Page 1

rapporto Bio Bank

2019 ANALISI E STATISTICHE DEL BIOLOGICO IN ITALIA SECONDO I CENSIMENTI BIO BANK. DAGLI ALIMENTI ALLA COSMESI

13a edizione


#RapportoBioBank


rapporto Bio Bank

2019

ANALISI E STATISTICHE DEL BIOLOGICO IN ITALIA SECONDO I CENSIMENTI BIO BANK. DAGLI ALIMENTI ALLA COSMESI Rosa Maria Bertino Achille Mingozzi Emanuele Mingozzi

13a edizione


rapporto Bio Bank

2019 autori

BIO BANK soc. coop.

RESPONSABILITÀ

Rosa Maria Bertino Achille Mingozzi Emanuele Mingozzi

Via F. Olivucci, 1 c/o Agci 47122 Forlì (FC) biobank@biobank.it www.biobank.it

Tutte le informazioni e i dati pubblicati sono stati rilevati e riportati con la massima cura. L’Editore declina tuttavia ogni responsabilità per eventuali omissioni o errori contenuti nei testi e nei dati pubblicati o per eventuali errori intervenuti nella loro riproduzione.

BANCA DATI Gloria Giunchi

graphic design Emanuele Mingozzi

PUBBLICAZIONE Pubblicato online il 14 novembre 2019.

DATI BIO BANK I dati sono sempre riferiti al 31 dicembre di ogni anno.

biobank@biobank.it

© 2019 bio bank I diritti di traduzione, di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo sono riservati per tutti i Paesi.

segnalazioni Saranno graditi segnalazioni e suggerimenti per migliorare sempre di più questa pubblicazione.

seguici

www.biobank.it media partner

I L M E N S I L E D E L N AT U R A L E


Acc e

sso

Norimberga, Germania

12 – 15.2.2020

rise

rva to a

i so

li v

isit

ato ri

pro fes s

ion

ali

Salone Leader Mondiale degli Alimenti Biologici IL BIOFACH... COSÌ UNICO, COSÌ VARIO Più di 50.000 visitatori professionali attesi, circa 3.500 espositori e due padiglioni aggiuntivi: al BIOFACH toccherete con mano ciò che fa del biologico una realtà di successo. Preparatevi a una varietà merceologica unica al mondo, ad alimenti bio rigorosamente certificati, a un networking efficace, a un programma congressuale di forte caratura e ad aree tematiche che appassionano.

LASCIATEVI AFFASCINARE DALLE AREE TEMATICHE DEL BIOFACH

NOVITÀ E TREND

VIVERE E SCOPRIRE

BIOFACH.COM

INSERITE L’APPUNTAMENTO DIRETTAMENTE NELLA VOSTRA AGENDA.

in concomitanza con

Salone Internazionale della Cosmesi Naturale

ENTE ORGANIZZATORE NürnbergMesse GmbH T +49 9 11 86 06 - 49 09 F +49 9 11 86 06 - 49 08 visitorservice@ nuernbergmesse.de

CONOSCERE E IMPARARE


Focus e rapporto bio bank

100% statistiche e dati bio! Sfoglia i report digitali Bio Bank online. Vai alla sezione Pubblicazioni su www.biobank.it


Indice editoriale

11

il mercato del bio

12

i dati bio bank

15

trend del numero di attivitĂ

19

regioni leader 2018

23

11 tipologie a rapporto

26

Aziende con vendita diretta

28

Mercatini

30

Gruppi d'acquisto

32

Negozi

34

E-commerce Alimenti

36

Agriturismi

38

Ristoranti & Co

40

Mense scolastiche

42

Aziende Cosmesi & Co

44

Profumerie & Co

46

E-commerce Cosmesi & Co

48

Organismi di controllo & co - Alimenti

51

Organismi di controllo & co - cosmesi & co

57

i numeri del bio

61

media bio bank

66

RAPPORTO BIO BANK 2019

7


È grazie agli sponsor - e senza alcun finanziamento pubblico - che Bio Bank ha contribuito in oltre 25 anni a una descrizione condivisa della realtà del biologico in Italia, attraverso la raccolta sistematica e l’elaborazione di informazioni su migliaia di attività bio. Dati che sono diventati anno dopo anno

patrimonio comune, perché disponibili per tutti. Come avviene con i report statistici digitali, letti con attenzione da migliaia di operatori. Investire sui Media Bio Bank è quindi una scelta di valore, non solo di visibilità, perché dà valore all’investimento.

Fiere

associazioni

certificazione

servizi

8

RAPPORTO BIO BANK 2019

attrezzature


W gli sponsor Aziende alimenti

cosmesi

Aziende cosmesi & co

RAPPORTO BIO BANK 2019

9


Certificato, è CCPB.

CCPB CERTIFICA IN TUTTO IL MONDO PRODOTTI BIOLOGICI ED ECO - SOSTENIBILI. Con precisione e competenza i professionisti di CCPB hanno un unico scopo: garantire i clienti e rendere più efficiente e virtuoso il processo produttivo.


Editoriale Allarme Terra

Ogni anno scatta l’allarme del pianeta Terra. E da vent’anni scatta sempre in anticipo, fino al triste record del 29 luglio 2019, due mesi prima rispetto a vent’anni fa. È questo l'Earth Overshoot Day, il Giorno del Sovrasfruttamento, calcolato dall’organizzazione no-profit Global Footprint Network. Il giorno in cui abbiamo consumato tutte le risorse naturali che il nostro pianeta ci ha messo a disposizione per il 2019. In un contesto generale già di per sé drammatico. I ghiacciai si sciolgono, le foreste bruciano, il clima cambia… Ecco perché cresce la coscienza ambientale. Ed ecco perché le parole chiave del bio sono diventate parole usate e abusate, sintetizzabili in una sola: greenwashing. Tutti sono sostenibili, rispettano la fertilità del suolo, seguono il ritmo della natura, sviluppano progetti di filiera. Tutti utilizzano ingredienti 100% italiani o sono addirittura a chilometro zero, ma il dove si coltiva non dice nulla sul come si coltiva… E si potrebbe continuare. L’importante è dare l’impressione di essere amici dell’ambiente, senza una reale attenzione all’ambiente nei fatti. Cosa che è invece scritta nei fondamentali e nella storia del biologico. Ora che il bio è uscito dalla sua calda nicchia per diventare fenomeno di massa, il mercato è diventato più complicato. Basta guardare lo scompiglio in atto anche a livello distributivo: gli specializzati bio soffrono la concorrenza dei supermercati, i supermercati quella dei colossi dell’e-commerce ed è tutta una corsa a diversificare e integrare i canali di vendita.

Si va ai fondamentali

Nel 2018 l’Italia ha raggiunto quasi 2 milioni di ettari coltivati ad agricoltura biologica, con 80mila operatori e un mercato di 6,4 miliardi di euro, export compreso. Un traguardo che rende la sfida ancora più alta. Per questo occorre tornare ai fondamentali. Il bio non si può definire in negativo per ciò che non usa, ovvero i prodotti chimici di sintesi. La sua forza è positiva e propulsiva: quando tutela la biodiversità, promuove i valori sociali e solidali, sostiene la qualità, punta sulla stagionalità, valorizza i territori, sorprende con la varietà di prodotti freschi e freschissimi, traina l’intero agroalimentare con la ricerca e l’innovazione. Deve seguire la storia dei prodotti con la tracciabilità, blindare la certificazione, aumentare la trasparenza, comunicare l’autenticità del bio che non si accontenta dell’Eurofoglia. I dati pubblicati su questo 13° Rapporto sono riferiti a 10.114 attività bio rilevate nel 2018: 9.044 per l’alimentazione e 1.070 per la cosmesi. Un perimetro che non può racchiudere tutto il biologico, che non ha più confini, ma fornisce dati preziosi sullo stato e sull’evoluzione del settore. Si va dai dati sul mercato negli ultimi dieci anni al trend del numero di attività bio negli ultimi cinque, dalle regioni leader all’analisi delle 11 tipologie di attività bio, cuore del Rapporto. In chiusura le fonti più autorevoli di dati sul bio in Italia, in Europa, nel mondo, precedute da una novità: l’elenco degli organismi di certificazione del biologico. Un Rapporto che accompagna puntualmente gli operatori del settore e dell’informazione nel piccolo-grande mondo del bio.

RAPPORTO BIO BANK 2019

11


Il mercato del bio La corsa del biologico non conosce sosta. Dal 2009 al 2018 il mercato interno è passato da 1,6 a 4,1 miliardi di euro (+164%). Nell’ultimo anno la crescita è stata del 15,1%. E corre anche l’export, passato da 1 a 2,3 miliardi di euro: +127% in dieci anni, +10% nel 2018. I dati del mercato italiano sono stati suddivisi in due blocchi per visualizzare quanto valgono da un lato le vendite nelle otto tipologie di attività alimentari analizzate in questo Rapporto (negozi bio, ristorazione e varie forme di vendita diretta), dall’altro i restanti canali (sostanzialmente supermercati, ma anche negozi tradizionali, erboristerie, farmacie e parafarmacie). Sono stime che restituiscono molto bene il senso di quello che sta accadendo. Ovvero come in un decennio si sia ridotta la quota di mercato delle 8 tipologie analizzate che scende dal 71 al 53%, mentre quella degli altri canali sale dal 29 al 47%. Perché è vero che il mercato cresce, ma è soprattutto la grande distribuzione a intercettare la crescita, sia con investimenti sempre più elevati nelle private label bio, sia con l’amplia-

mento degli assortimenti bio. Momento delicato quindi per i negozi specializzati. Quelli con cali di vendite oltre il 15% chiudono e aprire un negozio bio indipendente oggi è più difficile che mai, quindi il turnover è negativo. C’è tanto bio e si trova ormai dappertutto. Il progressivo spostamento di una parte considerevole delle vendite nei supermercati ha ridisegnato le strategie degli stessi distributori specializzati spingendoli oltre il confine del loro canale d’elezione, i negozi bio, per operare con il canale emergente dei supermercati, con il canale HoReCa pieno di potenzialità, con nuovi canali di vendita tutti da esplorare. La linea bio è ormai d’obbligo per le aziende agroalimentari piccole, medie e grandi e diventa fiore all’occhiello nella comunicazione. Multinazionali e fondi di investimento fanno shopping di aziende bio. Una bella scommessa per i pionieri del settore, a cui non mancano le risorse per continuare la loro scalata di valori: origine delle materie prime, filiere biodedicate, passaggio al biodinamico, impronta etica, sociale, solidale. Bio si diventa, ma pionieri si nasce.

vendite bio - quote dei canali 2009-2018 Quote dei due gruppi di canali distributivi sul totale delle vendite bio in Italia, in valore.

2009

2018

71% 29% 12

RAPPORTO BIO BANK 2019

8 tipologie altri canali

53% 47% Elaborazioni Bio Bank


IL MERCATO DEL BIO

vendite bio a confronto 2009-2018 Vendite in Italia in milioni di euro. 8 tipologie

+96%

variazione 2009-2018

Altri canali

+330%

variazione 2009-2018

2.250 2.000 1.750 1.500 1.250 1.000 750 500 250 0

2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018

mercato bio - interno ed export 2009-2018 Vendite in Italia ed export in milioni di euro.

2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 8 tipologie Altri canali tot. interno Export Tot. mercato

1.100

1.300

1.455

1.590

1.695

1.291

1.443

1.671

1.957 2.155

450

500

545

585

625

1.169

1.217

1.350

1.595 1.934

1.550

1.800 2.000

2.175

2.320 2.460 2.660

3.021 3.552 4.089

1.000

1.050

1.200

1.200

1.915 2.060 2.266

2.550 2.850

1.135

3.135 3.375

1.420

3.520 3.880

1.650

4.310 4.936

5.612 6.355

Fonte: elaborazione Bio Bank su dati Assobio, Ice, Ismea, Nielsen, Nomisma.

