Page 1

QE-MAGAZINE WEB #4 Anno 4 - 14 febbraio 2019

© Gaétan Luci/ Palais de Monaco Inaugurazione della 46a edizione del Concorso Internazionale Bouquets: copyright AMP MONACO



Edito

QE-MAGAZINE #04 14 febbraio 2019

Il Principato di Monaco, vi assicuro, è una costante sorpresa per tutti, anche per chi, su queste terre, ci è nato e cresciuto. Ora, per cercare di farvi capire cosa accade in questa città-stato in continua trasformazione vi chiedo di proiettarvi virtualmente qui, per qualche ora, ed osservare cosa accade. Ma non è un salto nel futuro bensì un'esperienza nel passato. Intanto, potrebbe accadere di scorgere un furgone atipico muoversi per la città, che è tutto un fiorire di cantieri. Del resto, che ci siano lavori in corso un po' ovunque non deve sorprendere: difatti, se consideriamo gli ultimi dati pubblicati a fine settembre 2016 dall'IMSEE (Istitut Monégasque de la Statistique et des Études Économiques), più di un terzo (34,5 %) della superficie del Principato (2 km²) è occupata da immobili. E tra nuove costruzioni, ristrutturazioni e smantellamenti vari, per tutti è un bel dedalo da percorrere a piedi. Lo stesso disagio però lo vivevano già i contadini monegaschi che dovevano districarsi in complicate mulattiere che dividevano i terreni agricoli fitti di ulivi e piante da frutta. Sostituendo gli alberi con gli immobili torniamo ai giorni nostri ed al furgone di cui vi accennavo primo: la notizie è che trasporta decine di arance amare, le stesse che poco prima ornavano gli alberi presenti lungo le principali strade cittadine. La particolarità di questa raccolta è che serve per trasformare il succo in una bevanda alcolica. L'idea è di un'azienda monegasca, fondata nel 2016, per produrre artigianalmente un liquore autoctono, creato secondo un'antica ricetta tradizionale locale. Da qui capiamo del perché l'aperitivo italiano arancione, meglio noto come spritz, in certi locali di Monaco, potrebbe avere un sapore diverso se preparato con questo infuso di arance dal sapore cittadino. A Mentone, lo stesso procedimento avviene con i limoni che sono celebrati con una festa tutta dedicata a questo agrume. Poi, passate a Monaco questi giorni potrebbe accadere di essere trasportati 'materialmente' e nel giro di poche ore in epoche antiche. Il recente calendario degli eventi monegaschi, infatti, prevede balli in maschera ispirati alle sofisticate feste dell'800 e pure battaglie medioevali, con campi militari attrezzati sotto la tensostruttura di Fontvieille. Cavalieri e dame di Monaco, tra vessilli e gonfaloni issati per difendere ora questa, ora quella causa, sono attesi numerosi. Infine, potrà accadere di veder sventolare delle bandiere arancioni, all'Oceanografico, perché venerdì 15 febbraio, idealmente, l'Italia conquista la Rocca del Principato di Monaco. E lo fa con circa 50 Sindaci (di 18 diverse Regioni Italiane) che, in rappresentanza dei loro comuni - abitati da non più di 15 mila anime-, vengono a condividere il valore del 'turismo sostenibile', promosso dal marchio 'Bandiera Arancione Touring Club. Ma di questo ne parleremo nel prossimo numero. Nel frattempo concedetemi di contemplare la metamorfosi di Monte Carlo: che piaccia o meno c'est la vie! In ogni caso, cari e fedeli lettori di QE-MAGAZINE , vi ricordiamo che la versione stampabile del magazine digitale è disponibile ESCLUSIVAMENTE per gli abbonati che ne facciano richiesta. Gli arretrati fino al 2018 e gli ultimi numeri pubblicati restano visibili sul sito QE-MAGAZINE.COM e su issuu.com/ampmonaco

.................................................................................................................................................................................................... 1


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

2

.....................................................................................................................................................................................................


QE-MAG@ZINE #04 14 febbraio 2019 Sommario PAG 4 Riciclag io di denaro e traffici illeciti: prove tecniche di so tware //

Accordo di associazione con l'Unione Europea: proseguono gli incontri tecnici anche nel Principato di Monaco // Lavoro: scioperi e negoziazioni con il Governo monegasco

PAG 8 Garden Club: ritorna sulle terrazze del Casinò il concorso di bouquet più glamour della Costa Azzurra // Sono solo parole: il dubbio di San TOMMASO Il PIZZI(no)

PAG 14 San Valentino PAG 17 Romanticismo e arte : se ne parla a MADE IN ITALY PAG 18 MOiTO MO TO: Ingredienti base della pozione di questa edizione: dal design

delle auto più belle del mondo di Marcello Gandini Marcello Gandini al legno delle sculture di Enrico Enrico Challier, Challier per finire in musica con De André // INCONTRI: Luca Pug ioni // « Monaco, histoires d’artistes »: l'esposizione

PAG 24 Destinazione Monaco: una nuova missione per gli (ex) ambasciatori del Turismo

PAG 26 Primo Cup Trofeo Credit Suisse: trionfa lo sport! PAG 28 aQuellé Midmar Mile: Terence Parkin a sostegno della Fondazione Principessa Charlène

PAG 32 HEBDO-AGENDA DE MONACO AGENDA DE MONACO

www.fishow.org

FISHOW supporta PASSION SEA

Acquista il volume Water is life e contribuisci a finanziare i progetti di Passion Sea

www.passionsea.com

..................................................................................................................................................................................................... 3


