Page 1

Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:09 Pagina 1

www.provincia.roma.it Dipartimento Innovazione e Impresa

PROVINCIA ARTIGIANA Tradizione e AttualitĂ 

1


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:09 Pagina 2


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:09 Pagina 3

PROVINCIA ARTIGIANA Tradizione e AttualitĂ 


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:09 Pagina 4

provincia di roma Nicola Zingaretti Presidente È un’iniziativa del

Dipartimento “Innovazione e Impresa” Gian Paolo Manzella Direttore Rosanna Capone Miriam Marcoaldi Rocco Albanese Cinzia Rita Checchi Antonella Iacoboni Mina Romiti

Testo Gioia Cesarini - Links S.a.s. Un ringraziamento particolare a Andrea Granelli, esperto di creatività Un ringraziamento particolare a Andrea Granelli, esperto di creatività PUBBLICAZIONE STAMPATA SU CARTA REVIVE 25 WHITE SILK Contenuto di Riciclato Certificata FSC Priva di cloro elementare Prodotta presso cartiere con certificazione ISO 14001 Completamente riciclabile e biodegradabile


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:09 Pagina 5

Indice ­provincia­artigiana­tradizione­e­attualità pag. 11

# ! #

$ #

#

!

$ !

pag. 19 pag. 25 pag. 29

"#

pag. 33

"#

pag. 39

! %%

!#

pag. 44


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:09 Pagina 6


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:09 Pagina 7

Questa pubblicazione racconta la storia di uomini, donne e oggetti della nostra migliore tradizione artigiana. Esempi che abbiamo scelto tra le molte eccellenze presenti nel nostro territorio. Storie che vogliamo far conoscere e apprezzare da un pubblico sempre più vasto. non è un caso che uno dei più importanti sociologi al mondo, richard Sennett, scriva recentemente dell’importanza di promuovere “l’uomo artigiano”. in una società sempre più immateriale e globalizzata i valori dell’artigianato acquistano un nuovo rilievo. chi studia una tecnica, chi la applica quotidianamente, chi la migliora attraverso esperimenti e tentativi è portatore di un patrimonio insostituibile di saperi, esperienza, creatività. Una ricchezza che affonda le sue radici nella storia e disegna opportunità per il nostro futuro. L’artigianato – e le realizzazioni che vedrete in questo libro ne sono la migliore testimonianza – conserva le nostre tradizioni, i nostri saperi, alimenta la vivacità culturale dei nostri comuni. ma, allo stesso tempo, rappresenta uno straordinario fat-

tore di competitività a disposizione del nostro sistema territoriale. L’artigianato è “differenza” e fare la differenza, al giorno d’oggi, significa competere. nel mondo di oggi, sostenere la risorsa “artigianato” significa mettere in rete le opportunità che derivano dalla nostra storia e farle vivere in un’idea di sviluppo del territorio fondata sull’integrazione sempre maggiore tra roma e i 120 comuni che la circondano. Significa far conoscere i nostri centri minori ed attrarre verso di essi visitatori, rafforzando il ruolo della provincia di roma come destinazione turistica mondiale. Significa promuovere un dialogo tra la piccola industria e l’artigianato artistico, per migliorare le nostre produzioni e renderle più competitive. per questo, siamo convinti dell’importanza di aiutare il settore attraverso il nostro marchio “artigianato artistico” e di supportare la partecipazione degli artigiani della provincia ad eventi e fiere. preservare la cultura e le tradizioni del nostro artigianato, significa in fondo una cosa semplice: fare in modo che il nostro territorio sia sempre più forte e apprezzato nel mondo.


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:09 Pagina 8


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:09 Pagina 9

il mestiere dell’artigiano sta riacquisendo – nel pensiero contemporaneo – una nuova centralità. Le motivazioni sono molte, ma una di esse è certamente il suo essere non solo “pre-industriale” ma soprattutto e intimamente “post-industriale”. «dopo l’avvento della civiltà industriale, il lavoro è diventato un’operazione a senso unico, nella quale l’uomo … modella una materia inerte, e le impone sovranamente le forme che le convengono». così nel lontano 1986 claude Lévi-Strauss denunciava la deriva del lavoro industriale. L’artigiano – caratterizzabile in prima istanza con il lavoro manuale – usa infatti un approccio diverso: sa di dover costruire con la materia un “rapporto di seduzione” dimostrando “una familiarità ancestrale” fatta di conoscenze e abilità manuali ma anche di rispetto per il contesto. il suo fine non si esaurisce nella funzione che svolge e da cui trae sussistenza e prestigio, ma si lega ad un’altra caratteristica fondativa della cultura artigiana – la maestria – che rimanda a un impulso umano primordiale: il desiderio di svolgere bene un lavoro per se stesso, la passione e la cura per quello che si fa. ma anche il ritorno della centralità del territorio nella produzione di ricchezza e nella creazione di vantaggi competitivi (e cioè sostenibili nel tempo) gioca un ruolo importante nella rinnovata attenzione per il mondo artigiano. non il territorio in senso generico ma quello caratterizzato da specificità e unicità (legate dunque ad una sedimentazione storica dell'attività plasmatrice dell’uomo) riconosciute per il loro valore non solo da chi vi abita; gli antichi direbbero quei territori “abitati” da un genius loci, da uno spirito del luogo; e quindi le città d’arte. L’artigiano sta rivedendo il suo rapporto con la tradizione e l’innovazione. Egli è – soprattutto nel caso dell’artigianato artistico – certamente il depositario di una tradizione, ma il suo mestiere nasce con una

novità tecnica – l’utensile – ed è intrinsecamente creativo: trasformare la materia inerte in un artefatto, utile, bello e dai significati profondi. Spesso egli sperimenta nuovi materiali, li domina e li riconfigura facendoli diventare oggetti quotidiani ma dalla significativa dimensione estetica ed affettiva. d’altra parte la “maestria” non dipende solo dalla manualità ma richiede molta conoscenza. Questa conoscenza è però spesso tacita – e cioè non facilmente codificabile – e per questo da molti non considerata vera conoscenza. comunque sia, anche in italiano “afferrare una cosa” indica sia la presa della mano che la comprensione del cervello. anche per questo motivo oggi la cultura artigiana si espande nelle frontiere dell’immateriale, fatto che può sembrare in prima battuta quasi contraddittorio. oltretutto nella bottega artigiana si fondono produzione, ricerca e formazione. il suo prototipo è stato la bottega del verrocchio, luogo emblematico della collaborazione, dove cioè gli allievi acquisivano la “maestria” sul campo e diventavano a loro volta maestri. il vasari, usando l’espressione “andare a bottega”, indicava il tirocinio che l’apprendista compiva alla scuola del maestro, ma anche il legame che univa maestro e apprendista. ciò ha consentito una interazione naturale fra arte, tecnologia e sapere artigiano facendo nascere straordinari e innovativi prodotti artistici. ma la bottega è anche vetrina, spazio commerciale, luogo di dialogo con il committente- consumatore. E il suo essere intimamente collegata alla storia dei luoghi ne fa un dimensione inscindibile dal paesaggio urbano italiano. La bottega esprime quindi anche un potenziale straordinario che richiede – però – una maggiore esplicitazione e pianificazione e anche – spesso un aiuto – perché quando «quando si spegne un insegna, si oscura una via e muore un pezzo di città». andrea­granelli


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:09 Pagina 10

10


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:09 Pagina 11

Il litorale Elemento unificante del primo itinerario è il mare, straordinario luogo di incontro di civiltà lontane, di esperienze e di "saperi" diversi che si fondono per dar vita a "forme" nuove che delle antiche portano comunque il segno. Qui, sulla costa disseminata di costruzioni che senza soluzione di

nel porto turistico "riva di Traiano", tra Santa marinella e civitavecchia; nel restauro perfetto di gioielli d'epoca, nella creazione di preziosi orologi fatti a mano nei laboratori di pomezia, nella produzione degli oggetti dei fabbri e dei ramai. La lavorazione della ceramica vede in aumento la nascita di scuole d'arte e università civiche, sorte proprio perchè la storia della ceramica non interrompa il suo viaggio nel tempo.

