Issuu on Google+

bimonthly newsletter

la CAMERA

CHIARA

3/2014


Q COME CULTURA

tassonomie e archivi umani di Alessandro Pagni

*

“...conferire dignità ad un atto di sopravvivenza elementare per trasformarlo in un atto di comunicazione...”

Manuel Vàzquez Montàlban

(...Lui parlava del cibo, ma insomma...NdR)

“..lasciate che gli artisti si esprimano pubblicamente e liberamente. E se questo contribuirà o meno alla cultura, sarà il popolo a deciderlo....” Fidel Alejandro Castro

Continuando sfrontatamente, quasi orgogliosamente ormai, a disattendere l’impegno presodi nessun preambolo, grati anche agli esempi che ci vengono dall’Alto (continui over promising su tutto amplificati dai media e social vari) voglio spendere qualche chiosa “anche” per questo numero 3. Lo stimolo ricevuto dall’entusiasmo con cui è stato accolto il nostro giornalino online da Soci e& Amici vari, non è minore della voglia di fare e dire che anima tutti Noi de La Bottega. Qualche volta, si, un eccessivo velleitarismo può far affondare momentaneamente i nostri progetti “materiali”. Ma mai le idee. Le Idee. Il nostro tesoro. E le capacità. Certo non starebbe a noi dirlo, ma ci confrontiamo per questo, fotograficamente e non solo... Certo, noi non abbiamo nel DNA una vocazione univocamente “mostraiola” (forse più cazzeggiaiola dirà qualcuno eh eh) ma sono certo che piano piano, anche i più timidi di noi troveranno il modo di racimolare le loro “creature” migliori per mostrarle organicamente a tutti. E per questo, non lo nascondo, conto molto anche sui giovani “cugini” del neonato Circolo di Confusione...sicuro che ci daranno belle soddisfazioni. Li attendiamo saggiamente sulla riva del fiume. Questo bimentre, intanto, dopo dei piacevoli e costruttivi tuffi all’esterno, ci proviamo a fare tutto “in casa” anche con l’intento di portare amici e conoscenti a vedere e incontrare “anche” gli Autori de La Bottega. Un’opportunità per confrontare i nostri punti di vista e un pò affermare il nostro stile, se me lo consentite, che è quello di avere idee molto simili ma svilupparle in maniere completamente diverse. Stratosfericamente diverse. Personali, appunto. E anche per far vedere umanamente le “nostre cose” e, parallelamente, speriamo, procurare un’occasione di crescita e cultura per tutti. Vedi a lato (al solito).... *

La fotografia, fin dalla sua nascita, ha avuto la velleità di ordinare il mondo, di catalogarlo per tipologie, in modo da poter circoscrivere ogni cosa all’interno di un sicuro recinto di definizioni. 1 e 2 - Nicolai Howalt, 141 Boxers

editoriale “una tantum” 3.1

L’affascinante lavoro di Nicolai Howalt (http://www.nicolaihowalt. com/), non sembra immune da questa esigenza tassonomica, sebbene ristretta ad un campo particolarmente insolito. Infatti il fotografo danese, nel suo 141 boxers, contrappone, all’interno di una griglia di studio (come quelle teorizzare da Rosalind Krauss), doppi ritratti di giovani pugili, prima e dopo un incontro: le inquadrature dei volti sono serrate e rifuggono ogni pretesa estetica o compositiva, il fine sembra l’indagine asettica e priva di emozioni, come se ci trovassimo in un laboratorio ad analizzare una risultante tangibile della terza legge della dinamica. L’impatto visivo sulla parete, ricorda istintivamente la più famosa “esposizione in tempo reale” di Franco Vaccari, quella del 1972 alla Biennale (Lascia  una traccia  fotografica del  tuo passaggio) con la celebre cabina Photomatic; ma le motivazioni sono distanti dal genere di operazione compiuta a Venezia e 141 boxers sembra accostarsi


meglio alle ricerche intraprese da Thomas Ruff alla fine degli anni Ottanta, tese a riportare in vita il modello tradizionale di ritratto, in voga fra i fotografi della Nuova Oggettività. Al di là di un chiaro messaggio anti-violento, di cui si fa portavoce anche We Are The Not Dead della fotografa Lalage Snow, che pone in sequenza il volto dei soldati a Kabul, prima, durante e dopo i conflitti Armati (molto vicino formalmente alla serie di Howalt); la cosa che più mi colpisce di questo lavoro fotografico è il generale livellamento delle emozioni superficiali e sensorie, a favore di una maggiore profondità intellettuale, lontana da facili retoriche. Un

approccio all’immagine di tipo archivistico che è figlio, da un lato, delle ricognizioni di Bern e Hilla Becher, iniziate nel 1957, al fine di documentare e, in qualche modo, tutelare la memoria delle archeologie industriali della Germania post-bellica; e dall’altro, delle bizzarre e variegate catalogazioni dell’artista americano Ed Ruscha, totalmente autoreferenziali, incentrate sul concetto stesso di archiviazione (Twenty Six Gasoline Stations, Various Small Fires, Every Building on the Sunset Strip). A cavallo fra anni ’60 e ’70, il tema dell’archivio è stato affrontato da molti illustri esponenti della fotografia e dell’arte concettuale: emblematici i lavori di Robert

durante quegli anni? Se fossero cambiati i rapporti fra loro e fossero sorte delle insanabili incomprensioni? Se cause esterne, imprevedibili, avessero alterato radicalmente il fluido trascorrere delle stagioni sui loro volti? La contrapposizione di immagini seriali, porta automaticamente nella dimensione del non conosciuto, perché sono infinite le possibili vicende dietro l’intervallo di spazio intercorso fra un incipit e un finale e se la griglia nega il dispiegarsi di una storia, questi due poli la sottintendono, in un incoerente altalena di significati, che è propria solo del medium fotografico. È il tempo quindi che ha un ruolo cruciale anche per Howalt (sebbene un intervallo ben più ristretto di quello fra un ritratto e l’altro delle sorelle Brown), Franco Vaccari, Lascia una traccia fotografica del tuo passaggio - 1972

