Page 1

ARCHITETTURA ARREDAMENTO ARTE&SPETTACOLO

Stefano Boeri a Verona Alla ricerca di un riequilibrio fra Città e Natura


sommario : ABITARE VERONA 04 08 12

STEFANO BOERI A VERONA STEFANO BOERI IN VERONA DAMMI TRE PAROLE... PER RIGENERARE LA CITTÀ THREE WORDS TO REGENERATE THE CITY IL “SENSO DELL’ABITARE” POST COVID 19 THE “SENSE OF LIVING” AFTER COVID 19

PORTFOLIO 14 22 28

LESS HOUSE LESS HOUSE VILLA “T” VILLA “T” LA CASA SULLA ROCCIA THE HOUSE ON THE ROCK

Registrazione Tribunale di Verona n° 1596 del 20/05/2004 Anno XII n°53 dicembre2020 semestrale Poste Italiane s.p.a. Spedizione in Abb. Postale -70% DCB Verona

LA CASA SULLA COLLINA THE HOUSE ON THE HILL E18 E18 KLIMA HOME - UNA CASA PER AMICA KLIMA HOME - A HOME FOR A FRIEND SPACE HOUSE SPACE HOUSE

Direttore responsabile Giancarla Gallo Editore Ballarini Interni s.r.l. via del Lavoro 18 Valgatara di Valpolicella (Vr) tel. 045/6800525 info@abitareverona.it Progetto e realizzazione grafica Ballarini Interni Coordinamento editoriale Ilaria Ballarini Hanno collaborato Giancarla Gallo, Daniela Cavallo, Marta Sasso Stampa Grafiche Stella

ARCHITETTURA

38 40 42 44

INTERNI 46 48 50 54 58 62 68 72 78 80

RESIDENZA PRIVATA A BARDOLINO Per comunicazioni, variazioni di indirizzo, PRIVATE RESIDENCE IN BARDOLINO segnalazioni di manifestazioni: CAMALEONDA, IL GRANDE RITORNO info@abitareverona.it CAMALEONDA, THE COMEBACK Per redazionali e inserzioni pubblicitarie KITCHEN STORIES DI ARCLINEA telefonare al 045 6800525 KITCHEN STORIES BY ARCLINEA Il materiale inviato non verrà restituito. FLOS BRILLA ANCORA UNA VOLTA FLOS SHINES ONCE AGAIN Visita il nostro sito CASA POLIFORM 2020 - HIDDEN GARDENS www.ballarini-interni.com CASA POLIFORM 2020 - HIDDEN GARDENS NEW INTERIORS DI RIMADESIO NEW INTERIORS COLLECTION BY RIMADESIO BAGNI MODULNOVA MODULNOVA BATHS CASA MAXALTO 2020 - FUTURO SENZA TEMPO CASA MAXALTO 2020 - TIMELESS FUTURE ATLANTE BOISERIE - CONTEMPORANEA SU MISURA ATLANTE - CONTEMPORARY CUSTOM-MADE BOISERIE PIANI CUCINA KTS PROPOSTI DA BALLARINI INTERNI KITCHEN COUNTERTOPS PROPOSED BY BALLARINI INTERNI AND KTS

OUTDOOR 82

SOGNANDO LA PRIMAVERA - B&B OUTDOOR DREAMING OF SPRING - B&B OUTDOOR

IMMOBILIARI 86 90 92 94 96 98 100 102 103 104 106

ARCHITETTURA DA SOGNO CON DESIGN ESCLUSIVO SUL LAGO A DREAMAND EXCLUSIVE DESIGN ARCHITECTURE ON THE LAKE DIMORE DEL DUOMO DIMORE DEL DUOMO L’IMMOBILIARE AI TEMPI DEL COVID 19 REAL ESTATE AT THE TIME OF COVID 19 RESIDENCE COUNTRY GOLF SUNSET GARDA LAKE RESIDENCE COUNTRY GOLF SUNSET GARDA LAKE RESIDENZA MOSCAL MOSCAL RESIDENCE ANFITEATRO ANFITEATRO RESIDENZA VERDEADIGE NON È PIÙ SOLO UN SOGNO RESIDENZA VERDEADIGE IS NO LONGER JUST A DREAM BORGO PANORAMA A MONTECCHIO DI NEGRAR BORGO PANORAMA IN MONTECCHIO DI NEGRAR RESIDENZA DANTE RESIDENZA DANTE LE TERRAZZE LE TERRAZZE RESIDENCE QUINZANO 3.0 RESIDENCE QUINZANO 3.0 In copertina: © Stefano Boeri Architetti Vertical Forest, Nanjing


editoriale :

Dear readers, after a year that changed the way we live our home, Ballarini Interni dedicates the cover and the opening article of Abitare Verona to Stefano Boeri, a visionary architect who has, already for a long time, been talking about a new way of living not only our houses, but the cities as a whole. On the cover, not an existing building, but a dream for the future of the city of Nanjing, which in reality represents the whole world. Incentives on housing, at a time when the home has resumed its role as center of conviviality and sometimes work, make us look to 2021 with more confidence. Thus, in this number, Ballarini Interni looks to promote an increasingly welcoming, livable and sustainable home environment. With this mission at heart, our staff at Ballarini Interni wishes you a peaceful and prosperous new year.

Cari lettori, dopo un anno che ha cambiato il nostro modo di abitare la casa, Ballarini Interni dedica la copertina e l’articolo di apertura di Abitare Verona a Stefano Boeri, un architetto visionario che già da tempo racconta un nuovo modo di vivere non solo le nostre abitazioni, ma le città nel loro insieme. In copertina, non un edificio già costruito, ma un sogno per il futuro della città di Nanjing, ma che in realtà rappresenta tutto il mondo. Gli incentivi sulle abitazioni, in un momento in cui la casa ha ripreso il ruolo come centro di convivialità e talvolta anche lavoro, ci fanno guardare a 2021 con più fiducia. In questo numero, Ballarini Interni intende così promuovere un ambiente domestico sempre più accogliente, vivibile e sostenibile. Con questa missione nel cuore, il nostro staff di Ballarini Interni vi augura buone feste e un anno nuovo pieno di soddisfazioni.


abitare verona:: A destra in alto: Stefano Boeri (ph Veronafiere) Sotto: “Smart Forest City”, Cancùn, Messico

4

|

Stefano Boeri a Verona

alla ricerca di un riequilibrio fra Città e Natura di Giancarla Gallo

LA LECTIO MAGISTRALIS DELL'ARCHITETTO E URBANISTA STEFANO BOERI A MARMOMAC RESTART DIGITAL EDITION 2020


Stefano Boeri in Verona: balancing City and Nature

The famous international architect Stefano Boeri gives a Lectio Magistralis at Marmomac ReStart Digital Edition 2020 by Giancarla Gallo

Un rapporto diverso con la natura vivente, una nuova funzione della città, un miglior uso dei materiali naturali come pietra e legno, progetti per rendere i centri abitati più efficienti e dotati di tutti i servizi. Questi i temi predominanti dell'applauditissimo intervento dell'architetto Stefano Boeri, che pratica attività di ricerca, progettazione e riqualificazione in urbanistica a livello internazionale. Nel suo intervento a Veronafiere in occasione di Marmomac 2020, ha illustrato progetti, proposte innovative e curiosità per avviarci a una nuova vita. Senza mezzi termini l'arch. Boeri è partito dalle straordinarie proprietà della pietra, usata sia all'interno che all'esterno di Palazzo delle Arti a Milano. «Non sappiamo di non sapere» ha detto, aggiungendo che è ora di prenderne consapevolezza; «è grande l’universo delle cose che non conosciamo, dobbiamo fare i conti con questo universo ed investire di più». Secondo Boeri, infatti, in questo momento di incertezza dato dalla pandemia mondiale, è importante creare un rapporto diverso con la natura vivente, cioè di avviarci a un riequilibrio: le città dovrebbero diventare l'espressione più ricca della biodiversità presente in natura. Sono proprio le città, infatti, che continuano a crescere, anche a causa dei grandi flussi migratori. Da questo ne conseguono gravi

A different relationship with living nature, a new function of the city, a better use of natural materials such as stone and wood, projects to make inhabited centers more efficient and equipped with all services. These are the predominant themes of the highly acclaimed lecture by architect Stefano Boeri, who practices urban planning research, design and development at an international level. In his speech at Veronafiere, on the occasion of Marmomac 2020, he presented projects, innovative proposals and curiosities for society to start a new life. First of all, Architect Boeri started with the extraordinary properties of stone, used both inside and outside Palazzo delle Arti in Milan. "We don't know we don't know," he said, adding that it's time to be aware of it; "The universe of things we do not know is large, we have to deal with this universe and invest more". According to Boeri, in this moment of uncertainty given by the recent world pandemic, it is important to create a different relationship with living nature and to rebalance it: cities should become the richest expression of biodiversity present in nature. It is precisely the cities that continue to grow, also due to large migratory flows. This results in severe climatic changes which lead to desertification and poverty. «The city is a complex phenomenon» continued the architect,

|5


In basso: Nanjing Vertical Forest, China (ph Stefano Boeri Architetti)

A destra: Bosco verticale, Milano (in alto, ph Giovanni Nardi in basso, ph Laura Cionci)

cambiamenti climatici che portano a desertificazione e condizioni sociali di povertà. «La città è un fenomeno complesso» ha continuato ancora l'architetto, «il 75% dell'anidride carbonica è prodotto dalle città, che sono alle origini del cambiamento climatico, il quale determina fenomeni imprevisti». Secondo le Nazioni Unite, entro il 2030 i due terzi della popolazione mondiale vivrà in città. Gli alberi e le piante svolgono un ruolo fondamentale per migliorare le condizioni ambientali del pianeta. Questo comporta la necessità di abitare in modo diverso: non più in grandi centri urbani, ma in borghi rurali. Allo scopo, sono stati avviati diversi progetti in tutto il mondo, come il fronte forestale che attraversa il Sahara e dall'Africa va verso oriente; oppure la realizzazione a Milano di corridoi ecologici, piantando milioni di alberi. A questo proposito, l’arch. Boeri ha introdotto uno dei suoi progetti più ambiziosi, cioè quello di costruire in Messico, a Cancún, una “Smart Forest City” con 7 milioni di alberi, pannelli solari, geotermia e serre perimetrali. Una vera e propria “città nella città”, autosufficiente nella produzione di cibo e energia, che possa arrivare a ospitare circa 130mila persone. La città sarebbe dotata di tutti i servizi facilmente raggiungibili, come quello sanitario, per proteggersi da altre ondate virali e riducendo lo smog con l'uso della bicicletta al posto dei flussi di auto. L’architetto ha poi parlato del tetto della casa e di come dovrebbe essere rivalutato e diventare un luogo fondamentale, come lo era la corte, per incontrarsi, per il tempo libero, per coworking, per le coltivazioni e piantumazioni di alberi e siepi, un po’ come i suoi gli edifici verdi e i suoi Boschi Verticali. L’arch. Boeri ha poi concluso citando l’importanza delle scuole pubbliche, che dovrebbero rimanere sempre aperte ed essere dei veri epicentri di incontri.

6

|

«75% of carbon dioxide is produced by cities, which are at the origins of climate change, which causes unexpected events». According to the United Nations, two thirds of the world's population will live in cities by 2030. Trees and plants play a key role in improving the environment. This implies the need to live in a different way: no longer in large urban centers, but in rural villages. To this end, various projects have been launched all over the world, such as the forest front that crosses the Sahara and goes to the east from Africa; or the creation of ecological corridors in Milan by planting millions of trees. In this regard, the architect Boeri has introduced one of his most ambitious projects, the “Smart Forest City” in Mexico, Cancún, with 7 million trees, solar panels, geothermal energy and perimeter greenhouses. A real “city within the city”, self-sufficient in the production of food and energy that can host about 130 thousand people. The city would be equipped with easily accessible services, such as healthcare, to protect itself from other viral waves and reduce smog with the use of bicycles instead of car flows. The architect then spoke about the roof of the house and how it should be re-evaluated and become a fundamental place, as was the courtyard. It should be used to meet, for leisure time, coworking, for the cultivation and planting of trees and hedges, a bit like his green buildings and its Vertical Forests. Boeri then concluded by citing the importance of public schools, which should always remain open and be the true epicenters of gatherings.


The Bosco Verticale (Vertical Forest) by Stefano Boeri: “a home for trees that also houses humans and birds” Designed by Studio Boeri (Stefano Boeri, Gianandrea Barreca, Giovanni La Varra), in collaboration with Manfredi Catella, (Hines Italia SGR SpA), the Vertical Forest has revolutionized the concepts of urban forestation and green architecture, combining mankind’s intrinsic need to live in a natural ecosystem with the comfort of contemporary living. Vertical Forests are part of a city reforestation project, and have as their objective the protection of biodiversity, the reduction of CO2, the improvement of air quality and the life of citizens. The first case of Bosco Verticale was built in Milan. It includes two towers, 80 and 112 m high, called De Castillia and Confalonieri, which overall host 800 trees, an amount of vegetation equivalent to that of a forest of 30,000 m2, all concentrated on 3,000 m2 of urban surface. These buildings, in addition to being functional, also have a high aesthetic value: the first Vertical Forest, in fact, won the CTBUH Award as the best skyscraper in the world in 2015, and since its inauguration in October 2014 it has become one of the symbols of Milan. The impact of this revolutionary construction has been enormous throughout the world, so much so that these green buildings continue and will continue to arise in the great cities of the globe. They are planned in cities such as Tirana, Paris, Antwerp, Eindhoven, Utrecht and Nanjing. But why stop at a few buildings? Boeri studio has already looked beyond and designed the construction of real forest cities in Liuzhou and Guizhou, in China.

I Boschi Verticali di Stefano Boeri: “una casa per alberi che ospita anche umani e volatili” Progettato dallo Studio Boeri (Stefano Boeri, Gianandrea Barreca, Giovanni La Varra), in collaborazione con Manfredi Catella, (Hines Italia SGR S.p.A.), il Bosco Verticale ha rivoluzionato i concetti di forestazione urbana e architettura verde, unendo il bisogno intrinseco dell’uomo di vivere in un ecosistema naturale alla comodità dell’abitare contemporaneo. I Boschi Verticali fanno parte di un progetto di rimboschimento metropolitano, e hanno come obiettivo la tutela della biodiversità, la riduzione di CO2, il miglioramento della qualità dell’aria e della vita dei cittadini. Il primo caso di Bosco Verticale è stato costruito a Milano nell’area Porta Nuova. Comprende due torri alte 80 e 112 m, De Castillia e la Confalonieri, che ospitano nel complesso 800 alberi, una vegetazione equivalente a quella di 30.000 mq di bosco e sottobosco, concentrata su 3.000 mq di superficie urbana. Questi edifici, oltre ad essere funzionali, hanno anche un alto valore estetico: il primo Bosco Verticale, infatti, ha vinto il premio CTBUH Award come miglior grattacielo al mondo nel 2015 e dalla sua inaugurazione nell’ottobre 2014, è diventato uno dei simboli di Milano. L’impatto di questa rivoluzionaria costruzione è stato enorme in tutto il mondo, tanto che questi edifici verdi tutt’oggi continuano e continueranno a sorgere nelle grandi città del globo. Sono previsti Boschi Verticali in città come Tirana, Parigi, Anversa, Eindhoven, Utrecht e Nanchino. Ma perché fermarsi a poche costruzioni? Lo studio Boeri ha già guardato oltre e ha progettato la realizzazione di vere e proprie città foreste a Liuzhou e Guizhou in Cina.

|7


abitare verona: er il post Covid 19 dobbiamo e vogliamo ripensare la città: siamo infatti tutti in gara a chi propone per primo dei modelli da attivare. Prima di tutto, però, è importante trovare le parole chiave per aprire il futuro degli spazi da vivere delle nostre città e delle nostre case. E a Verona? Tra Mura, Forti, Arsenale, Manifattura Tabacchi, Castel San Pietro, Città Capitale della cultura, smart city, sostenibilità e accoglienza, la sfida è impegnativa. La rigenerazione urbana dovrebbe puntare ai luoghi come nodi di un sistema territorio, secondo una metodologia partecipata e partecipativa che sia produzione di co-valore e alla qualità della vita come obiettivo condiviso. Abbiamo chiesto di trovare tre parole chiave a tre persone, professionisti impegnati nella rigenerazione urbana della nostra città. La prima è Ilaria Segala, Ingegnere, Assessore all’Urbanistica (e non solo) del Comune di Verona, molto attiva nella rigenerazione e nella costruzione della Verona del futuro, vedi i progetti

8

|

COME SARANNO GLI SPAZI DA VIVERE, PUBBLICI E PRIVATI, DI VERONA? ALCUNI SPUNTI DALL’ASSESSORE ALL’URBANISTICA DEL COMUNE DI VERONA, ILARIA SEGALA, DALLA VICE PRESIDENTE DELL’ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI VERONA, LAURA DE STEFANO, E DAL PRESIDENTE ANCE VERONA, CARLO TRESTINI

Dammi tre parole... di Daniela Cavallo


di valorizzazione e co-creazione di valore delle mura e dei forti che cingono la città. E ancora, quelli nella zona di Verona Sud come Manifattura Tabacchi, il Central Park, fino o alla riqualificazione di Castel San Pietro come luogo di interazione tra pubblico e privato. Assessore quali sono le sue parole chiave per il futuro della città? “Sostenibile”, “connesso”, “sociale”. “Sostenibile” perché è ora, e non domani, il tempo per iniziare a pensare le città sostenibili. È improrogabile, dobbiamo iniziare non solo a progettarle, ma a realizzarle. “Connesso”, perché il mondo sta evolvendo in maniera più veloce di quanto pensassimo. Essere una smart city ora è una necessità per restare al passo coi tempi. Infine “sociale” perché le periferie o i quartieri devono riprendersi spazi di socialità. È da questi spazi che parte la rigenerazione. Da un punto di vista pubblico, di governance del territorio, ad una visione tecnica, quella degli architetti. Fanno eco infatti le tre parole chiave di Laura De Stefano, Architetto, Vice Presidente dell’Ordine degli Architetti di Verona: fragilità, resilienza, trasformabilità. La prima parola che mi viene in mente riferita a questi ultimi periodi è “fragile”, come la nostra salute che può essere messa a repentaglio da un virus infinitamente piccolo, insieme alle nostre certezze sul domani, sul lavoro, sui viaggi e le relazioni. E per superare questo impasse è necessario coltivare la resilienza, il contrario della fragilità, un termine di cui ultimamente si fa un uso smodato e spesso inopportuno: la “resilienza” è un concetto che indica la capacità di sapersi adattare in maniera positiva a situazioni difficili, di riorganizzare positivamente la propria vita dinanzi alle difficoltà. Ecco quindi come sfruttare le opportunità che la pandemia ci presenta: ripensare alle abitazioni, alla vita nei quartieri, ai problemi del traffico e della mobilità, alla connessione veloce, ancora inefficiente in molte zone, alla didattica con nuove tecnologie, insomma alla “trasformabilità” degli spazi non più rigidi e definiti, ma più fluidi e capaci di adattarsi a situazioni mai sperimentate. Il lockdown è stato vissuto in maniera molto diversa a seconda della tipo-

Three words to regenerate the city What will Verona's public and private living spaces be like? Here some ideas from the Urban Planning Councilor of the Municipality of Verona, Ilaria Segala, from the Vice President of Verona Order of Architects, Laura De Stefano, and from the President of ANCE Verona, Carlo Trestini.

