Issuu on Google+

15 trimestrale Arcigay

Mister Gay Italia usa il preservativo ≼ Intervista a Don Barbero ≼

notizie da Arcigay Associazione lesbica e gay italiana - inverno 2008/09


15

trimestrale Arcigay Associazione lesbica e gay italiana INVERNO 2008/2009

10 04

line! O è on PEGAS ay.it/pegaso rcig .it www.a ne@arcigay redazio

18

Coordinamento redazione & distribuzione MATTEO RICCI • grafica EF9HI.ORG. Immagine di copertina e quarta l’incantina • Disegni SERENA SACCHETTI. Hanno collaborato a questo numero: Michele Breveglieri, Francesco Canino, Giovanni Caponetto, Casa Cattani, Luca Cigala, Antony Cortinovis, Giorgio Dell’amico, Giorgio Ghibaudo, Carlo Guarino, Stefania Licciardello, Sandro Mattioli, Sergio Mazzoleni, Paolo Patanè, Fabio Saccà, Carmine Urciuoli.

foto L’incantina

relio Mancuso no di fiducia di Au 03 Abbiamo bisog Paolo Patanè di e er nostro beness il r Pe e: lut sa 04 mbol 06 salute: Sex Sy 009 ay Salute 2008/2 cig Ar na ag Camp rini Old o nde a... Massim 07 salute: 3 doma S AID le na a nazio Presidente Consult a... Claudia Balotta e nd ma do 3 08 salute: lano Ospedale Sacco - Mi vani LGBT a torino! gio i de o 10 click: Il mond zionale IGLYO Conferenza interna i “Versi inVersi” 11 cultura: Ecco e esia LGBT vincitric In anteprima la po .it/local 12 www.arcigay 14 Clubs poli, Genova, Roma 16 italiagaya: Na o Barbero rvista a Don Franc 18 religioni: Inte di Carmine Urciuoli ini a capo di ILGA 20 esteri: Sabbad Giorgio Ghibaudo 21 che vorrei... di ello e Stefania Licciard book Memoria LGBT, Face e, nd 22 web: 50 Doma 23 Contatti


Abbiamo bisogno di fiducia Editoriale

i

l nostro dovere di occuparci di noi stessi, con limpidità, superando un letargo colpevole, frutto di un’omologazione che ha colpito anche le menti più fervide. Non solo 1° dicembre, ma una continua attenzione alla nostra salute, intesa come vera educazione a prenderci e prendersi cura.

Arcigay riparte da questo, da un’intolleranza mentale che ci coinvolge: AIDS, malattie sessualmente trasmissibili, preservativo, test, controlli medici, aiuto psicologico, solidarietà umana, dignità e soggettività delle persone sieropositive. Abbiamo il dovere di occuparcene davvero, mettere in campo la bella campagna che potrete ammirare in questi giorni e l’acquisto di 200mila preservativi, che sono destinati all’attività politica dei Comitati, ma anche alla sperimentazione della distribuzione gratuita, dapprima in un piccolo nucleo, di nostri Circoli affiliati. Per rendere continuativa e duratura la distribuzione dei preseravativi stiamo cercando finanziamenti privati (quelli pubblici non ci sono!), perché - per dare la misura dell’operazione - occorrono almeno due milioni di preservativi e lubrificanti all’anno per coprire tutto il territorio nazionale. Occuparci della nostra salute è, prima di tutto, quindi, riaprire con determinazione la questione HIV nel nostro paese, ma anche tutelare la completezza della salute psicofisica dei gay e delle lesbiche. Da qui la predisposizione della campagna contro l’omofobia, di cui a breve sarà bandito il concorso pubblico di idee.

E a questo si somma l’azione a difesa della nostra dignità, che comprende la tutela anche giudiziaria del nostro vissuto, con il deposito della querela con richiesta di risarcimento danni nei confronti dell’onorevole Paola Binetti, che continua impunemente a spargere sui mass media, falsità ed odio. Questi brevi accenni per comunicarvi la volontà di Arcigay di proseguire nel suo cammino di riforma politica e sociale, che necessita di un’attenzione particolare nei confronti delle concrete richieste che emergono dentro il popolo LGBT. Molti gay e lesbiche avvertono una giusta inquietudine e una giustificata insoddisfazione. I diritti civili non arrivano, la nostra condizione concreta rischia di peggiorare, il clima politico e sociale è assai preoccupante. Intendiamo suscitare un vasto e schietto ascolto, un mettersi in relazione per raccogliere le critiche sui nostri difetti, e da questo trarre la forza per un nuovo inizio, per un protagonismo diretto di tante e di tanti che finora hanno pensato, a torto, che il proprio impegno fosse inutile. Abbiamo bisogno di fiducia e di solidarietà reciproca e dobbiamo costruirle presto ed insieme. Aurelio Mancuso Presidente nazionale Arcigay


nessere Per il nostro be ne nciamo con forza la promozio

i

1° dicembre 2008: rila una sessualità consapevole dell’uso del preservativo e di

l 1° dicembre 2008, Giornata mondiale contro l’HIV/AIDS, arriva a conclusione di un anno importante per l’ulteriore chiarimento e definizione dell’impegno di Arcigay contro questa terribile malattia. Per la prima volta abbiamo partecipato ad un Congresso mondiale, quello di Città del Messico, aprendo un percorso nuovo, di relazioni e di impegno rispetto ai temi della prevenzione e della lotta all’HIV/AIDS: un percorso che è, e vuole essere, espressione di una linea politica nitida e consapevole; che ha vissuto una pagina importante in Messico; e che ci vedrà ancora coinvolti in altri luoghi e circostanze.

Il 2008 ha visto anche la concretizzazione di un datato, ma attualissimo mandato congressuale sull’acquisto e la distribuzione dei preservativi nei Comitati provinciali, con la promozione, da parte del Consiglio nazionale, di un ODG che ci impegna in una fase nuova di reperimento delle risorse necessarie ad affrontare questa sfida. Arcigay ha svolto un ruolo all’interno della Consulta nazionale AIDS per l’affermazione, anche terminologica del preservativo: presidio fondamentale contro l’HIV/AIDS, e tuttora oggetto di rimozione da parte di una cultura che colpevolmente lo nasconde, nelle parole e nei fatti. La breve campagna AIDS del

pegaso quindici - Arcigay foto: l’incantina

 • salute


Salute • 

pegaso quindici - Arcigay

Ministero, che per la prima volta citava il preservativo, è stato di certo un successo, ma davvero piccolo; perché il confronto con gli altri Paesi occidentali è impietoso e frustrante. Il pacco consegnato ai Comitati provinciali per il 1° dicembre, composto da cartoline, poster e locandine, è a sua volta espressione di una scelta precisa: una proposta comunicazionale più ampia e variegata, ma soprattutto non conclusiva. La campagna di informazione e prevenzione non vuole essere un evento, e non inizia, né finisce con il 1° dicembre. Dal mese di dicembre, infatti, procederemo, in collaborazione con il responsabile del circuito ricreativo e con i club affiliati – www.arcigay.it/ricreativi, all’installazione di una cartellonistica che avrà carattere permanente.