Lalage Snow, We Are The Not Dead

Morris (Schedario, 1962), On Kawara (la serie Date Painting, iniziato nel 1966), Gerhard Richter (Atlas, dal 1962). La scelta della forma “archivio”, obbliga a prendere le distanze dai ritratti dei giovani sportivi, soffermandosi sui particolari, strettamente connessi alla medesima condizione che li accompagna e l’uso della griglia, per presentare il lavoro, pone le immagini in una condizione non gerarchica, scardinando ogni possibile intenzione narrativa. Ogni doppia effige, in un susseguirsi che pare infinito, presenta cambiamenti di entità variabile, a volte minimi, a volta palesi, a causa del colore del sangue che spicca sulla pelle, ma il punctum viene insistentemente incanalato nello sguardo di questi individui: è il filo rosso da seguire per leggere la sequenza in modo da capirne la reale portata. Per comprendere questo, prendiamo un altro grande fotografo degli anni ’70, Nicholas Nixon, conosciuto da tutti per un progetto cruciale, in materia di serialità: i ritratti delle sorelle Brown (fra cui la moglie di Nixon), distribuiti nell’arco di 25 anni (uno ogni anno). Qui si gioca con la materia fragile e spietata del tempo, che ogni anno va a solcare differenze apprezzabili sui volti delle quattro sorelle, lasciando aperta una porta sulle possibili implicazioni di una tale assiduità. Cosa sarebbe successo se una di loro fosse morta


Ed Ruscha, dalla serie Twentysix Gasoline Station, 1963.

Nicholas Nixon, The Brown Sister

il tempo e lo sguardo che cambia, che diventa consapevole e onesto, senza artifici, forse per lo sforzo appena compiuto, per il dolore e la stanchezza. Probabilmente è solo una suggestione, ma nella breve cadenza di un incontro, questi ragazzi e queste ragazze, sembrano cresciuti e sembrano aver perso qualcosa, una qualche purezza primigenia degli occhi, trasformati poi in consapevolezza inevitabile, come se ogni volta ri-vivessero una sorta di antico rito di passaggio, una metafora degli anni a venire.


Song of the Wave

the italian way - BBC 1973 di Costanza Maremmi Song of the wave, questo il titolo del documentario che nel 1973 la BBC realizzò a Siena per raccontare uno spaccato di vita contradaiola (quello della Contrada Capitana dell’Onda), indagando l’atmosfera del rione nella sua quotidianità, scandendo i momenti della preparazione alla corsa del Palio, tramite vivaci ritratti di personaggi tipici. Una narrazione fresca, svelta (appena trenta minuti), forse datata a livello antropologico ma tecnicamente avanzata, sia dal punto di vista dei mezzi impiegati sia per quanto riguarda la realizzazione; un documento che è riuscito, a suo modo, a infrangere quella dura barriera su cui rischia di inciampare chiunque cerchi di raccontare Siena e la sua festa. Fin dai primi minuti vengono inquadrati, come fossero personaggi di un romanzo, i protagonisti di questo spaccato sociale, che seguiremo nel loro incrociarsi e allontanarsi fra bar e botteghe, carte e lavoro, per ritrovarsi di nuovo insieme, durante

le attività della contrada o attorno ai tavoli delle cene, a cantare la propria passione a perdi fiato. La sensazione è quella di una conoscenza che va a consolidarsi nel corso del filmato fino a lasciarci la lieve nostalgia di qualcosa da cui, a malincuore, dovremo staccarci per riprendere le nostre vite. Lo splendido insidioso demone dell’appartenenza. La corsa c’è, ma non è una presenza prepotente, è qualcosa che aleggia sottovoce, come un dato di fatto, come parte dei riti della stagione: non c’è un compiacimento stucchevole per le cornici pittoresche, gratuiti siparietti folkloristici o una spettacolarizzazione ruffiana dei momenti salienti della festa. L’intento della troupe è quello di capire e di trasmettere questo bagaglio di esperienze accumulato nei mesi, senza giudicare o strumentalizzare, con il montaggio, le immagini, per verificare opinioni precostituite. Complice di questo approccio una regia sapiente, essenziale, priva di artefatti o sovrastrutture visive dominanti. C’è un altro documentario degno di nota in materia di Palio e contrada, dell’olandese John Appel, realizzato esattamente 30 anni dopo, che racconta, con approccio molto simile a quello

CINEMA & FOTOGRAFIA alla Bottega il 9 maggio 2014

anglosassone, il microcosmo della Contrada Priora della Civetta, al tempo digiuna di vittoria dal 1979. Anche qui risulta palese la presenza della troupe, per lunghi periodi, all’interno del rione, diventando un tutt’uno col suo popolo, in modo da restituire, antropologicamente, un ritratto genuino della vita quotidiana nel suo pulsante avvicinarsi ai giorni del Palio. Chi volesse vedere Song of the Wave, l’appuntamento è per venerdì 9 maggio alla Bottega, chi fosse invece interessato a The Last Victory, può trovarlo comodamente a questo link: http:// vimeo.com/60536610


da: L’Ultima glaciazione

INDOVINA CHI VIENE?