Pagina precedente: Progetto Manifattura Tabacchi Sopra a sinistra: Progetto Verona Central Park Sotto a sinistra: L’Assessore all’Urbanistica Ilaria Segala

by Daniela Cavallo It is without a doubt that after Covid 19, we should and must rethink the city: right now, we are in fact all competing to be the first to propose the right solutions. Before diving into it, however, it is important to set the keywords that are going to define the future of living spaces of our cities and homes in Italy. So, what about Verona? With all the many questions that arise, like what to do with spaces like Arsenale, and Castel San Pietro and so on, together with the wish to be a European Capital of Culture, a smart city, to be sustainable

per rigenerare la città and welcoming, the challenge is demanding. To achieve all of this, urban regeneration should consider all places as part of a single territorial system, and should be carried out according to a participative methodology to make quality of life a shared goal. We asked three people, professionals engaged in the urban regeneration of our city, to find three keywords. The first is Ilaria Segala, Engineer, Urban Planning Councilor (and not only) of the Municipality of Verona, very active in the

|9


logia di abitazioni, la loro posizione, il numero di abitanti residenti, la presenza di spazi aperti. Come progettisti dovremo impegnarci a organizzare gli spazi in maniera flessibile, con possibilità di modificare la loro funzione con pareti mobili o arredi divisori a seconda dell’utilizzo del momento. Il contributo che possono dare gli architetti in questa nuova fase è molto importante, perché incide sulla qualità della vita del singolo individuo, che si riflette poi sulla comunità intera. Proprio al senso di comunità fanno appello parole chiave per il futuro della città dal punto di vista dell’impresa per il Presidente dell’Associazione Nazionale Costruttori Edili di Verona (ANCE) Carlo Trestini. La prima è “vivibilità”, quella a misura delle nuove esigenze e dei nuovi parametri che si sono venuti a creare negli ultimi mesi e non solo. Senza stravolgere il territorio ma con uno sguardo attento alle esigenze ormai improrogabili, come ad esempio un nuovo modello di trasporto pubblico e privato che garantisca collegamenti veloci nel rispetto della salute e della qualità della vita. La “mobilità” sarà soprattutto per Verona un tema importantissimo nel futuro prossimo. Saranno inoltre fondamentali - continua il Presidente - il “coraggio” e l’“intraprendenza” degli amministratori e degli imprenditori, una parola per ciascuno, una variabile umana determinante per l’evoluzione dei territori. Infine il “gioco di squadra”. Non è più tempo di particolarismi, tutti devono fare la propria parte per un bene comune. Vincerà chi farà il gioco di squadra, seppur nel rispetto delle auspicabili diversità di pensiero. È arrivato il tempo delle competenze. Niente sconti, non c’è più spazio per chi non ha davvero professionalità, se vogliamo risollevare il paese intero. È necessario investire nel futuro. Tornano così le parole del sociologo polacco Zygmunt Bauman: «il cambiamento è l'unica cosa permanente e che l'incertezza è l'unica certezza.»

Foto grande: Progetto Verona Central Park Foto piccola: Progetto Museo Castel S. Pietro

10

|

regeneration and construction of Verona of the future. Just look at projects like the enhancement of value of walls and forts, the Verona Sud area, up to the use of Castel San Pietro as a place of interaction between public and private. Councilor, what are your keywords for the future of the city? “Sustainable”, “connected”, “social”. “Sustainable” because it is now, and not tomorrow, the time to start thinking about sustainable cities. It cannot be postponed, we must begin not only to design them, but to implement them. “Connected”, because the world is evolving faster than we thought. Being a smart city is now a necessity to keep up with the times. Finally, “social” because the suburbs and neighborhoods have to take back spaces of sociality. It is from these spaces that regeneration starts. Now let’s move from a public point of view to a technical one, that of architects. The three keywords of Laura De Stefano, architect and Vice President of the Order of Architects of Verona, are: fragility, resilience, transformability. The first word that comes to mind referring to recent times is “fragile”, like our health, that can be jeopardized by an infinitely small virus, together with our tomorrow, our work, our travels and relationships. And to overcome this impasse it is necessary to cultivate resi-


lience, the opposite of fragility, a term that is lately being used excessively and inappropriately. “Resilience” is a concept that indicates the ability to know how to adapt in a positive way to difficult situations, to positively reorganize one's life in the face of difficulties. So here's how to take advantage of the opportunities that the pandemic presents to us: by rethinking housing, life in neighborhoods, traffic and mobility problems, fast connection and finally, the “transformability” of spaces, that are no longer rigid and defined, but more fluid and able to adapt to situations never experienced before. The lockdown was experienced very differently in different parts of the city, strictly linked to the type of housing, the position, the number of resident inhabitants, the presence of open spaces. As designers we will have to commit ourselves to organizing spaces in a flexible way, with the possibility of changing their function with movable walls or dividing furniture depending on the use of the moment. The contribution that architects can make in this new phase is very important, because it affects the quality of life of the in-

dividual, which is then reflected on the entire community. The keywords for the future of the city from the point of view of business come from the President of the national association of homebuilders of Verona (ANCE) Carlo Trestini. The first word is “livability”, tailored to the new needs and new parameters that have been created in recent months. Without upsetting the territory but with a careful look at urgent needs, such as a new model of public and private transportation that guarantees fast connections while respecting health regulations and quality of life. “Mobility” will be a very important issue for Verona in the near future. The “courage” and “resourcefulness” of administrators and entrepreneurs will also be fundamental - continues the President -, a word for each, a crucial human variable for

the evolution of the territories. Finally, “team play”. It is no longer time for particularities, everyone must do their part for a common good. Whoever plays as a team will win, albeit respecting the desirable diversity of thought. The time has come for skills. No discounts, there is no more space for those who do not really have professionalism, if we want to revive the whole country. It is necessary to invest in the future. Thus the words of the Polish sociologist Zygmunt Bauman come to mind: "change is the only permanence, and uncertainty the only certainty."

| 11


abitare verona: 12

|

LA PANDEMIA MONDIALE NON HA AVUTO UN IMPATTO SOLO SULLA NOSTRA VITA PROFESSIONALE, MA È ARRIVATA A CAMBIARE PERFINO IL MODO DI ABITARE LA NOSTRA CASA. DANIELA CAPRIOGLIO, PSICOTERAPEUTA E SCRITTRICE DEL LIBRO “NEL CUORE DELLE CASE”, HA SPIEGATO COME È CAMBIATA LA CASA

Il “senso dell’ abitare” post Covid19


econdo la dott.ssa Capridoglio, di recente è cambiato il nostro «senso dell’abitare» e lo si può dedurre dalla rivoluzione del ruolo delle case nelle nostre vite. Durante il lockdown, infatti, la casa si è trasformata in un luogo dove rifugiarsi, sia dal virus, sia dall’ansia di sapere che qualcosa di immensamente grande e al di fuori del controllo di chiunque stesse accadendo nel mondo. È stato in casa che abbiamo avuto paura, ma è stato tramite la casa che abbiamo attivato i nostri meccanismi di difesa per superare e adattarci alla situazione, quasi trasformando l’ambiente in cui viviamo in un oggetto o addirittura «soggetto terapeutico», anche in momenti in cui l’abbiamo odiata con tutto il cuore. Secondo la dottoressa, azioni come pulire, ordinare, distribuire e rinnovare gli spazi domestici hanno contribuito a rassicurarci e a ripararci. In particolare, la cucina ha avuto la meglio come «stanza simbolica di prima assistenza ai bisogni primari» mentre il bagno come «luogo sacro per purificare e rilassare attraverso l’acqua un corpo contratto e garantire la solitudine», il corridoio «per sgranchirsi le gambe», gli armadi per «controllare attraverso l’ordine, il disordine dei pensieri», il balcone, terrazzo o giardino «per collegarsi ad una prospettiva altre noi stessi.» Inoltre, continua Caprioglio, questa nuova situazione ci ha spinto a conoscere meglio noi stessi. Abbiamo capito quali sono i nostri spazi preferiti in base ai nostri bisogni: quali sono adatti socializzare e lavorare, ma anche e quelli per stare da soli e lasciarsi andare. Abbiamo compreso quale sarebbe dunque il nostro «spazio ideale», dove possiamo prosperare. Caprioglio conclude parlando dei parametri essenziali delle case oggi. Gli spazi devono permettere che condivisione e intimità siano bilanciate, dunque cucine capienti ma anche stanze che garantiscano riflessione. È importante, se possibile, avere uno spazio che dia la possibilità di coltivare dei fiori o un orto, terrazzi o giardini che siano. Il verde rimane infatti essenziale per il nostro benessere. Questi spazi naturali fungono anche da transizione tra vita privata e pubblica. Il tutto si può riassumere nel «concetto filosofico e architettonico di armonia tra il pieno e il vuoto, tra il bisogno di privatezza e la necessità di un confronto, tra odori e stagioni mutanti che ci riaggancino ad un ritmo universale.»

The “sense of living” after Covid19

The global pandemic has impacted our professional life but not only. It has even changed the way we live in our homes. Daniela Caprioglio, psychotherapist and writer, explained to Abitare Verona how the house has changed According to Dr. Capridoglio, our "sense of living" has recently changed, thanks to the revolution of the role of houses in our lives. During the lockdown, in fact, our house turned into a place to take refuge, both from the virus and from the anxiety of knowing that something immensely big and beyond the control of anyone was happening in the world. It was at home that we were afraid, but at the same time it was always at home that we activated our defense mechanisms to overcome it and to adapt to the situation, almost turning our house into a “therapeutic object” or even “subject”. According to Caprioglio, actions such as cleaning, tidying, redistributing and renovating domestic spaces have helped to reassure and repair us. In particular, the kitchen prevailed as a “symbol for first aid and basic needs” while the bathroom became a “sacred place to purify and relax a contracted body through water and guaranteed solitude”, the corridor is now a place “to stretch legs”, the wardrobes are used “to control the disorder of thoughts through order”, the balcony, terrace or garden “to connect to a perspective other than ourselves”. Moreover, continues Caprioglio, this new situation has pushed us to get to know ourselves better. We have understood which are our favorite living spaces according to our needs: which ones are suitable for socializing and working, but also for being alone and letting go. We therefore understood what our "ideal space" would be, where we can thrive. Caprioglio concludes by listing the essential parameters for houses to have today. Living spaces must allow sharing and intimacy to be balanced: capacious kitchens and rooms that guarantee reflection. It is important, if possible, to have a space that gives the possibility to grow flowers or a vegetable garden, be it a terrace or a garden. In fact, the presence of nature remains essential for our well-being. These green spaces also serve as a transition between private and public life. The whole concept can be summarized in the “philosophical and architectural concept of harmony between fullness and emptiness, between the need for privacy and the need for a confrontation, between smells and changing seasons that link us to a universal rhythm."

| 13


portfolio: VILLA UNIFAMILIARE A VERONA ARCH. CLAUDIA BRENTEGANI & ARCH. FEDERICO BERTOLDI ARREDAMENTO A CURA DI BALLARINI INTERNI

Less House Less is more: “Il meno è più”. Il nostro progetto nasce proprio da questo. Il concetto racchiuso in questo caposaldo dell’architettura ci ha guidato dal concept iniziale ai dettagli esecutivi. Il minimalismo non equivale a semplicità progettuale, dato che per mettere a punto oggetti o edifici che siano davvero less c’è bisogno di un grandissimo sforzo nel sapere cosa togliere di superfluo. Less House vuole essere un memento e una disintossicazione dal caos circostante, un credo in elementi semplici capaci di riqualificare, rinnovare e riplasmare la materia in modo naturale ed efficace. Le poche linee riassunte nello schizzo a lapis si inseriscono nel terreno circostante con delicatezza e armonia; tutto il resto si adatta a questo. Dall’ingresso principale l’ospite fa esperienza della casa in modo graduale, accompagnato dalla scala esterna in un lento ascendere, e si trova catapultato su un pontile che lo porta dritto dentro il cuore dell’abitazione. A stregua di propileo un importante portico aggettante. Pochi ed essenziali i materiali: vetro, ferro, marmo e legno. L’involucro è stato studiato per permettere la massima traspirabilità della casa: muro a cassetta e intonaci a calce.

14

|


Less House

Single family villa in Verona Arch. Claudia Brentegani & arch. Federico Bertoldi Furnishing by Ballarini Interni “Less is more”. Our project was born from this. This cornerstone of architecture guided us from the initial concept to the executive details. Minimalism is not design simplicity: in order to develop objects or buildings that are really less, a great deal of effort is needed to decide what is superfluous. Less House wants to be a memento and a detoxification from the surrounding chaos. It believes in simple elements capable of requalifying, renewing and reshaping spaces in a natural and effective way. From the main entrance, the guest experiences the house gradually, accompanied by the external staircase in a slow ascent, and finds themselves catapulted onto a pier that takes them straight into the heart of the house.

Like a propylaeus, here’s a big projecting portico. Few and essential materials can be found around: glass, iron, marble and wood. The house envelope has been designed to allow maximum breathability through “muri a cassetta” walls and lime plaster. The interior of the house, furnished with passion by the Ballarini Interni team, is totally in symbiosis with the outside. A 30-meter long window outlines the heart

| 15


1

1. Ingresso principale che svela la casa 2. Living, divano Baxter 3. Cucina, isola in vetro e colonne in legno 4. Dettaglio porta scorrevole su corridoio, mobile tv Rimadesio

L’interno della casa, arredato con passione dal team di Ballarini Interni, è un organismo totalmente in simbiosi con l’esterno. Una vetrata lunga 30 metri delinea il cuore dell’abitazione. Un divano generoso accoglie l’ospite dalla porta pivottante a tutta altezza, unico elemento opaco del prospetto principale. La parte operativa del living è individuata da una penisola in vetro con tutte le funzioni di una cucina viva e duttile, servita alle spalle da un materico blocco che racchiude forni e frigo. I pochi elementi scelti, legno, vetro, pelle e marmo, si rincorrono sulle tonalità del marron.

2

16

|


3

of the house. A generous sofa welcomes the guest from the full-height pivoting door, the only opaque element of the main faรงade. The operational part of the living room is identified by a glass peninsula with all the functions of a lively and ductile kitchen, with a material block that encloses ovens and refrigerators behind. The few elements chosen, wood, glass, leather and marble, chase each other in shades of brown. The Boiserie becomes the protagonist of the sleeping

4

1. Main entrance unveiling the house 2. Living, Baxter sofa 3. Kitchen, glass island and wooden columns 4. Detail of sliding door in the corridor, Rimadesio TV cabinet

| 17


5

Una Boiserie in legno diventa protagonista nella distribuzione della zona notte e racchiude tutti gli armadi contenitori e le porte. Le divisioni planimetriche delle stanze sono essenziali e si pongono come quinta scenica alla parete vetrata protagonista dell’intera abitazione. I bagni comunicano con le rispettive stanze, tramite porte scorrevoli in vetro. La coerenza mantenuta in tutte le scelte materiche e cromatiche ha portato ad una lettura unitaria dell’intera opera. La “Donna” in bronzo di Gino Bogoni danza sinuosamente in Less House, e riassume pienamente il concetto di raffinatezza ed eleganza. La cura di ogni dettaglio e la caparbietà nel raggiungere l’obiettivo hanno dato vita ad una casa che rispecchia pienamente l’essenza dell’architetto e l’anima dei committenti. Siamo convinti che l’architettura sia un gesto quasi spontaneo, coltivato dalla sapienza dell’architetto e dalla sensibilità di chi è disposto ad accoglierlo.

5. Dettaglio del mobile lavabo in marmo realizzato su disegno dell’architetto, pareti in resina 6. Porte scorrevoli Rimadesio che separano il bagno comunicante con le due camere dei bambini 7. Boiserie in legno zona corridoio con porte integrate di accesso alle camere 8. Dettaglio armadi dentro le camere 6 9. Camera ragazzi: letto Baxter, scrivania e mensola MDF, armadio Modulnova

18

|


9

area layout and encloses all the storage cabinets and doors. The planimetric divisions of the rooms are minimal and act as a scenic backdrop to the glass wall, the protagonist of the entire house. The bathrooms communicate with their respective rooms through sliding glass doors. The consistency maintained in all the material and chromatic choices has led to a unified reading of the entire work. Gino Bogoni's bronze “Woman” dances sinuously in Less House, and fully summarizes this concept of refinement and elegance. The attention to every detail and the stubbornness in achieving this goal have given life to a house that fully reflects the essence of the architect and the soul of the clients. We are convinced that architecture is an almost spontaneous gesture, cultivated by the wisdom of the architect and the sensitivity of those who are willing to welcome it.

5. Detail of the marble washbasin cabinet made according to the architect’s design, resin walls 6. Rimadesio sliding doors that separate the communicating bathroom with the two children’s bedrooms 7. Boiserie in the corridor area with integrated doors to access the rooms.

7

8

8. Detail of wardrobes inside the bedrooms 9. Kids room: Baxter bed, MDF desk and shelf, Modulnova wardrobe

| 19


“Sapete, ogni cosa è così complicata in un edificio. Per raggiungere una chiarezza dobbiamo semplificare praticamente ogni cosa. È un lavoro duro. Bisogna combattere, e combattere, e combattere”. _Mies Van der Rohe “Non muovere mai l’anima senza il corpo, né il corpo senza l’anima, affinché difendendosi l’uno con l’altra, queste due parti mantengano il loro equilibrio e la loro salute”._Platone

“You know, everything is so complicated in a building. To achieve clarity, we need to simplify practically everything. It’s hard work. We must fight, and fight, and fight”. _Mies Van der Rohe “Never move the soul without the body, nor the body without the soul, to defending themselves with each other, these two parties to maintain their balance and their health”. _Plato

Claudia Brentegani e Federico Bertoldi www.claudiabrenteganiarchitetto.com 3 4 9 4 5 3 0 5 3 2

arredamento di / furnishing by

Ballarini Interni foto

20

|


Via del Lavoro 18 - Valgatara di Valpolicella (VR) - tel. 045 6800525 Via Varini 50 - Marco di Rovereto (TN) - tel. 0464 943220 www.ballarini-interni.com - info@ballarini-interni.com


portfolio:

Villa Villa “T” nasce a Peschiera del Garda tramite privata committenza, ad opera dello studio Ardielli Fornasa Associati. Gli interni sono stati arredati con cura e attenzione per i dettagli da Ballarini Interni, che ha interpretato il tutto in un mood moderno ed elegante. Spiccano sin da subito, infatti, la semplicità lineare e pulita dei pezzi scelti e le colorazioni in nuance naturali che permettono di percepire il design e l’eleganza delle forme.

22

|


Villa “T�

Design and refinement Villa "T" in Peschiera del Garda, commissioned by a private client, is a work by Ardielli Fornasa Associati. The interiors were furnished with care and attention to detail by Ballarini Interni, which aimed at creating a modern and elegant mood. Indeed, the simple and clean lines, as well the natural colors, immediately stand out, allowing the visitor to better perceive the design and elegance of the shapes.

DESIGN E RICERCATEZZA

| 23


24

|


Ballarini Interni sceglie uno stile materico che si fonde magistralmente con gli ambienti, ampi e luminosi open-space dalle linee essenziali; troviamo quindi un contrasto tra la geometria pulita dell’isola dello spazio cucina, realizzata in materiali dalle texture preziose e palpabili come il marmo e il legno in essenza noce, ed il divano dalla linea squadrata, realizzato con materiale soffice ed avvolgente: una pelle effetto invecchiato che dona all’ambiente una piacevolissima sensazione di relax e benessere.

