Page 1

Aste Boetto

Thursday 17th April 2014 - 4.00pm


Aste Boetto srl Mura dello Zerbino 10 rosso 16122 Genova

Tel. +39 010 25 41 314 Fax +39 010 25 41 379 e-mail: asteboetto@asteboetto.it www.asteboetto.it

Dipartimento del design e delle arti decorative del novecento Direzione scientifica e redazione: Sergio Montefusco, Fotografie: Claudio Grimaldi Grafica: Sara Dossi Jolly Maria Oliveto sergio.montefusco@asteboetto.it mob. +39 349 39 47 058


Aste Boetto

Selected Genova, Gioved ì 17 Aprile 2014 ore 16.00 Genoa, Thursday 17th April 2014, 4.00 p.m.

Selected lighting Genova, Gioved ì 17 Aprile 2014 ore 18.30 Genoa, Thursday 17th April 2014, 6.30 p.m.

Esposizione/Viewing Venerd ì Sabato Domenica Luned ì

11 Aprile 12 Aprile 13 Aprile 14 Aprile

10.00 - 12.30 / 15.00 - 19.00 10.00 - 19.00 10.00 - 19.00 10.00 - 12.30 / 15.00 - 19.00


un’asta di design italiana

an italian design auction


Tutti i prezzi del catalogo sono le riserve. Le licitazioni partiranno dalla riserva. Le riserve sono determinate dal venditore, non rappresentano la stima degli oggetti. All the prices in the catalogue are reserve prices. Bids for all lots will begin at reserve prices. Reserve prices for all items are determined by sellers; they do not represent estimates. La letteratura citata è disponibile su richiesta. The documentation is provided upon request.


2001 – NANDA VIGO “City stage”, 1983. PEZZO UNICO Laminato print, specchio e sculture in fusione di bronzo verniciato. cm 22 (h) x 21 x 10,2

€ 2000 Accompagnato da un certificato dell’Archivio Nanda Vigo.

2002 - NANDA VIGO “City stage”, 1983. PEZZO UNICOLaminato print, specchio e sculture in fusione di bronzo verniciato. cm 22 (h) x 20 x 14,5

€ 2000 Accompagnato da un certificato dell’Archivio Nanda Vigo.


2003 – GIO PONTI Un piatto della serie “Le stagioni” (modello 266 S) per RICHARD-GINORI, 1930. Porcellana decorata. Marcato “Richard-Ginori 30 = 9 e con il cartiglio della Pittoria di Doccia. Diametro cm 23.

€ 400 Letteratura: Società Ceramica Richard-Ginori, Ceramiche moderne d’arte Richard-Ginori, Milano, 1930, p. 61; Paolo Portoghesi, Anty Pansera, Anna Pierpaoli, Gio Ponti alla manifattura di Doccia, SugarCo, Milano, 1982, p. 80.

2004 – GIO PONTI Un piatto della serie “Le stagioni” (modello 266 S) per RICHARD-GINORI, 1930. Porcellana decorata. Marcato “Richard-Ginori 30 = 9 e con il cartiglio della Pittoria di Doccia. Diametro cm 23.

€ 400 Letteratura: Società Ceramica Richard-Ginori, Ceramiche moderne d’arte Richard-Ginori, Milano, 1930, p. 61; Paolo Portoghesi, Anty Pansera, Anna Pierpaoli, Gio Ponti alla manifattura di Doccia, SugarCo, Milano, 1982, p. 80.


2005 – GIO PONTI Un gruppo di stoviglie del servizio da tavola “Fantasia Italiana” per CERAMICA FRANCO POZZI, 1967, comprendente quattro piatti piani (diametro cm 26), quattro piatti fondi (diametro cm 17), un’insalatiera (diametro cm 26), e una salsiera (diametro cm 13,5). Tutti i pezzi marcati “Designer Gio Ponti…Ceramica Franco Pozzi Gallarate S.p.a. – Italia”

€ 1200 Letteratura: Domus 454 (settembre 1967), copertina e p. 46; Domus 466 (settembre 1968), pubblicità; Lisa Licitra Ponti, Gio Ponti l’opera, Leonardo, Milano, 1990, pp. 229, 231; Elena Dellapiana, Il design della ceramica in Italia 1850-2000, Electa, Milano, 2010, copertina e p. 175.


2006 – UN ARMADIO attribuibile ad ARREDAMENTI BORSANI, fine anni ’40. Legno e impiallacciatura di acero, maniglie in cristallo molato. Cm 180 (h) x 220 x 55.

€ 700


2007 – PAOLO BUFFA Una console, esecuzione SERAFINO ARRIGHI, Cantù, anni ’50. Legno di noce, marmo. Cm 85 (h) x 120 x 36. Provenienza. Casa Arrighi, Cantù.

€ 1200


2008 – MAX INGRAND Uno specchio da parete “1669” per FONTANA ARTE, 1967. Cristallo colorato curvato molato, cristallo specchiato, ottone. Diametro cm 75.

€ 1500 Letteratura: Quaderni Fontana Arte 2 (1962), p. 27; Domus 424 (marzo 1965), pubblicità; Vitrum 149 (giugno 1965), p. 29.


2009 – GIOVANNI MICHELUCCI Una cassettiera della serie “Serena” per POLTRONOVA, 1965. Legno di noce. Cm 99 (h) x 128 x 58.

€ 1500


2010 – GIOVANNI MICHELUCCI Due comodini della serie “Serena” per POLTRONOVA, 1965. Legno di noce. Cm 70 (h) x 48 x 36.

€ 1000


2011 – FONTANA ARTE Uno specchio da parete, circa 1939. Ottone, cristallo argentato. Cm 110 x 65.

€ 800 Letteratura: Il vetro settembre 1939, p. 324; Domus 143 (novembre 1939), p. 61; Sergio Montefusco, Fontana Arte repertorio 1933-1943 dalle immagini dell’epoca, The Arting Company, Genova, 2012, p. 37.


2012 – PAOLO BUFFA Una poltrona, anni ’50. Struttura in legno, braccioli in noce, puntali di ottone, imbottitura rivestita in tessuto. Altezza cm 105, larghezza 67, profondità 80.

€ 1300 Letteratura: Roberto Aloi, esempi di arredamento moderno di tutto il mondo Sedie Poltrone Divani, Hoepli, Milano, 1952, Tav. 178.


2013 – PAOLO VENINI Una coppa in vetro “inciso” per VENINI, anni ’50. Marcata all’acido “venini murano ITALIA”. Altezza cm 13, diametro cm 21,5.

€ 700


2014 – FONTANA ARTE Un centro da tavola, fine anni ’40. Cristallo molato, ottone. Cm 4,5 (h) x 38 x 17.

€ 600 Letteratura (modelli simili): Roberto Aloi, L’arredamento moderno quarta serie, Hoepli, Milano, 1949, Tav. 29; Roberto Aloi, L?arredamento moderno quinta serie, Hoepli, Milano, 1952, Tav. 152; Franco Deboni, Fontana Arte Gio Ponti Pietro Chiesa Max Ingrand, Allemandi, Torino, 2012, fig. 242.


2015 – JONATHAN DE PAS, DONATO D’URBINO, PAOLO LOMAZZI Una poltrona “Duecavalli” con poggiapiedi per DRIADE, 1969. Tubo di ferro cromato, imbottitura rivestita in tessuto. Poltrona: altezza cm 77,5, larghezza 73, profondità 103; poggiapiedi: cm 43 (h) x 80 x 58.

€ 350 Letteratura: Domus 504 (novembre 1971), p. 27; Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-1980, Mondadori, Milano, 1985, p. 286.


2016 – ENZO MARI Un porta ombrelli per DANESE, 1958. Lamierino di ferro con saldature in ottone. Marcato EM, e con il simbolo grafico della manifattura. Cm 40 (h) x 20 x 20.

â‚Ź 2000


2017 – ETTORE SOTTSASS Uno specchio da tavolo per POLTRONOVA. Legno di olmo, legno laccato, ottone, cristallo argentato. Cm 48,5 x 42.

€ 900


2018 – FRANCO CAMPO, CARLO GRAFFI Una credenza per HOME, anni ’60. Legno di teak, legno laccato, ferro verniciato. Etichetta della manifattura. Cm 73 (h) x 160 x 45.

€ 600


2019 – LINO SABATTINI Un servizio “Boule” per CHRISTOFLE, 1950. Metallo argentato. I tre pezzi marcati “Gallia France Prod. Christofle”; Il vassoio marcato “Italy prod. Christofle Gallia”. Diametro vassoio cm 31,3

€ 700 Letteratura: rivista dell’Arredamento n°74 (febbraio 1961), p. 53; Enrico Marelli, Lino Sabattini Suggestione e funzione, Edizioni Metron, Mariano Comense, 1979, p. 17; Filippo Alison, Renato De Fusco, L’Artidesign il caso Sabattini, Electa Napoli, 1991, p. 177.


2020 – MARCO ZANINI Un bicchiere “Vega” per MEMPHIS, 1982. Vetro soffiato. Marca incisa “M. Zanini per Memphis by Compagnia Vetraria Muranese”. Altezza cm 30,5.

€ 1200 Letteratura: Barbara Radice, Memphis Ricerche, esperienze, risultati, fallimenti e successi del Nuovo Design, Electa, Milano, 1984, p. 155.

2021 – MARCO ZANINI Un bicchiere per MEMPHIS, 1982. Vetro soffiato. Marca incisa “M. Zanini per Memphis by Compagnia Vetraria Muranese”. Altezza cm 21.

€ 1200

2020 2021


2022 – ETTORE SOTTSASS Un piatto “Lettuce”, produzione Ceramica Flavia per MEMPHIS, 1985. Ceramica, decoro a decalcomania. Marcato “Memphis Milano Made in Italy by Flavia Montelupo F.no Designed by Ettore Sottsass” Diametro cm 29.

€ 150 Letteratura: Fulvio Ferrari, Ettore Sottsass tutta la ceramica, Allemandi, Torino, 1996, p. 181.

2023 – ETTORE SOTTSASS Un piatto “Indivia”, produzione Alessio Sarri per MEMPHIS, 1985. Ceramica, decoro a decalcomania. Marcato “Memphis Milano Made in Italy by A. Sarri ceramiche Design: Ettore Sottsass”. Marchio Alessio Sarri con tridente Diametro cm 22.

€ 150 Letteratura: Fulvio Ferrari, Ettore Sottsass tutta la ceramica, Allemandi, Torino, 1996, p. 181.


2024 – FRANCO ALBINI Una poltroncina “Luisa” per POGGI, 1955 (premio Compasso d’oro 1955). Legno di palissandro, imbottiture rivestite in pelle. Altezza cm 77, larghezza 56, profondità 56.

€ 500 Letteratura: Domus 312 (novembre 1955), p. 27; Domus 315 (febbraio 1956), pubblicità; Vittorio Gregotti, Giampiero Bosoni, manolo De Giorgi, Andrea Nulli, Il disegno del prodotto industriale Italia 1860-1980, Electa, Milano, 1982, p. 294; Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-2000, Allemandi, Torino, 2003, p. 19; Federico Bucci, Fulvio Irace, Zero Gravity Franco Albini Costruire la modernità, TriennaleElecta, Milano, 2006, p. 121.


2025 – FLAVIO POLI Una “Coppa Alfa Romeo” per SEGUSO, anni’60. Vetro soffiato e inciso. Altezza cm 25,5.

€ 2500


2026 – ERCOLE BAROVIER Un vaso “Mugnoni” per BAROVIER & TOSO, 1938. Altezza cm 38.

€ 5000 Letteratura: Marina Barovier, L’arte dei Barovier vetrai di Murano 1866-1972, Arsenale, Venezia, 1993, p. 136.


2027 – GIO PONTI, PAOLO DE POLI “Il Sole”, circa 1956. Rame smaltato. Firmato “De Poli”; etichetta della manifattura. Cm 22,5 x 20.

€ 600 Letteratura: Ugo La Pietra, Gio Ponti, Rizzoli, Milano, 1995, p. 515.


2028 – GIO PONTI, PAOLO DE POLI “Il diavolo”, circa 1956. Rame smaltato. Firmato “De Poli”; etichetta della manifattura. Cm 14 (h) x 21,5 x 10. € 1500 Letteratura: Domus 329 (aprile 1957); p. 25; Gio Ponti, De Poli smalti, Edizioni Daria Guarnati, Milano, 1958, p. 41; Ugo La Pietra, Gio Ponti, Rizzoli, Milano, 1995, p. 314.

2029 – GIO PONTI, PAOLO DE POLI “Il diavolo”, circa 1956. Rame smaltato. Firmato “De Poli”; etichetta della manifattura. Cm 10,5 (h) x 14 x 9.

€ 1500 Letteratura: Gio Ponti, De Poli smalti, Edizioni Daria Guarnati, Milano, 1958, p. 41; Ugo La Pietra, Gio Ponti, Rizzoli, Milano, 1995, p.315.


2030 – GIO PONTI, PAOLO DE POLI “Gatto”, circa 1956. Rame smaltato. Firmato “De Poli”. Cm 7 (h) x 33,5 x 8.

€ 1200 Letteratura: Domus 329 (aprile 1957), p. 25; Gio Ponti, De Poli smalti, Edizioni Daria Guarnati, Milano, 1958, p. 40; Ugo La Pietra, Gio Ponti, Rizzoli, Milano, 1995, p. 315.

2031 – GIO PONTI, PAOLO DE POLI “Gatto”, circa 1956. Rame smaltato. Firmato “De Poli”. Cm 7 (h) x 34,5 x 9.

€ 1200 Letteratura: Domus 329 (aprile 1957), p. 25; Gio Ponti, De Poli smalti, Edizioni Daria Guarnati, Milano, 1958, p. 40; Ugo La Pietra, Gio Ponti, Rizzoli, Milano, 1995, p. 315.

2030

2031


2032

2033

2032 – GIO PONTI, PAOLO DE POLI “Pavonessa”, circa 1956. Rame smaltato. Firmata “De Poli”. Cm 12 (h) x 20 x 7,5.

€ 1500

2033 – GIO PONTI, PAOLO DE POLI “Pavonessa”, circa 1956. Rame smaltato. Firmata “De Poli”; etichetta della manifattura. Cm 15 (h) x 20 x 9.