Alessandro “Jedi” Pagni, classe 1980. Laureato in storia dell’arte con una tesi sulla storia della fotografia Fotografia e album di Contrada: una questione privata. Questo non tanto per ostentare i suoi meriti scolastici, ma per far capire che dovrebbe essere più che titolato per rispondere al tormentone, ormai usuale quando presenta alcuni dei suoi lavori, “ma…è fotografia?”.

PdP:…dai Ale, partiamo dal principio. Sei giovane, faremo presto. In qualche modo avrai incominciato. AP: Sì, certo eh, eh. Per “motivi esistenziali”, ho frequentato un corso ad Altopascio, dove sono nato (ora è senese a tutti gli effetti avendo fresca residenza ad Arbia, casa Maragni, anche se comune di Asciano,

conversazione di Pico de Paperis con l’Autore

1 e 2 - Fragile Sciocca Pretesa

mah...è fotografia? incontro con Alessandro “Jedi” PAGNI

NdR). Era tenuto da un bravissimo fotografo lucchese, Marco Barsanti amante/fissato di Ansel Adams che mi aveva indirizzato più alla materia Fotografia che alle fredde formule di camera oscura. Figurati che i libri che mi aveva consigliato erano “La camera chiara” di R. Barthes e “La bellezza in fotografia” di Robert Adams. Ho cominciato da qui. Poi la prima boa: conosco Cos (Costanza Maremmi, la sua attuale compagna) attraverso “Il Barlume” una sua rivista on line, fondata con Emidio Picariello e Denni Romoli, un mix di letteratura e fotografia. Scrivo delle cose, le mando, a lei piacciono e ci fanno incontrare. PdP: ma, scrivevi solo o facevi già anche fotografie? AP: Beh…facevo già fotografie, ma


â€œâ€Ś prostergando i prolegomeni...â€?* “Un bruco, vedendo una farfalla, disse: Puah, non mi vedrai mai conciato in quella manieraâ€? M. McLuhan - Gli strumenti del comunicare/ Il Saggiatore 1967

le usavo per un confronto intellettuale verso zone emotive, funzionali. Sempre molto narrative. Con stimoli contaminati da musica e film. Certo mi sono quasi subito orientato automaticamente verso il concettuale e le avanguardie, concentrandomi su due filoni: uno onirico, istintivo che ritengo sempre la via generale da percorrere e l’altro concettuale, sperimentale, con l’uso di oggetti, materiali, foto, uso dello scanner. PdP: in pratica un eterno bivio? AP: Ehhm‌ma, sĂŹ, se vogliamo. In fondo in questa “contraddizioneâ€? ho trovato istintivamente una strada parallela. Da una parte la foto concettuale che non ha pretese estetiche e si basa “soloâ€? sul concetto. La fotografia

solo mezzo. Dall’altra invece, cedo sempre piĂš all’estetica “funzionaleâ€? dell’immagine. Con i suoi linguaggi e la sua poesia. PdP: e quindi le tue fotografie? AP: Nascono cosĂŹ delle piccole serie, se vogliamo chiamarle cosĂŹ. Grazie anche alle amorevoli insistenze di Cos, mi convinco a portare uno di questi lavori, che chiamo “Fragile, Sciocca Pretesaâ€? alla Bottega dell’Immagine che lei frequentava da tempo. Ammetto che l’esperienza fu traumatica e il commento di Gigi Lusini non fu certo dei piĂš incoraggianti. Eh, eh. PdP: Avrai subito pensato di lui quello che pensano un po’ tutti al primo contatto. AP: Certo, ma, anche