Oggi le terapie consentono una diversa qualità della vita e, soprattutto delle aspettative. Ma nel mondo il numero di persone che convivono con l’HIV continua a crescere e di AIDS si muore ancora. C’è meno paura, grazie all’aiuto dei farmaci, ma sarebbe gravissimo abbassare il livello di guardia, perchè il pericolo rimane, ed è grande. Facciamo la nostra parte nel combatterlo con maturità e con un rinnovato senso di responsabilità . Paolo Patanè – Responsabile nazionale Salute Arcigay salute@arcigay.it • www.arcigay.it/salute

t/salute www.arcigay.i

foto: l’incantina

A gennaio 2009 rinnoveremo il messaggio sulla prevenzione, proponendo un gadget che verrà elaborato e proposto dal gruppo Salute, e nei mesi successivi continueremo periodicamente a veicolare messaggi precisi su argomenti precisi: accesso al test HIV, altre malattie a trasmissione sessuale, discriminazione e AIDS, diritti delle persone sieropositive.


pegaso quindici - Arcigay

Sex symbol

è

Mister Gay 2008 protagonista per il safer sex della campagna salute Arcigay

Antony Cortinovis, Mister Gay Italia 2008 il testimonial della nuova campagna per la salute e la prevenzione di Arcigay, che viene lanciata il 1° dicembre 2008, Giornata Mondiale per la lotta contro l’HIV/AIDS.

Antony è protagonista delle immagini che potete ammirare su queste pagine di Pegaso, ma anche delle 8 cartoline, dei 2 poster e delle 2 locandine che saranno distribuite in questi mesi dai Comitati provinciali e dai club Arcigay, assieme a preservativi gratuiti. Lo slogan della campagna è Sex Symbol e ci ricorda che il preservativo è uno strumento di complicità e piacere nel fare sesso con il nostro partner. Il preservativo è un simbolo della sessualità libera e consapevole: per combattere l’HIV dobbiamo utilizzarlo nel sesso penetrativo e dobbiamo ricordare di non farci venire in bocca. La campagna è stata ideata e realizzata da Emilia Franchini – www. ef9hi.org - e da Matteo Ricci. Antony - www.mistergayitalia2008.it - ha posato gratuitamente per il book fotografico, sia da solo che con il suo compagno Luca Cigala. Troverete l’intera gallery e alcuni scatti del backstage presto on line su www.arcigay.it/fotogallery.

foto: l’incantina

 • Salute


simo Oldrini 3 domande a... Mas igay fa parte nazionale AIDS, di cui anche Arc Presidente della Consulta

c

he cos'è esattamente la Consulta e quali funzioni svolge?

foto: Raffaele Buccomino

pegaso quindici - Arcigay

Salute • 

La Consulta è un organo tecnico, istituito dal Ministro della Salute, finalizzato all'approfondimento di questioni informativoeducative, psico-sociali, etiche, dell'assistenza e della prevenzione. La Consulta formula pareri e proposte in merito. Raccoglie le 33 maggiori realtà italiane impegnate nella lotta contro l'AIDS, tra associazioni di volontariato, di promozione sociale e di pazienti, fondazioni, enti morali e religiosi, comunità terapeutiche, coordinamenti nazionali e gruppi locali.

eterosessuali, sia a particolari gruppi, quali le persone che consumano sostanze, le persone omosessuali, i/le sex workers, i migranti. Ponendo grande attenzione alle donne che risultano essere più esposte degli uomini. Altro tema da affrontare è lo stigma ancora oggi molto che pesa sulla vita delle persone HIV+ come un macigno. E su questo è fondamentale il vostro aiuto, della comunità LGBT, perché purtroppo si fa fatica a parlare di HIV e le persone che dichiarano la loro condizione di sieropositività talvolta vengono lasciate sole.

Dal suo osservatorio qual è oggi lo stato delle cose nella lotta all'HIV/AIDS e quali sono gli obiettivi più urgenti?

Dobbiamo temere una recrudescenza dell'HIV? Che cosa è mutato nei comportamenti?

Da un punto di vista clinico la situazione è molto migliorata e i decessi sono molto calati da un decennio. Purtroppo però si continua a morire. Inoltre le terapie sono abbastanza faticose e danno una serie di effetti avversi da non sottovalutare, ma generalmente danno buoni risultati e consentono di avere una qualità della vita piuttosto soddisfacente. Riguardo alla diffusione del virus HIV, sembra essere in forte crescita ormai da alcuni anni. Probabilmente nel nostro paese vivono molte più delle 130.000 persone HIV+ registrate: le stime di UNAIDS e UE, che ne indicano quasi 200.000, non sembrano essere poi così esagerate. Quindi gli obiettivi primari sono le azioni di prevenzione. Le campagne devono essere rivolte sia a tutta la popolazione, visto che circa il 50% delle nuove diagnosi riguarda comportamenti

Purtroppo sì. Dal nostro punto di vista, questa infezione è stata sottovalutata per alcuni anni. Solo da un paio di anni il Ministero ha iniziato a comprendere che questo è un problema di dimensioni importanti, e che sono necessarie campagne di prevenzione mirate, è stato avviato un lavoro che darà i suoi frutti, però non nell'immediato. Il silenzio mediatico, avvenuto dopo l'avvento delle terapie, ha prodotto un'espansione del virus. In parte perché si era diffusa la convinzione errata che "va beh... in fondo se lo prendo basta qualche pastiglia", in parte perché per molti anni non si è sottolineato sufficientemente che questo virus riguarda TUTTA la popolazione sessualmente attiva. Questi messaggi rassicuranti hanno prodotto un abbassamento dell'attenzione nella popolazione, anche LGBT. Solo avviando immediatamente azioni mirate di prevenzione si riuscirà a invertire questa tendenza.


 • Salute

pegaso quindici - Arcigay

a Balotta 3 domande a... Clauàdi di Milano,

n

Professoressa dell’Universit dell’Ospedale Sacco Dipartimento Malattie Infettive

ella sua esperienza, cos’è l’HIV/AIDS oggi e cosa sta mutando nella percezione del rischio?

