re . Un grande atm os fe ra pe r una grande partita La re al tà è e ntrata in cam po als e s to m inuto de l s e condo te m po, q uando una grande nube di fum o h a cope rto l a vis ual e de l l a porta avve rs aria ai giocatori de lCatania, ch e in q ue lm om e nto ce rcava di re cupe rare ilgols ubito; i s orris i in cam po e s ugl i s pal ti s i s ono pre s to tras form ati in l acrim e , indotte dal l a O rto-cl oro-be nz alm al onitril e, l a s os tanz a de ntro i l acrim oge ni l anciati in gran num e ro dal l a pol iz ia al l ’e s te rno de l l l o s tadio dove e ra in cors o una ve ra e propria gue rrigl ia, l ’abbiam o poi vis to in te l e vis one , e l ’obs ol e s ce nz a de l l a s truttura ne h a pe rm e s s o l a pe ne traz ione al l ’inte rno de l l o s tadio, raggiunge ndo ilcam po. Partita s os pe s a aldodice s im o m inuto de ls e condo te m po. Conos co m ol ti m ie i coe tane i ch e vanno tutte l e dom e nich e al l o s tadio. M ol ti di l oro s i vantano di non pagare ilbigl ie tto d’ingre s s o s caval cando i cance l l i, raccontano di incre dibil i e pis odi di viol e nz a ne i tre ni o s ultragh e tto alritorno dal l a tras fe rte . Non s ono te ppis ti, non s ono e m arginati, s ono ragaz z i norm al i ch e tutti i giorni vanno a s cuol a, o a l avoro o s tudiano o fanno q ual s ias i al tra cos a ci s i as pe tte re bbe da q ual unq ue ve nte nne . M a s e ch i non h a probl e m i h a avuto e s pe rie nz e dire tte di viol e nz a ch i inve ce i probl em i e conom ici fam il iari e cce te ra e cce te ra ce l i h a, ch e cos a fa?Ce rca ilris catto ne l l a viol e nz a organiz z ata, q ue l l a fuori dal l o s tadio? Ci s iam o ris ve gl iati di botto dals ogno ch e pe r e s s e re grandi bas tas s e l a s e rie A, una s q uadra d’al ta cl as s ifica, un giovane tal e nto giappone s e , i gol , l e partite , ilcal cio: l a panace a. M e ntre l a re al tà rich ie de de i grandi s forz i pe r dive ntare grandi. Città Ins ie m e Giovani

Ciò ch e è s ucce s s o ci las cia s gom e nti, m a purtroppo ci s orpre nde s olo in parte . D a te m po la nos tra s ocie tà h a pe rs o pe r s trada la capacità di dare ilgius to pe s o alle cos e e di tras m e tte re ai giovani i ve ri valori de lla vita. Ed in particolare ne lla nos tra Catania ilde grado s ocio e conom ico, illas s is m o e l’illegalità s tanno re nde ndo s e m pre più problem atica ogni e lem e ntare form a di convive nza civile. In q ue s ta s ituazione , la prom ozione in s e rie A di una s q uadra di calcio ris ulta fuori conte s to, s e ilre s to de lla s truttura s ociale e politica è di s e rie C. Cogliam o l’occas ione pe r e s prim e re tutto ilnos tro um ano cordoglio ai fam iliari di Filippo R aciti, un lavoratore uccis o pe r una partita di calcio. Ch e ils uo s acrificio non ris ulti vano. Ch e q ue s to s h ock ch e h a proie ttato il“dis as tro Catania” a live llo plane tario, s ia la ch iave di volta pe r la cos truzione di una città m igliore . Pe r q ue lch e ci riguarda inte ns ifich e re m o ulte riorm e nte la nos tra azione e ducativa ne i q uartie ri popolari e ne lle s cuole. I volontari di M ani Te s e Sicilia

Finisce ilsogno, va in cam po l a re al tà

PO LITICA

I val ori ve ri de l l a nostra vita

La sinistra: Gove rno, stronca i crim inal i!

