__MAIN_TEXT__

Page 1

BILANCIO SOCIALE 2014

Via Malta, 3-1 – 16121 Genova – Tel 010-540256 – 010-8691845 info@assoutenti.liguria.it – www.assoutenti.liguria.it Codice fiscale: 95087230108


INDICE INTRODUZIONE................................................................................................................................ 3 IN MEMORIA DI ANTONIO CURRI................................................................................................ 4 LA MISSIONE DI ASSOUTENTI IN LIGURIA................................................................................5 1. INFORMAZIONE, ASSISTENZA E TUTELA.............................................................................. 6 1.1 ATTIVITÀ SPORTELLI ASSOUTENTI 2014 ........................................................................ 7 1.2 LA CONCILIAZIONE.............................................................................................................. 8 1.3 IL SERVIZIO CAF.................................................................................................................... 9 1.4 TUTELA LEGALE, MEDICO - SANITARIA......................................................................... 9 2. RELAZIONI CON LE IMPRESE E LE ISTITUZIONI, INIZIATIVE PER LA DIFESA DEI DIRITTI DEI CONSUMATORI........................................................................................................ 10 2.1 IN PRIMA LINEA PER LA DIFESA DEL TRASPORTO PUBBLICO.................................11 2.1.1 IL SERVIZIO FERROVIARIO NEL PONENTE............................................................11 2.1.2 I RIMBORSI AMT A GENOVA .....................................................................................12 2.1.3 I SONDAGGI SULLE TARIFFE INTEGRATE AMT - TRENITALIA.........................13 2.1.4 TARIFFE INTEGRATE, SOVRAREGIONALI E AGENZIA TPL................................17 2.2 L'IMPEGNO PER LA MOBILITÀ PRIVATA ....................................................................... 19 2.2.1 IL CASO RC AUTO ....................................................................................................... 19 2.2.2 CONSUMATORI, CARROZZIERI & LIBERTÀ DI SCELTA .....................................20 2.3 ALIMENTAZIONE, SALUTE E FARMACI ........................................................................ 22 2.3.1 FARMACI ON LINE....................................................................................................... 22 2.3.2 IMPORT TOLLERANCES..............................................................................................23 2.3.3 ETICHETTA PIANESIANA........................................................................................... 24 2.3.4 I CONVEGNI SULL'ALIMENTAZIONE...................................................................... 25 2.4 SICUREZZA E TERRITORIO................................................................................................26 2.4.1 MICROCARICHE IN PORTO........................................................................................ 26 2.4.2 L'ALLUVIONE............................................................................................................... 27 2.5 TASSE, TRIBUTI E UTENZE................................................................................................ 29 2.5.1 BASTA COSTI DI DISATTIVAZIONE.......................................................................... 29 2.5.2 LE GIORNATE DEL CONSUMATORE INFORMATO ALLA SPEZIA......................30 1


2.5.3 DEPURATORI NON IN REGOLA NEL SAVONESE................................................... 31 2.5.4 COSTO DEI LIBRI SCOLASTICI E TASSE................................................................. 32 2.6 LA TUTELA DEL RISPARMIO............................................................................................. 33 2.6.1 LA DIFESA DEI PICCOLI AZIONISTI CARIGE......................................................... 33 2.6.2 CRISI, STIPENDI – COSTO DELLA VITA A SAVONA.............................................. 35 3. PROGETTI, RICERCHE, INIZIATIVE EDUCATIVE E DI FORMAZIONE.............................36 3.1 CENTRO DI DOCUMENTAZIONE...................................................................................... 36 3.2 SPORTELLI CONSUMATORI IN RETE...............................................................................36 3.3 INFORMACONSUMATORILIGURIA..................................................................................37 3.4 SPORTELLI TUTELA DELLA SALUTE.............................................................................. 37 3.5 ENERGIA, DIRITTI A VIVA VOCE...................................................................................... 38 3.6 MONITORAGGI AMIU......................................................................................................... 39 3.7 BUENA MOVIDA.................................................................................................................. 40 3.8 CONSUMATORI 2.0...............................................................................................................41 3.9 ITALIAN E-PAYMENT.......................................................................................................... 42 4. ATTIVITÀ SOCIALE ................................................................................................................... 43 4.1 ASSEMBLEA ASSOUTENTI 2014........................................................................................43 4.2 DECIMO ANNIVERSARIO DELLO SPORTELLO DI SAMPIERDARENA.....................43 4.3 GLI ORGANISMI PROVINCIALI.........................................................................................44 4.4 GLI ORGANISMI REGIONALI............................................................................................ 45 4.5 ANDAMENTO DEGLI ISCRITTI DAL 2005 AL 2014........................................................46 4.6 IL BILANCIO 2014.................................................................................................................47 4.7 ASSOCIAZIONI PARTNER................................................................................................... 49 4.8 COMITATI ASSOCIATI......................................................................................................... 49 4.9 DIPENDENTI, CONSULENTI E COLLABORATORI.........................................................49 4.10 IL VOLONTARIATO............................................................................................................ 50 4.11 IL 5 PER MILLE................................................................................................................... 51 4.12 LE SEDI.................................................................................................................................52 4.13 RAPPORTI INTERASSOCIATIVI....................................................................................... 53 RASSEGNA STAMPA.......................................................................................................................54

2


INTRODUZIONE Care associate, cari associati, Cittadine e cittadini liguri, Signore e signori rappresentanti delle istituzioni e delle imprese, Il bilancio sociale rappresenta la sintesi di un anno di lavoro dell'associazione di volontariato Assoutenti Liguria Onlus nelle sue principali attività di: 1. Informazione, assistenza e tutela verso i cittadini e gli associati 2. Relazioni con le imprese e le istituzioni e iniziative per la difesa dei diritti dei consumatori 3. Progetti, ricerche, attività educative e di formazione 4. Attività sociale e rapporti unitari con le altre associazioni dei consumatori In ognuno di questi capitoli vengono riportati i dati più salienti dell'impegno della nostra associazione per la difesa degli interessi dei cittadini liguri consumatori e utenti e per lo sviluppo del movimento consumeristico pur nella difficile e complicata situazione politica, sociale ed economica che il paese e la nostra regione stanno vivendo ormai da diversi anni. Molta è ancora la strada da percorrere per poter svolgere un efficace ruolo in grado di soddisfare pienamente i bisogni dei nostri iscritti e rappresentati e garantire loro una adeguata tutela nei confronti delle pubbliche amministrazioni e delle imprese di produzione di beni e di servizi, dalle telecomunicazioni al credito, dai trasporti al turismo. Nello stesso tempo confermiamo un profondo impegno verso i consumatori e gli utenti più deboli, giovani e anziani, perché più esposti, più indifesi, pur da diverse angolature, dalle insidie del mercato, dalle lusinghe di un consumismo senza confini. Se per gli anziani si tratta di stare al passo con l'innovazione e le nuove tecnologie ed evitare di essere emarginati nella società e nel mercato, nella conoscenza e nella relazioni sociali; ai giovani l'arduo compito di non cadere vittime dell'ordalia dei consumi e di rimanere intrappolati in nuove distruttive dipendenze. L'abbassamento a 12 anni dell'età della prima sbronza, l'utilizzo assuefatto di Energy drink, la schiavitù dei videogame, l'uso malato delle tecnologie digitali e di internet per fuggire dalla realtà quotidiana per rifugiarsi nei paradisi artificiali dei social network e perdersi in un nuovo mondo dei balocchi, rappresentano le sconfitte della nuova frontiera dove si combatte una lotta senza quartiere e dove alla fine prevarrà un modo di consumare critico e consapevole che sappia cogliere le nuove straordinarie opportunità che offre il web e la moderna società della comunicazione conquistando la propria libertà di dominare le cose anzichè dipendere da esse. Il nostro inguaribile ottimismo e lo spirito battagliero che ci anima, lo metteremo al servizio delle nuove generazioni che più delle precedenti hanno bisogno di sentirsi persone, soggetti e non oggetti nel mercato e nella società nutrendo le loro menti, liberando le loro energie per una vita migliore. Genova, 28 aprile 2015

Furio Truzzi 3


IN MEMORIA DI ANTONIO CURRI Stroncato da una grave malattia Antonio lascia un vuoto incolmabile nelle nostre fila. Ci mancherĂ la sua capacitĂ  di dialogo, di argomentare con tutti, il suo spirito di sacrificio, la sua pacata ironia. Un amico prima che un dirigente, sempre disponibile a seguire i mille problemi di una associazione di volontariato dedita alla tutela degli interessi dei cittadini consumatori e utenti. Entusiasta piĂš di tanti giovani, diede un contributo fondamentale nella trasformazione di Assoutenti Liguria in una associazione autorevole, diffusa, conosciuta e apprezzata dalle istituzioni e dalle imprese. Ci mancherai Antonio, ci mancheranno i tuoi consigli e le tue opere. Che la terra ti sia lieve.

4


LA MISSIONE DI ASSOUTENTI IN LIGURIA Assoutenti Liguria nasce il 9 gennaio 2002 trasformando la delegazione regionale di allora in una associazione federata a Assoutenti Nazionale a cui aderirono poi le delegazioni provinciali di Genova, La Spezia, Savona e Imperia nonchÊ sottoscrivendo importanti partnership con associazioni sindacali, di categoria, della casa, culturali e sportive raggiungendo attualmente oltre 27.000 associati. Iscritta dal 2006 nell'elenco regionale del volontariato promuove azioni di tutela collettiva e individuale dei diritti civili dei cittadini, consumatori e utenti i quali possono sostenerla con il 5 per mille indicando il codice fiscale 95087230108 nella dichiarazione dei redditi. Da sempre nella Consulta Regionale dei Consumatori e Utenti della Regione Liguria, ha contribuito alla nuova legge regionale in materia approvata nel marzo dell'anno 2012 e sottoscritto importanti accordi sulla conciliazione con aziende e imprese di servizi; collabora alla realizzazione di progetti di informazione, educazione, assistenza e tutela dei cittadini diventando un prezioso laboratorio di idee, di confronto e di iniziative per i consumatori e gli utenti liguri. L'Associazione ha fatto propri i valori della partecipazione sviluppando comitati locali privilegiando i rapporti con il territorio nella sua azione di tutela e di proposta: Federalismo Indipendenza - Volontariato - Partecipazione sono i suoi valori cardinali a guida del lavoro quotidiano dedicato ai cittadini liguri nella loro veste di consumatori e utenti. In particolare Assoutenti Liguria si è impegnata e si impegna per lo sviluppo di un movimento dei consumatori unitario, libero, autonomo e indipendente dalle altre organizzazioni politiche, culturali, religiose e sociali rispettando il pensiero degli associati senza distinzioni di sorta. Per tali ragioni ha stipulato un patto federativo con: Adiconsum, Adoc, Casa del Consumatore, Codacons, Lega Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino dando vita al CLCU - Coordinamento Ligure Consumatori e Utenti. Ad Assoutenti Liguria Onlus possono associarsi singoli cittadini, associazioni ed enti anche tramite le delegazioni provinciali che hanno loro autonomia statutaria, organizzativa, amministrativa e contabile. Tra i soci ordinari, sostenitori, volontari e professionisti si stabilisce un patto di mutuo aiuto dove ciascuno concorre ai fini statutari e al soddisfacimento dei bisogni degli associati e dei cittadini secondo le proprie competenze impegnandosi a fornire gratuitamente informazioni e consulenza. I costi dei servizi collettivi e individuali di assistenza legale e professionale a tutela dei cittadini e dei soci sono sostenuti, previa autorizzazione della presidenza e salvo diverse intese su base provinciale, dalle delegazioni territoriali che vi provvedono grazie alle quote sociali e ai contributi liberali dei soci stessi. Vi invitiamo a leggere le pagine successive per conoscerci meglio e sapere quello che abbiamo fatto nel 2014. Il Comitato di Presidenza

5


1. INFORMAZIONE, ASSISTENZA E TUTELA Le attività di informazione, ascolto, accoglienza, assistenza e di tutela/autotutela fornite dall'associazione sono realizzate nel progetto Sportelli Consumatori in Rete in collaborazione con altre 7 associazioni dei consumatori alle quali Assoutenti è inoltre legata da un "patto federativo". Assoutenti è operativa con la sede regionale, 4 sedi provinciali, 10 sportelli decentrati presenti su tutto il territorio, 4 punti di ascolto e 1 sportello on line dedicato ai diritti degli animali. Tramite i propri soci volontari fornisce, ogni giorno e gratuitamente, una prima risposta ai problemi dei cittadini con una particolare attenzione alle categorie dei consumatori più deboli (anziani e famiglie a basso reddito). Inoltre ogni sportello si avvale della preziosa collaborazione di soci professionisti che in un rapporto di mutuo aiuto con l'associato sono in grado di fornire assistenza tecnica e supporto legale. Assoutenti si fa anche carico di segnalare alle autorità garanti (Garante per la Concorrenza ed il Mercato, Garante per le Comunicazioni, Garante per i Trasporti, Garante per il Contribuente, Garante per la Privacy) e ai competenti uffici delle pubbliche amministrazioni (Comuni, Prefetture, Nas, Camere di Commercio, Vigili Annonari, Arpal, etc.) situazioni ritenute di potenziale o concreta violazione dei diritti dei consumatori. Assoutenti produce materiali illustrativi (depliant, volantini, ecc.) destinati ai cittadini liguri consumatori e utenti per la pubblicizzazione dei propri servizi, delle campagne di informazione.

