Page 1

Elia Bonci

DIPHYLLEIA Il ricordo

Attenzione! Questa anteprima non è stata editata e non  rappresenta il risultato finale del libro, così come verrà  pubblicato in caso di successo della campagna di  Crowdfunding. Anche il titolo è provvisorio. 


Un fiore bianco che a contatto con l'acqua diventa trasparente. Un fiore che, quando piove, si trasforma. Sotto la pioggia i petali di questo fiore sembrano trasformarsi in cristalli scintillanti. Per via di questa particolarità viene chiamato Skeleton Flower, cioè fiore scheletro, ma il suo nome scientifico è Diphylleia grayi.

A chi è morto dentro: INNAMORATI.


L

a debole luce di un piccolo fiammifero illuminava lievemente il suo volto pallido. Il tremolio della sua mano aumentava, come il suo battito cardiaco. Con il suo fiammifero cercava di far luce nelle tenebre. Ma quel buio era così intenso che sembrava quasi avvolgerla completamente, farla diventare parte di sé. Si girò di scatto e posò il suo sguardo sulla rampa di scale di fronte a lei, la quale si intravedeva appena. Riuscì a percepire un movimento in tutta quell’oscurità. Qualcosa, o forse qualcuno, si stava avvicinando a lei. Le scale di metallo arrugginito cominciarono a cigolare. Il rumore si faceva sempre più intenso, si avvicinava sempre di più. Avrebbe voluto fuggire ma la paura le aveva bloccato le gambe. Tremava, tremava. Tremava così forte che il fiammifero, il quale teneva in mano, si spense. Deglutì, poi trattenne il respiro. Un tonfo: Il cigolio cessò. Lei era li, con la piena consapevolezza di avere davanti a lei qualcosa, qualcuno. Buttò fuori una nuvola di respiro, ultimo grigiore prima della tempesta. Un’aria gelida le stava passando fra i capelli. Un qualcosa si mosse in quel buio e le sfiorò la pelle del viso. Ecco la paura, salita dallo stomaco e arrivata al cuore. Faceva terribilmente freddo lì sotto. Ma dal suo viso stavano scivolando lente delle gocce di sudore; Il terrore si era impossessato di lei. Indietreggiò di pochi centimetri, poi spalancò le palpebre nella speranza di veder qualcosa in quella maledetta oscurità. Tese la sua mano, tremolante, lentamente in avanti; Non c’era niente, solo dell’aria gelida. Il suo cuore accelerò i battiti. In quel silenzio assordante le sembrò quasi di sentirlo pulsare. Così forte che parve quasi volerle uscire dal petto e scappar via da quell’incubo. Nonostante davanti a lei non ci fosse nulla sapeva di non essere sola. Di nuovo quell’aria gelida fra i capelli. Sentì dei passi avvicinarsi a lei senza capire da quale direzione provenissero. Sgranò gli occhi, un brivido freddo le percorse la schiena e la fece pietrificare. Qualcuno le afferrò il collo. Cominciò a dimenarsi per scappare, ma la forza di chi le stringeva la gola era troppa per lei. Le alzò i lunghi capelli e si avvicinò al suo orecchio sussurrandole qualcosa, parole che sembrano una triste fanfara di morte.


«Ti ho trovata!» Provò ad urlare nella speranza che qualcuno la sentisse. «Lasciami! Lasciami stare!» «Shh, non vorrai svegliare qualcuno, è notte fonda.» Le mise la mano sulla bocca e strinse forte per far si che non urlasse più. Le sue lacrime scesero dai suoi occhi e finirono sulla mano la quale le toglieva il respiro. «Perché piangi? non avere paura.» L’uomo scoppiò in una rumorosa risata. Tolse la mano e le permise di respirare. Ma solo per poco. Afferrò i suoi lunghissimi capelli e la buttò in avanti. Si scontrò con il muro, sentì le ossa rompersi, frantumarsi in tante piccole parti. La cartilagine del naso contorcersi. La pelle lacerarsi. Il sangue scorrere veloce. L’aveva scagliata con tanta forza che rimbalzò e cadde a terra. Era distesa al suolo e gemeva dal dolore. Piangeva e le sue lacrime si amalgamavano con il sangue che ricopriva il suo viso. Le sue labbra erano completamente spaccate. Provò ad aprirle ma sentì un dolore lancinante. Tenendole serrate provò a mormorare qualcosa. «Perché… Perc» La voce le si spezzò in gola e poco dopo cominciò a tossire, sputando sangue. Aveva delle fitte fortissime al petto, non riusciva neanche più a respirare. Ma in fondo, a cosa le sarebbe servito respirare, ora? A nulla. Lui si avvicinò lentamente a lei, tirandola su per i capelli. «Zitta!» L’uomo la scaraventò a terra con una rabbia tale che non credevo potesse risieder nell'animo umano. Lei rimase lì, a terra, dolorante fra le lacrime. Aveva la vista annebbiata ma riuscì ugualmente ad intravedere l’uomo accendere una torcia ed allontanarsi velocemente verso le scale arrugginite. Provò a strusciare a terra per raggiungerle anch’essa ma i dolori erano estenuanti. Chiuse gli occhi e decise di lasciarsi andare, nella speranza che quei maledetti dolori cessassero, che quel maledetto incubo finisse all’istante. 4