"E' la vice nda tragica di un lavoratore e padre di fam iglia, vittim a di un clim a e di una cultura violenta ch e orm ai dilaga ne lla città. Lo s port dive nta occas ione pe r lo s fogo di is tinti prim ordiali e violenti, ris pe tto ai q uali non s ono alie ne e s e crabili ide ologie politich e . Fatti de l ge ne re ge ttano ne lla barbarie un’inte ra com unità, dis truggono vite um ane e colpis cono il m ondo de llo s port ne l s uo com ples s o. Il gove rno h a tutto ildove re di inte rve nire con le m is ure più dure alriguardo. Ne s s uno s i s ogni pe r un attim o di pe ns are e dire ch e s i tratta di q ualch e de cina di s calm anati: c’è un profondo de grado civile de lla città di cui portano una grande re s pons abilità la politica e le altre is tituzioni; e avve rtiam o un profondo s m arrim e nto anch e fra le s te s s e forze de ll’ordine . E' una ve ra e propria e m e rge nza e ilgove rno non la de ve inte rpre tare s olo com e un incide nte , pe r q uanto tragico, legato alm ondo de llo s port. O rm ai q ue s ta è una città s e nza alcuna s orve glianza e ilm inis tro de ll’Inte rno de ve as s um e rs e ne tutta la re s pons abilità, con rife rim e nto alla guida de lla Que s tura e de lla Pre fe ttura". O razio Licandro parlam e ntare de i Com unis ti Italiani *** D all’inizio de l torne o gruppi di de linq ue nti organizzati h anno pre s o pos s e s s o di una parte de l M as s im ino. La s te s s a curva nord e ra dive ntata un te rritorio pe ricolos o pe r polizia e carabinie ri, com e dim os trato dall’aggre s s ione ai poliziotti durante la partita Catania M e s s ina. Il Catania Calcio dal canto s uo h a s e m pre condannato q ue s ti atti, rifiutando cope rture ai de linq ue nti e d arrivando pe rs ino a cos tituirs i parte civile contro i te ppis ti aggre s s ori de lla polizia. Vivo cordoglio pe r la m orte de llavoratore in di- I fatti di ie ri s ono ils e gno de lclim a ch e re gna vis a R aciti. I te ppis ti, de tti "tifos i" già da ne lla città, de lla ge ne rale illegalità e de lla viote m po ave vano m anife s tato ne llo s tadio lenza diffus a ch e avvolge orm ai l’inte ra are a com portam e nti ch iaram e nte antide m ocratici, urbana. Ilris ch io ve ro è l’abbandono de lte rritocon s te ndardi, inni e q uant'altro inne ggiante al rio alla de linq ue nza organizzata e d alla m afia razzis m o, al nazifas cis m o e con la re alizzazio- ch e indis turbata può organizzare le proprie attine di atti di pura violenza. Que s ti fe nom e ni do- vità illecite cre ando un clim a di te rrore tra i ve vano e s s e re cos tante m e nte condannati e cittadini one s ti. Ne lle pe rife rie com e in ce ntro pe rs e guiti da tutte le s trutture politich e , is titu- im pe rano bande organizzate ch e indis turbate s e zionali e inform ative . Ne lde cadim e nto ge ne ra- m inano te rrore , cam biando le abitudini e le le ch e caratte rizza Catania q ue s ti atti s ono s tati form e de lla tradizionale s ocialità de i catane s i. s ottaciuti e blandam e nte "accare zzati". I O ccorre ris ponde re con forza, pe rs e gue ndo dram m atici e ve nti di ve ne rdì s e ra s ono anch e s e nza alcuna tolleranza tutte le organizzazioni un ne fas to ris ultato de l "m ode llo" ch e h a crim inali ch e , ne lle form e più dive rs e , h anno s trangolato la città da troppi anni. Urge un pre s o ils opravve nto ne lcontrollo de lla città. France s co M anna fortis s im o e innovativo ris ve glio de lla Catania re s pons . R ifondazione Com unis ta Catania Civile e D e m ocratica. Com itato Parte cipazione e D e m ocrazia

SISTEM A

Ch i sono i ve ri com pl ici de i viol e nti

m ani Siciliani pe r m angiacarta te s e la Le galità b ib l iote ca di q uartie re Ik bal M as ih Librino CENTR O SPER IM ENTALE K ER E Com itato Parte cipazione e De m ocrazia CO M ITATO AREA FIERA