6


1.1 ATTIVITÀ SPORTELLI ASSOUTENTI 2014

Le tabelle qui pubblicate sono esemplificative del flusso di persone accolte dagli sportelli dell'associazione e le tipologie di problematiche esposte ai consulenti e volontari che si occupano dell'accoglienza e del front office:

TIPOLOGIA Accessi contatti servizi pubblici locali 1429 902 assicurativi 146 161 bancari 164 288 telecomunicazioni 1293 1845 PA 132 234 turismo 348 156 sanità 196 203 commercio 304 321 tariffe e utenze 427 657 servizi finanziari 410 288 servizi postali 141 95 altro 193 41 TOT 5183 5191

Sesso (%) Tipo (%) tel mail M F 96 4 53 47 94 6 39 61 88 12 36 64 94 6 54 46 3 3 56 44 97 3 47 53 98 2 43 57 95 5 42 58 93 7 53 47 89 11 51 49 92 8 58 42 86 14 52 48 95 5 38 62

Età (%)

G –A –P 4 12 3 13 4 8 3 5 7 4 3 7 8

57 46 44 31 51 60 43 47 32 47 42 44 36

Esito Esito telef Sportel (%) (%) 39 84 84 42 85 85 53 84 84 56 96 96 45 83 83 32 85 85 54 83 83 48 88 88 61 94 94 53 87 87 55 85 85 49 84 84 56 90 90

2000 1800 1600 1400 1200 1000 800 600 400 200 0

Accessi Contatti

ro Alt li sta po zi r vi ri Se zia an fin zi rv i Se e nz ute ee riff Ta io er c mm Co

i tiv

ali oc ci l

à nit Sa ne zio mo tr a ris nis Tu mi am lica bb ni Pu zio ica un om lec Te

ar i nc Ba

li bb pu

ura sic As

zi r vi Se

7


1.2 LA CONCILIAZIONE

La conciliazione è un strumento trasparente e veloce per risolvere i problemi e le controversie che insorgono con le imprese e che non si sono risolte tramite un semplice reclamo. Tra le varie forme di conciliazione quella paritetica è frutto di un accordo realizzato con le Aziende, sulla base di specifici Protocolli d'intesa che ne disciplinano le modalità e il funzionamento. I Regolamenti attuativi dei Protocolli prevedono un procedimento di conciliazione in cui il consumatore è rappresentato da un conciliatore Assoutenti che lo assiste e che nel confronto con l'azienda discute le ragioni del proprio rappresentato. Negli incontri, che possono avvenire anche on line, i conciliatori delle due parti cercano di individuare un accordo che - se raggiunto - viene inserito in un verbale vincolante sia per il consumatore che per l'azienda, ponendo così fine alla controversia. I dati registrati nel 2014 dai nostri sportelli di tutela presentano un incremento dell'utilizzo della conciliazione paritetica quale strumento di risoluzione delle controversie pari al 67%, dato ancor più significativo se si considera che i cittadini che hanno deciso di rivolgersi alla nostra associazione e si sono avvalsi di questa procedura hanno risolto la problematica sottopostaci con accordo positivo nel 96% dei casi. Assoutenti tramite i suoi conciliatori specializzati e opportunamente formatisi tramite corsi di livello nazionale offre a titolo gratuito consulenza e assistenza nelle procedure di conciliazione nei seguenti settori: • TELECOMUNICAZIONI Fastweb H3g Telecom Tele TU Tim Vodafone Wind Poste Mobile

• CREDITO E ASSICURAZIONI Banca Carige Banca Intesa S. Paolo Banco Monte Paschi di Siena Conto Corrente Banco Posta Unicredit Unipol RC Auto Crif Centrale Rischi Finanziari Poste Vita Ania (Ass. Naz. Imprese Assicurazione)

• TRASPORTI Alitalia Trenitalia

• ARTIGIANI GENOVESI Associazione Mobilieri (Prov. di Ge) Associazione Carrozzieri (Prov. di Ge) Tintolavanderie

• GAS E ENERGIA Edison Enel Eni Iren Sorgenia Uno gas

SERVIZI • Fiaip Liguria (Agenti Immobiliari) • Poste Italiane (corrisp.nza e pacchi)

8


1.3 IL SERVIZIO CAF Nel maggio 2012 Assoutenti Liguria ha siglato un accordo, che prosegue a tutt'oggi, con MCL Movimento Cristiano Lavoratori che ha consentito a tutti gli associati in regola con il tesseramento annuale e a tutti i donatori del 5 per mille ad Assoutenti di usufruire gratuitamente di un servizio CAF per la compilazione della dichiarazione dei redditi annuale e per i conteggi IMU recandosi direttamente presso la sede genovese.

1.4 TUTELA LEGALE, MEDICO - SANITARIA E' stato attivato nel mese di ottobre 2013 ed è in vigore da l1 gennaio 2014 un nuovo servizio specialistico in campo medico-sanitario a difesa di tutti coloro che sono incorsi in episodi di malasanità o nel caso di problematiche inerenti le informazioni sulle prestazioni sanitarie. Il servizio di consulenza e assistenza è attivo telefonicamente tramite numero verde gratuito 800 199 633 è inoltre possibile rivolgersi presso i point informativi delle associazioni dei consumatori presso gli ospedali Evangelico di Voltri, Villa Scassi, Galliera, San Martino, Micone ed Evangelico di Castelletto.

9


2. RELAZIONI CON LE IMPRESE E LE ISTITUZIONI, INIZIATIVE PER LA DIFESA DEI DIRITTI DEI CONSUMATORI Nel 2014 Assoutenti ha confermato l'intensa attività degli anni passati, aggiungendo ancora maggiore impegno per tutelare e rappresentare i cittadini liguri ai tavoli di confronto sui principali temi di interesse comune. Da gennaio a dicembre 2014, Assoutenti è stata protagonista di iniziative, convegni e manifestazioni per promuovere idee e proposte per una politica economica diversa e ispirata alla difesa del consumatore e dell'utente. I principali temi trattati nel 2014 sono stati il trasporto pubblico, la mobilità privata, la salute e l'alimentazione, la sicurezza del territorio, le tasse e la tutela del risparmio. Assoutenti Liguria Onlus è iscritta e partecipa alle riunioni: •

del Comitato Regionale per la tutela dei diritti dei consumatori e degli Utenti (CRCU) istituito dalla legge regionale 6/2012;

della Consulta Comunale dei Consumatori e Utenti istituita con delibera del Consiglio Comunale del Comune di Genova nel 2008;

del Consiglio della Camera di Commercio di Genova anche in rappresentanza di Adiconsum, ADOC, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva, Codacons, Lega Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino;

Intrattiene rapporti con tutti i comuni e le province liguri, le Prefetture, i parlamentari liguri, il Consiglio Regionale, gli assessorati regionali allo Sviluppo Economico, al Bilancio, all'Ambiente, ai Trasporti, alla Sanità, all'Istruzione. Ha relazioni inoltre con: •

Garante del contribuente della Regione Liguria;

CO RE COM;

Agenzia delle Entrate;

Equitalia;

le associazioni di imprese ASCOM, Confesercenti, CNA, Confartigianato, Coldiretti, CIA, Confagricoltura e con l'ARCC - Associazione Regionale delle Cooperative di Consumo;

i grandi gruppi della distribuzione COOPLIGURIA, CONAD, ESSELUNGA;

Poste Italiane; Autostrade per l'Italia

la Direzione regionale di Trenitalia, le aziende liguri di TPL a partire da AMT;

le aziende di servizi pubblici AMIU, ACAM, IREN, UNOGAS, ENI, ENEL, MAE;

Intrattiene proficui rapporti con gli organi di informazione regionale. Per meglio illustrare l'impegno costante dell'associazione in difesa dei diritti dei cittadini, consumatori e utenti diamo di seguito una sintesi delle principali attività svolte nel 2014: 10


2.1 IN PRIMA LINEA PER LA DIFESA DEL TRASPORTO PUBBLICO

Assoutenti nel 2014 si è schierata con il consueto impegno al fianco dei pendolari dei treni e dei passeggeri dei bus. In prima linea per difendere i diritti dei viaggiatori su gomma e su rotaia. Un'attenzione costante iniziata da gennaio con il caso del treno deragliato ad Andora e l'aumento delle tariffe sui treni sovraregionali. Poi la grande vittoria a Genova per i rimborsi agli abbonati Amt in seguito alle cinque giornate di sciopero selvaggio dell'autunno 2013. E ancora sul trasporto pubblico integrato, la battaglia di Assoutenti per la chiarezza e la trasparenza dei sondaggi effettuati dalle aziende di trasporto pubblico locale. Tante battaglie portate avanti ma anche tante nuove proposte per migliorare l'efficenza del servizio e il grado di soddisfazione degli utenti. Dalle proposte di sconti per abbonati e pendolari di treni e autobus pubblici, a quelle per le tariffe integrate, senza escludere le richieste e le proposte per l'Agenzia Regionale del trasporto pubblico.

2.1.1 IL SERVIZIO FERROVIARIO NEL PONENTE Il 17 gennaio 2014 il treno Intercity 660 deraglia nei pressi di Andora, là dove la ferrovia scorre ancora su un binario unico. I disagi diventano enormi, con una Regione spaccata in due e i collegamenti con la Francia paralizzati. Assoutenti è subito scesa in campo nel Ponente con una grande manifestazione a Diano Marina per salvaguardare i diritti dei passeggeri e dei pendolari. In una serie di richieste consegnate al ministro dei Trasporti Maurizio Lupi, da subito l'impegno a rimuovere il treno il prima possibile e salvaguardare i pendolari con un servizio sostitutivo di intercity su gomma. I servizi sono stati ottenuti a titolo gratuito come compensazione per i forti disagi subiti. Richieste che hanno portato a una serie di risultati concreti per i possessori di abbonamento mensile e annuale a tariffa regionale Liguria 40/9/A o 40/9/B o a tariffa sovraregionale, con validità nel periodo gennaio-marzo 2014, in conseguenza dell’interruzione della linea tra Andora e Cervo - San Bartolomeo al Mare o compresi nella tratta Diano Marina – Ventimiglia: 1) ai possessori di uno, due o tre abbonamenti mensili, validi nel periodo gennaio-marzo 2014 è stata riconosciuta una riduzione sul costo di rinnovo dell’abbonamento mensile, per la stessa relazione, per il mese di aprile o maggio 2014, nella misura rispettivamente del 33%, 66% o 100%; 2) ai possessori di abbonamento annuale la cui validità comprendava uno, due o tre mesi nel periodo gennaio-marzo 2014 è stato riconosciuto il rimborso rispettivamente del 3,3%, 6,6% o 10% del costo dell’abbonamento stesso. Il deragliamento del treno ad Andora ha posto la questione del raddoppio del binario nel Ponente ligure. Raddoppio che però – provocatoriamente – diventa inutile se accompagnato da un taglio drastico dei treni che quei binari dovrebbero percorrerli. Una considerazione fatta dal presidente nazionale onorario di Assoutenti, Gianluigi Taboga, che nel settembre 2014 ha richiamato a gran voce Trenitalia e Regione Liguria a rivedere i pesanti tagli delle corse effettuati sulla linea Ventimiglia – Torino.

11


2.1.2 I RIMBORSI AMT A GENOVA Dopo un 2013 che si era chiuso con lo sciopero selvaggio di Amt a novembre, il 2014 si è aperto con una grande vittoria di Assoutenti e delle altre associazioni diconsumatori: i rimborsi e le tariffe agevolate per gli abbonati colpiti dai disagi delle “cinque giornate di Genova”. L’accordo sottoscritto l'11 aprile è stato siglato tra Associazioni di Consumatori, Comune di Genova ed azienda AMT; alla presenza di un nutrito gruppo di cittadini, ecco il testo:

«Il Comune di Genova e Amt riconoscono il disagio patito dagli utenti nello scorso mese di novembre in conseguenza delle agitazioni e dell’astensione dal servizio del personale dell’Azienda; convengono inoltre che la situazione creatasi in quelle giornate ha compromesso il diritto alla mobilità dei cittadini previsto dalla Legge e può aver ingenerato disaffezione tra gli utenti del trasporto pubblico cittadino. L’astensione dal lavoro non programmata per cinque giorni, nelle forme in cui è stata attuata dai dipendenti, non rientra nei disservizi per i quali la Carta della Mobilità in vigore impegna l’Amt a indennizzare i propri clienti e dunque non è compresa tra le responsabilità dell’azienda. A questo proposito Comune e Amt si impegnano ad attivare immediatamente un tavolo di confronto con le organizzazioni dei consumatori al fine di rivedere i contenuti della Carta stessa per analoghe situazioni che si dovessero determinare in futuro. Comune ed Azienda condividono l’impegno a promuovere iniziative per motivare e incoraggiare la cittadinanza all’uso del mezzo pubblico. In questo ambito sono alle studio forme concrete di fidelizzazione rivolte soprattutto agli abbonati (che tengano conto delle premesse del presente verbale), abbonati che con la loro scelta hanno dimostrato la precisa volontà di privilegiare il trasporto pubblico per muoversi in città. Al fine di condividere le misure da adottare verrà attivato, entro due settimane dalla data odierna, un tavolo tecnico di confronto con le Associazioni dei Consumatori».

Il tavolo tecnico ha poi stabilito, per chi ne aveva fatto richiesta, il recupero dei 5 giorni in cui non è stato utilizzato il proprio titolo di viaggio al rinnovo dell'abbonamento annuale o con la consegna di un settimanale per gli altri abbonati. Il risultato raggiunto ha costituito un importante precedente a livello nazionale in funzione anche di introdurre nella legislazione la regola che la metà delle 12


sanzioni comminate contemplino il risarcimento agli utenti che hanno patito disagi in tema di trasporto e che le aziende di trasporto non avendo effettuato i servizi rimborsino le spses di viaggio.

