Issuu on Google+

LUCIOdiciottoventiquattro DIODATI


2


LUCIO DIODATI diciottoventiquattro

Edizioni Colori


4


Dall’infinito dell’“universo-donna” di FRANCO CORRADO Cento volti, oblunghi, “verticali”, verrebbe da dire “bizantini”, tutti al femminile; cento volte per dire “donna”; per proporne l’immagine nelle sue innumerevoli declinazioni; per entrare nell’alone di mistero che talvolta la circonda; per apprezzarne la bellezza, anche quella interiore, che è dato cogliere in un sorriso, in un atteggiamento di serena compostezza o di invitante complicità, di provocanti ammiccamenti; per cogliere, nelle varie sfaccettature, l’insieme delle qualità e delle attrattive da cui nasce l’eterno femminino. A questo progetto si è applicato Lucio Diodati, rapportandosi non a caso ad un numero sinonimo di grandezza (il cento) per inquadrare la vastità dell’affascinante mondo femminile al quale da sempre guarda e tradurlo in un crogiolo di rappresentazioni figurative di un unico soggetto assunto ad emblema di una condizione, di un modo di essere, che va ben al di là dell’apparenza esterna, attraversando le intriganti regioni dello Spirito. Così, questa nuova galleria di volti, in coerenza con una ricerca che rende immediatamente riconoscibile il fare artistico di chi la porta avanti da lungo tempo, assume un po’ il valore di una summa dell iconografia connotativa di un pittore da sempre affascinato dall’“altra metà del cielo”, attratto dall’insieme di qualità fisiche e psichiche attraverso le quali si esprime la femminilità. Una parte per il tutto, dunque, per testimoniare la continuità di avvincere per la forza di immagini che, malgrado le apparenze, non sono mai ripetitive. All’insegna di valori formali di sobrio geometrismo, cento volti allora a fare emergere quel che di misterioso e di immancabilmente sensuale, significativamente continua a proporre l’infinito dell’“universo-donna” con sembianze che nascono da una sorta di architettura di ascendenza vagamente cubista. A evidenziarla una raffinata sequenza di segni, testimonianza di un impeto grafico che si traduce in immediatezza di resa. In siffatto contesto disegnativo, preliminare all’intervento coloristico, emerge una linea senza tentennamenti, che si porta dietro la pulizia dell’incisione pur quando non è affidata agli strumenti della grafica, ed ha origine, solo ed esclusivamente, da un intervento manuale senza ripensamenti dal quale, sul foglio o sulla tela, nasce l’immagine di volti che sono il riflesso di una variegata umanità: spesso ironici, o, ancora enigmatici; intriganti, innocenti o improntati a gioia di vivere; disarmanti nella loro spontanea naturalezza o allusivamente ammiccanti all’eros, come lasciano intendere qua e là gli sguardi spesso straniti e melanconici, che si fanno specchio di interiorità, di approccio emotivo ad aspetti del vivere quotidiano. È questo il modo attraverso il quale Lucio Diodati, in coerenza con un linguaggio figurativo decisamente moderno, attingendo anche ad alte lezioni della contemporaneità artistica, continua a proporre i modelli di una commedia umana nella quale – donne o uomini che si sia – ci si può riconoscere tutti, con il ruolo che la vita ad ognuno assegna, sdrammatizzato – se possibile – dai tormenti che spesso lo accompagnano e ne rendono problematica la sostenibilità.


6


cento tele ad olio diciottoventiquattro


8


ANGELINA


10


BIANCA


12


CANNELLA


14


DALIA


16


ELLA


18


FATA


20


GALIA


22


HELLA


24


LARA


26


MACU


28


NASTRINA


...noi donne a volte cosÏ increduli, a volte melanconiche, a volte ironiche, a volte titubanti, a volte imbronciate, ma mai, mai scontate. Emozioni contrastanti,difficili da trasmettere, grazie maestro per essere riuscito a farmi andare oltre l’apparenza. Colombo Carla

30


ORO


32


PAGLIA


34


RAB


36


MARA


38


SILVIA


40


TITA


42


ULLI


44


VERDE


46


AMICA


48


ARANCIO


...è una tensione, alla scoperta di nuove forme, di nuove combinazioni, di nuove espressioni e colori che nasce in me, mi chiama all’osservazione curiosa, giungo alla scoperta delle regole di un gioco mutevole, che non si lascia mai scoprire definitivamente. Tante promesse nei colori e nelle combinazioni, che non si concedono però mai definitivamente all’osservatore, gli occhi delle “sue” donne, sembrano voler custodire i loro intimi segreti. Gardellin Lucia