€ 1500


2034 – GIO PONTI, PAOLO DE POLI “Uccelli”, circa 1956. Rame smaltato. Uno dei due firmato “De Poli”. Cm 10,5 (h) x 9,5 x 11,5; cm 9,5 (h) x 10 x 8,5.

€ 700 Letteratura: Domus 326 (gennaio 1957), p. 42; Gio Ponti, De Poli smalti, Edizioni Daria Guarnati, Milano, 1958, p. 42; Ugo La Pietra, Gio Ponti, Rizzoli, Milano, 1995, p. 314.


2036 – GIO PONTI, PAOLO DE POLI “Cavallo”, circa 1956. Rame smaltato. Firmato “ De Poli”. Cm 20 (h) x 25 x 7.

€ 1500 Letteratura: Ugo La Pietra, Gio Ponti, Rizzoli, Milano, 1995, p. 315.

2035 – GIO PONTI, PAOLO DE POLI “Pesce”, circa 1956. Rame smaltato. Firmato “De Poli”, etichetta della manifattura. Cm 5,5 (h) x 34 x 4,5.

€ 1000 Letteratura: Domus 329 (aprole 1957), p. 25; Gio Ponti, De Poli smalti, Edizioni Daria Guarnati, Milano, 1958, p. 39.

2035

2036


2037 – GIO PONTI, PAOLO DE POLI “L’anguria”, circa 1956. Rame smaltato. Firmata “De Poli”. Cm 24 x 11,5,

€ 700 Letteratura: Gio Ponti, De Poli smalti, Edizioni Daria Guarnati, Milano, 1958, p. 42; Ugo La Pietra, Gio Ponti, Rizzoli, Milano, 1995, p. 313.


2038 – PAOLO DE POLI Una coppa, anni ’60. Rame martellato e smaltato. Targhetta metallica “P. De Poli Made in Italy”. Altezza cm 4, diametro cm 15.

€ 200


2039 – MICHELE BUSIRI VICI Sei poltroncine per le sale da pranzo di prima classe della turbonave Raffaello, 1965. Acciaio satinato, imbottitura rivestita in tessuto di lana. Altezza cm 80, larghezza 60, profondità 50.

€ 4000 Letteratura: M. Eliseo, Paolo Piccione, Transatlantici, storia delle grandi navi passeggeri italiane, Tormena, Genova, 2001, pp. 205-209; Paolo Piccione, Interni delle navi italiane. Il dibattito e le polemiche nel secondo dopoguerra, in Six wonderful days. Un invito al viaggio sulle grandi navi italiane, catalogo della mostra, Genova, 2002, pp. 92-113.


2040 – ICO PARISI Un tavolino per CASSINA, anni ’50. Tondino di ferro verniciato, ottone, piano impiallacciato in teak. Altezza cm 38, diametro cm 90.

€ 300


2041 – ETTORE SOTTSASS un portaombrelli per RINNOVEL, 1955. Alluminio anodizzato. Marcato “Rinnovel Italy”. Altezza cm 48.

€ 1200 Letteratura: Domus 310 (settembre 1955), p. 48.


2042 – ICO E LUISA PARISI Quattro sedie per ARIBERTO COLOMBO, 1945. Legno di mogano, imbottiture rivestite in tessuto. Altezza cm 92, larghezza 44, profondità 44.

€ 600 Letteratura: Flaminio Gualdoni, Ico Parisi & Architecture, Nuova Alfa Editoriale, Modena, 1990, p. 194; Giuliana Gamigna, Repertorio 1950-2000, Allemandi, Torino, 2003, p. 19;


2043 – FULVIO BIANCONI Un vaso “a fasce” per VENINI, primi anni ’50. Marcato all’acido “venini murano ITALIA”. Altezza cm 28, diametro cm 11.

€ 1200


2044 – TOOTS ZINSKI Un vaso “Folto” per VENINI, 1975 Marca incisa “venini italia 75” Altezza cm 18.

€ 2500 Letteratura: Franco Deboni I vetri Venini catalogo 1921/2007, Allemandi, Torino, 2007, Tav. 320


2045 – PAOLO BUFFA Un secretaire, esecuzione SERAFINO ARRIGHI, Cantù, anni ’50. Legno di palissandro con massellature in mogano. Cm 152 (h) x 130 x 42.

€ 3000 Letteratura: foto originale Archivio Buffa


2046 – PAOLO BUFFA Una credenza, esecuzione SERAFINO ARRIGHI, Cantù, anni ’50. Impiallacciatura e massellature in legno di noce. Cm 99 (h) x 170 x 45.

€ 1200 Letteratura: foto originale Archivio Buffa


2047 – PAOLO BUFFA Un tavolo, esecuzione SERAFINO ARRIGHI, Cantù, anni ’50. Impiallacciatura di legno di noce. Cm 77 (h) x 170 x 90.

€ 1200 Letteratura: foto originale Archivio Buffa


2048 – GIUSEPPE PAGANO POGATSCHNIG, GINO LEVI MONTALCINI Una scrivania per gli uffici SALPA del gruppo Gualino, Torino, circa 1930, produzione FIP, Torino, 1929. Legno impiallacciato in Buxus verde, legno laccato. Cm 80 (h) x 140 x 70.

€ 1800 Letteratura: Domus 30 (giugno 1930), p. 80.


2049 – PIERRE CARDIN Sei sedie, circa 1980. Legno di noce. Altezza cm 73, larghezza 45, profondità 45.

€ 1800 Letteratura: Benjamin Loyauté, pierre cardin evolution furniture and design, Flammarion, Paris, 2006, p. 114.


2050 – CARLO DE CARLI Una cassettiera “D 154“ per SORMANI, 1963. Legno laccato, ottone smaltato. Cm 80 (h) x 140 x 54.

€ 1500 Letteratura: Domus 410 (gennaio 1964), p. d/190; Domus 425 (aprile 1965), pubblicità.


2051 – CARLO DE CARLI Una cassettiera “D 154“ per SORMANI, 1963. Legno laccato, ottone, cristallo colorato specchiato. Cm 80 (h) x 140 x 54.

€ 2500 Letteratura: Domus 410 (gennaio 1964), p. d/190; Domus 425 (aprile 1965), pubblicità.


2052 – UN DIVANO, anni ’60.

Struttura in legno, imbottitura rivestita in velluto. Altezza cm 88, larghezza 275, profondità 88.

€ 1500


2053 – MAX INGRAND Uno specchio da parete “1404” per FONTANA ARTE, circa 1960. Cristallo colorato curvato, specchio fissato a sostegni in legno. Cm 110 x 50.

€ 1300 Letteratura. Quaderno Fontana Arte n°2 (1961), p. 25.


2054 – GUGLIELMO ULRICH Due poltrone, circa 1948. Struttura in legno, imbottiture rivestite in velluto. Altezza cm 79, larghezza 70, profondità 90.

€ 1200 Letteratura: Domus 227 (marzo-aprile 1948), p. 27.


2055 – FONTANA ARTE Un centro da tavola, modello “2069”, circa 1960. Ottone , cristallo molato, etichetta della manifattura. Cm 5 (h) x 40 x 16.

€ 800 Letteratura: Quaderni Fontana Arte n°3 (1961), p. 11.


2056 – VENINI Una caraffa, anni ‘50. Marcata all’acido “venini murano ITALIA”. Atezza cm 22.

€ 800


2057 – ERCOLE BAROVIER Un vaso “Barbarico” per BAROVIER & TOSO, 1951. Altezza cm 34.

€ 1500 Letteratura (vasi della stessa serie): Attilia Dorigato, Ercole Barovier 1889-1974 vetraio di Murano, Marsilio, Venezia, 1989, pp. 92-93; Marina Barovier, l’arte dei Barovier vetrai di Murano 1866-1972, Arsenale, Venezia, 1993, pp. 159-160.


2058 – TOBIA SCARPA Quattro poltroncine “Pigreco” per GAVINA, 1959. Legno di noce lamellare curvato, imbottiture rivestite in pelle (usura, difetti). Altezza cm 61, larghezza 55, profondità 42.

€ 350 Letteratura : Domus 385 (dicembre 1961), p. 10; Domus 395 (novembre 1962), p. 47; Domus 398 (gennaio 1963), p. d/95; Antonio Piva, Afra e Tobia Scarpa Architetti e Designers, Mondadori, Milano, 1985, pp. 40, 135; Virgilio Vercelloni, L’avventura del design: Gavina, Jaca Book, Milano, 1989, Tav. 27; Accademia di Belle Arti di Brera, Dino Gavina Ultrarazionale Ultramobile, Editrice compositori, Milano, 1998, p. 165; Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-2000, Allemandi, Torino, 2003, p. 52.


2059 – FRANCO ALBINI Un tavolo smontabile “TL2” per POGGI, 1950. Legno di palissandro, tiranti di acciaio. Cm 71 (h) x 180 x 70.

€ 3500 Letteratura: Roberto Aloi, l’arredamento moderno quarta serie, Hoepli, Milano, 1949, Tav. 516; Domus 315 (febbraio 1956), pubblicità; Centrokappa, Il design italiano degli anni ’50, Ricerche Design Editrice, Milano, 1985, p. 116; Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-2000, Allemandi, Torino, 2003, p. 21; Giampiero Bosoni, Federico Bucci, Il design e gli interni di Franco Albini, Electa, Milano, 2009, copertina e p. 104 ; Dan Sherer, Aldo Colonetti, Franco Albini Franca Helg Design, Fragile, Milano, 2009, pagine non numerate.


2060 – ALESSANDRO MAZZUCOTELLI Un pappagallo, anni ‘20. Ferro battuto, travertino. Cm 41 (h) x 36.

€ 500


2061 – MARCO ZANUSO Due poltrone “Woodline” per ARFLEX, 1964. Compensato curvato laccato, imbottitura rivestita in alcantara. Altezza cm 70, larghezza 74, profondità 86.

€ 500 Letteratura: Domus 418 (settembre 1964), p. 24; Domus 426 (maggio 1965), p. 35; Ottagono 1 (aprile 1966), p. 93; Gillo Dorfles, Marco Zanuso designer, Editalia, Roma, 1971, p. 29; Ursula Dietz, Maleen Thyriot, Klaus-Jurgen Sembach, Classici Moderni, mobili che fanno storia, Editoriale Domus, Milano, 1985, p. 89; Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-2000, Allemandi, Torino, 2003, p. 106.


2062 – GIO PONTI Una credenza, anni ’60. Impiallacciatura di legno di ciliegio, laminato. Cm 184 (h) x 215 x 50. Accompagnato dall’expertise n°13097/000 dei Gio Ponti Archives.

€ 9000


2063 – GIO PONTI Una scrivania, fine anni ’50 – inizi anni ’60. Legno di mogano, formica, cristallo. Cm 79 (h) x 114 x 64. Accompagnata dall’expertise n°14019/001 dei Gio Ponti Achives.

€ 3000


2064 – GIO PONTI Una scrivania, fine anni ’50 – inizi anni ’60. Legno di mogano, formica, cristallo. Cm 79 (h) x 114 x 64. Accompagnata dall’expertise n°14019/001 dei Gio Ponti Achives.

€ 3000


2065 – GIO PONTI Una poltrona, 1936. Struttura in legno, imbottitura rivestita in tessuto. Altezza cm 76, larghezza 70, profondità 85. Accompagnata dall’expertise n°14029/000 dei Gio Ponti Archives.

€ 3000


2066 – GIO PONTI Un tavolo, anni ’50. Legno di frassino, ottone, piano rivestito in laminato. Cm 80 (h) x 160 x 80. Accompagnato dall’expertise n°14028/000 dei Gio Ponti Archives.

€ 3000


2067 – GIO PONTI Un vaso “Mappamondo (modello “1175”, decoro “363 E”) per RICHARD-GINORI, circa 1930. Maiolica. Firmato “Gioponti”, marcato “Ginori 1175-363E made in Italy” e Con il simbolo della corona. Altezza cm 32.

€ 10000 Letteratura: Società Ceramica RichardGinori, Ceramiche d’Arte Richard-Ginori, Milano, 1930, p. 88; Loris manna, Gio Ponti le maioliche, Biblioteca di via Senato, 2000, pp. 210-211.


2068 – GIO PONTI Una scatola po rtasigarette decoro “Labirintesca” (modello 159S, decoro 682). per RICHARD-GINORI, 1930. Porcellana decorata. Marcata “Richard-Ginori Pittoria di Doccia” entro un cartiglio e datata. Cm 11 (h) x 8,5 x 7,5.

€ 900 Letteratura: Società Ceramica Richard-Ginori, Ceramiche moderne d’arte Richard-Ginori, Milano, 1930, p. 35; Paolo portoghesi, Anty Pansera, Gio Ponti alla manifattura di Doccia, Sugarco, Milano, 1982, p. 99; Ugo La Pietra, Gio Ponti, Rizzoli, Milano, 1995, p. 32.

2069 – GIO PONTI Una scatola portasigarette decoro “Labirintesca” (modello 159S, decoro 682). per RICHARD-GINORI, 1927. Porcellana decorata. Marcata “Richard-Ginori Pittoria di Doccia” entro un cartiglio e datata. Cm 11 (h) x 8,5 x 7,5.

€ 900 Letteratura: Società Ceramica Richard-Ginori, Ceramiche moderne d’arte Richard-Ginori, Milano, 1930, p. 35; Paolo portoghesi, Anty Pansera, Gio Ponti alla manifattura di Doccia, Sugarco, Milano, 1982, p. 99; Ugo La Pietra, Gio Ponti, Rizzoli, Milano, 1995, p. 32.


2070 – MERET OPPENHEIM Un tavolino “Traccia” per SIMON, 1936-1972. Bronzo, legno rivestito con foglia d’oro. Cm 65 (h) x 67 x 53.

€ 800 Letteratura: Domus 516 (novembre 1972), p. 38; Isa Vercelloni, 1970-1980, dal design al post-design, Edizioni Condé Nast, 1980, p. 13; Virgilio Vercelloni, L’avventura del design: Gavina, Jaca Book, 1987, fig. 127; Accademia delle belle arti di Brera, Dino Gavina Ultrarazionale Ultramobile, Editrice Compositori, Milano, 1998, p. 152.


2071 – VITTORIO INTROINI Una libreria per SAPORITI PROPOSALS, 1970. Acciaio cromato. Altezza cm 233, larghezza 88, profondità 33.