1. Un nuovo inizio Quella sera di Gennaio, come tante altre sere di tanti altri mesi, il mondo sembrava fermo. Come se avesse concentrato tutte le sue attenzioni su Smell street, nella città di Duluth, nello stato del Minnesota. La neve, che nelle notti precedenti era scesa lieve dal cielo rendendo sorda e muta la città, aveva reso l'atmosfera incredibilmente soave. Dal bianco quasi accecante delle strade completamente innevate risaltavano alla vista i fari delle auto di passaggio e le luci dei semafori che tingevano un po' quell'atmosfera dannatamente pura. Il freddo si insidiava tra le case, passava le pareti, toccava le persone. Ma tra quel freddo, fra quel vuoto, c'era chi ancora sperava. Chi ancora non si lasciava trapassar l'anima da quell'aria gelida. C'era chi aveva il cuore caldo, pieno di speranza, pieno di voglia di vivere, di sciogliere quel maledetto ghiaccio da cui si sentiva soffocare. E non c'era vento quella sera ma solo lunghi ed interminabili sospiri. Non c'era pioggia, quella sera, ma solo pesanti lacrime. Non c'era neve che scendeva lieve. Non c'era niente. Eppure si sentiva profumo d'amore in quella stanza d'ospedale in cui si trovava Aiyana. «Infermiere! infermiere! Ha aperto gli occhi! Li ha aperti, li ha aperti!» «Eccomi! Come dice? Ha aperto gli occhi?» «Si! Mi ha guardata, mi ha guardata!» «Si avvicini signora, provi a parlarle, coraggio.» La signora Karla si avvicinò lentamente al letto dove era sdraiata la nipote. Si bloccò un attimo prima di arrivare, chiuse gli occhi e mormorò tra sé parole disperate. «Ti prego, fa che sia sveglia, fa che sia sveglia…»

5


Le prese la mano e rimase sorpresa nel sentire che era calda, non gelida come lo era stata tutte le volte in cui l’aveva stretta. Fece un lungo respiro cercando del coraggio in un po' d’ossigeno. Una delusione le avrebbe disintegrato ogni speranza, le avrebbe strappato il cuore. «Aiyana? Sono la nonna, mi senti?» Il silenzio si era impossessato del tempo e contribuiva ad aumentare la tensione. La signora Karla assunse un’espressione di disperata speranza. Strinse più forte che poteva la mano di Aiyana, chiuse gli occhi e sospirò. «Un segno, una qualsiasi cosa, ma fammi capire che mi senti, Aiyana.» Niente. Nessun segno, nessun movimento. Karla abbassò lo sguardo e rimase a fissare il vuoto. Il dolore era troppo forte. Così forte che persino le lacrime si erano fermate, nel cuore, non erano riuscite ad arrivare al portale dell'anima. L’infermiere si avvicinò e posò una mano sulla spalla della signora Karla. «Mi spiace, signora. Forse è meglio che vada a casa a riposare, sono tre mesi nei quali non si muove da qui.» «Le giuro che ha aperto gli occhi…Io» Le lacrime soffocarono le sue parole. «Vi lascio sole, mi dispiace davvero tanto signora Karla, mi creda.»

