Page 1

FIFTY EMOTIONAL PAGES


“Le emozioni si raccolgono.. sono pagine spesse e colme di pensieri, forma e sostanza del mio vivere� adriano


project: Forty pages of my job client: Adriano D’Amelio year: 2010


adriano

work experience

[designer]

2009 - 2010

Graphic & Communication Designer at Lascaux srl | Florence

2008 - 2010

Designer at NumeroUNO Design | Verona [www.atelieritaliano.org]

2008 - 2010

Graphic Designer at Sideways Agency | Florence [www.sideways.it]

2008 - 2009

Researcher/Designer at Rino Snaidero Scientific Foundation | Majano(UD) [www.snaiderofoundation.org]

d’amelio via di Pietrafitta, 15 50133 - Florence [ Italy ] calle Miguel de Unamuno, 32 1/1 03202 Elche - [ Espaùa ] MAILBOX: adriano.damelio@gmail.com MOBILE: +39.333.3699049 SKYPE ME: adrianodamelio FLICKR: www.flickr.com/photos/ardesiano

Italian, male, single August 1, 1977 - Avellino [ Italy ] 32 years

education 2009

Master Degree in Product Design at ISIA of Florence (Istituto Superiore per le Industrie Artistiche) [www.isiadesign.fi.it] with 110/110 cum laude. [http://issuu.com/ardesiano/docs/cow]

Two-year course of studies on definition of the executive phases of product design and communication of the project. The thesis work has dealed with the topic of Co-Working in a modern and technological point of view. The proposal is focused on the development a web application for knowledge sharing and research work of the Creative Team, a multidisciplinary team powered by Rino Snaidero Scientific Foundation within the project Questions @bout Home.

2001 - 2005

Two years of collaboration with Atelier Italiano, a group of companies sponsorized by NumeroUNO design center group, located in Verona. My roles in the company is to design and produce brand communication campaign for special events and give contributions via personal design objects in some exhibitions in Milan and Verona.

The collaboration with Sideways is focused on production of advertising campaigns, corporate identity and 3D animation design for many customers.

The Rino Snaidero Scientific Foundation is a Center for Design Research of Snaidero Kitchen Group. I have been involved for one year with a multidisciplinary team of 10 people in the Questions @bout Home Project. The aim of the project is to improve the quality of life at home for people to propose, for companies in the network, new concepts and innovative ideas of design objects and future scenarios of life. My personal contribute has been focused on ergonomics study and interface design of everyday objects.

Bachelor Degree in Industrial Design at ISIA of Florence with 110/110 cum laude.

Four-year course of studies focused on the design of objects, from concept to prototype design. The disciplines studied developed creative, methodological and technical skills about design process. The thesis work has dealed with the issue of food preservation with natural methods. The idea has resulted in a prototype of a clay pot in which is possible to cultivate pot herbs and store fruit and vegetables. Greenroof, the object name, exploites a natural thermo-principle for cooling food. The prototype has been awarded and exhibited in various exhibitions in Italy.

[www.lascaux.it] The collaboration with the company Lascaux is focused on the creation of a graphic and communication division within the company. The core business of agency is information technology. The corporate image and internal software products for customers have been subject to graphic and functional redesign. I participated in the creation of interfaces and web applications of high aesthetic value.Part of the work has been devoted to communication and advertising campaigns.

2007 - 2008

Layout artist of City Project, free press of De Lettera Publisher | Milan [www.cityproject.it]

Layout Artist and graphic designer of tabloid City Project, a free press on architecture and sustainable desgin.

2006

Teacher of 3D Modeling and Rendering at GESIM | Firenze

Basic course on Maxon Cinema 4D, oriented on implementation and


presentation of three-dimensional architectural objects. Course lenght: 40 hours.

2005 - 2007

Graphic designer at LAGOS srl | Firenze [www.lagos.it]

2006 - 2007

Interior designer at LAGOS srl | Sofia - Bulgaria

Lagos is a graphic and communication design studio, located in Florence and Sofia [BG]. In this experience, mainly educational and lasted for about two years, I have acquired methodological and technical competences on the development of new brands and developing communication campaigns declined to various media. The multifaceted aspect of the work allows to have a broad view of the communication process of the product on the market.

The new headquarters based in Sofia has further requested the inclusion of a professional who would be responsible for interior design and furnishings.

collaboration 2008 2006 2006 2004 2004 2004 2000 1996 - 2000

Concerto Hotels - Florence Terrecotte Artistiche Senesi - Siena Fabrizia Frezza Architect- Rome Lever Fabérge (Groupe Unilever) - Casalpusterlengo - MI ARIETE - Prato Esedra (TARGETTI Group) - Firenze Educator in family child care of Reffo Association - Rome Customer care for Insurance Agency of Lloyd Adriatico S.p.A.