La foto concettualeODULFRQRVFLVXELWR´(VVDÂľKDXQDFDUDWWHULVWLFDLQFRQIRQGLELOH1RQSLDFHDLIRWRJUDĂ€ Specie a quelli tradizionali. Peggio ancora se concerned, come si diceva una volta. Eppure nel mondo della 6LJQRUD)RWRJUDĂ€DLQVLHPHDOOHforme documentativa e alla interpretativa, è bene ricordarlo, e da sempre direi, ha avuto a pieno titolo un suo ruolo. E di grande dignitĂ . Ha però l’irritante caratteristica (ready made, noo?) di avere assolutamente bisogno di un progetto e di una motivazione intellettuale e culturale IRUWH6HSRVVLELOHQRQJXDVWDPDLDQFKHGLXQDIĂ€GDPHQWRGDWRDOO¡DXWRUH&KHVDUHEEHPHJOLRFKLDPDUH artista. Infatti, lo sappiamo, è relativamente facile prendere delle serie di immagini di muri scortecciati di un manicomio abbandonato (dopo Session 9, operazione scontata e velleitaria) o di bambini di colore con gli occhi con le croste pagati a caramelle o monetine per stare rigorosamente dietro a una rete, e titolare, dopo, “riserva dell’animaâ€? oppure “palingenesiâ€? o “il futuro ci guardaâ€?. Ma mettere in piedi un progettino concettuale serio, convincente, necessitĂ  di molta fantasia, tanta cultura, buona tecnica e dignitosa umiltĂ . Prima. E grande voglia di confronto. Tutte queste doti, condite come direbbe Fantozzi, da una cultura mostruosa, non pedante, nelle “disciplineâ€? umanistiche e non solo, sono le armi di Alessandro Jedi Pagni. Fotografo a 360° per bisogno intellettuale che però, nelle immagini concettualiFKHSURGXFHKDGDWRĂ€QRUDSURYDGLULXVFLUHDPXRYHUVLFRQOHJJLDGULD HLURQLD,QXQFDPSRFKHORULSHWLDPRqPLQDWR0DqIRWRJUDĂ€D"qLOPDQWUDFKHGHYRQRVXELUHVHPSUH Nato negli ultimi spasmi della foto analogica (brrr) Jedi Pagni non si preoccupa di apparire. E’. E costringe il lettore delle sue opere, singole o facenti parte di un progetto, ad avvicinarsi lentamente al suo mondo. Piano piano, attraverso questa forma mediatica freddissima (M. Mc Luhan) riesce a stabilire un legame indissolubile di reciprocitĂ . Anche con il suo “egoismoâ€? diffuso non solo in questo Sussidiario, ma in tutti i suoi lavori ready made. Ancor piĂš dopo la sua obbligatoria trasmigrazione nel total digital che lo ha liberato dalla schiavitĂš dello scanner anche se lo minaccia espressivamente con una maggiore immediatezza del mezzo. Media analogico convertito in forma digitale /HY0DQRYLFK &RQYHUVLRQHQRQ novitĂ .E la Signora con la riservatezza che le è congeniale, lo guarda con gratitudine. Non ha bisogno di PROWHSDUROHOD6XD)RWRJUDĂ€D(¡VWDWRGHWWRFKHuna (bella) immagine vale piĂš di mille, centomila parole, mentre le “milleâ€? immagini hanno (sempre) bisogno di una parola che le spieghi (J. Saramago) Poche chiacchiere, quindi, per questa Slow Photography del mondo intimistico del giovane Pagni, pacato e misurato nei gesti e nelle parole, quanto ipertimico intellettualmente. Da gustare con calma. Pagando umiltĂ  per umiltĂ . Lui non fa parte della grande tribĂš dei Tanti piccoli soi-diseur del foto/bla bla bla e del Prostergando i prolegomeni della subcoscienza e subietivando le analisi delle concomitanze (E. Petrolini)‌. E con spiegazioni liriche come “il mio buono e il bello del veroâ€? scomodando Berenson e molto piĂš spesso, piĂš o meno consciamente, Freud. Lui, al massimo, ruba frammenti del (suo) tempo per incastonarli tra i VLPEROLGHOOHVXHRSHUH&HUFDQGRGLLPSHJQDUFLLQXQGXHOORGRYHTXDQGRDFFHWWDWRYLQFRQRWXWWL /XLqGDFDSLUHDSSUH]]DUHRFULWLFDUH&RQGLYLVRQHFRQWDPLQD]LRQHVWLPROR4XHVWRFLSURSRQH0DQRQ UREDGDÂŤYHGHQWLFKHQRQYHGRQR(Ă€QJRQRGLYHGHUHSHUSDXUDGLVFRSULUVL,QTXHVWRSHUFKLQRQKD paura di pensare, Alessandro Jedi Pagni si mette “egoisticamenteâ€? a disposizione. Grazie.

Gigi Lusini (PdP) * E. Petrolini 1884-1936

recensione di “Sussidiario Egoista� - Mostra online Ass.ne 53100 del 2013

da: Sussidiario Egoista

MA ‌ E’ FOTOGRAFIA?


PdP: Lavori in cantiere? E con quale posizione mentale derivata da questi successi/esperienze? AP: Oddio, anche se ora, lavorando, il tempo è certamente risicato (e devo dire che ero stato avvertito, eh, eh) sto lavorando ad un nuovo progetto ***, cercando nello stesso tempo di trovare un po’ di maturità in un viaggio che mi riporti “consapevolmente” questa volta, al puro istinto. PdP: Bene. Noi, al solito, staremo a vedere. Un’ultima cosa prima di chiudere. Da tecnico/storico più che

INDOVINA CHI VIENE?

Alessandro “Jedi” PAGNI

da: Guida Pratica all’Ipnosi

da: Sussidiario Egoista da: Sussidiario Egoista

grazie a Cos, insistere è stato positivo. Vedendo che le mie cose non erano superficiali, ma bensì con solide radici intellettuali, Gigi in poco tempo e divenuto un sostenitore della mia fotografia, oltre che un amico. Devo “anche” a lui se il mio lavoro più noto “Il Sussidiario Egoista”, mi ha dato le prime soddisfazioni anche in campo nazionale (copertina di IL FOTOGRAFO, mostra itinerante in Italia a seguito vittoria del pPremio CONFINI09, ecc.). il progetto successivo “Guida pratica all’ipnosi” un lavoro più maturo e questa volta con l’aiuto di una reflex digitale seria, mi ha fatto guadagnare un terzo premio al Portfolio mdell’Ariosto e il diritto ad una mostra personale alla Settimana della Fotografia del Circolo Fotocine Garfagnana/FIAF.


