Page 1


dal307

Sala alla Porta Sant’Agostino Bergamo

al

marzo 2014

Inaugurazione 7 marzo ORARI: MARTEDÌ-VENERDÌ 15.30-19.30 SABATO-DOMENICA 11.00-19.30

INGRESSO GRATUITO

Disegni, sculture, bozzetti, scenografie dell'animatore francese, protagonista di bfm32


SEGRETERIA // SECRETARY

tel. +39 035 363087 info@bergamofilmmeeting.it

UFFICIO STAMPA // Press office

Studio Sottocorno Lorena Borghi tel. +39 02 20402142 studio@sottocorno.it Lorena Borghi | cell. +39 348 5834403 lorenaborghi@gmail.com

UFFICIO STAMPA locale // Local press office

Bergamo Film Meeting Ada Tullo | cell. +39 349 2674900 press@bergamofilmmeeting.it tulloada@hotmail.it

Bergamo Film Meeting

Mobile Version

Mostra Internazionale del Cinema d’Essai via Pignolo, 123 - 24121 Bergamo tel. +39 035 363087 fax +39 035 341255 info@bergamofilmmeeting.it

49aaafc924214

Bergamo Film Meeting Striscia il codice a barre che trovi qui e guarda il trailer di Bergamo Film Meeting 2014: Lo puoi vedere presso le Company Tv del circuito Turismo Bergamo Aereoporto di Orio Al Serio, Glasgow-Prestwick e Lubecca


Come sempre riservata ai nuovi autori, la competizione internazionale presenta sette lungometraggi, inediti in Italia, che si caratterizzano per l’originalità linguistica e narrativa con cui affrontano i temi della contemporaneità. I sette lungometraggi selezionati concorrono al Premio Bergamo Film Meeting, assegnato ai tre migliori film della sezione sulla base delle preferenze espresse dal pubblico. Al film vincitore, inoltre, andrà il premio Bergamo Film Meeting – Banca Popolare di Bergamo, del valore di 5.000 euro, istituito come sostegno rivolto alle produzioni che investono nei giovani autori, nel cinema indipendente e di qualità. Tutti i film di questa sezione, presentati in anteprima in Auditorium alle 20.30, da sabato 8 a venerdì 14 marzo, saranno riproposti in replica nei giorni successivi al cinema San Marco.

La dune/The Dune

di Yossi Aviram, Francia • Israele 2013, 87’, col., v.o. sott. it. Sulla spiaggia di una località della costa atlantica francese viene ritrovato un uomo incosciente. Nessun documento, nessuna denuncia di scomparsa. E l’uomo non parla. Reuven Vardi, ispettore della polizia francese

Silmäterä/The Princess of Egypt

di Jan Forsström, Finlandia 2013, 89’, col., v.o. sott. it. Marja è una giovane madre single e la sua vita ruota intorno alla piccola Julia, la sua bambina. Un giorno l’incontro con Kamaran, il padre che Julia non sa di avere, è destinato a sconvolgere le loro vite. Ispirato a fatti realmente accaduti, un film toccante sull’insicurezza e la fragilità dell’amore materno. Sceneggiatura in crescendo, cameo di Miika Soini e Una ragione di più di Ornella Vanoni. Ven./Fri. 14, ore 20.40 Auditorium Sab./Sat. 15, ore 11.15 San Marco

Yam dam

ormai prossimo alla pensione, accetta di recarsi sul posto per risolvere l’enigma. Un’indagine affascinante e una sceneggiatura perfettamente calibrata, che pazientemente scava in profondità e si disvela poco a poco. Cast di altissimo livello, con la partecipazione di Mathieu Amalric. Dom./Sun. 9, ore 20.30 Auditorium Mar./Tue. 11, ore 22.30 San Marco

2

di Vivian Goffette, Belgio • Burkina Faso 2013, 77’, col., v.o. sott. it. Christian, veterinario di provincia, vive un’esistenza piatta e monotona. Sposato e senza figli, coordina una piccola organizzazione di aiuti per l’Africa. La sera passa le ore sul web, flirtando con con giovani donne africane in cerca di una vita migliore. Un giorno si presenta al suo ambulatorio Faustine, una ventiseienne del Burkina Faso… Opera prima a basso budget, sensibile e intelligente. Una sceneggiatura brillante e senza fronzoli che guarda a Illegal di Olivier Masset-Depasse. Gio./Thu. 13, ore 20.40 Auditorium Ven./Fri. 14, ore 22.30 San Marco


Leave to Remain

di Bruce Goodison, Gran Bretagna 2013, 89’, col., v.o. sott. it. Zizidi, Omar e Abdul, sono tra le centinaia di ragazzi che ogni anno approdano nel Regno Unito con la speranza di rifarsi una vita,

Bucarest, 2009. Venticinque anni dopo la rivoluzione rumena, Tavi, trentacinquenne affabile ma un po’ immaturo, chiede l’accesso al dossier redatto a suo carico dalla Polizia Segreta ai tempi del regime di Ceauşescu. Dalle carte, scopre che potrebbe essere il padre di un figlio che non sapeva di avere. Una storia che affonda le radici nel passato comunista della Romania. Un film sincero sui valori dell’amicizia, della fiducia e del coraggio, con grande sensibilità rispetto all’approccio storico. Sab./Sat. 8, ore 20.40 Auditorium Lun./Mon. 10, ore 22.30 San Marco

Zapelji me/Seduce Me

di Marko Šantić, Slovenia 2013, 83’, col., v.o. sott. it.

costretti a imparare a sopravvivere a ogni costo. Film a basso budget, risultato di un progetto triennale di avvicinamento alla arti visive per giovani rifugiati richiedenti asilo politico. Un toccante contributo al dibattito sull’immigrazione in UK, con la colonna sonora degli Alt-J, vincitori del Mercury Prize 2012. Un film coinvolgente e folgorante. Mar./Tue. 11, ore 20.40 Auditorium Gio./Thu. 13, ore 22.30 San Marco

Wolf

Roxanne

di Valentin Hotea, Romania • Ungheria 2013, 97’, col., v.o. sott. it.

Abbandonato dalla madre all’età di dieci anni, Luka finisce in un centro di assistenza giovanile. Nove anni dopo, ormai maggiorenne, se ne va intenzionato a scoprire dove sia sepolto il padre, morto quando lui era molto piccolo. Mentre cerca di avere risposte sul suo passato, scopre uno scioccante segreto di famiglia. Il suo unico conforto è Ajda, una coetanea che ha conosciuto al lavoro. Verità nascoste e un’acerba storia d’amore per un’opera prima dalla regia forte e sicura. Lun./Mon. 10, ore 20.35 Auditorium Mer./Wed. 12, ore 22.30 San Marco

di Jim Taihuttu, Olanda 2013, 122’, bn, v.o. sott. it. Majid è un talentuoso kickboxer cresciuto in un anonimo sobborgo olandese. Dopo un periodo trascorso in carcere, Ben, il proprietario di una palestra, decide di prenderlo sotto la sua custodia. Quando il boss della mafia turca Hakan dimostra interesse nelle doti di Majid, il ragazzo comincia a perdere di vista ciò che davvero vuole. Rigoroso bianco e nero per un crime movie avvincente e muscolare, quasi un omaggio a Toro scatenato. Montaggio serrato a ritmo di hip-hop. Mer./Wed. 12, ore 20.45 Auditorium Sab./Sat. 15, ore 9.00 San Marco

3


Una quindicina di documentari che entrano nel vivo della realtà, “conversazioni” fra gli autori e i soggetti ripresi, fra gli autori e gli spettatori, fra i soggetti ripresi e gli spettatori, in un continuo rimando di suggestioni cinematografiche, di coinvolgimenti personali e intime rivelazioni, sempre discretamente esposte. Film che appaiono semplici e diretti, nella maggior parte dei casi, ma che si rivelano efficaci in quanto esiti di un piano complesso e articolato. Gli autori riescono a sintetizzare, nei pochi minuti concessi al film, il tempo dedicato alla produzione: le ore e i giorni passati con gli interpreti, i pensieri, le idee, i ripensamenti, gli scrupoli di carattere etico che soprattutto questo cinema impone.

The Women Pioneers

The Road: A Story of Life and Death

Ring People

Praznovanje/Celebration

di Michal Aviad, Israele 2013, 52’, col., v.o. sott. it. Le donne pioniere giunte in Israele un secolo fa volevano creare un nuovo mondo e una nuova donna, libera quanto l’uomo. Le donne pioniere racconta la storia delle loro vite turbolente attraverso i loro diari e immagini d’archivio straordinarie. Ven./Fri. 14, ore 18.00 San Marco di Alfredo Covelli, Italia • USA 2013, 38’, col., v.o. sott. it. Un regista italiano passa del tempo vivendo nella comunità dei senza dimora di Venice Beach, California. Il film racconta l’allegra povertà, la poesia e la filosofia di queste persone che vivono ai margini, al limitare dell’oceano. Mar./Tue. 11, ore 20.30 San Marco

di Marc Isaacs, Gran Bretagna • Irlanda 2013, 75’, col., v.o. sott. it. Sulla più antica strada romana della capitale inglese, il regista incontra Keelta, una giovane irlandese, Billy, un vecchio lavoratore irlandese, Peggy, un’anziana rifugiata ebrea viennese, Brigitte, un’ex hostess tedesca e Iqbal, mesto portiere d’albergo indiano... Ven./Fri. 14, ore 20.30 San Marco

Dayana Mini Market

di Floriane Devigne, Francia 2012, 54’, col., v.o. sott. it. Dayana Mini Market è il nome del negozio dei genitori di Dayana, ragazza tamil a Parigi. È anche il luogo dove la famiglia vive stipata dopo lo sfratto subito. Il film si snoda tra la ricerca continua di denaro e la musica di Bollywood. Mar./Tue. 11, ore 18.15 San Marco

American Dreamer

di Thomas Haley, Francia • USA 2013, 32’, col., v.o. sott. it. Julian è un giovane americano in un Paese che ancora soffre la confusione di una crisi d’identità dovuta in gran parte al trauma dell’11 settembre 2001. Attraverso gli occhi di Julian osserviamo i postumi di quel tragico momento della storia americana. Gio./Thu. 13, ore 20.30 San Marco

4

di Dajan Javorac, Bosnia Erzegovina 2013, 11’, col., v.o. sott. it. Fa freddo sul monte Manjaca. In inverno nevica, non ci si può muovere. Chi vive lì deve aspettare che qualcuno arrivi a pulire la strada. Il panorama tutto intorno è bianco, il cielo grigio e gli alberi spogli. Tutto sottolinea l’isolamento dall’altro mondo, quello abitato, dei sogni. Mer./Wed. 12, ore 20.30 San Marco


The Imposter The Imposter – L’impostore

la madre annuncia il suo arrivo, sorge un dubbio: Layla ha undici anni, l’età in cui le donne si sposano al villaggio... Gio./Thu. 13, ore 18.15 San Marco

di Bart Layton, Gran Bretagna 2012, 99’, col., v.o. sott. it. Nicholas Barclay, un tredicenne texano, sparisce di casa senza lasciare tracce. Tre anni dopo viene ritrovato in Spagna. La famiglia non vede l’ora di riabbracciarlo, ma il ritrovato Nicholas suscita diversi interrogativi. E se Nicholas non fosse davvero Nicholas? Un

Loin des yeux/Out of Sight

di Britta Rindelaub, Svizzera 2013, 77’, col., v.o. sott. it. Nel carcere di Tuilière sono detenute trenta donne. Fra loro Kashka, Karima, Mirsada e Fatiha, madri lontane dai propri figli, che scontano pene che vanno da un paio di mesi a diversi anni. Viste da vicino, chi sono davvero queste donne? Gio./Thu. 13, ore 21.00 San Marco

Gangster te voli/Gangster of Love

film che fonde interviste e suspense, tra il documentario e il noir. Dom./Sun. 9, ore 22.15 Auditorium

El futuro/The Future

dello spazio, ridotto al minimo funzionale, contrasta e rivela l’inclinazione propria di ciascuno di noi… Mer./Wed. 12, ore 20.45 San Marco

di Nebojsa Slijepcevic, Croazia • Germania • Romania 2013, 52’, col., v.o. sott. it. Nediljko “Gangster” Babic organizza matrimoni. Nediljko cerca di aiutare una madre bulgara single a trovare un marito in Croazia. Ma gli uomini croati preferiscono morire, piuttosto che sposare una straniera con un figlio a carico. Lun./Mon. 10, ore 18.15 San Marco

The Undertaker

The Special Need

di Dragan Nikolić, Serbia • Germania • Norvegia • Finlandia 2013, 52’, col., v.o. sott. it. Bata è un serbo che lavora per la ditta del suocero, la Drnda Internacional, un businness a livello internazionale nel settore funerario. Bata guida in tutta Europa trasportando cadaveri, cercando di apparire calmo e composto... Gio./Thu. 13, ore 18.30 San Marco

Četrdesmit divi/Forty Two

di Luis López Carrasco, Spagna 2013, 67’, col., v.o. sott. it. Una festa a Madrid. La vittoria del PSOE (Partido Socialista Obrero Español) nelle elezioni del 1982 è recente e la notte è euforica. In Spagna, in quell’anno, tutto poteva accadere, tutto era futuro. Un film tra fiction e documentario, con un occhio particolare al cinema di Peter Watkins. Mer./Wed. 12, ore 18.15 San Marco

di Laila Pakalnina, Lettonia 2013, 56’, col., v.o. sott. it. «Vorrei far capire qualcosa della maratona a quelli che non la corrono, perché non vogliono o perché  non possono. Come a esempio mia madre, che  ha dolori alle gambe. È come se fossi una spia mandata a correre la maratona». (L. Pakalnina) Mar./Tue. 11, ore 21.15 San Marco

Chaumière/Rooms Without a View

Layla’s Melody

di Emmanuel Marre, Belgio 2013, 70’, col., v.o. sott. it. Gli hotel Formule 1 sono costruzioni ultra economiche collocate in aree periurbane. Al di là delle porte delle camere, l’uniformità

di Carlo Zoratti, Italia • Germania 2013, 87’, col., v.o. sott. it. Enea ha trent’anni, un lavoro e un problema. Anzi: più che un problema, una necessità. Una necessità speciale: fare (finalmente) l’amore. Ma il sogno di Enea è impigliato nella rete dell’autismo. Lun./Mon. 10, ore 20.30 San Marco

di Jens Pedersen, Taj Mohammad Bakhtari, Danimarca 2013, 15’, col., v.o. sott. it. Layla vive in un orfanatrofio di Kabul da quando i Talebani le hanno ucciso il padre e non vede sua madre da cinque anni. Quando

5


Il viaggio del Festival attraverso il cinema europeo quest’anno è declinato al femminile, con la prima parte di una rassegna biennale che vuole mettere in luce le opere di alcune tra le registe più rappresentative del panorama europeo, che si sono affermate in questi ultimi anni sulla scena delle produzioni cinematografiche indipendenti e ai festival internazionali. Sono tre le protagonista di quest’anno: l’islandese Sólveig Anspach, l’italiana Antonietta De Lillo, e l’austriaca Jessica Hausner. La rassegna si completa poi con una selezione di cortometraggi, a regia femminile, realizzati come film di diploma alle scuole di cinema europee che aderiscono al Cilect – Centre International de Liaison des Ecoles de Cinéma et de Télévision, curata in collaborazione con Milano Scuola di Cinema e Televisione – Fondazione SCM. Per l’occasione, sarà proiettato il documentario Civica Educazione di Gianmaria Sortino, studente della scuola milanese.

