a product message image
{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade

Page 1

2 2020

GENSLER | MICHAEL ANASTASSIADES | PIERO LISSONI | DOROTHEE MEILICHZON | PARISOTTO+FORMENTON OKI SATO | LUCA GUADAGNINO | WJ DESIGN | MATTEO NUNZIATI | ATELIER VAN BERLO | CRISTINA CELESTINO ENGLISH TEXT


pedrali.it

art direction: studio FM milano photo: Andrea Garuti

SUMMARY

Salone del Mobile.Milano June 16 — 21, 2020 | Hall 10 - Stand B19, C28 •2


SUMMARY

•2


NEW GUEST EXPERIENCE Coloriamo il mondo con design innovativo, personalizzabile e made in Italy. Location: La corte dei Pastori - Matera

HOME & CONTRACT www.egoitaliano.com


SUMMARY

•4


FILOMURO Porta Collezione Filomuro, modello VERT 1VFV, vetri trasparenti, proďŹ li alluminio nero, maniglia Playa. Parquet Garofoli Platinum selection, ďŹ nitura Rovere Nero Profondo.

www.garofoli.com


SUMMARY

2 • MARZO • 2020 12

EDITORIALE

CROSSOVER 18

HIGHLIGHTS

22

JEWEL STORE FOPE A LONDRA

24

BELLA BY MARCEL WANDERS

26

WAKE UP BY LOMBARDINI 22

28

ARCHITETTURE STRATIFICATE

30

COLOUR FUTURES

34

WASTE REDESIGNED BY OKI SATO

36

MICRO CITY PER CREATIVI

38

FORNASETTI AT HARRODS

42

MATERIAL OF THE YEAR

44

TEMPORARY CLUB BAXTER

46

HOME STORIES AL VITRA DESIGN MUSEUM

48

LEMA UK PER LO SHOW FLAT DI THE MAKERS

52

WONDER LIGHTS

54

IOSA GHINI FIRMA LO SHOWROOM FIANDRE

56

BATHROOM VOGUE BY ATELIER12

•6


ALL WAYS Design CRS Albed

Delmonte s.r.l

Flagship Store Albed

via S. Martino - 20834 Nova Milanese (MB)

via San Damiano, 5 - 20122 Milano

t. 0362 367112 - info@albed.it

t. 02 76340610 - milano@albed.it

www.albed.it

www.albed.it


SUMMARY

C O N T R AC T AT L A S 62

72

PROJECTS • LUCE E RITMO Studio VDGA per un nuovo headquarter ad Hanoi

PROJECTS • CONCEPT RESTAURANT $0LODQR6WXGLR4%LFʅUPD0RHELXV

82

90

MAKERS • MICHAEL ANASTASSIADES PROJECTS • GATE TO BEAUTY $UWHHPRGDVHFRQGR'MDED'LDVVDPLG]H

96

PROJECTS • GUSTO WORKING SPACE $6DQ)UDQFLVFR*HQVOHUSURJHWWDOȶXʇFLRGHLGHVLGHUL

104

112

122

PROJECTS • SEVENTYFIVE WINE BAR 3LHUR/LVVRQLUHLQWHUSUHWDOȶDUFKLWHWWXUDDOSLQD

MAKERS • 3$5,62772ʨ)250(1721 PROJECTS • OUT OF THE BOX 8QȶLVRODYHUGHQHOFHQWURGL7DLZDQ

131

PROJECTS • MOONLIGHT $3UDJDXQFOXEȸOXQDUHȹGLVHJQDWRGD)RUPD)DWDO

138

PROJECTS • UN PROFILO ICONICO 1XRYRUHVLGHQ]LDOHʅUPDWR3LHUDWWHOOL$UFKLWHWWXUH

142

153

160

MAKERS • SERGIO MANNINO PROJECTS • PALAZZO EXPERIMENTAL 0HLOLFK]RQH&HOHVWLQRSHU([SHULPHQWDO*URXS

PROJECTS • INDUSTRIAL CHIC 8QȶH[FHQWUDOHHOHWWULFDFRQYHUWLWDLQXQGLQDPLFRZRUNVSDFH

168

PROJECTS • ORYX TOWER $'RKD0DWWHR1XQ]LDWLʅUPDXQHVFOXVLYRFRPSOHVVRUHVLGHQ]LDOH

•8


#il tuo spazio Wellness #spaart H

A

M

M

A

M

|

S

A

U

N

A

|

D

O

C

C

I

A


SUMMARY

174

FACTORIES • POLIFORM

180

MAKERS • VISUAL DISPLAY

188

194

198

PROJECTS â&#x20AC;¢ LIKE ROLLING STONES ,OSURJHWWRGL/XFD*XDGDJQLQRSHU5HGHPSWLRQ1HZ<RUN

PROJECTS â&#x20AC;¢ HYBRID SPACE &LERDUWHHPRGDXQSURJHWWRFURVVRYHUGL:-'HVLJQ

PROJECTS â&#x20AC;¢ KALIDA SANT PAU 1XRYDHVWHWLFDSHUJOLVSD]LGLFXUD

INSIDE 204

NUOVI WORKPLACES FARAM, ESTEL, FANTONI, NEWFORM, TECNO, VIGANÃ&#x2019;

216

MAKING OF â&#x20AC;¢ ISOPLAM

217

0$.,1*2)Τ PRATIC

218

DESIGN â&#x20AC;¢ BILLIANI

220

HIGHLIGHTS â&#x20AC;¢ RGM

221

HIGHLIGHTS â&#x20AC;¢ AGC GLASS ITALIA

222

6+2:2))ΤHIGHLIGHTS

232

ENGLISH TXT

240

EDITOR'S PICK

â&#x20AC;¢ 10


PRATIC CONTRACT PiĂš superficie commerciale Design di impatto Protezione da sole, vento e pioggia Vetrate panoramiche Tecnologia bioclimatica Pedana custom Illuminazione LED integrata 38 colori di qualitĂ certificata Ecobonus del 50%


EDITO RIALE

DI CONFINI DISTANZE E BARRIERE Scrivere un editoriale in tempi di Coronavirus non è impresa facile. Ã&#x2C6; vero, potrei ignorare il tema e parlarvi di design e architettura, dei progetti che vi presentiamo in questo numero. Ci ho pensato. Ma in TXHVWL JLRUQL GLÊ&#x2021;FLOL VFHOJR GL FRQGLYLGHUH XQD EUHYH ULÊ&#x2020;HVVLRQH VX ciò che stiamo vivendo. E penso che tutto ruota attorno ad alcuni FRQFHWWLFRQÊ&#x2026;QLGLVWDQ]HHEDUULHUH&RQÊ&#x2026;QLFKHYHQJRQRHYRFDWLGD stati o da interi continenti per allontanare e delimitare il contagio, H QXRYL FRQÊ&#x2026;QL FKH LPSURYYLVDPHQWH FRQ YLROHQ]D GHPDUFDQR la nostra vita e il nostro territorio, facendolo corrispondere a un FRPXQHGLUHVLGHQ]DDXQDSSDUWDPHQWRRSHUDOFXQLDQFKHDXQD VLQJRODVWDQ]D'LVWDQ]HFKHGREELDPRHYRJOLDPRULVSHWWDUHPD FKH ULGHÊ&#x2026;QLVFRQR WXWWH OH QRVWUH UHOD]LRQL H WUDVIRUPDQR DQFKH XQD VHPSOLFHVWUHWWDGLPDQRLQXQSHULFRORSHUQRLHSHUJOLDOWUL&RQÊ&#x2026;QL HGLVWDQ]HFKHFRUULVSRQGRQRDGDOWUHWWDQWHEDUULHUHFKHGDXQJLRUQR all'altro, implicitamente, indicano tutto ciò che non possiamo più fare: vivere le nostre città , viaggiare, incontrarci, lavorare. E proprio LQTXHVWRSHULRGRHLQTXHVWDFRQGL]LRQHVXUUHDOHDEELDPRVFRSHUWR VHPDLO DYHVVLPRGLPHQWLFDWRFKHVROROHSDUROHHODFRPXQLFD]LRQH SRVVRQRVXSHUDUHTXHVWHEDUULHUHHPDQWHQHUFLYLYLLQFRQWDWWR9LFLQL anche se lontani. Le parole che ci arrivano da un telegiornale, da una radio, da una telefonata o una mail. E anche da un giornale o una ULYLVWD3RVVLDPRFRPXQLFDUHHGREELDPRFRQWLQXDUHDIDUORFRPHH SLºGLSULPDFRQRJQLPH]]RHLQRJQLPRGR,QDWWHVDFKHWXWWRSDVVL 3HUSRLULFRPLQFLDUHFRQWDQWDIRU]DHGHQHUJLD&RPHHSLºGLSULPD Antonia Zanardini

â&#x20AC;¢ 12


Scarabeo. So i t al l beg in s. Dall’idea alla forma. Dalla ceramica alle sue infinite possibilità. Da un design a un’atmosfera.

MOAI MASSIMILIANO BRACONI

scarabeosrl.com


I NOSTRI LETTORI

14500 ARCHITETTI INTERIOR DESIGNER ITALIA

DIRETTORE Antonia Zanardini zanardini@contractnetwork.it EDITORS-AT-LARGE Marisa Corso Lorenzo Noè COMITATO SCIENTIFICO Gianpietro Sacchi (POLI.Design Milano) Francesco Scullica (Politecnico di Milano)

2500

ART DIRECTOR Lisa Fumagalli CAPOREDATTORE Roberto Negri negri@contractnetwork.it

ARCHITETTI INTERIOR DESIGNER

CAPOSERVIZIO DESIGN E TENDENZE Alessia Delisi

ESTERO

REDAZIONE E COORDINAMENTO Roberta Bonanno direzione@contractnetwork.it

1000 REAL ESTATE SVILUPPATORI CONTRACTOR ITALIA ED ESTERO

CORRISPONDENTI Paola Camillo (New York) Francesca Comotti (Barcellona) Raffaella Oliva (Berlino) Paola Vallatta (Parigi) COLLABORATORI Vittoria Baleri, Donatella Bollani, Tullio Castiglioni, Alessia Cipolla, Marta Germani, Agnese Lonergan, Emma Sarzi Sartori, Clelia Torelli, Beatrice Vegetti, Laura Verdi, Antonella Zaccuri PROGETTO GRAFICO • Wrooom Design Lovers • wrooom.it WEB DEVELOPER • Nicholas Rasi TRADUZIONI • Oliver Harris Rimes EDITORE

WEARECONTRACT

Contract Network srl piazza Amendola 3 20149 Milano Advertising advertising@contractnetwork.it Amministrazione amministrazione@contractnetwork.it Abbonamenti Costo singola copia euro 10 - Abbonamento annuo (4 numeri) euro 30 abbonamenti@contractnetwork.it Iscrizione al ROC n. 33412 - Registrazione Tribunale Milano 19/09/2019 Pubblicità non eccedente il 45% Tutti i diritti sono riservati, è vietata la riproduzione anche parziale senza l’autorizzazione dell’Editore Stampa - LRC Printing srl - Bastiglia - Mo

advertising@contractnetwork.it


CORNICI - CORNICI DA PARETE - BATTISCOPA - CORNICI PER ILLUMINAZIONE - ELEMENTI DECORATIVI

CREATE UNIQUE LIVING S P A C E S Rendete unici i vostri spazi. Noel & Marquet vi offre un’ampia scelta di cornici, battiscopa ed elementi 3D

noel-marquet.com • 16

NMC Italia s.r.l. Via A. Volta 27/29 I - 20060 Pessano con Bornago (Milano) T +39 02 955 454 1 info@nmc-italia.it


CROSSOVER

TREND COLOUR FUTURES PROJECTS ARCHITETTURE STRATIFICATE FOPE LONDON FORNASETTI AT HARRODS MICRO CITY PER CREATIVI WAKE UP COSMETICS DESIGN MARCEL WANDERS NENDO OKI SATO SHOW FLAT BY LEMA SHOWROOM TEMPORARY BAXTER FIANDRE BUREAU EXHIBITIONS HOME STORIES HIGHLIGHTS


CROSSOVER

HIGHLIGHTS

UN NUOVO HOTEL FIRMATO DE LUCCHI Fondazione Fiera Milano e Federlegno Arredo (YHQWLKDQQRÊ&#x2026;UPDWRLOFRQWUDWWRSUHOLPLQDUHGL FRPSUDYHQGLWDGHOOȶ$UHD6FDUDPSRVXFXLVRUJHUDQQR LOQXRYRKHDGTXDUWHUGHOOD)HGHUD]LRQHHJOLXÊ&#x2021;FLGHO 6DORQHGHO0RELOH1HOODVWHVVDDUHD©SUHYLVWDDQFKH ODUHDOL]]D]LRQHGLXQDVWUXWWXUDDOEHUJKLHUDGHVWLQDWD DVXSSRUWDUHOHDWWLYLW¡Ê&#x2026;HULVWLFKHHFRQJUHVVXDOL RUJDQL]]DWHGD)LHUD0LODQR&RQJUHVVL(QWUDPEL JOLHGLÊ&#x2026;FLYHUUDQQRSURJHWWDWLGDMichele De Lucchi FRQXQȶDUFKLWHWWXUDLFRQLFDHFRRUGLQDWDLQ XQD]RQDHPEOHPDWLFDGHOODFLWW¡HGHOODVXDVWRULD Ê&#x2026;HULVWLFDSURSULRGDYDQWLDLSDGLJOLRQLHGL )LHUD0LODQR&LW\8QFRQQXELRIUDVWRULDHIXWXURFKH YHGHLOFDSROXRJRORPEDUGRFDSDFHGLUHLQYHQWDUVLPD VHQ]DPDLSHUGHUHOHSURSULHUDGLFL

ULTRA TRENDY DRYBAR 3URVHJXHLOVXFFHVVRGHOODFDWHQDDPHULFDQD GLSDUUXFFKLHUL'U\EDUFKHGDOOȶDSHUWXUD QHOOD]RQDGL%UHQWZRRGD/RV$QJHOHV QHOKDLQDXJXUDWRROWUHQXRYH VHGLFKHRÊ&#x201E;URQRDLFOLHQWLXQȶHVSHULHQ]D LQGLPHQWLFDELOH3DUWLFRODUHHULFRQRVFLELOH LOFRQFHSWLGHDWRHSURJHWWDWRGDHeitler Houstoun ArchitectsGL1HZ<RUN XQȶLVRODFHQWUDOHFRQXQSLDQRLQPDUPR ELDQFRGRYHLFOLHQWLVLVLHGRQRHSRVVRQR JXDUGDUHXQÊ&#x2026;OPVRUVHJJLDQGRXQFDÊ&#x201E;© VRÊ&#x2021;WWLDFDVVHWWRQLLQFHPHQWRHVSHFFKL SRVL]LRQDWLGLHWURLFOLHQWLLQPRGRFKH SRVVDQRJXDUGDUVLVRORDOODÊ&#x2026;QHXQDYROWD WHUPLQDWRORVW\OLQJ

PROGETTO COLORE /DÊ&#x2026;UPDGLIosa Ghini AssociatiSHUXQQXRYRFRPSOHVVRUHVLGHQ]LDOHQHOODSHULIHULDGL0RVFDSHULOTXDOHORVWXGLRKDGHÊ&#x2026;QLWRXQ ȵSURJHWWRFRORUHȶHÊ&#x2021;FDFHHFUHDWLYRVXOOHIDFFLDWHGHJOLHGLÊ&#x2026;FLSHUFRQWUDVWDUQHOȶXQLIRUPLW¡HODVHULDOLW¡HYDVWLVSD]LGLFRQWRUQRSHQVDWL SHUPLJOLRUDUHODSHUFH]LRQHGHOOXRJRHODTXDOLW¡GHOODYLWDGHOOHSHUVRQH,OFRPSOHVVRFRQWDEHQHGLÊ&#x2026;FLPXOWLSLDQRGLVWULEXLWLDWWRUQR DGXHYDVWLVVLPHFRUWLFRPXQL,OSURJHWWRFRQIHULVFHDOODYDVWLVVLPDVFDODFKHFDUDWWHUL]]DODPRQRWRQDSHULIHULDUXVVDWUDWWLSLºGLVWLQWLYL XPDQL]]DWLGDDFFHVHFURPLHHGDOOȶXWLOL]]RGHJOLVSD]LHVWHUQLSHUQXRYHIXQ]LRQLFROOHWWLYHHDJJUHJDQWL

â&#x20AC;¢ 18


CONTRACT SERVICE FinstralSUHVHQWDLOVXRQXRYR&RQWUDFW6HUYLFHFRQVXOHQ]DSURGRWWL DGKRFHPDVVLPDOLEHUW¡GLSHUVRQDOL]]D]LRQHSHUVXSHUDUHLOOLPLWHGHOOD SURGX]LRQHVHULDOHLQGXVWULDOL]]DWD,OVHUYL]LRRÊ&#x201E;HUWRJL¡GDDQQLWURYD RUDXQDQXRYDGLPHQVLRQHJUD]LHDOODFUHD]LRQHGLXQUHSDUWRGHGLFDWR FKHVHJQDOȶLQJUHVVRGHOOȶD]LHQGDQHOVHWWRUHFRQWUDFW,QSULPRSLDQRL WHPLGHOOȶDUFKLWHWWXUDHGHOGHVLJQGHOORVYLOXSSRGLVROX]LRQLIXQ]LRQDOL PDSHUIHWWDPHQWHLQWHJUDWHDOLYHOORSURJHWWXDOH8QDSURSRVWDFKHQDVFH SHUFRQVHQWLUHDLSURIHVVLRQLVWLGLJHVWLUHDOPHJOLRLOUDSSRUWRWUDSLHQRH YXRWRRPEUDHOXFHHVWHWLFDHIXQ]LRQDOLW¡

UP TOWN ,OFRPSOHVVRUHVLGHQ]LDOH8S7RZQSDUWHFLSDDOYDVWRSLDQRGLVYLOXSSRGL&DVFLQD0HUODWD D0LODQR7UHHGLÊ&#x2026;FLLQOLQHDHTXDWWURWRUULVHFRQGRXQSURJHWWRFRQGLYLVRWUDJOLVWXGL SSA di Alessandro Scandurra e ZDA di Umberto ZanettiGLDORJDQRFRQLO FRQWHVWRQDWXUDOHHXUEDQRHSUHVHQWDQRDVSHWWLFRPSRVLWLYLGLIRUWHLGHQWLW¡$FFXUDWDOD VFHOWDGLPDWHULDOLHGHWWDJOLWUDFXLODFHUDPLFDLQJUDQGLODVWUHFKHFRPSRQHODIDFFLDWD GLHQWUDPELJOLHGLÊ&#x2026;FLHFKHGLDORJDFRQOȶDOOXPLQLRDQRGL]]DWRVXLWRQLGHOEURQ]RGHJOL HOHPHQWLSDUDSHWWRLEULVHVROHLOHOHJUDQGLVXSHUÊ&#x2026;FLYHWUDWHGHLVHUUDPHQWL6YLOXSSDWHFRQ MarazziHLOVXRODERUDWRULROHQXRYHODVWUHGLJUªVSRUFHOODQDWRFRQÊ&#x2026;QLWXUD&HSSRGL*Uª UHDOL]]DWHDGKRFULSUHQGRQRLQFKLDYHDWWXDOHSHUGLPHQVLRQLHWHFQRORJLDGLSURGX]LRQH ODJUDQGHWUDGL]LRQHGHOOHDUFKLWHWWXUHPLODQHVLGHJOLDQQL&LQTXDQWD,OSURGRWWR VSHULPHQWDWRHDSSOLFDWRLQ8S7RZQ©VXFFHVVLYDPHQWHHQWUDWRDIDUSDUWHGHOFDWDORJR 0DUD]]LQHOODVHULH0\VWRQH&HSSRGL*UªLQWUHGLYHUVLWRQLGLFRORUH

CITY OF TOMORROW )RUGKDFRPPLVVLRQDWRDSnøhetta il SURJHWWRHPDVWHUSODQGHOVXRKHDGTXDUWHU D'HDUERUQQHO0LFKLJDQQRQFKªXQQXRYR FDPSXVXUEDQRQHOTXDUWLHUHGL&RUNWRZQD 'HWURLW,QSDUWLFRODUHLO&RUNWRZQ&DPSXV GHVWLQDWRDRVSLWDUHJOLXÊ&#x2021;FLHODVH]LRQH ULFHUFDHVYLOXSSRGL)RUGFRSULU¡XQȶDUHD FRPSOHVVLYDGLROWUHPLODPHWULTXDGUDWLH VDU¡IUXWWRHGHPEOHPDGHOORVWXGLR&LW\RI 7RPRUURZYROWRDGHOLQHDUHLOQXRYRYROWR GHOOHFLWW¡GHOIXWXUR8QOXRJRQHOTXDOH VLSRWU¡WRFFDUHFRQPDQROȶLQWHJUD]LRQH GLVROX]LRQLXUEDQHLQIUDVWUXWWXUHYHLFROL LQWHOOLJHQWLHVLVSHUDDXWRQRPL,OSURJHWWR YHUU¡FRPSOHWDWRQHO

OFFICE BY GENSLER 1HOQXRYRKHDGTXDUWHUGL,2&D1HZ<RUNORVWXGLRGensler ha introdotto VXSHUÊ&#x2026;FLWHVVLOLGHOODFROOH]LRQH/XRJKLGLG.T. Design/HWUDPHGDOFURPDWLVPR LQGLVWLQWRGHLWDSSHWLDJJLXQJRQRDOOHFRQIHUHQFHURRPHDJOLXÊ&#x2021;FLGLULJHQ]LDOL LOWRQRFDOGRGHOODÊ&#x2026;EUDQDWXUDOHGLODQDWHVVXWDDPDQRHGLSLQWDDFROSLQRQ XQLIRUPLGLFRORUH'DOJULJLRDOYHUGHGHOSDWWHUQLUUHJRODUHVLFUHDFRV­XQ RDVL VXFXLSRVDUHORVJXDUGRPHQWUHVFRUURQROHRUHWUDPDLOHFRQIHUHQFHFDOO 6HFRQGRUHFHQWLVWXGLLOGHVLJQWHVVLOH©LQIDWWLWUDJOLHOHPHQWLFKHIDYRULVFRQROD FRQFHQWUD]LRQHHLOVHQVRGLEHQHVVHUHQHJOLDPELHQWLSURIHVVLRQDOLVWDELOHQGR XQDSRVLWLYDUHOD]LRQHSHUVRQDOHFRQORVSD]LR


CROSSOVER

DESIGN

LISA LOUNGE Lisa, la seduta disegnata nel 2018 da Marcello Ziliani per Scab DesignÊ&#x2026;QGDOVXRODQFLRKD riscosso un immediato successo ed è stata inserita in numerosi progetti contract. Apprezzata non solo per lâ&#x20AC;&#x2122;estetica, ma DQFKHSHUFKªRÊ&#x201E;UHLQÊ&#x2026;QLWH libertà di personalizzazione, Lisa KDDQFKHRWWHQXWRSUHVWLJLRVL riconoscimenti internazionali, tra i quali il recente Red Dot Award 2020 per le versioni Lisa Filò e Lisa Club. Una serie in continua HYROX]LRQHFKHVLFRPSRQHGL sedia, poltroncina e sgabello e FKHRJJLYLHQHGHFOLQDWDDQFKH in una nuova misura lounge con pouf coordinato, adatta al relax, avvolgente e comoda.

SUGGESTIONI INDUSTRIAL PER VALVOLA 01 I nuovi progetti di Quadro Design sono coerenti con i valori fondanti del brand: design, sostenibilità e tecnologia. E al centro del progetto lâ&#x20AC;&#x2122;acciaio inossidabile, metallo nobile capace di suggerire inesauribili suggestioni e sviluppi, protagonista della nuova serie Valvola 01 disegnata da Studio Adolini. Una linea che recupera tutto il fascino dei rubinetti industriali con le tipiche valvole a sfera idrauliche e gas, che qui diventano fonte dâ&#x20AC;&#x2122;ispirazione per una rilettura formale sintetica e contemporanea. Valvola 01ªVWDWDSHQVDWDDOOȸLQVHJQDGHOODPDVVLPDÊ&#x2C6;HVVLELlità, per una libera combinazione di elementi adattabili a ogni FRQWHVWRHGHVLJHQ]DJUD]LHDQFKHDXQVLVWHPDXQLÊ&#x2021;FDWRGL Ê&#x2021;VVDJJLRFKHFRQVHQWHGLDEELQDUOLDGLYHUVLFRUSLGLHURJD]LRne, secondo un ampio programma formale e tipologico.

â&#x20AC;¢ 20

8 MM DI LEGGEREZZA $FDVDLQXÊ&#x2021;FLRFRV­FRPHLQFRQWHVWLULFHWWLYLODSRUWDGLYHQWDSDUWH integrante degli spazi, caratterizzando gli ambienti e valorizzando OȶDUFKLWHWWXUDAlbed propone un ampio catalogo di soluzioni a battente, scomparsa e scorrevole oltre a cabine armadio, pareti divisorie e librerie. Tra queste lâ&#x20AC;&#x2122;ultima novità è Ri-Trait 8B: una porta battente e scorrevole OHJJHUDHPLQLPDOH/DVSHFLÊ&#x2026;FDȸ%ȹUDFFRQWDLQIDWWLODSDUWLFRODULW¡ GHOSURJHWWRSDUWHQGRGDOPRGHOOR5L7UDLWFRQSURÊ&#x2026;OLVRWWLOLHPLQLPDOLLQ DOOXPLQLR$OEHGKDGLVHJQDWRXQQXRYRVLVWHPDFRVWLWXLWRGDWUDYHUVLQL FRQXQRVSHVVRUHGLVROLPP,PRQWDQWLPDQWHQJRQRFRV­ODORUR VWUXWWXUDOLQHDUHSHUODVFLDUHVSD]LRDOODVXSHUÊ&#x2026;FLH


CROSSOVER

PROJECTS

NEL NUOVO STORE LE CORNICI STORICHE DEI SOFFITTI, GLI STUCCHI BIANCHI, LE MORBIDE TENDE IN VELLUTO E IL PARQUET DI LEGNO SCURO DIALOGANO IN SINTONIA CON LE PARETI VERDE FOPE E STUDIATI DETTAGLI IN OTTONE SATINATO

â&#x20AC;¢ 22


JEWEL STORE ASA STUDIO ALBANESE progetta per Fope il primo store monomarca a Londra. Un concept che integra elementi british old fashioned e richiami al design anni Cinquanta • txt Agnese Lonergan

A

l numero 1 di Old Bond Street, Fope ha da poco inaugurato il suo nuovo monomarca, firmato da ASA Studio Albanese. Uno spazio dove l’attenzione ai dettagli e le studiate citazioni, raggiungono il perfetto punto di equilibrio tra genius loci, contemporaneità e sensibilità del brand. Il nuovo flagship si presenta con una duplice vetrina che attrae e conduce verso un elegante interior suddiviso nello spazio espositivo principale, caratterizzato dall’alto soffitto nel quale si impone il counter centrale, e in uno spazio più raccolto, riservato alla contrattazione con i clienti e disposto su due livelli grazie a un piano soppalcato.

Il concept integra elementi british old fashioned, tratti distintivi dello stile Fope, e richiami al design italiano anni ’50. Un mood nel quale le cornici storiche dei soffitti, gli stucchi bianchi, le morbide tende in velluto e il parquet di legno scuro dialogano in sintonia con le pareti verde Fope e i dettagli in ottone satinato degli arredi e del grande chandelier custom, con le sedie di Franco Albini e le iconiche poltrone Lady di Zanuso. Insolito e scenografico il soffitto a specchio nell’ambiente riservato, che produce un affascinante gioco di riverberi e riflessi, moltiplicando la luminosità e diffondendola in forma calda e omogenea. O


CROSSOVER

DESIGN

LUCE E SUONO PER GIOCO Bella di MARCEL WANDERS è l’originale lampada da tavolo e comodino che emette una luce dai colori tenui e delicate melodie al tocco del suo paralume • txt Marta Germani

D

a un’idea di Alessandro Mendini nasce 7 Stars by Ramun, una serie di sette piccole lampade decorative che prendono il nome dalla costellazione del Grande Carro. Un progetto che si inaugura con Bella, a firma di Marcel Wanders: un’originale lampada da tavolo e comodino che emette una luce dai colori tenui e delicate melodie al solo tocco del suo paralume. Disponibile in versione Cristallo e Plissé, Bella crea un’atmosfera ovattata e propone dieci diverse melodie classiche di Bach, Chopin, Puccini, Pachelbel, e anche un giocoso “Happy Birthday” a firma di un compositore di carillon svizzero. Portatile e ricaricabile, Bella, come tutti i prodotti Ramun, risponde alle linee guida dell’oftalmologia internazionale e ed è testata per garantire la luce migliore p perr la salute degli occhi. O

“BELLA È LUCE E SUONO CHE DIVENTANO GIOCO. CON BELLA, ABBIAMO CREATO UN OGGETTO CAPACE DI CREARE PIACEVOLI ATMOSFERE CHE FAVORISCONO LE AMICIZIE E LE RELAZIONI TRA LE PERSONE” Marcel Wanders Marc

THE DIFFERENT EYE CARE LIGHT FONDATO SOTTO LA DIREZIONE CREATIVA DI ALESSANDRO MENDINI,RAMUN È UN BRAND DI ILLUMINAZIONE DI ALTA GAMMA CHE PRESENTA CAPOLAVORI SENZA TEMPO. IL MARCHIO È NATO DA UNA CONVERSAZIONE TRA ALESSANDRO MENDINI E SUO NIPOTE E DALLA COMUNE PASSIONE CHE CONDIVIDEVANO PER IL TEMA DELLA LUCE

• 24


CROSSOVER

PROJECTS

WAKE UP COSMETICS A Milano, uno spazio luminoso, fluido e organico rappresenta l’essenza del brand Wake Up. Un progetto FUD-LOMBARDINI 22 che offre una consumer experience coinvolgente e attiva • txt Marta Germani • ph Studio Tettamanzi

P

rogettato da FUD, brand del Gruppo Lombardini22 specializzato in graphic design e physical branding, il nuovo negozio Wake Up di Milano - specializzato in makeup e skincare - riesce a creare una forte connessione emotiva con il marchio e offre una consumer experience coinvolgente e attiva. La fonte di ispirazione per il progetto di interior è una natura avvolgente e stilizzata in forme curvilinee e armoniose. Un mood organico e fluido che ispira il design degli elementi di arredo, l’esposizione dei prodotti e, in generale, un avvolgente senso di accoglienza che informa tutto lo spazio. Per la comunicazione e l’esposizione dei prodotti sono stati concepiti moduli retroilluminati circolari posizionati alle pareti e all’interno di

• 26

sculture tridimensionali collocate sul grande bancone centrale e in vetrina. Le cornici intercambiabili in alluminio e plexiglass sono pensate per riconfigurare con facilità i messaggi al cliente, mentre gli anelli sono in plexiglass opalino in diverse cromie a indicare le differenti tipologie di prodotto. La cornice è bianca - con finitura opaca o lucida - o in pink gold, il colore rappresentativo del brand, declinato in sfumature a effetto cangiante, dal rosa chiaro fino a un azzurro più acceso. Lo spazio è dinamico e coinvolgente grazie alla presenza di zone lounge, dove i prodotti possono essere provati prima dell’acquisto, di un’area beauty bar e di uno spazio social al primo piano, con photo booth e selfie wall a disposizione dei clienti. O


PER LA COMUNICAZIONE E L’ESPOSIZIONE DEI PRODOTTI SONO STATI CONCEPITI MODULI RETROILLUMINATI CIRCOLARI POSIZIONATI ALLE PARETI E ALL’INTERNO DI SCULTURE TRIDIMENSIONALI COLLOCATE SUL BANCONE CENTRALE E IN VETRINA


CROSSOVER

PROJECTS

ARCHITETTURE STRATIFICATE A BASAGLIA + ROTA NODARI ARCHITETTI la ristrutturazione della sede di Filippi 1971. Un progetto che realizza una perfetta simbiosi tra l’edificio esistente e la nuova architettura, oggi circondata da una passerella con una suggestiva sequenza di lame in corten • txt Marta Germani

• 28


IL LEGNO NATURALE DEL SOFFITTO, LE PARETI BIANCHE E GLI ARREDI COLORATI GENERANO UN AMBIENTE DI LAVORO ARMONIOSO E VIVACE

R

iscrivere un’architettura contemporanea calzata su un edificio industriale esistente, questa la scommessa progettuale affrontata da Basaglia + Rota Nodari Architetti, incaricati della ristrutturazione della sede di Filippi 1971, attiva nell’industria del mobile e leader nella fornitura kit di mobili per l’arredo di camper e caravan. Come spiegano gli architetti “Dalla rapida espansione dell’azienda degli ultimi anni è nata la necessità di ampliare gli uffici creando un polo gestionale centrale che rappresentasse l’azienda diffusa. La scelta di creare nuovi spazi all’interno di un edificio esistente è nata dalla volontà di non consumare aree verdi, lasciando il più possibile il paesaggio incontaminato”. Filippi opera in questa valle della bergamasca dal 1971, ma negli ultimi cinque anni è cresciuta e non volendo sradicarsi dalla zona alla ricerca di soluzioni logisticamente più felici ha optato per un ampliamento diffuso. I nuovi uffici si distribuiscono su un ammezzato creato all’interno di un edificio produttivo e sulla terrazza ricavata sul tetto di un corpo adiacente. La connessione tra gli edifici esistenti a quote diverse è stata risolta con la creazione di una passerella che abbraccia l’intera struttura, il cui parapetto è una suggestiva sequenza di lame in corten. Negli interni il legno è dominante, anche nel controsoffitto caratterizzato da travetti che si protraggono all’esterno rivestendo l’intradosso della copertura dell’edificio esistente. Il legno naturale del soffitto, le pareti bianche e gli arredi colorati generano un ambiente di lavoro armonioso e vivace dando la costante percezione di vivere una situazione di relax, grazie anche alla splendida vista delle montagne che si gode da ogni postazione di lavoro. O


CROSSOVER

TRENDS

COLOUR FUTURES Consultando designer, architetti e creativi, il Global Aesthetic Center di AKZONOBEL trasforma ogni anno intuizioni in tendenze. E dà vita a una tavolozza di colori che rispecchia i nuovi modi di abitare gli spazi fluidi della contemporaneità • txt Alessia Delisi

O

gni anno, ad Amsterdam, il Global Aesthetic Center di AkzoNobel invita esperti di analisi e tecnologia, designer, architetti e creativi di ogni campo a condividere suggestioni, idee e tendenze da tutto il mondo. Nasce così Colour Futures, che nell’edizione 2020 ha tracciato un quadro dei principali trend a venire, sottolineando come le tinte neutre stiano assumendo sempre maggiore importanza, con un interesse crescente per la scala dei grigi.

• 30

Quattro le tendenze dell’abitare contemporaneo emerse dalla ricerca, delle quali la prima riguarda la nostra dipendenza dalla tecnologia e dai social media e la volontà, per converso, di stabilire relazioni reali e di riscoprire i benefici dell’interazione e della cura reciproca. La seconda tendenza parla invece di gioia e del bisogno di incrementare esperienze ludiche, interattive e immersive come alternativa agli eventi più tradizionali. Il terzo trend rivela come in un mondo sempre più frenetico e digitalizzato le persone sentano la necessità di abitare spazi privi di distrazioni inutili. Quarta e ultima tendenza è quella che vede un aumento della creatività in opposizione allo sviluppo della robotica. Nascono così spazi che raccontano storie, e che attraverso l’artigianato riscoprono abilità perdute. Fatte queste premesse, secondo gli specialisti del Global Aesthetic Center le tonalità che meglio rappresentano questi nuovi lifestyle sono quelle soft che trovano ispirazione nella calma del cielo mattutino. Tranquil Dawn è nello specifico il colore del 2020, una tinta delicata che si rifà all’alba e si situa tra il verde, il grigio e il blu, da abbinare a quattro diverse palette. La prima, riassumibile nel termine Care, ricorda una nebbiosa mattina di primavera, dove i colori dell’alba si confondono gli uni con gli altri. Legno chiaro e pelle scamosciata °


tvlg.it

rgmitalia.it

Roof Garden Lounge Bar & Restaurant, Ercolano (NA)

RGM, chiudiamoci fuori.

CHIUDIAMO SPAZI, APRIAMO ORIZZONTI


CROSSOVER

TRENDS

sono usati insieme a lana e velluto per dare calore, mentre argento, oro, rame e madreperla conferiscono una preziosità accentuata dalla presenza di piante e stampe botaniche. Con il nome Play si fa invece riferimento a una gamma di toni capace di portare vitalità agli ambienti. Accostato a motivi geometrici e colori audaci, come il giallo e il corallo, Tranquil Dawn crea così atmosfere che ricordano le luminose giornate estive. Un’aria quasi monastica è poi quella

di Meaning, che trasforma l’ambiente in uno spazio per il silenzio e la contemplazione. Il grigio si fa predominante, e linee pulite si affiancano a legno naturale, pelle e lino o al cemento appena lucidato. Creativity è infine la quarta palette che richiama l’autunno, con i suoi verdi e l’ocra terrosa. Materiali classici come legno, pelle e ceramica sono impiegati in modo contemporaneo, accostati a stampe floreali e tessuti hand made per spazi eclettici e ricchi di suggestione. O

SECONDO IL CENTRO DI RICERCHE AKZONOBEL, TRANQUIL DAWN È IL COLORE DEL 2020. UNA TINTA DELICATA CHE SI RIFÀ ALL’ALBA E CHE SI SITUA TRA IL VERDE, IL GRIGIO E IL BLU, DA ABBINARE A QUATTRO DIVERSE PALETTE

• 32


I PARATI ARTIGIANALI MATERICI

Video di manifattura

Un intonaco arrotolabile, spesso 1 mm, realizzato con polvere di Marmo di Carrara e Travertino Romano, materie prime dalla lunga storia tutta italiana.

infoaffreschi.com


CROSSOVER

DESIGN

WASTE REDESIGNED Semplicità del design giapponese, morbidezza del design danese e un ciclo di produzione ambientalmente consapevole. Nasce da questo originale crossover N02RECYCLE, l’ultima seduta di Fritz Hansen firmata OKI SATO

G

uardando N02Recycle, la nuova colorata sedia polivalente Fritz Hansen, la prima parola a venire alla mente è “impronta”. Ambientale, perché si tratta della prima seduta del brand danese che adotta una scocca in polipropilene riciclato, ricavato dal riutilizzo della plastica differenziata in ambito domestico. Ma anche formale, perché è frutto della collaborazione con Oki Sato, che ha fatto delle linee di N02 una felice contaminazione fra estetica scandinava e orientale. E funzionale, perché le sue caratteristiche ne fanno una soluzione dalla spiccata vocazione contract.

• 34

• txt Roberto Negri


Impilabile e robusta, con o senza braccioli, realizzata in sette colori arancio scuro, rosso scuro, blu scuro, azzurro, grigio, nero e albume - dalle tonalità ispirate alla natura nordeuropea, lavabile e child-friendly, N02 nasce da una sperimentazione giocosa, partita immaginando la rotazione di un foglio di carta. “Da questa semplice ispirazione”, racconta Oki Sato, “abbiamo disegnato la forma della scocca scegliendola tra le varie differenti curvature che la piegatura del foglio ci aveva suggerito, unendo le linee essenziali proprie del design giapponese espresse dalla piega tra schienale e seduta con le morbide curvature tipiche delle collezioni e della tradizione di Fritz Hansen. E nel farlo ci siamo concentrati sul fatto che la sedia potesse essere il più versatile possibile per adattarsi a diversi scenari e ambientazioni, dagli spazi di lavoro a hotel, bar e ristoranti, fino alla casa. Usare un materiale che deriva dal riciclo di oggetti che usiamo ogni giorno ha poi donato una suggestione particolare a questa seduta, una sorta di legame virtuale con chi la utilizza”. L’esito è una seduta capace di combinare la funzionalità di una sedia impilabile con i tratti morbidi che caratterizzano alcune delle più iconiche creazioni Fritz Hansen, in cui l’ergonomia delle forme, che supportano perfettamente schienale e seduta, si uniscono a un ciclo di produzione a bassa impronta ambientale e agli eccellenti standard di qualità del brand danese. O

“VOLEVAMO REALIZZARE UNA SEDUTA CHE COMBINASSE LA FUNZIONALITÀ DI UNA SEDIA IMPILABILE CON I TRATTI MORBIDI CHE PUÒ AVERE UNA POLTRONA COME LA EGG DI ARNE JACOBSEN. QUESTA È STATA UN’ENORME SFIDA, POICHÉ I DUE ASPETTI SONO AGLI ANTIPODI, MA SIAMO RIUSCITI A REALIZZARE UNA SEDIA INSIEME PRATICA E DALLE DIMENSIONI GENEROSE E CURVILINEE” OKI SATO - NENDO


CROSSOVER

PROJECTS

MICRO CITY PER CREATIVI LumiGroup e IMPERATORI DESIGN firmano la nuova sede di Attraction. Uno spazio eterogeneo per stili e funzioni, dinamico e accogliente, concepito per stimolare la creatività • txt Agnese Lonergan - ph Stéphane Brügger

• 36

T

empo di traslochi per la società di produzione audiovisiva Attraction e per i suoi 300 dipendenti che, precedentemente divisi per settori di attività su piani diversi, ognuno con la propria identità e cultura aziendale, lasciano i vecchi uffici per unirsi in uno spazio condiviso di circa 5.000 mq. Il mandato del committente per lo studio Imperatori Design è stato riassunto in una frase: “Creare un ambiente unificato, eterogeneo, vivo, dove entrando si percepisca immediatamente un’atmosfera positiva”. Una richiesta che ha dato vita ad ambienti dinamici e diversificati, ma uniti da un mood pensato per stimolare relazioni e creatività. Gli spazi esistenti, connotati da elementi tipici dell’architettura industriale come gli impianti tecnologici a vista e una pavimentazione in cemento lucidato, hanno indotto i progettisti a sfruttarne le peculiarità per definire un impianto distributivo basato sulla creazione di ambienti diversificati per funzioni, disegno d’interni e sviluppo, ma al tempo stesso in costante dialogo reciproco. In questa ottica, le aree dedicate al conceptual design e alle diverse


funzioni aziendali si alternano a quelle destinate all’editing video e al relax, e sono collegate da percorsi interni studiati per rendere più fluide le relazioni e creare un “ambiente unitario”, così come richiesto dalla committenza. Numerosi cubi e piccole nicchie con varie configurazioni scolpiscono il volume architettonico e portano l’impressionante vastità del loft a una scala più umana. Strategicamente distribuiti nelle aree open space, questi “rifugi temporanei” ospitano le attività che richiedono privacy e tranquillità - riunioni informali, meeting con i clienti, telefonate, concentrazione e focus group - ma senza mai interrompere la continuità del dialogo fra i diversi ambienti grazie a pareti trasparenti, se non aperte, in

policarbonato o vetro. Equilibrato il rapporto dimensionale fra gli alti soffitti in cemento e la maglia di travi lignee che, collegando i pilastri della struttura, assolve alla duplice funzione di conferire un tocco di calore agli ambienti e occultare l’impianto di illuminazione indiretta. Il design di arredi e sedute è in perfetto stile “like at home” e l’atmosfera è calda e accogliente. Un esito non scontato, data la vastità dello spazio, al quale contribuisce anche il lighting design sviluppato con LumiGroup, che ha abilmente variato le fonti di luce - indiretta, radiante e focale - e utilizzato un’ampia varietà di corpi illuminanti: luci sospese, lampade da tavolo e da terra, faretti direzionali, applique e binari a led. O

STRATEGICAMENTE DISTRIBUITI NELLE AREE OPEN SPACE, ALCUNI “RIFUGI TEMPORANEI” OSPITANO LE ATTIVITÀ CHE RICHIEDONO PRIVACY E TRANQUILLITÀ: RIUNIONI INFORMALI, MEETING CON I CLIENTI, TELEFONATE E FOCUS GROUP


CROSSOVER

PROJECTS

FORNASETTI AT HARRODS Fornasetti inaugura a Londra il suo nuovo punto vendita all’interno di Harrods, uno dei templi dello shopping più esclusivo. Affidato a BRINTHWORTH il progetto, studio specializzato in ambito retail • txt Vittoria Baleri

I

n una sorta di ricongiungimento simbolico, il primo negozio Fornasetti fuori dai confini italiani apre i suoi battenti proprio nella città che nel 1980 dedicò la galleria Themes and Variations al suo fondatore, come tributo e riconoscimento alla sua opera. Settanta metri quadrati di superficie, al terzo piano di Harrods, nella sezione Luxury Home del rinnovato interior department, ospitano lo store Fornasetti con un’ampia e rappresentativa selezione di prodotti del visionario atelier italiano. Assieme a mobili, complementi, porcellane, °

• 38


CROSSOVER

PROJECTS

carte da parati e profumi per la casa, è disponibile anche un servizio custom, privilegio esclusivo riservato ai clienti di Fornasetti. La progettazione degli spazi del nuovo store è stata realizzata dallo studio di design Brinthworth, che dagli anni Novanta, con le sue sedi a Londra e New York, si occupa principalmente, ma non solo, di progetti interior in ambito retail. Il design è stato sviluppato a partire dai concetti di ritmo, ripetizione e illusione, tre degli elementi che sono parte del linguaggio visivo del brand. La struttura delle pareti, l’alternanza di pieni e vuoti, l’utilizzo sapiente dei materiali e delle palette cromatiche, assieme a qualche piccolo tocco di magia, ricreano l’atmosfera sognante dell’universo Fornasetti, giocando con le illusioni ottiche e gli spiazzamenti prospettici tanto cari alla sua cifra originale e ironica. O

“IL NUOVO NEGOZIO È IL FRUTTO DI UN PROGETTO CREATIVO INEDITO E SI CONCENTRA SU UNA DELLE ESPRESSIONI DELL’IMMAGINARIO FORNASETTIANO, QUELLA CHE RIFLETTE L’AMORE PER LA GRAFICA, L’ASTRAZIONE E QUELL’ILLUSIONE OTTICA CHE FA VACILLARE I PUNTI DI RIFERIMENTO E SVANIRE LE PROPORZIONI” Barnaba Fornasetti

• 40


Fitt Classic, design Victor Carrasco


CROSSOVER

S U STA I N A B I L I T Y

TOTOMOXTLE È UN MATERIALE DA IMPIALLACCIATURA CHE FERNANDO LAPOSSE REALIZZA CON LE SCORZE DI MAIS MESSICANO SFRUTTANDONE LE CROMIE PER DARE VITA A UN MATERIALE QUASI PITTORICO

NEW ECO MATERIALS Naturali, di recupero, a basso impatto. Ma soprattutto belli. La London Design Fair ha assegnato il premio MATERIAL OF THE YEAR ai derivati di origine biologica, che conferiscono a ogni creazione le splendide cromie e le texture create da Madre Natura • txt Agnese Lonergan

S

ono stati i biomateriali i vincitori dell’edizione 2019 di Material of the Year, l’evento promosso dalla London Design Fair che premia le soluzioni più innovative che l’industria dei materiali mette a disposizione del mondo del design. Soluzioni che questa volta strizzano l’occhio anche all’ambiente. I biomateriali, infatti, sono derivati da sottoprodotti del settore agricolo che vengono raccolti nel momento più adatto per consentirne un utilizzo sostenibile. Un processo complesso, che a Londra è stato presentato attraverso quattro brillanti esempi, frutto del lavoro di designer capaci di dare vita a soluzioni funzionali, di notevole impatto estetico e a bassa impronta ambientale. Fra questi Totomoxtle, un materiale da impiallacciatura che il suo creatore, Fernando Laposse, ha realizzato

a partire dalle scorze di mais messicano sfruttandone le variegate cromie per dare vita a un materiale quasi pittorico. O ancora Parblex Plastics, una gamma di bioplastiche utilizzabili nella moda e nell’interior design che Chip[s] Board produce a partire dagli scarti di lavorazione delle patate. Non meno originale il materiale che lo Studio Tjeerd Veenhoven realizza con le foglie di palma: una biopelle che, in morbide strisce, viene utilizzata per la creazione di tappeti con motivi decorativi unici. A chiudere la carrellata è un marchio tutto italiano, High Society, un brand di design sostenibile che grazie a una particolare tecnica di stampaggio a pressione crea lampade e sospensioni partendo dagli scarti di canapa e vinaccia e dai residui di coltivazione del tabacco. O

• 42

C


LAPITEC.COM

THE MINERAL REVOLUTION

Lapitec is a 100% natural mineral material invented by Marcello Toncelli more than twenty years ago. Today it is used across the world in indoor and outdoor applications.