skills product design graphic design communication design interior design web design video editing photo editing project management

software prof iciency MAC user, excellent knowledge of operative system Mac OsX and Apple software 3D Modeling, Rendering and Animation with Maxon Cinema4D Adobe Creative Suite, excellent knowledge of di Illustrator, InDesign, Photoshop and After Effect Basic experience on Adobe Flash and Flex Technical Drawing AutoCAD and CADintosh Software of Editing and Playing for Presentation and Animation Microsoft Office and Apple iWork Video Editing, basic experience with Final Cut e DVD Studio Pro

language Italian (native) French (reading, writing and speaking - 5 years of study) English (reading, writing and speaking - 8 years of study)

exhibitions and events ARS VINENDI - Vinitaly Fair- Verona DESIGN GOLF CHALLENGE - Sommacampagna Golf Club (VR) WINE&DESIGN - Fuorisalone Milano Design Week - Milan TERRACOTTA - Exhibitions - San Giovanni D’Asso (SI) FASHION DESIGN CAFÉ - Leopolda Station - Florence LAGOS SPRING 10.0 - Academy of Fine Arts - Sofia -BGCASSETTI - Delle Piane Art Gallery - Milan 100 VOLTI PER 100 PROGETTI - Abitare il Tempo Fair - Verona Presentation of the book DIGITAL MEDINA - Florence MUNARI’s Stand - Nuovo e Utile - Fortezza da Basso Florence MUNARI’s Stand - Job Fair - Mandela Forum Florence H20 Aquaetica Remix - Video projections about Water - Barnabiti’s Church Florence NATIONAL ARTS AWARD 2004 - Ministry of Education and Research - Rome MEDITERRANEO - Workshop with Isao Hosoe - ISIA Florence GIOCHI AL GUINZAGLIO - State Institute of SS. Annunziata - Florence SINAPSI - ISIA Florence


publications Fuorisalone Vinitaly Guide Ars Vinendi - apr 2010 Il Dedalo dell’Immagine - Book edited by Maurizio Comparini - Ed. Alinea 2008 EGO Project - MyMEDIA magazine - mag 2007 GREENroof Project - OVERVIEW freepress - giu_ago 2006 HOLE° Project - Book Design Qualità e Valore - Gangemi Editore 2005 HOLE° Project - Exhibition catalog PNA 2004 GloboME Project - Exhibition catalog PNA 2004 Geometria Prospettiva Progetto - Dante Nannoni - Ed. Casa Editrice L.Cappelli 2004 www.isiadesign.fi.it www.overview.com

contests 1th Price BNL_ISIA 2006 - “The project as a social commitment”

In accordance with Art. 13 D.Igs n. 196/2003 the undersigned expressly authorizes that the information and personal data contained in this Curriculum Vitae can be used as the basis for the admission process in your company. I look forward to hearing from you soon.

Adriano D’AMELIO


infographic CV ISIA Industrial & Communication Design Bachelor Degree

ISIA Product Design Master Degree

GESIM

Work Experience Education Collaborations


product design

project: Viticcio | Wine Decanter client: ARS Vinendi Event | Vinitaly VR year: 2010

Viticcio? In botanica i viticci sono foglie modificate con funzione di sostegno (attaccandosi ai corpi vicini), che possono anche formare piccoli fiori. È l’elemento prensile e filiforme di cui la vite e altre piante rampicanti si servono per sostenersi. Why do I use it? La natura crea forme, detta le funzioni, stimola la crescita e lo sviluppo di tutte le specie viventi. La forza e la tenacia del mondo vegetale rappresentano motivo d’ispirazione per ogni forma d’arte. Il design organico si ispira alle forme degli esseri viventi, o di parti di essi. È l’interpretazione darwiniana del design: la natura persegue la perfezione delle forme organiche, la selezione naturale premia la forma più adatta al luogo che ogni essere vivente occupa in un ecosistema. Helicoid Disegnare un decanter da vino mi ha portato a riflettere sulla natura in sè del vino. Un liquido dalle caratteristiche organolettiche uniche, che invade i sensi e procura emozioni. Il movimento è fluido. Lo scorrere del vino in un viticcio di vetro è la metafora della restituzione alla natura di un prodotto preso in prestito. Il fluido scorre all’interno di una elicoide cavo studiato per contenere ed ossigenare una bottiglia di vino. La forma è sinuosa, elegante, morbida ed avvolgente. Al centro del decanter è possibile posizionare la bottiglia attorno alla quale la forma si avvolge, l’aroma risale e respira aria nuova. La presa ed il movimento del versare il vino nel calice, attraverso una forma elicoidale, riprendono, nella loro gestualità, la morfologia stessa del decanter. Il vetro nero ne lascia trasparire il contenuto, lo protegge dalla luce ed aggiunge una nota di eleganza all’oggetto.