ASSO CIAZ IO NE CENTR O STO R ICO CATANIA

itacane w s

Fondaz ione Gius e ppe Fava

CITTA' INSIEM E GIO VANI

TH E DAY AFTER

Pe rch é stupirsi? Anch e così è Catania Pe rch é s tupirs i di q uanto accaduto davanti al l o s tadio?Que s ta è Catania. E’ l a città ch e m e gl io e s prim e tutti i m al i e tutto ilde grado cul tural e e civil e de l l a s ocie tà ital iana. E’ l a città ai prim i pos ti ne l l a cl as s ifica de l l e città più invivibil i d’Ital ia, col m aggior tas s o di crim inal ità m inoril e , una de l l e città più viol e nte , dove l ’il l e gal ità diffus a, l ’as s e nz a di re gol e e de i più e l e m e ntari crite ri di convive nz a civil e s ono s tati e l e vati a s is te m a. E' l a città roccaforte de lpiù s q ual l ido be rl us conim o, am m inis trata da più di s e i anni da un s indaco ch e “non vuol e rotti i cogl ioni”da ch i s i pe rm e tte di de nunciare l a re al tà catane s e s ul l a bas e di dati ine q uivocabil iedel ogia l a s ottocul tura ps e udo-popol are de i q uartie ri de gradati dove ilm al affare “non vuol e rotti i cogl ioni”dal l al e gge e da ogni form a pur m inim a di l e gal ità. Que s ta è Catania, una città ch e s i s ve gl ia l a m attina de l3 fe bbraio com e s e l a trage dia de l l a s e ra prim a l a riguardas s e s ol o in parte : ne s s una porch e ria de ve intaccare ilq uie to vive re di una m as s a ch e ve de ne l l ’as s e nz a di re gol e l ’unica pos s ibil ità di s opravvive re e , in q ual ch e cas o, di arricch irs i. Que s ta è Catania, l a Catania as ce s a al l a s e rie A de lcal cio proprio q uando ilcal cio non è più uno s port m a una de l l e m as s im e e s pre s s ioni de l te ppis m o affaris tico naz ional e . Una confe rm a di q ue l l a ve rità ch e ils indaco rige tta coll inguaggio de l l a parte pe ggiore de l l a città, l a Catania “s pacch ius a”e s trafotte nte ch e l o ide ntifica gius tam e nte com e l ’incarnaz ione de i propri “ide al i” di il l e gal ità diffus a, q ue gl i ide al i ch e l e am m inis traz ioni di de s tra h anno riportato in auge in tutti i s e ttori con una ge s tione cl ie nte l are e affaris tica de l l a cos a pubbl ica. In fondo, anch e gl i ul tras e i te ppis ti de l de rby non vol e vano rotti i cogl ioni da ch icch e s s ia, vol e vano e s s e re l as ciati l ibe ri di dive rtirs i ne l l ’unico m odo “s pacch ius u”di fare s port. Ils indaco ch ie de unità contro i de l inq ue nti e dich iara ovviam e nte ill utto cittadino. M a ch i dovre bbe unirs i a ch i, s e l a m aggioranz a di q ue s ta città ignora orm ai cos a vogl ia dire cittadinanz a attiva, s e Catania non è ne m m e no una città m a una s om m atoria di individui im pe gnati unicam e nte a fars i i propri affari e tirare a cam pare ? La m attina de l3 bas tava girare pe r l e s trade de l ce ntro o al l a pe s ch e ria o fra l e bancare l l e di Piaz z a Carl o Al be rto pe r ve rificare l ’as s e nz a total e di anticorpi de l l a Catania s capagniniana. Lutto cittadino?Proprio ora ch e c’è l a fe s ta, l a grande fe s ta re l igios a de l l a patrona, con q uintal i di carne “arrus ti e m angia”in tutti gl i angol ie l e cande l ore e i de voti... proprio ora dove va m orire q ue s to pove raccio?C’è poco da fare , l e vittim e s ono de i ve ri guas tafe s te . I catane s i “s pacch ius i” l o h anno s e m pre pe ns ato: l a rovina de l l a città s ono s e m pre l oro, l e vittim e de l l a m afia, i pal adini de l l a gius tiz ia ch e “rom pono i cogl ioni”e non l as ciano andare l e cos e pe r ill oro ve rs o. Que s ta è Catania. Una città ch e s i “indigna”ne lve de re l a s ore l l a di una vittim a de l l a m afia s ce nde re in pol itica inve ce di piange re s ul l a tom ba de lfrate l l o m e ntre m e ntre trova pe rfe ttam e nte norm al e ch e un pol itico s ia in odore di m afia o corrotto. Una città s e m pre pronta a inch inars i alpiù furbo e alpiù pote nte , am m irare ch i s a rubare s e nz a fars i incas trare dal l a gius tiz ia, is ol are e de ride re cinicam e nte ch i cre de in q ual cos a e agis ce in coe re nz a. No, q ue s ta Catania non è capace di provare l utto o ve rgogna pe r nie nte e i pol itici ch e l ’h anno am m inis trata in q ue s ti anni dovre bbe ro ve rgognars i l oro pe r prim i e d e vitare dich iaraz ioni ipocrite (al m e no l a dignità de l s il e nz io!), pe rch é l oro s te s s i s ono e s pre s s ione e com pl ici de lde grado e tico e civil e ch e h a portato l a città di Catania ne l l a s e rie A de ldis as tro naz ional e. M ario Bonica

Suppl e m e nto a Casabl anca fe bbraio 2007/ re gistr.tribunal e Catania n.23/06 de l12.7.06/ dire ttore Grazie l l a Proto/ dir.re spons.Riccardo O riol e s/ via Caronda 412, Catania/ te l . 09 5.09 3249 0

IN EDICO LA

dal19 86

Stam pa: CSM di Antonio Pe tral ia via Ve s pri 223, M is te rbianco (CT)

R ISVEGLIO AM AR O

Casablanca edizione straodinaria  

CO NTRO IL DEGRADO E LA VIOLENZ A TUTTI IN PIAZZ A SPEDINI VENER DI' ALLE 18!

Advertisement