L’infezione da HIV viene contratta essenzialmente per via sessuale. In Italia si stima che si verifichino 3.000-4.000 nuovi casi ogni anno, di conseguenza 1 nuova infezione ogni 2 ore, che vanno ad aggiungersi alle circa 120.000 persone viventi che hanno già contratto l’infezione nel nostro paese dagli anni ’80 ad oggi. La terapia antiretrovirale oggi disponibile permette di non sviluppare più temibili infezioni opportuniste se viene iniziata tempestivamente. Da qui l’importanza del test precoce. I regimi di terapia antiretrovirale possono in una certa misura essere personalizzati e i loro effetti collaterali sono oggetto di intensi studi volti al loro contenimento. La diminuzione della mortalità correlata alla malattia, ovvero il superamento del binomio infezione-morte, può essere un fattore che ha contribuito ad una minore percezione del rischio tra gli adulti. Sono, tuttavia venute meno anche le campagne informative e in particolare quelle rivolte ai giovani al debutto sessuale. A suo avviso l’obiettivo vaccino quanto è plausibile? Gli sforzi che la comunità scientifica internazionale ha condotto sino ad ora non hanno prodotto i risultati attesi. Il virus HIV continua ad eludere i tentativi di arrestarne la diffusione attra-

verso le strategie che sono state vincenti per altri virus. Conoscere ancora meglio i meccanismi attraverso i quali HIV induce la malattia è il presupposto per vincere questa sfida. Chi lavora su questo ha molto coraggio: questa battaglia è difficile e i risultati non garantiti. Che cosa sono le terapie pre-esposizione e postesposizione? Quali rischi vuole segnalarci rispetto ai comportamenti? La terapia post-esposizione viene oggi offerta a tutti coloro che per ragioni professionali hanno avuto un contatto accidentale con materiale infetto (sangue, secrezioni vaginali o sperma di persone positive) e a coloro che riferiscono rapporti sessuali ad alto rischio con persone verosimilmente o accertatamente HIV positive. La sua efficacia è legata alla tempestività del suo impiego (entro poche ore dal contatto). Tutt’altra cosa è la profilassi pre-esposizione, concepita per i paesi in cui l’infezione è molto diffusa e che è attualmente oggetto di sperimentazione. I rapporti sessuali non protetti, senza l’uso del profilattico, continuano a rappresentare un elevato fattore di rischio di infezione da HIV sia per gli eterosessuali sia per gli omosessuali. Ciò è soprattutto vero per i giovani che non hanno ‘conosciuto’ direttamente la malattia.


Salute • 

pegaso quindici - Arcigay

VENETO SIALON Arcigay Veneto sta conducendo, assieme a 6 associazioni gay europee (Spagna, Grecia, Romania, Rep. Ceca, Slovenia e Slovacchia) e a centri di ricerca, Sialon, studio finanziato dalla Commissione Europea sulla presenza dell’infezione da HIV e sifilide nella popolazione omosessuale, sulla gestione del rischio e sui fattori che condizionano l’accesso al test. L’obiettivo è avere un’idea realistica di quanto effettivamente sono diffusi HIV e sifilide nella popolazione omosessuale e quante delle persone sieropositive non sanno di esserlo. La stima della prevalenza di HIV e sifilide solitamente lascia in ombra tutta quella popolazione che non usufruisce di servizi sanitari: questo studio cerca di ovviare a questo vizio originario andando a cercare i dati direttamente nel mondo dell’aggregazione gay (bar, cruising, disco, saune), grazie alla collaborazione dei circoli ricreativi Arcigay e segue esperienze simili in altri Paesi europei che hanno prodotto dati significativi. La ricerca consiste nella raccolta di dati comportamentali (mediante questionari

auto-compilati) e biologici (tramite prelievo di campioni di saliva) e garantisce il totale anonimato, dal momento che tutto è contrassegnato solo da codici a barre. La persona potrà successivamente richiedere i risultati tramite un tesserino con codice a barre, anche se le analisi effettuate hanno uno scopo puramente di ricerca e non hanno valore diagnostico. L’affidabilità e la profondità dei dati consentirà poi di mirare meglio campagne di prevenzione e di stimolare anche gli enti pubblici a svolgere il proprio ruolo. www.arcigayveneto.it PERUGIA GAY@

Prima edizione di un ampio e articolato progetto di sensibilizzazione che vedrà la città di Perugia ospitare importanti momenti di dialogo e confronto sulle tematiche

dell’integrazione e della prevenzione dall’HIV. Arcigay Omphalos, con la collaborazione dell’agenzia di promozione turistica Umbria Incoming Service, propone come momento centrale dell’evento sabato 29 novembre un convegno-confronto dal titolo: “La paura non previene, l’informazione si. A 25 anni dalla scoperta del virus HIV”, a cui prenderanno parte medici ospedalieri, giornalisti, politici, associazioni culturali, scuole. http://www.omphalospg.it BERGAMO Io mi ricordo… Grande serata benefit di spettacolo dal vivo il 10 dicembre al Teatro Gavazzeni di Seriate, promossa da Bergamo Laica e Arcigay Bergamo. Quando divertimento, paillettes e musica possono sposarsi con un grande obiettivo di solidarietà. info@arcigaybergamo.it


10 • Click

pegaso quindici – Arcigay

Il mondo dei giovani LGBT a torino! Successo della Conferenza Internazionale dei Giovani LGBT organizzata da IGLYO in collaborazione con Arcigay (Torino, 12-19 Ottobre). Oltre 30 giovani provenienti da Europa, Asia e America centrale hanno lavorato allo sviluppo di nuove strategie per sviluppare la visibilità, nuovi servizi, l'inclusione nel settore dell'istruzione dei giovani di ogni orientamento sessuale. La Conferenza ha avuto il sostegno e il saluto del Comune di Torino e della Regione Piemone. è pervenuto anche il saluto del Ministro della Gioventù Giorgia Meloni che si è impegnata "a concepire e intraprendere campagne ed azioni per combattere le discriminazioni". Resoconto e foto su http://strategies2008.iglyo.com


pegaso quindici - Arcigay

i

Cultura • 11

Ecco i Versi inVersi

l 21 ottobre la giuria ha assegnato i premi del 1° concorso nazionale di poesia e narrativa Versi inVersi, promosso da Arcigay Orlando di Brescia con il patrocinio del Consiglio della Regione Lombardia, dall’Assessorato e dalla Commissione per le pari Opportunità del Comune di Brescia e il sostegno della Fondazione ASM e del sindacato FLC-CGIL di Brescia.

Sono state ricevute 124 opere di autrici e autori di tutte le età e di tutte le regioni del paese.

le opere premiate e segnalate. Pubblichiamo in anteprima Insieme di Arnold de Vos. http://www.inversi.org/

Insieme “Se ti vergogni, puoi camminare a distanza.” (Giuseppe Pontiggia, Nati due volte)

La giuria, presieduta da Delia Vaccarello, giornalista e scrittrice, ha individuato le opere meritevoli per le quattro sezioni di cui si compone il concorso: qui vi anticipiamo le opere che hanno vinto il primo premio di ogni sezione.

E così siamo andati spaiati

Per la sezione Poesia a tema libero 21 giugno di Rosario Capaldo di Brescia; come Poesia a tematica LGBT Insieme di Arnold de Vos di Trento; per la sezione Racconto a tematica GLBT Senza titolo di Anna Maria Paolucci di Roma. Nessun premio è stato assegnato per la sezione Racconto a tema libero, per cui concorrevano solo cinque opere, ma è stato segnalato Brandon di Marcella Spiaggiari di Formigine (MO).

usando ingressi diversi, lo stratagemma dei

La premiazione avrà luogo a Brescia il 19 dicembre 2008 alle ore 17 presso l'Auditorium S. Carlino in via Matteotti 6/A, introdotta da una conferenza su Saba e l'Ernesto: identità allo specchio del prof. Roberto Benedetti. In quell'occasione sarà disponibile il libropremio della casa editrice Il dito e la Luna di Milano che raccoglierà

per un bel po’, evitando letti matrimoniali non facendo la doccia insieme uscendo dalla stanza a momenti alterni rientri differenziati. Insieme, e mai insieme. Separati dalla cortina invisibile della convenienza: ‘Se ti vergogni di me, puoi camminare a distanza.’ E lo hai fatto. Ne è nato un amore distorto che sconto in solitudine. Non mi è naturale vivere a due. Il mio amore è un intreccio a canestro coi vimini rotti in ogni punto: l’usura fa uno sforzo ma la consuetudine ha spaccato il fondo.