“Ho raccolto l’uva ogni anno, da quando mio nonno mi disse che era un frutto magico non ho mai smesso. Mi disse che dentro potevo vederci l’essenza stessa della terra che lo nutriva. Ed oggi, bevendo quel vino, che con tanto amore produco da oltre quarant’anni, sento l’energia della terra che mi nutre e mi solletica l’esistenza facendomi sentire parte di tutto lo spendore che mi circonda”. a man


product design

project: Greenroof | Natural Fridge client: Personal project year: 2005

Il funzionamento del sistema GREENroof è molto semplice. L’evaporazione dell’acqua utilizzata per annaffiare le piante causa una diminuzione di calore nella camera interna. Le scanalature nella terracotta hanno lo scopo di aumentare la superficie incrementando l’effetto di evaporazione. La differenza di temperatura tra il terriccio umido e la camera in alluminio si aggira intorno ai 10°C (valore suscettibile di variazione in base al grado di umidità dell’aria), abbastanza per creare le condizioni ideali alla conservazione di frutta e verdura. GREENroof nasce dal lavoro di ricerca sui metodi di conservazione degli alimenti svolto da quattro studenti come progetto di tesi. L’idea è stata sviluppata a partire da una riflessione sull’alimentazione moderna, sulle modalità di conservazione di determinati cibi e sullo sviluppo delle tecniche di conservazione. Tali tecniche sono notevolmente migliorate con il tempo e il progresso tecnologico causando, purtroppo, evidenti ripercussioni sull’ambiente. Il progetto GREENroof si sviluppa nell’ambito di una riflessione

sul consumo critico, sull’introduzione sul mercato di un prodotto etico come mezzo di uno sviluppo sostenibile. Un oggetto totalmente ecologico, realizzato con materiali naturali a basso impatto ambientale e con consumi di energia pari a zero. L’utilizzo di GREENroof comporterebbe una diminuzione del volume da refrigerare all’interno del frigorifero, con sostanziali cali nei consumi di corrente elettrica. GREENroof è pensato soprattutto per le persone che seguono una dieta a base di cibi biologici, in quanto tale oggetto permette di mantenere intatte le proprietà nutritive di frutta e verdura, talvolta compromesse dalle basse temperature dei frigoriferi tradizionali. Al centro del decanter è possibile posizionare la bottiglia attorno alla quale la forma si avvolge, l’aroma risale e respira aria nuova. La presa ed il movimento del versare il vino nel calice, attraverso una forma elicoidale, riprendono, nella loro gestualità, la morfologia stessa del decanter. Il vetro nero ne lascia trasparire il contenuto, lo protegge dalla luce ed aggiunge una nota di eleganza all’oggetto.


“abbiamo cercato di migliorare la nostra vita con la tecnologia, dimenticando che la tecnologia più avanzata è quella della natura”. me


product design

project: Damangiare | Tagliere client: Menotti Specchia | Pavimenti in legno year: 2008

408 mm

Il piacere di mangiare e di giocare.

4 mm

40 mm 4 mm

L’idea è di creare un oggetto ludico per la cucina, che soddisfi la funzione di tagliere associata a quella del gioco. La cucina non è soltanto il posto in cui si preparano i cibi ma spesso diventa luogo di intrattenimento e svago. Le serie di taglieri CUT and PLAY è progettata per far assumere all’oggetto tagliere il valore di gioco, decontuestalizzandolo. Immaginiamo una serata tra amici in cui ci si sfida a dama mangiando anzichè le pedine, formaggio e salumi. La possibilità di associare in modo creativo diversi tipi di legno, con diverse caratteristiche, mi ha suggerito immediatamente la possibilità di veicolare un messaggio attraverso la texturizzazione dell’oggetto. Il tagliere a forma di scacchiera, portato in tavola, sembra essere un messaggio chiaro di invito al gioco.

40 mm 408 mm

8 mm

4 mm 4 mm


“immagina di sfidare il tuo compagno in una cena all’ultimo boccone”. an enemy


product design

project: hole° | Occhiali microforati client: ISIA year: 2005

Il sole attraverso un foro Un paio di occhiali da sole assolutamente innovativi, che sfruttano una microforatura effettuata al laser per filtrare la luce del sole. La forma concava dello schermo ed i fori circolari, distribuiti su tutta la superficie a nido d’ape, fanno sì che i raggi luminosi che raggiungono lka pupilla siano tutti paralleli e non necessitano di accomodazione poichè cadono direttamente sulla fovea, consentendo una migliore acuità visiva ma soprattutto una riduzione della luminosità. L’estetica è quella di un oggetto monomaterico e dalla forma semplice e pulita ma particolarmente appariscente. L’uso di un metallo elastico e resistente come l’acciaio armonico permette una grande addattabili nell’indossarli. La forma semplice ad unica curvatura, con delle piccole variazioni nella zona temporale richiede un intervento di taglio e piegatura semplicissimo. L’uso del metallo rende possibili diversi tipi di trattamento, rendendo l’oggetto riproducibile in diverse varianti.

hole°


“ho visto il sole filtrare attraverso una lastra di metallo�. a girl

hole°


interior design

project: Show window for C’Art client: C’Art shop | Roma EST year: 2007

Concept layout per vetrina dello store C’Art del centro commerciale di Roma Est. La parete in legno è pensata per offrire una soluzione originale ed al contempo funzionale per l’esposizione della linea di T-Shirt progettata da LagOS. I manichini sono fissati alla parete in laminato color legno tramite due perni sull’asse verticale del busto. I busti possono ruotare di 360° consentendo all’addetto alle vendite di mostrare sul manichino la T-shirt presentata in vetrina. Un sistema di aggancio permetterà la rimozione del busto dalla parete e la vestizione e ricollocazione dello stesso. La parete diventa anche l’accesso alla vetrina ruotando su un perno a scomparsa posto all’estrema sinistra della parete. Di fianco lo schermo al plasma utilizzato per presentazioni, spot o quant’altro è sospeso su una parte di metacrilato opalino.