€ 2500 Letteratura: Domus 483 (febbraio 1970), p. d/481; Davide Mosconi, Design Italia ’70, Achille Mauri Ed., Milano, 1970, p. 13; Casa Amica 6 marzo 1973, p. 30.


2072 – VITTORIO INTROINI Una libreria per SAPORITI PROPOSALS, 1970. Acciaio cromato, vetro temperato. Altezza cm 233, larghezza 67, profondità 38.

€ 2500 Letteratura: Domus 483 (febbraio 1970), p. d/481; Davide Mosconi, Design Italia ’70, Achille Mauri Ed., Milano, 1970, p. 13; Casa Amica 6 marzo 1973, p. 30.


2073 – MARIO CEROLI Un letto “La bocca della verità” per POLTRONOVA, 1972. Legno grezzo di pino russo. Altezza cm 182, larghezza 228, lunghezza 240.

€ 3500 Letteratura: Domus 512 (luglio 1972), copertina e p. 54; Pier Carlo Santini, Facendo mobili con…, Artigraf Edizioni, 1977, p. 45.


2074 – PIERO FORNASETTI Un paravento decoro “Grand Coromandel”, decoro “Bosco” sul retro, circa 1958. Multistrato serigrafato. Mobili su rotelle. Cm 206 (h) x 200.

€ 5000 Letteratura: Barnaba Fornasetti, Fornasetti la bottega fantastica, Electa, Milano, 2007, p.440.


2075 – PIERO FORNASETTI Un paravento decoro “Grand Coromandel”, decoro “Bosco” sul retro, circa 1958. Multistrato serigrafato. Mobili su rotelle. Cm 206 (h) x 200.

€ 5000 Letteratura: Barnaba Fornasetti, Fornasetti la bottega fantastica, Electa, Milano, 2007, p.440.


2076 – PAOLO BUFFA Un mobile-bar, fine anni ‘40. Legno e impiallacciatura di palissandro, ottone, quattro incisioni di gusto neoclassico, interno rivestito in vetro argentato. Cm 130 (h) x 122 x 47.

€ 2200 Letteratura: Eredi di Angelo Marelli, Paolo Buffa Designer, Cantù, 1993, p. 12; Roberto Rizzi, Michle Maralli, Massimo Novati, I mobili di Paolo Buffa, Centro Legno Arredo cantù, 2001, pp. 48-49.


2077 – PAOLO BUFFA Un tavolo, esecuzione Marelli & Colico, anni ’50. Legno di palissandro, onice del messico. Altezza cm 75, diametro cm 122.

â‚Ź 3000 Letteratura (variante con piano in legno); foto originale archivio Marelli & Colico. immagine di repertorio


2078 – PAOLO BUFFA Due poltroncine con schienale “a bacchette”, esecuzione ARRIGHI, Cantù, circa 1946. Legno di palissandro. Altezza cm 97, larghezza 60, profondità 55.

€ 3000 Letteratura: Domus 226 (gennaio-febbraio 1948), pag. 57;Roberto Aloi, L’arredamento moderno quarta serie, Hoepli, Milano, 1949, tav. 298;Roberto Aloi, Esempi di Arredamento Moderno di tutto il mondo sedie poltrone divani,Hoepli, Milano, 1950, tav. 128; Paolo Buffa designer, Eredi di Angelo Marelli, Cantù, 1993, p 13; Roberto Rizzi, i mobili di Paolo Buffa, Galleria del Design e dell’Arredamento, Cantù, 2001, pp. 21, 50.


2079 – PAOLO BUFFA Un mobile-bar, fine anni ‘40. Legno e impiallacciatura di palissandro, ottone, incisioni “Paysages Italiens”, interni in acero e cristallo specchiato, ripiani in cristallo. Cm 145 (h) x 180 x 40.

€ 1500 Letteratura: Eredi di Angelo Marelli, Paolo Buffa Designer, Cantù, 1993, p. 12; Roberto Rizzi, Michle Maralli, Massimo Novati, I mobili di Paolo Buffa, Centro Legno Arredo cantù, 2001, pp. 48-49.


2080 – RICHARD GINORI Un vaso per piante grasse, 1928 (modello 501 S, decoro 661 F). Porcellana decorata a colori e oro. Marcato “Italia” e “Richard-Ginori Pittoria di Doccia” entro un cartiglio. Altezza cm 7.

€ 300 Letteratura: Società Ceramica Richard-Ginori, Ceramiche moderne d’arte Richard-Ginori, Milano, 1930, p. 58.


2081 – GIOVANNI GRANDE “San Sebastiano”, ceramica policroma per LENCI, 1930. Marcata “Lenci Made in Italy XXII MCMXXX” e con il simbolo del decoratore. Altezza cm 38. Provenienza: acquistata presso Galleria Pesaro, Milano, 1929.

€ 4000 Letteratura: Catalogo Galleria Pesaro 1929, n°6; Rossana Bossaglia, Il Decò in Italia, Rizzoli, Milano, 1975, p. 63; Alfonso Panzetta, Le ceramiche Lenci, Allemandi, Torino, 1992, p. 118.


2082 – FRANCO ALBINI Una poltrona “Fiorenza” per ARFLEX, 1952. Legno lamellare curvato, ottone, imbottitura rivestita in valluto, fascia di sostegno della seduta. Altezza cm 103, larghezza 78, profondità 85.

€ 2500 Lettertura: Domus 291 (febbraio 1954), p. 39; Domus 294 (maggio 1954), p. 15; Ottagono 30 (settembre 1973), p. 41; Giuliana gramigna, Repertorio 1950-1980, Mondadori, Milano, 1985, p. 70.


2083 – HANS VON KLIER Una scrivania direzionale “Ponte” per SKIPPER, 1975. Supporti rivestiti di acciaio inox, piano impiallacciato in noce bordato in massello, pannello centrale rivestito in pelle. Cm 72 (h) x 200 x 100.

€ 900 Letteratura (tavoli della stessa serie): Domus 542 (gennaio 1975), p. 39.


2084 – OSVALDO BORSANI, EUGENIO GERLI Un tavolo “T102B” per TECNO, anni ’60. Alluminio pressofuso, acciaio smaltato, cristallo molato. Cm 65 (h) x 180 x 90.

€ 900 Letteratura: Giampiero Bosoni, Tecno l’eleganza discreta della tecnica, Skira, Milano, 2011, pp.128-129.


2085 – POUL KJAERHOLM Un divano “Pk 31/2” per KOLD CHRISTIANSEN, circa 1958. Acciaio cromato spazzolato, imbottiture rivestite in pelle. Altezza cm 70, larghezza 136, profondità 73.

€ 2800 Letteratura: Domus 352 (marzo 1959), p. 43; Michael Ellison, Leslie Pina, Deigned for life scandinavian modern furnishing 1930-1970, Schiffer, Atglen, 2002, p. 92.


2086 – GIO PONTI, STUDIO DEL CAMPO Un vaso in rame smaltato, 1957. Marcato “Del Campo” e datato “8 IX 1957. Altezza cm 26.

€ 500 Letteratura: Domus 337 (dicembre 1937), p. 35; Domus 341 (aprile 1958), p. 52; Ugo La pietra, Gio Ponti, Rizzoli, Milano, 1991, p. 299.


2087 – DINO MARTENS Un vaso della serie “Eldorado” modello “5211” per AURELIANO TOSO, anni ’50. Altezza cm 40.

€ 4000 Letteratura: Marc heiremans, Dino Martens Muranese Glass Designer, Arnoldsche, Stuttgard, 1999, p. 164.


2088 – PIERRE CARDIN Due comodini, anni ’70. Ottone, ghisa, legno laccato. Marca della manifattura impressa sul pomolo in metallo. Cm 52 (h) x 65 x 47.

€ 500


2089 – JOE COLOMBO Una poltrona girevole “Elda” per COMFORT, 1963. Vetroresina, imbottitura rivestita in pelle. Altezza cm 97, larghezza 94, profondità 92.

€ 5000 Letteratura: Domus 432 (novembre 1965), p. 33; Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-2000, Allemandi, Torino, 2003, p. 114; Vitra Design Museum, La triennale di Milano, Joe Colombo Inventing the Future, Skira, Milano, 2005, p. 144.


2090 – MAX INGRAND Un vaso “2122” per FONTANA ARTE, circa 1960. Cristallo colorato sagomato, molato e specchiato, legno ebanizzato. Altezza cm 34.

€ 2000 Letteratura: Quaderno Fontana Arte n°3 (1961), p. 26; Franco Deboni, Fontana Arte Gio Ponti Pietro Chiesa Max Ingrand, Allemandi, Torino, 2012, Tav. 447.


2091 – CARLO SCARPA Un vaso “a fili” per VENINI, disegno 1942, produzione 1945-1966. Vetro trasparente con applicazione di filamanti vitrei lattimo e zaffiro e fascia in vetro ametista scuro in prossimità della bocca. Marcato all’acido “venini murano ITALIA”. Altezza cm 22.

€ 6000 Letteratura: Marino Barovier, Carlo Scarpa i vetri di un architetto, Skira, Milano, 1997,pp. 224, 244; Franco Deboni, i vetri Venini catalogo 1921/2007, Allemandi, Torino, 2007, Tav. 117; Marino Barovier, Carlo Scarpa Venini 1932-1947, Skira, Milano, 2012, pp. 468, 470.


2092 – FONTANA ARTE Un tavolino “2455”, circa 1967. Legno di noce, cristallo (piccolo difetto). Cm 27 (h) x 80 x 80.

€ 400 Letteratura: Quaderno di Fontana Arte n°10 (1967), p. 363.


2093 – ICO PARISI Otto sedie “110” per CASSINA, 1961. Legno di palissandro, imbottiture rivestite in alcantara. Altezza cm 78, larghezza 44, profondità 48.

€ 900 Letteratura: Domus 385 (dicembre 1961), pubblicità; Domus 399 (febbraio 1963), p. d/103.


2094 – EDOARDO VITTORIA Una libreria “E 105 Prisma” per TECNO, 1964 Legno laccato, giunti di alluminio anodizzato. Cm 154 (h) x 150 x 40.

€ 600 Letteratura: Domus 426 (maggio 1965), p. 49; Domus 436 (marzo 1966), rassegna; Ottagono 3 (ottobre 1966), p. 101; ottagono 4 (gennaio 1967), p. 17; Domus 446 (gennaio 1967), pubblicità; Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-2000, Allemandi, Torino, 2003, p. 128; Giampiero Bosoni, Tecno l’eleganza discreta della tecnica, Skira, Milano, 2010, p. 182.


2095 – ACHILLE CASTIGLIONI Due sgabelli “Mezzadro”, disegno 1957, produzione ZANOTTA dal 1970. Acciaio cromato, legno di faggio. Marcati “Mezzadro design A. Castiglioni”. Altezza cm 53, larghezza 49, profondità 53.

€ 600 Letteratura: Domus 392 (luglio 1962), p. 27; casa Amica 9 novembre 1971, p. 48; Sergio Polano, Achille castigliani tutte le opare, Electa, Milano, 2001, p. 122; Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-2000, Allemandi, Torino, 2003, p. 178; Raffaella Poletti, Zanotta design per passione, Electa, Milano, 2004, p. 74.


2096 – ETTORE SOTTSASS

2097 – ETTORE SOTTSASS

Un vaso “Y 28” della serie “Yantra” per Design Centre, 1969. Ceramica smaltata, formatura a colaggio. Marcato “Sottsass per IGEA”. Piccoli difetti. Altezza cm 17,5.

Un vaso “Florero Shiva” per Ediciones de diseno, Barcellona, 1971. Ceramica smaltata, formatura a colaggio. Marcato “Ettore Sottsass b. d.. b.” Altezza cm 23,5.

€ 300

€ 300 Letteratura: Fulvio Ferrari, Ettore Sottsass tutta la ceramica, Allemandi, Torino, 1996, p. 172.

2096

Letteratura: Fulvio Ferrari, Ettore Sottsass tutta la ceramica, Allemandi, Torino, 1996, p. 178.

2097


2098 – NANDA VIGO Uno specchio da parete,1971. PEZZO UNICO - Arredo personalizzato per il cliente. Ottone, cristallo argentato e quattro lampade a parete “Geometral” di ARREDOLUCE. Diametro Cm 100.

€ 2000 Accompagnato da un certificato dell’Archivio Nanda Vigo.


2099 – NANDA VIGO Una poltrona “Pop”, per FAI INTERNATIONAL, 1970. PEZZO UNICO - Arredo personalizzato per il cliente. Ottone, cristallo grigio specchiato, sedute e schienale rivestite in peluche acrilico. Altezza cm 61, larghezza 53, profondità 53.

€ 1000 Accompagnato da un certificato dell’Archivio Nanda Vigo.


2100 – NANDA VIGO Uno specchio da parete, 1971. PEZZO UNICO Ottone, cristallo argentato e due lampade a parete “Geometral” di ARREDOLUCE. Cm 154 X 39.

€ 2000 Accompagnato da un certificato dell’Archivio Nanda Vigo.


2101 – NANDA VIGO Un appendiabiti, 1971. PEZZO UNICO. Struttura girevole rivestita di pelliccia sintetica, illuminazione al neon con coppa di perspex nella parte superiore, ottone. Altezza cm 210, diametro cm 80.

€ 12000 Accompagnato da un certificato dell’Archivio Nanda Vigo.


2102 – NANDA VIGO Sei sedie “Due più” produzione MORE COFFEE, Milano, 1971. Tubo di ottone, imbottiture rivestite in pelliccia sintetica. Altezza cm 69, larghezza 48, profondità 48.

€ 20000 Accompagnate da altrettanti certificati dell’Archivio Nanda Vigo. Letteratura. Domus 510 (maggio 1972), p. 32; Giuliana Gramigna, repertorio 19502000, Allemandi, Torino, 2003, p. 191; Autori Vari, Nanda Vigo . Light is Life, Johan & Levi editors, 2006, pp. 232, 233.


2103 – NANDA VIGO Una scrivania e due poltrone “Pop”, 1971. Scrivania (cristallo grigio specchiato, produzione DRIADE, PEZZO UNICO - Arredo personalizzato per il cliente): cm 78 (h) x 160 x 80; poltrone (acciaio cromato, cristallo grigio specchiato, imbottiture schienale e seduta rivestiti in peluche acrilico, produzione FAI INTERNATIONAL, PEZZO UNICO - Arredo personalizzato per il cliente): altezza cm 67, larghezza 53, profondità 53.