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

Riciclag io di denaro e traffici illeciti: prove tecniche di so tware Nell'intento di proseguire la collaborazione tra pubblico-privato, alla base del funzionamento del SICCFIN (Service d’Information et de Contrôle sur les Circuits Financiers), l'Unità d’Informazioni Finanziarie monegasche ( detta CRF a Monaco e FIU in tutto il resto del mondo, n.d.r.) è stata chiamata ad organizzare, lo scorso 11

Da sinistra a destra: Yann Raconnat le Goff (SICCFIN), Ameen Safadi (ONUDC), Jean Castellini Ministro Finanze ed Economia, Antoine Karam (ONUDC) e Philippe Boisbouvier (SICCFIN). (ft.©Direc.Com/Stéphane Danna)

febbraio, un incontro preparatorio indirizzato ai rappresentanti degli istituti bancari della piazza finanziaria monegasca chiamati ad essere gli utenti di goAML, sofisticato software di analisi finanziaria a cui faranno riferimento, secondo quanto previsto dalla legge n. 1.362 del 3 agosto 2009 anche altre associazioni e ordini professionali come l' AMAF, AMPA, Ordine dei commercialisti, Camere di Consiglieri Giuridici e Assicuratori, Camere di gioielleria e orologeria, AMCO, ecc. Creato e sviluppato dall'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC), questo sistema informatico dalla procedura unificata ©Direction de la Communication / Stéphane Danna provvede, secondo quanto comunicato dal Governo, a fornire elementi per l' analisi operativa e strategica a fini statistici delle transazioni monetarie e finanziarie registrate a Monaco. Il sistema goALM dovrebbe essere operativo negli istituti bancari e finanziari monegaschi non prima della metà del 2019, ma sono dopo aver passato un primo periodo di test effettuati, su base volontarie, presso banche e società di gestione locali. Nello specifico, invece, stando a quanto pubblicato sul sito dell'UNODC, il goAML servirebbe alle FIU degli stati membri per supportare il loro lavoro nell'individuare movimenti illeciti di denaro e attività di terrorismo finanziario. Del resto "il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo sono problemi globali che minacciano la sicurezza e la stabilità delle istituzioni e dei sistemi finanziari, minano la prosperità economica e indeboliscono i sistemi di governance", si sottolinea dall'UNODC. Le FIU sono dunque organismi chiave in quanto responsabili per la ricezione, l'elaborazione e l'analisi di report realizzati da istituzioni finanziarie o altre entità in conformità con i requisiti delle leggi e dei regolamenti nazionali AML / CTF. Tali relazioni e altre informazioni raccolte dalle FIU costituiscono dunque la base per indagini su riciclaggio di denaro, finanziamento del terrorismo e altri reati gravi. Ad oggi, compreso il CRF del Principato di Monaco, sono attivi 109 FIU, tra cui 48 hanno già implementato il sistema goAML. Quindi ridurre quest'ultimo a puro esercizio statistico non è propriamente esatto. 4

.....................................................................................................................................................................................................


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

Accordo di associazione con l'Unione Europea: proseguono gli incontri tecnici anche nel Principato di Monaco

©Direction de la Communication/Manuel Vitali

E' stata una riunione tecnica, secondo quanto riferito la Direzione della Comunicazione, l'oggetto della visita della delegazione dell'Unione Europea incaricata a negoziare l'accordo di associazione che, lo scorso 12 febbraio, è stata accolta negli uffici del Ministero di Governo del Principato di Monaco. A coordinare gli incontri Gilles Tonelli, Consigliere governativo - Ministro delle relazioni di Cooperazione, affiancato da Didier Gamerdinger, Consigliere governativo - Ministro degli affari sociali e della sanità, ed alcuni rappresentanti dei diversi dipartimenti del Governo monegasco coinvolti nel progetto. A guida della missione firmata Unione Europea, come di consueto, c'era Thomas MayrHarting, Direttore Esecutivo responsabile per Europa ed Asia centrale nell'ambito del servizio europeo per l'azione esterna (SEAE), e Capo negoziatore dell'Unione europea (UE) per l'accordo di associazione con Andorra, Monaco e San Marino. Ad accompagnarlo c'era Claude Maerten, negoziatore esecutivo del SEAE e Lucio Gussetti, consigliere giuridico senior, responsabile del gruppo ‘PESC - (Politica Estera e di Sicurezza Comune) e Relazioni esterne’ della Commissione europea. Infine, a margine dell'appuntamento, il Ministro di Stato Serge Telle ha invitato Mayr-Harting ad un pranzo di lavoro presso la sua residenza. ....................................................................................................................................................................................................

5


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

Lavoro: scioperi e negoziazioni con il Governo monegasco

Foto: Direzione della Comunicazione

6

Lo scorso giovedì 7 febbraio è stato organizzato, dall’Unione dei Sindacati di Monaco, uno sciopero generale per rivendicare l'importo minimo del salario (almeno 2250 € lordi), in conformità alla legge che prevede inoltre garanzie e parità di trattamento tra uomo e donna; e richiedere l'incremento dei contributi sociali e pensionistici. A sfilare per le vie monegasche circa 600 persone, ma nei fatti erano meno della metà quelli che si sono radunati sulla piazza di fronte alla chiesa di Santa Devota, per ascoltare le rivendicazioni dei dirigenti dell'USM, che inneggiavano alla giustizia sociale in un

55 mila lavoratori pendolari provenienti dalla Francia e dall'Italia. La replica immediata, visto che è stato tirato in causa, è stata © Michael Alesi quella del Presidente del Consiglio Nazionale monegasco Stéphane Valeri che sostiene fermamente il modello sociale monegasco come esemplare, a scapito di nessuna categoria. Il dibattito e le rivendicazioni, in particolare riguardano i pensionati che chiedono il diritto di alloggiare a Monaco e non essere assegnati alle casse sociali francesi per un cambio di residenza obbligato. Successivamente è intervenuto anche Didier Gamerdinger, Consigliere governativo - Ministro per gli

paese-stato che dichiara un PIL di 6, accumulati anche grazie al lavoro dei circa

affari sociali e la sanità, che lunedì 11 febbraio ha scelto di convocare la stampa

.....................................................................................................................................................................................................