Ballarini Interni chose a material style that blends masterfully with the large and bright open-spaces characterized by essential lines; we therefore find a contrast between the clean geometry of the kitchen island, made of marble and walnut wood, and the squared sofa, made with a soft aged leather that gives the environment a pleasant feeling of relaxation and well-being.

| 25


Gli spazi contigui dialogano con armonia e lo sguardo del visitatore può spaziare all’interno di questo living percependone la chiara suddivisione delle aree tematiche e la grandissima attenzione per i dettagli. Armonicamente si accostano metalli, legni, gres e marmi, creando uno spazio pensato da Ballarini Interni con un unico filo conduttore, l’eleganza della semplicità. Il tutto garantito da elementi d’arredo di design, preziosi e di grande qualità, frutto della mente dei più grandi designer italiani e stranieri per i migliori marchi dell’arredamento Made in Italy. Innovazione e design che è possibile trovare da Ballarini Interni dove i migliori interior designer danno vita a progetti unici.

Foto: Marco Toté Concept Progetto architettonico Progetto degli interni: Ardielli Fornasa Associati Progetto delle strutture Direzione lavori generale e strutture: Studio Ing. Daducci Progetto degli impianti Direzione lavori impianti: Progetto Energia Impresa di costruzioni: Vecchio Costruzioni SRL Terreal Italia

The contiguous spaces harmoniously dialogue with one another so the visitor's gaze can sweep through this living area, perceiving the clear subdivision of the thematic areas and the great attention to detail. Metals, woods, stoneware and marbles are harmoniously combined, creating a space designed by Ballarini Interni following a common thread, the elegance of simplicity. All is guaranteed by high quality and precious designer furnishings, created by the greatest Italian and foreign designers for the best Made in Italy furniture brands. Innovation and design that can indeed be found at Ballarini Interni where the best interior designers give life to unique projects.

26

|

Photos: Marco Toté Concept design Architectural project Interiors design: Ardielli Fornasa Associati Structural Project General and structural supervision: Studio Ing. Daducci MEP Project MEP Supervision: Progetto Energia Costruction: Vecchio Costruzioni SRL Terreal Italia


Vivi le finestre in modo nuovo. Ti aspettiamo in uno Studio Finstral, anche online.

Scopri in uno Studio Finstral le tre qualità della finestra perfetta: bellezza, benessere, sostenibilità. Scegli tra visita individuale, consulenza telefonica o videochiamata. finstral.com/studio

È il momento di cambiare le finestre: approfitta dell‘ecobonus.


foto di / photos by Angelica Trinco

SU UNA BALZA PETROSA E SELVAGGIA, UNA MERAVIGLIA DEGLI ANNI SESSANTA IL CUI PROGETTO È CONSERVATO AL MUSEO MART DI ROVERETO, ARREDATA DA BALLARINI INTERNI

La casa

28

|


uando svoltiamo il tornante sulla strada che da Mori ci porta a Torbole, quello che si apre davanti non un lago ma un mare in mezzo alle montagne. Una visione paradisiaca che ha sempre emozionato i viaggiatori di tutte le nazionalità. In questo riassunto di atmosfere mediterranee troviamo un possente sperone roccioso e selvaggio che sovrasta il paese di Torbole in cui giace il quartiere Europa, un singolare episodio di architettura trentina del secondo dopoguerra. Un progetto ambizioso del 1959 messo in atto dall’ingegnere Giovanni Lorenzi. Nel 1993 i suoi eredi donarono parte dell’archivio progettuale al museo MART di Rovereto, in cui è inclusa anche la casa che Ballarini Interni di Rovereto ha arredato per conto di un privato.

sulla roccia

The house on the rock On a rocky and wild crag, a marvel of the sixties whose project is kept at the MART museum in Rovereto, furnished by Ballarini Interni

When we turn the hairpin bend on the road that leads from Mori to Torbole, the view that opens in front of us is not of a lake, but a sea in the middle of mountains. A paradisiacal vision that has always marveled travelers of all nationalities. Here, among Mediterranean atmospheres, we find a mighty rocky and wild spur overlooking the town of Torbole where the Europa district lies, a singular post-World War II Trentino architecture piece. An ambitious project of 1959 implemented by engineer Giovanni Lorenzi. In 1993, his heirs donated part of the design archive to the MART museum in Rovereto, which also includes the house that Ballarini Interni in Rovereto has furnished on behalf of a private.

Notiamo da subito la meravigliosa scala in resina accoppiata ad una parete a disegno rivestita di pannelli in ferro brunito; due materiali naturali usati come tributo alla natura aspra e selvaggia dell’esterno. La parete e la scala uniscono la zona notte padronale alla zona living posta al piano strada. Nel progetto originario erano due appartamenti separati.

We immediately notice the marvelous resin staircase coupled to a wall covered with burnished iron panels; two natural materials used as a tribute to the harsh and wild nature of the outside. The wall and the staircase connect the master bedroom to the living area on street level. In the original project they were two separate apartments.

| 29


Un dettaglio della stanza padronale con letto Talamo e comodino Taschino di Zanotta appoggiati ad una parete rivestita con carta da parati Wall&Deco, lampada VoleĂŠ di Fontana. Collegati alla stanza, un elegante bagno Modulnova ed una grande cabina armadio di Caccaro.

A detail of the master bedroom with Zanotta Talamo bed and Taschino bedside table leaning against a wall covered with Wall & Deco wallpaper, VoleĂŠ lamp by Fontana. Connected to the room, an elegant Modulnova bathroom and a large walk-in closet by Caccaro.

30

|


La poltrona vintage accoppiata all’iconica lampada Fil de Fer di Catellani&Smith sono le basi per la creazione di un salottino privato, antecedente alla stanza padronale, che tramite due grandi vetrate offre una spettacolare vista sul lago e il fondovalle.

The vintage armchair coupled with the iconic Fil de Fer lamp by Catellani & Smith are the basis for the creation of a private sitting room, near the master bedroom, which through two large windows offers a spectacular view of the lake and the valley floor.

| 31


32

|

La cucina molto minimale e funzionale, eseguita a disegno da Ballarini Interni, è studiata con un blocco operativo basso che abbraccia le finestre e gli sguinci del progetto originale offrendo un’incantevole vista sul lago; i fianchi, il piano di lavoro e gli enormi schienali a “spicchi” sono in Dekton. Contrapposto al piano ci sono le colonne a tutta altezza in finitura laccata. Da notare la parete di fondo, trattata come il pavimento per dare continuità visiva e per “abbracciare” il tutto.


The minimal and functional kitchen, designed by Ballarini Interni, is designed with a low operating block that embraces the windows of the original project, offering an enchanting view of the lake; the sides, the worktop and the enormous “wedged” backrests are in Dekton. Opposite the top there are the full-height columns in lacquered finish. Note the back wall, treated like the floor to give visual continuity and to “embrace” the whole.


Nella zona living, a fianco della cucina, in una delle “nicchie” create dal progetto si trova collocato il tavolo Clay di Desalto con le poltroncine Tusa di Zanotta. La parte dell’illuminazione è affidata alle lampade Parentesi di Flos scelta fatta per evocare gli anni ‘60 anno di costruzione della casa.

34

|

In the living area, next to the kitchen, in one of the “niches” created by the project, a Clay table by Desalto with Tusa armchairs by Zanotta. The lighting is entrusted to the Parentesi lamps by Flos, a choice made to evoke the 60s when the house was built.


La parete rivestita in ferro brunito che sale dalla zona notte fa da sfondo ai divani Charles di B&B Italia in pelle che vogliono anch’essi essere un tributo al grande designer degli anni ‘60 Charles Eames.

The wall covered in burnished iron that rises from the sleeping area is the backdrop to the Charles sofas by B&B Italia in leather, which also want to be a tribute to the great designer of the 60s Charles Eames.

| 35


Nella stanza della figlia è tutto molto “sospeso” a partire dal letto alla carta da parati London Art che è stata personalizzata secondo indicazioni della cliente con un testo estratto del libro di Alice nel Paese delle Meraviglie. Pezzo iconico di Achille Castiglioni è il Servonotte di Zanotta, lampada Voleè di Fontanarte.

Il bagno zona giorno è di Modulnova bagni interamente in resina colore nero.

36

|

The living area bathroom is by Modulnova bathrooms, entirely in black resin.

In the daughter’s room everything is very “suspended”, starting from the bed to the London Art wallpaper that has been personalized according to the client’s instructions with a text extracted from the book of Alice in Wonderland. An iconic piece by Achille Castiglioni is the Servonotte by Zanotta, a Voleè lamp by Fontanarte.


GROUNDPIECE DIVANO COMPONIBILE Antonio Citterio Design

info@ballarini-interni.com

Via del Lavoro 18 Valgatara di Valpolicella (VE) Tel. 045.6800525

Via Varini 50 Marco di Rovereto (TN) Tel. 0464.943220


UN PROGETTO CONTEMPORANEO CHE DIALOGA CON GLI ICONICI VIGNETI DELLA VALPOLICELLA

La casa sulla collina 38

|

Casa Conti nasce da una committenza privata che, individuando un luogo paesaggisticamente unico sul versante ovest della collina di Montericco in Valpolicella, ha incaricato lo studio SCR di realizzare la propria abitazione. Il paesaggio è caratterizzato dalla tipica alternanza di viti che da sempre contraddistingue le colline del veronese. Gli architetti coinvolti hanno espresso in questo progetto la passione che condividono nel confrontarsi sui processi di trasformazione e valorizzazione del patrimonio esistente, promuovendo il loro personale concetto di “contemporaneo”. L’intervento ha coinvolto una consistente porzione di area esterna, che circonda l’edificato, ed i rustici preesistenti ora ampliati e trasformati nella forma. Il nuovo sistema di edifici è composto da un corpo centrale di due piani fuori terra affiancato da una torretta di tre piani risalente alla seconda metà del ‘600. L’edificio era stato oggetto di un intervento di ristrutturazione nei primi anni ’70 che ne aveva snaturato la sua identità storica. La scelta progettuale intrapresa è nata dalla volontà di ristabilire l’originale stratigrafia portandola a dialogare con le nuove costruzioni previste dal progetto. Il complesso presenta un movimento sinuoso nelle linee create attraverso i nuovi volumi puri che si estrudono dal perimetro dell’edificio esistente. In essi troviamo importanti luoghi del vivere quotidiano come la cucina a doppia altezza, la zona pranzo racchiusa e ben definita, la zona lettura collocata in un soppalco e l’autorimessa staccata dai corpi di fabbrica principali completamente rivestita da assoni di legno vecchio di recupero. Seppur frammentato, il complesso architettonico realizzato costituisce un’unica abitazione che si articola su due principali livelli a cui se ne aggiunge un terzo, derivante dall’altana ora recuperata, che dialogano in modo nuovo ed univoco con il contesto circostante. Il linguaggio utilizzato per l’esterno è sobrio e discreto, guidato dalla volontà di riproporre l’identità che caratterizza le architetture rurali presenti in Valpolicella. Per collegare i volumi dell’abitazione si sono aggiunti porticati in ferro e legno che sostengono rampicanti creando giochi di luci ed ombre naturali. L’interno, al contrario, vuole spiccare per la manifesta contemporaneità del disegno planimetrico, dei materiali utilizzati, delle finiture, e soprattutto dell’arredamento pensato in stretto rapporto con gli spazi preesistenti e quelli di progetto. Anche l’area esterna è stata pensata e disegnata in chiave contemporanea. Sono state create aree conviviali all’aperto, un’ampia zona piscina e svariati camminamenti nel verde e tra gli ulivi. Tutti gli spazi esterni sono caratterizzati dall’utilizzo della splendida pietra locale, che troviamo da sempre nella tradizione del luogo e proveniente dalle cave presenti a pochi chilometri di distanza dalla casa.


The house on the hill

A contemporary project that dialogues with the iconic vineyards of Valpolicella

Progetto: SCR – Studio Casali Roveda Via Col. Galliano 63, Verona tel. 045 566654 info@studiocasaliroveda.it www.studiocasaliroveda.it

Referente progetto: Riccardo Roveda, Massimo Casali

Foto: Giovanni Peretti

Casa Conti originates from a private client idea who, after having identified a unique location on the west side of the Montericco hill in Valpolicella, commissioned the SCR studio to build its home. The landscape is characterized by the typical vinesyards, that have always distinguished the hills of Verona. In this project, the architects involved expressed the passion for the processes of transformation and enhancement of the existing heritage, promoting their personal concept of “contemporary�. The intervention involved a large portion of the external area, which surrounds the building, as well as the pre-existing cottages, now enlarged and transformed. The new building consists of a central body of two floors above ground, flanked by a three-storey tower dating back to the second half of the 1600s. The building was the subject of a renovation in the early 70s which had distorted its historical identity. The design choice was born form the desire to re-establish the original stratigraphy and then make it dialogue with the new buildings. The complex is characterized by sinuous lines and new pure volumes that extrude from the perimeter of the existing building. They contain important places of everyday life such as the double-height kitchen, the enclosed and well-defined dining area, the reading area located in a mezzanine and the garage detached from the main buildings, completely covered with axons of old salvaged wood. Although fragmented, the architectural complex constitutes a single house that is divided into two main levels to which a third one is added, taken from the now recovered roof terrace, which interact in a new and unambiguous way with the surrounding context. The language used on the outside is sober and discreet, guided by the desire to re-propose an identity that characterizes the rural architecture in Valpolicella. To connect the volumes of the house, iron and wood arcades that support vines were added, creating natural light and shadows effects. The interior, on the contrary, stands out thanks to the evident contemporaneity of the design, the materials used, the finishes, and above all the furnishings designed in close relationship with the existing spaces. The outdoor area was also conceived and designed in a contemporary way. Outdoor convivial areas have been created: a large swimming pool area and various walkways in the greenery and among the olive trees. All outdoor spaces are characterized by the splendid local stone, which has always been traditional of the place and comes from the quarries located a few kilometers away from the house.

| 39


E18

UN EDIFICIO ELEGANTE E CONTEMPORANEO NEL CUORE DI BORGO TRENTO

E18

An elegant and contemporary building in the heart of Borgo Trento Un edificio di nuova costruzione situato nel cuore del quartiere di Borgo Trento in via Carlo Ederle al civico 18, a pochi passi dalla centralissima piazza Vittorio Veneto. La zona limitrofa al centro storico garantisce agli abitanti un’elevata qualità di vita, sia per la sua conformazione, sia per la presenza di ogni genere di servizio. Percorrendo a piedi gli ampi viali alberati si possono raggiungere comodamente l’ospedale maggiore, servizi di trasporto, scuole di vari livelli, spazi dedicati al verde, pubblici e sportivi, ed ogni genere di struttura commerciale o di servizio. L’edificio progettato dall’architetto Riccardo Roveda dello studio SCR – Studio Casali Roveda, si presenta con un elegante design e contemporaneo e accoglie al suo interno cinque esclusivi appartamenti che trovano collocazione nei 7 piani fuori terra previsti. È presente inoltre un ampio piano interrato accessibile da rampa a cielo aperto dove troveranno sede 12 comodi posti auto e le cantine pertinenziali. Ciascuna unità è stata concepita con caratteristiche funzionali ed estetiche finalizzate a creare il massimo benessere e confort ricercato. Ampie vetrate coniugano gli spazi interni ed esterni in una riuscita fusione che garantisce il vivere quotidiano di quest’ultimi. L’accurata progettazione e l’impiego di tecnologie orientate al rispetto ecologico e al risparmio energetico, favorisce il massimo comfort abitativo.

Progetto: SCR – Studio Casali Roveda Via Col. Galliano 63, Verona tel. 045 566654 info@studiocasaliroveda.it www.studiocasaliroveda.it

40

|

Promosso da: Tassello Stefano Verona Liberty srl via Carmelitani Scalzi, 20 Verona www.veronaliberty.it info@veronaliberty.it

A newly constructed building, located in the heart of Borgo Trento district in Carlo Ederle street at number 18, a few steps from the central place, Piazza Vittorio Veneto. The area adjacent to the historic center guarantees its inhabitants a high quality of life, thanks to its characteristic conformation and the presence of all kinds of services. Walking along the wide tree-lined avenues, you can easily reach the major hospital, transport services, schools of different grades, public green spaces, some dedicated to sport, and all kinds of commercial services. The building, designed by architect Riccardo Roveda of the SCR studio – Studio Casali Roveda, has an elegant and contemporary design. It houses five exclusive apartments that are located in the 7 floors above ground. There is also a large basement accessible by an open-air ramp, where 12 comfortable parking spaces and the pertinent cellars will be located. Each unit has been designed with functional and aesthetic characteristics, aimed at creating maximum wellbeing and refined comfort. Large windows combine indoor and outdoor spaces in a successful fusion. The careful design and use of technologies, oriented towards ecological respect and energy saving, favors maximum living comfort.


Lefay Resort & Spa Dolomiti LO STUDIO APOSTOLI HA SVILUPPATO IL PROGETTO DEGLI INTERNI DEL PRESTIGIOSO RESORT 5 STELLE INAUGURATO A PINZOLO, SKI-AREA DI MADONNA DI CAMPIGLIO. Un complesso che s’integra perfettamente nel paesaggio in cui è collocato: seguendo la filosofia del Brand, Lefay Resort & SPA Dolomiti, a Pinzolo, reinterpreta l’architettura tradizionale del luogo, ritrovando gli elementi ricorrenti delle costruzioni di montagna, come il legno, la pietra e la rigorosa semplicità delle finiture, il tutto tramite uno stile italiano che conferisce prestigio e lusso a livello internazionale. A partire da questi elementi ambientali, lo Studio Apostoli ha posto le basi per il concept design degli interni. Un’idea progettuale che vuole comunicare precisi valori, tra cui il lifestyle italiano, il lusso contemporaneo e sostenibilità ambientale ed energetica. La struttura si sviluppa su nove livelli adagiati sulle montagne circostanti, quattro dedicati alle residenze private e cinque all’accoglienza alberghiera. Prevede infatti 88 suite e 23 appartamenti, organizzati secondo metrature e composizioni diverse, tutte dotati di cucina, living e sala da pranzo, e una, due o tre camere con relativi servizi. Entrambe le tipologie si caratterizzano per l’integrazione tra zona letto e zona bagno, separate tra loro da una quinta di listelli di legno, e dall’uso di boiserie in pannelli di rovere e inserti in ottone, con arredi realizzati su disegno. La grande lobby di ingresso con la lounge, la sala lettura, la Sky Lounge esterna, le aree meeting, i negozi interni e due ristoranti costituiscono invece le ampie aree comuni, che comprendono infine una grande SPA, vero e proprio cuore del resort. Estesa per circa 5.000 mq, l’area benessere si sviluppa su più piani: trattamenti, la piscina in&out con family sauna, l’area dei percorsi energetici-terapeutici Lefay SPA Method e l’ampia zona fitness. Parquet in rovere naturale, rivestimenti in pelle di colore chiaro e pareti di sasso granitico naturale, pietra avorio o scura definiscono i vari ambiti dello spazio wellness, affacciato attraverso grandi vetrate sul panorama dolomitico circostante.