€ 8000 Accompagnati da un certificato dell’Archivio Nanda Vigo.


2104 – NANDA VIGO “Light tree”, 1983. PEZZO UNICO. Profili di ferro verniciato, vetro industria stampato, neon, alogena. Cm 31 (h) x 160 x 60.

€ 8000 Accompagnato da un certificato dell’Archivio Nanda Vigo. Letteratura: Autori Vari, Nanda Vigo . Light is Life, Johan & Levi editors, 2006, pp. 150-165.


2105 – ICO E LUISA PARISI Sei sedie per ARIBERTO COLOMBO, 1945. Legno di mogano tinto all’anilina, imbottiture rivestite in skai. Altezza cm 95, larghezza 44, profondità 44.

€ 1200 Letteratura: Flaminio Gualdoni, Ico Parisi & Architecture, Nuova Alfa Editoriale, Modena, 1990, p. 194; Giuliana Gamigna, Repertorio 1950-2000, Allemandi, Torino, 2003, p. 19;


2106 – GIUSEPPE PAGANO POGATSCHNIG Una scrivania, esecuzione MAGGIONI, anni ’40. Legno lamellare curvato tinto all’anilina, legno di rovere, alluminio. Cm 78 (h) x 150 x 78.

€ 900


2107 – GIUSEPPE PAGANO POGATSHNIG Due poltrone, due poggiapiedi e due tavolini per l’univesrsità Bocconi, 1942. Legno lamellare curvato tinto all’anilina, corda intrecciata. Poltrone: altezza cm 70, larghezza 61, profondità 65; poggiapiedi: cm 43 (h) x 40 x 45; tavolini: altezza cm 50, diametro cm 60.

€ 800 Letteratura: Domus 170 (febbraio 1942), copertina e p. 52; Irene de Guttry, Maria Paola Maino, Il mobile déco italiano, Laterza, Bari, 2006, p. 193.


2108 – PAOLO BUFFA Un tavolino, esecuzione MARELLI & COLICO, Cantù, anni ’50. Legno di noce, ottone. Cm 64 (h) x 60 x 38.

€ 1000


2109 – PAOLO BUFFA Un divanetto, esecuzione SERAFINO ARRIGHI, Cantù, 1943. Legno laccato e canna d’India. Altezza cm 87, larghezza 114, profondità 55.

€ 1500 Letteratura: Roberto Rizzi, i mobili di Paolo Buffa, Galleria del Design e dell’Arredamento, Cantù, 2001, p. 51.


2110 – GIUSEPPE PAGANO POGATSHNIG Due poltrone, due poggiapiedi un divano e un tavolino per l’univesrsità Bocconi, 1942. Legno lamellare curvato, corda intrecciata. Poltrone: altezza cm 77, larghezza 60, profondità 62.; poggiapiedi: cm 42 (h) x 40 x 45; divano: altezza cm 77, larghezza 120, profondità 62; tavolino: altezza cm 50, diametro cm 70.

€ 2200 Letteratura: Domus 170 (febbraio 1942), copertina e p. 52; Irene de Guttry, Maria Paola Maino, Il mobile déco italiano, Laterza, Bari, 2006, p. 193.


2111 – OSVALDO BORSANI Due sedie pieghevoli “S80” per TECNO, 1955. Legno di olmo, imbottiture rivestite in materiale vinilico. Altezza cm 77, larghezza 40, profondità 44.

€ 1400 Letteratura: Domus 303 (febbraio 1955), p. 42; Domus 305 (aprile 1955), rassegna; Dmus 314 (gennaio 1956), rassegna; Domus 316 (marzo 1956), rassegna; Giampiero Bosoni, Tecno l’eleganza discreta della tecnica, Skira, Milano, 2011, pp. 44, 64.


2112 – IGNAZIO GARDELLA Una libreria “Lib 2” per AZUCENA, 1955. Ferro verniciato a fuoco, ottone, legno impiallacciato in teak. Altezza cm 220, larghezza 130, profondità massima 50.

€ 4000 Letteratura: Domus 321 (agosto 1956), p. 48; Domus 324 (novembre 1956), rassegna; Domus 337 (dicembre 1957), p. 20; Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-2000, Allemandi, Torino, 2003, p. 42.


2113 – GIUSEPPE PAGANO POGATSCHNIG Un divano, due poltrone, due poggiapiedi e un tavolino per l’univesrsità Bocconi, 1942. Legno lamellare curvato, corda intrecciata (non originale). Divano: altezza cm 77, larghezza 120, profondità 66; poltrone: altezza cm 77, larghezza 61, profondità 66; poggiapiedi: cm 43 (h) x 40 x 45; tavolini: altezza cm 50, diametro cm 70.

€ 2000 letteratura: Domus 170 (febbraio 1942), copertina e p. 52; Irene de Guttry, Maria Paola Maino, Il mobile déco italiano, Laterza, Bari, 2006, p. 193.


2114 – PAOLO BUFFA Una poltrona, anni ’50. Legno di noce, imbottitura rivestita in velluto. Altezza cm 80, larghezza 79, profondità 74. Altezza cm 100, larghezza 70, profondità 85. € 800 Letteratura: Roberto Aloi, esempi di arredamento moderno di tutto il mondo Sedie Poltrone Divani, Hoepli, Milano, 1952, Tav. 178.


2115 – PIETRO CHIESA Un posacenere per FONTANA ARTE, 1938. Cristallo molato. Diametro cm 17,5, spessore cm 3.

€ 300 Letteratura: Domus 129 (settembre 1938), p. 46; Domus 136 (aprile 1939), p. 23; Roberto Aloi, L’arredamento moderno seconda serie, Hoepli, Milano, 1939, Tav. 127; Sergio Montefusco, Fontana Arte Repertorio 1933-1943 dalle immagini dell’epoca, The ArtIng Company, Genova, 2012, p. 84.


2116 - SALVATORE FERRAGAMO Due poltrone. Struttura in legno, imbottitura rivestita in pelle. Altezza cm 74, larghezza 79, profonditĂ 68. Provenienza: Salvatore Ferragamo, Avenue Montaigne, Paris.

â‚Ź 800

Salvatore Ferragamo Paris - Avenue Montaigne


2117 – MARCO ZANUSO Due poltrone “Lady” per ARFLEX, 1951. Struttura metallica, imbottitura in gommapiuma su nastrocord, rivestimento originale in tessuto. Altezza cm 80, larghezza 79, profondità 74.

€ 2000 Letteratura: Domus 261 (settembre 1951), p. 23; Gillo Dorfles, Marco Zanuso designer, Editalia, Roma, 1971, p. 19; Centrokappa, Il design italiano degli anni ’50, Ricerche Design Editrice, Milano, 1985, p. 135; Irene de Guttry, Maria Paola Maino, Il mobile italiano degli anni ’40 e ’50, Laterza, Bari, 1992, p. 282; Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-2000, Allemandi, Torino, 2003, p. 25.


2118 – FRATELLI PRADA Un baule-guardaroba, anni ’20. Legno rivestito di tessuto impermeabile, ferro verniciato, ottone. Targhetta metallica “Fratelli Prada Milano via Manzoni 19 Valigerie – Oggetti di lusso”. Cm 137 (h) x 55 x 55.

€ 2000


2119 – GIANFRANCO FRATTINI Uno scrittoio “530” per BERNINI, 1957. Impiallacciato in legno di noce. Cm 82 (h) x 130 x 80.

€ 1200 Letteratura: Giuliana Gramigna, repertorio 1950-1980, Mondadori, Milano, 1985, p. 111.


2120 – GIANFRANCO FRATTINI Una credenza “503” per BERNINI, 1960. Legno e impiallacciatura di palissandro. Cm 73 (h) x 210 x 53.

€ 1000 Letteratura: Domus 389 (aprile 1962), p. 53; Domus 401 (aprile 1963), p. d/119; rivista dell’arredamento 96 (dicembre 1962), pubblicità; Ottagono 30 (settembre 1973), p. 85; Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-2000, Allemandi, Torino, 2003, p. 81


2121 – OSVALDO BORSANI Due poltroncine “P38” per TECNO, 1954. Legno di mogano, imbottiture rivestite in tessuto, gambe tornite tinte all’anilina. Altezza cm 80, larghezza 55, profondità 53.

€ 1200


2122 – PAOLO BUFFA Due poltrone, anni ’50. Legno di noce, imbottitura rivestita in tessuto. Altezza cm 102, larghezza 68, profondità 80.

€ 900 Letteratura: Roberto Aloi, esempi di arredamento moderno di tutto il mondo Sedie Poltrone Divani, Hoepli, Milano, 1952, Tav. 178.


2123 – UNA CREDENZA, anni ’50. Legno e impiallacciatura di palissandro, interni in legno di ciliegio. Cm 128 (h) x 235 x 45.

€ 600


2124 – ALDO TURA Un mobile-bar “Porte del castello” (Art. 1208), primi anni ’60. Legno rivestito in pergamena, legno naturale, ottone, interno rivestito in specchio con impianto di illuminazione. Cm 154 (h) x 80 x 40.

€ 1800


2125 – DUBÈ (DUILIO BERNABÈ) Un pannello per FONTANA ARTE, primi anni ’60. Vetro retro dipinto. Marcato “Dubè*Fontana Arte*”. Marcato sul supporto metallico “Luigi Fontana & C. Milano Brevettato. Cm 75 x 40.

€ 1000


2126 – OSVALDO BORSANI Una scrivania “T160” per TECNO, 1967 e una poltroncina “P125”, 1966. Scrivania (acciaio verniciato, legno impiallacciato in teak, inserto in cuoio):Cm 77 (h) x 220 x 90; poltroncina (alluminio pressofuso, imbottiture rivestite in tessuto, etichetta della manifattura): altezza cm 90, larghezza 65, profondità 67.

€ 1200 Letteratura scrivania:Giampiero Bosoni, Tecno l’eleganza discreta della tecnica, Skira, Milano, 2010, p. 176; letteratura poltroncina: Giampiero Bosoni, Tecno l’eleganza discreta della tecnica, Skira, Milano, 2010, p. 170.


2127 – ETTORE SOTTSASS Un insieme di mobili componibili “Kubirolo” per POLTRONOVA, 1967. Legno laccato, maniglie di plastica. Cm 236 (h) x 180 x 47.

€ 2500 Letteratura: Pier Carlo Santini, Facendo mobili con…, Artigraf Edizioni, 1977, p. 93.


2128 – OSVALDO BORSANI Una poltrona girevole oscillante “P32” per TECNO, 1958. Acciaio, ottone, imbottitura in gommapiuma, etichetta Tecno. Altezza cm 85, larghezza 83, profondità 70.

€ 1200 Letteratura: rivista dell’Arredamento 39 (marzo 1958), p. 34; rivista dell’Arredamento 41 (maggio 1958); Domus 342 (maggio 1958), p. 15; Giuliana Gramigna, Fulvio Irace, Osvaldo Borsani, Leonardo-De Luca Ed., Roma, 1992, pp.278-281; Irene de Guttry, Maria Paola Maino, Il mobile italiano degli anni ’40 e ’50, Laterza, Bari, 1992, p. 115; Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-2000, Allemandi, Torino, 2003, p. 92; Giampiero Bosoni, tecno l’eleganza discreta della tecnica, Skira, Milano, 2010, p. 88.


2129 – JOE COLOMBO Un divano, una poltrona e un poggiapiedi “Golf Club 1002” per COMFORT, 1965. Legno laccato, imbottiture rivestite in skai. Divano: altezza 62, larghezza 235, profondità 78; poltrona: altezza cm 62, larghezza 87, profondità 78; poggiapiedi: cm 36 (h) x 83 x 83.

€ 9500 Letteratura: Domus 433 (dicembre 1965), pagine non numerate.


2130 – GIO PONTI Sei sedie “Leggera” per CASSINA, 1951. Legno di frassino, imbottiture rivestite in Vipla. Altezza cm 84, larghezza 42, profondità 44.

€ 3000 Letteratura: Domus 264-265 (dicembre 1951), p. 15; Domus 268 (marzo 1952), p. 1; Domus 321 (agosto 1956), pubblicità Vipla.


2131 – GUGLIELMO VERONESI Un divano “Perla” per ISA, circa 1952. Struttura in legno, imbottitura rivestita in velluto. Altezza cm 80, larghezza 177, profondità 70. .

€ 1800 Letteratura (per la poltrona della medesima serie): Domus 274 (ottobre 1952), pubblicità.


2132 – FONTANA ARTE Uno specchio da parete, 1956. Cornice in legno tinto all’anilina, cristalli argentati, Timbro “Galvanit Fontana 23 agosto 1956 Genova”. Cm 146 x 110.

€ 800


2133 – FONTANA ARTE Un vaso, circa 1958. Vetro inciso alla mola e corroso. Altezza cm 17, diametro cm 10.

€ 400 Letteratura: Il libro dell’Arredamento 1, Gorlich, 1958, sezione 6, p. 8.

2134 – PIETRO CHIESA Un vaso “Cartoccio” per FONTANA ARTE, anni ’40. Vetro opalino satinato. Altezza cm 23.

€ 200


2135 – FONTANA ARTE Una scatola porta sigarette, circa 1938. Cristallo argentato con bordi molati, interno in legno. Cm 5,5 (h) x 21 x 13.

€ 300 Letteratura: Il Vetro n°12 (dicembre 1938), p. 309; Domus 132 (dicembre 1938), p. 40; Il Vetro n°12 (dicembre 1939), pp. 434, 435; Sergio Montefusco, Fontana Arte repertorio 1933-1943 dalle immagini dell’epoca, The Arting Company, Genova, 2012, p. 78.


2136 – GIO PONTI Uno specchio da parete per FONTANA ARTE, 1947. Cristallo colorato decorato a getto di sabbia e argentato (un difetto), cristallo argentato. Cm 140 x 90.

€ 1500 Letteratura: Ugo la Pietra, Giò Ponti, Rizzoli, Milano 1991, p.136.


2137 – FONTANA ARTE Un porta ritratti “1371”, anni ’60. Ottone, cristallo molato. Cm 18 x 13.

€ 400 Letteratura: quaderno Fontana Arte n°10 (1967), p. 517.