12 • www.arcigay.it/local AOSTA Arcigay Articolo 3 via Xavier de Maistre 19 T 329.6862948; aosta@arcigay.it http://arcigayaosta.blogspot.com/ TORINO Arcigay Ottavio Mai Via Fàà di Bruno 2 T 011.19703145 - 349.4089018; info@arcigaytorino.it www.arcigaytorino.it VERBANO CUSIO OSSOLA Arcigay Nuovi Colori Corso Cairoli 39, Verbania Intra (VB); T 329.3377638 info@arcigayverbania.it www.arcigayverbania.it GENOVA Arcigay L’Approdo Corso Torino 46/1; T 347.0011818 010.565971; genova@arcigay.it nuke.arcigaygenova.it MILANO Arcigay CIG Centro di Iniziativa Gay Via Bezzecca 3; T 02.54122225 info@arcigaymilano.org www.arcigaymilano.org ☎ Tel Amico 02.54122227 BRESCIA Arcigay Orlando Via Valerio Paitone 42 T 030.47601 info@arcigaybrescia.it www.arcigaybrescia.it ☎ TEL Amico 030.47601

pegaso quindici - Arcigay CREMONA Arcigay La Rocca Via Speciano 4; T 347.2783901 338.5015488; cremona@arcigay.it www.arcigaycremona.it MANTOVA Arcigay La Salamandra Piazza Tom Benetollo 1, T 340.2304223 - 0376.2853218 info@arcigaymantova.it www.arcigaymantova.it BERGAMO Arcigay Bergamo T 320.5777517 info@arcigaybergamo.it www.arcigaybergamo.it PAVIA Arcigay Pavia Via Siro Comi 11, T 346.6927476; pavia@arcigay.it www.coming-aut.it TRENTO Arcigay del Trentino 8 luglio Largo Nazario Sauro 11, T 348.1447151; info@agtrentino.org; www.agtrentino.org BOLZANO/BOZEN Arcigay Centaurus Via Galileo Galilei 4/a T 0471.976342 info@centaurus.org www.centaurus.org ☎ TEL Amico 0471.976342 Coord. reg. VENETO veneto@arcigay.it www.arcigayveneto.it

PADOVA Arcigay Tralaltro Corso Garibaldi 41, T 049.8762458 - 347.9990827 padova@arcigay.it; www.tralaltro.it ☎ TEL Amico 049.8762458 VERONA Arcigay Pianeta Urano Via Gela 9, T 338.1067300 - 045.8106253 info@arcigayverona.org www.arcigayverona.org VENEZIA Arcigay Contoallarovescia S. Polo 2003; venezia@arcigay.it contoallarovescia.blogspot.com ROVIGO Arcigay Politropia T 340.3049208 rovigo@arcigay.it http://politropia.splinder.com UDINE Arcigay Nuovi passi Via T. Deciani 89/135, T 340.3144203; udine@arcigay.it www.arcigay.it/udine ☎ TEL Amico 0432.523838 TRIESTE Arcigay Arcobaleno Via Pondares 8, T 040.630606 349.0582092; trieste@arcigay.it www.retecivica.trieste.it/ circoloarcobaleno Coord. reg. Emilia-Romagna emiliaromagna@arcigay.it

BOLOGNA Arcigay Il Cassero Via Don Minzoni 18, T 051.6494416; cassero@cassero.it www.cassero.it ✿ Progetto Benessere 051.555661 ✒ CdC 051.557954 ✒ Ufficio cultura 051.5280391

PIACENZA Arcigay L’ATOMO Strada Malchioda 39, T 346.6877021 piacenza@arcigay.it http://piacenzagay.blogspot.com REGGIO EMILIA Arcigay Giòconda Via Emilia all’Ospizio 102, T 0522.332372 - 0522.550383 info@arcigayreggioemilia.org www.arcigayreggioemilia.org ☎ TEL Amico 0522.332372

22 dicembre Alessandro Fullin torna al Cassero!

✿ Consultorio psicologico 349.6437659

MODENA Arcigay Matthew Shepard Via IV Novembre 40/A, T 348.7669298 info@arcigaymodena.org www.arcigaymodena.org ☎ TEL amico 059.8750811 FERRARA Arcigay Circomassimo Via Contrada della rosa 14, T 349.5683371 - 0532.241419 info@circomassimo.org www.circomassimo.org

È solo amore. Rassegna cinematografica LGBT

ay Veneto: o sito di Arcig Visita il nuov veneto.it ay cig ar w. http://ww


www.arcigay.it/local • 13

pegaso quindici - Arcigay

Seconda edizione della rassegna cinematografica De genere.

“Coming Out”, “Omo Visione” e “Vuoto Fertile” queste le nuove attività di Arcigay Bari. Per info: www.arcigaybari.it

Arcigay non è presente nella tua provincia? Scrivi una mail a segretario@arcigay.it per creare un gruppo promotore per un nuovo comitato.

RIMINI Arcigay Alan Mathison Turing Piazza Amendola 3, Riccione (RN) T 393.0402429; rimini@arcigay.it www.arcigay.it/rimini Coord. reg. TOSCANA toscana@arcigay.it ☎ TEL Amico – infoline 199.444.592 PISA Arcigay Pride! Via S. Lorenzo 38, T 050.555618; pisa@arcigay.it; www.arcigaypisa.it

PERUGIA Arcigay Omphalos Via della Pallotta 42, T 075.5723175 - 335.8254624 perugia@arcigay.it www.omphalospg.it

LIVORNO Arcigay L’Angelo Azzurro Piazza della Libertà 14 Cecina (LI); T 348.4935240 livorno@arcigay.it www.arcigaylivornese.it PISTOIA Arcigay La Giraffa Casella Postale 301, Pistoia centro; T 347.6926658; info@lagiraffa.org www.lagiraffa.org GROSSETO Arcigay Leonardo Da Vinci Via Parini 7/e, T 0564.1911305 347.0788972; grosseto@arcigay.it www.grossetogay.it FIRENZE Arcigay Il Giglio Rosa Via di Mezzo 39/r; T 055.0123121 340.8135204; firenze@arcigay.it www.arcigayfirenze.it

ANCONA Arcigay Caleido Via Vittorio Veneto 11, T 071.203045; ancona@arcigay.it ROMA Arcigay Gruppo ORA Via Zabaglia 14, T 06.64501102 - 347.9578585 roma@arcigay.it; www.arcigayroma.it