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

per chiarire la posizione del Governo: "È normale che i sindacati abbiano richieste, ma voglio chiarire che le relazioni con il governo sono regolari e cortesi" ha affermato, aggiungendo di essere "in costante dialogo con sia con i rappresentanti dei dipendenti che con quelli dei datori di lavoro", in quanto attività che rientrano nelle sue competenze. "Tuttavia - prosegue - seppure emergono divergenze di opinioni è fondamentale continuare a confrontarsi nell'interesse di tutti, affinché si possa lavorare tutti per la prosperità del paese. Non intendo però - e conclude - mettere in discussione ciò che funziona e turbare i sottili equilibri che vigono nei rapporti di lavoro a Monaco, alla base del dinamismo e dell'economia del paese". Il Principato di Monaco conta, secondo i dati forniti dal Governo, 3.000 lavoratori ad interim e 13 agenzie per il lavoro temporaneo. Il consigliere Didier Gamerdinger, per regolarizzare il lavoro a tempo determinato così come il telelavoro, da qualche tempo sta cercando soluzioni che riguardano l'adozione di un quadro giuridico specifico in grado di

normare il lavoro a tempo determinato. Pagina a parte, invece per la rielaborazione dello statuto dei sindacati, la cui formalizzazione risale ad una legge datata 1944. Semplificazione, flessibilità ed ascolto sono dunque alla base di riflessioni e dei prossimi confronti che porteranno la rappresentatività sindacale al tavolo del Governo che gestisce, ogni anno, 40.000 permessi di lavoro. Data la mole di lavoro, il ricorso alla dematerializzazione di documenti, lo sveltimento delle procedure o lo sviluppo dei teleservizi, in accordo con la delegazione per la transizione digitale, dovrebbe permettere di accedere rapidamente ad una riforma in grado di facilitare gli obblighi e gli onori delle imprese e dei dipendenti in carico alle casse sociali del Principato di Monaco. ....................................................................................................................................................................................................

7


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

Garden Club: ritorna sulle terrazze del Casinò il concorso di bouquet più glamour della Costa Azzurra

Foto 2015, copyright Garden Club

Il Garden Club di Monaco è un'associazione no-profit fondata nel 1968 dalla Principessa Grace e presieduta, dopo la sua morte, dalla figlia maggiore, S.A. R. Caroline di Hannover. Da allora il Garden Club di Monaco è all'origine di ben 50 edizioni di una iniziativa ben nota agli amanti dei fiori e delle arti floreali: si tratta del "Concours international de Bouquets" che si svolgeva in primavera, per qualche giorno, sulle Terrazze del Casinò. Negli ultimi anni però la manifestazione è stata trasferita sotto lo Chapiteau de Fontvieille, in quanto le cabine effimere destinate al personale del cantiere incaricato nei lavori di ristrutturazione dell'Hotel de Paris e del nuovo nucleo immobiliare One Monte Carlo aveva occupato buona parte degli spazi e dei giardini che si estendono tra il Casinò di Monaco e le terrazze a picco sul mare. Due anni fa, il 10 e l'11 giugno 2017, in occasione della 50a edizione del concorso internazionale dei Bouquet, gli organizzatori hanno scelto di rendere omaggio alla Principessa Grace di Monaco con il tema " « Hommage à la Princesse Grace – Retour sur quelques concours ». E, dopo un anno di pausa, il 4 e 5 maggio 2019 finalmente ritorna il 51e Concours International de Bouquets sulle Terrasse del Casino do Monte-Carlo, ed invita gli appassionati a creare composizioni floreali sul tema "Il clima", in francese "LE CLIMAT". 8

.....................................................................................................................................................................................................


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

Per aderire all'iniziativa, basta recarsi sul sito www.gardenclubmonaco.com/monaco-concoursbouquet per scaricare il modulo di partecipazione alle 6 + 1 categorie (la settima infatti è riservata ai giovani dagli 8 ai 18 anni). A giudicare le opere create per l'occasione ci saranno due giurie: una composta da professionisti dell'arte floreale; e l'altra, presieduta da S.A.R. la Principessa di Hannover, con personalità del mondo letterario ed artistico chiamati a dare la propria preferenza in base alla loro sensibilità 'floreale'. Insomma, questa è l'occasione buona per dare sfogo alla propria creatività giocando con fiori e piante che troveranno una nuova vita per qualche ora...

....................................................................................................................................................................................................

9


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

Sono solo parole: il dubbio di San TOMMASO di Salvatore Dimag

io

Da_WIKIMEDIA COMMONS: Caravaggio "Icredulità di San Tommaso" (Uffizi)

10

.....................................................................................................................................................................................................