50


ROBY


52


BLU


54


CELESTE


56


DALILA


58


ELVIA


...donne cosÏ preziose ...osserviamole e lasciamo che ci catturino nella loro voglia di essere visibili, misteriose, con quelle ombre che a noi uomini sfuggono perchè sempre presi dalla parte che mettono piÚ in mostra. Besana Massimo

60


FELIX


62


FORMAGGINO


64


FUXIA


66


GIALLO


68


HOLIDAY


...una visione fortemente soggettiva che penetra all’interno dei visi, oltre gli sguardi, a scrutare una realtà di cui sembra prendersi gioco. Vittorio Sgarbi

70


LAURETTA


72


LINA


74


MAGI


76


MARGÒ


78


NELLA


...e questa mattina per la seconda volta, guardando le opere del Maestro Diodati, mi è capitata una cosa che raramente mi accade... sorridere e gioire con il cuore. Grazie! Mucciolo Maria

80


ORIELLA


82


PERVINCA


84


RABY


86


RIGHINA


88


SILVY


...non rinuncia all’appeal, al richiamo dei sensi, all’erotismo, al desiderio d’amore e di sogno che troppo spesso soccombono, travolti dalla competitività e dai modelli abusati di “consumo” dell’immagine della società contemporanea. Un rifugio o solo una consolazione che la pittura rende possibili. Piero Ragone

90


TURCHESE


92


ULLY


94


VERDEGIALLO


96


ANGE


98


BOMBA


...opere che parlano al positivo e mi fanno tornare alle giornate piene di sole estivo, al pensare che il giorno che sta per arrivare sarà senz’altro “il migliore” di tutti quelli trascorsi, grazie maestro Diodati. Viganò Elisa

100


CERULEO


102


CORTA


104


FIOCCO


106


GIOIA


108


LETTA


...occupa lo spazio della tela con la pienezza delle volumetrie cromatiche, che delineano sinteticamente i corpi in tasselli geometrici di taglio quasi cubista. Vittorio Sgarbi

110


MARGHERITA


112


POIS


114


RIGA


116


ROBERTA


118


ROSA


...guardare le donne è il modo piÚ semplice e imprevedibile per accumulare idee e suggestioni. Riconoscere la signora che potrebbero sedurre, la ragazza che si lascerebbe ammaliare, quella che ama mangiare e lo fa con voluttà... Lucio Diodati

120


VIOLA


122


ANGELA


124


AZZURRA


126


CHECCA


128


DIVA


...sembrano uscire talvolta da una realtĂ  sorpassata, con quei cappellini di foggia antiquata calzati sulle ventitrĂŠ a emblematizzare momenti di istintiva o maliziosa civetteria. Franco Corrado

130


DONNA


132


ETTA


134


FESTA


136


FRANCESCHINA


138


GIALLORO


...belle, con il collo allungato, eleganti, anzichĂŠ essere segno del negativo o del male di cui liberarsi, le donne di Diodati offrono un apporto di leggerezza e di umorismo essenziali per vivere, senza piĂš tragedia nĂŠ commedia. Anna Spadafora

140


HULLI


142


LAURA


144


LUNGA


146


MAGIC


148


MORA


...sembra dipingere ponendo a frutto tutta la sua esperienza, quasi di “donna” curiosa, sull’affiorare di ricordi non vani, non chiusi ad incursioni improvvise di deflemmate “semidee”, guidando il fruitore complice, attraverso gli enigmi del senso smarrito dell’ironia, i ricettacoli, i luoghi e le situazioni in cui è possibile goderne. Olga Chieffi

150


NELLINA


152


RIGGA


154


ROSSA


156


TIZIANA


158


UNA


...il suo procedere va collocato nell’ambito di una narrazione pittorica, ben lontana dalla satira, dove la cronaca è squisitamente allusiva, o semplicemente testimone di avvenimenti umani innocenti. Paolo Levi

160


VIOLETTA


162


ANGY


164


CHECCHINA


166


DIVINA


168


ARLECCHINA


...donne che esprimono la fantasia, la libertà, il sogno, l’esuberanza, la vita che è intorno a noi, e che certe volte non comprendiamo o volutamente ignoriamo. Ugo Perugini

170


FIORE


172


FRANCESCA


174


GRIGIA


176


LEA


178


MAGICA


180


NERA


182


ROBY


184


ARCOBALENO


186


FIORELLA


188


LORELLA


190


MARGI


192


RIGHI


194


AURA


196


CLEMENTINA


198


LUCIANA


200


MOJITO


202


AUSTRIA


204


DOMÌ


206


FRANCA


208


stampato in cento copie numerate - copia n°



Lucio Diodati - diciottoventiquattro