(il presidente Truzzi assieme ai cittadini e ai presidenti delle altre associazioni)

2.1.3 I SONDAGGI SULLE TARIFFE INTEGRATE AMT - TRENITALIA La precarietà dei rapporti con le istituzioni ha determinato un aspro confronto sul tema delle tariffe integrate. Il Comune di Genova in violazione del comma 461 legge 244/2007, ha promosso un sondaggio sull'uso del mezzo di trasporto e l'integrazione tariffaria AMT-Trenitalia senza le associazioni dell'utenza dal 18 al 28 novembre 2013. Tutto questo ha spinto CLCU (Coordinamento Ligure Consumatori Utenti) a cui aderisce Assoutenti e ADIRCONS (Agenzia per i Diritti dei Consumatori) ad effettuare una contro-indagine, sia online sul sito www.consumatoriliguria.it, che presso tutte le stazioni di genova dall'8 al 30 gennaio 2014 ed eseguita a costo zero per la collettività per verificare i dati prodotti dal Dipartimento di Economia dell'Università di Genova che è costato 27.000 euro senza per altro avere l'efficacia di una indagine campionaria con valori statistici certi. Nel sondaggio dei consumatori sono state considerate 4 fasce di età (under18; 19-26 anni; 27-65 anni; over 65); si è analizzato separatamente l'utilizzo del biglietto singolo dal carnet (dall'aprile 2013 il biglietto singolo è titolo di viaggio che ha sia la versione di corsa “solo AMT” che “AMT Trenitalia”); si sono considerati i 5 bacini principali di mobilità al fine di valutare in maniera più diretta sia i comportamenti della tipologia di viaggiatori “one trip” che di quelli della fascia 19-26, analizzando inoltre la propensione alla mobilità per provenienza dal macro bacino. E' opportuno precisare che il sondaggio si fregia di un valore ulteriore l'accesso, infatti, era libero tramite il collegamento al sito www.consumatoriliguria.it ed unicamente al termine della compilazione del questionario era richiesto di fornire l'indirizzo e.mail dell'utente; è quindi palese come il sondaggio non fosse predestinato a liste particolari di potenziali rispondenti. Le risposte 13


fornite sono state 2551 ed i valori raccolti sono stati ripartiti, per compararli con la ricerca del Comune di Genova, nelle seguenti fasce: − genere − titolo di viaggio utilizzato − mezzo di trasporto utilizzato − bacino di provenienza − fascia d'età − condizione professionale. Per quanto concerne il genere degli utenti l'afflusso dei dati ha coinvolto il maniera corrispondente sia maschi che femmine: 50,98 contro 49,02. Come per il dato sul genere, dividere i 2551 rispondenti al questionario, per titolo di viaggio utilizzato abbonamento annuale 39%; abbonamento mensile/settimanale 33,3%; carnet 12%; biglietto singolo 15,7%.(Tabella 1) aiuta a meglio comprendere gli altri punti del sondaggio. Occorre, inoltre, ricordare che (dati AMT 2012) 48mila passeggeri utilizzano abbonamenti annuali, 55mila abbonamenti mensili/settimanali, 30mila i carnet e 40mila i biglietti. Per un totale di 173mila passeggeri al giorno. Data la frequenza di utilizzo di un titolo di viaggio di circa 2,2 volte al giorno i cittadini genovesi effettuano 380mila viaggi per un totale di circa 151milioni di viaggi all'anno.

14


Proprio sul punto focale del sondaggio, i dati delle Associazioni dei Consumatori differiscono dai dati ricavati dall'Università: sulle modalità di utilizzo dei mezzi di trasporto (Tabella 2), si evidenzia chiaramente che un terzo dei rispondenti (33,6) sceglie il sistema integrato mentre secondo il Dipartimento di Economia, l'83% dei viaggiatori utilizza esclusivamente mezzi AMT o Trenitalia. Quindi il risultato a cui si giunge dai dati dell'Università (17%) è esattamente la metà rispetto a quello in possesso delle Associazioni dei Consumatori. Si evince pertanto che la quota di genovesi che utilizza il biglietto integrato bus+treno è ragionevolmente più elevata.

In merito al bacino di provenienza (Tabella 3), i valori ottenuti mettono in luce e confermano i pregi ed i difetti del Servizio del Trasporto Integrato nell'area metropolitana genovese: gli utenti del Centro e della Valbisagno utilizzano gli autobus con percentuali superiori all'80% (per la seconda, la percentuale sostanzialmente è data dall'assenza della linea ferroviaria) mentre a Ponente si arriva al 49% di utilizzo di biglietto integrato per giungere a quasi il 56% sul dato dei viaggiatori extraurbani.

15


In merito alle fasce di età risulta che gli studenti ed i pensionati utilizzano prevalentemente i mezzi AMT mentre il biglietto integrato interessa al 38% dei lavoratori. E' importante sottolineare che solo il sondaggio promosso dalle Associazioni dei Consumatori ha valutato il grado di soddisfazione ed i problemi riscontrati dagli utenti del trasporto pubblico. Appena il 10% dichiara che il servizio offerto risponde alle proprie aspettative mentre il 52% ne denuncia l'inadeguatezza. La frequenza dei mezzi di trasporto è il problema più sentito dai genovesi che non transigono sulla pulizia (60,8%) mentre solo, si fa per dire, il 49% si lamenta della puntualità.

Seppur con risultati differenti entrambe le ricerche evidenziano l'importanza di una tariffa integrata che soddisfi le modalità d'uso del trasporto genovese, anche in funzione del dato proveniente dall'estensione della ricerca alla totalità del bacino metropolitano.

16


2.1.4 TARIFFE INTEGRATE, SOVRAREGIONALI E AGENZIA TPL

TARIFFE INTEGRATE - In un documento presentato da Furio Truzzi (presidente nazionale Assoutenti) e Stefano Salvetti (presidente regionale Adiconsum) in Consiglio Comunale a Genova, una serie di proposte per le tariffe integrate tra gomma e ferro, partendo da alcune premesse. Le tariffe integrate non dipendono solo dai ricavi ma dai costi. Nel contempo i reiterati "inviti" a AMT e Trenitalia affinché trovino un accordo lungi da essere serviti eludono il vero problema rappresentato dalla mancanza di un accordo tra Comune di Genova e Regione Liguria su quali servizi minimi ferroviari nell'area urbana garantire a contratto e quali riconoscere con ulteriori addendum. Infine l'approssimarsi dell'entrata in vigore dell'area metropolitana, lo stato di attuazione della legge regionale sul TPL con la nascita dell'Agenzia dei Trasporti, la scadenza del contratto di servizio con Trenitalia, la situazione di ATP confermano la necessità di dotarsi al più presto di una forte integrazione modale, oraria e tariffaria per tutta l'area metropolitana.

L'importo in discussione per l'integrazione tariffaria è di circa 1 milione di euro circa lo 0,4% dei contratti di servizio di entrambe le aziende complessivamente vicini ai 300 milioni. La tariffa integrata interessa 7 soggetti (Regione, Comune, Trenitalia, AMT, ATP, Cittadini Utenti e Lavoratori delle due aziende nella loro veste di contribuenti, erogatori e e utilizzatori del servizio). I relativi costi andranno pro-quota imputati al nuovo contratto di servizio con Trenitalia e agli addendum a carico del Comune e della Provincia di Genova. Questi ultimi potranno essere finanziati con un percentuale dei ricavi tariffari, con una corrispondente riduzione di costi aziendali liberando risorse in capo al fondo regionale dei trasporti o ricorrendo alla leva fiscale e tributaria.

TARIFFE REGIONALI - Nel 2014 e durante i primi mesi del 2015, l'attività di Assoutenti Liguria nel settore trasporti è stata molto intensa anche se si è sviluppata perlopiù sottotraccia e tutti i risultati saranno pienamente visibili e concretizzati nel corso dell'anno. Tre sono stati i filoni intrapresi:

Costituzione di una rete territoriale integrata di Comitati Pendolari di linea e di rappresentanti dell'utenza di territorio con il fine di disegnare un panel aggiornato delle esigenze di mobilità regionale e sovraregionale integrata ferro-gomma dei cittadini liguri.

Analisi dei bilanci delle aziende di tpl su gomma e dei relativi piani di esercizio con evidenziandone dei buchi di servizio e delle sovrapposizioni con l'offerta ferroviaria.

Tutela dei diritti dell'utenza attraverso campagne mirate sulle distorsioni tariffarie presenti, su ritardi e cancellazioni, sulla sicurezza sui treni rispetto a furti o molestie, su revisione orari e tracce dei treni.

Riguardo a questo ultimo punto, ovvero alla tutela dei diritti degli utenti, insieme ai comitati pendolari federati, abbiamo condotto due importanti campagne: 17


Revisione del meccanismo di calcolo delle tariffe sovraregionali. Fino ad oggi queste tariffe, utilizzate da migliaia di abbonati ferroviari e da numerosi utenti liguri per i viaggi in Piemonte, Lombardia e altre regioni limitrofe, presentavano un meccanismo di calcolo estremamente distorsivo che portava ad essere queste tariffe maggiori anche del 30% alle tariffe regionali di riferimento.

Attraverso un lungo tavolo di mediazione con Trenitalia a Roma, Assoutenti è riuscita ad ottenere un primo risultato: il riconoscimento da parte dell'impresa ferroviaria del sistema errato di calcolo e la disponibilità a trovare da subito meccanismi riparatori. Questa vicenda si concluderà nei prossimi mesi con l'accettazione da parte delle Regioni (titolari delle tariffe) della mitigazione delle stesse.

Revisione di tracce orarie di treni fondamentali per il pendolarismo. Per questa tematica, bypassando la ,mediazione con l'Assessorato ai Trasporti della Regione, si è rivelata fondamentale la collaborazione instaurata sia con la DPR Liguria di Trenitalia, sia con la Direzione Long Haul.

AGENZIA REGIONALE TPL- Assoutenti Liguria, GenovaMilanoNewsletter e i Comitati pendolari liguri federati in Assoutenti, hanno accolto con soddisfazione la costituzione dell’Agenzia Regionale del trasporto pubblico ligure, nata dopo una travagliata gestazione tra le mille resistenze e i mille distinguo delle Province, dei Comuni, di molti Consiglieri regionali e dei consigli di amministrazione delle 5 Aziende liguri di tpl su gomma. Pendolari e utenti, hanno ribadito che la priorità per i cittadini liguri è quella di avere nel minor tempo possibile una reale programmazione del servizio e una piena integrazione (modale e tariffaria) di tutte le tipologie di trasporto pubblico presenti in Liguria (treni, metro, bus extraurbani, bus e filobus metropolitani, bus e filobus urbani, battelli). Per questo motivo le associazioni hanno racchiuso in 10 punti le proposte per un servizio più efficiente e più vicino ai bisogni degli utenti: 1. Necessità di assicurare l'effettuazione della gara unica ferro-gomma e l'aggiudicazione del vincitore entro il 31.12.2015 e di conseguenza prorogare di un anno il contratto di servizio fra Regione Liguria e Trenitalia per il trasporto ferroviario in scadenza al 31.12.2014. 2. Necessità dell’avvio immediato di un profondo risanamento finanziario e di una riorganizzazione industriale delle 5 aziende di tpl su gomma, indispensabile affinché esse possano garantire i servizi fino al 31.12.2015. 3. Necessità della presenza di almeno un rappresentante dell’utenza di tpl su gomma e di almeno un rappresentante dei comitati pendolari liguri nel Consiglio di Amministrazione dell’Agenzia. 4. Avvio immediato di una ricerca che riguardi tutta l’attuale offerta di tpl erogata da Trenitalia e dalle 5 Aziende di tpl su gomma, finalizzata al miglioramento complessivo del servizio erogato in termini di capillarità territoriale, di copertura oraria e di soddisfazione della domanda, attraverso l’eliminazione di sovrapposizioni di differenti servizi su medesime direttrici come oggi avviene. 5. Generalizzazione immediata di tariffazione integrata su tutte le tipologie di tpl. 6. L'Assegnazione dell’IVA recuperata va destinata al miglioramento qualitativo e quantitativo del servizio. 18


7. Effettuare il rinnovo del materiale rotabile ferroviario e del parco bus programmando gli acquisti. 8. Implementazione di un sistema di controllo della qualità erogata dalle Aziende e di un contestuale sistema di penali e di bonus automaticamente erogati agli abbonati del servizio. 9. Finanziamenti agevolati all’acquisto di abbonamenti annuali usufruibili entro il 1 dicembre 2014. 10. Avvio di tavoli sovraregionali con Lombardia, Piemonte, Toscana ed Emilia Romagna e di tavoli transnazionali con la regione PACA finalizzati al miglioramento del servizio pendolare e turistico sovraregionale e sovranazionale.

2.2 L'IMPEGNO PER LA MOBILITÀ PRIVATA Nel 2014 Assoutenti ha portato avanti battaglie per la mobilità privata, ponendosi a difesa dei cittadini vessati da norme sempre più complicate e balzelli assicurativi e tributari sempre più frequenti. Due sono stati gli obiettivi delle campagne portate avanti con forza e manifestazioni di piazza da Assoutenti: i diritti dell'assicurato a polizze trasparenti e meno costose e la libertà di scelta del danneggiato dove farsi curare e dove farsi ripararare il proprio veicolo. Due obiettivi legittimati dalla grande vittoria a livello nazionale con lo stralcio dell'articolo 8 del decreto legge 23/12/2013 num. 145, l'articolo che impediva la libertà di scelta da parte degli automobilisti.

2.2.1 IL CASO RC AUTO Il 10 gennaio 2014 Assoutenti insieme alla Casa del Consumatore ha invitato tutti i titolari di polizze RC auto a una mobilitazione straordinaria per impedire la conversione in legge dell'art. 8 del decreto “Destinazione Italia” nelle parti in cui si impedisce la libertà di scelta agli automobilisti. Ha invitato i cittadini consumatori e utenti a inviare al parlamentare del proprio territorio un appello e chiedetegli di votare NO all'art. 8 e inviare a centromessaggi@governo.it e segreteria.ministro@mise.gov.it il seguente messaggio “LETTA, ZANONATO CAMBIATE 19


DESTINAZIONE: TUTELATE I CONSUMATORI NON IL MONOPOLIO E I PRIVILEGI DELLE ASSICURAZIONI!” Non si può barattare l'obbligo per le compagnie di stipulare la polizza (prima si potevano rifiutare) con l'obbligo per il danneggiato di portare il veicolo incidentato dalla carrozzeria della assicurazione. E' arrivato invece il momento di contrastare con forza il disegno controriformatore iniziato nel 2007 con l'introduzione dell'indennizzo diretto che, presentato come un formidabile strumento per ridurre i costi delle polizze, ha in realtà ottenuto il risultato opposto: •

contribuendo alla crescita esponenziale delle tariffe RC auto tra le più care d'Europa,

limitando la concorrenza nel settore,

aumentando la “fuga” degli automobilisti (18%) dalla assicurazione obbligatoria,

favorendo l'espansione di un sistema criminale come le cronache giudiziarie sul caso Ligresti-Fonsai-Unipol dimostrano, altro che frodi tra clienti e carrozzieri e fatture gonfiate!