11

continuità da civitavecchia scendono a Ladispoli e poi ancora più a sud a Fiumicino, anzio e nettuno, l'artigianato, dietro la spinta di insediamenti di tipo residenziale e della domanda che nasce dal turismo, ritrova radici antiche che riaffiorano nella lavorazione del corallo e del turchese delle botteghe

L'arte della ceramica è, forse più di ogni altra, espressione di un modo di produrre basato principalmente sul ripetersi di antichi gesti e sulla riproposizione di antichi disegni. La ceramica, impasto di argilla e di altre sostanze con acqua, fatto a temperatura ambiente, lavorato a mano e


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 12

poi cotto su fuochi all'aperto, oppure semplicemente essiccato, com'era in uso presso i popoli primitivi, si ritiene sia stata inventata agli inizi del secondo periodo dell'etĂ  della pietra (neolitico) utilizzando vari sistemi di lavorazione: blocco di argilla scavato e mo-

12

dellato con le mani; argilla stesa all'interno o all'esterno di uno stampo di vimini che ne determinava la forma; cordoni di argilla sovrapposti o stirati dal basso verso l'alto fino ad ottenere la parte voluta del vaso. Furono tuttavia l'invenzione del tornio, lo stesso ancora in uso nei laboratori arti-


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 13

13


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 14

14


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 15

15

giani, avvenuta in epoche antichissime e la scoperta di nuove sostanze - caolino, feldspati, quarzo - a dare ad essa la massima diffusione ed a consentire il moltiplicarsi delle sue applicazioni. dai primi rozzi manufatti d'argilla si passò col tempo alle splendide ceramiche invetriate

a colori vivaci, che ornavano i templi di ninive ed alle ceramiche sottili e trasparenti dipinte a motivi bianchi e blu della cina della dinastia ming, esportate ed imitate ben presto in tutta Europa. dal mare dunque giungevano sulle navi greche anfore e vasellame dalle raffi-


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 16

16

nate decorazioni, che nel Lazio gli Etruschi imitarono ed adattarono alla propria cultura. ancora oggi le riproducono i maestri artigiani che nelle loro botteghe e nelle loro scuole, da civitavecchia a nettuno, ripropongono quelle stesse forme interpretandole con una sensibilitĂ  ed una creativitĂ  nuova, tale da renderli oggetti d'arte davvero unici. La manualitĂ  artigiana si evidenzia ancora nelle creazioni dei preziosi bijoux in vetro, lamine d'oro e resina realizzati nei laboratori che si affacciano sul litorale, nella raffinata tecnica di lavorazione che si fa sempre piĂš attenta alla ricerca del particolare, nel lavoro degli artigiani dell'abbi-

gliamento, degli scultori, dei pittori, dei falegnami, dei corniciai e dei maestri vetrai. colpiscono allo stesso modo le bellissime realizzazioni in cuoio; l'armonia e lo stile raffinato degli oggetti che nascono dalle mani degli artigiani del ferro e del legno, che nelle loro creazioni destinate al mondo dell'infanzia sanno trasfondere, con i colori ed i disegni, un poco di magia; senza considerare l'uso ancora attuale degli attrezzi di lavoro rimasti invariati nel tempo e che diventano, nelle mani dell'artigiano, strumenti che riescono a trasformare i materiali di uso comune in opere d'arte.


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 17

17


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 18

18


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 19

Dai monti della Tolfa alla valle del Tevere Se dovessimo cercare un filo conduttore per questo secondo itinerario non potremmo che trovarlo negli Etruschi "misteriosi", signori di queste terre prima della dominazione di roma. i monti della Tolfa, residuo più antico del sistema vulcanico del Lazio e luogo di antichissimi insediamenti, offrono uno scenario davvero unico rispetto al resto della provincia e non solo da un punto di vista naturalistico, ma anche economico e sociale. alla vegetazione a carattere mediterra-

neo nel versante che guarda il Tirreno si alternano i boschi di faggi e roveri del versante interno; alle rocce ricche di ferro, allumite, caolino e cinabro, il cui sfruttamento iniziò già in epoca etrusca per poi conoscere una notevole ripresa a partire dal quindicesimo secolo, si affiancano i pascoli dei bovini di razza maremmana e dei cavalli "tolfetani" che ancora vivono allo stato brado. Un'economia agricola ed una industriale originata dallo sfruttamento delle cave - mai integratesi perfettamente - rispecchiate dalla metà del '400 alla metà del 1800, dai due insediamenti storici di allumiere e di Tolfa.

19


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 20

20

Terra di operai che nel 1462 cominciarono a lavorare all'estrazione dell'allume, la prima(il Fabbricone) rappresenta un interessante esempio di casa operaia del '500; terra di butteri e di contadini che vivevano dei prodotti della terra, della concia delle pelli e della lavorazione del cuoio, la seconda. i due "poli", quello industriale e quello rurale, restarono dunque per circa quattro secoli assolutamente separati fino a che la chiusura delle cave, avvenuta a metĂ  del 1800, costrinse allumiere ad un'azione di

"riconversione agricola" di segno assolutamente opposto a quello consueto dei comuni italiani: nasce infatti come raro esempio di centro industriale e si riconverte all'agricoltura. nel comprensorio tolfetano, scomparse dunque nel corso degli anni le attività di cava con il loro indotto, è rimasta vitalissima e mai interrotta la tradizione artigiana della lavorazione del cuoio e delle pelli. i lavoratori del cuoio, dal momento che usavano un materiale che si prestava a la-


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 21

vorazioni del tutto diverse, facevano capo a due distinte Università, quella dei "sellari" - che si era formata a seguito della separazione dall'associazione che comprendeva anche orafi e ferrari - e quella dei "calzolari", mantenendo tuttavia lo stesso patrono: Sant'Eligio. La concia - operazione mediante la quale si trasforma in cuoio la pelle degli animali - era praticata fin dai tempi piÚ antichi secondo procedimenti che variavano a seconda delle usanze locali, ma che avevano come unico fine quello di rendere impenetrabili le fibre di cui è formato il derma (o corio) delle pelli, trattandole con sostanze adatte. L'uso del cuoio, soprattutto a partire dal Xvi sec. era molto diffuso; numero-

sissimi erano gli oggetti eseguiti con pelli: arredamenti di stanze destinate alla rappresentanza, fodere per mobili, cofanetti, scatole, astucci e rilegature per libri. a Tolfa, la "catana", tipica borsa da pastore, ha avuto un rilancio straordinario a partire dagli anni '70, quando la "borsa di Tolfa" diventò un accessorio simbolo per molti giovani. E le borse, le scarpe, i giacconi cuciti a mano, le splendide selle ed i finimenti continuano a caratterizzare la produzione artigiana locale. il paese, vivacissimo dal punto di vista culturale, d'altro canto ha finito con l'attrarre anche artigiani stranieri che hanno portato l'impronta della loro cultura soprattutto nella realizzazione di oggetti di porcellana e di ceramica del tutto particolari.

21


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 22

22

ma Tolfa non è l'unico centro di lavorazione del cuoio; basta visitare un po' i dintorni per scoprire paesi come canale monterano, per esempio, dove maestri artigiani realizzano bellissimi manufatti in pelle. Lasciati i monti della Tolfa riprendiamo il nostro filo conduttore - gli etruschi - e raggiungiamo cerveteri, metropoli del mediterraneo antico, manziana dimora per gli Etruschi del dio mania, dove gli artigiani, seguendo la tradizione antica, lavorano le tipiche ceramiche di foggia etrusca. E poi ancora Bracciano, che si affaccia sul lago omonimo alimentato da immissari sotterranei. Qui tra i laboratori di orafi, ceramisti e falegnami troviamo un luogo insolito: la bottega di un liutaio che è sì laboratorio artigiano, ma anche luogo di studio e di sperimentazione per coloro che vogliono conoscere un'arte sempre meno praticata.

