Issuu on Google+


A Mario e Attilio. Ai miei fratelli.

Traduzione Michele Foschini Lettering e impaginazione Cosimo Torsoli con Officine Bolzoni Supervisione Leonardo Favia Proofreading Francesco Savino e Andrea Petronio

Via Leopardi 8 – 20123 Milano chiedi@baopublishing.it – www.baopublishing.it Il logo di BAO Publishing è stato creato da Cliff Chiang. Titolo originale dell’opera: Come Prima © Éditions Delcourt - 2013 Per l’edizione italiana: © 2014 BAO Publishing. Tutti i diritti riservati. ISBN: 978-88-6543-221-1


fabio!


fabio?!


che cosa fai, fabio?


se avessi saputo che venivo, immagino che saresti scappato...

non volevo correre il rischio.


c cla

çaalmeno m'aurait evitato auavrei moins évité un incontro combat un de merde... di merda...

non hai tuscelto choisis il pas vraiment mio momento mon soir de digloire gloria,pour per venire a trodébarquer. varmi.

j'ai ho su par saputo per hasard que caso che tu boxais... fai boxe...


tra le altre cose.

però mi avevano detto che ormai parli solo francese...

diciamo che è solo per fare due soldi.

a che cosa mi serve, qui, l'italiano?


disnedonc, è ça faisait passato di un bail, tempo, non ?eh?

dix. dieci. cinq ans ? cinque ? six sei? anni?

purée... è cazzo... c'est un un miracosacré miracle lo che quemituabbia m'tu aies retrouvé. trovato.

appelle chiamaloça commeti come tu veux. pare.

ma devo mais fautche ammettere reconnaître que non sei t'es pasdastato simple facile rinà localiser... tracciare...

bah,diciamo disons que bah, che je préfère non mi piaceavoir ferla bougeotte. marmi a lungo. etperpuis pour quelli les gars comme come me è memoi, non c'estessere mieux glio d'éviter d'être troppo repetrop repéré, ribili, ? nonsai.

Grat

insomma, enfin, io lo premoi j'évite... ferisco...


dieci anni, hai detto? Cristo...

come vola, eh?

be'...

non hai mai dato tue notizie.

diciamo che sono stato piĂš occupato del previsto, quando sono arrivato.

ma non avrete sentito troppo la mia mancanza, vero? neanche io vi ho mai sentiti.

non era facile trovarti. sĂŹ, be', ma quando vuoi ci riesci, a quanto pare.


allora non prendertela con me, non servirĂ  a niente discuterne per ore!

avevi promesso di darci notizie!

e non l'ho fatto!

allora dimmi che cosa sei venuto a fare qui o levati dalle palle, giovanni.

ma immagino che tu non abbia fatto tutta questa strada solo per rompermi le palle, no?

fabio!

sono venuto con papĂ .


ma che problema hai, giovanni?

la tua peggiore idea degli ultimi dieci anni...

non ho niente da dirvi e non voglio ascoltare, hai capito?

che cosa vuoi dimostrare?

no, per niente, capito? nĂŠ ora, nĂŠ domani,

andatevene, ti prego!

nĂŠ mai!

fabio, senti...

tornate da dove siete venuti e dimenticatevi di me, una buona volta!

mi hai capito?

fuori dalle palle!

fabio...


?


che...

che cosa vuoi?


riportarlo.

riportarlo in italia.

non hai bisogno di me per farlo.

che cosa vuoi da me?

che tu faccia il viaggio con me.

che mi accompagni...

parto domani.


non mi riguarda pi첫...


volevo solo che lo sapessi, fabio!

fa' quello che vuoi, la scelta è tua!

allora buon viaggio!

il messaggio me l'hai dato, puoi ripartire.

non mi cambia niente, se non vuoi venire, sai? me ne fotto completamente!

all'albergo!

è un problema tuo! non mio!

se mi cerchi, sono all'albergo sulla piazza! fa' buon viaggio. Sono cazzi tuoi, gio.

non hai piĂš bisogno di me...

... sei grande, adesso!

parto tra due giorni, capito? fabio!


giĂ ...

tu invece non sei cambiato...


Come Prima Preview