Studio Apostoli Via Cà Nova Zampieri 4/e, 37057 San Giovanni Lupatoto +39 045 8779190 FB – IG: @studio.apostoli studioapostoli.com

Studio Apostoli has developed the entire interior design scheme for the prestigious 5-star Resort recently inaugurated in Pinzol, ski area of Madonna di Campiglio.

A complex that seems to emerge from the woods and blends perfectly into the landscape in which it is located: in line with the philosophy of the Brand, Lefay Resort & SPA Dolomiti reinterprets the traditional architecture of the area. It rediscovers the recurring elements of mountain buildings, such as timber, stone and the rigorous simplicity of the finishes, and through a strong Italian style, gives prestige and luxury at an international level. Based on these environmental elements, Studio Apostoli laid the foundations for the interior design concept. A design idea that communicates precise values, including Italian lifestyle, contemporary luxury and environmental and energy sustainability. The structure is on nine levels, set in the surrounding mountains - four dedicated to private residences and five to hotel accommodation. There are 88 suites and 23 apartments. The apartments are arranged according to different sizes and compositions, all equipped with kitchen, living room and dining room, plus one, two or three bedrooms with related services. Both typologies are characterised by the integration of the sleep and bath areas, zoned and separated by timber screens and by the use of oak paneling and brass inserts, with custom made furniture. The large entrance lobby with lounge, reading room, outdoor Sky Lounge, meeting areas, indoor shops and two restaurants make up the large common areas, however the real heart of the resort would undoubtedly be that of the SPA. Covering about 5,000 square meters, the wellness area is spread over several floors: treatments, the in&out swimming pool with family sauna, the Lefay SPA Method energy- therapeutic paths and the large fitness area. Natural oak parquet, light-coloured leather upholstery and walls in natural granite stone make up the material palette. Ivory or dark stone is used to define the various zones of the wellness area, overlooking the surrounding Dolomite landscape through large windows.


KLIMA HOME una casa per amica A VILLAFRANCA DI VERONA, INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ

di Marta Sasso

42

|

Cosa accade quando i più moderni concept di edilizia residenziale e la ricerca delle migliori prestazioni di sostenibilità ambientale si fondono in un unico edificio? Nasce Klima Home, progetto ambizioso nel cuore del tessuto storico di Villafranca di Verona, a soli 200 metri dal Castello Scaligero. Ne parliamo con Andrea Marchi, socio fondatore di Klimargherita srl con Viviana Marchi e manager nell’ambito informatico per il luxury&fashon. L’edificio, pensato per dialogare con la natura e con la città, vanta il merito di essere stato selezionato dalla rivista The Plan per l’importante concorso internazionale The Plan Award 2020, nella categoria home efficiency tecnology special contest.

Andrea Marchi e Arch. Enrico Zoccatelli Klima Home (presso studio EZA) C.so Vittorio Emanuele II, 59 37069 Villafranca di Verona VR 0452057720 info@klimahome.it


Oggi solo cantiere, l’immobile si svilupperà su 5 piani fuori terra e ospiterà 6 unità abitative e 2 attici esclusivi dal design moderno ed innovativo. Ampie terrazze caratterizzate da un verde rigoglioso, domineranno il Castello Scaligero e le vicine colline moreniche. Tutte le unità abitative saranno personalizzabili e studiate con tagli che risponderanno alle esigenze dei diversi acquirenti. Dai trilocali ai quadrilocali compatti, fino agli attici con scala privata di accesso alla terrazza panoramica di proprietà esclusiva. Lo studio approfondito dei dettagli e la ricerca sui materiali e le tecnologie rendono Klima Home un edificio senza uguali nella provincia. L’impiantistica ad alto coefficiente energetico, l’attenzione alla sostenibilità ambientale con consumo energetico prossimo allo zero, l’altissimo comfort abitativo, conferiscono a Klima Home i più alti standard dell’abitare contemporaneo. Klima Home raggiunge importantissimi livelli di abbattimento acustico pari a 60db tra unità abitative e 45db verso l’esterno. La termoregolazione invernale ed estiva è gestita con un impianto geotermico orizzontale e pompa di calore ad altissima efficienza, impianti innovativi che consentiranno minimi consumi e nessuna emissione in atmosfera, nel rispetto dei protocolli ambientali per edifici salubri, privi di pollini, muffe e fattori allergenici. Klima Home è un edificio progettato con i criteri dei fabbricati NZEB (Nearly Zero Energy Building) per un impatto sull’ambiente rispettoso e sostenibile. A garanzia del risultato finale, KLIMA HOME è certificata ARCA, che qualifica le costruzioni in legno e S.A.L.E. +, riconosciuta come qualità essenziale dai principali istituti bancari nazionali. L’edificio sarà completato la prossima primavera 2021. Non rimane che attendere il completamento per ammirare i risultati di questo progetto innovativo nel panorama Villafranchese.

KLIMA HOME a house for a friend

In Villafranca di Verona, innovation and sustainability by Marta Sasso What happens when the most modern residential building project and the search for the best environmental sustainability performance come together in a single building? KLIMA HOME is an ambitious project in the heart of Villafranca di Verona, just 200 meters from Scaligero Castle. We talk about it with Andrea Marchi, founding partner of Klimargherita srl with Viviana Marchi and manager in the IT sector for luxury & fashion. The building, designed to dialogue with nature and the city, boasts the merit of being selected by The Plan magazine for the important international competition The Plan Award 2020, in the home efficiency technology special contest category. Still a construction site, the property will be developed on 5 floors above ground and will house 6 residential units and 2 exclusive penthouses with a modern and innovative design. Large terraces characterized by a luxuriant green will dominate the Scaligero Castle and the nearby morainic hills. All the housing units will be customizable and designed to meet the needs of different buyers. From three-room to four-room apartments, up to penthouses with private staircase accessing the private panoramic terrace. The in-depth study of the details and the research on materials and technologies make KLIMA HOME a building without equal in the

province. The high-energy coefficient systems, the attention to environmental sustainability with energy consumption close to zero, the very high living comfort, make KLIMA HOME the highest standard of contemporary living. KLIMA HOME achieves very important levels of noise reduction equal to 60db between housing units and 45db towards the outside. Winter and summer thermoregulation is managed with a horizontal geothermal system and a very efficient heat pump, innovative systems that will allow minimum consumption and no emissions into the atmosphere, in compliance with environmental protocols for healthy buildings, free of pollen, mold and allergenic factors. KLIMA HOME is a building designed with the NZEB criteria (Nearly Zero Energy Building) buildings for a respectful and sustainable impact on the environment. To guarantee the final result, KLIMA HOME is ARCA certified, which qualifies wooden constructions, and S.A.L.E. +, meaning that it is recognized as an essential quality by the main national banking institutions. The building will be completed next spring 2021. All that remains is to wait for completion to admire the results of this innovative project in Villafranca.

| 43


UNA RESIDENZA FUTURISTICA, SOSTENIBILE E DALL’ANIMA GREEN, PROGETTATA DALL’ARCHITETTO MICHELE PERLINI

Space House

ncorniciata da meleti nelle campagne veronesi, la proprietà di Space House si estende per circa 3000 mq con una superficie abitabile di 300 mq. Il progetto si articola su due livelli: al piano terra il grande openspace con la zona living, pranzo e cucina con doppio affaccio vetrato verso i meleti e il bosco, in grado di metabolizzare le sostanze inquinanti; la zona notte con la camera doppia, padronale con cabina armadio, studio privato e garage privato. Dallo scenografico pilastro in cemento armato rivestito da calcestruzzo cellulare per evitare le perdite di energia, si sale attraverso una scala in ferro al primo piano dove si trova lo studio fotografico del proprietario di casa. Gli spazi “pubblici” e “privati”, infatti, si intersecano, come la grande galleria che ospita le opere del proprietario al piano terra. La casa è in piena armonia con il sito in cui si trova. All’interno gli spazi sono inondati di luce grazie alle ampie vetrate contrapposte per la zona living per oltre dodici metri lineari e a tutt’altezza. Si è inoltre anche deciso di “dorare” le pareti su cui insiste la luce da sud, favorendo dunque una luce dorata, enfatizzata durante il momento della golden light. L’esterno della casa è stato progettato con materiali isolanti e trasmittenti per regolarne la dispersione energetica, come anche il suo orientamento. La

44

|

Space House

A futuristic, sustainable residence with a green soul, designed by architect Michele Perlini Framed by apple orchards in the Veronese countryside, the Space House property extends for about 3000 square meters with a living area of 300 square meters. The project is divided into two levels: on the ground floor, a large open space with the living area, dining room and kitchen with double glazing overlooking the apple orchards and the forest, capable of metabolizing


divisione delle stanze, infatti, è stata sviluppata per sfruttare i benefici del sole: le zone living e le stanze da letto sono state posizionate sull’affaccio sud che funge da recuperatore di calore durante il periodo invernale, mentre il lato nord più soggetto a dispersioni termiche, ospita le stanze di servizio. Un sistema di frangisole a scomparsa è stato inserito a protezione della casa per i mesi estivi. La stessa filosofia è stata applicata agli interni, assicurando pulizia degli spazi e minimalismo grazie a materiali naturali. Le pareti, realizzate in argilla per regolare l’umidità interna, regalano una sensazione di comfort assoluto nonché un microclima interno ottimo. La cucina custom made in legno laccato bianco è progettata come un grande mobile a scomparsa, mentre l’isola troneggia sulla sala diventandone il punto focale. Il grande tavolo in rovere, realizzato ad hoc è accostato alle sedie di design Vitra. Il divano Toot di Cassina, che separa l’ambiente cucina da quello living, è composto da tessuti naturali ed anallergici, mentre il tappeto in canapa è stato disegnato dallo stesso architetto Perlini. L’impianto illuminotecnico è stato studiato su misura con tagli di luce, gole e spot con temperature di colore caldo a 3000 K, mentre un impianto di ventilazione meccanica controllata ricambia l’aria ad intervalli regolari garantendo comfort interno ottimale.

pollutants; the sleeping area with double bedroom, master bedroom with walk-in closet, private study and private garage. From the spectacular reinforced concrete pillar, covered with cellular concrete to avoid energy losses, an iron staircase leads you to the first floor where the photographic studio of the owner is located. The "public" and "private" spaces, in fact, intersect, like the large gallery that houses the owner's works on the ground floor. The house is in full harmony with the site in which it is located. Inside, the spaces are flooded with light thanks to large windows, over twelve meters large and at full height. It was also decided to "gild" the walls reflecting all the light from the south, creating a golden hue that is then emphasized during the golden light. The exterior of the house is made with insulating and transmitting materials to regulate energy dispersion, as well as its orientation. The division of the rooms, in fact, was developed to exploit the benefits of the sun: the living areas and bedrooms have been positioned on the south side, which acts as a heat recovery unit during the winter period; the north side, which is more subject to thermal dispersions, houses the service rooms. A retractable sunscreen system has been added to protect the house during summer. The same philosophy was applied for the interiors, ensuring cleanliness of the spaces and minimalism thanks to natural materials. The walls, made of clay to regulate internal humidity, give a feeling of

Studio Arch. Michele Perlini Via Madonnina, 9 37057 San Giovanni Lupatoto Verona - Italy 045 549944 arcstudioperlini.com

absolute comfort as well as an excellent internal microclimate. The custom-made kitchen, in white lacquered wood, is designed as a large retractable piece of furniture. The island dominates the room as its focal point. The large oak table, made ad hoc, is combined with Vitra design chairs. The Cassina Toot sofa, which separates the kitchen from the living room, is made of natural and hypoallergenic fabrics, while the hemp rug was designed by the architect Perlini himself. The lighting system has been tailor-made with cuts of light, grooves and spots with warm color temperatures of 3000 K, while a controlled mechanical ventilation system changes the air at regular intervals ensuring optimal internal comfort.

| 45


Residenza privata a Bardolino a villa è stata progettata per una giovane famiglia e sorge sulla collina di Bardolino, nello splendido scenario del Garda, valorizzando al massimo l’orientamento e la vista sul lago. In questo territorio sviluppato completamente all’interno del grande anfiteatro morenico del Garda, la morfologia ondulata che degrada con delicatezza verso il lago, consente di avere un clima temperato-continentale con temperature miti per tutto l’anno. Da qui prende forma una scelta progettuale verso uno stile moderno ma al tempo stesso attento agli ombreggiamenti estivi e alle esposizioni solari invernali. Linearità delle forme e trasparenza, sono gli elementi caratterizzanti l’involucro, composto da ampie vetrate, protette nella stagione estiva da schermature costituite da brisè soleil in alluminio, che si aprono sul contesto

46

|

naturale prospiciente. Gli ambienti sono stati suddivisi in modo tradizionale, disponendo la zona giorno al piano terra, in diretta comunicazione col giardino e la loggia aperta, e al piano primo la zona notte, un’ampia terrazza e un tetto giardino che guardano verso il paesaggio circostante, andando a creare diverse situazioni spaziali che permettono di vivere in più modi l’abitazione, con particolare sensibilità all’uso degli esterni. È stata rivolta particolare attenzione anche alla sostenibilità dell’edificio, nell’ottica di sviluppo e promozione del risparmio e dell’efficienza energetica, perseguendo obiettivi di ottimizzazione delle risorse, per vivere in modo sostenibile creando un edificio che sia quasi completamente autonomo energeticamente e che rispetti l’ambiente. Partner indispensabile alla realizzazione


del progetto è stata FINSTRAL per aver saputo rispondere al meglio alle esigenze di linearità, design minimale e risparmio energetico richieste dal progettista. Chi costruisce casa oggi non si accontenta più di scegliere soltanto i materiali edili e i pavimenti. Ognuno vuole dare infatti alla propria abitazione quel tocco di personalità che la rende unica. Questa tendenza riguarda anche la scelta dei serramenti. Per questo Finstral ha sviluppato FIN-Project: un’innovativa finestra in alluminio che offre infinite possibilità di personalizzazione. Un cuore in PVC, alluminio sul lato esterno e un’ampia scelta di materiali per il lato interno. Con il sistema modulare FIN-Project Finstral ha offerto i migliori valori isolanti e massima libertà nella scelta di tutti i dettagli del serramento, dal materiale fino ai colori e alle forme. Perché è grazie a tanti piccoli dettagli che si ottiene un risultato finale perfetto.

Prodotti utilizzati: elementi scorrevoli “Fin-slide step-line Alu-Alu”; serramenti “FIN-Project Nova-line”; vetri “Max ValorMultiprotect+ Bodysafe” spessore 46 e 40 mm; colore/superficie serramenti “Sablè 894 grigio scuro”; porta entrata “Fin Door Planar mod. Style 01”; colore interno “F906 (grigio brillante)”, esterno “4006 (porpora traffico)”

Private residence in Bardolino The villa is designed for a young family and is located on the hill of Bardolino, in the splendid scenery of Lake Garda, with one of the best views of the lake. In this completely developed area within the great morainic amphitheater of Garda, the morphology that gently slopes towards the lake allows for a temperate-continental climate with mild temperatures throughout the year. From here, the design choice follows a modern style but at the same time attentive to summer shading and winter sun exposure. Linearity of shapes and transparency are the elements that characterize the “envelope”, made up with large windows which open onto the natural context overlooking and are protected in the summer by screens consisting of aluminum brisè soleil. The rooms have been traditionally divided, with the living area on the ground floor, in direct communication with the garden and the open loggia, and the sleeping area on the first floor, a large terrace and a garden roof that look over the surrounding landscape. The ensemble creates different areas that allow you to experience the home in multiple ways, with particular sensitivity to the use of the outdoors. Particular attention was also paid to the sustainability of the building, so that to promote energy saving and efficiency. The project aims at optimizing resources

Infissi e serramenti fixtures and joinery

Progettisti: Geom. Bazerla Christian | StudioBazerla | INOLTRE s.r.l. info@inoltre.srl www.inoltre.srl info@studiobazerla.it www.studiobazerla.it tel. +39 045 9583345 Strada delle Giare, 5A Bardolino (VR) ph. Bazerla

in order to live in a sustainable way by creating a building that is almost completely autonomous in terms of energy and which respect the environment. An indispensable partner for the realization of the project was FINSTRAL, that was able to better respond to the needs of linearity, minimal design and energy saving required by the designer. House builders today are no longer satisfied with choosing only building materials and floors. In fact, everyone wants to give their home that touch of personality that makes it unique. This trend also affects the choice of windows. For this purpose, Finstral has developed FIN-Project: an innovative aluminum window that offers endless customization possibilities.A PVC heart with aluminum on the outside and a wide choice of materials for the inside. Through the FINProject modular system, Finstral offered the best insulating system together with maximum freedom in the choice of all the details of the window, from the material to the colors and shapes. Because, in the end, it’s thanks to many small details that a perfect final result is obtained. Products used: sliding elements “Fin-slide step-line Alu-Alu”; windows “FIN-Project Nova-line”; glass “Max Valor / Multiprotect + Bodysafe”, 46 and 40 mm thick; window color / surface: “Sablè 894 dark gray”; entrance door “Fin Door Planar mod. Style 01”; interior color “F906 (bright gray)”, exterior “4006 (traffic purple)”.

| 47


Camaleonda, il grande ritorno B&B ITALIA FESTEGGIA I 50 ANNI DEL DIVANO CAMALEONDA RIPROPONENDOLO IN CHIAVE CONTEMPORANEA E SOSTENIBILE

48

|

articolo a cura di Ballarini Interni" article written by Ballarini Interni Un’icona degli anni ’70 alla ribalta. Camaleonda, il sistema di sedute modulare di B&B Italia disegnato da Mario Bellini nel 1970, ha definito l’estetica dell’interior design di un’intera epoca conquistando, oltre ai cuori appassionati di design, antiquari e interior decorator, anche i maggiori musei di design internazionali e i set di grandi film. Un divano concepito come elemento architettonico


che cambia continuamente lo skyline degli interni in cui è inserito grazie alla sua natura camaleontica. Nella sua riedizione, Camaleonda conserva gli elementi iconici che lo rendono un classico contemporaneo, come il modulo di seduta 90x90, lo schienale, il bracciolo e la generosa imbottitura in poliuretano che forma il caratteristico capitonné. Rimane inalterata ovviamente la sua modularità infinita, simbolo di libertà secondo Bellini, che permette di disegnare e ridisegnare lo spazio a piacimento. Ciò che è invece cambiato non è la forma o la funzionalità, ma i materiali. L’obiettivo era infatti rendere l’arredo sostenibile. La sua struttura è oggi costituita da materiali riciclati o riciclabili facilmente disassemblabili, come i pannelli lignei che costituiscono la base di partenza, o i piedini sferici in legno di faggio certificato FSC (Forest Stewardship Council). L’imbottitura è protetta da un rivestimento removibile in dacron, tessuto sintetico interamente riciclabile. Per completare il tutto non dimentichiamo i complementi Gli Scacchi, sempre di Mario Bellini, leggeri e facili da spostare, da usare come sedute extra o tavolini, quest’anno riproposti in morbidi rivestimenti in cuoio e cavallino con cuciture a vista.