Le attività artigianali e rurali legate alla lavorazione dei marmi e delle pietre costituiscono una delle voci più importanti dei prodotti di esportazione della provincia di roma: il travertino di Tivoli, del quale abbiamo già parlato, il peperino di marino, i marmi di Bracciano, non sono soltanto materiali pregiati noti ed utilizzati in tutto il mondo, ma danno anche vita ad una produzione di linee di arredamento e di oggettistica sempre più richieste. E il mondo dei maestri d'arte non esprime soltanto valori economici, ma anche valori sociali radicati nell'antica storia delle loro corporazioni. L'Università delle "arti della pietra" fu fondata ufficialmente nel 1406 e comprendeva abbozzatori, lapicidari, marmorari, scalpellini, scultori,tagliapietre. ne fecero parte artisti come michelangelo, della porta, algardi, Bernini, Borromini. La combinazione di intarsi policromi a formare decorazioni preziose fu importata intorno al 1070 d.c. da manodopera specializzata proveniente da Bisanzio e chiamata ad eseguire nell'abbazia di montecassino un pavimento, utilizzando frammenti di marmo e porfido. L'esempio fece scuola soprattutto a roma e nella provincia dove, grazie all'abbondanza dei pregiati materiali di spoglio, si poterono decorare non solo i pavimenti, ma tutti gli altri arredi fissi degli edifici sacri con il caratteristico motivo dei dischi di porfido o di serpentino uniti da nastri formati da tessere di marmi, pietre dure e paste di vetro. Lasciata Bracciano non possiamo tralasciare una visita al caratteristico borgo medioevale di anguillara, che tra le varie attività artigiane mantiene viva la lavorazione del ferro battuto. raggiunta la via cassia si entra poi nella valle del Tevere, zona di grande interesse archeologico e naturalistico, dove è possibile imbattersi in rari ma caratteristici laboratori per la lavorazione del legno e del marmo.


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 23

Spostandoci infine sulla Flaminia, vedremo apparire a destra del fiume Tevere il monte Soratte, particolare per il suo isolamento e per i versanti ripidi e rocciosi, rivestito di verde quasi fino alla cima. vicino alle pendici meridionali del monte si trova il piccolo comune di Sant'oreste che vanta - oltre alla lavorazione del corno di bue con il quale vengono realizzati gli oggetti piĂš disparati: pettini, bottoni, monili, posate - molteplici attivitĂ  artigianali e tra queste un'importante manifattura di ceramiche artistiche con forme e decorazioni moderne ed originali: piatti murali, vasi e terrecotte.

23


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 24

24


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 25

Dalla Sabina alla Valle Santa E'il fiume a segnare l'itinerario che tocca alcuni tra i siti più interessanti della provincia centro meridionale. Siamo nell'area Tiburtino Sublacense, così detta per le due città più importanti: Tivoli e Subiaco. E'l'acqua, suono sommesso o invadente, a sottolineare i bellissimi borghi di-

sposti per lo più lungo il corso dell'aniene in un paesaggio montuoso intervallato da ampie e fertili vallate dove numerose sono le testimonianze di epoca romana, medievale e rinascimentale. L'artigianato tradizionale resiste sollecitato soprattutto dal flusso turistico in costante aumento verso queste località che sono tra le più interessanti della provincia dal punto di vista naturalistico e artistico.

25


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 26

26

Qui, ceramisti, falegnami, marmisti, artigiani del rame, dell'ottone, del vetro ed esperte nell'arte del ricamo espongono le loro creazioni risultato di uno straordinario lavoro eseguito a mano. nella zona intorno a Tivoli, ancora molto attiva è la lavorazione del travertino, data la presenza di numerose cave, anche se ormai la produzione è quasi tutta a livello industriale. Sopravvivono tuttavia alcune botteghe che operano nella produzione e nel restauro di oggetti per l'arredamento, che ha di recente riscoperto l'uso della pietra come materiale di prestigio. più numerosi i laboratori dove fabbriartisti lavorano il ferro, il rame, il bronzo (i cosiddetti "metalli" comuni), attività che fin dal Xv secolo era regolata - come avveniva del resto per tutti i mestieri dell'epoca da statuti speciali ed organizzata in varie università.

Le Università delle arti, e cioè la "organizzazione" dei mestieri, furono un elemento condizionatore delle forze lavoro: artisti, artigiani e commercianti che ne fossero al di fuori non potevano esercitare l'attività ed erano privi dei vantaggi e dei benefici di cui godevano gli associati. "L'Università dei fabbri e dei ferrari" comprendeva ben tredici specializzazioni. ne facevano parte i maniscalchi, detti anche "medici dei cavalli" perchè potevano esercitare l'arte veterinaria, i fabbricanti di armi e di suppellettili domestiche essenzialmente in rame; i fonditori di metalli, i fabbricanti di chiodi, gli stagnari che lavoravano però solo stagno, piombo e latta - ma anche i carbonari, i domatori ed i sensali di cavalli (cozzoni), i quali due ultimi certo non sembra avessero niente a che vedere con la lavorazione dei metalli. ma di curiosità se ne trovano davvero tante nel consultare i minuziosi elenchi che stabilivano l'appartenenza a questa o quella "universitas" dal momento che gli statuti erano tenuti ad elencare meticolosamente cosa era consentito realizzare e vendere e cosa no, ed i limiti delle competenze per ciascun artigiano.


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 27

Tutto questo, data l'estrema specializzazione di alcune arti, dava origine a interminabili controversie: se, per esempio, fabbricare tacchi per scarpe - che avevano l'anima di legno ed il rivestimento in cuoio - comportava l'iscrizione alla corporazione dei calzolai o a quella dei falegnami, e così di seguito. allo stesso modo però gli Statuti contenevano tutta una serie di disposizioni severissime volte a garantire la qualità del prodotto e a tutelare gli acquirenti; norme che dovevano essere rigidamente rispettate per evitare l'applicazione di pene che andavano dalle multe ai tratti di corda, dalla berlina alla galera, oltre che comportare l'espulsione dall'associazione. Spostiamoci ora nella valle dell'aniene o valle Santa, denominazione derivante dal fatto che la presenza di gole e di anfratti naturali scavati nella roccia ne fece, durante il medioevo, la meta di molti eremiti che con il tempo vi si stabilirono e vi fondarono i primi ordini monastici. come quello fondato da San Benedetto, che alla fine del v secolo si ritirò nella grotta chiamata oggi del Sacro Speco, da dove dettò le regole fondamentali dell'ordine Benedettino. Le abbazie e le chiese appartenenti all'ordine rappresentano l'espressione più alta di un artigianato che fondeva creazione artistica e manualità. Sono oltre cinquanta i comuni disseminati in quest'area prevalentemente montuosa che comprende i due parchi naturali dei monti Lucretili e dei monti Simbruini e, data la notevole presenza di zone boschive e di pascoli, l'attività artigianale resta

legata quasi esclusivamente alla produzione agricola ed alimentare. a Licenza si continua la produzione dei prodotti a base di farro, lo stesso usato dagli antichi romani; vicovaro è nota per il pane casereccio cotto a legna ed ovunque si trovano paste fresche e dolci tradizionali. il nome Subiaco prende origine dal vocabolo latino "sublaqueum", termine derivante dalla grande villa di nerone sorta sulle acque di un lago artificiale. Si tratta di un borgo medioevale arroccato nell'alta valle dell'aniene meta di pellegrinaggi per via dei monasteri di San Benedetto e Santa Scolastica. centro turistico di grande suggestione, offre dal punto di vista della produzione artigianale originali manufatti in ferro battuto, oggetti preziosi d'elegante fattura e pregevoli creazioni in vetro.

27


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 28

28


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 29

I monti Prenestini Sono i monti a connotare il nuovo percorso, i monti prenestini ed i Lepini con i loro comuni incastonati in un paesaggio che muta continuamente, a volte selvaggio con grotte, gole, doline, a volte ridente, custode sempre di testimonianze di civiltà antiche dai volsci ai romani, dal medioevo al rinascimento. L'artigianato, là dove è presente, mantiene uno stretto legame con il passato. nelle botteghe dei ramai le brocche, i vasi, le conche, i tanti oggetti di uso comune lavorati a cesello e battuti conservano le antiche forme; gli orafi incastonano pietre preziose e creano, usando antiche tecniche, moderni gioielli ed i pizzi ed i merletti che escono dalle mani esperte delle ricamatrici raccontano una tradizione mai interrotta. palestrina, Labico, Segni, carpineto romano, Zagarolo, artena sono alcuni dei centri più importanti della zona.