UV RESISTANT Unaffected by UV rays and does not fade

Contract Book Marzo indd 1

SCRATCH RESISTANT High resistance against scratches

CHEMICAL RESISTANT Resistant to acids and alkali

EASY TO CLEAN Non porous and stain resistant

HEAT RESISTANT Resistant to high temperatures

FROST RESISTANT Resistant to low temperatures

GREEN Not printed and 100% natural

HYGENIC Inhospitable to fungi and bacteria

16/03/2020 14:41:06


CROSSOVER

SHOWROOMS

S

ulla celebre Rive Gauche, all’ultima edizione di Maison&Objet, Baxter ha messo in scena un originale Temporary Club presso Silvera, nel centrale Boulevard Saint-Germain. Un affascinante ed esclusivo progetto temporary per mostrare ai visitatori il format Baxter dedicato all’accoglienza, per rilassarsi e degustare cocktail circondati dai pezzi più affascinanti e carismatici del brand, come il divano Leon, la poltrona Marilyn e gli sgabelli Colette, o da preziosi coffee table come Loren e Liquid. Elementi dalla forte identità che dialogano tra loro in modo elegante e fluido, accomunati dal gusto per i dettagli, da un eclettismo moderno che si esprime nell’equilibrio fra tradizione e avanguardia e nella contaminazione di segni, colori, materiali e finiture. Il tutto declinato in cromie sofisticate - blu e burgundy - per creare un’atmosfera glamour ma al tempo stesso rilassante e accogliente.

O

TEMPORARY CLUB Un club affascinante e dall’atmosfera unica a Parigi, sulla celebre Rive Gauche. In scena l’universo BAXTER e le sue icone più rappresentative, per mostrare un suggestivo format dedicato all’accoglienza • txt Marta Germani

NEL TEMPORARY PARIGINO DI BAXTER, IL DIVANO LEON, LA POLTRONA MARILYN E GLI SGABELLI COLETTE, OLTRE AI PREZIOSI COFFEE TABLE LOREN E LIQUID

• 44


Architect: Preferro

Take your pivot door design to the next level with FritsJurgens System M. This self- closing pivot hinge creates endless design possibilities: hardly any limits to size and weight, and a fluent movement, always.

F R I T S J U R G E N S I TA L I A - V I A M A R S I L I O F I C I N O 2 2 - F I R E N Z E - + 3 9 0 5 5 0 6 4 0 2 9 0 - I N F O @ F R I T S J U R G E N S . C O M - W W W . F R I T S J U R G E N S . C O M


CROSSOVER

EXHIBITIONS

2

1

HOME STORIES

3

Il VITRA DESIGN MUSEUM rilancia con Home Stories il dibattito sul progetto d’interni contemporaneo. Un secolo di storia, venti progetti iconici, per una riflessione sugli spazi dell’abitare • txt Tullio Castiglioni

G

li spazi abitativi sono espressione del nostro stile di vita, plasmano il nostro quotidiano e influenzano il nostro benessere psicofisico. È un’operazione culturale preziosa, quindi, quella che il Vitra Design Museum propone con la mostra “Home Stories: 100 Years, 20 Visionary Interiors”, a Weil am Rhein, in Germania, fino al 23 agosto 2020. Una riflessione sull’interior design contemporaneo e la sua evoluzione, stimolata da un affascinante viaggio nel tempo che accompagna i visitatori attraverso i cambiamenti sociali, politici,

• 46

1 LINA BO BARDI, CASA DE VIDRO, SAO PAULO 1952, PH. FRANCISCO ALBUQUERQUE 2 ALISON E PETER SMITHSON, HOUSE OF THE FUTURE 1956, PH. DAILY MAIL 3 KARL LAGERFELD’S MONTE CARLO APARTMENT (WITH DESIGNS BY MEMPHIS) MONACO 1982, PH. JACQUES SCHUMACHER


HOME STORIES È UN VIAGGIO VIRTUALE NELL’INTERIOR DESIGN CONTEMPORANEO, CHE PARLA NON SOLO DI ARCHITETTURA E DISEGNO INDUSTRIALE MA ANCHE DI ARTI VISIVE E STAGE DESIGN

4 5

urbani e tecnologici che hanno modellato il design e lo spazio dell’abitare negli ultimi cento anni. Simboleggiati da venti progetti d’interni iconici, utilizzati per un racconto che parla non solo di architettura, disegno industriale e delle loro relazioni, ma anche di arti visive e stage design. Negli spazi espositivi del museo architetti come Adolf Loos, Finn Juhl, Lina Bo Bardi e Assemble, artisti come Andy Warhol e interior designer come Elsie de Wolfe e Cecil Beaton sono, attraverso le loro creazioni, i narratori di un secolo di interior design che i curatori della mostra scompongono in cinque grandi periodi, tappe virtuali del percorso verso la definizione del living contemporaneo. Dalla nascita dell’interior moderno (1920-1940) con Villa Tugendhat di Mies van der Rohe alla House of the Future di Peter e Alison Smithson, ideale inno alla rinascita postbellica degli anni Cinquanta guidata dalle nuove tecnologie domestiche, passando attraverso la rivoluzione concettuale degli interni che percorre gli anni Settanta per arrivare ad ambienti, economie e atmosfere del nuovo secolo, Home Stories è un contributo al dibattito su un interior design che, anche nell’era della serialità globale veicolata da web e social media, rimane quanto mai centrale nel definire i nostri stili di vita. O

4 NORITAKA MINAMI, NAKAGIN CAPSULE TOWER, TOKYO 2012, PH. NORITAKA MINAMI 5 COVER DEL CATALOGO IKEA 1974 6 VERNER PANTON, PHANTASY LANDSCAPE, COLONIA 1970 6


CROSSOVER

DESIGN

THE MAKERS

LEMA UK firma il progetto d’arredo per lo show flat di The Makers, nuovo esclusivo complesso residenziale nel cuore di Shoreditch • txt Marta Germani

C

on The Makers, nuovo sviluppo residenziale tra Shoreditch e il distretto finanziario della City di Londra, Lema si riconferma punto di riferimento nella capitale britannica nel settore delle grandi forniture contract. L’azienda, grazie alla presenza diretta, ha infatti sviluppato esclusive partnership con studi di architettura, developer e contractor curando le forniture per importanti progetti in ambito hotellerie e real estate, che l’hanno portata a essere oggi tra i primi operatori italiani per volumi a Londra. The Makers, a cura di Londonewcastle, noto developer con oltre 2.800 unità abitative e 12 sviluppi residenziali in consegna nei prossimi cinque anni, si basa su un concept contemporaneo votato all’apertura e alla condivisione, ideale per la comunità di creativi che ha contribuito all’affermazione del quartiere. Il complesso è composto da due building, tra cui una torre di 28 piani che ospita

• 48

°


FA L M E C P R E S E N TA M O D U L A : U N P R O G E T TO M O D U L A R E C H E S I D E C L I N A I N D I F F E R E N T I C O N F I G U R A Z I O N I E T E C N O LO G I E D I C OT T U R A R AC C H I U S E I N U N ’ E L E G A N T E C O R N I C E I N AC C I A I O. E F F I CAC E , S I L E N Z I O S A , I M P E C CA B I L E , M O D U L A S I A DAT TA A L L E VA R I E ESIGENZE E AMBIZIONI IN CUCINA.

MODULA

M O D U L A - D e si g n Fa lm ec L a b

ad Designwork / image EyeStudio

E C C E L L E N Z A E M O D U L A R I TÀ .

falm e c .c om


CROSSOVER

DESIGN

175 residenze con 42 varianti di layout. Qui Lema UK ha firmato un raffinato progetto di lifestyle per lo show flat, offrendo ai nuovi proprietari la possibilità di acquistare un pacchetto completo per l’arredo, usufruendo anche della progettazione custom che l’azienda offre nel flagship store di King’s Road. L’appartamento campione è una vetrina della creatività firmata Lema, a partire dall’ingresso, arredato con la consolle Victoria di Roberto Lazzeroni in marmo bianco e lo specchio Mirage di Tokujin Yoshioka. Nel grande living è protagonista il sistema modulare T030 di Piero Lissoni in due configurazioni, mobile tv e madia, in laccato opaco vinaccia, bruciato, sabbia e in legno nella finitura rovere carbone. Al centro, il divano componibile Snap di Francesco Rota insieme alle poltrone dallo spirito vintage Bice di Roberto Lazzeroni. Insieme, tavolini Cruise con piano in laccato opaco assenzio e Sign di Studio Kairos. Mentre nel grande open space la zona pranzo sceglie il leggero tavolo Luce di Piero Lissoni con piano in noce canaletto abbinato alle sedie Bai Lu di Neri & Hu. Protagonista nella camera padronale, il letto Picolit affiancato da comodini Sign con piano in blu oltremare. Accanto, scrittoio Novelist di Christophe Pillet in metallo e noce canaletto e sedia Hati di Piero Lissoni. A tutta altezza, una grande libreria in laccato opaco basalto Selecta, evoluzione del primo sistema modulare industriale presentato da Lema negli anni Settanta.

• 50

O


CROSSOVER

DESIGN

1

2

WONDER LIGHTS LAMPADE D'AUTORE, TECNICHE, DECORATIVE, D'ACCENTO O D'ATMOSFERA, PER ILLUMINARE GLI SPAZI PRIVATI E CONTRACT. Ã&#x2C6; LA MAGIA DELLA LUCE, CHE SCOLPISCE I VOLUMI E CAMBIA LA PERCEZIONE DEGLI AMBIENTI

3

1 â&#x20AC;¢ KARMAN Suggestioni mediorientali per la piantana sospesa a muro ALÃ&#x152; E BABÃ&#x20AC; disegnata da Matteo Ugolini. Struttura e paralume si possono VFHJOLHUHLQFHUDPLFDJUH]]DSHUVRQDOL]]DELOLQHOFRORUHGHVLGHUDWRRFRQSDUDOXPHLQOLQRELDQFRSHUXQDOXFHSLºGLÊ&#x201E;XVD2 â&#x20AC;¢ PENTALIGHT Come nel mito classico NARCISOJXDUGDODVXDLPPDJLQHULÊ&#x2020;HVVDQHOOȶDFTXDFRV­LOFRQRGHOOȶRPRQLPDODPSDGDGLVHJQDWDGD1LFROD*DOOL]LD VLVGRSSLDSHUGLÊ&#x201E;RQGHUHHULÊ&#x2020;HWWHUHODOXFHGHOLFDWDGHOVXRFRUSRLOOXPLQDQWH8QRPDJJLRDOODPXVLFDODYHUVLRQHGDWDYRORGRWDWDGLGLÊ&#x201E;Xsore audio bluetooth. 3 â&#x20AC;¢ LEUCOS La lampada a sospensione CLOCHEFGLVHJQDWDGD0DVVLPR,RVD*KLQLVL©DJJLXGLFDWDLO*RRG'HVLJQ $ZDUG&RVWLWXLWDGDXQDVLQXRVDFDPSDQDHGDXQGLÊ&#x201E;XVRUHPHWDOOLFRPRGHOODWRDPDQRLQOHJDGȶDOOXPLQLRRLQUDPH&ORFKHIVFROSLVFH ORVSD]LRFRQLOVXRGHVLJQRULJLQDOHHUDÊ&#x2021;QDWR4 â&#x20AC;¢ SLAMP,VSLUDWDDOYDULHJDWRPRQGRGHOOȶKDXWHFRXWXUHGRYHFRQSLHJKHHSDQQHJJLVLG¡ IRUPDDPRUELGLYROXPLWULGLPHQVLRQDOLVELI ©XQDFROOH]LRQHGLODPSDGHJODPRXUHVRÊ&#x2026;VWLFDWH$WWUDYHUVRXQHODERUDWRJLRFRGLLQFDVWULHVHJXLWL DPDQR9HOLVLDUWLFRODLQXQGHVLJQVLQXRVRHGHOHJDQWHFDSDFHGLYDORUL]]DUHRJQLLQWHULRUFRQOXFHGLÊ&#x201E;XVDLQWXWWHOHVXHPXOWLIRUPLFRORUD]LRQL

â&#x20AC;¢ 52


4

5

6

7

5 â&#x20AC;¢ MARTINELLI LUCE$OOHJUDOHJJHUDHIXQ]LRQDOHCIULI FRULISX³HVVHUHDSSHVDWUDLUDPLGHJOLDOEHULDXQJD]HERRDOVRÊ&#x2021;WWRGDVRODRD JUDSSROR8QJLRFRGLIRUPHHFRORULFLQTXHGLÊ&#x201E;XVRULGLGLYHUVHGLPHQVLRQLHFLQTXHVXSSRUWLLQFRORULYLYDFLSHUUDYYLYDUHHLOOXPLQDUHLOJLDUGLQR e i grandi spazi outdoor. 6 â&#x20AC;¢ MASIERO Prende il suo nome dal dialogo di Platone, il Timeo, testo base della cosmogonia in cui si delinea il conFHWWRGHLVROLGLSODWRQLFL(G©SURSULRLOJLRFRGHOOHIRUPHHGHOOHJHRPHWULHDFDUDWWHUL]]DUHTIMEOFROOH]LRQHGLODPSDGHDSSOLTXHODPSDGDGD WHUUDGDWDYRORHDSSOLTXHDIRQWHOHGODFXLVWUXWWXUD©XQJXVFLRFRVWLWXLWRGDOHJJHULGLVFKLPHWDOOLFLPRQRRELFRORULOHJDWLWUDORURGDJLXQWL magnetici. 7 â&#x20AC;¢ IL FANALE MIAMI ©XQDFROOH]LRQHGLODPSDGHDVRVSHQVLRQHWUHSHUODSUHFLVLRQHVLQWHWLFKHQHOODORURHVVHQ]DPDFRPSOHVVH QHOODVWUXWWXUD6RQRPDQLIHVWLLVXRLULPDQGLVWRULFLPDULHODERUDWLFRQXQOLQJXDJJLRFRQWHPSRUDQHRUHVRHYLGHQWHGDOGLVHJQRJHRPHWULFRH GDLFRORULSURSULGHOODGLDOHWWLFDDUWLVWLFDGL(OHQD6DOPLVWUDUR/ȶLVSLUD]LRQHDOOȶDUWGªFRDPHULFDQD©HYLGHQWHDQFKHQHOQRPH0LDPLRYYHUROD FLWW¡FKHGDVHPSUHLQFDUQDTXHOPRYLPHQWRVWLOLVWLFRHLVXRLDPELHQWLLQFDQWDWLWLSLFLGHLPLJOLRULVHWFLQHPDWRJUDÊ&#x2026;FL


CROSSOVER

SHOWROOMS

FIANDRE ARCHITECTURAL BUREAU IOSA GHINI ASSOCIATI firma il nuovo spazio espositivo e di eventi del brand di Iris Ceramica Group. Dedicato agli addetti ai lavori e ai cultori del design • txt Agnese Lonergan • ph Francesco Gumier, Digital Mind

L’

evoluzione estetica e tecnica delle proprie superfici ha portato Fiandre Architectural Surfaces a decidere per un’opera di totale restyling di FAB Fiandre Architectural Bureau, l’innovativo spazio espositivo e di eventi che il brand ha creato nella sede di Castellarano a supporto e ispirazione di progettisti, committenti e clienti. Il progetto è stato affidato allo studio Iosa Ghini Associati con il quale Fiandre ha da tempo intrapreso un percorso di ridefinizione del linguaggio progettuale e delle logiche espositive. L’area interna dello showroom, di 1500 metri quadrati, è stata suddivisa in due macro aree: una sala principale dedicata all’esposizione dei prodotti Maximum, di grandissimo formato, e una riservata ai materiali di formato più tradizionale. Nella sala principale la modalità di presentazione dei prodotti è concettuale: grandi volumi dalle forme pure, rivestiti in gres porcellanato, si intersecano con una tramatura di tubolari in ottone creando un disegno spaziale che assolve alle necessità del percorso espositivo evocando, allo stesso tempo, la sensazione di trovarsi in un luogo sorprendente, quasi metafisico. Sensazione peraltro amplificata dalle porzioni di controsoffitto a specchio riflettente che sfondano

• 54


IL LEITMOTIV ESTETICO SCELTO PER DELINEARE LO SPAZIO DELLO SHOWROOM È UN GRADEVOLE INTRECCIO DI TUBOLARI IN OTTONE SPAZZOLATO CHE, COLLEGANDO PAVIMENTO, SOFFITTO E VOLUMI CENTRALI, DELINEA LA DIREZIONE ESPOSITIVA DA PERCORRERE

lo spazio amplificandone il contenuto. Nella seconda sala, pur mantenendo il family feeling dell’area Maximum, i prodotti di formato tradizionale sono presentati in una modalità più convenzionale, con ambientazioni che si ispirano al tema dell’hotellerie di fascia alta, richiamandone le varie funzioni: reception, lobby lift, corridoio, camere, meeting room e spazi outdoor. Qui il rivestimento ceramico delle pareti scivola verso il pavimento oppure si innalza verso il soffitto dando la sensazione di piegare i piani spaziali, definendo e caratterizzando gli ambienti con il solo utilizzo del materiale ceramico. Le scene sono quindi completate da un sistema di arredi, appositamente disegnati e rivestiti in gres porcellanato, che esprimono chiaramente il potenziale del prodotto ceramico come materiale di rivestimento anche per gli oggetti di mobilio.

O

ANCHE IL PIAZZALE ESTERNO HA CAMBIATO VESTE E FUNZIONE TRASFORMANDOSI IN UN’AREA DEDICATA ALL’ACCOGLIENZA, DOVE SI POSSONO APPREZZARE LE SOLUZIONI OUTDOOR DI FIANDRE, COME GRANITECH E PORCELAINGRES


CROSSOVER

DESIGN

THE BATHROOM VOGUE Le creazioni di ATELIER12 sono storie da raccontare. Opere uniche e senza tempo, frutto di un raffinato savoir faire artigianale • txt Marta Germani

N

asce dall’obiettivo di reinventare l’arredo bagno e trasformare una stanza in uno spazio, un tempo, una storia. Quella di Atelier 12 è la storia di una rivoluzione artigianale di qualità nata dall’incontro di due designer, Francesco Meneghello e Davide Lanfranco, con l’azienda Minuzzo, da oltre 40 anni specializzata in arredo bagno: una partnership fortunata che, nel 2013, dà il via al progetto Atelier12. Un nome - Atelier che richiama il luogo del creare e del saper fare per eccellenza, mentre il numero 12, per contrapposizione, rappresenta l’immateriale, il tempo, il divino. Due concetti che ne interpretano anche la filosofia di fondo: creare vere opere artigianali, beni durevoli che confermano la loro qualità attraverso il tempo, esprimendo giorno dopo giorno la loro identità e funzione. Prendono così forma collezioni originali ed esclusive, come Spin-off disegnata da Massimo Broglio. Una creazione dalle linee essenziali e minimal, dove il nero, emblema di eleganza, è il protagonista assoluto. Il lavabo, in metallo verniciato opaco, può anche essere personalizzato con finiture e colori diversi e, analogamente, anche lo specchio retroilluminato si presenta nella variante rotonda, ovale o rettangolare, da abbinare a un’ampia e funzionale gamma di contenitori.

• 56

O


HOME DIVISION dialmabrown.it

â&#x20AC;¢ 58

CONTRACT DIVISION contract.dialmabrown.it


CONTRACT ATLAS


PROJECTS

CONTRACT ATLAS

• 60

WORK

SHOP

EAT

LIVE

STAR ENGINEERS

DARIAL CONCEPT STORE

MOEBIUS MILANO

FRAME

STUDIO VDGA

'-$%$',$66$0,'=(

678',24Σ%,&

3,(5$77(//,$5&+,7(7785(

GUSTO NEW YORK

REDEMPTION NEW YORK

75 WINE BAR

ORYX TOWER DOHA

GENSLER

/8&$*8$'$*1,12

PIERO LISSONI

MATTEO NUNZIATI

STUDIO HEADQUARTERS

BO SPACE

GREEN ISLE TAIWAN

KALIDA SANT PAU

$7(/,(59$1%(5/2

STUDIO WJ DESIGN

.(1*Σ)8/2

8548,2/$Γ7$*/,$%8(


)250$)$7$/ (0$&+$5 7(,&+0$1 PALAZZO EXPERIMENTAL

• 0,&+$(/$1$67$66,$'(6

FAC TO R I E S

MOON CLUB

MAKERS

TRAVEL

• 3$5,62772Γ)250(1721

0(,/,&+=21

• SERGIO MANNINO

(&(/(67,12

• VISUAL DISPLAY

• 32/,)250


AT L A S

PROJECTS

LUCE E RITMO WORK

SPAZIO, FUNZIONE, BENESSERE, LUCE E RITMO SONO TRA I PRINCIPI GUIDA SEGUITI DA STUDIO VDGA PER IL COMPLESSO PRODUTTIVO DI STAR ENGINEERS AD HANOI, VINCITORE NEL 2019 DEL DEZEEN AWARD PER LA CATEGORIA BUSINESS BUILDING • txt Lorenzo Noè • ph Hiroyuki Oki

• 62


architettura è unâ&#x20AC;&#x2122;esperienza che coinvolge lo spazio, la funzione, la luce, la struttura, il volume, il ULWPRHLQÊ&#x2026;QHXQVHQVRGLEHQHVVHUHHGLJLRLDGLFKL ODXVDȹDÊ&#x201E;HUPD%DONULVKQD'RVKL3UHPLR3UL]NHUHGHFDQR GHJOL DUFKLWHWWL LQGLDQL  LQ XQ OLEUR LQWHUYLVWD GL $SXUYD %RVH 'XWWD DL GLFLDVVHWWH DUFKLWHWWL SLº LQIOXHQWL GHOOȶ,QGLD SXEEOLFDWR QHO  ( VRQR TXHVWL JOL VWHVVL SULQFLSL JXLGD FKH ULWURYLDPR QHO SURJHWWR GHOOR 6WXGLR 9'*$ SHU XQ FRPSOHVVR SURGXWWLYR DG +DQRL LQ 9LHWQDP ,O FRPPLWWHQWH 6WDU (QJLQHHUV © XQD VRFLHW¡FKHSURGXFHVLVWHPLHOHWWURQLFLSHULOVHWWRUHDXWRPRWLYH FRQ VHGH H FHQWUR GL ULFHUFD D 3XQH H VWDELOLPHQWL QHOOR VWDWR GHO 0DKDUDVKWUD IRUQLWRUH GL FRPSRQHQWLVWLFD SHU +RQGD 6X]XNL +DUOH\ 'DYLGVRQ H 3LDJJLR 0HQWUH LO SDUWQHU LQFDULFDWR GHOODSURJHWWD]LRQH6WXGLR9'*$©VWDWRIRQGDWRGD'HHSDNH 9DUVXKD *XJJDUL D 3XQH QHO  VL RFFXSD GL DUFKLWHWWXUD H LQWHULRUGHVLJQHFRPHORURVWHVVLGLFKLDUDQRȸVLSRQHOȶRELHWWLYR GL FUHDUH VSD]L VLJQLILFDWLYL H VHQ]D WHPSR FKH LQGXFDQR DUPRQLDIHOLFLW¡HSDFHQHOODYLWDGLFKLOLDELWDȹ

â&#x20AC;&#x153;Lâ&#x20AC;&#x2122;

â&#x20AC;¢ 64

/ȶLQFDULFRSUHYHGHYDODFRVWUX]LRQHGLXQDIDEEULFDGLXIILFLDP PLQLVWUDWLYL H VHUYL]L SHU FRPSOHVVLYL  PHWUL TXDGUDWL *OL XIILFL H L VHUYL]L RFFXSDQR OD SULPD FDPSDWD YHUVR VWUDGD GHO FRPSOHVVR H VL DUWLFRODQR LQ EORFFKL VHSDUDWL GD FLQTXH FRUWL ,O YROXPH D XIILFL © FRVWLWXLWR GD XQ LQYROXFUR LQ FDOFHVWUX]]R D & FKH GHILQLVFH OD FRSHUWXUD H OH SDUHWL ODWHUDOL H DOOȶLQWHUQR GHO TXDOHVLVYLOXSSDQRODIDFFLDWDSULQFLSDOHHORVFKHUPRGLSDQQHOOL PHWDOOLFLIRUDWLPHQWUHXQRVSHFFKLRGȶDFTXDQHDFFRPSDJQDLO SHULPHWUR/DFRSHUWXUDLQFDOFHVWUX]]RRPEUHJJLDODWHUUD]]DDO piano primo, che risulta uno spazio aperto molto confortevole, OH FXL TXDOLW¡ ULFRUGDQR OD WHUUD]]D GHO 0XVHR GL $UFKLWHWWXUD GL &KDQGLJDUKGL/H&RUEXVLHU *OL DPELHQWL GL ODYRUR VRQR FRQFHSLWL FRPH VSD]L LQWURYHUVL GRYH JOL HOHPHQWL QDWXUDOL VL DOWHUQDQR DJOL VSD]L LQWHUQL ,QIDWWL JXDU GDQGRDWWUDYHUVRJOLXÊ&#x2021;FLVLLQFRQWUDQRLOSDHVDJJLRYHUGHGHOOH FRUWLORVSHFFKLRGȶDFTXDHLFRORULGHOULYHVWLPHQWRVHFRQGRXQD VWUDWHJLD PROWR HÊ&#x2021;FDFH SHU XQ HGLÊ&#x2026;FLR LQ XQD ]RQD LQGXVWULDOH GRYHGLÊ&#x2021;FLOPHQWHODYLVLRQHGLUHWWDGHOSDHVDJJLRFLUFRVWDQWHUL


LA COPERTURA IN CALCESTRUZZO OMBREGGIA LA TERRAZZA AL PRIMO PIANO, CHE RISULTA UNO SPAZIO APERTO LUMINOSO E CONFORTEVOLE


â&#x20AC;¢ 66


Ƚ


IL PROGETTO DI STUDIO VDGA HA ADOTTATO SISTEMI PASSIVI DI OMBREGGIAMENTO E VENTILAZIONE ADEGUATI AI CLIMI SUBTROPICALI

VAASTU E SOSTENIBILITĂ&#x20AC; La sostenibilitĂ , focus del lavoro di Studio VDGA, è da piĂš di ventâ&#x20AC;&#x2122;anni al centro del dibattito architettonico in India, XQD GHOOH SULPH QD]LRQL DO PRQGR SHU QXPHUR GL HGLĘ&#x2021;FL â&#x20AC;&#x153;greenâ&#x20AC;? costruiti. GiĂ  nel 2004 il Soharabji Green Business Centre di Karan Grover e Associati ad Hyderabad venne premiato dallâ&#x20AC;&#x2122;USGBC - United States Green Building &RXQFLO  FRPH OȸHGLĘ&#x2021;FLR SLÂť VRVWHQLELOH DO PRQGR PHQtre lo stesso Deepak Guggari, prima di fondare lo studio VDGA, ha lavorato per sei anni con Charles Benninger, il cui Suzlon One Earth Global Corporate Headquarters a 3XQHÂŞXQHGLĘ&#x2021;FLRDHPLVVLRQL]HURFKHKDRWWHQXWRODFHUWLĘ&#x2021;FD]LRQH/(('3ODWLQXPHODFHUWLĘ&#x2021;FD]LRQH&LQTXH6WHOOH TERI-GRIHA. Le particolari condizioni del subcontinente, che vanno dai deserti del Rajasthan alle regioni tropicali umide del sud-ovest, hanno stimolato gli architetti indiani a indiviGXDUHVROX]LRQLSURJHWWXDOLVSHFLĘ&#x2021;FKHFKHVLGLĘ&#x2020;HUHQ]LDQR dai protocolli occidentali e a prestare attenzione ai sistemi passivi di ombreggiamento e ventilazione adeguati ai climi subtropicali. Non bisogna infatti dimenticare che il Vaastu - o Vastu Shastra, ovvero la scienza dellâ&#x20AC;&#x2122;architettura in sanscrito - è uno degli insegnamenti sullâ&#x20AC;&#x2122;architettura piĂš antichi e si fonda sulla corretta integrazione dellâ&#x20AC;&#x2122;architettura nellâ&#x20AC;&#x2122;ambiente naturale. Su di esso si basa lâ&#x20AC;&#x2122;architettura indiana tradizionale, e sebbene gli architetti indiani siano generalmente contrari a una sua applicazione letterale e acritica agli HGLĘ&#x2021;FLFRQWHPSRUDQHLLSULQFLSLGHO9DDVWXVRQRXQDQLPHmente considerati linee guida essenziali.


*XDUGDQGRDWWUDYHUVRJOLXÊ&#x2021;FLVLLQFRQWUDQRLOSDHVDJJLRYHUGHGHOOHFRUWLORVSHFFKLRGȶDFTXDHLFRORULGHOULYHVWLPHQWRVHFRQGR XQDVWUDWHJLDPROWRHÊ&#x2021;FDFHSHUXQHGLÊ&#x2026;FLRVLWXDWRLQ]RQDLQGXVWULDOHGRYHGLÊ&#x2021;FLOPHQWHODYLVLRQHGLUHWWDGHOSDHVDJJLRULVXOWDDSSDJDQWH

VXOWDDSSDJDQWH,QROWUHOHFRUWLHLSDQQHOOLFRORUDWLEHQVLDGDWWDQR DOSDUWLFRODUHFOLPDGL+DQRLGRYHOHHVWDWLVRQRFDOGHHDIRVHHJOL LQYHUQLQXYRORVLSRLFKªLOPRQVRQHVHFFRSURYHQLHQWHGDOFRQWLQHQWH DVLDWLFRVLVFRQWUDFRQOȶDULDSLºPLWHHXPLGDGHO*ROIRGHO7RQFKLQR &RV­ GȶHVWDWH OH FRUWL PDQWHQJRQR IUHVFKH OH DUHH GHJOL XÊ&#x2021;FL H JOL VFKHUPLSURWHJJRQRJOLDPELHQWLGDOOȶLUUDJJLDPHQWRVRODUH,QLQYHUQR LQYHFHOHVWHVVHFRUWLSRUWDQRODOXFHQDWXUDOHDOOȶLQWHUQRGHJOLVSD]L ODYRUDWLYL H JOL VFKHUPL DFFHQGRQR GL FRORUH L FLHOL JULJL /ȶDWWHQ]LRQH DLWHPLDPELHQWDOLHDLIDWWRULFOLPDWLFLFDUDWWHUL]]DDQFKHOHVFHOWHGL LQWHULRUGHVLJQOȶHOHPHQWRFKHFRQFOXGHODOREE\GȶLQJUHVVR©XQPXUR LQPDWWRQLFRQLQWHJUDWRLOVLVWHPDGLUDÊ&#x201E;UHVFDPHQWRFRVWLWXLWRGDWUHQ WDVHWWHFRUVLGLPDWWRQLSLHQLHIRUDWLSRVDWLVHFRQGRGLÊ&#x201E;HUHQWLWHVVLWXUH HFRQHOHPHQWLVSRUJHQWLFKHFRQIHULVFRQRDOODVXSHUÊ&#x2026;FLHXQDVSHWWR WHVVLOH'LHWURDLFRUVLGHLEORFFKLIRUDWLVXSHULRULFRUURQROHFDQDOL]]D]LR QLGHOVLVWHPDGLFOLPDWL]]D]LRQHFRVLFFKªLEORFFKLVWHVVLIXQJDQRGD GLÊ&#x201E;XVRUL6HPSUHLQPDWWRQLVRQROHSDUHWLQRQVWUXWWXUDOLHLPXULFKH GHOLPLWDQRJOLVSD]LÊ&#x2026;OWURIUDJOLXÊ&#x2021;FLHODIDEEULFDODFXLWUDPDVLFRQ Ƚ

WUDSSRQHDOODVHPSOLFLW¡GHJOLDOWULHOHPHQWLGHOODFRVWUX]LRQHSDYLPHQ WD]LRQLVRÊ&#x2021;WWDWXUHHPXUDWXUHODWHUDOLLQFDOFHVWUX]]RHLPSLDQWLDYLVWD /ȶHTXLOLEULR IUD JOL HOHPHQWL QHXWUL GL IRQGDOH H JOL HOHPHQWL GȶDFFHQWR GHOODFRPSRVL]LRQHSHUPHWWHD6WXGLR9'*$GLYDORUL]]DUHOHWH[WXUHGHL PDWWRQLHLFRORULGHOODIDFFLDWDHVWHUQDFKHORVWXGLRGHÊ&#x2026;QLVFHEUHD WKLQJZDOOHODFXLSDOHWWH©GLSURYHQLHQ]DORFDOH/ȶHGLÊ&#x2026;FLRKDXQDVSD ]LDOLW¡ULFFDSHUFKªGDWXWWLLSXQWLVLSX³FRJOLHUHODPROWHSOLFLW¡GHJOL HOHPHQWLDUUHGLWH[WXUHFRORUHYHJHWD]LRQHHRYXQTXHVRQRSUHVHQWL HOHPHQWLGHOORVSD]LRHVWHUQR/DOXFHLQROWUHKDTXHOOȶLQWHQVLW¡PDJLFD WLSLFDGLTXDQGRSHQHWUDQHJOLDPELHQWLVRWWROLQHDQGRDGHJXDWDPHQ WHLGHWWDJOLDUFKLWHWWRQLFLFRPHQHOFDVRGHOODVFDODLQFDOFHVWUX]]RFRQ SDUDSHWWRLQWLUDQWLGȶDFFLDLRFKHSUHFHGHODOREE\GLLQJUHVVRDLUHSDUWL SURGXWWLYL 8Q SURJHWWR FKH KD YLQWR QHO  LO 'H]HHQ $ZDUG SHU OD FDWHJRULDEXVLQHVVEXLOGLQJHFKHVHFRQGRODÊ&#x2026;ORVRÊ&#x2026;DGL6WXGLR9'*$ VL FDUDWWHUL]]D SHU OD FDSDFLW¡ GL DFFRVWDUH VDSLHQWHPHQWH PDWHULDOL WUDGL]LRQDOLHFRQWHPSRUDQHLSHUSHUVHJXLUHXQGHVLJQGLLQWHUHVVHLQ WHUQD]LRQDOHPDEHQUDGLFDWRQHOFRQWHVWRORFDOHO


AT L A S

PROJECTS

CONCEPT RESTAURANT EAT

OSTERIA GASTRONOMICA, COCKTAIL BAR, NEGOZIO DI VINILI E SPAZIO 3(5086,&$'$/9,92Π678',24Σ%,& FIRMA MOEBIUS, NUOVO CONCEPT RESTAURANT CHE UNISCE DESIGN E ALTA CUCINA • txt Antonia Zanardini • ph Nathalie Krag

• 72


ntrando si viene subito colpiti dalla presenza di una gigantesca “libreria dei liquori”, dal grande cubo in vetro sospeso a quattro metri da terra e, non ultimo, da un imponente ulivo secolare: nel contesto post industriale di un ex magazzino di tessuti, a pochi passi dalla stazione centrale di Milano, è nato Moebius, camaleontico e cangiante concept restaurant in grado di cambiare pelle a seconda dell’orario della giornata e della prospettiva. Progettato dallo Studio Q-bic, diretto dai fratelli Luca e Marco Baldini, Moebius è al tempo stesso Osteria Gastronomica, Tapa Bistrot, cocktail bar, negozio di vinili e spazio per la musica dal vivo. Ma anche luogo dove sostare per leggere, studiare, ascoltare musica. Situato nel dedalo di strade tra via Vittor Pisani e corso

E

“LA SFIDA PRINCIPALE STAVA NEL RIEMPIRE IN MODO EQUILIBRATO UNO SPAZIO COSÌ GRANDE E VUOTO, CREANDO AMBIENTI INTIMI E RISERVATI” Luca e Marco Baldini, Studio Q-bic • 74


Buenos Aires, il locale dichiaratamente si ispira al nome d’arte del fumettista francese Jean Giraud, capace di ridisegnare il mondo con la sua matita e con un pizzico di creatività e sognante follia. Un’inclinazione che si ritrova nella cucina dello chef Enrico Croatti, due stelle Michelin, che con la famiglia Querci ha dato vita a questo spazio poliedrico, ricco di atmosfere diverse. A partire dal 7DSD%LVWURWFRQFRFNWDLOEDUDOSLDQRWHUUDʅQRDOODVSHWWDFRODUH piattaforma sospesa che ospita l’Osteria Gastronomica, il vero regno dello chef dove si può gustare una cucina sperimentale e


SORPRENDENTE LA PIATTAFORMA SOSPESA AL CENTRO DELLA SALA. AVVOLTA DA PARETI IN VETRO APPARE COME UN ACQUARIO DI 60 METRI QUADRATI SOSPESO NEL VUOTO

â&#x20AC;¢ 76


dâ&#x20AC;&#x2122;avanguardia. E a collegare le due anime del locale, in costante dialogo tra antico e moderno, un ulivo andaluso di 700 anni, inserito in una spettacolare teca di vetro. Il palco per i concerti, invece, è ospitato da unâ&#x20AC;&#x2122;avveniristica galleria di metallo, che si apre da un lato sulla sala e dallâ&#x20AC;&#x2122;altro sulla serra-veranda esterna, con tavolini e divanetti disposti a creare unâ&#x20AC;&#x2122;atmosfera piĂš intima e raccolta. Lâ&#x20AC;&#x2122;interior è un riuscito mix di materiali industriali come il ferro e il cemento, oggetti vintage ed elementi architettonici contemporanei che arricchiscono uno spazio dalle dimensioni importanti, IDWWRGLSDUHWLLQPDWWRQLHGLDPSLHYHWUDWHFRQXQVRĘ&#x2021;WWRDOWR Ę&#x2026;QRDPHWULHXQDVXSHUĘ&#x2026;FLHGLROWUHPHWULTXDGUDWLȸ$EELDPRFHUFDWRGLFRQVHUYDUHLOIDVFLQRLQGXVWULDOHGHOSRVWRODVĘ&#x2026;GD principale", dichiarano Luca e Marco Baldini, "stava nel riempire in modo equilibrato uno spazio cosĂŹ grande e vuoto, creando ambienti intimi e riservati. Lâ&#x20AC;&#x2122;elemento piĂš importante e impegnativo è senza dubbio la piattaforma sospesa al centro della sala, avvolta da pareti in vetro appare come un acquario di 60 metri quadrati sospeso nel vuoto. Inoltre abbiamo cercato di creare un ambiente contemporaneo, architettonicamente pulito e rigoroso che dialogasse con un arredamento piĂš caldo e romantico, unâ&#x20AC;&#x2122;atmosfera che facesse sentire il cliente a proprio agio, invitandolo a restare in qualsiasi momento del giornoâ&#x20AC;?. Dâ&#x20AC;&#x2122;altronde è proprio questa la cifra stilistica di Studio Q-bic, che â&#x20AC;˘ 78


A COLLEGARE LE DIVERSE ANIME DEL LOCALE, IN COSTANTE DIALOGO TRA ANTICO E MODERNO, UN IMPONENTE ULIVO ANDALUSO DI 700 ANNI, INSERITO IN UNA SPETTACOLARE TECA DI VETRO


trova le sue radici nel mondo della moda, specializzato in allestimenti caratterizzati da un’estetica di impatto che, in seguito, contraddistingue anche i loro progetti per il residenziale e la ristorazione. Spogliati del superfluo, i luoghi progettati dai fratelli Baldini ritrovano anima e identità, ripopolati da un caldo mix di elementi di design e industriali, di vintage e contemporaneità. È il caso di Ditta Artigianale, linea di caffetterie dedicate al coffee specialty e alla mixology d’autore, così come de La Ménagère, concept restaurant fiorentino, precursore di una tendenza che affianca un’offerta culinaria a cocktail bar, store di articoli per la casa e negozio di fiori. Una formula che è stata poi rivista e aggiornata per Florence Out Of Ordinary, insegna che raccoglie ristorante, bistrot, cocktail bar, caffetteria, hairstylist, negozio di vinili e store di abbigliamento e oggettistica, al piano terra del nuovo The Student Hotel a Firenze. Il concetto si evolve, in scala più ampia, nel progetto Manifattura Tabacchi, imponente operazione di rigenerazione urbana che porta nuove attività e linfa vitale in un ex luogo industriale. Materiali naturali come ferro e legno, muri grezzi che diventano texture e quinte scenografiche per pezzi vintage e di design in grado di costruire ambienti raccolti in spazi di ampio respiro: sono gli ingredienti di uno stile molto italiano, che scava nella tradizione per tracciare una nuova via verso il futuro. O • 80


Innamorati del Legno SCANDOLA WELCOME

Scopri il nostro progetto 100% Reuse

c’è un regalo per te y www.scandolamobili.it/100%reuse


AT L A S

â&#x20AC;¢ 82

MAKERS


MICHAEL Anastassiades Progettare, per sottrazione, oggetti che non cambiano nel tempo e che non inseguono le mode, nei quali funzione ed emozione, equilibrio e disequilibrio si incontrano senza compromessi. MICHAEL ANASTASSIADES è per tutti IL designer della luce, ma dice che è inguaribilmente attratto da ogni forma di creatività e sperimentazione. Lo abbiamo intervistato a Parigi, all’ultima edizione di Maison&Objet txt Paola Vallatta

esigner of the year all’ultima edizione di Maison&Objet, Michael Anastassiades è una vera star del design e collabora con aziende prestigiose come Flos, B&B Italia, Herman Miller, Cassina e Salvatori, solo per citarne alcune. Il suo credo è la semplicità: “La mia formula”, conferma, “è quella di lasciare le cose più semplici possibili. Punto all’assenza di informazioni: ne siamo continuamente bombardati. Così procedo levando tutte le informazioni possibili dall’oggetto,

“D

rimuovo uno strato dopo l’altro, tolgo tutto quello che produce confusione e quello che scelgo di tenere è davvero l’essenziale: in questo modo, a mio avviso, un oggetto riesce davvero a catturare l’essenza di quel che deve esprimere”. La semplicità è, tuttavia, solo apparente, Anastassiades sceglie forme, segni e volumi sobri, come una linea, un cerchio o una sfera, ma il procedimento per arrivare all’essenziale, come spiega, è complesso anche perché “la tecnologia deve rimanere invisibile. Ed è pure, naturalmente,


â&#x20AC;&#x153;VOGLIO DURARE: Ă&#x2C6; LA MIA VISIONE DELLA SOSTENIBILITĂ&#x20AC;. PERCHĂ&#x2030; PENSARE IN TERMINI DI RICICLABILITĂ&#x20AC;? PREFERISCO CHE LE COSE DURINO NEL TEMPO, PUNTO AL LUNGO TERMINEâ&#x20AC;?

una questione di proporzioni: cerco di assicurarmi che gli oggetti non incutano timore e proprio lâ&#x20AC;&#x2122;equilibrio delle proporzioni fa sĂŹ che ci si senta sempre rassicuratiâ&#x20AC;?. I suoi Chandelier Mobile, ad esempio, per la prima volta presentati tutti e sedici a Maison&Objet, fanno interagire lucentezza, equilibrio e disequilibrio: â&#x20AC;&#x153;Lâ&#x20AC;&#x2122;equilibrio è essenziale in tutto. Forse devo questa ricerca di armonia anche alla mia relazione con lo yoga (di cui sono stato anche insegnante): lo yoga punta allâ&#x20AC;&#x2122;equilibrio e il vantaggio di questa disciplina è che, quando fai qualcosa, ne senti immediatamente i benefici. â&#x20AC;˘ 84

Insomma, per me yoga e design sono intimamente connessiâ&#x20AC;?. Ma torniamo al principio: Anastassiades, nato a Cipro, si è trasferito a Londra nel 1988 per studiare ingegneria civile. â&#x20AC;&#x153;Ho detestato tutto quello che studiavoâ&#x20AC;?, confessa, â&#x20AC;&#x153;ma è stata unâ&#x20AC;&#x2122;esperienza importante e alla Ę&#x2026;QĘ&#x2026;QHFUHGRFKHGHQWURGLPHVLQDVFRQGD un ingegnere. Tra lâ&#x20AC;&#x2122;altro questa caratteristica mi aiuta per lâ&#x20AC;&#x2122;aspetto pratico della creazione, perchĂŠ io ho bisogno di capire una cosa per crearla: lâ&#x20AC;&#x2122;inizio, la pagina bianca, il primo tratto di matita, sono la parte piĂš GLĘ&#x2021;FLOHGHOODYRURČš(YLGHQWHPHQWHWXWWDYLD

il destino di Anastassiades doveva condurlo altrove, cosĂŹ, al diploma in ingegneria segue il master in industrial design engineering al Royal College of Art â&#x20AC;&#x153;e da allora sono un designerâ&#x20AC;?, dice sorridendo. Sin dal 1994 ha cominciato a lavorare in proprio â&#x20AC;&#x153;perchĂŠ non è che ci fosse molta scelta e anche perchĂŠ volevo essere liberoâ&#x20AC;? e nel 2007 ha dato vita al brand che porta il suo nome. I suoi primi oggetti, quelli che lo hanno reso famoso, sono lampade: â&#x20AC;&#x153;la luce è molto poetica, ispira, è in qualche modo un oggetto particolare. Una lampada ha due GLPHQVLRQLFRPSOHWDPHQWHGLĘ&#x201E;HUHQWLVSHQ-


“UNA LAMPADA HA DUE DIMENSIONI COMPLETAMENTE DIFFERENTI: SPENTA E ACCESA. QUANDO È SPENTA È COME UNA SCULTURA, MA QUANDO LA SI ACCENDE TUTTO CAMBIA: NASCONO LE OMBRE E SUCCEDE QUALCOSA”


â&#x20AC;¢ 86


“TOLGO TUTTO QUELLO CHE PRODUCE CONFUSIONE E QUELLO CHE SCELGO DI TENERE È DAVVERO IL MINIMO INDISPENSABILE. IN QUESTO MODO UN OGGETTO RIESCE DAVVERO A CATTURARE L’ESSENZA DI QUEL CHE DEVE ESPRIMERE”


ta e accesa. Quando è spenta è come una scultura, ma quando la si accende tutto cambia: nascono le ombre e succede qualcosa. La mia prima lampada, lâ&#x20AC;&#x2122;Anti-Social Light, per esempio, si accende solo quando câ&#x20AC;&#x2122;è un silenzio assoluto. Se si comincia DSDUODUHODOXFHVLDĘ&#x2021;HYROLVFHSLDQSLDQR e poi si spegne completamente. Se si tace, la luce riappare gradualmente. Vicino a questa lampada, bisogna, insomma, stare in silenzio. In seguito ho progettato anche la Social Light, che funziona allâ&#x20AC;&#x2122;inverso: bisogna parlare per poterla accendere. La â&#x20AC;˘ 88

luce è, insomma, un progetto di predilezioQHPLDĘ&#x201E;DVFLQDHGŠSHUPHXQPRGRGL comunicare senza sforzoâ&#x20AC;?. Dal 2007 comincia anche a collaborare conw Flos e Piero Gandini â&#x20AC;&#x153;mi ha dato sostanzialmente carta bianca: è incredibile avere il sostegno totale a un progetto e poter disporre dei mezzi di unâ&#x20AC;&#x2122;azienda come Flos: mi hanno fornito gli strumenti e la tecnologia che da solo non potevo permettermi e mi hanno concesso di superarmi. Il design ha dei limiti, certo, ma sta a noi deĘ&#x2026;QLUHOLEHUWÂĄHOLPLWLHVSHWWDDQFRUDDQRL

trovare il modo di superarliâ&#x20AC;?. E la sua ambizione come designer? â&#x20AC;&#x153;Voglio durare: è la mia visione della sostenibilitĂ . PerchĂŠ pensare in termini di riciclabilitĂ ? Preferisco che le cose durino nel tempo, punto al lungo termineâ&#x20AC;?. Obiettivo sostanzialmente raggiunto: Michael Anastassiades fa giĂ  parte a pieno titolo della storia del design e le sue creazioni sono esposte nei musei piĂš importanti del mondo, dal MoMA di New York allâ&#x20AC;&#x2122;Art Institute di Chicago passando per il Victoria and Albert Museum di Londra e il Museo di arti applicate di Vienna. O