Elaborazioni Bio Bank

RAPPORTO BIO BANK 2019

13


Un vero punto fermo è sempre in evoluzione

Conoscenze e competenze a garanzia del biologico

Gli organismi di certificazione hanno contribuito alla storia del biologico in Italia. Perché alcuni sono nati ben prima della regolamentazione europea. E ne hanno seguito poi negli anni l’evoluzione normativa, anche internazionale. Tutti sono autorizzati dal Mipaaf, accreditati da Accredia, sottoposti alla vigilanza delle autorità italiane. Con ulteriori e severi controlli per chi certifica standard di altri Paesi.

L’associazione nazionale Ass.O.Cert.Bio raggruppa i principali organismi di controllo, che certificano attualmente oltre il 90% del biologico italiano. Un patrimonio di conoscenze e competenze che conta su 1.500 persone tra dipendenti e ispettori. Gli stessi organismi aderiscono alla rete Oip (Organic Integrity Platform - www.reteoip.it), piattaforma di tracciabilità che costituisce un ulteriore punto fermo a garanzia del biologico.

Ass.O.Cert.Bio Associazione nazionale Organismi di controllo e Certificazione del Biologico Via delle Lame, 58 40122 Bologna (BO) Tel. +39 051 0453668 info@assocertbio.it www.assocertbio.it

Bio Bank

AssocertBio. Il punto fermo della certificazione


I dati Bio Bank L’albero dei dati

Una banca dati non nasce in una notte, come un fungo. È invece più simile a un albero, che richiede cura, attenzione e tempo. Per l’albero dei dati Bio Bank ci sono voluti più di 25 anni, l’arco di una generazione. Un albero virtuale, dove è sempre possibile risalire alla fonte delle informazioni, e che funziona proprio come una pianta. Le radici assorbono i dati di migliaia di attività bio attraverso impegnativi censimenti diretti e tengono la pianta ben salda alla multiforme realtà del biologico. Il tronco è la struttura portante dei dati. I rami la loro organizzazione in oltre venti archivi, secondo le varie tipologie di attività. Foglie e fiori sono statistiche e infografiche. I frutti le pubblicazioni, strumenti per monitorare e interpretare il mercato del bio. Tutto a partire da un piccolo seme piantato nel 1993: l’intuizione iniziale di realizzare una banca dati al servizio del biologico italiano. Ecco perché i dati, cuore pulsante di tutta l’attività editoriale, non sono in vendita. Sono patrimonio dell’intero settore, perché contribuiscono a una descrizione condivisa della realtà. Quindi censimenti gratuiti di circa 15mila attività in Italia, pubblicazione gratuita, consultazione libera e gratuita sui Media Bio Bank, tra carta, digitale e web. Come questa 13a edizione del Rapporto Bio Bank che presenta dati ed elaborazioni su 11 tipologie di attività: otto per gli alimenti e tre per cosmesi e detergenza.

Dal primo all’ultimo

Ma vediamo come e quando sono iniziati i censimenti delle 11 tipologie di attività monitorate in questo Rapporto. I primi a essere censiti nel 1993 sono stati i Negozi. Il canale distributivo storico dei prodotti biologici contava già quasi 700 punti vendita. Gli Agriturismi sono stati rilevati a partire dal 1995, quando erano meno di 200. Nel 1996 partono i censimenti di Mercatini, Ristoranti e Mense scolastiche. In tutti e tre i casi numeri piccoli, intorno alla settantina. Nel 1998 parte il primo censimento dei Gruppi d’acquisto, una quindicina, cogliendo il fenomeno al suo esordio e seguendone poi la crescita esponenziale degli anni successivi. Il 2001 è la volta degli E-commerce alimenti, appena una cinquantina. Seguono nel 2003 le Aziende con vendita diretta, una realtà già corposa con oltre mille spacci. Dal 2011 l’attenzione si rivolge a un comparto promettente, quello della cosmesi naturale e biologica e della detergenza ecologica. Il primo censimento del comparto riguarda le Aziende di cosmesi & Co certificate, oltre 200. Nel 2013 fari puntati su due nuovi canali distributivi che crescono a vista d’occhio. Da un lato le Profumerie, appena una cinquantina al primo censimento, e dall’altro gli E-commerce cosmesi & Co, appena una settantina per partire. Uno scenario ricco e variegato. Cambia il numero di attività del primo censimento (dalle oltre mille aziende con vendita diretta alla quindicina di gruppi d’acquisto), cambia il periodo (dai 26 anni di censimenti dei negozi ai 6 anni delle profumerie), cambia il numero di attività dell’ultimo censimento (dai 1.350 negozi bio agli oltre 550 ristoranti). Resta una collezione di dati unica nel suo genere.

RAPPORTO BIO BANK 2019

15


I DATI BIO BANK

pubblicazione delle attivitĂ 2019

Precedute da una freccia le tipologie di attivitĂ presenti in questa pubblicazione.

Tipologia di attivitĂ

Pubblicate su Tutto Bio

Fiere & Co

Pubblicate su biobank.it info

Associazioni cassette a domicilio Mercatini

mappe

Aziende con vendita diretta

mappe

Gruppi d'acquisto Supermercati Negozi

mappe

E-commerce alimenti

banche dati

Ristoranti & Co Agriturismi

mappe parziale

organismi di controllo & co alimenti Aziende alimenti

mappe info

parziale

banche dati

Fattorie sociali Centrali equosolidali Aziende equosolidali organismi di controllo & co cosmesi & Co Profumerie & co

info mappe

Aziende cosmesi & Co

banche dati

E-commerce cosmesi & Co

banche dati

Aziende di ristorazione Mense scolastiche Fattorie didattiche

mappe*

* presto online

RAPPORTO BIO BANK 2019

17


benvenuti in vetrina! Una vetrina speciale per scoprire trend e prodotti bio, fra alimentazione, cosmesi e detergenza. Sfogliala online. Vai alla sezione Pubblicazioni su www.biobank.it

Vetrina Bio Bank 2019

e novitĂ bio. 162 eccellenze alla cosmesi. Dagli alimenti

20 trend 162 prodotti


Trend del numero di attività Rallenta l’alimentare

Solo lieve l’incremento delle otto tipologie di attività bio per gli alimenti monitorate in questo Rapporto: erano 8.811 nel 2014, sono arrivate a 9.044 nel 2018, segnando un +2,6%. Un dato che riflette la fase di cambiamento del settore: il giro d’affari del biologico in Italia cresce, ma non più o non solo nelle attività che l’hanno fatto nascere e ne hanno determinato la diffusione e lo sviluppo. Nel medio periodo si riduce infatti l’escursione tra le otto tipologie dell’alimentare e si aggiunge qualche segno meno. Rispetto al 2014 la crescita più alta è del 56,3% , la flessione più bassa del 10,5%. Guidano la classifica le stesse due tipologie del precedente Rapporto. Al primo posto si confermano i siti di e-commerce di alimenti bio, con una crescita a doppia cifra pari al 56,3%, segno che le aziende continuano a investire nell’integrazione con il virtuale. Al secondo le attività di ristorazione, sempre dinamiche, con una crescita del 36,5%. Crescono a due cifre anche le mense scolastiche (+12,5%), seguono i mercatini (+6,8%), mentre si avverte la frenata dei negozi specializzati (+0,4%). Le flessioni riguardano invece le aziende con vendita diretta (-1,6%), gli agriturismi (-5,6%) e i gruppi d’acquisto solidale (-10,5%) perché da qualche anno non c’è più ricambio e prevalgono quelli che terminano l’esperienza rispetto a quelli che la iniziano.

Raddoppia la cosmesi

Continua invece la fase propulsiva della cosmesi bio, dove le attività sono più che raddoppiate negli ultimi cinque anni: erano 458 quelle rilevate nel 2014, sono salite a 1.070 nel 2018, con un incremento del 133,6%. Nelle tre tipologie di attività monitorate per la cosmesi ci sono solo incrementi a tripla e doppia cifra. Sempre in testa le profumerie bio, praticamente triplicate, passando dalle 104 del 2014 alle 304 del 2018, con una crescita del 192,3%. Davvero significativo anche lo sviluppo dei siti di e-commerce dedicati alla cosmesi naturale e biologica, passati da 104 a 285, con una crescita del 174%. Rilevante anche l’aumento delle aziende di cosmesi naturale e biologica e detergenza ecologica, che quasi raddoppiano passando da 250 a 481, con un incremento del 92,4% rispetto al 2014. La scelta della certificazione si conferma quindi un fattore distintivo per qualificare la produzione nel segno della sostenibilità e conquistare nuove fette di mercato. Un mercato che cresce senza alcuna normativa europea all’orizzonte e che si autoregolamenta attraverso la certificazione volontaria, con numerosi standard di certificazione nazionali, europei, internazionali. Ecco perché lo sport più praticato continua a essere il greenwashing, per intercettare la domanda crescente di prodotti naturali, biologici ed ecologici con un’offerta sostenibile solo a parole e non nei fatti.

RAPPORTO BIO BANK 2019

19


Impegnato nell’ottimizzazione della sicurezza e del benessere alimentare oltre che nella salvaguardia dell’ambiente, il Gruppo Arneg supporta con layout fatti su misura le più prestigiose catene di GDO specializzate nel biologico.

Y O U R

G L O B A L

A R N E G

BIO experience

P A R T N E R

F O R

La grande esperienza maturata rende il Gruppo Arneg, già leader nel settore della refrigerazione commerciale, un partner d’eccellenza per crescere nel segno di un’innovazione sostenibile che migliora la qualità della vita.

R E T A I L

www.arneg.it

ITALIA

S O L U T I O N S

studioverde

Soluzioni per i BIO STORES


TREND DEL NUMERO DI ATTIVITÀ

trend n. attività - alimenti & co 2014-2018 2014

+/-

2018

e-commerce alimenti

240

+56,3%

375

ristoranti & co

406

+36,5%

554

1.249

+12,5%

1.405

221

+6,8%

236

Negozi

1.348

+0,4%

1.354

aziende con vendita diretta

2.903

-1,6%

2.857

agriturismi

1.553

-5,6%

1.466

891

-10,5%

797

mense scolastiche mercatini

gruppi d'acquisto

trend n. attività - cosmesi & co 2014-2018 2014

+/-

2018

profumerie & co

104

+192,3%

304

e-commerce cosmesi & co

104

+174,0%

285

aziende cosmesi & co

250

+92,4%

481

Dati Bio Bank

RAPPORTO BIO BANK 2019

21


6|7|8

MARZO

fieramilanocity

Per partecipare come espositore scrivi a espositori@falacosagiusta.org

17ÂŞ fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili Tre giorni di incontri, degustazioni e scoperte per chi ama la terra, i sogni, il cibo buono e il lavoro equo, i vestiti belli e sicuri, le vacanze piĂš autentiche. 65.000 visitatori, 700 realtĂ espositive, centinaia di appuntamenti e laboratori gratuiti.

falacosagiusta.org

Il futurolo fa. è di chi

Organizzata da


Regioni leader 2018 Il metodo

La classifica Bio Bank delle Regioni leader 2018 viene elaborata a partire da due serie di dati: quelli per numero assoluto di attività bio e quelli per densità di attività bio per ogni milione di abitanti. È così possibile visualizzare a colpo d’occhio lo scenario completo delle 11 tipologie di attività bio, tra alimentazione e cosmesi, analizzate in questo rapporto statistico. Il risultato è una doppia infografica, con una doppia classifica, per numero e per densità, che fotografa sia le tre regioni leader dell’anno, sia le regioni che raggiungono il primato in ogni singola tipologia di attività.