6


Karla seguì con lo sguardo l’infermiere allontanarsi dalla stanza. Era rimasta di nuovo sola. Nonostante lì ci fosse Aiyana, distesa sul letto, si sentiva terribilmente sola, terribilmente addolorata. Cominciò a fissarla, a fissare il corpo di sua nipote il quale sembrava quasi senz’anima. Era lì, immobile da più di tre mesi. Non sorrideva più, non parlava più, non apriva più nemmeno le palpebre. Ogni tanto faceva dei piccoli movimenti, a malapena percepibili, che davano speranza a quella povera donna seduta li di fianco a lei. I suoi lunghi capelli color carbone erano rimasti legati per tutto quel tempo, i suoi meravigliosi occhi color nocciola erano rimasti chiusi, il suo dolce viso era segnato da cicatrici e la sua morbida pelle era stata bucata da aghi e flebo per mantenerla in vita. «Non è più la mia dolce bambina, cosa le hai fatto?» Pensò Karla. «Signora Karla, mi dispiace disturbarla in un momento così delicato, ma l’orario di visita è terminato, vada a casa e si faccia una tisana, domani mattina potrà tornare nuovamente qui con sua nipote.» L’infermiere spezzò quell’atmosfera di malinconia che si era addentrata nel cuore di Karla e per un attimo lei aveva eliminato i pensieri. «Oh, mi ha spaventata infermiere... stavo giusto andando, ma lei per favore non lasci Aiyana sola, neanche un attimo, la prego!» «Non si preoccupi, ho chiesto il turno di notte per rimanere qui con lei.» «Lei è cosi premuroso, non so davvero come ringraziarla per tutto quello che sta facendo.» 7


«Non deve ringraziarmi Karla lo faccio volentieri. E la smetta di chiamarmi infermiere e di darmi del lei, ormai sono tre mesi che siamo qui, mi chiami pure Ben, mi chiamo Ben.» «D’accordo Ben, a domani allora.» «A domani, buonanotte Karla.» Ben la accompagnò all’uscita dell’ospedale, dove un taxi la stava aspettando per portarla a casa. L’atmosfera era cupa, il cielo nero, proprio come l’animo della signora Karla. La vettura gialla percorreva lentamente lo stradone principale completamente infangato e Karla lasciava scorrere il paesaggio circostante con indifferenza. Passò il gomito sul finestrino appannato e osservò il suo amato quartiere, le case con i tetti a punta ricoperti di neve, gli alberi completamente bianchi, le finestre illuminate che sembravano riscaldar l'atmosfera. Niente. Non vide niente di più di quanto avesse visto con il finestrino appannato. Era tutto così morto, triste, spento. Abbassò le palpebre e si chiese se non fosse stato il suo cuore ad essersi appannato, gelato, ad esser soffocato a causa del dolore. Quella sera il vento non soffiava, sembrava quasi fosse svanito come le speranze che aveva di rivedere gli occhi di sua nipote brillare. Tutto era spento ormai nell'ospedale. Era rimasta accesa solo la speranza che legava Aiyana agli altri pazienti, quella di riaprire gli occhi, quella di tornare a respirar vita. L'infermiere, Ben, aveva appena finito di cambiare le lenzuola al letto di Aiyana e si era seduto proprio accanto a lei, guardandola. In quei tre mesi era rimasto molte volte lì, ad osservarla. Ed ogni volta che le guardava il volto pieno di cicatrici non poteva far a meno di chiedersi perché mai, una donna così bella, fosse stata ridotta in quello stato. Per quale ragione una tal bellezza fosse stata segnata a vita. Ben era uno di quei ragazzi che a prima vista ti ci innamori. Uno di quelli con il sorriso grande e dolce, con gli occhi caldi, eppure color ghiaccio. Con il cuore profondo. Cominciò a sistemare un po’ il disordine che 8


regnava in quella stanza. Si comportava quasi come se quella ragazza fosse sua amica, sua sorella. Mentre riponeva un paio di calze nel cassetto del comodino non poté fare a meno di notare un bigliettino posato sotto ad un bicchiere. Era una piccola busta da lettere, ancora chiusa. La prese e si fermò a pensare se fosse stato giusto aprirla. Si convinse che in fondo non stava facendo nulla di male, che l'avrebbe soltanto letta e rimessa dove l'aveva trovata. Girò la piccola lettera per aprirla, sul retro c'era una lettera: S. Aprì delicatamente facendo attenzione a non strappare la carta. Le sue mani in fondo erano abituate alla delicatezza. All'interno trovò un piccolo foglio di carta scritto a penna; Alla mia donna. Questo mese non una rosa sul tuo petto ma solo una parola: Non ho mai smesso d'amarti, ti aspetto. Con amore, S. Ben sentì gelarsi l'animo senza capirne il motivo. Non trovava un senso a quelle parole. Poi pensò intensamente alle frase Non una rosa. Gli venne in mente che ogni mese arrivava una rosa per Aiyana. «Sarà fidanzata, sposata. Nessuno però si è mai presentato qui. Peccato, è davvero una ragazza bellissima.» Ben stava parlando a bassa voce con sé stesso, forse con il suo cuore. Un malinconico soliloquio, direi. Forse stava dicendo a sé stesso di essere stato uno stupido. Si sentiva innamorato. Innamorato di una ragazza che nemmeno conosceva, con cui non aveva nemmeno mai parlato. Una ragazza che era a sua volta innamorata, pur se non di lui. Che aveva magari una famiglia, un marito, un compagno, un qualcuno con cui dividere un letto, con cui dividere tutto. Rimise quel bigliettino all'interno della busta e lo posò. Si sentiva improvvisamente triste, improvvisamente solo. Avendo risistemato tutta la stanza si mise accanto ad Aiyana, le prese la mano, sussurrò dolcemente.