Sólveig Anspach Sandrine à Paris

Francia 1992, 52’, col., v.o. sott. it. Sandrine, giovane nordafricana di ventitrè anni scappata da Rouen a Parigi, è un’abile borseggiatrice. È stata numerose volte in prigione e oggi riflette su quello che le piacerebbe fare nella sua vita, ora che è diventata adulta. Un ritratto di una giovane donna ai margini della società. Mer./Wed. 12, ore 16.00 San Marco

Que personne ne bouge!

Francia 1999, 58’, col., v.o. sott. it. Cathy, Hélène, Carole, Malika e Fatija, cinque madri di famiglia note anche come le “amazzoni della Valchiusa”, raccontano le rapine fatte per sopravvivere. L’epilogo è amaro: nessun rimorso, solo il dispiacere che la giovinezza sia finita così presto. Mer./Wed. 12, ore 17.00 San Marco

Haut les coeurs!

Francia • Belgio 1999, 110’, col., v.o. sott. it. Mentre è incinta, Emma scopre di avere un tumore al seno. Il medico che glielo annuncia prevede un aborto; ma un altro specialista, il dottor Morin, è invece convinto che possa farcela. Così Emma, riacquistata la fiducia, deve battersi per due. Uno stile quasi documentario per un film atipico e commovente. Lun./Mon. 10, ore 17.00 Auditorium

Made in the USA

Francia • Belgio 2001, 105’, col., v.o. sott. it. Odell Barnes, nato a Wichita Falls, è giustiziato nel carcere di Huntsville, Texas, il 1 marzo 2000. Per quasi un decennio, il condannato a morte ha combattuto dietro le sbarre per ottenere la riapertura del caso. Colpevole o innocente, resta solo un uomo che lotta contro la giustizia stabilita da un’aula. Mar./Tue. 11, ore 14.50 San Marco

6

Reykjavik, des elfes dans la ville

Francia • Islanda 2001, 58’, col., v.o. sott. it. Un ritratto della capitale islandese, vista e vissuta da tre giovani islandesi. Reykjavik cambia aspetto, si muove, erutta alla stessa maniera dei vulcani dell’isola. Tutto sembra possibile: hanno meno di venticinque anni, raccontano le loro vite, i loro sogni. Ma dove potranno esaudirli? Gio./Thu. 13, ore 14.45 San Marco

Stormy Weather

Belgio • Islanda • Francia 2003, 91’, col., v.o. sott. it. Cora, giovane psichiatra, ha da poco una nuova paziente che si rifiuta di parlare e di cui nessuno conosce l’identità; ci si affeziona e stabilisce con lei una relazione che si allontana dal quadro terapeutico classico. «La storia di una donna cresciuta con il fantasma di “aggiustare il mondo”». (S. Anspach) Gio./Thu. 13, ore 17.30 Auditorium

Faux tableaux dans vrais paysages islandais

Francia • Islanda 2004, 55’, col., v.o. sott. it. Un racconto di dipinti falsi: niente di più banale, se non fosse che il tutto si svolge in Islanda, un Paese con una popolazione inferiore ai 300.000 abitanti, dove tutti sono cugini con gli altri ormai da generazioni. E il fatto diventa improvvisamente un affare di Stato… Gio./Thu. 13, ore 15.45 San Marco


Skrapp út/Back Soon

che, ignaro della malasorte toccata ai suoi predecessori, s’incammina verso un destino che si preannuncia fatale. Black comedy con finale a sorpresa. Gio./Thu. 13, ore 15.15 Auditorium

Islanda • Francia 2008, 92’, col., v.o. sott. it. Anna Halgrimsdottir vive a Reykjavik con i suoi due figli e vende marijuana. Stanca del freddo islandese, decide di vendere la sua attività per lasciare l’isola. La bellezza selvaggia dell’Islanda e una successione di gag strampalate per una commedia dolceamara, in perfetto stile Anspach. Dom./Sun. 9, ore 17.30 Auditorium

Angelo Novi fotografo di scena

[co-regia Giorgio Magliulo], Italia 1992, 25’, v.o. Viaggio nella memoria del cinema italiano attraverso le fotografie di Angelo Novi, scattate sui set di Pasolini, Rossellini, Leone e Bertolucci e commentate dallo stesso fotografo. Novi descrive l’istante preciso del suo scatto, con racconti ricchi di emozioni e di aneddoti. Lun./Mon. 10, ore 14.30 San Marco

Louise Michel, la rebelle

Francia 2009, 90’, col., v.o. sott. it. Louise Michel è una donna determinata, una militante. Condannata per aver imbracciato le armi contro le truppe di Bismarck e quelle di Versailles, dopo l’incarcerazione, Louise è deportata su un’isola sperduta in Nuova Caledonia. A Parigi, come a Nouméa, la storia di Louise è quella di una ribelle. Mar./Tue. 11, ore 15.05 Auditorium

brutale. L’aiuteranno una coppia di islandesi, un’otaria e un vicino: una stramba famiglia improvvisata. Sab./Sat. 8, ore 17.00 Auditorium

Lulu femme nue

Francia 2013, 87’, col., v.o. sott. it. Dopo un colloquio di lavoro andato male, Lulu va via di casa lasciando il marito e i tre figli. Incontra un ex detenuto, un’anziana e una dipendente molestata dal suo capo. I tre incontri aiuteranno Lulu a ritrovare innanzitutto se stessa. Road movie iniziatico tratto dal graphic novel di Étienne Davodeau. Ven./Fri. 14, ore 22.30 Auditorium

Promessi Sposi

Italia 1993, 20’, v.o. Antonio e Lina, due “Promessi Sposi” dei nostri giorni, raccontano la loro storia d’amore. Una profonda cicatrice sul braccio di Antonio rivela però una realtà nascosta: lui, prima, era una lei. Una metamorfosi contemporanea resa possibile dall’amore. Mar./Tue. 11, ore 14.30 San Marco

La notte americana del dr. Lucio Fulci

Italia 1994, 30’, v.o. Un documento/testamento del grande Lucio Fulci, maestro del B-movie, le cui opere hanno ispirato registi di fama mondiale come Quentin Tarantino. Una lunga riflessione

Antonietta De Lillo Anne et les tremblements

Francia 2010, 19’, col., v.o. sott. it. Anne M. sistema il suo appartamento in modo metodico, scrive alla RATP (Ente Autonomo dei Trasporti Parigini) per risolvere i suoi problemi e, un bel giorno, viene messa in contatto con il signor Léonard. Una storia vera che parla di amore, di scosse e di vibrazioni. Mar./Tue. 11, ore 14.45 Auditorium

Queen of Montreuil

Francia 2012, 87’, col., v.o. sott. it. È l’inizio dell’estate e Agathe è di ritorno in Francia, a casa sua, a Montreuil. Deve rimettersi a fare la regista ma anche occuparsi della perdita di suo marito, deceduto in modo

Una casa in bilico

[co-regia Giorgio Magliulo], Italia 1986, 100’, v.o. Giovanni eredita un appartamento a Roma, nel quale ospita Teo, un vecchio compagno di scuola, e Maria, un amore di gioventù. Questa convivenza casuale, dopo un inizio faticoso, porta nuova energia nella vita di tutti e tre. Opera di esordio basata su un solido lavoro di sceneggiatura. Mer./Wed. 12, ore 11.15 Auditorium

Matilda

[co-regia Giorgio Magliulo], Italia 1990, 90’, v.o. Dopo la morte misteriosa di tre fidanzati, Matilda pubblica un annuncio di matrimonio. Si presenta il riluttante Torquato

7


che affascina per sincerità, ironia e lucidità, sul suo fare cinema e sulla sua eccentrica carriera. Lun./Mon. 10, ore 16.45 San Marco

sconsolata spettatrice di film hard, cambierà radicalmente la sua vita. Una storia d’amore naturale e delicata. Dom./Sun. 9, ore 15.00 Auditorium

Racconti di Vittoria

O’ cinema

Viento ’e terra

’Osolemio

Maruzzella [ep. di I vesuviani]

Non è giusto

Italia 1995, 65’, v.o. Una riflessione sulla morte in tre parti: Enzo Moscato che indaga in forma di monologo il sentimento materno di amore/possesso; un giovane che riordina la casa dove ha vissuto con il padre malato; un’oncologa che racconta la propria “convivenza” con il cancro. Lun./Mon. 10, ore 15.00 San Marco Italia 1996, 38’, v.o. Ritratto del gruppo operaio E’ Zezi di Pomigliano d’Arco, appassionato di musica e di lotte politiche. La realtà quotidiana, per loro, è il lavoro in fabbrica all’Alfa Romeo: un lavoro che li ha spinti a stare insieme e a sentire la necessità di esprimersi attraverso la musica. Mer./Wed. 12, ore 15.20 San Marco Italia 1997, 18’, v.o. Maruzzella è un travestito che si aggira come un moderno fantasma dell’Opera per i corridoi di un cinema a luci rosse, finché l’incontro con una giovane ragazza,

Italia 1999, 13’, v.o. La passeggiata di un ragazzino napoletano per le vie della sua città. Il suo sguardo curioso si posa su cose e persone e le trasfigura, portandoci nel mondo dell’immaginazione. Suggestioni sonore, visive e spezzoni di vecchi film si fondono in questo viaggio nel cuore di Napoli. Gio./Thu. 13, ore 14.30 San Marco Italia 1998, 39’, v.o. Un racconto che scalfisce i luoghi comuni di una Napoli definita spesso come città del sole e della pizza. Attraverso la storia della canzone ’O sole mio, dalla nascita alla consacrazione, emerge la duplice natura della città: quella paradisiaca, da cartolina, e quella oscura, misteriosa, dei vicoli. Lun./Mon. 10, ore 16.15 San Marco Italia 2001, 100’, v.o. Sofia e Valerio, undici e dodici anni, si incontrano casualmente in una Napoli estiva, afosa e semideserta. Entrambi affidati ai loro padri, si alleano per affrontare insieme le loro paure. Un film sullo sguardo, sulla memoria e su come i bambini vedono il mondo degli adulti. Dom./Sun. 9, ore 15.20 Auditorium

Pianeta Tonino

Italia 2002, 50’, v.o. Ritratto di Tonino Guerra, uno tra i più importanti sceneggiatori Italiani: la sua carriera e la sua vita quotidiana a Pennabilli, piccolo paese del riminese. Testimonianza dell’incontro con un uomo generosissimo, capace di esprimere un’enorme forza vitale. Mer./Wed. 12, ore 14.30 San Marco

Il resto di niente

Italia 2004, 103’, v.o., sott. ingl. Eleonora Pimentel Fonseca è la voce al femminile della rivoluzione partenopea del 1799. Ben presto, però, la lama della restaurazione frantuma il sogno di libertà in mille pezzi. Ritratto di una donna moderna, coraggiosa e libera, attraverso il filo della

8

memoria: i dolori, le speranze e le passioni di un’intera esistenza. Sab./Sat. 15, ore 16.30 Auditorium

Il pranzo di Natale

[film partecipato coordinato da Antonietta De Lillo], Italia 2011, 51’, v.o., sott. ingl. Il pranzo di Natale come rito centrale della nostra collettività sullo sfondo di una società in crisi. Film partecipato in cui ventotto filmmakers, coordinati da Antonietta De Lillo, si confrontano su un tema assegnato. Innovativo progetto-collante fra la Rete e la settima arte. Ven./Fri. 14, ore 14.30 San Marco

La pazza della porta accanto Conversazione con Alda Merini

Italia 2013, 52’, v.o., sott. ingl. Alda Merini racconta la propria vita, soffermandosi sui capitoli più significativi della sua esistenza: l’infanzia, la femminilità, gli amori, la maternità, la follia, riflettendo sulla poesia e sull’arte. Il ritratto di una donna che si definiva «facile, alla mano, la pazza della porta accanto». Ven./Fri. 14, ore 18.00 Auditorium


Jessica Hausner Flora

Austria 1995, 25’, col., v.o. sott. it. Flora è adolescente, frequenta una sala da ballo, conosce un ragazzo, poi un altro, va alle giostre… una gioventù senza emozioni, un’esistenza en passant dove le scelte, già molto difficili, paiono sempre quelle sbagliate. Mar./Tue. 11, ore 22.15 Auditorium

Inter-View

Austria 1999, 45’, col., v.o. sott. it. Un giovane chiede alle persone se sono felici, quasi nessuno risponde di esserlo, tranne la sua vicina di casa. E la cosa lo irrita profondamente. Forse l’unica soddisfazione del ragazzo è il disprezzo della felicità altrui? Gio./Thu. 13, ore 14.30 Auditorium

Lovely Rita

Austria 2001, 76’, col., v.o. sott. it. Rita ha quindici anni e odia essere come gli altri. Marina la scuola, litiga con i genitori, seduce uomini più grandi e progetta di fuggire di casa. I 400 colpi al femminile e in versione austriaca, anche se più che in un film di Truffaut sembra di essere in uno di Haneke. Ven./Fri. 14, ore 16.45 Auditorium

Hotel

Austria • Germania 2004, 76’, col., v.o. sott. it. Irene è la nuova receptionist in un grande albergo delle Alpi austriache. Il lavoro non sembra granché faticoso. La notte, però, nell’hotel accadono cose strane e inquietanti.