Quasi definitivamente scomparsa nella città, l'arte del ricamo è ancora molto praticata in provincia. a palestrina il ricamo che esalta il famoso "punto palestrina" (caratteristico ricamo a rilievo che conferisce straordinari effetti plastici ai motivi decorativi) è mantenuto vivo in laboratori ed apposite scuole che hanno saputo conciliare la ricerca di nuove forme espressive con la tradizione più antica. ancora viva a palestrina è anche la lavorazione artistica del rame, con la più antica bottega della provincia di roma fondata nel 1713, dove i discendenti da una tradizionale famiglia di calderai continuano a tramandarsi, di padre in figlio, la lavorazione di conche, anfore, oggetti di uso comune e di manufatti essenzialmente ornamentali caratterizzati da una decorazione a sbalzo che ne costituisce la più interessante particolarità. Tra le numerose attività artigiane che un tempo caratterizzavano il paese, sono

29


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 30

30

inoltre rimaste fiorenti quelle della falegnameria, in particolare del castagno, e la creazione e lavorazione dei gioielli. autentico centro di artigianato è infine carpineto romano, che ha conservato alcune attività divenute rare, a cominciare da quella dei fabbri ferrai. E' ancora vivo qui il ricordo di mastro rainerio fonditore di campane e di Bruciaferro che realizzava cancelli e ringhiere ritenuti autentici capolavori. Sulla loro scia si muovono ancora oggi il fabbro, la cui officina ha un'insegna che risale alla fine dell'800 e il falegname con la sua bottega aperta nel 1700 nella quale si fabbricano ancora le suppellettili in legno per la cucina e la tavola chiamate "argenteria di macchia".

ma carpineto vanta anche una bottega unica nel suo genere che rimonta al 1921: un laboratorio di ombrelli grandi, a colori vivaci, ancora usati dai pastori, raro esempio di un'attività artigiana rurale pressochè scomparsa. mentre artena, borgo medioevale di straordinaria suggestione, ci sorprende con una piccola legatoria che ci introduce nell'affascinante mondo della rilegatura fatta a mano. i lavori vengono effettuati seguendo ancora le antiche tecniche di lavorazione del periodo medioevale e rinascimentale. realizzati con un unico taglio di pelle bovina conciata al vegetale, quindi con sostanze naturali, ed invecchiata a mano, i volumi acquistano, grazie a questo procedimento, una gamma di sfumature


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 31

di colore che li rende diversi l'uno dall'altro e quindi unici. Bellissimi i motivi che ornano le copertine, tutti ispirati alle preziose decorazioni dei volumi sacri o letterari d'epoca conservati nelle pi첫 importanti biblioteche della nostra provincia, memoria di un antico lavoro manuale che in tempi lontani era considerato vera e propria arte.

31


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 32

32


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:10 Pagina 33

I Castelli Romani resti di templi e ville romane, borghi medioevali, splendidi palazzi rinascimentali e barocchi incastonati nel verde di boschi e giardini. Sono i monumenti che si ammirano percorrendo la via appia, la Tuscolana o la "via dei laghi" che conduce appunto ai laghi vulcanici di albano e di nemi, attraverso paesi che sono i più caratteristici della provincia romana: albano, ariccia, castelgandolfo, colonna, Frascati, Genzano, Grottaferrata, Lanuvio, marino, montecompatri, monteporzio, nemi, rocca di papa, rocca priora, velletri; tutti di grande interesse artistico ed enogastro-

nomico. E'una zona, quella dei castelli, che fin dai tempi più remoti, per la bellezza del paesaggio e la bontà del clima fu scelta dai personaggi più illustri di roma quale sede di ville e di castelli principeschi. ai vigneti ed alla produzione del vino sono legate le botteghe ed i laboratori artigiani dove non si è mai interrotta la tradizione di mestieri arcaici come quello del bottaio, che non si limita a costruire manualmente botti, tini e mastelli in legno, ma con "fiuto" innato è in grado di controllare lo stato di salute del bottame che verrà utilizzato nella vendemmia. così come sono ancora attivi i laboratori di restauro di mobili d'antiquariato, di pittura su porcellana; le botteghe dei ve-

33


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 34

trai che realizzano vetrate artistiche riproponendo disegni antichi e sperimentazioni moderne e quelle soprattutto dove si esercita un'arte orafa che alla preziosità dei materiali unisce l'unicità dei pezzi realizzati esclusivamente a mano. E' curioso pensare che fino ai primi anni del '400 gli orafi non avevano avuto una propria identità, ma erano uniti, come abbiamo già detto, alla corporazione dei ferrai e dei sellai, anche se le tre arti erano comunque ben distinte. Fu solo a partire dal 1500, sotto il "patrocinio" di papa Giulio ii, che 42 orafi si unirono per fondare la "Università delle arti orafe" il cui statuto imponeva tra l'al-

34

tro ad ogni orefice di apporre sul manufatto il proprio marchio debitamente reso pubblico onde evitare contraffazioni. Gli argentieri invece entrarono nella confraternita degli orafi solo dopo il 1650 perchè fino a quella data erano uniti ai battiloro, specializzati nella riduzione dell'oro in fogli sottilissimi (e perciò distinti dai tiraoro - esperti nel ridurre l'oro in fili - e dai filaoro che avvolgevano sottilissimi listelli d'oro intorno ad un'anima di seta o di altra fibra vegetale) che si erano dovuti costituire in Università per risolvere - con l'aiuto delle autorità - il


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 35

problema delle budella degli animali, necessarie per costruire la forma su cui avvenivano le battiture, ma che erano loro contese dai salsamentari e dai fabbricanti di corde musicali. Tra le infinite disposizioni a tutela degli acquirenti, contenute negli statuti delle confederazioni artigiane, un'importanza fondamentale veniva attribuita, dicevamo, al "merco" ovvero al marchio che doveva essere apposto sulla merce da saponari, oliari, candelottari, fornaciari, fornari, copertari, ma soprattutto dagli orafi e dagli argentieri. L'obbligo del marchio di fabbrica sui preziosi derivava anche da normative esterne, che imponevano il "saggio" del metallo presso la zecca per stabilirne il grado di purezza e, di conseguenza, il valore.

L'Università delle arti degli orefici comprendeva dunque i gioiellieri, i diamantari, gli incisori di pietre, di coni e sigilli e, infine, la categoria tipicamente romana dei coronari, che eseguivano corone in oro e pietre preziose. E nelle botteghe, allora come oggi, gli orafi esponevano le loro creazioni di gioielli dai disegni attualissimi e preziosi monili che si ispiravano a quelli provenienti dall'oreficeria greca, etrusca e romana. Se i maestri orafi e argentieri con le loro botteghe raggruppate tra via del pellegrino e la cancelleria sono quasi scomparsi dalla città, la manifattura orafa, come testimoniano le nostre immagini, è ancora vivacissima in tutto il territorio della provincia romana pro-

35


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 36

36


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 37

fondamente legata all'iconografia del mondo antico. Ed è pur sempre la tradizione a guidare il lavoro dei vetrai che espongono le loro opere nei laboratori artigiani dei castelli. Le origini delle vetrate artistiche vanno ricercate nel mondo Bizantino medioevale e si ricollegano alle chiusure delle grandi finestre delle basiliche che un tempo venivano realizzate con selenite o sottilissime lastre di alabastro. alla fine del X secolo la possibilità di sostituire gli antichi telai di pietra, malta o legno con sostegni di metallo e liste di piombo che consentivano di seguire la

forma dei pezzi di vetro e di comporre insieme il disegno delle figure rappresentate, segnò l'inizio dello straordinario sviluppo di quest'arte che raggiunse il massimo splendore dal Xii al Xv secolo. L'arte della vetreria, decaduta nel '600 e nel '700, cercò di rinnovarsi nel rinascimento ed a partire dal '900 trovò nuove possibilità di applicazione negli edifici monumentali di carattere pubblico. oggi è di nuovo in una fase di espansione soprattutto nell'arredamento delle case private.