✿ Consultorio 075.5723175

PESARO URBINO Arcigay Agorà Via Dell’Acquedotto, Pesaro T 389.9725980; pesaro@arcigay.it

✿ Gay Help Line 800.713.713 www.gayhelpline.it

L’AQUILA Arcigay Massimo Consoli T 339.8794768 laquila@arcigay.it Coord. reg. CAMPANIA campania@arcigay.it NAPOLI Arcigay Antinoo Vico S. Geronimo alle Monache 19, T 081.5528815 - 338.5467900 info@arcigaynapoli.org www.arcigaynapoli.org ☎ TEL Amico 081.5528815

SALERNO Arcigay Federico Garcia Lorca www.arcigay.it/salerno caserta Arcigay Coming out Via Cesare Battisti 69, T 349.0915305 info@comingoutcaserta.it www.comingoutcaserta.it Bari Arcigay Liberi di Essere Liberi di Amare Via Zara 13/15, T 080.2146195 347.5276664; bari@arcigay.it www.arcigaybari.it COSENZA Arcigay EOS Calabria Corso Telesio 29; T 347.7600480; cosenza@arcigay.it www.arcigay.it/cosenza reggio calabria Arcigay Reggiocalabria reggiocalabria@arcigay.it Coord. reg. SICILIA sicilia@arcigay.it catania Arcigay Catania T 346.7704294 info@arcigaycatania.it www.arcigaycatania.it MESSINA Arcigay Orion T 347.4710279; 340.1593964 messina@arcigay.it

SIRACUSA Arcigay Siracusa T 333.6065367 siracusa@arcigay.it RAGUSA Arcigay Ragusa Piazza Regina Margherita Ispica (RG); T 333.9884067 ragusa@arcigay.it Palermo Arcigay Palermo piazza S. Anna 18, palermo@arcigay.it Agrigento Arcigay Agrigento agrigento@arcigay.it CARBONIA IGLESIAS Arcigay PierPaolo Pasolini T 349.5912379 carbonia-iglesias@arcigay.it LINEE AMICHE GAY & LESBICHE http://www.arcigay.it/linee-amiche

Il comitato di Catania ha eletto il nuovo direttivo al quale ! facciamo auguri di buon lavoro


14 • www.arcigay.it/club TORINO

MILANO

011 SAUNA CLUB S Via Messina 5/d Tel 011.284263 G 7/7 XXX Via Messina 5/d Tel 011.284263 G

C

MA-SA

GENOVA S C B AQUA Salita S. Viale 15r Tel 010.588489 G

MA

BERGAMO D C GET UP Via Bianzana 46 Tel 035.344460 G

pegaso quindici - Arcigay

VE-SA

THE CITY SAUNA S Via Della Clementina 8 Tel 035.240418 G MA BRESCIA S SPLASH CLUB Via Faustinella 1, Desenzano del Garda (BS) Tel 030.9142299 G 7/7

VARESE S NEW FLUG Strada Pradisera 58, Gallarate (VA) Tel 0331.245959 G 7/7

BINARIO UNO D C Via Alzaia Naviglio Grande 98 Tel 329.9440960 G

SA

COMPANY CLUB C B Via Benadir 14 Tel 02.2829481 GL

LU

CRUISING CANYON C Via G. Paisiello 4 Tel 02.20404201 G 7/7 C DEPOT Via Valtorta 19 Tel 02.2892920 G 7/7

FLEXO Via Oropa 3 Tel 02.26826709 G

C

LU-MA

C ILLUMINED Via Napo Torriani 12 TEL 02.66985060 G 7/7

JOINTHEGAP ARCIGAY CIG D B c/o Borgo del Tempo Perso, via F. Massimo 36 TEL 02.54122225 GLT

DO

C B King Via Dern 19 Tel 346.1472861

ROYAL HAMMAM S Via Plezzo 16 Tel 02.26412189

C B KO Via Resegone 1 Tel 339.7798450 392.3435573 G 7/7

C X CLUB Via Sammartini 23 Tel 02.67070683

G 7/7

METRO MILANO S CENTRALE Via Schiaparelli 1 Tel 02.66719089 G 7/7

G 7/7

G

LU- MA

PADOVA S C Chill Out Via J. Avanzo 47 Tel 049.603888 G 7/7

TREVISO

BOLOGNA

S HOBBY ONE Via L. da Vinci 4, Godega S.Urbano (TV) Tel 0438.388256 G

LU

D DISCO GOLD Via L. da Vinci 4, Godega S.Urbano (TV) Tel 334.3165316 GL

SA

VENEZIA

FLEXO D C MULTICLUB Via Turazza 19 Int.3 Tel 049.8074707

METRO VENEZIA S Via Cappuccina 82/b, Venezia Mestre Tel 041.5384299

D C Nautilus Via Mondovì 7, Tel 02.27201984

METRO PADOVA S Via Turazza 19 Tel 049.8075828 G 7/7

NEW AFTER LINE D Via Sammartini 25, Tel 345.6936243

C HOT DOG Via Turazza 19, scala A Tel 338.6665207 G 7/7

PDM PORTO DE MAR C Via delle Macchine 41/43, Marghera (VE) Tel 346.2113085

METRO MILANO CIMIANO Via Oropa 3 Tel 02.28510528 G

S

LU

GLT

GLT

ma-me

DO

ONE WAY CLUB D C Via F. Cavallotti 204, Sesto San Giovanni (MI) Tel 02.2421341 G 7/7

GL

LU-MA

G 7/7

G

LU-MA

VERONA

C OFFICINA Via A. Volta 1/7, Limena (PD) Tel 338.8721747 G 7/7

ROMEO’S D B C CLUB Via Giolfino 12 Tel 045.8403215

D C THE BLOCK Via A. Volta 1/3, Limena (PD) Tel 348.4500418

THE CITY SAUNA S Via Giolfino 12 Tel 045.520009

GL

SA

B bar; D discoteca; C cruising area/dark room; S sauna; R ristorante • G gay; L lesbiche; T trans*; 7/7 aperto 7giorni su 7;

G

LU

C B BAR’T Via Polese 47/b Tel 051.243998 G LU S BLACK SAUNA Via del Tipografo 2, zona Roveri Tel 051.6011241 G

MA

D B CASSERO Gay lesbian center Via Don Minzoni 18 Tel 051.6494416 GLT 7/7

MOVIDA CLUB C B Via San Felice 6/b Tel 051.232507 G 7/7 C D RED CLUB Via del Tipografo 2, zona Roveri Tel 331.4604114 G

VE-SA

S STEAM Via Ferrarese 22/i Tel 051.363953 G 7/7 PARMA C D EXTREME Via Monte Sporno 16/b Tel 349.5567247 G

SA-DO

G 7/7

giorno/i di chiusura;

giorno/i di apertura


www.arcigay.it/club • 15

pegaso quindici - Arcigay RIMINI CLASSIC CLUB D C Via Feleto 15 Tel 335.5854640 GLT