La classifica

In testa alla classifica per numero assoluto di attività bio nel 2018 si riconfermano le stesse due regioni del Nord e quella del Centro Italia. La Lombardia resta sul gradino più alto del podio con 1.418 attività (erano 1.417 nel 2017), seguita a ruota dall’Emilia-Romagna con 1.325 (contro 1.312 nel 2017) e poi dalla Toscana con 1.128 (contro 1.126). In queste tre regioni si concentrano 3.871 attività sul totale di 10.114, in pratica quasi quattro su dieci. Anche alla guida della classifica per densità si riconfermano le stesse tre regioni del Centro Italia: le Marche con 397,2 attività per milione di abitanti (erano 398,6 nel 2017), l’Umbria con 345,7 attività (erano 346,5) e la Toscana con 301,6 attività (erano 300,9). Tra le regioni leader in Italia solo la Toscana è presente sia nella classifica per numero, sia in quella per densità.

I primati

Lombardia ed Emilia-Romagna sono le regioni che primeggiano in più tipologie di attività per numero assoluto. La Lombardia è cinque volte prima: per gruppi d’acquisto solidale, negozi, mense, aziende ed e-commerce di cosmesi e detergenza. L’Emilia Romagna è prima quattro volte: con vendita diretta, mercatini, e-commerce di alimenti e ristoranti. Gli altri due primati nel Centro Italia, con la Toscana che si conferma al primo posto per numero di agriturismi e il Lazio che torna leader per numero di profumerie bio (nel 2017 era la Campania). Si spazia di più tra Nord e Centro, con una puntata a Sud, nei primati per densità, che coinvolgono sette regioni. L’Umbria è ancora l’unica al primo posto in tre tipologie (vendita diretta, e-commerce alimenti, agriturismi), il Trentino sempre in due (Gas e negozi), come pure le Marche che al primato delle aziende di cosmesi e detergenza aggiunge quello per i relativi e-commerce. Le quattro regioni restanti dominano in una sola tipologia. Tra le regioni leader in ogni tipologia, l’Emilia-Romagna resta l'unica con il doppio primato per i ristoranti, sia per numero sia per densità.

RAPPORTO BIO BANK 2019

23


REGIONI LEADER 2018

regioni leader Per NUMERO 2018 leader in italia 2018

1

n. attività

3 Emilia-R.

Lombardia

1.325 attività

•2•

1.418 attività

2

Toscana

1.128 attività

•1•

•3•

leader in ogni tipologia 2018 n. attività

24

Tipologia di attività

leader per numero

n. att. regione

su tot. italia

Aziende con vendita diretta

Emilia-R.

399

14,0%

Mercatini

Emilia-R.

50

21,2%

Gruppi d'acquisto

Lombardia

206

25,8%

Negozi

Lombardia

250

18,5%

E-commerce alimenti

Emilia-R.

53

14,1%

Agriturismi

Toscana

275

18,8%

Ristoranti & Co

Emilia-R.

125

22,6%

Mense scolastiche

Lombardia

264

18,8%

Aziende cosmesi & Co

Lombardia

123

25,6%

Profumerie & co

lazio

46

15,1%

E-commerce cosmesi & Co

Lombardia

45

15,8%

RAPPORTO BIO BANK 2019

Dati Bio Bank


REGIONI LEADER 2018

regioni leader Per densità 2018 leader in italia 2018 n. attività/1 mln abitanti

3 Marche

Umbria

345,7 attività / 1 mln ab.

397,2 attività / 1 mln ab.

•2•

2

1

Toscana

301,6 attività / 1 mln ab.

•1•

•3•

leader in ogni tipologia 2018 n. attività/1 mln abitanti

Tipologia di attività

leader per densità

densità regione

densità italia

Aziende con vendita diretta

Umbria

139,5

47,1

Mercatini

Valle d'Aosta

31,5

3,9

Gruppi d'acquisto

Trentino-A.A.

32,8

13,2

Negozi

Trentino-A.A.

55,3

22,4

E-commerce alimenti

umbria

12,4

6,2

Agriturismi

Umbria

106,9

24,2

Ristoranti & Co

Emilia-R.

27,9

9,2

Mense scolastiche

Friuli-V.G.

73,2

23,2

Aziende cosmesi & Co

Marche

17,6

7,9

Profumerie & co

molise

9,7

5,0

E-commerce cosmesi & Co

Marche

14,4

4,7

Dati Bio Bank

RAPPORTO BIO BANK 2019

25


ALIMENTI & COSMESI

11 tipologie a rapporto numero di attività esaminate 2018

9.044 ATTIVITÀ ALIMENTI VENDITA DIRETTA

26

PUNTI VENDITA

FUORI CASA

2.857

1.466

aziende con vendita diretta

agriturismi

236

1.354

554

mercatini

negozi

ristoranti & co

797

375

gruppi d'acquisto

e-commerce alimenti

RAPPORTO BIO BANK 2019

Dati Bio Bank


Il cuore del Rapporto Bio Bank è in queste 22 pagine ricche di commenti, dati e infografiche. Sono in tutto 10.114 le attività rilevate nel 2018, contro le 10.001 del 2017. È sempre la cosmesi a trainare la crescita con 1.070 attività contro le 926 del 2017 (+15,6%), mentre nell’alimentare le attività sono passate da 9.075 a 9.044 (-0,3%). Significativo il turnover: oltre 550 le attività uscite dal censimento, più di 650 quelle entrate.

La prima sezione per consistenza è la vendita diretta (aziende con vendita diretta, mercatini, gruppi d’acquisto) con 3.890 attività sul totale, pari al 38,9%. Segue il fuori casa (agriturismi, ristoranti & co) con 2.020 realtà (20,2%), i punti vendita (negozi, e-commerce alimenti) con 1.729 attività (17,3%), l’infanzia (mense scolastiche) con 1.405 realtà (14%) e infine la sezione della cosmesi & co (aziende, profumerie & co, e-commerce) con 1.070 attività (10,7%).

1.070 ATTIVITÀ COSMESI INFANZIA

COSMESI & CO

10.114 ATTIVITÀ TOTALI

481 aziende cosmesi & co

1.405

304

mense scolastiche

profumerie & co

285 e-commerce cosmesi & co Dati Bio Bank

RAPPORTO BIO BANK 2019

27


AZIENDE CON VENDITA DIRETTA

Corta, anzi cortissima

Criteri del censimento ~ Aziende certificate biologiche con uno spaccio aperto al pubblico: oltre ad aziende agricole e agriturismi, anche laboratori artigiani, aziende di trasformazione e distributori di alimenti.

La vendita diretta in azienda da qualche anno segna il passo. La sua crescita che sembrava inarrestabile ha infatti raggiunto il punto più alto nel 2014 con 2.903 spacci, scesi a 2.857 nel 2018, con una lieve flessione dell’1,6%. Ma resta il fatto che le attività nell’arco di 16 anni sono quasi triplicate, poiché il primo censimento Bio Bank effettuato nel 2003 ne aveva rilevate 1.005. Rimane quindi uno dei pilastri fondamentali della filiera corta, anzi cortissima, che sostiene il cibo locale, fresco e di stagione.

Naturalmente biologico. Un’alleanza perfetta tra campagna e città, perché si traduce in maggior guadagno con incasso immediato per chi vende e in concreto risparmio per chi compra. Una vera manna per molte piccole aziende agricole che riescono a far quadrare i conti proprio grazie alle molteplici attività aziendali, nel segno della multifunzionalità. Come appunto la vendita diretta, spesso la prima tappa per integrare il reddito agricolo, seguita dall’attività didattica e dall’accoglienza agrituristica.

variazioni 2003-2018 > 16 anni

2014-2018 > 5 anni

Storico - Primo e ultimo censimento Bio Bank.

Medio periodo - Primo e ultimo censimento Bio Bank del quinquennio.

1.005

2.857

2.903

2.857

2003

2018

2014

2018

attività

+184,3% 28

RAPPORTO BIO BANK 2019

attività

attività

attività

-1,6% Dati Bio Bank


AZIENDE CON VENDITA DIRETTA

province leader 2018 per numero

n. attività

104 80 77 76 75

perugia bologna grosseto FIRENZE verona

per densità

n. attività/1 mln abitanti

346,6 276,1 201,6 178,9 175,0

GROSSETO SIENA ASCOLI PICENO RIETI forlì-cesena

Regioni leader 2018 3

1

per numero

per densità

n. attività

3

1 Emilia-R. - 399 2 Toscana - 364 3 Veneto - 257

2

identikit 2018 46%

con agriturismo

22%

con fattoria didattica

Con agriturismo

Con fattoria didattica

1.315 sul totale di 2.857

634 sul totale di 2.857

Dati Bio Bank

n. attività/1 mln abitanti

1

2

1 Umbria - 139,5 2 Marche - 126,8 3 Toscana - 97,3

Prodotti più venduti Categoria e n. di aziende Frutta e/o verdura - 1.288 Olio - 1.186 Vino - 824 Succhi e/o conserve - 712 Cereali e/o farine - 533 Miele - 434

RAPPORTO BIO BANK 2019

29


MERCATINI

Le piazze del bio Criteri del censimento ~ Mercatini specializzati di produttori biologici e/o della biodiversità. Il rilevamento, effettuato verso la fine di ogni anno, comprende tutti i mercatini che hanno già programmato le date per l’anno successivo, con periodicità variabile da bisettimanale ad annuale.

I mercatini biologici hanno ormai guadagnato un posto al sole nelle piazze e nelle strade dei centri storici del Belpaese. Sono 236 le realtà censite nel 2018, con una crescita del 6,8% rispetto al 2014. In oltre vent’anni sono più che triplicati, dato che erano appena 74 quelli rilevati da Bio Bank nel lontano 1996. Considerando la frequenza (bisettimanale, settimanale, quindicinale, mensile o annuale) si traducono in oltre cinquemila appuntamenti sul territorio, organizzati da associazioni di produttori, ambien-

taliste o culturali, dai comuni, dalle pro-loco o da strutture nate ad hoc per favorire l’incontro tra produttori e consumatori. Tra le varie forme di vendita diretta è sicuramente quella più coinvolgente, perché tocca tutti i sensi: guardare tra i banchi, sentire le voci, respirare gli odori del cibo, fare un assaggio, conoscere i produttori e infine fare la spesa. Protagonista sui banchi anche la biodiversità alla scoperta di piante, fiori, frutti dimenticati, vecchi semi e antiche razze di animali rurali.

variazioni 1996-2018 > 23 anni

2014-2018 > 5 anni

Storico - Primo e ultimo censimento Bio Bank.

Medio periodo - Primo e ultimo censimento Bio Bank del quinquennio.

74

236

221

236

1996

2018

2014

2018

attività

attività

+218,9% 30

RAPPORTO BIO BANK 2019

attività

attività

+6,8% Dati Bio Bank


MERCATINI

province leader 2018 per numero

n. attività

24 13 12 11 10

MILANO BOLOGNA roma ravenna modena

Regioni leader 2018 2

1

3

per numero

per densità

1

Mesi con più appuntamenti

26%

Mese e n. di mercatini Settembre - 157 Ottobre - 156 Maggio - 153 Aprile - 150 Novembre - 145 Dicembre - 143 Giugno - 141 Marzo - 140

min. 1/anno

min. 1/mese

26 sul totale di 236

Dati Bio Bank

1 Valle d’Aosta - 31,5 2 Emilia-R. - 11,2 3 Marche - 8,5

min. 1/settimana

41%

mercatini della biodiversità

n. attività/1 mln abitanti

3

33%

biodiversità

per densità

2

1 Emilia-R. - 50 2 Lombardia - 46 3 Veneto - 23

11%

31,7 28,1 20,4 19,5 19,0

AOSTA RAVENNA massa-carrara belluno MACERATA

n. attività

identikit 2018

n. attività/1 mln abitanti

periodicità Sul totale di 236: 78 almeno una volta alla settimana 62 almeno una volta al mese 96 almeno una volta all’anno

RAPPORTO BIO BANK 2019

31


GRUPPI D'ACQUISTO

Gas r-evolution

Criteri del censimento ~ Gruppi d’acquisto solidale (Gas) formali o informali. Sono formati da persone e famiglie che hanno scelto di fare la spesa insieme in modo consapevole, con un duplice obiettivo: sostenere i produttori biologici e locali, ottenere un significativo risparmio economico.