Il sistema assicurativo nel nostro paese va profondamente riformato in particolare quello legato alla assicurazione obbligatoria del veicolo. Siamo arrivati a livelli di concentrazione monopolistica enorme, 3 compagnie controllano oltre il 70% del mercato, si limita quando non si impedisce l'accesso alle assicurazioni straniere, si vuole controllare interamente la filera del danno assumendo a libro paga periti, medici e carrozzieri.

Assoutenti ha deciso di partecipare a tutte quelle iniziative che si pongono l'obbiettivo di contrastare il decreto nelle parti liberticide RC auto, in particolare ha aderito alla convention di Bologna dell'11 gennaio 2014 insieme alre associazioni dei consumatori, Federcarrozzieri, Associazione Famigliari Vittime della strada, Organismo Unitari oAvvocatura, Patrocinatori E Medici Legali e alle altre associazioni indipendenti del settore oltre che alla manifestazione nazionale di Roma del 15 febbraio promossa da CNA, CASA e Confartigianato.

2.2.2 CONSUMATORI, CARROZZIERI & LIBERTÀ DI SCELTA Oltre mille partecipanti provenienti da tutta Italia si sono riuniti a Genova il 15 febbraio 2014 alla manifestazione nazionale dei carrozzieri e dei consumatori. Manifestazione conclusasi al teatro Politeama Genovese con la seguente mozione approvata all'unanimità:

L'assemblea di Genova dei carrozzieri, dei consumatori e dei tecnici RC auto chiede al Presidente del Consiglio incaricato e al nuovo Governo di ritirare il ddl RC auto e dà mandato alle 20


associazioni promotrici di presentare una proposta di riforma, che partendo dalla Carta di Bologna dell'11 gennaio 2014, abolisca l'indennizzo diretto, favorisca una reale concorrenza tra compagnie assicuratrici, tuteli la libertà di impresa, i diritti degli assicurati e delle vittime della strada, promuova una effettiva riduzione dei costi RC auto.

La mozione è stata proposta dalle associazioni promotrici della manifestazione: Federcarrozzieri Carrozzieri della Provincia di Genova – Assoutenti.

La manifestazione nazionale di genova diventa il punto unitario di incontro con i parlamentari per una vera riforma del settore a partire dallopposizione all'art 8 del decreto "Destinazione Italia" e das suo stralcio ottenuto grazie a diversi veri politici: in ordine alfabetico (per cognome): Antonio Boccuzzi (Pd), Andrea Colletti (M5S), Marco Di Stefano (Pd), Daniele Pesco (M5S), Paolo Russo (FI-PDL), Franco Vazio (Pd). Una batosta per chi aveva spinto a più non posso per quell’articolo 8: in particolare, il ministro dello Sviluppo economico Andrea Zanonato, e ancora di più la senatrice Simona Vicari, sottosegretario a quel ministero. Una sconfitta per le lobby delle Assicurazioni, e una vittoria per le sigle della Carta di Bologna: Associazione fra Carrozzieri della Provincia di Genova, Federcarrozzieri, Associazione familiari vittime della strada, Sindacato italiano specialisti in medicina legale e delle assicurazioni, Assoutenti, Comitato unitario patrocinatori stragiudiziali italiani, Organismo unitario dell’avvocatura, Unione avvocati responsabilità civile e assicurativa, Associazione culturale Mo Bast!, Associazione Valore uomo e Sportello dei diritti.

21


2.3 ALIMENTAZIONE, SALUTE E FARMACI Nel 2014 Assoutenti ha garantito il suo impegno a sostegno dei consumatori anche nel campo della salute, con iniziative e convegni per sensibilizzare cittadini e istituzioni su molti temi. In primis il tema delle cure con alcune raccomandazioni per evitare truffe ad esempio con i farmaci online, preferendo quindi sempre un'interfaccia reale. Poi l'impegno forte e costante per una corretta alimentazione e informazione su cosa mangiamo.

2.3.1 FARMACI ON LINE L'offerta di farmaci on-line è un fenomeno conosciuto da tutti coloro che dispongono di una casella di posta elettronica: sono innumerevoli gli spam che ogni giorno invitano all'acquisto via web di medicinali ben noti per trattare i disturbi più disparati, da quelli più lievi (emicrania, mal di pancia..) a quelli più seri (depressione, impotenza..), ma anche per eliminare la calvizie, per dimagrire, migliorare le prestazioni sportive e, recentemente, persino per combattere l'influenza suina. Cosa ancora più grave, vi sono siti che propongono "medicinali", o prodotti "naturali", per curare malattie gravi, persino i tumori. Ma è lecito vendere e acquistare farmaci online? La situazione in realtà, alla luce della differente legislazione vigente negli Stati Ue è, abbastanza controversa. In Italia è possibile vendere e acquistare online i c.d. "farmaci da banco", muniti del "bollino di qualità", grazie al recente provvedimento approvato il 14 febbraio scorso dal Consiglio dei Ministri, in attuazione della direttiva europea tesa ad impedire l'ingresso di farmaci falsificati nella catena di distribuzione. È vietato, invece, vendere e acquistare farmaci che necessitano di prescrizione medica. Comprare farmaci online può essere una forte tentazione perché si evita di andare in farmacia o fare la fila dal medico per avere la ricetta, perché si pensa di spendere meno, perché non si deve provare imbarazzo nel richiedere certi prodotti. Ma, trattandosi di rimedi che possono interferire sulla nostra salute è bene conoscere i rischi cui ci si espone acquistandoli attraverso internet: medicine contraffatte e truffe online i più comuni. Meglio rivolgersi al proprio medico o al proprio farmacista per affrontare correttamente i propri disturbi e, se necessario, per avere la prescrizione di un farmaco. Essi ci offrono tutte le garanzie di sicurezza per quanto riguarda l'origine e la buona fabbricazione dei prodotti farmaceutici e poi sappiamo chi sono, in internet le più volte no.

22


2.3.2 IMPORT TOLLERANCES Le procedure richieste dalle aziende (multinazionali, industria alimentare, ecc.), cosiddette "import tolerances" consistono nell'innalzamento dei limiti massimi di residuo su derrate alimentari per consentirne l'importazione da Paesi extraeuropei dove vengono utilizzate sostanze attive non autorizzate in Europa o con modalità di applicazione incompatibili con i limiti comunitari. Tipicamente in passato queste procedure riguardavano derrate esotiche (banane, mango, ananas ecc.). Oggi assistiamo all'ampliamento dei prodotti che comprendono anche le parti degli animali come: il muscolo, il grasso, il fegato, il rene e le frattaglie dei bovini, degli ovini, dei caprini, degli equini e di altri animali allevati, compresi i polli, i rettili e gli anfibi. Il miele, la frutta, le erbe aromatiche, le alghe, le patate, i pomodori, le zucchine, le lattughe e centinaia di altre derrate alimentari. Si fa notare che sui regolamenti sopra esposti per alcuni prodotti chimici mancano alcune informazioni relative alle sperimentazioni sui residui. L'autorità europea per la sicurezza alimentare dà tempo (dal 20 gennaio 2014) fino al 13 luglio 2015 per la presentazione delle stesse. Dal punto di vista del principio di cautela, che sicurezza si può garantire ai consumatori se la verifica viene svolta dopo un anno e mezzo ? Per il bene comune è importante che gli standard qualitativi che si sono raggiunti migliorino e non siano subordinati alle logiche commerciali del libero mercato. L'autorità europea per la sicurezza alimentare solo a gennaio 2014 ha pubblicato ben quattro nuovi provvedimenti che riguardano ben 21 principi attivi. 1)Regolamento UE n°51/2014 del 20 gennaio, che riguarda i livelli massimi di residui di antiparassitari nei o sui prodotti alimentari e mangimi di origine vegetale e animale di: dimetomorf, indoxacarb e piraclostrobin. 2)Regolamento UE n°36/2014 del 16 gennaio 2014 che riguarda i livelli massimi di residui di antiparassitari nei o sui prodotti alimentari e mangimi di origine vegetale e animale di: aminopiralid, clorantraniliprolo, ciflufenamid, mepiquat, metalaxil-M, propamocarb, pyriofenone e quinoxifen. 3)Regolamento UE n°61/2014 del 24 gennaio 2014 che riguarda i livelli massimi di residui di antiparassitari nei o sui prodotti alimentari e mangimi di origine vegetale e animale di: ciromazina, fenpropidin, formetanato, oxamil e tebuconazolo. 4)Regolamento UE n°79/2014 del 29 gennaio 2014 che riguarda i livelli massimi di residui di antiparassitari nei o sui prodotti alimentari e mangimi di origine vegetale e animale di: bifenazato, clorprofam, esfenvalerato, fludioxonil e tiobencarb.

23


2.3.3 ETICHETTA PIANESIANA Anche i consumatori più esigenti si debbono arrendere difronte a etichette che non ti dicono se in quel prodotto e in che quantità ci sono sostanze chimiche pericolose all'organismo. L'esempio più eclatante è quello dell'olio che recita il suo grado di acidità, la sua verginità, la sua origine ma tace sui residui metallosi derivanti dall'impiego di pesticidi. potremmo avere un olio extravergine dop con grado di acidità pressochè vicino allo zero e poi accorgersi da una analisi chimica che è "ricco" di arsenico, cadmio, piombo, mercurio, tutti metalli pericolosissimi per la salute. Chi ci dovrebbe tutelare al riguardo è in primo luogo l'EFSA l'agenzia europea per la sicurezza alimentare che ha sede a Parma. Per quanto questa istituzione abbia fatto notevoli interventi in materia siamo ancora lontani dal poter mettere sulla tavola cibi sicuri. Infatti le normative e i dispositivi individuati "pendono" più a favore degli aspetti commerciali che della protezione della salute. Così i controlli si fanno a campione (molto, ma molto radi), si lavora su presunte stime di dosi giornaliere o settimanali di sostanze dannose ammesse, su revisioni delle import tollerance (i livelli di sostanze chimiche ammesse nei prodotti extra Ue) al ribasso, su etichette che non dicono nulla. Il caso più eclatante riguarda le bevande alcoliche (l'alcol che noi beviamo con vino, birra e liquori) che sono state inserite nel gruppo 1 (sicuramente cangerogene per l'organismo umano) dall'OMS nel 2010 e dopo 4 anni non recano nessun warning per la salute e nemmeno forniscono informazioni sul quantitativo di acetaldeide, la molecola base dell'etanolo, che contengono. In questo desolante contesto piccole luci si sono accese a fare chiarezza su cosa mangiamo. Una delle più importanti è quella della etichetta trasparente pianesiana, nome molto difficile da pronunciare che deriva dal suo inventore mario pianesi fondatore dell'associazione onlus "UPM - un punto macrobiotico". Un mondo tutto da scoprire su come etichettare gli alimenti, e la cosa più bella prevista dalla super etichetta è quella che "obbliga" i produttori a dichiarare i trattamenti: da quelli semplici (la poltiglia bordolese) a quelli più aggressivi (diserbanti chimici). Le notizie interessanti non si fermano qui, come molti sanno, ma non tutti, l'alimentazione macrobiotica è sicuramente uno stile di vita ma è anche e soprattutto un corretto rapporto con il cibo. I consumatori devono alzare il tiro su questo tema, riprendere con maggior vigore le battaglie per un mangiare sano, fare da cassa di risonanza su un tema così importante per la qualità della vita, incalzare la politica perchè rompa gli indugi e protegga di più la salute dei cittadini a partire dalla qualità del cibo.

24


2.3.4 I CONVEGNI SULL'ALIMENTAZIONE

Tra le iniziative messe in atto da Assoutenti nel 2014 per una corretta informazione sull'alimentazione, due sono quelle che hanno avuto un riscontro maggiore. La prima si è svolta a Genova il 27 giugno presso la Camera di Commercio di via Garibaldi. “Etichetta trasparente pianesiana” il titolo del convegno che ha visto tra gli ospiti istituzionali la presenza di Paolo Odone, Marco Doria, Renata Briano e Giovanni Vesco. Presenze di alto profilo anche tra gli invitati sul tema; Andrea Pepi, Furio Truzzi, Franco Macchiavello, Renzo Morolla, Germano Gadina, Lucia Mancini.

“Conosci ciò che mangi?” è stato invece il titolo di un convegno organizzato da Assoutenti ad Albenga, lo scorso 22 novembre. All'incontro, svoltosi presso la Cooperativa “L'ortofrutticola di Albenga”, hanno partecipato numerose persone. Dal sindaco Giorgio Cangiano al presidente nazionale di Assoutenti, Gian Luigi Taboga. Dalla rappresentanza di Coldiretti agli specialisti in controllo e garanzia della filiera, Luca Medini, Franco Macchiavello e Armando Galanti. E poi ancora Marco Facollo, Davide Michelini, Maria Laura Ragazzi, Marcello Storace, Giovanni Barbagallo e Donatella Albano.

25


2.4 SICUREZZA E TERRITORIO Il 2014 è stato un anno tristemente noto in Liguria per le alluvioni che hanno martoriato la regione tra ottobre e novembre. Assoutenti ha svolto un ruolo importante fin dai momenti subito successivi alla tragedia, con iniziative concrete come i ticket-lunch offerti agli “Angeli del fango”. Alluvione però significa, anche, molta confusione e alti rischi di incappare in qualche fregatura per i cittadini soli e poco informati. Rischi scongiurati da Assoutenti che si è fatta garante per i diritti degli alluvionati, iniziando battaglie subito dopo l'alluvione e continuando nel 2015. Il 2014, però è stato anche l'anno della grande vittoria di Assoutenti per le microcariche in porto. Una problematica che ha riguardato molti cittadini del centro storico a seguito delle esplosioni avvenute nel 2012 nello specchio acquo del porto di genova e che hanno provocato migliaia di microlesioni e nelle abitazioni circostanti e che si è conclusa con un risultato positivo per il risarcimento dei danni subiti.