37


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 38

38


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 39

Roma La grande tradizione artigiana di roma ormai quasi del tutto scomparsa è testimoniata dalle tante stradine del centro storico che devono il loro nome ai mestieri esercitati dagli artigiani che avevano lÏ le loro botteghe. Bambaciari, bicchierari, balestrari, armaroli, sellari, saponari, cestari, chiavari, catinari, coppelle (piccoli recipienti di legno usati un tempo per la vendita dell'acqua acetosa, poi del vino e dell'aceto), una toponomastica che ricorda un'economia scomparsa, non solo in seguito ai profondi cambiamenti strutturali intervenuti

nella cittĂ  a partire dal 1870, ma anche alla rivoluzione industriale, con l'introduzione della lavorazione in serie. i nuovi sistemi produttivi infatti finirono per tagliar fuori l'artigianato e solo negli ultimi decenni, sia per la crescente reazione all'uso eccessivo di prodotti fatti in serie, sia per la spinta del turismo, roma assiste ad una naturale rinascita di piccole produzioni locali, soprattutto artistiche, concentrate solo in piccola parte nel centro storico e attive invece nei quartieri periferici della cittĂ . Scomparse quasi del tutto le arti della lavorazione della pietra che restano invece vive, come abbiamo visto, in alcune zone della provincia, a roma sopravvivono

39


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 40

40

poche botteghe artigiane che producono essenzialmente oggetti in marmo per l'arredamento o che si occupano del restauro degli antichi arredi di chiese e palazzi. resta viva invece in città la produzione artigianale in legno. Facilitati dalla sperimentazione di materie e tecniche non tradizionali, molti artigiani tornano di nuovo a fondere manualità ed arte, secondo la concezione durata fino al rinascimento per cui tutto è artigianato, dal momento che non è ancora intervenuta quella scissione del tardo manierismo tra il momento della progettazione ed il momento dell'esecuzione manuale. mario ceroli, ad esempio, divenuto famoso nel mondo per le sue "sagome di legno", non ha mai rinnegato la sua formazione artigiana di allievo di un istituto d'arte (ricordiamo tra i più significativi l'istituto d'arte Silvio d'amico con i corsi di arte dei metalli e dell'oreficeria, arte del tessuto, arte del legno, arte della ceramica e l'istituto d'arte Sacra noto

per i corsi di restauro). i laboratori che hanno ancora la loro sede nei centri storici sono soprattutto quelli degli orafi. i gioielli reinterpretano modelli antichi di grande suggestione che si aprono sempre di più alla cultura multietnica. Lentamente infatti cresce e si afferma un artigianato estremamente interessante prodotto dal fenomeno dell'immigrazione. ancora una volta quindi, come avvenne


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 41

per l'antica Grecia, l'Etruria e per roma, le diverse culture si integrano, le tecniche di lavorazione importate da paesi lontani si alternano o si sostituiscono a quelle tradizionali creando "forme" ricche di suggestioni nuove. ricompaiono in questi ultimi anni, seppure timidamente, le botteghe dei calzolai che fanno scarpe su misura; si aprono sartorie - in realtà sarebbe più giusto chiamarle "atelier "- dove si confezionano capi di abbigliamento ed accessori realizzati con stoffe tessute a mano o sete importate dall'oriente; si lavorano a mano camicie e cravatte; si ricamano lini e tele. Si riscopre il piacere di arredare la casa in modo meno convenzionale dando spazio alla propria creatività e fantasia, curando i "piccoli particolari" d'arredo che ne determinano l'impronta personale e le botteghe d'arte, da questo punto di vista, offrono un aiuto prezioso. dalle cornici alle lampade completamente fatte a mano con paralumi lavorati all'uncinetto a for-

mare trine preziose; dalla decorazione degli interni alle vetrate artistiche; dalle ceramiche e dalle porcellane, ai tovagliati, ai tessuti d'arredo tutti dipinti a mano in cui, a volte, il soggetto della decorazione è uno scorcio di una grande opera d'arte italiana. E la ceramica, come sempre, per la sua duttilità e per i molti oggetti di uso quotidiano che da essa si ricavano, continua a godere di una attenzione che non è mai diminuita. decorata con smalti, colori, ossidi; trasformata in piatti, tazze, brocche, lampade, cornici e pannelli dalle forme più classiche a quelle più moderne, la ceramica riempie le botteghe artigiane che spesso si trasformano in laboratori-scuola prolungando così nel tempo, come abbiamo detto all'inizio dei nostri percorsi, il ripetersi di quei gesti antichissimi che hanno segnato uno dei primi modi di produrre. 41


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 42

42


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 43

43


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 44

ELEnco arTiGiani ARTE ORAFA Allakatalla s.a.s. di Stefania Cortellessa Via Rodi, 33/35 00195 Roma Tel/Fax 06.39749425 stefaniacortellessa@virgilio.it www.opera-lab.it Anda 2004 Srl di M. Patrizia Corvaglia Via James Joice, 44 00144 Roma Tel. 06 97612555 - 339.8743367 pattycorvaglia@tiscali.it www.patriziacorvaglia.it

44

Ashanti R Galleria di Raffaele Cinzio Via del Boschetto, 117 00184 Roma Tel/Fax. 06.4884203 raffaele.cinzio@fastwebnet.it www.ashanti.it Fabio Cappelli V.le degli Ammiragli, 112 00136 Roma Tel/Fax 06 39729082 Cell. 339.2771973 fabioevacappelli@libero.it www.fabiocappelli.it Claudia Cautillo Via Giacinta Pezzana, 102 00197 Roma Tel/fax 06 8085877 Cell. 339.2091968 Fabrizio Caviglia Srl Via Cassiodoro, 15 00193 Roma Tel/Fax 06 6874498 “Ceretti Orafi” di Massimo Ceretti Via Santa Apollaria, 11 00039 Zagarolo (Rm) Tel/Fax 06 9525438 Cell. 335.6237686

ceretti@cerettiorafi.com www.cerettiorafi.com Fabrizio Di Cori Via A. Fleming, 17 00031 Artena Tel/Fax 06 9515900 Cell. 339.4943001 info@fabriziodicori.it www.fabriziodicori.it Rocco Epifanio Via Piè di Marmo, 35 00186 Roma Tel/fax 06.6990007 Cell. 347 8149237 roccoepifanio@tiscali.it www.epifaniorocco.it Vincenzo Farella Via di Casalotti, 158 00166 Roma Tel/Fax 06.61550318 vincenzofar.3@libero.it Fioretti Gioielli di Marcello Fioretti Via Tenuta del Cavaliere, 1 00012 Guidonia Montecelio (Rm) Tel. 06.60501120 Fax 06.60501121 info@fiorettigioielli.it www.fiorettigioielli.it Fabiana Fusco Via Bisentina, 10/12 00139 Roma Cell. 333.9436799 Fax 06.8170253 nfo@fuscogioielli.com www.fuscogioielli.com Gentileschi Creazioni Gioielli Via Baccina, 38 00184 Roma Tel. 06.6796144 Fax 06.69941568 info@gentileschi.net www.gentileschi.net Fabio Ghalib Via di Pietra, 86 00186 Roma

Tel. 06.6789753 Fax 06.69292390 gaghalib@tin.it GiòLelli di Giorgia Stella Via Mameli, 1 00058 Santa Marinella (Rm) Fax 0766.537670 Cell. 328.7291923 info@giolelli.it www.giolelli.it Koster Christine Therese Via Nizza, 27/A 00198 Roma Tel/Fax 06.85355299 Cell. 333.9439398 koster-b@fastewebnet.it PG Preziosi Srl di Gualtiero Bisci Via Sebastiano Veniero, 18 00191 Roma Tel/fax 06.39030529 Cell. 338.4953635 info@jpgpreziosi.com www.porporagioielli.com Il “Pomod’Oro” di Gianluca Mochi Piazza del Gesù, 6 00044 Frascati Tel. 06.94017044 Fax 06.94298259 Cell. 348.0859782 info@ilpomod-oro.it www.ilpomod-oro.it La Grande Officina di Daniela Ronchetti Via dei Sabelli, 165 b 00185 Roma Tel. 06.4450348 ronchigenco@interfree.it La Kimera di Lucia Bondì Via Riviera Zanardelli, 37 00042 Anzio Tel/fax 06 66415398 galleria.lakimera@hotmail.it

Laboratorio Orafo Effetti di Francesco Tripani L.go Virgilio Brocchi 00142 Roma Tel/Fax 06.51980183 effetti.srl@tiscali.it Laboro di Roberto Mattei V.le dell’Unione, 80 00012 Guidonia Tel/Fax 0774.346655 info@laboro.it www.laboro.it L'Arte del Corallo di Axel D'Urso Via Strambi, 17 00053 Civitavecchia Tel. 0766.34352 L’Oro di Caspoli di Antonella Caspoli Via G. Calandrelli, 45 00039 Zagarolo (Rm) Tel/Fax 06 9525281 antiochies@virgilio.it Malfatti e Malfatti Via Monte Solarolo, 221 00054 Fiumicino Tel 06.6580741 Fax 06.6582343 Cell. 347.6053889 barbaramalfatti@tiscali.it Maresci Elio – Gioielli – Via Niso, 48 00181 Roma Tel/Fax 06.7820790 www.marescieliogioielli .com Negri Gioielli Via Campo Marzio, 36 00186 Roma Tel/Fax 06.6871192 negrigioielli@titonegri.it www.titonegri.it Officina Orafa di Gabriella Pili Via Italo Belardi, 43 00045 Genzano Tel/Fax 06.9398433