Fra Repulsion e Shining, un horror in levare, ellittico e che non sa di esserlo. Mar./Tue. 11, ore 22.45 Auditorium

Toast

Austria 2006, 1’ 45’’, col., v.o. sott. it. Una ragazza mangia un toast dopo l’altro in maniera ossessiva. La riflessione sulla bulimia della società contemporanea passa attraverso il corpo delle donne. Ironico, sarcastico e provocatorio. Mer./Wed. 12, ore 17.00 Auditorium

Lourdes

Austria • Francia • Germania 2009, 96’, col., v.o. sott. it. Christine, inferma, va a Lourdes e ricomincia a camminare. Il miracolo tuttavia sembra creare più gelosie che apprezzamenti. La fabbrica dei miracoli non chiude mai, Lourdes come luogo dove la fede e la speranza vanno a braccetto con l’invidia e lo scetticismo. Mer./Wed. 12, ore 17.00 Auditorium

women’s best of cilect prize Civica Educazione

di Gianmaria Sortino, Italia 2013, 22’, col., v.o. Studente del terzo anno di regia e prossimo ad affacciarsi al mondo del lavoro, Gianmaria incontra e intervista alcuni ex allievi della Scuola di Cinema e Televisione di Milano. Ven./Fri. 14, ore 16.30 San Marco

Zu dir?

di Sylvia Borges, Germania 2012, 29’, col., v.o. sott. it. Dopo aver ballato tutta la notte, Freya e Max si ritrovano l’una davanti all’altro. Dando per scontato che ci sarà un “dopo”, Max le chiede: «Da me o da te?». Ma Freya lo sorprende con una proposta alternativa… Gio./Thu. 13, ore 17.00 Auditorium

Parvaneh

di Talkhon Hamzavi, Svizzera 2012, 25’, col., v.o. sott. it. Parvaneh, giovane afgana migrante, vive sola in un centro accoglienza sulle montagne svizzere. Un giorno si reca in città e dopo una serie di incontri frustranti trova l’amicizia. Oscar come miglior film di diploma nel 2013. Ven./Fri. 14, ore 15.20 San Marco

Sowa

di Marta Karwowska, Polonia 2012, 34’, col., v.o. sott. it. Sowa, otto anni, trascorre le vacanze estive al lago con mamma e papà. Ha recuperato un gommone bucato, con il quale vorrebbe raggiungere un isolotto deserto. Per ripararlo, le serve l’aiuto dei genitori, indaffarati con i loro problemi sentimentali. Lun./Mon. 10, ore 17.15 San Marco

Maks

di Sara Kern, Slovenia 2012, 16’, col., v.o. sott. it. È Halloween e il piccolo Maks vuole andare dalla nonna, nonostante il parere contrario del papà. Col suo costume da orso e insieme all’amico travestito da Superman, attraversa la città in monopattino per raggiungere la sua meta. Mar./Tue. 11, ore 11.00 Auditorium

Clownmedicin

di Ida Lindgren, Svezia 2012, 21’, col., v.o. sott. it. La vita di tre bambini ricoverati all’ospedale Astrid Lindgrens, tra interventi chirurgici, esami, terapie. Ma quando arrivano i clown, i bambini ritrovano il sorriso, i loro sogni e l’immaginazione. Ven./Fri. 14, ore 15.40 San Marco

Thinking About

di Valentina Sutti, Italia 2013, 8’, col., v.o. sott. it. I pensieri di una bambina scorrono fluidi fra suoni e animazioni. Un rincorrersi di emozioni e riflessioni prende forma attraverso disegni infantili. A poco a poco, le animazioni lasciano spazio alla realtà.

9


Quest’anno un thriller ad altissima tensione (Devil’s Knot – Fino a prova contraria) e una commedia un po’ lunare (La luna su Torino) per le due anteprime, di prossima uscita nelle sale. Più un cult movie, La costola di Adamo di George Cukor, dove al centro è ancora una volta la donna: tenace e battagliera, in una schermaglia irresistibile tra due magistrati che sono anche marito e moglie. Continua poi, anche quest’anno, il passaggio di testimone a Bergamo Jazz, che festeggia la sua trentaseiesima edizione. La domenica di chiusura di Bergamo Film Meeting, sarà proiettato il film Appuntamento con il delitto di Édouard Molinaro, con musiche del sassofonista Barney Wilen, e a seguire Lo sconosciuto di Tod Browning, con sonorizzazione a opera del trio di Vincenzo Vasi, specialista del theremin. Il film di Molinaro, splendidamente interpretato da Lino Ventura, è un polar fatto di atmosfere notturne, bistrot, baveri alzati, squallidi hotel. Il film di Browning è ambientato in un circo e racconta sentimenti essenziali e opposti: amore e odio, compassione e invidia, bontà e vendetta.

Devil’s Knot Devil’s Knot – Fino a prova contraria

di Atom Egoyan, USA 2013, 114’, col., v.o. sott. it. Nel 1993, tre bambini vengono brutalmente uccisi a West Memphis, Arkansas. I loro corpi vengono trovati in un fiume, braccia e gambe legate con i lacci delle scarpe. La polizia indaga male e superficialmente, e alla fine sono accusati tre adolescenti locali. Ma Ron Lax non crede alla versione ufficiale e inizia un’indagine parallela. Tratto da un famoso caso di cronaca nera americano, un thriller giudiziario ad altissima tensione con Colin Firth e Reese Witherspoon. Sab./Sat. 15, ore 22.30 Auditorium

La luna su Torino

di Davide Ferrario, Italia 2013, 90’, col., v.o.

10

Alla morte prematura dei genitori, ricchi borghesi di sinistra, Ugo eredita una villa sulle colline torinesi. Ora che i soldi stanno finendo, decide di subaffittare la casa: a Maria, giovane impiegata in un’agenzia di viaggi, e a Dario, ventenne universitario e precario. Tra poetiche e comiche divagazioni, tutti e tre sono alla ricerca di un loro posto nel mondo. «Una metafora sull’equilibrio e sulla leggerezza che servono per destreggiarsi come acrobati nel mondo in cui viviamo». (D. Ferrario) Sab./Sat. 8, ore 22.30 Auditorium

collaborazione del regista con Lon Chaney. Un melodramma delirante ai confini tra bellezza e mostruosità.

Adam’s Rib/La costola di Adamo

di Édouard Molinaro, Italia/Francia 1959, 86’, bn, v.o., sott. it. Un uomo uccide la sua amante; riesce a far credere in un incidente e la fa franca. Il marito della donna, però, è sulle sue tracce e ne organizza meticolosamente l’assassinio, mascherandolo da suicidio. Solidissimo noir della miglior tradizione, con la splendida prestazione di Lino Ventura e colonna sonora jazz di Barney Wilen, Kenny Dorham, Kenny Clarke. Dom./Sun. 16, ore 15.30 Auditorium

di George Cukor, USA 1949, 101’, col., v.o., sott. it. Una donna spara al marito fedifrago e in tribunale le loro rispettive ragioni sono sostenute da due magistrati, che sono moglie e marito. La battaglia tra i sessi in un duplice confronto matrimoniale. Tra i migliori esempi di commedia sofisticata. Indimenticabile l’arringa “femminista” della Hepburn. Sab./Sat. 8, ore 15.00 Auditorium

BERGAMO FILM MEETING INAUGURA BERGAMO JAZZ The Unknown/Lo sconosciuto

di Tod Browning, USA 1927, 49’, bn, muto Alonzo, un ladro inseguito dalla polizia, si rifugia in un circo spagnolo e si finge senza braccia per sviare i sospetti. Qui incontra Nanon, una ragazza che non sopporta di essere abbracciata dagli uomini, e se ne innamora. Capolavoro di Browing, nato dalla

Sonorizzazione di Vincenzo Vasi (theremin, basso elettrico, electronics, percussioni, voce), Valeria Sturba (theremin, violino, electronics, percussioni, voce), Pasquale Mirra (vibrafono, xilofono, marimba, vibrafono Midi, percussioni) Dom./Sun. 16, ore 18.00 Auditorium

Un témoin dans la ville Appuntamento con il delitto


Agli esordi della sua carriera, tra la fine degli anni Quaranta e per tutti i Cinquanta, Bogarde era una star del box office. Con un aspetto ambiguo e tenebroso, i lineamenti sottili, lo sguardo vellutato dei suoi occhi scuri, sapeva catturare e incantare il pubblico, specialmente quello femminile. All’inizio si cala nei panni del fuorilegge (I giovani uccidono) o del militante dell’IRA (The Gentle Gunman), riuscendo a proiettare sullo schermo un magnetismo pericoloso e irresistibile. All’apice del successo, l’attore dà una svolta alla sua carriera, per affrontare ruoli più complessi e maturi. A partire da Victim, diretto da Basil Dearden – forse il primo film della storia del cinema che affronta apertamente il tema dell’omosessualità – si apre una nuova fase, in cui Bogarde, da idolo delle folle, si trasforma a poco a poco nel volto del cinema d’autore britannico, grazie alle collaborazioni con registi come Schlesinger e Jack Clayton, ma soprattutto al fecondo sodalizio con Joseph Losey, già iniziato nel 1954 con La tigre nell’ombra e proseguito per tutti gli anni Sessanta con una serie di memorabili film (Il servo, Per il re e per la patria, L’incidente). Nell’ultima fase della sua carriera lavora con Luchino Visconti per La caduta degli dei, con Alain Resnais per Providence e con Fassbinder, che lo vuole come protagonista dell’inquietante Despair.

Boys in Brown

di Montgomery Tully, Gran Bretagna 1949, 85’, bn, v.o. sott. it. Non contento di essere libero sulla parola per precedenti reati, il giovane Jackie Knowles si mette di nuovo nei guai nel tentativo di compiere un’altra rapina. Bogarde, qui nel ruolo di cattivo consigliere e di subdolo mentitore, interpreta un personaggio di intrigante ambiguità. Lun./Mon. 10, ore 11.30 Auditorium

The Blue Lamp/I giovani uccidono

The Gentle Gunman

di Basil Dearden, Gran Bretagna 1952, 86’, bn, v.o. sott. it. Londra 1941. Terence e Matt Sullivan sono due fratelli irlandesi coinvolti nelle attività dell’IRA. Quando i suoi compagni sono tratti in arresto, Terence si assicura che Matt faccia ritorno in Irlanda senza correre altri rischi. John Mills e Dirk Bogarde ci regalano un intenso ritratto dei fratelli in lotta. Gio./Thu. 13, ore 9.15 Auditorium

Desperate Moment/I disperati

di Basil Dearden, Gran Bretagna 1950, 84’, bn, v.o. sott. it. Un giovanotto si arruola nella Polizia metropolitana di Londra. L’anziano collega che gli fa da guida e istruttore è ucciso in uno scontro a fuoco. Il colpevole è arrestato e affidato alla giustizia. Il film è l’archetipo del poliziesco inglese. Un giovane Dirk Bogarde sinistro e sensuale. Mar./Tue. 11, ore 9.15 Auditorium

di Compton Bennett, Gran Bretagna 1953, 88’, bn, v.o. sott. it. Il partigiano Simon si accusa di un omicidio credendo che la sua bella sia morta: ma scopre che non è vero ed evade dal carcere per dimostrare la sua innocenza. Ambientato in una Germania sventrata dai bombardamenti. Dirk Bogarde superlativo in un ruolo che oscilla tra il Bene e il Male. Dom./Sun. 16, ore 11.15 Auditorium

Hunted/La colpa del marinaio

The Sleeping Tiger/La tigre nell’ombra

di Charles Crichton, Gran Bretagna 1952, 84’, bn, v.o. sott. it. Robbie, un piccolo orfano, scappa dai parenti a cui era stato affidato. In una casa abbandonata incontra un tale di nome Chris Lloyd, che ha appena ucciso un uomo. I due partono insieme per la Scozia. Un noir che è anche un road movie ante litteram. Un grande Dirk Bogarde. Dom./Sun. 16, ore 20.45 Auditorium

di Joseph Losey, Gran Bretagna 1954, 89’, bn, v.o. sott. it. Lo psichiatra Clive Esmond è convinto di poter arginare le tendenze criminali del giovane fuggitivo Frank Clements. A tal fine, decide di nasconderlo in casa sua, nonostante l’ostilità della moglie Glenda. Primo film di Losey in Inghilterra dopo la fuga dagli USA per le persecuzioni del maccartismo. Mar./Tue. 11, ore 11.15 Auditorium