AT L A S

â&#x20AC;¢ 90

PROJECTS


GATE TO BEAUTY SHOP

A BARCELLONA HA APERTO I BATTENTI DARIAL, INNOVATIVO CONCEPT STORE CHE IL SUO IDEATORE, IL FASHION DESIGNER DJABA DIASSAMIDZE, IMMAGINA COME UNA PORTA D’ACCESSO A UN MONDO DORATO, FATTO DI ARTE, MODA, CIBO E LETTERATURA • txt Alessia Delisi


OVUNQUE SONO PRESENTI MORBIDI TAPPETI COLOR AVORIO E MINIMALISTI ARCHI ORIENTALI: SONO LORO A RICORDARE AL VISITATORE CHE DARIAL NON Ã&#x2C6; CHE UNâ&#x20AC;&#x2122;ANTICA PAROLA PERSIANA CHE SIGNIFICA PORTA

n innovativo concept store incontra lâ&#x20AC;&#x2122;eleganza storica GL &DVD 7RP¡V 5RJHU HGLÊ&#x2026;FLR GHO ;,; VHFROR VLWXDWR OXQJR &DUUHU Gȶ$XVL¡V 0DUF QHO TXDUWLHUH GL 'UHWD GH Oȶ(L[DPSOHD%DUFHOORQDÂ&#x2030;'DULDOQXRYRVSD]LRPXOWLGLVFLSOLQDUH QDWR GDOOȶHVWUR GHO IDVKLRQ GHVLJQHU GL RULJLQH JHRUJLDQD 'MDED 'LDVVDPLG]HFRQLOWHDPGHOPDJD]LQH$SDUWDPHQWRȸ+RVFRSHUWR OD VFHQD DUWLVWLFD LQ FLWW¡ȹ VSLHJD 'LDVVDPLG]H ȸXQD GHOOH SHUVRQH FKH KR LQFRQWUDWR TXL © VWDWR TXHVWR DUWLVWD ORFDOH GL QRPH*XLOOHUPR6DQWRP¢3RLKRDYXWROȶLGHDGLXQȶLQVWDOOD]LRQH DUWLVWLFDFRQFXLSUHVHQWDUHXQQHJR]LRLQPRGRFKHODJHQWHGL %DUFHOORQDSRVVDVFRSULUHTXDOLVDUDQQROHSURVVLPHWHQGHQ]Hȹ PHWULTXDGUDWLDFFROJRQRLQIDWWLXQDVHOH]LRQHLQFRQWLQXD HYROX]LRQHGLDEELJOLDPHQWRÊ&#x2026;UPDWRRSHUHGȶDUWHOLEULHDOWULRJJHWWLGLVORFDQGROLWUDYHUHHSURSULHQLFFKLHHVSHULHQ]LDOLFLDVFXQD GHOOH TXDOL UDSSUHVHQWD XQ SDUWLFRODUH JXVWR 8Q HVXEHUDQWH SDVWLFKH GL HSRFKH H ULIHULPHQWL FXOWXUDOL VL WUDGXFH FRV­ LQ XQR

U

â&#x20AC;¢ 92

VSD]LRGDOOȶDQLPDHVVHQ]LDOHLQXQDVHULHGLVDOHFRQFHSLWHFRPH LPPDFRODWLZKLWHFXEHFKHSUH]LRVLSLODVWULDIRUPDGLSDOPHLPSUH]LRVLVFRQRFRQODORURLGHDGLHVRWLVPRULFHUFDWR7XWWRLOJODPRXU GL XQ VHW FLQHPDWRJUDÊ&#x2026;FR LQ VWLOH $UW 'ªFR © TXL ULFUHDWR  OȶLVSLUD]LRQH VHPEUD SURYHQLUH GD XQ FODVVLFR GL $ODLQ 5HVQDLV /ȶDQQRVFRUVRD0DULHQEDGHSRVWRLQGLDORJRFRQLSDUDYHQWL GL&RURPDQGHOQRQFKªFRQJOLDUUHGLHOHGHFRUD]LRQLGHLPDHVWULGHO GHVLJQGHO;;VHFRORGD3LHUUH&KDUHDXD6HUJH5RFKHH3LHUUH3DXOLQ


UN ESUBERANTE PASTICHE DI EPOCHE E RIFERIMENTI CULTURALI SI TRADUCE IN UNO SPAZIO DALLâ&#x20AC;&#x2122;ANIMA ESSENZIALE, CON SALE CONCEPITE COME IMMACOLATI WHITE CUBE IMPREZIOSITI DA PILASTRI A FORMA DI PALMA


2YXQTXHSRLVRQRSUHVHQWLPRUELGLWDSSHWLFRORUDYRULRHPLQLPDOLVWL DUFKL RULHQWDOL VRQR ORUR D ULFRUGDUH DO YLVLWDWRUH FKH'DULDO QRQ©FKHXQȶDQWLFDSDURODSHUVLDQDFKHVLJQLÊ&#x2026;FDSRUWDXQSDVVDJJLRYDUFDWRLOTXDOHVDU¡SRVVLELOHDFFHGHUHDOPRQGRGHOOȶDUWHGHOODPRGDGHOFLERHGHOODOHWWHUDWXUD$OOȶLQWHUQRSURGRWWLGL0XOOHU9DQ6HYHUHQ,PSRVVLEOH3URMHFW/RPRJUDSK\H%DQJ 2OXIVHQVL DOWHUQDQRDROWUHFHQWRPDUFKLGLGHVLJQHUDÊ&#x201E;HUPDWLHGHPHUJHQWLFRPH5DI6LPRQV7KH5RZ-:$QGHUVRQ+DLGHU$FNHUPDQQ -LO6DQGHU6DFDL,VDDF5HLQDH0\NLWD ȸ3HUPHVFHJOLHUHXQEUDQG©XQPRGRSHUUHQGHUHRPDJJLRDLGHVLJQHUFKHFRQVLGHURFROOHJKLÂ&#x2030;WXWWRPROWRQDWXUDOHQRQGLUHLFKHVL WUDWWDVRORGHOPLRJXVWRPDGHOULVSHWWRFKHQXWURSHUDOWULGHVLJQHU HD]LHQGHȹVSLHJD'LDVVDPLG]H/DVHOH]LRQHGLOLEULFKHQHDFFRPSDJQD OD YLVLRQH © SRVWD VX VFDÊ&#x201E;DOL UHDOL]]DWL VX PLVXUD LQ ODFFD QHUDHVXSHUÊ&#x2026;FLHVSHFFKLDQWHHDQWLFLSDLQTXDOFKHPRGRLOWHPD GHOOR VWRUH OD SURSRVWD GL PRVWUH H FROODERUD]LRQL FRQ DUWLVWL FRQWHPSRUDQHLDOOȶLQWHUQRGLXQȶDSSRVLWDJDOOHULDGRWDWDGLSDYLPHQWLH SRUWLFLLQFHPHQWRJUH]]R,OYHURFROSRGLVFHQD©SHU³/H/ªRSDUG UDÊ&#x2021;QDWDEUDVVHULHGRYHLOELDQFRGHOOHSDUHWL©LQWHUURWWRGDSROWURQHLQPRUELGRYHOOXWRURVVRHGHWWDJOLLQIRJOLDGRUDWDRPDJJLRDOOH PLJOLRULDPELHQWD]LRQLGL/XFKLQR9LVFRQWLO â&#x20AC;¢ 94


IL VERO COLPO DI SCENA È LE LÉOPARD, RAFFINATA BRASSERIE DOVE IL BIANCO DELLE PARETI È INTERROTTO DA POLTRONE IN MORBIDO VELLUTO ROSSO E DETTAGLI IN FOGLIA DORATA


AT L A S

PROJECTS

GUSTO :25.,1* SPACE WORK

A SAN FRANCISCO, Lâ&#x20AC;&#x2122;UFFICIO DEI DESIDERI. IN UNO STORICO EDIFICIO INDUSTRIALE GENSLER INCORPORA I CONSIGLI E LE ESIGENZE DEI DIPENDENTI PER CREARE UN WORKING SPACE OLISTICO, INNOVATIVO E FLESSIBILE â&#x20AC;¢ txt Paola Camillo â&#x20AC;¢ ph Rafael Gamo

HOOD VXD FRPSDWWH]]D GL VWRULFR HGLÊ&#x2026;FLR LQGXVWULDOH KD DYXWR WDQWH YLWH H WDQWH LGHQWLW¡ OR VSD]LR FKH RJJL © LO TXDUWLHUJHQHUDOHGL*XVWRD]LHQGDFDOLIRUQLDQDLQYHUWLJLQRVDFUHVFLWDFKHUHDOL]]DVRIWZDUHSHUSLFFROHLPSUHVH/ȶLQWHUYHQWR GL LQWHULRU GHVLJQ FRQFHSLWR GD *HQVOHU SHU OD VWDUW XS UDFFRJOLHHUDFFRQWDODVWRULDGHOOȶHGLÊ&#x2026;FLRWUDVIRUPDQGRORLQXQR VSD]LRODYRURGLXOWLPDJHQHUD]LRQH

N

â&#x20AC;¢ 96


LA VECCHIA FABBRICA Ã&#x2C6; STATA SVUOTATA E MANTENUTA NELLA SUA VOLUMETRIA E FISIONOMIA ORIGINALE. LE UNICHE AGGIUNTE FUNZIONALI SONO STATE IL BALLATOIO APERTO VERSO Lâ&#x20AC;&#x2122;OPEN SPACE E LA PASSERELLA METALLICA CHE COLLEGA I DUE LIVELLI

6LDPR D 6DQ )UDQFLVFR QHOOR VWRULFR PROR GL 3LHU  XQ JLRLHOOR GLDUFKLWHWWXUDLQGXVWULDOHGLÊ&#x2026;QH2WWRFHQWRGRYHVLVRQRFRVWUXLWL VRWWRPDULQLHQDYLPROWRDWWLYRWUDOHGXHJXHUUH/DYRUDQGRVXO SUHFHGHQWH LQWHUYHQWR GL UHVW\OLQJ GL 0DUF\ :RQJ 'RQQ /RJDQ $UFKLWHFWVLOWHDPFDOLIRUQLDQRGL*HQVOHUKDFUHDWRXQDPELHQWH DOORVWHVVRWHPSRLQIRUPDOHHGHOHJDQWHGLVWHQVLYRHSURGXWWLYR GRYHLOGHVLJQULVSRQGHDTXHOOȶXUJHQ]DGLLQWHJUD]LRQHHGHTXLOLEULRIUDWHPSRSHULOODYRURHWHPSRSHUODYLWDFKHODJHQHUD]LRQH PLOOHQQLDORJJLULYHQGLFDDJUDQYRFH â&#x20AC;¢ 98

/DYHFFKLDIDEEULFD©VWDWDVYXRWDWDHPDQWHQXWDQHOODVXDYROXPHWULD H Ê&#x2026;VLRQRPLD RULJLQDOH 3HUVLQR OH DOWH JUX D FDYDOOHWWR JOL DUJDQL PRQWDFDULFKL H WXWWR LO YHFFKLR LPSLDQWR D VRÊ&#x2021;WWR SHU OD PRYLPHQWD]LRQH GHOOH PDFFKLQH VRQR VWDWL FRQVHUYDWL /H XQLFKH DJJLXQWH IXQ]LRQDOL VRQR VWDWH OR VWUHWWR PH]]DQLQR FKH FUHD XQ EDOODWRLRDSHUWRYHUVROȶRSHQVSDFHVRWWRVWDQWHHODSDVVHUHOODPHWDOOLFDFKHFROOHJDLGXHOLYHOOL ,Q TXHVWD FRUQLFH FKH IRQGH OȶHUHGLW¡ LQGXVWULDO GHO SDVVDWR FRQ WHUVHOHYLJDWXUH*HQVOHUKDGLVVHPLQDWRSLFFROLVDORWWLVDOHULXQLR-


Ƚ


A OGNI DIPENDENTE Ã&#x2C6; STATA OFFERTA LA POSSIBILITÃ&#x20AC; DI SCEGLIERE TRA UNA VARIETÃ&#x20AC; DI SPAZI, SIA APERTI CHE CHIUSI, PUBBLICI O PRIVATI, PER INDIVIDUARE IL LAYOUT PIÃ&#x2122; FUNZIONALE ALLA PRODUTTIVITÃ&#x20AC; DI OGNUNO

QL H GHVN LQ PRGDOLW¡ Ê&#x2020;HVVLELOH XWLOL]]DQGR GLYLGHU H SDUHWL PRELOL FKHSHUPHWWRQRGLFDPELDUHDPELHQWLHSURVSHWWLYDFRQÊ&#x2026;QDQGRR OLEHUDQGRORVSD]LR/DÊ&#x2020;HVVLELOLW¡FRPHOHLWPRWLYFKHWURYDXQSDUDOOHORQHOOȶLQVROLWDSROLF\D]LHQGDOHGLODYRUDUHVHQ]DVFDUSHXQD FDUDWWHULVWLFDFKHKDVHJQDWROȶD]LHQGDVLQGDJOLDOERULFRPHDWWLWXGLQHDXQVLVWHPDGLYLWDODYRURSLºRUJDQLFRHROLVWLFR(SURSULR SHUTXHVWRLSDYLPHQWLVRQRULVFDOGDWLSHUPDQWHQHUHLODYRUDWRUL H LORURSLHGL FDOGLQHOOHIUHGGHJLRUQDWHGHOOD%D\$UHD

,QROWUHDOOȶLQVHJQDGHOODSDUWHFLSD]LRQH*HQVOHUKDYROXWRFRLQYROJHUH JOL VWHVVL GLSHQGHQWL QHOOD UHDOL]]D]LRQH GHO GHVLJQ WUDVIRUPDQGROL LQ SURWDJRQLVWL IRQGDPHQWDOL GHO SURFHVVR FUHDWLYR ȸ(UD LPSRUWDQWH FKH LO SDVVDJJLR GD XQR VSD]LR GLVFRQQHVVR FRPHTXHOORGHOODYHFFKLDIDEEULFDLQGLVXVRDXQRSLDQLÊ&#x2026;FDWRH VLQFURQL]]DWRIRVVHFRPSUHVRHYDOLGDWRGDWXWWLSHUJDUDQWLUQHLO VXFFHVVRHODIXQ]LRQDOLW¡ȹVSLHJD.HOO\'XELVDUGHVLJQGLUHFWRU GL*HQVOHUȸ$EELDPRXWLOL]]DWRODUHDOW¡YLUWXDOHSHUFDSLUHHIDU


FDSLUH FRPH XQȶD]LHQGD WHFQRORJLFD SRWHVVH DGDDWWDUVL D XQ YHFFKLRPRORHFDQWLHUHQDYDOH0DQRQVROR*UD]LHDOODWHFQRORJLDLQ UHDOW¡YLUWXDOHVLDPRDQFKHULXVFLWLDLGHDUHHJHVWLUHOHPRGLÊ&#x2026;FKH VXJJHULWHGDJOLVWHVVLGLSHQGHQWLȹ,QIDWWLLQXQPRPHQWRVWRULFRLQ FXLOȶRSHQVSDFHVHPEUDQRQVRGGLVIDUHSLºOHHVLJHQ]HGHOODYRUR *HQVOHUVWDGHGLFDQGRJUDQGLHQHUJLHSHUWHVWDUHHVFRSULUHLQXRYL GHVLGHULGHLODYRUDWRUL1HOFDVRGL*XVWRORVWXGLRKDFRV­GDWRYLWD DXQȸJLRUQRGLDSHUWXUDYLUWXDOHȹFKHFRQVHQWLVVHDLGLSHQGHQWLGLYLȽ

VLWDUHORVSD]LRSULPDFKHIRVVHFRVWUXLWRSHUUHFHSLUHOHORURHVLJHQ]HHGLVFXWHUHLQVLHPHHYHQWXDOLPRGLÊ&#x2026;FKH,QROWUHDRJQXQR©VWDWD GDWDODSRVVLELOLW¡GLVFHJOLHUHWUDXQDYDULHW¡GLVSD]LVLDDSHUWLFKH FKLXVLSXEEOLFLRSULYDWLSHULQGLYLGXDUHLOOD\RXWSLºIXQ]LRQDOHDOOD VXD SURGXWWLYLW¡ ,Q VLQWHVL DQFKH OR VSD]LR XÊ&#x2021;FLR DO SDUL GL DOWUH VIHUHHVSHULHQ]DOLGHOQRVWURWHPSRULFKLHGHXQDFUHVFHQWHSHUVRQDOL]]D]LRQHSHUSLDFHUHHVVHUHHÊ&#x2021;FDFHHIXQ]LRQDUHDOPHJOLR7XWWR TXHVWRSHU³ODVFLDQGROHVFDUSHDOOȶLQJUHVVRO


AT L A S

PROJECTS

SEVENTYFIVE WINE BAR EAT

AL 75 CAFÈ & LOUNGE SI RESPIRA L’ATMOSFERA MONTANA MA L’APPEAL È GLAMOUR E INTERNAZIONALE. PIERO LISSONI, CON LA SUA CIFRA INCONFONDIBILE, REINTERPRETA I CODICI STILISTICI DELL’ARCHITETTURA ALPINA E DELLE BAITE • txt Agnese Lonergan • ph Thomas Pagani

• 104


ituato all’interno di una tipica casa di paese nel centro della località montana di Ponte di Legno - piccolo comune in provincia di Brescia, ma anche importantissima stazione sciistica - il bistrò 75 Café and Lounge è il nuovo SURJHWWR ʅUPDWR 3LHUR /LVVRQL 8Q ZLQH EDU LQ FXL VL UHVSLUD OȶDWPRVIHUDPRQWDQDPDFRQXQDSSHDOJODPRXUHLQWHUQD]LRQDOH

S

I materiali di comunicazione interna ed esterna del locale sono stati curati dall’agenzia All Creative, che ha lavorato a stretto contatto con /LVVRQL$VVRFLDWLDʇQFKªWXWWRULVXOWDVVHFRRUGLQDWRFRQJOLHOHPHQWLHL dettagli di interior. L’insegna di metallo si presenta come un cassonato retroilluminato a led leggermente distanziato dalla parete per permettere alla luce di proiettare un bagliore sul legno retrostante, mentre il marchio ©VWDWRLQWDJOLDWRDODVHUSHURWWHQHUHXQHʄHWWRQLWLGRHGLDOWDSUHFLVLRQH

• 106


©

Veronica Gaido

PIERO LISSONI REINTERPRETA I CODICI STILISTICI DELLâ&#x20AC;&#x2122;ARCHITETTURA ALPINA REALIZZANDO UN LUOGO DOVE FINITURE E LAVORAZIONI TIPICHE DELLA ZONA SI UNISCONO A ELEMENTI E INFLUENZE CONTEMPORANEE, IN UN RIUSCITO MIX DI MODERNITÃ&#x20AC; E TRADIZIONE Lâ&#x20AC;&#x2122;intervento ha riguardato il rifacimento della facciata - rivestita in assi di larice tinto scuro e con vetrine in acciaio nero che FUHDQR XQ HÊ&#x2021;FDFH FRQWUDVWR FRQ OH QHWWH VXSHUÊ&#x2026;FL ELDQFKH  OD regolarizzazione delle aperture, lo sviluppo del dehors esterno ROWUH DOOD ULGHÊ&#x2026;QL]LRQH GL WXWWL JOL LQWHUQL ,O FRQFHSW GHÊ&#x2026;QLWR GD /LVVRQL©FKLDURÊ&#x2026;QGDOOȶLQJUHVVRRYYHURULSRUWDUHOȶRVSLWHDOFDORUH â&#x20AC;¢ 108

e allâ&#x20AC;&#x2122;accoglienza di una volta realizzando un luogo stylish e contemporaneo, che reinterpreta i codici stilistici dellâ&#x20AC;&#x2122;architettura DOSLQD,OORFDOH©FRV­FDUDWWHUL]]DWRGDLQWHUQLGDLWRQLVFXULGRYH Ê&#x2026;QLWXUH H ODYRUD]LRQL WLSLFKH GHOOD ]RQD VL XQLVFRQR D HOHPHQWL H LQÊ&#x2020;XHQ]H FRQWHPSRUDQHH LQ XQ ULXVFLWR PL[ GL PRGHUQLW¡ H WUDGL]LRQH 0DWHULDOL VHPSOLFL H GXUHYROL FRPH OD SLHWUD D YLVWD


sui muri, i pavimenti in parquet e granito spazzolato e le boiserie in rovere termotrattato sono stati abbinati a materiali moderni, FRPH DFFLDLR YHWUR H SURÊ&#x2026;OL LQ ODPLHUD FKH ULTXDGUDQR DQFKH OH YHWULQH VX VWUDGD ,O SLDQR WHUUD GHOOȶHGLÊ&#x2026;FLR © VWDWR WUDVIRUPDWR in un unico ambiente articolato in tre sale comunicanti: una zona bar con il bancone, la sala centrale con tavoli e panche e XQȶLQWLPD H VRÊ&#x2026;VWLFDWD ]RQD ORXQJH FRQ FDPLQR VRVSHVR SHU ULVFDOGDUVLQHLJLRUQLSLºIUHGGL0ROWLJOLDUUHGLUHDOL]]DWLVXPLVXUD tra i quali il bancone del bar in pietra lavica, i tavoli, le panche e tutti gli espositori in rete metallica che mostrano, proteggendole, OH ERWWLJOLH GL YLQR 2YXQTXH SLFFROL WDYROL GL YHWUR H DFFLDLR VL DOWHUQDQRDFRPRGHVHGXWHHDVRI¡GDOOHOLQHHVREULHHGHVVHQ]LDOL Lâ&#x20AC;&#x2122;inserimento di oggetti rustici e dâ&#x20AC;&#x2122;artigianato dona ulteriore calore allâ&#x20AC;&#x2122;ambiente, mentre tavoli a destinazione conviviale si alternano a luoghi più appartati, in modo da porre sempre lâ&#x20AC;&#x2122;ospite nella FRQGL]LRQHSLºDGDWWDDOODGHJXVWD]LRQHHDOUHOD[O

â&#x20AC;¢ 110


         

        









  







 


AT L A S

â&#x20AC;¢ 112

MAKERS


PARISOTTO FORMENTON ALDO PARISOTTO e MASSIMO FORMENTON sono due architetti scrupolosi, la cui idea di misura, equilibrio e semplicità caratterizza ogni progetto, sia esso architettonico, di interior, retail o product design txt Alessia Delisi

ormatisi alla metà degli anni Ottanta allo IUAV di Venezia, il loro sodalizio avviene nel 1990 quando, non ancora trentenni, aprono lo studio Parisotto+Formenton Architetti la cui ampiezza e trasversalità di esperienze è ora oggetto di una preziosa PRQRJUDÊ&#x2026;D(OHFWDFKHUDFFRJOLHWUHQWȶDQQLGLDWWLYLW¡HWHVWLPRQLDLO ELVRJQRGLJXDUGDUVLLQGLHWURSHUULSHQVDUVLDYDQWL&RV­GDOOȶLQWHULRU

F

DOOȶH[KLELW H UHWDLO GHVLJQ GDOOH DELWD]LRQL SULYDWH DJOL HGLÊ&#x2026;FL FRPPHUFLDOLÊ&#x2026;QRDLSURGRWWLFKHULGXFRQRODVFDODPDQRQODTXDOLW¡ del progetto, lo studio, con sede a Milano e Padova, si racconta attraverso la voce gentile e mai autoreferenziale di Aldo Parisotto. Che parla di retail, certo, ma anche del sogno di contribuire al futuro della FLWW¡WRUQDQGRDUHDOL]]DUHJOLVSD]LGHOOȶDUWHFKHSLºDPD


Qual è il vostro approccio al progetto? Partirei, nel rispondere, dal terzo e ultimo libro che io e Massimo Formenton abbiamo UHDOL]]DWRFRQ(OHFWDSHUFHOHEUDUHLQRVWUL WUHQWČśDQQL GL VRGDOL]LR 4XHVWR OLEUR FRV­ come il primo, che raccoglieva 18 anni di attivitĂ , la cosiddetta â&#x20AC;&#x153;maturitĂ  professionaleâ&#x20AC;?, dimostra la trasversalitĂ  delle disciSOLQH GD QRL DĘ&#x201E;URQWDWH DWWUDYHUVR SURJHWWL FKH YDQQR GDOOČśDUFKLWHWWXUD DOOČśLQWHULRU 2Otre al retail, che è il nostro core business, realizziamo infatti moltissime residenze, ma anche, facendo un salto di scala, il

â&#x20AC;˘ 114

product design. Ricordo che abbiamo ini]LDWR WDQWL DQQL ID FRQ L SURGRWWL SHU OČśLOOXminazione, perchĂŠ, non trovandone che potessero soddisfare le nostre esigenze in un progetto di interior, abbiamo creato dei prodotti customizzati che sono poi diventati di serie, entrando di diritto nei cataloghi delle aziende. Ă&#x2C6; questa la forma mentis, il NQRZ KRZ GHOOR VWXGLR DQFKH TXDQGR FȜŠ XQFDPELRGLVFDODGDOSURGRWWRDOOČśLQWHULRU Ę&#x2026;QR DOOČśDUFKLWHWWXUD LO QRVWUR UHVWD XQ DSproccio olistico, focalizzato sulla materia, la luce, i sensi e le emozioni.

Che tipo di relazione instaurate con i committenti e quanto li trovate disposti a sperimentare? I committenti che si rivolgono a noi sanno che il nostro desiderio è realizzare un proGRWWR GL TXDOLWÂĄ XQČśRSHUD VH GL JUDQGH VFDOD FKH DEELD XQ VLJQLĘ&#x2026;FDWR ( VDQQR che per forza di cose sperimenteremo. Non replichiamo mai un codice - al limite alcune sperimentazioni positive, ma solo come esperienza - perchĂŠ vogliamo che il prodotWR Ę&#x2026;QDOH ULHVFD VHPSUH GLYHUVR ,O UDSSRUWR con i committenti può quindi essere molto in-


timo, simbiotico quasi, quando realizziamo le loro residenze, e qui lo scopo mio e di Massimo è guidarli, facendo loro scoprire cose nuove. Quali differenze riscontra invece tra la committenza italiana e quella internazionale? /HGLĘ&#x201E;HUHQ]HVRQRWDQWLVVLPHODFRPPLWWHQza internazionale è estremamente preparaWD QHO PDQDJHPHQW GHO SURJHWWR 4XHVWR VLJQLĘ&#x2026;FDFKHTXDQGRVFHOJRQRXQDUFKLWHWWRVLDĘ&#x2021;GDQRFRPSOHWDPHQWHDOXL$OFRQWUDULRTXHOORLWDOLDQRŠXQFRPPLWWHQWHSLÂş â&#x20AC;&#x153;emozionaleâ&#x20AC;?. â&#x20AC;˘ 116


“BISOGNA COSTRUIRE EDIFICI A EMISSIONI ZERO E PRODOTTI CHE TRA VENTI O TRENT’ANNI SARANNO ANCORA DEGLI EVERGREEN. LA SOSTENIBILITÀ VERA STA NEL GOOD DESIGN E NELLA BUONA ARCHITETTURA”


â&#x20AC;&#x153;NEL RETAIL FINO A DIECI ANNI FA SI TENDEVA A REPLICARE IL PROGETTO IN SCALE DIVERSE IN QUALSIASI PAESE. OGGI VIVIAMO INVECE UN MOMENTO STORICO PIĂ&#x2122; STIMOLANTE, PERCHĂ&#x2030; LA TENDENZA ORMAI Ă&#x2C6; QUELLA DI OFFRIRE IN OGNI CITTĂ&#x20AC; UNâ&#x20AC;&#x2122;ESPERIENZA NUOVA, AVENDO CAPITO CHE UN FORMAT REPLICATO OVUNQUE NON CREA EMOZIONEâ&#x20AC;?

Progettare per il settore retail: quali regole seguite? Il retail è per noi un grandissimo motore di ricerca e soprattutto di sperimentazione. Lavorando con brand tanto della moda quanto del food possiamo dire che lo studio GHOPDUNHWLQJŠIRQGDPHQWDOH/ČśDUFKLWHWWRŠ LQIDWWLDOVHUYL]LRGHOUHWDLOSHUFKÂŞOČśD]LHQGD ha un obiettivo commerciale, deve in altri termini comunicare il prodotto o la brand identity. Come si sta evolvendo questo settore? E quali sono secondo lei i trend che piĂš lo influenzeranno? Fino a dieci anni fa si tendeva a replicare il progetto in scale diverse in qualsiasi paese. Oggi viviamo invece un momento storico DVVDLSLÂşVWLPRODQWHVLJQLĘ&#x2026;FDWLYRŠVWDWRLQ TXHVWR VHQVR OČśHVHPSLR GL $HVRS  SHUFKÂŞ ODWHQGHQ]DRUPDLŠTXHOODGLRĘ&#x201E;ULUHLQRJQL FLWWÂĄ XQČśHVSHULHQ]D QXRYD DYHQGR FDSLWR che un format replicato ovunque non crea emozione. Ci sono addirittura brand che scelgono architetti diversi per ogni paese, dando loro ovviamente un brief preciso, SHUFKÂŞ FRPH GLFHYR FȜŠ XQD EUDQG LGHQtity da rispettare. Uno dei fattori che ha maggiormente contribuito a rivoluzionare LO PHUFDWR Š SRL OČśHFRPPHUFH L QHJR]L GHL grandi brand sono degli showroom dove le persone - e i millennial in particolare - vanno a vivere una nuova esperienza. Lo spazio quindi deve essere totalmente incentrato VXOOČśLPSDWWRHPRWLYR,RFUHGRFKHLQIXWXUR â&#x20AC;˘ 118


â&#x20AC;&#x153;NEGLI ULTIMI ANNI STIAMO ASSISTENDO A UN GRANDISSIMO CAMBIAMENTO DELLA SOCIETĂ&#x20AC;, SOPRATTUTTO PER QUANTO RIGUARDA IL MONDO DEL LAVORO. Lâ&#x20AC;&#x2122;ATTENZIONE DI UN DESIGNER DEVE QUINDI ESSERE RIVOLTA ALLE NUOVE ERGONOMIE CHE I CAMBIAMENTI SOCIALI INDOTTI DAL LAVORO STANNO GENERANDOâ&#x20AC;?

il prodotto sparirà , mentre si farà sharing di esperienze. Non è un caso che uno dei noVWUL XOWLPL SURJHWWL OȜ(UDOGR +XE GL &HJJLD in provincia di Venezia, consista in un centro logistico per la moda caratterizzato da una straordinaria cura per il dettaglio.

riciclabili, non tossici e non dannosi per OČśDPELHQWH%LVRJQDFRVWUXLUHHGLĘ&#x2026;FLDHPLVVLRQL]HURGDXQODWRHGDOOČśDOWURSURGRWWLFKH WUDYHQWLRWUHQWČśDQQLVDUDQQRDQFRUDGHJOL evergreen. La sostenibilitĂ vera sta nel good design e nella buona architettura.

Come vede il futuro del progetto? ,Q XQ WHUULWRULR FRPH OČś,WDOLD GRYH FȜŠ SRFR DQFRUDGDFRVWUXLUHLOIXWXURŠULTXDOLĘ&#x2026;FDUH le cittĂ , dando nuovo valore ai monumenti e GHPROHQGR JOL HGLĘ&#x2026;FL LQVRVWHQLELOL SHU ULFRstruirne altri di qualitĂ , magari a emissioni ]HUR 4XHVWR SHU TXDQWR ULJXDUGD OH FLWWÂĄ Fuori invece mi piacerebbe che non costruLVVLPRSLÂşHOHPHQWLYLVLYLEHQV­FDVHLSRJHH capaci di mimetizzarsi nel territorio.

3DUODQGR GL SURGXFW GHVLJQ FRPH FRQLXJDWHHVWHWLFDHIXQ]LRQDOLW¢QHOOHYRstre creazioni? 4XHOORFKHŠSLÂşLQWHUHVVDQWHRJJLQHOSURduct design - rispondendo alla funzione, che per me è uguale alla bellezza, come diceva un grande maestro, Mies van der Rohe â&#x20AC;&#x201C; è che questo deve assolvere le esigenze delle nuove ergonomie. PerchĂŠ infatti progettare altri mobili quando ce ne sono giĂ tantissimi? PerchĂŠ negli ultimi anni stiamo assistendo a un grandissimo cambiamento della societĂ , soprattutto per quanto riguarGDLOPRQGRGHOODYRUR/ČśDWWHQ]LRQHGLXQGHsigner deve quindi essere rivolta alle nuove

$SURSRVLWRGLHGLĘ&#x2021;FLLQVRVWHQLELOLTXDO ÂŞODVXDLGHDGLVRVWHQLELOLW¢" Tendo a dare per scontato che nella visione GL XQ DUFKLWHWWR FL VLD OČśXWLOL]]R GL PDWHULDOL â&#x20AC;˘ 120

ergonomie che i cambiamenti sociali indotti dal lavoro stanno generando. Qual è la costante del vostro stile? 6HQ]DGXEELROČśDSSURFFLRROLVWLFR/HQRVWUH architetture poi non vogliono mai essere autoreferenziali, perchĂŠ quando progettiaPR QRQ SHQVLDPR DOOČśHGLĘ&#x2026;FLR FRPH D XQD scultura che ci rappresenti nella cittĂ , bensĂŹ GHĘ&#x2026;QLDPRXQDIXQ]LRQHXWLOHDOODFRPXQLWÂĄ (FRQTXDOHQXRYRSURJHWWROHSLDFHUHEEHPLVXUDUVLLQIXWXUR" Sicuramente la grande scala: mi piacerebbe contribuire alla visione della cittĂ  futura. Ma vorrei anche realizzare dei progetti per la cultura, dei musei per esempio, capaci di IDUȸFUHVFHUHČšODFROOHWWLYLWÂĄ(FFRXQDGHOOH PLHSLÂşJUDQGLDPEL]LRQLŠWRUQDUHDSURJHWtare un museo, perchĂŠ rimane per sempre. Come la buona architettura del resto: anche quella rimane per sempre. O


IL MURO E’ LA TUA TELA. SENZA CONFINI.

1

2

PANNELLI MURALI 3D IN POLIURETANO 1 W106

2 W107 W

La vostra immaginazione è l’unico limite. I pannelli si trasformano da semplici oggetti decorativi in una parte integrante dell’architettura. I pannelli 3D W106 Envelop e W107 Circle sono molto più che semplici elementi in un ambiente. Lo spazio è dinamico. Crea arte. Per scoprire tutta la Collezione, visita bianchilecco.it o richiedi il catalogo all’indirizzo info@bianchilecco.it.

W W W. B I A N C H I L E C C O . I T


AT L A S

PROJECTS

OUT OF THE BOX EAT

GREEN ISLE, ISOLA VERDE, È IL NOME DEL NUOVO CONCEPT RESTAURANT CREATO A TAIWAN DAL '(6,*1(5.(1*Σ)8/2. UNO SPAZIO FOOD FUORI DAGLI SCHEMI, PENSATO PER UNA CLIENTELA ALLA RICERCA DI UN’ESPERIENZA IMMERSIVA NELLA NATURA • txt

• 122

Roberto Negri

ph Moooten Studio / Qimin Wu


immerso in un suggestivo ambiente naturale, urbano e al tempo stesso green. Decisamente insolito per una metropoli come Kaohsiung, seconda città di Taiwan con tre milioni di abitanti, ai quali offre un’esperienza originale e fuori dagli schemi, felice ibrido tra ristorazione e relax. I quasi 6000 metri quadrati di Green Isle sorgono in una location che il designer Keng-Fu Lo del Chain10 Architecture & Interior

È

Design Institute ha trasformato in uno spazio innovativo, dove sostenibilità ambientale e interior design si fondono per creare una vera e propria isola verde, nel cuore di un bosco cittadino valorizzato da un suggestivo lighting design. Infatti, all’insegna della massima sostenibilità, il biglietto da visita di Green Isle non potrebbe essere più chiaro: un ponte d’ingresso attraversa uno specchio d’acqua di 120 metri che crea un confor-


tevole microclima e 250 alberi dâ&#x20AC;&#x2122;alto fusto circondano la struttura, riducendone lâ&#x20AC;&#x2122;impronta ambientale. E proprio la sostenibilità è il leit motiv dellâ&#x20AC;&#x2122;intero progetto, che in questa ottica fa largo uso di materiali locali, per ridurre le emissioni dovute al trasporto, e riciclabili come il metallo, qui impiegato secondo uno schema a moduli - ad esempio nei pannelli traforati delle partizioni interne per facilitarne la sostituzione e il riciclaggio. Spiccata anche lâ&#x20AC;&#x2122;atâ&#x20AC;¢ 124

WHQ]LRQHDOELODQFLRHQHUJHWLFRFRPSOHVVLYRGHOOȶHGLÊ&#x2026;FLRRWWHQXWR DWWUDYHUVROȶXWLOL]]RGLPDWHULDOLVHPSOLFLFRPHLOFDOFHVWUX]]RULÊ&#x2026;QLWRGDXQDVRWWLOHYHUQLFLDWXUDVXSHUÊ&#x2026;FLDOHXWLOL]]DWRSHUOHSDUHWL esterne - e a basso impatto ambientale. Al suggestivo teatro naturale del Green Isle fa da contraltare un interior design elegante, lineare ma senza eccedere nel minimaliVPRGLFXL©SURWDJRQLVWDODÊ&#x2020;XLGDUHOD]LRQHWUDLQWHUQLHGHVWHU-


IL RISTORANTE PROPONE UN’EMOZIONANTE ESPERIENZA GREEN, MAGICA E RINFRESCANTE, RIVOLTA AGLI ABITANTI DI UN CONTESTO FORTEMENTE URBANIZZATO, DOVE È RARO IL CONTATTO DIRETTO CON LA NATURA

• 126


GRAZIE ALLA PRESENZA DELLO SPECCHIO Dâ&#x20AC;&#x2122;ACQUA E DI 250 ALBERI AD ALTO FUSTO, GREEN ISLE Ã&#x2C6; UNâ&#x20AC;&#x2122;ISOLA CLIMATICA IN MEZZO ALLA CITTÃ&#x20AC;, CON UNA TEMPERATURA DI BEN DUE GRADI INFERIORE RISPETTO AI QUARTIERI ADIACENTI

ni dettata dal loro costante dialogo visivo, ottenuto grazie ad ampie vetrate a tutta altezza. Una scelta che colloca lâ&#x20AC;&#x2122;ospite al centro di un ambiente ibrido, in grado di creare una food experience ricercata e al tempo stesso vissuta allâ&#x20AC;&#x2122;insegna del mood tipico delle gite fuori porta grazie allâ&#x20AC;&#x2122;importante scenario naturale che circonda la struttura. A questa atmosfera contribuisce in maniera determinante anche un riFHUFDWRPL[IUDOXFHQDWXUDOHHDUWLÊ&#x2026;FLDOHFKHVIXPDODGHPDUFD]LRQH â&#x20AC;¢ 128

fra spazi esterni e interni valorizzando entrambi con un suggestivo tocFRVFHQRJUDÊ&#x2026;FR$QFKHOȶHVVHQ]LDOHOLQHDULW¡GHJOLDUUHGLHGHOOHGHFRrazioni esalta senza sovrapporsi lâ&#x20AC;&#x2122;assoluta protagonista del progetto: unâ&#x20AC;&#x2122;emozionante esperienza green, magica e rinfrescante, rivolta agli abitanti di un contesto fortemente urbanizzato, dove è raro il contatto diretto con la natura. Un nuovo modello di sostenibilità applicato agli spazi della ristorazione. O


Spin-off

Designer Massimo Broglio

Atelier12 Via Marsan 46/F - 36063 Marostica (Vi) Tel. +39 0424 75919 - atelier@atelier12.it

www.atelier12.it


3224P ECCELSA FINITURA ORO ROSA

AT L A S

â&#x20AC;¢ 130

PROJECTS


AT L A S

PROJECTS

MOONLIGHT ATMOSFERE MISTERIOSE E LUNARI PER MOON CLUB, NUOVO INDIRIZZO DELLA VITA NOTTURNA A PRAGA. UN PROGETTO DI FORMAFATAL E MACHAR & TEICHMAN CHE ATTRAVERSO LA LUCE CREA SCENOGRAFICHE E SORPRENDENTI ALCHIMIE • txt Laura Verdi • ph JakubSkokan e Martin Tuma / Boys Play Nice

TRAVEL


â&#x20AC;¢ 132


SOTTO LA COPERTURA VETRATA, IL BAR Ã&#x2C6; SOVRASTATO DA UNA GRANDE SILHOUETTE LUNARE E DA TRE LAMPADE CIRCOLARI A TEMA. MENTRE LUCI PENDENTI PUNTIFORMI RICREANO LO SCENARIO DI UN CIELO STELLATO

il tema della luna a ispirare gli ambienti del Moon Club, il nuovo locale di Praga disegnato da FormaFatal e Machar&Teichman. Un concept che rispecchia la volontà del committente di realizzare qualcosa di unico, con un design FKHORGLÊ&#x201E;HUHQ]LDVVHGDJOLVWDQGDUGGHLORFDOLGLLQWUDWWHQLPHQWR ( JL¡ OD ORFDWLRQ © GL TXHOOH FKH GD VROD ID OD GLÊ&#x201E;HUHQ]D JUD]LH alla storicità del sito e alla forza evocativa della preesistenza, oggi recuperata a nuove funzioni. Il vecchio palazzo nel centro di 3UDJDHUDVHGHGLXQDEDQFDXQHGLÊ&#x2026;FLRVWRULFRFKHVLVYLOXSSD LQWRUQRDXQFRUWLOHFHQWUDOHVXSLºSLDQL/DVÊ&#x2026;GD©VWDWDTXHOODGL FKLXGHUHLOFRUWLOHFRQXQDVXSHUÊ&#x2026;FLHYHWUDWDUHDOL]]DWDFRQGRSSLH lastre per garantire standard di isolamento acustico adeguati a un locale pubblico, raggiunti anche grazie a intonaci fonoisolanti. La copertura vetrata ha anche permesso di recuperare unâ&#x20AC;&#x2122;ampia VXSHUÊ&#x2026;FLH LQGRRU H QHOOR VWHVVR WHPSR KD FUHDWR LO ELJOLHWWR GD visita di uno dei locali più fashion della capitale.

Ã&#x2C6;


â&#x20AC;¢ 134


LA PAVIMENTAZIONE Ã&#x2C6; IN LEGNO SCURO CON EFFETTO BRUCIATO, IN LISTELLI POSATI A LISCA DI PESCE O A CORRERE, MENTRE ALLE PARETI UNA PITTURA MATERICA RICHIAMA LA SUPERFICIE LUNARE


,OORFDOH©VWXGLDWRSHURVSLWDUHÊ&#x2026;QRDSHUVRQHLQDPSLVSD]L aperti per ballare o in ambienti più privati in cui conversare o, ancora, in aree lounge dove sostare e sorseggiare i drink preparati nei vari bar del Moon Club. Quello centrale, sotto la copertura vetrata, è rivestito in metallo ondulato dorato e sovrastato da una grande silhouette lunare e tre lampade circolari a tema. Luci penGHQWLSXQWLIRUPLDSSHVHDOODJULJOLDPHWDOOLFDGHOVRÊ&#x2021;WWRULFUHDno lo scenario di un cielo stellato. Al secondo piano, il bar Alchymista ha un bancone in muratura, rivestito in piastrelle di piccolo formato che riprendono quelle a pavimento. Il bancone è sovrastato da lame metalliche ossidate, FRQPRWLYLDWDJOLRODVHULQÊ&#x2026;ODWHLQXQDEDUUDDOHGFKHFUHDXQLQâ&#x20AC;¢ 136

teressante gioco decorativo e luminoso. I materiali sono ricercati ed eleganti, al piano terra la pavimentazione è in legno scuro con HÊ&#x201E;HWWREUXFLDWRLQOLVWHOOLSRVDWLDOLVFDGLSHVFHRDFRUUHUHPHQWUHDOOHSDUHWLXQDSLWWXUDPDWHULFDULFKLDPDODVXSHUÊ&#x2026;FLHOXQDUH I divani e le sedute sono in velluto di diverso colore, alle pareti gli specchi sono antichi, un omaggio alla storicità del palazzo e al suo vissuto. /DOXFHDUWLÊ&#x2026;FLDOHJLRFDXQUXRORIRQGDPHQWDOHQHOODGHÊ&#x2026;QL]LRQHGHOOH DPELHQWD]LRQLFRQVROX]LRQLHSURSRVWHGLÊ&#x201E;HUHQ]LDWHOXFLSXQWXDOLVRpra al bancone, a grappolo per creare uno spazio esclusivo e riservaWRDFLHORVWHOODWRSHUVFHQRJUDÊ&#x2026;HDHÊ&#x201E;HWWR0DQRQPDQFDQRDQFKH OXFLGLGHVLJQSHUJHVWLUHGLÊ&#x201E;HUHQWLVFHQDULO


DISTINGUITI

www.dorelanhotel.com

Hai conosciuto molte filosofie di ospitalitĂ . Ora esprimi la tua.

Definisci il tuo sistema letto hotel tra centinaia di combinazioni possibili: materassi, sommier, testiere, divani letto e tutti gli accessori di cui hai bisogno per offrire un comfort unico e indimenticabile. Affidati allâ&#x20AC;&#x2122;esperienza Dorelan e crea la soluzione ideale a misura dei tuoi ospiti.