Rotating mannequin

LCD Monitor

Shelf

Display


interior design

project: Showroom VIZA Living client: Viza | Sofia [BG] year: 2007

L’azienda VIZA, produttrice di mobili in legno di alta qualità in Bulgaria, ha richiesto lo studio di un nuovo brand per il lancio della nuova linea di arredamento dallo stile moderno e contemporaneo. Insieme allo studio di tutto il materiale di corporate, VIZA Living ha commissionato il progetto d’arredo dello showroom situato all’interno del centro commerciale Boulevard di Sofia.

Non Woven Shopping Bag


interior design

project: stand Vinitaly 2007 client: Maddalena Mazzeschi year: 2007

Il vino ritrova il gusto della pietra Maddalena Mazzeschi si occupa da circa vent’anni di marketing strategico per diverse importanti aziende vinicole italiane. Da molti anni si presenta al Vinitaly, il Salone internazionale del vino di Verona, con le propie aziende e un modo originale di presentarle. Lo stand progettato per l’edizione 2007 utilizza materiali e forme moderne abbinati al calore di materiali caldi e naturali, ritrovando l’equilibrio tra moderno e naturale proprio del prodotto vinicolo.


«Bella, come nella pietra fresca della sorgente, l’acqua apre un ampio lampo di schiuma, così è il sorriso del tuo volto, bella.» Pablo Neruda


graphic and communication design

project: Immagine prodotti Frantoio Franci client: Frantoio Franci year: 2006

Immagine prodotti Frantoio Franci Frantoio Franci nasce negli anni ’50 sulla collina di Montenero d’Orcia, piccolo ed antico borgo che dalle pendici dell’Amiata domina il paesaggio della Val d’Orcia. Oggi produce una vasta gamma di oli extravergine di oliva, dal biologico alle prestigiose Selezioni. L’azienda, vincitrice di numerosi premi e certificazioni di qualità ha investito nella comunicazione della propria identità e dei propri prodotti. Il progetto di comunicazione ha riguardato il redesign di alcune etichette, la brochure informativa ed di tutto il materiale pubblicitario.

Premi: Selezione Unioncamere della Toscana Migliori Oli Extravergine di Oliva Toscani: Raccolta 2000, 2001, 2003, 2004, 2005, 2006. Concorso Nazionale Festambiente: 3° Premio: Categoria Fruttato Medio 1997. 2° Premio: Categoria Fruttato Medio 1999. 3° Premio: Categoria Fruttato Intenso, 2003. 1° Premio: Categoria Fruttato Medio, 2005. Concorso Nazionale Ercole Olivario: Finalista 2005, 2006, 2007. 2° Premio: Categoria DOP Fruttato Intenso, 2006. Concorso Internazionale “Leone d’Oro”: Premio Gran Menzione: 2001. Premio Gourmesse, Zurigo: 1° Premio: Categoria Fruttato Medio, 2001. Guida Der Feinschmecker: Selezione Top 10, 2004. International Competition County Fair Los Angeles Medaglia d’Oro, 2006.

TOSC-DOP VOL. 0,75

TOSC05-DOP VOL. 0,5

TOSC05 VOL. 0,5

TOSC 0,75

VOL.

Formati disponibili: 0,25 – 0,5 – 0,75 – 3 – 5 litri

IGP TOSCANO

BASE

Olio Extravergine di Oliva: “Frantoio Franci” con certificazione IGP Toscano Regione: Toscana Zona di produzione: Colline della Val d’Orcia e della Maremma Toscana Altitudine: 50-500 m. s.l.m Varietà: Frantoio, Moraiolo, Leccino, Olivastra ed altre in percentuali minori Sistema di raccolta: brucatura a mano Periodo Raccolta: dal 1 novembre al 20 dicembre Sistema di estrazione: Frantoio Franci, impianto a ciclo continuo

Aspetto: limpido da filtraggio Densità: fluidità media Colore: verde con riflessi dorati Profumo: fruttato medio, netto di oliva, con note erbacee di carciofo e di frutta matura ed in minore intensità di pomodoro. Sapore: fresco e pulito, si apre con una lieve sensazione dolce seguita da una gradevole carica amara e piccante di media intensità, persistenza ricca di note vegetali dominate dalla sensazione erbacea di carciofo. Impiego: a crudo su zuppe, ortaggi, legumi, carni, bruschette, pinzimonio, insalate, pesce di media sapidità.