Cast a Dark Shadow La poltrona vuota

di Lewis Gilbert, Gran Bretagna 1955, 82’, bn, v.o. sott. it. Un giovane sposa donne ricche e le uccide per incassarne l’eredità. Ma la sua ultima vittima è più avveduta delle altre. Tratto dalla pièce Murder Mistaken di Janet Green, il film non manca di suspense e ha in Bogarde un insinuante e convincente protagonista. Dom./Sun. 16, ore 9.15 Auditorium

Doctor at Sea/Incontro a Rio

di Ralph Thomas, Gran Bretagna 1955, 102’, col., v.o. sott. it. Per fuggire alle attenzioni della figlia del suo datore di lavoro, il giovane dottor Sparrow si imbarca come ufficiale medico su una nave da crociera. In Sudamerica conosce una bella cantante francese. Commedia

11


ispirata a un libro comico molto popolare di Richard Gordon. Bogard in un’insolita parte brillante. Ven./Fri. 14, ore 11.15 Auditorium

processuale ricco di tensione. Bogarde in una doppia parte. Lun./Mon. 10, ore 15.00 Auditorium

The Spanish Gardener Il giardiniere spagnolo

di Basil Dearden, Gran Bretagna 1961, 90’, bn, v.o. sott. it. Un avvocato omosessuale mette a repentaglio il matrimonio e la carriera per smascherare una banda di ricattatori responsabili della morte di un suo ex amante. Primo film nella storia del cinema in cui si pronuncia la parola omosessuale. Un Bogarde in gran forma. Sab./Sat. 15, ore 11.15 Auditorium

di Philip Leacock, Gran Bretagna 1956, 91’, col., v.o. sott. it. Harrington Brande, un anziano console inglese a riposo, ha alle sue dipendenze un giovane giardiniere del luogo, José Santero, e un perfido maggiordomo intrigante di nome García. Il primo stringe una forte amicizia con Nicholas, il figlio del console, l’altro cerca di dividerli. Bogarde impeccabile come sempre. Mer./Wed. 12, ore 9.30 Auditorium

A Tale of Two Cities Verso la città del terrore

di Ralph Thomas, Gran Bretagna 1958, 117’, bn, v.o. sott. it. Durante la rivoluzione francese, il giovane avvocato inglese Sydney Carton si riscatta da una vita di eccessi e alcol sacrificandosi in nome di Lucie Manette, l’amore della sua vita. Adattamento del romanzo Le due città di Charles Dickens. Bogarde conferisce grande sensibilità e credibilità al suo personaggio. Gio./Thu. 13, ore 11.00 Auditorium

Libel/Il diavolo nello specchio

di Anthony Asquith, Gran Bretagna 1959, 100’, bn, v.o. sott. it. Un baronetto che soffre di amnesie ricorrenti è accusato da un suo ex commilitone di essere in realtà un truffatore, che durante la fuga da un campo di concentramento ha ucciso il vero nobile e ne ha preso l’identità. Dramma

Victim

H.M.S. Defiant/Ponte di comando

di Lewis Gilbert, Gran Bretagna 1962, 101’, col., v.o. sott. it. Al tempo delle guerre napoleoniche, l’equipaggio di un vascello inglese che veleggia verso la Corsica si ammutina: ma i rivoltosi non perdono il senso dell’onore e, quando la flotta britannica è in pericolo, si coprono di gloria. Entusiasmante testa a testa tra Guinness e Bogarde. Mar./Tue. 11, ore 17.00 Capitol

The Mind Benders/Il cranio e il corvo di Basil Dearden, Gran Bretagna 1963, 109’, bn, v.o. sott. it. Quando un suo collega sospettato di tradimento si suicida, lo scienziato Henry Logman vuole dimostrare che qualcuno ne aveva manipolato la volontà. Per questo accetta di sottoporsi agli esperimenti di “deprivazione sensoriale” che aveva ideato insieme a lui. Thriller psicologico. Bogarde insuperabile. Mer./Wed. 12, ore 17.00 Capitol

I Could Go On Singing Ombre sul palcoscenico

di Ronald Neame, Gran Bretagna • USA 1963, 100’, col., v.o. sott. it. Trovandosi a Londra per lavoro, la celebre cantante Jenny chiede all’uomo che in passato aveva amato, e dal quale aveva avuto un figlio, di permetterle di vedere il ragazzo, di cui non sa nulla da anni. Madre e figlio si incontrano e nasce un grande affetto contrastato dal padre. Ultimo film della Garland. Meraviglioso duetto d’attori. Ven./Fri. 14, ore 9.15 Auditorium

The Servant/Il servo

di Joseph Losey, Gran Bretagna 1963, 116’, bn, v.o. sott. it.

12

Preso a servizio dal ricco e nobile Tony Mounset, il cameriere Hugo Barrett intuisce la debole indole del suo nuovo padrone e si conquista una posizione dominante, coinvolgendo nel gioco la sua amante, Vera. Sceneggiatura di Pinter dal romanzo di Robin Maugham. Indimenticabile il ghigno luciferino di Bogarde. Lun./Mon. 10, ore 22.15 Auditorium

King & Country Per il re e per la patria

di Joseph Losey, Gran Bretagna 1964, 89’, bn, v.o. sott. it. Prima guerra mondiale. Il soldato Arthur Hamp è processato per diserzione. Lo difende il capitano Hargreaves, al quale Hamp spiega i motivi del suo gesto. Poco a poco, il disprezzo dell’ufficiale si trasforma in simpatia. Capolavoro del cinema antimilitarista, dal dramma Hamp di John Wilson. Sab./Sat. 15, ore 14.50 Auditorium

Darling

di John Schlesinger, Gran Bretagna 1965, 128’, bn, v.o. sott. it. L’arrampicata sociale di Diana Scott che, dopo un matrimonio fallito, diventa fotomodella, passa da un giornalista a un uomo d’affari, da un fotografo effemminato a un nobile italiano. Il film contribuì a fare della Christie una star, premio Oscar insieme a quelli per la sceneggiatura e per i costumi. Lun./Mon. 10, ore 9.00 Auditorium

Our Mother’s House Tutte le sere alle nove

di Jack Clayton, Gran Bretagna 1967,104’, col., v.o. sott. it. Gli Hook sono sette fratelli che vivono con la madre gravemente ammalata in una vecchia


casa alla periferia di Londra. Quando la donna muore, i figli, per paura di finire in un orfanotrofio, la seppelliscono in giardino. Dramma psicologico familiare che sconfina nel gotico grottesco. Mer./Wed. 12, ore 14.45 Auditorium

Accident/L’incidente

di Joseph Losey, Gran Bretagna 1967, 105’, col., v.o. sott. it. A Oxford, Charley e Stephen, due maturi professori, si invaghiscono di Anna, una studentessa appena arrivata. Il giovane William, diventato il fidanzato della ragazza, muore in un pauroso incidente a pochi metri dalla casa di Stephen. Attori strepitosi e la coppia Losey-Pinter al suo massimo splendore. Dom./Sun. 9, ore 9.30 Auditorium

Götterdämmerung La caduta degli dei

di Luchino Visconti, Italia • Germania 1969, 160’, col., v.o. La saga della famiglia Essenbeck, proprietaria di grandi acciaierie, alla vigilia della presa del potere dei nazisti in Germania. Il vecchio Joachim è intenzionato a passare la mano ai figli, tra cui ci sono fautori e oppositori di Hitler. Vicenda di epica grandezza e di straordinaria eleganza formale. Gio./Thu. 13, ore 15.00 Capitol

Providence

di Alain Resnais, Francia • Svizzera • Gran Bretagna 1977, 110’, col., v.o. sott. it. Nel vecchio castello in cui abita, l’anziano scrittore Clive Langham, alcolizzato e acciaccato, vive una notte di ricordi. Nella sua mente allucinata si affollano i volti della moglie suicida e quelli dei figli e della nuora che diventano protagonisti di un immaginario romanzo. Cast di gran classe e strepitosa colonna sonora di Miklós Rózsa. Sab./Sat. 15, ore 9.15 Auditorium

Despair

di Rainer Werner Fassbinder, Germania • Francia 1978, 119’, col., v.o. sott. it. Germania anni Trenta. Un industriale del cioccolato, perseguitato dall’idea del doppio, trova un sosia, lo uccide e scappa in Svizzera con una nuova identità. Tratto dal romanzo di Nabokov e sceneggiato da Tom Stoppard. Bogard è splendido e convincente, prima di scomparire dagli schermi per oltre un decennio. Mar./Tue. 11, ore 17.00 Auditorium

Il titolo del film di Bogdanovich, con Barbra Streisand e Ryan O’Neal, in originale What’s Up, Doc?, è perfetto nell’indicare personaggi femminili che irrompono sulla scena con la forza di un meteorite, ribaltando equilibri consolidati e provocando sommovimenti e catastrofi. Siamo nei territori della screwball comedy. Tema principale: la sempiterna guerra tra i sessi; da una parte ci sono le donne che irrompono con la loro spregiudicatezza e una buona dose di follia, dall’altra ci sono uomini seriosi o frustrati, sessualmente impacciati, psicologicamente dominati. L’urto produce situazioni comiche esilaranti, equivoci a non finire e ripetuti colpi di scena. Come in Susanna, di Howard Hawks, Lady Eva, di Preston Sturges, Accadde una notte di Frank Capra, Colpo di fulmine, sempre di Hawks. Film interpretati da “femmine folli” come Katherine Hepburn, Barbara Stanwyck, Claudette Colbert, Carole Lombard, Ginger Rogers, che affrontano maschi del calibro di Cary Grant, Henry Fonda, Clark Gable, Gary Cooper. Senza dimenticare Mica scema la ragazza! di François Truffaut, con una travolgente e libertina Bernadette Lafont.

It Happened One Night Accadde una notte

di Frank Capra, USA 1934, 108’, bn, v.o., sott. it. A Miami, un giornalista appena licenziato e in cerca di uno scoop, incontra su un pullman un’ereditiera bella e viziata, in fuga dal padre dispotico che vuole impedirle di sposare un bellimbusto. Singolarmente on the road,

una delle più belle commedie di tutti i tempi. Mitico il crollo delle Mura di Gerico. Dom./Sun. 9, ore 11.30 Auditorium

Hands Across the Table I milioni della manicure

di Mitchell Leisen, USA 1935, 80’, bn, v.o., sott. it. La manicure Regi Allen è decisa a sposare un uomo ricco. Lo avrebbe trovato nell’ameno Theodore, promesso sposo alla figlia del re degli ananas, ma lui di soldi in realtà non ne ha. Una delle migliori commedie di Leisen con una Lombard che mette in mostra tutto il suo straordinario talento. Gio./Thu. 13, ore 22.30 Auditorium

Nothing Sacred/Nulla sul serio

di William A. Wellman, USA 1937, 75’, col., v.o., sott. it. Alla giovane Hazell è stata diagnosticata per errore una malattia incurabile. Un giornalista la fa trasportare a New York a spese del giornale per farla diventare un’eroina da prima pagina. La verità sta per venire a galla, ma il meccanismo messo in atto non può più essere fermato. Film dal ritmo serrato, con una comicità a tratti feroce. Gio./Thu. 13, ore 00.00 Auditorium

13


Bringing Up Baby/Susanna

di Howard Hawks, USA 1938, 102’, bn, v.o., sott. it. Il paleontologo David Huxley, in procinto di sposarsi e sul punto di concludere la ricostruzione di uno scheletro di dinosauro, è alla ricerca di finanziamenti. Conosce Susan, una testarda ma adorabile ereditiera, e da quel momento per lui è un susseguirsi di guai. Capolavoro della screwball comedy degli anni Trenta. Mer./Wed. 12, ore 23.00 Auditorium

5th Avenue Girl La ragazza della Quinta Strada

di Gregory La Cava, USA 1939, 83’, bn, v.o., sott. it. Per rimettere in riga i componenti della sua turbolenta famiglia, un industriale finge di aver preso una sbandata per una fanciulla avida di denaro, conosciuta al parco. Una commedia divertente e a tratti raffinata, con la cenerentola Ginger Rogers che non balla, ma tiene testa agli altri con battute argute e irriverenti. Sab./Sat. 8, ore 00.15 Auditorium

Ball of Fire/Colpo di fulmine

di Howard Hawks, USA 1941, 111’, bn, v.o., sott. it. Un gruppo di anziani professori e un giovane filologo sono alle prese con la redazione di una monumentale enciclopedia. Quando scoprono la lingua parlata, decidono di “aggiornarsi” e per apprendere lo slang il filologo si mette a frequentare un’attricetta.