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 45

officinaorafa@hotmail.it Giovanni Porzio Via Fabio Massimo, 90 00192 Roma Tel. 06.3243481 - 347.6266313 info@gioielliporzio.it www.gioielliporzio.it Maurizio Robiati Via Monte Grappa, 6 00015 Monterotondo (Rm) Tel/fax 06.97651433 Cell. 347.0187869 info@arsbelli.it www.arsbelli.it Anna Sassi Via delle Magnolie, 19E 00062 Bracciano (Rm) Tel/fax 06.9986435 Cell. 338.2153573 Arteorafa.sassi@tiscali.it Zagarola Andrea Alberto di Andrea Alberto Zagarola Via della Frezza, 52 00186 Roma Tel 06.3227098 Andrealab71@yahoo.it

BIJOUX Zagarola Andrea Alberto di Andrea Alberto Zagarola Via della Frezza, 52 00186 Roma Tel. 06.3227098 Andrealab71@yahoo.it Maria Diana Via Carlo Pisacane, 49a 00152 Roma Cell. 348.9131792 Fax 06.97259597 m.diana@fastwebnet.it www.mariadiana.it Girablù di Ilenia Mancini Via Piombino, 31 00040 Ardea (Rm) Fax 06 9110269

Cell. 333.9874897 ilenia.mancini@inwind.it La Terra Chiama di Angela Corletti Via Tito Omboni, 3 00147 Roma Tel/fax 06 51607480 Cell. 340.9750369 acorletti@tiscali.it www.laterrachiama.com Seam di Maria Elena Cecchini Via F. Grenet, 73 00121 Roma Lido Tel. 06 5691451 Fax 06 56341742 Cell. 368 215873 seam.accessori@tiscali.it www.seamaccessori.com

OROLOGI Orologeria Verdastro Via delle Tre Cannelle, 20A 00187 Roma Tel/Fax 06 6783705 Cell. 338.7434329 verdastro@libero.it www.verdastroorologi.it Alfonso Calvio Via Don Minzoni, 15 00036 Palestrina Tel/Fax 06.9537862 Cell. 347.7501922 - 346.4203895 Adele.menghi@alice.it

CERAMICA Angiola di Samantha Laducara Via A. Fratti, 3 00058 Santa Marinella (Rm) Cell. 347 9169789 mantalab@libero.it Arte 7 di Anna Baccari Via F. Bulgarini, 61 00019 Tivoli

Tel/Fax 0774 313281 Cell. 339.8713318 baccari.anna@libero.it Biradon art di Graziella Biraghi Via Monte del Tiro, 47 00013 Mentana (Rm) Tel. 06.9094018 335.5471323 Fax 06.90386201 Ceramica Artistica Pontina di Ermanno Pergola Via Bari, 21 00041 Pavona di Albano (Rm) Tel. 06.9310746 Fax 06.93160247 cer.art.pontina@infinito.it Ceramiche D'Urso di Gaetana Daniela D'Urso Via del Castello, 40 00050 S. Severa (S. Marinella) Tel/Fax 0766.570113 ceramichedurso@tiscali.it www.ceramiched'urso.it Creart Roma di Fredy Suarez Tobar Via di Monte Arsiccio, 19 00135 Roma Tel/Fax 06.30812657 Cell. 333.7262660 info@creartroma.com www.creartroma.com Coop. Sociale “Arte Aniene” Via del Torrione, 1 00028 Subiaco Fax 0774.822211 arteaniene@libero.it www.arteaniene.it Dierre Ardesia di Pieragostini e Volpe Via Pescopennataro, 27 00131 Roma Tel/Fax 06 4130488 Cell. 339 1122037 dierreardesia@hotmail.it Pirjo Eronen

Via Edificio del Ferro, 44 00059 Tolfa Tel 0766 93582 Fax 0766 93573 Giovanni Gabriele Scultore (in argilla e ceramica ) e Pittore Via Ripi, 3 00048 Nettuno Cell. 338.9346544 giovannigabriele@libero.it Rosa Fiorentino Via della Stazione del Lido, 12A 00122 Roma Tel/Fax 06.5622611 Cell. 347.7005831 colorcotto@colorcotto.it www.colorcotto.it Idearte di Margherita Giovagnoli Via Costanzo Casana, 259 00121 Roma Lido Tel/Fax 06.5616786 Cell. 348.0841852 margherita@ceramichemargherita.it Il Pennino di Manuela Pitotti Via Luigi Rizzo, 115/117 00136 Roma Tel/Fax 06.39733854 Keramos di Rosalba Ferilli Via Ravel, 10 00053 Civitavecchia Tel./Fax 0766.568272 Cell. 347.3392177 rosalbaferilli@libero.it www.ferilliceramiche.it Klei di Domenico Di Forti Via Montaguto, 50 00134 Roma Tel/Fax 06.7197155 Cell. 340.3466039 infotiscali@klei.it

45


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 46

www.klei.it

www.terrerare.it

L’Argilla di Stefania Duranti Via Guido Cavalcanti, 24/26 00152 Roma Tel/Fax 06.5812517 Cell. 346.6802527

Graziella Zamarra Via Servilio Isarnico, 12/14 00174 Roma Tel. 340.5764938 papale@interfree.it www.torniello.it

L'Atelier de la Maison di Roberta Tisei Via Alessandro Luzio, 29 00179 Roma Tel/Fax 06.81900401 Cell. 339.2120389

46

Le Terre di AT di Angela Maria Torcivia Via degli Ausoni, 13 00185 Roma Tel. 06.491748 t.ange@tiscali.it www.leterrediangela.it Lunarte di Lavinia Palma Via dei Volsci, 103/C 00185 Roma Tel. 347.6699875 lav_potter@yahoo.it www.lunarte.it Laboratorio Terre Rosse di Simona Agostinelli & C. sas Via Rodi, 49 00195 Roma Tel. 06.3972811 terrerosse@tiscali.it Terracromata di Speranza Neri e Cinzia Catena Via Tembien, 9/13 00199 Roma Tel. 06.8607116 339.8329973 info@terracromata.it www.terracromata.it Terre Rare di Margherita Labella & Co s.n.c. V.le di Villa Pamphili, 20 00152 Roma Tel. 347.1452846 Fax 06.5814082 info@terrerare.it

COMPLEMENTI D’ARREDO A Casa di Sandra di Sandra Abbate Via Graziano, 12/14 00165 Roma Tel. 06.61550469 - 338.5997478 s.abbate@inwind.it Benedetto De Angelis Via dei Soldati, 23a 00186 Roma Tel. 06.6869016 - 334.3042360 Beatrice Colabianchi Via Comano, 95 00139 Roma Tel 06 8860781 - 339.4684632 beatrice.colabianchi@sdo.itw ww.nodidarte.it Cooperativa Il Cerchio Magico Via G. Marconi, 158 00031 Artena Tel 06 9517700 Fax 06 9517863 Cell. 349.5167018 pompar@libero.it Decoration 2000 di Marta Bonesi Mascia Via Antonio Serra, 56a 00191 Roma Tel/Fax 06.3338992 06.68392064 Cell. 339.2728317 architetti@decoration2000.it Della Seta Dario Circ.ne Ostiense, 228 00154 Roma Cell. 339.4968000 dario.dellaseta@alice.it

Fattori Creazioni Artistiche in Radica di Giulio Fattori L.go Beltramelli, 28 00157 Roma Tel. 06.41732893 giulio.fattori@tiscali.it www.arteinradica.com Garden Flora di Ginevra Taloni Via Prenestina Nuova, km 8 00010 Gallicano nel Lazio Tel. 06.9549296 Fax 06.95460484 PAC Proietti Art Creation Via Panfilo Castaldi, 24/26 00153 Roma Tel. 06.5894390 Fax 06.5894600 Cell. 339.7507510 info@proiettiartcreations.com www.proiettiartcreations.com L'Altro Fiore di Fabio Gentile Via L. Rizzo, 52 00136 Roma Tel/Fax 06.39734794 L'Arte del Corno di Corinaldesi M. Grazia Via Giosafat Riccioni,3 00060 Sant'Oreste Tel. 0761.579212 Fax 0761.578818 Cell. 339.3694888 (M. Grazia) Cell. 335.1825327 (Enrico) enrico.c@quipo.it L'Arte di Carlo Marini V.le Anicio Gallo, 3 00174 Roma Tel/Fax 06.71543406 Cell. 339.2961369 carlo@mariniart.it www.mariniart.it La Fonte Vecchia di Adriano Pedicini Via Casale de Merode, 7 00147 Roma