Camaleonda, the comeback

B&B Italia celebrates 50 years of the Camaleonda sofa by proposing it in a contemporary and sustainable way An icon of the 70s returns.Camaleonda, the modular seating system of B&B Italia designed by Mario Bellini in 1970, has defined the aesthetics of interior design of an entire era, conquering the major international design museums and the sets of great films, in addition to the hearts of design lovers and interior decorators. A sofa conceived as an architectural element that keeps changing the skyline of the interiors in which it is inserted thanks to its chameleon nature. In its re-edition, Camaleonda retains the iconic elements that made it a

contemporary classic, such as the 90x90 seat module, the backrest, the armrest and the generous polyurethane padding that creates the characteristic capitonné. Obviously, its infinite modularity remains unchanged, because, according to Bellini, it is a symbol of freedom and allows you to design and redesign the space at will. What has changed is not the form or the functionality, but the materials. The goal was, in fact, to make the furniture sustainable. Its structure is now made up of recycled or recyclable materials that can be easily disassembled, such as the wooden panels that form the structure, or the spherical feet in FSC certified beech wood (Forest Stewardship Council). The padding is protected by a removable cover in dacron, a fully recyclable synthetic fabric. To top it all off, let's not forget Gli Scacchi, also by Mario Bellini, complements that are light and easy to move, to be used as extra seats or tables. This year they are re-proposed in soft leather or cavallino with visible stitching.

| 49


50

|


Kitchen Stories di Arclinea a cura di Ballarini Interni

AD OGNI CUCINA LA SUA STORIA Una storia fatta dei piaceri quotidiani della condivisione, la cucina - fulcro della casa – è il luogo in cui gravita tutta la famiglia. Un ambiente fisico articolato e coinvolgente, in cui materiali performanti dialogano tra di loro per creare nuove dimensioni tecnologiche. L’obiettivo di Arclinea, è quello di unire l’uomo all’ambiente circostante, le necessità alle soluzioni tecniche. Produrre, insomma, un ambiente pensato per essere abitato. Il tutto costruito sul terreno fertile del Made in Italy, abbracciando tendenze locali e globali.

Kitchen Stories by Arclinea

To each kitchen its own story curated by Ballarini Interni

Nelle foto: Arclinea, Convivium

The kitchen, the heart of the house where the whole family gravitates, is a story made of the daily pleasure of sharing. An articulated and engaging physical environment, in which performing materials interact with each other to create new technological dimensions.

| 51


Arclinea crede che la cucina debba fare propri i sistemi di altri ambienti e raccogliere le nuove sfide tecnologiche. La Collezione Arclinea è un unicum inimitabile di soluzioni, fatto per soddisfare le esigenze di una realtà concreta, quotidiana, creativa e condivisa. Grazie alla collaborazione con il designer Antonio Citterio, Arclinea ha sviluppato negli anni un knowhow che ha permesso ad ogni suo nuovo prodotto di integrarsi con gli altri, secondo un originale concetto di sistema. Da questo pensiero sono nate le famose cucine professionali Italia e Artusi, l’ambiente conviviale innovativo Convivium, il monolite materico Lignum et Lapis, e gli spazi flessibili Spatia e Principia. Tutti prodotti aperti al cambiamento ma sempre legati alla tradizione italiana attraverso l’artigianalità, le funzioni e i materiali pregiati. Convivium + Sistema New Pocket: il piacere di condividere. Una cucina come spazio strutturato e senza vincoli dove è possibile rinnovare ogni giorno il piacere dello stare insieme e dove le azioni del cucinare, conservare e preparare si trasformano in emozioni e rituali. La soluzione con un’isola operativa con grande tavolo integrato in legno ci parla di profumi e storie familiari, di posti lontani, di ricette antiche e nuove e soprattutto riunisce tutta la famiglia intorno a un tavolo per mangiare tutti insieme. Convivium rende la stanza calda, efficiente e ospitale, con una parete dedicata al contenimento e due vani attrezzati nascosti da ante a scomparsa del Sistema New Pocket.

52

|

Arclinea's goal is to unite men and women with the surrounding environment, to combine needs to technical solutions. In short, to produce an environment designed to be inhabited, built on the fertile ground of the Made in Italy brnad, while also embracing local and global trends. Arclinea believes that the kitchen should make the systems of other environments its own and take up new technological challenges. The Arclinea Collection is an inimitable unicum of solutions, made to meet the needs of the concrete, daily, creative and shared reality. Thanks to the collaboration with the designer Antonio Citterio, Arclinea has developed over the years a know-how that has allowed each of its new products to integrate with the existing ones, according to an original system concept. From this mission, the company created the evergreen professional kitchens Italia and Artusi, the innovative convivial environment

Convivium, the monolith Lignum et Lapis, and the flexible spaces Spatia and Principia. All products that are open to change but always linked to the Italian tradition of craftsmanship, functions and fine materials. Convivium + New Pocket System: the pleasure of sharing. A kitchen as a structured and unconstrained space where it is possible to renew the pleasure of being together every day and where the actions of cooking, storing and preparing are transformed into emotions and rituals. The composition, with an operational island with a large integrated wooden table, speaks to us of family stories, of distant places, of old and new recipes and above all, it brings the whole family together around one table to eat together. Convivium creates a warm, efficient and hospitable room, with a wall dedicated to storage and two equipped compartments hidden by the retractable doors of the New Pocket System.


| 53


Flos brilla ancora una volta CON MICHAEL ANASTASSIADES PER ARRANGEMENTS E I FRATELLI CASTIGLIONI PER ARCO, FLOS SI DISTINGUE ANCORA UNA VOLTA AI PRESTIGIOSI PREMI ADI articolo a cura di Ballarini Interni" article written by Ballarini Interni

54

|


Flos, Arrangements, design di Michael Anastassiades (ph Santi Caleca)

Il futuro della luce è sostenuto da quasi 60 anni di storia: sin dalla sua nascita, l’azienda italiana di design di illuminazione Flos ha creato prodotti iconici che, nel corso del tempo, hanno influenzato e cambiato il mercato italiano e quello estero. Il tutto con un’arma segreta: la continua capacità di innovare. Quest’anno non è certo da meno e Flos lascia ancora il segno uscendo volte vittoriosa al XXCI Compasso d’Oro ADI, il più autorevole premio del design italiano. Il brillante designer di origine cipriota Michael Anastassiades dimostra ancora una volta il suo incredibile talento e porta a casa il premio per la sua innovativa e poetica collezione modulare Arrangements, che la giuria internazionale ha definito “Una danza di minimalismo, geometria e tecnologia, interpreta bene i LED e sa trasformarli in emozione.”. Achille e Pier Giacomo Castiglioni, invece, ricevono il Premio alla Carriera del Prodotto per la lampada Arco, ideata già nel 1962, tutt’ora intramontabile e simbolo del design italiano.

Flos shines once again

Flos stands out once again at the prestigious ADI awards, thanks to Michael Anastassiades’ Arrangements and the Castiglioni brothers’s Arco The future of light is backed by almost 60 years of history: since its foundation, the Italian lighting design company Flos has produced iconic products that, over time, were able to change the Italian and foreign markets. All of this with a secret weapon: its constant ability to innovate. This year has been no exception and Flos still leaves its mark by winning two times at the XXCI Compasso d'Oro ADI, the most important

| 55


La giuria l’ha definita “Innovazione tipologica nel settore illuminotecnico, è stata capace nel tempo di diventare icona per l’intero design italiano nel mondo”. D’altro canto, Flos non è certo nuova ai premi ADI. Tra i numerosi prodotti vittoriosi della sua storia ricordiamo Parentesi di Achille Castiglioni e Pio Manzù, premiata nel 1979, May Day di Konstantin Grcic (2001) e più recentemente, dello stesso Grcic, la tecnologica e minimale OK (2016).

Coordinates di Michael Anastassiades Una griglia cartesiana tridimensionale trasformata in un sistema di illuminazione. Delle barre LED lineari intrecciate tra loro dal forte impatto visivo. Questo è ciò che Michale Antassiades ha pensato per il ristorante Four Seasons di New York. Coordinates è una collezione dall’ampia scelta di soluzioni preconfigurate per ogni tipo di soffitto e ambiente. Coordinates è in alluminio estruso, con una sofisticata finitura anodizzata color champagne e un diffusore bianco opale in silicone platinico. Questo elegante sistema luci, adattabile ad ogni tipo ambiente, regala il massimo impatto scenografico con un design minimal e senza tempo.

award of Italian design. The brilliant Cypriotborn designer Michael Anastassiades once again demonstrates his incredible talent and takes home the award for Arrangements, his innovative, poetic and modular collection, which the international jury called “A dance of minimalism, geometry, and technology, able to beautifully interpret the LEDs and to transform them into emotion.”. Achille and Pier Giacomo Castiglioni, received instead the The Product Lifetime Achievement Award for the Arco lamp, conceived as early as 1962, still timeless and a symbol of Italian design. The jury defined it “a stylistic innovation in the lighting sector that over time became an icon for Italian design around the world.” Then again, Flos is not new to the ADI awards. Among the numerous victorious products throughout its history, we remember Parentesi by Achille Castiglioni and Pio Manzù, awarded in 1979, May Day by Konstantin Grcic (2001) and, more recently, the technological and minimal OK (2016) by Grcic.

Coordinates by Michael Anastassiades

“Flos, Coordinates, design di Michael Anastassiades (ph Tommaso Sartori)

56

|

A three-dimensional cartesian grid transformed into a lighting system. Linear LED bars intertwined, creating a strong visual impact. This is what Michale Antassiades came up with for the Four Seasons restaurant in New York. Coordinates is a collection with a wide choice of preconfigured solutions for any type of ceiling and environment. Coordinates is made from extruded aluminium with a sophisticated anodised champagne finish, and an opal-white platinic silicone diffuser. This elegant lighting system, adaptable to any type of environment, gives the maximum visual impact through a minimal and timeless design.


Our Interior Designers guide the client in making the most suitable choices to create a space in harmony with those who live in it, down to the smallest detail: from the choice of floors to bathroom fixtures, from curtains to carpets to lighting.

Un team di operai interni, un abile laboratorio di falegnameria, un’equipe di artigiani, dal muratore al posatore, dall’idraulico all’elettricista, preparati e seguiti dall’azienda stessa, offrono manodopera qualificata per un servizio “chiavi in mano” di pregio. A team of skilled internal workers, a carpentry workshop, craftsmen from the bricklayer to the installer, from the plumber to the electrician, trained and supervised by the company, offer skilled labor for a valuable “ready-to-go” service.

finanziamenti funding

I nostri Interior Designer guidano il cliente nel compiere le scelte più adatte per creare uno spazio in armonia con chi lo abita, fino al più piccolo dettaglio: dalla scelta dei pavimenti ai sanitari, dalle tende ai tappeti fino all’illuminazione.

montaggio & post vendita assembly & after sale service

progettazione rendering

U N S O G N O, U N D I S E G N O, U N A S TA N Z A A DREAM, A SKETCH, A ROOM

La nostra collaborazione con Findomestic ed altre finanziarie dà la possibilità di pagare anche a rate, diluendo la spesa a condizioni estremamente vantaggiose. Our collaboration with Findomestic and other financial companies provides with the possibility to pay in installments, diluting the expense under extremely advantageous conditions.

W W W. B A L L A R I N I - I N T E R N I . C O M Via del Lavoro 18 - Valgatara di Valpolicella (VR) - tel. 045 6800525 Via Varini 50 - Marco di Rovereto (TN) - tel. 0464 943220 info@ballarini-interni.com

| 57


Divano Westside, design Jean-Marie Massaud

58

|


Casa Poliform 2020: Hidden Gardens UNA CASA DAL SENTORE MEDITERRANEO, DOVE GLI INTERNI E GLI ESTERNI SONO STRETTAMENTE CONNESSI TRA LORO

a cura di Ballarini Interni

Casa Poliform 2020: Hidden Gardens

A home with a Mediterranean flavor, where interiors and exteriors are closely connected to each other curated by Ballarini Interni

| 59


Sopra: Cucina Artex, design R&D Poliform A destra in alto: Cabina armadio Senzafine, design R&D Poliform A destra in basso: Letto Jacqueline, design Jean-Marie Massaud

60

|

er la Casa 2020, Poliform presenta Hidden Gardens, un connubio di bellezza, armonia e savoir faire.
Un ambiente che vuole cogliere l’intensità di un paesaggio mediterraneo, il cui obiettivo è raggiungere un compromesso dove architettura e arredamento si sposano perfettamente e ogni ambiente si adatta all’individuo. Living, sala da pranzo, cucina, cabina armadio, zona notte – tutti gli ambienti sono legati tra loro da un’estetica di linee minimal, proporzioni misurate, colori armoniosi, materiali ricercati e preziosi dettagli. Il concept finale è una perfetta fluidità tra interni ed esterni, divisi da linee flebili, come le grandi vetrate dagli infissi di legno che proiettano gli ambienti conviviali verso l’esterno.

Divano Westside, per tutte le occasioni Il living come uno spazio flessibile, adattabile sia ai momenti di tranquillità, sia al tempo della convivialità. Ecco su cosa si è basato il designer Jean-Marie Massaud nella creazione del divano Westside. Un divano prima di tutto elegante, i cui volumi morbidi e pieni appaiono leggeri. Il design si è infatti ispirato a un mix tra l’essenzialità orientale e tradizione italiana, il tutto coniugato al massimo confort e personalizzazione. Braccioli e schienali sono progettati in modo da permettere di rimanere comodi in qualsiasi momento, che sia esso di lettura, relax o conversazione. Oltre al design, gli stessi materiali sono stati pensati per il massimo confort, tra le imbottiture in poliuretano espanso a quote differenziate e il prerivestimento in tela di cotone e piuma. La ciliegina sulla torta sono la selezione dei tessuti e delle pelli, nonché la cura dei particolari.


For the concept of the 2020 House, Poliform presents Hidden Gardens, a combination of beauty, harmony and savoir faire. An environment that aims at capturing the intensity of a Mediterranean landscape, whose goal is to reach a compromise where architecture and furnishings blend perfectly and each environment adapts to the individual. Living, dining room, kitchen, walk-in closet, sleeping area - all rooms are linked together by an aesthetic of minimal lines, measured proportions, harmonious colors, refined materials and precious details. The final concept reaches a fluidity between interiors and exteriors, divided only by feeble lines, such as the large windows with wooden frames that project the convivial environments outwards.

Westside sofa, for all occasions

The living room as a flexible space, adaptable to both moments of relax and conviviality. This is what the designer Jean-Marie Massaud had in mind when he created Westside sofa. An elegant sofa, whose soft and full volumes appear almost light. The design is inspired by a mix of oriental essentiality, Italian tradition, all combined with maximum comfort and customization. Armrests and backrests are designed to allow you to remain comfortable at any time, be it of reading, relaxing or conversation. The materials have been conceived too to reach maximum comfort, and include the polyurethane foam padding in different densities and the inner cover in cotton canvas. The icing on the cake is brought by the selection of fabrics and leathers, as well as the attention to detail.

| 61


62

|


Tavolo Francis, rettangolare L3000 P1000 H750 Struttura: alluminio finitura nero lucido Piano: noce Francis Table, rectangular Structure: aluminum finish nero lucido Top: walnut wood

articolo a cura di Ballarini Interni" article written by Ballarini Interni

New Interiors di Rimadesio GLI SPAZI TROVANO NUOVI SOTTILI EQUILIBRI

all’evoluzione del sistema boiserie Modulor all’angolo personale Vanity, per finire con il sistema tavoli Francis. La nuova collezione Rimadesio presenta nuove atmosfere attraverso brillanti combinazioni di texture e finiture per arrivare a una completa integrazione fra arredi e architettura d’interni, il tutto disegnato da Giuseppe Bavuso. Il concetto che ha guidato queste nuove proposte è la ricerca di sottili equilibri, tra ordine e originalità, tra l’espressività di una finitura e l’altra. Per la nuova collezione, infatti, Rimadesio arricchisce la sua gamma di materiali con inedite varianti che creano dialoghi espressivi tramite combinazioni tra colori, texture e matericità. Tutte queste mescolanze permettono all’interior Rimadesio di essere applicato in tutti i contesti, privati, professionali, hospitality o retail. La boisierie Modulor da quest’anno svolge tre funzioni: definire lo stile dell’ambiente circostante, contenere ed esporre.

New Interiors collection by Rimadesio

Interiors expressed in new subtle balances From the evolution of the Modulor boiserie system to the Vanity personal corner, finishing with the Francis table system. The new Rimadesio collection presents new atmospheres through brilliant combinations of textures and finishes, in order to achieve a complete integration between furnishings and interior architecture, all designed by Giuseppe Bavuso. The concept that guided these new proposals is the pursuit of subtle balances, between order

| 63


64

|


Modulor Struttura in alluminio finitura bronzo Rivestimento e ante in rovere termotrattato sahara Ante vetrina in vetro grigio trasparente Fianchi e schienali vetrina in vetro bronzo opaco Ripiani in vetro grigio trasparente Top cassettiera in similpelle argilla Cassettiera, base e top in melaminico larice carbone Modulor Structure aluminum finish: bronze Wood cladding finish: rovere termotrattato sahara Glass doors and internal shelves: grigio trasparente Side panels and back panels: glass bronzo opaco Internal equipments in syntethic leather, argilla finish Top, floor base and drawers: melaminico larice carbone

Per la sua nuova funzione storage, Modulor è stata arricchita con vani attrezzati personalizzabili con aste portabiti, mensole, cassettiere, portapantaloni, e quindi declinabili per l’area giorno, l’ambiente living e la zona notte. I vani, come anche la nuova anta battente del sistema Modulor, si integrano perfettamente nella pannellatura a effetto continuo della boisierie. Per valorizzare oggetti d’affezione, invece, con Modulor è possibile creare sofisticate vetrine liberamente posizionabili grazie al sistema brevettato che permette di fissare cassettiere sospese, mensole in vetro o legno, ripiani portabottiglie e vassoi estraibili rivestiti in similpelle. La ciliegina sulla torta è il sistema di illuminazione led, incassato nei profili orizzontali e disponibili anche a sensore. Il tutto ovviamente completamente su misura, con libera scelta di disposizione delle misure, delle attrezzature e della tipologia.

and originality, between the expressiveness of one finish and the other. Rimadesio presented the New Interiors collection in its flagship store in Giussano, to which it added a new important exhibition space, R-Academy, dedicated to the study of materials and finishes, which have always been a fundamental part of the Rimadesio project. For its new collection, in fact, Rimadesio has enriched its range of materials with new variants that create expressive dialogues through combinations of colors, textures and materials. All these mixtures allow Rimadesio interiors to be applied to all contexts, be it private, professional, hospitality or retail. Modulor boisierie has three functions: defining the style of the surrounding environment, containing and exhibiting. For its new storage function, Modulor has been enriched with equipped compartments that can be customized with clothes rails, shelves, dressers, trouser racks, and therefore can be used for the living area, the living room and the sleeping area.

| 65


66

|


Modulor Struttura in alluminio finitura bronzo Rivestimento e ante in legno noce sahara Maniglia porta con inserto in legno noce sahara Maniglia anta in alluminio Accessori interni in similpelle argilla Modulor Structure aluminum finish: bronze Wood cladding finish: noce sahara Handle with wooden insert matching the panels Internal equipments in syntethic leather, argilla finish

Guardaroba Modulor Struttura in alluminio finitura bronzo Rivestimento e ante in vetro bronzo lucido diamante Angolo beauty Vanity Struttura in alluminio finitura bronzo Piano, schienale e contenitore: noce Ripiani in vetro grigio trasparente Fianchi e schienale in tessuto brandy Specchio interno e anta scorrevole: specchio Modulor wall paneling system with storage elements Structure aluminum, bronzo finish Cladding and doors in glass bronzo lucido diamante Corner Beauty Vanity structure aluminum, bronzo finish top, back panels and storage elements: walnut shelves in glass grigio trasparenteside and back panels in fabric, brandy finish internal mirror and vertical sliding: mirror