depliant prodotti


Poster promozionale 70 x 100 cm.

etichetta e packaging 25 cl.


product design

project: la MOLA | Oil Packaging client: Frantoio La Mola year: 2006

Extra Virgin olive oil packaging design Tra Roma e Rieti, in prossimità della famosa Abbazia di Farfa, situata sulle colline della Sabina, nota per l’antichissima tradizione olivicola che ha radici storiche risalenti allo sviluppo del dominio romano, si trova l’azienda agricola “La Mola”. La pluripremiata azienda rinnova la propria immagine di prodotto senza perdere la riconoscibilità acquisita nel tempo. Lo studio Lagos si è occupato dello studio del packaging e dell’etichetta in PVC. Un’immagine che richiama la storia del territorio e della produzione olearia della Sabina, sinonimo di tradizione e qualità del prodotto.


“adagio, umilmente, esprimere, tornare a spremere dalla terra bruta o da ciò ch’essa genera, dai suoni, dalle forme e dai colori, che sono le porte della prigione dell’anima, un’immagine di bellezza che siamo giunti a comprendere: questa è l’arte.»”. James Joyce


web design

project: COW | Collaborative Platform for knowledge sharing client: Rino Snaidero Scientific Foundation year: 2009

Piattaforma Collaborativa per il Creative Team Il progetto della piattaforma collaborativa CoW (acronimo di Collaborative Working) nasce dall’esigenza di sviluppare uno strumento tecnologico adatto a fornire gli strumenti necessari allo svolgimento del lavoro di ricerca del Creative Team, il gruppo di ricerca multidisciplinare della Rino Snaidero Scientific Foundation. Il processo produttivo della fabbrica di idee del Creative Team ha sempre avuto un punto di forza: gli attori della scena erano sul palco, sempre e contemporaneamente. La condivisione di informazioni, la base del lavoro di ricerca, diviene con il progetto CoW l’elemento fondante del nuovo processo creativo del Creative Team. La rete formata dai propri membri si arricchisce della disponibilità di strutture informatiche studiate ad hoc per il team. In questo processo evolutivo l’uso appropriato dei mezzi informatici richiede uno studio approfondito sulle dinamiche sociali che vengono a crearsi. Dall’analisi dei più moderni strumenti di Social Networking e del web 2.0 nasce il progetto CoW. Un primo prototipo dell’interfaccia è stato presentato in sede di discussione di tesi all’ISIA di Firenze.


CO-WORKING PROJECT

QOL@H DATABASE

search CLEANING CLOTHES exercise

USER PROFILE ACTIVITY MAP

files manager

NEEDS ANALYSIS

SELECT TO OPEN • DOCUMENT_1.pdf • DOCUMENT_2.doc • DOCUMENT_3.txt • DOCUMENT_4.rtf • DOCUMENT_5.html

STATE OF THE ART

UPLOAD DOCUMENT Definition of Mobility

MOBILITY exercise

DOCUMENT_ 1.pdf Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisici elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquid ex ea commodi consequat. Quis aute iure reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint obcaecat cupiditat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisici elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquid ex ea commodi consequat. Quis aute iure reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint obcaecat cupiditat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisici elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquid ex ea commodi consequat.

DEFINITION OF MOBILITY USER PROFILE

_briefing _content _objective

PROFILE_1 PROFILE_2

ACTIVITY ANALYSIS STATE OF THE ART NEEDS ANALYSIS

GENERATION NEW IDEAS

IDEAS_1

VALIDATION PROCESS

RESEARCH SOA

IDEAS_2

CONCEPTUALIZATION

VISITS

SKETCH & INFORMATION

EVALUATION

IDEAS_3

VALIDATION PROCESS

RESEARCH SOA

IDEAS_4

CONCEPTUALIZATION

VISITS

IDEAS_5

SKETCH & INFORMATION

EVALUATION

quality of life at home

QOL@H

NEW EXERCISE exercise

IDEAS_6


web design

project: www.whitewallworld.com client: Personal project year: 2010

www.whitewallworld.com Horizontal graphic blog


“Da bambino mi è sempre stato permesso di disegnare sui muri. Più tardi capii che quella particolare forma di espressione mi era concessa perchè i miei genitori riuscivano a comprenderne l’importanza. Ancora oggi scrivo e disegno sui muri... non ha importanza se fatti di mattoni o di pixel”. Me


communication and graphic design

project: Design Golf Challenge client: atelier italiano year: 2008

Design Golf Challenge 2008 Sommacampagna (VR)

Design Golf Challenge è il torneo di golf riservato al mondo del design della moda e dell’architettura in occasione di ABITARE IL TEMPO la fiera del design di interni. Atelier Italiano ha richiesto uno studio dell’immagine dell’evento utilizzando un linguaggio moderno e che collegasse il mondo del design a quello del golf.