AP: Mah, sai, qui devo essere molto obbiettivo. Soprattutto ho capito che il fascino del Palio e dei suoi aspetti più intriganti e veri, le sue cose più belle, sono già state dette. Più si parla e meno si riceve. La bulimia ha tolto molto fascino, ripetendole asetticamente, a cose che sono già state mostrate. Oggi vediamo tante, troppe cose virtuose grazie ai mezzi attuali. Ma sicuramente meno affascinanti. Forse….un po’ di silenzio fotografico non ci starebbe male… PdP: Bene, allora grazie Alessandro, il resto lo dirai insieme alle tue immagini. L’appuntamento è per venerdì 23 maggio. Alessandro “Jedi” Pagni, “non solo fotografie” (ma sono o non sono????.....mah!!!)

*** ultimo progetto “in cantiere”: ANEDONIA

da: Guida Pratica all’Ipnosi da: Guida Pratica all’Ipnosi

A. Pagni: Una Foto del Palio

da autore. Per la tua tesi, pezzo davvero unico per Siena (un altro Numero Unico, eh, eh) hai avuto modo di analizzare tantissime foto di Palio, diciamo da dopoguerra ad oggi. Cosa hai ricavato da questa esperienza fotografica (premettendo che Alessandro, en passant, ha scattato anche delle ottime foto della Corsa, NdR)?


gianluca lecchi, l’hamilton de noantri conversazione di Alessandro Pagni con l’Autore Glamour de La Bottega anche se pubblicabili e pubblicati. Ma che mi fecero venir voglia di approfondire. AP: Come hai cercato di “crescere”, allora? JL: Ho preso l’occasione di un corso AICS alla Cassa Edile. Erano i primi anni ’90. Era tenuto dal “Bettino” e dal Mattii. Mi sono iscritto. Una sera, come ospiti/cammeo vennero “quelli” di un Circolo cittadino, odiato e ammirato, a quel tempo non sapevo perché, La Bottega dell’Immagine. Gigi Lusini, Daniela Cappelli e Claudio Ferri portarono le loro foto e il loro foto-pensiero. AP: Intanto, prima di tutto, c’è un bagno? Esordisce così il giovane Pagni, forse per l’emozione di scavare nell’intimo del più produttivo ed elegante fotografo di genere de La Bottega (ma non solo, ricordiamolo): Gianluca Lecchi, classe 1967 (JL). Genere femminile, come ormai universalmente, anche grazie ai social network, pure i muri gli

riconoscono. AP: Questa è scontata, ma serve per orientarci: come e quando hai cominciato con la fotografia? JL: Diciamo che la “colpa” è del Montone. Eh, eh. Nel 1989 acquistai la mia prima macchina, una Pentax P30 e con la vittoria del “suddetto” nel ’90 mi sbizzarrii con foto di corteo, festa, cene. Scatti semplici

Ammetto che fu una scoperta. Fu così che cominciai a frequentare la “mitica” Bottega. AP: E questa “mitica” in sintesi cosa ti offriva? JL: Apparentemente niente di spettacolare. Più che un Circolo fotografico classico si rivelò subito quello che è anche oggi, una “cerchia” di amici con cui condividere passione, esperienze,

Appunti della conversazione a cura di Gigi Lusini

INDOVINA CHI VIENE?

gite, corsi, workshop, cene, merende e tanta, tanta Fotografia. Tanta. Ma non oppressiva. Il confronto. Grande cantiere per la crescita individuale. AP: Ma, con tutta onestà, problemi iniziali anche per te? JL: Beh, sai un po’ di “severità” di giudizio, specie del Lusini dapprincipio era un po’ spiazzante. Ricordo come oggi, l’episodio ormai leggendario, del “croppaggio” del 30x40 del povero Anichini, ah, ah. Ma in generale pian piano trovavo grande obbiettività, come sai anche te, analisi del tutto e contrario di tutto. Sintesi. Non regole della Bottega, ma discussioni e grande rispetto delle “nostre” regole e creatività. se la vogliamo chiamare così... AP: I tuoi primi risultati? JL: Sai, da contradaiolo, certo le prime cose sul Palio. Ma poi… persone, persone, persone. Ritratti, figure. Interagire con gli altri è bello e certo è stata la cura migliore per


la mia atavica e abissale timidezza. AP: Quindi soprattutto figura e ritratto o…solo quello? JL: Da principio solo quello. Ma specialmente alla ricerca del “quid”. Non solo la bellezza esteriore. Che non guasta, ma non basta. Ed è importantissimo stabilire un rapporto con il soggetto. Univoco. Spesso gli spettatori, se ci sono, distolgono. AP: Ma per i tuoi scatti glamour, ormai conosciuti ed apprezzati, preferisci lavorare in esterno o in studio? JL: ma, sai mentre in esterno devi aspettare il tempo buono (e il sabato e la domenica, io devo anche lavorare sennò la

mia creatura cosa mangia?) dal 2007, nel “nostro” studio ho le mie luci, il mio ambiente. Questo mi permette, grazie alla acquisita sicurezza tecnica e operativa (non male Jeanluc, non male NdR) di riflettere il tutto in una migliore “vestizione” dei soggetti (…e detto da uno che fa le foto che fa, un sorriso scatta per forza, come la battuta….NdR). In studio ci vai quando vuoi e quando hai tempo.