Vanity è un pratico e prezioso angolo privato dedicato alla cura di sé, pensato per custodire preziosità e cosmesi. Prevede un piano d’appoggio in essenza e una composizione di vani portaoggetti occultabile grazie a un’anta rivestita a specchio e dotata di movimento sali-scendi. Il tutto è completato da due ripiani superiori in vetro, la specchiera interna e un sistema led opzionale pensato per risaltare i volumi e le superfici. Dulcis in fundo, il tavolo Francis, un pezzo di design essenziale e rigoroso, risultato di una reinterpretazione di antichi tavoli da refrettorio in chiave contemporanea. Il tavolo è adatto ad ogni ambiente, personale, professionale e contract, grazie alla sua ampia varietà dimensionale e di finiture. Francis è infatti disponibile in forma rettangolare, rotonda e quadrata e in 8 dimensioni grazie a una struttura modulare realizzata in alluminio pressofuso. Il piano è realizzato in 105 finiture tra cui vetro trasparente e fumè, vetro laccato Ecolorsystem lucido e opaco, essenza (noce, rovere termotrattato e rovere nero) e marmo. The compartments, as well as the new hinged door of the Modulor system, fit perfectly into the continuous-effect paneling of the boisierie. To expose objects we hold dear the system allows to realize sophisticated display cases equipped with internal accessories that can be freely positioned in height, thanks to the exclusive patented system that allows to fix suspended drawer units, glass or wooden shelves, bottle shelves and removable trays in synthetic leather. The icing on the cake is the LED lighting system, embedded in the horizontal profiles and also available with sensor. All of course completely custom-made, with free choice of arrangement of sizes, equipment and typology. Vanity is a practical and precious private corner dedicated to self-care, designed to keep precious objects and cosmetics. It includes a countertop in wood and a composition of storage compartments which can be hidden thanks to a mirror-coated door equipped with vertical sliding. The beauty corner also includes two top glass shelves, the internal mirror and an optional led system that enhances volumes and surfaces. Last but not least, the Francis table, an essential and rigorous design, resulted from a reinterpretation of ancient refrectory tables in a contemporary key. The table is suitable for any environment, personal and professional, thanks to its wide variety of dimensions and finishes. Francis is in fact available in rectangular, round and square shapes and in 8 sizes thanks to a modular structure made of die-cast aluminum. The top is made in 105 finishes including transparent and smoked glass, glossy and opaque Ecolorsystem lacquered glass, wood (walnut, heat-treated oak and black oak) and marble.

| 67


Bagni Modulnova INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DEL BENESSERE

In un tempo in cui la casa sta piano piano ritornando a ricoprire un ruolo centrale nelle nostre vite, un’area dedicata alla cura del corpo che venga incontro alle nostre esigenze personali diventa importante ed essenziale per il nostro benessere. Modulnova inizia la sua storia di design nel 1988 quando la famiglia Presotto decide di fondare un’azienda di mobili che faccia della costante ricerca e dell’innovazione la propria missione. Questa filosofia permise a Modulnova di distinguersi, proponendo cucine ad ampio vocabolario progettuale e ampia scelta tra materiali e finiture. Nel corso degli anni, il suo grande successo ha spinto l’azienda ad ampliare la sua gamma di prodotti, conquistando dal 2000 anche il mondo dei mobili per il bagno.

articolo a cura di Ballarini Interni" article written by Ballarini Interni

68

|


Modulnova Baths Innovation and research at the service of wellness

In a time when our home is slowly returning to play a central role in our lives, an area dedicated to body care that meets our personal needs becomes important and essential for our well-being. Modulnova began its history of design in 1988 when the Presotto family decided to found a furniture company that is based on constant research and innovation. This philosophy allowed Modulnova to stand out, offering kitchens with a wide design range and a wide choice of materials and finishes. Over the years, its great success pushed the company to expand its range of products, conquering the world of bathroom furniture since 2000. Thanks to its cutting-edge workmanship, Modulnova has managed to transform stone to make it compatible with the bathroom environment, making it functional and beautiful to admire at the same time. A

| 69


Grazie a lavorazioni di avanguardia, Modulnova è riuscita a trasformare la pietra naturale, rendendola leggera e compatibile con l’ambiente bagno. La lavorazione raw, attraverso un getto di sabbia ad alta pressione, pulisce la superfice e valorizza la materia riportando alla luce la sua bellezza originaria. Un esempio lo troviamo nell’ambiente bagno Blade, in cui spicca l’elegante e sofisticata lavorazione millerighe di Pietra Piasentina che forma il grande blocco a terra con lavabo integrato. Questa scenografica ambientazione ci propone anche un vero e proprio centro benessere in casa, con una piscina con idromassaggio, un sistema Airpool e cromoterapia. O che dire dell’uso del granito brasiliano Black Cosmic, impreziosito attraverso venature bianche di quarzo, grappoli di mica e piccoli granati di colore dorato. La lavorazione Raw di Modulnova nel Bagno Blade Lab dona a questa pietra un effetto materico ed elegante. Per chi ama linee pulite ed essenziali, nel bagno Skill troviamo invece il grès City Stone Brown, un materiale che riproduce un effetto pietra. Per chi ama lo stile minimal, Modulnova introduce l’elemento estetico funzionale Board, composto da pannelli avanzati in grès che nascondono contenitori in alluminio nero, anche elettrificabili. Infine, impossibile non citare le linee essenziali e rigorose dell’anta Frame, spessa 3 cm, con maniglia incassata e nascosta alla vista. Un pezzo di design moderno e funzionale, che se scuro può essere messo in contrasto con un grès Carrara creando un ambiente romantico e luminoso, e se riproposto in finitura metallica Bronze Dust, può replicare un’inclinazione industrial.

clear example is found in the Blade bathroom, where the elegant and sophisticated ribbed processing of Piasentina stone stands out, forming a large block on the ground with integrated sink. This scenographic setting also offers us a proper wellness integrated in the bathroom, with a swimming pool with hydromassage, an Airpool system and chromotherapy. Or what about the Brazilian Black Cosmic granite, embellished with white veins of quartz, clusters of mica and small golden garnets. Its Raw processing by Modulnova in the Blade Lab bathroom gives this stone a material and elegant effect. For those who love clean and essential lines, in Skill bathroom we find City Stone Brown stoneware, a material that reproduces a stone effect. For those who love this minimal style, Modulnova introduces the Board, a functional and aesthetic element made up of stoneware panels that hide black aluminum containers, which can also be electrified. Finally, it is impossible not to mention the essential and rigorous lines of the Frame door, 3 cm thick, with a recessed handle hidden from view. A piece of modern and functional design, which, if dark, can be contrasted with Carrara stoneware creating a romantic and bright environment, and if repurposed in a Bronze Dust metal finish, it can replicate an industrial inclination.

70

|


Via del Lavoro 18 - Valgatara di Valpolicella (VR) - tel. 045 6800525 Via Varini 50 - Marco di Rovereto (TN) - tel 0464 943220 www.ballarini-interni.com - info@ballarini-interni.com


Casa Maxalto 2020: Futuro senza Tempo GLI ARREDI NEO-CLASSICI MODERNI FIRMATI ANTONIO CITTERIO

a cura di Ballarini Interni

Maxalto, Aurae

72

|


Anche quest’anno Maxalto rimane fedele a sé stessa e, come nei suoi quarant’anni di storia precedenti, rinnova la sua collezione senza cedere alle mode, seguendo il concetto di “Futuro senza tempo”, che unisce i pezzi nuovi ai suoi bestseller. La collezione è firmata Antonio Citterio, il gentiluomo dell’interior design, che ogni anno si impegna nel ripensare la natura stessa dei modelli dell’abitare.

Casa Maxalto 2020: Timeless Future

The modern neo-classical furnishings by Antonio Citterio curated by Ballarini Interni This year, as always, Maxalto remains true to itself and, as in its previous forty years of history, renews its collection without giving in to fashion, following the concept of "Timeless future” that combines the novelties with its bestsellers.

| 73


Sopra: Maxalto, Alcor Al centro: Maxalto, Dike In basso: Maxalto, Apollo

I prodotti Maxalto sono il perfetto connubio tra modernità, perché legati visioni libertarie ispirate a Jean-Michel Frank, e neo-classicismo, perché le forme e le finiture che li compongono ci ricordano la contemporaneità dell’architettura italiana. Ecco che i soggiorni, le sale da pranzo, le stanze da letto etc. si succedano con fluidità e accoglienza, suggerendo una visione d’interni coerente, senza tempo e votata alla cura del dettaglio. Non mancano ovviamente toni soft con una presenza di bianco e nero, “Il DNA dell’azienda” secondo Citterio. Oggi la casa e i suoi ambienti tradizionali sono tornati ad essere i luoghi principali delle interazioni sociali e dove si stanno riscoprendo il gioco e la conversazione. Tornare alla tradizione non significa però escludere l’innovazione. Al contrario, significa imbarcarsi alla ricerca di una nuova identità domestica. I materiali pregiati di Maxalto sono da sempre l’orgoglio dell’azienda, che nel corso degli anni non si è mai tirata indietro nell’aggiungerne di nuovi ed esplorare nuove combinazioni. Un classico esempio è l’uso del legno in essenze come il Wengé, sperimentato per primo da Citterio, che insieme allo stampo Art Deco, è uno dei marchi di fabbrica di Maxalto. Ecco che questa nuova collezione riprende il caratteristico legno cileno Tineo, con un motivo damier, nel tavolo Alcor. Da citare sono sicuramente le strutture metalliche di supporto a tavoli e contenitori, in fusione d’alluminio trattato, che diventa quasi bronzo brunito. Come anche l’introduzione di oltre 30 nuovi tessuti esclusivi e cuciture inedite, quasi una diversa per ogni modello, fino alla combinazione di inserti tra pelle (o cuoio) e tessuto. Nella nuova linea di imbottiti Apollo, il design incontra il comfort con linee curve e rigorose studiate per accogliere il corpo. Infine, la cura del dettaglio e il design di Maxalto si uniscono all’uso del know-how industriale B&B Italia.

74

|


The collection is signed by Antonio Citterio, the gentleman of interior design, who every year is committed to rethinking the very nature of the living area. Maxalto products are the perfect combination of modernity, because they are linked to libertarian visions inspired by Jean-Michel Frank, and neo-classicism, because the shapes and finishes that compose them remind us of the contemporaneity of Italian architecture. The living rooms, dining rooms, bedrooms etc. follow one another with fluidity and hospitality, suggesting a coherent, timeless vision of interiors devoted to attention to detail. Obviously, soft tones and black and white, “The company’s DNA” according to Citterio, are always present. Today the home and its traditional environments returned to be the main places of social interactions and where play and conversation are being rediscovered. However, returning to tradition does not mean excluding innovation. On the contrary, it means embarking on a search for a new domestic identity. Maxalto’s precious materials have always been the pride of the company, which over the years has never held back in adding new ones and exploring new combinations. A classic example is the use of wood in essences such as Wengé, first experimented by Citterio, which together with the Art Deco style is one of Maxalto’s trademarks. The new collection, for example, takes up the characteristic Chilean Tineo wood and put it with a damier motif in the Alcor table. Certainly worth mentioning are the metal support structures for tables and containers in treated cast aluminum, which resemble almost burnished bronze. As well as the introduction of over 30 new exclusive fabrics and unusual stitching, almost a different one for each model, up to new combinations of leather (or hide) inserts and fabric. In the new Apollo padded line, design meets comfort with curved and rigorous lines designed to accommodate the body. Maxalto’s attention to detail and design are combined with the use of B&B Italia industrial know-how.

| 75


Una cucina tra tradizione e modernità, by Arclinea L’obiettivo di Beta di Arclinea è quello di creare un ambiente cucina che concili tradizione e modernità, innovazione e valorizzazione. Il risultato è infatti un insieme aree funzionali diverse e complementari tra loro: da un lato uno spazio di lavoro continuo, perfettamente accessoriato, completato dalla Mensola Cappa; dall’altro, la parete attrezzata nascosta dalle

ante a scomparsa del Sistema New Pocket. Il tutto integrato con la maniglia Beta, un profilo in alluminio verniciato in finitura acciaio o nero, oppure nella stessa finitura dell’anta a cui si integra, che permette di progettare il tutto in modo versatile e unico. Il progetto finale, pieno di contrasti, trova la sua armonia nell’unione tra la purezza del bianco opaco e la preziosità del marmo lucido, tra il “vissuto” del parquet con la contemporaneità dell’acciaio.

Arclinea, Beta + New Pocket System, design Antonio Citterio

A kitchen between tradition and modernity, by Arclinea

The goal of Beta by Arclinea is to create a kitchen environment that reconciles tradition and modernity, innovation and enhancement. The result is in fact a set of functional areas that are different and complementary to each other: on the one hand, a continuous work space, perfectly equipped, completed by the hood shelf; on the other 76

|

hand, the equipped wall hidden by the New Pocket System retractable doors of the. All integrated with the handle Beta, an aluminum profile painted in steel or black finish, or in the same finish as the door to which it is integrated, which allows you to design everything in a versatile and unique way. The final project, full of contrasts, finds its harmony in the union between the purity of opaque white and the preciousness of polished marble, between the “lived-in” parquet and the contemporaneity of steel.


Via del Lavoro 18 - Valgatara di Valpolicella (VR) - tel. 045 6800525 Via Varini 50 - Marco di Rovereto (TN) - tel 0464 943220 www.ballarini-interni.com - info@ballarini-interni.com


Atlante, boiserie contemporanea su misura UNA GRANDE ESPRESSIONE DI MADE IN ITALY, DEL SAPER FARE, DELL’ATTENZIONE VERSO LA MATERIA PRIMA CHE PUNTA ALLA CREAZIONE DI UN AMBIENTE CONFORTEVOLE IN CUI VIVERE OGNI GIORNO articolo a cura di Ballarini Interni" article written by Ballarini Interni

78

|

Il sistema Atlante di L’Ottocento è una boccata d’aria fresca nel panorama del design ma soprattutto dell’ambiente cucina. La boiserie contentiva, realizzata in noce piantagione, cioè coltivato in zone a riforestazione controllata e certificata, veste completamente l’ambiente creando un’elegante fusione tra cucina e zona giorno. Il sistema Atlante è dotato di ante rientranti o estraibili, può avere una cucina interna con lavello completo di tagliere scorrevole e infine può celare tutti gli elettrodomestici dedicati alla conservazione e alla cottura. Nello spazio dedicato al living, Atlante si personalizza con vani libreria a giorno illuminati e vani chiusi che rivestono il perimetro del caminetto, fino a comprendere le porte di passaggio, dimostrando tutto il suo mood eclettico. Ballarini Interni, con la collaborazione di L’Ottocento, può portare Atlante a casa vostra e adattarlo al vostro ambiente come più vi piace e rappresenta. Anche il materiale può cambiare, in quanto può essere realizzato in tutte le finiture di noce, rovere oppure laccato a poro aperto o a poro chiuso.


Atlante, contemporary custom-made boiserie

A great expression of Made in Italy, of know-how and attention to materials that aims at the creation of a comfortable environment to live in every day The Atlante system by L’Ottocento is a breath of fresh air in the design scene but above all in the kitchen environment field. The contentive boiserie, made of plantation walnut, that is cultivated in controlled and certified reforestation areas, completely dresses the environment, creating an elegant fusion between kitchen and living area. The Atlante system is equipped with retractable or removable doors, it can have an internal kitchen with sink complete with sliding cutting board and finally it can hide all the appliances. In the space dedicated to the living room, Atlante is personalized with illuminated open bookcase compartments and closed compartments that cover the perimeter of the fireplace, including the passage doors, creating an eclectic mood. Ballarini Interni, with the collaboration of L’Ottocento, can bring Atlante to your home and adapt it to your environment as you desire. It can be made in all finishes of walnut, oak or lacquered with open or closed pore.

| 79


La bellezza delle pietre naturali sposa le nuove tendenze nei piani cucina KTS proposti da Ballarini Interni erché non trasformare un semplice piano in qualcosa di elegante, moderno e accattivante? Se si vuole aggiungere un tocco di natura in più in casa, Ballarini Interni propone piani in pietre naturali, materiali che semplificano la vita nel quotidiano, migliorano l’aspetto e la funzionalità e sono senza limiti di forma. In questo ambito, importante è la collaborazione con KTS, Kitchen Top Service, azienda con vent’anni di esperienza nella trasformazione di Quarzi, Ceramici e Pietre naturali e leader nel settore. Tra le varie proposte, i piani composti al 94% di quarzo naturale offrono, dopo la lavorazione, resistenza e durata. Possono essere usati per arredare cucine e bagni, trattati in diversi colori, in straordinarie finiture. Da non dimenticare, infine, la sofisticata miscela di materie prime utilizzata per dar vita al materiale DEKTON, composto da quarzo, vetro e materiali ceramici. In poche ore e con un processo innovativo, DEKTON riproduce ciò che la natura realizza nel corso di millenni. Il risultato è una superficie con caratteristiche tecniche ed estetiche senza precedenti, con infinite possibilità d’applicazione in interni ed esterni. Grazie alle sue proprietà DEKTON è un materiale unico al mondo, poiché tra le diverse superfici presenti sul mercato è quella con i più alti standard di qualità e le migliori caratteristiche tecniche.

80

|


The beauty of natural stones applied to kitchen countertops, proposed by Ballarini Interni and KTS Why not turn a simple countertop into something elegant, modern and eye-catching? If you want to add an extra touch of nature to your home, Ballarini Interni proposes natural stone tops, materials that simplify everyday life, improve appearance and functionality and are limitless in shape. About this, the collaboration with KTS, Kitchen Top Service, a company with twenty years of experience in the transformation of quartz, ceramic and natural stones and leader in the sector, is essential. Among the various proposals, the tops composed of 94% natural quartz offer, after processing, resistance and durability. They can be used to furnish kitchens and bathrooms, treated in different colors, in extraordinary finishes. Finally, not to be forgotten, the sophisticated blend of raw materials used to create DEKTON, a material made of quartz, glass and ceramic. In a few hours and

with an innovative process, DEKTON reproduces what nature has achieved over millennia. The result is a surface with unprecedented technical and aesthetic characteristics, with infinite possibilities for indoor and outdoor applications. Thanks to its properties, DEKTON is a unique material in the world since it has the highest quality standards and the best technical characteristics.

| 81


Ayana, design di Naoto Fukasawa Minimalista e innovativa, la collezione Ayana vede come protagonista il legno con un piacevole tocco orientale.

Ayana, design by Naoto Fukasawa Minimalist and innovative, Ayana collection it sees wood as the protagonist with a pleasant oriental touch.