“Sii calmo, lascia che il tempo passi, concentra le energie, non pensare, respira piano.. sempre più lentamente. Attendi il vento buono, lo puoi sentire sul collo. Cogli l’attimo. È il momento. Ora.” Golfer


communication and graphic design

project: Wine&Design at Milano Design Week client: atelier italiano year: 2008

Immagine dell’evento Wine&Design 2008 Wine & Design è un laboratorio di ricerca sulle influenze tra Gusto, Design e Buongusto. La seconda edizione dell’esposizione di decanter e bicchieri in cristallo si svolge a Milano in concomitanza con il Salone del Mobile e degli eventi del FuoriSalone. Per l’occasione è stata ideata un’immagine dal valore simbolico ed iconografico del prospero mondo che ruota intorno al vino e al design.


“A gustar dello stile il giusto nuovo, lietamente vi invitiamo�


communication and graphic design

project: The Dead Cities Guide client: IMed and Syrian Ministry of Tourism year: 2006

Ministeri del turismo e della Cultura Siriano, la strategia, il logo, i supporti di comunicazione Nell’ambito di un più vasto progetto di cooperazione europea finalizzato allo sviluppo del turismo siriano, Lagos ha sviluppato l’immagine coordinata per il Ministero del Turismo e per quello della Cultura della Repubblica in Siria, con l’obiettivo di rafforzare la brand awareness dei turisti internazionale. La definizione del progetto grafico è stata preceduta da un’accurata analisi relativa alla messa a punto strategica delle potenzialità di questa operazione di marketing territoriale e delle buone pratiche di riferimento nel settore.

Pocket Guide Syria - The Dead Cities

3 Flyer Guide on The Dead Cities (front and retro)


“Negli aridi deserti dell’Arabia, pochi punti coltivati emergono come isole nell’oceano di sabbia. Perfino i nomi di Tadmor in lingua siriana, o Palmira in lingua latina, hanno un analogo significato: denotano la moltitudine di palme che donano ompbra e vegetazione a quella regione temperata. L’aria era pura e il suolo, irrigato da alcune inestimabili sorgenti, poteva produrre sia frutta che miglio. Un luogo dotato di tali singolari e vantaggiose caratteristiche, e situato alla giusta distanza sia dal Golfo Persico che dal Mediterraneo, era spesso frequentato da carovane che portavano alle nazioni d’Europa i ricchi beni dell’India” Edward Gibbon, Declino e caduta dell’Impero Romano


communication and graphic design

project: Information security Campaign client: British American Tobacco year: 2007

British American Tobacco: Information Security Awareness Il lancio di questa campagna di comunicazione interna sul tema della Information Security Awareness è finalizzata al coinvolgimento ironico e divertente del personale, contrastando l’approccio pedante con cui le politiche sulla sicurezza delle informazioni vengono solitamente comunicate.


product design

project: GLOBO Me client: Koizumi Contest | PNA 2004 year: 2004

Massa della Terra ME = 5.98 · 1027 g Il progetto Globo Me nasce da una riflessione sulla natura della terra e sulle fonti rinnovabili di energia. L’oggetto produce energia pulita e rinnovabile all’infinito mediante l’azione esercitata da un potente magnete ceramico su una bobina di rame. Con l’energia prodotta è possibile alimentare due piccole luci LED. L’oggetto è stato presentato al Koizumi Contest in Giappone e selezionato al Premio Nazionale delle Arti 2004 dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.


graphic design

project: Free Press City Project client: De Lettera Editore year: 2008-2009

Progetto Grafico e Impaginazione di City Project

Architettura e fotovoltaico.

L’integrazione

City Project è un tabloid che tratta temi di Architettura e progetti della città contemporanea, con un’attenzione particolare alle nuove tecniche di costruzione e alle tecnologie ecosostenibili. La casa editrice ha commissionato lo studio preliminare del progetto grafico e la direzione dell’ufficio grafico nel biennio 2008-2009.

di Barbara Serrecchia

Project Manager Studio Rinnovabili Docente Corsi ISES

Efficienza energetica e integrazione architettonica: per il fotovoltaico il problema non è di facile soluzione, e riguarda l’ambito residenziale come quello delle grandi opere pubbliche. Quali sono, allora, i processi progettuali da seguire? Quali i materiali disponibili e le tecniche di costruzione più adatte? La ricerca e l’industria studiano soluzioni sempre più valide dal punto di vista estetico e prestazionale per i componenti fotovoltaici. Gli obiettivi che vengono tenuti in maggiore considerazione da progettisti e produttori sono: - esaltare le potenzialità estetiche e tecnologiche del componente FV, ponendo il fattore energetico alla base del linguaggio progettuale; - portare il modulo FV al livello di componente edilizio, così da divenire un elemento espressivo e caratterizzante dell’architettura; - enfatizzare i dettagli costruttivi e migliorare l’ assemblaggio dei singoli componenti per aumentare la libertà di espressione progettuale; - favorire lo sviluppo di nuove linee di prodotti su larga scala e a prezzi competitive, attraverso l’uso di elementi sempre più standardizzati. Tante possibilità L’installazione di pannelli fotovoltaici può coinvolgere più parti di un edificio e in modalità diverse. I termini più diffusi sono “soluzione integrata” o “soluzione di retrofit”, tuttavia la normativa vigente in materia di incentivi in “conto energia” (DM 19 Febbraio 2007) ha inserito, nel linguaggio legato all’applicazione del fotovoltaico negli edifici, termini come “totalmente” o “parzialmente integrato”.

