Page 1

ARCHIVIO STORICO CERAMICHE CACCIAPUOTI


Claudio Guaita Diani

CERAMICHE DA COLLEZIONE 1913-1953

Archivio Storico Ceramiche Cacciapuoti www.cacciapuoti.org


cresciuto in modo significativo il collezionismo delle ceramiche italiane del ‘900. Tra le manifatture che hanno ricevuto una particolare attenzione vi sono le Ceramiche firmate Cacciapuoti. Questo interesse del collezionismo internazionale (Banche, Società d’investimento, Grandi raccolte d’arte) è dovuto principalmente alla qualità espressiva dei soggetti e alla raffinata ricerca plastica dei modelli storici creati da Guido Cacciapuoti. Nelle principali aste italiane ed internazionali sono stati proposti e battuti vari modelli di Ceramiche storiche firmate Cacciapuoti: figure femminili argentate anni trenta (f.15); animali policromi anni trenta (f.7), maschere tragiche con decoro rubino degli anni venti (f.18), soggetti con riferimenti artistici Déco degli anni trenta (coppia di elefantini reggilibro f.4).

4. Coppia di Elefanti reggilibro, firma: G. Cacciapuoti, N.905 - anni trenta, h.21.cm.

Lo “Stile Cacciapuoti” nelle Ceramiche d’Arte: qualità espressiva e ricerca plastica. Molti critici e studiosi di storia dell’arte e di storia delle arti decorative del ‘900, hanno messo in evidenza il forte valore espressivo che caratterizza le creazioni artistiche di Guido Cacciapuoti. Un valore espressivo che emerge dalla raffinata sensibilità della modellazione, dalle soluzioni tecnico-formali e dalla capacità di dare al realismo dei soggetti (animali e personaggi) una dinamicità plastica vitale. I gruppi di animali come le figure femminili realizzate da Cacciapuoti, non sono semplici “rappresentazioni” e/o riproduzioni del mondo reale, ma sono “opere d’Arte” che esprimono una vera e propria “energia vitale” (bergsoniano “élan vital”) capace di coinvolgere “spiritualmente” e “conquistare” emotivamente ogni attento osservatore. Il riferimento al filosofo Henri Bergson (1859-1941) premio Nobel per la letteratura (1927), ci permette di identificare una delle chiavi interpretative di tutta l’attività artistica di Guido Cacciapuoti. Per Bergson l’élan vital era il principio d’energia che collega ogni elemento in modo dinamico “l’animale ha il suo appoggio nella pianta, l’uomo nell’animalità, e l’umanità intera , nello spazio e nel tempo….”. Compito dell’artista è quindi quello di far trasparire la vita interiore dell’Opera d’Arte, una sorta di vitale spiritualità, capace di resistere nel tempo e nello spazio. Il pensiero di Bergson influenzerà molti importanti autori del primo novecento, nella letterura in particolare Marcel Prust e James Joyce, nella pittura Pablo Picasso (cubismo analitico) e nella scultura Umberto Boccioni, che deve a Bergson gran parte della sua terminologia ed alcune idee centrali della sua poetica. La concezione “bersoniana” dell’Arte, come chiave interpretativa delle opere del maestro Cacciapuoti, ci permette di far emergere i collegamenti tra i vari piani immaginativi che danno forma alla bellezza dei soggetti e che guidano la forza espressiva (vitale) della modellazione. In


53. Bellezza d’Abruzzo (omaggio alla terra di Gabriele d'Annunzio) firma: G. Cacciapuoti, 1938, N.1043, h.46 cm.


63. Don Chisciotte della Mancia e il suo ronzino firma:Cacciapuoti, S.Righetto, anni ’50, N.615 h.34 cm. 64. Sancio Panza, firma: Cacciapuoti, S. Righetto Anni ’50 N. 616 h. 30 cm. Modelli che si ispirano all’opera letteraria di Miguel de Cervantes Saavedra, Don Quijote (1605-1610)


95. Satiro e baccante, firma: Cacciapuoti, anni cinquanta, h. 48 (base20x20) cm. Modello ispirato all’opera Satyr and Bacchante (terracotta) del 1790, di Claude Michel (Clodion) (1738-1814) Museum of Art di Philadelphia USA


Finito di stampare il 14 novembre 2014 Prima Edizione © Claudio Guaita Diani, tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere memorizzata, fotografata o comunque riprodotta senza le dovute autorizzazioni scritte.