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

L'apostolo Tommaso è famoso soprattutto per il suo dubbio sulla reale identità di Gesù risorto. Soltanto il toccare con mano lo convincerà del

tutto. Anche in un altro episodio del Vangelo, l’ultima cena, Tommaso è l'unico che si permette di esprimere dei dubbi a Gesù “Signore, non sappiamo dove vai, e come possiamo conoscere la via?” Non dobbiamo, tuttavia, sminuire Tommaso reputandolo un inconcludente, un indeciso o un procrastinatore. Tutt'altro. Il suo dubbio è l'inquietudine nervosa che consente ad alcuni uomini di andare incredibilmente lontano. A spiegarlo non è un teologo, ma un esploratore, vale a dire Vasco de Gama. Nel 1498 il grande navigatore giunge in India ed anche lui è incredulo nel trovare nel subcontinente tante comunità cristiane. Tra l'altro, comunità antichissime risalenti agli anni 50 nel primo secolo dell'era cristiana. I membri di queste comunità gli raccontano che sono state fondate proprio da San Tommaso, l'apostolo che si è spinto più lontano di tutti, persino di San Paolo. E’ curioso notare come questi cristiani hanno un'unica sostanziale differenza dagli altri: il non utilizzare la croce come simbolo poiché erano diventati una costola autonoma ed isolata dal resto del mondo cristiano così presto da non essere stati coinvolti nella scelta di quello che poi sarebbe diventato il simbolo universalmente noto di questa religione. Tommaso rappresenta il dubbio, il bivio per eccellenza. Difatti come ogni bivio che si rispetti Tommaso è contraddistinto dalla dualità già a partire dal nome. Il suo nome è Tommaso Didimo (questo è un soprannome) e l'etimologia di entrambi è gemello. Dunque Tommaso ha due nomi ed entrambi vogliono dire gemello. Il dubbio è un qualcosa che tutti esperiamo comunemente nella vita di ogni giorno. Tuttavia, se portato alle estreme conseguenze esso può diventare paralizzante. Gli psicologi sostengono che quando il dubbio diventa inestinguibile, conduce ai cosiddetti pensieri loop. Si tratta di procedimenti mentali che sembrano non esaurirsi mai. La mente intraprende un filo di pensieri per fugare uno stato di sofferenza, ma questo filo di pensieri tende a ripartire sempre da capo perché non è mai certo delle conclusioni. Si tratta del disturbo ossessivo compulsivo. Tornare all'infinito su un pensiero nell' illusoria convinzione che prima o poi questo rimuginare ci ....................................................................................................................................................................................................

11


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

Da_WIKIMEDIA COMMONS: A partida de Vasco da Gama para a India em 1497

faccia giungere ad una conclusione che interrompa il loop stesso. Ovviamente non è così, anzi le migliori terapie di questa patologia puntano proprio ad abituare la mente al fatto che il controllo che si può avere sugli eventi è limitato e relativo. Difatti è una sorta di iper senso di responsabilità a condurre a questo modo di pensare. Il dubbio diviene sempre più importante e pervasivo man mano che ci avviciniamo all'epoca moderna caratterizzata dal desiderio di fondare qualsiasi conoscenza sull'evidenza scientifica, ma proprio per questo costretta a dubitare sempre e per sempre di tutto e orfana del concetto stesso di certezza. Uno di quelli che inaugurano questa stagione è Montaigne che prende a prestito il principio di vita e di pensiero dello 12

scettico Sesto Empirico: “Può essere e può non essere.” Ovviamente c'è un abisso che corre tra il dubbio che tuttavia cerca conferme di Tommaso ed il dubbio radicale ed insuperabile di Sesto Empirico. L'autore greco, difatti è maestro nell’utilizzo dei tropi: questioni dalla soluzione sostanzialmente impossibile che conducono ad una necessaria sospensione del giudizio. Dunque se il dubbio di Tommaso può, in certo senso, essere assimilato al dubbio dello scienziato, il dubbio di Sesto Empirico è il dubbio dello scettico radicale che, al contrario, nega in radice la possibilità di una conoscibilità scientifica. Ovviamente esiste anche l'eccesso opposto, vale a dire un’estrema decisione e risolutezza. Di norma questa è considerata una qualità, pur

.....................................................................................................................................................................................................


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

tuttavia ha portato ad episodi che ci fanno

assedianti ed assediati usarono tutte le

riflettere non poco. Per esplorare quest'altro astuzie possibili, mantenendo la situazione aspetto della questione dobbiamo tornare ai in stallo per anni ma alla fine la superiorità primissimi anni successivi alla morte di Cristo. Nel 70 dopo Cristo, dunque

numerica e non solo, dei romani prevale. Comprendendo che sarebbero stati presto

pochissimi anni dopo l'arrivo di San Tommaso in India, i territori della

sopraffatti e non volendo subire l'onta della schiavitù, gli uomini, le donne e i bambini

predicazione di Gesù e degli Apostoli furono della città roccaforte si diedero ad uno dei tormentati da una feroce guerra tra i suicidi collettivi più efferati e metodicamente rivoltosi ebrei e gli occupanti romani. I romani ebbero la meglio in un modo

un organizzati della storia. Soltanto due donne e cinque bambini che non

schiacciante, ma, come è noto, una roccaforte resiste in modo indomito per ben quattro anni alla terribile macchina bellica imperiale. Masada. L'assedio di Masada è un classico della storia della guerra:

condividevano evidentemente l'orgoglio dei compagni, si salvarono al massacro per raccontare ai romani sbigottiti il perfettamente strutturato suicidio di poco meno di mille individui.

Francesco Hayez: La distruzione del Tempio di Gerusalemme.

....................................................................................................................................................................................................

13


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

SAN VALENTINO

Nella sempre organizzata Milano la maggioranza dei ristoranti ha messo a punto un menù speciale per la festa di San Valentino.