Soluzioni “totalmente integrate” Sono quelle soluzioni scelte ed adottate fin dalla fase di progettazione, per edifici di nuova costruzione o per grandi interventi di ristrutturazione. In questo caso, gli edifici sono in grado di produrre energia attraverso l’uso di elementi fotovoltaici “sostitutivi” dei componenti edilizi. Per fare un esempio: l’elemento edilizio tradizionale (es. infissi) è sostituito da un elemento in grado non solo di garantire tutte le normali prestazioni richieste nell’edilizia (es. tenuta agli agenti atmosferici) ma di produrre energia dal sole grazie all’inserimento di componenti fotovoltaici. Soluzioni “parzialmente integrate” Sono quelle soluzioni scelte ed adottate per l’inserimento del fotovoltaico su strutture già esistenti. Questi sistemi possono essere definiti “applicativi”. L’elemento fotovoltaico sarà infatti applicato sul componente edilizio esistente e dovrà garantire solo le prestazioni richieste per il buon funzionamento dell’impianto di generazione di energia solare. Dove mettere i pannelli? Le parti degli edifici per le quali è possibile prevedere l’integrazione del FV con risultati esteticamente ed energeticamente validi sono: - le coperture, realizzazione di un tetto opaco o semitrasparente; - le facciate, costruzione di facciata fredda opaca o calda opaca e/o semitrasparente; - i sistemi di ombreggiamento; - i lucernai.

nuovo ospedale Meyer. Firenze (31 KWp) L’opera, composta da tre corpi di fabbrica, sorge nella Villa Ognissanti, anch’essa strutturata in tre edifici separati. L’intera progettazione ha puntato su una configurazione spaziale ed architettonica fluida. Ciò assicura uno stretto legame tra nuovo ed esistente. L’impianto fotovoltaico è integrato nella serra posta all’ingresso. Oltre a produrre energia, il sistema FV contribuisce a migliorare il livello di illuminazione naturale e di ombreggiamento. Il surriscaldamento delle celle in inverno favorisce il riscaldamento dell’ambiente vetrato; in estate innesca moti convettivi ascensionali favorendo la ventilazione naturale. L’illuminazione naturale nelle parti interne (corridoi e zone di passaggio) è garantita dai “coni di luce” posti in copertura. Le scelte costruttive e compositive ne fanno un esempio di architettura ideata secondo principi di sostenibilità.

de LETTERA N° 12/2007 Poste Italiane SPA - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L 353/2003 (CONV. IN L 27/02/2004 N.46) ART. 1 COMMA 1 DCB MILANO

IL PRIMO TABLOID DI ARCHITETTURA E PROGETTO DELLA CITTÀ CONTEMPORANEA

neLLe FOTO: Polo Pediatrico Meyer, Firenze. CSPE (Centro Studi Progettazione Edilizia: Antonio Andreucci, Paolo Felli, Romano Del Nord, Giulio Felli, Massimo Moglia, Corrado Lupatelli). Foto di Pietro Savorelli

In molti dei vostri progetti vi confrontate con grandi spazi aperti nelle periferie. In che modo agireste invece nella realizzazione, oggi molto controversa, di parcheggi interrati nei centri storici? Luca: E’ un tema che abbiamo affrontato nel progetto per il Parcheggio Cittadella, nel centro storico di Verona (il cantiere dovrebbe aprirsi a breve), in cui interveniamo considerando il parcheggio come il primo luogo in cui la città storica accoglie i suoi visitatori: una piazza al coperto che offra servizi aggiunti a quelli della sosta veicolare. Pensare il parcheggio come nodo di scambio tra flussi diversi, pedonali, veicolari, pubblici, privati è anche una delle caratteristiche del progetto di ampliamento del parcheggio di villa Borghese a Roma, a cui stiamo lavorando attualmente. Attrezziamo i parcheggi nei centri storici con una serie di funzioni complementari, in modo da accogliere e guidare i visitatori. I parcheggi sono le piazze del nuovo millennio. Carmelo: Pensare parcheggi in generale significa pensare quale futuro avranno le macchine nelle nostre città. Pensare di fare o non fare i parcheggi nei centri storici significa pensare il loro rapporto con il resto della città e soprattutto con la periferia. Credo che si debba lavorare affinché i centri storici non diventino “disneyland” ma parte attiva della città, cioè coinvolti dalle trasformazioni urbane.