2138 – FONTANA ARTE Un porta ritratti, anni ’30. Cristallo colorato molato montato su legno. Cm 25 x 20.

€ 800


2139 – VENINI Uno specchio da parete a tre luci, circa 1939, modello 21 del catalogo blu Venini. Ottone, vetro a treccia, cristallo argentato. Marca impressa sul metallo “Venini Murano”. Cm 45 x 110.

€ 3500 Letteratura: Tavola 44A del catalogo blu Venini in Franco Deboni, I vetri Venini La storia, gli artisti, le tecniche, Allemandi, Torino, 2007.


2140 – VENINI un porta ritratti, circa 1941. Ottone, vetro ondulato. Cm 29 x 22. ₏ 1000 Letteratura: Domus 160 (aprile 1941), p. 52.


2141 – ERCOLE BAROVIER Un grande centrotavola a forma di conchiglia per BAROVIER & TOSO, circa 1942. Pesante vetro trasparente fortemente iridato. Cm 20 (h) x 40 x 26.

â‚Ź 1300 Letteratura: Attilia Dorigato, Ercole Barovier vetraio muranese 1889-1974, Marsilio, Venezia, 1989, p. 78.


2142 – GIO PONTI Quattro piastrelle per RICHARD-GINORI, anni ’30, raffiguranti soggetti della serie “Gli stanchi”: Il fumatore stanco ; Lo stanco marinaio; Il cacciatore stanco; Il suonatore stanco. Ceramica decorata, cornici di ottone. Tutte marcate “Richard-Ginori S. Cristoforo Milano Made in Italy”. Cm 15,2 x 15,2 inclusa la cornice.

€ 4000 Letteratura: Società Ceramica Richard-Ginori, Ceramiche Moderne d’Arte Richard-Ginori, Milano, 1930, p. 127.


2143 – GIO PONTI Una coppa “Il Circo equestre” per RICHARD-GINORI, 1936. Porcellana decorata. Marcata “Made in Italy Richard-Ginori 36-11…35” Altezza cm 13,5, diametro cm 13,5.

€ 2500


2144 – MARCO LAVARELLO Una libreria per DOMUS LINEA, Genova, circa 1960. Ferro verniciato, legno laccato. Cm 300 (h) x 260 x 21.

€ 1500


2145 – EUGENIO GERLI Otto sedie “S 81” per TECNO, 1958. Alluminio pressofuso, legno di palissandro, imbottiture rivestite in tessuto. Altezza cm 94, larghezza 41, profondità 42.

€ 1200 Letteratura: Domus 373 (dicembre 1960), pubblicità e p. 22; Domus 401 (aprile 1963), p.d/126; rivista dell’Arredamento 105 (settembre 1963, p. 6; Ottagono 3 (0ttobre 1966), p. 101; Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-1980, Mondadori, Milano, 1985, p. 183; Giampiero Bosoni, Tecno l’eleganza discreta della tecnica, Skira, Milano, 2011, p. 142.


2146 – OSVALDO BORSANI Un appendiabiti a pannello girevole “AT 15”, per TECNO, 1961. Acciaio verniciato, legno rivestito in panno, ottone nichelato, legno di palissandro, cristallo specchiato sul retro. Altezza cm 165, profondità cm 100.

€ 800 Letteratura: Giampiero Bosoni, Tecno l’eleganza discreta della tecnica, Skira, Milano, 2010, p. 107.


Aste Boetto

lighting Thursday 17th April 2014 - 6.30pm


Aste Boetto

Selected lighting Genova, Gioved ì 17 Aprile 2014 ore 18.30 Genoa, Thursday 17th April 2014, 6.30 p.m.

Esposizione/Viewing Venerd ì Sabato Domenica Luned ì

11 Aprile 12 Aprile 13 Aprile 14 Aprile

10.00 - 12.30 / 15.00 - 19.00 10.00 - 19.00 10.00 - 19.00 10.00 - 12.30 / 15.00 - 19.00


Negozio Arredoluce, Monza, circa 1960.


2147 – ANGELO LELII Una lampada a sospensione a saliscendi “12963” per ARREDOLUCE, anni ’60. Alluminio laccato, vetro inciso. Diametro diffusore cm 45.

€ 4000 Letteratura: foto storiche Arredoluce; Catalogo Arredoluce anni ’60, pagine non numerate.


2148 – ARREDOLUCE Due lampade da terra, anni ’60. Marmo, ottone, vetro opalino. Altezza cm 182.

€ 3000


2149 – ARREDOLUCE Un lampadario, anni ’60. Ottone, vetro opalino. Altezza cm 96, diametro cm 52.

€ 1200


2150 – ANGELO LELII Una lampada da tavolo per ARREDOLUCE, circa 1960. Acciaio cromato opaco, vetro satinato Altezza cm 30.

€ 800


2151 – STILNOVO Una lampada da tavolo, anni ’50. Acciaio verniciato, ottone patinato. Etichetta della manifattura, marca impressa nel metallo. Altezza cm 43, larghezza cm 25.

€ 500


2152 – GINO SARFATTI Un lampadario “2097/30” per ARTELUCE, 1958. Acciaio e ottone cromati. Altezza cm 70, diametro cm 90. € 1100 Letteratura: Catalogo Arteluce 1966, p. 53; Domus 411 (febbraio 1964), pubblicità; Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-2000, Allemandi, Torino, 2003, p. 63; Charlotte & Peter Fiell, !000 lights 1878 to 1959, Taschen, Koln, 2005, p. 488; Galerie Christine diegoni, Gino sarfatti, leibovitz, Paris, 2008, p. 77; Marco romanelli, Sandra Severi, Gino Sarfatti Opere scelte 1938-1973, Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo, 2012, p. 473; Clément Dirié, Bruno Rousseaud, The Complete Designer’s Lights (1950-1990), Clémence & Didier Krzentowski Editors, Paris, 2012, p. 352.


2153 – ARREDOLUCE Una lampada da terra, anni ’50. Ottone, alluminio laccato. Marcata sotto la baes in ghisa “Arredoluce Monza Italia 12300”. Altezza cm 176.

€ 1200


2154 – GINO SARFATTI Una lampada da terra “1055/SP” per ARTELUCE, 1955. Ghisa verniciata, acciaio cromato, alluminio laccato. Altezza cm 188.

€ 1000 Letteratura: Domus 328 (marzo 1957), p. 21; Domus 331 (giugno 1957), p. 23; Catalogo Arteluce 1966, p. 44; 1990; Giuliana Gramigna, repertorio 1950-1980, Mondadori, Milano, 1985, p. 92; Piero Castiglioni, Chiara Baldacci, Giuseppe Biondo, Lux Italia 19301990, Berenice, Milano, 1991, p. 63; Galerie Christine Diegoni, Gino Sarfatti, Leibovitz, Paris, 2008, p. 54; Marco Romanelli, Sandra Severi, Gino Sarfatti Opere Scelte 1938-1973, Silvana Editoriale, 2012, p. 451; Clément Dirié, Bruno Rousseau, The Complete Designer’s lights (1950-1990), Clémence & Didier Krzentowski ed., Paris, 2012, p.105.


2155 – STILNOVO Quattro lampade a parete, anni ’50. Alluminio laccato, ottone. Altezza cm 17, larghezza 12, profondità 18.

€ 400


2156 – ERCOLE BAROVIER Una lampada da tavolo per BAROVIER & TOSO, circa 1938. Vetro rostrato. Altezza cm 38, diametro cm 30

€ 1200


2157 – ERCOLE BAROVIER Una lampada da terra per BAROVIER & TOSO, circa 1938. Vetro rostrato. Altezza cm 175.

€ 3000


2158 - VENINI Un lampadario, anni ’30. 46 foglie di cristllo applicate su struttura in metallo, parti in vetro a bollicine. 2 foglie di ricambio. Altezza cm 115, diametro cm 65.

â‚Ź 6000


2159 – MAX INGRAND Due lampade a parete “2311” per FONTANA ARTE, circa 1964. Ottone, cristallo scalpellato, vetro diffusore. Altezza cm 21, larghezza 17, profondità 10.

€ 1200 Letteratura: Quaderno Fontana Arte n°6 (1964), p. 76.


2160 – ANGELO LELII Una lampada a sospensione per ARREDOLUCE, circa 1960. Ottone, alluminio laccato, vetro satinato, fascia di murrine (una di diverso colore). Altezza diffusore cm 24, diametro cm 45.

€ 1200


2161 – ARREDOLUCE Una lampada da tavolo, circa 1951. Ottone, alluminio laccato. Altezza cm 39.

â‚Ź 600 Letteratura: Domus 261 (settembre 1951), p. 32; Charlotte & Peter Fiell, 1000 lights from 1879 to 1959, Tashen, kohln, 2005, p. 489.


2162 – FONTANA ARTE Una lampada a sospensione “2465”, anni ’60. Ottone cromato, vetro opalino satinato, alluminio laccato. Diametro cm 40.

€ 800 Letteratura: Quaderno Fontana Arte n°10 (1967), p. 117.


2163 – CARLO SCARPA Una lampada a plafone per VENINI circa 1936. Corrispondente al modello “5417” del Catalogo Blu Venini. Vetro a reticello, ottone. Altezza cm 85, diametro cm 32.

€ 3000 Letteratura: Domus 98 (febbraio 1936), p. 27; Tavola 138 del Catalogo Blu in Franco Deboni, I vetri Venini la storia gli artisti le tecniche, Allemandi, Torino, 2007.


2164 – ELIO MONESI Una lampada a sospensione per ARREDOLUCE, circa 1962. Ottone, vetro opalino satinato. Altezza cm 86; diffusore cm 24 x 24.

â‚Ź 1000 Letteratura (per altre lampade della stessa serie): Domus 390 (maggio 1962), rassegna; Artecasa 34 (luglio 1962), pagine non numerate.


2165 – ARREDOLUCE Una lampada da terra, anni ’50. Ottone, alluminio laccato. Altezza cm 203.

€ 2500


2166 – LUIGI CACCIA DOMINIONI IGNAZIO GARDELLA Una lampada da terra “Imbuto” (“Lte5”) per AZUCENA, Ghisa verniciata, ottone, alluminio laccato. Altezza cm 191.

€ 1200 Letteratura: Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-1980, Mondadori, Milano, 1985, p. 85.

2167 – LUIGI CACCIA DOMINIONI IGNAZIO GARDELLA Una lampada da terra “Imbuto” (“Lte5”) per AZUCENA, Ghisa verniciata, ottone, alluminio laccato. Altezza cm 191.

€ 1200 Letteratura: Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-1980, Mondadori, Milano, 1985, p. 85.


2168 – POUL HENNINGSEN Una lampada a sospensione “Artihoke” per LOUIS POULSEN, 1958. Rame, acciaio cromato. Altezza dffusore cm 64, diametro cm 70.

€ 5000 Letteratura: Michael Ellison, Leslie Pina, designed for life scandinavian modern furnishing 1930-1970, Schiffer, Atglen, 2002, p. 56; Charlotte & Peter Fiell, design in scandinavia, Taschen, koln, 2002, p. 246; Charlotte & Peter Fiell, !000 lights 1878-1959, Taschen, Koln, 2005, pp. 538-539.


2169 – PAOLO TILCHE Una lampada da terra “3 S” per SIRRAH, 1972. Acciaio cromato, ottonne cromato. Altezza cm 150, diametro diffusore cm 20.

€ 2200 Letteratura: Domus 508 (marzo 1972), p. d/540; Formaluce 28-29 (marzo-aprile 1972), copertina; Casa Amica 26-09-1972, p. 59.


2170 – STILNOVO due lampade a sospensione “1104”, anni ’60. Ottone, vetro “Triplex Opal” satinato, sospensione con filo di acciaio. Altezza cm 110, diametro cm 52.

€ 1500 Letteratura: Catalogo Stilnovo n°11 (ottobre/dicembre 1965), p. 21.


2171 – STILNOVO Una lampada da tavolo, anni ’50. Alluminio laccato, ottone, vetro opalino satinato. Etichetta della manifattura. Altezza cm 47.

€ 800


2172 – VITTORIANO VIGANÒ Una lampada da terra per ARTELUCE, circa 1951. Ferro verniciato, ottone, alluminio laccato, etichetta della manifattura. Altezza cm 149.

€ 2000 Letteratura: Domus 261 (settembre 1951), p. 31.


2173 – ALVAR AALTO Otto lampade a sospensione “A 330” (“Golden Bell”) per ARTEK, anni ’50. Ottone (ossidazione). Altezza diffusore cm 19, diametro cm 16. € 3000 Letteratura: Pekka Korvenmaa, saggio “fonti luminose” in Alvar Aalto e gli oggetti, Electa, Milano, 2001, pp. 125, 132, 133.


2174 - GINO SARFATTI Due lampade da tavolo per ARTELUCE, circa 1938-1941. Ottone lucido e laccato, paralumi di carta. Altezza cm 58.

â‚Ź 1200 Letteratura(per un modello simile): marco Romanelli, Sandra Severi, Gino Sarfatti opere scelte 1938-1973, Silvana Editoriale, 2012, p.421, mod. 506.


2175 – PIETRO CHIESA Una lanterna, per FONTANA ARTE circa 1936. Ottone lucido e laccato, cristalli sagomati molati e curvati. Altezza cm 90, larghezza cm 33.

â‚Ź 1800 Letteratura(uno schizzo preparatorio): Franco Deboni, Fontana Arte Gio Ponti Pietro Chiesa Max Ingrand, Allemandi, Torino, 2012, fig. 38.


2177 – STILNOVO Una lampada a sospensione “1178”, anni ‘60. Ottone, perspex, alluminio laccato, etichetta della manifattura. Altezza cm 82, diametro diffusore cm 45.

€ 350 Letteratura: catalogo Stilnovo n°10 (1965), p. 8.

2176 – STILNOVO Una lampada a sospensione, anni ’60. Alluminio naturale e laccato, vetro opalino satinato. Altezza cm 150, diametro diffusore cm 20.

€ 160 Letteratura: catalogo Stilnovo n°10 (1965), p. 12.


2178 – GINO SARFATTI Una lampada a sospensione “2084” per ARTELUCE, 1955. Perspex, alluminio laccato. Altezza diffusore cm 35, diametro cm 20.

€ 1000 Letteratura: Marco Romanelli, Sandra Severi, Gino Sarfatti opere scelte 1938-1973, Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo, 2012, p. 471.