Nella sempre organizzata Milano la maggioranza dei ristoranti ha messo a punto un menù speciale per la festa di San Valentino. Si va dagli hamburger al vapore a forma di cuore a un concept d’ispirazione anglosassone che propone versioni italianissime delle baked potatoes, anche vegetariane, per arrivare a menù più impegnativi (e costosi) fatto di sapori nipponici ma con anima italiana. Non il classico sushi che ben conosciamo, ma ingredienti di alta qualità magistralmente combinati e valorizzati grazie alla tecnica culinaria del Sol Levante. Anche le proposte di cocktail personalizzati in occasione della festa degli innamorati sono parecchie. Dal “tadem mojito” all’inquietante “Love Mule” a base di tequila, liquore al mirtillo, ginger beer e crusta con polvere di fragola. 14

.....................................................................................................................................................................................................


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

Iniziative interessanti, senza dubbio, pensate da professionisti del settore che sanno bene come interpretare le esigenze della clientela per rendere speciale un giorno che nella sostanza speciale non è. Sì, perché ho la sensazione che la maggioranza delle persone e delle coppie viva con sempre maggiore distacco celebrazioni di questo tipo. La maggior parte di loro (ok, in effetti prevalentemente gli uomini) si assoggettano ai festeggiamenti con lo stesso rassegnato spirito di sacrificio con cui affrontano una sessione domenicale con la compagna da Ikea. Il romanziere Nicholas Sparks scriveva: "Il nostro amore è come il vento. Non si vede, ma si percepisce". Se vedete un uomo triste, imprigionato da Ikea o in una istituzionale cena di San Valentino forse è il caso di parafrasare la citazione, perché il suo amore si vede eccome. Copyright: Studioweb06 .....................................................................................................................................................................................................

15


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

16

.....................................................................................................................................................................................................


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

Romanticismo e arte : se ne parla a MADE IN ITALY

“Made in Italy” non è una stazione radiofonica ma non è nemmeno una web radio. Potremmo definirlo un programma radiofonico settimanale in cui vengono presentati, con la formula del talk-show o infotainment, argomenti e tematiche raccontati da selezionati protagonisti delle eccellenze italiane del made in Italy. Nell' ultima puntata on line, la 222 dell'11 febbraio, parliamo di “Romanticismo”, che è poi il titolo della mostra dedicata all’omonimo periodo storico che cambiò, nel corso della prima metà dell’Ottocento, la

sensibilità e l’immaginario del mondo occidentale. Milano, che tra le grandi città d’Italia ebbe, in quegli anni, la maggiore vocazione europea, fu uno dei centri della civiltà romantica sia per le arti figurative sia sul versante letterario e musicale. Ce ne parla a “Made in Italy” il professor Francesco Mazzocca, curatore della mostra, al microfono di Francesca Valentini. Per ascoltare questa e le altre interviste realizzate e diffuse in podcast da MADE IN ITALY, basta cliccare su www.madeinitalyradio.it

.....................................................................................................................................................................................................

17


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

MO i TO MO TO: cocktail metafisico da gustare senza moderazione. Ingredienti base della pozione di questa edizione, come sempre ambientata a Torino: dal design delle auto più belle del mondo di Marcello Gandini Marcello Gandini al legno delle sculture di Enrico Challier Enrico Challier, per finire in musica con De André De André di Silvia Giordanino

Belle auto, sculture e musica d'autore. L'offerta culturale della capitale sabauda è sempre ricca di appuntamenti originali, a cui mancare sarebbe un vero peccato. E così, per stuzzicarvi un po', eccovi la nostra ricetta magica...

Credits: Museo dell'automobile di Torino

Credits: Museo dell'automobile di Torino

18

Al MAUTO – Museo dell’Automobile di Torino, fino al 26 maggio 2019, la mostra “Marcello Gandini. Genio nascosto” dedicata a uno dei più importanti car-designer e progettisti del Novecento. Potrete ammirare vetture innovative, ingegneristiche ed, addirittura, elicotteri. Si sa, i geni, com’è noto, hanno luoghi segreti della mente irraggiungibili ai più e Gandini è uno di questi. Potrete ammirare la Stratos Zero presentata nel 1970 al Salone di Torino e arrivata nel museo torinese da una collezione privata americana. Ma eccezionale è anche la presenza dei prototipi Lamborghini Marzal (in prestito dalla Svizzera), Alfa Romeo Montreal 1967 e Alfa Romeo Carabo (provenienti dal Museo Storico di Arese). E poi vetture memorabili come la Maserati Khamsin, una delle più conosciute auto del Tridente, e la Lancia Stratos HF stradale, autentico mito dell’automobilismo sportivo. (www.museoauto.it)

....................................................................................................................................................................................................


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

In esposizione fino al 23 marzo vi segnaliamo presso la Galleria Fogliato le opere lignee di Enrico Challier: undici sculture di altrettante donne dallo spirito ribelle e forte. Da Giovanna D’Arco a Frida Kahlo senza dimenticare Isadora Duncan e Alda Merini e le altre… Sono modernissime le sculture di Challier e trasudano una femminilità preziosa attraverso tracce di colore e intarsi in foglia d’oro e d’argento. Una mostra elegantemente 'preziosa'! (galleriafogliatotorino.com)

Infine, se siete appassionati di bella musica italiana vi consigliamo di prenotare i biglietti per andare ad un concerto che si preannuncia splendido: "De Andre' canta De Andre' - Storia di un impiegato". Racconta Cristiano De André «Dopo che avevo arrangiato l’ultimo concerto del 1998, Fabrizio mi chiese di portare avanti il suo messaggio e la sua memoria. Mi è parsa una bella cosa proseguire il suo lavoro caratterizzando l’eredità artistica con nuovi arrangiamenti, che possano esprimere la mia personalità musicale e allo stesso tempo donino un nuovo vestito alle opere, una mia impronta. Con questo tour voglio risvegliare le coscienze, mio padre diceva che noi cantanti portiamo un messaggio e in questo non posso che appoggiarlo». L'appuntamento è. in calendario per lunedì 11/03/19, ore 21.00 al Teatro Colosseo di Torino.