_________________

Le opere sono di proprietà di collezionisti privati Le fotografie fanno parte dell’Archivio Storico Ceramiche Cacciapuoti ©

QUADERNI ARCHIVIO STORICO CERAMICHE CACCIAPUOTI a cura di Claudio Guaita Diani Vol. 1. Cacciapuoti - Ceramiche da collezione ,

2014

Vol. 2. Cacciapuoti - Animali (gennaio-febbraio), 2015 Vol. 3. Cacciapuoti - Figure femminili (marzo),

2015

info@cacciapuoti.org – archiviocacciapuoti@libero.it

www.cacciapuoti.org


Nuova pubblicazione 2014 Claudio Guaita Diani

Cacciapuoti Ceramiche da Collezione 1913-1953 Archivio Storico Ceramiche Cacciapuoti Titolo: Cacciapuoti, Ceramiche da Collezione 1913-1953 Autore: Claudio Guaita Diani Edizioni: Archivio Storico Ceramiche Cacciapuoti, Milano, 2014 Pagine 60, cm. 21x29,8; sito web www.cacciapuoti.org

Nuovo e splendido libro sulle CERAMICHE CACCIAPUOTI , elegante copertina plastificata e carta patinata, contiene più di 100 immagini di modelli e soggetti (animali, figure femminili, soggetti déco, bambini, soldati napoleonici, Napoleone) La pubblicazione presenta le ceramiche realizzate dal maestro

Guido Cacciapuoti

(Napoli 1892-Milano 1953) scultore e ceramista e le creazioni artistiche della manifattura Grés d’Arte Cacciapuoti di Milano. Il testo si rivolge ai numerosi collezionisti privati e istituzionali che da alcuni decenni (in Italia e nel mondo) hanno iniziato ad apprezzare il valore artistico e storico delle ceramiche firmate Cacciapuoti. Nella pubblicazione sono presentate più di 100 ceramiche storiche , ossia modelli che permettono di comprendere il percorso storico-artistico delle ceramiche Cacciapuoti. L’autore mette in evidenza il valore storico-estetico Cacciapuoti nel contesto artistico del novecento italiano.

e creativo delle ceramiche


L’introduzione è articolata in tre parti:

1. Le Ceramiche Cacciapuoti – opere d’Arte del 900 italiano; 2. Lo “Stile Cacciapuoti nelle ceramiche d’Arte” qualità espressiva e ricerca plastica; 3. Guido Cacciapuoti e la Grés d’Arte Cacciapuoti di Milano.

Come è messo in evidenza nel testo “….la concezione bergsoniana dell’arte , come chiave interpretativa delle opere del maestro Guido Cacciapuoti, ci permette di far emergere i collegamenti tra i vari piani immaginativi che danno forma alla bellezza dei soggetti e che guidano la forza espressiva (vitale) della modellazione. In quasi tutte le opere (ceramiche e sculture) i molteplici piani di realizzazione immaginativa, che emergono dall’impegno plastico (idea, materia, immagine, forma) , sono sempre finalizzati a creare -sculture ceramiche- capaci di avere una loro vita interiore. Ossia capaci di affermare le proprie qualità estetiche nel tempo e farsi riconoscere ed apprezzare come vitali -Opere d’Arte-“.

Questa pubblicazione dell’Archivio Storico Ceramiche Cacciapuoti, ha come obiettivo quello di valorizzare, in termini storico-artistici,

le creazioni del maestro Guido

Cacciapuoti e fornire ai vari collezionisti utili riferimenti sia di carattere tecnicodocumentale (data di realizzazione delle ceramiche, numero del modello e dimensioni), sia di carattere artistico (ricerca plastica in riferimento ai vari soggetti animali, figure femminili , etc.).

Questa nuova pubblicazione ha il merito di far emergere tutta la valenza espressiva e culturale delle ceramiche Cacciapuoti in rapporto alle altre manifatture ed ai vari ceramisti del primo novecento italiano.

Per i collezionisti interessati inviare mail : archiviocacciapuoti@libero.it Siti utili: www.cacciapuoti.org - http://guidocacciapuoti.blogspot.com

Cacciapuoti Ceramiche da Collezione  

Claudio Guaita Diani Cacciapuoti Ceramiche da Collezione 1913-1953 Edizioni: Archivio Storico Ceramiche Cacciapuoti, Milano, 2014 Pagine 60...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you