2.4.1 MICROCARICHE IN PORTO Si è conclusa venerdì 1 agosto l'ultima seduta estiva del tavolo di conciliazione ospitato presso l'Autorità Portuale tra Assoutenti in rappresentanza delle famiglie e dei condomini danneggiati e la società Tecnis in rappresentanza del consorzio di imprese a cui era stata affidata l'attività di sbancamento in zona calata Bettolo. In virtù del protocollo sottoscritto tra Autorità Portuale, Assoutenti, Tecnis e Assest e Comitati del centro storico nel novembre 2012 sono stati esaminate nel periodo febbraio 2013 giugno 2014 circa 500 richieste e ammesse alla conciliazione 176 pratiche dopo i sopralluoghi dell'Autorità Portuale presso ogni richedente. Al 31 luglio 2014 167 le conciliazioni sottoscritte 3 in attesa di valutazione e 6 in attesa di esame che avverrà ai primi di settembre. 289.857 euro la somma degli importi conciliati di cui circa 200.000 già liquidati. 30.000 euro circa l'importo delle conciliazioni ancora aperte. L'importante risultato è frutto di una lavoro congiunto tra AP, Assoutenti, Associazioni dei residenti e Imprese che ha visto protagonisti l'Ing. Fabio Bellaera per Tecnis, la dott.ssa Rosanna Stifano, l'avv. Monica Russo e il presidente Maurizio ilari per Assoutenti Genova, l'arch. Stefano Galati e l'ing. Bruno Ballerini quali professionisti comunemente individuati per le perizie e i tecnici dell'Autorità Portuale Ing. Erica Torre e il direttore l'ing Andrea Pieracci. Una procedura importante e significativa - dichiarano il presidente dell'Autorità Lugi Merlo e il Presidente Nazionale di Assoutenti Furio Truzzi - esempio unico in italia di conciliazione paritetica tra associazioni dei consumatori e imprese per danni causati da attività industriale.

(il presidente Truzzi insieme ai cittadini e a “Capitan Ventosa”) 26


2.4.2 L'ALLUVIONE L'impegno di Assoutenti per l'alluvione che ha colpito Genova la notte del 9 ottobre 2014 è stato tempestivo, concreto e articolato in tre momenti differenti e complementari. LA SOLIDARIETA' - Molti angeli del fango in questi primi giorni del dopo alluvione hanno spalato senza ricevere acqua o pasti caldi, salvo la generosità di qualche barista, panettiere,ristoratore o degli stessi negozianti alluvionati, agli angeli si aggiungono famiglie in difficoltà che hanno perso tutto. al motto di #alluvionatinonrassegnati Assoutenti ha deciso di fare una sottoscrizione tra i propri soci e acquistare buoni pasto con il denaro raccolto per il valore di 3.250 euro. I buoni pasto sono stati consegnati ai 4 municipi più colpiti: Media e Bassa Valbisagno, Medio Levante, Centro Est. Inoltre Assoutenti ha chiesto alla Grande Distribuzione di fornire gratutitamente acqua e generi alimentari ai volontari, tra le prime adesioni CONAD di Marassi che consegnerà il quantitativo a don Valentino Porcile. L’operazione solidarietà di Assoutenti è proseguita donando 630 euro alla Onlus “Meglio Insieme” senza più sede dopo il crollo del chiostro della Certosa.

27


LA PROPOSTA - Per quanto attiene le stime sull'entità dei danni, da una prima analisi dell'Istituto Ligure del Consumo, si prospetta la cifra di 1 miliardo di euro (400 milioni per opere pubbliche, 350 milioni per le imprese e 250 milioni per le famiglie). Le associazioni consumatori genovesi rivolgono un accorato appello al presidente del consiglio Matteo Renzi affinché garantisca i risarcimenti oltre che per le imprese e le opere pubbliche anche per i cittadini consumatori e utenti spesso lasciati soli a fronteggiare l'emergenza e le spese per i danni subiti. Il pesantissimo disastro causato dalle alluvioni di Genova, Parma e Grosseto, richiede una decisa presa di posizione a tutela delle famiglie coinvolte lasciate fuori da qualsiasi forma di risarcimento o provvedimento per i danni subiti tranne parziali sospensioni nel pagamento di tasse e tributi. Per tali ragioni chiediamo che vengano addottate le prime seguenti misure urgenti per gli alluvionati: 1) moratoria nel pagamento di tase e tributi per 1 anno dall'evento 2) abolizione del pagamento dei passaggi di proprietà e delle tasse di possesso di veicoli 3) abolizione dell'IVA sull'acquisto di veicoli in sostituzione di quelli rottamati e degli interventi di ristrutturazione di abitazion 4) contributi a fondo perduto pari all'80% del danno patito LA PROTESTA - Dopo le proposte Assoutenti insieme alle altre associazioni di consumatori ha organizzato una grande manifestazione unitaria con le organizzazioni dei commercianti, dei piccoli proprietari e degli amministratori condominiali. Giovedì 16 ottobre centinaia di persone che hanno subito danni dall'alluvione, nel 2014 come nel 2011 si sono ritrovate in piazza De Ferrari, sotto la sede della Regione Liguria dietro allo striscione: “Alluvionati non rassegnati”. Scopo della manifestazione è stato discutere con le istituzioni regionali delle proposte formulate da partendo dalla richiesta di un comitato di sorveglianza e gestione per il risarcimento. Una delegazione di una ventina di rappresentanti guidati da Furio Truzzi, presidente dell'associazione, ha incontrato l'assessore regionale allo Sviluppo Economico Renzo Guccinelli. Infine sollecitati dai cittadini, dalle imprese e dai condomini danneggiati dall'evento alluvionale le associazioni genovesi dei consumatori, dei commercianti, degli amministratori condominiali e dei piccoli proprietari assoutenti, adiconsum, adoc, ascom, anaci, uppi aperte a ogni altra adesione e con la collaborazione dello studio conte&giacomini avvocati hanno costituito un pool di legali e professionisti (metereologi, geologi, medici, ingegneri, architetti e geometri) per attivare immediatamente una richiesta di risarcimento per i danni subiti alle istituzioni e agli enti che avrebbero dovuto allertare e assicurare adeguata protezione dai terribili eventi di questi giorni e di queste ore.

28


2.5 TASSE, TRIBUTI E UTENZE

Nel 2014 Assoutenti ha confermato, e potenziato, il suo impegno al fianco dei cittadini e dei consumatori nella difesa dalle tasse ingiuste e a volte ingiustificate. Tante le battaglie portate avanti da gennaio a dicembre abbracciando diversi settori, con iniziative, proposte, convegni e manifestazioni.

2.5.1 BASTA COSTI DI DISATTIVAZIONE Il 3 febbraio 2014 Assoutenti e Casa del Consumatore hanno promosso l'iniziativa "Basta costi di disattivazione!", invitando tutti i cittadini a partecipare alla raccolta nazionale di firme per l’introduzione, nella prossima legge sulla concorrenza, del DIVIETO ASSOLUTO per tutti gli operatori telefonici di addebitare ai clienti qualunque somma a qualunque titolo in caso di chiusura del contratto. La concorrenza in un mercato davvero libero si realizza solo se non ci sono barriere per i consumatori nel passaggio da un operatore all’altro: nel mercato dell’elettricità e del gas chiunque può cambiare fornitore senza dover pagare nulla. Nella telefonia siamo invece ancora schiavi dei cosiddetti “costi di disattivazione”, un odioso ed anacronistico balzello che le compagnie telefoniche regolarmente addebitano ai clienti che perdono. Si tratta di un costo ingiustificato e non più tollerabile dalle famiglie e imprese italiane, che di fatto frena il passaggio da un operatore all’altro, perché questi presunti (e mai documentati) “costi” sono talmente elevati (in molti casi superano addirittura i cento euro) da rendere svantaggioso il cambio di operatore telefonico, anche se fa prezzi migliori.

29


2.5.2 LE GIORNATE DEL CONSUMATORE INFORMATO ALLA SPEZIA Nel 2014 Assoutenti è stata promotrice di due “giornate del consumatore informato”, alla Spezia. Il 1° luglio, le associazioni dei consumatori hanno incontrato i cittadini della Spezia, offrendo aiuto agli utenti alle prese con problemi legati alle forniture di luce e gas. A questa “Giornata del consumatore informato”, hanno partecipato anche gli operatori del progetto “Energia: Diritti a Viva Voce”, diffondendo materiale informativo e fornendo consulenze ai cittadini su conguagli, errori di fatturazione, consumi non effettuati, contratti non richiesti, truffe, ecc. Lo scopo dell’iniziativa è stato fornire ai cittadini un’adeguata conoscenza dei propri diritti in materia di energia e aiutarli a risolvere problemi con le utenze di luce e gas, dandogli efficaci strumenti di difesa.

Il 21 ottobre si è replicato lo stesso evento della “giornata del consumatore informato” alla Spezia. Evento sempre organizzato in collaborazione con gli operatori di “Energia: Diritti a Viva Voce”, il progetto che offre ai cittadini attraverso 31 sportelli sul territorio nazionale e un servizio di numero verde (800 821212) informazioni e assistenza per orientarli nella giungla delle tariffe energetiche e difendersi da scorrettezze, errori, truffe e raggiri di ogni tipo. Ad oggi l’iniziativa ha registrato a livello nazionale oltre 100 mila contatti. Il sito Internet dedicato al progetto ha avuto 70 mila visitatori. I contatti registrati dagli sportelli e dal numero verde sono stati oltre 33 mila di cui oltre 1600 allo sportello della Spezia. La tipologia del consumatore è domestico, le principali problematiche trattate riguardano fatturazione, conguagli, rateizzazioni, doppia fatturazione, morosità, trasparenza bolletta, distacchi, consumi anomali rispetto alla media, ricostruzione dei consumi, malfunzionamento del contatore.

30


2.5.3 DEPURATORI NON IN REGOLA NEL SAVONESE «E’ insostenibile la situazione che riguarda il contributo degli utenti delle seconde case, che pur usufruendo del servizio di depurazione, contribuiscono in modo irrisorio alla gestione del costo. Essendo il contributo proporzionale al consumo dell’acqua i costi ricadono pesantemente su i residenti, mentre il servizio non può che essere mirato a garantire la depurazione nei momenti di maggiore affluenza turistica». La denuncia è di Assoutenti che interviene nella polemica di questi giorni sul futuro della depurazione nel Ponente Savonese. Mentre si avvicina inesorabilmente la data di scadenza posta dall’Unione Europea per l’adeguamento delle strutture di depurazione delle acque reflue secondo le norme vigenti, con pene gravose per gli inosservanti, nel Ponente, e non solo, continua «il palleggio sulle responsabilità senza addivenire ad una conclusione soddisfacente». Dicono Maria Laura Ragazzi e Gian Luigi Taboga (Assoutenti): «Come i capponi di manzoniana memoria, gli amministratori locali s’azzuffano tra di loro oppure si pongono in una posizione d’attesa ed inerzia alla don Abbondio, aspettando che siano altri a risolvere guai che incombono sul futuro di tutti, loro compresi. I decenni che sono inutilmente trascorsi non hanno portato a soluzioni indispensabili, quali il gestore unico per acquedotto e depurazione, la depurazione nel territorio dell’estremo Ponente, l’adeguato utilizzo degli oneri versati dagli utenti dell’ordine di milioni di euro, il contenzioso con il gestore privato dell’Albenganese, la difformità delle tariffe idriche che penalizzano o privilegiano interi comuni, anomalie di gestione dove cittadini dello stesso Comune sono utenti in parte del servizio pubblico ed in parte del privato, come a Laigueglia e a Finale Ligure o a Verzi di Loano dove esiste un Consorzio gestito dagli stessi utenti con vantaggi che contrastano con le salate tariffe pagate dagli altri loanesi». Aggiungono: «Altro fenomeno macroscopico è quello di Comuni come Borghetto, dove migliaia di appartamenti sono privi di contatore privato ed il consumo dell’acqua è calcolato per i millesimi dei singoli proprietari. Il tutto nonostante le norme in vigore stabiliscano altro. Le anomalie continuano con Comuni dove la bollettazione è trimestrale per altri semestrale, annuale, ed in alcuni casi in ritardo di anni. Non si conosce esattamente a quanto ammontano le perdite degli acquedotti che sono stimate molto alte data la vetustà delle condotte specialmente in alcune realtà locali. Salvo che per alcuni Comuni, la maggior parte dei gestori non è in regola con le carte dei servizi e i regolamenti non sono adeguati alle recenti disposizioni dell’Autorità Garante. Le riunioni in Provincia per il momento non ci risulta abbiano avuto effetto risolutivo, ci auguriamo che il buon senso prevalga. Il commissariamento potrebbe diventare inevitabile».

31


2.5.4 COSTO DEI LIBRI SCOLASTICI E TASSE Che si sia più o meno d’accordo nel definirla stangata, fatto sta che l’autunno 2014 ha gravato pesantemente sul bilancio delle famiglie. Solo di libri di testo e materiale scolastico si stima che a settembre le famiglie con figli iscritti alle superiori di primo e secondo grado sborseranno una media di 900 euro a figlio. «I libri di testo ed il materiale didattico sono quelli che più incidono sulle spese delle famiglie - dice Gianluigi Taboga di Assoutenti - e sono molti i genitori che hanno segnalato la sostituzione dei libri di testo con conseguente difficoltà a riutilizzarli per altri figli o a trovarne nel mercato dell’usato. Decisioni prese dai docenti e presentate ai genitori a cose fatte. Se a queste spese aggiungiamo quelle per il trasporto che molti studenti, soprattutto quelli delle superiori devono affrontare per andare a scuola, i conti sono presto fatti. Costituzionalmente l’istruzione dovrebbe essere garantita a tutti, ma i fatti smentiscono quanto stabilito dalla Carta». Tra le scadenze dell’autunno poi il pagamento delle imposte locali. La più vicina è la Tari il 16 settembre, sia per chi ha deciso di pagare in un’unica rata o in tre rate (luglio, settembre e novembre). La situazione non migliorerà quando, il 16 novembre si pagherà l’ultima rata della Tari e qualcuno teme già che una parte della tredicesima andrà a coprire la seconda quota della Tasi e dell’Imu (16 dicembre). Fino ad ora con le prime rate delle tariffe locali il comune di Savona ha incassato circa 15 milioni di euro: 2milioni 800mila euro di Tari (rata di luglio); 2 milioni e mezzo di Tasi (rata di giugno) e 10 milioni di Imu (acconto di giugno). «Volendo essere ottimisti - dice Andrea Mandraccia di Cgil - per l’Imu le tariffe sono molto vicine a quelle dell’Imu del 2011 del decreto «salva Italia» di Monti. Parlando di tariffe locali tout court negli ultimi anni ci sono stati aumenti anche del 5-6%. Se parliamo di Tasi siamo sulla media di 230 euro e per la seconda rata Tari di 156 euro». Prendendo ad esempio una famiglia di tre persone che vivono in un appartamento di 100metri quadrati, solo di Tari verrà versata una soma di 321 euro. Considerando le altre tariffe locali e le spese per la scuola, supponendo che il terzo membro della famiglia sia al primo anno delle superiori, si arriva a 1500-1600 euro.