9


«Svegliati piccola... Non ho mai visto una creatura meravigliosa come te dormire così a lungo. Svegliati e vivi.» Si addormentò osservandola. Pensando intensamente a quanto se ne sentisse innamorato. Uno stupido innamorato di una perfetta sconosciuta. La notte passò, tra sogni e speranze. Ben che sognava d'amarla, d'amar quella donna di cui conosceva soltanto il nome. E Karla. Lei sperava, piangeva e sperava, che la sua dolce bambina riaprisse gli occhi, i polmoni ed il cuore. E proprio durante la notte, in cui sogni e speranze sembrano prender vita, animarsi e volare, Aiyana riaprì gli occhi. Ancor prima di capire dove fosse, cosa stesse succedendo, fece un lungo respiro, come un bambino che per la prima volta esce dal grembo materno. Fuori da quella stanza, nel contempo, esili fiocchi di neve tingevano di bianco il buio. Si guardò intorno, stordita, smarrita, persa. Aveva capito di trovarsi in una stanza di un ospedale ma non sapeva per quale motivo. Cercò di alzarsi ma dei laceranti dolori le si infiltrarono lungo la schiena, radici di un'erba velenosa che si diramavano dentro di lei. «Non ci posso credere! Ti sei svegliata, ti sei svegliata!» Ben era balzato in piedi e la fissava incredulo. «Come ti senti, Aiyana?» La ragazza aveva lo sguardo vuoto, come quello di chi ha perso tutto in una tempesta di dolore. «Tu chi sei? Chi è Aiyana? E perché mi ritrovo in questo ospedale! Perché ho la faccia ricoperta di cicatrici e la testa fasciata!»

10


Ben si ritrovò davanti ad una situazione veramente difficile. A causa delle gravi lesioni riportate Aiyana aveva perso la memoria. Ogni singolo ricordo, ogni immagine, sensazione, sentimento od emozione che conservava in lei era andata perduta. Forse per sempre. Era un corpo, null'altro poteva sentirsi in quel momento. Avrebbe potuto diventare chiunque in quel momento, e come una spugna assorbire ogni cosa e renderla parte di sé. Ben rimase in silenzio, poi la guardò dritto negli occhi, cercando dentro di se tutta la forza di cui aveva bisogno. «Io sono Ben, piacere. Ti trovi in ospedale, Aiyana. Tu sei Aiyana Wickate. Sicuramente avrai una momentanea perdita di memoria a causa delle lesioni che hai subito. Stai tranquilla, domani mattina, in presenza di un tuo parente ti verrà spiegato tutto.» Aiyana rimase in silenzio. Non si sentiva parte di quel mondo, non capiva più nulla. Si sforzava di ricordare ma era come se non avesse nulla nella testa, come se prima di quell'istante lei non fosse mai esistita. La sua memoria, aridissimo deserto di desolazione. Il suo era il silenzio di chi ha intrapreso un lungo viaggio e non ricorda più la via di casa. Di chi si è addormentato nel vagone del treno e si è risvegliato a chilometri di distanza da ciò che ha sempre amato. Solo che lei non ricordava di averlo intrapreso quel viaggio, di esserci mai salita su quel treno. Non aveva la minima idea di cosa e di come fosse la sua vita prima di quell'istante, prima di risvegliarsi in quel letto d'ospedale. Si riaddormentò nella speranza che quello fosse solo un brutto sogno. Un incubo. Con la speranza di potersi risvegliar il mattino dopo e ricominciare la sua vita, quella di cui ora sembrava aver cancellato ogni attimo. «Buongiorno Karla!» 11