AP: Eh, eh. E te come ti comporti nei confronti di tutte le offerte che ti piovono da tutta Italia? JL: Sai, io considero le persone, come tali. Non modelle da selezionare. E spesso non si può dire di no, anche se farsi fotografare è una dote naturale che è importante quanto la capacità del fotografo, per il prodotto finale. A volte si scoprono dei veri fenomeni. Altre…..meno.

Controlli luce e soggetto. Lavori in piena tranquillità…. AP: Ma il filone glamour come è iniziato? JL: Sai dapprincipio ho messo in rete degli annunci. La prima a rispondere è stata Alessandra, ora cara amica, che venne “shooting” accompagnata da Sara Cerboni, ora amica, allieva e ormai….maestra. Poi i risultati hanno parlato, si vede. Perché ormai vado avanti con le offerte spontanee. È evidente che mi hanno conosciuto e dato che la voglia di farsi fare belle foto è sempre più dilagante, ho davvero tante richieste.

AP: Sembri molto soddisfatto di quello che fai. Hai un sogno, chessò, nel cassetto? Se tu avessi maggiore diponibilità di tempo e di mezzi, che genere di fotografia vorresti fare? JL: Ma, non so. Almeno in fotografia credo che continuerei a fare quello che faccio ora. Né più né meno. AP: Per finire, la domanda di rito: hai per caso un autore di riferimento? JL: Che domanda, Gabriele Rigon, ovviamente. (sogghigna NdR)


Bruno. Dal sud...con tanta poesia di Gigi Lusini

NONSOLOFACEBOOK

Uno che ha la tua stessa malattia lo riconosci subito. Da come si muove, parla respira. Bruno Lambiase, appena lo vedi sembra pensieroso, serio, distante. Poi ci parli e sfodera un sorriso carico di umanità insieme al suo meraviglioso “accento”. Che accende e riscalda ogni argomento. Come le sue Fotografie. Che ci ha cortesemente concesso con il suo esemplare entusiasmo. Insieme ad alcuni “aforismi” con cui condirne la lettura. Grazie Amico Bruno. Ad Maiora.

foto di Bruno LAMBIASE

In italiano esistono due parole, sonno e sogno, dove il napoletano ne porta una sola, suonno. Per noi è la stessa cosa Erri De Luca Napule è mille culure / Napule è mille paure / Napule è a voce de’ criature / che saglie chianu chianu e / tu sai ca nun si sulo. / Napule è nu sole amaro / Napule è addore ‘e mare / Napule è ‘na carta sporca / e nisciuno se ne importa e / ognuno aspetta a’ ciorta. Pino Daniele, Napule è, 1977 Napoli è la più misteriosa città d’Europa, è la sola città del mondo antico che non sia perita come Ilio, come Ninive, come Babilonia. È la sola città del mondo che non è affondata nell’immane naufragio della civiltà antica. Napoli è una Pompei che non è stata mai sepolta. Non è una città: è un mondo. Il mondo antico, precristiano, rimasto intatto alla superficie del mondo moderno Curzio Malaparte (Kurt Erich Suckert), La pelle, 1949 Amo Napoli perché mi ricorda New York, specialmente per i tanti travestiti e per i rifiuti per strada. Come New York è una città che cade a pezzi, e nonostante tutto la gente è felice come quella di New York. Andy Warhol


Berengo Gardin boccia i selfie: non sono la vera fotografia

1971 (SI) - Berengo Gardin al lavoro (con tanto di civettone alle spalle)

da Articolo di Cristina Marconi Il Messaggero Spettacoli e Cultura Martedì 8 aprile 2014 condiviso nella pagina FB de La Bottega dell’Immagine

LONDRA - Se c’è una cosa che non riesce proprio a capire, Gianni Berengo Gardin, è perché la gente passi il proprio tempo ad «autofotografarsi» o a fare scatti a «cose che non interessano nessuno». Il grande fotografo italiano, il cui lavoro verrà celebrato dall’11 aprile al 23

maggio in una mostra a Londra alla galleria Prahlad Bubbar, ripercorre con il Messaggero la sua carriera e la sua idea di foto perfetta, che nasce da un lavoro intellettuale prima ancora che da un istinto: documentarsi, pensare prima di scattare e non, come spesso accade, procedere

al contrario. Di questo lavoro è la pellicola ad essere complice ideale, mentre del digitale Berengo Gardi riconosce a fatica i vantaggi: «Dà un un risultato freddo, metallico, piatto. E si scatta a mitraglia». L’unica eccezione la concede ai fotografi di guerra, come la tedesca Anja Niederhaus uccisa a Kabul, a cui manifesta la sua ammirazione. «Ci vuole un gran coraggio per fare le foto di guerra. Io sono un fifone terribile, ho una sola vita e ci tengo», spiega ironico e sincero. La mostra londinese, intitolata “The sense of a moment”, il senso di un attimo, raccoglie circa una ventina di scatti dell’India risalenti al 1977, quando Berengo Gardin andò più volte nel subcontinente per preparare il suo libro, “L’India dei Villaggi”. Accanto a queste, nello spazio londinese verranno esposte anche una decina di sue foto classiche dell’Italia. Che impressione le lasciò l’India di quegli anni? Perché si concentrò sui villaggi? «Naturalmente andai anche nelle grandi città - Calcutta, Bombay - ma quando avevo 25 anni lessi un libro su Gandhi in cui diceva che gli occidentali cercano l’India nelle grandi città, ma che l’India vera è