SA

G

FIRENZE FABRIK Via del Lavoro 19, Calenzano (FI) Tel 349.8906645 G

C

LU

HARD BAR 85 C B Via Guelfa 85/r, Tel 055.2645461 G

7/7

PISA COLORS Via Mossotti 10 Tel 050.500248 GLT

B

LU-MA

SIESTA CLUB 77 S Via Porta a Mare 26 Tel 050.2200146 G 7/7

ANCONA PENSIERO D STUPENDO Via Montignano 3, Loc. Castelcolonna, Senigallia (AN) Tel 347.0779266 347.4758758 GLT

SAUNA VELLUTO S SS. Adriatica Sud 184, Loc. Marzocca, Senigallia (AN) Tel 347.0779266 LU

ROMA APOLLION SAUNA S Via Mecenate 59/a Tel 06.4825389 G 7/7 EMC - EUROPA S MULTI CLUB Via Aureliana 40 Tel 06.4823650 G 7/7 FREQUENCY C B Via Enea 34 Tel 06.7851504 G MA FRUTTA E VERDURA D C via di Monte Testaccio 94 Tel 347.8797063 GL

DO

C B HANGAR Via in Selci 69/a Tel 06.48813971 G

C DEPOT Via della Veterinaria 72; Tel 081.7809578

LA TAVERNA DI R EDOARDO II Vicolo Margana 14 Tel 06.69942419

Macho Lato C B Via Abate Minichini 62; Tel 081.7803062 320.1994834 GL 7/7

MEDITERRANEO S Via Pasquale Villari 3 Tel 06.77205934

SPUTNIK CLUB C B Via Santa Teresa degli Scalzi 154 bis Tel 081.19813222

G

LU

GLT

VE-SA-DO

C

MA

G 7/7

S RIO’S Via dei Colli Albani 10 Tel 06.78147828 G 7/7

C B SKYLINE Via Pontremoli 36 Tel 06.7009431 G 7/7 PESCARA

PHOENIX D B C CLUB Via Caravaggio 109 Tel 085.73689 GL

LU-MA

NAPOLI

MA

IL DIAVOLO DENTRO Largo Itri 23/24 Tel 347.7285891 G

C B K CLUB Via Amato Amati 8 Tel 06.21701268

S BLU ANGEL Centro Direzionale Isola A/7 Tel 081.5625298

G

LU

G 7/7

BARI MILLENNIUM BATH Via Adriatico 13 Tel 080.5342530 G

S

LU

CATANIA PEGASO’S D C CIRCUS Viale Kennedy 80 Tel 095.7357268 GLT

SA

TERME DI ACHILLE Via Tezzano 13 Tel 095.7463543 B.CR.S.I.G.

S

LU

G 7/7

VE-SA

B bar; D discoteca; C cruising area/dark room; S sauna; R ristorante • G gay; L lesbiche; T trans*; 7/7 aperto 7giorni su 7;

giorno/i di chiusura;

giorno/i di apertura


16 • italiagaya

NAPOLI IO, Arcigay interculturale

Dopo l'incontro rivolto ad operatori per affrontare il tema immigrazioni ed omosessualità, il 12, 13 e 14 dicembre a Napoli ci sarà il seminario per i volontari di Arcigay. Si tratta del 2° appuntamento formativo previsto dal progetto IO, Immigrazioni ed Omosessualità - Nuovi approcci nel campo dell'integrazione dei migranti residenti in Italia: l'aiuto ai migranti LGBT. Sarà un'importante occasione per confrontarsi con esperti e testimoni su questa tematica. Scopo del seminario

pegaso quindici

è fornire strumenti e informazioni utili affinché la nostra rete di Comitati provinciali diventi un punto di riferimento e di incontro importante anche per i/le tanti/e uomini gay e donne lesbiche di altre nazionalità presenti in Italia. Oltre ad alcune informazioni sulla normativa su immigrazione e asilo, particolare rilevanza sarà data all'approccio interculturale, all'approfondimento sul rapporto tra culture diverse ed omosessualità e allo scambio di idee ed esperienze. Assieme ai relatori e docenti, saranno presenti alcuni ragazzi stranieri gay che potranno raccontare la loro esperienza. Iscrizioni migra@arcigay.it; http://migrantilgbt.arcigay.it

GENOVA Against Nature?

In attesa del GenovaPride del giugno 2009 (www.genovapride.it), sabato 18 ottobre un gruppo di attivisti/e di Arcigay L’Approdo è andata in visita alla mostra Against Nature? sull’omosessualità nel mondo animale in corso fino al 7 gennaio al Museo di Storia Naturale Giacomo Doria. Grande momento di visibilità ed entusiasmo per l’associazione genovese:

“finalmente esposta in modo chiaro e didattico la prova che l’omosessualità è un fatto naturale”; “è interessante vedere mostrato come spesso la sessualità negli animali non sia vissuta solo con scopi riproduttivi, ma anche come momento di


italiagaya italiagaya• •1717

pegaso quindici pegaso quindici - Arcigay

piacere”; “la natura ha tanta fantasia: solo l’essere umano è capace di reprimerla in maniera innaturale”. La gita, pubblicizzata anche dalla stampa locale, è stata l’occasione di invitare tutti i comitati Arcigay e tutte le associazioni LGBT ad andare a visitare la mostra e la città sede del prossimo Pride nazionale, assieme ad Arcigay Genova. genova@arcigay.it

ROMA Taglio del nastro

Uno spazio aperto alla comunità e tutte le realtà lesbiche, gay e trans. è così che si presenta la nuova sede di Arcigay Roma nel cuore della Capitale, in via Nicola Zabaglia 14, a Testaccio (Metro Piramide). Grande entusiasmo per il taglio del nastro

e per il party di inaugurazione venerdì 28 novembre. "Diamo vita a un luogo dove poter fare cultura, creare nuove possibilità di socializzazione, dialogo e confronto - ha detto il presidente di Arcigay Roma, Fabrizio Marrazzo – un punto di riferimento per tutta la città, quella che vuole battersi per la libertà e contro ogni forma di discriminazione". La struttura continuerà a ospitare Gay Help Line 800.713.713, il numero verde antiomofobia che ha appena lanciato la nuova campagna rivolta alle donne e alle persone disabili, le sale per le consulenze legali, mediche e psicologiche gratuite, un'ampia sala riunioni e conferenze, vero e proprio laboratorio, per rispondere alle esigenze di chi chiede un posto aperto tutto il giorno. "Abbiamo voluto dare grande calore a tutti i locali, arredandoli e scegliendo i materiali come se si trattasse di una casa, la casa comune di tutte e tutti - ha precisato la vicepresidente del comitato, Marina Zela – non vogliamo limitarci a essere inquilini di un immobile pubblico, il nostro scopo è stato quello di riqualificare e rendere più bella una costruzione non utilizzata da anni, così da recuperarla. Un lavoro faticoso ed elettrizzante, che ci ha permesso di rendere agibile finora

solo la metà dei 500 metri quadri che compongono la struttura, grazie alla grande mobilitazione che ha coinvolto moltissimi soci, amici e volontari a cui dobbiamo dire grazie per aver offerto sostegno economico o per aver imbiancato una parete: insieme abbiamo raggiunto questo storico risultato". www.arcigayroma.it


18 • religioni

pegaso quindici - Arcigay

n discriminare Amare vuol dire norbe ro, prete contro la prigionia

i

Intervista a Don Franco Ba vaticana

n occasione della Giornata del Dialogo tra omosessualità e religioni, che si svolge il 13 gennaio (http://www.january13. org), incontriamo don Franco Barbero, presbiterio della Comunità Cristiana di Base di Pinerolo (http://www.viottoli.it). Barbero, che il vaticano ha cercato di mettere a tacere per la sua opera in favore dei credenti omosessuali, continua il suo lavoro di ascolto ed accoglienza ed ha raccolto alcune tra le innumerevoli lettere che riceve ogni giorno nel libro “Omosessualità e vangelo”, curato da Pasquale Quaranta (ed. Gabrielli).