Credits foto: Wikimedia commons, Fabrizio_De_André

Credits foto: Wikimedia commons, Cristiano_De_André_-_FestUnità,_Bologna_-_2009

.....................................................................................................................................................................................................

19


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

INCONTRI: Luca Pug ioni

di Silvia Giordanino

Sentiremo parlare di questo giovane scrittore e sceneggiatore: Luca Puggioni. Perché certi talenti si riconoscono, si "fiutano" nelle sale video o tra le pagine dei libri da loro scritti. Questa è la sua prima pubblicazione “Solo uno stupido sabato sera”, un romanzo pulp che trasuda l’anima dello sceneggiatore, non potendo omettere colpi di scena o citazioni cinematografiche. Solo uno stupido sabato sera è un romanzo pulp, un percorso disseminato di omicidi assolutamente non necessari e motivazioni apparentemente inesistenti in un’intensa fuga dal logorio della noia. Parlaci della tua formazione. Si può definire una formazione “classica”. Ho frequentato il Liceo Scientifico “Istituto Adorazione Cadorna” a Torino. Poi la mia grande passione è la musica: ho suonato la batteria per anni e fatto diversi concerti, sono un appassionato di musica rock e Metal e infatti nel 20

....................................................................................................................................................................................................


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

romanzo ci sono diversi riferimenti ai Red Hot Chili Peppers e ai Led Zeppelin. So, però, che ad un certo punto c’è stato un “giro di boa nella tua vita… … Sì, grazie alla Scuola Holden fatta a Torino dove tra il 2014 e il 2016 ho frequentato il corso di series, specializzato nella creazione di serie tv. Durante i due anni ho scritto diversi racconti (alcuni autopubblica online) e scritto e diretto un corto comico. Come progetto di fine anno ho ideato assieme a un compagno una serie tv supereroistica ambientata negli anni ’20 in cui un illusionista usava i suoi trucchi per combattere il nascente partito fascisti. E poi? Nel 2017 ho creato un sito sul quale pubblichiamo recensioni e approfondimenti su film e serie tv. Sempre dal 2017 collaboro con l’associazione Lacumbia Film (di Torino) con la quale ho scritto due cortometraggi. “Tutti devono mangiare” è un corto comico creato per il concorso 50 Ore. Il secondo invece è attualmente in fase di post-produzione. Altre collaborazioni? Ad agosto 2018 sono stato assunto per uno stage di 6 mesi da Fox network Group Italia

nel dipartimento programming. In parole povere ero nel dipartimento che decide quali programmi mandare in onda e quando. Come nasce la tua opera letteraria? Ho cominciato a scrivere il romanzo nel dicembre del 2017 ed è stato pubblicato a fine gennaio 2019. L’ho scritto più o meno in sei mesi e Scatole Parlanti (del gruppo alterego edizioni) mi ha contattato a fine settembre. Quando ho iniziato a scrivere volevo fare una serie di racconti, infatti il primo capitolo ha un suo finale, ma poi mi sono chiesto: e se fosse solo l’inizio? Mi ero affezionato a un personaggio e ho deciso di esplorarlo e così è nato “Solo uno stupido sabato sera”. Qual è il tema della tua storia? Tutte le scelte prese dai personaggi che trasudano il tema della storia è la noia, la monotonia, la routine che io stesso ho provato in tutto il periodo in cui non ho avuto un lavoro effettivo. Ho già in mente un secondo romanzo, che non ha nulla a che vedere con questo. Ora come ora sto leggendo/guardando diverse opere per informarmi prima di cominciare a scrivere. Foto di: Danilo Vicari

....................................................................................................................................................................................................

21


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

« Monaco, histoires d’artistes »: l'esposizione

La prima tappa di questa inedita esposizione, ideata dai pittori monegaschi Gérard PETTITI e Claude ROSTICHER, presentata in anteprima a Monaco, qualche giorno fa, è per questa estate, con l'allestimento accolto nella Federazione Russa, al Museo delle Arti Moderne di Mosca (dal 9 luglio all'11 agosto) e poi, sempre nella capitale russa dal 23 agosto al 22 settembre al Museo Regionali delle Belle Arti di Rostov. Ma esattamente di cosa tratta questa mostra intitolata « Monaco, histoires d’artistes »? Più che altro è un evento orchestrato con opere varie, una collettiva supportata dall'Ambasciata di Monaco alla Russia, ma organizzata per perseguire un duplice obiettivo: far conoscere al pubblico russo le opere di due pittori Monaco e onorare, attraverso una serie di documenti d'archivio, fotografie e video, il talento di altre personalità artistiche come Léo Ferré, Armand GATTI, Luis MOLNE e Albert DIATO che dal Principato si sono lasciati ispirare. Per concepire questo format ci sono voluti dodici mesi di lavoro che hanno permesso a Gérard PETTITI e Claude ROSTICHER di mettere insieme il percorso espositivo, coadiuvati dal Dipartimento degli affari culturali di Monaco. Secondo le intenzioni degli organizzatori, è anche attraverso questo genere di attività che lo splendore culturale di Monaco può brillare all'estero ma anche a Parigi, dove le opere de « Monaco, histoires d’artistes » sono attese al Centro Culturale Ortodosso dall’11 ottobre al 1º novembre 2019. Nella foto, Claude ROSTICHER, © WSM Alberto Colman 22

.....................................................................................................................................................................................................