in realtà quella dei villaggi. Quello che trovai lì fu una grande civiltà contadina, molto simile alle nostre. Le civiltà contadine, in fondo, si somigliano tutte. Certo lì c’erano pochi trattori e molta manodopera, ma gli indiani erano molto simili ai contadini italiani. Tranne ovviamente che per le regole dovute alla loro religione». Sono quasi quarant’anni che lei non espone nel Regno Unito, è felice di questo ritorno? «Feci una mostra a Londra negli anni ’60 all’istituto di architettura, su Venezia, voluta da Bruno Zevi. Con Massimo Vignelli, che poi è diventato uno dei maggiori grafici a New York, avevamo preparato il menabò per un libro su Venezia, che era stato rifiutato da otto editori. A Londra passò un editore svizzero, Clairefontaine, lo vide e in 20 giorni fece il libro, Venise des saisons. Per l’epoca era un record, visto che di solito ci volevano mesi e mesi». Ma qual è il suo rapporto con il Regno Unito. La interessa come soggetto fotografico? «Dell’Inghilterra ho fotografato molto, ho fatto molti viaggi lì. Del Paese sono un fanatico, mi piace il rapporto tra le persone, veramente democratico, mi piacciono i tessuti,

mi piacciono le auto, ho avuto una Austin e una MG, mi piace fumare la pipa, mi piace tutto». Mi scusi, ma come si fotografa il rapporto democratico tra le persone? «Al pub, il signorotto di campagna che beve con l’imbianchino o con il muratore. Non ce lo vedo in Italia l’industriale al bar con l’operaio. Forse allo stadio…» Del digitale lei pensa tutto il male possibile? «Io sono rigorosamente a pellicola. Le uniche due possibilità in più del digitale sono il fatto di poter mandare subito le foto a New York o a Nuova Delhi, ma a me non serve, posso aspettare un giorno o due. L’altra è quella di cambiare la velocità degli Iso se sei in un posto chiaro o scuro. Ma il digitale non mi interessa, il Dna della fotografia è nella pellicola». E l’India? Cosa le ha lasciato? Per molti andare lí ha un impatto molto forte. «È stata sicuramente un’esperienza importante, ma ogni volta per me è un argomento diverso, è un’esperienza importante. Ho lavorato per il Touring Club italiano e per l’Istituto Geografico De Agostini per tanti anni, ho girato il Paese».

Chi sta raccontando bene l’Italia in questo momento? «Ma ci sono Ferdinando Scianna, Ivo Saglietti, Francesco Cito… Certo, sono per lo più non giovanissimi». Cosa c’è nei giovani fotografi che non la convince? «Ai giovani direi di non fare il mestiere del fotografo, ma di fare il fotografo. Sono tutti lì con il telefonino che si dicono fotografi, e quindi hanno una concorrenza enorme. Quasi tutti ad un certo punto si buttano sulla pubblicità o sulla moda per pagarsi il panino. Io direi di non dimenticare di interessarsi di più alla cultura fotografica». Tra selfies e digitale, lei deve vedere in continuazione immagini che ritiene bruttissime. «Purtroppo è una rovina, ma le garantisco, ci sono tante storie interessanti ancora da raccontare».

Web - James Franco (???!?) con le mani negli slip

SPUNTI PER RIFLESSIONI


La Luce che non si vede ovvero: il Flash, questo sconosciuto

ph: PdP

a cura di CHENZ 2

Lo ammetto. Volevo continuare tranquillamente la “nostra” bella operazione archeologica sulla pellicola. Molti consensi. Davvero. Mi ero anche già rimesso il cappello di cuoio. Ma,

guardando attentamente le immagini del talentuoso Lecchi che si trovano in questo numero, mi sono tolto il cappello e mi sono truccato da…genio della lampada. E quale genio non è tale

se non può cambiare idea? La lampada in questione è logicamente quella del flash. Che a me piace più “arcaicamente” (ci risiamo) chiamare “lampo”. Come per tanti anni l’abbiamo chiamato. E rende l’idea, non è vero? Ora, guardando, dicevo, le foto dell’Hamilton de Voantri (eh eh) come lo avete affettuosamente chiamato, si nota un uso essenziale, quanto raffinato, di questo tipo di illuminazione che da sempre ha diviso e divide in egual misura i fotografi dilettanti e professionisti. Si dice. A me viene sempre da catalogarli come post-francesi (H.C. Bresson & C.) o postamericani (Wegee & Co). Infatti, mentre Il Lampo, la luce che non si vede, mette imbarazzo un buon 50% che preferiscono usare sempre e solo la luce ambiente, esiste un altrettanto 50% di fotografi pronti a battersi all’ultimo

sangue pur di non rinunciare mai al colpetto di schiarimento ( bilanciamento, compensazione, riempimento o come altro si voglia chiamare) Sempre più sono i nativi digitali d’assalto che, poverini, eh eh, potendo lavorare ormai a

ph: PdP

sensibilità “galattiche” (iso24000-1/60 f 2,8/ sotto) sostengono che il lampo, con la sua luce dura e imprevedibile (???!?) snatura la scena e le toglie il fascino ambientale (è vero SuperGiulia?) Ombre chiuse? Occhevvordì? O sono evocative e aumentano la tensione scenica. Mentre il restante 50% di divide tra quelli che vogliono controllare “finemente” i loro scatti senza affidarsi, non legati all’albero, ai canti seducenti delle sirene del Photoshop che promettono comunque miracoli, dopo, e quelli che barricandosi dietro ai meccanismi ormai incontrollabili ( ci sarebbe da leggere, almeno, il libretto di istruzioni, ma si sa…in italia non leggete nemmeno più la Gazzetta dello Sport…) che fanno partire i lampi quando meno te lo spetti (ohhhh!) Una prova? Basta guardare una qualsiasi ripresa televisiva (ah, si, il nemico) della corsa del vostro splendido Palio. Durante la Corsa, e non solo, guardando la gente dentro la Piazza, si notano migliaia e migliaia di piccoli lampi che le macchinette dei