Il vangelo contiene delle parti che possono essere lette in modo tale da giustificare l’atteggiamento ostile nei confronti delle persone omosessuali da parte del vaticano? Certamente nella bibbia ci sono i cosiddetti passi difficili, che sono stati attentamente studiati e che si prestano, ad una lettura decontestualizzata, ad un’interpretazione fondamentalista. C’è chi estrae questi versetti e li spara contro gli omosessuali. Ma questa è una operazione da bifolchi. Dalla bibbia si posso estrarre versetti e farli diventare pietre contro le donne e contro qualunque categoria di persone. è chiaro che la bibbia è stata redatta in un contesto patriarcale di cui bisogna tener conto: prendere un versetto e spararlo contro qualcuno è una operazione indegna.

Per le istituzioni cattoliche la verità scritta non si discute, non può cambiare e non può essere aggiornata all’uomo che cambia. La sua pastorale è invece diversa… Io credo che la parola vangelo voglia dire buona notizia di liberazione e di vita e per fortuna noi camminando scopriamo che la libertà cresce con la vita nello svolgersi della storia. Per un credente non c’è da estrarre da un testo le verità, pillole dogmatiche, ma c’è da cogliere un messaggio fondamentale che è quello dell’amore. E laicamente, dentro la cultura del proprio tempo, bisogna tradurlo nel cammino umano. Cosa vuol dire adesso amare? Vuol dire non discriminare, vuol dire dare ad ogni persona il suo spazio, riconoscere le differenze, non gerarchizzarsi ma fare una convivialità del creato. Ed invece, vede, la prigionia vaticana è quella di voler estrarre dalla bibbia dei modelli e proiettarli sulle persone. Ma sono delle brache strette, sono queste le operazioni che veramente opprimono. Quale chiesa immagina? Una chiesa molto semplice. Prima di tutto eliminerei il vaticano che è inutile e dannoso. Creerei invece un ministero di animazione, uomini, donne, eterosessuali, omosessuali, transessuali, un ministero per tutti. Immagino una chiesa più povera, senza privilegi. Che promuova la laicità e che sia sorella delle altre tradizioni. Semplici, più poveri, più miti, meno arroganti, come ci ha insegnato Gesù che andava per le strade della Palestina ed ha insegnato a quelle donne e a quegli uomini ad essere più felici e più umani.


pegaso quindici - Arcigay

bia si prestano “I passi difficili della bib ndamentalista.” ad un’interpretazione fo

religioni • 19

Lei ha benedetto molte coppie omosessuali, in cosa consiste questo rito?

, non differenze reato.” le re e c s o el c on ol dire ric vivialità d u n v o c re a a n m u “A fare zarsi ma gerarchiz

Ho benedetto duecento coppie, non solo a Pinerolo, ma anche a Roma. Le due persone partecipano ad un percorso di amicizia e di riflessione biblica e poi ricevono la benedizione durante la messa domenicale, alla celebrazione dell’eucarestia. Che lo chiamino matrimonio o patto di amore a me interessa poco. A me interessa che nelle comunità ci sia la stessa dignità ed accoglienza per chi è omosessuale o eterosessuale. Dove c’è l’amore c’è una comunità che accoglie questo amore e cresce grazie ad esso.

c’è chi sa vivere e sa godere dell’amore perché creare amore è diffondere amore. Ma per un prete ora, per il controllo che c’è, si vive una situazione difficile. Io dò ai confratelli gay la mia solidarietà perché vivere in libertà l’amore è una delle cose che rende più fecondo il ministero. Ma dobbiamo lottare perché questa chiesa ha paura della felicità, vuole tutti gementi e piangenti in questa valle di lacrime e semina angoscia.

Sono in contatto con lei molti preti omosessuali. Come vivono i sacerdoti gay dentro la chiesa cattolica? Posso dire che non è dolore l’amore omosessuale ma un continente di felicità e di tenerezza. Ed anche tra i preti ci sono bellissimi amori, vissuti in barba a tutti i canoni e alle lettere pontificie. Per fortuna

La versione inte grale dell’interv ista sarà pubblic sul sito Arcigay ata www.arcigay.it/i nter vista-franco -barbero


Di recente la senatrice Paola Binetti, numeraria dell’Opus Dei, ha suscitato aspre polemiche per avere ancora una volta accostato l’omosessualità ad una patologia. Qual è il suo commento? Se Paola Binetti vuole flagellarsi con un cilicio e ci trova gusto, faccia pure. A me preoccupa che lei non si accontenta di flagellare se stessa ma vuole flagellare pure gli altri. Ed il problema è che dice delle cose che non stanno né in cielo né in terra, ma purtroppo stanno in questa Italia. Lei rappresenta una di quelle persone che vogliono vaticanizzare l’Italia. E trovo ridicolo quando ritorna e chiede scusa dicendo banalità. Carmine Urciuoli

Arcigay denuncia Paola Binetti http://www.arcigay.it/denunciamo-paola-binetti religioni sualità e s e s o m o go tra er il Dialo Giornata p 3.org .january1 w w w / :/ p htt

i

Sabbadini alla testa di ilga

l 24° congresso di ILGA, federazione mondiale LGBT (www.ilga.org), tenutosi a Vienna, ha eletto come nuovo co-segretario, cioè uno dei due maggiori rappresentanti - un gay e una lesbica - Renato Sabbadini, ex-responsabile esteri di Arcigay. Per Sabbadini, che ha ricevuto 157 voti, pari a 3/4 dei delegati, si è trattato di un successo che riconosce a livello mondiale la sua pluriennale esperienza internazionale di attivismo. La conferenza ha visto la partecipazione di oltre 200 attivisti provenienti da circa 80 paesi, suddivisi in 6 federazioni regionali. Arcigay è componente sia della federazione mondiale, sia della federazione regionale ILGA-Europe (www.ilga-europe.org). Il neo-segretario andrà così a co-presiedere le riunioni del direttivo mondiale di ILGA, federazione che raccoglie la maggioranza delle associazioni LGBT del mondo e che rappresenta una rete di scambio di pratiche per rafforzare la lotta alle discriminazioni e la battaglia per la parità dei diritti nei singoli stati. Sabbadini, 42enne di Bergamo, era stato appena ri-eletto nel direttivo di ILGA-Europe, di cui faceva parte dal 2007: per incompatibilità dovrà dimettersi da questo ruolo. Facciamo i migliori auguri di buon lavoro a Renato, il Ban Ki-Moon di Arcigay, orgogliosi del prestigioso risultato ottenuto e convinti che saprà portare in ILGA la sua grande esperienza e capacità di relazione.

foto: Sandro Mattioli

pegaso quindici - Arcigay

20 • religioni


Giorgio Ghibaudo, 36 anni, Torino

l

 

Che vorrei • 21

L’italia che vorrei...