Ancora in calo i gruppi d’acquisto solidale. Scendono a 797 i gruppi censiti nel 2018 con una flessione del 10,5% rispetto al 2014. Un fenomeno sociale colto sul nascere con il primo censimento Bio Bank del 1998 quando i Gas erano appena 15, che si è propagato con tassi di crescita a due cifre fino al 2011, poi la frenata e la decrescita. I gruppi storici, più grandi, più strutturati si evolvono verso nuove formule distributive. Come l’Emporio di comunità Camilla, aperto a Bologna dal Gas Alchemilla e da Cam-

piaperti, associazione che organizza i mercatini bio in città. E su questa scia anche i negozi partecipativi in apertura a Parma con Oltrefood e a Cagliari con Mesa Noa. C’è chi tenta la via dell’e-commerce. E chi come Aequos di Varese, punta sull’aggregazione e sulla logistica con un magazzino al servizio di una cinquantina di Gas. E ancora chi si trasforma in realtà produttiva. Restano i principi e i valori del consumo critico, le reti tra famiglie, con i produttori, con le realtà dell’economia sociale e solidale.

variazioni 1998-2018 > 21 anni

2014-2018 > 5 anni

Storico - Primo e ultimo censimento Bio Bank.

Medio periodo - Primo e ultimo censimento Bio Bank del quinquennio.

15

797

891

797

1998

2018

2014

2018

attività

attività

+5.213% 32

RAPPORTO BIO BANK 2019

attività

attività

-10,5% Dati Bio Bank


GRUPPI D'ACQUISTO

province leader 2018 per numero

per densità

n. attività

82 54 37 34 24

MILANO ROMA TORINO FIRENZE trento

n. attività/1 mln abitanti

44,5 33,6 33,3 31,4 30,1

TRENTO FIRENZE parma VERBANO-C.O. rep. san marino*

* considerata come provincia

Regioni leader 2018 1

3 2

per numero

reti di gas

per densità

n. attività

n. attività/1 mln abitanti

2

1 Lombardia - 206 2 Toscana - 85 3 Emilia-R. - 84

identikit 2018 2%

1

43%

con sito web

3

1 Trentino-A.A. - 32,8 2 Toscana - 22,7 3 Marche - 21,5

11% al sud

64%

al nord

25%

al centro

reti di gas

Con sito web

area geografica

19 sul totale di 797

346 sul totale di 797

Sul totale di 797: 508 al Nord 199 al Centro 90 al Sud

Dati Bio Bank

RAPPORTO BIO BANK 2019

33


NEGOZI

Al centro del bio Criteri del censimento ~ Negozi specializzati di alimenti bio ed erboristerie che offrono un’ampia gamma di alimenti biologici freschi e secchi.

Continua la sfida per i negozi del biologico. Se nel 2009 le vendite di prodotti bio passavano per il 45% negli specializzati e per il 29% nei supermercati, nel 2018 la situazione si è capovolta, come ben evidenzia il Focus Bio Bank Supermercati & Specializzati 2019. I negozi bio sono raddoppiati in 26 anni, passando dai 682 del 1993 ai 1.354 del 2018. Ma nell’ultimo anno sono calati del 5,8% con un turnover che ha segnato quasi 180 attività uscite dal censimento e appena una novantina entrate. Un trend che potrebbe continuare anche nei pros-

simi anni. Chiudono i negozi sotto i 70 metri quadri, crescono quelli oltre i 150. Il 79% dei negozi sceglie la strada dell’aggregazione, con varie formule, dal franchising alla condivisione di programmi promozionali. Fanno la differenza l’assortimento imbattibile anche nei freschi e freschissimi, la gastronomia, i prodotti locali, regionali e solidali, il reparto erboristico, il bistrot o il ristorante collegato, gli incontri, le visite in fattoria. Insomma la cultura del bio, di cui custodiscono la storia.

variazioni 1993-2018 > 26 anni

2014-2018 > 5 anni

Storico - Primo e ultimo censimento Bio Bank.

Medio periodo - Primo e ultimo censimento Bio Bank del quinquennio.

682

1.354

1.348

1.354

1993

2018

2014

2018

attività

attività

+98,5% 34

RAPPORTO BIO BANK 2019

attività

attività

+0,4% Dati Bio Bank


NEGOZI

province leader 2018 per numero

n. attività

119 89 88 38 35

ROMA MILANO TORINO bolzano VICENZA, bari

per densità

n. attività/1 mln abitanti

72,0 60,2 59,3 55,5 48,8

BOLZANO rep. san marino* RIMINI PESARO-URBINO belluno

* considerata come provincia

Regioni leader 2018 2

1

1

per numero

3

n. attività

3

n. attività/1 mln abitanti

1 Lombardia - 250 2 Veneto - 153 3 Lazio - 141

identikit 2018 31%

fino a 70 mq

2

79%

negozi aggregati

34%

oltre 150 mq

35%

da 71 a 150 mq

Superfici

Negozi aggregati

Dichiarate da 795 negozi su 1.354 250 negozi fino a 70 mq 278 negozi da 71 a 150 mq 267 negozi oltre 150 mq

1.067 sul totale di 1.354 * Possibili duplicazioni per adesione a più programmi commerciali

Dati Bio Bank

per densità

1 Trentino-A.A. - 55,3 2 Marche - 43,1 3 Friuli-V.G. - 36,2

aggregazioni Aggregazione e n. di negozi Ki Ama Bio - 440 NaturaSì - 260 Cuorebio - 217 Un Punto Macrobiotico - 39 Biobottega - 26 NaturPlus - 22 Bio c’ Bon - 17 Piacere Terra - 18 MelaVerdeBio - 18 Biosapori - 10

RAPPORTO BIO BANK 2019

35


E-COMMERCE ALIMENTI

Sempre più bio online

Criteri del censimento ~ E-commerce aperti da aziende bio, negozi specializzati fisici ed e-commerce solo virtuali (specializzati bio, con ampio reparto bio o con selezioni di alta gamma, bio compreso), con ordine e pagamento online e consegna in tutta Italia.

Il fatturato dell’e-commerce in Italia ha raggiunto i 41,5 miliardi di euro nel 2018, con un incremento del 18% sul 2017. Anche se la quota dell’alimentare è appena il 2,8%, prosegue il tasso di crescita a doppia cifra, ovvero il 17% rispetto all’anno precedente. E per il 2019 la crescita stimata è del 27%, secondo il report E-Commerce in Italia 2019 di Casaleggio Associati. Un trend confermato anche dai dati Bio Bank. Il numero di e-commerce di alimenti bio è passato infatti dai 240 rilevati nel 2014, ai 375

del 2018, con una crescita del 56,3% nel medio periodo, la più elevata tra le otto tipologie di attività monitorate in questo Rapporto per gli alimenti. Trend che prosegue dal 2001, quando erano appena 49. Le vetrine virtuali del bio sono soprattutto quelle delle aziende, ben 296, pari al 79% del totale. Il resto è ripartito equamente tra e-commerce di negozi bio e negozi esclusivamente online. Un canale distributivo destinato a crescere, perché fa risparmiare tempo e denaro, con il massimo dell’assortimento.

variazioni 2001-2018 > 18 anni

2014-2018 > 5 anni

Storico - Primo e ultimo censimento Bio Bank.

Medio periodo - Primo e ultimo censimento Bio Bank del quinquennio.

49

375

240

375

2001

2018

2014

2018

attività

attività

+665,3% 36

RAPPORTO BIO BANK 2019

attività

attività

+56,3% Dati Bio Bank


E-COMMERCE ALIMENTI

province leader 2018 per numero

n. attività

ROMA brescia, verona milano, forlì-cesena, bari firenze, perugia, pesaro-urbino cuneo, padova, modena, rimini

13 12 11 10 9

per densità

n. attività/1 mln abitanti

30,1 27,9 27,8 26,7 21,8

rep. SAN MARINO* FORLì-CESENA PESARO-URBINO rimini RAgusa

* considerata come provincia

Regioni leader 2018 2

1

3

per numero

per densità

2

n. attività

1 Emilia-R. - 53 2 Lombardia - 47 3 Veneto - 39

n. attività/1 mln abitanti

1

1 Umbria - 12,4 2 Emilia-R. - 11,8 3 Basilicata - 10,6

3

identikit 2018 10%

e-commerce

79%

aziende

30%

alcuni bio

39%

solo bio

11% negozi

31%

molti bio

Tipologia

Prodotti

Sul totale di 375: 296 aziende con e-commerce 42 negozi con e-commerce 37 solo e-commerce

Sul totale di 375: 146 con solo prodotti bio 117 con molti prodotti bio 112 con alcuni prodotti bio

Dati Bio Bank

PRODOTTI PIù PRESENTI ONLINE Categoria e n. di e-commerce Olio - 104 Succhi e/o conserve - 80 Condimenti - 77 Cereali e/o farine - 71 Pasta - 60 Bevande - 57 Frutta e/o verdura - 52 Integratori - 51 Vino - 51 Miele - 44 Prodotti da forno - 42

RAPPORTO BIO BANK 2019

37


AGRITURISMI

Vacanze al naturale Criteri del censimento ~ Aziende agricole biologiche certificate che svolgono anche attività agrituristica attraverso l’offerta di uno o più servizi quali: pernottamento fisso (camere, appartamenti), pernottamento mobile (agricampeggio, sosta camper), ristorazione (bed & breakfast, mezza pensione, pensione completa, ristorante aperto anche ai non ospiti). Sono oltre 23mila le aziende agrituristiche italiane censite dall’Istat nel 2017 con una crescita del 3,3% rispetto al 2016, mentre le presenze in agriturismo sono salite a 12,7 milioni, segnando un +5,3%. In controtendenza la realtà degli agriturismi bio, che hanno raggiunto il loro numero più alto nel 2013 con 1.567, per scendere poi a 1.553 nel 2014, fino ai 1.466 nel 2018, con un decremento del 5,6% nel medio periodo. C’è chi cessa proprio l’attività, chi continua ma non fa più agricoltura biologica oppure chi

prosegue con il bio ma lascia la certificazione. Resta comunque una realtà corposa, dato che in 24 anni gli agriturismi bio si sono moltiplicati per otto, a partire dai 187 censiti nel lontano 1995. L’offerta agrituristica propone pernottamento nel 93% delle attività e ristorazione nel 77%. Si aggiungono la vendita diretta (90%), il ristorante aperto a tutti (49%), l’attività didattica (30%). Un’offerta articolata, rivolta a grandi e piccini, per un’immersione nella natura, nel rispetto della terra e dei suoi ritmi.

variazioni 1995-2018 > 24 anni

2014-2018 > 5 anni

Storico - Primo e ultimo censimento Bio Bank.

Medio periodo - Primo e ultimo censimento Bio Bank del quinquennio.

187

1.466

1.553

1.466

1995

2018

2014

2018

attività

attività

+684,0% 38

RAPPORTO BIO BANK 2019

attività

attività

-5,6% Dati Bio Bank


AGRITURISMI

province leader 2018 per numero

n. attività

80 64 57 49 48

PERUGIA SIENA GROSSETO PESARO-URBINO firenze

per densità

n. attività/1 mln abitanti

256,6 238,8 140,5 136,1 121,6

GROSSETO SIENA RIETI PESARO-URBINO perugia

Regioni leader 2018 per numero

2

per densità

n. attività

1

3

identikit 2018 90%

con vendita diretta

Con vendita diretta 1.314 sul totale di 1.466

3

1 Toscana - 275 2 Emilia-R. - 184 3 Marche - 152

49%

con ristorante aperto a tutti

Con ristorante aperto a tutti

n. attività/1 mln abitanti

1

2

1 Umbria - 106,9 2 Marche - 98,8 3 Toscana - 73,5

30%

con fattoria didattica

Con fattoria didattica 442 sul totale di 1.466

725 sul totale di 1.466

Dati Bio Bank

RAPPORTO BIO BANK 2019

39


RISTORANTI & CO

Tendenza Bio-Veg Criteri del censimento ~ Ristoranti, pizzerie, gastronomie, bar, gelaterie e altri locali che somministrano alimenti e bevande, utilizzando almeno il 70% di ingredienti biologici. Sono incluse le aree ristoro dentro i negozi di alimenti bio.