2179 – MICHELE DE LUCCHI Una lampada da tavolo “Sinerpica” per STUDIO ALCHIMIA, 1979. Alluminio laccato, tubo di acciaio verniciato. Altezza cm 71.

€ 700 Letteratura: Barbara Radice, Memphis Ricerche, esperienze, risultati, fallimenti e successi del Nuovo Design, Electa, Milano, 1984, p. 20; Kazuko Sato, Alchimia, never ending italian design, Rikuyosha Publishing, 1985, p. 24; Andrea Branzi, Il design italiano 1964-1990, Electa, Milano, 1997, p. 234; Charlotte & Peter Fiell, 1000 lights 1960 to present, Taschen, Kholn, 2005, p. 302.


2180 – GINO MAROTTA Una scultura luminosa per POLTRONOVA, 1971. Legno laccato, legno naturale, metacrilato serigrafato. Etichetta Poltronova, stampa a fuoco “Edizioni la Girffa”, firma dell’Artista “Gino Marotta ‘71”. Cm 85 (h) x 53 x 14

€ 2000


2181

2182

2181 – ARREDOLUCE

2182 – ARREDOLUCE

Una lampada da tavolo, anni ’60. Alluminio laccato, ottone, vetro incamiciato, vetro opalino satinato. Etichetta “Made in Italy Arredoluce Monza”. Altezza cm 45.

Una lampada da tavolo, anni ’60. ottone, alluminio laccato,, vetro opalino satinato, vetro incamiciato. Etichetta “Made in Italy Arredoluce Monza”. Altezza cm 42.

€ 800

€ 800


2183 – SILVIO BILANGIONE Una lampada da terra della serie “Helga” per FUMAGALLI, 1967. Legno laccato. Altezza cm 175.

€ 1200 Letteratura: La Rivista dell’Arredamento Interni 11 (novembre 1967), pubblicità.


2184 – PIETRO CHIESA Una lampada da tavolo per FONTANA ARTE, anni ‘40 Cristallo molato, ottone, ottone nichelato, vetro diamantato, alluminio laccato. Altezza cm 49.

€ 1800 Letteratura: Franco Deboni, Fontana Arte Gio Ponti Pietro Chiesa Max Ingrand, Allemandi, Torino, 2012, fig. 88.


2185 – MAX INGRAND Una lampada a parete “1943” per FONTANA ARTE, circa 1961. Lamiera verniciata, ottone, cristallo satinato e molato. Altezza cm 45, larghezza 18, profondità 15.

€ 2500 Letteratura: Quaderno Fontana Arte 6 (1964), p. 93; Pierre-Emmanuel Martin-Vivier, Max Ingrand Du verre à La Lumière, Norma Editions, Paris, 2009, p. 214.


2186 – PIETRO CHIESA Una lampada da terra per FONTANA ARTE, anni ’40. Ottone, cristalli molati, cristalli satinati curvati. Altezza cm 208.

€ 5000


2187 - FONTANA ARTE Una lampada a sospensione “2409”, 1966. Schermo di dristallo con fodera di vetro stampato, montatura di ottone. Diametro cm 34.

€ 3000 Letteratura: quaderno Fontana Arte n°8, 1966, p. 9.


2188 – GINO SARFATTI Quattro lampade a parete “255/37” per ARTELUCE, 1962. Alluminio laccato, vetro stampato. Altezza cm 17, diametro cm 37.

€ 2000 Letteratura: Catalogo Arteluce 1966, p. 65; Marco Romanelli, Sandra Severi, Gino Sarfatti opere scelte 1938-1973, Silvana Editoriale, Cinisello balsamo, 2012, p. 417.


2189 – FONTANA ARTE Una lampada da tavolo “2278”, 1963. Ottone ossidato canna di fucile (piccoli difetti), schermo in vetro stampato. Altezza cm 51, diametro cm 42.

€ 3000 Letteratura: Quaderno di Fontana Arte n°5 (1963), p. 71; Domus 420 (novembre 1964), p. d/258; Laura Falconi, Fontana Arte una storia trasparente, Skira, Milano, 2001, p. 215.


2190 – PIETRO CHIESA Una lampada da tavolo per FONTANA ARTE, circa 1942. Ottone, cristallo. Altezza cm 53, dimetro cm 57.

€ 4000 Letteratura: Domus 174 (giugno 1942), p. 242; Roberto Aloi, L’arredamento moderno terza serie, Hoepli, Milano, 1945, tav. 129; Guglielmo Ulrich, Arredatori contemporanei, Gorlich, Milano, 1949, pagine non numerate; Sergio Montefusco, Fontana Arte Repertorio 1933-1943, The Arting Company, Genova, 2012, p. 122.


2191

2192

2191 – FONTANA ARTE

2192 – FONTANA ARTE

Due lampade a parete “1537”, circa 1956. Ottone, vetro satinato. Altezza cm 28.

Due lampade a parete “1537”, circa 1956. Ottone, vetro satinato. Altezza cm 28.

€ 600

€ 600

Letteratura: Domus 319 (giugno 1956), pubblicità; Quaderno Fontana Arte n°1, p. 63.

Letteratura: Domus 319 (giugno 1956), pubblicità; Quaderno Fontana Arte n°1, p. 63.


2193 - MAX INGRAND Una lampada a parete “1636” per FONTANA ARTE, circa 1960. Ottone, cristallo curvato satinato. Altezza cm 41, larghezza 16, profondità 12.

€ 300 Letteratura: Quaderno Fontana Arte n°1 (1961), p. 64.


2194 – PIETRO CHIESA Un lampadario per FONTANA ARTE, circa 1950. Ottone, cristallo curvato molato. Altezza cm 82, diametro cm 80.

€ 4000 Letteratura (lampadari della stessa serie): Roberto Aloi, L’Arredamento Moderno quinta serie, Hoepli, Milano, 1952, figg. 204-206.


2195 – FONTANA ARTE Un vaso-lampada “1837”, circa 1958. Metallo laccato, ottone, vetro diffusore bianco satinato. Altezza cm 36.

€ 800 Letteratura: Domus 349 (dicembre 1958), pubblicità; Quaderno Fontana Arte n°3 (1961), p. 26; Il libro dell’arredamento n°4, Gorlich, Milano, 19…, seione 13, p. 52.


2196 – MAX INGRAND Un lampadario “1748” per FONTANA ARTE, circa 1957. Coppa di cristallo con parti scalpellate, montatura di ottone. Altezza cm 45, diametro cm 55.

€ 12000 Letteratura: Domus 334 (settembre 1957), pubblicità; Quaderno Fontana Arte n°1 (1961), p. 18.


2197 – FONTANA ARTE Una lampada a parete “2053”, circa 1961. Ottone nichelato, cristallo satinato sagomato e curvato, lamierino i ferro verniciato. Altezza cm 32, larghezza 14, profondità 11.

€ 700 Letteratura: Quaderno Fontana Arte n°1, p. 30.


2198 – FONTANA ARTE Una lampada a parete “2188”, circa 1962. Lamierino di ferro verniciato, cristallo colorato molato e curvato, vetro satinato curvato. Altezza cm 45, larghezza 14, profondità 11.

€ 700 Letteratura: Quaderno di Fontana Arte n°4, p. 29.


2199 - STILNOVO Una lampada da terra, anni ’60. Ghisa verniciata, tubo di ferro verniciato, ottone nichelato, alluminio laccato, due faretti ad altezza regolabile. Altezza cm 158

â‚Ź 400


2200 – ETTORE SOTTSASS Una lampada alogena a sospensione “Hicary” per SKIPPER, 1976. Lamierino smaltato. Impianto elettrico da revisionare. Misure diffusore: cm 11 (h) x 25 x 25.

€ 350 Letteratura: Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-1980, Mondadori, Milano, 198, p. 436.


2201 – STILNOVO Una lampada a parete, anni ’50. Ottone, alluminio laccato. Marca impressa sul metallo, etichetta della manifattura. Lunghezza massima cm 88.

€ 800


2202 - GIACOMO BENEVELLI Due lampade-scultura da tavolo, anni ’70. Fusione di alluminio, vetro opalino. Cm 33(h)x37x30.

€ 2000


2203 – MATTEO THUN Una lampada da tavolo “Topolino” per BIEFFEPLAST, 1988. Acciaio cromato, lamiera verniciata a fuoco, perspex, illuminazione a fluorescenza. Etichetta della manifattura. Cm 36 8h) x 26 x 11.

€ 300 Letteratura: Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-2000, Allemandi, Torino, 2003, p. 411; Charlotte & Peter Fiell, 1000 lights 1960 to present, Taschen, Koln, 2005, p. 382; Clément Dirié, Bruno Rousseaud, The Complete Designer’s Lights (1950-1990), Clémence & Didier Krzentowski Editors, Paris, 2012, p. 352.


2204 – MATTEO THUN Una lampada da terra “Zerodue” per BIEFFEPLAST, 1985. Lamiera verniciata, perspex. Altezza cm 99.

€ 1200 Letteratura: Clément Dirié, Bruno Rousseau, The Complete Designer’s Lights (1950-1990), Clémence & Didier Krzentowski Editeurs, Paris, 2012, pp. 340-341.


2205 – STILNOVO Una lampada da terra “4092”, anni ’60. Ghisa verniciata, ottone cromato, alluminio laccato. Altezza cm 136.

€ 200 Letteratura: Catalogo Stilnovo n°10 (1965), p. 24.


2206 – SERGIO ASTI Una lampada da tavolo “Profiterole” per MARTINELLI LUCE, 1968. Vetroresina. Marcata “Martinelli Luce design Sergio Asti Made in Italy”. Altezza cm 40, diametro 65.

€ 1200 Letteratura: casa Amica 15 febbraio 1970, p. 76; Domus 495 (febbraio 1971), p. 44; Fulvio ferrari, napoleone ferrari, Luce lampade 1968-1973: il nuovo design italiano, Allmandi, Torino, 2002, n°21; Giuliana gramigna, repertorio 1950-2000, Allemandi, Torino, 2003, p. 187.


2207 – LUIGI CACCIA DOMINIONI Una lampada da terra “Lte1” per AZUCENA, 1948. Ottone brunito. Altezza cm 168.

€ 500 Letteratura: Domus 316 (marzo 1956), p. 27); Domus 321 (agosto 1956), p. 56; Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-1980, Mondadori, Milano, 1985, p. 58.


2208 – PIETRO CASCELLA Una lampada da terra “Pinocchio”, Edizioni RELFO, 1972. Legno di pino naturale. Altezza cm 250.

€ 1900 Letteratura (per la versione da tavolo): Domus 516 (novembre 1972), p. 29.


2209 – LUIGI CACCIA DOMINIONI, IGNAZIO GARDELLA

2210 – LUIGI CACCIA DOMINIONI, IGNAZIO GARDELLA

Una lampada da terra “Lte5” (“Imbuto”) per AZUCENA, 1954. Ghisa verniciata, ottone cromato, alluminio laccato. Altezza cm 191.

Una lampada da terra “Lte5” (“Imbuto”) per AZUCENA, 1954. Ghisa verniciata, ottone cromato, alluminio laccato. Altezza cm 195.

€ 600

€ 500

Letteratura: Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-1980, Mondadori, Milano, 1985, p. 85.

Letteratura: Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-1980, Mondadori, Milano, 1985, p. 85.


2211 – GUIDO ROSATI Una lampada da tavolo “Fatua” per FONTANA ARTE, 1972. Cristallo curvato, in parte satinato. Altezza cm 38,5, diametro cm 26.

€ 300 Letteratura: Giuliana Gramigna, Repertorio 1950-2000, Allemandi, Torino, 2003, p. 207.

2212 – EUGENIO GENTILI TEDESCHI Due lampade da tavolo “Jo jo” per FONTANA ARTE, 1971. Vetro stampato satinato, metallo cromato. Altezza cm 12, diametro cm 14.

€ 120 Letteratura: Abitare 1971/72 (supplemento al n°108 (settembre 1972), p. 309.


2213 – ACHILLE E PIER GIACOMO CASTIGLIONI Due eliografie per KARTELL, datate 1962 (lampada a sospensione “KD 6/4006”) e 1966 (lampada a sospensione “KD 7/4077”).

€ 350 Letteratura: Catalogo Kartell settembre 1970, pp. 6-9.


2215 – ARREDOLUCE Una lampada da terra, anni ’50. Ottone, alluminio laccato. Paralumi di tela. Altezza cm 182.

€ 800


2216 – GIOVANNI COLOMBO Una lampada da tavolo “Gea” per R2S, Monza, anni ’70. Resina Abs. Marcata “ Design G. Colombo…GEA…R2S srl Monza… Mod. dep. Italy. Altezza cm 13,5.

€ 1200


2217 – ARREDOLUCE Una lampada a parete estensibile a saliscendi, anni ’50. Ottone, alluminio laccato. Lunghezza alla massima estensione cm 155, diametro paralume cm 48.

€ 1500


Un ringraziamento a tutti gli amici e collaboratori per il sostegno a questo lavoro.


“Tutto quello che avreste voluto sapere su FontanaArte * Ma non avete mai osato chiedere”

*

Per l’acquisto rivolgersi a Maria Oliveto mob.349 4445253 e-mail: montefuscosergio@gmail.com


264 pagine, 608 illustrazioni Edizioni The Arting Company Prezzo: â‚Ź 60




Partecipa all’Asta Online

Arte Moderna e Contemporanea e Fotografia Martedì 16 Aprile 2013 

Design e Arti Decorative del ‘900 e Selected  Mercoledì 17 e Giovedì 18 Aprile 2013 

Registrati sul nostro sito e segui l’asta in diretta. Se invece vuoi partecipare attivamente, dopo esserti registratato, riempi il modulo di dati aggiuntivi richiesti.   Nel modulo aggiuntivo di registrazione ti verranno chiesti dati fiscali per  poter partecipare all’asta direttamente dal tup pc, in qualsiasi luogo tu sia, ti  basterà cliccare sul pulsante per inviare l’offerta vedendo in tempo reale se sei il  maggior offerente. Per registrarti vai sulla nostra home page   all’indirizzo:  http://www.asteboetto.it e clicca su

“Registrati”

Abbonarsi ai Cataloghi d’Asta Compilare questo modulo in tutte le sue parti, ritagliare e inviare a: Aste Boetto, Mura dello Zerbino 10 rosso, 16122 Genova oppure via fax al numero +39102541379 Azienda Nome e Cognome Indirizzo Cap

Citta

Tel.

