Issuu on Google+

Scuola Primaria “G.RIVA” CORTENUOVA Classi seconde Insegnanti: Bellavita Donatella – Casati Antonella – Cometti Piermaria – Gandolfi Ilaria

Anno scolastico 2011/2012

SCOPRI IL SIGNIFICATO E IL VALORE DEL PANE

1


2


Destinatari /Fruitori 30 alunni (2 sezioni) classi seconde Scuola Primaria “G. Riva” Cortenuova. Sono stati coinvolti anche i docenti, i genitori e gli enti locali interessati.

Finalità e obiettivi Queste le finalità e gli obiettivi che si intendono perseguire: -

Promuovere corretti stili di vita

-

Creare un percorso educativo comune e condiviso

-

Promuovere un atteggiamento positivo nei confronti del cibo

-

Attivare forme di prevenzione riguardo alla salute

-

Stimolare nei bambini un approccio critico verso i cibi ed i relativi messaggi mediatici

-

Educare i bambini alla diversità del gusto

-

Favorire una azione educativa per una modifica comportamentale volta a rimuovere gli atteggiamenti sbagliati più radicati

-

Conoscere gli alimenti e i loro valori nutritivi

-

Rilevare il cambiamento socio-economico nel tempo

-

Osservare il mutamento delle attività artigianali con l’utilizzo delle macchine

-

Conoscere il processo dalla semina alla raccolta del grano e del granoturco

-

Conoscere usi e costumi propri e di culture altre

-

Conoscere gli altri

-

Conoscere il territorio in cui si vive

-

Conoscere il processo dalla macinatura alla panificazione

Attività 

Esperienze di ascolto attraverso la narrazione di racconti e video racconti

Attività espressive, grafico pittorico e manipolative

Attività di manipolazione dei materiali

Verbalizzazioni libere e guidate

Realizzazione di abiti per lo spettacolo 3


Visita alla cascina “Leporati” per la conoscenza del territorio

La trasformazione: dal seme al prodotto

Situazioni stimolanti, l’esplorazione e la manipolazione, ri-costruzione di una pannocchia;

Giochi ed attività sensoriali per scoprirne l’origine, le proprietà e le caratteristiche di alcuni materiali;

Ricerca, osservazione diretta, attività di analisi e confronto tra materiali diversi;

Esperienze di relazione e interazione con gli altri (Laboratori, momenti di continuità, letture animate ecc);

Visite guidate per conoscere le funzioni di luoghi, persone, oggetti/strumenti;

Attività di rielaborazione mediante l’impiego di vari linguaggi (manipolativo, iconico, grafico, simbolico verbale) per consolidare le conoscenze acquisite ed imparare a rappresentare la realtà osservata.

Nel campo del corpo e movimento sono state proposte esperienze ludico sensoriali come preparazione dello spettacolo finale

In quello della fruizione, oltre alla ricerca di parole, immagini, letture attinte dalla tradizione popolare per incoraggiare i bambini a inventare e creare con i doni della terra semplici manufatti che, progettati in forma personale e in gruppo, eserciteranno i sensi e la fantasia.

L’esperienza al Mulino (la torchiatura e la panificazione con i materiali di un tempo) farà riflettere sulle implicazioni derivate dal consumo di alcuni prodotti.

“La storia del pane”: i bambini alla scoperta dell’origine di questo alimento partendo dall’osservazione dei cereali e successiva macinazione con la pietra.

Durata prevista Il percorso si svilupperà nel corso del corrente anno scolastico con il supporto formativo e informativo degli specialisti artigianali, quali il panettiere, il contadino e il mugnaio.

4


I percorsi si attiveranno partendo sempre da esperienze fatte vivere in

primis

ai

bambini

e

successivamente con delle storie che stimoleranno a far riflettere e modificare

atteggiamenti

e

comportamenti.

5


6


….. in tutti i modi di formare una “testa ben fatta” capace di “… disporre allo stesso tempo di un’attitudine generale a porre e a trattare i problemi; i principi organizzatori che permettano di collegare i saperi e di dare loro senso …”).

7


I bambini e la Scuola Primaria Il traguardo può ritenersi raggiunto se le conoscenze disciplinari e interdisciplinari (il sapere) e le abilità operative (il fare) apprese ed esercitate nel sistema formale (la scuola), non formale (le altre istituzioni formative) e informale (la vita sociale nel suo complesso) sono diventate competenze di ciascuno. Un ragazzo è riconosciuto “competente” quando, facendo ricorso a tutte le capacità di cui dispone, utilizza le conoscenze e le abilità apprese per: esprimere un personale modo di essere e proporlo agli altri;

8


‌ interagire con l’ambiente naturale e sociale che lo circonda, e influenzarlo positivamente; ‌ impariamo a conoscere la cascina

9


10


11


riflettere su se stesso e gestire il proprio processo di crescita, anche chiedendo aiuto, quando occorre;

comprendere, per il loro valore, la complessitĂ  12


dei sistemi simbolici e culturali;

13


14


15


16


maturare il senso del bello;

conferire senso alla vita.

17


18


19


20


21


22


23


24


25


26


27


“Creare classi che siano allo stesso tempo piĂš piacevoli ed educative, classi con studenti meglio preparati, con competenze di cui avranno bisogno per aver successo nel XXI secoloâ€?. S. Kagan, California University

28


“La conoscenza attraverso i sensi è la prima forma di conoscenza. È la base sulla quale si costruisce il mondo percettivo e concettuale del bambino che, a sua volta, diventa il presupposto per un comportamento che deve essere sempre più adeguato alle condizioni oggettive”.

“ Chi ascolta dimentica, chi vede ricorda, chi fa impara.”

29


30


“Costruire per apprendere divertendosi, sapendo di poter far valere le proprie abilità; costruire per migliorare la propria autostima quindi, ma soprattutto per migliorare la propria capacità di stare in gruppo e fare gruppo in maniera non conflittuale; costruire per prendere consapevolezza delle altrui specialità, bisogni ed esigenze.”

31


32


La pianta del paese ed i percorsi effettuati.

33


34


35


…PER SCOPRIRE …

“Un anno di esperienze vissute… con le mani, con gli occhi, con le orecchie, con il gusto, con il naso, ma soprattutto con il cuore”. I BAMBINI DELLE CLASSI SECONDE DI CORTENUOVA.

36


37


“Dici: è faticoso frequentare i bambini. Hai ragione. Aggiungi: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, scendere, piegarsi, farsi piccoli. Ti sbagli. Non è questo l’aspetto più faticoso. E’ piuttosto il fatto di essere costretti a elevarsi Fino all’altezza dei loro sentimenti. Di stiracchiarsi, allungarsi, sollevarsi Sulle punte dei piedi. Per non ferirli.”

Janusz Korczak

38


scoprire il significato e il valore del pane