T A I L O R - M A D E

B E D D I N G

S O L U T I O N S


AT L A S

PROJECTS

UN PROFILO ICONICO LIVE

PIERATTELLI ARCHITETTURE GIOCA CON GEOMETRIE E LUCE PER RIDISEGNARE I PROSPETTI DI DUE VOLUMI CONVERTITI A USO RESIDENZIALE. CON FACCIATE ECLETTICHE E DINAMICHE CHE OFFRONO SCORCI PRIVILEGIATI SUL MARE â&#x20AC;¢ txt Agnese Lonergan

HOSURJHWWRGLFRQYHUVLRQHDXVRUHVLGHQ]LDOHGLGXHHGLÊ&#x2026;ci costruiti a cavallo tra gli anni Quaranta e Cinquanta a 0DULQDGL0DVVD3LHUDWWHOOL$UFKLWHWWXUHULGHÊ&#x2026;QLVFHOHYROXPHWULHHVLVWHQWLFRQIDFFLDWHGDOSURÊ&#x2026;ORLFRQLFR3URVSHWWLLQFRQWLQXR divenire, aggetti, rientranze e strombature: i perimetri del nuovo centro residenziale Frame sono come una tela tridimensionale in cui luci HJHRPHWULHGDQQRYLWDDVXSHUÊ&#x2026;FLGLVWLQWLYHHGHFOHWWLFKH

N

â&#x20AC;¢ 138

Il complesso, inizialmente adibito a uso ricettivo, ma rimasto per anni in stato di abbandono, è oggetto di un progetto di ristruttuUD]LRQH FKH QH KD ULGHÊ&#x2026;QLWR L SURVSHWWL H ULRUJDQL]]DWR JOL VSD]L interni: il risultato sono dieci appartamenti privati, che spaziano GDLDPHWULTXDGUDWL,QSDUWLFRODUHLOWHDPGLSURJHWWRKD scelto di unire i due volumi originali creando una zona centrale comune, adibita a ingresso e area distributiva, mentre il corpo


che ospita il vano scale è stato incorniciato in un parallelepipeGR GL OLVWRQL OLJQHL FKH GLYHQWD XOWHULRUH HOHPHQWR LGHQWLÊ&#x2026;FDWLYR GHOOȶHGLÊ&#x2026;FLRDQFKHJUD]LHDOODFRORUD]LRQHEOXGHOOHVXSHUÊ&#x2026;FLFKH FRQWUDVWDFRQLOELDQFRGHOOHIDFFLDWH /ȶHGLÊ&#x2026;FLR VL WURYD OXQJR YLD 6DQ /HRQDUGR LQ DVVH ORQJLWXGLQDOH rispetto al mare: per garantire a ciascun appartamento la vista VXOOLWRUDOHWLUUHQLFRORVWXGLRKDVFHOWRGLUXRWDUHJOLDÊ&#x201E;DFFL8QD soluzione che, grazie al minore irraggiamento diretto, ottimizza DQFKHOȶHÊ&#x2021;FLHQ]DWHUPLFDGHOOȶHGLÊ&#x2026;FLR/HVWURPEDWXUHGLIDFFLDWD KDQQRLQROWUHLOSUHJLRGLDXPHQWDUHODOXPLQRVLW¡UHODWLYDRÊ&#x201E;UHQGRXQDPDJJLRUHSULYDF\DJOLDSSDUWDPHQWL/HIDFFLDWHODWHUDOL sono anchâ&#x20AC;&#x2122;esse caratterizzate da aperture non ortogonali, in gra-


IL PROGETTO DI INTERIOR SI ISPIRA ALLE SUGGESTIONI DEL MARE, CON TONI CHIARI E MATERIALI CALDI COME LEGNI, TESSUTI E PELLI. E CON PAVIMENTAZIONI IN TEAK CHE RIEVOCANO QUELLE TIPICHE DELLE NAVI

GRGLRÊ&#x201E;ULUHVFRUFLSULYLOHJLDWLVXOPDUHULFKLDPDQGRODFLIUDDUFKLWHWWRQLFDGHOOȶLQWHURSURJHWWR0HQWUHQHOOHRUHQRWWXUQHODWULGLPHQVLRQDOLW¡GHOOHVXSHUÊ&#x2026;FLHVWHUQH©DPSOLÊ&#x2026;FDWDGDOODOXFHDUWLÊ&#x2026;FLDOHFKH FUHDJLRFKLGLFKLDURVFXURVXOOHIDFFLDWHHLYROXPLULHQWUDQWL ,QWHUQDPHQWHJOLVSD]LVRQRVWDWLVXGGLYLVLLQUDÊ&#x2021;QDWLELHWULORFDOLDL TXDOLVLDJJLXQJHXQLPSRUWDQWHDWWLFRFRQWHUUD]]D,OFRQFHSWSHULO progetto di interior si ispira alle suggestioni del mare, con toni chiari H PDWHULDOL FDOGL FRPH OHJQL WHVVXWL H SHOOL /H Ê&#x2026;QLWXUH JOL HOHPHQWLWHVVLOLHLGHWWDJOLWDWWLOLFURPDWLFLHIRUPDOLGHÊ&#x2026;QLVFRQRDPELHQWL UDFFROWLHIXQ]LRQDOLVWXGLDWLLQRJQLPLQLPRSDUWLFRODUH,QROWUHSHU garantire la continuità con il progetto delle facciate, coppi, tegole e persiane vengono rimossi, scegliendo di utilizzare materiali simili DTXHOOLHVWHUQL0HQWUHOHSDYLPHQWD]LRQLLQOHJQRULHYRFDQRTXHOOH WLSLFKHGHOOHQDYLFRQOLVWRQLLQWHDNHJLXQWLLQJRPPDQHUDO

â&#x20AC;¢ 140


Gattoni Rubinetteria. Stile e affidabilitĂ made in Italy

gattonirubinetteria.com


AT L A S

â&#x20AC;¢ 142

MAKERS


SERGIO Mannino La creativitĂ italiana di SERGIO MANNINO conquista la â&#x20AC;&#x153;brand architectureâ&#x20AC;? nella Grande Mela. *UD]LHDXQDVHQVLELOLWÂĄFKHVLQXWUHGLVWUDWLĘ&#x2026;FD]LRQLHPHPRULHFXOWXUDOL capace di interpretare una straordinaria varietĂ  di concept e prodotti W[W3DROD&DPLOORČ˝SK0D[%RO]RQHOODH&KDUOLH6FKXFN

ellâ&#x20AC;&#x2122;epoca del design altamente instagrammabile, ci sono creativi che puntano a stupire nel giro di pochi attimi giocandosi tutto con la patina dellâ&#x20AC;&#x2122;immagine. E pochi alWULFKHYLDJJLDQRROWUHODSHUFH]LRQHVXSHUĘ&#x2026;FLDOHSHUFUHDUHDOWUH GLPHQVLRQLUHOD]LRQDOL6HUJLR0DQQLQRĘ&#x2026;RUHQWLQRGLVDQJXHVLFLliano, emigrato negli States venti anni fa, appartiene a questâ&#x20AC;&#x2122;ultiPDFDWHJRULD1HOODVXDYLVLRQHFČśHXQĘ&#x2026;ORPDJLFRHVDSLHQWHFKH lega il passato e il presente, un senso del progetto innovativo e allo stesso tempo misteriosamente familiare. Che rimbalza da un negozio di parrucche a una farmacia, da un negozio di scarpe agli headquarter patinati della moda internazionale.

N

Mannino è specializzato dal 2008 in branding architecture. Arriva a New York pochi anni prima, con un bagaglio pieno di studio e passione, e un legame indissolubile con il design alchemico di Remo Buti, suo professore durante gli anni accademici. Dopo aver lavorato in diversi studi professionali, si mette in proprio e Vince Camuto, guru statunitense della calzatura chic e accessibile, è tra i primi clienti. Con lui la svolta, e un sodalizio durato oltre cento negozi. 3HU0DQQLQROHVWUDWLĘ&#x2026;FD]LRQLOHPHPRULHFXOWXUDOLHOȜȸDVFROWRČšGHO marchio si fondono in sinergia permettendo al brand di esprimersi e respirare tra le mura di un negozio. CosĂŹ la relazione clientelare diventa anche culturale.


Il tuo lavoro oscilla tra riferimenti al design storico e una spinta a voler testimoniare e interpretare il presente. Come lavora tutto questo a sostegno del brand? I riferimenti al design e all’arte ma anche alla musica di un certo periodo storico sono molti nel mio lavoro. Nel negozio di scarpe Hirshleifers di Long Island c’è un grande neon a sospensione che è ispirato al Concetto Spaziale di Lucio Fontana, i divanetti rossi prendono spunto da Giò Ponti e il mobile di legno e vetro sormontato da una tenda è un rimando a Donald Judd. Mentre in Glam Seamless, un negozio di parrucche frequentatissimo nel cuore di New York, lo • 144

specchio rende omaggio a Ultrafragola di Sottsass. Per questi oggetti non si tratta di repliche, non è un lavoro forzato ma passione naturale, frutto di un mio bagaglio personale. Nel corso del tempo abbiamo visto che un bel design perfettamente in linea FRQ LO EUDQG DXPHQWD LO WUDʇFR DOOȶLQWHUQR dello store semplicemente perché la gente è attratta da uno spazio ben progettato. Lo dimostra Medly, una farmacia a Brooklyn realizzata nei toni del verde acqua e con un pavimento a motivi che richiamano la forma della pillola. Nel giro di un paio di mesi dall’apertura il business è raddoppiato, il cliente non si aspettava un successo così importante. Noi interpretiamo il brand

e in questo caso, trattandosi di una farmacia, un design clinico e rassicurante che dà una sensazione di serietà, è sinonimo di un EUDQGGHOTXDOHSXRLDYHUHʅGXFLD Uno degli ultimi lavori si trova dentro il department store di Saks 5th Avenue: il corner di Leather Spa, la catena di fascia alta per la cura della pelle. Su quali concetti hai lavorato e cosa hai aggiunto di nuovo o di personale a un brand già così codificato? Leather SPA è la versione di lusso del famoso Sciuscià di De Sica. Il brand ha diversi negozi a New York, ma il corner di Saks si trova accanto a brand importanti come Fendi o


“DEVI PROGETTARE PER GLI OCCHI, INNANZITUTTO PER DIVERTIRE. MA SONO ANCHE CONVINTO CHE UN PROGETTO DEBBA POI NECESSARIAMENTE OFFRIRE STRATI DI LETTURA PIÙ PROFONDI PER CHI SI SOFFERMA A OSSERVARLO CON PIÙ ATTENZIONE”


â&#x20AC;¢ 146


IN GLAM SEAMLESS, UN FREQUENTATISSIMO NEGOZIO DI PARRUCCHE NEL CUORE DI NEW YORK, LO SPECCHIO RETROILLUMINATO RENDE OMAGGIO A ULTRAFRAGOLA DI SOTTSASS

Prada, quindi il design doveva essere allo stesso livello. Abbiamo mantenuto i colori originali - arancio e marrone cioccolato - e il legno del branding dei negozi esistenti ma abbiamo GHFLVR GL VHPSOLĘ&#x2026;FDUH OD VXD HVWHWLFD HOLPLnando tutti gli elementi ridondanti o troppo letterali come il cuoio. Per le pareti abbiamo ingegnerizzato un nuovo sistema di display con una parete perforata in metallo che crea una texture in contrapposizione con quella delle ceramiche Mutina alla base. A giudicare dai commenti dei clienti, mi sembra che il restyling sia piaciuto molto, ora vedremo se il cliente lo userĂ anche per i negozi successivi.

Comâ&#x20AC;&#x2122;è nata la collaborazione con Camuto e cosa ti ha lasciato? Senza dubbio le fondamenta del mio studio vengono da lui. Io iniziavo da zero, era il 2008, lâ&#x20AC;&#x2122;anno nero dellâ&#x20AC;&#x2122;economia USA e lui mi ha dato tanto lavoro e, soprattutto, carta bianca nel progetto. Ă&#x2C6; stato davvero il primo cliente che mi ha permesso di fare le cose che mi piacevano. Con lui abbiamo aperto una decina di outlet, diversi negozi Jessica 6LPSVRQH6KRHER[LQ$VLDLOĘ&#x2020;DJVKLS9LQFH Camuto a Grand Central Terminal, un negozio a Long Island, lo showroom di Kensie Girl e tanti altri.

Il design ispirato al Gruppo Memphis ha grandissima popolaritĂ sui social. Che ne pensi di Instagram? Penso che Instagram stia facendo bene al design. Lâ&#x20AC;&#x2122;immagine deve essere giudicata e deve attrarre in pochi secondi, Instagram ci ha abituati a tempi di giudizio velocissimi e questo sta spingendo gli architetti a progettare in modo diverso. Quando sei bombardato da milioni di immagini ogni giorno, non hai il tempo per giudicare nulla in modo profondo. Devi progettare per gli occhi, innanzi tutto per divertire. Dâ&#x20AC;&#x2122;altro canto sono anche convinto che un progetto debba poi


â&#x20AC;¢ 148


“IL NOSTRO RUOLO È CREARE UN BRAND INSIEME AL CLIENTE O, NEL CASO QUESTO SIA STATO GIÀ SVILUPPATO, PROGETTARE UNO SPAZIO CHE NE SIA L’ESPRESSIONE”


“I RIFERIMENTI AL DESIGN E ALL’ARTE, MA ANCHE ALLA MUSICA DI UN CERTO PERIODO STORICO, SONO MOLTI NEL MIO LAVORO”

QHFHVVDULDPHQWHRʄULUHVWUDWLGLOHWWXUDSLº SURIRQGL SHU FKL VL VRʄHUPD D RVVHUYDUOR FRQSLºDWWHQ]LRQH Ti sei ritagliato un settore che è quello della “branding architecture”. Cosa rappresenta esattamente? Siamo specializzati in una piccola nicFKLD GHOOȶDUFKLWHWWXUD FKH © SLº YLFLQD DO branding che all’architettura stessa. Il nostro ruolo è creare un brand insieme

• 150

al cliente o, nel caso questo sia stato già sviluppato, progettare uno spazio che ne sia l’espressione. Non parlo solo di colori o forme, un progetto può essere anche l’espressione di determinati valori che ogni marchio ha, anche di come si pone nel mondo relativamente a questioni socio culturali importanti. Noi siamo gli interpreti di questi valori all’interno di uno spazio. Io faccio sempre l’esempio della poltrona Sacco, perché è l’oggetto che

meglio esprime questo concetto. Il design di questa seduta non è il design di una forma ma l’idea di un nuovo modo di sedersi, in contrapposizione con un passaWR GL VHGXWH PROWR SLº IRUPDOL 8Q QXRYR modo di sedersi perché la società e i suoi valori sono cambiati. Quello che cerchiamo di fare noi è molto simile, cercare di interpretare il valore di un brand e insieme a questo la società contemporanea, trasformando tutto ciò in uno spazio. O


tabu.it - skeens.it


â&#x20AC;¢ 152


AT L A S

PROJECTS

PALAZZO EXPERIMENTAL SORGE A VENEZIA, IN UN ELEGANTE PALAZZO RINASCIMENTALE, IL PRIMO HOTEL ITALIANO DI EXPERIMENTAL GROUP. UN PROGETTO DI DOROTHÉE MEILICHZON, CON UN CAMMEO DI CRISTINA CELESTINO •

txt Antonia Zanardini

ph Karel Balas

TRAVEL


xperimental Group, noto per la progettazione di luoghi di ospitalità e convivialità che rispettano profondamente il genius loci delle città in cui sorgono, ha affidato a Dorothée Meilichzon il disegno di Palazzo Experimental, primo indirizzo italiano del gruppo che per l’occasione ha scelto un sontuoso palazzo rinascimentale che si affaccia direttamente sul Canale della Giudecca, nel sestiere di Dorsoduro, oggi trasformato in un hotel dal mood contemporaneo ma ricco di elementi decorativi della migliore tradizione veneziana. Dell’antico palazzo si sono conservati molti elementi architettonici originali - le travi, l’imponente altezza del soffitto al primo piano, la galleria, le finestre gotiche e le doppie porte in legno - per omaggiare la tradizione lagunare ma rivisitandola in chiave contemporanea. A partire dalle scelte cromatiche, che si ispirano alla luce e ai colori della laguna, alternando nuance pallide - ma molto luminose - come il crema, il giallo pallido, l’azzurro cielo, il grigio argento e il verde acqua

E

• 154


a tonalità più decise come il bordeaux, il corallo e il nero. Perché il futuro del colore, secondo Meilichzon, è nel contrasto tra delicati toni pastello - la sua prima vera passione - e una nuova gamma di tinte scure che da poco sono entrate nella sua tavolozza. Una narrazione che prosegue nelle camere e suite, ricche di piastrelle smaltate a mano, dettagli in marmo Breccia Capraia e tessuti sontuosi, lampade cromate e preziosi dettagli in ottone. Qui le tipiche pareti in marmorino o in stucco veneziano fanno da sfondo alle importanti e originalissime testiere in legno intagliato: vere e proprie sculture che incredibilmente riescono a mixare l’ispirazione gotica a uno stile post-

• 156


LE DECORAZIONI A RIGHE RIPRENDONO LE STRISCE DELLE MAGLIE DEI GONDOLIERI, E OVUNQUE TRIONFANO Lâ&#x20AC;&#x2122;AMORE PER LA SIMMETRIA DI DOROTHÃ&#x2030;E MEILICHZON, GLI AMATI ARCHI A TUTTO SESTO E STUDIATI DETTAGLI IN STILE ART DÃ&#x2C6;CO

moderno. Le decorazioni a righe riprendono le strisce delle maglie dei gondolieri, e ovunque trionfano lâ&#x20AC;&#x2122;amore per la simmetria GL'RURWKªH0HLOLFK]RQJOLDPDWLDUFKLDWXWWRVHVWRLJUDÊ&#x2026;VPLH studiati dettagli in stile Art Dèco che sono la sua cifra e rendono il suo stile unico e inconfondibile. Tra i piccoli capolavori anche i comodini di alluminio serigrafato ornati da strisce in acciaio spazzolato. Mentre per lâ&#x20AC;&#x2122;Experimental Cocktail Club al piano terra, il terzo dopo Parigi e Londra, Dorothée Meilichzon si è rivolta allâ&#x20AC;&#x2122;architetto e designer Cristina Celestino, laureatasi proprio a Venezia, che per lâ&#x20AC;&#x2122;occasione ha scritto una sua personale lettera dâ&#x20AC;&#x2122;amo-


LE PARETI IN MARMORINO E IN STUCCO VENEZIANO FANNO DA SFONDO ALLE ORIGINALI TESTIERE IN LEGNO INTAGLIATO, VERE E PROPRIE SCULTURE DAL SAPORE POSTMODERNO

re per la città . Il bar, infatti, è un salotto dallâ&#x20AC;&#x2122;atmosfera intima e VRÊ&#x2026;VWLFDWDFKHFRQVHUYDWXWWRLOIDVFLQRGHOOXRJR8QRULJLQDOLVsimo progetto di interior dal quale traspare tutta la passione di Cristina per Venezia e la sua architettura, ricco di riferimenti alla illustre cultura della Serenissima. Immancabili anche le citazioni scarpiane nellâ&#x20AC;&#x2122;uso del marmorino incorniciato da telai metallici. O â&#x20AC;¢ 158


Progetta, proteggi

Soluzioni Tagliafuoco in legno e vetro www.sancoct.com

WOOD


AT L A S

â&#x20AC;¢ 160

PROJECTS


INDUSTRIAL CHIC WORK

A EINDHOVEN L’EX CENTRALE ELETTRICA DI PHILIPS RIVIVE NELL’INNOVATION POWERHOUSE, VERO E PROPRIO ECOSISTEMA LAVORATIVO PROGETTATO DA ATELIER VAN BERLO PER OSPITARE IL PROPRIO HEADQUARTER. LEGNO, VETRO E LUCE DEFINISCONO UNA STRUTTURA DALL’ANIMA INDUSTRIALE • txt

Alessia Delisi

ph Tycho Merijn


n foglio bianco e una grande curiositĂ descrivono lâ&#x20AC;&#x2122;approccio dello studio di architettura Atelier van Berlo, capace in ogni progetto di andare oltre la mera funzione. Ed è con piglio innovativo che questo team di architetti - formato da Janne van Berlo, Tiemen Anema, Peter Canisius e Robine van Gaalen - ha immaginato la nuova Innovation Powerhouse, XQHGLĘ&#x2026;FLRPDORURORGHĘ&#x2026;QLVFRQRXQȸHFRVLVWHPDDSHUWRČšFKH ospita al suo interno il loro headquarter. ÂŤIn un mondo digitale in

U

â&#x20AC;˘ 162

FUHVFLWDGHVLGHUDYDPRXQRVSD]LRĘ&#x2026;VLFRLQFXLFRZRUNHUFOLHQWLH partner potessero incontrarsi, collaborare e creare qualcosa insiemeÂť, spiegano. Il risultato è una traduzione della visione di Van %HUOR H GHO VXR Ę&#x2020;XVVR GL ODYRUR DSHUWR FKH PLUD D XQD SURĘ&#x2026;FXD cooperazione tra aziende e individui. A Eindhoven, cosĂŹ, il complesso architettonico costruito nel 1953 per accogliere lâ&#x20AC;&#x2122;ex centrale elettrica di Philips, è stato oggetto di un magistrale restauro conservativo, aggiungendovi però un


UNA PARETE ESPOSITIVA LUNGA QUARANTA METRI MOSTRA STORIE DI SUCCESSO, MENTRE DEI DIVISORI IN LEGNO CREANO UN SENSO DI INTIMITÃ&#x20AC; TRA LE INFORMALI E CONFORTEVOLI AREE DI LAVORO


giardino verticale in acciaio e unâ&#x20AC;&#x2122;estensione in vetro sul retro. Una YROWDHQWUDWLVLYLHQHVXELWRDFFROWLGDOOČśDPSLD]RQDFDĘ&#x201E;ŠHGDTXL si accede al cuore della struttura, un atrio spazioso dove incontrarsi e mettere in moto la macchina della creativitĂ . A ispirare vuole essere anzitutto una parete espositiva lunga quaranta metri che mostra storie di successo, mentre a creare un senso di intimitĂ  tra le informali e confortevoli aree di lavoro sono dei divisori in legno. â&#x20AC;˘ 164

Grandi scale fungono da teatro di presentazione dei numerosi HYHQWL RVSLWDWL QHOOČśHGLĘ&#x2026;FLR l&UHGLDPR FKH OH SLÂş EULOODQWL LQQRYDzioni siano generate dai crossover disciplinariÂť, sostiene infatti Thomas Paulen, CEO di van Berlo. Le diverse sale sono progettate per DVVROYHUHOHIXQ]LRQLSLÂşGLVSDUDWHSUHVHQWD]LRQLZRUNVKRSWHVWGL XVDELOLWÂĄKDFNDWKRQHRJQXQDQDWXUDOPHQWHSRVVLHGHXQDSURSULD atmosfera, porte attraverso cui entrare e uscire liberamente e pareti


IL COMPLESSO ARCHITETTONICO COSTRUITO NEL 1953 PER ACCOGLIERE Lâ&#x20AC;&#x2122;EX CENTRALE ELETTRICA DI PHILIPS Ã&#x2C6; STATO OGGETTO DI UN MAGISTRALE RESTAURO CONSERVATIVO, AGGIUNGENDOVI PERÃ&#x2019; UN GIARDINO VERTICALE IN ACCIAIO E UNâ&#x20AC;&#x2122;AMPIA ESTENSIONE IN VETRO

interne realizzate quasi del tutto in vetro. Gli studi di progettazione LQYHFHVRQRSLºULVHUYDWLHGLVSRQJRQRGLXQGHVLJQSXOLWRHOHJJHUR il cui intento è favorire la nascita di nuove idee. Il carattere industriale che caratterizzava la prima architettura SHUPDQH©QHLPDWHULDOLSXULJUH]]LHWXWWDYLDGLDOWDTXDOLW¡ negli elementi utilizzati, le cui grandi dimensioni ben si addicono â&#x20AC;¢ 166

DOOȶLPSRQHQ]D GHOOD VWUXWWXUD HG © LQÊ&#x2026;QH QHOOD VHPSOLFLW¡ GHOOH forme, nei colori tenui e nella scelta di unâ&#x20AC;&#x2122;illuminazione calda e UDÊ&#x2021;QDWD 1HO FRPSOHVVR OR VSD]LR HVSULPH TXHO VHQVR GL LPSHUmanenza che caratterizza ogni fermento creativo, risultando non XQ VHPSOLFH XÊ&#x2021;FLR PD XQ OXRJR FDSDFH GL ULGHÊ&#x2026;QLUH L FRQÊ&#x2026;QL dellâ&#x20AC;&#x2122;attuale universo lavorativo. O


DOCCETTERIA


AT L A S

PROJECTS

ORYX TOWER LIVE

È STATA AFFIDATA ALLO STUDIO MATTEO NUNZIATI LA DIREZIONE ARTISTICA DELLA ORYX TOWER DI DOHA. UN EDIFICIO RESIDENZIALE DI ALTISSIMO PROFILO, CON 160 APPARTAMENTI DI GRANDI DIMENSIONI E DOTATO DI SERVIZI ESCLUSIVI, TRA I QUALI CONCIERGE, LOUNGE, RISTORANTE, SPA E GAME ROOM • txt Agnese Lonergan

• 168


arĂ inaugurata il prossimo anno la Oryx Tower di Doha, in Qatar, esclusivo edificio residenziale di 30 piani con 168 unitĂ  abitative e zone comuni come lobby, concierge, ristorante, spa e piscina. Per il progetto Qatar Airways, proprietaria del grattacielo, ha affidato allo Studio Matteo Nunziati la direzione artistica, in partnership con lo studio locale Arab Engineering Bureau (AEB).

S

Gli appartamenti - di diverso taglio ma tutti con dimensioni generose e confortevoli, dai 150 ai 200 metri quadrati - sono caratteUL]]DWLGDVSD]LFRQFHSLWLDOOČśLQVHJQDGHOODIXQ]LRQDOLWÂĄHĘ&#x2026;QHVWUH a tutta altezza che lasciano passare copiosa la luce naturale. Le Ę&#x2026;QLWXUH VRQR HOHJDQWL H WLPHOHVV PHQWUH OD SDOHWWH LQGLYLGXDWD punta sui toni delicati del beige, scelto per il rivestimento ceramico a pavimento, e sulla calda tonalitĂ del legno di rovere, con il


LA RECEPTION DEL GRATTACIELO È REALIZZATA IN VETRO SATINATO SFUMATO E ILLUMINATO DAL BASSO, E GRAZIE A QUESTO PARTICOLARE EFFETTO SEMBRA QUASI GALLEGGIARE A QUALCHE CENTIMETRO DAL SUOLO

• 170


quale sono realizzati gli arredi e le porte. TonalitĂ neutre, quindi, ma ravvivate da tocchi di colore che spezzano il cromatismo, su tutti il blu e il rosso amaranto utilizzati per il rivestimento degli LPERWWLWL'LJUDQGHHOHJDQ]DHUDĘ&#x2021;QDWH]]DDQFKHLFRUULGRLFKH conducono alle unitĂ  abitative, rivestiti con una boiserie in rovere termotrattato con dettagli in pregiato marmo di Carrara. ,FRQFHWWLGLOHJJHUH]]DGHOOČśDULDHGHOYRORVRQRLOĘ&#x2026;OURXJHGHOOD lobby di ingresso. La reception, infatti, è realizzata in vetro satiQDWRVIXPDWRLOOXPLQDWRGDOEDVVRFKHJUD]LHDLSDUWLFRODULHĘ&#x201E;HWWL di luce sembra quasi galleggiare a qualche centimetro dal suo-

Š

NEGLI APPARTAMENTI, LA PALETTE DI BASE Ă&#x2C6; NEUTRA E PUNTA SUI TONI DELICATI DEL BEIGE E SULLA CALDA TONALITĂ&#x20AC; DEL LEGNO DI ROVERE

Dinah Wille

Matteo Nunziati, architetto e designer - specializzato nella progettazione di luxury hotel, wellness center, spa e progetti residenziali - ha realizzato nel corso degli anni progetti in Italia, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Arabia Saudita, Kuwait, India, Maldive, &LQDH86$3DUWLFRODUPHQWHVLJQLĘ&#x2026;FDWLYDODFROODERUD]LRQHFRQ la Trump Organization, leader mondiale nel settore del real estate, che ha scelto Matteo Nunziati per il progetto delle Trump Towers a Pune, considerato uno degli immobili piĂš prestigiosi dellâ&#x20AC;&#x2122;India, vincitore del NDTV Property Awards. Sempre per Trump da ricordare il rinnovamento del Trump National Doral a Miami in Florida e i progetti delle Trump Towers a New Delhi e Kolkata. Importante anche la realizzazione a Doha del piĂš grande hotel cinque stelle in Qatar, il Fraser Suites West Bay premiato con il World Travel Award.


OR'LHWURDOEDQFRQHODSDUHWH©ULYHVWLWDLQYHWURVDWLQDWRULÊ&#x2020;HWWHQWHLPSUH]LRVLWRGDXQGHFRURFRQWHPSRUDQHR$OVRÊ&#x2021;WWRVRQR VRVSHVLWUHODPSDGDULGHFRUDWLYLLQÊ&#x2026;OGLIHUURFKHVHPEUDQRQXvole luminose, mentre il travertino posato a pavimento conferisce allâ&#x20AC;&#x2122;ambiente una sensazione di ricchezza e solidità . La zona lounge, pensata per la socializzazione e la convivialità, ©UHVDGLQDPLFDGDXQVRÊ&#x2021;WWRDTXDGURWWLLUUHJRODULFKHFDPELD aspetto in base al punto di osservazione, mentre la parete di fonGR©GHÊ&#x2026;QLWDGDXQPRELOHLQOHJQRHPDUPRWUDYHUWLQR$GLVSRsizione dei residenti anche una game room, risolta con mobili in URYHUHHWUDYHUWLQRXQȶDUHDÊ&#x2026;WQHVVFRQSDUHWLULYHVWLWHDOWHUQDWLYDmente con specchi e boiserie e caratterizzata da unâ&#x20AC;&#x2122;illuminazione calda, una spa con ingresso rivestito in legno di rovere e interni LQ PDUPL FDODFDWWD H &DUUDUD ,QÊ&#x2026;QH DOOȶLQWHUQR GHO JUDWWDFLHOR FLVDU¡DQFKHXQULVWRUDQWHUHVRHOHJDQWHGDOVRÊ&#x2021;WWRULYHVWLWRLQ legno melaminico placcato su MDF nero e con un decoro a striVFHLUUHJRODULFKHPXRYRQRHOHJDQWHPHQWHODVXSHUÊ&#x2026;FLH/RVWHVVR GHFRURJHRPHWULFRVLULWURYDDQFKHQHLPRELOLEXÊ&#x201E;HWUHDOL]]DWLLQ legno di eucalipto con piani in travertino. O

â&#x20AC;¢ 172


AT L A S

FA C TO R I E S

on è un segreto che uno dei settori di maggiore soddisfazione per il contract italiano sia stato, negli ultimi anni, quello dellâ&#x20AC;&#x2122;hotellerie. Ambito nel quale Poliform vanta molte realizzazioni, concluse e in itinere, e per il quale è allenata a LQJHJQHUL]]DUHVROX]LRQLGLLQWHULRUGHVLJQVSHFLĘ&#x2026;FKHDUHHSXEEOLFKHFDPHUHVSDHLQPROWLFDVLLOGLVHJQRGLWXWWLJOLVSD]LHLOĘ&#x2026;W out. Non meno interessanti sono le commesse residenziali, sempre GLJUDQGLHGLĘ&#x2026;FLVSHVVRGLYLOOHSULYDWH

N

â&#x20AC;&#x153;Lâ&#x20AC;&#x2122;Europa è il mercato piĂš importante per lâ&#x20AC;&#x2122;aziendaâ&#x20AC;? racconta Franco Galli, General Manager Poliform Contract. â&#x20AC;?I progetti di alberghi che stiamo realizzando sono tutti in questa area, e anche nel nostro Paese, dove stiamo lavorando alla ristrutturazione del celebre Hotel Cala di Volpe, in Sardegnaâ&#x20AC;?. Un progetto nel quale il Qatar, attraverso la galassia Marriott, ha investito un milione di euro per ognuna delle camere - suite e premium - che in oltre cinquantâ&#x20AC;&#x2122;anni hanno accolto re, capi di stato e stelle del

CONTRACT NO LIMIT DALLâ&#x20AC;&#x2122;ESPERIENZA DI POLIFORM ALCUNE DELLE REALIZZAZIONI PIĂ&#x2122; INTERESSANTI IN AMBITO INTERNAZIONALE, CHE TESTIMONIANO DELLA GRANDE VERSATILITĂ&#x20AC; NELLA GESTIONE DI TUTTE LE FASI DI PROGETTO ED ESECUZIONE. DI COMPETENZE E SAPERI MANIFATTURIERI, ANTICHI E CONTEMPORANEI, CHE SUGGELLANO IL POSIZIONAMENTO DEL BRAND NELLâ&#x20AC;&#x2122;ALTO DI GAMMA â&#x20AC;˘ txt Donatella Bollani

â&#x20AC;˘ 174


HOTEL MAR ADENTRO - MESSICO Lâ&#x20AC;&#x2122;architetto messicano Miguel Angel Aragonés è conosciuto in tutto il mondo per il suo stile, che unisce la purezza del minimalismo con lâ&#x20AC;&#x2122;uso sapiente della luce naturale. A OXL ª VWDWD DÊ&#x2030;GDWD OD SURJHWWD]LRQH GL 0DU $GHQWUR XQ complesso che accoglie duecento camere di hotel e alcuQH HVFOXVLYH FDVH SULYDWH FKH VL DÊ&#x2020;DFFLDQR VXO JROIR FKH VHSDUDODSHQLVRODGHOOD&DOLIRUQLDGDOODWHUUDIHUPDPHVVLFDQD,OFRQFHWWRFKHKDLQIRUPDWRLOGHVLJQGHJOLLQWHUQL ª FKH L PRELOL IDQQR SDUWH GHOOȸDUFKLWHWWXUD R YLFHYHUVD che lâ&#x20AC;&#x2122;architettura trova piena continuità nel disegno degli arredi. Ogni interno è diverso dagli altri, unico elemento in comune la sorprendente vista sullâ&#x20AC;&#x2122;oceano. Gli arredi sono stati disegnati con una modularità tale GDFRQVHQWLUQHODFRPSOHWDSURGX]LRQHLQIDEEULFDHXQ PRQWDJJLR VHPSOLFH LQ ORFR 3ROLIRUP ª VWDWR LO SDUWQHU LGHDOHDQFKHSHUODVXDWUDVYHUVDOLW¢KDIRUQLWRHSHUVRQDOL]]DWRLULYHVWLPHQWLHJOLLQILVVLFUHDWROȸDUUHGDPHQWR per le stanze, i bagni e le cucine delle zone residenziali, delle aree relax e del ristorante. Ogni stanza è stata costruita negli stabilimenti italiani e poi spedita e montata da maestranze locali. La qualità esecutiva ha garantito un risultato dâ&#x20AC;&#x2122;eccellenza e pienamente corrispondente allâ&#x20AC;&#x2122;idea progettuale.


HOTEL LUTETIA - PARIGI -HDQ0LFKHO :LOPRWWH ÂŞ OD Ę&#x2021;UPD DOOD TXDOH OD SURSULHW¢ OD FDWHQD 7KH 6HW +RWHOV VL ÂŞ DĘ&#x2030;GDWD SHU OD ULVWUXWWXUDzione dello storico Hotel Lutetia di Parigi, lâ&#x20AC;&#x2122;unico sulla Rive Gauche. Gli interventi succedutisi dagli anni Sessanta in poi hanno cancellato buona parte degli arredi e dei decori LQWHUQL PD OȸRELHWWLYR GL :LOPRWWH QRQ HUD TXHOOR GL IDUH QÂŤ XQ SDVWLFKH QÂŤ XQD FRSLD PD GL ULGHĘ&#x2021;QLUH XQD IRUPD nuova e originale che testimoniasse del passato. Questo lavoro ha trovato pieno riscontro nella versatilitĂ di PoliIRUP FKH KD VYLOXSSDWR JOL DUUHGL SHU OD FRQFLHUJHULH OD hall, il jazz bar - con il piano di lavoro in specchio bronzato curvo -, il salone Saint Germain, lâ&#x20AC;&#x2122;orangerie, la biblioteca, la brasserie, i bagni e tutti i dettagli del piano terra. Come ha raccontato lo stesso Jean-Michel Wilmotte: â&#x20AC;&#x153;Abbiamo SURJHWWDWRHOHPHQWLFKHHUDQRPROWRGLĘ&#x2030;FLOLGDSURGXUUHH abbiamo sempre trovato la soluzione appropriata. Il pezzo di cui sono piĂš orgoglioso è il bancone del Bar JosĂŠphine. 8QHOHPHQWRGLTXDVLYHQWLPHWULFKHULĘ&#x2C6;HWWHORVSD]LRJOL DĘ&#x2020;UHVFKLHODOXFHHGLDORJDFRQXQDLQVWDOOD]LRQHLOOXPLQRWHFQLFDFRQWHPSRUDQHDVXOVRĘ&#x2030;WWRČť

â&#x20AC;˘ 176

FLQHPD/DULOHWWXUDGHOOČśHGLĘ&#x2026;FLRGHOOČśDUFKLWHWWR-DFTXHV&RXHOOH LQDXJXUDWRQHOŠVWDWDDĘ&#x2021;GDWDDOOČśDUFKLWHWWR%UXQR0RLQDU Tra le ultime referenze di Poliform in Italia anche â&#x20AC;&#x153;I Giardini di Invernoâ&#x20AC;?, palazzo di 57 metri di altezza, 15 piani e 91 appartamenti, costruito a tempo di record in Porta Nuova grazie allo sviluppo di &KLQD,QYHVWPHQWFKHKDDĘ&#x2021;GDWRD3DROR&DSXWROČśDUFKLWHWWXUD del nuovo complesso residenziale. â&#x20AC;&#x153;Milano e la crescita immobiliare di questi ultimi anniâ&#x20AC;?, continua Galli, â&#x20AC;&#x153;ci hanno consentito di concorrere alla realizzazione di DOFXQL GHL SLÂş LPSRUWDQWL HGLĘ&#x2026;FL GHOOD FLWWÂĄ H GL LQFRQWUDUH QXRYL operatori. Ma stiamo lavorando bene anche in Svizzeraâ&#x20AC;?. Poliform ha infatti realizzato le 89 camere di uno degli alberghi piĂš belli del Lago di Lucerna, lo storico Chenot Palace Weggis, risalente DOOD%HOOH(SRTXHHRUDXQRGHLSLÂşOXVVXRVL0HGLFDO 6SD+RWHO dellâ&#x20AC;&#x2122;area. Lâ&#x20AC;&#x2122;albergo, completamente ristrutturato su progetto delORVWXGLR'DYLGH0DFXOOR$UFKLWHFWVGL/XJDQRDSULUÂĄQHOSURVVLPR mese di maggio. â&#x20AC;&#x153;In Americaâ&#x20AC;?, prosegue Galli, â&#x20AC;&#x153;stiamo realizzando lâ&#x20AC;&#x2122;arredo persoQDOL]]DWRSHUOHDUHHSXEEOLFKHGLDOFXQLJUDQGLHGLĘ&#x2026;FLUHVLGHQ]LDOL GL1HZ<RUNGRYHQHODEELDPRJLÂĄUHDOL]]DWRWUHQWDDSSDUtamenti Poliform per il building The Flynn 155 West 18th Street.


IYO AALTO - MILANO Progettato da Maurizio Lai nel distretto di Porta Nuova a 0LODQRLOULVWRUDQWH,<2$DOWRVLDĘ&#x2020;HUPDQHOPRQGRGHOOD cucina giapponese piĂš autentica, attraverso due ambienti distinti che lo caratterizzano: il sushi banco e il ristorante gastronomico che propone, con sapere contemporaneo, il patrimonio delle tradizioni culinarie del Sol Levante. PoOLIRUP &RQWUDFW KD VHJXLWR WXWWL JOL HOHPHQWL GHOOȸLQWHULRU design: dallâ&#x20AC;&#x2122;ingresso, realizzato su disegno con lastre in YHWURĘ&#x2C6;RDWHVSHFFKLIXPÂŤDOOȸLQVWDOOD]LRQHOXPLQRVDHDO GHVNUHDOL]]DWRLQSRUĘ&#x2021;GRJULJLRYHUGHĘ&#x2021;DPPDWRHRWWRQH Gli stessi principi di eccellenza e unicitĂ che ispirano la GXSOLFH SURSRVWD JDVWURQRPLFD VL ULĘ&#x2C6;HWWRQR QHOOH Ę&#x2021;QLWXUH in rovere e legno canaletto, nei tasselli in ottone, negli arredi in cuoio naturale dai toni caldi che creano una serie di ambienti dallâ&#x20AC;&#x2122;identitĂ  molto personale.

â&#x20AC;˘ 178

4XLVLDPRDQFKHLPSHJQDWLQHOOHUHVLGHQ]H6RRUL+LJKOLQHĘ&#x2026;UPDte dallâ&#x20AC;&#x2122;architetto Soo K. Chan di SCDA Architects, e sviluppato GD 6LUDV 2ULHOČš ( SURSULR SHU UDĘ&#x201E;RU]DUH OD VXD SUHVHQ]D QHJOL States Poliform, nel 2016, ha inaugurato uno showroom monomarca in Madison Avenue, a New York. Uno spazio di 900 metri TXDGUDWLFKHVLŠDQGDWRDGDĘ&#x2021;DQFDUHDOORVKRZURRPLQ7KH$ ' %XLOGLQJ(WK6WUHHWWK)ORRULQDXJXUDWRQHO$FRQferma che, dopo lâ&#x20AC;&#x2122;Europa, il mercato piĂš interessante, anche per la scala degli interventi, è quello degli Stati Uniti. Non meno vivaci i mercati Indiano e degli Emirati Arabi, nei quali lâ&#x20AC;&#x2122;azienda è impegnata in vari cantieri. â&#x20AC;&#x153;Ai clienti arriviamo attraverso diversi canaliâ&#x20AC;?, conclude Franco Galli, â&#x20AC;&#x153;Poliform opera nel VHWWRUHGHOFRQWUDFWGDYHQWLDQQLHPROWHĘ&#x2026;UPHGHOOČśDUFKLWHWWXUD QHOPRQGRFLFRQVLGHUDQRXQSDUWQHUTXDOLĘ&#x2026;FDWR8QDOWURFDQDOH


privilegiato è quello dei general contractor che operano in EuroSDHFRQPROWLGHLTXDOLDEELDPRJLÂĄDĘ&#x201E;URQWDWRLOSHUFRUVRGLSUHTXDOLĘ&#x2026;FD H UHDOL]]DWR GLYHUVL ODYRUL 6SHVVR JOL LQWHUORFXWRUL VRQR gli stessi che ci coinvolgono su piĂš fronti, in diversi Paesiâ&#x20AC;?. A Poliform è riconosciuta una grande sapienza nellâ&#x20AC;&#x2122;utilizzo e nella lavorazione dei materiali piĂš disparati, naturali e non, competenze che lâ&#x20AC;&#x2122;azienda ha internamente ma che sviluppa anche attraverso la rete di imprese artigiane del distretto brianzolo, che con il brand hanno un rapporto storico e spesso esclusivo. Progettisti e general contractor sanno che il marchio garantisce una supply FKDLQ FRQWUROODWD H FRQ VWDQGDUG HOHYDWL GL TXDOLWÂĄ /D PHGHVLPD FUHGLELOLWÂĄ Š FRQVROLGDWD GDOOD JHVWLRQH GHOOH FRPPHVVH /D Divisione Contract di Poliform - che è composta da trenta persone e può accogliere collaboratori esterni nei momenti di picco FRPSUHQGHSURĘ&#x2026;OLGLFRPSHWHQ]DGLĘ&#x201E;HUHQWL'DLSURMHFWPDQDJHU che seguono lâ&#x20AC;&#x2122;intera commessa, ai tecnici, che sono impegnati QHOOČśLQJHJQHUL]]D]LRQHHQHOODSLDQLĘ&#x2026;FD]LRQHGHOOHOLQHHSURGXWWLYH oltre che nella gestione delle varianti, una costante di questo tipo GLDWWLYLWÂĄ8QRVWDĘ&#x201E;GHGLFDWRJHVWLVFHLOFRPSOHVVRĘ&#x2020;XVVRDPPLnistrativo, gli ordini e gli acquisti, mentre un grande magazzino consente anche la gestione diretta della logistica. O

CASA MI - ZURIGO Il committente di Casa MI sul lago di Zurigo ha realizzato un concorso di architettura per la progettazione della sua grande villa, vinto da Daluz GonzĂĄlez Architekten, studio IRQGDWR QHO  GDJOL DUFKLWHWWL VSDJQROL 5XEÂŤQ 'DOX] H -XDQ*RQ]ÂŁOH]FRQVHGHLQ6YL]]HUD&RQTXDVLPHWUL quadrati di linee minimali e audaci, Casa MI è una villa a WUHSLDQLFRQYLVWDPR]]DĘ&#x2021;DWRVXOOHDFTXHGHOOD*ROG&RDVW1HJOLVSD]LLQWHUQLÂŞVWDWDFUHDWDXQȸDWPRVIHUDQHXWUD HGHTXLOLEUDWDGRYHWXWWHOHVXSHUĘ&#x2021;FLVRQRHTXLYDOHQWL7XWWRLOFRQWUDFWÂŞ3ROLIRUPFKHKDVHJXLWRDQFKHORVYLOXSSR dei molti pezzi speciali. in particolare, per lo spazio centrale, il piĂš rappresentativo della casa, sono stati progettati tre grandi mobili neri: un divano in pelle, un tavolo da pranzo in marmo nero marquina e una cucina in vetro.


AT L A S

â&#x20AC;¢ 180

MAKERS


VISUAL Display â&#x20AC;&#x153;Interior, identity, storiesâ&#x20AC;?: con questo claim si presenta Visual Display, creative company specializzata QHOOČśLGHD]LRQHGLSURJHWWLGLEUDQGLQJHLQWHULRUGHVLJQLQDPELWRUHWDLORĘ&#x2021;FHKRVSLWDOLW\HEDU UHVWDXUDQW txt Alessia Delisi

ondato nel 1999 da Giorgio Di Bernardo e Chiara Endrigo, lo studio Visual Display di Udine si è con il tempo arricchito di XOWHULRULĘ&#x2026;JXUHROWUHD5XQH5LFFLDUGHOOLH*LXOLD0LQR]]LFKH dirigono il reparto creativo, si è aggiunta anche una compagine di professionisti con un approccio integrato al progetto. Lâ&#x20AC;&#x2122;attenta anaOLVLGHJOLRELHWWLYLGDUDJJLXQJHUHHXQDJUDQGHDWWHQ]LRQHSHUJOLVWLOL GLYLWDHOHWHQGHQ]HSLÂşDWWXDOLFRQWUDGGLVWLQJXRQRLOWHDPFDSDFH GLLQWHUSUHWDUHLOSUHVHQWHFRQVSD]LHOHJDQWLVFHQRJUDĘ&#x2026;FLHGDOOČśDQLma spesso ibrida, il cui linguaggio non smette di guardare allâ&#x20AC;&#x2122;arte, alla moda, alla storia e alle diverse culture vernacolari.

F


“LA PRIMA COSA CHE CI CHIEDIAMO È COSA DEVE RACCONTARE IL PROGETTO E COME DOVREBBE ESSERE VISSUTO”

• 182


Da chi è composto il team di Visual Display? Chiara Endrigo: Siamo quattro soci con un team eterogeneo di professionisti. Giorgio Di Bernardo e io abbiamo fondato Visual Display nel 1999 e recentemente, con lâ&#x20AC;&#x2122;arrivo GHLGXHQXRYLVRFL5XQH5LFFLDUGHOOLH*LXOLD 0LQR]]LDEELDPRFRPSOHWDWRODFRPSDJLQH D]LHQGDOH XQHQGR DOOH FRPSHWHQ]H PDnageriali, commerciali e strategiche quelle creative. Nel complesso il nostro team si compone di dodici persone con diverse professionalità che lavorano in modo integrato sui YDULSURJHWWLVWUDWHJLVWDUFKLWHWWLLQWHULRUGHVLJQHU JUDÊ&#x2026;FL LOOXVWUDWRUL FRS\ZULWHU H DOWUH Ê&#x2026;JXUH D VHFRQGD GHOOH HVLJHQ]H PXVLFLVWL decoratori, stylist, ecc.). Crediamo che questo approccio sia estremamente performante e i risultati ce lo confermano.

Da dove partite quando progettate uno spazio? Quali le fonti di ispirazione? Rune Ricciardelli:,QRVWULVSD]LQDVFRQRWXWWL GDOOȶRVVHUYD]LRQHGHJOLRELHWWLYLGHOFRQWHVWR H GHOOH HVLJHQ]H GHL QRVWUL FOLHQWL SHU LQGLYLGXDUH L JHVWL SURJHWWXDOL SLº FRHUHQWL HG HIÊ&#x2026;FDFL &ȶ© SRL XQD JUDQGH DWWHQ]LRQH H FXriosità per ciò che succede nel mondo, per gli stili di vita, il sistema macroeconomico e OH WHQGHQ]H SLº DWWXDOL )DFFLDPR FRVWDQWHPHQWHULFHUFDHOHQRVWUHLVSLUD]LRQLVRQROH SLºGLYHUVHGDLJUDQGLDUFKLWHWWLGHOSDVVDWR DOOȶDUWH FRQWHPSRUDQHD Ê&#x2026;QR DOOD PRGD OD storia e le diverse culture vernacolari. Come conciliate quindi la vostra creatività con le esigenze dei clienti? Giorgio Di Bernardo: Condividendola con ORUR&LSLDFHFUHDUHVSD]LFKHOLULVSHFFKLQR guidandoli attraverso la nostra visione nelle VFHOWHSLºDGDWWHDRWWHQHUHLOULVXOWDWR Che rapporto câ&#x20AC;&#x2122;è tra il vostro design dâ&#x20AC;&#x2122;interni e il progetto architettonico? Giulia Minozzi: 1HOOD PDJJLRUDQ]D GHL casi i nostri progetti comprendono anche OȶDUFKLWHWWXUD GHJOL LQWHUQL OD GLVWULEX]LRQH GHJOL VSD]L VFHOWH LQ PHULWR D Ê&#x2026;QLWXUH H ULvestimenti, oltre ovviamente al progetto di DUUHGR H GHFRUR $OWUH YROWH LQ VLWXD]LRQL LQFXLOȶDUFKLWHWWXUD©JL¡GHÊ&#x2026;QLWDLOQRVWUR LQWHUYHQWR VL DGDWWD DJOL VSD]L FHUFDQGR GL IDUQH ULVDOWDUH OH SHFXOLDULW¡ Â&#x2030; GLÊ&#x2021;FLOH descrivere in modo assoluto quale sia il rapporto tra il design dâ&#x20AC;&#x2122;interni e il progetto architettonico, cambia sempre. Qualche volta è un rapporto armonioso, altre volte è dissonante, ma solo apparentemente.