Mentre calano i consumi alimentari domestici, quelli per i servizi di ristorazione continuano a crescere. La spesa degli italiani per mangiare fuori casa ha raggiunto quota 82,8 miliardi di euro nel 2017, con un incremento reale del 4,7% rispetto all’anno precedente, secondo i dati diffusi da Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi). Un valore che comprende sia la ristorazione commerciale, sia quella collettiva. Il mercato della ristorazione biologica è stimato invece in 606 milioni di euro nel 2018, con

una crescita del 46% rispetto al 2017. Un trend positivo confermato anche dai dati Bio Bank. In 23 anni i ristoranti bio sono cresciuti di otto volte, passando dai 71 censiti nel 1996 ai 554 rilevati nel 2018. Sostenuto anche l’incremento degli ultimi cinque anni pari al 36,5%. Continua a essere molto elevato il turnover, con più di ottanta ristoranti in uscita e altrettanti in entrata nel censimento dell’ultimo anno. La cucina vegana e quella vegetariana restano prevalenti. Una tendenza, non certo una moda.

variazioni 1996-2018 > 23 anni

2014-2018 > 5 anni

Storico - Primo e ultimo censimento Bio Bank.

Medio periodo - Primo e ultimo censimento Bio Bank del quinquennio.

71

554

406

554

1996

2018

2014

2018

attività

attività

+680,3% 40

RAPPORTO BIO BANK 2019

attività

attività

+36,5% Dati Bio Bank


RISTORANTI & CO

province leader 2018 per numero

per densità

n. attività

68 60 38 24 22

roma milano BOLOGNA FORLì-CESENA ravenna

n. attività/1 mln abitanti

60,9 60,2 56,2 41,5 37,6

FORLì-CESENA rep. SAN MARINO* RAVENNA RIMINI BOLOGNA

* considerata come provincia

Regioni leader 2018 2

per numero

1

1

n. attività

3

48%

con cucina vegana

per densità

n. attività/1 mln abitanti

2

1 Emilia-R. - 125 2 Lombardia - 114 3 Lazio - 68

identikit 2018

3

46%

con cucina vegetariana

1 Emilia-R. - 27,9 2 Marche - 24,8 3 Veneto - 12,6

36%

con cucina tradizionale

Con cucina vegana

Con cucina vegetariana

Con cucina tradizionale

266 sul totale di 554

255 sul totale di 554

202 sul totale di 554

Dati Bio Bank

RAPPORTO BIO BANK 2019

41


MENSE SCOLASTICHE

Investire sulla salute Criteri del censimento ~ Comuni che hanno introdotto alimenti bio nella refezione scolastica (una sola portata bio, alcuni prodotti bio o l’intero menù bio), mense scolastiche private steineriane.

Un nuovo impulso positivo per le mense è arrivato senz’altro dagli incentivi istituzionali. A partire dal 2018, e fino al 2021, il Fondo per le mense scolastiche biologiche premia infatti quelle più virtuose, come evidenzia il Focus Bio Bank - Mense scolastiche 2018. Le mense sono così cresciute del 7,2% nell’ultimo anno e del 12,5% tra il 2014 e il 2018, passando da 1.249 a 1.405. Una realtà che ha superato la prova del tempo: erano appena 72 nel 1996, con il primo censimento Bio Bank. Il ruolo del biologico nelle mense delle scuole resta strategico per la sua portata educativa verso i più

piccoli e - attraverso di loro - verso gli adulti e l’intera comunità. Il fondo è destinato a realizzare iniziative di informazione e promozione nelle scuole. Ma soprattutto a ridurre il costo del servizio a carico degli utenti. Perché, proprio mentre cresce l’interesse generale per i prodotti biologici, calano le risorse pubbliche e quelle delle famiglie. Investire sulla salute dei bambini e dell’ambiente, dando uno sbocco commerciale sempre più importante per i produttori biologici, crea un circolo virtuoso che è giusto incentivare.

variazioni 1996-2018 > 23 anni

2014-2018 > 5 anni

Storico - Primo e ultimo censimento Bio Bank. In 23 anni le mense si sono moltiplicate per 18.

Medio periodo - Primo e ultimo censimento Bio Bank del quinquennio.

72

1.405

1.249

1.405

1996

2018

2014

2018

attività

attività

+1.851% 42

RAPPORTO BIO BANK 2019

attività

attività

+12,5% Dati Bio Bank


MENSE SCOLASTICHE

province leader 2018 per numero

per densità

n. attività

76 70 61 54 51

torino milano VICENZA trento, udine treviso

3

2

2

per numero n. attività

1 Lombardia - 264 2 Veneto - 241 3 Emilia-R. - 165

identikit 2018 27%

min. 70% bio

3

1

per densità

n. attività/1 mln abitanti

1 Friuli-V.G. - 73,2 2 Trentino-A.A. - 51,5 3 Veneto - 49,1

44% 21%

102,0 100,0 80,2 78,9 73,7

udine trento piacenza gorizia pordenone

Regioni leader 2018 1

n. attività/1 mln abitanti

fino a 300 pasti

3% 3%

diretta mista

94%

appalto

oltre 1.000 pasti

35%

da 301 a 1.000 pasti

CON ALMENO IL 70% DI MATERIE PRIME BIO 281 su 1.036 che hanno dichiarato la % di materie prime bio

Dati Bio Bank

pasti giornalieri

gestione

Dichiarati da 1.196 mense su 1.405 519 mense fino a 300 pasti 423 mense da 301 a 1.000 pasti 254 mense oltre 1.000 pasti

Dichiarata da 1.332 mense su 1.405 1.256 mense con appalto 32 mense con gestione diretta 44 mense con gestione mista

RAPPORTO BIO BANK 2019

43


AZIENDE COSMESI & CO

Trasparenza vs Greenwashing Criteri del censimento ~ Aziende che producono, importano e distribuiscono cosmesi naturale o biologica e/o detergenza ecologica che, in assenza di un quadro normativo, scelgono di essere certificate da un organismo di controllo accreditato.

Sono quasi raddoppiate nel medio periodo le aziende di cosmesi e detergenza certificate, passando dalle 250 del 2014 alle 481 del 2018. Hanno scelto la strada più lunga, quella della trasparenza, entrando in un sistema volontario di certificazione. Sono queste aziende a trainare l’innovazione dell’intero settore della cosmesi verso la sostenibilità. La scorciatoia è invece semplicemente quella del greenwashing, che strizza l’occhio al bio nel nome, utilizza impropriamente i claim, rappresenta la natura solo sulla confezione, oppure contiene un solo ingrediente bio in percentua-

le minima, ma lo strilla sul pack. Un vero slalom per chi compra! Ma la domanda continua a crescere. E l’offerta ha da tempo superato i confini di negozi bio, e-commerce dedicati e bioprofumerie, per entrare negli specializzati del bello e pulito e nei supermercati, anche con le private label, aprendo nuove opportunità per le aziende specializzate nel bio. Sono infatti già una decina le catene che hanno lanciato la propria marca di cosmesi bio certificata, come illustrato sul Focus Bio Bank - Supermercati & Specializzati 2019.

variazioni 2017-2018 > 2 anni

2014-2018 > 5 anni

Breve periodo - Ultimi due censimenti Bio Bank.

Medio periodo - Primo e ultimo censimento Bio Bank del quinquennio.

426

481

250

481

2017

2018

2014

2018

attività

attività

+12,9% 44

RAPPORTO BIO BANK 2019

attività

attività

+92,4% Dati Bio Bank


AZIENDE COSMESI & CO

province leader 2018 per numero

n. attività

54 30 24 20 19

MILANO BOLOGNA torino firenze verona

per densità

n. attività/1 mln abitanti

90,3 30,5 29,7 27,5 26,1

rep. SAN MARINO* PESARO-URBINO BOLOGNA ANCONA lodi

* considerata come provincia

Regioni leader 2018 1

2

per numero n. attività

1 Lombardia - 123 2 Emilia-R. - 70 3 Toscana - 53

3

identikit 2018 30%

con e-commerce

393

produttori

246

distributori

27

importatori

con e-commerce

Fasi filiera

146 sul totale di 481

Risposte multiple Sul totale di 481

per densità

2

n. attività/1 mln abitanti

3

1

1 Marche - 17,6 2 Emilia-R. - 15,6 3 Toscana - 14,2

tipologia di prodotti Categoria e n. di aziende Cosmesi - 379 Detergenza persona - 265 Make-up - 38 Oli essenziali - 35 Solari - 31 Profumi - 22 Materie prime - 48 Detergenza casa - 46 Prodotti per animali - 8 Altro - 55

Dati Bio Bank

RAPPORTO BIO BANK 2019

45


PROFUMERIE & CO

Bellezza? Naturalmente bio! Criteri del censimento ~ Profumerie e saponerie specializzate che offrono un’ampia gamma di prodotti di cosmesi naturale o biologica e/o detergenza ecologica, certificati da organismi di controllo accreditati.

Il record di crescita va anche quest’anno alle profumerie bio, passate dalle 104 del 2014 alle 304 del 2018, segnando un +192,3%. Un incremento a tripla cifra nel medio periodo, ma comunque dimezzato rispetto a quello evidenziato sul Rapporto Bio Bank 2018. Un canale distributivo recente che contava su appena 49 punti vendita in Italia, secondo il primo rilevamento Bio Bank del 2013. Ma con un turnover elevatissimo: nell’ultimo anno sono uscite dal rilevamento una quarantina di attività e ne sono entrate un centinaio, generando un saldo po-

sitivo del 24,1%. La passione per il make up, la ricerca di uno sbocco lavorativo e l’investimento modesto per aprire una bioprofumeria, attirano molte giovani donne. Requisiti che non bastano per resistere sul mercato, se manca un’adeguata preparazione professionale e competenze gestionali a 360 gradi. Scende al 24% l’integrazione con l’e-commerce, una sfida nella sfida. La distribuzione territoriale vede in testa il nord con il 38,2% dei punti vendita, tallonato dal sud con il 34,2%. La bellezza bio corre lungo tutto lo Stivale!

variazioni 2017-2018 > 2 anni

2014-2018 > 5 anni

Breve periodo - Ultimi due censimenti Bio Bank.

Medio periodo - Primo e ultimo censimento Bio Bank del quinquennio.

245

304

104

304

2017

2018

2014

2018

attività

attività

+24,1% 46

RAPPORTO BIO BANK 2019

attività

attività

+192,3% Dati Bio Bank


PROFUMERIE & CO

province leader 2018 per numero

n. attività

35 17 10 8 7

ROMA NAPOLI TORINO, bologna MILANO, bari, catania perugia

per densità

n. attività/1 mln abitanti

15,7 14,4 12,9 12,8 11,7

viterbo ASCOLI PICENO chieti rieti isernia

Regioni leader 2018 per numero

2

per densità

n. attività

1

3

1 Lazio - 46 2 Emilia-R. - 36 3 Campania - 32

identikit 2018 24%

n. attività/1 mln abitanti

con e-commerce

29%

nel 2016-18

2

17%

fino al 2012

3

1

1 Molise - 9,7 2 Umbria - 9,0 3 Abruzzo - 8,4

21%

oltre 50 mq

28%

fino a 25 mq

54%

nel 2013-15

51%

da 26 a 50 mq

con e-commerce

Anno di apertura

Superfici

72 sul totale di 304

Dichiarato da 239 attività su 304 40 fino al 2012 130 nel 2013-15 69 nel 2016-18

Dichiarate da 39 attività su 304 11 profumerie fino a 25 mq 20 profumerie da 26 a 50 mq 8 profumerie oltre 50 mq

Dati Bio Bank

RAPPORTO BIO BANK 2019

47


E-COMMERCE COSMESI & CO

Bio & Beauty online

Criteri del censimento ~ E-commerce aperti da aziende di cosmesi e detergenza, profumerie fisiche e profumerie solo virtuali, per l’acquisto di cosmesi biologica o naturale e/o detergenza ecologica, con ordine e pagamento online e consegna in tutta Italia.