editoria e comunicazione per l’architettura, l’ingegneria, i beni culturali

[l’intervista

www.cityproject.it

In due progetti: Casa del Futuro e Future for Cities, avete fatto ipotesi sui cambiamenti dell’ambiente domestico e del paesaggio urbano. Come si stanno modificando i rapporti spazio-tempo, interno-esterno, identità-funzione, in base ai nuovi stili di vita? Luca: Questi sono due progetti molto diversi tra loro, ma entrambi nascono da una riflesione sull’idea di limite: nel primo progetto il recinto è il limite tra lo spazio domestico e il paesaggio naturale. Nel secondo il recinto protegge il vuoto, e ne propone una conservazione, in modo che questo diventi il nutrimento della città del futuro. Carmelo: Nella Casa del Futuro e in Future for Cities si affrontano le varie tematiche dei cambiamenti dell’ambiente domestico e del paesaggio urbano progettando il limite. Facciate, confini, spazi pubblici e privati, interno-esterno, spazio-tempo sono luoghi dove avvengono le trasformazioni.

de LETTERA

editoria e comunicazione per l’architettura, l’ingegneria, i beni culturali

Partecipate al progetto NEXT GENE insieme ad altri 19 architetti, per la realizzazione di altrettante ville ecosostenibili a Taiwan. Qual è il concetto ispiratore del vostro progetto? Carmelo: Pensare il luogo dell’abitare nel paesaggio significa lavorare intimamente con esso. Non nel senso di mimesi ma in un rapporto creativo. La villa è su tre livelli: il primo è in continuità con il terreno; naturale e artificiale si confrontano anche perché i muri esterni disegnano delle stanze a cielo aperto, piccoli recinti nel giardino; il secondo livello è un piano quasi libero dove regna la trasparenza, è il punto dove si abita osservando il paesaggio; il terzo livello ha una doppia relazione con il paesaggio, data dalle coperture che sono delle superfici morbide e da superfici specchiate che riflettono l’intorno.

© Perrault Projets

IaN+

Roma. 100CELLE LAB. 2007 In zona Centocelle, nella periferia sud est di Roma, il progetto di un MuseoLab per l’arte contemporanea, sopra un parcheggio multipiano interrato da 620 posti, ha già ricevuto tutte le approvazioni da parte del Municipio e dei comitati di quartiere. Laboratori, librerie, biblioteche, residenze per artisti sono distribuiti in un edificio a due piani che si avvolge su se stesso, e ospita, sul tetto, uno spazio pubblico piantumato.

sempre più moderne ma nasce dal modo in cui noi, prima che l’architettura, ci rapportiamo all’ambiente.]


“L’arte è un modo per vincere la paura... Un modo di tentare di finir dentro nell’ignoto, di fermarlo questo ignoto in qualche maniera.” Ettore Sottsass


corporate identity

project: Corporate Identity EngO client: EngO | Engineering SpA year: 2009

EngO. Business in process EngO è un’azienda del Gruppo Engineering Spa che si occupa di servizi di outsourcing per le aziende del settore bancario ed assicurativo. La natura stessa di cooperazione con le aziende clienti ha suggerito l’immagine di corporate e dei supporti di comunicazione basata sui due colori aziendali dell’azienda capogruppo. Ogni supporto è stato associato al concetto di co-business tra il cliente e la società di servizi.

Double side book

Business Card series


Business Card series EngO 8 different pieces for each person


corporate identity

project: Lascaux identity and communication design client: Lascaux srl year: 2010

La collaborazione con l’azienda Lascaux ha avuto come oggetto la creazione di una divisione di grafica e comunicazione interna all’azienda. Nell’ottica di rinnovamento dell’offerta è stata ridefinità tutta l’immagine di corporate aziendale: Logo, stationary, website, gadget...etc.

Corporate Website

Microgarden

Cube Calendar

Block Notes


interior design

project: Video Presentation client: Design After School Exhibition year: 2009

Design After School Video presentazione per la mostra evento Design After School. L’edizione 2009, che porta come slogan “European Creativity”, approfondisce e racconta in che modo i giovani usciti dalle Scuole di Design Europee stanno iniziando il loro percorso professionale nei diversi campi del Design. Trovate il video a questo indirizzo http://www.youtube.com/watch?v=ixViHRKEpho Buona visione!


“Il mio lavoro parte dal presupposto che ogni oggetto comunica. Che sia esso un testo, un’immagine, un oggetto, statico o dinamico, o la combinazione di tutte queste parti la componente di comunicazione diventa parte integrante della progettazione. Una buona regola per progettare? Complicarsi la vita cercando di raggiungere la semplicità.” Adriano D’Amelio


adriano D’AMELIO designer

via di Pietrafitta, 15_FIRENZE mail: adriano.damelio@gmail.com

produced by

Adriano D’Amelio

Profile for Adriano D'Amelio

Adriano D'Amelio Portfolio  

Fifty Emotional Pages

Adriano D'Amelio Portfolio  

Fifty Emotional Pages

Profile for ardesiano
Advertisement