Erano le nove in punto. L'orario di visita era appena iniziato e lei era già lì, puntuale come da tre mesi a quella parte. Capelli legati, viso pallido e stanco. La attendeva fortunatamente una notizia meravigliosa. Ma si sa, la vita quando ti fa un dono chiede sempre di restituirle il favore. «La prego di seguirmi, devo parlarle di una cosa molto importante.» Queste parole pronunciate da Ben risuonarono nella testa di Karla che subito si spaventò. «Cosa è successo a mia nipote, cosa devi dirmi Ben!» «Si è svegliata.» Non riusciva a crederci, non riusciva nemmeno a mettere in ordine quelle parole nella testa. Sorrideva, sorrideva con il cuore. Piangeva, bagnando il suo splendido sorriso. Piangeva lacrime di disperata gioia. «Io... Non posso crederci... io ... Oh Ben.» L'infermiere abbracciò calorosamente Karla e si fece scappare una lacrima anch'esso. «Lei non può neanche immaginare quanto io possa essere contento Karla. Ma... ascolti...» Ben aveva paura di rovinare quel momento. Paura di frantumare in una miriade di pezzi il sorriso di Karla. «Non mi tenere sulle spine, Ben, parla!» 12


«Sua nipote ha perso la memoria. Non so dirle se questo sarà un danno permanente o se potrà recuperarla con il tempo. Posso solo dirle che dovrà starle vicina, dovrà aiutarla a ripercorrere ogni attimo della sua vita passata, e magari con il tempo riuscirà a recuperare la memoria.» Il suo sorriso, come temeva Ben, svanì in un istante. Castello di sabbia in preda alle onde. Era rimasta pietrificata, spaventata, scossa. Non per il semplice fatto che suo nipote avesse perso la memoria. Avrebbe dovuto ripercorrere ogni attimo del suo passato insieme a lei. E lei, Karla, sapeva benissimo quanto doloroso fosse stato il passato di quella ragazza. Sarebbe stato come farle rivivere da capo quell'orrore, quell'incessante dolore. Sarebbe stato come frantumarle nuovamente il cuore. Ma cosa resta, di un cuore ricucito con amore e pazienza, quando viene distrutto nuovamente? Ma sapeva benissimo che non avrebbe potuto fare altrimenti. Deglutì. Rimase per un attimo a fissare il vuoto, poi posò il suo sguardo in quello di Ben. Lo guardò a fondo, intrecciò gli occhi con i suoi. Respirò profondamente, lentamente. Chiuse gli occhi e si incamminò verso la stanza di sua nipote. «Aiyana, amore mio, non posso crederci, non posso credere di poter rivedere finalmente il colore dei tuoi occhi!» La signora Karla aveva gli occhi lucidi. Abbracciò forte sua nipote, così forte che riuscì a sentirle il battito del cuore.» «Io… Io non ti conosco.» Aiyana non ricambiò l'abbraccio. Rimase fredda, immobile. Sarebbe potuto entrare chiunque in quel momento dicendole di essere l'amore della sua vita che lei non sarebbe riuscita a credergli. «Hai perso la memoria, lo so. Sono tua nonna Karla, Aiyana.» 13


«Ho paura, non ricordo nulla! Cosa ci faccio in questo posto! Perché non ricordo nulla della mia fottuta vita!» Aiyana scoppiò in un pianto disperato. Le lacrime scendevano lente sul volto, il quale sembrava assorbirle, com'un fiore ch'era rimasto troppo tempo senz'acqua. Karla la strinse forte a sé. «Sta tranquilla. Presto andremo via da questo posto e ti aiuterò a ritrovare la tua vita, a riassaporare i tuoi ricordi.» Aiyana strinse Karla, quella donna che non le ricordava nulla. Le sembrava di abbracciare una sconosciuta. Con la coda dell'occhio notò le due rose, ormai appassite, sul comodino. «Ho un ragazzo? Sono sposata?» «No, non hai un ragazzo, e non sei neanche sposata. Perché?» «Le rose. Chi mi ha mandato quelle rose?» La signora Karla si sentiva veramente addolorata. Sua nipote non ricordava davvero nulla del suo passato. «Non so dirtelo con certezza. Sono arrivate qui con delle lettere anonime. Ogni mese arrivava una rosa. Questo mese invece è arrivata questa lettera. Quando saremo a casa ti spiegherò tutto.» Aiyana ricominciò a piangere. «Sono tre mesi che sono qui. Io...» Non riusciva a parlare, sentiva come se le parole si intrappolassero in gola. Come se il dolore le tirasse a sé. Tiranno cattivissimo che non ti lascia respirare.