Crescita a tripla cifra nel medio periodo anche per gli e-commerce, passati dai 104 rilevati nel 2014 ai 285 del 2018, segnando un +174%. Un canale di vendita in piena espansione, anche se con un ritmo meno incalzante nel 2018: +11,8% rispetto al 2017, contro il 31,4% dell’anno precedente. A trainare la crescita sono soprattutto le aziende di cosmesi bio con 142 e-commerce, il 50% del totale. Almeno tre gli obiettivi: incrementare le vendite, aumentare la visibilità dell’azienda e dell’intero assortimento prodotti, dare un riferimento certo per i prezzi orientando il mercato. Stabili le profumerie con una quota

del 28%. Scendono invece al 22% i negozi solo virtuali che hanno un elevato turnover, come le profumerie. Quasi la metà dei siti propone solo prodotti naturali e biologici certificati, confermando una specializzazione più elevata e una maggiore integrazione tra reale e virtuale rispetto all’alimentare. Salute e bellezza rappresentano comunque appena lo 0,3% sul totale delle vendite online in Italia, che valgono 41,5 miliardi di euro secondo il report E-Commerce in Italia 2019 di Casaleggio Associati.

variazioni 2017-2018 > 2 anni

2014-2018 > 5 anni

Breve periodo - Ultimi due censimenti Bio Bank.

Medio periodo - Primo e ultimo censimento Bio Bank del quinquennio.

255

285

104

285

2017

2018

2014

2018

attività

attività

+11,8% 48

RAPPORTO BIO BANK 2019

attività

attività

+174,0% Dati Bio Bank


E-COMMERCE COSMESI & CO

province leader 2018 per numero

n. attività

14 12 11 9 8

MILANO roma to, bg, VR, pu bologna bari, catania

per densità

n. attività/1 mln abitanti

30,5 30,1 17,8 15,5 13,4

PESARO-URBINO rep. SAN MARINO* FORLì-CESENA parma CAMPOBASSO

* considerata come provincia

Regioni leader 2018 1

2

3

per numero

22%

e-commerce

50%

aziende

16%

alcuni bio

2

48%

solo bio

28%

36%

tipologia

prodotti

Sul totale di 285: 142 aziende con e-commerce 79 profumerie con e-commerce 64 solo e-commerce

Sul totale di 285: 138 con solo prodotti bio 101 con molti prodotti bio 46 con alcuni prodotti bio

profumerie

Dati Bio Bank

n. attività/1 mln abitanti

1

1 Lombardia - 45 2 Emilia-R. - 36 3 Veneto - 32

identikit 2018

per densità

3

n. attività

molti bio

1 Marche - 14,4 2 Molise - 13,0 3 Emilia-R. - 8,0

categorie ONLINE Categorie e n. di e-commerce Cosmesi - 273 Detergenza persona - 246 Solari - 147 Make-up - 147 Profumi - 117 Oli essenziali - 117 Detergenza casa - 73 Prodotti per animali - 47 Materie prime - 41 Altro - 66

RAPPORTO BIO BANK 2019

49


FOTO: ©SARA CASNA

CAMPAGNA ABBONAMENTI 2019/2020

CHI AMA LA TERRA ALZA LA VOCE

Sostieni Nuova ecologia. Dal 1979 dalla parte del pianeta

www.lanuovaecologia.it


ORGANISMI DI CONTROLLO & CO

novità

Alimenti

Criteri del censimento bio bank ~ Organismi autorizzati dal Ministero delle Politiche agricole e accreditati da Accredia per la certificazione delle produzioni bio. Inoltre disciplinari privati più restrittivi.

Dati aggiornati al 31 dicembre 2017.

organismi Italia

ABCERT srl www.abcert.it Via Enzenberg, 38 39018 Terlano BZ Tel. 0471/238042 info@abcert.it

Presidente

Thomas Damm Costituzione 2007 Codice IT-BIO-013

AGROQUALITÀ spa www.agroqualita.it V.le C. Pavese, 305 00144 Roma RM Tel. 06/54228675 agroqualita@agroqualita.it

Presidente

Ferruccio Dardanello Costituzione 1995 Codice IT-BIO-018

Autorizzazione

D.M. n. 21460 del 21.11.16 Aziende 153 Ettari 2.310

BIOAGRICERT srl unipersonale

www.bioagricert.org Via dei Macabraccia, 8/3-5 40033 Casalecchio di Reno BO Tel. 051/562158 info@bioagricert.org

Presidente

Mariano Battaglia Costituzione 1984 Codice IT-BIO-007

Autorizzazione

D.M. n. 91822 del 29.07.02 Aziende 11.139 Ettari 288.187

Autorizzazione

D.M. n. 20859 del 24.09.09 Aziende 1.337 Ettari 8.632

Dati Bio Bank

RAPPORTO BIO BANK 2019

51


ALIMENTI - ORGANISMI DI CONTROLLO & CO

BIOS srl

CCPB srl

CODEX srl

www.certbios.it

www.ccpb.it

www.codexsrl.it

Via Montello, 6 36063 Marostica VI Tel. 0424/471125 info@certbios.it

V.le A. Masini, 36 40126 Bologna BO Tel. 051/6089811 ccpb@ccpb.it

Via G. Amendola, 14 95048 Scordia CT Tel. 095/650716 codex@codexsrl.it

Daniele Dal Molin Costituzione 1996 Codice IT-BIO-005

Fabrizio Piva

Autorizzazione

Costituzione 1988 Codice IT-BIO-009 Autorizzazione

Antonio Fasano Costituzione 1995 Codice IT-BIO-002

D.M. n. 9990587 del 02.04.99 Aziende 5.824 Ettari 139.955

D.M. n. 0026023 del 28.12.07 Aziende 10.633 Ettari 199.136

Presidente

Amministratore delegato

Amministratore

Autorizzazione

D.M. n. 9697170 del 18.12.96 Aziende 2.061 Ettari 53.766

DQA srl www.dqacertificazioni.it

CEVIQ srl

Dipartimento Qualità Agroalimentare Via G. Tomassetti, 9 00161 Roma RM Tel. 06/85451246 info@dqacertificazioni.it

www.ceviq.it

Amministratore unico

Certificazione Vini e Prodotti Italiani di Qualità Via A. Bortolossi, 1 33040 Pradamano UD Tel. 0432/510619 biologico@ceviq.it

Costituzione 2010 Codice IT-BIO-020 Autorizzazione

Franco Valfrè

D.M. n. 4186 del 15.03.18

Presidente

Germano Zorzettig Costituzione 2009 Codice IT-BIO-017

Autorizzazione

D.M. n. 18507 del 30.09.15 Aziende 98 Ettari 2.236

52

RAPPORTO BIO BANK 2019

Dati Bio Bank


ALIMENTI - ORGANISMI DI CONTROLLO & CO

ECOGRUPPO ITALIA srl

INOQ soc. coop

SIDEL spa

www.inoq.it

www.sidelitalia.it

www.ecogruppoitalia.it

Istituto Nord Ovest Qualità P.zza C.A. Grosso, 82 12033 Moretta CN Tel. 0172/911323 inoq@inoq.it

Via Isonzo, 12 40055 Villanova di Castenaso BO Tel. 051/0403611 info@sidelitalia.it

Gianni Comba Costituzione 1998 Codice IT-BIO-019

Andrea Montaguti Costituzione 1991 Codice IT-BIO-012

D.M. n. 2736 del 20.02.18

D.M. n. 20856 del 24.09.09 Aziende 3.537 Ettari 128.053

Via P. Mascagni, 79 95129 Catania CT Tel. 095/7470006 info@ecogruppoitalia.it

Amministratore

Angelo Maugeri Costituzione 1992 Codice IT-BIO-008

Autorizzazione

D.M. n. 17340 del 29.07.10 Aziende 4.854 Ettari 214.710

Direttore generale

Autorizzazione

QCERTIFICAZIONI srl a socio unico

ICEA

www.qcsrl.it

www.icea.bio

Villa Parigini Loc. Basciano 53035 Monteriggioni SI Tel. 0577/327234 lettera@qcsrl.it

Istituto Certificazione Etica e Ambientale Via G. Brugnoli, 15 40122 Bologna BO Tel. 051/272986 icea@icea.bio

Presidente

Pietro Campus Costituzione 2000 Codice IT-BIO-006

Autorizzazione

D.M. n. 91737 del 18.07.02 Aziende 16.458 Ettari 340.363

Dati Bio Bank

Amministratore delegato Roberto V. De Rosa Costituzione 2009 Codice IT-BIO-014

Autorizzazione

D.M. n. 26740 del 04.12.09 Aziende 1.366 Ettari 21.545

Presidente

Autorizzazione

SIQURIA spa www.siquria.it Società Italiana per la Qualità e la Rintracciabilità degli Alimenti Via A. Mattielli, 11 37038 Soave VR Tel. 045/4857514 info@siquria.it

Direttore generale Guido Giacometti Costituzione 2009 Codice IT-BIO-016

Autorizzazione

D.M. n. 15074 del 30.07.15

RAPPORTO BIO BANK 2019

53


MEDITERRANEO DOSSIER

IL QUADRIMESTRALE DELLA FONDAZIONE GIROLOMONI BIOLOGICO, CULTURA, IDEE, EVENTI E PERSONAGGI www.fondazionegirolomoni.it

Per informazioni e abbonamenti Fondazione Girolomoni Monastero di Montebello via Montebello, 1 61030 Isola del Piano (PU) Tel. 0721 720334 fondazione@girolomoni.it www.fondazionegirolomoni.it

Design Anna Rebeschini

ABBONATI A:


ALIMENTI - ORGANISMI DI CONTROLLO & CO

SUOLO E SALUTE

ORGANISMI BOLZANO

srl

BIKO www.biko.at

Costituzione 1969 Codice IT-BIO-004 Autorizzazione

Kontrollservice Tirol Wilhelm-Greil Straße, 9 6020 Innsbruck (Austria) Tel. +43 (0)5.92923100 office@biko.at Codice IT-BIO-001-BZ

D.M. n. 9697232 del 30.12.96 Aziende 17.930 Ettari 497.766

QC&I gmbh

Presidente

Angelo Costa

VALORITALIA srl www.valoritalia.it P.zza Roma, 10 14100 Asti AT Tel. 0141/436915 biologico@valoritalia.it

Presidente

​Francesco Liantonio Costituzione 2009 Codice IT-BIO-015

Autorizzazione

D.M. n. 15073 del 30.07.15 Aziende 1.357 Ettari 18.419

Dati Bio Bank

Ivo Bertaina

Marchio

www.suoloesalute.it Via P. Borsellino, 12/B 61032 Fano PU Tel. 0721/860543 info@suoloesalute.it

Presidente

AgriBioDinamica

AIAB www.aiab.it Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica Via P. Molajoni, 76 00159 Roma RM Tel. 06/4386450 ufficiomarchio@aiab.it

Presidente

www.qci.de

Antonio Corbari

Gesellschaft für Kontrolle und Zertifizierung von Qualitätssicherungssystemen Gleuelerstrasse, 286 50935 Köln (Germania) Tel. +49 (0)6551.147645 qci.koeln@qci.de Codice IT-BIO-003-BZ

GaranziaAiab Italia

DISCIPLINARI PRIVATI

AGRI.BIO.ITALIA www.agribiodinamica.it Associazione produttori e consumatori biologici e biodinamici Via Generale Cappa, 45 12063 Dogliani CN Tel. 0173/70407 info@agribiodinamica.it

Marchio

DEMETER

ASSOCIAZIONE ITALIA www.demeter.it Associazione per la tutela della qualità biodinamica in Italia Strada Naviglia, 11/A 43122 Parma PR Tel. 0521/776962 info@demeter.it

Presidente

Alois Lageder

Marchio

Demeter

RAPPORTO BIO BANK 2019

55


La rivista del biologico più letta dai consumatori e dalle aziende bio Vuoi tenere in vendita la rivista o i libri? distribuzione@terranuova.it tel 055 3215729 int. 2

100% carta riciclata Sfoglia il nostro CATALOGO LIBRI: oltre 300 titoli sui temi trattati dalla rivista www.terranuovalibri.it/catalogo

dal 1977 La rivista e i libri si trovano in oltre 1300 centri di alimentazione naturale, biobotteghe ed erboristerie del circuito www.negoziobio.info

n° 347 · MARZO 2019

Ti sana?