32


2.6 LA TUTELA DEL RISPARMIO Assoutenti nel 2014 si è schierata con determinazione in difesa dei consumatori preoccupati sulla sorte dei propri risparmi. L'instabilità e gli scandali della principale banca ligure, Banca Carige, hanno creato timori tra i piccoli azionisti che Assoutenti ha voluto difendere e tutelare in una class action. Nel 2014 l'impegno di Assoutenti al fianco dei piccoli risparmiatori non ha significato solo la class action con Banca Carige a Genova, ma anche impegni nelle altre province, come Savona, a seguito dello studio che ha classifcato la provincia ponentina come la peggiore d'Italia nel rapporto tra stipendi e costo della vita.

2.6.1 LA DIFESA DEI PICCOLI AZIONISTI CARIGE I legali di Assoutenti Liguria a giugno hanno lavorato per la tutela dei correntisti divenuti azionisti, e che ha seguito delle tristi vicende che hanno coinvolto i dirigenti di Banca Carige, hanno rischiato di perdere il loro denaro. Il grido di allarme è pervenuto ad Assoutenti a seguito di telefonate ricevute da parte di alcuni consumatori preoccupati sulla sorte dei propri risparmi. Lo scopo principale di Assoutenti è tutelare, in questo caso, non tanto i piccoli azionisti che normalmente diversificano i loro investimenti in diversi tipi di azioni ma piuttosto quei correntisti che si sono sentiti consigliare di comprare azioni della banca invece di fare altri tipi di investimenti come i Bot. In questa prima fase esplorativa Assoutenti ha raccolto quanti più dati possibili in materia, anche con l'aiuto degli azionisti e potenziali vittime, e valutare attentamente la situazione da un punto di vista legale mentre ha chiesto anche a Camera di Commercio un consiglio monotematico sulla vicenda per verificare in che termini i piccoli imprenditori e artigiani possono essere stati possibili vittime in quanto costretti a ricorrere spesso a finanziamenti da parte delle finanziarie n quanto non tutti venivano trattati allo stesso modo e avevano possibilità di accedere a prestiti con la stessa facilità. Per comprendere meglio la vicenda Carige e l'impegno di Assoutenti a difesa dei piccoli risparmiatori, riportiamo gli interventi del presidente Furio Truzzi e di Stefano Salvetti del 2004, svolti nel contesto dell'annuale assemblea di bilancio della Carige e rimasti inalscoltati per 10 anni, mentre il gruppo dirigente di allora è finito quasi tutto indagato nell'ambito dell'inchiesta sulla banca ligure:

Il Presidente comunica che altra richiesta di intervento è stata presentata dal dottor Furio Truzzi, intervenuto in rappresentanza dell’Azionista Assoutenti Liguria, il quale, avuta la parola, fa presente di essere stato delegato a intervenire sul bilancio da un gruppo di clienti diventati azionisti della loro banca, nella quale hanno da lungo tempo riposto fiducia per la gestione dei propri risparmi, e che fra l’altro fanno parte di quella larga percentuale di risparmiatori che hanno conferito delega alla Banca in relazione all’insinuazione al passivo nella vicenda Parmalat. In particolare fa presente che recenti scandali finanziari hanno messo a nudo una sostanziale impreparazione dell’intero sistema bancario, non ultima la carenza di normative comunitarie nella gestione degli investimenti e dei risparmi, fino a provocare una gravissima crisi di fiducia dei risparmiatori. Il dottor Truzzi rileva che ciò purtroppo riguarda numerosi clienti della CARIGE che, per livello di competenza, propensione al rischio ed età avanzata, avevano delegato alla Banca la gestione del proprio denaro. Non intende certo ipotizzare una volontà di danneggiare la 33


clientela, ma ritiene che la Banca abbia comunque una respon- sabilità sui prodotti che amministra, anche taschevuotequelli acquistati presso terzi. Conseguentemente chiede che venga apportata una variazione del bilancio, inserendo al passivo la posta di € 10 milioni per poter risarcire i clienti della Banca danneggiati dal dissesto finanziario della Parmalat......... Il Presidente ringrazia l’azionista per i suggerimenti dati e comunica che è stata presentata dal Signor Stefano Salvetti, intervenuto in rappresentanza dell’Azionista Assoutenti Liguria, specifica domanda formulata per iscritto che lo stesso ha precisato di non intendere illustrare a voce e che il Presidente legge come segue: "Quanti risparmiatori sono stati coinvolti nei dissesti Argentina, Cirio e Parmat e per quale ammontare ? Quali indicazioni sono state date agli sportelli, con particolare attenzione ai piccoli risparmiatori, nella collocazione dei bond? Sono state emanate circolari interne? La propensione al rischio è stata valutata? L’ex popolo dei Bot come è stato traghettato nel mondo azionario e dei bond?" Alla sopra riportata richiesta del Signor Salvetti risponde, su invito del Presidente, il Direttore Generale Rag. Sanguinetto il quale riafferma che la CARIGE non ha mai emanato direttive interne per favorire l'acquisto da parte della clientela delle obbligazioni in questione, tanto piu che la Banca dalla loro vendita non trae un vantaggio economico quale potrebbe invece conseguire vendendo prodotti finanziari propri.

34


2.6.2 CRISI, STIPENDI – COSTO DELLA VITA A SAVONA «Sono anni che la situazione degrada, a causa della progressiva caduta occupazionale, della chiusura di industrie e alberghi, dell'invecchiamento della popolazione e dell'esodo delle nuove generazioni in cerca di lavoro. Ormai, nella maggior parte dei casi, gli enti pubblici e le amministrazioni locali sono rimasti i maggiori datori di lavoro». A dirlo è l'Assoutenti di Savona, che ha sede a Borghetto, insieme ad altre associazioni dei consumatori, in seguito alla ricerca effettuata dall'Università Bocconi, dall'Istituto Universitario Europeo e dall'Università di Berkeley, secondo la quale la provincia di Savona si pone «all' ultimo posto in Italia nel rapporto stipendiredditi e costo della vita». Dice Gian Luigi Taboga (Assoutenti): «Praticamente risulterebbe che in provincia, dove l' interesse maggiore è quello di garantire vacanze e divertimento ai turisti e seconde case per vacanza, spesso con residenze di comodo, il tenore di vita dei residenti effettivi è sulla soglia della povertà o la ha già abbondantemente superata. A prescindere dalle ricerche universitarie, la situazione, palese anche ai profani di economia, sembra lasciare pressoché indifferenti gli organi competenti e i responsabili dei settori economici, politici e amministrativi». Aggiunge Maria Laura Ragazzi (Assoutenti): «La nostra associazione è testimone che quanto afferma la ricerca ha purtroppo motivi di ampia credibilità, visto il ricorso presso i nostri sportelli per una infinita quantità di casi assimilabili a un degrado economico che sembra inarrestabile. Le conseguenze sono le insolvenze nei settori più diversi: affitti, spese condominiali, rate di mutui, oneri assicurativi, bollette dei servizi essenziali, restrizione spese mediche e dentistiche e svago, anche per pratiche prima usuali come gite scolastiche, iscrizioni a corsi sportivi o a mense scolastiche e campi solari». Commenta Tiziana Massetti (Casa del Consumatore): «La crisi economica nella nostra provincia ha portato famiglie che prima riuscivano a vivacchiare a trovarsi da un momento all' altro in mezzo a una strada. In famiglia, se non c' è almeno un pensionato, è sempre più a rischio la possibilità di pagare l' affitto, e i proprietari, oltre ad aver a che fare con una morosità in crescita, che determina un aumento degli sfratti, spesso debbono rinunciare all' adeguamento Istat o sobbarcarsi essi stessi gli oneri per le spese condominiali». Conclude Marco Perlo (Codacons): «L' economia stenta a ripartire determinando per i cittadini e le famiglie un ridotto potere d' acquisto e il fenomeno oggi si riassume in tre sfruttatissime parole: le nuove povertà. Spesso gli anziani sono obbligati a centellinare gli acquisti rinunciando al necessario, con pasti frugali e con apporti nutritivi sempre più miseri.

35


3. PROGETTI, RICERCHE, INIZIATIVE EDUCATIVE E DI FORMAZIONE Assoutenti nel corso del 2014 ha proseguito la sua intensa attività progettuale, di formazione e di educazione al consumo critico e consapevole, parallelamente al tradizione impegno profuso nelle attività di sistema del progetto Sportelli Consumatori in Rete. Tanti i temi toccati dalla progettualità di Assoutenti, con una particolare attenzione alle problematiche dei giovani e dei soggetti più deboli.

3.1 CENTRO DI DOCUMENTAZIONE Il Centro curato da Assoutenti e collocato presso la sede dell'Istituto Ligure del Consumo si caratterizza come il primo contenitore ligure di documentazione multimediale relativa agli argomenti della Tutela dei Diritti dei Consumatori nonché della salvaguardia della loro salute con particolare riguardo a igiene, sicurezza ed alimentazione. Il CENTRO DOCUMENTALE si concretizza in un centro di raccolta dati e informazioni su temi consumistici ad ampio raggio. Fiore all’occhiello del Progetto è l’AULA INFORMATICA aperta a tutti gli interessati ma soprattutto agli operatori del settore collocata nella sede associativa di Via Malta a Genova. In sintesi il centro documentale è:

− un luogo dove poter consultare materiale cartaceo, DVD, filmati − un centro di aggiornamento continuo del portale CONSUMATORILIGURIA − un centro di raccolta delle normative sui consumatori − un centro di formazione attraverso l’uso dell’aula informatica − un centro di produzione di materiali riguardanti i consumatori − un centro di informazione per consentire ai consumatori di far valere i propri diritti nelle sedi opportune

3.2 SPORTELLI CONSUMATORI IN RETE Progetto regionale attivo dal 2002 “Sportelli Consumatori in Rete” è realizzato in collaborazione con Adoc, Adiconsum, Codacons, Casa del Consumatore, Lega Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, e si propone di mantenere, rafforzare e valorizzare l'attività informativa e di comunicazione finanziata dal “Programma generale di intervento per la tutela dei consumatori e degli utenti della Regione Liguria” approvato dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal programma regionale di cui all'art. 6 comma 2 della l.r. 26/02. 36


Il progetto anche per quest'anno ha realizzato la fornitura dei servizi di informazione e comunicazione telefonica gratuita attivi tutti i giorni feriali tramite il numero verde 800 180 431 a disposizione sia per i cittadini liguri sia sull'intero territorio regionale e che le associazioni mantengono con turnazione settimanale. La consulenza, sempre gratuita, viene effettuata anche on line tramite il sito www.sportellinrete.it che fornisce informazioni sulle sedi e sui referenti delle Associazioni presenti sul territorio regionale.

3.3 INFORMACONSUMATORILIGURIA All'interno delle attività di sistema finanziate dal MISE per il tramite della Regione Liguria si è attuato anche nel 2014 un progetto specifico di comunicazione e informazione cross mediale che comprende il format consumatoriliguria.it. Diffuso gratuitamente via web e per posta elettronica. Con rubriche dedicate alle principali notizie consumeristiche di rilevanza regionale e nazionale, offre anche un ampio spazio alle notizie delle associazioni aderenti al progetto. La Redazione di Consumatori Liguria comprende giornalisti, consulenti, grafici che è possibile contattare attraverso la mail info@consumatoriliguria.it per info e approfondimenti sulle tematiche affrontate.

3.4 SPORTELLI TUTELA DELLA SALUTE Il lavoro svolto nel 2014 ha permesso di rendere operativi gli sportelli del malato nati per raccogliere le esigenze e le critiche dei cittadini e confrontarsi con il sistema sanitario, a partire dagli uffici relazioni con il pubblico, per affrontarle e risolverle. Il progetto sportelli del malato, che affonda le sue origini su un protocollo di intesa sottoscritto dalle associazioni di tutela dei diritti dei consumatori e la regione liguria, ha visto coinvolti l'ospedale Evangelico, l'ospedale Galliera, l'Asl 3, l'Ospedale Villa Scassi, l'Ospedale San Martino presso i presidi sanitari di via Assarotti e Fiumara e ha visto coinvolti 20 volontari opportunamente formati da medici e legali per informare e assistere i cittadini che si rivolgono alle strutture sanitarie. Il progetto condiviso con le altre associazioni del CLCU nasce con l’obiettivo di far rispettare il diritto alla salute come diritto primario dei cittadini, tutelato dalla Costituzione. Il progetto ha ha attivo anche un numero verde gratuito 800180431 al quale sono pervenute oltre 600 telefonate, prevalentemente per richieste di chiarimenti sulle esenzioni, liste di attesa per prestazioni sanitarie e accesso al pronto soccorso. Dal bilancio dei primi mesi di presenza dei nostri volontari presso gli sportelli è emersa con forza l'esigenza di semplificare le procedure di rinnovo per le esenzioni, richiesta che è stata presentata all'assessore alla Salute Montaldo e per la quale le associazioni dei consumatori hanno chiesto ed ottenuto dalla regione di semplificare le modalità di rinnovo evitando ai cittadini che mantengono i requisiti per l'esenzione di presentare domanda. Tre i temi fondamentali su cui Assoutenti e Regione Liguria puntano: una ricerca per misurare il livello di qualità e accessibilità dei servizi sanitari erogati dalle strutture; un monitoraggio del servizio per rispettare gli standard qualitativi; un'attività di comunicazione e informazione per aiutare i cittadini a risolvere i loro dubbi. 37


3.5 ENERGIA, DIRITTI A VIVA VOCE Assoutenti Liguria ha aderito, tramite la delegazione provinciale di La Spezia al progetto nazionale “ENERGIA: DIRITTI A VIVA VOCE” che si propone di rendere i consumatori più informati e consapevoli per un mercato dell’energia e del gas più competitivo ed efficiente in grado di offrire risparmi più consistenti assieme al tema del risparmio nei consumi e dell’efficientamento energetico nella casa e nella vita quotidiana per realizzare risparmio in bolletta e per l’ambiente. Il progetto prevede un insieme di servizi fisici e tematici, per la tutela dei consumatori ed utenti del servizio energetico italiano. Si tratta di una rete di 45 sportelli sul territorio nazionale e di un numero verde nazionale che si pone l’obiettivo di informare ed assistere i consumatori finali del servizio elettrico e del gas anche sulle eventuali controversie insorte tra l’utente e il fornitore del servizio. Ulteriore obiettivo è amplificare e divulgare tutte quelle iniziative e messe in campo tra cui permettere ai consumatori di orientarsi tra le diverse offerte commerciali anche attraverso l’ausilio del “trova offerte” dell’autorità per l’energia, conoscere come accedere agli aventi diritto al bonus energia e gas, conoscere la “bioraria” e le bollette e i vantaggi con le diverse soluzioni per risparmiare l’energia.