“IL NOSTRO APPROCCIO È SEMPRE MOLTO SCENOGRAFICO, MOTIVO PER CUI LA LUCE OCCUPA UN RUOLO FONDAMENTALE”

• 184


â&#x20AC;&#x153;OGGI IL VERO TEMA NON Ã&#x2C6; ESPORRE BENE I PRODOTTI, BENSÃ&#x152; COME CREARE LUOGHI ATTRATTIVI, COINVOLGENTI, CHE GENERINO UNA CONNESSIONE EMOZIONALE CON LE PERSONE"

Per il brand Slowear Venezia avete realizzato due concept store, il primo a Tokyo e il secondo a Milano. In cosa si GLÊ&#x2020;HUHQ]LDQRLGXHVSD]L" R. R.: Il concept store di Tokyo è un lavoro GLLPSOHPHQWD]LRQHGHOODVWRULDGHOEUDQGD livello retail. In un paese come il Giappone OD IRU]D GHO EUDQG © LO VXR HVVHUH ULFRQRsciuto come fortemente italiano, attento al dettaglio e alla qualità . Lo stile dello store gioca dunque con il concetto di sartorialità FKHVLULVSHFFKLDLQXQDPELHQWHUDÊ&#x2021;QDWR con un certo sapore rétro nel disegno degli DUUHGL H QHOOD VFHOWD GL FRORUL H Ê&#x2026;QLWXUH ,O FRQFHSW VWRUH GL 0LODQR UDSSUHVHQWD LQYH-

FH OD YRORQW¡ GHOOȶD]LHQGD GL JXDUGDUH DO futuro. Lâ&#x20AC;&#x2122;obiettivo è quello di sottolineare nuovi tratti del brand, innovativi, tecnoloJLFL H ULYROWL D XQ SXEEOLFR SLº JLRYDQH H XUEDQÂ&#x2030;XQRVSD]LRLEULGRLQFXLFRQYLYRQR un piccolo bar e unâ&#x20AC;&#x2122;area di vendita, capace di trasformarsi nel corso della giornata, rispecchiando il dinamismo di una città in FRQWLQXDHYROX]LRQH Che messaggio avete voluto dare invece con Star Hub, il vostro ultimo progetto? G. D. B.: Star Hub è un luogo di lavoro e condivisione. Un open space che si slega dai FDQRQLGHOOXRJRÊ&#x2026;VLFRGHOOHSRVWD]LRQLÊ&#x2026;VVH

HGHJOLRUDULVWDQGDUGSHURVSLWDUHÊ&#x2026;QRDFLQquanta persone e diventare anche location SHUHYHQWLPHHWLQJZRUNVKRSHVHWIRWRJUDÊ&#x2026;FL8QOXRJRGLLQQRYD]LRQHLQFXLODSDUWH cablata, interamente nascosta a pavimento REDVDWDVXWHFQRORJLDZLUHOHVVFRQVHQWHGL accedere a dati audio e video da qualunque SRVWD]LRQH $EELDPR ODYRUDWR PROWR VXOOR VSD]LRVXOODOXFHHVXOVXRQRFRQOȶLQWHQWRGL ottenere il maggior comfort possibile. Negli spazi da voi realizzati convivono spesso più realtà , perché questa scelta? C. E.:Â&#x2030;XQDFRQVHJXHQ]DGHOSHULRGRLQFXL viviamo, nel quale le persone sono abituate


In sintesi, come definireste lo stile di Visual Display? R. R.: Trasversale, elegante, pulito, studiato nei minimi dettagli. Destinato a durare.

D IDUH SLº FRVH FRQWHPSRUDQHDPHQWH H D HVVHUHVHPSUHSLºVWLPRODWH)LQRDFLQTXH o sei anni fa i clienti ci chiedevano progetti che unissero semplicemente estetica e fun]LRQDOLW¡ 1RQ © SLº FRV­ RJJL LO YHUR WHPD QRQ © HVSRUUH EHQH L SURGRWWL EHQV­ FRPH creare luoghi attrattivi, coinvolgenti, unici, FKH JHQHULQR XQD FRQQHVVLRQH HPR]LRQDOH con le persone, le facciano stare bene, sentire appagate e possibilmente felici. Quali linee guida seguite per lâ&#x20AC;&#x2122;illuminazione? R. R.: Il nostro approccio è sempre molto sceQRJUDÊ&#x2026;FR PRWLYR SHU FXL OD OXFH RFFXSD XQ UXRORIRQGDPHQWDOH/ȶLOOXPLQD]LRQHGLXQDPbiente ne determina il carattere e ne veicola ODSHUFH]LRQH/DSULPDFRVDFKHFLFKLHGLDPR quindi è cosa deve raccontare il progetto e come dovrebbe essere vissuto. Una volta condiviso il feeling generale con il cliente passiamo â&#x20AC;¢ 186

alla fase progettuale, lavorando su due piani GLVWLQWL4XHOORGHOOȶLOOXPLQD]LRQHGȶDPELHQWHR tecnica sui progetti commerciali, per la quale prediligiamo oggetti minimali oppure integraWL DOOȶDUFKLWHWWXUD H TXHOOR GHOOȶLOOXPLQD]LRQH dâ&#x20AC;&#x2122;accento, per cui preferiamo invece lampade che abbiano anche un valore decorativo. Una lampada a parete o una poggiata su un banFRQHSRVVRQRGDYYHURIDUHODGLÊ&#x201E;HUHQ]D E quale invece il vostro rapporto con il colore? G. M.: Il colore ci piace molto e cerchiamo di usarlo sempre, ovviamente in maniera PROWR GLYHUVD D VHFRQGD GHOOR VSD]LR FKH dobbiamo progettare. Può essere un gioco di contrasti oppure una sola tonalità con tutte le sue sfumature. Non amiamo i colori sgargianti, ma a volte osiamo per dare imSRUWDQ]DDXQDUUHGRRDXQGHWWDJOLRFKH YRJOLDPRPHWWHUHLQHYLGHQ]D

C'è qualche progetto con il quale vi piacerebbe confrontarvi in futuro? G. D. B.: Un progetto con il quale ci piaFHUHEEH FRQIURQWDUFL © VHQ]D GXEELR XQ hotel. Quello dellâ&#x20AC;&#x2122;hospitality è infatti un settore in cui câ&#x20AC;&#x2122;è davvero necessità di IDUH LQQRYD]LRQH SURSRQHQGR VHUYL]L HG HVSHULHQ]H PLUDWH SHU WDUJHW SHU HVHPSLR VHUYL]L VX PLVXUD H KXPDQ WRXFK SHU i clienti del segmento luxury, social experience e nuove atmosfere per i millennial, VWUXWWXUH JUHHQ H YDFDQ]H VRVWHQLELOL SHU OD*HQHUD]LRQH=WHFQRORJLDVDOYDWHPSR e privacy per il business, ecc. Crediamo che il design abbia un ruolo fortemente strategico per il successo di unâ&#x20AC;&#x2122;esperien]DGLVRJJLRUQR E nel presente? Avete qualche novità in cantiere? G. D. B.:0LODQR*DOOHULD9LWWRULR(PDQXHle II, che a breve ospiterà il primo punto YHQGLWDGLXQQXRYRIRUPDWGLULVWRUD]LRQH made in Italy. O


YOUR SPA PARTNER CO N SU LTI NG EN GI N EE RI NG P RODU C TS T R AI NI NG AS S I STANC E

starpool.com


AT L A S

PROJECTS

676 +27(/

•—’‡”˜‹•‡

…‘‡…–

•’‡ƒ

ULVSDUPLRHQHUJHWLFR

DFFHVVRFRQVPDUWSKRQH FRQWUROORUHPRWR

FRQWUROORDFFHVVL

DFFHVVRFDUGOHVV ULOHYD]LRQHDOODUPL

FRQWUROORFOLPDWL]]D]LRQH

WDVWLHULQLFRGLFHYDULDELOH VHOIFKHFNLQ VHQVRULSUHVHQ]D

GRPRWLFDXWHQ]H JHVWLRQHVHQ]DSUHVLGLR JHVWLRQHSHUVRQDOHVHUYL]LR

FRQWUROORGRPRWLFDPRELOH FKDW2VSLWLHSHUVRQDOH

VXSHUYLVLRQHVWUXWWXUD

VFHQDULLOOXPLQD]LRQH FRPDQGLYRFDOLGRPRWLFD

'HDU 0U5RVVL 9DOHQWLQR ZHOFRPH LQRXUKRWHO

+32'

WRXFK

'2027,&$$/%(5*+,(5$ DXWRPD]LRQHDOEHUJKLHUDVWVKRWHOJHVWLRQHWRWDOH ^d^,Kd>ğƵŶŵĂƌĐŚŝŽĚŝƉƌŽƉƌŝĞƚăĚŝ/͘^͘/͘^ƌů ǁǁǁ͘ƐƚƐŚŽƚĞů͘ŝƚͲŝŶĨŽΛƐƚƐŚŽƚĞů͘ŝƚ • 188


AT L A S

PROJECTS

LIKE ROLLING STONES SHOP

A NEW YORK, NEL QUARTIERE DI SOHO, LO STUDIO DI PROGETTAZIONE DI INTERNI DEL REGISTA LUCA GUADAGNINO FIRMA LA PRIMA BOUTIQUE DEL BRAND REDEMPTION. TRA ATMOSFERE DRAMMATICHE, MUSICA ROCK E NOSTALGIA DEGLI ANNI SETTANTA â&#x20AC;¢ txt Alessia Delisi


“ABBIAMO EVOCATO IL FASCINO DEL ROCK-AND-ROLL CHE SI FONDE CON L’ELEGANZA SENZA TEMPO DEGLI INTERNI. CI È VENUTA COSÌ L’IDEA DI UN APPARTAMENTO BOUDOIR CHE PERMETTA AL CLIENTE DI VIVERE UN’ESPERIENZA INTIMA” Luca Guadagnino

• 190


Fondato da Gabriele Moratti, Redemption prende vita dalla consapevolezza che un brand del lusso possa veicolare DQFKHXQDYLVLRQHÊ&#x2026;ODQWURSLFD Costruito su etica e responsabilità , il business model prevede ODGRQD]LRQHLQEHQHÊ&#x2026;FHQ]D del 50 per cento dei ricavi e la creazione di collezioni sostenibili

ostenibile e rock-and-roll: è questa la duplice identità di Redemption, brand di abbigliamento nato dalla visione Ê&#x2026;ODQWURSLFD GL *DEULHOH 0RUDWWL FKH SHU LO VXR SULPR UHWDLO VWRUH QHZ\RUNHVH VL © DÊ&#x2021;GDWR D /XFD *XDGDJQLQR /R VWXGLR GL SURJHWWD]LRQH GL LQWHUQL GHO FHOHEUH UHJLVWD LWDOLDQR KD così ricreato un appartamento in stile Haussmann allâ&#x20AC;&#x2122;interno del Ê&#x2020;DJVKLS VWRUH FRQ OȶRELHWWLYR GL RÊ&#x201E;ULUH DO FOLHQWH XQȶHVSHULHQ]D FRLQYROJHQWHHLQWLPD3XQWRGLSDUWHQ]DGL*XDGDJQLQRHGHOVXR WHDPVRQRVWDWHOHIRWRJUDÊ&#x2026;HFKHLPPRUWDODYDQRL5ROOLQJ6WRQHV GXUDQWHODUHJLVWUD]LRQHGLXQDOEXPLQ&RVWD$]]XUUD$WPRVIHUH DQQL 6HWWDQWD EROG FRQ XQ HYLGHQWH ULFKLDPR DOOD SVLFKHGHOLD di quel periodo, caratterizzano quindi gli spazi della boutique, D SDUWLUH GDOOR VFHQRJUDÊ&#x2026;FR LQJUHVVR LPSUH]LRVLWR GD XQ VRÊ&#x2021;WWR tridimensionale a motivi incrociati e dal pavimento in travertino di WUHFRORULFKHVLLQWUHFFLDQR â&#x20AC;&#x153;Appena entrati nel negozio, i visitatori saranno trasportati in una UHDOW¡DOWUDȹVSLHJDLQIDWWLLOUHJLVWDFKHDJJLXQJHȸLOSURJHWWR YXROHVLPEROHJJLDUHLOSDVVDJJLRGDOOHVWUDGHGL6RKRDOPRQGR

S

GL 5HGHPSWLRQȹ 8Q DWWHQWR SURFHVVR GL OHWWXUD GHOOȶHVVHQ]D GHO EUDQGKDTXLQGLSRUWDWRDFRQFHSLUHOȶDUHDGLYHQGLWDFRPHXQD vera e propria lounge dotata di due divani in pelle e di un altro, SLº DSSDUWDWR FROORFDWR LQ XQD QLFFKLD PHQWUH XQD FRSSLD GL SROWURQHGL*LR3RQWLULYHVWLWHFRQWHVVXWLGL'HGDUDUUHGDLOERRNVKRS IRQGHQGRVL FRQ JOL DFFHVVRUL GHO EUDQG WUD OLEUL H DOWUL RJJHWWLSUH]LRVL A valorizzare lâ&#x20AC;&#x2122;intera sala è poi il pavimento realizzato in legno WUHQWLQRGLUHFXSHURFKHUHLQWHUSUHWDLQFKLDYHJHRPHWULFDHFRQWHPSRUDQHD LO FODVVLFR GLVHJQR D FKHYURQ ODGGRYH LO VRÊ&#x2021;WWR VL struttura con travi e ziggurat di vetro volte ad attenuare la luce GLÊ&#x201E;XVDFUHDQGRXQVXJJHVWLYRHÊ&#x201E;HWWRGUDPPDWLFR/DULYLVLWD]LRQH GL XQ PRWLYR KDXVVPDQLDQR GHO ;;, VHFROR © LQÊ&#x2026;QH UHSOLFDWD QHLWDSSHWLGHOODPDQLIDWWXUD&RJROLQHSRUWDODÊ&#x2026;UPDGHOJUDÊ&#x2026;FR LUODQGHVH1LJHO3HDNHDFXLORVWXGLRKDFRPPLVVLRQDWRODSURJHWWD]LRQHGHOOHPRGDQDWXUHGHOODERLVHULH ȸ/XFDVDFRPHWUDVPHWWHUHHPR]LRQLDWWUDYHUVRRJJHWWLLQDQLPDWL XWLOL]]DQGR OR VWHVVR OLQJXDJJLR FKH DGRWWD QHOOD UHJLD GHL VXRL


Ę&#x2026;OP/RVSD]LRFKHKDFUHDWRFRJOLHOČśDQLPDHOČśHVWHWLFDGL5HGHPSWLRQFRV­GDIDUYLYHUHOHQRVWUHVHQVD]LRQLHLOQRVWURPRQGRDFKLXQTXH HQWUL LQ ERXWLTXHČš KD GLFKLDUDWR *DEULHOH 0RUDWWL 8QD VRUWD di â&#x20AC;&#x153;appartamento boudoirâ&#x20AC;? insomma, dove lâ&#x20AC;&#x2122;irriverenza del rock si IRQGH FRQ LO IDVFLQR VRIW GHO GHVLJQ GL LQWHUQL 1RQ D FDVR OD 9,3 area - riservata ai top client della linea Haute Couture - dĂ quasi la sensazione di trovarsi in unâ&#x20AC;&#x2122;abitazione parigina, con la musica FKHVHPEUDSURYHQLUHGDXQČśDOWUDHSRFDÂ&#x2030;VRORDO]DQGRORVJXDUGR QHOOD VWDQ]D SULQFLSDOH FKH XQ OXFHUQDULR SHUPHWWH GL WRUQDUH DOOD UHDOWÂĄPRVWUDQGRWXWWDOČśDWWUDWWLYDGHOFLHORGL1HZ<RUNO

IL PAVIMENTO IN LEGNO ANTICO DI RECUPERO REINTERPRETA IL CLASSICO DISEGNO A CHEVRON IN CHIAVE GEOMETRICA, MENTRE IL SOFFITTO SI STRUTTURA CON TRAVI DI VETRO ARTIGIANALI E ZIGGURAT, SEMPRE IN VETRO, CHE ATTENUANO LA LUCE DIFFUSA

â&#x20AC;˘ 192


AT L A S

PROJECTS

HYBRID SPACE SHOP

PORTA LA FIRMA DELLO STUDIO WJ DESIGN L'INTERVENTO CHE RIPENSA GLI SPAZI DI UN’EX STRUTTURA INDUSTRIALE ALL’INSEGNA DEL LIFESTYLE CONTEMPORANEO E DI UN LINGUAGGIO CHE UNISCE SEGNI DELLA TRADIZIONE E STILEMI TRENDY

• txt

Tullio Castiglioni

n Cina, a Hangzhou, Bo Space è uno spazio ibrido sorto sulle ceneri di un sito industriale dismesso che il progetto d’interni dello Studio WJ Design ha trasformato in un multifunzionale polo commerciale e culturale. Originale il concept alla base dell’intervento, che in una città in rapida espansione e trasformazione come Hangzhou, e perciò a rischio di perdere la propria identità, mira a una riqualificazione degli spazi urbani attraverso un design inteso come elemento di socializzazione e incontro. Non solo spazio commerciale, quindi, ma

I

• 194

soprattutto luogo di aggregazione capace di proporre un lifestyle moderno ma al tempo stesso intimamente collegato allo spirito dei luoghi. È così che l’originario edificio industriale, segno forte di una memoria da preservare, diventa baricentro di una nuova visuale, di cui l’equilibrio e la connessione tra il vecchio e il nuovo sono i cardini di una cifra progettuale che disegna una nuova articolazione degli spazi, in continuo scambio osmotico fra interni ed esterni grazie a un ampio atrio prospettante sulle corti interne.


â&#x20AC;¢ 196


AL PIANO SUPERIORE TROVANO SPAZIO ELEGANTI SHOWROOM DI MODA E UN’AREA CONCEPITA PER OSPITARE ESPOSIZIONI E MOSTRE D’ARTE

Forti le scelte compiute anche per quanto riguarda l’interior design, che ha eliminato tutte le pareti del prospetto affacciato sulla corte interna in modo da lasciare lo sguardo dei visitatori libero di spaziare all’esterno. Gli ampi ambienti del bar e del ristorante sono collegati per mezzo di un’elegante scala a chiocciola al piano superiore, dove trovano spazio elegan-

ti showroom di moda e un’area concepita per ospitare esposizioni e mostre d’arte. Uno spazio complesso, concepito non come semplice luogo di passaggio ma anche di permanenza, per consentire a chi lo percorre di recuperare una dimensione in cui sono i desideri e i piaceri più veri e genuini al centro dell’esperienza. O


AT L A S

PROJECTS

Ã&#x201A;OLGD6DQW3DX©XQQXRYRFHQWURGHGLFDWRDLPDODWLRQFRORJLFLHDLORURIDPLOLDULFKHVLWURYDD%DUFHOORQDDOOȶLQWHUQRGHOOȶRVSHGDOHGLVHJQDWRGD'RP©QHFKFDSRODYRUR PRGHUQLVWDLQVHULWRGDOQHOODZRUOGKHULWDJHOLVWGHOOȶ8QHVFR 8QR VSD]LR FKH RÊ&#x201E;UH DLXWR SUDWLFR VRFLDOH HG HPRWLYR DL PDODWL RQFRORJLFL H FKH QDVFH GDOOD SURÊ&#x2026;FXD FROODERUD]LRQH WUD %HQHGHWWD7DJOLDEXHGL6WXGLR(0%7FKHKDÊ&#x2026;UPDWROȶDUFKLWHWWXUDH 3DWULFLD 8UTXLROD DXWULFH GHO SURJHWWR GL LQWHULRU GHVLJQ /ȶHGLÊ&#x2026;-

K

â&#x20AC;¢ 198

FLR FLUFRQGDWR GD XQ DPSLR H ULJRJOLRVR JLDUGLQR GLDORJD FRQ OHSUHHVLVWHQ]HHG©FDUDWWHUL]]DWRGDOOHIDFFLDWHLQPDWWRQLURVVL DGRUQDWH FRQ SLDVWUHOOH LQ FHUDPLFD D IRUPD GL QLGR GȶDSH FKH ULSUHQGRQR WUDPH FRORUL H JHRPHWULH GHOOȶRULJLQDOH FRPSOHVVR RVSHGDOLHUR$PSLHOHYHWUDWHFKHDSURQRJOLVSD]LDOOȶHVWHUQRPD FKHDOFRQWHPSRVRQRSURWHWWHGDXQVLVWHPDODPHOODUHLQOHJQR FKHFDQDOL]]DOȶLQWHQVLW¡OXPLQRVDHRÊ&#x201E;UHLOJLXVWRJUDGRGLLQWLPLW¡DJOLDPELHQWLSULYDWL


.Â/,'$ 6$173$8

LIVE

A BARCELLONA, IL DIALOGO TRA BENEDETTA TAGLIABUE E PATRICIA URQUIOLA HA DATO VITA A UNA STRUTTURA CHE OFFRE SOSTEGNO AI MALATI ONCOLOGICI E AI LORO PARENTI. CAPACE DI TRASMETTERE INTIMITÀ E CALORE • txt Agnese Lonergan • ph Lluc Miralles e Paola Acevedo


SPAZI CALOROSI E COLORATI FACILITANO I DIFFICILI PROCESSI CHE SI SVOLGONO NEL CENTRO E TRASMETTONO AGLI OSPITI SPERANZA E POSITIVITÀ

• 200


“KâLIDA SANT PAU È UN LUOGO DOVE LE PERSONE POSSONO CONDIVIDERE LA PROPRIA CONDIZIONE E TROVARE INSIEME UN’INASPETTATA FORZA COMUNE” Benedetta Tagliabue

All’interno, 400 metri quadrati distribuiti su due livelli, esagonale la SLDQWDFKHKDVXELWRVXJJHULWRFRQʅJXUD]LRQLDSHUWHHXQDVXGGLYLVLRQHGHJOLVSD]LLQEDVHDOOHGLYHUVHDWWLYLW¡,OSLDQRWHUUDSUHVHQWD VSD]L FRPXQL H ʆHVVLELOL WUD FXL XQD ]RQD FXFLQD XQD SLFFROD ELEOLRWHFDHDOFHQWURXQȶDPSLDVDODGDSUDQ]RDGRSSLDDOWH]]D,O SLDQRVXSHULRUHLQYHFH©RUJDQL]]DWRFRQXQDVHULHGLVSD]LGHGLFDWL DOODULXQLRQHHDOOȶLQFRQWURDʄDFFLDWLVXOODVDODSUDQ]RFHQWUDOH4XL OHʅQLWXUHLQWHUQHFRQWULEXLVFRQRDFUHDUHXQDPELHQWHOXPLQRVRH DFFRJOLHQWHFRQQRWDWRGDOODSUHVHQ]DGLSLDVWUHOOHLQFHUDPLFDDLSD-

YLPHQWLHDOOHSDUHWLFKHEHQVLLQWHJUDQRFRQLOWUDGL]LRQDOHVRʇWWR LQPDWWRQLDERWWHFUHDWRGD(0%72YXQTXHXQDSDOHWWHGDLFRORUL caldi e avvolgenti: sedute e divani dai motivi geometrici si abbinano DWDSSHWLFRORUDWLHOXFLVRVSHVHYHVWRQRJOLVSD]LPHQWUHODIDFFLDWD LQWUDOLFFLRFHUDPLFRʅOWUDFRQGLVFUH]LRQHLUDJJLGLVROHHJDUDQWLVFH YHQWLOD]LRQHHSULYDF\/ȶDWPRVIHUD©DFFRJOLHQWHHGLQDPLFD1XPHURVHOHD]LHQGHFKHKDQQRFRQWULEXLWRDOODUHDOL]]D]LRQHGRQDQGRDUUHGLRJJHWWLGLGHVLJQHULYHVWLPHQWL7UDOHDOWUH0XWLQD*$1/LVWRQH *LRUGDQR.HWWDOH&DSSHOOLQL)ORV.YDGUDW5RFDH%XOWKDXSO


hospitality

hotel Indigo Milan Tendaggi, Runner, Tappeto, Baldacchino, Cuscini decorativi

www.liuni.com MILANO | Via G. Stephenson, 43 - 20157 headquarter tel. 02.30731 | info@liuni.com • 202

ROMA | Via Aurelia, 547|557A - 00165 tel. 06.6604851 | filialeroma@liuni.com

VERONA | Via G. De Sandre, 9 - 37135 tel. 045.592861 | filialeverona@liuni.com


INSIDE

WORKPLACES FARAM ESTEL FANTONI NEWFORM UFFICIO VIGANÃ&#x2019; OFFICE TECNO ALL AROUND WORK MAKING OF PRATIC ISOPLAM HIGHLIGHTS BILLIANI RGM AGC FLAT GLASS


INSIDE

WORKPLACES

1

F

lessibili e aperti, ma anche intimi, domestici e confortevoli, disegnati per le persone. I contemporanei workspace sempre più corrispondono a nuovi modelli di business e a differenti modalità di interazione tra uomo, spazio e tecnologia, che hanno radicalmente cambiato il nostro modo di lavorare rendendolo più fluido e dinamico - nello spazio e nel tempo - ma anche accentuando l’importanza delle interazioni tra le persone nell’ufficio reale. Da un lato, infatti, si assiste a una sorta di nomadismo funzionale: il lavoro si diffonde sul territorio e nella vita, portando alla crescita esponenziale degli spazi coworking e dei fenomeni di home e smart working. Dall’altro, il lavoro si dilata nello spazio fisico dell’ufficio assecondando nuove modalità operative che ne modificano la natura, l’estetica e il layout, aprendolo a una fruizione dinamica, comunitaria e differenziata. Una fluidità che genera una sorta di “movimento continuo”, un flusso operativo ininterrotto che alterna una molteplicità di ruoli e funzioni. Nuovi workspace che non devono più offrire "solo una scrivania", ma che devono saper interpretare tendenze e necessità diverse, favorendo la nascita di nuove idee così come la costruzione di team e comunità. Nuove fabbriche di idee Tutte le ricerche e gli studi concordano: nel prossimo futuro la forza lavoro sarà sempre più strutturata in team che lavorano attorno a progetti e prodotti, piuttosto che per funzione lavorativa. Un nuovo modo di

• 204

WORK STORIES Gli spazi di lavoro diventano sempre più flessibili, dinamici e condivisi. E si affermano nuove tendenze nel workplace e workspace design, sempre più orientato al team working e a logiche smart. Per favorire la produttività e il pensiero creativo • txt Antonia Zanardini

2


1 NUOVI HEADQUARTERS DELLO STUDIO ATELIER VAN BERLO 2 NUOVA SEDE BACARDI A MILANO, PROGETTO DELLO STUDIO IL PRISMA 3 GUSTO HEADQUARTERS, PROGETTO DI STUDIO GENSLER 4 SEDE LINKEDIN A PARIGI, PROGETTO DELLO STUDIO IL PRISMA

3

4

lavorare introdotto e mutuato dalle industrie high tech, che per prime hanno aperto la strada a metodologie agili, che si svolgono in ambienti flessibili e collaborativi, in grado di riunire team multidisciplinari concentrati su un unico obiettivo. Un approccio che spesso include anche la trasparenza e la visualizzazione del flusso di lavoro, in tutte le fasi del processo. Il workspace così

diventa “narrativo”, ovvero racconta la storia del lavoro mentre si svolge, consentendo a tutti di vedere come ogni ruolo contribuisce alla missione e agli obiettivi dell’azienda. Durante il giorno le singole persone devono poter passare dal lavoro individuale a quello di squadra, dalla tecnologia agli strumenti analogici, utilizzando una varietà di spazi - individuali e collaborativi, aperti e chiusi -

anziché una singola scrivania. Chi disegna o pianifica spazi di lavoro deve quindi progettare ambienti agili e confortevoli, orientati alla massima produttività ma al contempo dotati di luoghi di incontro e confronto nei momenti di relax: sale comuni, caffetterie, biblioteche e librerie, game room, hub di innovazione, cucine attrezzate e mense, luoghi per meeting e conferenze dove scambiare opinioni e discutere con persone che appartengono alla stessa realtà aziendale e che condividono lo stesso progetto. Tanti spazi aperti, per favorire un approccio informale, trasversale e creativo, ma che devono necessariamente essere affiancati da aree più intime e riservate. Vere e proprie micro architetture - green room, focus work, silence e acoustic room - nelle quali entrare e uscire liberamente e dove rifugiarsi per lavorare indisturbati, nella massima privacy e concentrazione. In definitiva, gli uffici di nuova generazione sono in primo luogo spazi ibridi, che stimolano e favoriscono la capacità di lavorare ovunque, offrendo ai dipendenti la possibilità di cambiare spazio, scena e funzione. Il tutto nella consapevolezza, ormai ampiamente acquisita, che anche il buon design è strategico e determina un impatto decisivo sui processi decisionali e sulle stesse strutture organizzative, guidando il successo di un’azienda. In sintesi: good design, good work.

O


INSIDE

WORKPLACES

WORKING MASTERPIECE Ispirato ai semplici banchi di Ballarò, Bahlara di FARAM è un bench dall’estetica spontanea e funzionale, che propone come elementi chiave il disordine, la discontinuità e la riconfigurabilità che ogni giorno prendono vita nei mercati di strada • txt Antonia Zanardini

• 206


U

na collezione d’arredo che può espandersi, contrarsi, riconfigurarsi, cambiare abito, articolarsi e adattarsi a nuove esigenze funzionali, estetiche, organizzative. Con Bahlara, disegnato da Egidio Panzera, Faram introduce un nuovo codice semantico nel mondo dell’ufficio, ovvero la discontinuità come cardine progettuale che consente di sviluppare al massimo la configurazione di spazi e arredi. Un sistema che si ispira al palermitano mercato di Ballarò - il cui originale nome arabo è appunto Bahlara - e che conduce il progettista verso una riappropriazione completa dell’ideazione degli spazi, superando la pura distribuzione degli arredi. Un vero e proprio labirinto di configurazioni possibili, per interpretare ogni possibile funzione utilizzando una gamma straordinariamente ampia di elementi -

BAHLARA INTRODUCE UN NUOVO ARCHETIPO PER CREARE WORKPLACE CONTEMPORANEI. SPAZI NOMADI, ECLETTICI E IMPREVEDIBILI CHE FAVORISCONO LO SCAMBIO E LE RELAZIONI


INSIDE

WORKPLACES

scrivanie, divani, schermi fonoassorbenti, tavoli - e finiture. Qualche esempio: i piani di lavoro, slittando, permettono di posizionare e rimuovere rapidamente i cavi di alimentazione, creando una superficie discontinua, mentre ai lati di ogni top è presente un vuoto, che può essere attrezzato inserendo pannelli fonoassorbenti calamitati, quindi facilmente rimovibili e ricollocabili. All’occorrenza è anche possibile creare una postazione extra inserendo in testa ai bench un piano di lavoro aggiuntivo, fissandolo con semplicità alla struttura esistente. L’estetica della discontinuità che caratterizza Bahlara favorisce anche la creazione di spazi di lavoro fluidi e facilmente adattabili a seconda delle esigenze. La sovrapposizione delle telefonate può essere gestita anche negli open space, grazie alla cupola telefonica piroettante in tessuto fonoassorbente, che può essere orientata in ogni direzione. E anche l’altezza del piano di lavoro può essere modificata in maniera rapida per lavorare seduti o in piedi, in base a necessità che mutano nel corso della giornata, o diventando un agile meeting point per confrontarsi al volo con il proprio team. Infine, ogni modulo può essere integrato con elementi contenitori, agganciabili e sospesi, come mobili, mensole, cassetti e locker. www.faram.com

• 208

O


INSIDE

COLLABORATIVE SOLUTION BY GENSLER Progettata da Gensler, Atelier di FANTONI è una soluzione d’arredo flessibile che riunisce una molteplicità di funzioni legate allo spazio lavoro • txt Vittoria Baleri

P

rogettata con Studio Gensler - una delle maggiori società di design e architettura a livello internazionale, con 48 sedi nel mondo - Atelier di Fantoni è una soluzione collaborativa e flessibile che risponde alle esigenze dei nuovi workplace. Una linea che nasce proprio durante la ristrutturazione della sede Gensler a Londra, dove Fantoni è stata chiamata a progettare spazi open space con soluzioni custom. E proprio da questo proficuo incontro è nata Atelier, una collezione modulare e flessibile che si articola in quattro diversi elementi: workstation configurabile, sistema scaffale-libreria, collaboration table multifunzione e set di contenitori. Un vero e proprio “sistema ufficio” che risponde alle esigenze di spazi dove il lavoro è efficiente ma, al tempo stesso, condiviso, fluido e informale. E, soprattutto, versatile e in grado di adattarsi a differenti configurazioni, dal social al collaborative space, dall’area ufficio privata all’open plan. Un sistema altamente flessibile che può essere facilmente e ripetutamente riconfigurato, offrendo longevità funzionale ed elevata efficienza economica. O www.fantoni.it

WORKPLACES


INSIDE

WORKPLACES

SHARING WORK Prosegue il viaggio di ESTEL nello smart working con nuovi tavoli sharing. Soluzioni a elevato tasso di condivisione e flessibilità • txt Roberta Bonanno

N

on esiste più un’unica identità di ufficio e i nuovi workplace si caratterizzano per la varietà e fluidità degli spazi. E anche il design degli arredi si adegua a questa realtà con soluzioni che rispondono a differenti modalità lavorative, dal coworking alla collaborative room, dall’isola informale alla workstation operativa. Seguendo questo trend Estel già da tempo ha realizzato tavoli sharing ad alta flessibilità di utilizzo tra i quali spiccano i modelli Baobab Rotondo e Quadrato che, dotati di spaziosi piani di lavoro, sono in grado di accogliere fino a otto persone in postazioni singole o condivise. Una soluzione che interpreta alla perfezione lo spirito dell’Italian Smart Office e i suoi concetti chiave: funzionalità, condivisione, design e connettività. Ma

• 210


ancor più originale e performante è il nuovo Baobab Arcipelago, l’ultima e più sorprendente evoluzione della famiglia Baobab: una soluzione interconnessa e smart, aperta alle relazioni e allo scambio creativo, fluido e spontaneo. I suoi piani Ergowood - in nobilitato su MDF a bordo inclinato con spessore a vista - vengono declinati in forme dinamiche e permane l’iconico tronco in rovere. Le composizioni sono disponibili in due versioni - da 6 o 8 posti - e sono utilizzabili come

tavoli sharing, riunione, hot desk o tavoli reception e accoglienza dall’impatto visivo inconfondibile. Tutte le postazioni sono dotate di accesso all’elettrificazione tramite ingressi Usb e Schüko. Il cono centrale in rovere, alto 205 cm, funge da passaggio cavi e sostiene quattro palme disposte a elica con illuminazione led integrata e rivestite in tessuto tecnico con caratteristiche fonoassorbenti. O www.estel.com

BAOBAB, DISPONIBILE ANCHE NELLA VERSIONE RETTANGOLARE, PUÒ ESSERE DECLINATO COME TAVOLO MEETING O BENCH OPERATIVO (SENZA CONO CENTRALE) O COME TAVOLO SHARING E RECEPTION (CON CONO CENTRALE). PUÒ ESSERE DOTATO DI UTILI CARABOTTINI DI COMPLEMENTO CON FUNZIONE DI PORTAFIORI, PORTAOGGETTI E PORTADOCUMENTI


INSIDE

WORKPLACES

D

opo un recente restyling, Newform Ufficio rilancia la collezione Opera i cui elementi iconici sono la scrivania e la libreria, caratterizzate da una leggera ma elaborata struttura in alluminio. Una linea che oggi si arricchisce di nuove soluzioni capaci di coniugare design e praticità, a partire da finiture inusitate, come il Fenix NTM, fino ad arrivare ai moduli di allungo per le scrivanie e ai contenitori dorsali che permettono di unire più piani di lavoro e offrono anche comode sedute. Contenitori che si rivelano particolarmente funzionali poiché bifacciali: grazie alla loro struttura personalizzabile, infatti, si può accedere a ogni lato dei vani, consentendo così una più versatile distribuzione delle scrivanie nello spazio. Opera diviene quindi una linea di arredo per ufficio adatta a qualsiasi esigenza di spazio e di stile. Elegante ed essenziale è ideale per ambienti direzionali o di rappresentanza, ma al tempo stesso dotata di funzionalità e soluzioni che la rendono perfetta anche per sale riunioni, aule didattiche o contemporanei spazi coworking. newformufficio.aranworld.it

• 212

O

MINIMAL E FUNZIONALE Opera, disegnata da Riccardo Vincenzetti, è una delle collezioni più versatili di NEWFORM UFFICIO. Nata all’insegna del minimalismo e della funzionalità e adatta a qualsiasi esigenza di spazio e stile • txt Marta Germani


INSIDE

WORKPLACES

OFFICE CHAIRS AND MORE VIGANÒ OFFICE presenta un nuovo brand, inedite collezioni e un importante progetto di restyling della propria immagine a firma di Basaglia + Rota Nodari • txt Vittoria Baleri

S

tart-in, ovvero un restyling totale ma nel rispetto delle proprie origini. Proprio come succede a livello macro quando per riqualificare una città se ne rispetta il tessuto senza snaturarne la struttura e dando valore all’esistente. Questo il concept di Alberto Basaglia e Natalia Rota Nodari per valorizzare Viganò & C. e i suoi prodotti, portando freschezza e nuova progettualità. Un ampio restyling che ha riguardato il brand, una nuova immagine grafica e, non ultimo, un catalogo arricchito da nuovi prodotti il cui filo conduttore è il colore, fresco, dinamico e contemporaneo. Tra questi, il divano George, che partendo da un semplice modulo di base permette di comporre infinite soluzioni - dal pouf al divano angolare - e con una modularità pensata anche in altezza grazie all’impilabilità di tre diversi elementi. Innovativo anche il pouf Tommy, caratterizzato da un taglio sinuoso che permette di riporre un giornale o di accogliere un tavolino con caricatore per smartphone a induzione e connettore usb integrato. Infine, lo spazio di conversazione e lavoro può essere completato con la seduta Milly, disponibile in differenti finiture e in una palette colori praticamente infinita. www.viganooffice.it

O


INSIDE

WORKPLACES

SPAZI D’ATTESA TECNO trasforma i micro-ambienti in postazioni smart e i non-luoghi in spazi di attesa, condivisione o relax • txt Vittoria Baleri

T

ecno progetta sistemi di sedute per gli spazi dell’attesa, per accogliere le persone e farle stare bene nei momenti di pausa. Arredi per riposare, chiacchierare, leggere, lavorare, adatti a tutte le dimensioni, i contesti e le latitudini, progettati per assicurare performance tecniche ma pensati anche tenendo conto delle diverse abitudini sociali e di lavoro.

• 214

Sedute che raccontano di ergonomia (devono essere comode), funzione (bisogna poterle pulire, mantenere, spostare, assemblare, riconfigurare), durabilità (perchè collocate in aree ad alta frequentazione) e sicurezza (nessun dettaglio costruttivo può essere trascurato). Collezioni pensate per favorire le relazioni o, al contrario, per garantire la privacy: disponibili

in un’ampia gamma di versioni, declinano linguaggi progettuali eterogenei. Aree comuni e spazi di attesa si possono così configurare in modo tradizionale con divanetti, panche e poltroncine imbottite oppure trasformarsi in rilassanti e contemporanee zone lounge con ottomane, pouf, chaise longue e composizioni più informali e destrutturate. www.tecnospa.com

O


INSIDE

WORKPLACES

NELLE IMMAGINI L’INSTALLAZIONE ICONICA INCLUSIVE WORLD@WORK REALIZZATA DALLO STUDIO D’ARCHITETTURA MILANESE PRINCIPIO ATTIVO ARCHITECTURE GROUP CHE SARÀ IL CUORE DELL’ALLESTIMENTO DI ALL AROUND WORK

ALL AROUND WORK Progettazione, creatività e innovazione: a Milano una nuova manifestazione dedicata all’evoluzione degli ambienti lavorativi. Dal 28 al 30 maggio 2020 nello spazio Megawatt Court • txt Agnese Lonergan

V

ersatile, dinamico, connesso e orientato al benessere delle persone: sono questi gli elementi da cui partire per ripensare lo spazio lavorativo di domani. Nell’era della digitalizzazione, l’introduzione di tecnologie sempre più avanzate, la flessibilità del lavoro e l’attenzione alla sostenibilità degli ambienti e alla salute di chi vive questi luoghi ha favorito non solo la crescita di smartworking e workplace on demand, ma anche un più generale cambiamento nel modo di intendere e di vivere gli spazi lavorativi. Per conoscere da vicino l’evoluzione del mercato e rispondere alle esigenze di progettazione di nuovi modelli organizzativi

per l’ufficio e il lavoro - individuale o condiviso - che favoriscano produttività, collaborazione, creatività e benessere, nasce All Around Work - Designing the future, il nuovo appuntamento biennale che debutterà a Milano dal 28 al 30 maggio 2020 presso l’innovativo spazio Megawatt Court, nel distretto Around Richard lungo il Naviglio Grande. Ideato dagli architetti Alfonso Femia e Marco Predari e organizzato da Events Factory, divisione del Gruppo Bologna Fiere, con il patrocinio ADI - Associazione per il Design Industriale, IACC - Italian American Chamber of Commerce Chicago Midwest e Associazione Around Richard, All Around Work si propone come luogo di incontro fra domanda e offerta in uno scenario in cui, sempre più spesso, non è l’azienda a cercare clienti, ma sono le esigenze di questi ultimi a generare domanda e nuove opportunità. Una manifestazione che metterà in risalto la stretta relazione esistente fra il mondo del progetto d’architettura, la razionalità dell’ingegneria e la competenza degli specialisti tutti coesi per la crescita

qualificata del costruito e della qualità ambientale operativa. Caratterizzato da un allestimento fluido e dinamico, il percorso espositivo si svilupperà su 3.000 mq di superficie su cui troveranno spazio studi di architettura e ingegneria, general contractor, produttori di arredamento per uffici e soluzioni high tech che coinvolgeranno addetti ai lavori e pubblico nel processo conoscitivo di un mercato in continua trasformazione, per offrire possibilità concrete di business e creare contatti personalizzati in base alle specifiche esigenze. Avvalendosi dell’esperienza e della professionalità di un comitato di indirizzo composto di personalità del mondo dell’architettura, dell’ingegneria, del design e dei servizi, i tre giorni della manifestazione saranno accompagnati da un ricco calendario di eventi, che alternerà incontri, panel e workshop sulle nuove modalità, forme e soluzioni per gli ambienti di lavoro del futuro. O www.allaroundwork.it


INSIDE

MAKING OF

SKYCONCRETE

Il nuovo basso spessore cementizio (anche) per grandi spazi. La versatilità e la resistenza del cemento creativo effetto nuvolato di ISOPLAM è protagonista in un elegante showroom a Treviso • txt Marta Germani

R

esine e cementi resina a basso spessore sono soluzioni sempre più richieste per la loro capacità di garantire versatilità e personalizzazione cromatica, rivestendo pavimenti sia nuovi che da ripristinare con tempi e costi contenuti. Non sempre, purtroppo, queste soluzioni mantengono le promesse, soprattutto quando devono rispondere alle esigenze dei grandi spazi e a quelle del settore contract. Alla luce dei suoi 40 anni di esperienza nella produzione di pavimenti in cemento e rivestimenti decorativi, Isoplam ha sviluppato Skyconcrete, un innovativo rivestimento a bassissimo spessore che soddisfa due aspetti fondamentali in contesti civili e commerciali: effetto estetico ed elevata resistenza. Con soli 4 mm di spessore e 36 varianti cromatiche disponibili, Skyconcrete permette di personalizzare ampi spazi, sia residenziali che ad alto traffico, con superfici continue indoor e outdoor senza fughe che uniscono il mood industrial dell’effetto nuvolato a straordinarie doti di resistenza. Infatti, tutti i test ai quali Isoplam ha sottoposto il prodotto hanno

• 216

confermato le sue ottime performance: risponde ottimamente allo stress meccanico da compressione, flessione e usura, ha buona resistenza termica, è idrorepellente all’acqua e ha grande forza di aderenza ai materiali più differenti, dal massetto alle piastrelle. Skyconcrete, inoltre, dà prova della propria qualità in ogni ambiente, ma è proprio nei contesti a medio e alto traffico che la sua sintesi di estetica e robustezza si esprime al meglio. Lo dimostra la scelta di Gaber, importante azienda di interior design, che ha rivestito gli oltre 1000 metri quadrati del suo nuovo showroom in provincia di Treviso con Skyconcrete. La volontà di conferire all’ambiente uno stile industrial e la necessità di muovere frequentemente oggetti e pezzi di arredamento senza il pensiero di rovinare la superficie hanno trovato risposta ideale nell’effetto nuvolato di Isoplam. Una bellezza che dura nel tempo, creando un’atmosfera suggestiva e accogliente, ideale per pavimenti e superfici orizzontali in spazi commerciali, uffici, showroom, hotel, resort, spazi espositivi e museali. O www.isoplam.it


INSIDE

MAKING OF

IN&OUT DESIGN PRATIC firma un’esclusiva realizzazione custom nel centro di Stoccolma e con la pergola bioclimatica Vision offre riparo e protezione a uno dei rooftop bar più suggestivi della città • txt Vittoria Baleri

N

el cuore del distretto economico di Stoccolma, all’ultimo piano di un moderno palazzo, si trova uno dei rooftop bar più suggestivi della città: quello di TAK Restaurant, locale rinomato per la sua ricercata cucina d’ispirazione fusion giapponese. Una location esclusiva, dalla quale si può ammirare lo skyline della capitale svedese e l’incanto unico dei tramonti nordici. Il tutto nel comfort ineguagliabile di una pergola Vision firmata Pratic. Il ristorante ha infatti scelto di trasformare questo ampio spazio outdoor in una location glamour e riservata, fruibile in ogni occasione e con differenti modalità. Durante il giorno l’ampia terrazza offre un’atmosfera informale e rilassata, mentre alla sera il bar ospita aperitivi alla moda ed

eventi privati in grado di accogliere fino a 400 ospiti. Grazie alla tecnologia bioclimatica della pergola Vision, è stato creato un ambiente protetto e riparato che mantiene intatte le peculiarità della terrazza e il suo fantastico affaccio sul centro cittadino. Quattro moduli affiancati coprono una superficie di 112,5 metri quadrati, lasciando scoperto parte del rooftop, caratterizzato da un arredamento dallo stile moderno e da un’elegante pavimentazione in legno che prosegue anche all’interno della pergola, creando così grande continuità tra gli ambienti. Un confine tra spazi interni ed esterni che svanisce anche grazie alle vetrate perimetrali Slide Glass che consentono di vivere appieno l’esperienza open air anche

quando vengono chiuse. Un raffinato “in&out design” sottolineato da scelte d’arredo che si ispirano ai classici vintage del mondo outdoor, come poltroncine e sedie sdraio in legno circondate da rigogliose piante ornamentali. All’interno della struttura, dal design minimale e dalla raffinata colorazione avorio, il comfort climatico è assicurato - in ogni stagione - dalla copertura con lame orientabili fino a 140 gradi, che consentono il ricircolo naturale dell’aria e perfetta protezione dagli agenti atmosferici. E a rendere ancora più accogliente l’ambiente concorre un’illuminazione calda e soffusa, data dai led perimetrali integrati alla pergola e da eleganti lampade in tessuto. O www.pratic.it


INSIDE

DESIGN

DIECI ANNI DI DOLL Evolutasi nel tempo in una collezione completa che comprende anche sgabelli, poltroncine, poltrone, tavoli e tavolini, Doll di BILLIANI è una sedia camaleontica, che nel 2020 festeggia il suo decimo anniversario • txt Agnese Lonergan