VISCOSA ECOTURISMO

ISBN 88-6681-452-8

e• ZANZARE iv va al20 201 19 Un’altra estate al veleno? festi  • XYLELLA L’’invasione degli ulivi usa-e-getta • TATUAGGI Rischio inchiostri e nanoparticelle • COSMESI Pelle protetta dall’inquinamento • TIROIDE Un approccio integrato • LANCET Il rapporto che fa discutere

• UDITO Allarme sordità tra i più giovani • ECOTURISMO Andar per mostre • TECNOLOGIA Difendersi dal web che ci spia

Disponibile su

PISCINE NA ATTURALI

ISBN 88-6681-489-4

Il boom di infusi e decot ti impone una scelta at tenta a qualità e provenienza. Tut ti i consigli per scegliere e gustare le tisane migliori, libere da pesticidi, alcaloidi pirrolizidinici e confezioni poco ecologiche.

n° 350 · GIUGNO 2019

VVooglia glia di lleggerezza legger eggereezzza zza

dal 1977

· PENS A E V I V I EC OLOG IC O ·

Con la nostra APP gratuita leggi Terra Nuova ovunque ti trovi. Scaricala subito e ricevi un omaggio esclusivo!

dal 1977

· PENS A E V I V I EC OLOG IC O ·

INCHIESTTAA

€ 4,00

Poste Italiane s.p.a. – Spedizione in abbonamento postale – D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 N.46) Art. 1, Comma 1 C1/PG/0000

w w w.terranuova. t

w w w.terranuova.it

Richiedi una copia omaggio su: www.terranuova.it/copia-omaggio

BIOARREDO Risp R spettta spe taree l’l’ig iggie gieen enee deel soonn nnoo

• COSMESI Il benessere termale • AROMATICHE Le alleate in cucina • BIOEDILIZIA La casa di paglia di riso

PESTICIDI

Il biologico sotto sot tto assedio tto tt asssedio

Disponibile su


ORGANISMI DI CONTROLLO & CO

Cosmesi & Co

novità

Criteri del censimento bio bank ~ Organismi accreditati che, in assenza di un quadro normativo, certificano cosmesi naturale o biologica e/o detergenza ecologica sulla base di standard propri o di altri. Inoltre standard internazionali di cosmesi certificati da organismi italiani.

Dati aggiornati al 31 dicembre 2018.

BIOS

CCPB

www.certbios.it

www.ccpb.it

ORGANISMI COSMESI

Standard propri

Standard propri

• NaturCosmetics • BioCosmetics

• Cosmetici Naturali • Cosmetici Biologici

• Natrue

• Natrue

BIOAGRICERT www.bioagricert.org

Standard propri

Altri standard Aziende 18 Prodotti 593

Altri standard Aziende 65 Prodotti 1.735

• Natural Origin • Natural • Bio-organic

Altri standard • Natrue

Aziende 36 Prodotti 78

Dati Bio Bank

RAPPORTO BIO BANK 2019

57


COSMESI & CO - ORGANISMI DI CONTROLLO & CO

ECOGRUPPO ITALIA www.ecogruppoitalia.it

Standard propri • Ecosmetica Quality Natural Certification • Ecosmetica Quality Organic Certification

Altri standard • Natrue

Aziende 25 Prodotti 450

ICEA www.icea.bio

Standard propri • Cosmesi Naturale • Eco Bio Cosmesi

Altri standard

• Cosmos • Approvazione Materie Prime Cosmos Aziende 236 Prodotti 4.286

QCERTIFICAZIONI

ORGANISMI DETERGENZA

www.qcsrl.it

Altri standard • Bio Eco Cosmesi Aiab • Cosmesi SoCert Aziende 162 Prodotti 3.361

SUOLO E SALUTE www.suoloesalute.it

Standard propri • Biocosmesi Aziende 51 Prodotti 787

BIOAGRICERT www.bioagricert.org

Standard propri • Natural Detergenza Aziende 1 Prodotti 1

CCPB www.ccpb.it

Altri standard • Bio Ceq Aziende 3 Prodotti 42

ECOGRUPPO ITALIA www.ecogruppoitalia.it

Standard propri • Ecocleaning

58

RAPPORTO BIO BANK 2019

Dati Bio Bank


COSMESI & CO - ORGANISMI DI CONTROLLO & CO

ICEA www.icea.bio

STANDARD internazionali COSMESI

Standard propri • Eco Detergenza • Eco Bio Detergenza Aziende 37 Prodotti 395

QCERTIFICAZIONI www.qcsrl.it

Altri standard • Detergenza Pulita Aiab • Detergenza SoCert Aziende 21 Prodotti 132

SUOLO E SALUTE www.suoloesalute.it

Standard propri • BioEco Detergenza

Dati Bio Bank

COSMOS www.cosmos-standard.org Rue du Commerce, 124 1000 Bruxelles (Belgio) Tel. +44(0)7973.955429 info@cosmos-standard.org

Direttrice

Katrin Hochberg khochberg@cosmosstandard.org Costituzione 2010 Soci Principali enti certificatori e associazioni di produttori biologici europei.

Livelli di certificazione

• Cosmos Natural • Cosmos Organic Certificazione Rilasciata da dieci organismi di certificazione indipendenti accreditati, di vari Paesi del mondo. Etichetta Marchio dell’ente certificatore abbinato alla dicitura Cosmos Natural o Cosmos Organic, secondo il livello di certificazione adottato. Aziende 744 Prodotti 8.929

NATRUE www.natrue.org Rue Washington, 40 1050 Bruxelles (Belgio) Tel. +32(0)2.6132930 info@natrue.eu

Direttore generale

Mark Smith msmith@natrue.eu Costituzione 2007 Soci Pionieri della cosmesi naturale e biologica in Europa.

Livelli di certificazione

• Cosmesi naturale • Cosmesi naturale con ingredienti bio • Cosmesi bio Certificazione Rilasciata da dieci organismi di certificazione indipendenti accreditati, di vari Paesi del mondo. Etichetta Marchio unico Natrue, con possibilità di specificare il livello di certificazione raggiunto. Aziende 250 Prodotti 6.118

RAPPORTO BIO BANK 2019

59


I numeri del bio Alla fonte dei dati

Dedichiamo le pagine finali del Rapporto Bio Bank alla panoramica di realtà che elaborano in modo sistematico dati sul bio, gratuiti e liberamente consultabili. Dati vuol dire tutto e niente. Quali dati? Su che aspetti del bio? Raccolti da chi? Elaborati come? Disponibili dove? Bene, partiamo raccontando chi-fa-cosa oggi, presentando le fonti italiane più accreditate e affidabili sul biologico. Completano il quadro i riferimenti più autorevoli per reperire i dati del bio a livello europeo e mondiale. Non sono invece censite le fonti dei singoli Paesi, anche importanti, che pure esistono. Fin qui l’agroalimentare. E i numeri della cosmesi bio? Indagini ce ne sono, ma sulla cosmesi in generale. Di dati dedicati al bio, gratuiti, organizzati, periodici, non c’è traccia. Circolano solo le stime sul mercato della cosmesi green (di cui quella certificata naturale o bio è solo una minima parte) diffuse da Cosmetica Italia, associazione nazionale delle imprese cosmetiche, che tramite Federchimica fa capo a Confindustria, e quelle di Ecovia Intelligence (ex Organic Monitor) società inglese specializzata in ricerche di mercato sullo sviluppo sostenibile. Un po’ poco per un settore emergente che sta imprimendo un cambio di passo a tutta la cosmesi e che da anni attende una regolamentazione europea.

Dati “tira e molla”

Oggi i dati sull’agroalimentare bio non mancano. Ma non è sempre stato così. La prima statistica sul bio in Italia la vedemmo a Roma, in occasione di un convegno per sensibilizzare il

mondo politico e istituzionale sull’agricoltura biologica. Era il 13 dicembre 1994. Tra i partecipanti pionieri del bio, tecnici della prima ora, organismi di controllo e funzionari regionali. C’era anche Bio Bank, avendo pubblicato da pochi mesi la prima edizione dell’annuario cartaceo Tutto Bio, dopo un anno e mezzo di lavoro. Tra gli organizzatori girava un foglio dattiloscritto con i numeri chiave del settore, ma non tutti concordavano su quelle stime. Fino all’ultimo momento, prima della presentazione, le cifre vennero ritoccate con il bianchetto. Fu dopo aver visto quel tira e molla che nacque il desiderio di mettere in fila non solo le informazioni sugli operatori, ma anche i numeri del biologico in Italia. Iniziammo così la raccolta sistematica dei dati strutturali sul settore. Semplicemente perché serviva. Quindi per dieci anni, dal 1994 al 2003, i dati su aziende e superfici bio sono stati raccolti da Bio Bank presso gli organismi di controllo, con un impegno non piccolo, elaborati e restituiti aggregati come patrimonio di tutti. In primis in occasione del Sana di Bologna, con un convegno dedicato ogni anno per dieci edizioni consecutive, poi con la pubblicazione cartacea “Il biologico in cifre”, compendio statistico di oltre cento pagine sul settore del quale uscirono quattro edizioni (1999, 2001, 2002, 2004). Iniziative promosse grazie alla preziosa e fondamentale collaborazione con Fabio Lunati, ricercatore di Nomisma. Ecco perché Bio Bank compare tra le fonti quando vengono pubblicate le serie storiche di aziende bio e Sau. Scorrendo l’elenco che segue, ricco di realtà diverse e complementari, sarà facile comprendere quanta strada è stata fatta da quella prima statistica del 1994.

RAPPORTO BIO BANK 2019

61


I NUMERI DEL BIO

Dati aggiornati al 31 ottobre 2019.

Italia

Accredia www.accredia.it Accredia, ente unico nazionale designato dal governo italiano a svolgere attività di accreditamento, dal 2014 gestisce DataBio, banca dati degli operatori biologici certificati. La banca dati, di proprietà di Accredia che la gestisce, è nata dalla collaborazione con FederBio. L’aggiornamento dei dati è a cura degli Organismi di controllo del biologico accreditati da Accredia e autorizzati a svolgere la propria attività dal Ministero delle Politiche agricole. Ad oggi sono presenti 71.586 operatori con i relativi documenti di certificazione rilasciati dagli Organismi di controllo. La banca dati è utilizzabile da operatori e consumatori per verificare se un operatore è biologico, da chi è certificato e per quali produzioni.

62

RAPPORTO BIO BANK 2019

AssoBio

Crea

www.assobio.it

www.crea.gov.it

AssoBio, Associazione nazionale delle imprese di trasformazione e distribuzione di prodotti biologici e naturali fondata nel 2006 e associata a FederBio, realizza periodicamente indagini sull’andamento economico delle imprese associate e del settore, anche in collaborazione con Nielsen e Nomisma. Dati divulgati in occasione di fiere e convegni dedicati al bio.

Il Consiglio per la Ricerca in agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria (Crea), è un ente di diritto pubblico vigilato dal Ministero delle Politiche agricole, nato nel 2015 dall’accorpamento tra Inea e Cra. Dedicato alle filiere agroalimentari, analizza l’agricoltura biologica in Italia nella corposa pubblicazione periodica Bioreport, della quale sono uscite sei edizioni dal 2011 a oggi. Ha realizzato inoltre studi ad hoc come L'internazionalizzazione del biologico italiano, uscito nel 2015.