38


3.6 MONITORAGGI AMIU Anche nel 2014 è proseguito il monitoraggio dei servizi Amiu da parte delle Associazioni di Tutela dei Consumatori. L'iniziativa, partita nel 2011, come progetto pilota, si è trasformata in un impegno fisso annuale, svolto attraverso il coinvolgimento dei volontari attivi di 8 associazioni dei Consumatori, tra cui Assoutenti. Compito dei volontari delle associazioni è l'esame del risultato della pulizia delle strade, di oltre 1000 postazioni per i rifiuti indifferenziati e differenziati e 1.074 cestini gettacarta. La valutazione si basa sulla qualità dei servizi Amiu per ciò che riguarda: pulizia delle strade, raccolta rifiuti indifferenziati e quella dei materiali riciclabili. Le associazioni, nel pieno rispetto della loro autonomia e trasparenza, per effettuare il servizio di monitoraggio elaborano un calendario definito, dove le strade oggetto di verifica vengono comunicate ad Amiu il giorno stesso della rilevazione. Il monitoraggio sul campo si è realizzato dedicando ad ogni quartiere verifiche con ben due diverse associazioni coinvolte contemporaneamente che in media analizzano 20 strade per quartiere.

39


3.7 BUENA MOVIDA Il premio “Buena Movida” ha messo d'accordo tutti nel centro storico di Genova (ex sestieri Prè, Molo, Maddalena – Municipio 1 Centro Est), residenti stranieri e non, nel proclamare “I Giardini Luzzati” il miglior locale 2014 per essere stato in grado di conciliare le proprie attività musicali e culturali con il diritto al riposo dei cittadini. Sono stati scrutinati 1186 voti (4 schede bianche ed 1 nulla) dati a 36 locali ed il vincitore si è aggiudicato il gradino più alto del podio con 206 preferenze. A seguire: “Cantine del Conte” con 175 voti e il “Britannia” con 164. L'iniziativa è stata voluta da Assoutenti in collaborazione con le altre Associazioni dei consumatori aderenti al CLCU- Coordinamento Ligure Consumatori e Utenti (Assoutenti, Adiconsum, Lega Consumatori, Codacons, Casa del Consumatore, Adoc, MDC) e da Assest (Associazione attiva nel Centro Storico Est) in collaborazione con le associazioni di quartiere aderenti alla Faccs (Federazione Associazioni Comitati Centro Storico) . «Il centro storico delle città va ripensato come un luogo dove far convivere i diritti di tutti - ha commentato Furio Truzzi, presidente di Assoutenti la sfida immediata è quella di far conciliare il diritto al divertimento con il diritto al riposo e fare in modo che coesistano in maniera sempre più equilibrata. Mi piacerebbe estendere il premio a tutte le città “movidare” d'Italia». «L'espressione di un premio da parte dei cittadini è un segnale ed un'esigenza - ha ricordato Stefano Salvetti, presidente Adiconsum Liguria - un premio che deve contagiare tutti nel rendere i centri storici una luoghi di opportunità economiche e culturali». A ritirare la targa premio, consegnata al locale vincitore dal Presidente del Municipio 1 Centro Est Simone Leoncini e da Cesare Groppi in rappresentanza dei pubblici esercizi aderenti a Confesercenti e Ascom, è stato il presidente Marco Montoli di “Nuova Associazione” che gestisce “I Giardini Luzzati”.

40


3.8 CONSUMATORI 2.0 Sfruttare le potenzialità del web 2.0 per aiutare i consumatori. E’ questo l’obiettivo di Consumatori 2.0, il progetto lanciato da Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori, Assoutenti, Codacons e Confconsumatori e finanziato con i proventi delle multe Antitrust. Nella campagna di informazione ed educazione ai cittadini, il web non è l’unico strumento che le associazioni hanno scelto per raggiungere gli utenti. Nell’ambito del progetto, infatti, sono stati previsti, oltre a siti internet dedicati, anche sportelli territoriali dove i cittadini potranno rivolgersi per chiedere e ottenere informazioni. Diverse le tematiche che il progetto approfondirà. Ogni associazione si occuperà di un settore e di un target da raggiungere. Il Movimento Difesa del Cittadino – ha spiegato Livia Zollo, responsabile nazionale dei progetti – si impegnerà a formare i cittadini per renderli consumatori consapevoli. Come? Attraverso un sito internet (www.campusconsumatori.it) potranno frequentare delle lezioni e rispondere ad una serie di quiz per poi diventare Master Consumatore. Inoltre, scaricando gratuitamente sul proprio smartphone l’app “Cittadini connessi” gli utenti potranno segnalare disservizi o buone pratiche. Le attività di Assoutenti, invece, sono rivolte agli adolescenti e sono realizzate attraverso il sito web ww.schoolcommunity.it. “L’obiettivo – ha detto Antonietta Boselli – è quello di sensibilizzare le nuove generazioni sulle potenzialità e sui pericoli della rete”. Le microimprese sono le destinatarie delle attività del Codacons: “Abbiamo pensato di organizzare, con l’aiuto delle associazioni di categoria, delle giornate formative – ha spiegato Gianluca D’Ascenzio – nel corso delle quali verrà distribuito il decalogo sulle pratiche commerciali scorrette e la trasparenza nei rapporti contrattuali. Confconsumatori ha rivolto le sue attenzioni agli eventuali disservizi che possono verificarsi con gli acquisti online. “A tal fine abbiamo attivato – ha spiegato Mara Colla – uno sportello virtuale di consulenza (duepuntozero@confconsumatori.it) al quale i consumatori possono rivolgersi per segnalare eventuali problematiche”. L’Unione Nazionale Consumatori ha, infine, attivato uno sportello di consulenza via chat dedicato ai sordi e gestito gratuitamente da esperti attraverso il linguaggio dei segni: “Grazie a questo servizio i consumatori disabili saranno orientati nella soluzione delle controversie riguardanti disservizi telefonici, bollette energetiche, e –commerce e turismo” ha detto in conclusione Massimiliano Dona ricordando la particolare attenzione dell’associazione a questa categoria di consumatori tanto che da qualche anno a questa parte traduce tutti le sue iniziative pubbliche in linguaggio LIS.

41


3.9 ITALIAN E-PAYMENT

Nasce con obiettivi ambiziosi: informare il cittadino sul corretto uso della moneta elettronica e realizzare il sogno di una società cashless, senza contante, dove i pagamenti siano tracciabili, per consentire la lotta all’evasione fiscale e all’economia sommersa. Si chiama Italian E-Payment Coalition (IEPC) ed è il progetto lanciato da Assoutenti, Cittadinanzattiva, Confconsumatori e Movimento Difesa del Cittadino MDC per rendere più agevole l’uso della moneta elettronica. Dal 7 giugno le quattro associazioni sono unite nel lavoro di sensibilizzazione delle istituzioni e dei cittadini al corretto impiego delle carte di credito, di debito (i bancomat) e ricaricabili. Informa una nota congiunta: “L’obiettivo della coalizione, presieduta da Antonio Longo di MDC, è informare i cittadini e contribuire a creare una società che vuole vivere nella legalità e rendere tracciabili i pagamenti per accrescere il benessere collettivo. Tracciare i pagamenti significa, infatti, combattere l’evasione fiscale, ridurre l’economia sommersa – che in Italia vale più di un terzo del PIL –, aumentare i valori assoluti del gettito, diminuire la pressione fiscale e, finalmente, liberare risorse per sostenere i redditi e incentivare i consumi”. L’intento della coalizione è quello di vigilare perché le istituzioni italiane ed europee agiscano senza prevaricare l’interesse dei consumatori attraverso i complessi interventi sulla moneta elettronica, sui quali spesso le multinazionali e i commercianti fanno sentire più di altri il loro peso. “Oggi la velocità e la sicurezza dei pagamenti, insieme alla possibilità di acquistare ovunque e con più dispositivi, sono i fondamenti di un’economia sostenibile e moderna – spiegano i promotori dell’iniziativa – Un’economia, però, che dovrebbe imparare a usare sempre meno il contante perché ha costi sociali troppo alti: oltre 60 miliardi di euro all’anno in Europa”. Il lavoro della coalizione IEPC sarà quello di aumentare la consapevolezza sui benefici connessi ad un maggiore utilizzo della moneta elettronica, di sostenere la lotta all’evasione fiscale, di sviluppare idee innovative per l’uso dei pagamenti elettronici, di evitare che il Legislatore e le Istituzioni tutte possano commettere errori normativi e in generale di alimentare la riflessione per interventi di policy sulla moneta elettronica. Conclude Furio Truzzi, Presidente di Assoutenti: “La moneta elettronica non è ‘sterco del demonio’, non è ‘la chiave del paradiso’ ma lo strumento evoluto con il quale il consumatore affronta i pagamenti accrescendone la tracciabilità, la sicurezza e la lotta all’evasione”.

42


4. ATTIVITÀ SOCIALE

Assoutenti ha svolto nel corso del 2014 una intensa attività sociale determinata ulteriormente dai congressi e con una significativa crescita delle adesioni rese possibili dalla serietà e dedizione del lavoro svolto di dirigenti, volontari, collaboratori e consulenti.

4.1 ASSEMBLEA ASSOUTENTI 2014 Si è tenuta mercoledì 30 aprile presso i Giardini Luzzati di Genova l'annuale assemblea dei soci con la presentazione delle attività svolte nell’anno precedente e la programmazione per l’anno in corso. ore 16.00 – 17.00

presentazione del bilancio sociale 2013

ore 17.00 – 19.00

i diritti elementari di consumatori e utenti mangiare, bere dormire, muoversi, curarsi

ore 19,00 – 19,30

premiazione miglior locale “buena movida”

nel corso dell'assemblea sono intervenuti i consiglieri comunali Pietro Salemi e Monica Russo.

4.2 DECIMO ANNIVERSARIO DELLO SPORTELLO DI SAMPIERDARENA Traguardo importante dello sportello di Assoutenti a Sampierdarena sono stati i primi 10 anni di attività celebrati il 20 giugno: circa 400 tesserati ed un incessante impegno anche su delicate tematiche sociali che spesso caratterizzano i più disagiati. La giornata molto intensa ha visto la presenza di point informativi sui temi consumeristici da parte degli operatori dell’Associazione Sportellinrete, sull'attività di promozione della salute e dei corretti stili di vita con distribuzione di materiale informativo a cura di ASL3 GENOVESE. Giochi, laboratori e incontri con e per i bambini dei centri estivi in collaborazione con AMIU e CONAD che ha offerto una merenda a tutti i presenti. La giornata si è conclusa con il convegno SPORTELLO SANITA’: per un modello di cittadinanza partecipata e responsabile a tutela del diritto alla salute. La giornata è stata realizzata con il patrocinio del Municipio Centro Ovest e ASL3 Genovese.

43


4.3 GLI ORGANISMI PROVINCIALI Riportiamo di seguito la composizione degli organismi dirigenti dell'associazione.

DIRETTIVO GENOVA

DIRETTIVO LA SPEZIA

Rosanna Stifano – Presidente, De Domenico Antonio, Desogus Maria, Donati Antonio, Foglino Mauro, Francini Fulvio, Fumarelli Michele, Guida Veneranda, Ilari Maurizio, Lazizzera Pietro, Lerza Federico, Locastro Matteo, Lusetti Marco, Meirana Ornella, Pampolini Fiorenzo, Penna Carlo, Russo Monica, Truzzi Furio,

Ballerini Claudio – Presidente, Bracali Sabrina, Carli Gabriella, Esposti Paolo,Giusti Gianpaolo, Grando Andrea, Incorvaia Giuseppe, Landi Paolo, Monteverde Meri, Calmieri Carlo, Piccioli Pier Carlo, Tartarelli Luciana, Tessaro Raffaella, Tini Clelia,

DIRETTIVO SAVONA

DIRETTIVO IMPERIA

De Francisci Carmelo, Forzano Giuseppe, Isnardi Enrico, Ragazzi M. Laura – Presidente, Stalla Franco, Taboga Gian Luigi, Topino Giuseppe

Alpe Laura, Boaretto Alessio, Camonita Annalisa, Camonito Santino – Presidente, Cesari Caterina, Fortunato Gianluigi, Fortunato Stefania. Miglietta Liliana , Nobbio Aurelia, Nobbio Flavia, Rapelli Mario, Stammato Carmela, Viti Francesco

44


4.4 GLI ORGANISMI REGIONALI CONSIGLIO DIRETTIVO Furio Truzzi – Presidente Regionale Maurizio Ilari – Segretario Generale Carlo Penna – Tesoriere Santino Camonita – Presidente Provinciale Imperia Gianluigi Taboga – Presidente Provinciale Savona Rosanna Stifano – Presidente Provinciale Genova Claudio Ballerini – Presidente Provinciale La Spezia Angela Boldini- Genova Flavia Nobbio – Imperia Ottorino Paglialunga – Genova Piercarlo Piccioli – La Spezia Maria Desogus – Genova Enrico Pallavicini – Genova Maria Laura Ragazzi – Savona

COLLEGIO DEI PROBIVILI E REVISORI DEI CONTI Franco Cirio – Presidente Francesca Ferretti Fabio Gallino