Cell. 347.7221723 Fax 06.5120561 apedicini@tiscali.it “Le Creazioni d Oria” di Oria Trifogli Via della Maglianella, 124 00166 Roma Cell. 329.9840726 oria@mail.com “Lucignolo” di Barbara Piccin Via Fonteiana, 25 00152 Roma Tel. 348.5413635 Fax 06.97257684 Lucumia srl di Stefano Pasqualucci Via Delle Spighe, 53 00172 Roma Tel/Fax 06 2316125 info@lucumia.com www.lucumia.com M.A.F. Metalli di Marco Coccia Via dei Cerchi, 55 00186 Roma Tel/Fax 06.6789970 Cell. 335.6534960 mafmetalli@tiscali.it Made in Italy Annamaria Srl Via Anguillarese, 116 00061 Anguillara Sabazia Tel/Fax 06.9994508 federicodevincenzi@hotmail.it madeinitalyannamaria@virgilio.it Masquerade sas di Italia Garofolo & C. Via Trieste, 45 00040 Albano Laziale Tel/Fax 06.9310043 Cell. 333.9866416 masquerade.sas@tiscali.it Federica Panella Via Acqua Bullicante, 119


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 47

00177 Roma Tel/Fax 06.24403464 Cell. 349.4473695 fiorisecchi.info@tiscali.it www.fantasiedifiori.it Paglia & Fieno di Cinzia Ciani Viale Viareggio, 137/D 00051 Fregene (Rm) Tel 06.61968369 Fax 06.61699056 Cell. 328.4618052 paglia_fieno@libero.it Pizzi & VirtĂš by Centromoquettes Srl di Carla Rebustini Via Flaminia Vecchia, 732 N-O 00191 Roma Tel. 06.3335842 Fax 06.3335374 Cell. 339.3679070 robertosindaci@libero.it www.pizzievirtu.it

Soluzioni di Francesca Binanti Via Pellati, 70 00149 Roma Tel/Fax 06.55301790 info@soluzionidifrancesca.it www.soluzionidifrancesca.it The Shop Around The Corner di Claudia Bagli Via Cesare Maccari, 302/304 00125 Roma Tel 06.52360540 Fax 06.52360696 Cell. 339.7352881 flamini.flamini@libero.it

LAVORAZIONI IN FERRO Fonderia Brasini Via Castilenti, 39/41 00131 Roma Tel./06 4130686 Fax 06 4130036 brasini@brasini.it

Res Antiquae Soc. Coop. Arl di Bianca Esmeralda Panu Via Luigi Pigorini, 21 00162 Roma Tel/fax 06.8292356 - 06.87905747 info@resantiquae.it resantiquae@virgilio.it www.resantiquae.it

Giuseppe De Angelis Carpenteria Metallica Via della Vaccheria Gianni, 112 00155 Roma Tel/Fax 06.2285251 Cell. 392.6552787 info@dittadeangelis.it

Romolo Felice (calchi in gesso) Via Ovidio, 21 00043 Ciampino Tel/Fax 06.7916304 romolofelice@libero.it

Andrea Gennari Lavori in Ferro Battuto Via Bordolano, 139 00188 Roma Tel/Fax 06.3346258 Cell. 348.5547740 Info@lavorinferrobattuto.it www.lavorinferrobattuto.it

Francesco Sisinni Presepista Via Carlo Mezzacapo, 8 00159 Roma Cell. 333.2687282 www.sisinnipresepi.it Sogni Colorati di Alberto Foglia e Stefania Gozzi recapito: via B.G.S. Asta, 6 05018 Orvieto (TR) Cell. 339.3941688 – 328.8367960 asssognicolorati@libero.it

Saverio Lenoci Via di Dragoncello, 543 00126 Roma Tel. 06.5216639 Cell. 330.571565 PINOXXI@alice.it www.arredosculture.it F.A.L.O. di Giovanni Trifogli Via della Maglianella, 130 00166 Roma

Tel/Fax 06.66416151 Cell. 333.3652909

LAVORAZIONI IN MARMO Bernardini Licurgo Via delle Carrarecce, 12 00040 Montecompatri Tel/Fax 06.9486940 icurgob@tiscali.it www.bernardini-marmi.com Bettucci Stefano Via Castel Giuliano, 28 00062 Bracciano Cell. 339 6802680 De Gennaro Srl Via Maremmana Inferiore, 23 00010 Marcellina (Rm) Tel. 0774.424726 Fax 0774.424668 Cell. 328.3620575 commerciale@gruppodegennaro.com www.gruppodegennaro.com

MODA E ACCESSORI Franco Ciambella Via Francesco Crispi, 12/14 00053 Civitavecchia (Rm) Tel. 0766.28870 Fax 0766.581111 info@francociambella.com www.francociambella.com Francesca De Nardi Via P. Marchisio, 16 00173 Roma Tel 06.7212883 nfo@fdnfashion.com www.fdnfashion.com Diamante s.a.s. di Elsa Bianchi Via Tuscolana, 788 00174 Roma Tel/Fax 06.76988441 info@elsaspose.it www.elsaspose.it

FOUR D di Federica De Angelis Via del Prato, 63 00172 Roma Tel/ Fax 06.23233296 four.d@libero.it LADY and CHILD di Gianna Pediconi Via del Mare, 71 00040 Pavona (Albano Laziale) Tel/ Fax 06.9314974 info@ladyandchildsposa.it www.ladyandchild.it Roberta Malandra Via A. Spinelli 00053 Civitavecchia Tel/Fax 0766.545212 r.malandra@infinito.it Anna Marini Via Nomentana, 65bis 00198 Roma Tel. 06.44243585 DonnaLisa Spose di Tiziana Mastromatteo L.go dei Carpini 00032 Carpineto Romano cell. 335.6185722 - 339.7904518 www.donnalisaspose.it Ninnananna di Sandra Rovesti Via Giuseppe Lazzati, 185 00166 Roma Tel/Fax 06.6690168 Cell. 340.5559387 sandra.rovesti@libero.it www.ninna-nanna.com Soc. Coop "LA SCUOLA" Presidente Celeste Fornari Via P. Petrini, 34 00036 Palestrina Tel. 06.9538208 Fax 06.9536952 TMC Moda Via Cairoli, 14 00044 Frascati Tel. 06.9419808 tmcmoda@tiscali.it

47


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 48

48

g.grossi@assoarmonia.it

Tel/Fax 06 21700613

Vicolo delle Coccole di Marilena Fantozzi Via Ancona, 166 00055 Ladispoli Tel/fax 06.99222244 Cell. 339 4949974

Flavia Tummolo Via Postumia, 4 00198 Roma Cell. 347 2684654 Flavia.tummolo@fastwebnet.it www.studiocosma.com

MOSAICI

RESTAURO E LEGNO

DonnaLisa Spose di Tiziana Mastromatteo L.go dei Carpini 00032 Carpineto Romano Cell. 335.6185722 - 339.7904518 www.donnalisaspose.it

Artecolab di Paola Caselli Via San Pantaleo Campano, 28B 00149 Roma Tel. 06.64494115 Fax 06.60661762 Cell. 334.3065732 info@artecolab.it www.artecolab.it

La Musa Mosaici snc di Marina Rossi e Volpe Alessia C.so della Repubblica, 53 00040 Castel Gandolfo Tel/Fax 06.9361281 Cell. 338.1571760 - 393.9296744 info@mosaicilamusa.it www.mosaicilamusa.it Jasper di Roberta Pelliccetti Via Ernesto Boezi, 193 00124 Roma Tel/Fax 06.50916095 Cell. 338.6747665 Urania Mosaici di M. Luisa Mesiano Via Lanciano, 21 - sc.A 00156 Roma Cell. 347.0089570 Fax 06.4073232 uraniamosaici@hotmail.it www.uraniamosaici.com Paola Picco Via Postumia, 4A 00198 Roma Cell. 339.1735667 www.studiocosma.com Restauri d'Arte di Giulio Poggiali Via del Vantaggio, 37 00186 Roma