È

nel 2010 che prese il via la prolifica collaborazione tra l’architetto e artista bolognese Emilio Nanni e Billiani, anno in cui nacque l’ormai celebre sedia in legno Doll. “Valutare un primo schizzo con un designer come Nanni e svilupparlo dando un contributo tecnico nella scelta degli elementi strutturali, che assolvono alla loro vitale funzione, è stato un processo vincente, che ha portato Doll a essere il best seller di Billiani”. Queste le parole di Luigi Billiani, che all’edizione 2020 della Stockholm Furniture Fair ha celebrato insieme al pubblico il decimo anniversario della famiglia prodotto. Doll, infatti, ha fatto il suo primo ingresso nel mondo del design in occasione della 49esima edizione del Salone del Mobile di

• 218


Milano, proposta nella versione originale, in legno di faggio, e con struttura in metallo, impilabile. Doll ha subito colpito il pubblico per la sua generosa seduta, l’equilibrata apertura delle gambe posteriori e l’eccezionale proporzione dello schienale, che insieme creano una forma scandinava, fortemente voluta dal suo designer. Ma la semplicità di Doll è solo apparente, poiché cela preziose tecniche d’esecuzione, come gli incastri a coda di rondine che legano lo schienale alle gambe posteriori, o i tressi curvati a vapore, perfettamente essiccati, che alleggeriscono l’insieme senza compromettere solidità e comfort. Evolutasi nel tempo in una collezione completa che comprende anche sgabelli, poltroncine, poltrone, tavoli e tavolini, Doll è una sedia camaleontica, capace di cambiare stile al cambiare del contesto grazie alla palette di colori e alla varietà di tessuti disponibili per la versione rivestita. Un’ampia scelta di finiture che spazia anche tra le essenze del legno: Billiani, infatti, ha recentemente presentato anche una nuova Doll in frassino, arricchita dalla crociera. E a regalare un risultato ancora più raffinato, nella nuova versione lo spessore della spalliera via via si restringe nella parte superiore. Essenziale, elegante, versatile e per sempre contemporanea: buon compleanno Doll! O www.billiani.it


INSIDE

HIGHLIGHTS

RGM arreda ogni spazio esterno coprendo, ombreggiando e chiudendo con pergotende e pergole bioclimatiche automatizzate e personalizzabili con sistemi di chiusura e illuminazione • txt Emma Sarzi Sartori

CHIUDERE SPAZI APRIRE ORIZZONTI A

mpliare i confini del tempo e dello spazio all’aria aperta, contribuire a una nuova visione del vivere contemporaneo, aumentare il comfort coniugandolo con un design essenziale ma ricercato, per recuperare il gusto di vivere all’aperto, in tutte le stagioni dell’anno. È questa la missione di RGM, che arreda ogni spazio esterno coprendo, ombreggiando e chiudendo con pergotende e pergole bioclimatiche di ultima generazione, completamente automatizzate e personalizzabili con sistemi di chiusura e illuminazione. Nata da un’esperienza ultraventennale nel settore delle tende da sole, RGM ha fatto dell’integrazione

della filiera produttiva un punto fermo della sua filosofia aziendale: dalla fusione dell’alluminio all’allestimento del prodotto finito, ogni fase viene gestita internamente assicurando qualità e funzionalità di ogni realizzazione. Grazie a soluzioni modulari autoportanti o addossate, con teli retrattili o lamelle orientabili, RGM è in grado di soddisfare un ampio ventaglio di esigenze, garantendo sempre bellezza e comfort assoluto. Che siano estensioni di uno spazio interno o installazioni autoportanti all’interno di giardini o grandi spazi aperti, ogni realizzazione può essere completata con sistemi di chiusura che permettono di potenziarne la funzionalità e la vivibilità

in ogni stagione. Vetrate panoramiche scorrevoli in vetro temperato da 10 mm per garantire un’ottima protezione e isolamento o pratici sistemi con teli verticali in PVC perfetti per gli outdoor di bar e ristoranti. Costante anche lo sviluppo di nuovi prodotti, soluzioni e sistemi brevettati come Soraya, un cassonetto che coniuga un sistema di chiusura con scorrevole in vetro temperato e una zanzariera ombreggiante, per proteggere dal vento, dal sole e dagli insetti. Inoltre, colori, luci, decorazioni in ceramica, legno o metallo personalizzano ogni realizzazione RGM e la coordinano al contesto rendendola davvero unica. O www.rgmitalia.it

GRAZIE ALLE LAMELLE ORIENTABILI DA 0 A 135 GRADI, ALLA SILENZIOSITÀ DEGLI AUTOMATISMI, ALLA MODULARITÀ E ALLE DIVERSE CONFIGURAZIONI DISPONIBILI LE BIOCLIMATICHE CLIMAX SI ADATTANO A OGNI PROGETTO MODULANDO LA LUCE DEL SOLE E REGOLANDO IL FLUSSO DELL’ARIA PER SFRUTTARE AL MEGLIO LE CONDIZIONI ATMOSFERICHE E CREARE UN MICROCLIMA SU MISURA

• 220


INSIDE

HIGHLIGHTS

MASSIMO ISOLAMENTO MINIMO SPESSORE AGC presenta Fineo: il vetro sottovuoto dallo spessore ultra slim che si distingue per le elevate prestazioni energetiche e le eccellenti caratteristiche estetiche • txt Roberta Bonanno

A

GC Glass Europe, leader europeo nella produzione di vetro piano, conferma ancora una volta la sua vocazione all’innovazione e presenta Fineo: il vetro sottovuoto di ultima generazione dallo spessore ultra slim che garantisce massimo comfort ed elevate prestazioni in termini di isolamento. Grazie all’unità di produzione avanguardistica sviluppata congiuntamente da AGC e Panasonic, Fineo si distingue per le straordinarie prestazioni energetiche, che permettono di avere un impatto positivo

sul bilancio energetico degli edifici, e per le eccellenti caratteristiche estetiche. Il suo profilo sottile consente di integrarlo facilmente nei telai esistenti o in nuove vetrate e facciate continue. Diversamente dalle precedenti tecnologie utilizzate per la produzione di vetrate sottovuoto, Fineo, essendo privo di un’apertura di evacuazione visibile, non crea alcun disturbo visivo derivante da componenti strutturali e presenta sigillature del bordo estremamente sottili, garantendo così un’ottima visuale. La particolare composizione del prodotto, costituito da due lastre di vetro separate da un’intercapedine di 0.1 mm di spessore creata tramite sigillature senza piombo sviluppate appositamente per applicazioni sottovuoto, permette di coniugare performance tecniche ed estetiche, conferendo al vetro un aspetto neutro e trasparente e migliori prestazioni in termini di isolamento termico, con un livello costante durante il ciclo di vita dell’involucro edilizio, nessun impatto negativo sulle vetrate

IL PROFILO SOTTILE DI FINEO CONSENTE DI INTEGRARLO IN TELAI ESISTENTI O IN NUOVE VETRATE E FACCIATE CONTINUE

inclinate e minori correnti d’aria fredda e irraggiamento freddo. Realizzato in esclusiva da AGC, Fineo può essere integrato con altre soluzioni multifunzionali della vasta gamma di prodotti dell’azienda, così da combinare nello stesso vetro molteplici funzioni quali controllo solare, sicurezza e isolamento acustico per garantire il massimo comfort abitativo. O www.agc-yourglass.com SOPRA L’AGC TECHNOVATION CENTRE, IL NUOVO CENTRO DI RICERCA E FIORE ALL’OCCHIELLO DI AGC GLASS EUROPE. L’EDIFICIO, SITUATO NEL CUORE DEL PARCO TECNOLOGICO AÉROPÔLE DE GOSSELIES, RIUNISCE CIRCA 250 TRA RICERCATORI, TECNICI E INGEGNERI IMPEGNATI A SVILUPPARE E MIGLIORARE NUOVE TIPOLOGIE DI VETRO, DESTINATE AI SETTORI DELL’AUTOMOTIVE E DELL’EDILIZIA


INSIDE

SHOW OFF

CARPETS ON DEMAND Versatili e originali, i tappeti di CARPET EDITION possono essere personalizzati nella PLVXUDHQHOGLVHJQRJUD]LHDVSHFLĘ&#x2026;FKH tecniche, in modo da poter creare pezzi unici per progetti custom. Disponibile anche un ampio catalogo di creazioni, con disegni dalle linee ora dolci ora rigorose, FRORULQHXWULREULOODQWLHĘ&#x2026;EUHQDWXUDOL come la lana, la seta di banano, il lino o la FDQDSDRWHFQLFKHFRPHLOSROLHVWHUHRLO poliammide.

UN MORBIDO ABBRACCIO La pluripremiata Net Relax, poltroncina LQUHVLQDĘ&#x2026;EHUJODVVSURGRWWDGDNARDI e decorata con il caratteristico motivo a fori quadrati e raggiati, da oggi può essere corredata da Shell, un morbido ed elegante guscio che avvolge la seduta, vestendola DOODSHUIH]LRQH,OFXVFLQRYDORUL]]DOČśHĘ&#x201E;HWWR estetico della seduta anche grazie allâ&#x20AC;&#x2122;ampia scelta di abbinamenti cromatici disponibili che permette di creare un seducente HĘ&#x201E;HWWRFRQWUDVWRWUDLPERWWLWLQHLFRORUL URVDTXDU]RGHQLPHJULJLRHVWUXWWXUD declinabile in bianco, antracite, tortora, corallo, senape e salice. â&#x20AC;˘ 222

PIENI E VUOTI Dalla collaborazione tra CERAMICA BARDELLI e Meneghello Paolelli Associati nasce ZIP, una nuova collezione che interpreta in maniera audace il rivestimento ceramico dâ&#x20AC;&#x2122;autore. /HSLDVWUHOOHLQJUHVSRUFHOODQDWRUHWWLĘ&#x2026;FDWR FRQIRUPDWRʢFPHʢFPVRQR disponibili anche nella versione con bordi sagomati, tra loro perfettamente modulari SHUUHDOL]]DUHLQĘ&#x2026;QLWLJLRFKLFRPSRVLWLYLH inusuali alternanze di pieni e vuoti. Ideale sia per la posa a pavimento che a rivestimento di ambienti residenziali e spazi contract.

ESOTICO E NATURALE 5DIDHOŠLOQXRYRUDFFRQWRĘ&#x2026;UPDWRGD ETHIMO e Paola Navone che nasce dalla capacitĂ , eccezionale, della designer di reinventare il pensiero estetico e formale di culture e paesaggi lontani, e dalla passione Ethimo di creare un rapporto armonioso tra gli arredi e lâ&#x20AC;&#x2122;ambiente che li circonda. Una collezione di arredi lounge che parte da una suggestione esotica per dare vita a una collezione dallâ&#x20AC;&#x2122;anima eclettica e dai volumi avvolgenti, che sprigiona colore ed energia. La pregiata lavorazione artigianale del teak, del marmo e della pietra lavica si unisce, infatti, alla ricercata proposta cromatica dei tessuti, sempre firmati da Paola Navone.

(,7$*/,$)82&2b Le collezioni di porte GD DORIGO, declinate EI, sono perfette per le strutture ricettive, garantendo il massimo della sicurezza senza trascurare la qualitĂ e lâ&#x20AC;&#x2122;estetica di unâ&#x20AC;&#x2122;ampia varietĂ  di soluzioni tra legno e laminato. In particolare, le porte EI tagliafuoco sono state introdotte per rispettare le norme previste sulla sicurezza contro gli incendi e al contempo garantire un reale impedimento contro OHĘ&#x2026;DPPH(DQFKHVHQRQSUHYLVWRGDOOH attuali norme per le porte EI, GD Dorigo ha eseguito accurati test per cicli di apertura e resistenza ai fumi caldi e freddi superando abbondantemente quanto previsto dalla QRUPDWLYDVSHFLĘ&#x2026;FD

ELEGANZA ESSENZIALE Lâ&#x20AC;&#x2122;architetto francese Arnaud Behzadi, specializzato nellâ&#x20AC;&#x2122;hotellerie up level, ha individuato in RUBINETTERIE STELLA il partner ideale per dare vita a Sirius, una linea di rubinetti dal carattere semplice e puro, in grado di esprimere unâ&#x20AC;&#x2122;allure GLOXVVRHUDĘ&#x2021;QDWH]]DVHQ]DFHGHUHDO virtuosismo. Le forme arrotondate arricchite GDOODUDĘ&#x2021;QDWDWUDPDGHQWHOODWDKDQQRIDWWR ODGLĘ&#x201E;HUHQ]DQHOWUDWWHJJLDUHVLQGDLSULPL disegni, una proposta sobria e garbata, che fonda la sua ricercatezza nella pulizia dello VWLOH'LHFLOHĘ&#x2026;QLWXUHGLVSRQLELOLGDOSUH]LRVR RURDOVHPSOLFHQLFNHOĘ&#x2026;QRDOEURQ]RQHUR e allâ&#x20AC;&#x2122;oro rosa, passando per nero opaco e ottone, e creando, appositamente, la nuova Ę&#x2026;QLWXUDRURLQJOHVHVSD]]RODWRVFHOWDSHU il prestigioso allestimento dellâ&#x20AC;&#x2122;Hotel Grand Powers di Parigi.


REDESIGN BETTEFORM, PIĂ&#x2122; COMFORT IN BAGNO Linee senza tempo, formati versatili, grande idoneitĂ allâ&#x20AC;&#x2DC;uso quotidiano, qualitĂ  durevole e un prezzo abbordabile. La vasca GDEDJQR%HWWH)RUPJLÂĄSURPRVVDDFODVVLFRGHOVHJPHQWR EDVHSHULOEDJQRVLSUHVHQWDGRSRXQLPSRUWDQWHUHVW\OLQJ che ha riguardato, soprattutto, un design piĂš lineare della parte interna, con pareti laterali che ora corrono parallele tra loro invece di rastremarsi verso lâ&#x20AC;&#x2DC;estremitĂ  dei piedi. Il nuovo look cosĂŹ conferito è fresco e moderno e si coniuga FRQXQVLJQLĘ&#x2026;FDWLYRYROXPHFKHRĘ&#x201E;UHDOO XWHQWHHYLGHQWL vantaggi: un poggiaschiena piĂš ampio e una discesa piĂš dolce ed ergonomica che permette una posizione distesa piĂš confortevole e rilassante. wInoltre, BETTE ha lavorato anche VXOODSUHFLVLRQHGLLPPDJLQHGHOOČľDFFLDLRDOWLWDQLRYHWULĘ&#x2026;FDWR 2UDJOLDQJROLGHOODYDVFDVRQRGHĘ&#x2026;QLWLGDXQUDJJLR5 minore, per cui la piastrellatura del supporto si adatta con grande esattezza al motivo. E anche le zone di contatto con gli altri materiali vengono elaborate in maniera ancora piĂš elegante e bella. Davvero ampia anche la gamma di colori, in JUDGRGLDGDWWDUVLDGLĘ&#x201E;HUHQWLDPELHQWLHVXSHUĘ&#x2026;FLQRQFKÂŞDL trend cromatici piĂš attuali. Dodici i formati, che spaziano da Â&#x2DC;PPĘ&#x2026;QRDÂ&#x2DC;PPFRQXQDSURIRQGLWÂĄGL mm, per rispondere alle esigenze sia di bagni compatti che di ambienti piĂš spaziosi, sia in ambito residenziale che contract.


INSIDE

SHOW OFF 1 CLASSIC BLUE ,QIRQGHFDOPDHĘ&#x2026;GXFLDLQYLWDDOODULĘ&#x2020;HVVLRQHH facilita la concentrazione: sono le virtĂš di Classic Blue, eletto da Pantone come Color of the Year 2020. GATTONI RUBINETTERIA, forte della sua ricca JDPPDGLĘ&#x2026;QLWXUHLQWHUSUHWDLOFRORUHGHOOČśDQQRFRQ la nuance blu pastello, che è una delle tinte piĂš in voga nellâ&#x20AC;&#x2122;interior design. Declinabile su tutte le serie Ę&#x2026;UPDWHGD0DUFR3LVDWL&RORU&RORU&XEH&LUFOH &LUFOH7ZR(O\H6RĘ&#x2021;RODQXRYDĘ&#x2026;QLWXUDWUDVIRUPD la leva del miscelatore in elemento di design in grado di vestire il bagno con stile e personalitĂ .

1

2 Lâ&#x20AC;&#x2122;ESSENZA DELLA FORMA /DQXRYDFROOH]LRQH7DEXODĘ&#x2026;UPDWDGD$QJHOHWWL Ruzza Design per CRISTINA RUBINETTERIE, è un prodotto dal design rigoroso ed essenziale, che DPSOLDODJDPPDGLVROX]LRQL&RQWHPSRUDU\/LQHV ,OVXRFRUSRVTXDGUDWRGHOLQHDWRGDXQSURĘ&#x2026;ORQHWWR e forte, è il risultato di un sapiente esercizio stilistico GLVRWWUD]LRQHLQFXLRJQLHOHPHQWRVXSHUĘ&#x2020;XRŠ stato eliminato per concentrarsi sulla pura essenza delle forme. La leva, dalle dimensioni importanti PDGDOSURĘ&#x2026;ORVRWWLOHQDVFHGDXQDWWHQWRVWXGLR di allineamenti e proporzioni, combinando alla perfezione estetica e funzionalitĂ . 3 VERSATILI E COMPONIBILI Moduli, forme e geometrie che si sommano e regalano ogni volta una diversa identitĂ  al corpo scaldante, allâ&#x20AC;&#x2122;insegna della massima customizzazione: è questa lâ&#x20AC;&#x2122;identitĂ  di TUBES, da sempre abituata a relazionarsi con i mondi GHOOČśDUFKLWHWWXUDHGHOO LQWHULRUGHVLJQHDGDJHYRODUH il lavoro del progettista. La facoltĂ  di scegliere tra uno o piĂš moduli, e di posarli in maniera diversa, OČśLQĘ&#x2026;QLWDJDPPDGLFRORULHXQYDVWRFDWDORJR GLDFFHVVRULRĘ&#x201E;URQRDPSLDĘ&#x2020;HVVLELOLWÂĄHOLEHUWÂĄ creativa a ogni progetto contract o residenziale.

2

4

3

4 SLIDING DOORS I sistemi di porte scorrevoli di CASA MODERNA consentono grande libertĂ progettuale nellâ&#x20AC;&#x2122;organizzazione di ambienti open: tracciano lâ&#x20AC;&#x2122;illusione di uno spazio unico pur isolando di fatto le aree, creando cosĂŹ un gioco armonioso di ambienti conviviali e spazi privati. Una collezione che è stata FRPSOHWDPHQWHULQQRYDWDSHURĘ&#x201E;ULUHDGDUFKLWHWWLH interior designer unâ&#x20AC;&#x2122;ampia varietĂ  di soluzioni e, al contempo, massima possibilitĂ  di personalizzazione. Nellâ&#x20AC;&#x2122;immagine la porta scorrevole sospesa modello Zelo in alluminio antracite con vetro retinato. 5

Č˝

5 INFORMALE E SENZA TEMPO -R\FHŠXQDQXRYDFKDLVHORQJXHFRQWUDGGLVWLQWD da uno spirito contemporaneo e moderno che va ad aggiungersi allâ&#x20AC;&#x2122;omonima collezione di MORELATO. Disegnato sempre da Libero Rutilo, il nuovo modello viene proposto con struttura in frassino tornito che circoscrive una seduta informale e senza tempo. Il rivestimento in paglia di Vienna rappresenta una sintesi tra passato e futuro che esprime eleganza, leggerezza e comfort. Il cuscino poggiatesta removibile è rivestito in pelle.


SINTESI TOTAL BLACK Straordinarie performance incontrano la perfezione di un design minimal per riassumersi in Sintesi, il primo tra i sistemi di cottura integrati nati in casa FALMEC, che in un unico corpo combina aspirazione e piano a induzione, grazie a un piano cottura da 88 cm che si integra completamente nel worktop. Una soluzione oggi disponibile anche in versione total black per soddisfare le ultime tendenze, esaltare OHĘ&#x2021;QLWXUHFKLDUHRFURPDWHGHJOLDOWULHOHPHQWLFKHFRPSRQJRQRODFXFLQDRSHU LQWHJUDUVLDQFRUGLSLÂťQHOSLDQRODYRURLQYHWURFHUDPLFD6FKRWWQHURFRQXQHĘ&#x2020;HWWR â&#x20AC;&#x153;vedo-non vedoâ&#x20AC;?. La cornice perimetrale in acciaio inox AISI 304 nero, che â&#x20AC;&#x2DC;abbracciaâ&#x20AC;&#x2122; OD]RQDFRWWXUDRVSLWDQHOODSDUWHVXSHULRUHXQDSSDUDWRDVSLUDQWHGRWDWRGLĘ&#x2C6;DS che si aprono quando la cappa è in funzione per poi chiudersi automaticamente in fase di spegnimento e allineandosi in modo impeccabile al piano a induzione. ,O ULVXOWDWR ÂŞ XQD VXSHUĘ&#x2021;FLH VHQ]D DOFXQ VSHVVRUH FKH FRQVHQWH XQD IDFLOH SXOL]LD e agevola le attivitĂ in cucina. Anche il montaggio risulta semplice poichĂŠ non QHFHVVLWD GL DGDWWDUH LO SLDQR R OȸXWLOL]]R GL VLJLOODQWL SHU XQȸLQVWDOOD]LRQH D Ę&#x2021;OR ,O corpo aspirante si estende in verticale, nella parte posteriore, permettendo cosĂŹ ai fumi di essere aspirati in modo bilanciato e consentendo il massimo sfruttamento dello spazio interno del mobile con un ingombro quasi inesistente.


INSIDE

SHOW OFF

GRANDI LASTRE Le grandi lastre di ITALGRANITI moltiplicano le possibilità espressi ve anticipando le tendenze dellâ&#x20AC;&#x2122;architettura contemporanea. Silver *UDLQH&HSSRGL*UªVRQRPDWHULHXQLFKHSHUIHWWHHLQLPLWDELOLSUR gettate per incontrarsi in abbinamenti dâ&#x20AC;&#x2122;inedita bellezza, assicuran do un design materico impeccabile. In particolare, le lastre Mega in VSHVVRUHPPLPRGXOLWUDGL]LRQDOLHOHVXSHUÊ&#x2026;FLPPSHUHVWHUQR combinano ispirazione e creatività progettuale, valorizzando al mas VLPRODULFFKH]]DFURPDWLFDHJUDÊ&#x2026;FDGHOOHVXSHUÊ&#x2026;FL

RELAX COLLECTION )RUPHHOHJDQWLHGLYHUVLÊ&#x2026;FDWHFDUDWWHUL]]DQROȶLQWHUDOLQHDOHWWLGLDITRE ITALIA. $WWHQ]LRQHSHUOHÊ&#x2026;QLWXUHHFXUDGHLGHWWDJOLVRQRFL³FKHDFFRPXQDXQȶDPSLD VFHOWDGLSURGRWWLFKHULVSRQGRQRDGLÊ&#x201E;HUHQWLHVLJHQ]H1HOODIRWR1DWKDQXQ letto dallâ&#x20AC;&#x2122;iconica struttura in legno, sul cui schienale è teso un foglio di cuoio FKHQHGLVHJQDHGHÊ&#x2026;QLVFHODIRUPDDFFRJOLHQGRLPRUELGLFXVFLQLHUHQGHQ dolo stabile, avvolgente e confortevole.

ORGANIX LOUNGE Tranne forse quelle dellâ&#x20AC;&#x2122;orizzonte, non ci sono linee rette in natura. La maggior parte delle forme organiche, infatti, sono curve o rotonde. Quin di si potrebbe dire che la nuova collezione Organix di ROYAL BOTANIA sia stata ispirata dalla natura stessa. I cuscini dello schienale sono disponi bili con tre diversi raggi di curvatura, raggi che si ritrovano negli otto ele PHQWLGHOOHEDVLLQDOOXPLQLRGRYHSRVVRQRHVVHUHIDFLOPHQWHÊ&#x2026;VVDWLQHOOD SRVL]LRQH GHVLGHUDWD 1H FRQVHJXH FKH OH SRVVLELOL FRQÊ&#x2026;JXUD]LRQL VRQR LQÊ&#x2026;QLWHFRV­FRPHOHFRPELQD]LRQLGHLFRORULGLWHVVXWLHSLDQLLQFHUDPLFD

DETTAGLI SARTORIALI Volumi geometrici, linee pulite e rigorose, ma al contempo morbide, sono i tratti distintivi dei divani Aurae di MAXALTO. Una proposta di grande eleganza formale, con sedute lineari dalla profondità gene rosa completate da morbidi cuscini schienale. Grande lâ&#x20AC;&#x2122;attenzione dedicata ai dettagli sartoriali, con rivestimenti in tessuti esclusivi im SUH]LRVLWLGDSURÊ&#x2026;OLLQHFRSHOOHFKHGLVHJQDQRHVRWWROLQHDQRODIRU PD,OERUGRSHULPHWUDOHLQIHULRUH©LQPHWDOORYHUQLFLDWRQHOOHÊ&#x2026;QLWXUH QLFNHOEURQ]DWRFURPDWRQHURJUDÊ&#x2026;WHHDPEUD

ARTICOLATO E DINAMICO Assimilabile a un progetto di landscape design, dove studiate combinazioni di elementi creano un insieme articolato e dinamico, il sistema di sedute Daniels di MINOTTI disegna le aree living con composizioni inedite, dove curve regolari HGHOOLVVLLQWHUURPSRQRODOLQHDULW¡GHOODFRQÊ&#x2026;JXUD]LRQH,OYDVWRDEDFRGHOSUR JUDPPDFRPSUHQGHDQFKHGLYDQLFKDLVHORQJXHGLSURSRU]LRQLGHFLVDPHQWH generose, con seduta curva.

â&#x20AC;¢ 226


ELEGANTE, PICCOLO E FUNZIONALE Il sistema Fold, disegnato da Emo design per SCARABEO CERAMICHE, nasce dalla volontà di completare la linea di mini lavabi attraverso una soluzione smart e di facile applicazione per piccoli bagni. Ma pur essendo pensato per ambienti compatti, Fold offre un ottimo livello di funzionalità. Infatti, ciascuno dei fogli di lamiera ripiegati in diverse forme può contenere o sorreggere quanto necessario per la cura quotidiana del corpo, mentre la pulizia estetica e la facilità di applicazione sono garantite da un semplice sistema di fissaggio a muro in punti non visibili. Un sistema flessibile che Scarabeo propone in diverse applicazioni ma che può essere liberamente interpretato per personalizzare la stanza da bagno, disponibile nelle finiture grigio, nero opaco e tortora.


INSIDE

SHOW OFF 1 GRANDE SOFFICE /ȶHOHJDQ]DVHQ]DWHPSRGL*UDQGH6RÊ&#x2021;FH richiama la classicità , la sua forma lineare termina in curve morbide che sembrano VFROSLWH8QȶDUFKLWHWWXUDGLVHJQDWD GD)UDQFHVFR%LQIDUªSHUEDRAFKH caratterizza qualsiasi ambiente: colpisce SHUOHVXHGLPHQVLRQLLQJUDQGHVFDODHRÊ&#x201E;UH unâ&#x20AC;&#x2122;inedita esperienza di benessere grazie a un mix di materiali tecnologici e naturali. /ȶLPERWWLWXUD©LQ*HOO\IRDPHSLXPHGȶRFD il risultato è un comfort estremo, mentre il cuscino intelligente permette agli schienali di inclinarsi per il massimo del relax.

1

2 3

4

2 VERSATILE STICKS ,OGHVLJQHU0DVVLPR1DGDOLQLÊ&#x2026;UPD6WLFNV una collezione che MOSAICO+ realizza in grès porcellanato, con un sistema di PDWHULDWH[WXUHIRUPDWLFRORULFKHFRQVHQWH GLSHUVRQDOL]]DUHRJQLVXSHUÊ&#x2026;FLHGD pavimento e rivestimento. La grande novità , infatti, deriva proprio dallâ&#x20AC;&#x2122;utilizzo del grès porcellanato che permette di applicare questo mosaico anche a pavimento, sia in spazi indoor che outdoor. 3 UNA NUOVA PROSPETTIVA Da elemento invisibile e strutturale per la prima volta il telaio dona alla porta presenza e forza espressiva. Lâ&#x20AC;&#x2122;idea prende spunto dalle costruzioni antiche, nelle quali il muro LQFRUULVSRQGHQ]DGHOOHÊ&#x2026;QHVWUHVLSUHVHQWD inclinato, allargandosi verso lâ&#x20AC;&#x2122;interno del vano per convogliare la luce. A questa tecnica si ispira ECLISSE 40 Collection, il primo telaio in alluminio anodizzato che crea VHQVRGLSURIRQGLW¡GDXQODWRGHÊ&#x2026;QLVFHXQD VWURPEDWXUDGLJUDGLGDOOȶDOWURPDQWLHQH ODGLVFUH]LRQHGLXQDSRUWDÊ&#x2026;ORPXURFKH può essere pitturata e mimetizzata come la SDUHWHRULÊ&#x2026;QLWDFRQFDUWDGDSDUDWL 4 IL LEGNO, BENEFICO E NATURALE ,OOHJQRPDVVHOOR©EHQHÊ&#x2026;FRSHUODVDOXWHH favorisce il sonno, e il letto Timberg di ALF DA FRE sfrutta proprio questa sua peculiarità, enfatizzando lâ&#x20AC;&#x2122;idea attraverso due temi essenziali: il materiale naturale e la forma pura. La sua struttura essenziale è concepita per sembrare sospesa da terra e progettata per delineare il materasso e la testiera LPERWWLWDFRPHXQFRUSRÊ&#x2020;XLGRHFRQWLQXR

5

Ƚ

5 DEDICATO ALLâ&#x20AC;&#x2122;OUTDOOR Per non rinunciare alle emozioni del parquet e alla sua innata eleganza, WOODCO ha creato Externo, la soluzione che unisce tecnologia e natura per vivere la passione del legno in ogni tipo di ambiente outdoor, dal bordo piscina al giardino e alla terrazza. 8QDOLQHDKLJKWHFKSHULOGHFNLQJFKHXQLVFH performance meccaniche dâ&#x20AC;&#x2122;eccellenza DOOȶDVSHWWRQDWXUDOHGHOOHVXSHUÊ&#x2026;FLGDQGR vita a un pavimento in composito di grande impatto estetico ed estrema robustezza.


NEW HOSPITALITY ROOMS Il calore del legno di abete e i toni tenui sono ideali per arredare le camere di un hotel o di un bed & breakfast coccolando i clienti. SCANDOLA MOBILI propone diverse soluzioni, adatte per tutte le esigenze. Diverse interpretazioni personalizzate per ODFDPHUDGČśDOEHUJRGLYHUVLĘ&#x2026;ORQLGLJXVWR per accogliere nel massimo comfort e con charme gli ospiti. Camere contract che hanno come comune denominatore il buon gusto, lâ&#x20AC;&#x2122;attenzione per i dettagli, lâ&#x20AC;&#x2122;accostamento cromatico sapiente e discreto. Le soluzioni proposte spaziano da quelle piĂš semplici con letto in legno massello o due letti singoli accostati a quelle piĂš complesse con giroletto imbottito accolto in una piĂš ampia testiera in legno che può fungere anche da comodino. Lâ&#x20AC;&#x2122;armadio battente è sempre ampio e funzionale e non mancano una comoda scrivania, magari con frigobar, e lâ&#x20AC;&#x2122;indispensabile portavaligie.


INSIDE

SHOW OFF

62/8=,21(:$/.ʲ,13(5È·3,&&2/($5&+,7(7785(ȸ Libero 5000, una delle cabine doccia più iconiche della produzione DUKA, nota per lâ&#x20AC;&#x2122;eccezionale pulizia estetica e il perfetto equilibrio formale che la rendono ideale per arredare qualsiasi ambiente bagno o wellness, residenziale o contract, è ora disponibile nella versione Inlab, per creare nuove DÊ&#x201E;DVFLQDQWLFRQÊ&#x2026;JXUD]LRQL/LEHUR,QODE©FRV­LOQRPHGHOODQXRYDSURSRVWD:DON,QȵVDOYDVSD]LRȶLQWHOOLJHQWHHGHVWUHPDPHQWHIXQ]LRQDOH GRWDWDGLXQRVSHFLDOHVLVWHPDGLDSHUWXUDSHUFXLODSRUWDVFRUUHQGRVFRPSDUHFRPSOHWDPHQWHGLHWUROȶHOHPHQWRÊ&#x2026;VVR/DQXRYDFDELQDGRFFLD si rivela quindi una soluzione ottimale per la progettazione di ambienti bagno di piccole e medie dimensioni, dove diventa il punto focale e FDUDWWHUL]]DQWHGHOORVSD]LR/HGRFFH:DON,QLQIDWWLDELWXDOPHQWHULFKLHGRQRSLºVSD]LRGLXQDWUDGL]LRQDOHFDELQDPD'XNDFRQTXHVWDQXRYD versione porta il comfort, la bellezza e le caratteristiche di elevata qualità di Libero 5000 anche nelle â&#x20AC;&#x2DC;piccole architettureâ&#x20AC;&#x2122;. Inoltre, lo scorrimento OHJJHURHÊ&#x2020;XLGRGHOOȶHOHPHQWRSRUWDFKHVLSRVL]LRQDGLHWURLOODWRÊ&#x2026;VVRDVVLFXUDXQDFFHVVRVHPSUHFRPRGRHDJHYROH(GXUDQWHODGRFFLDTXDQGR lâ&#x20AC;&#x2122;elemento è chiuso, senza creare sovrapposizioni, consente maggiore protezione dagli spruzzi dâ&#x20AC;&#x2122;acqua. Libero 5000 Inlab, con vetro di sicurezza GDPPSDUWLFRODUPHQWHUHVLVWHQWHDJOLXUWLHTXLQGLLGHDOHSHUODFROORFD]LRQHLQDPELHQWLFRQWUDFWHKRVSLWDOLW\©DQFKHGRWDWDGHOVLVWHPD$&6 DXWRPDWLFFORVH VWRSJUD]LHDOTXDOHFRQXQVHPSOLFHJHVWROȶHOHPHQWRSRUWDVFRUUHJUDGXDOPHQWHÊ&#x2026;QRDOODFRPSOHWDDSHUWXUDHFKLXVXUDGHOOD FDELQD7UHOHSRVVLELOLW¡GLLQVWDOOD]LRQHSHUVRGGLVIDUHTXDOVLDVLHVLJHQ]DHVWHWLFDHSURJHWWXDOHFRQSURÊ&#x2026;ORDSDUHWHVHQ]DSURÊ&#x2026;ORVROX]LRQHD WXWWRYHWURFRQHOHPHQWLGLÊ&#x2026;VVDJJLRDSDUHWHHFRQSURÊ&#x2026;ORLQWHJUDWRQHOODSDUHWHXQDQXRYDPRGDOLW¡GLLQVWDOOD]LRQHJUD]LHDOODTXDOHODFDELQD GRFFLDYLHQHÊ&#x2026;VVDWDDSDUHWHFRQXQSURÊ&#x2026;ORLQWHJUDWRQHOPXURHVDOWDQGRQHLOGHVLJQSXURHPLQLPDOH,QROWUHOHGLÊ&#x201E;HUHQWLÊ&#x2026;QLWXUHGHOYHWURGDO WUDVSDUHQWHDOVDWLQDWRGDOFURPDWRFRQHÊ&#x201E;HWWRVSHFFKLRDOVHULJUDIDWRRÊ&#x201E;URQRLQÊ&#x2026;QLWHSRVVLELOLW¡GLSHUVRQDOL]]D]LRQHGHOORVSD]LREDJQR

â&#x20AC;¢ 230


DOCCE â&#x20AC;&#x153;OPEN AIRâ&#x20AC;? IN ACCIAIO INOSSIDABILE Rinfrescarsi dalla calura estiva, lavare via dalla pelle il cloro della piscina o la crema solare: un semplice e rigenerante rituale che può avvenire a bordo piscina, nel verde di un giardino, sotto un portico o sulla spiaggia vista mare o lago immersi nei colori della natura. Proprio per rendere piĂš piacevoli e confortevoli questi momenti, DAMAST propone docce per esterno freestanding e funzionali, in grado di soddisfare RJQLWLSRGLHVLJHQ]D'XHLPRGHOOL/LOLWKHG(YDUHDOL]]DWLLQDFFLDLRLQRVVLGDELOH$,6,/VSD]]RODWRXQPDWHULDOHHFRORJLFRUREXVWR salutare ed eterno, in grado di assicurare massima resistenza alla corrosione degli agenti atmosferici e ai cloruri nel caso di installazioni in ambienti marittimi o a bordo piscina. Massima anche lâ&#x20AC;&#x2122;attenzione al design: Lilith ed Eva sono caratterizzate da linee moderne ed essenziali, FRQWHPSRUDQHHHWUHQG\LQJUDQGRGLYHVWLUHFRQVWLOHDQFKHJOLVSD]LRXWGRRU


ENGLISH TXT

P. 62 â&#x20AC;¢ SCREENS AND PLANTS Space, function, well-being, light and rhythm are among the guiding principles followed by Studio VDGA for Star Engineersâ&#x20AC;&#x2122; production complex in Hanoi, winner of the 2019 Dezeen Award in the business building category â&#x20AC;&#x153;Architecture is an experience that involves space, function, light, VWUXFWXUHYROXPHUK\WKPDQGÊ&#x2026;QDOO\DVHQVHRIZHOOEHLQJDQGMR\ IRUWKRVHZKRXVHLWȹVD\V%DONULVKQD'RVKL3ULW]NHU3UL]HZLQQHU DQG'HDQRI,QGLDQ$UFKLWHFWVLQDERRNLQWHUYLHZZLWK$SXUYD%RVH 'XWWDRQWKHVHYHQWHHQPRVWLQÊ&#x2020;XHQWLDODUFKLWHFWVRI,QGLDSXEOLVKHG LQ$QGWKHVHDUHWKHVDPHJXLGLQJSULQFLSOHVWKDWZHÊ&#x2026;QGLQWKH 9'*$VWXGLRȶVSURMHFWIRUDSURGXFWLRQFRPSOH[LQ+DQRL9LHWQDP7KH client, Star Engineers, is a company that produces electronic systems IRUWKHDXWRPRWLYHVHFWRUZLWKLWVKHDGTXDUWHUVDQGUHVHDUFKFHQWUH LQ3XQHDQGIDFWRULHVLQWKHVWDWHRI0DKDUDVKWUD,WVXSSOLHVFRPSR QHQWVIRU+RQGD6X]XNL+DUOH\'DYLGVRQDQG3LDJJLRZKLOHWKHSDUW QHULQFKDUJHRIWKHGHVLJQ6WXGLR9'*$ZDVIRXQGHGE\'HHSDNDQG 9DUVXKD*XJJDULLQ3XQHLQ,WGHDOVZLWKDUFKLWHFWXUHDQGLQWH ULRUGHVLJQDQGDVWKH\WKHPVHOYHVVWDWHȸDLPVWRFUHDWHVLJQLÊ&#x2026;FDQW and timeless spaces that induce harmony, happiness and peace in the OLYHVRIWKRVHZKROLYHWKHUHȹ7KHDVVLJQPHQWLQYROYHGWKHFRQVWUXFWLRQ RI D IDFWRU\ DGPLQLVWUDWLYH RÊ&#x2021;FHV DQG VHUYLFHV IRU D WRWDO RI  VTXDUHPHWHUV7KHRÊ&#x2021;FHVDQGVHUYLFHVRFFXS\WKHÊ&#x2026;UVWVSDQWRZDUGV WKHVWUHHWRIWKHFRPSOH[DQGDUHGLYLGHGLQWREORFNVVHSDUDWHGE\Ê&#x2026;YH FRXUW\DUGV7KHRÊ&#x2021;FHYROXPHFRQVLVWVRID&VKDSHGFRQFUHWHHQYH ORSHWKDWGHÊ&#x2026;QHVWKHURRIDQGVLGHZDOOVLQVLGHZKLFKWKHPDLQIDFDGH DQGWKHVFUHHQRISHUIRUDWHGPHWDOSDQHOVVXUURXQGHGE\ULFKYHJHWD WLRQDUHGHYHORSHGZKLOHDVFUHHQRIZDWHUDFFRPSDQLHVWKHSHULPHWHU 7KHFRQFUHWHURRIVKDGHVWKHWHUUDFHRQWKHÊ&#x2026;UVWÊ&#x2020;RRUZKLFKLVDYHU\ FRPIRUWDEOH RSHQ VSDFH ZLWK TXDOLWLHV UHPLQLVFHQW RI WKH WHUUDFH RI /H&RUEXVLHUȶV&KDQGLJDUK0XVHXPRI$UFKLWHFWXUH7KHZRUNLQJHQYL URQPHQWVDUHFRQFHLYHGDVLQWURYHUWHGVSDFHVZKHUHQDWXUDOHOHPHQWV DOWHUQDWHZLWKLQWHULRUVSDFHV,QIDFWORRNLQJWKURXJKWKHRÊ&#x2021;FHVRQH FDQVHHWKHJUHHQODQGVFDSHRIWKHFRXUW\DUGVWKHVFUHHQRIZDWHU DQGWKHFRORXUVRIWKHFODGGLQJXQGHUDYHU\HÊ&#x201E;HFWLYHVWUDWHJ\IRUD

EXLOGLQJLQDQLQGXVWULDODUHDZKHUHWKHGLUHFWYLHZRIWKHVXUURXQG LQJ ODQGVFDSH LV KDUGO\ VDWLVI\LQJ ,Q DGGLWLRQ WKH FRXUW\DUGV DQG FRORXUIXO SDQHOV DUH ZHOO VXLWHG WR +DQRLȶV SDUWLFXODU FOLPDWH ZKHUH VXPPHUVDUHKRWDQGVXOWU\DQGZLQWHUVFORXG\DVWKHGU\PRQVRRQ IURPWKH$VLDQFRQWLQHQWFROOLGHVZLWKWKHPLOGHUDQGZHWWHUDLURIWKH *XOIRI7RQNLQ7KXVLQVXPPHUWKHFRXUW\DUGVNHHSWKHRÊ&#x2021;FHDUHDV FRRODQGWKHVFUHHQVSURWHFWWKHURRPVIURPVXQOLJKWZKLOHLQZLQWHU WKHVDPHFRXUW\DUGVEULQJQDWXUDOOLJKWLQWRWKHZRUNVSDFHVDQGWKH VFUHHQVOLJKWXSWKHJUH\VNLHVZLWKFRORXU$WWHQWLRQWRHQYLURQPHQWDO issues and climate factors also characterises the interior design choic HVWKHHOHPHQWWKDWFRQFOXGHVWKHHQWUDQFHOREE\LVDEULFNZDOOZLWK LQWHJUDWHGFRROLQJV\VWHPFRQVLVWLQJRIWKLUW\VHYHQFRXUVHVRIVROLG DQGSHUIRUDWHGEULFNVODLGDFFRUGLQJWRGLÊ&#x201E;HUHQWZHDYLQJVDQGZLWK SURWUXGLQJHOHPHQWVZKLFKJLYHWKHVXUIDFHDWH[WLOHORRN%HKLQGWKH FRXUVHVRIWKHXSSHUSHUIRUDWHGEORFNVUXQWKHGXFWVRIWKHDLUFRQGL WLRQLQJV\VWHPVRWKDWWKHEORFNVWKHPVHOYHVDFWDVGLÊ&#x201E;XVHUV$OVRLQ EULFNDUHWKHQRQVWUXFWXUDOZDOOVDQGWKHZDOOVWKDWGHOLPLWWKHÊ&#x2026;OWHU VSDFHVEHWZHHQWKHRÊ&#x2021;FHVDQGWKHIDFWRU\ZKRVHWH[WXUHFRQWUDVWV ZLWKWKHVLPSOLFLW\RIWKHRWKHUFRQVWUXFWLRQHOHPHQWVÊ&#x2020;RRUVFHLOLQJV DQGVLGHZDOOVLQFRQFUHWHZLWKH[SRVHGV\VWHPV7KHEDODQFHEHWZHHQ WKHQHXWUDOHOHPHQWVRIWKHEDFNGURSDQGWKHDFFHQWLQJHOHPHQWVRI WKH FRPSRVLWLRQ DOORZV 6WXGLR 9'*$ WR HQKDQFH WKH WH[WXUHV RI WKH EULFNVDQGWKHFRORXUVRIWKHH[WHUQDOID¨DGHZKLFKWKHVWXGLRGHÊ&#x2026;QHV DVEUHDWKLQJZDOODQGZKRVHSDOHWWHLVRIORFDORULJLQ7KHEXLOGLQJKDV DULFKVSDWLDOLW\EHFDXVHIURPDOOSRLQWVRQHFDQJUDVSWKHPXOWLSOLFL W\RIHOHPHQWVIXUQLWXUHWH[WXUHFRORXUYHJHWDWLRQDQGHYHU\ZKHUH WKHUHDUHHOHPHQWVRIWKHRXWGRRUVSDFH7KHOLJKWPRUHRYHUKDVWKDW PDJLFDOLQWHQVLW\W\SLFDORIZKHQLWSHQHWUDWHVWKHVSDFHVDGHTXDWH ly underlining the architectural details, as in the case of the concrete VWDLUFDVHZLWKVWHHOURGSDUDSHWSUHFHGLQJWKHHQWUDQFHOREE\WRWKH SURGXFWLRQGHSDUWPHQWVO

P. 72 â&#x20AC;¢ CONCEPT RESTAURANT Gastrotavern, cocktail bar, vinyl shop and live music space: Studio Q-Bic by Moebius is a new concept restaurant combining design and haute cuisine 8SRQHQWHULQJ\RXDUHLPPHGLDWHO\VWUXFNE\WKHJLJDQWLFȸOLTXRUOL EUDU\ȹ D ODUJH JODVV FXEH VXVSHQGHG IRXU PHWUHV IURP WKH JURXQG DQGDQLPSRVLQJFHQWXULHVROGROLYHWUHH,QWKHSRVWLQGXVWULDOFRQWH[W RIDIRUPHUIDEULFZDUHKRXVHDIHZVWHSVIURP0LODQȶV&HQWUDO6WD WLRQLV0RHELXVDFKDPHOHRQOLNHDQGLULGHVFHQWFRQFHSWUHVWDXUDQW FDSDEOHRIFKDQJLQJLWVVNLQDFFRUGLQJWRWKHSHUVSHFWLYHDQGWLPHRI GD\'HVLJQHGE\6WXGLR4ELFGLUHFWHGE\EURWKHUV/XFDDQG0DUFR %DOGLQL0RHELXVLVDOODWRQFHDJDVWURWDYHUQWDSDVEDUFRFNWDLOEDU YLQ\OVKRSDQGOLYHPXVLFVSDFH%XWLWȶVDOVRDSODFHWRVWRSDQGUHDG VWXG\ DQG OLVWHQ WR PXVLF 7KH SODFH HFKRHV WKH VWDJH QDPH RI WKH ODWH)UHQFKFDUWRRQLVW-HDQ*LUDXGZKRZDVFDSDEOHRIUHGHVLJQLQJ WKHZRUOGZLWKKLVSHQFLODQGDSLQFKRIFUHDWLYLW\DQGGUHDP\PDG QHVV$VLPLODULQFOLQDWLRQFDQEHIRXQGLQWKHNLWFKHQRIWKH0LFKHOLQ VWDUVFKHI(QULFR&URDWWLZKRZLWKWKH4XHUFLIDPLO\KDVFUHDWHGWKLV PXOWLIDFHWHGVSDFHULFKZLWKGLÊ&#x201E;HUHQWDWPRVSKHUHV)URPWKHWDSDV EDUDQGFRFNWDLOEDURQWKHJURXQGÊ&#x2020;RRUWRWKHVSHFWDFXODUVXVSHQG HGSODWIRUPWKDWKRXVHVWKHJDVWURWDYHUQWKHFKHIȶVNLQJGRPUHLJQV DOORZLQJRQHWRHQMR\H[SHULPHQWDODQGDYDQWJDUGHFXLVLQH$QGWR FRQQHFW WKH WZR VRXOV RI WKH UHVWDXUDQW  WKH FRQVWDQW GLDORJXH EH WZHHQ WKH DQFLHQW DQG WKH PRGHUQ  LV WKH \HDU ROG $QGDOXVLDQ ROLYHWUHHVHWLQDVSHFWDFXODUJODVVFDVH7KHFRQFHUWVWDJHLVKRVWHG E\DIXWXULVWLFPHWDOJDOOHU\ZKLFKRSHQVRQRQHVLGHWRWKHKDOODQG RQWKHRWKHUWRWKHRXWGRRUJUHHQKRXVHYHUDQGDZLWKWDEOHVDQGVRIDV