14


«Voglio sapere cosa mi è successo, voglio sapere chi sono, voglio sapere tutto!» Nel frattempo Ben, che era rimasto sulla soglia della porta per lasciare le due donne sole in quel momento delicato, decise di entrare. «Buongiorno Aiyana. So che hai tutto il diritto di sapere della tua vita, ma le cose devono essere fatte con calma. Più tardi farai le ultime analisi, e se sarà tutto nella norma potrai tornare a casa, dove tu e tua nonna potrete parlare liberamente.» «Ben è stato veramente premuroso in tutto questo tempo. Non ti ha lasciata sola un attimo.» Aiyana lo fissava, non riusciva a smettere di fissare quel mare ghiacciato che il ragazzo si portava negli occhi. «Ti ringrazio.» Ben sorrise. Con un sorriso di chi è innamorato. «Ora vi lascio sole. Avete ancora un po’ di tempo per parlare, tra poco l'orario di visita sarà finito.» Ora era Karla a fissare quel ghiaccio caldo. «Non lasciarci sole. Non lasciarla sola.» «Non potrei mai abbandonarvi. Non potrei mai lasciare sola una ragazza come sua nipote. Stia tranquilla, vi starò vicino anche quando non sarete più in questo ospedale.» Karla aveva gli occhi stracolmi di lacrime. «Grazie… grazie di tutto...» «A più tardi.» Erano di nuovo loro due. E questa volta Karla, in quella stanza di ospedale, non si sentiva più sola. Anche se sua nipote non aveva la 15


minima idea di chi lei fosse. Sentiva però che c'era, lei era li. Da inconsapevole assenza a inconsapevole presenza. Lei era, ora. Sapeva anche che quello sarebbe stato il punto di partenza per un nuovo inizio.

2. Ripercorrere il dolore La signora Karla stava preparando una tisana al tamarindo nella sua cucina arredata con vecchi mobili in noce e vecchie foto per ricordare i giorni ormai andati, per berlo con sua nipote non appena si fosse svegliata. Si, finalmente Aiyana era a casa. Ma Karla sapeva cosa la aspettasse. Sapeva che sua nipote le avrebbe fatto delle domande. Sapeva che quella ragazza, priva di ogni ricordo sulla sua vita, aveva il diritto di sapere. Aiyana si trovava nella sua stanza. In quella stanza in cui era stata quando era bambina. Nella stanza dove da bambino, a suo tempo, aveva dormito suo padre. Ma lei non ricordava. Fissava invano quell'esile stanza, poiché nulla affiorava nella sua mente. Solo paura. Paura e dolore. Si alzò dal letto, scoprendo delicatamente le sue gambe nude dal calore delle lenzuola e sentendo dentro una strana sensazione di smarrimento. Si fermò a guardare alcune foto posate sulla scrivania davanti al suo letto. C'era una foto di famiglia. Un signore ed una signora che si stringono forte. Sotto, all'altezza delle ginocchia, un piccolo bambino con i capelli a caschetto, aggrappato al lungo vestito della mamma. Quella era la sua famiglia. Lo sapeva, lo sapeva perché le era stato detto da sua nonna. Ma fissando quella foto lei non sentiva niente, non le veniva da sorridere come facevano loro. Prese alcuni vestiti a caso dalla valigia, e si incamminò verso il bagno per farsi una doccia rilassante e scacciare i cattivi pensieri. L'acqua calda scivolava lenta sulla sua pelle. Le sue mani scivolavano piano, non riconoscevano quei lineamenti, sembravano toccare per la prima volta quel corpo, quelle curve. I suoi occhi si fermarono ad ogni cica 16


trice. E si chiedeva il perché di quei segni. E si chiedeva cosa fosse mai accaduto. E piangeva. Acqua e lacrime, dolore e paura. Si asciugò gli occhi con il braccio e notò di avere un tatuaggio sul polso. Una scritta, in grassetto, in una lingua a lei apparentemente sconosciuta: MAHPYA. Rimase a pensare, cercando di ricordare. Ma non le veniva nulla. Eppure sapeva che quel tatuaggio significava qualcosa. Si rassegnò. Lo avrebbe chiesto più tardi a sua nonna. Ormai era quella la sua vita. Un chiedere ed assimilare. Un fingere di ricordare, di aver ricominciato a vivere davvero. «Eccoti Finalmente! Vieni, Aiyana, ti ho preparato una tisana, siediti con me.» «Voglio sapere tutto quello che devo sapere sulla mia vita.» «Con calma ti racconterò tutto, stai tranquilla, ora vieni qui.» «Voglio sapere tutto, ora! Dimmi tutto quello che ho il diritto di sapere! Ridammi i miei ricordi, ridammi la mia vita, ora!» Aiyana era esplosa. Tutto il dolore che aveva accumulato e incastrato dentro di lei era esploso. Si era trasformato in rabbia. Piangeva. Urlava contro sua nonna, urlava poiché voleva che la sua voce fosse più forte del dolore, voleva che facesse più rumore dell'assordante silenzio che si era insidiato nella sua anima da quando si era svegliata. Sua nonna non sapeva cosa fare, la paura la bloccava. Sapeva, però, che sua nipote aveva ragione. Respirò profondamente e cercò le giuste parole per ripercorrere il dolore. «Guardami negli occhi. Guardami, Aiyana.» Karla prese l'esile viso della ragazza fra le sue mani. La pelle liscia e rosea di Aiyana sembrava amalgamarsi con quella ruvida e vissuta di sua nonna. 17