Scritto da Billy Wilder e Charles Brackett. Esilarante e diabolico. Sab./Sat. 15, ore 00.45 Auditorium

The Lady Eve/Lady Eva

di Preston Sturges, USA 1941, 95’, bn. v.o., sott. it. Su un transatlantico un giovane milionario, piuttosto ingenuo, cade nella trappola tesagli da un baro di professione e dalla sua bella figlia Jean. Ma la situazione si complica quando la ragazza si innamora davvero della sua vittima. Con una Stanwyck scatenata e insolitamente sexy. Dom./Sun. 9, ore 00.15 Auditorium

Bell Book and Candle Una strega in paradiso

di Richard Quine, USA 1958, 106’, col., v.o., sott. it. Sotto le apparenze di un’antiquaria di arti primitive si nasconde una strega che usa le sue arti (e quelle del suo gatto Cagliostro) per fare innamorare di sé l’editore Henderson, e mandargli a monte il matrimonio. Commedia romantica con interpreti in stato di grazia. Indimenticabile la schiena nuda della Novak. Dom./Sun. 16, ore 22.30 Auditorium

What’s Up, Doc? Ma papà ti manda sola?

di Peter Bogdanovich, USA 1972, 94’, col., v.o., sott. it. Un serioso musicologo, con fidanzata insignificante, e una ragazza svitata sono coinvolti in una serie di incidenti e avventure sulle tracce di quattro valige uguali tra loro e con contenuti compromettenti. Una rivisitazione molto cinefila e molto divertente delle screwball comedy. Il titolo è l’intercalare di Bugs Bunny. Sab./Sat. 15, ore 20.30 Auditorium

Une belle fille comme moi Mica scema la ragazza!

di François Truffaut, Francia 1972, 98’, col., v.o., sott. it. Parabola ascendente di Camille, sgualdrinella che possiede una sua allegra e vitalissima amoralità. A suo carico esiste una serie di crimini che scarica sulle spalle di uno sprovveduto sociologo. Sfonda come cantante e conquista ricchezza e popolarità. Black comedy con una prorompente Bernadette Lafont. Ven./Fri. 14, ore 14.45 Auditorium

14

L’appuntamento per i nottambuli di Bergamo Film Meeting, con la tradizionale maratona del venerdì sera, prende spunto dai personaggi femminili della sezione “Ma papà ti manda sola” per divagare dalla commedia al fantastico, fino all’horror. Due cult assoluti compongono la mini rassegna, dove questa volta la donna diventa fattore scatenenate di appetiti carnali che innescano un intreccio di mille avventure e peripezie (in Per favore, non mordermi sul collo di Roman Polanski), o autentico catalizzatore e motore di disastri incontrollabili che travolgono la scena e i personaggi che la popolano (in Carrie – Lo sguardo di Satana di Brian De Palma).

The Fearless Vampire Killers Per favore, non mordermi sul collo

di Roman Polanski, USA • Gran Bretagna 1967, 107’, col., v.o., sott. it. Il professor Abronsius e il suo assistente Alfred arrivano in Transilvania a caccia di vampiri. Penetrano nel castello del conte von Kroloc, capo dei vampiri, che ha rapito la bella locandiera di cui è già cotto il buon Alfred. Incursione di Polanski nel mondo di Dracula & Co, tra horror e commedia. Splendida Sharon Tate. Ven./Fri. 14, ore 00.15 Auditorium

Carrie/Carrie – Lo sguardo di Satana

di Brian De Palma, USA 1976, 97’, col., v.o., sott. it. Carrie White ha ricevuto un’educazione ossessivamente religiosa. Le sue prime mestruazioni provocano la derisione delle compagne. Uno scherzo beffardo della perfida Chris scatena la vendetta di Carrie, che nel passaggio all’adolescenza ha acquisito poteri paranormali. Dal romanzo di Stephen King. Thriller gotico sul paranormale. Ven./Fri. 14, ore 2.00 Auditorium


Pierre-Luc Granjon (Francia, 1973), dopo aver studiato storia dell’arte a Ginevra, si iscrive alla Scuola di arti applicate di Lione. Alternando i ruoli di modellista, animatore e scenografo realizza nel 2001 il suo primo cortometraggio, Petite escapade, in plastilina e disegno animato, che vince il Gran Premio del Festival di Seul. Nel 2004 firma Le château des autres e si lancia nel découpage con L’enfant sans bouche. Creativo artigiano di immagini animate, si impegna poi in una tetralogia (L’hiver de Léon, Le printemps de Mélie, L’été de Boniface e L’automne de Pougne), popolato di personaggi fortemente caratterizzati immersi in un inverno medievale la cui estetica richiama quella delle miniature. Attraverso diverse tecniche di animazione (plastilina, disegno animato, découpage), Pierre-Luc Granjon racconta storie a un tempo semplici e forti, che penetrano nel profondo delle emozioni nell’infanzia. Il suo universo assolutamente personale è popolato di piccoli sognatori. Il suo ultimo film, La grosse bête, è stato presentato in anteprima al Festival di Annecy nel 2013.

L’enfant sans bouche

Francia 2004, 4’, col., animazione découpage, v.o. sott. it. C’era una volta un bambino senza bocca. Il cane, il gatto e i suoi genitori avevano delle bocche, e le usavano molto. Un giorno, allora, il bambino ebbe un’idea: prese una matita e si disegnò una bocca… Sab./Sat. 15, ore 14.45 Auditorium

Le loup blanc

Francia 2006, 8’ 30’’, col., animazione découpage, v.o. sott. it. Un bambino riesce ad addomesticare un grosso lupo bianco per cavalcarlo. Ma un giorno, il padre torna dalla caccia con una preda più grossa del solito: il lupo bianco. Dom./Sun. 9, ore 17.15 Auditorium

Petite escapade

Francia 2001, 5’ 30’’, bn, animazione disegno, pupazzi, v.o. sott. it. Un bambino venuto dal centro di un vasto bosco osserva dalla cima di un muro le persone che passano su un marciapiede. Al temine della giornata, sorridente, torna a casa. La sua visione di ciò che ha osservato dal muro è del tutto personale. Lun./Mon. 10, ore 20.30 Auditorium

Le château des autres

Francia 2004, 5’ 55’’, col., animazione pupazzi in cartapesta, senza dialoghi Una scolaresca va in gita scolastica in un grande castello. Uno dei bambini si attarda qualche minuto a contemplare una statua, e perde il gruppo dei suoi compagni di classe. Sab./Sat. 8, ore 20.30 Auditorium

L’hiver de Léon

i piani del fellone? Una sublime favola medievale di marionette. Mar./Tue. 11, ore 17.40 San Marco

L’été de Boniface

[co-regia Antoine Lanciaux], Francia 2011, 28’, col., animazione – pupazzi, v.o. sott. it. Nel piccolo reame di Abracadabra, il cantastorie Boniface vive una storia d’amore con la regina Héloïse. Ha appena chiesto la sua mano quando arriva Mélie, la principessa, insieme ai suoi amici, che decidono di accamparsi ai piedi del Monte Sacro… Gio./Thu. 13, ore 17.00 San Marco

L’automne de Pougne

[co-regia Antoine Lanciaux], Francia 2012, 26’, col., animazione – pupazzi, v.o. sott. it. Tutti i libri del reame, stranamente, si svuotano delle loro storie. Il buon re Balthazar

[co-regia Pascal Le Nôtre], Francia • Canada 2007, 26’, col., animazione – pupazzi, v.o. sott. it. L’inverno si abbatte sul reame e l’orco delle montagne rapisce la bella principessa Mélie Pain d’Epice. Ma Léon, un giovane orso, è pronto a lanciarsi in una serie di rischiose avventure pur di liberarla. Mar./Tue. 11, ore 17.15 San Marco

Le printemps de Mélie

Francia 2009, 26’, col., animazione pupazzi, v.o. sott. it. È Carnevale nel regno del re Balthazar e il malvagio Boniface ambisce a prendere il posto di Léon sul trono del re, per gioco. Riuscirà Mélie Pain d’Épice a buttare all’aria

15


incomincia subito ad annoiarsi e trascina con sé il suo popolo in una profonda depressione. Riusciranno Pougne e i suoi amici a far tornare le storie nel reame? Gio./Thu. 13, ore 17.30 San Marco

casa abbandonata. Un giorno dalla casa esce un uomo trasandato con una sigaretta e una bottiglia di whisky in mano, che abbaglia i bambini per l’intensità del suo sguardo. Lun./Mon. 10, ore 11.45 Auditorium

La grosse bête

La funambola

Francia 2013, 7’, bn, animazione découpage, v.o. sott. it.

di Roberto Catani, Francia 2002, 6’, col., animazione, senza dialoghi Lettere impregnate di parole, la narrazione silenziosa della vita di una giovane donna. Amore, matrimonio e maternità, un sogno e un rifugio. Ven./Fri. 14, ore 20.30 Auditorium

Peter & the Wolf

Si narra che una grossa belva arrivi per mangiare la popolazione della città, quando meno ce lo si aspetti. Qualcuno suggerisce che per non essere mangiati, sia sufficiente continuare a pensare all’arrivo della feroce belva. Gio./Thu. 13, ore 20.30 Auditorium

CARTA BIANCA A PIERRE-LUC GRANJON Haut pays des neiges

di Bernard Palacios, Francia 1989, 10’ 30’’, col., animazione, v.o. sott. it. In Tibet una spedizione si prepara per catturare la strana creatura delle nevi, che vive isolata tra le montagne, mezza selvaggia, mezza addomesticata… insieme a un geometra. Un’avventura poetica e toccante sulla storia di un amore singolare. Dom./Sun. 16, ore 20.30 Auditorium

The Man with the Beautiful Eyes

di Jonathan Hodgson, Gran Bretagna 2000, 5’ 38’’, col., animazione acquerello su carta, v.o. sott. it. A dispetto delle raccomandazioni dei genitori, quattro ragazzini si spingono a giocare in una

16

di Suzie Templeton, Gran Bretagna • Polonia • Norvegia • Messico 2006, 32’, col., animazione – pupazzi, stop-motion, senza dialoghi Pierino vive in un universo dominato dal Male. La lotta contro il Lupo è all’origine della sua trasformazione: da ragazzino piccolo e fragile, Pierino scopre la sua forza e diventa un eroe. Versione animata dell’opera per ragazzi composta da Sergej Prokofiev nel 1936. Mar./Tue. 11, ore 16.45 San Marco

Old Fangs

di Adrien Merigeau, Alan Holy, Irlanda 2009, 12’, col., animazione – inchiostro colorato su carta, v.o. sott. it. Un giovane lupo in viaggio con due amici nel cuore di una foresta, per provare a reinstaurare un rapporto con l’intimidatorio padre Old Fangs, che vive isolato in una capanna. Ven./Fri. 14, ore 22.15 Auditorium

Wakaranai buta/In a Pig’s Eye

di Atsushi Wada, Giappone 2010, 10’ 10’’, col., animazione – disegno su carta, senza dialoghi La bizzarra relazione tra un maiale, un cane e alcuni esseri umani. è possibile cancellare l’esistenza di un divario? Mar./Tue. 11, ore 16.45 Auditorium

Palmipedarium

di Jérémy Clapin, Francia 2012, 12’, col., animazione – computer grafica, senza dialoghi Simon conosce abbastanza bene le anatre. Fanno rumore, volano, nuotano e qualche volta rotolano anche. A volte però tutto diventa così confuso che Simon si perde... Lun./Mon. 10, ore 14.45 Auditorium

Everything I Can See from Here

di Bjorn-Erik Aschim, Sam Taylor, Gran Bretagna 2013, 7’, col., animazione computer grafica, senza dialoghi Due amici giocherellano con un pallone da calcio insieme a un cane, quando improvvisamente un ospite inatteso si unisce al loro gioco con fatali risvolti. Gio./Thu. 13, ore 22.15 Auditorium

Briganti senza leggenda

di Gianluigi Toccafondo, Francia • Italia 2013, 14’ 39’’, col., animazione – pittura, live action, v.o. sott. it. Nella campagna dei dintorni di Rimini, due briganti cercano di derubare una coppia di contadini. Ma questi, stanchi di essere raggirati, decidono di vendicarsi architettando un piano diabolico. Mer./Wed. 12, ore 20.30 Auditorium


Kino Club terza edizione: la sezione dedicata a bambini e ragazzi di Bergamo Film Meeting cresce insieme ai suoi piccoli, grandi spettatori. Un percorso iniziato tre anni fa, per permettere anche ai giovanissimi di partecipare al festival, vivere un’esperienza fuori dall’ordinario, condividere una passione, quella per il cinema, che non può essere solo un privilegio riservato agli adulti. Per questa trentaduesima edizione, Bergamo Film Meeting propone una rassegna cinematografica, dedicata alle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, con una selezione di corti d’animazione da tutta Europa – piccoli capolavori che hanno partecipato e/o sono stati premiati a festival internazionali – un breve film d’animazione, realizzato dai bambini grazie alla collaborazione tra l’associazione Avisco e gli Spedali Civili di Brescia e un lungometraggio destinato agli adolescenti, Teenage di Matt Wolf, che racconta attraverso immagini d’archivio come è nato il concetto di “teenager”, nel secolo scorso.

Teenage

di Matt Wolf, USA • Germania 2013, 78’, bn • col., v.o. sott. it. Gli adolescenti non sono sempre esistiti, sono stati inventati. Una riflessione sulla genesi della cultura giovanile in un collage di raro materiale d’archivio, filmati storici e pagine di diario lette da Jena Malone, Ben Whishaw, Julia Hummer e Jessie Usher. Mer./Wed. 12, ore 9.00 Capitol Gio./Thu. 13, ore 9.00 Capitol Ven./Fri. 14, ore 11.00 Capitol

Variazioni sul quadrato

di AA.VV., Italia 2014, 3’ 25’’, col., animazione – tecnica mista, senza dialoghi Quattro animazioni che prendono spunto dalla forma del quadrato per esplorare diverse tecniche in stop-motion: carta ritagliata, disegno in fase, silhouette, materiali vari. Mer./Wed. 12, ore 11.00 Capitol

Kalté

di Reda Bartkute, Lituania 2013, 5’ 22”, col., animazione – grafica 2D, senza dialoghi Una volpe solitaria si isola dal mondo per godere dei piaceri dell’essere tormentati dal senso di colpa. Ma, con il passare dei giorni, la determinazione inizia a vacillare. Mer./Wed. 12, ore 11.05 Capitol

7596 Frames

di Martin Georgiev, Bulgaria 2012, 4’ 55’’, bn, animazione – grafica 3D, senza dialoghi Nel mondo geometrico in bianco e nero qualcosa nasce da una particella e inizia la sua esistenza nell’indefinito. Le scelte modelleranno la sua forma, e la sua forma modellerà le scelte. Mer./Wed. 12, ore 11.10 Capitol

Kolmnurga afäär The Triangle Affair

di Andres Tenusaar, Estonia 2012, 10’, col., animazione – pupazzi, senza dialoghi Un triangolo senza angoli, questa cosa non esiste. Non più di una direzione senza triangolo, o di un movimento senza direzione. Mer./Wed. 12, ore 11.15 Capitol

Una furtiva lagrima

di Carlo Vogele, Lussemburgo 2011, 3’, col., animazione − pixilation, senza dialoghi Requiem per un pesce che canta il suo ultimo viaggio, dalla vendita alle fiamme inesorabili della cucina. Mer./Wed. 12, ore 11.25 Capitol

cArtoni AnimAti in... corSiA! [2] Conta delle case

Italia 2014, 2’ 5”, col., animazione della carta Ispirato dall’omonima conta di Sabrina Giarratana, il breve film racconta delle case: quelle nascoste in ogni dove.