Sognando Dreaming of spring: B&B Outdoor

er chi sogna già di sorseggiare un tè godendosi l’aria fresca della primavera o a bere un cocktail abbronzandosi sotto il sole d’estate, ecco alcune iconiche proposte outdoor. B&B Italia ha affidato la sua iconica offerta di outdoor a tre maestri di fama internazionale, presentandoci approcci diversi e complementari tra loro che hanno permesso all’azienda di varcare territori progettuali non ancora esplorati, in cerca di soluzioni sempre più rispettose per l’ambiente. Dall’immancabile tocco italiano di Antonio Citterio, che coniuga rigore e comfort in un progetto che mette il tessile al centro; a Naoto Fukasawa che ci parla di Estremo Oriente e Nord Europa, grazie all’unione tra essenzialità formale e legno naturale tramite soluzioni tecniche tanto complesse quanto invisibili. Finendo con la genialità e il guizzo ironico di Philippe Starck con arredi pieni di idee e sorprese. Ognuno di questi progetti parla di una storia diversa e si addice a spazi differenti, dall’edificio della tradizione alle architetture più estreme, dallo spazio privato al luogo pubblico. 82

|

For those who already dream of sipping tea while enjoying the fresh spring air or drinking a cocktail while tanning under the summer sun, here are some iconic outdoor proposals. B&B Italia has entrusted its iconic outdoor offer to three internationally renowned designers, presenting different and complementary approaches that allowed the company to cross design territories not yet explored, in search of increasingly respectful solutions for the environment. From the unfailing Italian touch of Antonio Citterio, who combines rigor and comfort in a project with textiles at the center; to Naoto Fukasawa who talks to us about the Far East and Northern Europe, thanks to the union between formal essentiality and natural wood through technical solutions that are as complex as they are invisible. Ending with the genius and ironic flash of Philippe Starck though furnishings full of ideas and surprises. Each of these projects speaks of a different story and is suitable for different spaces, from the traditional building to the most extreme architecture, from private to public space.


Hybrid, design di Antonio Citterio Un nuovo sistema di sedute modulare che rappresenta il vero anello di congiunzione tra l’interno e l’esterno della casa.

Hybrid, design by Antonio Citterio Hybrid is an innovative new system of modular seating ements that represents a real link between the inside and the outside of the house.

la primavera Outdoor

| 83


Erica, design di Antonio Citterio Divano, sedia e poltroncina che si distinguono per la seduta profonda e l’aspetto vissuto. Un vero e proprio invito al relax.

84

|

Erica, design by Antonio Citterio A series of sofas, chair and armchair, offering a deep seat and lived-in appearance. A real invitation to relax.


Via del Lavoro 18 - Valgatara di Valpolicella (VR) - tel. 045 6800525 Via Varini 50 - Marco di Rovereto (TN) - tel 0464 943220 www.ballarini-interni.com - info@ballarini-interni.com


TORRI DEL BENACO

immobiliari 86

|

Architettura da sogno con design esclusivo sul lago


uesta proprietà di assoluto prestigio, progettata negli anni ‘70 dal grande architetto veronese Libero Cecchini – premiato con diversi riconoscimenti per arte e cultura – rappresenta un esempio di architettura di avanguardia, in cui gli ambienti interni si fondono con quelli esterni. Attraversando il viale lastricato su cui si possono parcheggiare diverse auto, ci ritroviamo all’ingresso che, con il grande camino, ci accoglie in un ambiente elegante. Gli spazi interni sono valorizzati dalla doppia altezza e dalla qualità dei pavimenti e delle pareti in marmo veronese. La vetrata che illumina la sala da pranzo fa da cornice alla piscina in pietra affacciata sul lago. La percezione è di una dilatazione degli spazi con un effetto scenografico di grande continuità e armonia tra ambiente e natura. La villa distribuita su due livelli è circondata da un rigoglioso giardino molto curato..

A dream and exclusive design architecture on the Lake Torri del Benaco

This prestigious property, designed in the 1970s by a great architect from Verona, Libero Cecchini – who won various awards for art and culture - is an example of avant-garde architecture, in which the interiors blend with the exteriors. Crossing the paved avenue, where several cars can be parked, we find ourselves at the entrance which welcomes us with a large fireplace in an elegant setting. The interiors are enhanced by their double height and the quality of the floors and walls in Verona marble.

| 87


Dopo un bagno di sole sui lettini a bordo piscina e una bella nuotata è possibile riposare nell’ampio patio, rinfrescato dalla brezza. La zona notte, con tre camere da letto, gode di un proprio patio e giardino, anch’esso con vista lago, dove leggere un libro o godersi la prima colazione in completa privacy coccolati dagli splendidi colori della natura. Un appartamento collegato con la proprietà principale ma con entrata indipendente, che dispone di una cucina abitabile e due camere da letto, può essere messo a disposizione del personale di servizio o di eventuali ospiti. Esclusività, unicità e pregio sono assoluti protagonisti in questa proprietà. La luce e il panorama vi accompagneranno in qualsiasi momento della stagione incantandovi con tramonti meravigliosi. Dettagli: classe energetica F 5 camere 4 bagni superficie commerciale: 407 m2 superficie giardino: 2400 m2 prezzo: trattativa riservata

The window that illuminates the dining room frames the stone swimming pool overlooking the lake. The overall effect is an expansion of the spaces, through continuity and harmony between environment and nature. The villa is distributed on two levels and is surrounded by a lush garden. After a sunbath on the poolside loungers and a nice swim, you can rest on the large patio, cooled by the breeze. The sleeping area, with three bedrooms, has its own patio and garden, also with lake view, where you can read a book or enjoy breakfast in complete privacy, pampered by the splendid colors of nature. An apartment connected to the main property but with an independent entrance, which has a kitchen and two bedrooms, can be made available to the service staff or any guests. Exclusivity, uniqueness and value are the absolute protagonists in this property. The light and the panorama will accompany you at any time of the season, enchanting you with wonderful sunsets. Details: energy class F 5 bedrooms 4 bathrooms commercial area: 407 m2 garden area: 2400 m2 price: private negotiation

Engel & Völkers Bardolino Quattro S.r.l. - Affiliato di E&V Italia S.r.l. Via Dante Alighieri, 26 - Bardolino (VR) tel. +39 045 7210279 www.engelvoelkers.com/de-it/bardolino

88

|


Abbazia NUOVI SPAZI DA VIVERE PER SODDISFARE IL TUO DESIDERIO DI ABITARE. QUALITÀ, INNOVAZIONE E DESIGN. Abbazia è un nuovo progetto residenziale incastonato in uno dei quartieri più caratteristici e ricchi di storia della città. Da una parte il dolce abbraccio delle curve del fiume Adige; dall’altra parte l’eterea bellezza della basilica di San Zeno Maggiore, autentico gioiello e uno dei capolavori dello stile romanico in Italia. L’edificio sorge in una zona servita da mezzi di trasporto, supermercati, negozi, bar e ristoranti di ogni genere, raggiungibili con una breve passeggiata tra pittoreschi quartieri e grattacieli contemporanei. Innumerevoli servizi immersi in un grande parco in grado di migliorare le condizioni ambientali della città: dall’atrio di casa un accesso privilegiato al Foyer Urbano, la grande piazza che introduce all’area dello Scalo Farini. L’architettura dell’edificio segue un’estetica moderna e non troppo sofisticata, volta ad integrarsi nel contesto storico di Verona, in ogni suo aspetto e con naturale equilibrio. Il tutto si muove sinuosamente per dare vita ad un alternarsi di spazi. Le facciate vetrate continue rendono i volumi architettonici leggeri e luminosi, in una filosofia progettuale dall’anima armoniosa. Il fascino di quartiere San Zeno abbraccia residenza Abbazia, unendo spazi verdi e storici al comfort di una residenza dal carattere esclusivo, caratterizzata da finiture e materiali moderni, sostenibili, in cui la luce invade lo spazio per renderlo armonioso. Un lifestyle all’avanguardia per vivere la quotidianità in ambienti eleganti e funzionali, pensati e disegnati per favorire il benessere psicofisico e per soddisfare le più moderne esigenze dell’abitare. Le terrazze e gli spazi esterni si impreziosiscono con il paesaggio e donano completezza e armonia agli appartamenti, uniti da una verde corte che attraversa la residenza.

Per maggiori informazioni sul progetto: For more information on the project: www.abbaziasanzeno.it Abbazia San Zeno è un’iniziativa di an initiative of Quartiere Brizzi Srl., una società di Banca Popolare dell’Alto Adige S.p.A. Volksbank Banca Popolare Valorizzazione a cura di: Development project by: IM.COS | Costruttori di Valori Viale del Lavoro, 33 Verona tel. 045 2475267 info@imcossrl.biz www.imcossrl.it

New spaces for quality living. Quality, innovation, design.

Abbazia is a new residential project located in one of the most characteristic and historical districts of the city. On the one hand, the gentle embrace of the curves of the Adige river; on the other hand, the ethereal beauty of the basilica of San Zeno Maggiore, an authentic jewel and a masterpiece of the Romanesque style in Italy. The building is close to means of transport, supermarkets, shops, bars and restaurants of all kinds, all just a short walk away among picturesque neighborhoods and contemporary skyscrapers. Countless services immersed in a large park that improves the environmental conditions of the city. From the atrium of the house there’s a privileged access to the Foyer Urbano, the large square that leads to the Scalo Farini area. The architecture of the building follows a modern and not too sophisticated aesthetic, aimed at integrating itself into the historical context of Verona in every aspect and with balance. The continuous glass facades make the architectural volumes light and bright, following an harmonious design philosophy. The charm of San Zeno district embraces the Abbazia residence, combining green and historic spaces with the comfort of an exclusive residence characterized by modern, sustainable finishes and materials and in which light creates harmony. An avant-garde lifestyle in elegant and functional environments, conceived and designed to promote psychophysical well-being and to satisfy the most modern living needs. The terraces and outdoor spaces are embellished by the landscape and complete the apartments, together with a green courtyard that crosses the residence.


ABITARE IL FASCINO DEL TEMPO

immobiliari

Un palazzo rinascimentale dalla bellezza unica che torna alla luce grazie ad un’attenta riqualificazione. Palazzo Manueli Guarienti è un edificio cinquecentesco realizzato nel 1540 dall’architetto e decoratore Bartolomeo Ridolfi su commissione di Francesco Manuelli. Al noto pittore Bernardino India viene invece attribuito l’ornamento pittorico. Il fronte principale che si trova in via Duomo, è caratterizzato da un portale di pietra, recante il nome del nobile committente e da finestre con architravi e davanzali di forgia cinquecentesca anch’essi in pietra. Oggi grazie ad un sapiente progetto di restauro, la residenza torna all’antico splendore. Dimore del Duomo è una nuova valorizzazione immobiliare, realizzata con gli standard più elevati oggi disponibili nel panorama immobiliare. La sapiente

Dimore ed attenta opera di valorizzazione degli spazi esterni si manifesta in egual fascino e delicatezza anche negli spazi interni, dando vita a residenze uniche. Il concetto di benessere, psicologico e fisiologico della persona ha guidato questo progetto di restauro e ogni ambiente è stato studiato nei minimi dettagli, ponendo l’uomo al centro. Funzionalità, vivibilità, comfort abitativo e risparmio energetico sono stati posti come requisiti fondamentali del progetto. Ogni appartamento è caratterizzato da atmosfere di prestigio e charme e il progetto ha permesso di ridisegnare il tutto seguendo le moderne esigenze abitative, garantendone una fruizione ottimale da godere tutti i giorni. Dimore del Duomo è posizionato nel cuore dell’esclusivissimo centro di Verona, racchiuso e protetto dall’ansa dell’Adige. Una location intrisa di storia per vivere Verona godendo della tranquillità e dei servizi del centro storico. La centralità di Dimore del Duomo rappresenta un valore prestigioso e permette di poter usufruire di una moltitudine di servizi che il centro di Verona offre: meravigliose passeggiate lungo Adige, musei, ristoranti, teatri, supermercati, palestre e molto altro.

90

|


Dimore del Duomo

Living in the charm of time A Renaissance palace with a unique beauty that comes back to light thanks to careful redevelopment. Palazzo Manueli Guarienti is a sixteenth-century building, built in 1540 by the architect and decorator Bartolomeo Ridolfi and commissioned by Francesco Manuelli. It contains a pictorial ornament that is attributed to the well-known painter Bernardino India. The main front, located in via Duomo, is characterized by a stone portal bearing the name of the noble client and by windows with sixteenth-century forged architraves and sills, also in stone. Today, thanks to a skillful restoration project, the building is returning to its former glory. Dimore

del Duomo del Duomo is a recent real estate enhancement project, realized with the highest standards available today in the real estate panorama. The skillful and careful work of development of the outdoor spaces manifests itself in equal charm and delicacy also in the interior spaces, giving life to unique residences. The concept of psychological and physiological wellbeing has guided this restoration project and each environment has been studied in detail, placing the need of the person at the center. Functionality, livability, living comfort and energy saving have been set as fundamental requirements of the project. Each apartment is characterized by an atmosphere of prestige and charm and the project has made it possible to redesign them following the modern housing needs, guaranteeing an optimal daily use. Dimore del Duomo is located at the heart of the very exclusive center of Verona, enclosed and protected by the bend of the Adige. A beautiful and full of history location, to experience Verona while enjoying the tranquility and services of the historic center. The centrality of Dimore del Duomo is of high value, as it allows you to take advantage of a multitude of services that the center of Verona offers: wonderful walks along the Adige, museums, restaurants, theaters, supermarkets, gyms and much more.

Per maggiori informazioni sul progetto: For more information on the project: www.dimoredelduomo.it Dimore del Duomo è una valorizzazione a cura di: Development project curated by: IM.COS | Costruttori di Valori Viale del Lavoro, 33 Verona tel. 045 2475267 info@imcossrl.biz www.imcossrl.it

| 91


immobiliari

IMMOBILIARE MAGRI PARLA DEL MERCATO DELL’IMMOBILIARE ATTUALE E LANCIA UNA NUOVA CAMPAGNA DI INFORMAZIONE PER AIUTARE I POTENZIALI COMPRATORI E VENDITORI A SENTIRSI SICURI n risposta alla sfida senza precedenti che ci si è presentata in questi ultimi mesi, il settore immobiliare, in particolare il mercato di seconda casa sul Lago di Garda, già in crescita negli ultimi anni, ha continuato a salire. Possiamo affermare che due aspetti in particolare hanno influenzato l’andamento di questo settore. Il primo è stata la rinnovata volontà delle persone di prendersi più tempo per sé stesse e i propri cari. Il secondo è stato l’esigenza di tutelare i propri risparmi e capitali investendo in un settore e in un mercato che si è dimostrato essere, come nei decenni precedenti, un ottimo porto sicuro al riparo da svalutazioni e crolli finanziari, riportando in auge la filosofia ultradecennale che il mattone ha sempre un valore. In futuro, la natura imprevedibile di questo fenomeno globale

porterà ancor di più ad aumentare la sensibilità e volontà da parte degli acquirenti di investire in modo sicuro i propri risparmi. Tuttavia, se tante sono le attività e i servizi rivolti ai potenziali acquirenti, anche stranieri, in modo da poterli far sentire fiduciosi nell’effettuare un investimento importante come quello immobiliare, altrettante sono le attività svolte per soddisfare le aspettative dei venditori che, esattamente per chi vuole realizzare un sogno sul Lago di Garda, vivono momenti pieni di emozioni e di decisioni non sempre semplici nel momento in cui si avvicinano all’idea di vendere la loro proprietà. Gli ottimi risultati ottenuti negli ultimi anni e soprattutto questi ultimi mesi ci confermano che attività e aziende di successo possono e devono essere molto più vicine alle

L’immobiliare ai tempi

92

|


esigenze delle persone e molto più attente nei momenti decisionali che toccano vari aspetti della situazione personale ed emozionale delle persone. Proprio per questo noi di Immobiliare Magri abbiamo avviato la campagna “Con Noi è Facile”, che si può trovare anche sul nostro canale Youtube. Questo progetto è stato creato per supportare i potenziali venditori in modo da poterli accompagnare e sostenere nelle scelte e decisioni in un settore molto particolare come quello del mercato immobiliare. La campagna comprende numerosi video in modo da poter consigliare al meglio tutti i clienti ad avviare delle strategie atte alla compravendita di un immobile. Per chi è interessato a ottenere più informazioni su questo progetto, visitate il sito vendicasa.magri.it.

Real estate at the time of COVID 19

del COVID

In alto: Francesco Visentin Magri Agenzia Immobiliare Corso Italia, 136 Garda, Verona tel. 045 7256583 info@magri.it

Immobiliare Magri talks about the current real estate market and launches a new information campaign to help potential buyers and sellers feel safe In response to the unprecedented challenge of these recent months, the real estate sector, in particular the second home market on Lake Garda, which has already been growing in recent years, continues to rise. We can say that two aspects in particular have influenced the performance of this sector. The first was people's renewed desire to take more time for themselves and their loved ones. The second reason came from people’s need to protect their savings and capital by investing in a sector and in a market that proved to be, in previous decades, an excellent safe haven, protected from devaluations and financial collapses, bringing back the philosophy that “the brick always has a value”. In the future, the unpredictable nature of this global phenomenon will further increase the sensitivity and willingness of buyers to invest their savings safely. While there are many activities and services aimed at helping potential buyers, including foreigners, to feel confident in making an important investment such as real estate, just as many are the activities carried out to meet the expectations of sellers who can experience emotional moments and decisions that are not always simple when they approach the idea of selling their property. The excellent results obtained in recent years, and especially these last months, confirm that successful activities and companies can and must be much more attentive to people in decision-making moments that affect various aspects of

people's personal and emotional situations. Precisely for this reason we at Immobiliare Magri have launched the “Con Noi è Facile” campaign, which can also be found on our Youtube channel. This project was created to support potential sellers so that we can accompany and support them in their choices and decisions in the very particular sector of real estate market. The campaign includes numerous videos that aim at advising all customers to make strategies when buying and selling a property. For those interested in more information on this project, visit the site vendicasa.magri.it.

| 93


immobiliari Magri Immobiliare
 è lieta di presentare l’iniziativa “Residence Country Golf Sunset Garda Lake” A pochi passi dal borgo caratteristico di Crero di Torri e dal centro di Torri del Benaco, raggiungibile anche a piedi sulla passeggiata lungolago, “Residence Country Golf Sunset Garda Lake” è facilmente accessibile a tutti principali servizi. Il progetto, ideato dallo Studio di Architettura JMA di Jacopo Mascheroni, sorge su un terreno spettacolare di circa 8.000 mq con una vegetazione lussureggiante e la vista verso il lago rivolta verso il tramonto. Il complesso residenziale comprende dieci appartamenti e due ville con piscina, sviluppati su due piani che seguono l’andamento pendente del terreno, tutti con una vista completamente aperta sul Lago di Garda. L’idea architettonica è di leggerezza, mimetismo, trasparenza. Le vetrate scorrevoli, con cornici in pietra scura e gli angoli smussati, sono come dei contorni leggeri per mantenere un basso impatto nel paesaggio e integrarsi con le alberature circostanti. La costruzione si basa sulle moderne tecniche di efficienza energetica e della sostenibilità, con materiali naturali che garantiscono comfort, vivibilità e relax sia in termini di calore che di luminosità e areazione di tutti gli ambienti. Le finiture rendono esclusivo sia l’esterno, con ampi spazi di vita conviviale come la piscina ed il solarium, che gli interni completamente realizzati con materiali di pregio.