Bio Bank www.biobank.it È la banca dati del bio italiano, creata dalla casa editrice Bio Bank nel 1993. Raccoglie i dati di 15.000 attività bio, suddivise in 23 tipologie, pubblicate sul portale biobank.it nella sezione Banche dati e nella sezione Mappe con geolocalizzazione e sui Media Bio Bank consultabili su Issuu.

Confcooperative www.confcooperative.it La Confederazione Cooperative Italiane (Confcooperative), una delle principali organizzazioni di rappresentanza e tutela del movimento cooperativo, nel suo portale dedicato all’internazionalizzazione nel 2018 ha pubblicato brevi report sul mercato dei prodotti biologici trasformati in vari Paesi, nella collana Export & Mercati.

Dati Bio Bank


I NUMERI DEL BIO

FederBio

Ice

Istat

www.feder.bio

www.ice.it

www.istat.it

La Federazione Italiana Agricoltura Biologica e Biodinamica (FederBio) è nata nel 1992 su iniziativa degli operatori di tutta la filiera dell’agricoltura biologica e biodinamica. Ha contribuito con Accredia alla nascita della banca dati DataBio. Ha inoltre promosso la costruzione della piattaforma di tracciabilità Fip (FederBio Integrity Platform), acquisita nel 2017 da Rete Oip. Nel 2019, in collaborazione con Fibl, ha dato vita al registro pubblico online Italian Input List con l’elenco dei mezzi tecnici utilizzabili in agricoltura biologica.

Ice, Agenzia per la promozione all'estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane (nota nel mondo come Ita, Italian Trade Agency), ente di diritto pubblico vigilato dal Ministero dello Sviluppo economico, pubblica ogni anno interessanti Note informative sui mercati dedicate al biologico in vari Paesi, europei e non. Basta una semplice registrazione sul sito per scaricarle.

L’Istituto nazionale di statistica (Istat), ente di ricerca pubblico, dal 2000 ha incluso anche l’agricoltura biologica nel Censimento generale dell’agricoltura, a cadenza decennale, e nelle indagini biennali tra un censimento e l’altro, ovvero le indagini campionarie sulla Struttura e Produzioni delle Aziende agricole (Indagini Spa). Dati da cui emergono statistiche non allineate con quelle annuali del Sinab, per le differenti modalità di raccolta dei dati: notifica per il Sinab, autodichiarazione volontaria per l’Istat. Nel 2020 è previsto l’ultimo censimento generale decennale, che successivamente diventerà a cadenza annuale, sulla base di un campione rappresentativo di aziende agricole selezionate, quindi non più generale. Da segnalare anche interessanti elaborazioni, non periodiche, come Le donne scelgono il biologico, pubblicato nel 2014.

FederBio Servizi www.federbioservizi.it Nata dall’esperienza di FederBio, è una società di consulenza e servizi dedicati agli operatori della filiera biologica e biodinamica. Nel 2018 ha messo a punto FIP4, piattaforma di tracciabilità per la gestione delle filiere bio.

Dati Bio Bank

Ismea www.ismeamercati.it Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), ente pubblico economico sottoposto alla vigilanza del Ministero delle Politiche agricole, effettua indagini periodiche sul mercato e sui consumi di prodotti biologici anche in collaborazione con Nielsen, nell’ambito delle attività di analisi dei mercati agroalimentari. I dati sono disponibili sul sito ismeamercati.it che dedica un’apposita sezione ai prodotti biologici.

RAPPORTO BIO BANK 2019

63


I NUMERI DEL BIO

Mipaaf

Sana

Sian

www.politicheagricole.it

www.sana.it

www.sian.it

Il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali nella sezione del sito dedicata ai prodotti di qualità, alla voce Prodotti biologici, dedica spazio agli aggiornamenti normativi e alle novità del settore. Pubblica inoltre l’Elenco Importatori da Paesi Terzi, aggiornato periodicamente e scaricabile. Nella lista sono presenti le oltre 500 aziende autorizzate all’importazione di prodotti biologici da Paesi terzi.

Sana, fiera di riferimento del biologico italiano nata a Bologna nel 1989, presenta ogni anno durante il convegno di apertura della manifestazione i dati dell’Osservatorio Sana, per il monitoraggio dell’agroalimentare biologico in Italia e all’estero. Il progetto, promosso e finanziato da BolognaFiere a partire dal 2012, è realizzato dalla società di studi economici Nomisma.

Nomisma

rete oip

www.nomisma.it

www.reteoip.it

Nomisma, istituto privato di ricerca in ambito economico, realizza da anni studi sul biologico per conto di fiere come Sana o di associazioni di imprese come Assobio. Inoltre, attraverso Wine Monitor, osservatorio dedicato al mondo del vino a cui si accede per abbonamento, diffonde gratuitamente anche numeri e tendenze sul vino biologico. In particolare in occasione dei convegni organizzati da FederBio a Vinitaly.

La rete Oip è un contratto di rete al quale aderiscono otto organismi di controllo del biologico (Abcert, Bioagricert, Bios, Ccpb, Ecogruppo Italia, Icea, Sidel, Suolo e Salute). Nel 2017 ha acquisito da FederBio la piattaforma di tracciabilità Fip. La piattaforma, aggiornata e denominata ora Oip (Organic Integrity Platform), verifica la congruenza tra produzioni e transazioni per le filiere considerate a rischio più elevato di frode.

La banca dati del Sian (Sistema Informativo Agricolo Nazionale) denominata Elenco degli Operatori Biologici Italiani, è stata istituita con decreto del Ministero delle Politiche agricole nell’ambito del progetto per l’informatizzazione dei dati per l’agricoltura biologica ed è operativa dal 2010. È gestita dalla società Sin e consultabile sul sito del Sian, il sistema informativo unificato di servizi del comparto agroalimentare. La banca dati contiene tutti gli operatori biologici certificati, quindi quasi 80.000, poiché è aggiornata sulla base delle notifiche presenti nel Sib (Sistema Informativo del Biologico). La notifica di inizio attività biologica è infatti il primo passo obbligato che un operatore deve effettuare per entrare nel sistema di controllo del biologico. Per ogni operatore è possibile visualizzare i documenti di certificazione rilasciati dal relativo organismo di controllo, per verificare se un operatore è biologico, da chi è certificato, per quali produzioni e anche fare ricerche storiche.

64

RAPPORTO BIO BANK 2019

Dati Bio Bank


I NUMERI DEL BIO

Da gennaio 2019 è passata al Sian anche la Banca Dati Sementi Biologiche, prima gestita dal Crea, per verificare la disponibilità delle sementi bio sul mercato.

Europa

Sinab

Eurostat, l’Ufficio statistico dell'Unione Europea, una delle direzioni generali della Commissione europea, raccoglie ed elabora a fini statistici anche i dati ufficiali sull’agricoltura biologica negli Stati membri, consultabili nella sezione Data e nella sezione Publications.

www.sinab.it Il Sinab (Sistema d’Informazione Nazionale sull’Agricoltura Biologica) è un progetto del Ministero delle Politiche agricole gestito da Ismea e Iamb (Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari). Sul sito del Sinab, nella sezione Bio-Statistiche sono disponibili i dati statistici sul biologico in Italia: operatori, superfici, zootecnia, acquacoltura (statistiche elaborate dal Sinab), importazioni (dati trasmessi al Ministero dalle aziende importatrici) e prezzi (rilevazioni Ismea). Dal 2005 i dati rilevati sono raccolti nella pubblicazione annuale Bio in cifre e diffusi in occasione di Sana.

Dati Bio Bank

Eurostat ec.europa.eu/eurostat

Mondo

Fibl www.fibl.org Fondato in Svizzera nel 1973, Fibl (Forschunginstitut für biologischen Landbau) come istituto specializzato nella ricerca sull’agricoltura biologica pubblica sul sito www.organic-world.net statistiche e informazioni sul bio a livello planetario.

Dal 2000 pubblica l’annuario statistico The World of Organic Agriculture con i dati del biologico mondiale, in collaborazione con Ifoam. Dati che vengono presentati ogni anno alla BioFach di Norimberga, fiera internazionale del biologico.

Ifoam www.ifoam.bio Ifoam (International Federation of Organic Agriculture Movements) è la rete del movimento biologico mondiale. Fondata nel 1972, associa 800 organizzazioni appartenenti a più di 120 nazioni. Promuove l’interscambio di esperienze e idee, rappresenta il movimento biologico a livello mondiale. Collabora con Fibl alla realizzazione dell’annuario statistico The World of Organic Agriculture. La Directory of Affiliates, con i riferimenti degli 800 associati nei sei continenti, è consultabile sul sito.

RAPPORTO BIO BANK 2019

65


ANCORA PIÙ DATI?

Ecco dove trovarli! 25a edizione

5.700 ATTIVITà bio tra ristoranti, mense scolastiche, gruppi d'acquisto, negozi, profumerie...

Non c'è Bio senza Trend

portale web > IT + EN

annuario cartaceo

biobank.it

TUTTO BIO 2019

Le Banche dati e le Mappe con migliaia di attività censite, i Prodotti tra alimentazione e cosmesi, il Blog con gli articoli, le Info per saperne di più, le Pubblicazioni per essere sempre aggiornati sui Media Bio Bank.

10 storie esemplari ed emblematiche per il tema dell’anno Non c'è Bio senza Trend, 5.700 attività censite. Tra ristoranti, mense, Gas, negozi e profumerie. 208 pagine, 16 euro

Naviga ovunque

Acquistalo qui

I dati sono liberamente consultabili, da computer o da dispositivi mobili. Trova il bio su biobank.it

66

RAPPORTO BIO BANK 2019

• da sempre su lafeltrinelli.it e nelle principali librerie online • nelle principali catene librarie.


MEDIA BIO BANK

Vetrina Bio Bank 2019

Focus Bio Bank

Supermercati & Specializzati

2019

3a edizione

LE MARCHE BIO ED EQUO DELLA GDO E I NEGOZI BIOLOGICI SECONDO I CENSIMENTI BIO BANK. TRA ALIMENTI E COSMESI

162 eccellenze e novità bio. Dagli alimenti alla cosmesi.

cartacea e digitale > IT + EN

report digitali

vetrina bio bank 2019

focus bio bank 2019

In 100 pagine presenta: 20 trend del bio dagli alimenti alla cosmesi, 162 prodotti tra eccellenze e novità, 140 aziende, le regole della certificazione, gli organismi e gli standard. Edizione cartacea inviata a 2.500 operatori in Italia.

Focus tematici dedicati ai temi caldi del bio. Supermercati & Specializzati presenta le marche bio ed equo della Gdo e i negozi biologici, tra alimenti e cosmesi, con analisi e infografiche attraverso i dati Bio Bank.

Sfogliala su Issuu

Sfogliali su Issuu

Le edizioni in italiano e in inglese sono pubblicate su Issuu all’indirizzo issuu.com/biobank

l Focus Bio Bank sono pubblicati su Issuu, piattaforma di editoria online, all’indirizzo issuu.com/biobank

RAPPORTO BIO BANK 2019

67


3.586 375

E-commerce alimenti

Aziende alimenti

AZIENDE? E-COMMERCE?

brillano online!

Consulta liberamente le banche dati su www.biobank.it

285

E-commerce cosmesi & Co

481

Aziende cosmesi & Co

Profile for Bio Bank

Rapporto Bio Bank 2019 – Biologico  

Analisi e statistiche del biologico in Italia secondo i censimenti Bio Bank. Dagli alimenti alla cosmesi ______________ Biologico 2019, bio...

Rapporto Bio Bank 2019 – Biologico  

Analisi e statistiche del biologico in Italia secondo i censimenti Bio Bank. Dagli alimenti alla cosmesi ______________ Biologico 2019, bio...

Profile for biobank