«Dimmi da dove vuoi che io cominci, ed io comincerò. Starò qui anche tutta la vita a ripercorrere con te la tua. Dimmi cosa vuoi sapere, troverò il modo di raccontarti tutto. Troverò il modo di farti tornare la voglia di vivere che hai sempre avuto.» Aiyana sembrava essersi calmata. Fece scivolare la sua mano fino a sfiorare quella della nonna. Le sorrise. Quel sorriso era oro. Se solo si fosse guardata allo specchio, con quel sorriso, si sarebbe innamorata di sé stessa. Perché si sa, il segreto dell'eterna bellezza e nel coraggio di essere felici. Se solo avesse mostrato quel sorriso mentre camminava per le strada di questo triste mondo avrebbe trovato l'amore della sua vita. L'avrebbe trovato perché a quel sorriso non si poteva resistere. Era, come ho già detto, oro. «Scusami se ho alzato la voce. Tutto questo non è facile. Ma io voglio sapere tutto, dalle cose più stupide a quelle più complesse, a quelle che mi faranno sentire vuota, piena, innamorata, sola, distrutta. Non so neanche quanti anni ho...» «Non avrei mai pensato di dover dire queste cose a te sai...» Karla voleva quasi piangere, ma non lo fece. «La mattina in cui sei nata, venti anni fa, pioveva, sai. E da quella mattina, ancor prima di guardarti negli occhi, ho capito che saresti stata speciale. Che avresti stravolto il mondo.» Piangevano tutte e due. Non si guardavano negli occhi. Non intrecciavano gli sguardi. Ma il loro dolore si amalgamava quasi a formar l'amore. «Era Maggio. C'erano rose ovunque, rosse, profonde, come l'amor che traspariva dai tuoi occhi. Da quando era iniziata la primavera il sole non era mai scomparso dal cielo. Mai neanche una giornata di 18


pioggia. Poi sei arrivata tu, a stravolger il mondo. Tua madre ti stringeva forte fra le sue braccia, così forte da far sembrare che volesse farti tornare dentro di lei.» La nonna cominciava ad aver davvero paura. Sapeva che la ragazza avrebbe fatto domande. Sapeva che Aiyana voleva delle risposte. «E dov’è ora mia madre? Perché in questi tre mesi in cui sono stata in ospedale non è stata lì con me, perché ora non è qui a raccontarmi della mia vita?» Karla non trovava le parole. Eppure sapeva che sarebbe arrivato questo momento. Ma d'altra parte non c'erano parole che non l'avrebbero ferita. Non c'erano parole delicate per dirle che sua madre non c'era più. «Mi dispiace che tu debba sentire nuovamente tutto questo dolore, come se non ti fosse bastato quello che hai sentito in passato. Tua madre era molto malata Aiyana, non c'è più da sei anni...» Era rimasta a fissare il vuoto, il nulla. Si sentiva come una mano dentro di lei che le strappava il cuore, che le svuotava i polmoni. Sua madre era morta e non aveva nessun ricordo di lei, nessun ricordo felice insieme a lei. Non ricordava l'odore della sua pelle, il suono della sua voce, non ricordava neanche i suoi lineamenti. «E mio padre?» Karla sentì un nodo alla gola. Il sangue si era gelato nelle sue vene. Provò a parlare, ma nulla uscì dalla sua bocca. «È morto anche lui, non è vero?» 19


«No, non è morto tuo padre. Ma quello che sto per dirti non sarà affatto piacevole. Non sarà per niente facile da accettare, da capire.» «Non me ne frega. Non ho nulla da perdere ormai, giusto?» Si sbagliava. Non sapeva. Non poteva sapere che in fondo qualcosa da perdere ancora le era rimasto. Lo aveva ancorato al cuore, aggrappato all'anima, ma non se ne rendeva conto, non riusciva a farlo emergere, a farlo tornare in superfice, a far vedere la luce a quel grande sentimento che le era stato seminato dentro. «Tu e tuo padre non avete mai avuto un ottimo rapporto. A dire la verità lui non è mai stato un buon padre, ma questo sta a te dirlo. Quando tu avevi quattordici anni, lo stesso anno in cui tua madre si è ammalata, lui è andato via di casa lasciandovi sole.» «Non è mai più tornato?» «Si, il giorno in cui tua madre ci ha lasciati. Pretendeva che tu rimanessi a vivere con lui. Ma fortunatamente sono riuscita a tenerti qui con me.» Aiyana aveva gli occhi vuoti, le palpebre abbassate. Non riusciva a capire perché sentisse quel dolore. Non ricordava nulla, e forse era meglio così. Avrebbe potuto ricominciare, davvero, tutto da capo. «Dimmi cosa vuoi sapere.» Disse la nonna, con la voce piena d'amore. Forse troppo. «Ci sarebbero davvero tante cose che vorrei sapere... ma ora, dimmi, come ho fatto a finire in ospedale, che cosa mi è accaduto?» Karla aveva un segreto. Lo aveva tenuto nascosto per tutto questo tempo e lo avrebbe fatto ancora. Non voleva ferirla ulteriormente.