L’elefante

Italia 2014, 1’ 49”, col., animazione della carta Credete di sapere come è fatto e di che colore è un elefante? Guardando questo cartone animato ispirato alla filastrocca di François David scoprirete che non è affatto così!

Domande

Italia 2014, 30”, col., animazione della carta Un giorno un tale fece una strana domanda a Gianni Rodari, che gentilmente gli rispose per le rime.

Facce, facce e facce cArtoni AnimAti in... corSiA! [1] Pezzetti

Italia 2014, 9’ , col., animazione della carta Un cartone animato fatto di tanti pezzetti… di cartoncino colorato, di storie, di stanze, di vite.

Italia 2014, 3’, col., animazione della carta Variazioni sul tema della faccia. Forme, colori e dimensioni sempre diversi si scompongono e ricompongono in tanti volti quanti sono gli autori. Mer./Wed. 12, ore 16.45 Auditorium

Se fossi…

Italia 2014, 1’, col., animazione della carta Da una poesia in rima della tradizione popolare nasce un film d’animazione brulicante di animaletti.

L’omino della gru

Italia 2014, 1’ 47”, col., animazione della carta Il fascino dei mestieri dei grandi che, coraggiosi, affrontano ogni tipo d’avventura. A ciascuno il suo preferito… dipende dai punti di vista. Dom./Sun. 16, ore 11.05 Auditorium

17


Sab. 8 marzo • ore 21.30 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Videoconcerto: Point Break vdj Serata “What Women Do Not Want” con riferimento alla giornata internazionale della donna e alle campagne di Amnesty International contro la violenza sulle donne. I Point Break vdj proporranno uno show adrenalinico in cui verrà mixata la potenza dei video e delle immagini cinematografiche con quella della musica per un viaggio senza tempo nel mondo femminile tutto da ballare. Sarà presente anche un banchetto Amnesty per la raccolta firme a favore della petizione: “Fermiamo la violenza sulle donne”. Sab. 8 e Dom. 9 marzo • ore 15.00 #Sentierone45 - BFM Temporary Lab, via Sentierone n. 45, Bergamo Workshop di disegno diretto su pellicola con Vincenzo Gioanola Il workshop, rivolto a tutti gli appassionati di cinema dai 17 anni un su, a studenti degli Istituti d’Arte, Accademie di Belle Arti e Scuole di Cinema, sarà tenuto da Vincenzo Gioanola, figura tra le più rappresentative del panorama del cinema d’animazione italiano. Durante il workshop si userà la tecnica del disegno diretto su pellicola trasparente e fotogrammata 35mm, su cui si disegnerà con pennarelli vetrografici. Dom. 9 marzo • ore 20.30 The Blank, via Quarenghi n. 50, Bergamo The Blank Kitchen A cena con il regista Dopo il successo dello scorso anno, che aveva visto la partecipazione della regista di animazione Regina Pessoa, prosegue la ricca collaborazione tra The Blank e Bergamo Film Meeting: con l’iniziativa “a cena con il regista” le due associazioni culturali propongono un momento di incontro, un appuntamento dedicato al mondo del cinema d’autore in cui il pubblico potrà conoscere alcuni dei protagonisti del Festival in un ambiente informale e attraverso un elemento

18

trasversale e unificante come quello del cibo. Ospite della serata Valentin Hotea, regista di Roxanne. Dom. 9 marzo • ore 21.30 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Concerto: I belli di Kilkenny Presentazione dell’azienda Querciabella di Greve in Chianti (Firenze). Il vino, che sarà in mescita per tutta la durata dell’evento, si chiama Mongrana (blend di Sangiovese, Cabernet Sauvignon e Merlot) prodotto nella tenuta della Maremma. Lun. 10 marzo • ore 15.00 #Sentierone45 - BFM Temporary Lab, via Sentierone n. 45, Bergamo followMEDIA I sostegni MEDIA nell’ambito del nuovo Programma Europa Creativa (2014-2020) a supporto dei settori culturali e creativi Presentazione a cura di Silvia Sandrone (Creative Europe Desk – Ufficio Media di Torino). L’incontro è rivolto agli operatori dell’industria del cinema e dell’audiovisivo, che operano nei diversi settori della filiera, dalla formazione continua dei professionisti alla promozione delle opere europee, dallo sviluppo delle opere alla distribuzione transnazionale. Mar. 11 Marzo • ore 21.30 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Concerto: Awa Mirone Duo Awa Mirone (voce) e Valentino Novelli (chitarra) propongono brani soul & reggae, originali e non, di artisti quali (Nina Simone, Lauryn Hill...). Serata dedicata ai formaggi dell’azienda Casa Arrigoni: i produttori spiegheranno e presenteranno i loro prodotti che saranno comunque disponibili durante tutto il festival nel menu proposto da Meeting Point. Mer. 12 marzo • ore 21.30 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Concerto: Claudia Buzzetti - Close Quartet

Close Quartet unisce un trio esistente da più di dieci anni (Beppe DʼAvino al piano, Alessandro Vaccaro al basso, Matteo Milesi alla batteria) con la voce della giovanissima Claudia Buzzetti, la quale, accanto agli studi classici di pianoforte, ha sempre coltivato la passione per le grandi interpreti jazz come Billie Holiday, senza disdegnare un approccio creativo alla canzone pop. Il quartetto proporrà brani di estrazione pop interpretati in un linguaggio jazzistico. Giov. 13 marzo • ore 15.00–18.00 #Sentierone45 - BFM Temporary Lab, via Sentierone n. 45, Bergamo Masterclass di regia con Sólveigh Anspach Masterclass di regia con Sólveigh Anspach protagonista della 32a edizione di Bergamo Film Meeting all’interno della sezione “Europa: femminile, singolare”. Costi: 25,00 euro; workshop a numero chiuso, massimo venti persone; iscrizione e prenotazione obbligatoria: formazione@ bergamofilmmeeting.it Giov. 13 marzo • ore 21.30 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Concerto: Giulia Spallino, electro soul Presentazione dell’ultima birra del Birrificio Indipendente Elav in botte: STAKANOV. VeN. 14 Marzo • ore 21.30 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Concerto: Veronica Sbergia & Max De Bernardi duo Max De Bernardi, grande conoscitore del genere country blues, esplora un territorio musicale compreso tra il piedmont blues e il ragtime caratterizzati da un fingerpicking cadenzato dai bassi alternati, senza tecnicismi superflui. Oltre alla chitarra acustica e resofonica suona anche il mandolino e lʼukulele. Aperitivo e serata con cocktails alla birra a cura del barman Gianfranco Di Niso che presenterà il suo libro Cocktail Mania.


Sab. 15 marzo 2014 • ore 15.00 #Sentierone45 BFM Temporary Lab, via Sentierone n. 45, Bergamo Laboratorio di animazione - Telepongo Il laboratorio di approccio al cartone animato, proposto da Avisco, associazione che da oltre venticinque anni si occupa di audiovisivi in ambito socio-educativo, si sofferma sulla tecnica dell’animazione della plastilina. Il laboratorio è destinato ai ragazzi dai 10 ai 14 anni, che realizzeranno brevi film d’animazione in stop-motion. Durante il laboratorio i partecipanti creeranno un vero e proprio film d’animazione, ideando e costruendo i materiali e realizzando le riprese a passo uno. Sab. 15 marzo 2014 • ore 15.30 Sala alla Porta di S. Agostino, Bergamo “Il mestiere dell’animatore” Incontro con Pierre-Luc Granjon Visita guidata alla mostra “Nel regno di Pierre-Luc Granjon” e incontro con il regista: Granjon ci racconta del suo lavoro, dall’ideazione alla costruzione dei personaggi, dalla regia alla scelta delle musiche. Ingresso gratuito, fino a esaurimento posti. Incontro a numero chiuso con prenotazione obbigatoria: formazione@bergamofilmmeeting.it Sab. 15 marzo 2014 • ore 21.30 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Concerto: Caravan Orkestar Presentazione di Shakespeare in Elav, pubblicazione a cura di CTRL magazine e Calepio press. Dom. 16 Marzo • ore 15.00 #Sentierone45 BFM Temporary Lab, via Sentierone n. 45, Bergamo Workshop di serigrafia manuale a cura di Corpoc Un corso di stampa serigrafica manuale rivolto a grafici, illustratori o semplici appassionati, per fornire loro gli elementi di base per la preparazione di grafiche da stampare in serigrafia attraverso l’esperienza diretta e la stampa assistita. Il workshop è gratuito e a numero chiuso per un massimo di 15 persone. Info: formazione@bergamofilmmeeting.it Dom. 16 Marzo • ore 21.30 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Concerto: The Kaleidoscope Eyes

Sabato 8 marzo • ore 19.00 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Incontro con Davide Ferrario e gli attori del film: La luna su Torino (Italia, 2013) - Cult Movie e Anteprime BFM 2014 Domenica 9 marzo • ore 19.00 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Incontro con Valentin Hotea, regista del film: Roxanne (Romania/Ungheria, 2013) Mostra Concorso BFM 2014 Lunedì 10 marzo • ore 19.00 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Incontro con Bart Layton, regista del film: The Imposter – L’impostore (Gran Bretagna, 2012) - Visti da Vicino BFM 2014 Martedì 11 marzo • ore 19.00 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Incontro con Yossi Aviram, regista del film: La dune/The Dune (Francia/Israele, 2013) - Mostra Concorso BFM 2014 Mercoledì 12 marzo • ore 18.30 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Incontro con la regista Jessica Hausner e il produttore Antonin Svoboda - Europa: femminile, singolare Mercoledì 12 marzo • ore 19.30 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Incontro con Bruce Goodison, regista del film: Leave to Remain (Gran Bretagna, 2013) - Mostra Concorso BFM 2014 Giovedì 13 marzo • ore 15.00 Milano, Scuola di Cinema e Televisione, via Pietro Colletta, 51 Incontro con il regista Pierre-Luc Granjon (riservato agli studenti della Scuola di Cinema e Televisione). Giovedì 13 marzo • ore 18.30 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Incontro la regista Sólveig Anspach Europa: femminile, singolare

Venerdì 14 marzo • ore 16.30 Cinema San Marco Multisala Civica Educazione - Scuola di Cinema e Televisione di Milano. Incontro con la direttrice della Scuola di Cinema e Televisione di Milano, Laura Zagordi, e con Sylvia Borges (Zu dir?), Ramona Mismetti (Thinking About). Proiezione del documentario Civica Educazione di Gianmaria Sortino: i percorsi degli ex studenti, i momenti positivi e le difficoltà, di chi si affaccia al mondo del lavoro una volta terminato il proprio percorso di formazione. Venerdì 14 marzo • ore 17.00 Redazione di Bergamo News, via Maj n. 3, Bergamo Intervista a Pierre-Luc Granjon Venerdì 14 marzo • ore 18.30 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Incontro con il regista Pierre-Luc Granjon Venerdì 14 marzo • ore 19.30 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Incontro con il regista Vivian Goffette e Fabio Zenoni, attore del film: Yam dam (Belgio/Burkina Faso, 2013) - Mostra Concorso BFM 2014 Sabato 15 marzo • ore 11.30 Hotel Mercure, Bergamo Incontro con le registe Sólveig Ansapach, Antonietta De Lillo e Jessica Hausner Europa: femminile, singolare (riservato alla stampa) Sabato 15 marzo • ore 18.30 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Incontro con Antonietta De Lillo - Europa: femminile, singolare Sabato 15 marzo • ore 19.30 Meeting Point, Piazza Libertà, Bergamo Incontro con Jan Forsström, regista del film: Silmäterä/The Princess of Egypt (Finlandia, 2013) - Mostra Concorso BFM 2014