CERINI DI TECNICA


CERINI DI TECNICA

La Luce che non si vede

turisti, e non solo, sparano automaticamente al momento dello scatto. Dal mezzo di piazza. Con lo stesso risultato dei turisti che fotografano di notte il vostro splendido Palazzo Pubblico con la macchinetta tenuta con una sola mano e un bel lampone di accecante…solo chi passa davanti. Molto probabilmente un giorno dovremo affrontare, stimolato dalle vostre curiosità, l’argomento dell’uso del lampo in maniera tecnica, chiara ed esauriente. Oggi voglio spendere invece un po’ di inchiostro ( lo sapete, no?, che il vostro Chenz II scrive sempre con la stilografica?) sulla SINCRONIZZAZIONE: del lampo, appunto. Si perché il vostro (??!!?) Chenz II, è convinto che la prossima tappa, rivoluzionaria come tante ogni giorno in questo campo ma più “epocale” sarà

proprio in questo settore. E non vorrei che venissero molti a dirvelo,,,prima di me. Allora analizzando il mistero sincronizzazione, che si riduce ad un movimento a saracinesca delle due tendine che scorrono parallele nascondendo o scoprendo il sensore e la prima delle quali fa partire il lampo quando arriva a “destinazione”, vediamo che a quel punto la seconda “può” partire e il syncro è fatto. Sempre che non sia partita la seconda prima che “la prima” sia arrivata. (si lo so che il lampo può scattare anche alla partenza della seconda, ma per


CERINI DI TECNICA

La Luce che non si vede

favore, non complichiamoci la vita, ora). Quello che voglio farvi capire oggi è solo che questa/e tendina/e rappresenta un bel collo di bottiglia in un mondo che si muove e ragiona in micro o nanosecondi. La tendina, prima o seconda poco importa, impiega SEMPRE lo stesso tempo ad attraversare lo spazio del “formato (o del sensore, se preferite) E questo è sempre un tempo relativamente lungo. Lunghissimo in termini elettronici . E’ sempre un pezzo di titanio o di carbonio che si deve spostare, capite? Per questo da anni, dopo tempi di syncro di 1/30, 1/60, 1/125, oggi siamo arrivati “col fiatone” al syncro di 1/250. Ma è difficile fare meglio. Sembra anche per il problema del rimbalzo traditore delle tendine quando arrivano troppo veloci a fine corsa… E allora, in attesa del

diaframma elettronico, intanto “ti” levo lo specchio (altra rogna storica) con le mirrorless con prestazioni da Enterprise, poi….Otturatore Elettronico. Ecco l’uovo di Colombo! Al posto delle

antidiluviane e lumacoidi tendine e relativi syncro limitati e limitanti, basterà “spengere” elettricamente in modo progressivo il sensore per arrivare a velocità di scatto ultrasoniche e syncro impensabili anche…oggi, che non ci stupiamo più di niente. Chissà fra poco potremo scattare foto ad 1/10000 di secondo e usare il lampo per i nostri bisogni. In una bella spiaggia scattare foto a tutta apertura con un 400mm f/2,8 (chi non ce l’ha?) magari congelando ad 1/8000 un bel salto gioioso (le modelle o tristi mortuarie o mussanti come fuochi d’artificio) e rischiarando a modìno il nostro controluce o le nostre ombre moleste. Non ci credete? Aspettate (poco, pochissimo) e vedrete. E poi, non dite che non ve l’avevo detto……… bdi.siena@gmail.com


fare mostra di sé (autoritratto?) 30 Marzo - 11 Aprile 2014 Castelnuovo di Garfagnana (LU) Sala Suffredini CICOLO FOTOCINE GARFAGNANA - BFI FIAF (locandina a lato)

APPUNTAMENTI DA NON PERDERE

IL PROGRAMMA

maggio - giugno 2014

O QUANTA BELLA GENTE..... 9 MAGGIO

PROIEZIONE del Film Documentario SONG OF WAVE /BBC 1973 (il Palio negli anni ‘70) a cura di Costanza Maremmi

23 MAGGIO

Incontro con l’Autore: ALESSANDRO PAGNI “MA, ....è FOTOGRAFIA” Serata “concettuale”, e non solo.

6 GIUGNO

RISPOLVERIAMO LA TECNICA Tecnologie vecchie e nuove a confronto. FLASH. Teoria e pratica

20 GIUGNO

Incontro con l’Autore: GIANLUCA LECCHI L’Hamilton de Noantri FIGURA & GLAMOUR (finalmente!)

26 GIUGNO

TRADIZIONALE CENA D’ESTATE aperta a Soci & Amici TEMA:“Tra pochi giorni il palio...” progetti singoli e di gruppo

la CAMERA CHIARA - NewsLetter del Circolo Culturale La Bottega dell’Immagine di Siena. Redatto in proprio - Maggio 2014


La Camera Chiara 3/2014