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

....................................................................................................................................................................................................

23


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

Destinazione Monaco: una nuova missione per gli (ex) ambasciatori del Turismo

Sabato 9 febbraio si è svolta, presso l'Hotel Fairmont Monte-Carlo, la consueta giornata riservata ai membri aderenti al Club degli Ambasciatori di Monaco del Turismo d'Affari, organismo creato in Italia nel 2014 ed ospitato nella sede milanese dell' Ufficio del Turismo e dei Congressi del Principato (DTC) di Monaco. L'appuntamento, che ha coinvolto un'ottantina di partecipanti iscritti al Club, è stato particolarmente costruttivo in quanto, dopo attente riflessioni sui risultati degli ultimi anni, i partecipanti hanno convenuto sull' importanza della 'Destinazione Monaco', denominazione che ora distingue lo stesso club. Forte dei suoi 400 rappresentanti provenienti da 13 Regioni italiane (e la Romania in quanto Fillon, Ambasciatore Plenipotenziario di Monaco in Italia, ricopre lo stesso incarico anche in quella regione) l'associazione si propone come punto di riferimento per pianificare ogni mese incontri istituzionali 24

.....................................................................................................................................................................................................


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

ospitati nelle varie città ove sono presenti gli ambasciatori. Durante questi appuntamenti la 'Destinazione Monaco' vengono acccreditati nuovi 'ambasciatori e si rinnova il senso di appartenenza all'organismo a cui, da marzo, farà riferimento anche Guillaume Rose. Quest'ultimo, infatti, da exresponsabile della DTC (Direction du Tourisme et de Congrès) a Monaco, ed ora neo direttore generale del MEB (Monaco Economic Board) potrà contare su una rete importante di relazioni per promuovere e coordinare le attività del governo e quelle parastatali del Principato di Monaco. Infine, per consolidare il rinnovato club degli Ambasciatori di Monaco della Destinazione Monaco, dopo la riunione annuale circa 140 persone, accolte da Gianmarco Albani , Coordinatore del Club degli Ambasciatori e Gloria Svezia, Direttore dell’Ufficio del Turismo e dei Congressi del Principato di Monaco in Italia, sono stati gli invitati di un elegante galà. Tra gli ospiti S.E.M. Robert Fillon, Ambasciatore Plenipotenziario del Principato di Monaco in Italia, Guy Antognelli, attuale direttore della DTC, l'Ambasciatore d'Italia a Monaco, Cristiano Gallo e numerose altre personalità monegasche ed italiane. (Foto: copyright e produzione intervista visibile cliccando QUI: WSM Alberto Colman)

.....................................................................................................................................................................................................

25


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

Primo Cup Trofeo Credit Suisse: trionfa lo sport!

Lo scorso week-end si è disputata la 35a edizione della Primo Cup Trofeo Credit Suisse organizzata dallo Yacht Club del Monaco, considerata tappa prestigiosa per il velisti che, a bordo dello loro imbarcazioni, debuttano la stagione delle regate proprio nel Principato di Monaco. Infatti è dal 1985 che il Trofeo Primo Cup convoglia centinaia di appassionati a partecipare alla competizione. In gara, per questa edizione 2019, 500 velisti di 12 diverse nazionalità, suddivisi in cinque classi e più di 90 unità. Per la categoria Smeralda 888, tre monegaschi hanno conquistato il podio, con in testa Vincenzo Onorato su Mascalzone Latino, seguito dal Principe Carlo di Borbone su Vamos mi Amore e terzo Timofey Sukhotin su Beda che deteneva il titolo lo scorso anno. Sul 26

....................................................................................................................................................................................................


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

fronte italiano, con l'unica regata aperta ai quarantacinque equipaggi delle J/70, in terza posizione segnaliamo Piccinina, con l’equipaggio capitanato da Stefano Roberti a bordo. Tuttavia, a causa del maltempo, il Comitato di Regata, archiviando i risultati - annullatidella giornata conclusiva, ha premiato anche un altro italiano ma residente a Monaco, Jacopo Carrain con la sua Carpe Diem. Carrain è anche presidente della classe monegasca J/70. Prossimo appuntamento il primo fine settimana di aprile, con il debutto del circuito Alcatel J/70 Cup. (Foto: Yacht Club Monaco/Stefano Gattini) .....................................................................................................................................................................................................

27


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

Zeljko Franulovic©Stephane Danna_Direction de la Communication

28

....................................................................................................................................................................................................


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

aQuellé Midmar Mile: Terence Parkin a sostegno della Fondazione Principessa Charlène

Recentemente la Principessa Charlène di S. A. ha voluto sostenere personalmente il successo atletico dello sportivo Terence Parkin (nella foto qui a sinistra), che è anche ambasciatore della Fondazione a lei intitolata. In Sud Africa,Terence ha al suo attivo 1.120 km percorsi in bici, a nuoto, di corsa ed in canoa. Nuotatore olimpionico, Terence si è anche impegnato a raccogliere fondi per sviluppare i programmi "Learn to Swim, per imparare a nuotare" e "Water Safety, per prevenire l'annegamento", entrambi destinati ai bambini non udenti. La Principessa Charlène si è poi congratulata con il campione per i risultati ottenuti durante il aQuellé Midmar Mile, considerato come l'evento sportivo in mare tra i più importanti al mondo (svoltosi il 9 e 10 febbraio scorsi, ndr) , ed al quale lei stessa aveva aveva partecipato nel 2011. L'appuntamento di quest'anno, in particolare, ha riunito 17.000 nuotatori da tutto il mondo e Terence ha vinto nelle categorie "Hard of Hearing" e "Over 30", stabilendo pure miglior tempo, se consideriamo che ha concorso alla competizione per più di 25 volte! Infine, in occasione di questo viaggio nelle sue terre natie la Principessa ha voluto incontrare anche Graham Hill (qui nella foto a destra), suo ex allenatore ora in carica per la nazionale sudafricana di nuoto. Tutte le foto: © Eric Mathon / Palais Princier

.....................................................................................................................................................................................................