19


Dal 1° al 23 marzo 2014, a Bergamo e provincia ritorna il circuito AFTER BFM: bar, ristoranti, esercizi gastronomici e locali di Bergamo e dintorni, che nel mese di marzo ospitano il dopo Festival, per far vivere Bergamo Film Meeting anche fuori dalle sale di proiezione. Anche durante questa edizione Bergamo Film Meeting animerà la città con un calendario di iniziative. Dal 1° marzo fino al 23 il Festival entra nei bar, ristoranti e locali della città e della provincia attraverso il circuito AFTER BFM con numerosi locali coinvolti. Novità di quest’anno è il concorso fotografico che ogni giorno premierà la foto più bella con un ingresso omaggio al Festival: per partecipare basta scegliere un soggetto – gli amici, il bar o il ristorante, la birra Elav, i gadget di Bergamo Film Meeting – fotografare e condividere lo scatto su Instagram con l’hashtag #afterbfm. Piazza della Libertà, che si riconferma cuore pulsate di Bergamo Film Meeting, ospita anche quest’anno il MEETING POINT. Lo spazio è gestito dal Birrificio Indipendente Elav, che presenterà e distribuirà ai locali aderenti la nuova birra dedicata alla 32a edizione di Bergamo Film Meeting. Il Meeting Point è zona relax e punto di ristoro per tutti gli spettatori; propone un ricco calendario di iniziative, compresi i tradizionali incontri con gli autori. Mercoledì 19 marzo il cinema diventa protagonista al Ristorante Vertigo di Seriate (BG), con una cena dal menù speciale, interamente dedicato alla settima arte: un’occasione per tutti coloro che amano il cinema di qualità e il buon cibo! E, ai primi trenta che hanno donato almeno 50,00 euro per la campagna di crowdfunding di Bergamo Film Meeting, la cena la offre il ristorante Vertigo! Per tutti la prenotazione è obbligatoria: info@bergamofilmmeeting.it Bergamo Film Meeting saluta la 32a edizione domenica 23 marzo con il BERGAMO FILM MEETING CLOSING PARTY presso lo Spazio Giovani Edoné di via Agostino Gemelli a Bergamo, con la partecipazione di Bergamo Sottosuolo: sarà proiettata una selezione di cortometraggi a cura del Festival, e a seguire sul palco si esibiranno i Nana Bang. Questi i locali aderenti al circuito Osteria della birra - Piazza Lorenzo Mascheroni, 1/C - Bergamo Clock tower pub - Viale del Partigiano, 33 - Teviglio (Bg) Maite - Vicolo Sant’Agata, 6 - Bergamo Reef Café - Via Borgo Santa Caterina, 25 - Bergamo Al Quadrato Bar Caffetteria - Via Borgo Palazzo, 19 - Bergamo Edoné - Via Agostino Gemelli, 21 - Bergamo Osteria ai Tre Gobbi - Via Broseta, 20/C - Bergamo

Café de la paix - Via del Polaresco, 15 - Bergamo Crocevia - Via Borgo Santa Caterina, - Bergamo Vini e Spiriti - Via Giorgio e Guido Paglia, 19 - Bergamo Da Mimmo - Via Bartolomeo Colleoni, 17 - Bergamo Vertigo - Via Decò e Canetta, 77 - Seriate (Bg) Oca Bianca Osteria - Via Bergamo, 4/a - Curnasco di Treviolo (Bg)

con il patrocinio di


via Autieri d’Italia, 268 Comun Nuovo(Bergamo) www.elavbrewery.com Birrificio Indipendente Elav Elav Brewery


l a o n a t r o p i t B E T e g n i t AT B e e M m l i F o m a g r Be

ATB e TEB sostengono la 32 edizione del Bergamo Film Meeting a

Scopri come su www.atb.bergamo.it www.teb.bergamo.it


LUOGHI • PROIEZIONI Le proiezioni si tengono all’Auditorium di Piazza Libertà, al Cinema San Marco e al Cinema Capitol. Le proiezioni sono in lingua originale con sottotitoli italiani. Il programma delle proiezioni potrà subire modifiche per cause di forza maggiore. Le variazioni saranno comunicate tramite avviso nei luoghi del Festival. Durante i giorni della manifestazione, dall’8 al 15 marzo, nell’ex Sala Consiliare della Biblioteca Caversazzi, via Tasso 4, sono aperti gli uffici del Festival (Segreteria, Accoglienza/Accrediti, Ufficio Stampa). BIGLIETTI • ABBONAMENTI Biglietti e abbonamenti sono in vendita presso la Biglietteria – Info Point nell’atrio del Palazzo della Libertà (in Piazza Libertà, adiacente all’entrata dell’Auditorium) a partire dalle ore 11.00 di sabato 8 marzo. Il costo del biglietto per le proiezioni di ogni singola fascia giornaliera (mattino, pomeriggio, sera) è di euro 7,00. Il costo del biglietto giornaliero, con accesso a tutte le proiezioni della giornata, è di euro 12,00. Non si accettano prenotazioni dei posti in sala e non è prevista prevendita dei biglietti. Il costo dell’abbonamento valido per tutte le proiezioni è di euro 40,00 (tariffa ridotta euro 35,00 per soci Lab 80, i minori di 26 anni, Noi Club, dipendenti e clienti UBI Banca, Possessori Elav Card, Giovani Card, abbonati ATB, dipendenti ATB e TEB, dipendenti Tenaris Dalmine). L’abbonamento dà diritto a ricevere i due cataloghi e la borsa di Bergamo Film Meeting 2014.

PUBBLICAZIONI Catalogo generale, euro 12,00 Pierre-Luc Granjon, a cura di Chiara Boffelli, euro 15,00 Sconto del 10% per abbonati e accreditati Bergamo Film Meeting.

24

SCREENINGS • LOCATION Films will be screened at Auditorium (Piazza Libertà), Cinema San Marco and Cinema Capitol. All screenings in original version with Italian subtitles. Schedule may be modified due to force majeure conditions. At the occurrence, it will be given notice in Festival venues. Festival’s offices will be open from 8th to 15th March at Biblioteca Caversazzi – ex Sala Consiliare, via Tasso 4 (Secretary, Guest Reception/Accreditation, Press Office). TICKETS • WEEKLY PASS Tickets and passes will be on sale from Saturday 8th March 2014, 11:00 AM, at Biglietteria – Info Point inside Palazzo della Libertà (Piazza Libertà, next to Auditorium’s entrance). Ticket for daily showings (morning, afternoon or evening): euro 7,00. Daily ticket for all the showings: euro 12,00. No seat reservations. No advance sales.

Weekly pass euro 40,00 (reduction euro 35,00 reserved to Lab 80, under 26, Noi Club, UBI Banca, Elav Card, Giovani Card, ATB and TEB). For weekly pass holders, the bag and the two catalogues of Bergamo Film Meeting 2014 are included. PUBLICATIONS Catalogo generale, euro 12,00 Pierre-Luc Granjon, edited by Chiara Boffelli, euro 15,00 Reduction -10% for pass holders and accreditation.

SALA ALLA PORTA SANT’AGOSTINO

CINEMA SAN MARCO Piazzale Repubblica, 2

AUDITORIUM Piazza Libertà

CINEMA CAPITOL

Via Torquato Tasso, 41

MEETING POINT #SENTIERONE45 BFM Temporary Lab

UFFICIO OSPITALITÀ UFFICIO SEGRETERIAOSPITALITÀ • UFFICIO STAMPA SEGRETERIA • UFFICIOE OSPITALITÀ STAMPA UFFICIO ACCREDITI UFFICIO ViaACCREDITI TorquatoE OSPITALITÀ Tasso, 4

Via Torquato Tasso, 4


Auditorium | Sab. 8 marzo

ore 22.15

ore 15.00 Antonietta De Lillo

ore 15.05 Sólveig Anspach

di Bart Layton, Gran Bretagna 2012, 99’, col., v.o. sott. it. ore 00.15

■ Racconti di Vittoria

Italia 1995, 65’, v.o. ore 16.15 Antonietta De Lillo

■ ’Osolemio

Francia 2009, 90’, col., v.o. sott. it. ore 16.45 CARTA BIANCA A GRANJON

■ Wakaranai buta

ore 15.00 cult movie

The Imposter ■The Imposter – L’impostore

di George Cukor, USA 1949, 101’, col., v.o. sott. it. ore 17.00 Sólveig Anspach

The Lady Eve/Lady Eva ■ di Preston Sturges, USA 1941, 95’,

■ Adam’s Rib/La costola di Adamo ■ Queen of Montreuil

Francia 2012, 87’, col., v.o. sott. it. ore 20.30

Le château des autres ■ di Pierre-Luc Granjon, Francia 2004, 5’ 55’’, col., senza dialoghi ore 20.40

Roxanne ■ di Valentin Hotea,

Romania • Ungheria 2013, 97’, col., v.o. sott. it. ore 22.30 Anteprima

■ La luna su Torino

di Davide Ferrario, Italia 2013, 90’, col., v.o. ore 00.15

5 Avenue Girl ■La ragazza della Quinta Strada th

di Gregory La Cava, USA 1939, 83’, bn, v.o. sott. it.

Auditorium | Dom. 9 marzo

bn., v.o. sott. it.

Auditorium | Lun. 10 marzo ore 9.00

1967, 105’, col., v.o. sott. it. ore 11.30

Happened One Night ■ItAccadde una notte

di Frank Capra, USA 1934, 108’, bn, v.o. sott. it. ore 15.00 Antonietta De Lillo

1965, 128’, bn, v.o. sott. it. ore 11.15 CARTA BIANCA A GRANJON

■The Man with

the Beautiful Eyes

di Jonathan Hodgson, Gran Bretagna, 2000, 5’ 38’’, col., v.o. sott. it. ore 11.30

Gangster te voli ■Gangster of Love

■ Palmipedarium

2013, 87’, col., v.o. sott. it. ore 22.30

1949, 85’, bn, v.o. sott. it. ore 14.45 CARTA BIANCA A GRANJON

di Jérémy Clapin, Francia 2012, 12’, col., senza dialoghi ore 15.00

■ di Valentin

Roxanne

Hotea, Romania • Ungheria 2013, 97’, col., v.o. sott. it.

cinema Capitol ore 9.00 Rassegna di cortometraggi per le scuole primarie

Francia • Belgio 1999, 110’, col., v.o. sott. it. ore 20.30

Auditorium | Mar. 11 marzo

■ Haut les coeurs!

Italia 2001, 100’, v.o. ore 17.15

col., v.o. sott. it. ore 22.15

ore 17.30 Sólveig Anspach

1963, 116’, bn, v.o. sott. it.

Zapelji me/Seduce Me ■ di Marko Šantić, Slovenia 2013, 83’,

The Servant/Il servo ■ Le loup blanc ■ di Joseph Losey, Gran Bretagna Francia 2006, 8’ 30’’, col., v.o. sott. it. Cinema San Marco ore 14.30 Antonietta De Lillo

ore 9.15

Blue Lamp ■The I giovani uccidono

di Basil Dearden, Gran Bretagna 1950, 84’, bn, v.o. sott. it. ore 11.00 WOMEN’S BEST OF CILECT PRIZE

■ Maks

di Sara Kern, Slovenia 2012, 16’, v.o. sott. it. ore 11.15

Sleeping Tiger ■The La tigre nell’ombra

di Joseph Losey, Gran Bretagna 1954, 89’, bn, v.o. sott. it. ore 14.45 Sólveig Anspach

■ Angelo Novi fotografo di scena ■ La dune/The Dune ■ Anne et les tremblements di Yossi Aviram, Francia • Israele

2013, 87’, col., v.o. sott. it.

[co-regia Giorgio Magliulo], Italia 1992, 25’, v.o.

In a Pig’s Eye

di Atsushi Wada, Giappone 2010, 10’ 10’’, col., senza dialoghi ore 17.00

Despair ■ di Rainer Werner Fassbinder

Germania • Francia 1978, 119’, col., v.o. sott. it. ore 20.30 WOMEN’S BEST OF CILECT PRIZE

■ Thinking About

di Valentina Sutti, Italia 2013, col., 8’, v.o. ore 20.40

Leave to Remain ■ di Bruce Goodison, Gran Bretagna 2013, 89’, col., v.o. sott. it. ore 22.15 Jessica Hausner

The Special Need ■ ■ Flora di Carlo Zoratti, Italia • Germania

di Anthony Asquith, Gran Bretagna 1959, 100’, bn, v.o. sott. it. ore 17.00 Sólveig Anspach

ore 20.35

Islanda • Francia 2008, 92’, col., v.o. sott. it. ore 20.30

di Marta Karwowska, Polonia 2012, 34’, col., v.o. sott. it. ore 18.15

Boys in Brown ■ di Montgomery Tully, Gran Bretagna

Italia 1997, 18’, v.o. ore 15.20 Antonietta De Lillo

■ Skrapp út/Back Soon

Lucio Fulci

Italia 1994, 30’, v.o. ore 17.15 WOMEN’S BEST OF CILECT PRIZE

di Nebojsa Slijepcevic, Croazia • Germania • Romania 2013, 52’, col., v.o. sott. it. ore 20.30

■Maruzzella [ep. di I vesuviani] ■Petite escapade Francia 2001, 5’ 30’’, bn, v.o. sott. it. ■ Non è giusto

■ La notte americana del dr.

Darling ■ ■ di John Schlesinger, Gran Bretagna Sowa

■IlLibel Accident/L’incidente ■ diavolo nello specchio di Joseph Losey, Gran Bretagna ore 9.30

Italia 1998, 39’, v.o. ore 16.45 Antonietta De Lillo

■ Louise Michel, la rebelle

Francia 2010, 19’, col., v.o. sott. it.

Austria 1995, 25’, col., v.o. sott. it. ore 22.45 Jessica Hausner

■ Hotel

Austria • Germania 2004, 76’, col., v.o. sott. it.

Cinema San Marco ore 14.30 Antonietta De Lillo

■ Promessi Sposi

Italia 1993, 20’, v.o. ore 14.50 Sólveig Anspach

■ Made in the USA

Francia • Belgio 2001, 105’, col., v.o. sott. it. ore 16.45 CARTA BIANCA A GRANJON

■ Peter & The Wolf

di Suzie Templeton, Gran Bretagna • Polonia • Norvegia • Messico 2006, 32’, col., senza dialoghi ore 17.15

■L’hiver de Léon

di Pierre-Luc Granjon, [co-regia Pascal Le Nôtre], Francia 2007, 26’, col., v.o. sott. it. ore 17.40

Le printemps de Mélie ■ di Pierre-Luc Granjon, Francia 2009, 26’, col., v.o.


ore 18.15

ore 20.45

Dayana Mini Market Wolf ■ ■ di Floriane Devigne, Francia 2012, di Jim Taihuttu, Olanda 2013, 122’, 54’, col., v.o. sott. it. ore 20.30

bn, v.o. sott. it. ore 23.00

38’, col., v.o. sott. it. ore 21.15

bn, v.o. sott. it.

