Page 1

KOICHI MASAHARA

I DONI DI EDO EDO- n o- TA MA MO NO


Proofreading Andrea Petronio, Francesco Savino e Leonardo Favia Original cover design Kaoru KUROKI + Bay Bridge Studio

Traduzione Prisco Oliva Lettering e impaginazione Sara Bottaini Supervisione Vanessa Nascimbene

“Aiken” significa “cane adorato”. Cliff è il logo-mascotte di BAO Publishing. Il daruma è una figura votiva giapponese. Dall’unione di questi concetti nasce il manga secondo BAO.

Via Leopardi 8 – 20123 Milano chiedi@baopublishing.it – www.baopublishing.it Il logo di BAO Publishing è stato creato da Cliff Chiang. Il logo Aiken è stato creato da Sara Bottaini. Titolo originale dell’opera: 江戸のたまもの EDO NO TAMAMONO by Koichi MASAHARA ©2016 Koichi MASAHARA All rights reserved. Original Japanese edition published by SHOGAKUKAN. Italian translation rights arranged with SHOGAKUKAN through The Kashima Agency. © 2019 BAO Publishing for the Italian edition. Per l’edizione italiana: © 2019 BAO Publishing. Tutti i diritti riservati. ISBN: 978-88-3273-290-0 PRIMA EDIZIONE



I DONI

DI EDO 1. la forcina

005

2. il gallo codalunga

027

3. una questione di reputazione

047

4. il kappa

069

5. soba

091

6. il profumo delle patrinie

113

7. aspirazione

135

8. a cavalluccio

159

9. padre e figlio

181

postfazione

204


C A P I T O L O 1



SUBITO.

UNA SCODELLA.

!

7

ERA PROPRIO UNA RACCHIA.

COM’È ANDATA?


la forcina

ECCO QUA.

S L U R P

8


È GIÀ DA UN PO’ CHE È LÌ.

E QUELLA RAGAZZINA?

AH, LEI.

E TU TI PREOCCUPI TROPPO.

SEI TROPPO TRANQUILLO, TU.

AVRÀ DIECI ANNI, NON DI PIÙ.

HO CAPITO, MA...

GIÀ.

L’AVRÀ SGRIDATA LA MAMMA.

9

AH! AH!

VORRÀ SOLO PRENDERE UN PO’ D’ARIA.


EH! EH!

SBAGLIO?

! DICIAMO CHE È COSÌ.

TORNA A CASA, FINALMENTE.

EHI, GUARDA!

10


!

11


AMICO, MA...

UH...

AMICO...

...

NON MI PIACE, QUESTA STORIA...

T S K !

12


TIC

TIC

TIC TIC

TIC TIC

MAGNIFICO!

...

13


È ANCHE MEGLIO DI COME VE L’AVEVO COMMISSIONATA.

UN USIGNOLO SU UNA TRAMA DI GLICINI.

?

VERO, MASTRO WASUKE?

14


DICCI, O-CHIYO.

QUANTI ANNI HAI?

QUANTI ANNI HA?

COME MAI GUARDATE LA NOSTRA APPRENDISTA?

EHM... DODICI.

E CON CIÒ?

CHE HA SEMPRE UN’ARIA TRISTE E SCONSOLATA...

15

DODICI ANNI...

SPESSO MI DICONO...

CAPISCO.

AH, SÌ?

NO, NIENTE...


FORSE DOVREBBE GODERSI LA SUA INFANZIA.

SAPETE, O-CHIYO HA PERSO ENTRAMBI I GENITORI.

PARE SUBISSE DURE PUNIZIONI.

...

LA TRATTAVANO COME UN PESO.

È PICCOLA, PER L’APPRENDISTATO.

FIN DA QUANDO ERA IN FASCE, È PASSATA DI PARENTE IN PARENTE.

E, COME SE NON BASTASSE, PER POCO NON È STATA VENDUTA A UNA CASA CHIUSA.

DA QUEL MOMENTO, È DIVENTATO QUASI UN DIO, PER LEI.

MA UN MAESTRO DI SCUOLA HA EVITATO CHE SUCCEDESSE, OPPONENDOSI A QUESTA DECISIONE.

16


IL DESTINO...

IL DESTINO AGISCE PER VIE MISTERIOSE.

SUA NIPOTE È A CAPO DELLE NOSTRE DOMESTICHE.

IL DESTINO HA VOLUTO CHE O-CHIYO ENTRASSE NELLA NOSTRA BOTTEGA COME APPRENDISTA.

! EHI, O-CHIYO.

DAL TUO VISO NON SI DIREBBE.

17

EH... ...

DURA LA VITA DELL’APPRENDISTA, EH?


VE L’HO COMMISSIONATA IO, MASTRO WASUKE...

UN ATTIMO...

EH?!

ME LA RIPRENDO PER UN PO’.

LE SPIACE?

LO SO, MA NE VA DEL DESTINO DI UNA PERSONA CHE HO VISTO IERI SERA...

18


19


L’ho fatta io, sai?

Ho dovuto sopportare anni di dura pratica e rimproveri del mio maestro e degli allievi più anziani...

Ti piace?

Non sono sempre stato così bravo. All’inizio ero un incapace.

20


Ma alla fine sono arrivato a modellare piccoli oggetti di cui vado abbastanza fiero.

Ora ho tanti committenti che non badano a spese per la mia arte.

Non c’è altro da fare.

Capisci cosa voglio dire?

21

Bisogna tener duro.

Guarda quella forcina e ricorda ciò che sto per dirti.

Quando non ne puoi più e ti viene da piangere...


EHI, AMICO!

EH... COSA STO FACENDO...

! NON HA SENSO SE NON GLIELA DO.

22


AH! CERTO!

BAMBINA?

TI RICORDI ANCHE LA BAMBINA CHE ABBIAMO VISTO?

TI RICORDI DI ME?

IL TALE DI IERI...

?

OH?!

LA BOTTEGA IN CUI LAVORA SI TROVA DALL'ALTRA PARTE DEL PONTE. NON TORNERÀ INDIETRO COSÌ FACILMENTE.

SE LA VEDI PASSARE DI QUI, FAMMI IL FAVORE DI DARGLIELO.

NON POSSO PROMETTERTELO.

23

BE’...


NON IMPORTA, TU DAGLIELA.

SIA ANCHE TRA UNO, DUE... O DIECI ANNI.

PERCHÉ NON GLIELA DAI TU, ALLORA?

ALLORA LO FARÀ IL TUO FANTASMA.

CHE DICI?! NON SO NEMMENO SE LI HO, ALTRI DIECI ANNI DI VITA!

NON SO COME TROVARLA, PER QUESTO L’HO CHIESTO A TE!

COSA?!

IO UN’IDEA CE L’HO.

24


ERA KASUKE, IL GARZONE DEL MERCANTE.

L’HO VISTA PASSARE DI QUI INSIEME A UN UOMO.

CREDO CHE STIA DAL MERCANTE DI STOFFE.

COME FAI A SAPERLO?

NE SEI PROPRIO SICURO?!

QUELLA BAMBINA È LÌ, NE SONO CERTO.

25

LAVORO QUI DA TANTI ANNI, COSA CREDI?


GRAZIE, AMICO! AH! E QUESTA?

Se posso prendermene carico in qualche modo, tanto vale provarci.

Chi sono io per decidere le sorti di quella bambina? Ma anche questo è destino.

26