29


#04 14 FEBBRAIO 2019 14 FEBBRAIO 2019

Dalla 250 LeMans alla LaFerrari, passando per la GTO: sono 50 tra le auto più emblematiche del cavallino rampante in mostra a Monaco fino al 15 marzo. Un'esposizione davvero eccezionale!

AAA Ricerchiamo agenti commerciali con pluriennale esperienza nel settore dell'editoria, per la vendita d'inserzioni pubblicitarie. La rivista digitale di riferimento è una trasmissione radiofonica ed settimanale dedicato al lifestyle, cultura e società, con articoli multimediali realizzati con particolare attenzione all'attualità del Principato di Monaco ed eventi della Costa Azzurra, personaggi eccellenti, prodotti del 'Made in Italy'. Idealmente, il candidato è un professionista plurimandatario, già in possesso di un portafoglio clienti selezionati per serietà ed affidabilità. Offriamo l'esclusiva della testata ed alte provvigioni. E' richiesta la conoscenza della lingua francese. Per informazioni: info@qe-magazine.com.

30

....................................................................................................................................................................................................


.....................................................................................................................................................................................................

31


HEBDO-AGENDA DE MONACO Musée océanographique de Monaco : "Monaco & l’Océan, de l’exploration à la protection" nouvel espace immersif et interactif dédié à l’engagement des Princes de Monaco en faveur de la protection du monde marin. Renseignements : +377 93 15 36 00 Musée océanographique de Monaco : Exposition photos en Salle de Conférences « Mission Malpelo – Explorations de Monaco". Renseignements : +377 93 15 36 00 Jusqu'au vendredi 15 mars, Collection de Voitures de S.A.S. le Prince de Monaco : Exposition unique de Ferrari (automobiles de compétition et de sport). Renseignements : +377 92 05 28 56 Jusqu'au dimanche 3 mars, Port de Monaco : Patinoire à ciel ouvert. Renseignements : +377 93 30 64 83 Jeudi 14 et vendredi 15 février, Ecole Supérieure d’Arts Plastiques - Pavillon Bosio : Stage de peinture – la nature morte par Tobby Wright, peintre. Renseignements et inscriptions : +377 93 30 18 39 Jeudi 14 février à 19h30, Salle Empire de l'Hôtel de Paris : "Le Grand Bal des Princes et des Princesses" : dîner de Gala animé d'un spectacle d'artistes, de musiciens, de danseurs et de chanteurs de prestige. Renseignements : 00 33 (0)6 07 93 45 75 Samedi 16 février, Espace Fontvieille : Tournoi International Buhurt Prime, foire médiévale et ateliers d'artisanat. Renseignements : 00 33 (0)6 46 03 93 93 Samedi 16 février, Stade Louis II: 20h Championnat de France de Football de Ligue 1 : Monaco Nantes. Renseignements : +377 92 05 74 73 Dimanche 17 février : Course à pied "Monaco Run 2019" organisée par la Fédération Monégasque d'Athlétisme. Samedi 16 février : animations sur le Quai Albert Ier (exposition, courses ...). Renseignements : +377 92 05 43 05 Dimanche 17 février à 11h, Opéra de Monte-Carlo - Salle Garnier : Série Grande Saison : récital avec Maxim Vengerov, violon et Roustem Saïtkoulov, piano. Au programme : Franz Schubert et Wolfgang Amadeus Mozart. Renseignements : +377 98 06 28 28 Dimanche 17 février à 15h, Opéra de Monte-Carlo - Salle Garnier : Série Grande Saison : concert avec Maxim Vengerov, violon et l'International Menuhin Music Academy. Au programme : Pyotr Ilitch Tchaikovsky. Renseignements : +377 98 06 28 28 Du lundi 18 au vendredi 22 février, Ecole Supérieure d’Arts Plastiques - Pavillon Bosio : Stage de dessin – le portrait par Laure Fissore, artiste et illustratrice. Renseignements et inscriptions : +377 93 30 18 39 Lundi 18 février à 18h30, Médiathèque de Monaco - Bibliothèque Louis Notari : Cours de photographie animé par Adrien Rebaudo. Renseignements : +377 93 15 29 40 Mardi 19 février à 20h, Théâtre des Variétés : Tout l'Art du Cinéma - projection du film "Stromboli" de Roberto Rossellini, organisée par l'Institut audiovisuel de Monaco. Renseignements : +377 97 98 43 26 Mercredi 20 février à 18h30, Auditorium Rainier III - Troparium : Série Happy Hour Musical : concert de musique de chambre par le Quatuor Monoïkos. Au programme : Louis Abbiate et Claude Debussy. Renseignements : +377 98 06 28 28 32

.....................................................................................................................................................................................................




Millions discover their favorite reads on issuu every month.

Give your content the digital home it deserves. Get it to any device in seconds.