â&#x20AC;¢ 232


DUUDQJHGWRFUHDWHDPRUHLQWLPDWHDQGFRV\DWPRVSKHUH7KHLQWHULRU is a successful mix of industrial materials such as iron and cement, YLQWDJHREMHFWVDQGFRQWHPSRUDU\DUFKLWHFWXUDOHOHPHQWVHQULFKLQJD VSDFH RI LPSUHVVLYH GLPHQVLRQV FRPSULVHG RI EULFN ZDOOV DQG ODUJH ZLQGRZVZLWKDQXSWRPHWUHKLJKFHLOLQJVSDQQLQJDQDUHDRIRYHU VTXDUHPHWUHVȸ:HWULHGWRSUHVHUYHWKHLQGXVWULDOFKDUPRIWKH SODFHȹVD\/XFDDQG0DUFR%DOGLQLȸ7KHPDLQFKDOOHQJHZDVWRÊ&#x2026;OO VXFKDODUJHDQGHPSW\VSDFHLQDEDODQFHGZD\FUHDWLQJLQWLPDWH DQGUHVHUYHGHQYLURQPHQWV7KHPRVWLPSRUWDQWDQGFKDOOHQJLQJHOH PHQWLVXQGRXEWHGO\WKHVXVSHQGHGSODWIRUPLQWKHFHQWUHRIWKHURRP ZUDSSHGLQJODVVZDOOVZKLFKORRNVOLNHDVTXDUHPHWUHDTXDULXP VXVSHQGHGLQDYDFXXP:HDOVRWULHGWRFUHDWHDFRQWHPSRUDU\DUFKL WHFWXUDOO\FOHDQDQGULJRURXVHQYLURQPHQWWKDWZRXOGGLDORJXHZLWKD ZDUPHUDQGPRUHURPDQWLFGªFRUDQDWPRVSKHUHWKDWZRXOGPDNHWKH FXVWRPHUIHHODWHDVHLQYLWLQJWKHPWRVWD\DWDQ\WLPHRIWKHGD\ȹO

P. 82 â&#x20AC;¢ MICHAEL ANASTASSIADES Designing, by subtraction, timeless objects that do not follow fashion. Objects in which function and emotion, and balance and imbalance meet without compromise. Michael Anastassiades is for everyone THE designer of light, but says he is incurably attracted by all forms of creativity and experimentation 'HVLJQHURIWKH\HDUDWWKHODVWHGLWLRQRI0DLVRQ 2EMHW0LFKDHO$Q DVWDVVLDGHVLVLQIDFWDWUXHGHVLJQVWDUDQGFROODERUDWHVZLWKSUHVWLJ LRXVFRPSDQLHVVXFKDV)ORV% %,WDOLD+HUPDQ0LOOHU&DVVLQDDQG 6DOYDWRULWRQDPHEXWDIHZ+LVEHOLHILVLQVLPSOLFLW\ȸ0\IRUPXODȹKH FRQÊ&#x2026;UPVȸLVWROHDYHWKLQJVDVVLPSOHDVSRVVLEOH/DFNRILQIRUPDWLRQ ZH DUH FRQVWDQWO\ ERPEDUGHG ZLWK LW 6R , SURFHHG E\ UHPRYLQJ DOO SRVVLEOHLQIRUPDWLRQIURPWKHREMHFW,UHPRYHRQHOD\HUDIWHUDQRWK HU,UHPRYHHYHU\WKLQJWKDWSURGXFHVFRQIXVLRQDQGZKDW,FKRRVHWR NHHSLVUHDOO\WKHHVVHQWLDO,QWKLVZD\LQP\RSLQLRQDQREMHFWUHDOO\ PDQDJHVWRFDSWXUHWKHHVVHQFHRIZKDWLWKDVWRH[SUHVVȹ6LPSOLFLW\ LVRQO\DSSDUHQWKRZHYHU$QDVWDVVLDGHVFKRRVHVVREHUVKDSHVVLJQV DQGYROXPHVOLNHDOLQHDFLUFOHRUDVSKHUHEXWWKHSURFHGXUHWRJHW WRWKHHVVHQWLDOLVFRPSOH[EHFDXVHDVKHH[SODLQVȸWHFKQRORJ\PXVW UHPDLQ LQYLVLEOH $QG LWȶV DOVR RI FRXUVH D TXHVWLRQ RI SURSRUWLRQV , WU\WRPDNHVXUHWKDWREMHFWVGRQȶWLQVSLUHIHDUDQGLWȶVSUHFLVHO\WKH EDODQFH RI SURSRUWLRQV WKDW PDNHV RQH DOZD\V IHHO UHDVVXUHGȹ +LV 0RELOH&KDQGHOLHUVIRUH[DPSOHDOOVL[WHHQRIZKLFKZHUHSUHVHQWHG IRUWKHÊ&#x2026;UVWWLPHDW0DLVRQ 2EMHWEULQJWRJHWKHUVKLQHEDODQFHDQG LPEDODQFHȸ%DODQFHLVHVVHQWLDOLQHYHU\WKLQJ3HUKDSV,DOVRRZHWKLV VHDUFK IRU KDUPRQ\ WR P\ UHODWLRQVKLS ZLWK \RJD RI ZKLFK , ZDV D SURIHVVRU <RJDDLPVDWEDODQFHDQGWKHDGYDQWDJHRIWKLVGLVFLSOLQH LVWKDWZKHQ\RXGRVRPHWKLQJ\RXLPPHGLDWHO\IHHOWKHEHQHÊ&#x2026;WV)RU PH\RJDDQGGHVLJQDUHLQWLPDWHO\FRQQHFWHGȹ%XWEDFNWRWKHEHJLQ QLQJ$QDVWDVVLDGHVZDVERUQLQ&\SUXVDQGPRYHGWR/RQGRQLQ WRVWXG\FLYLOHQJLQHHULQJȸ,KDWHGHYHU\WKLQJ,VWXGLHGȹKHFRQIHVV HVȸEXWLWZDVDQLPSRUWDQWH[SHULHQFHDQGLQWKHHQG,WKLQNWKHUHȶV DQHQJLQHHUKLGLQJLQVLGHPH$SDUWIURPDQ\WKLQJWKLVIHDWXUHKHOSV PHLQWKHSUDFWLFDODVSHFWRIFUHDWLRQEHFDXVH,QHHGWRXQGHUVWDQG VRPHWKLQJWRFUHDWHLWWKHEHJLQQLQJWKHEODQNSDJHWKHÊ&#x2026;UVWVWURNH RISHQFLOWKLVLVWKHPRVWGLÊ&#x2021;FXOWSDUWRIWKHZRUNȹ(YLGHQWO\KRZHYHU $QDVWDVVLDGHVȶVGHVWLQ\ZDVWROHDGKLPHOVHZKHUHVRWKHHQJLQHHU LQJGHJUHHZDVIROORZHGE\DPDVWHUȶVLQLQGXVWULDOGHVLJQHQJLQHHULQJ DWWKH5R\DO&ROOHJHRI$UWȸDQG,ȶYHEHHQDGHVLJQHUHYHUVLQFHȹKH VD\VVPLOLQJ6LQFHKHKDVZRUNHGLQGHSHQGHQWO\ȸEHFDXVHWKHUH ZDVQȶWPXFKFKRLFHDQGEHFDXVH,ZDQWHGWREHIUHHȹDQGLQKH FUHDWHGWKHEUDQGWKDWEHDUVKLVQDPH+LVÊ&#x2026;UVWREMHFWVWKHRQHVWKDW KDYHPDGHKLPIDPRXVZHUHODPSVȸOLJKWLVYHU\SRHWLFLWLQVSLUHV DQGLWȶVVRPHKRZDSDUWLFXODUREMHFW$ODPSKDVWZRFRPSOHWHO\GLI IHUHQW GLPHQVLRQV RÊ&#x201E; DQG RQ :KHQ LW LV WXUQHG RÊ&#x201E; LWȶV OLNH DVFXOS WXUHEXWZKHQ\RXWXUQLWRQHYHU\WKLQJFKDQJHVVKDGRZVDUHERUQ

DQGVRPHWKLQJKDSSHQV)RUH[DPSOHP\Ê&#x2026;UVWODPSWKH$QWL6RFLDO /LJKWFRPHVRQRQO\ZKHQWKHUHLVDEVROXWHVLOHQFH,I\RXVWDUWWDON LQJWKHOLJKWVORZO\IDGHVDQGWKHQJRHVRXWFRPSOHWHO\,I\RXNHHS TXLHWWKHOLJKWUHDSSHDUVJUDGXDOO\:KHQ\RXȶUHQHDUWKLVODPS\RX KDYHWREHTXLHW/DWHU,DOVRGHVLJQHGWKH6RFLDO/LJKWZKLFKZRUNV LQUHYHUVH\RXKDYHWRWDONWRWXUQLWRQ/LJKWLVLQVKRUWDSURMHFWRI SUHIHUHQFHLWIDVFLQDWHVPHDQG,VHHLWDVDZD\RIFRPPXQLFDWLQJ HÊ&#x201E;RUWOHVVO\ȹ,QKHDOVREHJDQWRFROODERUDWHZLWK)ORVDQG3LHUR *DQGLQLȸ%DVLFDOO\KHJDYHPHFDUWHEODQFKH,WȶVLQFUHGLEOHWRKDYH WRWDOVXSSRUWIRUDSURMHFWDQGWRKDYHWKHPHDQVRIDFRPSDQ\OLNH )ORV7KH\SURYLGHGPHZLWKWKHWRROVDQGWHFKQRORJ\WKDW,FRXOGQRW DÊ&#x201E;RUGRQP\RZQDQGWKH\DOORZHGPHWRVXUSDVVP\VHOI'HVLJQKDV OLPLWVRIFRXUVHEXWLWȶVXSWRXVWRGHÊ&#x2026;QHIUHHGRPDQGOLPLWVDQGLWȶV DOVRXSWRXVWRÊ&#x2026;QGZD\VWRRYHUFRPHWKHPȹ$QG\RXUDPELWLRQDV DGHVLJQHU"ȸ,ZDQWWRODVW,WȶVP\YLVLRQRIVXVWDLQDELOLW\:K\WKLQNLQ WHUPVRIUHF\FODELOLW\",SUHIHUWKLQJVWRODVWRYHUWLPHSRLQWWRWKHORQJ WHUPȹ+LVJRDOLVEDVLFDOO\DFKLHYHG0LFKDHO$QDVWDVVLDGHVLVDOUHDG\ IXOO\SDUWRIWKHKLVWRU\RIGHVLJQDQGKLVFUHDWLRQVDUHH[KLELWHGLQWKH ZRUOGȶVPRVWLPSRUWDQWPXVHXPVIURPWKH0R0$LQ1HZ<RUNWRWKH$UW ,QVWLWXWHLQ&KLFDJRYLDWKH9LFWRULDDQG$OEHUW0XVHXPLQ/RQGRQDQG WKH0XVHXPRI$SSOLHG$UWVLQ9LHQQDO

P. 90 â&#x20AC;¢ GATEWAY TO BEAUTY In Barcelona, Darial has opened its doors: an innovative concept store that fashion designer Djaba Diassamidze imagines as a gateway to a golden world of art and fashion $Q LQQRYDWLYH FRQFHSW VWRUH PHHWV WKH KLVWRULFDO HOHJDQFH RI &DVD 7RP¡V 5RJHU D WK FHQWXU\ EXLOGLQJ ORFDWHG DORQJ &DUUHU Gȶ$XVL¡V 0DUFLQ%DUFHORQD'DULDOLVDQHZPXOWLGLVFLSOLQDU\VSDFHERUQIURP WKHFUHDWLYLW\RI*HRUJLDQERUQIDVKLRQGHVLJQHU'MDED'LDVVDPLG]H ZLWKWKHWHDPRI$SDUWDPHQWRPDJD]LQHȸ,GLVFRYHUHGWKHDUWVFHQH LQWKHFLW\ȹH[SODLQV'LDVVDPLG]Hȸ2QHRIWKHSHRSOH,PHWKHUHZDV WKLVORFDODUWLVWQDPHG*XLOOHUPR6DQWRP¢7KHQ,KDGWKHLGHDRIDQ DUWLVWLFLQVWDOODWLRQZKHUH,FRXOGSUHVHQWDVKRSVRWKDWWKHSHRSOHRI %DUFHORQDFRXOGGLVFRYHUZKDWWKHQH[WWUHQGVZLOOEHȹVTXDUH metres accommodate a constantly evolving selection of designer FORWKLQJDUWZRUNVERRNVDQGRWKHUREMHFWVDPRQJZKLFKDUHUHDOH[ SHULHQWLDO QLFKHV HDFK UHSUHVHQWLQJ D SDUWLFXODU WDVWH $Q H[XEHUDQW pastiche of epochs and cultural references is thus translated into a VSDFHZLWKDQHVVHQWLDOVRXOLQDVHULHVRIURRPVFRQFHLYHGDVLPPDF


XODWHZKLWHFXEHVHPEHOOLVKHGE\SUHFLRXVSDOPVKDSHGSLOODUVZLWK WKHLUQRWLRQRIUHÊ&#x2026;QHGH[RWLFLVP$OOWKHJODPRXURIDQ$UW'HFRVW\OH Ê&#x2026;OPVHWLVUHFUHDWHGKHUHWKHLQVSLUDWLRQDSSDUHQWO\FRPLQJIURPWKH $ODLQ5HVQDLVFODVVLF/DVW<HDUDW0DULHQEDGDQGSODFHGLQGLDORJXH ZLWK&RURPDQGHOȶVVFUHHQVDVZHOODVWKHIXUQLVKLQJVDQGGHFRUDWLRQV RIWKFHQWXU\PDVWHUVRIGHVLJQIURP3LHUUH&KDUHDXWR6HUJH5RFKH DQG 3LHUUH 3DXOLQ 7KURXJKRXW WKHUH DUH VRIW LYRU\FRORXUHG FDUSHWV DQGPLQLPDOLVWRULHQWDODUFKHVWKH\UHPLQGWKHYLVLWRUWKDW'DULDOLV MXVWDQDQFLHQW3HUVLDQZRUGIRUGRRUDSDVVDJHWKURXJKZKLFKRQH FDQHQWHUWKHZRUOGRIDUWIDVKLRQIRRGDQGOLWHUDWXUH,QVLGHSURGXFWV IURP0XOOHU9DQ6HYHUHQ,PSRVVLEOH3URMHFW/RPRJUDSK\DQG%DQJ  2OXIVHQDOWHUQDWHZLWKRYHUDKXQGUHGEUDQGVIURPHVWDEOLVKHGDQG HPHUJLQJGHVLJQHUV7KHVHOHFWLRQRIERRNVWKDWDFFRPSDQ\WKHYLVLRQ LV GLVSOD\HG RQ FXVWRPPDGH VKHOYHV ZLWK D EODFN ODFTXHU DQG PLU URUHGVXUIDFHDQGLQVRPHZD\LWDQWLFLSDWHVWKHWKHPHRIWKHVWRUH WKHSURSRVDORIH[KLELWLRQVDQGFROODERUDWLRQVZLWKFRQWHPSRUDU\DUW LVWVLQDVSHFLDOJDOOHU\HTXLSSHGZLWKÊ&#x2020;RRUVDQGSRUFKHVLQURXJKFRQ FUHWH7KHUHDOWZLVWWKRXJKLV/H/ªRSDUGDUHÊ&#x2026;QHGEUDVVHULHZKHUHWKH ZKLWHZDOOVDUHLQWHUUXSWHGZLWKDUPFKDLUVLQVRIWUHGYHOYHWZLWKJROG OHDIGHWDLOVDWULEXWHWR/XFKLQR9LVFRQWLȶVVHWWLQJVO

P. 96 â&#x20AC;¢ GUSTO WORKING SPACE In San Francisco lies the office of dreams. In an historic industrial building Gensler incorporates the advice and needs of employees to create a holistic and flexible working space ,QLWVFRPSDFWQHVVDVDQKLVWRULFLQGXVWULDOEXLOGLQJWKHVSDFHWKDWLV WRGD\WKHKHDGTXDUWHUVRI*XVWRD&DOLIRUQLDQVRIWZDUHKRXVHKDV KDGPDQ\OLYHVDQGLGHQWLWLHV:HDUHLQ6DQ)UDQFLVFRLQWKHKLVWRULF 3LHUDMHZHORIODWHQLQHWHHQWKFHQWXU\LQGXVWULDODUFKLWHFWXUHZKHUH VXEPDULQHVDQGVKLSVZHUHEXLOWDQGZKLFKZDVYHU\DFWLYHEHWZHHQ WKHWZRZDUV+HUHWKH*HQVOHUWHDPKDVFUHDWHGDQHQYLURQPHQWWKDW LVERWKLQIRUPDODQGHOHJDQWZKHUHGHVLJQUHVSRQGVWRWKHXUJHQF\RI LQWHJUDWLRQDQGEDODQFHEHWZHHQZRUNLQJDQGOLYLQJWLPHDQGZKLFK LVWRGD\VRFODPRXUHGIRUE\WKHPLOOHQQLDOJHQHUDWLRQ7KHROGIDFWRU\ KDVEHHQHPSWLHGDQGPDLQWDLQHGLQLWVRULJLQDOYROXPHDQGDSSHDU DQFH(YHQWKHKLJKJDQWU\FUDQHVKRLVWLQJZLQFKHVDQGWKHHQWLUHROG FHLOLQJ V\VWHP IRU KDQGOLQJ WKH PDFKLQHV KDYH EHHQ SUHVHUYHG 7KH RQO\IXQFWLRQDODGGLWLRQVDUHWKHQDUURZPH]]DQLQHFUHDWLQJDQRSHQ JDOOHU\WRZDUGVWKHRSHQVSDFHDUHDDQGWKHPHWDOZDONZD\FRQQHFW LQJWKHWZROHYHOV:LWKLQWKLVIUDPH*HQVOHUKDVVFDWWHUHGVPDOOOLYLQJ URRPVPHHWLQJURRPVDQGGHVNVLQÊ&#x2020;H[LEOHPRGHXVLQJPRELOHZDOOV WKDWDOORZWKHFKDQJLQJRIHQYLURQPHQWVDQGSHUVSHFWLYHFRQÊ&#x2026;QLQJRU RSHQLQJXSWKHVSDFH)OH[LELOLW\WKHQLVDOHLWPRWLYDQGLWLVSDUDOOHOHG LQWKHXQXVXDOFRPSDQ\SROLF\RIZRUNLQJZLWKRXWVKRHVDVDQDWWL WXGHWRDPRUHRUJDQLFDQGKROLVWLFZRUNOLIHV\VWHP8QGHUWKHEDQQHU RISDUWLFLSDWLRQ*HQVOHUDOVRZDQWHGWRLQYROYHHPSOR\HHVLQWKHUHDOL sation of the design, transforming them into protagonists of the crea WLYHSURFHVVȸ,WZDVLPSRUWDQWWKDWWKHWUDQVLWLRQIURPDGLVFRQQHFW HGVSDFHOLNHWKHROGIDFWRU\ȶVWRDSODQQHGDQGV\QFKURQLVHGRQH ZDVXQGHUVWRRGDQGYDOLGDWHGE\HYHU\RQHWRHQVXUHLWVVXFFHVVDQG IXQFWLRQDOLW\ȹH[SODLQV.HOO\'XELVDU'HVLJQ'LUHFWRUDW*HQVOHU$W DWLPHZKHQRSHQVSDFHQRORQJHUVHHPVWRPHHWWKHQHHGVRIZRUN *HQVOHULVGHYRWLQJJUHDWHQHUJ\WRWHVWLQJDQGGLVFRYHULQJWKHQHZ GHVLUHVRIWKHZRUNHUV7KHÊ&#x2026;UPWKXVFUHDWHGDYLUWXDORSHQLQJGD\ WKDWZRXOGDOORZHPSOR\HHVWRYLVLWWKHVSDFHEHIRUHLWZDVEXLOWWR XQGHUVWDQGWKHLUQHHGVDQGWRJHWKHUGLVFXVVDQ\FKDQJHV)XUWKHU PRUHHYHU\RQHZDVJLYHQWKHRSSRUWXQLW\WRFKRRVHIURPDYDULHW\ RIVSDFHVERWKRSHQDQGFORVHGWRÊ&#x2026;QGWKHOD\RXWWKDWIXQFWLRQHG EHVWIRUWKHLUSURGXFWLYLW\,QVKRUWRÊ&#x2021;FHVSDFHOLNHRWKHUH[SHULHQWLDO VSKHUHVRIRXUWLPHUHTXLUHVLQFUHDVLQJFXVWRPLVDWLRQWRSOHDVHWR EHHÊ&#x201E;HFWLYHDQGIXQFWLRQWRLWVEHVW$OOWKLVWKRXJKZKLOHOHDYLQJWKH VKRHVDWWKHHQWUDQFHO â&#x20AC;¢ 234

P. 104 â&#x20AC;¢ SEVENTYFIVE WINE BAR At 75 Café & Lounge one can breathe in the mountain atmosphere, but the appeal is glamorous and international. With his unmistakable signature, Piero Lissoni has reinterpreted the stylistic codes of Alpine Architecture Located in a typical village house in the centre of the mountain re VRUWRI3RQWHGL/HJQRWKH&DIªDQG/RXQJHELVWURLV3LHUR/LVVRQLȶV ODWHVWSURMHFWDZLQHEDUZKHUHRQHFDQEUHDWKHLQWKHPRXQWDLQDW PRVSKHUHFRPELQHGZLWKDJODPRURXVDQGLQWHUQDWLRQDODSSHDO7KH UHPDNHIRFXVHVRQWKHID¨DGHFODGLQGDUNVWDLQHGODUFKSODQNVZLWK EODFNVWHHOVKRZFDVHVFUHDWLQJDQHÊ&#x201E;HFWLYHFRQWUDVWZLWKWKHVKDUS ZKLWHVXUIDFHVWKHUHJXODULVDWLRQRIWKHRSHQLQJVWKHGHYHORSPHQWRI WKHH[WHULRUDQGWKHUHGHÊ&#x2026;QLWLRQRIDOOWKHLQWHULRUV7KHFRQFHSWLVFOHDU IURP WKH PRPHQW RI HQWU\ WR EULQJ JXHVWV EDFN WR WKH ZDUPWK DQG ZHOFRPHRIWKHSDVWE\FUHDWLQJDVW\OLVKFRQWHPSRUDU\SODFHWKDW UHLQWHUSUHWV WKH VW\OLVWLF FRGHV RI $OSLQH $UFKLWHFWXUH ,W LV WKXV FKDU DFWHULVHGE\GDUNLQWHULRUVZKHUHÊ&#x2026;QLVKHVDQGZRUNPDQVKLSW\SLFDO RIWKHDUHDDUHFRPELQHGZLWKFRQWHPSRUDU\HOHPHQWVDQGLQÊ&#x2020;XHQF HVLQDVXFFHVVIXOPL[RIPRGHUQLW\DQGWUDGLWLRQ6LPSOHDQGGXUDEOH PDWHULDOVVXFKDVH[SRVHGVWRQHRQWKHZDOOVEUXVKHGSDUTXHWDQG JUDQLWHÊ&#x2020;RRUVDQGKHDWWUHDWHGRDNZRRGSDQHOOLQJKDYHEHHQFRP ELQHGZLWKPRGHUQPDWHULDOVVXFKDVVWHHOJODVVDQGVKHHWPHWDOSUR Ê&#x2026;OHVWKDWDOVRIUDPHWKHVKRSZLQGRZVRQWKHVWUHHW7KHJURXQGÊ&#x2020;RRU KDVEHHQWUDQVIRUPHGLQWRDVLQJOHVSDFHGLYLGHGLQWRWKUHHFRPPX QLFDWLQJURRPVDEDUDUHDZLWKDFRXQWHUDFHQWUDOURRPZLWKWDEOHV DQGEHQFKHVDQGDQLQWLPDWHDQGVRSKLVWLFDWHGORXQJHDUHDZLWKD VXVSHQGHGÊ&#x2026;UHSODFHSURYLGLQJZDUPWKRQWKHFRROHUGD\V7KHUHDUH PDQ\FXVWRPPDGHIXUQLVKLQJVLQFOXGLQJWKHODYDVWRQHEDUFRXQWHU WKHWDEOHVWKHEHQFKHVDQGWKHÊ&#x2026;UHSODFHLQWKHORXQJHWKHPRVWLQWL PDWHDQGZHOFRPLQJVSDFHLQWKHURRPDVZHOODVDOOWKHZLUHPHVK GLVSOD\V GLVSOD\LQJ DQG SURWHFWLQJ WKH ERWWOHV RI ZLQH $OO DURXQG VPDOOJODVVDQGVWHHOWDEOHVDOWHUQDWHZLWKFRPIRUWDEOHVHDWVDQGVR IDVZLWKVREHUDQGHVVHQWLDOOLQHV7KHLQFOXVLRQRIUXVWLFREMHFWVDQG KDQGLFUDIWVOHQGVIXUWKHUZDUPWKWRWKHHQYLURQPHQWZKLOHFRQYLYLDO WDEOHVDOWHUQDWHZLWKPRUHVHFOXGHGSODFHVSXWWLQJWKHJXHVWLQWKH PRVWVXLWDEOHVHWWLQJVIRUUHOD[DWLRQDQGWDVWLQJO

P. 112 â&#x20AC;¢ 3$5,62772ʨ)250(1721 Aldo Parisotto and Massimo Formenton are two scrupulous architects whose idea of measure, balance and simplicity characterises every project, be it architectural, interior, retail or product design 0HHWLQJ LQ WKH PLGHLJKWLHV DW WKH ,8$9 LQ 9HQLFH DQG IRUPLQJ WKHLU SDUWQHUVKLSLQZKHQQRWHYHQWKLUW\\HDUVROGWKHSDLUZHQWRQWR RSHQWKH3DULVRWWR)RUPHQWRQ$UFKLWHWWLVWXGLR,WVZLGHDQGWUDQVYHU VDOH[SHULHQFHLVQRZWKHVXEMHFWRIDSUHFLRXVPRQRJUDSKGRFXPHQW LQJWKLUW\\HDUVRIDFWLYLW\DQGWHVWLI\LQJWRWKHQHHGWRORRNEDFNZDUGV


LQRUGHUWRWKLQNDKHDG6RIURPLQWHULRUVWRH[KLELWVDQGUHWDLOGHVLJQ IURPSULYDWHKRPHVWRFRPPHUFLDOEXLOGLQJVDQGWRSURGXFWVWKDWUH GXFHWKHVFDOHEXWQRWWKHTXDOLW\RIWKHSURMHFWWKHVWXGLRZLWKRÊ&#x2021;FHV LQ0LODQDQG3DGXDLVSHUVRQLÊ&#x2026;HGLQWKHNLQGDQGQHYHUVHOIUHIHUHQWLDO YRLFHRI$OGR3DULVRWWR2IFRXUVHKHWDONVDERXWUHWDLOEXWDOVRDERXW WKHGUHDPRIFRQWULEXWLQJWRWKHIXWXUHRIWKHFLW\UHWXUQLQJWRUHDOLVH WKHDUWLVWLFVSDFHVKHORYHVPRVW What is your approach to the project? ,ZRXOGVWDUWLQUHSO\ZLWKWKHWKLUGDQGODVWERRNWKDW0DVVLPR)RU PHQWRQ DQG , SURGXFHG ZLWK (OHFWD WR FHOHEUDWH RXU WKLUW\ \HDUV RI DVVRFLDWLRQ7KLVERRNOLNHWKHÊ&#x2026;UVWRQHZKLFKGUHZWRJHWKHU\HDUV RI DFWLYLW\  WKH VRFDOOHG ȸSURIHVVLRQDO PDWXULW\ȹ  VKRZV WKH WUDQV YHUVDOLW\RIWKHGLVFLSOLQHVZHIDFHWKURXJKSURMHFWVUDQJLQJIURPDU FKLWHFWXUHWRLQWHULRU,QDGGLWLRQWRUHWDLORXUFRUHEXVLQHVVZHPDNH PDQ\UHVLGHQFHVDQGOHDSLQJEDFNZDUGVLQVFDOHZHDOVRGRSURGXFW GHVLJQ,UHPHPEHUWKDWZHVWDUWHGPDQ\\HDUVDJRZLWKOLJKWLQJSURG XFWVEHFDXVHZHFRXOGQȶWÊ&#x2026;QGDQ\WKDWPHWRXUQHHGVIRUDQLQWHULRU GHVLJQSURMHFW6RZHFUHDWHGFXVWRPLVHGSURGXFWVWKDWWKHQEHFDPH VWDQGDUGDQGHQWHUHGWKHFDWDORJXHVRIFRPSDQLHV7KLVLVWKHVWXGLRȶV IRUPDPHQWLVLWVNQRZKRZHYHQZKHQWKHUHLVDFKDQJHRIVFDOHIURP product to interior, to architecture, ours remains a holistic approach, IRFXVHGRQPDWWHUOLJKWVHQVHVDQGHPRWLRQV What kind of relationship do you establish with clients and how willing are they to experiment? 7KHFOLHQWVZKRFRPHWRXVNQRZWKDWRXUGHVLUHLVWRFUHDWHDTXDOLW\ SURGXFWDZRUNWKDWKDVPHDQLQJDOEHLWRQDODUJHVFDOH$QGWKH\ NQRZZHȶUHJRLQJWRH[SHULPHQW:HQHYHUUHSOLFDWHDFRGHH[FHSW VRPH SRVLWLYH H[SHULPHQWV EXW RQO\ DV DQ H[SHULHQFH  EHFDXVH ZH ZDQW WKH Ê&#x2026;QDO SURGXFW WR DOZD\V EH GLÊ&#x201E;HUHQW 7KH UHODWLRQVKLS ZLWK FOLHQWV FDQ WKHUHIRUH EH YHU\ LQWLPDWH  V\PELRWLF DOPRVW  ZKHQ ZH UHDOLVHWKHLUUHVLGHQFHVDQGKHUHP\DQG0DVVLPRȶVDLPLVWRJXLGH WKHPWRZDUGVGLVFRYHULQJQHZWKLQJV :KDW GLÊ&#x2020;HUHQFHV GR \RX Ê&#x2021;QG EHWZHHQ ,WDOLDQ DQG LQWHUQDtional clients? 7KHUHDUHPDQ\GLÊ&#x201E;HUHQFHV7KHLQWHUQDWLRQDOFOLHQWLVH[WUHPHO\ZHOO SUHSDUHGWRPDQDJHWKHSURMHFW7KDWPHDQVWKDWZKHQWKH\FKRRVH DQDUFKLWHFWWKH\UHO\FRPSOHWHO\RQKLP2QWKHFRQWUDU\WKH,WDOLDQ FOLHQWLVPRUHȸHPRWLRQDOȹ Designing for the retail sector, what rules do you follow? 5HWDLOLVIRUXVDJUHDWVHDUFKHQJLQHDQGDERYHDOODQH[SHULPHQW:LWK IDVKLRQDQGIRRGEUDQGVPDUNHWLQJLVIXQGDPHQWDO7KHDUFKLWHFWLVLQ IDFWDWWKHVHUYLFHRIUHWDLOEHFDXVHWKHFRPSDQ\KDVDFRPPHUFLDO REMHFWLYH,WPXVWFRPPXQLFDWHWKHSURGXFWRUEUDQGLGHQWLW\ How is this sector evolving? And what do you think are the trends WKDWZLOOPRVWDÊ&#x2020;HFWLW" 8SWRWHQ\HDUVDJRWKHUHZDVDWHQGHQF\WRUHSOLFDWHWKHSURMHFWLQ GLÊ&#x201E;HUHQWVFDOHVLQDQ\FRXQWU\7RGD\ZHDUHOLYLQJLQVWLPXODWLQJDQG KLVWRULFDOWLPHV7KHH[DPSOHRI$HVRSLVVLJQLÊ&#x2026;FDQWLQWKLVVHQVHEH FDXVHWKHWUHQGLVQRZWRRÊ&#x201E;HUDQHZH[SHULHQFHLQHYHU\FLW\$IRUPDW UHSOLFDWHGHYHU\ZKHUHGRHVQRWFUHDWHHPRWLRQ7KHUHDUHHYHQEUDQGV WKDW FKRRVH GLÊ&#x201E;HUHQW DUFKLWHFWV IRU HDFK FRXQWU\ REYLRXVO\ JLYLQJ WKHP D SUHFLVH EULHI EHFDXVH DV , VDLG WKHUH LV D EUDQG LGHQWLW\ WR UHVSHFW2QHRIWKHIDFWRUVWKDWKDVFRQWULEXWHGPRVWWRUHYROXWLRQLVH WKHPDUNHWLVHFRPPHUFHWKHVWRUHVRIWKHELJEUDQGVDUHVKRZURRPV ZKHUHSHRSOHSDUWLFXODUO\PLOOHQQLDOVJRIRUDQHZH[SHULHQFH7KH VSDFHPXVWWKHUHIRUHEHWRWDOO\IRFXVHGRQHPRWLRQDOLPSDFW,EHOLHYH WKDWLQWKHIXWXUHWKHSURGXFWZLOOGLVDSSHDUDQGLQLWVSODFHZLOOEH WKHVKDULQJRIH[SHULHQFHV,WLVQRFRLQFLGHQFHWKDWRQHRIRXUODWHVW SURMHFWVWKH(UDOGR+XELQ&HJJLDLQWKHSURYLQFHRI9HQLFHFRQVLVWV RI D ORJLVWLFV FHQWUH DQG D IDVKLRQ VKRZURRP ZLWK DQ H[WUDRUGLQDU\ DWWHQWLRQWRGHWDLO How do you see the future of architectural design? ,QDWHUULWRU\OLNH,WDO\ZKHUHWKHUHLVOLWWOH\HWWREHEXLOWWKHIXWXUHLVWR

UHGHYHORSWKHFLWLHVJLYLQJQHZYDOXHWRPRQXPHQWVDQGGHPROLVKLQJ XQVXVWDLQDEOHEXLOGLQJVWRUHEXLOGRWKHUVRITXDOLW\SHUKDSVZLWK]HUR HPLVVLRQV7KDWȶVDVIDUDVFLWLHVJR$ZD\IURPWKHP,ZRXOGOLNHXV QRWWREXLOGYLVXDOHOHPHQWVDQ\PRUHEXWK\SRJHDQKRXVHVDEOHWR FDPRXÊ&#x2020;DJHLQWKHWHUULWRU\ Speaking of unsustainable buildings, what is your idea of sustainability? ,WHQGWRWDNHIRUJUDQWHGWKDWLQDQDUFKLWHFWȶVYLVLRQWKHUHLVWKHXVH RI UHF\FODEOH QRQWR[LF DQG HQYLURQPHQWDOO\ IULHQGO\ PDWHULDOV :H QHHGWREXLOG]HURHPLVVLRQEXLOGLQJVRQRQHKDQGDQGRQWKHRWKHU SURGXFWVWKDWZLOOVWLOOEHHYHUJUHHQVLQWZHQW\RUWKLUW\\HDUVWLPH7UXH VXVWDLQDELOLW\OLHVLQJRRGGHVLJQDQGJRRGDUFKLWHFWXUH On product design, how do you combine aesthetics and functionality in your creations? :KDW LV PRVW LQWHUHVWLQJ WRGD\ DERXW SURGXFW GHVLJQ LV UHVSRQGLQJ WRIXQFWLRQ7KDWIRUPHLVHTXDOWREHDXW\$VWKHJUHDWPDVWHU0LHV 9DQGHU5RKHXVHGWRVD\WKLVPXVWPHHWWKHGHPDQGVRIQHZHUJR QRPLFV:K\GHVLJQRWKHUIXUQLWXUHZKHQWKHUHLVDOUHDG\VRPXFK",Q UHFHQW\HDUVZHDUHZLWQHVVLQJDKXJHFKDQJHLQVRFLHW\HVSHFLDOO\LQ WKHZRUOGRIZRUN$GHVLJQHUȶVDWWHQWLRQPXVWWKHUHIRUHEHIRFXVHGRQ WKHQHZHUJRQRPLFVWKDWDUHEHLQJJHQHUDWHGE\WKHVRFLDOFKDQJHV LQGXFHGE\ZRUN What is constant in your style? :LWKRXWGRXEWWKHKROLVWLFDSSURDFK2XUDUFKLWHFWXUHQHYHUZDQWVWR EHVHOIUHIHUHQWLDOEHFDXVHZKHQZHGHVLJQZHGRQȶWWKLQNRIWKHEXLOG LQJDVDVFXOSWXUHWKDWUHSUHVHQWVXVLQWKHFLW\5DWKHUZHGHÊ&#x2026;QHLWDV DXVHIXOIXQFWLRQIRUWKHFRPPXQLW\ And what new project would you like to measure yourself against in the future? 'HÊ&#x2026;QLWHO\WKHODUJHVFDOH,ZRXOGOLNHWRFRQWULEXWHWRWKHYLVLRQRIWKH IXWXUHFLW\%XW,ZRXOGDOVROLNHWRFUHDWHSURMHFWVIRUFXOWXUHPXVHXPV IRUH[DPSOHFDSDEOHRIȸJURZLQJȹWKHFRPPXQLW\2QHRIP\JUHDWHVW DPELWLRQVLVWRJREDFNWRGHVLJQLQJDPXVHXPEHFDXVHLWUHPDLQV IRUHYHU/LNHJRRGDUFKLWHFWXUHZKLFKDOVRUHPDLQVIRUHYHUO

P. 122 â&#x20AC;¢ OUT OF THE BOX Green Isle is the name of a new concept restaurant created in Taiwan by designer Keng-Fu Lo. A sustainable and out of the box food space, designed for customers looking for an immersive experience in nature ,WLVIUDPHGLQDVXJJHVWLYHQDWXUDOXUEDQDQGDWWKHVDPHWLPHJUHHQ HQYLURQPHQWWKDWLVTXLWHXQXVXDOIRUDPHWURSROLVOLNH.DRKVLXQJ7DL ZDQȶVVHFRQGODUJHVWFLW\ZLWKWKUHHPLOOLRQLQKDELWDQWV*UHHQ,VOHRI IHUVDQRULJLQDODQGXQFRQYHQWLRQDOH[SHULHQFHDKDSS\K\EULGRIGLQ LQJDQGUHOD[DWLRQ7KHDOPRVWVTXDUHPHWUHVRI*UHHQ,VOHDUH ORFDWHGLQDQDUHDWKDWGHVLJQHU.HQJ)X/RRI&KDLQ$UFKLWHFWXUH ,QWHULRU'HVLJQ,QVWLWXWHKDVWUDQVIRUPHGLQWRDQLQQRYDWLYHVSDFH ZKHUHHQYLURQPHQWDOVXVWDLQDELOLW\DQGLQWHULRUGHVLJQFRPELQHWRFUH DWHDUHDOJUHHQLVODQGLQWKHKHDUWRIDQXUEDQIRUHVWHQKDQFHGZLWK DQHYRFDWLYHOLJKWLQJGHVLJQ,QIDFWLQWKHQDPHRIPD[LPXPVXVWDLQ DELOLW\*UHHQ,VOHȶVEXVLQHVVFDUGFRXOGQRWEHFOHDUHUDQHQWUDQFH EULGJHFURVVLQJDPHWUHVWUHWFKRIZDWHUWKDWFUHDWHVDFRPIRUWDEOH PLFURFOLPDWHDQGWDOOWUHHVVXUURXQGLQJWKHVWUXFWXUHUHGXFLQJ LWVHQYLURQPHQWDOIRRWSULQW6XVWDLQDELOLW\LVWKHOHLWPRWLIRIWKHHQWLUH SURMHFWZKLFKLQWKLVSHUVSHFWLYHPDNHVH[WHQVLYHXVHRIORFDOPDWHUL DOVWRUHGXFHWUDQVSRUWHPLVVLRQVDQGUHF\FODEOHPDWHULDOVVXFKDV PHWDOXVHGKHUHDFFRUGLQJWRDVFKHPHRIPRGXOHVIRUH[DPSOHLQ WKHSHUIRUDWHGSDQHOVRIWKHLQWHUQDOSDUWLWLRQVWRIDFLOLWDWHWKHLUUH SODFHPHQWDQGUHF\FOLQJ7KHUHLVDOVRDVWURQJIRFXVRQWKHRYHUDOO HQHUJ\ EDODQFH RI WKH EXLOGLQJ REWDLQHG WKURXJK WKH XVH RI VLPSOH PDWHULDOVVXFKDVFRQFUHWHÊ&#x2026;QLVKHGZLWKDWKLQVXUIDFHFRDWLQJXVHG IRU WKH H[WHULRU ZDOOV  DQG ORZ HQYLURQPHQWDO LPSDFW 7KH HYRFDWLYH QDWXUDOWKHDWUHRI*UHHQ,VOHLVFRXQWHUEDODQFHGE\DQHOHJDQWLQWHULRU


GHVLJQOLQHDUEXWQRWH[FHVVLYHO\PLQLPDOLVWZKRVHSURWDJRQLVWLVWKH ʆXLGUHODWLRQVKLSEHWZHHQLQWHULRUDQGH[WHULRUGLFWDWHGE\WKHLUFRQ VWDQWYLVXDOGLDORJXHDQGREWDLQHGE\PHDQVRIWKHODUJHIXOOKHLJKW ZLQGRZV,WLVDFKRLFHWKDWSODFHVWKHJXHVWDWWKHFHQWUHRIDK\EULG HQYLURQPHQWDEOHWRFUHDWHDIRRGH[SHULHQFHWKDWLVERWKUHʅQHGDQG W\SLFDORIWKHRXWGRRUPRRGWKDQNVWRWKHLPSRUWDQWQDWXUDOVFHQHU\ WKDWVXUURXQGVWKHVWUXFWXUH$UHʅQHGPL[RIQDWXUDODQGDUWLʅFLDOOLJKW DOVRPDNHVDGHFLVLYHFRQWULEXWLRQWRWKLVDWPRVSKHUHEOXUULQJWKHGH PDUFDWLRQEHWZHHQRXWGRRUDQGLQGRRUVSDFHVDQGHQKDQFLQJERWK ZLWKDQHYRFDWLYHVFHQRJUDSKLFWRXFK(YHQWKHHVVHQWLDOOLQHDULW\RI WKH IXUQLVKLQJV DQG GHFRUDWLRQV HQKDQFHV ZLWKRXW RYHUODSSLQJ WKH DEVROXWHSURWDJRQLVWRIWKHSURMHFWDQH[FLWLQJJUHHQH[SHULHQFHPDJ LFDO DQG UHIUHVKLQJ DLPHG DW WKH LQKDELWDQWV RI D KLJKO\ XUEDQLVHG FRQWH[WZKHUHGLUHFWFRQWDFWZLWKQDWXUHLVUDUH*UHHQ,VOHUHSUHVHQWV DQHZPRGHORIVXVWDLQDELOLW\IRUFDWHULQJVSDFHVO

P. 131 • MOONLIGHT Mysterious and lunar atmospheres are to be found in Moon Club, the latest address in Prague’s nightlife. A project by FormaFatal and Machar&Teichman that creates spectacular and surprising alchemies through light. ,WLVWKHOXQDUWKHPHWKDWLQVSLUHV0RRQ&OXEWKHQHZFOXELQ3UDJXH GHVLJQHG E\ )RUPD)DWDO DQG 0DFKDU 7HLFKPDQ $ FRQFHSW WKDW UH ʆHFWVWKHFOLHQWȶVGHVLUHWRFUHDWHVRPHWKLQJXQLTXHZLWKDGHVLJQWKDW VHWV LW DSDUW IURP VWDQGDUG HQWHUWDLQPHQW YHQXHV $QG WKH ORFDWLRQ DORQHPDNHVWKHGLʄHUHQFHWKDQNVWRWKHKLVWRULFLW\RIWKHVLWHDQGWKH HYRFDWLYHSRZHURILWVSUHH[LVWHQFHQRZUHVWRUHGIRUQHZIXQFWLRQV 7KHRULJLQDOEXLOGLQJLQWKHFHQWUHRI3UDJXHZDVKRPHWRDEDQNDQG KDV VHYHUDO ʆRRUV GHYHORSHG DURXQG D FHQWUDO FRXUW\DUG 7KH FKDO OHQJH ZDV WR VHDO WKH FRXUW\DUG ZLWK D JOD]HG VXUIDFH ZLWK GRXEOH VODEVWRHQVXUHWKHVRXQGSURRʅQJVXLWDEOHIRUDSXEOLFSODFH7KLVZDV DFKLHYHGWKDQNVWRVRXQGSURRʅQJSODVWHUV7KHYHQXHLVGHVLJQHGWR DFFRPPRGDWHXSWRSHRSOHLQODUJHRSHQVSDFHVIRUGDQFLQJRU in more private areas conducive to conversation, or again in lounge DUHDVZKHUHRQHFDQVLSGULQNVSUHSDUHGLQWKHYDULRXVEDUVRI0RRQ &OXE7KHFHQWUDOEDUXQGHUWKHJODVVURRILVFRYHUHGLQJROGHQFRUUX JDWHGPHWDODQGWRSSHGZLWKDODUJHOXQDUVLOKRXHWWHDQGWKUHHFLUFX ODUWKHPHGODPSV3RLQWSHQGDQWOLJKWVKDQJLQJIURPWKHPHWDOFHLOLQJ JULGUHFUHDWHDVWDUU\VN\2QWKHVHFRQGʆRRUWKH$OFKHPLVWEDUKDVD PDVRQU\FRXQWHUFRYHUHGZLWKVPDOOWLOHVWKDWHFKRWKRVHRQWKHʆRRU 7KHFRXQWHULVRYHUKXQJZLWKR[LGLVHGPHWDOEODGHVZLWKODVHUFXWPR WLIVLQVHUWHGLQDOHGEDUWKDWFUHDWHVDQLQWHUHVWLQJGHFRUDWLYHJDPH

• 236

7KHPDWHULDOVDUHUHʅQHGDQGHOHJDQWRQWKHJURXQGʆRRUWKHʆRRULQJ LVRIGDUNZRRGZLWKDEXUQWHʄHFWLQKHUULQJERQHRUVWUDLJKWVWULSV ZKLOHRQWKHZDOOVPDWHULFSLFWXUHVGLVSOD\WKHOXQDUVXUIDFH7KHVR IDVDQGVHDWVDUHLQYHOYHWRIGLʄHUHQWFRORXUV7KHZDOOVDOVRGLVSOD\ DQWLTXHPLUURUVLQKRPDJHWRWKHKLVWRULFEXLOGLQJ$UWLʅFLDOOLJKWSOD\V DIXQGDPHQWDOUROHLQWKHGHʅQLWLRQRIWKHVHWWLQJVZLWKGLʄHUHQWVROX WLRQVDQGSURSRVDOVFOXVWHUHGVSRWOLJKWVDERYHWKHFRXQWHUFUHDWHDQ H[FOXVLYHDQGUHVHUYHGVSDFHDVWDUU\VN\IRUDQHʄHFWLYHVHWWLQJO