20


«È stato un incidente. Eri nella cantina, nella tua vecchia casa. L'interruttore della luce era rotto, e mentre scendevi le scale devi essere inciampata in quel buio. Hai sbattuto violentemente contro il muro, ed ecco… non so cosa facevi lì, non ci sei voluta più tornare da quando è morta tua madre. Pensavo fossi a casa tua quella sera, ed invece ti ho ritrovata li... oh Aiyana...» I suoi occhi si riempirono di lacrime. Il suo cuore si svuotò. Karla piangeva. Forse perché le stava mentendo. O forse perché non riusciva a togliersi dalla mente quella dannata immagine, quel dannato sangue, quelle dannate urla. Aiyana le mise una mano sulla spalla, poi alzò anche l'altra e l'abbracciò. E quell'abbraccio era un dirsi ti amo, silenziosamente, reciprocamente. «Casa mia? Ho una casa?» Karla sorrideva. E le lacrime le scivolavano sul viso fin alle labbra. «Vedi il tatuaggio che hai sul tuo polso?» «Oh, sì. Ti avrei chiesto qualcosa in proposito più avanti.» «Lo hai fatto il giorno del tuo diciottesimo compleanno, con una persona molto importante della tua vita. Da quel giorno avete anche deciso di andare a vivere insieme. Quando avrai finito le cure e Ben ci dirà che starai meglio potrai tornare da lei.» «Perché non è qui con me?» «Non so. Ma non pensare che ti abbia lasciata sola. In questi tre mesi che sei stata in ospedale ti ha mandato due rose, una per mese. Il terzo mese però è arrivata solo una lettera. Non ho aperto nulla, è tutto lì, sulla credenza.» «Come si chiama?» «Sally.» 21


Rimase incantata a guardar le labbra di sua nonna pronunciar quel nome. Lo sentiva echeggiare nella sua mente, scavare dentro, intrufolarsi nel suo cuore. Un brivido che si va a nascondere proprio sotto la pelle, un'emozione che si incastra tra costole e anima e non va più via. Il suo cuore batteva, pulsava, si dimenava come una bestia feroce al richiamo di quel nome. Sembrava come se qualcosa da dentro di lei volesse scappare, uscire fuori. Come quasi un ricordo, uno di quelli forti, che quando ti tornano alla mente non puoi far altro che cercar di respirare, di sopravvivere. Si prendono tutto il tuo ossigeno, si prendono tutto il tuo spazio i ricordi. Ma lei non ne aveva, e non sapeva darsi una spiegazione. Rimase allora a fissare quelle due rose ormai appassite. Si chiedeva perché lei si fosse fatta mai vedere, per quale motivo le avesse mandato solo delle rose ed una lettera. Aprì la lettera e ne lesse il contenuto; Alla mia donna. Questo mese non una rosa sul tuo petto ma solo una parola: Non ho mai smesso d'amarti, ti aspetto. Con amore, S. Di nuovo quella sensazione, quel richiamo che le proveniva da dentro. Brividi, su tutto il corpo, nell'anima, nel cuore. Aveva voglia di incontrarla, di chiederle tante cose. Ma non capiva, non riusciva a capire. Pianse.

(continua)

Se desideri leggere il resto del libro e, soprattutto, se pensi  che questo libro meriti di essere pubblicato, pre‐ordina la  tua copia. Grazie! 

22

Diphylleia - Romanzo (anteprima)  

L’amore è straordinario. Questo è quello che scoprirà Aiyana dopo essersi risvegliata in un letto d’ospedale. Non ricorda niente della sua v...

Diphylleia - Romanzo (anteprima)  

L’amore è straordinario. Questo è quello che scoprirà Aiyana dopo essersi risvegliata in un letto d’ospedale. Non ricorda niente della sua v...

Advertisement