Fax

Cell.

e-mail

Codice Fiscale

Partita Iva

CATALOGHI ANTIQUARIATO (4 NUMERI ALL’ANNO) DESIGN (2 NUMERI ALL’ANNO) SELECTED (2 NUMERI ALL’ANNO) ARTE MODERNA, CONTEMPORANEA E FOTOGRAFIA (2 NUMERI ALL’ANNO) TUTTI I CATALOGHI

ITALIA

EUROPA

100 60 70 70 250

120 80 90 90 300

PAESI EXTRA EUROPEI 150 90 120 120 400

I prezzi sopraindicati sono espressi in euro, sono compresi di IVA e spese di spedizione.

Indirizzo per la consegna se diverso da quello sopra indicato

Modalità di pagamento

Assegno

Contanti

Data

Firma

PRIVACY: I dati forniti saranno riservati ed utilizzati esclusivamente per i trattamenti consentiti dalle Legge sulla Privacy n° 675 del 31/12/1996.


AstaBoetto_settembre_2012_IV_Layout 1 07/09/12 10:25 Pagina 449

Aste di Antiquariato Boetto s.r.l. Mura dello Zerbino, 10r - 16122 Genova - Tel. 0102541314 - Fax 0102541379 E-mail: asteboetto@asteboetto.it - www.asteboetto.it

AstaBoetto_settembre_2012_IV_Layout 1 07/09/12 10:25 Pagina 447

Aste di Antiquariato Boetto s.r.l. Mura dello Zerbino, 10r - 16122 Genova - Tel. 0102541314 - Fax 0102541379 E-mail: asteboetto@asteboetto.it - www.asteboetto.it

AstaBoetto_settembre_2012_IV_Layout 1 07/09/12 10:25 Pagina 447

Aste di Antiquariato Boetto s.r.l. Mura dello Zerbino, 10r - 16122 Genova - Tel. 0102541314 - Fax 0102541379 E-mail: asteboetto@asteboetto.it - www.asteboetto.it Con la presente il sottoscritto si impegna ad acquistare i lotti sopraindicati alle condizioni pubblicate in catalogo. Si precisa inoltre che il lotto per il quale venissero fatte più offerte scritte di pari importo, sarà aggiudicato al firmatario dell’offerta pervenuta per prima. A parità di offerta prevale quella fatta in sala. Data _________________

(valida solo per lotti superiori a € 200.00)

Firma ____________________________________

Con la firma della presente approvo specificatamente tutti i termini e le condizioni di vendita riportate sul catalogo d’asta delle quali ho preso conoscenza.

Genova,

Firma ____________________________________

!

Approvo altresì specificamente ai sensi dell’art. 1341 c.c. e successivi del codice civile le seguenti clausole: 2 Esposizione; 4-5 qualità di mandatari dell’asta, carenza di responsabilità, termini e modalità del reclamo e relativo rimborso in caso di risoluzione, annullamento, nullità della vendità; 1,8,9,10,11,12,13,14 e 15 modalità di partecipazione all’asta, rimessa all’incanto in caso di contestazione di una aggiudicazione, diritti d’asta, modalità e termini per il pagamento, richiamo alla normativa vigente in tema di esportazione e di prelazione da parte dello Stato Italiano per gli oggetti sottoposti a notifica; 16 Accettazione delle condizioni di vendita e Foro competente.

Genova,

449 4 49 449

Firma ____________________________________

Con la presente il sottoscritto si impegna ad acquistare i lotti sopraindicati alle condizioni pubblicate in catalogo. Si precisa inoltre che il lotto per il quale venissero fatte più offerte scritte di pari importo, sarà aggiudicato al firmatario dell’offerta pervenuta per prima. A parità di offerta prevale quella fatta in sala. Data _________________

Firma ____________________________________

Con la firma della presente approvo specificatamente tutti i termini e le condizioni di vendita riportate sul catalogo d’asta delle quali ho preso conoscenza.

!

Genova,

Firma ____________________________________

Approvo altresì specificamente ai sensi dell’art. 1341 c.c. e successivi del codice civile le seguenti clausole: 2 Esposizione; qualità di mandatari carenza di responsabilità, termini e modalità del reclamo e relativo rimborso in caso di risoluzione, Con la presente4-5 il sottoscritto si impegnadell’asta, ad acquistare i lotti sopraindicati alle condizioni annullamento, nullità della vendità; 1,8,9,10,11,12,13,14 e 15 modalità partecipazione pubblicate in catalogo. Si precisa inoltre che il lotto per il quale venisserodifatte più offerte all’asta, rimessa all’incanto in caso di contestazione di una aggiudicazione, diritti d’asta, e termini per il pagamento, alla per normativa scritte di pari importo, sarà modalità aggiudicato al firmatario dell’offertarichiamo pervenuta prima. vigente in tema di esportazione e di prelazione da parte dello Stato Italiano per gli oggetti sottoposti a notifica; 16 Accettazione delle condizioni di vendita e Foro competente. A parità di offerta prevale quella fatta in sala. 2834 447 47 447 447 Firma Genova, ____________________________________ Data _________________

Firma ____________________________________

Con la firma della presente approvo specificatamente tutti i termini e le condizioni di vendita riportate sul catalogo d’asta delle quali ho preso conoscenza.


Condizioni di vendita

1. I lotti sono posti in vendita dalle Aste Boetto in locali aperti al pubblico , essa agisce quale mandataria in esclusiva in nome proprio e per conto di ciascun Venditore il cui nome viene trascritto negli appositi registri di P.S. presso Aste Boetto. Gli effetti della vendita influiscono sul Venditore e Aste Boetto non assume nei confronti dell’Aggiudicatario o di terzi in genere altra responsabilità oltre quella ad essa derivante dalla propria qualità di mandataria. 2. Gli oggetti sono aggiudicati al migliore offerente e per contanti; in caso di contestazione tra più Aggiudicatari, l’oggetto disputato potrà , a insindacabile giudizio del Banditore, essere rimesso in vendita nel corso dell’Asta stessa e nuovamente aggiudicato. Nel presentare la propria offerta, l’offerente si assume la responsabilità personale di corrispondere il prezzo di aggiudicazione, comprensivo della commissione dei diritti d’asta, di ogni imposta dovuta e di qualsiasi altro onere applicabile. 3. Aste Boetto  si riserva la facoltà di ritirare dall’Asta qualsiasi lotto. Il banditore, durante l’Asta, ha la facoltà di abbinare o separare i lotti ed eventualmente variare l’ordine di vendita. Lo stesso potrà, a proprio insindacabile giudizio, ritirare i lotti qualora le offerte in Asta non raggiungano il prezzo di riserva concordato tra Aste Boetto e il Venditore. 4. Alla cifra di aggiudicazione sono da aggiungere i diritti d’asta del 23%. Sui beni contrassegnati con “*” che provengono da imprenditori non soggetti al regime del margine, è dovuto il diritto d’asta pari al 23% oltre Iva, e la vendita è soggetta ad Iva sull’intero valore di aggiudicazione, oltre spese. 5. Il Direttore della vendita può accettare commissioni d’acquisto delle opere a prezzi determinati su preciso mandato e può formulare offerte per conto del venditore. 6. Aste Boetto può accettare mandati per l’acquisto (offerte scritte e telefoniche), effettuando rilanci mediante il Banditore, in gara con il pubblico partecipante all’Asta. Le Aste Boetto non potranno essere ritenute in alcun modo responsabili per il mancato riscontro di offerte scritte e telefoniche, o per errori ed omissioni relative alle stesse. 7. Nel caso di due offerte scritte identiche per il medesimo lotto, lo stesso verrà aggiudicato all’Offerente la cui offerta sia stata ricevuta per prima. Aste Boetto  si riserva il diritto di rifiutare le offerte di Acquirenti non conosciuti a meno che venga rilasciato un deposito ad intera copertura del valore dei lotti desiderati o, in ogni caso, fornita altra adeguata garanzia. All’atto dell’aggiudicazione, Aste Boetto potrà chiedere all’Aggiudicatario le proprie generalità, e in caso di pagamento non immediato e in contanti, l’Aggiudicatario dovrà forni-

re a Aste Boetto referenze bancarie congrue e comunque controllabili: in caso di evidente non rispondenza al vero o di incompletezza dei dati o delle circostanze di cui sopra, o comunque di inadeguatezza delle referenze bancarie, Aste Boetto si riserva di annullare il contratto di vendita del lotto aggiudicato. 8. Aste Boetto agisce in qualità di mandataria dei venditori e declina ogni responsabilità in ordine alla descrizione degli oggetti contenuta nei cataloghi, nella brochure ed in qualsiasi altro materiale illustrativo; le descrizioni di cui sopra, così come ogni altra indicazione o illustrazione, sono puramente indicative. Tutte le aste sono precedute da un’esposizione ai fini di permettere un esame approfondito circa l’autenticità, lo stato di conservazione, la provenienza, il tipo e la qualità degli oggetti. Dopo l’Aggiudicazione, né Aste Boetto né i Venditori potranno essere ritenuti responsabili per i vizi relativi allo stato di conservazione, per l’errata attribuzione, l’autenticità, la provenienza, il peso o la mancanza di qualità degli oggetti. Né Aste Boetto né il personale incaricato da Aste Boetto  potrà rilasciare qualsiasi garanzia in tal senso, salvi i casi previsti dalla legge. 9. Le basi d’asta relative alla possibile partenza in asta di ciascun lotto sono stampate sotto la descrizione dei lotti riportata nel catalogo e non includono i diritti d’Asta dovuti dall’Aggiudicatario. Tali stime sono tuttavia effettuate con largo anticipo rispetto alla data dell’Asta e pertanto possono essere soggette a revisione. Anche le descrizioni dei lotti nel catalogo potranno essere soggette a revisione, mediante comunicazioni al pubblico durante l’Asta. 10. Il pagamento totale del prezzo di aggiudicazione e dei diritti d’Asta potrà essere immediatamente preteso da Aste Boetto, in ogni caso dovrà essere effettuato per intero, in Euro, entro sette giorni dall’aggiudicazione. L’aggiudicatario, saldato il prezzo e i corrispettivi per diritti d’asta, dovrà ritirare i lotti acquistati a propria cura, rischio, spese e con l’impiego di personale e mezzi adeguati entro 14 giorni dalla vendita. Decorso tale termine, le Aste Boetto . saranno esonerate da ogni responsabilità nei confronti dell’Aggiudicatario in relazione alla custodia, all’eventuale deterioramento o deperimento degli oggetti e avranno diritto ad applicare un corrispettivo, per singolo lotto, a titolo di custodia, pari a € 5,00 giornaliere per mobili e € 2,50 giornaliere per gli altri oggetti. Per le vendite fuori sede, gli oggetti aggiudicati e non ritirati saranno trasportati e custoditi presso i nostri magazzini. Le spese di trasporto sostenute saranno a totale carico degli aggiudicatari. Su espressa richiesta dell’Aggiudicatario, le Aste Boetto  potranno organizzare, a spese e ri-

schio dell’Aggiudicatario, l’imballaggio, il trasporto e l’assicurazione dei lotti. 11. In caso di mancato pagamento, le Aste Boetto s.r.l. potranno: a)restituire il bene al mancato venditore ed esigere dal mancato acquirente il pagamento delle commissioni perdute; b)agire per ottenere l’esecuzione coattiva dell’obbligo di acquisto; c)vendere il lotto a trattativa privata, o in aste successive, comunque in danno del mancato compratore, trattenendo a titolo di penale gli eventuali acconti versati. 12. Nonostante ogni disposizione contraria qui contenuta, Aste Boetto si riserva il diritto di concordare con gli Aggiudicatari forme speciali di pagamento, per le quali viene espressamente convenuto il patto di riservato dominio a favore di Aste di Antiquariato Boetto s.r.l. fino all’integrale e completa estinzione del debito. Resta pertanto inteso che il mancato o ritardato pagamento, anche di una parte soltanto delle rate stabilite, darà facoltà al venditore Aste di Antiquariato Boetto s.r.l. di ritenere risolta la vendita, di richiedere l’immediato restituzione del bene nel caso esso fosse già stato consegnato e di trattenere quanto già pagato a titolo di caparra confirmatoria. 13. Gli Aggiudicatari sono tenuti all’osservanza di tutte le disposizioni legislative o regolamentari in vigore relativamente agli oggetti dichiarati di interesse particolarmente importante e per i quali il procedimento di dichiarazione è iniziato ai sensi dell’art. 6 es. del D.LGS. 29 Ottobre 1999, n. 490, con particolare riguardo agli artt. 54 e ss. del medesimo decreto. L’esportazione di oggetti da parte di Aggiudicatari residenti e non residenti in Italia è regolata dalla suddetta normativa nonché dalle leggi doganali, valutarie e tributarie in vigore. Il costo approssimativo di una licenza di esportazione è di € 200,00. I tempi d’attesa sono di 45 giorni circa dalla richiesta al Ministero dei Beni Culturali, Ufficio Esportazioni. La richiesta della licenza viene inoltrata al Ministero previo pagamento del lotto e su esplicita autorizzazione scritta dell’Aggiudicatario. Aste Boetto  non si assume nessuna responsabilità nei confronti dell’Aggiudicatario in ordine ad eventuali restrizioni all’esportazione dei lotti aggiudicati, né in ordine ad eventuali licenze o attestati che l’Aggiudicatario di un lotto dovrà ottenere in base alla legislazione italiana. L’Aggiudicatario in caso di diritto di prelazione da parte dello Stato, non potrà pretendere da Aste Boetto o dal Venditore nessun rimborso di eventuali interessi sul prezzo e sulle commissioni d’Asta

già corrisposte. 14. In caso di contestazioni fondate e accettate da Aste Boetto per oggetti falsificati ad arte, purché la relativa comunicazione scritta provenga a Aste Boetto  entro 21 giorni dalla data della vendita, Aste Boetto potrà, a sua discrezione, annullare la vendita e rivelare all’Aggiudicatario che lo richieda il nome del Venditore, dandone preventiva comunicazione a questo ultimo.  15. Tutte le informazioni sui punzoni dei metalli, sulla caratura e il peso dell’oro, dei diamanti e delle pietre preziose colorate sono da considerarsi puramente indicative e approssimative e Aste Boetto  non potrà essere ritenuta responsabile per eventuali errori contenuti nelle suddette informazioni e per le falsificazioni ad arte degli oggetti preziosi. Alcuni pesi in questo catalogo sono stati determinati tramite misurazioni. Questi dati devono considerarsi solo un’indicazione di massima e non dovrebbero essere acquisiti come esatti. 16. In aggiunta ad ogni altro obbligo o diritto previsto dalle presenti Condizioni di Vendita, Aste Boetto nel caso in cui sia stata informata o venga a conoscenza di un’eventuale pretesa o diritto di terzi inerente alla proprietà, possesso o detenzione del Lotto potrà, a sua discrezione, trattenere in custodia il Lotto nelle more della composizione della controversia o per tutto il periodo ritenuto ragionevolmente necessario a tale composizione.  17. Le presenti Condizioni di Vendita sono accettate automaticamente da quanti concorrono all’Asta e sono a disposizione di qualsiasi interessato che ne faccia richiesta. Per qualsiasi controversia è stabilita la competenza esclusiva del Foro di Genova