P. 142 • SERGIO MANNINO Sergio Mannino’s Italian creativity has conquered “brand architecture” in the Big Apple, thanks to a sensitivity WKDWIHHGVRQFXOWXUDOVWUDWLʇFDWLRQVDQGPHPRULHV and capable of interpreting an extraordinary variety of concepts and products ,Q WKH HUD RI KLJKO\ XQVWDEOH GHVLJQ WKHUH DUH FUHDWLYHV ZKR DLP WR DPD]H LQ D IHZ PRPHQWV E\ SOD\LQJ ZLWK WKH SDWLQD RI WKH LPDJH $QGWKHUHDUHDIHZRWKHUVZKRWUDYHOEH\RQGVXSHUʅFLDOSHUFHSWLRQ WRFUHDWHRWKHUUHODWLRQDOGLPHQVLRQV6HUJLR0DQQLQRD)ORUHQWLQHRI 6LFLOLDQEORRGZKRHPLJUDWHGWRWKH6WDWHVWZHQW\\HDUVDJREHORQJV WRWKHODWWHUFDWHJRU\,QKLVYLVLRQWKHUHLVDWKUHDGRIPDJLFDQGZLV GRPWKDWOLQNVWKHSDVWDQGWKHSUHVHQWJLYLQJDQLQQRYDWLYHDQGDW WKHVDPHWLPHP\VWHULRXVO\IDPLOLDUVHQVHWRWKHSURMHFWZKLFKERXQF HVIURPDZLJVKRSWRDSKDUPDF\IURPDVKRHVKRSWRWKHJORVV\ KHDGTXDUWHUV RI LQWHUQDWLRQDO IDVKLRQ 0DQQLQR KDV VSHFLDOLVHG LQ EUDQGLQJDUFKLWHFWXUHVLQFH+HDUULYHGLQ1HZ<RUNDIHZ\HDUV HDUOLHUEULQJLQJZLWKKLPDEDFNJURXQGRIVWXG\DQGSDVVLRQDQGDQ LQGLVVROXEOHERQGZLWKWKHDOFKHPLFDOGHVLJQRI5HPR%XWLZKRZDVKLV SURIHVVRUGXULQJWKHDFDGHPLF\HDUV$IWHUZRUNLQJLQYDULRXVSURIHV VLRQDOVWXGLRVKHVHWXSKLVRZQEXVLQHVVDQG9LQFH&DPXWRDFKLF DQGDFFHVVLEOH$PHULFDQIRRWZHDUJXUXZDVRQHRIKLVʅUVWFOLHQWV :LWK&DPXWRFDPHWKHWXUQLQJSRLQWDQGDSDUWQHUVKLSWKDWODVWHG RYHU D KXQGUHG VWRUHV :LWK 0DQQLQR WKH OD\HUV FXOWXUDO PHPRULHV DQGKLVȸOLVWHQLQJȹWRWKHEUDQGPHUJHLQV\QHUJ\DOORZLQJWKHEUDQG WRH[SUHVVLWVHOIDQGEUHDWKHZLWKLQWKHZDOOVRIDVWRUH,QWKLVZD\WKH FXVWRPHUUHODWLRQVKLSDOVREHFRPHVFXOWXUDO Your work oscillates between references to historical design and a desire to witness and interpret the present. How does all this work in support of the brand? References to design and art, and the music of a certain historical pe ULRG DUH PDQLIROG LQ P\ ZRUN ,Q WKH +LUVKOHLIHUV VKRH VKRS RQ /RQJ ,VODQGWKHUHLVDODUJHKDQJLQJQHRQODPSLQVSLUHGE\/XFLR)RQWDQDȶV 6SDFH&RQFHSWWKHUHGVRIDVDUHLQVSLUHGE\*L³3RQWLDQGWKHZRRG HQDQGJODVVIXUQLWXUHWRSSHGZLWKDFXUWDLQLVDUHIHUHQFHWR'RQDOG -XGG:KLOHLQ*ODP6HDPOHVVDYHU\SRSXODUZLJVKRSLQWKHKHDUWRI 1HZ<RUNWKHPLUURUSD\VKRPDJHWR8OWUDIUDJRODE\6RWWVDVV7KHVH REMHFWVDUHQRWUHSOLFDVQRWIRUFHGODERXUEXWQDWXUDOSDVVLRQDQGWKH UHVXOWRIP\SHUVRQDOEDJJDJH2YHUWLPHZHKDYHVHHQWKDWDEHDX WLIXOGHVLJQWKDWLVSHUIHFWO\LQOLQHZLWKWKHEUDQGLQFUHDVHVWUDʇFLQ VLGHWKHVWRUHVLPSO\EHFDXVHSHRSOHDUHDWWUDFWHGE\DZHOOGHVLJQHG VSDFH7KLVLVGHPRQVWUDWHGE\0HGO\DSKDUPDF\LQ%URRNO\QIHDWXU LQJVKDGHVRIZDWHUJUHHQZLWKDSDWWHUQHGʆRRUWKDWUHVHPEOHVDSLOO :LWKLQDFRXSOHRIPRQWKVRIRSHQLQJEXVLQHVVKDGGRXEOHGPXFKWR WKHFOLHQWȶVVXUSULVH:HLQWHUSUHWWKHEUDQGLQWKLVFDVHDSKDUPDF\ and a clinical and reassuring design, giving a feeling of seriousness, is V\QRQ\PRXVZLWKDEUDQG\RXFDQWUXVW One of the latest works can be found inside the Saks 5th Avenue department store: the corner of Leather Spa, the high-end leather care chain. What concepts did you work on and what did you add that is new or personal to a brand already so coded? /HDWKHU6SDLVWKHOX[XU\YHUVLRQRI'H6LFDȶVIDPRXVʅOP6FLXVFL¡7KH EUDQGKDVVHYHUDOVWRUHVLQ1HZ<RUNEXWWKH6DNVFRUQHULVORFDWHG QH[WWRLPSRUWDQWEUDQGVOLNH)HQGLDQG3UDGDVRWKHGHVLJQKDGWREH


P. 153 • PALAZZO EXPERIMENTAL /RFDWHGLQ9HQLFHWKH([SHULPHQWDO*URXSȸVʇUVW,WDOLDQKRWHO is in an elegant renaissance palace. A project by Dorothée Meilichzon, with a special cameo by Cristina Celestino

RQWKHVDPHOHYHO:HNHSWWKHRULJLQDOFRORXUVRUDQJHDQGFKRFRODWH EURZQDQGWKHZRRGRIWKHEUDQGLQJRIWKHH[LVWLQJVWRUHVEXWZH GHFLGHGWRVLPSOLI\LWVDHVWKHWLFVE\HOLPLQDWLQJDOOWKHUHGXQGDQWRU RYHUO\OLWHUDOHOHPHQWVVXFKDVOHDWKHU)RUWKHZDOOVZHHQJLQHHUHGD QHZGLVSOD\V\VWHPZLWKDSHUIRUDWHGPHWDOZDOOWKDWFUHDWHVDWH[ WXUHLQFRQWUDVWWRWKH0XWLQDFHUDPLFVDWWKHEDVH-XGJLQJIURPWKH FOLHQWȶV FRPPHQWV LW VHHPV WR PH WKDW WKH UHVW\OLQJ ZDV YHU\ PXFK DSSUHFLDWHG$QGQRZZHȶOOVHHLIWKHFOLHQWZLOOXVHLWIRUWKHQH[WVWRUHV How did the collaboration with Camuto start and what did he leave you? 1RGRXEWWKHIRXQGDWLRQRIP\ʅUPFRPHVIURPKLP,ZDVVWDUWLQJ IURPVFUDWFKLWZDVWKHEODFN\HDUIRUWKH86HFRQRP\DQG KHJDYHPHDORWRIZRUNDQGDERYHDOOFDUWHEODQFKHLQWKHSURMHFW +HZDVUHDOO\WKHʅUVWFOLHQWZKRDOORZHGPHWRGRWKHWKLQJV,OLNHG :LWKKLPZHRSHQHGDERXWWHQRXWOHWVVHYHUDO-HVVLFD6LPSVRQDQG 6KRHER[ VWRUHV LQ $VLD WKH 9LQFH &DPXWR ʆDJVKLS VWRUH LQ *UDQG &HQWUDO7HUPLQDOD/RQJ,VODQGVWRUHWKH.HQVLH*LUOVKRZURRPDQG PDQ\RWKHUV The design inspired by the Memphis Group has great popularity on social media. What do you think of Instagram? , WKLQN ,QVWDJUDP LV JRRG IRU GHVLJQ 7KH LPDJH KDV WR EH MXGJHG DQGLWKDVWRDWWUDFWLQDIHZVHFRQGV,QVWDJUDPKDVDFFXVWRPHG XVWRYHU\IDVWMXGJLQJWLPHVDQGWKLVLVSXVKLQJDUFKLWHFWVWRGHVLJQ GLʄHUHQWO\ :KHQ \RXȶUH ERPEDUGHG E\ PLOOLRQV RI LPDJHV HYHU\ GD\\RXGRQȶWKDYHWLPHWRMXGJHDQ\WKLQJSURIRXQGO\<RXKDYH WRGHVLJQIRUWKHH\HVLQIDFW\RXKDYHWRGHVLJQʅUVWIRUHQWHUWDLQ PHQW2QWKHRWKHUKDQG,DPDOVRFRQYLQFHGWKDWDSURMHFWPXVW WKHQQHFHVVDULO\RʄHUGHHSHUOD\HUVRIUHDGLQJIRUWKRVHZKROLQJHU WRREVHUYHLWPRUHFDUHIXOO\ You’ve carved out an area that is “branding architecture”. What exactly does that represent? :HVSHFLDOLVHLQDVPDOOQLFKHLQDUFKLWHFWXUHWKDWLVFORVHUWREUDQGLQJ WKDQDUFKLWHFWXUHLWVHOI2XUUROHLVWRFUHDWHDEUDQGWRJHWKHUZLWKWKH FOLHQWRULIWKLVKDVDOUHDG\EHHQGHYHORSHGWRGHVLJQDVSDFHWKDWLV DQH[SUHVVLRQRILW,ȶPQRWMXVWWDONLQJDERXWFRORXUVRUVKDSHVDSUR MHFWFDQDOVREHWKHH[SUHVVLRQRIWKHFHUWDLQYDOXHVWKDWHDFKEUDQG KDV HYHQ KRZ LW LV SRVLWLRQHG LQ WKH ZRUOG ZLWK UHJDUG WR LPSRUWDQW VRFLRFXOWXUDOLVVXHV:HDUHWKHLQWHUSUHWHUVRIWKHVHYDOXHVZLWKLQD VSDFH,DOZD\VWDNHWKHH[DPSOHRIWKH6DFFRDUPFKDLUEHFDXVHLWLV WKHREMHFWWKDWEHVWH[SUHVVHVWKLVFRQFHSW7KHGHVLJQRIWKLVFKDLU LVQRWWKHGHVLJQRIDVKDSHEXWWKHLGHDRIDQHZZD\RIVLWWLQJDV RSSRVHGWRWKHPXFKPRUHIRUPDOVHDWLQJRIWKHSDVW,WȶVDQHZZD\ RIVLWWLQJEHFDXVHVRFLHW\DQGLWVYDOXHVKDYHFKDQJHG:KDWZHDUH WU\LQJWRGRLVYHU\VLPLODUWU\LQJWRLQWHUSUHWWKHYDOXHRIDEUDQGDQG ZLWKLWFRQWHPSRUDU\VRFLHW\WUDQVIRUPLQJLWLQWRDVSDFHO

([SHULPHQWDO *URXS NQRZQ IRU LWV GHVLJQ RI KRVSLWDEOH VSDFHV WKDW GHHSO\UHVSHFWWKHJHQLXVORFLRIWKHFLWLHVLQZKLFKWKH\DUHORFDWHG HQWUXVWHG'RURWKªH0HLOLFK]RQZLWKWKHGHVLJQRI3DOD]]R([SHULPHQWDO )RULWVʅUVW,WDOLDQDGGUHVVWKHJURXSFKRVHDVXPSWXRXVUHQDLVVDQFH SDODFHGLUHFWO\RYHUORRNLQJWKH*LXGHFFD&DQDOLQWKH'RUVRGXURGLV WULFWWUDQVIRUPLQJLWLQWRDKRWHOZLWKDFRQWHPSRUDU\PRRG0DQ\RULJ LQDODUFKLWHFWXUDOHOHPHQWVRIWKHDQFLHQWSDODFHKDYHEHHQSUHVHUYHG WKHEHDPVWKHLPSRVLQJFHLOLQJKHLJKWRQWKHʅUVWʆRRUWKHJDOOHU\ WKH*RWKLFZLQGRZVDQGWKHGRXEOHZRRGHQGRRUVLQKRPDJHWRWKH 9HQHWLDQWUDGLWLRQEXWUHYLVLWHGLQDFRQWHPSRUDU\NH\7KHFRORXUFKRLF HVDUHLQVSLUHGE\WKHOLJKWDQGFRORXUVRIWKHODJRRQLQWKHDOWHUQDW LQJSDOHEXWOXPLQRXVVKDGHVRIFUHDPSDOH\HOORZVN\EOXHVLOYHU JUH\DQGZDWHUJUHHQZLWKVWURQJHUVKDGHVVXFKDVEXUJXQG\FRUDO DQGEODFN7KHIXWXUHRIFRORXUDFFRUGLQJWR0HLOLFK]RQOLHVLQWKHFRQ WUDVWEHWZHHQGHOLFDWHSDVWHOVKDGHVKHUʅUVWUHDOSDVVLRQDQGDQHZ UDQJHRIGDUNVKDGHVWKDWKDYHUHFHQWO\DGGHGWRKHUSDOHWWH7KHQDU UDWLYHFRQWLQXHVLQWKHURRPVDQGVXLWHVZKLFKIHDWXUHKDQGJOD]HGWLOHV %UHFFLD&DSUDLDPDUEOHGHWDLOVVXPSWXRXVIDEULFVFKURPHODPSVDQG SUHFLRXVEUDVVGHWDLOV+HUHWKHW\SLFDOZDOOVRIPDUPRULQRSODVWHURU 9HQHWLDQVWXFFRIRUPWKHEDFNGURSWRWKHLPSRUWDQWDQGKLJKO\RULJLQDO FDUYHGZRRGHQKHDGERDUGVUHDOVFXOSWXUHVWKDWLQFUHGLEO\VXFFHHGLQ PL[LQJ*RWKLFLQVSLUDWLRQZLWKSRVWPRGHUQVW\OH7KHVWULSHGGHFRUDWLRQV WDNHXSWKRVHRIWKHJRQGROLHUVȶVKLUWVDQG'RURWKªH0HLOLFK]RQȶVORYH IRUV\PPHWU\LVWULXPSKDQWHYHU\ZKHUHLQWKHEHORYHGURXQGDUFKHV WKHJUDSKLFHOHPHQWVDQGVWXGLHG$UW'ªFRGHWDLOVWKDWDUHKHUVW\OLVWLF VLJQDWXUHDQGWKDWPDNHHDFKRIKHUSURMHFWVXQLTXHDQGXQPLVWDNDEOH $PRQJ WKH VPDOO PDVWHUSLHFHV DUH VFUHHQSULQWHG DOXPLQLXP EHGVLGH WDEOHVDGRUQHGZLWKEUXVKHGVWHHOVWULSV)RUWKH([SHULPHQWDO&RFNWDLO &OXERQWKHJURXQGʆRRU0HLOLFK]RQWXUQHGWRKHUIULHQGDQGIHOORZGH VLJQHU&ULVWLQD&HOHVWLQRZKRJUDGXDWHGIURP9HQLFHDQGZURWHDORYH OHWWHUIRUWKHFLW\WRPDUNWKHRFFDVLRQ7KHEDULQIDFWLVDORXQJHZLWK an intimate and sophisticated atmosphere, retaining all the charm of WKHSODFH7KLVLQWHULRUGHVLJQSURMHFWUHYHDOVDOORI&ULVWLQDȶVSDVVLRQIRU 9HQLFHDQGLVIXOORIUHIHUHQFHVWRWKHGHFRUDWLYHWHFKQLTXHVRIWKH9HQH WLDQ5HSXEOLFVWDUWLQJZLWKWKHXVHRIPDUEOHIUDPHGLQPHWDOLQWULEXWH WRWKHDUFKLWHFWXUHRI&DUOR6FDUSDO

P. 160 • INDUSTRIAL CHIC In Eindhoven, a former Philips power plant lives again in the Innovation Powerhouse: a real working ecosystem designed by Atelier Van Berlo as its headquarters. Wood, glass and ZLGHEULJKWVSDFHVGHʇQHDVWUXFWXUHZLWKDQLQGXVWULDOVRXO $EODQNVKHHWRISDSHUDQGDJUHDWFXULRVLW\GHVFULEHWKHDSSURDFKRI WKHDUFKLWHFWXUDOVWXGLR$WHOLHU9DQ%HUORFDSDEOHLQHYHU\SURMHFWRIJR LQJEH\RQGPHUHIXQFWLRQ$QGLWLVZLWKDQLQQRYDWLYHDSSURDFKWKDW WKLVWHDPRIDUFKLWHFWVKDVLPDJLQHGWKHQHZ,QQRYDWLRQ3RZHUKRXVHD EXLOGLQJEXWWKH\FDOOLWDQȸRSHQHFRV\VWHPȹWKDWKRXVHVWKHLUKHDG TXDUWHUVȸ,QDJURZLQJGLJLWDOZRUOGZHZDQWHGDSK\VLFDOVSDFHZKHUH FRZRUNHUVFXVWRPHUVDQGSDUWQHUVFRXOGPHHWFROODERUDWHDQGFUHDWH VRPHWKLQJWRJHWKHUȹWKH\H[SODLQ7KHUHIRUHLQ(LQGKRYHQWKHDUFKLWHF WXUDOFRPSOH[EXLOWLQWRDFFRPPRGDWHWKHIRUPHU3KLOLSVSRZHU SODQWKDVXQGHUJRQHDPDVWHUO\FRQVHUYDWLYHUHVWRUDWLRQZLWKWKHDGGL WLRQRIDVWHHOYHUWLFDOJDUGHQDQGDJODVVH[WHQVLRQDWWKHEDFN2QFH LQVLGHRQHLVLPPHGLDWHO\JUHHWHGE\WKHODUJHFRʄHHDUHDSURYLGLQJ DFFHVVWRWKHKHDUWRIWKHVWUXFWXUHDVSDFLRXVDWULXPDOORZLQJRQHWR PHHWDQGVHWLQPRWLRQWKHFUHDWLYLW\PDFKLQH7KHPDLQLQVSLUDWLRQLVD IRUW\PHWUHORQJH[KLELWLRQZDOOGHSLFWLQJVXFFHVVVWRULHVZKLOHZRRGHQ SDUWLWLRQVFUHDWHDVHQVHRILQWLPDF\EHWZHHQWKHLQIRUPDODQGFRP IRUWDEOHZRUNLQJDUHDV/DUJHVWDLUFDVHVVHUYHDVDSUHVHQWDWLRQWKHDWUH


IRUWKHPDQ\HYHQWVKRVWHGLQWKHEXLOGLQJȸ:HEHOLHYHWKDWWKHPRVW EULOOLDQW LQQRYDWLRQV DUH JHQHUDWHG E\ GLVFLSOLQDU\ FURVVRYHUVȹ VD\V 7KRPDV3DXOHQ&(2RI9DQ%HUOR7KHGLʄHUHQWURRPVDUHGHVLJQHGWR SHUIRUPWKHPRVWGLYHUVHIXQFWLRQVSUHVHQWDWLRQVZRUNVKRSVXVDELOLW\ WHVWVDQGKDFNDWKRQVDQGHDFKRIWKHPQDWXUDOO\KDVLWVRZQDWPRV SKHUHGRRUVWKURXJKZKLFKWRHQWHUDQGH[LWIUHHO\DQGLQWHULRUZDOOV PDGHDOPRVWHQWLUHO\RIJODVV7KHGHVLJQVWXGLRVRQWKHRWKHUKDQGDUH more reserved and have a clean and light design, aimed at encouraging WKHELUWKRIQHZLGHDV7KHLQGXVWULDOFKDUDFWHUWKDWFKDUDFWHULVHGWKH RULJLQDODUFKLWHFWXUHUHPDLQVLWLVLQWKHPDWHULDOVSXUHUDZ\HWRIKLJK TXDOLW\WKHHOHPHQWVXVHGZKRVHODUJHGLPHQVLRQVDUHZHOOVXLWHGWR WKHJUDQGHXURIWKHVWUXFWXUHDQGʅQDOO\LQWKHVLPSOLFLW\RIWKHVKDSHV WKHVRIWFRORXUVDQGWKHFKRLFHRIZDUPDQGUHʅQHGOLJKWLQJ2QWKH ZKROHWKHVSDFHH[SUHVVHVWKDWVHQVHRILPSHUPDQHQFHWKDWFKDUDFWHU LVHVHYHU\FUHDWLYHIHUPHQWUHVXOWLQJQRWLQDVLPSOHRʇFHEXWDSODFH FDSDEOHRIUHGHʅQLQJWKHERXQGDULHVRIWKHFXUUHQWZRUNLQJXQLYHUVHO

P. 168 • ORYX TOWER Studio Matteo Nunziati has been entrusted with the artistic GLUHFWLRQRI2U\[7RZHULQ'RKDDKLJKSURʇOHUHVLGHQWLDO building with 160 large apartments and exclusive services, including concierge, lounge, restaurant, spa and games room 1H[W \HDU ZLOO VHH WKH LQDXJXUDWLRQ RI 2U\[ 7RZHU LQ 'RKD 4DWDU D VWRUH\UHVLGHQWLDOEXLOGLQJZLWKUHVLGHQWLDOXQLWVDQGFRPPXQDO DUHDVVXFKDVWKHOREE\FRQFLHUJHUHVWDXUDQWVSDDQGVZLPPLQJSRRO 4DWDU$LUZD\VWKHRZQHURIWKHVN\VFUDSHUKDVHQWUXVWHGWKHSURMHFWȶV DUWGLUHFWLRQWR6WXGLR0DWWHR1XQ]LDWLLQSDUWQHUVKLSZLWKWKHORFDOVWX GLR$UDE(QJLQHHULQJ%XUHDX $(% 7KHDSDUWPHQWVRIGLʄHULQJVL]H EXWHDFKZLWKJHQHURXVDQGFRPIRUWDEOHGLPHQVLRQVIURPWR VTXDUHPHWUHVDUHGHVLJQHGZLWKIXQFWLRQDOLW\LQPLQGDQGZLWKIXOO KHLJKWZLQGRZVOHWWLQJLQSOHQW\RIQDWXUDOOLJKW7KHʅQLVKHVDUHHOHJDQW DQGWLPHOHVVZKLOHWKHSDOHWWHSRLQWVWRGHOLFDWHWRQHVRIEHLJHIRUWKH FHUDPLFʆRRULQJDQGDZDUPVKDGHRIRDNIRUWKHIXUQLWXUHDQGGRRUV 1HXWUDOVKDGHVWKHQEXWHQOLYHQHGZLWKWRXFKHVRIFRORXUWREUHDNWKH FKURPDWLFLVPPRVWQRWDEO\WKHEOXHDQGDPDUDQWKUHGRIWKHXSKRO VWHU\7KHFRUULGRUVOHDGLQJWRWKHOLYLQJXQLWVDUHDOVRYHU\HOHJDQWDQG UHʅQHGZLWKH[WHQVLYHRDNSDQHOOLQJDQGSUHFLRXV&DUUDUDPDUEOHGH WDLOV /LJKWQHVV RI DLU DQG ʆLJKW LV WKH JXLGLQJ WKUHDG RI WKHHQWUDQFH OREE\7KHUHFHSWLRQLQIDFWLVPDGHRIIURVWHGJODVVLOOXPLQDWHGIURP EHORZZKLFKVHHPVWRDOPRVWʆRDWDIHZLQFKHVDERYHWKHJURXQG%H KLQG WKH FRXQWHU UHʆHFWLYH IURVWHG JODVV FRYHUV WKH ZDOO HPEHOOLVKHG ZLWKDFRQWHPSRUDU\GHFRUDWLRQ7KUHHGHFRUDWLYHZLUHFKDQGHOLHUVOLNH OXPLQRXVFORXGVDUHVXVSHQGHGIURPWKHFHLOLQJZKLOHWKHWUDYHUWLQHRQ WKHʆRRUJLYHVDIHHOLQJRIULFKQHVVDQGVROLGLW\WRWKHURRP7KHORXQJH DUHDGHVLJQHGIRUVRFLDOLVLQJDQGFRQYLYLDOLW\LVUHQGHUHGG\QDPLFE\ DQLUUHJXODUVTXDUHGFHLOLQJWKDWFKDQJHVDSSHDUDQFHDFFRUGLQJWRWKH SRLQWRIREVHUYDWLRQZKLOHWKHEDFNZDOOLVGHʅQHGE\DSLHFHRIIXU QLWXUHLQZRRGDQGWUDYHUWLQHPDUEOH5HVLGHQWVDOVRKDYHDFFHVVWRD JDPHVURRPZLWKRDNDQGWUDYHUWLQHIXUQLWXUHDʅWQHVVDUHDZLWKSDQ HOOHGDQGPLUURUHGZDOOVFKDUDFWHULVHGE\ZDUPOLJKWLQJDQGDVSDZLWK DQRDNZRRGHQWUDQFHDQGLQWHULRUPDGHRIFDODFDWWDDQG&DUUDUDPDU EOH)LQDOO\WKHVN\VFUDSHUZLOODOVRIHDWXUHDUHVWDXUDQWLQVLGHHQULFKHG E\DFHLOLQJRIPHODPLQHZRRGSODWHGRQEODFN0')DQGZLWKDQLUUHJX ODUVWULSHGGHFRUDWLRQWKDWHOHJDQWO\EULQJVPRYHPHQWWRWKHVXUIDFHO

P. 174 • VISUAL DISPLAY “Interior, identity, stories”: this claim presents Visual Display, a creative company specialised in branding and interior GHVLJQSURMHFWVLQWKHUHWDLORʉFHDQGFDWHULQJVHFWRUV )RXQGHGLQE\*LRUJLR'L%HUQDUGRDQG&KLDUD(QGULJRWKH9LVXDO 'LVSOD\VWXGLRLQ8GLQHKDVEHHQHQULFKHGRYHUWLPHZLWKRWKHUʅJXUHVLQ DGGLWLRQWR5XQH5LFFLDUGHOOLDQG*LXOLD0LQR]]LZKRKHDGWKHFUHDWLYH GHSDUWPHQWLVDJURXSRISURIHVVLRQDOVZLWKDQLQWHJUDWHGDSSURDFK • 238

WRSURMHFWV$FDUHIXODQDO\VLVRIWKHREMHFWLYHVWREHDFKLHYHGDQGD great attention to the most current lifestyles and trends distinguishes the WHDPFDSDEOHRILQWHUSUHWLQJWKHSUHVHQWZLWKHOHJDQWVFHQLFDQGRIWHQ K\EULGVSDFHVLQDODQJXDJHWKDWQHYHUVWRSVORRNLQJDWDUWIDVKLRQ KLVWRU\DQGGLʄHUHQWYHUQDFXODUFXOWXUHV Who is the Visual Display team? Chiara Endrigo 2YHUDOO RXU WHDP FRQVLVWV RI WZHOYH SHRSOH ZLWK GLI IHUHQWSURIHVVLRQDOVNLOOVZKRZRUNLQDQLQWHJUDWHGZD\RQWKHYDULRXV SURMHFWVVWUDWHJLVWVDUFKLWHFWVLQWHULRUGHVLJQHUVJUDSKLFGHVLJQHUVLO OXVWUDWRUVFRS\ZULWHUVDQGRWKHUʅJXUHVZKHUHQHFHVVDU\ IRUH[DPSOH PXVLFLDQV GHFRUDWRUV VW\OLVWV HWF  :H EHOLHYH WKDW WKLV DSSURDFK LV H[WUHPHO\HʄHFWLYHDQGWKHUHVXOWVFRQʅUPWKLV Where do you start when you design a space? What are the sources of inspiration? Rune Ricciardelli 2XUVSDFHVDUHDOOERUQIURPWKHREVHUYDWLRQRIWKH REMHFWLYHVWKHFRQWH[WDQGWKHQHHGVRIRXUFOLHQWVLQRUGHUWRLGHQWLI\ WKHPRVWFRKHUHQWDQGHʄHFWLYHGHVLJQJHVWXUHV7KHUHLVDOVRDJUHDW GHDORIDWWHQWLRQDQGFXULRVLW\DERXWZKDWLVKDSSHQLQJLQWKHZRUOG DERXW OLIHVW\OHV WKH PDFURHFRQRPLF V\VWHP DQG FXUUHQW WUHQGV :H constantly research and our inspirations are the most diverse, from the great architects of the past to contemporary art, fashion, history and GLʄHUHQWYHUQDFXODUFXOWXUHV How do you reconcile your creativity with your clients’ needs? *LRUJLR'L%HUQDUGR%\VLPSO\VKDULQJLWZLWKWKHP:HOLNHWRFUHDWH VSDFHVWKDWUHʆHFWWKHPJXLGLQJWKHPWKURXJKRXUYLVLRQLQWKHPRVW VXLWDEOHFKRLFHVWRDFKLHYHWKHUHVXOW What is the relationship between your interior design and architectural design? Giulia Minozzi ,QWKHPDMRULW\RIFDVHVRXUSURMHFWVDOVRLQFOXGHLQWHULRU DUFKLWHFWXUHGLVWULEXWLRQRIVSDFHFKRLFHRIʅQLVKHVDQGFRYHULQJVDV ZHOODVIXUQLVKLQJDQGGHFRUDWLRQGHVLJQ,QRWKHULQVWDQFHVLQVLWXDWLRQV ZKHUHWKHDUFKLWHFWXUHLVDOUHDG\GHʅQHGRXULQWHUYHQWLRQDGDSWVWRWKH VSDFHVLQWU\LQJWRKLJKOLJKWWKHLUSHFXOLDULWLHV,WLVGLʇFXOWWRGHVFULEH DEVROXWHO\WKHUHODWLRQVKLSEHWZHHQLQWHULRUGHVLJQDQGDUFKLWHFWXUDOGH VLJQLWDOZD\VFKDQJHV6RPHWLPHVLWLVDKDUPRQLRXVUHODWLRQVKLSDQG VRPHWLPHVLWLVGLVVRQDQWEXWRQO\DSSDUHQWO\ For the brand Slowear Venezia you have created two concept VWRUHVLQ7RN\RDQGLQ0LODQ+RZGRWKHWZRVSDFHVGLʆHU" R. R. 7KH7RN\RFRQFHSWVWRUHLVDZRUNRILPSOHPHQWDWLRQRIWKHEUDQGȶV KLVWRU\DWUHWDLOOHYHO,QDFRXQWU\OLNH-DSDQWKHVWUHQJWKRIWKHEUDQG LVWKDWLWLVUHFRJQLVHGDVVWURQJO\,WDOLDQDQGDWWHQWLYHWRGHWDLODQG TXDOLW\7KHVW\OHRIWKHVWRUHWKHUHIRUHSOD\VZLWKWKHFRQFHSWRIWDL ORULQJUHʆHFWHGLQDUHʅQHGHQYLURQPHQWZLWKDFHUWDLQUHWURʆDYRXULQ WKHGHVLJQRIWKHIXUQLVKLQJVDQGFKRLFHRIFRORXUVDQGʅQLVKHV7KH 0LODQFRQFHSWVWRUHLQVWHDGUHSUHVHQWVWKHFRPSDQ\ȶVGHVLUHWRORRN WRWKHIXWXUH7KHDLPLVWRKLJKOLJKWQHZWUDLWVRIWKHEUDQGWKDWDUH LQQRYDWLYHWHFKQRORJLFDODQGDLPHGDWD\RXQJHUDQGXUEDQSXEOLF ,WLVDK\EULGVSDFHZKHUHDVPDOOEDUDQGDVDOHVDUHDFRH[LVWDEOH WRWUDQVIRUPLWVHOIGXULQJWKHGD\WRUHʆHFWWKHG\QDPLVPRIDFLW\LQ FRQWLQXRXVHYROXWLRQ What kind of message did you want to give instead with Star Hub, your latest project? G. D. B.6WDU+XELVDSODFHRIZRUNDQGVKDULQJDQRSHQVSDFH RIVTPWKDWLVLQGHSHQGHQWIURPWKHUXOHVRISK\VLFDOORFDWLRQ ʅ[HG VHWXSV DQG VWDQGDUG WLPHWDEOHV DFFRPPRGDWLQJ XS WR  SHRSOH DQG SURYLGLQJ D ORFDWLRQ IRU HYHQWV PHHWLQJV ZRUNVKRSV DQG SKRWRJUDSKLF VHWV ,WȶV D SODFH RI LQQRYDWLRQ ZKHUH ZLULQJ LV HLWKHU HQWLUHO\ KLGGHQ RQ WKH ʆRRU RU EDVHG RQ ZLUHOHVV WHFKQROR J\DOORZLQJDFFHVVWRDXGLRDQGYLGHRGDWDIURPDQ\ORFDWLRQ:H ZRUNHGDORWRQWKHVSDFHRQWKHOLJKWDQGVRXQGZLWKWKHDLPRI DFKLHYLQJWKHJUHDWHVWFRPIRUWSRVVLEOH In the spaces you design several realities often coexist. Why this choice?


C. E.,WLVDFRQVHTXHQFHRIWKHSHULRGLQZKLFKZHOLYHZKHUHSHRSOH DUHXVHGWRGRLQJVHYHUDOWKLQJVDWRQFHDQGEHLQJPRUHDQGPRUH VWLPXODWHG8SXQWLOÊ&#x2026;YHRUVL[\HDUVDJRFXVWRPHUVDVNHGXVIRUSUR MHFWV WKDW VLPSO\ FRPELQHG DHVWKHWLFV DQG IXQFWLRQDOLW\ 7KLV LV QR ORQJHUWKHFDVH7RGD\WKHUHDOWKHPHLVQRWKRZWRGLVSOD\SURGXFWV ZHOOEXWKRZWRFUHDWHDWWUDFWLYHHQJDJLQJXQLTXHSODFHVWKDWJHQ HUDWHDQHPRWLRQDOFRQQHFWLRQZLWKSHRSOH7RPDNHWKHPIHHOJRRG IXOÊ&#x2026;OOHGDQGKDSS\ What guidelines do you follow for lighting? R. R. 2XU DSSURDFK LV DOZD\V YHU\ VFHQLF ZKLFK LV ZK\ OLJKW SOD\V DNH\UROH7KHOLJKWLQJLQDURRPGHWHUPLQHVLWVFKDUDFWHUDQGFRQ YH\VLWVSHUFHSWLRQ7KHÊ&#x2026;UVWWKLQJZHDVNRXUVHOYHVLVZKDWWKHSURMHFW VKRXOGVD\DQGKRZLWVKRXOGEHH[SHULHQFHG2QFHZHKDYHVKDUHG WKH JHQHUDO IHHOLQJ ZLWK WKH FOLHQW ZH PRYH RQ WR WKH GHVLJQ SKDVH ZRUNLQJRQWZRGLVWLQFWOHYHOV$PELHQWRUWHFKQLFDOOLJKWLQJRQFRP PHUFLDOSURMHFWVIRUZKLFKZHSUHIHUPLQLPDOLVWREMHFWVRUREMHFWVLQWH JUDWHGLQWRWKHDUFKLWHFWXUHDQGDFFHQWOLJKWLQJIRUZKLFKZHSUHIHU ODPSVWKDWDOVRKDYHDGHFRUDWLYHYDOXH$ZDOOODPSRUDODPSUHVWLQJ RQDFRXQWHUFDQUHDOO\PDNHDGLÊ&#x201E;HUHQFH What is your relationship with colour? G. M. :HOLNHFRORXUYHU\PXFKDQGZHDOZD\VWU\WRXVHLWREYLRXVO\LQ DYHU\GLÊ&#x201E;HUHQWZD\GHSHQGLQJRQWKHVSDFHZHKDYHWRGHVLJQ,WFDQ EHDJDPHRIFRQWUDVWVRUDVLQJOHVKDGHZLWKDOOLWVQXDQFHV:HGRQRW OLNHEULJKWFRORXUVEXWVRPHWLPHVZHGDUHWRJLYHLPSRUWDQFHWRDSLHFH RIIXUQLWXUHRUDGHWDLOWKDWZHZDQWWRKLJKOLJKW +RZZRXOG\RXGHÊ&#x2021;QHWKH9LVXDO'LVSOD\VW\OH" R. R. 7UDQVYHUVDOHOHJDQWFOHDQVWXGLHGLQGHWDLO'HVWLQHGWRODVW Which project would you like to deal with in the future? G. D. B.$SURMHFWWKDWZHZRXOGOLNHWRWDNHRQLVXQGRXEWHGO\DKRWHO 7KHKRVSLWDOLW\VHFWRULVLQIDFWRQHZKHUHWKHUHLVDUHDOQHHGWRLQQR YDWHRÊ&#x201E;HULQJVHUYLFHVDQGH[SHULHQFHVDFFRUGLQJWRWDUJHWIRUH[DPSOH PDGHWRPHDVXUHDQGKXPDQWRXFKVHUYLFHVIRUFXVWRPHUVLQWKHOX[XU\ VHJPHQWVRFLDOH[SHULHQFHDQGQHZDWPRVSKHUHVIRU0LOOHQQLDOVJUHHQ IDFLOLWLHVDQGVXVWDLQDEOHKROLGD\VIRU*HQHUDWLRQ=WLPHVDYLQJWHFK QRORJ\DQGSULYDF\IRUEXVLQHVVHWF:HEHOLHYHWKDWGHVLJQ SOD\VD VWURQJO\VWUDWHJLFUROHLQWKHVXFFHVVRIDKROLGD\H[SHULHQFH Do you have any news in the pipeline? G. D. B. 0LODQȶV*DOOHULD9LWWRULR(PDQXHOHZLOOVRRQEHWKHORFDWLRQRI WKHÊ&#x2026;UVWSRLQWRIVDOHRIDQHZ0DGHLQ,WDO\IRRGVHUYLFHIRUPDW

P. 182 â&#x20AC;¢ LIKE ROLLING STONES In New Yorkâ&#x20AC;&#x2122;s Soho district, the interior design studio of director Luca Guadagnino has put its signature on the Ê&#x2021;UVWERXWLTXHRIWKH5HGHPSWLRQEUDQGDPRQJGUDPDWLF atmospheres, rock music and seventies nostalgia 6XVWDLQDEOHDQGURFNDQGUROOWKLVLVWKHGXDOLGHQWLW\RI5HGHPSWLRQ D FORWKLQJ EUDQG ERUQ IURP WKH SKLODQWKURSLF YLVLRQ RI *DEULHOH 0RU DWWLZKRKDVHQWUXVWHG/XFD*XDGDJQLQRZLWKKLVÊ&#x2026;UVW1HZ<RUNUHWDLO VWRUH7KHLQWHULRUGHVLJQVWXGLRRIWKHIDPRXV,WDOLDQGLUHFWRUKDVWKXV UHFUHDWHGD+DXVVPDQQVW\OHDSDUWPHQWLQVLGHWKHÊ&#x2020;DJVKLSVWRUHZLWK WKHDLPRIRÊ&#x201E;HULQJWKHFXVWRPHUDQHQJDJLQJDQGLQWLPDWHH[SHULHQFH 7KHVWDUWLQJSRLQWIRU*XDGDJQLQRDQGKLVWHDPZHUHWKHSKRWRJUDSKV WKDWLPPRUWDOLVHGWKH5ROOLQJ6WRQHVGXULQJWKHUHFRUGLQJRIDQDOEXP RQWKH)UHQFK5LYLHUD%ROGVHYHQWLHVDWPRVSKHUHVZLWKDFOHDUUHIHU ence to the psychedelia of that period, thus characterise the spaces RI WKH ERXWLTXH VWDUWLQJ IURP WKH VFHQLF HQWUDQFH HPEHOOLVKHG E\ D WKUHHGLPHQVLRQDOFHLOLQJZLWKFURVVHGSDWWHUQVDQGWKHWUDYHUWLQHÊ&#x2020;RRU LQWKUHHLQWHUWZLQLQJFRORXUVȸ$VVRRQDVWKH\HQWHUWKHVWRUHYLVLWRUVZLOO EHWUDQVSRUWHGWRDGLÊ&#x201E;HUHQWUHDOLW\ȹH[SODLQVWKHGLUHFWRUȸ7KHSURMHFW ZDQWVWRV\PEROLVHWKHSDVVDJHIURPWKHVWUHHWVRI6RKRWRWKHZRUOG RI5HGHPSWLRQȹ$FDUHIXOSURFHVVRIUHDGLQJWKHHVVHQFHRIWKHEUDQG KDVOHGWRWKHFRQFHSWRIWKHVDOHVDUHDDVDUHDOORXQJHZLWKWZROHDWKHU VRIDVDQGDQRWKHUPRUHVHFOXGHGRQHORFDWHGLQDUHFHVV0HDQZKLOH

DSDLURI*L³3RQWLDUPFKDLUVIXUQLVKHVWKHERRNVKRSEOHQGLQJZLWKWKH EUDQGȶVDFFHVVRULHV7KHHQWLUHURRPLVHQKDQFHGE\WKHUHFODLPHGZRRG Ê&#x2020;RRUZKLFKUHLQWHUSUHWVWKHFODVVLFFKHYURQGHVLJQLQDJHRPHWULFDQG FRQWHPSRUDU\ZD\ZKLOHWKHFHLOLQJLVVWUXFWXUHGZLWKEHDPVDQGJODVV ]LJJXUDWWRDWWHQXDWHWKHGLÊ&#x201E;XVHGOLJKWFUHDWLQJDQHYRFDWLYHDQGGUD PDWLFHÊ&#x201E;HFW7KHUHLQWHUSUHWDWLRQRIDVWFHQWXU\+DXVVPDQLDQPRWLI LVÊ&#x2026;QDOO\UHSOLFDWHGLQWKHFDUSHWVDQGEHDUVWKHVLJQDWXUHRIWKH,ULVK JUDSKLFDUWLVW1LJHO3HDNHWRZKRPWKHVWXGLRFRPPLVVLRQHGWKHGHVLJQ RIWKHPRXOGLQJVIRUWKHERLVHULH,WLVLQVKRUWDVRUWRIERXGRLUDSDUW PHQWZKHUHWKHLUUHYHUHQFHRIURFNEOHQGVZLWKWKHVRIWFKDUPRILQWHULRU GHVLJQ,WLVQRFRLQFLGHQFHWKDWWKH9,3DUHDDOPRVWJLYHVWKHIHHOLQJRI EHLQJLQD3DULVLDQKRPHZLWKPXVLFWKDWVHHPVWRFRPHIURPDQRWKHU HUD2QHLVRQO\DOORZHGWRUHWXUQWRUHDOLW\LQWKHPDLQURRPE\ORRNLQJ XSWKRXJKDVN\OLJKWWRWKHVSHFWDFXODU1HZ<RUNVN\O

P. 194 â&#x20AC;¢ HYBRID SPACE Bo Space is a multifunctional centre that radically rethinks the spaces of a former industrial structure in the name of contemporary lifestyle. A project by WJ Design that combines signs of tradition with trendy styles /RFDWHGLQ+DQJ]KRX&KLQD%R6SDFHLVDK\EULGVSDFHEXLOWRQWKH DVKHVRIDGLVXVHGLQGXVWULDOVLWHWKDW:-'HVLJQVWXGLRȶVLQWHULRUGH VLJQSURMHFWKDVWUDQVIRUPHGLQWRDPXOWLIXQFWLRQDOFRPPHUFLDODQG FXOWXUDOFHQWUH7KLVRULJLQDOFRQFHSWIRUWKHUDSLGO\H[SDQGLQJDQG WUDQVIRUPLQJFLW\RI+DQJ]KRXZKLFKULVNVORVLQJLWVLGHQWLW\DLPVDW WKH UHGHYHORSPHQW RI XUEDQ VSDFHV RSHQLQJ WKHP XS WR VRFLDOL]LQJ DQGPHHWLQJ1RWRQO\LVWKLVDFRPPHUFLDOVSDFHWKHUHIRUHEXWDOVR DPHHWLQJSODFHFDSDEOHRISURSRVLQJDPRGHUQOLIHVW\OHEXWRQHLQWL PDWHO\FRQQHFWHGWRWKHDUHDȶVXQGHUO\LQJVSLULW7KLVLVKRZWKHRULJL QDOLQGXVWULDOEXLOGLQJDVLJQLÊ&#x2026;FDQWPHPRU\WREHSUHVHUYHGEHFRPHV WKHEDU\FHQWUHRIDQHZDUWLFXODWLRQRIVSDFHVLQWKHQDPHRIRVPRWLF H[FKDQJHEHWZHHQLQWHULRUDQGH[WHULRUFRQQHFWHGE\DODUJHDWULXP RYHUORRNLQJWKHLQQHUFRXUW\DUGV6WURQJFKRLFHVZHUHDOVRPDGHIRU WKHLQWHULRUGHVLJQZKLFKHOLPLQDWHGDOOWKHZDOOVRIWKHIDFDGHRYHU ORRNLQJWKHLQQHUFRXUW\DUGVRDVWROHDYHWKHH\HIUHHWRJD]HRXWVLGH 7KHEDUDQGUHVWDXUDQWRQWKHJURXQGÊ&#x2020;RRUDUHFRQQHFWHGE\DEODFN DQG LFRQRJUDSKLF VSLUDO VWDLUFDVH WR WKH XSSHU Ê&#x2020;RRU ZKHUH HOHJDQW IDVKLRQVKRZURRPVDQGDQDUHDWRKRVWH[KLELWLRQVIDVKLRQVKRZVDQG FXOWXUDOHYHQWVDUHORFDWHG$FRPSOH[VSDFHFRQFHLYHGQRWRQO\DVD SODFHRISDVVDJHEXWDOVRWRVWD\RSHQWRDK\EULGDQGFRQYLYLDOXVH IURPOXQFKWRDVKRSSLQJH[SHULHQFHIURPIDVKLRQVKRZWRGHEDWHDQG YHUQLVVDJHO


EDIT PICK ORâ&#x20AC;&#x2122;S COLLEZIONE GESSATI GUM Design per Antonio Lupi $QFRUD XQD YROWD $QWRQLR /XSL VWXSLVFH DWWUDYHUVR XQD QXRYD VÊ&#x2026;GD FKH YHGH FRPH IXOFUR XQ PDWHULDOH LO PDUPR GL &DUUDUD DQWLFR H SROLHGULFRLQWHUSUHWDWRGD*80'HVLJQSHUGDUHYLWDD*HVVDWLXQD FROOH]LRQH GL ODYDEL GD DSSRJJLR FKH SURSRQH LO PRWLYR GHOOH ULJKH SDUDOOHOH LGHQWLÊ&#x2026;FDWLYH GL DOFXQL FDSL GL DEELJOLDPHQWR 8QD OLQHD FKHQDVFHGDOODFUHDWLYLW¡HGDOSHQVLHURGHOOȶXRPRHFKHVLUHDOL]]D DWWUDYHUVRODSUHFLVLRQHGHOODPDFFKLQDXQYROXPHPRUELGRHVLQXRVR GDOOHOLQHHDYYROJHQWLRWWHQXWRDFFRVWDQGRODPLQHGLPDUPRGL&DUUDUD GD  R  FP LQFROODWH IUD ORUR FRQ XQD UHVLQD FRORUDWD ( SURSULR LO FRQWUDVWR FURPDWLFR FKH VL YLHQH D FUHDUH WUD PDWHULDOH QDWXUDOH H FROODQWH FRQIHULVFH LO FDUDWWHULVWLFR PRWLYR D ULJKH DOWHUQDWH DOOD VXSHUÊ&#x2026;FLHPHQWUHODSHUIHWWDOHYLJDWXUDGHOYROXPHGRQDDOOȶLQVLHPH XQDÊ&#x201E;DVFLQDQWHHÊ&#x201E;HWWRRSWLFDO

â&#x20AC;¢ 240


SANTACROCE DDC

PHOTO: FILIPPO MOLENA (FRAGMENT.IT)

LA PERGOLA BIOCLIMATICA

MILANO, RISTORANTE IDENTITÀ GOLOSE Quattro pergole bioclimatiche Med Twist con illuminazione a LED e vetrate scorrevoli.

PIÙ POSTI A SEDERE

PIÙ PROFITTO

ESPERIENZA DI LUSSO

SFRUTTARE LO SPAZIO

ALTO DESIGN

Aumenta lo spazio per i tuoi clienti

Più prestigio al tuo locale

Migliora l’aspetto del tuo esercizio

Puoi far vivere la natura nel comfort

Prodotto innovativo su misura

www.gibus.com


PROJECTS

â&#x20AC;¢ 242

Profile for Contract Network

Contract Book 2 - Marzo 2020  

Design & Contract magazine Office, retail, residential, hospitality and restaurants

Contract Book 2 - Marzo 2020  

Design & Contract magazine Office, retail, residential, hospitality and restaurants