■ ■ di Alfredo Covelli, Italia • USA 2013, di Howard Hawks, USA 1938, 102’, Ring People

Četrdesmit divi/Forty Two ■ di Laila Pakalnina, Lettonia 2013, 56’,

Bringing Up Baby/Susanna

Cinema San Marco

Auditorium | Gio. 13 marzo ore 9.15

The Gentle Gunman ■ di Basil Dearden, Gran Bretagna 1952, 86’, bn, v.o. sott. it. ore 11.00

Tale of Two Cities ■AVerso la città del terrore

col., v.o. sott. it. ore 22.30

ore 14.30 Antonietta De Lillo

di Ralph Thomas, Gran Bretagna 1958, 117’, bn, v.o. sott. it. ore 14.30 Jessica Hausner

Francia • Israele 2013, 87’, col., v.o. sott. it.

Italia 2002, 50’, v.o. ore 15.20 Antonietta De Lillo

Austria 1999, 45’, col., v.o. sott. it. ore 15.15 Antonietta De Lillo

■ di Yossi Aviram,

La dune/The Dune

cinema Capitol ore 17.00

■ Pianeta Tonino ■ Viento ’e terra

Italia 1996, 38’, v.o. ore 16.00 Sólveig Anspach

H.M.S. Defiant/Ponte di comando ■ ■ Sandrine à Paris di Lewis Gilbert, Gran Bretagna 1962, 101’, col., v.o. sott. it.

Auditorium | Mer. 12 marzo ore 9.30

Spanish Gardener ■The Il giardiniere spagnolo

di Philip Leacock, Gran Bretagna 1956, 91’, col., v.o. sott. it. ore 11.15 Antonietta De Lillo

■ Una casa in bilico

[co-regia Giorgio Magliulo], Italia 1986, 100’, v.o. ore 14.45

Mother’s House ■Our Tutte le sere alle nove

Francia 1992, 52’, col., v.o. sott. it. ore 17.00 Sólveig Anspach

■ Que personne ne bouge!

Francia 1999, 58’, col., v.o. sott. it. ore 18.15

■ di Luis

El futuro/The Future

López Carrasco, Spagna 2013, 67’, col., v.o. sott. it. ore 20.30

Praznovanje/Celebration ■ di Dajan Javorac, Bosnia Erzegovina 2013, 11’, col., v.o. sott. it. ore 20.45

■Chaumière Rooms Without a View

■ Inter-View ■ Matilda

ore 14.45 Sólveig Anspach

■Reykjavik, des elfes dans la ville

Francia • Islanda 2001, 58’, col., v.o. sott. it. ore 15.45 Sólveig Anspach

■ Faux tableaux dans

vrais paysages islandais

Francia • Islanda 2004, 55’, col., v.o. sott. it. ore 17.00

L’été de Boniface ■ di Pierre-Luc Granjon,

[co-regia Antoine Lanciaux], Francia 2011, 28’, col., v.o. sott. it. ore 17.30

■L’automne de Pougne

[co-regia Giorgio Magliulo], Italia 1990, 90’, v.o. ore 17.00 WOMEN’S BEST OF CILECT PRIZE

di Pierre-Luc Granjon, [co-regia Antoine Lanciaux], Francia 2012, 26’, col., v.o. sott. it. ore 18.15

di Sylvia Borges, Germania 2012, 29’, col., v.o. sott. it. ore 17.30 Sólveig Anspach

Bakhtari, Danimarca 2013, 15’, col., v.o. sott. it. ore 18.30

■ Zu dir?

■ Stormy Weather

Belgio • Islanda • Francia 2003, 91’, col., v.o. sott. it. ore 20.30

Layla’s Melody ■ di J. Pedersen, T.M.

The Undertaker ■ di Dragan Nikolić, Serbia • Germania

• Norvegia • Finlandia 2013, 52’, col., v.o. sott. it. ore 20.30

American Dreamer La grosse bête ■ ■ di Thomas Haley, Francia di Pierre-Luc Granjon, Francia 2013, 7’, bn, v.o. sott. it. ore 20.40

2013, 32’, col., v.o. sott. it. ore 21.00

Faso 2013, 77’, col., v.o. sott. it. ore 22.15 CARTA BIANCA A GRANJON

77’, col., v.o. sott. it. ore 22.30

di Bjorn-Erik Aschim, Sam Taylor, Gran Bretagna 2013, 7’, col., senza dialoghi ore 22.30

2013, 89’, col., v.o. sott. it.

• USA

Loin des yeux Yam dam ■ ■ di Britta Rindelaub, Svizzera 2013, di Vivian Goffette, Belgio • Burkina

di Jack Clayton, Gran Bretagna 1967,104’, col., v.o. sott. it. ore 16.45 Cartoni animati in... corsia! [2] Conta delle case (2’ 15’’) L’elefante (1’ 49’’) Domande (30’’) Facce, facce e facce (3’) ore 17.00 Jessica Hausner

di Emmanuel Marre, Belgio 2013, 70’, col., v.o. sott. it. ore 22.30

Austria 2006, 1’ 45’’, col., v.o. sott. it. Jessica Hausner

78’, bn • col., v.o. sott. it. ore 11.00

La caduta degli dei Nothing Sacred/Nulla sul serio ■ ■ di Luchino Visconti, Italia • Germania di William A. Wellman, USA 1937, 75’,

secondo grado

■ Toast

■ Lourdes

Austria • Francia • Germania 2009, 96’, col., v.o. sott. it. ore 20.30 CARTA BIANCA A GRANJON

■ Briganti senza leggenda

di Gianluigi Toccafondo, Francia • Italia 2013, 14’ 39’’, col., v.o. sott. it.

Zapelji me/Seduce Me ■ di Marko Šantić, Slovenia 2013, 83’, col., v.o. sott. it.

cinema Capitol

Leave to Remain ■Everything I Can See From Here ■ di Bruce Goodison, Gran Bretagna

Hands Across the Table I milioni della manicure

cinema Capitol ore 9.00

Teenage ■ di Matt Wolf, USA • Germania 2013,

Teenage ■ di Matt Wolf, USA • Germania 2013,

di Mitchell Leisen, USA 1935, 80’, bn, v.o. sott. it. ore 00.00

Rassegna di ■ per le scuole

col., v.o. sott. it.

1969, 160’, col., v.o.

Cinema San Marco

Auditorium | Ven. 14 marzo

ore 14.30 Antonietta De Lillo

Could Go On Singing ■IOmbre sul palcoscenico

ore 9.00

cortometraggi secondarie di

ore 17.00

Mind Benders ■The Il cranio e il corvo

di Basil Dearden, Gran Bretagna 1963, 109’, bn, v.o. sott. it.

■ O’ cinema

Italia 1999, 13’, v.o.

78’, bn • col., v.o. sott. it. ore 15.00

ore 9.15

di Ronald Neame, Gran Bretagna • USA 1963, 100’, col., v.o. sott. it.


ore 11.15

at Sea ■Doctor Incontro a Rio

ore 15.20 WOMEN’S BEST OF CILECT PRIZE

ore 20.30

di Ralph Thomas, Gran Bretagna 1955, 102’, col., v.o. sott. it. ore 14.45

di Peter Bogdanovich, USA 1972, 94’, col., v.o. sott. it.

belle fille comme moi ■Une Mica scema la ragazza!

di Talkhon Hamzavi, Svizzera 2012, 25’, col., v.o. sott. it. ore 15.40 WOMEN’S BEST OF CILECT PRIZE

■ Clownmedicin

■ Parvaneh

Up, Doc? ■What’s Ma papà ti manda sola?

ore 22.15

CERIMONIA DI PREMIAZIONE

di François Truffaut, Francia 1972, 98’, col., v.o. sott. it. ore 16.45 Jessica Hausner

di Ida Lindgren, Svezia 2012, 21’, col., v.o. sott. it. ore 16.30 WOMEN’S BEST OF CILECT PRIZE

Austria 2001, 76’, col., v.o. sott. it. ore 18.00 Antonietta De Lillo

di Gianmaria Sortino, Italia 2013, 22’, col., v.o. ore 18.00

di Atom Egoyan, USA 2013, 114’, col., v.o. sott. it. ore 00.45

col., v.o. sott. it. ore 20.30

di Howard Hawks, USA 1941, 111’, bn, v.o. sott. it.

■ Lovely Rita

■La pazza della porta accanto Conversazione con Alda Merini

Italia 2013, 52’, v.o. ore 20.30 CARTA BIANCA A GRANJON

■ La funambola

■ Civica Educazione

The Women Pioneers ■ di Michal Aviad, Israele 2013, 52’,

The Road: A Story of Life and Death

di Roberto Catani, Francia 2002, 6’, col., senza dialoghi ore 20.40

di Marc Isaacs, Gran Bretagna • Irlanda 2013, 75’, col., v.o. sott. it. ore 22.30

di Jan Forsström, Finlandia 2013, 89’, col., v.o. sott. it. ore 22.15 CARTA BIANCA A GRANJON

Faso 2013, 77’, col., v.o. sott. it.

■Silmäterä The Princess of Egypt

Yam dam ■ di Vivian Goffette, Belgio • Burkina

■ Old Fangs

Cinema Capitol

■ Lulu femme nue

78’, bn • col., v.o. sott. it.

di Adrien Merigeau, Alan Holy, Irlanda 2009, 12’, col. v.o. sott. it. ore 22.30 Sólveig Anspach Francia 2013, 87’, col., v.o. sott. it. ore 00.15

Fearless Vampire ■The Killers/Per favore,

non mordermi sul collo

di Roman Polanski, USA • Gran Bretagna 1967, 107’, col., v.o. sott. it. ore 2.00

Carrie ■Carrie – Lo sguardo di Satana

di Brian De Palma, USA 1976, 97’, col., v.o. sott. it.

Cinema San Marco ore 14.30 Antonietta De Lillo

■ Il pranzo di Natale

[film partecipato coordinato da Antonietta De Lillo], Italia 2011, 51’, v.o.

ore 11.00

Teenage ■ di Matt Wolf, USA • Germania 2013,

Auditorium | Sab. 15 marzo ore 9.15

Providence ■ di Alain Resnais, Francia • Svizzera • Gran Bretagna 1977, 110’, col., v.o. sott. it. ore 11.15

Victim ■ di Basil Dearden, Gran Bretagna 1961, 90’, bn, v.o. sott. it. ore 14.45

L’enfant sans bouche ■ di Pierre-Luc Granjon, Francia 2004, 4’, col., v.o. sott. it. ore 14.50

& Country ■King Per il re e per la patria

di Joseph Losey, Gran Bretagna 1964, 89’, bn, v.o. sott. it. ore 16.30 Antonietta De Lillo

■ Il resto di niente Italia 2004, 103’, v.o.

ore 22.30 Anteprima

■Devil’s Knot/Devil’s Knot – Fino a prova contraria

of Fire ■Ball Colpo di fulmine

Cinema San Marco ore 9.00

ore 11.05 Cartoni animati in... corsia! [1] Pezzetti (9’) Se fossi… (1’) L’omino della gru (1’ 47’’) ore 11.15

Moment ■Desperate I disperati

di Compton Bennett, Gran Bretagna 1953, 88’, bn, v.o. sott. it. ore 15.30 BFM INAUGURA BERGAMO JAZZ

■Un témoin dans la ville

Appuntamento con il delitto

di Édouard Molinaro, Italia/Francia 1959, 86’, bn, v.o. sott. it. ore 18.00 BFM INAUGURA BERGAMO JAZZ

■ The Unknown

Lo sconosciuto

di Tod Browning, USA 1927, 49’, bn, muto ore 20.30 CARTA BIANCA A GRANJON

Wolf ■ di Jim Taihuttu, Olanda 2013, 122’, ■ Haut pays des neiges bn, v.o. sott. it. ore 11.15

Silmäterä/The Princess of Egypt ■ di Jan Forsström, Finlandia 2013,

di Bernard Palacios, Francia 1989, 10’ 30’’, col., v.o. sott. it. ore 20.40

Auditorium | Dom. 16 marzo ore 9.15

di Charles Crichton, Gran Bretagna 1952, 84’, bn, v.o. sott. it. ore 22.30

di Lewis Gilbert, Gran Bretagna 1955, 82’, bn, v.o. sott. it.

di Richard Quine, USA 1958, 106’, col., v.o. sott. it.

89’, col., v.o. sott. it.

a Dark Shadow ■Cast La poltrona vuota

■Hunted La colpa del marinaio

Book and Candle ■Bell Una strega in paradiso

Legenda colori per sezione

■Mostra concorso/Exhibition Competition ■Visti da vicino/close up ■Europa: femminile, singolare

Sólveig Anspach | Antonietta De Lillo | Jessica Hausner | WOMEN’S BEST OF CILECT PRIZE Anteprime | cult movie | BFM inaugura Bergamo Jazz Dirk bogarde Ma papà ti manda sola? fantamaratona Pierre-luc granjon Carta bianca a granjon kino club Cartoni animati in... corsia!

■ ■ ■ ■ ■ ■


Con il patrocinio e il contributo di

Sponsor

Partner tecnici

Media Partner

Collaborazioni

COSTRUIAMO LO SPORT

IdF

Le attivitĂ collaterali alla manifestazione sono sostenute da

Partner

Bergamo Film Meeting è socio fondatore e membro attivo di

Mobile Version

49aaafc924214

Bergamo Film Meeting

Programma 2014 Bergamo Film Meeting  

Il programma completo della 32a edizione di Bergamo Film Meeting (8-16 marzo 2014)

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you