Cielle Restauro e Tappezzeria di Luigi Colatei e Fabio Paternesi s.n.c. Via 1° Maggio, 33/A Fonte Nuova - Roma Cell. 328.3326701 (Luigi) Cell. 334.9052418 (Fabio) Luigi.colatei@yahoo.it Ciminelli Massimo Via Ferrovia Vecchia, 4 00022 Anticoli Corrado Tel. 0774.936189 Fax 0774.936379 Codice a Barre Via Galvani, 18 00053 Civitavecchia Tel/Fax 0766 25976 Cell. 335 5652528 agismondi@aliceposta.it Coop Sociale Integrata “Passepartout” Ref. Marcello Fagiani Piazza Santa Maria della Pietà, 5 00135 Roma Tel/fax 06.30683440 Cell. 334.7103023 coopassepartout@alice.it

Cornici e Passepartout Via Giuseppe Toraldo, 43 00133 Roma Cell. 348.4124887 didonato.flavio@tiscali.it Falegnameria A.C. di Claudio Acciarito Contrada Abbazia, 16 00031 Artena Tel/Fax 06.9515662 c.acciarito@tiscalinet.it La Bottega del Tornitore di Trezza Giovanni Via Fossatello, 11 00049 Velletri Tel. 06.9624831 Cell. 334.7118891 info@legnotornito.it www.legnotornito.it L'arte di Irene di Bracci Sandro Via del Lavatore, 30 00063 Campagnano Cell. 338.7664607 Le Brocanteur di Maurizio Ciocca C.so del Popolo, 76 00046 Grottaferrata Cell. 347.5182472 vendredi@tiscali.it Palla Andrea e Reginelli Renato Snc Cornici d’Arte Via di Ripetta, 152 00186 Roma Tel/Fax 06.6865710 andrea@info-quadro.com www.info-quadro.com

00135 Roma Cell. 338.9688364 Fax 06.55263838 Antiquariato.romanop@libero.it Zanon by Auro Arredo Marmi s.r.l. di Rosanna Guadagnino Zanon Via Palombarese, 8 00010 Fontenuova - Roma Tel. 06.68309577 Fax 06.68890361 marthaking@libero.it www.zanonroma.com Zeno Arte s.r.l. di Antonio Gabrieli Via Zenodossio, 68 00176 Roma Tel/Fax 06.2427564 zenoarte@zenoarte.it

OGGETTISTICA IN PELLE La Musa Mosaici snc di Marina Rossi e Volpe Alessia C.so della Repubblica, 53 00040 Castel Gandolfo Tel/Fax 06.9361281 Cell. 338.1571760 - 393.9296744 info@mosaicilamusa.it www.mosaicilamusa.it Legatoria Doria di Giancarlo Natalizia Via T. De Angelis, 12 00031 Artena Tel/Fax 06.9517232 legatoriadoria@supereva.it www.legatoriadoria.supereva.it

Restauro-Antichità di Daniela Sirovich Via G. Antonelli, 32 00198 Roma Tel. 06.8085003 Cell. 328 8321372 Daniela.sirovich@hotmail.it

Gianluca Lilla Calzature Artigianali Via F.lli Bandiera, 9/B 00015 Monte Rotondo (Rm) Tel. 06.90623934 calzaturegianlucalilla@yahoo.it

Romano Protano Largo Damiano Chiesa, 7C/7D

Officina del Libro Via di Tragliata, 572


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 49

00050 Roma Tel/Fax 06.6687384 officinadellibro@libero.it Polimanti Carola Via Teodoro Valfrè 19/21 00165 Roma Tel. 06.635633 Cell. 328.9296134 Selleria Lamberto di Lamberto Bartolozzi Via Roma, 75 00059 Tolfa Tel/Fax 0766.92420

STRUMENTI MUSICALI Daila Percussion Via I. Bandiera, 26 00166 Roma Tel. 06.3092956 Cell.347.3902718 (Mauro) daila1@yahoo.it www.dailapercussion.com Jacaranda Musica di Sergio Chiesura Via L’Aquila, 16 - Roma Tel/fax 06.7020313 sergio.chiesura2@tin.it www.jacarandamusica.com Francesco Lascala Via Braccianese, 93 00123 Roma Tel. 06.30892474 Fax 06.97258130 cell. 339.7661950 info@liuterialascala.it Francesco.lascala@fastwebnet.it www.liuterialascala.it

TAPPEZZERIA Archeos Studio srl di C. D. Di Benedetto Via Elio Donato, 10 00136 Roma Tel/Fax 06.39735889 Cell. 334.9633992 info@archeosstudio.com Tappezzeria Rossi di Alessandro Rossi

Via dei Soldati, 24 00186 Roma Tel/Fax 06.6867857 Cell. 340.3248518

VETRI E VETRATE Luana Adriani – Art Glass Via G. Rossini, 15 00030 Valle Martella (Rm) Tel. 06.95430353 Cell. 339.3851362 Artcore999@hotmail.com www.luanaadriani.co.uk Caleidos Creazioni d’Arte s.n.c. Via dei Girasoli, 9 00172 Roma Tel. 06.2312746 Cell. 339.5384363 – 339.5230207 caleidosvetrate@libero.it info@vetratedarte.com www.vetratedarte.com Concas Vetrate Artistiche s.n.c. Via Aurelio Gotti, 62/C 00139 Roma Tel 06.87128057 Cell 338.2720246 - 347.9010179 info@concaspoint.it www.concaspoint.it Era Vetro s.n.c. di Mossavi e C Via dei Cluniacensi, 29/31 00159 Roma Tel/Fax 06.4381998 eravetro@eravetro.it www.eravetro.it Fabrizio Spagnolo Via Teodoro Valfrè, 10 00165 Roma Tel. 06.6381042 Cell. 338.2488513 interni@fabriziospagnolo.it Glassika di Francesca Di Paola Via del Velodromo, 59 00179 Roma Tel/Fax 06.7806977 glassika@libero.it

www.glassika-vetrateartistiche.it I Vetri di Mirù di Mirella Russo Via Santamaura, 9 00192 Roma Tel/Fax 06.39746034 Cell. 335.5378903 ivetridimiru@tiscali.it www.ivetridimiru.com Il Vetro di Filomena Garonna Via di Torrenova, 220 00133 Roma Tel/Fax 06.2004627 Cell. 349.3133869 filomenagaronna@tiscali.it www.ilvetro.info Luce e Colore di Paola Mastrofini Vai Ercolano, 30 00040 Castel Gandolfo Tel/Fax 06.9360102 Cell. 330.483324 paolamastrofini@virgilio.it Studio Leonard Nolan di Leonard Nolan Via dei Savorgnan, 64 00176 Roma Tel. 06.45476193 Fax 06.97254745 studio.nolan@gmail.com www.studionolan.com Studio Vitrales di Barbara Menicucci Via Boezio, 41 00192 Roma Tel/Fax 06.6832674 Cell. 328.4533052 vitrales@libero.it Vetreria “Anzio 1” di Sergio Leo Via di Villa Claudia, 23 00042 Anzio Tel. 06.9874388 Fax 06.9844064 Cell. 329.7883345 vetanzio1@alice.it

Vetreria Nettunense s.r.l. Via Scipione Borghese, 37 00048 Nettuno Tel. 06.9851345 Fax 06.9853869 espositoclaudio@tin.it www.vetrerianettunense.it Vetro Chic di Mario Di Folco L.go Nuova California, 1 00040 Tor San Lorenzo (Ardea) Tel/Fax 06.9103439 Vetrocreare s.n.c. di Michel Patrin & C P.zza San Salvatore in Lauro, 3 00186 Roma Tel 06.68307634 Fax 06.6892773 info@vetrocreare.com www.vetrocreare.com Vetromaghie di Nadia Festuccia Via U. Petroli, 190 00050 Testa di Lepre (Roma) Tel. 06.6687166 Cell 328.3236237 info@vetromaghie.it www.vetromaghie.com Vetromorfosi – Vetrate D’arte Via Bernardo Barbiellini Amidei, 81/83 00168 Roma Tel/fax 06.45477630 Cell. 333.4930081 vetromorfosi@tiscali.it

49


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 50


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 51


Pubblicazione def_impaginato 07/05/10 10:11 Pagina 52


Provincia Artigiana, tradizione e attualità  

Artigianato artistico della provincia di Roma

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you