94

|

Magri Immobiliare is pleased to present “Residence Country Golf Sunset Garda Lake” initiative A few steps from the characteristic village of Crero di Torri and from the center of Torri del Benaco, which can also be reached on foot along the lakeside, “Residence Country Golf Sunset Garda Lake” is easily accessible to all main services. The project, conceived by Jacopo Mascheroni’s JMA Architecture Studio, stands on a spectacular plot of about 8,000 square meters with lush vegetation and a view towards the lake facing the sunset. The residential complex includes ten apartments and two villas with swimming pool, constructed on two floors that follow the sloping course of the land, all with a completely open view of Lake Garda. The architectural idea is about lightness, mimicry, transparency. The sliding windows, with dark stone frames and rounded corners, aim at maintaining a low visual impact on the landscape and integrating with the surrounding trees. The construction is based on modern techniques to allow maximum energy efficiency and sustainability, also through the use natural materials that guarantee comfort, livability and relaxation both in terms of heat and brightness and ventilation of all environments. The finishes make both the exteriors and interiors look exclusive, with large convivial living spaces such as the swimming pool and the solarium, and the interiors completely made with quality materials.


Corte Casara Il concetto che ha guidato il disegno è quello di costruire un complesso rurale senza tempo, solido e caldo, senza tuttavia rinunciare all’estetica, ai bisogni e ai comfort contemporanei. La posizione a Costermano sul Garda, ai limiti della conca morenica e ai piedi del modesto profilo collinare, e le ricerche storiche hanno guidato le scelte architettoniche affinché il risultato fosse
una coerente continuità con il paesaggio dell’immediato entroterra del Garda, ricco di oliveti e vigneti e costellato di antichi rustici di campagna. Allo stesso tempo, la chiarezza delle forme e dei volumi, ottenuta con la ricerca del dettaglio e la rinuncia a ogni elemento superfluo, rendono l’edificio contemporaneo. Questa ambivalenza permette di slegare l’architettura da una classificazione temporale: Corte Casara è allo stesso tempo moderna e secolare, ancorata al luogo dove sorge e alle sue caratteristiche. L’intervento non desidera essere in eclatante dissonanza né riprodurre l’antico, quanto invece nascere con chiarezza moderna dalla sostanza storica.

Magri Agenzia Immobiliare Corso Italia, 136 Garda, Verona tel. 045 7256583 info@magri.it www.magri.it

GFA Immobiliare Affi (VR) Via Pascoli, 21) 045 999002 348 3544944 349 6140347 info@gfaimmobiliare.it

Corte Casara The concept that guided the design of Corte Casara was to build a timeless, solid and warm rural complex, without renouncing to contemporary aesthetics, needs and comforts. The position in Costermano sul Garda, at the edge of the morainic valley and at the foot of beautiful hills, and historical research have guided the architectural choices so that the result was consistent with the landscape of the Garda hinterland, rich in olive groves and vineyards and full of ancient country cottages. At the same time, the clarity of shapes and volumes, obtained through the attention to detail and the lack of any superfluous element, make the building contemporary. This ambivalence allows the building to detach from a temporal classification: Corte Casara is at the same time modern and secular, anchored to the place where it stands and its characteristics.

| 95


immobiliari Residenza Moscal Residenza Moscal sorge in Località Cà del Bosco nelle vicinanze di Affi, rinomata località turistica e principale crocevia dei flussi turistici italiani ed europei diretti sul Lago di Garda. Una cittadina dal clima mite, le cui attrazioni storiche, paesaggistiche e turistiche si fondono in un mix ben bilanciato. Le ville saranno dotate dei confort più moderni, con impiantistiche e caratteristiche edilizie tali da garantire la certificazione in Classe energetica A4. Il progetto è infatti stato pensato con cura per garantire una minimizzazione dei consumi energetici e un recupero di energie e delle risorse idriche. Tutto ciò è reso possibile da diversi caratteristiche tra cui: una gestione ottimizzata dei ponti termici e un sistema di isolamento top di gamma per garantire il massimo valore di classe energetica A4 “NZEB”. E poi ancora, serramenti con doppio vetro e oscuranti motorizzate interne alla vetrocamera; impianti in pompe di calore ad alto

96

|


Magri Agenzia Immobiliare Corso Italia, 136 Garda, Verona tel. 045 7256583 info@magri.it www.magri.it

rendimento per raffrescamento e riscaldamento e ventilazione meccanica controllata; e ovviamente un impianto con pannelli fotovoltaici. Il tutto coronato da un impianto elettrico e antintrusione con comandi di gestione in remoto. La ciliegina sulla torta sono sicuramente le piscine con trattamento d’iniezione dell’acqua con elettrolisi del sale. La selezione dei materiali impiegati, la localizzazione e la progettazione sono stati rigorosi e senza compromessi con l’obiettivo di garantire un prodotto di altissima qualità ed un benessere abitativo di altissimo livello. Un valore, dunque, destinato a durare nel tempo.

Arch. Alessandro De Santi Studio CDC – Campanardi De Santi Via Gardesana 73, Torri del Benaco 045 7225385

Moscal residence

An evergreen value

Residenza Moscal is located in Località Cà del Bosco near Affi, a renowned town that represents one of the main crossroads of Italian and European tourist flows to Lake Garda. A town with a mild climate, whose historical scenery and tourist attractions come together in a well-balanced mix. The villas will be equipped with the most modern comforts, with systems and building features such as to guarantee certification in Energy Class A4. The project has, in fact, been carefully thought out to ensure a minimization of energy

UN VALORE SEMPREVERDE

consumption and a recovery of energy and water resources. All this is made possible by various features including: optimized management of thermal bridges and a top-ofthe-range insulation system to guarantee a A4 “NZEB” energy class level. Furthermore, you can find double glazed windows and motorized blinds inside the double glazing; high-performance heat pump systems for cooling and heating and controlled mechanical ventilation; and obviously, a system with photovoltaic panels. All capped off by an electrical and anti-intrusion system with remote management commands. The icing on the cake is definitely the pools with salt electrolysis water injection treatment. The selection of the materials used, the location and the design were rigorous and uncompromising, aiming at guaranteeing a product of the highest quality for a living well-being of the highest level. A value, therefore, destined to last over time.

| 97


immobiliari Anfiteatro Sulle sue verdi colline dello scenografico Costermano sul Garda, accogliente paesino sulle pendici del Monte Baldo, sorgerà il progetto Anfiteatro, con un’incantevole ed esclusiva vista sul Lago di Garda. Come tributo, le costruzioni prenderanno i nomi delle famosissime opere che di solito vengono messe in scena nel meraviglioso anfiteatro Arena di Verona. Sorgeranno dunque villa Aida, 2 attici prestigiosi dal nome Nabucco e Traviata e 4 appartamenti esclusivi piano terra con giardino, rispettivamente chiamati Guglielmo Tell, Rigoletto, Bohème e Carmen.

Anfiteatro

The upcoming project of GFA Immobiliare in Costermano sul Garda (VR) Anfiteatro project will be built on the green hills of spectacular Costermano sul Garda, a welcoming village on the slopes of Monte Baldo, with an enchanting and exclusive view of Lake Garda. As a tribute, the buildings will take the names of the famous operas that are usually staged in the wonderful Arena amphitheater of Verona. Thus we will find Villa Aida, 2 prestigious penthouses named Nabucco and Traviata and 4 exclusive ground floor apartments with gardens, respectively called Guglielmo Tell, Rigoletto, Bohème and Carmen.

98

|


GFA Immobiliare Affi (VR) Via Pascoli, 21) 045 999002 348 3544944 349 6140347 info@gfaimmobiliare.it

IL PROSSIMO PROGETTO DI GFA IMMOBILIARE A COSTERMANO SUL GARDA (VR)

| 99


immobiliari Residenza VerdeAdige non è più solo un sogno: Residenza VerdeAdige è ormai un segno! NEL PAESAGGIO CAMPESTRE CHE COSTEGGIA L’ADIGE, LE RESIDENZE DEL COMPLESSO VERDEADIGE STANNO SORGENDO DANDO CONCRETEZZA AD UN SOGNO

100

|

I progettisti di ARTECO continuano lo sviluppo della residenza VERDEADIGE che Talete ha proposto nel Parco dell’Adige a 2 chilometri da Verona. Sedici unità, di diverse tipologie, caratterizzate da una forte permeabilità con l’area verde di proprietà di circa 13.000 metri quadrati in cui si trovano immerse. A breve i loro proprietari potranno vivere la qualità dell’abitare nella natura a soli 2 km da Borgo Trento, in poche parole godersi una casa che si apre all’esterno come una casa di vacanza, ma stando in città.


PIANO TERRA

ZONA NOTTE

Residenza VerdeAdige is no longer just a dream: Residenza VerdeAdige is now a sign!

In the rural landscape that runs along the Adige river, VerdeAdige residences are rising, making a dream come true ARTECO's designers continue the development of the VERDEADIGE residence that Talete proposed in the Parco dell’Adige, 2 kilometers from Verona. Sixteen units, of different types, characterized by a strong permeability, with a green area of 13,000 square meters in which they are immersed. Soon their owners will be able to experience the quality of living in nature just 2 km from Borgo Trento, in short, enjoying a holiday home while staying in the city.

La vista dalla zona giorno al giardino privato evidenzia la continuità tra l’interno e l’esterno, creando una piacevole vivibilità.

The view from the living area to the private garden highlights the continuity between the inside and the outside, creating a pleasant livability.

| 101


immobiliari

Borgo Panorama a Montecchio di Negrar Vivere con modernità in Valpolicella LA RESIDENZA CHE RENDE LA “TUA” VALPOLICELLA STRAORDINARIA!

Architetto Beghini Alessandro Beghini Alice Studio di Architettura Beghini Via Valle di Pruviniano 5 S. Pietro in Cariano Verona tel. 348 3637962

Posizionata sulle colline di Negrar, a breve distanza da Verona con splendido panorama sui vigneti e sul Lago di Garda, realizzata in stile moderno, funzionale, ma soprattutto ecologico e sostenibile. Ogni casa è progettata per far vivere appieno il meglio che offre la Valpolicella: aria buona, serenità, natura e... vino! Ecologia, risparmio energetico, attenzione al meraviglioso ambiente circostante, una garanzia per i suoi abitanti, adulti e bambini. L’idea progettuale è innovativa ma con materiali tradizionali come il sasso facciavista e... a KM0! Il nuovo progetto è il risultato dall’accostamento di una serie di piccoli e semplici elementi architettonici tra loro originali nella forma che, accostati l’uno all’altro, creano delle vibrazioni architettoniche. Il residence è articolato in tre corpi di fabbrica, composto da unità abitative completamente indipendenti. Ogni unità si differenzia dall’altra per piccoli accorgimenti quali colore, terrazze, tetto giardino e giardino verticale o pergolato in legno. Borgo Panorama è nato per essere vissuto all’esterno. Ogni casa si affaccia su un panorama mozzafiato ed ha il giardino su due lati, per far vivere la magia della Valpolicella che in ogni stagione regala colori magnifici. I fabbricati si muovono in planimetria con arretramenti ed avanzamenti delle singole unità abitative e da linee diagonali impreviste. Il residence offre servizi comuni come: una grande piscina, un grande parco/giardino, un laboratorio ricreativo, un parcheggio coperto con posti assegnati, una cantina per ogni unità, una lavanderia, delle stazioni ricarica auto elettriche, pannelli fotovoltaici e un’area verde. Il residence è adiacente a un parcheggio pubblico. Infine, il progetto rispetta i requisiti per abbattimento delle barriere architettoniche.

Borgo Panorama in Montecchio di Negrar Modern living in Valpolicella

A residence to make “your” Valpolicella extraordinary!

Located on the hills of Negrar, close to Verona city, with a splendid view of the vineyards and Lake Garda, built in a modern, functional, but above all ecological and sustainable style. Each house is designed to fully experience the best that Valpolicella can offer: fresh air, serenity, nature and ... wine! Ecology, energy saving, attention to the wonderful surrounding environment, a guarantee for its inhabitants, adults and children. The design idea is innovative but with traditional materials such as exposed stone and ... KM0! The new project is the result of a combination of a series of small and simple but original elements which, when combined with each other, create “architectural vibrations”. The residence is divided into three buildings, consisting of completely independent housing units. Each unit differs from the other in small details such as color, terraces, roof garden and vertical garden or wooden pergola. Borgo Panorama was born to be lived outside. Each house overlooks a breathtaking view and has a garden on two sides, to let you experience the magic of Valpolicella which in every season offers magnificent colors. The residence offers common services such as: a large swimming pool, a large park / garden, a recreational laboratory, a covered parking with assigned spaces, a cellar for each unit, a laundry room, electric car charging stations, photovoltaic panels and a green area. The residence is adjacent to a public car park. Finally, the project complies with the requirements for the removal of architectural barriers.


Residenza Dante LA RESIDENZA DANTE NASCE DAI CINQUANT’ANNI DI ESPERIENZA NELLA PROGETTAZIONE E NELLA COSTRUZIONE DI PIO BRIGHENTI

Il progetto si compone di 16 unità abitative nel centro storico della splendida località di Bardolino. Tutte le residenze sono dotate o di giardini di proprietà o ampi terrazzi, piscina, ascensore, impianto di aria condizionata e garantiscono la totale accessibilità per disabili e portatori di handicap. Ogni unità abitativa dispone inoltre di doppio garage, cantina, riscaldamento autonomo a pavimento, impianto fotovoltaico e di un impianto di irrigazione autonomo e automatizzato. Dai materiali alla realizzazione impiantistica, ogni componente del progetto è frutto di una realizzazione di alto livello che fa uso solo dei migliori marchi selezionati. La parola chiave del progetto è ecosostenibilità: le residenze, tutte appartenenti alla classe energetica A4, sono costruite con la piena aderenza ai parametri del Protocollo Itaca, certificati dalla Regione Veneto.

Alessandro Brighenti tel. 349 3962656 Immobiliare Pio Brighenti Via San Pancrazio 9 Caprino Veronese Verona

Residenza Dante

Residenza Dante was born from Pio Brighenti's fifty years of experience in designing and building The project consists of 16 residential units in the historic center of the splendid town of Bardolino. All the residences have either their own gardens or large terraces, swimming pool, lift, air conditioning system and guarantee total accessibility for the disabled and handicapped. Each housing unit also has a double garage, cellar, independent underfloor heating, photovoltaic system and an autonomous and automated irrigation system. From materials to plant construction, each component of the project is the result of a high-level construction that uses only the best selected brands. The key word of the project is eco-sustainability: the residences, all belonging to the A4 energy class, are built in full compliance with the parameters of the Itaca Protocol, certified by the Veneto Region.

| 103


immobiliari

idea delle residenze le Terrazze nasce da una collaborazione dello studio Matteo Bellabarba con lo studio Grigolon – Zorzanello; il lotto di circa mq 7.000 su cui si sviluppa il progetto era un’area agricola in stato di abbandono, chiusa a nord e a sud da due boschi. Uno dei principi fondamentali su cui si è strutturata la tematica di progetto, è stato quello della ricucitura del bosco tramite la creazione di due tetti verdi non estensivi per la mitigazione dell’impatto ambientale e la ripiantumazione di essenze boschive come carpini, lecci e querce all’interno delle aree comuni del complesso. “Il Roccolo”, posto ad est, è rivestito in mattoni ed evoca le forme agricole tradizionali, mentre i due blocchi posti ad ovest di via Pignoi sono stati pensati con forme estremamente più moderne. La struttura dei due blocchi è un semplice rettangolo; il movimento in facciata è stato creato con degli aggetti che corrispondono a delle grandi terrazze da cui gli abitanti delle unità immobiliari potranno godere di una bellissima vista sul lago di Garda. Il concept è stato quello di far diventare il progetto stesso come un elemento di unione, un mimetico e silenzioso manufatto color sabbia che lasci risaltare le forme verdi circostanti e ricongiunga ciò che l’uomo, con la coltura del latifondo, aveva in passato disunito.

IL PROGETTO UBICATO NEL COMUNE DI GARDA, PREVEDE LA DEMOLIZIONE DI UN VECCHIO RUSTICO FATISCENTE E LA RICOSTRUZIONE DI TRE CORPI DI FABBRICA AD APPARTAMENTI

Le Terrazze

104

|


Dott.Arch. Matteo Bellabarba via del Donatore 10/A Caprino Veronese (VR) bellabarba.matteo@gmail.com bellabarba.matteo@archiworldpec.it tel. +0039 045 9583300 cell. +0039 346 4900223

Le Terrazze

The project, located in the municipality of Garda, foresees the demolition of an old dilapidated farmhouse and the reconstruction of three buildings with apartments The idea of the Le Terrazze residences comes from a collaboration between Matteo Bellabarba studio and Grigolon - Zorzanello studio; the plot of about 7,000 square meters on which the project is developed was an agricultural area in a state of neglect, closed to the north and south by two woods. One of the fundamental principles on which the project theme was structured was that of mending the forest through the creation of two green roofs to mitigate the environmental impact and the replanting of wood species such as hornbeam, holm oak and oak inside the common areas of the complex. “Il Roccoloâ€?, located to the east, is clad in bricks and evokes traditional agricultural forms, while the two blocks located to the west of Pignoi street are more modern. The structure of the two blocks is a simple rectangle; the façade was created as large terraces from which the inhabitants of the real estate units can enjoy a beautiful view of Lake Garda. The concept was to make the project itself become an element of union, a mimetic and silent sand-colored artifact that brings out the green surrounding and reunites man with nature.

| 105


immobiliari

Residence Quinzano 3.0 APPARTAMENTI CLASSE ENERGETICA A4 CON FINITURE DI PREGIO

Dopo il successo delle due iniziative, il “RESIDENCE QUINZANO” ed il “RESIDENCE QUINZANO 2.0”, Immobiliare Eureka ha deciso di investire nuovamente risorse ed impegno per completare lo sviluppo edilizio di questo piccolo quartiere inserito nella bellissima zona di Quinzano. Come i precedenti, il progetto prevede di inserire le nuove palazzine nel rispetto del contesto storico e paesaggistico in cui andranno collocate. Per questo verranno riproposti gli elementi che sono risultati di successo, come i colori chiari, le grandi vetrate, i terrazzi e la particolare cura del verde. L’obiettivo posto è quello di costruire delle case che si integrino perfettamente nella natura circostante, dove la natura stessa possa, attraverso le grandi aperture ed i terrazzi/giardini, entrare nelle stanze e regalare benessere e relax.

106

|

Residence Quinzano 3.0

Energy class A4 apartments with fine finishes After the success of the two initiatives, the “RESIDENCE QUINZANO” and the “RESIDENCE QUINZANO 2.0”, Immobiliare Eureka has decided to commit again and invest resources to complete the building development of this small neighborhood located in the beautiful Quinzano area. Like the previous ones, the project plans to insert new buildings respecting the historical and landscape context in which they will be placed. For this reason, the elements that have proved successful will be re-proposed, such as light colors, large windows, terraces and particular attention to green areas. The aim is to build houses that integrate perfectly into the surrounding nature, where nature itself can, through large openings and terraces / gardens, enter the rooms and provide well-being and relaxation.

Immobiliare Eureka tel. 348 8552404 info@immobiliareeureka.it


Via del Lavoro 18 - Valgatara di Valpolicella (VR) - tel. 045 6800525 Via Varini 50 - Marco di Rovereto (TN) - tel 0464 943220 www.ballarini-interni.com - info@ballarini-interni.com


design Mario Bellini - www.bebitalia.com

Sede ed esposizione: Via del Lavoro 18 - Valgatara (VR) - tel. 045 6800525 Showroom: Corso Milano 48 - Verona - tel. 045 569676 Via Varini 50 - Marco di Rovereto (TN) - tel. 0464 943220 www.ballarini-interni.com


Millions discover their favorite reads on issuu every month.

Give your content the digital home it deserves. Get it to any device in seconds.