’Italia che vorrei è un pause più onesto, che non dimentica il proprio passato e che non cerchi di adulterarlo o di affossarlo. Un’Italia più laica e più uguale per tutti, più sincera e meno bigotta. Un’Italia libera da influenze pontificie. Un’Italia che riesca a pensare da sola, meno becera, meno volgare, più istruita. Un’Italia meno “catodica”, un luogo in cui l’unica aspirazione non sia finire in un reality o a sbraitare in un salotto televisivo.

L’arcigay che vorrei...

L’Arcigay che vorrei è un’associazione in grado di sensibilizzare tutta la popolazione LGBT italiana, di stimolarla e di responsabilizzarla. Occorre che TUTTI noi capiamo il difficile momento storico, politico e sociale in cui ci troviamo e che ci richiede di essere uniti e presenti SEMPRE (non solo in occasione dei cortei per il 28 giugno). Un Arcigay che riesca a sfondare il muro di indifferenza da parte della classe politica e il non raro di cronico disinteresse di molte persone (molte delle quali della nostra stessa comunità). Insomma, tutti un po’ più impegnati e un po’ meno fashion.

Stefania Licciardello, 41 anni, y Catania poeta operaio, presidente Arciga

L’italia che vorrei...

u

n’Italia che valorizzi tutte le differenze. Che dia risalto alle sue opere d’arte. Ogni essere umano è un’opera d’arte, è poesia. Un’Italia impegnata nella lotta alla povertà.

 

L’arcigay che vorrei...

Promotore di poesia e di lingua diversa che porti pace, bellezza, gioia di vivere e un’intelligenza aperta.

La compagna che vorrei... …una che ci sta!!! ;D

Il compagno che vorrei...

Il compagno che vorrei deve essere fedele, onesto e sincero. Non guasterebbe fosse biondo e con gli occhi azzurri. Della mia stessa età o anche più giovane, serio ma non serioso. Che non provi vergogna per il proprio modo di essere e che non abbia paura di andare in giro tenendomi per mano.

PARTECIPA ANCHE TU! Invia 1000 battute a redazione@arcigay.it


22 • Web

pegaso quindici - Arcigay

50 DOMANDE

i

l portale arcigay.it ha lanciato un piccolo gioco per conoscere meglio le persone LGBT che operano quotidianamente in Arcigay, per dare volto ai dirigenti nazionali e locali dell’Associazione e per dare corpo alle diversificate componenti che costituiscono la nostra identità. Si tratta del questionario 50 Domande, liberamente riadattato dal popolare Questionatio di Proust, che vede la pubblicazione a scadenza settimanale di ogni diverso autoritratto. Leggete tutte le risposte su

www.arcigay.it/50-domande

www.memorialgbt.it

n

uove pagine per il sito Arcigay dedicato alla memoria LGBT. In questo sito web potete leggere tutte le iniziative 2009 a ricordo della memoria storica dell'olocausto lesbico e gay organizzate dai Comitati Arcigay in occasione della Giornata della Memoria del 27 gennaio. Potete inoltre consultare documenti e tavole illustrative prodotte dall’associazione e la nuova sezione Memorie in corso dedicata ad approcci storici più semplici sulla storia del movimento LGBT degli ultimi decenni.

www.arcigay.it/facebook

v

isita il gruppo Arcigay su Facebook, il principale spazio a tematica LGBT italiano nel più popolare social network in rete. Posta notizie e discussioni, ma soprattutto invita i tuoi amici a partecipare!


Via Don Minzoni 18, 40121 Bologna Tel. +39 051 6493055 Fax. +39 051 5282226 www. arcigay.it info@arcigay.it

presidente nazionale presidente@arcigay.it segretario nazionale segretario@arcigay.it collegio dei garanti collegiogaranti@arcigay.it tesoriere tesoriere@arcigay.it ufficio stampa ufficiostampa@arcigay.it settore salute salute@arcigay.it settore giuridico lex@arcigay.it settore esteri esteri@arcigay.it settore lavoro lavoro@arcigay.it settore scuola scuola@arcigay.it settore cultura cultura@arcigay.it settore politiche sociali sociale@arcigay.it settore multiculturalità multicult@arcigay.it settore diritti umani e lotta alla violenza dirittiumani@arcigay.it settore sport sport@arcigay.it rete donne donne@arcigay.it rete giovani giovani@arcigay.it rete diverse abilità disabili@arcigay.it sportello immigrazione migra@arcigay.it sportello legale sportellolegale@arcigay.it giornata della memoria www.memorialgbt.it giornata dialogo omosessualità-religioni www.january13.org giornata contro l’omofobia www.omofobia.it salutegay www.salutegay.it portale beyourself www.beyourself.it guida turistica lgbt www.travelforgay.com

a

ay La tessera Arcomig osessuale

e Associazione rcigay è dal 1985 la principal ntare igay ci permette di freque nazionale. La tessera Arc rete una in re tutto il Paese e di sta tante situazioni diverse in do dan i sta oti and ni sociali. Tesser viva e concreta di relazio a ser tes La ne. zio cia sso A più forte l’ un contributo a rendere y iga Arc rà di entrare in tutti i club con l’ala verde ti permette à sar ndo qua ; giorno dell’iscrizione per un anno a partire dal à sar a ser tes tua la ta associativa, scaduta, versando la quo i vat ser con o ann sar i dat o. I tuoi rinnovata per un altro ann po te, rvatezza. Nessuno, tranne con la massima cura e rise ioni a ti per inviarti comunicaz usa o trà accedervi, né sarann e. ers disposizioni div meno che tu abbia dato

PRESIDENTE NAZIONALE Aurelio Mancuso; SEGRETARIO NAZIONALE Riccardo Gottardi; PRESIDENTI ONORARI Franco Grillini, Sergio Lo Giudice; PRESIDENTE COLLEGIO DEI GARANTI Alberto Baliello; SEGRETERIA NAZIONALE: Paolo Ferigo, Fabrizio Marrazzo, Paolo Patanè, Fabio Saccà, Luca Trentini, Emiliano Zaino; RESPONSABILE CIRCUITO RICREATIVO Roberto Dartenuc; RETE DONNE Lorenza Tizzi; NETWORKING E UFFICIO STAMPA Matteo Ricci; SEGRETERIA SEDE NAZIONALE: Francesco Canino; ACCOUNTANT Tommaso Mele.


Mettilo prima di metterlo.

Preservativo, simbolo di piacere. Il sesso sicuro è eccitante: usiamo sempre il preservativo.


Pegaso 15