Condition of sale

1. Lots are put on sale by Aste Boetto at a pub- lic auction. Aste Boetto acts as exclusive agent in its own right and on behalf of each seller whose name is registered at Aste Boetto. The seller is responsible for the items on sale and Aste Boetto accepts no responsibility with regards to the buyer other than that which may derive from its position as agent. 2. The items are sold to the highest bidder for cash: in the case of disagreement between more than one high bidder, the disputed item may, at the sole discretion of the auc- tioneer, be relisted for new bidding during the same auction. When making a bid, the bidder accepts full personal responsibility to pay the price agreed inclusive of the Auc- tion Commission and all other due fees and taxes. 3. Aste Boetto reserves the right to withdraw any lot from the auction. During the auction, the auctioneer has the right to separate or join lots and to change the order of their sale. The auctioneer may, furthermore, at his discretion, withdraw any lot which does not reach the reserve price agreed between Aste Boetto and the seller. 4. An auction commission of 23% is to be added to the final selling price. Goods marked “*” which are offered by sellers not subject to “margin regulations” (VAT paid on only the difference between the original purchase price and sale price) are subject to the auction commission of 23% plus VAT on the entire value of the sale item plus ex- penses. 5. The auction director may accept a specific mandate to bid for lots at a determined price and make offers on behalf of the seller. 6. Aste Boetto may accept mandates for buy- ing (written and telephonic) and raise bids through the auctioneer at public auctions. Aste Boetto may not be held responsible in any way for not receiving written or tele- phonic offers or for any errors or omissions in said offers. 7. In the case of two identical offers for the same lot, the offer will be awarded to the offer which was received first. Aste Boetto reserves the right to refuse offers from un- known bidders unless a deposit is raised which covers the entire value of the desired lot or in any case an adequate guarantee is supplied. At the time of assignment of a lot, Aste Boetto may require identification de- tails from the purchaser and in the case of referred and non cash payment, the pur- chaser must supply Aste Boetto with a con- gruous and checkable bank reference: in the case of references which do not correspond, are incomplete or inadequate, Aste Boetto reserves the right to annul the sale contract of the assigned lot. 8. Aste Boetto acts as agent

for the seller and declines responsibility deriving from de- scriptions of the items in the catalogues, brochures or any other such descriptive ma- terial: the descriptions as stated above as with all other illustrations are purely indica- tive. Al auctions are preceded by an exhibi- tion in order to allow a thorough examination of the authenticity, condition, origin, type and quality of the items. After the assignment of a lot, neither Aste Boetto nor the seller can be held responsible for flaws with regards to the condition, for mis- taken attribution, origin, authenticity, weight or quality of the items. Neither Aste Boetto nor anyone charged by Aste Boetto can release any guarantee in this sense other than in cases foreseen by law. 9. The starting price relative to the possible auctioning of each lot is printed under the description of said lot and do not include the Auction commission to be paid by the purchaser. These estimates are nevertheless made well before the date of the auction and may therefore de subject to modifica- tion. The descriptions of the lots in the cat- alogue may also be subject to revision via communication to the public during the auction. 10. Aste Boetto may require payment in full of the final price and Auction Commission, in any case, full payment in Euros must be made within seven days of the assignment. Having paid the final price and Auction Commission, the purchaser must collect the lots bought at his own risk, responsibility and expense within seven days of the pur- chase. At the end of said period, Aste Boetto will be exonerated of all responsibility with regards to the purchaser concerning storage and possible deterioration of the items and may exercise the right to apply a charge for the storage of each single lot at the rate of € 5.00 per day for furniture and € 2,50 per day for other items. Items sold off site and not collected will be transported and stored in our warehouses. Any transport costs will be the responsibility of the purchaser. If specifically requested by the purchaser, and at their risk and expense, Aste Boetto may arrange packaging, transport and insurance of the lots. 11. In the case on non-payment, Aste Boetto can: a) return the goods to the seller and de- mand from the buyer payment of the lost commission, b) act in order to obtain enforcement of compulsory payment c) sell the lot at a private sale or subsequent auction, and in any case detain as penalty any deposits paid. 12. Notwithstanding any disposition contrary to this content, Aste Boetto reserves the right to agree with the purchaser, special forms of payment, public or private warehouse storage,

to sell assigned lots which have not been collected privately, to insure assigned lots, to resolve disputes and claims by or against the purchaser and to generally un- dertake actions considered appropriate in order to collect payment owed by the pur- chaser or even according to the circumstances, annul the sale according to articles 13 and 14 of Italian civil law and to return the goods to the purchaser. 13. Purchasers are required to uphold all laws and regulations in force with regards to the items declared to be of particular importance and for which the procedure of decla- ration was began in accordance with article 6 es. Of the legislative decree 29 October 1999, n°490, with particular regards to arti- cle 54 of the same decree. The export of goods by the purchaser, resident and not in Italy, is regulated by the aforementioned de- cree and furthermore by customs, currency and tax regulations in force. The approxi- mate cost of an export license is E.200,00. Waiting time is about 45 days following the application to the export office of the “Ministero dei Beni Culturali”. The application for an export license is to be sent to the Ministry on payment of the lot and with explicit written authorization of the purchaser. Aste Boetto is not held responsi- ble in any way to the purchaser with regards to any eventual export restrictions concern- ing the lot assigned, nor for any license or permit which the purchaser of a lot must ac- quire in accordance with Italian law. In the case of the State exercising the right of withdrawal, the purchaser cannot expect any reimbursement from Aste Boetto or from the seller, of interest on the price or Auction Commission already paid. 14. In the case of a reasonable contestation, ac- cepted by Aste Boetto, with regards to faked works of art, and given that a written communication is received by Aste Boetto within 21 days of the sales, Aste Boetto may, at its discretion annul the sale and should the purchaser so require, reveal the name of the seller informing said seller of this action. 15. All information regarding hallmarks of met- als, carats and weight of gold, diamonds and precious coloured gems are to be consid- ered purely indicative and approximate and Aste Boetto cannot be held responsible for eventual errors contained in said informa- tion nor for the falsification of precious items. Some weights in this catalogue have been ascertained by way of measurement. This data is to be considered approximate and must not be considered as exact. 16. In addition to all other obliga-

tions and rights as contained in these Conditions of Sale, Aste Boetto may at its discretion, in the case that is informed or becomes aware of claims by third parties concerning the ownership, possession or holding of a lot, hold the lot in custody for the duration of the claim or for the time deemed necessary for the claim to be made. 17. These Conditions of Sale are automatically accepted by all those participating in the auction and are available upon request to any interested party. Any dispute is to be under the jurisdiction of the court of Genoa.


INDICE ANALITICO / INDEX

Aalto Alvar: 2173

Albini Franco: 2024, 2059, 2082 Alchimia (Studio): 2179 Arflex: 2061, 2082, 2117 Arredamenti Borsani: 2006 Arredoluce: 2098, 2100, 2147, 2148, 2149, 2150, 2153, 2160, 2161, 2164, 2165, 2181, 2182, 2215, 2217 Arrighi Serafino: 2007, 2045, 2046, 2047, 2078, 2109 Artek: 2173 Arteluce: 2152, 2154, 2172, 2174, 2178, 2188 Asti Sergio: 2206 Aureliano Toso: 2087 Azucena 2112, 2166, 2167, 2207, 2209, 2210

Barovier Ercole: 2057, 2141, 2156, 2157

Barovier & Toso: 2057, 2141, 2156, 2157 Benevelli Giacomo: 2202 Bernini: 2119, 2120 Bianconi Fulvio: 2043 Bieffeplast: 2203, 2204 Bilangione Silvio: 2183 Borsani Osvaldo: 2084, 2111, 2121, 2126, 2128, 2146 Buffa Paolo: 2007, 2012, 2045, 2046, 2047 , 2076, 2077, 2078, 2079, 2108, 2109, 2114, 2122 Busiri Vici Michele: 2038

Caccia Dominioni Luigi: 2166, 2167, 2207,

2209, 2210 Campo Franco: 2018 Cardin Pierre: 2049, 2988 Cascella Pietro: 2208 Cassina: 2040, 2093, 2130 Castiglioni Achille: 2095 Castiglioni Achille e Pier Giacomo: 2213 Ceramica Franco Pozzi: 2005 Ceroli Mario: 2073 Christofle: 2019 Chiesa Pietro: 2115, 2134, 2175, 2184, 2186, 2189, 2194 Colombo Ariberto: 2042, 2105 Colombo Giovanni: 2216 Colombo Joe: 2089, 2129 Comfort: 2089, 2129

Danese: 2016 De Carli Carlo: 2050, 2051 Del Campo: 2086 Delucchi Michele: 2179 De Pas Jonathan: 2015 De Poli Paolo: 2027, 2028, 2029, 2030, 2031, 2032, 2033, 2034, 2035, 2036, 2037, 2038 Design Centre: 2096 Domus Linea: 2144 Driade: 2015 Dubé (Duilio Bernabé): 2125 D’Urbino Donato: 2015 Ediciones de diseno: 2097

Fai International: 2099, 2103 Ferragamo Salvatore: 2116 Fontana Arte: 2008, 2011, 2014, 2053, 2055, 2090, 2092, 2115, 2!32, 2133, 2134, 2135, 2136, 2137, 2138, 2159, 2162, 2175, 2184, 2185, 2186, 2187, 2189, 2190, 2191, 2192, 2103, 2194, 2195, 2196, 2197, 2198, 2211, 2212 Fornasetti Piero: 2074, 2075 Frattini Gianfranco: 2119, 2120 Fumagalli: 2183

2029, 2030, 2031, 2032, 2033, 2034, 2035, 2036, 2037, 2062, 2063, 2064, 2065, 2066, 2067, 2068, 2069, 2086, 2130, 2136, 2142, 2143 Prada Fratelli: 2118

R2S: 2216 Relfo: 2208 Richard-ginori. 2003, 2004, 2067, 2068, 2069, 2080, 2142, 2143 Rinnovel: 2041 Rosati Guido: 2211

Gardella Ignazio: 2112, 2166, 2167, 2209, 2210 Gavina: 2058 Gentili Tedeschi Eugenio: 2212 Gerli Eugenio: 2084, 2145 Graffi Carlo: 2018 Grande Giovanni: 2081

Sabattini Lino: 2019

Saporiti Proposals: 2071, 2072 Sarfatti Gino: 2152, 2154, 2174, 2178, 2188 Scarpa Carlo: 2091, 2163 Scarpa Tobia: 2058 Seguso: 2025 Simon: 2070 Sirrah: 2169 Skipper: 2083, 2200 Sormani: 2050, 2051 Sottsass Ettore:2017, 2022, 2023, 2041, 2096, 2097, 2127, 2200 Stilnovo: 2151, 2155, 2170, 2171, 2176, 2177, 2199, 2201, 2205

Heningsen Poul: 2168 Home: 2018 Ingrand Max: 2008, 2053, 2090, 2159, 2185, 2193, 2196 Introini Vittorio: 2071, 2072 Isa: 2131

Kartell:2213 Kjaerholm Poul: 2085 Kold Christiansen: 2086

Tecno: 2084, 2094, 2111, 2121,

Lavarello Marco: 2144 Lelii Angelo: 2147, 2150, 2160 Lenci: 2081 Levi Montalcini Gino: 2048 Lomazzi Paolo: 2015 Louis Poulsen: 2168

Ulrich Guglielmo: 2054

2126, 2128, 2145, 2146 Thun Matteo: 2203, 2204 Tilche Paolo: 2169 Tura Aldo: 2124

Venini: 2013, 2043, 2044, 2056, 2091, 2139, 2140, 2158, 2163 Venini Paolo: 2013, 2139, 2140, 2158 Veronesi Guglielmo: 2131 Viganò Vittoriano: 2172 Vigo Nanda: 2001, 2002, 2098, 2099, 2100, 2101, 2102, 2103, 2104 Vittoria Edoardo: 2094 Von Klier Hans: 2083

Maggioni: 2106 Mari Enzo: 2016 Marelli & Colico. 2077, 2108 Marotta: 2180 Martens Dino: 2087 Martinelli Luce: 2206 Mazzucotelli Alessandro: 2060 Memphis: 2020, 2021, 2022, 2023 Michelucci Giovanni: 2009, 2010 Monesi Elio: 2164 More Coffee: 2102

Zanini Marco: 2020, 2021 Zanotta: 2095 Zanuso Marco: 2061, 2117 Zinski Toots: 2044

Oppenheim Meret: 2070 Pagano Pogatschnig Giusppe: 2048, 2106,

2107, 2110, 2113 Parisi Ico: 2040, 2042, 2093, 2105 Parisi Luisa: 2042, 2105 Poggi: 2024, 2059 Poli Flavio: 2025 Poltronova: 2009, 2010, 2017, 2073, 2127, 2180 Ponti Gio: 2003, 2004, 2005, 2027, 2028,

I testi, la fotografia e la grafica del presente catalogo sono una produzione THE ARTING COMPANY s.a.s. Genova


Thursday 17th April 2014

SELECTED APRILE 2014  

SELECTED APRILE 2014 - ASTE BOETTO GENOVA

SELECTED APRILE 2014  

SELECTED APRILE 2014 - ASTE BOETTO GENOVA

Advertisement