45


4.5 ANDAMENTO DEGLI ISCRITTI DAL 2005 AL 2014

2005

2006

2007

2008

2009

GENOVA

9597

10.234

11.450

16.628

17.754

SAVONA

197

246

254

958

1.092

IMPERIA

183

305

145

530

525

SPEZIA

1.284

1.294

1.335

1.294

1.215

LIGURIA

11.261

12.079

13.184

19.410

20.586

2010

2011

2012

2013

2014

GENOVA

18.848

24.133

21.388

24.122

23678

SAVONA

1.130

861

2081

2.401

2.516

IMPERIA

545

460

1431

954

966

SPEZIA

1.240

1.565

2.392

1.143

1.271

LIGURIA

21.723

27.119

27.292

28.620

28.431

LIGURIA 30000 25000 20000 15000 10000 5000 0 30000

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

25000 20000

GENOVA SAVONA IMPERIA SPEZIA

15000 10000 5000

46

0 2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014


4.6 IL BILANCIO 2014

ATTIVITA’ AVANZO ESERCIZIO 2013

6.414,24

QUOTE SOCIALI (da iscritti 2014 n. 28.620 di cui pagate 9.292)

9.292,00

CONTRIBUTI DA 5 PER MILLE 2012

44.098,86

CONTRIBUTI REGIONE LIGURIA PROGETTO “INFORMACONSUMATORI”

18.487,97

CONTRIBUTI REGIONE LIGURIA PROGETTO “SPORTELLI IN RETE”

7.749,76

CONTRIBUTI PROGETTO CONTRAFFAZIONE

6.400,00

SALDO PROGETTO DIRITTI IN PRIMA FILA

2.000,00

CONTRIBUTI DA ILC E CODICI PER ATTIVITÀ UNITARIE

1.533,91

CONTRIBUTI DA ISCRITTI

840,00

RIMBORSI PARTECIPAZIONE CONGRESSO

1.219,13

RIMBORSO PRESTITO ASSOUTENTI LAZIO

10,000,00

FONDO RISERVA

50.528,69

TOTALE ENTRATE

158.564,56

PASSIVITA’ CONTRIBUTI PER TESSERAMENTO NAZIONALE 2013 – 2014

12.405,00

SPESE DI FUNZIONAMENTO (AFFITTI, UTENZE, SPESE GENERALI)

6.238,01

ASSICURAZIONI AI VOLONTARI E RIMBORSI ORGANISMI

3.570,00

MANIFESTAZIONI E CONGRESSI

11.432,06

PROGETTO INFORMACONSUMATORI 2014

29.606,08

PROGETTO SPORTELLI IN RETE 2014

16.011,42

PROGETTO 5 PER MILLE WIFI DIGITALI AUTOBUS SOLIDALE 2012/2013

12.494,00

47


BANCARIE

214,52

TOTALE USCITE

91.971,09

AVANZO DI ESERCIZIO

66.593,47

(l'avanzo di esercizio è impegnato per intero per debiti verso banche, fornitori e accantonamenti, il rendiconto dettagliato dei progetti è fornito direttamente agli enti promotori)

Genova, 28 Aprile 2015

IL TESORIERE

IL PRESIDENTE DEL COLLEGIO DEI REVISORI

IL PRESIDENTE

CARLO PENNA

FRANCO CIRIO

FURIO TRUZZI

48


4.7 ASSOCIAZIONI PARTNER Associazioni con le quali Assoutenti ha stipulato protocolli d'intesa e di relazioni di amicizia: Arci Pesca FISA, Ascom, Associazione Carrozzieri della Provincia di Genova, ASSEST – Associazione Centro Storico EST, Associazione Ligure Antennisti, Associazione Ligure Diritti dei Pedoni, Associazione Non Solo, Coldiretti, Confagricoltura, CIA – Confederazione Italiana Agricoltura, CONFEDILIZIA (SP), Mangiarsano, Società Operaia Mutuo Soccorso Castagna (GE), UPPIUnione Piccoli Proprietari Immobiliari, UTP – Associazione Utenti Trasporti Pubblici, Società Italiana di Alcologia, Lighthouse Genova 12.

4.8 COMITATI ASSOCIATI Comitati costituiti nel territorio Comitato Alluvionatinonrassegnati, Comitato Foce, Comitato Marina Park, Comitato Auto al Seguito, Comitato Evangelico, Comitato Genitori Leonardo da Vinci, Comitato Enel Bromia, Comitato Telemultati, Comitato Costa Concordia, Comitato Micro cariche Porto di Genova, Comitato Utenti AMT, Comitato Utenti TARES.

4.9 DIPENDENTI, CONSULENTI E COLLABORATORI Colonne portanti, tutte in rosa, del sostegno quotidiano all'attività dell'associazione sono state le nostre dipendenti, consulenti e collaboratrici: Graziella Granata e Silvia Rottini per i servizi di sportello, Sonia Paglialunga per la consulenza fiscale, Elvira Ravelli e Gianna Camporeale per i Servizi CAF, Jessica Nicolini e Elisa Mangini per la comunicazione.

49


4.10 IL VOLONTARIATO Cuore pulsante della vita associativa è l'attività gratuita e volontaria dei suoi dirigenti e soci professionisti e esperti che operano sia nell'accoglienza e nell'ascolto dei cittadini, consumatori e utenti sia nel fornire con professionalità servizi di consulenza, informazione e assistenza sempre con grande dedizione e sacrificio personale. Le attività di volontariato sono regolate, nel nostro paese, da una legge quadro del 1991, la 266. L'Istat ha rilevato che dal 1995 le organizzazione di volontariato sono aumentate del 152,0% nel corso del biennio 2004-2005, passando da 8.343 a 21.021 unità. Il volontariato è un bacino di valori che possono aiutare la società ad essere più coesa, più solidale, più responsabile, proprio per una visione di cittadinanza attiva, di cui l'Europa ha bisogno e che il volontariato può esprimere. Dobbiamo porre attenzione al fatto che il volontariato “non ha solo un valore economico misurabile, può consentire risparmi significativi per i servizi pubblici” ai quali non si deve sostituire, ma affiancarsi ad essi per essere di aiuto in tutti quei settori in cui il servizio pubblico non riesce ad essere presente. Nel 2014 hanno reso la loro opera meritoria: Sonia Anerdi, Fulvio Bracco, Cesare Bruzzone, Sabina Cacioppo, Carlotta Costa, Enrico Donati, Michele Fumarelli, Ireneo Garitta, Gianpaolo giusti, Grando Andrea, Mauro Grassi, Marco Laviano, Federico Lerza, Chiara Marzi, Monteverde Meri, Paolo Molinari, Lucrezia Novaro, Carlo Penna, Ottorino Paglialunga, Giancarlo Piano, Raffellini Enrico, Maurizio Rodighiero, Enrico Ruggiero, Monica Russo, Antonio Sciutto, Raffaella Tessaro, Clelia Tini, Stefano Toselli, Cecilia Borsatti, Fabrizia Lanza, Marcella Mivio.

50


4.11 IL 5 PER MILLE Assoutenti Liguria Onlus è iscritta dal 2006 negli elenchi regionali del volontariato ed è accreditata nell'albo regionale degli enti di servizio civile nazionale. Nella raccolta del 5 per mille i dati comunicati dall'agenzia delle entrate evidenziano una crescita continua di consensi manifestata dai contribuenti. I consumatori hanno bisogno di più informazione, più assistenza, più tutela e di associazioni libere, forti e indipendenti che li difendano! Le associazioni dei consumatori hanno bisogno di essere autonome finanziariamente e non dipendere da nessuno. Per questo hanno bisogno dell'aiuto dei cittadini consumatori e utenti.

ANNI

SCELTE

2006

818

2007

1.050

2008

1.926

2009

2.209

2010

2.280

2011

2.185

2012

1.876

Le risorse del 5 per mille sono utilizzate per i fini istituzionali dell'associazione e per finanziare progetti di educazione ai consumi e di utilità sociale. Secondo le proiezioni in Liguria delle scelte dei cittadini sull'attribuzione del 5 per mille Assoutenti, nel 2012 (redditi 2011) si è inserita tra i primi enti no profit della Liguria con 1.876 scelte per un totale di 44.098,86 euro raccolti che sono stati utilizzati nel corso del 2014 per sostenere in particolare gli sportelli territoriali, le iniziative di education nelle scuole di contrasto delle dipendenze, le reti wifi contro il digitaldivide.

51


4.12 LE SEDI Assoutenti è la principale Associazione di Tutela dei Consumatori della Liguria sia per numero di associati che per la rete di punti di consulenza aperti al pubblico. L'Associazione ha consolidato la propria operatività e ampliato la propria rete di sportelli presenti su tutto il territorio regionale gestiti grazie alla collaborazione con altre realtà territoriali (circoscrizioni, associazioni, comuni). Gli sportelli decentrati sono passati da 10 a 11 mentre i punti di ascolto sono passati nel 2013 da 4 a 7 e rimane attivo lo sportello on line dedicato ai diritti degli animali.

SEDE REGIONALE Via Malta 3/1, Genova -16121 Genova Tel. 010 8691845 Fax 010 8935860 info@assoutenti.liguria.it Sito web regionale: www.assoutenti.liguria.it Sito web nazionale: www.assoutenti.it

PROVINCIA DI GENOVA

CENTRO - Via Malta 3/1, Genova - 16121 GE Tel. 010 540256 - Fax 010 8691840 - segreteria@assoutenti.liguria.it

SAMPIERDARENA - P.za Vittorio Veneto 31r - 16149 Genova Tel. e Fax 010 6429995 - sampierdarena@assoutenti.liguria.it PROVINCIA DI SAVONA

PROVINCIA DI LA SPEZIA

Via Marexiano 29 - 17052 Borghetto SS

Via Cadorna 14 - 19121 La Spezia

Tel. 0182 973334 Fax 0182 941940

Tel. 0187 730481 Fax 0187 730481

assoutenti@libero.it

assoutentisp@libero.it

PROVINCIA DI IMPERIA

Sportello ANIMALRIGHTS

V. Milano 22 - 18013 Diano Marina

Servizio on line 24h su 24h

Tel. 0183/407807 Fax 0183/274712

Cell. 345. 4843912

E-mail: imperia@assoutenti.liguria.it

assoutentianimalrights@live.it 52


4.13 RAPPORTI INTERASSOCIATIVI Già nel 2009 le associazioni che collaborano al progetto Sportelli Consumatori in Rete avevano sottoscritto un PATTO FEDERATIVO a significare l'intenzione di rafforzare e collaborare congiuntamente per la difesa dei cittadini, consumatori e utenti. Fiore all'occhiello di questo patto è la tessera inter associativa che dà la possibilità ai cittadini e consumatori liguri di accedere a tutti gli sportelli della rete con un servizio dedicato di assistenza e consulenza e di effettuare il tesseramento unitario alle associazioni della rete. Nel 2011, a conferma della comune volontà di sostenere iniziative volte a tutelare i diritti e gli interessi di consumatori e utenti nella regione Liguria, le associazioni si sono costituite in un coordinamento denominato CLCU – Coordinamento Ligure Consumatori e Utenti e hanno fondato l'ILC – Istituto Ligure per il Consumo che si occupa di effettuare progetti, studi e ricerche in tema di consumi e servizi agli utenti. Per tutto il 2014 Assoutenti ha svolto un ruolo fondamentale nel rafforzamento sia del Coordinamento Ligure Consumatori e Utenti sia nell'Istituto Ligure per il Consumo.

53


RASSEGNA STAMPA

54


Tiratura: 12.441

Diffusione: 8.902

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Il Sindaco


Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Il Sindaco


Tiratura: 75.031

Diffusione: 57.068

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Enti locali: Liguria


Tiratura: 75.031

Diffusione: 57.068

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Enti locali: Liguria


Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Enti locali: Liguria


Diffusione: 6.493

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Traffico e strade


Tiratura: 12.441

Diffusione: 8.902

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Commercio e artigianato


Tiratura: 12.441

Diffusione: 8.902

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

La Giunta comunale


Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

La Giunta comunale


Diffusione: 14.615

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Il Sindaco


Diffusione: 14.615

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

La Giunta comunale


Tiratura: 12.441

Diffusione: 8.902

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

La Giunta comunale


Tiratura: 12.441

Diffusione: 8.902

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

La Giunta comunale


Diffusione: 14.615

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Traffico e strade


Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Traffico e strade


Tiratura: 12.441

Diffusione: 8.902

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

La Giunta comunale


Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

La Giunta comunale


Tiratura: 75.031

Diffusione: 57.068

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

La Giunta comunale


Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

La Giunta comunale


Tiratura: 74.038

Diffusione: 56.332

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Commercio e artigianato


Diffusione: 14.615

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Economia locale


Tiratura: 12.441

Diffusione: 8.902

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

La Giunta comunale


Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

La Giunta comunale


Tiratura: 71.434

Diffusione: 53.431

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Scuola


Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Scuola


Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Scuola


Diffusione: 14.615

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Edilizia e territorio


Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Edilizia e territorio


Tiratura: 71.434

Diffusione: 53.431

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Traffico e strade


Tiratura: 12.441

Diffusione: 8.902

Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Traffico e strade


Codice abbonamento:

067168

Quotidiano

Traffico e strade


Tiratura: 76.340

Diffusione: 54.147 Quotidiano

Data Pagina

.

Enti locali: Liguria

Codice abbonamento:

067168

Foglio

14-10-2014 15 1


Tiratura: 76.340

Diffusione: 54.147 Quotidiano

Data Pagina

Codice abbonamento:

067168

Foglio

17-10-2014 15 1

Servizi sociali


Tiratura: 76.340

Diffusione: 54.147 Quotidiano

Data Pagina

Codice abbonamento:

067168

Foglio

21-10-2014 15 1

Il Sindaco


Tiratura: 12.441

Diffusione: 8.902 Quotidiano

Data Pagina

Codice abbonamento:

067168

Foglio

28-11-2014 2 1

La Giunta comunale


Diffusione: 14.615 Quotidiano

Data Pagina

Codice abbonamento:

067168

Foglio

16-12-2014 3 1/2

Traffico e strade


Quotidiano

Data Pagina

Codice abbonamento:

067168

Foglio

16-12-2014 3 2/2

Traffico e strade

Profile for Assoutenti Liguria

Bilancio sociale 2014  

Bilancio sociale 2014  

Advertisement